Vous êtes sur la page 1sur 6

Carlo Formenti: Le nuove servit e il lavoro intellettuale http://www.sinistrainrete.info/analisi-di-classe/6529-carlo-formenti-le...

Dettagli
C Creato: 27 Gennaio 2016
< Visite: 148

(http://lostraniero.net/)

Le nuove servit e il lavoro intellettuale


di Carlo Formenti
Quella che segue la trascrizione dell'intervento tenuto nello scorso aprile a Pistoia all'interno del seminario "La cultura di massa
dall'emancipazione all'alienazione". Sui numeri 182-183 e 184 abbiamo pubblicato le altre relazioni

In poco pi di trent'anni, dall'inizio degli anni ottanta a oggi, le conquiste di


secoli di lotta delle classi subordinate - salari, condizioni di lavoro e di vita
dignitose, diritto all'assistenza sanitaria, e alla pensione, ampliamento degli
spazi democratici - sono stati spazzati via senza incontrare praticamente
resistenza. Voi vivete letteralmente in un altro mondo, rispetto a quello in cui
vissuta la mia generazione.

Forse vi pu essere utile apprendere qualche cenno biografico su chi vi sta


parlando per aiutarvi a capire. Ho sessantasette anni, non ho visto la guerra,
ma ho vissuto altre grandi mutazioni. Quando insegnavo all'universit di
Lecce, ora sono in pensione, iniziavo sempre il corso con questa breve nota
autobiografica, perch sono convinto che non esista alcun sapere, alcuna
conoscenza, anche quelle che si pretendono scientifiche, che non sia situata.
Parliamo sempre da un punto di vista: appartenenza di genere, di classe,
appartenenza a un'epoca storica e alla sua cultura, eccetera... E quindi il mio
punto di vista - per quanto io possa essere dotato di autoconsapevolezza
critica, capacit di auto-distanziamento o di autoironia - determinato da tutti
questi fattori.

L'et ve l'ho gi detta. Ho fatto diversi mestieri perch ho sempre avuto l'abitudine - quando non mi sentivo pi a mio agio in un
determinato ruolo - di cambiare vita, buttando via quello che oggi si chiama il mio "capitale sociale" per ricominciare da zero. Mio
padre era un artigiano di origini contadine nato nel 1903, quindi ha fatto in tempo a vedere la ritirata di Caporetto, i disertori che
venivano accolti nei fienili dai contadini del suo paese e, quando venivano trovati dai carabinieri, fucilati sul posto. Ha anche fatto
in tempo a vedere le vittime della spagnola portate via sulle carrette, prima di emigrare a Milano, dove ha cominciato a svolgere
la sua attivit politica: prima nella Giovent socialista poi nel Partito comunista d'Italia; ha partecipato alla prima resistenza, negli
anni venti, contro il regime fascista e si fatto i suoi anni di galera e di confino, per riprendere l'attivit politica dopo la Seconda
guerra mondiale. Mia madre era svizzera - ecco perch sono nato a Zurigo - figlia di un tecnico orologiaio che era emigrato in
Italia per lavorare in una industria italiana. Entrambi i miei genitori erano autodidatti: mio padre aveva fatto la quinta elementare,
ma essendo uno di quei vecchi quadri comunisti si era formato da solo, al punto che lo definirei quasi un aristocratico, lo ho
ereditato una parte significativa della mia biblioteca da lui. Ricordo che quando avevo tredici anni mi mise in mano il primo libro del
Capitale, di cui devo dire non capii altro se non che questo signore che parlava difficile era molto incazzato, e riusciva a
trasmettermi la sua rabbia contro i padroni.

Ho cominciato presto a lavorare, perch ero iscritto all'universit ma la famiglia non aveva i soldi per mantenermi, quindi nel
1968-69 non ho partecipato alle vicende dei miei coetanei del movimento studentesco perch lavoravo in ufficio; invece ho dato
molti dispiaceri alla multinazionale americana che mi aveva assunto, riuscendo a far fare decine di ore di sciopero laddove non se
ne era ancora fatta neanche una. Perci il sindacato mi propose di uscire a fare un mestiere che forse mi riusciva meglio, cio il
dirigente sindacale dei metalmeccanici, dal 1970 al '74. Poi arriv un'altra svolta. Dopo le battaglie contrattuali del 1973 fu chiaro
che sarebbe iniziato quel riflusso che avrebbe trovato compimento nel 1980 con la marcia dei quarantamila quadri della Fiat.
Avendo intuito che il futuro di una carriera sindacale sarebbe stato quello di scaldare una sedia come burocrate, me ne sono
andato. Mi sono laureato in Scienze politiche. Poi, non essendo riuscito a restare all'universit come ricercatore, sono andato a
fare il giornalista, mestiere che ho fatto per pi di vent'anni: prima come caporedattore del mensile culturale "Alfabeta", rivista che
ha avuto un ruolo significativo nel tenere vivo quel che restava della cultura di sinistra italiana, dopodich, quando la rivista ha
chiuso, ho accettato l'offerta di andare a lavorare come redattore nelle pagine culturali del "Corriere della Sera", dove ho vissuto

