Vous êtes sur la page 1sur 47

1

Gian Carlo Alessio



Civilt e letteratura latina medievale


Nel corso, lattenzione verr dedicata, in differente misura, ai secoli che vanno dalla rinascita
carolingia (IX secolo) sino al XIII secolo, vale a dire dal momento in cui la dinastia carolingia, il cui
principale esponente Carlo Magno, cerca di ristabilire una unit territoriale e politica in Europa,
cui si accompagna una rinascita religiosa e culturale che segner i secoli successivi sino al
momento del primo apparire, in alcune aree della cultura italiana, dellaltra rinascita quella
umanistica (col fenomeno del c.d. preumanesimo), da cui poi prenderanno avvio le caratteristiche
che improntano la cultura dellEuropa moderna.


Il concetto di Medioevo

L'espressione et di mezzo (media aetas) era gi usata agli inizi del XIII secolo, ad esempio
dallabate calabrese Gioacchino da Fiore, per indicare unepoca intermedia allinterno della storia
della salvezza e del mondo rispondente ad un piano divino: secondo questa scansione della storia,
il tempo, nel suo complesso, poteva essere diviso in una et del Padre, in una et del Figlio e in
una dello Spirito Santo. Nel periodo che ci interessa luomo pensava di trovarsi nellet intermedia
fra lincarnazione di Dio (let del Figlio) e la fine dei tempi, segnata dal ritorno di Cristo nel giorno
del Giudizio (let dello Spirito Santo).
Il nostro termine (medioevo) deriva per non da questa concezione della storia ma dalletichetta
che gli umanisti del Quattrocento applicarono a questa et che giudicavano negativamente come
un oscuro periodo di mezzo tra gli splendori dellantichit classica e il loro tempo, che aveva
saputo far rivivere quellet gloriosa.


Le divisioni del Medioevo secondo la storiografia moderna.

Quando parliamo del medioevo europeo alludiamo ad un periodo di storia notevolmente
lungo, tradizionalmente, un periodo di tempo che si estende tradizionalmente dal V al XV secolo e
quanto mai complesso e vario. Intendiamo un arco di mille anni nel quale sono comprese
le pi diverse forme etniche, istituzionali, culturali, non chiuse in s, ma aperte
all'evoluzione storica e in pi di una direzione, e in questo indicative di aspetti nei quali
possono riconoscersi i primi germi della civilt moderna. I contrasti tra Oriente e
Occidente, tra mondo nordico e mondo mediterraneo, tra vecchio e nuovo, tra sacro e
profano, tra ideale e reale, danno vita, colore, movimento a questo periodo di cui alcuni
parlano ancora come dei secoli oscuri della civilt europea - che, per le sue connessioni
con l'et antica e con quella moderna a un tempo, si pone di diritto nella storia continua
dell'evoluzione umana. Continuit e innovazione sono infatti le caratteristiche del
medioevo, come del resto di tutte le grandi et storiche.

Altri, invece, ritengono il medioevo un'et tutt'altro che oscura, ma ne ritengono
caratterizzante luniformit, almeno nel periodo centrale che va dall'800 circa al 1300,
distinto dalle grandi istituzioni medievali: il feudalesimo, il sistema ecclesiastico, la
scolastica; esso sarebbe preceduto e seguito da due et di pi rapida trasformazione. Una
visione di tal genere non tiene conto del fatto che i vari paesi d'Europa non ebbero tutti lo
stesso sviluppo, ignora le grandi rivoluzioni economiche di quest'epoca, l'influsso della
nuova cultura d'Oriente, il continuo fluire di correnti minori all'interno della grande corrente
della vita e del pensiero medievali. E, guardando in particolare alla vita letteraria, ignora
ancora il rinnovato interesse per i classici latini, la rinascita del diritto romano,
l'arricchimento del sapere nella riconquista della cultura antica e nella nuova scienza
2

sperimentale, l'originalit creativa della poesia e dell'arte. Certamente, tra l'Europa dell'800
e quella del 1300 sono pi i motivi di differenza che di affinit. Ma le stesse differenze, se
pure su scala pi ridotta, le riscontriamo tra la cultura dell'VIII e quella del IX secolo, tra la
situazione del 1100 circa e quella del 1200 circa, tra tutta l'et precedente e le nuove
correnti intellettuali dei secoli XIII e XIV.
Per ragioni di comodit invalso l'uso di designare alcuni di tali movimenti con le
espressioni: rinascita carolingia, rinascita ottoniana, rinascita del XII secolo, adottando
cio un termine che un tempo era riservato esclusivamente al rinascimento italiano del
secolo XV.

Linizio e la fine del medioevo non hanno per divisioni, quandanche convenzionali, univocamente
riconosciute rispetto ai periodi che precedono e seguono. Esse variano infatti non solo da nazione
a nazione ma anche in base ai fatti storici che la sensibilit di ciascuno storico tende a ritenere
caratterizzanti per individuare un cambiamento nello sviluppo della civilt europea. Il periodo che
chiamiamo 'medievale' infatti preceduto da quello che si suole definire come 'tarda antichit', i cui
confini sono legati alla enfatizzazione di particolari aspetti che possono variare in relazione ai
contesti geografici o agli aspetti socioculturali presi in esame. Ad esempio, per la Gallia il punto di
passaggio dall'et tardoantica al Medioevo considerato l'insediamento stabile dei Franchi in tutto
il suo territorio e il consolidamento della dinastia dei Merovingi, che avviene tra la fine del V e gli
inizi del VI secolo; per l'Italia la svolta si ha tra la guerra greco-gotica e l'invasione dei
Longobardi.(535-c.570).

Variet di opinioni e conseguenti oscillazioni cronologiche si hanno anche quando si tenti di
operare suddivisioni pi particolari del periodo che definito, nel suo insieme, 'medievale'.
Se si fa riferimento alle aree geopolitiche (e culturali) della Francia, della parte occidentale della
Germania e dell'Italia centrosettentrionale, una prospettiva tradizionale divide sommariamente l'et
medievale in Alto Medioevo, che comprende il periodo 'barbarico' dell'Europa (quindi il VI e il VII
secolo), il periodo di riaggregazione politica e di risveglio culturale sotto l'iniziativa della dinastia
carolingia (dalla seconda met dell'VIII alla prima met del IX secolo), il periodo di dissoluzione
dell'impero carolingio, l'affermarsi del particolarismo feudale (seconda met del IX secolo prima
met del X secolo) e la ritrovata unit politica sotto i due poteri universali della Chiesa e
dell'Impero (seconda met del X secolo XI secolo).
All'Alto Medioevo segue il Basso Medioevo, che inizia dal primo XII secolo, dal momento in cui si
avverte la impossibilit di realizzare il progetto di unire le diverse realt politiche dell'Europa
medievale sotto il governo delle due supreme autorit, l'impero (il potere temporale), e il papato (il
potere spirituale) e si avviano le esperienze di autonomia politica e di affermazione commerciale
locali (le citt) e nazionali (le monarchie dell'Europa occidentale, in Francia, Inghilterra, e nella
penisola iberica).
Il Basso medioevo si prolunga sino al XIV o al XV secolo (per il quale ultimo oggi si preferisce
parlare di et umanistica).

Altre ancora esistono, perch mille anni di storia europea, di storia politica, economica, culturale,
racchiudono vistose differenze che caratterizzano abbastanza sensibilmente i diversi periodi, sia
dal punto di vista della storia politica, sia da quello della storia economica, sia, infine, come
vedremo meglio, da quello della storia della cultura. Ad esempio la scuola storiografica tedesca,
inserisce dopo l'Alto Medioevo' un periodo che essa denomina Hochmittelalter, quindi 'pieno
Medioevo' o 'Medioevo centrale', che compreso tra la seconda met del X secolo e la prima
met del XIII e che individua nettamente il periodo in cui, dopo la fine dellanarchia feudale, si
affermano le supreme potest della Chiesa e dell'Impero.
Tuttavia si continuato a parlare semplicemente di Medioevo come indicazione convenzionale di
un periodo al quale si attribuiscono alcune caratteristiche (come la struttura feudale della societ,
la concezione del mondo, la concezione delluomo) che hanno finito di divenire emblematiche e
rappresentative dellimmagine ideale di questo periodo storico.


Per approfondire questi argomenti:
HORST FUHRMANN, Guida al Medioevo, Bari, Laterza, 1993
3
.
3



Il nostro medioevo

Visto sotto il profilo della storia culturale, necessario evidenziare che proprio luniformit
che caratterizzerebbe il medioevo appare quanto mai discutibile. Semmai la lentezza
che accompagna le trasformazioni ad offrire la sensazione di scenari culturali uniformi sia
nel tempo sia, ancor pi, nello spazio. Quella di correggere questo criterio di valutazione
una delle ragioni che induce a considerare qui i secoli che stanno tra il IX e il XIII,
ricordando inoltre che proprio dall800 (o meglio dalla rinascita carolingia, in cui la
dinastia carolingia, il cui principale esponente Carlo Magno, cerca di ristabilire una unit
territoriale e politica in Europa, cui si accompagna una rinascita religiosa e culturale che
segner i secoli successivi), che una corrente di pensiero fa partire il medioevo vero e
proprio.
Potr stupire che lesposizione si arresti alla fine del XIII secolo: col XIV secolo, gi nella
sua prima met, si consolidano, infatti, episodi culturali che appartengono ormai ad una
cultura per molti aspetti diversa, che sogliamo definire preumanistica o, addirittura,
umanistica. Daltra parte i personaggi che marcano il secolo, in Italia Dante, Petrarca e
Boccaccio, vengono di solito trattati con larghezza nellambito dei corsi di letteratura
italiana. Le figure minori sono, in genere, legate alla scuola e allinsegnamento:
programmaticamente attardato rispetto alle innovazioni che vengono proposte dai
protagonisti della cultura del secolo e esigono, per essere correttamente valutate nella loro
dialettica di conservazione e innovazione, un preventivo disegno dei punti di forza che
qualificano la cultura traente. Il XIV secolo dunque da inserirsi pi in un discorso che
riguardi il seguente umanesimo che in quello che si incentra su quanto definiamo
medioevo.
Si aggiunga che in questo corso viene, deliberatamente, proposto quanto, in termini di
figure culturali e di opere letterarie, rimane solitamente avvolto, per chi affronta studi
letterari, nelloscurit pi completa: si suole, cio, transitare dal mondo classico (o, al pi,
tardoantico) a quello della letteratura italiana dei primi secoli, aggiungendo, al pi, qualche
cenno sullattivit dei pi rilevanti umanisti del XV secolo: quasi che secoli di storia
letteraria e artistica siano scomparsi dallorizzonte e dalla memoria della cultura
universitaria. Il nostro medioevo ricever dunque unarticolazione e definizioni che, mentre
indicano un percorso diacronico dal secolo IX al XIII (ciascuno svolto con diversa
ampiezza), chiede di essere consapevoli che le differenti et di cui parleremo riflettono
niente pi che una tendenza unitaria dei vari periodi ma non escludono che i caratteri di un
secolo siano anticipati da accadimenti nel precedente o si attardino nel successivo.

Viene dunque tentato un recupero, seppure cursorio, del medioevo dei secoli ignoti, un
medioevo che, dal punto di vista culturale e letterario, potr essere diviso, in tre et 1)
della cultura monastica (secc. IX-X); 2) della cultura delle cattedrali (secc. XI-XII); 3) della
cultura delle Universit (sec. XIII).


I. Le lingue e le culture del medioevo

Il medioevo occidentale scrisse e conobbe diverse lingue di cultura: anzitutto, e in assoluta
prevalenza, il latino. Poi, soltanto in luoghi o centri assai ristretti, lebraico (la cui
conoscenza tuttavia diffusa nella Spagna musulmana), il greco, larabo. Delluso scritto
dei vari volgari, che hanno impiego universale nelluso orale, si dir via via nei periodi
opportuni.

I.1 La lingua latina
4


I cenni che seguono, particolarmente sviluppati rispetto a quanto seguir sugli istituti
linguistici e le aree culturali, segnalano anche la peculiare importanza che deve attribuirsi
alla lingua latina nel medioevo (e conseguentemente alla cultura latina, a cui infatti
dedicato quasi nella sua interezza il corso presente): per secoli il latino fu ritenuto la sola
lingua in grado di tradurre il pensiero nello scritto (dapprima come possibilit unica e
generalizzata, poi come veicolo indispensabile per i contenuti di alto impegno intellettuale).
In latino, infatti, fu scritta la grande maggioranza dei testi che il medioevo europeo elabor
su un arco temporale di circa mille anni e in ogni area della conoscenza. Esso era inoltre
la lingua ufficiale della Chiesa occidentale e, in quanto tale, utilizzato nel suo apparato
amministrativo e nella liturgia; era la lingua pubblica e protocollare delle istituzioni politiche
laiche nazionali e internazionali; la lingua utilizzata, anche oralmente, nelle Universit e
nella comunicazione privata (o semiprivata) degli esponenti della classe colta.
La civilt dellEuropa occidentale, insomma, una civilt che, nelle sue espressioni scritte,
rimane quasi esclusivamente dipendente dal veicolo rappresentato dalla lingua latina.

I.2 Linsegnamento del latino

Il latino era, tuttavia, una lingua che, in Europa, non era parlata naturalmente da nessun
gruppo etnico, sibbene una lingua di cultura, che, una volta scomparsa la struttura
scolastica organizzata e sostenuta dallimpero romano, era insegnato e appreso nelle
scuole monastiche, episcopali, parrocchiali e poi, pi tardi, anche in quelle laiche e
nell'Universit.
Il latino si imparava sulle grammatiche che il medioevo eredita dalla scuola romana (quella
di Donato e, assai meno, di Prisciano) e che compone ad imitazione di quelle e leggendo,
come anche oggi, testi di diversa difficolt a seconda del livello di conoscenza degli
studenti e dei fini della scuola: si andava, cos, dai testi liturgici e dalla Bibbia sino agli
autori classici.
La scuola abituava anche a parlare latino, a fare, cio, del latino una lingua a tutti gli
effetti, pienamente sostitutiva del volgare.
Cos fa pensare la testimonianza del modo con cui si insegnava il latino in una scuola
medievale, offerta dal frate domenicano francese Umberto di Romans che, intorno al
1270, scrive:

Nelle scuole, dove agli scolari imposto di parlare latino e non volgare, quando essi, anche del
tutto per caso, pronunciano una parola in volgare, subito vengono puniti con la frusta

Nella comunicazione quotidiana si utilizzava invece la lingua volgare ma la compresenza
di due sistemi linguistici diversi (latino e volgare) per molto tempo non sembra creare
problemi, riservato com' ciascuno d'essi ad aree sociali, culturali e funzionali ben distinte:
i volgari sono, fra IX e XI secolo, quasi esclusivamente il veicolo della comunicazione orale
e, quando la lingua volgare giunse ad avere possibilit di espressione anche sul piano
letterario, essa ebbe destinazione ideale nellespressione lirica, sacra e mondana, vale a
dire nelle forme pi direttamente coinvolte con il trasferimento di conoscenze in forma
orale al popolo - o con la possibilit di lettura per chi, pur sapendo leggere, non
conosceva il latino. La destinazione a tale pubblico fa s che questi generi siano avvertiti
gerarchicamente subalterni e quindi stilisticamente esprimibili anche attraverso un mezzo
linguistico percepito inferiore al latino. La creazione artistica di alto impegno poteva, infatti,
aspirare ad ottenere universale apprezzamento solo se calata nella veste linguistica latina
(le riserve che, dal momento della sua pubblicazione sino a tutto in Cinquecento,
accompagnano la diffusione della Commedia dantesca si accentrano soprattutto sul
rapporto, avvertito difforme, fra laltezza riconosciuta ai suoi contenuti - morali, filosofici,
teologici - e il suo essere stata scritta in volgare e non in latino).
5


In Italia a partire dal XII secolo, e pienamente nel XIII, si affermano le classi sociali,
espressione della tecnica e del commercio, il cui progetto linguistico mira allespansione
della forma scritta del volgare (la lingua laica) a generalizzato mezzo di comunicazione
scritta, anche in relazione ai contenuti astratti e idonei al dibattito intellettuale, quindi ai
generi ritenuti alti nella gerarchia stilistica stabilita dalla teoria letteraria medievale. Il
volgare si appresta dunque ad invadere il terreno considerato proprio, anzi esclusivo, del
latino e ad affermarsi in modo autonomo (diversamente occorre considerare altri ambienti
linguistici: quello francese e, soprattutto quello anglosassone e germanico).
La classe che fonda la propria egemonia socioculturale sulla conoscenza e luso del latino
sembra allora avvertire la necessit di elaborare principi che servissero a giustificare e
difendere la preminenza di una lingua (e quindi di una cultura) sull'altra e a frenare
lattribuzione al volgare di funzioni che parevano essere salda e incontestabile prerogativa
del latino. Le ragioni che correntemente venivano addotte dalle correnti conservatrici
sostenevano che il latino, a differenza del volgare, 1. era lingua sacra; 2. era lingua
immutabile nello spazio e nel tempo; 3. era lingua completa e perfetta.


I.3 Le forme del latino nel medioevo

Nel millennio che ha come confini le due date convenzionali della fine dellImpero romano
(476) e della scoperta dellAmerica (1492), il latino non cessa mai di essere in uso, pur
perdendo progressivamente la sua funzione di lingua naturale di una comunit di parlanti.
Ma anche quando il latino non si identifica pi con la lingua materna e ancorato solo a
modelli scritti che si apprendono nella scuola, non pu tuttavia, a fronte della vitalit delle
lingue volgari, essere definito una lingua morta, come ci appare essere oggi, perch ad
esso pu essere attribuita una sorta di vita in quanto lingua esclusiva di una lite culturale
Per questa ragione il latino stato definito la lingua della res publica clericorum (=
repubblica dei chierici) (il termine clericus = chierico, ecclesiastico valeva anche a
designare la persona colta, lintellettuale). Il latino la lingua viva della vita dello spirito,
svincolata dai legami con aree linguistiche specifiche, universale e, in quanto tale, la
lingua che forma e fonda lunit spirituale europea.
Quindi, pur entro la dipendenza esclusiva dalla tradizione scolastica, il latino presenta, con
dissimile intensit a seconda degli ambienti culturali e dei periodi, alcune caratteristiche
che possono avvicinarlo alle lingue vive: modificazioni ortografiche, evoluzione sintattica,
arricchimento lessicale, prestiti, calchi, differenziazioni stilistiche ecc.
Per il latino non tuttavia possibile, da un lato, parlare di frazionamento e differenziazione
nazionale o regionale e, dallaltro, ridurre questa lingua ad un concetto totalmente unitario.
Nei secoli medievali sono, infatti, in uso, una dopo laltra e, talora, una accanto allaltra,
forme diverse di latino: sicch la divisione che se ne fa correntemente su base temporale
(ma con riferimento a momenti e sviluppi precisi della civilt medievale) ha funzione
soltanto orientativa e si fonda sulla presenza di tendenze (quindi di coordinamento di indizi
valutati su base statistica), pi e meno percettibili in determinati momenti dello sviluppo
della lingua.
Questo criterio consente di individuare nel latino in uso nel medioevo almeno un latino
tardoantico, un latino medievale e un latino umanistico (o neolatino).

I.3.1 Il latino tardoantico
Nel latino tardoantico, che pu estendersi sino alla prima met del medioevo (c. VIII
secolo), alle difficolt di una definizione su base socioculturale si accompagnano quelle di
una sua caratterizzazione temporale e geografica, poich nel passaggio dallet classica
al primo medioevo, le diverse regioni dEuropa si diversificano luna dallaltra per qualit e
velocit dei cambiamenti linguistici rispetto alla norma del 'latino classico', sotto la diversa
6

influenza dei sostrati locali e della forza normativa e coesiva che ancora poteva avere la
scuola.

Gi nel VI secolo la conoscenza del latino si riduce quasi esclusivamente entro ristretti
ambienti: nei monasteri (dove il latino, cristiano, piuttosto che 'classico', resta la lingua
della comunicazione scritta, della liturgia e via d'accesso alla conoscenza dei testi sacri e,
in modo assai pi episodico, nelle corti: in Francia, in quella merovingica e in Spagna, in
quella visigotica.
Non mancano, tuttavia, alcune significative eccezioni: Cassiodoro (c. 480-575) come,
qualche tempo dopo, Gregorio Magno (papa dal 590 al 604), legittimano lo studio delle
lettere secolari come introduzione allo studio dei testi sacri, mentre, sul fronte dei laici,
Sidonio Apollinare (430-489 c. che divenne vescovo di Arvernia, oggi Clermont-Ferrant),
Avito di Vienne (450-518), Ennodio di Pavia (473-521), Boezio (480-524), Aratore (c. 490-
?), Fulgenzio (V
ex
-VI
in
) mantengono e proseguono la formazione della scuola antica e
dimostrano piena padronanza della grammatica, della retorica e di uno stile elevato e
persino, come nel caso di Sidonio Apollinare, ricco di preziose e ricercate elaborazioni
formali. E anche in pieno VI secolo, la prosa di Gregorio di Tours, che pur dichiara di non
essere in grado di maneggiare disinvoltamente il latino, non certo caratterizzata da errori
elementari: le peculiarit della sua prosa sono in gran parte sintattiche e semantiche e
visibile il suo impegno per raggiungere una efficace resa stilistica.
Tuttavia, le poche figure in cui permane viva la tradizione antica nulla possono per sanare
il crescente divario fra lingua scritta e parlata e verso la fine del VI secolo, e pi nel resto
della Romnia che in Italia, le numerosissime varianti ortografiche, morfosintattiche e
lessicali fanno s che la differenziazione sia divenuta tanto marcata da non consentire, da
un lato, agli illetterati di comprendere la lingua colta e, dallaltro, di eseguirla con un
passabile rispetto delle norme da parte di chi la conosceva, cos da stimolare persino un
tentativo di riforma ortografica, rimasto privo di seguito.

I.3.2 Il latino nel VII secolo

Il VII secolo presenta tratti contrastanti. Nel regno longobardo e franco i conflitti e disordini
interni portano alla scomparsa di qualsiasi forma di elaborazione e trasmissione della
cultura che non sia quella rappresentata dalle scuole ecclesiastiche (monastiche,
episcopali, parrocchiali), in generale di livello piuttosto basso, il cui fine, come gi nel
secolo precedente, era la formazione esclusivamente religiosa degli scolari.
Non per ovunque nella Romnia la situazione la stessa: in Spagna l'aristocrazia laica
colta e la corte dei Visigoti coltivano le lettere, sinch, ad interrompere questo processo di
mantenimento e diffusione della lingua e della cultura antiche, intervenne, nel 711, la
conquista araba della penisola iberica.
In Inghilterra e in Irlanda funzionano scuole cristiane e la cultura insulare intorno alla met
del secolo , quanto a conoscenza della lingua latina, la pi avanzata dell'Europa
occidentale. Secondo quanto asserisce Beda (672-735) nella sua Storia degli Angli
(Historia ecclesiastica gentis Anglorum) il merito del primato va ai monaci Teodoro di
Tarso e a Adriano, africano d'origine, inviati nel 668 dal papa a riorganizzare la Chiesa
d'Inghilterra: essi insegnano un latino che aveva caratteristiche di purezza e correttezza
perch non aveva possibilit di interferenza con il sostrato linguistico locale e veniva
insegnato e appreso come una lingua del tutto estranea a quella correntemente parlata.
Sul continente, la forma del latino in uso che, in Gallia, caratterizza il VII secolo e parte del
successivo quella cosiddetta merovingica (il latino merovingico): una definizione di
comodo, cui connessa una accezione negativa, come riferimento ad un latino
fondamentalmente pretenzioso e scorretto al tempo stesso, che tuttavia, probabilmente,
non tanto il segno della incompetenza linguistica del tempo, quanto piuttosto il cosciente
tentativo di scrivere una lingua che non pi specchio fedele di quella parlata, ma in
7

qualche misura un registro intermedio, vale a dire, uno sforzo di tradurre in uno scritto, che
resta a base latina, i nuovi suoni della pronuncia del latino nelle aree romanze: insomma,
un risultato della interferenza del parlato sulla forma 'classica' dello scritto.

I.3.3 La restaurazione del latino in et carolingia

Se un primo tentativo di riforma della lingua letteraria usata in Gallia fu fatto gi con
Pipino, il fondatore della dinastia carolingia, per con Carlo Magno che si avvia un vero
programma di recupero del latino letterario nella forma pi prossima a quello classico e
patristico. Lo scopo del sovrano , in definitiva, limitato e punta soprattutto ad ottenere una
migliore e pi unitaria istruzione del clero (e, quindi, dei funzionari della sua
amministrazione) per favorire il mantenimento dell'unit dell'impero. Con l'arrivo a corte
(nel 782) dell'italiano Paolo Diacono e dell'inglese Alcuino prende forma il progetto di
restaurazione del latino, che si concreta in alcuni documenti ufficiali, in cui viene prescritta
la correzione dei testi sacri e la creazione di scuole dove si insegnassero il latino e le arti
liberali (cio la grammatica, la dialettica, la retorica, la matematica, la geometria, la musica
e lastronomia). Si tratta, nelle intenzioni dei Carolingi, della riconquista di una latinit
minimale: essa apre tuttavia la porta alla riconquista di un classicismo grammaticale e
stilistico della lingua, fondato sullo studio delle reliquie letterarie dell'Antichit classica e
cristiana.
Veicolo e strumento della riforma il De orthographia di Alcuino, composto fra il 796 e
l'800, dove si stabilisce che le lettere e le sillabe delle parole latine siano tutte pronunciate
e che ad un medesimo grafema corrisponda sempre un medesimo suono (e uno solo).
Fissando una corrispondenza biunivoca fra segno e suono, si costituiva una lettura
artificiale in grado di annullare la profonda divaricazione che si era creata in precedenza
fra scrittura e pronuncia; la conseguenza fu di cancellare gli stentati esperimenti di
conguaglio fra suono e forma, messi in opera dalla scuola merovingica, e di isolare il latino
dalla lingua parlata dal popolo.
Lo sforzo per migliorare il livello della comunicazione verbale (soprattutto scritta) ebbe
quindi il risultato di dividere definitivamente la comunit linguistica in due parti: una che
parlava la lingua romanza (non ancora utilizzata nello scritto) e unaltra che, pur parlando
nella vita quotidiana quella stessa lingua, era capace di scrivere, di comprendere e,
alloccorrenza anche di parlare il latino, che ormai doveva essere imparato a scuola, come
una lingua straniera.
Il latino carolingio il primo 'latino medievale' nel senso linguistico del termine e diviene la
lingua di cultura che, progressivamente affermandosi, d coesione alla vita intellettuale e
spirituale dell'Occidente medievale: si crea, cio, un linguaggio standardizzato, comune a
tutti gli intellettuali o semplicemente alfabetizzati dEuropa, che costituisce dal punto di
vista storico-culturale una delle pi grandi invenzioni del medioevo.


