Vous êtes sur la page 1sur 269
Cantesio OPERE FILOSOFICHE volume seconde etafsiche, OBbiesiont e rirposte Editori Lateran 1992 NOTA AL TESTO 1, Fra i 1639 ¢ il 1640 Descartes str Ie si Moditaioms, sin cut cera di chiaire tuto quello che aveva srt in prece densa» sai problemi metas «un diconso — setve 2 Mev Senne iL 13 novembre 1639 =~ di nom pid di dngue o set Fos 4 stampa», da sottoporce preliminarmene a» venti 0 ‘out teolog», ia’ modo da potcrne sentze, ediseutee, le Come & not, Pesigenza di una fondatione metaisicn della piccolo "atato di metafien". Successivamente, nel '30, aveva swwinta id dicono sulle" verith ete’ e nel Dicourt, nella ‘quarts parte, aveva iscrito una sa pur sommaria metafsa, dei ci limit era Ben consapevole, se il 22 febbraio 1638 seiveva Sl padre Vatier» «in parte In cose dipende dal fatto che mi somo detao a aggiungere quelle payin allleime momento, quando Teditore wi incalzava, Ma ia cuss pracpale dalfoscuria. dpende ‘al fato che non ho avuto il coraggio dt difondrmi sulle ragion degli setts, dire tree le cose neceverie per stacate la rented sens Non & infati pessibileconoseere bene la cer tezza e Tevidenan dele rapioni che provano Lesstenaa di Dio recondo il mio procedimento, se non sl rzordino distinramente (quelle che cf fanao Hlevare Vnceriena di wie Te conesenae ‘che abbiamo delle cose materia». Nascano con le Meditatoner ide prima phicscphue com le obbicront ¢ rapoite, ave Deserts fembrs volt rconpingersi a antiche esigene, foaleente appro: fondendole. Aveva, infu, serto nellotava Regula: «ne sem Fie apace al samy 1992 , illo salient Sars pace Gor Laver Fgh Bar per incertisimos [.-] oporiet seme] in vita dlgenter ques: ‘aiermit ise, quarumnam cognitionum humana ratio sic capox ». Seive smh aeenn204-4 fore, ghasicitando: « animadvers fundus omnia teed in ‘vee everenda, sigue 3 primis furdamenti denuo inchoardu si quis aliquande famum et mansuram copia in wientis st hulre».Tl-cima, turara, & cambio. I flowoo ha rapsiento Ta matorita(eaetater quae Zoret tam atu}, fa mete spo bea (e mente cutis omnibus exsali»), In pace sccuum ‘otium oa solnaline Is solus scedo »), Pub dediats por act Himane © msi, aon pil @raccontare “la stria del vo spit, rma a una sric dh veri © propt "exert spiritual’ — di espe Henge itelleraali dl Gubbio tadicle all center, Fits, nellaprile del “40, a stows del testo latino delle Meditation, ¢ fata écolre, comincarono al auite le cbbie- oni, sia per ketera da parte di comspondenti sin in forma Sisematica in misura novo raccolee dal Mereeane, Fra i 11 Deseares, a Leida.rsponde 2 sei geuppi di cbbicioi Le delteologo Tobin de Kater (Cateros, canonico a Haaelms 2 die diver! tcologt« foal», « taco dal Pade Merecane» in real soprattsta dello steno Mensenne, 3. Thomas Hob bs del tologo Antoine Acnauld Yale grind Arnild»l,5. di Perse Gasseni 6, di geomet ¢ rolog var. Alla fine dk ago- sto del ‘1, Parsi Ia stampa dela prima edizione dell sci rmaliavoni, con se gruppi di ebbierons« rspote, & terminat, ron senza taeade che Carteso cera) di indicate © conregere subito, Le corterioni furono cole alla seconds edzione del 1642 (a Amsterdam, « apud TL. Elzeviinm «1. condowa so un cxemplire dalla prima nivsto_ da Cartsio, ed aumentata dele Sets obbicriont del gous Piette Bowrdin (profesore fsa matematica al Collegio Clermont ei Pai} con Je risposte cat tesiane (OBjetioues VIT cue moter Autbors, e ene ana letters al pace Dinet (Epos ad Ree. P. Dive, wis suo maeszo di teologia al Collegio dt La Fiche, in cut si difende enche delle acute del teologs ealviisa di Utrecht Gsherto Veet. La seconds tdiione convene anche unaggiont, alla fine delle rspost alle TV Osbiezion, sol mintero dell Escareia, Le edison base del tonto latino, ¢ dalle ebbicson e rept, somo, dunyoe. le de seguent: Ia pita, parigina, curate dal Mer sean, fina di stampare il 28 agosto del 1641 (Rerat! Des Garni, “MEDITATIOMES DE PRIMA» PHLOSOII, [18 QUA Det ERSTENTIA £7 ARIMAE INMORTALITAS. | DEMONSTRAN: x. Pars, Apu Michaclem Soe, via Tacohes, sh» signn Phacnisis' MDCXLI Cuow Privfesi. et Apprabtione acto rol, In seconds, olandese, del Hod? IRenati Drs-Canres, ° Mf None a tte 7 prrartoves De Prima Prnzosomsta | Iv quibur Det exten tig, et anime | umanae 9 corpore distincto, demanttrantur ‘Hic adlunctae sunt varie objciones dato: ran ieorum in ists kde Deo et anima demenstratones; Cum Responsionrbas Aa torts. Secunda edito sptimis objctionibus antchac | pon vss fucta, | Avtelodams, | Apud Ludoviaum Eleviium. 1642) ictizione parigina & con) compost: Lestera ab Doweor della Sorbonas Pruelatio ad Lectrem, Index. Synopsis (pp. -T); Me: dlationes (pp. 7-116}. seguano Te obbiezioni e risposte prime, Seconds, rrze, qucte, qulate e sesto (602 pagine +20 pre mina rom romerate). La secenda edzione ha, in pi olce brano git ricordato sul misero del Eucaresta, le etme bie oni cam not Authors, con numerszione 4 s€ (pp- 1-138), € ine (pp. 159-212) la lester ab padeo Dinet, ia carat pit sand ‘Nelo stile il testo, che conttisce il volume set delle ‘opere complete, a cute di Ch, Adam e P. Tannery, PAdam pact Gallien che deledisone paviina Cartesio non rvedesse le boo 4 affdandosi a Merscnae, Delledizione dl Aesterdim, invece Tadum supponeva possbile una reisione, almeno pail, del Pautore. Per questo. ¢ per la sua maggiore compiuteza, Adam pose 4 base della propria Tedivione del "42. DelVedizione del TIL, dilra parte, suppove una seconds irtura pi corrtt LiAlgsig, nel proparare Teizione del 1967 (nel seconde velume Galle Oewsresphilaropbigner per le Editions Garnier), © giunto ‘conclusont diverse, ma pi pertusive. Tenendo conto anche una Teter di Cartes 9 Hungers del 29 luglio 3641 (AM, YV, pp. 387), she contiene un preciso clenco dt erori di stampa, ¢valendos! den confronco fa vari eserplari dll eirone del 54 (confront condotta con Ta cllaborsaione del Goabier © del Beck), TAlguié enerva che Cartesio, nom solo rivide Tedizione del “it, ma che, in seguito alle see oxservazioni, mole copie tbbere i ogi covet il Beck ha trvato un esemplate, appar tenente sl Bywater, che ha, leyaiinsieme, i fog errati © au forrei, Now due snare, quind, delledizione del 41 ena ‘cemplari diversi, 0 prcaimente dives, con Yogi covet Vice- etsa Podiione del 2 sembra condocta su una copia core Sela precedente, ma seaza ulterior interven dePaurre, come imosterebbero toni chistamente ceivati da mancate” corte ‘oni, 0 da impetferions tipoprche del edzione pagina Ala eer det 29 foi PAlgse ace porto ago vette del 23 hugo (i Carteso a Merenne)e del 17 Togo (ai Huygens» Cates), da cl rua chiar a revsone da par Cares dledione panna in che ve fog Nel eer st Merene (AM, IV, pp. 3723) Cartes i meta pet fils opo (a srovo ce ne ann mest mol dove non ee Serio € i Ione saan dove ers ncesurio meter come al princpio dp. 209 dove non cl vokrm mentre crm nceno tre rth doo, all proa pect [od 9, Meneame aro toto non pase tina Ha favo da Cae, ak on se coke Ds utsto Furi, mind Tora. Senate scrpeosemene. in tutto, farce nell punter {eto pono avre oneso mol pnt « wane, che vores che SF taaungesnr me gh tampon ano pera ito Fao tot Auge ine (pp 37431. Qua al eer i saa, impo po, te ono Rol ems nel sti fog, per 0.8 pit wavs Ge aterano sera del mie Med ‘son ca or fa eee an tat i gh, rime domly eo eect apne I Fn parable toner ln tia: nb veicae sl faces gui un tatmpe, satebbe facie rendela alo it Somctin Dalle ltr a loge, dl 17 hago (AN, {ara lve pol come Menenne face avete via via a Cuero Fogle, pea iplomaic, «por» magi fasten {Fimpreion» Comungoe problems del ceo aio "I-2 2 melo ime resanc, «fia Lesone Ali, fondata soph empl comet {kts enendo como ela wena del 42, cannencea ere Soi deze ti aota, Ors, rctain, ¢ da vedere. quanto sce Gaal, Lt grime lisone delle « Meditations de prime phiosopbes ds Dacrer ed sua" exemplar Wee, «Stadia Gresins =, 1979, pp. 3790 tin heals else 17 sepa dle prima eione mm sempre set Crap. © La ‘lasion ler prow debtion der wMelitatots de rina Phitsopbis» de Descates (Notes powr we nowvle ktm lige) Eades phosophiqs = 1976, op BDA Set bei Gap iy un eons a gran leva, Le eon ioe dale = Medtsione de rims phlsophs od Desearter 1642) et ac apport conte pina edesone (1681), nl a {hat curno aula Tramtstone et tet stomp nel prado Note a tte xin smaderno (L seminatio interssionsle. Roma, 23:26 marzo 1983), Eid dell Ateneo, Roma 1983, pp. 77-112, non solo givnge Cencvsion important, a offre, pp. 87.57, «le modliche, Sante aggiume che st riacontrano nel confronto delle due’ edi onl, dopo avere cllaionaco con cura esttema 22 eserplar Sella Seconda edirione. ‘Va infinericonato che gli Eevinipubblicarono dopo il 42 alle cing edison Intne dlle Medizaviones (1650, 1654, 1663, 1670, 1678), in (mente Vedicione del “2 era in 12%, € It prima, df Pargh era stats in 8). Per volonth di Cancio, sde- Jato con Gassendy dlls teraz edizone in pot furono espunte ‘al compe dllopera Te obeson: quimte, con le risposte, € Je Sectme (de Cartesio considerate inconsistent e inutilmente pro- Tiss, imiete con Ta lectern al padre Dinet. Quest: sert, pet wolonth dell Editore, andazono + covttuire ura Appendix (le prime edisione reea la data del 49), con un‘awvertenza del tipo roo nella quale 1 legge: « EGamsi Avctor Meditationom do Fim "Ponta mit ot bjecos guns anal i sun libco cum eacteisIegereatu, ut exposita Toco illarurn Admo- rittne Tiguere potest; gu amen 4 tagai norsinis Philosopbo Sunt prolete, fem cross ingens aon ingratam me factor Castimav, tills hoe Toco, qoamvis alieno, una cum Respoa- lonibss teponerem. Quae rata cum pro septimis etiam Objec- Tonos et Responsionibor mite, eas qooque Quint subjunsi ‘Shulgue Epistelas ad Iesitam Dinet et ad Gisberum Vee Uierajectinan. Theologar » ‘iu complessi | pooblemi sucitaté dlVedisione feancese del “a7 con la sersione delle Meditaion! fatta dal giovane doen di “Luvnes (a partre dal 1612) e delle Obbiesin: rnposte a cura fel Ceseber [Les | MeprtaTiones | Merapirstoues |p BENS, DesCanres | Tovciaxr La PREMIERE PmmLosonMie, | dans Tesqueles Texstence de Dieu, et le distinction récle entre | Tame et le corps de Thorne, sont demontées. \Traduites du Latin Ue PAutewr par Mr le DDLNS. | Et les Objections faites coo tre ces Meditations par diverse, petsonnes tesdoetes, ave es reponse de Auteur. Tradutes pap Mr CLR. A Pants, Chez InVeove Joas Cawusat, Er» Prpane Le Perit, Imprimese fordimire da Roy, | 18 S. Jaques, la Toyson d'Or | M. DC. RLVII. Avec Privilege dw Roy). A parte In sostivrione dela refasione Tasina con Favvertenzainstlata Le liraie aw Lee- ear, a pane la levees a Clerselier « propesito della Disgisito Imetaphyrice dk Gassendi (Cartsio volevs expengere le quinte bbiceonl, che solo per le insintone del Cleseler erovarono posto allt Gre, dopa le sexe, mentre non vi futona incive le Sette, resta ‘il pioblema del eapporto wa stsura Latina e ver Sone francese, © dealt interven di Carteso, che sappiamo che 1 furono (ina non alle quite © alle settime ebbiciont rip ttc, icine, quent ime, slo nella seconds ezione del 1661), Lredinione della Redie Lewis (Vin, Paris 1960), che ha coniton. fato minutamente + doe testi delle Meditaion, stampando in Cosivo le difenze, ba spite TAlguié a conclude che Cat tesio «non ha recto nessun camblamento eapace di modicare, sia por Iegeemente, il senso 9; le varizioni, quando vi smo, rion eonsentong i sselare « alouna evolusnne del pensievo di Descartes frail 1641 e i 167 Tn reali, v¢ dt diference ai sostanza gon pod parati i resto latino nuk pill etcce, ines felice della versione frances, spsso inuulmente vetbosa e sfocata, anche se — come conclude TAlguié — «pub passire per un testo sotemicmente ‘artesiano » (fata ovviamente ececione per le quinte ¢ Je st fime bison! e epost) 2, Sulla cicolanione delle Mediavoner in Talia Ia ricerca & ancora da fare. Ce nota, spessoripeteta, dk una ediione napo Jctana del 1719, « cura di Giowechino Poets, Nel ms, 1647 dele Fibiotca Univessitara di Bologn si trova Ia Meditssone prima ‘Ll Sig, Renato elle Carte, Dall share Dow Evcole Const ts “outa Fone 1700 {devo Ta sepzaasione a Maurizio Torin’. Nella ‘Galleione di dassict metasici» del Bizaoni, uscita a. Pavia (1818-1826), comparseo le Opere meraisebe di Renato Cotesia olgrizate fcol Disorso © in patte le Meditexom) La versione di Adriano Tilgher fe pobblcma in doe solu dhl Laeras fra iL 1912 e if 1913 lin seeonda ediione nel 1928). Contencva, col Discorso, le Meditciont complete delle Obie ime ripoete (la seconds edinione rimase prssoche immit), Condos sul texo france delledisione Adam © Tanners, fo gludicata, quando compare, = clegante ¢ fedelisima © exe ‘buoni setvigi alla clturaialiana, anche Se quello che nel 1912 fu sposs considerta um pregio ne appare oa il maggioe lite cioe Fesete stata condocta sulla versione frances, #10900 cm sudcaa«onaeior cbontone del penser » casa. A titi aa 94; TEatue arena ecm ino eae He heen bien ¢ pm pelt sersane, 8 Tle, Secon asi esos, sono iit sea pacel feces ep tine eel poste Enkin fodne oro artunene mat el Ti {pia essen dene un eon preow Franco ee aes eater toon oe pe eae ha or Sey ets cn ar etea athe See ee sees eae Aan, i Se ne en ne 2 ry gree is ane + 5 cata ce, cae 8 sd sta dew al vlope present, esi “ar nds FSIS dlls coie sure it tam Tanne, ot Auntie pesaions: ian, Pane 96897), ee AB rm Eng Leica com dt Aue Nad (Akane Sen MEDITAZIONI METAFISICHE SULLA FILOSOFIA PRIMA ELLE QUALI SON DIMOSTRATE +19 propos qu ile eee Hr a Merenne dat see, le ccberte Rayeworet Melton de prime P= reeeeepuhe non ro pariah Dio + lama ma on leet £PGne Fpiacin pint he posone canner flstand Freee Seeie facpor Medion e primo Phone, i oa De taste ommae smmoratas denomsrar, creo, elt conde eas Des cena man homonor eorpore dinio eames gel dene i toto deleted. fanese dl) AL DECANO E AT DOTTORI DELLA SACRA FACOLTA TEOLOGICA DI PARIGI* 1a rapione che mi spinge a presentarvi questopera & tanto fivsta, e, quando ne conoscerte il disegn, sone sicuro che ne Gvrete anche wot una altrttnto givsta per prenderla sotto la ‘ostea protczione, che ezedo di non poter far meglio, per rene devel in certo modo raceomandabil, che divi in poche parole ‘ib che in essa mi sono propost. Io o sempre ereduto che que= ste due question, 41 Dio e delfanina, sano le pi important fea quelle che debbuaso eviere dimostate dalle ragin’pittosto dela floaofa che dela toolgia® poche scbbene ck bat, 2 nok che siamo fedeli, di credere per fede che vi & un Dio, che anima umana non miote col corpo, certmente non sembra possibile poter mai convincere glinfedeli i nessuna reione, ‘quasi neppure di nesuna vit morale, se innanai tutto, non si provano Toro queste due verita per mezzo della ragone nature 1 Nea prima (1547) « nll seca (661) sulone dee Metito- son stort un soi dl trl It ab al Levtoren che nel rea ‘Sion (613 ¢ wm dua rots Al Lettre sdel mora etre Renu Fade. Latore dese dls ive dei 2 edie oi Unio Pieto Le Peut. Non eens quello no servo 8 Desay © eno in quest traushne: (oe. hes Sapiens dare ‘et Sueree Peta Telpine Pins Deans et Dares Rese IS Decaere §: D. Nea wera 4 Menenne dll] novemiee to Cruse (AT, Ith, p. 238 serous: «Quamta ll Letra Sine dia Seton's bo tancsto nl Wn, 9 bec v2 auch chia, 9 te tee carina pense Wo, peg Sars sleante bn St ean Su aes] ‘ Medan meaiiche poiché si propongono sovente in questa vita sompense pit sgrandi per i vit che per le viet, poche persone preferiebbero io allie, se non fosero trattenute dal timore di Dio, fo dalPttest di urvatra vita. E benché sia aolutamente vero the bisogna credere che vit wn Dio perché cos ¢insegnato nelle Steve Serture,c daira parte che bisogna ctedere nelle Sacre Seritture perché ease vengono da Dio; e questo perché, a fede tvsendo un dono di Dio, suelo stesso che ct dala grazia per faci ‘edore le alee cose, ce la pub anche dare per fare eredere che el eates non st potrehbe turtais proporre oi alt infedel, the penseeebbero che ab commetteste Terzote che i logci chia mano un cteolo Ed invero, i ho exservato che voi ali, Signoris con tut tealog, non aserite sltanto che Pesstnaa di Dio 61 pub pro fare per ragion naturale, ma anche che st apuise dalla Sacra Scritura che la sua conoscenan © meito pis chiara di quella che sia di parece cone crete, ¢ che in eft esa cost facile, he quel che non Thanno sono colpesol. Come appare chiara ‘dn queste parole della Sapienza, capitolo 13, dove edetto che le lve igvaranca non & perdonaile;puché sei or spirto& pe- evato cost venti nella comscensa delle cose del mondo, come & Imai possibile che ex om ne iano il failmente trvato il 20 rano Signore? Ed ai Romani, cpitolo 1, & detto che es sono invest TE ancora, lla stesso Ivogo, con queste parce: + conoscito di Div, & manifesto in es, sembra che noi Ci che ¢ siamo avvertii che tutto quello che si pub sapere di Dio pud fssere mesrato per mezzo di fagionamenti, che non ‘bisogna fereue allyove che in not sts, « che il nostro sista solo & apace di fornitc, Eeeo perehé ho penssto che non sarebbe for di proposita che io facessi vedeee qui con quai mezzi cid put f Ted e certerta che non le cose dh questo mondo 'E por cd che riguarda Vania, Benché pareehi abbiano czeduto che non & facile conoscerne Ta ratua, ed aleuniabbiano tdistura osato de che le ragioni mane ei dimostravano che "per qual vias pub conoscere Dio con maggie fti> a eh iatrs bse Steer cone eee eset muore ool corpo, ¢ che solo a fede cinsegna il contrario rrondimeno, poiché il Concilio Latero, tenuto sotto Leone X, fella Sessione 8, h condanna, e ordina espresaamente ai losof Critani di rispendere ai loro argomenti, e d"impiegare tutte le forse dello spinto per far conoscere avert, io ho osato intra prender eid 19 queso seit, Di id, sapendo che la principale Fagiane per la quale parecchi miteredenti ton vogiono credere Chev ¢.ut Dio, e che Panima umana ® distinta dal corpo, & che ‘coi dicono che nestuno fn qui ha potuto dimostrare queste ‘Sue cose: sebbene io non sin dels Toro opinione, ma, al contra fia, ritenga che quasi tte le fagioni, che sono state apportate tis tant_grandi personaggi riguardo a queste due question, Shoo sleetante Gimostrazion, quando slano hene intese, © sit fquasi imposible inventane di auove: pure credo che now si forrcbive for aula di pi utile nella Blosofa che icerearme una Nolta con curisith ed securatezaa Je miglori€ pi solide, € pore in un ordine cost chiaro e cost esatto, che sin assodato trams per tut che este sono delle vere dimosrasion’, Ea infin, poické parcechie persone — le quali sanno che io ho coltiato tin cere metodo per rolvere ogo sorta di diffcot nelle sienzes imetnlo, che, a dir vero, non € nuovo, non exsendovi nulla dt pil amtico della vert, ma del quale esse sanno che mi sono fervito aati feicemente in altri casi — hanno desiderato cid {Ua me ho pensito che era mio dovere tentare qualenes sv que- sto sgt Gra ho levorsto con tutte Je mie forze per comprendere in ‘quest tratato tutto quello che se ne pub ire, Non gi che abba (Gol ammataato tute le diverse ragion, che si potrebhero addurre er scrvite di prova al nostro aoggeto: poiché non ho mai re ‘Bato che eid foo necesario, se non quando non ve n& nesouna che si certa; ma solamente ho teatato le prime ¢ principal in Sina tal mnicra, che ovo proporle come evidentisime © certis- Sime dimostrarion. Edo dio di pit che ease sono tal, ehe non. redo vi ia via alcuna, pet ci fo spitito umano me possa ma scoprit dk rigors Uimportanza della cou infu, € 1a gloria di Dio, alla quale tuto eid a rifeice, mi costringono a palare {qui di me un po" pi liberamente di qu! che io sia sito. Nondi fheno, per quanta certzsa ed evidenza io trovt nei mie raion ‘ Molter metaiche fee fae ps eae omens ctor an oeetene Grinder, Noy yreckamente ome alla omer soe poncchrgurament, seat ds Ais, le Aplin da apy eda paeecht stfu aon aren dat come tind of eileatain pene tam eontegore la he, ‘onus scprtamere, non si olin cee, € to Te og alain dove le ceguenae tn quedo tn cone engars benno con gv anced, © nine, each Zeno un peng ed agora no arto che cone lore {eke intr, som soe coed tl ch di poche pre tone: eal, bench io ered chef rgionanent i ot Frrvo Gut eign eal sorpainn tm cera ed densa le dmwstraion th sometime he ton pstano ere street compres ds mit sao Che ate ump hing epee tos dagh ua pie Save el seen luge tuto Quel she cereane +) M Motacon metaihe Jogo delle rion per provare Fimmortalith dell'snim io credo overt adceso avvertive che, avendo eereato di non severe rent in questo tatate, di cui non aves delle dimostasiont ‘attissime, mi san Wnto obligato a seguire un ordine simile 2 quello di cui si serwono i geomete,e ioe a premetere tute Je ore, dalle ual dipende la proposiione ehe x eres, prima di concluder qvalses. Oa, l pina e principale cosa che srchiede per conoscere immortals dll'anima, & di formarse un eos: eto chiar € lucid, interamiete distingo da watt § concett ‘hes potsona vere de corpo i che & stato fatto in quel lug. E ichieso, oltre edi sapere che tutte le cme che nai cance piano chitramente © distintamente sono vere. secondo che not Te concepiana: e questo non ha potato essere provat prima della quarta Meditzione. Di i, Hsogna avere un comet di into ‘alla natra corpoea, sl quale st forma in parte nella Se- fonds, impart alla quinta ¢ sexta Meditarione, Ed infine Aleve concludere da tutto ci, che le cose che concepiamo chiar mente ¢ dstintamente come rortnze diferent, quali lo spirita © il corpo, sono ip efewo dele sostanze diverse, e realmente ‘tnt le one tazione, Ed in quest sco Meditazione id si conferma anche peril fato che noi nan voncepiame nessun corpo se non come Aivsiile, mentre lo spirit, © Tanima delPuomo, non si pub oneepire che come indivisile: in eft non possiame con fepie Ia meth i nessun'anima, come inveee possiamo fare del it i mente riconnsciate come diverse, ma anche, in certo modo, fame contare. Ora ® necessario si sappia che io non mi sono impegnato a dirne di piv nel presente trattato, sin perche cid basta 4 mostrare chiaramente che dalla caruzione del corpo non segue la morte dell'anima, © costa dare agli uomini la speranza diana seconds vita dopo la mort; sia anche perché le premesse, dalle quali si pub conchindere Timmortaitd dell'anima, dipen dono dalla piegasioné di tuta la Fisica 10 primo luogo, per sapere che generalmente tutte le sostanze, cio tute le cose che non poscono esiktere senza essere create dx Dio, sano di lor faturs incorrutibil, © nom possono msi cesare di essere, se ron sono ridote a niente da quello steeo Dio, che vogla negare alle alte: « questo si conclude nella esta Medi colo di ttt # corp, che le foro nature non s070 soa Rest dle mebiaion ro lor i sun concorsoordinario. Ed in séguito, afnché si not che ‘corpo, preso in generale, & una sostanzs, © per questa ragione tnch'eso non perce; ma che il corpo mano, in quanto dif- ferisce dap alte comp, non & formato ¢ composto che da una configerazione di memiya e dial simili aiden, Panna timana, al contra, rom © composts di eseun accidente, ma & una puta sostanza Poich, sebbene tut i suoi accident si ean fino, «, per evo, ata concepiaeacerte ease, ne vogla alte, fe senta alte cee & sempre tuttavia [a medesima anima: men. {teil corpo umano non & pi To ates, per cib solo che ln figura Ai aleone delle sue parti at ova eambista. Dal che segue che i ‘orpo umano put faclmente perie, ma che lo sprite, Fanimna dell wom (cose che io non disinguc) ¢ immoral di mia matra ‘Nella tern Meslitarione, mi semlra di vere spcgato abba stanza Tungamente il principale argomento di cui mi servo pet provare lesistenca di Dip. ‘Tutavs, afinché lo sprito del let- fore #1 potesse pit failmenteastrarre dai sensi, non ho volute servirmi in quel ogo di nessuna compararione ‘rata dalle ‘cone corporse, che fone vi nono rimaste mote oscurit le {qua come spero, sarann interamente apiegte nelle riaposte ‘dae fate alle oberon, che pei mi sono state propost. Cos, per csempio, & aia difle intendere come Tides di un eseee oveanamente pefeto, Ia quale si tova in noi contenga tanta reals oggettiva, cio’ partecips per rappresentazone 2 antl grad Ai caeree di perferione da dover necesariamente venie da una ‘causa sovranamente perfeta, Ma io Tho spiegtto in quele i= poste con la comperazione i una macchina asst ingepnose, dca dela quae si tosi ello spirit di qualche operio; poiché, come Vartictooggetivo di questa idea deve avere qualche ausa, cit la scienaa del operio © di qualche altro dal quale eg ab bis appresa, egualmente impossible che Tidea di Dio, che & Jn noi, non abbia per eausa Dio ste Nella quar, provato che le ove che noi coneepiamo chiae ramente € dstintamente sono tute vere ed inseme & spiegato in che consist In ragione del'erore o fait: id che deve neces savamente essere saputo, tanto per confermare le verith prece- ‘deni, quanto per roglo intendere quelle che sequono, Ma tut- tavia ® d'uopo notare che in quel luogo io non trato in nium ‘modo del peccito,¢ cot dllerrae che si comette nella scerca del bene del male, ma solo di quello che si produce nel giud 2i0 € nel discernimento del vero del falso; che om inno parlare delle cose che appartengonn ala fed, 0 alla condotta della vit, ma slo di quelle che riguardana levers speculating conoscivte con Paivto del solo lume nsturste! Nella quits, oltre ad essere spiegata la natura coepores presa in generale, Uesistenea di Dio € ancora dimostrta de nase ‘agin, nel quali trtavia si possonn trovarealeune fico, che saranno sisolte nelle risposte alle obbuesiont che mii song state fate; e col si scopre in quil mndy 2 vero che a ceremea ‘esse delle dimostrazioni geometrche dipende dalla covoscenes i un Dio Inne, rela sess, disinguo Pasione delintelleto da quella dellimmaginarione « descrivo | carteri i quest distingone Mostco che anima def uomo & realmente distinta dal corpo, futtavin ght @ cost strettamente congiunta ed unit, che quast compone una sola cosa con fi. Tutti gli ervoti che procedon Asi sensi sono exposti, con i anezsi di evita, Ed infine ports tutte le raion, dalle quali pudconcludereesiatenza dele cone ‘material: non che io le gludichi molto utili per provare cb che ‘se provano, et che vi é un mondo, che gh vomini hanno det otpsedslre cose smi, che non sono mai state mese in dublin it nessun uomo di buon seaso; ma perché considetandole da vicina i viene a conoscere che esse non sono eon! ferme, né cot Evidenti came quele che ei conducono alla conoscensa di Dio ¢ dello nostra anima; di guisa che quest sono le pid cere ¢ le pia evident: che possano eadere sotto fa comoscenea dello spirita lumano. Ed @ tutto quelio che ho voluto provate in guste sy Imeditazioni, che &eausa che io ometa qui mate str questions, 4 cui ho anche parlto occaionalmente in questo trattte ¢ (Nelfed: orig. Fultim petiodo +t parent pr eircis velont 4 Coreg, che mands Fagpuma 3 Merrenee 18 mateo tee CC HL p. 33, pregudolodimeere I prenten,tahn gun toe sels ont 8 spade (Nea lees at Memenne del 31 ic, 1640, con cul ascompagon vie de Syops, Catteni seune fa che won ss cane ete redone « sump} PRIMA MEDITAZIONE Bate ee re et eee een Sede che in apes fn fonda spe tl cot sri mn pte core Ch a dat eer ua che mera di wte una volta in vita mia & the nee aoe pends stone n° Sie ane oon tet io lara mis rd, camneate uted nore ae fonda whee se Bie nh neo ele lea, 3 qctimpreve i smirava anda, Ko tno et ‘tern urn ts! mature, ce non pound sprue dopo dt ‘San un'strpidadata che mi ha ft rimandare cs! ungo, Seo, rede dcommete wn roe pee sats aber tmp chemi ea propre ha dang, che Iw spit Rw depict © che sx sor wort be rps seen wan pce elt, oleh taeme ¢ nero una druine gered tate mic ante opin Boe ea ecu fr sae Nt ovr cheese te fae, dela gual ce foe, ton verte na capo; main quanto la ragione mi persuade Sei eae anne te ide taco he tora ean tne nt She queef ua appann aie ‘oom dub che waver) teh er fc fe ined gues tl, ne anda map +in dubia * fst forme oa ae particolae, il che richiederebhe un lavoro infritor ne nay tutte le mie antiche opinioni crano popgiate. roan cou ete ser! ingannnn gale vol, nvardo ale sapere pit onator, ed uel che so mato 3 inontrane fore mele dele quali non si pub ragionevlente dlsse, bent tle conocinto per macnn loa: er exemple ie sedutoaccanto al feo, veto tuna vente do amen a ee” ‘a carta fea le mani; ed altre cose di questa natura. E come - tection ee quate mani equa erp sna nid ny che fre non mi prgon «guiness, ere da ah Eten en eft a ner tp dal ea iacono cntntmente di eure det, move con enti; di essere vestti faster FRE 8 sae voto porary mene So ml © #immaginan di emer dll brocche ence Ca infested cole sy donde gum concer che tems ates ‘lone de sch cso po ne peso eg Pe ton Ed son ce Sei co og nel ra vita dt al ron mane a oh ee i opie cme dea cen a vedo io da questa finestra, se non dei cappelli e dei mante he potcbhero copri det apet © dep want sag es solo per mezzo di alle? Mio gid the ore ven aa © Cosi comprendo per mezzo della sola faculta di juicer, che tid el to nev che rv di edee oh ee cnt a dah ce deve aver verso a tae dll occa et aie forme «demi pate dee a ae ree conidrar se corre con gin Gide a Sezione laces, quando Tho dapprima pert od he wee cence pr meant se hein 8 aa de ‘mune, come lo chiamano, ¢ cioé della facolth immaginative, dy uel che nom ta conepisce adeno, dape ase pil ewer into che cas adn qe mee pe fina Cone bbe solo tse a tbe De che ot cn quale pl pec, Tae ee ee ‘vient, ¢ cheno pte adr in pel pon Sends meditanone a det pi pico fr gi asia? Ma quando dtingu Ia cee She se ome stein come eaves fo 04 vost tres in conaero tt ra cert, benehé st poss ancora Itcontare qualche crore nel mio gio, no Ta pos cone me im qua aca eon con ees TaN , “Ma, infine, che dire di questa mente, © clo® di me stesso? Poth Sn gi non amet ne la co che Uo Sto cue promonsa for icy cher che sembro concpie con tanta ntnione ques pero dcr’ Non conn fo me #0, on salmente a nto agp ssh crea, mx eo “on soto gio dtinsone nettern? Pict, no gic het cera est, dal fat i ln ve cet alate iad segue moto pi eoetemente eo son, © che esto 15 Sena Poche pub ware che co chi volo ton wa ine Chen pub ache scare gon aia neppore dl ech fer eee acum com ma non ® posse che quando Sedo Bee abe non dtnguo pis) quando pens vedere, fo che fet oon nt quake com, Epmete se i go che le iat ao che ln onc ne seguir ancora ate cos cot che io soo, e fo tag quel gio dal fat che fe fen nmagiasone mene pesune, 0 qualung ar xs, Concer sempre a ses cons E ob ee ho otto ui dell ter ai pub apple atte le ace cise che roo ester f che si tovano faor di me (Ora, se la norione © la conascensa della cera sembra essere id neta pi distnt, dopo che eesa 8 stata scoperts non sola hehe dala visiao dal tat, ma anche da mote ale cause, con {Guanto maggjor evidenes, dstinsione © nettezza non deb io onosere me tea, poche tutte Te ragloni che srvono a con cere ed concepre la natura della cera 0 di qualche altro corpo, provano smoito pi facilmente ed cvidentemente la natura del Inio spirto? E nila sirto steso si wovano ancora tate altre os, capac di coneibuire « spegarne la natura, che quelle di- pendent dal corpo, non meritano quasi desere enumerte ‘Ma, infine, cccomi insensiblmente stornato dove velevos poiché,siccome adeso conorca che, a parla proprismente, noi on coneepiamo i corpi se non per mero dell facolt inten dete che # in noi, © on per Finmaginanione, né per i semis © Medien mtafiche che non fi conaciamo pel fat che i fel fat che I vaiamo 0 I toch, 1a solamente pl fatto che li concepiamo per metso del perce io conosco evidentemente che non v'é nulla ch once com eer lla che ma a fae 2 sooncere del i pio. Ma poihe ql ipo i dis co promamente Giulia opinion, eve che mi hin poco su quexo punto, are, eons Tongs dla 2 meditsione, imprina pi profondamente nla min emi "TERZA MEDITAZIONE (ra io chivderd gli occ, mi tured le orecchie, distrarrd tutti miei sens, eanesle® anche dal mio penser tute le in Inopin’ delle cove corporee, © almena, poiché id pu farsi dif Fllmente, le riputerd vane e fale; € cosl intrattenendo 20 meme me stesso considerando il mio interno, cercherb die {Temi a poco a poco pit noto e pia familiare a me stexo, To Sono une cosa che pens, ciot che dubia, che afferms, che nega, he conosee poche tose, che ne ignora malt, che ama, che oda, ‘he vuole, che on veoke, che immagiea anche, © che sente Poiché, come ho notato prima, sebbene le cove che aento ed im gino non sieno forse nulla fuori ime ed in se stese, fo s0n0 tutiva sicuro che quelle maniere di penare, che chino sen: atoni ed immaginasioni, per il solo fatto che son0 modi di pentate ssidono e si trovano certamente in me. Ed in quel poco che ho detto, io credo di aver ripotato tutto cid che $0 eramente,n,almeno, tuto cb che fit qui ho notato di sapere. ‘Ors conaidererd pid esttaraente se, forse, non ab trvino in, sme altre conoscenae, che so non abbia encora perecpite. To r0n0 Corto di exsere una coxa che pensa; ma s0 io forse anche «ib che F chieto per rendesmi certo qualche cosa? In questa prima Cconorcents on si trova nientaltro che una chiara. distnta pereesione del fatto che to conaec; percerioe, la quale, a dit ‘ero, non sarebbe sulfiiente per asicurarmi che casa & vera Tr potesr mai atcadere che a trovase eser faa una cosa, che io concepisi cos) chiaramence ¢ distintamente. E pertanto mi embra che git poota stable per regla generale, che tutte Te o Melitaso’ metofche cose che noi conepime tole charmente © molto -dinint “Tuuavia oho acolo ed ames in prcedenca cone fata ene ¢ maniete parce cine le ua, nondimena, ho He. ‘osito dopo ewere dubie ed ince. Qual ean, dungue, {quelle cove? Erano la terra, il cielo, gli ate e tute le alte cose the peeepiv pe mess di iiss, Orn, ce ma congo Shiurmene ¢ dstntameate in ewe? Niente avo che gute ‘he fe idee 01 penser di quest cue presenta a mio spire. Fd anche nda fo nom nego che gue ee sinconttog in me. Ma vnlata co ancora steno, the buat lls todine che svevo ai eee, perro dh prcepie sa chiar "amen, sens eumene,fon i pee afl: the vi erio deft eae for dh me donde prosedeano uele ieee alle qual ese etna in to simi Eder in quia the mingannavo; 0, se anche gnicave secondo vert, nesona ‘onosecnzn er een della veil dt mio ‘Ma quindo io considervo qualche cost dias semplice e facile siguadane Tate cla geomet, per esempo che dhe ee, seria anes, proticne numer cnc el ct iy tn Te oc ine haa Ine per aerie che erano ere? Certo, seh pol gina he's fest dquo, to ne he {fone se nm pché mi Yeni in mente ce, fre un ualee Dio avn potto darmi una natura tale che hingnnas anche sulle ease, che mi semrao le ph manifest, Ma tte Te tle the questa opinion, pra concept, dela ovrane poten aun, per mo penne cnet et tare che gl fale el rol, fare in gis che foo ingan anche alle cote che exedo di cononcere con ua cede Bra isina'. Bal cota, tte I volte che mi velge seh le sce the pe cit char, wn ate perso da ene, che da me ato mi las trsclnae« que Farsi: —Minganti hi pobs non ot ma fare chs non a niet, ach pensrd i emer quae 0 che on ito 2 flats cin nota ‘aun me puto meni ccue quam evientine asa meas » sia vero he io non sia ma ato, essend veo adeno ce soo alte che duce ey sommat sim, faciane pit 0 meno di areca sm, che ned chiaramnets nan potere sre sre tmanics da come Te concise et, pct on Ro tesson rape deere ce iin ‘un Dis ingennatore, pole an non ho ancora considera