Vous êtes sur la page 1sur 12

STUDIO DI FATTIBILIT DI UN AREA PEDONALE NEL CENTRO DI AVEZZANO

CITT DI AVEZZANO

Corpo di Polizia Locale


Avezzano, l 31 maggio 2010
Prot. n. 0001881/10

STUDIO DI FATTIBILITA
DI UNA

NEL CENTRO DI
AVEZZANO

IL COMANDANTE
Dott. Luca Montanari

Dott. Luca Montanari Comandante Corpo Polizia Locale di Avezzano


1
STUDIO DI FATTIBILIT DI UN AREA PEDONALE NEL CENTRO DI AVEZZANO

DEFINIZIONE:
AREA PEDONALE: zona interdetta alla circolazione dei
veicoli. PU contenere deroghe per i velocipedi, per
i veicoli al servizio di persone invalide con limita-
te capacit motorie od altre deroghe, limitazioni od
eccezioni riportate su pannello integrativo, nonch eventuali
deroghe per i veicoli ad emissioni zero aventi ingombro e ve-
locit tali da poter essere assimilati ai velocipedi. In par-
ticolari situazioni i comuni possono inoltre introdurre, at-
traverso apposita segnalazione, ulteriori restrizioni alla
circolazione su aree pedonali.

PROPOSTA:

Dott. Luca Montanari Comandante Corpo Polizia Locale di Avezzano


2
STUDIO DI FATTIBILIT DI UN AREA PEDONALE NEL CENTRO DI AVEZZANO

In VERDE la zona dedicata ad area pedonale permanente e, per


la precisione:

- via CORRADINI, da via Garibaldi a via Trieste


- via VITTORIO VENETO, da via Corradini a via monsignor Ba-
gnoli
- corso della LIBERTA , da via Corradini a via monsignor Ba-
gnoli
- via DIAZ, da via Trieste a corso della Libert
- via CATALDI, da via monte Zebio a via Corradini
- via AMENDOLA, da via Cataldi a via Vittorio Veneto

Le frecce gialle evidenziano quelle modifiche di via-


bilit ritenute essenziali, non solo per la migliore funzio-
nalit dell operazione di pedonalizzazione, ma anche per ad-
divenire alla messa in sicurezza di talune arterie gi oggi
ad elevato rischio incidenti.

Il cuneo rosso evidenzia, invece, l unico punto di


ingresso nell AREA PEDONALE, che, in quanto tale, potr esse-
re presidiato da un altrettanto unico punto automatico di te-
lecontrollo, con ci determinando notevoli economie di spesa
rispetto all eventualit di prevedere pi ingressi.

PERCHE UN AREA PEDONALE:


- Offrire ai cittadini il salotto buono della Citt in cui
poter passeggiare piacevolmente senza pericoli per i propri
bambini e senza dover zigzagare tra le auto o subire le di-
rette immissioni di smog

- Creare una barriera per impedire a chi si propone di uti-


lizzare il centro quale scorciatoia per tagliare la cit-
t , cio coloro che per evitare di percorrere 500 metri di
anello si insinuano nel centro pensando di risparmiare in
chilometri, ma in realt creando code, ingorghi ed inquina-
mento atmosferico e con tempi di percorrenza di gran lunga
superiori

- Consentire agli esercenti di effettuare investimenti in


piena tranquillit per realizzare importanti elementi di
arredo (dehors, fioriere, esposizioni, ecc.) ad abbellimen-

Dott. Luca Montanari Comandante Corpo Polizia Locale di Avezzano


3
STUDIO DI FATTIBILIT DI UN AREA PEDONALE NEL CENTRO DI AVEZZANO

to dei luoghi senza il timore di dover smontare e rimuovere


tutto dopo poco tempo

(un esempio di dehor realizzabile direttamente


sulla carreggiata dopo l eliminazione del traffico)

MODIFICHE ALLA VIABILITA :


Uno dei punti di forza del progetto dato dalla necessit di
apportare minime modifiche alla viabilit esistente, sia per
risolvere alcune situazioni di disagio venutesi a creare dopo
l attivazione del PUT (es. pericoli in via monte San Miche-
le), sia per non creare scomodit inutili e continuare a ren-
dere accessibile i principali uffici di pubblico servizio
(es. tribunale, caserma carabinieri, scuole, ufficio posta-
le).

