Vous êtes sur la page 1sur 1

Note biografiche

Roveretana dorigine, intraprende i primi studi artistici a Trento allIstituto statale darte ed in seguito a Verona al Liceo artistico Accademia Cignaroli. Esordisce come artista allet di 16 anni partecipando ad un concorso a Rovereto e vincendo la medaglia doro della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ottenuto il diploma di maestro darte, nel 1962 si iscrive allAccademia darte, prima di Milano e successivamente di Venezia. Dopo intensi studi attraverso i quali raggiunge buona padronanza delle varie tecniche espressive (disegno, pittura, scultura, grafica, ecc.) allinizio della carriera si traferisce a Milano, dove, presso la Gamma Film, lavora come grafica e scenografa nel campo della pubblicit televisiva. Qui ha la possibilit di mettere a frutto le conoscenze didattiche acquisite applicandole ad un forte impegno creativo: deve sceneggiare gli argomenti narrativi dei testi, studiare i personaggi, impostare la sequenza delle immagini, ricostruire unatmosfera. Bisognava saper cogliere quel particolare che si adattasse al taglio dellimmagine: un insegnamento che le torner sempre utile nella ricerca del taglio migliore per i suoi dipinti, quello che, escludendo le parti superflue, d forza espressiva al quadro. Nel 1966 rientra a Rovereto e parallelamente ad una continua produzione artistica, intraprende anche lattivit didattica, insegnando per vari anni disegno e storia dellarte prima ai corsi delle scuole serali e dal 1975 allIstituto magistrale di Rovereto. Nello stesso periodo realizza le illustrazioni del volume La storia di Mirtillo un testo per linfanzia del prof. Alverio Raffaelli. Nel 1979 si traferisce a Caldaro, dove tuttora vive ed ha il suo atelier. Padrona di svariate tecniche che le permettono di lavorare ininterrottamente dal 1958 e di creare delle autentiche opere darte, oltre allacquerello e allolio a spatola, sue vere passioni, si dedica con la stessa maestria anche al disegno, alla ceramica e alla lavorazione artistica del vetro (fusione). del 1998 linizio della collaborazione con la ditta Rasom di Bolzano per la realizzazione di opere darte in vetrofusione. Tuttora continua anche lattivit didattica impartendo lezioni nei corsi di pittura che svolge annualmente. Dal 1995 per meriti artistici viene iscritta fra i soci dellAccademia internazionale di arte moderna (AIAM) di Roma. Le sue opere sono molto apprezzate nei Paesi dellarea tedesca, dove ha moltissimi estimatori specialmente in Germania (Monaco, Francoforte, Bonn, Amburgo, Stoccarda, Ulma, Hannover), in Olanda, Autria e Spagna. Fin dai suoi esordi artistici numerose sono le mostre personali e la partecipazione a mostre collettive, per le quali ottiene svariati riconoscimenti. Anna Lia Spagnolli appartiene alla ristretta schiera di coloro che, fin dallet giovanile, hanno avuto la ventura di vivere darte. Formazione, esperienza, versatilit non le mancano dunque, visto che si sempre dedicata alla ricerca e al continuo miglioramento. tra gli artisti nati poco prima degli anni cinquanta, una generazione rispettosa delle metodiche compositive, abituata alla formazione lenta e progressiva, allesercizio e alla gestione della pratica artistica in virt delle esperienze via via acquisite: mai pienamente soddisfatta, anche quando raggiunge la maturit professionale. Nel tempo ha compiuto un percorso lento e coraggioso fatto di piccole conquiste, sostenuta caparbiamente da volont e determinazione.

Centres d'intérêt liés