Vous êtes sur la page 1sur 4

IGNORE APRI I NOSTRI CUORI

ALLA SPERANZA
,AWINm. quesro primo u,mpo dell'anno lirurgi(o, iniT
lJ zia oggi con un grandc invil,o dla vigilanza: ,Vegliale

in og momento" (Far?relo), occone farlo per sfuggire a


ci che sta per accaderc e comparire davanti al Fiilio
del'uomo. Pii che 'compaxirc', bisogna 'stare', 'rimanere'
dalanti al Signore. Vhrre cio il temflo, persino i quoi eventi pir dfimatii, non crcando di fuggirc chissa dove, nel
larc tent3iilo di sotarsi a essi, ma davanri al Signore, in
relazione con u! assumendo i criteri di discemimento che
lui ci ofte, in quela forzs e sperarua che solo lui pu donarci, Il tempo che passa, allora, assmel un volto diverso,
non quello della minaccia, ma quello della pmmessa, come
ci ricorda il plofef. Getemi (lzerftrra)r (VelTaIm giomi
nei qli realizzer le pmmesse di bene che ho falioCon questa {ede possiamo assumere l'alho atteggiamen.
to che ni vicne richieslo per vierc bene ii tcmpo, .ome ci ricoda l'apostolo Paolo, si\e do ai cdsiiani di Tessaonica,
rllall Letktrai $P.x4ere e so\Bbbondare nell'amorc. Infatti, in tutto ci che passa, l'amore a rimaneie.

ta,@tia seq Ml $olzJ ,tc a tu^a e


e sulh Una angotcia dl
Popoain a$iLpe rtagrre det an.
t'i

neu. \bue,

ft

Luc8

fIica,

Co?r&riAi SS.

Ttinit\ DMaaa

lniziamo oggiiltempo diAwento, andando


incontrc a Cdsto ch6 viene. Tutte le cose passano, ma solo Ctisto resta. Beati noi se vivremo quest gioni a 'insegna della vigilanza e
della prcghiera, con il cuorc pieno di spennza, aperto ai fralelli.

ci che oslacola l'accoglienza di questa grazta.

Al,lIlFoNA D1N0RESSo (sot24/2s,1-3)

pieta di

in

pedi

A te, Signore, elvo l'anima mia, Dio mio,


in e confido: che io non sia conluso. Non
trionfino su di me i miei nemici. Chiunque
spera in te non resti deluso.
Celebrante - Nelnome del Padre e del Fialio e
dllo Spirito
Assembla - Ahen,

Santo.

C - La grazia del Signore nostro Gesu Cristo,


I'amore diDio Padre e lacomunione dllo Soiri1o

Santo sia con tutlivoi.


A - E con

iltuo spirito,

AITO PETIIIENZIAI.E

C - Con l'Aw6nto rawiviamo il nostro cammino incontro a colui che ra, che e che
viene per portare a compimento le promesse disalvezza pr il suo poporo, pr ciascu-

no di noi. Liboriamo i nosri cuori da tuto

(Breve pausa di sibnzio)

C - Signore. Figlio dell Etemo, invialo a noi dat


cielo, abbr piel di
A , Signor, piet.
C - Crislo, germoglio della nuova umanit, abbi

nor.

noi.

A - Cristo, piet.

C - Signore, stella radiosa del mattino e sicura


speranza per uomo pccatore. abbi pieta di

noi.

A- Signore, plet,

C - Dio oonipolente abbia misericordia di noi,


perdoni i nostri peccali e ci conduca alla vila
etema.
A - Amn.
CoLLEftA - O Dio, nostro Padre, suscita in noi
la volontadiandare inconko con le buoneooere altuo Cristo che vien, perch eqlicichimi
accanto a s nella gloria a possedre il reqno
dei cieli. Per il nostro Signore... A - Amn.
Oppurc la coltetra detAnno C. dat Messate ll ed., pa7. 962:

C - Padre sanlo, che mantieni n secoli le tue


promesse, rialza il capodell'umanitopprssa
da tanti mai e apn i nostri cuoi alla speranza,
I DOMENICA DI AVVENTO

15

perch sappiamo attendere senza luamento


il ritorno glorioso del Cristo, giudic e salvatore. Egli Dio, e vive e reqna con te, nell unil
dello Spirito Santo, per lutti i secoli dei secoli.
A - Amen.

