Vous êtes sur la page 1sur 9

3/ 7

aggiornato al 15/12/2010
Archivio inPratica (dottrina)

323 - CISTERNE PER TRASPORTO GAS (CLASSE 2)
Danieli ing. Roberto - dirigente DTT - direttore UMC
Lo scritto riflette esclusivamente le opinioni dell'Autore e non impegna in alcun modo l'Ente di cui egli sia dipendente


Sommari o:
I veicol i ci sterna sono veicoli costituiti di:
L'approvazi one dei veicoli ci sterna subordinata al rispetto di specifiche prescrizioni che riguardano le modalit di
323.0 QUADRO GENERALE
323.1 APPROVAZIONE DELLE CISTERNE DESTINATE AL TRASPORTO DI GAS
323.1.1 Rivalutazione di conformit delle cisterne per gas classe 2
323.1.2 Ispezioni periodiche delle cisterne per gas classe 2
323.1.3 Il fascicolo della cisterna
323.1.4 Quadro riepilogativo
323.2 APPROVAZIONE DEL VEICOLO
323.3 APPROVAZIONE DEL VEICOLO CISTERNA
323.3.1 Veicolo nuovo e cisterna nuova
323.3.2 Veicolo circolante e cisterna nuova
323.3.3 Veicolo nuovo e cisterna usata non riqualificata, munita di modello MC 452
323.3.4 Veicolo circolante e cisterna usata non riqualificata munita di libretto della cisterna MC 452
323.3.5 Veicolo nuovo e cisterna usata riqualificata
323.3.6 Veicolo usato e cisterna usata riqualificata
323.4 PARTICOLARI PRESCRIZIONI PER I VEICOLI CISTERNA
323.4.1 Verifica di stabilit al ribaltamento del veicolo cisterna
323.4.2 Equipaggiamento dei veicoli cisterna
323.5 IMMATRICOLAZIONE E CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI CISTERNA
323.5.1 Circolazione dei veicoli cisterna e delle cisterne per trasporto gas della classe 2 non rispondenti all'ADR
323.5.2 Adempimenti per la circolazione dei veicoli cisterna per trasporto materie pericolose della classe 2 non rispondenti
all'ADR
323.6 DOCUMENTI DELLE CISTERNE PER IL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE DELLA CLASSE 2
323.6.1 Cisterne conformi alla normativa precedente alla T-PED
323.6.2 Cisterne approvate in base alle nuove norme
323.6.3 Certificato di ispezione
323.7 COMPENDIO OPERATIVO
323.7.1 Approvazione del veicolo in unico esemplare e rilascio del Certificato d'approvazione (agreement) modello DTT 306
323.7.2 Note operative del collaudo
323.8 I FAC-SIMILE
323.8.1 Libretto per grandi serbatoi per il trasporto di gas compressi, liquefatti, disciolti (modello MC 452)
323.8.2 Certificato di approvazione della cisterna
323.8.3 Scheda tecnica della cisterna
323.8.4 Certificato di ispezione della cisterna
323.0 QUADRO GENERALE
veicol o (telaio, motore, assali, sospensioni, ecc.) che deve rispettare le vigenti norme ADR,
uno o pi serbatoi per trasporto di merci peri col ose installati sul veicolo,
speci fi ci equi paggi amenti (estintori, pannelli ed etichette, scaletta di accesso ai dispositivi di manovra, ecc.),
elementi di col l egamento del serbatoi o o dei serbatoi al veicolo.
Pagina 1 di 9 IterNet
05/03/2012 http://www.egaf.it/Asp/Pagine/pe0160252572271632311.asp
installazione del serbatoio sul veicolo, la stabilit del veicolo cisterna, la presenza e le caratteristiche dei dispositivi di
protezione e antinfortunistici, ecc.
I veicoli cisterna devono essere muniti di speci fi ci documenti quali il libretto della cisterna (modello MC 452 nel caso di
cisterna "vecchie norme"), sostituito dal certificato di approvazione (modello DTT 306) nell'ambito di un'ampia revisione della
disciplina (1) che, fra l'altro, prescrive che le cisterne e i loro rubinetti ed accessori di nuova fabbricazione, immessi sul
mercato a partire dal 1 luglio 2005, debbono rispettare le pertinenti disposizioni degli allegati A e B dell'ADR (2) nonch le
norme UNI-EN 12972 cui la disciplina ADR fa rinvio.

