Vous êtes sur la page 1sur 5

INSEGNARE LETTERATURA (The Teaching of Literature) di Flannery OConnor

Di tanto in tanto il romanziere alza lo sguardo dal lavoro quanto basta per rendersi conto di uninsoddisfazione generale espressa nei confronti della categoria. Da qualche parte spunta sempre una voce a dirgli che non fa il proprio dovere e che, se non si ravvede, presto non ci saranno pi lettori di narrativa: proprio come oggi, a tutti gli effetti, non ci sono pi lettori di poesia. Tra le varie specie di artisti, e risaputo, lo scrittore di narrativa e il pi vessato dal pubblico. Pittori e musicisti sono in qualche modo tutelati, dal momento che non si occupano di quel che tutti sanno, mentre il romanziere scrive della vita, sicch basta che uno viva per considerarsi unautorit in materia. Trovo che ognuno si accosti al romanzo a seconda del proprio interesse particolare: il medico cerca una malattia, il povero i soldi e il ricco una giustificazione; e se trova quel che vuole, o almeno quanto e in grado di riconoscere, riterr lopera in questione ottima. Nella perenne disputa tra romanziere e pubblico linsegnante di letteratura e una sorta di mediatore, e a volte mi e capitato di pensare a cosa accada in realt quando si sottopone unopera di narrativa agli studenti. Immagino che per linsegnante sia unesperienza terribile. Ho una giovane cugina che studia letteratura al liceo, e mi ha detto di aver scritto una relazione sul mio romanzo, e quando le ho chiesto senz'ombra di gratitudine perch lo avesse fatto, ha ris posto: Perch mi serviva un libro che linsegnante non conoscesse. Allora le ho chiesto cosa ne avesse detto, e lei: Ho detto: Questo libro lo ha scritto mia cugina. Le ho domandato se era tutto, e lei ha risposto: No, il resto lho copiato dal risvolto. Vedete dunque con quanto realismo io affronti il problema, con la consapevolezza che forse non vi e soluzione nellaldiqua, e tuttavia con la sensazione che parlarne possa esserne di qualche giovamento. Non ricordo un solo romanzo che, al liceo o al college, mi sia mai stato dato da studiare in quanto tale. A dire il vero, sono arrivata a un passo dalla laurea in lettere prima di capire veramente cosa fosse la narrativa, e forse nemmeno allora lavrei appreso, se non mi ci fossi cimentata di persona. Penso sia senzaltro possibile completare una carriera accademica in letteratura inglese, procurandosi fama di studioso apparentemente rispettabile, senza con ci saper leggere la narrativa. Il fatto e che molti non sanno cosa farne di un romanzo e sono convinti che larte debba essere funzionale, che debba fare qualcosa piuttosto che essere qualcosa. Nessuno ha aperto loro gli occhi su ci che e la narrativa, e sono come quei ciechi che andarono a trovare lelefante: ognuno ne tasta una parte diversa, e se ne riparte con unimpressione diversa. Ora, io ho la sensazione che nelle scuole, per sino nelle superiori, si prestasse pi attenzione, di natura tecnica, allargomento narrativa, le cose potrebbero andare meglio. Certo, qui mi muovo su un terreno pericoloso. In materia di insegnamento, la mia e una condizione di innocenza primigenia. Tuttavia sono convintissima che vi sia ancora qualche punto di incontro fra chi

scrive letteratura e chi la insegna. Se voi smetteste di preoccuparvi degli studenti, e io dei lettori, sono convinta che potremmo finalmente godere di un interesse comune, vale a dire lamore per il linguaggio, e per ci che se ne pu cavare a beneficio della verit drammatica. Sono convinta che questo sia in realt linteresse principale di entrambi, e voi non potrete essere utili allo studente, ne io al lettore, se il nostro obiettivo non sar innanzitutto la fedelt allargomento e alle sue necessita. Per questa ragione penso che lo studio del romanzo nella scuola debba essere di carattere tecnico. Compito della narrativa e incarnare il mistero attraverso le maniere, e il mistero crea un grave imbarazzo per la mentalit moderna. Al volgere del secolo Henry James scriveva che la giovane donna del futuro, pur condotta a spasso su una macchina volante, nulla avrebbe saputo del mistero o delle maniere. James non aveva motivo di limitare la predizione a un solo sesso; a parte ci, non si pu certo dargli torto. Il mistero di cui parlava e il mistero della nostra posizione terrena, e le maniere sono quelle convenzioni che, nelle mani dellartista, rivelano quel mistero centrale. Non molto tempo fa, uninsegnante mi raccontava che i suoi migliori studenti ritenevano non fosse pi necessario scrivere nulla. Secondo loro, oggi tutto si pu fare con le cifre, e se non si pu fare con le cifre, non vale la pena di farlo. Direi che e naturale pensarla cosi per una generazione indotta a credere che imparare