PRIMA TEIIURA

s8dul

profela Ceremia annuncia d Dio sa fedele a e promesse: tara gemogliarc pet Davide
un germoglio giusto. Sat dawero la spetanII

za pet I'umanit.
Dal libro dl proleta Gerema (33,'14-16)
''Ecco, venanno giorni- orcolo del Signore - neiqualjio realizzer lepromesse dibene
che ho fatto alla casa di lsraele e alla casa di
Giuda.l5ln queigiomie in queltempo far germogliare per Davide un germoglio giusto, che
eserciler il giudizio e la giustizia sulla tena.
r6ln quei giomi Guda sar salvato e Gerusa-

lemme viw tranquilla, e sar chiamata: Signore-nostra-giustizia.


Pamla di

Dio-

A - Rendiamo grazie a Dio.

SAIMo RESPoNSoRIAIE (sol 242s,4 5.s-lo.l4)


ll crisliano, ch vuole vivere I'Awento nello spitito de a Chiesa, pu farc di questo salmo la
sua preghiera personale. Pet questo cantiamo
(o diciamo):
H A te, Signore, innalzo l'anima mia,

in te conlido-

te, Si- gno-re,

in-

nal-zo

lani{ne

Dalla prima letiera di san Paolo aDostolo

ai Tssalonicsi (3,12 - 4,2)


Fratelli, "il Signore vi fa@ia crescere e sovrabbondare nell'amore Ira voi e verso tutti, come sovrabbonda ilnostro pervoi, ',Oer rendere
saldi i vostri cuori e ireorensibili nella santil.
davanlia Dioe Padre ndstro. alla venuta delsignore nostrc Gesit con iutti iuoi santi.
. Pr il resio, lratelli, preghiamo e supptichiamo nelSignore Gest affinch, come avete
imparato da noiilmodo dicomDortarvie dioia-

Dio- e cosi qia vicomporlate -, Oossiate progredire ancora dipi. ryoiconoscete quacer a

liregole divita viabbiamo dato dapade deiSignore Gsit.

A- Rendiamo g.rzi a Dio.

VANGE|o @iB4,s)
Il Alleluia, alleluia.

CANIo AL

in piedi

Mosiraci, Signore, la tua misericlrdia e donaci


la tua
R Alleluia.

safuezza.

vA

GELO

Annunciando il suo itofio, aftraverso dei segni


che alludono atla line del rnondo, Gesi) ci esor
ta alla speanza e alla vigilanza.
Dal Vangelo secondo Luca

-,1.
r

(2r.2s-28.34-s6)

A- Gloria ate, o Signoae.


ln qul lempo, Gest disse ai suoidiscepoli:
"Visaranno segninelsole, nella luna e nelle
stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia
per il fragore del mare e dei flutti, smenlre gli
uomini moriranno per la paura e per I'atlesa di
ci che dovr accadere sulla lera. Le potenze

dei cieli infatti saranno sconvolte. ?TAilora vedranno il Figlio dell'uomo venire su una nube
con grande potenza e gloria. aouando cominceranno ad accadere queste cose, risollevalevi e alzate il capo. perch la voslra liberazione

mi -

a,

in

te con

-f

e Mctna,

-do,

Fammi conoscere, Siqnore, le tue e, / inseOnamiituoi senlieri. / Guidami nella tua fedelt
istruiscimi, /prch seilu ilDio della mia sal-

vezza,

Buono e retto il Signore. / indica ai peccalori


la via giusta; / guida i poveri secondo giustizia,
/ insegna ai poveri la sua
&
Tutli i sentieri del Siqnor sono amore e ledell / pr chi custodise la sua alleanza e i suoi
precetti. / llSgnore siconlida con chilo teme: /
glifa conoscere la
R

via.

suaalleanza.