APPROFONDIMENTO

ARTI LIBERALI

Per a. l. i pedagoghi antichi intendevano le discipline che preparavano allo studio della
filosofia propriamente detta, anch'essa concepita come chiave d'accesso alla saggezza
suprema; le a. l. , caratteristiche dell'uomo libero, si opponevano alle arti meccaniche le
quali, rientrando nel campo della materia e del lavoro manuale, erano di competenza degli
schiavi.
La lista canonica delle a. l. fu stabilita da Marziano Capella nelle sue Nozze di Mercurio e della
Filologia (420): egli distinse le arti del trivium o arti della parola (grammatica, retorica, logica o
dialettica) e quelle del quadrivium o arti dei numeri (aritmetica, geometria, astronomia,
musica).
8

Dal VI al XII secolo, il sapere antico ha continuato ad essere appreso essenzialmente sotto l'aspetto
delle a. l., anch'esse studiate nelle traduzioni e nei trattati di Boezio (480-524). Nel XII secolo, la
comparsa di nuove traduzioni (partendo da originali composti in greco o con l'intermediazione
araba) produsse una conoscenza pi approfondita di alcuni settori del trivium (soprattutto la
logica, con la scoperta dell'Organon completo di Aristotele) e del quadrivium (Tolomeo). Si
assistette, dunque, al moltiplicarsi delle scuole nelle quali queste discipline erano
specialmente insegnate. A Parigi, Abelardo e i suoi successori privilegiarono la dialettica,
strumento ormai indispensabile alle discipline superiori (medicina, diritto, teologia), ma
grammatici e retori conservarono ancora a lungo la loro importanza.
Quando le universit fecero la loro comparsa, dopo il 1200, si chiam naturalmente facolt
delle arti il complesso delle scuole in cui si insegnavano queste discipli ne preparatorie.
Etichetta presto fallace, poich, grazie a nuove traduzioni di opere fino ad allora ignorate di
Aristotele (Fisica, Metafisica, Etica), la conoscenza del sapere antico divenne ancora pi ampia e,
mantenendo l'appellativo di a. l., i maestri della facolt delle arti intesero ormai insegnare la
filosofia o, meglio, le tre filosofie - la filosofia razionale (cio la dialettica), la filosofia
naturale, la filosofia morale -, essendo le scienze del quadrivium emarginate in questo schema.
Molto pi ambiziosa delle antiche a. l., la filosofia tent anche di sfuggire alla custodia della
teologia, ma fall rapidamente (condanna dell'Averroismo parigino nel 1277).
Alla fine del Medioevo, con lo sviluppo dell'umanesimo e l'interesse puntato nuovamente sulla
grammatica e la retorica da una parte, sulle scienze matematiche dall'altra, il vecchio schema
delle a. l. trov, tuttavia, una certa attualit.

Cfr. D.L. WAGNER (a c. di), The Seven Liberal Arts in the Middle Ages, Bloomington 1983.

I.3.4 Il latino delle Universit (secc. XIII e seguenti).

Negli ultimi decenni del XII secolo, e poi nel Duecento, si costituiscono e affermano le
Universit (in primo luogo Bologna e Parigi). Il loro carattere infraregionale e
internazionale, la necessit di creare e di utilizzare una lingua tecnica, propria della
speculazione teologica, filosofica, scientifica (definita anche come latino della Scolastica),
luso di dibattere oralmente portarono ad un intenso impiego del latino, che diviene
indispensabile strumento di comunicazione.
La lingua si adatta quindi a questa sua funzione e, pur mantenendo una sostanziale
correttezza morfologica e sintattica, tende a semplificare la costruzione della frase, con
limpiego preferenziale di periodi brevi e di un ordine delle parole rifatto sul modello della
frase romanza; con ladozione di un lessico disinvolto, permeabile ai calchi dalle lingue
volgari, caratterizzato da una notevole quantit di neologismi, talora inconsueti e
ineleganti, soprattutto al servizio del lessico dialettico e filosofico.

I.3.5 Il latino nei secc. XIV e XV

Nellestablishment umanistico (soprattutto quattrocentesco), caratterizzato dalla netta separazione fra larea
letteraria, pertinenza esclusiva della lingua latina, e larea della comunicazione orale, specifica del volgare, il
problema si pone con soluzione quasi univoca: il volgare non ritenuto in grado di esprimere i concetti con
la stessa eleganza di cui il latino era capace e il suo uso viene confinato alla sfera della comunicazione
privata, non destinata a divenire un documento per la posterit.

I.4. Le lingue e le culture occitanica e oitanica

I.4.1 La cultura occitanica

Accanto alla cultura e alla lingua latina, gli scrittori del periodo non potevano non sentire
anche l'influenza delle letterature (e, conseguentemente, avvertire il prestigio delle lingue)
volgari che si erano gi formate fuori d'Italia, soprattutto in Francia, la cui esperienza
culturale fu all'avanguardia in Europa per tutto il secolo XII.
9

Nella Francia del Sud, in Provenza, era infatti fiorita, sin dall'inizio del sec. XII, una poesia
lirica in lingua d'oc (di qui il nome di questa letteratura, occitanica o provenzale) che fu
maestra a tutta l'Europa. In Italia, e soprattutto nel Nord, che confinava con la Provenza,
dove si parlavano dei dialetti galloromanzi non troppo lontani dall'occitanico e dove erano
ancora presenti le strutture politiche della corte, non dissimili da quelle provenzali, si
ebbe, gi prima del Duecento, una forte corrente di trovatori provenzali, che poi
gravitarono anche in buona parte attorno alla Magna Curia di Federico II.
Sar dunque nella corte di Federico che gli esperimenti lirici occitanici divennero modello
di una lirica in volgare italiano, iniziando una tradizione che si pu definire nazionale,
anche se dipendente in gran parte da quella provenzale. Gli Italiani provarono anche a
misurarsi con i poeti in lingua d'oc nella stessa lingua provenzale, dando vita ad una
poesia che, se geograficamente italiana, per nettamente occitanica, non solo per
spirito e forme, ma anche per lo strumento linguistico adoperato.
Le caratteristiche della lirica occitanica sono nettamente aristocratiche, sorrette da perizia
tecnica e artifici formali di ardua elaborazione (il trobar clus) e conseguentemente rivolte
a un pubblico d'lite. E ci vale in misura ancora maggiore per l'Italia, dove naturalmente
si imponeva l'esigenza della conoscenza della lingua, che sar a lungo considerata come
indice di un'elevata educazione (il Donat Proensals, grammatica destinata per lo studio
della lingua provenzale, fu composto in Italia nel 1240 da Uc Faidit).

I.4.2 La cultura oitanica

Pi vasta e varia fu l'influenza dell'altra cultura nata nel Nord della Francia, che, dalla
lingua usata, la lingua d'oil, si definisce oitanica o senz'altro francese. La cultura
francese non si limit, come abbiamo detto, allespressione lirica ma si manifest in tutta
una serie di romanzi cortesi, di opere epiche, didascaliche, satiriche e realistiche e
soprattutto, durante il secolo XII, in una decisiva ripresa della tradizione classica. Dalla
Francia giunsero in Italia i racconti della materia di Bretagna (le avventure di re Art e dei
cavalieri della Tavola Rotonda), assai apprezzate da un pubblico aristocratico e alto
borghese (si pensi all'episodio di Paolo e Francesca nella Commedia dantesca, che
leggevano di Lancialotto, come amor lo strinse) e tramite fondamentale per la diffusione
della concezione dell''amor cortese'; quelli della 'materia di Francia' (le imprese di Carlo
Magno e dei suoi paladini), a sfondo epico-religioso, pi popolari e di pi larga presa su un
vasto pubblico, tanto che ben presto vennero riprese, rifatte e adattate all'ambiente pi
particolarmente italiano; inoltre le storie 'classiche' di Troia, di Enea, di Alessandro e di
Cesare, romanzate secondo canoni di gusto che testimoniano della necessit e del
piacere dell'informazione e della lettura da parte della borghesia comunale.
Ancora passarono nella nostra penisola i lais amorosi di Maria di Francia; i poemetti
satirici con protagonisti gli animali; i fabliaux, che tramandavano motivi tipici della cultura
medioevale, quali la satira del villano, gli spunti misogini, la polemica anticlericale; inoltre,
una fiorente letteratura didattico-allegorica, tra cui spicca il Roman de la Rose, che alla
fine del Duecento fu ridotto e adattato all'ambiente italiano nel Fiore, opera anonima, ma
per cui stato proposto il nome di Dante.
In un primo momento l'importanza dei contatti con la Francia fu sentita maggiormente
nell'Italia settentrionale, specialmente nel Veneto, dove attivissima fu la volgarizzazione e
poi l'elaborazione e la creazione di opere di materia francese in una lingua particolare, il
franco-veneto, ma tutta la penisola durante l'et comunale ebbe strettissimi legami con il
paese transalpino. Dopo la calata di Carlo d'Angi e la battaglia di Benevento (1266)
l'Italia meridionale entra nell'area di influenza politico-culturale di una dinastia francese che
vi gioca un importante ruolo per la tutta prima met del Trecento. Basti pensare a re
Roberto di Napoli, alla cui corte il Boccaccio pass la sua giovinezza e che Petrarca volle
come giudice per la sua incoronazione a poeta in Campidoglio (1341).
10

Per questi motivi alcuni dei nostri scrittori si presentano imbevuti di cultura francese e
alcuni addirittura compongono le loro opere in lingua d'oil: cos Brunetto Latini, che scrisse
in Francia il Tresor (il Tesoro) e afferm che se alcuno domandasse perch questo libro
scritto in volgare nella lingua dei Francesi, mentre io sono italiano, dir ch' per due
ragioni: l'una perch mi trovo ora in Francia, l'altra perch questa lingua pi gradevole e
pi accessibile a tutti; dello stesso tono appare essere la giustificazione dell'uso del
francese in Martino da Canal, autore di una Cronique des Veniciens (fra il 1267 e il 1275):
E poich la lingua francese diffusa in tutto il mondo e la pi piacevole, sia che la si
legga sia che la si oda, mi sono accinto a tradurre l'antica storia dei Veneziani dal latino al
francese; e cos, ancora Marco Polo dett il racconto dei suoi viaggi a Rustichello da Pisa
(autore a sua volta di un romanzo arturiano scritto in francese) che lo stese in francese.
Tuttavia l'influenza del francese non fu sempre pacificamente accolta: Benvenuto da Imola
nel suo commento alla Commedia (verso il 1380) si meraviglia e indigna nel vedere gli
Italiani, e specialmente i nobili, che tentano di imitare i Francesi e di imparare la lingua
gallica, affermando che niente pi bello del francese, perch il francese bastardo del
latino, come insegna l'esperienza.
Su un piano culturale pi alto, la polemica antifrancese ripresa dal Petrarca, che
nell'ambasciata al re di Francia del 1361, afferma che gli sarebbe piaciuto esprimersi in
francese, ma di non essere capace di farlo perch il francese era una lingua di cui non
sapeva facilmente servirsi (sed non sum tanti ingenii: linguam gallicam nec scio nec
facile possum scire): affermazione ostentatamente falsa, se si pensa agli anni trascorsi
ad Avignone, ma, per usare le parole di Carlo Dionisotti, egli si presentava come l'araldo
di una cultura nuova, che in tanto aveva potuto far getto della lingua da poco nata e pur
gi formidabile di Dante, in quanto poteva opporre al secolare predominio della lingua
francese l'arma ben pi formidabile e veramente decisiva di un latino ignoto ai moderni.
Ma il genere che, in Italia, ebbe senza dubbio maggior fortuna fu quello dei romanzi
franco-veneti, scritti appunto nel Veneto in una lingua ibrida di elementi gallici e veneti e
dalla fisionomia letteraria caratteristica, che trasferisce le storie delle gesta di Carlo e dei
paladini di Francia molto spesso in ambiente italiano o introduce elementi familiari a un
pubblico italiano. Questa produzione dura per tutto il Trecento con notevole successo di
pubblico, come attesta il giudice Lovato Lovati (1309):

.... seduto su un palco in piazza un cantore che declama le gesta di Francia e le imprese
militari di Carlo. Il popolino intorno pende dalle sue labbra, con le orecchie tese,
affascinato da quel suo Orfeo. Ascolto in silenzio. Egli con pronuncia straniera deforma
qua e l la canzone in lingua francese, tutta stravolgendola a capriccio senza curare n il
filo della narrazione n l'arte di composizione. Ma tutto ci piaceva al popolino.


I.5 Gli inizi della poesia d'arte e prosa d'arte in Italia (da B. MIGLIORINI, Storia della lingua
italiana)

Le variet locali del volgare parlato in Italia erano molto divergenti, e i tentativi che erano
stati fatti per metterle in scrittura avevano cercato di levigarne la rozzezza eliminando le
peculiarit troppo spiccate e ricorrendo ai suggerimenti che poteva dare la lingua scritta
per eccellenza, il latino. Proprio l'esempio del latino, con la sua relativa fissit e regolarit,
fa sentire il bisogno di modelli anche per il volgare. C' nell'aria l'idea che se e quando
appariranno dei modelli degni, essi saranno imitati anche nelle loro particolarit, e per
questa via si trover un rimedio alle incertezze grammaticali e lessicali.
Non si mira insomma direttamente a una lingua comune: si mira a una lingua bella e
nobile, la quale eliminer i particolarismi e sar perci anche comune. Nell'Italia del
Duecento, artisticamente cos matura e politicamente cos divisa, modello voleva dire
modello di bellezza, di eleganza artistica. Questo ci spiega come emergano tanto
11

imperiosamente, creando una scia d'imitazione letteraria e linguistica, quegli scritti in cui si
persegue un ideale di bellezza.
la lirica che si pone all'avanguardia della letteratura, e che crea un moto d'entusiasmo,
con conseguenze che dureranno per secoli. La spinta iniziale data dai poeti siciliani della
curia sveva, i primi in Italia a servirsi del volgare per fare poesia d'arte, sar trasmessa a
tanti altri: e tutti, non solo i pedissequi imitatori siculo-toscani, ma anche il Guinizzelli, gli
stilnovisti e in genere tutti quelli che scriveranno in versi, terranno conto in proporzione
maggiore o minore dei modelli siciliani, cos che alcune peculiarit entreranno stabilmente
nell'uso poetico italiano.
Non basta: questa spinta fa s che la poesia acquisti un vantaggio tanto sensibile sulla
prosa da creare fra i due modi di scrivere addirittura una scissione che durer per secoli. I
modelli poetici che si susseguono costituiscono una tradizione, che fornisce un modello di
lingua relativamente uniforme per le varie regioni; invece la prosa stenta (e stenter per
molto, tempo) a uscire dall'mbito locale. Sorge s, poco dopo la fioritura siciliana, una
prosa d'arte, che ha a Bologna con la persona di Guido Fava il suo primo maestro. E
anche la prosa d'arte trover in Toscana cultori appassionati come Brunetto e Guittone.
Ma il minor livello artistico da loro raggiunto in confronto con la poesia e lo stretto legame che la
prosa ha sempre con le contingenze pratiche di carattere personale e locale, per cui essa non pu
staccarsi troppo dal parlare quotidiano, neppure quando soggetta a elaborazione artistica, fanno
s che il processo di unificazione della lingua prosastica sia senza confronto pi lento. Non va, poi,
dimenticato che testi in prosa mancano completamente per l'Italia meridionale e la Sicilia durante il
Duecento: vi si scrive ancora soltanto in latino.

I.6 La cultura imperiale: Bisanzio e la lingua greca

Bisanzio era originariamente la parte orientale dellimpero romano, con capitale a
Costantinopoli, e accolse dunque gli influssi del cristianesimo, della tradizione classica
greca e latina, delle culture dei popoli assoggettati o di quelli che conquistarono
territori bizantini o presero a gravitare nella stessa orbita religiosa. Caratteristica
basilare della struttura di governo dellimpero sta nell 'ininterrotta continuit della
guida della corte, soprattutto per quanto attiene agli aspetti culturali. Pertanto, abituati
alle direttive e al finanziamento dall'alto, i pensatori bizantini svilupparono
un'attitudine mentale che precludeva la formazione di istituzioni autonome per la
formazione e la diffusione di idee indipendenti dalla politica imperiale e le varie vicende
della vita culturale bizantina sono strettamente connesse all'erogazione di sussidi da
parte della corte.
Una seconda caratteristica della storia culturale bizantina che la differenzia nettamente
da quella occidentale la mancanza di interazione tra le lingue usate nell'impero. Dopo il
VI secolo scomparve l'istruzione in latino e si ridusse grandemente il numero di bizantini
che conoscevano questa lingua, ad eccezione degli studenti delle scuole imperiali di
diritto. L'istruzione convenzionale si incentrava sempre pi sugli autori attici greci
canonici e and a costituire una ristretta lite che sapeva leggere e scrivere il greco
attico e non aveva alcun interesse l'aggiornarlo e nel renderlo una lingua viva, come
invece accadde per il latino nell'occidente medievale. Perci, anche tra le file di
coloro che parlavano greco, si cre presto una spaccatura profonda tra i pochi che
usavano il greco attico e gli altri bizantini, dotati di un'istruzione meno raffinata, per i
quali quella lingua divent via via sempre pi incomprensibile. Indifferente al progetto
di diffondere la cultura greca attica, l'lite intellettuale la riserv a se stessa,
tenendosi al riparo da altre influenze, e la us come elemento di definizione della propria
identit culturale (qualcosa di simile pu dirsi avvenuto nel rapporto tra il latino e le
lingue volgari). Nel definirsi secondo il canone greco attico, gli scrittori d'lite
privilegiarono anche l'aspetto meno innovativo della tradizione classica: la venerazi one
12

dei modelli del passato e la convinzione che essi non potessero essere migliorati o
criticati.
La questione della lingua presenta una differenza evidente tra Bisanzio e l'Europa
occidentale anche in rapporto alla cristianizzazione degli invasori che occuparono i
territori imperiali e quelli ad essi adiacenti. Le missioni bizantine, infatti, reputarono che il
loro ruolo consistesse esclusivamente nel portare il Vangelo ai popoli presso i quali
venivano mandati, e non quello di insegnare loro anche le arti liberali. Dato che
l'educazione nelle arti liberali rimase disponibile attraverso insegnanti laici, finanziati
dallo stato o pagati dagli studenti, gli ecclesiastici (a differenza di quanto accadde in
Occidente) non considerarono mai come proprio il compito di impartire un'educazione
liberale. Il monachesimo fu un aspetto vivo della vita ecclesiastica nella cristianit
orientale: ma esso insisteva sull'austerit e sulla contemplazione. Gli agiografi
elogiavano i monaci che sprezzavano la cultura dei libri in quanto terrena e poco
importante, ad esclusione della Bibbia e della liturgia. Il cari smatico, l'ascetico, il
mistico e il santo folle erano considerati esempi dell'ideale monastico preferibili ai
monaci eruditi delloccidente.
Allo stesso modo di quanto avvenne nel mondo bizantino la conoscenza del greco
dellOccidente medievale fu assai limitata e il dialogo tra le due realt politiche e culturali,
a conti fatti, assai limitato.

I.7 Il pensiero musulmano e la conoscenza dellarabo in Occidente

Tra le civilt qui prese in considerazione, soltanto l'islam, sebbene legato all'ebraismo e al
cristianesimo, manc di radici nella tradizione classica, poich si form nel VII secolo,
dopo che l'antica Roma era scomparsa. Durante i primi cinquecento anni, l'islam
conquist il vicino oriente, il nord Africa e la Spagna. I successori di Maometto (ca.
570-632), i califfi, assoggettarono ebrei e cristiani, ai quali offrirono protezione e tolleranza
religiosa in quanto popoli del libro. Ai vescovi e ai rabbini a capo di queste comunit
religiose fu dato un certo grado di giurisdizione civile su di esse, dato che la legge
musulmana non si occupava dei non musulmani. I musulmani consideravano la propria
fede come la piena, e ultima, espressione di una tradizione religiosa che era iniziata con
l'ebraismo e il cristianesimo, fedi con le quali condividevano la convinzione che Dio rivela
la propria volont e la legge morale nella storia attraverso i profeti. L'islam si un
all'ebraismo e al cristianesimo nel professare il monoteismo, la fede nella creazione
divina dal nulla e un modo di vita che combinava la preghiera pubblica e privata, la
carit, il digiuno e l'etica sociale e personale. Con l'ebrai smo l'islam condivideva anche
la circoncisione dei maschi, a significarne l'appartenenza alla comunit religiosa, e le
restrizioni alimentari, specificamente l'astensione dalla carne di maiale e dalle
bevande alcoliche. Con il cristianesimo l'islam condivideva l'idea dell'universalit del
messaggio e che la sua diffusione a tutta l'umanit dovesse essere promossa attraverso
una vigorosa attivit missionaria: ma i musulmani consideravano accettabile la
diffusione dell'islam anche attraverso la spada. Un altro punto di accordo con il
cristianesimo era la credenza nella resurrezione del corpo nell'aldil. Ritenevano inoltre
degni di rispetto gli insegnamenti di Cristo, che veniva considerato come un profeta di
Dio straordinariamente privilegiato.
Le prime conquiste dei musulmani li resero padroni dell'impero persiano e delle terre
un tempo governate da Bisanzio e dagli stati germanici successori dell'impero romano in
Spagna e in Nordafrica. L'arabo, la lingua dei primi musulmani e del loro testo sacro,
il Corano, divenne la lingua ufficiale della teologia, della preghiera, del diritto e
dell'amministrazione in tutto il califfato. Ma gi prima della nascita dell'islam esisteva una
vigorosa tradizione letteraria in arabo, che continu a fiorire, grazie alla intensa
attivit di promozione dei governanti musulmani. Altra importante lingua letteraria
divenne il persiano, specialmente nell'area mediorientale del mondo musulmano.
13

I sudditi ellenizzati dellimpero islamico, nell'area del califfato un tempo bizantina,
misero i musulmani a contatto con la tradizione classica. Ma, data l'esistenza della
tradizione letteraria araba e le differenze linguistiche che dividevano larabo dal latino e dal
greco, la letteratura classica non ebbe alcun fascino e nemmeno il diritto romano o la teoria
politica greca. Suscitarono invece grande interesse per i pensatori musulmani e per gli
ebrei che partecipavano liberamente alla vita intellettuale araba la scienza e la filosofia
greca. Queste discipline ricevettero sostegno ufficiale nel vicino oriente fino alla met
del IX secolo e, in Spagna, fino alla fine del X. Dopo quel periodo, il patronato
scientifico dei governanti fu discontinuo. Tra i molti ricchi patroni, alcuni sostennero
osservatori e ospedali, a causa dell'utilit pratica dell'astronomia e della medicina. Il
patronato degli ospedali contribuiva anche a sostenere la formazione medica e offriva
cure ai bisognosi. La filosofia, incapace di ispirare simili intenzioni caritatevoli, ebbe
peggior sorte quanto a sostegno ufficiale anche se, di tutte e tre le civilt altomedievali,
l'islam produsse l'opera pi originale nella scienza e nella filosofia. Ma dopo il XII secolo,
gli straordinari progressi del pensiero speculativo, stimolati inizialmente dai governanti
musulmani, si arrestarono. Di conseguenza, fu l'Europa occidentale, piuttosto che l'islam,
a fare tesoro di questi insegnamenti, una volta tradotti in latino.

