Vous êtes sur la page 1sur 4

Annamaria Testa Novantacinque tesi sulla scuola

1. I ragazzi non devono annoiarsi a scuola: chi si annoia non impara. 2. Il contrario di annoiarsi a scuola non divertirsi. essere interessati. 3. Linteresse nasce di fronte a ualcosa di nuovo e complesso ma comprensi!ile: una sfida difficile ma non tanto da non poter essere affrontata. 4. "ualsiasi argomento pu# essere reso interessante. $er# !isogna lavorarci. 5. %ammi un motivo convincente per interessarmi a un argomento e prover# interesse. 6. Il motivo non pu# essere altrimenti prendo un !rutto voto. I !rutti voti non sono la versione incruenta delle frustate. 7. I voti &forse' misurano( ma non motivano a imparare. 8. )io: i voti sono una discuti!ile motivazione esterna. La motivazione interna pi* potente. 9. I finlandesi fanno a meno dei voti fino ai +, anni e sono !ravissimi a scuola. 10. Andare a scuola per prendere !ei voti come andare a un concerto per avere un !iglietto da incorniciare. 11. I test Invalsi non centrano coi voti individuali ma misuranolapprendimento complessivo: sono il ma-itermometro della scuola. 12. Il ma-itermometro non perfetto. /on una ragione per !uttarlo via e far finta di niente. 13. Lapprendimento un processo complicato( fatto di percezioni( ragione( emozioni( memoria( strategie( esperienza( am!iente( autostima0 14. 0per uesto insegnare molto pi* che dire o spiegare. 15. Il come si insegna importante uanto il cosa si insegna. Ilcome fa la differenza. 16. Insegnare anche insegnare a imparare: metacognizione la parola magica. 17. 1tate attenti uningiunzione paradossale. $roprio come sii spontaneo. 18. 1e ascolto dimentico( se vedo ricordo( se faccio capisco. 19. 2na materia come una citt3. %ammi !uone mappe e aiutami a esplorarla. 20. In aula sare!!e !ello sentire di pi* le voci dei ragazzi. 21. 4sistono modi per far parlare i ragazzi senza che laula si trasformi nel mercato del pesce. 22. I ragazzi capiscono prima e meglio se possono fare domande odiscutere un tema. 23. Leggere a voce alta non una ro!a da !am!inetti. 1erve a percepire !ene gli andamenti del testo. 24. Leggere a voce alta i propri scritti anche il modo migliore per imparare a rileggerli cercando il senso( e a correggerli. 4 non ro!a da !am!inetti.

25. 5andare a memoria un testo che piace non ro!a da !am!inetti. 26. 4hi0 alcune cose 6 dalle ta!elline allaoristo 6 vanno per forza mandate a memoria. $er il resto( se uno prima non capisce( non sta studiando: appiccica. 27. 1e studio solo per linterrogazione( ovvio che dopo dimenticher# tutto( e amen. 28. Le competenze di !ase sono: leggere( scrivere( far di conto. Leggere vuol dire capire uel che si legge. 7ggi( due italiani su trenon ce la fanno. 29. 8ogliamo che i ragazzini si appassionino alla matematica. 9acciamoli giocare coi numeri. 30. 0 uando sono pi* grandi: esempi( domande( discussione( sfide. 31. Invitiamo i ragazzi a leggere per loro piacere ogni giorno& ualsiasi cosa( fumetti compresi'. 32. /o( I Malavoglia non sono una !uona esca per catturare un lettore de!ole. 33. )hiedere allanalisi testuale di dar conto della magia di una narrazione come chiedere a un anatomopatologo di dar conto del se- appeal di 5aril:n 5onroe. 34. Apri la mente a uel chio ti paleso ; e fermalvi entro< ch= non fa sc>enza( ; sanza lo ritenere( avere inteso. "uesto lo dice pap3 %ante. 35. 1crivere o adottare li!ri di testo pedanti( minuziosi e astrusi sadico. 36. 1tudiare su li!ri di testo pedanti( minuziosi e astrusi una tortura. 37. /on dire n= troppo poco n= troppo. %i il vero. 1ii pertinente. 1ii chiaro( non am!iguo( !reve( ordinato. 1ono le massime di ?rice. 8algono anche per i li!ri di testo. 38. $rima di chiederci uanto costa un li!ro di testo domandiamoci uanto vale( uanto serve( uanto verr3 usato( capito e ricordato. 39. La Lim un mezzo( non un fine e non sostituisce un !ravo insegnante. $er# aiuta. 40. I compiti a casa non valgono per recuperare uel che non ho fatto a scuola. 41. /on darmi compiti a casa se poi non controlli che io li a!!ia fatti. 42. /on darmi compiti a casa se prima non mi spieghi come organizzarmi. 43. 0e poi me lo rispieghi. 1e imparo come studiare( varr3 per tutta la vita. 44. )omun ue( fammi lavorare pi* a scuola che a casa. 45. 1e lavoro poco a scuola( a casa non lavorer# per niente. 46. 0e non lasciarmi tutto solo a casa con le cose pi* noiose da fare. 47. $ermettimi( ogni tanto( di dirti che non ho studiato. 5a impegnami a recuperare. 48. 1ta!iliamo a ogni inizio danno un patto coi ragazzi( anche i pi* piccoli: poche regole di comportamento chiare. 4 scritte. 4 facciamole rispettare. 49. Incoraggiamo i ragazzi a essere leali e a non !arare. 50. )opiare !arare. 51. 0e il copia e incolla dal @e! non molto meglio.

