Vous êtes sur la page 1sur 14

Nuovo Masada dicembre 30, 2007 MASADA n. 600. 28-12-2007. Noam Chomsky. Il bene comune.

The common good Il neoliberismo e la piu grande patologia del mondo occidentale. Il capitalismo e la peggior cosa che ci sia capitata. Ha fatto dimenticare alluomo le sue virtu piu grandi: la solidarieta e la compassione. In un mondo sempre piu dominato dalla feroce avidita delle corporation, Chomsky rappresenta la coscienza di unAmerica che non si piega a diventare oggetto e merce. Ricchezza e democrazia non possono coesistere. Quando ci sono enormi disuguaglianze sociali non si puo parlare seriamente di democrazia. .. Lamericano piu noto dopo Paperino, lottantenne Chomsky e il piu famoso linguista del pianeta ed ha accompagnato con le sue lucide e acute critiche la politica americana del XXmo secolo, odiato dalla destra quanto dalla sinistra, per il semplice fatto che i due maggiori partiti americani sono, per dirla con Sartori, come due bottiglie identiche con diversa etichetta. Una simile omologazione di sistema noi la stiamo vedendo nei due schieramenti politici italiani, identicamente neo-capitalisti, a modello americano. La prima ragion dessere di questo sistema colloso ed omogeneo che si ostina a vendersi come democratico e la spartizione del bottino fra potentati economici e conniventi politici. Che ce di democratico in questo? Chomsky lo denuncia in modo acuto e per questo e considerato un grande intellettuale. I suoi libri sono di facile e interessante lettura, piani, apparentemente semplici, sarcastici, ironici, pieni di rimandi utili e spietati cosi che le sue opere sono accostate, per notorieta, a quelle di Marx o di Shakespeare o persino alla Bibbia. Ebreo americano di origine russa, nato a Filadelfia, ricercatore e professore a Cambridge, laurea ad honorem in psicologia allUniversita di Bologna, crea una teoria rivoluzionaria sulla grammatica generativo-trasformazionale, secondo cui, a fronte di un numero limitato di parole e regole, luomo puo usare la sua creativita per generare linguaggio nuovo, puo produrre un numero infinito di frasi nuove che non conseguono dalla grammatica o dal vocabolario. Come, in mano al potere, il linguaggio puo essere uno stereotipo per omologare le menti, cosi puo diventare un grimaldello che scalza il politicamente corretto per creare pensiero nuovo. Il linguaggio puo diventare rivoluzionario. Se proviamo a parlare in modo diverso, potremo avere un pensiero nuovo e creare nuovi mondi possibili. Appartenente alla sinistra radicale americana, ma non conformista anche rispetto a questa, Chomsky analizza, come linguista e come politico, gli strumenti dei media ufficiali, atti alla manipolazione ideologica per favorire gli interessi di potenti lobby, quelle che hanno inventato per i loro comodi miti fasulli come la democrazia da esportare con le armi, o il falso mercato neoliberista tanto benefico al mondo, e che pretendono che si imponga al pianeta una economia, una ideologia e una politica che trovano nellinvasione aggressiva e nelle armi atomiche mezzi di persuasione poco ideologica e poco occulta. I media americani sono la falsa scuola di liberta dei media di tutto il mondo, una piattaforma conformata in cui le grandi societa commerciali fissano le notizie prioritarie, scartando o offuscando quelle che potrebbero loro nuocere, un potente strumento di manipolazione dellopinione pubblica in cui le valutazioni e le scelte dei cittadini sono coartate in una fabbrica del consenso, che annulla ogni pluralismo, ogni democrazia e ogni liberta. Questo libro, IL BENE COMUNE, uscito in Italia nel 2004, riprende una famosa intervista del 98 di David Barsanian per il circuito di Alternative Radio Station, in cui Chomsky, in 5 conferenze radiofoniche, smaschera i miti delle false democrazie occidentali.

Il tema il bene comune non fu scelto da Chomsky, ma gli fu proposto, Nelle societa a modello americano si sventolano volutamente astrazioni illusorie e mai praticate, parole vuote di significato come democrazia, mercato o liberta , mentre nei fatti esiste solo il potere di poche multinazionali, aliene da qualsiasi regola di mercato, da qualsiasi principio di democrazia e da qualsiasi principio di liberta, lobbyes che non hanno ne unetica pubblica ne una morale privata e che distorcono la reazione dei cittadini focalizzandola su paure abilmente orchestrate, cosi da impedire una critica costruttiva al potere. Il risultato e il progressivo allontanamento dal bene comune, in una caduta desolante di valori di equita sociale e di morale individuale. Lo Stato privo di coscienza sociale che alimenta cittadini privi di coscienza partecipativa, in cui legoismo delle bande finanziarie si mescola allegoismo dei furbetti privati. Questo tipo di Stato, che ormai ha invaso anche la nostra Europa, e sempre piu lontano dalla democrazia attiva e dal controllo degli elettori, e sempre piu distrugge il welfare, diluisce i diritti umani, rinnega le conquiste sociali, sventra le Costituzioni, snatura la scuola, lascia senza protezione il mondo del lavoro. (E, contro un simile regresso sociale, etico e culturale, tutto quello che la Chiesa cristiana sa fare e attaccare lIlluminismo!? Meglio sarebbe che si chiamasse il nemico col suo nome: neoliberismo, ovvero il predominio solipsistico sul mondo di una cricca di 200 plutocrati che vogliono piegare ogni esistente alla propria spaventosa avidita di lucro). Il neoliberismo e il feroce impossessamento degli Stati da parte di un gruppo ristretto di potentati economici che impongono la schiavitu non solo dei consumi ma anche delle idee. Chomsky esamina molti temi: le illusioni delle false democrazie, le bugie del mercato, le manipolazioni dei media, la delinquenza, la globalizzazione, il debito del terzo mondo, il Sudamerica, il Medio Oriente, lIndia, le organizzazioni internazionali, la destra e la sinistra LA DEMOCRAZIA La democrazia non e una realta, e un mito e piu spesso e un imbroglio. Gli Stati uniti si presentano al mondo come il campione della democrazia, in realta lhanno contrastata fin dagli albori. Piu che i diritti e le liberta degli uomini sembrano difendere, dice Chomsky, il famoso Comma 22, che da loro il diritto di fare tutto cio che non possiamo impedirgli di fare. Questo e il meccanismo perverso che sta a base della tanto decantata democrazia americana. Se uno Stato volesse davvero essere democratico, affronterebbe il problema di una maggiore partecipazione popolare al potere, di una migliore distribuzione della ricchezza fra i cittadini e di una crescente tutela dei loro diritti. Ora e chiaro che, se in uno Stato ce troppa ricchezza accentrata in troppe poche mani, siamo molto lontani da una democrazia. Il nascente Stato americano fu creato con questi obiettivi? Pare proprio di no, visto che Chosmky ricorda lilluminante soluzione di uno dei Padri Fondatori, James Madison: Il Governo proteggera la minoranza dei ricchi della maggioranza che vince le elezioni. Per cui non conta poi molto chi vince, due fazioni di ricchi sono a confronto e si palleggeranno il potere tra loro. Gli esclusi, comunque votino, resteranno esclusi. E se non votano resteranno esclusi lo stesso. Quando si costitui il nuovo Stato americano, la ricchezza proveniva dalle manifatture, ma laristocrazia del denaro che ne nacque divenne in due secoli padrona di tutto. Oggi le corporation e gli executive di Wall Street, con la complicita di un sistema mediatico studiato apposta per addormentare le addomesticare e coscienze, tendono a ridurre i cittadini a semplici spettatori e a consumatori passivi. E quando lunico imperativo morale ed etico di uno Stato democratico diventa il profitto ad ogni costo, e facile comprendere perche su 300 milioni di americani, piu di 43 milioni siano privi di assistenza sanitaria. (Ora sono 50 milioni). Comunque vada, i cittadini sono esclusi dalla partecipazione democratica della gestione dello Stato. Non sia mai che nella testa della gente nasca lidea negativa che tutti possano lavorare insieme, essere coinvolti nel processo democratico e prendere delle decisioni!