Per l'immissione sul mercato comunitario e la successiva immissione in servizio delle cisterne (e dei veicoli batteria) di
nuova fabbricazione, la normativa prevede che venga effettuata una valutazione del la conformi t alle pertinenti disposizioni
degli allegati A e B dell'ADR (2) nonch alle norme UNI-EN12972 cui la normativa ADR fa rinvio (9).
La relativa attivit di ispezione e controllo eseguita da Organi smi noti fi cati o autori zzati (in seguito ON e OA): si tratta
di enti, anche privati, riconosciuti ai sensi degli artt. 8 e 9 del DLG n. 23/2002, in possesso dei requisiti fissati. Ad ognuno
viene assegnato un codice numerico di identificazione valido tre anni (3). Tra i detti organismi sono inclusi anche gli UMC e i
CPA che quindi non hanno pi la competenza esclusiva ai controlli (4).
La valutazione dell a conformi t pu essere riferita al ti po di ci sterna. Nel caso di veri fica di conformit CE del ti po,
l'organismo notificato rilascia un attestato di esame "CE del ti po". La verifica pu essere riferita anche alla conformi t CE
del la progettazione.
In caso di esito favorevole della verifica, il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella UE, per ogni esemplare di cisterna
prodotto, rilascia la di chi arazi one di conformit al tipo.
Le procedure di verifica, di cui sopra, possono diversificarsi in base alla presenza di sistemi di controllo della qualit della
produzione interni all'azienda.
In ogni caso, ai fini dell'immissione in servizio, il fabbricante:
All'esito dei controlli di verifica vengono rilasciati:
Per le cisterne rispondenti alle norme previgenti , previsto che si possa attuare, ad opera di un ON, un processo di
rivalutazione di conformit, che pu essere relativa al tipo o alla singola cisterna (2).
A richiesta del proprietario, del suo mandatario o del detentore, possono essere sottoposte a controllo le cisterne gi
esistenti e messe in funzione anteriormente alla data di entrata in vigore del DLG 2.2.2002 n. 23.
inoltre possibile trasformare, come previsto dalla li nea guida n. 22 (5) del comitato di esperti TPED, un'omologazione
ottenuta secondo la normativa precedentemente in vigore (direttive 84/525/CEE, 84/526/CEE e 84/527/CEE), senza
procedere ad ulteriori prove.
La rivalutazione di conformit (16) pu essere relativa a:
L'organismo ispettivo verifica che i recipienti del tipo previsto assicurino caratteristiche di sicurezza almeno equi val enti a
quelle richieste della direttiva a riferimento.
Sulla base delle verifiche e delle eventuali prove di cui sopra, l'organismo ispettivo rilascia il rapporto di ri val utazi one
del la conformit (6).
Per la valutazione di conformit della singola cisterna, devono essere fornite, in aggiunta a quanto specificato in
precedenza, le copie del certificati di collaudo di fabbricazione, o una documentazione equivalente, che identifichi la singola
cisterna e le sue caratteristiche.
Come per le cisterne di nuova fabbricazione, la cisterna usata, riconosciuta conforme, viene marcata con il marchio "",
seguito dal numero di identificazione dell'ON che ha provveduto alla riqualificazione
L'organismo notificato deve procedere anche ad eseguire l 'ispezione periodi ca di tali recipienti rivalutati (v. inPratica
323.1.2).
L'ON pu procedere autonomamente a queste operazioni sulle cisterne riqualificate, prima esclusiva competenza degli
uffici Motorizzazione civile e dell'INAIL (X), non essendo pi obbligatoria la collegialit prevista dalla vecchia norma per i
recipienti di capacit superiore ai 1.000 litri (v. inPratica 323.1.2).
Conseguentemente il libretto modello MC 452 viene annul lato (ma custodito dal proprietario della cisterna durante il
servizio e per almeno un anno dopo la messa fuori uso della cisterna) ed rilasciata la documentazione prevista per le
cisterne conformi alla direttiva 1999/36/CE:
323.1 APPROVAZIONE DELLE CISTERNE DESTINATE AL TRASPORTO DI GAS
di chi ara che le cisterne soddisfano ai requisiti della direttive 94/55/CE, 96/49/CE e delle altre disposizioni di recepimento;

appone su ognuna di queste il marchio "", seguito dal numero identi ficativo dell'organismo notificato che ha eseguito
il controllo.
attestato di verifi ca, redatto secondo l'appropriato modulo previsto dalla T-PED,
scheda tecnica, redatta conformemente all'allegato A UNI EN 12972.
323.1.1 Rivalutazi one di conformi t dell e cisterne per gas cl asse 2
ti po di ci sterna,
singola ci sterna.
un attestato di ri val utazi one della conformit della cisterna emesso dall'organismo ispettivo (su modello simile alla
Scheda tecnica, redatto conformemente all'allegato A UNI EN 12972);
il certi fi cato dell a ispezi one peri odica (su modello conforme all'allegato B UNI EN 12972) (7).
Pagina 2 di 9 IterNet
05/03/2012 http://www.egaf.it/Asp/Pagine/pe0160252572271632311.asp
In base alla direttiva T-PED, le prove periodiche o straordinarie sulle cisterne nuove o riqualificate possono essere
effettuate dagli ON che rilasciano il certi fi cato di ispezi one peri odica, redatto secondo l'allegato B della norma UNI EN
12972 (e che andr allegato al fascicolo di cisterna).
Ad ogni prova periodica successiva, il documento precedente viene sostituito ed allegato al documento di approvazione
del la ci sterna (o di ri val utazi one dell a conformi t nel caso di cisterne riqualificate).
Resta invece agli UMC e all'INAIL (20) la competenza esclusiva dei controlli sulle cisterne "vecchie norme" non
riqualificate (8), munite di libretto modello MC 452; ma potranno essere autorizzati anche ON riconosciuti idonei. In ADR
4.3.3.2 sono indicate le pressioni di prova delle cisterne destinate al trasporto di gas compressi.

