Vous êtes sur la page 1sur 10

Istituto Comprensivo

SCUOLA-CITTÀ PESTALOZZI
Scuola sperimentale statale
D.M. 10.03.06 - ex art. 11 D.P.R. n. 275/1999 - Scuola Laboratorio - Centro Risorse per la formazione docenti

PROGETTO GEOMETRIA CREATIVA


Laboratorio: “Non faccio una piega”
ins. Roberta Milli

1° percorso LE FIGURE PIANE

1° incontro gruppo B lunedì 29 gennaio 07

Presentazione dell’attività di oggi:


A partire da un foglio di carta di forma irregolare, proviamo a fare un quadrato
usando solo le piegature

PREMESSA: esplicitiamo le caratteristiche del quadrato raccogliendo quello che già


sanno i bambini:
• ha 4 lati uguali, cioè della stessa lunghezza
• ha 4 angoli uguali, cioè della stessa ampiezza di 90° (l’angolo di 90° si chiama angolo
retto e sommandone 4 si ottiene l’angolo giro di 360°)
• ha 2 diagonali
• ha 4 assi di simmetria, di cui 2 coincidono con le diagonali

PROMEMORIA
- angolo retto misura 90° (si legge novanta gradi)
- angolo giro misura 360° (si legge trecentosessanta gradi)
- la diagonale è la linea che unisce due vertici opposti
- l’asse di simmetria è la linea o “piegatura” con la quale la figura geometrica viene
divisa in 2 parti congruenti, cioè uguali perché combaciano per ribaltamento

Domande aperte.
• cosa succede se ruoto la figura sempre di un quarto?

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

• se cambia direzione cambia la sua forma?

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
ESECUZIONE: (vedi fotocopia istruzione)
2° incontro gruppo B lunedì 5 febbraio 2007

Premessa: rileggiamo quello che abbiamo fatto durante il primo incontro per capire
bene tutte le nuove informazioni relative alle figure geometriche e agli angoli.
ESERCITAZIONE: abbiamo costruito un quadrato con solo due piegature a partire
da un foglio rettangolare. Poi lo abbiamo piegato lungo una diagonale formando
2 triangoli isosceli rettangoli. Osserviamo le caratteristiche di questi due tipi di
triangoli: hanno 2 lati uguali, perché sono quelli del quadrato, il terzo lato è più lungo
ed è formato dalla diagonale, hanno 2 angoli uguali di 45° che sono la metà dei 2
angoli di 90° perché divisi dalla diagonale, il terzo angolo è retto di 90° perché è
rimasto invariato ed è quello che dà la seconda caratteristica al triangolo.
Se facciamo la stessa cosa lungo l’altra diagonale otteniamo il quadrato diviso in 4
triangoli isosceli rettangoli uguali e più piccoli della metà rispetto ai primi due, quindi
ognuno di questi 4 triangoli corrisponde ad un quarto del quadrato di partenza.

Consegna:
- Fai una lunetta di colore verde sugli
angoli di 90°
- Fai una doppia lunetta di colore giallo sugli
angoli di 45°
- Colora di blu le diagonali

PROMEMORIA:
I triangoli hanno caratteristiche diverse in base alla lunghezza dei lati e/o
all’ampiezza degli angoli:

ISOSCELE ISOSCELE RETTANGOLO


2 lati uguali 2 lati uguali
2 angoli uguali 2 angoli uguali di 45°
1 angolo di 90°(retto)

SCALENO EQUILATERO
3 lati disuguali 3 lati uguali
3 angoli disuguali 3 angoli uguali
di 60°

Consegna: colora con una lunetta rossa gli angoli di 60°, verde quelli di 90°, gialla
quelli di 45°.

2
3° Incontro gruppo B lunedì 12 febbraio 2007

Esercitazione: costruiamo una scatolina di carta partendo da una base quadrata e


seguendo le istruzioni date nella fotocopia.
Comprendiamo che per costruire qualcosa con le piegature della carta bisogna essere
molto precisi nella sovrapposizione dei vertici del foglio e marcare bene le piegature
premendoci sopra con il bordo dell’unghia.