I.7.1 La letteratura musulmana

La letteratura fu la forma della cultura musulmana che meglio riusc a superare gli alti
e bassi politici, la successione di una dinastia a un'altra e la definitiva disgregazione del
califfato in unit piccole e reciprocamente ostili. Tutti i sovrani musulmani - quale che ne
fosse la posizione politica o religiosa - considerarono infatti importante sostenere la
letteratura, che portava lustro e divertimento nelle corti.
Tutti i generi della poesia araba sono complessi nella forma e nel metro, usano immagini
elaborate, descrizioni vivide e voluttuose di persone, scenari e animali.
L'epica riporta le numerose faide fra trib e le genealogie dei protagonisti, cosa che rende
possibile per il pubblico stabilire collegamenti con i suoi antenati. I valori che legano
questa epica ad altre tradizioni epiche altomedievali sono l'abilit bellica e la fedelt ad
un codice d'onore che richiedeva la vendetta delle offese. Le liriche sono odi, a volte
prolisse, che affrontano una vasta gamma di argomenti. Celebrano o commentano con
tristezza il paesaggio naturale, in particolare il deserto, che nella lirica pre-islamica
occupa un posto analogo a quello del mare nella poesia antico-inglese. Temi popolari
sono il vino e l'amore, quest'ultimo trattato a volte con esplicito erotismo, altre con
delicatezza. I poeti lirici possono cantare con altrettanta facilit i propri fedeli cammelli e
le proprie donne. I poemi gnomici mettono insieme una serie di proverbi, che vanno dal
banale all'arguto e all'ironico.
Il primo lavoro letterario dell'et islamica, il Corano, anche la prima opera araba in
prosa, pur se in una prosa altamente ritmica e allitterante. Il Corano non narrativo
come la Bibbia. Non nemmeno presentato come un'interpretazione sintetica da parte di
Maometto della rivelazione che ricevette. Piuttosto, il Corano considerato come la
parola di Dio rivelata a Maometto, che egli ripete letteralmente in una serie di singoli
versi, i quali testimoniano la rivelazione divina su argomenti specifici. L'assoluta centralit
di questo testo nella vita religiosa dei musulmani e il suo uso nell'insegnamento
letterario di base assicur una profonda influenza letteraria, non meno che teologica,
su tutti gli autori musulmani successivi.
Gli Omayyadi (632-750), che per primi regnarono dopo la morte di Maometto,
incoraggiarono l'epica e la lirica, come anche la storia in prosa e le favole, generi
nuovi per la letteratura araba, provenienti dalla Persia. Le storie in prosa si rifacevano
ai panegirici rivolti ai sovrani e alla vita edificante dell'uomo santo e delineavano le vite,
le virt e le conquiste di Maometto e dei suoi primi seguaci. In seguito la storia si
allarg per comprendere la narrativa politica e militare, le memorie personali e i
14

resoconti di viaggio. La favola giunse in Arabia dall'India, attraverso la Persia: a
differenza delle fiabe di Esopo, nelle quali i protagonisti animali rendono
allegoricamente i vizi umani, le favole arabe di animali, un buon esempio delle quali il
Kalilah wa-Diminah di Ibn al-Muqaffa, mostrano animali che si comportano in modo
simile agli uomini anche in senso positivo.
Anche gli Abbasidi (750-1258), che sostituirono gli Omayyadi nel vicino oriente e che
spostarono la capitale da Damasco a Baghdad sulla scia dell'espansione dell'islam
verso oriente, continuarono il generoso patronato della letteratura. La letteratura araba
di questo periodo mostra una crescente influenza persiana, non solo relativamente ai
generi e ai temi letterari, ma anche per una sensibilit letteraria che predilige la
raffinatezza, la cortesia, il lusso, le dimostrazioni d'affetto e le buone maniere. Questi tratti
sono anche visibili nell'opera pi famosa della letteratura persiana del periodo abbaside,
il Rubaiyyat di Omar Khayyam, del XII secolo.

I.7.2. La scienza nellIslam

L'incostanza del patronato ufficiale e l'incapacit degli studiosi di trovare o creare
strutture istituzionalizzate per il finanziamento del proprio lavoro, ad eccezione
degli ospedali e degli osservatori, emergono con grande chiarezza nel caso della
scienza, il campo in cui i musulmani nell'alto medioevo sorpassarono sia Bisanzio
sia l'Europa occidentale, ma nel quale la crescita svan dopo l'XI secolo. Il primo
passo che rese possibile le conquiste dellepoca d'oro della scienza musulmana fu
la traduzione in arabo di testi scientifici greci, compiuta da sudditi cristiani dei califfi a
partire dal tardo VIII secolo e nel X secolo.
Gi prima di questa data gli studiosi avevano accolti questi materiali e avevano iniziato
a dare importanti contributi a scienze specifiche. Un buon esempio in questo senso al-
Kwarizmi (780-ca. 850), il matematico pi creativo del medioevo islamico: deriv i
concetti di zero e dei numeri dall'India, sostituendo i numeri romani e l'uso delle
lettere dell'alfabeto che la matematica greca impiegava al posto dei numeri. Questa
combinazione rivoluzion l'aritmetica. Al-Kwarizmi fece anche molte scoperte in
algebra, inclusi gli algoritmi, un termine derivato dalla latinizzazione del suo nome.
Quando la sua opera fu tradotta in latino, egli rimase per duecento anni la maggiore
autorit nell'algebra. La matematica fu anche applicata allastronomia dagli scienziati
musulmani, che, come tutti gli astronomi medievali, associavano l'astronomia
all'astrologia, allo stesso modo in cui collegavano la mineralogia alla ricerca della
pietra filosofale. Lo scienziato naturalista pi originale e pi profondo in tutte queste
aree fu al-Biruni (973-1048).
L'inclinazione per le scienze con una chiara applicazione tecnologica non cos
visibile in nessun'altra area come nella medicina, fatto che rende conto della sua grande
popolarit nell'alto medioevo islamico e del patrocinio che gli ospedali ricevettero molto
dopo l'epoca delle importanti scoperte mediche. Le due fasi principali nella storia della
medicina musulmana possono essere documentate nelle carriere di al-Razi (865-925) e di
Avicenna (980-1037). Al-Razi, il pi originale dei medici musulmani, era a capo della
chirurgia nell'ospedale di Baghdad, fondato dai califfi, che era anche un istituto di ricerca,
e molte delle scoperte che egli fece derivarono dalla sua pratica clinica. Tra queste
ricordiamo: nuovi strumenti e procedure in chirurgia, l'eziologia del morbillo e la prima
descrizione clinica del vaiolo nella storia mondiale.
La teoria scientifica pura, il fascino della conoscenza scientifica per s stessa, che
avevano animato l'antica Grecia, non suscitavano tuttavia altrettanto interesse, cos come
gli scienziati musulmani non erano interessati nell'impiego della scienza per sviluppare
una coerente visione del mondo basata sulla ragione o nella creazione di un metodo di
verifica delle idee universalmente valido.

15

I.8 Il pensiero ebraico

I pensatori ebraici, sino alla fine del XII secolo, vissero per lo pi in territori retti da
governanti musulmani. Conoscitori dell'arabo oltre che dell'ebraico, dell'aramaico e
delle lingue vernacolari locali, in quanto popolo del libro parteciparono attivamente
alla vita intellettuale del vicino oriente e della Spagna musulmani. Nelle loro opere si
trovano parallelismi e influenze dei movimenti intellettuali musulmani, accanto a
interessi specifici dell'ebraismo: la teologia tradizionale basata sulla sacra Scrittura e
l'interpretazione della legge religiosa da parte dei rabbini.
L'ebraismo fu la prima delle tre religioni rivelate a produrre una teologia filosofica,
nella persona di Filone, la cui visione del mondo, completamente ellenizzata e basata
sul neoplatonismo e sullo stoicismo, era, secondo il suo punto di vista, perfettamente
compatibile con la verit rivelata. La sua opera manc di fascino per i suoi
correligionari e ebbe molta pi influenza sul cristianesimo. Ma gli sviluppi chiave nel
pensiero ebraico si basarono piuttosto sul talmudismo e sul misticismo.
I commentari alla legge morale e religiosa, e i commentari sullo stesso Talmud,
divennero sempre pi importanti come base per l'identit religiosa ebraica dopo la
distruzione del secondo tempio di Gerusalemme, nel 70 d.C., e la diaspora. I rabbini
furono gli interpreti che produssero questi testi, raccolti nel VI secolo, nei quali i
problemi sono presentati in forma di dialogo.
Il misticismo ebraico assunse due forme principali nel medioevo, lo gnosticismo e il
cabalismo, dei quali il secondo divenne predominante nella tarda et medievale. Lo
gnosticismo ebraico valorizzava le stesse idee-chiave di quello pagano e cristiano: la
fede in una condizione umana in cui l'uomo deve essere salvato e la ricerca di una
saggezza salvifica di tipo esoterico, accessibile a un'lite spirituale.
I cabalisti condividono con gli gnostici l'uso di tecniche occulte, per stimolare la
contemplazione, e la convinzione di appartenere ad un ceto intellettuale elitario (sono
escluse le donne), ma si allontanano dallo gnosticismo ebraico nel presentare un
elaborato resoconto della creazione che riflette la loro volont di giungere ad un
compromesso tra l'unit e la trascendenza di Dio e il loro uso della numerologia come
strategia esegetica e mistica.
Il pietismo, al contrario, quale reazione contro il profondo legalismo dei talmudisti e
quale sforzo di accentuare l'esperienza religiosa interiore, fu considerato ortodosso
dagli ebrei medievali e cont numerosi sostenitori. Uno dei suoi pi importanti
esponenti medievali, Bahya Ibn Pakuda (1059-1111) distingue i doveri degli arti, la
legge morale esterna, il rituale e la cerimonia, osservate dagli ebrei perch Dio le
prescrive e deve essere obbedito, dai doveri del cuore, o devozione interiore, atti
morali e cerimoniali compiuti perch suonano pieni di significato nella vita interiore del
credente.

I.8.1 La sintesi maimonidea

Lo scopo di Mos Maimonide (1135-1204) fu quello di sintetizzare l'aristotelismo con la
tradizione religiosa ebraica. Nativo di Cordoba, fu approfonditamente educato nel
Talmud e nelle scienze naturali, cos come in filosofia. Egli trov inospitale il clima
intellettuale della Spagna quando giunsero al potere gli Almohadi e si trasfer allora a
Nitto, dove serv il sovrano locale come medico di corte e i suoi sudditi ebrei come capo
rabbino. Maimonide condivide la profonda ammirazione di Averro per Aristotele,
convenendo che l'apice della ragione umana era stato raggiunto nella sua filosofia.
Quando parla di ragione, egli intende basilarmente l'aristotelismo e anche
d'accordo sul fatto che Aristotele dovrebbe essere abbracciato sistematicamente.
Maimonide ebbe invece per l'etica un interesse minore. Egli ritiene intrinsecamente
razionali i principi generali di condotta imposti dai dieci comandamenti e crede che,
16

lasciata libera di agire con mezzi propri, la mente umana arriverebbe alle stesse
conclusioni, motivo per cui non sono necessarie ulteriori giustificazioni.
Quando la Guida di Maimonide fu tradotta in latino, venne accolta con soggezione e
rispetto, specialmente dai pensatori della scuola domenicana: l'autore era citato sempli-
cemente come il rabbino o il rabbino Mos, allo stesso modo in cui Averro veniva
chiamato il commentatore. Maimonide godette di una influenza maggiore, tra tutti e tre i
popoli del libro, rispetto a qualsiasi altro pensatore medievale; la sua biografia,
accanto a quelle di Giuda Halevi e Averro, una pietra miliare, che segna i limiti di
tempo e di spazio entro i quali furono possibili interazioni feconde tra i pensatori di
queste fedi sorelle in territorio musulmano.
Le crociate ebbero come risultato che il sentimento anti -cristiano in quella regione
ridusse anche la tolleranza nei confronti degli ebrei e, in ogni caso, la comunit scientifica
e filosofica della quale essi erano stati un elemento vitale si stava sempre pi
riducendo. Gli ebrei che rimasero in Europa non trovarono accoglienza nelle scuole
cristiane, e la persecuzione, la ghettizzazione o l'espulsione li separarono ulteriormente
dalla corrente intellettuale europea.



LA CIVILT LATINA DEL MEDIOEVO


II. Let della cultura monastica (secc. IX-X)

II.1 Il contesto storico

Dei regni romano-barbarici erano giunti ad uno stabile assestamento quello del Franchi in Gallia (dal 687),
quello dei Vandali (sino alla conquista araba degli inizi dellVIII secolo) e dei Longobardi in Italia, dove
tuttavia essi spartivano il dominio coi Bizantini. LInghilterra (abbandonata dai Romani gi nel 409) divisa in
piccoli regni, unificati nel IX secolo. In Irlanda (mai conquistata dai Romani) predominavano invece trib di
origine celtica. (ILL.1)
Nella seconda met dell'VIII secolo lassetto politico dellEuropa occidentale muta: Carlo Martello, che era
succeduto al padre Pipino di Heristal, pur lasciando un potere formale al sovrano della dinastia merovingia,
si era di fatto comportato come tale e suo figlio, Pipino il Breve, che gli era succeduto nel 747, con l'appoggio
di papa Zaccaria (che aveva bisogno del suo aiuto per tenere a freno i Longobardi e i Bizantini) depone
l'ultimo sovrano merovingio, Childerico III e nel 751 viene proclamato re.
Nasce cos la dinastia carolingia dal nome del figlio di Pipino, Carlo, detto Magno, che succede al padre nel
768, ne continua la politica filopontificia e nel 774, bench avesse sposato la figlia del re Desiderio,
Ermengarda, attacca il regno dei longobardi, lo conquista e si nomina rex Francorum et Langobardorum.
Seguono altre campagne militari: a occidente Carlo nel 778 tenta di liberare la penisola iberica dagli arabi
(un episodio di questa spedizione, la caduta della retroguardia franca in un'imboscata, diventato uno degli
episodi pi leggendari e famosi della letteratura medievale: la morte del paladino Orlando a Roncisvalle
(Chanson de Roland); a oriente sottomette gli Avari, i Sassoni e i Bavari. Nasce dunque una nuova realt
territoriale e politica, che si estende dall'Olanda all'Italia, dalla Spagna sin oltre il Danubio, governata da un
tutto sommato esile apparato amministrativo, espresso dai funzionari del re e dalle strutture dei monasteri
fedeli alla corona.(ILL.2)Questa fu legittimata ufficialmente nella notte di Natale dell'anno 800: papa Leone III
consacra il re dei franchi imperatore del Sacro Romano Impero Germanico (e, osserva E. DAngelo, nel
nome c' tutta una visione politica: l'eredit degli imperatori romani, la tradizione germanica e la
legittimazione del potere da parte del Dio cristiano). Viene dunque a crearsi un dualismo perfetto di Chiesa e
Stato ma che, in seguito, sar destinato a creare pesanti interferenze dellun potere sullaltro per tutto il
medioevo.
Carlo muore nell'814. Il suo successore, Ludovico il Pio, figlio di Carlo Magno, a stento riesce a mantenere
nella sua persona l'unit dellimpero (la consuetudine franca prevedeva, infatti, la spartizione del regno tra i
figli del defunto imperatore), ma, una volta scomparso, nell'840, i suoi tre figli Lotario I ( 855), Ludovico (
876) e Carlo il Calvo ( 877) si spartiscono lo Stato col trattato di Verdun (843): al primo tocc il titolo di
imperatore e il governo della Francia orientale, al secondo quello delle terre della Germania a oriente del
Reno, al terzo il regno della Francia occidentale. (ILL.3)
17

Dopo il debole regno di Lotario, ebbe la corona suo figlio Ludovico II, che in Italia si trov impegnato ad
affrontare sia i Saraceni sia le continue rivalit tra le varie signorie costituitesi nel Mezzogiorno dItalia. Unit
effimera dellimpero si avr ancora con Carlo il Grosso, figlio di Ludovico il Germanico. Alla sua deposizione,
nell'887, ad opera dei grandi feudatari, l'Italia, la Francia occidentale e la Germania cominciano una propria
storia autonoma. Lassenza di un forte potere centrale crea in tutti questi paesi una situazione di perdurante
anarchia, dalla quale essi usciranno con un lungo processo di adattamento che sinizia, in Francia, con
lelezione di Oddone, conte di Parigi, e si assester con lelezione, nel 987, di Ugo Capeto a re di Francia; in
Germania con lelezione di Arnolfo, duca di Carinzia, sino a che il potere passer stabilmente nella mani
della casa di Sassonia con lelezione di Ottone I, nel 951; in Italia, in cui la situazione di degrado politico
particolarmente sensibile, anche perch i poteri costituiti poco erano stati influenzati, soprattutto nelle aree
centro-meridionali, dallazione politica dei Carolingi, viene nominato re Berengario I, marchese del Friuli, che
dopo avere battuto il pretendente alla corona dItalia, Ludovico di Provenza, fu a sua volta sconfitto da
Rodolfo, re di Borgogna, che poteva contare sullappoggio dei marchesi di Spoleto, di Toscana e dIvrea.
Dopo poco gli stessi feudatari italiani lo deposero e incoronarono re un altro nobile francese, Ugo di
Provenza, cui riusc, con ogni sorta di violenze, di mantenere il potere per oltre ventanni (926-947). Ceduto il
regno dItalia al figlio Lotario, questi venne di fatto scalzato dal nuovo pretendente Berengario II, marchese di
Ivrea, sino alla sconfitta che gli fu inferta da Ottone I nel 951: nominato dallo stesso Ottone, di cui si era
dichiarato vassallo, re dItalia Berengario II e il figlio Adalberto esercitarono il loro potere con tanta ferocia da
obbligare nuovamente Ottone a tornare in Italia (961), ad assumere la corona del regno e, quindi, il titolo di
imperatore. Rinasce cos il Sacro Romano Impero. La casa di Sassonia si estinguer per gi nel 1002, con
la morte del giovane Ottone III.
Un fenomeno socio-politico della massima importanza per la storia dell'intera Europa savvia sullo scorcio
del secolo VIII e si consolida per tutto il IX e il X. I sovrani (ma anche i loro vassalli maggiori) per
amministrare il territorio cominciano a elargire dei benefici (essenzialmente terre di propriet della corona)
ai nobili, ottenendo contestualmente di tenerli a freno e di riceverne aiuto, il cosiddetto vassallaggio. Queste
concessioni, che hanno in origine carattere temporaneo e comportano un semplice usufrutto (non
un'acquisizione di propriet), col tempo finiscono col diventare ereditarie. Si tratta dell'organizzazione
territoriale tipica del medioevo: il feudalesimo. Il difetto capitale di tale sistema consiste nel fatto che i
feudatari finirono col considerarsi, all'interno del proprio feudo, dei signori assoluti. L'estendersi della pratica
feudale venne poi a coinvolgere anche la Chiesa, con danni considerevoli per essa: gli imperatori sassoni,
infatti, per evitare i problemi legati all'ereditariet dei benefici, presero l'abitudine d'infeudare ecclesiastici
(soprattutto vescovi), in quanto impossibilitati ad avere eredi diretti. La nascita della figura del
vescovo-conte, poco attento all'aspetto pastorale del proprio mandato e molto pi a quello politico e
amministrativo, una delle cause principali della grave crisi della Chiesa tra X e XI secolo.
Dal punto di vista storico-culturale, il X stato definito come il secolo peggiore del medioevo (Lorenzo Valla
lo dir il secolo di ferro); tale valutazione prende corpo dalla storia civile, in cui si registrano
sostanzialmente confusione e disgregazione politica delle due istituzioni portanti (Impero e Chiesa Romana),
turbamenti sociali, nuove invasioni barbariche: Normanni, Musulmani, Ungari, Slavi. Roma stessa, e con
essa l'istituzione papale, cade in un periodo di crisi gravissima, definito addirittura pornocrazia, dal
momento che si trovano a dettar legge donne, quali la famigerata Marozia, appartenenti alla potente famiglia
romana dei conti di Tuscolo . Va per detto che tale accavallamento del giudizio socio-politico a quello
culturale e letterario metodologicamente improprio e del tutto erroneo se applicato al secolo e all'et in
questione.

II.2 La civilt carolingia
1


II.2.1 Il monastero

Nell'alto medioevo i principali centri diffusori della cultura erano stati i monasteri. Il
monastero la cui collocazione topografica rispecchiava il desiderio di isolamento dal
mondo insito nellistituzione - stato nel medioevo un centro di raccolta per i viaggiatori,
un nucleo di vita economica, un centro di innovazioni architettoniche, un punto d'incontro e
di diffusione di idee e di informazioni, una fucina di nuovi moduli musicali e letterari ma va
tuttavia considerato che esso divenne tale solo a poco a poco e quasi per caso. Quello
che sarebbe per errato affermare che i monasteri siano sempre stati centri luminosi di
cultura e perci necessario farci un'idea pi concreta della vita intellettuale che essi
ospitarono.


1
Questo e i successivi capitoli tengono presente E. DANGELO, Storia della letteratura latina
medievale, Montella 2004.
18

Nella Regola di san Benedetto (composta a Montecassino forse tra il 530 e il 560), che fu
quella prevalente e pi diffusa nella chiesa occidentale, il punto centrale era costituito
dall'opus Dei, il canto quotidiano dell'Ufficio nel coro (minutamente regolato per quanto
riguardava sia i testi sia i tempi della lettura), al quale inizialmente erano dedicate dalle
quattro alle quattr'ore e mezzo. Alla lettura, e cio allo studio e alla meditazione della
Bibbia e dei Padri, venivano dedicate tre o cinque ore al giorno, a seconda delle stagioni,
e non era lasciata alcuna possibilit di letture d'altro genere. All'inizio della Quaresima, i
monaci ricevevano un libro della biblioteca ciascuno, che dovevano leggere per intero e
ordinatamente, ma senza un orario prefissato, e sappiamo con certezza che il libro
rimaneva in dotazione un anno e veniva restituito poi solennemente il primo luned della
Quaresima successiva; in quell'occasione coloro che non avessero terminato la lettura
dovevano farne pubblica confessione.
La Regola benedettina non esplicita invece limpegno della copiatura dei manoscritti ma il
tempo lasciato disponibile per il lavoro manuale certamente doveva comprendere anche
questo lavoro, che era del resto indispensabile anche perch il coro e la biblioteca non
potevano restare sprovvisti di libri e perch la copiatura 'in conto terzi' era un modo per
incrementare le rendite del monastero; non dimentichiamo infine l'importanza della
guerra a Satana con le armi della penna e dell'inchiostro, come ricorda Cassiodoro.
Tuttavia let carolingia supera le posizioni del fondatore del monachesimo e quasi ogni
istituzione si trova impegnata nella riproduzione di codici (definiamo con codice il
manoscritto di et antica, medievale e umanistica) per uso interno (frequenti le
testimonianze di cronache monastiche che rammentato labilit di qualche confratello
copista).
La Regola benedettina anche nulla dice circa un'altra famosa istituzione monastica: la
scuola, bench essa faccia parte del monastero. Le scuole in senso moderno, cio quegli
istituti nei quali l'istruzione viene impartita a ore determinate, da un determinato
insegnante designato a ci, su materie determinate a una determinata scolaresca, non
furono la regola nei monasteri precarolingi, ma l'eccezione. L'istruzione anzitutto
religiosa: la preghiera, la regola dell'ordine, i sermoni e soprattutto la Bibbia. Le sette arti
liberali, come abbiamo visto ancora nella prima et carolingia, non sono al primo posto e
non sempre compaiono tutte e sette.
Ogni monastero aveva una biblioteca di libri per il servizio divino, composta in genere di
qualche copia della Bibbia e di opere teologiche; inoltre talvolta da qualche libro di testo
elementare per listruzione dei novizi (sulla struttura e lorganizzazione delle biblioteche
monastiche cfr. pi avanti alla voce La biblioteca). I servizi, poi, richiedevano un
calendario a cui si aggiungevano di volta in volta i nomi dei nuovi santi e nel quale erano
annotati i decessi di monaci e benefattori; inoltre delle tavole pasquali, che dovevano
servire come base cronologica degli annali, a mano a mano che dal mondo esterno
giungevano le notizie. La registrazione storica non era obbligatoria, ma molti monasteri ne
trassero profitto per diventare centri di storiografia locale. Una biblioteca, una scuola, un
archivio, una storiografia rudimentale erano quindi nell'esistenza di un monastero dei fatti
marginali, che possono darci l'idea di una vita intellettuale solo in embrione. E spesso
questo embrione rimase sempre tale perch, se i monasteri erano molti, pochi per
divennero dei veri e propri centri di cultura e anche i maggiori di essi ebbero alterne
vicende, momenti di grande prestigio e di declino.

APPROFONDIMENTO

Il MONACHESIMO

OCCIDENTE (VII-IX secolo)

19

La Francia nord-orientale vede crescere le fondazioni di san Colombano. Cacciato da Luxeuil nel
610, questo irlandese passa in Italia e vi fonda Bobbio prima di morire (615). Egli compone due
Regole, una spirituale (Regula monachorum), l'altra disciplinare (Regula coenobialis); ma queste
non sono l'unica eredit ch'egli lascia alla sua numerosa discendenza, perch egli conosce e
utilizza anche la Regola di san Benedetto.
Il rigoglioso monachesimo che si afferma in Italia, ad opera dei Longobardi, in Inghilterra e in
Germania, inizia tuttavia a soffrire intorno agli ultimi decenni dellVIII secolo di un grave male, che
si far sentire sotto forme diverse per un millennio: la secolarizzazione delle abbazie, confiscate
dal potere del re o affidate a suoi servitori. Prezzo del successo temporale dei monasteri, questa
appropriazione dei loro beni da parte di secolari comporta per i monaci la privazione o la
diminuzione dei loro mezzi di sussistenza; a questo si aggiunge l'influenza spesso nociva di abati
secolari. Questa prassi rovinosa, iniziata sotto Carlo Martello, proseguir sotto i suoi successori,
senza che Carlo Magno e Ludovico il Pio vi apportino decisivi rimedi. Per effetto di essa e per altre
cause, un gran numero di comunit adotta uno stile di vita pi o meno rilassato, che la riforma
carolingia si sforzer di correggere, ristabilendo una netta distinzione tra monaci e canonici.
L'artefice principale di questa riforma sar Benedetto d'Aniane. Nato verso il 750 nei pressi di
Montpellier, questo Visigoto di alto lignaggio entra nel monastero di Saint-Seine, presso Digione,
nel 774. Eletto abate cinque anni pi tardi, rifiuta questa carica per intraprendere, sui possedimenti
della sua famiglia ad Aniane, una fondazione in cui intende applicare in modo rigoroso la Regola di
san Benedetto, suo omonimo, e magari anche superarla. La grande comunit di 300 monaci, che
ben presto si riunisce intorno a lui, va poi sciamando in una dozzina di monasteri e Ludovico il Pio,
allora re d'Aquitania, gli affida una missione generale di riforma, che si estender a tutte le regioni
soggette all'Impero a nord delle Alpi quando (814) quel sovrano diventer imperatore. I sinodi di
abati, riuniti ad Aquisgrana dall'816 all'819, elaborano statuti riformatori che verranno imposti
dovunque in virt dell'autorit imperiale. L'adozione universale della Regola benedettina ne
l'articolo primo. Tuttavia, questa unificazione nominale del monachesimo intorno a san Benedetto
lascia spazio a costumi locali diversi.
La riforma carolingia venne rapidamente bloccata dalle calamit del IX secolo. Alle appropriazioni
indebite dei monasteri si aggiungono le invasioni: Normanni e Danesi al nord, Saraceni al sud.
Nell'883, viene bruciato Montecassino e i suoi monaci si rifugiano a Teano e poi a Capua. Stragi,
devastazioni e esodi si moltiplicano.

