Vous êtes sur la page 1sur 24

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 25 ottobre 2012


anno XLV (nuova serie)

numero 38 euro 1,20

38
11
Ora solare
Nella notte tra sabato 27 e domenica 28 ottobre occorre spostare indietro di unora le lancette dellorologio. Termina cos il periodo dellora legale che riprender lultima domenica di marzo

Diocesi
Dal 5 novembre torna la Settimana sociale
to con Andrea OliPrimo appuntamenvero, presidente nazionale Acli

Chiesa
Premio Ratzinger a due studiosi di alto profilo
riconoscimento Neiagiorni scorsiilan-e dato Rmi Brague Brian Daley

Attualit
Cattolici in politica con pi voce e pi presenza
al emersa lesigenza Dunaconvegno Todi 2 di maggiore compattezza sociale

EDITORIALE Un percorso nuovo


di Francesco Zanotti

Monsignor Douglas Regattieri inizia la Visita pastorale dalle comunit di Balze e Montecoronaro

odi 2, per ripartire. I cattolici riunitisi domenica e luned scorsi nella cittadina umbra non si sono fermati a unenunciazione di principi, in gran parte ribaditi, ma sono scesi nel concreto. Se un anno fa era stata chiesta a gran voce una discontinuit che poi si veric, adesso la vera sda quella di progetti innovativi in vista della prossima scadenza elettorale delle politiche 2013. Proposte nuove tanto nel contenitore quanto nei contenuti scritto nel documento nale redatto su una sola paginetta, ma dai temi molto densi. Fra i diversi enunciati si legge che non si deve esaurire la stagione del governo Monti che ha ridato credibilit al Paese e dignit alle istituzioni. Un riconoscimento venuto da tutte le parti, assieme a critiche con le quali i cattolici incalzano lesecutivo tecnico perch sia pi attento e pi sensibile alla famiglia, ai giovani e alle imprese. Non mancano gli accenni alla riduzione dei costi della politica, a una nuova legge elettorale che ridia il potere in mano ai cittadini e a una semplicazione dello Stato perch sia pi snello, facendo leva sui due principi molto cari alla Dottrina sociale della Chiesa: la solidariet e la sussidiariet. Non stato detto chiaramente, ma parso evidente il riferimento a uno slogan che ogni tanto ritorna: pi societ, meno Stato. Inne, lultimo richiamo per limpegno, per la partecipazione dei singoli, dei fedeli laici, in questo caso. Ognuno si deve assumere le proprie responsabilit, come ribadito anche nelle conclusioni del leader della Cisl, Raffaele Bonanni. il momento di fare quadrato con chi, lontano dai populismi di destra e di sinistra, desidera impegnarsi per qualcosa di nuovo. Non pensabile mettere vino nuovo in otri vecchi ha ribadito Bonanni, pensando a nuovi contenitori -. Il vino nuovo diventerebbe aceto. E una sda, lennesima per il mondo cattolico che con non poca fatica, come ricordato anche dal direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, nelleditoriale di marted scorso, si riunito per formulare una proposta per il nostro Paese, ormai sin troppo smarrito da una stagione politica avvilente. Si dovr parlare con chiarezza, competenza e trasparenza, in modo da intercettare il sentire della gente che abita e opera nelle citt e nei paesi. La comunit cristiana, che da sempre si fa compagna di viaggio delle persone del suo tempo, ha il dovere di dare voce e rappresentanza a quanto di buono, di sano e di bello gi esiste. Per il bene di tutti, ma con unattenzione speciale per quello delle nuove generazioni.

Il vescovo in ogni parrocchia

Il centro del paese di Balze (Verghereto)

Sar un momento forte di grazia e di accoglienza. La Visita pastorale ormai alle porte. Prender ufficialmente il via sabato 3 novembre, alle 17 a Bagno di Romagna, con una solenne celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Douglas nella basilica dedicata a santa Maria Assunta, quella in cui custodito il Sacro Corporale. Dal 4 all11 novembre monsignor Regattieri visiter le parrocchie di Balze e Montecoronaro, affidate alla cura pastorale di don Renato Baldazzi. solo linizio di un lungo cammino che porter il vescovo a incontrare tutte le comunit presenti in Diocesi. Il Corriere Cesenate seguir con puntualit ogni evento. Primo Piano alle pagg. 4-5

Cesena 12 Trasporto pubblico, gli utenti lamentano disagi Gatteo 16 Viene inaugurato il casello Valle del Rubicone

Cesenatico 15 I pescatori e la solidariet ai terremotati Mercato S. 17 La Cna punta sullenergia verde

Opinioni

Gioved 25 ottobre 2012

Chi beve il vino vecchio non desidera il nuovo


ettembre. Ci siamo ritrovati in seminario, come ormai consuetudine, per il nostro aggiornamento del clero. Confronto, ascolto e dibattito. La consapevolezza che molto spesso non riusciamo a manifestare il volto bello e affascinante del Vangelo, che non sempre il Tesoro affidato alla Chiesa desiderabile al di sopra di tante false ricchezze che accecano, ci ha visti prima impegnati in un confronto e uno scambio di esperienze circa liniziazione e leducazione alla fede; poi, nellascolto dellesperienza di fratel Enzo Biemmi, chiamato come guida per questo aggiornamento. Per come abbiamo reagito di fronte alle provocazioni e alle analisi presentate circa la situazione che la nostra Chiesa chiamata ad affrontare, sono affiorate alla mia mente le parole di Ges: Nessuno che beve il vino vecchio desidera il nuovo. Sostanzialmente fatichiamo, arranchiamo nel seguire le indicazioni dei nostri pastori. Entrare nella dimensione pi ampia delliniziazione alla fede, nel modello catecumenale, considerare anche la possibilit di recuperare il corretto ordine dei sacramenti, richiede a tutti noi, sacerdoti, comunit parrocchiali, associazioni, non soltanto una generica operazione di aggiustamento, ma una vera conversione, un vero cambiamento. Non bastano i rattoppi. Limmagine della Chiesa come casa bisognosa di una buona ristrutturazione con tutte le difficolt che

(FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

Riflessioni di un parroco in margine allaTre giorni di formazione per i presbiteri della nostra diocesi svoltasi un mese fa in seminario sotto la guida di fratel Enzo Biemmi, presidente dellAssociazione Europea Catecheti ed esperto al Sinodo deiVescovi sulla Nuova Evangelizazione

Tempo di bilanci sbilanciati


Mai come ora, il sacrificio di chi dona cammina sulla strada della fatica di chi riceve
i da diversi mesi e ormai tutti, in modi diversi, stiamo sperimentando i timori, i dubbi, la fatica nel fare le somme per i nostri bilanci. Tirare le somme tra entrate ed uscite, tra spese e guadagni, che lavorio e che preoccupazioni! A volte, mentre si pigiano i tasti dei numeri che compongono le cifre, viene da dirsi speriamo: Speriamo che basti, speriamo che resti qualcosa, speriamo di arrivare a quel numero, a quella cifra di cui ho bisogno, di cui abbiamo bisogno. E poi quando i bilanci li fanno gli altri, si attende, si aspetta con fatica, timore, dubbio e speranza. Gi da tempo, con una certa preoccupazione, ci capita di attendere somme e bilanci che ci stupiscono. In questi mesi, oramai anni, di sofferenza economica, di crisifinanziaria, con stupore prima e gratitudine poi, stiamo sperimentando che i conti del sostegno a distanza e le donazioni offerte per il sostegno delle opere missionarie si riconfermano. Non ci sono particolari flessioni. Quando alcuni padrini si sentono costretti a lasciare, la provvidenza fa s che nuovi fratelli e sorelle chiedano di intraprendere un cammino di sostegno. Non possiamo allora che sentire stupore, per la perseveranza del bene, gratitudine per la generosit, responsabilit per ci che ci viene donato. Ci chiediamo perch e cosa vuol dirci questo? Ci rendiamo conto che la solidariet, la carit per tanti,, per molti, non fa parte del superfluo, non qualcosa di marginale, non lavanzo. Significa dire che anche se non vedo e non conosco un bambino, una situazione, ugualmente sono capace di sentirmi responsabile della sua vita, sento che mi appartiene, che sono chiamata a prendermene cura, anche se apparentemente solo un costo. Significa che comprendiamo quanto sia importante che le persone vengano aiutate nelle loro terre, nelle loro famiglie, nelle loro case. veramente una grazia sperimentare che anche quando i bilanci sono sbilanciati, la solidariet e la carit rimangono un punto

La Vignetta

fermo, certamente difese con tenacia, comunque un punto fermo. Forse, mai come ora, il sacrificio di chi dona cammina sulla strada della fatica di chi riceve. Ed ancora pi bello allora cercare di far incontrare il bene e le necessita, il bisogno e le possibilit. Mai come ora mi accorgo che i due spiccioli, tanto cari al Signore Ges, donati con fedelt e accumulati con attenzione, desiderio, amore sono il vero Tesoro del Tempio: Tempio che il mondo, tempio che la nostra vita, tempio che la nostra coscienza e il nostro cuore, e in particolare gli altri. Daniela Scarpellini

derivano dal continuare ad abitarla mi ha trovato particolarmente sensibile, pi di quella della Chiesa che si trova a met fra due mondi, con la necessit di passare da una logica di eredit (la fede che ci era trasmessa dalla famiglia), a quella della proposta, la fede che testimoniata dalla comunit in cui si comincia a fare esperienza. Certamente una buona ristrutturazione non pu prescindere da un consolidamento delle fondamenta e come fratel Enzo ha sottolineato con vigore, il rinnovamento e i cambiamenti proposti ci vengono proprio da chi nella Chiesa rappresenta le fondamenta: il Papa, i vescovi, il nostro vescovo (non ci viene assolutamente proposto di costruire una Chiesa alternativa). Ma fatto salvo lancoraggio (la fede in Cristo di cui il Papa e i vescovi sono garanti), si deve mettere mano prima al tetto per salvaguardare lintero edificio e poterlo poi recuperare e consolidare prima che si deteriori irrimediabilmente. Ho pensato che questa straordinaria attenzione alle nuove generazioni che devono essere iniziate alla fede, questa spinta alla missionariet nelle nostre parrocchie, non sia altro che pensare al tetto della nostra Chiesa. Labbazia di San Galgano, splendida per le sue mura, invivibile, perch priva del tetto. Un bel monumento e niente pi. Rendere le nostre comunit un luogo accogliente in cui possibile fare una buona esperienza di vita cristiana attraverso gruppi di adulti che vivono il Vangelo e trasmettono il loro amore a Cristo attraverso la carit, rendere vivibile la nostra Chiesa, con il tetto sano, e quindi luogo in cui piacevole ritornare, se per qualche ragione ci si allontananti. Andrea Budelacci

Gioved 25 ottobre 2012

Primo Piano

La Visita pastorale momento forte di grazia


Il vescovo Douglas Regattieri si recher in visita in tutte le parrocchie della Diocesi La prima Zona pastorale interessata quella di Sarsina-Alta Valle del Savio

rende avvio la Visita pastorale. Sabato 3 novemIL QUESTIONARIO bre, a Bagno di Romagna, il vescovo Douglas La Visita pastorale in tutte presieder una solenne celebrazione eucaristica le parrocchie della diocesi con la quale si aprir la Visita. Si tratta di un mo(andr avanti alcuni anni), mento forte per tutta la comunit diocesana chiastata anticipata da un quemata a ritrovarsi attorno al suo pastore, un stionario informativo, detmomento di grazia e di accoglienza del Signore tagliato nei particolari e prima che essere considerata unoccasione per rivecapace di ben fotografare dere le strutture materiali-amministrative-giuridila parrocchia di volta in che, come ha scritto monsignor Regattieri nel volta visitata dal vescovo. Il decreto di indizione firmato in data 18 settembre questionario pone domande 2011. rivolte ad avere un quadro generale, pastorale e ammiSi inizier dalla zona pastorale di Sarsina-Alta Valle nistrativo della parrocchia. del Savio. La prima parrocchia visitata dal vescovo Oltre ai numeri, i quesiti risar quella di Balze-Montecoronaro, guidata da don guardano la storia della coRenato Baldazzi. La Visita sar particolarmente atmunit parrocchiale, la tenta alla dimensione parrocchiale si trova scritto frequenza ai sacramenti, i nel decreto del settembre 2011 perch costituir rapporti con le autorit cilincontro del pastore con il suo gregge distribuito vili, la collaborazione con le nelle diverse aggregazioni parrocchiali della Diocesi, parrocchie della zona. senza tuttavia tralasciare anche il livello delle zone e delle unit pastorali entro cui sono state organizzate le comunit, come previsto da un decreto di monsignor Antonio Lanfranchi. Il vescovo, nella sua Visita, sar accompagnato e coadiuvato da diverse persone. Innanzitutto dal vicario generale, don Pier Giulio Diaco di nomina recentissima, dai professori Claudio Riva e Marino Mengozzi, rispettivamente archivista diocesano e direttore dellUfficio diocesano per i beni culturali e dalleconomo diocesano, monsignor Alfio Rossi. A loro si affiancheranno Valeriano Biguzzi, come segretario, e don Enzo Vitali in qualit di delegato vescovile per larte sacra e i beni culturali. Il Corriere Cesenate seguir ogni settimana tutta la Visita pastorale. Anticiperemo larrivo del vescovo andando a incontrare le comunit cristiane che verranno visitate di volta in volta. Iniziamo questo lungo viaggio che ci consentir di percorrere tutta la Diocesi dalle parrocchie di Balze e Montecoronaro. Michela Mosconi ha incontrato il parroco don Renato Baldazzi e con lui ha fatto il punto della situazione con uno sguardo attento alla vita della comunit cristiana inserita in un contesto di montagna e di generale spopolamento e invecchiamento della popolazione. Proseguiremo con Alfero-Riofreddo e poi con Capanne, per seguire tutto litinerario di un calendario intenso e ricco di incontri. Si tratta di unoccasione speciale anche per entrare in contatto con le diverse realt della nostra Chiesa locale. Una grazia, per dirla con le parole del vescovo Douglas, da valorizzare in ogni sua dimensione, prima di tutto partendo dallaccoglienza del Signore.

PROGRAMMA DELLA VISITA FINO ALLA PRIMAVERA 2013


Unit pastorale n. 8: Balze e Montecoronaro: 4-11 novembre 2012; Alfero-Riofreddo: 11-18 novembre Capanne: 24-25 novembre; Corneto-Pereto: 1-2 dicembre Unit pastorale n. 7: Bagno e Verghereto: 2-9 dicembre; Valgianna e Crocesanta: 12-13 gennaio 2013 San Piero in Bagno: 13-20 gennaio; Selvapiana-Acquapartita: 26-27 gennaio Unit pastorale n. 6: Mercato Saraceno-San Damiano; Montesasso-Ciola/Montesorbo-Monteiottone-Taibo: 3-17 febbraio; Montecastello e Rontagnano: 24 febbraio-3 marzo Unit pastorale n. 5: Quarto: 8-10 marzo; Turrito e Montepetra: 10-17 marzo; Sarsina e San Martino/Monteriolo: 18-25 marzo

Primo Piano

Gioved 25 ottobre 2012

Balze e Montecoronaro prima tappa di un lungo cammino


n crocevia tra Romagna, Toscana e Marche. il territorio delle Balze e di Montecoronaro, a due passi dalla vetta del Fumaiolo (1.400 metri), tra i fiumi Tevere e Savio. Sono gli ultimi baluardi romagnoli, le ultime terre appartenenti alla diocesi di Cesena-Sarsina. Due parrocchie distinte, quelle appena citate, ma accorpate in ununica Unit pastorale. I numeri del resto parlano chiaro: 350 abitanti a Balze, appena 150 a Montecoronaro. Col problema dello spopolamento sempre incalzante - dice il parroco don Renato Baldazzi - e con una popolazione residente in et avanzata. Balze e Montecoronaro, secondo il sacerdote, soffrono parecchio di questo fenomeno sociale che ha causato anche abbandono delle attivit artigianali. La gente vive di artigianato e agricoltura. Diversi sono occupati nel pubblico impiego e lavorano fuori sede. Sono molti i pensionati. Il turismo rimane, per queste genti, una risorsa importante. Tanto che, dice don Renato, quando si parla di partecipazione necessario fare un distinguo iniziale tra la parrocchia dei residenti e la parrocchia allargata ai turisti. Un esempio la frequenza alla messa domenicale. Abbiamo standard sotto la media nazionale. Da queste parti siamo attorno al 10 per cento di presenze tutte le domeniche (10 per cento a Balze, 15 per cento a Montecoronaro). Durante lestate queste percentuali aumentano di molto, perch alla messa domenicale partecipano anche diversi turisti. Nella messa feriale estiva - la constatazione del parroco ho il doppio della gente che ho nelle messe domenicali invernali. Il turismo qui si sviluppato grazie alla natura che domina incontrastata e che offre panorami mozzafiato. In estate i turisti cercano riparo dalla calura, riposo e una pausa rigenerante dai ritmi frenetici della settimana. In inverno le copiose nevicate offrono scenari interessanti per gli amanti dello sci, con le piste del Fumaiolo a poca distanza. In loco sono attivi diversi bar e ristoranti, alberghi e rifugi in prossimit della pi alta cima romagnola. Si nota lo sforzo fatto dagli abitanti per portare fin quass gente dalla pianura e dalle citt, anche anticipando o prolungando la stagione estiva. A Balze ci sono sei alberghi, a Montecoronaro esiste una specie di villaggio turistico con un centinaio di villette. Il turismo che va da luglio fino alla prima met di agosto potremmo definirlo pi religioso.

Dal 4 all11 novembre monsignor Regattieri visiter le due comunit parrocchiali dellAlta Valle del Savio Ampia intervista al parroco don Renato Baldazzi Lapertura ufficiale della Visita si terr sabato 3 novembre alle 17 a Bagno di Romagna.