PROMEMORIA:
Vertice: il punto d’incontro di due lati
lati opposti: che non hanno vertici in comune
lati consecutivi: che hanno un vertice in comune

4° Incontro gruppo B lunedì 19 febbraio 2007

Dopo un ripasso generale sulle caratteristiche del quadrato e dei 3 triangoli, abbiamo
costruito la panchina di carta, seguendo le istruzioni sulla fotocopia, partendo sempre
da una base quadrata e poi piegando lungo un asse di simmetria l’abbiamo divisa in due
rettangoli…

PROMEMORIA:
Rettangolo:
 ha i lati opposti uguali e paralleli a coppie, ma di lunghezza diversa fra le 2
coppie (in tutto sono 4 e come il quadrato appartiene alla famiglia dei
quadrilateri).
 ha 4 angoli tutti uguali e di 90° (retti)

Consegna: colora di verde gli angoli di 90°

Angolo piatto:
 misura 180° [corrisponde a metà dell’angolo giro (360°) e al doppio
dell’angolo retto (90°)].

Consegna: colora con lunette verdi un


angolo retto di 90°, blu un angolo
piatto di 180°, viola l’angolo giro di
360°

3
costruzioni eseguite negli nei 5 incontri del gruppo B

4
2° percorso LE FIGURE PIANE

DIARIO DI BORDO DEL GRUPPO C


1° incontro 5 marzo 2007-03-22
- Fase 1: presentazione del lavoro sulle SIMMETRIE
- Fase 2: facciamo l’esercitazione su come si costruisce un quadrato a partire da un
foglio di forma irregolare
- Fase 3: sul quadrato costruito facciamo le osservazioni sugli ASSI di SIMMETRIA
che in questa figura sono 4 di cui 2 coincidono con le diagonali. Dò la definizione di
asse di simmetria: è la linea o “piegatura” con la quale la figura geometrica viene
divisa in 2 parti congruenti, cioè uguali perché combaciano per ribaltamento.
- Fase 4: per finire propongo una piccola attività pratica: su un foglio rettangolare
piegato lungo un asse di simmetria disegnare a piacere una linea curva che parta da
un punto della piegatura e arrivi, dopo un breve percorso, ad un altro punto della
piegatura; ritagliare lungo il tracciato ed aprire il foglio per verificare che figura
viene fuori.

2° incontro 12 marzo 2007 (assente Sara)


- Fase 1: seconda esercitazione con un foglio piegato a metà, disegnare una figura
lungo la piegatura (asse di simmetria), ritagliarla e incollarla sul quaderno insieme
alla parte di scarto per far vedere il ribaltamento lungo l’asse di simmetria.
- Fase 2: origami > si costruisce con le piegature il “corvo che becca” seguendo le
istruzioni sulla scheda consegnata. Durante la costruzione si ragiona sugli assi di
simmetrie e sull’ampiezza degli angoli perché tutte le piegature sono quasi tutte
simmetriche.

3° incontro 19 marzo 2007


Dopo aver fatto un ripasso orale dei passaggi fondamentali della simmetria di una
figura geometrica che guida il nostro lavoro sulle piegature per costruzioni con la
carta, affrontiamo la costruzione della “scatolina a stella” con un’attenta
osservazione delle prime 4 piegature della base quadrata che corrispondono ai 4 assi
di simmetria:
- la costruzione procede poi gradatamente
con tutte piegature simmetriche

5
Istituto Comprensivo
SCUOLA-CITTÀ PESTALOZZI
Scuola sperimentale statale
D.M. 10.03.06 - ex art. 11 D.P.R. n. 275/1999 - Scuola Laboratorio - Centro Risorse per la formazione docenti

RIEPILOGO DEI PRIMI 3 INCONTRI GRUPPO C

PROMEMORIA
- la diagonale è la linea che unisce due vertici opposti
- l’asse di simmetria è la linea o “piegatura” con la quale la figura geometrica viene
divisa in 2 parti congruenti, cioè uguali perché combaciano per ribaltamento.
- angolo retto misura 90° (si legge novanta gradi)
- angolo giro misura 360° (si legge trecentosessanta gradi)
- angolo piatto misura 180° (si legge cent’ottanta gradi)
[corrisponde a metà dell’angolo giro e al doppio dell’angolo retto].

