Vous êtes sur la page 1sur 59

Collana Cambiamo modello a cura dellassociazione statigeneralinnovazione.it. Volume I: Metti in agenda il futuro del Paese.

Edizione I del Marzo 2012 Codice ISBN: 978-88-96819-34-0 Quest'opera stata rilasciata con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Italia. Garamond Editoria Digitale Via Tevere 21 - 00198 Roma Tel.: +39 06 97270514 Web: www.garamond.it eMail: informazioni@garamond.it LEditore a disposizione degli aventi diritto che non stato possibile contattare per luso di immagini e grafica nel presente testo.

|
Sommario

Metti in agenda il futuro del Paese

Executive summary ............................................................................................ 5 Introduzione ...................................................................................................... 7 1. Lo scenario ..................................................................................................... 9


1.1. La situazione italiana ...............................................................................................9 1.2. La strategia europea ..............................................................................................14

2. Una proposta strategica per lItalia .............................................................. 21


2.1. Un nuovo modello ..................................................................................................21 2.2. I punti cardinali di una strategia........................................................................23 2.3. Una proposta di governance ..................................................................................24

3. Dalle parole alle azioni ................................................................................. 26


3.1. Creativit e Conoscenza Condivisa ........................................................................26 3.2. Inclusione Digitale .................................................................................................28
3.2.1. La nostra visione ..............................................................................................................28 3.2.2. Le linee di intervento ........................................................................................................29 3.2.3. Linea di Intervento 1: I diritti della nuova cittadinanza .........................................................29 3.2.4. Linea di Intervento 2: Il sistema educativo per contrastare il nuovo analfabetismo ..................31 3.2.5. Linea di Intervento 3: Laccesso alla Rete in banda larga come diritto universale, bene comune non esclusivo e inalienabile ........................................................................................................33 3.2.6. Linea di intervento 4: sviluppo di unagenda digi tale locale focalizzata sulle aree svantaggiate ..33

3.3. Information and Communication Technology per lindustria Italiana - Proposte per un programma per linnovazione ...........................................................................35 3.4. Open Government ..................................................................................................38
3.4.1. 3.4.2. 3.4.3. 3.4.4. La nostra visione ..............................................................................................................38 Obiettivi e Strategie..........................................................................................................39 Strumenti e Metodologie ...................................................................................................40 Requisiti..........................................................................................................................41

4. Le tappe di un percorso: alcune azioni da cui partire .................................... 42


4.1. Premessa ................................................................................................................42 4.2. Azioni per lo sviluppo di una cultura dellinnovazione .........................................43
4.2.1. Perch abbiamo bisogno di una cultura dellinnovazione per interpretare il cambiamento radicale in atto......................................................................................................................................43 4.2.1.1. Azioni.......................................................................................................................44

4.3. Azioni per sostenere il modello delle Smart City ..................................................44


4.3.1. Le smart city come smart community .................................................................................44 4.3.1.1. Azioni.......................................................................................................................46 4.3.2. Il territorio come motore dellinnovazione ...........................................................................47 4.3.2.1. Azioni.......................................................................................................................47 4.3.3. Il modello locale e la sussidiariet operativa ........................................................................47 4.3.3.1. Azioni.......................................................................................................................47 4.3.4. Mettere in Rete la filiera dellinnovazione ............................................................................48

4.4. Innovazione digitale per la competitivit del made in Italy e delle PMI .............49

Metti in agenda il futuro del Paese

4.5. Dagli Open Data allOpen Government .................................................................50


4.5.1. Premessa ........................................................................................................................50 4.5.2. Gli Open Data ..................................................................................................................51 4.5.2.1. Perch Open Data .....................................................................................................51 4.5.2.2. Attori .......................................................................................................................52 4.5.2.3. Azioni.......................................................................................................................52 4.5.3. Sanatoria Open By Default (OBD) ....................................................................................52 4.5.3.1. Perch una sanatoria .................................................................................................52 4.5.3.2. Attori .......................................................................................................................53 4.5.3.3. Azioni.......................................................................................................................53

5. Riflessioni conclusive ................................................................................... 54 Autori ............................................................................................................... 55 Bibliografia / Sitografia .................................................................................... 56 Informazioni sullassociazione statigeneralinnovazione.it ............................... 57
Costituzione ...................................................................................................................57 Organizzazioni promotrici .............................................................................................58 Comitato Scientifico ......................................................................................................59

Metti in agenda il futuro del Paese

Executive summary
Lambizione di questo eBook, il primo della collana Cambiamo modello, di offrire una prima sintesi di quanto fin qui elaborato dalla comunit che fa riferimento allassociazione statigeneralinnovazione.it, nellottica di delineare suggerimenti e tracce di lavoro per la definizione di una strategia di innovazione italiana. Siamo partiti dai numeri, utilizzando i dati di diversi istituti di analisi e i rapporti sullo stato di avanzamento dellAgenda Digitale Europea. Da questi si evidenzia una difficolt italiana nellutilizzo efficace delle tecnologie digitali in campo economico e sociale, denotando un divario culturale molto marcato e un sistema dellinnovazione sostanzialmente poco governato (non per niente il nostro Paese stabile da anni nel gruppo degli innovatori moderati, sotto la media europea su gran parte delle aree) . Un effetto del divario culturale la scarsa considerazione, su questo tema, soprattutto dalla gran parte della politica italiana, dei mass media e quindi della popolazione. diffusa, nel nostro Paese, la convinzione che linnovazione sia un tema di nicchia e sostanzialmente tecnologico. Nulla di pi sbagliato. Si tratta del futuro sociale e economico del nostro Paese. Si tratta della qualit della vita di tutti noi. La vera rivoluzione, il vero cambiamento sulle politiche dellinnovazione sta nel modificare radicalmente lottica con cui dobbiamo trattarle. Da area di intervento, da settore specifico di sviluppo e di crescita, intrecciato con il mondo delle imprese e della Pubblica Amministrazione, a base per un nuovo paradigma del Sistema Italia, della societ italiana. Il nodo dirimente e il cambiamento atteso, non stanno tanto in una politica pi lungimirante sullinnovazione, ma nellidentificazione del futuro da costruire, nella consapevolezza che necessario un chiaro cambio di modello, non un semplice miglioramento nellefficacia degli interventi. Una proposta di politica dellinnovazione parte, cos, dal tratteggiare la nuova Italia che vogliamo: semplice, sostenibile, sicura, consapevole, competitiva, inclusiva. Migliore qualit della vita, sviluppo economico e sociale, sono obiettivi alla portata dellItalia, che ha le risorse per essere anche avanguardia su diversi settori, valorizzando i propri talenti, le proprie ricchezze ambientali e storiche. Lassenza, per tanti anni, di una strategia italiana sulle politiche dell innovazione ha causato una situazione di ritardo del nostro Paese sia sul piano delle infrastrutture abilitanti che su quello dei servizi, oltre che la presenza di un gap di competenze digitali che interessa trasversalmente tutta la popolazione e include anche gli attori politici. Le azioni necessarie sono pertanto da avviare a 360, e naturalmente non riguardano lintroduzione delle nuove tecnologie, ma il cambiamento di modello su pi aree della nostra vita sociale e economica. NelleBook si cercano di identificare i principali lineamenti del programma strategico dellAgenda Digitale Italiana, seguendo le dimensioni della completezza e

Metti in agenda il futuro del Paese

dellorganicit, perch solo un approccio olistico pu portare significativi e duraturi risultati, e avendo come riferimento le direttrici dellAgenda Digitale Europea. Nei mesi precedenti e poi durante il convegno Metti in agenda il futuro del Paese, tenutosi a Roma il 25 e il 26 novembre 2011 1, attraverso un processo partecipativo che ha visto il coinvolgimento di centinaia di attori dellinnovazione delle diverse aree, sono stati definiti i primi documenti programmatici (alla base di questo eBook) su quelli che sono stati identificati come i quattro punti cardinali di un piano strategico nazionale: valorizzare la creativit dei giovani, il merito, il lavoro basato sulla conoscenza e la condivisione; promuovere linclusione digitale; sostenere linnovazione come opportunit per lo sviluppo delle imprese e per migliorare la qualit della vita dei cittadini; realizzare lopen government. Condividendo allo stesso tempo la necessit di alcune azioni di base e fondamentali: il riconoscimento dellaccesso in banda larga come servizio universale; la formalizzazione di una Carta dei diritti della cittadinanza digitale; la definizione di un programma pluriennale per lo sviluppo delle competenze digitali sul quale focalizzare il sistema educativo. Abbiamo provato qui anche a porre in evidenza le priorit su cui suggeriamo di avviare significative azioni gi nei prossimi mesi, poich la loro messa in opera abilita gli sviluppi e i cambiamenti che reputiamo necessari. Nellambito dei quattro punti cardinali della proposta, sono state identificate, cos, otto azioni allo stesso tempo simboliche e che possono agire come rompighiaccio per le trasformazioni che abbiamo cercato di descrivere. Non sono, pertanto, azioni di immediato ritorno, ma azioni che segnano un cambio di passo. E per questo urgenti. Infine, nostra convinzione che il risultato finale dipenda in gran parte anche dal metodo che si utilizza per la costruzione di un piano strategico per linnovazione: crediamo ci siano la necessit e le condizioni per avviare dallambito operativo di chi fa innovazione un processo di partecipazione globale di tutti i portatori di interesse (politica, amministrazioni, imprese, universit, centri di ricerca, terzo settore, privati cittadini ), finalizzato alla costruzione di una prospettiva condivisa per lItalia. Questo eBook anche un richiesta al Governo perch condivida la necessit di utilizzare questo approccio, utilizzando un metodo open, per la realizzazione dellAgenda Digitale Italiana.

Vedi http://www.statigeneralinnovazione.it/online/progetti/evento-2011/

Metti in agenda il futuro del Paese

Introduzione
Liniziativa Stati Generali dellInnovazione, apartitica e senza collocazione di area politica, stata promossa da oltre cento organizzazioni 2, espressione del mondo degli stakeholder dellinnovazione, che per meglio sostenere le attivit hanno dato vita allassociazione statigeneralinnovazione.it. Gli Stati Generali dellInnovazione nascono dalla valutazione delle diverse iniziative avviate negli ultimi mesi sui temi dellinnovazione, tutte importanti e utili ma con un rischio elevato di dispersione di energie e quindi di conseguente bassa efficacia dell impatto. nostra convinzione che ci siano la necessit e le condizioni sia di avviare dallambito operativo di chi fa innovazione un processo di partecipazione globale di tutti i portatori di interesse (politica, amministrazioni, imprese, universit, centri di ricerca, terzo settore, privati cittadini), finalizzato alla costruzione di una prospettiva condivisa per lItalia e anche per un cambio effettivo nella politica dellinnovazione3. Linnovazione la leva sulla quale investire oggi per uscire dalla crisi e domani per stimolare maggiore crescita nel nostro paese. In Italia significativi processi di innovazione sono in atto, ma non nascono, purtroppo, nellambito di una strategia complessiva del sistema Paese. Liniziativa degli Stati Generali dellInnovazione ambisce a dare un contributo importante su questo fronte, e in particolare opera per: a. costruire un punto di riferimento per le associazioni, le organizzazioni e i singoli impegnati sul fronte dellinnovazione, sia dal punto di vista sociale che industriale, nella trasformazione della PA e nelle condizioni tecniche di base, in modo da favorire la sinergia delle singole iniziative e massimizzare lefficacia delle proposte; b. definire un percorso per organizzare dal basso e sul territorio gli Stati Generali dellInnovazione, attraverso lutilizzo di una piattaforma di condivisione in Rete, incontri tematici, riunioni, studi, pubblicazioni, seminari, verso la realizzazione di un sistema di innovazione diffusa, uninnovazione che nasce dalle comunit e che al benessere delle comunit, in quanto reti relazionali, economiche e sociali, principalmente rivolta; c. elaborare in modo condiviso e attraverso un processo inclusivo un programma per linnovazione nel governo dellItalia. Nei mesi precedenti e durante il convegno Metti in agenda il futuro del Paese, tenutosi a Roma il 25 e il 26 novembre 2011 4, attraverso un processo partecipativo che ha visto il
2

Vedi capitolo Informazioni sullassociazione statigeneralinnovazione.it per dettagli sulle organizzazioni aderenti. Ci sono tante definizioni del termine Innovazione. Una di queste quella su cui si basa la legislazione europea: Linnovazione consiste nella produzione, assimilazione e messa in opera con successo di novit nelle sfere economiche e sociali (http://europa.eu/legislation_summaries/other/n26021_en.htm). A noi interessa sottolineare che qui si intende linnovazione a 360, non solo legata alla rete, al digitale, ma che linnovazione anche scienza, ricerca, organizzazione, nuova politica, (nuovi) diritti. Vedi http://www.statigeneralinnovazione.it/online/progetti/evento-2011/

Metti in agenda il futuro del Paese

coinvolgimento di centinaia di attori dellinnovazione delle diverse aree, sono stati definiti i primi documenti programmatici su quelli che sono stati identificati come i quattro punti cardinali di un piano strategico nazionale: valorizzare la creativit dei giovani, il merito, il lavoro basato sulla conoscenza; promuovere linclusione digitale; sostenere linnovazione come opportunit per lo sviluppo delle imprese e per migliorare la qualit della vita dei cittadini; realizzare lopen government. Ad oggi hanno aderito alla proposta dellassociazione statigeneralinnovazione.it 112 organizzazioni di diverse tipologie: associazioni di imprese; poli scientifici e tecnologici; singole imprese; associazioni e Fondazioni no-profit. Oltre che singoli cittadini interessati allinnovazione. Crediamo che nel Paese manchi ancora una politica organica sui temi dellinnovazione e che uno dei grandi problemi sia lapproccio settoriale; riteniamo anche che ci siano la necessit e le condizioni di avviare dal basso, e dal territorio, uniniziativa ambiziosa che sia punto di riferimento nel dibattito sul futuro digitale e per chi governa il Paese a livello centrale e locale. Ci proponiamo di: promuovere concretamente la costruzione di un programma per linnovazione nel governo dellItalia, supportando e sostenendo le iniziative istituzionali e politiche; costituire un luogo di partecipazione permanente di tutti gli stakeholder, finalizzato alla costruzione di una prospettiva condivisa per lItalia e per un cambio effettivo nella politica dellinnovazione; valorizzare e sostenere sul territorio le esperienze migliori e le buone pratiche, favorendone la condivisione e la replicabilit.

Metti in agenda il futuro del Paese

1. Lo scenario
1.1. La situazione italiana
In Italia manca una strategia unica e condivisa per linnovazione del Paese, si procede con scelte di breve termine in un progressivo declino sociale e economico. Secondo gli ultimi dati ISTAT5, un giovane su tre che cerca lavoro non lo trova e una donna su due non lavora. Nel 2010, in Italia pi di due milioni di giovani (il 22,1 per cento della popolazione tra i 15 e i 29 anni) risultava fuori dal circuito formativo e lavorativo. La quota dei Neet 6 pi elevata tra le donne (24,9 per cento) rispetto a quella degli uomini (19,3 per cento). Dopo un periodo in cui il fenomeno aveva mostrato una leggera regressione (tra il 2005 e il 2007 si era passati dal 20,0 al 18,9 per cento) lincidenza dei Neet torna a crescere durante la recente fase ciclica negativa, segnalando lincremento pi sostenuto tra il 2009 e il 20107. Queste non sono coincidenze. Sono, circolarmente, effetto e causa. Lindebolimento del welfare (assistenza, asili, scuole) ha effetti devastanti: secondo Eurostat, la presenza di un figlio riduce l occupazione femminile del 20%, per cui loccupazione delle donne con un figlio tra i 25 e i 54 anni del 59%, contro una media europea del 71,3%. Siamo una societ che disinveste sulle leve di crescita e benessere sociale, e si avvita in un circolo vizioso su cui non si pu intervenire se non spezzandolo: investendo sulle persone, allinterno di una societ strettamente interconnessa. Ma il percorso su cui si proceduto negli ultimi anni in direzione opposta: secondo il Global Information Technology Report 2011 del World Economic Forum, lindice di networked readiness (vedi figura 1), che misura la propensione a sfruttare le opportunit offerte dallICT, vede lItalia al 51 posto, in continua regressione (ha perso 13 posizioni in 5 anni). I fattori che pi contribuiscono a questo risultato sono purtroppo noti: mancanza di strategia a livello di Governo, bassa qualit del sistema educativo, insufficiente formazione del personale aziendale, limitatezza del rapporto tra universit e industria. La copertura con banda larga non sempre adeguata, ma preoccupa ancor di pi il fatto che la percentuale di cittadini che la utilizzano sia tra le pi basse d Europa (meno del 50%).