OCCIDENTE (X-XV secolo)

L'ascesa del monachesimo costituisce uno dei fenomeni pi importanti e pi caratteristici della
societ medievale. Per comprendere questo fenomeno, occorre rendersi conto che spesso la
fondazione di monasteri obbedisce a motivazioni estranee alla spiritualit. Un'abbazia, pi o meno
dotata di terre, signorie e canoni, in effetti una unit economica e una fonte di rendite, e quindi un
posto ambito. Le abbazie e i priorati sono inoltre e fondamentalmente centri della vita religiosa.
Sotto l'influenza dei Carolingi e di Benedetto d'Aniane (morto nell'821), il monachesimo di stile
benedettino, associando disciplina, sottomissione all'abate, clausura e vita regolata da preghiera,
lavoro e riposo, si largamente diffuso nel continente e ha predominato fino alla fine dell'XI secolo.
Nel X secolo, allorch gli edifici monastici diventano oggetto delle bramosie dell'aristocrazia, le
invasioni normanne e, dopo, quelle ungare e saracene favoriscono la dispersione e l'esplosione
del monachesimo in cellule locali strettamente dipendenti dalle famiglie aristocratiche, che si
curano poco di disciplina e di devozione. La necessit di protezione ma anche la pratica della
procura che fa del potere laico l'amministratore di una parte delle immunit abbaziali, quando
l'abate stesso non un laico, consegna di fatto le loro rendite a principi e signori. I tentativi di
riorganizzazione che erano stati promossi da Benedetto d'Aniane a partire dall'inizio del IX secolo
fallirono. Fondare un monastero permette di trovare nuove rendite, talvolta di stimolare la crescita
agricola e la conquista di nuove terre. questo il caso della Germania, dove l'attenzione degli
Ottoni per le grandi abbazie, che erano anche strumenti di potere, come Reichenau, San Gallo,
Fulda, non si sment mai.
Ed da un'abbazia fondata da un principe che parte il rinnovamento dei secoli X e XI. La
fondazione dell'abbazia di Cluny nel settembre 909 o 910 si situa in un contesto di tentativi isolati
di riforma. All'inizio l'abbazia non si differenzia affatto da numerose altre fondazioni. Il monastero di
Cluny dotato di terre e signorie allo scopo di disporre di rendite proprie. Inoltre, concedendogli
20

dei privilegi, il fondatore dell'abbazia, il duca Guglielmo di Aquitania, voleva sottrarlo alle brame
dell'aristocrazia locale e del clero secolare. Cluny non si doveva orientare che agli apostoli Pietro e
Paolo, non dovendo obbedienza a nessun altro. II papato dunque il garante dell'indipendenza dei
monaci, e il legame con Roma non cessa di rafforzarsi in seguito. Il monastero cos creato si
conforma alla Regola di san Benedetto. L'autonomia dei monaci ha per conseguenza l'elezione
dell'abate da parte di loro stessi. quest'ultimo personaggio che dice l'ultima parola
sull'amministrazione del monastero e sulla vita comunitaria. Egli assistito nel suo compito da
diversi monaci o collaboratori specializzati.
L'aumento della potenza di Cluny, la sua integrazione nel mondo feudale e la sua familiarit con il
potere e la ricchezza, sono inserite in una pura spiritualit che fa di Dio il Signore supremo, di
Cristo un re concepito sul modello dei nobili feudali. I monaci ne sono i servitori e devono
magnificarlo. La liturgia cluniacense insiste sulla preghiera collettiva e sul canto, sulla sontuosit
degli addobbi e degli arredi liturgici. La funzione dei monaci rendere grazie a Dio con gli oggetti
pi preziosi in una preghiera continuata, la pi perfetta forma di vita cristiana secondo Cluny.
La met dell'XI secolo caratterizzata da un fiorire di nuove fondazioni benedettine incoraggiate
da un papato anch'esso in piena trasformazione, che afferma la specificit dei chierici nei confronti
del mondo laico e che stimola tutti gli sforzi di riforma che vanno in questo senso.
Inoltre, la fondazione degli Ordini ospedalieri e militari, a partire dall'inizio del XII secolo, come i
Templari o l'Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme, rivela non soltanto la profonda
cristianizzazione della societ ma anche la rinnovata attenzione dei laici, all'occorrenza
dell'aristocrazia militare, di scegliere una vita religiosa pronunciando voti di tipo monastico.
Consacrandosi a raccogliere pellegrini di Terra Santa e in seguito alla difesa del regno di
Gerusalemme o ancora alla cristianizzazione dei paesi pagani (come i cavalieri Teutonici), questi
Ordini di monaci-soldati per sopperire ai loro bisogni si costituiscono in Occidente in grandi
signorie, soprattutto quando sono protetti dalla monarchia, come in Castiglia, dove si insediano
nelle zone di riconquista.
D'altro canto, l'ideale di vita apostolica, il rifiuto del mondo coi suoi peccati e l'ascesi si esprimono
nell'eremitismo che dalla fine del X secolo trova un nuovo slancio e si diffonde in Occidente.
L'XI e l'inizio del XII secolo vedono appunto un rigoglio di nuove creazioni (come quelle che
nascono nell'Italia del Centro-Sud con Nilo o Romualdo - morto nel 1027 - il fondatore di
Camaldoli; o in Francia e in Germania, come i monaci certosini, Ordine fondato da Bruno - morto
nel 1101). Questa vitalit del monachesimo, anche se rimette in discussione le forme esistenti di
vita monastica, attesta il rinnovamento della Chiesa. Ma l'ideale di vita apostolica che all'origine
di molti di questi movimenti conduce taluni a dei tentativi mal giudicati dai loro contemporanei.
Cos, allorch Roberto d'Arbrissel (morto nel 1116) si sforza di costituire monasteri associando
monaci e monache, chierici e laici, e soprattutto prevedendo un priore e una priora, si espone al
discredito.
L'Ordine cistercense, che nasce cos in seno alla famiglia benedettina diffondendosi a Pontigny,
Morimond, Chiaravalle, e poi in Inghilterra, oltre che nel Nord della Penisola iberica, predica la
povert e la sobriet della liturgia e dell'architettura, in contrapposizione con la magnificenza
cluniacense; sceglie siti isolati per impiantare le sue abbazie. Stefano Harding (morto nel 1133) e
dopo di lui Bernardo di Chiaravalle esprimono tutto il suo vigore alla met del XII secolo. Lo
sprezzo dell'attivit intellettuale speculativa a favore dell'ascesi e della contemplazione caratterizza
per esempio certe sue controversie con Abelardo. L'originalit di Cteaux si specchia
nell'organizzazione della vita materiale dei monaci. Questi non possiedono niente di proprio, e non
devono essere sottratti alle loro attivit principali, la preghiera e la penitenza. Il lavoro manuale
affidato ai conversi, intermediari tra il mondo monastico e quello laico, che lavorano in comunit a
profitto dei monasteri cisterciensi, ben presto arricchitisi di numerose donazioni.
II movimento cisterciense per minato dal suo stesso successo. Dopo aver fornito papi come
Eugenio III (morto nel 1153) e maestri di pensiero del XII secolo, come Guglielmo di Saint-Thierry
(morto nel 1148) e san Bernardo (morto nel 1153), passando per il misticismo di Gioacchino da
Fiore (morto nel 1202), affonda nel lusso e nella ricchezza.
I Mendicanti del XIII secolo, che si raggruppano dietro san Francesco e san Domenico,
testimoniano il superamento di una certa idea di santit diffusa dal monachesimo benedettino.
Quest'ultimo, esattamente come quello dei certosini, si mantiene ancora durante l'ultimo secolo del
Medioevo ma nei confronti dei Mendicanti perde il suo ruolo principale nelle vocazioni e nel
rinnovamento della Chiesa. Certo, a partire dal XIII secolo e ancora nel XIV, il papato tenta di
mettere ordine nel mondo monastico: Innocenzo III (morto nel 1216) si sforza nel 1215 di limitare
21

la proliferazione degli Ordini monastici con i canoni del Laterano IV che proibiscono la creazione di
nuove Regole monastiche, prescrizioni riprese da Gregorio X al momento del secondo Concilio di
Lione nel 1274. Nel XIII e nel XIV secolo si affermano movimenti, spesso bollati di eresia, che
assegnano ai laici un ruolo determinante, rimettendo in discussione i modelli anteriori di santit. La
figura del monaco viene sferzata dalla satira letteraria o popolare.
nella Penisola italiana che si verificano particolari tentativi di rinnovamento in seno ai monasteri
benedettini. L'abbazia di Monte Oliveto (Olivetani) estende la sua influenza in Toscana dopo aver
rivalorizzato il lavoro intellettuale dei monaci e tentato, con questo, di riannodare i legami con la
cultura urbana. Il monastero di S. Giustina di Padova nel XV secolo conosce in Italia un
irradiamento pi vasto, prima di dare origine nel 1504 alla congregazione cassinese.

AMBITO BIZANTINO (VI-X secolo)

Il monachesimo, che occupa un posto di rilievo nel mondo bizantino, rappresenta un elemento
essenziale della forma di cristianesimo che vi si svilupp, e possiede una reale unit che deriva da
ideali comuni ampiamente condivisi. Tuttavia, mentre i monaci erano consapevoli di appartenere
ad un unico corpo sociale, fin dalle origini il movimento monastico che si svilupp in Oriente fu
caratterizzato da una grande diversit di forme di attuazione. Senza parlare delle forme
anarchiche, che si cercava di reprimere, e di tutta una popolazione monastica propensa alla
mobilit (monaci girovaghi), vanno distinte: la vita anacoretica, il cui tipo sant'Antonio abate; la
vita semianacoretica, nella quale colonie di anacoreti produssero un embrione di vita comune
elaborandone alcuni organi basilari; e la vita cenobitica, nella quale i monaci vivevano in comune
in un monastero, sotto la direzione di un superiore, come nei monasteri fondati da san Pacomio in
Egitto nel IV e V secolo, nei monasteri che si ispiravano a Basilio di Cesarea (IV sec.) o nella
maggior parte dei complessi monastici urbani. Ad una tipologia pi pura si affiancavano anche
forme miste. Va fatta, inoltre, una distinzione a seconda delle localit, e va tenuto conto che oltre ai
gloriosi monasteri eremitici esisteva un possente monachesimo urbano. Fin dalle origini, infine, si
ebbero monasteri di donne. Quanto all'organizzazione, nel mondo bizantino non si riscontra
l'equivalente degli Ordini monastici occidentali; ogni fondatore organizzava la propria fondazione
come meglio credeva, nel rispetto per di usanze fondamentali.
A seconda del tipo, i monasteri potevano accogliere da pochi monaci a diverse centinaia di
religiosi. La loro fondazione era spesso dovuta all'iniziativa privata: all'attivit di un santo fondatore,
ma anche alla decisione di un laico, per devozione o allo scopo di non scindere una parte del suo
patrimonio o per assicurarsi un luogo dove ritirarsi in vecchiaia o essere sepolto. Per queste
ragioni i monasteri erano spesso delle fondazioni effimere. I monasteri bizantini erano isolati tra
loro, salvo legami dovuti ad una origine comune o rapporti che intercorrevano tra una casa madre
e quelle da essa dipendenti. Nel Medioevo apparvero anche delle confederazioni che riunivano i
monasteri di una stessa regione (Athos). In principio i monaci erano posti sotto l'autorit del
vescovo, ma i fondatori cercarono di assicurare l'indipendenza delle loro fondazioni; talune
istituzioni, inoltre, erano poste alle dirette dipendenze del patriarca o dell'imperatore (monasteri
patriarcali o imperiali). difficile valutare la fortuna dei monasteri. I beni fondiari, spesso esenti da
imposte, pare non fossero mai stati consistenti prima del X secolo.
I monasteri svolsero anche un'ampia attivit filantropica: accoglienza di orfani e di persone
anziane; gestione di ospedali, di ospizi e di locande; finanziamento di opere caritative. Fu parimenti
importante il ruolo svolto dai monasteri nella storia della cultura: i testi monastici sono abbondanti e
di varia natura, e il compito principale dei monaci consisteva nel copiare e conservare i manoscritti.
Al contrario, la loro azione nel campo dell'educazione fu molto modesta: reggevano talvolta delle
scuole elementari e pi raramente per adolescenti (quelli indirizzati forse alla vita monastica). In
tutta la vita religiosa di Bisanzio, infine, i monaci ebbero un posto di primaria importanza,
personalmente o mediante i loro scritti.


II.2.2 La scuola

Segni caratteristici della civilt carolingia sono, al tempo stesso, il cosmopolitismo dei
produttori di cultura e lomogeneit dei prodotti. Carlo Magno, pur imbevuto di conoscenza
religiose, sapeva stentatamente leggere e scrivere latino (il biografo di Carlo Magno,
22

Eginardo ci dice che della sua infanzia e dei suoi primi anni nessuno era riuscito a
sapere) (Vita Caroli 4). Tuttavia egli raduna intorno a s un gruppo di intellettuali cui affida
la funzione di consiglieri della sua politica culturale. Si tratta, in primo luogo, di Scoti (cio
di Britannici, fossero essi Irlandesi o Inglesi o di altre regioni della Britannia (Alcuino, cui
da Carlo Magno sar affidata la direzione della sua politica culturale), Dungalo, Clemente
Scoto, Giovanni Scoto Eriugena, Sedulio Scoto). La fitta presenza di Scoti
nellentourage culturale di Carlo Magno (per cui potrebbe parlarsi di una et degli Scoti)
non era causale: le scuole dellIrlanda e dellInghilterra, come abbiamo detto, avevano
mantenuta per secoli una conoscenza del latino senza misura superiore a quello che
veniva utilizzato nel resto del continente e le loro biblioteche apparivano particolarmente
ricche di testi classici e patristici. Abbastanza sostenuta era anche la presenza di Italiani
(Paolo Diacono, Paolino di Aquileia, Pietro da Pisa, e, soprattutto, di Tedeschi
(Eginardo, Walafrido Starbone, Rabano Mauro, Pascasio Ratberto, Notkero
Balbulo; poco presenti, almeno nelle fasi di avvio del progetto culturali di Carlo Magno
sono invece i Francesi, col solo Teodulfo di Orlans (Francia del sud).
La politica culturale di Carlo, che tenta in questo modo di conferire unit, anche
amministrativa, ad un dominio assai eterogeneo, punta sulla diffusione dellistruzione,
quindi sulla scuola. Anche a corte sembra ne sia sorta una, la Scuola palatina, in cui
venivano ammessi i giovani che avevano terminato il primo ciclo di studi. Ma la capillare
diffusione delle scuole (o meglio, lo stimolo ad una loro capillare diffusione: perch, come
si detto a proposito dei monasteri, sovente esse rimanevano, come si dice, soltanto sulla
carta e, ancor pi sovente, erano costrette ad utilizzare gli strumenti culturali, in termini di
uomini e libri che avevano al loro interno), che ora vengono istituite seguendo precise e
particolareggiare istruzioni (come nel capitolare De scholis dell789), si appoggia
soprattutto sulle strutture ecclesiastiche quindi in gran parte sui monasteri, sui vescovadi e
sulle scuole parrocchiali che servivano a diffondere una istruzione (e una latinit)
minimale.
per importante osservare che in ogni scuola il programma di istruzione era uniforme (e
quindi era uniforme la formazione culturale di base): dovevano essere insegnati la
grammatica, il canto romano e le note (Carlo Magno punta sulla diffusione di una identica
liturgia: occorreva che tutti pregassero nello stesso modo!), il calcolo, larte del notariato, la
medicina. Viene inoltre richiesto che, quando nel monastero vi fossero manoscritti, essi
fossero corretti con grande cura. Sar soprattutto lopera di Teodulfo e degli Scoti
(Clemente, Dungal, Dicuil) ad introdurre a corte lo studio delle arti liberali (cfr., sopra,
Approfondimento: Arti liberali), secondo un progetto didattico che si attribuiva a Marziano
Capella. Questo disegno, in s modesto e funzionale ad esigenze non esplicitamente
culturali e, finch visse Carlo Magno, neppure compiutamente realizzato, si dilat ben
presto, senza interrompersi anche quando limpero perdette la sua unit politica e
territoriale, ad opera dei filologi, degli esegeti, degli storici carolingi in un decisivo
rinnovamento della cultura, e nei casi migliori in un recupero del patrimonio letterario
dellAntichit: oltre 7000 sono i manoscritti che ancora oggi sopravvivono a testimoniarci il
grande lavoro compiuto in quellet e moltissimi tra di essi chiaramente destinati alluso
nelle scuole.
Ma soprattutto sulla unit della lingua che saccentra il disegno di Carlo: come si detto,
lOccidente europeo aveva sviluppato parlate nazionali che si erano ormai distaccate dalla
lingua antica senza che, per cos dire, ve ne fosse percezione. I Carolingi avvertono
lostacolo culturale e amministrativo insito nella differenziazione delle forme
dellespressione e cercano di ridurle ad unit: con Carlo Magno si avvia, dunque, come
abbiamo gi detto, un programma di recupero del latino letterario nella forma pi prossima
a quello classico e patristico. Veicolo della riforma sar il De orthographia di Alcuino,
composto fra il 796 e l'800, dove si stabilisce che le lettere e le sillabe delle parole latine
siano tutte pronunciate e che ad un medesimo grafema corrisponda sempre un medesimo
suono (e uno solo). Si ottiene dunque per questa via leliminazione dellinfluenza delluso
23

parlato sulla pronuncia del latino che si fissa in una forma comune, identica e riconoscibile
dovunque. Il latino carolingio il primo 'latino medievale' nel senso linguistico del termine
e diviene la lingua di cultura che, progressivamente affermandosi, d coesione alla vita
intellettuale e spirituale dell'Occidente medievale: il solo caso di lingua comune europea.
Le forme del latino rinnovato si traducono in una nuova scrittura dei manoscritti, anchessa
unitaria, a differenza dellimpiego precedente che aveva sviluppato per ogni scrittura delle
varianti nazionali, con lovvia difficolt di comprensione dei messaggi (particolarismo
grafico). La nuova scrittura, che oggi definiamo minuscola carolina (ILL.4-6), era
anchessa insegnata nella scuola e diviene ben presto una scrittura unitaria diffusa in tutta
Europa.

II.2.3 La biblioteca

Nel monachesimo occidentale dei primi secoli, anche benedettino, quando v menzione
della presenza e delluso di libri, essi non paiono trovare collocazione organizzata in uno
spazio ad essi appositamente riservato, ma essere sistemati in vani ricavati nelle pareti, in
cassepanche, in ripostigli dove si ammassano, assieme ai libri, oggetti diversi. I modi di
conservazione del libro sembrano, quindi, assai lontani da quelli sottesi al concetto di
biblioteca, al concetto, cio, di una raccolta pi o meno vasta e sistematica di libri,
conservata in un luogo appositamente adibito alla loro custodia e gestione (ordinamento,
catalogazione, consultazione).
Eccezioni certo non sembrano essere mancate: la pi nota e celebrata quella di Vivario,
fondato c. il 554 da Cassiodoro a Squillace in Calabria, dove la cura filologica,
funzionale e estetica del libro era integrata e completata dalla presenza di armaria (sing.:
armarium = armadio) numerati in cui erano conservati i codici prodotti allinterno del
cenobio o acquistati allesterno.
Un mutamento di prospettiva culturale allinterno dellorganizzazione monastica si ha a
partire al VII secolo, si perfeziona nel IX per poi prolungarsi in quelli successivi. Nel nuovo
contesto culturale, il libro si trasforma da mezzo di sostentamento o strumento di
edificazione in veicolo di informazione culturale e i libri iniziano allora a prodursi allinterno
del monastero in una sua struttura apposita, lo scriptorium, che sorge con funzione di
incrementare la biblioteca del monastero, e ad essere conservati in un luogo ad essi
specificamente destinato, chiusi in armaria (ILL.7
La specializzazione del luogo in cui vengono custoditi porta con s anche laffiorare di una
funzione particolare, quella del bibliotecario (armarius, librarius, bibliothecarius), che si
preoccupa della conservazione e del buono stato del materiale librario. Sembra tuttavia
mancare ancora uno spazio appositamente dedicato alla lettura allinterno della biblioteca:
nei monasteri i libri si conservano nella biblioteca ma si leggono o a scuola, o in ambienti
privati quali le celle, i refettori, il chiostro, durante le funzioni religiose e anche si
concedono a prestito.
La formazione di una biblioteca monastica (o anche legata alle chiese cattedrali)
comunque lenta, con alternanza di periodi di intensa attivit e di stasi e disinteresse, e non
sempre giustificata da intenti culturali: la motivazione che portava a scrivere e a
conservare un codice poteva essere, e molto spesso era, prevalentemente di carattere
patrimoniale. Gli abati vengono talora ricordati anche per lincremento che seppero dare ai
beni del loro monastero e a loro lode veniva menzionato, senza stabilire alcuna differenza,
laver fatto copiare codici e avere fatto eseguire arredi preziosi destinati alle cerimonie
religiose.
Quindi, un inventario dei libri di una biblioteca monastica non sempre segno del livello
culturale del cenobio. In un monastero, la cui biblioteca ci risulta ben provvista di volumi,
non dobbiamo automaticamente aspettarci di incontrare una vita culturale attiva e di alto
livello.
24

Le dimensioni che, prima del 1000, avevano le biblioteche monastiche - e le meno diffuse
biblioteche delle cattedrali - sono, come ci si pu attendere, assai variabili ma nel loro
insieme testimoniano di biblioteche abbastanza piccole, anche se non mancano, gi in et
carolingia, raccolte che vanno dai 400 ai 600 codici (cio quelle di Reichenau e S. Gallo
sul lago di Costanza, Lorsch, Bobbio; Murbach giunse a circa 300 codici, Saint-Riquier a
oltre 200).
Uno sguardo dinsieme sulla consistenza di alcune biblioteche delle istituzioni
ecclesiastiche in Italia tra IX e X secolo offerto dal breve elenco che segue:
2



Nome Comunit Libri Data

Bobbio, S. Colombano abb. benedettina 666 IX ex.
Brescia, S. Faustino e Giovita abb. benedettina 44 964
Brescia, S. Giulia abb. benedettina 75 905
Cremona cattedrale 102 984
Lucca, S. Martino cattedrale 20 VIII-IX
Lucca, S. Pietro abb. benedettina 3 IX
Monza, S. Giovanni cattedrale 1 X


In et carolingia non erano del tutto assenti anche biblioteche di laici: si pensi a quella
della corte di Carlo Magno o a quelle di personaggi dalta nobilt quali Eberardo duca del
Friuli o di Eccard conte di Autun, sebbene esse inizino ad essere numerose e, talvolta
abbastanza ricche di libri, solo col basso medioevo.

Prima dellinvenzione della stampa i testi dovevano essere riprodotti copiando a mano. Il
copista lavorava, solitamente, da solo, anche se, sin dallepoca carolingia, nei monasteri
pi importanti esistevano ateliers in cui pi amanuensi lavoravano assieme, sotto la
direzione di un sorvegliante: un caso potrebbe essere quello dello scriptoriumium del
monastero di York, in cui Alcuino avrebbe addirittura fatto apporre una scritta che
ricordasse ai copisti il loro dovere di riprodurre esattamente i manoscritti che erano stati
loro affidati per la copia (infatti, la copia a mano facilitava lintroduzione, sovente inconscia,
di errori) : (ALCUINO, P.L.A.C. 1, 320):

Siedano qui, scrivendo le parole della sacra legge / e quelle parimenti sacre dei santi Padri; / e badino bene
di non frammettere a queste le loro frivole parole . Cerchino invece con ogni sforzo di avere per s libri
corretti, / e la loro penna voli via sicura lungo una strada diritta. Distinguano bene con i segni di
interpunzione il senso del discorso e pongano i punti l dove devono essere posti, in modo che chi deve fare
la lettura in chiesa non legga cose false n ammutolisca improvvisamente dinanzi ai suoi confratelli. opera
egregia scrivere libri, n chi li scrive rimane privo della sua ricompensa. Scrivere libri meglio che piantare
viti: perch chi fa questo serve alla sua pancia, ma chi fa quello serve invece allanima sua.