1 de 6 31/01/2016 19:15
Carlo Formenti: Le nuove servit e il lavoro intellettuale http://www.sinistrainrete.info/analisi-di-classe/6529-carlo-formenti-le...
l'esperienza pi dura della mia vita, nel senso che vivere e lavorare in quel posto non stato particolarmente gradevole. Infine,
nell'ultimo decennio, mi sono ritrovato a insegnare Sociologia della comunicazione all'universit di Lecce, finch due anni fa sono
andato in pensione e ora faccio il consulente editoriale.

Questo percorso potrebbe essere definito come permanenza in una posizione "marginale di lusso", una marginalit associata a
condizioni che la nostra generazione ha potuto permettersi, il che marca una differenza radicale fra il nostro mondo e il vostro. lo
negli anni settanta, e in buona parte degli ottanta, ho potuto permettermi di buttare via una quantit impressionante di tempo; mi
sono preso tutto il tempo per laurearmi, ho fatto diversi lavori eccetera. Questo perch si aveva la netta sensazione - alla quale
corrispondeva un dato di fatto reale - che comunque non si sarebbe morti di fame. Vivevamo una dimensione in cui quegli stessi
saperi che costruivi attraverso esperienze come quelle delle lotte sindacali o dei movimenti politici erano riciclabili sul mercato del
lavoro.

Perch tutto questo castello costruito in secoli di lotte crollato in trentacinque anni? Come sapete le risposte che sono state
date sono tante: il processo di globalizzazione e finanziarizzazione dell'economia, la capacit delle grandi imprese di decentrare i
processi produttivi grazie alle nuove tecnologie di rete, la possibilit di decentrare la forza lavoro in paesi dove la forza lavoro
costa pochissimo come la Cina e altri paesi del Terzo Mondo, processi che hanno creato rapporti di forza estremamente negativi
per le classi subordinate dei paesi ricchi 0 ex-ricchi. La finanziarizzazione dell'economia in Occidente vuol dire che il grande
capitale ha molto meno bisogno di prima di ricorrere allo sfruttamento industriale della classe operaia per realizzare profitti. Una
quota impressionante dei profitti che vengono oggi realizzati sono profitti speculativi. Lo ha spiegato molto meglio di quanto potrei
spiegarlo io Luciano Gallino nel suo libro Finanzcapitalismo, cos come lo stesso Gallino ha descritto "la lotta di classe dall'alto"
che stata condotta in questi trent'anni, a partire dai governi Thatcher e Reagan nell'Inghilterra e negli Stati Uniti. Un'impresa di
cui si sono poi fatte carico le stesse "sinistre": il continuatore di Thatcher in Inghilterra stato Tony Blair, di cui Renzi l'attuale
reincarnazione italica. I governi socialdemocratici hanno condotto con ancora pi radicalit dei governi conservatori le politiche di
smantellamento dello stato sociale, di indebolimento dei rapporti di forza della classe operaia, di taglio della spesa pubblica. Oggi
in Inghilterra larghi strati di popolazione vivono condizioni simili a quelle descritte da Dickens. Le banche del cibo devono
sovvenzionare una quantit impressionante di persone che non hanno pi reddito sufficiente per mangiare; ci sono delle malattie
dovute al fatto che la gente mangia cibi scaduti; il livello di assistenza sanitaria - un tempo fiore all'occhiello del welfare inglese -
peggiorato a causa della privatizzazione di molti servizi. Per tacere di cosa sta succedendo in Grecia, un paese letteralmente
massacrato.

