Vous êtes sur la page 1sur 4

APPROFONDIMENTI

BRUNO MELIS PAOLO PRIOTTI ALFREDO RUSCITTO

Dietro le quinte del ... MIMO

1. Introduzione

Multiple Input Multiple Output (MIMO) una tecnologia che in estrema sintesi consente di migliorare la qualit delle trasmissioni radio e/o aumentare la velocit di trasmissione. MIMO ci tocca ormai da vicino, infatti gli AP (Access Point) WLAN (Wireless Local Area Network) e le data card utilizzanti MIMO sono gi arrivate sul mercato europeo da diversi mesi. Il termine MIMO si riferisce allutilizzo di antenne multiple sia in trasmissione, sia in ricezione, in contrapposizione ai tradizionali sistemi SISO (Single Input Single Output) o ai sistemi con semplice diversit spaziale, ovvero antenne multiple, solo in trasmissione oppure solo in ricezione. Il termine MIMO non definisce per, in generale, il modo di utilizzare le antenne multiple, modo che varia profondamente sia a seconda dellapplicazione, sia a seconda del canale fisico di trasmissione che si ha a disposizione. lutilizzo Beamforming ottimizza La figura 1 schematizza i della potenza tre aspetti complementari c h e c on vi von o i n o g n i sistema MIMO: diversit, mu l ti pl a zi on e sp azi al e e beamforming. La diversit ha a che fare con la trasmissione e/o la ricezione di uno stesso simbolo via antenne diverse. Se le antenne sono fisicamente separate da una distanza Multiplazione moltiplica la velocit tale da rendere i segnali ricedi trasmissione spaziale vuti indipendenti fra loro, probabile che quando unantenna non ha un buon rapporto segnale/rumore, la tra- FIGURA 1 Aspetti e compromessi in un sistema MIMO. smissione possa comunque

essere correttamente decodificata a partire dal segnale delle antenne adiacenti. Trattandosi di un tipo di ridondanza spaziale, non aumenta la velocit di trasmissione dei segnali, ma ne aumenta laffidabilit. Viceversa si pu mantenere invariata laffidabilit di un sistema SISO, diminuendo la potenza totale irradiata in trasmissione, il che consente ad esempio un guadagno di autonomia per i terminali portatili. La multiplazione spaziale stata storicamente il primo impiego studiato per i sistemi MIMO. Pi informazioni possono essere codificate e suddivise su antenne diverse, e trasmesse contemporaneamente sulla stessa banda. In questa situazione, le antenne riceventi vedono un campo risultante che la sovrapposizione di tutti i segnali in trasmissione, che avranno tipicamente percorso cammini differenti e saranno stati soggetti a rifles-

Diversit
mitiga il fading pu utilizzare codici spazio-temporali o spazio-frequenziali

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 15 n. 1 - Giugno 2006

123

GASBARRONE Alla scperta delle reti MESH

sioni multiple differenti. Si dimostra matematicamente che se i vari cammini sono effettivamente indipendenti, possibile ricostruire tutte le informazioni trasmesse a partire da tutti i segnali presenti sulle antenne riceventi. La multiplazione spaziale permette, su canali trasmissivi ad alto rapporto segnale/rumore e molto ricchi di oggetti riflettenti sparsi, di aumentare notevolmente la velocit di trasmissione. La multiplazione spaziale realizzabile a patto di avere in ricezione un numero di antenne maggiore o uguale al numero di flussi di informazione trasmessi in parallelo. Viceversa, lutilizzo di MIMO in diversit non pone vincoli sul numero di antenne in trasmissione e ricezione. Il beamforming consente invece, in generale, di indirizzare la potenza irradiata non uniformemente nello spazio, ma verso direzioni preferenziali in cui ad esempio possono essere localizzati gli utenti. Nei sistemi MIMO, quando il canale di trasmissione noto al trasmettitore, possibile adottare una codifica di trasmissione detta eigen-beamforming (ovvero beamforming basato sui modi spaziali del canale), che ottimizza lutilizzo della potenza e massimizza la trasmissione dellinformazione tra tutte le antenne trasmittenti e tutte quelle riceventi. L eigen-beamforming utilizzabile soprattutto quando possibile stimare il canale di trasmissione con grande precisione e quando la variazione nel tempo del canale stesso non troppo rapida. Quando applicabile, l ei g en beamfor ming garan ti sce i n o l tre u n n o tevo l e aumento della capacit del canale rispetto ai sistemi SISO. Le tecnologie MIMO impiegate in sistemi commerciali si basano su una combinazione dei tre aspetti sopra riportati. Data questa genesi, chiaro come non sia possibile dare ad un sistema MIMO massima diversit ed al contempo massimo grado di multiplazione spaziale. Si deve quindi progettare il sistema come un compromesso fra i due aspetti, che sono in contrapposizione e sono regolati dal cosiddetto diversity-multiplexing trade-off (ovvero compromesso tra diversit e multiplazione). Lutilizzo di eigen-beamforming, a sua volta, comporta un certo grado di diversit e di multiplazione spaziale. Nei recenti apparati di accesso broadband wireless e cellulari, si stanno progettando sistemi MIMO adattativi che consentono di muoversi allinterno del triangolo di figura 1, in modo da scegliere in ogni momento il tipo di modulazione MIMO pi adatto alle condizioni del canale di trasmissione in un certo istante.