Consegna: colora con lunette verdi un


angolo retto di 90°, blu un angolo piatto
di 180°, viola l’angolo giro di 360°

Nel Quadrato > le diagonali sono anche assi di simmetria

Esercitazione:
- Fai una lunetta di colore verde sugli
angoli di 90°
- Fai una doppia lunetta di colore giallo sugli
angoli di 45°
- Colora di blu gli assi di simmetria
- Colora di rosso le diagonali

4° incontro 26 marzo 2007 (assente Gregorio IV el.)


- Riflessione e correzione delle esercitazioni sulla scheda promemoria consegnata la
volta precedente e che dovevano eseguire a casa. Poi si procede alla costruzione di
una panchina di carta con sole piegature simmetriche facendo particolare attenzione
alle parti simmetriche nel procedimento di costruzione.
- Si comincia imparare la costruzione di un triangolo equilatero a partire da un foglio
quadrato e con le sole piegature, perché sarà la base della costruzione di una stella a
sei punte.
5° incontro 2 APRILE 2007 (assente Martina, Mathias, Amina, Sara)
- consegno la scheda promemoria sui triangoli per fissare le varie tipologie e osservare
sul triangolo equilatero i 3 assi di simmetra.
- Poi riprendiamo l’esercitazione sulle piegature per costruire il triangolo equilatero, base
per la stella a 6 punte. Consegno le fotocopie con le istruzioni.
- Iniziamo la costruzione con piegature della stella: è un lavoro complesso di precisione
e tranne Aurora ed Edoardo, devo aiutare tutti nelle prime due piegature per costruire la
base triangolare, poi passo passo insieme riescono a formare la stella e la decorano.

PROMEMORIA sui TRIANGOLI:


I triangoli hanno caratteristiche diverse in base alla lunghezza dei lati e/o all’ampiezza
degli angoli:

ISOSCELE ISOSCELE RETTANGOLO


2 lati uguali 2 lati uguali
2 angoli uguali 2 angoli uguali di 45°
1 angolo di 90°(retto)

SCALENO RETTANGOLO EQUILATERO


3 lati disuguali 3 lati uguali
3 angoli disuguali 3 angoli uguali
di 60°
7
Consegna: colora con una lunetta rossa gli angoli di 60°, verde quelli di 90°, gialla quelli
di 45°.

MEMO: in tutti i triangoli la somma interna degli angoli è sempre 180°

Nel triangolo equilatero gli assi di simmetria sono tre e


collegano ciascun vertice alla metà del lato opposto in
modo perpendicolare, formando 2 angoli retti:
Consegna:
- colora di blu gli assi di simmetria
- colora di rosso gli angoli di 60°
- colora di verde gli angoli di 90° che si formano
all’incrocio degli assi di simmetria con i lati

3° percorso LE FIGURE PIANE

1° incontro gruppo A lunedì 16 aprile 07

Presentazione dell’attività di questi 5 incontri: lavoreremo sul TANGRAM e lo


costruiremo con le piegature e con i tagli, è un gioco geometrico formato da
sette figure che combinate formano un quadrato.

