Vous êtes sur la page 1sur 46

978-88-08-06139-3

RISPOSTE AGLI ESERCIZI

M(CHO2)  45,012 gmol1. (90,0 gmol1)/(45,012 gmol1) 


PROVE DI AUTOESAME B F.5B
2,00; 2  (CHO2)  C2H2O4.
G.1B M(Na2SO4)  142,05 gmol1. (15,5 g)/(142,05 gmol1)  0,109
I fondamenti mol. (0,109 mol)/(0,350 L)  Na2SO4(aq) 0,312 m.
A.1B 250 g  1,000 lb/453,6 g  16 oz/1lb  8,82 oz. G.2B (0,125 mol/L1)  (0,05000 L)  0,0065 mol acido ossalico.
A.2B 9,81 ms2  1 km/103 m  (3600 s/1 h)2  1,27  105 kmh2. M(acido ossalico)  90,036 gmol1. (0,006 25 mol)  (90,036 gmol1) 
A.3B V  m/d  (10,0 g)/(0,176 85 gL1)  56,5 L. 0,563 g di acido ossalico.
A.4B EK  mv 2/2  1/2  (1,5 kg)  (3,0 ms1)2  6,8 J. G.3B (2,55  103 mol HCl)/(0,358 mol/L HCl)  7,12 mL HCl.
A.5B EK  mgh  (0,350 kg)  (9,81 ms2)  (443 m)  (103 kJ/J)  G.4B Viniziale  (cfinale  Vfinale)/ciniziale  (1,59  105 molL1)  (0,025 00
1,52 kJ. L)/(0,152 molL1)  2,62  103 mL.
B.1B Numero di atomi Au  m(campione)/m(un atomo)  (0,0123 kg)/ H.1B Mg3N2(s)  4 H2SO4(aq) : 3 MgSO4(aq)  (NH4)2SO4(aq).
(3,27  1025 kg)  3,76  1022 atomi di Au. I.1B (a) Composto molecolare non acido, quindi non elettrolito, non conduce
B.2B (a) 8, 8, 8; (b) 92, 144, 92. la corrente elettrica; (b) composto ionico elettrolito forte, conduce lelettricit.
C.1B (a) Il potassio un metallo del gruppo 1. Catione, 1; quindi K.(b) I.2B 3 Hg22(aq)  2 PO43(aq) : (Hg2)3(PO4)2(s).
lo zolfo un non metallo del gruppo 16/VI. Anione, 16  18  2; quindi I.3B SrCl2 e Na2SO4: Sr2(aq)  SO42(aq) : SrSO4(s).
S2. J.1B (a) N luno n laltro; (b) acido; (c) acido; (d) libera la base OH.
C.2B (a) Li3N; (b) SrBr2. J.2B 3 Ca(OH)2(aq)  2 H3PO4(aq) : Ca3(PO4)2(s)  6 H2O(l).
D.1B (a) Diidrogenoarseniato; (b) ClO3. K.1B Cu(aq) si ossida; I2(s) si riduce.
D.2B (a) Cloruro di oro(III); (b) solfuro di calcio; (c) ossido di K.2B (a) x  3(2)  2; x  4 per S; (b) x  2(2)  1; x  3
manganese(III). per N; (c) x  1  3(2)  0; x  5 per Cl.
D.3B (a) Tricloruro di fosforo; (b) triossido di zolfo; (c) acido bromidrico. K.3B Lossidante H2SO4 (S si riduce da 6 a 4); NaI il riducente (I si
D.4B (a) Cs2S4H2O; (b) Mn2O7; (c) HCN; (d) S2Cl2. ossida da 1 a 5).
D.5B (a) Pentano; (b) acido carbossilico. K.4B 2 Ce4(aq)  2 I(aq) : 2 Ce3(aq)  I2(s).
E.1B Atomi H  (3,14 mol H2O)  (2 mol H)/(1 mol H2O)  (6,022  L.1B (2 mol Fe)/(1 mol Fe2O3)  25 mol Fe2O3  50 mol Fe.
1023 atomi H/mol H)  3,78  1024 atomi H. L.2B 2 mol CO2/1 mol CaSiO3; mol CO2  (3,00 102 g)/(44,01
E.2B (a) n  m/M  (5,4  103 g)/(26,98 gmol1)  2,0  102 mol; (b) gmol )  6,82 mol. (1 mol CaSiO3/2 mol CO2)  (6,82 mol CO2)  3,41
1

N  NA  n  (6,022  1023 atomi Al/mol)  (2,0  102 mol)  1,2  1026 mol CaSiO3; (3,41 mol CaSiO3)  (116,17 gmol1 CaSiO3)  396 g CaSiO3.
atomi Al. L.3B 2 KOH  H2SO4 : K2SO4  2 H2O; 2 mol KOH 1 mol H2SO4;
E.3B Rame-63: (62,94 gmol1)  0,6917  43,536 gmol1; rame-65: (0,255 mol KOHL1)  (0,025 L)  6,375  103 mol KOH; (6,375 
(64,93 gmol1)  0,3083  20,018 gmol1; 43,536 gmol1  20,018 103 mol KOH)  (1 mol H2SO4)/(2 mol KOH)  3,19  103 mol H2SO4;
gmol1  63,55 gmol1. (3,19  103 mol H2SO4)/(0,016 45 L)  H2SO4(aq) 0,194 m.
E.4B (a) Fenolo: 6 C, 6 H, 1 O; 6(12,01 gmol1)  6(1,008 gmol1)  L.4B (0,100  0,02815) mol KMnO4  (5 mol As4O6)/(8 mol KMnO4)
(16,00 gmol1)  94,11 gmol1. (b) Na2CO310H2O: 2 Na, 1 C, 13 O, 20  395,28 gmol1  6,96  102 g As4O6.
H; 2(22,99 gmol1)  (12,01 gmol1)  13(16,00 gmol1)  20(1,008 M.1B 2 Fe2O3(s) : 4 Fe(s)  3 O2(g); (15 kg Fe2O3)/(159,69 gmol1) 
gmol1)  286,15 gmol1. (2 mol Fe)/(1 mol Fe2O3)  (55,85 gmol1)  10,5 kg Fe; 8,8 kg/10,5 kg 
E.5B Ca(OH)2: 1 Ca, 2 O, 2 H; (40,08 gmol1)  2(16,00 gmol1)  100%  resa 84%.
2(1,008 gmol1)  74,10 gmol1. (1,0  103 g calce)/(74,10 gmol1)  M.2B 2 NH3  CO2 : OC(NH2)2  H2O; n(NH3)  (14,5  103 g)/
13,5 mol calce. (17,034 gmol1)  851 mol NH3; n(CO2)  (22,1  103 g)/(44,01 gmol1)
E.6B CH3COOH: 2 C, 4 H, 2 O; 2(12,01 gmol1)  4(1,008 gmol1)   502 mol CO2; 2 mol NH3 1 mol CO2. (a) Il reagente limitante NH3.
2(16,00 gmol1)  60,05 gmol1. (60,05 gmol1)(1,5 mol)  90 g. (851 mol NH3/2)  502 mol CO2. (b) 2 mol NH3/1 mol di urea. Si possono
F.1B % C  (6,61 g/7,50 g)  100%  88,1%; % H  (0,89 g/7,50 g) produrre 426 mol di urea (pari a 25,6 kg di urea). (c) (502  426) mol  76
 100%  11,9%. mol CO2 in eccesso  3,3 kg CO2.
F.2B AgNO3: (107,87 gmol1)  (14,01 gmol1)  3(16,00 gmol1) M.3B 3 NO2(g)  H2O(l) : 2 HNO3(l)  NO(g). Ci sono 0,61 mol di
 169,88 gmol1; % Ag  (107,87 gmol1)/(169,88 gmol1)  100%  NO2 e 1,0 mol di H2O. 1 mol H2O 3 mol NO2; pertanto, lNO2, non es-
63,50%. sendo sufficiente, il reagente limitante. Si formano 22 g di HNO3 (pari a 0,35
F.3B Carbonio: 0,778  (100 g eucaliptolo)  77,8 g C, (77,8 g C)/ mol HNO3). La resa teorica (0,61 mol NO2)  (2 mol HNO3)/(3 mol NO2)
(12,01 gmol1)  6,48 mol C; idrogeno: (11,8 g H)/(1,0079 gmol1)  11,7  0,407 mol HNO3. Resa percentuale  (0,35 mol)/(0,407)  100%  86%.
mol H; ossigeno: (10,4 g O)/(16,00 gmol1)  0,650 mol O. 6,48 C:11,7 M.4B Il campione contiene 0,0118 mol C (0,142 g C) e 0,0105 mol H
H:0,650 O. (0,0106 g H). Massa di O  0,236 g  (0,142  0,0105) g  0,0834 g O
F.4B n(O)  (18,59 g)/(16,00 gmol1)  1,162 mol O; n(S)  (37,25 (0,005 21 mol O). I rapporti molari C:H:O sono 0,0118:0,0105:0,005 21,
g)/(32,07 gmol1)  1,162 mol S; n(F)  (44,16 g)/(19,00 gmol1)  2,324 ossia 2,26:2,02:1. Moltiplicando queste cifre per 4 si ha 9:8:4, e la formula
mol F; proporzione 1:1:2; la formula SOF2. empirica sar C9H8O4.
C2 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

Capitolo 1 3.8B (a) Ottaedrico; (b) quadrata; (c) sp3d 2.


1.1B l c/n  (2,998  10 ms )/(98,4  10 Hz)  3,05 m.
8 1 6 3.9B Il carbonio del gruppo CH3 ibridizzato sp3 e d vita a quattro legami
1.2B n  R(1/22  1/52)  21R/100; l c/n  100c/21R  (100  s con angoli di legame di circa 109,5. Gli altri due atomi di carbonio sono
2,998  108 ms1)/(21  3,29 1015 s1)  434 nm, riga violetta. entrambi ibridizzati sp2, e ciascuno d vita a tre legami s e a un legame p; gli
1.3B T  costante/lmax  (2,9  103 mK)/(700  109 m)  4,1  103 angoli di legame sono di circa 120.
K. 3.10B O2: s2s2s2s*2s2p2p2p4p2p*1; ordine di legame  (8  3)/2  2,5.
1.4B E  hn  (6,626  1034 Js)  (4,8  1014 Hz)  3,2  1019 J. 3.11B CN: 1s22s*2 1p43s2.
1.5B (a) Ek   (9,109  1031 kg)  (7,85  105 ms1)2  2,81 
1019 J; (b) 3,63 eV  (1,602  1019 JeV1)  5,82  1019 J, l  [(3,00
 108 ms1)  (6,626  1034 Js1)]/(5,82  1019 J)  342 nm. Capitolo 4
1.6B l  h/mn  (6,626  1034 Js)/(0,0050 kg  2  331 ms1)  2,0 4.1B h  P/dg  (1,01  105 kgm1s2)/[(998 kgm3)  (9,806 65
 1034 m. ms2)]  10,3 m.
1.7B n  /2mx  (1,054 57  1034 J)/(2  2,0  103 kg  1 m)  4.2B P  (10 cm Hg)  (10 mm Hg)/(1 cm Hg)  (1,01325  105 Pa)/
3  1038 ms1. (760 mm Hg)  1,3  104 Pa.
1.8B E3  E2  5h2/8meL2  hn; n  5h/8meL2; l  c/n  8mecL2/5h  4.3B (630 Torr)  (133,3 Pa/1 Torr)  8,40  104 Pa, ossia 84,0 kPa.
[8  (9,10939  1031 kg)  (2,998  108 ms1)  (1,50  1010 m)2]/(5 4.4B V2  P1V1/P2  (1,00 bar)  (750 L)/(5,00 bar)  150 L.
 6,626  1034 Js)  14,8  109 m, ossia 14,8 nm. 4.5B P2  P1T2/T1  (760 mmHg)  (573 K)/(293 K)  1,49  103
1.9B rapporto  (e6a0/a0/pa0)3/(1/pa03)  e6  0,0025. mmHg.
1.10B 3p 4.6B P2  P1n2/n1  (1,20 atm)  (300 mol)/(200 mol)  1,80 atm.
1.11B 1s 22s 22p63s 23p1 ossia [Ne]3s 23p1. 4.7B V/min  (n/min)  (RT)/P  (1,00 mol/min)  (8,206  102
1.12B [Ar]3d 104s 24p3. LatmK1mol1)  (300 K)/(1,00 atm)  24,6 Lmin1.
1.13B (a) r (Ca2)  r (K); (b) r(Cl)  r (S2). 4.8B V2  P1V1/P2  (1,00 atm)  (80 cm3)/(3,20 atm)  25 cm3.
1.14B La formazione di Be3 esige che si allontani un elettrone dal nocciolo 4.9B P2  P1V1T2/V2T1  [(1,00 atm)  (250 L)  (243 K)]/[(800 L) 
del gas nobile, laddove, per formare B3, si allontana un elettrone solo dallo (293 K)]  0,259 atm.
strato di valenza. Gli elettroni del nocciolo sono pi vicini al nucleo, per questo 4.10B n  (1 mol He/4,003 g He)  (2,0 g He)  0,50 mol He; V 
la loro rimozione richiede un maggior apporto energetico. nRT/P  (0,50 mol)  (24,47 Lmol1)  12 L.
1.15B Nel fluoro, appartenente al gruppo 17/VII, lunica lacuna dello strato 4.11B M  dRT/P  (1,04 gL1)  (62,364 LTorrK1mol1)  (450 K)/
di valenza viene colmata da un elettrone; ora lo strato mostra la configurazione (200 Torr)  146 gmol1.
tipo gas nobile del neon, ed completo. Nel neon laggiunta di un elettrone 4.12B 2 H2(g)  O2(g) : 2 H2O(l), e cos 2 mol H2O 1 mol O2; n(O2)
dovrebbe inaugurare un nuovo strato, dove si troverebbe meno soggetto, per la  PV/RT  [(1,00 atm) (100,0 L)]/[(8,206  102 LatmK1mol1)  (298
maggiore distanza, allattrazione del nucleo. K)]  4,09 mol O2n(H2O)  2(4,09 mol O2)  8,18 mol H2O; m(H2O) 
(8,18 mol)  (18,02 gmol1)  147 g H2O.
4.13B 2 H2O(l) : 2 H2(g)  O2(g); (2 mol H2/3 mol gas)  (720 Torr) 
Capitolo 2 480 Torr H2; (1 mol O2/3 mol gas)  (720 Torr)  240 Torr H2.
2.1B (a) [Ar]3d 5; (b) [Xe]4f 145d 10. 4.14B n(O2)  (141,2 g O2)/(32,00 gmol1)  4,412 mol O2; n(Ne) 
2.2B I, [Kr]4d 105s 25p6. (335,0 g Ne)/(20,18 gmol1)  16,60 mol Ne; PO2  (4,412 mol O2/21,01
2.3B
KCl, perch Cl ha raggio minore di Br. mol totali)  (50,0 atm)  10,5 atm.
2.4B H Br ; H non possiede coppie solitarie, Br ne ha tre. 4.15B (10 s)  [(16,04 gmol1)/(4,00 gmol1)]1/2  20 s.


4.16B vrms  (3RT/M)1/2  [3  (8,3145 JK1mol1)  (298 K)/(16,04 
2.5B HNH 103 kgmol1)]1/2  681 ms1.
4.17B P  [nRT/(V  nb)]  an2/V 2  {[(20 mol CO2)  (8,206 
H 102 LatmK1mol1)  (293 K)]/[100  (20  4,29  102 Lmol1)]} 
2.6B HN N H (3,610 L2atmmol2)  202/1002  4,7 atm.

H H
  Capitolo 5

2.7B O N O Mm O N O 5.1B 1,1-Dicloroetano, perch possiede momento di dipolo.


5.2B A differenza di CF4, CHF3 ha un netto momento di dipolo. Le in-
2.8B FOF

terazioni dipolo-dipolo che ne discendono giustificano il punto di ebollizione


0 0 0 pi elevato di CHF3, pur potendo attendersi che la molecola CF4 (con pi
 elettroni) manifesti interazioni di London pi intense.
2.9B O NO

5.3B (a) CH3OH e (c) HClO (in soluzione).