Il fascicolo cisterna per:
per trasporto gas della classe 2 contiene le informazioni tecniche riguardanti tali recipienti.
Anche per le cisterne per trasporto gas, cos come per le altre cisterne per trasporto liquidi, l'ADR prevede gli stessi
documenti prescritti dalla norma europea EN 12976 alla quale, di fatto, si adegua.
Il fascicolo della cisterna quindi costituito da:
Valgono per le cisterne per gas della classe 2 le stesse prescrizioni riguardanti la tenuta e la conservazione, nonch la
registrazione dei documenti, impartite per le cisterne destinate al trasporto delle altre merci pericolose (v. inPratica 322.1.2).
Le cisterne per trasporto gas della classe 2 immesse sul mercato dal 1 lugl io 2007, sono corredate del certi fi cato di
valutazione del la conformi t, redatto secondo l'appropriato modulo previsto da T-PED, comprendente la scheda tecnica,
oltre al certi fi cato di ispezi one i ni zial e.
Anche le cisterne rivalutate ai sensi della normativa T-PED, sono corredate di un attestato di rival utazi one dell a
conformi t, comprendente una scheda tecnica, oltre al certi fi cato di ispezi one eseguita all'atto della rivalutazione.
In tutti gli altri casi, la documentazione a corredo della cisterna costituita dal modell o MC 452, nel quale sono comunque
riportati i dati tecnici della cisterna e la certificazione della prova i ni zial e.
Ci premesso, possono esemplificarsi i due casi seguenti, ad ognuno dei quali si pu far corrispondere la relativa
documentazione che andr a costituire il fascicolo della cisterna.
Figura 1
Fasci colo del la ci sterna adeguata al l e nuove norme o rival utata

Figura 2
Fasci colo del la ci sterna per gas del la cl asse 2 non adeguata al l e nuove norme e non ri valutata

Si riporta di seguito un quadro riepilogativo del nuovo regime riguardante l'approvazione ed i controlli sulle cisterne per
gas della classe 2.

Ci sterne di nuova costruzi one
Autori t competente: Mi ni stero del l e i nfrastrutture e dei trasporti

323.1.2 Ispezioni peri odiche del le ci sterne per gas classe 2
323.1.3 Il fasci colo del la ci sterna
cisterne (fisse o smontabili),
veicoli-batteria,
CGEM,
a certificato secondo l'appropriato modulo previsto da T-PED, rilasciato dall'Organismo notificato (ON) o, nel caso di cisterne
riqualificate, documento di rivalutazione della conformit insieme al modello MC 452, annullato dall'organismo notificato;
b certificato secondo allegato A norma UNI EN 12972 (scheda tecnica);
c certificato secondo allegato B norma UNI EN 12972 - certificato di ispezione iniziale;
d certificato secondo allegato B norma UNI EN 12972 - certificato di ispezione periodica.
A CISTERNA ADEGUATA ALLE NUOVE NORME O RIVALUTATA - Documentazi one del fasci colo (merci peri colose
classe 2):
- attestato di val utazi one del la conformi t del prototipo (o dell'esemplare unico) o di rivalutazione del la conformit
(cisterne in esercizio sottoposte a rivalutazione), redatto secondo il modulo appropriato T-PED, comprendente la scheda
tecni ca redatta conformemente all'appendice A della norma UNI-EN 12972;
- certi fi cati del le prove i ni zial i e peri odiche redatti conformemente all'appendice A della norma UNI-EN 12972.
B CISTERNA NON ADEGUATA ALLE NUOVE NORME E NON RIVALUTATA - Documentazi one del fasci colo (gas
classe 2):
- li bretto modello MC 452, riportante i dati tecnici della cisterna e la certificazione della prova inizi ale;
- certi fi cato dell a prova peri odica redatto conformemente all'appendice A della norma UNI-EN 12972;
- esito annotato anche sul modell o MC 452.
323.1.4 Quadro ri epil ogativo
Tipo di control l o Ente di i spezione e control l o Documentazi one
ril asciata
Pagina 3 di 9 IterNet
05/03/2012 http://www.egaf.it/Asp/Pagine/pe0160252572271632311.asp
Ci sterne ri qual ifi cate di vecchi a costruzi one
Autori t competente: Mi ni stero del l e i nfrastrutture e dei trasporti