serva ad eliminare il mistero. Per costoro, la narrativa pu essere davvero inquietante, perch lo scrittore di narrativa si interessa del mistero che e vissuto. Si interessa del mistero ultimo, quale noi lo troviamo incarnato nel mondo concreto dellesperienza sensoriale. Poich questo e lobiettivo dello scrittore, nella narrativa t utti i livelli di significato tendono sempre pi a manifestarsi al livello letterale. Non ce spazio, nella narrazione stessa, per astratte espressioni di compassione, devozione o moralit. Questo implica che il senso morale dello scrittore debba coincidere con il suo senso drammatico, il che rende lesposizione della narrativa allo studente, specialmente se immaturo, quanto mai difficile. Non so come largomento sia trattato ora ammesso che lo sia, ma quando andavo a scuola io, ho avuto modo di notare svariati accorgimenti grazie ai quali il solerte insegnante, pur continuando a insegnare la materia, riusciva a ignorare la natura della letteratura. Il pi diffuso di questi era limitarsi a insegnare, invece, storia letteraria. Limportante era quanto accadeva nel mondo dellepoca. Sia ben chiaro, non e una disciplina da disprezzare. Senza meno gli studenti hanno bisogno di sapere certe cose. Il senso storico va paurosamente declinando. Forse oggi gli studenti vivono in un eterno presente, ed e necessario fargli capire che una nave vichinga non era armata come la Queen Mary, e che Lord Byron non era arrivato in Grecia per via aerea. Al tempo stesso, non significa insegnare letteratura, e non basta a mantenere vivo linteresse dello studente una volta terminata la scuola. Ho scoperto poi che un altro accorgimento diffuso per evitare di insegnare letteratura, consisteva nel preoccuparsi soltanto dellautore e della sua psicologia. Perch Hawthorne era melanconico e cosa spingeva Poe a bere e perch Henry James preferiva lInghilterra allAmerica ? Elucubrazioni che possono durare in eterno, rinviando a tempo indeterminato qualsiasi considerazione sullopera stessa. In realt, unopera darte esiste indipendentemente dal suo autore non appena le parole sono sulla carta, e tanto pi e

compiuta lopera, tanto meno importante chi labbia scritta e perch. Se si studia letteratura, le intenzioni dello scrittore vanno rintracciate nellopera stessa, non nella sua vita. La psicologia sar anche interessante, ma certo non la prima cosa da prendere in considerazione per un insegnante. Lo stesso vale per la sociologia. Quando andavo a scuola, un romanzo poteva essere letto nel corso di letteratura perch rappresentava un certo problema sociale dinteresse attuale. La buona narrativa si occupa della natura umana. Se usa temi attuali, non fa comunque per motivi dattualit e poi se volete lattualit, non e meglio ricorrere ad un giornale? Ho scoperto pero che a volte tutti questi sistemi mostravano la corda, e lo sfortunato insegnante si trovava faccia a faccia col problema di dover insegnare letteratura. Il che, ovviamente, era fuori discussione, e quindi non restava che sopprimere del tutto la materia. Farla fuori a suon di integrazioni. Una volta sono stata in un liceo dove tutte le materie venivano chiamate attivit ed erano cosi perfettamente integrate che non ce nerano pi di ben precise da insegnare. Ho scoperto che, se si e astuti ed energici, si pu integrare la letteratura inglese con la geografia, la biologia, leconomia domestica, la pallacanestro o la prevenzione degli incendi qualsiasi cosa possa rinviare ancora un poco il giorno infausto il cui il racconto o romanzo dovra essere semplicemente esaminato in quanto racconto o romanzo. La colpa del mancato studio della letteratura nei suoi aspetti tecnici viene di solito attribuita, se non sbaglio, allimmaturit dello studente piuttosto che allimpreparazione dellinsegnante. Naturalmente, su questo non posso pronunciarmi, ma in quanto scrittrice con certi sinistri ricordi di giorni e mesi passati a vegetare a scuola, posso se non altro azzardarmi a dire che la colpa andrebbe spartita. In ogni caso, non penso che gli insegnanti del nostro Paese abbiano alcun diritto di essere soddisfatti del servizio reso alla letteratura fino a quando le opere di narrativa veramente pregevoli compariranno cosi raramente nelle classifiche dei best-seller: che di buona narrativa se ne scrive pi di quanta se ne legga. So, o quantomeno mi e dato capire, che un gran numero di diplomati arrivano alluniversit senza sapere che in genere alla fine di una frase ci va un punto; ma quel che mi sembra ancora pi sconvolgente e la quantit di persone che escono dalluniversit con unimperitura ammirazione per la narrativa puerile e artificiosa. Non so se pongo gli obiettivi dellinsegnante di letteratura troppo in alto o troppo in basso