5.4B 8(1/8)  2 (1/2)  2(1)  4 atomi.
2.10B I 2I@ I ; 10 elettroni dfcc  (4M)/(83/2NAr 3)  (4  55,85 gmol1)/[83/2  6,022  1023

5.5B
mol  (1,24  108 cm)3]  8,60 gcm3; dbcc  (33/2M)/(32NAr3)  (33/2
1

2.11B O O O

 55,85 gmol1)/[32  6,022  1023 mol1  (1,24  108 cm)3]  7,90


0 1 1 gcm3. La densit osservata pi prossima a quella prevedibile per una strut-
2.12B (a) CO2. tura cubica a corpo centrato.
2.13B CaS. 5.6B r  (100 pm)/(184 pm)  0,54 struttura tipo salgemma.
5.7B r  (167 pm)/(220 pm)  0,76 struttura tipo cloruro di cesio
Capitolo 3 d =
M
=
b 3
N A a 1/2 b
3.1B Triangolare.
3.2B (a) Triangolare; (b) angolare. 3
3.3B (a) AX2E2; (b) tetraedrico; (c) angolare. (132,91 + 126,90) g mol - 1
3.4B Quadrata. = 4,83 g cm - 3
7,74 * 10-8 cm 3
3.5B (a) Apolare; (b) polare. (6,022 * 10 mol ) a
23 -1
b
3.6B (a) Tre s, nessun p; (b) due s, due p. 31/2
3.7B Tre legami s formati da due orbitali ibridi C2sp, un legame tra due
atomi C e due che collegano ciascun atomo C a un atomo H secondo una
disposizione lineare; due legami p, uno tra due orbitali C2px e laltro tra due Tecniche principali 3
orbitali C2pY. TP3.1B d  (152 pm)/(2 sin 12,1)  363 pm.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C3

Capitolo 6 Capitolo 7
ch (2,998 * 108 m s -1) * (6,626 * 10 - 34 J s) 7.1B w  PV  (9,60 atm)  (2,2 L  0,22 L)  (101,325
6.1B E= = = JL1atm1)  1926 J  1,9 kJ.
4,20 * 10 - 7 m
7.2B w  PV  (1,00 atm)  (4,00 L  2,00 L)  (101,325
4.7 10 19 J JL1atm1)  202 J; w  nRTln(Vfinale/Viniziale)  (1,00 mol)  (8,3145
6.2B d (ottone) d(Cu) JK1mol1)  (303 K)  ln(4,00L/2,00L)  1,75 kJ; lespansione isoter-
0,5000 * 65,41 g # mol - 1 + 0,5000 * 63,55 g # mol -1 mica reversibile compie pi lavoro.
= 1,015 7.3B q  nCmT  (3,00 mol)  (111 JK1mol1)  [15 C  (1 K/1
63,55 g # mol - 1
6
C)]  5,0 kJ.
10 g ghisa (4,5 - 1,0)g C rimosso 7.4B Ccal  qcal/T  (4,16 kJ)/(3,24 C)  1,28 kJ(C)1.
6.3B 1,0 t * * *
1t 100 g ghisa 7.5B w  U  q  150 J  (300 J)  450 J; w  0 (cio il sistema
1 mol C 1 mol O 2 32,00 g O 2 1 kg compie lavoro).
* * * = 93 kg 7.6B q  1,00 kJ; w  (2,00 atm)  (3,00 L  1,00 L)  (101,325
12,01 g C 1 mol C 1 mol O 2 10 3 g
J/1 Latm)   405 J; U  q  w  1,00 kJ  (0,405 kJ)  0,60 kJ.
6.4B xAg  0,63, xNi  0,37 (dalla figura 6.8); m(Ag) 1,0 mol miscela  7.7B (a) H  30 kJ; (b) U  q  w  30 kJ  40 kJ  70 kJ.
[(0,63 molAg)/(1,0 mol miscela)]  [(107,87 g Ag)/(1 mol Ag)]  68 g Ag; 7.8B (a) T  q/(nCV )  [(1,20 kJ)  (103 J/kJ)]/[(1 mol)  (5/2) 
m(Ni)  1,0 mol miscela  [(0,37 mol Ni)/(1,0 mol miscela)]  [(58,69 g (8,3145 LatmK1mol1)]  57,7 K; Tf  298  57,7  356 K; U  q 
Ni)/(1 mol Ni)]  22 g Ni; massa%(Ag)  68 g/(68  22) g  100%  24%. w  1,20 kJ  0  1,20 kJ; (b) (fase 1) volume costante, si trova la tempe-
6.5B (a) [(710 nm  1 cm /107 nm)  (10 cm)  (0,5 mn  1 cm/10 mm)] ratura finale: T  q/(nCP )  [(1,20 kJ)  (103 J/kJ)]/[(1,0 mol)  (7/2) 
 (2,27 gcm3)  8  105 g; (8  105 g)/(12,01 gmol1)  7  106 mol; (8,3145 LatmK1mol1)]  41,2 K; Tf  298 K  41,2 K  339 K; U 
(b) (1,3  106 mol)  (6,022  1023 atomimol1)  4  1018 atomi. q  w  q  0  nCV T  (1 mol )  (5/2)  (8,3145 Jmol1K1)  (41,2
6.6B (1,0 cm3 diamante)  [(3,51 g diamante)/(1 cm3 diamante)]  K)  856 J. (Fase 2) isotermico, T  0, perci U  0. Di conseguenza dopo
[(1 cm3 grafite)/(2,27 g grafite)]  1,6 cm3; (1  x)3  1,6 cm3, x  tutti e due i processi, U  856 J, Tf  339 K.
0,170 cm. 7.9B H  [(22 kJ)/(23 g)]  46,07 gmol1  44 kJmol1.
6.7B (1,0 cm3 idrato)  [(103 g idrato)/(1 kg idrato)]  [(1 mol idrato)/
7.10B Hsub  Hvap  Hfus  38 kJmol1  3 kJmol1  41 kJmol1.
(228,33 g idrato)]  [(18 mol acqua)/(6 mol idrato)]  [(18,02 g acqua)/
7.11B qr  qcal  (216 J(C)1)(76,7 C)  1,66  103 J; Hr 
(1 mol acqua)]  [(1 kg acqua)/(103 g acqua)]  0,24 kg.
[(1,66  104 J)/(0,338 g)]  (72,15 gmol1)  [(1 kJ)/(103 J)]  3,54 
6.8B (a) sp 2; (b) sp 3.
103 kJ. C5H12(l)  8 O2(g) : 5 CO2(g)  6 H2O(l), H  3,54  103 kJ.
6.9B cblu  c/nx  (2,998  108 ms1)/1,35  2,22  108 ms1; crosso 
7.12B U  H  ngasRT  3378 kJ  (3/4 mol)(8,3145
c/nx  (2,998  108 ms1)/1,33  2,25  108 ms1;
Jmol1K1)(1273 K)(1 kJ/103 J)  3,37  103 kJ.
dblu  1,0 ns  (1 s)/(109 ns)  (2,22  108 m)/1 s  0,222 m; drosso  1,0
7.13B CH4(g)  O2(g) : CH3OH(l) H  206,10 kJ  (128,33
ns  (1 s)/(109 ns)  (2,25  108 m)/1 s  0,225 m; separazione  0,225 
kJ)  (483,64 kJ)  164,05 kJ.
0,222  0,003 m  3 mm.
7.14B 350 kJ  [(1 mol C2H5OH)/( 1368 kJ)]  [(46,07 g C2H5OH )/
6.10B SiO2(s)  OH(aq) : HSiO3(aq)
(1 mol C2H5OH)]  11,8 g C2H5OH.
6.11B 10 kg SiO2  [(103 g SiO2)/(1 kg SiO2)]  [(1 mol SiO2)/(60,09
g SiO2)]  [(30 mol e)/(1 mol SiO2)]  [(6,022  1023 e)/(1 mol e)]  7.15B C(diamante)  O2(g) : CO2(g); Hr  Hf(CO2)  Hf(C,
[(9,10939  1030 kg)/(1 e)]  [(103 g e)/(1 kg e)]  0,27 g. diamante)  Hf(O2, g)   393,51 kJmol1  (1,895 kJmol1)  0
kJmol1  395,41 kJmol1.
1m
6.12B 0,10 mm * 3 7.16B CO(NH2)2  3/2 O2 : CO2(g)  2 H2O(l)  N2(g); Hr 
l 10 mm Hf(CO2)  2 Hf(H2O)  Hf(N2)  Hf(CO(NH2)2); 632 kJ 
R = =
A * k 1 m2
a1,0 cm2 * b a0,2 mS m - 1 * 3 b
1S 393,51 kJ  2(285,83 kJ)  Hf(CO(NH2)2); Hf(CO(NH2)2) 
(100 cm)2 10 mS 333 kJmol1.
1 7.17B [524,3  147,70  2(111,88)  736  1451  2(325)] kJ  HL
= 5 * 10 3 S - 1 * = 5 * 10 3  0; HL  2433 kJ.
1 S -1 7.18B CH4(g)  2 F2(g) : CH2F2(g)  2 HF(g); legami scissi [2(CH),
6.13B 10 12 pm 1 atomo Ca 2 e - valenza 2(FF)]: 2(412 kJmol1)  2(158 kJmol1)  1140 kJmol1; legami forma-
1,0 cm * 2
* * * ti [2(CF), 2(HF)]: 2(484 kJmol1)  2(565 kJmol1)  2098 kJmol1;
10 cm (2 * 197 pm) 1 atomo Ca
H  1140 kJmol1  2098 kJmol1  958 kJmol1.
1 orbitale 7.19B Hr,523K  Hr,298K  CPT  365,56 kJmol1  [84,1 
= 2,5 * 10 7
2 e - valenza 3/2(29,36)  2(28,82)  (29,12)] JK1mol1  (523 K  298 K) [(1 kJ)/
6.14B Tipo p. (103 J)]  376,1 kJmol1.
6.15B Nella chemiluminescenza, la luce emessa nel corso di una reazione
chimica in seguito delleccitazione molecolare. Nella fosforescenza, la luce
emessa quando, dopo aver interrotto la stimolazione esterna, le molecole resta-
Capitolo 8
8.1B S  50 J/1373 K  0,036 JK1.
no nello stato eccitato.
8.2B S  (5,5 g)(0,51 JK1g1) ln (373/293)  0,68 JK1.
6.16B
8.3B S  nR ln (V2/V1)  (8,314 JK1mol1) ln (10/1)  19
1L 0,0012 mol Pb 2 + 1 mol PbSe
(a) 6,0 mL * 3
* * * JK mol1.
1

10 mL 1L 1 mol Pb 2 + 8.4B S  nR ln (P1/P2)  70,9 g  (1 mol/70,9 g)  (8,3145 Jmol1K1)


6,022 * 10 23 u.f. 1 p.q. 1 mol p.q. ln (3,00 kPa/24,00 kPa)  17,3 JK1.
: * * 8.5B (1) S  (23,5 g)(1 mol/32,00 g)(8,2145 JK1mol1)  ln(2,00
1 mol PbSe 165 u.f. 6,022 * 10 23 p.q. kPa/8,00 kPa)  8,46 JK1; (2) S  (23,5 g)(1 mol/32,00 g)(20,786
1 10 3 mL JK1mol1)  ln(360 K/240 K)  6,19 JK1; S  8,46  6,19 JK1
= 3,6 : 10 -6 mol # L - 1
 2,27 JK1.
:
2 * 6,0 mL 1L
8.6B Svap  Hvap/Tb  (40,7 kJmol1/373,2 K)  (103 J/1 kJ)  109
1 1
(b) 165 (207,2 78,96) g mol (1 kg)/(1000 g) 47,2 kg mol JK1mol1.
1/2 8.7B Hvap  (85 JK1mol1)(273,2  24,5 K)  (1 kJ/103 J)  26,1
(c) d = 2r = 2 : a b
3hl
8m ec kJmol1.
3 : (6,626 : 10 J s) : (601 * 10 - 9 m)
- 34 1/2 8.8B Sfus  (Hfus)/(Tf )  (10,59  103 Jmol1)/(278,6 K)  38,01
2 : a b = JK1mol1.
8 : (9,109 * 10 - 31 kg) : (2,998 * 108 m s - 1) 8.9B S  klnW  (1,380 66  1023 JK1)(1,0mol)(6,022  1023
1,48 mm mol1) ln (6)  15 JK1.
C4 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

8.10B Il fatto che a T  0 K lentropia non sia nulla indizio di disordi- 9.10B Si supponga 1 L di soluzione. m(NaCl)  1 L  (1,83 mol NaCl/1 L
ne; esso discende dalla possibilit che la molecola si orienti nel cristallo in pi sol)  58,44 gmol1  106,9 g NaCl; m(soluzione)  1 L sol  (103 mL/1 L)
modi. Nel ghiaccio ogni atomo O attorniato da quattro atomi H, in due con-  (1,07 g/1 mL)  1,07  103 g; m(H2O)  1070 g  107 g  9,6  103 g;
dizioni differenti. Due di essi sono congiunti da legame covalente con latomo 1,83 mol/0,96 kg  1,9 molkg1.
O, gli altri due interagiscono con lo stesso atomo O tramite legami a idrogeno. 9.11B nC9H8O  2,00 g  (1 mol)/(132,16 g)  0,0151 mol; nC2H5OH  50,0
Ci rende possibile nel cristallo pi di una orientazione, e a T  0 K lentropia g  (1 mol)/(46,07 g)  1,09 mol; xC2H5OH  1,09 mol/(1,09  0,0151) mol
risulta diversa da zero.  0,986; P  (0,986)(5,3 kPa)  5,2 kPa.
8.11B (a) S  Sgrigio  Sbianco  (44,14  51,55) JK1mol1   9.12B Tf  kfm  (39,7 Kkgmol1)(0,050 molkg1)  1,99 K 
7,41 JK1mol1, la forma grigia; (b) S  Sgrafite  Sdiamante  (5,7  2,4) 1,99 C; Tf  179,8 C  1,99 C  177,8 C.
JK1mol1  3,3 JK1mol1, diamante. 9.13B i  1 perch il saccarosio un non elettrolito e non si dissocia; 
8.12B Positivo, perch un gas si forma a partire da un solido. (1)(0,08 206 Latmmol1K1)(298 K)(0,120 molL1)  2,93 atm.
8.13B Sr  229,60 JK1mol1  219,56 JK1mol1  130,68 9.14B b  0,51 K/39,7 kgKmol1  0,0128 molkg1; nlinalolo  0,100 kg
JK1mol1 120,64 JK1mol1.  (0,0128 mol/1 kg)  1,28  103 mol; M  0,200 g/(1,28  103 mol) 
8.14B Samb  H/T  [(2,00 mol)(46,11 kJmol1)/298 K]  (103 156 gmol1.
J/1 kJ)  309 JK1. 9.15B n  cV  [2,11 kPa/(1)(8,3145 LkPaK1mol1)(293 K)]  0,175
8.15B Samb  (H/T )  (49,0 kJ/298 K)  (103 J/1 kJ)  164 L  1,52  104 mol; M  1,50 g/(1,52  104 mol)  9,87  103 gmol1
JK1; Stot  164 JK1  (253,18 JK1)  417 JK1, no. ossia 9,87 kgmol1.
8.16B S  nR ln (V2/V1)  (2,00 mol)(8,3145 JK1mol1) ln (0,200 9.16B Masse uguali, quindi si ammettano 50,00 g di ciascuno. n(C6H6) 
L/4,00 L)  49,8 JK1mol1; Samb  49,8 JK1mol1; Stot  0. 50,00 g  1 mol/(78,11 g)  0,6401 mol; n(C7H8)  50,00 g  1 mol/
8.17B Samb  (Hvap/T)  [(30,8  103 kJmol1)/353,3 K]  87,2 (92,13 g)  0,5427 mol; xC6H6  0,6401 mol/(0,6401  0,5427) mol 
JK1; S  87,2 JK1; Stot  S  Samb  87,2 JK1  (87,2 0,5412; xC7H8  0,5427 mol/(0,6401  0,5427) mol  0,4588; Ptotale 
JK1)  0 a 353,2 K. (0,5412)  (94,6 Torr)  (0,459)(29,1 Torr)  64,5 Torr.
8.18B S. G  H TS. Quando S  0, TS  0. Di conseguenza, 9.17B (a) P  (0,500)(94,6 Torr)  (0,500)(29,1 Torr)  61,8 Torr; (b)
con laumentare della temperatura TS diviene pi negativo; alla fine G  xC6H6,vap  [(0,500)(94,6 Torr)/61,8 Torr]  0,765, xC7H8,vap  1  0,765 
0 e il processo si rende spontaneo. 0,235.
8.19B (a) Gm  Hm TSm  59,3 kJmol1  (623 K)(0,0942 TP4.1B HCl la fase mobile; lordine di eluizione dei composti rispecchia
JK1mol1)  0,6 kJmol1; la vaporizzazione non spontanea; (b) Gm quello della solubilit in HCl: CuCl2  CoCl2  NiCl2.
 Hm TSm  59,3 kJmol1  (643 K)(0,0942 kJK1mol1)  1,3
kJmol1; la vaporizzazione spontanea. Capitolo 10
8.20B 3 H2(g)  3 C(s, grafite) : C3H6(g); Sr  237,4 JK1mol1  10.1B K  (PSO2)2(PH2O)2/(PH2S)2(PO2)3.
[3(130,68 JK1mol1)  3(5,740 JK1mol1)]  171,86 JK1mol1; 10.2B K  [ZnCl2](PH2)/[HCl]2.
Gr  Hr  TSr  53,30 kJmol1  (298 K)(171,86 JK1mol1)  10.3B K  1/(PO2)5.
(1 kJ/103 J)  104,5 kJmol1. 10.4B Gr  4,73 kJmol1  (8,3145 Jmol1K1)(298 K)  ln
8.21B DallAppendice 2A, Gf(CH3NH2, g)  32,16 kJmol1 a 298 [(2,10)2/0,80]  (1 kJ/103 J)  8,96 kJmol1; G  0. Pertanto la reazione
K. Poich Gf  0, nelle condizioni indicate CH3NH2 meno stabile degli procede nel verso dei reagenti.
elementi costituenti. 10.5B Gr  2Gf(NO2(g))  [Gf(O2(g))  2Gf(NO(g))] 
8.22B G  [910  (6 mol)(0)]  [(6 mol)(394,36)  (6 mol) 2(51,31)  [0  2(86,55)] kJmol1  70,48 kJmol1; ln K  (70,48
(237,13)]  2879 kJ.  103 Jmol1)/(8,3145 kJK1mol1  298 K)  28,45; K  2,3  1012.
8.23B MgCO3(s) : MgO(s)  CO2(g); H  601,70  (393,51)  10.6B 52 kPa  (1 bar)/(102 kPa)  0,52 bar; PNO  [K  PN2  PO2]1/2 
(1095,8)  100,6 kJ; S  26,94  213,74  65,7 JK1  175,0 [(3,4  1021)  (0,52 bar)  (0,52 bar)]1/2  3,0  1011 bar, ossia 3,0 
JK1; T  H/S  (100,6 kJ/175,0 JK1)  (103 J/1 kJ)  574,9 K. 106 Pa.
10.7B Q  (1,2)2/2,4  0,60; K  0,15, quindi Q  K e la pressione par-
Capitolo 9 ziale di N2O4 aumenter.
9.1B CH3CH2CH3; le molecole delle due sostanze hanno la stessa massa 10.8B Kc  K(T/12,03 K)n, n  2  1  1; Kc  (47,9)[(12,03 K)/
molare, quindi lo stesso numero di elettroni e forze di London comparabili; (400 K)]  1,44.
tuttavia CH3CHO polare e sperimenta le forze dipolo-dipolo. 10.9B Kc  (7,3  1013)1/2  8,5  107.
9.2B ln(P2/94,6 Torr)  (30,8  103 Jmol1) / (8,3145 Jmol1K1) 10.10B K  (2x)2(x)/(0,012  2x)2 4x3/(0,012)2  3,5  1032; x  1,1
 1012. Allequilibrio: PHCl  0,012 bar; PHI  2,2  1012 bar PCl2  1,1 
(1/298 K  1/308 K); P2  142 Torr.
1012 bar; presente anche un po di I2 solido.
9.3B ln(760 Torr/400 Torr)  (35,3  103 Jmol1) / (8,3145
10.11B Q  (0,100)2/[(0,200)(0,100)]  0,5, quindi Q  K; K  20 
Jmol1K1)(1/323 K  1/T2); T2  339 K.
(0,100  2x)2/[(0,200  x)(0,100  x)]; x  0,0750 bar; PClF  0,100  2x
9.4B La pendenza (coefficiente angolare) positiva della curva limite solido-
 0,250 bar.
liquido mostra che lo zolfo monoclino pi denso dello zolfo liquido per tutto
10.12B Lequilibrio tende a spostarsi verso (a) i prodotti; (b) i prodotti; (c) i
il campo di temperature nel quale stabile il monoclino; il solido pi stabile
reagenti.
a pressione elevata.
10.13B Q  (1,30)2/[(0,080)(0,050)3]  1,7  105; Q  K. K  (1,30 
9.5B A 60 atm e 25 C il biossido di carbonio liquido. Quando viene libe-
2x)2/[(0,080  x)(0,050  x)3]  6,8  105; x  5,86  103 bar; PN2 
rato in un ambiente a 1 atm e a 25 C, con labbassarsi della pressione il sistema
0,074 bar; PNH3  1,31 bar; PH2  0,032 bar.
raggiunge la curva limite liquido-vapore, in corrispondenza della quale il liqui-
10.14B La compressione ha effetto solamente sulle specie gassose. Nella rea-
do muta in vapore. La vaporizzazione assorbe abbastanza calore da raffreddare
zione diretta 1 mol CO2(g) si combina a formare una specie acquosa, quindi la
il CO2 al di sotto della temperatura di sublimazione a 1 atm, e il risultato che
compressione favorir la formazione di H2CO3(aq).
si producono minuscole particelle di CO2 solido (ghiaccio secco).
10.15B Hr  2(393,51 kJmol1)  2(110,53 kJmol1)  0 
9.6B La temperatura critica aumenta con lintensificarsi delle forze inter-
565,96 kJmol1. La reazione esotermica, quindi labbassamento della tem-
molecolari. Ad esempio, CH4 non capace di intrattenere legami a idrogeno,
peratura destinato a spostarla in direzione del prodotti. favorito CO2.
e la sua temperatura critica inferiore sia a quella di NH3 sia a quella di H2O,
10.16B Hr  0  (287,0 kJmol1)  (374,9 kJmol1)  87,9
che i legami a idrogeno sono in grado di formarli.
kJmol1; ln (K2/K1)  [(87,9  103 Jmol1)/(8,3145 Jmol1K1)][1/(523
9.7B s  (2,3  102 molL1atm1)(1,00 atm)  2,3  102 molL1;
K)  1/(800 K)]  7,0; K2  K1e7,0  (78,3)e7,0  8,6  104.
n(CO2)  0,900 L  2,3  102 molL1  0,021 mol.
9.8B Molalit  (7,36 g KClO3/0,200 kg H2O)  (1 mol KClO3/122,55
g KClO3)  0,300 molkg1. Capitolo 11
9.9B x(H2O)  1  0,250  0,750 mol; 0,750 mol H2O  18,02 gmol1 110.1B (a) H3O ha un H in pi di H2O, quindi lacido coniugato di H2O
 (1 kg)/103 g  0,0135 kg; b(H2O)  0,0135 kg H2O; molalit  0,250 mol H3O. (b) NH2 ha un H in meno di NH3, quindi la base coniugata di NH3
CH3OH/0,0135 kg H2O  18,5 molkg1. NH2.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C5

