Vous êtes sur la page 1sur 8

Der Wert des Ausstellungswerts

Mittwoch, 26. Juni 2013, 1720 hr (Deutsch)


!"#$osiu#
Walter Benjamin setzt den Ausstellungswert dem Kultwert entgegen, ohne ihn genauer zu
bestimmen. Das Symosium !ersucht an unterschiedlichen "e#t$ren, diesen Begri%% zwischen den
Werten der Sammlung und dem Wert des Wer#s historisch und systematisch zu !erorten.

17%00 hr
&'( )ern*(uer
+on'ers(tion ,ieces
&ortrag

Walter Benjamin beschreibt die 'ntwic#lung des Ausstellungswerts als einen &organg, bei dem
#$nstlerische Arbeiten zu ()ebilde*n+ mit ganz neuen ,un#tionen- werden. .n ihrer /olle als
'0onate 1%%nen sich Kunstwer#e einer &iel%alt unterschiedlicher Kommuni#ationsbez$ge, die sich
zwischen den Wer#en und ihren Betrachter2innen, innerhalb des !ersammelten 3ubli#ums und in
der .ntera#tion der Wer#e selbst ent%alten. 'in /$c#blic# au% %r$he 4omente der
Ausstellungsgeschichte unterstreicht die &ielschichtig#eit dieser (Kon!ersationen- und die
Di!ersit5t der damit !erbundenen %ragilen und instabilen "ogi#en der Ausstellung, der Sammlung
und des 4useums, die sich unter anderem in deren unterschiedlichen )eschichtsbez$gen zeigen.

&'( )ern*(uer ist 3ro%essorin %$r Kunstgeschichte an der 6ni!ersit5t %$r angewandte Kunst Wien.
Studium der Kunstgeschichte an der 6ni!ersit5t Wien und der ,reien 6ni!ersit5t Berlin. 7889
3romotion an der 6ni!ersit5t :rier zur Konzetion des Kunstubli#ums im ;<. =ahrhundert. 788<
bis 78;8 Assistentin %$r Kunstgeschichte der 4oderne und der )egenwart an der 6ni!ersit5t Bern,
anschlie>end ?abilitationsstiendiatin der @sterreichischen A#ademie der Wissenscha%ten zum
:hema ()eschichtsbilder der )egenwart-. A#tuelle ,orschung zur )eschichtlich#eit der
)egenwarts#unst, zu S#ultur und .nstallation seit den ;AB8er =ahren und zur 4aterialit5t !on
,ilmC und &ideoinstallationen.

17%-. hr
)(thrin /usch
/ild /er0hrung &1$osition
&ortrag

Die &erlagerung !om Kultwert zum Ausstellungswert, die Benjamin in ihren ,olgen %$r den
Kunstbegri%% behautet hat, meint zun5chst nichts anderes als eine 3ro%anierung der Kunst. Die
)este solcher 3ro%anierung ist die Ber$hrung. Sie %$hrt zu einem anderen Bildgebrauch. W5hrend
sich das #lassische Bild!erst5ndnis der 4alerei im 4oti! des DEoli me tangereF re%le#tiert, zeigt
sich der neue 6mgang mit den Bildern in ihrer ?andhabung, in ihrer 4ontage, Anordnung und
Konstellation. Diese &er%ahren dienen nach Benjamin dem 'r#ennen. Der &ortrag will der
&erschiebung hin zum ta#tilen Bildgebrauch nachgehen und danach %ragen, ob und wie sich
Ausstellungen heute als 4ilieu eines #uratorischen ,orschens diesem ro%anierten Bildgebrauch
!erschreiben.