Cosi nel tempo i due partiti americani sono diventati quasi simili in un processo comune di totale asservimento del lavoro al capitale, i partiti del business, sempre meno i partiti della democrazia. Lo scopo e arrivare a una societa di base in cui lunita sociale e costituita da te col tuo televisore, dopodiche il gioco e fatto. Lisolamente dellindividuo e fondamentale. Ai fini del potere e molto meglio creare un mondo in cui la gente agisce individualmente e il piu forte (loro) vince. A questo tendono anche i discorsi denigratori della previdenza sociale che e presentata sempre sullorlo del fallimento, quando basterebbe un sistema tributario leggermente piu progressivo per mantenere in vita la previdenza sociale per un tempo indefinito (o, come in Italia, basterebbe la separazione tra previdenza e assistenza per riportare allo Stato e ai lavoratori quello che a ognuno spetta). Lintervistatore chiede: Dunque stiamo passando dallidea che un ingiustizia al singolo e uningiustizia a tutti allidea che uningiustizia al singolo e solo uningiustizia a un singolo individuo? Quelli sono gli ideali di una societa capitalistica, eccezion fatta per i ricchi. Ai consigli di amministrazione e permesso di lavorar insieme, alle banche, agli investitori, alle corporation. Ai poveri no. Per loro non e prevista alcuna forma di cooperazione. I MEDIA Il media sono la grancassa del potere, sono i servitori del business. Inutile aspettarsi che stiano dalla parte dei cittadini o della verita. Con un martellamento quotidiano e strumentale, la mente della gente viene distorta, manipolata e indottrinata da autorevoli editorialisti, intellettuali, accademici e manager, che operano una sottrazione o distorsione dellinformazione, nascondendo tutto cio che il potere non vuol far sapere e manovrando in modo che alla gente interessi piu la formazione di una squadra di rugby che come si forma il carovita, una moda passeggera piu di una violazione dei diritti umani. I cittadini sapranno tutto sullinfrazione alla guida di una miliardaria ma non sapranno cosa ha fatto il governo in Nicaragua o in Salvador, ignoreranno lembargo di Clinton sulla Colombia, non conosceranno le atrocita della politica estera statunitense e crederanno di vivere nel migliore dei mondi possibili, protetti dai devastanti bombardamenti del Laos o della Cambogia, dallinvasione del Vietnam, dallaggressione fraudolenta allIraq o allAfghanistan. E chi parlera di questi orrori sara tacciato di comunista e zittito. Come Chomsky osserva gli Stati uniti hanno inventato sia la pubblicita che lindustria dello spettacolo che quella delle pubbliche relazioni, e la politica si avvale di tutte e tre, per cui i media saranno le colonne indispensabili per legittimare un potere che si inventa come uno spettacolo e si vende come un prodotto commerciale. Dove sta lideologia in tutto questo? Non ce. Ce il mito. E ladescamento piu o meno al mito. Per la politica estera basta nutrire unillusoria primazia vanagloriosa, presentare gli Stati uniti come modello del mondo e della democrazia americana come del miglior sistema possibile, vantare gli USA come la patria della democrazia e della liberta, esaltare il suo dovere umanitario di esportarle nel mondo. Queste balle renderanno accettabile tutto. E la ripetizione surroghera la constatazione, portando il cittadino medio a uno stato acritico e consenziente. Come nelle peggiori patologie, il mondo dellirrealta sara piu vero di quello della realta. E poi a chi interessa la realta? Luomo si e sempre nutrito di miti. Un tempo il potere a base mitica era fasciato dalla religione, oggi ha la sua base scientifica nei manipolatori pubblicitari, ma non siamo diversi dai tempi di Ur. Il consenso viene costruito su un tot di illusioni e mantenuto attraverso linduzione costante alla paura, ieri dei comunisti, oggi del terrorismo di Al Qaeda. Illusioni e paura. Sono le due colonne su cui si basa la nostra falsificata liberta. E dunque cosa ci si puo aspettare da una stampa americana che ha coperto con una cortina