5 6

Fonte ISTAT, dicembre 2011.

Not in Education, Employment or Training: giovani non pi inseriti in un percorso scolastico/formativo


ma neppure impegnati in unattivit lavorativa. Fonte ISTAT, Noi-Italia 2011.

Metti in agenda il futuro del Paese

Figura 1: Punteggio e posizione in graduatoria dellItalia su alcuni elementi valutati per il Networked Readiness Index, nellambito del Global Information Technology Report 2010-2011 del World Economic Forum8.

La posizione complessiva dellItalia per il Networked Readiness Index la cinquantunesima, su 138 Paesi analizzati.

10

Metti in agenda il futuro del Paese

Figura 2: Competitiveness vs. broadband penetration, 20109.

Per comprendere quanto lItalia sia poco pronta alla trasformazione in atto, quella che Jeremy Rifkin indica come la Terza rivoluzione industriale, molto significativo lindicatore che misura limpatto dellIct sullinnovazione organizzativa: qui lItalia al novantesimo posto, in abissale distanza da tutti i maggiori Paesi. Ineludibile un cambiamento in discontinuit. Secondo lInnovation Union Scoreboard 2011, definito dallUnione Europea, lItalia nel gruppo degli Innovatori moderati, con valori al di sotto della media dei Paesi dellUnione, lontana da Paesi come Francia, Germania e Gran Bretagna. LItalia, in particolare, 15 nella classifica, sui 27 Paesi considerati, ben al di sotto della media europea. Qui i peggiori risultati sono sulle risorse umane (ancora quantit e qualit della formazione) e sugli investimenti in innovazione. Il punto positivo lo segniamo, invece, sulla proposta di prodotti e servizi innovativi da parte delle nostre aziende. L innovazione che c. Come un paziente malato che, nonostante lassenza di cure, ha una tremenda vitalit e capacit di reazione. E quindi da qui, anche da qui, dobbiamo ripartire.

Source: World Economic Forum, 2010; ITU, 2010; Booz & Company analysis. Note: Competitiveness is definited by the World Economic Forum as the set of institutions, policies, and factor that determinate the level of productivity of a country.

11

Metti in agenda il futuro del Paese

Figura 3: LInnovation Union Index 2011 (su dati 2009-2010).

Il nostro maggior punto di forza rappresentato dal capitale intellettuale, dalle imprese innovatrici e dai risultati prodotti. Le maggiori debolezze, invece, dipendono dagli investimenti in innovazione e dalla collaborazione tra aziende transfrontaliere. Dall ultima rilevazione la crescita maggiore si registrata tra i nuovi dottorati di laurea, mentre nel campo della spesa in innovazione non collegata alla ricerca e sviluppo c stato il calo maggiore. Secondo ledizione 2011 dellIT Industry Competitiveness Index, realizzato dallEconomist Intelligence Unit (Eiu) e divulgato da Business Software Alliance, lItalia guadagna una posizione nellindice globale di competitivit dellInformation Technology, passando dalla 24a alla 23a posizione. Secondo Mille, presidente di Bsa Italia, lo studio IT Industry Competitiveness Index (vedi figura 4) dimostra al di l dogni dubbio che investire sulle fondamenta dellinnovazione tecnologica nel lungo termine paga, e molto bene e il nostro Paese riceve 50 su 100 sulle infrastrutture IT, 47% sul capitale umano e 63,2% sui supporti pubblici allo sviluppo industriale, su cui sar opportuno concentrare gli sforzi nei prossimi anni. Come dimostra lesperienza internazionale, limpegno sar ben remunerato. Nel momento in cui leconomia globale inizia la ripresa, pi importante che mai che i governi assumano visioni a lungo raggio dello sviluppo industriale10.

10

Dal libro bianco del Digital Advisory Group (http://www.digitaladvisorygroup.it/it/download.html): Oggi, nei paesi che sfruttano intensamente il potenziale di Internet, l economia digitale sta gi producendo benefici notevoli in termini di contribuzione diretta al PIL nazionale. In Svezia e nel Regno Unito, per esempio, il contributo diretto al PIL di Internet superiore al 5%. (.) Nellultimo decennio, la capacit dellItalia di sviluppare servizi digitali innovativi e best practice di portata internazionale progressivamente calata e Internet ancora unopportunit poco sfruttata in Italia: limpatto diretto delleconomia digitale sul PIL ammonta a circa il 2%, ben al di sotto di quello di molti altri paesi dellOCSE. Invertire questa tendenza, rilanciando la capacit di innovare in ambito digitale, costituisce unopportunit imperdibile per il nostro paese, se consideriamo che dal 2005 l economia digitale ha costituito una porzione rilevante della crescita economica (pari a circa il 14%).

12

Metti in agenda il futuro del Paese

Figura 4: Indice globale di competitivit dellInformation Technology. Edizione 2011 dellIT Industry Competitiveness Index.

Europa (27) Pmi che vendono on line Imprese che acquistano on line Popolazione che usa frequentemente internet Popolazione che usa servizi di on line banking Cittadini che usano servizi di eGovernment Famiglie con accesso alla banda larga Famiglie con accesso a Internet Popolazione che acquista on-line Fatturato imprese attraverso eCommerce
Fonte: EC Digital Agenda Scoreboard (31 maggio 2011).

Italia 3,8% 16,5% 45,7% 17,6% 17,4% 48,9% 59,0% 14,7% 5,4%

13,4% 26,4% 53,1% 36,0% 31,7% 60,8% 70,1% 40,4% 13,9%

13

Metti in agenda il futuro del Paese

Si vede chiaramente come lutilizzo di Internet ci veda molto indietro rispetto alla media europea, sia dal lato imprese sia, soprattutto, dal lato cittadini. Certamente un problema di natura culturale, oltre che di disponibilit di servizi e infrastrutture (vedi ad esempio la bassissima percentuale di popolazione che acquista on-line) ma forse anche laspetto del costo dei pagamenti, influenzato notevolmente dai circuiti di carta di credito, non da sottovalutare. Se vero, come sostiene anche il commissario europeo per lAgenda Digitale Neelie Kroes, che linnovazione e la cultura digitale sono la base su cui si costruisce il futuro della nostra societ, allora una gran parte dei cittadini italiani rischia di rimanere esclusa perch non ha i mezzi, le condizioni o le competenze necessarie. Esclusione che mette a rischio i presupposti stessi del funzionamento democratico. Come cambiare? Gli ingredienti sono noti, e tutti presenti nellAgenda Digitale Europea: infrastrutture, competenze digitali, utilizzo sociale dellICT, ricerca, sviluppo sempre pi basato sullinteroperabilit, la collaborazione, la condivisione, lopenness. Ma bisogna anche cambiare modello: ecco perch alcune decine di organizzazioni, che stanno promuovendo liniziativa degli Stati Generali dellInnovazione, hanno identificato quattro punti cardinali per la nuova strategia italiana: la valorizzazione della creativit e della conoscenza condivisa, linclusione digitale come battaglia per le pari opportunit, linnovazione come opportunit per lo sviluppo sostenibile, lopen government. Per cambiare modello, gli attori dellinnovazione, gli stakeholder tutti devono farsi carico dellindirizzo e della strategia sullinnovazione del nostro Paese.

1.2. La strategia europea


La strategia che si data lUnione Europea per la realizzazione di una forte e fiorente economia digitale in Europa entro il 2020 vede come iniziativa centrale l Agenda Digitale Europea. LAgenda si compone di 7 pilastri (o aree di azione) e 101 azioni, il cui scopo ottenere vantaggi socioeconomici sostenibili grazie a un mercato digitale unico basato su Internet veloce e superveloce e su applicazioni interoperabili. Le aree di azione dellAgenda Digitale Europea Sono individuate sette aree di azione: un mercato digitale unico e dinamico Lattuale frammentazione del mercato, anche in termini di legislazione e di gestione dei sistemi di sicurezza, una delle cause principali dellarretratezza europea. Per questo, la Commissione Europea intende aprire laccesso ai contenuti, agendo sulla gestione dei diritti dautore e sulla semplificazione nel rilascio e lutilizzo di licenze transfrontaliere; semplificare le transazioni on-line e transfrontaliere, superando la frammentazione del mercato dei pagamenti elettronici e delle fatturazioni elettroniche, con larea di pagamento unica in euro (SEPA) e lofferta di sistemi di autenticazione elettronica sicuri; ispirare fiducia nel digitale, rafforzando il quadro normativo in termini di diritti dei cittadini e di protezione dei dati; rafforzare il mercato unico delle telecomunicazioni , agendo

14

Metti in agenda il futuro del Paese

sullarmonizzazione dei sistemi nazionali di numerazione telefonica, rilascio di licenze e assegnazione delle frequenze; interoperabilit e standard Poich linteroperabilit tra dispositivi, applicazioni, banche dati, servizi e reti alla base della costruzione di una societ digitale, sono linee di azione prioritaria migliorare la definizione degli standard nel settore delle TIC (tecnologie dellinformazione e della comunicazione); promuovere un uso migliore degli standard da parte delle pubbliche amministrazioni, in modo da favorire lo sviluppo della qualit dellofferta di prodotti e servizi; potenziare linteroperabilit tramite il coordinamento tra le iniziative, una strategia europea sullinteroperabilit; fiducia e sicurezza Poich si ritiene essenziale che chi utilizza Internet abbia la garanzia di essere tutelato da attacchi criminosi e di vedere garantita la propria privasy, le azioni individuate sono relative alla definizione di politiche e misure specifiche in materia di sicurezza delle reti e delle informazioni e per i cyber-attacchi contro i sistemi informatici; accesso ad internet veloce e superveloce Se il prossimo futuro quello di uneconomia della conoscenza basata sullutilizzo di Internet, allora lo sviluppo europeo dipende anche dalla disponibilit della Rete in banda larga a tutti i cittadini. Le azioni individuate sono pertanto finalizzate a garantire la copertura universale della banda larga a velocit sempre maggiori, con finanziamenti pubblici, incentivi ai privati, definizione di regole di supporto alla banda larga anche nel settore edilizio e della pianificazione territoriale; promuovere la diffusione delle reti di nuova generazione; monitorare lattuazione delle disposizioni legislative per una Internet aperta e neutrale; ricerca e innovazione Linvestimento in ricerca e sviluppo a livello europeo ritenuto insufficiente, per cui necessario agire sullincremento della spesa per ricerca, per una sua armonizzazione e per un miglior utilizzo dei suoi risultati, e in particolare: aumentare gli sforzi e potenziare lefficienza, incrementando gli investimenti, coordinandoli, ma anche indirizzandoli a linee strategiche, come le infrastrutture elettroniche e il cloud computing; incentivare linnovazione in materia di TIC sfruttando il mercato unico, con partenariati pubblico-privati e fondi di finanziamento europei; supportare le iniziative lanciate dallindustria per favorire linnovazione basata sullutilizzo di piattaforme aperte;

15

Metti in agenda il futuro del Paese

migliorare lalfabetizzazione, le competenze e linclusione nel mondo digitale Nella societ della conoscenza le competenze digitali diventano fondamentali per trovare unoccupazione, ma anche per apprendere, creare, partecipare e usare con sicurezza e consapevolezza gli strumenti digitali. Le linee di azione tendono cos a sviluppare politiche a lungo termine in materia di competenze informatiche e di alfabetizzazione digitale, promuovere gli incentivi pi opportuni per le PMI e i gruppi svantaggiati, e per realizzare servizi digitali inclusivi; vantaggi offerti dalle TIC alla societ dellUnione Europea Lo sviluppo delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione un elemento critico per realizzare obiettivi strategici per il benessere e il futuro della societ, per cui sono individuati interventi mirati per lassistenza medica, contro i cambiamenti climatici, per la riduzione dei consumi energetici, per migliorare lefficienza dei trasporti e la mobilit attraverso interventi per lo sviluppo di sistemi di trasporto intelligenti, per favorire linclusione dei disabili, per promuovere la diversit culturale e i contenuti creativi , per lo sviluppo delleGovernment. NellAgenda sono inoltre indicati alcuni indicatori chiave, suddivisi per area di obiettivi. Crediamo sia utile rileggere gli obiettivi fissati per questi indicatori e gli ultimi dati italiani e europei secondo la rilevazione di maggio 2011 del Digital Agenda Scoreboard che abbiamo gi anticipato nel paragrafo precedente: Obiettivi nel settore della banda larga: banda larga di base per tutti entro il 2013: copertura con banda larga di base per il 100% dei cittadini dellUE (valore di riferimento: nel dicembre 2008 la copertura totale DSL (espressa sotto forma di percentuale della popolazione dellUE) era pari al 93%). Dato 2011: Italia 96%, Media europea 95,3%11; banda larga veloce entro il 2020: copertura con banda larga pari o superiore a 30 Mbps per il 100% dei cittadini UE (valore di riferimento: nel gennaio 2010 il 23% degli abbonamenti a servizi di banda larga prevedeva una velocit di almeno 10 Mbps). Dato 2011: non sono stati rilevati provider in Italia che offrano connettivit oltre i 30 Mbps12; banda larga ultraveloce entro il 2020: il 50% degli utenti domestici europei dovrebbe avere abbonamenti per servizi con velocit superiore a 100 Mbps. Dato 2011: ancora nessun valore di riferimento.
11

12

Di solito questo indicatore viene val utato insieme allindicatore di penetrazione della banda larga, che premessa per un suo reale utilizzo. La copertura consente di identificare solo la potenzialit di connessione. Da questo punto di vista, il dato della penetrazione molto pi modesto: l Italia arriva al 22,3% contro una media europea del 27,2%, come quello delle connessioni dalle abitazioni private ( 48% in Italia rispetto al 61% della media europea). Megabit (misura dei dati) per secondo.

16

Metti in agenda il futuro del Paese

Country profile for Italy, Broadband 2011. European Commission. Digital Agenda Scoreboard.

Mercato unico digitale: promuovere il commercio elettronico: il 50% della popolazione dovrebbe fare acquisti on-line entro il 2015 (valore di riferimento: nel 2009 il 37% delle persone di et compresa fra 16 e 74 anni aveva ordinato prodotti o servizi per uso privato nei 12 mesi precedenti). Dato 2011: Italia 14,7%, Media europea 40,4%; commercio elettronico transfrontaliero: il 20% della popolazione dovrebbe fare acquisti on-line allestero entro il 2015 (valore di riferimento: nel 2009 l8 % delle persone di et compresa fra 16 e 74 anni aveva ordinato prodotti o servizi da altri paesi dellUE nei 12 mesi precedenti). Dato 2011: Italia 4,4%, Media europea 8,8%; commercio elettronico per le imprese: il 33% delle PMI dovrebbe effettuare vendite/acquisti on-line entro il 2015. (Valore di riferimento: nel 2008 il 24% e il 12% delle imprese aveva effettuato, rispettivamente, servizi di acquisto/vendita per via elettronica, per un importo pari o superiore all1% del totale del fatturato/delle vendite). Dato 2011: (acquisti) Italia 16,5%, Media europea 26,4%, (vendite) Italia 3,7%, Media europea 12,8% ; mercato unico per i servizi di telecomunicazione: la differenza fra le tariffe in roaming e le tariffe nazionali dovrebbe essere praticamente inesistente entro il 2015. (Valore di riferimento: nel 2009 il prezzo medio per una telefonata di un minuto effettuata in roaming era di 0,38 centesimi (per chiamata effettuata) e il prezzo medio per le telefonate di un minuto nellUE era di 0,13 centesimi (roaming incluso).

17

Metti in agenda il futuro del Paese

Country profile for Italy, eCommerce 2010. European Commission. Digital Agenda Scoreboard.

Inclusione digitale: portare luso regolare di internet dal 60% al 75% entro il 2015 e dal 41% al 60% per le categorie svantaggiate (le cifre di riferimento riguardano il 2009). Dati 2011: (uso regolare) Italia 47,6%, Media europea 65%; (categorie svantaggiate) Italia 32,8%, Media europea 48,2% ; dimezzare entro il 2015 il numero di persone che non hanno mai usato internet (portandolo al 15%) (valore di riferimento: nel 2009 il 30% della popolazione di et compresa fra 16 e 74 anni non aveva mai utilizzato internet). Dati 2011: Italia 41,2%, Media europea 26,2%.