D'altronde bisogna pensare che nel medioevo la fruizione del testo non era l'unica
funzione del libro. In un mondo quasi del tutto analfabeta, tranne una ristretta cerchia di
ecclesiastici e di monaci, il libro (soprattutto se sacro) acquistava un valore simbolico e
quasi magico: le Bibbie, gli evangeliari, i messali, erano sovente conservati sugli altari e
mostrati solo durante le pi importanti cerimonie liturgiche. La mentalit medievale
percepiva una forte continuit tra la sfera terrena e quella sovraterrena, tra il segno visibile
e il suo referente invisibile, e vedeva perci nel libro l'incarnazione della stessa parola
divina. L'adornamento del codice era perci un onore reso a Dio; non un caso che, fin

2
Cfr. D. NEBBIAI DALLA GUARDA, I documenti per la storia delle biblioteche medievali (secoli
IX-XV), Roma 1992, p. 782.
25

dall'epoca paleocristiana, fossero impiegati i materiali pi preziosi per la confezione dei
libri sacri. Si potr ammirare la preziosit con cui stato rilegato il Vangelo di Ariberto di
Intimiano (970-1045), arcivescovo di Milano (ILL.8) Fino a che fu possibile averne dall'Asia
Minore, si tinse la pergamena con la porpora (ILL.9)e su questo fondo purpureo si scrisse
in lettere d'oro e d'argento. Un uso che si mantenne anche in seguito in alcuni libri e
documenti creati per le case imperiali bizantine e carolinge-ottoniane.
Date queste premesse evidente come, fino al tardissimo Medioevo, il corredo illustrativo
non serviva a facilitare l'avvicinamento al testo scritto da parte degli indotti, che in nessun
caso erano ammessi a consultarlo. Al contrario, solo chi aveva un determinato livello
culturale poteva capire le implicazioni simboliche delle immagini e interpretare il loro
stretto rapporto con il testo.
Soprattutto nell'Alto medioevo i libri venivano prodotti quasi esclusivamente nei monasteri
e gli amanuensi, coloro che trascrivevano il testo, e i decoratori erano o la medesima
persona o due religiosi della stessa comunit di medesima formazione e di medesima
cultura figurativa. Tecnicamente, poi, il libro era un prodotto di complessa fabbricazione e
pertanto estremamente costoso, pi frequentemente destinato a un uso comunitario che
privato. Negli scriptoria, locali adibiti alla fabbricazione dei manoscritti si doveva
provvedere in maniera autosufficiente a tutte le fasi di esecuzione (come si vede in questa
immagine: Ill.10): daltro canto, il monastero, come si sa, era, il pi delle volte, una
struttura autonoma e autosufficiente, legata ad un territorio circondato da selve e dai
campi che dovevano servire alla vita della comunit monastica stessa (rende lidea
unimmagine dellattuale abbazia di S. Pietro in Valle a Ferentillo: Ill.11). Va sottolineato tra
l'altro che proprio grazie alla nuova cultura del lavoro teorizzata dall'Ordine benedettino
che l'atto dello scrivere diviene accettabile e attribuito anche agli evangelisti e ai santi. Nel
mondo antico, invece, la scrittura come lavoro manuale era considerata indegna di un
letterato o di un filosofo, che pertanto dettava le sue opere a uno schiavo o a uno scriba di
professione: in questo modo erano rappresentati appunto gli autori classici.
La prima operazione per l'esecuzione di un codice consisteva nel tagliare la pergamena,
una volta pronta, nei formati prescelti e nel rigarla con un sottile stilo per avere uno
schema costante di impaginazione. Si scriveva poi il testo. Una miniatura bizantina mostra
l'evangelista Marco al suo tavolo di scrittura su cui compaiono tutti gli attrezzi di uno
scriba: il calamaio, le penne, gli inchiostri, gli stili, e vari tipi di raschietti (Ill.12). In seguito,
soprattutto nel Tardo medioevo, interveniva un maestro di penna che completava le
"rubriche", cio gli incipit dei vari paragrafi eseguiti in inchiostro di colore diverso dal resto
del testo, e tutte le decorazioni puramente calligrafiche come le iniziali minori, i segni di
rimando ecc. Se il libro comprendeva parti musicali (ad esempio i grandi corali che, posti
su di un alto leggio al centro del coro, dovevano essere visibili a tutti i monaci seduti sugli
scranni) spesso interveniva uno specialista della notazione musicale. A quel punto il
miniatore compiva la sua opera; dopo aver disegnato la figura con uno stilo di piombo o
con un sottile pennello, stendeva la foglia d'oro e d'argento e in strati successivi il colore.
Tutti i materiali necessari, colori, inchiostri, foglie metalliche, colle e vernici, venivano
preparate dai maestri stessi sulla base di ricettari di cui si conservano ancora parecchi
esempi e che mostrano una notevole continuit e omogeneit tra Oriente e Occidente nei
metodi proposti, evidentemente ricalcati da prototipi di epoca classica. A questo punto il
manoscritto doveva anche essere rilegato e gli stessi scriptoria provvedevano a rilegature
in legno foderato di cuoio e decorato o a pi preziose coperture di avorio intagliato, metalli
preziosi, gemme e smalti.
La storia dei codici sovente molto intricata e, soprattutto nei libri d'uso corrente, difficile
trovarne che non siano stati successivamente interpolati, non abbiano subito perdite o
aggiunte nel testo. Tuttavia il grande costo dei manoscritti miniati, che venivano perfino
dati in pegno contro prestiti in denaro, nonch il loro valore simbolico, ha fatto s che se ne
siano conservati un numero assai alto tanto da tramandare larte figurativa di interi periodi
in cui le altre testimonianze artistiche sono andate malauguratamente distrutte.
26


Lo studente che desideri avere idea pi precisa della realt materiale e del
contenuto del manoscritto invitato ad accedere ai siti della Dombibliothek di
Colonia e della Stiftsbibliothek di San Gallo, dove avr la possibilit di consultare
codici in modo virtuale e acquisire tutte le informazioni su di essi che riterr
necessarie: http://www.ceec.uni-koeln.de/, http://www.e-codices.unifr.ch/.


APPROFONDIMENTO

Lo SCRIPTORIUM

Dopo la caduta dell'Impero Romano e il progressivo crollo delle istituzioni che esso reggeva da
secoli in Occidente, il patrimonio antico venne ripreso e fecondato dalla Chiesa. Ora la Chiesa,
che era a quei tempi missionaria, aveva un grande bisogno di libri: testi biblici e patristici, libri
liturgici, ma anche testi pedagogici per la scuola, di cui ormai essa si occupava. Pertanto
nell'ambito della Chiesa e non pi in quello professionistico che ormai si scrivevano i libri e si
costituivano le biblioteche. La letteratura pagana e la nascente letteratura cristiana vennero
conservate e diffuse nelle cattedrali o nei monasteri. Allorigine della fondazione dei grandi istituti
religiosi in Occidente vi furono due correnti missionarie: da una parte l'Italia, con la fondazione
del primo grande monastero che cercava di coniugare il mondo antico con la nuova cultura
cristiana, Vivarium e successivamente Montecassino (529), dotato della pi grande biblioteca
d'Europa; dall'altra, con la politica unificatrice di papa Gregorio Magno, la Chiesa irlandese fondata
nel V secolo dal bretone san Patrizio. Ci sono rimasti alcuni manoscritti che testimoniano l'attivit di
questi monasteri. Creativit ma pure dinamismo missionario: in

Gran Bretagna, dove gli Irlandesi
faranno a gara con il monaco romano Agostino, fondatore della chiesa di Canterbury, e dove essi
stessi fondarono Lindisfarne (seconda met del VII secolo); in Gallia ove fondarono Luxeuil e in Italia
dove si insediarono a Bobbio. Questi monasteri a loro volta prolificheranno: in Gallia con Corbie,
Saint-Wandrille, Saint-Bertin; in Gran Bretagna con York e la sua ben presto celebre scuola,
Wearmouth, che ci ha lasciato il Codex Amiatinus, e Jarrow dove Beda scrisse l'intera sua opera. In
Germania l'irlandese Bonifacio fond all'inizio dell'VIII secolo Fulda, i vescovadi di Ratisbona e di
Salisburgo, le abbazie di Echternach e di Frisinga in Baviera.
Cominci fin da allora ad esistere presso le chiese un opificio di copiatura dei testi, o scriptorium, di
cui, per l'epoca pi antica, conosciamo purtroppo poco l'organizzazione precisa. La maggior
parte di queste Chiese hanno di fatto fondato degli scriptoria la cui attivit e importanza sono
testimoniate dal valore dei manoscritti da essi prodotti e dei quali alcuni sono giunti fino a noi e
presentano delle peculiarit grafiche pi o meno nette a seconda della regione o del monastero.
Tipico il caso di Luxeuil e soprattutto di Corbie che ha avuto un ruolo considerevole nell'evoluzione
della scrittura durante la seconda met dell'VIII secolo e nell'elaborazione della minuscola carolina.
Lo scriptorium dunque il laboratorio di copiatura dei testi e di produzione dei manoscritti.
Sono pochi i documenti che ci informano sulla sua struttura materiale e qualcosa sappiamo
grazie alla pianta di San Gallo eseguita intorno all'830. Lo scriptorium era a volte addossato alla
chiesa e comunicava con essa a livello del coro, a volte era prospiciente il chiostro, come si vede in
molte abbazie cistercensi, e i monaci stavano seduti vicino alle finestre, su sedie davanti a tavoli
consoni al loro lavoro. Le regole monastiche ci forniscono qualche dettaglio sull'organizzazione
materiale del lavoro. L'intero ciclo di produzione avveniva sul

posto; il lavoro veniva fatto da
soli o in gruppo sotto la dettatura di un lettore. Ogni copista si occupava di un fascicolo
oppure dava il cambio nella copiatura nel verso o nel mezzo di una carta, cercando di
armonizzare la sua scrittura con quella dei confratelli. Con la rinascita caroligia, gli scriptoria
europei ebbero un nuovo impulso. A quel tempo i pi attivi furono: Tours, sotto il governo dell'abate
Alcuino (796-802) che promosse la revisione dei libri liturgici e della
-
Bibbia, da dove vennero
diffuse alcune raccolte di testi relativi alla vita di san Martino; Fleury, Saint-Benoit-sur-Loire, attivo
dopo l'VIII secolo e fino al X secolo sotto il governo di Abbone; Ferrires, segnato nel IX secolo dal
governo di Lupo, famoso per la sua passione verso i classici; infine Saint-Denis, fondazione
antichissima e ben presto prestigiosa a motivo dei suoi stretti rapporti con la monarchia, dove si
svilupp, come in altri centri della Gallia del Nord, uno stile eccellente di miniatura, detta della
27

scuola franco-sassone. Gli scriptoria del Sud della Gallia sono poco conosciuti. Segnaliamo
tuttavia Saint-Martial di Limoges.
Vi erano anche degli scriptoria presso le cattedrali e le loro scuole, ma sono ordinariamente
poco studiati. I pi importanti in Francia furono Reims, soprattutto sotto l'episcopato di Incmaro di
Reims, uomo di lettere e di politica (845-882), nel X secolo con Flodoardo, storico e poeta, e
Gerberto, straordinario erudito, canonico e poi arcivescovo di Reims, infine papa col nome di
Silvestro II; Lione nel IX secolo con il vescovo Agobardo e il diacono Floro; Orlans, sotto
l'episcopato di Teodulfo di Orlans, noto fino al XII secolo per la fama della sua scuola; Laon dove
furono eseguite nell'VIII secolo ricerche sulla scrittura, rinomato fino alla fine dell'XI secolo per
l'eminenza della sua scuola; inoltre Chartres che fu fiorente nell'XI secolo con Fulberto di Chartres,
quindi Bernardo, il grande canonista Ivo e infine Teodorico, uno dei pi grandi maestri del XII
secolo. In Germania gli scriptoria vescovili pi celebri furono quelli di Magonza, Treviri e Colonia; in
Italia, quelli di Lucca, Verona, Novara e Ivrea.
Con la fondazione di Cluny, la grande riforma monastica e l'istituzione di nuovi Ordini, alcune
abbazie creano degli scriptoria molto fiorenti: in particolare Bec al tempo di Lanfranco (1089),
quando venne avviata l'elaborazione di un modello di scrittura e di miniatura molto tipica. L'Ordine
cistercense cre nel XII secolo uno stile di scrittura e di decorazione molto armoniosi, dei quali
ottima testimonianza la Bibbia di Stefano Harding. Anche altri Ordini lasceranno la loro orma nella
produzione manoscritta, ma ormai l'incremento degli scambi finir col provocare una sorta di
unificazione nella presentazione materiale del libro. Inoltre dall'inizio del XII secolo, lo sviluppo
delle scuole cittadine e lafflusso di studenti crearono nuovi bisogni e la produzione dei libri fece
il suo ingresso in citt. Ad esempio l'abbazia di San Vittore, fondata nel 1113, la cui scuola fu
assai presto fiorentissima, assunse gi prima del 1139 (data limite della compilazione della
sua Regola) del personale esterno che lavorava per denaro.



II.3 I generi letterari nel IX secolo

In et carolingia, il disegno culturale della penisola italiana (che sotto Carlo Magno assiste
- come s' detto - a una vera e propria diaspora di intellettuali verso Aquisgrana) appare
non omogeneo, ma sostanzialmente diviso in due: le regioni del regnum Langobardorum,
cio quelle settentrionali, restano coinvolte e vivono a stretto contatto con l'Impero, del
quale fanno, anche istituzionalmente, parte; le regioni centromeridionali, invece, subiscono
molto meno l'influsso carolingio. Roma resta un centro culturale notevole, soprattutto per
la presenza del Papato. La tradizione longobarda perdura anche a Montecassino e nelle
sedi politiche della Longobardia minore, Capua, Benevento e Salerno. In Campania,
Puglia e Calabria forte ancora l'influsso culturale, e in parte anche direttamente politico,
di Bisanzio.

La civilt carolingia si misura quasi con ogni genere di creazione letteraria: un sintetico, e
incompleto, profilo dei generi letterari baster a caratterizzare lampiezza degli interessi
che videro impegnati gli scrittori del IX secolo.

II.3.1 La storiografia

La storiografia inaugura consuetudini che non saranno abbandonate anche nei secoli
successivi, sviluppando, come tema di fondo, un processo di localizzazione e
regionalizzazione della narrazione storica che conduce alla scrittura di storie relative a
singoli personaggi, monasteri e diocesi. Non mancano tuttavia eccezioni. Il pi importante
storiografo del IX secolo Paolo Diacono, nato in Friuli da famiglia longobarda c. 725 e
chiamato, dopo essere servito quale precettore della figlia di re Desiderio Adelperga,
presso la corte di Carlo Magno nel 782 dove rester sino al 786 per far poi ritorno a
Montecassino dove gi si era ritirato alla caduta del regno longobardo nel 774 - dove
morir nel 799. La sua opera principale lHistoria Langobardorum, la storia cio del suo
28

popolo condotta sino al 744 (prima della sconfitta franca del 774). Essa, un monumento
della storiografia altomedievale italiana, oltre a presentare un fitto reticolo di fonti
classiche, si basa su materiali tratti da fonti orali di origine germanica e una fitta
aneddotica.

Tra le molte del periodo, la narrazione, c. 830, della biografia di Carlo Magno Vita Karoli
Magni soprattutto legata al nome di Eginardo ( 840) che giunger alla scuola palatina
di Aquisgrana con lincarico di sovrintendere alle opere architettoniche dellimperatore.
Del suo racconto importa sottolineare quanto viene narrato sullazione politico-diplomatica
di Carlo o il racconto della vita privata del sovrano carolingio (abitudini, piaceri, piccoli vizi,
ecc.), materiale introvabile nelle altre fonti. Ne emerge il disegno di un uomo intelligente,
modesto, energico e pronto all'azione, espertissimo nella guerra e fine politico, oltre che di
grande religiosit.

Meno significativo Nitardo ( 845), figlio di Angilberto di Saint-Riquier e di Berta, figlia di
Carlo Magno. La sua opera storiografica narra le vicende della sanguinosa guerra civile
scoppiata tra i figli di Ludovico il Pio (840-43). L'opera importante, perch ci ha
conservato il testo delle formule dei giuramenti di Strasburgo pronunciati da Carlo in
tedesco e da Ludovico in romanzo francese (cos che potessero esser compresi dalle
rispettive soldatesche che, a loro volta, giurarono allo stesso modo): si tratta dellatto di
nascita di due lingue romanze.


II.3.2 La poesia lirica e religiosa

La poesia lirica, che nel IX secolo riprende inconsueto vigore, non soltanto strumento di
espressione di sentimenti, ma anche di comunicazione ufficiale tra gli esponenti
dellentourage imperiale e tra questi e il sovrano. I carolingi scrivono sia in metro sia in
ritmo (strutturando i versi in base alla posizione degli accenti tonici e al numero delle
sillabe, tipica della versificazione in volgare).
La poesia lirica bene rifletter lo stato di progressiva dissoluzione dellimpero di Carlo
Magno: la produzione di questo genere tender, infatti, a ridursi sensibilmente a partire
dall830 circa.

Tra gli autori prevalentemente legati a questo genere andranno menzionati Teodulfo
d'Orlans (769-821), uno dei pi importanti personaggi della corte carolingia cui giunger
venendo in esilio dalla Spagna. Carlo lo nomina vescovo di Orlans nel 789; mantiene la
carica fino all'esilio dell818. Oltre che d'istruzione eccellente, Teodulfo uomo di grande e
raffinata cultura, maestro di eleganza e buon gusto. Le sue poesie sono estremamente
raffinate e l'imitazione dei classici sobria e profonda: di lui sar importante osservare
laffermazione della legittimit del recupero degli autori pagani, un tema che tormentava le
coscienze del mondo cristiano. Teodulfo ammise la liceit della loro lettura a condizione
che linterpretazione che dei poemi antichi e del mondo pagano veniva data fosse in
chiave allegorica:

Et modo Pompeium, modo te, Donate, legebam,
Et modo Virgilium, te modo, Naso loquax.
In quorum dictis quamquam sint frivola multa,
Plurima sub falso tegmine vera latent.
Falsa poetarum stilus affert vera sophorum,
Falsa horum in verum vertere saepe solent.
Sic Proteus verum, sic iustum Virgo repingit,
Virtutes Alcides, furtaque Caco inops.

29

(E ora leggevo te Pompeo, ora te Donato, / e ora te Virgilio, e ora te Ovidio chiacchierone. / E sebbene nelle
loro parole ci fossero alquante cose frivole / tuttavia molte verit stanno nascoste sotto il velo della
menzogna. / Lo stilo dei poeti scrive cose false; quello dei filosofi insegna invece la Verit / e suole
trasformare in verit le loro menzogne. / Cos Proteo simboleggia il Vero, la Vergine il Giusto, / Ercole la
Virt, il misero Caco il Furto.)

Pi innanzi, va segnalata la figura di Rabano Mauro, nato a Magonza intorno al 780 (
856), allievo di Alcuino alla scuola di Tours, abate nel celebre monastero di Fulda, del
quale riorganizza la scuola. Impegna a quel punto gran parte della vita nell'azione
politico-religiosa, dapprima in stretta collaborazione col Pio; alla morte di questo,
appoggia, contro i fratelli, Lotario, in quanto detentore del titolo imperiale (del quale era
strenuo sostenitore). Ma il trattato di Verdun crea sovrano della Francia orientale (dove si
trova Fulda) Ludovico il Germanico; Rabno sta per abbandonare la carica abbaziale e
l'attivit pubblica, ma proprio il Germanico lo eleva alla carica di arcivescovo di Magonza
(847).
Dal punto di vista strettamente letterario, Rabno resta famoso per il suo poema De
laudibus sanctae crucis, opera in cui gli intreccia la difficile tecnica del carme figurato:
alcune lettere compongono una figura umana (l'imperatore Ludovico, Cristo, gli
evangelisti, l'Agnello, ecc.), e lette di seguito formano un verso; ci sono poi carmi figurati
geometrici, dove cio le figure sono elementi della geometria piana (ILL.13)
Valafrdo Strabne ( 849), nato intorno all'809, riceve la prima istruzione a Reichenau (sul
lago di Costanza, sede di uno dei pi importanti monasteri del IX secolo, anche dal punto
di vista culturale); poi diventa allievo di Rabno a Fulda. Nell'829 incaricato di fungere da
precettore per il giovane Carlo, il futuro Carlo il Calvo. Alla fine dell'incarico, Ludovico il Pio
lo nomina abate di Reichenau; alla morte del Pio, schieratosi con Lotario, viene costretto a
lasciare il suo monastero in seguito alla vittoria di Ludovico il Germanico, riuscendo a
esser reintegrato nella carica di abate solo nell'842. Muore ancor giovane in circostanze
drammatiche, durante un naufragio nella Loira.
La sua produzione poetica ricca e originale e Valafrdo probabilmente il pi grande
poeta della corte di Ludovico il Pio. Va ricordato innanzitutto il poemetto Visio Wettini che
forse il primo degli antecedenti letterari della Commedia dantesca: vi si narra la visione
avuta dal monaco Vettino, al quale un angelo fa visitare inferno, purgatorio e paradiso, di
cui sono descritte le pene e le beatitudini, in modo che possa prendere coscienza sia del
rigore sia della bont di Dio. Tra i dannati incontra anche Carlo Magno, punito per la sua
lussuria.

Traduzione dei parr. 19 e 20: Spostandosi poi da l, l'angelo cominci ad esporgli in quanti sordidi vizi
l'umanit si dibatte. "Sebbene infatti", disse, "il genere umano si allontani dal suo Creatore con una gran
variet di crimini, asservendosi al diavolo, tuttavia in nessun crimine Dio viene pi offeso come quando si
pecca contro natura. Perci necessario lottare con particolare attenzione in tutti i luoghi, affinch
l'abitazione di Dio non si tramuti, col peccato sodomitico, in una dimora di diavoli. Non solo infatti questo
male danneggia con violento contagio le anime dei maschi che si sono macchiate di congiunzione tra loro,
ma lo si trova spesso con peste molteplice anche tra coniugati, spinti alla follia dall'impulso della libidine e
agitati dall'istinto demoniaco, cosicch prdono il bene di natura concesso da Dio con le mogli, e entrambi i
coniugi, convertito il talamo immacolato alla macchia del sesso illecito, si prostituiscono ai diavoli Perci ti
ordino, in base all'autorit divina, che tu predichi pubblicamente queste cose; e che tu non celi neanche
quanto pericolo si trovi nel lusso delle concubine! Infatti sinch rimangono in quell'oscenit, non meriteranno
mai l'ingresso al regno dei cieli". E lui rispose: "Signore, non oso proferire tali cose, poich a causa della
pochezza della mia persona non mi considero adatto a ci". L'angelo gli rispose gravemente indignato: "Non
osi proferire ci che Dio vuole e ti ordina per mio tramite?". Dopo di che l'angelo cominci ad ammonirlo in
altro modo sulla sua redenzione, e disse: "Sono stato delegato alla tua custodia io, a cui un tempo quel
Sansone, di cui parla il Libro dei Giudici, fu affidato da Dio fin dalla sua nascita: con il favore di Dio fui suo
aiuto in ogni sforzo di opere ammirevoli finch costui, corrotto dalle lusinghe della carne, incorrendo
nell'offesa a Dio per Dalilah e vendendo a una puttana la sua consacrazione, fu abbandonato da Dio. Allora
m'allontanai da lui Anche tu nella tua adolescenza mi davi soddisfazioni, ma dopo che da adulto hai
cominciato a vivere a tuo piacere, mi hai dato grandi dispiaceri; ora per, rivolto a Dio nel pianto e nel dolore
del cuore, di nuovo mi hai soddisfatto"..
30



Interessante anche il poemetto didascalico Hortulus (Lorticello), nel quale il poeta
descrive la bellezza e la rigogliosit della vegetazione degli orti del suo monastero (si
sofferma a lungo sulle piante medicinali, e un vero trattato di erboristeria, nella quale
Valafrdo si mostra esperto in prima persona).

La zucca
Non diverse sono le caratteristiche della zucca, che, pur nascendo da umili semi, tende anch'essa verso l'alto:
con le sue foglie a forma di scudo crea estese zone d'ombra e vere e proprie funi sono quelle che essa stende
con i suoi steli cos fitti. L'edera ti sar capitato di vederla abbarbicata con le fronde ad un alto olmo: fin
dal seno della terra ha gettato le sue ampie braccia tutt'intorno all'albero, e, trovata la via per raggiungere
la cima pi alta, ne ha coperto le rughe della corteccia con un manto di verde. E anche i polloni della vite li
avrai certo visti sostenuti da un tronco, dopo che si sono stesi su un albero qualsiasi: le cime dei loro rami si
sono rivestite di viticci e essi spontaneamente si sono spinti in alto; perci ecco che penzola su una sede non
sua il grappolo rosseggiante, Bacco ricopre i verdi pergolati e i larghi pampini dividono tra loro le foglie
dell'albero. Allo stesso modo, s proprio allo stesso modo, la mia zucca, crescendo da un fragile stelo, ama i
puntelli posti l vicino come sostegni per essa e, abbracciandoli, tiene ben stretti con le unghie adunche i
suoi ontani. Perch poi non possa essere divelta da una furiosa bufera, mette fuori tante funi quanti sono i
nocchi che essa produce e, siccome stendono due filamenti per ciascuno, ecco che si attaccano al
sostegno da ogni parte, da destra e da sinistra. E come quando le fanciulle che filano passano nel fuso i
pennecchi di morbida lana e con larghi giri misurano una interminabile serie di fili, avvolgendoli in cerchi
ben ordinati, cos quelle mobili corregge con i loro viticci ricurvi stringono e ricoprono rapidamente i lisci
paletti che costituiscono le loro scale, e, servendosi delle altrui forze, riescono ad arrampicarsi quasi a volo
d'uccello fino all'alto soffitto dei portici incavati. Chi sarebbe ora in grado di elogiare degnamente i frutti
che pendono qua e l dai rami? Da ogni lato sono formati secondo un procedimento ben determinato non
meno che se vedessi un pezzo di legno ben tornito e levigato, frutto del lavoro di un tornio di media misura.
Essi, pendenti dapprima da un gracile ramoscello, hanno poi un grosso corpo su un collo lungo e sottile; allora
l'enorme mole si allarga ai fianchi, sicch tutto lo spazio lo occupa il ventre, tutto la pancia, e
all'interno di questo carcere cavernoso vengono nutriti separatamente molti semi, che possono
assicurarti un raccolto altrettanto abbondante. Anzi, questi stessi frutti, quando sono ancora teneri, prima che
l'umore nascosto nelle chiuse viscere cominci a rarefarsi all'arrivo del tardo autunno, mentre tutt'intorno la
buccia rimasta secca, li vediamo spesso portare tra buone cose di una ricca tavola, assorbire il
pingue grasso nella padella ben calda, tagliat i in succose fette, offrire il loro dolce sapore alla
seconda portata. Se invece questo stesso prodotto lo si lascia a godere il tepore del sole estivo sulla
pianta madre, tagliandolo con la falce solo a tempo debito, allora si potr trasformare i n recipienti di
pratica utilit, dopo avere tolto le viscere dal vasto ventre, levigandone i fianchi allagile tornio.