)(thrin /usch ist 3ro%essorin an der 6ni!ersit5t der K$nste Berlin. Gu ihren
,orschungsschwerun#ten geh1ren %ranz1sische )egenwartshilosohie, Hstheti# und
#$nstlerische ,orschung. 3ubli#ationen (u. a.)I Geschicktes Geben. Aporien der Gabe bei Jacques
Derrida, 4$nchenI Wilhelm ,in# &erlag, 788JK On Artistic Research. AS a visual culture
quarterly ;9A (7889), hg. mit Dieter "esageK Bildtheorien aus Frankreich. in !andbuch, hg. mit
.ris D5rmann, 4$nchenI Wilhelm ,in# &erlag, 78;;K " "assivit#t$ ?amburgI :e0tem, 78;7.

12%30 hr
3regor !te##rich
45ono#ien der Au6#er5s(#5eit
&ortrag

Die ,rage nach dem (Wert des Ausstellens- bezieht sich nicht rim5r au% Weisen des Ausstellens
und Arten !on Ausstellungen sondern au% das Ausstellen als solches. Ausstellen ist eine Weise des
3r5sentierens. Auch Kulturen, die das ,ormat der Ausstellung nicht entwic#elt haben, #ennen
Weisen des 3r5sentierens. Der &ortrag %o#ussiert darau%, dass Kunst er se mit der Stru#tur !on
3r5sentation be%asst ist, dass aber die Stru#tur !on 3r5sentation nicht mit der Stru#tur !on
Ausstellungen gleichzusetzen ist. Da das Ausstellen jedoch eine Weise des 3r5sentierens ist, ist eine
6nsch5r%e, 3erse#ti!ierung und Lberdetermination zu #onstatieren. Diese l5sst sich unter dem
:itel der (@#onomien der Au%mer#sam#eit- dis#utieren. Die Wert%rage wird ausgehend !on Walter
Benjamins Begri%% des (Ausstellungswerts- entwic#elt.

3regor !te##rich ist 3ro%essor %$r Kunstgeschichte des 78.M7;. =ahrhunderts an der ,reien
6ni!ersit5t Berlin. 'r #onziierte das 4odul %unst und %ine&ato'ra(ie %$r das 4edien Kunst Eetz
(www.mediaartnet.org). 3ubli#ationen (u. a.)I )ini&al Art. ine kritische Retrospektive$ DresdenI
&erlag der Kunst, ;AANK Je(( *all. S+enarien i& Bildrau& der *irklichkeit, DresdenI &erlag der
Kunst, ;AA9K %unst,%ino, =ahresring J<, =ahrbuch %$r moderne Kunst, K1lnI &erlag der
Buchhandlung Walther K1nig, 788;K !avin' been said *ritin's and -ntervie.s o( /a.rence
*einer 01234556 MGe(ra't und 'esa't Schri(ten und -ntervie.s von /a.rence *einer 0123
4556, hg. mit )erti ,ietze#, Ost%ildernI ?atje Pantz, 788JK Dan Graha&, K1lnI Du4ont, 788<K
%unst als 7erh8r. Robert )orris9 !earin', K1lnI &erlag der Buchhandlung Walther K1nig,
788AMRobert )orris9 !earin', "eizigI Sector Boo#s, 78;7.

17%1.820 hr
,odiu#sdis5ussion #it (llen 9eilneh#enden
Moder(tion% :el#ut Dr(1ler

:el#ut Dr(1ler ist Kunsthistori#er und Kulturtheoreti#er. &on ;AA7 bis ;AAN war er Dire#tor des
Kunst!ereins in 4$nchen, !on ;AAA bis 78;7 3ro%essor %$r Hsthetische :heorie an der 4erz
A#ademie in Stuttgart. Seit =anuar 78;Q ist er 3ro%essor %$r Kunsttheorie und Kunst!ermittlung an
der A#ademie der Bildenden K$nste in E$rnberg. Derzeitige ,orschungsschwerun#te sind eine
:heorie der &ermittlung sowie das Den#en !on )eschichte in den ?istoriograhien moderner und
zeitgen1ssischer Kunst. 3ubli#ationen (u. a.)I Ge(#hrliche Substan+en. :u& 7erh#ltnis von %ritik
und %unst, BerlinI bCboo#s, 7889K Die Ge.alt des :usa&&enhan's. Rau&$ Re(eren+ und
Repr#sentation bei Fareed Ar&aly, BerlinI bCboo#s, 7889K Fil&$ Avant'arde$ Biopolitik, mit Sabeth
Buchmann und Stehan )eene, WienI Schlebr$gge 'ditor, 788A. .n K$rze erscheintI ;heorien der
"assivit#t, hg. mit Kathrin Busch, 4$nchenI Wilhelm ,in# &erlag.