LA CHIESA PARROCCHIALE DI SANTA MARIA ASSUNTA, IN BALZE (COMUNE DI VERGHERETO). SOTTO, DON RENATO BALDAZZI, PARROCO A BALZE E MONTECORONARO DAL 2011

Dalla seconda met di agosto diventa un po meno religioso e spirituale. Le principali festivit sono quelle del 17 luglio, festa dellApparizione (la tradizione vuole che da queste parti, sul finire del 1400, la Beata Vergine apparisse a due pastorelle che miracolosamente acquistarono luna la vista e laltra la parola), e del 15 agosto, festa patronale dellAssunta. Feste molto partecipate anche se spesso si tratta di una religiosit imbevuta di tradizionalismo, dunque di una tradizione che ha perso le motivazioni e le radici della fede facendo venire a galla solo levento esteriore. Gli incontri in parrocchia coi giovani, le famiglie, o di catechesi coi pi piccoli sono resi pi difficile dai numeri risicati di queste zone. Opero praticamente da solo - confessa don Renato -. Poco tempo fa avevo due catechiste, ora ridotte a una. Ho una decina di persone nel Con-

siglio pastorale. Di fatto per mandare avanti alcune iniziative tendenti a vivacizzare la parrocchia mi sono dovuto servire di turisti che hanno casa qui. Uno dei problemi per la catechesi - prosegue il parroco - quello di mettere insieme gli otto bambini delle Balze coi quattro di Montecoronaro. Stiamo provando ad aggregarli, ma con difficolt enormi. Ho coinvolto alcune persone per una riflessione sulla formazione cristiana. Speriamo dia buoni frutti. Sul territorio balzerano presente la scuola dellinfanzia Santa Maria dellApparizione che ospita una decina di bambini e che, in estate, diventa ostello per gruppi in autogestione. Pu contenere dalle 25 alle 30 persone. attiva la scuola elementare a Balze, mentre gli studenti delle medie vanno a scuola a Verghereto dopodich molti proseguono gli studi fuori: a Pieve Santo Stefano,

San Sepolcro, Novafeltria. Da qui, Cesena rimane piuttosto scomoda. NellUnit pastorale, fa presente don Renato, mancano gruppi giovanili e gruppi di famiglie, mentre molto buoni sono i rapporti con gli enti presenti sul territorio, specialmente con le Pro Loco locali. Ci sono immigrati soprattutto dallest Europa - dice don Renato - che lavorano prevalentemente nelledilizia e un po nellagricoltura e non hanno mai causato problemi. Appaiono ben integrati nella comunit locale. Michela Mosconi

Balze e Montecoronaro

SABATO 3 NOVEMBRE ALLE 17 A BAGNO DI ROMAGNA NELLA BASILICA DEDICATA A SANTA MARIA ASSUNTA Messa di apertura Visita pastorale nella Zona Sarsina-Alta Valle del Savio
DOMENICA 4 NOVEMBRE ore 10,30, a Montecoronaro: Messa di apertura Visita pastorale per Balze e Montecoronaro ore 15,30, a Balze: nei locali del cinema, incontro generale con la popolazione. Sono invitati in particolare i genitori. MARTED 6 NOVEMBRE Mattino: visita a malati e anziani ore 15,30, a Montecoronaro: Liturgia dellUnzione degli Infermi MERCOLED 7 NOVEMBRE Mattino: visita a scuole elementare e materna Pomeriggio: incontro con i ragazzi delle medie e superiori a Montecoronaro Sera: incontro con i giovanissimi e giovani nel cinema delle Balze SABATO 10 NOVEMBRE Mattino, a Montecoronaro: incontro con i parrocchiani per confessioni, direzione spirituale e udienze. Pomeriggio, a Balze: nel cinema, incontro con Gruppi e Associazioni paesane (Pro-Loco, Confraternita Misericordia). Incontro con il Consiglio comunale. Incontro con i Consigli pastorali ed economici delle due parrocchie. A seguire, cena. Sera: alle Balze Apparizione veglia di preghiera mariana.

il programma della Visita pastorale

DOMENICA 11 NOVEMBRE ore 10, 30, a Montecoronaro: Messa di chiusura della Visita pastorale

Gioved 25 ottobre 2012

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Incontro per famiglie, terzo appuntamento


In seminario a Cesena, luned 29 ottobre alle 21
Il prossimo e ultimo incontro del seminario Signore aumenta la nostra fede si terr alle 21 di luned 29 ottobre, in seminario a Case Finali di Cesena. Sar presente padre Alfredo Feretti, direttore del Consultorio La Famiglia di Roma, e terr una relazione su Lo sguardo della fede nella fragilit e nella prova. In particolare, guider la riflessione su come la fede compagna di vita che permette di percepire con sguardo sempre nuovo le meraviglie che Dio compie per noi( Porta Fidei n.15).

IL GIORNO DEL SIGNORE


Grandi cose ha fatto il Signore per noi
Domenica 28 ottobre - Anno B XXX Domenica del Tempo Ordinario Ger 31,7-9; Sal 125; Eb 5,1-6; Mc 10,46-52
vedere bene con gli occhi di Dio la nostra esistenza. Vivere senza Dio vuol dire vivere nel buio. Oggi andiamo a Messa per lasciarci illuminare dalla sua Parola, per gettare via il nostro mantello, le nostre sicurezze, le nostre ricchezze, il nostro egoismo. Andiamo a Messa consapevoli di essere ciechi e dunque bisognosi di Lui. Quellincontro cambi la vita a Bartimeo. Cos deve essere per noi ogni volta che andiamo a Messa. Lui si mise a seguire Ges, e noi dopo la Messa chi seguiamo durante la settimana? Viviamo la Messa sempre come un incontro di salvezza per noi, e allora seguiamo Ges con la nostra vita con profonda convinzione e gratitudine e con la fermezza del cieco Bartimeo. Anche noi dobbiamo diventare luce in questo mondo, testimoni di Cristo. Coltiviamo allora la luce di Cristo in noi con la lettura del Vangelo, e ascoltando il Magistero della Chiesa. Diventiamo portatori del Vangelo in tasca, e rendiamo visibile con la nostra vita. Ritorniamo a casa dalla Messa con questi impegni. In un mondo che non sa e non vuol sapere di essere cieco, c bisogno di un supplemento di luce che proviene dalla vita della Chiesa e di ogni cristiano. Sauro Rossi

La Parola di ogni giorno


luned 29 ottobre santa Ermelinda Ef 4,32-5,8; Sal 1; Lc 13,10-17 marted 30 san Germano Ef 5,21-33; Sal 127; Lc 13,18-21 mercoled 31 santa Lucilla Ef 6,1-9; Sal 144; Lc 13,22-30 gioved 1 novembre tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14; Sal 23; 1Gv 3,1-3; Mt 5,1-12a venerd 2 commemorazione dei fedeli defunti Gb 19,1.23-27a; Sal 26; Rm 5,5-11; Gv 6,37-40 sabato 3 san Martino de Porres Fil 1,18b-26; Sal 41; Lc 14,1.7-11

Nuovo Consiglio pastorale diocesano


Sabato 27 ottobre, alle 17 in Episcopio a Cesena, insediamento del nuovo Consiglio pastorale diocesano. Seguir, alle 18, in Cattedrale, la messa presieduta dal vescovo Douglas.

CHIESA INFORMA

Radio Maria in collegamento dal cimitero San Lazzaro


Lemittente radiofonica cattolica internazionale Radio Maria, in occasione della solennit della Commemorazione di tutti i fedeli defunti, si collegher venerd 2 novembre alle 16,45 con il cimitero San Lazzaro di Tipano in Cesena, per lOra di Spiritualit. Don Antonio Spinelli guider il rosario, ladorazione eucaristica e la recita dei vespri.

LETERNIT NEL TEMPO


Dvd in distribuzione al monastero delle Clarisse
Presso il monastero Corpus Domini delle monache Clarisse Cappuccine, a Cesena di fronte al cimitero urbano, possibile procurarsi il dvd Leternit nel tempo. Anticipare nelloggi la beatitudine eterna lungo le stagioni della vita, realizzato interamente dalle suore.

l Vangelo di questa domenica ci racconta lultimo miracolo compiuto da Ges prima di entrare in Gerusalemme, lungo la strada che sale da Gerico alla Citt Santa. Ges incontra Bartimeo, un cieco mendicante. Invoca con insistenza laiuto di Ges, ma la folla glielo impedisce. Ges, sentito quel grido di aiuto, lo fa chiamare. Ed egli corre da Ges chiedendogli il dono della vista. Va, la tua fede ti ha salvato. E, gettato via il mantello, la sua unica ricchezza, si mette a seguire Ges. Lincontro con Ges gli ha cambiato la vita. Adesso finalmente vede non solo con gli occhi di carne, ma con gli occhi della fede. Ges diventa la luce vera della sua vita. Diventa limmagine del vero discepolo di Ges. Si comportato diversamente da Pietro, il giovane ricco e Giacomo e Giovanni. Ges, con quel gesto, si manifesta la luce del mondo. Il cristiano colui che accoglie Cristo come luce della sua vita. Avviene nel Battesimo. Lo richiama la candela accesa consegnata ai genitori. Siamo stati guariti dalla nostra cecit interiore, spirituale, dal peccato, per

A MESSA DOVE
8.45 9.00 Tipano, San Cristoforo, Roversano San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Ruffio, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, Bagnile, Casale Rio Marano, Bulgarn Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Casalbono, Borello Ronta, Capannaguzzo Basilica del Monte, San Pietro, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico SantEgidio, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, Osservanza, San Pio X, Istit. Lugaresi, Case Finali Cappella del Cimitero Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale, San Rocco, Osservanza, San Domenico 18.30 San Pietro, Cappuccini 19.00 San Bartolo Villamarina; 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Sala, Villalta; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo Mare; 17,30 Cappuccini; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19.00 Crocetta 20.30 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 20 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10 / 11,15 / 17 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20 (sabato, chiesina del castello), 10,30. Mercato Saraceno 10.00; San Romano: 11.00; Taibo: 10; Pieve di San Damiano 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro:
DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Cappella del cimitero Cappella dellospedale (no al sabato) 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, Osservanza, SantEgidio 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, Cappuccini San Bartolo 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X 20.30 San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche)

18.00 (sabato), 11; Piavola: 18 (sabato, chiesa San Giuseppe), 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9 / 11 / 18; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8 / 11; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Pieve di Rivoschio: 16 Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30

San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 18.30 (sabato); 8 / 11.15 / 18.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 16 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola: 9.30; Capanne: 11.00

Sabato e vigilie
15.00 Cappella del cimitero, Formignano 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.30 Istituto Lugaresi 17.30 Santuario del Suffragio, Santuario dellAddolorata 18.00 Cattedrale, San Domenico, Santo Stefano, San Rocco, SantEgidio, Case Finali, Osservanza, San Vittore, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, Cappuccini, San Bartolo, Santa Maria della Speranza, Bulgarn 19.00 San Giorgio 20.00 San Giovanni Bono, San Pio X, Villachiaviche, Gattolino, Tipano, Bulgaria, Calisese, Ruffio 20.30 Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, Pievesestina, Pioppa, San Cristoforo

9.15 9.30

9.45 10.00

10.30 10.45 11.00

Messe festive
7.00 Cattedrale, San Rocco 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, San Pio X, Gattolino, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Macerone, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco,

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Villamarina; 17,30 Cappuccini, Santa Maria Goretti; 18 San Giacomo; 16 San Giuseppe; 20 Sala; 20,30 Villalta; Festivi: 8 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9 Cappuccini; 9.30 Cannucceto; 9,45 San Pietro; 10 San Giacomo,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

11.10 11.15 11.30 15.00 17.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 37 del 18 ottobre 2012: 8.000 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 23 ottobre 2012

Vita della Diocesi

Gioved 25 ottobre 2012

Caritas diocesana: ascoltare, osservare, discernere per animare


A colloquio con il direttore don Carlo Meleti e con Adolfo Zanuccoli, neo direttore della Mater Caritatis
l recente incontro del Tavolo delle povert convocato nel palazzo comunale, a Cesena, la Caritas diocesana ha fatto presenti quattro emergenze. Il nostro territorio afflitto dalla mancanza di reddito, di lavoro, della casa e spesso anche di cibo. ovvio che non si tratta di una situazione generalizzata, ma il disagio abbastanza diffuso e va crescendo con il prolungarsi della crisi economica che si trascina da tempo. Ecco perch dallestate appena trascorsa, la Caritas ha deciso di tenere aperta la mensa anche per tutto il mese di agosto. E da questo mese di ottobre la mensa resta

aperta anche ogni domenica, come sempre solo per il pranzo, con una ventina di presenze medie giornaliere. Molti volontari ci aiutano nel servizio di assistenza alla mensa - racconta Adolfo Zanuccoli, neo direttore della Mater Caritatis, braccio operativo della Caritas diocesana -. Fra di essi vi sono anche alcuni soci del Lions club cesenate che, nel silenzio di un servizio prezioso, si mettono a disposizione dei pi poveri. Dalle parrocchie arrivano i pasti che poi vengono distribuiti nei locali di via Tiberti. La Caritas diocesana prosegue nel suo impegno accanto a chi ha meno, ma lo affronta con lo spirito evangelico. La mia prima preoccupazione - dice il direttore don Carlo Meleti - non mai stata quella di raccogliere i dati di ci che la Caritas diocesana fa a favore dei pi disagiati e dei poveri. Ho sempre presente i versetti del Vangelo di Matteo (6,3-4) Non sappia la tua sinistra ci che fa la tua destra, perch la tua elemosina resti nel segreto e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenser. E sono anche convinto che tutti i nostri dossier sulle povert

non siano in grado di sfamare un povero in pi. giusto conoscere come i soldi dati dalla comunit per i poveri - prosegue don Meleti - vengano effettivamente spesi per alleviare in qualche modo le povert. Nel lavoro della Caritas diocesana ci siamo attenuti al nostro metodo pastorale particolare: ascoltare, osservare, discernere per animare. In Caritas, lascolto ha un luogo privilegiato per esprimersi, il Centro di via Mura SantAgostino, e un soggetto preferenziale, i poveri. Inoltre occorre anche tenere presente che la Caritas un organismo pastorale per la promozione e formazione alla carit. Della Caritas - conclude il direttore - deve emergere la sua prevalente funzione pedagogica, come ricordava papa Paolo VI nel discorso alle Caritas diocesane convenute a Roma per il loro primo convegno nazionale (28 sett.1972). La Caritas non ha il compito di sfamare tutti i poveri del mondo (cosa gi di per s impossibile) ma deve, prima di tutto, richiamare, sollecitare tutti i cristiani e le persone di buona volont a intervenire in favore dei poveri.

Monsignor Renzo Bonetti al terzo incontro del seminario per famiglie

Brevi Settimana Sociale Cesenate


Primo incontro luned 5 novembre
Inizia luned 5 novembre l8 Settimana Sociale Cesenate. I GIOVANI sono le sentinelle del mattino della Chiesa (Giovanni Paolo II) il tema della prossima rassegna. Gli incontri, aperti a tutti, si terranno nella sala Pinacoteca della Cassa di Risparmio di Cesena (via Tiberti 11, Cesena), con inizio alle 21; fa eccezione lincontro di luned 19 novembre con il vescovo Sigalini, che si terr a SantAgostino. Di seguito, il calendario: - luned 5 novembre: I Giovani e il lavoro, relatore Andrea Olivero, presidente nazionale Acli. - luned 12 novembre: I giovani nella Chiesa, relatore il vescovo monsignor Domenico Sigalini, assistente generale dellAc (chiesa di SantAgostino). - luned 19 novembre: i giovani e limpegno socio-politico, relatore Marco Tarquinio, direttore quotidiano Avvenire. - luned 26 novembre: i Giovani e il volontariato, relatore Edo Patriarca, segretario Settimane Sociali dei cattolici italiani.

Sposi tessitori di comunione con i preti


l terzo incontro dei seminari di studio della pastorale familiare ha visto il gradito e atteso ritorno di monsignor Renzo Bonetti (nella foto di A. Giangrasso), che nellormai lontano 1999 aveva dato il via a questi momenti di formazione. Allora don Renzo aveva svolto il tema La sacramentalit del Matrimonio. In continuit con quella riflessione, il tema affrontato questa volta stato La fede nel ministero degli sposi e dei sacerdoti ricchezza per la comunit. Don Renzo ha esordito dicendo che per comprendere il ministero degli sposi, cos come quello del presbitero occorre la fede. Solo nella fede si pu comprendere la grazia specifica che gli sposi hanno ricevuto nel sacramento del Matrimonio. E qual questa grazia? Il relatore per rispondere partito dalla Familiaris Consortio n. 50: La famiglia cristiana chiamata a prendere parte viva e responsabile alla missione della Chiesa in modo proprio e originale, ponendo cio al servizio della Chiesa e

della societ se stessa nel suo essere e agire, in quanto intima comunit di vita e di amore. Tutta la missione della Chiesa, che annunciare oggi che Cristo vivo e continua ad essere lunico salvatore, si pu comprendere solo nella fede. La famiglia partecipa a questa missione in modo proprio e originale, senza imitarli, n sostituirli. come se Ges chiedesse agli sposi: Mi prestate il vostro amore di coppia per dire il mio? Accettate di essere mio piccolo sacramento=segno? Io posso usare voi due!. Questa modalit tipica degli sposi legata al dono specifico che possono offrire alla Chiesa: la loro relazione totalizzante fatta di reciprocit, fecondit che fa crescere prima di tutto la coppia stessa e pu generare nuova vita. come dire: Come arriva la Chiesa al mondo? Coi piedi degli sposi. E i sacerdoti? Spetta ai sacerdoti presiedere la comunione; spetta agli sposi tessere la comunione. La Chiesa ha bisogno di Ges capo, ma anche di un Ges in movimento che

si fa prossimo. Cos il ministero del sacerdote figura di Ges Pastore e capo; il ministero degli sposi figura di Ges come corpo. La missione della famiglia totalmente diversa da quella del presbitero, ma non pu essere attuata senza una profonda comunione tra i due ministeri. Allora tessitori di relazioni buone che facciano trasparire lamore di Dio per lumanit e di Ges per la Chiesa, sua sposa, in stato di donazione permanente (Lettera alle Famiglie 19). Pieni di questa consapevolezza, nasce la certezza che Dio non sta a guardare con le mani in tasca, ma rimane sempre con gli sposi per esportare lamore ovunque. Solo stando in ginocchio, davanti allEucaristia, davanti allo Sposo, si pu prendere consapevolezza della propria dignit di sposi e non si pu fare a meno di donare tutto. Floriana e Ivan Bartoletti Stella

Convegno catechisti

l convegno diocesano degli Iche si svolger in 28 ottobre,educatori e dei catechisti seminario a Case Finali di Cesena domenica prossima porr lattenzione sulla gura del catechista nella nuova evangelizzazione in un contesto di cambiamento. Questi due aspetti che sono stati sottolineati nelle giornate diocesane di formazione dei presbiteri svoltesi in settembre di cui abbiamo una preziosa riessione nellarticolo di don Andrea (cfr. pag. 3), faranno da punto di riferimento per il lavoro a cui saranno chiamati i catechisti e gli educatori nel convegno. Con laiuto di suor Eliana Zanoletti, membro dellUfficio

Catechistico di Brescia, come i presbiteri anche i catechisti e gli educatori saranno chiamati a rileggere il senso del loro ministero alla luce dei cambiamenti in atto nella prassi catechistica italiana e, soprattutto, in relazione alle esperienze di vita delle comunit cristiane di appartenenza. Questo dovrebbe favorire una maggiore corresponsabilit tra presbiteri e laici nella realizzazione di comunit capaci di essere grembo della fede per ogni persona che desiderasse incontrare il Signore Risorto. Mauro Domenichini

Vita della Chiesa


La messa di canonizzazione, celebrata da papa Benedetto XVI, si tenuta domenica 21 ottobre in piazza San Pietro I nuovi santi con eroico coraggio hanno speso la loro esistenza nella totale consacrazione a Dio e nel servizio ai fratelli

Gioved 25 ottobre 2012

Sette nuovi santi fino ai confini della Terra


evangelizzatore chiamato a testimoniare ed annunciare il messaggio cristiano conformandosi a Ges Cristo, seguendo la sua stessa via. Questo vale sia per la missione ad gentes, sia per la nuova evangelizzazione nelle regioni di antica cristianit. Lo ha detto domenica mattina 21 ottobre Benedetto XVI, nella messa a piazza San Pietro, per la canonizzazione di sette nuovi santi, i quali, con eroico coraggio, hanno speso la loro esistenza nella totale consacrazione a Dio e nel generoso servizio ai fratelli.

