Vous êtes sur la page 1sur 94

CONFERENZA SVIZZERA DELLE IMPOSTE

COMMISSIONE INFORMAZIONE
Il sistema scale
svizzero
Caratteristiche
del sistema scale svizzero
Le imposte della Confederazione
Edizione 2013
Le imposte cantonali
e comunali
Oneri scali a confronto
2
0
1
3

I
l

s
i
s
t
e
m
a

s
c
a
l
e

s
v
i
z
z
e
r
o
11a edizione, 2013
Editore: Conferenza svizzera delle imposte
Commissione informazione
Autore: Divisione Basi scali
Amministrazione federale delle contribuzioni
3003 Berna
Illustrazioni: Barrigue
Losanna
Stampa: Geiger AG
3006 Berna
Prezzo unitario: 110 esemplari 9 franchi
11100 esemplari 7 franchi
da 101 esemplari 5 franchi
ISSN: 1664-8463
1
Premessa
Il presente opuscolo destinato anzitutto alleducazione civica nelle scuole medie e professionali.
Grazie a un linguaggio facilmente comprensibile e a una presentazione corredata di numerose illu-
strazioni, esso offre al lettore una panoramica del sistema scale svizzero nonch una breve de-
scrizione delle imposte riscosse dalla Confederazione, dai Cantoni e dai comuni. Esso comple-
tato da una parte statistica che contiene segnatamente dati sullonere scale gravante le persone
siche e giuridiche nei diversi Cantoni e un elenco degli indirizzi delle diverse Amministrazioni del-
le contribuzioni.
Lopuscolo edito dalla Commissione informazione della Conferenza svizzera delle imposte, di cui
fanno parte tutte le Amministrazioni delle contribuzioni cantonali nonch lAmministrazione fede-
rale delle contribuzioni. Questa Commissione si occupa tra laltro delle relazioni pubbliche delle
autorit scali. Lo scopo di curare i rapporti di ducia tra il sco e i contribuenti. La Commissione
fornisce quindi a questi ultimi e ad altre cerchie interessate in particolare alle scuole informa-
zioni oggettive in materia tributaria, contribuendo in tal modo a una migliore comprensione da parte
dellopinione pubblica dei problemi di natura scale.
CONFERENZA SVIZZERA DELLE IMPOSTE
COMMISSIONE INFORMAZIONE
Il presidente:

Lino Ramelli
Bellinzona, gennaio 2013
2
INDICE
CARATTERISTICHE DEL SISTEMA FISCALE SVIZZERO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1 Considerazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2 Chi riscuote le imposte in Svizzera? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3 Principi alla base della sovranit scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4 Lultima parola al popolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
5 Tassazione e riscossione delle imposte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
6 Lonere scale in Svizzera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
7 Evoluzione del sistema scale Svizzero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
LE SINGOLE IMPOSTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Le imposte della Confederazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
A) Imposte sul reddito e sullutile nonch altre imposte dirette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
1 Imposta federale diretta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
2 Imposta preventiva federale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
3 Tassa federale sulle case da gioco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
4 Tassa desenzione dallobbligo militare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
B) Imposizione del consumo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
1 Imposta sul valore aggiunto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
2 Tasse di bollo federali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
3 Imposte speciali sul consumo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
C) Dazi e tributi doganali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
1 Considerazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
2 Dazi allimportazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
Le imposte cantonali e comunali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
A) Imposte sul reddito e sulla sostanza nonch altre imposte dirette . . . . . . . . . . . . . . . . 59
1 Imposta sul reddito delle persone siche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
2 Imposta personale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
3 Imposta sulla sostanza delle persone siche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
4 Imposta sullutile e sul capitale delle persone giuridiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
5 Imposta sulle successioni e donazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
6 Imposta sui proventi da concorsi, pronostici e simili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
7 Utili in capitale da sostanza mobiliare privata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
8 Imposta sugli utili immobiliari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
9 Imposta immobiliare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
10 Tassa di mutazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
11 Tassa cantonale sulle case da gioco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
12 Tassa professionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
3
B) Imposte sul possesso e sul dispendio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
1 Imposta di circolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
2 Imposta sui cani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
3 Imposta sugli spettacoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
4 Imposta di bollo cantonale e le tasse discrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
5 Tassa su lotterie e manifestazioni analoghe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
C) Altri tributi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
1 Tassa di soggiorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
2 Tassa per la promozione del turismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
3 Diritti dacqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
4 Imposta sulle pigioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
APPENDICE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
I Oneri scali a confronto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
II Sgravi scali per coniugi (panoramica) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
III Materiale didattico in materia di imposte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
IV Indirizzi delle amministrazioni delle contribuzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
Abbreviazioni
AD = Assicurazione contro la disoccupazione
AFC = Amministrazione federale delle contribuzioni
AFD = Amministrazione federale delle dogane
AI = Assicurazione per linvalidit
AVS = Assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti
Cost. = Costituzione federale della Confederazione Svizzera
ICA = Imposta sulla cifra daffari
IFD = Imposta federale diretta
IPG = Indennit per perdita di guadagno
IVA = Imposta sul valore aggiunto
LAID = Legge federale sullarmonizzazione delle imposte dirette dei Cantoni
e dei Comuni
LIFD = Legge federale sullimposta federale diretta
4
Cantoni
AG = Argovia NW = Nidvaldo
AI = Appenzello Interno OW = Obvaldo
AR = Appenzello Esterno SG = San Gallo
BE = Berna SH = Sciaffusa
BL = Basilea Campagna SO = Soletta
BS = Basilea Citt SZ = Svitto
FR = Friburgo TG = Turgovia
GE = Ginevra TI = Ticino
GL = Glarona UR = Uri
GR = Grigioni VD = Vaud
JU = Giura VS = Vallese
LU = Lucerna ZG = Zugo
NE = Neuchtel ZH = Zurigo
5
Caratteristiche
del sistema fiscale
svizzero
6
Caratteristiche del sistema scale svizzero
1 CONSIDERAZIONI GENERALI
Per sistema scale la scienza nanziaria intende linsieme delle imposte prelevate in un Paese,
anche se fra di loro non vi necessariamente alcuna relazione. La dottrina distingue fra siste-
ma scale tradizionale o storico e siste-
ma scale razionale o teorico, a secon-
da che si sia sviluppato nel corso del
tempo, pi per caso che sulla base di una
pianicazione, o che sia stato invece strut-
turato intenzionalmente sulla base di
conoscenze scientiche.
Secondo questa dottrina, il sistema scale svizzero ha un carattere storico. Esso riette la
struttura federalista della Confederazione.
Ciascuno dei 26 Cantoni ha cos una propria legislazione tributaria che grava diversamente il
reddito, la sostanza, le successioni, gli utili in capitale, gli utili immobiliari nonch altri oggetti
scali.
I circa 2 400 comuni possono liberamente prelevare imposte comunali o decidere supple menti
nellambito della tariffa cantonale di base rispettivamente dellimposta cantonale dovuta.
Anche la Confederazione tassa il reddito, ma le sue entrate scali provengono essenzial mente
da altre fonti, come limposta sul valore aggiunto (IVA), le tasse di bollo, i dazi e le imposte
speciali sul consumo.
Sistema scale
Tradizionale
o storico
Razionale
o teorico
7
Come si giunti a questo sistema scale?
Ai tempi della Repubblica Elvetica (17981803) la Svizzera conobbe il suo primo, e nora unico,
sistema scale unitario che, in verit, esisteva in parte solo sulla carta e non era mai stato pie-
namente applicato.
Dopo la caduta della Repubblica Elvetica e il ritorno al federalismo, i Cantoni riacquisirono
lautonomia scale e svilupparono sistemi scali propri con accentuate diversit sia nella strut-
tura degli stessi sistemi che nellelabora-
zione delle varie imposte.
Alcuni Cantoni reintrodussero quindi le im-
poste indirette in vigore prima della Rivolu-
zione francese, soprattutto le imposte sul
consumo (dazi, pedaggi ecc.), mentre altri
Cantoni mantennero le imposte del siste-
ma della Repubblica Elvetica, come in par-
ticolare limposta sulla sostanza.
Con la nascita dello Stato federativo nel 1848 questo ordinamento scale sub un profondo
cambiamento. La sovranit in materia di diritti doganali pass completamente alla Confedera-
zione e, per compensare queste perdite, i Cantoni furono costretti a procurarsi le loro entrate
scali tassando la sostanza e il reddito, sicch nel corso del XIX secolo le imposte dirette
segnatamente le imposte sulla sostanza acquisirono gradualmente una posizione di predo-
minanza nei sistemi tributari cantonali, mentre le imposte indirette persero dimportanza. Tut-
tavia, sotto forma di dazi esse costituivano la spina dorsale delle nanze federali.
Questa ripartizione delle fonti scali rimase
immutata no al 1915.
Gi allora risult evidente che limposta
sulla sostanza era poco essibile per sod-
disfare i crescenti fabbisogni nanziari dei
Cantoni.
Anche il sistema scale della Confedera-
zione aveva raggiunto i limiti delle sue ca-
pacit, per cui non poteva essere ulterior-
mente sollecitato.
A seguito della Prima guerra mondiale e delle sue ripercussioni nanziarie, la Confederazione
e i Cantoni furono costretti a modicare profondamente la loro legislazione e il loro sistema
scale. In passato i dazi erano sufcienti a coprire le spese della Confederazione, ma alla ne
della guerra furono introdotte le tasse di bollo. Di conseguenza fu necessario abbandonare il
principio politico sviluppatosi nel corso degli anni, secondo cui le imposte dirette spettavano
ai Cantoni e quelle indirette alla Confederazione.
Gli elevati costi per la difesa obbligarono la Confederazione a prelevare anche imposte dirette
che, ad eccezione del 1933, riscuoter a titolo provvisorio sino alla ne del 2020.
Svizzera prima del 1848:
Federazione di stati
Fonti scali dei Cantoni:
dazi scali, pedaggi e altri dazi
imposte sulla sostanza
Stato federativo svizzero 1848
Fonti scali della
Confederazione:
dazi
Fonti scali dei
Cantoni:
sostanza
reddito
8
Lintroduzione di ulteriori imposte federali fu sempre motivata con la situazione nanziaria della
Confederazione. La seguente tabella mostra una panoramica sullintroduzione delle imposte
federali.
Panoramica sullintroduzione e la durata delle imposte federali
Riscossa Genere dimposta
dal 1849
dal 1878

dal 1887
19151920
19161917
dal 1918
19211932
dal 1933
dal 1934
19341940
19391946
19401942
dal 1941
dal 1941
19411945
19411954
19421959
dal 1944
19451947
dal 1997

