Vous êtes sur la page 1sur 1

G IOVEDÌ 19 NOVEMBRE 2009 La Cronaca dello Sport

37
PRIMA DIVISIONE / CREMONESE

IL PERSONAGGIO

Cremonesi: “Io dalla ‘C’ al sogno Azzurro”


Il difensore rientrato dall’Under21:“Esperienza bellissima, anche senza giocare”
E’ vero, volare dall’Ungheria al Lussemburgo senza gio- sci, ndr). Poi domenica sera, dopo la gara del Voltini, il di-
care nemmeno un minuto, in condizioni “normali” potreb- rettore Turotti mi ha dato la conferma. Una bella giornata,
be essere giusto una scocciatura. In condizioni “normali”, no?”. Eccome. E da Le Noci sei passato a Balotelli. Un bel
però. Ma se c’è di mezzo la nazionale Under 21 e tu sei un salto: come ti è sembrato entrare in un gruppo “di catego-
giocatore della vecchia Serie C di normale non c’è proprio ria superiore”? “Beh, tutti i ragazzi che iniziano a giocare a
nulla. Anzi. calcio pensano alla Serie A. Io adesso sono in C, ma non lo
Per questo al rientro in Italia, ieri, Michele Cremonesi, vivo come un declassamento. Magari gli altri potevano
racconta con soddisfazione i suoi tre giorni con la comitiva pensare che fossi un po’ indietro. Però lì ho trovato anche
Azzurra: “E’ stata un’esperienza bellissima - assicura. Non vecchi amici come De Silvestri e Brivio”. Da un punto di
è tanto comune che un giocatore di Prima Divisione venga vista tecnico c’è qualcuno che ti ha impressionato? “Direi
convocato. E nonostante non sia stato impiegato in gara Santon, ma anche Ogbonna del Torino. Ha una forza fisica
sono tornato molto arricchito. Adesso cercherò di mettere incredibile e riesce sempre ad arrivare sul pallone: in con-
a frutto le cose buone che ho imparato”. trasto, di testa, di piede”.
Forse però, dopo la panchina con l’Ungheria, avevi spe- Insomma, una boccata di grande calcio per il nostro Mi-
rato in qualche minuto in Lussemburgo? “Sinceramente ci chele. Ed è facile immaginare che gli osservatori Azzurri
speravo poco. La gara con l’Ungheria era da dentro o fuori non seguano tutti i giovani talenti della Lega Pro. Dunque
e già essere in panchina per me è stato bellissimo. Dopo la una chiamata che forse significa qualcosa? “La mia fortuna
sconfitta, poi, ho pensato che la gara di Lussemburgo con- - sorride il difensore grigiorosso - è che Rocca e Casiraghi
tasse poco, invece con la vittoria siamo ancora in corsa”, mi conoscevano già dall’Under 16. Il buon ricordo forse è
tanto più dopo la vittoria a sorpresa ieri della Bosnia sulla servito più di quanto non faccia in grigiorosso oggi. Certo
capolista Galles che riapre tutti i discorsi. una chiamata così è importantissima per la carriera di un
Facciamo un passo indietro: quando hai ricevuto la chia- giocatore. Spero possa essere una tappa importante per
mata? “Sabato sera in ritiro, prima del derby, mi hanno crescere”. Cara Cremo, corri in Serie B, che altrimenti ce
chiamato per sapere come stavo e per mettermi in preallar- lo soffiano!
me visto che c’era stato un infortunio (del catanese Bellu- f.g.