Ci sterne non riqual i fi cate di vecchi a costruzi one
Autori t competente: Mi ni stero del l e i nfrastrutture e dei trasporti


Il veicol o (veicolo a motore o suo rimorchio incompleto cio telaio cabinato, telaio di rimorchio, trattore per semirimorchio,
ecc., e quindi senza riferimento alla particolare carrozzeria finale) destinato a costituire i veicoli pi avanti elencati, da adibire
al trasporto delle merci pericolose, deve essere di tipo approvato o omologato (v. inPratica 320.2).
Devono rispondere alle prescrizioni dell'appendice B2, Parte 9, dell'ADR (6) i veicol i destinati a costituire:
Approvazi one Organismi notificati (ON) 1) Certificato redatto
e i mmi ssione e autorizzati (OA) in base secondo l'appropriato
in servi zi o agli artt. 8 e 9 DLG n. 23 modulo T-PED
2) Allegato A UNI
EN 12972
Ispezi one peri odi ca Organismi notificati (ON) 1) Certificato redatto
e autorizzati (OA) in base secondo l'appropriato
agli artt. 8 e 9 DLG n. 23 modulo T-PED
2) Allegato B UNI
EN 12972
Ispezi one straordinari a Organismi notificati (ON) 1) Certificato redatto
in base agli art. 8 DLG n. 23 secondo l'appropriato
modulo T-PED
2) Allegato B UNI
EN 12972
Tipo di control l o Ente di i spezione e control l o Documentazi one
ril asciata
Controll o Organismi notificati (ON) 1) Certificato redatto
per l a ri val utazi one in base all'art. 8 DLG n. 23 secondo l'appropriato
del l a conformi t Modulo T-PED
attestante la conformit
2) Allegato A UNI
EN 12972
(modello MC452 annullato
conservato nel fascicolo)
Ispezi one peri odi ca Organismi notificati (ON) 1) Certificato redatto
e autorizzati (OA) in base secondo l'appropriato
all'art. 8 DLG n. 23 Modulo T-PED
2) Allegato B UNI
EN 12972
Ispezi one straordinari a Organismi notificati (ON) 1) Certificato redatto
in base all'art. 8 DLG n. 23 secondo l'appropriato
Modulo T-PED
2) Allegato B UNI
EN 12972
Tipo di control l o Ente di i spezione e control l o Documentazi one
ril asciata
Approvazi one Uffici della Motorizzazione civile Rilascio del modello MC 452
e i mmi ssione ed INAIL (20)
in servi zi o
Ispezi one peri odi ca Uffici della Motorizzazione civile Aggiornamento pagine da 9
ed INAIL (20) (*) a 24 del modello MC 452
Ispezi one straordinari a Uffici della Motorizzazione civile Aggiornamento pagine da 9
ed INAIL (20) a 24 del modello MC 452
(*) Gli organismi notificati possono eseguire la visita interna della cisterna "vecchie norme", non riqualificata, attestandone l'idoneit.
323.2 APPROVAZIONE DEL VEICOLO
veicoli con ci sterna fi ssa con capacit superiore a 1.000 l,
veicoli destinati al trasporto di ci sterne mobi l i con capaci t superi ore a 1.000 l ,
veicoli destinati al trasporto di ci sterne smontabi li di capacit superiore a 3.000 l ,
veicoli destinati al trasporto di contai ners-cisterna di capacit superiore a 3.000 l,
veicol i -batteri a con capaci t superi ore a 1.000 l .
Pagina 4 di 9 IterNet
05/03/2012 http://www.egaf.it/Asp/Pagine/pe0160252572271632311.asp
I veicol i ci sterna sono veicoli costituiti da:
In base alle vigenti prescrizioni dell'ADR, ogni veicolo cisterna di nuova immatricolazione deve essere dotato di certi fi cato
di approvazi one model l o DTT 306 (v. inPratica 329) che integra la carta di circolazione del medesimo veicolo.
Come pi dettagliatamente illustrato in precedenza, per le cisterne approvate in conformit alle nuove disposizioni, non
pi prevista l'emissione del libretto modell o MC 452.
In analogia a quanto stabilito dal DTT per quanto riguarda le altre cisterne per trasporto di merci pericolose (10), sulla carta
di circolazione del veicolo cisterna vengono annotate le seguenti informazioni relative alla cisterna:
Va inoltre annotata sulla carta di circolazione la seguente dicitura: "La circolazione subordinata al possesso del
certificato di approvazione modello DTT306".
L'installazione della cisterna sul veicolo pu riguardare:
I veicoli cisterna sono soggetti all'approvazione da parte dell'UMC nel loro complesso.
L'approvazi one, che compete agli UMC, avviene in base alla documentazione ed alle procedure di seguito riportate, con
rilascio conseguente dei documenti di circolazione.
Possono essere schematizzati i seguenti casi:
In questo caso:
L'UMC, effettuata l'approvazione ai sensi dell'art. 75, c. 2, CDS, rilascia per ogni veicolo cisterna sottoposto a visita e
prova:
Deve inoltre essere annotata sulla carta di circolazione la seguente dicitura:
323.3 APPROVAZIONE DEL VEICOLO CISTERNA
veicol o propriamente detto (telaio, motore, assali, sospensioni, ecc.) che, di norma, di tipo omologato e gi predisposto