dal 2000
Dazi
Tassa desenzione dallobbligo militare
(precedentemente Tassa desenzione dal servizio militare)
Imposizione delle bevande distillate
Imposta sui protti di guerra
Imposta di guerra
Tasse di bollo federali
Nuova imposta di guerra straordinaria
Imposta sul tabacco
Imposta sulle bevande (Imposta sulla birra)
Tributo federale di crisi
Imposta sui protti di guerra
Contributo unico per il sacricio per la difesa nazionale
Imposta federale diretta (prima del 1983: imposta per la difesa nazionale)
Imposta sul valore aggiunto (prima del 1995: imposta sulla cifra daffari)
Contributo degli emigranti alla difesa nazionale
Imposta compensativa
Imposta sul lusso
Imposta preventiva
Nuovo contributo per il sacricio per la difesa nazionale
Imposizione degli oli minerali e imposizione degli autoveicoli
(precedentemente dazi doganali)
Tassa sulle case da gioco
Grazie a queste entrate supplementari la Confederazione riuscita a riportare a un livello soppor-
tabile lindebitamento risalente allepoca dei due conitti mondiali. A partire dalla ne della Secon-
da guerra mondiale alla Confederazione sono stati per continuamente attribuiti nuovi compiti. Nel
dopoguerra le sue uscite sono aumentate in misura tale che un ritorno al sistema scale in vigore
prima del periodo bellico non pi immaginabile. Per questa ragione la Confederazione continua
a riscuotere le imposte federali introdotte durante gli anni della guerra.
Dal 1941 al 1958 limposta federale diretta (IFD; precedentemente denominata imposta per la
difesa nazionale) era composta da unimposta sul reddito e da unimposta complementare sulla
sostanza.
9
Nel 1959 limposta sulla sostanza delle persone siche e, nel 1998, limposta sul capitale delle per-
sone giuridiche sono state abolite per cui da allora lIFD grava esclusivamente il reddito delle per-
sone siche rispettivamente lutile delle persone giuridiche.
1)
A differenza della Confederazione, che introdusse una serie di nuove imposte, la maggior parte dei
Cantoni si accontent delle imposte esistenti. Inizialmente limposta sulla sostanza rappresentava
limposta pi importante prele vata dai Cantoni, mentre il reddito da attivit lucrativa era tassato solo
a titolo integrativo. In un secondo tempo, i Cantoni sono per passati da questo sistema tradizio-
nale a unimposta generale sul reddito con unimposta complementare sulla sostanza.
Basilea Citt stato il primo Cantone ad attuare questo passaggio, nel XIX secolo, che compor-
tava una riduzione dellimposta sulla sostanza e un aumento di quella sul reddito. Dopo di esso,
sino al 1945 altri dieci Cantoni seguirono il suo esempio; lultimo Cantone ad adeguare il proprio
sistema scale stato Glarona nel 1970.
Al riguardo bisogna menzionare anche il Cantone di Svitto che solo nel 1936 introdusse unimpo-
sta sui redditi da attivit lucrativa; no ad allora esso tassava unicamente la sostanza.
Agli inizi le imposte erano prelevate proporzionalmente. Con il tempo si afferm limposizione
progressiva e, con riguardo ai contribuenti con reddito modesto o famiglie a carico, sono state in-
trodotte deduzioni sociali.
1) Promemoria:
LIFD corrisponde alla vecchia imposta per la difesa nazionale. Tramite il Decreto del Consiglio federale del
13 gennaio 1982 le stata conferita la nuova denominazione di imposta federale diretta, che peraltro rispec-
chia meglio la realt. La vecchia denominazione imposta per la difesa nazionale era dovuta a motivi storici.
Infatti, limposta era stata introdotta nel 1941 quando la Confederazione doveva assolutamente trovare nuove
entrate per sopperire al forte aumento delle spese per la difesa del nostro Paese durante la Seconda guerra
mondiale.
In realt questa imposta sempre stata unimposta generale sul reddito prelevata dalla Confederazione. Il suo
gettito, dopo deduzione della quota dei Cantoni del 17 per cento, finisce nella cassa generale della Confede-
razione ma serve, unitamente a quasi tutte le altre entrate della Confederazione, a finanziare i molteplici com-
piti che la Confederazione chiamata a svolgere.
10
2 CHI RISCUOTE LE IMPOSTE IN SVIZZERA?
Come gi detto, in Svizzera prelevano imposte la Confederazione, i Cantoni e persino i comuni.
2)
Il diritto di questi enti pubblici di riscuotere imposte tuttavia limitato dalla Costituzione federale
(Cost.). Lobiettivo di ripartire la sovranit scale in modo che, da un lato, i tre enti non si ostaco-
lino a vicenda e che, dallaltro, i contribuenti non vengano gravati oltremisura. Pertanto la Cost.
accorda il diritto di prelevare determinate imposte alla Confederazione mentre per altre lo nega ai
Cantoni.
Questo particolare sistema dovuto alla struttura federalista della Confederazione Svizzera i cui
principi sono deniti come segue nellart. 3 Cost.:
I Cantoni sono sovrani per quanto la loro sovranit non sia limitata
dalla Costituzione federale ed esercitano tutti i diritti non delegati alla
Confederazione.
2) La Svizzera (Stato federale) composta da 26 Cantoni (Stati membri), riuniti nella Confederazione (Stato
centrale). I Cantoni contano a loro volta circa 2 400 comuni e detengono i diritti di sovranit originari, mentre
la Confederazione dispone unicamente dei diritti che le sono attribuiti esplicitamente dalla Costituzione.
La portata dellautonomia dei comuni determinata dal diritto cantonale.
11
Sul piano scale questa ripartizione delle competenze signica che:
la Confederazione pu riscuotere soltanto le imposte che le sono espressamente attribuite
dalla Costituzione federale;
i Cantoni per contro sono in linea di principio liberi di scegliere le loro imposte, a meno che
la Cost. non vieti loro espressamente di prelevare determinate imposte o le riservi alla Con-
federazione.
Il fatto che la Cost. attribuisca alla Confederazione la competenza di prelevare unimposta non
esclude ancora il diritto dei Cantoni di riscuotere unimposta dello stesso genere. A tal ne occor-
rerebbe un divieto esplicito. Questo non esiste in materia di imposte dirette, sebbene la Cost.
autorizzi la Confederazione a prelevare delle simili imposte. Per questa ragione sia la Confedera-
zione che i Cantoni prelevano imposte dirette, per cui in questo campo sono in concorrenza.
Mentre Confederazione e Cantoni, quali Stati sovrani, possiedono una sovranit originaria in materia
scale, i comuni possono prelevare imposte unicamente entro i limiti dellautorizzazione loro ac-
cordata dal proprio Cantone.
3)
In contrapposizione alla sovranit originaria si parla quindi di sovra-
nit derivata o delegata, la quale pur sempre una vera e propria sovranit scale e, oltre a quella
della Confederazione e dei Cantoni, si integra quale terzo elemento essenziale nel quadro del si-
stema scale svizzero.
Le imposte prelevate da questi enti vengono suddivise in imposte sul reddito e sulla sostanza
(persone siche), imposte sullutile e sul capitale (persone giuridiche), nonch in imposte sul
consumo, sul possesso o sul dispendio. La Confederazione, i Cantoni e i comuni prelevano
imposte che rientrano in entrambe queste categorie.
4)
Nel 2010 le entrate scali incassate dagli enti pubblici secondo il modello SF
5)
ammontavano
a circa 121,5 miliardi di franchi, che si compongono come segue:
Confederazione: 57,866 miliardi di franchi
Cantoni: 39,354 miliardi di franchi
comuni: 24,325 miliardi di franchi
3) Il diritto di prelevare imposte accordato anche ai comuni in quanto, quali corporazioni pubbliche autonome,
rivestono una grande importanza nella struttura sociale del nostro Paese. Oltre ai compiti da essi assunti in
qualit di comunit locali, devono pure svolgere incombenze che altrove sono di competenza dello Stato, co-
me la gestione della scuola elementare, lassistenza sociale e la sanit.
Sebbene questi compiti siano eseguiti in parte sotto il controllo dello Stato e con il suo sostegno finanziario,
le spese che ne derivano sono sopportate essenzialmente dagli stessi comuni. Per questa ragione neces-
sario che essi possano fruire delle fonti finanziarie esistenti. Lindipendenza fiscale dei comuni va quindi di pa-
ri passo con la loro autonomia funzionale.
4) Spesso queste due grandi categorie sono denominate comunemente anche imposte dirette e indirette.
Dettagli sui diversi generi dimposta sono forniti nella parte II (fogli col bordo giallo).
5) Il consolidamento e la comparabilit nazionale sono assicurati dai modelli SF (statistica finanziaria). Questo
modello si basa essenzialmente su quello contabile armonizzato per i cantoni e i comuni.
12
In miliardi di franchi
Imposte e dazi pi importanti
Imposta
federale diretta
Tasse
di bollo
Imposta
sugli oli minerali
Dazi
IVA
1)
Imposta
preventiva
80 90 00 10 11 80 90 00 10 11 80 90 00 10 11 80 90 00 10 11 80 90 00 10 11 80 90 00 10 11
Anni
1) prima del 1995: ICA
0
3
6
9
12
15
18
21
Per la Confederazione la maggiore fonte di reddito rappresentata dalle imposte sul consumo
(imposte indirette), allinterno delle quali le pi importanti dal punto di vista del gettito sono lIVA e
limposta sugli oli minerali.
Le imposte dirette rappresentano un po pi dun terzo delle entrate scali della Confederazione e
il gettito pi consistente dato dallIFD.
La situazione si presenta diversamente nei Cantoni e nei comuni, ove le principali fonti scali sono
le imposte sul reddito e sulla sostanza delle persone siche nonch le imposte sullutile e sul capi-
tale delle persone giuridiche. Nel 2010 queste imposte hanno rappresentato l89,3 per cento delle
loro entrate scali.
Osservazione:
Nel totale, il gettito scale complessivo della Confederazione, Cantoni e comuni composto dal
70 % da imposte dirette ed il restante 30 % da imposte indirette. In un confronto internazionale la
Svizzera possiede una quota bassa di imposte indirette, se si guardano le nazioni vicine, ad esem-
pio, questa parte ammonta al 4050 %.
13
3 PRINCIPI ALLA BASE DELLA SOVRANIT FISCALE
Per sovranit scale si intende la possibilit legale ed effettiva di un ente di riscuotere imposte. In
Svizzera la sovranit scale suddivisa tra Confederazione, Cantoni e comuni.
Per quanto riguarda la sovranit scale il diritto scale in Svizzera deve rispettare i seguenti prin-
cipi ancorati nella Costituzione federale:
principio delluguaglianza giuridica;
principio della libert economica;
principio della garanzia della propriet;
principio della libert di credo e di coscienza;
divieto della doppia imposizione intercantonale;
divieto di agevolazioni fscali ingiustifcate.
a) Principio delluguaglianza giuridica (art. 8 Cost.)
I Cantoni devono rispettare il principio costituzionale delluguaglianza giuridica davanti alla legge
anche nella loro legislazione tributaria come pure in occasione della riscossione delle imposte e
nella giurisprudenza scale. data violazione del principio duguaglianza giuridica allorquando si
contravviene al divieto di operare disparit di trattamento oggettivamente non motivate allatto di
legiferare e di applicare la legge.
Se questo principio violato da una decisione cantonale di ultima istanza, il contribuente pu
difendersi presentando ricorso in materia di diritto pubblico presso il Tribunale federale a
Losanna.
Nel diritto scale il principio delluguaglianza giuridica viene concretizzato tra laltro con il principio
dellimposizione secondo la capacit economica dei contribuenti.
14
b) Principio della libert economica (art. 27 e 94107 Cost.)
Le prescrizioni e le misure di diritto scale non devono pregiudicare la libert economica. Questa
disposizione costituzionale vieta quindi la riscossione di talune imposte sul commercio che avreb-
bero un carattere proibitivo nellambito della politica commerciale. Inoltre, il legislatore cantonale
non pu ostacolare la concorrenza economica introducendo speciali imposte sul commercio che
diminuirebbero la competitivit di alcuni settori commerciali.
Anche in questo caso, il contribuente pu interporre ricorso in materia di diritto pubblico presso il
Tribunale federale per violazione della libert economica.
c) Principio della garanzia della propriet (art. 26 Cost.)
data violazione di questo principio quando lonere scale assume carattere di consca, vale a dire
di espropriazione. La convinzione secondo cui la garanzia della propriet costituisca un limite allim-
posizione oggi riconosciuta da dottrina e giurisprudenza.
d) Principio della libert di credo e di coscienza (art. 15 Cost.)
Unaltra restrizione dellimposizione risulta dalla libert di credo e di coscienza. Da questa norma
costituzionale si pu quindi dedurre che non possono essere riscosse imposte di culto presso
persone che non fanno parte della comunit religiosa in questione.
Secondo la giurisprudenza del Tribunale federale solo le persone siche e non le persone giuri diche
possono appellarsi a questa disposizione costituzionale.
15
e) Divieto della doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.)
Secondo questo divieto una stessa persona non pu essere tassata da pi Cantoni su uno stesso
oggetto scale (ad es. lo stipendio) e per uno stesso periodo di tempo.
La Cost. autorizza la Confederazione a prendere le misure necessarie per evitare la doppia impo-
sizione, ma no ad oggi non ancora stata elaborata nessuna legge federale. La nostra Corte
suprema ha sviluppato unabbondante giurisprudenza che supplisce alla legge.
Il divieto della doppia imposizione ha effetto solo in casi di pretese concorrenti di due o pi Cantoni
ma non nelle relazioni tra Confederazione e Cantoni.
Osservazione:
La doppia imposizione si presenta anche tra Stati sovrani (relazioni internazionali). A livello interna-
zionale pertinenti accordi tra Stati (cosiddette Convenzioni di doppia imposizione) disciplinano
come evitare la doppia imposizione.
16
f) Divieto di agevolazioni scali ingiusticate (art. 129 cpv. 3 Cost.)
A causa della palese concorrenza scale, per i Cantoni la tentazione di attirare ricchi contribuenti
(segnatamente gli stranieri) concedendo loro eventuali agevolazioni scali oggettivamente ingiusti-
cate talvolta grande. La Cost. accorda alla Confederazione il diritto di opporsi agli abusi di que-
sto genere per via legislativa.
Finora la Confederazione non ha comunque mai dovuto ricorrere a questa competenza dato che in
un accordo reciproco i Cantoni si sono per cos dire volontariamente impegnati a non concedere
privilegi scali (Concordato fra i Cantoni della Confederazione Svizzera sul divieto di convenzioni
scali).
17
4 LULTIMA PAROLA AL POPOLO
Oltre alla particolarit secondo cui in Svizzera le imposte sono prelevate da Confederazione, Cantoni
e comuni, il sistema scale svizzero si caratterizza anche per il fatto che il cittadino stesso decide
quali imposte devono essere riscosse. Infatti, lo Stato pu imporre al cittadino solo gli obblighi
comprese le imposte previsti dalla Costituzione e dalla legge. Ogni modica costituzionale deve
essere sottoposta a votazione popolare (referendum obbligatorio). Solo certi cantoni conosco-
no il referendum obbligatorio anche per la revisione delle leggi. Negli altri si applica di regola il
referendum facoltativo (talvolta, a dipendenza del cambiamento legislativo, si adotta il referen-
dum obbligatorio o facoltativo).
Nella maggior parte dei casi, il Popolo pure chiamato a pronunciarsi sulla determinazione delle
tariffe, delle aliquote e dei coefcienti dimposta o moltiplicatori.
Per lIFD le aliquote massime delle tariffe sono ancorate nella Costituzione federale. Il loro aumen-
to pu avvenire solo se approvato dal Popolo e dai Cantoni (maggioranza del popolo e dei Can-
toni). La tariffa pu per contro essere modicata da una legge federale che sottost a referendum
facoltativo.
A livello di Cantone e di comune, la modica della tariffa implica una revisione della legge
tribu taria.
I coefcienti dimposta
6)
sono invece determinati dal parlamento cantonale rispettivamente dal
parlamento comunale oppure dallassemblea comunale o dai Municipi. Queste decisioni soggiac-
ciono sovente al referendum facoltativo od obbligatorio.
6) Per quanto riguarda lIFD e limposta diretta di alcuni Cantoni possibile conoscere lammontare dellimpo-
sta dovuta direttamente dalla tariffa. Non quindi necessario fissare un coefficiente dimposta.
18
5 TASSAZIONE E RISCOSSIONE DELLE IMPOSTE
La tassazione e la riscossione delle imposte sono spiegate sullesempio delle imposte sul reddito
e sulla sostanza delle persone siche.
La tassazione
In Svizzera la tassazione del reddito e della sostanza avviene sulla base di una dichiarazione
dimposta spedita a ogni contribuente che la deve compilare in modo veritiero e completo (auto-
accertamento). Di regola questa dichiarazione deve essere rispedita allautorit competente entro
30 giorni. Se questultimo termine non viene rispettato, il contribuente viene difdato a provve dervi
entro un nuovo termine. Se neppure questo nuovo termine viene osservato, il contribuente tassato
dufcio.
Dopo la consegna della dichiarazione dimposta debitamente compilata e rmata nonch corre-
data dei documenti richiesti, lautorit di tassazione determiner i fattori imponibili e sser
lammontare dellimposta.
Se la dichiarazione contiene informazioni manifestamente errate, queste vengono retticate duf-
cio. Successivamente, quando i fattori imponibili saranno stati determinati, lammontare dellimpo-
sta sar ssato sulla base della tariffa dimposta.
Lesito di questa operazione viene poi comunicato al contribuente.
19
Se la dichiarazione dimposta e gli allegati non permettono di determinare i fattori imponibili, lautorit
di tassazione proceder agli accertamenti necessari mediante audizione, richiesta di mezzi di prova,
ispezione dei libri contabili, sopralluoghi ecc.
Se anche da questi accertamenti non scaturisse alcun risultato o questultimo fosse insuf ciente
ai ni della tassazione lautorit di tassazione sser il reddito e la sostanza sulla base del suo
potere dapprezzamento.
La tassazione intimata al contribuente per scritto. Essa deve indicare i fattori imponibili e lam-
montare dellimposta dovuta per lanno in questione. Inoltre deve indicare i rimedi giuridici ai ni del
reclamo e i termini da osservare nonch lautorit alla quale dovr essere inoltrato il gravame.
Se la tassazione regolarmente intimata non stata contestata tempestivamente mediante reclamo,
essa cresce in giudicato. Le tassazioni passate in giudicato possono essere modicate a sfavore
del contribuente qualora in prosieguo di tempo si constatasse che sono insufcienti o lacunose, ad
esempio a causa di sottrazione dimposta o di frode scale. Esse possono venir modicate a favore
del contribuente se sono dati i motivi della revisione.
20
La riscossione delle imposte
La riscossione delle imposte sul reddito e sulla sostanza delle persone siche effettuata di regola
dallo stesso Servizio che ha eseguito la tassazione.
LIFD prelevata nella maggior parte dei casi da un Servizio cantonale, che pu essere lAmmini-
strazione cantonale delle contribuzioni, lUfcio di esazione o la Cassa cantonale.
Per quanto concerne le imposte cantonali e comunali, la procedura di riscossione varia da Can-
tone a Cantone. In alcuni casi entrambe sono prelevate da un Servizio centrale del Cantone o del
comune di domicilio. Talvolta limposta cantonale per riscossa dal Cantone e quella comunale
dai comuni.
1) FR: I comuni e le parrocchie possono delegare la riscossione delle imposte anche al Cantone.
2) BL: Per circa 35 comuni la riscossione delle imposte comunali effettuata dal Cantone.
3) BE: Cinque Servizi dincasso cantonali decentralizzati riscuotono le imposte cantonali e comunali (com-
presa limposta di culto). Nelle citt di Berna, Bienne e Thun la riscossione delle imposte cantonali e
comunali (compresa limposta di culto) effettuata dallAmministrazione comunale. La coordina zione
tecnica dei Servizi dincasso cantonali garantita dalla Divisione centrale Riscossione.
SH e AG: LAmministrazione cantonale delle contribuzioni riscuote le imposte delle persone giuridiche (come
anche limposta alla fonte).
Le imposte delle persone siche sono riscosse dai comuni. Nel Cantone SH alcuni comuni hanno dele gato
la riscossione delle imposte al Cantone.
VD: Finora pi di 9/10 dei comuni (oltre il 95 % dei contribuenti) hanno delegato la riscossione delle
imposte al Cantone. Questa tendenza in costante aumento.
Da parte del Cantone
Tutti i Cantoni,
salvo LU e SG
Da parte del comune di domicilio
Cantoni LU e SG
Riscossione dellimposta federale diretta
Da parte di una
autorit
centrale
OW, NW, GL,
ZG, AR, AI,
GE, JU
Da parte dei
comuni
ZH, LU, UR,
SZ, TG
Altri sistemi
(3)
BE, SH, SG,
AG, VD, NE
Imposte cantonali da parte del Cantone,
imposte comunali da parte del comune
FR(1), SO, BL(2), BS,
GR, TI, VS
Riscossione delle imposte cantonali e comunali
21
Le imposte devono essere pagate entro determinate scadenze. Nel caso dellIFD, questo termine
ssato generalmente al 1 marzo dellanno successivo a quello scale.
Nella maggior parte dei Cantoni il pagamento delle imposte cantonali e comunali avviene per acconti
provvisori pi un conguaglio (differenza tra limporto gi pagato e limporto denitivo dovuto), non
appena la notica della tassazione denitiva.
Osservazione generale:
Le indicazioni del seguente graco e le corrispondenti note si riferiscono unicamente al numero di
acconti provvisori.
Parecchi Cantoni prevedono pure la possibilit di pagamenti anticipati per le imposte cantonali e
comunali. In alcuni Cantoni, il contribuente che, appena ricevuto il conteggio provvisorio, paga
anticipatamente tutta limposta dovuta o la paga prima di una determinata scadenza benecia di
uno sconto.
1) SZ: possibilit di pagamento in 3 rate.
2) ZG: Conteggio provvisorio a met anno con possibilit di pagamento in 1 o pi rate no a ne dicembre.
3) BL: Conteggio provvisorio a gennaio con possibilit di pagamento rateale nei mesi successivi no a ne
settembre.
4) GR: I comuni possono adottare regolamentazioni derogative.
5) ZH, AR, AI, SG e TG: Generalmente in 3 rate, ma su richiesta possibile anche in 7 rate (ZH), in 1 o 11
rate tra febbraio e dicembre (AI), in 12 rate al massimo (TG) come pure in 1, 9 o 11 rate (AR e SG).
6) SO: Cantone: conteggio provvisorio delle imposte a febbraio; pagabile in 1 o 3 rate entro la ne di luglio.
Comuni: di regola da 2 a 4 rate con scadenze sse.
7) VS: Di principio in 5 rate.
8) FR e JU: Di principio in 9 rate (FR: su richiesta anche in 1 rata, mentre per lIFD possibilit di pagamento in
6 rate).
9) NE e GE: Di principio in 10 rate (GE concede anche la possibilit di pagare lIFD in 10 rate; da maggio a
febbraio).
10) VD: Di principio in 12 rate mensili (possibilit di integrare lIFD).
Versamento
unico
IFD, LU, UR,
SZ(1), OW, ZG(2),
BS, BL(3), AG
In due rate
NW,
GR(4)
In tre rate
ZH(5), BE, GL,
SH, AR(5), AI(5),
SG(5), TG(5), TI
In tre, quattro
o cinque rate
SO(6),
VS(7)
In nove, dieci
o dodici rate
FR(8), JU(8),
NE(9), GE(9),
VD(10)
Riscossione delle imposte
22
6 LONERE FISCALE IN SVIZZERA
7)
Nel confronto internazionale la Svizzera risulta tra i paesi con lonere scale meno elevato. Tuttavia,
entro i suoi conni esistono notevoli differenze di onere scale non solo tra i vari Cantoni, bens an-
che tra i comuni di uno stesso Cantone. Queste differenze riguardano soprattutto le imposte sul
reddito e sulla sostanza e meno quelle sul consumo, dato che queste ultime sono prelevate essen-
zialmente dalla Confederazione e non dipendono dalle differenze regionali del carico scale.
Cause dei differenti oneri scali in Svizzera
La ragione principale risiede nel fatto che i 26 Cantoni possiedono una propria legislazione tributa-
ria. Lammontare delle deduzioni e delle tariffe dimposta nonch dellonere scale variano pertan-
to da Cantone a Cantone.
Nella maggior parte dei Cantoni le tariffe previste dalle legislazioni tributarie cantonali sono aliquo-
te semplici (aliquota di base e aliquota unitaria). Il coefciente dimposta un moltiplicatore, espres-
so in unit o in percentuale, delle aliquote semplici stabilite dalla legge. I coefcienti sono adegua-
ti di norma ogni anno alle esigenze nanziarie degli enti pubblici (Cantoni, comuni, Parrocchie).
Ad esempio, un contribuente non coniugato, domiciliato a Zurigo, ha un reddito lordo del lavoro di
80 000 franchi. Sulla base della tariffa stabilita dalla legge, limposta semplice sul reddito ammon-
ta a 3 492 franchi.
Da questa imposta semplice il Cantone preleva il 100 per cento, il Comune di Zurigo il 119 per cento
(imposta comunale) e la Parrocchia l11 per cento (imposta di culto).
Imposta semplice secondo tariffa 3 492.00 fr.
Coefciente dimposta (moltiplicatore)
Cantone di Zurigo: 100 % 3 492.00 fr.
Comune di Zurigo: 119 % 4 155.50 fr.
Parrocchia (cattolica romana): 11 % 384.10 fr.
Imposta personale 24.00 fr.
Totale imposta sul reddito 8 055.60 fr.
Onere scale in percento 10,07
7) Per i dettagli, si vedano le pagine 80 segg.
23
Le differenze tra gli oneri scali dei Cantoni e dei comuni sono la conseguenza dellampia autono-
mia nanziaria di cui godono gli enti pubblici. Per eliminarle, bisognerebbe privare i Cantoni e i co-
muni della sovranit scale, riservandola unicamente alla Confederazione. Una sovranit unilate-
rale comporterebbe per anche ripercussioni negative. Lautonomia cantonale subirebbe
indubbiamente un grave contraccolpo.
Per evitare che le differenze relative allonere scale tra collettivit giurisdizionali ricche e povere as-
sumano dimensioni eccessive, la Svizzera ricorre alla perequazione nanziaria intercantonale e
intercomunale. In questo modo, i Cantoni e i comuni nanziariamente deboli beneciano di ver-
samenti compensativi che permettono loro di mantenere basso lonere scale o di ridurlo.
La perequazione nanziaria nazionale
Il federalismo uno dei fondamenti su cui poggia la Costituzione federale. Grazie ad esso i Can-
toni e i comuni godono di una spiccata autonomia scale e nanziaria e dispongono di un ampio
spettro di competenze. Tuttavia tale autonomia pu comportare altres una marcata disparit nella
capacit nanziaria dei Cantoni. Allinizio del 2008, nel quadro della Nuova impostazione della
perequazione nanziaria e della ripartizione dei compiti tra Confederazione e Cantoni (NPC),
entrata in vigore una nuova perequazione nanziaria e compensazione degli oneri della Confede-
razione completamente riveduta. Questa mette a disposizione i necessari meccanismi di compen-
sazione, creando in tal modo le premesse nanziarie indispensabili al mantenimento della strut tura
federativa della Svizzera (cfr. riveduto art. 135 Cost.).
Il nuovo sistema di perequazione nanziaria stato sostanzialmente semplicato e con esso sono
stati soppressi i supplementi di capacit nanziaria come pure la graduazione secondo la capa cit
nanziaria delle quote cantonali alle entrate della Confederazione e sullutile della Banca nazio nale.
La nuova perequazione nanziaria prevede unicamente mezzi liberamente disponibili; essa distin-
gue tra perequazione delle risorse (ridistribuzione delle risorse nanziarie) e compensazione degli
oneri (contributo per oneri speciali).
Determinante per la perequazione delle risorse il nuovo indice delle risorse, che riette il poten-
ziale di risorse dei Cantoni, ovvero il valore aggiunto scalmente conseguibile. La perequazione
delle risorse nanziata congiuntamente da Confederazione (perequazione verticale delle risorse)
e Cantoni nanziariamente forti (perequazione orizzontale delle risorse). I pagamenti compensa tori
della perequazione delle risorse ai cantoni con un debole potenziale di risorse sono calcolati in
modo da favorire in particolare i cantoni pi deboli. Lo scopo che tutti i cantoni posseggano un
indice delle risorse di almeno 85 punti. Il graco seguente illustra leffetto compensatorio della
perequazione delle risorse nel 2012.
24
La compensazione degli oneri opera con due fondi di compensazione, ossia con la perequazione
dellaggravio geotopograco e la perequazione dellaggravio sociodemograco, entrambi nan ziati
dalla Confederazione. La perequazione dellaggravio geotopograco indennizza i cantoni periferici
dagli oneri che derivano dalla bassa densit demograca, mentre la perequazione dellaggravio
sociodemograco indirizzata essenzialmente ai cantoni urbani. Essa costituisce per questultimi
un indennizzo degli oneri particolari, imputabili alla struttura della loro popolazione o alla loro fun-
zione di centri urbani.
0 50 100 150 200 250
Indice delle risorse prima della perequazione
Indice delle risorse dopo perequazione
Uri
Giura
Glarona
Vallese
Friburgo
Berna
Lucerna
Turgovia
San Gallo
Appenzello Esterno
Soletta
Grigioni
Obvaldo
Appenzello Interno
Argovia
Neuchtel
Sciaffusa
Ticino
Basilea Campagna
Vaud
Zurigo
Nidvaldo
Ginevra
Basilea Citt
Svitto
Zugo
Fonte : Amministrazione federale delle finanze (AFF)
Media svizzera
85 %
25
Il nuovo sistema di perequazione rappresentato schematicamente nellillustrazione seguente. Gli
importi perequativi che vi sono indicati riguardano lanno 2012. Il Parlamento decide ogni quattro
anni della dotazione di strumenti di perequazione sulla base di un rapporto sulla valutazione dellef-
cacia del sistema di perequazione.
Confederazione
Perequazione
verticale delle
risorse
Compensazione
verticale dei
casi di rigore
Perequazione
orizzontale delle
risorse
Compensazione
orizzontale dei
casi di rigore
in mio di franchi
244 2120
122
366 3573
1453
Cantoni con debole potenziale di risorse
AG SO
Cantoni a forte potenziale di
risorse BL ZG
AI AR GR SG TG UR VS
FR GL LU OW BE JU NE
Cantoni che
beneciano della compensazione in caso di rigore Cantoni che assumono degli oneri eccessivi
NW SZ
TI SH BS GE VD ZH
CCG
CCS F
CCS A-C
Fonte : Pubblicazione Grundlagen der Haushaltfhrung des Bundes dellAmministrazione federale delle
nanze (AFF)
geo-
topograci
socio-
demograci
Compensazione dalla
Confederazione degli oneri
eccessivi
369 369
738
26
7 EVOLUZIONE DEL SISTEMA FISCALE SVIZZERO
a) Evoluzione dei bilanci degli enti pubblici
Il seguente graco evidenzia come contestualmente alla recessione, iniziata nel 1991, aumentato
in misura estremamente forte soprattutto il decit della Confederazione. Tuttavia il peggioramento
pu essere ricondotto soltanto parzialmente alla congiuntura, poich la maggior parte del decit
era di natura strutturale. Dopo un picco positivo nel 2000, la situazione di nuovo nettamente peg-
giorata, in particolare a causa della diminuzione delle entrate a seguito dello scoppio della bolla
speculativa. Con lintroduzione del freno allindebitamento nel 2003 il decit strutturale della Con-
federazione stato eliminato mediante due programmi di sgravio nel 2003 e 2004. Per Confede-
razione, Cantoni e comuni lesercizio 2008 si rivelato estremamente positivo. Nonostante la crisi
nanziaria, i tre livelli statali hanno potuto presentare eccedenze nei loro conti. Con oltre 6,8 miliardi
di franchi, la Confederazione ha conseguito un saldo ordinario rilevante. A causa di uscite straordi-
narie (acquisto del prestito di UBS obbligatoriamente convertibile, uscite in relazione al passaggio
alla NPC) leccedenza complessiva di 54 milioni di franchi risulta tuttavia esigua. Lavanzo deserci-
zio di 9,4 miliardi di franchi registrato nellanno di recessione 2009 ha potuto realizzarsi grazie alla
vendita del prestito di UBS obbligatoriamente convertibile in azioni. Al netto dei ricavi straordinari
legati a tale vendita, i conti Confederazione hanno comunque chiuso con una solida eccedenza di
2,6 miliardi di franchi. Anche i cantoni, nonostante lanno di crisi 2009, hanno registrato avanzi di
esercizio per un ammontare complessivo di 2,3 miliardi di franchi. Al contrario, i comuni hanno con-
suntivato con un decit di 497 milioni di franchi. Per lesercizio 2010 la Confederazione e i cantoni
-10000
-8000
-6000
-4000
-2000
0
2000
4000
6000
8000
10000
comuni
cantoni
Confederazione
10 09 08 07 06 05 04 03 02 01 00 99 98 97 96 95 94 93 92 91 90
Risultato desercizio della Confederazione, dei cantoni e dei comuni
Risultati consolidati della Confederazione, dei cantoni e dei comuni
(stima comprensiva dei conti speciali (confederazione) e dei concordati (cantoni)
Il risultato desercizio 2010 dei comuni stimato
I
n