Pressoch contemporaneo di Rabno il monaco Gotescalco di Orbais
Nato intorno all'803, entra a Fulda ma studia anche a Reichenau, dove stringe amicizia
con Valafrdo. Il suo spirito inquieto lo spinge a chiedere a Rabno la dispensa dai voti,
che gli viene concessa, ma subito dopo revocata. Si sposta successivamente in diversi
monasteri, sempre perseguitato da Rabno, e infine a Orbais, nella diocesi di Soissons.
Nell'849 viene condannato per le sue idee sulla predestinazione al sinodo di Quierzy:
Gotescalco sottoposto alla bastonatura e costretto ad abiurare tutti i suoi convincimenti,
nonch a bruciare pubblicamente la raccolta di citazioni di Padri con cui sosteneva le sue
prediche. Il ritratto di Gotescalco che ricostruiamo dagli scritti di Rabno e d'Incmro
assai negativo: ribelle, irascibile, egocentrico, intellettualmente superbo, eretico
insopportabile. Di Gotescalco scrittore possediamo solo frammenti ma egli resta famoso
soprattutto per la sua eccezionale e malinconica vena poetica, che ne fa uno dei poeti pi
affascinanti dell'alto medioevo. Molto noto il carme dedicato a un amico che gli chiede di
scrivere poesia, mentre il poeta crucciato dall'esilio (Ut quid iubes, pusiole; Perch mi
domandi, fanciullino?) (il pusiolus, se il carme stato effettivamente scritto a Reichenau,
potrebbe essere l'amico Valafrido Strabone), dove al lamento personale s'intreccia il
ragionamento dottrinale (sulla Trinit), per poi tornare alla richiesta di perdono e di ritorno
dall'esilio.

Perch mi domandi?
31


Perch mi ordini, piccolo caro,
perch mi chiedi, giovane figlio,
di cantare una dolce canzone
mentre lontano io sono
esiliato in mezzo al mare?
Perch mi ordini di cantare?

Mio caro, assai di pi
mi andrebbe di piangere,
pi di piangere che di cantare
un canto, come tu mi ordini,
mio giovane caro amore.
Perch mi ordini di cantare?

Preferirei, sappilo, o piccolo,
tenero fratello, che tu volessi
piangere con cuore pietoso
e gemere insieme a me
con animo benevolo.
Perch mi ordini di cantare?

Tu sai, giovane apprendista di Dio,
tu sai, piccolo cliente del cielo,
che da tanto sono in esilio,
che di giorno e di notte
soffro molti mali.
Perch mi ordini di cantare?

Tu sai che a un popolo prigioniero
- il nome era Israele -
fu ordinato di cantare in Babilonia,
laggi, lontano
dalla terra di Giudea.
Perch mi ordini di cantare?

I nostri non poterono poi
e non dovettero
a lungo far risuonare
il dolce canto di fronte a un popolo
in terra straniera.
Perch mi ordini di cantare?

Ma poich a ogni costo tu lo vuoi,
mio generoso compagno,
canter al padre, al figlio,
e a colui che da entrambi
insieme procede.
Cos io canto volentieri.

Benedetto tu sei, o Signore,
padre, figlio, spirito paraclito,
dio trino, dio uno,
dio sommo, dio di piet,
dio di giustizia.
Cos io canto volentieri.

Da molto tempo Signore,
sono esule in questo mare,
quasi due anni
come tu sai, ma alla fine
sii pietoso.
Te lo chiedo con umilt.
32


Sono pieno di tanti peccati,
re magnanimo,
e pi piena la piet
lo so, lo riconosco,
dei tuoi veri seguaci.
Lo credo con fermezza.

Cos, o dio di piet,
abbi piet, o Signore,
della piet, illustre reggitore,
e del tuo servitore, re eterno,
ricordati,
te lo chiedo con cuore pieno di umilt.

Riconducimi velocemente a casa
guida clemente!
Rifiuto di stare qui pi a lungo,
padre santo, benevolo spirito
di verit.
Questo io chiedo e chiedo ancora.

Nel frattempo con il mio piccolo,
posto in questa regione,
canter con la bocca, canter con il cuore,
canter giorno e notte
un dolce carme,
a te, re dolcissimo.

Il vero ideatore della scuola e dell'accademia palatina, ispiratore di tutta la politica culturale
di Carlo Magno l'anglosassone Alcuno di York (c. 730- 804), educato alla scuola della
sua citt, di tradizione irlandese, basata quindi sulla grammatica, l'aritmetica, l'astronomia,
ma con ampio spazio attribuito anche allo studio dei classici. Dopo aver diretto la scuola di
York, Alcuino diviene maestro dello stesso imperatore (che incontra nel 781 a Parma) e
a capo dell'accademia palatina dal 796 alla morte. Dal 782 Alcuino diventa il pi intimo
consigliere di Carlo e l'interprete principale della riforma degli studi voluta dal sovrano.
La politica culturale carolingia , in definitiva, alcuiniana; qui mette conto sottolineare che
alcuni tra i pi importanti stimoli in proposito (correzione dell'ortografia e della sintassi,
unificazione della pronunzia, correzione dei libri, studio - la Bibbia, i classici e i Padri della
Chiesa -, approfondimento di problemi delle arti del trivio e del quadrivio) sono anche i
contenuti della sua prolifica opera di scrittore. Alcuino un grande divulgatore pi che un
pensatore originale, come poi sar Rabno. I suoi trattati di grammatica, di teologia, di
storia sono chiari e esaurienti, spesso costruiti in forma dialogica (due interlocutori, di cui
uno pone domande e l'altro d risposte).
Una prima categoria di opere quella scientifico-didattica, che comprende opere
grammaticali (De grammatica, De rhetorica, De orthographia), esegetiche, agiografiche
(Vita sancti Willibrordi, Vita sancti Vedasti, Vita sancti Richerii, Vita sancti Martini),
teologico-dogmatiche e dottrinali (De fide sanctae et individuae Trinitatis, Liber de
virtutibus et vitiis). Molto importante anche l'epistolario (circa 300 lettere).
Alcuino autore anche di circa centoventi componimenti poetici, sia in metro
(prevalentemente) sia in ritmo: carmi, ecloghe, favole, molti epigrammi, panegirici, inni.
Oltre che per gli amici, Alcuino mostra affetto particolare per i suoi discepoli; si ritrae
spesso come il genitore apprensivo, preoccupato per la sorte dei figlioli scapestrati o in
pericolo. Famoso l'appello al suo allievo soprannominato Cuculo, che ha abbandonato la
scuola-nido:

Versus de cuculo

33

"Plangamus cuculum, Dafnin dulcissime, nostrum,
Quem subito rapuit saeva noverca suis.
Plangamus pariter querulosis vocibus illum,
Incipe tu senior, quaeso, Menalca prior".
"Heu, cuculus nobis fuerat cantare suetus,
Quae te nunc rapuit hora nefanda tuis?
Heu, cuculus, cuculus, qua te regione reliqui,
Infelix nobis illa dies fuerat.
[Omne genus hominum, volucrum simul atque ferarum
Conveniat nostrum querere nunc cuculum.]
Omne genus hominum cuculum conplangat ubique,
Perditus est, cuculus, heu, perit ecce meus.
Non pereat cuculus, veniet sub tempore veris,
Et nobis veniens carmina laeta ciet.
Quis scit, si veniat; timeo, est summersus in unds,
Vorticibus raptus atque necatus aquis.
Heu mihi, si cuculum Bachus dimersit in undis,
Qui rapiet iuvenes vortice pestifero.
Si vivat, redeat, nidosque recurrat ad almos,
Nec corvus cuculum dissecet ungue fero.
Heu quis te, cuculus, nido rapit ecce paterno?
Heu rapuit, rapuit, nescio si venias.
Carmina si curas, cuculus, citus ecce venito,
Ecce venito, precor, ecce vento citus.
Non tardare, precor, cuculus, dum currere possis,
Te Dafnin iuvenis optat habere tuus.
Tempus adest veris, cuculus modo rumpe soporem,
Te cupit, en, senior atque Menalca pater.
En tondent nostri librorum prata iuvenci,
Solus abest cuculus, quis, rogo, pascit eum?
Heu, male pascit eum Bachus, reor, impius ille,
Qui sub cuncta cupit vertere corda male.
Plangite nunc cuculum, cuculum nunc plangite cuncti.
Ille recessit ovans, flens redit ille, puto.
Opto tamen, flentem cuculum habeamus ut illum,
Et nos plangamus cum cuculo pariter.
Plange tuos casus lacrimis, puer inclite, plange:
Et casus plangunt viscera tota tuos.
[Si non dura silex genuit te, plange, precamur,
Te memorans ipsum plangere forte potes.
Dulcis amor nati cogit deflere parentem,
Natus ab amplexu dum rapitur subito.
Dum frater fratrem germanum perdit amatum,
Quid nisi iam faciat, semper et ipse fleat.
Tres olim fuimus, iunxit quos spiritus unus,
Vix duo nunc pariter, tertius ille fugit.
Heu fugiet, fugiet, planctus quapropter amarus
Nunc nobis restat, carus abit cuculus.
Carmina post illum mittamus, carmina luctus,
Carmina deducunt forte, reor, cuculum.
Sis semper felix utinam, quocumque recedas,
Sis memor et nostri semper ubique vale".]

Il canto sul cuculo

Dolcissimo Dafni, piangiamo il nostro cuculo,
che la crudele matrigna d'improvviso ci ha rapito,
insieme piangiamolo con voce singhiozzante.
Ti chiedo, inizia tu, Menalca, che sei il pi vecchio.
Ahim, il cuculo, per noi soleva cantare;
ma quale stagione crudele ti ha rapito?
Ahim, cuculo, cuculo, ovunque io ti abbia perduto,
stato un triste giorno per noi.
34

(Ogni uomo, ogni uccello, ogni fiera
accorra qui per piangere il cuculo.)
Ogni uomo, quale egli sia, dovunque egli sia, pianga il cuculo,
perduto, ahim, ecco, il mio cuculo morto.
Non muoia il cuculo, torner con la primavera,
e al ritorno canter liete canzoni.
Ma chiss se verr; ho paura sia stato travolto dalle onde,
rapito dai vortici, soffocato, dalle acque;
ahim, forse Bacco ha immerso il cuculo nelle onde,
lui che trascina i giovani nel terribile vortice.
Se vive, ritorni, accorra al suo nido d'amore,
che il corvo non lo dissangui con l'artiglio feroce.
Ahi chi ti ha rapito, o cuculo, dal nido paterno?
Ahim s, ti hanno rapito, ti hanno rapito, non so se tornerai.
Se credi alla poesia, o cuculo, allora ritorna presto,
ritorna presto, ti prego, ritorna presto.
Non tardare, ti prego, o cuculo, finch puoi correre,
il tuo giovane Dafni desidera averti.
tempo di primavera, o cuculo, svegliati dal torpore,
ti desidera anche il padre Menalca, ormai vecchio.
I nostri giovenchi si nutrono del pascolo tra i libri,
il cuculo soltanto manca; mi chiedo, chi lo nutrir?
Ahim l'empio Bacco, io penso, lo nutre malamente.
Bacco che vuol calare sempre i cuori in ogni sorta di malanno.
Piangete adesso il cuculo, piangetelo adesso tutti;
se ne andato trionfante, credo che torner piangendo.
Eppure ardo di averlo ancora tra di noi in lacrime,
anche noi piangiamo insieme al cuculo.
Piangi i tuoi errori, o dolce fanciullo, piangi a lungo,
tutti i cuori piangono i tuoi errori.
(Se non ti ha generato una dura roccia, piangi, ti esorto,
riflettendo su te stesso saliranno le lacrime.
Il dolce amore per il figlio costringe il padre a piangere,
mentre di colpo il figlio viene strappato all'abbraccio.
Se il fratello perde il diletto fratello,
che gli resta da fare, se non piangere e piangere ancora?
Una volta eravamo in tre e un unico spirito ci legava;
ora siamo due soli, il terzo fuggito.
Oh, fuggir, fuggir, dunque a noi resta soltanto
l'amaro pianto: se n' andato il caro cuculo.
Inviamo carmi, inviamo carmi di lutto adesso ch' partito,
a volte, io credo, i carmi richiamano il cuculo.
Sii sempre felice, ti prego, ovunque tu vada,
e ricordati di noi, e sii sempre in buona salute.) ]


II.3.4 La letteratura erudita (la filologia)

Accanto alla grammatica, l'et carolingia esprime un ritrovato interesse per gli scrittori
classici e un rinato gusto e passione per la filologia. Qui la figura pi importante quella di
Lupo di Ferrires ( 862 circa), allievo di Rabano e amico di Gotescalco e Eginardo, ma
anch'egli esterno rispetto all'ambiente di corte (anche se resta in contatto epistolare con
Carlo il Calvo). Lupo si rivela uomo di erudizione rara, solerte ricercatore di opere
classiche, abile filologo: egli chiede ad amici, cerca nelle biblioteche, collaziona coi propri
occhi e copia codici spesso con la propria mano (corregge per esempio il testo di Valerio
Massimo e di Svetonio). famosa una lettera in cui chiede a papa Benedetto III
manoscritti del De oratore di Cicerone, per emendare la propria copia (che aveva tratto da
un manoscritto in possesso di Eginardo). Sono stati individuati anche una dozzina di codici
scritti in parte da lui stesso, in parte da lui corredati in margine di varianti e note testuali.
Conosce una serie di autori straordinaria per il suo tempo: Cesare, Sallustio, Svetonio,
35

Cicerone, Tito Livio, Aulo Gellio, limitandoci ai maggiori. Lupo in qualche modo davvero
anticipa (di molti secoli!) quello che sar il lavoro dei grandi dotti umanisti, a cominciare dal
Petrarca, per poi arrivare fino a Poggio Bracciolini e a Lorenzo Valla.


II.4 . La produzione artistica del IX secolo (cenni)

II.4.1 Larchitettura

Nel campo artistico larchitettura la manifestazione privilegiata dei sovrani della dinastia
carolingia. Eginardo, il sovrintendente alle fabbriche e alle imprese artistiche di Carlo Magno ci
informa che il sovrano costruiva sia per rappresentare la dignit imperiale sia per rispondere alla
necessit di ambienti adatti alla vita della corte e allamministrazione dello Stato: e per la prima
volta dopo secoli verano anche le risorse economiche che permettevano la fondazione di
fabbriche grandiose.
Carlo Magno regna 42 anni e durante il suo regno furono iniziati e in gran parte condotti 75 palazzi,
7 cattedrali e 232 monasteri. I modelli delle costruzioni architettoniche di Carlo, almeno di quelle
destinate a funzioni particolarmente solenni, erano di ispirazione costantiniana: il palazzo imperiale
di Aquisgrana fu infatti eretto ad imitazione della basilica del Laterano in Roma, che in realt si
credeva essere il palazzo dellimperatore Costantino da cui sarebbe stato donato al papa.
Quanto ora di esso rimane rappresentato dalla cappella palatina (ILL. 13a), di forma poligonale e
coperta da una cupola, derivata da modelli tardo antichi come S. Vitale di Ravenna. Quanto
allinterno, esso decorato da marmi colorati che secondo le fonti Carlo Magno aveva fatto portare
da Roma e da Ravenna.
Altro monumento celebre di et carolingia la porta di Lorsch, al centro del grande cortile
antistante la chiesa abbaziale, eretta tra il 760 e il 790. La loggia dellesterno completata, al
piano superiore, da unaltra aula che serviva allimperatore come sala del trono e come sede delle
complesse cerimonie della liturgia imperiale. (ILL.14)
Nella progettazione dei grandi complessi monastici i costruttori carolingi rispondevano invece con
soluzioni originali alle necessit funzionali che il nuovo ruolo della abbazie allinterno della
compagine statale comportava. Il progetto planimetrico di monastero, disegnato tra l815 per
labate di S. Gallo, Gozberto, (ILL.15) un piano (forse ideale) di rifondazione per quella casa
benedettina. Dalla illustrazione potr avvertirsi che la chiesa, che il cardine di tutta la
rifondazione, ha una struttura a doppia abside e intorno gli edifici si dispongono secondo una
griglia regolare: a sud le celle del monastero con il refettorio attorno al chiostro; a nord labitazione
dellabate, la scuola e nel restante spazio le foresterie per i pellegrini, linfermeria, il cimitero e tutte
le masserie. Il disegno quello di una vera e propria citt monastica: n deve stupire perch i
monasteri maggiori, al tempo, amministravano patrimoni immensi e avevano quindi necessit di
tutte le strutture, anche architettoniche, di supporto nella loro funzione.
Linvenzione tipologica che meglio rappresenta larchitettura carolingia il c. d. Westwerk (ovvero
corpo occidentale), che consisteva in un edificio a pi piani aggiunto allingresso della chiesa. Si
tratta, in sostanza, di una sorta di facciata monumentale, in cui il piano inferiore costituito da un
atrio e i piani superiori, raccordati allingresso della chiesa, erano in genere occupati da una
grande sala, aperta su uno spazio interno attraverso gallerie, replicate, quanto a struttura di pieni e
di vuoti, attraverso finestre che si aprivano sul corpo centrale, aggettante e delimitato da torri
angolari. (ILL. 16) Nella sala del Westwerk avevano luogo sia le cerimonie liturgiche sia quelle
connesse con le funzioni che coinvolgevano limperatore. Nel Westwerk si conservavano anche le
reliquie dei santi e dei martiri. In Italia, larrivo dei nuovi dominatori Franchi (774), spazz via
lidentit politica dei Longobardi, ma dal punto di vista culturale e artistico si tratt piuttosto di una
lenta integrazione. Cos, lesempio meglio conservato di sacello di et carolingia, quello di S.
Satiro, costruito a Milano dal vescovo Ansperto attorno al 870, (ILL.17)discende direttamente per
stile e interpretazione del modello antico, dalle chiese pavesi (quindi longobarde) del VII e VIII
secolo.

II.4.2 La pittura

36

La pittura monumentale, legata alla committenza imperiale o comunque vicina al gusto della corte
andata perduta nella sua quasi totalit. Rarissimi gli esempi superstiti, come quelli della cripta di
Saint-Germain di Auxerre, databili tra l841 e l857. (ILL.18) Larea geografica che conserva la
maggior parte delle testimonianze di pittura carolingia tuttavia la parte centro-occidentale
dellarco alpino, grazie non solo al maggiore isolamento della zona ma anche al numero degli
insediamenti monastici in rapporto allimportanza politica e economica della regione. Si trattava,
infatti, di un territorio di confine tra il nord e il sud dellimpero, attraversato da numerose vie che
collegavano le regioni adriatiche e la Lombardia alla Baviera e alla Renania. La chiesa di S.
Giovanni a Mstair, in Engadina (anche ledificio originariamente carolingio), fu completamente
decorata attorno agli anni trenta del IX secolo con storie dellantico e del nuovo Testamento, scelte
a mostrare la corrispondenza tra le due serie di narrazioni, come prefigurazione degli eventi
evangelici. (ILL. 19) A testimonianza della variet culturale che caratterizza questarea vengono gli
affreschi di Malles (Alto Adige) nella chiesa di S. Benedetto (Alto Adige) (ILL. 20) e di Naturno (Alto
Adige) che, per il linearismo esasperato e lestrema sintesi degli elementi figurativi, rimandano
piuttosto allattivit degli scriptoria monastici dellattuale Austria (Kremsmnster, Salisburgo).
(ILL.21-22)
Ancora da menzionare, sebbene la datazione sia quanto mai controversa, il ciclo di affreschi di
Santa Maria Foris Portas di Castelseprio (Varese).

II.4.3 La miniatura

La miniatura raggiunge sotto i sovrani carolingi risultati di straordinaria qualit e rilevanza: legata,
infatti, alla cultura scritta, di cui gli imperatori sostenevano lo sviluppo, rispondeva perfettamente
alle esigenze culturali della corte. La cultura figurativa imperiale giunge ad esprimersi, nei primi
anni del IX secolo, in un gruppo di evangeliari (codici che contengono i Vangeli, in cui limportanza
del testo era sottolineata, in genere, dalla preziosit della confezione del manufatto) in cui si
mescola uno stile bizantineggiante, aulico e prezioso, con limpiego di sfondi architettonici ripresi
dallantico e a incorniciature di archi su colonne, tipico elemento espressivo dellarte italiana. Nelle
parti decorative ricorrono motivi derivati da cammei, monete e stoffe, di tutti quegli oggetti,
insomma, che saccheggi e scambi di doni tra Roma e Bisanzio avevano fatto affluire nel tesoro
imperiale. Questo entusiasmo archeologico raggiunge uno dei suoi migliori risultati nella Fonte
della Vita (Evangeliario di Saint-Mdard di Soisson) dove la vasca della fontana coronata da un
esile baldacchino che sembra ripreso da un affresco o da uno stucco romano mentre il serraglio di
animali pare riproduzione di un mosaico pavimentale tardoantico. (ILL.23)
tuttavia con la committenza di Ludovico il Pio, figlio di Carlo, che viene creato un gruppo di
manoscritti, tutti ispirati ai modelli antichi: celebri il Vangelo di Lorsch, in cui la miniatura mostra S.
Giovanni seduto allo scriptorium con in mano alcuni degli strumenti essenziali per la scrittura dei
manoscritti, (ILL. 24) quello di Ebbone, (ILL. 25), quello di Utrecht (ILL. 26) e il Phisiologus latino di
Berna. (ILL.27) Con laffievolirsi della committenza imperiale e il disperdersi, nella bufera delle lotte
dinastiche, della committenza dei circoli artistici, vengono a mancare i presupposti di un linguaggio
artistico tanto strettamente legato alle esigenze politiche, culturali e ideologiche della dinastica
carolingia. Riprende piede anche alla corte la tradizione decorativa insulare, tendenzialmente
aniconica, come nel caso della seconda Bibbia di Carlo il Calvo composta per limperatore presso
labbazia di Saint Amand negli anni 70 del IX secolo, composta soltanto di grandi iniziali con
intrecci o nelle altre realizzazioni che si riproducono qui. (ILL.28)
Oltre a queste esecuzioni, legati alla committenza della famiglia imperiale, la cultura carolingia
produce una serie altissima di codici miniati, sovente destinati alla scuola e sovente rimodellati su
esemplari tardoantichi, come probabilmente nel caso del codice con le commedie di Terenzio di
cui si offre unimmagine (ILL. 29)

II.4.4 La scultura e oreficeria

Segno dello splendore artistico raggiunto dalla corte carolingia sono le opere bronzee. Il
rinvenimento di una fonderia tra le dipendenze del palazzo imperiale conferma la produzione in
loco. Alla rinascita del bronzo si deve la piccola statua equestre di Carlo Magno, ispirata ad
esemplari del VI secolo. (ILL.30)
La ricchezza accumulata dai sovrani carolingi (loro e largento conquistato agli Avari nel 795
aveva riempito cinquanta carri) fece aumentare di molto le donazioni alle basiliche romane, alle
37

cattedrali, alle abbazie e di conseguenza la produzione di ogni sorta di oggetti preziosi destinati al
culto. Gli avori e le oreficerie sono infatti gli oggetti attraverso i quali possiamo meglio studiare la
produzione carolingia nel campo delle arti. Gli avori venivano spesso intagliati presso gli stessi
scriptoria che preparavano i manoscritti, come nellavorio della coperta dellEvangerliario di
Lorsch (IX prima met), in cui il tema narrativo (topico) realizzato avendo presenti modelli formali
ravennati, ancora una volta del VI secolo. (ILL. 31) Ma il capolavoro delloreficeria carolingia a noi
pervenuto laltare doro di S. Ambrogio di Milano eseguito per il vescovo Angilberto II (829-859)
da Vuolvino (o Volvino): in realt esso va diviso in due parti: quella relativa alle storie cristologiche
(che la sezione dellaltare rivolta verso il pubblico dei fedeli) fu eseguita da diversi e differenti
artisti; a Vuolvino spetta quella che rivolta verso labside della chiesa e illustra le storie della vita
di santAmbrogio: le sculture sono accompagnate da una scritta dove, oltre al nome dellartista,
appare quella del vescovo committente, che, dopo avere riconosciuto che le reliquie contenute
nellaltare sono pi importanti delloro, supplica tuttavia il santo che, in cambio di un dono cos
prezioso, lo assista con la sua protezione. (ILL. 32-34)


II.5 La letteratura nellet feudale (X secolo)

II.5.1 La storiografia

La storiografia si volge in direzione delle storie locali, di singoli regni, ma soprattutto, di
citt e di singoli monasteri, di abati e vescovi.
Esponente significativo di queste tendenze Liutprando, vescovo di Cremona ( 972), a
lungo nell'entourage di Ugo di Provenza. Al momento della vittoria contro costui di
Berengario II del Friuli riesce a saltare sul carro del vincitore, diventandone il segretario;
nel 949 ne ambasciatore a Costantinopoli. In seguito, scontratosi con Berengario, si
trasferisce alla corte tedesca di Ottone I, anche qui assumendo importanti incarichi politici
e diplomatici.
In Germania vive e opera a lungo, scrivendo tre opere: l'Antapodosis, la Relatio de
legatione Constantinopolitana e il De rebus gestis Ottonis Magni imperatoris.
L'Antapodosis (contraccambio) il racconto di fatti a lui contemporanei in chiave di forte
polemica contro gli avversari politici della sua fazione (che quella ottoniana) e suoi
personali. Nella prefazione annunzia di volere scrivere un testo leggibile e divertente; in
effetti la narrazione, ricca di aneddoti vivacissimi quando non addirittura scandalosi, riesce
di lettura gradevole e interessante. I signori dell'Italia settentrionale, i pontefici, i bizantini
diventano sotto la penna di Liutprando personaggi grotteschi o boccacceschi; l'elemento
femminile acquista spazio, anche se quasi sempre in negativo (basti l'esempio delle due
nobildonne Marozia e Teodora, che proprio il racconto liutprandeo ha fatto passare alla
storia come anime nere della cosiddetta pornocrazia romana; o della moglie di Berengario
II, Villa, che per mettere in salvo dei gioielli non esita a nasconderli all'interno del suo
organo genitale).