fumogena tutta la politica estera di quasi un secolo? I media fanno parte di un sistema di propaganda ben congegnato. Il modo piu abile per mantenere la gente passiva e obbediente e limitare rigorosamente lo spettro delle opinioni accettabili, ma permettere dibattiti molto vivaci allinterno di questo spettro incoraggiando perfino le posizioni piu critiche e dissenzienti. E facile capire che se lo spettro di possibilita e piccolo le soluzioni saranno abbastanza simili, e si dibattera sul niente e anche le presunte differenze ideologiche fra partiti saranno apparenti senza che nessuna sia tale da voler scalzare il sistema. TERRORE E VIOLENZA Tutta la societa americana e stata addestrata mediante terrore e violenza, dal pericolo nero a quello di Al Qaeda. Gli obiettivi a lungo termine dellAmministrazione Reagan in Centro America sono stati chiari fin dallinizio. Shultz, Abrams, Kirkpatrick e compagnia rappresentano lala estremista dello spettro politico, con il loro entusiasmo per il terrore e la violenza, ma gli obiettivi generali della sua politica sono convenzionali e profondamente radicati nella tradizione e nelle istituzioni statunitensi; ed e per questo che hanno ricevuto scarsissime critiche da parte della cultura dominante. Ed e sempre per il medesimo motivo che ci si puo aspettare che proseguano. Quello che serve e annientare le organizzazioni popolari che lottano per difendere i diritti umani fondamentali (come la teologia della Liberazione dellarcivescovo Romero) ed eliminare il pericoloso ultranazionalismo nelle democrazie in fasce. In teoria tutti sono detentori di diritti, in realta nessuno e in grado economicamente di acquistarli. Siamo abbagliati dagli idoli. Ma per emancipare luomo dalle illusioni imposte si puo partire dal linguaggio, come strumento del pensiero che dissacra le finzioni, ricostruendo il mondo secondo 4 condizioni fondamentali, necessarie al bene comune: onesta e sincerita, responsabilita e sollecitudine. Conosci qualche media o qualche istituzioni governativa o qualche politica che le possieda? Occorre cambiare il linguaggio, sottoponendo a critica rigorosa le sue chimere. Un diverso linguaggio permettera un nuovo pensiero e un nuovo pensiero sara la prima condizione della liberazione umana. Luomo non puo essere pensato da altri, o il progresso finira. Il problema non e dunque quellilluminazione della mente che tante Chiese aborrono, essa e piuttosto la soluzione. Ma le Chiese non vogliono che luomo pensi, ma che creda.Tutti i sistemi totalitari vogliono fideismo e assenza di criticita. In verita, se non pensi non sei, e se non sei non puoi. Solo un nuovo pensiero potra attaccare le mistificazione e ripulire il mondo. Ma il primo punto e che, se continuerai a pensare solo al tuo bene egoistico, non sarai in grado di formulare nessun nuovo pensiero, ma resterai a condizioni inferiori e indotte, senza luce di liberta. Per questo occorre passare dal bene personale al bene comune. COSE OGGI IL BENE COMUNE? Per decenni gli uomini hanno lottato perche i diritti umani fossero tutelati, vincesse la pace, fossero garantite condizioni di liberta, di ordine civile e di partecipazione democratica, e tutti fossero uguali davanti alla legge. Per decenni si e prodotto un lento faticoso avanzamento fatto di lotte e di conquiste sociali e politiche. Oggi qualcuno puo illudersi che questi valori ci siano ancora e continuino ad avanzare, come sarebbe giusto che fosse in un lento trend di evoluzione culturale, ma la realta ci rivela brutalmente che e in atto un regresso immane che tende a distruggere quanto era stato acquisito. Le nuove spinte allannientamento delle coscienze non hanno a che fare con quel relativismo di cui parla il Papa ne con quellilluminismo o quel razionalismo che egli considera i maggiori demoni moderni, ma dipendono da un mercato distorto e protetto che vuol ridurre tutto al vantaggio avido e cinico di poche corporazioni che dominano non solo leconomia ma anche la politica, le ideologie, le chiese, lassetto del mondo e la spartizione delle risorse. Qui e in gioco il bene comune ed e su questo punto che occorre battersi. CONCETTI

Occorre vagliare luso delle parole per creare nuovo pensiero. Il linguaggio, che ora e usato per la manipolazione e laddormentamento della mente, deve diventare nuovo strumento di liberazione. I poteri economici hanno abusato dei termini e li hanno usati come armi contro di noi. La prima vittima e la parola democrazia, nel cui nome si compiono efferatezze mostruose. Dobbiamo tornare al significato vero del termine, perche le democrazie che prendono a modello gli Stati uniti negano nei fatti ogni suo significato potenziale. Non solo le liberta del popolo statunitense sono state progressivamente limitate, ma le cosiddette esportazioni militari di democrazia sempre sulla falsariga statunitense sono state la piu massiccia violazione dei diritti umani e dei popoli del secolo ventesimo. Gli esempi sono continui, da Timor Est, Haiti, al Guatemala, al Messico e, piu recentemente, a Iraq e Afghanistan. Un modello militare che impone dittature commerciali e fa impoverire lintero mondo per arricchire una minoranza di 200 persone come puo chiamarsi democrazia? A che titolo puo pretendere di espandere la sua dittatura sul mondo? Un sistema in cui crescono a dismisura il potere e i privilegi di una sparuta minoranza di miliardari a dispetto della maggioranza dei cittadini che continua a impoverirsi come puo chiamarsi democrazia? Lo aveva gia capito Aristotele 2300 anni fa. Aristotele organizzo nel suo Liceo delle commissioni di studio sui principali sistemi politici greci, che andavano dalla tirannia assoluta alla democrazia diretta, per cercare di trovare il governo migliore e defini cosa fosse la democrazia. Certo al suo tempo le donne e gli schiavi non erano cittadini, ma egli pensava che la democrazia implicasse la partecipazione dei cittadini di diritto alla cosa pubblica al fine di realizzare tutti insieme il bene comune. La nozione di bene comune risale a lui. Definiva anche luomo un essere sociale e riteneva, al pari di ogni ateniese, che in questa socialita applicata alla difesa del bene pubblico risiedesse la democrazia, che rappresentava la buona politica. Per dirla con Pericle: Il cittadino ateniese era libero in quanto obbediva a leggi che aveva liberamente scelto. La democrazia per essere tale doveva essere partecipata, doveva garantire una relativa uguaglianza di fronte alla legge e doveva permettere a ognuno il possesso di beni in quantita misurata e adeguata, cosa che non sarebbe stata possibile in presenza di forti sperequazioni economiche. Questi principi sono validi a tuttoggi, eppure se Aristotele parlasse ora, sarebbe giudicato un eversivo. Eppure le cose sono di unevidenza spietata: se gli USA hanno 350 milioni di abitanti e la maggior parte della ricchezza e nelle mani di 270 plutocrati mentre 50 milioni di cittadini non hanno nemmeno lassistenza sanitaria, che senso ha parlare di democrazia? Una grande ricchezza non puo convivere con una democrazia. E una contraddizione in termini. Se ci sono pochi ricchi e molti poveri, in presenza di una democrazia i poveri userebbero gli strumenti democratici per ridurre il potere dei ricchi, e questo i ricchi non possono permetterlo, dunque ridurranno il potere politico dei cittadini per mantenere i propri benefici e cambieranno il sistema in una democrazia solo formale, dove nemmeno il potere di voto cambiera qualcosa. Le soluzioni sono o diminuire la poverta o ridurre la democrazia. Gli Stati moderni sembrano orientati alla seconda soluzione (lItalia non fa eccezione e che il governo sia chiamato di destra o di sinistra ormai non fa nessuna differenza). Uno dei Padri Fondatori degli Stati uniti, James Madison, non la pensava diversamente, visto che diceva che i proprietari della Nazione avevano il dovere di governarla! Ma se la democrazia non e piu la cosa di tutti ed e sempre stata il patrimonio di pochi, che senso ha chiamarla democrazia? Le grandi ricchezze si ammucchiano a prezzo di clamorose iniquita. Ma quando la societa soffre di gravi ingiustizie, la gente reagisce e chiede una piu equa distribuzione delle risorse. Nessun governo vuole questa reazione. Per esempio i poveri senza terra spingerebbero a una redistribuzione delle terre incolte. Ma lo scopo dei Padri Fondatori non era la giustizia, era la protezione della ricchezza. Per cui troppa democrazia poteva far male. Gli Stati uniti nacquero come un sistema democratico solo di nome, ma che di fatto dava piu potere ai piu ricchi della Nazione, e il sistema, come si vede, si e perpetuato fino ad oggi. Il popolo doveva essere tenuto in