Perch hanno potuto fare questo senza incontrare resistenza? Perch non si sono giocati rapporti di forza che pure ancora erano
presenti? lo non ho la presunzione di dare un'unica spiegazione, perch esistono molti fattori integrati che convergono nel
produrre gli effetti di cui stiamo parlando. Per c' un punto focale. Credo che tutto quello che gira intorno alla rivoluzione
tecnologica che c' stata negli ultimi venti-trent'anni abbia svolto un ruolo assolutamente strategico. Non solo perch senza le reti
di computer il processo di finanziarizzazione non sarebbe potuto procedere cos rapidamente - oggi esiste un'unica borsa
integrata a livello globale che reagisce in tempo reale a tutto quanto succede sui vari mercati; abbiamo transazioni finanziarie che
avvengono in frazioni di secondo; i broker vengono rimpiazzati dal software che analizza in tempo reale le minime variazioni di
valore dei titoli e decide di acquistare o vendere i titoli in nanosecondi. Tutto questo sempre pi fuori dal controllo delle
istituzioni che dovrebbero controllare la borsa, anche perch molte di queste transazioni non vengono pi effettuate nelle borse
ufficiali, ma nelle black pool, "le piscine nere" gestite direttamente dagli istituti finanziari privati come Goldman Sachs, J.P. Morgan
eccetera. Per ci che pi conta non tanto che esistano queste tecnologie: l'entusiasmo con cui "il progresso tecnologico"
stato accolto da tutti, a partire dalle sinistre. Non solo da socialdemocratici e laburisti, ma anche dalle sinistre radicali come
quelle che si ispirano alle teorie operaiste o neo-post-operaiste di Antonio Negri. L'intero apparato culturale della sinistra
interpreta la trasformazione tecnologica in corso come una straordinaria opportunit; come qualcosa di sostanzialmente positivo.

Questo un primo punto. Un secondo punto l'illusione che l'emergenza di un nuovo strato di lavoratori dotato di istruzione e
competenze tecniche pi elevate avrebbe spostato progressivamente il rapporto di forza a favore della "classe creativa" o dei
"lavoratori della conoscenza". Un terzo punto che prender in esame quello che anticipavo poco fa, riferendomi agli effetti del
contributo che le culture dei movimenti degli anni sessanta e settanta hanno offerto a quello che alcuni autori hanno definito "il
terzo spirito del capitalismo". Lo spirito del capitalismo attuale si infatti costruito appropriandosi dei valori culturali dei movimenti
dal 1968 in avanti: basta leggere i testi teorici del management per rendersi conto di come ci sia stato un trasferimento diretto dei
valori di creativit, autenticit, libert, orizzontalit, cooperazione, condivisione-tipici della cultura dei movimenti degli anni
sessanta e settanta, e dei "nuovi movimenti" successivi, pacifismo, ecologismo, femminismo. Attenzione, non intendo attaccare la
cultura dei nuovi movimenti; cerco semplicemente di mettere in rilievo come tale cultura sia sfuggita al controllo di chi l'ha
prodotta.

E ci avvenuto perch il capitale la forma sociale pi capace di adattamento che sia mai stata prodotta nella storia
dell'umanit. l'opposizione al capitale che fornisce al capitale le idee migliori per rinnovarsi e mettercelo in quel posto. Hanno
una capacit straordinaria di usare le idee di chi si oppone come leva per rivoltarle contro gli oppositori, e riescono a farlo con
una rapidit straordinaria.