18

Metti in agenda il futuro del Paese

Country profile for Italy, Internet usage 2010. European Commission. Digital Agenda Scoreboard.

Country profile for Italy, Take up of internet services (% of population) 2010. European Commission. Digital Agenda Scoreboard.

Servizi pubblici: eGovernment entro il 2015: ricorso alleGovernment da parte del 50% della popolazione, di cui oltre la met dovrebbe essere in grado di restituire moduli compilati. (Valore di riferimento: nel 2009 il 38% delle persone di et compresa fra 16 e 74 anni aveva usato i servizi di eGovernement nei 12 mesi precedenti e il 47% usava i servizi di eGovernment per trasmettere moduli compilati). Dati

19

Metti in agenda il futuro del Paese

2011: (uso) Italia 22,7%, Media europea 41,2%; (ritorno moduli compilati) Italia 7,5%, Media europea 21%; Servizi pubblici transfrontalieri: mettere on-line, entro il 2015, tutti i servizi pubblici fondamentali transfrontalieri previsti dalla lista che gli Stati membri dovranno concordare entro il 2011 (nessun valore di riferimento).

Country profile for Italy, eGovernment 2010. European Commission. Digital Agenda Scoreboard.

Ed inoltre altri indicatori non articolati per Paese o non specificatamente trattati in questo testo: Ricerca e innovazione: Aumento delle spese di R&S per le TIC: raddoppiare gli investimenti pubblici portandoli a 11 miliardi di euro (valore di riferimento: nel 2007 limporto nominale dei crediti o delle spese dei bilanci pubblici per la R&S (GBAORDGovernment Budget Appropriations Outlays for R & D) era di 5,7 miliardi di euro). Economia a basse emissioni di carbonio: Promozione dellilluminazione a basso consumo energetico: entro il 2020 almeno il 20% di riduzione globale del consumo di energia per lilluminazione (nessun valore di riferimento). Dalla lettura dei dati emerge chiaramente la difficolt italiana di utilizzare le potenzialit che indubbiamente ci sono, a causa di problemi in gran parte di natura organizzativa e culturale.

20

Metti in agenda il futuro del Paese

2. Una proposta strategica per lItalia


2.1. Un nuovo modello
Linnovazione la leva sulla quale investire per uscire dalla crisi, ma purtroppo questo non accade ancora in Italia, dove linnovazione se pur fortemente presente non nasce nellambito di una strategia complessiva del sistema Paese. Ma non si tratta di un aspetto economico: la visione che cerchiamo di realizzare quella di una societ che riconosce linteresse collettivo come primario, il sistema pubblico di servizi come necessit della collettivit per garantire il valore del merito e dei talenti, lo sviluppo e la crescita economica e sociale. La ricerca del miglioramento della qualit della vita passa pertanto attraverso una scelta di valori, che si identificano con il benessere della collettivit e luguaglianza delle condizioni di partenza. Questa scelta di porre al centro delle politiche dellinnovazione la qualit della vita ne comporta altre, che privilegiano alcuni concetti basilari, centrali nella nostra visione dellinnovazione: la sostenibilit, in termini di ricerca pragmatica di soluzioni per evitare lo sfruttamento intensivo di risorse non rinnovabili. Porre il focus sulla sostenibilit significa occuparsi sia della realizzazione di un modello di sviluppo che produca e utilizzi risorse rinnovabili, sia di rivedere il modello di utilizzo delle risorse, verso modelli di condivisione (dei PC, delle bici, delle automobili); lapertura (openness), intesa come modello collaborativo di produzione e di conoscenza, che attraversa sia lo specifico della realizzazione/utilizzo di prodotti software, sia come modello di progettualit diffusa e come possibilit di connettere idee e proposte, progetti e esperienze, dati e informazioni; la centralit territoriale, in quanto si considera il territorio come fulcro delle politiche dellinnovazione che si fanno concrete risposte alle esigenze dei cittadini e delle comunit. In questo contesto utile considerare due metafore: la smart city come metafora di un approccio integrato, sia rispetto ai diversi settori (sanit, scuola, energia, ambiente, mobilit, ) sia rispetto ai diversi livelli/sottosistemi (sociale, culturale, economico, ..); il cloud computing come metafora di un approccio in cui la federazione delle competenze e delle specializzazioni (tra territori diversi, enti, istituti, gruppi, operatori, ...) permette una collaborazione efficace e una cooperazione orientata ad un obiettivo comune da raggiungere con minore costo e maggiore valorizzazione delle esperienze presenti. Il confronto quindi sul piano della visione del futuro, quella su cui ci basiamo nella scelta degli interventi da proporre in tema di innovazione, quella su cui si basa la nostra idea di modernizzazione.

21

Metti in agenda il futuro del Paese

Le nuove tecnologie sono in questo allo stesso tempo grande opportunit e risorsa, pur rimanendo nello sfondo, mezzo di crescita e non fine, invisibili ancorch necessarie e quanto pi efficaci e pervasive quanto pi invisibili. Non ci sono vie di mezzo e non esistono mezzi utili se non sono congruenti con la visione che si vuole perseguire. In questo senso qualsiasi tipo di cooptazione per logica di consorteria, anche negli incarichi di un partito, in contrasto con la possibilit di una valorizzazione del merito. Una proposta di politica dellinnovazione parte, cos, dal tratteggiare la nuova Italia che vogliamo: a. semplice, grazie alla possibilit di usufruire di servizi costruiti secondo le esigenze dei cittadini e della collettivit; b. sostenibile, grazie allo sviluppo equilibrato delle diverse componenti (sviluppo economico, rispetto per lambiente, equit sociale, differenze culturali, cura delle esigenze della persona); c. sicura, anche grazie ad un rispettoso utilizzo dei nuovi strumenti a disposizione con lintento di una prevenzione individuale, collettiva e ambientale; d. consapevole, cos da costruire un terreno fertile per lo sviluppo del merito e della conoscenza, grazie allinnovazione del sistema educativo e culturale in tutte le sue componenti (formazione, scuola, comunicazione); e. competitiva, grazie ad una politica industriale organica che sfrutti le nuove tecnologie per valorizzare gli asset principali del nostro Paese (territorio, clima, beni culturali, creativit, stile, esperienza artigiana) e si proponga di mettere al centro del processo non pi il consumo di soluzioni altrui ma lelaborazione e lingegnerizzazione autonoma di modelli tecnologici propri; f. inclusiva, che come risultato massimo della consapevolezza costruisca gli elementi vitali di una nuova democrazia digitale basata sulla multiculturalit, l integrazione, la progettazione partecipata. Sappiamo che la crescita europea del PIL sostenuta per il 50% da Internet 13. LItalia sconta un ritardo che necessario recuperare rapidamente agendo su pi fronti: eliminando le posizioni di mercato dominanti, liberando frequenze da mettere a disposizione della banda larga, promuovendo unazione pubblica che favorisca la competizione sulle infrastrutture tra diversi operatori attraverso la concentrazione dellintervento pubblico sulle sole opere civili (come i cavidotti) e sullazione regolatoria. necessario trasformare il problema della diffusione della banda larga nellopportunit di far crescere unindustria nazionale in grado di progettare soluzioni tecnologiche basate sul wireless, cos da liberare energie fondamentali per lo sviluppo del nostro Paese e

13

Fonte: ricerca del Digital Advisory Group gi citata: http://www.digitaladvisorygroup.it/it/download.html

22

Metti in agenda il futuro del Paese

consolidare una delle pi promettenti tecnologie della comunicazione del futuro e fondamento di uneconomia digitale. Con lo sviluppo e la diffusione della banda larga si creano le condizioni perch il nostro Paese possa accedere alle opportunit che le innovazioni tecnologiche e non tecnologiche mettono a disposizione della societ e dei cittadini. Migliore qualit della vita, sviluppo economico e sociale, sono obiettivi alla portata dellItalia, che ha le risorse per essere anche avanguardia su diversi settori, valorizzando i propri talenti, le proprie ricchezze ambientali e storiche. Per raggiungere questi obiettivi necessario un nuovo modo di affrontare il tema dellinnovazione, perch questa non affatto neutra e perch senza interventi profondi sul modo in cui funzionano diverse realt nulla pu realmente cambiare.

2.2. I punti cardinali di una strategia


Per questo crediamo che sia necessario liberare linnovazione e che le migliori opportunit di crescita per il nostro Paese siano offerte dalla creativit dei giovani, dal riconoscimento del merito, dallabbattimento del digital divide, dal rinnovamento dello Stato attraverso lOpen Government14. Il tema dellinnovazione sempre pi vitale per il futuro della nostra societ, e anche una classe politica in buona parte poco attenta e poco competente obbligata a rendere conto della propria attivit o del proprio immobilismo. Per liberare linnovazione crediamo che le diverse realt che sono protagoniste nellinnovazione sociale, industriale, amministrativa, culturale debbano farsi carico di tracciare il percorso per la profonda trasformazione che necessaria nel nostro Paese. Crediamo pertanto che sia necessario indirizzare il programma strategico su quattro punti cardinali: valorizzare la creativit dei giovani, il merito, il lavoro basato sulla conoscenza e la condivisione, sfruttando linnovazione come opportunit per fare emergere energie, idee, merito, talenti, riconoscendo ai lavoratori della conoscenza e in particolare alle nuove generazioni un ruolo fondamentale per la ripresa del sistema Italia; promuovere lInclusione Digitale, costruendo le condizioni per una reale e profonda innovazione sociale, per luguaglianza delle opportunit nellutilizzo della Rete e per lo sviluppo di una cultura dellinnovazione e della creativit, contrastando in primo luogo ogni forma di subalternit e di marginalizzazione nel flusso dei saperi e delle soluzioni, a cominciare, ovviamente, da ogni causa di analfabetismo e discriminazione sociale e culturale e aprendo le porte a tutti i benefici generati dalla societ della conoscenza, come leducazione di qualit e riducendo sostanzialmente il digital divide infrastrutturale, sociale, culturale, territoriale;
14

Laccezione che seguiamo per questo termine quella descritta sul sito dell Associazione Italiana per lOpen Government (www.datagov.it): La dottrina dellOpen Government imperniata su un concetto molto semplice: Tutte le attivit dei governi e delle amministrazioni dello stato devono essere aperte e disponibili per favorire azioni efficaci e garantire un controllo pubblico sulloperato.

23

Metti in agenda il futuro del Paese

sostenere linnovazione come opportunit per lo sviluppo delle imprese e per migliorare la qualit della vita dei cittadini, misurando il valore delle politiche dellinnovazione dal beneficio che ne hanno i cittadini e il sistema economico, le imprese e i loro lavoratori, grazie alla realizzazione di prodotti e servizi che, sfruttando le nuove tecnologie, migliorino la qualit delle nostre vite e consentano alle imprese di competere nel mercato nazionale e internazionale; realizzare lOpen Government avviando un profondo cambiamento culturale e operativo nella Pubblica Amministrazione, che si esprima nella massima trasparenza e apertura delle organizzazioni, dei loro metodi, dei loro servizi e dei loro patrimoni informativi, a beneficio della cittadinanza, della PA e di tutto il Paese, e come strumento per lo sviluppo del Sistema Nazionale dellInnovazione.

2.3. Una proposta di governance


Le regole di governo delle politiche dellinnovazione devono tener conto del bilanciamento necessario di due spinte fondamentali: a livello centrale, per indirizzare una politica organica che consenta scambi e condivisione tra i diversi territori sulla base di una strategia di Paese oltre che europea, oltre che la valorizzazione delle diverse eccellenze e specificit; a livello territoriale, per costruire pragmaticamente le linee di evoluzione sulla base di una piena presa in carico di esigenze e ricchezze locali. Ci significa che a livello centrale devono essere poste in essere tutte le condizioni per una efficace azione di sussidiariet operativa nei confronti delle realt territoriali, al tempo stesso promuovendo un modello di sviluppo che si ispiri ai criteri di sostenibilit e openness descritti in precedenza. Le nostre proposte si basano cos sullidentificazione di quattro livelli di governo15: un livello di indirizzo, mediante la costituzione di una cabina di regia e un tavolo di coordinamento delle politiche pubbliche; un livello di coordinamento dellarchitettura istituzionale, con la costituzione di un Consiglio nazionale dellinnovazione16, in modo da coinvolgere tutti gli esponenti del sistema dellinnovazione nella progettazione strategica delle politiche e nella condivisione delle iniziative e costituire un tavolo multistakeholder e multidisciplinare permanente, anche declinato per temi e per singoli territori; un livello realizzativo, basato su una logica territoriale e federata, in cui si sviluppa un confronto proficuo e stimolante tra le societ pubbliche in-house e le

15

16

Qui ci limitiamo a tracciare dei suggerimenti di tipo generale. Naturalmente la definizione della governance del sistema nazionale dellInnovazione ha bisogno di una trattazione molto pi ampia. I riferimenti che suggeriamo sono quelli dell Innovation Platform dei Paesi Bassi (oggi Coalizione per la Knowledge Investment Agenda) e dellAustria, del Research and Innovation Council della Finlandia e dellIndia, del Global Innovation Framework della Nuova Zelanda. Un buon report di analisi comparativa quello prodotto dallOECD: http://www.mkm.ee/failid/OECD_Governance_of_innovation_systems___9205081E__2_.pdf

24

Metti in agenda il futuro del Paese

imprese private, in una logica globale di partnership e di contesto florido per limplementazione degli interventi innovativi guidati dai diversi territori; un livello di monitoraggio e controllo, per valutare gli scostamenti rispetto agli obiettivi prefissati dai piani nazionali sullinnovazione, affidato ad un organismo che garantisca terziet, separato da responsabilit realizzative. Soggetto che potrebbe configurarsi come una sorta di DigitPA federato, articolato in una logica territoriale, per meglio seguire le evoluzioni dei progetti, pur con un settore nazionale dedicato alle attivit di regolamentazione , per la definizione di standard, linee guida, metodologie e per la proposta di regole e progetti da sottoporre al Consiglio Nazionale per lInnovazione.