m
i
l
i
o
n
i

d
i

f
r
a
n
c
h
i
Fonte: Amministrazione federale delle finanze (AFF), Statistica finanziaria
27
hanno nuova mente chiuso con delle eccedenze (2,9, rispettivamente 1,4 miliardi di franchi). Le ci-
fre dei comuni, non ancora disponibili, dovrebbero rivelarsi anchesse nuovamente decitarie.
I debiti sono il risultato di decit accumulati. La taglia del debito pubblico dipende largamente dal
livello del prodotto interno lordo. La tabella seguente presenta il debito pubblico degli enti pubblici
in Svizzera in percentuale del prodotto interno lordo (PIL) secondo la denizione di Maastricht. La
tabella permette di costatare lassenza di un nanziamento sostenibile del budget federale nel corso
degli anni 90. A differenza dei cantoni e dei comuni, i quali sono riusciti in questo periodo a conte-
nere lonere debitorio rapportato al PIL, il debito pubblico federale passato dall11,5 % del PIL nel
1990 al 27,7 % nel 1998, fno a raggiungere il 28,3 % nel 2003 In seguito allo scoppio della bolla tec-
nologica. A partire da tale data, grazie allintroduzione del meccanismo del freno allindebita mento,
il rapporto tra debito e PIL ha iniziato lentamente a diminuire, fno a raggiungere la soglia del 20 %
nel 2010. La tabella permette inoltre di apprezzare le qualit del federalismo scale, mostrando chia-
ramente che la situazione dei debiti pubblici meglio controllata allorquando la prossimit tra isti-
tuzioni e cittadini aumenta.
0 %
10 %
20 %
30 %
40 %
50 %
60 %
assicurazioni sociali
comuni
cantoni
Confederazione
2
0
1
0
2
0
0
9
2
0
0
8
2
0
0
7
2
0
0
6
2
0
0
5
2
0
0
4
2
0
0
3
2
0
0
2
2
0
0
1
2
0
0
0
1
9
9
9
1
9
9
8
1
9
9
7
1
9
9
6
1
9
9
5
1
9
9
4
1
9
9
3
1
9
9
2
1
9
9
1
1
9
9
0
Debito lordo dei conti pubblici
(definizione di Maastricht)
Il rapporto dindebitamento lordo 2010 dei comuni stimato
Fonte: Amministrazione federale delle finanze (AFF), Statistica finanziaria
%