SECOT'IDA I.ETTUNA

San Paolo vuole che i cistiani crescano nelIa


- cait e nell'altesa di Cristo Signora.
16

vstate attenli a voi slessi, che i vostri cuori


non si appesantscano in dissipazioni, ub achezze e affanni dlla vita e che quel oiorno
non vi piombi addosso all improwiso; ,lcome
un laccio inlatti esso si abbattera sopralutti coloro che abitano sulla laccia di lutta la trra.
svegliate in ogni momento pregando, perch
abbiate la forza di sfugqire a tutto ci che sta
per accadere, e di comparire davanli al Fiqlio
dell'uomo-.
A - Loda a re, o Cri6to.

PROIISSIONT DIIEDE

in piedi

CREDoIN UN S0t0 Dl0. Padre onnipotente,


crealore del cielo e della terra, di tune le
cose visibilie invisibili. Credo in un solo Si

TEMPO DI AWENTO

gnore, Ges Cristo, unigenito Figlo di Dio,


nato dal Padre prjma di tutti i secoli: Dio da
Dio, Luce da Luce, Dio vro da Dio vero,
generato, non creato, della slessa soslanza
dl Padre; per mezzo di lui tutte le cose sono
state create. Per noi uomini per la nostra
salvezza disces dal cielo, (si china il capo, e per opera dl,o Spirito Sanlo si incarnato nel seno della Vergine l\4aria e si latto
uomo. Fu crocifisso pr noi sotlo Ponzio
Pilaio, mor e lu sepolto. lllerzo giorno risuscitato, secondo le Scritture, salito al
cielo, siede alla destra del Padre. E dinuovo verra, nella gloria. per giudicare i vivi e i
morti, e ilsuo regno non avr fine. Credo nello Spirito Santo, che Signor e d la vita, procd dal Padre e dal Figlio. Con il
Padree il Figlioadorato-glodficalo, e ha
parlato per mezzo deiprofeti. Credo la Chlea, una, sanla, cattolica e apostolica. Professo un solo battesimo per il perdono dei
peccati. Aspetto la risurezione dei mo i e
la vita del mondo che verra. Amen.

con la venuta deltuo Fiqlio ilbene ineslimabile


della speranza. Per Cristo nosro Signore.
A - Amen.

PREGHIERA DEITEDI-I

mento la promssa antica. e ci apr la via


dell'eterna salvezza. Verr di nuovo nello
splendore dellagloria, e cich;amer a possedereil regnoprcmessocheoraosiamosperare vigilantinll'attesa. E noi, uniti agli angeli e
alla moltiludine di Cori celesti. cantiamocon

(si pu odofloro

C - Fratellie sorelle, nell'attesa del Redentore,


rivolgiamo le noslre suppliche al Padre che

neicieli. perch venga inconlro alle noshe necessil e a quelle di tutii gli uomini.
Lttore - Diciamo con fede:
Assmblea - Visita il luo popolo, Slgnore.
1. Pr la Chiesa pellegrina nelmondo. perch
siavicina a tulte quelle persone che attendono
un segno concreto di solidariel e di fiducia,
preghiamo.
2. Pr coloro nei quali la durezza della vila ha
spento ogni speranza, perch la nosha preghiera e la nostra fraternit facciano rifiorir la
fiducia e la volor{a di impgnarsiprun awenire migliore, preghiamo.
3. Pr le govani generazioni, perch possano
vedere nel Cristo il modello dell'umanit nuova. a cuiispirarsipr le grandiscelle della vita.

preghiamo.
4. Per le nostre comunit cristiane, perch la
presenza delSignore ci stimoli a vincere lgoi-

smo e la menzogna per vivere nell'onest e


nll'amore, preghamo.
5. Per tutti noi, perch nella ralt quotidiana
alla luce dell'Anno Santo della misericordia, ormai vicino, ci incontriamo con il Signore, che
un giorno verr come giudice dlla storia, preghiamo.
I nten zio ni de 1l a com u nit local e.
C - Tu c fveli, o Padre, che quanto pi grande
la nostra attesa, tanto pi ricco sar il dono;
accogli le nostre sirppliche e accresci in noi
I DOMENICA

SUI.I.E OFFERIE

in piedi

C - Accogli, Signore, i pane e il vino, dono

della tua benevolnza, fa'che I'umile


espressione della nostra tede sia per noi pegno di salvezza eterna. Per Cristo nosko Signore.

