Vous êtes sur la page 1sur 108

Cromodinamica Quantistica

Appunti (non rivisti) delle lezioni del professor Meggiolaro

un progetto di

www.eigenlab.org

a cura di

Francesco Cicciarella

Note legali

c 2013-2014 di Francesco Cicciarella


Copyright
Appunti di Cromodinamica Quantistica
`e rilasciato sotto i termini della licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Per visionare una copia completa della licenza, visita
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/legalcode

Liberatoria, mantenimento e segnalazione errori


Questo documento viene pubblicato, in formato elettronico, senza alcuna garanzia di correttezza del suo
contenuto. Il testo, nella sua interezza, `e opera di

Francesco Cicciarella
<f[DOT]cicciarella[AT]inventati[DOT]org>
e viene mantenuto dallo stesso, a cui possono essere inviate eventuali segnalazioni di errori.

Pisa, 12 Febbraio 2014

Indice
1 SU (N )
1.1 Rappresentazione aggiunta di SU (N ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2 Secondo operatore di Casimir per SU (3) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.3 Indice di Dynkin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1
2
3
4

2 Rappresentazioni irriducibili di SU (3)


6
2.1 Richiamo: rappresentazioni irriducibili di SU (2) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.2 Multipletti di spin isotopico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.3 Rappresentazione complessa coniugata in SU (N ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
3 Prodotto diretto di rappresentazioni irriducibili di SU (3)
15
3.1 Metodo tensoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
3.2 Riduzione di un tensore di rango (p, q) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
3.3 Decomposizione del prodotto diretto con il metodo tensoriale . . . . . . . . . . . . . . . . 17
4 Modello a quarks
18
4.1 Evidenze sperimentali (indirette) del numero quantico di colore . . . . . . . . . . . . . . . 19
5 Teoria di campo quantistica per i quarks (QCD)
21
5.1 Trasporto parallelo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
5.2 Campi di gauge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
5.3 Lagrangiana della Cromodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
6 Feynman path integral
6.1 Path integral in QFT (teoria bosonica) .
6.2 Path integral in QFT (teoria fermionica)
6.3 Quantizzazione di una teoria di gauge .
6.4 Metodo di Faddeev-Popov . . . . . . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

26
28
32
36
36

7 Regole di Feynmann per la QCD


41
7.1 Propagatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
7.2 Termini di interazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
8 Teoria delle perturbazioni rinormalizzata
8.1 Regolarizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.2 Rinormalizzazione della QCD a 1 loop nello schema Minimal
8.3 A 2 loop . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.4 Funzione a 1 loop . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . .
Subtraction
. . . . . . . .
. . . . . . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

44
47
49
54
55

9 Formulazione euclidea di una teoria di campo


57
9.1 Formulazione euclidea della QCD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
9.2 Funzione di partizione statistica Z() . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
10 Formulazione su reticolo
60
10.1 Formulazione euclidea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
10.2 Limite continuo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
63
11 Potenziale qq e qq nel limite statico
11.1 Approccio perturbativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
11.2 Approccio non perturbativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
12 Simmetrie di flavor: SU (2) e SU (3)

66

13 Simmetrie chirali

67

ii

14 Simmetrie in MQ
71
14.1 Realizzazione alla Wigner-Weyl (simmetria esatta) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
15 Rottura spontanea della simmetria
15.1 Parametro dordine per la QCD . . . . . . .
15.2 Modello sigma di Gell-Mann e Levy . . . .
15.3 Decomposizione polare e modello sigma non
15.4 Lagrangiana chirale efficace . . . . . . . . .

. . . .
. . . .
lineare
. . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

72
73
74
77
78

16 Rottura esplicita della simmetria chirale


16.1 Caso L = 2 . . . . . . . . . . . . . . . . .
16.2 Diffusione pione-pione . . . . . . . . . . .
16.3 Caso L = 3 . . . . . . . . . . . . . . . . .
16.4 Correzioni elettromagnetiche alle masse .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

81
81
82
83
84

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

17 Simmetria U (1)A

87

18 Simmetrie anomale e non anomale


89
18.1 Anomalia abeliana (simmetria chirale & teoria di gauge non chirale) . . . . . . . . . . . . 90
18.2 Regolarizzazione gauge-invariante dellanomalia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
18.3 Passaggio da teoria fondamentale a teoria efficace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
19 Esoterismo e pratiche occulte
19.1 Limite di grandi Nc (Nc ) . . . . . . . . . . . .
19.2 Problema U (1) nel limite Nc (Witten, 1979) .
19.3 Lagrangiana efficace di Witten-Di Vecchia-Veneziano
19.4 Istantoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
19.5 Termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
19.6 Modello di Peccei-Quinn . . . . . . . . . . . . . . . .

iii

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

96
96
96
98
101
101
104

SU (N )

Definizione 1.1. SU (N ) `e definito come il gruppo delle matrici U N N unitarie, cio`e tali che U U =
U U = I (da cui segue che U = U 1 ), aventi det U = +1.
` sempre possibile scrivere un elemento U SU (N ) come U = eA , con A matrice N N . La
E
condizione U = U 1 impone una condizione su A:

U = eA = eA = U 1

A = A

ossia A `e una matrice antihermitiana. Inoltre la condizione sul determinante di U impone che
det U = etrA = 1

trA = 0

` molto pi`
Riassumendo, A deve essere una matrice antihermitiana a traccia nulla. E
u conveniente (in
virt`
u del significato fisico) scrivere A = iH, con H matrice hermitiana; in definitiva, un generico elemento
U SU (N ) pu`
o essere scritto come U = eiH con H matrice N N hermitiana a traccia nulla. Le
matrici hermitiane N N a traccia nulla sono identificate da N 2 1 parametri reali, ossia `e uno spazio
di dimensione N 2 1:
2
NX
1
H=
a Fa
(1.1)
a=1

dove a R e {Fa , a = 1, . . . , N } sono i generatori del gruppo. Lelemento U del gruppo a questo punto
`e identificato dagli a :
2

NX
1
U = exp i
a Fa
(1.2)
a=1

SU (N ) `e un gruppo di Lie; in quanto gruppo, `e chiuso rispetto al prodotto di elementi, cio`e se U1 , U2


SU (N ), allora U3 U1 U2 SU (N ). La chiusura rispetto al prodotto degli elementi implica che i
generatori del gruppo soddisfino lalgebra di Lie:
c
[Fa , Fb ] = iCab
Fc

(1.3)

c
Cab
sono costanti reali, dette costanti di struttura del gruppo. Dalle propriet`a di antisimmetria del
c
c
commutatore, segue che Cab
= Cba
(sulle altre coppie di indici non possiamo dire nulla per adesso). I
generatori Fa e i parametri associati a , ossia la rappresentazione, non sono univocamente determinati.
Si pu`
o scegliere quindi una rappresentazione pi`
u congeniale a seconda della situazione. Lesistenza di
una rappresentazione comoda ci `e garantita dal seguente

Teorema 1. Se esiste una rappresentazione hermitiana dei generatori Fa , allora esiste una rappresentazione dei generatori Fa = Lab Fb , dove L `e una matrice reale, tale che:
Fa sia hermitiana e a traccia nulla per ogni a.
c
Cab
siano antisimmetrici in tutti e tre gli indici.

La forma quadratica gab tr[Fa Fb ] risulti essere definita positiva. In altre parole esiste un > 0
dipendente dalla normalizzazione tale che
gab = tr[Fa Fb ] = ab

(1.4)

Alla luce di questo teorema possiamo dare la seguente


Definizione 1.2 (Rappresentazione definente di SU (N )).
[Fa , Fb ] = ifabc Fc
1
tr[Fa Fb ] = ab
2

fabc completamente antisimmetrico


normalizzazione

(1.5)

Diamo altre tre definizioni importanti:


Definizione 1.3 (Sottoalgebra di Cartan).
La sottoalgebra di Cartan di un gruppo di Lie `e la sottoalgebra generata dai generatori del gruppo che
commutano fra di loro.
Definizione 1.4 (Rango di un gruppo).
Il rango di un gruppo di Lie `e la dimensione della relativa sottoalgebra di Cartan. Per SU (N ) il rango
vale N 1.
Definizione 1.5 (Operatore di Casimir).
Un operatore di Casimir `e un operatore costruito a partire dai generatori del gruppo che commuta con
tutti i generatori e quindi con tutti gli elementi del gruppo.
Si dimostra che il rango coincide anche con il numero di operatori di Casimir linearmente indipendenti.
Un esempio di operatore di Casimir `e il Casimir quadratico, dato da
F

(2)

2
NX
1

Fa2

(1.6)

a=1

Questo operatore `e un Casimir, infatti


[F (2) , Fb ] =

2
NX
1

2
NX
1

a=1

a=1

[Fa2 , Fb ] =

2
NX
1

(Fa [Fa , Fb ] + [Fa , Fb ]Fa )

ifabc (Fa Fc + Fc Fa ) = 0

a=1

in quanto abbiamo contratto fabc , completamente antisimmetrico negli indici a, c, con la quantit`
a
simmetrica Fa Fc + Fc Fa .

1.1

Rappresentazione aggiunta di SU (N )
(f )

(f )

(f )

Nella rappresentazione fondamentale (indice f ) di SU (N ), si ha [Fa , Fb ] = ifabc Fc (questa con1


(f ) (f )
dizione vale per qualsiasi rappresentazione) e tr[Fa Fb ] = ab . In una rappresentazione generica
2
(r)
(r) (r)
(indice r), la forma quadratica gab tr[Fa Fb ] sar`a ancora diagonale se e solo se la sua rappresentazione
(r)
(r)
(r)
aggiunta `e irriducibile. In tal caso, gab = TR ab , dove TR prende il nome di indice di Dynkin e dipende
dalla rappresentazione.
Per definire la rappresentazione aggiunta, partiamo dallidentit`a di Jacobi
[Fa , [Fb , Fc ]] + [Fc , [Fa , Fb ]] + [Fb , [Fc , Fa ]] = 0

(1.7)

Usando lalgebra di Lie, questa identit`


a pu`o essere scritta come
(faed fbce + fbed fcae + fced fabe )Fd = 0

(1.8)

Dato che gli Fd sono linearmente indipendenti, lequazione (8) `e soddisfatta se e solo se
faed fbce + fbed fcae + fced fabe = 0

(1.9)

Questa relazione prende il nome di identit`


a di Jacobi per le costanti di struttura del gruppo. Definiamo
a questo punto


Fa(agg)
ifabc
(1.10)
bc

che sono N 2 1 matrici hermitiane N 2 1 N 2 1 a traccia nulla. Verifichiamo che queste siano in
effetti una rappresentazione di SU (N ). Dobbiamo far vedere che queste matrici obbediscano allalgebra
di Lie. Per far ci`
o, riscriviamo lidentit`
a di Jacobi sfruttando lantisimmetria delle costanti di struttura:


face fbed + fbce faed = fabe fecd = ifabe (ifecd ) = ifabe Fe(agg)
cd

(agg)

(agg)

(agg)

mentre il primo membro sar`


a proprio uguale a [Fa
, Fb
]cd . Concludiamo che le Fa
lalgebra di Lie e pertanto costituiscono una rappresentazione di SU (N ).

verificano

Esempio 1.
Fissiamo N = 2. Per SU (2) lalgebra prende la forma [Fa , Fb ] = iabc Fc , dove abc `e il tensore completa(f )
mente antisimmetrico di Levi-Civita. Nella rappresentazione fondamentale, Fa = a /2, dove a sono
le matrici di Pauli






0 1
0 i
1 0
1 =
, 2 =
, 3 =
1 0
i 0
0 1
1
(f ) (f )
con tr[a b ] = 2ab , che implica tr[Fa Fb ] = ab . In SU (2) la sottoalgebra di Cartan `e triviale ed
2
esiste un solo operatore di Casimir, quello quadratico.
(f )
Per N = 3, invece, i generatori nella rappresentazione fondamentale sono otto matrici 33, Fa = a /2,
dove a sono le matrici di Gell-Mann:

0 1 0
0 i 0
1 0 0
1 = 1 0 0 , 2 = i 0 0 , 3 = 0 1 0
0 0 0
0 0 0
0 0 0

0 0 1
0 0 i
4 = 0 0 0 , 5 = 0 0 0
1 0 0
i 0 0

1 0 0
0 0 0
0 0 0
1
6 = 0 0 1 , 7 = 0 0 i , 8 = 0 1 0
3 0 0 2
0 i 0
0 1 0
(f )

(f )

con tr[a b ] = 2ab e quindi tr[Fa Fb ] =

1
ab . Le costanti di struttura non nulle sono
2

f123 = 1
f147 = f246 = f257 = f345 =

1
2

1
f156 = f367 =
2
3
f458 = f678 =
2
(f )

(f )

e le varie permutazioni di queste. Notiamo che F3 e F8 sono gi`a diagonali e automaticamente


commutano tra di loro. Questo ci dice che esse generano la sottoalgebra di Cartan (che in questo caso
ha dimensione 2). In SU (3) vi saranno pertanto due operatori di Casimir linearmente indipendenti: uno
`e quello quadratico. Vogliamo trovare il secondo.

1.2

Secondo operatore di Casimir per SU (3)


(f )

(f )

Diamo innanzitutto una definizione preliminare: in SU (N ) consideriamo lanticommutatore {Fa , Fb } =


(f ) (f )
(f ) (f )
Fa Fb +Fb Fa . Questa `e ancora una matrice hermitiana (a traccia non nulla stavolta) che possiamo
scrivere come
(f )
{Fa(f ) , Fb } = Cab I + dabc Fc(f )
(1.11)
Il valore di Cab possiamo ottenerlo prendendo la traccia di entrambi i membri:
h
i
(f )
(f )
tr {Fa(f ) , Fb } = 2tr[Fa(f ) Fb ] = ab = Cab trI = Cab N
quindi Cab = ab /N e la relazione (11) pu`
o essere riscritta come
(f )

{Fa(f ) , Fb } =

1
ab I + dabc Fc(f )
N
3

(1.12)

in cui dabc `e un tensore reale completamente simmetrico. La simmetria nei primi due indici `e unimmediata conseguenza della definizione, infatti lanticommutatore `e simmetrico negli indici. Per vede(f )
re la simmetria anche sul terzo indice, proiettiamo la (12) su Fc , usando come prodotto scalare
(f )
(f )
(f ) (f )
(Fa , Fb ) = tr[Fa Fb ], ottenendo
i
i
h
hn
o
(f )
(f )
(f )
dabc = 2tr Fa(f ) , Fb
Fc(f ) = 2tr Fa(f ) Fb Fc(f ) + Fb Fa(f ) Fc(f )
o
i
hn
(f )
= 2tr Fa(f ) , Fc(f ) Fb
i
o
hn
(f )
= 2tr Fb , Fc(f ) Fa(f )
dove negli ultimi due passaggi `e stata usata la ciclicit`a della traccia negli indici. Concludiamo dunque
che dabc = dbac = dacb = dcab = dcba , cio`e il tensore `e completamente simmetrico nei tre indici. Inoltre,
(f )
esso `e reale (si vede dalla precedente equazione che dabc = dabc , sfruttando il fatto che i generatori Fa
sono hermitiani).
Usiamo quindi la seconda identit`
a di Jacobi, valida in ogni rappresentazione,
[Fa , {Fb , Fc }] + [Fc , {Fa , Fb }] + [Fb , {Fc , Fa }] = 0

(1.13)

insieme alla definizione (12) (valida nella rappresentazione fondamentale), per trovare lidentit`a
fade dbce + fbed dcae + fced dabe = 0

(1.14)

2
u dellidentit`a (14), si dimostra che vale la seguente
Introduciamo loperatore Da dabc Fb Fc . In virt`
3
regola di commutazione
[Da , Fb ] = ifabc Dc
(1.15)
2
In virt`
u di questa regola di commutazione, si deduce che loperatore G(3) Fa Da = dabc Fa Fb Fc `e un
3
operatore di Casimir (Casimir cubico), cio`e [G(3) , Fa ] = 0 per ogni a = 1, . . . , N 2 1.
N.B. In SU (2) i dabc sono tutti nulli, in quanto {i , j } = 2ij I, quindi, come ci aspettavamo, G(3) 0
per SU (2), e lunico Casimir indipendente `e quello quadratico.

1.3

Indice di Dynkin
(r)

Lindice di Dynkin TR `e definito dalla relazione, valida in ogni rappresentazione,


(r)

(r)

tr[Fa(r) Fb ] = TR ab

(1.16)

e dipende dalla particolare scelta della rappresentazione. Sia r una rappresentazione irriducibile. In
questa rappresentazione, per il lemma di Schur, gli operatori di Casimir sono tutti multipli dellidentit`
a,
in particolare, per il quadratico, si ha
(r)

F (2) {r} = CF Id(r)d(r)


(r)

(1.17)

(r)

e si pu`
o trovare una relazione tra TR e CF :
(r)

TR =

1
(r)
d(r)CF
N2 1

(1.18)

Esempio 2.
(f )

1. Nella rappresentazione fondamentale, TR =

1
N2 1
(f )
, d(f ) = N , da cui segue che CF =
.
2
2N
(agg)

2. Nella rappresentazione aggiunta, d(agg) = N 2 1, che implica TR


(f )
il valore `e necessario usare la relazione di completezza per gli Fa :
2
NX
1 

a=1

Fa(f )

 
ij

Fa(f )


kl

1
=
2

(agg)

= CF

1
il jk ij kl
N

= N . Per ricavare


(1.19)

da cui si ottengono le seguenti relazioni:


2
NX
1 

Fa(f ) Fa(f )

a=1
2
NX
1 

=
ij

(f )

Fa(f ) Fb Fc(f )

a=1

N2 1
ij
2N

=
ij

1  (f ) 
Fb
2N
ij

(1.20)

(1.21)

Queste, unitamente allalgebra, servono per dimostrare che


facd fbcd = N ab

(1.22)

Questa relazione pu`


o essere letta in due modi: il primo membro pu`o essere visto come la traccia del
(agg)
prodotto di due generatori nella rappresentazione aggiunta, che implica TR
= N , oppure pu`
o
(agg)
essere visto come il valore del Casimir quadratico in rappresentazione aggiunta, cio`e CF
= N.

2
2.1

Rappresentazioni irriducibili di SU (3)


Richiamo: rappresentazioni irriducibili di SU (2)

Siano T1 , T2 , T3 i generatori di SU (2). Lalgebra di SU (2) `e data da


[Ta , Tb ] = iabc Tc

(2.1)

In SU (2) abbiamo un solo Casimir, il quadratico:


T

(2)

2
NX
1

Ta2 .

a=1

Scegliamo come osservabili compatibili T3 , T (2) e definiamo gli operatori di salita e di disceda T =
T1 iT2 , tali che
[T3 , T ] = T
[T+ , T ] = 2T3
e fissiamo un autostato simultaneo di T (2) e T3 , |j, t3 i:
T (2) |j, t3 i = j(j + 1)|j, t3 i
T3 |j, t3 i = t3 |j, t3 i
con j {0, 1/2, 1, 3/2, . . .} e t3 {j, j + 1, . . . , j 1, j}. Fissato j, abbiamo una rappresentazione
irriducibile di SU (2) per spin j, che ha dimensione 2j + 1 (il numero dei possibili valori di t3 ). Sugli
autostati |j, t3 i si ha
p
T |j, t3 i = j(j + 1) t3 (t3 1)|j, t3 1i
Possiamo infine introdurre il diagramma peso di SU (2), in cui vengono riportati su un grafico i possibili
valori di t3 :

Passiamo quindi a SU (3). Dobbiamo innanzitutto trovare un insieme completo di operatori che
commutano. Abbiamo immediatamente i due Casimir F (2) e G(3) . Come lo completiamo? Siano Fa i
generatori di SU (3) e definiamo
F1,2,3 = T1,2,3
T = T1 iT2
V = F4 iF5
U = F6 iF7
2
Y = F8
3

(2.2)

Notiamo subito che {T1 , T2 , T3 } generano un sottogruppo SU (2) detto sottogruppo di T-spin. Riscriviamo
quindi lalgebra di SU (3) in termini di questi nuovi operatori:
1
[T3 , U ] = U
2

[T3 , T ] = T

[Y, U ] = U

[Y, T ] = 0
[T+ , V+ ] = 0
[T+ , V ] = U

[T+ , U ] = 0

[T+ , U+ ] = V+

1
[T3 , V ] = V
2

(2.3a)

[Y, V ] = V

(2.3b)

[U+ , V+ ] = 0

(2.3c)

[U+ , V ] = T

[T3 , Y ] = 0

(2.3d)

Inoltre
[T+ , T ] = 2T3
3
[U+ , U ] = Y T3 2U3
2
3
[V+ , V ] = Y + T3 2V3
2

(2.4a)
(2.4b)
(2.4c)

Concludiamo perci`
o che esistono altri due sottogruppi SU (2) generati da {V1 = F4 , V2 = F5 , V3 } e
{U1 = F6 , U2 = F7 , U3 }, detti rispettivamente sottogruppo di V-spin e sottogruppo di U-spin.
Possiamo adesso completare linsieme completo di operatori prendendo {F (2) , G(3) , T (2) , T3 , Y }, dove
T (2) `e il Casimir quadratico del sottogruppo di T -spin. Allora le rappresentazioni irriducibili di SU (3)
saranno classificate da due indici, corrispondenti ai valori dei due Casimir di SU (3).
Il diagramma peso di SU (3) sar`
a dato quindi dal grafico bidimensionale in cui vengono riportati i valori
degli operatori T3 in ascissa e Y in ordinata (v. figura):

Gli effetti dei vari operatori definiti su un autostato simultaneo degli operatori di base sono i seguenti
T+ aumenta di 1/2 il valore di T3 , mentre T lo diminuisce di 1/2.
V+ aumenta di 1/2 il valore di T3 e di 1 il valore di Y , mentre V diminuisce di 1/2 il valore di T3
e di 1 il valore di Y .
U+ diminuisce di 1/2 il valore di T3 e aumenta di 1 il valore di Y , mentre U aumenta di 1/2 il
valore di T3 e diminuisce di 1 il valore di Y .
7

Data una rappresentazione (p, q) irriducibile di SU (3), il suo diagramma peso avr`a struttura esagonale,
con lati di lunghezza p e q. In generale
d(p, q) =

1
(p + 1)(q + 1)(p + q + 2)
2

(2.5)

In analogia con SU (2), definiamo uno stato di peso massimo |max i come lo stato avente t3 massimo,
che per una rappresentazione (p, q) vale tmax
= (p + q)/2:
3
T3 |max i =

p+q
|max i
2

(2.6)

Inoltre si osserva che |max i appartiene a un multipletto di U -spin (con valore di U3 minimo) e a un
multipletto di V -spin (con valore di V3 massimo):
q
U3 |max i = |max i
2
V3 |max i =

p
|max i
2

(2.7a)
(2.7b)

con
T+ |max i = V+ |max i = U |max i = 0
Sommando le definizioni di U3 , V3 otteniamo Y =
valore di Y su |max i:

2
(U3 + V3 ). Da questa relazione possiamo trovare il
3

1
2
(U3 + V3 )|max i = (p q)|max i
3
3
Vogliamo infine valutare il Casimir quadratico su una rappresentazione irriducibile (p, q):
Y |max i =

(2)

(p,q)

F(p,q) = CF

(2.8)

Id(p,q)d(p,q)

(p,q)

cio`e vogliamo determinare CF . Per farlo, `e sufficiente calcolare loperatore sullo stato |max i, scrivendolo come
1
1
1
3
(2)
F(p,q) = {T+ , T } + {U+ , U } + {V+ , V } + T32 + Y 2
(2.9)
2
2
2
4
e usando le relazioni trovare in precedenza. Il risultato `e dato da
(p,q)

CF

1 2
(p + pq + q 2 ) + (p + q)
3

(2.10)

Scriviamo adesso le rappresentazioni irriducibili di SU (3) pi`


u semplici e i relativi diagrammi peso:
(p, q) = (0, 0). Questa `e la rappresentazione triviale, di dimensione d(0, 0) = 1 e diagramma peso

(p, q) = (1, 0). Questa `e la rappresentazione fondamentale di SU (3), con dimensione d(1, 0) = 3. Il
suo diagramma peso `e

(p, q) = (0, 1). Questa `e la rappresentazione complessa coniugata della fondamentale, e la sua
dimensione `e indicata con d(0, 1) = 3 . Il suo diagramma peso si ottiene da quello della (1, 0)
scambiando i segni in ordinata.

(p, q) = (2, 0). Questa rappresentazione ha dimensione d(2, 0) = 6. Il suo diagramma peso `e

(p, q) = (0, 2). Rappresentazione complessa coniugata di (2, 0), d(0, 2) = 6 . Diagramma peso:

10

(p, q) = (1, 1). Questa `e la rappresentazione aggiunta, d(1, 1) = 8. Diagramma peso:

Lo stato con (t3 , y) = (0, 0) `e doppiamente degenere. In un generico diagramma peso vale la
seguente regola: lo strato pi`
u esterno `e non degenere, quello immediatamente pi`
u interno `e due
volte degenere e cos` via. Laumento della degenerazione si interrompe quando lo strato a cui si
arriva ha una struttura triangolare.
(p, q) = (3, 0)

11

(p, q) = (2, 1)

2.2

Multipletti di spin isotopico

Negli anni 60 le particelle conosciute, gli adroni, si dividevano in due famiglie: i mesoni (di spin intero)
e i barioni (di spin semi-intero). Era stato osservato che nelle interazioni forti il numero barionico B
si conservasse (ogni barione coinvolto nel processo da un +1, ogni antibarione un 1 e i mesoni 0).
Allepoca era nota una simmetria SU (2) (spin isotopico) per le interazioni forti. I multipletti noti erano:
t = 0:
, 0 , ,

Q = t3 = 0, B = 0

Q = t3 = 0, B = 1

t = 1/2:
1
Q = t3 + , B
2
1
Q = t3 + , B
2
1
Q = t3 , B
2
1
Q = t3 , B
2

n, p
K 0, K +
K , K

, 0

=1
=0
=0
=1

t = 1:
, 0 , +

Q = t3 , B = 0

, ,

, ,

Q = t3 , B = 0
+

Q = t3 , B = 1

t = 3/2:
, 0 , + , ++

Q = t3 +

12

1
2

Fu osservato che per molti multipletti di isospin vale la relazione Q = t3 + B2 . Quelli che non rispettavano
questa regola vennero chiamati strani. La relazione venne quindi corretta da Gell-Mann e Nishijima
(1953):
Y
Q = t3 +
,
Y =B+S
(2.11)
2
dove Y `e lipercarica forte, B il numero barionico e S la stranezza. Questi numeri quantici si conservano
nei processi forti.
I multipletti di isospin possono quindi essere graficamente impilati, ottenendo alcune rappresentazioni
irriducibili di SU (3). Questa osservazione fece pensare che la simmetria SU (2) di isospin poteva essere
generalizzata ad una simmetria approssimata SU (3) di sapore. Questa `e una simmetria peggiore, in
quanto le differenze di massa allinterno dei multipletti di sapore sono pi`
u consistenti rispetto a quelle
+
tipiche dellisospin. Questa impilazione aiut`o a predirre lesistenza di un barione con J P = 23 , Y =

2, S = 3 che andava a completare il diagramma peso del decupletto barionico, ossia l (che allepoca
non era ancora noto). Fu inoltre osservato che tutte le componenti di un multipletto di U -spin hanno la
stessa carica.

2.3

Rappresentazione complessa coniugata in SU (N )

Data una certa rappresentazione di SU (N ), U = exp(ia Fa ), con [Fa , Fb ] = ifabc Fc , prendiamone il


complesso coniugato (loperazione preserva la struttura di gruppo):

U = eia Fa = eia Fa
dove Fa Fa soddisfano lalgebra di Lie: [Fa , Fb ] = ifabc Fc .
Definizione 2.1.
U e U si dicono equivalenti se esiste una matrice S invertibile tale che SU S 1 = U per ogni U SU (N ).
In termini dei generatori:
SU S 1 = Seia Fa S 1 = eia SFa S

= U = eia Fa

a

da cui la condizione di equivalenza sui generatori si legge come SFa S 1 = Fa = Fa .


Esempio 3.
Consideriamo la rappresentazione fondamentale di SU (2), Fa = a /2. Si ha 2 a 2 = a (cio`e S = 2 ),
quindi la rappresentazione fondamentale e la sua complessa coniugata sono equivalenti. Per SU (3) invece
questo non `e vero.
Teorema 2.
Se una data rappresentazione hermitiana `e reale (cio`e `e equivalente alla sua complessa coniugata), allora
i generatori hanno autovalori in coppie di segno opposto.
Esempio 4.
Consideriamo la rappresentazione fondamentale di SU (3)

1 0
1
0 1
8 =
3 0 0

e il generatore 8 , dato da

0
0
2

questo non rispetta la condizione sugli autovalori, e quindi la rappresentazione non `e reale.
Esempio 5.
(agg)
(agg)
La rappresentazone aggiunta di SU (N ) `e reale, infatti Fa
= (Fa
) = Fa
Dimostrazione.
Per ipotesi SFa S 1 = Fa per ipotesi. Sia |i un autostato di Fa , i.e. Fa |i = |i, con R perche
Fa `e hermitiano. Allora
Fa S|i = (SFa S 1 )S|i = SFa |i = S|i
13

coniugando questa relazione si ottiene


Fa (S|i) = (S|i)
cio`e (S|i) `e autostato di Fa per .
Le particelle note allepoca di Gell-Mann non si disponevano nella rappresentazione fondamentale
di SU (3). Questa peculiarit`
a fece sorgere il dubbio che dovessero esistere particelle fondamentali che
occupavano la rappresentazione (1, 0), i quarks, i cui stati legati costituivano le particelle adroniche
osservate.

