Vous êtes sur la page 1sur 3

Enuma Elis

PDF generato attraverso il toolkit opensource ''mwlib''. Per maggiori informazioni, vedi [[http://code.pediapress.com/ http://code.pediapress.com/]]. PDF generated at: Sat, 23 Nov 2013 21:29:37 UTC

Enma Eli

Enma Eli
e-nu-ma e-li la na-bu- -ma-mu [1] Quando in alto il Cielo non aveva ancora un nome, E la Terra, in basso, non era ancora stata chiamata con il suo nome, Nulla esisteva eccetto Aps, l'antico, il loro creatore, ap-li am-ma-tum u-ma la zak-rat ZU.AB-ma re-tu- za-ru-u-un

mu-um-mu ti-amat mu-al-li-da-at gim-ri--un E Mummu e Timat, la madre di loro tutti, A.ME--nu i-te-ni i-i-qu--ma gi-pa-ra la ki-is-su-ru su-sa-a la she-'u- e-nu-ma dingir dingir la u-pu-u ma-na-ma u-ma la zuk-ku-ru i-ma-t la i-na-ma ib-ba-nu--ma dingir dingir q-reb--un Le loro acque si mescolarono insieme E i pascoli non erano ancora formati, n i canneti esistevano; Quando nessuno degli Dei era ancora manifesto. Nessuno aveva un nome e i loro destini erano incerti. Allora, in mezzo a loro presero forma gli Dei.

L'Enma Eli (in italiano "Quando in alto"[2]) un poema mesopotamico che tratta il mito della creazione e le imprese del dio Marduk. Veniva recitato durante l'aktu, la festa del capodanno di Babilonia. L'opera risale al periodo di Hammurabi di Babilonia (1792-1750 a.C., secondo la cronologia media[3]). Le origini dell'opera sono sconosciute (le versioni pervenute sono tutte tarde, del I millennio a.C.: in particolare, sono sopravvissute copie assire dalla Biblioteca di Assurbanipal, ma anche copie degli studenti che si istruivano per diventare scribi[4]): l'opera comunque riflette una situazione politica nuova, che vede l'affermarsi di Babilonia come centro unificatore degli antichi paesi mesopotamici di Sumer e Akkad, con il desiderio di far assurgere Marduk, divinit prettamente locale e figlio di Enki, al ruolo di capo degli di (in sostituzione di Enlil); per queste ragioni, la redazione non dovrebbe essere precedente all'affermarsi di Hammurabi.[5]

Le vicende narrate
Nell'Enma Eli Aps e Timat, personificazioni divine delle acque dolci e delle acque salate, si mescolarono, dando origine a nuovi dei che, a loro volta, ne generarono altri. Questi giovani disturbavano il sonno di Aps che decise di ucciderli, contro il parere di Timat, ma venne invece ucciso da uno di loro, Ea/Enki. Timat, irata per il destino del suo sposo, mosse guerra agli altri dei alleandosi con il mostro Kingu e con altre divinit; soltanto Marduk, figlio di Ea/Enki, os affrontarla, chiedendo in cambio di diventare re di tutti gli dei, e la uccise con una freccia. Poi ne tagli in due il corpo: una parte diede origine al cielo e l'altra alla terra. Con il sangue di Kingu form gli uomini perch servissero gli di.

Note
[1] [2] [3] [4] Incipit del poema. Dal nome delle prime tre parole di apertura del poema (cfr. , 2009, p. 416). , 2009, p. 326. Leonard W. King, Enuma Elish (2 Volumes in One) (http:/ / books. google. it/ books?id=ryzv-R2XUzgC), Cosimo, Inc., 2010, p. XXV-XXVI. [5] , 2009, p. 416.

Bibliografia
Luigi Cagni, La religione della Mesopotamia, in Storia delle religioni. Le religioni antiche, Laterza, Roma-Bari 1997, ISBN 978-88-420-5205-0 Mario Liverani, Antico Oriente: storia, societ, economia, Roma-Bari, Laterza, 2009. ISBN 978-88-420-9041-0. Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia

Fonti e autori delle voci

Fonti e autori delle voci


Enma Eli Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=62041343 Autori: Alfio, Archeologo, Archeologo 2, Barbaricino, Cruccone, Frieda, Gilgamesh, Hybridslinky, Klaudio, Magisterludi, Nihil, Patafisik, Pequod76, Phantomas, Rojelio, Senza nome.txt, SpocktheOne, Superchilum, Theridel, Tommaso Ferrara, Tooby, Vermondo, Xangar, Xinstalker, 32 Modifiche anonime

Fonti, licenze e autori delle immagini


File:Stub mitologia.png Fonte: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stub_mitologia.png Licenza: sconosciuto Autori: Utente:Marcok

Licenza
Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 //creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/