A - Amn.

PREFAZIO
(Prfazo delAwento l: La duplice vnuta del Cistott ad., pag. 3t2).

M*le

veramente cosa buona e giusta, nosko dovere e fonte di salvezza, rendere graze sempre e in ogni luogo a te, Signore, Padr santo, Dio onnpotente ed elerno. per Cisto nostro Signore. Al suo primo awento nell'umilt
della noska natura umana egli porl a compi-

gioia I'inno dlla tua lode:

Tutti - Sanlo, Santo, Santo...


in pieii
Annonziamo le lua morte, Signor, paoclamiamo {a tua risurreziono, nell'altesa della toa venu-

MISTERO DEI.I.A TEDE

A-

la.
ATIIITONA ATTA COMUNIONE

in piedi

"Vegliatg e pregate in ogni momento, per


sser degni di compa re davanti al Figlio
(Cf Lc 21,36)
dell uomo".
Pausa cli ingraziamenlo alla Cornunione.
D0P0 LA CoMUNIoNE - La partecipazion a
questo sacramento, che a noi pellegrini sulla
lerra rivela il senso cristiano delia vita, ci sostenga. Signore, nelnostro cammino e ciguidi
ai beni eterni. Per Cristo nostro Signore.
A - Amn.

PROPOSTE PER I CANTI da Repettoio nazionale. Canti pet la Lituryia, Ellioiloei


2OO9. lnizio. Tu, quando verrai (308): Noi
canteremo gloria a te 1294\. Salmo re$onsor,iale. G. Assandri: Ha sete di te, Signore
(157). Processione ollertorrale. Signore, vieni (58). Conunione: Nuovi cieli (334); Pas.
sa qusto mondo (300). Congedo Noi veglieremo (295).

49

Entriamo nel rom anllo

litur{im

AWENTO
"Yieni, Sigrore Gesr!".

Dio, buono e fetto,

dniihi ai peccakri

SETTIMANA DI AWEI!,TO

(30 t\o\. - 6 dic.\

Litureia

del,la

On: I setthtnm

30L S hnrea apo^toln. t*ta (r"ssr). Per htta ra r6m si


ffiond il rorc annEcio. Slbito lasciat ie rti Andl., cotr
suo tanelo Pieho seguimru Gs. Di froni ala chiamaia di
Crldo i due non anno un attimo di esitazione. Cobaru
Caaa S lhr@tek- Rat 10,St8; Sal I8,2 I lrl 4,I&22.

t
9

che

I|ia dalk gtt&tizia, insegnri i hloi precatti\ pei


ch conos@nia i tuoi sentieri d,i asriltt e di awrq
possiottu con piit.falalh aerp seconda giustiziq
tusladire La fua, allaa,nza s consegrire l,& salae*a,
lal

Ia bioie tti
13+0.

Isq', Bibbia niniatu naeotzttq


l'ie nar Bibturteca Na2ionale Ausitue

f t A.N0 liiurgico duranr,e il quale.on l'aq(olio del


L/ Ia Pamla e irrelebrrzione dellEucadstia dviyiamo il mistero di

sto dallhttesa incarnarione sino aleon-

la?arus,a (il diomo di Crist ) per crescre rctla


formii a Cristo, si apr con l'Awento.

La Chiesa ailnde la venuta del Sigtote. eiudice e


salviore. r{ Lri presenta le ferite di tutta a famigiia
umana, laceraia da disuguagliarue, guelle e discotdie
e vioenze senza flmero. Invita a elevare il grido dlla spemnzx Mo,ranathe! ybn, Signore Gesl

Durnte le quattro settimane dell'A\yenio. la testi.


monianza delle antiche profezie di Isaia, Getemia, Banrc, Sofonia, Michea e di Giovanni, l'uiimo e iI pi
grande dei profeti, non ci ripofta a un lontaru passato,
lumina il lempoprcsenli. e sosriene il cammjno rcIso liinconho con il I'igio dell'uomo.
La voce dei profeii ci chiama alla conversione, all
vigilanza, all'attesa, alla dcerca spi{fuale, a una viia
onesl4 gista e hatem, a riconoscere i segni dei tempi, rilerendo ron insistenza il Signore vienp, vi.ino
in mezzo a noi. E ci invita ad ccogierlo con siupore
e senza esiiazioni, ll$iffcando il suo nome, lortando
ai fratelli la buona notizia della sua venut4 come ha
latto Maria, sua madre. A. riconoscero tr la folla, come ha fatio il B^tlist.