14

Prodotto diretto di rappresentazioni irriducibili di SU (3)

Esempio 6.
In SU (2) consideriamo due particelle di spin J1 , J2 : lo stato complessivo trasforma sotto rotazioni come
il prodotto diretto delle due rappresentazioni, i.e.
(J )

(J )

DM11M 0 (R)DM22M 0 (R)


1

Per SU (2) il prodotto diretto si pu`


o scrivere in termini della serie di Clebsch-Gordan:
(J )

(J )

DM11M 0 (R)DM22M 0 (R) =


1

JX
1 +J2

XX

J=|J1 J2 | M

(J)

J1 J2 J
J1 J2 J
CM
CM
0 M 0 M DM M 0 (R)
1 M2 M

M0

(3.1)

Se non si `e interessati ai particolari coefficienti, il risultato si pu`o ottenere con il metodo grafico, sfruttando
ladditivit`
a di Jz .
Il metodo grafico pu`
o essere esteso a SU (3), in cui stavolta sfruttiamo ladditivit`a di y e t3 1 .

3.1

Metodo tensoriale

Definizione 3.1.
1. Un vettore controvariante q i `e un oggetto che trasforma sotto SU (N ) come
q i q 0i = Uij q j Uji q j

(3.2)

con U in rappresentazione fondamentale di SU (N ).


2. Un vettore covariante q i `e un oggetto che trasforma sotto SU (N ) come

q i q 0i = Uij
q j = (U )ij q j (U )ji q j

(3.3)

con U in rappresentazione complessa coniugata della fondamentale di SU (N ).


i i

3. Un tensore (misto) di rango (p, q) Tj11jqp trasforma sotto SU (N ) come


i i

0i i

Tj11jqp Tj11jqp = Ui11 Uipp (U )j11 (U )jqq T11qp

(3.4)

cio`e trasforma come il prodotto di p rappresentazioni fondamentali e q rappresentazioni antifondamentali.


4. La delta di Kroenecker `e un tensore invariante per SU (N ),
(
1
i=j
i
j =
0
i 6= j

(3.5)

infatti ji j0i = Ui (U )j = (U U )ij = ji . Anche il tensore completamente antisimmetrico,

+1 se (i1 , . . . , iN ) `e una permutazione pari di (1, . . . , N )


i1 iN
(3.6)

= i1 iN = 1 se (i1 , . . . , iN ) `e una permutazione dispari di (1, . . . , N )

0 altrimenti (almeno due indici uguali)


`e invariante sotto SU (N ):
0i1 iN = Ui11 UiNN 1 N = det U i1 iN = i1 iN

(3.7)

in quanto det U = 1.
5. La traccia di un tensore su una coppia di indici `e data da
i i

i i

Tj22jqp = Tj11jpp ij11

(3.8)
i i

Abbandoniamo adesso il caso generale e focalizziamoci su SU (3). Un tensore Tj11jqp di rango (p, q)
avr`
a in generale 3p+q componenti.
1 Non

sar`
a riportato qui perch
e i grafici sono difficili da gestire.

15

3.2

Riduzione di un tensore di rango (p, q)

Definiamo tre operazioni di riduzione di un tensore.


1. Contrazione di un indice controvariante e uno covariante tramite la delta di Kroenecker:
i i

Tj11jqp ijba .
Il tensore risultante avr`
a rango (p 1, q 1).
2. Contrazione su due indici covarianti tramite il tensore completamente antisimmetrico:
i i

Tj11jqp ja jb ip+1 .


Il tensore risultante avr`
a rango (p + 1, q 2).
3. Contrazione su due indici controvarianti tramite il tensore completamente antisimmetrico:
i i

Tj11jqp ia ib jq+1


Il tensore risultante avr`
a rango (p 2, q + 1).
Definizione 3.2.
Un tensore T di rango (p, q) si dice irriducibile se, tramite le operazioni di riduzione (1),(2),(3), si ottiene
sempre il tensore identicamente nullo. Altrimenti, il tensore `e detto riducibile.
Teorema 3.
Sia T un tensore di rango (p, q) e siano 1 , . . . , d le componenti linearmente indipendenti di T . Se le
incolonniamo in un vettore e trasformiamo sotto SU (N ) T in T 0 , avremo una trasformazione indotta
0


1
1
1
..
..
..
(3.9)
. . = Vdd .
d

0d

con Vdd rappresentazione di SU (3) di dimensione d. Allora Vdd `e irriducibile se T `e irriducibile.


I tensori cji , cijk , cijk (c costante) sono invarianti, e quindi irriducibili. Corrispondono alla rappresentazione irriducibile (0, 0) = 1. Un generico tensore di rango (p, q) sar`a irriducibile se e solo se `e simmetrico
sugli indici controvarianti e sugli indici covarianti, cos` che le contrazioni con il tensore completamente
antisimmetrico siano nulle, ed `e a traccia nulla, cos` che la contrazione con la delta sia nulla.
Il numero di componenti linearmente indipendenti di un tensore irriducibile di rango (p, q) e d(p, q) =
1
2 (p + 1)(q + 1)(p + q + 2). Quindi le componenti indipendenti di un tensore irriducibile di rango (p, q)
trasformano sotto SU (3) come la rappresentazione irriducibile (p, q).
(p, q)

d(p, q)

(0, 0)
(1, 0)
(0, 1)
(2, 0)
(0, 2)
(1, 1)
(3, 0)
(0, 3)
(2, 1)

1
3
3
6
6
8
10
10
15

tensore irriducibile
I
qi
qi
S ij (simmetrico)
Sij (simmetrico)
Tji (traceless)
S ijk (completamente simmetrico)
Sijk (completamente simmetrico)
Skij (simmetrico negli indici in altro e traceless)

16

3.3

Decomposizione del prodotto diretto con il metodo tensoriale

Esempio 7.
Prendiamo un tensore riducibile di rango (2, 0) T ij . Possiamo decomporlo in somma di tensore irriducibili:
1
1
T ij = (T ij + T ji ) + (T ij T ij ) S ij + Aij
(3.10)
2
2
con S ij = S ji , quindi S ij 6 ed `e irriducibile. Quello che resta `e una 3 oppure una 3 ? Eseguiamo la
riduzione
q k ijk T ij = ijk (S ij + Aij ) = ijk Aij
con q k 3 . Calcoliamo adesso
ijk q k = ijk abk T ab = (ai bj bi aj )T ab = T ij T ji = 2Aij
cio`e
Aij =

1 ijk
 qk
2

da cui

1
T ij = S ij + ijk q k
(3.11)
2
cio`e 3 3 = 6 3 . Notiamo che la decomposizione in parte simmetrica e antisimmetrica `e invariante
sotto SU (3).
Esempio 8.
Sia Tji 3 3 . In generale avremo 9 componenti. Per avere un tensore irriducibile manca la condizione
di traccia nulla. Allora possiamo decomporre come


1 k i
1
1
i
i
Tj = Tj Tk j + Tkk ji Tji + Tkk ji
(3.12)
3
3
3
adesso Tji `e a traccia nulla, e quindi irriducibile, cio`e Tji 8. Il resto `e proporzionale al tensore invariante
ji , quindi concludiamo che 3 3 = 8 1.
i i

i i

Vale inoltre la seguente relazione: se Tj11jqp `e un tensore irriducibile di rango (p, q) e Sj11 jqp `e un
tensore irriducibile di rango (q, p), allora le componenti di T trasformano come le componenti di S , cio`e
(p, q) = (q, p) .

17

Modello a quarks

Proposto nel 1964 da Gell-Mann e Zweig, il modello introduce delle particelle fondamentali dette quarks
che popolano la rappresentazione fondamentale di SU (3). I quarks si presentano in tre flavors: u (up), d
(down), s (strange). Le corrispondenti antiparticelle popolano la rappresentazione complessa coniugata
della fondamentale. I numeri quantici di questi tra quarks sono riassunti nella seguente tabella:
flavor

t3

Q = t3 + y/2

u
d
s

1
2
1
2

1
2
12

1
3
1
3
32

2
3
13
13

1
3
1
3
1
3

0
0
1

I mesoni e i barioni sono quindi stati legati di questi quarks: i mesoni, aventi spin intero, saranno
formati da una coppia quark-antiquark, mentre i barioni, di spin semi-intero saranno formati da tre
quark. La simmetria SU (2) di isospin coinvolge solo i quarks u, d.
Paradossi del modello a quarks
1. Non sono mai stati osservati i quarks, ne stati legati qq oppure qqq,qqqq, etc...
2. Problemi con la statistica di Fermi-Dirac: lo stato |++ , J = 3/2i = |u(1) u(2) u(3) i`=0 `e completamente simmetrico (spin, orbitale e flavor), quando in realt`a dovrebbe essere completamente
antisimmetrico (in quanto stato legato di tre fermioni identici).
Entrambi i paradossi furono risolti con la cosiddetta proposta del colore: per rendere antisimmetrico
lo stato di cui sopra fu proposto un numero quantico aggiuntivo detto appunto colore. Per ogni sapore,
si hanno tre colori:
ui = (u1 , u2 , u3 )
di = (d1 , d2 , d3 )
si = (s1 , s2 , s3 )
Usando il colore, possiamo facilmente antisimmetrizzare |++ i:
1
|++ , J = 3/2i = ijk |ui(1) , uj(2) , uk(3) i`=0
3!

(4.1)

Lintroduzione del numero quantico di colore mette in luce una nuova simmetria:
Simmetria SU (3) di colore
ui u0i = Uji uj
con Uji SU (3)C (mescola le componenti di colore). Applicando una trasformazione SU (3)C allo stato
|++ i si ottiene
ijk u0i u0j u0k = ijk Uai Ubj Uck ua ub uc = det U abc ua ub uc = abc ua ub uc
Quindi lo stato |++ i `e invariante per trasformazioni SU (3)C , in particolare, `e un singoletto di colore.
Il discorso viene esteso a tutti gli stati adronici tramite il
Postulato del confinamento: tutti gli stati adronici (e le corrispondenti osservabili fisiche) sono
singoletti di colore.
Per i mesoni, si postula che gli stati |qi q j i (a priori 9 stati di colore) siano singoletti di colore dati dalla
contrazione tra gli indici i, j:
3
1 X i
|q i q j i
|q q i i
3 i=1

18

Notiamo che i q i trasformano secondo la rappresentazione 3C , mentre i q i secondo la 3C , cio`e


q i q 0i = Uji q j
q i q 0i = (U )ji q j

(4.2)

Estendendo quello che abbiamo ricavato sui prodotti diretti si hanno le seguenti relazioni:
3C 3C = 1C 8C
3C 3C 3C = 1C 8C 8C 10C

(4.3)

Per il postulato del confinamento, in natura si realizza solo la rappresentazione 1C .

4.1

Evidenze sperimentali (indirette) del numero quantico di colore

1. Decadimento 0 . Si pu`
o mostrare che la larghezza di decadimento del processo `e

2 2 3
2 m3
NC
m
( o ) = NC2 (Q2u Q2d )
=
NC2 0.84 eV
3
2
64 F
3
64 3 F2

(4.4)

dove NC `e il numero di colori, Qu e Qd sono rispettivamente la carica del quark up e del down,
1/137 `e la costante di struttura fine, m 135 MeV, F 92 MeV `e la costante di decadimento
del 0 . Confrontando con il valore sperimentale della larghezza exp 7.48 eV, si ha perfetto
accordo per NC = 3.
2. Annichilazione e e+ adroni. Si suppone che alla base di questo processo vi sia un processo
fondamentale e e+ qq (adronizzazione) adroni. Ad alte energie si osserva che
X
(e e+ adroni)
(e e+ q if q f,i
(4.5)
f,i

con f = 1, . . . , Nf (s) numero di flavors che possono contribuire


al processo ( s `e lenergia nel

sistema del centro di massa), cio`e i flavors tali che 2mf < s, e i = 1, . . . , Nc `e il numero di colori.
N.B. La carica dei quark dipende dal flavor e non dal colore:
Le.m.
=
I

Nf
X

Qf |e|

i=1

Nc
X

i i A

i=1

Quindi la corrente elettromagnetica `e invariante per SU (Nc ), in particolare `e un singoletto di colore (in accordo con il postulato del confinamento). Allora la corrente e.m. avr`a una simmetria
U (1)e.m. SU (Nc )c .
Nel limite s  m2f , m2e la sezione durto differenziale, mediata sulle polarizzazioni iniziali e sommata
su quelle finali sar`
a data da
d +
2 2
(e e qfi q f,i ) '
Q (1 + cos2 )
d
4s f

(4.6)

da cui

42 2
Qf
3s
Si definisce quindi il rapporto R (o rapporto di Drell) come
(e+ e qfi q f,i ) '

R=

Nf (s)
X
(e+ e adroni)
'
N
Q2f
c
+

(e e )

(4.7)

(4.8)

f =1

Sperimentalmente, si osserva che la dipendenza di R da 2 `e costante e vale circa 2 fino a energie


di 3 GeV. Tra 3 e 4 GeV si hanno delle risonanze, dopodiche il valore di R rimane costante fino a
19

9 GeV e vale 10/3 = 2 + 4/3. Tra 9 e 10 GeV si hanno altre risonanze, e poi di nuovo costanza a
11/3 = 2 + 4/3 + 1/3. Le risonanze furono spiegate con lattivazione dei canali per dei nuovi quarks
che contribuiscono alla sezione durto. Tra 3 e 4 GeV si apre il canale del quark charm (c). Il 4/3
di differenza rappresenta la carica al quadrato del c moltiplicata per il suo Nc . Si ottiene quindi
Qc = 2/3, Nc = 3, mc 1.5 GeV. Tra 9 e 10 GeV si apre il canale del quark bottom (b). Con gli
stessi ragionamenti si ottiene Qb = 1/3, mb 4.5 GeV. Laccordo tra esperimento e teoria si ha,
ad alte energie, per Nc = 3.

20

Teoria di campo quantistica per i quarks (QCD)

Esempio 9 (QED).
Fermioni di spin 1/2 e carica q = Q|e|. La Lagrangiana `e
1
/ m) F F = LF + LG
L = (iD
4

(5.1)

/ = D e D = + iQ|eA . Concentriamoci inizialmente sulla parte fermionica:


con D
/ m) = (i/ m) Q|e| A
/ L0 + LI
LF = (iD
L0 , LI , LF , LG sono invarianti per trasformazioni di gauge U (1) globali
(x) 0 (x) = eiQ (x)

( = cost.)

A (x) A (x)

(5.2)

mentre LF , LG sono invarianti anche per trasformazioni di gauge U (1) locali


(x) 0 (x) = eiQ(x) (x)
A (x) A0 (x) = A (x)

1
(x)
|e|

(5.3)

D `e detta derivata covariante perche trasforma come sotto trasformazioni locali:


D (x) D0 0 (x) = ( + i|e|QA0 (x))(x) = eiQ ( + iQ( ) + iQ|e|A iQ( ))
= eiQ(x) ( + iQ|e|A ) = eiQ(x) D
da cui D0 0 = eiQ(x) D = eiQ(x) D eiQ(x) 0 , cio`e loperatore D trasforma come
D D0 = eiQ(x) D eiQ(x)

(5.4)

Tensore intensit`
a di campo.
Consideriamo la quantit`
a [D , D ] = [( + iQ|e|A ), ( + iQ|e|A )]. Nel caso abeliano della QED,
rimangono solo i termini misti perche A commuta con se stesso, quindi
[D , D ] = iQ|e| ([ , A ] + [A , ])
= iQ|e|( (A ) A + A (A ))
= iQ|e| (( A ) + A A + A ( A ) A )
= iQ|e|( A A ) iQ|e|F
cio`e F [D , D ].
Passiamo adesso al caso non abeliano di SU (Nc ). Abbiamo
L0 =

Nc
X

i (i/ m)i

(5.5)

i=1

con m uguale per tutti i colori. Definiamo

= ...
Nc

(5.6)

L0 = (i/ m)

(5.7)

Allora la Lagrangiana libera sar`


a

21

Abbiamo una simmetria globale SU (Nc ):


0 = U
0

= U

(5.8)

con U SU (Nc ). Le trasformano come la rappresentazione fondamentale di SU (Nc ) (perche hanno


proprio Nc componenti), quindi (indichiamo con Ta i generatori nella rappresentazione fondamentale)
2

Nc 1
X
U = exp i
a Ta
a=1

[Ta , Tb ] = ifabc Tc
1
tr[Ta Tb ] = ab
2

(5.9)

Vogliamo quindi passare al caso locale: L0 non sar`a pi`


u invariante a causa del termine cinetico. Per generalizzare la simmetria dobbiamo allora aggiungere a L0 un termine di interazione di tipo accoppiamento
minimale (come nel caso della QED): L0 L0 + LI LF .

5.1

Trasporto parallelo

Definizione 5.1.
Sia Vx un vettore. Definiamo il trasporto parallelo lungo una curva Cyx come una trasformazione
W (Cyx : Vx Vy , W (Cyx ) SU (Nc ), con le seguenti propriet`a:
1. W (0) = I (dove 0 indica una curva di lunghezza nulla).
2. W (C2 C1 ) = W (C2 )W (C1 ).
3. W (C) = W (C)1
4. Sotto una trasformazione di gauge locale
(x) 0 (x) = U (x)(x)
(y) 0 (y) = U (y)(y)

si abbia W (Cyx ) W 0 (Cyx ) = U (y)W (Cyx )U (x). In questo modo, se (y) W (Cyx )(x)
allora

0 (y) = W 0 (Cyx ) 0 (x) = U (y)W (Cyx )U (x)U (x)(x) = U (y) (y)

5.2

Campi di gauge

Consideriamo il trasporto parallelo infinitesimo da x a x + dx:


W (Cx+dxx ) exp(igA (x)dx ) ' 1 igA (x)dx

(5.10)

con A (x) su(Nc ) (algebra di SU (Nc )), cio`e tale che A = A e trA = 0, quindi scrivibile in termini
dei generatori
Nc2 1
X
A (x) =
Aa Ta
(5.11)
a=1

Gli Aa sono detti campi di gauge. Vediamo come trasformano gli A (x) sotto trasformazione di gauge:
W 0 (Cx+dxx ) = 1 igA0 (x)dx = U (x + dx)W (Cx+dxx )U (x)
= U (x + dx)(1 igA (x)dx )U (x)
= U (x + dx)U (x) igU (x + dx)A (x)U (x)dx
22

Sviluppando U (x + dx) e ritenendo solo il primo ordine in dx otteniamo


1 igA0 (x)dx = [U (x) + U (x)dx ]U (x) igU (x)A (x)U (x)dx


i

= 1 ig U (x)A (x)U (x) + ( U (x))U (x) dx


g

(5.12)

Dal confronto otteniamo infine


i
A0 (x) = U (x)A (x)U (x) ( U (x))U (x)
g

(5.13)

Definizione 5.2.
Il differenziale covariante D `e definito come
D(x) W (Cxx+dx )(x + dx) (x) = W (Cx+dxx )1 (x + dx) (x)

(5.14)

Espandendo al primordine:
D(x) = (1 + igA (x)dx )(x + dx) (x)
= (x + dx) (x) + igA (x)dx
' [ (x) + igA (x)(x)]dx
Definiamo quindi la derivata covariante
D + igA

(5.15)

In questo modo, in analogia al caso elettromagnetico


D0 0 = U (x)
D0 0 = U (x)D (x) = U D U 0
D0 = U D U
Possiamo adesso scrivere la Lagrangiana fermionica tramite laccoppiamento minimale
L0 = (i/ m)

/ m)
LF = (iD

(5.16)

LF adesso `e invariante per trasformazioni SU (Nc ) locali. LF pu`o essere scritta come L0 + LI , dove
/
LI = g A

(5.17)

Nella nostra descrizione manca solamente il termine di pura gauge (lanalogo a F F in QED).
Partiamo dallintroduzione di un tensore di campo per la QCD definito allo stesso modo che in QED:
[D , D ] = [( + igA ), ( + igA )]
= ig ([ , A ] + [A , ] + ig[A , A ])
= ig ( A A + ig[A , A ]) igF
cio`e
F su(Nc ), quindi F

F = A A + ig[A , A ]
PNc2 1 a
= a=1 F Ta . Allora la (5.18) diventa, in componenti,

(5.18)

a
F = F
Ta = ( Aa Aa )Ta + ig[Tb , Tc ]Ab Ac

= ( Aa Aa )Ta + igifbca T a Ab Ac
= ( Aa Aa gfabc Ab Ac )Ta

(5.19)

cio`e
a
F
= Aa Aa gfabc Ab Ac

23

(5.20)

Vediamo come trasforma F . Usando la definizione, si ha che




1 0
1
0
0
F = [D , D ] = U
[D , D ] U = U F U
ig
ig

(5.21)

Concludiamo che, nel caso non abeliano, il tensore dei campi non `e un invariante di gauge (trasforma in
particolare come la rappresentazione aggiunta di SU (Nc ).
Consideriamo adesso un percorso chiuso infinitesimo dato dal parallelogramma avente per vertici i punti
x,x + dx,x + dx + dy,x + dy. Il trasporto parallelo sul percorso chiuso `e dato da
W (Cxx ) = W (Cxx+dy )W (Cx+dyx+dx+dy )W (Cx+dx+dyx+dx )W (Cx+dxx )
Usando la formula di Baker-Campbell-Haussdorf
eA eB = e(A+B)+

2
2

[A,B]+O(3 )

(5.22)

si ottiene
W (Cxx ) = exp[igF (x)dx dy ]

(5.23)

Operatore di Wilson (trasporto parallelo su percorsi finiti).


Consideriamo due punti x, y e una curva che li connette z ( ), [0, 1], con z (0) = x, z (1) = y. Consideriamo un punto intermedio s [0, ] a cui `e associato un cammino C , e un punto infinitesimamente
vicino, a cui `e associato un cammino C +d . Allora




dz
d W (C )
C +d = W Cz + dz d z W (C ) ' 1 igA (z( ))
d
d
da cui
W (C +d ) W (C ) ' igA (z( ))

dz
d W (C )
d

dividendo per d si ottiene lequazione


dz
dW (C )
= igA (z( ))
W (C ),
W (C =0 ) = 1
(5.24)
d
d
Riconosciamo la forma dellequazione che descrive loperatore di evoluzione temporale. La soluzione `e
data dalla formula di Dyson:


Z
dz (s)
W (C ) = P( ) exp ig
A (z(s))
ds
(5.25)
ds
0
dove P( ) indica il path-ordering, cio`e lordinamento dei parametri s in modo tale da avere gli s pi`
u
piccoli a destra.
Il termine invariante di gauge e di Lorentz e quadratico in F che completa la Lagrangiana `e dato
da tr[F F ]. In componenti,
1 a
F F
2 a
La Lagrangiana di gauge LG `e dunque proporzionale a questo termine. Se avessimo assorbito la costante
a
tr[F F ] = F
Fb tr[Ta Tb ] =

g nel campo A (x), avremmo avuto W (Cx+dxx ) = exp[i A (x)dx ], A (x) = gA (x). La derivata

covariante sarebbe stata D = + i A e il tensore dei campi F = A A +i[A , A ] e dunque


a

LG = tr[F F ] = F F a
2
4
Imponiamo che la normalizzazione sia uguale a quella della QED riscalando i campi, Aa
definiamo g 1/2 . Allora
LG =

A e

1
1 a
1

tr[
]
=

F
F
F F = tr[F F ]

2g 2
4g 2 a
2

Otteniamo quella che prende il nome di Lagrangiana di Yang-Mills:


1 a
LG = F
Fa
4
24

(5.26)

5.3

Lagrangiana della Cromodinamica

Mettendo insieme i vari pezzi, la Lagrangiana che troviamo `e


Nf

1 a X
L = F
Fa +
f (i D mf )f
4

(5.27)

f =1

Oppure, esplicitando anche la somma sui colori:


Nf N

c
1 a X X
L = F
Fa +
f,i (i (D )ij mf ij )f,j
4
i=1

(5.28)

f =1

con (D )ij = ij + ig(A )ij = ij + igAa (Ta )ij . Nel caso fisico Nc = 3, abbiamo otto campi di
gauge Aa che nel formalismo quantistico prendono il nome di gluoni (lanalogo dei fotoni per la QED).
Nel caso della Cromodinamica, la Lagrangiana di pura gauge contiene termini cubici e quartici in A
che danno origine ad equazioni del moto non lineari. Notiamo che un altro termine di gauge possibile
poteva essere  tr[F F ], ma `e stato scartato in quanto non conserva la parit`a.
Equazioni del moto.
Le equazioni di Eulero-Lagrange assumono la forma
(i D mf )f = 0

(5.29)

(D(agg) F )a

gJa

(5.30)

f Ta f

(5.31)

dove le Ja sono le correnti di colore dei quarks, date da


Ja =

Nf
X
f =1

(agg)

e D

denota la derivata covariante in rappresentazione aggiunta, ossia


(agg)

(D(agg) )ac = ac + igAb (Tb


Definendo J Ja Ta e

(agg)
D F

D(agg) F

(agg)
(D F )a Ta ,

= F

)ac = ac gfabc Ab

(5.32)

lequazione (5.30) diventa

+ ig[A , F ] = [D , F ] = gJ

(5.33)

Le correnti Ja non sono conservate in quanto le derivate covarianti non commutano. Riscriviamo allora
lequazione come

Fa = g(Ja + fabc Ab Fc ) gJ a
(5.34)

Adesso Fa = 0 e di conseguenza J a = 0. Le J a rappresentano le correnti di colore conservate.


Il termine aggiuntivo `e dovuto al fatto che i mediatori non sono neutri in colore e pertanto interagiscono
a loro volta. Si pu`
o arrivare alla stessa conclusione notando che la Lagrangiana fermionica
/ m)
LF = (iD
non `e invariante per trasformazioni di gauge globali U , U e pertanto le correnti conservate
non possono essere le Ja . Per avere invarianza, bisogna cambiare anche il campo di gauge, A U A U
e questo porta un contributo al calcolo della corrente di Noether, che appunto restituisce come correnti

conservate le J a .
Identit`
a di Bianchi.
Dallidentit`
a di Jacobi per le derivate covarianti
[D , [D , D ]] + [D , [D , D ]] + [D , [D , D ]] = 0

(5.35)

unitamente alla definizione del tensore intensit`a di campo, [D , D ] = F si ottiene lidentit`a di Bianchi
 [D , F ] = 0
che rappresenta lanalogo delle equazioni di Maxwell omogenee in elettromagnetismo.
25

(5.36)

Feynman path integral

a e impulsi coniugati Pa che soddisfano [Q


a , Pb ] = iab , [Q
a, Q
b] =
Consideriamo un sistema con coordinate Q
0
(3)
0

[Pa , Pb ] = 0. Per una teoria di campo Qa Qm (x) e [Qn (x), Pm (x )] = nm (xx ). Indicheremo con
lindice a indistintamente linsieme degli indici discreti e continui. Gli operatori avranno i loro autostati
ed autovalori:
a |qi = qa |qi,
Q
Pa |pi = pa |pi
(6.1)
e valgono le relazioni di ortonormalit`
a
Y

hq 0 |qi =

(qa0 qa ) (q 0 q)

(6.2)

(p0a pa ) (p0 p)

(6.3)

hp0 |pi =

e di completezza
1=

Z Y

dqa |qihq| =

Z Y

dpa |pihp|

(6.4)

Inoltre
hq|pi =

Y
a

1
eiqa pa
2

(6.5)

Introduciamo gli operatori in rappresentazione di Heisenberg


iHt

a (t) = eiHt
Q
Qa e

Pa (t) = e

iHt

Pa e

(6.6)

iHt

(6.7)

Hamiltoniana del sistema (indipendente dal tempo). Notiamo che se |qi `e autostato di Q
a con
con H

iHt

autovalore qa , allora lo stato |q; ti = e |qi `e autostato di Qa (t) con lo stesso autovalore (stessa cosa
per Pa ), infatti
iHt
iHt

a (t)|q; ti = eiHt
Q
Qa e
e |qi = eiHt qa |qi = qa |q; ti
A istante fissato valgono sempre la relazione di ortonormalit`a e completezza:
hq 0 ; t|q; ti = (q 0 q)
hp0 ; t|p; ti = (p0 p)
Z Y
Z Y
1=
dqa |q; tihq; t| =
dpa |p; tihp; t|
a

hq; t|p; ti =

Y
a

1
eiqa pa
2

Siamo interessati a calcolare lampiezza di transizione da uno stato |qi al tempo t ad uno stato |q 0 i al
tempo t0 , cio`e
0
hq 0 |eiH(t t) |qi = hq 0 ; t0 |q; ti

Possiamo scrivere inoltre |q 0 ; t0 i = eiHt |q 0 i = eiH(t t) eiHt |q 0 i = eiH(t t) |q 0 ; ti, dunque

hq 0 |eiH(t t) |qi = hq 0 ; t|eiH(t t) |q; ti.