d
e
l

P
I
L
28
b) Principi dimposizione nellordinamento nanziario
della Confederazione
I principi impositivi fanno parte del cosiddetto ordinamento nanziario della Confederazione, il quale
retto dagli art. 126 a 135 Cost. Lordinamento nanziario ssa i principi per le nanze federali in tre
pilastri : la gestione nanziaria (freno allindebitamento), i principi dellimposizione e la perequazio-
ne nanziaria e la compensazione degli oneri.
Oltre ai principi generali alla base dellimposizione, lordinamento nanziario elenca anche le impo-
ste di che la Confederazione abilitata a riscuotere, ossia lIFD, lIVA, le imposte speciali di con-
sumo (tra le altre, le imposte sul tabacco, sulle bevande distillate, sulle automobili e gli oli mine rali),
la tassa di bollo, limposta preventiva nonch i dazi doganali. Il gettito di queste imposte rappre-
senta circa il 95 % delle entrate fscali totali della Confederazione. Gli altri introiti fscali della Con-
federazione provengono da tasse il cui pre lievo retto da considerazioni di natura politica. Alcune
di esse sono regolate dalla Costituzione (tassa per lutilizzazione delle strade nazionali, tassa sul
trafco pesante) altre dalla legge (per es: tassa sul CO2, imposta sulle case da gioco).
Le aliquote massime delle principali fonti di entrata lIFD e lIVA sono ssate dalla Costituzione.
Ogni eventuale rincaro del prelievo scale massimo necessita dunque dellavvallo del popolo e dei
cantoni (referendum obbligatorio), ci che limita chiaramente il ricorso allaumento delle imposte
per ridurre i decit pubblici. Questa logica restrittiva estesa anche alle spese mediante il freno
allindebitamento, il quale denisce in maniera vincolante il rapporto tra le spese e le entrate.
La facolt della Confederazione di riscuotere lIFD e lIVA temporanea. Durante lultima revisione
dellordinamento nanziario della Confederazione entrata in vigore il 1 gennaio 2007 (art. 196 cap.
13 e 14 Cost.), essa stata prolungata no al 2020. La limitazione nel tempo obbliga la Confede-
razione a riesaminare periodicamente la struttura delle proprie entrate scali e a sottomettere al
popolo e ai cantoni i principi del proprio ordinamento nanziario.
c) Obiettivi e principi delle linee direttive delle nanze federali
Le linee direttive delle nanze federali emanate dal Consiglio federale nel 1999 presentano gli obiet-
tivi, i principi e gli strumenti della politica nanziaria della Confederazione. Esse fungono da guida
per le decisioni di politica nanziaria dellEsecutivo e dellAmministrazione, senza tuttavia ipote care
la denizione di concreti obiettivi politici della Confederazione.
La politica nanziaria provvede alla stabilit e promuove la crescita economica. In questo modo
essa promuove loccupazione, il benessere e la coesione sociale. Le linee direttive concretizzano
questo obiettivo tramite i seguenti obiettivi parziali :
La politica che regola le entrate e le uscite deve essere favorevole alla crescita.
Laliquota fscale e laliquota statale devono risultare tra le pi basse dellOCSE.
Un certo numero di principi completano la lista degli obiettivi della politica nanziaria. Per quanto
attiene allimposizione scale, possiamo menzionare i principi seguenti:
Il carico fscale deve essere ripartito equamente su tutti i contribuenti. Le imposte devono
rispettare i seguenti principi sanciti dalla Costituzione federale: generalit, uniformit e pro-
porzionalit (imposizione secondo la capacit economica)
Il sistema fscale deve essere strutturato in modo da gravare il meno possibile sul contri buente
e da ostacolare il meno possibile lattivit economica. Quando le prestazioni dello Stato com-
portano un utile individuale chiaramente imputabile, il nanziamento totale o parziale mediante
tasse e contributi giusticati dal principio della causalit deve costantemente essere riesami-
nato.
29
Il sistema fscale deve essere strutturato in modo da mantenere e rafforzare lattrattiva della
piazza economia. Una pressione scale e tassi dimposta marginali elevati devono essere
evitati.
Il sistema fscale contribuisce a preservare a lungo termine le basi vitali naturali.
Il sistema fscale deve essere strutturato in modo da stabilizzare levoluzione congiunturale e
la situazione sul mercato del lavoro (principio dellefcacia congiunturale).
d) Larmonizzazione scale
Larmonizzazione scale un ulteriore elemento chiave del sistema scale svizzero.
Nel mese di giugno del 1977 Popolo e Cantoni hanno approvato in votazione un articolo costituzio-
nale concernente larmonizzazione delle imposte dirette sul reddito e sulla sostanza come pure
sullutile e sul capitale (art. 129 Cost.). La libert dei Cantoni nel campo della legislazione scale ne
risulta leggermente ridotta.
In esecuzione del mandato costituzionale, il 14 dicembre 1990 il Parlamento ha approvato la legge
federale sullarmonizzazione scale delle imposte dirette dei Cantoni e dei Comuni (LAID).
Si tratta di una legge quadro. La LAID indirizzata ai legislatori cantonali e comunali prescri vendo
loro i principi da seguire nella strutturazione dei regimi scali in materia di assoggettamento,
oggetto e periodo di calcolo delle imposte, diritto procedurale e diritto penale in ambito
scale. Il testo della legge quindi ridotto allessenziale.
Conformemente al mandato costituzionale la LAID precisa che spetta ai Cantoni stabilire le ta-
riffe, le aliquote e gli importi esenti da imposta (art. 129 cpv. 1 e 2 Cost. e art. 1 cpv. 3 LAID).
La LAID produce quindi unarmonizzazione formale, ma non unarmonizzazione materiale.
Essa non disciplina per contro lorganizzazione delle autorit scali, che rimane compito dei Can-
toni, in quanto ognuno di essi ha una propria struttura statale e amministrativa.
La LAID entrata in vigore il 1 gennaio 1993. I Cantoni hanno avuto un termine di otto anni per
adattare la propria legislazione alla legge quadro. Dopo questa data, qualora la legislazione tribu-
taria cantonale dovesse divergere dal diritto federale, questultimo sarebbe applicabile a tutti gli
effetti.
Dalla sua entrata in vigore, la LAID gi stata oggetto di numerose revisioni.
30
Appunti:
31
Le singole imposte
32
Le imposte della Confederazione
Imposte sul reddito
nonch altre imposte dirette
Imposta federale diretta
= sul reddito delle persone siche
= sullutile delle persone giuridiche
Imposta preventiva federale
Tassa federale sulle case da gioco
Tassa desenzione dallobbligo militare
(si tratta piuttosto di una tassa sostitutiva che
non di una vera e propria imposta)
Imposte sul consumo
nonch altre imposte indirette
Imposta sul valore aggiunto
Tasse di bollo federali
Imposta sul tabacco
Imposta sulla birra
Imposta sugli oli minerali
Imposta sugli autoveicoli
Imposta sulle bevande distillate
Dazi e tributi doganali
A) Imposte sul reddito e sullutile nonch
altre imposte dirette
1 Imposta federale diretta
Basi giuridiche
Art. 128 Cost.
Legge federale del 14 dicembre 1990 sullimposta federale diretta (LIFD)
LIFD unimposta prelevata unicamente sul reddito delle persone siche e sullutile delle persone
giuridiche. Non esiste dunque IFD sulla sostanza delle persone siche e sul capitale delle persone
giuridiche.
La tassazione e la riscossione dellIFD sono eseguite dai Cantoni per la Confederazione e sotto la
sua vigilanza.
Dal 1 gennaio 2008 ogni Cantone versa alla Confederazione 83 per cento del gettito scale, delle
multe e degli interessi da esso riscossi. La quota cantonale ammonta quindi al 17 per cento.
Osservazione:
Con lentrata in vigore il 1 gennaio 2008 della Nuova impostazione della perequazione nanziaria
e della ripartizione dei compiti tra Confederazione e Cantoni (NPC), la chiave di ripartizione stata
modicata e la vecchia regolamentazione concernente la perequazione nanziaria intercantonale
abrogata. Sino alla ne del 2007 la Confederazione riceveva il 70 per cento delle entrate a titolo di
IFD e la quota cantonale del 30 per cento veniva ulteriormente ripartita, nel senso che il 17 per cento
dellimporto scale lordo restava al Cantone mentre il 13 per cento veniva impiegato per la pere-
quazione nanziaria intercantonale. Anche questultima quota nisce ora nella Cassa fede rale.
Per le persone siche limposta di regola determinata e riscossa ogni anno sulla base del red dito
effettivamente conseguito nel corso dellanno scale. Lanno scale di una persona sica corri-
sponde allanno civile. Per quanto riguarda le persone giuridiche limposta determinata e riscossa
per ogni periodo scale, corrispondente allesercizio commerciale.
33
1.1 Imposta sul reddito delle persone siche
Le persone siche che hanno il domicilio o che dimorano in Svizzera sono assoggettate
illimitatamente allimposta. Sotto il prolo scale si considera che una persona dimora in
Svizzera, se (senza interruzioni apprezzabili):
risiede in Svizzera per almeno 30 giorni e vi esercita unattivit lucrativa; oppure
risiede in Svizzera per almeno 90 giorni senza esercitarvi unattivit lucrativa.
Inoltre, le persone siche domiciliate allestero sono assoggettate in modo limitato, se lassog-
gettamento si basa su rapporti economici con oggetti scali situati in Svizzera (ad es. propriet
fondiaria, stabilimenti dimpresa).
Secondo il principio dellimposizione della famiglia
8)
i redditi dei coniugi che vivono legalmen-
te e di fatto in comunione domestica vengono cumulati qualunque sia il loro regime dei beni.
Inoltre il reddito dei gli soggetti allautorit parentale ad eccezione di quello da attivit lucrativa,
per il quale i minorenni sono imponibili in modo autonomo cumulato con quello del detentore
dellautorit parentale.
8) Le legislazioni tributarie svizzere si fondano sul principio secondo cui quanto a reddito e sostanza la famiglia
costituisce ununit economica. Per questa ragione i coniugi sono tassati congiuntamente e il reddito e la
sostanza di entrambi vengono cumulati.
Secondo la legge federale del 18 giugno 2004 sullunione domestica registrata di coppie omosessuali questo
principio dellimposizione della famiglia stato esteso con effetto al 1 gennaio 2007 a coppie omosessuali
che vivono in comunione domestica e che sono riconosciute come tali (unione domestica registrata).
Il principio della tassazione congiunta di coniugi o di unioni domestiche registrate decade se queste coppie
vivono separatamente. In tal caso viene applicata la tassazione separata, indipendentemente dal fatto che si
tratti di una separazione legale o meno. sufficiente una separazione di fatto.
34
LIFD colpisce il reddito complessivo, come ad esempio:
i proventi da attivit lucrativa dipendente, sia essa principale o accessoria (compresi i premi
per anzianit, le mance ecc.);
i proventi da attivit lucrativa indipendente (compresi i redditi della sostanza commerciale);
i redditi provenienti dalla previdenza (come rendite e pensioni);
i redditi da sostanza mobiliare e immobiliare;
altri proventi (ad es. vincite a lotterie, Sport-Toto).
Dal reddito lordo possono di regola essere dedotte le spese occorse al suo conseguimento (ad
es. spese professionali).
Parimenti vengono concesse deduzioni generali (ad es. deduzione per contributi assicurativi, per
premi e contributi AVS/AI/IPG/AD, per contributi alla previdenza professionale e individuale, per
interessi su debiti privati, per attivit lucrativa di entrambi i coniugi ecc.) e deduzioni sociali
(deduzione per gli, per coniugi, per persone bisognose a carico).
La tariffa dellIFD sul reddito delle persone siche strutturata in modo progressivo. Dal 1 gen-
naio 2011 viene prelevata lIFD sul reddito delle persone siche secondo tre tariffe: una tariffa base
per le persone sole, una per le persone coniugate e una nuova tariffa per i genitori. La tariffa per le
persone coniugate permette di tener conto della capacit contributiva di una economia domestica
con pi componenti rispetto ad una con una persona sola. I contribuenti che vivono in economia
domestica con dei gli o delle persone bisognose e che si prendono a carico il loro manteni mento,
sono imposti secondo la nuova tariffa per genitori. Questa composta dalla tariffa per le persone
coniugate e da una deduzione supplementare dal dovuto dimposta di 251 franchi per glio o per-
sona bisognosa.
Dato che lammontare dimposta inferiore a 25 franchi non viene riscosso (imposta minima), per il
periodo scale 2011 la riscossione dellimposta inizia con un reddito imponibile di 30 800 franchi
per coniugati rispettivamente di 17 800 franchi per gli altri contribuenti.
Laliquota legale massima per lIFD dell11,5 per cento (art. 128 cpv. 1 lett. a Cost.). Dal 1 gen naio
2011 essa corrisponde a un reddito imponibile di 895 900 franchi per i coniugati, rispettivamente di
755 300 franchi per gli altri contribuenti.
Le tariffe sono utilizzabili per calcolare limposta; non esistono coefcienti dimposta o moltipli catori.
Allo scopo di compensare gli effetti della progressione a freddo le tariffe e le deduzioni per le
persone siche devono essere adeguate ogni anno allindice nazionale dei prezzi al consumo.
determinante il valore dellindice il 30 giugno prima dellinizio del periodo scale. In caso di evo-
luzione negativa del rincaro ladeguamento escluso.
La Costituzione federale stabilisce inoltre che nella determinazione delle aliquote bisogna conside-
rare lonere causato dalle imposte dirette cantonali e comunali (art. 128 cpv. 2 Cost.).
Nel 2011 il gettito lordo dellIFD prelevata sul reddito delle persone siche ammontato a circa
9,665 miliardi di franchi (compresa la quota dei Cantoni).
35
1.2 Imposta sullutile delle persone giuridiche
Vi sono di regola assoggettate le persone giuridiche che hanno la loro sede o amministrazione
effettiva in Svizzera.
Si distinguono due categorie di persone giuridiche:
le societ di capitali (societ anonime, societ in accomandita per azioni, societ a garan-
zia limitata) e le societ cooperative;
associazioni, fondazioni e altre persone giuridiche (corporazioni e stabilimenti di diritto
pubblico o ecclesiastico nonch investimenti collettivi di capitale con possesso fondiario
diretto).
Nel 2011 il gettito lordo dellIFD prelevata sullutile delle persone giuridiche ammontato a circa
8,396 miliardi di franchi (compresa la quota dei Cantoni).
1.2.1 Le societ di capitali e le societ cooperative
Queste societ pagano unimposta sullutile. Limposta federale sul capitale stata abrogata.
Laliquota dellimposta sullutile in ambito dIFD proporzionale e ammonta all8,5 per cento.
Non sono applicabili coefcienti dimposta.
Le societ di partecipazione ossia le societ di capitali o cooperative che detengono almeno il
10 per cento del capitale azionario o del capitale sociale oppure dellutile o delle riserve di altre
societ oppure una partecipazione a tale capitale il cui valore venale di almeno 1 milione di fran-
chi beneciano di una riduzione dellimposta sullutile equivalente al rapporto esistente fra il rica-
vo netto realizzato con questa partecipazione e lutile netto complessivo. Questa riduzione per
partecipazione concessa per evitare che lutile proveniente dalla partecipazione subisca unim-
posizione multipla.
Per questo le societ holding vere e proprie (ovvero con 100 % di partecipazioni) non pagano
limposta sullutile.
1.2.2 Associazioni, fondazioni e altre persone giuridiche
Le associazioni, le fondazioni, le corporazioni e gli stabilimenti di diritto pubblico o ecclesiastico
versano di regola a livello federale unimposta sullutile rispettivamente sul reddito a unaliquota
dimposta proporzionale del 4,25 per cento, sempre che esse non siano esonerate dallobbligo
scale in ragione del loro scopo di pubblica utilit, sociale o analogo.
Lo stesso vale per i investimenti collettivi di capitale con possesso fondiario diretto.
Fino a 5 000 franchi lutile esente da imposta.
36
2 Imposta preventiva federale
Basi giuridiche
Art. 132 cpv. 2 Cost.
Legge federale del 13 ottobre 1965 sullimposta preventiva (LIP)
Limposta preventiva unimposta riscossa alla fonte dalla Confederazione sui redditi dei capi-
tali mobili (in particolare su interessi e dividendi), sulle vincite alle lotterie di provenienza svizzera
9)
e su determinate prestazioni dassicurazione.
Questa imposta si pregge in primo luogo di arginare la sottrazione dimposta. Essa vuole indurre
i contribuenti a dichiarare alle autorit competenti per le imposte dirette i redditi che ne sono gra-
vati nonch il patrimonio che ha generati.
A determinate condizioni il rimborso dellimposta preventiva si opera sotto forma di computo
sulle imposte cantonali e comunali oppure in contanti. I contribuenti domiciliati in Svizzera che adem-
piono correttamente i loro obblighi di dichiarazione non sono quindi gravati in modo denitivo da
questa imposta.
9) Sono parificate alle vincite alle lotterie le vincite allo Sport-Toto (pronostici degli esiti di partite di calcio) e a
concorsi analoghi (ad es. scommesse sulle corse dei cavalli e altre scommesse).
37
35 % 65 %
,
35 % 35 %
Legenda:
Versamenti
Rimborsi
Sul 100 % degli
interessi la banca versa
al titolare del conto
a titolo di imposta
preventiva allAFC
che lo gira
alle autorit
cantonali delle
contribuzioni
(solo se esse
rimborsano gli
aventi diritto)
Il meccanismo dellimposta preventiva pu essere rappresentato gracamente come segue:
Limposta preventiva unimposta autentica in quanto viene riscossa qualunque sia la capacit
economica del beneciario della prestazione imponibile.
Laliquota dimposta :
del 35 per cento per i redditi di capitali mobile e le vincite alle lotterie;
del 15 per cento per le rendite vitalizie e le pensioni e
dell8 per cento per le altre prestazioni dassicurazione.
Lobbligazione scale incombe al debitore svizzero della prestazione imponibile (ad es. una banca).
Il debitore dellimposta deve riscuotere limposta preventiva sulla prestazione imponibile e trasfe-
rirla al suo beneciario (ad es. titolare del conto), riducendo la prestazione in misura corrispon dente.
Il debitore dellimposta deve annunciarsi spontaneamente allAmministrazione federale delle con-
tribuzioni (AFC), presentare i rendiconti e i giusticativi richiesti e, in pari tempo, pagare limposta
(principio dellauto accertamento).
Sulle imposte non ancora pagate dopo la loro esigibilit riscosso, senza difda, un interesse di
mora previsto dalla legge.
A determinate condizioni il beneciario della prestazione imponibile domiciliato in Svizzera, che
compila correttamente la dichiarazione dimposta, ha in seguito diritto al rimborso dellimposta
preventiva.
38
Il rimborso accordato in particolare:
alle persone siche domiciliate in Svizzera, sempre che abbiano indicato regolarmente
nella pertinente dichiarazione dimposta i redditi, i valori patrimoniali e i relativi redditi impo-
nibili. Il rimborso dellimposta preventiva alle persone siche effettuato dai Cantoni solita-
mente mediante computo sulle imposte cantonali;
alle persone giuridiche che hanno sede in Svizzera, a condizione che abbiano regolar-
mente contabilizzato come redditi i proventi soggetti allimposta preventiva. Le persone
giuridiche ricevono il rimborso direttamente dallAFC.
Il contribuente deve presentare nei tre anni successivi alla ne dellanno civile in cui venuta a sca-
dere la prestazione imponibile una richiesta per il rimborso dellimposta preventiva.
Se le predette condizioni non sono soddisfatte, il diritto al rimborso inesistente oppure perento.
Il rimborso non inoltre ammesso nei casi in cui comporterebbe unelusione scale.
Questo rigore formale voluto dal legislatore che con limposta preventiva si pregge di promuo-
vere lonest scale sfavorendo levasore rispetto al contribuente onesto, afnch gli evasori ven-
gano perlomeno gravati da un onere scale minimo.
Il beneciario che non esercita il suo diritto al rimborso o lo perde perch ha violato gli obblighi
scali che gli incombono, non esonerato dallobbligo di versare limposta diretta sulla sostanza e
sul reddito non dichiarati.
Per i beneciari della prestazione imponibile domiciliati allestero limposta preventiva costi-
tuisce generalmente unimposizione denitiva. Solo le persone il cui Stato di domicilio ha concluso
una convenzione di doppia imposizione con la Svizzera possono beneciare, a seconda delle
regolamentazioni della relativa convenzione, del rimborso parziale o totale dellimposta preventiva,
sempre che adempiano le condizioni elencate nella convenzione.
In certe situazioni, elencate esaustivamente nella legge, il contribuente pu adempiere al suo ob-
bligo scale per mezzo della dichiarazione della prestazione imponibile invece del pagamento
dellimposta. In un caso simile non c dunque una procedura di rimborso.
Nel 2011 il gettito lordo complessivo dellimposta preventiva ammontato a circa 4,887 miliardi di
franchi (compresa la quota dei Cantoni di 10 per cento).
39
3 Tassa federale sulle case da gioco
Basi giuridiche
Art. 106 Cost.
Legge federale del 18 dicembre 1998 sul gioco dazzardo e sulle case da gioco (LCG)
Dopo labrogazione nella Costituzione federale del divieto delle case da gioco, accettata in vota-
zione popolare nel mese di marzo del 1993, il nuovo articolo costituzionale conferisce alla Confe-
derazione la competenza di riscuotere unimposta speciale sugli introiti delle case da gioco. Tale
imposta non pu per eccedere l80 per cento del prodotto lordo dei giochi ed impiegata per co-
prire il contributo federale allAVS e allAI.
La tassa sulle case da gioco riscossa dal mese di aprile del 2000; il prodotto lordo dei giochi cor-
risponde alla differenza fra tutte le poste giocate e tutte le vincite versate. Fanno parte del prodot-
to lordo dei giochi anche le commissioni riscosse dalla casa da gioco sui giochi da tavolo (bacca-
r, poker ecc.).
Nel 2011 il gettito scale conseguito con la tassa federale sulle case da gioco stato di circa
360 milioni di franchi.
Aliquote della tassa
Gran casin (case da gioco con concessione A: nessuna limitazione per quanto riguarda
la posta nonch il numero di giochi da tavolo e apparecchi automatici per i giochi dazzardo;
numero di casin limitato a 7): laliquota di base della tassa del 40 per cento sino a
10 milioni di franchi del prodotto lordo dei giochi. Per ogni ulteriore milione, laliquota aumenta
dello 0,5 per cento no a raggiungere laliquota massima dell80 per cento;
piccoli casin (case da gioco con concessione B: limitazione per quanto riguarda la posta,
i tipi di giochi da tavolo e il numero di apparecchi automatici per i giochi dazzardo; numero
di casin limitato a 12): laliquota di base della tassa del 40 per cento sino a 10 milioni di
franchi del prodotto lordo dei giochi. Per ogni ulteriore milione, laliquota aumenta dello
0,5 per cento no a raggiungere laliquota massima dell80 per cento.
Per i primi quattro anni di esercizio di una casa da gioco, il Consiglio federale pu ridurre lali quota
della tassa no al 20 per cento.
Agevolazioni scali per le case da gioco
Il Consiglio federale pu inoltre ridurre di un quarto al massimo laliquota della tassa delle case da
gioco, semprech i proventi siano utilizzati in misura preponderante per interessi pubblici della
regione, segnatamente per il promovimento di attivit culturali, o per scopi di pubblica utilit
(sostegno allo sport, misure in ambito sociale, promozione del turismo ecc.).
Il Consiglio federale pu ridurre di un terzo al massimo laliquota della tassa se la regione di sito
della casa da gioco dipende economicamente da un turismo marcatamente stagionale. Nel caso
in cui siano dati entrambi i motivi di riduzione, laliquota della tassa pu essere ridotta al massimo
della met.
Il Consiglio federale riduce la tassa sulle case da gioco qualora il Cantone di sito prelevi dagli stessi
una tassa di tipo analogo. La riduzione corrisponde allimporto della tassa cantonale; non pu
tuttavia superare il 40 per cento del totale della tassa sulle case da gioco spettante alla Confede-
razione sul prodotto lordo dei giochi.
40
4 Tassa desenzione dallobbligo militare
Basi giuridiche
Art. 40 cpv. 2 e Art. 59 cpv. 1 e 3 Cost.
Legge federale del 12 giugno 1959 sulla tassa desenzione dallobbligo militare (LTEO)
Gli uomini svizzeri sono obbligati al servizio militare (art. 59 cpv. 1 Cost.). Chiunque non adempia,
parzialmente o totalmente e per qualsivoglia ragione, questo obbligo militare prestando servizio
personale (servizio militare o civile), deve pagare una tassa surrogatoria ai sensi della legge
federale del 12 giugno 1959 sulla tassa desenzione dallobbligo militare. Questa legge prevede
diversi motivi desenzione.
La tassa desenzione dallobbligo militare riscossa dai Cantoni, sotto la vigilanza della Confede-
razione. Per questo i Cantoni ricevono il 20 per cento a titolo di emolumento di riscossione.
La tassa desenzione dallobbligo militare riscossa, conformemente alla legislazione in mate-
ria di IFD, sul reddito netto complessivo conseguito in Svizzera e allestero dallassoggettato. LIFD
costituisce la base di tassazione, se lassoggettato deve questa imposta per il relativo intero anno
di soggezione. Se questa condizione non realizzata la tassazione ha luogo sulla base delle impo-
ste cantonali. Se lIFD e le imposte cantonali non permettono di determinare la tassa, questa viene
accertata sulla base di una speciale dichiarazione.
41
La tassa desenzione ammonta a 3 franchi per ogni 100 franchi di reddito imponibile, ma
almeno a 400 franchi. Essa ridotta in ragione del numero totale dei giorni di servizio pre stati
entro la ne dellanno scale. La riduzione di un decimo per un periodo da 50 a 99 giorni di ser-
vizio militare (da 75 a 149 giorni di servizio civile) e di un altro decimo per ogni 50 giorni di servizio
militare in pi (75 giorni di servizio civile) o per una frazione degli stessi.
Laccertamento della tassa desenzione ha luogo ogni anno, di regola lanno successivo a quello di
soggezione.
Solo chi presta tutti i giorni di servizio obbligatorio ha diritto alla restituzione delle tasse pagate.
Nel 2011 il gettito scale conseguito con la tassa desenzione dallobbligo militare stato di circa
160 milioni di franchi (compreso lemolumento di riscossione del 20 % spettante ai Cantoni).
42
B) Imposizione del consumo
1 Imposta sul valore aggiunto
Basi giuridiche
Art. 130 Cost.; art. 196 n. 3 cpv. 2 lett. e nonch n. 14 cpv. 2 e 3 disposizioni transitorie Cost.
Legge federale del 12 giugno 2009 concernente limposta sul valore aggiunto (LIVA)
Il 1 gennaio 1995 stata introdotta limposta sul valore aggiunto (IVA). Il cambiamento del sistema
dallimposta sulla cifra daffari allIVA attribuibile essenzialmente allaffermarsi dellIVA negli Stati
membri dellUE.
Il 1 gennaio 2010 entrata in vigore la legge federale del 12 giugno 2009 concernente limposta
sul valore aggiunto che, dopo essere stata sottoposta a revisione totale, rispetto alla legge prece-
dente prevede numerose semplicazioni ed in generale pi comprensibile.
Principio dimposizione
LIVA unimposta generale sul consumo. Limposizione mira al consumo non commerciale di
beni e prestazioni di servizi sul territorio svizzero. Essa riscossa su ogni fase della produzione,
della distribuzione e del settore delle prestazioni di servizi (imposta sulle prestazioni eseguite sul
territorio svizzero), sullottenimento di prestazioni di servizi di imprese con sede allestero (imposta