basso e ben diviso in modo che una parte si scagliasse contro laltra e tutte quante si scagliassero contro presunti nemici in nome della salvezza della Patria o dellordine pubblico. La divisione, lodio e la paura devono essere alimentate, per mantenere uno status quo utile agli interessi di pochi. Magari Madison era in buona fede, pensava a una classe di eletti, una specie di politici illuminati, ma risulto vincente la casta di imprenditori manifatturieri, molto interessata ai propri affari e noncurante del resto della popolazione, che di Aristotele capivano poco ma dei loro interessi moltissimo. Uno dei miti oggi che giustifica tutto e il mercato. Ma se gli USA fossero una democrazia non tollererebbero gli inevitabili effetti del mercato. Anzi questi sarebbero le prime cose che combatterebbero. Ma, come si vede, le cose vanno diversamente. A poco a poco il progetto di una classe di plutocrati allinterno della nazione americana e diventato un progetto sopra il mondo, il neoliberismo delle grandi lobbies che crea uno tirannia sopra tutti gli Stati, avida, autocratica e violenta, una nuova dittatura che rifiuta qualsiasi cosa non sia riconducibile al profitto e al potere di quei pochi che sono piu ricchi di tutti gli altri messi insieme, 200 persone contro sei miliardi e dove il consumo e lunico precetto, il lucro lunico dio, il guadagno lunica coscienza. In questo contesto luomo scompare soppiantato dal consumatore, il cittadino diventa suddito. Ma non lo sa. Perche continua implacabile limpalcatura del linguaggio coi suoi miti illusori e la sua funzione alienante in modo orwelliano, per creare una realta artificiale che viene fatta credere piu vera della realta vera. Se luomo vuole rinascere, deve discutere criticamente questa nullificazione imposta, questo condizionamento mentale attraverso la parola, appropriandosi di spazi di liberta e di autodeterminazione che gli spettano di diritto. Questo e ancora possibile. E si puo farlo partendo dal linguaggio. Luomo non deve essere piu un uomo pensato ma un uomo pensante, un uomo anzi che crea ex novo il suo linguaggio dopo aver destrutturato le falsificazioni di quello vecchio, che riacquista le possibilita della sua mente, che non e fatto ma si fa e con cio ricostruisce la politica. UGUAGLIANZA Quando in uno Stato che si dice democratico il cittadino e trattato diversamente in un processo penale in ragione del suo censo o del suo potere politico, cio vuol dire che la democrazia e morta. Ora e chiaro che negli Stati uniti in prigione i ricchi non ci vanno (come non ci vanno in Italia). E questo uccide ogni fiducia nella giustizia legale, mostrando come le istituzioni non difendano il cittadino ma il potere. Quando poi, come in Italia, la classe dei governanti, di destra o di sinistra, modifica la legge per evitare ai rei che governano di pagare il fio delle loro illegalita, allora non solo non siamo piu nella democrazia, ma siamo nellabuso tirannico. SINDACATI Domanda: Lasci che le citi un paio di dichiarazioni. La prima e di Robert Ketch, lex ministro del Lavoro di Clinton: Bisogna ancora decidere se il sindacato tradizionale e indispensabile per nuove tipologie di posti di lavoro che si vanno creando. Il secondo e dellex ministro del Commercio, Ron Brown, che ha detto: I sindacati vanno bene la dove esistono, ma dove non ci sono, non e ancora chiaro quale tipo di organizzazione dovrebbe rappresentare i lavoratori. Chomsky: Queste affermazioni non mi sorprendono, visto che vengono da unamministrazione repubblicana moderata. Perche dovrebbero permettere che i lavoratori abbiano dei mezzi per difendersi dal potere privato? Forse ce bisogno di qualcosaltro per il nuovo posto di lavoro ad alta tecnologia: la flessibilita, ovvero un modo gentile per dire che quando vai a dormire la sera non sai se avrai un lavoro al mattin. La flessibilita e fantastica per quanto riguarda i profitti, ma distrugge gli esseri umani. Cera una frase famosa, di un generale brasiliano (intorno agli anni Settanta). Parlando del miracolo economico brasiliano, disse che leconomia andava a gonfie vele, ma altrettanto non si poteva dire della gente. Mi pare che questo dica tutto. Domanda: Ce qualcosa in tutto questo che mi lascia perplesso. E nellinteresse delle corporation