Te an Te aepeoane exer un Dio, ix rapione dk dubiare che Tres son da questa opinion, € ben leer, per cot die, area sas per pela de tt car, dbo esminare ‘Be Hn, tntecheVoscnone se ne preter 3 V0 She ven a,b sce eae oe em eee SReannatoes perchés cena In conoscenza di quest du ved atte et gah com “fucks pose sere eeeasone (i esminare iy seneeinterom- we orine dr meitare che misono propesto, che & di pase Fe Fai dle movin’ che trove per pine nel mio spit, Pees che pte oars in apres, Biogr qui che {aust mt pein cr ene « che omer al UH quest een’ stow peopriaments vento errr SPST ASS perier,alunt sono come Te imi’ delle coe cea qual comene propransente it nome dies me quando presto on uno, ons chimera, o ito, o un angel eee mtee. Alt pi hanno anche alte forme: etal, quando 0 “ont, eo, fern o noo, concise quake ona come ORE Tata de mio pester, ma ggiung anche allo, pet mez2> { gucotanione aes dh gcc; ed questo genee i pene Sek wrt cove chiamats volt aio, lat ia ‘Ons pot cn che concern Te ee, noi fe considera solo sn ne wee, seaa viper, ese non powonD, & a= we rene ener fae poi, sn che immagin’ ora ee ere chisere mnagno Tuna non meno eke [at Tleente non bisoge tenet faa nelle axon! 0 vo- root rch scene i poss desderare cose cate, © anche ‘ea Eon forme ma tana on & peri meno vero ee te dain. “Cos tetao i sai gine, nei qual deo adare acura vents ngenara Or i principale e pi onineio eone Tg ti porn wovare conse imei, che fo pic ee Le ie, Medtason’ meoiche te also in me sao simi o cant simi o conform a cote che sono fr ph re, coe ie le ne ‘oo mavire del mio jeri, ent voll poten 2 ‘ben difficil rb 4 ae Imeie mi pce dae octane cre "Or gue are ser ten fant ate eaanee «verte dl dt for fader, se anes fae vette da me aso [eit Tlat ta est nmi avo che dla i natura nat odo doo uc rumor, se vedo i sole, se went aldo no aera ho patito regu sion prone da oe ett fn a ise sh ene pape ete oe ere san fain! ed inven tl no pra Ns ‘usimente ore, pr persnde ce tute uence sin del gener di gic che ciamo sane, © che vengono. dl A fans, oppure che cate sano tute hate con me, oreo che Sino tat te fate met pice non ho aca charmer scp a vers rge cb te ho nce fr qt ge oie ran alee ano vee ogg pos fi dl me, gut ono le fon she mi abbigare a credeve ml © ua oppo a prima di que apo che mi tema ehe mi sia inant cal tr: el ecands the sprinente in me none che guste ee non ipendowe dla mi vlonls poh oe set festa nme ho mapa osc fa weet, ic nono vogl osm Sl tons © ar ge ‘orem cman de unt snnon one tet el aloe, &proota in me dana cons ferete dao dal calore del Fuoco prewo i quale i nova. E non veda Ua ie ru ker Gs ia es ae Sweets are emma i a le ee or ees he i sembt pi egiuneole che gdcre che questa cont che mem Fimprme a me ton che avo, casi Site #28 wa cena chi veda quest rain ono abbatanen eon eee Quando dies chemi mache fb 8 3 fe us natures intend some, oe qt paola inser incision, che ml porta 0 redere Guests Tear: ue mature che mi fea coon ce es E re Sram uc due cose difertcnm mato fa Toro, perch senor acne in dublin ula bch a fe vac wr elie act vx, csi come cr i ha et fat vedere fee he db, pte concadere di cetee, Ea Seaceesensa me alee fact 0 pecs, per sigue 720 Dl teem pua inegrare ce cb che et ace et ee Siar mon tt ede quale ri pose BSA aoe ren Ma, pot coche ria le loan, che rene or eon mata enh, ho woven rtto, N eeetaS ar scee tate in iy he ee anno ao cjcno al mle che al bene; ed eeco pte non BO re Or epite neppure inc che Fgura eo it 6 "T ‘quanto allaltrs ragione, © ciot che queste idee debbono ene onde, piché non ipendone dla mix valor, eon es cetedne neppur ena. Perhé, come el nla te gare proprio rm + twovano in me, nono wer este scmpte cn i mia tlomt, con po esere che se che fc o poten, asta» produ quest inst fatna Tal diene ester, berche esa non mi sa ancora ea ame ia eet, mat sempre sembrala forsee, son St uc frm Jn ne, seen Tait deg OF aaa sporescrano. Ui if, ance se acon cb ee Fe ore gues ge nf Una coneguenen eS se ee fenton esate snl aro. AL eon ho = Se SOS mate comp, chew ea on grande dienes SeeRRS Bin iden Come, po ecm f¥0 re enemBe ate le aft vero: Vara ta ua oiine ae ee vente mena nel genere 6 que che sopra bo Sead ci dtd fu ein ale tea sl i sembra treme= see ike, Taen presedlle aint delaonomi, tsi me s.r ae ot i nn range manera cee per qos et cot Hera g ep neces Greve dos Klee che fo eomszpio del ale non potono charg See ee nee ee eee quella la quale sembra immediatamente derivarne, gli mae ‘mente dissimile, came “Tow eb if eee abn he fr, on tn giv cert « premetai, maslo pet ue cee e temas. Input reducer conc a fa mee dl mene er fm nf thro man, nafnetn oat oa mevano le loro rassnmiglianze. Seah Nimo ee 4h cut ln meee, nes dene che inne oe a et Sec hn rete te ee es ee eens Sac muta te pe nm mii nen te pe ei een omits ae ‘ees lifenne une de Pek ne cea hem pon dete son se ss Dac ter tp sng ino (pe oe) ager Fat gti opens pe sprraetbvior an ne mg a ae ee ee ‘quella per It quale io concepisco un Dio svrano, eterno, infito, eee oe at aes aeeoe int pi eal ogg ch quel da calm sono appreentote inspite cee en sv pn rr ss mania pra tralch a eclosion te gu SS Go sno:ph devas Teer pe tare ae So dfs ppt caus’ sae gate ass phe et nicargliela, se non l'avesse in se stessa? eigen sen he ne ie po tue mae oa, naa ie oe Cn see ee mebtsine » comin n sé magi reali, no pub eee na consegunzs co ce ened nen pve Fst woth nan la can ese inte me fle che han ela ra inet, Sapa neo formal, me anche ale ie, ae eer slant esta che aman set se uence pont ancora ct, solamente Fe ane a al ates pot unt cnt aoe eat lormamerse, 0 einenteent?y eo he Pom Simpson dla pita, cn che COMENRL ca ae ae aire pi czleat a quale che sono rl we MOH sng cme pont i wn ost he Ba palpi, se mon da ua cor che it uN OF a erate ron genre ameno cost evo come i sine on ee? in sca le by iden del clr, o dla cae pu ete nem tata esa da ae Pen a ee vagy To sen tara eh quanta Ne COO canon ls Phe sbbene us ca Ce cs in eat della sun rats ase 0 f- aa ae eri mmagiare ce questa ii Jbbu te rem acs See epee inf che, esendo oR wr geo, a son sar ale, he non rie oes I Erte gel che ewe e ruta dl penser © de erect solamente un mado, © Gab una masa ie ie semre, Ora fiche ea conten wea Ge 0 et a pacoate. che uaa, dove, senza dubbie, + a Foamale ql signin ib che in eles i che & obit, ane = evnenea «eminent» &Peitnes incu a plenena della wa etre Settee tt eels « perenne deena “Ca Do even reat chev a dh eae [ere Suomen See dip. 90, 19 282 [ee Sonnet ee Gm gefetonem soperons rations, quae witte ene dot infers perfecone, quod nn, potest ml Cran in de cousin el een, Unde cance 2 Tens reurrum, qtenue wun eminent #9 Deo ni Detection oe gamer canfix eta Det = Dictar exten re (ir coun ene inet oi ° Mabon mete ce du qu cis, ques opr lo meno tna rafal untae eine cone tac Wa Rae Che se topananeche nae er galas th to tor el fone ope opt hea gg i al a Fer inperea hes guta nis ern fom ogeivaent perpen eels ae ten su en, eto non ho, tai Ue he le ‘oso «marca non si pt comune Ge ee ‘Sse su rig lala nepeie ae tre chet in wc che adc comers os ie‘ tlannteopetiv, nt pense che ba he ee rat i vt onptomere ae Too eee neck, Nee gos manr a me ogevamete appre ae ie prop nate ate H modo oh soa tomate apart alesse quae ices ae pie ¢ pra or pop natu bench ec Se he ey diate op ‘tavia, andare all'infinitd, ma bisogna alla fine pervenire ad una ims ex a nna come un neo oe gna et que sia came foam fa oes Perens, che x wom a oggetvanee' pr ape Soren quate ce In mae the ue ae tee eidentemete che cee swe n me tae gel © delle immag he decadere in, che pane, vert lng ae fata pertoine ate cove ene vane tate trae, se ton posino conten mu la pa pan od ot Soe quam it lngunete of acute ein ate uct om tno fa chaanente'¢ danse nes She tr ve Mince ct concur Si) Goes chew ral ogee Snes ase ne ‘dee @ tale che io conceca chlaramente che ta non & fn foment nf crinremete he ps nga os oso tere cus eur oh seertanet he 1 aan soe wall mondo, nate it ance ue sng con he eit ech ta cas qe, mane Ce ‘in me una siffatta idea non si trova ro 7 nn Some eh owano coninee tndrecats dls or tetany fiale, quando esse rappresentano cid che non ® nulla come se a era a Mostsion metic ‘endo le idce come delle immagini, non pub exsercene nessuna che non ci sembri rappresenare qualche cosa, se & vero il dite che il freddo non & altro che privarine del edo, Vide che me To rappreseata come qualcoss di tele di positive non sara mle 4 proposito chiamatafalsa, e cos elle alte sil ide; lle el, eto, non &nccestario che io attics altro store che me stesso Poiché, se esse sono tutte fle, cot se rappresentano cose che ron sono, In luce naturale mi fa eonoaceee che procedono dal full, eiod che non sono in me re non perché manca leona alla tia natura, © quests non & del tutto pee. E se queste dee sono vere, tuttavi, secome ease mi fanno.apparite. cos! poca rath, che jo non posso neppute nettmente dicernere ls ‘coma rppresentaa dal nopvessere, nom wlo essa ragone er- ht on pose sere ste dame ssn, ton pa ‘Quast ale idee chiaree distnte che ho delle cose corpores, ve ne sono aleune, che sembra che io ebbia potuto tree dal idea di me steso, come Tidea dlls sostanes, della durata dt numero, e-d alte cone simi Perehé, quand penso che la pic tra & una sostanza, ossia una cosa capuce di esate per #6, € poi che io sono una sostansa, bonché concepaca di euere unt ost pensante © nom estes, mente I peta, al contraio, © una ‘com estes € che non peass,e cos fia questi de concet 8 trovi tuna sateole deren, tattavia ces sembrano convenite in i ‘che entrambi rappresentano delle sustange, Egualmente, quando penso che io aden esto, « mi rcordo, ole eid dh exsere es sito alt volt, © concepisco patecei penser’ divers di eu conosco il numero, alors equibto in me le idee della durata © del murner, le qual, dopo, pos trasferire a tutte le alte cose che vogho, Per cio che iguaeda Ie alte quai, di eui sono compost le idee dle cose coeporce, « cit Festersione, la figura, la sit zone il movimento Intale, & vero che esse non sono formal: rmente in me, poiché fo non sono che na esa che pena; ma poi- ‘ché rono solamente modi della sostanzs, c quasi le vest sotto Te quali la sostanza corporea ei appre, wd io stesso 2000 una sostanza, sembra che possano essere contenute in me eminente- * on sts, dung, che sla ide di Dio, nella quale bis ps herr eH a quae sn che no in potta vee SET Con ome a Dio endo a ssanza if, Sms Minute, inipendeste, onnicens,omiotete © Taman seo, e tte es ne che sono Ge © veo che ‘cts imo rae pst Or une “pane won tot prand © oa et che it ena cee ond, meno ti perso the Tien chee bo re cso seine date el. F pe conseucn, bis vows ramet cones, tt eb ce ha det pelo Freee Din ete, poche, setbene Pika dca otanzn eee cel ata stato ce sono sss, om #8 Beene la une satan ina che sano un eere Bee son fs stein oe dace sons Reo spp acne Wait, oom per men “Gh wos enE IgE on solo per nao dla aeazone di cee momento i por «le tenebe pee mezzo Sel Segurae de in imen ede ce: pie a cirri, {vedo manifestamente che si trova pi realta ella sogtanza inf euind che ho, in ceo modo, che del finn, ck prime Gl exer pt perf. del i, al eu pragne once "Pec el rin nator? PANES pu de che fe, uti Do mates ‘en per congue, powso trae dl mens ae he ses pul evar in me prehé# me anc alo, cme Seah den dele idee de! sl © el fel, de cove se. the, at conta, endo. questides asa chara © Brena Rtenendo in od pve oppetiva i og al, Senter Settne abe por ein pi eras nce pons see ene scaperana ete lst Tide eo, dl gutsere svrmanente perio fe nis’ ntomene vera pith, eben, fre poses Sogee The al ewer non esi noms pu finger tana he Ie “a Meditasion’ metaicbe su idea non mi appresent aula dt resle, come ho test detto selfiden de freddo, Questa sessa idea & anche sommamente chia ¢ distints, poiché tutto cid che i mio spinto coneepsce chiaramente Aistntamente di reale e di vero, e che contene in sé una qulche perferione, ¢ contensto e racchio twttintero in questidea 'E questo non cessa di extere vero, sebbene io non comprenda VYnfnfo, « Benché ai trovi in Dio wrvinfiid di ease che non posso cemprendere © forse neppueattingere in alcun modo col Densiero; perch & della natora dllinGnito che fa aia natura he fina limita, non lo possa comprendere;« basta che io omprenda questo, © che givdichi che tute le cose che once piso chiaramente, € nelle quali so che vi & qualche perferone, forse anche wninfnita di alte che ignore, sano in Dio formal mente o eminentemente, porché [lea che ne ho sia la pi vera, Ie pit chiara e la pit citings di tutte quelle che sonnel mio spite ‘Ma & possibile anche che io sia qualehe contd pi ehe non -nvimmagini, « che tte Te perfezon! che aebuisco alla natura ‘un Dio, sano in qualehe modo in me in potenza, sehbene non Si prodceno ancora, enon si rendano manifete per mezzo dele Toro ation. In effet, fo sperimento gi che le mia conoscensa sumentae x perfesona a poco 2 poco, ¢ non vedo niente che le posta impedite cPaumentare serapte pid, fino aliafito; poi fseendo con accesciuta © perfesonata, non vedo nulla che im pedis che io possaacqvistar fer suo mez20 tute le alte perfe- Poni della natura diving; ed infine sembra che la facold che 19 ho di acquistare quest perfexioni, se in me, possa essere expace Simprimersi e dintrodars le loro idee. Tuttava, puardando tun po" da preno, io iconosco che cid non pu casere;poiché, im primo Iuogo, anche se dawero la mia conescenza acquistase tutti i gloont nunci gradi di pererione, e vi fossero ella mia patura mote cose in poten, che non sono ancorsattumente, turtavia tute queste preroitive non appatterrebbero, e pon si avvicincrebhero in nium modo all'dea che ho della Divinit, ‘ela qule nulla si trova solamente in poterza, ma tutto &attual- mente ed in effeuo. E, ancora, non & argomento infliile © Certssimo dimperfesione nella mia conoscenga i fatto che exes ‘Tersa medtaciont I rece 4 poe 4 poo, eames pot ai? Di pity ane SEIS Dicer aumentne snpre maggormete, beh Sabetiy he San an pate cute tune ii cas avers 2a pont pve, da Fat saps duce mag incremeso. Nao ro cme atusirente st ton 3 alo edo See Fa sla epg als vena peeve ce owe eet nga, otomprenc Snisina che Fee age mower poo da on esr che Stat inptenan it uae 4 ar popriamente 008 © etna tl dan ese formal 0a eis on wed nine Into ob, che 00 aa fsa Uboacont per men ela ce nate dt quel Eevee ttn ponte acumen; a ol chew oc al restaurant in pt, van ecu ‘Shee eo lle amg de cove beri, non ora PORENET ote: per I qe Cie, ce io ho, un eee see demas doe serene este st ee een ere che nia eto per Tala soo gu puree © comierre e f0 on gute i Di ped terete ae che ee ye damand: da ci tral in ese? Fan ae te uo, 9 al mit geos oppure da aire ce Fore oe fe at Di, pert nla pu immagine & persue ¢neppure Geile 4 I Se eed indpendente og aro, eft sto Ve Sami ec ce von bier? di nse co, reer tpi pit deer, el nfoe non i manctesthe ihc, pee i stl daa io soso tate qual SeeaT hin me quiche econ sare Do Sie ee maa hel ene che wi manana i MBit acre gut i sno in pom BoP Gi a conta # ceria che & stato malo Pd TREES, oe une co osotanan pena, sia uc dal cea Sel Se san mse Tae fm Te on Teme See Mi cone che gn, e she ton ono tena ac TESS enn cn se oto fo a ses Tet el quale be palo, at fst ator Ol * Melson meaiche sia nan ¢ dt is enna, om mi sr pao aero Sie coe che om ci i fre soir, it snc Smo Si mins ce, che soe contenu nlc Dio per he mon ven nemna che pmb hs ile sequao; fa foe ant ns te tr heioaves dpe tte fare oe che pose. prc apr tment che smn pote 8h src Iau tring, © nom amie capace Carton Shne fa po upp che fre sone sempre sito come sito, non por ape eure fora que ragonanenta, acter i crys necari che Dio sa tore dls i eetena Poche te i tempo dels a ia Pi cer dist nih dpa, acne le qa 2om {Senden esa mania dle sige na lft ch um poco prima ona inion segue chlo cb cree am, 4 ‘em chen mew gues pda © {2G per con te eo lot mi cose ia ei, 2a cus on eis of dete (4 tt quel che cnidrtnnn coats Ia ara dl temo) che Scnannn, por ence concenta ttt mement checa dy, In og dello scwo pote del an azine she sede een a pros © cen alla moto ae cau on foe cir. Di mado che ace sue fe vedere charmnte the la comernine ¢ ls eesrone difericons slo gun al eo mid dh psy, non et Baha ung, Inte dhe fo itrogh ol meses, per tape se Posen Glace poteree que inh apace tte m mov che 1, Sees an, ben tecorn elfen ebeve, poche Ie fon soo alr che un cna che pens mere poh Soa Precaamente it weno sip 0 gure pane oe. ule pene dete in me cert dove ero peal ed ern ‘Sonceat aro nm Haver aio eyed i comaco dertemente she dipendo gulch etre diferete de. * Loriginle ting (AT, VIL, 48) shana un po! dveno: +E nen stugate! alla fore dt gues mgoment supponcno deste ete fenpre come san or non ne sepuree ina the ow etna ce (Ora, non potrchbe dazsi che quellessere, dal quale fo di endo, non sa ed che chiamo Dio, ¢ che io sia prodoto, 0 d Inietgentori,o da altre cause meno perfete di Dio? Ben Tung’ {Ba cb, la cosa non pod essere cos. Perché, come ho gid deto Jnnanai, evidentisimo che devessere almeno tanta reales ne muna quanta nel suo effet, F peranto, poiché io sono una cosa che pens, ed ho in me quache idea di Dio, quale che sit Infine Ia eau che sv atribisea alla mia matra, bisogna neces irsmente confesare che esa deve parimente eiere una cost the pens, © possederc in sé Vides di tutte Te perfesioni che a fribuaco alla natura divina/Poi spud da capo ricereae se que- a cmos trac la ua origne ¢ la sua eistenza dae stssa 0 da fqtche altra cosa, Poich, se ea ln deriva da se sess, ne eR, fer le ragiot che ho di saps allgate che essa stssa dev'esere Dio infatti, avendo la vir desere e desistere per sé, deve fnche avere; senza dubbin, a potenza di possedere atualmente tutte le perfezions di ui concepsce Te ide, cioé tutte quele che fo eoneepaco este in Di. Che se essa trae a sun existensa da ‘gusiche causa altrs da sé, si domanderd da capo, per Is ates Sagione, ei questa seconds eats, se existe di per sé 0 per opera ‘le, fino a che, i geado in grado, si pervenga ad un'ultima fausa, che # eovers essere Dio. Ed & manifestissimo che in «id hon pub esserei progress allinfnito, visto che non si tata into qui, dela causa che m’ha predotto alta volta, quanto di aqulla che mi conserva presentemente INé si pud fingere che, fore, pareechie cause parva hanno insieme coneotso alla mia produrione, © che dalluna io ho i evuto Pidea di ana delle pefezioni che attrbuisco 2 Dio, © dt Utara Tidea di qualche alte, in modo che rutte queste pete oni a troving inverts fn qualche parte ne univers, ma non ‘Shnconting tute congiunte ¢ tunte in una sola che sia Dio Poiché, al contrario, Punit In semplicita 0 Vineparabilits di tutte le cose che sono in Dio una delle principalt perfezioni, the io concepisco essere in Tui: ¢, cert, Pidea di ques’ unith © Tinie di tate le perfesion di Dio non ha potuto essere essa in'me da una causa, da cui fo non abbia parimente ricevto le idee di tute le are perferioni. Perché esa non pub avermele fattecomprendeve come insieme congiute ed ineparabil, soma * Meant mtafiche er fo contempormnesnete in modo che io sep eid che Se cram ee conoce tte in qualche mara ve eigen ut sma he raga ln wa vac ace eto che ne hoa pote tree si very hy ution fa shee san en he Cenervin, © che mi abo ft © prod in quanto ceca She peut piché esi anno clamente mee leone pee Sonn gull mater, nl qe giz che by it Amin Tho, ce wie puedo oor per me atu, i tow ncn, pera non po ence glo tga alana ica, fon bangeaneconasnmentesniere ee, pri sol ato che Ieee che Tide dun eure aowanamente pee (oe 4 Das tn me, Heise Do @eideniaimamente die Mi rea sol da esamiare in qua sie o abbia acai sao quater, poise non Tho neers per mez {ai oe nme contol mia apt, come fn ieee dete cove snus, quand guste peta, 9 seme bran presenta al onan eto mt ses. Fat ton Thppure un purposive fisione Gl mi pik, pe enon in mo pote de fogicr 9 ggingee seu E: per conaepucon, non eta aise an che, come Ties Aine ston eve tata pdt con me, fn Suando sono , como, non i deve trovare tana che Dia, crandoni, abba mes in me ques He, perch fe come i marca dl- Teper improse sulla sun oper; © non € neppurneceaio the gota mcs si sulcus dicrete da guest tes op Sia ta cb sn che Dio mi ha cea, é ana credible eet mnabbisin quae no pods immagine evra, Eide wo concepna questa ruomighans (oela quale Tee Dini trove comers) per eve dala tess fc cm Ia quale cen eno uh i lt ron trete cone dente une cous mpefra, acomplt dipen- dime da ale cb ene e che eps seta pus # ule oa Ai igre oi geod che fo nn sin, a consea sche in pr tego, che cole dal quale dipendoy pose in 38 tte XE fan ole qual spr, «dea ovo in me Tees € Feros meitasiont ” ‘ghee pensiede, nom indefiitamente « solo in potensay- ma ne pate in ele, ttalmente ed ininitarmente, sii che & Din Fiat ta foes deargomento, de qui bo ato USD pee pro~ ane Tesstcnza di Dio, consist ini, ele io Feonosca, che Pon wertbbe pombe che la nia natura fose tale quale & eve che tne Videa di un Dio, se Dio, eon este ceramentes ini stewzo Dio, dico, iden del quale & in me: che pwede ABS tote que ste perieziog, di eu il nostro apirito pub bene inte qualehe idea, senza perteto comprenderic tute; che non Psogartto a nian difetos che no ba nessa dk quelle cose che Fnaheano «qualche imperfezione. ‘Donde rina con abbastanza evidenza che cx nun pul ‘essere ingannatore, puiché Ia luce naturale cnsegna che 1 funn dipende necesrariamente da qualche difetto. ‘Ma, prima che io esamins questo pit accuatamente, € ee pet alls contideraine dele alte vert che se ne posano ra: Peplere, mi cembra molto a peoposito Fenmarmi qualche tempo SIE covtemplarione di questo. Dio perfetiaimo, di pondersre Sono agio | suot meravigioacibut, di considerate, amairare { hdorare Tincomparsbile beth di questa immensa Tues, almeno Tanto quanto pote permettermclo la forza del mio spitito, che ne rest in certo modo abbuglst. Poiché, come la fede cinsegea che ta vovrana flcith del- Yatra vita no consiste che in questa contemplarone della divina ‘Macs cou sperimentiam fin dadesso che wna simile medita- Bone, acbene incomparsbilmente meno perfetta, cif godere ‘alla maagior via at cut siamo capaci in quest Vi QUARTA MEDITAZIONE To ai sono talmente abintto nek gen suet ditacare a pio spi dai sel, wd ho tal eettanere att che sono pochiasne coe contclue con ceteeariguido ale cove Corpotee, mente ve ns eno mae dh plo che sono note sll Spit mano, e make pil ancors au Dio stewo, che ort dit Hero sens nana dict I mio penser dalla considersone Ale cane serio immaginabl, per vogelo a quale ce, ex tendo bere da oni materia, sono puramente tli E, certo, idea che fo dllo spiro mano in quanto & ona ors peneante, enon exes in lunghest,larghezza © prfondit, che non perccipa a niente di Gb ehe appariene l corp, ¢ incompuablenente pi dita delideu di quahingoe cot pores E quando lo consdero che dub, it che sono una con complete dipendete, Flea di sn exee completo ¢indipen- dente, coe di Dio, x presenta al mio sprio con tata dan one « chistezza; dal Eat solo che questa He i ova in me ‘ovvero dal fatto solo che esisto, io, che poseeggo questa idea, Concludo coe evidentemente Veteran i Dio Titers pen densa dela min evisensa da iinet} moment del vita ce non pens ch lo pro uma foes canoes a cons con maggoe evidenase crea, E ga mi sembra di o- pre un camino che ci conduc da questa contemplating {lve Dio (el quale tt ter della sons dll sagenea son rinchiu) als eeoonenea dele alte cue dll univer. ich, in primo logo, fo siconowe ce € impose che io mingnri ma, ch nog ode ed agra x tora qualche (Quarta mebiaioe ” pocie 'imperteione.E scbbene sembri che poteringannare st go i sotglieza, 0 di potenza,tutavia voleve ingannare VGunnonia, senza dubbio, deboleess © maliia, E,pertanto, cio fon pub trovart in Die. "it appre, io sperimenta in me steso una certa Facltd di siudieare, ce, senea dubbio, ho ricevuto Gt Dio, come tuto il sro dalle cose che posseRao,¢ poiché gli on vorrebbe ingan ovmi,& certo che epi non me Tha data tale chia possa mat Thogiae, quando ne userd come conviene. FL non resterehbe eum Gubbio su questa sents, ¢:non se ne potesse, sembra, Trane questa conseguenea, che cos, dupquet i2 non mi pos Jat ingannates poiché, se io rievo da Dio tutto eb che possegeo, Pte agit non mia dato una fal per etrare, sembra cio fom deblsa mai ingunnarms, Ed invero, quando non penso che TDi non scopro in me nearana esuse dierore od flit Jha dopo, rtornando 4 me, Vesperienza mi fa conoscere che 3000, Tota, soggetto ad un'infnits di erori dei quali rieereando It causa pit da vicino, io noto che non si presenta solamente al vaio pengero una reale positiva idea di Dio, ssa un esere Covranameneeperfetto, ma anche, per cost dire, una cera idea ‘Mgutvs del nla clos di eb che & iafnitamentelontano da ogni fort i perferione; e che io sono come un ternine medio tra Dio eit nulla, cot posto in tal modo tea il sovrano essere ¢ il osestere ches 2 dir vero, son si trova nulla in me che possa Thad’ in ervre, in quanto un sovrano essere mia. prodot tna che, ae mi considero come parecipante in certo mado del THente 6 del non cere cok in quento non sono io stesso il so- ‘Nano caver, mi ovo eaposto a4 usvinfnith di mancamenti, di Jodo che non mi debbo stapice se minganno, ‘Con io conosco che Fervore, in quanto tale, non & qualcost Ai peso, che dipende dx Dio, ma & solamente un diftto ¢ per= {ante che io on ho bsogno ger errare di qualche falta che mi Gn stata data da Dio particolaemente per quest effet, ma che Soca che in ringanni pl fatto che Ja facolt, che Dio it ha ‘dato per discernere il vero dal falso, non in me init “Tortavia ed non mi soddiss ancora del rtto;perché Ierrore on una pura negazione, cae non il semplic difeto 0 manca- ent di qualche perfeione, che ron mi ® dovute, ma piutosto a Mest’ metfce 2 una pstasane que cnocens, che embrace dons eee, E comiderando le natura 0 in, non mi semba POSE cet wishin so quake fue che impor Kota nel av gener ot che manch dt quake pefeione che len dors poh ne € 0 che pi Targa 6 epee ile opere ch eacno al we citer pete compte [Rate cer inmaginercno oi care at odio da quo Sonne ccna Te cn, ce no es pera ed ite tee compat in tute fe me pri? cert non vi & dan Che Dio atebe pita ere tal, ce lo ton poten we ingunary snr U anche She ft! sempre i mopins mie dunque, pl uule eware che non erate? Conigelo dh con magn ation, mi wene ina tuo im mente che io on rt de oie, we le in itll tesa non # coped compredere perce Dio fl ce Crche non bo nena raione di dae della as een pel ft che, fore, tedo per cpericnse mle ale cone ac rte compreadere per que agane sf in eke maln‘Din I ZBbia prot, Perch sande che lia nature cat samen debe eimtun conus che qua di De & inmena, incomproibe ‘ita, fo non be pi if 2 cnoscee he ofits cone & in oun poeta, le case dhe qua sorpanaro le port del mio ep Fie tl ‘agonal persuaerms che tte ql genre Cae he Hall tae dal Be, nom & een tuo ele Gove ache ont, pic no i src cop seca tenet rcvate tnt scope if penetra i Di i i iene nner meme che, quando a ceed so te epee di Dio sano pret, noms deve cmsiderae wna sl seat sepuratament, a in general ae Te reue ance, Berchet shane conn, che pote fan, con ache cot di fapone,sembrareipeftaina 3 fons sla sna ete persia nla wan nar, te comics come ate ch two quate une, score, dopo che ho Et propesita Ai dutare dete le ce, fo 406 coment con cetera ‘ob emis eteneae qua & Diy tii, anche dopo che fo vconoito inf ptens & Dison ptt mepre che is prodto mote are cove, © sim She post P= ucts miso a unc in mde ce isa, «sa posts el mando cone nar tere afer dat one mn Bip che paranodal, cmiderando § ait gu sl tesimontan che im ev delete Tj ane che Siperan da concur adie easy « ce Jaa avon ce ein me ela fa xe, SSES'eieor oni i let ol sie dll a. Sale Pike con Tiel sl, fo non afro of cg Seen eonrgsn slant ee dl coe, che pa Toe nogae, Ora conrad con recent 190 sree ca nova alin ease rote, pce psa ieortserre nel sun prope signet, Bench in, ieee coe ond cn bone cere, roms pt tc pot quest cee sa palo TEE come dic ovules rata, a slam Se oe Te hs peril non vi neasne rope Se Fe toate che Dio avec dowto dari usa fo Sree par arae ei amp di lla che wha data or erga ‘Jesse den epeao me Jo rapes 208 SEES facto pense che et aueie dovto mere Semele ne opere tte Te pofean che pd meter SEES sao poss seppure laments che i iain dato ZEN ton une volt stain © prt, ihe, sr et ou sprint co aga cost tes cHe on & te SEARS) Meno tne Ee che mi sembra mito teva fn ree Tuo the hue leat ine eso ine 0 SE RMIE ca pea con estes, chet mom coca ce TLSSNnue care snr pi grande © pi ere, Phe, Sor iin ae cons ffs i concep ee ime, er Soothe cana ura picasa eto eas ii, TIERS co tapes iden ual Tat saeln aati c per ml ehe pose appre: ne Tit, msc sca ith che sn apperene all ‘Rhus Di Netlestse ue crmio la emer, ine ‘Rigosose, qualche aa fia io nom ne too sein, The non asin me pcos Finite, che non sin Dio SRrmenaed tanta Son sit che [nmol volt (ona ee stint hea) che io oprinen in me cod ane, che ‘oncepisco idea di nessun'altea pis ampia e pil estes di modo ‘he esta principalmente mi fa conoscere che reco Finmagine & 4a rassomiglianza di Dio. Petché, sebbune ess sia incomparae bilmente pitt grande in Dio che in me, cou in ragione della co noscenza e della potenza, che trovundovisicongiunte la rendon pit ferme pia efcae, come in ragione del uggeto, in quant (sa si iferstee i estende ad un numero infnitamente magne Ai cose; essa non mi aembe, uttaia, pi grande, sc la conte ‘lero formalmente precisumente in 26 stows, Poche esta co iste solamente in ei che noi posiamn fare na cosa nom fala (cit afermare o negare, seguirew fugir); 0 piuttosto solamente in questo: che, per afermare o negine, segue fungi le cone che Vintelcto i propone, noi aglamo in modo, che non ci sen iamo costreti da nessuna forrs estrone. Init, afin. io fia liber, non & necessari che si indifferent a seepliere rue Talo dei due contrari; ma pittosto, quanta pis inclin sero uno, sia che eonosea evidentemente che i bene ed il vero vs twovano, sia che Dio disponga cosi interna del mio pensiro, tanto pid liberamente ne fccto la sccta ¢ Pabbraccio. cero, In graia divin ela conoseenza nature, ben lui dal disiee 1a mia Tiber Taumentano piutosto, la frtifeano, Div modo che questa indiferenza che io sento, quando non sono portato verso un Tato pil che verso un alto dl peso di tuna cagione, & i pit baso grado della bers, e rnde manifesto puttosto un Aifetonetiaconoscenra, che una perftione nella volont; perch se conoseesi empre chiaramente eid che & vero © eid che © buono, non sarei mai in dificolt per dliberare qual giudato © quale sceltadovre fare, e con sate interamente libero, senza indiferents. Da tuto cid riconoso che la facolta di voete, che io ho i= certo ds Dio, non & di pet stats la causa del miei errr perché essa amplisima e perftisiana nella sua specie: © hep pure la facolti dlintendere 0 di concepite: perché, non concé- endo null, se on per mezao di questa faco, che Dio ma “nto per concepite & fuori dubbio che ttto eid che coneepisco, lo coneepsco come conviene, © non & pesiile che in id mine sani Dunque, donde nascono i miei errari? Da cio solo, che Ja volontd essendo molto pit ampia e pi estes dellimelitto, war mek * jv non Is contengo neg sets ove che von into, ale quali cwendo di pera inl fous si smarrace anal aciiente, cache mae per bene, Oi fal peri er F. questo fl ninguna e che poh Per cacmplo, esuminando neh lori pss qulcom st stese nel mondo, © conoscendo che, er eib solo che examin esta quctone, segura con Stes, on pe aterm dl pda che una eo ce con: epive con charamente era ver, n0n perce fw! Fret da fleuna causa exert, roa solo perché, 2 una grande eineeza ‘he era rl ti inci, sega une grande inane ela fui olontd, ed i mi son indato 4 eredere com tanto maggO" Fier, quanto mioore era Findifferents, nella quale mi sno trot Al ontrari alsa fo non conan slumente el Seve, in quanto son quiche com che pom, ma sl presenta doche al mio spnto una cela idea dels natura conor ehe in che io dubit se questa natura peneate, che in me, 0 piste tonto pr la quale lo ono cb che sno, sia diferente da quest ature corporen,ovvero se tutte «due nom costtuscana che ta enless cia, Edo suppongo qu i nen cooscere ancora nessina regione che mi persuaa pintooto dlfuns che S'a tra cout: donde segue che sono infeamenteinifeente a nealo oad aero ovvre anche a stener dl dare aleun iui. questa indiferensn non st etende solamente alle coe di cai Tntlto non ha neinn eoncecenss, ma geneaimente roche atte que che eo pom scope con una perf chia ‘eam, nel momento che Ia vlon® ne delbera; poche, per pro- abil che geno Te congettre che mi rendoo inne 8 diate Cjrlcos, I oa conoscenea che ete som sono se on dele cone gesture, & nan dele raglontcerte edb, basa pe Gari Seeavione di piicre il contro, Il che bo sfcentemente ‘periments Heh gor peat, quando ho sopfsto flo ta {ib che avevortenuto pn yriimo, per ib sao che ho nota the sk potea dubitre in qualche modo, ‘Ora ee mstengo dnl dare il mio giudixio sopra ura ema, quando non la concepco con sliete chiara © diinaione, Tevieate che del ladzo fo un ote wo, « non sono ingan. ato; mae mi detenning negara o ad afermars allo non » Mees si matte sni servo pi came dco del mio libero arhitnge se aera {io che apn yer, € eerte he mvingrna, © and anche tvurmnga scare secondo ei, queso nom aexde the per exo, ¢ peri eno upuatnete ed oo mate dl nero bite’ pate Te lar matte macy che br evnexenen SaTitllens de sempre precede le determinaione dell Solon El appt ines ats wo de bere sin trove Tsp che tte forma Jerre La peas Zone, (a a ove nlfopersione, in quany an proce da ine ns a toa ela fc ehe bo Heevto da Do, © sep ya rlVoperosns ip quanto cea sped Io, Pech ‘hn he cera nes tno a Tamentarm! del ato che Dio non mba dato untnaligenea pia caps, una ice name {naggore di ql che tago Us Wi poke in effet, © proprio “eiVimeteto fio ti non comprendee uninnitdi cse,« [opto al un inlet creat d eee ito: ma ho or roivo Gr rneriarl i que che, non avendom! nal dovute niente, fall mba, nonimeno, dao ute Te poe perfein! che sono in me: ben longi dal concpte sentiment cn init, come Fiano che og abs to ia ingntmete tent ase perfeini che non mi ba dao, To non ho neppure moro Gi lament el ato Wes vba ato ua volont pe chil, peice ed sloth ua sla Sao #00 topactn ence come invisie,vembra che Ia suena sa tale che ron x sree nla toler sens dstopae cero, pest si ova ad eer grande, pio ho da vingrsiae la tom ico che me Pa dat, El aie fo won dc neppure lamentarm’ del fat che Dio concorre con me afrare i at 44 quest tlont,¢ io fgiud ne all nnganno, poi ‘cg at ono interamente ner ed amolutaniente Wan, {hsntodipendon da Dias cw én certo mod, maggorpfe- lone el ia nator perl noche poe Loma che cron to pote Per In priason, nol qule sla cose Ia ison formal dell ers del pesto, fs non ba bingo dl sun oncono di Din, pick canon & tract o un ee, eh IBraermo a Dio cose se cus, eta non eee cham feiveione, tna wa negusone, secondo I gies che el F quest nomi nels sual arta mebioion Piché, in effet, non & unlenperfezione in Dio il ftw oi aver coneesso Ie ibert di dare il mio givdizio 0 di non darlo ‘Nv certe cose dieu epi non ha meso un chiara dstnta como conan nel avo intllettoy ma, senza dubbio,é in me un'znperfe- ‘one il fatto che non ne