(6.8)

Consideriamo una transizione infinitesima, t , t0 + d , allora la (6.8) diventa

hq 0 ; |eiHd |q; i
iH

H(
Q,
P ) = eiH
Q(
), P ( ), Hamiltoniana in funzione degli operatori di
con H
H(Q, P )e
= H(
sono a sinistra dei P (sostituendo
Heisenberg. Fissiamo come ordinamento standard quello in cui i Q

26

sono ordinati a sinistra di P , insieriamo prima del


altrimenti usando i commutatori). Una volta che i Q

ket un set completo di autostati di P :


Z Y

0
iHd
hq ; |e
|q; i =
dpa hq 0 ; |eiH(Q( ),P ( ))d |p; ihp; |q; i
a

Z Y

dpa eiH(q ,p )d hq 0 ; |p; ihp; |q; i


Z Y
dpa
2

"

#
0

exp iH(q , p )d + i

(qa0

qa )pa

(6.9)

Lespressione per una transizione finita si ottiene componendo transizioni infinitesime. Sia [t, t0 ] lintervallo finito di interesse, che dividiamo in N + 1 intervalli infinitesimi di ampiezza dt = (t0 t)/(N + 1)
ed estremi 0 = t, 1 = 0 + dt, . . . , N , N +1 = t0 . Allora
Z Y
Y
0 0
hq ; t |q; ti =
dq1,a
dqN,a hq 0 ; t0 |qN , N ihqN ; N |qN 1 ; N 1 i . . . hq2 ; 2 |q1 ; 1 ihq1 ; 1 |q; ti
a

Z Y
N Y

dqk,a

k=1 a


N Y
Y
dpk,a
2

k=0 a

(
exp i

N
+1
X

"

#)
X
(qk,a qk1,a )pk1,a H(qk , pk1 )d
a

k=1

con q0 = q, qN +1 = q 0 . Possiamo riscrivere tutto in termini di una funzione di che interpola tutti gli
N + 1 intervalli. Per N , gli integrali in dqk,a rappresentano lintegrale su tutti i possibili cammini
da q a q 0 con q, q 0 che rimangono fissati. Introduciamo quindi le funzioni interpolanti qa (k ) qk,a e
pa (k ) pk1,a . Lesponente dellespressione precedente diventa, al primo ordine in d ,
"
# N +1 "
#
N
+1 X
X
X X
(qk,a qk1,a )pk1,a H(qk , pk )d =
qa (k )pa (k ) H(q(k ), p(k ) d
a

k=1

k=1

Quindi, nei limiti N e d 0,


0

0
qa (t0 )=qa

hq ; t |q; ti =
qa (t)=qa

Y
,a

dqa ( )

Y dpb ( )
,b

( Z
exp i
t

t0

"
d

#)
X

qa ( )pa ( ) H(q( ), p( ))

(6.10)

Questa formula pu`


o essere generalizzata al caso in cui prendiamo lelemento di matrice del prodotto di
un certo numero di operatori di campo, i.e.
a (ta )Q
B (tB ) |q; ti
hq 0 ; t0 |Q
Lelemento di matrice pu`
o essere riscritto in termini di un integrale funzionale se e solo se t0 > tA >
tB > > t. Iterando il ragionamento appena svolto, si ottiene
( Z 0
"
#)
Z qa (t0 )=qa0 Y
t
Y dpb ( )
X
=
dqa ( )
qA (tA )qB (tB ) exp i
d
qa ( )p( ) H(q( ), p( ))
2
qa (t)=qa
t
,a
a
,b

(6.11)
A (tA ), Q
B (tB ), . . .. La relazione pu`o essere
dove qA (tA ), qB (tB ), . . . sono gli autovalori degli operatori Q

letta pure allinverso: in questo caso, i valori dei tA , tB , . . . ci dicono di quale prodotto di operatori Q(t)
`e lelemento di matrice. In generale, possiamo pertanto scrivere
( Z 0
"
#)
Z qa (t0 )=qa0 Y
t
X
Y dpb ( )
dqa ( )
(qA (tA )qB (tB ) ) exp i
d
qa ( )p( ) H(q( ), p( ))
2
qa (t)=qa
t

a
a

,b

A (tA )Q
B (tB ) ]|q; ti
= hq ; t |T [Q
0

(6.12)

dove T `e il prodotto T-ordinato bosonico. Vogliamo capire adesso in quali casi possiamo passare dal
formalismo Hamiltoniano a quello Lagrangiano (che `e covariante). In generale, le q e le p che compaiono
27

non sono legate dalle equazioni canoniche e di conseguenza lesponente non `e la Lagrangiana.
Integrali multipli Gaussiani.
Consideriamo lintegrale
I=

Z Y

dr eQ()

[d]eQ()

(6.13)

con Q() = 21 t A + t B + C forma quadratica e A reale, simmetrica, invertibile e definita positiva.


2
Per calcolare I, vogliamo ridurlo al prodotto di integrali della funzione ex . Innanzitutto, effettuiamo
la traslazione
1
1
= A1 B
=
Q() = t A t BA1 B + C
2
2
e successivamente diagonalizziamo A tramite un opportuna matrice ortogonale, ottenendo
I=e

1
1 t
BC)
2 ( BA

1 t

[d]e

21 t A

e 2 ( BA
= q
det

BC)
A
2

Il risultato si pu`
o scrivere come
I=q

1
det

Q()

A
2

e

dove = A1 B `e il punto stazionario di Q(), i.e.



Q()
=0
=
Nellipotesi che H sia quadratica negli impulsi, gli integrali in pb dellequazione (6.12) sono di tipo
Gaussiano. Applichiamo quanto appena trovato: il punto stazionario della forma quadratica `e

[qa ( )pa ( ) H(q( ), p( ))] = 0


pa
cio`e


H(q( ), p( ))
qa ( ) =

pa ( )
pa =p

(6.14)
a

Adesso le qa e le pa sono legate dalle equazioni canoniche. Ne segue che


X
[qa ( )pa ( ) H(q( ), p( ))] = L(q( ), q(
))

(6.15)

Otteniamo in definitiva lespressione fondamentale dellintegrale funzionale nel formalismo lagrangiano:


( Z 0
)
Z qa (t0 )=qa0 Y
t
q
(t
)q
(t
)

A
A
B
B
0 0
A (tA )Q
B (tB ) ]|q; ti =
exp i
d L(q( ), q(
))
hq ; t |T [Q
dqa ( ) p
det(2A[q])
t
qa (t)=qa
,a
(6.16)

6.1

Path integral in QFT (teoria bosonica)

Supponendo che lHamiltoniana sia quadratica nelle variabili coniugate pa ,


A (xA )Q
B (xB ) }|q; ti
hq 0 ; t0 |T {Q
0
Z qm (x,t0 )=qm
(x) Y
=
dqm (x, )qA (xA )qB (xB ) p
qm (x,t)qm (x)

,x,m

28

1
det(2A[q])

( Z
exp i
t

t0

)
L[q( ), q(
)]d

dove con xi abbiamo indicato le coordinate spazio-temporali. Se A non dipende da q (come nel caso
fisico), il determinante esce dallintegrale sotto forma di costante di normalizzazione N :
( Z 0
)
0
Z qm (x,t0 )=qm
(x) Y
t
=N
dqm (x, )qA (xA )qB (xB ) exp i
d L[q( ), q(
)]
qm (x,t)=qm (x)

,x,m

Da questa espressione vogliamo quindi estrarre la funzione di Green, ossia il valor medio del prodotto
T-ordinato sullo stato di vuoto. Per far questo, consideriamo la variabile temporale come complessa:
lintegrale sullasse reale andr`
a da T a T (con T che andr`a a infinito). Ruotiamo quindi lasse reale di
 0+ in senso orario. Allora
t T T ei ' T (1 i)
t0 T T ei ' T (1 i)

|q; ti = eiHt |qi |q, T ei i = eiHT (1i) |qi

hq 0 ; t0 | = hq 0 |eiHt hq 0 ; T ei | = hq 0 |eiHT (1i)


e P , allora
Sia quindi {|ni} un insieme completo di autostati di H
X
X

|q, T ei i =
|nihn|eiHT (1i) |qi =
|nieiEn T (1i) hn|qi
n

hq 0 ; T ei | =

(6.17)

hq 0 |eiHT (1i) |nihn| =

X
hq 0 |nieiEn T (1i) hn|

(6.18)

Per T , lesponenziale ha una parte reale descrescente: il termine dominante risulta essere quello
ad energia pi`
u bassa, cio`e lo stato di vuoto |i
|q; T ei i |ieiE T (1i) h|qi
hq 0 ; T ei | hq 0 |ieiE T (1i) h|
(questo discorso vale solo nel caso in cui il livello energetico del vuoto `e separato nettamente dal livello
successivo)
Sostituendo nellespressione dellintegrale funzionale vediamo che compare la funzione di Green:
A (xA ) }|q; T ei i e2iT E ei hq 0 |ih|qi h|T {Q
A (xA ) }|i
hq 0 ; T ei |T {Q
{z
}
|
funzione di Green

(6.19)

Osserviamo inoltre che (assumendo h|i = 1)


hq 0 ; T ei |q; T ei i e2iT E e

i

hq 0 |ih|qi

Formula di Feynman-Kac

(6.20)

Facendo il rapporto tra la (6.19) e la (6.20), i fattori moltiplicativi si elidono. La funzione di Green sar`
a
pertanto data da
0
i
i

A (xA ) }|i = lim lim hq ; T e |T {QA (xA ) }|q; T e i


h|T {Q
T 0+
hq 0 ; T ei |q; T ei i
n R i
o
RQ
e
dq
(x,

)q
(x
)q
(x
)

exp
i
d
L[q(
),
q(

)]
m
A
A
B
B
,m,x
ei
n R i
o
=
RQ
e
)]
,m,x dqm (x, ) exp i ei d L[q( ), q(

(6.21)

0
con condizioni al contorno qm (x, t) = qm (x), qm (x, t0 ) = qm
(x). Queste sono del tutto arbitrarie (purche
0
`
hq |i, h|qi =
6 0). E conveniente fissare condizioni al contorno periodiche, i.e. q 0 = q e integrare su tutte
le q. In tal caso otterremo
Z Y
dqm (x)h|qihq|i = h|i = 1
m,x

29

Con questa scelta, la funzione di Green diventa


R
A (xA )Q
B (xB ) }|i =
h|T {Q

con [dq] =

x,m,

n R i
o
e
[dq]qA (xA ) exp i ei d L[q( ), q(
)]
o
n R i
R
e
)]
[dq] exp i ei d L[q( ), q(

dqm (x, ) e condizioni al contorno qm (x, t = ) = qm (x, t = ). Inoltre,


Z
L[q( ), q(
)] =

d3 x L(q(x, ), q(x, ))

(6.22)

dove L `e la densit`
a di Lagrangiana. In notazione compatta si ha, in conclusione,
A (xA ) }|i =
h|T {Q

 R

[dq](qA (xA ) ) exp i d4 x L(x)
 R

R
[dq] exp i d4 x L(x)

(6.23)

Il denominatore si usa indicarlo con Z (funzione di partizione).


Consideriamo per semplicit`
a un campo scalare neutro con una perturbazione V () alla Lagrangiana
libera:
1
1
(6.24)
L = m2 2 V () L0 + V ()
2
2
Definizione 6.1.
Definiamo il funzionale generatore di una teoria di campo come
 Z

Z
Z[J] = [d] exp i d4 x(L(x) + (x)J(x))
(6.25)
e la derivata funzionale di un generico funzionale Z[J] rispetto alla funzione J(x) (detta sorgente esterna)
come
Z[J]
Z[J(x) +  (4) (x y)] Z[J(x)]
= lim
(6.26)
J(y) 0

Indichiamo quindi la funzione di Green a n punti con Gn (x1 , . . . , xn ) h|T {(x
1 ) (x
n )}|i. Si
ha allora


(i)n
n Z[J]

Gn (x1 , . . . , xn ) =
(6.27)
Z[J] J(x1 ) J(xn ) J=0
Sviluppo perturbativo di Z[J].
 Z

[d] exp i d4 x[L0 (x) V ((x)) + (x)J(x)]
 Z

 Z

Z
= [d] exp i d4 xV () exp i d4 x(L0 (x) + (x)J(x))
 Z


 Z

Z

= [d] exp i d4 xV i
exp i d4 x(L0 (x) + (x)J(x))
J(x)
 Z

 Z
 Z


= exp i d4 xV i
[d] exp i d4 x(L0 (x) + (x)J(x))
J(x)
 Z



= exp i d4 x V i
Z0 [J]
J(x)
Z

N

X
(i)N

4
=
d x V i
Z0 [J]
N!
J(x)
Z

Z[J] =

(6.28)

N =0

da questa relazione ricaviamo la Z[J] a qualunque ordine k e, di conseguenza, la funzione di Green allordine k. Il calcolo di Z0 [J] si riesce a fare analiticamente in quanto la teoria libera `e quadratica nel campo.

30

Calcolo di Z0 [J].
Integriamo lesponente in Z0 [J] per parti ed introduciamo una variabile y tramite una delta:

 Z

Z
1 2 2
1

4
Z0 [J] = [d] exp i d x m (x) + (x)J(x)
2
2


Z
Z
Z
Z
i
4
4
(4)
2
4
= [d] exp
d x d y(x) (x y)(y + m )(y) + i d x (x)J(x)
2
Usando gli integrali gaussiani sulla forma quadratica K(x, y) = (4) (x y)(y + m2 ) troviamo

 Z
Z
i
d4 x d4 y J(x)K 1 (x, y)J(y)
= Z0 [0] exp
2
Calcolo di K 1 (x, y).
Nel continuo, linversa `e definita da
Z

cio`e nel nostro caso

(6.29)

(6.30)

d4 z K(x, z)K 1 (z, y) = (4) (x y)

(6.31)

d4 z (4) (x z)(z + m2 )K 1 (z, y) = (4) (x y)

(6.32)

Integrando in z troviamo lequazione


(x + m2 )K 1 (x, y) = (4) (x y)

(6.33)

che possiamo risolvere in trasformata di Fourier usando le relazioni


Z
d4 k ik(xy)
(4) (x y) =
e
(2)4
Z
d4 k 1
K 1 (x y) =
K (k)eik(xy)
(2)4

(6.34)
(6.35)

da cui otteniamo

1
(6.36)
k 2 + m2
Ricordando per`
o adesso che lasse temporale `e ancora ruotato nel piano complesso, abbiamo la cosiddetta
prescrizione i: x0 x00 = ei x0 , valida per le componenti temporali di tutti i quadrivettori.
x (x0 , x) x0 = (x00 , m) = (ei x0 , x). Ritornando indietro, dobbiamo scrivere tutto in termini
delle quantit`
a primate:
Z
d4 z 0 K(x0 , z 0 )K 1 (z 0 , y 0 ) = (4) (x0 y 0 )
(6.37)
1 (k) = 1
(k 2 + m2 )K

1 (k) =
K

Essendo (x00 y 00 ) = ei (x0 y 0 ), si ha (4) (x0 y 0 ) = ei (4) (x y). Passando in trasformata,
00

00

(x y ) = e

i

dk 0 ik0 (x0 y0 )

e
2

ei

ei

dk 0 ik00 (x00 y00 )


e
2

dove abbiamo posto k 00 = ei k 0 , e


(4) (x y) =

d(4) k 0 ik0 (x0 y0 )


e
(2)4

Rifacendo i conti otteniamo


1 (k 0 ) =
K

1
k 02 + m2

ma k 02 = (k 00 )2 k2 = e2i (k 0 )2 k2 ' k 2 + i (avendo inglobato 2(k 0 )2  ). In conclusione, si ha


1 (k) =
K

k 2
31

1
+ m2 + i

(6.38)

da cui
K 1 (x, y) =

1
d4 k
eik(xy)
4
2
(2) k + m2 + i

(6.39)

Adesso abbiamo lespressione di Z0 [J] e, eseguendo le derivate funzionali, possiamo calcolare la funzione
di Green a due punti:

 Z
Z
Z0 [J]
i
i
4
1
4
1
d y K (x1 , y)J(y) +
d x J(x)K (x, x1 )
= Z0 [J]
J(x1 )
2
2



i 1
2 Z0 [J]
i 1
= Z0 [0]
K (x1 , x2 ) + K (x2 , x1 )
J(x1 )J(x2 ) J=0
2
2
Usando la simmetria di K 1 nei suoi argomenti si ottiene infine
G2 (x1 , x2 ) = iK

Z
(x1 x2 ) =

i
d4 k
eik(x1 x2 )
(2)4 k 2 m2 + i

(6.40)

Notiamo che la prescrizione i pu`


o essere letta anche come la sostituzione m2 m2 i. Cosa implica
questa situazione? Ricordando che lintegrale da calcolare `e dato da
 Z


Z
1
1
[d] exp i d4 x m2 2
2
2
si ha che lesponente `e puramente immaginario, quindi lesponenziale `e oscillante e di conseguenza non
converge. Con la sostituzione m2 m2 i spunta fuori un fattore esponenziale reale decrescente, che
migliora la convergenza dellintegrale.
Esempio 10 (Funzione di Green a quattro punti).


4 Z0 [J]
(i)4

G4 (x1 , x2 , x3 , x4 )
Z0 [J] J(x1 )J(x2 )J(x3 )J(x4 ) J=0
= G2 (x1 , x2 )G2 (x3 , x4 ) + G(x1 , x3 )G2 (x2 , x4 ) + G(x1 , x4 )G(x2 , x3 )

6.2

Path integral in QFT (teoria fermionica)

Per estendere il formalismo dellintegrale funzionale ai campi fermionici, useremo una formulazione ad
hoc, sostituendo lintegrazione su c-numeri commutanti (nel caso bosonico) con lintegrazione su variabili
di Grassmann, cio`e c-numeri che anticommutano.
Consideriamo un certo numero di variabili di Grassmann 1 , . . . , N , con {i , j } = 0 i, j. In particolare,
seguir`
a che i2 = 0 i. Prendiamo adesso una funzione di queste variabili f (). Se la sviluppiamo in
serie, il numero di termini rimane finito in quanto i2 = 0:
X
X
f () = f0 +
fi i +
fij i j + + f12N N 2 1
(6.41)
i

i6=j

avremo quindi in generale 2N termini.


Integrazione di Berezin.
Siamo interessati a calcolare integrali sulle variabili di Grassmann del tipo
Z Y
N

di f ()

i=1

Lintegrazione di Berezin si fonda su due semplici regole:


R
1. di 1 = 0
32

2.

di i = 1

Inserendo lo sviluppo (6.41) nellintegrale, in virt`


u delle due regole, lunico termine che non si annulla `e
lultimo, che contiene appunto tutti le i :
Z Y
N

di f () = f12N

(6.42)

i=1

Nota.
Sia (1 , . . . , N ) un set di variabili di Grassman costanti (i.e. su cui non integriamo), allora
Z Y
N

di f ( + ) =

i=1

Z Y
N

di f ()

(invarianza per traslazioni della variabile di Grassmann)

i=1

(6.43)
Consideriamo adesso 2N variabili di Grassmann 1 , . . . , N , 1 , . . . , N e calcoliamo

Z Y
N
N
X

i Aij j
I[A]
d ` d` exp

(6.44)

i,j=1

`=1

Sviluppiamo lesponenziale: possiamo trasformare lesponenziale della somma nel prodotto degli esponenziali in quanto il prodotto di due variabili anticommutanti `e di tipo commutante e commuta con tutte
le altre. Nello sviluppo, i termini di ordine successivo al secondo sono tutti nulli. Si ha pertanto

N
N
N
X
Y

Y
X
X
1 i
exp
i Aij j =
exp i
Aij j =
Aij j

i,j=1
i=1
j
i=1
j

X
X
= 1 1
(6.45)
A1j1 j1 1 N
AN jN jN
j1

jN

Notiamo che integrando sulle variabili di Grassmann, lunico termine che sopravvive `e quello dato dal
prodotto dei secondi addendi in ogni parentesi (in quanto contiene tutte le variabili di Grassmann una
sola volta).
X
=
j1 1 j2 2 jN N A1j1 A2j2 AN jN
j1 ,...,jN

Nella somma per`


o non vanno considerati tutti i ji , ma solo le combinazioni in cui tutti i ji sono diversi. La
somma `e quindi ristretta a {j1 , . . . , jN } appartenenti alle permutazioni di {1, . . . , N }. Inoltre il prodotto
delle i , j `e antisimmetrico per scambio di qualunque coppia di variabili. In conclusione abbiamo
X
=
1 1 2 2 N N j1 jN A1j1 AN jN
j1 ,...,jN

= (1 1 N N )

j1 jN A1j1 AN jN

j1 jN

= (N N 1 1 ) det A
e di conseguenza
I[A] =

Z Y
N
`=1

d ` d` exp

N
X

i Aij j

= det A

(6.46)

i,j=1

Funzionale generatore per i fermioni.


Abbiamo per i fermioni due tipi di sorgenti che indicheremo con , (anchesse variabili di Grassmann):

Z
N

X
X
Z[, ] = [dd] exp
i Aij j +
( i i + i i )
(6.47)

i,j=1

33

Possiamo ricondurci al caso precedente effettuando la traslazione


X
i = i0 +
(A1 )ik k
k

i =

0
i

k (A1 )ki

(6.48)

k
0

cio`e = 0 + A1 e = + t A1 , ottenendo
Z[, ] = det A exp

i (A1 )ij j

(6.49)

i,j

Dobbiamo adesso introdurre, al fine di ricavare la funzione di Green, il concetto di


Derivata rispetto a variabili di Grassmann.
1. Derivata sinistra.

0
se (...) non contiene i

(...) =

i
(i R) = R
dopo aver spostato i a sinistra con le regole di anticommutazione
i
(6.50)
2. Derivata destra.

se (...) non contiene i


0

(...)
=

i
(Li )
= L dopo aver spostato i a destra con le regole di anticommutazione
i
(6.51)
Esempio 11.

X
Y

exp
(1 + j j ) =
(1 + i i ) (1 + j j )
j j =
i
i j
i
j
j6=i
Y
Y
= i (1 + j j ) = (1 + i i ) (1 + j j )
j6=i

j6=i

= i exp

j j

Allo stesso modo

X
X

exp
j j
= i exp
j j

i
j
j

Definizione 6.2.
Definiamo la funzione di correlazione di 2` variabili di Grassmann come
 P

R
[dd]i1 i` j1 j` exp i,j i Aij j
 P

hi1 i` j1 j` i =
R
[dd] exp i,j i Aij j
La funzione di correlazione pu`
o essere scritta in termini del funzionale generatore come

!




Z[, ]
hi1 i` j1 j` i =


Z[, ] i1
i`
j1
j`

==0

34

(6.52)

(6.53)

Esempio 12 (Funzione di correlazione a due punti).


Calcoliamo
 P

R

[dd]i j exp k,l k Akl l
1


 P
 =
Z[, ]
hi j i = R

Z[,
]

j
i
[dd] exp k,l k Akl l
=
con

X
Z[, ] = det A exp
k (A1 )kl l
k,l

Sviluppando al solito modo lesponenziale si trova


X
X
Y

Z[, ] = det A
(A1 )il l
(A1 )kl l
1 + k
i
l

Quindi hi j i = (A

k6=i


Z[, ]

i
j

= det A(A1 )ij


==0

)ij .

Colleghiamo adesso la funzione di correlazione alla Fisica. Definiamo


 Z
 Z
 Z

Z
Z = [dd] exp i d4 x (x)(i m) (x) [dd] exp i d4 x LF
(x)
0
LF
e la Lagrangiana di Dirac libera. Notiamo che
0 `
Z
Z
Z
4
d4 x LF
(x)
=
d
x
d4 y (x) (4) (x y)(i m) (y)
0
Z
Z
d4 x d4 y (x)K (x, y) (y)

(6.54)

(6.55)

Dunque possiamo indentificare A = iK. Allora per il calcolo della funzione di correlazione ci serve K 1 .
Calcolo di K 1 .
K `e definita da
1

1
d4 z K (x, z)K
(z, y) = (4) (x y)

(6.56)

cio`e
Z

1
1
d4 z (4) (x z)(i z m) K
(z, y) = (i x m) K
(x, y) = (4) (x y)

Passando in trasformata
1
K
(x, y)

Z
=

(6.57)

d4 p 1
K (p)eip(xy)
(2)4

otteniamo
( p m) =
e quindi
1 (p) =
K

1
p
/m


=

p
/+m
p2 m2


(6.58)

Usando la prescrizione i:


1 (p) =
K

da cui

Z
h (x) (y)i =

d4 p
(2)4

p
/+m
2
p m2 + i

i
p

m
+ i
/


(6.59)

eip(xy) h|T { (x)(y)}|i

Questo ragionamento vale per qualsiasi Lagrangiana quadratica nei campi fermionici.
35

(6.60)

6.3

Quantizzazione di una teoria di gauge

Nel quantizzare una teoria di gauge sorgono alcuni problemi nella definizione del propagatore. Prendiamo
ad esempio la QED e concentriamoci sul termine di pura gauge
1
LG = F F
4
A , allora
1. Problema con la quantizzazione canonica. Se identifichiamo Q
LG
P
= F0
A
e dovrebbero valere le regole di commutazione canonica
[A (x, t), (y, t)] = i (3) (x y)
Ma 0 = F00 = 0 e quindi le regole non possono essere soddisfatte. Questo segue dal fatto che
questo sistema ha dei vincoli, occorre fissare quindi la gauge.
2. Problemi nel definire il propagatore fotonico. Scriviamo lazione di gauge
Z
Z
1
4
d4 x F F
SG [A] = d x LG [A] =
4
Z
1
=
d4 x[ A A A A ]
2
Z
1
d4 x A (x)[g  ]A (x)
=
2
Adesso loperatore g  `e singolare, quindi non pu`o essere invertito per ricavare il propagatore. La non invertibilit`
a emerge dallesistenza dei cosiddetti modi zero: infatti loperatore
applicato ad un quadrigradiente fa zero
(g  ) = 0
Lesistenza di un kernel non banale si interpreta come la presenza di una ridondanza nella nostra
descrizione mediante lintegrale funzionale, che si risolve con il metodo di Faddeev-Popov.

6.4

Metodo di Faddeev-Popov

Lidea che sta alla base del cosiddetto metodo di Faddeev-Popov `e che nellintegrale


Z
Z
1
iSG [A]
4

Z = [dA] e
SG [A] = d x F F
4
lintegrazione `e estesa anche a tutte le trasformate di gauge di A , che dal punto di vista fisico sono equivalenti, e quindi fattivamente abbiamo una ridondanza. Nel caso non abeliano, una generica
trasformazione di gauge `e data da
i
)
A A(U
U A U + ( U )U

(6.61)

Al variare di U , questa relazione definisce unorbita di gauge. Per ovviare alla ridondanza, `e sufficiente
integrare considerando un solo rappresentante per ogni orbita di gauge (ossia per ogni classe di equivalenza), cio`e fissare la gauge. Il gauge fixing si esprime mediante la relazione G Aa = B a , dove i B a sono
quantit`
a arbitrarie e G `e un operatore. Ad esempio, G = (gauge di Lorenz), G = (0, ) (gauge
di Coulomb), G = n (gauge assiale), G = (1, 0) (gauge temporale).
Primo trucco di Faddeev-Popov.
Definiamo
G [A] R

1
[dU ]

36

(U )
G A

(6.62)

dove
(G A B)


Y 
),a
a
G A(U
(x)

B
(x)

(6.63)

a,x

e
[dU ]

dU (x)

(6.64)

`e detta misura invariante (o di Haar ).


Definizione 6.3 (Misura invariante).
Per un generico gruppo si hanno due misure invarianti: la misura invariante destra, con la propriet`a
Z
Z
dU f (U U0 ) = dU f (U )

dU = dU U0
e la misura invariante sinistra
Z
Z
dU f (U0 U ) = dU f (U )

dU = dU0 U

con U, U0 elementi del gruppo.