far si che i consumatori abbiano abbastanza soldi per acquistare i loro prodotti. Quella era la logica che aveva spinto Henry Ford ad aumentare lo stipendio dei suoi operai di 5 dollari al giorno affinche potessero permettersi di comperare le automobili che producevano. Chomsly: E nel loro interesse ottenere profitti, ma esistono altri modi per farlo piuttosto che vendendo una grande quantita di prodotti a un mercato di massa composto parzialmente dai loro operai. Forse e piu conveniente per i loro interessi utilizzare una forza lavoro fortemente oppressa e a basso costo, per produrre meno beni destinati a gente relativamente piu ricca, mentre allo stesso tempo guadagnano altro denaro attraverso speculazioni finanziarie. Domanda: Quando ai manager delle multinazionali viene chiesto di spiegare i bassi solari che vengono pagati ai loro operai nel Terzo Mondo, essi dicono: Questa gente prima non aveva neanche un lavoro, noi glielo abbiamo dato, stanno imparando un mestiere, e cosi via. Lei come risponderebbe a quelle affermazioni? Chomsky: Se dicessero sul serio, utilizzerebbero una parte dei loro profitti per migliorare le condizioni di lavoro in Indonesia. Ma quante volte lo fanno? Non gli manca certo il denaro, basta leggere lelenco delle 500 imprese piu ricche pubblicato annualmente su Fortune. La mia non e una critica personale ai dirigenti delle grandi imprese. Se uno di loro provasse a utilizzare i fondi della societa per migliorare le condizioni di lavoro in Indonesia, verrebbe licenziato nel giro di cinque minuti. E credo che farebbe anche una cosa illegale. Le responsabilita di un dirigente sono verso i suoi azionisti: deve aumentare i profitti, le quote di mercato e il potere. Se lo fa pagando un salario da fame a donne che moriranno entro un paio danni a causa delle terribili condizioni in cui lavorano, sta solo facendo il suo lavoro. E il suo lavoro che dovrebbe essere posto in discussione. Domanda: Gli alti dirigenti non sono forse molto veloci nelladattarsi e a fare piccole concessioni, come permettere alla gente di andare in bagno due volte al giorno, invece di una? Chomsky: Certamente. La stessa cosa valeva per re e principi, elargivano concessioni a piene mani quando non erano piu in grado di controllare i loro sudditi. Anche i padroni degli schiavi si comportavano cosi. FURTI Dice Chomsky: Non so voi, ma a parte la bicicletta che mi hanno rubato da ragazzino, non ho subito furti da ladri di strada. Volete pero che vi faccia il conto di quanti soldi mi hanno RUBATO: Banche, Assicurazioni, Compagnie petrolifere, telefoniche, e corporation varie? Eppure la TV da regolarmente in pasto ai cittadini incazzati i soliti ladruncoli da strada. I media prestano molta attenzione alla criminalita nelle strade che secondo una valutazione dellFBI viene a costare circa 4 milioni di dollari allanno. Ma il Multinational Monitor stima che i reati commessi dai colletti bianchi, quelli che Ralph Nader chiama crime in the suites, costino circa 200 milioni di dollari allanno e questi vengono generalmente ignorati. Il tasso di criminalita negli Stati Uniti e alto ma ce un settore dove raggiunge livelli vertiginosi: gli omicidi con armi da fuoco, grazie alla cultura delle armi. Senza queste, la criminalita nel suo insieme sarebbe diminuita. Gli Stati Uniti sono una delle poche societa, forse lunica, dove la criminalita e una questione politica, quando nella maggior parte del mondo e un problema sociale. E perche la criminalita e centro di tanta attenzione? Cio riguarda il controllo sociale piu del crimine. E in atto un tentativo molto forte di trasformare la societa statunitense in una societa da Terzo Mondo, dove un piccolo gruppo di persone possiede unenorme ricchezza e la maggioranza vive in precarieta (per es. perche i posti di lavori sono trasferiti in Messico o luogo simile dove non ci sono indennita o sindacati). Il sistema distrugge posti di lavoro interni, produce esubero di lavoratori e deve poi sistemarli in qualche modo. Intanto fara si che non si accorgano che la societa e ingiusta e cerchino di cambiarla, distrarra la loro attenzione con la paura e con lodio

tra di loro, cosi ridurra la gente superflua con la violenza e mettera in carcere i sopravvissuti. DROGA La guerra alla droga e stata unoperazione ipocrita, iniziata in un periodo in cui tutti sapevano che luso delle droghe, perfino del caffe, stava calando fra la popolazione bianca istruita, e restava ad un livello stabile fra i neri. Ovviamente era piu facile arrestare un nero in un ghetto. Cosi una percentuale altissima di carcerati risulta essere gente arrestata per droga, ma sono i pesci piccoli, i pezzi grossi vengono ignorati. Perche? Il ministero del Commercio pubblica regolarmente dati sulle operazioni estere del business USA secondo stime approssimative e dilazionate nel tempo, prive di dettagli. Risulta che fra il 93 e il 95, un quarto degli investimenti esteri nellemisfero occidentale (escluso il Canada) avveniva alle Bermude, un quarto delle societa sussidiarie alle corporation risiedeva li, un 15% a Panama, nei Caraibi Britannici e in altri paradisi fiscali. Facevano soprattutto speculazioni a breve termine, nessuno costruisce impianti produttivi alle Bermude. Sono li per una forma di evasione fiscale e trattano spesso narcocapitali. LOECD (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici, con sede a Parigi, che rappresenta i 29 paesi piu ricchi del pianeta) calcola che piu della meta di tutto il narcodenaro 250 miliardi di dollari transita ogni anno attraverso le banche USA. Eppure nessuno indaga su questo enorme fiume di denaro sporco (si prendono solo i piccoli spacciatori neri). Da anni gli industriali americani mandano in America Latina sostanze chimiche per raffinare la droga, la quantita e tale che nessuno puo seriamente pensare che serva solo ad attivita legali. Ma nessuno apre uninchiesta. Non esistono procedimenti giudiziari o controlli. La criminalita economica (corporate crime) e ignorato e non solo nel campo della droga. Per es. nel crack delle Saving & Loans, solo poche operazioni furono perseguiti come reati penali e le perdite furono ripianate con prelievi dalle tasche dei contribuenti. Del resto, perche mai i ricchi e i potenti dovrebbero permettere di farsi perseguire a termini di legge? CAPITALISMO Il capitalismo puro e una invenzione utilitarista, come il mercato. Il capitalismo puro non e mai esistito e se mai fosse nato non sarebbe durato cinque minuti perche lo avrebbero fatto fuori gli stessi capitalisti. Limpresa privata sbraita contro lo Stato ma senza lo Stato sarebbe morta. Il libero mercato e uno specchietto per le allodole destinato ai poveri. Le imprese vogliono protezione, non mercato, e se ne fregano del libero scambio e della libera concorrenza. Vogliono solo operare col massimo della liberta e il minimo dei rischi. Le teorie liberali definivano il profitto il corrispettivo del rischio ma le moderne corporation vogliono forzosamente la scomparsa di ogni rischio e la massimazione dei profitti con la connivenza col potere pubblico e convincono gli Stati a riversare sui contribuenti, i consumatori o gli utenti, tutte le possibili perdite. La verita e che le corporation vogliono governi forti che le proteggano dalla disciplina del mercato e la loro stessa esistenza e un attacco ai mercati. Nel mondo non esiste un singolo grammo di una qualsiasi merce che venga venduto sul libero mercato. Non uno! Lunico luogo dove esiste il Tutto questo parlare di capitalismo e di liberta e una menzogna deliberata. Non appena ci si sposta nel mondo reale, ti rendi conto che nessuno potrebbe realmente credere a una simile sciocchezza Il libero mercato esiste solo nei discorsi dei politici. Lo sappiamo tutti che la sopravvivenza dei mercati agroalimentari americani dipende solo dai