uso bene, © d0 temerariamente i mio tnlzio su cose ehe non coneepisco se non con oscuit € confi= To vn, vi, cer fail » Dio di fare modo che non vinganan mi, pur reson libre cn una iat cono- See edt ee sete do a io imellto una SET Saker ietigensa dite Je coe atc doves per Snes deters pure lament, che avete onl pro= ‘eatncne inch nell tin memos la rotation drow B= Sore ma esura cove sen coecpilaciaamente © tetimente ie modo che nan mene potest ma dimen. Evnmrv chesin quant ot conde come un tao aw, ome Eton tom che io al ond sar mato molto ib pesto BME Ste tonne Dio nave erento tle dt nom are Sus non pose per questo epte che noni, n cr ren ont pe nie perfesone atta univers fatto he Tove see tte simi slcne dlls pri non woo cet rife. nom ho sun dit dent Di, see Kuntncas al mondo, non ha ylot meter nlfordne dt ene pnb ey pret, ao eine i se cote SEE gion sn dtl faa i non etre i fos dt fra mca che gu sopra dein, «he dpe ds fina cd evleme eowocena tte cose dic oso el wee, Settinen lei mio pee Pal em. he dk ‘Mintcheefermamertel nln non dae ma 0 d= Tuna lc ert nom mi in erate connate Tee Beno ot questa eles dla mamta di nen Perec pt a an fms BS tue, per eave di wa meitarone atta € sho aerse, Imprimer on fortemert pla renari, 208 TNoncarba t eordarmene, tte vole che nea sO Te"negutre ia gues, modo Tabiudine aon cree. E foichin esta lo pi grande, Ix pricy pesfeioe Foam, ioered di non sve guadagnato poco” pe mezz0 * Medtason: miafihe ue , certo, non pud csservene ales che quella da me spegata; pereid tute fe volte che tengo la mia volont ne limit della mia Eonnsgenze, in modo tale che est non eechi acum givdizio se € distntamente rappresentte- dal Vineieto, non pub accadere che io mVingannl: perch ogni cognizione chara e distita &, senza dubbio, quacors di reste Gi postive quindi non pub trarre Iasi origine dal niente, sma deve necesainmente avere Dio per suo autore, Dio, dio, che, essendo sovranamente pefeto, non pub enere causa di leun errore; ¢, per conseguensa, hisogna conclulkre che tale ognizione & vera Del resto, io non bo solamente appre, ons, id che debho ‘evtare per non pill enare, ma anche eid che debbo fare per pervenie alla conoseensa della veri. Poiché ceramente vi per ‘err se fermerd suffcentemente la mia attenzone ou tutte Te fence che concepird perfetamente, separandole da quante non ‘comprenda se non cam confusions ed oscunta, Ed a questo ba- dle aecuatamente dora in avant -meditaione, avendo scoperto In causa delle flit deg QUINTA MEDITAZIONE \ ‘Mi restano mole altre cove da esaminae, sigur agli atei= busi di Dio etal mia propria natura, 2 quella ciot del mio spirto: ma ne riprenderd forse n'ai volta I rcerea. Ades (dopo aver rotato quanto bivogna fare o evitare per pervenire fila conoscenza della veri), debbo principaimente cercare di Tiberarmi da tuts} dubbi in eui sono caduto nei iors passat, ce vedere se nen si posse conoscere qualcosa di certo riguardo ale coue materia ‘Ma prima che esamini se tli core esistano fuori di me, io ‘bio consierarne Ie idee, in quant ese sono nl ei pensiro, fe vedere qual sone quelle dstate,e quali quelle confuse. Tn primo Iuogo, 1 immagino dstintamente la quantita che {flout chiamano volgamente quanti continua?, ¢ coe la ‘stensione in lunghezra, arghetea‘eprofondit, che & in questa ‘quantita, © piuttosto nella cosa # evi Ia si attibuisce. Di pity fo posso numerae in esa parecchie parti diverse, ed aribuire 2 clascuna di queste part ogni sorta di grandeze, di gure di “caine movin; ed ini, pou sseeae ina {i quest movimenti ogni sorta di durata Trio non soo conosco queste cose con ditinzione quando le considero in generale; ma anche, per poco che vi applichi Ia 1 {Defwice A Toew nel ogc: «quay continu et quanti cus pres terion conan sopulatarsdtta vero eat ean A {tein commun ran coplanar] a Medtecon metafihe ea eee ee eal Sipe Sean Ss ett oe Sear ee ee ere ees ee eee a 21 ete, vernon, oma seen oseusems 3. ont, fore, sso pet tes euousend) Hintnt lat.h rbendte) Oise mtasine a cepitco chiramente. Fpertanto ese sono quulons, © nn un fporo nla: perché & evklenimimo che tuto oi ee & vero, & Tle cosa; ed fo ho aid ampiamente diontato sopra che AMite le cove che io conosco chiaramente © dstntamente 5000 Vere, Ed anche se non Taveesi dimostat, tuttavia 1s natura Telia spirto tale che on mi sapec rattenere dal stimadle ere fintantché le conecpie chiaramente ¢ dstintamente, F Th gordo che, anche quando ero ancora fortcmente attaccat0 aN oggetti del sens, consideravo nel oumero dle pi solide wend quelle che concepivo chiaramente ¢ distintaente rguaeda Ie igure i sumer eae ae cove, che appartengono al aritme= fica eal geomet ‘Ora, se dal solo fatto che poss tare da mio peniero Vida «ai qualeona segue che tutto Gb che 0 teonoxco chiaramete € ‘istintamente appartenere # questa cosa Te appartene in efit, hom pons ia tree da ibn argomento edna prova dimosta= thes dellesstenea di Dia? F cert che io tro in me a sua nen (Got Tides i_un eqsere soeranamente perftto, oon meno di (Geta di qualsiasi Agora o di qualisi numero. Enon conosco ‘eno chisramente e distintamente che urattuale ed etcena ec ‘Genta apparene alla sua nara, di guel che conoscs che £tt0 ‘i che tn pono dimostrare dk qualche Fgura 0d qualche numero Sppartcne veramente aia natora di questa figura 0 di quexto Tumeto. B pertanto, anche se tutto ob che ho conclso nelle Imeditazoni precedent non risltasse vero, Vsistenza di Dio deve mantener sel mio aprito almeno lo stesso grado di certcrza ‘he ho attebuito fin qui 4 tutte fe verita matematiche che non Figwardano se non i nunver ¢ le Sure: anche se ci 09 appaia ria vit interamente manifesto, ma sembri avere una qualche pparenza di sofsma, Inf, essendom) abituato in tute Te altre Care tare ditinone fra Fesienza e Tessenza, io mi eonsinco fhelimente che V'eistenca pub essere separatadal'wsenza di Dio, tc che esi si pub concepie Dio come non esstente attualmente ‘May eoenia, quundo 34 penso con mapgiore attenzione, tovo rmanifestamente che Fesistenza non poi essere scparats dalle Grvea i Dio pil di quel che dllssenzn di un triangolo ret Tineo Pequivlenea det suoi tre angola due ret, oppure d Tues d'una montagna Vises d'una vllta; di modo che non vi e Melton: meafishe 2 mir epugoaen x cone um (itn ewes soe: meme ero), a qa ah Tectena (ooo enc Imac gach peor) chet compe ura ones che ‘non abbia vallata. a " ‘Ma bench, in ffe,o om poss concepre un Pi senea csistenza pi ehe una rontagna sean tll, tatava, cme dl Solo fat che conspnn a ontazan com na valle em feque che cists qualche montagne acl mondo, eos anche, se iene i conepin Dio con Pesitence, embrace none eg, per queso, che Un Dio estas peché li peniro non one nemuna neces alle con © come on dipende te non 2 me Vimmaginre un cavalo at, sebene non eee is ner sro che aba a, cel pote fore atribuie Pesitena a Di, Sehbene non cia nestun Dio che ets Eppure, vice, Froprio qu un sofa ¢ nacoto toto Fappaenss i questa UBbierone: perched fato che io non pone concept une Imortgns sera vats, on soe che sane al mods men tagne 0 allt ma solamente the le montagne fs val a he sstano, sn che nom esa, non si pesono fn eh inno separate Tua dllalea; mente dl soo fatto che fo on pono conepize Dio snes cvitets, spur che Testenza ¢ Inseparabile da Tu, e, peranta, che el rte vermente:¢ pon Bt perch io poner pore fare che la conn vada cosh, ne Percht exo imponga ale cave alGina veces maya conta perehé la neces della cosa etese, cot deltas &t Diy ‘etrmioa it i penseo 2 conepio in tl manirn. Poche ton in mio arbi conceive un Dio sean eens (Got un sere sovranamente perftoscnea una sveanapereion), © tne in mio arbi immagine un cvallo senza alo con fea non deve dir, quis ce &necewaio che to reonewce che Dio cist, ao! perehé ave aupposto in precedence fl pousedese ogni perfsone,¢ tle & Veantnes, St che, int fea, mia prima spposisione non sabe sata neces, come non ® neces pense ehe ttt le figure di guste Iasi pana ier tel col mon ames che Spe cos. sono pot contre + conocer che i rnb # pub et ‘ere nel io, pict at tuna grad gun ai ean correo aconotcre non fles Non deve ripe, are ane modsine ° as pec, sebbene on sa neces che fo mi ibata a Sadan petite di Din ondienn, tel ote che meee {i pensre tun were prin esovrao, eae, per cost die, in ea al tore el mio spre accommo che ga thse op srt i prferon, anche ae mon venga al crea fue eal apbeare a mia atcrsioe af ogrona iene pr= Cine joes neces €suficiente per ami conladere (Gnpo che bo ramet che Petenta& na pefexione) che rt‘cuee prime e tora exe seamen came non comurnche i immagini un tango: ma fare We vae {he wo considera ana gra reins composts solamente cc Tngls tsooluamente eer ce le abuse tte te propita che newone a concladereehe¥ aoe angi on Regi af doe reir then, fore, non considers Sra‘ paral Na usndo camino cul re sno teh denere ert nel edo, non én nessun modo ‘ecu ce fo pent she tue le gre quatro fais Ter gucle; at conta, non pow seppur fngere che gueso 1, Boo'd che vor acco nein perro sao cb che foledconeptecharamenteedtintment E per eonsoiensa [PEs gandediferensn ta le fe suposxon, come ue, TiAl Sere sony nate con me, et i ra rnc fale & auc Din Perce, ia eft, io con in parece mache questa idea tan f gules ino 9 Piven, dipendente slo dak mmo perio ma &inmagine dna Yrn ed ime nate ryan ton spe conspire la cosa pon Dio 0, Tis tal counge essen appartenge con need Poi, anche, Son i © posed oer de 9 prs 8 de ssn ‘Rois pst che ve nse uno or he eit, vedo chiar Pema neces che essa sto ge lo ina a ata Frnt che sin ernment eaten. Fine ese0 rinfints datve ewe in Di, dle gull non poso olla d- bniuire, 6 coma ‘De row, di quulunque prov ed sgomeno io mi sa, tiaogas sempue oe i ce slo Te cose che concen ctamenteedatinamente hanno la fora interment Pei- Stade Escbbene ae cve ee oncepico in guest mane, “4 ee siamo in ser, acune manifetamente eanonint da ie sea, ¢ ve ne san ache dele al te qual nn a sep Se tina colo, hee snsean pi dein, he eos Ininann pid cata, uta ume ota seopet, nos soe Stinate en cre Tene sl al. ome por cap, ‘vn wiangoloretangol, bene prin soa ta Spas ote Fame th! gum dl ate ap tra eg fr dh a, some eet che ute pa aga pram ttn, sols che cst tet am persis sis vet dla oma che eae pot uel che irda Do, cet, min pnt on Ena pen de aku preiudvo, es ma jroo on of tae dette Ala reser contnan dle mai le ese ee nla i sine prep tte a. Pc in tl he pers up ear ep mano be i porate the vi un Dio, ech on esters stan e pert, al des At quae olumto & wimps Pvstewesegcsara 0 rma, hes pet consent ate Fahne per bem coneite quests vei ip aba auto bicog dina grande toma pro, tates alow, on solo san amo sito ante dette eb the mi soma a Cero: aya ey nota che la creas tae ae Ce te dipende co somiamene, cy seu questa conten imomiite per ma sper nulla perce, Pec, sebbene io sin una tae mtr, che, appena conte rondo qualeost molto eisamente-edisitamente, na hate ‘sen porta a eres ters, nondimen, poh sony ae ostiito in red che non posso aero opto seme mle 24 na cde con, soncne fo sl il fond ee sade ato che una nea ers qundo co i comida pon she i hanno obligato + ghusrla tle po acedere, dee Guest tmp, che are rghit poset me Te mi faethe fcieme amar Spine. ac ignorast che af un Di. on non svi alu vente tn cena na oss quash, a lo va ed incest pion Come, presen, and cose arta del arg, onoeoevenement, i ch nn uno" vera nls gee. twin che sul tre ang sone up's de etre non mk os Quinta meee © sailed 90m crederlo entre applic il mio penser alla Jimo= Strasine; ma tostaché lo distelgo, ancorché mi ehowvenga di avers chitramente compress, tutuvia pub foclmente aceadere ‘che io dub della sua vert, se ignoro che vie un Dio. Perché posso convincermi di eseve stato foto du natrs tale da poterm faiimenteingannare, ache nelle cose che xedo di comprendese ‘con fs maggiore cele ¢ cortex; visto prngipalmente che ‘ni rcorda i avere govente stimato come vere ¢ certe molte fe, che in apprest alte ragiont mii hanno portato a giudicare ‘come aeolutamente false. ‘Ma dopo che ho riconosciuto che vi & un Dio, pee if ato ‘he, in pat tempo, ha rconosciato anche che tute Le cose dipen« ‘dono da hi © cep non & ingannatre, ed in xogito a cid ho ludiato che tutto guel bia coneepisc chiaramentee distin fnente on pu non escte vero, ancorché non pens pid alle fom per le qual "ho giudiato vero, purché mi icra di averlo ‘hinramente comptes, non mi sip portareniuoarayione con train, che me lo facia mai revocate in dubbio; ¢ eos ne ho una vera € certs scienea, E questa stessa seinza si estende anche & tutte Ie lire cove ehe mi rcordo di avere ara volt dimostate, tse le seta dalla eometrs, similis poiché che cosa mi si pub obbiettare, per obbigarm 3 remeaele ie dubbio? Mi si dira the la mia natu ae he io sono molto soggetto angsty? ‘a io so gl che non poss igannarni nei gia a cul conosco chiaramente le rag. Mi at dit che ho sitenuto alta volta were e cere motte case che ho riconosciuto dopo essere fale? ‘Ma io non asewo conosciuto chiaramente dstintamente nes- sna di quelle core, ¢, no sapenda ancora la regula per mezzo ella quale mi ssicuro della vert, ero stato indoto a credervi per raion che he rconoseiuto dopo essere meno fort di quanto tne le fowl immiaginate alors. Che mis pote, dnque, obbit- tare di pli? Che forse io derma (come me Tero obbictato 10 sesso avant), oppure che tt peasieri che bo adesso non sono pid veri delle fantasichere che immaginiamo quando siamo [édormentati? Ma quand’anche io dorms, tuto cid che si preeenta al mo pinta con evidenza @ assolutamente vero. E oat iconosco chiarsimarente che la certenaa e la verith di ‘poi senza dipende dala sola conoscenza del vero Dio: ja “« Maditenon metafike modo che, prima che lo conocesi, non potevo sapere perfettae tente neoun‘altra cosa. Ed ora che lo conosco, bo il exo di fequistare una scienes perfeta riguardo ad un'innita di cose, thon solo di quelle che sano in uy ma anche di quelle che appar- tengona alla natura corpore, is quanto essa pub service d'og- fet alle dimostasion) dei geomet, i quali fanoo astarione alla sua essere SESTA MEDITAZIONE. ‘Non mi esta pil orm che esaminare se vi sano delle cose rateia e, certo, almena s0 gi che ve ne possono essere, in {Guanto le consideriano come Loggette delle dimostraioni geo- Thettche, visto che in guesta masiera Te concepsco molto chit~ mente distintamente. Poche noa vi & dubbio che Dio abbia Ia potenza di proguere tute le ose che io tno capace di conce= pire eon distinsione, ed io nen ho mai giudicat che gli fosse Trnpeeibile di fare qualche cosa, s¢ on allorquando trovavo Contraddiione a poterla ben conespire, Di pid, la facoltd im Iaginare che in me, della quale vedo per esperenza che mi Gervo, quando mfappico alla considersione delle cose mate- Fini &eapace i convincermi della loo esistenza:perehé, quando Considero attetamente. che sia Unmagisaione, io trovo che fon & alto, se non una cert applicazione della facoltaconoscente fl corpo che let intimamente presente, € che quind! esiste TE pee render cid evidentesimo, io poto innanzi tuto Ta dife- coza tra Timmaginazione ¢ la pura intellesione © conceone Per ecmpio, quando immagine bn triangole, non lo eoncepisco folo come une figura composts ¢ compress da tre lines, ma, ‘lee ei, considero quest te linee come prevent per la forea © Frappliasione interna del mio spirit; © questo & propriamente ‘Gb che chiamo immaginare. Che se vogio pensare adn ehilo~ ano, coneepiaco bene, in veri che exo @ una figura composts AF ile lati con la stesen facies con In quale concepsco che un Uwiangolo tuna figura composta di tee lai solamente; ma non a Medan! metfihe ‘seo immaginare i mille Inti di un chiliogono, come i tee di un Iwiangulo, ng per col dite, guardatl come presenti con ali occhi ‘el mio spite. Fsebbene, per Tabitudine che ho di serviemi sempre della mia immaginazione quando penso alle cose cor poree, seeada che, concependo un chilogono, emi rappresenti Confusamente qualche Burs, utavia @ evidentasino che que- a figura non & un chiligono, poiché esa non diferisce per mlla «ds quella che mi rappreseatetei se persasi ad un misiogono, © fs qualche altra figura i molt ais ne serve in aleun mode a seoe Drie le propriets che diflerensiano it chiliogono dag ali poli- oni (Chi, se si trata di considerare un pentagono, & verssimo che posso coneepire la sua Fgura, tanto quasto quella d'un chilo- gore, senza il soccoro dellimmaginazione; ma posso anche Jmminginarla, applicando Tattenzone del mio spgto a ciscuno dei oui cingue lai, ¢,inseme, all tes 0 allo spasio che esi ae~ ‘hiudono, Coal fo conowo chiaramente che ho bisogno ai sna Paricolare tersione di spiito per immaginre, della quale aon Ini servo per concepre; « questa particolre tensone di spirito mostra evidentemente la dillerenza che passa fea Viumagina- tone € Fintellesione © coneerione pure To ossero, ole cit, che questa mia facoltd dimmaginare, in quanto diferisce dalla facoti di concepire, non & in nessun ‘modo necessri alla mia natura o alla mia esseza,« cot alls- senza del mio spite; perehé, anche se non Favessi punto, & fuori dubbio che rimarei sempre quelle stesso che sono ofa: onde sembra potersi coneludere che essa dipende da qualche ‘cous che diferisce dal mio spirit. Ed io eoncepisco facimente he, ae ete qualche coepo al quale il min spinto ia congianto| ‘st unito in maniera tale, chess si possa appear a considerate {quando gli piace, pud acradere che, per questo mez, exo im- ‘agin le cox corpatee: di uisn che questa maniera di pensare Aiferace dalla pura inellesone solamente in ed, che lo spirit, ‘quando coneepisce, si vole in certo mov, verso se ses, € ‘considers qualcona delle idee che ha in sé: quando immagisa fnvece, si volge vero il corpo, © vi considera qualehe cos di ‘conforme allidea che ha formato eli steso, 0 che ha vicevsto per mezzo dei sens, Fo conespiseo, die, fcimente che Timma- sete meiaione 6 sginasione possa produ in questa maniera, s€& vero che i sino Ae copis c poiché non posto trovare esau'alea via per spic~ fare come eee si prodvca, congettro di li che probabilnente i sono dei corpis ma solo probabilmente; e sebbene esamini Zrcuratamente tutto, nos wove, tutava, he da quest i Snta della natura corpores, che ho aella mis imaginazion, io poss trate alu argomento che coneluda con necessi alesi- senaa di qualche corpo, “Ora, io sono sbitusto ad immaginare molte alte cose, oltre quella natura corporea eh's Toggetio della geome Chior, | svoni, # sapor, dolore, ef alte cose meno dsinamente. Epeiché pereepseo molto meglio quelle one per eo dei sensi, per vit dei qual, e della memoria, ese Sembrano essere pervenste fino alla mia immaginazione, io credo che, per eaminare pid comodamente, ron & fuori tuogo che ‘rani, in pari tempo, che cosa & sentir, rcercando se dalle ee che rictvo nel mi spiito per mezzo di quella manira pensare che chiamo sentve, io fossa trarre qualche prova certa Sela esitensa delle cose corporee. Ed innanai tutto richiamerd alla mia memoria quali sono le cose che dapprima ho stensto vere, avendolericevute per mez20 (Gc sensi, est ual fondamenti In mia eredenza era popyata. In appresio, caminet® le ragioai, che hanno poi obbligato a revorarle in dubbio, E infine consdererd quel che ara debbo ‘redetne. Tinaana tuto, dingue, bo sento che avevo una testa delle mani, de pe, ete Te alee rmembra, di eu &composto questo ‘corpo, che io consideravo come Una parte di me stesso, 0, fore, Sache come il tutto. Di pid, ho setito che questo corpo era posto fen molt alt, dal qual potva rcevere diversi comodi e inco- nod, ¢ notavo questi comod con un certo entimento di pia ‘eve 0 di volut, © ques incomodi con un sentimento di dolore. Tid ole questo piacere ¢ questo delore, sentivo anche in me la fame, la sete, cd appetiti simi, come anche certeinctinazioni corporce verso Ia io, Is tristeza, la colle, ed altre passion, Taal di fuos ole Pestensione, te Figure, | movimenti dei comp, rotavo dure, calor, e tute le altze quali che cadono sotto {T tate, Di pid, notavo luce, color, odor, saporie suomi, Ie xi 70 Measion: meafiche rena mi permettva di ditinguere i ilo, la tetra, il mar, e, in gener, tutti lati corps hun dagi ae, FE caro, connerando le idee di tutte queste quai che si presentvano al min pensiero,e che sole proprinnente el imine: iaumente io sentivo, om senaa rpione credevo sentire cose aff differs dal mio pensiero,« cine dei corpi dande proce desero queste idee. Sperimentavo inf che esse si presenta ‘ano al pensero aenea che il mio consenen fesse richicsto, di ries che nim potevo sentir alcun oRett, pst quanta volonts he aves, se eso non si woxava presente alforgune dine dei miei eens enon era per nulla in mio potcre di non ~atslo (quando si tovava presente TE poiché le idee che rceweso per mezzo dei sensi etano molto pit iva, apparizcents ed anche, lr modo, pid dstint di tte auelle che potevo formare dame set#o meditando, 0 che tovave Jmprease nella nia memoria, sembrava che ese non potesero procedere dal mio spitto: di modo che ea accosaio che fosero prodotte in te da altre cose. Delle quali non aveido sleuna fconoscensa altze quella che mi davano quete stese ee, nom smi poteva venire in mente alto, se non che qulle cose eran simi alle ide che producevano, poiché mi eordavo anche che mero acrito piuttosto dct sensi che dela ragione, riconoscevo che le ide formate di ine stesso non erano cost chiate come quelle che riceveso per mez20 dei sense che, ani, erano il pi delle volte compost delle parti ‘di queste, mi convnst faciimente di non avere aceuna ie nel rio spirit, che non foste prima pastas pei mii een a eguslmente non senza quniche ragione o credevo che ust corpo (che per un corto dirito paticaate ehiamavo snio) msp= partenesse pid propriamente e ih strettamente di ogsi alto Perché, in effet, io non ne potevo mai essere separato come dagl altri corp: tisentivo in exo © per eso tutij mich appett f tute le mie aferioni: ed infine ero afeto dai sentiment di Piacere ¢ di dolore nelle sue parti, © non in quelle degli altri corp. post fuori di eao ‘Ma quando ceaminavo perché da questo non so qual senti- mento i dolore segua la tistezz4 nllo sprite, e dal sentiment Ai piacere nasa I gaia, ovsero perehé quella non so quale cma- one dello stomaco, che ehiamo fame ei facia aver vogia di Imangiare,« Vari della ola ci facia aver vogia di bere, © con vi, mon ne trovavoaleuna altraragione, se non che la na- furs nvinsegnava casi; perché non vi & certo nessuna afi, ni aleun rapporte(almeno che io poss comprendere) ta questa fenerine dello stomaco e il dsidrio di mangiare, non pit di fel che ve ne sa tral sentimento della cosa che cagiona dolore, Ci peniero di trteren che questo sentimento fa nascere. E fella tessa maniera mi sembrava di avere appreso dala natura tutte le alte cose che gindicavo riguardo aghoggeti det miei sens; perché cxservavo che igiudizi che eo slito fared questi ‘eget st formavano in me prema che avesi ago di ponderare Cc consierate le ragioni che mi potesero obligate a fr ‘ain seguito, mole experienge hanno a poco poco ditrato tutes Ts fede che avero presato ai sensi, Perché ho ossersato pateechie volte che le tar che da lontano mi etano sembrate oronde, mi apparisano da vicino quaérate, © che colosi lex ot sult di quelle torr, mi tembravano’pceole statue 2 ric puaedart dal bas; © cos, in uvinginth di alti eat, ho ovata freane§gludis fondst sopra i sensi esteror, E non solamente Sopra i sensi esterior, ma anche ss quell inteai: poiché, vi & ‘on pill intima del dolore? e,ttaia, ho seni tora dive da persone mutilate nelle braccis © nelle gute, ehe sembrava loo Bncora qualche volta di provar dolore nella parte amputata; il he mi dava motivo di pentare che non potevo neppure ere eto di aver male in qualcuno dei miei membsi, Bench in eso entiah dlore, rd a quate ragion di dubbio ne ho ancora apgiunto 42 poco sive dae generalinsime, La prima, & ehe io non ho mai creduto ‘i sentire nulla da svegio che non possn anche talvoltacredete 4i sentir quando dorm; « poiché io non etedo che le cose che foi sembra di sentir dormendo procedsno da ott fuoti di me ron vedevo perché doves puststo creder eid riguardo 2 quelle he mi sembra di sentir stando velo. Ela seconda, che, non feonoscendo ancora, © piuttsto, fingendo di non conoscere! "(into eve stem ienorse me fngetem + cnancars le curs Sriginle, © Cate serine» Mentnne HIB oareo 1641 (AT, a Moltesonsmetofihe tore de} mio esere, non vedvo nulls che potest impedire che fous stato fato da natura tale da ingannarmi anche nelle ‘ove che mi porevano fe pit vere E quanto alle ragioni che mi avevano per lo innanzi persuaso ella verita dalle cose sensibili, 0 aon avevo malta diffcoth a rispondersi. Poiché la natura sembrando inclinarmi a mote ose, donde la rgione ami distogliev, non credevo dovermi are’ molto degtinsegnamenti di questa natura, Fsehbene le dee che rieva dat sensi non dipendano dalla mis volont io son pemavo che xi davete percio concludere che ease proce ddevano da cose diferent da me, poiché, fore, pod travian sme qualche fcald (benché finora 8 me ignorata). che ne sa Ia causa € le produca. ‘Ma ora che comincio a conoscere meglio me steso, € 2 seo- price pit chiaramente autore dlls mis orgine, fo non pens, in venta, di dover temerariamente ammetere tite Ie cove che i sens sembrano insenarci, eome non peaso acppure di doverle revocare i dubbio tutte in gencre Ed innanzi tutto, poiché so che tute le cos, che cancepseo chiaramente € distintamente, porsono essere prodotte da. Dio qual le concepisc, basta che io possa concepie chisramente © distintamente una cota senza uo'alta, per esere certo che Puna ® aistinta o diferente dall'atra, prché esse postono essere porte separatamente, almeno dallonnipotenza di Dios ¢ non importa ‘quale potensa oper tale separarione per obbligaen 3 piudia diferent, E pertanto, dal fato stesi che io conosco con cef= teaza di sisters, tuttavia, sservo che nesun alta cosa appar= tiene mecessriamente ala mia natura o alla rnin ascnza,teinne essere uaa cosa pentants, conchudo benissimo che la mia ex senza consste jn cid solo, che sono una cota ponssnte, 0 na sostnca, di cui ruta Feasenaa 0 fa atura ¢saltento di pensate. FE sebbene, forse (0 piutonto certamente, come ditd subite, i abbin un corpo, al isle sono aes strettamente eonginnto, tute taviapoiché da un lato ho una ehiarae dina idea dh me sess, in quanto sono solamente tna cost pense e inestest, e da un 2p 33) niin ptm ral De pn Sate maitaione > alizo lato ho wnvides distints del corpo, in quanto exo & sla mente una cou eaters € nom peasante, € certo che quest, clot Ia iia anima, per l quale sno cio che sono, interamente © eramente distinte dal mio corpo, © pub essere o essere ena ‘i it jo wow in me dele fel prose aa ps colar ditneda re, eo eco magia eh seni Strut le qual poso bent cones charamente © dst sre tut ince, mene non pose concep senza i me, ToL coe una sons nlite nec. Pech el Stone che noi aan quest fut (per seri et {erin dl sea) ello coset fom ee rnchalon {unche sora dintlrine: donde io concen che se sm Jefe dame, come I gre, | movimento Sede 8 corp sno tt at cop mest he onesco anche in me alune alte Sct, come quell 4: camba &ilugo i ase stggoment ders es ‘he non powone aie cone, come fe precede, sen {flee sane» ut ea, nf, pr consequent inn i eon a € evident che Que ea © $e She cat, debbono nee» que satnea coporea © Shean non af una sovtas inlet, poke el loo n= Schiavo din vit quake apetie dstensione, che ES ona contents ane speci Selina, Di pio Trova nme una eet acts pasa seme, st i vere eWemonere le es dele cone tonal ma Goa mi tee Snai © an mee pote arr, 2e nan Fee, 019 rol + wl die i he ce cose i ua, e's Sona Tuli s eattute Panis arene one (Se Stet ins es nce fae se ‘Somem tonic cep gu owe pat eh ‘loa ast apa el ose wa forma et {centers menm cgitans el ua fren ene SEITEN cS tmna eepons esta uae sncees ‘Sizes Cones sehen dar rere set rat epee ritedine per concer foal conse eu represent 4 Medteson metaiche sl, una fot atv, capace di formare © i produte queste idee, Ora, questa facls ative non pub ewer in me in quanto, sono sitanto una cova che pess, visto che non solo ean Ton rresuppone il mio perir, sna anche che ele ic Wi sono ‘appreenat srza evi eontbuiea in sewn modo, ed ae peso contro mia Vogts; biogna, dungue,necsarameete, che ssa sn in qualche stanza dveea da me, ela ule ttt a reald, che & oggetivamente nelle idee chee sono prodate tia contenuta formamente 0 eminentemene (come he tats 4 sopra). E questa sosanea& 0 un corpo, e coe una natant conpren ela quale & content formalmente ed in eft toto ‘ib che & ele ie oggetivamente per rapreenarone op. pure & Dio tes, 0 qualche ara crestora pi habe dl cope, ella quale ci stesso & contenutoeminetemete (O14 Dio non essendaingamnative, manfestsimo che esi san mvinvia quest ice inumeiatamente ll ses, neppe per meazo di qualche creature nels quale ls loo reat ebbie tiva non sia contnute formalmente, ma. solo eninemtement Perch, non avendomi dato nena fcc pet conscere che 6b sa, na, al cota, na grandnsina propesione» eredere che ese mi son inviste, © parton dale eave corpree; Wo non ‘edo come si pore scale dingo, een ety querte idee partssro,w fosero prodotte da crose diverse dalle cose corpotee. E pertanto bsogoa confesare che le cose conparee usta, ease on sono forse nteramente qual prcepimo per mezan dei sens perce la persone de sensi ¢ ssi ours confusa in parecchie cone; ms, alineno,bisogna confare he tte le eobe eh i conepac chronic diinament, clot tate He cose, generamente pala, che sono compress nelFoggeto della geometia specsstiva v1 si ritorane mente: Ma pe i che guard le alte, qua ono erent farticolari, per exenpio che isle tid tale pandeca, le figura ex, oppure sono conepte meno chiramerte¢ dsing tamente, come a Iie! suonoy idole eae simi & certo che, sebbere sano suai dubhie ed inert, tutvia, da ao fato che Dio nom & ingannatre e che, per conseguenz, to ha permesso che posse eer! fish ose mie Opinion. Senex oem in pari tempo qualche faolt capsce di correggeta, io tedo di poter conslederesieuramente che ho in me i mezi di Ted innanat tutto non wha dubbio che tatto eid che la natura miinsegra contiene qualche vert, Poiché per natura, coside fats in generale, io non intendo adesso alta cosa che Dio ste, Uppure Fordine © la disposaione che Dio ha stability nelle cose {eate, E per mia naira in particalare aon intendo altro che il omplesso'o la riunione di tute le cose che Dio ma dato ‘Ora. non vid niente che questa natura moses pit epic tameste © pid seniilmente xe non che ie ho un corpo che & Inal dipesto quando sento dolore, che ba bisogeo di mangiare (di here quand’ho le srmasioni della fame o della sete, ee. E Pertanto non debbo dubitare che in Gb aon sia qualche veri ‘La natura mvinsegna anche, per mezzo di queste sensazioni 4i dolore, i fame, dh act, eee, che io non sono solamente ale lggiato nel mio corpo, come un pilots nel suo butll, ma che lv'sono sretisdimamente congiunto, ¢ tamente confiso © me~ Scolato a comporre come un sl tutto. Paiché, se cib non Tose, ‘quando il min corpo & ferita, nom perid rentiet dolore, io che Sona soltanto na cost pensinte, ma perepire questa ferita per rmecao del solo inet, come un pilots perepisce con la vist se qialeoa i rompe nel suo vascllo; © guando i mio compo ha Tsogno i bere edi mangiae, concscerei semplicemente eid ste, senea eseme avvertito da senssions confuse di fame e di sete, Perch, in effet, tutte queste sensezioni di fame, di sete, 4i dolore, eee. non ono altro che maniere confase di pensare, che provengono e dipendono dalunione, e come dalla mesco- lanza, della spisito con i corpo. Oltre cis, a natura mfinsegoa che parcechi leh corpi esc stona atten al min, trai qual o debbo cercare gli une fuggire plat. E eet, dal fato che io seato differenti specie di colori, bdr, sapor, som ¢ calor, dureza, ecc.givstamente coneludo the si sono nei corp, donde procedono queste diverse peree- ‘oni dei sens, alcune varieth ad cme corrispondenti, ancorché, forse, non sil, Fal anche, dal fatto che, tra queste diverse petecsion! dei seni le une mi sono piacevli, «Teale spiace- Soli, porso trae una conseguenza del qtto cera: che il mio % Melteson: meat ‘oro, o into io sts tt nt, in quant son compat Act erg selena pons reece! comodo nes trad dal ale cor che cra, Ma ni sono porcchie ave coe che amr che Ia natura sabia inseeat,« che, inves oon fo vrament tee ce, mat sono intros al mio spo per cet ‘bide che hou gute inconiertmeme fe ens «cm fab ‘acimeate scale che ean contegare quiche fash Come, pe sempo, opinions che ho he og spi, el uae tom vit ite che ruors | mii vente fis ipresaoes {ean sia vets che inn coro, she & cao, aan que omni ales el care the & in mes ce iu compe aac o neo, visit oes ban © rere hei seta chen sn corp amaroo dale, silo weso gusto lo sen spore, con dea coe che gale ttt al apt Tone sito el ste rae ronda con la quale appa Antanas not ows ce. “ Ma, alte nxn simangs nce che io no conee- rita dititamete eto dee fon precuone ce tne {endo prprnment, quand io che aura napa quate ou Feet re lla tra in un sige Peto ‘he quando f chan wns surore ou tomplene di tte Te ove che Dio n'a datos che questa unone 0 comple ompende mate cote che apgurtengonn allo spin sl, ale ‘tio on intend vit Qu, prando delle ature come, Ter esempio, Ie noone che ho gusts wer che coche unt tole ato fit, non ps dnenine non ft, ed unit Ales oe che conc pr mee el lose mature Seen Taino del coro ¢ che ne sempre ache parece se, ual on pparengos ce slo corp, son sone qu cp Dur este content soi ome rata: cme la qua es Ser pent, « parece ae sn dele gua wen pan ep. qr, pc pro solo dle cnet Dio ha dt in quate tone compos di apo « dh enypo. Or, ques aur aa scans a Figg le ee che cghmano in mei sient del tolore, ela maven vero gus che mi omuncan quake Sentiment piscre ma non ved ce, lec tea ep she da quete diene preston ee odoinn ma cot dudere riguarde alle cove che sona fuori i ao, senza ehe la ‘pirita le bis accoratamente e maturamente esamiate. Perché, sembra, al too spirit, e non al compnto dello spirita e del compo, appartiene i conoseere la veri dita ese ‘Cos, sehbene unt stella non faces pit impresine sol mia ‘occhio det Fuoeo usa piecolafaecola, non vif tutti imme featuna faolth realeo naturale, che mi porti a cree che essa hom & pit grande di questo fen, anche se ho gindicato cost fin dai met prim nai, senza alcun ragionevole fondamento, E sebiene, avvcinandom al fu0c, io senta del eal, ed! anche fiviciandomi un po" troppo sents del defoe, non vig, tute ‘ia, nessa ragione che mi poss convince che vi nel faueo {qualche cosa di simile a questo ealor, non pith che a questo dolore; ma solamente ho ragione di eredere che vi & qualche ‘ea in est, eale che poss essere, che eecta in me queste renezioat di ealore 0 di dolore ‘Cosi sebbene vi sano dl spari nei quai non trovo niente che eesti ¢ mova i miei sensi, #9 non debbo concludere per~ ‘i che queati spati non contengan in + alcun corpo, ma vedo he, tanto im suet, quanto in parecchie altre cose si folito di perverre © eonfondere Tordine della natura, perch ‘queste venuanioni © percerioni dei sensi on essendo state messe in me che per signicare al mio spiro quali cose sono utili @ were tate te saan’ che hata ib a, sme gb SSSa0, Sifu nono ove nulla in ose che non fc ma iat orena