Fino al martirio. Il Pontefice ha, quindi, parlato di ciascuno dei sette nuovi santi. Jacques Berthieu, nato nel 1838, in Francia, diventato gesuita, voleva percorrere il mondo per la gloria di Dio. Pastore infaticabile nellIsola Santa Maria e poi nel Madagascar, lott contro lingiustizia, mentre recava sollievo ai poveri e ai malati. Si fece tutto a tutti - ha aggiunto -, attingendo nella preghiera e nellamore del cuore di Ges la forza

umana e sacerdotale di giungere fino al martirio nel 1896. Il Santo Padre ha auspicato che il suo esempio aiuti i numerosi cristiani oggi perseguitati a causa della fede. Pedro Calungsod nacque intorno al 1654, nella regione di Visayas nelle Filippine. Il suo amore per Cristo - ha rammentato Benedetto XVI - lo spinse a prepararsi per diventare catechista con i missionari Gesuiti di quel luogo. Nel 1668 accompagn padre Diego Luis de San Vitores alle Isole Marianas per evangelizzare il popolo Chamorro. La vita l era dura e i missionari soffrirono persecuzioni, ma Pedro fu risoluto nellaccettare il martirio, nel 1672. A favore dei giovani. Giovanni Battista Piamarta, sacerdote della diocesi di Brescia, ha ricordato il Papa, fu un grande apostolo della carit e della giovent. Avvertiva lesigenza di una presenza culturale e sociale del cattolicesimo nel mondo moderno, pertanto si dedic allelevazione cristiana, morale e professionale delle nuove generazioni. Tra le diverse opere

apostoliche, avviate dal nuovo Santo, il Pontefice ha citato lEditrice Queriniana. Il segreto della sua intensa e operosa vita - ha precisato - sta nelle lunghe ore che egli dedicava alla preghiera. Santa Maria del Carmelo Salls y Barangueras, religiosa nata a Vic, in Spagna, nel 1848 contempl lo sviluppo della Congregazione delle Religiose Concezioniste Missionarie dellInsegnamento, che aveva fondato nel 1892. Tre modi di seguire Ges. Marianne Cope, nata nel 1838 ad Heppenheim, in Germania, ma vissuta negli Stati Uniti, dove entr nel TerzOrdine Regolare di san Francesco a Syracuse, New York, come superiora generale della sua Congregazione, accolse di sua volont una chiamata a prendersi cura dei lebbrosi delle Hawaii, dove si rec per gestire un ospedale a Oahu e successivamente fondare lospedale Malulani a Maui e aprire una casa per ragazze i cui genitori erano lebbrosi. Dopo cinque anni, accett linvito ad aprire una casa per donne e ragazze

nella stessa isola di Molokai, coraggiosamente andandovi lei stessa. L si prese cura di padre Damiano, gi famoso per la sua eroica attivit fra i lebbrosi, curandolo sino alla morte e prendendone il posto fra i lebbrosi maschi. Kateri Tekakwitha nacque nellodierno stato di New York nel 1656. Battezzata allet di ventanni, per fuggire dalle persecuzioni, si rifugi nella missione di san Francesco Saverio vicino a Montreal, dove lavor sino alla morte allet di 24 anni. Vivendo unesistenza semplice, Kateri ci impressiona per lazione della grazia nella sua vita in assenza di sostegni esterni, e per il coraggio nella vocazione tanto particolare nella sua cultura. In lei, fede e cultura si arricchiscono a vicenda. Il suo esempio ci aiuti a vivere l dove siamo, senza rinnegare ci che siamo, amando Ges!. Santa Kateri, patrona del Canada e prima santa amerinda - ha aggiunto Benedetto XVI -, noi ti affidiamo il rinnovamento della fede nelle prime nazioni e in tutta lAmerica del Nord. Anna Schffer di Mindelstetten, da giovane, voleva entrare a far parte di un ordine religioso missionario. Essendo di modesta provenienza, cerc di guadagnare come domestica la dote necessaria per essere accolta in convento. In questo lavoro ebbe un grave incidente, che la costrinse al letto per tutta la vita. Cos, il letto di dolore divent per lei cella conventuale e la sofferenza costitu il suo servizio missionario. La sua intercessione - stato lauspicio rafforzi il movimento cristiano di hospice (centri di cure palliative per malati terminali) nel loro benefico servizio.

PREMIO RATZINGER.Sabato 20 ottobre, nella sala Clementina inVaticano, la cerimonia di consegna


i congratulo vivamente con padre Daley e il professor Brague, che con la loro personalit illustrano questa iniziativa nella sua seconda edizione. E intendo personalit in senso pieno: il profilo della ricerca e di tutto il lavoro scientifico; il prezioso servizio dellinsegnamento, che entrambi svolgono da lunghi anni; ma anche il loro essere, naturalmente in modi diversi - uno un gesuita, laltro un laico sposato - impegnati nella Chiesa, attivi nelloffrire il loro contributo qualificato alla presenza della Chiesa nel mondo di oggi. Lo ha detto sabato 20 ottobre Benedetto XVI, in occasione della consegna, nella Sala Clementina, del Premio Ratzinger 2012 al filosofo e storico francese Rmi Brague e al teologo statunitense Brian Daley. Il Premio, giunto alla seconda edizione, un riconoscimento promosso dalla Fondazione Joseph RatzingerBenedetto XVI. Alla consegna del Premio erano presenti il cardinal Camillo Ruini, presidente del comitato scientifico della Fondazione Joseph Ratzinger-Benedetto XVI, e monsignor Giuseppe Antonio Scotti, presidente della stessa Fondazione vaticana, che rivolgendosi al Santo Padre ha dichiarato: Vogliamo dire e riconoscere che la ricerca su Dio e la capacit delluomo di dar voce alla sua presenza un investimento vero e decisivo per il futuro delluomo. Campi decisivi. I due premiati di questanno - ha evidenziato il Papa sono competenti e impegnati in due aspetti decisivi per la Chiesa nei nostri tempi: mi riferisco allecumenismo e al confronto con le altre religioni. Padre Daley, studiando a fondo i Padri della Chiesa, si posto nella migliore scuola per conoscere e amare la Chiesa una e indivisa, pur nella ricchezza delle sue diverse tradizioni; per questo egli svolge anche un servizio di responsabilit nei

VATICANO, 20 OTTOBRE: BENEDETTO XVI CONFERISCE IL PREMIO RATZINGER A RMI BRAGUE E A PADRE BRIAN E. DALEY (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

alluomo doggi, ci di cui abbiamo bisogno; uomini che tengano lo sguardo fisso verso Dio attingendo da questa sorgente la vera umanit per aiutare chi il Signore mette sul nostro cammino a comprendere che Cristo la strada della vita; uomini il cui intelletto sia illuminato dalla luce di Dio, perch possano parlare anche alla mente e al cuore degli altri. Operare nella vigna del Signore, dove ci chiama - ha aggiunto -, perch gli uomini e le donne del nostro tempo possano scoprire e riscoprire la vera arte del vivere: questa stata anche una grande passione del Concilio Vaticano II, pi che mai attuale nellimpegno della nuova evangelizzazione. Sanno guardare avanti. Il cardinale Camillo Ruini, presentando i due premiati, ha tra laltro affermato: Il contesto dellAnno della fede e del Sinodo sulla nuova evangelizzazione, nel cinquantesimo dellapertura del Concilio Vaticano II, caratterizza e rafforza il significato del conferimento di questi premi. La Fondazione - ha proseguito il porporato rivolgendosi al Papa - ha visto infatti in Remi Brague e Brian Daley due studiosi che, a partire da una straordinaria conoscenza delle origini e della storia della fede cristiana, sanno guardare avanti, per costruire sulla base di questa medesima fede, il presente e il futuro della famiglia umana, in conformit allintenzione profonda della teologia di Vostra Santit. Remi Brague professore emerito di filosofia medievale e araba presso lUniversit Pantheon-Sorbonne (Parigi I) e professore di filosofia delle religioni europee presso lUniversit LudwigMaximilian di Monaco di Baviera dal 2002. Padre Brian E. Daley, gesuita, ha la cattedra di teologia presso lUniversit di Notre Dame (Indiana, Usa) intitolata a Catherine F. Huisking. Dopo gli studi teologici a Francoforte, in Germania, stato ordinato sacerdote il 25 luglio del 1970.

Protagonista la vera umanit


Il riconoscimento stato assegnato al filosofo e storico francese Rmi Brague e al teologo statunitense Brian Daley
rapporti con le Chiese ortodosse. E il professor Brague un grande studioso della filosofia delle religioni, in particolare di quelle ebraica e islamica nel medioevo. Perci, al Pontefice, a cinquantanni dallinizio del Concilio Vaticano II, piacerebbe rileggere insieme con loro due documenti conciliari: la Dichiarazione Nostra aetate sulle religioni non cristiane e il Decreto Unitatis redintegratio sullecumenismo, a cui aggiungerei per un altro documento che si rivelato di straordinaria importanza: la dichiarazione Dignitatis humanae sulla libert religiosa. Due personalit esemplari. Questo ideale incontro e confronto - ha affermato Benedetto XVI - gi avviene leggendo le loro pubblicazioni, che in parte sono disponibili in diverse lingue. Sento di dover esprimere particolare apprezzamento e gratitudine per questa fatica del comunicare i frutti di tali ricerche. Un impegno, questo, che gravoso, ma prezioso per la Chiesa e per quanti operano in ambito accademico e culturale. Il Papa ha sottolineato, poi, che entrambi i premiati sono professori universitari: Questo aspetto merita di essere messo in rilievo, perch mostra un aspetto di coerenza nellattivit della Fondazione, che, oltre al Premio, promuove borse di studio per dottorandi in Teologia e anche convegni di studio a livello universitario, come quello che si tenuto questanno in Polonia, e quello che avr luogo fra tre settimane a Rio de Janeiro. Personalit come Daley e Brague sono esemplari per la trasmissione di un sapere che unisce scienza e sapienza, rigore scientifico e passione per luomo, perch possa scoprire larte del vivere. Per il Pontefice, proprio di persone che, attraverso una fede illuminata e vissuta rendano Dio vicino e credibile

Attualit

Gioved 25 ottobre 2012

11

Alcuni punti chiave del documento finale dellincontroTodi 2

SuperAbile
di Arianna Maroni

politica ttolici in Ca

TODI, 21-22 OTTOBRE: LINCONTRO TODI 2, PROMOSSO DAL FORUM DELLE PERSONE E DELLE ASSOCIAZIONI DI ISPIRAZIONE CATTOLICA NEL MONDO DEL LAVORO (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

IL GUSTO, SALVAGENTE PER LEMILIA ROMAGNA


Ricostruire e ripartire dopo il sisma e farlo valorizzando lattitudine tipica di queste terre alla cooperazione e alla mutualit, anche in campo agricolo. Regione e Slow Food Emilia Romagna portano al Salone del Gusto Terra-Madre di Torino dal 25 al 29 ottobre i prodotti e i produttori emiliano romagnoli, e lo fanno allinsegna del motto Ricooperiamo, che vuole essere anche un auspicio e un invito. Non potevamo mancare a questo importante appuntamento delle comunit del cibo - ha spiegato lassessore regionale allagricoltura Tiberio Rabboni - non solo perch siamo una delle grandi regioni europee che ha saputo salvaguardare nel tempo le proprie tradizioni enogastronomiche, ma anche perch proprio da questa vetrina mondiale vogliamo raccontare la terra del terremoto e i suoi valori, a partire dalla ferma volont di ricostruire insieme quello che stato distrutto. Sono certo che torneremo a casa avendo ricevuto solidariet, attenzione e vicinanza. Al centro del programma i territori e i prodotti del terremoto che saranno protagonisti in particolare della giornata di venerd 26: i maccheroni al pettine, il vino di uva pellegrina e la torta degli ebrei dellosteria La Fefa di Finale Emilia, chiusa dopo il sisma; la cena degli avanzi dei ragazzi della Lanterna di Diogene di Solara di Bomporto, ma anche le pere abate Igp della bassa modenese raccolte rispettando i giusti tempi di maturazione, una necessit perch molti impianti di refrigerazione sono andati distrutti, ma anche un piccolo segnale ha spiegato il presidente di Slow Food Emilia Romagna Antonio Cherchi che pu essere aperta anche una strada diversa. Agricoltura e terremoto saranno al centro della riflessione insieme a quello della legalit in una serie di appuntamenti in collaborazione con lAssociazione Libera. Unattenzione particolare verr dedicata anche al tema dellagricoltura in quota delle aree appenniniche, fondamentale strumento di sostenibilit ambientale e sociale. Negli ultimi dieci anni hanno chiuso nel nostro Appennino il 45 per cento delle aziende agricole, mentre la superficie coltivabile scesa del 21 per cento. Verr fatto un focus sui prodotti del Parco delle Foreste Casentinesi e la bovina romagnola, gli assaggi di Pecora cornigliese e di Vacca Bianca modenese, i prodotti dellAppennino reggiano, la comunit del cibo del Tortello alla lastra di Santa Sofia, Tredozio e Corezzo. La giornata conclusiva vedr protagonista la pesca. Parleremo di consumo sostenibile del pesce ha spiegato Cherchi perch vogliamo porre lattenzione sullimportanza che hanno le scelte consapevoli di ciascuno di noi nel momento in cui facciamo i nostri acquisti. Finch continueremo a chiedere tonno rosso e pesce spada il settore non potr uscire dallemergenza.

Con pi voce e presenza U


n anno fa le nostre organizzazioni si ritrovarono, in questo luogo e in questi stessi giorni, per affermare la loro disponibilit a impegnarsi al servizio del Paese, in un momento di gravissima crisi morale, politica ed economica, chiedendo al contempo lapertura di un nuova fase politica in forte discontinuit con la precedente. Inizia cos il documento finale letto luned 22 ottobre da Andrea Olivero, presidente delle Acli, allincontro di Todi, promosso domenica 21 e luned 22 ottobre dalle organizzazioni promotrici del Forum delle persone e delle associazioni di ispirazione cattolica nel mondo del lavoro per un rilancio della buona politica. entro i prossimi appuntamenti elettorali, di generare proposte nuove tanto nel contenitore quanto nei contenuti. Di qui la scelta: Noi, soggetti della societ civile ed espressione di unampia parte del mondo cattolico italiano, ci sentiamo responsabili di far sentire la nostra voce e dare il nostro apporto, nei termini e nei modi che sono propri a ciascuna organizzazione. Ruolo da protagonista. Ma in che modo si coniugher limpegno? In primo luogo si legge nel documento - ci impegniamo affinch la stagione inauguratasi con il governo Monti non si esaurisca e non si ritorni alla drammatica situazione precedente. indubbio che oggi necessario operare per dare al prossimo governo una maggioranza autenticamente politica, fondata su un programma condiviso e coerente. Questo va fatto assicurando la continuit con quanto di positivo stato fatto in questultimo anno, garantendo la prosecuzione delle politiche di risanamento del Paese e, al contempo, integrando gli obiettivi iniziali con quelli della crescita, delloccupazione, di un nuovo welfare, di una ritrovata equit e di pieno ripristino dei valori costituzionali. Per il Forum, non pi rinviabile lavvio di riforme istituzionali e strutturali che dovranno ridurre i costi della politica, riordinare e semplificare lassetto dello Stato, renderlo pi moderno, coeso, orientato ai principi di sussidiariet e solidariet. Nel contesto europeo, lItalia dovr esercitare un ruolo da protagonista nella prospettiva irrinunciabile di unificazione politica. Pi sussidiariet. Siamo convinti che lItalia - precisa il documento - possa superare le difficolt in cui oggi si trova

Far sentire la propria voce. Dopo di allora - si legge nel documento - si aperta lesperienza del governo Monti, cui va lindubbio merito di aver ridato dignit alle istituzioni, garantito una forte ripresa di credibilit del Paese a livello europeo e internazionale - divenendo una risorsa per la costruzione dellEuropa politica -, superato lasfittico sistema bipolare, causa di contrapposizioni durissime e insieme dimmobilismo politico. Per il Forum, le forze politiche, chiamate a mostrare senso di responsabilit e insieme a riorganizzare la loro offerta politica, hanno purtroppo solo parzialmente risposto alle attese. Tanti, troppi sono gli elementi che testimoniano la loro persistente incapacit di procedere a un autonomo rinnovamento di culture, modelli organizzativi, gruppi dirigenti. La grave crisi morale e insieme la costante erosione di consensi rende quindi oggi necessario un percorso che consenta,

mettendo a frutto le grandi risorse dintelligenza, responsabilit e dedizione di molti suoi cittadini. Per questo deve essere assolutamente sciolto il nodo della legge elettorale restituendo il potere di scelta ai cittadini. Vogliamo un Paese nel quale la sussidiariet non sia solo un valore enunciato ma una prassi diffusa, la collaborazione tra lavoratori e imprese sia la chiave dellinnovazione del mondo del lavoro, la partecipazione il cuore della prassi democratica. Per uscire dallattuale gravissima crisi economica, occorre ridare centralit al lavoro, facendo in modo che nuova imprenditorialit e diffusa responsabilit sociale creino i presupposti per un autentico sviluppo, economico e insieme umano. In questa prospettiva crediamo si debba realizzare un patto fiscale tra lavoro, imprese e famiglie e concentrare gli sforzi per favorire politiche per loccupazione giovanile. I valori pi cari. Non solo: Ci impegniamo a portare i valori che ci sono pi cari - la tutela e promozione della vita, a partire da quella pi fragile e indifesa, la famiglia fondata sul matrimonio e aperta alla generativit, la libert di educazione - in ogni contesto pubblico, come proposte, laicamente fondate, volte al benessere personale e sociale e alla garanzia dei diritti inalienabili di ogni persona. E ancora: Ci impegniamo a creare le condizioni di educazione, partecipazione e controllo democratico perch onest, rigore morale e sobriet diventino caratteri distintivi di quanti operano a servizio della collettivit, a partire da noi stessi. La politica deve rappresentare un luogo di passione e di impegno civile da proporre a tutti, ed in particolare ai giovani.

il Periscopio

di Zeta
di fronte a una societ molto connessa e anche molto generosa nel concedere amicizie, ma spesso si incapaci di reale condivisione. Oggi, o si veloci o non si esiste, pare questo uno dei messaggi pi forti dellera tecnologica. Ma tutto rischia di diventare estremamente fluido: le relazioni e le amicizie sono veloci, durano lo spazio di un click o di un tweet. I sentimenti spesso sono riassunti in un mi piace utilizzato come assenso senza troppe spiegazioni. La tecnologia esalta lemozione. Il passato conta poco, il futuro nulla. Spesso rappresentiamo noi stessi per quelli che non siamo. Vediamo soddisfatto il nostro bisogno di essere cartelloni pubblicitari. Come uscire da questo oceano che ci sovrasta? Il professor Cantelmi ha detto che ci vogliono adulti coraggiosi e non adultiscenti, cio adulti che giocano a fare gli adolescenti. possibile governare questo processo di radicale cambiamento con atteggiamenti nuovi e antichi al tempo stesso: il bisogno di relazione e la bellezza non cesseranno mai. Luomo nuovo, anche quello digitale, esprime un bisogno antico. Lo stesso bisogno di sempre. (766)

il tempo di adulti coraggiosi e non di quelli che vivono ancora da adolescenti

La rete un nuovo luogo in cui si esprime il desiderio di senso

a rete, una risorsa di senso. Lo ha ribadito padre Antonio Spadaro, uno dei massimi esperti di internet, uno che con le nuove tecnologie ci sa veramente fare e le manovra con estrema disinvoltura. Lui, padre gesuita e direttore della Civilt Cattolica, la prestigiosa rivista nata a met Ottocento, dice che occorre vivere bene ai tempi della rete. Lo ha ribadito nei giorni scorsi, a Roma, durante un seminario di studi promosso dal Copercom, il coordinamento delle associazioni per la comunicazione, sotto la presidenza di Mimmo Delle Foglie, gi vicedirettore di Avvenire e portavoce del Family day. Internet non un congegno, uno strumento, un puro mezzo, ha ricordato padre Spadaro. Internet un ambiente, uno spazio di esperienze. Le nuove tecnologie contribuiscono a soddisfare il desiderio di senso e la tecnologia un fatto profondamente umano. Davanti allobiezione che in rete si trova tanto male, padre Spadaro obietta che dove ci sono bene e male significa che si tratta di un luogo spirituale. A questo proposito ha ricordato il decreto conciliare Inter mirifica in cui si parla della meraviglia e dello stupore verso le nuove tecnologie.