quando suggerisco che e compito suo, almeno in parte, cambiare faccia alla classifica dei best-seller. Comunque, ho idea che il ruolo dellinsegnante sia pi fondamentale di quello del critico. Secondo me, dipende dal fatto che, in definitiva, il suo primo dovere va alla verit della materia insegnata, e se mai leggere letteratura avesse a diventare unabitudine e un piacere, devessere prima una disciplina. Lo studente deve avere gli strumenti per comprendere un racconto o un romanzo, strumenti adeguati alla struttura dellopera, cosi come al mestiere. Sono strumenti che agiscono allinterno dellopera e non al di fuori: hanno a che vedere col modo in cui il racconto e costruito e con ci che lo fa funzionare come tale. Direte forse che questo e troppo difficile per lo studente, eppure, a ben vedere, cominciare con gli aspetti tecnici conoscibili di un racconto, romanzo o poesia, significa cominciare dal minimo comune denominatore. E domanderete forse cosabbia a che fare la comprensione tecnica di un racconto, romanzo o poesia con la faccenda del mistero, incarnare il quale, come ho avuto cura di avvertire, e lessenza della letteratura. Ha moltissimo a che fare con questo, e lo si pu forse capire meglio quando si scrive.

Quando si scrive, si vede come il modo di costruire qualcosa governi il suo significato globale e ne sia inseparabile. La forma da al racconto un significato che qualsiasi altra forma cambierebbe, e se lo studente non e in qualche misura capace di cogliere la forma, non coglier mai nulla dellopera, tranne quello che e estraneo alla sua natura letteraria. Esito dello studio corretto di un romanzo dovrebbe essere la contemplazione del mistero in esso incarnato, ma si tratta di una contemplazione del mistero dellintera opera, e non in qualche proposizione o parafrasi. Non si tratta di scovare una morale esprimibile o una dichiarazione sulla vita. Un insegnante di letteratura che conoscevo, chiese una volta ai suoi studenti quale fosse la morale della Lettera scarlatta, e una delle risposte ottenute fu che la morale era: pensateci due volte prima di commettere adulterio. Molti studenti sono indotti a credere che se r iescono a immergersi nel profondo di unopera narrativa e a riemergerne con unasserzione altrettanto edificante, lo sforzo non e stato vano. A giudicare da quel che legge il Paese, direi che gran parte dei nostri sforzi nellinsegnare letteratura siano stati vani, e che ci sia ancor pi evidente quando diamo ascolto a quel che si pretende dal romanziere. Se la gente non sa cosa ottiene, sa almeno cosa vuole. Probabilmente oggi la domanda pi ricorrente sulla narrativa moderna e: perch si ostinano a rifilarci romanzi su anormali e poveracci, sempre impegnati in azioni violente e distruttive, quando invece in questo Paese siamo ricchi, forti e democratici, e luomo della strada trasuda benevolenza universale da tutti i pori? Ritengo che questo tipo di domanda sia soltanto uno dei molti tentativi, forse inconsapevoli, di separare il mistero dalle maniere, rendendo la narrativa pi appetibile per il gusto moderno. Al romanziere si richiede di cominciare con un esame statistico invece che con un esame di coscienza. O se deve far lesame di coscienza, gli si chiede di farlo alla luce delle statistiche. Tuttavia non e in questo modo, temo, che il romanziere usa gli occhi. Per lui, il giudizio e implicito nellatto di vedere. La sua visione e inseparabile dal suo senso morale. I lettori sono un po disabituati a sentirsi in dovere di spremere da un romanzo una morale enunciabile. Ora sentono di doverne spremere una teoria sociale enunciabile, atta a rendere la vita pi degna di essere vissuta. Quel che desiderano a ogni costo eliminare dalla narrativa e il mistero di cui James presagi la perdita. Il narratore deve rendere quel che vede e non quel che pensa di dover vedere, ci non toglie che possa essere o che sia un moralista, nel senso a lui pi consono. Pare che lo scrittore di narrativa abbia un disgustoso attaccamento per i poveri, visto che anche quando scrive dei ricchi, quel che loro manca gli interessa di pi di quel che hanno. Temo propria sia fonte di soddisfazione per lo scrittore di narrativa sapere che i poveri ci saranno sempre, poich ci significa, in sostanza, che potr sempre trovare qualcuno come lui. Il suo interesse per la povert e rivolto a una povert fondamentale per luomo. Sono convinta che lesperienza essenziale di ciascuno sia lesperienza della limitatezza umana. Un tale che aveva letto un mio romanzo, mi ha mandato un messaggio tramite mio zio. Diceva: Di a quella ragazza che la smetta di scrivere di poveracci. Diceva: Vedo poveracci tutti i giorni, ne ho fin sopra i capelli, e quando leggo non voglio pi saperne.