'intritt %rei
WA":'/ B'E=A4.E
"Foera dFarte nellFeoca della sua riroducibilitR tecnica
. I agina iniziale . I antologia . I ri%lessioni . I sentenze . I biblioteca . I lin#s
. I %iloso%i
Eon S che il assato getti la sua luce sul resente o il resente la sua luce sul assato, ma immagine
S ciT in cui Uuel che S stato si unisce %ulmineamente con lFora in una costellazione.
A cura di Plaudia Bianco


.l saggio "Foera dFarte nellFeoca della sua riroducibilitR tecnica !iene scritto da Walter Benjamin
(;<A7C;AJ8) nel ;AQN subito doo a!er arteciato come uditore al . Pongresso internazionale
degli scrittori, organizzato a 3arigi al %ine di dar !ita a unFamia mobilitazione intellettuale contro la
di%%usione del %ascismo . Eel ;AQB il saggio S ubblicato, nella traduzione %rancese di 3ierre
Klossows#i , sulla celebre ri!ista Geitschri%t %ur Sozial%orschung , che in Uuel eriodo si stama!a a
3arigi e il cui gruo dirigente era costituito da :heodor Wiesengrund Adorno (;A8QC;ABA) , 4a0
?or#heimer (;<ANC;A9Q) e ?erbert 4arcuse (;<A<C;A9A) , %ondatori dellF.stituto er la ricerca
sociale di ,ranco%orte. .n una lettera del ;B ottobre ;AQN a ?or#heimer, Benjamin descri!e il
saggio come -una untata in direzione di una teoria materialistica dellFarteVK in e%%etti la sua
roblematica adesione al mar0ismo e i raorti con il gruo di Adorno e con Bertolt Brecht
costituiscono un Uuadro di ri%erimento imrescindibile er comrendere un testo che lega il
roblema del mutato statuto dellFoera dFarte W a seguito della di%%usione di nuo!e tecniche di
riroduzioneC a considerazioni di carattere olitico e sociale.
"Fadesione di Benjamin al -materialismo storicoV, ossia alla dottrina associata rincialmente alle
%igure di Karl 4ar0 (;<;< W ;<<Q) e ,riedrich 'ngels (;<78C;<AN) , secondo cui le roduzioni
cosiddette -siritualiV degli uomini W arte, religione e %iloso%ia W sarebbero determinate, in Uuanto
-so!rastrutturaV , dalle strutture economiche soggiacenti delle di!erse relazioni sociali e dei di!ersi
modi di roduzione, S sin dallFinizio assai roblematica e originale. Eel saggio 'duard ,uchs, il
collezionista e lo storico, Benjamin indi!idua come comito del materialismo storico il
sueramento dellFatteggiamento -contemlati!oV e neutrale assunto dallo storicismo er introdurre
una !isione dialettica della storia. .l assato non de!e essere considerato come inserito in un ordine
lineare e rogressi!o, bensX come Uualcosa di unico, unFVeserienza originariaV in cui il resente si
incontra con il assato in una -costellazione criticaV che -%a de%lagrare la continuitR della storiaV.
"Fidea di un resente nel Uuale si incontrano i di!ersi registri temorali dellFeternitR e dellFistante
era robabilmente maturata in Benjamin attra!erso la lettura di Baudelaire, il Uuale, come abbiamo
!isto, nei saggi de .l ittore della !ita moderna a!e!a de%inito la modernitR come coesistenza, nel
resente, del transitorio e dellFe%%imero con lFeterno e lFimmutabile.
"a critica della concezione della storia come rogresso lineare e ascendente ritorna nelle tesi Sul
concetto di storia (;AJ8) , do!e il comito del materialista storico S descritto come Uuello di
-scardinare il continuum della storiaV, a artire da -un resente che non S assaggio, ma nel Uuale il
temo S in eUuilibrio ed S giunto a un arresto (Y) Uuel resente in cui egli, er Uuanto lo riguarda,
