Vous êtes sur la page 1sur 6

Universita degli studi di Palermo

Scuola politecnica
Corso di laurea in Ingegneria Elettronica

21/10/2016

ESERCITAZIONE 2
UTILIZZO DELLOSCILLOSCOPIO ANALOGICO
Strumentazione adoperata

Oscilloscopio analogico
Modello : Hitachi V-695
Banda passante : 60MHz
Accuratezza canale verticale :
3%
Accuratezza canale orizzontale : 3%

Generatore di segnale
Modello : Instek GFG-3015

Contatore di frequenza
Modello : Philips PM 6667
Tempo di apertura T(on) : 1 s

Cassetta di resistenza variabile

Cassetta di condensatori variabile

Scopo dellesercitazione
1. Individuare il principio di funzionamento del contatore elettronico utilizzato.
2. Confrontare la misura della frequenza del segnale del generatore, scelta dalloperatore,
effettuata con loscilloscopio con quella fatta con il contatore. Valutare quale dei due modi
per misurare la frequenza pi accurato.
3. Collegare il generatore di segnale, impedenza duscita 50 , alloscilloscopio, e misurare
lampiezza di un segnale sinusoidale sia in presenza che in assenza di un tappo a 50
inserito in parallelo allingresso delloscilloscopio. Spiegare i risultati ottenuti verificando
anche le impostazioni del generatore di segnale (High load Load 50 ).
4. Valutare sperimentalmente la banda passante del filtro passa basso e passa alto RC
utilizzando loscilloscopio ed il generatore di segnale.
5. Valutare lo sfasamento tra il segnale di ingresso, per data frequenza scelta dalloperatore,
fornito dal generatore di segnale, e quello di uscita dal filtro RC.
6. Visualizzare a scelta una delle figure di Lissajoux.

MODALITA DI ESECUZIONE
1. Descrivere per punti le modalit per individuare il principio di funzionamento del
contatore elettronico in esame.
Abbiamo collegato il contatore elettronico al generatore di segnale. Aumentando la
frequenza del segnale notiamo che il numero delle cifre indicate dal contatore aumenta,
quindi il nostro contatore effettua delle misurazioni di frequenza.
E importante evidenziare le differenze tra contatore di frequenza e contatore di periodi:
1) Il contatore di frequenza restituisce un numero maggiore di cifre man mano che si sale di
frequenza, ovvero la risoluzione a bassa frequenza inferiore rispetto a quella ad alta
frequenza.
2) Il contatore di periodi mantiene la stessa risoluzione sia a bassa che alta frequenza.
2. Riportare la misura della frequenza del segnale del generatore, scelta dalloperatore,
effettuata sia con loscilloscopio che con il contatore e valutare, sulla base delle
informazioni disponibili, quale sia la pi accurata.
Abbiamo collegato il generatore di segnale sia al contatore sia allingresso A
delloscilloscopio. Dal generatore abbiamo generato un segnale a frequenza
kHz (scelta arbitrariamente) e abbiamo confrontato il valore ottenuto nelloscilloscopio con
quello del contatore.
Nelloscilloscopio leggiamo il periodo del nostro segnale, questo misura 10 divisioni.
La TIME/DIV vale 1 s. La frequenza visualizzata nelloscilloscopio corrisponde con quella
generata 100 KHz, mentre nel contatore leggiamo 99,9904 KHz.
Fatte le misurazioni passiamo al calcolo dellincertezza per entrambi gli strumenti.

Per effettuare le misurazioni dellincertezza, attuiamo una valutazione di categoria B,


considerando una distribuzione rettangolare.
Incertezza per loscilloscopio
Errore Strumento: ex = 3% (accuratezza canale orizzontale)
Errore lettura: el = 0,2 div
Sensibilita:

Sx= 1 s/div

Valore misurato : Tmis= ndiv Sx = 10 1 = 10 s


fmis= 1 / 10 s = 100 KHz
Incertezza strumento:

Us(x) = Tmis us(x) = (10 1) 0,0173=0,173 s

Incertezza di lettura:
0,12 s
Incertezza complessiva:
U(x)=Tmis u(x)=100,021=0,21s

Risultato delle misure:


T = Tmis U(x) = (10,00 0,21) s
T=Tmis u(x)%= 10,00 s 2,1%
U(f)=fmis u(x)= 100103 x 0,021 = 2,1 KHz
f = fmis U(f) = (100,00 2,1) KHz
f=fmis u(x)%= 100,00 KHz 2,1%
Incertezza contatore
Errore strumento: 1 digit (prelevato dal manuale)
f = f 1 = (99,9904 1) KHz
Sulla base dei dati forniti risulta dunque pi accurata la misura del contatore.