per essere allestito con qualsiasi carrozzeria; il veicolo deve rispettare le vigenti norme ADR (v. inPratica 323.2);
uno o pi serbatoi per trasporto di merci peri col ose installati in modo stabile sul veicolo (fissati con viti e bulloni oppure
con staffe e dadi alla struttura portante del veicolo );
speci fi ci equi paggi amenti (estintori, pannelli ed etichette, scaletta di accesso ai dispositivi di manovra, ecc.);
elementi di coll egamento del serbatoio o dei serbatoi al veicolo (sistema di ancoraggio del serbatoio all'autotelaio o
telaio per rimorchio o semirimorchio).
a costruttore,
b numero di serie della cisterna,
c anno di costruzione della cisterna,
d codice cisterna,
e disposizioni speciali.
veicolo nuovo e cisterna nuova oppure usata,
veicolo usato e cisterna nuova oppure usata.
a veicolo nuovo e cisterna nuova,
b veicolo circolante e cisterna nuova,
c veicolo nuovo e cisterna usata munita di libretto della cisterna MC 452,
d veicolo circolante e cisterna usata munita di libretto della cisterna MC 452,
e veicolo nuovo e cisterna usata riqualificata,
f veicolo usato e cisterna usata riqualificata.
323.3.1 Vei colo nuovo e cisterna nuova
documentazione prodotta dal costruttore della cisterna che, ottenuta l'approvazione da uno degli Organismi Notificati,
rilascia per ogni singola cisterna costruita la di chi arazi one di conformi t al tipo (secondo la nuova norma T-PED) e una
copia del certi fi cato attestante l'avvenuta prova inizi ale redatto secondo UNI EN 12972 (allegato B);
documentazione prodotta dal costruttore del veicolo propriamente detto che rilascia per ogni singolo veicolo la
di chi arazi one di conformi t del l'autotel ai o o telaio per rimorchio o per semirimorchio;
specifica visita e prova necessaria per effettuare le verifiche relative all'installazione della cisterna sull'autotelaio
(ancoraggio del serbatoio, ripartizione delle masse sugli assi, posizione baricentrica del serbatoio, ecc.) e l'idoneit delle
particolari caratteristiche, delle attrezzature e degli accessori del veicolo cisterna (viene redatto apposito verbale delle
verifiche e prove relative alla idoneit della installazione della cisterna sull'autotelaio o sul telaio per rimorchio o
semirimorchio e all'idoneit delle particolari caratteristiche, attrezzature ed accessori del veicolo cisterna).
carta di ci rcolazione del vei colo, sulla quale vengono annotate le seguenti informazioni relative alla cisterna:
a costruttore,
b numero di serie della cisterna,
c anno di costruzione della cisterna,
d codice cisterna,
e disposizioni speciali.
Pagina 5 di 9 IterNet
05/03/2012 http://www.egaf.it/Asp/Pagine/pe0160252572271632311.asp
"La circolazione subordinata al possesso del certificato di approvazione modello DTT306";
In questo caso:
L'UMC, effettuata l'approvazione ai sensi dell'art. 78 CDS, rilascia per ogni veicolo cisterna sottoposto a visita e prova:
Deve inoltre essere annotata sulla carta di circolazione la seguente dicitura:
"La circolazione subordinata al possesso del certificato di approvazione modello DTT306";
In questa fattispecie (15) si possono verificare due situazioni:
In entrambi i casi la documentazione da produrre la seguente:
L'UMC, effettuata l'approvazione ai sensi dell'art. 75, c. 2, CDS, rilascia per ogni veicolo cisterna sottoposto a visita e
prova:
certi fi cato di approvazi one model l o DTT 306 che integra la carta di circolazione del medesimo veicolo.
323.3.2 Vei colo ci rcolante e ci sterna nuova
documentazione prodotta dal costruttore della cisterna che, ottenuta l'approvazione da uno degli Organismi Notificati,
rilascia per ogni singola cisterna costruita la di chi arazi one di conformi t al tipo (secondo la nuova norma T-PED) e una
copia del certi fi cato attestante l'avvenuta prova inizi ale redatto secondo UNI EN 12972 (allegato B);
carta di ci rcolazione del vei colo, del rimorchio o del semirimorchio (18);
specifica visita e prova necessaria per effettuare le verifiche relative all'installazione della cisterna sull'autotelaio
(ancoraggio del serbatoio, ripartizione delle masse sugli assi, posizione baricentrica del serbatoio, ecc.) e l'idoneit delle
particolari caratteristiche, delle attrezzature e degli accessori del veicolo cisterna (viene redatto apposito verbale delle
verifiche e prove relative alla idoneit della installazione della cisterna sull'autotelaio o sul telaio per rimorchio o
