Vous êtes sur la page 1sur 5

VIAGGIO NEL PASSATO

BREVE CONSIDERAZIONE Partiamo dal presupposto che il genere umano possegga la tecnologia necessaria per raggiungere o addirittura superare la velocit della luce nel vuoto (300.000 Km/s): SCORRERIMENTO, DECORRIMENTO, STASI DEL TEMPO Secondo le pi u recenti teorie, allaumentare della velocit a, il tempo trascorre pi u lentamente. Allora, per questa teoria, la luce, che si muove ad una velocit a considerata limite, non invecchia. Cio e la luce va ad una velocit a tale, che lo scorrere del tempo (secondo il sistema di riferimento della luce) e nullo. Quindi, indicando con 0 la stasi del tempo, potrebbe essere possibile che se: 1) v << c scorrere del tempo > 0

Se la nostra velocit a e molto minore a quella della luce, supponiamo la velocit a media di un auto, allora (secondo il nostro punto di vista, dentro lauto) tutti stiamo invecchiando alla stessa velocit a. In realt a abbiamo detto che allaumentare di questultima, il tempo rallenta, ma il suo modulo e cos poco elevato che non ci si accorge degli eetti. Per questo motivo possiamo aermare che il tempo trascorre in avanti, cio e un secondo succede a quello precedente e cos via. Insomma, il classico trascorrere del tempo. PARADOSSI: non vi e nessun paradosso, si tratta della vita quotidiana. 2) v < c scorrere del tempo 0

Prove empiriche hanno dimostrato che se prendiamo due sistemi di riferimento, uno sul pianeta Terra, e latro in orbita sullo stesso, e facciamo partire e fermare due cronometri contemporaneamente, noteremo uno sfalsamento dei due tempi. In pratica questo esperimento conferma la teoria secondo la quale pi u veloci si va, pi u lentamente trascorre il tempo. Infatti, coloro che sono in orbita, hanno trascorso, per esempio, 3 ore, mentre sulla Terra sono passate 5 ore. Secondo questo modello, se la nostra velocit a e poco minore a quella della luce, e possibile che un viaggio di pochi 1

mesi, si trasformi in un viaggio nel futuro di qualche anno. Quindi concettualmente, il tempo trascorre cos lentamente, che tende a 0 (stasi del tempo). PARADOSSI: L equazione E = mc2 spiega che allaumentare della velocit a aumenta anche la massa del corpo. Quindi man mano che ci avviciniamo alla c, la massa della nostra atronave aumenta, e allora, sar a necessaria una quantit a di energia maggiore per spingerla, e cos via. Quindi, ipoteticamente, lenergia necessaria sarebbe innita, poich e la massa stessa diverrebbe innita. A supportare questa idea, vi e un altra teoria, e cio e che la velocit a della luce sia un limite naturale. In pratica la natura, ci impedisce di raggiungere la velocit a della luce. Un modo e quello di aumentare la massa, come gi a spiegato, mentre laltro e quello di rallentare il tempo. 3) v = c scorrere del tempo = 0

Semmai riusciremo a superare i paradossi del punto 2), ci troveremo a viaggiare alla velocit a della luce. Giunti a questo punto, il tempo, per noi, non trascorre. In pratica non invecchiamo no a quando non torniamo ad una velocit a minore a quella della luce (potremmo vivere per sempre). Se fosse possibile controllare questo stato, potremmo viaggiare a nostro piacimento nel futuro. PARADOSSI: Ci devo pensare 4) v > c scorrere del tempo < 0

Se possedessimo i mezzi necessari, potremmo forse superare la velocit a della luce. Secondo tutte le teorie enunciate in precedeza, POTREBBE essere possibile che superando il limite, il tempo scorra allindietro, cio e si avrebbe la decorsione del possibile che tempo. Grazie a questo sarebbero possibili i viaggi nel passato. E valga questo graco:

