Vous êtes sur la page 1sur 14

1

FALSIFICAZIONI E USURPAZIONI


INTRODUZIONE

A partire dalla seconda met del XIX secolo, fino ai giorni nostri, si sono cimentati in molti
nell'opera d'inquinamento del deposito originario tradizionale dei Riti Egizi, tanto da giungere
all'odierna diffusa e deleteria confusione planetaria.
Dunque, visto limperversare di falsi contesti iniziatici che indebitamente si attestano la Filiazione
Ambelain e ci attaccano costantemente, alcune volte anche a titolo personale, si rende necessario
fornirvi le informazioni essenziali per evitare di cadere inconsapevolmente nelle trame di questi
bizzarri esponenti della controiniziazione.
In alcuni casi, abbiamo incrociato spregiudicati personaggi che, non avendo compreso la sublime
Via Iniziatica offerta dal nostro Rito, hanno avuto la presunzione di introdurre blasfeme invenzioni
con la speranza che i posteri si possano ricordare dei loro nomi.
Per lasciare un'impronta significativa nella nostra storia non necessita calpestare la Tradizione,
basterebbe solo comprenderla, seguirla e tramandarla integra, cos come ci pervenuta.
Vi invitiamo a farci caso: pi ci si allontana dalla Madre Patria della nostra Tradizione
Italico-mediterranea e pi scelleratezze si trovano in giro per i due emisferi.
Per non parlare di alcuni avventurieri conterranei, attuali brutte copie di Giovanbattista Pessina,
figure losche e meschine di falsari che traggono in inganno i pi deboli di carattere e di mente per
ottenere appagamento al proprio ego.
Non piacevole trattare di eventi e di soggetti squalificati ma un nostro diritto-dovere
difendere la Tradizione: quindi procediamo in ordine cronologico dei fatti a noi pi prossimi.
Tralasciamo volutamente di trattare le vicende anomale che hanno riguardato il Gran Santuario
Adriatico dellA.P.R.M.M.: innanzi tutto, perch un Rito Egizio che, giustamente, non vanta la
discendenza dal Fr. Robert Ambelain e, di conseguenza, non ha mai usurpato la qualifica di
Filiazione Ambelain; in secondo luogo, lA.P.R.M.M., retto fino a qualche mese addietro dal Fr.
Sebastiano Caracciolo, passato alle Valli Celesti, non ha mai agito con atti ostili nei nostri confronti.


USURPAZIONE DELLA.P.R.M.M. DEL G.O.I.

Il primo dei pi recenti misfatti nasce dal tradimento attuato dal Fr. Francesco Brunelli ai
danni del Gran Santuario Adriatico di cui era membro, allora retto dal Fr. Gastone Ventura. Nel
1971 il Fr. Brunelli fu definitivamente depennato dallA.P.R.M.M. e, nel 1973, ripar in Francia per
ottenere dal Gran Ierofante francese Robert Ambelain unautorizzazione per aprire in Italia un
Ordine Martinezista e, contestualmente, il riconoscimento come rappresentante per lItalia del Rito
Antico e Primitivo di Memphis-Misram, senza che sia mai avvenuta alcuna reale trasmissione
iniziatica dei gradi e dei rituali del R.A.P.M.M. che erano, e sono, notevolmente diversi da quelli
praticati nellA.P.R.M.M. del Gran Santuario Adriatico e, principalmente, non ricevendo
liniziazione ai quattro gradi originali degli Arcana Arcanorum, n la formale investitura da parte
di un Sovrano Santuario regolarmente costituito.
2