11.2B (a) Acidi di Brnsted, NH4(aq), H2CO3(aq); basi di Brnsted, 12.3B (CH3)3NH/(CH3)3N perch il pKa  9,81, che si approssima a 10.
HCO3(aq), NH3(aq); (b) acido di Lewis, H(aq); basi di Lewis, NH3(aq), 12.4B pH  pKa  3,50  4,19  0,69; [C6H5CO2]/[C6H5COOH] 
HCO3(aq). 100,69  0,20:1.
11.3B (a) [H3O]  (1,0  1014)/(2,2  103)  4,5  1012 molL1; (b) 12.5B Quantit di H3O aggiunta  0,012 L  (0,340 mol)/(1 L)  0,004
[OH]  [NaOH]iniziale  2,2  103 molL1. 08 mol; quantit di OH residua  0,006 25  0,004 08 mol  0,002 17
11.4B [OH]  [NaOH]iniziale  0,077 molL1; [H3O]  (1,0  1014)/ mol; [OH]  0,002 17 mol/(0,0370 L)  0,0586 molL1; pOH  1,232;
(0,077)  1,30  1013 molL1; pH  log (1,3  1013)  12,89. pH  14,00  1,232  12,77.
11.5B [H3O]  108,2  6,3  109 molL1. 12.6B Quantit iniziale di NH3  0,025 L  (0,020 molL1)  5,0 
11.6B La base coniugata di HIO3 IO3; pKb  pKw  pKa  14,00  0,77 104 mol; volume di HCl aggiunto  (5,0  104 mol)/(0,015 molL1) 
 13,23. 0,0333 L; [NH4]  (5,0  104 mol)/(0,033 33  0,025 00) L  0,0086
11.7B (a) 1,8  109  Kb(C5H5N)  Kb(NH2NH2)  1,7  106; per- molL1; Ka  [H3O][NH3]/[NH4]  5,6  1010  (x)2/(0,0086  x)
tanto la base pi forte NH2NH2. (b) Dalla parte (a) C5H5N la base pi x 2/0,0086; [H3O]  x  2,2  106 molL1; pH  5,66.
debole, per cui C5H5NH lacido pi forte. (c) 1,7  101  Ka(HIO3)  12.7B Volume finale della soluzione  25,00  15,00 mL  40,00 mL;
Ka(HClO2)  1,0  102; perci HIO3 lacido pi forte. (d) Kb(HSO3)  quantit di HCO2 formata  quantit di OH aggiunta  (0,150 molL1)
1,0  1014/1,5  102  6,7  1013; Kb(ClO2)  1,0  1014/1,0  102  (15,00 mL)  2,25 mmol; quantit di HCOOH rimasta  2,50  2,25
 1,0  1012  Kb(HSO3)  Kb(ClO2); quindi la base pi forte ClO2. mmol  0,25 mmol; [HCOOH]  (0,25  103 mol)/(0,040 00 L)  0,062
11.8B CH3COOH  CH2ClCOOH  CHCl2COOH. (Lelettro- molL1; [HCO2]  (2,25  103 mol)/(0,040 00 L)  0,0562 molL1; pH
negativit di Cl maggiore di quella di H, quindi lacidit aumenta con lau-  3,75  log (0,0562/0,0062)  4,71.
mentare del numero di atomi di cloro legati.) 12.8B (a) Quantit di H3PO4  (0,030 L)(0,010 molL1)  3,0  104
11.9B Si verifica lapprossimazione: Ka  1,4  103  x 2/(0,22  x ); x mol; al primo punto stechiometrico quantit iniziale di H3PO4  quantit di
 0,018  5%, si deve applicare lequazione di secondo grado: x 2  (1,4  NaOH aggiunta; volume di NaOH  3,0  104 mol/0,020 molL1  0,015
103)x  3,1  104  0; x  1,7  102 molL1  [H3O]; pH  1,77; L, ossia 15 mL; (b) 2  15 mL  30 mL.
percentuale di deprotonazione  [(1,7  102)/(0,22)]  100%  7,7 %. 12.9B (0,020 L)(0,100 molL1)  0,0020 mol H2S; (0,0020 mol)/(0,300
11.10B [H3O]  102,35  4,5  103; Ka  (4,5  103)2/(0,50  4,5 molL1)  0,0067 L, ossia 6,7 mL NaOH per il primo punto stechiometrico,
103)  4,1  105. e 2  6,7 mL  13,4 mL per il secondo punto stechiometrico. (a) Prima del
11.11B Kb  1,0  106  x 2/(0,012  x) x2/0,012; x  1,1  104  primo punto stechiometrico; le specie principali sono Na, H2S e HS. (b) Al
[OH]; pOH  3,96; pH  14,00  3,96  10,04. Percentuale di protona- secondo punto stechiometrico le specie presenti sono Na e S2 (anche HS e
zione  [(1,1  104)/0,012]  100%  0,92%. OH, perch S2 possiede Kb relativamente grande).
11.12B (a) CO32 la base coniugata di HCO3, che un acido debole; la 12.10B Kps  [Ag][Br]  (8,8  107)2  7,7  1013.
soluzione acquosa, pertanto, basica. (b) Ka(Al(H2O)63)  1,4  105; di 12.11B Kps  [Pb2][F]2  (s)(2s)2  4s 3; 3,7  108  4s 3; s  2,1  103
conseguenza la soluzione acida. (c) K un catione neutro, mentre NO3 molL1.
la base coniugata di un acido forte; in ultima analisi la soluzione acquosa 12.12B In CaBr2(aq) 0,10 m, [Br]  2  (0,10 molL1)  0,20 molL1;
neutra. s  [Ag]  Kps/[Br]  7,7  1013)/(0,20)  3,8  1012 molL1.
11.13B NH4(aq)  H2O(l) #4 NH3(aq)  H3O(aq); Kb(NH3)  1,8  12.13B [Ba2]  [(1,0  103 molL1)  (100 mL)]/300 mL  3,3  104
105; Ka(NH4)  (1,0  1014)/(1,8  105)  5,6  1010; Ka  5,6  molL1; [F]  [(1,0  103 molL1)  (200 mL)]/300 mL  6,7  104
1010  x 2/(0,10  x) x2/0,10; x  7,5  106; pH  log (7,5  106) molL1. Qps  (3,3  104)(6,7  104)2  1,5  1010  Kps  1,7  106;
 5,12. quindi non si forma alcun precipitato di BaF2.
11.14B F(aq)  H2O(l) #4 HF(aq)  OH(aq); Ka(HF)  3,5  104; 12.14B (a) Affinch precipiti PbCl2, [Cl]  (Kps/[Pb2])1/2  (1,6 
Kb(F)  (1,0  1014)/(3,5  104)  2,9  1011; Kb  2,9  1011  x2/ 105/0,020)1/2  2,8  102 molL1. Perch precipiti AgCl, [Cl]  (Kps/
(0,020  x) x2/0,020; x  7,56  107; pOH  6,12; pH  14,00  6,12 [Ag])  1,6  1010/0,0010  1,6  107 molL1. In definitiva AgCl pre-
 7,88. cipita per primo quando [Cl]  1,6  107 mol L1; successivamente preci-
11.15B 0,012  (0,10  x)(x)/(0,10  x); x 2  0,11x  0,0012  0; risol- pita PbCl2 quando [Cl]  2,8  102 molL1. (b) Quando PbCl2 precipita,
vendo lequazione di secondo grado, x  0,0098; [H3O]  0,10  0,0098  [Ag]  (Kps/[Cl])  (1,6  1010)/(2,8  102)  5,7  109 molL1.
0,11; pH  0,96. 12.15B CuS(s)  4 NH3(aq) #4 Cu(NH3)42(aq)  S2(aq); K  (1,3 
11.16B pKa1(H3PO4)  2,12; pKa2(H3PO4)  7,21; pH  (2,12  7,21) 1036)  (1,2  1013)  1,6  1023; K  [Cu(NH3)42][S2]/[NH3]4  1,6
 4,66.  1023  x 2/(1,2  4x)4 x 2/(1,2)4; x/(1,2)2  4,0  1012; x  [S2] 
11.17B [Cl]  0,50 molL1; NH3CH2COOH(aq)  H2O(l) #4 5,8  1012 molL1.

NH2CH2COO(aq)  H3O(aq), Ka1  4,5  103; ma la ionizzazione
 5% per cui non lecito approssimare, x2  (4,5  103)x  0,00225 
0; x  0,045  [H3O] [NH2CH2COO]; [NH3CH2COOH]  (0,50
Capitolo 13
13.1B Riduzione: (8 H  MnO4  5 e : Mn2  4 H2O)  2; ossi-
 0,045) molL1  0,45 molL1; NH2CH2COO(aq)  H2O(l) #4
dazione: (H2O  H2SO3 : HSO4  2 e  3 H)  5; reazione risultante:
NH2CH2COO(aq)  H3O(aq), Ka2  1,7  1010  0,045x /(0,045 
H(aq)  2 MnO4(aq)  5 H2SO3(aq) : 2 Mn2(aq)  5 HSO4(aq)  3
x); x  1,7  1010  [NH2CH2CO2] ( 5% per cui lapprossimazione
H2O(l).
valida); [OH]  Kw/[H3O]  (1,0  1014)/0,045  2,2  1013 molL1.
13.2B Ossidazione: (3 I : I3  2 e)  8; riduzione: 9 H2O  16 e 
11.18B Kw  [H3O]([H3O]  NaOH]iniziale)  x(x  [NaOH]iniziale), x 2 
3 IO3 : I3  18 OH; reazione risultante: 3 H2O(l)  IO3(aq)  8 I(aq)
(2,0  107)x  (1,0  1014)  0; [H3O]  x  4,1  108 molL1; pH
: 3 I3(aq)  6 OH(aq).
 log (4,1  108)  7,39.
13.3B Le semireazioni relative alla batteria ad argento si leggono sulla tabella
11.19B Ka(HIO)  2,3  1011; x 3  (2,3  1011)x 2  [1,0  1014 
13.2. Da tali semireazioni si ha n  2. G  (2 mol)(9,6485  104 Cmol1)
(2,3  1011)(1,0  102)]x  (2,3  1011)(1,0  1014)  0, x 3  (2,3 
(1,6 V)  3,09  105 CVmol1  3,1  102 kJmol1.
1011)x 2  (2,4  1013)x  (2,3  1025)  0, x  4,9  107  [H3O];
13.4B Mn(s)|Mn2(aq)||Cu2(aq),Cu(aq)|Pt(s).
pH  log(4,9  107)  6,31.
13.5B (a) A sinistra: 2 Hg(l)  2 HCl(aq) : Hg2Cl2(s)  2 e; a destra:
2 e  Hg2(NO3)2(aq) : 2 Hg(l)  2 NO3(aq); reazione: 2 HCl(aq) 
Capitolo 12 Hg2(NO3)2(aq) : Hg2Cl2(s)  2 HNO3(aq). (b) S.
12.1B Ka  5,6  1010; pH  log(5,6  1010)  log(0,030/0,040)  13.6B E(Pb2/Pb)  Ecella  E(Fe2/Fe)  0,31 V  (0,44 V)  0,13 V.
9,13. 13.7B Mn3  e : Mn2, E1  1,51 V; Mn2  2 e : Mn(s),
12.2B n(CH3CO2)finali  [(0,500 L)  (0,040 molL1)]  0,0100 mol  E2  1,18 V; semireazione netta: Mn3  3 e : Mn(s), E3  [(n1E1 
0,0100 mol, [CH3 CO2]finale  (0,0100 mol)/(0,500 L)  0,0200 molL1; n2E2)/(n3)]  [(1 mol)(1,15 V)  (2 mol)( 1,18 V)]/(3 mol)  0,28 V.
n(CH3COOH)finali  [(0,500 L)  (0,080 molL1)]  0,0100 mol  0,0500 13.8B O2  2 H2O  4 e : 4 OH, E  0,40 V; Cl2  2 e :
mol, [CH3COOH]finale  (0,0500 mol)/(0,500 L)  0,100 molL1; pH  2 Cl, E  1,36 V. S, in soluzione basica Cl2(g) in grado di ossidare H2O
4,75  log(0,020/0,100)  4,05; pHfinale  pHiniziale  4,05  4,45  0,4 a O2(g), perch la semireazione di riduzione di Cl2 manifesta potenziale stan-
(decremento 0,4). dard pi positivo di quello della semireazione di riduzione di O2.
C6 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