In particolare:

- via MONTE SAN MICHELE invertire il senso di marcia per


impedire a coloro che circolano su via del Montello di ac-
cedere al centro attraverso una strada priva delle condi-
zioni di sicurezza

- via AMENDOLA invertire il senso di marcia per offrire una


valida alternativa alla modifica di via monte San Michele,
oltretutto consentendo ai veicoli di poter raggiungere sen-
za difficolt, sia via Garibaldi per spingersi fino alla
zona sud della citt, sia l ingresso di servizio del tribu-
nale (posto sul retro, cos anche i veicoli della polizia
penitenziaria non saranno costretti a percorrere strade
strette o a compiere continue manovre), sia la clinica pri-
vata di Lorenzo

Dott. Luca Montanari Comandante Corpo Polizia Locale di Avezzano


4
STUDIO DI FATTIBILIT DI UN AREA PEDONALE NEL CENTRO DI AVEZZANO

- via MONTE ZEBIO invertire il senso di marcia sempre per


offrire valide alternative alle modifiche di cui sopra, in
pi offrendo una doppia via di uscita ai veicoli in circo-
lazione su via Cataldi prima di imbattersi nelle chiusure
dell area pedonale (la prima uscita quella di via N. sau-
ro e la seconda, appunto, quella di via monte Zebio)

- le modifiche su via MONTE SAN MICHELE, via AMENDOLA e via


MONTE ZEBIO consentiranno, quindi, di evitare l inutile i-
solamento di quel quartiere come avveniva un tempo quando
l eccessiva estensione della ZTL comportava, da un lato,
una superflua eliminazione di parcheggi e, dall altro lato,
la non utilizzazione di quelle strade da parte dei pedoni
siccome non interessati a passeggiare in vie cos buie e
defilate

PUNTI DI INTERESSE CONSIDERATI:


- tribunale
- chiesa cattedrale e vescovado
- caserma carabinieri
- scuole Corradini
- ufficio postale
- clinica privata di Lorenzo

l AREA PEDONALE cos come ideata non creer inutili disagi a


coloro che dovranno usufruire di servizi pubblici e continue-
r a rendere accessibile anche ai veicoli quei punti pi o
meno nevralgici.

Per la procura della Repubblica l accesso al pubblico conti-


nuer ad essere garantito attraverso un brevissimo tragitto a
piedi, mentre i veicoli di servizio potranno accedere dalla
retrostante via Vittorio Veneto ed avere eventualmente l dei
posti riservati.

Anche per la farmacia di via Corradini l accesso al pubblico


continuer ad essere garantito attraverso un brevissimo tra-
gitto a piedi. Purtuttavia le farmacie, come tantissime far-
macie dei centri storici d Italia, non sono considerate ser-
vizi per le quali necessario assicurare il necessario rag-
giungimento a bordo di veicoli.

Dott. Luca Montanari Comandante Corpo Polizia Locale di Avezzano


5
STUDIO DI FATTIBILIT DI UN AREA PEDONALE NEL CENTRO DI AVEZZANO

DIRETTRICI DI TRAFFICO:
Uno degli obiettivi che si prefigge di perseguire il presente
progetto quello di realizzare una barriera per impedire di
utilizzare il centro quale scorciatoia per tagliare la cit-
t , soprattutto negli spostamenti da est ad ovest.

Tolta la direttrice di traffico su via Corradini, che sar


interrotta per effetto dell AREA PEDONALE con conseguente de-
congestione di traffico, le altre direttrici di traffico c.d.
locale non subiranno modifiche con la conseguenza che i
principali punti importanti della citt continueranno ad es-
sere raggiungibili senza disagi.

In particolare, nelle immediate adiacenze dell AREA PEDONALE:

- direttrice via TRIESTE via MARCONI restando aperta con-


sentir di spostarsi da nord a sud e di raggiungere in auto
la chiesa cattedrale ed il palazzo comunale

- direttrice via BAGNOLI restando aperta consentir di spo-


starsi da ovest ad est e di raggiungere in auto il vescova-
do

- direttrice via MONSIGNOR VALERII restando aperta consen-


tir di spostarsi in auto da est ad ovest

- direttrici vie PAGANI TRENTO DIAZ CORRADINI MAZZINI


ROSSELLI restando aperte e transitabili come oggi con-
sentiranno tutti gli attuali spostamenti, con possibilit
di continuare a raggiungere in auto, tra l altro, anche le
scuole del centro

POSTI AUTO ELIMINATI E RIORGANIZZATI.