N si pu pensare che il Fr:. Brunelli gi avesse ricevuto gli Arcana Arcanorum nel Gran
Santuario Adriatico, per il semplice motivo che questo non li ha mai posseduti sin dalla sua
fondazione (ci riferiamo, ovviamente, alla Scala Napoletana, che alla nascita del Gran Santuario
Adriatico era gi da tempo stata perduta in Italia; in quanto altri rituali, in quel Rito, sono stati
erroneamente ritenuti essere gli Arcana Arcanorum)
Dal 1973 al 1978 lazione del Fr. Brunelli rimase limitata allOriente di Perugia, dove svolgeva
lattivit di medico, raccogliendo il numero massimo di una decina di Fratelli della sua Loggia I
Figli di Horus che praticava i rituali egizi dei soli primi tre gradi simbolici.
Nel 1982, alla sua morte, il Fr. Brunelli non lasci alcuna esplicita successione nel suo Rito
ibrido. Quindi, il Fr. G. S., che allora ricopriva sulla carta la funzione di Segretario del Supremo
Consiglio di 33 grado, si proclam suo successore con modalit diciamo piuttosto irregolari, mai
avendo ricevuto ritualmente alcun grado superiore al 33
Se G. S. avesse ricevuto una legittima successione, ratificata dal suo Sovrano Santuario, non
avrebbe avuto la necessit di ripararsi, anche lui come Brunelli, sotto lombrello francese del Fr.
Robert Ambelain che, molto avanti negli anni e poco consapevole, si fece convincere in dieci
minuti - dico dieci minuti - dincontro privato presso il suo studio parigino, a riconoscerlo come
successore di Brunelli; anche in questo caso senza alcuna trasmissione rituale dei gradi e dei rituali
necessari per potersi richiamare legittimamente alla Filiazione Ambelain e tanto meno la Scala
Napoletana.
Infatti, ancora oggi, G. S. continua a praticare nel suo rito interno al G.O.I. i gradi ed i rituali
provenienti dal Gran Santuario Adriatico, diversi dal R.A.P.M.M. e privi del deposito originale dei
quattro gradi degli Arcana Arcanorum, questultimi sostituiti con un unico 90 grado dal blando
carattere cabalistico, proveniente dai 18 gradi inventati dai fratelli Bedarride.
Per garantirsi il rinnovo del riconoscimento e rafforzare la sua debole immagine, il Fr. G. S. esib
alla Gran Maestranza del G.O.I. un documento di successione a firma del Fr. Gedeone Gandolfo,
ultimo Reggente del Sovrano Gran Santuario Superum, discendente dal Fr. Marco Egidio Allegri.
Lo stesso Fr. Gandolfo, ancora in vita e con mente lucida, sment per iscritto lautenticit del
documento, perch il contenuto non veritiero e la sua firma falsificata, inviando una lettera al Gran
Maestro del G.O.I. per informarlo del grave misfatto (vd. doc. 1 e 2).
Vedremo pi avanti che questa propensione a falsificare le firme non un caso isolato, anzi, ha
fatto scuola.
Lattivit dellA.P.R.M.M. del G.O.I. farcita da continue e disinvolte irregolarit, con
conferimenti di pacchetti di gradi tutti sulla spada (vd. doc. 3 e 4), con investiture di alte funzioni
fittizie a personaggi discreditati internazionalmente e, visto il suo mancato riconoscimento
internazionale, costituzione illecita di Sovrani Santuari allestero come dipendenza dal suo presunto
magistero, intessendo contatti ufficiali con contesti spuri non riconosciuti dal G.O.I.
Il 25/5/2009, G.S., accecato dallira per avere perso molti Fratelli del suo Rito confluiti nel R.A.G.,
present al Gran Maestro del G.O.I. una ambigua lettera daccusa nei confronti dei fondatori del
Regime degli Alti Gradi, inizialmente provenienti tutti dal G.O.I. e insigniti di gradi alti
dellA.P.R.M.M..
A questa tavola daccusa abbiamo risposto ufficialmente al G.M. del G.O.I. con lettera
datata 1/6/2009. I rapporti tra la nostra Associazione "Le Sentinelle della Tradizione" ed il G.O.I. si
sono chiariti anche tramite incontri, alcuni 'ufficiali' altri 'riservati', anche grazie alla mediazione
del compianto Fr:. Antonio Calderisi, che si era gi dimesso dalla carica di Sovrano Gran
Commendatore del Supremo Consiglio dellA.P.R.M.M. del G.O.I.
3

Di fatto, a seguito della decisione di "non luogo a procedere" da parte del G.O.I. e della
conseguente archiviazione delle accuse mosseci da G.S., archiviazione disposta dallo stesso Grande
Oratore, i rapporti con il G.O.I. si sono mantenuti sereni e di non ingerenza reciproca.
Per, ancora oggi, ogni qual volta lA.P.R.M.M. accusa perdite di Fratelli che liberamente
aderiscono al R.A.G., modesti personaggi periferici cercano accanitamente di ostacolarci con i
mezzi pi disparati.


USURPAZIONE DELLO.R.U.M.M. DI J. C. E DEI GIOVANI ACCOLITI
CONTERRANEI.