Occorre un nuovo approccio davanti a queste novit. I messaggi non possono pi essere calati dallalto, ma vanno condivisi. Luomo sempre pi interattivo e immersivo. Nella rete viene espresso il bisogno di conoscenza e relazione. Anche la rete, quindi, pu essere un luogo di senso, perch in essa si svolge parte della nostra vita. Esistiamo anche in rete, stata una delle conclusioni di padre Spadaro. Lo psicoterapeuta Tonino Cantelmi ha messo in guardia da diversi rischi. vero che ci troviamo

12

Gioved 25 ottobre 2012

Cesena

Scioperi, disagi e disservizi

Trasporto pubblico locale Il caos non manca


a Procura della Repubblica Negli ultimi anni si sono vuole vederci chiaro sulla susseguite le fusioni fra le diverse "epidemia" che, a inizio mese, ha lasciato a casa 68 societ di mobilit collettiva autisti di autobus della Start tra Lopinione del consigliere Forl e Cesena, gettando nello scompiglio pendolari e studenti. provinciale Maria Grazia Unassenza avvenuta di luned e Bartolomei alla vigilia di uno sciopero nazionale della categoria, tanto che c chi ha subito pensato ad uno stratagemma Bus, che in seguito ha incorporato altri autisti e "da ponte". Per questo a Forl stato aperto un societ locali, come Setram e Saces. Nel 2009 nuovo fascicolo dindagine, contro ignoti, per falso cambio di pelle di e-Bus in Avm (Area vasta ideologico. Le assenze, infatti, avrebbero reso mobilit), per arrivare poi alla fusione in Start impossibile la messa in strada degli autobus Romagna assieme alle aziende di trasporto del persino nelle fasce di servizio garantito dalla legge, ravennate e del riminese. Un vortice di passaggi con centinaia di studenti rimasti a piedi societari che ha creato nel personale posizioni allOltresavio, a Calisese e nella zona del Monte. diverse, con una disparit di trattamento tra i nuovi Ma lindagine in corso solo lultimo tassello nel assunti e i vecchi dipendenti, ognuno con i propri mosaico di problemi del trasporto pubblico locale. diritti acquisiti dalle societ precedenti. Che sconta un "peccato originale": lazienda di Ma alle arrabbiature dei passeggeri si trasporto pubblico Start Romagna, infatti, nata a contrappongono quelle degli autisti che furia di accorpamenti e per i lavoratori valgono denunciano le disparit di trattamento da un norme diverse. territorio allaltro, con differenze di centinaia di Prendendo a esempio il caso di Forl e Cesena, si euro in busta paga a parit di mansioni e ore pu notare come nel giro di poco pi di 10 anni gli lavorate. Nelle giornate di sciopero nazionale, gli autisti siano stati scorporati da Atr (divenuta autisti hanno lamentato inoltre una scarsa Agenzia per la mobilit) passando alla societ e-

attenzione da parte dellazienda che sarebbe sorda alle richieste loro e di buona parte degli utenti. Prova ne la carenza di corse sulla linea per la Valle del Savio, che obbliga gli studenti residenti a Bagno di Romagna a tornare a casa alle 5 del pomeriggio. Maria Grazia Bartolomei, capogruppo Udc in Consiglio provinciale, afferma che "il presidente della Provincia ha fatto bene, pochi giorni fa, a soprassedere sulla privatizzazione di Start Romagna che prevede di unire lazienda alla Tper. Questultima gestisce le linee di Rimini e Valmarecchia ed in perdita di 461mila euro lanno, come pure lo Start Romagna, di 2 milioni lanno. Nelloperazione societaria si intravvede la realizzazione di un disegno fatto a tavolino non certamente a vantaggio del nostro territorio. MiB

ANNIVERSARIO

La Fotonotizia | DallUruguay

Opera Don Dino Centro educativo pomeridiano


Il Centro educativo pomeridiano "Siamo in Onda" della Fondazione Opera Don Dino ha riaperto ai primi di ottobre, proponendo ancora una volta ai suoi iscritti attivit di sostegno allo svolgimento dei compiti e diverse attivit educative e ricreative. Il Centro Pomeridiano aperto luned, mercoled e gioved dalle 14.30 alle 18.30 presso le aule della scuola secondaria di primo grado "Via Anna Frank" a SantEgidio. I ragazzini, dagli 11 ai 15 anni, sono seguiti nelle attivit da una equipe di educatori esperti. Laccesso al Centro pu avvenire sia su richiesta diretta delle famiglie che attraverso la segnalazione della scuola e/o dei Servizi Sociali del Comune. Da novembre il Centro Pomeridiano attiver anche un nuovo servizio di sostegno ai compiti mirato ai ragazzi che frequentano la 1 superiore. Il Servizio sar attivo due pomeriggi la settimana, marted e venerd, dalle 14.30 alle 16.30. Per informazioni possibile contattare gli uffici della Fondazione al numero 0547 21592.

Marted 30 ottobre alle ore 20, in occasione dell11 anniversario della scomparsa dellamatissimo DINO CACCHI sar celebrata una Messa in suffragio nella chiesa parrocchiale di San Pio X alle Vigne I familiari ringraziano quanti vorranno partecipare

Proseguono i contatti con operatori internazionali del settore ortofrutticolo per promuovere il Mercato allingrosso di Cesena. Nei giorni scorsi sono stati ospitati alcuni imprenditori provenienti dallUruguay che visitando la struttura hanno avuto modo di apprezzare la qualit dei prodotti ortofrutticoli locali, le modifiche tecnologiche, commerciali ed organizzative del Mercato di Cesena. Marted 30 ottobre, al Mercato alle 17, si terr un incontro sullarticolo 62. Saranno presenti i tecnici di Studio Agor di Cesena e di Sedi (Forl).

Cesena

Gioved 25 ottobre 2012

13

Grande festa per i cento anni

Educazione
Nembrini parla di impresa possibile
Due appuntamenti importanti si sono svolti, nei giorni scorsi, per la Fondazione Sacro Cuore in occasione dei 25 anni. In Cattedrale, a Cesena, la messa di inizio anno scolastico stata presieduta dal vescovo Douglas Regattieri. Gli studenti e le loro famiglie hanno riempito il duomo. Erano presenti anche tutti gli insegnanti e il personale non docente. La preside Ombretta Sternini ha rivolto un saluto a monsignor Regattieri che ha risposto dicendo che la Fondazione si pone nel territorio locale come "una comunit educante in grado di crescere uomini e donne capaci di portare un messaggio forte nel deserto del mondo". Nellomelia, il vescovo Douglas ha detto che i ragazzi devono rispettare delle regole che aiutano nella vita di ogni giorno, ma "lunica vera regola - ha ribadito il presule - Ges. Lui il centro, il Maestro, lunico Signore della storia". Poi, richiamando tutti i presenti alla via della santit, possibile per tutti, ha affermato che anche "la scuola importante per diventare santi e voi siete qui da cristiani per rispondere alla vostra vocazione". In serata, in una chiesa di SantAgostino piena di gente, il professor Franco Nembrini, a Bergamo rettore di una scuola paritaria, ha raccontato la sua esperienza di educatore, lui che non si denisce un esperto di educazione. "Ho visto educare - ha detto in apertura -. Leducazione diventata unimpresa sempre possibile, ma faticosa e spesso dolorosa". I gli osservano gli adulti, li scrutano, li guardano, li giudicano e, spesso, agiscono di conseguenza. "Mio padreha aggiunto Nembrini - non faceva prediche e non ci diceva di pregare. Lui pregava. Si metteva in ginocchio nella nostra camera e pregava, davanti a noi bambini. Mio padre era povero, malato, aveva dieci gli, ma sapeva di verit e di menzogna, di vita e di morte, di salute e di malattia". Leducazione non un problema, ma una testimonianza da offrire. Non si deve avere paura di sbagliare. "I gli non perdonano la mancanza di speranza - ha detto in conclusione Nembrini -, lassenza del padre, la presenza di una casa a cui tornare, quella a cui pensava il gliol prodigo quando era lontano, a sperperare denaro. Leducazione misericordia, perdono, amore. Leducazione non pretende nulla, ma richiede un unico amore, proprio come quello che ci dona Dio che ci ama cos come siamo".

Madonna del Fuoco fiera di Luigina


arrocchia in festa a Madonna del Fuoco. Domenica 21 ottobre, durante la messa delle 11, tutta la comunit parrocchiale si stretta in un grande abbraccio alla parrocchiana Luigina Suzzi che il 18 ottobre ha raggiunto la bella et di 100 anni. Luigina Suzzi, vedova Egisto Montanari, ha tre figlie (Carla, Paola e Giovanna) e diversi nipoti, in buona salute e da tanti anni vive a Case Castagnoli di Cesena. Assieme al parroco don Primo Venturi, in tanti lhanno avvicinata per esprimerle complimenti e auguri: i bambini del catechismo le hanno consegnato una targa ricordo e lultimo arrivato della parrocchia, Matteo (lultimo nato in parrocchia) in braccio alla mamma Chiara, ha regalato a Luigina una orchidea, rappresentando cos una simbolica staffetta della vita. Nella foto in alto, Luigina Suzzi viene salutata dal parroco don Primo Venturi e riceve in dono unorchiedea da un bimbo piccolo con la madre. Sotto, lomaggio dei bambini del catechismo

I bambini del catechismo le hanno regalato una targa e ha ricevuto da un bimbo, in braccio alla mamma, unorchidea

La Fotonotizia | Traffico da risolvere

Un cesenate a Milano Romano Colozzi confermato in Giunta della Regione Lombardia


Il cesenate Romano Colozzi stato confermato assessore al Bilancio nella giunta regionale della Lombardia. Colozzi stato uno fra quelli a non essere minimamente coinvolto negli scandali dei giorni scorsi, che hanno portato allarresto di diversi assessori. Della nuova Giunta (11 i nuovi assessori e due sottosegretari) fanno parte anche il confermato vicepresidente, il leghista Andrea Gibelli, che avr la delega alle Attivit produttive. Entrano poi un tecnico, il presidente dellassociazione italiana Sla, Mario Melazzini, nuovo assessore alla Sanit, e un docente della Bocconi, Andrea Gilardoni, alle Infrastrutture e mobilit. Valentina Aprea invece assessore allOccupazione, Politiche del Lavoro, Istruzione, Formazione e Cultura. A Territorio, Protezione civile e casa stato nominato assessore il generale Nazzareno Giovannelli, alla Famiglia Carolina Elena Pellegrini, ad Ambiente e Reti Leonardo Salvemini, al Turismo Giovanni Bozzetti, allAgricoltura Giuseppe Elias, e allo Sport Filippo Grassia.

Vigili pronti a spiccare multe e genitori che si rendono volontari per smistare le auto dirette alla scuola. Ha sortito i suoi effetti il video-denuncia sulla sosta illegale davanti al Sacro Cuore realizzato dal comitato "Lasciateci laria per respirare". E il 7 novembre in Comune si terr un incontro per cercare di riattivare il Piedibus: esperienza che al Sacro Cuore si interrotta, dopo aver debuttato nel passato anno scolastico, per lindisponibilit dei genitori a offrirsi come accompagnatori. In zona istituito un divieto di sosta, non di fermata.

I VIAGGI DI GRUPPO FIRMATI ROBINTUR Splendidi tours esclusivi con accompagnatore dallItalia
TOUR DELLA THAILANDIA: BANGKOK E IL NORD Volo da Bologna, dal 25 novembre al 4 dicembre 2012 quota da 1.730 euro

VACANZE, TOURS E SOGGIORNI E PELLEGRINAGGI AUTUNNO 2012


MAR ROSSO - SHARM EL SHEIKH SPLENDIDO CLUB SUL MARE dal 25 novembre al 2 dicembre, 8 giorni, volo da Bologna Veraclub Queen Sharm all inclusive, ultimi posti! KENIA MARE 9 giorni, 7 notti. Partenza 3 novembre Splendido club a Watamu. All inclusive ISOLA DI ZANZIBAR 9 giorni, 7 notti. Partenza 6 novembre Splendido club all inclusive

PER IL 2013 ABBIAMO PROGRAMMATO 11 TOUR FIRMATI DI GRUPPO


TOUR MESSICO Citt del Messico e tour della bassa California... con le sue balene volo da Bologna, 13 giorni dal 16 gennaio 2013 da 2.895 euro TOUR DELLA BIRMANIA Yangon, Lago Inle, Mandalay, minicrociera sul fiume, Bagan 13 giorni dal 13 al 25 febbraio 2013, volo da Roma da 2.990 euro

da 540 euro

da 990 euro

Ecco gli altri tour 2013: CUBA, OPPURE CINA - LA SPAGNA DEL NORD, OPPURE IL TOUR DEL MAROCCO - TOUR DEL MAGNIFICO PER - TOUR DELLUZBEKISTAN TOUR DELLISLANDA - TOUR DELLA TURCHIA - TOUR SUD AFRICA - TOUR DELLAUSTRALIA Programmi disponibili da ottobre 2012

da 1.050 euro

SONO IN PREPARAZIONE I PROGRAMMI DI GRUPPO DEI PELLEGRINAGGI VENERI-ROBINTUR 2013: TERRA SANTA, LOURDES, SANTIAGO DE COMPOSTELA E CAMINO...

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it/viaggi-veneri


VI INVITIAMO A VISITARE IL NOSTRO SITO INTERNET WWW.ROBINTUR.IT PER LE NOSTRE OFFERTE DI VIAGGI, SOGGIORNI, TOURS E CROCIERE AUTUNNO-INVERNO 2012

VIAGGI VENERI

14

Gioved 25 ottobre 2012

Cesena

Ultimi giorni per visitare la kermesse

Case e sposi protagonisti alla fiera di Pievesestina


ltimo fine settimana a Confartigianato e Cna in prima linea Cesena Fiera con "Arredo con dimostrazioni di acconciature Casa" e il "salone della sposa e cerimonia" (si e sfilate di moda. Non manca chiude domenica 28 ottobre lo spazio Arte & Design, un percorso alle 20). Sar un fine settimana con un in cui si possono ammirare proposte evento al giorno. Si inizia venerd 26 di arredamento ottobre con una degustazione serale di torte per gli sposi preparate da "SI" o per una qualsiasi altra cerimonia (dal maestri pasticceri e ci si potr rendere conto della compleanno allanniversario, dalla consegna di raffinatezza dei sapori e della pregevolezza delle riconoscimenti alla festa di fine lavoro). realizzazioni. Da sottolineare che alcuni suggerimenti Sar anche possibile confrontarsi con quei servizi e vengono dai "modelli" di torta esposti in vari stand. quelle tecnologie che rendono la casa pi sicura, pi Una bella sorpresa viene dal concorso cui si partecipa abitabile secondo gli standard del Vivere Bene e, tramite una cartolina da compilare. Fra le cartoline soprattutto, consentono risparmio energetico e consegnate, domenica 28 ottobre, saranno estratti i capacit di consumare energia autoprodotta. vincitori di Buoni sconto da 500 e da 1.000 euro, da E se lo Spazio Bimbi un "classico" di Arredo casa, nel spendere negli esercizi degli espositori di "Arredo Padiglione B stato organizzato Arte & Design, un Casa" entro il 30 novembre. percorso in cui si possono ammirare proposte di Arredo Casa e il Salone della Cerimonia costituiscono arredamento e complementi sui generis, con "pezzi" una manifestazione che offre un grande spazio di oltre particolari, fra cui una poltrona di cartone, un 15mila metri quadrati espositivi, in cui si possono biliardino in acciaio, le lampade a forma di casette e i vedere e confrontare tante soluzioni per la propria quadri dellAdac, lAssociazione degli artisti cesenati. casa, sia che si cerchi un arredamento completo sia Nello stand di Confartigianato Federimpresa Cesena, che si voglia rinnovare parti di esso, oppure i complementi darredo, oltre che avere una panoramica sabato 27 dalle 18 alle 22 c una dimostrazione di di tutto quanto pu essere organizzato per il giorno del acconciature tradizionali e per la sposa.

Nello stand della Cna, domenica 28, si potr assistere (o "diventare modelle") al set in cui varie professioniste dellassociazione di Forl-Cesena si alterneranno, mostrando come truccarsi e acconciare i capelli. Fra le novit che gli espositori porteranno a Cesena, sono gi state segnalate una asciugatrice (per panni) a gas, che pu essere installata anche in balconi e verande, una serie di prese per placche aspiranti, un sistema aspirante centralizzato non invasivo. Allinterno del "Salone della Sposa e Cerimonia" alle 17 di sabato 27 ottobre e di domenica 28, ritorna lormai tradizionale appuntamento con i maghi dellago e della creativit della Cna di Forl-Cesena: in entrambi i giorni si terr la classica sfilata di moda che punteggia le edizioni della rassegna cesenate, con abiti da cerimonia e da sposa, realizzate con il supporto delle imprese artigianali e commerciali presenti alla fiera.

Calisese, Dina e Aldo Siroli sposi da 65 anni


Babbo Aldo e mamma Dina oggi, 25 ottobre, festeggiano 65 anni di nozze. Sono attorniati dai loro nove gli, due dei quali, Carlo e Giovanni, partecipano festosi dal cielo e M. Maddalena dalla lontana India, dove si spende per il servizio a Ges e ai poveri, come missionaria della Piccola famiglia della Resurrezione. La loro vita la testimonianza del grande amore che Dio Padre ha sempre avuto per loro. Tutto ci che sono e hanno solo un Suo immenso dono damore. Ripercorrendo la loro storia, sono stati tanti i momenti in cui hanno sentito profondamente il bisogno di aggrapparsi a Lui, unica ancora di salvezza. La Sua misericordia e la Sua grazia hanno dato loro il coraggio di non arrendersi mai davanti alle difficolt e alle fragilit. La forza della preghiera (insieme recitano lodi e vespri), dei Sacramenti e delleucaristia sono stati, e continuano ad essere, il principale nutrimento della loro esistenza. Nella bellezza e ricchezza del loro "s", promesso 65 anni fa, nasce un dono incommensurabile: i gli, segno grande della ducia che Dio ha posto in loro e che hanno dato una carica e una esultanza particolare al loro matrimonio. Quel piccolo seme, col passare degli anni, diventato un albero rigoglioso e la loro famiglia ora veramente bella. I 19 nipoti e pronipoti sono la loro gioia e la loro consolazione. Grazie babbo Aldo e mamma Dina, perch avete risposto allAmore con lamore. Vi vogliamo tanto bene. La vostra grande famiglia

Albatros, un giornalino che cresce

Liceo scientico del Sacro Cuore Premiato un giovane studente


Il Liceo Scientico della Fondazione del Sacro Cuore ha colto un risultato particolarmente brillante nella selezione nazionale del Concorso Teen Reporter, volto a favorire lincremento del giornalismo scolastico nelle secondarie di secondo grado. Tommaso Faedi, alunno di seconda Liceo, ha ottenuto il primo posto con un articolo sul tema "I ragazzi e la fatica: perch i ragazzi soffrono in silenzio?". Al concorso partecipavano 59 scuole superiori italiane, fra le quali alcune di grande prestigio, e il risultato ottenuto da Tommaso Faedi appare particolarmente signicativo, in quanto il suo articolo, staccando nettamente gli altri, ha ottenuto 9 in tutti gli indicatori e 10 nella positivit del messaggio. Ora la redazione del Sacro Cuore, formata da Tommaso Faedi, Simone Pracucci e Marcello Barbarossa accede alla fase nale del Concorso con le venti scuole prime classicate, in cui cercher di mettere a frutto il lavoro sviluppato in questi anni nel dar forma all "Albatros", il giornale dIstituto del Liceo.

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

ZONA SEMINARIO/OSPEDALE: in palazzina immersa nel verde e nella tranquillit appartamento al piano rialzato composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 3 letto, 2 bagni, terrazzo, cantina e ampio garage. 260.000 / Rif. 1129 VIA ROVERSANO: su una corte di circa 340 mq casa indipendente composta al primo piano da cucina, retro, soggiorno, 3 camere, bagno e balcone; al piano terra 2 ripostigli e garage; al piano interrato cantina; nella corte esterna garage pi ripostiglio in lamiera. Informazioni in ufficio AFFITTI ZONA STADIO: appartamento di ampie dimensioni ristrutturato al quarto piano con ascensore composto da soggiorno, cucina abitabile, 2 letto matrimoniali, bagno con vasca e doccia, ripostiglio, balcone, cantina. ARREDATO. Libero da settembre. 640 mensili / Rif. 1195 ZONA CENTRALE: appartamento di recente costruzione composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi e garage. Impianti a norma e indipendenti. ARREDATO. 650 mensili / Rif. 1085 ZONA SEMINARIO: in palazzina molto riservata appartamento al primo piano composto da soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, bagno, 2 balconi di cui 1 verandato, garage, cantinetta e ampio giardino condominiale. ARREDATO. 670 mensili / Rif. 0329 VIGNE: n palazzo degli anni 90 allultimo piano con ascensore appartamento molto luminoso composto da soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, bagno, 2 balconi, garage e uso esclusivo di parte del tetto a terrazzo. OTTIMO STATO. PARZIALMENTE ARREDATO. 600 mensili / Rif. 1192

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com
SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso

CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. BORCA DI CADORE: in palazzina signorile ultimi due appartamenti. Ottimo investimento. Informazioni in ufficio.