elton del Dio he Te ha prodote. Teal jer emp, quando | eri dl pide no mow for emesis deforma i ovo movimento pasando pti ‘Gus spite fino al cre, fon evimpreson allo sp, TRE chcmire qualche con, © ct ds dlr, come a qUSto EA Si all quale dlr apt € aver od xsi (Pen Romie per eccare fx ens, come pesclosisia f nociva al pied vero che Dio potera stabiite la natura deli'uomo i tal suis, che questo staso movimento acl cervellofacesse senire teaito allo spirit: per exempio, che eso facese sentire 8e ‘Sew, o in quanto & ne cervell, 0 in quanto & nel piede, orvero it'gonaw fin qualche altro Iuogo fe il piede © il cervello, 0 afin uvaltra cosa qualsias’; ma mulla avrebbe coat bene con ‘nbuito all conservazione del corpo come ci che gl fa sentir ‘Con pure, quando noi abbiamo bivogno di bere, nasce di Ib tuna certs avi nella gol, che muove 4 soi seri, e, pet Joo rer, le parti iterioc del ezrvll; € questo movimento fa ri entire allo spvito Ia senazione della ste, perché in quel occa o Medision: metofoche sone non vl che i ile quanto i apere he aban Tisogno di here pr la conservarone dae ser © oo eke aie one Dl che inramerte mane che, nonostante fy owana bontt i Di, tu atu delamo, in quasi ce € comps eel pi oo, any an ee uke Sk jae gna oie ae vit ue ce che cst, aon el ede, sa ‘in ura dee por del ero che & eo dal ede ro al ev a anche esl, stan monimeat x rode nd faviameste undo pe ¢ wal apn, send delve nel Pied, ei sos tra natura inant, perce seo movimento sl ervello nom potend pe nll spit te ton nasa stu, uct earone een mots Pil spemo esata dana cance erce ieee una Za che sin aloe, & mop agneole ce a tech alo spirto il dlr del pide che quo dt qulunue aes pane FE ebene Vai dela gla com vega sempre, cme Cord tarda fat ches bere & cea pr Ite del oro, ta qualche ve ds one cause afao conwara, come apes tmeneno drops, tts © melo meglio che co ing ucforasone, el cont, tganase sempre quo 1 caro ten diget; cou nest ea cero, quota comaiderarione mitre mae, non sal sete er soonest en ua a miata ¢ Soegen,n anche por evs, © per cnogel pio fc Pere, spend chet ml tak Sion eran Inene ii ero che i forse alle cone che spunaane Tamed o gincomai del cop, Ptendo qua spe set ‘iri i parecchi te est per ean nnn ssa ose trec® pucndo ware dele min memoria pt loge cog fer le conoscente pres le pute, ¢ del mines che Eg soperts tute Ie cause dei mich ero non deo pit temere, orm, che x tov dela fasta nale coe pd speso Tappeentse dai mi sta. Eo dee rete tt 0b 45 mn pemat come ierola eric ¢parsammete Gull increre cot eteale siguadate i oan. the non Potevo diinguere dalla ela: perch ads vi wove una pte Sena medtasione e ssn tee nga te meri on a me Gree conungere toot sgl gla gi alc con tao {TeSgote dela stra va come, ive, € slit coool fome'che © acadono stand svg Ein eft se quno, wo vegla, mappanie dun ato somprise sbi, Sime inne Te magi che vedo dovmendo, ds che forcal merate nt donde waine ne dave andase, non sea Mepone ie timer un apsca fant formats en ein‘ ine quel che iwi formano quando daro, pit ‘Sts eh un vero vomo, Mls quan peeepc cove eo c- Senco dsumament, i go donde vengono, uo dove sony C"Ttempo io cal wappascinns cv el seen alana inte Seaton, pons Tepe wmeaslone con resto della mia, ‘Stone icramene cet di percepite epiando non 8 nel {ano F non bbe in newun modo dobar deli veh Tle cose dopo aver fatto pel # tt mii ses ee Scone ¢ ati intl por ceminari, te nessuno di i re nporato mula che pop con sicher # portato Sigu e Dae vert 8 Deo see inf ce fo non 00 ‘fat inant ‘te phe in nese della patie bblga spss a dese pana aver ave trpo 6 cosh eto ese Sogenonenare che in vit dlloomo'e sgt ad era sp ‘imino te cee puree ed nie Boyne coos 1 Intermec t Geboleres dela stent OnBIEZIONT EATTE DA PeRSONE DOTTISSIME CONTRO LE PRECEDENT MEDITAZIONT ‘CON Le RISPOSTE DELUACTORE PRIME OBBIEZIONT Signor, appena ho saputo del vostro desideio che io. esaminasi + ase dal signor Caters (24 © 3 exon) * Bescwis,appora termine Ie Medtamonet mar del 1640, essere a vee aun puree det telog etm a 9 to, ‘ete Goppina » da poet ea che concer sen? Ba ‘hu (Gloom Alberts Hay) © Blows, entra curd parece Ir gua its cant tum cepa i el membe aerate amen I rai oh teens eelopa a1 Jue boom enon, anche dh tect pefricane ecupars i munca « ne qarann spesio con 1's anehe hay Pntresva aero al toon i aust ate, "fovea ave seta un Conpendaoe Mucor. composto 4 Be et Tels cede ad Iam Dotknsnn Ea fecro anche setie Se nce euro probabimente nelle ciese di Harlem, ed can ‘elgoa Non imeretandot di questions loneetesiopehe, 9 forse ‘on rsomecendon! emnpeteit satarne, non Ri pte etn Irena fo rsreinslsn ow ua To eonfaely Thun de Ke Atria Cater opinario di Harker, © na, 9 in Alka, i Anversh, Ge Gow sethantes Ques fo cut dell perocsia GhSE0 Loven in Aloaaee acpete dat 1032 a 1056, ato co thon, Da Ted 1¥80 fu canonicaeaptolre di Have ma, Pht ofr pore i qu) capa never eb how I teae in, chee ton aver ances, fa bblgatoprendea e che fece {ipo i 3, fome 1638. Cater, che ee venenente ‘un Aa 26h ‘io. lof, a aft ad exominge i ibe Desert, Qe ‘pene sae cna dopo ster repeat le sue exch, ivi no Shee tle tain in Fein, tenons son te Prane Obes ‘Rupees Tari letters Caters quente quella dk Dears sono ‘ene u igor ane Moerset “ tion ripe sccuratamente gli seit dst signer Des Cartes!, ho ritenuto rio dovere dar soddisarione in quests cinontanea 4 persone ‘me al care, sia per testimoniarsi in tal modo la atima che fo alla vostea amicitia, sin per farvi eonoscere quel che munca alla mia capaciti ed alla perfzione del mio eptito; alice ‘Fors innanziabbiate un po padi eavith per me, se ne he iso- fo, un'atra lta mi visparmiate, se non” poeso portare Peso. che m'avers import, ‘Si pud dire con ‘vert, secondo quanti pose giuicatne, che il signor Des Cartes & vomo di grandisima ingegne © di profonssima modest, © aul quale non credo che Momo, il i gran maledico del mondo, avtebbe trvato a ride. To pense, dice Ii, dunque sono: he & quanto dire: sono il pensiro sesso, lo sprite. Questo & vera. Ora, aceade che, pensando, io ho in ime le iee dele cose, e,innanai tuto, quel di un essere petft- tissimo ed infiito. lo To concede, Ma to mua ae somo Ta\caus Jo che non eguaglo la real obbictiva di una tale ideas dunque qualche cosa di pit peefewo ah me ne & causa: e, prtanto, v1 & tum essere diferente da me che esiste, © che ha pi perferion! di ‘quante ne abbia jo. O, come dice Dionigi el eapitola quita dei Nomi divin: «vi & qualche natora che non poasede Ussere alla risa delle alte coe, ma che abbracciae contene in sé sempli isimamente, ¢ senza aleuna limitarione, tutto quel che vi @ ‘escenaa nellessere, ed in eu tte le cose aon racchiuse, come jn una causa prima ed universe? ‘Ma qui son cosretto a fermarmi un poco per paurs di stan ‘arm troppo; poieht ho git lo spirtoapitato quanto i utuante 1 La famiglia di Descartes era noe, pccola bil « dl uke sao, © i onto Hoof hae fc, ¥ aint cornet lire eve isan nome, ¢ in Ss a «ol pl bate delle opere del tempo, © stampato diva Dt Carn Es el Samo nee wfc. 4 Ba tone pervena Ill testo eae trade molto apprtsinatvemente Faigle in (AT. VII, p. 82), xe i ago dello Taro he Fincsone stapta (6p. ain eae parle so norte flere fea ‘simon duos tink en ct ed sinpcter e ineumserpt ttm ‘eve inne paster complesin, ef tear eaay spans del ‘Nomi tn! Pat gr I, B17) Ctero erro nan Tone, Soe tna they 3, @. 48.2 Prime ebro “ Furigo! o cncedo, o-nge o approve, 0 conto, non 0- i alomanarm dlopinone & quest grande wma e - Eis, mm prs comet Poche W prog cule ca Een Oem shes end Ec pw Sus in gmt & oggeivamesteeingllt Ma che cost free ce oppetvomete nlitllto? To ho imps SRE gies temine » gta ogee Fo dite, ‘She, et, mnt che una denominatione eters, «che on Sralange siete a cee cons, Pict precuet, ome Berets im sign at 20 non fat della vie che 6 Solge afogert wet, con emee pet, 0 see ot ‘nents ulinlet, crpirare ed arent Faro della mete 3 the spb dae seta leur movinemo ecambiamento ell Counc adits senen she cova a. Pche, dung, er Shao dune cos, ce non € atime he non Stn ‘ua sample denominsone ed um pore nite? tai dce qu grande nelle vance unde con- tenga nur opetireptonto ce nar, na Seve Sb "ent devas da qualche cvsa Al conan, da neu oie ea opti oa prs deominasioe anon Ein Tre. Om Tinea di una ous & weet: i che nom Ea. on posse quests inflssa,c pear fon pub Sipener ne prcedere dou cea era bea ing dal rie Stoee Dum, ho le ce, non vison ee di gue Ste hen ong dai'ssexene una mage di mee ii Me gaeugs mi dia fone: se von om date Ta nus die ice, date amen ln gine per eu quests iden ene questa tea oggtve pitta che quel Bersimo dor poche ‘eton ogo etere cert con ti ami, mu tratoeon Ta bermente, To dco univenalmente dite Te ee gull She iegor Des Cares he de ala volta dl tango Anche sont dee eq = non visit in nes Iuogy del mondo fet dd mio pent un tle Hur eon Yee Sioa st, tia 9 une cra nature © fora, 0 sean dete ‘Miwa in ques gu ln qu © imate oem tera "IU gli © Be srt dh Negroponte (ma le. Cle deat. dorm, 200 ~ Osten «rigs quella vere che non rchiedesleuna causs. Un battello & un butelo,e niente altro; Davo é Davo, « non Edipo. Se, tuttavia, voi mi fate stanza di die una ragione, i vidi che € Viper” fezione del nostro sprito che non ¢ ininto; © non potendo con un solo atto abbracire universal, che & tuto insieme € tutto in una volt, lo divide e lo fasiona; © casi quel che eso non saprebbe generare 0 produrce ttto intro, lo concepisee a poco poco, oppure, come si dice nella sewola, impertetamente ¢ Pateislmente (nadaequte. ‘Ma questo grand womo proscgue: «Ora, per impereta che sia In maniera desere per Ix quale una onst & ogpettivamente rellimeliewo per mezzo della sua ie, certo non st pub, cuter vin, dice che tale manicra sia niente, né, per conseguenza, che ‘quests venga dal niente ‘Wi 8 qui un equivoco; poiché, se questa parola mite & lo stesso che non catere in ato, in effet cara € nicht, perché ron & in ato, « cos viene dal niente, ¢ ci non ha ciusa. Ma se questa parol miente dice qualcke cos di into dll spinto, che volgarinente si chiams exere di ragion, questo non & un mem” te, ma qualche cosa di real, concepito ditintamente, E Poiche& solamente concepito, enon in ato, pa, invert, esere oncepit, main nessun modo causa, o posta fuori dell tlle +a io v0 i. — dice hui — oltee questo, caminate se i, che ho questa idea di Dio, pote esere, nel caso che non ci fosse Dio+ 0, come dice immeditemente prima, + nel caso che non i fose un essere pid perfeto di me, che averse messo in me la sua idea. Poiché — dice — da chi trarei la mia esstenza? Forse dda me stesn, 0 dai ici gevitor, 0 da alt, ecc, Ora, & cert che se Tavesi da me steno, 19 non dubitere, non desiderere, © 07 mi mancherebbe niente, poiché mi sare dato tutte le perfezioni 4 cui ho im me qualche idea; e cos io stesso are Dio, Ché se io ho la mia esitenza da altri, arsverdinfne a chi ha da #4; colo stewo ragionamento che ho fatto per me vale per It € prova cheep é Di . Ecco, certo, a mio credere. Insts va, ‘he segue san Tommaso}, che elt chiama la via della causa 2 cle Sima teal, 1, 2,4 3 Send vie et ex etone cave se afiscntes) ella causa ficient via che ogi ha tata dal Flosfo; tanne the né sen Tomato, né Aristotle si sono curat delle cause Sele idee. E fore non ve aera bisogno;infati, perché non se- suite la via pid drt © meno remota? To perso, dungue sono, the € quanto dire: sono lo sprito stesso ed il peniero; or, que- So pensiero © questo =pirto, 0 & per se teto, 0 per opera di alti ne pee alt, quest, Snlmente, per opera di chi 2? se per $3, cas, dunque, & Dio} poiché cib che & per sé si srk facie mente concessn tutte Le cose To prego qui questo grand'womo, elo scongiuro, di non na scondetsi aun lettre desderoso dimparare,¢ forse non molto intelligent. Poiché quests espresione per 5 & intesa in due modi Nel prim, positivamente, © cies per s¢ stesso come per tina causa; coal eid che Fosse per se sesso, e dese esere a se ten, 96 per una scelta prevista © premeditata st dese cid the voleue, senza dubbio st darebbe rutt, e pertanto earebbe Dio, Nel secondo, Vespressone fer 12 & prest negativamente, cb ha lo tees sgnitiato che da se stesso 0 nom per opera dar fd in al guiza, se ben mi rcordo, & intess da tut E adesto, se qualche cor & par sf, cok now per opera alta, come proverste voi per questa chess comprende ttto,e che & infnita? Infarti non vi ob pid ascalto, se dite: » poiché essa & per sé si sara faclmente data tutto»; tanto pi che esa non & per af come periana caus, e nn le & stato possibile, prima che fos, prevedere eid che potrebbe eatere, per tcgliere cib che sarebbe dopo, Mi ricordo di avere alte volt inteso Suarez Fagionace in tal guia: « Ogi limitasione viene da una cause; 11 dtr Francens Sate, gente apagucte (158-161), le cul per, spendimente le Metapiszer Duputatoner (159), Scan Wie Garin ele sans catliche Il cura ce Sure segs ‘aim ves an det ras its al Unter ot Caimbre, nl Porta. fale ped sltamense Caer nom put ti, Caterar arebbe ‘inguin nom Soares fa pean, miu wh tact, che poe leave Ie date dr et buf: Deseren, che posseeve Bo- Eni bt (aca In Bia a Sura helps dean Tema) ciper gama, quell che pnedera non legen, © legates sect male Sip caste dt Catrua proce le Diane a Sure, sie Gunte Obbieions dt Arnal. 2 Osco « ripe una cose & fit € Hinitata, o perehé Ia cata nome ha tuto dare niente di is grande © oi pi poote, «perch non hy a solutor re, dung, qualshe cos € per se © om per una ca vero i dive ehe essa © etn ed iliitata er me, non me ne sto de tutto a questa ragionamente, Poiche, si una cosa fer sé quanto vi pacers, ¢ cise non sa fer opera Pali, che potrete mai dire, se qusstaTinitazione viene fico sete! poh alone € realmente spin a Bere dll nwa ee p's sta dita ds Dio per is conserasina del Corp bench, een, quell stra Tongan, poche fare pl devessre voy ena Ho by pega, rll sta me> Thustine come cb poo seurdarl com In onthe la veri i Di. ‘Ma nl ose he non pooner oie sent aie po chin e0 at, quay fro false Trwchbeo essere comet da ak anor gchar, neppur con Fjte i aul facts ature, vo sosteogo eaten he ni non pssamo esr inant oshe Dio een rama cere bongra necesaramerte eg sa anche i eo- “tur bene «a sonata seria, © prtanto ipugna che quis Singe dra, che tena posivemente lla fat. Ma poche Top cernllsin fot dk rene che non ci sia sath dato Teta (ome € stato dirtoceto prvando Ia sua essen), € foie sbbmo in oi una fac rele per conor vero € ‘Taonga dat feo (come st pu provare dat semplice fat ‘he abmo in olf te del vero dl fas), 6 questa fac Son tendene a vr, amen quando ce ne serio ome d= Tham nericene (ct quando non diam il resto conse #€ Ton le ase ce concepane chnramenteedistitamente, poche ton si po grew alro buono di quest fl), non Sa raplone Dio, che ce ha dat, seb nitenuto un Inga Tr cost voi viet che, dopo ser const che Dio ete, 3 ectario inmaginre che esa Innate, 56 Yulia Obivon ripawe royoare in dubio le cove che conepiamo chiara € distin rent; ¢peiché eid 'non si pod neppure imimaginare, sepa Ma poiché osevo qui che voi vi femate ancors i dub Sh ho pon in tone cece tok abbstanzn oatamente elle egucn spiegher cope aus foramen sul quale embrace uta I eetenzsUnana pe cr si nara tut, tstoché nai pensiamo di conceive chiara mente quiche yr samo naturmente pore a creel se questa credena © cot forte che nom ponsamo tal sere al una rgione per dbitare di quello cl eetamo intl sso, ton vi € molt de rcerere opi oi alamo, rue» oh tt eens che ub apnea dee be com cimpurta se quacoro imagina che eb sto. delle cui vert nai tame fo 0 at fortemente pera eer abo agli occhi di Dio o deg angel, « che, pert scluernene puslando, & fo? Perce dab angus per que [HA aval, poché noi non vi eedamn enone sua ae. pure i menomo sospeto? Piché nol nipponame bra redenta © una perusione a ferma de non potr eer tl Ie que, pet conseguena,& in tuto a sts coun che una peretsina Cer taza. Mas pod Ben dita a a abbia qualche cetres da ‘ara, © qualche ferma ed inmate potsuaione H, cmt & manfeo che non spb avela delle case out confuse per poco di excita 0 confustne che ¥ emcriamos poiche questa secur, qual cheat cama elicente pes lr ube qt ne. Non pt heppare ea de che on sono perepite non dsl sens, per qunts chit si rll or pereone,peché ot abbuamo soventeontrte he el senso pub caer crore, conte quando un idopco ha Sete, 0 la neve senibra gill chi ha Titer, bench Ta veda meno chisramente © dstntamente dno, ut sembra one, Mesa, dungue ee, se tale cerev i pub avee oa solamente delle cope che spit concise chine dnintmonte Ora, aquest cose ve nhs dca chiar, ed in ut top 4 cost semplic, che 8 impose pesare ad ee vena ce isgest le snd eBbieon a desl vere per esempi, che io essto quando pens; che le cose, he sono state fate une volt, non postouo non ese sate fate; {imil, ai cui € manifesto che i ha una perfeta certezza riche roi om posiamo dubitare di quelle cose senza pen sare al ese; ma non vi posiamo mai pensare senza credere che fiano vere, come ho detto poco fa; dunque, non ne posiamo Chita senea crederle vere cine nom ne possiamo mat dubitare Enon serve a nila dire «che noi abbiamo spesso sperimens tato che cere peti ei sono ingannte in cose che ese credevann Gi vedere pid hiarameste-del sole». Poiché non abbiamo msi Sisto, né ni, ne ale, che ed ia captato a qualche han tatoo tutta Ta chinreza dela loro percezone dalintellet solo, bens {quell che Fhanno presa dai sensi oda qualche also pregiudii. ‘Non serve a nulla, egualment, che qualeuno immagini che queste ase sembrino false's Dio o agli angi, poiché Tevidenzn. della ont percesione non pertmettera che nok ascoltiam chi Vavel fe voted persuadere pice anche con tutta charezia, quando facsiama attenione da vicina ai r2- ffonament, donde dipende la loro conoscenza; « per questo non Possiamo allora dubitarse. Ma, peiché possiamo dimenticare Fapionamenti €,tuttava, ricordatei Te conclusioni che ne son0 fate ttt, si domanda tes pad avere una ferma ed immutable persuaione di queste conclusions mentre ci ricerdiamo che este Sano state dedotte da prinipi evidendssimi: poiché questo ri Condo dev'esere suppostoperché postano essere chiamate conclu- Sion, Ed io rispond che portono avere tale persuasione coloro qua conoscono talmente Dio da sapere che non & posibile the Ia facoth 'intendere, che & stata data loro da ui, abbia per fags alta cosa che I vert alti, inveee, non Uhanno punto Frqueso & stato si chiaramvente spiegato alla fine della quint meditazione, che aon penso di dovervi qui aggiungere nll, Tn gain luge, mi meraigho che ¥oi neghiate + che 1a vo Joni t mette a rechio di faire quando perseque ed abbraccia Te conoscenze oscure e confuse delfintlleto». Che cosa pub rendela cera ei cheata segue non chiaramente conosiuto? FE aquale¢ stato mai il filesofo ol tologo, anche sltanto Twomo ragionevole, che non abbia rconescuto che il peicolo di errare, a Obbiecon’ « rigse cui oi enon, & tanto miners, guano pi chiara & Ia cena che eonerpiamo prime di dan il esto emo? e che Pecan gut sees cope di caus, pomunean que Fotis? Or, nna conic & det nr 0 confsa Se non fetch @ inex content uacon dt nn connate perano i che oi abit «nga fede ches deve aaccires, non bu pi fs contd me quant ne sbi con tut clr fll anno mai cla fe gore tana dr ser, non neha nessa conto neste Poe scenes in che la fee ha ero dle scare, tin ib pr eu niece non & onc, & pi char Si og’ tce nature Tanto pi he bangs dato en inate, ola cova ala gle to dima la sows cndonan a reson formate che move In oat volts dara Poche ¢ in qua sola aire formal che ni rolant 8 heen os triden quam ala materia, sano Ba angst che pub csscre tea, ani Fact esi; Pet undo dco She Trent deve tls da mat pent or pe dre loro i onto onsen enassleun penile a tale ¢ Testu Ole 6, binge osserae che aches o Veviens, ter men della que lana vlon Faber ec a ere tere, de sorte: Puna che pare dale ntl che sen dalla gens dna ‘Ora bench 8 dice orinaramene che Ia fade & dle cose oscars tava sintende slo della ta ae, ¢ ong Sel eine formal ern ine rst perch a tro qua rare formate conse in una cca hie Inte, Si gute Dio weedeat soprenatramente mint ot ab Bano’ un condenser che Te coe che co propane come ogg i fe sono ste relate da © chef afato impossible che ep sia mettre eingen che © pi era Soe las centile, wnentc ane pi events cote date ce del gaa , cet Ture lal inf. quando nom brio ta reine eran, nom pecan per how volte prs fede we mi serve di mates pet formare un givdizio chia sgt le send obo a8 alle cove oscure in quanto oteure; ma pecan 0 petchérexitono $s goa dina ce sever ntcruentyw pert cen in kee coves endono indo’ dk quella gia Ed id adie tumene che un ined, ual, desi ogi grass sopan- mature ed ipnarando afta che Te coe cul not ai Cristian Creams sone sate fieate da Di, tui, aie da alent {Gn rogonament si inducese a credre que stwe cose che fi foaero encure, on per cid saebbe feel, may puto, Frechercbe in ques: che non a service come deve dell an pon credo che ml lun tlogoortodosn abbia 10 ate sertimen a questo sparse aothe uel ce legeranno te mie. medtaont non avranno moivo di credere che io ton" abba coowsiutoquerta Mee sapronatrile, poiché nell Gunna, dove ho accuratente cern Ta en dlferore © Gini ho dete in puole epise, «che ea dspone Tine tern ‘del eos pensero 4 voles, ¢tutavia non diminuisce Iheran Del ret, vi prego qu di icordari che, vguado alle cose helo vlon pub sboratiare, bo verre ms na endsinn disigaone tra uso dalla ital contempaione Gell vert Pache, per acl che gorda Tso dla ith, bn ung dl ens fare che non debbansisguite se non le co che oi eonxciamo on tut chnera leon fo repo che on Diogaa Dep- pore atendeesernre pi srs ma che € op quale Felts tr poreehe coe flat incopite el inet, scelrne Uae decrminarvs © dopo queso, fino a che non vedamo ‘foi in emt cede on meno fematente ce se Fave ‘Seo se per ogo eete ed evidentinime, come bo gi sie fo el Divan ul Meteo, p28. Sl dove nom x tata che Sete contemplavone dlls Stith chi ta mal neguo che sin {Toopo voxgendere i prop uli siguardo ale eve sure, che pon sono abeasaa diintamenteeonascite? Ora, che Gusta sla cntemplasone dela vers abia Togo nee mie Iretacon live che ci si coosce abastangacharamente da fe stewe, fo Tho. di ity dichinrato in parole epic aula Sire do pina, dsendo sche non potevo biter opp ne re tops dens in ue longo, tanto pi che non map e Obbesion «ripen caso aloe alle ese ce guano Tus dl it, ma ricerca della veriths aa Toy lng ve 98 siprendte be conusione un sis che avo me fray sembra the peti ose tela forma oie per oeladere ei ht volte In remana Iugio diners cates" Ci che charaname « dateamere to vorepianin apprtence lsat nhc fas Scie tt aera con er apprentice Sia conn Ics ttm oer menace wa Zan inv urd. Mat poemess gored ma ee tnento& sat: » Ct che cists Uninet ares Bam apparel maura dh qe com, gusto pub ence detto © affermato con verita di questi cosa + ‘Cit. se essere: aitale ppariene alfesnss alle natura clue sp 2st che uo Gaia; se sere we ar ls Se fe appaiene al mati tg ten, pb sees tne che i angola etilincy hoot te ang up dae fet se ster appatene aa nturn a Dit pa se Dio esse, e oa sin Fla promt nine a: Orn ¢ eta ¢he alla natur di Di appartene Psst Donde © cent ie bisogna conclude ome i ho ata, c+ Dung po con tenth ent Dich ete no ceo slte «Donne Zot possi aerite cn seth che appre ala nat Dio Vesiatere , o 7 “ prune, per wae deseo che voi ane i st tui, Si sete auto Swope nope prensa aire e fice che Go che oi cotcpamo chiataente atte sppanenre ala natura qulce son, non pu per quote, essere too erat di questa con at on eoison che tse nature sia posse «noms comadins Ma cident et prego, deolta di guste, Phe, econ urs pa Dale oi itendt, co ifs cevinars, ato qu! ce ton "pupna alpen unanor el qual senane 5.41 Dia tel moo cme ho drt, ¢ pn, pteé on ho “ppoto in ena se non ci che nl ceecpane chance ¢ distncamerte dove apparent, eco non ho nls sipente ‘he spn al peso al const unano,eppure vt Bogle ‘ule spouted parte delet seo, alse pate lle sande ebison 1" son conviene con la precedente, non pod mai ester eonosciuta alfiteletto amano; « pertant essa non ha, per obbligach a Inegare la natura di Dio ln sua esistenza, maggor fore che pet Tovewcie tutte le ale cove che eadono sotto la conoscenza det Uominis Poiche, per la stewa ragione per cui si nega che la natura 1h Dio & possibile, benché non ai trovinessuna impossiblith da parte del concetto'© del peesiro (che anzi, al conraio, ratte fe ose che sono comtenute in questa concetta delta natura diving ino talmene connevse fra Toro, che ei sembra esericontraddix one nel dive che ve quacuna che non appatiene alla natura {4 Dig, st pour egualmente negate che sia possibile che i te a= soli dom tangolo sano uguali a duc ret, 0 che colui che pens attualmente exists; © a pil forte ragine si pots negare he vis lla di vero in tite Te case che noi percepiamo per nero del sensi © ost ttta a eonoscenan urna srk roves, ma senza ragione @ fondamento aluno, TF per i ce siguarda'argomento che voi paragonate eo! mio, « ciot'+ Se non & imposbile che Dio esis, & certo che existe: fon non & impossible, dunque, eee»: materalmente parlando ‘eto, ma formalmente & un sofiema, Poich, nella premessa mag ior, le fase ¢ spose riguarda il coneetto della causa per cet della quale Dio put essere, esela minore ca riguada il solo coneettodeleitensa dell natura di Dio, come appare {Ul fatto che, se sb nega la maggiore, bisognerd provara cos: Se Die non esate ancora, & ianposible che esso exists, perché ron si suprebbe asiegnar causa sufciente per produtlo; ma fon @ impossible che el exist, come & stato accordato nella rinore; dungue, eee "Ese ai nega la premensa minor bisognerd provarla cost Quella cost non © punto impossible, nel concesto formate della quale non v'= nulla che implichi contraddizione; ma nel onceto formale del'eistensa 0 della natura divina non ¥'@ nulla che rcchivda contraddizione; dungue, eve. E cost quella fase ¢ impute & preea in due diversi sens nf poo estere che non sh concepisea nulls, nella cosa media, che le impedes dieistere; e che, tutavs, si conee- paca quolche cosa da parte della sua eausa che impedisca che ‘ssa ia prodot a Obie’ ripe On, benché noi non cones Dio ehe imperfeisime sented non impeine ch sincera che lun ators st on stile, '6 meno ton imposible; e neppure che nol pone assrire con vert a averl esaminaa com auiieiente seniors € i averaabbstanza chiaramenteconecyit (0 quant hoe Bt conocer che es & pom cd sme ce Teen ance, tata Te apariene). oiche ogni impos, os emt peomens ‘Wi sevimi dela parle dls Seal, oph ipl [opi Canta}, consist solamente nl noo coneta © pemsene the ton pub congiugere Te tse hes contradicone le ees cole Are ess nom pb conser in toscana he ss foo dain, phe, ge seo hen €or dea tee, tmnt che cs non ¢ imposible, ma Peal, Or, Vimposibita che ot troviar Pel ns peni son viene che dal foto che ct sono cari © confst eo pu cssersenealuna in gue che won chia edi: © porate ‘Anche posismo aserr dt conncreahbustarea la ars Dio per sapce non eer contadone acuta el ft ee css, bata che itediamo chsramente«diintamente tte cose che vediamo in evi, hench quate cove no stn he ta Fccolo numero a conftonto di qule she non perenne, pur fssendo anche in quel nats; © che con cs meri che Pesitenca necenria una ele cve che peep ot ‘essere in Dio. reren : natin a ob dt rain, lH dle mie meditzion, del perche non boi det niente Tigsarde allio despa; o soche fan vedere iano come bo sulfcentemesteprovato Is dsiatne fa lo spire gat sorta di ® cree Quanto 2 cid che voi apgianget, che dalla dstnsone dle "sma dal coro nn segue ee esa amoral, porch ons state ci, spud die ee Dio afta ei naturale she eon duratafnsce con gla del sta dl oro, nfo Ut on sere ulla da rsponderis poche non bo tana pression da Brendere a determine, con Is fra del aponaent one tna cosa che non dipende se on dal pura vlonl df Dio 1a conocena naturale aprende che lo spite & diferente corpo, e che eno & una sostanss anche che corpo wane pte lle monde 0 in quanto dferice dg she conp, & solamente compost di inserts confusion diners ltt scent Jato che a morte de eonpedipene solamente da gualebe divi one o cambiamento di Rgur Ora, nt non 2060 ns Sgomentse nen eempio che ci persada che ia oe, 0 Tranmirtamento dna sertana quale lo spina, deb segue da nessa el Lpgra coe acaba gra le tom & alo chem todo, e, J pin, un modo, non dello spit, tre del corpo che & realmente dat dll spiro. Ed ane non TDbiamo nln segment, né emp, che post comin She one dle sae wget a est Ice fase per concndere she fn apit, 0 Fania dellwomo, per ume pub rere ovo dal sonata, © immonle ‘Mt se dan e i fre dela wi sola ote son abi forte determinate che le ane mane exsno di tal eo tp mo to ume STowuts speta a Dio slo rapondore. & pic el oi fa ora fea cheb on aca, none deve pu resre,egrdo vet, akun dubbi Del resto, io deb ringraiaes molto per seri degratt cos content, © eon tant fanchcazs, sre non St dle cose che vi sono seats dog dk spegsione, mu {che dle ico, che potrano ese te ag sto dt atulche ivi alent Poche, scene i 908 veda ml Cn propos, che non wee rita rsp 0 seat ele ie Inedtaont(piehe, per clempio, che vet allegwo dele Iosche che sno genre dal al, 6 Caden, det Nii, ta Tarchi ed ale cove simi on po vente in mente a quel thts ont ste ato date quiche tempo tate le coe appree dal sent, pr fre a Fre a ib che deta Is pid po piston ragine; 8 ec Pere io erat di aver gi epinto tte get cose); nono- Ste cio fo gine, tutvia, che quest ehticeon srnno Urls al mo daego, tanto pia che non mi lsingo dh aver tol ewortchevoglann pret tanta aterione ale cote she Tosertech, pun alla ite, cordino di tuto qua che arene co insane € quel che on I fran, caren facimente tr He cose che mi avete a Ossi «viene in io alle gual vedanno,in apres, che ve dato wa sine con gusta rapt, ameno, cota ih oe, Sioned eaminare pi sccurtiment a veh eral ce iad coin che vi mi dat, dt apore i mit rionamert second il endo de gemet aloe tutto dun clpo#letort poss comprendety fo dae in qual modo bo gi ceato ai segue qu eto, € tne cerchero scorn eppeun. él modo di servere J gsomet, io dtinguo due ens, € cot Forin ela maner i dost onne conte solemn cy che fe cose che sono poe post Ie pine, debtono enere connie ea Tito dels Buen e che fe mpuent debbono esere apo in mola tle the sano dmostate dalle sie cos che le reedon, E cena: ‘mente ho erat, per quanto potato, di segue ue ding tele mie mean, Ed & per qua che pow bo wrt nl trcond dela disinsione do spit dal corp ma sole nel festa, e che ho omewo di pve dk mote eos ol perch pry, Ponerano la spiearione dh oles La maniers di dimostrare ¢ doppia: Tura si fa pet merzo staal oration, «Faken pe mezzo dela sine oem PP Larals moa ta vere va, per mezzo del quale una cous 3 sata metodiamente sept, © fe vedere come gl eft de Fendono dale vue; wh, si letove vol reg, tare 2 occh accurate to Gul he contenant I toss cosi dimen rom ten peftiamente, © le Fender om ten aun, che te Taye trata Ta ste ‘Ma qicsa sora di dimostarne son ¢ propia a convince 4 ter sia o poco atten pose Ene stg tance. farm atenaioe, ls minims delle cove che propane, reco dale sue conelsiont ron apert pits« non sta print en mola ampizza I ene he son abastanea ching pe oe Seis, benehéeriarameste ese sian quelle cl dung fee imaggomene stenrare La sitesi, al contrario, per una via aft divers, © come inando le cause peri loro effetti (benché Ia prova che essa contine sin sovente anche dep efleti per mezzo delle cause), ipa ole wood cient us dimosra, die i vero, charmer eto quell che & cone Sto nelle toe conelosion,ea serve dun Tango sito di de Sinn, ponlat, asso, teorens ¢ problem, afin sea oqeno cet conopnse, sn pone fr vedere come quene Ton conteute neg antecedct,¢stappi il contra del etore amo oniat estar ei psa exer na an dh, come Fate, unierasolifzione ag spin di quel che desigrapo impure, porhe non neo metodo col gine Ta conn “Gt atc geomet erano soli servi solamente quests sie lore ert, non peck Sgoraaeo ineramente Tan Tis masa mio cedte, prehé ne facevare un grin costo dt thervria pe te tly come un egret importante Pet com man, ho seat emente fv anata alle mie neitacion, pers esc mi tebe Ta pi vera api sccnca fer iacgare as quanto als sine he acta bio & quel {he vor deidete qu dame, bench guard alle coe che a ttavan rela geometa pose vlnete eer mesa dopo Tana Th cam on come, tava, cou bene alle maerie che app tengono lla meus, Poche wha questa diflrenat che fe Prime orions he somo suppote per dimostae le propossont Eometche, cseno aco com fs ona ames fe Trent da ogouso; per la qual com non W811 nessuna diel, non ben tere le cnaegucne, che pb exer fat da og Sorat penne, anche dalle moro ater, pare elton ‘eordne dele eve precedent ew obbliganofaelimente arco Gareene,dstingoeno tone vere propsision quate cow du ereare sono nel difcl propos, aBinché Sarreing Sepertamente so Casco, «pots loro ctl in spremo, pet “Rare quel ale ea deo pete. Ma, a conta, Tiguardo ale question’ che apparengon alla mesic Ia pine {cple fist € dl conceie charancote © dstitamente le rane notin, Poiché, scthene di loro natura case non iano tren char ed ai seco so pi ciate d quale considerate {hi geomet tutsiagpoichesembra che bon vazordine con porch print che sa ceva per mer. det ses d' qual samo abit sin dl ose infra, non soo pe fevamente compres on dh quel che sno ates, c che Me Obie’ « ripe si studiano di staceare, per quanto powiono, i Lro spiito da ‘commercio dei sensi; ecco perché, se foscra propose da sale, sareblero failmente negate da quel he hanno lo sprit inline alls contradzion, E questa & stata le eausa per cui ho seria piuttosio delle imeditazoni che delle dispute © delle question, come fanno i flow, © anche dei teotemi a. dei prublemi, come 1 geomet fine Ui tetimoriate cos che non ho seta se non per quell ‘che si sorranno date lx pena dt meditare con me setismente, € ‘eonsiderare Te ense con attemzione. Poiché, per ib stesso che ‘qualeuno si prepara ad impugaare ta verity st rende meno atto ® comprenderla, poi distoglie suo spinto dalla considera ione delle ragioni che convineone di esa, per appticaro alla ric cerea di quelle che Is dstrggono® ‘Ma, cuttavia, per testimoniae quanta defcrenas port al wosto 1 (ea. ae (AT, V1, 197) ednpsatones 6} "Al pesto dl breve ‘saponesesepuete == ai ui on vac eta latino — sito te que, 8 els prima the mle econ ‘liztne, um tngo brane, ait sonasa ela toluene, ee coe nda ‘Pee anvenur,ai vero, qua bie Qu he nan bono eto carer raion per emtradie, quando fish che ei ¢ pe. pss a veri: ma Sache s ute quest stmt A ino ee Te rain! nea melas per cones eal ‘Sono Ie pi side ce to man ced tore opie fem ‘eno anmeste come serpin che Hen sate euante © Br [Sica the ven cimdeate tle ad ue roar Tce tebe anche alrmsto bua ity be scare di gucie ‘ose, nelle qu destero am Ise aten # non repugnant, teers tal che potesero nope dal conience ane ae, melee Tose ance une mina speratan topes moguy sets ee Selle ‘mie. Mi poche le cte che propongy wonton data Si remo di tte le cote ¢ ls vt ce to tacoma mopar "iano i Cosiderre fe cnt con In mosis at a cla ene sia smmeno, sean ei ee tat comer ot tenth chine € dstnone, da non poner men arene den, fiseerema fe cot, da cut deo diate anim et Ten fon son alr che que he gama ee senimaomo abba che aster, nom gis qualche ferme tginsmet, tr Uns ‘el; non credo che scuno pons eresere transi agar prt ft dere, se