Il Serenissimo G.I. Fr. Robert Ambelain, con lettera-patente del 22 dicembre 1984 (doc. 5),
nomin suo successore lIll.mo Fr. Gerard Kloppel, dichiarando di cessare ogni sua funzione di
Gran Ierofante a far data dalla mezzanotte del 31 dicembre 1984, dopo 47 anni di attivit
massonica. Il Ser.mo G.I. Fr. Gerard Kloppel mantenne la sua alta funzione fino al 5 maggio 1998
quando, con atto scritto in pari data (doc. 6), comunicava a tutti i Sublimi Patriarchi del suo Sovrano
Santuario che lIll.mo Fr. Cheickna Sylla della Costa dAvorio era stato da lui nominato suo
successore nella carica di Gran Ierofante della Filiazione Ambelain e che, a mezzanotte dello stesso
giorno, cessava, dopo 40 anni, tutte le attivit massoniche. LIll.mo Fr. Gerard Kloppel, nella stessa
lettera, comunicava di avere gi trasmesso al nuovo Ser.mo G.I. tutti i documenti confidenziali ed i
sigilli. Chiudeva la sua lettera dichiarando che solamente al Ser.mo G.I. Cheickna Sylla spetteranno
le funzioni magistrali della Gran Ierofania e si firma come Pass Grand Maitre Mondial.
Il Ser.mo G.I. Fr. Cheickna Sylla, in una sua Balaustra del 10 giugno 1998 comunicava
testualmente che La transmission a eu lieu le mercredi 20 mai 1998 au domicile du Pass Grand
Matre Mondial Coustelet et je suis en possession des attributs de ma fonction.. (La trasmissione
ha avuto luogo il mercoled 20 maggio 1998 a Coustelet presso il domicilio del Passato Gran
Maestro Mondiale e sono in possesso degli attributi della mia funzione).
Le regole iniziatiche universali prevedono che chi si spoglia delle prerogative di una carica
non pu ritornare indietro a suo piacimento ed emettere atti non pi di sua competenza.
Infatti, il Fr. Kloppel, non condividendo alcune decisioni del Ser.mo G.I. in carica Fr. Sylla, dopo
poco pi di un anno dalla sua comunicazione di avere cessato ogni attivit massonica ed avere
insediato il suo successore, decise arbitrariamente di riprendersi la carica, dichiarando decaduto il
legittimo Gran Ierofante.
Tralasciamo i dettagli sul susseguirsi a cascata di atti illeciti e nulli compiuti dal Fr. Gerard Kloppel
durante gli ultimi anni della sua vita, come:
- la presunta restaurazione dellOrdine dei Riti Uniti per ricollegarsi alla visione garibaldina
del rito, nel cui atto costitutivo del 21/7/2007 vengono riportate errate anche le date di
nascita del Rito di Misram e del Regime di Napoli;
- lo sconvolgimento della scala dei gradi della Filiazione Ambelain;
- il conferimento disinvolto ed agevolato dei gradi 90, 95 e 97 del suo Ordine dei Riti
Uniti;
- il conferimento del 97 e 98 grado al Fr. J. C. senza averne pi i poteri (11/8/2008).
Alla morte del Fr. Kloppel, avvenuta il 6/10/2008, il Fr. J. C. si auto proclama Gran Maestro
Mondiale, successione disconosciuta da tutti i Sovrani Santuari regolari del mondo.
Nel 2011 J. C., non ottenendo alcun riconoscimento internazionale, emana un decreto in cui sono
dichiarati nulli tutti i gradi superiori al 33 conferiti in Francia dopo il 1998, cio dopo la
4