13.9B Semireazione di ossidazione: Cu2 2 e : Cu, E 0,34 V; 14.12B ln(k /k) Ea/R[1/T 1/T ]; ln(4,35/3,00) Ea/(8,3145
semireazione di riduzione: Ag e : Ag, E 0,80 V; reazione risultan- Jmol1K1)[1/291 K 1/303 K]; Ea 2,3 104 Jmol1 23 kJmol1.
te: Cu(s) 2 Ag(aq) : Cu2(aq) 2 Ag(s), E 0,46 V. Pertanto Ag 14.13B ln(k /k) Ea/R[1/T 1/T ]; ln(k /k) (2,72 105 Jmol1)/
lossidante pi forte. Diagramma di cella: Cu(s)|Cu2(aq)||Ag(aq)|Ag(s). (8,3145 Jmol1K1)[1/773 K 1/573 K] 14,77 k/k e14,77; k
13.10B Cd(OH)2 2 e : Cd 2 OH, E 0,81 V; Cd2 2 e : (6,7 104 s1)(e14,77) 2,6 1010 s1.
Cd, E 0,40 V; risultante: Cd(OH)2(s) : Cd2(aq) 2 OH(aq), E 14.14B (a) Il catalizzatore omogeneo modifica il percorso di reazione, quindi
0,41 V. ln Kps (2)(0,41 V)/(0,025 693 V) 31,92; Kps 1,4 1014. anche la legge cinetica. (b) Dato che non muta la termodinamica della reazione,
13.11B Reazione di cella: Ag(aq, 0,010 molL1) : Ag(aq, 0,0010 molL1), il catalizzatore omogeneo non altera la costante di equilibrio.
E 0,0 V, n 1. E 0,0 V 0,025 693 V ln (0,0010/0,010) 0,059 V.
13.12B A pH 12,5, pOH 1,5 e [OH] 101,5 0,032 molL1; Capitolo 15
[Ag] (Kps/[OH]) (1,5 108)/(0,032) 4,7 107 molL1. 15.1B Lossigeno. Nella tavola periodica si colloca al di sopra sia del gallio sia
E (0,025693 V/1) ln(4,7 107/1,0) 0,37 V. il tellurio e alla destra del gallio.
13,13B Le semireazioni di riduzione sono: Br2(l) 2 e : 2 Br(aq), E 15.2B Lalluminio d luogo a un ossido anfotero nel quale presenta numero
1,09 V; O2(g) 4 H(aq) 4 e : 2 H2O(l), E 0,82 V a pH 7; di ossidazione 3; perci lelemento lalluminio.
2 H(aq) 2 e : 2 H2(g), E 0,00 V. Prodotto al catodo: H2; prodotti alla- 15.3B Lidrogeno un non metallo e a temperatura ambiente gassoso. Ha
nodo: O2 e Br2. (Si deve prevedere che si ossidi H2O piuttosto che Br; per, gra- elettronegativit intermedia (x 2,2), quindi si combina con i non metalli
zie allelevato sovrapotenziale dellossigeno, pu essere prodotto anche il bromo.) mediante legami covalenti, mentre con i metalli forma anioni. Al contrario, gli
13.14B 12,0 mol e (1 mol Cr)/(6 mol e) 2 mol Cr. elementi del gruppo 1 sono metalli solidi a bassa elettronegativit che, combi-
(6,20 C # s - 1 )(6,00 h : 3600 s # h - 1 ) nandosi con i non metalli, formano cationi.
13.15B m Cr = : 15.4B K(s) O2(g) : KO2(s).
9,6485 : 10 4 C # mol - 1
15.5B La massa molare del potassio minore di quella del cesio; di conse-
1 mol Cr 52,00 g Cr
* = 12,0 g Cr guenza da una massa inferiore di KO2 si pu ricavare la stessa massa di ossigeno
6 mol e - 1 mol Cr che dalla maggior massa di CsO2.
1 mol Cr 6 mol e- 15.6B 2 Ba(s) O2(g) : 2 BaO(s).
13.16B 12,00 g Cr : : = 1,385 mol e - ;
52,00 g Cr 1 mol Cr 15.7B Una reazione acido-base di Lewis; CaO la base, SiO2 lacido.
(1,385 mol e - )(9,6485 : 10 4 C # mol - 1 ) 1h 15.8B Lacido borico agisce da acido di Lewis. In B(OH)3 latomo di boro ha
t = : = 5,99 h ottetto incompleto e instaura un legame accettando una coppia solitaria da una
6,20 C # s - 1 3600 s
molecola di acqua (che agisce da base di Lewis). Il complesso formato un debole
13.17B (b) Lalluminio. lunico dei metalli a potenziale standard (1,66 V) acido di Brnsted che pu perdere un protone acido da una molecola di H2O.
inferiore a quello del ferro (0,44 V), quindi lunico a ossidarsi pi facilmen- 15.9B (a) 3, perch il numero di ossidazione di H nellidruro uguale a
te del ferro. 1; (b) 3.
15.10B Una reazione acido-base di Lewis, CO lacido di Lewis, OH la
Capitolo 14 base.
14.1B (a) Velocit media di scomparsa di Hb {[(8,0 107) (1,2 15.11B SiH4 un acido di Lewis capace di reagire con la base di Lewis OH.
106)] mmolL1/0,10 s} 4 106 mmolL1s1. CH4 non acido di Lewis, in quanto latomo C molto pi minuscolo di
14.2B (a) [(5,0 103)(mmol HI)L1s1] 2,5 103 (mmol quello Si e non dispone di orbitali d accessibili per far posto a eventuali coppie
H2)L1s1; (b) velocit media unica [H2]/t [I2]/t 1/2 ([HI]/t) di elettroni aggiunte.
2,5 103 mmolL1s1. A A
1 1 1
14.3B (a) Primo ordine in C4H9Br; ordine zero in OH; (b) complessiva-
15.12B (a) N N N
mente primo ordine; (c) s1.
14.4B Velocit k[CO]m[Cl2]n. Velocit (2)/velocit (1) 0,241/0,121 A di risonanza
(b) Altre strutture A violano la regola dellottetto, per cui quella
(0,24/0,12)m(0,20/0,20)n; 2 2m; m 1. Velocit (3)/velocit (2) riportata in (a) apporta il maggior contributo allibrido. (c) Lo ione azide
0,682/0,241 (0,24/0,24)m(0,40/0,20)n; 2,8 2n; n log 2,8/log 2 lineare e apolare.
1,5. Pertanto velocit k[CO][Cl2]3/2. Dallesperimento 1 si ha k (0,121 15.13B Si suppone 1 L di soluzione; 1 L sol (103 mL/ 1L) (1,7 g sol/1
molL1s1)/[(0,12 molL1)(0,20 molL1)3/2] 11 L3/2mol3/2s1. mL sol) (85 g H3PO4/100 g sol) (1 mol H3PO4/97,99 g H3PO4)
14.5B [C3H6]t [C3H6]0 ekt (0,100 molL1) e(6,7 104s1)(200 s) 0,087 H3PO4(aq) 15 m.
molL1. 15.14B Riduzione: 2 (2 e F2 : 2 F); ossidazione: 2 H2O : O2 4 H
14.6B Il grafico di ln [CH3N2CH3] in funzione del tempo lineare, provan- 4 e; reazione complessiva: 2 H2O(l) 2 F2(g) : O2(g) 4 H(aq) 4
do che la reazione devessere del primo ordine; k 3,60 104 s1. F(aq); E 2,87 1,23 V 1,64 V e G (4 mol)(96,485 kCmol1)
14.7B La reazione del primo ordine con k 6,7 104 s1 a 500 C; (1,64 V) 633 kJ.
15.15B (a) 1; (b) 6.
[C 3 H6 ]0 1,0 mol # L - 1
ln a b
1 1
t = ln = 4 1
15.16B I punti di fusione e di ebollizione degli alogeni aumentano scendendo
k [C 3 H6 ]t 6,7 : 10 s
- -
0,0050 mol # L - 1 lungo il gruppo perch le attrazioni intermolecolari divengono via via pi forti;
7,9 103 s 2,2 h le forze di London diventano pi intense e aumenta il numero degli elettroni
14.8B k ln 2/(2,4 104 a); t [(2,4 104 a)/ln 2] ln (1,0/0,20) 5,6 presenti.
104 a. 15.17B Nella riduzione di HClO3 un acido funge da reagente, per cui lau-
14.9B (a) Sono necessari quattro tempi di dimezzamento affinch la concen- mento del pH riduce il potere ossidante di HClO3.
trazione si riduca a un sedicesimo del suo valore iniziale: (1/2)4 1/16. (b) La 15.18B Piramidale quadrata.
reazione del primo ordine con k 5,5 104 s1 a 973 K. t1/2 (ln2)/k
(ln 2)/(5,5 104 s1) 1,3 103 s 21 min. t 4t1/2 4 21 min 84 min. Capitolo 16
14.10B (a) Bimolecolare (due reagenti); (b) unimolecolare (un reagente). 16.1B Ciascun atomo metallico perder un elettrone 4s. V, Mn, Co e
14.11B Velocit netta scomparsa di B k1[H2A][B] k2[HA][B] k1[HA] Ni presenteranno un elettrone nellorbitale 4s, mentre Cr e Cu non avranno
[BH]; velocit netta formazione di HA k1[H2A][B] k1[HA][BH] k2[HA] elettroni in tale orbitale. Poich i loro elettroni pi esterni dello strato di valen-
[B] 0; [HA] k1[H2A][B]/(k1[BH] k2[B]; za occuperanno orbitali 3d invece dellorbitale 4s, il loro raggio sar pi piccolo
Si sostituisce [HA]: velocit nettascomparsa di B rispetto a quelli degli altri cationi.
(k 2k 1[H2A][B] 2) k 1 k 1[H2A][B][BH + ] 16.2B Ossidazione: 2 Hg(l) : Hg22(aq) 2 e; riduzione: 4 H(aq)
k 1[H2A][B] + - ; NO3(aq) 3 e : NO(aq) 2 H2O(l); Netta: 6 Hg(l) 8 H(aq)
k 1 [BH + ] + k 2[B] k 1 [BH + ] + k 2[B] 2 NO3(aq) : 3 Hg22(aq) 2 NO(aq) 4 H2O(l); E 0,96 V 0,79 V
ponendo k2[B] k1[BH]. 0,17 V.
Velocit netta scomparsa di B k[H2A][B]2[BH]1; k 2k2k1/k1; H2A 2 B : 16.3B (a) Solfato di pentamminbromocobalto(III); (b) [Cr(NH3)4(OH2)2]
2 BH A2. Br3.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C7

16.4B Il rapporto tra CrCl36H2O e Cl 1:3; perci presente lisomero 18.2B (a) 4-Etil-2-metilesano;
[Cr(OH2)6]Cl3. (b) H
16.5B (a) NCS sostituito da SCN; i composti sono isomeri di legame. H
(b) Si scambia H2O con Cl, dunque i composti sono isomeri di idratazione. H C H
16.6B (a) Achirale; (b) chirale; (c) achirale; (d) chirale; non coppie enantio- HC H
mere. H C H
16.7B O  hc/l [(6,022  1023 mol1)  (6,626  1034 Js1)  HC H
(2,998  108 ms1)/(305  109 m)]  1 kJ/103 J  392 Jmol1.
16.8B (a) I ligandi a campo forte presentano O elevata. La configurazione
H H

H

H C C C C

C
H
H
C C H



t2g6eg1 e vi un elettrone spaiato. (b) I ligandi a campo debole hanno O piccola.

La configurazione t2g5eg2 e vi sono tre elettroni spaiati. H H H H HCH H H
16.9B Il ligando en a campo forte, e H2O a campo debole. Dato, per,
che Ni2 ha otto elettroni d, si tratta di un complesso d 8 e non vi sono orbitali HCH
eg vuoti. In definitiva sia [Ni(en)3]2 sia [Ni(H2O)6]2 hanno configurazione
t2g6eg2 e sono paramagnetici. H
18.3B (a) 4-Etil-2-esene
H H (b)
Capitolo 17 (b)
17.1B (a) 232 Th : ZAE  42; si produce 228 Ra. (b) 228 Ra : AZE  10e; si
90 88 88 C
produce 228 89
Ac.
Fe  10e : AZE; si produce 55 Mn. (b) 116C : ZAE  10e; si produce H C C H
17.2B (a) 55 26 25

11
5
B.
17.3B c; 148 58
Cs ricco di neutroni (fascia blu) e perci potrebbe subire le- 18.4B CH3(CH2)2CH2Br; CH3CH2CHBrCH3; (CH3)2CHCH2Br;
missione , che trasforma il neutrone in protone, conseguendo in tal modo (CH3)3CBr.
stabilit. 18.5B 27a e 27b sono entrambi trans.
17.4B (a) Bilanciare il numero di massa: 250  A  257  4 (1), A  11; 18.6B (c) chirale, perch il secondo atomo C legato a quattro gruppi
bilanciare numero atomico: 98  Z  103  4(0), Z  5; il nuclide mancante differenti.
115B. (b) Equilibrare il numero di massa: A  12  254  4(1), A  246; bi- 18.7B (a) presenta il punto di ebollizione maggiore perch ha catena pi
lanciare il numero atomico: Z  6  102  4(0), Z  96; il nuclide mancante lunga di (b), e quindi gode di forze di London pi robuste.
246
96
Cm. 18.8B CH3CHClCH2CH3.
17.5B m  m0ekt  (5,0 ) e(3,3  107 a1)(1,0  106 a)  3,6 g. 18.9B 1-Etil-3,5-dimetil-2-propilbenzene.
17.6B t  [(5,73  103 a)/ln 2]  ln [(1,4  104)/(18 400)]  2,3  103
a.
17.7B m  [(235,0439 mu)  92(1,0078 mu)  143(1,0087 mu)]  Capitolo 19
(1,6605  1027 kg)  3,1845  1027 kg; Elegame  |3,1845  1027 kg | 19.1B (a) HCOOCH2CH3; (b) CH3OH e CH3(CH2)2COOH.
 (3,00  108 ms1)2  [1 eV/(1,602 18  1019 J)]  1,79  109 eV. 19.2B C: ibridizzazione sp 2; N: ibridizzazione sp 3.
17.8B m  [137,91 mu  85,91 mu  12(1,0087 mu)  (235,04 mu)  19.3B (a) 3-pentanolo; (b) 3-pentanone; (c) etilmetilammina.
(1,0087 mu)]  (1,6605  1027 kg)  2,06  1028 kg a nucleo; E  (1,0 19.4B (a) CH2 C(CH3)COOCH3;
 103 kg)/(235,0  1,6605  1027 kg)  (2,06  1028 kg)  (3,00  (b) NHCH(CH3)CONHCH(CH3)CO.
108 ms1)2  4,8  1010 J. 19.5B I monomeri A e B si alternano, quindi ABABABAB un copoli-
mero alterno.

Capitolo 18
18.1B (a) H

H C H
C
H O
C C

H C C C H
H
H H
C C H
C H
H
H
H
(b) (CH3)2CH(CH2)3CH(CH3)CH2CH3.
C8 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