eesidera quel coe antart che ph epg he oo Pips ale wconi oben ro consglio,cercherb qui imitate Ia sintei dei geomet, vi fxd tin iasonto delle principal argomentazion, di cui ho fatto uso per dimostrae Vesstenza di Di e I distnaione fra lo spirito € JT conpo mano: il che non sah forse di pcoolo giovamento per ‘atenzigne de letor noscere che cid sia (68 che Dio per se stesso 0 per merz0 di ‘quale ereaturs pis nobile del compo, minsia le idee del eoepo), rma, al contrario, asendomi dato una grande inelnazione a eredere ‘che eee ri sano invateo che partono dalle cose corporee, 19 non ‘edo come si potrebbe seusatlo dinganno, se in eeu queste idee pariescro @altronde o fossero prodotte da aire cause che ‘da cone corporee, pertato, bisogea confesaze che vi s0n0 elle cate corpotee che exstono 184 Obbeson¢vsgote FE comune opinions che i medic, quali ingannano i malas per la loro propria salute, ed padri che ingannana i loro ft peril loro proprio bene, non pecchino, e che male daiaganna ron consista nella fate delle parole, ma nella maizia di colui the inganna, Che i ignor Des Carts bad, dunque, +¢ questa proposisione: «Dio non ei pub ma ngaamare », press wniversal- ene, sia vers, poiché se es non & vera cl universalmente pres, non vale Iz conclusone: dungue, vi sono delle cove core poree che existe Per I verti di questa conclsione non & necesari che net ‘non possiarno mai eseteingannati (ch, al cortato, ho cones ‘20 franeamente che lo samo epese), ma tla che non Jo siamo {quando il nostro errorerendetebbe manifesta in Dio una volonti Sao a Pare re 152, enter fgho hum seco del uo se ‘ome, dopo aver comincats puende Tengo pasine se, (dave shtpeutensay st deose nel THD per tela Baceiiee hel Tete, nerves dcapelio uk tee ol 19 ciemire Teil Con nel ws tembre a quia seo ann eras oninate pee, Fn dl 166 el sontneya Ie epnins di san Agostini gre ed eae t Ges {Sit Nel te4b pubes il tats Dell feprte comane che toleo cono te aio da pare des Geni, che malgaso Tupponee Sel Paranent. dl Uniersts « uns pate elFepasopay, Taare Sve fre © masondery ¢ dalle i pon dive uo dl ea enoseatdel Gaertn Dal Vth a Teo nent dr esta eres fone telzina, alt doves snore vive lla sleadie, 9 ‘oom lta a Paro Resi, a adietarsnaxcnts pro ah ce tt Gesu « Came eh ove rcompucte «Pat ed anche al Cone me imoprendon le percurione conto Porto Reale + Fou pear "leche a portaann ips XIV e Fareed Pari fu oblate tage et Belg, ove mor al 168» Brows, Th flowoks Armd # un careana e cme tay iting vei mene tela ets, fee «ratione- Yer fr, fede nom tH pas ‘Spo niente det rants gil replay cetene, rl Saha (con esa, gun del prepa aunt) ata slo lle coe ella econ In Roni © tte scence Sache © mate 1 com « ripe Dex Cartes; ma, poiché voi ne conoscevate il presen, coi me Vavewe venduta asai earamente, poh non avete voluto farm partecipe di questopers eecellente, se prima non mi fons obbl- ato a dirvene quel che ne penso. E una condizione alla quale ‘on mi sui impegaato, se sl desideio di conoscere le belle cove non fosse in me sivasimo, e contr di essa protestercivolentiriy s eredessi di poter otenere da oi cos faclmente un'ecceaione per essermi fat tascinate dalla Volut cure in alts temps Pretore ne acordava a quel il consenso dei quali era stato steap- ato dal timore @ dalla vilenes. tice sol sem € Ie rigone sono compen I pi ele Ion Lipid Pate Rl» Lave di peau, canine di Anse ¢ Deseo. Tae pure a Merde peter cates, 0 fetcta an gran pe ule Kel ad iene wen Deter ims chee cl Mleranche Nel raat dete ele fle ee ‘Gone qe th inina onsen ail Rune dla Vis, Ale on EXO Seman torn dla atone in Di del Pate reas Srnec Tani tinge # orp tere sees Wee ope ‘mente, to seta dela facuth i penieto che Tho Te ha dato. Noi win ecm ie Dio wena seh brppute ele rerun # ab tone acetate el Jv tee dl ots oy om Sone eam Nel Ailes’ fle ewe al tem Ci nan eel eri, eh sabe costo Mlebronche gue Sintenva che Dion apne ae non per Teste sams © foes Stoners, etugend oa a nemze uM con in tein del manele la pots ¢ lh msests ch De ve po Sse pareletAroaull ad temp ava om rane sna De {ets anmoasone il Diorio Meteo © + Sage det 161, © cok {any es pm cus Maren ernst le Mads, cores fn dl ‘Sesmive de 160, Fg ss suit delle Oberon che mmenearmente't Desens Ifa con letersi meron Teil al at profane vesremamente obblign con fe nue obbicwe «| Je Gedo fe might ute non pete seainn oi, ma en ‘svn otogd te smash he ert, ua eo avon en pvt che och taccherbiers, ih res {ht che walano'9 che panama fermans = meres Reps pportane dh chidere volume ae Quote OMsin ich le ute een 16 Poiché che cost voete vo da me? I mio gio sul ato Tm pessun modo; da lunge tempo voi sapete ia quale sina io bin ls sua persona, edi prego in eu tengo il sw ingrgno © la sun dotrina, Voi non ignarate neppure gl spiaceol affar che ‘mi tengono ora occupato, re avete di me n'opinione mighore «ti quel eiio merit, non ne segue che io non abbis conoscenza ‘della mia seatsa capaci. Tuttavia, id che volete sotoporee al rio cesme, rchiede un'livsima eapacit, con mits tranguilit ‘cl agio, alfnché To eprto, libero éallimbarsero. deg afar = ene che oxime — non eersiehbnro che a ingreira © ev Stasi ifr sede i tut a signori dels Serbonn per anere of fee bain ear stnpare st ir, sen roaster Buono 1 arn 681 trvinen da Leda » Alene I rapoea ale veins Remade lant ites da oe nel town dle Medtarbed econ | cma font, Non aves, pet sent anna uli parte aki Rost ‘Tvs uardeve le onsubtasanone, sera Wager 1 Gone Is he non ancora avers pot secre. Quests pare della Ri tare, Da una leer hers x Guberto Veet (a arg 13 ire ‘aanao teeligs procrane olanlas seramo' nasce 8 ics che Arma dhs sadn dle ropa fol que sree caminay le Measo Cat, ativendo 19 pena 142 da Fades ol Pode Giese: «bens nan ma temp che l ignor rmald ¢ Dutton [coer sft, ala da 19 iemire ‘Selvin’ precedent) nan prc) meni "goln Suna mets Jol tic” Ed letra in Hera Hoe init et apie (44 (DNLr¥ a tede Mowe ‘ner Der Carte, Pari 83 Th 120, allen als psec eon {bo Armuldy dice! «Lu der del sgn Arad maces Pde sa pl mi a pat ec Or ‘eet so remeron sino anche, per la mgr pare, ‘Stondo Bait {11.12}, Dect nrebbe oat desde Aediendbat ectinieamente se teloga Xl “eso pach i oceone dl igpio spetare che forse a sorane ode che ho di me stesso, in quanto Sino ung cosa pensane, non sia Vea 0 la nosione di qualche ‘sete completo, il qusle sia picnamiente perfetamente conce- pito, ma sola imperfetamente adequate] e con una specie di ‘strasione di spinito © restrisione del pensieo Ecco perch, proprio come i geomet concepscono Ja Hines come unt lungherss saa larghezza,e [2 superficie come una lunghezza e largherza cenza profonditi, benché non vi sia lune 1% Oicon repne _thcezs senza lrghezsa, é larghezes senza profonli; forse anche ‘qualeuno potra dubitare che tutto quel che pensa sia anche una ‘oma estat che, olte le proprctacomuni con le altre cose estes, come di ease mobile, figurabile, ec, abbia anche questa pa clare vitae fcolti di pensre il che fas che, per un'aatasione ello spiro, casa pad ensre euncepita con quests eal vir, come una cost pensnte, henche in eft le proprictd e qualia Gel po convengano a tute Te ese che pensano; proprio come Ja quamtth ud essere coneepita con In sola lungherza, benché in effetti non wi sa quent alla quale, con la Tuners, ron eoovengaro Ie larghezza © Is profondi (Gib che aumenta questa dificolta& che questa vir di pen- sare semnbealegaa ag onguni corporsi, poiché nel bambi appare asopita, © nei fll affato spenta perduta; ed & questo che pli empi ucicori delle anime ei obbictano prinipalment. eco quell che svevo da dite riguardo alla diatngione reale elo spirit dal corpo. Ma poihé il sigaoe Des Cartes ha preso 4 dimostare immoral dell'animna, si pud domandare con faglone se essa sults con exidenza da quests dimostrazione Poiché,scconde iprincpi dela flea ondiaria,cib nom ne argue per nulla: visto che ondinaiamente si dice ehe le anime deli beste sono distinte dai loro corpi,e, nondimene, muniono con, To avevo steto fin qui questo seritto, il mio seopo era di smostrare come, secondo i princi del nostro autre (quali pen- ‘avo di aver teat dal suo modo i flosfare), dalla rele dst ioe dello spirito dal corpo si conclude faclmente la sua immor- tale, quando mi 2 venuto ta Je mani un sommario delle si meditation, fatto dal steto autore!, che ote ls gran luce ch’ewo gett su tuts Jas opera, contiene 2 questa proposita| Je stesseragioni che avevo escogitato per la solusione di quests questine er quel che rguarda le anime dei brusi eli ha gid abba stanza fatto conoscer, ia alti oghi, che la 23 opinione ® che * (ha Synpa invita da Descartes « Memenne i 3 dcembre 640, inguanta gms dop le Mediarion, veto latin la hima + nova Toobin nite abesiot ® cos ne sin pi, ma sian stanton corpo fgg in un ‘et modo, e compost di pacechi organ dlreat i tal moo dlopot, he tate Te operons che vedio posono cer Fate ine ds exo “fa he lunge a temere che guetopnione aon poss ovat crc ple mens gt worn se non stent © prove SS Yonsei. Poche pina inte sembea inte She pose tcoere, sca nate i emoaninay che a nce es le dl orp do pach de eco ove 1 pecol lament edn etch che inst dh queso movi= tonto, che on ino st cell spit animal sano ies tei nell mnie che neces pre a pvor prenda hig. ‘Ateiungerd solamente quiche appovo mo el che i signet Der Cartes ice rigurdo all ditisiane ta Fimmagia hone ei peor Tinea e cle rp sata mia ‘ove chee ese che nol conceiamo pet mers del rapone ‘Ei lo pis este i quelle che sea eoepore cl fanno perce pire Tesh i a ungo tego ho mparato dnt Agen Gap 15 Dells quattadelanina, ce Wnognasspingere Topi= tive i colors qua son comin che Te cove che Yedimo fon To spin sono meno cere quelle che vediamo on tech’ del compo, temp tsb dalla pita Hehe fdr allo Stow spon val Horo prin desi Soll cp. 4, “vel ba sperimenate pach wl che im materia 0" trea {ane sono come de asc “ch edie qd rr aie pote ee one rome tion scat one a ese Fe dove pretendevandore,appens ih lain, torando ol tn pener atte le cone chee sesbrarane aver apr, Ini bon ror To spt tanta Facer, quant To so | pa * GPiruita ver fast amines sorlent, pipes, bison se Gus, Ines p 130), Siberia Mercone (AT, 11, 9.388, det 21 apie 164) “1 aogd santgo sis Ald on abi tren Li adie epte et, Pose ea De nimge quanta, cop 18, Sait) sap. WM speciale Toa mi et apie ee monet dagusinus et ba deta & tare bo) we secon vipa Ui color che sane stat da poco sbarcatia errs dope uns lungs ravigaione. Ecco perché penso che si potcbbe piuttosto uovar Tarte di navigate sulla tera, che comprendere la geometia per ‘solo intermediario dei sensi, Benché sembrich'es aivtino nom poco qucll che comineiane + imparsts 1 ragione che il nostro autoreapporta per dimestrare Vesistensa di Dio, che eg ha intrapreso di prove nella ua terza medtazione, contiene due parti: Ia prima & che Dio exist, perché fa sua idea & in me; ela Seconda che io, che ho tale iden, ron posto derivare che da Dio. ‘Riguard ala prima parte, una cota sola non posso approvare, ced & che il signor Des Cartes, avendo rostenuto che ela faith fon si trova propriamente se non ne gudit, dca, nondineno, poco dopa, che «i sono dele idee che posano, non gi, in vert, formalmente, ma materalmente, eer fale»? il che mi sembea in contradizione con i suoi princi ‘Ma, per paura che in un arpomento si oscuro 42 non posst spiegare il mio pensiero con suficiente chiaveza, mi servo Ai un eserapio, che lo rendesh pis manifesto.» Se —~ eg dice — i Fredo & solanco una privazione del ealore, idea che me lo appresenta come una cose postiva said materialmente fle» ‘Al contraro, sel freddo& sltanto una privaione, non pot cesserci nessun'idea dl freddo che me lo appresenti come una com positive; © qui note autore confonde i giudiso con Tea icf che cosa idea del fed? il freddosteto, in quanto 2 oggctivamentenelintlleto; ma ae il freddo & una privatione, ‘seo non pon essere oggetivamentenellitelletta per mcero li avis, essere gett della quale un essere positive; dungue, ti] feeddo & solamente una privarone, Tides non potrs mai ‘essee postva, conseguentemente non potrh esercene ness che sis materislmente faba Gia si conferma per mezzo dello steso argomento che il signor Des Cartes impiega per provate che Tidea di un esete Que ais ww infnito & necesatamente vera. Poiché, benché si pow fngere ‘che un fal enere non esta, aon si pub, nondimeno fingere che Ja sua idea son mi rappresensi nulla di eae: Ta stesa cont sk pub die di ogai idea positions poicd, seb- bene si pos immaginare che i feddo, che io enedo essere ap- presente da uiidea positiva, non sin una co postva, non si pub, turtaia, ingere ele unidea postiva nom mi rappresent hiente di eae eh positivo, visto che le idee non sono ehiamate Positive secondo Tessere che esse hanno in qualita di modi 0 di nice di pence, poiché, in questo senso, sarebbero tutte postive; ma s000 cos! chiamate dal eere oggettivo che conten- tone © rappresentano al nosto spicto, Pertato, questdea pb hon este Vea del freddo, ma non pub ewcre fla. ‘Ma, dtete voi, casa & fale perché non & Videa del freddo. Al contatio, © il vostro giudizio che & flo, oe voila giudiate iien de fred; ma, per a6, & certo che & veissima; precsamente ‘come Ven di Dio non deve neppur materialmente essere chia- ‘muta fsa, benché qualeuno la possatrsfrie ¢ frie a una cout che non & Dio, come han fatto gVidolatr Tine, questidea del freddo, ee voi dite materalmente fais, che rapprosenta. al vostro. sprit? Una privaxone? Dangue, & sera, Un essere positiva? Dunque, aon & Tidea del fred, E dk pi, qual Ia causa di questessere positivo oggettivo, ‘che secondo la vost opinione fash che questa idea sia materal- rnente fis? « Sa — ite voi —io stesso, in quanto partecipo éd Dunguc, Pesere oggetivo postive di qualche idea Dub veaive dl eat il he, nondimeno,rpugoa in tut a vst primi Tondament ‘Mia veniamo allh seconds arte di questa dimestrazione, nella quale si domanda se io, che ho idea di un essere infiito, Dosw eisere per opera alti che di ua eseteinfinitn, ¢ prin Cipulmente a¢ posso enitere per me sso» 1 signor Dee Carte sostene che io non poss esistere per sme steno, poiché, ose mi dess Testere, mi dare anche tute le perfezion, i cui tovo in me qualche idea». Ma Vautore delle prime obiezioni replica arsai eottimente : » esere per ué non > ya. ls (AT, VIL, 208) Se vepoit acute ‘Pestogut 200 Obbecon «vipat Aies'essere preso pastcamente, ma argatvamente, di nuulo che sia Is stesa cosa che mom enure per opera Wali, Ora — tog ings — ° qulche coat & por sci’ nan per apera dal, come provercte vei per quero ehcssa comprende tuto, « che { infinita? Poiché adesso non vi ascot, se voi dite: poiché essa & pers, si sar facimente data tutto; poche essa non & per sé come pet una causa, e non le & site posible, prima di exer, revedere cio che pottebb'ssere, per scegite 6 che saebbe Jn appre er sbalvere quowurgomento il sige Des Cartes risponde che questo moda di pure, sere por sé, non dev'ewere prose egarivamente, 0a. potcumente, anche “riguatdo allsistena Ai Din: cost che « Din fi in corte md rguarda a se sts la tessa con, che Ta cnush efcente fi riguardo af sin effeto x Tee mi sembra un po anita, e non veto Beco pezehé in part i consengo co lie in part: non cm vengo. Pech conosco, beni i-pon pots essere pe me sts che posinamente, ma’ nego Io stesan dover dire ui Dio. AL onuarie, Woo tina munifeta contaddivione che yuilche ose sa per 4€ positvamente e come per una casa. Feeo perché con luda la stssa coat del note autor, mn pot una sia dl tito Alfeente, in questa gui er essere per me steno, dovrei ewere per me poticumente come per una causa; dunque, ® imposible che io sia per me ‘soo, La promeant maygiore di questo sillogismo & provata {Gd he dice eg steso, «che le part del tempo potendo eesere separate, ¢ non dipeadendo le use dale alte, nom segue. dal fatto che io sono, che io deb esistere ancora per Tusvenive a reno che non vi sia in me qualche potenea rele © poi, che sii ceca quasi da capo in tut | moments Quanto ala premessa minae, eit «che io nom poss evistere pr me stesso posivamentee come per usa cies es mi cies manifesta per Is Tuce naturale, che insano ei st fermrchhe lela provare, poich sarebbe perdere il terpe a provare una cosa conosciuta per mezzo di alta meno concent, 1! nostro Autore stesso sembra averne sconoscito la Yer, quando non ha orto negalaapertamente, Poche, vi prego, esatiniamo acco ratamente queste parole della sin risposta alle prime obbesion Goats ebbesons a «To non ho detto — dice egli — essere imposible che una ‘ova sa Ia causa efficient di se stony poiché, scene cid sia ‘manifetamente vero quando sb restringe i sigafcato dfiient ‘quelle cause che sono diferent di loro effet, 0 che li prece- ‘Uono nel tempo, sembra, tuuaia, che, in questa question, i Signifiato non debbs estere cow rstret,perché la hice naturale hon ei dice che si caratterieica della causa eficinte precedere fel tempo i ao eet « Questo sta isso per quel ee sguarda il primo membro 4 questa dstinzione; ma perché ha omeso il secondo, e non ha fngiunto che Ia stessa luce naturale non ei dice che eatattersica la causa elficente sinh exere diferente dal suo effetto, se non perc Is luce naturale aon gli permettera di dil? Ea dir vero, ogni ffetto exendo dipendente dala sus caus, ‘ ricevendo da es esse suo, non & forse evdentssimo che una Stewa cost ton pub dipendre, né eievere Pesere da oe tea? Di pi, orn cause & la casa di un eft, ed ogni efleto & Valltio di une causa, 6, pertante, s'¢ Un rapporto eciproco tra Ta causa Vefleto: ots, pam pad essen eapporte mutuo ebe fra due core Tn apptesn, oon si pur concepize senza assudits che wna cou riceva Venere, © che, nondimeno, quest stesa cost abbia essere prima che noi abbiam cuneepio chess Vabbia ricevat ‘Cio aceadecbloe ve atibuissime fe nonin’ di causa edi efleto ad ‘una tas cosa rgunrda a se medesima.Poiché qual’ lanozione di tina eavea? Dar Peers. Qual’ la noxione di un effet? Rice- et, Orhene la nurione di causa precede naturalmente la no~ one dle, ‘Ora, noi non powsiame coocepire una cosa seta i concetto Ai causa, come fonte dieser se on concepiam chess poiche nessun put dae cid che non ha. Dungue, noi eoneepi femme che una, cos fa Vesere prima di concepine chess Tha jeevute; e, nondineno, in colui che seve, il ricevere precede Vavere ‘Questa ragione pu emere ancora cosi spiesata: nessuna db (Ea. bn (AT. YH, pe 210 4am aliquam sl neione eae ut tom ceed cid che non ha; dungue, nessa pub concedersi Tetsere,trnne col che git Tha; or, se ces lo a gi, poche mai se lo dare Tnfne, eli dice «essere manifesto pr In lace naturale che la crcatone & istnts dalla conscrvazione solo dalla raghone o, Ma B anche manifesto, per la stosa luce naturale, che nulla pub create, ¢, per coaseguenza, neppure conservare se Heo, Che se dalla test generale discendamo allipotesi speciale di Dio, la cosa sari ancora, 4 mi arvco, pi manifesta, coe che Dio non pud essee per sé portvamente mia solo nepeticmente, ci nom per pera alt. in primo Tuogo cid & evident per I ragione che i signor Des Cartes porta per provare che, sel corpo & fer 8, eno deve cescre per af positivament.« Poiche — dice —ie parts dl tempo fon dipendono le une dalle altre; © pertnto, dal fatto che si suppone che questo caepo fino dora erst per af, cit senea ‘ausa, on segue percid che debi exstere ancora per Vawvenie, meno che fon si in exp qual che, per cos! die, lo riproduca continuameste Ma questa ragione noa pub assolutamente aver Ivogo quando si trata di un essere sovranamente perfeto el infiito, ed. al ontrrio, per ragioni del tutto oppose, bisogra concludereaffatto dliversamente. Poiché aellidea di un este infin, & contenata anche Finfniehdela sua durata, cia esa non &rinchiusa in nessun limite, e, pertnto,& indivisible, permanente sussstente tutta in ua volta [lta simul}, ed in ess non i pub, te nom con exrore ced impropriamente, a causa della imperfesione dl nostro spit, concepize passato ed avvenire Dal che & manifesto che non si pub concepire che un essere infinito esista, fox"anche per ua momento, seize concepire, in pari tempo, chegli & sempre stato esarh clerasmente (il che i ostio auroe steso dice in qualche punto), e, penanto, che une cosa superfins di domandare petche persevers ne Che anzi, come insegna sant™Agostino (il quale, dope gh autor saci ha palato di Dio pi altamente depnamente di ogni alo}, ia Dio non wha punto né past, né futuro, ma un eon tino presente; il che fa vedere chiaramente che non ai pub * (NAM Quite Moiese) uate eben x» senza assurditd domandare perché Dio perveverinellessere, dato Che questa domands comprende manifestamente il prima e il poi, il pussita eit futur, che deblono essere bandit dalidea cue ini, i pid, non si pub concepire che Dio sia per sé poitioamente, ‘come se eli aveuseinnansittte prodoto se stesso, poiché eg Strebbe stato prima di essere; a solamente (come i nostro autore Gichiara inp Tuoghs) perché in effet si conserva ‘Ma la conserazione non conviene alessere infinito meglio ela prima produzione, Poiché, di gratia, che cose & Ia conserva- lone, se non una continu riproduzione ai una cosa? dal che deriva che ogni comervasione euppone una prima produzione. F, per ei ate i nome di continuazione, come anche quello «i conservazione,eutcndo nomi di potenza pit che di att, pot- tune con sé qualche capacid o disposzione a ricevere; ma Tesere infinite € un atta parissima, incapace di tai disposiion lectus paris sine ula potentiate) Concludiano, dungue, che noi fom possiame concepire che Dio sin per sé poriticamente, se non a causa del'imperfeione det nosico spirit, che concepicce Dio a goisa delle cose create; it che sark ancora pit evidene per vale ragione ‘Non si domands In causa efficient di una eos, se non in ropione della tua eistenss, ¢ non in ragione della sua essen: per campo, quando si domanda la causa effete di un tlane fol, si domanda chi ha fatto in modo che questo triangolo sia Si mondo; ma non senza asurdith chiedere In causa efcente Pet cut un triangolo ba i suoi tre agli uguol a due setts ‘ed a chi facese questa domanda, non s isporderebbe bene pet Iezao della causa eficente, ma si deve rspondere sotanto: perehé tale € la matira del trangolo, Dal che desva che i mate- Insts, che non si preoceupana troppo dellsstensa del loro ‘Spgetto, non fanno nessune dimostrasione per mezzo della causa ‘ficentee finale. Ora, non appartiene meno allesenza di un e&- Sere infnito i esistere, ans, se csi vi piace, di perseverarenel- Vesece, di quel che appartenge allesserza oun trangolo o'avere i sol tre angoli ugualt » due ret. Dungue, come a chi domandasse perché un triangolo hai sioi tre angols guia due ret, n0n i deve rspondere per mezzo dels causa efcente, ma sol, perché 2 Obiciont « rigote tale & [a natura immutabile ed eter del trangolog egualmente, se qualeuno domanda perché Dio t,o perché non cessa dieser, non bisogna eerare in Dio, né fuori Dio, una causa effete, 6 quasi effciente! (perehé non disputo qui del some, ma della ona), ma bisogns dire, per tuts ragione, che tale & la nature ell escere sovranamente pet Ecco perché, a quanto dice il signor Des Carts, sche la luce natorale ci dice che non Ve cons alcuna deli quale non sia pertesan dk domandare perché esse, oi cui non #1 pous ri care [a causa eficiente, oppure, se aan ne ha, domandare perché pon ne ha bisogo io rspondo che, se si domanda perché Dio ‘iste, non bisogna rispondere: per mezzo dela causa ecient, sna solo: peché & Din, cot un essere infnito. Che se si domanda ‘quale In sua causa efciente, bisa rispondese che non ne ha bisogoo; ed infine, se si domands perché non ne ha. bisogno, Disoqnasspondere: perché un esse init, Pesistenza del quale & Ia sua eserza;poické solo le cose nelle qual & posible Ulstinguere Tesistenaa attuale dalleensa, hanno bisogno di cuss ffiiente. TE pertanto, cid eh'egl aggiunge immedistamente dopo le potole che test ho itt, i isteugge da sé, e cot: » Se io pene Fass — dice eli — che nessuna ensa pub in certo modo esere riguacdo a se stessa quel che Is causa efciente & rguardo al suo ‘effet, ben Tungi dal voler concluere di I che vi & una causa Ticercherei di muovo fx causa di quell che si om non verre mai ad ua casa prima» ‘Al contraio, se eredessi che di quilunque cosa fsse d'wopo ‘ereare Te causa effieme, 0 quas efficient, ree ia mente di ‘cereare una causa diferente dala cosa; tanto pitt che © mani {esto che nulla pub esiere in nessun mody riguawlo a se stesso ib che Ia causa efciente& riguardo al suo effet ‘Ora mi sembra che il nostro wutoredebba essere avert di considerate diligentemcnte¢ con atenione tute quete ose, pet sono sicur che non e& teolog che non s ollenda per questa [ropasizione: «Dio per o postvamentee come per una carts * feCause etclen, vet gun cana eis ~ Cl, Gus, Inde rp. 0 6 68) Quarteeicon a Non mi rests pit che uno scrupolo, che & di sapere in che tod pub evitate un cicoloviriso quando dice +che noi non sinmo siceri che le cose che concepiamo chiaramente ditnta- iente sono vere, © now perché Dio & 0 esistes Taft pon possiamo eesere scuri che Dio &, xe aon perché Jo coneepiamo ‘con chiatezaa © distinaione; dunque, prima di ‘essere cet delesistenaa di Dio, dobbiamo esser cet che tutte Te core che concepiamo chiaramente ¢ distntamente sono vere “Aggionger® uns cosa che mera sfugyta, cot che quella pro- posizione, che il signor Des Cartes come una vert costan- tissima, mi sembra fala, © cioé che anulla pd excre in hi, in ‘quanto una cose pensante, di cui non abbiscoscienza. Poche ‘con questa fate, #in Tui, im quanto & una cosa che pena eg fom intendesltea cos che il sue spiito, in quanto & ditto dal Conpo. Ma chi. non vede che ci potsono enere parecchie cose nella spicit, di oi lo apitito stesio non ha nessona eoscienza? Per ecempi, lo pio d'un bambino, ch nel vente disua madre, haa vir © la Yacalt di pensare, ma non ne ha eosciensa, E ples sotto senso tun gran numero di simi eose. Trine, per coneludere un disorso che & gid toppO nolo, soglo qui trstare Te cose il pik brevemente che mi sari posi~ bile, eda questo propasite il mio diegno & di notre soltanto Je dificolt, senaa fermarmi ad una discusione pit) minuzioss, ‘In primo Iuogo, io temo che aleuni sffendano di questa libera manera di flvofare, pe la quale tutto &revocato in dubbio. Ed invero nostro autore stesso confess, nel suo Metedo, che ‘questa via E pericloss per gli spirit deboli 10 confeso, nondi- meno, che eg tempera un poco il motivo di quest timore nel Fagunto dell: sua prima mitazione. ‘Tortavia, nom so se non sarchbe opportuno corredarla di una ‘qualche prlasione, nella quale it lettre forse avvertvo che di "elle cote non si dubita gid sul serio per davvero, ma pecché, endo. per qualche tempo meso da parte tutte quelle + che Tostono dare il minimo éubbio s, 0, come dice i nesto autore 26 Obision rite in wm alto lupo, «che possono dare al nosto spiro Pceasine iperbolica di dubitares, noi vediamo se, dope cid, non visark mezzo di travare qualche seri si ferma es) ceta che i pi fstinati non ne powano in nessun modo dubiare. Ed anche, invece delle parle: » non conorcende Tawore dela mia ori ines, penscrei ser unplo tntere:»fngendo teiuto come una coca dating, perche tale & di fat, To on rispondo niente + quanto il sigaoe Amauld ha gui aggiunto rigvatio alTimmoralih delfsnima, poighé «id non ai punto contrario; ma, per quel che sguatda le anim dele bese, benché non speti a questo Iuogo il considers, e, senza la spi= sazione di tuta le fies, now ne pasa dite pit i que che ho gi Getto pela quinta parte del mio Tratate del Mefods, rutin irb ancons qui che mii fembes cosa novevlistima che nest ‘movimento pos produ, nel corpi delle bestie come anche nei pete ele quart ateion 29 se quest corpi nom abbiano in sé tutti gli ongani est per merzo dei qual questi seasi movimentt potebbero ‘gualmente csere exeguti in una macchina; di guia ehe, anche fr noi, non é gi lo sprite (0 anim) che maove immedistaments Te menira exterior; exo. pud solamente deteminare il corso «di quel Fido sttissimo, che view chiaaato gli spiriti animal { quai, ecorrendo continuamente dal cuore per i cervello nei real, son eause di tutti | moviment delle nostre membra, € vente ne postono produrre pareechi diferent, adatandosi tat ‘con uoal Facts a mote sion diverse. Che ani la mente eich, tra i movimenti che # com ve noha parecci che nom dipeadaco affato da esa. ome il batte de cuore, la digestone dei ci, Ix nutrzione, 1a respiraione di quelli che dormono, e anche, in quelli che sono felis il camminare, cantare ed site sion wii, quando esse fi compiono senza che Jo spirito vi pensic E quando queli ‘he cadono dlls mttono le mani avant por salvare la testa, fiom & it pr i eonsglio dela ragione chess fanno quesszione: ‘cost on dipende dal loro spiro, ma solo dal fatto che ilo feos, essend tocchi dal priclo imminente, prodacono qualche angiamento nel cerello, che determina gli spiny animali a passe i It nei ners, nel modo rchieto per produrte quel ovintent, proprio come in wna machina, se che To spiito passa impel ‘Ora, poiché sperimentiamo cid in noi stesi, perché ci stu- riremme tanto, se Is luce rflessa dal corpo del lupo negli oechi ‘ella pocora ba Ta stesen forea per eestae in essa il movimento els fuga? ‘Dopo aver certo chef pub scerate a causa effcente di ogni cova? come, inting,sareeterchbero 2 Dio come ala causa prima, soln Ia segnercero i ermine dela loro ricer, ae evedestero ‘lief cana cent di rit cosa dovesse essere diferente dalla ‘Certo, mi semba che i signoe Arnaud abbia fatto qui come se (dopo che Archimede, parlando delle cose da ii dimestrate Sells Mora per analog ale igure reine iasrine nella fers Sessa, aver dette: se io eres che Ia fara non pub essere rest come uni figura rttiines, © quasi reine, ila della quale bine! nessna fora a questa dimostraione, etc esa non & vera xe voi considerate la sfea come una figura igen, cine & i fatto, ma € vera se In considerate come tina Fgura retina, in eu il qumero de ati &infnto), — come Ss. dic, il signor Arnauld, non approvanda che si chiamasse cost la'sfera,«, nondimeno, desiderando mantenete la dimostrasione Ai Archimede, dicese: se 30 pensass che quello che qui si con~ ‘he si dovesse intendere uma fguea tetlinea, {Tai della Sle sono infin, per nulla aflsto io crederet id della sfera, ferché ho una conowensa certs che Ia sfera non © punto un fours relies ‘Con le quali parole & fuori dubbio che non farckbe be stessa cont dh Archimede, ma, al contrario, porrebbe un ostacolo 46 steno, ed impede ah alt di ben comprendere Ia sua ‘imostranione, Ho dedotto qui ttto questo pi langemente di quel che la ‘oss forse sembrasee merital, allo scopo di mostrare che pongo Te mascima attenzone a non mettere ne ei sri la pia pceola cont che i tologi posano censurare eon ragone Tine ho gia fatto vedere asah chiaramente, elle risposte ale seconde obbierioni, numeri 3 e 4, di non esser caduto nel- Terre che #1 chiama cizcolo, quando ho detto che non siamo cert che Te cose da noi concepite con chiarezza ¢ distinzione ong tame vere, se non perché Dio & 0 existe; che non siamo ‘eri che Dio éo existe, Se non perché concepiamo cid con tutta ‘hiarezaa ditinvione:Faeendo Gtinione fale cose che conce- sna inf, non a ey otic € vipat Piano in effet con ehiaterzae quelle che ci ricoraiamn di aver ltrs volta concepito afatto chisramente Pichi primo luogo, noi samo sicuri che Dio esste perch prestizmo la nostra atenione alle zagioni che ci provano le sus ‘sistenza; ma, dopo quest, basta che el rcoediame di aver con ‘expito una cosa chiaramente per essere sicuri che & vera: i che nom basterebhe, se non sapestimo che Dig esiste © che son pa ‘essere ingannatoe TRiguardo, poi alla questions di sapere se nel nosto spite Jn quant esc & una cosa ce pensa, possaesservi qualeosa di cui ‘iso steso non abbia tina coneacenesattale, mi sembra che faclisima 2 rslvens, perché noi vediamo benisimo che nello sprite, quando lo si considera da questo punto di vista, ron ve ‘nulla che non sia un pensito, 0 che non dipenda interamente dal pensiero: alrimenti cid non apparterrebbe allo spirit, in ‘quanto ® una cota che pensa; © nom puo evsersi in/nok nessun ner del quale, nel momento steso che & ia ai, non abbiamo ‘ina conoscenta suse Esco perché on dubito che lo sprite, appeaa & infuso nel corpo d'un bambino, cominci a pensire,e sin eallora sappia di pensate, benché dopo non si rcordi di quet che ha peost, perché le specie dei suo penser non restano imprese nella st ‘Ma bisogna oservae che noi abbiamo bens! una conoscenza srtuale degli tio delle eperasioni del nosto spirit, ma non ‘sempre dele sue faclt, se nonin poten; di modo che, quando ( disponiamo a serirel di qualche facol, alstane, se questa col nel nostro spitito, ne acquit una conoscenza aval ‘sco perché postiamn nega con certezza ch'esa vi sa, quando hom posta acquistarne questa conoscenssattale Jo mi sono opposto ai prim argomenti del sigaor Aroaul, ho eeresto di arate i second, emi arendo senzalto a quell che seguono, eccettusto Lultimo, iquardo al qule spero no2 mi ‘ar dificil fare in modo che estes s3econct a iio paere ipa ale quart bei Bs To confeso, dungue, ingeouamente con lui che Ie ease ehe sano comtenite nella prima meer, ed suche nelle seen, pon ono adatte ad ogni sorta di sprit, e che non salatan lla ex ocith di tut quanti; ma nor da gestae ho fatto questa Sichiararione: Mho gi fits, « a foro ancora quant vate Poceae sione se ne presenters (Che ani aata quest bls rapions che ona impeito di trseare di queste cose cl Discosn sal Metodo, che ex Hingun oleae, sseranda, ineee, di faa in queste meditazion, che nom schbon exer ete, come pit woke ne ho avverito, ke non lal spirits pin fort, fon i put dre che ave fimo engl al sstenerm dalla were cose, lt letura delle quali non deessere adata, ne utile tat; poche Te credo erst aecesrie da ester coavinto che, senza di esse, non spud mai stabilir nulla a fermo © di ‘xr nella lost. E benché i ferro « il Fuoco aon sino manepaiat mai senza pericola da fanciuli © da imprudent, nondimeno, poiehé sono tlk per la vite, nan wha nessuno che giudichiehe ch si debba astenere per ei dal loro us, ‘Ore, del fata che nella quarta meditazione io non abbia parlato se non dell'rrore eche si commette nel dscernimento del ‘veto e del falso, eon di quello che accade nel conseguimento del bene e del male; € che aia sempre ceettuato» le cote che |muardano Ia fede © le azion della nostra vita quando ho detto ‘he «on dobbiamo eredere se non alle cove che conasciamo evi ‘dentemente: di tutto id tuto il contensto delle mie med oni fa fede; ed inolue Tho expresamente dicharato nelle sposte alle seconde obbiezioni, numero quinto, come anche nel Fessunto delle re meditasion; il che dice per far vedere quanto fia deference verso il gino del signer Aenauld, e quanta stima faecis di sao eon ‘eta i racramento delEvcaritia, col quale i signor Arnal udiea che te mic opinion’ non postano cone, « perché dice — no’ iteniame aricola di ede che, la sostanza de pane cssendo tote dal pane eucarstic, i soli acckdeni vi resting v ‘Ora eli crede che fo non aimeta acident ea, ma solo modi, che'non possona exere inti erenza qualche sostans , nella Otivien vip quale rivedsno, 6, pertanto, non pasion esistere senza di Nj quale ebbiezione poe con tua fia centri dl ponders, dicendo