2. Applicazioni della tecnica MIMO


La richiesta di nuovi servizi dati ad elevata velocit di trasmissione e la scarsa disponibilit di banda giustificano limpiego di nuove tecnologie radio che consentono laumento dellefficienza spettrale e della qualit radio dei futuri sistemi di comunicazione wireless. Per questa ragione la tec-

nica MIMO gi oggi parte integrante di alcuni sistemi in corso di standardizzazione o il cui standard stato recentemente completato. Occorre comunque ricordare che lintroduzione di una nuova tecnologia in un sistema di comunicazione wireless conveniente dal punto di vista industriale solo se i vantaggi introdotti dalla tecnologia considerata sono ottenuti con un aumento contenuto della complessit degli apparati (terminali mobili e stazioni radio base) e conseguentemente dei relativi costi. Al fine di valutare limpatto sulla complessit degli apparati derivante dallapplicazione della tecnica MIMO opportuno distinguere fra sistemi cosiddetti multiportante, come la tecnica di modulazione OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing), e sistemi a singola portante, come ad esempio quelli basati sulla tecnica di accesso multiplo CDMA (Code Division Multiple Access) impiegata nei sistemi cellulari di terza generazione. Fra i sistemi che utilizzano la tecnica OFDM si possono includere le WLAN di nuova generazione, anche note con lacronimo IEEE 802.11n ed aventi alta velocit di trasmissione, il sistema WiMAX (Worldwide Interoperability for Microwave Access) per laccesso a larga banda sia fisso che mobile su aree estese, anche noto con lacronimo IEEE 802.16d/e, e levoluzione del sistema UMTS al momento in fase di definizione nel gruppo di s t a n d a rd i z z a z i o n e 3 G P P LT E ( L o n g Te r m Evolution). Lutilizzo della tecnica OFDM congiuntamente alla tecnica MIMO particolarmente interessante perch permette di separare nel ricevitore loperazione di equalizzazione del canale da quella di decodifica della trasmissione MIMO. La separazione di queste due operazioni permette di semplificare la struttura del ricevitore con una conseguente riduzione della complessit. La modulazione OFDM risolve in modo efficace il problema dellequalizzazione del canale (eliminazione della distorsione causata dalla propagazione su cammini multipli). Questo risultato si ottiene suddividendo il flusso di dati da trasmettere ad elevato bit rate in N flussi a pi basso bit rate ciascuno dei quali modula una delle N sottoportanti OFDM. Il risultato che ciascuna sottoportante occupa una banda N volte pi piccola e, se il sistema correttamente dimensionato, vede un canale non selettivo in frequenza, ovvero di semplice equalizzazione. La decodifica del segnale MIMO pu essere effettuata separatamente su ciascuna sottoportante, od al pi in gruppi di poche sottoportanti, sia che la trasmissione utilizzi la multiplazione spaziale, sia che utilizzi altre tecniche come i codici spazio-temporali o il beamforming. Ad esempio nel caso di pura multiplazione spaziale, il ricevitore pu effettuare la separazione dei vari flussi trasmessi su una certa sottoportante OFDM mediante algoritmi come il VBLAST (Vertical Bell Labs Layered Space Time), basati sulla cancellazione successiva dellinterferenza.