sussidi governativi Ci sono centinaia di grandi corporation nel mondo ma ognuna e avanzata grazie alla politica industriale della propria nazione e molte di esse non sarebbero nemmeno sopravvissute se non fosse stato per le elargizioni governative (noi possiamo pensare alla Fiat, lazienda piu aiutata del mondo, che in 20 anni solo per non chiudere Arese ha avuto circa 1.000 miliardi di finanziamenti pubblici per poi chiuderla lo stesso e che in 30 anni ha avuto 260.000 miliardi di lire pubbliche. Ma quale libero mercato?!?) Se non fosse per il massiccio intervento statale la nostra industria automobilistica, quella dei semiconduttori e dellacciaio nemmeno esisterebbe. Lindustria aerospaziale e finanziata anche di piu. Agli inizi degli anni 70 la Lockheed si trovava vicino alla bancarotta e fu salvata da unelargizione di 250 milioni di dollari dal governo federale. Lo stesso e avvenuto con molte altre impreseSubito dopo le elezioni del 96 (la data non e causale) Clinton decise di dare 750 milioni di dollari di denaro pubblico per finanziare lo sviluppo di nuovi caccia a reazione di cui non abbiamo bisogno per scopi militari per la Lockheed e la Boeing. Si noti che questultima non ha mai fatto un caccia in 60 anni, ma produce aerei di linea, che sono variazioni di caccia. E quando la Boeing si e fusa con la McDonnell Douglas il governo ha contribuito con ben un miliardo di dollari. Cosi il governo finanzia le commesse militari e queste finanziano affari privati. Alla fine risulta che sono le tasse americane a finanziare gli ammodernamenti tecnologici dei privati. Che libero mercato e questo? Cosi lapparato militare con tutti i discorsi di salvezza della Patria e di difesa della Nazione e un imbroglio che serve a dare denaro pubblico a imprenditori privati. E lintero sistema economico si basa su questo. Certo che ci dovrebbe essere un finanziamento pubblico anche alla ricerca ma dovrebbero essere i cittadini a scegliere quale ricerca finanziare. E quel che accade poi, perfino in Svezia, e che, mentre le sovvenzioni ai privati aumentano, lo stato sociale diminuisce Cosi si costruisce uno stato assistenziale per i ricchi. Le imprese non vogliono libero mercato, vogliono guadagni esenti da rischi. Come si puo parlare di libero scambio quando gli scambi avvengono tra corporation e questo vale per il 40% delle transazioni internazionali americane? Una societa automobilistica statunitense fa fare i suoi componenti in Messico, speculando su tasse e forza lavoro non protetta e, quando il pezzo esce dagli USA, lo chiama esportazione, quando rientra, lo chiama importazione, mentre ce stato solo sfruttamento. Che significato ha a questo punto parlare di crescita del commercio mondiale? Cresce solo linterazione tra imprese a interesse privato e lo sfruttamento della forza-lavoro. Dilaga lipocrisia. I sostenitori del libero mercato sono gli stessi che vogliono copyright e brevetti. I brevetti (si pensi ai medicinali) sono unaggressione al terzo mondo e ne frenano lo sviluppo. Dove il libero scambio? Quello che vediamo e solo una concentrazione di potere nelle mani di pochi per il miglior sfruttamento dei molti. Le grandi multinazionali vogliono ridurre la liberta degli stati e assicurarsi che i governi le sostengano. I fautori del libero mercato vogliono che esso sia applicato ai poveri, non a loro stessi. Il governo copre i costi delle corporation, le protegge dai rischi del mercato e lascia che intaschino i profitti. Ma in un mondo dominato dalle corporation che senso ha parlare di liberta? E un imbroglio! Le corporation sono istituzioni totalitarie, hanno tanta liberta quanta ce nera sotto lo stalinismo. Quando una impresa ottiene un sussidio dallo Stato, ricattandolo con la scusa della forza lavoro da proteggere, in realta la gente paga con le sue tasse quel sussidio di Stato. In Usa questo avviene facilmente: una impresa chiede sgravi fiscali minacciando di trasferire le sue fabbriche in un altro stato. E un modo come un altro per mirare la liberta e i diritti individuali

e aumentare la ricchezze private. E i governi acconsentono. Dunque lo Stato e diretto dalle corporation i cui unici fini sono far crescere i profitti, le quote di mercato e il potere. Ford pensava che aumentare il salario dei suoi operai avrebbe permesso loro di comperare le sue macchine. Oggi si pensa che sia piu conveniente utilizzare una forzalavoro fortemente oppressa e a basso costo per produrre meno beni destinati a gente piu ricca mentre si puo guadagnare altro denaro con le speculazioni finanziarie. Se poi le strade sono a pezzi, gli ospedali vanno male, i servizi sono deficitari, la gente sara costretta a spendere di piu, se non ci sono mezzi pubblici dovra comprare una macchina, spendere in benzina ecc., alimentando i guadagni delle corporation, cosi i ricchi trasferiranno i loro costi ai poveri. E i disagi di tutti contribuiranno allaumento del PIL con lautocelebrazione della grande economia . Los Angeles aveva una vasta rete di trasporti pubblici che fu semplicemente smantellata. La gente deve essere costretta a vivere in scomode periferie, a muoversi in macchina e a far spesa nei centri commerciali. E quando si smantella il pubblico per passare al privato si dice sempre che cio e fatto per rendere piu efficienti i servizi. I servizi non diventano piu efficienti, diventano piu cari e vengono comunque finanziati coi soldi dei cittadini per cui il privato avra sia il ricavo privato che laiuto pubblico. Lunica cosa che diventa piu efficiente e il piano guadagni dei magnati. Ma per quanto si puo andare avanti cosi? Questo sistema ha in se i semi dellautodistruzione. Cosa vogliono fare? Trasformare tutto il mondo in terzo mondo? Un pianeta dove tutte le ricchezze sono concentrate nelle mani di pochi privilegiati e il resto della gente si trovera a oscillare tra il grave disagio e la miseria piu nera? Un mondo del genere non puo sopravvivere a lungo. La gente odia questo sistema. Eppure la gente chiede poi solo dei correttivi, non pensa che le piccole concessioni degli imprenditori servono a poco e che sarebbe meglio chiedere che la fabbrica stia nelle mani degli operai. Lo scontento popolare si sfoga in azioni distruttive, nel 49% di elettori che non vanno a votare, nel piccolo gesto criminale, nello spaccio di droga, mentre dovrebbe manifestarsi nelle associazioni, nel boicottaggio e nello sciopero. I lavoratori della Corea del Nord consideravano inaccettabile e contro i diritti internazionali del lavoro che gli scioperanti fossero sostituiti da lavoratori a tempo indeterminato. Un paese e stato censurato dallOrganizzazione Internazionale del Lavoro per aver fatto questo: gli Stati uniti. Questo ci fa capire chi e civilizzato e chi no. A mio parere le corporation sono organizzazioni tiranniche non dissimili dal bolscevismo o dal fascismo. E devono essere distrutte. Noi abbiamo il dovere di denunciare che sono fondamentalmente illegittime e che non dovrebbero assolutamente esistere. Cosi esse potranno essere rovesciate come lo sono state la monarchia o la schiavitu. Quali sono i limiti? Non ce ne sono. Alla fine ogni cosa e sotto il controllo della gente. Ma occorre che la gente lo sappia e non si diffondano atteggiamenti disfattisti che fanno solo il gioco dei potenti. Se credi che non ci sia nulla da fare, non farai nulla e sarai perduto. ELEZIONI Quando la gente cerca di prendere il controllo di alcuni aspetti della propria vita, e non si riesce a fermarla, una delle risposte standard e stata: Lasciate a noi ricchi il compito di farlo per voi. Un esempio classico fu Flint, Michigan,una cittadina dominata dalla General Motors, intorno al 1910. Cerano organizzazioni socialiste dei lavoratori e progetti per assumere il controllo della situazione e dare servizi pubblici piu democratici. Ma gli uomini daffari dissero: E tutto giusto,