Il quarto punto cui accenner la crescente contraddizione di interessi che si determinata, soprattutto all'interno dei paesi
avanzati, fra gli strati superiori delle classi lavoratrici e la massa dei lavoratori del terziario "arretrato", come viene definito. Oggi
2 de 6 31/01/2016 19:15
Carlo Formenti: Le nuove servit e il lavoro intellettuale http://www.sinistrainrete.info/analisi-di-classe/6529-carlo-formenti-le...
le uniche lotte di un qualche significato che vengano condotte negli Stati Uniti le fanno per esempio i lavoratori di McDonald, delle
grandi catene commerciali, e di altri analoghi settori a basso contenuto di qualificazione. La maggior parte dei protagonisti sono
chicanos, neri, portoricani e altri migranti. I portatori di comportamenti e pratiche antagonistiche nei confronti del capitale oggi
sono quasi esclusivamente questi. L'esempio cinese da questo punto di vista clamoroso. Sta per uscire da Jaca Book un nuovo
libro di una sociologa di Hong Kong che si chiama Pun Ngai che descrive l'inferno della Foxconn. Foxconn la fabbrica in cui si
producono tutti i lettori, i computer, micro-computer, i-Phone, targati Samsung, Apple, Amazon, e nella quale lavorano un milione
e mezzo di operai cinesi - perlopi migranti interni di origine contadina. Gli interessi di questa massa operaia super sfruttata
confliggono frontalmente con quelli della nuova classe media cinese che si assiepa davanti ai negozi Apple per avere l'ultimo
gadget, esattamente come succede davanti ai negozi Apple statunitensi e di tutto il mondo. L'ultimo punto riguarda cosa resta
fuori da questo processo di subordinazione e assimilazione alla cultura neoliberista; qual il "fuori" che pu in qualche modo
essere il luogo, il protagonista, il soggetto, di un conflitto anti-sistema. Questo interrogativo non ancora un "che fare?", non ho
la presunzione di delineare progetti tanto ambiziosi in una situazione catastrofica qual quella attuale; solo il tentativo di avviare
un ragionamento sulle prospettive di resistenza nei confronti degli automatismi del mercato e di un sistema politico che ormai non
ha sostanzialmente alcuna autonomia nei confronti del mercato. Questa la cosa importante da cui partire: noi ormai viviamo in
un sistema compiutamente post-democratico. La democrazia rappresentativa non esiste pi, se non come puro rituale. Oggi gli
Stati Uniti sono, di fatto, un'oligarchia di censo: pi della met dei senatori e dei membri del Congresso fanno parte di quel
famoso uno per cento di super ricchi denunciato dai militanti del movimento Occupy Wall Street. Un posto al Congresso si
compra, un investimento; per essere eletti bisogna investire milioni di dollari, che arrivano dalle lobby delle grandi imprese che
finanziano le campagne elettorali di chi sosterr i loro interessi. Oggi non esistono pi la politica, la finanza, l'economia; esiste
un'oligarchia in cui questi elementi si intrecciano e a volte coincidono nella stessa persona. L'attuale sistema neolibrale, liberista,
non il vecchio sistema liberale. Ha cambiato natura, mutato radicalmente. Se voi andate a leggervi La ricchezza delle nazioni
di Adam Smith trovate una serie di riflessioni di tipo etico e morale che non hanno pi alcun senso dal punto di vista dell'attuale
neoliberismo. Quando ci si chiede "ma perch fanno cose che sembrano suicide e folli?", perch insistono con politiche che -
come nel caso della Grecia - invece di risolvere il problema lo aggravano? Forse sono pazzi? No, non sono pazzi. Il fatto che il
neoliberismo un tentativo di indurre una mutazione antropologica. Vogliono costruire un uomo nuovo: l'imprenditore di se stesso.
Si costruisce un modello per cui tu sei il detentore del tuo "capitale" - capitale sociale, capitale reputazionale eccetera. Tu sei il
responsabile del modo in cui ti muovi sul mercato in competizione con tutti gli altri. Questo vale per gli individui, per le imprese
piccole medie o grandi che siano; per gli stati, che competono fra loro per creare condizioni che attirino gli investimenti delle
multinazionali sul loro territorio, abbattendo le tasse, creando condizioni di miglior favore, creando, come ha fatto la Cina, zone
speciali in cui vengono sospese tutte le leggi sul lavoro. La Foxconn, per esempio, pu operare - con l'appoggio del Partito
comunista e delle amministrazioni locali - in deroga a tutte le leggi sul lavoro cinese: si lavora per dodici, quattordici, sedici ore al
giorno, si lavora a partire da dodici-tredici anni, gli studenti delle scuole professionali vengono portati a fare degli stage, durante i
quali vengono messi alla catena di montaggio per effettuare lavori che non hanno nulla a che fare col loro programma scolastico.
Dall'altra parte si mettono invece in atto processi di cooptazione che, in alcuni casi, sono effettivi: gli impiegati di Google, di
Facebook, di Amazon, godono di reali privilegi: salari elevati, benefits di ogni tipo eccetera. Ma si tratta di esigue minoranze: la
stragrande maggioranza di coloro che lavorano nelle catene di subappalto, come quelli che sviluppano applicazioni - sviluppatori
indipendenti o microimprese che lavorano per i colossi dell'industria hi-tech - competono ferocemente fra loro per strappare salari
da fame. Eppure sono a loro volta integrati in questa ideologia dell'imprenditore di se stesso; del lavoro autonomo come valore.