In generale, le due misure non coincidono. Per SU (N ), tuttavia, le due misure coincidono (a meno
di normalizzazione), i.e. dU U0 = dU0 U = dU per ogni U0 SU (N ). In rappresentazione fondamentale,
U = exp(ia Ta ) e si ha
2
NY
1
dU = J()
da
(6.65)
a=1

con J( 0) = cost 6= 0.
Esempio 13.
Nel caso di SU (2) si ha
dU = K

sin2 (||/2) 1 2 3
d d d
||2

con = (1 , 2 , 3 ).
Il primo trucco di Faddeev-Popov consiste nellinserire nella funzione di partizione 1 scritto come
Z


)
1 = G [A] [dU ] G A(U
B
quindi
Z
Z=

Z
[dA]



)
iSG [A]
[dU ] G A(U
B G [A]e

(6.66)

Se adesso eseguiamo una trasformazione di gauge, sicuramente lazione sar`a invariante (lo `e per costruzione), SG [A(U ) ] = SG [A]. Facciamo vedere che G [A(U ) ] = G [A]. Si ha
G [A(U ) ] = R

1
[dU 0 ]

(U )
G (A )(U 0 )

Osserviamo quindi che

)
A(U

i
)
A A(U
= U A U + ( U )U

g

(U 0 )
i
)
) 0
0
0
A(U
= U 0 A(U

U + ( U )U
g
i
= U 0 U A U U 0 + ( (U 0 U ))U 0 U
g
= A(U

U)

37

da cui
G [A] = R

1
[dU 0 ]

(U 0 U )
G A

=R

1
[dU 0 U ]

(U 0 U )

G A

 = G [A]

dove abbiamo sfruttato le propriet`


a della misura invariante. Infine si ha anche [dA] = [dA(U ) ], in quanto
la trasformazione di gauge pu`
o essere scritta come
(agg)

),a
A(U
(x) = Dab

(U )Ab (x) + cost

La costante (costante in A ) `e una traslazione del campo di gauge, e quindi ai fini della misura non
contribuisce. La matrice D `e una rotazione dei campi, quindi una matrice unitaria con Jacobiano unitario
che non cambia la misura. Concludiamo quindi che la misura [dA] `e invariante di gauge.
Adesso scriviamo
Z
Z


)
iSG [A]
Z = [dU ] [dA]G [A] G A(U
(6.67)
B e
(U 0 )

in cui abbiamo invertito lordine di integrazione, e cambiamo variabile, A A :


 

Z
Z
(U )
0
0
0
(U 0 )
)
= [dU ] [dA(U ) ]G [A(U ) ] G A(U

B
eiSG [A ]

Z
Z


U 0)
= [dU ] [dA]G [A] G A(U

B
eiSG [A]

in cui abbiamo usato linvarianza di gauge. Questa espressione vale per U 0 arbitraria. Scegliamo in
particolare U 0 = U , ottenendo
Z
Z
Z = [dU ] [dA]G [A] (G A B) eiSG [A]
(6.68)
Lintegrale interno adesso non dipende pi`
u da U . Definiamo
Z
Z [dA]G [A] (G A B) eiSG [A]

(6.69)

e calcoliamo esplicitamente G [A]. Usando la propriet`a della delta di Dirac


Z
J(x)
dx J(x)(f (x) B) =
df

dx
x=x

dove x `e lunico x tale che f (x) = B, troviamo


G [A] = R

1
[dU ]

(U )
G A

=R

[J()

da ]

1


(U ())

G A

det MG
det MG
=Q

J[]
x J((x))
con
(MG (x, y))ab

(6.70)



(U ()),a
G A
(x)

=

b (y)

(6.71)
(U ((x)))
=B(x)
G A

A questo punto
Z
Z=



(U ()),a
A
(x)

[dA]
det
b (y)
J[]

(G A B) eiSG [A]
(U ())

G A

38

=B

U ()

La presenza della delta di Dirac ci consente di fare la semplificazione G A


= B = G A , da cui
segue = 0. Di conseguenza, ponendo la costante J[ = 0] uguale a uno, troviamo


(U ()),a
Z
G A
(x)
|=0 (G A B) eiSG [A]
Z = [dA] det
b (y)
Z
= [dA] det MG (G A B) eiSG [A]
(6.72)
dove
(MG (x, y))ab



(U ()),a
G A
(x)

=
b (y)

(6.73)

=0

prende il nome di matrice di Faddeev-Popov.


Nella gauge di Lorenz, ad esempio, si trova
(MG (x, y))ab =


1 ab
x + gfabc x Ac (x) (4) (x y)
g

Lespressione (6.72) per Z `e indipendente da B, quindi abbiamo due scelte: o porre direttamente B = 0,
oppure scrivere


Z
Z
i
1
[dB] exp
d4 x(B a (x))2 Z
Z=
N
2


Z
Z
1
i
=
[dA] det MG exp iSG [A]
d4 x (G A (x))2
N
2
 Z

Z
1
=
[dA] det MG exp i d4 x (LG + LGF )
(6.74)
N
1
interpretando quindi il termine LGF = 2
(G A (x))2 come un termine lagrangiano aggiuntivo, detto
termine di gauge fixing. Il parametro `e reale, e le quantit`a gauge-invarianti non vi dipendono.
Nelle gauge pi`
u comunemente usate, la matrice di Faddeev-Popov `e data da

G = (0, )
G =

(Coulomb)

(Lorenz)

G = n , n2 < 0
G = (1, 0)

(assiale)

(temporale)

1
(ab 2x + gfabc x Ac (x)) (4) (x y)
g
1
(ab x + gfabc x Ac (x)) (4) (x y)
g
1
(ab n x + gfabc n Ac (c)) (4) (x y)
g
1
(ab x0 + gfabc Ac0 (x)) (4) (x y)
g

Nel caso abeliano i termini in fabc sono nulli, quindi risulta che det MG `e una costante dal punto di vista
dellintegrale funzionale (i.e. non dipende dal campo di gauge A ) e quindi diventa semplicemente una
costante moltiplicativa.
Notiamo inoltre che in gauge assiale e temporale, la presenza nellintegrale di (G A ) fa s` che siano
nulli rispettivamente n Ac (x) oppure Ac0 (x) e pertanto anche in questi due casi non abeliani il determinante non dipende dal campo di gauge.
Secondo trucco di Faddeev-Popov
Consiste nel trasformare det MG in un ulteriore termine lagrangiano che si aggiunge a LG e LGF .
Mettiamoci in gauge di Lorenz e scriviamo
1
(MG (x, y))ab = (ab x + gfabc x Ac (x)) (4) (x y)
g
1
= x (ab x + gfabc Ac (x)) (4) (x y)
g

1 
x D(agg)
(4) (x y)
g
ab
39

(6.75)

Sfruttiamo adesso la propriet`


a dellintegrazione di Berezin su variabili di Grassmann
Z

[dd] exp t A = det A
scegliendo come variabili di Grassmann dei campi ca (x), ca (x), a = 1, . . . , N 2 1. Allora
 Z

Z
Z
[dcdc] exp d4 x d4 yca (x)(ig)(MG (x, y))ab cb (y) = det(igMG )

(6.76)

cio`e
Z
cost det MG =

 Z


[dcdc] exp i d4 xca (x)( ) D(agg)

ab

 Z
cb (x) = [dcdc] exp {iLF P }

(6.77)

cb (x)

(6.78)

dove


LF P = ca (x)( ) D(agg)

ab

`e la Lagrangiana di Faddeev-Popov. Questa `e equivalente, una volta integrata per parti nellazione, alla
Lagrangiana


L0F P = ca (x) D(agg)
cb (x)
(6.79)
ab

Le quantit`
a ca , ca sono variabili di Grassmann che per`o descrivono campi scalari, cio`e dal punto di vista
del gruppo di Lorentz hanno spin zero. Se corrispondessero a particelle reali, queste costituirebbero una
violazione del teorema spin-statistica, in quanto avremmo fermioni di spin intero. In realt`a i campi ca , ca
non corrispondono a particelle reali e pertanto sono chiamati campi ghost.
A questo punto possiamo costruire lansatz di Faddeev-Popov per la funzione di partizione della QCD:
(F P )
ZQCD

Z
=


 Z
(F P )
4
[dA][dd][dcdc] exp i d xLQCD

(6.80)

con
(F P )

LQCD = LG + LF + LGF + LF P

40

(6.81)

Regole di Feynmann per la QCD

7.1

Propagatori

La Lagrangiana totale della QCD pu`


o essere naturalmente separata in una parte quadratica (corrispon(F P )
dente alla teoria libera) e una di interazione, LQCD = L0 + L1 . Concentriamoci in un primo momento
sulla parte quadratica L0 , data da
F
FP
L0 = LG
0 + L0 + L0
1 a 2
1
a
a


( A )
LG
0 = ( A A )( Aa Aa )
4
2
Nf
Nf Nc
X
X
X
/
LF
=

(i

m
)
=
f,i (i/ mf )f,i
f
f
f
0

(7.1)
(7.2)

f =1 i=1

i=1
P
LF
= ca ()ca
0

P
L0F
= ca ca
0

(7.3)

Dalle parti quadratiche ricaviamo i propagatori.


1. Propagatore del gluone.



k k
iab g (1 ) 2
k + i
k 2 + i

(7.4)

dove gli indici latini si riferiscono al colore e quelli greci sono indici di Lorentz.
2. Propagatore dei quarks.


ij

i
p
/ mf + i

"


= ij

i(p
/ + mf )
2
p m2f + i

#
(7.5)

in cui gli indici latini si riferiscono al colore e quelli greci sono indici di Dirac. Il propagatore `e
inteso per flavor fissato.
41

3. Propagatore dei ghosts.

ab

i
k 2 + i

(7.6)

dove gli indici si riferiscono al colore.

7.2

Termini di interazione

La Lagrangiana di interazione L1 `e somma di quattro termini, L1 = L1F + L3A + L4A + LccA , quindi
avremo quattro diversi vertici di interazione.
1. L1F
L1F =

Nf
X

(f )

(f )

L1F = g f T a f Aa

L1F ,

f =1

Linterazione `e diagonale nel flavor, che quindi si conserva nei vari processi. Il vertice di interazione
(f )
associato a L1F `e dato da

vertex = ig( ) (T a )ij


2. L3A
L3A =

g
fabc ( Ac Ac )Ab Ac = gfabc ( Aa )Ab Ac
2

42

(7.7)

p
q

vertex = gfabc [g (k p) + g (p q) + g (q k) ] gfabc V


3. L4A

(7.8)

1
L4A = g 2 fabe fcde Aa Ab Ac Ad
4

d
b
a
c

vertex = ig 2 [fabe fcde (g g g g ) + face fbde (g g g g ) + fade fbce (g g g g )]

ig 2 Wabcd

(7.9)

4. LccA
LccA = ca ( )(gfabc Ac cb )
cio`e
L0ccA = gfabc ca cb Ac

vertex = gfabc p

43

(7.10)

Teoria delle perturbazioni rinormalizzata

Il problema che sta alla base della rinormalizzazione `e che quando si vanno a calcolare diagrammi
contenenti un certo di numero di loop, questi danno luogo a divergenze. Per esempio il diagramma

diverge quadraticamente (detta divergenza ultravioletta (UV)). Per ovviare a queste divergenze, si
regolarizza la teoria imponendo un cutoff, ossia si integra fino ad un impulso finito (detto cutoff
infrarosso). A questo punto, le varie quantit`a A , f , ca , g, m, che compaiono nella Lagrangiana vanno
intese come quantit`
a nude che dipendono dal cutoff, quindi non sono quantit`a osservabili. La dipendenza
dal cutoff viene scelta in modo tale da eliminare le divergenze. A questo punto si riscalano le quantit`
a
con delle costanti di rinormalizzazione da determinare, ottenendo i campi rinormalizzati (suffisso R):
1/2

Aa = Z3 AaR, ,

1/2

= Z2 R ,

1/2
ca = Z3 cR,a

(8.1)

e i parametri rinormalizzati
g = Zg gR ,

m = Zm mR ,

= Z3 R

(8.2)

Scriviamo adesso la Lagrangiana in termini delle quantit`a rinormalizzate:


(F P )

LQCD = L0 + L1 LR,0 + LR,1 + LCT


in cui LR,0 , LR,1 sono date rispettavimente da L0 , L1 in cui sostituiamo le quantit`a nude con quelle
rinormalizzate e LCT rappresenta i cosiddetti controtermini.
Esempio 14.
1
1
( Aa Aa )( Aa Aa ) Z3 ( AaR, AaR, )( AR,a AR,a )
4
4
1
1
a
a


= ( AR, AR, )( AR,a AR,a ) (Z3 1)( AaR, AaR, )( AR,a AR,a )
4
4
|
{z
} |
{z
}
va in LR0

va in LCT

Questo ragionamento va esteso per tutti i termini della Lagrangiana. Si trova infine, che la parte dei
controtermini `e costituita da sette termini:
1
LCT = (Z3 1)( AaR, AaR, )( AR,a AR,a )
4
Nf
X
+
R,f [i(Z2 1)/ (Z2 Zm 1)mR,f ]R,f
f =1

+ (Z3 1)cR,a ()cR,a


gR

Nf
X

1/2

(Zg Z2 Z3

1) R,f T a R,f AaR,

f =1
0

3/2

+ gR (Zg Z3 1)fabc AaR,0 AR,b AR,c


1 2 2 2
gR
(Zg Z3 1)fabe fcde AaR, AbR, AR,c AR,d
4
1/2
+ gR (Zg Z3 Z3 1)fabc cR,a ( )(AcR, cR,b )
44

(8.3)

che definiscono altri sette vertici di interazione:


14 (Z3 1)( AaR, AaR, )( AR,a AR,a )

i(Z3 1)ab (k k k 2 g )

PNf

f =1

(8.4)

R,f [i(Z2 1)/ (Z2 Zm 1)mR,f ]R,f

i[(Z2 1)p
/ (Z2 Zm 1)mR,f ]ij

(8.5)

(Z3 1)cR,a ()cR,a

i(Z3 1)ab k 2
gR

PNf

1/2
f =1 (Zg Z2 Z3

1) R,f T a R,f AaR,

45

(8.6)

igR (Z1F 1)(T a )ij ( ) ,


3/2

gR (Zg Z3

1/2

Z1F Zg Z2 Z3

(8.7)

1)fabc AaR,0 AR,b AR,c

gR (Z3A 1)fabc V (k, p, q),

3/2

Z3A Zg Z3

(8.8)

2
41 gR
(Zg2 Z32 1)fabe fcde AaR, AbR, AR,c AR,d

igR (Z4A 1)Wabcd


,
1/2
gR (Zg Z3 Z3 1)fabc cR,a ( )(AcR, cR,b )

46

Z4A = Zg2 Z32

(8.9)

1/2

ZCCA = Zg Z3 Z3

gR (ZCCA 1)fabc p ,

(8.10)

Usiamo quindi questi nuovi vertici per fare teoria delle perturbazioni.

8.1

Regolarizzazione

Abbiamo visto che integrali del tipo


Z

1
d4 k
4
2
(2) k + a2

divergono nella regione ultravioletta e che la divergenza poteva essere eliminata imponendo un cutoff
UV, cio`e
Z
d4 k
1
O(2 )
4
2
2
|k|= (2) k + a
La regolarizzazione tramite cutoff UV `e quella pi`
u intuitiva, per`o linserimento del cutoff ha come controindicazione la perdita sia dellinvarianza di Lorentz che di gauge.
Allora la regolarizzazione viene fatta seguendo un altro schema, proposto da t Hooft.
Regolarizzazione dimensionale.
Se consideriamo lintegrale sopra in D dimensioni,
Z
1
dD k
(2)D k 2 + a2
questo pu`
o essere resto convergente per un opportuno numero D di dimensioni. Lidea `e quindi di
regolarizzare cambiando il numerod in dimensioni dello spazio-tempo:
g = (+, , , )

g = (+, , . . . , )
| {z }
D1

p = (p0 , p1 , p2 , p3 )
= g g = 4

R d4 k
[

(2)4

p = (p0 , p1 , . . . , pD1 )
= g g = D
R dD k
[ ]
(2)D

Linvarianza per traslazioni `e preservata se lintegrale converge:


Z
Z
dD k
dD k
f
(k
+
a)
=
f (k)
(2)D
(2)D

e in generale tutte le simmetrie dello spazio tempo 3+1 sono preservate:


Z
dD k
k f (k 2 ) = 0
(2)D
Z
Z
dD k
1
dD k 2
2
k
k
f
(k
)
=
g
k f (k 2 )
(2)D
D
(2)D

47

(8.11)

(8.12)

Una volta regolarizzata la teoria, dovremo tornare indietro a D = 4 tramite la continuazione analitica
degli integrali, in quanto per D 4 le funzioni avranno dei poli del tipo 1/, con  = (4 D)/2.
Tecniche fondamentali.
1. Parametrizzazione di Feynman. Se A, B sono due propagatori, valgono le seguenti identit`a:
Z 1
1
dx
(8.13)
=
2
AB
0 [xA + (1 x)B]
Z 1
1x
1
=
dx
(8.14)
2
3
AB
0 [xA + (1 x)B]
2. Rotazione di Wick. Invece di integrare sullasse reale (per le componenti temporali), integriamo
D
D
sullasse immaginario, cio`e k 0 ikE
, con kE
R (il suffisso E indica euclideo). Lelemento di
D
D
volume d k diventa id kE e
D1 D
D
1
2
)
kE = (kE
, kE
, . . . , kE
, kE ) = (k 1 , . . . , k D1 , kE
{z
}
|
kE =k

D 2
2
2
con k 2 = (k 0 )2 k2 (k2E + (kE
) ) = kE
, dove kE
indica il quadrato con metrica euclidea.

3. Coordinate sferiche euclidee D-dimensionali. Scriviamo


dD kE = |kE |D1 d|kE |dD
dove dD denota lelemento di angolo solido in D dimensioni, avente integrale
Z +
Z
2 D/2
,
(p)
dD =
ex xp1 dx
(D/2)
0
Esempio 15.
dD kE
1
(1 D/2)
=
D
2
(2) |kE | + L
(4)D/2 L1D/2
Z D
1
(a D/2)
d kE
,
=
D
2
a
(2) (|kE | + L)
(4)D/2 (a)LaD/2
Z

a C, < a > 0

4. Poli per D 4.
(a) Per  0+ ,
1
+ O()

con 0.577 costante di Eulero-Mascheroni.
() '

(b) Per z n, n N,
(z) '

(1)n 1
n! z + n

(8.15)

(8.16)

Note.
1. Matrici in D dimensioni.
Le matrici in D dimensioni soddisfano la stessa algebra di Clifford e hanno la stessa normalizzazione del caso quadridimensionale,

{ , } = 2g
(8.17)

tr[ ] = 4g
48

e valgono anche le relazioni = D, = (2 D) .


Ci sono tuttavia problemi nella definizione di 5 . Se 5 i 0 D1 , con D dispari, risulta
5 1 e commuterebbe con le altre matrici , anziche anticommutare. Si introduce allora a
mano una 5 tale che { 5 , } = 0.
2. Dimensioni delle quantit`
a fisiche.
In QCD, la costante di accoppiamento g `e adimensionale per D = 4. In dimensione D arbitraria,
g g, con dim[
g ] = (4 D)/2  (dimensione in massa). Infatti,
in unit`a naturali ~ = 1, lazioe
R
S `e adimensionale (ha le stesse dimensioni di ~). Essendo S = dD x L ed essendo le dimensioni in
massa dellelemento di volume dim[dD x] = D, segue che dim[L] = D. Di conseguenza si hanno
per i campi
dim[A] = dim[c] =
dim[] =

D2
2

D1
2

Per ricavare quindi le dimensioni di g basta considerare un vertice, per esempio L1F gA, da
cui
D1
4D
D2
+2
=
dim[
g] =
=
dim[L1F ] = D = dim[
g] +
2
2
2
La costante di accoppiamento rinormalizzata ha le stesse dimensioni di g in D dimensioni,
dim[
gR ] =

4D
=
2

(8.18)

Per D 4, gR gR , allora possiamo scrivere


gR = gR 

(8.19)

dove `e una scala di massa arbitraria (detta scala di rinormalizzazione).


Esempio 16.
2

gR
g 2 2
g2
g2 
= R 2 = R 2 (42 ) ' R2 1 +  ln(42 ) + O(2 )
D/2
(4)
(4)
4
(4)

Notiamo che la presenza del termine in  compensa il polo della funzione in 1/.

8.2

Rinormalizzazione della QCD a 1 loop nello schema Minimal Subtraction

Definizione 8.1.
Un diagramma proprio (o one-particle irreducible, 1PI) `e un diagramma di Feynman troncato (senza
propagatori esterni), connesso e irriducibile (i.e. se si taglia un propagatore interno non `e possibile
separare il diagramma in due diagrammi distinti).
I diagrammi 1PI costituiscono un sottoinsieme fondamentale dei diagrammi di Feynman, con cui `e
possibile ottenere tutti gli altri, quindi possiamo ridurci a studiare questo tipo di diagrammi. Le funzioni
proprie che presentano divergenze in QCD sono di sette tipi e sono quelli aventi come gambe esterne
quelle dei vertici di interazione.

49

1. Self-energy del gluone.

Dove il blob del diagramma a sinistra indica linsieme di tutti i diagrammi 1PI che contribuiscono.
La funzione propria ab
e data da
R, (k) dei diagrammi 1PI a due linee gluoniche esterne `
2
2
iab
R, (k) = ab (k k k g )R (k )



2
4
1
13
1
gR
2
R (k ) =
TR Nf CG
R
+ (Z3 1) + termini finiti
2
(4) 3
2
3


(8.20)
(8.21)

in cui TR `e lindice di Dynkin, Nf `e il numero di flavor e CG `e il valore del Casimir quadratico


nella rappresentazione aggiunta. Il propagatore esatto del gluone `e dato invece da


ab g k k /k 2
i 2
+ R k k
(8.22)
k
1 + R (k 2 )
In cui notiamo che il contributo di self-energy `e solo sulla parte trasversale. Questo giustifica a
posteriori il fatto di non aver inserito un controtermine nella Lagrangiana per la parte longitudinale.
Lo schema di minimal subtraction consiste nello scegliere Z3 in modo tale da eliminare il termine
in 1/ che da origine al polo:



2
gR
4
1
13
1
(MS)
4
TR Nf CG
R
+ O(gR
)
(8.23)
Z3
=1
(4)2 3
2
3

2. Self-energy del ghost.

da cui, eseguendo la sottrazione minimale,


g2
(MS)
Z3
= 1 + R 2 CG
(4)

50

3 R
4

1
4
+ O(gR
)


(8.24)

3. Self-energy del quark.

p
=

da cui si ottiene
(MS)

Z2

(MS)
Zm

2
1
gR
4
CF R + O(gR
)
(4)2

1
g2
4
= 1 R 2 3CF + O(gR
)
(4)


=1

(8.25)
(8.26)

4. Vertice a tre gluoni

con
(MS)

Z3A

=1





2
17 3R
4
1
gR
4
C

+
+
T
N
+ O(gR
)
G
R
f
2
(4)
2
4
3


51

(8.27)

5. Vertice CCA

con
(MS)

ZCCA = 1

2
R 1
gR
4
CG
+ O(gR
)
2
(4)
2 

(8.28)

6. Vertice quark-quark-gluone.

con
(MS)
Z1F

g2
= 1 R2
(4)

3 + R
CG + R CF
4

1
4
+ O(gR
)


(8.29)

7. Vertice a quattro gluoni


(MS)
Z4A

g2
= 1 R2
(4)





2
4
1
4
+ R CG + TR NF
+ O(gR
)
3
3


52

(8.30)

Adesso notiamo che


1/2

Z1F = Zg Z2 Z3
3/2

Z3A = Zg Z3

3/2

Z4A = Zg2 Z3

1/2

ZCCA = Zg Z 3 Z3

da queste si ottiene una sola costante di rinormalizzazione per la costante di accoppiamento g tramite
lidentit`
a di Slavnov-Taylor


2
Z1F
3 + R 1
ZCCA
Z4A
gR
Z3A
1/2
4
=
C
=
=
Zg Z3 = 1
+ O(gR
)
(8.31)
2 G
Z3
Z
Z
(4)
4

2
3A
Z3
da cui segue
ZG = 1

2
1
gR
1
4
(11CG 4TR NF ) + O(gR
)
(4)2 6


(8.32)

che `e lespressione a 1 loop per la costante di rinormalizzazione di g. Possiamo studiare la dipendenza


di gR dalla scala di massa arbitratia :

g = g0

= Zg g R = Zg gR 
da cui


gR () =



Zg1 g

(8.33)

Introduciamo a questo punto la funzione beta di Gell-Mann e Low :

dgR ()
d

(8.34)

Usando lespressione (8.33) per gR :


= gR

dZg
gR
Zg d

in quanto Zg dipende da gR e quindi da . In questo particolare schema, non compare esplicitamente


in Zg , quindi
gR dZg
dZg dgR
gR = gR

= gR
Zg dgR d
Zg dgR
da cui
=

gR
gR dZg
1+
Zg dgR

(8.35)

In generale si avrebbe (gR , R , mR /) = dgR /d e quindi per integrare dovremmo conoscere le


altre dipendenze
dmR
= mR m (gR , R , mR /),
d
dR

= 2R G (gR , R , mR /),
d

53

dZm
Zm d
dZ3
G
2Z3 d
m

(8.36)

Nello schema MS, tuttavia, non dipende ne da R ne da mR (a tutti gli ordini), quindi possiamo
integrare semplicemente la prima relazione, trovando
gR
2
1
gR
1
4)
1
(11CG 4TR Nf ) + O(gR
2
(4) 3





g2
11CG 4TR Nf 1
4
= gR 1 + R 2
+ O(gR
)
(4)
3



11CG 4TR Nf
1
3
5
=
gR
+ O(gR
, )
(4)2
3

(gR ) =

3
5
0 gR
+ O(gR
, )

dove
0 =

1
(4)2

11Nc 2Nf
3


(8.37)

per la QCD, 0 > 0 (il segno `e strettamente legato alla libert`a asintotica).

8.3

A 2 loop

A due loop si trova per la funzione lespressione


3
5
7
9
= 0 gR
1 gR
2 gR
3 gR
+

con





 

34 2
5
34 2
13
1
1
1
C 4
CG + CF TR Nf =
N
Nc
1 =
Nf
(4)4 3 G
3
(4)4 3 c
3
Nc

(8.38)

Teorema 4. 0 e 1 non dipendono dal particolare schema di rinormalizzazione.


Esempio 17. Schema MS

() '

1
+ O()


2
gR
(4)D/2

( 0)

2


gR
1 +  ln(42 ) + O(2 )
2
(4)

( g R = gR  )

Adesso, anziche togliere semplicemente il polo 1/ (schema MS), si toglie 1/ + ln(4), cio`e
1
2
4
Zg(MS) () = 1 AgMS
() + O(gMS
)


1
2
4
()
)
Zg(MS) () = 1 AgMS
+ ln(4) + O(gMS

1 11Nc 2Nf
A=
(4)2
6
(MS)

(MS)

e cos` via per tutte le altre costanti di rinormalizzazione. Zg


e Zg
zazione finita.
 
0
Zg(MS) ()1 g
gMS () =

 
0
gMS () =
Zg(MS) ()1 g

sono legate da una rinormaliz-

quindi
(MS)

gMS () =

Zg

()

gMS ()
(MS)
Zg
()
54

Z g ()gMS ()

(8.39)

dove Z g () `e la rinormalizzazione finita, data da




1
2
4
1 AgMS
+ ln(4) + O(gMS
)


Z g () =
2 1 + O(g 4 )
1 AgMS
MS



1
1
2
4
)
' 1 AgMS
+ ln(4)
+ O(gMS


2
4
= 1 + AgMS
( ln(4)) + O(gMS
)

2
4
+ O(gMS
),
1+ Z 0 gMS

Z 0 = A( ln(4))

cio`e
h
i

2
4
gMS () = gMS () 1+ Z 0 gMS
+ Z 1 gMS
+

(8.40)

0
In generale, la relazione tra due schemi di rinormalizzazione generici gR , gR
alla stessa scala di massa
`e data da



0
02
04
0
gR =Z g gR
= 1+ Z 0 gR
+ Z 1 gR
+ gR
(8.41)

Nota la funzione beta del primo schema


=

dgR
3
5
7
= 0 gR
1 gR
2 gR
+
d

0 =

0
dgR
03
05
07
= 00 gR
10 gR
20 gR
+
d

si pu`
o calcolare

e dimostrare che 0 = 00 ,1 = 10 e 2 6= 20 , fintanto che  mR .