sullacquisto) nonch sullimportazione di beni (imposta sullimportazione).
assoggettato allimposta chiunque esercita unimpresa e non esentato dallassoggettamento
(imposta sulle prestazioni eseguite sul territorio svizzero). esentato dallassoggettamento chi:
realizza sul territorio svizzero una cifra daffari proveniente da prestazioni imponibili inferiore
a 100 000 franchi annui;
quale associazione sportiva o culturale senza scopo lucrativo e gestita a titolo onorifco o
istituzione di utilit pubblica, realizza sul territorio svizzero una cifra daffari proveniente da
prestazioni imponibili inferiore a 150 000 franchi.
parimenti assoggettato colui
che ottiene da imprese con sede allestero prestazioni di servizi sul territorio svizzero per pi
di 10 000 franchi entro un anno civile nella misura in cui queste imprese non siano assogget-
tate in Svizzera (imposta sullacquisto) nonch
il debitore doganale per limposta sullimportazione di beni (imposta sullimportazione).
LIVA conta attualmente circa 344 000 contribuenti.
La base di calcolo per le forniture e prestazioni di servizi effettuate in Svizzera costituita dalla con-
troprestazione convenuta rispettivamente ricevuta. Il contribuente pu dedurre dal suo rendiconto
limposta gravante i suoi acquisti di beni e prestazioni di servizi nonch le sue importazioni di beni.
Questa cosiddetta deduzione dellimposta precedente evita un cumulo dimposta (acquisto
gravato dallIVA e imposizione della cifra daffari; principio onnifase al netto).
Questo principio non trova applicazione nel caso di prestazioni che non sottostanno allimposta, in
quanto i fornitori di tali prestazioni non hanno diritto alla deduzione dellimposta precedente (vedi
particolarit pi avanti).
43
Poich sopportata dal consumatore, lIVA gli viene di regola trasferita inclusa nel prezzo di ven-
dita o menzionata separatamente nella fattura.
Particolarit
Occorre distinguere fra operazioni esenti e operazioni escluse dallIVA. Sebbene per ambedue le
categorie non sia dovuta limposta, la differenza risiede nel diritto allimposta precedente. Questo
diritto dato infatti unicamente per lacquisto di beni e prestazioni di servizi utilizzati per operazio-
ni esenti dallimposta (esenzione propria).
Per contro, se i beni e le prestazioni di servizi servono al conseguimento di volumi daffari esclusi
dallimposta, su questi beni e su queste prestazioni di servizi non ammessa alcuna deduzione
dellimposta precedente (esenzione impropria).
Sono esenti dallimposta (diritto alla deduzione dellimposta precedente) in particolare:
forniture per lesportazione, nella misura in cui lesportazione comprovata;
trasporti oltre confne;
prestazioni di servizi a destinatari con sede sociale o domicilio allestero.
Sono esclusi dallimposta (nessun diritto alla deduzione dellimposta precedente) in particolare:
le prestazioni del settore della sanit pubblica, della previdenza e sicurezza sociali;
le operazioni nellambito delleducazione, dellinsegnamento nonch dellassistenza allinfan-
zia e alla giovent;
le prestazioni di servizi culturali;
le operazioni di assicurazione;
le operazioni nel settore del traffco monetario e dei capitali (eccettuata la gestione patrimo-
niale e le operazioni dincasso);
44
la locazione di appartamenti e di altri immobili (la loro messa a disposizione per luso o il
godimento);
la vendita di immobili (il trasferimento e la costituzione di diritti reali su fondi);
le scommesse, le lotterie e altri giochi dazzardo con poste di denaro, purch siano assog-
gettati a unimposta speciale o ad altri tributi;
le forniture di valori di bollo svizzeri uffciali utilizzati come tali;
la vendita, da parte degli agricoltori, dei selvicoltori e degli orticoltori, di prodotti agricoli,
forestali e orticoli della propria azienda;
le prestazioni effettuate in seno alla medesima collettivit pubblica.
Aliquote dimposta
10)
Aliquota normale: limposta ammonta all8,0 per cento.
Aliquota speciale: le prestazioni di alloggio (pernottamento con prima colazione) del settore
alberghiero e paralberghiero (ad es. locazione di appartamenti di vacanza)
soggiacciono allaliquota del 3,8 per cento.
Aliquota ridotta: per determinate categorie di beni e prestazioni di servizi applicabile
unaliquota ridotta del 2,5 per cento, in particolare per:
alimenti e additivi secondo la legge sulle derrate alimentari (eccezione: aliquota normale per
alimenti offerti nellambito di prestazioni della ristorazione);
bestiame, pollame, pesci;
sementi, piante vive, fori recisi;
cereali;
alimenti per animali e concimi;
medicinali;
giornali, riviste, libri e altri stampati senza carattere pubblicitario, del genere defnito dal
Consiglio federale;
prestazioni di servizi delle societ di radio e televisione (eccezione: aliquota normale per
prestazioni aventi carattere commerciale).
Contribuenti con una cifra daffari annua no a 5,02 milioni di franchi ed un debito scale annuo
massimo di 109 000 franchi hanno la possibilit di applicare un procedimento di rendiconto sem-
plicato. Il debito scale annuo viene calcolato moltiplicando la cifra daffari imponibile comples-
siva determinante per la cosiddetta aliquota saldo della corrispondente attivit.
10) Osservazione:
Le tariffe dellimposta sullutile dei paesi confinanti, paragonabili con limposta sul valore aggiunto svizzera nel
commercio in dettaglio, ammontano in percentuale (dati del 2012):
Germania 19 / 7 Francia 19,6 / 7 / 5,5 / 2,1
Austria 20 / 16 / 10 Italia 21 / 10 / 4
45
Lutilizzazione di queste aliquote saldo che sono sempre inferiori all8,0 per cento consente di
evitare laccertamento dellimposta precedente deducibile dallimposta dovuta sulle cifre daffari
poich le aliquote saldo tengono gi conto dellincidenza dellimposta precedente (ad es.: aliquota
saldo per architetti = 6,1 %; per commercianti di generi alimentari = 0,6 %).
Le aliquote saldo servono unicamente per il calcolo dellimposta nel rendiconto per lAFC; nei con-
fronti degli acquirenti devono per contro essere appli cate le aliquote dell8,0 per cento, del 3,8 per
cento o del 2,5 per cento previste nella legge.
Riscossione dellimposta
LAFC competente per la determinazione e la riscossione dellimposta sulle prestazioni eseguite
sul territorio svizzero e dellimposta sullacquisto.
Per contro, la riscossione dellimposta sullimportazione di beni rientra nel settore di competenza
dellAmministrazione federale delle dogane (AFD).
Destinazione vincolata di una quota delle entrate
Conformemente alle vigenti disposizioni costituzionali (art. 130 Cost., art. 196 n. 3 cpv. 2 lett. e non-
ch n. 14 cpv. 2 e 3 disposizioni transitorie Cost.), poco meno del 23 per cento del gettito dellIVA
vincolato per il nanziamento dellAVS, dellAI, di grandi progetti ferroviari e della riduzione dei pre-
mi dellassicurazione malattie, per cui non nisce nella cassa generale della Confederazione:
il prodotto di 1 punto percentuale (1 % dellaliquota normale, 0,5 % dellaliquota speciale per
prestazioni nel settore alberghiero e 0,3 % dellaliquota ridotta) destinato al fnanziamento
dellAVS;
il prodotto di 0,4 punti percentuali (0,4 % dellaliquota normale, 0,2 % dellaliquota speciale
per prestazioni nel settore alberghiero e 0,1 % dellaliquota ridotta) viene impiegato per il f-
nanziamento limitato nel tempo dellAI (dal 1 gennaio 2011 al 31 dicembre 2017);
il prodotto di 0,1 punti percentuali viene impiegato per il fnanziamento di grandi progetti
ferroviari;
del restante importo viene impiegato il 5 per cento per la riduzione dei premi dellassicurazio-
ne malattie a favore delle classi di reddito inferiori.
Nel 2011 il gettito scale conseguito con lIVA ammontato a circa 21,7 miliardi di franchi (credito
lordo prima della deduzione delle perdite su debitori).
46
2 Tasse di bollo federali
Basi giuridiche
Art. 132 cpv. 1 Cost.
Legge federale del 27 giugno 1973 sulle tasse di bollo (LTB)
Le tasse di bollo federali sono tributi riscossi dalla Confederazione su determinate operazioni
nellambito della circolazione giuridica, in particolare sullemissione e sul commercio di titoli, vale a
dire sulla costituzione e circolazione di capitali nonch sui pagamenti dei premi dassicurazione.
La Confederazione riscuote tre tipi di tasse di bollo, vale a dire la tassa demissione, la tassa di
negoziazione e la tassa sui premi dassicurazione.
Tassa demissione
La tassa demissione riscossa in particolare sui diritti di partecipazione svizzeri. Dal 1 marzo 2012
stata soppressa sullemissione di obbligazioni e di carte valori svizzere.
La tassa ha come oggetto lemissione e laumento del valore nominale a titolo oneroso o gratuito
di diritti di partecipazione in forma di azioni di societ anonime svizzere, di quote sociali di societ
svizzere a garanzia limitata, di quote sociali di societ cooperative svizzere, di buoni di godimento
e di buoni di partecipazione di societ o imprese commerciali svizzere di diritto pubblico.
La tassa ammonta a 1 per cento sui diritti di partecipazione svizzeri. Attualmente, in caso di
costituzione o di aumento del capitale di una societ anonima o di una societ a garanzia limitata
dato, generalmente, per diritti di partecipazione emessi a titolo oneroso un limite desenzione di
1 milione di franchi. Lobbligo scale incombe alla societ svizzera.
La costituzione o laumento di diritti di partecipazione in relazione a fusioni, trasformazioni o scis-
sioni di societ di capitali o di societ cooperative nonch il trasferimento di sede di una societ
estera in Svizzera non soggiacciono alla tassa di emissione.
Nel 2011 il gettito lordo della tassa demissione stato di circa 874 milioni di franchi.
Tassa di negoziazione
La tassa di negoziazione riscossa sulle compere e sulle vendite di titoli svizzeri ed esteri con-
cluse da negoziatori di titoli svizzeri.
La tassa ammonta:
all1,5 per mille per i titoli svizzeri; e
al 3,0 per mille per i titoli emessi allestero.
Essa calcolata sul controvalore, vale a dire sul prezzo pagato al momento dellacquisto o della
vendita di un titolo.
Nel 2011 il gettito lordo della tassa di negoziazione stato di circa 1,312 miliardi di franchi.
47
A seguito dellinternazionalizzazione del commercio di titoli e della concorrenza crescente delle
borse estere, negli ultimi anni la tassa di negoziazione stata oggetto di parecchie revisioni, allo
scopo di salvaguardare lattrattiva della piazza nanziaria svizzera.
Attualmente non soggiacciono alla tassa di negoziazione in particolare:
loperazione di emissione (eccettuate le quote di fondi esteri);
le banche o i broker esteri quale controparte;
la borsa estera che agisce in qualit di controparte (ad es. Eurex) nellesercizio di prodotti
derivati standardizzati;
il commercio di diritti dopzione e di opzioni;
il commercio di titoli del mercato monetario;
la parte contraente estera per le transazioni con obbligazioni estere (euro-obbligazioni);
loperazione per lo stock commerciale di un negoziatore professionale;
il commercio per conto di fondi di investimento svizzeri ed esteri;
determinati investitori esteri, ossia investitori istituzionali (Stati, banche centrali, istituti delle
assicurazioni sociali e istituti di previdenza professionale, compagnie dassicurazione sulla
vita);
le societ estere le cui azioni sono quotate presso una borsa riconosciuta (le cosiddette
corporate), comprese le loro societ consolidate appartenenti al medesimo gruppo.
Lobbligo scale incombe al negoziatore svizzero di titoli che partecipa alloperazione imponi bile
in veste di contraente o di mediatore.
Tra i negoziatori di titoli tenuti a versare la tassa di negoziazione gurano, oltre alle banche che
soggiacciono alla legge sulle banche, segnatamente anche consulenti in investimenti, amministra-
tori patrimoniali e societ holding.
Sono parimenti considerati negoziatori di titoli gli istituti svizzeri di previdenza professionale e
vincolata (ad es. casse pensioni), gli enti nazionali pubblici (Confederazione, Cantoni e comuni
politici con i propri stabilimenti), sempre che nei loro conti espongano documenti imponibili per
oltre 10 milioni di franchi, nonch gli istituti svizzeri delle assicurazioni sociali (ad es. fondo di com-
pensazione dellAVS).
In caso di mediazione, il negoziatore di titoli deve la met della tassa per ogni contraente che non
prova di essere registrato come negoziatore di titoli o investitore esentato.
Se il negoziatore svizzero di titoli agisce nel quadro della gestione dei suoi attivi ssi per proprio
conto egli deve, quale contraente, met della tassa per se stesso nonch una (altra) met per la
controparte, nella misura in cui questultima non prova di essere registrata come negoziatore di titoli
o investitore esentato.
48
Tassa sui premi dassicurazione
La tassa sui premi dassicurazione ha per oggetto i pagamenti di premi per lassicurazione di
responsabilit civile, lassicurazione contro lincendio, lassicurazione casco e lassicurazione eco-
nomia domestica.
La tassa calcolata sul premio dassicurazione e ammonta di regola al 5 per cento.
Sono eccettuate le assicurazioni sulla vita riscattabili fnanziate con premio unico per le quali
la tassa del 2,5 per cento.
Lobbligo scale incombe di regola allassicuratore svizzero. Se lassicurazione stata conclusa con
un assicuratore estero, lo stipulante svizzero assoggettato alla tassa.
Non soggiacciono alla tassa in particolare le assicurazioni di persone, ossia le assicurazioni sulla
vita con pagamenti periodici dei premi nonch le assicurazioni contro le malattie e gli infortuni, le
assicurazioni per linvalidit e le assicurazioni contro la disoccupazione.
Nel 2011 il gettito lordo della tassa sui premi dassicurazione ammontato a circa 675 milioni di
franchi.
Riscossione della tassa
Per tutte le tasse di bollo federali, il debitore della tassa deve annunciarsi spontaneamente allAFC,
presentare i rendiconti e i giusticativi richiesti e, in pari tempo, pagare la tassa (principio
dellautoaccertamento).
Sulle imposte non ancora pagate dopo la loro scadenza riscosso, senza difda, un interesse di
mora.
Il trasferimento delle tasse di bollo non prescritto e nemmeno vietato dalla legge. I contribuenti
sono dunque liberi di sopportare essi stessi queste tasse o di addossarle ad altre persone.
49
3 Imposte speciali sul consumo
Le imposte speciali sul consumo prelevate dalla Confederazione comprendono limposta sul
tabacco, limposta sulla birra, limposta sugli oli minerali, limposta sugli autoveicoli e limposta sulle
bevande distillate.
3.1 Imposta sul tabacco
Basi giuridiche
Art. 131 cpv. 1 lett. a Cost.
Legge federale del 21 marzo 1969 sullimposizione del tabacco (LImT)
Ordinanza del 14 ottobre 2009 sullimposizione del tabacco (OLmT)
Oggetto di questa imposta sono i tabacchi manufatti fabbricati industrialmente in Svizzera e pronti
al consumo e i tabacchi manufatti importati e derivati da essi.
Per i tabacchi manufatti in Svizzera sono soggetti allimposta i fabbricanti del prodotto pronto al
consumo, mentre per i prodotti importati lo sono i debitori doganali.
Le aliquote sono le seguenti:
per le sigarette limposta calcolata al pezzo (componente scale specica) e in percento
del prezzo di vendita al minuto. Essa ammonta a 11,832 centesimi al pezzo e al 25 per cento
del prezzo di vendita al minuto, ma almeno a 21,210 centesimi al pezzo (valevole dal 1 aprile
2013);
Osservazione:
Per un pacchetto di sigarette venduto al prezzo di fr. 8,00 limposta complessiva ammonta a
fr. 4,959 e si compone di fr. 4,366 di imposta sul tabacco, dellIVA (pari all8 per cento del
prezzo di vendita, ovvero fr. 0,593) e di diversi altri tributi (pari a fr. 0,052).
50
per i sigari limposta ammonta a 0,56 centesimi al pezzo e all1 per cento del prezzo di vendita
al minuto (valevole dal 1 aprile 2013);
per il tabacco tranciato ne limposta ammonta a 38 franchi al chilogrammo pi il 25 per
cento del prezzo di vendita al minuto, ma almeno a 80 franchi al chilogrammo (peso effettivo;
valevole dal 1 aprile 2013);
per il tabacco da fumo diverso dal tabacco tranciato ne limposta ammonta al 12 per
cento del prezzo di vendita al minuto (valevole dal 1 aprile 2013);
per il tabacco da uto o da masticare limposta ammonta al 6 per cento del prezzo di vendita
al minuto (valevole dal 1 aprile 2013).
Limposta riscossa dallAFD. Limposta sulle merci prodotte in Svizzera stabilita secondo il prin-
cipio dellautoaccertamento mentre quella per i prodotti importati secondo le vigenti prescrizioni
doganali.
Le entrate complessive dellimposta sul tabacco (ca. 2,208 miliardi di franchi nel 2011) sono intera-
mente imperativamente vincolate al conanziamento dellAVS/AI.
3.2 Imposta sulla birra
Basi giuridiche
Art. 131 cpv. 1 lett. c Cost.
Legge federale del 6 ottobre 2006 sullimposizione della birra (LIB)
Ordinanza del 15 giugno 2007 sullimposizione della birra (OIbir)
Sono soggetti allimposta i fabbricanti indigeni (birrerie) per la consegna a carattere commercia-
le di birra indigena e i debitori doganali per la birra importata.
51
Limposta sulla birra calcolata per ettolitro e in base al tenore di mosto iniziale, espresso in gradi
Plato.
Limposta ammonta a:
birra leggera (no a 10,0 gradi Plato) fr. 16.88 per ettolitro
birra normale e birra speciale (da 10,1 a 14,0 gradi Plato) fr. 25.32 per ettolitro
birra forte (da 14,1 gradi Plato) fr. 33.76 per ettolitro
La birra il cui tenore alcolico non supera lo 0,5 per cento del volume (birra senzalcol) esente
dallimposta.
Laliquota dimposta applicabile alla birra fabbricata mediante ammostatura in stabilimenti di
fabbricazione autonomi la cui produzione annua inferiore a 55 000 ettolitri ridotta come segue:
al 90 per cento, se la produzione annua di 45 000 ettolitri;
all80 per cento, se la produzione annua di 35 000 ettolitri;
al 70 per cento, se la produzione annua di 25 000 ettolitri;
al 60 per cento, se la produzione annua non superiore a 15 000 ettolitri.
Limposta riscossa dallAFD. Per la birra indigena essa stabilita sulla base dellautoaccerta mento,
mentre per quella importata essa dovuta conformemente alle disposizioni applicabili in materia
doganale. Nel 2011 il gettito dellimposta sulla birra ammontato a circa 112 milioni di franchi.
3.3 Imposta sugli oli minerali
Basi giuridiche
Art. 131 cpv. 1 lett. e Cost.
Legge federale del 21 giugno 1996 sullimposizione degli oli minerali (LIOm)
Questa speciale imposta sul consumo comprende:
unimposta sullolio di petrolio, su altri oli minerali, sul gas naturale e sui prodotti ottenuti dal-
la loro lavorazione nonch sui carburanti;
un supplemento dimposta sugli oli minerali gravante i carburanti.
Limposta sugli oli minerali varia notevolmente a seconda del prodotto e delluso cui destinato
(carburante, combustibile, scopi tecnici). Lonere scale ammonta ad esempio al litro:
benzina 73,12 centesimi (compreso il supplemento sul
carburante di 30 cts. al litro);
olio diesel 75,87 centesimi (compreso il supplemento sul
carburante di 30 cts. al litro);
olio da riscaldamento extra leggero 0,3 centesimi
11)
.
Agevolazioni scali sono previste ad esempio per i carburanti usati nellagricoltura, nella silvicol tura
e per la pesca professionale o da imprese di trasporto concessionarie.
Inoltre, da inizio luglio 2008 vengono concesse agevolazioni scali per carburanti provenienti da
materie prime rinnovabili, a condizione che soddisno le esigenze ecologiche e sociali minime sta-
bilite dal Consiglio federale.
11) Lolio da riscaldamento ultra leggero soggetto inoltre ad unulteriore tassa sul CO2 di 9,55 centesimi al litro.
52
I principi per la riscossione dellimposta sugli oli minerali sono i seguenti:
dal punto di vista fscale le merci importate e quelle fabbricate e ottenute in territorio svizzero
vengono trattate alla stessa stregua. Per territorio svizzero sintende il territorio della Confe-
derazione, comprese le enclavi doganali estere. Lenclavi svizzere di Samnaun e Sampuoir
non fanno parte del territorio svizzero;
il credito fscale sorge con limmissione in consumo delle merci. Lo stesso dicasi per le merci
importate. Per le merci in depositi autorizzati, trattasi del momento in cui le merci lasciano il
deposito o vi sono utilizzate;
la base imponibile viene fssata per ogni 1000 litri a 15 C; per i distillati pesanti e alcuni altri
prodotti viene ssata per ogni 1000 kg di massa netta. Limposizione secondo il volume
garantisce un aggravio scale uniforme, indipendentemente dalla densit del rispettivo pro-
dotto;
i proprietari di depositi autorizzati e di scorte obbligatorie trasmettono la dichiarazione fscale
in forma elettronica. Tale procedimento pu essere rivendicato anche dagli importatori;
i depositi autorizzati servono per limmagazzinamento, la raffnatura, la fabbricazione e lot-
tenimento di merci non tassate. Tali procedimenti devono avvenire sempre in un deposito
autorizzato;
il gasolio utilizzato come olio da riscaldamento in una forma extra leggera viene contrasse-
gnato e colorato per essere distinto sicamente dallolio diesel.
Nel 2011, limposta sugli oli minerali e il supplemento sul carburante hanno gravato i consumatori
per circa 5,02 miliardi di franchi, ovvero 3,01 miliardi dimposta sugli oli minerali e 2,01 miliardi di
supplemento scale sugli oli minerali. La met delle entrate nette provenienti dallimposta sugli oli
minerali e lintero provento del supplemento sono vincolati a compiti in relazione con il trafco stra-
dale ed aereo (ca. 3,50 miliardi di franchi). I rimanenti proventi netti (ca. 1,52 miliardi di franchi) sono
destinati a spese generali del bilancio federale.
3.4 Imposta sugli autoveicoli
Basi giuridiche
Art. 131 cpv. 1 lett. d Cost.
Legge federale del 21 giugno 1996 sullimposizione degli autoveicoli (LIAut)
LAFD riscuote sul valore di autoveicoli allatto della loro importazione e fabbricazione in Svizzera
unimposta pari al 4 per cento.
Osservazione:
Questa imposta ha sostituito i precedenti dazi riscossi sugli autoveicoli e sulle loro parti.
Ai sensi della legge sono considerati autoveicoli i veicoli commerciali leggeri (compresi i furgon cini)
di un peso unitario non eccedente 1 600 kg e le autovetture. Vista lesiguit della produzione nazio-
nale, il 99,9 per cento delle entrate (nel 2011 ca. 408 milioni di franchi) riscosso allimportazione.
Non sono assoggettati allimposta segnatamente i veicoli elettrici.
Diversamente dai dazi o da altre imposte speciali sul consumo, occorre evidenziare che limposta
sugli autoveicoli viene riscossa anche nelle enclavi doganali di Samnaun.
53
3.5 Imposta sulle bevande distillate
Basi giuridiche
Art. 131 cpv. 1 lett. b Cost.
Legge federale del 21 giugno 1932 sulle bevande distillate (LAlc)
Le bevande distillate prodotte in Svizzera sono soggette a imposta, mentre i prodotti importati
soggiacciono alle cosiddette tasse di monopolio.
Sono esenti da imposta soltanto le acquaviti che sono destinate esclusivamente al fabbisogno per-
sonale dei produttori domestici. Nellambito del trafco turistico, le persone di pi di 17 anni pos-
sono inoltre importare esenti da tasse doganali e di monopolio due litri di alcol no al 15 per cento
del volume compreso e un litro oltre il 15 per cento del volume.
Le bevande distillate indigene e importate sottostanno alla stessa imposizione, calcolata su una
base imponibile unitaria. Laliquota unitaria dimposizione ammonta a 29 franchi per litro
anidro di alcol.
Limposizione ridotta del 50 per cento per:
i vini di frutta, di bacche o di altre materie prime con un tenore alcolico superiore al 15 per
cento del volume, no a un massimo del 22 per cento del volume, nonch i vini naturali di uve
fresche con un tenore alcolico superiore al 18 per cento del volume, no a un massimo del
22 per cento del volume;
le specialit di vino, i vini dolci e le mistelle con un tenore alcolico massimo del 22 per cento
del volume;
i vermut e altri vini di uve fresche aromatizzati con piante o altre sostanze con un tenore
alcolico massimo del 22 per cento del volume.
54
Nel 2003 il Parlamento ha approvato una tassa speciale sugli alcopop. Questa tassa sulle bevan-
de alcoliche simili alla limonata stata aumentata del 300 per cento rispetto alla tassa sullalcol. Gli
alcopop sono quindi gravati di una tassa equivalente a 116 franchi per litro di alcol puro, che corri-
sponde a 1.80 franchi per una bottiglietta di 2,75 dl con un tenore alcolico del 5,6 per cento del
volume. Questa tassa speciale entrata in vigore il 1 febbraio 2004.
Dal 1 luglio 2009 accordata unagevolazione scale del 30 per cento ai piccoli produttori per i
primi 30 litri anidri di alcol allanno, a condizione che le materie prime provengano esclusivamente
dal proprio raccolto o che siano state raccolte personalmente allo stato selvatico.
Le bevande distillate indigene e importate possono essere gestite in sospensione dimposta allin-
terno di un deposito scale. La tassa sullalcool percepita al momento in cui le bevande distillate
escono dal sistema del deposito scale.
Allinterno del Paese, le tasse sono riscosse dalla Regia federale degli alcool (RFA). Le tasse al con-
ne sono percepite dallAFD per conto della RFA.
Dallattivit della RFA risulta un prodotto netto annuo. Il 90 per cento di questo importo versato
alle assicurazioni sociali AVS e AI. Il rimanente 10 per cento ripartito fra i Cantoni che sono tenuti
a impiegarlo per combattere, nelle sue cause e nei suoi effetti, labuso di sostanze che generano
dipendenza.
Nel 2011 il prodotto netto della RFA ammontato a circa 269 milioni di franchi.
55
C) Dazi e tributi doganali
Basi giuridiche
Art. 133 Cost.
Legge del 18 marzo 2005 sulle dogane (LD)
Legge del 9 ottobre 1986 sulla tariffa delle dogane (LTD)
1 Considerazioni generali
Per quanto concerne i dazi, il processo dimposizione nasce allatto in cui la merce varca il con-
ne. Lobbligo doganale sorge quindi anche se la merce non viene immessa in consumo, ma ad
esempio riesportata. Dal punto di vista del diritto scale, i dazi costituiscono quindi una tassa su-
gli scambi economici.
Secondo lart. 133 Cost., la Confederazione pu percepire dazi e altri tributi sul trafco transfron-
taliero delle merci. Le particolarit sono menzionate nella tariffa delle dogane (allegato alla legge
sulla tariffa delle dogane).
Le aliquote sono quasi tutte determinate in base al peso (ad es. X fr. per 100 kg peso lordo).
Il prodotto dei dazi devoluto alla Cassa federale e nel 2011 ammontato a circa 1,046 miliardi di
franchi.
56
2 Dazi allimportazione
2.1 Tariffa duso
Lo schema tariffale si fonda sullappendice della Convenzione internazionale sul sistema armo-
nizzato di designazione e codicazione delle merci. La tariffa doganale contiene circa 8 000 voci
tariffali e le aliquote della tariffa generale le quali fatte salve singole eccezioni sono vincolate
dallAccordo GATT.
Con lentrata in vigore dellAccordo GATT/OMC, il 1 luglio 1995, le aliquote di dazio costituiscono
il pi importante strumento di protezione al conne, poich la maggior parte dei tributi riscossi allim-
portazione stata trasformata in dazi.
Le aliquote di dazio della tariffa duso risultano da accordi internazionali o da deroghe dalla tariffa
generale stabilite in modo autonomo.
2.2 Preferenze doganali
La Svizzera ha concluso accordi di libero scambio con diversi Stati e gruppi di Stati: Conven zione