E’ la Cremo più bella dell’era Arvedi


I grigiorossi negli ultimi tre anni non sono mai partiti così forte
Il segreto è nel progetto: gestione oculata e continuità, anche in campo
T
hree is a magic number. Un
anno per farci la mano, uno
per misurare il terreno e il SERIE C1 A PRIMA DIV. A PRIMA DIV. A
terzo per arrivare dritti all’obiettivo.
Doveva essere pressapoco questo il
2007/08 2008/09 2009/10
pensiero del presidente Arvedi al
momento di riprogrammare la sua
Cremonese sulle ceneri delle due de-
lusioni che l’hanno “accolto” nel
mondo del pallone. E, da uomo di
mondo qual è, il presidente ha rifila-
to un colpo secco al timone inver-
tendo la rotta. Budget controllato,
investimenti bilanciati, progettazione
tecnica accurata.
Così è nata quella che fino ad oggi
può essere considerata senza dubbio
la miglior Cremonese dell’era Arve-
di. Non certo per congetture. Sono
infatti i numeri a confermare la tesi.
Nelle due precedenti stagioni, infat-
ti, alla 13ª giornata d’andata, i gri-
giorossi erano distanti dalla vetta: Cittadella 28 Spal 24 Novara 29
quarti nel 2007, a quattro punti dal- Sassuolo 28 Pro Patria 24 Cremonese 29
la coppia di testa Sassuolo-Cittadella Padova 25 Novara 23 Varese 27
(le due promosse a fine anno); sesti Cremonese 24 Padova 21 Arezzo 24
nel 2008 a -5 da Spal e Pro Patria, Foligno 23 Reggiana 20 Benevento 23
battistrada provvisori che cederanno Venezia 23 Cremonese 19 Lumezzane 21
Novara 20 Lumezzane 17 Foligno 19
poi il posto a Padova (a +2 sulla Pro Patria 18 Cesena 16 Perugia 19
Cremo) e soprattutto al Cesena, Monza 18 Verona 16 Lecco 18
campione nonostante i soli 16 punti Foggia 16 Pergocrema 16 Monza 15
alla 13ª. Oggi la Cremo di punti ne Cavese 15 Sambenedett. 16 Alessandria 14
ha 29, come il Novara, l’unica a te- Legnano 14 Monza 16 Figline 13
nere un passo che nessuno, dopo la Manfredonia 14 Ravenna 14 Pro patria 13
Cremo di Roselli e Prisciandaro (che Pro Sesto 12 Pro sesto 14 Sorrento 12
a questo punto, nel 2004, con 32 Lecco 12 Lecco 13 Pergocrema 12
punti aveva già quasi ipotecato il ti- Ternana 12 Legnano 13 Viareggio 11
tolo), è più riuscito a tenere. Meglio Paganese 8 Portogruaro 10 Como 11
l’attacco con 24 gol contro i 20 del Verona 8 Venezia 9 Paganese 8
2007 e i 17 del 2008 e anche la dife-
sa con 12 reti incassate contro le 17
del 2007 e le 15 dell’anno scorso.
Subito, inoltre, si nota la conti- IL BOLLETTINO
nuità nelle scelte di Venturato. Il tec-
nico attuale ha mandato in campo
18 titolari diversi, meno di Iaconi
(21, ovvero tutti i disponibili) e
Oggi amichevole a Pieve San Giacomo. Gene ci riprova
Mondonico (20) nello stesso perio- Gene Gnocchi ci riprova. Dopo l’influenza che svolto il doppio allenamento con i compagni.
do delle annate precedenti. Soprat- la scorsa settimana gli ha impedito di scendere Per lui, infatti, soltanto due sedute di fisioterapia
tutto sono ben 9 i grigiorossi di que- in campo a Sospiro, il conduttore è annunciato per smaltire l’acciacco. Oggi non dovrebbe az-
sto gruppo che hanno giocato da ti- per domani a Pieve San Giacomo, con la troupe zardare la partita e le sue condizioni saranno va-
tolare più di dieci gare: 5 sono i sem- di Sky Sport, per scendere in campo nell’ami- lutate attentamente dallo staff medico. In vista
pre presenti (Rossi, Viali, Fietta, chevole che la Cicopieve (formazione locale di di domenica si registra però il possibile rientro
Nizzetto e Guidetti), cui vanno ag- Prima Categoria) disputerà contro la Cremone- di Andrea Zanchetta. Il regista ormai svolge
giunti altri 4 titolari “fissi” rimasti se (fischio d’inizio previsto per le 14.30. In atte- con il gruppo tutte le esercitazione previste dal
fuori solo per indisponibilità (Gori e sa di sapere se questa volta Gene scenderà in programma di lavoro. Il polpaccio è ormai com-
Zanchetta) o squalifica (Paoloni e campo, Venturato pensa alla propria formazione pletamente guarito e anche i rischi di ricadute si
Alberto Bianchi). Insomma, idee in preparazione della prossima sfida di campio- sono ormai sensibilmente abbassati. Così, dopo
chiare e un progetto ben definito nato a Figline Valdarno. A preoccupare il tecnico la scorsa domenica di riposo precauzionale, po-
sembrano la ricetta vincente. Non sono soprattutto le condizioni di Massimo Co- trebbe rientrare per riprendere il ritmo della ga-
resta che mescolare con cura e por- da. Il giovane attaccante ha rimediato una con- ra prima del big-match contro il Novara.
tare al punto di cottura. trattura ai muscoli flessori e anche ieri non ha f.g. Coda, ancora fermo dopo la gara con l’Alessandria
Filippo Gilardi