124

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 15 n. 1 - Giugno 2006

GASBARRONE Alla scperta delle reti MESH

Analog RF

Demodulatore OFDM

Analog RF

Demodulatore OFDM Decodificatore MIMO Demodulazione De Interleaving Decodifica di canale Data output

Analog RF

Demodulatore OFDM

Stima di canale

MIMO = Multiple Input Multiple Output OFDM = Orthogonal Frequency Division Multiplexing RF = Radio Frequency

FIGURA 2 Schema a blocchi funzionale del ricevitore di un sistema MIMO-OFDM.

Lo schema a blocchi funzionale del ricevitore illustrato in figura 2. I segnali ricevuti dalle varie antenne sono prima convertiti in banda base e poi digitalizzati. I segnali sono quindi soggetti alla demodulazione OFDM che elimina la selettivit in frequenza del canale e poi sono forniti al MIMO decoder che effettua, sulle corrispondenti sottoportanti delle diverse antenne, la separazione dei segnali trasmessi nel caso di multiplazione spaziale, oppure effettua trasformazioni pi complesse nel caso dei codici spazio-temporali o del beamforming. Le successive operazioni di demodulazione, de-interleaving e decodifica di canale servono a migliorare laffidabilit dei segnali ricevuti correggendo gli errori introdotti dal canale di propagazione. Tali moduli sono utilizzati sia in ricevitori tradizionali di tipo SISO sia in ricevitori avanzati di tipo MIMO. La complessit di un ricevitore MIMO-OFDM equipaggiato con n antenne in ricezione pertanto pari a n volte la complessit di un ricevitore OFDM singola antenna (SISO), a causa della presenza delle n catene costituite dai ricevitori radio analogici e dai demodulatori OFDM, a cui va aggiunta la corrispondente complessit del decodificatore MIMO. importante osservare come, grazie alla separabilit delle operazioni di equalizzazione e decodifica MIMO, la complessit aggiuntiva introdotta dalla suddette operazioni di tipo addizionale. Come detto in precedenza la tecnica MIMO attualmente considerata anche per lapplicazione in sistemi a singola portante. Fra questi il sistema che al momento potrebbe maggiormente beneficiare dellintroduzione della tecnologia MIMO lHSDPA (High Speed Downlink Packet Access) che consente la trasmissione efficiente dei dati a pacchetto sulla tratta di discesa (down-link) di reti cellulari di terza generazione (UMTS) basate sullinterfaccia radio CDMA. In un ricevitore per sistemi basati su interfaccia radio CDMA le operazioni di equalizzazione del canale trasmissivo sono solitamente svolte da un dispositivo, noto come ricevitore Rake, dove i

vari percorsi multipli che costituiscono il segnale ricevuto vengono separati grazie alle propriet dei codici ortogonali impiegati in sistemi CDMA e successivamente ricombinati in modo coerente. Le operazioni effettuate dal ricevitore Rake equalizzano il segnale ricevuto operando, nel dominio del tempo, sullintero segnale ricevuto a larga banda. Qualora il trasmettitore impieghi tecnologie MIMO basate sulla multiplazione spaziale, i segnali ricevuti dalle antenne del ricevitore sono affetti dalla distorsione introdotta dal canale trasmissivo (ISI) e dallinterferenza fra i diversi flussi trasmessi. importante osservare che, nel caso di sistemi a singola portante, al contrario di quanto viene effettuato nei sistemi MIMO-OFDM, al ricevitore non possibile separare le operazioni di equalizzazione del canale trasmissivo e di d e c o d i f i c a d e l s e g n a l e M I M O ; u n r i c e v i t o re MIMO-CDMA deve pertanto effettuare congiuntamente le suddette operazioni, come indicato in figura 3, con un conseguente aumento della complessit realizzativa. Tale aspetto costituisce la principale limitazione allimpiego, in sistemi a singola portante, di tecniche MIMO basate sulla trasmissione di flussi multipli. Limpiego di tecnologie MIMO in sistemi a singola portante basati su interfaccia radio CDMA comunque possibile, con una complessit realizzativa contenuta, nel caso in cui si voglia sfruttare la sola diversit di antenna in trasmissione e in ricezione. In particolare grazie ai recenti progressi ottenuti nelle tecnologie dantenna (ad esempio le antenne dielettriche con dimensioni particolarmente ridotte), rendono oggi possibile lintegrazione di due o pi antenne in un terminale mobile o in una data card. Limpiego di modem radio HSDPA equipaggiati con diversit di antenna in ricezione, favorito anche dalla disponibilit di chipset banda-base commerciali che supportano tale funzionalit, consente di aumentare le prestazioni radio del sistema HSDPA senza richiedere particolari modifiche alla rete di accesso radio delloperatore.