25

Metti in agenda il futuro del Paese

3. Dalle parole alle azioni


3.1. Creativit e Conoscenza Condivisa
Questo ambito sattesta al di qua di ci che abbiamo sempre definito cultura, attraverso la creativit intesa come energia sociale capace di sperimentare il cambiamento e non pi solo come ricerca espressiva formale. Il Web pu fornire un contributo ad una estensione del pluralismo espressivo, attraverso sistemi di diffusione del sapere paralleli, se non alternativi, ai tradizionali modelli delle industrie culturali. Ci che definiamo conoscenza condivisa da intendere come qualcosa che non si limita alla conservazione dei valori e della sedimentazione dei saperi ma punta ad orientarsi in uno scenario incognito in cui le reti potranno potenziare la condivisione delle intelligenze e delle sensibilit, per creare una cultura dellinnovazione e per sollecitare lo sviluppo di intelligenza connettiva. La questione della creativit non riguarda solo lespressione artistica dei linguaggi, ma la capacit di ambientarsi in nuovi contesti, come oggi quello del Web, il nuovo spazio pubblico che necessita di progettazione culturale e sociale. Creativit significa interpretare linnovazione come opportunit per valorizzare le energie, le idee, il merito, riconoscendo ai lavoratori della conoscenza e in particolare alle nuove generazioni un ruolo fondamentale per la ripresa del sistema Italia. Tra i punti da sviluppare abbiamo individuato (lordine non definisce priorit): creare le condizioni per lo sviluppo della cultura dellinnovazione intesa sia come ambito di ricerca di nuovi linguaggi, di nuovi modelli distributivi, concentrando lattenzione sulla ideazione e produzione di contenuti di qualit; rilanciare il ruolo della Scuola, dellUniversit, della formazione continua e di tutte le agenzie formative per scandire unevoluzione dei modelli dapprendimento in relazione agli scenari del cambiamento, secondo nuovi principi educativi come il social learning (le piattaforme Web che declinano in ambito educativo le potenzialit dei social network); promuovere lo sviluppo di un approccio creativo alle tecnologie per espandere le opportunit dinnovazione attraverso il valore duso degli utenti, secondo pratiche come quelle del crowdsourcing (ovvero ci che fa del lavoro delle comunit on-line del Web una risorsa), per elaborare una costruzione sociale della conoscenza aperta e condivisa; inventare nuove strategie e nuovi format di comunicazione pubblica e contesti di cittadinanza interattiva, avviando ad esempio le iniziative ludico-partecipative che

26

Metti in agenda il futuro del Paese

attraverso il Web esplicitino le dinamiche di partecipazione attiva alla cosa pubblica e la sistematizzazione di pratiche di condivisione della conoscenza; realizzare politiche di incubazione per limprenditorialit innovativa e start-up, tramite i distretti, spin-off universitari, reti di eccellenza e opportunit dinvestimento attraverso soluzioni come il venture capital; coinvolgere giovani ricercatori in progetti europei e internazionali pluriennali, praticando cos lapprendimento diretto attraverso il lavoro di ricerca e sviluppo; definire le politiche di tutela del lavoro precario, intercettando tutte le espressioni informali dimpresa creativa, per ri-disegnare un sistema di welfare e di sostegno alla flessibilit. Ci comporta, a monte, un riconoscimento esplicito dell Economia della Conoscenza e di conseguenza un adeguamento delle politiche del lavoro rivolte alle nuove forme di produzione del valore cognitivo; interpretare le politiche innovative relative alle smart city come opportunit per coniugare una nuova urbanistica con lo sviluppo della banda larga, attraverso soluzioni wireless (dalle connessioni mobili di nuova generazione al Wi-Fi) per illuminare le citt di opportunit connettiva, cos come la rete elettrica urbana ci ha emancipato dal buio. Per re-inventare lo spazio pubblico, nellinterazione tra Web e territorio; sperimentare soluzioni di interaction design e altre applicazioni di creativit digitale per rilanciare le modalit della produzione culturale attraverso crossmedialit, Web app e performing media; indicare nellinnovazione di processo, legato allopen source17 e al mash-up18 in genere, le soluzioni chiave per sollecitare quella creativit necessaria per lo sviluppo di piattaforme tecnologiche, interpretando suggerimenti come questo: Creativit unire elementi esistenti con connessioni nuove, che siano utili (Jules-Henri Poincar); ridefinire le politiche del diritto dautore, promuovendo la disintermediazione e il superamento dei colli di bottiglia imposti dal copyright, secondo i protocolli giuridici delle creative commons19 e del copyleft. Per liberare linnovazione di pratiche creative, sfruttando appieno le potenzialit del remix e del peer to peer (il libero scambio dei file). Una ridefinizione che non scardini a priori tutti i modelli di business in essere, che continuano a garantire la produzione di contenuti di qualit:
17

18 19

In particolare qui sottolineiamo lo sviluppo informatico collaborativo, basato sulla condivisione delle sorgenti del software. Intendiamo qui la ricombinazione degli elementi multimediali attraverso il remix di repertori diversi. http://www.creativecommons.it/

27

Metti in agenda il futuro del Paese

la normativa sul diritto dautore e il copyright va modernizzata alla luce delle potenzialit che il Web e le nuove tecnologie consentono; intervenire sulla RAI, nella sua veste di gestore del servizio pubblico radiotelevisivo, per promuovere le culture digitali e la alfabetizzazione informatica attraverso trasmissioni mirate e campagne con pratiche di coinvolgimento attivo dell utenza dei massmedia.

3.2. Inclusione Digitale


3.2.1. La nostra visione Intervenire contro il digital divide significa favorire, attraverso le possibilit offerte dalle nuove tecnologie digitali e di Rete, il progresso e il benessere individuale e sociale, in modo distribuito e egualitario. Lobiettivo ridurre i divari sociali e culturali che si rafforzano nella societ dellinformazione dove la rivoluzione digitale procede a differenti velocit, favorendo, in primo luogo, limpegno etico, sociale e culturale riguardo alle nuove dinamiche di elaborazione e diffusione della conoscenza. Condurre una battaglia per linclusione digitale significa costruire le condizioni per luguaglianza delle opportunit nellutilizzo della Rete e per lo sviluppo di una cultura dellinnovazione e della creativit, contrastando in primo luogo ogni forma di subalternit e di marginalizzazione nel flusso dei saperi e delle soluzioni, a cominciare da ogni causa di analfabetismo e discriminazione sociale e culturale e aprendo le porte a tutti i benefici generati dalla societ della conoscenza, come leducazione di qualit durante tutto il corso della vita. Lidea di innovazione, che pure agita da tempo la scena culturale e economica, sta essa stessa mutando sotto i nostri occhi. Da semplice sollecitazione verso un indefinibile meta di progresso, sta diventando il paradigma di nuovi poteri che ridisegnano i confini delle relazioni fra comunit. Da banale richiesta di ricorso a soluzioni tecnologiche sta diventando necessit di dotarsi di pensieri forti che riclassifichino modi e contenuti dellorganizzazione della vita attraverso la mediazione tecnologica e leducazione di qualit durante tutto il corso della vita. Linnovazione una cultura, un pensiero, un sistema di valori, prima ancora che un sapere tecnologico. La Rete oggi un diritto, perch lidentit e la consapevolezza come cittadini passa anche attraverso la Rete. Non solo una questione di infrastruttura o di servizio. Non pi solo una questione di tecnologie a disposizione, come non un problema di commercio elettronico o di servizi offerti on-line dalla PA. La cittadinanza digitale si basa sul diritto allaccesso universale, senza il quale non si potr attuare, ma un diritto che si realizza solo se i cittadini sanno come usare la Rete. La cittadinanza oggi digitale perch la societ dellinformazione organizzata attorno alla conoscenza che si produce e di cui si beneficia attraverso le tecnologie digitali. La consapevolezza di un diritto digitale - tanto nel Governo quanto nella popolazione - matura lentamente, ma ad un certo punto diventa una necessit non pi rinviabile. Oggi ci

28

Metti in agenda il futuro del Paese

troviamo nel momento in cui lampante limportanza dellaccesso e delluso ricco delle nuove tecnologie per il progresso della societ per tutti gli attori sociali (individui, istituzioni e imprese). Una societ che lascia indietro alcuni suoi pezzi (i gruppi marginali esclusi da internet) accentua il suo sistema di disuguaglianze, perdendo di vista l obiettivo di una maggiore inclusivit e coesione sociale e territoriale. Realizzare una piena cittadinanza digitale significa individuare i diritti e i doveri dei cittadini nella societ dellinformazione e porre i cittadini nella condizione di poter accedere e partecipare pienamente. La cittadinanza oggi passa anche attraverso le nuove tecnologie. Poter accedere e saperle usare con profitto la condizione per realizzare la cittadinanza, prima, e la democrazia digitale, poi. 3.2.2. Le linee di intervento Il digital divide indica la distanza tra coloro che hanno accesso alle tecnologie digitali e alle reti e coloro che ne sono esclusi. Una volta ottenuto laccesso, necessario guardare alle disuguaglianze digitali che nascono da un uso pi o meno ricco delle potenzialit di Internet. Disporre di hardware, software e connessione Internet non porta a usi uguali nei diversi gruppi sociali allinterno di uno o pi paesi e il digital divide un fenomeno complesso che assume forme e intensit diverse sulla base di fattori sociali, economici e istituzionali. Su questo tema in gioco il Paese, i suoi valori, la sua cultura, la sua struttura sociale e economica. In altri termini, il nostro futuro. Internet rappresenta un nuovo spazio, in cui si possono ridurre o amplificare le disuguaglianze sociali e economiche di un paese. Per la nuova democrazia digitale italiana, basata sulla garanzia delle pari opportunit e sullaffermazione dei diritti e dei doveri della cittadinanza digitale, proponiamo un progetto organico per il superamento del digital divide, legato sia alle pari opportunit dei cittadini, sia alle pari opportunit di sviluppo dei territori e delle organizzazioni, operando su quattro linee di intervento: laffermazione formale e sostanziale dei diritti della nuova cittadinanza; la focalizzazione del sistema educativo sul contrasto al nuovo analfabetismo anche di ritorno e sulle competenze digitali; laccesso alla Rete in banda larga garantito come diritto universale; lo sviluppo di unagenda digitale locale focalizzata sulle aree svantaggiate sia dal punto di vista geografico, geopolitico che dal punto di vista economico-sociale. 3.2.3. Linea di Intervento 1: I diritti della nuova cittadinanza Proponiamo di perseguire laffermazione formale e sostanziale dei diritti della nuova cittadinanza, con lapprovazione di una Carta dei diritti della cittadinanza digitale (da non confondere con i diritti di utilizzo della Rete e della sua gestione) che funga da cornice di riferimento per le carte dei servizi digitali, (che le istituzioni della Repubblica, ai diversi livelli locali regionali e nazionali, devono istituire per fissare gli impegni di ciascuna amministrazione nei confronti dei cittadini) e per i codici di condotta (che definiscono i doveri di coloro - imprese, amministrazioni, cittadini- che utilizzano la Rete), in modo da sancire e garantire i diritti:

29

Metti in agenda il futuro del Paese

allidentit digitale (disporre di unidentit digitale unica assegnata formalmente fin dalla nascita e riconosciuta come essenziale per tutte le comunicazioni con le amministrazioni e tra le amministrazioni, attraverso i diversi strumenti e tecnologie utilizzabili); alla protezione dei dati personali (perch sia garantita la sicurezza e la privacy dei dati personali negli archivi pubblici e privati); allaccesso e allinclusione digitale (accesso alla Rete, a prescindere dalle condizioni economiche, logistiche e territoriali, e di eliminazione delle barriere tecnologiche che impediscono laccesso alle informazioni e ai servizi in Rete, anche favorendo il ricorso a formati aperti, come definito nel Codice dellAmministrazione Digitale CAD); alla formazione (perch sia garantito un apprendimento permanente e personalizzato, unalfabetizzazione tecnologica diffusa attraverso luso quotidiano delle tecnologie nelle scuole di ogni ordine e grado, lalfabetizzazione digitale nei centri anziani, la disponibilit di archivi delle ricerche, delle pubblicazioni e dei corsi per lautoformazione dei cittadini prodotti con i contributi pubblici da parte delle universit e delle istituzioni culturali); allinformazione e allutilizzo dei contenuti (perch lamministrazione deve garantire laccesso dei cittadini ad informazione di alta qualit, completa, aggiornata, diversificata, secondo i principi dellOpen Government); alla partecipazione (perch attraverso la Rete deve essere data possibilit ai cittadini di partecipare al processo decisionale politico con momenti di consultazione e deve essere favorita linterazione con le amministrazioni e con gli organismi politici e di rappresentanza a tutti i livelli); ad una fruizione quotidiana dei benefici delle tecnologie digitali (attraverso lo sviluppo di servizi - infomobilit, telemedicina, digitalizzazione patrimonio culturale che incidano concretamente sulla qualit della vita e la partecipazione democratica).

Per sostenere lattuazione di questi diritti da parte delle pubbliche amministrazioni (seguendo quanto gi previsto in buona parte dal CAD, anche se non sempre corredato da corrispondenti regole tecniche), occorre inoltre prevedere interventi specifici ad esempio per: lutilizzo delle tecnologie per laccessibilit, sanzionando le Pubbliche amministrazioni ancora inadempienti su tematiche quali accessibilit e usabilit di siti Internet e qualit duso dei servizi; limmediata chiusura dei portali in disuso, non aggiornati o non conformi alle direttive sullaccessibilit; lemissione di un catalogo unico di servizi on-line minimi a disposizione per ogni cittadino secondo un modello ben definito (tipo di servizio, forniture, costi massimi sostenibili, Hardware e Software necessari) da considerarsi di obbligatoria adozione da parte delle Amministrazioni.

30

Metti in agenda il futuro del Paese

3.2.4. Linea di Intervento 2: Il sistema educativo per contrastare il nuovo analfabetismo LItalia presenta un numero di analfabeti digitali (definiti come coloro che non hanno mai utilizzato internet) fra i pi alti in Europa. A fronte di una media intorno al 20%, nel nostro paese la percentuale sale fino a oltre il 40%20. Tale percentuale evidenzia una situazione preoccupante che sembra frenare limpatto delle tecnologie sulla crescita economica e sulla diffusione della cultura, della formazione personale e dellinformazione. Laffermazione dei diritti della cittadinanza digitale comporta lacquisizione delle competenze digitali necessarie da parte dei cittadini, competenze che vanno ben oltre le semplici abilit di utilizzo di software (a diversi livelli). La competenza digitale include e sviluppa abilit di base di ricerca, comprensione, rielaborazione e comunicazione dellinformazione, che si fondano sulle abilit di alfabetizzazione: lettura e scrittura e si declinano in senso digitale, includendo i linguaggi multimediali, andando cos a disegnare un sistema integrato di conoscenze e abilit che convergono nella capacit degli individui di autodeterminarsi in Rete. I sistemi scolastici sono quindi chiamati a rinnovarsi e sono investiti da una pressante e urgente domanda di trasformazione. Tale esigenza nasce dallosservazione di come le profonde e radicali trasformazioni che tutti i settori della nostra societ (dall organizzazione del lavoro alla produzione, dalla comunicazione alla ricerca, dal mondo finanziario a quello sanitario) hanno attraversato negli ultimi cinquanta anni hanno inciso invece solo marginalmente sul mondo della scuola, spesso luogo di sperimentazioni e azioni innovative che per rimangono esperienze isolate, che non riescono a imporsi come modello di immediata replicabilit. Questa innovazione digitale offre numerose opportunit per una trasformazione profonda dellorganizzazione della didattica e degli ambienti di apprendimento con lobiettivo di realizzare una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva in linea con le tre priorit strategiche di Europa 2020. Proponiamo pertanto di focalizzare il sistema educativo, e in particolare le Scuole di ogni ordine e grado e tutte le Istituzioni Sociali sul contrasto al nuovo analfabetismo, sviluppando un programma pluriennale nazionale per lo sviluppo della competenza digitale che preveda iniziative di sistema rivolte ai tre livelli di alfabetizzazione digitale (secondo la definizione UE di competenza digitale), come ad esempio: rivedere i modelli di apprendimento che puntano ad integrare le nuove tecnologie con le metodologie tradizionali di insegnamento; promuovere lutilizzo della Rete e dellinformatica intese come strumento di studio e approfondimento trasversale e necessario ai singoli insegnamenti, accompagnata dallincremento delle ore di insegnamento di materie specificatamente connesse con linformatica nelle scuole di ogni ordine e grado; supportare e promuovere lingresso delle tecnologie digitali nel mondo dellistruzione anche a livello universitario, superando le iniziative dei singoli e puntando a una innovazione sistemica che con nuove potenzialit si arricchisca sia nei modelli organizzativi che in quelli di insegnamento e apprendimento;
20

Fonte: Eurostat.