Negli anni settanta si parlava del "rifiuto del lavoro". Era un fenomeno reale: la fuga dalla catena di montaggio, la fuga dal lavoro
dipendente, era una spinta molto sentita da quella generazione. Dopodich si sono trovati intrappolati in una macchina infernale
che li ha completamente marginalizzati. Ho conosciuto molti operai e molti quadri sindacali dell'Alfa. Quando l'Alfa ha cominciato a
smantellare la fabbrica, molti di costoro hanno avviato le loro piccole fabbriche che operavano come subfornitori dell'Alfa stessa o
di altri processi produttivi, per lo pi tedeschi. Ma la stragrande maggioranza di queste piccole imprese sono state massacrate
dalla concorrenza internazionale dei paesi che offrono forza-lavoro a costi molto pi bassi; il famoso miracolo dei distretti veneti
stato spazzato cos. I valori di autonomia, indipendenza, creativit che venivano esaltati in quegli anni li ritroviamo oggi nei manuali
di management dove si scrive che la gerarchia non conta pi niente, che il capo dev'essere un leader, deve essere portatore di
una visione, deve esercitare una leadership carismatica; si lavora per progetti, per quipe eccetera. stato messo in atto un
apparente processo di orizzontalizzazione delle strutture di impresa, ma anche delle strutture amministrative, politiche e sociali.
Tutto sembra divenire orizzontale, tutto sembra essere democratizzato. Ma se andate a vedere cosa c' realmente dietro a tutto
ci, trovate una straordinaria concentrazione dei processi decisionali. Per esempio si descrive la Rete come un potente strumento
di democratizzazione della comunicazione: tutti possono parlare, tutti possono avere il loro blog o il loro profilo Facebook;
peccato che il novantanove virgola novantanove per cento di queste pagine abbia tre lettori, mentre lo zero virgola uno pu averne
anche centinaia di migliaia o milioni. Il libro di uno studioso franco-australiano, intitolato Cyberchiefs, analizza come si concentra il
capitale relazionale e reputazionale in rete: all'apparente orizzontalizzazione dei processi corrisponde un radicale processo di
concentrazione/verticalizzazione. Ancora, pensate al percorso di sviluppo di tutta la traiettoria del software open-source, nato
come progetto libero e spontaneo, condiviso da una comunit di sviluppatori indipendenti connessi attraverso la Rete, ma oggi
divenuto una macchina da guerra per fare profitti. La new economy - il "capitalismo immateriale" delle grandi Internet company -
viene descritta come una sorta di barone di Munchausen che si solleva tirandosi per il suo stesso codino, ma a reggere i piedi del
barone sono milioni e milioni di lavoratori supersfruttati dei paesi in via di sviluppo. La democratizzazione dell'economia che si

3 de 6 31/01/2016 19:15
Carlo Formenti: Le nuove servit e il lavoro intellettuale http://www.sinistrainrete.info/analisi-di-classe/6529-carlo-formenti-le...
prometteva negli anni novanta, quando si diceva che le start up sarebbero state in grado di fare concorrenza ai colossi del
mercato, si tradotta in un mostruoso processo di concentrazione monopolistica, al punto che il Ceo di Google, Schmitt, ha
potuto affermare che "oggi il mercato dominato dai magnifici quattro, dalle quattro grandi sorelle: Google, Apple, Amazon e
Facebook". E le start up competono fra loro per farsi comprare da una di queste imprese e, quando ci riescono, le loro
innovazioni vengono buttate via per non turbare gli equilibri del mercato.