scri!e storiaV. .l resente non S un istante astratto e anonimo dellFomogeneo %luire del temo, nZ
unFagostiniana distensio animi tutta racchiusa nellFinterioritR della coscienzaI esso S,in!ece, istanza
originaria generatrice del temo storico, luogo della sosensione e della critica in cui la storia S
narrata e costruita guardando al %uturo, a artire dalle urgenze dellFattualitR (=etztzeit). [uesta
costellazione di resente, assato e %uturo, imlicante al temo stesso critica dellFesistenze e
aertura !erso il %uturo, si ri!ela allo sguardo dello storico uri%icato dalle ecche dello storicismo
sotto le sembianze di Uuella che Benjamin chiama unFVimmagine dialetticaVI unFimmagine
imro!!isa, balenante, nella Uuale assato e %uturo si illuminano a !icenda a artire dal resente.
'Fnella sezione E del libro incomiuto dedicato ai assages di 3arigi, intitolata -'lementi di teoria
della conoscenza, teoria del rogressoV che Benjamin s!ilua Uuesto concetto, sostenendo che S
solo attra!erso le immagini dialettiche che la storia giunge alla leggibilitR in una determinata eoca,
lR do!e imro!!isamente il assato subisce una sorta di -telZscoageV attra!erso il resenteI -Eon
S che il assato getti la sua luce sul resente o il resente la sua luce sul assato, ma immagine S ciT
in cui Uuel che S stato si unisce %ulmineamente con lFora (=etzt) in una costellazione. .n altre aroleI
immagine S la dialettica nellFimmobilitR . 3oichZ, mentre la relazione del resente con il assato S
uramente temorale,continua, la relazione tra ciT che S stato e lFora S dialetticaI non S un decorso,
ma unFimmagine discontinua, a salti. Solo le immagini dialettiche sono autentiche immagini (cioS
non arcaiche)K e il luogo, in cui le si incontra, S il linguaggioV. "Fimmagine dialettica aare lR
do!e il ensiero si arresta in una costellazione, do!e assato, resente e %uturo si mani%estano
imro!!isamente alla luce di una -!era sintesiV in cui aare ciT che Benjamin , rirendendo un
termine %ondamentale della mor%ologia goethiana , chiama un -%enomeno originario della storiaV.
"a ri%lessione benjaminiana su cosa signi%ichi un aroccio materialistico e dialettico alla storia e
allFarte sta sullo s%ondo del saggio "Foera dFarte nellFeoca della sua riroducibilitR tecnica , che
nella -remessaV S resentato come una raccolta di -tesi sora le tendenze dello s!iluo dellFarte
nelle attuali condizioni di roduzioneV. .n aertura del saggio Benjamin cita un asso di un bre!e
testo di 3aul &alZry (;<9;C;AJN) , -"a conUuete de lFubiUuitZV, ubblicato nel ;AQ; nella raccolta
3iSce sur lFart. .n Uuesto testo &alZry si interroga sui mutamenti in atto nella nozione stessa di arte
W nelle tecniche artistiche, nella concezione della creazione, nella riroduzione e trasmissione delle
oere W in seguito allFincremento stue%acente del nostro -otere di azione sulle coseV. "a %utura
di%%usione di nuo!i mezzi di comunicazione analoghi alla radio e al tele%ono a!rebbe resto
consentito, secondo &alZry, di -trasortare o ricostituire in ogni luogo il sistema di sensazioni W o
i\ esattamente, il sistema di eccitazioni W ro!ocato in un luogo Uualsiasi da un oggetto o da un
e!ento UualsiasiV. Eel caso dellFarte, ciT a!rebbe signi%icato la ossibilitR er le oere di a!ere una