successione Kloppel-Sylla. Cos facendo, a suo giudizio, si sarebbe dovuto liberare con un sol colpo
di tutti quelli che gli contestavano la sua regolarit e che possedevano una legittima successione
nella Filiazione Ambelain. Contemporaneamente, avvia in Europa una campagna di cooptazioni con
vendita di patenti a raffica e costituzione di ordini e riti che seguono una bizzarra scala di gradi del
tutto estranea a quella tradizionalmente praticata dai Riti Egizi di filiazione R. Ambelain.
proprio vero che raggiunta una certa et, anagrafica ed iniziatica, per motivare la propria
permanenza nel Rito Antico e Primitivo di Memphis-Misram, si cerca di "rettificare", "riformare",
"modificare" il nostro Aureo Deposito, distorcendolo o degenerandolo arbitrariamente.
In Italia cadono nella trama di J. C. due affiatati ed ambiziosi giovani fratelli che, dopo aver
lasciato, in pochi anni, la Gran Loggia Regolare ed altre 3 Grandi Logge ed essere transitati nel
R.A.G. di Roma, dove avevano conseguito soltanto il 18 grado, decidono di abbracciare la
restaurazione del rito garibaldino inventata dallORUMM.
I due giovani fratelli rampanti di 18 grado si assonnano dal R.A.G. nel settembre del 2011
ed in data 10 dicembre dello steso anno, durante tre giorni in cui hanno ospitato J. C., ricevono,
presumibilmente dietro corresponsione di denaro e comunque senza che sia stato possibile avere
alcuna iniziazione in alcuna camera rituale regolarmente costituita, ben 79 gradi e costituiscono un
Sovrano Santuario dei Riti Uniti con la presunzione di dichiararsi, anche loro, Filiazione
Ambelain.


USURPAZIONE E FALSIFICAZIONI DEL R.E.M.R. DI F. F. (APIS, N.R. OTTAVIANO,
TA MERI, ECC.)

Il Fr. F. F., di origine ciociara e trapiantato a Padova, subito dopo essere stato ricevuto in
seno al S.S.T. dItalia, ha iniziato a seminare zizzania e maldicenze allinterno del R.A.G..
La sua azione si svolta su pi fronti:
a) tramava alle spalle del nostro Ser.mo G.I. fomentando malcontento e mugugni tra i Fratelli,
proponendo loro di costituire un S.S. alternativo e promettendo gradi e alte cariche a chi
lavesse seguito;
b) tentava inutilmente di costituire una maggioranza allinterno del S.S. per contestare
loperato del nostro Ser.mo G.I.;
c) criticava aspramente alcune scelte legittime del Ser.mo G.I., anche con allusioni false e
malevoli, al fine arrivare ad un impeachment e destituirlo dalla carica.
Con svariati pseudonimi che celavano la sua vera identit, come UNAS Pontefice Massimo, N.r.
Ottaviano, Apis, Efesto, Rahum von Ravensburg e altri ancora, il F. F. ha aperto su internet alcuni
blog da dove sferrava infamanti attacchi nei confronti del R.A.G., pur essendone egli stesso ancora
membro attivo. Contestualmente, non perdeva occasione per vantarsi di avere delle patenti del
Mizram napoletano e minacciava di utilizzarle per creare un proprio Sovrano Santuario.
Dopo svariati tentativi di arginare gli attacchi e riportare serenit nel R.A.G., il S.S.T. dItalia
stato costretto a ricevere una formale tavola dincolpazione su ben 11 capi dimputazione ed a
trattare il caso in una tornata straordinaria disciplinare, fissando il dibattimento per il giorno
12/5/2012 presso il Tempio di Roma.
Considerate le evidenti colpe e la copiosa documentazione che incontrovertibilmente le
dimostravano, avendo egli stesso certezza della sua colpevolezza e temendo un provvedimento di
espulsione, il 9/5/2012, tre giorni prima della tornata di giudizio, il F. F. presentava una
comunicazione di rescissione da qualunque vincolo iniziatico con il R.A.G., sciogliendo
5