ESERCIZI DI NUMERO DISPARI D.1


D.3
(a) MnCl2; (b) Ca3(PO4)2; (c) Al2(SO3)3; (d) Mg3N2.
(a) Fosfato di calcio; (b) solfuro di stagno(IV), solfuro stannico; (c)
ossido di vanadio(V); (d) ossido di rame(I), ossido rameoso.
I fondamenti D.5 (a) TiO2; (b) SiCl4; (c) CS2; (d) SF4; (e) Li2S; (f) SbF5; (g) N2O5; (h) IF7.
A.1 (a) Chimica; (b) fisica; (c) fisica. D.7 (a) Esafluoruro di zolfo; (b) pentossido di diazoto; (c) triioduro di azo-
A.3 Temperatura, umidit ed evaporazione dellacqua sono propriet fisi- to; (d) tetrafluoruro di xenon; (e) tribromuro di arsenico; (f) biossido di cloro.
che. Laccensione dellacetone una trasformazione chimica. D.9 (a) Acido cloridrico; (b) acido solforico; (c) acido nitrico; (d) acido
A.5 (a) Fisica; (b) chimica; (c) chimica. acetico; (e) acido solforoso; (f ) acido fosforico.
A.7 (a) Intensiva; (b) intensiva; (c) estensiva; (d) estensiva. D.11 (a) ZnF2; (b) Ba(NO3)2; (c) AgI; (d) Li3N; (e) Cr2S3.
A.9 (a) 1 kilograno; (b) 1 centibatman; (c) 1 megamutchkin. D.13 (a) BaCl2; (b) ionico.
A.11 236 mL. D.15 (a) Solfito di sodio; (b) ossido di ferro(III) o ferrico; (c) ossido di
A.13 19,3 gcm3. ferro(II) o ferroso; (d) idrossido di magnesio; (e) solfato di nichel(II) esaidrato;
A.15 0,0427 cm3. (f ) pentacloruro di fosforo; (g) diidrogenofosfato di cromo(III); (h) triossido di
A.17 0,8589 gcm3. diarsenico; (i) cloruro di rutenio(II).
A.19 7,41 cm. D.17 (a) CuCO3, carbonato di rame(II); (b) K2SO3, solfito di potassio; (c)
A.21 3 (0,989) LiCl, cloruro di litio.
A.23 (a) 4,82  103 pm; (b) 30,5 mm3s1; (c) 1,88  1012 kg; (d) 2,66 D.19 (a) Eptano; (b) propano; (c) pentano; (d) butano.
 103 kgm3; (e) 0,044 mgcm3. D.21 (a) Ossido di cobalto(III) monoidrato; (b) Co2O3H2O; (b) idrossido
A.25 (a) 1,72 gcm3 (pi preciso); (b) 1,7 gcm3. di cobalto(II); Co(OH)2.
A.27 (a) Formula: X  50  2 C; (b) 94 X. D.23 E  Si; SiH4; tetraidruro di silico; Na4Si, siliciuro di sodio.
A.29 32 J. D.25 (a) Idruro di litio e alluminio, ionico (con un anione molecolare); (b)
A.31 4,0  103 kJ; 150 m. idruro di sodio, ionico.
A.33 6,0 J. D.27 (a) Acido selenico; (b) arseniato di sodio; (c) tellurito di calcio; (d)
A.35 Poich R  RE  h, arseniato di bario; (e) acido antimonico; (f ) seleniato di nichel(III).
D.29 (a) Alcol; (b) acido carbossilico; (c) aloalcano.
- a b
-Gm Em -Gm Em
EP = EP =
RE + h RE E.1 8,67  1010 km.
E.3 18 atomi Ca.
-Gm Em 1 Gm Em 1 E.5 (a) 1,0  1014 mol; (b) 3,2  106 anni.
= - 1 = 1 -
RE h RE h E.7 (a) 1,38  1023 atomi O; (b) 1,26  1022 unit formula; (c) 0,146
P1 + Q P 1 + Q mol H2O.
RE RE
E.9 (a) 6,94 gmol1; (b) 6,96 gmol1.
se x  h/RE, allora
E.11 11
B  73,8%; 10B  26,2%.
1 h E.13 (a) 75 g di indio.(b) 15,0 g di P; (c) nessuno, i due campioni conten-
L 1 -
h RE gono lo stesso numero di moli.
1 +
RE E.15 (a) 20,027 gmol1. (b) 1,11 gcm3. (c) Il volume del serbatoio sfe-
dallespansione in x. Poi rico 905 m3; il volume calcolato a partire dalla densit 901 m3. (d) No. (e)
Lipotesi in (b) ragionevole perch i nuclei sono molto piccoli e la differenza
a1 - a1 - bb =
Gm Em h Gm Emh
EP = = mgh di volume tra una molecola D2O e una molecola H2O trascurabile.
RE RE RE2 E.17 (a) 0,0981 mol, 5,91  1022 molecole; (b) 1,30  103 mol, 7,83 
dove g  GmE/RE2. 1020 molecole; (c) 4,56  105 mol, 2,79  1019 molecole; (d) 6,94 mol, 4,18
B.1 1,40  1022 atomi.  1024 molecole; (e) atomi N: 0,312 mol; 1,88  1023 atomi; molecole N2:
B.3 (a) 5 p, 6 n, 5 e; (b) 5 p, 5 n, 5 e; (c) 15 p, 16 n, 15 e; (d) 92 p, 146 0,156 mol; 9,39  1022 molecole.
n, 92 e. E.19 (a) 0,0134 mol; (b) 8,74  103 mol (c) 430 mol; (d) 0,0699 mol.
B.5 (a) 194Ir; (b) 22Ne; (c) 51V . E.21 (a) 4,52  1023 unit formula; (b) 124 mg; (c) 3,036  1022 unit
B.7 Cloro, 36Cl, 17, 19,17, 36; zinco, 65Zn, 30, 35, 30, 65; calcio, 40Ca, formula.
20, 20, 20, 40; lantanio, 137La, 57, 80, 57, 137. E.23 (a) 2,992  1023 gmolecola1; (b) 3,34  1025 molecole.
B.9 (a) Hanno tutti la stessa massa. (b) Hanno diverso numero di protoni, E.25 (a) 0,0417 mol; (b) 0,0834 mol; (c) 1,00  1023 molecole; (d) 0,3099.
di neutroni e di elettroni. E.27 (a) 109,28 a litro H2O; (b) 70,20.
B.11 (a) 0,5519; (b) 0,4479; (c) 2,459  10 4; (d) 551,9 kg. E.29 (a) 12,013 gmol1; (b) 197,18 gmol1.
B.13 (a) Lo scandio un metallo del gruppo 3; (b) lo stronzio un metallo E.31 3,18 mol.
del gruppo 2; (c) lo zolfo e un non metallo del gruppo 16/VI; (d) lantimonio E.33 0,39%.
un metalloide del gruppo 15/V. F.1 78,90% C, 10,59% H, 10,51% O.
B.15 (a) Sr, metallo; (b) Xe, non metallo; (c) Si, metalloide. F.3 52,15% C, 9,3787% H, 8,691% N, 29,78% O.
B.17 (a) Fluoro, F, Z  9, gas; cloro, Cl, Z  17, gas; bromo, Br, Z  35, F.5 (a) 63,4 gmol1; (b) ossido di rame(I).
liquido; iodio, I, Z  53, solido. F.7 (a) Na3AlF6; (b) KClO3; (c) NH6PO4 o [NH4][H2PO4].
B.19 (a) Blocco d; (b) blocco p; (c) blocco d ; (d) blocco s; (e) blocco p; (f ) F.9 (a) PCl5; (b) pentacloruro di fosforo.
blocco d. F.11 C16H13ClN2O.
B.21 Lelemento Pb. Si colloca nel gruppo 14/IV e nel periodo 6. un F.13 (a) OsC4O4; (b) Os3C12O12.
metallo. F.15 C8H10N4O2.
C.1 (a) Miscela, un composto e un elemento; (b) elemento unico. F.17 C49H78N6O13.
C.3 C40H56O2. F.19 Etene (85,63%) eptano (83,91%) propanolo (59,96%).
C.5 (a) C3H7O2N; (b) C2H7N. F.21 (a) Formula empirica: C2H3Cl, formula molecolare: C4H6Cl2; (b) for-
C.7 (a) Catione, Cs; (b) anione, I; (c) Se2; (d) Ca2 mula empirica: CH4N, formula molecolare: C2H8N2.
C.9 (a) 4 p, 6 n, 2 e; (b) 8 p, 9 n, 10 e: (c) 35 p, 45 n, 36 e; (d) 33 p, 42 F.23 45,1%.
n, 36 e. G.1 (a) Falso, si possono separare solo con metodi chimici; (b) vero; (c)
C.11 (a) 19F; (b) 24Mg2; (c) 128Te2; (d) 86Rb. falso, le propriet di un composto sono diverse da quelle degli elementi che lo
C.13 (a) Al2Te3; (b) MgO; (c) Na2S; (d) RbI. costituiscono.
C.15 (a) Gruppo 13; (b) alluminio, Al. G.3 (a) Eterogenea, decantazione; (b) eterogenea, dissoluzione seguita da
C.17 (a) 0,542; (b) 0,458; (c) 2,49  104; (d) 14 kg. filtrazione e distillazione; (c) omogenea, distillazione.
C.19 (a) Na2HPO3; (b) (NH4)2CO3; (c) 2; (d) 2. G.5 Si misurano 482,2 g di H2O su una bilancia e si versano in un becher.
C.21 (a) Composto molecolare; (b) elemento; (c) composto ionico; (d) ele- Poi si pesano 27,8 g di K2NO3 e si mescolano con lacqua fino a completa
mento; (e) composto molecolare; (f ) composto ionico. dissoluzione.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C9

G.7 15,2 g. I.15 (a) Equazione complessiva: (NH4)2CrO4(aq)  BaCl2(aq) :


G.9 (a) 13,5 mL; (b) 62,5 mL; (c) 5,92 mL. BaCrO4(s)  2 NH4Cl(aq)
G.11 (a) Si pesano 1,6 g (0,010 mol, massa molare di KMnO4  158,04 Equazione ionica completa:
gmol1) versandoli in un pallone tarato da 1,0 L e si aggiunge acqua fino al 2 NH4(aq)  CrO42(aq)  Ba2(aq)  2 Cl(aq) :
volume totale di 1,0 L. Si possono preparare volumi minori (o maggiori) usan- BaCrO4(s)  2 NH4(aq)  2 Cl(aq)
do una massa minore (o maggiore) di KMnO4. (b) Partendo da KMnO4 0,050 Equazione ionica netta: Ba2(aq)  CrO42(aq) :
molL1 si aggiungono 4 volumi di acqua a uno di soluzione iniziale, giacch BaCrO4(s), ioni spettatori: NH4, Cl.
la concentrazione desiderata un quinto di quella iniziale. Questa relazione si (b) CuSO4(aq)  Na2S(aq) : CuS(s)  Na2SO4(aq)
pu dedurre dallespressione Equazione ionica completa: Cu2(aq)  SO42(aq)  2 Na(aq)  S2(aq) :
Vi  molariti  Vf  molaritf CuS(s)  2 Na(aq)  SO42(aq)
dove i rappresenta la soluzione iniziale e f quella finale. Ad esempio, per Equazione ionica netta: Cu2(aq)  S2(aq) :
preparare 50 mL di soluzione si dovrebbero aggiungere 40 mL di acqua a 10 CuS(s), ioni spettatori: Na, SO42.
mL di KMnO4 0,050 molL1. (c) 3 FeCl2(aq)  2 (NH4)3PO4(aq) : Fe3(PO4)2(s)  6 NH4Cl(aq)
G.13 (a) 4,51 mL. (b) Si aggiungono 48,0 mL di acqua a 12,0 mL di solu- Equazione ionica completa:
zione di NaOH 2,5 molL1. 3 Fe2(aq)  6 Cl(aq)  6 NH4(aq)  2 PO43(aq) :
G.15 (a) 8,0 g; (b) 12 g. Fe3(PO4)2(s)  6 NH4(aq)  6 Cl(aq)
G.17 (a) 4,58  10 2 gmol1; (b) 9,07  103 gmol1. Equazione ionica netta: 3 Fe (aq)  2 PO43(aq) :
2

G.19 (a) 21,8 g; (b) 0,24 g; (c) 60 g. Fe3(PO4)2(s), ioni spettatori: NH4, Cl.
G.21 Cl(aq) 0,13 M. (d) K2C2O4(aq)  Ca(NO3)2(aq) : CaC2O4(s)  2 KNO3(aq)
G.23 In capo a 69 raddoppi rimarr meno di 1 molecola: nessun beneficio. Equazione ionica completa: 2 K(aq)  C2O42(aq)  Ca2(aq)  2 NO3(aq) :
G.25 600,0 mL. CaC2O4(s)  2 K(aq)  2 NO3(aq)
G.27 Il livello che lo strumento in grado di rilevare: 2,07 ppb  10 ppb. Equazione ionica netta: Ca2(aq)  C2O42(aq) :
Lo strumento pu rilevare livelli pi bassi di 10 ppm, per cui idoneo allo CaC2O4(s), ioni spettatori: K, NO3.
scopo. (e) NiSO4(aq)  Ba(NO3)2(aq) : Ni(NO3)2(aq)  BaSO4(s)
H.1 (a) In unequazione chimica non si pu aggiungere un composto o un Equazione ionica completa: Ni2(aq)  SO42(aq)  Ba2(aq)  2 NO3(aq) :
elemento non coinvolto nella reazione chimica. Nella fattispecie, la reazione Ni2(aq)  2 NO3(aq)  BaSO4(s)
non porta alla formazione di atomi O. Equazione ionica netta: Ba2(aq)  SO42(aq) : BaSO4(s), ioni spettatori,
(b) 2 Cu  SO2 : 2 CuO  S. Ni2, NO3.
H.3 2 SiH4  4 H2O : 2 SiO2  8 H2 I.17 (a) Ba(CH3CO2)2(aq)  Li2CO3(aq) :
H.5 (a) NaBH4(s)  2 H2O(l) : NaBO2(aq)  4 H2(g) BaCO3(s)  2 LiCH3CO2(aq)
(b) Mg(N3)2(s)  2 H2O(l) : Mg(OH)2(aq)  2 NH3(aq) Ba2(aq)  2 CH3CO2(aq)  2 Li(aq)  CO32(aq) :
(c) 2 NaCl(s)  SO3(g)  H2O(l) : Na2SO4(aq)  2 HCl(aq) BaCO3(s)  2 Li(aq)  2 CH3CO2(aq)
(d) 4 Fe2P(s)  18 S(s) : P4S10(g)  8 FeS(s) Equazione ionica netta: Ba2(aq)  CO32(aq) : BaCO3(s)
H.7 (a) Ca(s)  2 H2O(l) : H2(g)  Ca(OH)2(aq) (b) 2 NH4Cl(aq)  Hg2(NO3)2(aq) : 2 NH4NO3(aq)  Hg2Cl2(s)
(b) Na2O(s)  H2O(l) : 2 NaOH(aq) 2 NH4(aq)  2 Cl(aq)  Hg22(aq)  2 NO3(aq) :
(c) 3 Mg(s)  N2(g) : Mg3N2(s) Hg2Cl2(s)  2 NH4(aq)  2 NO3(aq)
(d) 4 NH3(g)  7 O2(g) : 6 H2O(g)  4 NO2(g) Equazione ionica netta: Hg22(aq)  2 Cl(aq) : Hg2Cl2(s)
H.9 (I) 3 Fe2O3(s)  CO(g) : 2 Fe3O4(s)  CO2(g) (c) Cu(NO3)2(aq)  Ba(OH)2(aq) : Cu(OH)2(s)  Ba(NO3)2(aq)
(II) Fe3O4(s)  4 CO(g) : 3 Fe(s)  4 CO2(g) Cu2(aq)  2 NO3(aq)  Ba2(aq)  2 OH(aq) :
H.11 (I) N2(g)  O2(g) : 2 NO(g) Cu(OH)2(s)  2 Ba2(aq)  2 NO3(aq)
(II) 2 NO(g)  O2(g) : 2 NO2(g) Equazione ionica netta: Cu2(aq)  2 OH(aq) : Cu(OH)2(s).
H.13 4 HF(aq)  SiO2(s) : SiF4(aq)  2 H2O(l) I.19 (a) AgNO3 e Na2CrO4; (b) CaCl2 e Na2CO3; (c) Cd(ClO4)2 e (NH4)2S.
H.15 C7H16(l)  11 O2(g) : 7 CO2(g)  8 H2O(g) I.21 (a) 2 Ag(aq)  SO42(aq) : Ag2SO4(s);
H.17 C14H18N2O5(s)  16 O2(g) : 14 CO2(g)  9 H2O(l)  N2(g) (b) Hg2(aq)  S2(aq) : HgS(s);
H.19 2 C10H15(s)  26 O2(g) : 19 CO2(g)  13 H2O(l)  CH4N2O(aq) (c) 3 Ca2(aq)  2 PO43(aq) : Ca3(PO4)2(s)
H.21 (I) H2S(g)  2 NaOH(s) : Na2S(aq)  2 H2O(l) (d) AgNO3 e Na2SO4; Na, NO3; Hg(CH3CO2)2 e Li2S; Li, CH3CO2;
(II) 4 H2S(g)  Na2S(alc) : Na2S5(alc)  4 H2(g) CaCl2 e K3PO4; K, Cl.
(III) 2 Na2S5(alc)  9 O2(g)  10 H2O(l) : 2 Na2S2O35H2O(s)  6 SO2(g) I.23 Precipitato bianco  AgCl(s), Ag; nessun precipitato con H2SO4,
H.23 (a) P2O5, P2O3; (b) P4O10(ossido di fosforo(V)), P4O6 (ossido di niente Ca2; precipitato nero  ZnS, Zn2.
fosforo(III)); (c) P4(s)  3 O2(g) : P4O6(s); P4(s)  5 O2(g) : P4O10(s). I.25 (a) 2 NaOH(aq)  Cu(NO3)2(aq) : Cu(OH)2(s)  2 NaNO3(aq)
I.1 La figura mostra un precipitato, CaSO4(s), sul fondo del pallone com- Equazione ionica completa:
posto da particelle rosse e rosa nel rapporto 1:1. Gli ioni sodio (nero) e cloruro 2 Na(aq)  2 HO(aq)  Cu2(aq)  2 NO3(aq) :
(blu) restano in soluzione. Cu(OH2)(s)  2 Na(aq)  2 NO3(aq).
I.3 (a) H2SO4 diluito, Pb2(aq)  SO42(aq) : PbSO4(s) Equazione ionica netta: Cu2(aq)  2 OH(aq) : Cu(OH)2(s)
(b) Soluzione di H2S, Mg2(aq)  S2(aq) : MgS(s) (b) 0,0800 M.
I.5 (a) Non elettrolito; (b) elettrolito forte; (c) elettrolito forte. I.27 (a) 0,357 M; (b) 2,091 g; (c) MgCrO4.
I.7 (a) Solubile; (b) leggermente solubile; (c) insolubile; (d) insolubile. J.1 (a) Base; (b) acido; (c) base; (d) acido; (e) base.
I.9 (a) Na(aq) e I(aq); (b) Ag(aq) e CO32(aq); Ag2CO3 insolubile. J.3 (a) Equazione generale: HF(aq)  NaOH(aq) :
(c) NH4(aq) e PO43(aq). (d) Fe2(aq) e SO42(aq). NaF(aq)  H2O(l)
I.11 (a) Fe(OH)3, precipitato. (b) Ag2CO3, si forma un precipitato. (c) Equazione ionica completa: HF(aq)  Na(aq)  OH(aq) :
Non si forma alcun precipitato. Na(aq)  F(aq)  H2O(l)
I.13 (a) Equazione ionica netta: Fe2(aq)  S2(aq) : FeS(s); ioni spetta- Equazione ionica netta: HF(aq)  OH(aq) : F(aq)  H2O(l)
tori: Na, Cl. (b) Equazione generale: (CH3)3N(aq)  HNO3(aq) : (CH3)3NHNO3(aq)
(b) Equazione ionica netta: Pb2(aq)  2 I(aq) : PbI2(s); ioni spettatori: Equazione ionica completa: (CH3)3N(aq)  H3O(aq)  NO3(aq) :
K, NO3. (CH3)3NH(aq)  NO3(aq)  H2O(l)
(c) Equazione ionica netta: Ca2(aq)  SO42(aq) : CaSO4(s); ioni spettatori: Equazione ionica netta: (CH3)3N(aq)  H3O(aq) :
NO3, K. (CH3)3NH(aq)  H2O(l)
(d) Equazione ionica netta: Pb2(aq)  CrO42(aq) : PbCrO4(s); ioni spet- (c) Equazione generale: LiOH(aq)  HI(aq) : LiI(aq)  H2O(l)
tatori: Na, NO3. Equazione ionica completa: Li(aq)  OH(aq)  H3O(aq)  I(aq) :
(e) Equazione ionica netta: Hg22(aq)  SO42(aq) : Hg2SO4(s); ioni spet- Li(aq)  I(aq)  2 H2O(l)
tatori: K, NO3. Equazione ionica netta: OH (aq)  H3O(aq) : 2H2O(l)

C10 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

J.5 (a) HBr(aq)  KOH(aq) : KBr(aq)  H2O(l) L.29 509 kg Fe.


