Vous êtes sur la page 1sur 1

Lega Pro R Playoff: ritorno semifinali

LUNED 30 MAGGIO 2016 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Finale Pisa-Foggia
Muro Lisuzzo:
alt Pordenone
Avanti Gattuso

Perla Riverola
Il bis di Sarno
Altro flop Lecce

1Distensione tra il club e il tecnico

1De Zerbi domina e vince ancora

PORDENONE-PISA
0-0
PORDENONE (3-4-3) Tomei 6; Ingegneri 6, Stefani 6,5, De
Agostini 6 (dal 20 p.t. Marchi 5); Mandorlini 6,5, Pederzoli
6,5, Pasa 5,5 (dal 28 s.t. Cattaneo s.v.), Martin 6; Buratto 5
(dal 10 s.t. Valente 5,5), Beltrame 5, Berrettoni 6,5. (De
Toni, Boniotti, Berardi, Talin, Ramadani, Castelletto, Cosner,
Bovolon, Castr). All. Tedino 7.
PISA (4-3-3) Bindi 6; Golubovic 6, Crescenzi 6, Lisuzzo 7,
Avogadri 6; Verna 6,5 (dal 24 s.t. Ricci 6), Di Tacchio 6,
Tabanelli 6,5; Lores 6 (dal 37 s.t. Peralta s.v.), Cani 5,5 (dal
19 s.t. Eusepi 5,5), Mannini 6. (Giacobbe, Fautario, Provenzano, Montella, Makris, Forgacs, Rozzio, Sanseverino, Brunelli). All. Gattuso 6,5.
ARBITRO Mainardi di Bergamo 5,5.
NOTE spettatori 2.400 circa, paganti e incasso n.c. Espulso
Marchi al 47 s.t.; ammoniti Martin, Pederzoli, Ingegneri,
Golubovic, Lisuzzo, Cattaneo e Mannini. Angoli 9-4.

FOGGIA-LECCE
2-1
MARCATORI Riverola (F) al 5, Sarno (F) al 18, Caturano (L)
al 28 s.t.
FOGGIA (4-3-3) Narciso 7; Gerbo 6, Loiacono 6, Coletti 6, Di
Chiara 6,5 (dal 38 s.t. Angelo s.v.); Agnelli 6,5, Vacca 7 (dal
43 s.t. Maza s.v.), Riverola 7,5; Sarno 6,5, Iemmello 6, Chiric 7 (dal 29 s.t. De Giosa 6). (Micale, Quinto, Arcidiacono,
Lodesani, Lauriola, De Gennaro, Floriano, Lanzetta, Sansone).
All. De Zerbi 7.
LECCE (4-4-2) Perucchini 5,5; Lepore 5, Cosenza 5,5, Abruzzese 5,5, Legittimo 5,5; Surraco 5 (dal 27 s.t. De Feudis s.v.),
Salvi 6 (dal 33 s.t. Carrozza 6), Papini 6, Doumbia 5,5 (dal 39
s.t. Sowe s.v.); Moscardelli 6,5, Caturano 6,5. (Bleve, Beduschi, Camisa, Alcibiade, Liviero, Vecsei, Curiale, Lo Sicco). All.
Braglia 5.
ARBITRO Marinelli di Tivoli 6,5.
NOTE paganti 16.798, incasso non comunicato. Espulso il
tecnico Braglia al 19 s.t.; ammoniti Papini, Chiric, Moscardelli e Agnelli. Angoli 5-5.

Tedino, niente impresa: va a Padova?

Braglia le prova tutte, poi espulso

Gennaro Gattuso, 38 anni, esulta


per aver portato il Pisa in finale

Roberto De Zerbi, 36 anni, fa


festa per il Foggia in finale LAPRESSE

IL QUADRO DEGLI SPAREGGI

Alberto Francescut
PORDENONE

Massimiliano Ancona

PLAYOFF

l tesoretto dellandata valso la finale.