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 15 n. 1 - Giugno 2006

125

MELIS PRIOTTI RUSCITTO Dietro le quinte del ... MIMO

Analog RF

Analog RF

Equalizzazione e decodifica MIMO

Demodulazione

De Interleaving

Decodifica di canale

Data output

Analog RF

Stima di canale

MIMO = Multiple Input Multiple Output RF = Radio Frequency

FIGURA 3 Schema a blocchi funzionale del ricevitore di un sistema MIMO-CDMA

Inoltre la disponibilit di modem radio (da impiegare in terminali o data card) che utilizzano la diversit di antenna in ricezione consente anche di introdurre un miglioramento della qualit del servizio percepita dallutente che si traduce, ad esempio, in una riduzione dei tempi di download oppure nellestensione dellarea di copertura in cui la rete in grado di fornire un prefissato valore di throughput.

Bruno Melis si laureato in Ingegneria Elettronica con lode al Politecnico di Torino nel 1995. Nello stesso anno entrato in CSELT (oggi TILAB) occupandosi di aspetti legati a tecniche di trasmissione radio. Attualmente opera in Telecom Italia Innovation & Engineering Ser vices. Ha maturato una significativa esperienza nellanalisi delle prestazioni e nel dimensionamento dei sistemi radio tramite tecniche di simulazione numerica applicate a diversi sistemi fra i quali il GSM, UMTS/HSDPA e i sistemi Wireless LAN (WLAN). coautore di diversi brevetti relativi ad algoritmi di elaborazione del segnale e a tecniche di trasmissione/ricezione basate su antenne multiple.

ABBREVIAZIONI

MIMO AP WLAN SISO OFDM CDMA WiMAX VBLAST HDSPA UMTS

Multiple Input Multiple Output Access Point Wireless Local Area Network Single Input Single Output Orthogonal Frequency Division Multiplexing Code Division Multiple Access Worldwide interoperability for Microwave Access Vertical Bell Labs layered Space Time High Speed Downlink Packet Access Universal Mobile Telecommunications System

Paolo Priotti si laureato con lode in Ingegneria Elettronica presso il Politecnico di Torino nel 1994 e nello stesso anno entrato in CSELT, dove si occupato di simulazione di linee VDSL e nel 1995 ha conseguito il Master in Telecomunicazioni. Nel 1997 si trasferito in Giappone, lavorando per i Panasonic Research Laboratories allo studio di interfacce dati ad alta velocit. Nel 2000 stato assunto dal Nokia Research Center di Tokyo, dove si occupato della simulazione di sistemi radiomobili cellulari oltre la terza generazione. Nel 2005 ritornato in Telecom Italia Lab, dove si occupa del livello fisico dei sistemi 3GPP-LTE MIMO, di sistemi UWB, oltre alla traduzione di articoli scientifici e notizie dal giapponese. A l f r e d o R u s c i t t o si laureato in Ingegneria Elettronica nel 1993 ed ha conseguito nel 1996 il Ph.D in telecomunicazioni digitali presso il Politecnico di Torino. Durante il 1996 stato ospite del Politecnico di Monaco di Baviera per lo studio, in collaborazione con Siemens AG, di tecniche di decodifica di canale per il sistema GSM. Nel 1997 ha iniziato la sua attivit lavorativa presso Omnitel-Vodafone occupandosi di aspetti di accesso radio del sistema GSM. Dal 1998 al 2000, per Infineon Technologies, ha partecipato, come system architect, alla progettazione di circuiti integrati per linterfaccia radio UMTS. Dal 2000 al 2001 ha ricoperto il ruolo di project manager presso il Motorola Technology Center. A partire dal 2001 opera presso la funzione IES di Telecom Italia, come responsabile di attivit sul tema dei terminali mobili e delle tecnologie innovative di accesso radio.

126

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 15 n. 1 - Giugno 2006