8.4

Funzione a 1 loop
=

dgR ()
3
= 0 gR
() + ,
d

1
(4)2

0 =

11Nc 2Nf
3


(8.42)

Abbiamo visto che per la QCD 0 > 0. Notiamo che al crescere di , gR diminuisce verso 0, detto punto
fisso ultravioletto. Risolviamo lequazione differenziale per gR ():
(gR ) =

dgR ()
3
= 0 gR
()
d

=
1

d
=

gR (2 )

gR (1 )

dgR
(gR )

(8.43)

troviamo lequazione di Gell-Mann e Low :


(Z

gR (2 )

2 = 1 exp
gR (1 )

dgR
(gR )

)
(8.44)

A 1 loop

2 = 1 exp



1
1
1

2 ( )
2 ( )
20 gR
gR
2
1

da cui, per ogni 1 , 2 arbitrari si ha






1
1
1
1
2 exp
= 1 exp
2 ( )
2 ( )
20 gR
20 gR
2
1

(8.45)

cio`e
2

e1/20 gR () = cost = QCD

55

(8.46)

QCD `e la scala di massa della QCD, indipendente da . Possiamo quindi riscrivere


1

2
gR
() =

0 ln

(8.47)

2QCD

Distinguiamo due casi


1. 0 > 0 (e.g. QCD). Il regime di validit`a `e > QCD e si hanno i fenomeni della libert`
a asintotica,
ossia gR 0 per (giustifica a posteriori laver troncato lo sviluppo di al primo ordine)
e della schiavit`
u infrarossa, ossia gR aumenta per 0 (anche se in questa zona i risultati non
sono affidabili).
1
2
, L scala di Landau. Il regime di validit`a `e < L
2. 0 < 0 (e.q. QED), gR
() = 0 ln(2 /2L )
e abbiamo il comportamento opposto.
Riprendiamo adesso in considerazione il processo e+ e adroni. Avevamo visto che, trascurando le
interazioni forti, per s
X
(e+ e adroni)
'
N
R
Q2f
(8.48)
c
(e+ e +
f

2
gR

Se adesso consideriamo le interazioni forti, al termine leading


si trova la correzione




X
S ()
3
2
R = Nc
Qf 1 + CF
+
4

(8.49)

2
()/4. In generale
con S () = gR


RR

#
"

 
2


X
s
s
3
S ()
S ()
2
+A
+
, gR () = Nc
Qf 1 + CF
2
4

(8.50)

Se f `e una certa quantit`


a fisica (ad esempio il rapporto R), in due schemi di rinormalizzazione si ha
2
4
f = f0 + f1 gR
+ f2 gR
+
02
04
= f00 + f10 gR
+ f20 gR
+

Le due serie complete sono uguali, e in pi`


u si pu`o dimostrare che f00 = f0 , f10 = f1 , f20 6= f2 .
Deve essere inoltre dR/d = 0, che ci fornisce indicazioni sul tipo di dipendenza A A(s/2 ). Quello
che si trova `e
 
 
s
s
A
=
a
+
b
ln
(8.51)
2
2

con a dipendente dallo schema e b indipendente dallo schema. Se scegliamo = s allora

gR ( = s) 0 per s , in virt`
u della libert`a asintotica.
ln(s/2 ) = 0, non abbiamo cio`e divergenze per s .
Otteniamo pertanto uno sviluppo perturbativo migliorato:






2
X

3
s
S ( s)
S ( s)
Q2f 1 + CF
R
, gR () = R(1, gR ( s)) = Nc
+ A(1)
+ (8.52)
| {z }
2
4

con

g 2 ( s)
=
S ( s) = R
4

1
40 ln

Running coupling constant

2QCD

56

(8.53)

Formulazione euclidea di una teoria di campo

Avevamo visto che per aggirare i poli nei calcoli dei propagatori bisognava effettuare la rotazione x0 =

x0 ei per la coordinata temporale, a cui corrispondeva la rotazione k 0 = k0 ei per la coordinata zero
del quadri-impulso. Prendiamo adesso  = /2, cio`e eseguiamo la rotazione di Wick, allora

x = (x0 , x) x= (x , x) (x ixE4 , xE )
k = (k 0 , k) k = ( k ikE4 , kE )
Applichiamo la rotazione di Wick al caso di una teoria scalare neutra:
1
1
m2 2
2
2
Z
4
i
d k
G2 (x, y) = h0|T {(x)(y)}|0i =
eik(xy)
(2)4 k 2 m2 + i
LM =

Passando quindi alleuclideo, ottieniamo la funzione di Schwinger a due punti, S2 (xE , yE ) = G2 (x, y ).
Per scriverla, notiamo che
 0 2  2

2
2
k2E = kE
k = kE4
k

k (x y ) = kE (xE yE )

dove il prodotto scalare tra due quadrivettori aventi il suffisso E `e il prodotto scalare euclideo. Si ha
quindi
Z 4
d kE
1
S2 (xE , yE ) =
eikE (xE yE )
(9.1)
2
4
(2) kE + m2
La funzione di Schwinger a due punti pu`
o essere ottenuta come risultato del prolungamento analitico
nelleuclideo dellintegrale funzionale:
n R 0
o
R

0
4x
y
x)(
x
[d](
)
exp
i
d
L
(
)
M

n R 0
o
G2 (x, y ) =
R
0
[d] exp i d4 x LM (x )

Definiamo (x) E (xE ), dunque




Z
Z
1 2 2

4
4 1
xL
x)
x
x)
x)
x)
iSM = i d
=i d
(
( m (
M(
2
2


Z
1
1
1 2 2
4
= d xE E,4 E (xE )E,4 E (xE ) E,i E (xE )E,i E (xE ) m E (xE )
2
2
2


Z
1
1
= d4 xE
E, E (xE )E, E (xE ) + m2 2E (xE )
2
2
|
{z
}
LE (xE )

Z
=

d4 xE LE (xE ) = SE

cio`e

G2 (x, y ) =

[dE ]E (xE )E (yE )eSE


R
[dE ]eSE

(9.2)

Notiamo che nelleuclideo la convergenza della funzione a due punti `e migliore (le configurazioni con SE
grande sono esponenzialmente soppresse). Altre osservazioni importanti sono:
LE (xE ) ha la stessa struttura dellHamiltoniana minkowskiana.
eSE assomiglia al fattore di Boltzmann.
Il gruppo di simmetria di LE `e O(4) (che ha rimpiazzato linvarianza di Lorentz SO(3, 1)).
57

9.1

Formulazione euclidea della QCD

Partiamo dalla Lagrangiana minkowskiana


1
/ m)
LM = tr[F F ] + (iD
2

(9.3)

Come definiamo AE, (xE )? A deve trasformare (per x x) come . Dato che = (0 , )
(iE,4 , E ), allora

A0 (x) iAE,4 (xE )

Ai (x) AE,i (xE )

A0 (x) iAE,4 (xE )

Ai (x) AE,i (xE )


Componenti di F

F0i (x) = (0 Ai i A0 + ig[A0 , Ai ])(x)


= i(E,4 AE,i E,i AE,4 + ig[AE,4 , AE,j ])(xE )
iFE,4i (xE )

Fij (x) = (i Aj j Ai + ig[Ai , Aj ])(x)


= (E,i AE,j E,j AE,i + ig[AE,i , AE,j ])(xE )
FE,ij (xE )
Di conseguenza

F (x)F (x) = 2F0i F 0i (x) + Fij F ij (x)

= 2[F0i (x)]2 + [Fij (x)]2


= 2(FE,4i (xE ))2 + (FE,ij (xE ))2 FE, FE, (xE )
dove la contrazione `e effettuata con la metrica euclidea . Otteniamo in conclusione la Lagrangiana di
Yang-Mills euclidea:
1
G
(9.4)
LG
E (xE ) = LM ( x) = tr[FE, FE, ]
2
Per i fermioni

LF
E (xE ) = LM ( x) = ( x)(i D m)( x)

= E (xE )(i 0 iDE,4 + i i DE,i m)E (xE )


= E (xE )( 0 DE,4 i i DE,i m)E (xE )
Introduciamo quindi delle matrici euclidee
E,4 0 ,

E,i i i

(9.5)

Lalgebra di Clifford diventa quindi {E, , E, } = 2 . Le matrici E sono tutte hermitiane. Con
queste possiamo scrivere
LF
(9.6)
E = E (xE )(E, D + m)E (xE )
Riassumendo
QCD
SE
=

d4 xE

1
tr[FE, FE, ](xE ) + E (xE )(E, DE, + m)E (xE )
2

58


(9.7)

9.2

Funzione di partizione statistica Z()

`e lHamiltoniana del sistema


La funzione di partizione statistica `e definita come Z() = tr[e H ], dove H
e = 1/kT . Possiamo ottenere la Z da una teoria di campo euclidea. Partiamo da
0

f ti )
iH(t

hq ; tf |q; ti i = hq |e

q(x,tf )=q 0 (x)

|qi = N

 Z
[dq] exp i

q(x,ti )=q(x)

tf

dx

d xLM

(9.8)

ti

ed eseguiamo in primo luogo la rotazione di Wick:


x0 ix4
ti itE,i
tf itE,f

da cui eiH(tf ti ) eH(tE,f tE,i ) . Scegliamo adesso tE,i = 0, tE,f = e consideriamo la traccia
( Z
)
Z
Z

H
3
hq|e
|qi = Z() = N
[dqE ] exp
dxE,4 d xE LE (xE )
q

qE (xE ,0)=qE (xE ,)

dove abbiamo messo condizioni al contorno periodiche per i campi (valgono per campi bosonici). Per
campi fermionici, le condizioni al contorno sono antiperiodiche.

59

10

Formulazione su reticolo

10.1

Formulazione euclidea

Sostituiamo lo spazio-tempo euclideo con un reticolo ipercubico di passo a, quindi xE, = an , n Z.


La formulazione su reticolo `e una regolarizzazione non perturbativa. Il passo a rappresenta una distanza
minima, che equivale ad un cutoff ultravioletto negli impulsi UV 1/a. In trasformata di Fourier,
k [/a, /a] (zona di Brillouin). Alla fine del procedimento, si ritorner`a al continuo mediante il
limite a 0.
Lintroduzione del reticolo rompe linvarianza O(4), per`o si pu`o fare in modo di preservare linvarianza di
gauge usando come variabili i trasporti paralleli tra due siti vicini dei campi di gauge, anziche i campi di
gauge stessi. Siano i, j due siti primi vicini, con j = i + (a)
, allora indichiamo la variabile connessione
o link con
Uji = exp[igAE, (i)a]
(10.1)
Nota. Il trasporto parallelo euclideo `e uguale in forma a quello minkowskiano (si vede eseguendo la
rotazione di Wick).
0
Sotto trasformazione di gauge Gi SU (3), Uji Uji
= Gj Uji Gi . Lidea di Wilson `e stata di
scrivere il trasporto parallelo su un percorso chiuso formato da un ipercubo di un solo passo reticolare detto placchetta - per arrivare (in analogia al caso continuo) F .
Azione di Wilson.
Consideriamo una placchetta avente come vertici i siti i, j, k, l, con
j = i + (a)

k = i + (a)
+ (a)

l = i + (a)

Allora
SW =

Spl

placchette

con




1

tr Upl + Upl
Spl = 1
2Nc

(10.2)

Upl = Uil Ulk Ukj Uji

(10.3)

dove
Verifichiamo che nel limite del continuo ritroviamo la Lagrangiana di Yang-Mills:
h
i
(L)
Upl(,) = exp iga2 FE,
(L)

con FE, = FE, + O(a) (L = lattice) e FE, = E, AE, E, AE, + ig[AE, , AE, ]. Quindi, per
una trasformazione infinitesima
Upl(,) ' 1 iga2 FE,

Upl()
' 1 + iga2 FE,

e di conseguenza
1
1

tr[Upl + Upl
]=
tr[2 g 2 a4 FE, FE, + O(a5 )]
2Nc
2Nc
g 2 a4 a
=1
F
F a + O(a5 )
4Nc E, E,

(10.4)

Lazione per una placchetta sar`


a quindi
Spl(,) =

g 2 a4 a
F
F a + O(a5 )
4Nc E, E,
60

(10.5)

Sommiamo adesso su tutte le placchette


SW =

XX
i

Spl(,) =

<

g 2 a4 X 1 X a
F
F a + O(a5 )
4Nc i 2 , E, E,

=
per a 0,

a4

g X 4 a
a
a FE, FE,
8Nc i

d4 xE , quindi
=

g 2
8Nc

a
a
d4 xE FE,
FE,
(xE )

Se adesso scegliamo = 2Nc /g 2 , lazione di Wilson rappresenta in effetti una versione discretizzata
dellazione di Yang-Mills.
Possiamo scrivere la versione discretizzata della funzione di partizione:
Z
Y
Z = [dU ]eSW [U ] ,
[dU ]
dUji
i,j

con dUji misura invariante di Haar, data da, nel limite a 0,


Y
dUji ' const
dAaE,
a

Il valore di aspettazione di una generica osservabile sar`a


R
[dU ] O(U )eSW [U ]
R
hO[U ]i =
[dU ] eSW [U ]
Il volume spaziale di una placchetta risulta essere V = Ns a3 , dove Ns `e il numero di siti nelle direzioni
spaziali, mentre il volume temporale di una placchetta `e TE = N a, con N numero di siti nella direzione
temporale. Il quadrivolume di una placchetta sar`a quindi V4 = V TE = Ns N a4 . Considerando reticoli
asimmetrici in cui N  Ns , nei limiti V , Ns , a 0, N con N a = cost 1/kT
otteniamo la funzione di partizione termica.

10.2

Limite continuo

La costante di accoppiamento `e funzione del cutoff, g g(a), ma come vi dipende? Consideriamo gR in


uno schema di rinormalizzazione compatibile con il reticolo.
a0

gR (g(a), a) gR ()

g = Zg gR gR = Zg1 g

con gR () = g + Ag 3 + O(g 5 ) = g[1 + Ag 2 + O(g 4 )]. Per a 0




dgR
gR dg
gR d(a)
0=a
=a
+
a
da
g a da
(a) g da



gR
gR
dg
=
a
+ (a)
g
da
(a)
a

Il termine nella prima parentesi rappresenta la funzione beta di reticolo, LAT , allora



gR
dgR
gR
0=

LAT +
LAT
g a
d g
g a
da cui
LAT a

dgR


=
gR
da
g a
61

(10.6)

Dal risultato perturbativo sapevamo che



gR
= 1 + 3Ag 2 + O(g 4 ),
g a


dgR
3
5
(gR ) =
= 0 gR
1 gR
+
d g

Allora
3
5
0 gR
1 gR
+
1 + 3Ag 2 +


= 0 g 3 (1 + Ag 2 + )3 1 g 5 (1 + Ag 2 + )5 (1 3Ag 2 + )

LAT (g) =

= 0 g 3 (1 + 3A0 3A0 )g 5
= 0 g 3 1 g 5

(10.7)

Osserviamo che i coefficienti 0 , 1 sono sempre gli stessi, anche per il reticolo. Da questo fatto possiamo
ricavare, procedendo per analogia con il caso della (gR ), la dipendenza g(a):

dgR ()
3
= (gR ) = 0 gR
() +
d

gR () =
0 ln

2QCD

2
con la condizione  QCD = exp[1/(20 gR
()]. Traduciamo quindi al caso reticolare,

dg(a)
= LAT (g) = 0 g 3 +
da

Le espressioni sono uguali in forma, a patto di identificare 1/a, gR () g(a). Con questa
identificazione, abbiamo quindi


1
1
1


g(a) =
,
LAT = exp
(10.8)
1
a
20 g 2 (a)
0 ln
a2 2LAT
con la condizione a  1
LAT , parametro di scala del reticolo. Nel limite continuo a 0 deve essere
g(a) 0.
Assumiamo adesso una misura su reticolo di unosservabile (g(a), a). Per a 0, (g(a), a) fisico .
Sia d la dimensione in massa di , allora
 d
1
L (g(a))
(g(a), a) =

(10.9)

L adimensionale (stiamo qui assumendo che non vi siano altre scale di massa, i.e. quarks a massa
con
nulla). Invertendo la relazione, troviamo la relazione si scaling asintotico:


d
fisico
1
a0 d
d

L (g(a)) = a (g(a), a) a fisico ' d


exp
20 g 2 (a)
LAT
LAT pu`
o essere determinata fissando unaltra osservabile, dopodiche rimane sempre la stessa.

62

(10.10)

11

Potenziale qq e qq nel limite statico

11.1

Approccio perturbativo

Per determinare il potenziale qq o qq nel limite statico in maniera perturbativa, si procede per analogia
con il caso della QED. Consideriamo due quarks di flavor arbitrario aventi numeri quantici di colore
1 , 2 nello stato iniziale e 10 , 20 nello stato finale. Distinguiamo quattro casi
1. Stato simmetrico di colore. Possiamo avere 1 = 2 = 10 = 20 = A che porta nello stato iniziale
un fattore 1 A 2 A e nello stato finale 01 A 02 A , oppure uno stato simmetrico del tipo

1  (1) (2)
(1) (2)
(1) (2)
|(qA qB )sim i = |qA qB i + |qB qA i
2

con A 6= B che porta un fattore (1 A 2 B + 1 B 2 A )/ 2 nello stato iniziale e (01 A 02 B +

01 B 02 A )/ 2 nello stato finale. In questo caso si trova


1 g2
3 4r

(sim)
Vqq
=

(11.1)

2. Stato antisimmetrico di colore. In questo caso





1  (1) (2)
(1) (2)
(1) (2)
| qA qB
i = |qA qB i |qB qA i
anti
2
e si ha
(anti)
Vqq
=

2 g2
3 4r

(11.2)

3. qq in singoletto.
3
1 X
|(qq)1 i =
|qA q A i
3 A=1

e
(1)

Vqq =

4 g2
3 4r

(11.3)

4. qq nellottetto (i.e. basta prenderli con colori diversi), |(qq)8 i = |qA q B i, con
(8)

Vqq =

11.2

1 g2
6 4r

(11.4)

Approccio non perturbativo

Consideriamo il caso di qq in singoletto di colore nel limite statico Mq . Definiamo un operatore


tale che O(t)|i

interpolante O
abbia gli stessi numeri quantici dello stato che vogliamo studiare e
O
(0)|i. Inseriamo un set completo {|ni} di
ci concentriamo sulla funzione di correlazione h|O(t)
autostati di H (con H|i = 0):
X
O
(0)|i =

(0)|i
h|O(t)
h|O(t)|nihn|
O
n

X
iHt

(0)|i
=
h|eiHt O(0)e
|nihn|O
n

(0)|i
eiEn t h|O(0)|nihn|
O

Eseguendo adesso la rotazione di Wick t itE , otteniamo


X

(0)|i
eEn tE h|O(0)|nihn|
O
n

63

(11.5)

Per tE , il contributo dominante sar`


a dato dallo stato con i numeri quantici giusti (altrimenti gli
elementi di matrice sono nulli) ad energia pi`
u bassa. Questo stato per`o potrebbe essere proprio |i. Lo
escludiamo considerando solo la parte connessa:
En

(0)|i
O
(0)|i h|O(t)|ih|

(0)|i tE
nih
n|O
h|O(t)
O
e tE h|O(0)|

(11.6)

dove |
ni `e lo stato ad energia pi`
u bassa avente elemento di matrice non nullo.
Applichiamo dunque questo discorso al problema del potenziale q q: cerchiamo un operatore interpolante
per q q in singoletto di colore. Siano i, j gli indici di colore, , indici di Dirac e q (x, t = 0), q
(y, t = 0), con |x y| = r, a cui corrisponderanno le funzioni donda
(Q)
(Q)
overlinepsi,i (x, t = 0), ,j (y, t = 0). Il loro prodotto non `e invariante di gauge: per renderlo tale, eseguiamo un trasporto parallelo W ((x, 0) (y, 0))ij cos` che (Q) (y, 0) U (y, 0) (Q) (y, 0) e
(Q)

(Q)

(x, 0) (x, 0)U (x, 0), con W U W U . `e funzione delle matrici e saturer`a gli indici
di Dirac (per ora non ci interessa la sua forma esplicita). Allora definiamo

(x, y; 0) |i
|(x, y; 0)i = O(x,
y; 0)|i = O
e studiamo la funzione di correlazione
(x0 , y; t)O(x,

G(x0 , y0 ; x, y; t) h|T {O
y; 0)}|i

0 0
= G0 0 , 0 0
con
(Q)

(Q)

(Q)

(Q)

G0 0 , = h|T { 0 j 0 (y, t)W ((y, t) (x, t))j 0 i0 0 i0 i (x, 0)W ((x, 0) (y, 0))ij j (y, 0)}|i
(11.7)
In generale, non si riesce a scrivere lelemento di matrice in termini di integrale funzionale. Per`o il limite
statico MQ ci consente di fare un passo in avanti, ottenendo
MQ

G(x0 , y0 ; x, y; t) (3) (x x0 ) (3) (y y0 )C(x, y)eE(r)tE

(11.8)

con E(r) = 2MQ + V (r). Proviamo adesso a scrivere lintegrale funzionale:


Z
1
(Q)
(Q)
(Q)
G0 0 , =
[dA][d d (Q) ]( 0 j (y, t) j (y, 0))eiSTOT
ZTOT
Z
(Q)
ZTOT = [dA][d d (Q) ]eiSTOT
STOT = SG + SQ = SG +

(Q)

(i D MQ ) (Q)

e SG `e lazione di Yang-Mills. Dato che lazione fermionica `e bilineare, possiamo svolgere prima lintegrale
fermionico come avevamo fatto per la teoria libera:
Z
1
G0 0 , =
[dA] {S 0 (y, y 0 |A)jj 0 S0 (x0 , x|A)i0 i S0 0 (x0 , y 0 |A)i0 j 0 S (y, x|A)ji }
ZTOT
W ((x, 0) (y, 0))ij W ((y0 , t) (x0 , t))j 0 i0 det K (Q) [A]eiSG
dove S K (Q)

1

e
(Q)

Kix,jy [A] = (4) (x y)[i ( + igA ) MQ ],ij

(11.9)

Fin qui `e tutto esatto, per`


o non si riesce ad andare avanti. Adesso usiamo il limite MQ ; in questo
limite la soluzione `e analitica. Nellequazione che definisce S:
[i ( + igA ) MQ ] S(z, z 0 |A) = (4) (z z 0 )Dirac colore

(11.10)

possiamo trascurare la parte spaziale


 0

i (0 + igA0 ) MQ S(z, z 0 |A) = (4) (z z 0 )Dirac colore

(11.11)

64

1. Risolviamo prima per A0 = 0:


x0 ) = (4) (x x0 )
(i 0 0 MQ )S(x






1 0
1 + 0
iMQ (x0 x00 )
0
iMQ (x0 x00 )
0
(3)
0
0

e
+ (x0 x0 )
e
S(x x ) = i (x x ) (x0 x0 )
2
2
(11.12)
2. La soluzione generica sar`
a quindi data da
(
"
0

S(x, x |A) = P

#)

x0

exp ig

dt A0 (x, t)

x0 )
S(x

(11.13)

x00

Inseriamo adesso tutto nella funzione di correlazione:






1 + 0
1 0
t>0,MQ
(3)
0 (3)
0
G0 0 ,

(x x ) (y y )
e2iMQ t hWC [A]i
2
2
0
0
R
[dA]WC [A]eiSG [A]
R
hWC [A]i =
[dA]eiSG [A]



Z

WC [A] = tr P exp ig dz A (z)


C

e C `e il cammino chiuso (x, 0) (y, 0) (y, t) (x, t) (x, 0). In conclusione


G(x0 , y0 ; x, y; t) (3) (x x0 ) (3) (y y0 )tr[P+ P 0 0 ]e2iMQ t hWC [A]i

(11.14)

con P = (1 0 )/2. Tramite rotazione di Wick t iT otteniamo


(3) (x x0 ) (3) (y y0 )tr[P+ P 0 0 ]e2MQ T hWC [AE ]iE
con

R
hWC [AE ]iE =

(11.15)

[dAE ]WC [AE ]eSG,E


R
[dAE ]eSG,E

Nel limite di grandi T , G exp(E(r)T ), con E(r) = 2MQ + V (r). Dal confronto concludiamo che
hWC [AE ]iE W (r, T ) eV (r)T per T . Allora
V (r) = lim

1
ln W (r, T )
T

(11.16)

Criterio di Wilson per il confinamento: se V (r) r per r , allora


R,T

W (r, T ) F (r)erT = F (r)eArea


`e detta tensione di stringa, le linee di flusso del campo cromoelettrico si addensano mano a mano che
la distanza aumenta.
Traiettorie di Regge-Chew-Frautschi. Consideriamo il sistema qq come un rotatore rigido di lunghezza d che ruota attorno al centro, con i quarks agli estremi. La stringa ha densit`a lineare di massa
(nel sistema di quiete) e il potenziale `e V (r) = 2r/d. Vogliamo scrivere lenergia e il momento angolare
del sistema. Se consideriamo un segmento infinitesimo dr, questo avr`a una massa dm = dr a riposo.
Se inseriamo il relativistico e integriamo otteniamo la relazione
J=

1
M2
2

(11.17)

dove J `e il momento angolare e M `e lenergia totale. In generale, J = 0 + 0 M 2 ed esistono delle


traiettorie massimali su cui si distribuiscono alcuni mesoni. Si trova per 0 il valore 0 ' 0.9 1.0 GeV2
che corrisponde a una tensione di stringa ' (0.40 0.42 GeV)2 .
65

12

Simmetrie di flavor: SU (2) e SU (3)


Nf =6

LF =

/ mf )f
f (iD

(12.1)

i=1

Se le masse sono tutte diverse, abbiamo una simmetria U (1) globale per ogni flavor:
U (1)f : f eif f

(12.2)

Quindi senza conoscenze specifiche possiamo dire che LF ha una simmetria


U (1)u U (1)d U (1)s U (1)c U (1)b U (1)t

(12.3)

cio`e i flavor si conservano separatamente. Le correnti associate (una per ogni flavor) a questa simmetria
sono

J(f
(12.4)
J(f
) =0
) = f f
Ora sia L = {2, 3}, con
(

(L)

L = 2 : u, d
L = 3 : u, d, s

(L)

e LF = LF + . Concentriamoci su LF , cio`e
(L)

/ M )
LF = (iD
in cui

1

= ...
L
= ( 1 , , L )

m1

..
M =
.

mL

(L)

Se M = m1LL , cio`e m1 = = mL m, allora LF ha un gruppo di simmetria pi`


u grande del
(L)
semplice U (1)1 U (1)L , ossia LF `e invariante sotto U (L):

U
U U (L)
(12.5)



U
Ma U (L) = U (1) SU (L), dove lU (1) corrisponde a una rotazione di tutti gli L flavor della stessa fase
e SU (L) `e per L = 2 lisospin, mentre per L = 3 `e lSU (3) di Gell-Mann.
Possiamo giustificare la presenza delle simmetrie SU (L) non dal confronto diretto tra le masse dei quarks,
bens` dicendo che u, d, s hanno masse  QCD , e quindi hanno tutti e tre approssimativamente massa
nulla. Considerando quindi u, d, s a massa nulla, troviamo altre simmetrie.

66

13

Simmetrie chirali

m1 , . . . , mL  QCD m1 = = mL = 0 (limite chirale). Definiamo i bispinori


R,L

1 5
PR,L
2

(13.1)

con


0 1 2 3

5 i =

=


1 0
0 1
0 1
1 0

rappresentazione spinoriale

rappresentazione standard

e 52 = 1. Vogliamo riscrivere la Lagrangiana in termini di R,L . Notiamo che


0
R = R
= PR 0 = PR 0 = 0 PL = PL

L = PR
Allora il termine di massa diventa
= ( R + L )(R + R )
= (PR + PL )(PR + PL ) = (PL PL + PR PR )
= R L + L R
cio`e accoppia componenti con chiralit`
a opposta. Il termine cinetico invece diventa
= R R + L L
quindi accoppia componenti con la stessa chiralit`a. In definitiva
(L)

/ M ) = L iD
/ L + R iD
/ R L M R R M L
LF = (iD

(13.2)

Nel limite chirale M = 0, la Lagrangiana `e diagonale nelle componenti chirali, quindi `e invariante sotto
il gruppo chirale U (L)L U (L)R , cio`e
(
L UL L
U (L)L U (L)R :
,
UR , UL U (L)
(13.3)
R UR R
Possiamo scrivere il gruppo di simmetria chirale come
U (L)L U (L)R = U (1)L U (1)R SU (L)L SU (L)R

(13.4)

1. U (1)L U (1)R pu`


o essere riscritto ulteriormente come U (1)V U (1)A (V = vettoriale, A= assiale):
(
(
0
L L
= eiL L
L L
U (1)L =
U (1)R =
0
R R
R R
= eiR R
La U (1)V si ottiene nel caso in cui L = R , mentre la U (1)A si ottiene nel caso in cui
L = R :
(
(
0
0
L L
= ei L
L L
= ei L
U (1)V =
U
(1)
=
A
0
0
R R
= ei R
R R
= ei R
Se adesso prendiamo una trasformazione U (1)V U (1)A con parametri , , allora L ei(+) L
0
e R R
= ei() R . Posti L + , R , troviamo una trasformazione U (1)L
U (1)R . Concludiamo che la generica trasformazione U (1)L U (1)R pu`o essere scritta come una
trasformazione U (1)V U (1)A .
67

2. Possiamo applicare lo stesso ragionamento a SU (L)L SU (L)R :


(
0
L L
= VL L
SU (L)L SU (L)R =
,
VL , VR SU (L)
0
R R
= V R R
Otteniamo una trasformazione SU (L)V se VL = VR V , mentre una trasformazione SU (L)A si
ha quando VL = VR A:
(
(
0
0
L L
= V L
L L
= AL
SU
(L)
=
(13.5)
SU (L)V =
A
0
0
R R = V R
R R = A R
con V, A SU (L). Notiamo che SU (L)V `e un sottogruppo del gruppo G = SU (L)L SU (L)R ,
mentre SU (L)A in generale non lo `e.
Teorema 5. La pi`
u generale trasformazione di G pu`o essere scritta come la composizione di una
trasformazione vettoriale e una assiale
!

0
L L
= AV L = VL L
!

0
R R
= A V R = VR R

ricordando che L = PL =

1+5
2

15
2

e R = PR =

e osservando che 5 L = L , 5 R = R .