Non dico chi vorrei incontrare, ma in entrambi i casi avremo il 25-30% di possibilit
di farcela dice il presidente del Pisa, Fabio Petroni. Che interviene sulle polemiche del Pisa
Football College emerse in settimana: Sono
state strumentali. La squadra di Gattuso doveva gestire i tre gol di vantaggio e cos ha fatto,
ma il solito Pordenone formato-Bottecchia ci ha
creduto: rullo compressore tutto fraseggi e velocit, agli uomini di Tedino sono mancati il
guizzo e la fisicit. Li avrebbe potuti garantire
linfortunato Strizzolo, che dopo il forfait di Filippini e Martignago era rimasto lunico attaccante di ruolo. Il rammarico doppio: Abbiamo cercato di giocare in modo diverso ma un
muratore non pu fare lidraulico. Pesano i due
gol presi in 1 e mezzo allandata sottolinea Tedino. Ora il tecnico rimane o va al Padova?
Parler con la societ. Il presidente Lovisa:
Ci incontreremo marted. Sullaltro fronte
Gattuso ringrazia giocatori e tifosi: I ragazzi
sono stati bravi mentalmente. Li ascolto sempre, non sono padre e padrone.

LA PARTITA Nel primo tempo Beltrame si fa anticipare e perde in centimetri, rendendo le palle
alte preda delle difesa del Pisa, soprattutto dal
muro Lisuzzo. All11 colpo di testa centrale di
Ingegneri, facile per Bindi; al 17 anticipo provvidenziale di Lisuzzo su Pasa che esita un attimo
a calciare in area; al 24 Verna devia un tiro di
Pederzoli. Il Pisa si rende pericoloso al 19: la
difesa del Pordenone pasticcia, Verna ruba palla
e calcia da buona posizione sul primo palo ma
fuori. Nella ripresa il copione non cambia: il
Pordenone ci prova da fuori ma si rende pericoloso soprattutto al 37 con Valente che sbaglia a
due metri da Bindi. Da gennaio la prima partita in casa che i neroverdi terminano senza segnare. Gattuso riparte anche da qui.
RIPRODUZIONE RISERVATA

INVIATO A FOGGIA

1 TURNO

FOGGIA

ALESSANDRIA

La vincente viene
promossa
in Serie B

CASERTANA
SEMIFINALI

3 2

0 0

PORDENONE

3 0

PISA*

FOGGIA
LECCE*

BASSANO

PORDENONE

SEMIFINALI

LECCE

FINALE

PISA

Domenica 5
e domenica
12 giugno

MACERATESE

iverola pi Sarno. Il Foggia raggiunge il Pisa nella finale che vale la B. Lo fa sbloccando a inizio ripresa una gara dominata per
larghi tratti nel primo tempo. Riverola, migliore
in campo, sorprende un Perucchini troppo avanzato con un destro da oltre 30 metri (5). Sarno
raddoppia appoggiando in rete un cross di Chiric (18). Il Lecce? Perde il terzo playoff negli ultimi 4 tornei, il primo in semifinale, dopo le due
finali fatali con Carpi e Frosinone. Lunica consolazione per i giallorossi il gol di Caturano che,
oltre a rendere meno amaro il k.o., interrompe un
digiuno allo Zaccheria del Lecce che non segnava
(e non vince) da 54 anni. Ma poca cosa al confronto di un Foggia che merita di andare avanti.

A R

PISA*

FOGGIA

- *gioca la prima
- gara in casa

PLAYOUT
Gare di andata
0
1
0

GIRONE A
ALBINOLEFFE - PRO PIACENZA

Gare di ritorno
1
2

CUNEO - MANTOVA
GIRONE B
LUPA ROMA - PRATO

LAQUILA - RIMINI
GIRONE C
ISCHIA - MONOPOLI

MARTINA - MELFI

GDS

IL REGOLAMENTO
Landata della finale si giocher sul campo del
Pisa, che in campionato ha fatto meno punti del
Foggia (62 a 65). Al ritorno, in caso di parit, si
giocano i tempi supplementari e, se la situazione
non cambia, la Serie B sar assegnata ai rigori

