Vous êtes sur la page 1sur 4

STATUTO

Art. 1 Costituzione dell'associazione A Corsico, in Via Parini n.9, si costituita l'associazione culturale e politica di donne denominata "ventunesimodonna". Il trasferimento della sede legale non comporta modifica statutaria, se avviene allinterno dello stesso comune. L'associazione non ha fini di lucro. Art. 2 Scopo L'associazione, autonoma e laica, riconosce il valore degli articoli 1, 2, 3 e 51 della Costituzione italiana e individua nella loro attuazione la strada per raggiungere una democrazia compiuta, in grado di dare alle donne cittadinanza piena, attraverso la democrazia paritaria e partecipativa. Art. 3 Obiettivi Obiettivi principali dell'associazione sono: costruire un luogo, reale e simbolico, in cui le donne delle varie generazioni possano ascoltarsi, confrontarsi ed elaborare cultura e politica di genere; sperimentare forme di cittadinanza attiva e dimpegno nella sfera della politica affinch le donne possano essere protagoniste della storia; ricercare e sperimentare modalit nuove di agire la politica, legata alle sensibilit ed ai bisogni delle donne e declinata sui principi dinclusione, relazione, partecipazione e cooperazione; dare visibilit e valore a saperi, professionalit ed competenze che le donne possiedono e che desiderano mettere a disposizione della citt; difendere i diritti storicamente acquisiti dalle donne e far valere quelli di nuova generazione; contribuire a destrutturare gli stereotipi sessisti che ingabbiano le donne in modelli fissi e negano il ruolo reale che hanno nella societ; contribuire alla crescita di una societ nella quale democrazia, partecipazione, lavoro, linguaggio non abbiano come riferimento un presunto modello "maschile-neutro" che marginalizza le donne e contribuisce al mantenimento degli stereotipi sessisti; collaborare con le agenzie educative del territorio alla costruzione di percorsi culturali che riconoscano e rispettino le differenze. Art. 4 Azioni Per raggiungere gli obiettivi dichiarati l'associazione si prefigge di: promuovere percorsi culturali e politici, aperti anche agli uomini, con particolare attenzione ai temi di genere, anche con il contributo delle competenze e dei saperi delle donne della citt; ricercare momenti di confronto con le amministratrici e con gli amministratori sulle scelte politiche e amministrative, soprattutto su quelle che hanno ricaduta sulla vita delle cittadine; proporre, anche in modo formale, concrete azioni alle amministratrici ed agli amministratori della citt; creare momenti di confronto con le donne della citt, i movimenti e le associazioni di donne e con le donne che militano nei partiti; ricercare occasioni di collaborazione con le associazioni, con le istituzioni della citt e con i partiti politici anche in vista di iniziative da condurre congiuntamente; aprire particolari iniziative interne al confronto con gli uomini che credono nella necessit di un cambiamento culturale del rapporto uomo-donna; aderire ad iniziative organizzate da altre associazioni.

Art. 5 Le socie L'associazione si avvale per il proprio funzionamento dell'attivit volontaria e gratuita delle socie. Le socie si distinguono in socie fondatrici, ordinarie, sostenitrici e onorarie. Sono socie fondatrici coloro che sono intervenute all'atto costitutivo dell'associazione. Sono socie ordinarie coloro che simpegnano a dare un contributo personale per lo svolgimento delle attivit dell'associazione. Sono socie sostenitrici coloro che, condividendo gli scopi e le finalit, appoggiano con contributi economici le attivit dell'associazione. Sono socie onorarie coloro che vengono riconosciute dall'assemblea come donne di particolare valore. Le socie onorarie non sono tenute al versamento della quota annuale di iscrizione. Art. 6 Modalit di associazione Le donne che desiderano diventare socie dell'associazione devono fare richiesta scritta al consiglio direttivo. Possono diventare socie le donne che si riconoscono negli obiettivi e nei valori del presente statuto. Le socie aderiscono all'associazione indipendentemente dalla loro eventuale appartenenza partitica, sindacale, associativa. La richiesta viene discussa e accettata dal consiglio direttivo. Le socie pagano una quota associativa annuale il cui ammontare viene deliberato dall'assemblea. Le socie hanno diritto di eleggere ed essere elette negli organismi di gestione e di partecipare alla formulazione, organizzazione e conduzione delle attivit annuali. Si perde la qualifica di socie per: mancato pagamento della quota associativa dimissioni presentate per iscritto al consiglio direttivo esclusione da parte dell'assemblea per il non rispetto dei valori e degli obiettivi dello statuto. Il recesso o l'esclusione non danno diritto alla restituzione delle quote associative versate. Art.7 Organi di gestione Sono organi dell'associazione: l'assemblea delle socie il consiglio direttivo la presidente le copresidenti la tesoriera Le cariche associative sono completamente gratuite. Le elezioni per il rinnovo delle cariche avverranno ogni due anni e saranno tenute di norma con voto palese. Le candidature saranno espresse durante l'assemblea. Possono partecipare alle elezioni le socie in regola con l'iscrizione. Art. 8 Lassemblea delle socie L'assemblea l'organo sovrano dell'associazione ed formata dalle socie presenti regolarmente iscritte. L'assemblea valida con la presenza di almeno 1/3 delle socie ed presieduta dalla presidente che nomina una segretaria verbalizzante. Le decisioni si assumono secondo il principio della mediazione e della condivisione e solo in casi eccezionali per voto palese a maggioranza. Le assemblee possono essere ordinarie e straordinarie. L'avviso e l'ordine del giorno devono essere comunicati anche via mail con almeno otto giorni di anticipo. Art. 9 Assemblea ordinaria L'assemblea ordinaria viene convocata di regola due volte l'anno, secondo il calendario definito nella programmazione annuale. Lassemblea ordinaria: delibera sugli orientamenti di ordine generale e fissa le linee di indirizzo dell'associazione; propone, discute e programma le attivit annuali, indicandone modalit, supporti organizzativi, eventuali finanziamenti; elegge la presidente, le copresidenti, la tesoriera e gli altri membri del consiglio direttivo; approva il bilancio di previsione e il rendiconto consuntivo; fissa le quote associative; propone la costituzione di gruppi di lavoro; delibera su ogni altro argomento di carattere ordinario sottoposto alla sua approvazione; approva l'eventuale regolamento interno.