Possiamo riscrivere la U (1)V U (1)A in termini di bispinori = L + R :


U (1)V : 0 = ei
U (1)A : 0 = ei L + ei R = ei5 (L + R ) = ei5

(13.6)

La stessa cosa pu`


o essere fatta per SU (L)V SU (L)A :
SU (L)V : 0 = V
SU (L)A : 0 = AL + A R = eia Ta L + eia Ta R = eia Ta 5

(13.7)

dove abbiamo usato il fatto che A SU (L). A questi gruppi di simmetria corrispondo delle correnti di
Noether conservate, definite da
Ja =

L
X
i=1

L
a i
( i )

i0 = i + i
i = a a i
e che sono date, nei quattro casi, dalle seguenti espressioni
U (1)V : JV =

L
X

i i

i=1

U (1)A : J5 =

L
X

i 5 i 5

i=1

SU (L)V :
SU (L)A :

Va
Aa

= Ta
= 5 Ta

con
JV = 0
J5 = 2i5 M
L
X

Va = i[M, Ta ] = i

(mi mj ) i (Ta )ij j

i,j=1

Aa = i{M, Ta } = i

L
X

(mi + mj ) i (Ta )ij j

i,j=1

68

(13.8)

A livello quantistico, consideriamo una trasformazione G di un campo bosonico i :


G : i 0i = + i = i + a a i
con corrente associata
Ja =

X
i

(13.9)

L
a i
( i )

(13.10)

Promuoviamo quindi i ad operatore quantistico. Il suo campo coniugato `e


j (y) =

L
(0 j (y))

(13.11)

e P i soddisfano le regole di commutazione canonica [i (x), j (y)]x0 =y0 = iij (3) (x y). Allora

X
j a j (x), i (y)
[Ja0 (x), i (y)]x0 =y0 =
j

x0 =y 0

[j (x), i (y)]x0 =y0 a j (x)

j (x) [a j (x), i (y)]x0 =y0


|
{z
}
=0

[j (x), i (y)]x0 =y0 a j (x)

iij (3) (x y)a j (y) = ia i (x) (3) (x y)

(13.12)

Integrando la (13.12) sul volume e usando la definizione


Z
Qa (t) d3 x Ja0 (x, t)

(13.13)

troviamo il commutatore
[Qa (x0 ), i (y)]x0 =y0 = ia i (y)

(13.14)

Nel caso fermionico, i campi i , j soddisfano le regole di anticommutazione canonica, {i (x), j (y)}x0 =y0 =
iij (3) (x y). Usando lo sviluppo
[AB, C] = A{B, C} {A, C}B
possiamo scrivere
[Ja0 (x), i (y)]x0 =y0 = ia i (x) (3) (x y)

(13.15)

che integrata restituisce una relazione analoga al caso bosonico:


[Qa (x0 ), i (y)]x0 =y0 = ia i (y)
Usando adesso le relazioni tra le correnti SU (L)L SU (L)R e quelle SU (L)V SU (L)A :

J = (Va + Aa )

L,a
Va = JL,a + JR,a
2

Aa = JL,a
JR,a
J
=
(V

A
)
a
a
R,a
2

(13.16)

(13.17)

otteniamo lalgebra delle correnti e delle cariche:

[QL
a (t), JL,b (y, t)] = ifabc JL,c (y, t)

R
[QL
a (t), JR,b (y, t)] = 0 = [Qa (t), JL,b (y, t)]

[QR
a (t), JR,b (y, t)] = ifabc JR,c (y, t)

69

(13.18)

Ponendo = 0 e integrando in d3 y otteniamo lalgebra delle cariche di SU (L)L SU (L)R :


L
L
[QL
a (t), Qb (t)] = ifabc Qc (t)
R
R
[QR
a (t), Qb (t)] = ifabc Qc (t)
R
[QL
a (t), Qb (t)] = 0

(13.19)

R
A
L
R
In termini di SU (L)V SU (L)A , QVa = QL
e
a + Qa , Qa = Qa Qa , lalgebra delle cariche `

[QVa (t), QVb (t)] = ifabc QVc (t)


A
V
[QA
a (t), Qb (t)] = ifabc Qc (t)
A
[QVa (t), QA
b (t)] = ifabc Qc (t)

70

(13.20)

14
14.1

Simmetrie in MQ
Realizzazione alla Wigner-Weyl (simmetria esatta)

che agisce sullo spazio


Una simmetria esatta `e una simmetria implementata da un operatore unitario U
ia Qa

di Hilber H delle teoria. Si ha U = e


, dove le Qa sono le corrispondenti cariche conservate.
Loperazione di esponenziazione `e lecita solo se le Qa sono ben definite, cio`e se Qa |i = 0 (che corrisponde
) e dQa /dt = 0, ossia [H, Qa ] = 0 per ogni a e di
alla condizione che il vuoto sia invariante sotto U
0

con U
unitario, allora per una trasformazione
conseguenza [H, U ] = 0. Infatti, se i i = U i U
infinitesima a  1
0i = eia Qa i eia Qa ' (1 ia Qa )i (1 + a Qa )
= i ia [Qa , i ] + O(2 )
= i + a a i i + i
Esempio 18 (Simmetria SU (2)V ).
Abbiamo in questo caso tre cariche costanti QVa , a = 1, 2, 3 tali che QVa |i = 0 per ogni a e [Qa , H] = 0,
, H] = 0 U
H U
= H. Lalgebra di SU (2)V
cio`e H `e invariante per trasformazioni SU (2)V : [U
V
V
V
`e [Qa , Qb ] = iabc Qc , quindi i Qa sono difatto i generatori della trasformazione. Introduciamo gli
operatori di creazione e distruzione QV = QV1 iQV2 . Un multipletto di stati di singola particella `e
indicato con |t, t3 i, con t3 {t, t + 1, . . . , t 1, t} e
QV3 |t, t3 i = t3 |t, t3 i
p
QV |t, t3 i = t(t + 1) t3 (t3 1)|t, t3 1i
Ad esempio consideriamo il doppietto di isospin |pi = |1/2, 1/2i, |ni = |1/2, 1/2i: QV+ |ni = |pi, QV |pi =
|ni.
In generale
|t, t3 i = eia QVa |t, t3 i =
U

dove

(t)

Dt0 t3 ()|t, t03 i

(t)

(14.1)

t03

Dt0 t3 () ht, t03 |eia Qa |t, t3 i

(14.2)

`e detta funzione di Wigner.


Lo stesso discorso pu`
o essere esteso per la SU (3) di Gell-Mann (anche se matematicamente molto pi`
u
complicato). Vediamo se funziona per il gruppo chirale. Se SU (L)V SU (L)A fosse realizzata alla
2
Wigner-Weyl, avremo le cariche costanti QVa , QA
a , a = 1, . . . , L 1. Consideriamo un certo stato
0
A
adronico |hi e studiamo |h i Q |hi. Allora
0
A
A
A
0
1. Assumento ph = 0, da [QA
a , H] = 0 segue che H|h i = HQ |hi = Q H|hi = Mh Q |hi = Mh |h i
0
cio`e h e h sono degeneri in massa.
V
2. h e h0 hanno lo stesso numero barionico, in quanto QA
a commuta con Q QU (1)V .

3. Sia P loperatore parit`


a e h (data) la parit`a di |hi:P |hi = h |hi. Allora
A
0
A
P |h0 i = P QA
|hi = P Q P P |hi = h Q |hi = h |h i

dove abbiamo usato il fatto che QA


e un operatore pseudoscalare. Concludiamo quindi che |hi e
a `
|h0 i hanno parit`
a opposta.
Sperimentalmente, non sono mai stati osservati stati adronici |h0 i siffatti, quindi la simmetria chirale
non `e esatta.

71

15

Rottura spontanea della simmetria

Ad una simmetria G dellHamiltoniana corrispondono delle correnti conservate, Ja = 0. Se la carica


associata Qa `e tale che Qa |i =
6 0, allora si parla di rottura spontenea di simmetria, in quanto non `e ben
definito loperatore unitaria per cui |i `e invariante. Infatti, consideriamo
Z
h|Q2 (t)|i = h|Q2 (0)|i = d3 xd3 yh|J 0 (x, 0)J 0 (y, 0)|i
Q costante
Z
= d3 xd3 yh|J 0 (0, 0)J 0 (y x, 0)|i
invarianza per traslazioni
Z
= d3 xd3 y 0 h|J 0 (0, 0)J 0 (y0 , 0)|i
y x = y0
Z
= d3 xh|J 0 (0, 0)Q|i
che diverge in x.
Teorema 6 (Goldstone).
Se una simmetria `e spontaneamente rotta, per ogni generatore rotto esiste almeno uno stato di massa
zero e spin zero, detto bosone di Goldstone, che ha gli stessi numeri quantici del rispettivo generatore
rotto.
Dimostrazione.
Regolarizziamo lintegrale divergente definendo
Z
QR (t)

d3 x J 0 (x, t)

(15.1)

|x|R

Lemma 1.
Dato un generico operatore locale A(x) si ha
d
[QR (t), A(0)] = 0
R dt
lim

Dimostrazione.
Usando la conservazione della corrente si ha
Z
Z
Z
d
3
0
3

d x [J (x, t), A(0)] +


dS [J(x, t), A(0)]
0=
d x [ J (x, t), A(0)] =
dt |x|R
|x|=R
|x|R

(15.2)

(15.3)

Il secondo termine tende a zero per R in virt`


u del principio di commutativit`
a locale (per R
sufficientemente grande, i due operatori diventano entrambi di tipo spazio e quindi devono commutare).
Per qualche operatore locale A(0) definiamo il parametro dordine a(t):
a(t) h|[Q(t), A(0)]|i =
6 0

(15.4)

dove abbiamo sottointenso loperazione limR QR (t) Q(t). Allora


XZ


a(t) =
d3 x h|J 0 (x, t)|nihn|A(0)|i h|A(0)|nihn|J 0 (x, t)|i
n

dove {|ni} `e un set completo di autostati dellHamiltoniana e dellimpulso. Trasliamo quindi le correnti,
J 0 (x, t) = eiPxiHt J 0 (0)eiPx+iHt , e usiamo le relazioni H|i = 0, H|ni = En , P|i = 0, P|ni = pn :
XZ


=
d3 x h|J 0 (0)|nihn|A(0)|ieiEn t+ipn x h|A(0)|nihn|J 0 (0)|ieiEn tipn x
n

X


(2)3 (3) (pn ) h|J 0 (0)|nihn|A(0)|ieiEn t h|A(0)|nihn|A(0)|ieiEn t
n

72

Per il lemma,
X


da(t)
= 0 = i
(2)3 (3) (pn )En h|J 0 (0)|nihn|A(0)|ieiEn t + h|A(0)|nihn|J 0 (0)|ieiEn t
dt
n
(15.5)
dovr`
a quindi esistere almeno uno stato |ni = |Gi tale che h|J 0 (0)|Gi 6= 0, hG|A(0)|i 6= 0 e EG (pG =
0) = 0 e spin zero in quanto hJ 0 (0)|Gi =
6 0, cio`e ha gli stessi numeri quantici di Q|i.
Esempio 19.
rotto spontaneamente

G = SU (L)L SU (L)R = SU (L)V SU (L)A

simmetria residua esatta (i.e. |i `e invariante sotto H).

H = SU (L)V , cio`e H rimane come

Nota. Se QA |i = QB |i = 0, allora [QA , QB ]|i = 0, quindi linsieme dei generatori non rotti
costituisce una sottoalgebra dellalgebra di G. I generatori vettoriali QVa non sono rotti, mentre i generatori
2
A
assiali QA
6 0. Esisteranno di conseguenza almeno L2 1 bosoni
a , a = 1, . . . , L 1 lo sono, Qa |i =
di Goldstone aventi massa zero, spin zero e parit`a 1 (essendo i QA
a pseudoscalari). Nel caso L = 2,
G = SU (2)V SU (2)A , abbiamo tre bosoni di Goldstone con J P = 0 , che vennero identificati nei
tre pioni , 0 (m 140 MeV  mp 1 GeV), i quali sono gli adroni pi`
u leggeri (non hanno
propriamente massa nulla perche i quarks non hanno massa nulla; il termine di massa dei quarks rompe
esplicitamente la simmetria e corregge le masse previste per i bosoni di Goldstone a 140 MeV; si dice
che , 0 sono pseudobosoni di Goldstone).
Nel caso L = 3 abbiamo otto bosoni di Goldstone con J P = 0 , cio`e lottetto dei mesoni pseudo-scalari
0
K , K , K 0 , K + , , 0 , + , .

15.1

Parametro dordine per la QCD

Scegliamo come operatori interpolanti pseudoscalari 5 Tb (0). Si ha

da cui

1
[QA
a (0), 5 Tb (0)] = {Ta , Tb }(0, 0) = ab (0, 0) dabc Tc (0, 0)
L

(15.6)

1
h|[QA
a (0), 5 Tb (0, 0)]|i = ab h|(0, 0)|i
L

(15.7)

In quanto h|Tc (0, 0)|i = 0 per linvarianza di |i sotto il sottogruppo di simmetria residuo SU (L)V .
Nota. Siano A, B {1, . . . , L} due indici di flavor. Definiamo CBA h| A B |i. SU (L)V `e esatta,
quindi `e implementata da un operatore unitario U tale che U |i = |i. Allora
0

0
CBA = h|U A B |i = h|U A U U B U |i = h| A B
|i

= h| C VCA
VBD D |i = VBD h| C D |iVCA

= VBC CDC VCA


(V CV )BA

Quindi C = V CV , cio`e [C, V ] = 0 per ogni V . C commuta con tutti gli elementi di una rappresentazione
irriducibile di SU (L)V , per il lemma si Schur di conseguenza C = 1LL . Possiamo scrivere
CBA = AB ,

L
1 X
1
h| A A |i h||i
L
L
A=1

e pertanto
h|Tc |i = h| A (Tc )AB B |i = (Tc )AB CBA = AB (Tc )AB = trTc = 0
In definitiva, il paramentro dordine della QCD `e
1
h|[QA
a (0), 5 Tb (0, 0)]|i = ab h|(0, 0)|i
L

73

(15.8)

e prende il nome di condensato chirale. Si ha che h|(0, 0)|i 6= 0, quindi la simmetria chirale `e
spontaneamente rotta. Con gli stessi passaggi adattati si dimostra che anche la U (1)A `e rotta (ma non si
sa in quale modo). Misurando il condensato chirale in funzione della temperatura, si trova che esiste una
certa temperatura di soglia Tc tale che per T > Tc la simmetria chirale `e restaurata, i.e. hi = 0. La
temperatura di soglia `e Tc 150 170 MeV = 2 1012 K. Inoltre, per T > Tc , la tensione di stringa
va anchessa a zero. Si ha in queste condizioni un plasma quark-gluone in cui non c`e pi`
u confinamento.

15.2

Modello sigma di Gell-Mann e Levy

Consideriamo la Lagrangiana
LGL = i g + ig~ 5~ + L


(15.9)

p
, ~ = (1 , 2 , 3 ) (con 3 0 ), `e un mesone scalare (P = +1) e isoscalare (t = 0) e ~
n
sono le matrici di Pauli. Gli adroni sono dati da
1 2
=
2

dove =

~ ha J P = 0 , e
L =

1
1
+ ~ ~ V ( 2 + ~ 2 )
2
2

(15.10)

Definiamo quindi il campo



= 1 + i~ ~ =

+ i3
2 + i1

2 + i1
i3


(15.11)

avente le propriet`
a
= = ( 2 + ~ 2 )1
2

det = + ~

(15.12)
(15.13)

Unando il campo , possiamo scrivere


LGL = i g L R g R L + L


1
1
tr[ ]
L = tr[ ] V
4
2

(15.14)

Questo modello gode di una simmetria chirale G = SU (2)L SU (2)R :


0
L L
= VL L
0
R R
= V R R

0 = VL VR

con VL , VR SU (2). La trasformazione del campo `e lecita in quanto = 2 + ~ 2 U , con U SU (2)


e quindi
p
p
p
0 = VL VR = 2 + ~ 2 VL U VR = 2 + ~ 2 U 0 = 2 + ~ 2 (n00 1 + i~n0 ~ )
| {z }
SU (2)

con (n00 )2 + (~n0 )2 = 1, cio`e 0 = 0 1 + i~ 0 ~ e ( 0 )2 + (~ 0 )2 = 2 + ~ 2 . Possiamo pertanto scrivere le


correnti conservate: per una trasformazione infinitesima (Ta = a /2)
VL ' 1 + iaL Ta ,

VR ' 1 + iaR Ta

e
= L + R = iaR Ta R + iaL Ta L i(a + a5 5 )Ta
a + aL
a aR
a = R
a5 = L
2
2
= iaL Ta iaR Ta 1 + i~ ~
= ~5 ~
~ = ~ ~ + ~5
74

1. Correnti vettoriali SU (2)V : aL = aR a , a5 = 0.


V = ia Ta ,

V = 0,

V ~ = ~ ~

Va = Ta + abc b c

(15.15)

2. Correnti assiali SU (2)A : aL = aR a5 , a = 0.


A = ia5 5 ,

A = ~5 ~ ,

A~ = ~5

Aa = 5 Ta ( a ) + ( )a

(15.16)

Specifichiamo adesso la forma del potenziale: prendiamo V del tipo

V =
4

1
tr[ ] + A2
2

2
=

2
( + ~ 2 + A2 )2
4

(15.17)

Lo stato di vuoto della teoria `e dato dal minimo del potenziale, cio`e = 0, ~ = 0, ed `e invariante sotto
G.

1
L = ( + ~ ~ ) (A4 + 2A2 ( 2 + ~ 2 ) + ( 2 + ~ 2 )2 )
2
4
Segue che la realizzazione `e alla Wigner-Weyl con m2 = m2 = A e non c`e rottura spontanea di
simmetria. Cambiamo quindi forma del potenziale: prendiamo adesso
V =

1
tr[ ] v 2
2

2
=

2
( + ~ 2 v 2 )
4

(15.18)

Adesso lo stato di vuoto `e dato da 2 + ~ 2 = v 2 . Senza perdere generalit`a (`e sufficiente una ridefinizione
dei campi), possiamo scegliere lo stato |i corrispondente a ~ = 0, = h||i = v. Ridefniamo come
0 v, cos` che h| 0 |i = 0. Sostituendo nella Lagrangiana e sviluppando il potenziale otteniamo
L =

( 0 0 + ~ ~ ] [(v + 0 )2 + ~ 2 v 2 ]2
2
4
0
2
(v + 2 0 v + 2 + ~ 2 v 2 )2
4
0

(2 0 v + ~ 2 + 2 )2
4
0
0
0

[4v 2 2 + 4v 0 ( 2 + ~ 2 ) + ( 2 + ~ 2 )2 ]
4

da cui segue che m = 0 (in quanto non figura il termine quadratico nel campo ~ ) e m0 = 2v 2 . Quindi
1 , 2 , 3 sono i tre bosoni di Goldstone, mentre la parte vettoriale continua ad essere realizzata, cio`e
rompe
G = SU (2)L SU (2)R H = SU (2)V . Scriviamo adesso le cariche costanti associate alle correnti
conservate
Z
Z
QVa (t) = d3 x Va0 (x, t),
QA
(t)
=
d3 x A0a (x, t)
a
e calcoliamone i commutatori con i campi:
A
[QA
a (t), (0)] = [Qa (0), (0)] = ia

[QVa (t), (0)] = [QVa (0), (0)] = 0


[QVa (t), b (0)] = [QVa (0), b (0)] = iabc c

(15.19)

Questi tre commutatori hanno valore daspettazione nullo sul vuoto. Invece il commutatore
A
[QA
a (t), b (0)] = [Qa (0), b (0)] = iab

75

(15.20)

ha valore daspettazione h|[QA


a (t), b (0)]|i = iab h||i = iab v 6= 0, quindi siamo nella situazione
di applicabilit`
a del teorema di Goldstone.
Osservazione. Se nella corrente assiale (quella rotta) sostituiamo 0 + v, si ha
Aa = 5 Ta ( a ) 0 + ( 0 )a v a

(15.21)

La presenza del termine v a , lineare nei campi a (gli altri termini sono bilineari in ~ , 0 ) `e segnale
di rottura di simmetria. Calcoliamo quindi lelemento di matrice

h|Aa (x)|b (p)i = vh| a (x)|b (p)i = v h|eiP x a (0)eiP x |b (p)i



= v eipx h|a (0)|b (p)i = ivp eipx h|a (0)|b (p)i
{z
}
|
ab

= ivp e

ipx

ab

Inoltre si ha
h| Aa (x)|b (p)i = vp2 eipx ab
Ma Aa `e conservata, quindi vp2 = 0. Se v 6= 0, allora p2 = 0, cio`e il pione `e proprio un bosone di
Goldstone.
Ricordiamo adesso che h|A (0)| (p)i = if p , dove f 130 MeV `e la costante di decadimento
del pione e A u 5 d `e la parte assiale della parte adronica della corrente elettrodebole,


1 + i2
0 1
A = (q) 5
(q) = (q) 5 T1 (q) + i (q) 5 T2 (q) A1 + iA2
(q) = (q) 5
0 0
2
(15.22)
e che
|1 (p)i i|2 (p)i

| (p)i =
2
mettendo insieme i vari pezzi, otteniamo
h|A (0)| (p)i = h|(A1 (0) + iA2 (0)|

|1 (p)i i|2 (p)i

2ivp = if p

da cui v = f / 2. Per convenienza si pone F f / 2, per cui v = F 92 MeV. Infine


=

h|Aa (0)|b (p)i = iab F p


(N.L.)

Osservazione. A b = 5,b = 5,b ( 0 + v) = 5,b v + 5,b 0 = A


alla non-linearit`
a della trasformazione.

(15.23)
(L)

b + A b . Il termine 5,b v porta

Nella Lagrangiana di Gell-Mann e Levy non abbiamo inserito temrini di massa, cio`e abbiamo supposto
i nucleoni non massivi,
LGL = i g + ig~ 5~ + L
Dopo la ropttura spontanea di simmetria ( 0 + v), spunta un termine di massa:
LGL = i gv g 0 +
Otteniamo cos` la relazione di Goldberger-Treiman:
gv gN N F MN

(15.24)

Nota.
(NL)

Mn A () + igA

~ 5~ = 0

(L)

gA ( 0 ) + igA ~ 5~ + ig~ A (5~ ) = 0


Il termine non lineare fa s` che la variazione del termine di massa si cancelli con la parte non lineare della
variazione del campo ~ , cos` che LGL rimanga invariante.
76

15.3

Decomposizione polare e modello sigma non lineare

~
Prendiamo un campo reale S(x) e una terna di campi reali (x).
Decomponiamo quindi il campo (x)
come
!
~
i~

~
~
(15.25)
(x) = (v + S(x))U ((x)),
U ((x))
exp
v
da confrontare con
(x) = (x)1 + i~ ~ (x) = (v + 0 (x))1 + i~ ~ (x)
Si ha innanzitutto

(15.26)

= = ( 2 + ~ 2 )1 = (v + S)2 1
cio`e (v + S)2 = 2 + ~ 2 e da questa relazione possiamo ricavare S al primo ordine:
p
p
S = 2 + ~ 2 v = ( 0 + v)2 + ~ 2 v
"r
#
2 0
( 0 )2 + ~ 2
=v
1
1
+
v
v2


0
0 2
2
'v 1+
1 + O(( ) , ~ )
v
= 0 + O(( 0 )2 , ~ 2 )

(15.27)

~ ' 1 + i~ /v,
~
Inoltre, al primo ordine U ()
da cui segue
~
(x)
= ~ (x) + O(( 0 )2 , ~ 2 )

(15.28)

Possiamo anche usare la relazione


e
ottenendo

~
i~
/v

= cos

~
||
v

~
~
1+i
sin
~
||

= v + 0 = (v + S) cos

~ (v + S) sin
~ =

~
||

~
||
v

~
||
v

~
||
v

(15.29)

Vediamo quindi come diventa la trasformazione di simmetria in termini dei nuovi campi. Sotto trasformazioni di G, 0 = VL VR , che si traduce in
S S0 = S
U U 0 = VL U VR
~ trasformano in modo in generale non lineare.
cio`e il campo S `e invariante mentre i campi
Per trasformazione vettoriale VL = VR V la trasformazione di U `e lineare, infatti
"
#
~
V ~ V
~
0

i~
/v

U = V UV = V e
V = exp i
v
"
#
~0
~
~ 0 = V V
~
exp i
,

v
Per trasformazione assiale VL = VR A infinitesima, si ha




a
a a
a
U 0 = AU A ' 1 + ia +
1+i
+
1 + ia +
2
v
2
ia a
=1+
+ ia a +
v
77

~ trasforma in
da confrontare con U 0 = 1 + ia 0a /v. Vediamo quindi che per trasformazione assiale
maniera non lineare
0a = a + a v
(15.30)
~
Riscriviamo quindi L in termini di S e :

2
v2
S
1

L
1+
tr[ U U ] + ( S S 2v 2 S 2 ) vS 3 S 4
4
v
2
4
Infatti, = ( S)U +(v +S) U e = ( S)U +(v +S) U . Sviluppando il prodotto, i termini
misti sono nulli: ( S(v + S)tr[U U + ( U )U ] = ( )tr[ (U U )] = ( )tr[ 1] = 0 e similmente
per laltro termine misto. Rimaniamo quindi con
1
1
1
tr[ ] = S S + (v + S)2 tr[ U U ]
4
2
4
Dallo sviluppo del potenziale
2
2

(v + S)2 v 2
[ + ~ 2 v 2 ]2 =
4
4

2 2
2 2
= (2vS + S ) = v S + vS 3 + S 4
4
4

V =

Adesso nella Lagrangiana i campi scalari e pseudoscalari sono disaccoppiati. Possiamo estremizzare la
situazione con il limite , che corrisponde a m2S = 2v 2 , cio`e S 0, che disaccoppia
totalmente il campo scalare. In questo limite troviamo il modello sigma non lineare:
v2
tr[ U U ]
4

L (S 0) =

(15.31)

che descrive solo i bosoni di Goldstone a energie pi`


u basse della massa del campo scalare.

15.4

Lagrangiana chirale efficace

Vogliamo adesso costruire una teoria effettiva che abbia come gradi di libert`a i bosoni di Goldstone che
vengono dalla rottura spontanea della simmetria chirale (che chiameremo per semplicit`a pioni ) tale che
preservi tutte le simmetrie della teoria fondamentale.
Variabili di campo di Leff : BOSONI DI GOLDSTONE.
Sia G il gruppo di simmetria chirale e g un suo elemento. Se ~ `e la variabile di campo del pione, allora
la legge di trasformazione sotto g G sar`a data da ~ 0 = f (g, ~ ) e non `e lineare. Affinche si abbia una
rappresentazione del gruppo chirale deve essere
f (g1 , f (g2 , ~ )) = f (g1 g2 , ~ )
Nota. Se abbiamo rottura spontanea G H, con
H = {h G | f (h, 0) = 0}
sottogruppo di G, cio`e f (h1 h2 , 0) = f (h1 , f (h2 , 0)) = f (h1 , 0) = 0, h1 , h2 H, h1 h2 H. Adesso, siano
g G, h H, allora
f (gh, 0) = f (g, f (h, 0)) = f (g, 0)
Per ogni g G e h H. Abbiamo quindi una relazione di equivalenza:
g g0

h H tale che g 0 = gh

(15.32)

con f (g, 0) = f (g 0 , 0).

Definiamo a questo punto ~ = f ( g , 0). Nel nostro caso G = SU (L)L SU (L)R , H = SU (L)V , quindi


g =V L V R = nh, h SU (L)V , infatti

g =V L V R V R V R = (V L V R 1) (V R V R )
|
{z
}|
{z
}
n

78

hH

cio`e
1

n =V L V R 1 U 1

h =V R V R V V
Legge di trasformazione.
0

g = g g = (VL VR )(U V V ) = VL U V VR V = VL U VR VR V VR V
= VL U VR 1)(VR V VR V ) n0 (VR V VR V )

con n0 = U 0 1 e U 0 = VL U VR . Scegliamo per U le coordinate canoniche:


U =e

2
NX
1

a a ,

tr(a b ) = 2ab

(15.33)

Leff = f0 (U ) + f2 (U ) U U + O(p4 )

(15.34)

a=1

Sotto G = SU (L)L SU (L)R quindi U U 0 = VL U VR .


Sviluppo a basse energie (i.e. fino allordine O(p2 )).

Non abbiamo termini con una sola derivata in quanto romperebbero linvarianza di Lorentz. Imponiamo
adesso che Leff sia invariante sotto G : U U 0 = VL U VR : abbiamo che f0 (U ) deve dipendere solo da
tr(U U ), ma U U = 1, quindi f0 (U ) `e una costante che possiamo omettere. Definiamo adesso
iU U

(15.35)

Si ha che loperatore `e hermitiano, = e, sotto lazione del gruppo chirale G:


0 = iU 0 U 0 = iVR U VL VL U VR = VR (iU U )VR = VR VR

(15.36)

cio`e `e invariante per SU (L)L . Possiamo scrivere la combinazione f2 (U ) U U =f 2 (U )

. Sotto trasformazione SU (L)L , U U 0 = VL U (VR = 1), allora f 2 (U ) deve essere costante in quanto
il prodotto `e invariante. La particolare combinazione di e si ottiene dallimposizione
dellinvarianza sotto il gruppo di simmetria chirale completo. Abbiamo due possibili candidati:
tr[ ],

tr[ ]tr[ ]

ma tr[ ] = 0. Infatti, se usiamo la relazione


eM =

ds esM M e(1s)M

(15.37)

abbiamo che (U = eM )

Z
tr[U U ] = tr[eM eM ] = tr eM

ds esM M e(1s)M

Z
=

ds tr[ M ] = trM = 0
0

in quanto U SU (L).
Nota. Se U 6 SU (L), allora tr 6= 0 e quindi dobbiamo tenere entrambi i termini.

