Vous êtes sur la page 1sur 3

La misura degli angoli verticali

Per angolo zenitale di un punto si intende langolo definito dalla verticale e dalla direzione del
punto collimato P.
La misura degli angoli zenitali presenta 3 sostanziali differenze rispetto alla misura degli angoli
orizzontali:
negli angoli orizzontali lorientamento arbitrario, mentre negli angoli zenitali lorientamento
risulta imposto nella verticale
negli angoli orizzontali il cerchio rimane fisso al basamento mentre gli indici ruotano con
lalidada, negli angoli zenitali il CV solidale al perno del cannocchiale e ruota con esso mentre
gli indici di lettura sono collegati allalidada.
l CV non reiterabile.
!li errori pi" temibili nelle misure con goniometri tradizionali sono dovuti alla non perfetta
verticalit dellasse primario e allerrore di indice detto zenit strumentale.
#ei goniometri elettronici i metodi di lettura sono concepiti in modo che le misure degli angoli non
risenta degli errori di costruzione ,m$nre$ ub apposito compensatore corregge automaticamene le
letture angolari dagli errori residui degli assi dello strumento.
Errore dindice
Collimando allo zenit la lettura al cerchio dovrebbe essere zero ,se invece ci% non tale lettura sar&

'
collimando a P in posizione C.(
'
Z L
S
=
collimando a P in posizione C.)
D
L Z =
'


sommando
*
D S
L L
=
Nota : si aggiunge a Ls un angolo giro per tener conto della rotazione dellalidada nellesecuzione
delle letture coniugate
sottraendo
*
D S
L L +
=
Nota : si sottrae (aggiunge) al numeratore un angolo giro a seconda che esso sia maggiore o
minore dei 400
g
+
Errore residuo di verticalit
(e indichiamo con v lerrore di verticalit&, dopo aver collimato P la linea di mira forma con lasse
primario langolo
v
.,seguita una collimazione coniugata, lasse di collimazione si dispone in
posizione simmetrica rispetto alla precedente e cio ruoter& di
- . * v
.
)i conseguenza
- . * v L L
D S
=
/da cui :
*
D S
L L
v

=
Cio la semidifferenza delle letture coniugate al C.V. non elimina gli errori causati dalla non
verticalit& dellasse primario.
0isognerebbe 1uindi che gli indici di lettura potessero ruotare intorno ad un asse verticale anche se
il teodolite ruota attorno ad un asse inclinato.
Ci% si ottiene mediante luso di una livella zenitale o di di spia.
Luso della livella zenitale consiste nel centramento della stessa, mediante apposita vite di richiamo,
prima di fare la lettura al cerchio.
Per la rettifica, dopo aver fatto ,a livella centrata , le letture coniugate, con lo strumento in posizione
C( si impone allindice la semidifferenza delle letture. (e la livella non risulta pi" centrata si
procede al suo centramento con le viti di rettifica. n 1uesto modo si resa la tangente centrale della
livella parallela alla congiungente gli indici e la livella rettificata.
*
#ei goniometri moderni si sono diffusi gli indici zenitale automatici realizzati mediante dispositivi
meccanici che utilizzano la propriet& del pendolo di disporsi in posizione di 1uiete secondo la
verticale passante per il fulcro, oppure ottici che sfruttano la propriet& di un li1uido in 1uiete di
disporre la sua superficie libera orizzontale.
2na massa pendolare viene montata sullasse di rotazione del cannocchiale e al pendolo vengono
collegati rigidamente gli indici di lettua.#ella figura schematizzato un dispositivo di 1uesto
genere.

3

Centres d'intérêt liés