ma noi possiamo farlo meglio perche abbiamo i soldi. Volete un parco pubblico? Bene. Votate il nostro candidato e lui vi fara un parco pubblico. Cosi le nascenti strutture democratiche furono soppiantate. Vinse il loro candidato, per un po si ebbe un capitalismo sociale, poi fu messo da parte. Quando il governo sembra prendere dei provvedimenti democratici, essi si rivelano in realta il contrario di quello che promettono. Nellaffirmative action (Azione anti-discriminatoria) si diceva di voler combattere le discriminazioni razziali, etniche o sessuali nella distribuzione dei benefici e ruoli sociali. Ma nessuno denuncio che il sistema giudiziario aveva due pesi e due misure secondo il censo e la posizione del reo, per cui i colletti bianchi delle grandi corporation (come Nike e Walt Disney che sfruttano manodopera fuori costo in paesi sottosviluppati) se la cavavano con multe di poche migliaia di dollari, mentre le pene sul proletariato ispanico, latino-americano o afro-americano erano durissime. CARCERI Gli USA sono il paese al mondo che ha piu carceri, dove i sistemi di sicurezza carcerari sono appaltati al Pentagono e le carceri, pur essendo private, ricevono ingenti fondi governativi. Le prigioni in America sono le gabbie dove il Governo rinchiude le minoranze etniche. (Gli USA hanno il record di crescita mondiale della popolazione carceraria, 1500 in piu la settimana. 2 milioni di americani sono in carcere, e, se si aggiungono 700.000 liberi sulla parola, e i 3 milioni in stato di sorveglianza, abbiamo 6 milioni di statunitensi sotto tutela penale. In dieci anni la popolazione carceraria e raddoppiata. Nel 99 grazie alla tolleranza zero di Giuliani cera nelle carceri USA un quarto della popolazione carceraria mondiale. Che democrazia e quella che tratta cosi i suoi poveri? Di questi prigionieri il 60% e composto da minoranze etniche, quella afroamericana costituisce il 50%. Un milione di persone sono detenute per possesso o spaccio di droga, ma il consumo di sostanze stupefacenti non tende a diminuire. Nel 2001, oltre 5mila minori, tra i sette e i 17 anni, immigrati clandestini, orfani o abbandonati dai genitori, erano rinchiusi nelle prigioni americane. Almeno 500 bambini sotto i cinque anni, non adottabili perche privi di documenti, sono stati tenuti, per mesi e addirittura anni, negli asili nido delle carceri, in attesa che i burocrati decidessero del loro futuro. Mentre per gli adulti lavoratori, le autorita, sotto la pressione delle aziende che hanno bisogno di forza lavoro, chiudono un occhio, nei confronti dei minori la legge e inflessibile.) Il crimine si previene, non si combatte. E una societa multietnica non si tiene in piedi imprigionando le minoranze e costringendole a non avere sopravvivenza. Dunque, dice Chomski, Siamo in una gabbia. Ma,se siamo in una gabbia, aumenteremo il pavimento della gabbia!! LA DISTRUZIONE DEL NOI Uno Stato coercitivo, e gli USA lo sono, non deve far capire ai cittadini che la societa e ingiusta, e il miglior modo per distrarre la gente e spingere ognuno a odiare qualcun altro mentre tutti sono portati a temere aggressori ignoti. Questo tipo di Stato produce gente superflua che non riesce a integrarsi, la riduce con la violenza e sistema in prigione i sopravvissuti. Abitua la gente a non pensare abbassando il livello di cultura, degradando le periferie, svuotando le biblioteche, peggiorando le scuole, massificando e disinformando coi media. Luomo privo di cultura, che non sa, che non pensa, che non capisce, e piu facile da governare. Cosi poche corporation di poche centinaia di persone possono mantenere facilmente quel potere che in una democrazia dovrebbe appartenere a tutti e che invece viene usato solo per gli interessi privati di una minoranza ricchissima. Il neoliberismo esasperato che gli USA hanno imposto al mondo e la negazione di ogni democrazia e di ogni liberta e, per quanto sbandieri in ogni momento il feticcio del mercato, e addirittura la negazione stessa del mercato. Uno scimmiottamento della democrazia a cui nessuno sano di testa potrebbe credere. La feroce economia delle multinazionali distrugge il concetto di noi, atomizza luomo in un