Aggiungo qualcos'altro sull'idea che il lavoro cosiddetto immateriale sarebbe di per s portatore di un livello pi elevato di
autonomia e creativit. Qui torna buona una battuta di Simone Weil, "il sogno dell'essere umano diventare una macchina".
Questa battuta mi ha ricordato che c' un aspetto della teoria marxista in cui non mi riconosco pi (del resto Marx diceva spesso
"io non sono marxista"). Marx continua a darci strumenti teorici straordinari per capire quanto succede oggi, ma alcune sue idee
non funzionano pi perch sono il prodotto di una cultura ottocentesca. Nel famoso Frammento delle macchine dei Grundrisse,
per esempio, scriveva che, allorch la conoscenza scientifica e tecnologica incorporata nel sistema automatico delle macchine
raggiunger determinati livelli di sviluppo, l'idea di misurare il valore di un prodotto con il tempo di lavoro necessario a produrlo
non avr pi alcun senso. Allora saremo sulla soglia dell'emancipazione della forza lavoro: il lavoro vivo sar in grado di
rovesciare facilmente (con un clic di mouse diremmo oggi) il dominio parassitario del capitale su un processo produttivo ormai
totalmente determinato dallo sviluppo scientifico e tecnologico e che potr essere direttamente gestito dai lavoratori. Ma questa
visione presuppone che capitale e tecnologia possano essere facilmente separati. Invece oggi vediamo come la macchina
informatica - non solo reti di computer e software, ma anche modelli organizzativi, cultura di impresa eccetera - abbia la capacit
di ridurre drasticamente l'autonomia di chi lavora: sono modelli che determinano a priori che cosa puoi o non puoi fare, sono
modelli mentali che non si limitano a esteriorizzare la memoria e il controllo dei dati, condizionano le modalit del pensiero. Cos,
anche attraverso la pedagogia del lavoro autonomo, dell'imprenditoria di se stessi, si costruisce un'etica del lavoro che cancella il
confine fra tempo libero e tempo di lavoro, che induce a lavorare anche quando si malati, a trascurare gli affetti,
all'autosfruttamento, a una spietata competizione di tutti contro tutti. Per sopportare questo stato di cose proliferano gli inviti a
praticare la meditazione trascendentale. Sui siti americani sembra che la meditazione sia divenuta la chiave per essere felici (la
felicit dipende da te, medita e capirai che diciotto ore di lavoro al giorno il tuo destino; la cosa migliore per te; la
perfezione che puoi raggiungere). stato costruito un dispositivo culturale e antropologico che una macchina infernale da cui
apparentemente molto difficile trovare una via d'uscita. Due autori francesi, di formazione foucaultiana, Dardot e Laval, hanno
scritto un libro molto interessante su tale dispositivo, per alla fine che cosa propongono come soluzione? Le contro-pratiche, le
contro-condotte, sulla scia dell'ultimo Foucault della cura del s. Ma io penso che non sul piano individuale che possiamo
sottrarci, costruendo un'etica e una pratica alternative a quello che viene trasmesso dall'universit, dalla pubblicit, dai media, dal
capo, dai partiti, persino dai movimenti (vedi i guasti prodotti dai principi femministi del "partire da s" e del "privato politico").
Accanto al pensiero femminista radicale, per esempio, venuta crescendo una cultura femminista "mainstream" che ha svolto una
funzione importante nei processi di "femminilizzazione del lavoro" che hanno abbattuto i rapporti di forza del lavoro maschile
attraverso l'immissione massiccia delle donne nel mercato del lavoro (senza migliorare affatto la condizione femminile nel lavoro e
nella vita). Il politically correct, che impera fino al paradosso nella cultura americana, serve a far dimenticare che le donne
continuano a guadagnare il quarantacinque per cento in meno degli uomini, che continuano a essere confinate in ruoli secondari, a
essere sfruttate per metterne a valore la flessibilit, la disponibilit, la capacit di cura eccetera. L'ecologia si a sua volta
trasformata. Mentre dovrebbe aiutarci a capire che, se non buttiamo gi il sistema capitalista, siamo condannati all'estinzione in
tempi relativamente brevi, il movimento ecologista ha progressivamente perso la sua carica anticapitalista. Il pi forte partito
verde europeo, il partito tedesco, ha votato leggi antioperaie, ha votato i crediti di guerra nei Balcani, ha fatto delle cose orrende.
Come dice Boltanski, dal 1968 si sono separate le due critiche al capitalismo: la critica sociale e la critica artistica. La critica
sociale quella tradizionale del movimento operaio, la critica dell'ingiustizia sociale che chiede la redistribuzione del potere e del
reddito, che invoca una democrazia reale, non formale. La critica artistica invece quella che rivendica l'autenticit, la libert, la
creativit. La critica sociale stata massacrata, quella artistica stata integrata nella cultura di regime. Cosa resta fuori da
questo dispositivo di dominio? lo sono pessimista sull'Europa. Meglio di noi stanno gli Stati Uniti, dove ci sono le lotte del terziario
arretrato, delle grandi catene commerciali come Wall Mart, un colosso che ha pi dipendenti di Foxconn in Cina. Il lavoro terziario
aumenta mostruosamente in America perch la vita che conducono i lavoratori della conoscenza fa s che necessitino di sempre
pi servizi mentre vengono mercificate le attivit di cura che in precedenza venivano garantite gratuitamente dalle strutture
famigliari. Oggi queste prestazioni sono servizi retribuiti, un settore che impiega quantit crescenti di forza lavoro, lavoratori che
cominciano a organizzarsi e a lottare.

Invece sono pi ottimista per quanto riguarda i paesi in via di sviluppo. Prima citavo la Foxconn: la situazione cinese divenuta
drammatica dopo le riforme degli anni ottanta, a causa delle condizioni dei lavoratori, che sono in larga maggioranza migranti
interni, centinaia di milioni di contadini inurbati privi di diritti come gli immigrati irregolari qui in Europa.