79

In conclusione, allordine O(p2 ) si ha


(2)

Leff = gtr[ ] = gtr[ U U ],

U = ei

(15.38)

con g, costanti da determinare. Abbiamo dunque bisogno di due condizioni per fissarle. La prima viene
immediatamente dalla corretta normalizzazione del termine cinetico del . Sviluppando la Lagrangiana
in potenze dei campi :
U = ei ' 1 + i +
U ' i +

U ' i + ,
da cui
(2)

Leff ' g2 tr[ ] = g2 a b tr[a b ] = 2g2 a a


dove abbiamo utilizzato la condizione di normalizzazione tr[a b ] = 2ab . Abbiamo di conseguenza la
prima condizione per le costanti g, :
1
(15.39)
2g2 =
2
Per ricavare la seconda condizione, scriviamo le correnti di Noether vettoriali Va ed assiali Aa :
Va = igtr(a [ U, U ])
Aa = igtr(a { U, U }) ' igtr(a {i , 1})
= 2gtr(a b b ) = 2g 2ab b
!

= 4g a = F a
da cui otteniamo
4g = F

(15.40)

Risolvendo le due relazioni trovate per g e si trova


1
F
F
F2
g=
=
4
4

(15.41)

Quindi U = ei/F e
(2)

Leff =

F2
tr[ U U ]
4

80

(15.42)

16

Rottura esplicita della simmetria chirale

Aggiungiamo adesso alla Lagrangiana della QCD nel limite chirale un termine di massa
(M =0)

(M )

LQCD = LQCD + LQCD

(16.1)

dove
(M )

LQCD = M = L M R R M L ,

M = diag(m1 , . . . , mL )

(16.2)

Questo termine non `e invariante sotto G = SU (L)L SU (L)R , per`o possiamo renderlo tale rimpiazzando
formalmente M M, dove M `e un arbitraria matrice complessa:
(M )

(M)

LQCD LQCD = R ML L M R
Questo termine `e invariante sotto G se M M0 = VR MVL . Trasportiamo quindi questa propriet`a alla
(M)
Lagrangiana chirale efficace: cerchiamo un termine di rottura esplicita Leff invariante sotto G : U

U 0 = VL U VR se M M0 = VR MVL . Allordine pi`


u basso (i.e. lineare in M e senza derivate) si trova
(M)

Leff

= f (U ) M =

Reinseriamo la M fisica:
(M )

Leff =


F2 
Btr[MU ] + B tr[M U ]
2


F2 
Btr[M U ] + B tr[M U ]
2

(16.3)

(16.4)

Imponendo linvarianza sotto parit`


a:
P

(x) (x0 )

U (x) U (x0 )

si ottiene la condizione B = B, da cui


(M )

Leff =

F2
Btr[M (U + U )]
2

(16.5)

In definitiva, la Lagrangiana chirale efficace con il termine di rottura esplicita `e data da



F2 
tr[ U U ] + 2Btr[M (U + U )]
2

(2)

Leff =

16.1

(16.6)

Caso L = 2

Se consideriamo solo i primi due quarks leggeri, lup e il down, abbiamo



M=

mu
0


0
,
md

U = ei/F ,

3
X

a a

(16.7)

a=1

Per SU (2) possiamo usare la parametrizzazione


U =e

~ /2
i~

da cui

U + U = 2 cos

~
||
2

= cos

~
||
2

~
122 + i
~ sin
~
||


122 = 2 cos

|~ |
F

~
||
2

!
(16.8)



~ 2
122 = 2122 1
+

2F2

Quindi
(M )



1 2
~ 2
F Btr[M (U + U )] = F2 Btr(M ) 1
+

2
2F2
1
= F2 B(mu + md ) B(mu + md )~ 2 +
2

Leff =

81

(16.9)

Abbiamo ottenuto cos` un termine di massa per i pioni, con M2 = B(mu + md ).


Scriviamo adesso lespressione del condensato chirale:
h| f f |i h|
Si ha

Leff
LQCD
!
|i = h|
|i
mf
mf

Leff
1

1
= F2 B
tr[M (U + U )] = F2 B(U + U )f f
mf
2
mf
2

(16.10)

Inoltre h|U |i = h|U |i = 1 (non ci sono ), pertanto otteniamo che la costante B `e legata al
condensato chirale, che allordine pi`
u basso non dipende dal flavor:
h| f f |i = F2 B

(16.11)

Inserendo lespressione per la massa quadra del pione, otteniamo la relazione di Gell-Mann, Oakes,
R`enner :
(mu + md )h| f f |i = F2 M2
(16.12)

16.2

Diffusione pione-pione

Sviluppando la Lagrangiana chirale efficace allordine O( 4 ) ricaviamo i termini di interazione tra i pioni.
Per L generico
i 3
2

2
F
2F
6F3

i
i 
1
U =
[( ) + ( )]
( ) 2 + ( ) + 2 ( )

F
2F2
6F3
F2
1
1
tr[ U U ] = a a +
tr {[ , ][ , ]}
4
2
48F2
1
1
fabe fcde ( a )b ( c )d
= a a
2
6F2
U =1+i

Per L = 2, fabc = abc e abe cde = deltaac bd ad bc , da cui




1
1
1
M2 2 2
(2)

(~

)
Leff ' F2 M2 + ~ ~ M2~ 2 +
(~

)(~

(
~

)
+

2
2
6F2
4

(16.13)

In questa situazione, lampiezza di diffusione A + B C + D `e data da


MA B C D =


1 
AB CD (s M2 ) + AC BD (t M2 ) + AD BC (u M2 )
F2

(16.14)

dove s, t, u sono le variabili di Mandelstam


s = (pA + pB )2 = (pC + pD )2
t = (pA pC )2 = (pB pD )2
u = (pA pD )2 = (pB pC )2
s + t + u = 4M2

In termini delle componenti cariche | i = (|1 i i|2 i)/ 2, | 0 i = |3 i,


s + t + u 3M2
M2
= 2
2
F
F
t M2
M+ 0 + 0 =
F2
t + u 2M2
2M2 s
M+ + + + =
=
2
F
F2

M0 0 0 0 =

82

(16.15)

La Lagrangiana chirale efficace pu`


o essere scritta nel caso L = 2 anche in coordinate stereografiche:
(2)

Leff =

16.3

1
M2~ 2
1 ~ ~





2
2
2
~ 2
~ 2
1
+
1+
4F2
4F2

(16.16)

Caso L = 3

Se consideriamo anche il quark strange, avremo

mu 0
0

2
M = 0 md 0 ,
+ ,
U = ei/F ' 1 + i

F
2F2
0
0 ms

8
X

a a

(16.17)

a=1

Inoltre U + U ' 2 1 2 /F2 + . Sviluppando allordine O( 2 ) otteniamo


(M )

1 2
1
F Btr[M (U + U )] = F2 Btr(M ) Btr[M 2 ] +
2
2
1
= F2 B(mu + md + ms ) Btr[M a b ]a b
2
1
= F2 B(mu + md + ms ) Btr [M {a , b }] a b
4

Leff =

(16.18)

quindi
1
1
(2)
Leff = F2 B(mu + md + ms ) + a a Btr [M {a , b }] a b
(16.19)
2
4
Usiamo adesso le relazioni (ricordando che M `e diagonale sar`a combinazione dei generatori lineari e
dellidentit`
a)
4
ab 1 + 2dabc c
3
= 0 1 + 3 3 + 8 8
1
= (mu + md + ms )
3
1
= (mu md )
2
3
=
(mu + md 2ms )
6

{a , b } =

(16.20)

(16.21)

0
3
8

(16.22)

La matrice di massa quadra `e data da


1
Btr [M {a , b }]
2
e si trova che i generatori 1 , 2 , 4 , 5 , 6 , 7 sono gi`a diagonali, con masse quadre date da
M2ab =

(16.23)

M21,2 = 2B m
= M2
2
M24,5 = B(mu + ms ) = MK

2
M26,7 = B(md + ms ) = MK
0 ,K 0
0

dove m
= (mu + md + ms )/2 e , K , K 0 , K sono gli stati fisici, legati ai generatori da
1 i2

i
4
5
K =
2

i
6
7
K0 =
2
6 + i7
0

K =
2

83

(16.24)

mentre 3 , 8 non sono diagonali, ma mescolano con

2B m

M2(3 ,8 ) = 1
B(mu md )
3

1
B(mu md )

2
+ 2ms )
3 B(m

(16.25)

Il termine fuori diagonale rappresenta una violazione forte della simmetria SU (2) di isospin. Diagonalizzando questa matrice si trovano gli stati fisici 0 , 0 :
 0 
 

cos
sin
3
=
(16.26)
0
sin cos
8
dove `e langolo di mixing, definito da

tan =

3 md mu
1
4 ms m

(16.27)

Nel limite   1:
 + O(2 )
M20 = 2B m
+ 2ms ) +  + O(2 )
M20 = 2B(m
B (mu md )2
4 ms m

=

16.4

(16.28)

Correzioni elettromagnetiche alle masse

Teorema 7 (Dashen).
Z
Hem =

d3 x |e|Jem
A

con

2
3

Q=
0

J = Q,


u
= d ,
s

(16.29)

0
1

3
0

Calcoliamo adesso i commutatori (allo stesso tempo):

[QVa , Jem
]t = [Ta , Q]

5
[QA
a , Jem ]t = [Ta , Q]

Ricordando che Q = T3 +

Y
2

= T3 +

T8

(16.30)

otteniamo

[Q, T3 ] = [Q, T8 ] = [Q, U ] = 0


(16.31)

dove U = T6 iT7 , U3 = 12 ( 32 Y T3 ) = 12 ( 3T8 T3 ), mentre V = T4 iT5 , V3 = 21 ( 3T8 + T3 ). Allora


Q commuta con tutto lU -spin, mentre i generatori del V -spin (tranne V3 ) sono rotti. Concludiamo che
linterazione elettromagnetica rompe la simmetria chirale e rimane una simmetria residua generata dal
sottogruppo di U -spin.

(Uspin)
(Uspin)
(V )
(V )
Hem `e invariante sotto G= SU (2)L
SU (L)R
U (1)L 3 U (1)R 3 , e anche Htot =
(M =0)
HQCD + Hem . Ripetendo il discorso fatto per la simmetria chirale, troviamo che abbiamo rottura

(Uspin)

(V )

spontanea GH = SU (2)V
U (1)V 3 .
Quattro generatori assiali rotti corrispondono a quattro bosoni di Goldstone dati dai mesoni scarichi,
che rimangono a massa zero nel limite chirale:
0

A
A
A
( 0 , K 0 , K , 0 ) (QA
3 , Q6 iQ7 , Q8 )

84

mentre [Q, T ] = T , [Q, V ] = V , cio`e i mesoni carichi acquistano massa. La correzione in massa
(Uspin)
sar`
a uguale per i doppietti di U -spin ( + , K + ) e ( , K ), in virt`
u della simmetria residua SU (2)V
che rimane esatta nel limite chirale:

[QV6 iQV7 , Jem


]=0

[QV6 iQV7 , Hem ] = 0

[QV6 iQV7 , Htot ] = 0

Dato che
|K + i = (QV6 + iQV7 )| + i
si ha
Htot |K + i = (QV6 + iQV7 )Htot | + i = Mem ( + )(QV6 + iQV7 )| + i = Mem ( + )|K + i
Adesso possiamo correggere le masse dei mesoni carichi aggiundendo lo stesso termine costante:
2
M2 = B(mu + md ) + Mem
2
2
MK
= B(mu + ms ) + Mem

M20 = B(mu + md ) 
2
= B(md + ms )
MK
0 ,K 0

M20 =

B
(mu + md + 4ms ) + 
3

(16.32)

da queste relazioni, usando i dati sperimentali per le masse degli adroni, possiamo determinare i rapporti
tra le masse dei quarks:
1
2
2
(M 2
0 + MK M )
2 K 0 ,K
1
2
2
2
Bmd = (MK
MK
+ M )
0 ,K 0
2

2
2
MK
M = B(ms md )

Bms =

2
= B(md + ms )
MK
0 ,K 0

da cui

ms
' 20.18
md

(16.33)

usando i dati sperimentali M 139.57 MeV, M0 134.98 MeV, MK 493.68 MeV, MK 0 ,K 0


497.61 MeV, M0 547.85 MeV. Se trascuriamo , si trova M20 = B(mu + md ), da cui Bmu =
2
2
M20 Bmd . Usando quanto trovato precedentemente, si ottiene Bmu ' M20 (M 2 0 0 MK
+M )/2
K ,K
da cui ricaviamo
mu
mu
(16.34)
' 0.56
' 0.028
md
ms
2
2
2
Inoltre 3M20 = B(mu + md + 4ms ) = M20 + 4Bms = M20 + 2(MK
0 + MK M ), da cui si ottiene
2
2
3M20 + 2M2 M20 = 2(MK
0)
+ M 0
K ,K

Relazione di Gell-Mann e Okubo

(16.35)

(G.M.0)

Da questa relazione possiamo estrarre una previsione della massa dell 0 , M0


566 MeV da
confrontare con il valore sperimentale M0 547.85 MeV. La discrepanza `e dovuta al mescolamento tra
ottetto e singoletto (M0 957.78 MeV).
Possiamo quindi calcolare i valori delle correzioni elettromagnetiche e di violazione dellisospin:
2
Mem
= M2 Bmu Bmd 1242 MeV2

=

B (mu md )2
29 MeV2
4 ms m

2
Dunque si ha   Mem
e quindi abbiamo una giustificazione a posteriori per averlo trascurato. Come conseguenza, la differenza tra le masse dei pioni carichi e quello scarico `e interamente dovuta alla
2
2
correzione elettromagnetica, M2 M20 = Mem
+  ' Mem
, mentre per i mesoni K:
2
2
2
MK
MK
= B(md mu ) Mem > 0
0 ,K 0

85

2
B(md mu ) > Mem

da cui
MK 0 ,K 0 =

2
Mem
B(md mu )

= (5.2 1.3) MeV


MK 0 ,K 0 + MK
MK 0 ,K 0 + MK

(16.36)

cio`e vince il termine forte su quello elettromagnetico.

Se invece non avessimo considerato la correzione elettromagnetica, avremmo trovato B mu = M2


Bmd = MK Bms = 7789 MeV2 , con Bmd , Bms uguali a prima in quanto indipendenti dalla correzione
elettromagnetica. Questo valore porta ad un valore teorico per la massa del pione scarico

M 0 =

M2

B (mu md )2

4 m m

!1/2

M2

1 (B mu Bmd )2

4 Bm B m

!1/2
139.51 MeV

(16.37)

che `e sostanzialmente errato.


Per determinare le masse dei singoli quarks abbiamo bisogno di un input che non ci viene fornito dalla
QCD. I metodi per determinarle non sono altamente rigorosi. Consideriamo per esempio nellottetto dei
mesoni vettoriali J P = 1 i due mesoni K + (us), + (ud), con MK + 892 MeV, M+ 770 MeV e
proviamo a dire che MK + M+ ms md , cio`e che possiamo scrivere
(0)

M+ = M+ + mu + md
(0)

MK + = MK + + mu + ms
(0)

(0)

con MK + = M+ (valori delle masse nel limite chirale). Si ha allora


1

122 MeV
md
=
ms
ms (MeV)

ms =

122 MeV
122 MeV
md ' 1 0.05 128 MeV
1
ms

(16.38)

e di conseguenza
mu
ms 3.6 MeV
ms
md
md =
ms 6.4 MeV
ms
mu =

Queste stime sono molto grossolane, per`


o, nonostante tutto, sullordine di grandezza ci abbiamo preso.

86

17

Simmetria U (1)A

Questa simmetria non `e realizzata alla Wigner-Weyl, per lo stesso motivo della SU (L)A . Possiamo
azzardare come prima ipotesi che la U (1)A sia rotta spontaneamente alla Goldstone. Esister`a pertanto
un bosone di Goldstone con gli stessi numeri quantici di Q5 i, che `e un singoletto mesonico. Il candidato
nello spettro `e l 0 .
Estendiamo innanzitutto i gradi di libert`
a della teoria efficace per includere anche il singoletto:
!
8

i X
U = exp
a a SU (3) U U eiS0 /F U (3)
(17.1)
F a=1
con 0 = cost p
1. Determiniamo la costante tramite la condizione di normalizzazione tr(20 ) = 2,
ottenendo cost = 2/3, quindi
"
!#
r
8

i X
2
a a +
S1
U = exp
F a=1
3
A priori, la costante di decadimento potrebbe essere diversa, scriviamo allora Fs = F /:
"

i
U = exp
F

8
X

r
a a + S

a=1

2
1
3

!#
(17.2)

Con questa, scriviamo la pi`


u generale Lagrangiana efficace (sensata):

= iU U i U U

Adesso, abbiamo sempre = , invariante sotto VL , ma non `e pi`


u a traccia nulla: tr S.
Allora
h i

(2)
Leff = I1 tr + I2 tr[ ]tr[ ] + I3 tr[M (U + U )]
con I3 = F2 B/2 (termine di rottura esplicita). Dalle normalizzazioni dei termini cinetici dellottetto e
del singoletto determiniamo I1 , I2 :
F2
4
Fs2 F2
I2 =
12
I1 =

Pertanto la Lagrangiana
(2)

Leff =




1
F2
S S + tr U U +2BM (U + U )
2
4

(17.3)

`e invariante sotto lazione del gruppo

G= SU (3)L SU (3)R U (1)A :U U =V L U V R

con V L , V R U (3) date da

i
V L = e VL ,

V R= e

VR ,

VL , VR SU (3)

(17.4)

In particolare, sotto G = SU (3)L SU (3)R (i.e. = 0), U U 0 = VL U VR , S S 0 = S. Vogliamo


adesso vedere come trasforma S sotto U (1)A (VL = VR = 1, U U 0 = U ):

0
i 2/3S/F
U = e2i U = U ei 2/3S/F +2i U ei 2/3S /F
U= Ue
87


dal confronto otteniamo S 0 = S + Fs 6, dunque possiamo scrivere

S S 0 = S + 6S

U (1)A : U U 0 = U,

(17.5)

La corrente di Noether associata alla simmetria U (1)A `e data da

J5 = 6Fs S
(17.6)

e si ha h|J5 (0)|S(p)i = i 6Fs p .


Per semplicit`
a, trascuriamo la differenza md mu e tutti i termini non diagonali 3 8 , 3 S in quanto
proporzionali ad essa. Lunica differenza con il caso dei mesoni J P = 0 `e che 8 e S mescolano con

2
2 2
B(
m

+
2m
)

B(
m

m
)
s
s

3
M2(8 ,S) = 3
(17.7)

2 2
2

B(m
ms ) 2 B(2m
+ ms )
3
3
1. Se = 1, allora gli autovalori della matrice saranno
2
M`(=1)
= 2B m
= M20
2
2
2
2
= 2Bms = MK
Mh(=1)
0 M
+ M 0
K ,K

(17.8)

mentre gli autostati saranno


r
1
2
`(=1) = 8 +
S
3
3
r
2
1
h(=1) =
8 + S
3
3
Ricordando che

1
0 (uu + dd 2ss),
6

(17.9)

1
S (uu + dd + ss)
3

inserendo in h, ` troviamo
1
`(=1) (uu + dd)
2
h(=1) ss
Questi isosingoletti non sono mai stati osservati. Gli isosingoletti reali sono , 0 , m , m0  m0 ,
quindi siamo fuori.
2. Limite di Weinberg ( 6= 1, > 0).
Diagonalizzando M2(8 ,S) in questo caso si ha che la massa dellautostato pi`
u leggero |`i `e limitata
superiormente da
6B mm
s
< 6B m
3M20
(17.10)
M`2 <
2m
+ ms
Si ottiene cos` il limite di Weinberg (1975):
M` <

3M0

(17.11)

Sperimentalmente, questo limite non `e verificato (M , M0 > 3M0 ). Concludiamo quindi che
la simmetria U (1)A non pu`
o essere rotta spontaneamente alla Goldstone a causa di unanomalia
quantistica (t Hooft, 1976).

88

18

Simmetrie anomale e non anomale

Consideriamo il gruppo di simmetria G : i 0i = i + i = i + a a i , con a parametri continui.


La corrente associata alla simmetria `e data dallespressione
Ja

X
i

L
a i
( i )

A livello classico abbiamo due casi:


1. Se G : L L0 = L, allora Ja = 0.
2. Se G : L L0 = L + L con L = a a L, allora Ja = a L.
Dimostrazione.
Dalle equazioni di Eulero-Lagrange

L
L

=0
( i )
i

Scriviamo dalla definizione la quadridivergenza della corrente:




X 
L
L

a i +
(i )
Ja =

i
( i )
i

X  L
L
=
a i +
a ( i ) a L
i
( )
i

(18.1)

(18.2)

Nota.
(i ) = (0i i ) = 0i = ( i ) = a a ( i )
= (a a i ) = a (a i )
da cui segue (a i ) = a ( i ).
A livello quantistico, usiamo il path integral:
Z
Z = [d]eiS[] ,

Z
S[] =

d4 x L(, )

Consideriamo una versione localizzata della simmetria G,


G(loc) : i (x) 0i (x) = i (x) + f a (x)a i (x)

(18.3)

con i a i (x) uguali al caso globale. Le f a (x) sono funzioni infinitesime, arbitrarie, ma tali che f a (x
) 0 sufficientemente rapidamente (vedremo dopo quanto). Usando queste propriet`a delle f a si trova
che
Z
Z
0
Z = [d]eiS[] = [d0 ]eiS[ ]
(18.4)
Luguaglianza deriva dal cambio di variabili, e non da simmetrie. In generale per trasformazioni globali
si ha [d0 ] = [d], ma per trasformazioni chirali di campi fermionici (e.g. proprio la U (1)A per i campi
dei quarks) [d0 ] 6= [d].
Nel caso in cui
[d0 ] = eiA[f ] [d]
(18.5)
dove A[f ] `e detta anomalia:
Z
A[f ] =

d4 x f a (x)Aa (x)

89

(18.6)

si trova che
Ja = a L Aa

(18.7)

Per vederlo, sviluppiamo la funzione di partizione Z[0 ] = Z[ + ]. In particolare, per lazione,


S[0 ] = S[ + f a a ] ' S[] + S, con

Z
Z
X  L
L
i +
( i )
S = S[0 ] S[] = d4 x L = d4 x
i
( i )
i


Z
X L
L
i +
(i )
= d4 x

(
i )
i
i

Z
X  L
L
= d4 x
f a (x)a i +
(f a (x)a i )
i
( i )
i


Z
X  L
L
L
a
a
4
a i +
a ( i ) f (x) +
a i f (x)
= d x
i
( i )
( i )
i
Z
= d4 x [f a (x)a L Ja f a (x)]
Integrando per parti il secondo addendo troviamo (il termine di bordo `e nullo per le propriet`a di f ):
Z

d4 x [a L + Ja (x)] f a (x)

S =

(18.8)

Sviluppiamo adesso il funzionale generatore:


Z
Z
Z
iS[]
0 iS[0 ]
Z = [d]e
= d e
= [d]eiA[f ] eiS[]+iS
Z
Z
' [d](1 + A[f ])eiS[] (1 + iS) = [d]eiS[] (1 + iS + iA[f ])
Z
= Z + [d]eiS[] (iS + iA[f ])
da cui

Z
0=

[d]eiS[]

d4 x[a L + Ja + Aa ]f a (x)

e cio`e
Ja = a L Aa

(18.9)

Se la G globale `e una simmetria, a L = 0 e di conseguenza


Ja = 0
J Aa

classico
quantistico

18.1

Anomalia abeliana (simmetria chirale & teoria di gauge non chirale)

Trasformazione dei campi fermionici (x):


n (x) Unm (x)m (x)
dove n, m sono indici (collettivi) di specie (flavor+colore+Dirac). Possiamo riscrivere la trasformazione
come
Z
Z
n (x) d4 y Unm (y) (4) (x y)m (y) d4 y Uxn,ym m (y)
(18.10)
mentre per abbiamo
(x) (x) 0 U (x) 0 =

90

d4 y (y)U xn,ym

dove U xn,ym = [ 0 U (y) 0 ]nm (4) (x y). Vogliamo capire come cambia la misura dellintegrale [dd].
Nota. Se consideriamo N variabili di Grassmann 1 , . . . , N , allora una generica funzione di esse pu`
o
essere sviluppata come
X
X
f () = f0 +
fi i +
fij i j + + FN N 1
i

i<j

Z Y
N

di f () = FN

i=1

Se consideriamo adesso una trasformazione lineare


X
=
Aij j
j

con A matrice costante N N e 1 , . . . , N variabili di Grassmann, allora


f (()) = + FN (det A)N 1
dove abbiamo tenuto solo lunico termine rilevante allintegrale. Infatti, usando lanticommutativit`a della
variabili di Grassmann si ha
X
X
1 N =
A11 AN N 1 N =
A11 AN N 1 N 1 N = (det A)1 N
1 ,...,N

1 ,...,N

Dunque
Z Y
N

di f (()) = FN det A

i=1

e
Z

Z
Z
N
[d]
1 Y
di f (())
f (()) = FN = [d] f ()
det A i=1
det A

da cui
Nel nostro caso

[d] = [d] det A

(18.11)

[d d 0 ] = (det U det U)1 [dd]

(18.12)

Abbiamo adesso due casi:


1. Trasformazione non chirale: U (x) = ei(x)t , con t matrice hermitiana negli indici di colore e sapore
e identit`
a negli indici di Dirac. Allora U U = U U = 1. Da questo segue che UU = UU = 1, ossia
U `e una matrice pseudo-unitaria, e quindi det U det U = det(UU) = 1, cio`e per trasformazioni non
0
chirali non c`e anomalia, in quanto [d d 0 ] = [dd].
2. Trasformazione chirale: U (x) = ei(x)5 t , con t avente le stesse propriet`a del caso precedente. In
questo caso per`
o U `e pseudo-hermitiana, i.e. U = U in quanto
U = 0 U 0 = 0 ei5 t 0 = ei5 t = U
Allora

[d d 0 ] = (det U)2 [dd]

(18.13)

Calcoliamo il determinante:


Uxn,ym = Unm (x) (4) (x y) = ei(x)5 t
da cui (possiamo esponenziare lidentit`a gratuitamente)
U = ei5 t 1(x) = ei5 t1(x)
91

nm

1xy

Quindi
det U = e

tr ln U

 Z


4
(4)
= exp tr[i5 t 1(x) ] = exp i d x (x) (x x)trD,C,F (5 t)

(18.14)

dove la traccia `e estesa agli indici di Dirac (D), di flavor (F), e di colore (C). Adesso


Z
R 4
!
2
4
(4)
(det U) = exp 2i d x (x) (x x)trD,C,F (5 t) = ei d x (x)A(x)
da cui otteniamo lespressione dellanomalia
A(x) = 2tr(5 t) (4) (x x)

(18.15)

Questo oggetto `e mal definito e occorre pertanto regolarizzarlo.

18.2

Regolarizzazione gauge-invariante dellanomalia

Riscriviamo lanomalia come


2

( "

/x
D
M2

A(x) = 2 tr 5 tf

!#

(4)

(x y)

(18.16)
yx

con Dx = x + igTa Aa (x), M `e il cut-off ultravioletto (alla fine manderemo M ). f `e quasi


arbitraria, in quanto deve soddisfare
!
2
/x
D
!
lim f
= f (0) = 1
M
M2
lim f (s) = 0

lim sf 0 (s) = lim sf 0 (s) = 0

s0

Con questa regolarizzazione, il risultato `e finito nel limite M :


M

A(x)

g2
 Fa Fb tr[Ta Tb t]
16 2

(18.17)

Unaltra regolarizzazione possibile `e il metodo del point-splitting. Ad esempio per la U (1)A , J5 =


(x) 5 (x) `e mal definita in quanto mal definito il prodotto di operatori locali nello stesso punto.
Allora splittiamo i punti, ma li colleghiamo con un trasporto parallelo per preservare linvarianza di
gauge:
Ry
J5 = (y) 5 Wyx (x),
Wyx = Peig x A (z)dz
Dimostrazione. (sketch)
Scriviamo la delta in trasformata:
d4 k
(2)4

Z
A(x) = 2

 
 2 

Dx
ik(xy)
tr 5 tf
e
M2
yx

e facciamo agire la derivata covariante


Z
= 2




/ x )2
d4 k
(i/
k+D
tr 5 tf
(2)4
M2

Eseguiamo uno scaling: k k 0 M e richiamiamo k 0 = k,


Z

d4 k 
/ x /M ]2
= 2
tr 5 tf [i/
k+D
4
(2)
92

Espandiamo largomento di f :
/ x /M )2 = k 2 +
(i/
k+D

2ikDx
+
M

Dx
M

2

k 2 +

e sviluppiamo f in serie intorno a k 2 :


1
f (k 2 + ) = f (k 2 ) + f 0 (k 2 ) + f 00 (k 2 )2 +
2
Adesso notiamo che i termini in M n con n > 4 non contribuiscono in quanto per M vanno a zero,
mentre quelli con n < 4 non contribuiscono perche non hanno un numero sufficiente di matrici per
avere traccia non nulla con 5 (ne servono almeno quattro). Ne segue che lunico termine che contribuisce
`e quello in 1/M 4 ; nel limite M allora
Z
d4 k 00
4
/ x]
f (k 2 )tr[5 tD
(18.18)
A(x) =
(2)4
Adesso possiamo calcolare separatamente il contributo dellintegrale e della traccia.
1. Rotazione di Wick.
Z
Z
Z +
0
4
00
2 k ikE,4
4
00 2
d k f (k )
=
i d kE f (kE ) = i
d|kE | 2 2 |kE |3 f 00 (|kE |2 )
0
Z +
Z +
= i 2
ds sf 00 (s) = i 2
ds f (s)
0

= i 2 [f (s)]+
= i 2
0
dove abbiamo prima posto |kE |2 = s e poi abbiamo usato le ipotesi su f per integrare per parti e
calcolare lintegrale.
2. Traccia.