AELS, Accordo di libero scambio Svizzera-CE, Accordi con la Turchia, Israele, lAutorit nazionale
palestinese (ANP), le Isole Faroe, il Marocco, il Messico, la Croazia, la Giordania, la Macedonia,
Singapore, il Cile, la Tunisia, la repubblica di Corea, lEgitto, il Libano e la SACU (Unione doganale
dellAfrica australe: Botswana, Lesotho, Namibia, Sudafrica e Swaziland), il Canada, il Giappone, la
Serbia, lAlbania, la Colombia, il Peru, lUcraina, il Montenegro ed Hong Kong.
Una merce pu fruire di preferenze doganali (franchigia o riduzione di dazio) soltanto se adempie
le disposizioni contrattuali in materia di origine del rispettivo accordo e se viene presentata una
prova dellorigine valida. Anche ai Paesi in via di sviluppo sono accordate unilateralmente prefe-
renze doganali.
2.3 Elementi mobili
Al ne di compensare landicap in materia di prezzi cui confrontata lindustria alimentare svizzera
sul mercato interno, su determinati prodotti agricoli trasformati vengono riscossi elementi tariffali
mobili. Landicap in materia di prezzi deriva dal fatto che lindustria svizzera deve produrre con
materie di base pi care di quelle utilizzate dalla concorrenza estera. Con la riscossione di ele menti
mobili, i prezzi dei prodotti importati vengono portati al livello svizzero.
57
Imposte sul reddito e sulla sostanza
nonch altre imposte dirette
Imposta sul reddito e sulla sostanza
Imposta personale
Imposta sullutile e sul capitale
Imposta sulle successioni e donazioni
Imposta sui proventi da concorsi
pronostici e simili
Imposta sugli utili immobiliari
Imposta immobiliare
Tassa di mutazione
Tassa cantonale sulle case da gioco
Imposte sul possesso
e sul dispendio
Imposta di circolazione
Imposta sui cani
Imposta sugli spettacoli
Imposta di bollo cantonale
Tassa sulle lotterie e
manifestazioni analoghe
Diritti dacqua
Diverse
26 Cantoni
Le imposte cantonali e comunali
Basi giuridiche
26 legislazioni tributarie cantonali, diverse regolamentazioni comunali (in ragione del federalismo ogni Cantone
possiede una propria legislazione tributaria).
Legge federale del 14 dicembre 1990 sullarmonizzazione delle imposte dirette dei Cantoni e dei Comuni (LAID;
cfr. al riguardo il capitolo dedicato allarmonizzazione scale a pag. 29).
Come gi detto pi sopra i Cantoni sono autorizzati a prelevare le imposte che non competono in
modo esclusivo alla Confederazione.
Diversamente i comuni possono riscuotere imposte solo entro i limiti dellautorizzazione accor data
loro dai Cantoni (sovranit scale delegata). Nella maggior parte dei casi i comuni prelevano le loro
imposte sotto forma di supplementi allimposta cantonale (coefciente dimposta comunale, molti-
plicatore) o partecipando solo al gettito scale cantonale.
12)
12) Cantone BS: la citt di Basilea non riscuote nessuna imposta comunale, poich il diritto di prelevare imposte
spetta unicamente al Cantone. Per contro i comuni rurali di Bettingen e Riehen prelevano imposte comunali
sotto forma di complemento alle imposte cantonali sul reddito, sulla sostanza e sugli utili immobiliari, per le
quali essi possiedono i loro propri moltiplicatori annui, espressi in percento dellimposta cantonale dovuta.
Ne consegue che dagli abitanti di questi due comuni rurali il Cantone preleva soltanto il 55 per cento dellim-
posta cantonale sul reddito, sulla sostanza e sugli utili immobiliari.
58
In alcuni Cantoni le imposte prelevate dai comuni sono ancorate nei regolamenti comunali mentre
in altri Cantoni in leggi cantonali.
Nella legge sulle imposte dirette del Canton UR le aliquote applicate da Cantone, comuni e comu-
nit parrocchiali sono indicate separatamente. Inoltre queste tre autorit scali ssano annual mente
il moltiplicatore dimposta.
Nel Cantone SZ i circondari applicano un proprio moltiplicatore dimposta annuo.
In quasi tutti i Cantoni le Parrocchie delle tre Chiese nazionali (protestante, cattolica romana e
se rappresentata cattolica cristiana) prelevano unimposta di culto presso i loro membri e nella
maggior parte dei casi anche presso le persone giuridiche assoggettate nel Cantone.
13)
A prima vista lelevato numero di imposte prelevate da Confederazione, Cantoni e comuni pu for-
se sorprendere. Se si effettua per un confronto con altri Stati esteri, la Svizzera non si distingue
affatto per la quantit di imposte riscosse. La peculiarit del nostro sistema costituita piuttosto
dalla mancanza di una regolamentazione legale uniforme, valida sullintero territorio nazionale per
ogni singola imposta e, soprattutto, per le imposte dirette.
13) Il Cantone VD non preleva unimposta di culto separata, poich le spese di culto sono finanziate con il gettito
delle imposte ordinarie. Nel Cantone VS, dove queste spese sono incluse nel preventivo del comune, limposta
di culto riscossa solo in alcuni comuni.
Per le persone fisiche il pagamento dellimposta di culto facoltativa nei Cantoni TI, NE e GE.
Per le persone giuridiche il pagamento dellimposta di culto facoltativa nei Cantoni TI e NE. I Cantoni SO,
BS, SH, AR, SG, AG e GE non prelevano alcuna imposta di culto presso le persone giuridiche.
Imposte sul reddito e sulla sostanza
nonch altre imposte dirette
Imposta sul reddito e sulla sostanza
Imposta personale
Imposta sullutile e sul capitale
Imposta sulle successioni e donazioni
Imposta sui proventi da concorsi
pronostici e simili
Imposta sugli utili immobiliari
Imposta immobiliare
Tassa di mutazione
Tassa professionale
Imposte sul possesso
e sul dispendio
Imposta sui cani
Imposta sugli spettacoli
Diverse
2 400 comuni
59
A) Imposte sul reddito e sulla sostanza
nonch altre imposte dirette
Osservazioni introduttive
Le imposte sul reddito e sulla sostanza sono prelevate periodicamente ragion per cui la loro
riscossione avviene sulla base di una delimitazione temporale. Il periodo scale costituisce il lasso
di tempo per il quale dovuta limposta. Ai ni del calcolo dellimposta e della tassazione riveste
inoltre importanza il periodo di computo (periodo in cui conseguito il reddito determinante per il
calcolo dellimposta). Per la determinazione della sostanza decisivo il valore ad essa attribuito a
una certa data di riferimento (31.12).
Tutti i Cantoni determinano limposta in base al sistema postnumerando con tassazione annua,
il quale prende in considerazione il reddito effettivamente conseguito. Il periodo di computo coin-
cide quindi con il periodo scale (anno scale).
Di regola queste imposte sono accertate annualmente sulla base di una dichiarazione dimposta
che il contribuente deve compilare e ritornare allAmministrazione delle contribuzioni.
In generale limposta dovuta accertata in due fasi, vale a dire attraverso laliquota dimposta ssata
dalla legge e il coefciente stabilito periodicamente.
Le legislazioni tributarie di questi Cantoni contengono soltanto la cosiddetta tariffa di base dellim-
posta, vale a dire valori semplici. Limposta risultante dalla tariffa di base limposta semplice.
Limposta cantonale o comunale effettivamente dovuta si ottiene generalmente moltiplicando
limposta semplice per un determinato coefciente, ovvero per un numero indice ssato di regola
ogni anno dal Legislativo.
In materia di imposte sul reddito e sulla sostanza delle persone siche, i comuni ricorrono di solito
alle stesse basi di calcolo e alla stessa tariffa applicate dai Cantoni.
I comuni prelevano le loro imposte quale multiplo (espresso in termini assoluti o in percento) della
tariffa cantonale di base, vale a dire dellimposta semplice cantonale o come percentuale dellim-
posta cantonale effettivamente dovuta (moltiplicatore).
Salvo rare eccezioni questo modo di procedere vale anche per le imposte comunali sullutile e sul
capitale delle persone giuridiche.
60
1 Imposta sul reddito delle persone fisiche
Tutti i Cantoni e comuni conoscono attualmente il sistema dellimposta generale sul reddito con
unimposta complementare sulla sostanza. Per la sua struttura, limposta sul reddito simile allIFD
delle persone siche.
In tutti i Cantoni tassato il reddito complessivo, senza distinzione dei singoli elementi che lo com-
pongono n della loro fonte
14)
. Le persone siche devono quindi dichiarare il loro reddito comples-
sivo da attivit indipendente o dipendente, i guadagni accessori di ogni genere e i redditi realiz zati
in via di compensazione nonch i proventi della sostanza mobiliare, dei beni immobili ecc.
Per le persone coniugate, il sistema scale svizzero si fonda sul principio dellimposizione della
famiglia
15)
. Pertanto i redditi dei contribuenti coniugati che vivono effettivamente in comu-
nione domestica vengono cumulati al pari del reddito dei gli minorenni che viene aggiunto a
quello del detentore dellautorit parentale. fatta eccezione per il reddito dellattivit lucrativa dei
gli minorenni espressamente assoggettato a un obbligo di tassazione separata.
14) Uneccezione costituita dallimposizione parziale dei dividendi, che stata accettata dal Popolo quale parte
integrante della riforma II dellimposizione delle imprese.
15) Promemoria:
La legislazione tributaria svizzera si basa sul principio secondo cui i coniugi costituiscono unentit econo-
mica per cui devono essere tassati congiuntamente.
Secondo la legge federale del 18 giugno 2004 sullunione domestica registrata di coppie omosessuali, questo
sistema di imposizione della famiglia stato esteso con effetto al 1 gennaio 2007 alle coppie omosessuali
che vivono nella stessa economia domestica e che sono riconosciute come tali (unione domestica regi strata).
Questo principio della tassazione congiunta dei coniugi o delle unioni domestiche registrate non pi appli-
cabile se i coniugi o le coppie di omosessuali vivono separatamente. In questo caso viene effettuata una
tassazione separata, indipendentemente dal fatto che la separazione sia giudiziale o meno. sufficiente una
separazione di fatto.
61
Dal reddito lordo complessivo, in tutti i Cantoni possono essere dedotte le spese necessarie a
conseguire il reddito (ad es. spese professionali e per il conseguimento del reddito).
Sono inoltre concesse deduzioni generali (deduzioni per contributi assicurativi, premi e contri buti
allAVS/AI/IPG/AD, per contributi alla previdenza professionale e individuale, deduzione per atti vit
lucrativa di entrambi i coniugi, per interessi su debiti privati no a un determinato importo ecc.) non-
ch deduzioni sociali (deduzioni per coniugi, deduzioni per famiglie monoparentali, deduzioni per
i gli, deduzioni per persone bisognose a carico ecc.). Lammontare di queste deduzioni varia in
modo considerevole da Cantone a Cantone.
In quasi tutti i Cantoni le tariffe dellimposta sul reddito sono strutturate in modo progres-
sivo
16)
, vale a dire laliquota dimposta cresce con laumentare del reddito no a un determinato
limite. La progressivit delle tariffe varia da Cantone a Cantone.
Tutti i Cantoni tengono conto della situazione familiare, in quanto in luogo o in aggiunta alla
deduzione per coniugi prevedono sgravi per coniugi e contribuenti ad essi paricati (ad es. fami-
glie monoparentali, unioni domestiche registrate; vedi allegato II).
Imposizione alla fonte
Tutti i Cantoni tassano alla fonte (imposta alla fonte) il reddito del lavoro di cittadini stranieri che non
sono in possesso di un permesso di domicilio (permesso C).
17)
Il datore di lavoro deve dedurre detta imposta dal reddito dattivit lucrativa e versarla allautorit
scale. Limposta alla fonte copre le imposte sul reddito della Confederazione (IFD), del Cantone e
del comune (compresa leventuale imposta di culto).
Imposizione secondo il dispendio
Nella maggioranza dei Cantoni
18)
i cittadini stranieri e gli svizzeri che per la prima volta o dopo
unassenza di almeno dieci anni acquisiscono domicilio o dimora scale in Svizzera senza eserci-
tarvi attivit lucrativa hanno il diritto di pagare, invece dellimposta sul reddito (con la presenta zione
di una dichiarazione dimposta), unimposta calcolata sul dispendio no alla scadenza del periodo
scale in corso (in alcuni Cantoni: pagamento delle imposte sul reddito e sulla sostanza calcolate
secondo il dispendio).
In questo ultimo caso limposta di solito calcolata in base al dispendio annuo del contribuente e
della sua famiglia. Essa non pu per essere inferiore alle imposte accertate in via ordinaria sugli
elementi del reddito e della sostanza di fonte svizzera.
16) Cantoni UR e OW: la tariffa dellimposta sul reddito strutturata in modo proporzionale (flat rate tax).
17) Il Cantone GE tassa pure alla fonte il reddito di figli minorenni indipendentemente dalla loro nazionalit.
18) Cantone ZH e SH: limposizione secondo il dispendio possibile unicamente nellanno di arrivo e solo fino al
termine del periodo fiscale corrente, nei Cantoni BL e AR a partire dal 1 gennaio 2013 e nel Cantone BS a
partire dal 1 gennaio 2014.
62
2 Imposta personale
Questa imposta cantonale e/o comunale, di regola ssa, dovuta in alcuni Cantoni (ZH, LU, UR
19)
,
NW, SO, SH, TI, VD, VS e GE) dalle persone maggiorenni
20)
o che esercitano unattivit lucrativa.
Essa riscossa oltre allimposta sul reddito e il suo importo modico.
Nel Cantone VD solo i comuni sono autorizzati a prelevare questa imposta. Comunque non esiste
nessun obbligo (imposta comunale facoltativa).
3 Imposta sulla sostanza delle persone fisiche
Tutti i Cantoni e i comuni prelevano unimposta sulla sostanza delle persone siche, che tassata
ogni anno contestualmente allimposta sul reddito (una sola dichiarazione dimposta per entrambe
le imposte).
21)
Oggetto di questa imposta di regola la sostanza complessiva, che comprende tutti i beni e i
diritti di cui il contribuente proprietario o usufruttuario. La sostanza valutata generalmente al
valore venale.
Nella sostanza imponibile rientrano in particolare i beni mobili (ad es. titoli, averi bancari, autovei-
coli) e quelli immobili (ad. es. terreni), le assicurazioni sulla vita e di rendita suscettibili di riscatto
nonch la sostanza investita in unazienda commerciale o agricola.
Il mobilio domestico e gli oggetti di uso personale non vengono tassati.
19) Cantone UR: la tassa percepita dal comune e dalle comunit parrocchiali.
20) Cantone TI: limposta riscossa solo presso persone che hanno compiuto il ventesimo anno di et.
21) Cantone BS: il comune di Basilea Citt non prevede alcuna imposta comunale.
63
La base di calcolo per stabilire limposta sulla sostanza data dalla sostanza netta, che corri-
sponde alla sostanza lorda del contribuente dopo la deduzione dei debiti complessivi comprovati.
Dalla sostanza netta si possono inoltre operare speciali deduzioni sociali, che differiscono comun-
que da Cantone a Cantone. Alcuni Cantoni non prevedono deduzioni sociali, ma hanno un minimo
esente da imposta, che pu essere piuttosto alto e che varia parecchio da un Cantone allaltro.
Nella maggior parte dei casi le tariffe dellimposta sulla sostanza sono strutturate in modo
progressivo. I Cantoni LU, UR, SZ, OW, NW, GL, AI, SG e TG hanno aliquote dimposta sse
(imposte proporzionali).
Tenendo conto delle deduzioni concesse e dei minimi esenti da imposta, linizio dellobbligo di
imposizione sulla sostanza cambia molto (nel 2011, per un contribuente coniugato senza gli gli
importi variano ad es. tra 51 000 e 261 000 franchi di sostanza netta) da un Cantone allaltro.
I cittadini stranieri che pagano limposta secondo il dispendio saldano in tal modo anche limposta
cantonale sulla sostanza.
4 Imposta sullutile e sul capitale delle persone giuridiche
Come per lIFD anche per le imposte cantonali e comunali vale il principio secondo cui le persone
giuridiche devono pagare le imposte nel luogo in cui hanno la loro sede o amministrazione o in virt
della loro appartenenza economica.
Per le societ di capitali e le societ cooperative tutti i Cantoni e comuni (ad eccezione di UR
e BS
22)
) prevedono unimposta sullutile netto nonch unimposta sul capitale azionario o sociale
liberato e sulle riserve.
Limposta ssata per ogni periodo scale, corrispondente allesercizio commerciale.
22) Cantone UR: le persone giuridiche non soggiacciono allimposta cantonale per il capitale. Solamente le holding
e le societ damministrazione versano al cantone unimposta privilegiata sul capitale.
Cantone BS: le persone giuridiche non soggiacciono allimposta comunale.
64
Nella maggior parte dei casi le imposte sullutile netto sono ssate in modo proporzionale (aliquo-
ta ssa). Laliquota espressa in percento dipende talvolta dallintensit del rendimento o dalla ren-
dita (utile in relazione a capitale e riserve):
aliquota proporzionale (aliquota ssa): ZH, LU, UR, SZ, OW, NW, GL, SH, AR, AI, SG, GR,
AG, TG, TI, VD, GE e JU; cos come FR e NE ove la tariffa per gli utili no a un determinato
importo (50000, risp. 40000 fr.) progressiva;
sistema misto in cui due o tre diverse aliquote vengono combinate a seconda dellintensit
del rendimento o dellammontare dellutile: BE, ZG, SO, BS, BL e VS.
In quasi tutti i Cantoni limposta sul capitale, espressa in per mille, proporzionale. Nei Cantoni
GR e VS, per contro, la tariffa leggermente progressiva (aliquota doppia).
Dallapprovazione della riforma II dellimposizione delle imprese i Cantoni possono computare lim-
posta sullutile nellimposta sul capitale (art. 30 cpv. 2 LAID).
Le societ di capitali i cui redditi provengono in tutto o in parte da partecipazioni svizzere ed estere
(societ holding e societ di partecipazione) beneciano in tutti i Cantoni di riduzioni scali.
A titolo desempio le societ che non esercitano alcuna attivit economica in Svizzera e il cui scopo
consiste principalmente nellamministrazione a lungo termine di partecipazioni non devono pagare
nessuna imposta sullutile netto, qualora le partecipazioni o il rendimento complessivo delle
stesse ammontino ad almeno due terzi dellattivo o del rendimento complessivo (societ holding).
Con la concessione di queste riduzioni scali dovrebbe essere evitata una multipla imposizione
economica.
Sulle societ holding i Cantoni riscuotono soltanto unimposta ridotta sul capitale.
Al pari della Confederazione, tutti i Cantoni impongono secondo la procedura ordinaria lutile con-
seguito con una propriet fondiaria situata in Svizzera (nel Cantone).
Sono considerate societ damministrazione (societ di sede e societ miste) quelle che hanno
soltanto la loro sede nel Cantone, ove non esercitano nessuna attivit economica vera e propria o
ne esercitano una secondaria, in quanto le loro attivit sono svolte quasi esclusivamente allestero.
Queste societ godono parimenti di un trattamento scale speciale, poich il loro ricavo da par-
tecipazioni esente da imposta, mentre gli altri proventi ottenuti in Svizzera (in caso di attivit
accessoria nel settore commerciale o industriale) sono interamente assoggettati alla tariffa ordina-
ria. Gli introiti provenienti dallestero sono imposti in funzione dellimportanza dellattivit ammini-
strativa rispettivamente commerciale in Svizzera.
Per quanto riguarda limposta sul capitale, la maggior parte dei Cantoni applica tariffe ridotte simili
o persino identiche a quelle previste per le societ holding.
I Cantoni possono inoltre, per via legislativa, concedere alle societ di nuova costituzione che
favoriscono gli interessi economici del Cantone agevolazioni sotto forma di esenzioni totali o par-
ziali per un periodo massimo di dieci anni.
Limposizione dellutile delle altre persone giuridiche (associazioni, fondazioni ecc.) avviene prin-
cipalmente in modo analogo a quella delle altre societ di capitali. Spesso vengono per appli cate
altre tariffe (spesso una tariffa propria, in certi casi quella prevista per le societ di capitali e in pochi
casi quella dellimposta sul reddito delle persone siche).
Quasi tutti i Cantoni assoggettano la sostanza delle suddette corporazioni a unimposta sul capi-
tale secondo le disposizioni vigenti per le persone siche, applicando tuttavia nella maggior parte
dei casi unaltra tariffa oppure altre aliquote dimposta.
65
Imposta minima
In materia di imposta sul capitale, la maggior parte dei Cantoni grava con un onere scale minimo
le societ di capitali e le societ cooperative; per limposta cantonale questo onere minimo varia da
Cantone a Cantone ed compreso tra 100 e 500 franchi allanno. A questo si aggiunge eventual-
mente limposta comunale.
Allo scopo di imporre pure le aziende che non si preggono di realizzare utili ma che rivestono unim-
portanza economica, i Cantoni (LU, OW, NW, FR, BS, SH, AR, TG, TI, VD e VS) assoggettano talune
persone giuridiche a unimposta minima calcolata sul fatturato, sulla propriet fondiaria o sul
capitale investito. Questa imposta viene riscossa in luogo dellimposta ordinaria sullutile e sul
capitale quando questultima pi elevata dellimposta minima.
66
5 Imposta sulle successioni e donazioni
Le imposte sulle successioni e donazioni non sono prelevate dalla Confederazione, bens unica-
mente dai Cantoni. In pochi Cantoni la facolt di prelevare imposte sulle successioni e donazioni
spetta anche ai comuni. La maggior parte di questi non preleva per direttamente questa imposta
ma partecipa solo al gettito dellimposta cantonale.
23)
Mentre quasi tutti i Cantoni sottopongono a imposta sia le successioni sia le donazioni, il Can-
tone LU non assoggetta le donazioni
24)
. Il Cantone SZ non riscuote imposte n sulle successioni
n sulle donazioni.
Limposta sulle successioni ha come oggetto la trasmissione di beni per successione legittima
nonch mediante istituzione di erede o legato.
Limposta sulle donazioni grava tutte le liberalit e assegnazioni fra vivi. Per donazione fa stato,
di regola, la denizione data dal diritto civile.
Per quanto concerne la riscossione dellimposta sulle successioni di beni mobili, questa spetta al
Cantone in cui il defunto aveva il suo ultimo domicilio.
La trasmissione dei beni immobili per contro imponibile nel Cantone in cui si trovano i fondi.
Le donazioni di beni mobili sono soggette allimposta nel Cantone in cui il donante era domici liato
al momento della donazione, mentre quelle di beni immobili sono assoggettate nei Cantoni in cui
si trovano detti beni.
23) Cantone ZG: limposta prelevata dal Cantone, ma il gettito va ai comuni.
Cantone GR: i comuni hanno una sovranit fiscale propria.
24) Cantone LU: le donazioni effettuate negli ultimi cinque anni prima della morte del de cuius sono tuttavia incluse
nel calcolo dellimposta sulle successioni.
67
Limposta sulle successioni quasi ovunque unimposta sulle quote ereditarie, per cui prele-
vata sulla parte di ogni erede o legatario.
Nel Cantone SO, oltre allimposta sulle quote ereditarie, inoltre riscossa unimposta sulla massa
successoria sullinsieme della successione di una persona defunta prima della divisione. Il Cantone
GR preleva unicamente limposta sulla massa successoria e i suoi comuni possono prelevare in
aggiunta unimposta sulle quote ereditarie.
In tutti i Cantoni sono di principio assoggettati allimposta i beneciari dei beni trasmessi per suc-
cessione, liberalit o donazione. In materia di imposta sulle successioni questi sono pertanto gli
eredi e i legatari, mentre per limposta sulle donazioni sono i beneciari della donazione.
Limposta sulle successioni e donazioni unimposta unica, riscossa una sola volta. Nel caso delle
successioni viene di regola calcolata sul valore della successione al momento della morte del
disponente e, per le donazioni, sul valore delle stesse al momento della devoluzione dei beni.
Di principio, per il calcolo di queste imposte determinante il valore venale. Vi sono comunque
regolamentazioni derogatorie applicabili segnatamente ai titoli, agli immobili e alle prestazioni
dassicurazione.
Esenzioni scali, deduzioni personali o importi esenti da imposta differiscono notevolmente da
Cantone a Cantone.
Il coniuge superstite esonerato in tutti i Cantoni.
25)
Gli eredi diretti sono esonerati dallimposta nella maggior parte dei Cantoni, ad ecce-
zione di AI (deduzione 300 000 fr.), VD (esenzione per i primi 250 000 fr., in seguito dedu zione
decrescente no a 500 000 fr.) e NE (deduzione 50 000 fr.).
26)
Gli ascendenti diretti sono esonerati dallimposta nei Cantoni UR, OW, NW, ZG, FR, SO
e BL (solo genitori), AR, AG (a partire dal 1 gennaio 2014) TI, VS e GE. In tutti gli altri Can-
toni essi sono tassati, anche se nella maggior parte dei Cantoni sono previste deduzioni
personali (importi esenti da imposta) che variano tra i 500 e i 200 000 franchi.
Nel Cantone GE, lesonero dellimposta di successione e donazione non ammessa se in una delle
ultime tre decisioni di tassazioni denitive precedenti il giorno del decesso, il defunto era al bene-
cio dellimposizione secondo il dispendio.
Le tariffe dimposta in materia di successioni e donazioni, che nella maggior parte dei Cantoni so-
no identiche per le due imposte, sono pressoch tutte strutturate secondo il principio della
progressione
27)
. Lonere scale tiene generalmente conto del grado di parentela e/o del valore del-
la devoluzione.
Per quanto concerne le successioni, la tassazione allestita generalmente sulla base dellinven-
tario successorio che deve essere eretto al momento del decesso.
Limposta sulle donazioni si fonda su una dichiarazione dimposta che, nella maggior parte dei
Cantoni, deve essere consegnata dal beneciario della donazione.
25) Questa eccezione applicabile anche al partner superstite di una coppia di omosessuali che viveva legal-
mente e di fatto in unione domestica registrata.
26) Cantone LU: anche se il Cantone non prevede unimposta sulle successioni, i comuni possono prelevare
unimposta sulleredit dei discendenti diretti (importo esente da imposta: 100000 fr.).
27) Canton UR: tariffa lineare in funzione del grado parentale.
68
6 Imposta sui proventi da concorsi, pronostici e simili
Le vincite alle lotterie, allo Sport-Toto (concorso di pronostici degli esiti di partite di calcio) e a con-
corsi analoghi (ad es. scommesse sulle corse dei cavalli) sono tassate in tutti i Cantoni.
In alcuni Cantoni (BE, SZ, TI, VS, NE e JU), queste vincite vengono tassate separatamente dagli
altri redditi secondo unaliquota o tariffa speciali.
28)
In tutti gli altri Cantoni tali vincite soggiacciono congiuntamente al rimanente reddito allimpo-
sta ordinaria sul reddito.
Molti Cantoni tassano queste vincite solo a contare da un determinato importo.
Le vincite ai giochi di fortuna nelle case da gioco svizzere (casin) sono esenti da imposta.
28) Cantoni BE e NE: le vincite alle lotterie sono tassate contestualmente con gli altri redditi, ma sono imposte
separatamente mediante una tariffa speciale.
69
7 Utili in capitale da sostanza mobiliare privata
Gli utili da sostanza mobiliare conseguiti con lalienazione di sostanza mobiliare privata come
titoli, dipinti ecc. sono esentati dallIFD e dalle imposte cantonali.
8 Imposta sugli utili immobiliari
Ai ni dellIFD, gli utili in capitale conseguiti con lalienazione della sostanza immobiliare privata
sono espressamente esenti da imposta. Solo gli utili in capitale conseguiti con lalienazione di
immobili della sostanza commerciale (dagli attivi di un lavoratore indipendente o di una persona
giuridica) oppure provenienti dal commercio di immobili soggiacciono allIFD.
Per contro, tutti i Cantoni prelevano unimposta sugli utili immobiliari conseguiti con lalienazione
