Vous êtes sur la page 1sur 18

Scuola Città “Pestalozzi”, via delle Casine 1

Le simmetrie
dal Violinista di Chagal
Esperienza nella quinta elementare:
Stefania Cotoneschi, Annalisa Sodi, Francesca Natali
a.s. 2006-07
Il terzo Biennio di SCP: buon osservatorio del
passaggio primaria-secondaria
Nei istituti comprensivi, ma anche nella scuola in generale:

• Esigenza di continuità e verticalità nella scuola dell’obbligo


• Importanza di un curricolo verticale Importanza del passaggio di
competenze fra adulti
• Pari dignità dell’offerta scolastica e della professionalità docente
in ordini di scuola diversi
• Importanza dell’orientamento
• Flessibilità organizzativa e realizzazione di un vero organico
funzionale
• Effettiva possibilità di poter utilizzare risorse e specificità in
verticale

Trasferibilità di esperienze sotto forma di progetti di


insegnanti di ordini di scuola diversi
Le simmetrie

Tempo necessario almeno 8-10 incontri di un’ora e mezzo


con gli alunni e 4 ore di progettazione
Discipline coinvolte: matematica, arte, tecnica (falegnameria)
compresenza matematica 6 ore – tecnica 8 ore
Frequentemente nel campo matematico scientifico si segue
il percorso: prima la teoria poi, quando si può, la pratica.
In questo modo il fattore “gioco”, il gusto della scoperta,
vengono quasi del tutto eliminati, forse perché non se ne
comprende l’importanza per l’apprendimento.

Questa è troppo spesso considerata l’unica via possibile


per apprendere!!!
La nostra ipotesi, invece, è che la maturazione delle
capacità di discorso geometrico e non solo,
dipendano più dallo sviluppo del linguaggio verbale in
contesti di modellizzazione del reale e
dall'individuazione di fatti nella realtà, piuttosto che
dallo studio di elementi teorici.

Occorre quindi creare situazioni, campi di esperienza


complessi con molte possibilità di lettura: estetica,
logica, matematica, creativa, ....
Obiettivi generali:

- Valorizzare la fantasia e la rielaborazione personale.


- Ricercare regolarità
- Sviluppare il gusto per la scoperta
- Porsi in modo scientifico di fronte alla realtà.
- Saper osservare
- Capacità di prevedere
- Capacità di fare ipotesi
- Sapersi porre problemi
- Argomentare
-Acquisire concetti di base per le discipline ma anche di
uso comune.
-Simmetria: concetto fondamentale nel campo della
conoscenza della realtà (artistica, musicale, naturale,
matematica e fisica,..)
Obiettivi specifici di matematica
•Costruire e disegnare con strumenti vari le principali figure
geometriche
•Individuare gli elementi significativi di una figura
•Individuare simmetrie in oggetti e figure date; realizzarle e
rappresentarle col disegno

•Risolvere problemi usando proprietà geometriche delle figure


anche ricorrendo a modelli materiali e a opportuni strumenti (riga,
squadra, compasso, software di geometria dinamica, …)
•Riconoscere figure uguali e descrivere le isometrie necessarie per
portarle a coincidere
Verso le competenze:
Essere in grado di:
• riconoscere e descrivere le principali figure piane e solide
• utilizzare le trasformazioni geometriche per operare su figure
• determinare misure di grandezze geometriche
• usare la visualizzazione, il ragionamento spaziale e la
modellizzazione geometrica per risolvere problemi del mondo reale
Lavoro esplorativo prima con
uno specchio poi con due
specchi
Materiale:
-una fotocopia con due
figure , uno specchio
-Oggettini (almeno uno con
verso evidente)
Uso di 2 specchi:
esplorazione con specchi
paralleli, ortogonali e con
angolo variabile
Viene richiesta la ricerca di
regolarità fra il numero di
immagini riflesse e l'angolo
formato fra gli specchi
Gioco dello specchio
da fare a coppie alla lavagna e poi sul quaderno
2 giocatori A e B
Si disegna un asse verticale (a) in mezzo alla lavagna
Si parte dall’asse e si deve finire sull’asse.
Muove per primo il bambino A. Disegna un segmento.
B deve disegnarne il simmetrico rispetto ad (a) ed un altro segmento.
In 10 mosse si deve finire
Si deve partire e finire sull’asse di simmetria.
Si ripete il gioco con due assi ortogonali.
Dall’osservazione alla regola per la simmetria

Esempio quando l’asse è verticale


1) Se A parte dall’asse e va a sinistra, B parte dall’asse e va a destra.
2) Se A va in diagonale verso sinistra in basso, B va in diagonale verso
destra in basso.
3) Se ci si muove in verticale, A e B fanno la stessa cosa.
4) Se A va in orizzontale verso destra, B va in orizzontale verso sinistra.
5) Se A va in diagonale verso destra in basso, B va in diagonale verso
sinistra in basso.
6) Se A va in diagonale verso destra in alto, B va in diagonale verso
sinistra in alto.
7) Le linee che si fanno devono avere la stessa lunghezza, sia dalla parte
di A sia di B.

Si dà una scheda con le lettere dell’


alfabeto.
- Individuare le lettere che hanno simmetria
orizzontale e/o verticale.
-Come potresti fare a vedere con lo A
specchio
se una lettera è simmetrica?
Cerchiamo una
immagine che possa
essere adatta alla
rielaborazione
attraverso le
simmetrie:
Il violinista di Chagall
Si mostra, si osserva e poi si fornisce una
fotocopia e due specchi fissati a 90°su una
guida…

Alla ricerca di
una “bella
immagine” con
due specchi
ortogonali
…POI la rielaborazione dell’immagine per trarne un
lavoro in legno…
Problema: come si può riprodurre quello
che si vede con gli specchi?
Con il legno tanti spessori!!!
Ogni colore uno spessore….
Col cartoncino si produce un modello…
Livello 1…
LIVELLO 2 - 3
Si usa di
nuovo la carta
carbone…
Pezzo per
pezzo…

Ma sul legno!!
…e cercando
di non
sprecarlo…

E poi finalmente il seghetto…


E infine pronti per il colore!
CONCLUSIONI:
La simmetria è diventata una modalità per vedere
gli oggetti…la realtà ed anche le figure geometriche
E’ stato molto naturale vedere ed enumerare gli assi
di simmetria nei poligoni regolari…
Passando al cerchio… quando lo abbiamo
esplorato per capire come si poteva trovare
l’area…qualcuno lo ha denominato “infinitagono”
…perché ha infiniti lati e infiniti assi di simmetria!