31

Metti in agenda il futuro del Paese

sviluppare un portale unico di accesso alle universit italiane, almeno bilingue, in grado di offrire un one-stop access point per tutti coloro che, italiani o stranieri, intendono ricevere informazioni e iscriversi ai nostri corsi di laurea e dottorato, a diverso livello. Il sito dovr comprendere ogni tipo di informazione utile, inclusi i dati sulla valutazione delle strutture dei corsi, sul diritto allo studio, sulla mobilit, oltre che servizi quali test di autovalutazione e elementi di orientamento; investire sulla formazione ai docenti sulla didattica multimediale; la promozione nelle Scuole dello sviluppo delle competenze digitali come parte integrante del curricolo formativo, attraverso luso quotidiano delle nuove tecnologie, e lo sviluppo di progetti di cittadinanza attiva per giovani cittadini che usano le tecnologie; a questo si dovr affiancare anche una educazione alla sicurezza e alla privacy delluso della Rete e delle nuove tecnologie (si veda il recente progetto Giovani on-line di Save the Children e ADICONSUM) e una conoscenza dei propri diritti digitali; lo sviluppo di una rete nazionale delle conoscenze: in collaborazione con Universit e Istituti di Ricerca, realizzare un sistema di portali che agevoli l accesso su diversi temi, rendendo sempre pi usabili, semplici e immediati da fruire e condividere contenuti e conoscenze e costruire le condizioni per rendere disponibili archivi di ricerche, pubblicazioni, contenuti, esperienze; lo sviluppo della rete delle biblioteche, fisiche e virtuali, come infrastruttura di base del territorio, pensando alle biblioteche come luogo di formazione permanente, di integrazione, di sperimentazione, di alfabetizzazione, di gestione dei dati e di accesso alle informazioni, pienamente integrate nel sistema educativo nazionale; la interconnessione tra istituzioni locali presenti sul territorio come le Universit per la Terza Et o i Centri Territoriali Permanenti per lIstruzione e la Formazione in et adulta nati nel 97 attraverso il MIUR per la formazione permanente degli adulti e lanalisi dei loro bisogni formativi, in modo da favorire un aggiornamento continuo per tutte le classi di popolazioni sui temi dellaccesso, uso e produzione di informazioni digitali e favorire cos loccupabilit dei soggetti; la realizzazione di strumenti e luoghi per lautoformazione sui diversi livelli di alfabetizzazione, utilizzando modalit multimediali (come ad esempio un sito di aiuto allaccesso, seguendo lesempio degli UK Online Centres and myguide); lassunzione di un ruolo trainante da parte della Rai, oltre che nellalfabetizzazione digitale del Paese, nella diffusione di contenuti digitali e nella divulgazione di buone pratiche; la distribuzione organica sul territorio di punti di accesso pubblici (oltre le Biblioteche, che lo diventano necessariamente) seguendo anche le indicazioni del progetto UE E-Citizen e le prime esperienze nazionali (come Lazio E-Citizen) e di piazze telematiche; campagne di informazione e sensibilizzazione face to face verso le fasce sociali a maggior rischio di ritardo e esclusione (anziani, giovani a bassa scolarizzazione, lavoratori prossimi al pensionamento, immigrati), valorizzando le esperienze gi presenti (come il progetto Navigare Insieme di Informatici Senza Frontiere) e

32

Metti in agenda il futuro del Paese

favorendone lintegrazione, come gi sta avvenendo tra il programma Pane e Internet della Regione Emilia-Romagna e il progetto Nonni su Internet della Fondazione Mondo Digitale. 3.2.5. Linea di Intervento 3: Laccesso alla Rete in banda larga come diritto universale, bene comune non esclusivo e inalienabile Proponiamo di sancire laccesso alla Rete in banda larga come diritto universale, bene comune non esclusivo e inalienabile21. Come tale, garantito a tutti i cittadini ad un livello di qualit predeterminato, indipendentemente dalle loro condizioni economiche, sociali e geografiche. Il livello di qualit e la larghezza della banda devono essere definiti in modo da raggiungere lobiettivo primario dello sviluppo sociale e economico, e quindi anche rispetto alle evoluzioni tecnologiche e alle situazioni presenti nei paesi UE, partendo da un livello minimo di banda e avendo un graduale obiettivo di garantire la banda larga di terza generazione a tutta la popolazione. Lapproccio deve essere tecnologicamente neutrale e gli operatori che forniscono questo servizio universale devono rispettare i principi della net neutrality, come ribaditi anche nellAgenda Digitale Europea. Per sostenere economicamente listituzione del servizio universale, proponiamo ad esempio di: incentivare il ricorso a servizi in modalit on-line diversificandone il costo dallo stesso in modalit live; aprire un tavolo di discussione tra Governo e operatori perch si attivino politiche di incentivazione e forte sconto per coloro che desiderino usufruire di servizi di banda larga; monitoraggio dello stato di diffusione dellinfrastruttura tecnologica in termini reali: quantificare leffettiva ampiezza della banda larga, le effettive zone di copertura, leffettiva penetrazione nelle famiglie; attuare politiche di cooperazione con gli operatori per una rapida copertura delle aree scoperte, stimolando il ricorso a tecnologie alternative anche dove questo appaia antieconomico. 3.2.6. Linea di intervento 4: sviluppo di unagenda digitale locale focalizzata sulle aree svantaggiate Proponiamo la definizione e lattuazione di politiche inclusive che tengano conto della divisione digitale tra aree metropolitane e piccoli centri urbani o aree rurali. Divario che il risultato di dinamiche avviate nellarea metropolitane che hanno la banda larga, reti di organizzazioni ben strutturate e capacit, in termini di risorse umane e economiche, per
21

Vedi il recente esempio del governo finlandese, oltre a quelli di Estonia, Spagna e, uscendo dall Europa, di Per e Cile. Purtroppo solo pochi mesi fa, a novembre del 2011, la Commissione Europea, constatando lo stato di generale arretratezza dei Paesi europei, ha deciso di non inserire ancora lobbligo di considerare laccesso con banda larga come servizio universale (http://europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=IP/11/1400&format=HTML&aged=0&languag e=EN&guiLanguage=en).

33

Metti in agenda il futuro del Paese

implementare politiche attive, mentre invece nei piccoli centri urbani e nelle aree rurali il fenomeno assai limitato e le possibilit di affrontare il problema molto ridotte. Qui lapparato pubblico deve svolgere un forte ruolo di catalizzatore. Postuliamo pertanto limportanza di considerare i civil servants dei Comuni piccoli e medi come individui che hanno gli stessi problemi dei settori socialmente svantaggiati. Oltre alle misure per lalfabetizzazione digitale e la creazione della rete di intermediari, proponiamo di: valorizzare e sostenere lAgenda Digitale Locale, risultato della riflessione portata avanti dalle conferenze EISCO 2005- 2010, uno strumento per lempowerment dei Comuni piccoli e medi e anche uno strumento di programmazione a livello territoriale per implementare la trasformazione dellamministrazione pubblica locale con le nuove tecnologie e il miglioramento dei servizi locali per via digitale; creare reti di organizzazione del terzo settore e a livello pubblico in grado di assistere i cittadini socialmente svantaggiati a beneficiare dei servizi e degli strumenti informativi e interattivi nati nellera digitale; stimolare la creazione di reti multi-settoriali nazionali, come quella avviata sulla robotica educativa, che coinvolge industria, universit, centri di ricerca, associazioni, fondazioni, istituti tecnici, scuole primarie, avviando cos progetti sistemici di sviluppo territoriale focalizzato; promuovere strumenti che contribuiscono a risolvere il problema del digital divide nei territori migliorando le capacit di programmazione (Piano ADL), di lavoro a sistema tra gli erogatori di servizi (Patto locale per i servizi pubblici e privati), e di partecipazione dei stakeholder (Forum dei cittadini) nella definizione e attuazione di questi piani e nella valutazione dei servizi erogati, come lAgenda Digitale Locale. A questo riguardo, incrementare le iniziative e le forme di co-finanziamento nazionali, regionali e locali nel Paese che mettono a frutto i risultati delle conferenze EISCO e utilizzano le metodologie e gli strumenti nati a partire dai progetti europei come CEMSDI (CIP/PSP) e ADL (Interreg 4C) che stanno coinvolgendo ancora in modo embrionale alcuni comuni e regioni del nostro Paese.

34

Metti in agenda il futuro del Paese

3.3. Information and Communication Technology per l industria Italiana - Proposte per un programma per linnovazione
I problemi della nostra economia sono ben noti, come si detto: struttura industriale frammentata, bassa produttivit del sistema, pi del 50% del PIL dipende da domanda pubblica, diffusi problemi di capitale umano e di capitale sociale. Vediamo per anche laltra faccia della medaglia: lItalia ancora la 5 economia manifatturiera del mondo e la terza in Europa; secondo i dati UNCTAD il secondo esportatore al mondo nelle industrie creative; ci sono migliaia di aziende che fanno innovazione nel manufacturing e alcune di esse sono leader a livello internazionale. Insomma, lItalia conserva una struttura industriale importante, ma ha difficolt a confrontarsi con i modelli della globalizzazione. Come argomentato in LItalia che compete (a cura di Federico Butera e Giorgio De Michelis, Angeli, 2011), lindustria Italiana ha sviluppato negli ultimi 20 anni un vero e proprio nuovo modello socio-economico capace di coniugare sviluppo locale e mercato globale in modi nuovi. Questo modello, che stato chiamato nel libro cit ato ItalianWay of Doing Industry, non ancora pienamente sviluppato, e da questo dipende la debolezza del nostro sistema industriale nella crisi. Esso suscita tuttavia interesse sia tra le grandi multinazionali della globalizzazione che nei paesi del BRIC (Brasile Russia India Cina) e in quelli in via di sviluppo, per la sua capacit di indicare una via virtuosa capace di coniugare valorizzazione delle competenze del territorio e apertura dei mercati, focalizzazione su mercati di nicchia e partnership tra fornitori e consumatori, marchi riconoscibili per la qualit dei prodotti e artigianalit di alta qualit nei processi lavorativi, sviluppo economico e sociale. Tra le cause della debolezza dellItalian Way, non di minore importanza la bassa intensit tecnologica e la bassa qualit delle infrastrutture ICT delle nostre piccole e medie imprese (PMI). infatti a queste che vanno addebitate la scarsa efficienza e la bassa capacit delle PMI di coniugare la qualit dei prodotti e della consumer experience che offrono ai loro clienti con una distribuzione capillare e tempestiva. Il mercato Italiano delle ICT daltra parte un mercato marginale nel mondo dove si distribuiscono soprattutto sistemi commodificati. Molte imprese Italiane tendono ad utilizzare lICT in modo strumentale soltanto quando le loro dimensioni superano la soglia oltre la quale gestire il business senza di essa diventa di fatto impossibile, ma solo raramente ne fanno un fattore di vantaggio competitivo. Non potrebbe essere diversamente, visto che, a fronte di un sistema industriale tra i primi del mondo che compete per la leadership in molti segmenti pi o meno piccoli del mercato, abbiamo unindustria ICT che solo raramente mette il naso fuori dai nostri confini e sviluppa software originale. Per questo, di fondamentale importanza sviluppare uniniziativa che si proponga di qualificare e innovare il mercato dellICT nel nostro paese.

35

Metti in agenda il futuro del Paese

La nostra iniziativa vuole favorire lo sviluppo di una nuova industria dove Internet e le tecnologie digitali possano giocare il ruolo di key enabling technologies, con lobiettivo di rinnovare i settori tradizionali e di creare e rilasciare soluzioni e servizi per i mercati a valle. Il primo mercato dunque quello interno che va riqualificato creando una vera e propria partnership tra imprese dellItalian Way e industria ICT nazionale. Ma ve ne un secondo altrettanto importante, perch i Paesi dellarea del Mediterraneo, che, nel loro tumultuoso percorso di emancipazione sociale e politica, sono interessati ad uno sviluppo che non si muova sulla direttrice della globalizzazione omogeneizzante che non offre loro alcuna prospettiva. LItalian Way invece per essi un modello socio-economico in cui possono coniugare sviluppo economico e sociale. La sua diffusione crea spazi importanti per le imprese Italiane in tutte le componenti chiave dello sviluppo umano: la salute; leducazione; uno sviluppo sostenibile; linclusione sociale. Per la diffusione dellItalian Way of Doing Industry dunque fondamentale il ruolo dei servizi ICT che ne devono costituire il sistema nervoso e che rendono evidente il fatto che non si esportano modelli rigidi di impresa e di societ, ma si aiutano altri Paesi a valorizzare la propria cultura e le proprie competenze. LItalian Way of Doing Industry non pu che sviluppare questo intervento nel Mediterraneo secondo politiche collaborative e non mercantilistiche (intendendo come tali quelle secondo cui fa bene al sistema che le nostre imprese aumentino comunque le loro quote di mercato, a qualsiasi costo. Insomma, il classico quel che bene per le imprese bene per tutti). Le politiche collaborative dellItalian Way potrebbero invece essere basate su uninnovazione legata alla nostra storia (alla nostra creativit, alla nostra capacit progettuale su terreni come mangiare, vestirsi, abitare, curare, viaggiare...), e presuppongono comunque un rapporto di collaborazione, una relazione di tipo win-win con laltro. Esse possono e dovrebbero proporre non solo crescita economica, ma anche attenzione nei confronti della qualit della vita, della condivisione culturale e una valenza di responsabilit sociale e etica. Inoltre soddisfare il mercato interno e quello del Mediterraneo aprir, crediamo, grandi occasioni di diffusione dellItalian Way anche nei paesi industrializzati, perch le nostre imprese, in particolare quelle ICT, potranno mostrare di essere capaci di creare servizi ICT non basati su ricette preconfezionate nel nostro paese, ma che si plasmano sulle specificit culturali, economiche e sociali dei paesi in cui si troveranno ad operare. Ma, come dicevamo allinizio, lindustria ICT nazionale ancora ben lungi dallessere allaltezza di un piano di questo genere. Per poterlo fare essa deve accettare la sfida e fare uno sforzo eccezionale di rilancio e riqualificazione. Essa deve cio prendere liniziativa per

36

Metti in agenda il futuro del Paese

candidarsi ad essere il partner tecnologico e la componente tecnologica dell Italian Way of Doing Industry. Questa iniziativa deve appoggiarsi su due gambe: da una parte, una chiamata in campo di tutti gli attori Italiani dellICT perch partecipino in modo coordinato ad un programma di riqualificazione che li renda competitivi sul piano internazionale; dallaltra, alcune azioni che sappiano mobilitare le risorse migliori offrendo loro occasioni che il mercato attuale non rende nemmeno visibili. Un simile programma di riqualificazione potrebbe essere fatto di diverse azioni che investano le imprese Italiane, le filiali delle multinazionali, le Universit e gli enti di ricerca. Ogni azione andrebbe orientata a promuovere un deciso scatto in avanti dellICT nostrana sul terreno dellinnovazione; un impegno che sappia appoggiarsi sui rari punti di forza che abbiamo e aprirsi a tutti coloro che vogliono partecipare. A titolo di esempio elenchiamo qui alcune azioni che potrebbero essere lanciate: una call per proposte di azioni di ricerca ad ampio spettro che vogliano contribuire allinnovazione nelle ICT (molti treni sono passati, ma altri passano e passeranno e abbiamo ancora delle occasioni da cogliere). Deve essere una call aperta, in cui la ricerca italiana individua i terreni su cui vuole provare a confrontarsi con le punte pi avanzate della ricerca internazionale; una fondazione Linux, ove raccogliere le poche iniziative che hanno sviluppato sistemi open source in Italia (Sabayon, Arduino, ecc.) e per lanciare alcuni progetti per nuovi sistemi open source di progettazione Italiana (pensiamo ad esempio ad ERP-Enterprise Resource Planning modulari per il cloud computing, disegnati per le imprese dellItalian Way of Doing Industry); uniniziativa per lo sviluppo di sistemi modulari per il Cloud Computing, che diano alle nuvole Italiane la capacit di fare del Cloud unoccasione di innovazione. Le azioni specifiche dovrebbero invece facilitare le iniziative di innovazione liberandole dalle trappole burocratiche e finanziarie che trovano sovente di fronte a loro e facendo loro incontrare la domanda di innovazione, spesso inespressa, dellindustria Italiana: promozione dellinformatizzazione delle piccole e medie imprese; rendere agevole laccesso alle risorse finanziarie e alle competenze di business in tutte le fasi in cui si sviluppa una start up innovativa creando un network dellinnovazione caratterizzato da competenza, risorse e fiducia; lanciare iniziative che creino in Italia un mercato dellopen innovation sulla falsariga di quello che fa NineSigma, usando con attenzione le risorse che le Regioni possono mettere a disposizione delle imprese e curando la crescita di una domanda di innovazione nelle imprese dellItalian Way of Doing Industry. Queste iniziative dovrebbero essere quanto pi possibile snelle e dinamiche. Il controllo su di esse dovrebbe essere concentrato sui risultati, in modo che vi sia un clima competitivo in cui sia possibile selezionare le cose che funzionano e abbandonare quelle che non hanno successo, senza atteggiamenti punitivi ma con lobiettivo di far crescere lintero sistema delle ICT nel nostro Paese.

37

Metti in agenda il futuro del Paese

Linnovazione, infine, deve anche guardare a quello che il mondo del consumatore, le sue esigenze, le sue abitudini duso e la relativa qualit attesa: la promozione delle transazioni digitali, della facilit di accesso a contenuti e servizi da considerarsi variabile chiave per far crescere la domanda di digitalizzazione e agire favorevolmente anche da stimolo allofferta. Tale punto assume ancora maggior rilievo nellottica di una popolazione lavorativa che tende a invecchiare. Quanto elencato introduce aspetti chiave che, se trascurati, rischiano di indebolire gli anelli di una catena fondamentale anche in ottica di favorire il graduale passaggio all accesso digitale ai servizi a differenti livelli: privati (bancari, sanitari, commerciali) e pubblici (sanit, fisco, servizi postali). In questo senso, sono da promuovere azioni volte a: promuovere la moneta elettronica (mediante supporti diversi) e le-commerce, anche alla luce delle recenti regole sulla tracciabilit dei pagamenti che pongono come ratio la lotta al contante e pongono dei limiti al di l dei quali tutte le transazioni dovranno avvenire elettronicamente; definire i requisiti minimi di qualit sui prodotti e sui servizi digitali; ripensare il regime dellIVA al fine di incentivare le piccole imprese ad operare on-line; aumentare la diffusione e il relativo utilizzo delle aree Wi-Fi con accesso libero e pubblico; riconoscimento del telelavoro come soluzione in grado di offrire benefici notevoli in termini di flessibilit di impiego del personale, riduzione dei costi operativi, aumento qualit della vita.