Liutprando, Antapodosis, II: In quel tempo Giovanni X di Ravenna teneva il sommo pontificato della
veneranda sede romana. Questi per aveva ottenuto in questo modo il vertice della gerarchia, con un delitto
tanto nefando e contro il giusto e il lecito. Teodora, impudente puttana, nonna dellAlberico da poco defunto,
teneva con energia virile (cosa che anche a dirsi turpissima) la monarchia della citt di Roma. Ella ebbe
due figlie, Marozia e Teodora, non solo a lei pari, ma anche pi pronte allesercizio di Venere. Di queste,
Marozia gener con nefando adulterio con papa Sergio III, di cui facemmo sopra menzione, Giovanni XI,
che, dopo la morte di Giovanni X di Ravenna, occup la dignit della Chiesa romana; []. Nello stesso
tempo Pietro reggeva il pontificato della sede ravennate, che ritenuto il secondo arcivescovado, dopo il
primato sacerdotale romano. Poich questi inviava assai spesso a Roma dal signore apostolico il gi
nominato Giovanni, che allora era ministro della sua Chiesa, per il dovere della debita sottomissione,
Teodora meretrice svergognata, come ho attestato, accesa dal calore di Venere, arse violentemente per la
bellezza del suo aspetto, e non solo volle, ma anche spinse pi volte costui a fornicare con lei. Mentre tali
cose avvengono con impudenza, muore il vescovo della Chiesa bolognese e questo Giovanni eletto al suo
posto. Poco dopo mor larcivescovo di Ravenna nominato, prima del giorno della consacrazione di quello, e
38

Giovanni ne usurp il suo posto per istigazione di Teodora, abbandonando, gonfio di ambizione, la
precedente Chiesa bolognese, contro le istituzioni dei santi padri. Infatti giungendo a Roma viene subito
ordinato vescovo della Chiesa ravennate. Dopo un breve intervallo di tempo, per chiamata di Dio, anche
quel papa, che lo aveva ingiustamente ordinato, mor. La mente perversa di Teodora[], per non aver a
godere troppo di rado degli amplessi del suo amante, per le duecento miglia che separano Ravenna da
Roma, costrinse quasi ad abbandonare larcivescovo di Ravenna e ad usurpare (oh! infamia!) il sommo
pontificato romano. Marozia, puttana molto sfacciata, dopo la morte di suo marito Guido, invia a re Ugo i suoi
messaggeri e lo invita ad andare da lei e ad assumere per s Roma, nobilissima citt. Attestava che ci non
poteva farsi altrimenti, a meno che re Ugo se la prendesse in sposa. [] Allentrata della citt di Roma vi
una fortezza costruita con opera meravigliosa e di straordinaria robustezza, davanti alla cui porta c un
ponte preziosissimo fabbricato sul Tevere, che percorso da chi entra e da chi esce da Roma: non vi altra
via di passaggio, se non attraverso quello. Tuttavia ci non si pu fare se non col consenso di chi custodisce
la fortezza. La fortezza stessa poi, per tralasciare il resto, di altezza tale che, la chiesa che appare sulla
sua cima, edificata in onore dellarcangelo Michele, sommo principe della milizia celeste, vien detta Chiesa
di SantAngelo fino ai cieli. Il re, per fiducia nella fortezza, lasci lontano lesercito, e con pochi giunse a
Roma. Ricevuto decorosamente dai Romani, si rec, nella predetta fortezza, al talamo della meretrice
Marozia. Dopo aver goduto di quellincestuosa unione con lei, come fosse ormai sicuro, cominci a
disprezzare i Romani. Marozia aveva avuto un figlio di nome Alberico che aveva generato da Alberico
marchese [di Spoleto]. Questi, mentre versava lacqua a re Ugo, suo patrigno, per invito della madre, perch
si lavasse le mani, da quello fu schiaffeggiato per punizione, perch versava lacqua senza misura e decoro.
Egli, per potersi vendicare dellingiuria infertagli, radunati in un luogo i Romani, si rivolse loro con un discorso
di tale genere: La dignit di Roma ridotta a cos grande stoltezza, da obbedire anche agli ordini delle
meretrici. Che cosa v di pi turpe o pi vergognoso del fatto che la citt di Roma vada alla malora per
lincesto di una donna, e che gli schiavi di un tempo dei Romani, cio i Borgognoni, comandino ai Romani?
[]. Senza indugio, udite queste cose tutti abbandonano re Ugo e si scelgono come signore lo stesso
Alberico; inoltre, perch re Ugo non avesse neppure il tempo di introdurre i suoi soldati, rapidamente iniziano
ad assediare la fortezza. chiaro che questa fu decisione della divina grazia, che re Ugo non potesse in
ogni modo mantenere ci che tanto vergognosamente aveva acquistato col delitto. Infatti fu spinto da terrore
cos grande, che si cal per una fune da quella parte in cui la fortezza si congiungeva alle mura della citt,
abbandon Roma e si rifugi dai suoi. Scacciato dunque re Ugo con la predetta Marozia, Alberico tenne la
monarchia della citt di Roma, mentre suo fratello Giovanni era a capo della sede del pontificato sommo e
universale.

Il racconto della Relatio (Liutprando era stato inviato in delegazione all'imperatore
bizantino Nicforo Foca per chieder la mano della principessa Teofane, che doveva
sposare l'erede al trono Ottone II) fornisce numerose indicazioni, anche se non sempre
oggettive e imparziali, sulla visione che l'Occidente germanico aveva dell'impero di
Bisanzio.
Liutprando ha una visione pessimistica della storia, che per lui sostanzialmente
prepotenza e sopraffazione. Denaro, sesso e potere sono le molle che spingono gli uomini
ad agire, e Liutprando capace di allungarsi in aneddoti frizzanti e vivacissimi, senza al
contempo perdere di vista il filo della narrazione storica.

Molto interessante un testo anonimo dell'Italia meridionale. L'autore del Chronicon Salernitanum (commento
allopera e testo latino in: un personaggio sfuggente, e la sua opera, mutila all'inizio, non ci aiuta
nell'identificazione; per certo sappiamo che vive intorno al 975 e che monaco nella dipendenza cassinese
di San Benedetto di Salerno. Egli, cui non manca evidentemente la possibilit di attingere a documenti,
trascrive epigrafi funerarie e altre iscrizioni; riporta passi di trattati, la lettera di Ludovico II all'imperatore
Basilio, l'inventio di santa Trofimena e altri testi, fra cui l'Historiola di Erchemperto. Abbonda di citazioni di
testi patristici e classici. Il cronista ama drammatizzare il suo racconto, ravvivandolo con dialoghi immaginari,
inserendovi leggende e prodigi e indulgendo al pittoresco.

II.5.2 Epica mitologica

Allepica mitologica sascrive il Waltharius, l'unico poema latino che si riallacci alla
tradizione (orale?) di una saga germanica o di un canto eroico. La storia s'intreccia con
quella che sar la saga dei Nibelnghi (Attila e Hagen sono personaggi comuni ad
entrambe le narrazioni). Interessanti i caratteri degli eroi, gi avvolti di un alone
leggendario, che pur mantengono tratti di ferocia barbarica. L'autore d prova di maestria
39

nel riuso della tradizione poetica classica (Virgilio su tutti), tardoantica (Prudenzio) e
medievale.
I circa 1500 esametri narrano della conquista fatta da Attilla dei tre regni in cui divisa la Francia in et
feudale, dei Burgundi, degli Aquitani e dei Franchi, i cui sovrani divengono tributari del re unno e patteggiano
la pace, concedendo ad Attila tre fanciulli in ostaggio: i Burgundi e gli Aquitani i due eredi al trono, la
principessa Hiltgunt e il principe Walther (Gualtiero), promessi sposi; i Franchi, al posto del neonato principe
Gunther (Guntro), il prode cavaliere Hagen. I tre ragazzi crescono alla corte unna (dipinta come una corte
di un sovrano) fra tutti gli onori, divenendo ben presto potenti e rispettati. Anni dopo, saputo che Gunther
salito al trono dei Franchi, Hagen fugge dalla corte di Attila e torna a Worms. Non passa molto tempo e
anche Walther, che divenuto ormai il braccio destro di Attila, dopo aver messo in atto uno stratagemma,
fugge nella notte con Hiltgunt, portando con s parte del tesoro degli Unni e causando cos la disperazione
di Attila. La coppia fuggiasca viaggia verso occidente; in maniera fortuita alla reggia di Worms, dove ora
regna Gunther, giunge la notizia del loro passaggio sul fiume Reno: il sovrano, malgrado i consigli in senso
contrario di Hagen, decide di mettersi alla caccia dei due per impossessarsi del tesoro, a suo dire di
propriet dei Franchi, partendo con dodici cavalieri, fra cui Hagen. La squadra raggiunge i due fuggitivi nella
foresta dei Vosgi dove, a causa della particolare disposizione del terreno di lotta, i Franchi sono costretti ad
aggredire l'Aquitano uno alla volta, e questi, grazie alla sua straordinaria tecnica e abilit nei duelli, li uccide
uno dopo l'altro. Pur rimasto solo, Gunther convince Hagen a dargli una mano nell'affrontare Walther. I due
attirano fuori della grotta l'Aquitano e lo assaltano in due; lo scontro terribile, e alla fine di esso ognuno dei
tre guerrieri riporta una mutilazione grave: Walther perde la mano destra, Hagen un occhio, Gunther una
gamba. Dopo aver ricomposto la pace e rinnovato il patto di fedelt con Hagen, Walther e Hiltgunt ripartono
per la patria dell'eroe, dove si sposano e vivono felicemente.

Assai complessa la questione attributiva. La dottrina maggiormente accreditata
attualmente dai critici quella che vuole il poema opera del monaco Eccheardo I di San
Gallo ( 915 circa).

II.5.3 Il dramma

Durante l'arco dei secoli medievali, s'interrompe la pratica della rappresentazione e
recitazione delle opere drammatiche che sar ripresa solo in et umanistica. Il genere
drammatico ottiene quindi una attenzione assai scarsa e le poche opere drammatiche
prodotte dal medioevo vengono in realt lette o, al caso, recitate come gli altri testi in versi.
Performances teatrali vere e proprie, viceversa, sono costituite dal dramma sacro, genere
che si sviluppa, come gi la sequenza e il tropo, dalla liturgia.

Da annoverarsi tra le pochissime donne scrittrici dell'alto medioevo, Rosvta di
Gandersheim (935-dopo il 973) tra gli esponenti pi rilevanti della letteratura latina
medievale. Entra come canonichessa nel monastero sassone di Gandersheim, sotto
l'abbaziato di Gerberga II che aveva studiato nell'eccellente scuola abbaziale di
Sant'Emmerano a Ratisbona, e organizza a Gandersheim un vero e proprio cenacolo di
studi. Rosvita ha dunque modo di conseguire un'ottima preparazione nella conoscenza dei
testi biblici, patristici e classici. A Gandersheim Rosvita, in un ambiente intellettuale che
incoraggia i suoi tentativi letterari, scrive un poema epico-storico, i Gesta Ottonis, in cui si
narrano le gesta di Ottone I di Sassonia e quindi una storia del suo monastero.
Ma l'opera per la quale Rosvita rimasta famosa sono i cosiddetti Dialoghi drammatici. Si
tratta di sei componimenti, in prosa rimata, ispirati alla lettura delle commedie di Terenzio.
Questi i loro titoli vulgati: Gallicanus, Dulcitius, Calimachus, Abraham, Paphnutius,
Sapientia. Si tratta di sei storie edificanti, il cui contenuto e finalit Rosvita oppone agli
argomenti immorali del commediografo pagano Terenzio. I temi sono tratti dalla tipologia
del racconto evangelico e agiografico ( il caso della Sapientia): prevalgono le vergini
cristiane insidiate da crudeli persecutori pagani, il martirio di queste, la conversione di
donne traviate (nel Paphnutius la protagonista una prostituta), e comunque dappertutto
si realizza il trionfo del bene sul male. Rosvita mostra un'eccezionale attrazione per il
patetico e il meraviglioso; morbosamente attratta dalle tentazioni della carne e dalle
crudelt fisiche, che descrive con grande dettaglio. Pu essere interessante riportare qui,
40

per esempio, la trama del Calimachus: di Drusiana, moglie del nobile Andronco, si
invaghito Callimaco; ma la donna, che da tempo vive, d'accordo col marito, in regime di
assoluta castit anche all'interno del matrimonio, lo respinge. Temendo per di potergli
cedere, per la debolezza della carne, chiede a Dio di morire e viene immediatamente
esaudita. Andronco, sconvolto, chiede consiglio all'apostolo Giovanni, mentre fa
seppellire la giovane moglie e affida la custodia del sepolcro a un certo Fortunato. Ma
questi, per avidit, si lascia corrompere da Callimaco e gli consente di penetrare nel
sepolcro; l, il giovane amante, accecato dalla passione, intende abusare del cadavere di
Drusiana. Improvvisamente per un serpente morde Fortunato, facendolo morire, e anche
Callimaco muore, schiantato dalla paura. A questo punto, per volere divino, san Giovanni
fa risuscitare Drusiana e anche Callimaco, che si pente e confessa le proprie colpe. Il solo
Fortunato si rifiuta di pentirsi, e viene condannato definitivamente alle pene dell'inferno.

APPROFONDIMENTO

La donna nel medioevo

Il Medioevo, come possiamo evincere dalle fonti giuridiche e letterarie, sostanzialmente
concorde nel ribadire l'imperfezione e l'insufficienza della natura femminile, nata per essere
subordinata all'uomo. Gli autori, in maggioranza uomini di chiesa, attingono alle Sacre Scritture,
ma attraverso il prisma dell'interpretazione patristica che, pur con le dovute differenziazioni,
unanime nel consegnare una tradizione nella quale l'infirmitas mulieris realt ovvia e
inconfutabile. La creazione di Eva (dalla costola di Adamo) e la sua punizione (sar a lui
sottomessa) diventano modelli rappresentativi della effettiva condizione femminile; le parole delle
epistole paoline: Le donne tacciano in assemblea (1 Cor 14, 34) e Non concedo a nessuna
donna di insegnare, n di dettare legge all'uomo (1 Tm 2, 12), assurgono a fondamenti teologici e
disciplinari di esclusione dai ruoli pubblici e magisteriali. Certo, la situazione reale della donna
varia nell'ampio arco del Medioevo, a seconda delle classi di appartenenza e del momento storico;
tuttavia, le fonti attestano una continuit di pensiero che, in maniera sempre pi sistematica,
puntualizza fisionomia e ruoli della donna: da Isidoro di Siviglia, che nelle sue Etimologie fa
derivare il termine mulier da mollitia (mollezza, debolezza), offrendo il supporto filologico alla
tradizionale contrapposizione tra la forza virile e la debolezza femminile, a Tommaso d'Aquino, che
fa propri i principi della biologia aristotelica, assumendo la teoria dell'imperfezione del corpo
femminile e ribadendo la minorit della donna, destinata a mansioni ausiliarie e subalterne. E la
visione teologica strettamente connessa con l'ordinamento giuridico. Infatti, il trasferimento di
quegli assunti teorici nelle regolamentazioni del diritto vigente si rileva in una serie di applicazioni
che vanno dall'istituto giuridico della tutela, che affida la donna all'autorit dell'uomo (padre, marito,
confessore...), alla esclusione da attivit pubbliche e da poteri di giurisdizione. Il Decretum Gratiani
(XII secolo), fondamento di principio giuridico nella Chiesa, affermando, ad esempio,
l'incompatibilit tra divino e femminile, legittima l'allontanamento della donna dagli ambiti di
governo: nel solo maschio (vir) si rinviene l'immagine di Dio e pertanto lui solo ha ricevuto il potere
di governare come suo sostituto (c. XXXIII, q. 5).
Al deprezzamento della donna contribuiscono non poco i drammatici conflitti riguardanti il diritto del
clero di ammogliarsi, che attraversano la cristianit dal V al XII secolo. L'enfatizzazione del
modello monastico, l'affermarsi di una concezione della sessualit come realt impura, contraria
alla santificazione e il ritenere di conseguenza la donna occasione di peccato sono fattori
determinanti perch la legge celibataria diventi operante a partire dal 1139 (Concilio Laterano II),
non senza risvolti inquietanti per le mogli dei chierici, chiuse in convento, ridotte a serve o tollerate
come concubine.
Non muta la condizione della donna nella variet delle pratiche matrimoniali, che comunque
seguono leggi di convenienza economica e sociale. Anche il modello cristiano di matrimonio, che
si impone dal XIII secolo e per il quale il legame monogamico e indissolubile si basa sul consenso
degli sposi, se teoricamente offre libert e uguaglianza di scelta tra i contraenti, non consente,
specificamente alla donna, di sottrarsi a interessi familiari che decidono il suo futuro, n, una volta
stipulato il matrimonio, al potere pressoch illimitato del marito, n al controllo di questi sul suo
41

corpo, finalizzato alla procreazione. E seppure la realt matrimoniale differisce in rapporto al ceto,
la maternit e il parto espongono sempre la vita di ogni donna a rischi gravi, a volte mortali.
Maggiore libert di azione hanno le nubili o le vedove, ma proporzionatamente alle possibilit
economiche di cui dispongono, che dipendono dalla classe sociale o dall'attivit lavorativa.
Attraverso le mansioni nelle campagne, nell'artigianato, nel commercio, le donne contribuiscono
allo sviluppo economico della societ medievale, anche se a partire dal XV secolo, nel generale
processo di trasformazione, subiscono una progressiva emarginazione e discriminazione.
Non poche volte l'accesso al potere, anche se limitato e occasionale, consente alle donne di
esercitare ruoli politici influenti e prestigiosi: si ricordino ad esempio le regine dell'et merovingia,
le donne di ferro della Roma del X secolo (Stefania e Marozia), le reggenti negli stati crociati
(Melisenda, Agnese di Courtenay, Maria Comnena, sec. XII), come pure il forte regno di
Margherita di Scozia (sec. XI), la munifica corte di Eleonora d'Aquitania (sec. XIII).
La vita religiosa mostra una vasta possibilit di realizzazioni e un germogliare di realt
differenziate, che spesso contraddicono la visione negativa e stereotipata che i chierici avevano
della donna. I monasteri, soprattutto dal VII al XII secolo, rispondono a strategie politiche da parte
delle classi aristocratiche che investono beni e prestigio in comunit alle quali inviare le donne non
destinate al matrimonio. Il governo del monastero perlopi riservato a una familiare del
fondatore, con il ruolo di abbadessa, che, nel monachesimo benedettino, consente l'esercizio di
poteri semi-episcopali, con possibilit uguali a quelle concesse al vescovo, fuorch quelle relative
all'ordine strettamente sacerdotale. Le abbadesse sono delle vere e proprie sovrane sul loro
territorio, con giurisdizione civile e criminale, sia sulle popolazioni dipendenti direttamente dal
monastero, sia sul clero che svolge le mansioni ministeriali alle loro strette dipendenze. Non
infrequente che loro stesse, fregiate di insegne episcopali (anello, mitra, pastorale) predichino e
confessino. Anche le canonichesse secolari, presenti soprattutto nell'area della Germania a partire
dal sec. IX (ad es. gli istituti di Santa Maria di berwasser e di Sant'Orsola a Colonia), sono
governate da badesse, consacrate direttamente dal vescovo, con diritto di partecipazione alle
sedute del capitolo cattedrale e dei sinodi diocesani.
I monasteri doppi, con l'esperienza dei due sessi che vivono uno stesso programma di vita
religiosa sotto la direzione della comunit pi numerosa, hanno una lunga tradizione (dal IV al XIV
secolo) e conoscono alterne vicende. Spesso sono diretti da donne e rappresentano un'ulteriore
testimonianza di governo femminile. Dalla comunit di Brie, fondata da santa Fara nel nord della
Francia (VII secolo), nella quale l'abbadessa ascolta le confessioni e ha facolt di comunicare i
membri del monastero, a Whitby in Inghilterra, dove il monastero, sotto la guida di santa Hilda
(morta nel 680), diventa un importantissimo centro di studi; da Fontevraud, in Francia, nel quale
per volont del fondatore, Roberto d'Arbrissel (morto nel 1116), i monaci sono diretti da una
badessa - secondo il modello che vede gli apostoli intorno a Maria - alla prestigiosa fondazione del
Goleto in Italia meridionale, voluta da san Guglielmo da Vercelli nel 1133, ci troviamo in presenza
di una singolare esperienza che vede, in pi parti d'Europa, donne e uomini condividere la stessa
vita di fede e di carit, sottomessi all'autorit di una donna. Tali monasteri doppi a direzione
femminile risentono di una intensa spiritualit mariana che si andava sempre pi affermando,
richiamante la figura della madre di Ges, che fu anche madre dei discepoli e della chiesa
nascente. Le Regole scritte da Brigida di Svezia si ispirano agli stessi ideali, allorch progetta una
comunit doppia a guida materna, ma esse non sono state mai osservate se non attraverso
modifiche profonde che ne hanno snaturato il senso.
A partire dal XII secolo le donne, impegnate in una pluralit di esperienze religiose, esprimono
bisogni di nutrimento spirituale, aspirazioni a tradurre i dettami del Vangelo in forme di vita libere
dalle rigide regole del monachesimo tradizionale, segnalate dai contemporanei come inaudite
novit. Le mulieres sanctae si distinguono per l'intensit dei doni carismatici e dell'esperienza
mistica. Il movimento religioso delle beghine, nato in Belgio nel XII secolo ma di ampia diffusione
europea, offre un'alternativa religiosa alla vita claustrale. Nelle piccole comunit o nei grandi
beghinaggi le donne si aggregano in associazioni autonome, fuori dei monasteri, all'ombra di una
cappella o intorno a ospedali e a lebbrosari per prestarvi servizio. Si impegnano con voti privati,
vivono del lavoro delle proprie mani e conformano la propria vita sull'esempio apostolico,
richiamando lo spirito comunitario della chiesa primitiva. A capo di ogni comunit vi una maestra
generale, assistita da un consiglio di insegnanti subordinate, e non infrequente che essa diventi
autorevole punto di riferimento, per dottrina e piet, per altre donne e uomini che entrano in
contatto con questi luoghi di intensa vita religiosa.
42

La profezia femminile, inaugurata da Ildegarda di Bingen (1179), rappresenta un ulteriore canale,
non istituzionale, attraverso il quale alcune donne si sentono chiamate dallo Spirito Santo per
intervenire nelle gravi questioni della renovatio ecclesiae. Margherita da Cortona (1297), Angela da
Foligno (1309), Brigida di Svezia (1373), Caterina da Siena (1380), Francesca Romana (1440)
sono alcune di quel cospicuo numero di donne, consapevoli del proprio ruolo profetico e che
partecipano attivamente alla vita ecclesiale e alla politica del loro tempo, attraverso un vasto
impegno di rinnovamento della cristianit.
Ma la straordinaria importanza che assume il Medioevo per la storia delle donne data dalla
nascita della scrittura femminile - diretta o mediata dal filtro maschile - che consente, comunque, di
tratteggiare nuove modalit linguistiche e di pensiero. Non pensiamo solo alla statura letteraria
delle donne dell'et cortese, ma anche alla teologia della tenerezza che le mistiche propongono
con un linguaggio nuovo che nasce tanto dall'uso delle lingue volgari, quanto dall'assunzione del
proprio corpo nel processo di elaborazione spirituale, il quale permette loro di esprimere l'indicibile
realt di Dio attraverso l'esperienza fondata sull'amore, il recupero dell'evocazione simbolica della
maternit, l'annientamento dell'anima che a Lui si unisce.
La mistica femminile manifesta esigenze di modi di vivere la fede tra donne, nella concretezza
della vita in comune o in quell'ideale unione spirituale che la beghina Hadewijch formula nella sua
lista dei perfetti. Un diverso narrare teologico lo cogliamo nella sottolineatura della polarit
antropologica (Hadewijch), nella comunit libera dalle forme di dominio (Chiara d'Assisi), nella
priorit dell'esperienza quale luogo privilegiato del trascendente (Margherita Porete), nel primato
della caritas (Umiliana de' Cerchi, Benvenuta Bojanni), nell'attenzione all'uomo che soffre (Maria
d'Oignies), nella mistica amorosa (Matilde di Magdeburgo), nella ricerca di Dio tra le realt umane
(Margherita da Cortona), nel recupero simbolico e pratico della maternit spirituale (Umilt da
Faenza, Vanna da Orvieto, Chiara da Montefalco), nella follia della fede (Angela da Foligno),
nella salvezza da donna (Guglielma da Boemia), nella dimenticata misericordia di Dio (Caterina da
Siena).
Gli inquieti fenomeni spirituali che travagliano i secc. XII-XIII - ricordiamo il ruolo attivo espletato
dalle donne nello sviluppo delle comunit dei valdesi, catari, dolciniani, almariciani - pongono gravi
problemi alle autorit ecclesiastiche, intente a delineare differenze e confini tra il clero e a orientare
la forte mobilit femminile in forme rigide e ortodosse. A partire dal XIII secolo troviamo la costante
associazione delle penitenti agli ordini domenicano e francescano e una normazione della
monacazione. Paradossalmente, proprio la fine del Medioevo, che conosce una presenza forte
delle donne, testimonia un crescente affermarsi della cosiddetta caccia alle streghe.
Lidentificazione delle donne quali impure ministre di idolatria, oggetto privilegiato del demonio,
operando un fatale passaggio da superstizione a eresia, non poche ne conduce al rogo, poich
ritenute motivo di disordine nella vita della Chiesa.