Cesenatico

Gioved 25 ottobre 2012

15

Il consuntivo delle iniziative promosse in estate

Limpegno dei pescatori per i terremotati emiliani


pescatori di Cesenatico hanno La cooperativa Casa raccolto circa 10mila euro per i del Pescatore ha raccolto terremotati emiliani. Nei giorni del sisma hanno stanziato, 10mila euro, di cui ottomila attraverso la cooperativa Casa del durante la rustida al Mercato ittico, Pescatore, duemila euro sul conto aperto dalla Regione. Poi hanno il 14 agosto organizzato una grande cena il 14 agosto alla quale ha partecipato anche una delegazione di Rovereto cittadini di Rovereto e che ha sulla Secchia, provincia di Modena. E nelloccasione lasciato ai pescatori molto di pi di sono stati raccolti altri 8000 euro. "Con il consuntivo della Rustida dei pescatori - spiega quanto hanno portato in quel territorio sconvolto dalle rovinose il presidente Arnaldo Rossi - del 14 agosto organizzata scosse sismiche". nellarea adiacente al Mercato ittico allingrosso, abbiamo completato il nostro impegno per il progetto In occasione della rustida i pescatori hanno ottenuto una di aiuto ai terremotati. Alla rustida hanno partecipato deroga speciale: non va circa duemila turisti e il tutto stato organizzato dalla dimenticato, infatti, che si era nel marineria di Cesenatico attraverso le sue periodo del fermopesca. "Abbiamo organizzazioni Coop. Casa del pescatore e chiesto alla direzione generale del Associazione produttori pesca". Ministero di derogare rispetto al Il gruppo di Cesenatico ha voluto vedere da vicino la divieto di pesca durante il fermo situazione in Emilia e, nel mese di luglio, una biologico. Il Ministero ha capito le rappresentanza della cooperativa si recata a buone intenzioni della nostra Rovereto sulla Secchia per offrire una cena alla richiesta e ha concesso il via libera a popolazione, in segno di amicizia e solidariet quattro motopescherecci. Si "Si trattato di unesperienza straordinaria - ricorda trattato del Barbara, Bermuda, Rossi - e ricca di umanit, cui hanno aderito oltre 500

Marvin II e Vikingo. Il pescato, oltre a essere cucinato nella sera della festa, cui hanno partecipato migliaia di turisti e la delegazione di Rovereto sulla Secchia, stato venduto in via straordinaria presso lasta del Mercato ittico allingrosso". "Come cooperativa e associazione conclude Rossi - ringraziamo, attraverso le colonne di questo giornale, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e della pesca e tutte le persone che, con il proprio lavoro offerto gratuitamente, hanno permesso di ottenere questi importanti risultati".

La Fotonotizia | Lavori ultimati

Triglie importate e sottomisura

Prodotto ittico fuori norma Sequestrati 510 chili


Durante alcuni controlli, nei giorni scorsi i militari dellUfficio Circondariale Marittimo e i Carabinieri di Cesenatico hanno effettuato un sequestro giudiziario di 510 chili di prodotto ittico per il quale si ipotizza il reato di frode nellesercizio del commercio. Le indagini in corso sono partite da una ditta presente nel Comune di Cesenatico che acquista pesce fresco e dopo averlo lavorato lo confeziona per la vendita e il consumo. Nelle celle frigo della ditta i militari hanno trovato prodotto ittico con denominazione commerciale triglia di scoglio (nome scientico Mullus surmuletus) che a un primo esame visivo, successivamente confermato dal Servizio veterinario dellAusl di Cesena, risultato essere triglia atlantica (nome scientico Pseudupeneus prayensis) di minor pregio rispetto alla triglia di scoglio. Le caratteristiche morfologiche che hanno insospettito il personale della Guardia Costiera e che sono state confermate dallente sanitario, riguardano la mancanza di due bande trasversali gialle sulla prima pinna dorsale, caratteristica tipica della triglia di scoglio e inoltre la presenza di una piccola spina in prossimit delle branchie. Compito dei militari del Corpo delle Capitanerie di porto quello di risalire la liera commerciale del prodotto ittico in ogni suo passaggio per individuare eventuali violazioni della normativa vigente in materia. In ci, emerso che la ditta di Cesenatico ha acquistato il prodotto ittico da una societ con sede a Cervia intestataria dei documenti commerciali dai quali risulta la vendita del pesce come triglia di scoglio. Nei confronti di questultima ditta, importatrice dalla Spagna di prodotti ittici, stato ipotizzato il reato di frode nellesercizio del commercio per aver venduto una specie diversa da quella dichiarata con presumibile volont di lucrare sulla differenza di costo e di pregio del tipo di triglia.

Sono finiti nei giorni scorsi i lavori per la realizzazione delle barriere mobili sul canaleVena, allaltezza del ponte della ferrovia. le barriere, progettate dallingegnere Daniele Domenichini del Consorzio di bonifica, serviranno a proteggere il centro di Cesenatico dalle alluvioni da monte.

Per la tua pubblicit sul CORRIERE CESENATE


e sul sito www.corrierecesenate.com
La tua pubblicit SPEDITA IN ALLEGATO al CORRIERE CESENATE raggiunge gli abbonati nelle zone di Cesena, Cesenatico, Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Gambettola, Longiano, Roncofreddo, Sogliano al Rubicone, Montiano, Mercato Saraceno, Bagno di Romagna, Sarsina, Verghereto

contatta: 0547 300258; commerciale@corrierecesenate.com

16

Gioved 25 ottobre 2012

Valle del Rubicone


non viene meno alla sua costante vicinanza al territorio. "Nonostante la crisi - si legge in una nota della banca - una corretta e prudente gestione, identicata da sempre come linea guida dal Consiglio di amministrazione, ha permesso di ottenere importanti crescite rispetto al 2011. Nel primo semestre 2012 si sono deliberati 294 mutui per un totale superiore ai 24 milioni di euro, e nuovi affidamenti per 13 milioni, destinati a famiglie e imprese della zona. Nello stesso tempo sono state concesse dilazioni su mutui per un ammontare di oltre 3,5 milioni per le famiglie e oltre un milione di euro per le imprese". Il margine di interesse cresciuto in doppia cifra, la raccolta diretta, ovvero le masse affidate alla banca sotto forma di depositi e conti correnti, del 3,1 per cento, il che testimonia un forte radicamento e sostegno che viene dal territorio, a fronte di una limitata maggiore incidenza dei costi operativi, facendo balzare in avanti il risultato positivo.

Bcc di Gatteo, semestrale con risultati positivi


Nei primi sei mesi deliberati 294 mutui per oltre 24 milioni a sostegno di famiglie e imprese
In un momento particolarmente acuto della crisi dove il sistema bancario e le imprese sono in totale contrapposizione sulle tematiche del credito, la Banca di Credito Cooperativo di Gatteo si distingue come realt locale che, pur risentendo della crisi e del rallentamento economico,

Venerd mattina transitano le prime auto

Gambettola
Piste ciclabili
E stata presentata alla presenza del sindaco di Gambettola Iader Garavina, degli assessori Mauro Foiera e Roberto Sanulli, della dirigente scolastica dellIstituto comprensivo Maria Annunziata Angelini, la mappa dei Percorsi sicuri. Si tratta di un dpliant che riporta lindicazione delle piste ciclopedonali percorribili sulla rete delle strade comunali, che presto sar recapitato a tutte le famiglie del territorio. Una vera e propri mappa per informare i cittadini - ha precisato il sindaco - voluta dallAmministrazione con lobiettivo di favorire e incentivare la mobilit in sicurezza, nel territorio comunale, attraverso le piste ciclopedonali. A Gambettola, che ha una supercie di appena 7,5 chilometri quadrati, si sviluppa una rete stradale di circa 40 chilometri e la rete di percorsi sicuri si snoda per circa 9 chilometri, pari al 21,5 per cento del totale. Piero Spinosi

Valle del Rubicone Su le sbarre al casello


a data storica per il territorio locale: venerd 26 ottobre verr apaerto il nuovo casello autostradale Valle del Rubicone. "Riguardo al nome - spiega Roy Berardi, responsabile comunicazione della strada dei Vini e dei sapori di Forl-Cesena - la scelta di Societ Autostrade di significativa importanza. Direi quasi rivoluzionaria, se misurata allinteresse turistico e culturale delle nostre localit. Per la prima volta non viene privilegiata la evidenziazione di una destinazione comunale, bens la destinazione di distretto; e questo molto positivo perch asseconda la tendenza ad una promozione turistica moderna, attraverso brand meno asfittici del perimetro di un Comune. Ma il merito della scelta del nome, che nel periodo medio-lungo potr giovare a una strategia turistica territoriale romagnola realmente integrata, tesa a valorizzare lentroterra, ricco di motivazioni storiche, artistiche ed enogastronomiche". Centinaia di migliaia di automobilisti (nel giro di alcuni anni, milioni),

Roy Berardi: "Luscita autostradale pu rappresentare una grande opportunit turistica per tutto il territorio"
vedranno e rivedranno nella indicazione di uscita per la Valle del Rubicone, questo toponimo, "Rubicone". Forse molti collegheranno per la prima volta la parola a questi luoghi romagnoli. Lopportunit che data a tutto il bacino della Romagna meridionale, grande. "Nei libri di testo di tutte le scuole del mondo - continua Berardi - riferendosi alla decisione di Cesare di ribellarsi al Senato romano e marciare su Roma, presente il toponimo "Rubicone". Non solo: lespressione "varcare il Rubicone" da secoli, in tutto il mondo, la sintesi del processo psicologico/comportamentale che porta dallincertezza sul da farsi, alla risolutezza della decisione presa e irrevocabile". Le autorit provinciali e i Comuni compresi tra Cesena e Rimini hanno un preciso obiettivo turistico-culturale da portare avanti: valorizzare i musei e le vestigia romane di Rimini, Savignano, Forlimpopoli, Sarsina. E senza dimenticare la Centuriazione romana. "Tra laltro - conclude lesperto - c chi batte le ragioni dell Urgon di Calisese, dove sussistono indizi che lo individuano come il rio dello storico confine tra la Gallia e Roma. E una incertezza storica e culturale, che d vita, tra le localit di Savignano e di Calisese, a una simpatica e frizzante concorrenza: che per i turisti rappresenterebbe una curiosit da approfondire".

LAUREA

Roncofreddo, inaugurazione locali Asp


Saranno inaugurati sabato 27 ottobre a Roncofreddo i locali della nuova comunit alloggio e del nuovo centro di aggregazione per anziani. A ospitare la struttura sar lo storico immobile di piazza Allende, nel cuore del borgo di Roncofreddo, il cui restauro stato curato dallAsp del Rubicone. "Grazie a questo intervento - fa sapere il presidente dellAsp del Rubicone, Ettore Stacchini, lAzienda offre una risposta concreta alle esigenze della popolazione anziana del territorio, mettendo a disposizione il proprio contributo di impegno professionale e di risorse a sostegno del sistema di welfare e delle politiche sociali". Linaugurazione dei nuovi locali prevista per le 11 di sabato 27 ottobre. Interverranno, il sindaco di Roncofreddo, Franco Cedioli, il presidente della provincia di Forl-Cesena, Massimo Bulbi, il parroco don Fernando Dellapasqua. (Mv)

Tutti gli amici della redazione del Corriere Cesenate si congratulano con LORENZO SPADA di Badia di Longiano per la laurea magistrale in Chimica conseguita col massimo dei voti e la lode a Bologna con la tesi Characterization of non covalent inter- and intra-molecular interactions by using rotational spectroscopy, con il prof. Walther Caminati

Il loggiato presentava diverse lesioni sia sulle colonne sia sul paramento murario superiore. L intervento terminer entro il prossimo mese di marzo

Longiano, lavori di ristrutturazione al castello


La veduta del Castello malatestiano di Longiano presenta da giorni vistose impalcature. Dopo un lungo iter burocratico, sono iniziati lo scorso 8 ottobre i lavori di restauro. Le operazioni sono state affidate alla ditta "Antonini Gregorio e C." di Sarsina, vincitrice dellappalto. Il termine contrattuale per la loro ultimazione previsto in 150 giorni consecutivi e dovrebbero terminare entro l8 marzo 2013. I lavori sono partiti dal consolidamento delle colonne sul lato ovest del loggiato e, grazie al tempo favorevole, procedono senza ritardi. Linvestimento si aggira sui 50mila euro. Lintervento, coperto da un avanzo di bilancio della vecchia amministrazione, riguarder la struttura del loggiato, del parapetto e delle arcate. Sar consolidato quanto in precedenza gi fatto, dal momento che le raggiere sorrette da pali di metallo, introdotte nel 2010 a sostegno delle arcate, non si sono rivelate particolarmente efficaci. Il colonnato stava nuovamente mostrando segni di cedimento e lanima di ferro era a nudo in alcuni punti. "Lintervento edilizio in corso di realizzazione al Castello malatestiano spiega il sindaco di Longiano Ermes Battistini - consiste in un consolidamento statico del loggiato. Prima dellinizio dei lavori, il loggiato presentava diverse lesioni sia sulle colonne sia sul paramento murario superiore. Sostanzialmente i lavori previsti consistono nellinserimento di anime in acciaio allinterno delle colonne e nelle arcate del loggiato. prevista linstallazione di una centinatura dacciaio di supporto agli archi che scaricher i pesi sui tubolari esistenti, a loro volta rinforzati, i quali sgraveranno i carichi su piastre poste sulla sottostante muratura (parapetto). In corrispondenza dellimposta degli archi, sovrastanti i capitelli, saranno installate delle catene di collegamento (tiranti), al fine di rendere solidali le arcate una allaltra. I lavori di smontaggio e inserimento dei componenti metallici saranno realizzati in maniera graduale, per gruppi di due arcate per volta. In tal modo lunitariet strutturale non subir variazioni di carico repentine. Per la ricostruzione tipologica delle colonne si prender come riferimento quelle dangolo, mentre gli elementi in laterizio di rivestimento saranno eseguiti ex novo, con tecniche artigianali, tramite la realizzazione di stampi e non per tornitura o fresatura. Le malte utilizzate saranno essenzialmente a base di calce e lo spessore delle fughe e la finitura superficiale delle stuccature richiameranno quelle esistenti". Matteo Venturi

Valle del Savio

Gioved 25 ottobre 2012

17

Sono quasi 3700 gli imprenditori associati

La Cna Cesena-Valsavio punta sullenergia pulita


a Cna punta sulle energie Il presidente Bissoni: "Occorre rinnovabili e sulla avviare un percorso riqualificazione degli edifici. Con 3.700 imprenditori di rigenerazione del patrimonio associati, di cui oltre 1.000 giovani, edilizio invecchiato, riducendo 850 donne e 100 stranieri, 1.300 contabilit, 4.400 dichiarazioni dei linquinamento, fermando redditi e 3.850 cedolini elaborati il consumo di territorio" mensilmente e 1.700 pensionati associati La Cna cesena-Valsavio la da Unioncamere, una delle possibili ricette anticrisi di pi importante associazione di imprese del territorio. questi anni stata proprio la green economy, Un tema caldo quello della riqualificazione degli potenzialit a cui ha guardato con interesse il 30 per edifici. "Abbiamo prodotto uno specifico progetto cento delle piccole e medie imprese italiane. Un settore spiega il presidente Sanzio Bissoni (a sinistra nella che ha fatto nascere molteplici professionalit e nuove foto) - dal titolo ristrutturare rigenerare, riorganizzare opportunit per le imprese. Anche nel nostro territorio la citt per una nuova qualit dellabitare, presentato a ci sono spazi di crescita. Peraltro la nostra una delle Cesena lo scorso aprile. Occorre avviare un percorso di poche regioni che si dotata di un piano energetico, rigenerazione del patrimonio edilizio invecchiato, con precisi obiettivi e risorse economiche: 140 milioni riducendo linquinamento, bloccando il consumo di di euro la cifra destinata al piano triennale 2011territorio, ridisegnando parte delle nostre citt e 2013". contribuendo a ridare ossigeno a un settore, il In questo contesto Cna da sempre in prima linea comparto casa, particolarmente colpito dagli effetti nellindividuare nuove opportunit di sviluppo per le della crisi". proprie imprese, partner affidabile per la ricerca di Seguendo lesempio dei paesi economicamente pi strumenti e contatti per realizzare idee e trasformarle avanzati, quanto mai indispensabile orientarsi verso in applicazioni imprenditoriali vincenti. uno sviluppo sostenibile. Su questo versante Cna ha finanziato una "Mappatura "Anche perch - aggiunge Roberto Sanulli (al centro dei regolamenti comunali in materia di energia". "Il nella foto), responsabile di zona - come testimoniato

risultato - conclude il presidente - stato assolutamente deludente: c grande eterogeneit ad esempio fra i regolamenti dei comuni per quanto riguarda linstallazione di impianti per la produzione di energie rinnovabili. Di qui la necessit di giungere al pi presto ad una armonizzazione del quadro normativo urbanistico, magari partendo proprio dallesempio del piano energetico del capoluogo". Ci sono poi molti strumenti specifici attivati dal sistema Cna Forl-Cesena per affiancare le imprese: dallo Sportello energia, con il Progetto Empower, che assicura risparmi fino al 30 per cento nellacquisto di energia; al Servizio ambiente attivo in materia di ecoincentivi; alla formazione, attraverso Ecipar, su temi quali la gestione aziendale ecosostenibile o lanalisi del ciclo di vita del prodotto; o infine Paghe impatto zero, un servizio che elimina completamente luso della carta.

Monsignor Prowse in parrocchia

Mercato Saraceno
Ancora lupi a Taibo
Dopo lunghe settimane in cui non se ne era pi vista lombra, i lupi sono tornati alla carica a Taibo di Mercato Saraceno. Sabato notte una pecora dellallevamento di Stefano Tozzi stata sbranata al pari di quelle uccise nello scorso mese di agosto. Gli animali selvatici sono giunti di notte e hanno attaccato un esemplare che si trovava in un recinto allaperto. A ne agosto vi erano stati ripetuti attacchi che avevano ucciso sei capi del gregge. La gente del luogo si era spaventata parecchio anche se gli esperti dicono che praticamente impossibile che i lupi attacchino luomo: eventi che, normalmente, si vericano solo nelle abe. Lallevatore Tozzi non si scoraggia: nelle prossime settimane aprir un punto vendita, situato sulla strada principale, in cui sar effettuata la vendita diretta di carni di suino, fresche e stagionate e altri prodotti del territorio.

DallAustralia a Roma passando per San Piero


Nei giorni scorsi a San Piero in Bagno si fermato anche un vescovo australiano, monsignor Christopher Prowse, vescovo di Sale, vicino a Melbourne, uno dei sette vescovi dellOceania impegnati nel Sinodo in corso a Roma sulla "Nuova Evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana". Non la prima volta che si ferma a San Piero, poich conosce il parroco don Rudy, col quale ha condiviso una parte del percorso di studi teologici. La diocesi di Sale territorialmente vasta come la Sicilia, ma comprende circa 500.000 abitanti e i battezzati sono solo il 28 per cento. Le parrocchie sono 27 con 40 sacerdoti. Anche in Australia si sente la crisi economica e il costo della vita aumenta. "In Australia si scelto di lavorare e correre per mantenere un livello alto di vita - dice monsignor Prowse -. Siamo molto distratti, la vita diventata molto superficiale. Bisogna trovare il tempo per aprire il cuore a Dio". Domenica scorsa il vescovo Prowse ha celebrato la Messa in parrocchia coinvolgendo piccoli e grandi attorno alla figura dei "cangurini", che si svegliano al

IL VESCOVO AUSTRALIANO MONSIGNOR CHRISTOPHER PROWSE (A SINISTRA) CON DON RUDY TONELLI

mattino e guardano in alto e alla sera chinano il capo e si raccolgono, come se al mattino pregassero pieni di speranza davanti al nuovo giorno e alla sera, ancora, come se pregassero per ringraziare della giornata trascorsa. Nel pomeriggio, con don Rudy Tonelli, il vescovo Prowse ha fatto tappa alla Verna, dove ha incontrato anche il sampierano frate Michele Pini. Alberto Merendi

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

18

Gioved 25 ottobre 2012

Solidariet
allAssociazione genitori ragazzi down Grd di Cesena. Nel primo pomeriggio si sono svolti anche il piccolo mercato locale con prodotti tipici, laboratori allaria aperta con le botteghe dei mestieri, dellhobbistica, e Jolly casa di Silvia Degli Angeli che ha aiutato i bambini a creare piccole opere. Larte era inoltre presente con i pittori Luciano Navacchia, Adriano Maraldi, Giuliano Giuliani, Nereo Castellani, Stefano Teodorani, Davide Caprili e Gabriele Giombetti. I presenti hanno gradito anche il ristoro con polenta al rag e Sangiovese, castagne, cagnina, vin brul, e per i pi piccoli: pizza, pane e Nutella. Nel pomeriggio, musica con i gruppi Happy rock e Gorg scur. Pista da ballo e danze della tradizione popolare a cura del Gruppo balli popolari. Ha collaborato alla riuscita della manifestazione la Bcc Sala di Cesenatico presente anche con uno proprio stand. Vari i gruppi di volontariato presenti, tra cui lAvis di Cesena, la Casa di riposo Violante Malatesta, le associazioni Libera e Donne marocchine.