3. Collegare il generatore di segnale, impedenza duscita 50 Ohm, alloscilloscopio, e


misurare lampiezza di un segnale sinusoidale sia un presenza che in assenza di un
tappo a 50 Ohm inserito in parallelo allingresso delloscilloscopio. Spiegare i risultati
ottenuti verificando anche le impostazioni del generatore di segnale (High load Load
50 Ohm). Calcolare analiticamente la tensione misurata dalloscilloscopio nei due casi.
Misuriamo il segnale sinusoidale in assenza di tappo. Dal generatore selezioniamo una
frequenza di 1 KHz e ampiezza di 10 Vpp. Sulloscilloscopio visualizziamo un segnale
sinusoidale con le seguenti caratteristiche :
ndiv = 5,2 div
Sy = 2 V/div
Ampiezza = ndiv*Sy= 5,2 div * 2 V/div = 10,4 Vpp
Adesso effettuiamo nuovamente la misura inserendo un tappo di 50 . Sulloscilloscopio
visualizziamo un segnale sinusoidale con le seguenti caratteristiche :
ndiv = 2,6 div
Sy = 2V/div
Ampiezza = ndiv*Sy=2,6 div * 2 V/div = 5,2 Vpp
Dopo aver aggiunto il tappo da 50 Ohm, il segnale risulta dimezzato rispetto al caso senza
tappo. Questo dovuto al fatto che il generatore, progettato con una resistenza interna da 50
Ohm trova in parallelo unaltra resistenza dello stesso valore formando un partitore resistivo
che dimezzera, quindi, il segnale.

4. Scegliere opportunamente i valori di R e C compatibilmente con la banda


delloscilloscopio disponibile. Bisogna utilizzare i due canali di ingresso
delloscilloscopio per visualizzare il segnale di ingresso e quello di uscita.
Descrivere quindi per punti sia il procedimento per visualizzare correttamente i due
segnali alloscilloscopio che secondo quale modalit si procede per valutare
sperimentalmente la banda passante del filtro passa basso RC.

La prima cosa da fare realizzare il circuito : si collega il canale A delloscilloscopio al


generatore di segnale mentre i due capi del canale B delloscilloscopio vanno collegati ai
capi del condensatore, poi si collega un capo del generatore del segnale al secondo capo del
condensatore e mentre il capo libero del generatore e il primo capo del condensatore si
collegato rispettivamente al primo e al secondo capo della resistenza chiudendo cos il
circuito.
I valori di R e C scelti per rispettare la banda passante delloscilloscopio sono
rispettivamente R = 1 K e C = 10^(-2) F.
Passiamo al misurare la banda passante del circuito :

Impostiamo il generatore a fondo scala e misuriamo lampiezza.


ndiv = 10 div
Sy = 2 V/div
Ampiezza = 10 div * 2 V/div = 20 Vpp
Per calcolare la banda passante dobbiamo individuare la frequenza di taglio superiore.
fh = 1/2RC = 7,8 KHz
A questa frequenza lampiezza sara circa pari al 70% di 20 Vpp ovvero 14 Vpp.
Per valutare la banda passante sperimentalmente la frequenza di taglio partiamo da una
frequenza bassa ad esempio 1 KHz e aumentiamo la frequenza fin quando non visualizziamo
sulloscilloscopio 7 div ovvero 14 Vpp.

5. Bisogna utilizzare i due canali di ingresso delloscilloscopio per visualizzare il segnale


di ingresso e quello di uscita, utilizzando loscilloscopio in modo da mantenere la
relazione di fase e misurare lo sfasamento temporale con lutilizzo della doppia base
dei tempi. Spiegare perch si utilizza la doppia base dei tempi. Descrivere quindi per
punti il procedimento per visualizzare correttamente i due segnali alloscilloscopio.
Calcolare lo sfasamento del segnale a partire dalla misura dello sfasamento temporale
e della frequenza del segnale.
La doppia base dei tempi permette di espandere sullintero asse temporale la porzione di
segnale compresa tra una coppia di cursori verticali ( operazione di zoom temporale). Tale
funzione risulta molto utile per analizzare con elevato dettaglio segmenti molto brevi di un
segnale. Lasciando montato il filtro passa basso genero un segnale con frequenza pi alta
rispetto alla fh ad esempio 30 KHz questo perch nel filtro passa basso lo sfasamento si
misura per frequenze superiori alla frequenza di taglio superiore.
Per attivare la doppia base dei tempi impostiamo loscilloscopio in modalita ALTERNATED
poich stiamo lavorando ad alte frequenze, premo il tasto B per visualizzare sia il segnale
principale che quello ritardato e selezioniamo la parte di segnale che vogliamo considerare
con la DBT.

Misuriamo la distanza tra gli zeri dei due segnali e calcoliamo lo sfasamento :
ndiv = 3 div
Sx = 2 s/div
T = ndiv * Sx = 3 div * 2 s/div = 6 s
Sfasamento = 2f T = 1,131 rad = 64,83

6. Bisogna utilizzare loscilloscopio in modalit XY e generare due sinusoidi, con


opportuna frequenza e fase, con il generatore di segnale. Descrivere per punti le
modalit di esecuzione della prova. Provare a visuallizare le figure con due segnali non
sincroni.
Generiamo due segnali sinusoidali dai due canali A e B del generatore, entrambi alla stessa
ampiezza ma uno con frequenza 1 KHz e laltro con frequenza 3 KHz avendo cos un
rapporto di frequenze pari a 1/3. Colleghiamo i due canali del generatore ai due canali
delloscilloscopio ed entriamo nella modalita XY. Questa modalita la otteniamo premendo
contemporaneamente i tasti ALT e B. Premendo il pulsante GND e muovendo le
manopole Y POS e posizionando i due canali al centro delloscilloscopio.
Effettuando queste operazioni visualizzeremo la seguente figura di Lissajoux che andando a
rintracciare nella legenda corrisponde proprio a due segnale dove il rapporto fra le frequenze
pari a 1/3.