PARCHEGGI:
La chiusura al traffico delle suddette strade comporter, su
alcune di esse, l inevitabile perdita di posti auto e, su al-
tre, la necessit di razionalizzarne l uso a favore di alcune
categorie di utenti.

Questo lo schema dei posti auto eliminati:

Dott. Luca Montanari Comandante Corpo Polizia Locale di Avezzano


6
STUDIO DI FATTIBILIT DI UN AREA PEDONALE NEL CENTRO DI AVEZZANO

via Corradini 24
corso della Libert 33
via Cataldi 37
TOTALE POSTI ELIMINATI 94

Appare evidente come, nell economia generale della vicenda


(circa 3.000 posti auto all interno del quadrilatero), i po-
sti auto eliminati siano di trascurabile entit.

Il loro recupero gi in parte avvenuto ed il saldo appare


abbondantemente attivo se si considerano i nuovi quanto re-
centissimi stalli di sosta realizzati grazie alla istituzione
dei SENSI UNICI , ovvero all allargamento delle carreggiate
in alcune strade in pieno centro.

Per la precisione (posti auto realizzati in pi tra il 2009


ed il 2010):

via Roma 60
via fratelli Rosselli 95
via di Gianfilippo (ex salto) 41
via A.M. Torlonia 53
via O. Mattei 12
TOTALE POSTI REPERITI 261

oltre a quelli che nel futuro prossimo potranno essere rea-


lizzati a spina di pesce , sia in piazza Torlonia sia in
piazza Castello.

Orientativamente:

piazza Torlonia 37
Piazza castello 10
TOTALE POSTI ANCORA DA REPERIRE 47

SALDO (riepilogo tabelle):

ATTIVO PASSIVO
posti eliminati con l A.P. 94
posti gi reperiti 261
posti ancora da reperire 47
SOMMA 308 94
SALDO ATTIVO 214
TOTALE 308 308

Dott. Luca Montanari Comandante Corpo Polizia Locale di Avezzano


7
STUDIO DI FATTIBILIT DI UN AREA PEDONALE NEL CENTRO DI AVEZZANO

Si consideri, poi, che gli stalli di sosta sulle seguenti


strade:

via Vittorio Veneto 41


Via Diaz 15

potranno non andare dispersi per effetto dell AREA PEDONALE,


bens essere destinati alla sosta dei veicoli a due ruote,
che oggi, non sapendo dove collocarsi, vanno quasi sempre ad
occupare posti auto.

Ad ogni modo, a sommesso avviso di chi scrive quello dei par-


cheggi un problema di portata di gran lunga inferiore ri-
spetto a quanto si voglia da qualche parte rappresentare. Ef-
fettivamente manca il parcheggio davanti al negozio in cui ci
si deve recare, ma quello mancher sempre.

Sar sufficiente osservare il numero delle auto che ogni


giorno si ferma in doppia fila (di recente una abitudine che
sopravanza anche nell anello), o sugli incroci o sui marcia-
piedi o sugli attraversamenti pedonali quando sulla stessa
strada a pochissima distanza vi sono stalli di sosta liberi.

Invece, per esempio, il parcheggio dell area ex Inail si-


stematicamente utilizzato per un solo quarto rispetto alle
sue effettive capacit, nonostante piazza Risorgimento disti
meno di venti metri.

Per non parlare, poi, dei tanti posti auto gratuiti che quo-
tidianamente ed a tutte le ore del giorno possibile reperi-
re in via Corradini (verso via del Montello e verso via Ro-
ma), piuttosto che in via fratelli Rosselli, piuttosto che in
via Mazzini e, comunque, in tutte le strade del centro sempre
a due passi da piazza Risorgimento.

Nei percorsi a piedi pressoch impossibile calcolare di-


stanze di passeggio superiori ai 650/700 metri (es. tra piaz-
za Risorgimento e piazza Castello).

ACCESSI E CONTROLLI:
Unica via di accesso all AREA PEDONALE sar costituita dal
varco di via Corradini su via Garibaldi.

Dott. Luca Montanari Comandante Corpo Polizia Locale di Avezzano


8
STUDIO DI FATTIBILIT DI UN AREA PEDONALE NEL CENTRO DI AVEZZANO

La presenza di un unica via di accesso consentir di imposta-


re il sistema di controllo e filtraggio degli autorizzati al-
le ore consentite con un investimento minimo in infrastruttu-
re elettroniche.