(b) Zn(OH)2(aq)  2 HNO2(aq) : Zn(NO2)2(aq)  2 H2O(l) L.31 (a) Pipettare 31 mL di HNO3(aq) 16 M in un pallone tarato da 1,00
(c) Ca(OH)2(aq)  2 HCN(aq) : Ca(CN)2(aq)  2 H2O(l) L contenente circa 800 mL di H2O. Portare a volume con acqua. Agitare il
(d) 3 KOH(aq)  H3PO4(aq) : K3PO4(aq)  3 H2O(l) pallone per mescolare la soluzione. (b) 2,5  102 mL.
J.7 (a) Acido: H3O(aq); base: CH3NH2(aq); (b) acido: HCl(aq); base: L.33 (a) SnO2; (b) ossido di stagno(IV).
C2H5NH2(aq); (c) acido: HI(aq); base: CaO(s). L.35 (a) Nessun effetto; (b) sovrastima; (c) sovrastima; (c) sovrastima.
J.9 (a) CHO2; (b) C2H2O4; M.1 93,1%.
(c) (COOH)2(aq)  2 NaOH(aq) : Na2C2O4(aq)  2 H2O(l); M.3 (a) B2O3(s)  3 Mg(s) : 3 MgO(s)  2 B(s); (b) 3,71  104 g.
equazione ionica netta: (COOH)2(aq)  2 OH : C2O42(aq)  2 H2O(l). M.5 6 atomi Cl.
J.11 (a) C6H5O(aq)  H2O(l) : C6H5OH(aq)  OH(aq) M.7 (a) O2; (b) 5,77 g; (c) 5,7 g.
(b) ClO(aq)  H2O(l) : HClO(aq)  OH(aq) M.9 (a) Cu2(aq)  2 OH(aq) : Cu(OH)2(s);(b) 2,44g.
(c) C5H5NH(aq)  H2O(l) : C5H5N(aq)  H3O(aq) M.11 2 C8H10N4O2(s)  19 O2(g) : 16 CO2(g)  10 H2O(l)  4 N2(g)
(d) NH4(aq)  H2O(l) : NH3(aq)  H3O(aq) M.13 C8H10N4O3.
J.13 (a) AsO43(aq)  H2O(l) : HAsO42(aq)  OH(aq) M.15 (a) Ca3(PO4)2; (b) 130 g.
HAsO42(aq)  H2O(l) : H2AsO4(aq)  OH(aq) M.17 93,0%
H2AsO4(aq)  H2O(l) : H3AsO4(aq)  OH(aq) M.19 (a) C11H14O3; (b) C22H28O6.
In ciascuna reazione H2O funge da acido. (b) 0,505 mol. M.21 Sia la formula empirica sia quella molecolare sono CHOCl.
J.15 (a) CO2(g)  H2O(l) : H2CO3(aq) (acido carbonico) M.23 81,2%.
(b) SO3(g)  H2O(l) : H2SO4(aq) (acido solforico). M.25 (a) 2Al(s)  3 Cl2(g) : 2 AlCl3(s); (b) 671 g; (c) 44,7%.
K.1 (a) 2 NO2(g)  O3(g) : N2O5(g)  O2(g)
(b) S8(s)  16 Na(s) : 8 NaS(s) Capitolo 1
(c) 2 Cr2(aq)  Sn4(aq) : 2 Cr3(aq)  Sn2(aq) 1.1 (a) La radiazione pu oltrepassare il foglio metallico. (b) Tutta la luce
(d) 2 As(s)  3 Cl2(g) : 2 AsCl3(l). (tutte le radiazioni elettromagnetiche) viaggia alla stessa velocit; velocit pi
K.3 (a) Mg(s)  Cu2(aq) : Mg2(aq)  Cu(s) basse sono a sostegno del modello corpuscolare. (c) Questa osservazione a so-
(b) Fe2(aq)  Ce4(aq) : Fe3(aq)  Ce3(aq) stegno del modello ondulatorio. (d) Questa osservazione a favore del modello
(c) H2(g)  Cl2(g) : 2 HCl(g) corpuscolare; la radiazione elettromagnetica priva di massa e di carica.
(d) 4 Fe(s)  3 O2(g) : 2 Fe2O3(s). 1.3 Microonde  luce visibile  radiazione ultravioletta  raggi X. 
K.5 (a) 4; (b) 4; (c) 2; (d) 5; (e) 1; (f ) 0. raggi .
K.7 (a) 2; (b) 2; (c) 6; (d) 4; (e) 1. 1.5 (a) 8,7  1014 Hz, 340 nm; (b) 5,8  1019 J, lampada solare; 5,0 
K.9 (a) Si ossida il metanolo, si riduce O2(g). (b) Si riduce Mo, si ossida 1014 Hz, 600 nm, 3,3  1019 J, lettura; 300 MHz, 1 m, 2  1025 J, popcorn
una certa quantit di zolfo. (c) Tl si ossida e, insieme, si riduce. al microonde; 1,2  1017 Hz, 2,5 m, 7,9  1017 J, radiografia dentale.
K.11 (a) Cl2 si riduce con maggiore facilit e, perci, un ossidante pi 1.7 (a) 486 nm; (b) serie di Balmer; (c) visibile, blu.
forte di Cl. (b) N2O5 lossidante pi forte, perch si riduce facilmente. N5 1.9 Per la serie di Lyman, il livello energetico pi basso n  1; per la serie
accetta e pi facilmente di N. di Balmer n  2; per la serie di Paschen n  3 e per la serie di Brackett n  4.
K.13 (a) Ossidante: H in HCl(aq); riducente: Zn(s). (b) Ossidante: 1.11 30,4 nm.
SO2(g); riducente: H2S(g). (c) Ossidante: B2O3(s); riducente: Mg(s). 1.13 (a) Falso; (b) vero; (c) falso.
K.15 (a) Cl passa da 5 a 4, riducente. (b) S passa da 6 a 2, riducen- 1.15 1590 nm
te. 1.17 8,8237 pm.
K.17 CO2(g)  4H2(g) : CH4(g)  2 H2O(l); reazione di ossidoriduzione. 1.19 (a) 3,37  1019 J; (b) 44,1 J; (c) 203 kJ.
K.19 (a) Ossidante: WO3(s); riducente: H2(g). (b) Ossidante: HCl; ridu- 1.21 1,4  1020 fotoni.
cente: Mg(s). (c) Ossidante: SnO2(s); riducente: C(s); (d) Ossidante: N2O4(g); 1.23 (a) 2,02  1010 m; (b) 1,66  1017 J; (c) 8,8 nm; (d) regione dello
riducente N2H4(g). spettro raggi X/raggi .
K.21 (a) 3 N2H4(l) : 4 NH3(g)  N2(g); (b) 2 in N2H4; 3 in NH3 0 1.25 1,10  1034 nm.
in N2; (c) N2H4 sia ossidante sia riducente; (d) 2,5  102 L. 1.27 3,96  103 ms1.
K.23 (a) 2 Cr2  Cu2 : 2 Cr3  Cu(s); (b) trasferiti 2 e; (c) NO3 1.29 1,65  105 ms1.
2,27 M; SO42 1,50 M. 1.31 S, n1  1, n2  2 degenere con n1  2, n2  1; n1  1, n2  3
K.25 (a) SiCl4(l)  2 H2(g) : Si(s)  4 HCl(g); tetracloruro di silicio; Si4. degenere con n1  3, n2  1; e n1  2, n2  3 degenere con n1  3, n2  2.
(b) SnO2(s)  C(s) : Sn(l)  CO2(g); ossido di stagno(IV); Sn4. 1.33 (a) 1,48  108 m; (b) 6,18  109 m.
(c) V2O5(s)  5 Ca(l) : 2 V(s)  5 CaO(s); ossido di vanadio(V); V5. 1.35 (a)
(d) B2O3(s)  3 Mg(s) : 2 B(s)  3 MgO(s); ossido di boro; B3.
1,42
K.27 (a) Cl2(g)  H2O(l) : HClO(aq)  HCl(aq);
agente ossidante: Cl2(g); agente riducente: Cl2(g)
(b) 2 NaClO3(aq)  SO2(g)  H2SO4(aq, diluito) : 2 NaHSO4(aq)  2 n2
ClO2(g); agente ossidante: NaClO3(aq); agente riducente: SO2(g) n3

(x)/m1/2

(c) 2 CuI(aq) : 2 Cu(s)  I2(s); agente ossidante: CuI(aq); agente riducente:


CuI(aq). 0,00
L.1 (a) 8,6  105 mol H2; (b) 11,3 g Li3N.
L.3 (a) 507,1 g Al; (b) 6,613  106 kg Al2O3.
L.5 (a) 505 g; (b) 1,33  103 g.
L.7 4,2 kg.
L.9 0,482 g.
L.11 (a) 0,271 molL1; (b) 0,163 g. 1,42
L.13 (a) 0,209 molL1; (b) 0,329 g. 0,00 0,333 0,500 0,667 1,00
L.15 63,0 gmol1.
x (m)
L.17 AgNO3(aq) 0,150 M.
L.19 (a) Na2CO3(aq)  2 HCl(aq) : 2 NaCl(aq)  H2CO3(aq); (b) 12,6 (b) un nodo a x  0,500 m. (c) due nodi a x  0,333 e 0,667 m. (d) Il numero dei
molL1. nodi uguale a n  1. (e) x  0,25 m e x  0,75 m. (f) x  0,17, 0,50 e 0,83 m.
L.21 I3(aq)  Sn2(aq) : Sn4(aq)  3 I(aq). 1.37 (b) No.
L.23 (a) S2O32 si ossida e, insieme, si riduce; (b) 11,1 g. 1.39 0,33.
L.25 Pt. 1.41 Con un elettrone in ciascun orbitale p, la distribuzione elettronica
L.27 x  2; BaBr2  Cl2 : BaCl2  Br2. non funzione di u e f, e quindi gode di simmetria sferica.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C11

1.43 (a) 32,3%; (b) 76,1%. rassomiglianza di dimensioni degli ioni risultanti. Lelemento della coppia in
1.45 (a) basso a destra in genere pi grande poich appartiene a un periodo superiore,
ma presenta anche uno stato di ossidazione maggiore e questo contribuisce a
rendere lo ione pi piccolo. (c) Tra gli esempi di elementi che manifestano la
relazione diagonale si annoverano Al3 e Ge4, cos come Li e Mg2.
1.101 (b) Li e Mg.
1.103 I metalli del blocco s presentano energia di ionizzazione bassa, ci che
ne rende reattiva la forma elementare.
1s 2p 3d 1.105 (a) Metallo; (b) non metallo; (c) metallo; (d) metalloide; (e) metalloi-
de; (f ) metallo.
(b) Il nodo una regione dello spazio in cui la funzione donda c passa per 1.107 (a) I valori osservati (7,30 MJmol1 e 0,52 kJmol1) corrispondono
lo zero. (c) Lorbitale s pi semplice privo di nodi; lorbitale p pi semplice rispettivamente alla seconda (7300 kJmol1) e alla prima (519 kJmol1) ener-
possiede un piano nodale mentre lorbitale d pi semplice ne possiede due. (d) gia di ionizzazione del litio (1s 22s 1). (b) I valori di PES osservati (1,6 MJmol1
Tre piani nodali. e 0,90 MJmol1) corrispondono rispettivamente alla seconda (1760 kJmol1)
1.47 I due lobi dellorbitale px giacciono lungo lasse x, mentre i lobi degli e alla prima (900 kJmol1) energia di ionizzazione di Be (1s22s2).
orbitali py e pz giacciono rispettivamente lungo gli assi y e z. 1.109 (a) 1,1  1014 s1; (b) 7,2  1020 J; (c) 43 kJ mol.1
1.49 (a) 1; (b) 5; (c) 3; (d) 7. 1.111 Latomo di ossigeno nello stato fondamentale ha quattro elettroni ne-
1.51 (a) 7; (b) 5; (c) 3; (d) 4. gli orbitali p. Questa configurazione implica che, spostandosi lungo il secondo
1.53 (a) n  6, l  1; (b) n  3, l  2; (c) n  2, l  1; (d) n  5, l  3. periodo della tavola periodica, lossigeno il primo elemento che si incontra ad
1.55 (a) 1, 0, 1; (b) 2, 1, 0, 1, 2; (c) 1, 0, 1; (d) 3, 2, avere elettroni p appaiati. Questa repulsione elettrone-elettrone in pi fa s che
1, 0, 1, 2, 3. lenergia di ionizzazione sia pi bassa.
1.57 (a) 6; (b) 10; (c) 2; (d) 14. 1.113
1.59 (a) 5d, 5; (b) 1s, 1; (c) 6f , 7; (d) 2p, 3. 30

Volume molare (cm3 mol1)


1.61 (a) 6; (b) 2; (c) 8; (d) 2.
1.63 (a) e (c) non possono esistere; (b) e (d) possono esistere. 25
-3e 2
(a) V(r) = a ba + + b
1 1 1 20
1.65
4 E0 r 2 r2 r3
15
e2
a b
1 1 1
+ + + 10
4 E0 r 12 r 13 r 23
(b) I primi tre termini di questa equazione descrivono le interazioni attrattive 5
tra ognuno dei tre elettroni e il nucleo; gli ultimi tre termini descrivono le s p s p
interazioni di repulsive tra le coppie elettroniche. 0
0 5 10 15 20
1.67 (a) Falsa. Zeff dipende fortemente dal numero complessivo degli elet-
Numero atomico
troni presenti in un atomo poich gli elettroni degli orbitali energetici pi bassi
schermano gli elettroni degli orbitali a energia superiore rispetto allazione del La massa molare segue grossomodo lo stesso andamento delle dimensioni (vo-
nucleo. Questo effetto si verifica perch la repulsione e-e tende a compensare lume) che diminuiscono quando il sottostrato s inizia a riempirsi e conseguen-
lattrazione degli elettroni verso il nucleo. (b) Vera. (c) Falsa. Gli elettroni di l temente aumenta col riempimento del sottostrato p. Nel grafico precedente,
maggiore distano dal nucleo di pi e quindi sono meno idonei a schermare il leffetto si vede chiaramente nel passare da Ne(10) a Na(11) e Mg(12) e poi ad
nucleo. (d) Vera. Al(13) e Si(14). Ne ha il sottostrato 2p completo; il sottostrato 3s si completa
1.69 (a) Stato eccitato; (b) stato eccitato; (c) stato eccitato; (d) stato fonda- con Na e Mg, mentre il sottostrato 3p inizia a riempirsi con Al.
mentale. 1.115 In genere, con laumentare del numero quantico principale, la separa-
1.71 (a) Permesso; (b) vietato; (c) vietato. zione energetica tra gli orbitali diviene pi piccola. Questo andamento indica
1.73 (a) [Kr]4d 105s 1; (b) [He]2s 2; (c) [Kr]4d 105s 25p 3; (d) [Ar]3d 104s 24p 1; che per risistemare lo schema energetico comune degli orbitai non occorrono
(e) [Xe]4f 145d 46s 2; [Kr]4d 105s 25p 5. sostanziali cambiamenti a carico della struttura elettronica.
1.75 (a) Tellurio; (b) vanadio; (c) carbonio; (d) torio. L

a sin b a sin b dx =
1.77 (a) 4p; (b) 4s; (c) 6s; (d) 6s. x 2 x
1.117 (a)
1.79 (a) 5; (b) 11; (c) 5; (d) 20. 3 L L
1.81 (a) 3; (b) 2; (c) 3; (d) 2. 0

1.83 (a) Ga: [Ar]3d 104s 24p 1, 1; Ge: [Ar]3d 104s 24p 2, 2; As: [Ar]3d 104s 24p 3, L
a sin b - asin b
L x L 3 x
3; Se: [Ar]3d 104s 24p 4, 2; Br: [Ar]3d 104s 24p 5, 1. = 0
1.85 (a) ns 1; (b) ns 2np 1; (c) (n  1)d 5ns 2; (d) (n  1)d 10ns 1. 2 L 6 L 0
1.87 (a) silicio zolfo cloro; (b) titanio cromo cobalto; (c) mercu- (b) Nel seguito si riportano i grafici delle prime due funzioni donda che de-
rio cadmio zinco; (d) bismuto antimonio fosforo. scrivono la particella confinata in una scatola unidimensionale. Si noti che
1.89 P3 S2 Cl. nel prodotto larea al di sopra dello zero si elide esattamente con larea sotto
1.91 (a) Ca; (b) Na; (c) Na. lo zero facendo s che il prodotto sia nullo. Questo accade ogni volta che una
1.93 (a) O Se Te; lenergia di ionizzazione diminuisce discendendo funzione che resta inalterata per riflessione attraverso il centro della scatola
lungo il gruppo. (b) Au Os Ta; lenergia di ionizzazione aumenta proce- (funzioni donda con n dispari) viene moltiplicata per una funzione donda
dendo da sinistra verso destra lungo il periodo. (c) Pb Ba Cs; lenergia di che cambia segno per riflessione rispetto al centro della scatola (funzioni don-
ionizzazione aumenta procedendo da sinistra verso destra lungo il periodo. da con n pari).
1.95 (a) Fluoro; (b) carbonio; (c) cloro; (d) litio.
1.97 (a) Con lespressione effetto della coppia inerte si intende il fatto
n  1 (
n  1)(
n  2)
che gli elementi pesanti del blocco p (dal periodo 5 in poi) manifestano la
tendenza a formare ioni con carica di due unit inferiore rispetto a quella preve-
n  2
dibile in base al numero del gruppo di appartenenza. (b) Leffetto della coppia
inerte si osserva solo per gli elementi pesanti poich lo scarso effetto schermante 0 L 0 L
dei loro elettroni d esalta lattitudine degli elettroni s a penetrare in prossimit x x
del nucleo e quindi a essere trattenuti pi saldamente del previsto.
1.99 (a) La relazione diagonale una similitudine di propriet chimiche tra 1.119 (a) No; (b) aumenta.
un elemento della tavola periodica e lelemento che si colloca un periodo sotto e 1.121 (a) 9,33  1018 J; (b) raggi X; (c) 9,35  1024 J. (d) I singoli livelli
un gruppo a destra. (b) Le rassomiglianze di reattivit chimica sono dovute alla energetici si avvicinano con il crescere della catena.
C12 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