semirimorchio e all'idoneit delle particolari caratteristiche, attrezzature ed accessori del veicolo cisterna).
carta di ci rcolazione del vei colo, sulla quale vengono annotate le seguenti informazioni relative alla cisterna:
a costruttore,
b numero di serie della cisterna,
c anno di costruzione della cisterna,
d codice cisterna,
e disposizioni speciali.
certi fi cato di approvazi one model l o DTT 306 che integra la carta di circolazione del medesimo veicolo.
323.3.3 Vei colo nuovo e cisterna usata non ri qual ifi cata, muni ta di model lo MC 452
1 la cisterna rispondente alle norme ADR, cos come il veicolo e pertanto possibile il rilascio del modello DTT 306;
2 la cisterna non rispondente alle norme ADR, a differenza del veicolo, e pertanto non ammesso il rilascio del modello
DTT 306 ma la cisterna pu essere utilizzata in deroga, per i soli trasporti nazionali (v. inPratica 323.5.1).
libretto della cisterna modello MC 452;
documentazione prodotta dal costruttore del veicolo propriamente detto che rilascia per ogni singolo veicolo la
di chi arazi one di conformi t del l'autotel ai o o telaio per rimorchio o per semirimorchio;
specifica visita e prova necessaria per effettuare le verifiche relative all'installazione della cisterna sull'autotelaio
(ancoraggio del serbatoio, ripartizione delle masse sugli assi, posizione baricentrica del serbatoio, ecc.) e l'idoneit delle
particolari caratteristiche, delle attrezzature e degli accessori del veicolo cisterna (viene redatto apposito verbale delle
verifiche e prove relative alla idoneit della installazione della cisterna sull'autotelaio o sul telaio per rimorchio o
semirimorchio e all'idoneit delle particolari caratteristiche, attrezzature ed accessori del veicolo cisterna).
nel 1 caso (cisterna rispondente alle norme ADR, cos come il veicolo):
- carta di circol azione del vei col o, sulla quale vengono annotate le seguenti informazioni relative alla cisterna:
a costruttore,
b numero di serie della cisterna,
c anno di costruzione della cisterna,
d codice cisterna,
e disposizioni speciali.
Deve essere inoltre annotata sulla carta di circolazione la seguente dicitura:
"La circolazione subordinata al possesso del certificato di approvazione modello DTT306";
- certi fi cato di approvazione model lo DTT 306 che integra la carta di circolazione del medesimo veicolo;
nel 2 caso (cisterna non rispondente alle norme ADR, a differenza del veicolo ma la cisterna pu essere utilizzata in
deroga, per i trasporti nazionali) (v. inPratica 323.5.1):
- carta di ci rcol azi one del vei colo, sulla quale vengono riportate le caratteristiche del tipo di carrozzeria installata e
lannotazione prevista dal DM 18.2.2002 che autorizza la circolazione del veicolo fino alla scadenza prescritta (v. inPratica
322.5.1);
- li bretto dell a ci sterna (MC 452) aggiornato, sul quale sono annotati i dati relativi alla cisterna installata (costruttore, tipo,
Pagina 6 di 9 IterNet
05/03/2012 http://www.egaf.it/Asp/Pagine/pe0160252572271632311.asp
Anche in questa fattispecie (15) si possono verificare due situazioni:
In entrambi i casi la documentazione da produrre la seguente:
L'UMC, effettuata l'approvazione ai sensi dell'art. 75, c. 2, CDS, rilascia per ogni veicolo cisterna sottoposto a visita e
prova:
In questo caso:
L'UMC, effettuata l'approvazione ai sensi dell'art. 78 CDS, rilascia per ogni veicolo cisterna sottoposto a visita e prova:
capacit, scomparti, caratteristiche del materiale, pressione di calcolo, pressione di esercizio, pressione di prova, esito
delle visite periodiche, ecc.) e il dati relativi al veicolo sul quale la cisterna stata installata (15).
323.3.4 Vei colo ci rcolante e ci sterna usata non ri quali ficata muni ta di l ibretto dell a cisterna MC 452
1 la cisterna rispondente alle norme ADR, cos come il veicolo e pertanto possibile il rilascio del modello DTT 306;
2 la cisterna non rispondente alle norme ADR, a differenza del veicolo, e pertanto non ammesso il rilascio del modello
DTT 306 ma la cisterna o il veicolo-cisterna possono essere utilizzati in deroga, per i trasporti nazionali (v. inPratica
323.5.1).
libretto della cisterna modello MC 452;
documentazione prodotta dal costruttore del veicolo propriamente detto che rilascia per ogni singolo veicolo la
di chi arazi one di conformi t del l'autotel ai o o telaio per rimorchio o per semirimorchio;
specifica visita e prova necessaria per effettuare le verifiche relative all'installazione della cisterna sull'autotelaio
(ancoraggio del serbatoio, ripartizione delle masse sugli assi, posizione baricentrica del serbatoio, ecc.) e l'idoneit delle