sorta di -ubiUuitRV , ossia di di!enire delle -%ontiV o -originiV i cui e%%etti otrebbero essere a!!ertiti
o!unUue. Su un iano i\ generale, lo scenario e!ocato da &alZry S Uuello di una societR %utura in
cui sarebbe ossibile suscitare un %lusso di immagini !isi!e o di sensazioni uditi!e con un semlice
gesto, una societR caratterizzata dalla ossibilitR di una -distribuzione della /ealtR Sensibile a
domicilioV. .n Uuesto aumentato otere di rirodurre e di%%ondere le oere, che &alZry !ede giR
comiersi nel caso della musica, risiederebbe la -condizione essenziale della resa estetica i\
ele!ataV, ossia la ossibilitR di sganciare la %ruizione dellFoera dFarte dallFhic et nunc della sua
collocazione materiale o della sua esecuzione er renderla accessibile nel momento sirituale i\
%a!ore!ole e %econdo.
"a stessa ri%lessione sui mutamenti in atto nello statuto e nella %ruizione dellFarte in seguito
allFelaborazione di nuo!e tecniche di riroduzione e trasmissione delle oere che anima il bre!e
testo di &alZry S al centro del saggio di Benjamin, che ha come resuosto la grande di%%usione
della %otogra%ia e del cinema nei rimi decenni del secolo e il la!oro di serimentazione condotto su
Uueste due %orme esressi!e da a!anguardie artistiche come il dadaismo, il surrealismo o il
costrutti!ismo. A di%%erenza di &alZry, Benjamin con%erisce erT alla roria analisi una !alenza
eslicitamente olitica, in Uuanto nelle nuo!e %orme di roduzione e trasmissione dellFarte messe in
atto da cinema e %otogra%ia !ede la ossibilitR di liberare lFeserienza estetica dal sostrato religiosoC
sacrale che ne accomagna!a la %ruizione da arte della borghesia, imedendo lFinstaurazione di un
nuo!o raorto tra lFarte e le masse. [uelle rooste da Benjamin, secondo le sue stesse arole,
sono tesi -che eliminano un certo numero di concetti tradizionali W Uuali i concetti di creati!itR e di
genialitR, di !alore eterno e di mistero C, concetti la cui alicazione incontrollata (Y) induce a
unFelaborazione in senso %ascista del materiale concretoV. Scoo dellFanalisi de!e essere elaborare
concetti -del tutto inutilizzabili ai %ini del %ascismoV, concetti che consentano, al contrario, -la
%ormulazione di esigenze ri!oluzionarie nella olitica culturaleV.
6na ri%lessione sulla riroducibilitR dellFoera dFarte non uT non artire dalla constatazione che,
-in linea di rinciioV, lFoera dFarte S semre stata riroducibileV. "a riroduzione intesa come
imitazione manuale di disegni, Uuadri o sculture S semre stata arte integrante della ratica
artistica, dellFarendimento e della messa in circolazione delle oere. Eel caso della musica,oi,
lFoera stessa esiste innanzitutto come riCesecuzione . PiT che interessa a Benjamin , erT, non S la
riroduzione intesa in Uuesto senso bensX la riroduzione tecnica delle oere dFarte, Uualcosa che
nella storia si S mani%estato rogressi!amente nelle ratiche della %usione del bronzo, del conio
delle monete, della silogra%ia e della litogra%ia come riroduzione della gra%ica e, sorattutto, della
stama come riroducibilitR tecnica della scrittura. Pon lFin!enzione della %otogra%ia e del cinema,
la riroducibilitR del !isibile attinge a una dimensione nuo!a, sganciandosi ulteriormente dal
condizionamento della manualitR e !elocizzandosi enormemente. Di %ronte a una tale ri!oluzione