1
1
{Dx , Dx } { , } + [Dx , Dx ] [ , ]
4
4

Usando le relazioni { , } = 2g 1, [Dx , Dx ] = igTa Fa troviamo


2

/x =
D

1
2
/ x = Dx2 + igTa Fa [ , ]
D
4

(18.19)

Lunico termine rilevante del quadrato che ha traccia non nulla con 5 `e quello contenente due
commutatori, cio`e
tr {5 [ , ][ , ]} = 16i
(18.20)
Di conseguenza
 2

i 2
g
A(x) =
Fa Fb
16i tr[Ta Tb t]
(2)4
16
g2
=
 Fa Fb tr[Ta Tb t]
16 2
dove la traccia `e estesa agli indici di flavor e di colore.

Facciamo adesso due esempi.


1. Interazioni forti.
D = + igTa Aa ,

93

Ta su(Nc )

La traccia residua `e nel flavor e nel colore, ma linterazione forte `e diagonale nel flavor, quindi
Ta = (Ta )(c) 1(f ) . Invece t = 1(c) t(f ) , con t(f ) {T1 , . . . , TL2 1 , 1(f ) }, dove i Ti sono i
generatori di SU (L). In questo caso troviamo che
g2
 Fa F tr(f,c) [(Ta )(c) (Tb )(c) t(f ) ]
16 2
g2
=
 Fa Fb tr(c) [Ta Tb ]tr(f ) (t)
16 2
g2
=
 Fa Fa tr(f ) (t)
(18.21)
32 2
dove abbiamo usato la normalizzazione standard tr[Ta Tb ] = ab /2. Adesso, se t {T1 , . . . , TL2 1 },
(f )
allora tr(t) = 0 e quindi non c`e anomalia, cio`e Aa = 0 nel limite chirale (Aa = 5 Ta ),
(f )
mentre per M 6= 0, Aa = i5 {M, Ta }.
Se invece t = 1(f ) , cio`e stiamo trattando una U (1)A , allora tr(t) = L (numero di flavors) e
A(x) =

AU (1)A (x) =

g2
!
L Fa Fa = 2LQ(x)
32 2

(18.22)

dove Q(x) `e la densit`


a di carica topologica
Q(x) =

g2
 Fa Fa
64 2

(18.23)

che pu`
o essere scritta in vari modi
g2
 tr[F F ]
32 2
g 2
=
F F a,
32 2 a

g2
=
tr[F F ]
2
16

Q(x) =

dove F =  F /2. Si definisce inoltre la carica topologica q


Z
q = d4 x Q(x)

(18.24)

A livello quantistico e nel limite chirale la corrente U (1)A J5 = 5 non `e conservata: J5 =


2LQ(x). Se M 6= 0 si ha invece J5 = 2i5 M + 2LQ(x).
2. Interazioni elettomagnetiche.
2
3

Q=
0

D = i|e|QA ,
0

3
Possiamo usare la stessa formula di prima per lanomalia, con gli accorgimenti g |e|, Ta Q =
1(c) Q(f ) , ottenendo
0
1

3
0

e2
 F F tr(c) (1)tr(f ) [Q2 t]
16 2
Nc e2
=

F F tr(f ) [Q2 t]
2
16

4
0
0
9

1
2

Q = 0
0

1
0 0
9

A(x) =

94

(f )

(f )

(f )

(f )

Essendo Q2 diagonale, sar`


a combinazione lineare di {1(f ) , T3 , T8 }, mentre t {T1 , . . . , T8 , 1(f ) }.
Allora
n
o
(f )
(f )
tr[Q2 t] = 0
se t 6 T3 , T8 , 1(f )
(18.25)
Sono pertanto anomale solo le trasformazioni generate da
1
0
2
(f )

t = T3 = 0 1
2
0
0

(f )

(f )

T3 , T8 , 1(f ) . Fissiamo per esempio

0
0

Allora lanomalia sar`


a data da


Nc e 2
4 1 1 1
Nc e2
(em)
2

F F tr(f ) [Q T3 ] =
 F F
A3 (x) =

16 2
16 2
9 2 9 2
da cui
(em)

A3

(x) =

Nel limite chirale allora

(18.26)

Nc e 2
 F F
96 2

A3 =

18.3

Nc e2
 F F
96 2

Passaggio da teoria fondamentale a teoria efficace

Nellespressione
Z
Zeff =

[dU ]ei

d4 x Leff

la misura [dU ] `e una misura invariante, in quanto questa teoria non contiene fermioni (i campi fondamentali sono i bosoni di Goldstone). Vogliamo comunque inserire lanomalia quantistica allinterno della
teoria efficace. Ricordiamo che
Z
R 4
Zfond = [dd]ei d x[LQCD +Lem ]
dove la misura fermionica trasforma come
0

[d d 0 ] = ei

(em)

d4 x A3

(x)

[dd]

Per riprodurre lanomalia nella teoria efficace dobbiamo richiedere che, sotto la trasformazione
U U 0 = AU A,
(em)

A = eiT3 (= VL = VR )

(0)

si abbia Leff = A3 . Ma la Leff costruita precedentemente `e invariante per queste trasformazioni.


(em)
(0)
Allora ci aggiungiamo un termine Leff tale che (Leff ) = A3 , cio`e Leff = Leff + Leff .
Ricordando che se A = eia Ta , allora sotto U U 0 = AU A si ha a0 = a + F a + e in particolare,
se A = eiT3 , cio`e a = a3 , allora
30 = 3 + F
10 = 1
20 = 2
e quindi 3 = F . Per implementare lanomalia nelle teoria efficace `e sufficiente scegliere, allordine
pi`
u basso nei campi
3 (em)
Nc e 2
( )
Leff3
=
A3
=
 F F 3
(18.27)
F
96 2 F
Possiamo quindi usare questo vertice per calcolare la larghezza di decadimento del processo 0 ,
ottenendo
 2 2 3
 2
M 0
Nc
Nc
( 0 ) =
'
1.16 1016 s1
3
64 3 F2
3
da confrontare con il valore sperimentale exp ' (1.19 0.08) 1016 s1 , che implica Nc = 3.
95

19
19.1

Esoterismo e pratiche occulte


Limite di grandi Nc (Nc )

Lo sviluppo 1/Nc permette di estendere la teoria delle perturbazioni a basse scale di energia. Quello
che vogliamo fare praticamente `e mandare Nc , mantenendo tuttavia QCD costante, che implica
mantenere costanti le masse degli adroni (tranne che per casi patologici come i barioni).
1

2
gR
() =

0 ln
1
0 =
(4)2

2QCD

11Nc 2Nf
3

2
Se QCD = costante, allora gR
() 1/Nc , cio`e
2
gR
()Nc = costante

(19.1)

Quindi la richiesta `e Nc con g 2 Nc = costante (omettiamo il pedice R).


Esempio 20.
Consideriamo loperatore corrente gauge-invariante J(x) = (x)(x), con = f,D 1(c) e studiamone
la funzione di correlazione a due punti
Z
hJJi(k) = i d4 keikx h|T {J(x)J(0)}|i
(19.2)
Vogliamo risommare i diagrammi di Feynman in base alle loro potenze in Nc .
diagramma, il suo ordine in Nc `e dato dalla regola di t Hooft:

Dato un generico

Nc22HL

(19.3)

dove L `e il numero di loop di quark e H `e il numero topologico della superficie (H = 0 per la sfera e
H = 1 per il toro). Quindi i loop di quark sopprimono quindi le funzioni di correlazioni di un fattore
1/Nc ciascuno, mentre la topologia sopprime invece di 1/Nc2 . Lordine leading `e dato dai diagrammi con
L = 1 e H = 0, cio`e O(Nc ).

19.2

Problema U (1) nel limite Nc (Witten, 1979)

Nel limite chirale M = 0, la quadridivergenza della carica assiale era proporzionale alla densit`a di carica
topologica:
g 2 a a
J5 = 2LQ(x),
Q(x) =

F F
64 2
Q(x) 1/Nc , quindi la speranza `e che nel limite Nc lanomalia possa essere trattata come una
piccola perturbazione. Witten propose di considerare la funzione di correlazione a due punti della Q:
Z
(k) hQQi(k) = i d4 keikx h|T {Q(x)Q(0)}|i
(19.4)
Si trova in questo caso (gli operatori sono gluonici e non fermionici):
r = (g 2 )2 Nc22HL = Nc2HL
Lordine leading `e H = L = 0, cio`e O(Nc= 0) (contributo di pura gauge). Espandiamo (k):
(k) = A0 (k) + A1 (k) + A2 (k) +

96

(19.5)

con A0 (k) = O(Nc0 ), A1 (k) = O(Nc1 ), A2 (k) = O(Nc2 ). Ad A1 (k) contribuiscono tutti i diagrammi
planari (H = 0) aventi un solo loop di quark (L = 1) e vengono dal contributo di stati intermedi di
singola particella di tipo mesonico, quindi
X

A1 (k) =

n (mesoni)

|h|Q(0)|ni|2
k 2 Mn2

(19.6)

Quindi
X

(k) = A0 (k) +

n (mesoni)

|h|Q(0)|ni|2
k 2 Mn2

Per k 0, (0) (suscettivit`


a topologica), poniamo A0 (0) A, allora
X

=A

n (mesoni)

||Q(0)|ni|2
Mn2

(19.7)

Problema: nel limite chirale si ha = 0, infatti



Z
1
i 2 Z[]
4
(k = 0) = i d kh|T {Q(x)Q(0)}|i =
V T Z[] 2 =0
dove

(19.8)

 Z
h
i
(M =0)
[dA][dd] exp i d4 x LQCD + Q(x)

Z
Z[] =

(19.9)

Allora

Z
Z
Z
Z
i 2 Z[]
4
4
4
= i d x d yh|T {Q(x)Q(y)}|i = i d x d4 yh|T {Q(x)Q(0)}|i
Z 2 =0
dove abbiamo usato linvarianza per traslazioni. Adesso regolarizziamo lintegrale in d4 y integrando su
un quadrivolume finito V T :
Z
= iV T d4 xh|T {Q(x)Q(0)}|i
Cambiamo adesso variabili mute di integrazione:
0

0 = ei5 ,
Allora

[dd] [d d 0 ] = [dd]ei

= ei5
d4 x AU (1) (x)

AU (1) (x) = 2LQ(x)

e di conseguenza
 Z
h
i
0
(M =0)
0
4
Z[] = [dA][d d ] exp i d x LQCD ( , , A) + Q(x)
 Z
Z
h
i
(M =0)
4
= [dA][dd] exp i d x LQCD (, , A) + ( 2L)Q(x)
Z

Z[ 2L]

cio`e Z[] = Z[0] per ogni , quindi Z/ e (k = 0) = 0.


Se (0) = 0 ma A0 (0) A 6= 0, allora come possiamo annullare la suscettivit`a topologica? Dato che
A0 (0) O(Nc0 ) e A1 (0) O(Nc1 ), non riusciamo mai a cancellare il contributo del termine leading.
Possiamo avere la cancellazione tra i due termini se esiste un mesone di singoletto |si tale che h|Q(0)|si =
6
0 e |h|Q(0)|si|2 = O(1/Nc ) e Ms2 = O(1/Nc ) tale che
A=

|h|Q(0)|si|2
.
Ms2
97

(19.10)

Da questa relazione possiamo estrarre la massa quadra del singoletto. Usando J5 = 2LQ(x), possiamo
scrivere
1
h| J5 (x)|s(p)i
2L
1
=
h|J5 (x)|s(p)i
2L

1
=
[i 2LFs p eipx ]
2L
1
= Fs Ms2 eipx
2L

h|Q(x)|s(p)i =

In definitiva
1
h|Q(0)|s(p)i = Fs Ms2
2L

(19.11)

che sostituito nella (19.10) porta alla formula di Witten per la massa del singoletto:
2LA
2LA
=
(19.12)
Fs2
F2

dove abbiamo usato che A = O(Nc0 ), Fs ' F = O( Nc ). Dimostriamo questultima uguaglianza:


consideriamo, nel limite Nc ,
Ms2 =

hA3 A3 i(k) '

F2 M23 |O(Nc0 )
h|A3 (0)|3 (p)ih3 (p)|A3 (0)|i
= 2
2
2
k M3
k M23 |O(Nc0 )

hJ5 J5 i(k) '

6Fs2 Ms2 |O(Nc0 )


h|J5 (0)|s(p)ihs(p)|J5 (0)|i
=
k 2 Ms2
k 2 Ms2 |O(Nc0 )

(19.13)

Nel limite chirale le masse sono zero e otteniamo lidentit`a banale 0 = 0. Per ottenere unidentit`a non
banale, prendiamo allora mu = md = ms m, che implica Ms2 , M23 6= 0. In questo caso
1
1
A3 (x) = 5 T3 = u 5 u d 5 d
2
2
X

J5 (x) = 5 =
f 5 f
f =u,d,s

I contributi dominanti sono quelli aventi lo stesso flavor, in quanto sono realizzati da diagrammi aventi
un solo loop di quark. Essendo le masse uguali, si trova la relazione
hJ5 J5 i(k)|O(Nc ) = 6hA3 A3 i|O(Nc )

(19.14)

Usando le espressioni trovate per le funzioni di correlazione a due punti, questa uguaglianza implica che
Ms2 |O(Nc0 ) = M23 |O(Nc0 )
p
Fs = F = O( Nc )

19.3

Lagrangiana efficace di Witten-Di Vecchia-Veneziano

Consideriamo la Lagrangiana chirale efficace nel limite M = 0 e per L = 3 flavors:


(2)

Leff (, S) =

1
F2
S S + tr[ U U ]
2
4

che `e invariante sotto trasformazioni U (1)A :


U U0 = U

S S 0 = S + F 6

=
98

S = F 6

a cui avevamo aggiunto un termine Leff che implementava lanomalia tale che
AU (1) = 6Q(x)

(Leff ) = AU (1) ,
Usiamo quindi Q(x) come campo ausiliario per scrivere
(2)
Leff (, S, Q)

6
Q2
F2
1


tr[ U U ]
QS +
= S S +
2
4
F
2A
}
| {z

(19.15)

Leff

dove lultimo termine `e stato aggiunto affinche la funzione a due punti di pura gauge sia diverso da zero
(ipotesi di Witten), cio`e
Z
i d4 x hQ(x)Q(0)iY.M. = A
Adesso vogliamo integrare via il campo ausiliario Q(x). Possiamo procedere in due modi:
1. Integrazione gaussiana. Scriviamo

6
1
1 2
Q
QS =
2A
F
2A

!2
1 6A 2
A 6

S
Q
S
F
2 F2

che dopo integrazione gaussiana in [dQ] diventa


=

1 6A 2
S
2 F2

2. Equazioni del moto. Scrivendo lequazione di Eulero-Lagrange per il campo Q:

(2)
Leff
Q
6
=

0=
S
Q
A
F
troviamo allo stesso modo

A 6
Q=
S
F

La Lagrangiana adesso diventa


(2)
Leff (, S)

1
1
= S S
2
2

6A
F2

S2 +

F2
tr[ U U ]
4

(19.16)

Abbiamo quindi ottenuto un termine di massa per il singoletto da cui si ottiene esattamente la formula
di Witten:
6A
Ms2 = 2
(19.17)
F
Nel caso M 6= 0 la Lagrangiana sar`
a
(2)

(2)(M =0)

Leff (, S) = Leff
con

U= Ue

iS

1
(, S) + F2 Btr[M (U + U )]
2

(
2/3

= exp

i
F

8
X
a=1

r
a a + S

2
1
3

!)

Partiamo adesso dalla Lagrangiana


(2)
Leff

1
F2
1 2
1 2
6


= S S +
tr[ U U ] + F Btr[M (U + U )] +
Q
QS
2
4
2
2A
F

F2
1 2 i
= tr[ U U +2BM (U + U )] +
Q + Qtr[ln U ln U ]
4
2A
2
99

(19.18)

Integrando quindi in [dQ]:


(2)


2

1
F2
tr[ U U +2BM (U + U )] + A tr[ln U ln U ]
4
8
2

F
1
3A
= S S + tr[ U U + 2BM (U + U )] 2 S 2
2
4
F

Leff =

(19.19)

da qui si trova che

2
2 2
B(m
+ 2ms )
B(
m

m
)
s
3

M2(8 ,S) = 3

2 2
6A
2
+ ms ) + F 2
B(m
ms ) 3 B(2m

3
cio`e il 8 e il singoletto S mescolano. Gli autovalori e gli autovettori di questa matrice sono
 0 
 

cos q
sin q
8
=
0
sin q cos q
S

dove
tan q =

2
2
3 M 0 M
2
2 M2
2 2 MK

(19.20)

(19.21)

(19.22)

Ricaviamo inoltre la formula di Witten-Veneziano


2
M20 M20 2MK
=

6A
F2

(19.23)

Questa relazione `e fondamentale in quanto collega A (che `e calcolabile su reticolo) a grandezze sperimentali. I dati sono in accordo con la teoria
A (180 MeV)4
Tuttavia sorge un problema: si pu`
o vedere che
Q(x) =

g2
g 2
!
tr[F
]
=

tr[F F ] = K
F

16 2
16 2

(19.24)

con
 

g 2
2

tr
A
igA
A

A
+



16 2
3



g 2
2

tr A F igA A
=
16 2
3

K =

(19.25)

detta corrente di Chew-Simons. Questo fatto rappresenta un problema nella misura in cui, essendo
lanomalia una quadridivergenza, si pensava che questa dovesse sparire ad infinito. Invece, fu dimostrato
che esistevano soluzioni euclidee nellazione finita e topologia non banale chiamate istantoni,
Z
E = d4 x QE (x) Z
Se cos` non fosse, allora A = 0 perche non potrebbe esserci suscettivit`a topologia non nulla. Infatti
 Z

Z
Z = [dA] exp i d4 x[LY M (A) + Q(x)]
ma, essendo Q(x) una quadridivergenza il suo contributo allintegrale sarebbe nullo. Esistono delle azioni
euclidee aventi carica topologica non banale,
Z
ZE [] = [dAE ] exp {SE + iE }
100

C`e anche un altro aspetto del problema, cio`e che J5 = 2LQ(x) = 2L K . Sappiamo che, essendo in
presenza di anomalia, non possiamo applicare il teorema di Goldstone. Tuttavia, possiamo trovare una
corrente conservata:

J 5 = 0
(19.26)
J 5 J5 2LK ,
A questa `e possibile applicare il teorema di Goldstone e di conseguenza dovrebbe esistere un bosone
di Goldstone. In realt`
a cos` non `e in quanto questa corrente non `e invariante di gauge e quindi non
pu`
o essere applicata a stati fisici. Dunque, abbiamo il polo del teorema di Goldstone ma ad esso non
corrisponde uno stato fisico. Questa `e una conseguenza dellaver richiesto la conservazione della chiralit`
a:
non si pu`
o avere invarianza di gauge se si vuole conservare la chiralit`a e viceversa.

19.4

Istantoni

Gli istantoni sono chiamati in questo modo in quanto hanno unampiezza finita anche nel tempo.
Partiamo dallazione
Z
1
d4 xE tr[FE, FE, ]
SE =
2
Z
Z

1
1
=
d4 xE tr[(FE, F E, )(FE, F E, )]
d4 xE tr[FE, F E, ]
2
2
8 2
2 E
(E Z)
(disuguaglianza di Bogomolny)
(19.27)
g

dove F E, = 12 E
FE, . Sappiamo che se H = H , allora trH = tr[HH ] 0. Adesso distinguiamo
i due casi ():

Se E > 0 (+), allora SE `e minima se FE, =F E, (auto-duale) e quindi SE = 8 2 E /g 2 .

Se E < 0 (), allora SE `e minima se FE, = F E, (anti auto-duale)e SE = 8 2 |E |/g 2 .


detti rispettivamente istantoni e anti-istantoni. Questo non dimostra lesistenza degli istantoni, ma
fornisce solo le condizioni che devono essere rispettate qualora esistano. Teniamo presente che per
contare questi oggetti devono avere unazione finita, altrimenti nellesponenziale eS non conterebbero.
Per avere azione finita, il tensore F deve essere tale che F O(r2 ) per r , dove r `e la
funzione che definisce la trasformazione di gauge, mentre sul campo di gauge la richiesta `e
r

i
( r)r + O(r2+ )
g

Nota. La carica topologica dipende da quante volte viene ricoperto il codominio dal dominio della trasformazione. Ad esempio, se si passa da SU (2) a SO(3), la carica topologica `e 1 in quanto i due gruppi
sono isomorfi.
La domanda adesso `e: possiamo avere un termine nella Lagrangiana con 6= 0, cio`e con carica topologica
non nulla? Cosa dice la fenomenologia in tal senso?

19.5

Termine
1
/ M ) tr[F F ] + Q(x)
LQCD = (iD
2

g2
Q(x) =
tr[F F ] tr[E B]
16 2

Il termine Q(x) era stato scartato allinizio in quanto violava P, T, CP . Sappiamo che
(
(
E E
EE
P :
T :
BB
B B
101

Fenomenologicamente queste simmetrie non sono violate. Una verifica pu`o essere fatta con il momento
di dipolo elettrico del neutrone: questo `e messo in relazione con da
dn ' ||e

M2
1016 ||e cm
Mn3

(19.28)

I limiti sperimentali danno un valore


dn 1025 e cm
cio`e
|| 109
I meccanismi per spiegare questo valore estremamente piccolo allinterno della QCD non funzionano.
Volendo, il termine si pu`
o spostare nel termine di massa, ma cos` facendo questo non sarebbe pi`
u
invariante sotto U (1). Pi`
u in generale, possiamo scrivere
1
/ + L(massa) (, ) + Q(x)
LQCD (, , A) = tr[F F ] + iD
2

(19.29)

con
L(massa) = R mL L m R =

m + m
2

m m
2


5 (A + i5 B)

m + m
2
m
m
B = B = i
2

A = A =

se B 6= 0, abbiamo violazione di P, T, CP . Facciamo adesso un cambio di variabile nellintegrale


funzionale

1
Z
R 4

Z = [dA][dd]ei d x LQCD (,,A) ,


= ...
(19.30)
Nf
dato da

0
L L
=V L L
R

0
=V R
R

e siano

V L , V R U (Nf )

det V L eiL ,

det V R eiR

(19.31)

(19.32)

Definiamo quindi

VL = eiL /Nf V L

VR = eiR /Nf V R
con VL , VR SU (Nf ). Se adesso eseguiamo la trasformazione U (1) SU (Nf ):
0
L L
= eiL VL L ,

0
R

=e

iR

V R R ,

L L /Nf ,
R R /Nf ,

VL SU (Nf )
VR SU (Nf )

(19.33)

ricordando che U (Nf ) U (Nf ) = U (1)L U (1)R SU (Nf )L SU (Nf )R = U (1)V U (1)A SU (Nf )L
SU (Nf )R , con

L R
L R

=
U (1)A
=
iL
i(+)

U
(1)
=
e
=
e
2
2Nf
L

iR
i()
= L + R = L + R U (1)
U (1)R = e
=e

V
2
2Nf
102

quello che troviamo `e che solo la U (1)A porta una variazione sulla misura dellintegrale funzionale della
forma


Z
0
0
4
[d d ] = [dd] exp 2iNf d x Q(x)
e si avr`
a
 Z

0
0
[dA][d d 0 ] exp i d4 x[LQCD ( 0 , , A) + Q(x)]
 Z

Z
4
/ + L(massa) (, ) + ( 2Nf )Q(x)]
= [dA][dd] exp i d x[LY M (A) + iD
Z

ZQCD =

Notiamo che se m = 0, per quanto visto, allora anche = 0 (basta anche un solo quark a massa nulla).
Inoltre
0
0
0
0
0
L(massa) ( , 0 ) = R mL
L m R
= R m0 L L m0 R

con m0 =V R m V L Concludiamo che ZQCD `e invariante se

m m0 =V R m V L
0 = 2Nf
Osservazione.
0 + arg(det m0 ) = + arg(det m) fisico

`e invariante. Infatti det m0 = (det V R )2 det m(det V L )2 ei(L R ) . Se det m 6= 0, allora arg(det m0 ) =
arg(det m) + L R = arg(det m) + 2Nf , da cui la tesi.
Notiamo adesso due cose:
1. Possiamo eliminare il termine scegliendo = /2Nf , cos` che
0 = 0
arg(det m0 ) = arg(det m) + = fisico
2. Con unoppoertuna trasformazione U (Nf ) U (Nf ) si pu`o ottenere

m0 =V R m V L = md = diag(m1 , . . . , mNf ),

m1 , . . . , mNf > 0

quindi det m0 = det md R+ e arg(det m0 ) = 0, da cui 0 = + arg(det m) = fisico


In altre parole, se 6= 0, non possiamo eliminarlo, al pi`
u possiamo spostarlo dal termine di massa al
termine . Supponiamo invece che det m = det m0 = 0, ad esempio md = diag(0, m2 , . . . , mNf ). Con
una trasformazione del tipo
0

10 100 = ei 5 /2 10
i0 i00 = i0 ,

i 6= 1

riusciamo ad eliminare il termine senza modificare la matrice di massa:


0
=0
2
m0 = md m00 = md
0 00 = 0 2

cio`e ZQCD non dipende da . Il problema che abbiamo visto prende il nome di problema CP forte. La
soluzione sarebbe trovare un quark a massa nulla (il candidato sarebbe lup), ma ci`o `e in contrasto con
i risultati sperimentali. Una soluzione alternativa `e usare un modello al di fuori del modello standard.

103

19.6

Modello di Peccei-Quinn

Lidea `e di trovare unaltra simmetria che annulli il problema delle anomalie. Partiamo da

Leff (U , U , N, N , Q) =

F2
F2
tr[ U U +2BM (U + U ] + a N N
4
4

i
1 2
Q + Q
+ Q[tr(ln U ln U )] + aP Q [ln N ln N ] +
2
2A

con simmetria aggiuntiva

N N 0 = ei N

U U =U ,

U (1)P Q :

(19.34)

con lipotesi che questa sia rotta sia spontaneamente sia tramite anomalia (aP Q `e il coefficiente dellanomalia) e scriviamo

N = ei 2Sa /F
dove Sa `e il campo dellassione e F `e la scala di rottura spontanea di U (1)P Q . Lassione dovrebbe
accoppiare tipo Yukawa: R Sa L + h.c.. Con questo modello si riesce a spiegare la violazione di CP :
integrando infatti in [dQ] si ottiene

Leff (U , U , N, N ) =

F2
F2
tr[ U U ] + a N N V (U , U , N, N )
4
4

(19.35)

con V della forma

A
BF2
tr[M (U + U )] +
V =
2
2

2

+ tr[ln U ln U ] + aP Q (ln N ln N )
2

(19.36)

Cerchiamo i termini che minimizzano questo potenziale. Definiamo

U h| U |i,

N h|N |i

con U ij = ij eii , N = eia . Quello che si trova `e che il minimo si ha per


i = 0

(i = 1, 2, 3),

a =

(19.37)

aP Q

con U (1)P Q : Leff Leff aP Q Q. Eliminiamo scegliendo = /aP Q , allora i = a = 0 e si recupera


linvarianza sotto P, T, CP . Il prezzo da pagare `e lintroduzione di una nuova particella di massa molto
piccola. Osserviamo che se poniamo = 0,

U (1)A U (1)P Q :U U = ei U ,

N N 0 = ei N

e
(M =0)

Leff

(M =0)

Leff

3 + aP Q = 0

Questo implica che nel limite chirale il modello ha una buona simmetria, che per`o `e spontaneamente
rotta, ci sar`
a di conseguenza un bosone di Goldstone a massa nulla. Se invece M 6= 0, allora tale particella
ci sar`
a ancora, ma sar`
a uno pseudobosone di Goldstone a massa Ma 6= 0 data da
b1

Ma2 2b2 B

mu md ms
,
mu md + mu ms + ms md

b=

aP Q
F
Fa

Questa particella `e un candidato per la dark matter e ha come scala di rottura della simmetria
Fa
& 109 GeV
aP Q

104

Ma . 0.01 eV