LA PARTITA Il Foggia prende subito liniziativa e


gioca a ritmo forsennato. Braglia schiera un Lecce a trazione anteriore con Lepore esterno basso
del 4-4-2 alle spalle di Surraco. Nelle intenzioni
del tecnico, il 4-4-2 dovrebbe virare a 4-2-4 per
limitare liniziativa del Foggia. Che invece almeno nei primi 20 ha il solo torto di non segnare. La
fitta rete di passaggi e le sovrapposizioni stordiscono un Lecce che prova invano a opporsi. Un
esempio del gioco ad alta velocit dei padroni di
casa lo scambio tra Riverola e Di Chiara (18)
che pone questultimo davanti a Perucchini che
devia in angolo. Un sinistro a giro di Sarno che
sfiora il palo induce Braglia prima a scambiare gli
esterni alti Doumbia e Surraco. Poi a passare per
breve tempo al 4-2-3-1 che pare aggiustare le cose. Il tempo si chiude con lammonizione giusta
per Chiric (simulazione). Nella ripresa c subito il gol di Riverola, che spacca la gara. Moscardelli ha poi ben tre occasioni per pareggiare (sulla prima bravo Narciso) prima del 2-0 di Sarno
e del 2-1 di Caturano (poco dopo lespulsione di
Braglia per proteste) che appoggia in rete il pallone ribattuto dalla traversa su tiro di Doumbia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

27

LEGA

Diritti tv e altro
Oggi le societ
in assemblea
FIRENZE Importante
assemblea oggi per le
societ di Lega Pro, che si
ritrovano alle 11.30 presso la
sede di Firenze con diversi
temi caldi. Tra i pi
importanti argomenti ci sono
lapprovazione dei criteri di
ripartizione degli introiti
derivanti dalla cessione dei
diritti audiovisivi di questa
stagione e delle linee-guida di
cessione per la prossima,
quando la Lega ha intenzione
di portare avanti un progetto
innovativo legato allo
streaming. Allassemblea
sono state invitate anche le 9
societ neopromosse dalla D
(come uditrici) perch
saranno presentati i progetti
e le strategie che
caratterizzeranno e
guideranno la prossima
stagione. Non si potr non
discutere di squadre B, visto
che tra i club non c identit
di vedute sul progetto
portato avanti da Gravina.

SERIE D
Scudetto: ecco le 4
per le semifinali
Playoff: ok lOlbia
Cos in Serie D la terza giornata
della poule scudetto, le ultime finali
di girone dei playoff e lultima gara
dei playout. Ecco i risultati.

POULE SCUDETTO
Girone 1 Bellinzago-Piacenza 0-0.
Classifica: Bellinzago e Piacenza p.
4; Venezia 0.
Girone 2 Sambenedettese-Gubbio
0-1. Classifica: Gubbio p. 6; Parma e
Sambenedettese 1.
Girone 3 Viterbese-Virtus
Francavilla 2-3. Classifica:
Viterbese, Siracusa e Virtus
Francavilla p. 3.
Semifinali Si qualificano il Gubbio,
poi il Bellinzago e la Viterbese
grazie alla Coppa Disciplina, pi il
Piacenza miglior seconda. Domani
il sorteggio per gli accoppiamenti:
venerd sfide secche a Pontedera e
a Firenze (stadio Bozzi), dove ci
sar anche la finale domenica 5.
PLAYOFF
Girone G Torres-Olbia 0-1
Girone H Francavilla-Fondi 0-1
Situazione Prima di Olbia e Fondi
hanno vinto Caronnese, Lecco,
Campodarsego, Correggese,
Gavorrano, Fano e Cavese, che
entrano in una graduatoria per i
ripescaggi: i criteri da utilizzare
sono il quoziente punti, il
piazzamento, la Coppa Disciplina e
la Coppa Italia. Le squadre meglio
posizionate sarebbero Caronnese,
Lecco, Campodarsego e Fondi.
PLAYOUT
Girone I Leonfortese-Gelbison 0-1.
Situazione La Leonfortese
lultima squadra a retrocedere in
Eccellenza dopo i playout.