tecnica, il comito del critico, secondo Benjamin, consiste nel ri%lettere sul modo in cui Uuesto tio
di riroducibilitR dellFoera dFarte %inisce er imorre una ride%inizione dello statuto stesso dellFarte
nella sua %orma tradizionale.
"a tesi centrale del saggio di Benjamin risiede nellFa%%ermazione che nella riroduzione %otogra%ica
di unFoera !iene a mancare un elemento %ondamentale I -lFhic et nunc dellFoera dFarte, la sua
esistenza unica e irrietibile nel luogo in cui si tro!aV. EellFunicitR della collocazione sazioC
temorale dellFoera risiede il %ondamento della sua autenticitR e della sua autoritR come
-originaleV, ossia la sua caacitR di assumere il ruolo di testimonianza storica. "a trasmissione di
unFereditR culturale oggia in%atti sul ermanere nel temo dellFunicitR e dellFautoritR delle oere e
sulla loro conser!azione e celebrazione in sazi dedicati, come i musei, o nei Uuali esse si radicano
nella loro unicitR (una chiesa, un alazzo). Benjamin riassume i !alori di unicitR,autenticitR e
autoritR dellFoera dFarte nella nozione di -auraV , un termine ricorrente nel lessico storicoCartistico
ed esoterico di inizio secolo nellFaccezione di -aureolaV (come Uuella che circonda le immagini dei
santi) o in Uuella, assai i\ ambigua, di -aloneV che circonda e a!!olge ogni indi!iduo, come negli
scritti di carattere misterico o teoso%ico.
.l -declinoV, il -!enir menoV dellFaura (&er%all der Aura) determinato dallFa!!ento dei mezzi di
riroduzione tecnica delle oere, sarebbe il sintomo, secondo Benjamin , di un i\ !asto mutamento
-nei modi e nei generi della ercezione sensorialeVI a ogni eriodo storico corrisondono in%atti
determinate %orme artistiche ed esressi!e correlate a determinate modalitR della ercezione, e la
storia dellFarte de!e essere accomagnata da una storia dello sguardo. 3roseguendo la ri%lessione
sul rogressi!o imo!erirsi dellFeserienza a!!iata nel saggio .l Earratore. Ponsiderazioni
sullFoera di Eicola "es#o!, in "Foera dFarte nellFeoca della sua riroducibilitR tecnica Benjamin
constata come nella societR a lui contemoranea, mediante la di%%usione dellFin%ormazione e delle
immagini, tenda ad a%%ermarsi semre i\ unFesigenza di a!!icinamento, alle cose e alle oere.
PiT che erT !iene meno, in unFeoca caratterizzata dal bisogno di -rendere le cose, sazialmente e
umanamente, i\ !icineV e in cui - si %a !alere in modo semre i\ incontestabile lFesigenza di
imossessarsi dellFoggetto da una distanza il i\ ossibile ra!!icinata nellFimmagine, o meglio
nellFe%%igie, nella riroduzioneV, S Uuel eculiare intreccio di !icinanza e lontananza nel Uuale
risiede, secondo Benjamin, lFessenza dellFauraI -Pade Uui oortuno illustrare il concetto, sora
roosto, di aura a roosito degli oggetti storici mediante Uuello alicabile agli oggetti naturali.
Eoi de%iniamo Uuesti ultimi aarizioni uniche di una lontananza, er Uuanto Uuesta ossa essere
!icina. Seguire, in un omeriggio dFestate, una catena di monti allForizzonte oure un ramo che
getta la sua ombra sora colui che si riosa W ciT signi%ica resirare lFaura di Uuelle montagne, di
Uuel ramoV. ,ine dellFaura signi%ica %ine di UuellFintreccio tra lontananza, irrietibilitR e durata che
caratterizza!a il nostro raorto con le oere dFarte tradizionali, e a!!ento di una %ruizione dellFarte
basata sullFosser!azione %ugace e rietibile di riroduzioni.