di fondi del contribuente. Di solito limposta speciale viene riscossa esclusivamente dal Cantone.
Nei Cantoni BE, OW, FR, BS, SH, GR e JU essa viene riscossa sia dal Cantone che dai comuni. Nei
Cantoni ZH e ZG essa viene riscossa soltanto dai comuni in base alla regolamentazione sancita
nella legislazione tributaria cantonale.
Laddove limposta sugli utili immobiliari viene riscossa soltanto dal Cantone, i comuni partecipano
di regola in un modo o nellaltro al gettito dellimposta cantonale.
In circa la met dei Cantoni tutti gli utili da sostanza immobiliare sono sottoposti a unimposta
speciale, la cosiddetta imposta sugli utili immobiliari, che viene prelevata sugli utili conseguiti sia
da persone siche sia da persone giuridiche.
29)
Si tratta di unimposta esclusiva, per cui gli utili soggiacciono esclusivamente a questa imposta e
non sono dunque sottoposti a nessun altro aggravio.
Gli altri Cantoni assoggettano a questa imposta speciale soltanto gli utili da sostanza immobiliare
conseguiti con lalienazione di sostanza privata delle persone siche. Per contro gli utili in capi-
tale conseguiti con lalienazione di immobili provenienti dalla sostanza commerciale (di una
persona giuridica o di un lavoratore indipendente) oppure provenienti dal commercio di immo bili
(utili ritratti da un commerciante di immobili nellesercizio della sua professione) soggiacciono per
contro alla normale imposta sul reddito rispettivamente sullutile e vengono cumulati al rima-
nente red dito rispettivamente utile (come per lIFD).
29) Cantone TG: questa imposta speciale riguarda solo le persone fisiche e le societ di persone. Gli utili in capitale
della maggior parte delle persone giuridiche soggiacciono come gli altri redditi imponibili allimposta ordi naria
sugli utili.
70
9 Imposta immobiliare
Oltre alle imposte sulla sostanza e sul capitale, pi della met dei Cantoni preleva anche unim-
posta sulla propriet fondiaria.
Questa imposta immobiliare periodica (detta anche imposta fondiaria) tassata e riscossa annual-
mente. Essa essenzialmente unimposta comunale. Nei casi in cui unimposta cantonale, il
comune interessato partecipa di regola in misura cospicua al suo gettito.
Tutti i comuni dei Cantoni LU, SG, TI, VS e JU prelevano unimposta comunale sugli immobili di
propriet di persone siche e giuridiche situati nel Cantone, mentre nei Cantoni BE, FR, AI, GR e
VD i comuni possono, ma non devono, prelevare una simile imposta (imposta comunale facolta-
tiva).
Nei Cantoni TG e GE, limposta immobiliare riscossa solo dal Cantone (nessuna imposta
comunale) e grava gli immobili appartenenti a persone siche e giuridiche.
Oltre allimposta comunale, i Cantoni TI e VS prelevano unimposta immobiliare cantonale sugli im-
mobili di propriet delle persone giuridiche.
Il Cantone VD conosce inoltre unimposta supplementare cantonale e comunale facoltativa, ma solo
su immobili che costituiscono un investimento in capitale delle persone giuridiche. Sono invece
esentati gli immobili o parti di essi che le persone giuridiche utilizzano a propri scopi commer-
ciali o industriali.
Il Cantone NE riscuote soltanto unimposta su immobili che costituiscono un investimento in capi-
tale delle persone giuridiche, nonch su immobili di istituti di previdenza, che sono normalmente
esclusi dallimposta la sola imposta immobiliare riscossa in questo Cantone (imposta cantonale
e comunale facoltativa).
71
Limmobile tassato nel luogo in cui situato sicch il domicilio del contribuente non riveste
nessuna importanza.
Gli immobili non agricoli sono tassati generalmente sulla base del valore di stima ufciale o venale,
mentre per quelli agricoli e forestali limposta commisurata al valore di reddito. Per sua natura,
limposta immobiliare viene calcolata sul valore lordo dellimmobile, ossia senza tener conto dei
debiti che lo gravano, che non possono quindi essere dedotti.
Questa imposta sempre proporzionale. Laliquota dimposta espressa in per mille e varia tra
lo 0,3 e il 3,0 per mille del valore di stima ufciale o venale rispettivamente del valore di reddito.
Nove Cantoni (LU, OW, NW, BS, SH, AR, TG e TI) prelevano oltre alleventuale imposta immobi liare
anche una cosiddetta imposta minima sugli immobili delle persone giuridiche, qualora questul-
tima sia superiore alla somma dellimposta sullutile e sul capitale rispettivamente superiore allim-
posta minima sugli introiti lordi.
I Cantoni OW e NW prevedono unimposta analoga anche per gli immobili di persone siche.
Il Cantone UR riscuote unimposta minima analoga, ma solo su fondi di persone siche che pa gano
al Cantone meno di 300 franchi di imposte cantonali, comunali e di culto per anno scale.
I Cantoni ZH, SZ, GL, ZG, SO, BL e AG non prelevano nessuna imposta immobiliare.
10 Tassa di mutazione
La tassa di mutazione unimposta sulle operazioni nellambito della circolazione giuridica e
grava tutti i trasferimenti di propriet dei beni immobili (e i diritti a essa connessi) siti nel Can-
tone o nel comune. Oggetto di questa tassa quindi il passaggio di propriet come tale.
La tassa sui trasferimenti di propriet prelevata in quasi tutti i Cantoni e generalmente riscos-
sa dal Cantone stesso. Solo nei Cantoni AR, SG e GR
30)
essa riscossa quale imposta comunale,
mentre nei Cantoni FR e VD oltre al Cantone anche i comuni possono prelevare questa tassa. Se
solo il Cantone preleva questa tassa, i comuni partecipano a volte al suo gettito.
I Cantoni ZH, UR, SZ, GL, ZG, SH e AG non prelevano una vera e propria tassa sui trasferimenti di
propriet ma unicamente tasse discrizione al registro fondiario o emolumenti amministrativi.
Questa tassa calcolata in linea di principio sul prezzo dacquisto. Normalmente essa pagata
dallacquirente dellimmobile (persona sica o giuridica). Nei Cantoni OW, BL e AR , senza accor-
do contrario, sopportata in parti eguali dallacquirente e dal venditore.
Le tariffe dimposta sono normalmente proporzionali (aliquote dimposta sse) e nella maggior
parte dei Cantoni e comuni variano tra l1 e il 3 per cento del prezzo dacquisto.
30) Cantone GR: la base legale la legge cantonale sulle imposte comunali e di culto; i comuni stabili scono le
aliquote (massimo 2 %).
72
11 Tassa cantonale sulle case da gioco
Tutti i Cantoni con un casin in possesso di concessione B hanno adeguato la loro legislazione
tributaria e introdotto unimposta sulle case da gioco, prelevata sul prodotto lordo dei giochi, che
non pu comunque superare il 40 per cento della tassa complessiva sulle case da gioco spet tante
alla Confederazione.
I Cantoni che hanno ottenuto una concessione B sono BE, SZ, FR, SH, SG, GR, TI, VS, GE e JU.
Osservazione:
I Cantoni non possono prelevare imposte dai casin in possesso di concessione A (Gran casin).
12 Tassa professionale
I comuni del Cantone GE sono autorizzati a prelevare una tassa professionale (taxe profession-
nelle communale) presso le persone siche e giuridiche che esercitano unattivit lucrativa indipen-
dente, unazienda commerciale, artigianale o industriale o posseggono uno stabilimento dimpresa
o una liale sul loro territorio.
Le aziende agricole non sono assoggettate allimposta per il settore dattivit che non ha carattere
industriale o economico.
La tassa dovuta calcolata sulla base di coefcienti applicabili alla cifra daffari annua, ai canoni di
locazione annui dei locali commerciali e alleffettivo numero delle persone occupate nellimpresa.
73
B) Imposte sul possesso e sul dispendio
1 Imposta di circolazione
Per poter circolare, tutti i veicoli a motore e i rimorchi il cui luogo di stazionamento la Svizzera
devono essere regolarmente immatricolati. Lammissione alla circolazione dei veicoli a motore e il
rilascio dei titoli dimmatricolazione (licenza di circolazione) e delle targhe di controllo a nome
del detentore del veicolo sono di competenza dei Cantoni, generalmente dellUfcio della circola-
zione del suo Cantone di domicilio.
31)
Questi veicoli a motore e rimorchi soggiacciono a unimposta di circolazione che viene riscossa
annualmente in tutti i Cantoni. Solo i veicoli immatricolati a nome della Confederazione, dei Can-
toni e dei comuni e delle loro suddivisioni nonch a nome delle rappresentanze di Stati esteri sono
esonerati dal pagamento dellimposta.
Il detentore del veicolo, a nome del quale sono rilasciate la licenza di circolazione e le targhe di con-
trollo, tenuto a pagare limposta.
32)
Lammontare dellimposta dipende dal genere del veicolo. I criteri di calcolo si fondano sempre su
caratteristiche tecniche (a seconda del Cantone, ad es. numero di CV scali, cilindrata, carico utile,
peso totale o a vuoto, peso utile, compatibilit ambientale). Lonere scale per gli stessi veicoli a
motore varia considerevolmente da un Cantone allaltro.
31) Limposta di circolazione per i Cantoni OW e NW riscossa dal Servizio della sicurezza stradale di Obvaldo e
Nidvaldo.
32) A differenza di alcuni Stati vicini, in Svizzera le targhe di controllo del veicolo sono abbinate al suo detentore
(fintanto che questo rimane nel medesimo Cantone). In caso di cambiamento di detentore del veicolo, le
targhe non seguono quindi il veicolo.
74
Certe categorie di veicoli o certi tipi di propulsioni sono spesso esonerati dallimposta (ad esempio
i veicoli elettrici o ibridi) o beneciano di riduzioni scali (ad esempio veicoli con categorie di con-
sumo A e B secondo letichetta energetica della Confederazione o emissione di CO2)
Per ragioni di completezza occorre pure menzionare che i Cantoni nei quali esiste unimposta sulle
imbarcazioni tassano in particolare i battelli a motore, i battelli a vela e le navi da carico. Queste
imbarcazioni devono essere immatricolate presso unautorit cantonale, di regola presso lUfcio
della navigazione.
2 Imposta sui cani
Tutti i Cantoni e/o comuni prelevano ogni anno unimposta sui cani che in alcuni Cantoni pu variare
a seconda della taglia o del peso del cane.
Allinterno dello stesso Cantone lammontare dellimposta pu talvolta variare da comune a comune.
Nella maggior parte dei Cantoni, in determinati casi (cani guida per ciechi, cani da salvataggio ecc.)
sono per previsti sgravi o esoneri scali.
75
3 Imposta sugli spettacoli
Si tratta di unimposta sugli spettacoli di pubblico interesse. In taluni casi essa inclusa nel prez-
zo del biglietto (di regola 10 % del prezzo dentrata o delle entrate lorde) e in altri casi viene ris-
cossa sotto forma di tassa globale.
Essa prelevata nei Cantoni LU, FR, SO
33)
, TI (solo sugli spettacoli cinematograci), VD, NE e JU
come imposta cantonale o comunale (in questo caso di solito facoltativa).
4 Imposta di bollo cantonale e le tasse discrizione
Oltre alle tasse di bollo federali, quattro Cantoni (TI, VD, VS e GE) prelevano anche imposte di bollo
cantonali. Oggetto di queste imposte sono documenti rilasciati da autorit giudiziarie o ammini-
strative a privati (sentenze, documenti di legittimazione, estratti da registri ecc.), atti o allegati (atti
processuali, istanze, ricorsi ecc.) inoltrati da privati alle summenzionate autorit nonch docu menti
relativi a negozi giuridici di ogni genere (contratti, testamenti, ricevute ecc.).
Il Cantone VS preleva inoltre limposta di bollo sulle carte da gioco.
Il Cantone GE riscuote inoltre tasse discrizione. Queste sono simili allimposta di bollo e sono pre-
levate sulliscrizione, obbligatoria e facoltativa, di documenti pubblici e privati in un registro uf ciale
speciale. Materialmente queste tasse rivestono un carattere scale.
In virt dellart. 134 Cost. non possono essere gravati da imposte di bollo o da tasse discrizione
cantonali o comunali i documenti che la legislazione federale assoggetta secondo lart. 132 cpv. 1
Cost. alla tassa di bollo federale o che dichiara esenti.
5 Tassa su lotterie e manifestazioni analoghe
La maggior parte dei Cantoni lorganizzazione di lotterie, tombole ecc. non organizzate a titolo
professionale soggetta a tasse, prelevate il pi delle volte dal Cantone e in casi rari dai comuni.
Alle volte i comuni partecipano ai proventi delle tasse riscosse dal Cantone.
Nella maggior parte dei casi questa tassa intesa come tassa dautorizzazione; in pochi Can toni
riveste carattere scale.
33) Cantone SO: limposta sugli spettacoli unimposta comunale facoltativa che percepita solo da alcuni
comuni.
76
I singoli Cantoni disciplinano in modo molto differente quali manifestazioni debbano essere assog-
gettate alla tassa. Lo stesso dicasi per limporto della medesima. In generale la tassa dipende dalla
quantit dei biglietti o delle cartelle venduti (applicando unaliquota ssa, decrescente o progres-
siva) oppure da altri criteri (come ad es. le dimensioni della sala in cui si tiene la manifestazione).
I Cantoni ZH, BS, SH, TG, VD e NE non conoscono questo genere di imposte o di tasse.
77
C) Altri tributi
1 Tassa di soggiorno
La maggior parte dei Cantoni preleva una tassa di soggiorno. Soltanto i Cantoni ZH, BL e TG non
conoscono una simile tassa. Nei Cantoni SO, GR e AG la legge permette ai comuni (AG: soltanto
comuni con stabilimenti di cura) di riscuotere questa tassa, senza per obbligarli.
La riscossione ha luogo di regola per il tramite dei locali Enti del turismo, a volte per anche per il
tramite dei comuni.
2 Tassa per la promozione del turismo
I Cantoni AI e GE riscuotono una cosiddetta tassa per la promozione del turismo dalle imprese che
esercitano unattivit economica o commerciale e che beneciano degli effetti diretti o indiretti del
turismo.
Essa determinata dai vantaggi e dalla creazione di valore aggiunto che i contribuenti ritraggono
dal turismo. I proventi di questa tassa sono destinati allo sviluppo e alla promozione del turismo.
Anche i comuni dei Cantoni BE, LU, GL, FR, SG, GR, TI e VS possono riscuotere una tassa di questo
tipo o simile.
3 Diritti dacqua
Questa imposta prelevata in caso di utilizzo della forza idraulica di una centrale idroelettrica a
partire da una certa potenza lorda: BE, LU, UR, SZ, OW, NW, GL, ZG, SH, AR, AI, SG, GR, AG, VD,
VS, NE, GE e JU.
Da questo tributo occorre distinguere la tassa dellacqua potabile che riscossa in base alla facolt
di disporre delle acque (sovranit sulle acque) e che rappresenta un indennizzo per il consumo
dacqua.
4 Imposta sulle pigioni
I comuni del Cantone VD possono riscuotere su tutte le pigioni percepite su fondi situati nel com-
prensorio comunale unimposta pari al massimo al 3 per cento.
Limposta dovuta dal locatario o dal proprietario che vive nel proprio immobile.
Per pigioni non commerciali la legge sulle imposte comunali prevede una deduzione a titolo di oneri
famigliari.
Attualmente nessun comune vodese riscuote questa imposta.
78
Appunti:
79
APPENDICE
I Oneri scali a confronto
II Sgravi scali per coniugi
(panoramica)
III Materiale didattico in materia
di imposte
IV Indirizzi delle Amministrazioni
delle contribuzioni
80
I ONERI FISCALI A CONFRONTO
Osservazioni
I dati statistici contenuti nelle pagine seguenti si riferiscono allanno 2011. Sono stati elaborati
dallAmministrazione federale delle contribuzioni e tratti dallopuscolo Lonere scale in Svizzera
pubblicato dallUfcio federale di statistica.
A seguito di revisioni delle leggi tributarie questi paragoni intercantonali dellonere scale subi scono
ogni anno considerevoli variazioni. Chi desidera ottenere dati pi recenti pu rivolgersi allUfcio
federale di statistica al seguente indirizzo:
Ufcio federale di statistica
Espace de lEurope 10
2010 Neuchtel
Tel. 032 713 60 60
www.bfs.admin.ch
order@bfs.admin.ch
81
Onere scale gravante il reddito di una persona celibe/nubile nel 2011
(Imposte cantonali, comunali, di culto e IFD)
Ipotesi:
Oggetto scale: Imposizione del reddito lordo del lavoro secondo certicato di salario
Deduzioni:
= 5,05 % contributi AVS, AI e IPG
= 1,00 % contributi AD
= 5,00 % contributi alla Cassa pensioni
= Premi per assicurazioni delle persone nonch interessi e capitali di risparmio ./. eventuali riduzioni dei premi
delle casse malati (a seconda dei Cantoni i limiti minimi e massimi sono differenti)
= Deduzione forfettaria per spese professionali (diversa a seconda dei Cantoni)
Capoluogo cantonale
Reddito lordo del lavoro in franchi
30 000 50 000 80 000 100 000 200 000
Onere scale in franchi
Zurigo 1367 3460 8056 11595 32525
Berna 1435 4702 10461 14750 39397
Lucerna 1380 4352 8867 11877 27990
Altdorf 1624 4174 8037 10632 23895
Svitto 1157 2663 5783 8110 20043
Sarnen 1862 3873 7502 9907 22029
Stans 1412 3776 7862 10650 25316
Glarona 1619 4049 8630 11830 29466
Zugo 630 1601 3598 6114 19354
Friburgo 2052 4827 10809 15139 40069
Soletta 2329 5757 11936 16302 40603
Basilea 660 5154 11931 16425 39073
Liestal 1152 4477 10987 15767 41989
Sciaffusa 1717 4444 9917 14087 36349
Herisau 1947 4621 9809 13503 33396
Appenzello 1594 3867 7810 10698 25824
San Gallo 1569 4717 10670 14985 37157
Coira 987 3672 8962 12585 32274
Aarau 905 3965 9116 12769 32366
Frauenfeld 1399 4430 9444 12841 31725
Bellinzona 1073 3556 9275 13344 35997
Losanna 155 4777 11814 16110 42110
Sion 1336 4205 9785 14111 40698
Neuchtel 1943 5969 13459 18578 47174
Ginevra 528 3932 10584 15303 39957
Delmont 1836 5462 12243 17034 44047
Confederazione 66 212 941 1855 10021
82
Onere scale gravante il reddito di una persona coniugata, con due gli nel 2011
(Imposte cantonali, comunali, di culto e IFD)
Capoluogo cantonale
Reddito lordo del lavoro in franchi
30 000 50 000 80 000 100 000 200 000
Onere scale in franchi
Zurigo 48 1000 3500 6104 22777
Berna - 340 5032 8446 29503
Lucerna 50 232 3456 5991 21006
Altdorf 100 221 4219 6800 19369
Svitto - 409 2416 3802 14893
Sarnen 150 1930 5123 7162 19176
Stans 50 221 2799 5208 19054
Glarona - 1220 4189 6607 22599
Zugo - - 656 1911 8770
Friburgo - 493 3666 6249 27255
Soletta 80 1606 5708 8955 30128
Basilea - - 3149 7643 30292
Liestal - - 2554 6224 28906
Sciaffusa 60 772 4261 6677 24967
Herisau - 1484 5178 7683 26582
Appenzello 124 1081 3630 5814 20067
San Gallo - 149 3583 6073 26136
Coira - - 2644 5150 22378
Aarau - 687 3335 5943 23222
Frauenfeld - - 3142 5809 22891
Bellinzona 40 40 1403 3844 24363
Losanna - 19 4008 9133 27899
Sion 34 107 2802 4661 23690
Neuchtel 14 1037 6431 10006 35621
Ginevra 25 25 569 3413 24601
Delmont 48 921 5680 9700 32377
Confederazione - - 204 607 6627
83
Onere scale gravante la sostanza di una persona coniugata,
abile al lavoro, senza gli nel 2011
(Imposte cantonali, comunali e di culto)
Ipotesi:
Oggetto scale: Imposizione della sostanza netta
Deduzione personale
Capoluogo cantonale
Sostanza netta in franchi
100 000 300 000 500 000 1 000 000 2 000 000
Zurigo - 182 577 2061 6341
Berna - 804 1624 4205 10262
Lucerna - 525 1050 2363 4988
Altdorf - 228 683 1822 4100
Svitto - 172 515 1372 3087
Sarnen 76 378 680 1435 2945
Stans 41 312 584 1263 2620
Glarona - 558 1302 3162 6882
Zugo - 74 324 1649 4609
Friburgo - 1421 2565 6314 13022
Soletta - 732 1464 3294 6954
Basilea - 900 1800 5150 13460
Liestal - 536 1831 6492 15052
Sciaffusa - 446 1338 4460 9745
Herisau - 585 1404 3549 7839
Appenzello - 576 1152 2592 5472
San Gallo - 676 1577 3829 8334
Coira - 382 1057 2973 6390
Aarau - 349 1033 3100 7992
Frauenfeld - 310 931 2482 5584
Bellinzona - 546 1482 4154 10267
Losanna - 1210 2629 6509 14459
Sion 128 1024 2065 5013 12414
Neuchtel 48 1200 2611 6912 13824
Ginevra - 486 1493 4863 13569
Delmont - 788 1561 4044 9708
84
Onere scale di una societ anonima con un utile netto di 600 000 franchi
nonch con un capitale e riserve pari a 2 milioni di franchi nel 2011
(Imposte cantonali, comunali, di culto e IFD)
Capoluogo
cantonale
Utile netto
in franchi
determinante ai
ni del calcolo
dellimposta
Imposta in franchi
Cantone e
comune 1)
Confede-
razione
Totale
Utile netto di 600 000 franchi 2)
Zurigo 470200 89787 39967 129754
Berna 472900 86823 40197 127020
Lucerna 501300 56137 42611 98747
Altdorf 509100 47561 43274 90834
Svitto 516300 39845 43886 83731
Sarnen 520524 35231 44245 79476
Stans 523842 31631 44527 76158
Glarona 501200 56146 42602 98748
Zugo 509600 47063 43316 90379
Friburgo 477400 81998 40579 122577
Soletta 471800 88078 40103 128181
Basilea 455200 106092 38692 144784
Liestal 476400 83046 40494 123540
Sciaffusa 500700 56774 42560 99334
Herisau 522800 32768 44438 77206
Appenzello 515000 41200 43775 84975
San Gallo 498700 58909 42390 101299
Coira 491900 66317 41812 108129
Aarau 492763 65352 41885 107237
Frauenfeld 500918 56504 42578 99082
Bellinzona 471400 88581 40069 128650
Losanna 458800 102209 38998 141207
Sion 473100 86670 40214 126883
Neuchtel 466900 93380 39686 133066
Ginevra 3) 453700 107706 38565 146270
Delmont 466400 93893 39644 133537
Osservazioni:
1) Comprese le imposte di culto
2) Utile netto prima della deduzione delle imposte pagate nellesercizio
3) Senza tassa professionale
85
II SGRAVI FISCALI PER CONIUGI (PANORAMICA)
Dato che la tariffa dellimposta sul reddito strutturata in modo progressivo, il principio dellimpo-
sizione della famiglia pu comportare aumenti ingiusticati dellonere scale. Allo scopo di evitare
che le coppie coniugate siano sfavorite rispetto ai concubini, la Confederazione e i Cantoni hanno
introdotto oltre a eventuali deduzioni determinate agevolazioni a favore delle coppie coniugate:
Tariffe speciali per persone sole, coniugi e famiglie: IFD
Doppia tariffa: oltre alla tariffa per le persone sole, vi anche una tariffa che sgrava i coniugi:
ZH, BE, LU, ZG
34)
, BS
34)
, AR, TI e JU.
Procedimento di splitting: i Cantoni SZ, NW, GL, FR, SO, BL, SH, AI, SG, GR, AG, TG, NE
e GE applicano uno splitting totale o parziale, vale a dire limposizione del reddito comples-
sivo della famiglia avviene allaliquota che sarebbe applicabile al:
= 50 % del reddito complessivo: FR, BL, AI, SG, AG, TG e GE (splitting totale),
= 52,63 % del reddito complessivo: SZ, SO, SH e GR (divisore 1,9),
= 54,05 % del reddito complessivo: NW (divisore 1,85),
= 55 % del reddito complessivo: NE (divisore 1,8181),
= 62,5 % del reddito complessivo: GL (divisore 1,6).
Ad esempio, il reddito complessivo di 100 000 franchi quindi tassato a FR, BL, AI, SG, AG,
TG e GE allaliquota applicabile a 50 000 franchi, a SZ, SO, SH e GR allaliquota applicabile a
52 630 franchi, a NW allaliquota applicabile a 54 000 franchi, a NE allaliquota applicabile a
55 000 franchi e a GL allaliquota applicabile a 62 500 franchi.
34) Cantoni ZG e BS: la tariffa applicata ai coniugi corrisponde praticamente a uno splitting totale.
Cosa lo splitting?
Nel procedimento di splitting il reddito dei coniugi viene sempre cumulato. Per la deter-
minazione dellaliquota dimposta il reddito complessivo viene per diviso per un deter-
minato divisore (per 2 in caso di splitting totale e da 1,1 a 1,9 in caso di splitting parziale).
Il reddito complessivo dei coniugi viene pertanto tassato alla relativa aliquota, di solito
sostanzialmente pi bassa.
Esempio:
In caso di splitting totale, laliquota dimposta di un reddito complessivo di 100000 fran-
chi corrisponde a quella applicabile alla met di questo importo, ossia a 50000 franchi.
86
Imposizione secondo unit di consumo: per determinare laliquota applicabile, il reddito
complessivo della famiglia viene diviso per un fattore che varia a seconda della composi zione
della stessa. Solo il Cantone VD ha introdotto questo sistema.
I fattori ammontano a:
= 1,0 per celibi, vedovi, separati e divorziati
= 1,8 per coniugi non separati
= 1,3 per celibi, vedovi, separati e divorziati con gli minorenni, che assolvono un
tirocinio o studiano, vivono nella propria economia domestica e ai quali il con-
tribuente provvede interamente. Le persone che vivono in regime di concubi nato
non hanno diritto al fattore 1,3
= 0,5 per ogni minorenne o glio che assolve un tirocinio o studia, al quale il con-
tribuente provvede interamente
La riduzione del reddito determinante per stabilire laliquota dimposta tuttavia limitata verso
lalto (indebolimento delle ripercussioni dellimposizione secondo unit di consumo).
Esempio:
Per una famiglia con due gli il fattore si calcola nel modo seguente:
1 x 1,8 (coniugi) + 2 x 0,5 (fgli) = 2,8.
Un reddito complessivo di 100 000 franchi viene quindi diviso per 2,8. Sulla base del risul tato
(35 700 fr.) viene stabilita laliquota dimposta, che sar per applicata al reddito di 100 000
franchi.
87
Alcuni Cantoni adottano un altro sistema: UR (con la Flat Rate Tax, le deduzioni sociali
hanno un carattere sso e non progressivo), OW (deduzione in percento dal reddito netto) e
VS (sconto dimposta).
Tutti questi procedimenti hanno lobiettivo di spezzare la progressivit delle tariffe scali e allineare
in tal modo il carico scale dei coniugi a quello dei concubini.
Osservazioni:
Con il 1 gennaio 2008 sono entrati in vigore degli sgravi scali per tutte le coppie coniugate
nonch per coniugi esercitanti entrambi unattivit lucrativa. Esse riguardano tuttavia solo
lIFD, poich diversi Cantoni applicano gi da tempo misure analoghe nellambito dellimpo-
sizione cantonale e comunale.
Per lIFD le famiglie con gli sono maggiormente sgravate con una tariffa per i genitori (de-
duzione di 250 franchi dallammontare dellimposta a complemento della deduzione per gli)
e una deduzione per la custodia dei gli da parte di terzi per un importo massimo di 10 000
franchi. Queste misure sono entrate in vigore il 1 gennaio 2011.
88
III MATERIALE DIDATTICO IN MATERIA DI IMPOSTE
Oltre al presente opuscolo, la Divisione Basi scali dellAFC cura le due seguenti pubblicazioni:
lOpuscolo Guida per il futuro contribuente: offre al lettore, in modo semplice e com-
prensibile nonch grazie a numerose illustrazioni, una panoramica degli aspetti legati allim-
posizione del reddito e della sostanza delle persone siche. Lopuscolo esamina inoltre
approfonditamente una serie di fattispecie di natura scale che giovani e nuovi contribuenti
devono sovente affrontare.
Il presente opuscolo stato in primo luogo concepito quale strumento didattico particolar-
mente adatto alle scuole, ma pu altres essere di grande utilit per tutti i contribuenti. Viene
pubblicato in tedesco, francese ed italiano.
la raccolta INFORMAZIONI FISCALI: i due volumi che la compongono forniscono
informazioni dettagliate sul sistema scale svizzero. Esse rappresentano unopera di consul-
tazione di cui dovrebbe essere dotata ogni biblioteca scolastica. Questa raccolta otteni bile
in tedesco e francese.
Questo materiale didattico pu essere consultato al seguente indirizzo Internet:
www.estv.admin.ch/dokumentation/00079/00080/index.html?lang=it
Inoltre, pu essere ordinato all
Amministrazione federale delle contribuzioni
Divisione Basi scali
Team documentazione e informazione scale
Eigerstrasse 65
3003 Berna
Tel. 031 322 70 68
E-Mail: ist@estv.admin.ch
oppure allindirizzo
www.estv.admin.ch
(Rubrica: Servizi / Ordinare pubblicazioni e moduli / altre pubblicazioni)
89
IV INDIRIZZI DELLE AMMINISTRAZIONI DELLE CONTRIBUZIONI
Relazioni in materia Gli insegnanti che intendono organizzare relazioni in materia scale
fscale: nella loro scuola, possono rivolgersi per eventuali informazioni e per
ottenere la necessaria documentazione alle Amministrazioni cantonali e
comunali delle contribuzioni.
Materiale: Le Amministrazioni delle contribuzioni mettono a disposizione gratuita-
mente istruzioni e moduli dimposta a scopi dinsegnamento o di forma-
zione.