Con uno degli impianti omologati dal ministero il controllo


avverr in automatico ed in tempo reale, evitando l improprio
utilizzo della polizia locale della collocazione e rimozione
delle transenne per la quale attivit pende, oggi, una ver-
tenza sindacale.

Oggi il sistema di protezione e controllo delle vie di acces-


so paragonabile ad un colabrodo , ove i varchi sono almeno
sei o sette malamente presidiati da transenne rotte, perico-
lose, sistematicamente spostate e non ricollocate al loro po-
sto da coloro che intendono accedere nella ZTL.

Attuando la nuova AREA PEDONALE permanente alcune strade non


necessiteranno di alcun presidio, poich gi le abitudini
della cittadinanza sono consolidate nel fatto di non imbocca-
re contromano alcune vie come, per esempio, via Corradini o
corso della Libert da via Diaz.

Altre, invece, potranno essere chiuse con fioriere o altri


manufatti inamovibili (es. via Cataldi con via monte Zebio, o
via Diaz su via Trieste).

Dott. Luca Montanari Comandante Corpo Polizia Locale di Avezzano


9
STUDIO DI FATTIBILIT DI UN AREA PEDONALE NEL CENTRO DI AVEZZANO

Come dimostrano tante altre citt italiane, la presenza di


barriere fisse (es. fioriere, dissuasori metallici, marcia-
piedi rialzati, ecc.) non rappresenta un elemento di illegit-
timit ai fini della sicurezza stradale poich le vie di ac-
cesso per i mezzi di soccorso saranno comunque garantite.
L importante renderlo noto e comunicarlo alle agenzie pre-
poste.

ORARI E DEROGHE:
Nonostante la rigidit dell AREA PEDONALE, potranno essere
concesse deroghe a talune categorie di utenti. Per esempio:

- residenti unicamente per raggiungere i garage posti


all interno delle proprie abitazioni. Diversamente dovranno
lasciare l auto fuori della zona vietata, ricordando che in
ogni caso i tragitti da percorrere a piedi sono minimi

- carico e scarico merci per esempio dalle 5,00 alle 9,00,


dalle 14,00 alle 15,30 e dalle 21,00 alle 22,00, rispettan-
do rigorosamente gli orari e collocando i veicoli negli
spazi all uopo predisposti in considerazione del fatto, tra
l altro, che la quasi totalit degli esercizi non gestisce
merci pesanti o voluminose. Per queste ultime potranno in
ogni caso essere rilasciate deroghe volta per volta

- veicoli al servizio di persone diversamente abili - per es-


si veicoli esiste la legittima possibilit di escluderli
dalla circolazione non essendo ammissibile il passeggio
in auto da parte di chiunque. Vista l esiguit delle di-
stanze, anche essi potranno parcheggiare negli spazi
all uopo predisposti nelle immediate vicinanze ed effettua-
re il passeggio con la carrozzina

- artigiani - per effettuare lavori ordinari (es. montaggio


arredi a negozi, montaggio antenne, spurgo pozzi neri,
ecc.), realizzeranno il trasporto dei materiali negli orari
consentiti quindi allontaneranno il veicolo per collocarlo
negli spazi all uopo predisposti. Per i lavori d urgenza
(riparazioni per perdite idriche, ecc.), ricevuta la chia-
mata dal cittadino gli artigiani comunicheranno al comando
della polizia locale tale loro necessit, al fine di otte-

Dott. Luca Montanari Comandante Corpo Polizia Locale di Avezzano


10
STUDIO DI FATTIBILIT DI UN AREA PEDONALE NEL CENTRO DI AVEZZANO

nere una deroga straordinaria per poter entrare fuori ora-


rio

- medici in visita domiciliare ed altri simili professionisti


- a piedi come tutti, come avveniva un tempo. In caso di
pericolo di vita o altre simili emergenze varranno, ovvia-
mente, le normali scriminante del codice salva la necessit
di fare ricorso alle strutture normalmente preposte (es.
118).

IL COMANDANTE
Dott. Luca Montanari

Dott. Luca Montanari Comandante Corpo Polizia Locale di Avezzano


11
This document was created with Win2PDF available at http://www.win2pdf.com.
The unregistered version of Win2PDF is for evaluation or non-commercial use only.
This page will not be added after purchasing Win2PDF.