Beneficenza e tradizioni a Case Finali di Cesena


esta dautunno tra F tradizioni. Domenicabenecenza eCase ha scorsa molta gente affollato gli stand nel piazzale Moretti di Finali, a Cesena, dove si svolta la festa del quartiere Fiorenzuola. Dopo la camminata nella valle di Rio Marano, il ritrovo nella piazza di fronte al Conad, con torneo di Burraco il cui ricavato stato devoluto in benecenza

Corso di formazione Essere volontari


Formarsi per continuare... o per cominciare
Chi desidera ridare un senso al proprio servizio di volontariato, ritrovare lo stile giusto, o ricevere consigli utili su come rapportarsi allaltro, in particolare alla persona affetta da demenza, pu iscriversi al ciclo dincontri Formarsi per continuareo per cominciare, promosso a Cesena dallassociazione Amici di Casa Insieme in collaborazione con Assiprov. Linvito rivolto non solo alle persone gi attive, ma a chiunque sia disposto a impegnarsi in unesperienza nuova nellambito del volontariato. Lappuntamento di apertura, Essere volontari in relazione con lAltro, si svolger marted 30 ottobre, dalle 20,30 alle 22,30, nella sala Monty Banks di corso Comandini 7, a Cesena, e sar condotto dalla psicologa formatrice del Consorzio Solidariet Sociale di Forl, dottoressa Barbara Ghetti. Il percorso proseguir con tre approfondimenti riguardanti le demenze, che avranno luogo dalle 20,30 alle 22,30 nella sede di Assiprov, in via Serraglio 18: mercoled 7 novembre la psicologa del Consultorio Demenze di Cesena, Guia Martinenghi, affronter il delicato tema Il mondo della persona con demenza: dai vuoti di memoria ai mancati riconoscimenti; mercoled 14 novembre Lidia Silvano, psicologa esperta in Psicologia dellInvecchiamento, terr un intervento dal titolo Lagire scompaginato del malato: dallinquietudine allindifferenza; marted 20 novembre, inne, la psicologa dellassociazione Amici di Casa Insieme, Mariagiovanna Bonasso, tratter il tema Stare e fare con il malato, a casa e durante le iniziative di Amici di Casa Insieme. Il ciclo dincontri gratuito, ma per partecipare necessario iscriversi contattando il numero 0547 691695, dal luned al venerd in orario mattutino.

Originario di Gambettola referente AssiSla per la provincia Forl-Cesena

Maurizio Gentilini, una voce amica per la Sla


associazione regionale AssiSla, che si occupa degli ammalati di Sclerosi Laterale Amiotrofica (Sla), nei giorni scorsi ha nominato il gambettolese Maurizio Gentilini proprio referente per la provincia di Forl-Cesena. A darne notizia stato lo stesso Gentilini, anchesso ammalato di Sla, per comunicare la sua disponibilit a tutti coloro che desiderano informazione sulla malattia, oppure hanno un familiare colpito dal male. Lassociazione onlus AssiSla si sostiene attraverso il 5xmille o donazioni e lasciti ed componente fondatore di Rete Sla, la rete italiana delle associazioni sclerosi laterale amiotrofica. AssiSla che nata in memoria di Raffaella Albertini nel 2005, offre assistenza alle persone colpite da Sla o malattie simili in Emilia Romagna e alle loro famiglie, attraverso lintegrazione sussidiaria con lazione delle Aziende Ausl e il sistema sociale, offrendo informazione, consulenza e sostegno alla ricerca scientifica sulle stesse malattie. Sono oltre 5mila in regione gli ammalati di Sla segnalati, di cui 400 i terminali seguiti dallassociazione. Da oltre tre anni - precisa Maurizio Gentilini - mi stata diagnosticata la malattia. Allinizio sono stato incredulo e ho rifiutato la notizia, poi la razionalit mi ha portato ad approfondire largomento e la mia situazione fisica. Oggi quello che vorrei fare sapere agli ammalati e alle loro famiglie, che devono combattere quotidianamente una guerra sapendo di non poterla vincere, che non sono soli, ma ci sono persone, ammalati, familiari e volontari che provano a dare un piccolo sostegno per affrontare questa malattia che al momento inguaribile e mortale. Maurizio Gentilini, sessantenne, molto conosciuto a Gambettola in quanto titolare, insieme alla sorella Marinella, di un avviato studio di consulenza amministrativa. La notizia ha colto di sorpresa tutti quelli che lo conoscono e ha stupito il fatto che Gentilini viva la sua condizione con molta serenit e la stia portando avanti con molta forza danimo. Oggi Gentilini seguito da quattro quipe di ricerca medica universitaria in campo

MAURIZIO GENTILINI HA 60 ANNI E ABITA A GAMBETTOLA

nazionale (Bologna, Torino, Milano e Padova) e i suoi risultati clinici sono stati inviati ad altri centri internazionali (Inghilterra, Australia e Giappone) per meglio diffondere e confrontare la banca dati per aiutare la ricerca ad andare avanti, con la speranza, se non di sconfiggere questa malattia, almeno di attenuarne le conseguenze psico-fisiche. Per informazioni, la sede provinciale dellassociazione AssiSla (www.assisla.it) a Gambettola in via Nazario Sauro, 27 e il numero del telefono cellulare di Maurizio Gentilini 338 4312875; indirizzo e-mail cesena@assisla.it. Piero Spinosi

Tariffe energia: bonus elettrico per malati gravi


LAutorit per lenergia elettrica e il gas (Aeeg) introduce modiche alla disciplina della regolazione relativa alla compensazione della spesa per la fornitura di energia elettrica (bonus elettrico) a favore di cittadini in gravi condizioni di salute che usano apparecchiature medico-terapeutiche per il mantenimento in vita, di cui al decreto interministeriale 28 dicembre 2007 in applicazione al decreto del Ministero della Salute 13 gennaio 2011. Al ne di modicare e aggiornare il bonus elettrico per il disagio sico in modo da tenere conto delle speciche necessit ed esigenze dei malati gravi, il bonus, in vigore dal 1 gennaio 2013, avr delle importanti novit rispetto al passato: il valore del bonus sar articolato in 3 livelli e attribuito a ogni utente in base ai consumi e al numero di apparecchiature elettromedicali salvavita utilizzate, cos come indicati nella certicazione Asl. Fino a tutto il 2012, invece, il bonus corrispondeva ad un unico importo standard, indipendente dal numero di apparecchiature e dai consumi. Ai ni della presentazione della richiesta di bonus, bisogner utilizzare la nuova modulistica che verr pubblicata sul sito dellAutorit per lenergia elettrica e il gas a partire dal gennaio 2013. Fino a tutto il 2012 resta in vigore la disciplina attualmente vigente. La richiesta del bonus elettrico andr presentata al Comune di residenza del titolare della fornitura elettrica, anche se diverso dal Comune in cui localizzata labitazione nella quale collocata lapparecchiatura salva

NOTIZIARIO PENSIONATI
vita. Coloro che sono gi titolari di bonus per disagio sico prima del 2013, e utilizzano pi apparecchiature e un maggior consumo dellenergia elettrica nel tempo, certicato dalla Asl, potranno presentare le domande tra il 1 gennaio e il 30 aprile 2013 con diritto a una quota-bonus retroattiva, tenuto conto della data di certicazione delluso delle apparecchiature stesse. Tale quota verr riconosciuta dalla data di decorrenza della variazione in base al certicato Asl, che comunque non potr essere precedente al 31 dicembre 2010.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Castagnata Fnp Cisl e Anteas

Conferenza nazionale del volontariato


Si svolta a LAquila, i primi di ottobre, la 6 Conferenza nazionale del volontariato. Un mondo, questo, che come Fnp riteniamo rilevante per un Welfare pi vicino ai bisogni e al quale dedichiamo molta attenzione. La Conferenza stata utile anche per ricostruire un dialogo con il mondo politico, che si era momentaneamente interrotto, e per constatare che la crisi nanziaria, sociale e culturale sta facendo emergere nuovi scenari di fragilit e nuove povert, che vedono coinvolti i pi deboli, ma anche il ceto medio e richiede un ripensamento a fondo della nostra societ. Dal dibattito e nel documento nale emergono molti impegni del volontariato, tra i quali rileviamo In tanti hanno partecipato alla castagnata a San Piero in Bagno di gioved 18 ottobre organizzata da Fnp Cisl e Anteas. Il folto gruppo, guidato da Luigi Brancato, segretario generale Fnp Cisl e da Roberto Ambroni, presidente dellAnteas Cesena, ha trascorso unintera giornata alla scoperta dei tesori dautunno nei boschi di San Piero. Lappuntamento stata anche loccasione per socializzare e confrontarsi sulle attivit organizzate da Anteas e Fnp Cisl.

limpegno ad esserci per attivare percorsi di coesione sociale, investendo sulle risorse umane, in particolare sui giovani. Limpegno a collaborare con il mondo del lavoro e le parti sociali, per essere sempre pi partecipi nellelaborazione delle Politiche Sociali, come afferma il sottosegretario Maria Cecilia Guerra

sono state sistematicamente smantellate e invece sono lo strumento dei cittadini per riappropriarsi del proprio progetto di vita, come il fatto di avere dei gli, accudire gli anziani, partecipare alla vita sociale. Nel contempo, il mondo dellassociazionismo chiede di essere riconosciuto come soggetto capace di contribuire al buongoverno dei

territori, insieme alle istituzioni, attraverso la realizzazione del Registro delle Reti nazionali di Volontariato, per una riforma pi rappresentativa e democratica dellosservatorio nazionale per il volontariato e la stabilizzazione del 5 per mille che attende lapprovazione da parte del Parlamento della legge delega per essere varato.

Cultura&Spettacoli
Successi nazionali per il poeta Franco Casadei
ultimo di L Casadeilibrostapoesie di Franco - Il bianco delle vele, Raffaelli Editore - ottenendo ottimi riscontri. Ha vinto il premio Carver a Roma (primo fra cinquecento libri partecipanti) e si classicato al secondo posto al Premio Kafka a Gorizia. La raccolta rappresenta un percorso che parte dalla consapevolezza che la condizione umana un mistero, da cui partono le domande leopardiane di sempre (Che fai tu luna in ciel? Ed io che sono?). La domanda sul senso di s e della realt simbatte nellipotesi cristiana che diventa la prospettiva nuova con cui confrontare lesperienza del vivere e gradualmente cambia lo sguardo sulle cose. Dal nichilismo che ha come sbocco nale solo la morte, si passa alla speranza di una consistenza denitiva della vita, non proiettata verso il nulla, ma verso un destino buono. La consapevolezza sempre pi

Gioved 25 ottobre 2012

19

chiara di questa possibilit non toglie lesperienza del dolore e della prova, ma la innesta dentro unipotesi positiva che pacica. Anche se la vita rimane drammatica, non sfocia in tragedia. BERTINORO, TORNO ALLA MIA TERRA Torno alla mia terra, alle mie colline fra i colori di unestate prolungata mi stato dato questo sguardo largo

Bertinoro, la sua rocca la pieve di Polenta le vigne che mani contadine hanno dipinto tra case e macchie di boscaglie lontano, l lultimo lembo di piana e allorizzonte innito il mare che nei giorni di chiaro regala il bianco delle vele sono nato qui e qui respiro.

LEvangeliario di papa Pio VII Chiaramonti


Il volume (ed. Stilgraf) sar presentato venerd 26 ottobre nella sala Lignea della Biblioteca Malatestiana, a Cesena. finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena
na felice circostanza culturale ci riporta al venerato nome del nostro Pio VII Chiaramonti: la qual cosa ci dice, come primo messaggio, che finch una comunit custodisce la memoria dei suoi padri e dei suoi figli si pu guardare al futuro con pi fidata speranza. Che cosa un evangeliario? Il libro che raccoglie i quattro Vangeli divisi per autore ed esposti nellordine in cui compaiono nel Nuovo Testamento: Matteo, Marco, Luca (cio i cosiddetti sinottici) e Giovanni. La biblioteca personale di papa Chiaramonti (chiamata Pana), come noto custodita nella Malatestiana, contiene un importante manoscritto del secolo XII: al quale sono stati dedicati ampi e approfonditi studi ora confluiti grazie al finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena - in una importante pubblicazione. Essa d conto, in forma multidisciplinare, dei vari aspetti affrontati nei singoli contributi: storia del manoscritto, descrizione, paleografia, morfologia, testo, decorazione, conservazione e restauro, naturalmente con il corredo di immagini e particolari che risultano di supporto agli studi e alla documentazione. Come sottolinea Daniela Savoia, direttore della Malatestiana, i motivi dinteresse e gli interrogativi che il

Comune di Cesena Istituzione Biblioteca Malatestiana Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena Venerd 26 ottobre alle 17,15 Biblioteca Malatestiana (Sala Lignea) LEVANGELIARIO DI PAPA CHIARAMONTI. STORIA DI UN CODICE DEL SECOLO XII (Cesena, Stilgraf, 2012) Introducono: Carlo Battistini, Vice sindaco Comune di Cesena; Bruno Piraccini, Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena; Rosaria Campioni, Soprintendente Beni librari e documentari Regione Emilia-Romagna Interventi di: Carla Casetti, Paola Errani, Rocco Mazzeo, Marco Palma, Nicola Tangari, Gaia Elisabetta Unfer Verre

manoscritto suscita sono molteplici: il pi antico della Pana, ma anche il pi antico fra tutti i codici datati posseduti dalla Malatestiana, dal momento che nel primo foglio si trova lindicazione cronica vergata dal copista, 15 agosto 1104. Senza trascurare la singolare decorazione a penna sul verso della prima carta: un Cristo in maest, benedicente e con nella sinistra un grosso volume chiuso (il libro dei Vangeli), posto fra due santi, con due offerenti e un giovane monaco prostrato che presenta un libro (forse proprio lamanuense del codice). In tale complessa scena di committenza gli storici dellarte intravedono un legame con la coeva Leggenda di santAlessio della basilica di San Clemente a Roma. V poi da aggiungere che le carte del manoscritto, in grafia carolina nella tipizzazione romanesca, presentano i segni di unantica e forte esposizione al fuoco e allacqua. Lasciando al lettore il godimento di una pubblicazione che fa onore a chi lha realizzata (undici autori) e a chi lha resa possibile (il presidente Bruno Piraccini nella sua presentazione rimarca la convinta collaborazione della Fondazione con la Malatestiana per valorizzarne linestimabile patrimonio librario, con la responsabilit consapevole di chi sa di dover custodire il presente del passato, che poi altro non che il presente del futuro), mi piace chiudere rammentando ancora volta la grande figura del pontefice cesenate: sul quale aleggia la drammaticit epocale - simboleggiata anche dal conclave in esilio, sfociato nellelezione del nostro cardinale - che fa da sfondo al confronto-scontro fra lui e Napoleone, oltre naturalmente alle complesse vicende che coinvolsero la Chiesa cattolica e il papato nellet della Rivoluzione e della Restaurazione. La figura di questo pastore (prima da vescovo e in seguito da papa) con il passare del tempo esce potenziata e ingrandita dal corso degli eventi: via via manifestatosi capace di riformare e conservare, dotato di coraggio (talvolta al limite dellaudacia), in grado di dosare illuministicamente - il nuovo anche nel linguaggio, pronto a perseguire lungimiranti linee concordatarie, disposto a cogliere gli esiti di una dinamica modernit pur senza rinunce di fondo. Marino Mengozzi - Levangeliario di papa Chiaramonti. Storia di un codice del secolo XII, a cura di Paola Errani e Marco Palma, Cesena, Stilgraf, 2012, pp. 100, 20 euro

Cinema
Uci Romagna Savignano di Silvio Soldini

di Filippo Cappelli

IL COMANDANTE E LA CICOGNA
Nella vita importante avere uno sguardo esteso. Ricordare che lo stretto riserbo delle nostre sventure quotidiane sarebbe pi sopportabile se provassimo a relativizzarlo con sciagure ben pi grandi e rovinose. Soldini dimostra che sufficiente il battito dali di una cicogna, o la salita sul piedistallo nel mezzo della piazza, per accorgersi delle carenze di un Paese caduto (molto) in basso. Sale il timore che questo popolo non fosse atto a governarsi da s: ecco il pensiero dalla statua di Giuseppe Garibaldi, impietosito e dolente, sulla citt e i guai di Torino e dellItalia. Una frase amareggiata a cui ne aggiunge unaltra, ancora pi sconsolata e crudelmente comica: Un dubbio mi brucia nel petto: se non fosse meglio tenersi gli austriaci. La trama: in una citt del Nord di questa Italia, le statue dei nostri eroi del passato guardano la loro eredit con desolazione. Garibaldi, Leopardi, Leonardo Da Vinci, fino a un certo Cazzaniga, personaggio pi recente e gi allineato ai modi spicci e i vuoti morali moderni. Sotto i loro occhi si muovono vari personaggi. Diana (Alba Rohrwacher), artista timida e squattrinata, costretta a lavorare per un avvocato maneggione e dal volgare gusto artistico (Luca Zingaretti). Il suo scorbutico padrone di casa Amanzio (Giuseppe Battiston), autodefinitosi moralizzatore urbano. Poi Elia (Luca Dirodi), tredicenne solitario con la passione per una cicogna. La sorella fin troppo estroversa Maddalena (Serena Pinto). Il padre Leo (uno straordinario Valerio Mastandrea), che ancora parla col fantasma della moglie morta (Claudia Gerini) Commedia delicata e trasognata, film corale, metafora del nostro tempo: il film corre su diversi binari e cerca di mantenersi in equilibrio fra attualit e poesia, commedia e dramma vero. Perch la verit sempre un luogo difficile, complesso. A battersi per la verit sono sparuti e a volte derisi compagni, spiega Garibaldi. Con Il comandante e la cicogna, Silvio Soldini oppone una comicit delicata e raffinata a unItalia corrotta e volgare che prende a schiaffi i bambini e se ne va in giro con il contante in tasca. I personaggi, ben diretti e caratterizzati, lottano come possono contro il clima guastato, dove la furbizia sembra essere lunica chiave di sopravvivenza.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
CESENA Immagini di una passeggiata alla scoperta della citt
di Pier Paolo e Tarcisio Pollini (Societ editrice Il Ponte Vecchio, 2012, 16,90 euro) Presso la Societ Editrice Il Ponte Vecchio uscito il libro fotografico di Pier Paolo e Tarcisio Pollini CESENA immagini di una passeggiata alla scoperta della citt. Gli autori nella prefazione a pag. 11 scrivono: Abbiamo pensato a un libro su Cesena innanzi tutto, per amore della nostra citt, delle persone che ci vivono e che vi hanno vissuto, per i ricordi che racchiude per ognuno di noi. Il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, nella introduzione a pag. 5 ha aggiunto: Si dice che la bellezza negli occhi di chi guarda: con questo libro i fratelli Pollini ci regalano il loro sguardo e la bellezza dei loro occhi. Occhi capaci di leggere larmonia degli spazi, di riconoscere le tracce del passato nelle bifore di un palazzo o nei fregi di un portone, di soffermarsi su dettagli inconsueti (un capitello lungo corso Garibaldi, le banderuole sulle cime dei campanili ), di meravigliarsi davanti al cipresso che svetta in via del Serraglio, di cogliere in uno scorcio la poesia di un tempo e delle stagioni. Il segreto del libro rimane in un atto di amore, che non solo per la citt amata, ma che incancellabile ed eterno nel modo con cui i due fratelli hanno vissuto il loro rapporto e di conseguenza lo sguardo libero, sincero e profondo con cui cogliere la realt, cos come traspare dalle fotografie contenute nel libro, che mostrano immagini in esterno, salvo qualche rara eccezione, per permettere a tutti di rivivere le loro stesse emozioni. Il rapporto, cos vero e significativo fra i due fratelli si pu intuire a pag. 7 dalla nota in corsivo scritta da Tarcisio a conclusione della presentazione da lui fatta di Pier Paolo: Nelle nostre intenzioni, le presentazioni dovevano essere reciproche, per toglierci dalle difficolt di eccessi di modestia e/o di narcisismo ma queste righe, insieme a quelle della premessa, sono state le ultime cose di cui ho potuto parlare con Pier Paolo. Mi commuove ancora intensamente ricordare la sua emozione nel leggerle, con quel suo essere oltremodo sensibile, il trapelare del suo candore infantile dal misto di felicit, sorpresa e quasi imbarazzo, nel sentirsi intimamente capito e apprezzato. Il giorno dopo, un improvviso malore ce lo ha portato via. I medici lo hanno strappato alla morte ma il suo spirito, la sua bella mente, la sua creativit, i suoi pensieri delicati, le sue premure, la sua sensibilit, il suo sapere, la sua arte sono volati in unaltra dimensione, lasciandoci solo il suo corpo inconsapevole, in un contatto doloroso e angosciante che neanche la fede riesce a mitigare. Tarcisio comunque riuscito a portare al fratello il libro totalmente stampato e a disposizione del lettore, pochissime ore prima che Pier Paolo morisse. Di questo amore restano le fotografie e le didascalie capaci di chiosare in modo efficace le immagini. Ad esempio nella n. 13 di pag. 20, presentando una farfalla sul muro di cinta dello sferisterio della rocca, che nella fase finale della seconda guerra mondiale fu anche luogo di esecuzioni capitali, si afferma: Oggi, finalmente superate le cieche barbarie, su questo muro non si piantano pi proiettili sibilanti, n balza leco dei loro feroci latrati ma in un lieve silenzio, volteggiano le farfalle. Il libro CESENA immagini di una passeggiata alla scoperta della citt, di Pier Paolo e Tarcisio Pollini (ed. Il Ponte Vecchio) sar presentato sabato 27 ottobre alle 18 presso la libreria Giunti, in piazza Giovanni Paolo II a Cesena (di fronte al Duomo). La presentazione sar a cura del sindaco Paolo Lucchi e del giornalista Paolo Turroni.