Per costruirlo partiamo dal quadrato


intero e attraverso varie piegature
individueremo tutte e sette le figure
geometriche.
I numeri riportati sull’immagine qui
accanto danno l’ordine della sequenza
della costruzione delle figure e le linee
colorate l’ordine dei tagli:
1° rosso
2° verde
3° blu
4° viola
5° giallo
6°turchese

Via via che tagliamo osserviamo le figure


che si formano e ne elenchiamo, oltre al nome, le caratteristiche:
8
1. dopo il primo taglio lungo la piegatura della diagonale (rossa) del quadrato
iniziale si formano 2 triangoli rettangoli isosceli, ciascuno corrispondente a
metà quadrato;
2. dopo il secondo taglio lungo la piegatura della mezza diagonale verde si formano
altri 2 triangoli rettangoli isosceli (numerati con 1 e 2) che sono ciascuno la
metà del primo triangolo che si era formato col primo taglio;
3. il terzo taglio lungo la piegatura blu si effettua dopo aver fatto coincidere il
vertice del quadrato con il suo centro all’incrocio delle diagonali. Il triangolo col
n. 3 è anch’esso rettangolo isoscele e corrisponde alla metà dei triangoli 1 e 2;
4. a questo punto osserviamo che la figura geometrica che rimane da tagliare e che
è formata dalle figure 4, 5, 6, 7, è un trapezio isoscele;
5. tagliamo per la quarta volta lungo l’asse di simmetria del trapezio isoscele
(colore viola) e osserviamo che si formano 2 trapezi rettangoli scaleni
esattamente congruenti per ribaltamento;
6. continuiamo con il quinto taglio lungo la piegatura gialla e si forma così un altro
triangolo rettangolo isoscele il n. 4 che corrisponde alla metà del n. 3 e ad un
quarto dei n. 1 e 2 e dall’altra parte un quadrato (n.5) che è esattamente il
doppio del triangolo n.4;
7. sul secondo trapezio rettangolo scaleno si effettua l’ultimo taglio (6°) lungo la
piegatura turchese che dà origine al triangolo rettangolo isoscele n. 6 uguale
al n. 4 e ad un parallelogramma n. 7 che equivale al doppio dei triangoli n. 4 e
n. 6 ed è equivalente come estensione al quadrato n. 5.

per il 2° incontro: da studiare insieme all’esercitazione sulla costruzione


del Tangram

PROMEMORIA
- angolo retto misura 90° (si legge novanta gradi)
- angolo giro misura 360° (si legge trecentosessanta gradi)
- angolo piatto: misura 180° (si legge centottanta gradi) [corrisponde a metà
dell’angolo giro (360°) e al doppio dell’angolo retto (90°)].
- la diagonale è la linea che unisce due vertici opposti
- l’asse di simmetria è la linea o “piegatura” con la quale la figura geometrica viene
divisa in 2 parti congruenti, cioè uguali perché combaciano per ribaltamento
- vertice: il punto d’incontro di due lati
- lati opposti: che non hanno vertici in comune
- lati consecutivi: che hanno un vertice in comune

QUADRATO
 ha tutti e 4 i lati uguali e paralleli a coppie,
appartiene all’insieme dei quadrilateri.
 ha 4 angoli tutti uguali e di 90° (retti)
PARALLELOGRAMMA

9
- ha i lati opposti uguali e paralleli a coppie
- ha gli angoli opposti uguali
- appartiene all’insieme dei quadrilateri.

TRAPEZI
Appartengono all’insieme dei quadrilateri TRAPEZIO ISOSCELE

TRAPEZIO RETTANGOLO

- ha 2 lati (basi) paralleli e diversi tra loro


- ha 2 lati obliqui uguali
- ha gli angoli consecutivi alle basi uguali 2 a
2
TRAPEZIO SCALENO
- ha le 2 basi parallele e diverse
- ha un lato obliquo e l’altro è
perpendicolare alle 2 basi

- ha tutti i lati e gli angoli diversi


- ha le basi parallele e 2 lati obliqui
TRIANGOLI

I triangoli hanno caratteristiche diverse in base alla lunghezza dei lati e/o all’ampiezza
degli angoli:

ISOSCELE ISOSCELE RETTANGOLO


2 lati uguali 2 lati uguali
2 angoli uguali 2 angoli uguali di 45°
1 angolo di90°(retto)

SCALENO EQUILATERO
3 lati disuguali 3 lati uguali
3 angoli disuguali 3 angoli uguali
di 60°

N.B.: in tutti i triangoli la somma interna degli angoli è sempre 180°

10