AFC Indirizzo: Amministrazione federale delle contribuzioni
Eigerstrasse 65, 3003 Berna
Telefono: 031/322 70 68
Fax: 031/324 92 50
E-Mail: ist@estv.admin.ch
Internet: www.estv.admin.ch

Appenzello Indirizzo: Kantonale Steuerverwaltung,
Esterno Gutenberg-Zentrum, 9102 Herisau 2
Telefono: 071/353 62 90
Fax: 071/353 63 11
E-Mail: steuerverwaltung@ar.ch
Internet: www.ar.ch

Appenzello Indirizzo: Kantonale Steuerverwaltung,
Interno Marktgasse 2, 9050 Appenzell
Telefono: 071/788 94 01
Fax : 071/788 94 19
E-Mail : steuern@ai.ch
Internet : www.ai.ch/steuern

Argovia Indirizzo: Kantonales Steueramt,
Telli-Hochhaus, 5004 Aarau
Telefono: 062/835 25 30
Fax : 062/835 25 39
E-Mail : steueramt@ag.ch
Internet : www.steuern.ag.ch

Basilea Campagna Indirizzo: Kantonale Steuerverwaltung,
Rheinstr. 33, 4410 Liestal
Telefono: 061/552 51 20
Fax : 061/552 69 94
E-Mail : steuerverwaltung@bl.ch
Internet : www.steuern.bl.ch

Basilea Citt Indirizzo: Steuerverwaltung,
Fischmarkt 10, Postfach, 4001 Basel
Telefono: 061/267 81 81
Fax : 061/267 96 25
E-Mail : steuerverwaltung@bs.ch / steuerbezug@bs.ch
Internet : www.steuerverwaltung.bs.ch

90

Berna Indirizzo: Intendance cantonale des impts,
Brnnenstrasse 66, 3018 Bern
Postfach 8334, 3001 Bern
Telefono: 031/633 60 01
Fax: 031/633 60 60
E-Mail: info.sv@n.be.ch
Internet www.be.ch/steuern

Friburgo Indirizzo: Service cantonal des contributions,
Rue Joseph-Piller 13, 1701 Fribourg
Telefono: 026/305 32 75
Fax : 026/305 32 77
E-Mail : SCC@fr.ch
Internet : www.fr.ch/scc/

Ginevra Indirizzo: Administration scale cantonale,
Rue du Stand 26, Case postale 3937,
1211 Genve 3
Telefono: 022/327 70 00
Fax : 022/327 55 97
E-Mail : (Contatto via sito Internet)
Internet : www.geneve.ch/df

Giura Indirizzo: Service cantonal des contributions,
Rue de la Justice 2, 2800 Delmont
Telefono: 032/420 55 30
Fax: 032/420 55 31
E-Mail: secr.ctr@jura.ch
Internet: www.jura.ch/DFJP/CTR/Service-des-contributions.html

Glarona Indirizzo: Kantonale Steuerverwaltung,
Hauptstrasse 11/17, 8750 Glarus
Telefono: 055/646 61 50
Fax : 055/646 61 98
E-Mail : steuerverwaltung@gl.ch
Internet : www.gl.ch

Grigioni Indirizzo: Kantonale Steuerverwaltung,
Steinbruchstrasse 18/20, 7001 Chur
Telefono: 081/257 21 21
Fax : 081/257 21 55
E-Mail : info@stv.gr.ch
Internet : www.stv.gr.ch

Lucerna Indirizzo: Dienststelle Steuern des Kantons Luzern,
Buobenmatt 1, 6002 Luzern
Telefono: 041/228 51 11
Fax : 041/228 66 37
E-Mail : dst@lu.ch
Internet : www.steuern.lu.ch

Neuchtel Indirizzo: Service cantonal des contributions,
Rue du Docteur-Coullery 5, 2301 La Chaux-de-Fonds
Telefono: 032/889 64 20
Fax : 032/889 60 85
E-Mail : ServiceContributions@ne.ch
Internet : www.ne.ch/impots

91

Nidvaldo Indirizzo: Kantonales Steueramt,
Bahnhofplatz 3, 6371 Stans
Telefono: 041/618 71 27
Fax : 041/618 71 39
E-Mail : steueramt@nw.ch
Internet : www.nidwalden.ch

Obvaldo Indirizzo: Kantonale Steuerverwaltung,
St. Antonistrasse 4, 6061 Sarnen
Telefono: 041/666 62 94
Fax : 041/666 63 13
E-Mail : steuerverwaltung@ow.ch
Internet : www.obwalden.ch

San Gallo Indirizzo: Kantonales Steueramt,
Davidstr. 41, 9001 St. Gallen
Telefono: 071/229 41 21
Fax : 071/229 41 02
E-Mail : dienste@ksta.sg.ch
Internet : www.steuern.sg.ch

Sciaffusa Indirizzo: Kantonale Steuerverwaltung,
J. J. Wepfer-Strasse 6, 8200 Schaffhausen
Telefono: 052/632 79 50
Fax : 052/632 72 98
E-Mail : sekretariat.stv@ktsh.ch
Internet : www.sh.ch

Soletta Indirizzo: Steueramt des Kantons Solothurn,
Werkhofstrasse 29 c, 4509 Solothurn
Telefono: 032/627 87 87
Fax : 032/627 87 00
E-Mail : steueramt.so@fd.so.ch
Internet : www.steueramt.so.ch

Svitto Indirizzo: Kantonale Steuerverwaltung,
Bahnhofstrasse 15, Postfach 1232, 6431 Schwyz
Telefono: 041/819 23 45
Fax : 041/819 23 49
E-Mail : stv@sz.ch
Internet: www.sz.ch/steuern

Ticino Indirizzo: Divisione delle contribuzioni,
Vicolo Sottocorte, 6500 Bellinzona
Telefono: 091/814 39 58
Fax : 091/814 44 88
E-Mail : dfe-dc@ti.ch
Internet : www.ti.ch/sco

Turgovia Indirizzo: Kantonale Steuerverwaltung,
Schlossmhlestrasse 15, 8510 Frauenfeld
Telefono: 052/724 14 14
Fax: 052/724 14 00
E-Mail: info.sv@tg.ch
Internet : www.steuerverwaltung.tg.ch

92

Uri Adresse : Amt fr Steuern,
Haus Winterberg, 6460 Altdorf
Tlphone : 041/875 21 17
Fax : 041/875 21 40
E-Mail : steueramt@ur.ch
Internet : www.ur.ch

Vallese Adresse : Service cantonal des contributions,
Avenue de la Gare 35, 1951 Sion
Tlphone : 027/606 24 50
Fax : 027/606 24 53
E-Mail : scc@admin.vs.ch
Internet : www.vs.ch

Vaud Adresse : Administration cantonale des impts,
Route de Berne 46, 1014 Lausanne
Tlphone : 021/316 21 21
Fax : 021/316 21 40
E-Mail : info.aci@vd.ch
Internet : www.aci.vd.ch

Zugo Adresse : Kantonale Steuerverwaltung,
Postfach 160, 6301 Zug
Tlphone : 041/728 26 11
Fax: 041/728 26 99
E-Mail : (Contatto via sito Internet)
Internet : www.zug.ch/tax

Zurigo Adresse : Kantonales Steueramt,
Bndliweg 21, Postfach, 8090 Zrich
Tlphone : 043/259 40 50
Fax : 043/259 61 94
E-Mail : (Contatto via sito Internet)
Internet: www.steueramt.zh.ch