Il lavoratore cinese inurbato non ha diritto alla residenza e all'assistenza sanitaria, non gode dei diritti degli altri cittadini. Quindi
costretto a vivere nei compound delle imprese per cui lavora che sono veri e propri campi di concentramento. una forma di
schiavizzazione di milioni di persone, che stanno cominciando a incazzarsi e a lottare: escono dalle fabbriche, bloccano strade e
ferrovie e si organizzano anche facendo un uso alternativo e creativo dei social network che favoriscono la costruzione di reti di
sindacalizzazione e di resistenza oltre i confini della singola fabbrica. Il bello che molti di questi giovani militanti sindacali si
dichiarano neomaoisti. curioso perch per questa generazione Mao solo un'icona che campeggia nella Piazza Tien-an-men:

4 de 6 31/01/2016 19:15
Carlo Formenti: Le nuove servit e il lavoro intellettuale http://www.sinistrainrete.info/analisi-di-classe/6529-carlo-formenti-le...
sono nati dopo la Rivoluzione culturale n hanno idea dei reali meriti e demeriti di Mao: per loro Mao solo il simbolo di una
politica egualitaria; una politica che mirava a realizzare l'uguaglianza fra i cittadini cinesi, a fronte della politica e dell'economia di
oggi che hanno prodotto le pi grandi disuguaglianze che esistano a livello mondiale (l'indice di Gini cinese, che come sapete un
indice statistico che misura le disuguaglianze di reddito all'interno di un paese, il pi elevato del mondo). Ci sono gli schiavi che
lavorano alla Foxconn per un pugno di soldi e ci sono quelli che celebrano matrimoni come quello che si visto recentemente a
Shanghai, con duecento limousine di nuovi ricchi. Quindi cresce una tensione formidabile che ripropone la lotta di classe nelle sue
forme pi classiche, dure, feroci.

Lo stesso avviene in Sudafrica, coi lavoratori delle miniere. Ma le esperienze che mi hanno pi intrigato, perch ho potuto parlare
in prima persona con i loro protagonisti, sono quelle in atto in alcuni paesi dell'America Latina. Vedendo come agiscono i
movimenti indigeni dei campesindios - come chiamano i contadini di origine india - mi sono reso conto che ero di fronte a un
esempio particolarmente significativo di quello che pu oggi essere una dimensione di esternit - il fuori - da questo sistema. Per
una serie di contingenze storiche infatti successo che queste culture comunitarie agricole siano state emarginate e messe in
condizioni di continuare ad autoriprodursi con metodi di lavoro e di vita simili a quelli delle culture precolombiane. I colonizzatori
spagnoli prima, e poi i governi repubblicani instaurati dalle rivoluzioni bolivariane ottocentesche, si preoccupavano solo che
pagassero le tasse, abbandonando la gestione delle comunit locali ai capi tribali locali. Naturalmente queste forme si sono
successivamente evolute ibridandosi con altre culture. Molti di questi contadini si sono inurbati, sono andati all'universit, hanno
formato gli intellettuali di un movimento indigenista che ha cambiato indirizzo negli anni novanta. Fino ad allora i contadini avevano
condotto lotte sindacali egemonizzate dai partiti comunisti e socialisti, poi a partire dal 1992 (l'anno simbolo del quinto secolo
dell'inizio della colonizzazione dell'America del Sud) iniziata la riscoperta delle loro radici culturali che ha completamente ribaltato
la logica di questi movimenti. Le grandi mobilitazioni degli anni novanta e del primo decennio del duemila, che hanno rovesciato i
governi neoliberisti in Ecuador e in Bolivia, sono state mobilitazioni etniche oltre che politico-sindacali.

Se vero, come ha scritto qualcuno, che tutte le rivoluzioni comuniste le hanno fatte i contadini, non gli operai (basti pensare alle
rivoluzioni russa, cinese, vietnamita e cubana), qui troviamo una conferma che ci lancia una sfida teorica. Una sfida raccolta da
quegli intellet-

tuali marxisti latinoamericani che hanno richiamato l'attenzione sulla svolta teorica compiuta dall'ultimo Marx. Marx negli anni
settanta dell'Ottocento entra in contatto con gli intellettuali populisti russi, che chiedono di aderire all'Internazionale e che hanno
fatto tradurre Il Capitale in Russia. Intrigato dai loro discorsi, studia il russo e si mette a leggere i lavori di alcuni di loro. Cos
compie alcune scoperte che gli fanno rimettere in discussione il suo punto di vista progressista/evoluzionista. Prima aveva sempre
insistito sulla necessit di sviluppare le forze produttive, valutando positivamente la distruzione delle vecchie culture feudali,
asiatiche, comunitarie eccetera, perch pensava che per raggiungere il socialismo fosse prima necessario passare sotto le
forche caudine del capitalismo. Leggendo i populisti, apprende dell'esistenza in Russia di una forma sociale particolare, l'obscina,
una comune agricola di base che aveva assunto un ruolo interessante dopo l'abolizione della servit della gleba (avvenuta nel
1861): invece di trasformarsi in piccoli imprenditori agricoli, i contadini russi continuano a vivere in una dimensione che non
prevede la propriet privata della terra. La propriet della comunit, che la gestisce in modo democratico attraverso le
assemblee degli anziani del villaggio (il Mir) nelle quali si discute e si decide su ci che riguarda i beni comuni, mentre l'usufrutto
della terra spetta ai singoli. Quindi Marx comincia a chiedersi se non avessero ragione quegli autori che sostenevano che, invece
di passare sotto le forche caudine del capitale, sarebbe stato meglio sfruttare queste strutture comunitarie per saltare
direttamente a una societ socialista.