debolissimo io, gli uccide passato e futuro e lo imprigiona in un precario presente, dove, come dice Bauman, ogni cosa diventa liquida, cioe precaria o inesistente. Il capitalismo e la peggior cosa che sia capitata al mondo. Ha fatto dimenticare alluomo le sue virtu piu grandi: la solidarieta e la compassione. Ha distrutto la possibilita di ognuno di connettersi allaltro, di entrare in empatia con lui, di stabilire delle relazioni e con questo ha prodotto lalienazione delluomo da se stesso. Lindividuo non deve piu relazionarsi con laltro, ma solo con la cosa da comprare, con loggetto da acquistare, da possedere, da desiderare, da mostrare, in un disumano e mercificato mondo di oggetti, finche luomo non diventa egli stesso un oggetto, perdendo le caratteristiche di persona. La mercificazione di tutto porta allannientamento dellumano, il soggetto che non sa piu entrare in relazione con laltro, si disumanizza e procede di cosa in cosa, in un progressivo spossessamento di se, in cui egli cessa di essere un valore intrinseco per dipendere dalle cose e da chi gliele vende. Lalienazione delluomo dallumano porta alla distruzione dei rapporti sociali. E da questa distruzione imposta dai potentati economici parte lindebolimento etico dei cittadini, della societa e dei governi, quei governi che crediamo di scegliere, ma che sono identici tra loro in una analoga mancanza di empatia sociale e in una analoga difesa di interessi corporativi dello stesso tipo. Ora si puo vivere la relazione con laltro solo se siamo capaci di immedesimazione con lui. (E inutile scandalizzarsi se il ragazzino riprende cinicamente col cellulare la ragazzina travolta da un autobus o il compagno handicappato picchiato dai compagni di classe, questa mancanza di partecipazione umana sostituita dal sensazionalismo rispecchia lanomia dei governanti che progressivamente hanno distrutto tutti i loro legami con la societa che dovrebbero servire). Tornare al bene comune vuol dire riappropriarsi della compassione, della partecipazione, della solidarieta, di chi e uomo in quanto sente laltro come se stesso. E vuol dire anche riprendersi il senso del tempo, il valore della lentezza, la bellezza della durata, la funzione non strumentalizzata, la relazione, il dono, lazione senza lucro, lo spazio vitale creativo, il gesto disinteressato, la memoria del passato, linvenzione del futuro, sfuggendo alla coazione del nuovismo indotto dalle maior che porta a buttare ogni cosa vecchia per rimpinguare un mercato politico o economico che smercia per nuovo il peggio e che svende ogni distruzione e perdita di valori e diritti come necessita o progresso ineliminabili. Sulla rottura dei legami con laltro sorgono lindividualismo e legoismo sia dei gruppi che dei singoli, che e il contrario di ogni etica, privata o pubblica, e porta alla distruzione sia delluomo che della societa. Questa e una societa suicida, dove il concetto stesso di societa e ammazzato. La tv fa parte di questo sistema per isolare lindividuo e rompere le catene sociali. Un sociologo di Harvard ha scoperto a partire dagli anni 70 un declino del 50% di ogni forma di interazione sociale: far visita a un vicino, andare alle riunioni dellassociazione genitoriinsegnanti, giocare insieme a bowling ecc. Se i bambini guardano tanta tv e perche e calata del 40% la relazione genitori-figli, anche a causa dei tempi e dei modi del lavoro e del vivere. La tv e usata come baby-sitter. Ma e lanima della cultura del marketing che vuole questo isolamento. Non cercano di conferirti un potere. Non ti insegnano come iscriverti a una associazione. Non ti spingono a farti una cultura, a migliorare, a evolvere. Inculcano in modo ossessivo nella tua testa messaggi destinati a distruggere la tua mente e a isolarti dagli altri. La tv fa parte di un sistema pi vasto. I giornali fanno parte di un sistema pi vasto.. Ma il loro fine distruggerti. Sono strumenti antidemocratici. Non vogliono la tua liberazione, ma la tua dipendenza. Il suo assoggettamento. Le lite considerano la democrazia una grave minaccia da cui difendersi. E la miglior difesa contro la democrazia distrarre la gente. Cos ti distraggono. Con sciocchezze, cronaca, donne nude, sport, volgarit, spamming. Se i bambini si guardano 40 ore di tv la settimana, ci una sorta di programma di pacificazione sociale.

Ma in quel programma di assuefazione sociale non ci sono solo i tuoi bambini. Ci sei anche tu, ridotto peggio di un bambino. Spinto a odiare, o a temere o a comprare. Mai libero. Mai tuo. Mai vero. Mai per te e sempre per loro. Il loro oggetto. NEOLIBERISMO E MANCANZA DI ETICA Uno Stato neoliberista e uno Stato disumano, opposto ad ogni etica. Se linteresse personale diviene fondamento di tutto la domanda che si instilla in ognuno non e piu: Questo e buono o cattivo? Ma: Cosa me ne viene? Cosa ci guadagno?. Una volta che la convenienza abbia il primato, si possono chiudere gli occhi sulle ingiustizie, le discriminazioni, le furbizie, le scorciatoie per avere benefici. Mentre unetica, che sia pubblica o privata, deve tendere, non alla personale convenienza, bensi al bene comune, in nome del quale si possono accettare anche sacrifici. Unetica volta al bene comune deve essere insegnata e praticata a partire dallinizio della vita, nella famiglia, nella scuola, nel vivere sociale, nel lavoro, nella conduzione della cosa pubblica. Essa puo svilupparsi nella cooperazione non nella competizione, perche il bene collettivo non e la somma degli interessi individuali (come vuole un liberismo esasperato), o finira per essere solo il cartello di interessi dei piu forti. Luomo, e in particolare la donna, devono ricominciare a credere di essere una potenza, devono capire che il destino sta nelle loro mani ed essere consapevoli che lEMPOWERMENT ossia lattivazione del proprio potere personale, e fondamentale al proprio riscatto. Occorre che ognuno ritrovi la propria autostima, la propria consapevolezza e responsabilita e che i cittadini inventino con le loro forze modi nuovi per unirsi ed operare insieme mobilitando tutte le proprie capacita con strategie differenziate e creative per sviluppare il bene comune. Se questo bene e di tutti, e nostro, e occorre che ce lo riprendiamo! Cosa possiamo fare?. Chomsky non e pessimista. Riconosce che quella attuale e una societa molto piu civile di quanto non fosse trentanni fa, nel complesso ce stato un miglioramento del livello di tolleranza e di comprensione, un riconoscimento molto piu ampio dei diritti degli altri, delle diversita e delle necessita di riconoscere gli atti di oppressione ma ovviamente si puo e si deve andare avanti. La gente deve sapere che esistono alternative costruttive e, quando lo sapra, fara dei grandi passi avanti. Ma potra progredire solo rompendo lo schema del potere che vuol ridurre ognuno al proprio spazio egoistico, tornando invece ai rapporti con gli altri, alla relazione. Non tutto e perduto. Abbiamo la fortuna di vivere in societa formalmente democratiche e dobbiamo sfruttarne le alternative. Loro si basano sul nostro consenso, ma loro non possono fare tutto. Noi possiamo impedirlo! Esistono ancora strumenti mediatici e politici che possono essere usati per cambiare le cose. Internet e uno di questi. Lassociazionismo e un altro. La richiesta di una politica dal basso e di forme di democrazia partecipata unaltra ancora. Lopinione pubblica e una grande forza, purche si formi uninformazione alternativa che parta il piu possibile dal basso e la gente ricrei forme di partecipazione ideali collettive. Nelle nostre societa il potere affaristico non puo fare a meno di ignorare lopinione pubblica. Spaccare vetrine fa solo il gioco del potere, perche consente restrizioni della democrazia giustificate dallordine pubblico. I mezzi devono essere altri e piu sottili. Urlare non serve. Serve ripetere, spiegare, allargare. Continuare a comunicare la verita, e viverla! La verita va praticata e condivisa ! Si parta pure dal linguaggio, e il principale strumento della mente, il pensiero, si spinga la gente a pensare in modo nuovo, si porti le persone a comunicare tra loro e a riscoprire la bellezza delle relazioni umane e della democrazia partecipata, delle decisioni prese tra molti, delle richieste presentate da molti. Qualcuno sbraitera che questa e antipolitica, ma sta solo facendo il gioco di un potere che vuole solo la sua politica, calpestando la democrazia. Una volta ristabilito il valore della relazione, e risortre le aggregazioni umane, la parola dordine sara: organizzarsi!

Dice Chomsky: Ce una buona notizia e una cattiva. La prima e che anche in un mondo dominato da titanici centri di potere finanziario, costruire il bene comune e accrescere la possibilita di decidere veramente delle nostre vite e ancora possibile. La seconda e che non possiamo farlo mettendo semplicemente una croce su una scheda e poi tornare a guardare la TV .. (Viviana Vivarelli)