20

Gioved 25 ottobre 2012

Cesena & Comprensorio


Longiano

Gatteo
Conferenza

Spettacolo al Petrella
Dopo lanteprima della stagione con Umberto Maria Giardini, il Petrella ospiter gioved 25 ottobre alle 21 "Le Charleston" in "Senza le Armi Tour". Ingresso 10 euro, ridotto 8. La direzione del teatro della societ cooperativa Arrivano dal Mare!; associazione Rosaspina Un teatro; Romagna Concerti e Produzioni srl.

Cesena

Meeting sulle politiche europee


Sabato 27 ottobre (dalle 9 alle 17) presso il Seminario di Cesena lassociazione Cooperazione Cristiana per lEuropa organizza il primo convegno nazionale dal titolo: "Nella vecchiaia daranno ancora frutti (Sal 92): politiche europee e vita cristiana in dialogo". Saranno presenti, fra gli altri, il vescovo Douglas Regattieri, il vescovo di Piacenza-Bobbio Gianni Ambrosio, la parlamentare europea Elisabetta Gardini. Levento intende approfondire la visione europea e cristiana della terza et e del rapporto fra le generazioni.

Cesena flash
Salotti letterari
Il cineteatro Victor di San Vittore propone incontri con la poesia. Il primo avverr sabato 27 ottobre alle 16 con il poeta cesenate Franco Casadei. La rassegna organizzata in collaborazione con il laboratorio teatrale "Samarcanda", la cooperativa e associazione "Amicizia" e il quartiere Valle Savio.

Il Comune aderisce anche questanno alla "Festa internazionale della Storia" con una conferenza che si terr sabato 27 ottobre alle 17 nelloratorio di San Rocco. Sandro Parrinello, dellUniversit di Pavia, parler sul tema "Il ruolo strategico degli Antonelli di Gatteo nellorganizzazione delle Americhe".

Bagno di Romagna
Festa a Selvapiana

Cesena

Universit terza et
LUte di Cesena organizza, per il 26 ottobre alle 15,30 nella sala Fantini in via Serra, una lezione di cultura generale. Il 30 ottobre sar la volta di Gianfranco Morra che tratter il tema "Esiste ancora lo Stato"?

Cesena

Appuntamento al Bonci
Venerd 26 ottobre, alle 21, al Bonci, da non perdere un capolavoro dellopera secentesca, Dido And Aeneas del compositore inglese Henry Purcell. A metterlo in scena i ragazzi del Conservatorio Bruno Maderna di Cesena e dellAccademia di Belle Arti di Bologna, sede di Cesena. Un evento tutto cesenate, quindi, dove allievi e docenti realizzano lallestimento integrale dellopera, curando nei minimi dettagli musica, canto, recitazione, scenograa, costumi, e al quale il Teatro Bonci dedica lapertura della stagione musicale. (Sda)

Cinema e famiglia
A cura dellassociazione Famiglie per laccoglienza, in collaborazione con il Centro per le famiglie, gioved 25 ottobre alle 20,30 nella sala Einaudi della Banca popolare in corso Sozzi, sar proiettato il lm "Miracolo a Le Havre"(2011) del regista Aki Kaurismaki. Lingresso gratuito.

Con una festa si conclude lOttobre selvapianese. Domenica 28 alle 12,30 si potr pranzare con tagliatelle al cinghiale nella sede della Pro loco che ha organizzato tutte le manifestazioni. Dalle 14,30 nel campo sportivo ci saranno animazione, giochi e stand gastronomici e si esibir il gruppo "Cesena danze".

Pascoli e La Romagna
Si terr sabato 27 ottobre alle 17 nella sala lignea della Biblioteca Malatestiana lincontro su "Zvan- Giovanni Pascoli e la Romagna"organizzato dallassociazione "Valori e Libert". Interverranno Leonardo Lugaresi, Rosita Boschetti e Liviana Canduzzi. Legger Saveria Lo Ioco. Musiche di Martina e Lorenzo Barduzzi.

Luneri di Smembar

uneri di Smembar: ormai ci siamo. La pubblicazione del celebre lunario faentino avverr l11 novembre e, con lapprossimarsi di tale data, il Rotary club Valle del Rubicone ha deciso di approfondirne la storia. Gioved scorso hanno partecipato alla conviviale i referenti dellassociazione JAmigh di Smembar fra i quali Denis Medri, disegnatore-fumettista che collabora con lassociazione. Con unanteprima: i soci del Rotary hanno potuto ammirare, per la prima volta in assoluto, la storia della nascita del lunario disegnata da Medri e riprodotta in grandi tele (100x70 cm). La serata si svolta

Rotary Rubicone e la tradizione romagnola L

Conferenza
Per la rassegna "Ci che ci rende umani" organizzata dal teatro Valdoca e Comune col sostegno di UniCredit, domenica 28 ottobre alle 18 nella sala conferenze del Palazzo del Ridotto, parler Luce Irigaray, losofa, linguista e psicoanalista francese. Il tema "Incrociare una cultura del respiro con una cultura dellamore".

alla Locanda dei Fattori a Villa Torlonia a San Mauro Pascoli. "Il lunario nato nel 1845 - stato detto - e spesso era lunico foglio stampato che entrava nelle case dei contadini. Era indispensabile perch riportava le fasi lunari e in campagna ogni operazione, dalla semina al travaso dei vini, veniva compiuta seguendo la luna". Mentre veniva descritto il lunario, Medri ha realizzato un disegno estemporaneo a tema "Smembar". Unopera che ha colpito i presenti per la capacit espressiva e la facilit con cui lartista lha realizzato (su tela 100x70

cm) in meno di mezzora. Il presidente Giancarlo Biondini e Medri hanno concordato che lopera darte verr messa allasta durante levento del 25 novembre e il ricavato devoluto per il service gi deciso dal club. JAmigh di Smembar una realt di promozione sociale con lo scopo di divulgare la tradizione romagnola legata al lunario. Lassociazione ha allacciato una serie di collaborazioni con realt locali come la Stamperia Pascucci di Gambettola, la cantina Maria Galassi di Paderno che produce vino biologico, la ditta Laserservice di Cesena, il fotografo Mauro Domenichini di Day Studio.

Film e commedia
Al Victor di San Vittore, gioved 25, sabato 27 e domenica 28 ottobre alle 21, sar in visione il lm di Matteo Garrone "Reality" (2012). Domenica 28 alle 15 e alle 17 il lm per bambini "Pirati! Briganti da strapazzo". Sullo schermo marted 30 e mercoled 31 ottobre alle 21 il lm "Cena tra amici"(2012). Ingresso 3,50 euro.Venerd 26 alle 21 la compagnia "La Caveja" di Ravenna presenter la commedia "Al braghiri", tre atti di Corrado Contoli. Ingresso 7 euro.

Mostra
Lima alla "Carbonari"
Dal 13 ottobre aperta a Cesena, presso la Galleria darte "Cantina Carbonari", la personale del pittore Amisso Lima. Artista di origini africane, residente a Faenza da pi di ventanni, ha frequentato lAccademia di Belle Arti di Ravenna, avendo come maestro Umberto Folli. Terminati gli studi, ha intrapreso lattivit pittorica con assiduit e ha partecipato con successo a mostre e concorsi, ottenendo premi e lusinghieri consensi di critica e di pubblico. Paesaggi, nature morte, ritratti, maternit sono ispiratori di questa mostra, dove si avverte la profonda emozione che lartista prova di fronte ai suoi soggetti che lo portano ad adottare spontaneamente un linguaggio libero e sciolto. La tavolozza gioca su un numero limitato di colori, variati in innumerevoli gradazioni di toni. Opere equilibrate dove il vero riportato senza contorni deniti, in atmosfere rarefatte e la materia mostra un certo disfacimento accentuando cos linteresse sulla luce e sul colore. Sono composizioni che fanno rivivere le impressioni dirette e spontanee dellartista: armonia, equilibrio, serenit contemplativa sono le peculiarit dellopera di Amisso Lima. La mostra, presentata dal critico darte Orlando Piraccini, rimarr aperta no al 4 novembre, tutti i giorni dalle 17 alle 19 (chiuso luned e gioved). Enrico Guidi

San Mauro Pascoli


Omaggio al poeta

San Mauro Pascoli


Festa di San Crispino

Rester aperta no a domenica 14 novembre la mostra "La poetica di Giovanni Pascoli"inaugurata sabato 20 ottobre alla galleria San Sebastiano. Promossa dallAccademia Pascoliana e curata da Adarc, Associazione degli artisti cesenati, ospita quadri, sculture e fotograe di trenta artisti. Orari di visita: nei giorni feriali dalle 16 alle 18, nei festivi anche dalle 10 alle 12.

Il paese festeggia il patrono San Crispino, protettore dei calzolai. Oltre alla festa religiosa, si svolger la sagra da gioved 25 a domenica 28 ottobre. Le piazze e le vie del centro storico si animeranno con spettacoli, stand gastronomici, mostre, musica, sport, iniziative a cura di Avis e Ior, mostra missionaria.

Mostra darte
Si svolger domenica 28 ottobre alle 17 linaugurazione della mostra di Gianluigi Colin "Wor(l)ds" alla galleria darte contemporanea "LImmagine" in piazza Aguselli. Questi gli orari di apertura: dal mercoled alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19 no al 2 dicembre.

San Piero, terminati i lavori del campo sportivo


I lavori per il nuovo impianto al campo comunale "Campodoni" a San Piero, gestito dalla societ sportiva Sampierana, sono stati completati. Linaugurazione ufficiale del campo in sintetico dovrebbe avvenire domenica, al termine della gara casalinga del campionato di Eccellenza. I lavori, che in pratica si sono realizzati durante il periodo estivo, sono stati appaltati e seguiti direttamente dalla Sampierana ed hanno riguardato, oltre che il nuovo manto in sintetico, la messa in sicurezza della zona spogliatoi. Lintervento ha riguardato la eliminazione delle lastre in amianto sia della copertura che del sottotetto e la realizzazione di un impianto per il trattamento e la disinfezione dellacqua, al ne di contenere la formazione delle incrostazioni di calcare nei tubi. (Alme)

Savignano
Assemblea Cna

Gambettola

Spettacolo musicale
"Stalking: atti persecutori" il titolo dello spettacolo teatral musicale, a cura di Paolo Montevecchi, che si svolger venerd 26 ottobre alle 21 al teatro comunale di Gambettola. Per informazioni e prevendita rivolgersi allo 0547/58823.

Mercato Saraceno
Buoni libro

A Savignano sul Rubicone, luned 29 otttobre alle 20,30 nella sala Allende, si terr lassemblea di zona RubiconeCesenatico della Cna. Saranno presenti anche il sindaco di Savignano Elena Battistini e di Cesenatico Roberto Buda. Presiede il presidente Cna Cesenatico, Marco Gasperini.

Gli studenti delle medie e superiori potranno presentare entro il 12 novembre la domanda di contributo per lacquisto dei libri di testo. Il valore Isee delle loro famiglie, calcolato sui redditi del 2011, dovr essere inferiore a 10.632,94 euro. Nella domanda deve essere indicata la spesa effettiva sostenuta per lacquisto dei libri per lanno scolastico 20122013.

Sport

Gioved 25 ottobre 2012

21

Venerd sera alle 21 trasferta sul campo del Livorno


Cesena. Per evitare ci sar necessaria tutta la massima concentrazione della truppa romagnola che ha sempre bisogno di trovare la via della rete con i propri attaccanti. Anche sabato scorso contro la Reggina al Manuzzi, lattacco cesenate ha avuto le polveri bagnate. Sia Graffiedi che Succi, Lapadula e Defrel non sono infatti riusciti a segnare. C voluto un colpo di testa del difensore centrale Gianluca Comotto per sbloccare il risultato al 12 del primo tempo. Limprecisione di Graffiedi e un palo colpito da Succi hanno negato la gioia dei tre punti al pubblico della Fiorita. Pubblico che si visto strozzare in gola lesultanza per leventuale vittoria all87 per via di un gol ospite firmato da Comi che ha ristabilito la parit, firmando l1-1 finale. Ci si aspettava di pi da un duplice impegno casalingo, e invece sono arrivati solo 2 punti tra Crotone e Reggina. A corredare in maniera negativa una classifica che finora dice solo 9 punti in 10 gare, ci sono anche i numeri di reti fatte (5) e reti subite (16). Venerd sera c di fronte un Livorno che segna tanto (20 gol e migliore attacco della B), ma che subisce anche parecchio (18 reti al passivo e seconda peggior difesa del torneo). Sei le vittorie per i toscani, 3 sconfitte e un solo pareggio. Una partita da tripla quindi, dove tutto pu davvero succedere. Eric Malatesta

Rugby A1
Sconfitta non grave
Rugby: il Romagna Rfc pu dirsi fortunato nonostante la scontta per 32 a 22 subita a Livorno ad opera dellAccademia Nazionale di Tirrenia: i galletti, con i sei punti conquistati nora in classica, restano saldi al settimo posto. La trasferta toscana ha messo in evidenza come la squadra stia sempre pi prendendo le misure con il livello del campionato, come conferma il tecnico Francesco Urbani: "Peccato aver sprecato questoccasione perch avremmo potuto guadagnare punti importanti per la nostra classica. Ci mancata un po di concretezza e di lucidit e abbiamo avuto qualche problema in difesa, accentuato dal fatto che lAccademia una squadra giovane e abile a muovere il pallone. Siamo stati bravi a mantenere in piedi il risultato no alla ne e i ragazzi sono scesi in campo con il giusto atteggiamento, mettendo il massimo impegno per tutto lincontro.". I galletti sono attesi da una settimana di grande lavoro per prepararsi al meglio in vista dellostico impegno con la Capitolina: "In queste tre giornate la Capitolina ha dimostrato di essere in una buona forma sica e mentale ed una delle candidate per la vittoria nale", nota Urbani, "ma penso che non sar una partita molto diversa dalle altre perch, vedendo come sta andando questo avvio di stagione, i livelli sono abbastanza equilibrati. Il salto di categoria si fa sentire, ma la squadra si rinnovata e sta rispondendo bene: il gruppo vivo e ha voglia di dimostrare di essere allaltezza di questo nuovo livello, con il quale stiamo prendendo sempre pi condenza".

Il gol di Comotto (Pippofoto)

Il Cesena va avanti ma con il fiato grosso


opo aver raccolto due punti in due partite al Manuzzi, il Cesena viaggia a Livorno con la voglia di firmare il primo blitz in trasferta. Venerd sera alle 21 i bianconeri di Romagna sono di scena al Picchi di Livorno, nellanticipo dellundicesima giornata del campionato di serie B. Il compito che attende i ragazzi allenati da Pierpaolo Bisoli non cero dei pi agevoli. La formazione toscana di mister

Nicola occupa il quarto posto in classifica a quota 19 punti, distante 6 lunghezze dalla capolista Sassuolo e -2 dal Verona, capace di espugnare proprio limpianto livornese sabato scorso per 2-0. Con la sconfitta interna gli amaranto sono stati scavalcati dallo stesso Verona, corsaro grazie anche ad un gol dellex cesenate Martinho. Col dente avvelenato per la sconfitta maturata davanti al proprio pubblico, i toscani vorranno rifarsi a partire dal

Foto darchivio

Pallavolo serie B2

Le ragazze di coach Bazzocchi battono 3-0 il Delta Lucca. Sabato trasferta a Cervia

Per il Volley club una netta vittoria


Netta e convincente vittoria del Volley Club Cesena sul Delta Lucca per 3 a 0 davanti a un caloroso pubblico che ha affollato il Minipalazzetto domenica scorsa. Bazzocchi conferma il sestetto tipo con Carnesecchi in regia e in diagonale con lopposto Parenti, Gardini Camilla e Cancellieri al centro, Zebi e Di Fazio in banda. Le ospiti di coach Nei rispondono con la palleggiatrice Mazziotta, Pelliccia opposto, le centrali Baldaccini e Dentini, le schiacciatrici Palumbo e Castellano e il libero Venturi. Dirigono lincontro i signori Olmeda e Fattori di Ancona. Ottima la prova del sestetto cesenate che sotto la sapiente regia di Carnesecchi e le puntate velenose di Zebi (16 punti) e Parenti (12) non permettono mai alle ospiti di entrare veramente in partita. La parola dordine umilt, ma se le sfide contro Castelfranco e Lucca dovevano rappresentare il banco di prova per stabilire le ambizioni del Volley Club, per Cancellieri e compagne non vietato sognare. Prossimo appuntamento per il Volley Club sabato alle 18 al Palazzetto dello Sport di Cervia dove andr in scena il derby contro le padrone di casa della Scozzoli. VOLLEY CLUB CESENA: Cancellieri 8, Balzoni, Fabbri, Gardini Serena 2, Gardini Camilla 10, Di Tullio ne, Parenti 12, Zebi 16, Giovanardi ne, Carnesecchi 3, Di Fazio 10. All. Bazzocchi Andrea DELTA LUCCA: Venturi, Lucchesi ne, Pelliccia 6, Baldaccini 3, Palumbo 1, Dentini 10, Paolinelli ne, Borghetti 1, Francesconi 3, Ghezzi ne, Mazziotta 2, Castellano 7. All. Nei Alessandro NOTE: Durata 1h e 14min. Spettatori 200 circa. Punti totali 75-58. Attacchi vincenti 48-31. Errori 25-15. Muri 9-2. Battute vincenti 3-0. ALTRI RISULTATI: Montelupo Atletico Bologna 3-0; Quarrata Castelfranco 30; Calenzano Cervia 3-0; Castelfiorentino Montesport 2-3; Capannori Imola 3-0; Ozzano Cecina 2-3. CLASSIFICA: Montelupo, Cesena e Capannori 6; Calenzano 5; Montesport e Quarrata 4; Imola e Delta Lucca 3; Cecina 2; Atletico Bologna, Castelfiorentino e Ozzano 1; Castelfranco e Cervia 0.