particolari caratteristiche, delle attrezzature e degli accessori del veicolo cisterna (viene redatto apposito verbale delle
verifiche e prove relative alla idoneit della installazione della cisterna sull'autotelaio o sul telaio per rimorchio o
semirimorchio e all'idoneit delle particolari caratteristiche, attrezzature ed accessori del veicolo cisterna).
nel 1 caso (cisterna rispondente alle norme ADR, cos come il veicolo):
- carta di circol azione del vei col o, sulla quale vengono annotate le seguenti informazioni relative alla cisterna:
a costruttore,
b numero di serie della cisterna,
c anno di costruzione della cisterna,
d codice cisterna,
e disposizioni speciali.
Deve inoltre essere annotata sulla carta di circolazione la seguente dicitura:
"La circolazione subordinata al possesso del certificato di approvazione modello DTT306";
- certi fi cato di approvazione model lo DTT 306 che integra la carta di circolazione del medesimo veicolo;
nel 2 caso (cisterna non rispondente alle norme ADR, a differenza del veicolo, ma la cisterna o il veicolo-cisterna possono
essere utilizzati in deroga, per i trasporti nazionali) (v. inPratica 323.5.1):
- carta di ci rcol azi one del vei colo, sulla quale vengono riportate le caratteristiche del tipo di carrozzeria installata e
lannotazione prevista dal DM 18.2.2002 che autorizza la circolazione del veicolo fino alla scadenza prescritta (v. inPratica
322.5.1);
- li bretto dell a ci sterna (MC 452) aggiornato, sul quale sono annotati i dati relativi alla cisterna installata (costruttore, tipo,
capacit, scomparti, caratteristiche del materiale, pressione di calcolo, pressione di esercizio, pressione di prova, esito
delle visite periodiche, ecc.) e il dati relativi al veicolo sul quale la cisterna stata installata (15).
323.3.5 Vei colo nuovo e cisterna usata ri qual ifi cata
attestato di ri val utazione del l a conformit del la ci sterna (redatto conformemente all'allegato "A" della UNI EN 12972),
rilasciato da uno degli Organismi notificati, una copia del certi fi cato attestante l'avvenuta prova periodi ca redatto
secondo UNI EN 12972 (allegato B);
documentazione prodotta dal costruttore del veicolo propriamente detto che rilascia per ogni singolo veicolo la
di chi arazi one di conformi t del l'autotel ai o o telaio per rimorchio o per semirimorchio;
specifica visita e prova necessaria per effettuare le verifiche relative all'installazione della cisterna sull'autotelaio
(ancoraggio del serbatoio, ripartizione delle masse sugli assi, posizione baricentrica del serbatoio, ecc.) e l'idoneit delle
particolari caratteristiche, delle attrezzature e degli accessori del veicolo cisterna (viene redatto apposito verbale delle
verifiche e prove relative alla idoneit della installazione della cisterna sull'autotelaio o sul telaio per rimorchio o
semirimorchio e all'idoneit delle particolari caratteristiche, attrezzature ed accessori del veicolo cisterna).
carta di ci rcolazione del vei colo, sulla quale vengono annotate le seguenti informazioni relative alla cisterna:
a costruttore,
b numero di serie della cisterna,
c anno di costruzione della cisterna,
d codice cisterna,
Pagina 7 di 9 IterNet
05/03/2012 http://www.egaf.it/Asp/Pagine/pe0160252572271632311.asp
Deve essere inoltre annotata sulla carta di circolazione la seguente dicitura:
"La circolazione subordinata al possesso del certificato di approvazione modello DTT306";
In questo caso:
L'UMC, effettuata l'approvazione ai sensi dell'art. 78 CDS, rilascia per ogni veicolo cisterna sottoposto a visita e prova:
Deve essere inoltre annotata sulla carta di circolazione la seguente dicitura:
"La circolazione subordinata al possesso del certificato di approvazione modello DTT306";
La normativa fissa alcune specifiche prescrizioni aggiuntive per i veicoli cisterna (11) relativamente a:
Le verifiche sono le stesse previste per i veicoli cisterna allestiti con cisterne per trasporto liquidi pericolosi (v. inPratica
322.4).
Per quanto attiene alla stabi li t dei veicoli ci sterna prevista la verifica (13) del la carreggi ata (distanza tra i punti
esterni di contatto con la terra del pneumatico lato destro e del pneumatico lato sinistro dello stesso asse) che deve essere
almeno uguale al 90% dell'altezza del baricentro del veicolo cisterna carica. Per l'autoarticolato la massa sugli assi del
semirimorchio carico non deve superare il 60% della massa totale nominale a carico dell'autoarticolato completo.