unilateralmente e volontariamente ogni Giuramento o Promessa Solenne prestato, quindi decadendo
da ogni grado ricevuto nel R.A.G. In pratica si d coraggiosamente alla fuga!
Dopo qualche giorno, su internet, il F. F. (Apis, N.r. Ottaviano, ecc.) dava comunicazione
che in data 11/5/2012 era stato ricevuto in Austria da due fantomatici Grandi Ierofanti dellestremo
nord Europa (Lituania ed Estonia, pensate un po!) ed hanno costituito un Sovrano Santuario del
Rito Egizio-Mediterraneo Rettificato, incoronando il F. F. (Apis) come Gran Ierofante ad vitam.
Nello stesso comunicato annunciava che il giorno successivo, guarda caso il 12/5/2012, il F.F.
(Apis) iniziava al 95 e 96 grado due suoi Fratelli, uno suo concittadino e laltro della bassa
padana, che lo avevano seguito nellabbandono del R.A.G., insediando il secondo come 2 Gran
Custode e Gran Segretario, il primo come Gran Ierofante aggiunto e 1 Gran Custode (doc. 7).
Rendiamo noto che questultimo, dopo poco tempo, lha fortunatamente abbandonato.
Fate attenzione alle date! Oltre alla coincidenza della data fissata per il procedimento
disciplinare, c da notare che il giorno 11/5/2012, in cui F. F. (Apis) afferma di essere stato
ricevuto in Austria, in realt era in Italia, a Padova, come hanno testimoniato alcuni suoi Fratelli
concittadini. Quando un Fratello gli fece notare che i presunti Grandi Ierofanti dellarea baltica
fossero completamente sconosciuti a tutti e che tale importante evento avesse certamente meritato
qualche foto, F.F. (Apis) rispose che si trattava di due anzianissimi Fratelli, sofferenti per let
avanzata e molto schivi. Questa risposta apparve incredibile: due anzianissimi Fratelli, che a stento
si reggono in piedi, come possono affrontare un lunghissimo viaggio di oltre 1800 Km., dalla
Lituania e dallEstonia fino in Austria?
Inoltre, lo stesso Fratello ci ha dato la scannerizzazione delle famigerati patenti costitutive
del rito di F.F. (Apis), dallesame delle quali emergono delle madornali incongruenze come:
- i cognomi dei presunti Gran Ierofanti sono scritti in modo diverso nei vari documenti (Zuyut in
uno, Zujut nellaltro);
- i personaggi menzionati sono del tutto sconosciuti in tutto il mondo iniziatico, anche quello pi
specificamente interessato;
- le firme dello stesso personaggio sono diversissime in due documenti;
- la calligrafia di tutte le firme apposte nelle presunte patenti costitutive appare uguale, come se a
firmare tutti i documenti fosse una sola mano con la stessa penna.
Ma la cosa pi ridicola che il cognome lituano Zujut, uno dei presunti Gran Ierofanti firmatari le
patenti costitutive, secondo le regole della lingua lituana attribuibile esclusivamente ad una donna.
Cito testualmente quanto contenuto nel sito italo-lituano http://www.italietuva.com/forum/cognomi-lituani-
t7892.html:
In considerazione della sua particolarit linguistica la grammatica lituana regola anche le
composizioni dei cognomi. Il cognome di un ragazzo (un figlio maschio) identico al cognome di
suo padre. Il cognome di una ragazza riceve i suffissi ait, - yt, -ut, -iut (-ut). Questa regola
viene applicata rigidamente se i genitori sono cittadini lituani ed appartenenti al gruppo razziale
lituano, ma pu anche trovare applicazione qualora i bambini non siano figli di cittadini lituani
oppure cittadini lituani non appartenenti alla razza lituana (ad es. Polacchi, Russi, ecc.) .
Dunque, solo ai cognomi delle donne vengono aggiunti i suffissi iut o -jut ai cognomi
maschili paterni che finiscono in ius o -jus. Nello stesso sito riportato, guarda caso, proprio
lesempio del cognome femminile Zujut che deriva da quello maschile Zujus.
Mistificatori dilettanti allo sbaraglio!
Conoscendo bene il nostro F. F., UNAS Pontefice Massimo, N.r. Ottaviano, Apis, Efesto,
Rahum von Ravensburg, e via di seguito, non ci siamo meravigliati pi di tanto del guazzabuglio
controiniziatico che emergeva con chiarezza, ma lAssociazione culturale Le Sentinelle della
6

Tradizione, per fugare ogni dubbio, ha deciso di affidare il mandato ad un Perito Grafologo,
iscritto allAlbo dei Consulenti Tecnici del Tribunale di Savona, di verificare con metodo
scientifico le firme apposte negli atti costitutivi di cui si vantava il F. F. (Apis, ecc. ecc.).
La risposta del Consulente stata:
Il CTP, esaminati gli atti denominati: SOVRANO SANTUARIO EGIZIO MEDITERRANEO e
ORDO MIZRAI M SEU AEGYPTI e le sei firme stese in calce ai rispettivi documenti, afferma
che le stesse sono riconducibili alla mano che ha steso le firme di comparazione (F. F. / Apis).
(documento da scaricare a parte)

Non vi dubbio alcuno, le pseudo patenti del Rito Egizio Mediterraneo Rettificato (R.E.M.R.) sono
false!