1.123 Nel rame la promozione di un elettrone dallorbitale 4s a uno 3d 2.39 (a) H (b) S C S



energeticamente favorevole in quanto se ne ottiene il sottostrato 3d completo.
In Cr risulta energeticamente favorevole la promozione di un elettrone dallor- HC S H
bitale 4s a uno 3d perch ne risulta un sottostrato 3d semipieno. (b) In base
a quanto riportato nellAppendice 2C, gli altri elementi per i quali esistono H
configurazioni elettroniche anomale sono Nb, Mo, Ru, Rh, Pd, Ag, Pt e Au. Le (c) H
spiegazioni fornite per il rame e il cromo sono valide anche per Mo, Pd, Ag e
Au. (c) Poich gli orbitali np hanno energia minore rispetto a quella dellorbi- Cl C Cl
tale (n 1)s, non si conoscono elementi nei quali lorbitale (n  1)s si riempie
prima degli orbitali np. H
1.125 Lelemento pu essere lo zinco o lafnio.
2.41 P.
1.127 (a) 285 pm; (b) 194 pm; (c) 356 kJmol1.
1.129 A  Na; B  Cl; C  Na; D  Cl. Le assegnazioni sono possibili 2.43 (a)  (b)
H K
in base ai raggi atomici e ionici (figure 1.46 e 1.48). P 3 K
 
1.131 (a) [Ne]3s 23p 5; [Ne]3s 23p 6; argon; (b) [Ne]3s 23p 44s 1; (c) 52,0 nm; HNH Cl K
(d) 2,30  103 kJmol1 ossia 23,8 eV; (e) 35,73 gmol1; (f )-(h) ClO2, 4,
biossido di cloro; NaClO, 1, ipoclorito di sodio; KClO3, 5, clorato di po- H
tassio; NaClO4, 7, perclorato di sodio. (c) 

Na Cl O
Capitolo 2
2.1 (a) 5; (b) 4; (c) 7; (d) 3. 2.45 H H H H H H
13 13
2.3 (a) [Ar]; (b) [Ar]3d 104s 2; (c) [Kr]4d 5; (d) [Ar]3d 104s 2. H 10 C
11
12 C 14 C 1
2 H H 10 C
11
12 C 14 C1 2 H
2.5 (a) [Ar]3d 10; (b) [Xe]4f 145d 106s 2; (c) [Ar]3d 10; (d) [Xe]4f 145d 10. C C C C C C C C
2.7 (a) [Kr]4d 105s 2; idem. Ine Sn2 hanno perso elettroni di valenza 5p. C C C C C C C C
9 7 5 3 9 7 5 3
(b) Nessuno; (c) [Kr]4d 10; Pd. H C
8
C6 4 C H H C
8
C6 4 C H
2.9 (a) Co2; (b) Fe2; (c) Mo2; (d) Nb2. H H H H H H
2.11 (a) Co3; (b) Fe3; (c) Ru3; (d) Mo3. H H H H H H
2.13 (a) 4s; (b) 3p; (c) 3p; (d) 4s. 13 13
11 11
2.15 (a) 2; (b) 2; (c) 1; (d) 3; (e) 2. H 10 C 12 C 14 C1 2 H H 10 C 12 C 14 C1 2 H
C C C C C C C C
2.17 (a) 3; (b) 6; (c) 6; (d) 2.
2.19 (a) [Kr]4d 105s 2, nessun elettrone spaiato; (b) [Kr]4d 10, nessun elet- C
9
C
7
C
5
C
3
C
9
C
7
C
5
C
3
H C C6 4 C H H C C6 4 C H
trone spaiato; (c) [Xe]4f 145d 4, quattro elettroni spaiati; (d) [Kr], nessun elet- 8 8

trone spaiato; (e) [Ar]3d 8, due elettroni spaiati. H H H H H H


2.21 (a) [Ar], nessun elettrone spaiato; (b) [Kr] 4d 105s 2, nessun elettrone
spaiato; (c) [Xe], nessun elettrone spaiato; (d) [Kr] 4d 10, nessun elettrone spaiato. 2.47 Cl Cl
2.23 (a) 7. (b) 1. (c) [Ne] per 7, [Ar] per 1. (d) Si eliminano o si
acquistano elettroni per dare la configurazione tipo gas nobile. O N O O N O
2.25 (a) Mg3As2; (b) In2S3; (c) AlH3; (d) H2Te; (e) BiF3.
2.27 (a) TlCl3; (b) Al2S3; (c) MnO2. 2.49 (a) 0 1  (b) 0 0 (c) 1 1
2.29 (b) Ga3, O2. O
N N
N O
C
2.31 Lo ione Li pi piccolo dello ione Rb (58 pmcontro 149 pm). (d) 1 1 2 (e) 1 0 
Poich lenergia reticolare dipende dalle attrazioni coulombiane tra gli ioni, essa C
C N
C
inversamente proporzionale alla distanza interionica.
2.33 (a) Cl (b) O 0 0 0
2.51 (a) O Cl O 1 2 0

Cl C Cl O Cl O
Cl C Cl O H
0
O H
Cl energia pi bassa 1
(c) O N F (d)
F
(b) 0 0 0
OC S 1 0 1
F NF
S
OC
   energia pi bassa
2.35 (a) H (b) (c) H
Br O
H BH NH (c) N
HC
0 0 0 HCN
H 0 1 1
energia pi bassa
2.37 (a) O (b) H
2.53 (b) e (c).
HCH HCOH 2.55 (a) 2
OSO
H
(c)
O
H O
2 2 2
HN C C OH OSO OSO OSO

H H O O O
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C13

(b)  2.65 (a) In BeCl2 ci sono 4 elettroni attorno allatomo centrale del beril-
OSO lio:
Cl Be Cl
HO (b) In ClO2 c un numero dispari di elettroni attorno allatomo di cloro cen-
 
trale:
O Cl O
OSO OSO
2.67 (a)  
H O HO H H
1 1
0
0 1 0
(c)  OSO OSO
O 1
O 0 O
O Cl O
energia pi bassa
O
 
 
(b) 0
O H 1
O H
1 1
O O 1 0 2 0
OSO OSO
O Cl O O Cl O
1
O O
1
O O
energia pi bassa
 
2.69 (a) Nella prima struttura la carica formale di Xe e di F 0, mentre
O O
nella seconda Xe 1, un F 0, laltro 1. La prima struttura favorita in

O Cl O O Cl O base alla carica formale. (b) Nella prima struttura gli atomi hanno tutti carica
formale 0, mentre nella seconda un atomo O ha carica formale 1 e laltro 1.
O O Si lascia preferire la prima struttura.
2.71 In (1,8)  Sn (2,0)  Sb (2,1)  Se (2,6).
(d)   2.73 Lelettronegativit diminuisce scendendo lungo un gruppo per cui i
ONO ONO metalli alcalini e alcalino terrosi pi pesanti sono maggiormente elettropositivi.
2.75 (a) HCl; (b) CF4; (c) CO2.
2.57 (a) Cl O (b) Cl O O Cl 2.77 (a) KCl; (b) BaO.
2.79 Rb  Sr2  Be2. I cationi pi piccoli e di maggior carica manife-
(c) stano maggior potere polarizzante.
O
2.81 O2  N3  Cl  Br. La polarizzabilit aumenta con il raggio

O N O Cl dello ione e con la diminuzione dellelettronegativit.
2.83 (a) CO32 CO2 CO; (b) SO32 SO2 SO3; (c) CH3NH2
(a) un radicale. CH2NH HCN.
2.59 (a) 2 coppie di legame, 2 coppie solitarie; (b) 4 coppie di legame, 2 2.85 (a) 150 pm; (b) 127 pm; (c) CO, 127 pm; CN, 142 pm; (d) 120
coppie solitarie; (c) 3 coppie di legame, 2 coppie solitarie; (d) 5 coppie di lega- pm.
me, 1 coppia solitaria. 2.87 (a) 149 pm; (b) 183 pm. (c) 213 pm. Lungo il gruppo 14/IV la lun-
ghezza del legame aumenta con le dimensioni.
2.61 (a) F (b) F
2.89 (a) 2 2
F F 0 O O
S Xe 1
O O
F F 1 C 0 C
F F O 0
C O C
12 elettroni 10 elettroni 0
O O
(c)  (d) Cl 2 2
F Cl O O
F F
Te
As C
O
C
O
Cl
F F F Cl O C O C

10 elettroni O O
12 elettroni
 2
2.63 (a) (b) 1 0 1 1
O F
(b) Br O C
C

F Xe F F Xe F
2.91 2 2
2 coppie solitarie F CH2 CH2

2 coppie solitarie C C
(c)
H2C CH2 H2C CH2
O
F F
2
Xe CH2

F F
C
1 coppia solitaria H2C CH2
C14 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

2.93 2.99 (a)


P P 2
O
P
H H

Si, la molecola rispetta la regola dellottetto.


H H
1 1 1 1 1 1
2.95 N NN N N N N N N N O


1 1 1 (b) Gli atomi hanno tutti carica formale 0, eccettuati i due di ossigeno, che
NNNNN sono 1. probabile che la carica negativa si concentri soprattutto sugli atomi

di ossigeno. (c) Poich gli atomi di ossigeno coincidono con i siti maggiormen-
te negativi e le coppie solitarie sopra di essi sono buone basi di Lewis, i protoni
2.97 (a) H C C H H C Si H si legano agli atomi di ossigeno. Il composto noto come idrochinone.

H Si Si H HC N NN OH


(b) H H
H H H C C
N
C C
H C H C C
C C C C H H
H C H OH
C C
H C H H 2.101
Numero di Stato
H Z Configurazione e spaiati Elemento Carica dellenergia

H H H 26 [Ar]3d 6 4 Fe 2 fondamentale
N N
C C C N 52 [Kr]5s 24d 105p 56s 1 2 Te 2 eccitato
16 [Ne]3s 3p 2 6
0 S 2 fondamentale
C N C C
H C H C H 39 [Kr]4d 1
1 Y 2 fondamentale
30 [Ar]4s 23d 8 2 Zn 2 eccitato
H H

H N H H N H 2.103 (a) H O N C O HON


CO

C C C C 1 1

H H
C C N N H O N C O (b)
CSO CSO
H N H C 1 1
H H 1 1

H H
ONC
(c) CNN (d) O N C N N
H H H 1 1
N N N H 1 1
C N C N C N
2.105
C N N C N C d(K X) Energia reticolare
(kJmol1)
H C C H N H
Fluoruro 271 pm 826
H H Cloruro 319 pm 717
Ioduro 358 pm 645
N N N
Energia reticolare, kJ mol1

N N N N N N 850
KF
y  2,0877x  1389
800
N C C C N N
C N C 750
H H H KCl
700
H H KI
650
N 600
260 280 300 320 340 360 380
N N
d (KX), pm
N N forma di risonanza pi adeguata I dati disegnano una retta con coefficiente di correlazione maggiore del 99%.
N (b) 693 kJmol1. (c) 689 kJmol1; laccordo molto buono.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C15

2.107 2.117 (a) Uno; (b) ozono.


R H H H R R H H H R 2.119 (a) Hanno un certo carattere di doppio legame. (b) e (c) Le strutture
di Lewis dei possibili isomeri di S2F2 sono:
H C C C C C H H C C C C C H
1 1
isomero 1


F S S F I F S S F

R H H H R
favorito
H C C C C C H

2.109 (a) I: Tl2O3; II: Tl2O. (b) 3; 1. (c) [Xe]f 145d 10; [Xe]f 145d 106s 2. (d)
F 1 1 F
Avendo punto di fusione inferiore, il composto II ha probabilmente carattere
S S I S S isomero 2
pi accentuatamente covalente, il che si accorda con il fatto che lo ione 3
pi polarizzante. F F
2.111 (a)
  1  favorito
O O O

O Cl O O Cl O O Cl O Se si verifica la risonanza, bisogna attendersi che il legame SS abbia una
1 1 1 1 1 1 lunghezza intermedia tra quella di un doppio legame e quella di un legame
O 1 O 1 O semplice.
2.121 (a) Le strutture di Lewis per NO e NO2 sono:
1   1 
O O O NO (struttura ottimale)

O Cl O O Cl O O Cl O
1 1 1 11 1 1 1 1 1
O O O 1
ONO Mm ONO
  1  (strutture di risonanza equivalenti)
O O O

O Cl O O Cl O O Cl O In base alla tabella 2.4, lenergia media di dissociazione di un legame NO
1 630 kJmol1, esattamente in linea con la struttura di Lewis di NO. Lenergia di
O 1 O O dissociazione di ciascun legame NO in NO2 469 kJmol1, un valore circa a
met strada tra il doppio legame di NO2 e il legame semplice di NO, a suggerire
  1  che la rappresentazione di NO2 fornita dalla risonanza ragionevole. (b) La
O O O lunghezza di un legame semplice NO 149 pm, mentre quella di un doppio
1 1 legame pari a 120 pm (i valori si ottengono sommando i raggi covalenti ripor-
O Cl O O Cl O O Cl O tati in figura 2.21). In base alla tabella 2.5, la lunghezza del triplo legame NO si
1 1 3
O O O 1 pu stimare compreso tra 105 e 110 pm. Poich in NO la lunghezza di legame
115 pm, si intuisce che lordine effettivo di legame compreso tra due e tre.

1   1 
O O O (c) 0N O 0 (d) 0 0
1 1 O O
1 0 1
O Cl O O Cl O O Cl O


ONO
1 2 1 2 2 N O N
0 1 1
O 1 O 1 O 1
O O
1 1
1 
O
1 (e) N2O5(g)  H2O(l) : 2 HNO3(aq). Si forma acido nitrico. (f ) 7,50  102
O Cl O molL1. (G) NO: 2; NO2: 4; N2O3: 3; N2O5: 5.
1 2
O
Capitolo 3
Le quattro strutture di Lewis con tre doppi legami e quella con quattro dop- 3.1 (a) Deve avere coppie solitarie; (b) pu avere coppie solitarie.
pi legami sono le pi plausibili in base ad argomentazioni inerenti la carica 3.3 (a) Angolare; (b) poco meno di 120.
formale che in tali strutture viene minimizzata. (b) La struttura con quattro 3.5 (a) triangolare piramidale; (b) tutti gli angoli di legame OSCl
doppi legami si accorda meglio con i dati poich, posto che i doppi legami sono uguali; (c) leggermente meno di 109,5.
siano delocalizzati per risonanza, si pu stimare una lunghezza media di legame 3.7 (a) Lineare; (b) poco meno di 180.
pari a (170 pm)  (140 pm) 147,5 pm, solo 3,5 ppm in pi del valore
osservato. (c) 7. La struttura che contiene solo legami semplici si accorda 3.9 (a) Cl (b) Cl
meglio con questo criterio. (d) Gli approcci in (a) e in (b) si accordano tra loro,
contrariaramente allapproccio. (c) Il risultato ragionevole poich i numeri di Cl S Cl Cl I
ossidazione presuppongono legami ionici.
2.113 Il gruppo alchino ha il legame CH pi rigido perch da una grande Cl Cl
costante di forza discende lassorbimento a frequenza superiore.
2.115 Si osservino le strutture di Lewis delle molecole: (c)  (d) O
F F

(a) 1 1 (b) O O (c) 1 1


CO I Xe O

OOO

F F
(d) 1 1 (e) 1 1 (f ) Ar O
OS O NNO (a) cavalletto AX4E; (b) forma a T AX3E2; (c) quadrata AX4E2; (d) piramidale
(a), (c), (d) ed (e) agiscono da gas serra. triangolare AX3E.
C16 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

3.11 Le strutture di Lewis sono (b) Lineare, 180 Cl (c) Tetraedrica, 109,5
(a)  (b) O Cl
I ClCN: O P Cl
Cl P Cl O
P Cl
I Cl
Cl Cl
I
(d) La disposizione degli atomi attorno a ciascun atomo N piramidale trian-
(c)  (d) golare, 107.
O N N



HNNH
O I N N


H H


O O O
3.31 (a) Tetraedrica:
(possibile forma Cl
di risonanza)
O Sb Cl

(a) Lineare, 180, AX2E3; (b) tetraedrica, 109,5, AX4; (c) piramide triangolare, Cl
meno di 109,5, AX3E; (d) lineare, 180, AX2.
3.13 Le strutture di Lewis sono
(b) tetraedrica:
(a) (b) Cl
F Cl
O S Cl
Cl C F Cl Te Cl
O
F Cl
(c) cavalletto: 
(c) FC O (d)  F
HC H
O I F
F H
O
(a) tetraedrica, 109,5, AX4; (b) cavalletto, 90 e 120, AX4E; (c) triangolare,
120, AX3; (d) piramidale triangolare, 109,5, AX3E.
3.15 (a) Nel 2,4-pentandione gli angoli a e b sono di 120, langolo c di 3.33 (a) Verso i vertici di un tetraedro; (b) a 180; (c) verso i vertici di un
109,5. Nello ione acetilacetonato gli angoli sono tutti di circa 120. (b) Le ottaedro; (d) verso i vertici di un triangolo equilatero (triangolare).
principali differenze insorgono nellibridizzazione del gruppo CH2, originaria- 3.35 (a) sp; (b) sp 2; (c) sp 3; (d) sp 3.
mente ibridizzato sp 3 che diviene sp 2 quando cede lo ione idrogeno. 3.37 (a) sp 2; (b) sp 3; (c) sp 3d ; (d) sp 3.
3.17 (a) Poco meno di 120; (b) 180; (c) 180; (d) poco meno di 109,5. 3.39 (a) sp 3; (b) sp 3d 2; (c) sp 3d ; (d) sp 3.
3.19 Le strutture di Lews sono 3.41 (a) sp 3; (b) apolare.
3.43 Aumento.
(a) H (b) Cl 3.45 Nella formaldeide, gli atomi C e O sono entrambi ibridizzati sp 2.
Langolo di legame HCO di 120; la molecola ha tre legami sigma (cia-
H C Cl Cl C Cl scuno connette un H a O e uno a C) e un legame p (tra C e O).
3.47 Gli orbitali atomici a e b sono mutamente perpendicolari se
Cl Cl
a b dt = 0 (assumendo a b) dove lintegrale esteso su tutto lo spazio.
L
(c) (d) Inoltre, un orbitale, a, normalizzato se a 2 dt = 1. In questo problema i
SCS F L
due orbitali ibridi sono h1  s  px  py  pz e h2  s  px  py  pz. Quindi,
FSF
i due orbitali sono ortogonali se

F
h 1h 2 dt = 0.
L
Le molecole (a) e (d) sono polari; (b) e (c) sono apolari.
3.21 (a) Polare; (b) apolare; (c) polare.
h 1h 2 dt = (s + px + py + pz )(s - px + py - pz )dt
3.23 (a) 1 e 2; (b) 1. L L
3.25 H
H = (s 2 - sp x + spy - spz + spx - px 2 + px py - px pz +
L
CCC
N
spy - px py + py 2 - py pz + spz - pz px + pz py - pz 2)dt
H
Questo integrale di una somma si pu esprimere come somma di integrali:
In CH2 e in CH gli atomi di carbonio sono ibridizzati sp 2 con angoli di legame
HCH e CCH di 120. Il terzo atomo di carbonio (legato allazoto) s 2dt - spx dt + spy dt - spz dt +
ibridizzato sp con angolo di legame CCN di 180. L L L L
3.27 (a) Tetraedrica, 109,5; (b) tetraedrica intorno agli atomi di carbonio, Essendo le funzioni donda dellidrogeno reciprocamente ortogonali, questa
109,5, angolo CBeC di 180; (c) angolare, leggermente meno di 120; (d) somma di integrali si semplifica in:
angolare, poco meno di 120.
3.29 (a) Angoli HCH e HCC di 120 H H s 2dt - px 2 dt + py 2dt - pz 2dt = 1 - 1 + 1 - 1 = 0
L L L L
CC 3.49 l  0,67, sp 0,67.