Le prescrizioni del regolamento ECE/ONU 111, concernenti l'omologazione dei veicoli cisterna per quanto riguarda la
stabilit al ribaltamento, si applicano ai veicoli di categoria internazionale N2, N3, O3 e O4 adibiti al trasporto di merci
classificate pericolose ai sensi dell'accordo europeo relativo al trasporto internazionale di tali merci.
Il regolamento prevede che il veicolo sia sottoposto a (14):
e disposizioni speciali.
certi fi cato di approvazi one model l o DTT 306 che integra la carta di circolazione del medesimo veicolo.
323.3.6 Vei colo usato e cisterna usata ri qual ifi cata
attestato di ri val utazione del l a conformit del la ci sterna (redatto conformemente all'allegato "A" della UNI EN 12972),
rilasciato da uno degli Organismi notificati, una copia del certi fi cato attestante l'avvenuta prova periodi ca redatto
secondo UNI EN 12972 (allegato B);
carta di ci rcolazione del vei colo, del rimorchio o del semirimorchio;
specifica visita e prova necessaria per effettuare le verifiche relative all'installazione della cisterna sull'autotelaio
(ancoraggio del serbatoio, ripartizione delle masse sugli assi, posizione baricentrica del serbatoio, ecc.) e l'idoneit delle
particolari caratteristiche, delle attrezzature e degli accessori del veicolo cisterna (viene redatto apposito verbale delle
verifiche e prove relative alla idoneit della installazione della cisterna sull'autotelaio o sul telaio per rimorchio o
semirimorchio e all'idoneit delle particolari caratteristiche, attrezzature ed accessori del veicolo cisterna).
carta di ci rcolazione del vei colo, sulla quale vengono annotate le seguenti informazioni relative alla cisterna:
a costruttore,
b numero di serie della cisterna,
c anno di costruzione della cisterna,
d codice cisterna,
e disposizioni speciali.
certi fi cato di approvazi one model l o DTT 306 che integra la carta di circolazione del medesimo veicolo.
323.4 PARTICOLARI PRESCRIZIONI PER I VEICOLI CISTERNA
criteri per la verifica degli ancoraggi della carrozzeria al veicolo,
messa a terra dei veicoli cisterna del tipo FL,
stabilit dei veicoli cisterna,
protezione posteriore (paraurti e distanza parete posteriore cisterna-paraurti),
presenza dei dispositivi antinfortunistici (12) (v. inPratica 272),
altre voci.
323.4.1 Verifi ca di stabi li t al ribal tamento del vei colo ci sterna
prova su piattaforma bascul ante, eseguita in conformit all'allegato 3 dello stesso regolamento; la prova consiste
nell'aumentare in lenta progressione l'angolo di inclinazione della piattaforma basculante fino a raggiungere l'angolo
massimo prescritto di 23, in ambedue i sensi per tre volte a destra e tre volte a sinistra, o fino a quando il veicolo comincia
a capovolgersi; ovvero
una serie di calcol i secondo il metodo riportato nell'allegato 4 dello stesso regolamento; il calcolo si basa sui seguenti
postulati:
- il centro di rollio degli assi al livello del suolo;
- la struttura del veicolo considerata rigida;
- il veicolo simmetrico rispetto al suo asse di mezzeria;
- la deformazione dei pneumatici (determinata utilizzando una specifica relazione di calcolo e inserendo nella stessa i
coefficienti opportuni) e la deformazione della sospensione (dichiarata dal costruttore del veicolo ) sono lineari;
Pagina 8 di 9 IterNet
05/03/2012 http://www.egaf.it/Asp/Pagine/pe0160252572271632311.asp
In definitiva, la prova di stabilit del veicolo si ritiene soddisfatta se dal calcolo dell'accelerazione laterale stabilizzata si
ottiene un risultato non inferiore a 4 m/s
2
. In ossequio ai principi generali previsti per i calcoli, le relazioni presentate a corredo
delle domande di omologazione o approvazione sono acquisite agli atti dell'amministrazione senza che la stessa proceda ad
alcuna forma di approvazione restando il progettista, che firma le calcolazioni, unico responsabile delle stesse.


- il cedimento laterale della sospensione uguale a zero.
NOTE Parte 1 di 2. Per le restanti parti di testo vedasi: Parte 2.
15.12.2010
Modificati paragrafi 323.3.3, 323.3.4 e 323.6.1 per effetto della legge 29.7.2010 n. 120.
NORMA PRIMARIA DATA NUMERO ARTICOLO COMMA
decreto legislativo 30/04/1992 285 168



Copyright2012 Egaf Edizioni srl - All rights reserved.
Pagina 9 di 9 IterNet
05/03/2012 http://www.egaf.it/Asp/Pagine/pe0160252572271632311.asp