La storia delle usurpazioni e delle falsificazioni si ripete! Ma come riconoscerle con facilit ?


7









8


9





10


11



12




13

Criteri di regolarit di costituzione di un Sovrano Santuario
e validit iniziatica del suo Presidente (o Gran Ierofante)

In considerazione delle innumerevoli mistificazioni e false trasmissioni che da secoli si
perpetuano in seno ai Rito Egizi, non superfluo illustrare quali siano le corrette modalit di
costituzione di un Sovrano Santuario.
Questo devessere regolarmente costituito da almeno 3 Patriarchi Grandi Conservatori che siano
stati ritualmente insigniti del 95 grado allinterno di Sovrani Santuari regolarmente costituiti.
Questa condizione non per nulla frequente, poich capita molto spesso che:
- uno o pi Patriarchi Grandi Conservatori siano stati elevati al 95 grado sulla spada e, dunque,
non in tornata rituale di 95 grado;
- uno dei Sovrani Santuari nei quali essi abbiano avuto elevazione al 95 grado non sia stato
regolarmente costituito.

Tali due situazioni capitano molto pi frequentemente di quanto non si pensi, rendendo
irregolari la maggior parte dei Sovrani Santuari.

Altrettanto interessante conoscere quali siano le condizioni di validit iniziatica di un
Presidente di un Sovrano Santuario, detto anche Gran Ierofante, dovendo questi essere eletto
allinterno di un Sovrano Santuario pre-esistente!
A fronte di questa necessit elettiva, viene da s che, ogni qualvolta si legga nelle storie dei Riti
Egizi che un Gran Ierofante passato allOriente Eterno abbia nominato quale suo successore un
Patriarca Grande Conservatore del suo Sovrano Santuario, tale successione non da intendersi
valida se non sia stata successivamente votata in seno al Sovrano Santuario stesso.
Il Gran Ierofante pu solo indicare un proprio successore, che tuttavia necessita della
ratifica del suo Sovrano Santuario, che potrebbe anche, in via ipotetica, deliberare la nomina a
proprio Presidente di un diverso Patriarca Grande Conservatore. Sappiamo bene che molto
raramente sono avvenute tali ratifiche, in quanto il G.I. nominato (a volte anche senza alcun
testamento olografo chiuso), si autoinstalla nel ruolo, senza dar modo al suo Sovrano Santuario di
eleggerlo formalmente quale Presidente.
Per non parlare poi delle investiture dirette, quando qualche Gran Ierofante, la cui
giurisdizione valida solo nel suo Paese, autoproclamandosi G.I. mondiale (con gradi che
rasentano il ridicolo, in quanto superiori allultimo iniziatico approvato, che solo il 97), si
permette di investire sulla spada un altro fratello, quale Gran Ierofante di un Paese o di una
regione! Mancando la ritualit di una tornata di 95 grado, tali investiture sulla spada non hanno
alcun valore iniziatico.
14


Alla luce di quanto detto, se ci si guarda intorno e si leggono le nascite di innumerevoli
Sovrani Santuari nel mondo, sar agevole scoprire che pochissimi hanno la regolarit
precedentemente illustrata; cos come, appena si leggono le discendenze e filiazioni di tantissimi
Grandi Ierofanti, si comprende che, per effetto di spadate ed in assenza di tornate rituali, essi non
hanno alcun potere iniziatico!
Il Sovrano Santuario Tradizionale dItalia del R.A.P.M.M. stato costituito da 5 fratelli.
Due di essi erano italiani ed avevano gi ricevuto il 95 grado in una Tornata rituale (dopo aver
avuto le trasmissioni rituali degli Arcana Arcanorum in 4 distinte tornate nei gradi 87-88-89 e
90); mentre gli altri 3 fratelli erano Grandi Ierofanti 97 grado di altrettanti Sovrani Santuari
regolarmente costituiti, come spiegato. Successivamente i 5 membri del costituito Sovrano
Santuario Tradizionale dItalia hanno eletto al loro interno il primo Presidente o Grande Ierofante. Il
tutto senza spadate, n nomine dirette da parte di qualche Gran Ierofante!
Questa corretta procedura, sconosciuta a tutti gli altri pseudo-Sovrani Santuari di Rito Egizio
attualmente operanti in Italia, lunica che conferisca validit Tradizionale ed Iniziatica ad un
Sovrano Santuario.

Fil-Jus