II.6 Larte del periodo ottoniano

Il lasso di tempo che intercorre tra il declino della dinastia carolingia, dopo la spartizione
dell'Impero nell'853, e la svolta dell'anno Mille, classificato dagli storici, gi abbiamo
detto, come periodo di grave crisi. Eppure, nonostante le innegabili difficolt che attraversa
l'Occidente, proprio nel X secolo affonda le sue radici la generale ripresa dell'XI e XII.
Quando la precaria compagine imperiale si frantuma, emerge, come abbiamo detto, una
fitta rete di poteri locali che, pur tra contese e violenze, riorganizzano il territorio loro
sottomesso radicandovisi. Inizia allora a consolidarsi il sistema feudale che, nel corso dei
secoli successivi, incider profondamente sulla realt economica e sociale dell'Europa
centro-settentrionale (cfr. II.1) In tale contesto le fondazioni monastiche consolidano la
propria funzione sia economica sia culturale e crescono fino a divenire dei veri potentati
sovraregionali, con enormi possedimenti fondiari e tesori che racchiudono i preziosi oggetti
liturgici donati dall'imperatore e dai grandi feudatari. Valga per tutti l'esempio dell'abbazia
borgognona di Cluny dove, alla met del X secolo, viene ricostruita pi ampia e splendida
la chiesa che era stata terminata da poco pi di trent'anni. La pianta del monastero, nel
1043, con la nuova basilica, i chiostri, gli edifici monastici, le masserie supera per
l'imponenza il progetto di San Gallo. (ILL. 35)
43

L'arte dei secoli X e XI dunque, anche tenendo conto delle gravissime distruzioni e delle
trasformazioni che hanno fatto quasi interamente scomparire tutta la produzione profana,
strettissimamente legata alla dimensione religiosa e all'organizzazione delle grandi
abbazie, come delle cattedrali imperiali o anche delle semplici pievi. spesso citata la
frase di un monaco di San Benigno a Digione, Rodolfo il Glabro, che saluta laprirsi del
nuovo millennio dicendo: "Allora il mondo scosse la polvere dalle sue vecchie vesti e la
terra si ricopr di un candido manto di chiese".
Questo fervore edilizio, che stato sovente messo in relazione con le grandi paure
millenaristiche, va invece visto innanzi tutto come segno e risultato della prima lenta
ripresa economico-demografica d'Europa.
L'attivit edilizia, come gi in epoca carolingia, interesse primario degli imperatori come
della grande nobilt. Il capolavoro dell'architettura ottoniana in Sassonia la chiesa
abbaziale di San Michele a Hildesheim. (ILL. 36) La pianta di San Michele tracciata entro
uno schema geometrico di tre quadrati uguali, ognuno dei quali a sua volta tripartito,
secondo un evidente schema trinitario. Esso fu probabilmente suggerito dal committente, il
colto arcivescovo Bernoardo, con lapplicazione di criteri proporzionali geometrici e
matematici nella definizione dell'edificio, alla cui pianificazione non fu forse estraneo lo
stesso arcivescovo Bernoardo che conosceva le opere matematiche e musicali di Boezio.
Per San Michele furono anche fusi due enormi battenti bronzei con riquadri narrativi
raffiguranti episodi dell'Antico e del Nuovo Testamento. La porta (montata nel 1015)
raffronta sui due battenti la storia della caduta, a sinistra, con quella della salvazione, a
destra. (ILL. 37)

Larchitettura laica: il castello

Uno dei fenomeni principali della societ medievale fu il proliferare di castelli e fortificazioni. La
definizione tradizionale, che fa del castello (castrum, dim. castell um) la residenza fortificata del
signore feudale e dei suoi fidi, non sufficiente per comprendere la complessit delle funzioni e
le evoluzioni a cui stato sottoposto, a seconda dei tempi e dei luoghi, questo particolare
organismo.
Le fortificazioni dell'alto medioevo erano generalmente volute e realizzate dalle autorit
pubbliche, incaricate di assicurare localmente la protezione dei gruppi sociali, rurali,
preurbani e urbani. Queste grandi edificazioni collettive, temporanee o permanenti, erano in
ogni caso poco numerose e svolgevano un ruolo limitato sia sul piano difensivo sia su quello
sociale.
I secc. X e XI segnarono una svolta decisiva, con l'apparizione e la diffusione di veri e propri
castelli, il cui simbolo era la turris con ai piedi una zolla di terra. Il diritto di fortificare era una
prerogativa regia. La proliferazione dei castelli, indotta dagli aristocratici, fu dovuta
all'indebolimento o al fallimento del potere pubblico di cui approfittarono principi e, pi tardi,
signori di rango inferiore. In Europa il castello fu al centro della riorganizzazione dei poteri e dei
possedimenti terrieri. Era una residenza nobile e un centro di comando politico, sociale,
economico, militare e talvolta anche religioso, dove la protezione e lo sfruttamento da parte dei
signori venivano dati e ricevuti di comune accordo.
L'indebolimento del potere centrale e lo sviluppo dell'agricoltura esaltarono il ruolo e la funzione
del castello, facendone il simbolo stesso della societ feudale. La connotazione esplicitamente
militare dei castelli non fa passare in secondo piano il loro significato politico e sociale. Iniziato
come un movimento di autodifesa da parte dei signori fondiari e delle popolazioni ad essi
collegati, il fenomeno che gli storici denominano incastellamento assunse via via una funzione
pi ampia, con un significato di coesione giuridica e sociale e di rinnovamento politico. Esso
rispondeva, infatti, alla tendenza all'autonomia insita nella potenza fondiaria dell'aristocrazia
sia militare sia ecclesiastica. Cos, pur essendo connesso - in forza della diretta
autorizzazione regia all'edificazione di castelli, concessa sia a singoli privati o enti
ecclesiastici, sia a intere collettivit - al tradizionale ordinamento pubblico, in realt il
fenomeno della costruzione di fortezze fin con il diventare un beneficio a tendenza ereditaria,
in cui il castello stesso era l'elemento centrale di piccole dominazioni locali. In questo modo, il
44

castello divenne per i potenti, nobili o ecclesiastici, un efficace metodo indiretto per imporre il
proprio dominio sulla popolazione contadina. Il signore castrense era pertanto il possessore e
l'amministratore di un intero villaggio fortificato, costituito dalla cinta muraria per la difesa
esterna, dal mastio o maschio - la parte pi elevata della rocca, che ne dominava
l'ingresso e serviva a sostenere la difesa estrema dell'intero complesso - e dal nucleo abitato,
con la residenza del signore, gli alloggi per i domestici e per la forza armata, la cappella e i
ricoveri per il bestiame e per le derrate alimentari, indispensabi li in caso di assedio della rocca.
Dal punto di vista architettonico, il castello medievale si propone come la rielaborazione e
l'arricchimento progressivo dei castra di epoca romana, che erano semplici ridotte, oppure
recinti rettangolari fortificati con argini e terrapieni o cinti di mura merlate. Le fortificazioni
dell'Alto Medioevo inizialmente erano fortilizi isolati, sorgenti solitamente in un luogo elevato o
comunque dominante, in cui l'abitazione del feudatario si limitava a pochi vani ricavati nelle torri
e nelle muraglie. In epoca successiva il castello assunse sempre pi la struttura di villaggio
fortificato, con l'ampia cerchia di mura rinforzate dall'esterno da muri a scarpa denominati
barbacani. Le mura erano provviste di torrette di vedetta collegate tra loro da passaggi sia interni
alla merlatura sia esterni e che formavano il cammino di ronda, percorso dalle sentinelle. In
caso di assedio, tra i merli della fortezza venivano collocate le bertesche, ripari mobili che si
potevano alzare e abbassare e servivano a proteggere i difensori; con la comparsa delle
artiglierie i castelli furono dotati di bastioni, una cintura poligonale di mura del tutto prive di merli o
feritoie. Se circondato da un fossato, il castello era collegato alla terraferma dal ponte levatoio,
che veniva ritirato di notte o in caso di pericolo.
Nell'ambito di questa tipologia architettonica generale si distinguono strutture e stili diversi, legati
alle diverse aree geografiche: lo chateau francese, le cui origini risalgono a prima del X secolo,
sorgeva sulla motta, un tumulo di terra collegato a recinti entro i quali si trovavano abitazioni e
servizi; nei secoli successivi sulla motta comparve il donjon, torre maestra in pietra, fortificata e
rinforzata. Nei paesi tedeschi era invece tipico il Wasserburg (castello acquatico), solitamente in
pianura e difeso da un fossato, oppure collocato su un isolotto; in epoca sveva la pianta si
semplific e si concentr, con la comparsa del mastio e della braga, sistema difensivo esterno
a s stante innalzato sui punti pi deboli. Lo stile britannico, dal canto suo, era estremamente
vario da un punto di vista tipologico, ma presentava il carattere comune di una difesa assai
possente, con terrapieni, palizzate e keeps, l'equivalente dei donjons francesi; sul finire del XII
secolo le costruzioni diventarono poligonali o furono innalzate cinte con torri e ingressi rafforzati.
In Spagna l'incontro tra elementi occidentali e orientali port alla nascita dello stile mudejar,
con mura a cremagliera, torri pentagonali e porte a gomito.
In Italia prevaleva il castello collocato naturalmente in posizione elevata, a volte - come nel
caso di Colle Casale (Viterbo) - a strapiombo su un burrone, ma era ricercato anche il cosiddetto
sito di sperone. Il castello era circondato da una possente cinta muraria, dotata
solitamente di una sola porta d'accesso all'abitato, al di sopra della quale svettava la torre,
quadrangolare o pentagonale, meno spesso rotonda. Si pu parlare anche di una chiara
differenziazione geografica: mentre nell'Italia centrale - in particolare nel Lazio, culla del
fenomeno dell'incastellamento -, data la scarsit di mezzi economici a disposizione, si sfruttarono
soprattutto le posizioni naturali facili da difendere, al Nord (es. Castelfranco Veneto, Marosti ca) il
disegno delle architetture, la qualit dell'esecuzione e dei materiali utilizzati ci parlano piuttosto di
una precisa esigenza di consolidamento dell'immagine dominante di Comuni e Signorie.
Nell'Italia meridionale, infine, accanto al ruolo preponderante giocato dai potentati religiosi
locali, va ricordata la serie di castello fatta edificare in Puglia da Federico II, di cui Castel del
Monte, a pianta e torri ottagonali e con il portale ad arco di trionfo, rappresenta il prodotto pi
originale e equilibrato; ad esso si rifecero esplicitamente il castello Ursino di Catania e Castel
Maniace di Siracusa, nonch il Castello dell'Imperatore a Prato.

II.6.1 Gli affreschi e la miniatura

Il prestigio di cui doveva godere la scuola pittorica dellItalia settentrionale testimoniato
dal fatto che limperatore Ottone III abbia chiamato un pittore italiano, Giovanni,
probabilmente lombardo, per eseguire gli affreschi per la cappella palatina di Aquisgrana:
affreschi i cui ultimi avanzi sono sfortunatamente stati ricoperti di intonaco nell'Ottocento e
ne rimangono solo copie all'acquerello. infatti molto significativo che il sovrano abbia
45

chiamato un artista italiano a decorare uno dei luoghi simbolicamente pi rilevanti per la
mitologia imperiale. Ancora una volta si considerava la penisola come depositaria di una
tradizione figurativa che, dai tempi della tarda antichit, non era mai venuta meno. Forti
legami con l'area lombarda sembra mostrare anche il maggior ciclo di affreschi ottoniani
giunti fino a noi, quello della chiesa di San Giorgio a Oberzell sull'isola di Reichenau.
Queste pitture sono databili all'ultimo quarto del X secolo, nel momento di maggior fioritura
della scuola miniatoria dell'abbazia, e da collegare ai lavori di riedificazione e ampliamento
voluti dall'abate Witigovo. La decorazione riprende uno schema tardoantico e ravennate,
integrandosi all'architettura dell'edificio. Le grandi scene narrative si dispiegano in un solo
registro mentre tra le finestre grandeggiano figure di santi e gli episodi cristologici sono
stati scelti, come avviene spessissimo in epoca ottoniana, per mettere in rilievo la
dimensione eroica e gli aspetti regalistici della vita del Salvatore. (ILL. 38)
Soprattutto tramite il ricchissimo patrimonio dei codici miniati che gli imperatori ottoniani
hanno raccolto (Ekkeardo IV di S. Gallo racconta che Ottone II fece asportare alcuni codici
particolarmante preziosi dallabbazia) o fatto eseguire con la stessa costanza dei sovrani
carolingi, possiamo studiare approfonditamente la cultura figurativa del X e della prima
met dell'XI secolo fuori d'Italia. Anche in questo campo l'eredit carolingia punto di
partenza sul piano dello stile: non solo in alcuni monasteri, come quello di Corvey,(Ill. 39)
lo scrittorio non ha mai cessato di operare, ma gli artisti di questo periodo sono chiamati a
restaurare i vecchi codici, a rinnovarne la decorazione o ad arricchirli con nuove pagine
miniate. Proprio questo quanto richiede un dotto e raffinato committente, l'arcivescovo di
Treviri Egberto, a un maestro italiano nel 983, commissionandogli due miniature a piena
pagina per un codice contenente una raccolta di epistole di Gregorio Magno, un Registrum
Gregorii. L'anonimo Maestro del Registrum Gregorii era un artista colto che conosceva il
greco, praticava diverse forme di scrittura e possedeva un vastissimo patrimonio
figurativo. Le due miniature raffigurano Ottone II in trono circondato dalle Province
dell'Impero e san Gregorio ispirato dalla colomba mentre detta allo scriba. La prima
immagine (Ill. 40) reinterpreta un'iconografia carolingia; nella seconda (Ill.41) s. Gregorio
ispirato dallo Spirito Santo (la colomba) mentre detta allo scriba. Lo stile che, a partire
dall'ultimo ventennio del X secolo, contraddistinguer la produzione dell'isola monastica
trova invece perfetta espressione nei Vangeli decorati alla fine degli anni novanta per
Ottone III. La rappresentazione dell'imperatore (Ill.42) deriva evidentemente dal modello
del Registrum Gregorii, ma il linguaggio figurativo assai diverso. L'unit della scena
accolta dal Registrum si divide, infatti, in due momenti narrativi da leggere in sequenza: di
conseguenza si trasformano radicalmente i rapporti spaziali dell'immagine; e la sua
limpida architettura classica diviene una paradossale tettoia sorretta da due sole colonne,
dai cui capitelli corinzi spuntano, tra gli acanti classici, piccole teste umane. Cos anche
l'aulica compostezza della scena del Registrum affollata dall'incedere reverente delle
Province (Ill.43) e dalla mimica dei dignitari ecclesiastici e laici. Anche la grande iniziale
del foglio successivo, impaginata con classica chiarezza, per invasa da un fantastico
rigoglio ornamentale, che unisce motivi a intreccio di antica origine insulare con elementi
zoomorfi derivati da stoffe orientali (Ill.44).
Nella stessa direzione si sviluppa l'ulteriore attivit di Reichenau. Il libro dell'Apocalisse,
decorato per Enrico II e Cunigonda subito dopo il 1000 e da essi donato alla cattedrale di
Bamberga, si pu considerare uno dei vertici figurativi dello scriptorium. (ILL. 45) Nel
drago che minaccia la Donna vestita di sole la sintassi compositiva appare del tutto
estranea allo schema classico.
Un'evoluzione non dissimile mostra la scuola pittorica di Colonia, anch'essa molto fiorente.
Segnalabile la miniatura in cui la badessa Hilda offre il libro dei Vangeli, che ha fatto
eseguire intorno al 1000, a santa Valburga (Ill.46) (si aggiunga che il tema dellofferta del
libro frequente e destinato a durare).
Nello scrittorio del monastero di Echternacht, altro grande centro di miniatori imperiale
all'epoca della dinastia salica, lavor per un certo periodo un abile artista greco (la
46

presenza di artisti bizantini pu essere messa in relazione con la dinastia ottoniana e con
linfluenza di Teofane). In una pagina del Codice aureo di Spira (1045-46), decorata per
Enrico III, figlio dell'imperatore Corrado II, il re e la consorte Agnese offrono il libro alla
Vergine assisa entro le arcate della grande cattedrale (Ill. 47). Non solo sono orientali la
ieratica posa della Vergine, l'atteggiamento rituale dei donatori, il motivo dei clipei con
figure di santi inseriti nella cornice ma anche le stoffe e gli oggetti suntuari bizantini
dovevano esercitare un grande fascino sui decoratori dello scrittorio, come dimostrano le
pagine puramente ornamentali inserite nel Codice aureo di Echternacht (prima del 1079)
(Ill.48).
Durante le invasioni danesi del IX secolo, buona parte delle abbazie benedettine inglesi
con il loro ricco patrimonio librario era andata distrutta e interrotta bruscamente l'attivit
degli scriptoria. Quando, nella seconda met del X secolo, in un momento di generale
ripresa del paese, Dunstano, arcivescovo di Canterbury, e Etelvoldo, vescovo di
Winchester, promossero la rifondazione e la riforma dell'ordine benedettino nell'isola, si
dovettero cercare artisti e modelli librari sul continente, in case monastiche pi fortunate,
dove la produzione culturale non era mai venuta meno. Molto forte risulta quindi l'influsso
della tarda arte carolingia nei monasteri inglesi di questo periodo; il Salterio di Utrecht (cfr.
Ill. 26), ad esempio, giunge verso la fine del X secolo a Canterbury, dove viene copiato,
contribuendo a produrre uno stile nuovo e molto caratteristico.
Il salterio eseguito a Winchester per Osvaldo (arcivescovo di York) prima del 992 contiene
una Crocifissione (Ill.49) disegnata da un artista inglese che soggiorn e oper anche in
Francia, a Fleury. Pi che sulla dinamica narrativa dell'immagine, il miniatore inglese si
concentra su quella emotiva, sul contrasto altamente espressivo tra la grazia composta del
Salvatore e il tormento degli astanti, quasi accartocciati per il dolore. In una miniatura a
piena pagina dello statuto del Monastero nuovo (New Minster) di Winchester del 966, re
Edgardo, tra la Vergine e san Pietro, offre il volume stesso a Cristo in gloria (Ill.50). Di
nuovo modelli carolingi forniscono elementi iconografici (la mandorla), stilistici e decorativi
(il bordo di acanti).

II.6.2 Oreficerie e avori

Vastissima la produzione di oreficerie e di oggetti liturgici e di culto durante i secoli X e
XI. Sempre predominante resta la committenza dei sovrani anche perch, aumentando di
importanza - a imitazione della corte di Bisanzio - le occasioni e gli aspetti esteriori del
culto imperiale, pi numerose sono le insegne del potere e gli oggetti ad esso collegati. I
troni, i mantelli, le corone, gli scettri, i gioielli utilizzati nelle cerimonie, sono spesso
depositati nei tesori delle cattedrali che i sovrani proteggono. II mecenatismo degli Ottoni
talora eguagliato da quello dei grandi arcivescovi-feudatari come Bernoardo di Hildesheim,
Egberto di Treviri o Gerone di Colonia, mentre importanti commissioni artistiche forniscono
anche i conventi che, posti sulle vie di pellegrinaggio e possessori di importanti reliquie,
stimolano la generosit delle masse di fedeli.
I linguaggi figurativi impegnati in queste realizzazioni obbediscono talora ad una corrente
classicista (ILL. 51), talora ad altri linguaggi figurativi, come, ad esempio, quello del
Maestro di Echternacht, (ILL. 52) cos detto da un celebre avorio inserito nella coperta di
un codice confezionato in quella abbazia. Qui il gesto del Cristo che alza il braccio
lasciando scoperta la ferita del costato o lo slancio dell'apostolo che, sulla punta dei piedi
e rivolgendo le spalle all'osservatore, rovescia la testa per arrivare sia materialmente sia
spiritualmente all'altezza del Salvatore, sono di un "realismo" del tutto inedito.

II.6.3 I centri artistici in Italia

Alla fine del X secolo, la cultura artistica si esprime su una scala monumentale nei nuovi
stucchi che decorano la zona absidale e il ciborio di Sant'Ambrogio; in esso sottolineata
47

l'origine divina dell'autorit episcopale e in particolare di quella di Ambrogio, chiamato da
Dio stesso alla sua missione. Si tratta, in sostanza, di una precisa dichiarazione di
autonomia nei confronti del potere imperiale che, troppo spesso, tendeva a prevaricare
sull'autorit dei vescovi. (Ill. 53)
In Lombardia si conserva anche un prezioso gruppo di crocifissi monumentali in lamina
metallica, argentea o bronzea: quello della badessa Raingarda a Pavia (prima del 996),
quello del vescovo Leone a Vercelli (prima del 1026) e, infine, quello del vescovo Ariberto
a Milano (dopo il 1018, Ill. 54).
La progressiva riorganizzazione delle campagne, favorita dalla costante crescita
demografica, ha nel sistema delle pievi - piccole chiese e cappelle situate al centro di una
porzione di territorio - una rete di punti di forza. La popolazione vi si raccoglie per
soddisfare necessit non solo spirituali ma anche culturali e sociali e mantiene il pievano
con i propri contributi, le decime. Nelle pievi, intorno all'anno Mille, vengono sperimentati
alcuni motivi che diverranno tipici dell'architettura romanica.
La chiesa sovente affiancata da un battistero, staccato e indipendente, secondo una
tipologia derivata da modelli paleocristiani, come il battistero lateranense a Roma o quello
ambrosiano di San Giovanni in Fonte. La pieve e il battistero di Galliano furono edificati
per volere del potente Ariberto d'Intimiano, futuro arcivescovo di Milano, entro il 1007.
(ILL.55)
Per quanto riguarda l'area adriatica questo momento di passaggio ben rappresentato
dall'abbazia di Pomposa (Ill.56). La chiesa fu consacrata nel 1026 dall'abate Guido, amico
personale di Enrico III. Alla basilica viene aggiunto, dal Magister Mazulo, un atrio che, con
il motivo trionfale del triplice arco, si rif alla romana Porta Aurea di Ravenna. La
grandiosit di questo ingresso, che possiamo immaginare consono agli ideali filoimperiali
degli abati, si ritrova nella possente torre campanaria, esempio magnifico e precoce
(fondata nel 1063) di questa tipologia tipicamente italiana. Nella penisola sono infatti
rarissimi i casi di torri inserite nell'organismo ecclesiale e si preferisce il campanile isolato
vicino alla chiesa.
Ben inserita nella tradizione locale ma aperta anche a contatti con il settentrione ottoniano
appare la pittura monumentale in Lombardia a cavallo del millennio e il linguaggio
figurativo lombardo si diffonde anche a sud verso Roma. Si veda infatti laffresco in San
Gregorio al Celio (entro il X secolo), con il busto del Redentore adorato da angeli; e, dopo,
il ciclo di affreschi della chiesa inferiore di San Clemente (fine dell'XI secolo, Ill.57) che
narra, con grande vivacit e abbondanza di particolari, la vita di sant'Alessio che le fonti
agiografiche dichiaravano essersi per l'appunto svolta a Roma.
Il meridione d'Italia, diviso tra le ultime resistenze del potere longobardo e quello bizantino,
fortemente impregnato di cultura orientale: nella seconda met del X secolo si trova,
infatti, in Campania e in Puglia un tipo particolare di testo liturgico, il rotolo, tratto dal
cerimoniale bizantino e ornato, onde coinvolgere pi direttamente lo spettatore, di molte
illustrazioni orientate in senso contrario a quello della scrittura. Era possibile cos, man
mano che lo si svolgeva, la lettura simultanea del testo da parte dell'officiante sull'ambone
e delle immagini da parte degli spettatori sotto di esso. Questi rotuli (si noti la scrittura del
testo rovesciata rispetto alle illustrazioni) venivano usati in cerimonie particolarmente
complesse. (ILL. 58)