3.4. Open Government


3.4.1. La nostra visione Realizzare lOpen Government avviando un profondo cambiamento culturale e operativo nella Pubblica Amministrazione, che si esprima nella massima trasparenza e apertura delle organizzazioni, dei loro metodi, dei loro servizi e dei loro patrimoni informativi, a beneficio della cittadinanza, della PA e di tutto il Paese. Alla ricerca della massima rappresentativit, lAssociazione Stati Generali dellInnovazione intende censire e aggregare tali esperienze, riconducendole a un unica visione multipolare, condivisa, armonica, coordinata, saldamente radicata nel contesto normativo esistente e in linea con le proposte e gli obiettivi dellAgenda Digitale Europea. Tale struttura sar gestita costruendo una Consulta Permanente super partes e qualificata, partecipata dagli stakeholder dell innovazione, che divenga il naturale referente delle istituzioni innovative della PA, e che sappia fornire linee guida, per evitare il riproporsi degli errori del passato e orientare le future scelte in un approccio multidisciplinare al tema dellinnovazione. La complessit del contesto e la variet di posta in gioco impongono la necessit di gestire linnovazione operando su tre piani differenti: obiettivi e strategie; strumenti e metodologie; requisiti normativi, tecnologici e socio-culturali.

38

Metti in agenda il futuro del Paese

3.4.2. Obiettivi e Strategie Partecipazione come diritto/dovere, cittadinanza digitale . Cittadinanza digitale, possibilit per ogni cittadino di fruire delle informazioni e dei saperi della PA. Garantire a tutti i relativi diritti a: identit digitale, informazione e utilizzo dei contenuti, protezione dei dati personali, partecipazione, accesso e inclusione digitale, fruizione dei benefici delle tecnologie digitali, formazione. Openness e Trasparenza. Le linee dazione comprendono: adozione di software libero/open source, open standard, formati aperti per i contenuti e i dati pubblici, open metadata, open access, modelli di licenza aperti per la tutela della propriet intellettuale sia sui contenuti che sui dati e le informazioni; obbligo per le PA di distribuire i propri archivi anche come open data ( open by default); digitalizzazione dei servizi. Semplificazione. Si deve promuovere una riconsiderazione delle metodologie di lavoro della PA, delle normative e un utilizzo coordinato del patrimonio informativo. Bisogna proseguire sulla strada aperta dallistituzione dei SUAP con specifica attenzione a PMI e microimprese. Cost effectiveness. Gli investimenti legati allinnovazione debbono essere rapidamente ammortizzabili attraverso strade quali una maggiore efficienza dei processi e la maggiore produttivit della macchina pubblica in termini di servizi resi ai Cittadini. Efficacia. Lefficacia si deve misurare anche in termini di applicabilit delle pratiche innovative al maggior numero possibile di Enti Pubblici. Si deve incoraggiare linteroperabilit sul piano tecnologico e conoscitivo, investigare modelli standard di convenzione e resource pooling tra Enti, capaci di garantire un inves timento condiviso tra enti omogenei e eterogenei a supporto dellinnovazione. Accesso. Lopenness precondizione per rendere accessibili le informazioni e i dati. Le linee dazione mirano a garantire accesso: ai dati (dati personali, dati relativi ai beni posseduti...), alla Rete, ai procedimenti (le interazioni strutturate tra il Cittadino Digitale e la PA), accesso ai documenti (atti, documenti, comunicazioni della PA) e ai dati pubblici (open data). Condivisione buone pratiche e modelli. LAssociazione promette di essere cassa di risonanza e lambiente di confronto dei portatori di innovazione. Periodicamente in eventi dedicati, o in tempo reale sul sito Web, viene dato spazio alla presentazione e alla discussione dei case study proposti.

39

Metti in agenda il futuro del Paese

3.4.3. Strumenti e Metodologie Revisione organizzativa e di processo. Applicare le metodologie della scienza dellorganizzazione, della teoria dei processi e del marketing in senso lato ad una visione di sistema, il pi possibile generalizzata alla PA nel suo complesso. Definizione degli interlocutori, attori, coordinamento e governance . Il livello di interlocuzione al quale lAssociazione aspira, pu essere descritto come le istituzioni o il Governo. Questo obiettivo richiede di definire una struttura di gestione e contatto (la Consulta Permanente) caratterizzata da autorevolezza, rappresentativit e obiettivit, e soprattutto priva di precise connotazioni partitiche. Per la gestione di un ruolo consulenziale, o di fornitrice di pareri esperti, da parte dellAssociazione, che - sebbene non intenda autoinvestirsi del diritto di certificare le pratiche innovative - certamente sar chiamata a esprimersi su questi temi rivestendo, nelle dinamiche della societ italiana, il ruolo di aggregatore socio culturale degli innovatori. Formazione. LAssociazione organizza direttamente corsi o master sullinnovazione e sovraintende allorganizzazione di tali corsi e patrocina percorsi formativi, Master, corsi universitari sul tema dellinnovazione. Inoltre si prefigge lo scopo di diffondere la cultura dellinnovazione. Nella consapevolezza della scarsa attenzione fino ad ora rivolta ai temi dellinnovazione da gran parte dei classe dirigente, lAssociazione ritiene imprescindibile destinare specifici corsi a rappresentanti di ogni livello della classe politica e dirigente. Ottimizzazione e utilizzo dei fondi. LAssociazione fornir indicazioni e linee guida in merito alla cost-effectiveness e alla corretta pianificazione degli investimenti e al corretto utilizzo delle risorse degli Enti con particolare ma non esclusivo riferimento agli investimenti per le pratiche innovative. Linee Guida. Le competenze si manifesteranno anche nella pubblicazione di documenti di indirizzo e di linee guida per le pratiche innovative. Tali documenti costituiranno il distillato delle esperienze di innovazione che convergono e che convergeranno nellAssociazione e saranno espressione delle competenze interne al Consiglio Direttivo e agli associati. G-Cloud (Government Cloud). Delocalizzando e virtualizzando le risorse rispetto al fruitore, il Cloud Computing si pone come rivoluzione copernicana del modo di concepire le tecnologie ICT in ogni settore, a maggior ragione in quello pubblico. Il Cloud Computing si colloca nello stesso canale abilitante, il Web appunto, su cui si gioca lintero concetto di cittadinanza digitale. Ladozione dellopen G-Cloud come metodo e come tecnologia, da parte della PA Italiana, sar uno dei fuochi dattenzione.

40

Metti in agenda il futuro del Paese

3.4.4. Requisiti Perch linnovazione possa prendere corpo, necessario creare un contesto favorevole, mettendo in campo i necessari fattori di abilitazione: Politico-Normativi. stato completato un processo di esplorazione del contesto normativo, evidenziando le linee politiche in essere raggruppate in Politiche Locali e Politiche Centrali tra le quali spiccano il Codice per lAmministrazione Digitale e la Legge Stanca. Il quadro emerso complesso, articolato e meritevole di armonizzazione. Tra gli obiettivi dellAssociazione, pertanto, c la creazione di momenti di confronto normativo e la predisposizione di proposte dirette a modificare e/o integrare la normativa esistente per favorire il massimo sviluppo dellItalia dellInnovazione. Tecnologici. I requisiti tecnologici fondamentali si collocano sul piano infrastrutturale, e in particolare comprendono: SPC, Sistema Pubblico di Connettivit; banda larga pubblica; diffusione di sistemi standard per la gestione dellidentit digitale e laccesso sicuro e riservato. Socio-culturali. forte la necessit di affrontare gli aspetti socio-culturali dei processi di innovazione ricorrendo estensivamente alla formazione e allinformazione dei Cittadini Digitali e della Classe Politica. Esistono sia tra i decisori politici che tra i cittadini, percezioni erronee e talvolta superficiali sulla natura dellinnovazione (spesso confusa con il cambiamento tout-court, e talora mal compresa e peggio descritta dalle stesse realt che la adottano). Capire, progettare e utilizzare linnovazione sono altrettante competenze che si conseguono solamente con la formazione, il quotidiano utilizzo consapevole, laggiornamento continuo e la condivisione della conoscenza.

41

Metti in agenda il futuro del Paese

4. Le tappe di un percorso: alcune azioni da cui partire


4.1. Premessa
Lassenza per tanti anni di una strategia italiana sulle politiche dellinnovazione ha causato una situazione di ritardo del nostro Paese sia sul piano delle infrastrutture abilitanti che su quello dei servizi, oltre che la presenza di un gap di competenze digitali che interessa trasversalmente tutta la popolazione e include anche gli attori politici. Le azioni necessarie sono pertanto da avviare a 360, e naturalmente non riguardano lintroduzione delle nuove tecnologie, ma il cambiamento di modello su pi aree della nostra vita sociale e economica. Nel precedente capitolo abbiamo cercato di identificare i principali lineamenti del programma strategico dellAgenda Digitale Italiana, avendo come obiettivo principale la dimensione della completezza e dellorganicit, perch solo un approccio olistico pu portare significativi e duraturi risultati. In questo capitolo cerchiamo di porre in evidenza le priorit su cui suggeriamo di avviare significative azioni gi nei prossimi mesi, poich la loro messa in opera abilita gli sviluppi e i cambiamenti che reputiamo necessari. Per ciascuno dei quattro punti cardinali della proposta identifichiamo due azioni simboliche che possono secondo noi agire come rompighiaccio per le trasformazioni che abbiamo cercato di descrivere. Non sono, pertanto, azioni di immediato ritorno, ma azioni che segnano un cambio di passo. E per questo urgenti. Ci sembra importante per sottolineare come alla base di tutte le azioni da realizzare nellambito di un piano strategico ci siano: il riconoscimento dellaccesso in banda larga come servizio universale; la formalizzazione di una Carta dei diritti della cittadinanza digitale; la definizione di un programma pluriennale per lo sviluppo delle competenze digitali sul quale focalizzare il sistema educativo. Limpegno alleliminazione del digital divide in tutte le sue forme deve essere totale e prioritario, sia per gli interventi necessari sulle infrastrutture22 sia per quelli necessari sul fronte delle competenze digitali e del riconoscimento dellestensione dei diritti di cittadinanza al territorio virtuale della Rete. Allo stesso tempo, la forza di un programma strategico per lAgenda Digitale Italiana non pu prescindere dalla realizzazione di interventi non sempre strettamente legati con le politiche dellinnovazione ma che hanno un grande impatto sui risultati: la sburocratizzazione e la semplificazione amministrativa sulle procedure che devono seguire le imprese e i privati cittadini nei rapporti con le amministrazioni pubbliche, anche forzando il switch-off sul digitale;

22

Il digital divide infrastrutturale quantificato dal Gov erno allinterno del Decreto Semplificazioni e sviluppo in 5,6 milioni di persone e circa 3000 comuni.

42

Metti in agenda il futuro del Paese

la soluzione del problema dei pagamenti delle amministrazioni nei confronti delle imprese, adottando ad esempio gli strumenti gi posti in atto da alcune grandi aziende con convenzioni con operatori finanziari e bancari; la liberalizzazione effettiva di diverse aree di mercato, dove molte rendite di posizione impediscono lo sviluppo di nuova imprenditorialit, come nel caso delle societ in-house ICT; il cambiamento delle politiche di procurement delle amministrazioni pubbliche, arrestando la corsa alla riduzione dei prezzi delle commesse ICT senza attribuzione di valore alla qualit dei servizi e dei prodotti, che sta progressivamente portando allacquisizione di soluzioni poco innovative e alla cancellazione delle aziende mediopiccole. Il miglioramento delle pratiche relative agli appalti pubblici per promuovere la ricettivit del mercato rispetto a prodotti e servizi innovativi, in risposta ai grandi problemi sociali, rappresenta un fattore abilitante decisivo. Ci pu avvenire nella misura in cui da parte delle contracting authorities pubbliche vi sia la capacit di descrivere in maniera accurata i bisogni percepiti, cos da rendere gli offerenti capaci di proporre una ampia gamma di soluzioni che rispondano alle necessit delle amministrazioni aggiudicatrici. Si tratta, in poche parole, di essere in grado di mettere a bando problemi tecnologici da risolvere piuttosto che forniture che incorporano soluzioni a problemi per definizione gi obsoleti.

Eccole, allora, le azioni da inserire, secondo noi, in un primo pacchetto di realizzazione del programma strategico per lAgenda Digitale Italiana.

4.2. Azioni per lo sviluppo di una cultura dell innovazione


4.2.1. Perch abbiamo bisogno di una cultura dellinnovazione per interpretare il cambiamento radicale in atto Tra le opportunit disponibili per la crescita del nostro paese un ruolo significativo va affidato allemergere di una diffusa cultura dellinnovazione. La mancanza di una cultura dellinnovazione nel tessuto sociale contribuisce a decretare le nostre difficolt nel comprendere le dinamiche di un cambiamento radicale come quello in atto. Ci comporta un deficit dinnovazione che scontiamo nei confronti del contesto internazionale. Lavanzamento tecnologico che si sta sviluppando nei diversi settori spesso non riesce a raggiungere tutti i contesti della vita sociale, economica e politica e non svolge quella funzione di volano in grado di portare alla crescita del sistema Paese. Gli stessi recenti fenomeni di incremento delluso delle tecnologie informatiche da parte di nuovi strati della popolazione appaiono interessanti dal punto di vista quantitativo ma non cos rassicuranti dal punto di vista qualitativo e non si sono tradotti in sviluppo di una cultura consapevole delluso della tecnologia. I nativi digitali hanno bisogno di re-interpretare le enormi potenzialit innovative del nostro tempo, in chiave di maggior consapevolezza per un reale sfruttamento delle possibilit che si aprono. Si tratta della necessit di formare una nuova consapevolezza

43

Metti in agenda il futuro del Paese

culturale capace di esprimere un valore duso sociale per tradurre lofferta tecnologica in opportunit. Va infine riconosciuto che il processo di promozione della cultura dell innovazione non pu essere affidato solo alle tradizionali agenzie formative in quanto orientate a perpetuare modelli obsoleti di approccio alla conoscenza e a porsi spesso in contrapposizione rispetto alle culture digitali. Stati Generali dellInnovazione grazie alle competenze che riuscita a catalizzare, si propone di svolgere un ruolo di animazione di una community in grado di valorizzare e di promuovere una cultura dellinnovazione in ampi strati della popolazione e dei contesti socio economici del paese attraverso azioni mirate e valutabili anche mettendo a fattor comune le competenze formative di tutto il territorio.

4.2.1.1. Azioni
attivare una community dellinnovazione, basata sul crowdsourcing e sui nuovi modelli di condivisione della conoscenza, animata da esperti provenienti da contesti diversi per svolgere azione di supporto alla presa di decisione per il Governo e per le attivit legislative sui temi dellinnovazione; elaborare programmi di intervento operativi per lapplicazione di nuovi modelli formativi basati sul social learning e sulla peer education in tutti i percorsi formativi (scuola, formazione professionale, universit, formazione continua) come opportunit per un diretto coinvolgimento di tutte le energie disponibili nell ottica di una qualificazione dellorientamento alluso della tecnologia; promuovere lapplicazione di nuovi modelli di condivisione della conoscenza nella ricerca tecnologica applicata alle produzioni culturali, per sostenere le nuove forme di creativit digitale, le pratiche del mash-up e dellinteroperabilit nellesplicitazione delle nuove sensibilit collaborative; elaborare un piano di comunicazione istituzionale cross-mediale e multicanale a partire dal servizio pubblico della RAI per aumentare la consapevolezza delle opportunit offerte in ogni ambito della vita pubblica, privata e lavorativa dallinnovazione e dalle culture digitali.