che fnera non ho mi negato gli accident seal: poiehé,sebbene non me ne sia serito nella Ditrica e nelle “Metore per spegare le cone di cui tratavo alla, ho deto tt {asia chiaramente nelle Metere, a pagina 164%, che non volevo| eg Td in queste meditaioni ho, adie vero, suppono che non fi conoseevo ancora, ma gon che percib non ne esstessero; poi Is maniera di acivere anata che si ho soyuito permette &: fare Auatche volta delle jptes, quando non si son ancora abbastanza ecuratamente exaninate Le cose, come & apparso manifesto nea prima meditarione, dave avevo suppose malte cow, che Jopo ho confutato elle meditazioni sequent Né certamente & rato qui mio proposito di define qualeosa iguatdo alla natura dealt accidenti, ma bo propastosoltanto co che di esi mi ® parso 2 prima vista; ed infiae,dalfavere io {etto che i modi non possono essere intesi senza qualche soxtanca| sila quale incrscano, non si deve arpuire che io abba negato che ‘ssi possano enerne pat nipatensa ui Dio, perche ‘tengo come cosa certiscima, credo fermamente, che Dio pud fare uninfniss di cose che non siamo capaci dintendere ‘Ma per procedere qui con maggir franchezza, aon disinis= lerb che sono coavita che i nest sensi sono toccati solo da ‘quella eupericie che & il termine delle dimension del corpo se tho o petcepito dal sensi, Poiché nella superficie sltanto i pro- duce il contatto, il quale & si necessario per la sensazione, che io ‘redo che senat di eso nessino dei nostri sensi patrebbe exer ‘mosto; € non sono il solo di quest opinione: Aristtile stew © "Cle Seamz, Meraphicae diputaions, 18, 1.34) 1 #Poi,sappateatehe che, pet non funtar com Foo an sora pet halt mgure ull eet lnmaynens net comp in pil {tanto deta feo le ler Jome etm, fe loo gal ea Sri ie, ma che mu zembre chet mie mapionament down See tanto pis appro, quanto manor art mumere dele cove donde Waa ipendere's Cr Le Mewar Dacor I {Dilla mtn der tere Bos ipo ale guat bbieson Bs okt aitri Blosof prima di me Phanno avvta, Di guia che, per ‘Sempio, il pane e il vino non son punto percepit ai sensi se fon in quanto Ia loro euperiie &toceata daPorgano del senao, 6 irmmediaamente, © mediatamente per mezzo delaria 0 degli siti corp, come ia cr, 0, come dicono pareechi floso, per mezzo delle specie intenzional FE bisogaa notare che non la sola figura csteriore dei corp, che & sensible alle dts alla mano, dev'ener pre per questa superficie, ma che bisopns anche eonsiderare tut que piceoli interval che sono, per evempio, ta le partielle dll farina, di ‘ui pane & comport, come anche er le particle dellcquavite, dltTacqua doles, deacet, della fecia © del trtaro, con It me= Scola delle quali & comport il vino, e cost tra le particle lg alte corp, © pensare che tutte le piecole superfici che ter ‘inane questi ater fanno parte della superficie di ogni ‘mp. Pick certo, quste partclle di ett i corpi avend diverse ‘igure «granezze, «dierent moviment, nom possono mai esere sien dupeste, né cot giustamente congiunteinseme, che non Festno ator ad ease parceei interval, che non sono, rutavia, ‘ont ma che son remit aria o di qualche altra materia, come se ne vedono el pane, dove sono laghisimi, e posono essere ‘rempiti non slo Waris, ma anche Wacqua, di vino, 0d qualche sito liquido;« poichs i pane rests sempre lo stest, benche ata, (© qualengue alt materia cootenuta nei suoi port sia cambiat ammesso che queste cose non appartengone alla sostanaa del pane, equind! che la supeeiie di questo non & gid quella che con fon piccolo ctcuto Tavviluppa per intern, ma quella che rosea imiedatanente ognuna dele atc particle ‘Biaogna anche notare che «usta supericie ron soltsnto & masa per inter guando tutta Ia massa del pane & portata da un Jogo it un alteo, za # anche mos in parte quando alcune delle se partielle sono agitate dala © dal alte corp che enteano * [Specie ineninaion ape signin aliguod forsale sents sci, ve quaatcn quanden une sb ecto inet iy serou recep wim abet igs ebetom fearetandy et ‘fst sen mine sit perentibils Appltur stern ilesonl ‘fun per tps sewer teem abceturns (Cz, Inde Pe 0) 26 Obieint « upee i suai poris si he, se vi som dei corp dtl natura che aleune delle toro par, 0 tute quelle che i compongons, si muorano tcontinsamente (i che credo sin vero di parcecie parti del pane fed tute quelle del vin), bisogners anche concepite he la foo Superficle & in continuo movimento. Tnfine,bisogna notre che per superficie del pane 0 del vino o di quasi altro corpo, non sintende qui una parte ela sstanzs, e neppure della quantita di questo stexo expe, ‘© nemmeno alcune part degli altei corpi che lo circon- ‘Jano, ma soltnto’sqoel termine, che st eoncepisce inter. medio fra ciascuna delle partielle di questo corpo el i corpi he Te cicondano, e che’ aon ha aiunaltz enti che quella ‘modal. ‘Cosi, poché il contato si fain questo solo termine, null { sentite, se non per contatt, & cows maifeta che, dal semslice fitto che le sostanze del pane © del vino si dice siano eambiate ‘ela seatanza di qualche alta cosa in mado tale che questa nuova ‘sostanga sia contenuta precsamente eteo gl tes termini, entra ‘quali crano contenute le alte, 0 existe ello stesso lungo, ove pet Io innanziesstevano i pane e il view (0 piatosto, poiche loro teri sono continusmente agit, neh quali esaterebbers se forse prevent), segue sccesariamente che questa nuota so- Sania deve muovere tut t nostri sensi lle stesso mado in ei Ji muoverebbero il pane eit vino, se non ci fsse stata transub- (Ora, la Chics cinseyna, vel Conciio di Trento, sesione 13, can, 2.¢ 49, eche si seca una cansersone di tut la sostanza (el pane nea sostanea del Corpo di Nosto Signore Gest Cristo, restindo solamente la specie del pane» Dove a non vedo che cost Sr possa intendere per specie del pare, xe non quella supericic che sta fra ciascusa delle sue partielle ed | corpt che le eiwon= dan. ‘oiché, come git © rato detail conto si produce in esta * tCannese drt Sur. Cone, Pri, Wen, 18,9. S042 We Sms specie pon ct Ripe ale quart bison a sola superficie; ed Avisttle tes» confess che non altunte uel senso, che, per un priviegio speciale, si chun tate, sma Snche tutti gli alr non sentono che per mezzo del wot, fel libro 3 dell Inia, cap. 13, ove sun guste pars 3) Bia aladyiges 4} aladivera Ge non WE nesta che peri che per specie intends alco che quel che & precsamente rchicto per toceae sei. 1 non ‘ve neppure nessono che creda alla conversione del pane nel Corpo di Cristo, a quale nom pensi che questo Corpo dh Cristo { precissmente comtenuto sotto la sess niperici, cot le quale sarcbbe cuntenuto il pane, se fase presente; beache, aondieseno, ‘0 noe sa B came int logo vera proprio, ma sacramental- niente ed in tal maniera di esistere, che, sebene solo mala pena possiamo esprimeda coo parole, randizneno, dopo che i onto spisto & illuminate dalle Tuck della fd, ‘oi ponsiamo coneepire come possibile & un Dio, ei a eat siamo obliga a rede Fermissimamente. Tutte quest cowe mi scr che sano ‘esi commaamentespicgute dai ici princpi, che non soltanto ron temo diver deto aul qui che posss offendere + nest teolog, ma, ab contri, apero che mi saranno grt, perche le opinion che fo propongo rela hia son tai, chest accordano con ls teologia malto meglio di que che vi aan propose d ordi ratio, Poich, 3 di vero, la Chea non ba mai insegnato (alseno, the io sappa) che le specie del pane e del vino, che restan nel Sacramento. dell Eucaretia,siano degli aceidenti ak, che sue ston miracolosamente da sili, dopo che & xa tua le a0 fanaa alla quale inrivano ‘Ma poiché forse primi tcologi che hanno preso a splegare questa questione con La flsofia naturale, erano cost fortersente persuasi che quep acidenti che torcano i moet achat finero ‘oalcor di eae, diferente dalla sestanze, da non pensare nep- pte che se ne potesse mat dubitre, esi hanno suppesto, senza serory deanna, 11, A184 18) INS pete edt at eure onl gute partes somite tor. gave he reqs poser donee ingens Plate, Slot prac munis fale, ct nnn demonstra ht: te deducanar ute sli oie ac ie raters ee hs wisant Con Haivane le taeate ale Quant Obie) 2 Osten ripe estuna valida ragione, © senza avcrei ben peasat, che le specie Gel pane erano acidenti reali ai questa natura; dopo di che hanno posto tutto i loro studio 2 spegare come questi accident possano suite sentasoggeto, Ein questo han tovato tante ‘ificol, che questo semplice fato doveva far giudicare loro thea serano sia dal eto camino, come fanno i vagsatori ‘quando qualche scriero Ki ba condotti a Tuoghi pent di spine ff inaccesibil Poiché, in primo luogo,sembra che si eaetraddican (almeno ‘qucliche eredono che pli oggeti non muovane i nostri sens che per mezo del contatts), quando suppongono che, per mu0- Sere i sens, negli oggeti ct voglia ancora qualche cout olte fe ‘perfci diveramente diposte: mentee & cosa di per se stessa fvidente che la wupericie ela basta pe il comtatto; ee ve ha ‘hi quelli che non vogiono concedere che noi on sentiamo mala ‘senaa il conta, est non porion, sel modo can eu i sensi sono ‘mossi dai foro og lls che abbia qualehe apparensa Ai veri ‘Obie i, lo spirit uimano non pud eancepize che gl act enti del pane siano zeal, e che, nondimeno, esitano senza la fn sostanzs, senza concepirt nella stesea maniera che se fossero elle sostance: di guia che sembra che wi ia contraddsione nel fatto che torts Is tostanza del pane sia eangiat, come erede Ta Chiesa, e,tutavin,resti qualche cosa di reale che eva prima nel pane; perch non spud concepire che reat di real alto che {quel che russe, ed anche se cb sia charato un accident, lo i conoxpisce, nondimeno, come va stanza. Ed © im effetti la tessa coma che se i diccase che, in vert, tutta lt sostanza del ppane & cangiata, ma che, tuttava, resta quella parte della sun oweanza che si chiama accent reale: che se non ve contrade fizione in queste parole, of certo nel concerto ne appare mols. 'E sembra che prineipalmente pet questo mote alcuni 3 iano allontanati in. questo dalla credenza della Chiesa Romana ‘Ma chi potrh negare che, quando cb & permesso © ness rar sione,nételogia,né oso, ci oblige ad abbraccareun'opi- Fione piutostn che uialta, non si debbane acepiere principale mente le opinion che non possono date occsione © pretesto 4 nessuno di llotanani dale vert dll fede? Ora, che Topinione spate ae quate eet 2 ‘che ammert accident reli non s'accon alle raion della teoe logia, io redo che si veda qui ass chiaramente; « che essa si el tutto contraria a quelle della filosofia, spero di dimesteario on evidenza fra poco, in un teattto di princpi che voglio pubs Dlcarel, © di spiegarei come sl coors, i spore, a pevantezea, ce tutte le ale qualita che toccane i not sensi, dipendana sols mente in ei dill superficie eteriore de cori Del resto non si pub supporre che gli accident slo rea senza che al mirscolo della transubstanziazione, che pud exter ledotta solo dalle parole della consacravone, om te ne ageing senza necesita ind nuovo ed incomprensbile, pe i quale quest ccdentt reall esistano senea la sostanza del pane, in mode tale {bs nom exer fat, tutasn, esi stess delle sontanze: il he non ‘ipa solamente alla ragione uinana, ma anche ‘colog, i quali dicono che le parle dela consacraione non ope- ‘ano alto che quel che signficano, non volendo cei attibuire 8 rmiracolo cote che postono esere epegate con rapion natural Taste queste dificlta sona interamentecliminate dalla spice rioue che i» db a queste cose, Poche, secondo la spinguzonc che 4, ben lang dalfesersi itogna di qualehe miracoin per con fereare i scidenti dopo che Ia sostanaa del pane & tol, al conteari, ei noe posone exc tll senza un nus miracole (ine tale, che, per ess, le dimension! vengano cangate) Ele storie Cinsegnano che ei & qualche volt aecaduto; quando, inseee del pane consarat, tra Te mani del pote apparsh della fare 0 uit fanciulling; ma non si creduto mai che questo sia saccesin per Iz cesarione del miraolo, ma si € sempre atrbito questo efeto ad un miraeolo nuovo. Di pity non Ve sulla dincomprensibile © di difcile ne fatto che Dio, ecatore ah tute le cote, poses eambiare uns £0: stanza in stra, © che quest ultima sestanaa testi preisamente soto ls stessa superficie, soto Ia quale era contensta la prima és pub dir nulla di pia conforme alla ragione, ne che ia pid omunenente ammesso di files, che noe solanto gai senst- rine, ma generalmente ogni azione in compo stn ato, si * Prima Phimaphioe, pubic Tes Eleven Amserdan net 1 20 Otis ripe fa per contato,e che questo contato pub estrella sola super files donde segue evidentemente che bx stessa superiie deve fenpre agce o patie nello sesso modo, qualunque cangiamento fecada nella sostanza chess Fiopre. Teco perché, re qui m'é permeso di dite la verith senza invidi, oso sperare che vera tempo i cui opinion che armmette li accident ral sara repints dai teoloyi come poco sicura nella fede, ripusnante ala rae, ¢aflato incomprersibile, ¢ fa mia fark anmessa al sv posto come cera e indubitaile. Questo bo reduto di non dover qui dissimulae, per presente, per quanto possn, le calunnie di quell he, volendo apparce pis dott deg Elvi! eon poten sofrre che | propanga qualche opinione SGineraa dalle loro, che a stimata vera ed importante, sogliono dive che ess ripugna lle verith dela fede, e cercano «abolre ‘con Feo ci che nom possone confutare con i raionament, ‘Mz io m’appeli dala Toro sentenza a quella dei buon el orto- ovsi tology al givdirio ed alla censura dei quali mi sttoporr sempre aes lenis scrsn mi nese teh 8 ts, che an pm Hage dave ‘ent a tmfue on ragananent femur nea ions reo Che P'Slhaano ate Sec Senrure alae vv dea fee per qs fore on cers da mph Riche yhoo serves dato dell Srlorar in buve i peinip eis ous loaf, un spgnione sadeistsnte del mer de Ears» Ta sempre unt elle sve freoeaprena di Deseane, Poche si sowia nn ase a ovo sottuve nee scsi Sse ae mon aves Frnt d Gul intr ‘coespiomaone ta ice, © i hiata edeidente cation non pte rest oh Aecpeato da une sae che aves want dele pando deseons Colom « safe Ifin Santo Saramenaa er Hane dur Smgnehe seq suai don iy Francia ed in Pan eat potent, Tench nesta non manesse, lfaasiore, di far sete fortran Uirapece dt Mavonora atten, Peres Desc, mess slo {ie Atma ed funemente I ua spy pena dr la tie dele quareobtuncnt Ml, dopo ch aver eda, fa mene spate le gute bent oa ny sppatents — sua cnteto diners sf, scivendo » Mer~ Stone de Endeweet 30 massa et die! «Vet weet the fw 8 talento lems Filags the €setrmimto di Con “Nowrdo aS. Sacumento, che petandn Gh ¢ pombe dt Doe ie fatto con Ta Filson oltre! 0 she credo che hs srbbe rgtats ‘Sine sinugrante atl ee slay fate sot cesar FE pte trmente he ian oly cn core lo seven» Tatas Nerwcme on at ent perfetamnte ero rtrd quella ‘Guin prutemte denon publi, por were pl nea Eitapprorare del Sb. eserivendoe de Frndgest 22 Tao ace oe gael ee sve mesa al oe nal pricisimente se quote a eitve a eens unpre ioe e anche se'non Tate, som eo che on ee ge oes, Mt spit Fronmce a Mrsee, oan lees da Endepent el 17 nocembee 164 Unie pes sopra scons esone fats ele 0 ‘tai he a venir: To ho slo oeandere Ye ‘tm musione 2 prope che ov (ah agree gue che ete (te dae fine den iu sponta sigs Aral iu "Fue Siete ano in Oion dele Madiston Tuts smn, Ie epesoinne th Deseret inesanes plane sade, «scandens com le “clon del Conca "ent, she el bbe presen tere a sibwcth pu teh que del Chace dt Comsngs, tu Deseeten con (crak Endeyes del macan T6A2, gh sopces oo sgn ttn che vor ms mandate del Caoeio dt Cotas sll conanna dh ‘Wiest nut mon veer pants che fc malas cot dt me Pa {het anseihe tvatoeserecondinmat nes sees aera ne “tr del Coniio vege sate la mn spine memo che i ‘Sant del ane el Vino ret per aces see deg Acie a tue hen pus, pr que, detnmineto che eer Ardent fos ‘Ste ten chee uit quel che bo ar i on aver punto Ito ae Cnc Ea or ella question te una sone fetere a ges Drove Ml, nt Osan me 1618, enti Comat Newsom tds tnt lfiacnarent, Tuto questo a ‘Reto nut sere per eto el IV volume dela eomapemdenen (Seceseui Sr Adem «Tannery fitere 4 37,367 37% #7, {ith Descartes roma alla opeptsone delEcaricin a ta gi For Ivin Aral Ep ding te supers quella del corpo, aula (Rifsna che le wanda, © le superce mesa f le du, be dpende Stata dale dimensine entriche ecapue,« che ph rere Ie ‘Ssun na che po e Tash ngine, ns Che Sa. De quest eran i Fenton slant digende per nar Papaves sole (gh scien SUN'GG capo eH ensineate chee aban at che, el sxtanes 20 Ostia ripe et cop mam gs dimension os ei aga es WASTE anu Re oe en ee Sin ets fcr shuts hth oe Meteor es se scr ee os ‘tafe ies Snot scenario Thos ie arene itty Jas poe cre ee smn oe aim TaN NE Ee: dat atte ttc ute Uh Stone pt slg ls pret fare eB co pr wn omg nc el mn TSI ns uprated “usar © dren cope dvi Suen aon, sn © ‘Gate mate come ose hl eae ins Elman lo ae sr seme a me aes Steam isa’ a sh wep {ec cs sr antares Siew" dons Sle dng ga tiara nn se and conan tps Bn so ae (Se con ne pecan fondo Get Fao che bon tae, SE ew'mosopp se se dl cts rest Ts fete misono ntact cro Bs Baty cle wom man stone Falla pe ope tor Basar osm os ers 1h o Ges ) {at up ao mn mat ren Farr mre No Sram Samet N80 3 Mo Deer, Cea nn Sai met reo Pe Mesa ns se op TITRE che waren che gute ola be ot ie dei Gesuiti, « suo riguardo venisse a cessate. ~ QUINTE OnBIEZIONT IL SIGNOR GASSENDY AL SIGNOR DES.cAWTES! Signore, a Reverenda Padre Mereenne mi ha_molto obbligato col farm parecipe di quelle sblim medicarion,che voi avet svitto intona ala flosofia prim; poiché, certamente, la grandezza del 1 1 floyoo Pst Garni (1592-1659, rtiratre dle flee di Howuro el Rinoscowda. 11 'aun nero tome Gaaend, come eee nm bigrafo padre Homes ne Vie de Pare Gane Pay 173% ps2 ah sera hn dal tro dels oat foe preva 4 chumarlo Gaendt 0. Cassendy Sula um fosis horaaisin, Secours, tcalasien, Musume ed ingenmente pats Sonora nda redo cain 1 posna vedere Ie tore della ‘fade Hung ae Windlbnd, pe nominate sas ep eee al eto eon © facet vibe da un aente lar dele Gulnte Open: Meghovle, peta, tena slant ale rr on peiona feu Desens © Gasend:€ slain dalle obbeon Re gue ee orto Te Medtanion de ula, APyptiann 09,4 Pasa, pee Roma, fa nerato da geste te Schnesil feornno det pasta wo che er nee sae ran more fra dated foe dite Europa, eagle Barbe: fine no tto in Franc one cen 4 Pies qual t= {ene Cone eat fre tae aml loot oat Crs, ‘She sngpveallrs in Olinda con luo amico Laer, ne rw (os opi Egl secs coment i Atenam due ami at Dever "er (el qual pert Bercht quct ese ante So Olund in el tempo, nom er icone, perce Deets se see dl mondo cy Oncol ripe sogeeta, ba fran penser ¢ Ia purezaa dela ditione ai son Stouriasiamente placiute, Cosi, 2 dir wero, con piacere vedo ‘he con tanto ingegto © eoraggo avoratefelicemiente a} press irom eon eau A uot ess promi, 2 tl una cop dle de ice de rnmen del cnr ists da Rom © Temas pees Vite pepo ratte a pment et prim dese Sine tft, Revol, Renee mm cee 2 Deets, IL hats ns Qo 1 ga 124 nnd per Hs Ansuan Hie Mle, Dears rine np ep a de nt pubicata ia Sa tia: Phar ron Re Ghrrurms 2 Arty of rae canaram aptetor Cvtconank. fanlc MaDi ratty Fame mpm gant Con ilo mute Tarim sreraeoe he drew suite dal Men see pel he of lm ee Dewaee© Gee ash ktmant le rr sore dau papas it fu Cased ue eens ds pate {he Ge mavtlany geome 100, npeis Menene dltle,ehe oc eh neve fatto lle servi Conv male sch ta ioe thn danene pons tito che Groend on fe he seme amie al deeate ee, poh Eno she pos exter Irene fae sues ¢ Csend. Aon probable, et, Mesenne Gime nea ena Deseaner quate owerason! & Gutend Rie mth bl puch un krera 8 Merseae dat arn 1630 ‘Secncare aad prabeimente canon rngrarimente per Tintin & ‘Gore oleh qui emmene Meson nll tees avn sea fea Drecaerurenerranon, fa Gane fe de Be sen plghine Ral had alla eve a forma sls» ot a ‘ilu Solus 29 germane 1629, Decree vingriae > dice he Si piee appendawe qualche abe ocressne de Case wall neve Thea swe ute pr cometusone dele wae Stores Ue Inet Merenoe {ia Amatedvn, 6 mags 160) cosine un nar mento ton Pave por Tune dk unmervanne Coserd sll TT nwme dh Gantend corte nelfepolri oh Dearie anche rope Sle het che ct ce eit Tamara Ferrie Cont INeteiviata-Descises pr pare de conte i Murch, che snd “nbwscnere di Francs © Covtntingpely = fae anche la el ag U"Dessnen sete # Merenne {de mterarn # mover 630) che ae tbeson 2s elle scieaze, ¢eomincate a scopritel cose ignote a rut i sel Seonsi Uma cosa aolanto mi ha addolorat: ed & che li hs desi- Alerato da me che, se dopo Ia letura delle vaste meditazion’ Sena ewe seramente ate iv, win a fue ls vere he Mencone pombe sipere a Gatton che dove tite url ul ete ea peg ainearicae Gasen dah i tiene ora tn lt eea posable acorn, © a asicrare Gas “Tit she och vo wina straa pi alo geada semper Tre "muwe vm 2 iieridoes dope Me pubblcatone de Gece ange milan cre i una eters ial dente 103, my cu Descent de Pindar, stv iss ieetowne el femomens oll capil el 17a Be es se salle Meer ithe tater: the bite oe ihe alle stamp wy # pest Nr ta sng ih fa aye he ne pet della ab ‘int es rina seeats dh non ted eat lle Mere 4 ee Jace lps prebo y una hticra 3 en dope el Wisule 44h, Deters de seen che lla ters tins th Ga Sins Renny mn we tow oe pads ape, © che al ‘ioe se anme nella sevens dot pata perce em ope ‘Cover on gh faut m al une dls desetone dl fone Eom ee oh, Drestes Tabbed Rewer, ctf taxnessn dG inet rule "El ae ee fae pte, se avout sero ("te chee he svn questo stars, db unt mene he “yuan co al spo de edartone dele quite bbs pment Nel eemain el eA Gand ph de Avoca Pronence Jat'Ring. ine ad eho Wall sito Memenne: ar dal tempo a Wuesta pins ts Slant dott cer para dele Mei wae atanysnaneserte per Party pew dh vole scope ‘Sno purtie da Pang por Monten 28 bra per purtesnane nr dat bles dele, ce clot aria 25 © prt Stine per Fargo? mur 164 a ear alo ato 22 Sune tam la ss Fite Pav nom pote tender lose (ho dle Madson pram dear age sume. Tt 26 Obision ¢vpste ti restantro dei lubbi © scrupoli in mente, io ve ne serves Poiché ho eiudieao che non renderei manifesto niente alto che a defcenza del_mio ingegno se non minchinas alle votre ap eters Lai Vals ce Alas, Pat, el 3 mio Ht, {Gasend eee eccupat nlf one del mets dh Renae Deer {ex see onan do Mens #8 ou fal suo sospodetc Sn breve Murdo srt, «elu sca Re Ie some (eestensn a Die esate della dep) ton fava trent i mete ere ut sete ona tae (Grrentt Open, 10s.7) La vedstne Jlleehburon ee temuneintorna 13 nae Ta Inet edie Honee debe ope di Gasser del e83 {0 come lees Cauend » Deca it psc dal asi le “Meaiasims, nino al psc dels crea al prime medias, nae teungendon ls dots da Pa, 18 mages 164l (omen Opes. Vi Iii). in una letra al conte Alon de Paty del 17 mage 164, Gusend serve di ener rn sllcite dy Mersenne » tetminare Te sm bbietsn, per suet Findemans (18) vole tarctee 8 De fires in Olds (Cased Open, I, 107). Le obo per foro, dung, invite m Olds mon 16 Cr, Il, 139, ma Wo 1) magpo 6a ‘Condnte come ton dsl punto dt vista dun ingen nomination, ‘atrsian © snmlaro, otanasinn — se lee mat — allo ‘i dels Resof i Dest bliessns dh Gas ern cote ine ben dino impreasone- Con icrra-s Morse de sage hat de Enaeguese, Deets linc pane dele yume bess et lo sampa, © in eter, pare de Endepes, del 2) gugro sere undies ret gm a os pena» Vanna i rete dei aoc {1 syn Caen con Ia mi naparta. A qual prope, pogo {ere wampare, ae poe, dee abies pin che Padore test 1a hapst ee the tt, poche te my i toe ce ete coment SS rape het cero Yn emene t ab ‘ents puch eve che sare: scented ver pes il topo she Sin mena fala, non bit punto che qu ce han veda ehe 0 ‘hm ti pattesrpundere non pemssana, che sro hon ve walt he ee foero stmpate, eendo nilimpuenbts i suite Te ‘sist content ance ches sup ve i est come este iohha meme: E sere che por auetann, eel ann vane pees ha'dineeo pedi, perch gt ae ton hanno pn meio he ‘oma on ps pee Shere stone ica Fi promo sche Lie a itr pre stange ls aun conn dee ita, in ll Saudi cambio Eelr ts leer, pu lle de top tne “Tiner mero tata In ropa + Grand, lee ore toe che per le ataripa dele quince bbienoni rapete, © nase as Quite eBheson 20 ragion, 0, piutosto la mia temert, se oss propor faa in contaro, ‘Faas, nan bo ponuto SGtaiont del i amico, avendo persato che soi promdercte in sete che hs fit tt guint ho pots poe attr sine Ca ‘Meneame see daprion eat Gated che te Moda Descartes ein com sana oe, contr dete anh cots ie a iogeato fe guste sora som le lets repent Sem fr prs lamer qucste 2 Gaeend cso el gio del TA 9 ‘Sohvtn'e rnp, unm per ever pubic. Sepia dh questo to di pear, Gasend Chics # Menno ii fang leer lh ‘pores dh Devcaret moor ce Foie meshes, i darandb sy erence oe tedster om ape endenoso eo i bu tencons napeat ingensnmente ty Peconic tomy gt ph he, {e'Descares see st rape dll eh see tt ems eon «wai fone line anuare un tod, glo arene fendaste tle love Merene Rs fce egpete spare [scrie, Resitorndopbels, Grend asisae ehh approtva pte fate the tseropbhcste mer oem © ‘Keer a potaseo fare equ gui. atta quests “uNves tener dr Gatend sl ante #'Alas (la Pr 19 Tako 264, ranacenta trace che og he pt poopie opin © she bo Tense stn stent dh conraatsn, cst ime epcte Pet eh {Stca prnfercone a sapienss Pore non ltt oven so prt che le nese spins foucreeonftate tat) con bo roar ma dove pron confer ‘ics (Onendl Opera, VI, i112). Qua a Deseaes,probublimente Niemenne Souter torte che avers panto um po" i segs Fell sun nopovta a Gane, pvc outers da Freyest de 22 [pte o4t() sygenarsente serves + Quanto a senor Gated, ta inn eet sre ms rg, 8 ierdese despot he Fett, pict bo sate cara denon render he Isparta 404 ‘upset oben tat acta, sonotnte che albus sempre at ‘SIEEhe pmo ca ae wl dulce, anche sel ane rer dep fre, bo ave some puesto pasar, Ma forte ei € ou dalle Fst pate, perch reaonce quale ver, ed oe lo sno ato ‘ona alle au oben per una rgone tt conti, ee leo an In ep aon mit» ulna pesee spite mune oes 28 est ripe ‘buona parte un disegno, che & suo piuttsto che min € sapendo, MeL resto, che voi sete crs cortese che credrte faclente it aver io avato alto pensiero che quello di propor con tutta sm lune da fui wine nee mipnte ale yuitebbiczan ps aging: quits gull che enero ian dle ran su sa ie bie, tn nom freer che tei vm non stale ie {4 soeda cot freee ps toto 8 che 4 me ‘Gio muito, Decree non perder ste Cred, i pur ss er commune» dune tne Sereda» Aken By chia 1645, dice, slo ho sate aur er slaw ew Te Fb Stole del sgnor Ge [Puri Gand ema aperis & meet sto epitan hare, Pain 183? inven ta eter Ne lor ‘rea foe tial nanan eho hn she ance, ce el ha ‘mest ani, sal use ho pore che ea an eats h tert aa che use ogo dt lepgre: Mi sem ce wos aianete ae {rit to chee hea tare lente Geo, one upere sees co ecilene come Caen he volts far cedee © oh spss ‘deo {Suid Saturn pot son esc En ura ters» Cos 4s"Endegese, del 25 apie Hols, nen a alse mera sto: ‘omihe fate de Gnd co lene Gaon er ene dle a ‘eg wv lac fy pees seoper acu mint planet oem S'Giove, tata dan eappucin, Antari de Bhs (1399-10, + he, TNel rnenpo Gamer Lnoraca alla rlarinne dlls sus rics feinane nico dh Gamer ee Mists mule Stirs Cs Sisto Deserts a Enugeet at pricpna del Ht parang ne Sot Fambtone tno spezane, col ale incor Ueno Sersan. Interop sul conto i Gatenl Destro patie “deqno ei ur Sorbie, send In ere appreseaa a fad To ntl ea candida dt Gasca, nse, perce, ec, on meno superbe e srerante di Deseret i ade nlfaltey store cones ai ft cls Qudtd seme. che “Sivivane St swo ease” Epon Descartes go allo or Ola frm mens, Srbere pene tsetse le a di Creede (CT giugno 162 do Amaterdam scr «itu, orale « pie fare prove te us reps ln rapes dh Descter (Gases Oper, Nis48iy B '@gugns 166) Cancnd da Pang rina d manos elie Inanze (V1, 1612) Riceatl, Surber asceees pret Ee asin per dome a pubbicnione, © ehe gues fre late Son fg fore chase (V1, #56) It bee seus er Turon ioe eur mn Bae dh Amsterdam) ean dlc aeons dy Gace, dels replen di Decaten deli nina tplca Teme dk Caster, on in apendie le Medion cartes Hato ul dk Daw Oat eins 2 plicit ¥ miei dubbi ete mie difok certo, surd verameate molto, se avree Ia pazienza di legerle da un capo alata, Poiché, ‘quanto a penare che esse debbano commanversi ed inspira iti Metoptyica, © can innanei anu prefaanella Jel bra (rita ‘i terateh in ui st esvenive che Sorte, ur preside ‘mene Deserta, panes pos Grevend un grade a sopra a nto Tate quentte pretoionsla fawn put ah Gasend (Oper, Abia “numcrae teximontze deFimpresone. she Descartes poets dela Disga Notaphyre i Caen I 8 ape Yo Sore ice star Gane dal, antares care bs eon eat tenn che in mot non ce vans e che Temenan delle ers lt ‘Stemsnne (nae Opa, SI 88). Nell aan ropante (de Pat Ope te) Ganend combate lator cartesian be alle sinaone dll spn dal core: ot coro. spa, mon ni Sra #capores «pion (ity Wi Hcy Recats I ee dt Gar Send fore dle strani rh, Sarre cvs dr Dees fen che cra Soto sin, ede dh mara ne cco prep ‘ode suo prep di fica, ma, pr confine ello sey Sb "scnassa Gen e ala Digi, « Desztes oe pe ‘tare smmamente Tuns ¢ Tawra (1, 4020) Ne soles dana Faoeedere ale nance une th Cas rat pe Fann ratingunds Ie Mediate, dt copungene Ie as th ‘Bonn, tte el lore oem muta (kee “ene. dala, 26 maren 104). Kd anche quando Regard Tat pee eurtara «rspndene i Dis escent di on Selene punta sapere fers ck Borin 4 Gaesend, da Celt, de 126 een tod, VI a), Pete nukche ingremione bx Dispn dh Gann innennnentc lees ls Sifnone det Preps pnp, pubes de Desa sn 1644, pre ne fone dimunuita. Served» Gamend da Cevech 2D aembre 164, Enico Bomiur gh dices che lai tee ube ‘Mate tt Deveney mom foe tata migore ela‘ rca, tama guest are pation ean pF atin Obata set {stan chindevane chy Gace eins # eran fierce Sana (Vg 0. Lo stesto emg dave Rivet, sexed sile Fam 13) chemiee to (C1 SH, AU eam Ganend rapes nr a orm tr 6» R28 gen Tt) ce |Nsembrasscortent — senza pension, el propia dn ie, Cocoa, amen epiamente, non emma = rove Wt Sivdands a cede he aise per puro vor ed amt aig, Del 0 Obivion «vig 1a pit piceladifidenza verso i vost ragionament, od obbligarvi 4 perdere, nel rispondere loro, un tempo che dovete impiegar Ieglio, io ne sono lontanissimo, « non ve lo consigliesi. Anvi, esto, «paras in conden, a fin Deseret tate Fes ¢ promote an autre. E apes nomen © aero fine ine v spuccrle per darren. Det ren nei bu fen, gmatce punt Deacives secede tile ble! i Gasser © co 1 cease (Vi, 2,217), Traaitente Decares ver vcnoscenea de eit saoreile cc Coen dara do sat rons te nie pte ee Sere Ine he en ca carson ts uch doe (BMULE, 1, 17 2 seas inet al woe dl ua senso E psc Gs see [Ripncue ches fosere stmpte Fete abies, cme seca fae stout conto aun sop, entre Mlercane ghee comuricaa Ie {net mss chen seumpacno, «oor consi di Desa, que dyes non saleca che ete bbe: hao empresa Talurone eae che, Clensher sea preparanda, Ma Cheer Itedute To tse i une etboion # peste © chiwe a Decree I'permevso diner cl tnduron, anne hr otter fwtorm Gacend. Quest meet, © ine bbls © rape Uetvsenonsr del’Autore de una del Tradatore: Nel futon, Dears snacks 3 naponiere le icanee dt Casend open on Pn Se lint ant ests dela Diao. La rapt, fore {Miers Cloner fu ruin fiscene a mond dra Viner {Tots ef nita a Cleve i 12 sein oa, perch I ie ‘ee ila techs. Cal suo adore Desens st seat de tne proc post, alleandene came. cust Te steve Tana ‘Bikre da Ganead vile vor tru, el recnmandoes tere dap fete isome di conies Mi Cleralet steaze dh ote rarer Fie hla epicure, © addlee nell wadusane fncese + tem: opp it dla prima rnp di Deere Eo que lo irae DDevarecom leer da tgmond, de 23 brio Hote Batt, 20) Ypio 1646 Bornes aera Gamend che Deserts re pores un pnt in fenecse le Diqusito (Ganends Opera, VL {in A> apes Gros gh tiponsecs it nen sapere male 3 peabebimente nen pee vine della sept Deccan che ei prin dat Tee, quand wa earners Foy mala che Sovtive or cement semua isan Sea Gace Desercs — et he aezemente i rmponerd rie in Sint els Teter del 5 novembre 64S, Pi Descartes fon, sv eseu poke del uo aeeruno. Sersendo al gee Now! “ign 16 dime He, Deter gt icra ce of Wr tance ron eseei neppur proporvele senza arromive, essendo certo che on sen’ neppur ura che non vi sia passaa pit vole pr la ment, che voi non abbiate-o espressamente sprepat, © givdiata ‘losers disimulare. To Te propongo, dungue, ma venealtro sezno che quello di uaa semplice propostione, che io fo, nom onto le cose che voi trattate,e che vi scte aciato a dimestrare, ‘a solo eonteo i metodo «gl argoment dk eu Fate uso per dio: {Gasser nom espacio ta, ut ie pa i ie Sa Paive Mein uae To lee im poe tempo, ull trvandest fut non potove lacimente ropsatece Quests era ance A aia Thao sh dente det 1687, i spin delle pon rgionevlena dle evn fe alla su ttc done, che pute aevano Saar ‘note er a ed apn sit gnor Caer, he ell pera ‘ewshne els sper, ba fats, dopa Tale [bbe], even ‘ts Gancnd eva domme oppo seme, « top erano ganic comune e Descartes, perch i eran ta dae apt dove tinh gens ate Be Pa rome il mggiren i Desearen «Port we IM che ar opts lk teonclisione det Ove nevemar, pet opera ‘Shean prio preao poise abate, al quale intrcennere Haber fete Cat ade lat, «mo psd ese la ete Quests Sr tenne Iostse sun sene, plas tt Ta eompagni ‘Son dsr assests soe cnn dh Gace, ve Hope ee inte Gases Oper I, p19 den preasione dt Seabic, he un hoger i Ganend Ce. Basser, Il 34-2). Prson dls ‘ens Descartes per Ola + due stich ea ot der sor ‘soe, e matumentes perdonaton Te resproce cap, es gaa. one ett sis fee H 107 tote ny 1688) & da mere 1 chet, im at Paris Gages Cavern, mabe 3b New “tytn alls sun tava Deserta, Hobn © Gasends Fao « che ‘Sree tnd alla canes perce guslo woes lfc ch goto Mentone asap Srovembre 104 che eee imps poi ‘Niele Sogo x eranp guna sors amen el rao Be de ‘aa mantenere it garamenty [Ma sl Gasset eft Hy Bent Jive in wets snes fut, Bas, 1808s L, ASortae Pe Ginvnd, prove Tg ie Dig, Par, 19277 BW Rowe, ett Sine Ue Genendl we Eps ot Fatntime, Fr, 148; C, Roe Und eda pire, Torino, 1980: nate, PSR, Le nage it dant I prmave mati XVI ale, Pcie, 143). co bison rime stnrle.Poiché «dir ver, io profeso di cree che s8& un Dio che le anime nostre sono immortal; € wovo difeolt slo nel ‘comprendere la forts e i vigre del ragionamenta che vor apie fate per In prova di queste yet) metahsiche cdlle alte questiont {de vor inserite ella vost opera Dalle coe che peso exee rvacte in dubs, er quel che riguarda la prima meditazine, non vt Juopo che mite feomi malo: poiché approve sl disegno che asete for: rato, i eisfarvi di opt sortx dh prepidizi. Una cosa sltanto fon comprendo bene, © cio’ perché non abbiate prferit, con turta semplcta e in poche parce, ritenere come incerte tutte teense che avevate conociut fino llra, per mettere poi da parte ‘urlle che riconoeceeste esters vers, atviché,stenendole tutte false non tanto spoglari di un antico preginlini, quanta rst= sinvene d'un alto afato. nuovo. Ed oservate come sia stato ineceuario, per ottenere ci, create un Dio ingannatore 0 un rnon so qual malig genio, che impiegasse ruc la sua industria a sorprendersi, benche sembriche sabe stato sufcentealle- fate per rapioce dlla vost difidenza la poca lee dello spiita {imano e Ta ols debolerza della natura ire aed, vo fingete di donnie per aver oeasione di revocar tuto in dubbio « di poter prendere per illusion: tutto que! che succede quaggid. Ma avete soi, per questo, sulficiente potere ‘Srv steoso