Vous êtes sur la page 1sur 27

Matteo Bianchini Stefania Cotoneschi A.S.

2010 -11

SCUOLA CITTA PESTALOZZI Firenze

Dalle Indicazioni: .. La scuola crea contesti in cui gli alunni sono indotti a riflettere per comprendere la realt e se stessi, trovano stimoli al pensare analitico e critico, coltivano la fantasia e il pensiero divergente, si confrontano per ricercare significati ed elaborare mappe cognitive.

Possiamo provare a definire l'ambiente di apprendimento come un contesto di attivit strutturate, "intenzionalmente" predisposto dall'insegnante, in cui si organizza l'insegnamento affinch il processo di apprendimento che si intende promuovere avvenga secondo le modalit attese.

Quindi ambiente come "spazio d'azione" creato per stimolare e sostenere la costruzione di conoscenze, abilit, motivazioni, atteggiamenti. In tale "spazio d'azione" si verificano interazioni e scambi tra allievi, oggetti del sapere e insegnanti, sulla base di scopi e interessi comuni, e gli allievi hanno modo di fare esperienze significative sul piano cognitivo, affettivo/emotivo, interpersonale/sociale .

La progettazione del lavoro organica ma generativa perch alcuni cambiamenti vengono determinati dal contesto: alcuni obiettivi possono emergere dallo sviluppo dei processi di apprendimento. L'apprendimento avviene in contesti significativi per gli allievi e per la disciplina Flessibilit e collaborazione sono fondamentali: gli allievi sono co-protagonisti del processo (progettazione partecipata)

fa uso di mediatori di senso per facilitare l'assimilazione e la ritenzione delle competenze sviluppa le capacit di "scoperta" e di produzione originale di conoscenza sviluppa gli elementi di socialit nell'apprendimento favorisce percorsi cognitivi e costrutti personali coniuga per quanto possibile l'apprendere con il fare favorisce la consapevolezza del proprio percorso di apprendimento sviluppa unimmagine di s positiva, aumenta il senso di autoefficacia, dell'autostima e della motivazione

In fasce di et differenti quali ambienti di apprendimento perch linsegnamento sia efficace? Fino a 10-11 anni funzionano bene ambienti che si sviluppano in contesti narrativi o di progettazione (costruire qualcosa, matefiabe, matemiti) Dopo gli 11 anni la situazione si complica!!

Ma se tanta, o regina, in te la brama D'udir le nostre pene, e quella ancora Che fu di Troia l'ultima sciagura, Bench l'animo ancora a tal ricordo Inorridisca, ed al pensier rifugga Di tanto lutto, io pur dir. Gi stanchi, E dal Fato respinti, i re dei greci, Trascorsi ormai tant'anni, un gran cavallo Simile a un monte eressero sul lido Con l'aiuto di Pallade, e coi fianchi Tutti intessuti di recisi abeti: Finsero un voto pel ritorno, e tale Se ne diffuse il grido. Uomini scelti A sorte eletti poi nascostamente Nel cieco ventre chiusero, e le vaste Caverne e i fianchi empirono d'armati. Virgilio, Eneide libro II

Di

quali dati abbiamo bisogno? Dove li possiamo reperire? Quali ipotesi possiamo fare? Quale mappa di contenuti matematici?

A storia hanno imparato che nel cavallo cerano 7 eroi


Ma allora quanto doveva essere grande questo cavallo? cosa vuol dire grande ?

Ci siamo fermati: come fare per calcolare il volume? Tanti dadini, un decimetro cubo, un metro cubo da riempire di bambini.

80 cm

40 x 40 x190 ogni modulo per costruire il cavallo

160 cm
ARMI

190 cm di altezza 80 cm di profondit 160 cm di lunghezza VOLUME 2 432 000 cm3 abbiamo ragionato un po sullunit di misura

Narra la leggenda che Elissa, principessa di origine fenicia, dopo la morte del marito, insieme alla sorella e a pochi fedeli fugge per mare finch approda sulle coste dellAfrica. proprio per questo che Elissa viene ricordata con il nome di Didone, cio l'errante. Jarba, re dei Getuli non vuole dare ai fuggiaschi n asilo n terre ove stabilirsi, a meno che Didone non acconsenta a sposarlo.
La donna rifiuta e allora il re, per disprezzo, le concede tanta terra quanta ne pu contenere una pelle di bue. Didone accetta e con un astuto calcolo geometrico, riesce ad occupare la terra necessaria per fondare Cartagine

LA PELLE DI BUE
sagoma di una pelle di bue a grandezza naturale disegnata su cartoncino bristol e attaccata in classe.

Cosa fareste?

pelle di bue in scala su foglio bianco A4 fornita ad ogni bambino perch potesse fare le sue ipotesi

chi divide la pelle in tante strisce

e chi in tanti quadretti

taglio

incollo

Se le utilizzo per il contorno della pelle mi avanzano tante strisce

ne recinto uno...

ne recintiamo quattro

sei saranno sufficienti?

adesso tagliamo la pelle grande in tante strisce

e raggruppiamole!
Alla fine abbiamo ottenuto 277 strisce da 140 cm, per un totale di 38780 cm

39 cm

Ad ogni bambino un filo di ferro . Ma non si pu dare 387 metri a ciascuno Ma si pu dare in scala!

Abbiamo capito che a Didone conveniva fare un semicerchio per sfruttare anche la costa del mare.

Il problema a questo punto sar quello di capire come fare a disegnare questa figura sapendo la lunghezza della parte curva (semicirconferenza)
Potete trovare on-line la documentazione di questa esperienza al seguente indirizzo:
http://scuole.portaleragazzi.it/pestalozzi/2011/02/23/matemiti-ambiente-di-apprendimento-sperimentato-in-v/

Le matefiabe Gli arcipelaghi

http://matematicaefiabe.jimdo.com/

http://ospitiweb.indire.it/~fimm0011/centro%20risorse/convegno_giugno_2011/Ambienti_appre ndimento_valutazione.pdf

La fantaborsa

http://gold.indire.it/nuovo/gen/show.php?ObjectID=BDP-GOLD0000000000238988

Una riflessione teorica


http://ospitiweb.indire.it/~fimm0011/centro%20risorse/convegno_giugno_2011/sintesi_scuola_citta.pdf