4.3. Azioni per sostenere il modello delle Smart City


4.3.1. Le smart city come smart community La scala metropolitana il luogo di innovazione del futuro. Lo dimostrano recenti studi che stimano una crescente convergenza delle attivit innovative nelle aree urbane e metropolitane, dove vanno concentrandosi persone, oggetti connessi, bisogni, capacit creative, talenti e nuove povert. Al centro della sfida vi la costruzione di un nuovo genere di bene comune, una grande infrastruttura tecnologica e immateriale che faccia dialogare persone e oggetti, integrando informazioni e generando intelligenza, producendo inclusione e migliorando il nostro vivere quotidiano. Le citt e le metropoli rappresentano un luogo privilegiato di innovazione perch in esse si concentrano molti dei problemi sociali emergenti verso cui orientare gli sforzi in ricerca e

44

Metti in agenda il futuro del Paese

innovazione e i grandi investimenti infrastrutturali, tangibili e intangibili da parte del sistema pubblico e di quello privato. Si tratta di sviluppare modelli di gestione dei processi di trasformazione e utilizzo del territorio urbano e nel coniugare limplementazione di nuove tecnologie di comunicazione, per la diffusione su vasta scala dellaccesso ad internet, con una pratica diffusa di utilizzo di queste risorse connettive per sollecitare nuovo scambio sociale. La citta intelligente una proiezione astratta di unidea di citt del futuro, riconducibile a un perimetro applicativo e concettuale che racchiude un fascio di applicazioni e verticalizzazioni variegato, cos come diversi sono i domini cui appartengono le tecnologie che concorreranno alla sua realizzazione: smart - mobility, education, energy, government, living, environment, health, welfare e molto altro ancora. Tali verticalizzazioni non costituiscono n singolarmente n collettivamente una Smart City: questa necessita infatti di una piattaforma di coordinamento, che costituisce linfrastruttura chiave della Smart City e insieme loggetto su cui concentrare lattenzione politica e gli investimenti pubblici. Al centro della sfida vi la costruzione di un nuovo genere di bene comune, una grande infrastruttura tecnologica e immateriale che faccia dialogare persone e oggetti, integrando informazioni e generando intelligenza, producendo inclusione e migliorando il nostro vivere quotidiano. Ci significa intercettare e connettere le diverse sensibilit culturali facendone emergere sia le effettive necessit sia le potenzialit innovative, in maniera da rendere pi efficienti e efficaci i servizi forniti, promuovendo dinamiche di socialit connettiva. Significa sviluppare metodologie progettuali dello spazio pubblico che si basino sullinterazione tra Web e realt sociale e territoriale che consentano la partecipazione degli utenti cittadini ad ogni fase di sviluppo del progetto, dalla definizione dei requisiti iniziali alla individuazione delle soluzioni. Occorre tenere presente che lapplicazione di metodologie di gestione dal basso, che consentano di intercettare on demand le esigenze della cittadinanza associate a sistemi di monitoraggio permanente dello stato di attuazione di programmi di trasformazione urbana, permette di generare e costruire sistemi economici pi efficienti, indirizzando con maggiore efficacia le risorse disponibili. Le Smart City rappresentano lidea di organismi urbani capaci di valorizzare la partecipazione attiva dei suoi cittadini, residenti e fluttuanti. Entit capaci di sollecitare lintelligenza connettiva sollecitata dalluso delle reti, dove una nuova intelligenza sociale data dalla moltiplicazione delle singole intelligenze connesse in rete tra loro, nel cui contesto trovano terreno fertile innovazione e creativit. Lo sviluppo di modelli di gestione dei dati pubblici prodotti dalle Smart City pongono le basi per una forte sinergia con la strategia Open Data (di seguito esposta), permettendo di condividere con i cittadini le informazioni raccolte dalla citt intelligenti e di attivare nuove forme di partecipazione alla politiche basate su questi dati.

45

Metti in agenda il futuro del Paese

4.3.1.1. Azioni
Rendere obbligatoria e trasparente la pubblicazione in Rete di tutti gli atti amministrativi, secondo il principio degli open data, relativi alla trasformazione territoriale e urbanistica in modo da consentire la pi ampia condivisione e partecipazione da parte dei cittadini alle scelte di governo del territorio; istituire banche dati aperte e accessibili, anche con modalit wiki, su tutti i servizi forniti da enti e istituzioni pubbliche (ad es. trasferire su banche dati tutto il patrimonio pubblico comunale disponibile, pubblicare tutte le autorizzazioni concesse per esercizi di spettacolo o iniziative culturali, ecc.); introdurre criteri di consultazione diretta e partecipazione in tutte le principali fasi attraverso la creazione di piattaforme di comunicazione on line che svolgano la funzione di social network territoriali; istituire lobbligo di utilizzo di firme digitali e altri sistemi di accesso alla Rete certificati. Garantire laccessibilit di tutti tramite la costituzione di specifici luoghi access point pubblici assistiti; consentire lo sviluppo di piattaforme accessibili per la mappatura degli usi reali del territorio (ad esempio introdurre lobbligo di mappatura degli esercizi commerciali) in maniera da creare banche dati georeferenziate costantemente aggiornate che consentano di monitorare lo stato di utilizzo del territorio, per identificarne le inefficienze e individuare le potenzialit di sviluppo; liberalizzare lutilizzo degli spazi pubblici consentendo lutilizzo condiviso e partecipativo (ad es. azioni creative di guerrilla gardening e per gli orti urbani, interventi di miglioramento urbano partecipato, adozione di spazi pubblici da parte di comunit organizzate e riconosciute, ecc.); sviluppare modelli informativi e comunicativi per gli enti pubblici che prevedano il ricorso intensivo di nuove tecnologie basate sul ricorso a mobtag (qrcode ), Web app o ad altri sistemi di interazione con smartphone per lo sviluppo e la diffusioni di contenuti informativi (indicazioni per la mobilit, informazioni turistiche, sanitarie, amministrative, normative, per il tempo libero, ecc.); promuovere lutilizzo e il recupero delle citt in forma ecosostenibile incentivando il recupero urbano, la trasformazione migliorativa delle cubature esistenti, gli interventi di efficientamento energetico dei fabbricati esistenti; migliorare il trasporto urbano (e abbattere i livelli di inquinamento), incentivando il ricorso a forme di trasporto collettivo misto, favorendo lutilizzo di mezzi ecologici o ciclopedonali, e sviluppare banche dati digitali per la creazione di servizi on demand.

46

Metti in agenda il futuro del Paese

4.3.2. Il territorio come motore dellinnovazione Privilegiare il territorio come motore di un processo innovativo a rete sia nel campo della digitalizzazione che in quello della diversificazione energetica, significa assumere il modello delle Smart city come struttura portante di un sistema italiano per linnovazione. Il Paese dei mille campanili deve diventare una grande piattaforma di comunit territoriali che riorganizzano relazioni, produzioni e servizi nel nuovo contesto del social network.

4.3.2.1. Azioni
Attribuire al territorio, in termini di risorse e responsabilit, il ruolo di impresario di unazione di concertazione dei processi innovativi per diventare il system integrator, nel modello italiano, che selezioni competenze e saperi connettendoli a risorse e bisogni, secondo le caratteristiche e le peculiarit territoriali. In particolare e in concreto, ci pu avvenire: definendo servizi minimi on-line da garantire a tutti i cittadini; implementando lAgenda Digitale Locale, uno strumento per lempowerment dei Comuni piccoli e medi e anche uno strumento di programmazione a livello territoriale per realizzare la trasformazione dellamministrazione pubblica locale con le nuove tecnologie e il miglioramento dei servizi locali per via digitale; definendo e attuando politiche territoriali di cooperazione con gli operatori per una rapida copertura in banda larga delle aree scoperte, stimolando il ricorso a tecnologie alternative anche dove questo appaia antieconomico, e contribuendo cos a creare le condizioni economiche per listituzione della banda larga come servizio universale. Esperienze virtuose di questo modello sono presenti in diversi campi, come in quelli della promozione dei servizi al cittadino (vedi il circuito dei comuni emiliani), dello sviluppo di soluzioni tecnologiche (vedi i servizi di geo-referenziazione delle regioni Abruzzo e Piemonte), della promozione di Start Up (vedi le esperienze del Comune di Napoli in collaborazione con il locale Politecnico). 4.3.3. Il modello locale e la sussidiariet operativa fondamentale usare lottica della sussidiariet operativa attraverso lorganizzazione di modelli locali che integrino la capacit collaborativa della Rete per organizzare e gestire servizi al cittadino, sulla base di una convergenza fra ente locale e terzo settore.

4.3.3.1. Azioni
necessario avviare una campagna di valorizzazione del sistema delle autonomie locali, stipulando convenzioni con lANCI, le associazioni dei piccoli comuni e del lUPI, per la definizione di alcuni impegni specifici: la predisposizione, in ogni ente territoriale, di un piano regolatore dellinnovazione e della connettivit, sulla cui base far intendere gli obiettivi e le priorit per assicurare una minima base di connessione e di proposte di servizi ad ogni territorio della comunit. Il Piano deve essere confrontato con la gamma dei

47

Metti in agenda il futuro del Paese

grandi protagonisti del processo innovativo come i centri di competenze formative e professionali, la realt delle imprese, il mondo del lavoro, lassociazionismo e il terzo settore, le strutture del credito. Fra i capitoli del piano regolatore troviamo: la geografia connettiva, la banca dati delle memorie pubbliche, i modelli di gestione di Creative Commons23 per attivare soluzioni di servizi pubblici, lo sviluppo della rete territoriale della conoscenza, basata sul sistema delle biblioteche fisiche e virtuali come infrastruttura di base del territorio pienamente integrate nel sistema educativo nazionale, e la distribuzione organica sul territorio di punti di accesso pubblici e di piazze telematiche; listituzione nei grandi e medi comuni di conferenze dei servizi digitali a livello di quartiere o municipio. Si tratta di ripetere la virtuosa esperienza che, a seguito delle esperienze dei piani regolatori urbanistici, furono sviluppate negli anni Settanta e Ottanta, coinvolgendo i centri dinteresse e le categorie sociali nel riassetto del territorio. La conferenza dei servizi deve valutare e approvare i progetti che mirano ad integrare le dotazioni tecnologiche e i nuovi servizi per la competizione del territorio. Fra questi ci sono i modelli di diversificazione energetica che, sulla base delle fonti rinnovabili e in particolare fotovoltaiche, innestino processi di autoproduzione urbana e condominiale e di scambio a rete, sullo schema della Grid energetica.

Accogliendo uno dei suggerimenti del Manifesto Verde del Cantiere Rinnovabili, si propone che una percentuale del fatturato delle societ di ICT e di fonti rinnovabili realizzato in un dato comune sia destinato alla ricerca e sviluppo di soluzioni di ottimizzazione tecnologica nel territorio di competenza. Nellambito delle conferenze, uno spazio rilevante deve avere infine la sistematizzazione della condivisione e dellintegrazione delle esperienze e delle buone pratiche di informazione, supporto e sensibilizzazione per le fasce sociali a maggior rischio di ritardo e esclusione. 4.3.4. Mettere in Rete la filiera dellinnovazione Mettere in Rete lintera filiera dellInnovazione - Universit, Impresa, Credito, Territorio - la misura chiave per rendere possibile una politica economica centrata sullinnovazione come motore della crescita e dello sviluppo del nostro paese. Il nostro sistema dellinnovazione funziona oggi con grandi difficolt: la Ricerca sviluppata dalle universit e dai centri di ricerca solo raramente riesce a trasformarsi in innovazione industriale applicata dalle imprese; laccesso al credito per le PMI da parte del sistema bancario sempre pi arduo, e questo tanto pi per le imprese pi innovative; i progetti promossi sul Territorio dalle Regioni e dagli enti locali sono frammentari e solo occasionalmente possibile alle imprese innovative contribuire col loro know how e con le loro competenze tecnologiche.
23

http://www.creativecommons.it/

48

Metti in agenda il futuro del Paese

Occorrono dunque: una forte iniziativa per incentivare questa messa in rete; forti incentivi per collegare sviluppo economico e sviluppo sociale. Gli Stati Generali dellInnovazione propongono in particolare: Misure atte a favorire lutilizzo di tecnologie digitali e nuove tecnologie per: il risanamento del territorio (green economy); la tutela e la valorizzazione dei beni artistici e culturali del paese. Di introdurre un Bilancio Regionale della Ricerca, dove su base annuale: vengano presentati i dati previsionali e consuntivi di quanto ogni Ente investe in Ricerca e Innovazione; venga evidenziato quanto le Imprese investono in Ricerca e innovazione sul territorio. Di rivedere il regime di Responsabilit Sociale delle Imprese, per disincentivare investimenti pubblicitari di facciata e incentivare invece: investimenti a favore dellinnovazione; iniziative di sussidiariet pubblico-privato con il Terzo Settore nel campo delleducazione, della salute, del welfare, ecc. Di promuovere un supporto (sportello, sito Web, o altro) che aiuti le imprese ICT nellaccesso ai fondi agevolati europei, ora lunica fonte di liquidit a disposizione delle imprese24.

4.4. Innovazione digitale per la competitivit del made in Italy e delle PMI
Una call per la riqualificazione dellindustria italiana dellICT e per favorire liniezione di tecnologie digitali e di nuove tecnologie al fine di aprire i mercati internazionali alle nostre PMI e accrescere la competitivit delle filiere forti del made in Italy. Come espresso nel capitolo 3.3., lindustria italiana ha sviluppato negli ultimi 20 anni un vero e proprio modello socio-economico capace di coniugare sviluppo locale e mercato globale in modi nuovi. Questa industria soffre tuttavia di uno scarso livello di intensit tecnologica: occorre una forte iniezione di innovazione digitale e di nuove tecnologie per consentirle di accelerare i ritmi dellinnovazione di prodotto e essere competitiva in particolare nei confronti dei Paesi Emergenti. Peraltro la nostra Industria ICT ha molto sofferto della crisi di mercato degli ultimi anni, e la maggior parte delle sue imprese non paiono pronte a questa sfida. Per questo raccomandiamo che il Governo lanci al pi presto una call per proposte di ricerca ad ampio spettro sia nel settore dellinnovazione che nel settore ICT sia per
24

In Campania ad esempio attivo il fondo Jeremie per le imprese che innovano.

49

Metti in agenda il futuro del Paese

favorire la cross-fertilizzazione di innovazione digitale e innovazione industriale. Azioni pi specifiche dovrebbero riguardare le iniziative per favorire: la diffusione del Cloud come occasione di efficienza e di innovazione per le PMI; laccesso al credito bancario garantito da brevetti o ricerca come collaterale per le aziende di servizi ICT; il sostegno alla promozione delle nostre PMI sui mercati internazionali attraverso limpegno diretto dellintero sistema Paese; la costruzione di Centri regionali per sostenere le PMI consentendo loro di partecipare effettivamente e efficacemente ai bandi europei.

4.5. Dagli Open Data allOpen Government


4.5.1. Premessa Citiamo, in premessa, quanto definito dallAssociazione Italiana per lOpen Government 25:

La dottrina dellOpen Government imperniata su un concetto molto semplice: tutte le attivit dei governi e delle amministrazioni dello stato devono essere aperte e disponibili per favorire azioni efficaci e garantire un controllo pubblico sulloperato. Nella sua declinazione pi ampia la dottrina dellOpen Government si oppone alla ragione di stato e alle considerazioni di sicurezza nazionale, che tendono a legittimare il segreto di stato esteso. Lorigine di questa dottrina pu essere riconducibile allilluminismo e ai dibattiti sulla costruzione di una corretta societ civile, a quel tempo in piena formazione. Negli ultimi anni la sua adesione da parte dei governi pi virtuosi, ha subito una grande accelerazione grazie allopera di Vivek Kundra, ex Chief Technology Officer di Washington D.C., chiamato dal presidente Barack Obama a dirigere lInformation Officer del Governo Federale. Grazie alle visioni di Vivek Kundra, lamministrazione Obama ha emanato la direttiva sullOpen Government del dicembre 2009 Gli effetti pratici di questa direttiva si sono concretizzati con la messa in esercizio di Data.gov (http://www.data.gov/) il portale governativo americano creato con lo scopo di garantire un unico punto di accesso a tutte le informazioni pubbliche prodotte dal Governo. Operativamente il servizio permette alle aziende, ai singoli e alle altre istituzioni di prelevare direttamente i dati grezzi, oppure di estrarli tramite la mediazione di strumenti (tipicamente applicazioni/widgets o siti Web) in formato presentabile ma formattato. Una sezione particolare riservata ai geodata (informazioni geografiche) pubblici. La strada intrapresa dallamministrazione Obama ha lobbiettivo primario di diminuire la distanza fra i cittadini e lapparato pubblico mettendo al primo posto il tema della trasparenza.