da credere che noa sate svegho, c che tutte I cose che sono e che suocedono davanté at vost: occhi, sano false el Sngunaatrci? Cheeché ne diate, non v1 sara essiuno che sia convinto che vai sate pienamente persuao che non s& null dt ‘ero in tuto quel che avete mai conosiato, © che 4 sensi a ‘sano 0 Diao un eattive genio vi abbiano continuamente ingens "Non sachbe stato pit degno del andore 'un losnfo © dell elo per Ia verth di die le cose semplicemente, in buona fede, ‘come sono, anziché — come Vis poecbbe obbietare —ricor” nt beim 2 rere a quello, Fabbri le Mason, rcerate quel rtgogalie quelle vita? Tuttivia, poiche avetetovate @ppor- tuna for ea io nom dincatn pit te Delta natura dels sprite amas + che quests pt face a eames del corpo 1, Riguando alla seconds, vedo che vot nom sete ancora libero at yeato incontamento ed ilsione, tuttavia che, ataverso ‘gel Fanta, vi accorgte che, almeno, & vero che voi che sete ‘onl fascinato ed incantato, siete qualche cosa; cen perché con ludete che questa proposiiones «i0 sono, 1 xistos, quante ‘volte la proferite@ ls coacepite nel vostro spirit, & necesaria- Inente vera. Maio non woo perché abbiate ava bisogno d'un Sigrande spparsto, quando erseate Ra cet, per alte wie, della ‘vost evstenaa, © potevate argire Ia stesia cosa da qualungue altra delle vost ston casendo manifesto per la luce naturale che tutto quel che agice &, 0 esis. Voi aggungete 4 cid eche, nondimeno, non sapete ancora abbastanan ci che sete» Lo 0 chef dite sl ero, eve Paecoedo {ssi volertier;poiché ined consist tut il nodo dele dicot; Cin effet era questo, tito quel che bitogaava che vol vcet= caste, senza tant git e senza usare di rata quell potes ‘Dopo di cid, voi vi proponete detaminare wid che avete pensate di cisere fin qui, afioché, dopo averne tlto tutto quel che pub sofrir sl menomo dubbio, non testi nulla che non sia certo ed incrllbile Fd certo, voi potete flo con Fapprovae tone di cincun. Aven entato questo bel disegno, ed vendo fn eeguite trovato che avete sempre ereduto desire un vomo, ‘oi wi fte questa domanda: «che cosa @, donque, un uomo? ove, dopo aver sespinto di dliberato proposte la defiixione fordinaria, vi fermate alle cose che vi soffsvano un tempo di timo acchito: per esempio, «che avete un vio, delle mani, © tute quelle alte mentea che chiamavate col nome di corpo: ‘come anche che si nutrite, che carmninte, che senttee pense, os Obici vate te quali cone vai siferivate alfanima». Lo vi weconde su ib, purche ei goardiann dalla distinrione che metete fra lo spirita i corpo. Vor dite che non vi arrestavate alors a pensace gus! fhe fose Tanima; oppure, se vie fermavate itamaginavate che fosse qualosa dt steam, sine al vent, ab funce « all's, info e diffuse nelle pani pigrosolane del vostro corpo, Qu sto, Ui cet, © dogno di nota; wma, por i corpo, voi nom dabi- tavate in nessun mode che non fons una cost, It nati ela quale ceonsiatese nel pote essere Fiquata, compress in qualche hiogo, rel riempire uno spazo ed estludeene ogni altro corpo, nel poter essere percepita dal ttt, dala vista, daludino, dalledorito © dal gusto, ed esser moss in pitt mdi». Voi potete ancor exe atibuire al eoepo le stesse case, purché pon Je atenbuiae rte 4 iaseun corpos perch i ¥ento & un corpo, e, nondimend, non & pereepto dalla vista; e non ne esludite le alte cose che rifersate nim: perch it vento, it fuoco, © mol alte corp st muo- ‘ono da testes, e han la vit di muovere gk altri. ‘Quanto a quel che dite in séguite, eche son accordarate alloca al corpo fa vets di movers da se stesso», non vedo come potreste adesco difenderio; come se ogni corpo dovesse esere 44 sua natura immobile, © niun movimento potese. procedere che da un principio inorporeo, © é Paequa potese scorrere, né YFanimale camminare, senza il soecorso d'un snotore itelligente spirtuse TI. In appresso, voi esminate +, supposta Ta vostraillu= Sone, pote aserce che vi sia in voi qualcosa dlle cose che credevateappartnere alla natura del eoepo; e, dopo lung sane, die di non tovar nulla di simile in vol. E qui che comincate ‘nan consideravi pid come tin vom libero, ma come quella parte pi intima e pid nascosta di voi stesso, quale peneavate per Jo innanzi che fossePanina. Ditemi, oi geaia, 0 nina 0 chiune ‘que vo siate,avete in qui corretto quel penser pel quale ‘maginavate di essere qualcosa di simile al vento, © a qualche ate corpo di questa natura, infusoe difuso ia tate le part del vosteo corpo? Certo, voi non Tavete fate, Perché, dunque, non potreste sere un vento, 0 piutost, uno spitito sotilissimo ¢-delica- tisimo, eceitato dal calore dl cuore o da qualsas’ alta eau, formato dalla parte pid pura del vouto sangue, che, difro Quinte bei 2s in tutte Te vostre membra, dis loro its © ved con Fochio, ada «on Forecchio, pers col cere © coalesce tute Je fursion, the vi sono comunemente attribute? Se & ea, perché nom do- ‘reste avere Ta stessa figura del vostro corp, proprio come Paria toa Is tesa figurn del vaso nel quale & contenuta? Perché non pot credere che voi sate circondats dallostexo contenente che avvlge i vostro corpo, 0 dalla pelle stessa che To eopre? Perché non mi sarh permeaeo di pensare che tempite uno spaio, ‘9, almeno, quelle pari dello spazio, che ni vost corpo grossoe Tano, né Ie sue parti pi sot ricmpiono? Poiché, a dir vero, il ‘oypo ha dei picclt pri nei quali vo set diffs; dh sorta che, 15 dove sono le voste parti, le sve non i sono; nels sens gist che, ia un miscugio di aecua e vin, le parti del'ums non sono ello sesso luogo che le parti dll'altr, benché la vists non poss Liscererio. Perché non escudereste un alt corpo dal Iuogo he occupate, wsto che in tutti | pool spss che oocupate, Te parti del vostro corpo mastic e grossolano non possano stare insieme con voi? Perché non peaserd che vai vi movete in varie rise? Poiché, wccome le votre menibra ricevona molt ¢ divert Imovimenti per vostro mera, come poteste voi muoverle senza ruover voi stewsa? Certament, né oi potte muovere le altre ‘send esser mosa yo stess,poiché cd non accade senza sforeo; né £ possibile che voi non site per null fatto moss dal movimento ‘el corpo, Se, dunque, tutte quest cose sa vere, come pottedize che non ve nulla in ¥oi di tuto quel che appartiene al corpo? IL, Poi, continuand il vost esame, trorate anche, dite oi, che, ea Te cove che sono sttbuite al'anima, quests, © clot ‘tries eeamminare, non sone in vols. Ma, innangi ttt, una ous pu evsere corp, € nn icevere nutrient. In appreso, se vol site un eoepo quale noi abbiamo desrito per lo inane ti spirit animal, perehé — dato che Te vastre membra gossolane ono nutste d'un sostanza grosolana — non potrete, voi che siete ste, essere nutia con wna sstanza pi sotie? Di pid, ‘quando questo corpo, di cui ese sono part, ercsce, non ereeete forse anche voi? E quando eso & indebolit, non siete indebolta ‘ree anche voi stesa? Per quel che rguarda il emaminate,poiché le vaatre membra son si muovono © fon ai portano in nein ogo, se voi non le fate muovere, © non ve le portate wo stesa, 26 Osco ripe in che modo pub accadcr questo senza aun movimento da parte sta? Voi ehponderete: sma, se & veo ebe io non ho punto Comp, & ser anche she oa poss0 camminarew. Se, dicen ed IT vost seep & dk render bee dno, 0s siete vittima voi fica di un ingiono, non bisogea aMliggesene molto; ché se Toate sul serio, ¢ a'unpes sn solo che proviate don avere tun corpo che sit da voi fnformato, ma anche che pam sete dela hatura di quelle cose che eanvminano € si utrono Voi agente ancora a questo sche, adiritura, non avete lean sentiment non sent le cone». Ma, di sicuro, siete pur toi che vedte | color, che udite i suoni, cee.» Questo — dite Voi — on suceede punto senza corps, Lo redo ene; ma, in prima Tonge, soi ne avete uno, e siete nelcchio, che, a dit ‘ero, non vede senza di voi &, pid, potete essere un corpo, ontlssimo, voi che operate per meso degli organi dei sens Mig sembrato — dite soi — di sentire mite come dormendo, ‘he dopo ho rcorostto di non aver sean Ma, benehé vin~ fzanniate quando vi sembra che, senza servirv del chia, sen- tute quel che nen si pub temtite senza di lui, vod won avete, futavi, sempre sperimentsto ta stems faith: e poi vol ve he site sersito un tempo, ed & per suo mezzo che a¥ete sea- foe rcevuto le immagini, di cui potete adesso servievi senza ‘i hi ‘Tofine, voi notate di peneare , Certamente, questo on si ppb negare; ma vi restawepre a prove ce la aco di penssre talmente al di sopra della natura coeporea, che né que sprit ‘che si chiamano animal, n€aleun altro corpo, per delcato, stile, puro ed apie ch eso pose excre,potebbe essere cos ben pre- parato,o rievere tall disposinon, da poter essere reso capace {el pensiero, Biogne anche provare, in pari tempo, che leanne Gell bestie non 20m corpore, peice esse pensane, o, se vole, ‘lee le funsioni dei sens eter, conancouo qualche cosa inte” Torment, non slo quando vepliano, ma anche quando dormon0, Inline, bisogna provare che questo corpo frosslano « pensante ron contibuisce in aula al vostro pensiro (benché, nondimeno, ‘oi non sate mai esistita senza di ui, e non abbiate msi pensato| hulls standone separata); e,pertnto, che pensate indipendente- ‘mente da ui in gua tale da aon poter essere impeita dai vapor, tte obiecion 2 fs quel fami erie spess, che producono, nondimeno, tlvlta tuto turbamento al cervello. TV. Dopo di che, voi concludcte cos: + To non sono, danque, prccisimente ae nom usa cosa che pens, cit uno sprito, unanima, tin itll, una ragione» To Feanoseo qui i esserai ingannato, perehé credevo di palare ad un’anima umana, osia a quel prine ‘spio interno, in forza del quale Tuomo vive, sent, si muove fd intende, ¢ nondimeno, non parlavo che ad un puro sprite Poiche vedo che non solo vi siete spoiato del corpo, ma anche {Vana pare dellanima. Seguite forse ia cio Tesempio di queg tntchy 1 qual, eredendo che anima fose dilfusa per tuto i ‘orpe, eredevane, sondimeno, che a sua part principale, che i Greet ehiamano + fyguovedy, avese ln sua sede in und certa parte del corpo, come nel cuore 6 nel cervello? (non ehe eredes- Scro che Panima stews non si tovava in questa parte, ma cre- ‘lesano che lo spirit foge come aggianto ed unita ia quel Lugo itanima, econ esa informasse quella parte). E, a dic vero, vrei dovutosicordstmene, dopo quanto ne ate det nel vost Trattots del Metodos poiché voi fate vedere la dentro che vost spinione che tte quelle Fonsion, che sf atrbuiscono ordina- amente alfanima Yegetativa © sensitiva, non dipendono dal- anima regionevole: « che possono esere compiute prima che "questa sia intoorta nel compo, come sono compute tut: goent rele bese, che soi soatenateeseteaflato prive di ragione. Ma ‘on so come fo Favessidimenticato; 0, forse, ero rimaso incerto te soi non voleste che at chiamasse cl nome d'snima quel pria- ‘pio interno, in forea del quale noi eresciamo come le beste, ‘seniamo, ose eredste che questo nome non convenisse prope rnente che al nostro spirit, henehé, nondimene, di quel principio ‘dice propriamente che es anima, mente Lo spitito non serve ‘he a pensir, come asicuate voi stesso, Checshé ness, coseedo ‘he 601 sate Wore in avanti chiamato uno spirito, € che non Slate proviamente altro che une cots che pensa. ‘Voi aggivngete «che aco i pensiero non pb essere sepaeato us vole Non visi pub nogar questo, specialmente se non siete che no spina, e se non volete punto ammettere ates distin~ one tra In sostarza dePanima e la vost, s© non quella che fella scuola si chiama distinzione di ragione. Tuttava io esto, oe Oberon « mete «non a0 hene 4, quando dite» che i pensiero @ inseparable da Soin, vol intendiate che, per tuto il tempo della vores existenza, nom cesiate ma di pensate. Crtamente questo & molto eoaformne on quel pensiero di alcuni flosofantchi, che, per provare che Vanima del wom ¢ immortal, dcevano chee in un contin movimento, ioe, secondo la mia intrpretazine, che pen Sempre. Ma sara diffcile persuadere quell che non potranno ‘comprendere come possate peasare nel mezzo d'un sonae lete- ico, © come abate pensto nel ventre di votes madre. Al che Eegiungo che fo non co te voi erediate dh ceere stato infso neh vostro corpo, 0 in quuleuna delle sue pat, fia da quando exo fu concepto nel ventre di voatra madre, 0 al momento della uscita, Ma non voglo tormenta uterormente su questo, ¢ nemmeno domandari se rcardate quel che persavate quando Stavate ancora nel suo vente, 0 subito dopo + primi giorno | primi meio anni dalla vertra nascta: nd st mi rapondete ver Aimveatiato tutte quest cose, domundarvi ancora perché Ie avete simentcate, Io vogio solamente avvertirvi di considerae quanto foncuroeleggero ha dovuto essere in quel tempo il vostro penser, [per non dire che non poterate quis per niente averne Vor dite in seguito + che non site quellaccolta dt membra, che si chiama i corpo umano. Questo devesservi accordat, Poiché qui ron siete cansiderato che come una cota che pensa, come quels pare del compeeto umano che &distines da queila fore ¢ grosolana, «lo non sono neppure — dite voi — Unveria dlicatainfurs dentro queste membra, né un vento, 0 un foro, un vapor, o una ealzione, aula di tuto quel che pos fingermi ed immaginare; poiché ho supposto che tuto cid non ssintese,¢, nondimeno, senza cambiare questa suppesizione, son certo di emere qualcosa Ma fermatesi qu, se ¥ piace, 0 Spi- ito, € fate, infne, che tute queste pote, 0, piutosto, erte aqueste Fnsioni, cesino © spaiscano per sempre. «10 nod sono A Gite voi — unr o quale ltrs coma dime Mase anima turta intra & qualche cosa dt simile, perehé vei, che si pub dite ne sate In pit ebile parte, non saree ereduto essere come il fore pit sotile 0 la porsone pit pure e pit vive dell anima? ‘Fore — dite voi — queste ease che io suppongo non es stere ton qualche cos di tele, che non & diferente da quel me che io conosco, Noa ne so nulla, nondimeno, e now disputo ort la = non. dspurate ora di {quente,perché dite di non esr ula ditto cid? «To a — dite ‘oi — che exist: ora, questa coneacenz, cost precisamente press, pon pub dipenderc, né procedere dalle cose che non conosco ancorax, Lo concedo, ma, alneno, rene ancora provato di non essere unars, sm vapore, 0 qualche cost questa natura V. Voi descrivete ia seguito che casa ia SEkw'tesus owe eal svono ina tombs int modo dei ftrne tat ont ed camblaren, per quanto subitan ed im- revit ptesero sere, e Bence i padrone elevate, ed abe st Osi rate haseaste con una cadenaa or lenta olor raddoppiats, seneaalcun ‘ordine ela 0 slo capris. Le bestic — dite voi — rem han ragione: st, non hanno rapiane umanat mane hane una a lr ‘odo, ed tle che 00 ai pub dite ees sino ieragionev ie non in compaizione dell won, benché, ead st Hiscorss (fe ragione semi estere una facots tanta generale, © che jue cesser loro tant legitimamenteatrbuit, quanto quel principio © aula faclta per Ia quale esse conoscono, ¢ ce volgarmente 2 ehlamats i aenao interna. Vai dite che esse non ragionano, Ma bbenché i loro ragionamenti non sano tanto perf, né dna stensione si grande come quelli deg womiai, ondimcn © pur ‘ero che eae rapionano, che nos" in ci alta differs tea se € noi, che del pil e del meno. Voi dite che esse nom parle sa. benché 10m palin allaguiss del womin (perché non mu pen, un sale Ngoon, une. pets bles, unk {rca se diparin et alongs via, perché— aio — on sce potas uve asseme tute guste perteton, © pen i chem depo dsmiarone eo che potese posed to ene? Peng fon arte Pato aera {ute quest prferion otal punt, che lotto dose appari Soria amma ce ton manesae pir al “nals pote la ea Grate at eau ale per ion ¢ che eve foro con perfete da tam peters ral pungtec fuse omniscient, orniterte, tro, «poses ‘Tpreme grado op srt i peseion\? Ma vedendo che “ur umu af apace a cotenere tale complso © sere om Osbicon ¢ ripe «li perfedioni, perché non avreste potuto pensate che saree perfetamente feice quella natura, cui potesero appartenere tutte queste cose? E perché non eredere com deg della vost ricer if sapere ae una tale natu eita 0 no nel mondo ?Perche fon essere talmente persuaso da ceri argomenti, da sombre ‘essere cosa pil conveniente che tale natura eset, anche nom cinta? F perce, infine, supposto che eat, aon potreste negate 1a corpora a imitarione eette le alte cose, che comprendond rel loro eoneetto qualche sorta d'imperfesione? cos, senes dubbio, che molt sembrano aver condoto il loro ragionamento, bbenché, nondimeno, sis aceaduto che, non aveada seguto tut Ja sess vay é portato i loro penser altetanto lontane, aleuns bbiano rinchivso la Divinits in un corpo, alte le abbiano dito luna forma urnan, altri non si siano contentati di un solo Dio, ‘a ne abhian fabbricato parechi a fantasia loro, ed infin alte ban lnsciato andare illoro spirito @ tutte quelle stavapanae ‘ed immaginazion: siguardo ale divinit, che ban segnato fra Tignoranza del puganesimo. Riguardo a qucl che voi dite «della petfezone delfunitis, non v'ka repegnanza nel concepire tutte le perfezioni che ateibute Dio come intimamente unite ed inseparabill,benehé View che ne avete non sia stata tens in void Tui, ma Vabbiate wats dag ogetti exterior! e, dopo, a rentata, come & stato dito per lo innanai; ed & coi che ch pingono non solente Pandora come tna des ornata di ogni sorta Ai perfesion, el seul ogni dio aveva dato uno dei soi principal vantagei; ma & anche cost che formano Vides duna perfets ppubblicse d'un eompito oratore, eee. Infine, dal fatto che voi siete, © che Tidea di un essere sovranamente perfeto © in voi, voi concludete ewsere con tuts evidenea dimestrato che Dio csste». Ma, benché la conelusione sia verissima, cot «che Dio ‘sister, io non vedo, nondimena, ch'essa segua necesriamente {ai princpi che avete pos. NX. Mi rest solamente — dite voi — da esainare in qual smodo ho scqustato quest'dea; poiché non ho ricevuta di sensi, © mai essa s'@ offen a me quasi venendomi incontro; ‘ssa non ® neppure una pura prodazione o fngione del mio spi- rit, poi non & in mio potere inievi od agin eM, €, pertanto, non zeta pit nulla ds dire ve non che, ome Onis cy es me seo, eas mt €prodonts con me i gun tina ccm a ho pt vedere we cme parte Wo it eta eee at so, ef pane pete aera mecha devo stesso Quanta ac che it, vce mon porte AP Spitngr tgirls ont nem Tica che neasevate al princi, psa che possone cose {Spi wate des angel sre tre pdt hs dalle So ott aprender gunn aeaacrs di Dio qualche se ataen opt ances pemat, sien, che Dio pe sri Sil moge? tere altace Ie vinta concen, sn sta seein, che ape wn rll oo quanto sete ai insu fof ed line pent come dala conierzone {iit prferondelle eet po sale ed ativare fn alla ‘Snodcns lle pefesinn i Di he, ome ese now person ie nt nw sin er go SI opm dt nove, cs ot non psn tt dum rato Zn perf idea it Di, sta cot 2 peter & ihiura he Te nme conicege tmertaro Wor prsegue coir +E vert, rom a deve torre strano che Dio ecandom, aia mes nme quence che foie Se In mar lope sme alla sn operas Enon rmene neces the quest are i ale asad ile- Monte da qua tessa oer. Sa, dG sole ee Dio mi creat, ETN sven abbi in qualche mo prod es immagine somignen, € che concepisa gues ras ‘lunes (a qule Tes oi Dio wows conenot) pet merzo is aaa tanta per la ql conepice me seo ci che Sfnnd eo me non solamente conosco diese una cosh vat sncompitst dipendent da lv, che tende © che ‘yu snes puna tute cna gone ea pit rand che im cnn st us emp, ch ol dal uae Sipende poniede i etme queste rand oe le qa spo, ecu tov in mele He, non indefeitamente © slo in p> ‘si lets ine, be pero Ei Cero, tte quate cone oro aii ganine ele, € 208 ‘dico che non aac ‘ma vorrei, tuttavia, domandarvi da inl ametedens le deduct, Poiché,laciando da pate quel ‘he ho drt prima, & vero che #dea i Dio in nl come > iii # rigour sure dlToperi prea sls ss opr» tenis peg: ‘ta la mania di qutinesione, atl fom ese Teac, e come la dicercte? «Chen at nor diferie dope oda com ses oh non ae, dunur, che unien? oa fice alo che sna manage di petae vost es mace Impreca ci ops delPnprenione? «E ccdilnino Ste sot che Dio abhi ato» son inmate tomigiana Tn ert ci pd reer pe ee! dls fee ela ion sa i he mind i pod saps pr ron sale eno sap Povete che Dio ain forme dunt edi che pul coma cre questa rsoigics? Pott pene, tithe non ete She cenere« plvre, i eae sme a gurls ears ctor incrpre,inmenss pelea, poresina eu ie 1, aa ine c icomprenihe ala poe ise ls tkoleza de noi spi? Linvete vot vn fico sh per pote ave, teendo compris vo slay she Ie abe fonforme? Velde ache quo ¢eredbasino, pole ep vba {Suton Al contrat, pop er cbt credinePaeh Tope ‘non © sa sine lloperio, se non quando eat € a gene fas con una comunztstne dara st non ste geneata inal monde io, piet vo on ste suo lie non Fae ep Sa st mat te lee ed ft tao secondo idea chee nc cones she 00 ft te re he mogsreraoniges on i hw Con un murtore Ed anche qua send, spat che sat Sato creo da Dig ice non nee ancora pra «Va cones Fite — dite voi ~ quests romans, tll see tengo She concep dl est una ont ncompicta, ponents che Espira senza poss seme pi grande mig» Me perch uta fone puore, un segio diamine, poche Daa entai, pefnino, afta indpendent, dl ta salt ‘ote at so, end padiimo 6d eto? Fer non ie She, quando i concept genre, son concept vo uo Der gues ce cali, donde Sindee, Cero da su penes tort, concep che eg divers ton vapor ocak Wicredat sims Per aon de ache che tsa Some i resto del vom o, wi use, del spinon concer West com che concepite vo, pial ton excdor Onin bein > ragione di crcdere che Dio non abbia loro impresto Tides di se ‘eso come ha futo in voi, B, certo, ed alo & pi che sufficiente per far vedere che non @ ualden impress dalla mano di Dio, sto che, se eid fone, tut gh uomini Vavrebbero impressa in gual gion nei loro spit, concepirebbero Dio in una stssa tariera esto una stessa specie; tutti glistribuirebbero le stesse tome, ttt avtebbero #4 fui gl: steat sentiment, tuttavia, fei vediame manifestanente il contrario. Ma su quest, orm, Be deta anche troppo. {CONTRO LA QUARTA MEDITARIONE Dal vero dl flo, 1. Voi comincinte questa meditazione risssumendo tutte le cose che ereete sino sate per Io innaaaisufcientemente dimo- Sate, c pet mezzo di eat ctedote di aver apeto il cammino per ondurre pil avanti le nonze conoscenze, Per conto mio, per hon ritardare un cost bel disegpo, aon insisterd col dire inn fut che avreste dovuto dinostrarle pi) chiaramentes baste ricondiate di cio che vi stato aczordato edi cio che nan vi& stato coneesso, in mado che, in appreso, aon ne facciate un Dresupposto [ne rev trakatar ix pragjudiriun). Covtinvando dopo di ib i vostro tagionamento, voi dite «non este posibile che Dio ingunai ma, e per scusare quell Tacol fila e sopgetaalerore, che dovete a ui, ne rverate 1a calpa sul niente, di cui dite che Videos presenta spesto a vosteo pemsero,e dic siete in certo modo partecipe, sche vi callo- fate a-merzo fra Dio el ef20%, Certo, questo ragionamento & bliin, ma, senza feemarmi a dire che imposible spiegare quale sia Vien det nll © come le concepiamo, né in che Coss toi partecipiamn del niente eparechie alte cose, oservo sltanto che quest dstinzione aon impedisce che Dio non abbia potwto dare aluoma und facta i giudicare exente da crore. Poché, tanche se essa son fone sata Infinit, poteva, rondimeno, ever tale da impede di comsentie aero; 8 be quel che aves ‘onoscivt, Tavremmo conosciuto con tutta chiarezaa e cere a Oise’ ripe ‘¢ su quel che non avessimo conosiuto, non avrerma portato leu gin che oi abbligase a erederne qualcsa di determinate che ebbietando a voi stesso, vi ite » che pow vi & ogo «di meraviglans, se nos sete capace di comprendere perché Dio fa quello che fa» Questo & detio asi bene: ma, sondimeno, ve di che mcraigins che abbiate in vol onides vers, che vi Tappresenta Din enniseiente,onnipotente ed ottino, e che se- iste, nondimeno, alune delle sue opere che non sone intera- rent perfett i che, vende almeno potutofarne di pid pevfette, non avendole fate, sembra che sia questo un sego chee tbbia marcato di conoscenza © di potere © di vont, © che, meno, sia stto imperfeto ie questo; che se poi, sapendalo « potendalo, son ba volute eli ha preferto Vimperfeione a quel che poteva vere piu perf. Quanto cid che oi dite, che ctutto quel genere di cause che suole exe tratto dal fine, non & d'alcun uso nelle cose sche, avreste potuto forse dita con ragione in un'alta ceca- sione; ma quando si trata di Dio, & da temere che non rifivate iL prineipale argomento, peril quale la saggezza di un Dio, la sul prowidenen, ed anche la aut esstenza, possono exere pro- sate per ragion naturle. Poiché, per nulla dire di quella prova convincente che pub ese ttt dalla consideraione del universo, Asi cick delle ale sue principal par, di dove potete waree fsrgoment pid fori per la prova di un Dio, che considers iT batVordine, Fuso € Peconomia dlle parti in ogni sorta di xes- tore, sia lle pints, ia negli animal, sia neg uomini, si infine, in quell parte di vor steso che reca Pimmagine ed il canatere di Dip, © anche, addiritura, nel yontro earpo? E, di fatto, si sono vist molt grand) uomini, che da questa considera- lone anatomica del corpo umano non si sono soltanto cevati alla conoseenza di Dio, ma si sono credut obbligai innalzare Seqlion in sua lode, vedendo una si ammirabile sopgezza ed na cost singolar providenza nella perFezione e nella disposizione i cascuna delle parti del corpo Voi dizete, forse, che sono le cause fsche di questa forma € sitwanione, che debbono exsere Toggsto dein nostea ricerca, © ‘che quelli quali guardano piutosto alla causa fale che all efi- ‘ienteo alla materiale, si rendono ridioli, Ma nessuno avendo Quinte bein » ancora potuto Sn qui compeendere, € molto meno spiegre, come Si formina quelle urdici pellicle, che, come tante valve, apron © chiudoro Te quatro aperture delle dve camere 0 cavith del ‘cuore; né chi dia loro la disposizione che hanno; né quale sia tn loro natura; donde venga prea ln materia pe fark; in che modo il ero agente si applich allazione, i quali organi ed uten- Sila sera, ed in che modo Ii metta in opera, quali cose gli sano ecessarie per dar loo il temperamento che hanno, ¢ Farle con Ta consistensa, unione, feaibiit, grandezea, gua e stuazione ‘on cui le vediamo; nessuno — dico — fea naturalist avendo ancora potuto fn qui comprendere, 0 spicgare queste ¢ molte alte core, perché non c rh almeno permesso darnmirare quel Truso marssigosn e queinetabile provsidensa, che ha at cone senientementedigpasto quelle valvole alentraa di quelle caita? Perch non Iodate chi i Ia rconoscerh. che biogna necesaria- rene armettere una eausa prima, a quale non abbia solamente Cisposto cos) saggiamente queste cose coaformemente al loo copo, ma anche tuto quel che vedizmo di pit armiraile ele Vuniverso? ‘Voi dite» che non vi sembra di potere vena temeriti,rcer- cate ed intraprendere di scoprive fink impeneeabili i Dios ‘Ma, enché ci ponea ease ver, a€ ntendeteparlre deli scopi ‘che Dio ha vluto siano nascost, oi cui ei ht Witte la icra, ‘id, nondimeno, tom pad ntendetsi a quel, che ha come esposti lla vista di tutti quant, © ches scopropo senza malto lavoro, f che, del resto, sono tll che ne Fidonds un grandisima lode 8 Dia come s loro autor Voi dite, fore, che Tides di Dio, che # in caseuno di nay & sufciente per aver una vera ed itera conoscenza di Di e della sua providenza, senza bisogno percid di ricereare quale scopo Dio #1 € propoato ereando tutte le cose, 0 i portare il pensiero su qualche altra consderarione. Ma gon titi banno avuto la fortuna di possdere — come voi — fin dalla easit questa idea i Dios perfets ea chara, da non eder nua ui piu evident. Esco perche non si devono basimave queli che Dio non ha do- tat d'una oh gran lice, sc — etaminando opera — cereano di conoseere e di glrieare Fopersio. Oitre che eid non impedisce ‘che csi poss servre di quella idea, quale sembra, asi, perfe- au Obici ree riosarsi al masse nella conidertione delle case di questo ‘mondo, ala nt cononcenaa, te vorcte die la vei, vol dovte ii buona pat, per ron ie tt, gus che ape Poihe, hai, fin dove cede vo ce sre ius la vot cono- terrae dal momento che sete aato itso nel cop, ete ferpre reat cong ccc ch e nearest © sens Tso di peau alr sao estore, © col ave puso ita ta vata in, meta solamente in vor ate, © penn © fipanando in ott yon props penser]? Dit, dann ma Ges n buona foe, ¢ face una devesone Ingenon fides che, sccondo vo, svete stu di Dio ¢ 6 voi sea, U1. Votadavece im appre, come solzine, che «leet tuna che venbes imperita pon devote ctneiderts cme oh tutto Gitaceto, ri come ficente pate delluniverapoiche coal seh trove perf, Ceramic quia disiaione devole, ma non strata gui dla ipertesone di una pte in Guan gare, ovvro in quanto comparsta col txt, ma Bens in quanto cot & on tein ae Mead seca una propia © seca fonsone: © quandanche liste al wt, iol fenerd sempre di sapere se Tunierea ean sarc ta in fi Piper se tele sept fer sete went pons, {quanto in ogi ehe parcchiedclle sue part sono ampere Con int srs pe pret Glo Stat me ut tain saruno dei lnc ulin epi 0S, ann a eco perché, quando voi dite un poco dopo che +2 in certo modo, una maggur perfsione nefunvere i fat che leune dale pur non ton eae da ere, che se fms tte tit, lo sewo che we doe che cet» modo, un pid fans pefeioe ia una tepubbls I ao che aleuné de sci tad sino cai, che se ut feo persone dabbere- Donde Secale che, cone sera caer arabe an Buon principe Ai nn aver ce dle poe dae per citan,euniens tembre che ree dovut ere convene a dicgro ed alla digo de’Autore del'aiveno di fre in modo che tte Ie fue pat fore seni de soe E lnnche pst dine che Ja Pevfesione di qulle che ne ono cei sembra magia Pet Contraco con quelle che sono soggy quer, uly non Quinte abrsin xa accade che per accidentes pro i ban Toplende, i eewto niado, pot Fopponzione Je eattivi, on & pertamo, che per accident ehe esa splende pi cost. Di gt Eyes came om 4 desierare che 61 sian dei mala in una epublica, afinché 4 huoni ne sembrine anion, equalmente Tembra che now fosse convenient che aleune parti delfuniverso outer roggetealferore, por dar magi lustro a quale che ne Voi dive i «non avere nessun dirito di amentasi, se Dio, avendovi messo al monde, nin ha volaty che foste del ordine {alle exeature it aot epi perfette». Ma questo aon tl ‘iticolt, che emibra vi at, di apere perché non pli sarbbe Instato darvi pont fer le meno peste, senza metteri ne ordine Al quelle fallact« difetoe, Posché, precisamente come non si biatima un principe, perehé non eleva ttt soi cittading a tte gaia, ma pe ssesa aleosi per gift medic, ed ale UIncora per slinimi, tuttavia arebhe estemamente calpevoe, © fom potrchbe exatars dal biasimo, se non sotanto ne desti- hase alean alle funzioni pi lie pis basse, ma ne destinasse fnche ad aioni malvage « perverse ‘Vai dite sche non vi & Mm effetti nessunaragione, che possa are che Dig avrebbe dovuto darvi una facolts di eonoscere it grande di quella che vi ha dato; © che, per quamto destro © Sotto operat ve Timmaginate, non dovete, per questo, pensar che (Git berchbe dovuto meitee in ognons delle sue opere tute le ferfeiontche pod mettere in alcune, Ma eid non risponde alla fois obbiezion,e vo vedete ce Is dificolts non & tanto di sapere perché Dio non vi hi dato una pit, ampia Faclta di conoscere, (puanto di sapere perché ve ne ba data una falace; né si mette in questions perché un operao perfettssimo non vogtis mettre in eutte le sue opee tute le perfezini della sua arte, ma perché ‘oglia mettere in aleune anche dei fet oi dite che, «benché son possiate trattenersi dlerare per mezzo di una chiaga ed evident pereezione di tutte le cos, he possomo exdere sotto fa vostradebiberazione avete, pertanto, in vostro potere un altro mezzo per impesirvenc, che & di rite ete fermamente la rislusione & on dar mai il vostro giizio lle cose, dieu la vert non i & nota +. Ma quando anche aeste oan Obici’ vipat 1 ogni mamento unsttersoneabutanea inten per Date 1b, non & fone spe uimpereine, non conser chi irene le eu, sle Gul shan s dave done pads tier continent in poral di rare? No die che «error cna el operaione in quai pro- cede da wi che est & una speve dl prvarion, © non dla feel che ance rzeto da Dis, «seppue nelfpenione ia quant dipende ds I» Mao cone ehe non vst eae nel Feel cosferats corse proveniente inmediaamente de Dit vem, pertain slat comida pi da omano, a guano ena Estat eta on guest mperfriane i potr evar Cos, ome Ge Renin, non ot mar De imfle,non ¥ ha ai dovat lla ma sete ative dg rot «her he ofa once fae sempee dh the Spin perch son ve ne abhi da pit petty te ro ‘eal apes fal, psa fvn, ed cra immune isa Yi ggungete che enon dots nepure laments che Dio conzrt in vos formar gist i quts slo i gud ‘el qa ingnnate oie uc at nono afl vere as Itameate buon in gan penne da Dov tudo, pi ereon nel ona natur, perc pee far hese none patate Guant als psatone, nella ala con: Stele rx formal eller ¢ de pcat, ea on ha be ‘ozo nestun concord Din pice nan ume ctu 0 tts esc rts Di core la po sa, um deve ‘hum priaione, ma aslmente naione,acendo i aig fet ches dhs unt parle nl Sea Ma bene quests Aline a au ste n, ndimen, non san ite tunente Poké, Bence Dio non conc lpivaione che Sova neato te qe 2 propencnte ob che cham crore & flat, coco, sondineno, alfa, alse ton concorese, hon i sac piasiee talon, gt pes ¢ Tere da potesachesngaon oe ere ponan, et Fatore Si un potas mpotet, cco sera che i she store self non debutant cre ert aa foes, che el pet S¢& debe ed impotent, quanto scl che Fes Tautore,e ce endo potato rend potent, anche pu potent gel ee Fone nee, Pa sol fie gue Cortapente, cme os (une bine eo biasima un fabbricante di chisi di non aver fatto una grande hive per aprire un piccolo scrigno, ma, avendane fata una piceola di werle dato na forma Geadatta 0 diicile per aprilo; ost non in vert, una copa in Dios, volendo dare una potemea {i pludcare ad una sl sera creature come Tuomo, non gliene the dato una cost grande da poter bastare a comprenlere tutto, fla maggior pare delle cone, o Fe pi alte e nobilis a, senza ‘ubbio, si & di che stupies, perch tale poche cove chez a ‘oluto sottomettere al suo gisditio, nox ve ne sono quasi afta in cui la pote che gli ha dato non si row coma, incerta ed impotest, TIL. Dopo di cb, voi cereate + donde vengono i vost ero ‘quale pu easerne Ix causa. E, insane tuto, non disputo qui perthé voi chiamate Fintellett la » sala facolth di conoscere le Hc, siné che hail potere Capprendere fe cose vemplicemente fc santa alana ffermazione © seguzione, e chiamate Ia volont fo il libero arbitra «la facolts a givdicare, clot quella cui fppartiene di affermare 0 di negate, di dare il consenso 0 di rx Faro. To chiedo solo perché reatringete Fintlleto in cert li nite nom ne date nessuno alla von od all bert del ibero| arhitrio. Poche, a dir vero, quete due falta sembrano essere i cguale extersine, o, pet lo meno, Vintelletto sembra avere tanta etensione quanta In volon; poiché la yolonti non pud ports verso nessun cosa, che Wintlletto non abbia per lo Tnnansi prvists, To ho dito che Vintlletio «ba almeno tanta estensione poiche sembra anzi che si estenda pi) lontano della. voton Nato che, nom aotant la notre volont 9 libero arbitrio ron si porta #0 nestuna cosa, enon pronuaziamo nessun giudizio, c, per