22

Gioved 25 ottobre 2012

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

Una riflessione dopo il malore in campo delfischietto Csi Daniele Garattoni

Quanto vale la vita di un arbitro? S


alvato in extremis, grazie al defibrillatore. stata questa la fortuna che ha assistito un nostro arbitro sul campo: la dotazione di un defibrillatore presente nellambulanza prontamente intervenuta. La stessa fortuna non ha assistito Piermario Morosini a Pescara, Fulvio Zuccheri al Carisport di Cesena e chiss quanti altri. a questo punto che lecito chiedersi: quanto vale la vita di un arbitro, un giocatore, un dirigente, uno spettatore? Il decreto legge 158 del 13 settembre scorso, noto come decreto Balduzzi, interviene sulla materia, relativamente alle societ sportive non agonistiche e amatoriali, sulla dotazione e impiego di defibrillatori e altri dispositivi salvavita. Il decreto ministeriale in via di emanazione e le sue norme non sono ancora applicabili fino alla loro pubblicazione. Nel frattempo rimane da chiedersi: quanto vale una vita? Il costo medio di un defibrillatore si aggira sui 1.500/2.000 euro. Una cifra irrisoria per le societ ricche del calcio professionistico, una cifra importante per le realt dilettantistiche... Ma quanto vale una vita? Sarebbe bene che ogni im-

La proposta Campionati di footvolley e beach tennis indoor


l comitato cesenate del Csi, da sempre Isensibile alla promozione e diffusione di nuove discipline sportive, organizza il 1 Campionato di footvolley indoor amatoriale presso il Centro Sportivo spiaggia 23 di Cesena. La competizione prevede gare di andata e ritorno, al meglio dei cinque set e di 18 punti a set e la partecipazione di 2 squadre (di 2 giocatori cadauna) per ogni societ aderente. I giorni di gara sono il mercoled e il venerd dalle 20 alle 23 e il sabato dalle 13 alle 18. Per ulteriori informazioni si possono contattare i sig. Corzani (tel. 349 1875058), Degli Angeli (tel. 339 6852311), Antoniacci (tel. 347 3817050) e la segreteria del Csi Cesena (tel. 0547 600383). Il campionato di beach tennis indoor amatoriale giunto invece alla sua seconda edizione e il suo inizio previsto entro la ne del mese di ottobre. La competizione contempla gare di andata e ritorno con tre categorie: il doppio maschile, il doppio femminile e quello misto.

pianto fosse sempre dotato di defibrillatore, anche senza lobbligo imposto per decreto. Fortuna ha voluto che lambulanza intervenuta al Meldola Stadio dove si svolgeva la gara San Colombano Italtex - Us Mercatese 1931 ne fosse dotata, che un operatore del 118 fosse presente alla gara, che lintervento dellambulanza sia stato tempestivo, che tutte le manovre di pronto soccorso siano state eseguite in tempo e da persone esperte. cos che il nostro arbitro, Daniele Garattoni, stato prontamente soccorso e ricoverato allospedale di Forl, dove assistito e non in pericolo di vita. Un sentito grazie a chi prontamente intervenuto sul campo, agli operatori del 118 e a tutti quanti si sono prodigati nellassistenza al nostro arbitro da parte di tutta le famiglia del Csi di Cesena. Ma Nella foto, Daniele Garattoni premiato alle finali Csi 2012 allo stadio Manuzzi.

Veri recordman nel salto dal precipizio educativo

Brevi
Stage arbitri di calcio, basket e pallavolo
Sabato 29 e domenica 30 settembre si svolto a Salsomaggiore Terme lannuale stage regionale Csi per arbitri e giudici di gara di calcio, calcio a 5, basket e pallavolo con la presenza di 82 partecipanti. Dopo il saluto di Lamberto Menozzi, presidente regionale del Csi e lintervento di Giacomo Abate, coordinatore della formazione Csi regionale e componente del team nazionale, sono stati effettuati i test tecnici associativi. Con la successiva correzione, discussione e approfondimento degli argomenti trattati. Il giorno successivo, 30 settembre, i vari giudici si sono cimentati sui test atletici e il relativo risultato, sia dei test tecnici che sici, stato alquanto positivo e ha dimostrato la preparazione atletica e tecnica degli stessi. Alcuni giovani arbitri, di prima esperienza regionale, si sono distinti per la loro seriet e attenzione ai lavori, dimostrando pure una grande facilit di integrazione con gli altri colleghi. Per il comitato cesenate del Csi erano presenti Denis Pieraccini, Vito Perna, Danile Della Strada, Giovanbattista Ricchiello, Roberto Riceputi, Massimo Patrono (per il calcio a 11) e Martino Donati, Federico Torciani, Paolo Pellegrino (per il calcio a 5).
FOTO ARCHIVIO SIR

Anche il Centro sportivo italiano ha i suoi Baumgartner


Esiste il lavoro duro, impegnativo, costante e la fatica dellallenamento. quello che vivono con gioia ed entusiasmo decine di migliaia di allenatori e dirigenti di quel piccolo miracolo italiano che si chiama societ sportiva di base
o svizzero Felix Baumgartner si buttato da 39mila metri e ha raggiunto, in caduta libera, la velocit di 1.342 km orari superando il muro del suono. Nuovo record mondiale. Laspetto singolare, sottolinea Massimo Achini, presidente nazionale del Csi, che il suo non stato lunico record in questa settimana. Ce n stato un altro realizzato, in contemporanea, in almeno 20mila luoghi del Paese, realizzato in maglietta e pantaloncini. il primato del salto dal precipizio educativo. Un record che ogni settimana migliaia di dirigenti effettuano in altrettanti campetti spelacchiati doratorio e di periferia. Buttarsi oggi nellavventura educativa, sostiene Massimo Achini, cosa da alta prestazione. Infatti palese che il Paese non potr mai guardare al futuro con speranza se non ritrova la capacit di educare i giovani ai veri valori della vita. La societ di oggi deve fare i conti con mille problemi seri e complessi. Ma tra le priorit delle priorit resta quella sfida educativa che costituisce un pilastro indispensabile su cui costruire il nostro domani. In questa direzione non esistono ricette o scelte vincenti. Esiste il lavoro duro, impegnativo, costante e la fatica dellallenamento.

esattamente quello che vivono, afferma con orgoglio il presidente nazionale del Csi, con gioia ed entusiasmo, decine di migliaia di allenatori e dirigenti di quel piccolo miracolo italiano che si chiama societ sportiva di base. Persone che, giocando e correndo dietro a un pallone, contribuiscono a cambiare e a rendere pi bella la vita delle persone e di un Paese. Viviamo oggi un tempo di grande cambiamento. La politica italiana deve cambiare volti e metodo. Deve farlo punto e basta, perch la gente non ne pu pi di vedere confuso il bene comune con gli interessi di bottega e di vedere il servizio sostituito con il potere. Speriamo che nel cambiare guarisca anche da quella sorta di cecit che lha portata a considerare, troppo spesso, poco importante lazione delle societ sportive di base. Il mondo dello sport deve cambiare e guarire definitivamente da pericolose malattie che hanno nei

casi di Armstrong o di Scommessopoli solo punte di complessi iceberg. Per farlo, deve dare forza alla parte sana del sistema, convincendosi che educazione e prestazione hanno pari importanza e pari dignit. Deve cambiare la societ, puntando tutto sui veri valori della vita e sulle educazione dei giovani. Si tratta di cambiamenti difficili e complessi. Per fortuna di uomini che hanno il coraggio di buttarsi dalla stratosfera se ne trova uno ogni tanto, ma di uomini e donne che si buttano nellavventura educativa attraverso lo sport se ne trovano migliaia e migliaia ogni settimana. E ci ci d forza e speranza, conclude Massimo Achini.

La Formazione scalda i motori


al lavoro il team nazionale della Formazione composto da Roberto Mauri (Milano), Beppe Basso (Asti), Giacomo Abate (Reggio Emilia) e Rossella Graziano (Caltagirone). Al Consiglio nazionale Csi di sabato 10 novembre sar presentato il piano della formazione 2012/2013. Tra le novit, la scuola permanente per dirigenti associativi, che si realizzer con incontri regionali destinati a chi nel Csi ha responsabilit nei vari livelli. Altra caratteristica del quadriennio a venire, la valorizzazione della formazione territoriale per i dirigenti delle societ sportive, allenatori, animatori, arbitri. Sar inoltre potenziato Skynet, la piattaforma tecnologica che consente di consultare in tempo reale la situazione delle qualiche di ogni ordine e grado ottenute attraverso i corsi ufficiali del Csi.

Pagina Aperta

Gioved 25 ottobre 2012

23

Il direttore risponde

LOcchio indiscreto

Leducazione una testimonianza damore Si dona e si riceve, sempre


Solo un cristianesimo che incontrabile e diventa esperienza riconoscibile veramente conveniente e spendibile davanti ai giovani. Tutto il resto conta poco e viene facilmente riconosciuto come menzogna. Grazie per lospitalit. Lettera firmata Carissimo lettore, grazie infinite per la sua lettera. Noto con piacere che la serata col professor Nembrini stata di grande intensit non solo per me, ma per tanti, come le sue righe testimoniano con evidenza. Lappuntamento proposto dalla Fondazione del Sacro Cuore per i suoi 25 anni di attivit ha colto senzaltro nel segno. In giro si coglie il disagio di molti genitori che vacillano sotto il peso di una responsabilit a volte troppo pesante da portare. Leducazione, ci ha detto il professor Nembrini (io, nel mio piccolo, condivido le sue affermazioni, cfr. anche il servizio a pag. 13) non mai un problema, ma una testimonianza da offrire. Leducazione circolare: si educa e si viene educati, sempre. Leducazione amore. Un amore gratuito e disinteressato. I figli ci vengono affidati da Dio perch li aiutiamo a spiccare il volo. Un volo che sono loro a decidere. A noi spetta il compito di insegnare loro come si vola. Leducazione dona e non domanda mai. Sa attendere, come la parabola del figliol prodigo insegna. A noi genitori il compito di assicurare sempre un ancoraggio, un porto sicuro a cui poter tornare. Cordiali saluti. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it origine di ambito cesenate (titolo un po vago e misterioso, che accresce la curiosit). Mi chiedevo (da collezionista, anchio e, dunque, dallinterno di questa microrealt) ... cosa pu spingere una persona sana di mente a collezionare oggi francobolli, monete, cartoline o santini o altre particolarit come le affrancature meccaniche (sai quelle stampate in rosso che vediamo in tante buste)? Cosa pu spingere a mettersi in macchina e fare centinaia di chilometri per scambiare materiale, per condividere un interesse?... Beh, la domanda potr avere, forse, una risposta nei quattro giorni della piccola mostra: divertimento puro, gusto dellapprofondimento di un interesse, anche se perseguito in modo eccentrico e irrituale, possibilit di realizzare collezioni a costi contenuti. Tutto sommato, un sano modo di impiegare alcuni scampoli di tempo liberando la mente. Come sempre accade, tuttavia, le spiegazioni pi semplici e - forse - condivise da molti collezionisti, non sono del tutto esaustive. Cito solo unobiezione, fra le tante: Il collezionista uno che non butta mai via niente, che accumula di tutto, che raccoglie ed acquista in modo compulsivo. Esagerazioni patologiche? certo. Mi ci sono imbattuto sfogliando linserto La lettura del Corriere della Sera del 14 ottobre. Il titolo dellarticolo di Pier Luigi Panza era: Foto, libri, ricordi: accumulo tutto a indagare un fenomeno della modernit che ha radici antiche. ...Non buttare nulla, per gli psicologi, si chiama disposofobia ... e qualcuno lo inquadra come sintomo del disagio osses-

arissimo direttore, le scrivo dopo lo straordinario incontro con il professor Franco Nembrini di sabato 13 ottobre. La serata mi ha profondamente colpito. Il tema stato dedicato alla centralit della famiglia nellopera educativa. Mi chiedo se a 50 anni e con i figli gi grandi e quindi, tanti errori educativi alle spalle, sia possibile educare i miei ragazzi e ora, nel lavoro che faccio, educare una nuova generazione di giovani famiglie a non avere paura delle piccole e grandi fatiche che la crescita comporta. Una voce tenebrosa mi dice: Ormai tardi!; Ges risponde al vecchio Nicodemo che possibile rinascere. (Tra laltro mi chiedo dove sia possibile ritrovare una parola cos, al di fuori del cristianesimo!). Nembrini ci ha ricordato che i figli ci perdonano moltissimo e che gli errori fatti non sono un ostacolo, ma una condizione permanente per chi si dedica a tirar grandi i ragazzi. Cosa dunque essenziale nelleducare? La preparazione culturale? Una bella dialettica? Una forte introspezione psicologica? La ricchezza? La posizione sociale? Il wellness? Un team educativo? Ancora Nembrini risponde: un padre che si inginocchia nellangusta camera dei figli per lultima preghiera della sera, era per quei ragazzi tra cui cera il piccolo Franco, il segno per chiedersi: Come deve essere forte colui davanti al quale il mio grande padre si inginocchia!.

Marco Pantani, il suo ricordo presente in molto luoghi. Il campione di Cesenatico ricordato non solo nella sua citt natale: la foto mostra un cippo posizionato nella via principale di Selvapiana (Bagno di Romagna), lungo una strada che lo vedeva protagonista durante gli allenamenti in salita. Anche a Borello, alluscita dellE45, vi una scritta (Un vero Pirata non muore mai) voluta dal fans club del paese.

A Cesena collezioni in mostra


Dall1 a 4 novembre il Circolo Filatelico di Cesena d spazio al collezionismo dei soci. Lesposizione si terr nella sala Endas in corso Mazzini 46 in centro a Cesena. Oltre alla filatelia e alla numismatica, saranno esposte cartoline antiche, documenti della storia cesenate, etichette di vini, scatole di fiammiferi, bustine di zucchero. Gli orari di apertura saranno dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. Dunque, riecco il collezionismo: questa volta diamo spazio alle raccolte di vari soci che fanno uscire allo scoperto materiale spesso inedito e mai esposto. O per la particolarit, la rarit, lomogeneit di alcune raccolte, come linteressantissima serie di cartoline cesenati dei primi decenni del Novecento, o la carta moneta di et repubblicana; o per la specificit e la specializzazione di cartoline e annulli dellesercito Italiano. Ma qui siamo, direi, nel campo classico del collezionismo. Accanto a questo si possono trovare esposizioni che potremmo definire singolari. I materiali raccolti sono quelli che ci passano fra le mani ogni giorno: bustine di zucchero, al bar, scatole di fiammiferi (che non si trovano mai quando se ne ha bisogno), etichette di vini... Infine, ci sar una selezione di documenti reperiti e organizzati, avendo come trait-dunion la loro

sivo compulsivo. C anche la versione elettronica di chi non butta via nemmeno un file o unimmagine, a costo di dotarsi di memorie esterne, dopo avere aumentato i giga... ... c chi tiene bigliettini dei ristoranti, men, biglietti dei treni, scontrini... e, ancora, ...il collezionismo una delle pratiche storiche che mostra unatavica paura per lassenza di cose intorno a noi, la paura del vuoto unansia che si placa solo quando si circondati da libri quadri, oggetti... non buttare via niente... tengo, dunque sono!.... Gli psicologi Randy O. Frost e Gail Steketee ne hanno fatto un libro, tradotto ora in italiano (Tengo tutto. Perch non si riesce a buttare via niente, Erikson). chiaro che la frontiera sublime (citazione non mia) del collezionismo innocente ormai solo un lontano ricordo. Eppure... eppure c chi vede questa passione (del collezionismo, non della raccolta compulsiva) come una mania o, nella versione pi benevola, come una manifestazione di infantile entusiasmo. Rimane fuori da questa considerazione, per quanto il mio modesto pensiero, la visione equilibrata del collezionismo: la possibilit di intraprendere una strada propria per approfondire una materia o un argomento, un periodo o un materiale utilizzato, un tema o un periodo storico che presuppone lunghi studi di approfondimento e documentazione, approcci certo non superficiali, senza spazi per lapprossimazione o il pressapochismo.. C spazio per tutti nel collezionismo seguendo ognuno un interesse, una metodologia, un approccio (e un budget, anche, perch no) che sia il proprio, che sia su misura. Un saluto e un appuntamento alla mostra Rassegna del collezionismo, dall1 al 4 novembre, nella sala Severini Endas in corso Mazzini a Cesena (ingresso libero).

Il grande grazie della corale Vivaldi

Daniele Vaienti

A nome della corale A. Vivaldi desideriamo ringraziare per la sentita partecipazione alla 5 rassegna corale di sabato 21 ottobre a Gambettola. Ringraziamo inoltre e sentitamente il coro Cai di Bologna per la performance altamente bella e commovente e il coro voce del Benin che ci ha allietato con il ritmo gioioso delle loro preghiere. Per chi volesse ascoltare nuovamente la corale A. Vivaldi, i prossimi appuntamenti saranno a Natale, il 23 dicembre a Cesenatico e il 26 dicembre a Gambettola. Gisella Garofalo per corale A. Vivaldi

Il centro educativo pomeridiano in via Mami a Cesena cerca nuovi volontari


Il nostro impegno per chi si impegna
Il leasing della

FEDERIMPRESE EMILIA-ROMAGNA

e degli Istituti Azionisti: Cassa di Risparmio di Cesena Banca di Romagna Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola Cassa di Risparmio di Cento Cassa di Risparmio di Rimini Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana Emil Banca Socit Gnrale

i piacerebbe vivere unesperienza vivacizzante? Allora corri al Cantiere 411! Il Cantiere 411 un centro educativo pomeridiano gratuito che accoglie bambini e ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori, di nazionalit, culture e religioni diverse; unesperienza davvero preziosa di aggregazione, crescita e studio in cui il centro di tutto la persona nella sua interezza e nella sua unicit. Qualsiasi azione, progettata dallquipe e realizzata in collaborazione con i volontari, persegue lobiettivo di educare a una comunit multietnica fondata sullamore, la pace, la giustizia e la solidariet e di coltivare una cultura della vita e di un profondo rispetto di essa. Desideriamo aiutare i ragazzi a riconoscere e confrontarsi con i propri limiti e con le proprie potenzialit ed esercitarsi a investirle nel modo migliore per se stessi e al servizio degli altri, allenando la capacit di cogliere nella diversit di ciascuno una ricchezza per tutti. Il Cantiere 411 promosso dallassociazione Il Pellicano, fondata dalle Suore della Sacra Famiglia di Cesena con diversi amici, con lintento di creare un luogo di ritrovo per famiglie, ragazzi e bambini, uno spazio aperto a giovani e adulti che vogliono mettersi in gioco. Si trova nel quartiere Oltresavio e offre diversi spazi in cui i ragazzi si incontrano, giocano, studiano, godono la compagnia degli amici.

Il Cantiere 411 anche tuo! T

I pomeriggi al Cantiere 411 sono caratterizzati da due momenti principali: il momento del gioco e dei laboratori (dalle 14,30 alle 15,45), in cui i ragazzi esprimono loro stessi attraverso il proprio modo di fare e il proprio linguaggio, un momento in cui per gli educatori e i volontari importante mettersi in gioco; il momento dello studio (dalle 16 alle 18) in cui i ragazzi svolgono i compiti, aiutati dai volontari a ragionare e riflettere per mettere in campo tutte le proprie capacit per la risoluzione del problema. proprio in questi due momenti particolari che diventa molto prezioso laiuto e il sostegno dei volontari per aiutare i ragazzi a vivere meglio il tempo libero e per sostenerli nello studio. Allora affrettati: regala al cantiere anche solo due ore del tuo tempo Sar un dono prezioso non solo per i ragazzi, ma soprattutto per te, unoccasione eccezionale di scoperta, di incontro e di crescita che riempir il tuo cuore di gioia e ricchezza. Per info: Cantiere 411, via Mami 411, Cesena, tel. 0547 334709.