25

http://www.datagov.it/open-government/

50

Metti in agenda il futuro del Paese

Come secondo effetto indotto, la stessa amministrazione scommette su un consistente risparmio di fondi pubblici e, soprattutto su un nuovo slancio economico indotto dalle opportunit di utilizzo dei dati da parte delle aziende. Si palesa, inoltre, una grande intuizione, quella di favorire lo sviluppo e la diffusione di applicazioni leggere (widget, mashup, ecc.) attraverso luso intelligente dellopen source, dei social media e del cloud computing. Questo percorso/filosofia, ora nella fase di contaminazione pi spinta. Vedasi UK e Finlandia, fra i primi a muoversi nella stessa direzione di Obama. Ora tocca allItalia.
A partire da queste premesse lassociazione Stati Generali dellInnovazione ha operato per la definizione di azioni e proposte operative per un Governo aperto. 4.5.2. Gli Open Data

4.5.2.1. Perch Open Data


Open Government Data anche detti Open Data significa dati della PA pubblici e in formato aperto. Tali informazioni e conoscenze assumono un duplice valore, in primo luogo economico perch sono la base di una nuova generazione di servizi informativi, in secondo luogo civile perch permettono di vedere con maggiore trasparenza la gestione della cosa pubblica. Attraverso le reti digitali, il modello Open Data permette di rinnovare il rapporto tra pubblico e privato, offrendo alla Pubblica Amministrazione la possibilit di contribuire alla creazione e alla crescita di un nuovo bene comune digitale. L accezione quindi tripla: primo la trasparenza dei dati pubblici per consentire al cittadino decisioni informate, secondo la messa a disposizione di dati grezzi posseduti dalla Pubblica Amministrazione o nelle societ da essa controllate per consentire ai giovani imprenditori di utilizzarli come materia prima per sviluppare applicazioni o modelli imprenditoriali di successo, terzo la trasparenza e la accountability dellazione politica (open government). Una strategia coerente di Open Data deve garantire: luso pubblico delle basi di dati di interesse nazionale con una particolare attenzione ai dati territoriali; una sanatoria (compatibilmente con la normativa sulla privacy) che consideri tutti i dati che le PA hanno sino ad ora pubblicato come open by default e quindi soggetti a licenze aperte: Italian Open Data Licence (IODL http://www.formez.it/iodl/) o licenze share-alike (condividi allo stesso modo) nel caso in cui la PA sia pronta a ricevere versioni potenzialmente migliorate dei propri dati, altrimenti licenze che richiedano la sola attribuzione della paternit, o di deroghe come CC0 http://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0/. Per garantire una maggiore diffusione e apertura dei dati pubblici propone la costituzione di un Tavolo di lavoro sugli Open Data (TOD). Il TOD deve operare fondamentalmente su queste tre linee: censire le esperienze;

51

Metti in agenda il futuro del Paese

redigere un approfondito studio sulle opportunit, anche in termini di sviluppo economico; validare e diffondere le soluzioni migliori.

4.5.2.2. Attori
Rappresentanti dei tre stati e quanti sul territorio abbiano gi esperienze di OD.

4.5.2.3. Azioni
Sono state individuate alcune azioni di facile e veloce implementazione: Costituzione del TOD: richiesta ai tre stati di segnalare a SGI almeno 4 rappresentanti possibilmente esperti in almeno uno tra i seguenti ambiti: Pubblica Amministrazione, Licenze, Open Data, Diritto Amministrativo; individuazione congiunta delle modalit di lavoro del TOD; suddivisione dei compiti; predisposizione del calendario degli interventi. Dissemination: individuazione di esperienze attive sugli OD, sia a livello nazionale che internazionale; individuazione attivit di dissemination per diffondere le attivit del TOD e reperire pi facilmente informazioni sulle esperienze in atto; predisposizione di spazi on-line per consultazioni pubbliche. Documenti da generare: censimento esperienze (documento sia cartaceo che on-line); studio sulle opportunit degli OD (anche analizzando risultati ottenuti in altri Paesi); documento per il monitoraggio e la valutazione sulla qualit delle soluzioni OD adottate in Italia. 4.5.3. Sanatoria Open By Default (OBD)

4.5.3.1. Perch una sanatoria


Vista limportanza degli Open Data illustrata nella Scheda Open Government - Azione 1 Tavolo di lavoro Open Data (TOD), si ritiene essenziale, pur mantenendo la compatibilit con la normativa sulla privacy, rendere pubblici, accessibili e fruibili tutti i dati in possesso della PA utilizzando formati e licenze aperte. Per questo si propone di introdurre nella normativa disposizioni volte a garantire che ogni PA renda aperti i propri dati. Questo si pu fare tramite una sorta di sanatoria che garantisca lopen by default e che tutti i dati siano soggetti a licenze aperte come definito nella scheda citata.

52

Metti in agenda il futuro del Paese

Resta ovviamente la possibilit alle amministrazioni di negare luso dei propri dati, ma deve essere una scelta esplicitata, mentre la non scelta fa s che tutti i dati pubblicati siano per definizione usabili secondo la licenza aperta come definito nella Scheda TOD citata.

4.5.3.2. Attori
Dovranno essere coinvolti i rappresentanti dei tre stati e giuristi esperti di diritto amministrativo (es. ITTIG Istituto di Teorie e Tecniche dellInformazione Giuridica del CNR, gi aderente a StatiGeneralInnovazione.it)

4.5.3.3. Azioni
Le azioni individuate sono le seguenti: analisi della normativa vigente; analisi delle tipologie di dati da rendere OD per ogni livello amministrativo; studio di fattibilit su tempi, modi e costi della conversione; predisposizione di linee guida per un piano di transizione verso gli OD; diffusione delle best practice (nazionali e internazionali) e linee guida per la customizzazione delle medesime; individuazione attivit di dissemination volte a diffondere presso le amministrazioni la nuova normativa e le linee guida; attivit di dissemination presso tutti i soggetti interessati a un utilizzo sia informativo che di impresa; documenti da generare: analisi ragionata e comparata della normativa vigente; predisposizione di proposta normativa; rapporto sulle tipologie di dati da rendere OD; studio di fattibilit; linee guida; indicazioni per il monitoraggio e la valutazione della reale implementazione della sanatoria.

53

Metti in agenda il futuro del Paese

5. Riflessioni conclusive
Un eBook come questo ha naturalmente il limite di essere pensato per una sua immediata fruibilit. Questo lo rende pi esposto a vedere alcune sue parti superate dagli eventi. E quindi necessariamente un testo in progress, che acquister tanto pi peso e significato quanto pi riuscir a sollevare un dibattito intorno agli interventi suggeriti e a recepirli in nuove versioni. Con questo limite, espone lambizione forte di poter essere da supporto per la definizione del programma strategico per lAgenda Digitale Italiana che auspichiamo da anni e che nel corso di questanno dovrebbe vedere la luce. Lambizione non soltanto sul merito ma anche sul metodo, open: crediamo fortemente che sia poco sensato promuovere smart community e open government senza far s che questi siano validi strumenti per la definizione del programma strategico. Ha il valore di una sconfessione del programma, lo rende inaffidabile e poco plausibile. Lambizione anche sul pubblico a cui si rivolge. Non un libro per addetti ai lavori e per esperti di ICT e non vuole essere di nicchia. Crediamo, anzi, che la scommessa maggiore sia qui. Nulla accadr davvero finch i nostri mass media continueranno a permettersi di ignorare questi temi, finch la met della popolazione italiana sar del tutto fuori dallesperienza diretta con Internet, finch i politici competenti potranno contarsi sulle dita di una mano, finch buona parte della dirigenza aziendale e delle amministrazioni pubbliche continuer a pensare che in fondo si tratta solo di applicazioni informatiche e non di una revisione profonda dei processi e dei modelli di business e di funzionamento, finch sar chiesto ai giovani di adattarsi al modo di lavorare dei pi anziani, Parafrasando il recente libro di Caio e Sideri 26, dobbiamo far s che la banda larga sia un argomento da bar. Infine, lambizione di spingere anche in Italia la terza rivoluzione industriale, come delineata da Rifkin. C un cambiamento profondo da realizzare, e come tutti i cambiamenti le resistenze sono molto forti, perch nel nuovo assetto non sono garantite le posizioni predominanti che ci sono adesso e le competenze e i valori saranno diversi. Se il Sistema Italia un sistema bloccato in cui prevalgono le relazioni e i favori rispetto al merito e ai valori, in cui prevale la finanza rispetto al lavoro e al rischio dimpresa, la logica del profitto di breve termine rispetto alla prospettiva di crescita duratura, allora cambiare modello avr certamente molti oppositori. Ma se vogliamo che il nostro Paese non abbia un futuro che sia di progressivo declino sociale e economico, e che ci inquadri come meri (e poco competenti) consumatori delle tecnologie altrui, ciascuno deve mettere in campo le proprie energie e le proprie competenze. Mettendo in prima persona, in agenda, il futuro del Paese.

26

Francesco Caio e Massimo Sideri; Banda Stretta, BUR Rizzoli, Milano, 2011.

54

|
Autori

Metti in agenda il futuro del Paese

Il testo stato realizzato con la collaborazione on-line e in presenza dei gruppi di lavoro coordinati da Nello Iacono, Carlo Infante, Flavia Marzano, Roberto Masiero e che hanno generato quattro proposte27 per linnovazione sui temi: creativit e conoscenza condivisa; inclusione digitale; innovazione per lo sviluppo; Open Government. I componenti dei gruppi di lavoro sono: Fabio Adezio, Roberto Alma, Lucia Alpago, Roberto Battistelli, Paul Bodenham, Ugo Bonelli, Andrea Boscaro, Alfredo Bregni, Cesare Brizio, Marco Calvo, Bruno Conte, Fiorello Cortiana, Angela Creta, Giorgio De Michelis, Domenico Falconieri, Sergio Farruggia, Fabrizio Fassio, Anna Giannetti, Robi Giannini, Mauro Magnani, Sonia Massobrio, Carlo Maria Medaglia, Carlo Mochi Sismondi, Lelio Mazzarella, Luca Menini, Michele Mezza, Eugenio Minucci, Alfonso Molina, Lorenzo Orlando, Javier Ossandon, Germano Paini, Giuseppe Paradiso, Fabrizio Pecori, Luca Perugini, Salvatore Pinizzotto, Morena Ragone, Attilio A. Romita, Paolo Russo, Laura Sartori, Francesca Scenini, Irene Sigismondi, Giuseppe Silvi, Francesco Simonetti, Donatella Solda-Kutzmann, Mariella Sole, Nicoletta Stacciali, Dimitri Tartari, Carlo Vaccari, Carlo Viola. Il consolidamento finale delleBook stato curato da Nello Iacono e Flavia Marzano.

27

http://www.statigeneralinnovazione.it/online/progetti/proposte-per-l-innovazione/

55

Metti in agenda il futuro del Paese

Bibliografia / Sitografia
Francesco Caio e Massimo Sideri; Banda Stretta, BUR Rizzoli, Milano, 2011. Jeremy Rifkin; La terza rivoluzione industriale, Mondadori, Milano, 2011. Federico Butera e Giorgio De Michelis (a cura di); LItalia che compete, Franco Angeli, 2011. Arturo Di Corinto e Massimo Gigliotti; I nemici della Rete, BUR Rizzoli, Milano, 2010. AAVV; Il senso dellinnovazione. Conversazioni con Paolo Zocchi per ricordare, per continuare a fare!, PLUS, Pisa, 2010. Francesca Di Donato; Lo Stato trasparente, ETS, 2011. http://www.linkedopendata.it/wp-content/uploads/statotrasparente.pdf Ernesto Belisario; La nuova Pubblica Amministrazione Digitale, Maggioli, 2009. Associazione StatiGeneralInnovazione.it http://www.statigeneralinnovazione.it Associazione Italiana per lOpen Government http://www.datagov.it

Vademecum su Open Data


http://www.dati.gov.it/sites/default/files/VademecumOpenData.pdf

IODL: licenza Italiana per i dati aperti http://www.formez.it/iodl/

56

Metti in agenda il futuro del Paese

Informazioni sullassociazione statigeneralinnovazione.it


Costituzione
LAssociazione si costituita a novembre 2011. Il suo sito www.statigeneralinnovazione.it. I soci fondatori sono: Raffaele Barberio, Key4biz. Ernesto Belisario, Associazione Italiana per lOpen Government. Sergio Bellucci, DeMoTE. Marco Calvo, Liber Liber. Bruno Conte, Manager Non Profit. Giuseppe Iacono, Laboratorio dellInnovazione (Vicepresidente). Carlo Infante, Urban Experience. Stefano Laurenti, UnaRete (Tesoriere). Eugenio Leone, ToscanaIn. Flavia Marzano, UnaRete (Presidente). Roberto Masiero, THINK!. Carlo Maria Medaglia, Glocus. Massimo Melica, Innovatori. Michele Missikoff, Il Secolo della Rete. Carlo Mochi Sismondi, ForumPA. Alfonso Molina, Fondazione Mondo Digitale. Antonella Giulia Pizzaleo, DeMoTE. Luca Nicotra, Agor Digitale. Gianni Orlandi, AURIS. Lorenzo Orlando, CATTID. Paolo Russo, Italia 2050 (Resp. Comunicazione). Guido Scorza, Istituto per le Politiche dellInnovazione. Michele Vianello, VEGA Parco Scientifico Tecnologico.

57

Metti in agenda il futuro del Paese

Organizzazioni promotrici
Alla data del 12 febbraio aderiscono allassociazione le seguenti organizzazioni: 01S 2ndQuadrant Abstract Advertigo Alternativa Sostenibile Agor Digitale Altroconsumo APCO Associazione dei Parchi Scientifici e Tecnologici Assodigitale AURIS Benvenuti in Italia Binario etico Cattaneo Zanetto & Co. Citt Fertile Comuni-Chiamo Condomani Controcorrente Alternata Corrente Rosa Creare e Comunicare CSFO CSI Piemonte Datagov.it DeMoTE Didasca Elastic E-text Eurosportello Confesercenti Ferrara Software FIDAInform Five lab ForumPA Forum per la Tecnologia della Informazione Free Hardware Foundation Garamond GeoBeyond GEOmedia Girl Geek Dinners Roma GR Soluzioni Informatiche GSA GULP ideaTRE60 ID Technology Il secolo della Rete Informatici senza frontiere Innovatori Innovazione Sostenibile International Webmasters Association Italia IsICult Istituto Italiano per lIndustria Culturale Isotype Is Tech Istituto per le politiche dellinnovazione Italia 2050 ITTIG K4D Kelyon Key4biz Laboratorio dellInnovazione La Nuova Ecologia Legambiente Liber Liber Link LRE EGOCreaNet Lucky Consultancy Maiora Labs Management Innovation Manager Non Profit Maple Media duemila Mediterraid MENON Network Mondo Digitale MovimENTI CULTURALI

58

Metti in agenda il futuro del Paese

|
Seareason Shoot4Change Studiodelta Tanto THINK! The Innovation Knowledge Foundation Tirasa ToscanaIN Torino Valley UnaCitt UnaRete Urban Experience VEGA Parco Scientifico Tecnologico Virtual Angels Vivaio di Imprese Voters Opinion Web Italia whyZ Wikimedia Italia Xcon

MTM-Tech Nebo Ricerche PA NewGea LLP Ninja Marketing Noze NuoviAbitanti OilProject Omega PA Advice Palestra della Creativit e dellinnovazione Plural Polo Tecnologico di Navacchio ProSpera Quantum Leap RedTurtle Ri-Costruttori Santa Maria della Salute Scambi europei Scatena marketing Scienter

Comitato Scientifico
Ringraziamo il Comitato Scientifico che ha collaborato attivamente a migliorare e arricchire questo eBook. Oltre ai Fondatori dellAssociazione, sono membri del Comitato Scientifico: Giovanni Arata Mariella Berra Nicoletta Calzolari Gianluigi Cogo Paolo Colli Franzone Francesca Comunello Luca De Biase Arturo Di Corinto Edoardo Fleishner Claudio Forghieri Alfonso Fuggetta Andrea Granelli Peter Krueger Domenico Laforenza Riccardo Luna Salvatore Marras Michele Mezza Germano Paini Alessandra Poggiani Stefano Quintarelli Morena Ragone Laura Sartori Roberto Scano

59