Originariamente, le oere dFarte erano arte inscindibile di un contesto rituale, rima magico e oi
religiosoK la loro autoritR e autenticitR, la loro aura, era determinata rorio da Uuesta aartenenza
al mondo del culto. .n %orme secolarizzate, lFatteggiamento rituale e culturale nei con%ronti dellFarte
sarebbe oi traassato nelle %orme ro%ane del culto della bellezza, che nasce nel /inascimento e
dura %ino alle ultime deri!e del /omanticismo. "Fa!!ento della riroducibilitR tecnica e la sua
di%%usione mediante la %otogra%ia segnano er la rima !olta la ossibilitR di emanciare lFarte
risetto allFambito del ritualeI !enendo meno i !alori dellFunicitR e dellFautenticitR, si are la
ossibilitR di con%erire allFarte una nuo!a !alenza olitica, al !alore cultuale (Kultwert) dellFoera si
sostituisce rogressi!amente il !alore esositi!o (Ausstellungswert).
.l discorso benjaminiano sulla %ine dellFaura non S Uuindi riconducibile a una %orma di nostalgia,
bensX S un tentati!o di indi!iduare le otenzialitR ancora non del tutto eslicitate della
riroducibilitR. Eella %otogra%ia la dissoluzione del !alore cultuale in %a!ore del !alore di
esonibilitR non S ancora comleta, in Uuanto lFaura mantiene una sua ultima %orma di
sora!!i!enza nel -!olto dellFuomoV. Eon S un caso che le rime %otogra%ie siano state sorattutto
dei ritratti, miranti a %issare e a tramandare nel temo lFidentitR e lo sguardo dei soggetti
%otogra%atiIVEellFesressione %ugge!ole di un !olto umano, dalla rime %otogra%ie, emana er
lFultima !olta lFaura. 'F Uuesto che ne costituisce la malinconica e incomarabile bellezzaV. .l
ro%ondo legame tra lFimmagine %otogra%ica e lFunicitR del soggetto raresentato nellFhic et nunc
del suo essere raresentato, e Uuindi il legame tra immagine, temoralitR e morteC che /oland
Barthes (;A;NC;A<8a!rebbe successi!amente tematizzato tramite il concetto di unctum nel celebre
saggio "a chambre claire W !iene meno con il cinema. "a raresentazione cinematogra%ica, a
di%%erenza di Uuella teatrale, S %atta di mediazione , di%%erimento, scomosizioneI le azioni che ci si
resentano nella loro seUuenzialitR sono girate in momenti di!ersi, e ciT che !ediamo S il risultato di
una serie di scelte legate allFinUuadratura e al montaggio. A di%%erenza del ittore W che S come un
mago nel mantenere la distanza tra sZ e ciT che S oggetto della raresentazione e nel con%erire
unFautoritR auratica alla raresentazione stessaC lFoeratore cinematogra%ico S come un chirurgo K
enetra nelle immagini, le %rammenta, le scomone, ne ride%inisce la seUuenza, %inendo erT er
eliminarne lFaura.
"ungi dal condi!idere il senso di disagio ro!ato da 3irandello nei con%ronti della resenza del
mezzo tecnico nella realizzazione dellFimmagine cinematogra%ica, come testimonia il romanzo Si
gira del ;A;N, Benjamin a%%erma che rorio Uuesta mediatezza consente al cinema di determinare
un signi%icati!o aro%ondimento delle nostre caacitR ercetti!e. "a ossibilitR di moltilicare i
unti di !ista e le inUuadrature mediante Uuella che Benjamin chiama -la dinamite dei decimi di
secondoV rende in%atti i\ libero e indiendente il nostro sguardo sulle cose. "o sazio che si ri!ela
alla cineresa S, inoltre, ro%ondamente di!erso da Uuello che si ri!ela allo sguardo emiricoI - al