conseguenss, non facclamo wessuna seeta, © non abbiamo hessun amore o avversione per qualunque cosa che non abbiamo prima percepito, «di ei Tidea oa sa stata conceitae proposta| Uallintelletto, ma anche concepiame oscuramente una quantth ‘core di cu non facciamo gdizioaleuno, e per cui non abbiamo Slum sentimenta di aborsmento 0 ui desiderio. Ed. anche facolt di piudicare © wlvolta tlmente incerta che Te ragioni ‘hresn avebbe di givdicare easendo equa da una parte e dala tra, enon avendonealcuna, non ne segue nessun giudizio, benché, vo siron « ripe rondimeno, Pineleto concepsea ed apprenda quelle ose, che restano con indecive ed indeterminate Di pit, quando voi dite che «di tate le alte cose che sono jn voi, nom ve ne & nesuna cost perfetta € cos estesa, che non rconoseiate bene che es potrebe essere ancora pi grande © pid perfeta, ¢ spcialmente la faoltadintendete, a cut potete fnche formare na idea ifinitas, questo mestrachitramente che Fnteleta non ha minor estensione dell volont, poiché 220 si pd cstendere fino ad un oggett infinito. Quanto s quel ‘he rinoseet, che ola wtea volonth & uguale a quella di Dio, non gia, a dir vero, in estensone, ma formalmente», perch, di ras, non poteee dire lo stesso dell'ielet, se) definite Ia ozione formate delintelleto allo stesso mado che fate di quela della volo? ‘Ma, per terminare in una parca la nostra disputa, ditemi, Ai gracias eb ora pub extender ls ola che Fotendinen ‘non posa toccie? Fe on 9" nulla, come sembra, «Verore on pd venize — come dite — dal fato che la voloats & pi cesta dellintelleto,¢ che si estende + giudicare delle cone che Finelleto non concepsce», ma piutosto da quest, che le due facolta condo Wogualeeitemions, Vintelleto conerpendo male ert coe, a slonth ne fa anche un civ piudizn, Eeco perch fio nom vedo perché doveste estendere la volones ole # limit ‘dine, poiché ess ron gives delle cose che Vintelleto ron concepsce, © non givdiea male se non perché Timeletto on concepisce bene ‘Lisempio che voi stesn porate (per confermate in questa 1a vostra opinone) riguatde al ragionamento che avete fata del Vesistenza delle cose, & dir vero, ecellente in quel che riguada i gudizio della vosteaesstenza; ma, quanto all alte cose, serbra che sia stato preso male; poiche, cheeché dicate, 0 pittosto fingite, & certo, nondimeno, che voi non dubitte, « ee non potetetrattencrsi dal iudicare che vi & qualche altra cosa oltre 2 voi che esiste ed ulllerente da voi, poiché gid concepivate Denissimo che non eravate solo nel mond. La supposzione che voi fate, che + non avete regione aleuna che vi onines del una ‘oss piuttosio che dellaltens, vot potete, i vert, fala; ma dovete anche, in pati tempo, supporte che non ne seed. ness une bein 05 sivdiio, © che 1 volont rested sempre indifferents, © n00 si Teterminerd mai a date giudio aleuno, fino a che Vintelleto on abbia tovato pi veresimiglianza da un lato che daar 'E peranto, quel che dite in suit, ei «che quest indife- raza ni estende talmente alle cove che Vintlltto non scopre ‘on sulfcient chinrerea ed evidenza, che, per probabil che sano Ie congetture che vi rendono incline a gindiare di qualche cosa, Tl solo stro conoscerle come empl congettre basa per darvt ecesione ai giudiare i conteaio», non pud, a mio ereder, Cher vero. Poiché la conoscensa che oi avete che non sono sto he eongetre, fords che il givdii, cot este fanno inctnare i ‘onto spit, non ea fermo e sicueo, ma non vi portesk a sive {ices il ontario, se non dopo che i vostro spirito aved non sola mente trovato delle congetare cyualmente probabil, ma anche fh forts manifeste. Voi aggiungete che + aete sperimentato Ei in questi gio, quando vee supposto come fato tutto quel he avevatetenuto fer Io nnanzi come verissimo ». Ma icorda- teal che questo non vi & ato acordato; poiché, a dir vero, voi thon svete potu ereders, né convincervi non aver mal visto mn sole, ne la terra ng uomini; non aver mai dito niente, Ai non aver mai caraminat, né mangiato, of serio, né palato, tft alte sili acini cot minster del compo. ‘Da tutto cis pd, infne, cancludere sche Te forma deller- tore enon sembra tanto consistere eel malo uso del ibero abi trios, come pretendete, quanto nel poco rapporto che vi te iT giodizi e ln cosa giudicats, che procede dal fatto che Tintel- Tetto concepisce Ia conn diversamente da com’. Rezo perché la capa on viene tanto dal Into del libero arbtrio, perehé «sso indice male, quanto dal lato dllnlletto,perehé non conceisce then Poiché pad dirs che wi & tale dipendenaa de libero abirio Galfntlieto. che, se Vintllto coneepisce, 0 pensa di conce- pire, qualche cost chisramente, alla il tibero arbiteia porta un Fidiaofermo ¢ sicuo, ia che questo giudizo sia vero di vda che sia stimato tle; ma se concepite a cosa solo oscuramentey lors il iberoarbitto pronunza i suo giviio solo con timore fd incertezza a, pertanto, con questa credenza, che eo & i ‘ero del suo contatio, sia che, per eas, i giudixo che pronuns Tin conforme alla vert, sa anche che gli sia contrario. Donde a6 Obici’ ripe acca che nn € tat in oat pee trent alert, Seanad prsrare else, ech, per sami core fre nat prope gion ata hsgno fr lets ST sosto libro ata, qn di appa Hato pe Tit che concent, he non mance ml ese sete {son mre ep sero puta T¥. Voi coneladete agenda i fut che ponte taste da gusta netarine, ein pr tempo s presente i sew eve fae por perenxsil concen dl vi la use vl it che pervert iniliiment, ev semen suentnente fu toe Teese che concept perctamenty ¢ sel septs date ate ce non concept se non con confine ed ner Ferché ib nan tvsamerte sro anche tle che fate la precedente mutation, snes fs qa hu puto cere con yrs, sembra ace sth inte sper Nate tae ‘hel diel on & sapere te deb concept cane “haramente€ dtitamere per tom inganar, wa ben Sspere come e per mezzo di ual td i pu Hwee fete uintligena cou chit «sin, de eer se ‘era, che non & posible che Coguniane, Pech cae terete che vi atimn obits, fr dl pnp, she pone She'cngin se undo ser cone ta font charamenee dtianete che eedana st non ptr onoseere mult di pio chiar edn. Vt seo vet ty Suction, «ttt smosncra maton i quate 8 gut mtd gem cna che date pcp ‘vente leone cox 1A QuiNta srprTAtIONE dell eiense di Dio Voi ite, in prim 1uogo, che »v'immagiate distntamente la ‘quant, ciot Pestensione in lungheze, larghenea © profondias ‘come anche il mumero, la figura, Ia situation, il movienenty € Ja duratas, Fra tutte queste cose, di cui dite che fe idee sono in voi, voi prendete Ia figura, e, tale figure il triangoloretlinc, iguardo al quale ecco ei che: « dite Ancorché nom vi sia forte nine oben > Jn nesun Iwogo del mondo, fui del mio peniero, una tl gu, Coon ve ne sano mai state, nondimeno V2 una cera natura, © forma, o essensa determina di questa figura, che &immutabile fe eterna, che io non ho inventata,e che non dipende in nessun ‘modo dal mio spirito; come appare dl fatto che si poswono di mostrar diverse propriets di questo twiangolo, ci che i svoi te angoli ono upvali a dve rts, che Tanglo maggie & sot- tesa al lato magore, e simili; le quali, adessn, sia che Jo vogla ‘© m0, riconosco con tutta chiarezsa ed evidenaa essere in 50, ‘benché non vi abbia prima pensato fm-nenun modo, quando mi sono immaginato per la prima volta un tnangolo; © quindi noe SS pub dire che 10 le ahbia Ste ed invertatex. In eid consste furto quel che voi dite riquardo allessenza dele cose materials ‘wiché quel poche aggiungete di i, tende e ritvna alla stessa ‘ost: con) nda & 18 che voglio fermarmi To nota tltanto che sembra grave veder stabilre + qualche natura immutable ed eter, divers da quella d'un Dio sovrano» oi dircte forse che non dite nulla, se non eid che tut i giori sinsegna aelle Sole, cok che le nature 0 le estenze delle cove ono sterne,« che le proposzioni che se ne formano sono anche {una eterna verita, Ma anche questo & durisimo e diffilisimo 1 permuadertene;e, del resto, come comprendere che vi sia una natura umane, quando non w nessun Uomo, © che I rsa sia un fiore, anche qusndo non vi & ancora nessuna rosa? To so bene che esti dicono che alta cos & pasate delessenza date cove, ed alten cosa & parte della loro esistenza, che 2e~ tao d'accordo che Feristenza delle cose ron & da tuta Uterith, ‘ma, eutavia,vopiona che Ia loro essen sia eterna. Ma se questo vero, essendo anche certo che quello che vi & di principale nelle cose Pessenza, che cosa, dunque, Dio fa di considerevale, quando prodice Pesistenza? Certamente non fa nulla pit) di un sarto, ‘quando riveste un vomo del aso abito. Tutavia, in che modo sosterranno esi che Tessenza deluomo, che &, per evempio, in Platon, sin eterna ed indipendente da Dio? in quanto essa & uivenate, diranno, Ma in Platone non v2 nulla che on sia singolare; c dif, Fimtlletto auole sl, da tute le nature simili Viste in Platone, in Socrate ed in tut li ale! uomini,formare tun eerto concetto comune, nel quale convengono tutti, © che os oss puis ene. per conteguensa, essere chimato una natura unic venale 0 Tessenzs dellwomo, in quanto si concepsce eh’essa comicne a tutti in generale: ma che ext sin stata universe ‘ima che Pltone € tut gli ltt aomsinifosero, © che Motel aves ftto qu stazione universal, vertamente non pu sigur TE che, dangue, dtcte voi, questa proposzione: »Tuome & ainsi, pon ta fore vera anche prima che vi fosesleun vom, qin tte terita? Per me, si dir francamente che non, oneepiseo punto che fose vera se non in questo aenso: 46 mai v1 sunk ische vom, dh ectssitasarh animale. Poiché, di fart, bench sembri essere diferenza tex queste due propos soni: ‘he eno he sto per fo invana da tata Teter © che sa Steramente nelfstente +: er che voi coneepie on isi Glave cose tn Di, ai cul non pete diminie,né cambiae lla ef Inge, che» quste cove debono evee consierate Gh vic en ogi cura euminte po prespitle «coven Ween TTT fine vo dite +che la cereal eri og sien ou ‘oo iene cont ateoltaente dlls comscenan del ver Dio, che fenea ¢impositideaver mai sume cetera veri wien Ke portte questo strpos Quando conidero enn ts nator del rangle, sono evidentomete io eh son un po! versa nla peomorin, che sci te ang ane upul > fue ret enon mi © pose non cede mute spice i ‘i persica ua dimortanion ina totehé neo tl, tncorché mi siowveng cd ver chiraente compre, tata Pub fcmente accaere che cbt della sun vem, cigar fhe vi é un Dio. Perch pono comin di esee ato a fle dalla natura, chemi pons facimen ngannate, anche pele ove che cred di comprendere con a magpie evienen © teem; vino prncipancnte che mi senda vere svete st rato moe cone cme vee creche in appre le agin tn Rano porto a gisar come sultant ie, Ma po he ho rcononcst che vt am Di por fatto he, in temo, ho rapa anche che tute fe eave dipendono da che eli nom €igannaore ein spot» cio ho padeate he tao quel ei concen chianment ¢dietumeme on bub mon este ver, aebtene non pens alle ran pe Te Sli pina ed eer, puche mits Sees hiraeate eeisinamente compro, non mst po porte tesa gnc entra che facia even bbs ‘cone ho una vera cra scien, E qua sma sine tstende anche tute le alte cone che endo i ayere aa Sol dimomrae, come le vert di omer esi A gusto, Sore, vedendo che parte cot sroments, «ceded nee helo ciate por dave ono vc lo pe! ropondere Se non che ser iil che rovate sake che a comin he soi site nto ara volta eo ev del vei dle dio seein’ geomtricted: quant lose oy ce ave ego tn arwscenea dun Din Pic eft, gute dwar sono a tal cvidensa ¢ cetezs, che, sen atender theta ‘Eierason ci stappano ds lc soe i comers © a tla Somes, om permetin al not aprio i rete pi te sowpse.sgurdo al epnsne ce ne deve ase cea cen Che's sbi tanta ragione non tere guste Fe mare Si queleaivo geno, che eve incessant aspen vate ie as [quanta fe aveate quando aves sstento coi afemativarente ‘War ipa che potest igarnart guard a questntc- Rite al sua concurs Tope, meets bench Sfor non fase aneor como delesitenna di un Di. Ti ani, ence sa vee, e aon sia ml i pi er, cot © Diy aor «om Snanare ata che questo. non srbra cere esl evident come lo sono Ie ‘fswrstont of geometia (el che nom ef Yue alta prove © Sion che wo ta ce mono in dubbioVeistenea di Di, IWereasione del mondo una suant alte cue, ches dcono {H Din, metre nso eroa ta dubia le dimosteion’ di geo Smet ci sod col che pod Iscari pernadere che quate Trutian Is fro evidenas¢ loro certeaza dale ale? E chi tor cedere che Diaora, Teodoro et lat ate nan pose Tito ener rea crt dela eit uate specie di imostrazioni? Editing, dove overt vt ch fterroqato sua sua su cer {erm che in ope tnangolo retanglo it qundrato della bse & Mute a qudt dt ti spon che ne € sero perches CEEVia ue Die che non pub ingarare,e che ator di ques Seri ed ate le eos ee tone al mondo? Ma, pists, dove “Shur che non spond che eg ne & oro pooh so set tment, ¢ ne tfrtementeperauno da una dmostaone ato male? Core, + maggorrapon, & da prenumere che Pie fora, Pltone,Avchimede, Elie tt gli anichi mite franc darebere I sem rosa, non sender, smb, {eppure uno ta loro che abhi peaato in qualche modo 3 Dio fe rncuars dela vert el taldimoserion! Tutti poche Fine vet nw rispondsrte del at, ms slo 6 vi se {Et ret, state ai ura cout Inve pa, nan VE moive {intrepid te Dalton dle cone materia, ¢ dalla ditincone reale ire Canina 3p alum. 131m fo aw ee i ee oe sn mat Ja pone eater in Sata soe cnet come ogg dele matemsche pres, hence, ondimenn cease mae ‘ano get dll matorache mist, e quel detec pure, come i pont, i ites, wperice © ging won Tossing store esa eta rel Mi femo solamente a8 gc, che vokdtingute di sumo {Sue concern dalla speto mano, fen dubo, faa ‘Guus alla tapone non voler repingeteseriamente come i ‘hero adits cone le, ete ese, pet oa che gull ‘Son pesano sere con espn son in cb ses pl see eS ton ria ps conaeie pi eee “oun «quia che ho det, che # hon conoeevo acora sovattane ce fue ua cosa ce psa vet, come dt, Sho Tabbie det sal evo, pce Uo spies 3 #0 10 SMBppare he ho set che ton dubtane ia che conse le Satur del corpo «che om fs atu la fl mover nad, e neppre che immagine anima come an veto 0 ut occ ed he cue sin, da me riprate sl og, condo Teoptione del lg slanente er for vedere dopo che e380 fate‘ con quale buona fede te voh che +0 ferico al Yuna te feels camminare, 6 nie, dl uatih, «s» erect tos meatamente po, ggungere quest pe Mel so'w acer tuto cb, porehe oi gonrio dll sea {Tainsinee lo spit ei arr? Tn quello steso Log bo det in termini eplon che a nutstane bon dover sce rie- ta che al eorpo! yo oan gard sents came Tre afore anche, per la magi parte, al corpo, © 200 esbalsoaurima nll guano copes ante salen che t 8 pete Di pus at raion ate di ire +ehe non vee bison a a eae ere rrp pensiero, ena non quella del mio corpo, che pareegaia. E lo seas «di tutti gli altri, 7 at ieee eee Be eee ree se taatasene sat esa e) Sere as Pee des iopers ee ne Pine pel te ep epee ele! ee eee ne Io credo apse legit ebesio oat 111 Quelo che agsungete in sqsito non ba wns fra ee oti, Ste ison an corpo se «dels echt a emi? of oan, Poche xg swauamente we cr per ermine oe vo pe te ove is onc mabbetate Gum temp Ia ea en, € 0 Se Te agri, ma, dmulanole come © feo ig iprandateimpertere eton, copie Si re Slane J mt mote obieson che fe pesto BIeo ete oa pion oppor alle mie coneoioi ° eee ee tmwomagian, 0 che che non tun sll 2 a cle qu obi oso Itane ds ae ca eS se Ioge conte ots on Ene on da a ccna de sone domande, amen errr ceto woke Ie see coe dt Me i ae bite slant in poke pare a el, ee a etsaca ea da poner ttre dle peste wn 2 lt che non adans tat ala fora del 36 verte ac alle iain dle gre, 10 wf gd mento no appaovaone da vole perder i PO wefan mut per seguir som aunque emer gui che non weed, quando ernment eens ean pova che 10 Se Tinie ol corpo; pouhe dl fatto che 680 908 se Aan into cotperetamente coe in gull PASTS Thleen che spon fe sue amo poor eee mae Spa ed alse fom compre, see stato he Fae tw cop. we ere cae om, a ie re que sone di operons ntl gua € do TE tt a nen il che i corp To fends pid © mene ae er in ty Ta connegenca che vol tate 3 Tee ne ce a ato ebe un agian non vor ee re rie che see dun extivo atese, arte he 0 SIMS tilts e ta sccnn dlr so dls Bont det Se che notre che non sembra o Cane, che ot ey RE athe met chs ra sien va del agin, i ote che gunn mi mtrbeono€ m x800 | rae et deve eae soe, die oe, « Becht em ba tbs’ rigae serion! deloeehio, mi sin sembrat taba di senie de ‘eae, che postno tenia’ sea di at, nondmenn non ho Spee rimentaosempe lasts flit comes to fre agen ‘ufc or dbitare una cm, Pavia tls omen tarore, © come pote accaders che tte le wlte che vias lino potesino secorgeeen: isto che al comtara, Terre to consists rom in gust, che eo on appa we none Infne, poche mi ehiedete svete dite rine, quae mn 28a osteo nena, € sets, tondinena9 seine, cage sblgato al atv he, per hen Sastre, son ee Bhopre 4 prove he tate ele one che mon ammetame come ee sono fake pecché ta aro erth non ci conmeltn, Banga solamente guards con is magne cu dalfammetre coe ‘ro, coche non pam dimontar eer tes Feo quonan accorgo di ere una sontanea che pea, forme in Suet chiar ¢ isnt di quest sowenea, nel quale rom © contents null di quanto apartione af coast della sostanen cartes, ‘erminatadalfintliewo, dungue non & esa che i tiene in aris, rma sotanto accade che, come si portaea prima vera il fsa che Te era proposto dallinelletto, cgualmente per caso st porta oft sereo il vero, perché &Vintellto che lilo propone. Ma ancors, ‘arte sapere quale, secando voi, la natura dl false come credete che eto poseaeserePoggettodeintlleto,Poich i che ‘er flea non intendo altro che la prvatione de vero, tovo eer tins totale ripugnanaa a che Vintleto apprenda il also sto la forma 0 Vapparenza del veto cid che, nondimeno, srebbe neces sario, se fone esa determinae la volonth ad abbraciae i fale, TW. Per quanto riguarda il frurto di queste mediasioni, sembra di aver avverto abbastanza ella prefazione, che ero bbiat let, che esso non sard grande per quel he, non preoce ‘capandosi di comprendere Pordine ei legume dlle mi rion, cercheranno soltanto di wovare ad ogni occasione motivi di sputa, E quanto al metodo che einsega a dscernere te cose, che 4 fatto concepiamo chiaramente, da quelle che credimo sela- rnente di coneepire con chiareza e distnzione, benché io creda 1 svrlo inacrato con mols chaser, come gi ho dett, non ‘sere, nondimeno, ripromettermi che possina facilmente com- Prendelo quell che hvoruno #1 poco a spoglie dei loro preaia- tinh, da lamentarsi echo ia stato toppe proiso dante rel mostrare il mezao di disarsene gone alle gine oiecio 1. Peiché, dopo aver qui sipnttaalane dle mie pas soi gents the tu que hein ho ht cg aa See peapta, sono oigato ad asvertie i sore che sere ee panty abbasanes lla cores di qua che Wino piehe ered tale ce pr la prov i ogo = weer te eve che precedes w emtucona, she OPE pe quelle ce eguone: ce non pret Meebo gus che ho det ai guakhe que vr sean ipartee im pari terpo tro quo he o sito dhe sre ‘uta ci ee dite, che oi sembra dro di vedere sabi 1c toon Sumnnable# ders dieno da Dios, tte snes tame ane cons tnt, slamente se ab eat meme inutile, che hs immutbih oasinn dipendewe du Di. a, propsio come pct mal SEER Slain sno sta fa of odin da Give, ma che, Topo avert sabi cpt stos sv sa obliguto. = manene on ure io on ced in verity che Jeena dle oe, € ‘fil we ptenatice ce see poston onowere no Minden’ de Dio, mn nondimeno, credo che, poche Dio eetsins cated he’ duposto cosine immutable cers; Behe cs semi dre tie, miporta packings « the bt che ta eo Gano theo alegre in sept contro univer disci non mi guia, pie coer in une anes fat vere dae ; . Siaipr qd be rguarda le exes che consi hint tment tere ome quel ast aga ache Toa'agu genera, fr fens eonesare chef ee etc ce sono intl non sno sate ete dle cose singles foil acs che viimusve sy dicaale fl, slant Tre on i acrdane con Fopimone da voi conceit dll natura dle coe The un po! dopo wi dt he Popge delle pure mie tematiche, eome il punt, la linea, la supericie © indivi, fon pub averealcunaexstenea fuori delVitellett , donde se neceesatiamente che nn & ma esisito nes tiangola sl mond, nulla di rutto quanto nol conceplamo apparenere alla nature Sel trangolo, 0 4 quclla i qualche altra Rgura ai geometia, € ‘quind! che Ie essenee di queste ene non sono state trate dalle ‘ose sistent, Ma =~ voi dite — este sono fae. Si, seconde Ia ‘ostraopinione, poiché supponete che la natura delle cose sia tale che exe non postono exerfe conform Mae non sowtenete sche che tutta ls goometsa & fala, voi non potrte negate che rene dimostrano molte veri, che, non cambiando mai ed esendo sempre le stare, non senza ragione son chiamate arta ed ‘Ma che ese non sano forse conform allupinione che asete ella natura dalle come, © neppute a quell che Derocrito ed Fpiearo hanno costrito e composto con atomi, questa non &, a Horo riguardo, che una denominazione esteroze, che nom ci fiona in ese alcun cambiamento: e, nondimeno, non si pub Schitare che exe non siano conform 4 quella vera natura delle cone, che & stata fata e catrita dal veo Dio. Non che vi siano tl mondo sostanze che abbiano luaghezzs sen lngheaza,o lae- sghezza senza profondith: ma le figure georetriche non sono con- Siderate come sestanze, bensi solo come termini, sotto 1 quai contenutalasostanas, Néammetto che le ide di quest gure ei fiano mai cadute sotto i sens, come si crede ordinariamente; Poche, eebnene sis fuori dubbio che nel mondo possano esses ene ull qulle che} geometri considera, nego, tatava the ve ne sano attorno a noi, se non Torse cost piccle da non fare nessa impresione sui nostri seni: oiché eno dordinario composted Hinee rete, ed io noa credo che mai abbia toccato {noats sensi qualche parte dna lines che foe veramente rtta Cox, quando not veniamo « guardarestraverso na lente quelle che ci eran sebrate furvate da tutte le parti come le onde. E quindi, quando nei bbiamo per la prima volta visto nella notes infanzi una figura tuiagolaretraccata sulla carta, quests Ggura non ha potato segnari in che modo bizognava concepie il telzngolo geometric, perché non lo rappresentava meglio di quanto un cattvo disegno apse ale gine oes wo rapprscti ntimmagine pee, Ma piché Tien vers del pete ert gil in al, ed il nso spiro a pote pi face ran concep dla figura meno splice, opi comple, di merNoglo pnt, di ene cb, atendd viro quel figura SSaposts non sian concept quel, ma, pinto, i Yr aro Preccamente come quando getinmo giochi pea una TER soo det tat pone ordinall In modo du rappres- Seen ec d'un womo,e tle vets ert nna no tanto iden WTyone set tatty quanto quela d'un vomo: cb che non or Siatbe se facia tn oma non ci foste enoscut Pet {ita ese non fos abitost a pense ad xs pid he non Tur sn, che anal speno non supremo nermmene dtn- Soe ph uni dag ali quando ve samo un po! Toman. Cou rao, kon pottery so tingure 3 wang geometco dt ‘Se che teamo tacit sulla cat, se nao spirito 00 Se aes in alt modo auto Tidea Tito now caice ui dich peered ote voi vlete che sia Vehtenes nt peche on posta ener deta anchessa De I+ pr come Tsspatenn rede 3 rome di ropriet pet re not dabuto, 0 pe tutto quel che pub etereattrbaito racic) ad una eo, come, di fat, dev'esere qi prea. Ma pos Tenitenea neces © veramente in Dio una prope, fea nel tno meno ess, powhé eee coaiene x Ia 0, {ul lament a pare elesenca. Eee anche perc esitenza Uhl tmanglo nan devesee compat can Vesstenza di Di poiche cnt ha manfestamente in Dio un alo rappoto con es. ‘Stun che no rel iangue, Ed fo roa commetto in guest Ter Tore che {logis china petisone dk principio, quando pongo Trarnna tre cose che Spparengone fesenra di Dio, pit {i quando, tale proprie dl tngolo, pongo Vugaginaa ‘eal grandezza dei st te ang con de ret, No 2 vero nep- pare che Tenens e Teste n Di, came anche nel tango, fosane esse concept Tuna senza lea, perch Dio & i po- fri cere, © nom cout tangle. E, sondimeno, non nego che Fesitenes pone no sauna pefetione nein del ange, come Venera tecesnria © un pereione nelTides dt Di (6a. (AT, VEL, p82) quam vl in li Teno Mere] we Ossie ¢ rape poiché ci In rede pitt perfena di quanto non sano le idee di Tutte quelle chimere, che non supposiamo possano esister. E {qin voi non avete ia ela diminuit afore del mio argemento, restate sempre inganmato da quel sofisma che dite essere stato fi facile a ncveres Quanto + quello che agpiungete in seputo, i ho gid suffclentemente ssposto; © vingannate grandemente ‘quand dite che non si dimosta Tesstenza di Dio come si di Incetra che ogni triangolo ha traci te angali uguali a due ret; poiché Ia ragone fa steaea in cut e de, tranne che Is dima: Fione che prova Pesisten2a in Dio &rolto pi semplic ed evicente deatrs. Tain, passo sotto silenzio il resto, poiché, quando dite the io non spiego abbastanza le cose, e che le mic prove non Sone convincent, credo che 4 mighor titolo si potecbe dite lo tHewo di voi © dele vost TIE, Contra tutte qullo che riportate qui di Dagora, di Teo dro, di Piagora e di molt ate, vi oppongo gl Seetici, che revecavano in Gubbio anche le dimostazion di geometra, ed io tengo che non Tavrebbero fatto, se aNescro eonostito Dio & dovee. a anche il fatto che una cosa sembra vera api persone, fron prova che exes sia pid notora © manifesta che un'lea, ma beni lo pruva il ato che queli che hanno suficiente conosensa elluna © dellateariconoscono che Tuna & riconosciuta prima, td & pil evidente corte delle, I. To ho git per lo innansiconfutato quello che voi qu sega, cdot che «le cote material, im quanto sono Toggetto delle mate- fratiche pure, poctano avere esstenza alcura Per quasto tic farda Vintellezione di un ebliogono, non & vero che cas sia Confuse, piché se ne possone dimostare con tutta charexza © Sitinsione mole cose, cb che non si potrebbe fare in nesua Imedo, se non ab conoscesse che confusament, 0, come dite, s¢ fon te ne conoscesse che il nome: ma ® cetssimo che noi lo oncepiama chiarisimamente toto quanto e tutto in una volta, ‘benché non lo posianse inumaginare con eguse cisrezza: donde apse ale eine oes a «evden che le faclta diotendere « Winmaginare non dilfe- Fiano soltnte secondo it pie il meno, ma come due mani Tgire totalmente diferent, Poiché naintllecione lo spinto tonal serve che di se stesso, metre nellimmaginazione conten ir guslche forma corporen © benché le figure geometriche sano [fata conporce, nondimena non bvogea eredere che quelle idee he servono a farcele concepite, sano anch'ese tah: quando on ‘alone sotto Timmaginaione. Ed iafine non ud essere degno Shei voi 0 Came, pensae che ele idee di Di, delTangclo © ‘eltanima dell ome siano corporee © quasi corpore, esiendo State trite dalla forma det corpo umano ¢ di alcune alte cose emplvisime, leggensime © impercetibils. Poiché chiungue STrappresents Dio in tal modo, 0 anche To spirito umano, cerca ‘Timmginare una cosa che pon & asolutamente immaginabile, {non at fgura alto che vides corpores cui atribuice fale tneme il_ ome di Dio oi apito; poiché ella vera idex dello spiito non v= contenvto altro che il solo pessiexo con tt suet atributi, tra i quali non ve nha aluno che sia compote Th Voi fate vedere qui chiaramente che vi appoggiate sala mente sui vost pregiudai senza mai dsfarvene, poiché non ete che abbiams il menomo sorpcto d falsth per le cose ove fnai ne abbiamo tata aleuna; e per questo dite vche quando furdiamo da vicino, « tocchiame quasi con mano una torre, Samo ceri che essa & quadeata, se ci sembra tale; e, quando {itmoeffetivamente svepli, non possiamo dubitare se vegliamo 0 fogramo sedate cose smiliy poiché voi non avete ragione nleuna di cedeve che abbiate mai con sufcenteaccuratez23 ext tninato ed osservato tute fe cose nelle quali pud accadere che Crrte; ¢ forse non sare difiile moseare che v'ingannate Talvolta sn cose che ammettete come vere ¢ cute. Ma quando Frit el dite che, almene, non si pub dubitare che Te ense non i'appaiano come von venite 2 quello che ho dettos poiché Proprie cig & ett espressmente nella mia seconda meditazione; fa qui si parva dolla veri delle cose che sono fuori di noi al che aon vedo ehe abbiate deto nulla di vero. TH, Non mi fermo qu scone che avetetante volte ibatut, «che rpetete ancora in questo logo coe Sanamente: per exempio, he vi sono malte cose da me asrerite senza prov, che io allermo, rnondimeno, di aver dimostrato con piena evidenea; come anche che ho aclamente voto parlare del corpo grossolano e palpi ‘goando ho elu corpo dalla min eeenen;benché, nondimeno, IT'mio dinegro si stato di excluderne ogni specie compa, pet Piccolo e sotile che poses esere, ed altre cose sili; che sha fa rispondere infati &tante parole dette ed aseite senza ragioe nevole fondamento, se non negate semplicemente? Died, none ‘meno, di sfugita che vorte sapere wi che vi fondae per affer- mare che ho piutato parlao del corpe masscco e gresslano che del corpo sot edelcato,Perché ho detto «che ho un corpo ‘cul sono congiunto sed anche » che & cert che i, cok Ia mia anima, & distints dal mio corpo o; ma confesso che non vedo petehé queste parole non potrebbero egualmente bene siferri 1 corpo sotile ed impereetibile, quanto 3 qudlo che & pli gros- sland © palpabile: ¢ non erede che quel pensiero posss venice in mente ad altri che avo. Del rst, ho fatto vedere chiaramente nella seconda meditanione che Io spirto potevaestere concepito ‘ome una sostanza esistente, anche prima che sapesimn se v8 1 mondo qualche vento, qualehe fuoc, qualche vapore, qualcbe aria, 0 qualia lero corpo, per sot edelcnto che possa essere; ma quanto a sapere se Veramente eso era. diferente dal corp, hho detto in quel punto che non era [bil Iuogo ot tratarne. Tl che avendo ttervato& questa esta meditarione, qui ne ho ample mente tratata,« ho decito tale questione con uns fortissima © ‘vera dimostratione. Ma vi, al contrrio, confondendo la que stone che conceme il modo in eui lo spitito pub essere concepit, con quella che figuarda cid che es & in effet, nom rendete manifesta altro, se non che non svete compeeso nulla distints mente di tutte queste cose. TV. Domandate qui sin che modo io creda che Ia specie o idea del compo, che € estes, pos exsere aceolea in me, che sono una cos nesters», Rispond 3 questo che restuna specie corporea accolta ello sprite, ma che la conctaione o intllerione pore delle cose, sia corpore, sia spirit fine © specie corpotes; ¢ quanto allimmaginazione, che non Pod exere xe non dele cone corporee, 2 vero che, per for- ‘marne una, ve bisogno dura specie che sia un vero corpo, ed i, si fa senza nessuna imma pte le inte ein 367 alla quale lo spirita si applichi, ma non che sia accola nto spi Fito! Quel che ror dite deldea del sole, ehe un eieco ato forma il semplice conoscenra che a del sw care, si pub facimente Confurare poiché quel ecco pd avere unliges chiara e distints “Tr sole come una cosa che taclda, Benehé non ne abbia idea eme dna cost che rechiara ed illumina, E tenzaragione voi te! paragonate a quel eco; innanai tuto, perché a conoscenza Tums ca che pensa si esende moto pio Tantano di quella di tina cos che risealda,anai © pid ampia di quelle che abbiamo Ui quali alta cost come ho mostato a suo luogo: ed anche perehé non viha nearuno che posse mostra che quclides del Eile, che quel ceco forma, non contenga tuto quel ehe del sole i conoscersi,tranne che, chi & dotato del senso dela vista nose, olte cl, la sua figure Ta su luce, Quanto a voi, non “Sitanto non ne sapete pi di me rguardo allo spisto; ma non ci treete tutto quello che ci vedo io; sl che, in questo, siete voi uttoato che Fassomiglate ad un cies, edo non poss tata pity a vostro riguardo, ewer chiamato che lnsco 0 poco chiaro- eagente come futo il resto degli uomini. Del resto, io aon bo taxiunco che fo pit & alto inesteso per spiegae ce oss e380 fa concacere la sa natura, ma soltanto per avvertire che sio- fannane. quell che pensano che cso sia esteso. Proprio come, fe uno volese sstenere che Bucefalo & una musica, non iavsno ‘non senza ragione questo saebbe negato da altri. Everamente, Jn tuto quello che vou aggiungete qui per provae che lo spiito hi eitensione, poiché, vol dite, si serve del corpo, che & esto, smi sembra che non ragionate meglio che xe, perché Bucefalo hitriser, e cos emette dei sont che possono etre riferi lla unica, eratte questa consegucnss, che Bucefalo &, dunque, wna Inusiea Poiché, sebbenc lo spirit sa unto 2 tutto i eorpo, aon rhe segue di Ih che sin esteso per tuto il corpo, perché non Dropric dello spivito esere esteso, ma solamente di pensar Tide. non toncepisce Festesione per mezzo di una specie estese che sia in Iu benehé Vimmaginivolgendosi ed appican ‘lost ad una specie eoxporea che & exten, come ho deto prim Ed infine non & necestrio che To epinto sia delVordine e dela natura 1 fed quan mens apps, s nan gue in mene rei xe secon ripe del conpo, beaché aia a foro la facut di moovere erp, Vi" Ouelio che dite gui riguardo allusione dello spiito col coxpo, sil alle ifs precedent, Voi non abbiettte propria Iulla coatto i mic ragionament, ma proponetesoltanto i dubbi Che sembrano seguir alle mic conclusion, benché, in eft fesi non 1 vengano in mente se aon perché voletesotomettere lfesame deVimmaginazione core che di Toro natura, non sono fogpete alla sua givriadiaione. Cos, quando volete paraponare {ila mintone del corpo e dello sista con quella di dae cor Imescoati asveme, mi basta rspondere che fon deve istics: fra jueste core new paragon, petehé sono di due gener totale mente diferent, e aon bisognainsmaginas che lo spirito abbia pari, benche concep parti nel cope, Poiché, chi wha insee fnato che tutto quanto lo pirito concepisce dev'essere i fatto Ih lui? Certament, se eb fons, anda concepice la randezea ‘al universaavecbbe in sé questa grandee, ¢ cost non sarehbe solamente esteo, ma sarcbbe anche pi grande di tutto il mondo ‘VL Voi non dite nulla quiche mi sia contrario, « ondimeno palate moto; dal che i letore pud apprendere che non deve fudicasi ls forea det ost ragionament dalla proisitd del ‘entre parole 1 tm un pamphlr conta, Deserts conto Hesrboord, despalo ‘inmate le stave vicende gure pasa eaivo » Ductal, Ne SIN dele coco ls se Afri, Gand aera srt “Tenmoe lta ininctague ent Bucepbl ens sula alten. nant ‘a Bocepblo, quod muse ran st? ca fa strato ne Soe Son lane die Medtavon, del 18 et ts2. Mla Desa Gagne eee emusca € ape in conformih della te ‘reteiney come sopra ot vede, Sell Dia (38) Caen Ehrert benvlmente dlferrore, ma Deveartes tom 3 eat delfurver {nus ¢ nila tadusione frapene Sel 1647 hed corere emouce + (alee i Gavondteseuiques nel 2, am gut che segue dc ‘us diam Ie tencone Su questo, n net sana etre di De ‘ake’ nla pertnaci d u aon someggele Reve {1 0 ale ‘Srwnén ¢temina ecard [Nv oune pow Mosca Mestensuppansa es (Statra Phisphie Crean, pp 231 pape ate gine iis we sn ui fo prio a dsaso co Is cate, 6, come agi ae arse non ha sou le sue opinion: aera evo ee sre veramente al signor Gassendi, va ene ior pr Me mann commendevle pe Cnt del ust cosumi el so Suu tuo, quanto per ix proton esoigezs 2 ae Sena, dele Funai sa sempre cans se ee gh ase po sper, i eee Sempre ca apni, Te oecaent seq 0 Te rpca doom ova alate, confuanda eM re ei ae del ers ornare, come ache ance che non ho tora nal, che 08 ae ‘sono stato felice che un worn iano aos grato; ma, sopratuto, TRY RD incite, in un lacora si lungo es} accuatamente fiat