Come si pu o notare, a velocit a nulla abbiamo il tempo massimo. Allaumentare di v, diminuisce t (come spiegato prima). Il punto c rappresenta la velocit a della possibile che, come secondo il graco, si luce. Una volta superata cosa accade? E debba per forza andare al doppio della velocit a della luce per raggiungere il tempo negativo massimo. Questo non vuol dire che noi invecchiamo pi u velocemente, ma che le persone sulla Terra stanno ringiovanendo. Ovviamente dal loro punto di vista sarebbe il contrario. ESEMPIO Facciamo per o un esempio per capire meglio. Noi partiamo con unastronave nellanno 3000. Per raggiungere la velocit a della luce (dal nostro punto di vista) ci impieghiamo 20 anni, quindi nel 3020 vastronave = c. Stiamo quindi viaggiando nel futuro, poich e sulla Terra sono passati centinaia di anni. Nel 3020, indipendentemente dal tempo che ci impiegheremo a superare la c (anche 50 anni, secondo il nostro sistema di riferimento), quel tempo sar a 0 dal punto di vista terrestre, perch e si ha la stasi del tempo. Bisogna comunque sommare i 50 anni a quelli impiegati per raggiungere c, perch e questo esempio si basa sul sistema di riferimento di noi che viaggiamo. Supponiamo che la nostra tecnologia ci permetta di raggiungere senza troppi problemi 2c. Allora secondo il graco, pi u veloce vado, pi u il tempo scorre allindietro, cio e aumentando v, perdo il tempo che avevo guadagnato viaggiando in prossimit a di c. Nel concreto, e possibile che se ci metto 20 anni a passare da 0 a c, allora ci metto -20 anni a passare da c a 2c. In conclusione, quando raggiungeremo il doppio della velocit a della luce, rivivremo il fenomeno della stasi temporale. Infatti ci abbiamo messo 20 anni per arrivare a c, 50 anni per superare c, -20 anni per arrivare a 2c e -50 anni per superare 2c. Nellistante esatto nel quale superiamo 2c, se potessimo vedere il nostro pianeta, vedremo che le persone che lo abitano sono le stesse che cerano quando siamo partiti, e come non aver mai viaggiato nel tempo, poich e la somma dei tempi necessari a compiere tutto il nostro viaggio e 20 + 50 20 50 = 0. Quindi, secondo queste teorie, i viaggi nel passato NON SONO POSSIBILI! Infatti, dopo aver superato c, dal punto di vista terrestre, noi siamo ancora nel futuro. Stiamo tornando indietro nel tempo ma stiamo facendo la strada inversa allandata, quindi se decidessimo di fermarci saremmo comunque nel futuro. E se superassimo i 2c cosa accadrebbe? Questo argomento verr a trattato in seguito. N.B. Questo esempio e puramente fantascientico e NON tiene conto dei possibili paradossi che si potrebbero incontrare, la teoria e una cosa, la pratica e ben altro.

PARADOSSI Innumerevoli sono i paradossi che potrebbero impedire il viaggio nel passato. Partiamo da quelli che rendono impossibile il solo viaggio. Come gi a detto, secondo lequazione di Einstain ci servirebbe energia innita per spostare massa innita. Questo, almeno al giorno doggi, e un concetto assolutamente impossibile. Consideriamo quindi la possibilit a di superare questo paradosso che subito se ne presenta un altro. Ebbene e probabile che raggiunta la velocit a della luce, si entri nella stasi temporale, quindi il tempo non scorre (per noi a bordo dellastronave), o meglio, a noi non sembra, ma il tempo, al di fuori del nostro mezzo, scorre ad una velocit a pari a quella della luce, quindi e come se noi stessimo fermi. Ebbene questa nostra stati e il paradosso. Infatti lequazione del tempo e t = s/v . Ma questo vuol dire che se t = 0 allora s/v = 0 e cio e s = 0. Com e possibile quindi che lo spazio percorso sia zero? Vorrebbe dire che siamo fermi, ma in realt a ci stiamo muovendo a 300.000 Km/s. Questo vuol dire che probabilmente tutti noi e tutto luniverso ci stiamo muovendo alla velocit a della luce, solo che muovendoci tutti alla stessa velocit a, sembriamo fermi. Quindi se lo spazio che percorriamo e zero, vuol dire che la nostra velocit a e nulla e quindi come potremmo superare la velocit a della luce se non ci spostiamo? Supponiamo ancora una volta che questultima domanda trovi una risposta scientica aermativa, cosa accadrebbe dopo? Innanzi tutto, vorrei rievocare un semplice esempio: gli aerei a reazione riescono a raggiungere e a superare la barriera del suono, questo vuol dire che il veicolo in questione riesce ad andare pi u veloce del suono che egli stesso emette. Cosa succede se infrangiamo il muro della luce? Vorrebbe dire lasciarsi alle spalle la propria luce, quindi chi ci vede da fuori, vedrebbe la nostra atronave in un determinato punto, ma in realt a noi siamo pi u avanti, in quanto siamo pi u veloci della luce. Inoltre, superando la barriera del suono, si sente un forte fragore, perch e il suono che emette laereo in quellistante si va a scontrare con quello emesso poco prima. E per la luce vale lo stesso? Il suono e un onda creata dalla vibrazione di un oggetto; anche la luce e unonda, ma unonda elettromagnetica. Quali conseguenze porta sul nostro sistema il superamento di tale barriera?