Mi sono accorta allora per la prima volta che la gente di cui scrivevo era molto pi povera di chiunque altri, e credo che la ragione sia molto interessante, e la dice lunga su come il romanziere guarda al mondo. Il romanziere scrive di quel che vede in superficie, ma la sua angolazione visiva e tale che comincia a vedere prima di arrivare alla superficie e continua a vedere dopo averla oltrepassata. Comincia a vedere nelle profondit di se, e mi pare che una volta li poggi su quello che senzaltro sta alla base di tutta lesperienza umana: lesperienza della limitatezza, se preferite, della povert. Kipling diceva, se vuoi scrivere racconti, di non scacciare i poveri dalla soglia di casa. Credo intendesse che, siccome i poveri hanno meno bambagia a proteggerli dalla brutalit della vita, per il romanziere e fonte di soddisfazione sapere che li avremo sempre con noi. Ma tanto il romanziere li avr sempre con se, perch riesce a trovarli ovunque. Proprio come agli occhi di Dio siamo tutti bambini, agli occhi del romanziere siamo tutti poveri, e il povero soltanto simbolo della condizione di tutti gli uomini. Chiunque scriva dei poveri per metterne in luce semplicemente lindigenza materiale, ecco che si comporta da sociologo, non da artista. La povert descritta da questultimo e tanto essenziale da non aver nulla a che fare col denaro. Naturalmente Kipling, come gran parte degli scrittori di narrativa, era attratto dalle maniere dei poveri. I poveri, io credo, amano le formalit anche pi dei ricchi, ma per loro le maniere e le forme sono sempre ostacolate dalle necessita. Il mistero dellesistenza traspare sempre dal tessuto delle loro vite ordinarie, e temo che proprio questo li renda irresistibili per il romanziere. Un senso di privazione ci e connaturato, e solo negli ultimi secoli, tormentati come siamo dalla dottrina della perfettibilit della natura umana per effetto dei propri sforzi, la visione dellanormale nella narrativa si e fatta cosi inquietante. Di solito lanormale nella narrativa moderna e inquietante perch ci impedisce di dimenticare che partecipiamo della sua condizione. Mentre dovrebbe inquietarci esclusivamente quando si manifesta come uomo nella sua interezza. Che accada di frequente non posso negarlo, ma ogni volta che accade e indice di malessere, non solo nel romanziere, ma nella societ che gli ha trasmesso i valori. Ogni romanziere ha le sue predilezioni, e nessuno pu vedere e scrivere tutto. Ce da aspettarsi una visione parziale, ma visione parziale non vuol dire disonesta, a meno che non sia stata imposta. Non credo che abbiamo alcun diritto di pretendere dai nostri romanzieri che scrivano un romanzo americano. Un romanzo descrivibile semplicemente come americano e basta, sarebbe impresa troppo limitata perch un buon romanziere ci sprechi il proprio tempo. Come scrittrice del Sud, io uso lidioma e i costumi del Paese che conosco, ma non ritengo di scrivere del Sud. In quanto romanziere, una bomba su Hiroshima incide sul mio modo di giudicare la vita nella Georgia rurale, e questo non per aver io adottato una prospettiva relativa, giudicando cosi una cosa rispetto a unaltra, bens per aver adottato: una prospettiva assoluta in base alla quale giudicare tutte le cose insieme; questo perch una visione alla luce dellassoluto comprender in se molto pi di una basata esclusivamente su unindagine porta a porta.