Il sogno dell'ultimo Marx stato spazzato via da Stalin che, dopo avere ucciso milioni di contadini, ha imposto la collettivizzazione
forzata delle campagne russe, annientando quella cultura spontaneamente socialista e democratica per costruire
un'industrializzazione e una collettivizzazione forzate. Purtroppo le sinistre marxiste non hanno mai ammesso l'esistenza di
strutture sociali non capitalistiche che potrebbero evolvere in una direzione alternativa senza passare attraverso processi di
modernizzazione. Sono rimaste intrappolate dal mito del progresso. Non hanno capito che non esiste il progresso: esistono solo
rapporti di forza fra classi sociali; esiste un capitale che tenta di colonizzare il mondo intero: nazioni popoli e territori, ma anche i
mondi interiori, mercificando tutte le relazioni sociali che non sono ancora mercificate; trasformando in merci-servizio le relazioni
gratuite che esistono all'interno delle famiglie e delle comunit.

Dal fuori che ho descritto poco fa ci arriva un'indicazione su che fare? No. Perch la storia non contiene un destino immanente e
necessario, non segue un cammino prefissato. La storia pu andare avanti e indietro, pu procedere a spirale, pu avere delle
diramazioni laterali e tutto dipende anche da fattori contingenti, come potrebbe essere l'entrata in gioco di nuove generazioni.
Qualcuno di voi si chiedeva: "Ma come si fa a fare rete?" La sola risposta che possiamo dare "Che ne so?" Siete voi che
dovete inventare un modo nuovo di fare rete, lo non sono uno di quelli che pensa che oggi occorra rifare il partito. Il partito
novecentesco morto e sepolto. Qualche giorno fa, discutendo con me sulla fine della socialdemocrazia e del comunismo,
Bertinotti ha detto "simul stabunt, simul cadebunt"; il riformismo e la forma novecentesca del partito rivoluzionario sono finiti
assieme. Ci sono esperienze nuove e interessanti? S, considero interessante quello che stanno facendo in Bolivia. Non vuol dire
che andr tutto bene: pu andare malissimo come successo in Ecuador, dove il processo rivoluzionario si bloccato, come
racconto nel mio ultimo libro. Ma comunque vada a finire l hanno messo in moto un processo politico che, invece di costruire un
partito monolitico, ha costruito un'associazione di associazioni. Il Mas (Movimento al socialismo) una federazione di sindacati

5 de 6 31/01/2016 19:15
Carlo Formenti: Le nuove servit e il lavoro intellettuale http://www.sinistrainrete.info/analisi-di-classe/6529-carlo-formenti-le...
dei contadini, sindacati degli operai delle miniere, ong, movimenti sociali urbani. Questa forma politica stata criticata perch
"neo-corporativa"; perch sta tentando di colonizzare le istituzioni dello stato boliviano, trasformandole in camere di contrattazione
permanente fra gli interessi compositi di tutti questi soggetti, i quali possono collaborare perch hanno un avversario comune, anzi
un nemico comune, che il liberismo, lo uso sempre il termine "nemico" perch non sono un pacifista. Sono per la guerra di
classe, dopodich so che questa non si pu fare come si faceva una volta perch dovremmo combattere contro un esercito di
assassini di professione armati fino ai denti. Per, anche se lo scontro frontale non si pu pi fare, si possono costruire dei
movimenti di massa attraverso queste nuove forme federative. Dobbiamo riuscire a spezzare la gabbia d'acciaio che ci stata
costruita attorno cos rapidamente. Ma chiaro che se non la spezzate voi non la spezzer nessuno. Noi siamo delle mummie,
dei brontosauri, che si aggirano lamentandosi nel deserto che gli stato creato intorno; se sopravviviamo solo perch - almeno
questo il mio caso - spinti da una grandissima curiosit. Sono curioso. In questa epoca storica succedono un casino di cose...
cose terribili perlopi, ma come vedere un film d'azione (confesso di adorare i b-movie d'azione, assai pi di certi i film
d'autore). E quindi mi tengo vivo con la curiosit. N mi sembra cos terribile quella maledizione cinese che recitava: "Possa tu
vivere in tempi interessanti".

6 de 6 31/01/2016 19:15