osto di uno sazio elaborato dalla coscienza dellFuomo inter!iene uno sazio elaborato
inconsciamenteV. [uello ri!elato dallFistantaneitR dellFimmagine %otogra%ica e dalla seUuenzialitR
dellFimmagine in mo!imento S dunUue un -inconscio otticoV che si ri!ela soltanto attra!erso di
esse, cosX come lFinconscio istinti!o !iene ortato alla luce nella sicoanalisi.
"a ortata -ri!oluzionariaV che Benjamin attribuisce alla %otogra%ia come tecnica della riroduzione
e,in maggior misura, al cinema, si eslica dunUue su di!ersi ianiI dissoluzione dellFaura attra!erso
riroduzioni che sottraggono lFoera dFarte allFhit et nunc della sua esistenza materiale e della sua
%ruizione, ri!elazione di una !isibilitR che rimane inaccessibile allFocchio emirico e di!enta in!ece
accessibile grazie alla mediazione del disositi!o, contestazione di ogni atteggiamento cultuale e
-%eticisticoV, tiicamente borghese, nei con%ronti dellFautenticitR e dellFautoritR dellFoera.
/iguardo a UuestFultimo unto, Benjamin sottolinea come il cinema, a di%%erenza della ittura, non
consenta un atteggiamento uramente contemlati!o, %atto di esaltazione e raimento. [uella del
cinema non S una %ruizione %atta di raccoglimento ma una %ruizione -distrattaV in cui lo settatore
non si erde nellFoera, ma si mantiene in un atteggiamento nel Uuale iacere e giudizio critico
coesistono senza limitarsi a !icenda. .l cinema, in altre arole, si allontana dal naturalismo e
dallFillusionismo teatrale e consente di conser!are la -distanzaV e lo -straniamentoV che erano al
centro, negli stessi anni, della ri%lessione sul teatro di Brecht.
"a caacitR di ride%inire il raorto tra lFarte e le masse aerta dal cinema, dunUue, risiede er
Benjamin nella ossibilitR di una %ruizione colletti!a nella Uuale la critica non S so%%ocata da una
%orma di de!ozione cultuale nei con%ronti dellFimmagine. Perto, anche nel cinema S resente un
residuo di aura, in articolare nel culto della ersonality che tras%orma gli attori in di!i, e del resto S
chiaro che lFVindustria cinematogra%ica ha tutto lFinteresse a imbrigliare, mediante raresentazioni
illusionistiche e mediante ambigue seculazioni, la arteciazione delle masseV. Alla ricognizione
delle ossibilitR esressi!e del mezzo cinematogra%ico oerata da registi come 'jzenstejn si
contraone!a, in Uuegli stessi anni, lFimiego dellFimmagine cinematogra%ica da arte dei regimi
%ascisti a %ini roagandistici W basti ensare al contributo della regista "eni /ie%enstahl nel de%inire
lFiconogra%ia del nazismo C , testimoniando cosX come Uuesta %orma esressi!a a!esse un otenziale
ambiguo, , che sarR oi analizzato da Adorno e ?or#ehimer , in relazione allFindustria culturale
americana, in Dialettica dellFilluminismo (;AJB). /isetto a Uuesto testo, lFanalisi di Benjamin
mostra di condi!idere lFinteresse e le asettati!e nutrite da di!ersi mo!imenti degli anni &enti e
:renta (neolasticismo, costrutti!ismo, Bauhaus), oltre che dai gio!ani "u#Rcs e Brecht , nei
con%ronti dei nuo!i mezzi esressi!i, ur riconducendo la ri%lessione sullFarte a una %inalitR
rettamente oliticaI Benjamin risonde in%atti allFestetizzazione della olitica e della guerra
rooste dal %ascismo, e condi!ise da %uturisti come 4artinetti, sostenendo la necessitR di una
-oliticizzazione dellFarteV rorio a artire dal otenziale ri!oluzionario e democratico del cinema.