na

APOSTOI.ATO DEIIA PREGHIERA


Iatrfrianix Dicembre

Univerare; Perche lulli possano lare lespe, enza


delia misericordra diDio che non sistanca maidipe

danarc. Pet l Evanqlizzezionei Perche ,e lamiglie. n modo parlicolare quelle che soffrcno. lrovino
'ella nascila di Ges un seono d stcura sDeranza,
Iri yescovii Perch accoqliamo {invito aila rivoluzione della tenerezza che il Figlio di Dio ci ha nvollo
rclla sua incamazione. /lrarianri l\,iaria, Il,4adre della
Divna Gra2ia. ci comunichi i doni di Dio

1 I Nei suoi gtorni fiorenno girBtida e pa.e. I piccoli


del Vangelo sono colom ehe, pur non avendo visto ces),
romprcndono Iautenli, o signifiLaro del Regno, che
una realt di pace e anorc.,S. Elisb; B. Clentina. N.
Anrallrite; B. Ckarles de Faucduld. ls
10 Sal

ll,t

71,1-2.7-8.12-13.17;
2

Lc 10,21-24.

I Abitr nells ({ dl Sipore tutti i giorni deta

mia vita. in qesto vangelo le4gino n ulteiorc dimostrazionc dIa misericordia Cri6h wr.o rhi nel bisogno o

$fte npl , orpo e nelo spiflLo.S. Vidana: B. Oi@M|i


r;uwboac; S C,rowaio. k25,&10; Sat 22,1-6; Mt 1619-37.

3G S.Iraruesco Sawrb, &$tdok Menoria (har{o). B


nedetto c{n che licrc nel none del Si$or". nance.o
Salrnq il erande alostolo deile lndie. uomo dele biitudini, !er.h le la vi$uie e incamate in prima pe6onals 26,I6j al 1l?,1.8.9.19-21.2t27tMt 7 21.2L27 .

tr SigtroE mia luc


i" saLrza. cs non iene
che si lodi Dio per quell'inteNento sult'uomo malato, ma
non accetta la fama.
G?buami Danxasce"i (fii.f.); S4 V

SdoLia

Wita.ls

25,17

-24tSal26,l.4.Ig-14; Mt 9,27-31.

5 S Beati coloro che aspettano Signore. l,a gatuit


r carathris' i.a di Dio Egli dona eempre olrr mistll-a. inieniene prina ancora che glielo ctiediamo. Conosce iut
i le nostre nece$ii e anticila le nostre suppliche. g
Saba; B. Nicola Stonone; B. Fi,lippo Rinq.ld.i. Is

30,19-21.23-26;Sal 146,1-6iMt9,S5-10,1.&8.

Dmrn[cd, di Awentn
16
S41 125,1.6; Fi 1,4,6.8- 11;

lc

C (5.

Nicot) RN 5.1.9;
Nicots cori

3,1-61.

"CAPACI DI S!'EGUANE IL MONDO"


.l'diran r, - Beeto Cerlo d Focald
aharles Eugene de Foucaxld mque il 15 seEembrF
I868 a Srasbuso. Dai l8 ai 24 anni r'bbrarct la u mi
litar e poi tr un appassionaro espiortorc in Algeria e
in ltnisia" Convertito a Crsio nel t886. visit la Tffra
Saniaj nel 1889 divenne happista nel l8g? si i.rrfe a
Nazmtj net 1ml tom in Fncia dove rcme ordimio
secerdot e poi eerciti il ministerc a Bni-Abbs tra Al,
geria e Mamcco, inEne sj rirt nl Ho#ar { Sahar) e a
Iamaraiser, dicembr e 1g 16 tu assassjrab dd predo.
ni. Bato dal 2m6.

l'

cq@DF4clF'q,|,n|