Art. 10 Lassemblea straordinaria Lassemblea straordinaria delibera su argomenti di carattere straordinario e su eventuali questioni non prevedibili emerse dopo l'assemblea ordinaria La convocazione dell'assemblea straordinaria avviene su richiesta di 1/3 delle socie o del consiglio direttivo. La richiesta va indirizzata alla presidente che provveder alla convocazione. Art. 11 Il Consiglio direttivo Il consiglio direttivo: composto da un minimo di sette ad un massimo di undici socie, in conformit a quanto stabilito dall'assemblea; nel numero sono comprese la presidente, le copresidenti e la tesoriera; dura in carica due anni ed i suoi membri sono rieleggibili, fatto salvo il principio dellalternanza e della rappresentativit generazionale; si riunisce di norma una volta al mese, secondo un calendario prefissato e comunicato alle socie; coordina e agevola l'attivazione dei percorsi necessari alla realizzazione delle attivit programmate; accoglie e struttura le proposte delle socie e predispone il materiale necessario per esaminare gli ordini del giorno delle assemblee ordinarie; apre al contributo delle socie le attivit dei gruppi di lavoro; accetta le iscrizioni e le dimissioni delle socie. Le riunioni del consiglio direttivo sono presiedute dalla presidente ed in sua assenza da una copresidente; il verbale della seduta redatto a rotazione dalle componenti del consiglio. Le decisioni si assumono secondo il principio della mediazione e della condivisione e solo in casi eccezionali per voto palese a maggioranza. Le sedute del consiglio direttivo sono, di norma, aperte a tutte le socie. Art.12 La presidente e le copresidenti La presidente ha la rappresentanza legale e la firma sociale. Le copresidenti sostituiscono la presidente in caso di assenza. La presidente e le copresidenti: convocano e presiedono le assemblee e il consiglio direttivo; concorrono al raggiungimento delle finalit politiche e culturali del presente statuto; monitorano l'esecuzione delle relative deliberazioni nonch l'attuazione della programmazione annuale definita dall'assemblea; sorvegliano il buon andamento amministrativo dell'associazione; verificano l'osservanza dello statuto e delleventuale regolamento. Art. 13 La tesoriera La tesoreria: provvede alla predisposizione del rendiconto economico e finanziario corredato di idonee relazioni da inviare al consiglio direttivo ed all'approvazione dell'assemblea; si occupa della cassa e delle spese necessarie per la realizzazione delle attivit annuali. Art. 14 Gruppi di lavoro In base alla programmazione annuale si costituiscono gruppi di lavoro corrispondenti alle attivit da realizzare. I gruppi di lavoro hanno il compito di approfondire le tematiche ed elaborare proposte per lattuazione dei percorsi operativi, dopo che gli stessi sono stati discussi e formalizzati in seno al consiglio direttivo. ART. 15 Risorse economiche Lassociazione trae le risorse economiche per il funzionamento e lo svolgimento della propria attivit da: quote associative contributi delle socie contributi dei privati contributi di Enti e di Istituzioni pubbliche entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento I fondi sono depositati presso listituto di credito stabilito dallassemblea. Art. 16 Scioglimento dell'associazione e modifica dello statuto Le modifiche del presente statuto e lo scioglimento dell'associazione saranno deliberati dall'assemblea riunita in sessione straordinaria. L'assemblea valida con la presenza di almeno i 2/3 delle socie. La deliberazione valida se votata dalla maggioranza qualificata ovvero i 4/5 delle presenti. L'eventuale avanzo di gestione investito a favore di attivit istituzionali decise dall'assemblea

Art. 17 Regolamento interno Particolari norme di funzionamento e di esecuzione del presente statuto potranno essere disposte con regolamento interno da elaborarsi a cura del consiglio direttivo, dopo una seduta di confronto con le socie, e da approvarsi in assemblea. Art. 18 Clausole finali Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le norme di legge ed i principi generali dell'ordinamento giuridico italiano.