Vous êtes sur la page 1sur 4

Gaetano Cantalini

Via della Libertà n. 2 - 67020 Navelli (AQ) cell. 333.9674874 email: gaetanocantalini@alice.it sito web: http://gaetanocantalini.wordpress.com/

Navelli, 15 Ottobre 2016

Al Sig. Sindaco del Comune di Navelli

Ai Sigg. Capigruppo consiliari c/o sede municipale

Oggetto: proposta di recupero e valorizzazione della chiesetta montana di Sant’Eugenia

Alcune chiese campestri che sorgevano sparse qua e là su tutto il territorio comunale, per svariate ragioni, tra cui principalmente le intemperie e l’incuria, sono andate purtroppo perdute per sempre nel corso dei secoli. La stessa sorte subirà inevitabilmente la chiesetta di Sant’Eugenia se non si interviene al più presto per impedire l’ulteriore degrado della costruzione che può anche non avere grande valenza nei caratteri stilistici ma rappresenta pur sempre un luogo di memoria storica e di culto a cui la nostra comunità è particolarmente legata. Reputo pertanto doveroso, da parte nostra, ridare un giusto e meritato decoro ad un luogo custode di tante storie e racconti che non meritano di essere lasciati archiviare nell'oblio del tempo.

Situata in una splendida posizione panoramica, oggi si presenta circondata da alti rovi, conserva quasi integre l’abside e le mura perimetrali, compresa la facciata con il portale d’ingresso, mentre all’interno il pavimento, ricoperto da vegetazione e detriti, non esiste più e l’altare insieme agli splendidi affreschi sono ormai completamente perduti.

Nonostante lo stato piuttosto avanzato di degrado ed abbandono credo che sia ancora possibile intervenire per recuperare la chiesetta e la testimonianza storica e culturale che essa rappresenta magari inserendo l’intervento di ristrutturazione in un progetto più ampio di fruizione e valorizzazione da un punto di vista naturalistico dell’intera zona circostante mediante la realizzazione di percorsi ed aree attrezzati.

Nel fornire la massima disponibilità a reperire le risorse all’uopo necessarie, certo dell’interesse che le SS.LL. sapranno dimostrare verso la degna e doverosa conservazione di un bene che altrimenti resterebbe un inaccettabile neo nella valorizzazione del nostro patrimonio storico e paesaggistico, invio cordiali saluti

Gaetano Cantalini

Nonostante lo stato piuttosto avanzato di degrado ed abbandono credo che sia ancora possibile intervenire per
Nonostante lo stato piuttosto avanzato di degrado ed abbandono credo che sia ancora possibile intervenire per
Nonostante lo stato piuttosto avanzato di degrado ed abbandono credo che sia ancora possibile intervenire per
Nonostante lo stato piuttosto avanzato di degrado ed abbandono credo che sia ancora possibile intervenire per