52. ?uidiamo i ragazzi a esercitare il pensiero critico sulle fonti. 53. 9are linsegnante uno dei mestieri pi* frustranti( pi* appaganti( pi* complicati. 54. 2n paese civile deve fare il tifo per i suoi insegnanti. 55. 2n investimento in conoscenza paga i migliori interessi. Lo dicono AenBamin 9ranClin e AanCitalia. 56. )ome attirare i talenti migliori verso linsegnamento. ) la ricetta finlandese: riconoscimento sociale ed economico. 57. 2n paese civile deve pagare i suoi insegnanti. 58. 0ma In Italia sono !assi gli stipendi( e non c progresso tra inizio e fine carriera. 59. 0eppure la spesa nazionale per studente alta: dov linghippo. 60. Il $rogramma non il 8angelo. 7gni classe( ogni scuola una storia a s= e lautonomia necessaria. 61. 0ma funziona solo se gli o!iettivi sono chiari e misura!ili e se i risultati vengono valutati: la differenza tra autonomia e anarchia. 62. Lautonomia ha !isogno di controlli reali( efficaci( fre uenti( diffusi su tutto il territorio. 63. $er migliorare un intero sistema scolastico !astano dieci anni. Lha fatto la ?ermania. 64. 0per migliorare le performance degli studenti !asta anche meno. )i riuscito il ?iappone. 65. 1e niente cam!ia( niente pu# migliorare. 66. I pro!lemi non si risolvono applicando vecchie procedure( ma trovando nuove opzioni. 67. La scuola non unazienda: uesto non lautorizza a essere dispersiva e inefficace. 68. 8ogliamo promuovere il merito. )ominciamo da presidi e insegnanti. 69. 5olti insegnanti stanno gi3 cam!iando tutto. 8alorizzarli( magari. 70. Il pedagoghese vacuo e inconcludente fa rivoltare il maestro 5anzi nella tom!a. )he lui venga a tirare i piedi a chi lo usa. 71. Il !urocratese sgangherato fa piangere 1anta ?rammatica e im!ufalire 1an Auonsenso. 72. Tutti gli studenti di tutte le discipline &scientifiche( umanistiche( artistiche( tecnologiche0' hanno pari dignit3 e meritano insegnanti competenti. 73. 9ormare vuol dire scovare ed esaltare le capacit3 di ogni singolo studente. 74. 9ormare diverso da uniformare. 75. Lasciami essere curioso. /on o!!ligarmi a essere compiacente. 76. La scuola chiede di imparare senza errori. La creativit3 chiede di imparare dagli errori. 77. La scuola insegna risposte standard. La creativit3 fa domande diverse per trovare nuove risposte. 78. In un futuro prossimo faremo mestieri che ancora non esistono. 79. "ualsiasi cosa io faccia in futuro( dovr# continuare a imparare per tutta la vita. /on darmi nozioni che diventeranno o!solete: dammi un metodo. 80. 0cio: /on regalarmi pesci: insegnami a pescare.

81. La scuola non pu# cam!iare senza il supporto delle famiglie. 82. 2n !uon modo per avere figli lettori leggergli storie uando sono piccoli. 83. 2n !uon modo per avere figli !ravi a scuola avere molti li!ri in casa. 84. 1opperire alla mancanza di carta igienica a scuola non !asta. 85. 0e non !asta chiedere la &urgentissimaD' manutenzione delle scuole. 86. &)oda di paglia ministeriale: girare uno spot per listruzione pu!!lica in una scuola privata'. 87. La!!andono scolastico un dramma: chi lascia la scuola cresce come cittadino dimezzato. 88. /oia e routine schiantano sia gli studenti migliori( sia uelli che fanno pi* fatica. 89. $remiare il merito ed educare tutti sono o!iettivi complementari( non contrapposti. 90. $er linteresse dei figli do!!iamo pretendere insegnanti preparati e tosti. 91. 1!agliato chiedere indulgenza. ?iusto chiedere e uit3( rigore( competenza( passione. 92. 1E( esistono anche studenti maleducati. 4 sE( la responsa!ilit3 delle famiglie. 93. La scuola un diritto che pretende doveri: non c crescita senza responsa!ilit3. 94. La scuola una faccenda che interessa tutti noi. 5a tanto( ma tanto( ma tanto. 95. /on vado a scuola per un pezzo di carta( ma un pezzo di futuro. http:;;@@@.internazionale.it;opinioni;annamariaFtesta;GH+I;H+;G+;novantacin ueFtesiFsullaFscuola;