H H 3.51 (a) Diamagnetica; (b) paramagnetica, uno; (c) paramagnetica, uno.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C17

3.53 (a) (1) (s2s)2(s2s*)2(s2p)2(p2px)2(p2py)2(p2px*)2(p2py*)1; singoli orbitali sono normalizzati, questa espressione si semplifica in N 2(1 
(2) (s2s)2(s2s*)2(s2p)2(p2px)2(p2py)2(p2px*)2(p2py*)1; 2S  1)  1. Pertanto,
(3) (s2s)2(s2s*)2(s2p)2(p2px)2(p2py)2(p2px*)2(p2py*)2 (s2p*)2. 1
(b) (1) 0,5; (2) 1,5; (3) 0; (c) (1) e (2) sono paramagnetiche con un elettrone N =
A 2 + 2S
spaiato; (d) per (1) e (3) s per (2) p.
3.55 2, 3.
3.57 (a) Il diagramma dei livelli energetici per N2 3.71 (a)  Forma: tetraedrica
Cl Ibridizzazione: sp 3
2p* Angoli di legame: 109,5
Cl Ga Cl Apolare
2p*
Cl
2p a a a a a a 2p
2p
(b) Forma: cavalletto
F
2p Ibridizzazione: dsp 3
F


Te F Angoli di legame: 90 e 120


2s* F Polare

2s 2s
(c)  Forma: cavalletto
Orbitali su N 2s Orbitali su O Cl Ibridizzazione: dsp 3
Cl Angoli di legame: 90 e 120


Sb Cl Polare


(b) Latomo di ossigeno pi elettronegativo, perci i suoi orbitali sono meno Cl
energetici di quelli di N. In basso si riporta il diagramma energetico rivisitato.
Tutti gli orbitali leganti sono pi vicini a O in energia mentre tutti gli orbitali
antileganti sono pi vicini a N. Il diagramma energetico di NO (d) Forma: tetraedrica
Cl
Ibridizzazione: sp 3
2p* Cl Si Cl Angoli di legame: 109,5
Apolare
2p* Cl
2p a a a
2p 2p
a a a 3.73 (a) Le strutture di Lewis sono:

 H  H 2 2
2p H H H H

2s* HC HCH HC C C C

2s
H H H H H H
2s
2s (b) Nessuna a carattere radicalico; (c) CH22  CH3  CH4  CH2  CH3
Orbitali su N Orbitali su O  CH22.
3.75 (a) La composizione elementare porta alla formula empirica CH4O,
(c) Gli elettroni degli orbitali leganti avranno maggiore probabilit di trovarsi che si accorda con la massa polare. Vi una sola struttura di Lewis ragionevole
su O, perch gli orbitali di questo hanno minore energia. che corrisponde al composto metanolo. Tutti gli angoli di legame attorno al
3.59 (a) (s2s)2(s2s*)2(p2px)1(p2py)1, 1; (b) (s2s)2(s2s*)2, 0; (c) carbonio sono di 109,5. Gli angoli di legami attorno allossigeno sono un po
(s2s)2(s2s*)2(s2p)2(p 2px)2(p2py)2(p2px*)2(p2py*)2, 1. meno di 109,5 per via delle repulsioni tra le coppie solitarie. (b) Il carbonio e
3.61 CO (s2s)2(s2s*)2(p 2px)2(p2py)2(s 2p)2, ordine di legame  3. CO lossigeno sono entrambi ibridizzati sp 3. (c) La molecola polare.
(s2s)2(s2s*)2(p 2px )2(p2py )2(s 2p )1, ordine di legame  2,5. Essendo lordine di 3.77
legame di CO pi alto, il suo legame pi forte e quindi la sua entalpia di Legante Antilegante
legame maggiore.
3.63 Sono tutte paramagnetiche. B2 e B2 hanno un elettrone spaiato,
mentre B2 ne ha due. (a)
3.65 (a) F2 ha ordine di legame 1; F2 ha ordine di legame 1/2; F2 presenta
il legame pi forte. (b) B2 ha ordine di legame 1; B2 ha ordine di legame 1/2.
B2 ha il legame pi forte.
3.67 C2.
3.69 Dati lintegrale di sovrapposizione cA1s cB1sdt lorbitale legante (b)
L c
 cA1s  cB1s e il fatto che i singoli orbitali atomici sono normalizzati, ci si
chiede di trovare la costante di normalizzazione N atta a normalizzare lorbitale
legante c, tale che (c) Gli orbitali leganti e antileganti di HF appaiono differenti in virt del fatto
che per costruire gli orbitali leganti e antileganti si utilizza un orbitale p della-
N 2c2dt = N 2 (cA1s + cB1s)2dt = 1 tomo di F, laddove, nella molecola H2, si utilizzano orbitali s da ciascun atomo.
L L 3.79 (a) CF  CF  CF. (b) CF, perch non ha elettroni spaiati; CF
ha un elettrone spaiato e CF ne ha due.
N2 (cA1s + cB1s)2dt = N 2 (c2A1s + 2cA1s cB1s + c2B1s)dt
L L
= N2 ac2A1s dt + 2 cA1s cB1sdt + c2B1s dtb
L L L
Data la precedente definizione dellintegrale di sovrapposizione e il fatto che i
C18 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

3.81 Gli orbitali sia di B sia di N sono ibridizzati sp 2. 3.99


s(C2sp 2, C2sp 2)
H H Osp 2
s(H1s, C2sp 2)
H O s(C2sp 2, O2sp 2),
H B H H B H
p(C2p, O2p)


N N N N HCC C
s(H1s, C2sp 2)
B B B B H H
N H N H s(H1s, C2sp ) 2
H H s(C2sp 2, C2sp 2),
p(C2p, C2p)
H H Tutti gli atomi della molecola hanno carica formale nulla.
3.101 (a)  (b) sp 3d
3.83 Lorbitale molecolare antilegante si ottiene facendo la differenza dei 1 F F
due orbitali atomici che sono proporzionali a e - r>ao. A met strada tra i due nu-


F F F



clei, la distanza dal primo nucleo, r1, uguale alla distanza dal secondo nucleo, Sb Sb
r2, e lorbitale antilegante proporzionale a c r e - r>ao - e - r>ao = 0. 1 1
F F
3.85 F Formula VSEPR: AX6
Forma: ottaedrica
F F Angoli di legame: tutti 90 3.103 1 2

I Cl
F F Cl Bi Bi Cl
2 2
F Cl
1
3.87 n LUh 2 n HO h 2
E = ELU - EHO = - 3.105 a  Ib e Id sono ibridizzati sp 3 con gli atomi
2 2
8mN R 8mN 2R 2 legati che occupano posizioni assiali, ci
b I
h2 2
N 2 porta ad angoli di legame di 180 attorno
ca + 1b - a b d
N
= c
I a ciascun atomo assiale. Ic ibridizzato sp 3.
8mN 2R 2 2 2 I
I
h 2(N + 1)
= d I
8 mN 2 R 2 e
Per spostare lassorbimento verso le lunghezze donda superiori (energie inferio- 3.107 Al2Cl6 apolare; tutti i dipoli della molecola (dovuti ai legami AlCl)
ri) la lunghezza della catena carboniosa, N, deve aumentare. si elidono:
3.89
Si elidono
Si elidono
(a) Cl
Cl Cl
Al Al
Cl Cl
Cl

(b) s p d. 3.109 (a) sp 3d 3; (b) sp 3d 3f ; (c) sp 2d.


3.91 (a) Lordine di legame netto diminuirebbe da tre a due. (b) 3.111 (a) La struttura di Lewis del perossido di idrogeno H O O H. Non
Lordine di legame netto diminuirebbe da tre a due. Sono entrambi parama- vi sono atomi con cariche formali e il numero di ossidazione di ciascun O
gnetici. 1. Il numero di ossidazione pi utile della carica formale per prevedere il
potere ossidante di un composto poich rende meglio lidea se un dato atomo
3.93 (a) H pu acquistare o cedere elettroni. (b) Gli angoli di legame dovrebbero essere
sp2 identici a quelli dellacqua, circa 104. Tutti gli atomi della molecola giacciono
H sp2
C sp nello stesso piano ma per via della rotazione libera attorno al legame OO,
si prevede che gli idrogeni (e quindi le coppie solitarie dellossigeno) possano
C sp ruotare allinterno e allesterno del piano; una di queste rotazioni genera una
H sp2 struttura polare (forme differenti scaturenti dalla rotazione attorno a un legame
sp2
s si dicono rotameri). A causa di ci si prevede che la molecola sia polare ma
H leggermente meno rispetto allacqua.
(b) Il benzino sarebbe altamente reattivo perch i due atomi di carbonio ibri- H
dizzati sp sono costretti in una struttura in forte tensione al confronto con la

struttura lineare che corrisponderebbe alla loro ibridizzazione. O O


H H
3.95 (a) Gli atomi di carbonio sono tutti ibridizzati sp 3. (b) Gli angoli di O O
H
legame CCC, HCH e HCC dovrebbero essere di 109,5. (c) A
causa della struttura anulare, per, gli angoli CCC devono essere di 60.
(d) Il legame s avr la densit del legame situata sulla congiungente i due atomi Rotamero piano apolare Rotamero piano polare
uniti dal legame. (e) Se gli atomi di carbonio sono veramente ibridizzati sp 3,
allora gli orbitali leganti non si allineeranno per forza direttamente lungo le

congiungenti gli atomi di carbonio. (f ) Gli orbitali ibridi sp 3 possono ancora O H


H
sovrapporsi pur non allineandosi direttamente tra gli atomi. O
3.97 (a) e (d) possono ospitare la transizione da n a p*, perch queste mo-
lecole possiedono entrambe un atomo con una coppia solitaria di elettroni e un
legame p diretto verso tale atomo. Rotamero non piano polare (uno dei tanti possibili)
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C19

(c) (1) O2: (s2s)2(s2s*)2(s2p)2(p 2px)2(p2py)2(p2px*)1(p2py*)1; ordine di legame  4.65 1,9 atm.
2; paramagnetica. 4.67 (a) 739,2 Torr; (b) H2O(l) : H2(g)  1/2 O2(g); (c) 0,142 g.
(2) O2: (s2s)2(s2s*)2(s2p)2(p 2px)2(p2py)2(p2px*)2(p2py*)1; ordine di legame  1,5; 4.69 No; non tutte le molecole si spostano con la stessa velocit. Forza 
paramagnetica. (NMAvx2/V ), se vx varia, muter anche la forza.
(3) O2: (s2s)2(s2s*)2(s2p)2(p 2px)2(p2py)2(p2px*)1; ordine di legame  2,5; para- 4.71 C10H10.
magnetica. 4.73 (a) 154 s; (b) 123 s; (c) 33,0 s; (d) 186 s.
(4) O22: (s2s)2(s2s*)2(s2p)2(p 2px)2(p2py)2(p2px*)2(p2py*)2; ordine di legame  1; 4.75 110 gmol1; C8H12.
diamagnetica. 4.77 (a) 4103,2 Jmol1; (b) 4090,7 Jmol1; (c) 12,5 Jmol1.
(d) La lunghezza di legame dovrebbe essere inversamente proporzionale allor- 4.79 (a) 627 ms1; (b) 458 ms1; (c) 378 ms1.
dine di legame; quindi, il legame pi lungo dovrebbe appartenere alla molecola 4.81 241 ms1.
con lordine di legame pi basso (O22) e il legame pi corto alla molecola con 4.83 0,316.
ordine di legame pi alto (O2). 4.85 (a) La velocit pi probabile quella che corrisponde al massimo della
(e) 2 Fe2  H2O2  2 H : 2 Fe3  2 H2O, 1,21 g. curva di distribuzione. (b) La percentuale diminuisce.
(f ) 2 Fe3  H2O2  2 OH : 2 Fe2  2 H2O  2 O2, 0,795 g. 4.87 Alle basse temperature il legame a idrogeno fa s che le molecole HF
(g) due; (h) 761 nm si attraggano pi fortemente, abbassando, di conseguenza, la pressione. Con
laumentare della temperatura i legami a idrogeno si scindono e la pressione
Capitolo 4 si eleva pi rapidamente che nel gas ideale. noto che HF forma dimeri (due
4.1 (a) 8  109 Pa; (b) 80 kbar; (c) 6  107 Torr; (d) 1  106 psi ovvero molecole legate insieme) e catene.
(lbin2). 4.89 (a) La velocit quadratica media vrms  (3RT/M)1/2; quanto pi pic-
4.3 (a) 86 mmHg. (b) Laltezza nel braccio collegato con il pallone mag- cola la massa molecolare, tanto maggiore vrms. Pertanto, le molecole H2
giore. (c) 848 Torr. hanno una velocit quadratica media maggiore.
4.5 909 cm. (b) Tra le molecole di NH3 si instaurano interazioni pi forti poich latomo
4.7 2,9  103 lb ovvero 1329,0 kg. H di una molecola di NH3 tende a interagire con la coppia elettronica solitaria
4.9 22,4 in; (b) nel tubo (1): 41,85 inHg; nel tubo (2) 59,85 inHg. presente sullatomo N di unaltra molecola di NH3 (legame a idrogeno).
4.11 (a) 20 L. 4.91 (a) 1,62 atm; (b) 38,9 atm; (c) 1,88  103 atm. Alle basse pressioni la
legge del gas ideale fornisce praticamente lo stesso valore dato dallequazione di
(b) 3,0 y  0,0082x  0,0026
2  0,9994
van der Waals, mentre a pressione elevata la differenza diviene considerevole.
2,5 R 4.93 17,58, CH3CN; 3,392, CO2; 2,253, CH4; 0,2107, Ne.
P (atm)

4.95 Chiaramente, le deviazioni maggiori dalla legge del gas ideale si ma-
2,0 y  0,0041x  0,0013
nifestano a bassi volumi o a pressioni elevate. Lammoniaca presenta deviazioni
1,5 R2  0,9994 marcate e le sue costanti di van der Waals sono maggiori di quelle dellossigeno.
1,0 Probabilmente ci scaturisce dal fatto che lammoniaca essendo polare presenta
250 270 290 310 330 350 370 interazioni intermolecolari pi intense.
T (K) 4.97 (a) 280 Torr; (b) 700 Torr.
(c) 0,32 K. 4.99 (a) 97,8 L; (b) 32,5 L; (c) 19,6 L.
4.13 (a) 1,06  103 kPa; (b) 4,06  102 mL; (c) 0,20 g; (d) 3,24  105 4.101 (a)
mol; (e) 9,2  1014 atomi.
:
:
4.15 (a)
4.15 (a) Volume (L) 1
nR/V (atmK )
0,01 8,21
0,02 4,10 (b) 0,020 ppm.
0,03 2,74 4.103 0,481 M.
0,04 2,05 4.105 (a) N2O4(g) : 2 NO2(g); (b) 2,33 atm; (c) 4,65 atm;
0,05 1,64 (d) xNO2  0,426; xN2O4  0,574.
4.107 (a) N2H4;
(b) nR/V; (c) 0,00.
(b)
4.17 (a) 1,5  103 kPa; (b) 4,5  103 Torr.
4.19 3,64 arm. HNNH
4.21 10,7 L.

H H
4.23 Il volume deve aumentare del 10% per mantendere P e T costanti.
4.25 0,050 g. (c) 4,2  104 mol.
4.27 (a) 11,8 mL; (b) 0,969 atm; (c) 199 K. 4.109 f (10vrms)/f (vrms) 
4.29 (a) 63,4 L; (b) 6,3 L. 3

4 Na b (10v rms )2e -M(10v rms )


4.31 18,1 L. M 2 2>2RT

4.33 4,18 atm. f(10v rms ) 2RT


=
4.35 621 g. f(v rms ) 3

4 Na b (v rms )2e -M(v rms )


M 2 2>2RT
4.37 2,52  103 mol.
2RT
4.39 (a) 3,6 m3; (b) 1,8  102 m3.
CO  H2S  CO2.
2>2RT
4.41 100v 2rms e -M100v rms 2>2RT +
Mv rms 2>2RT )
4.43 342 C. = 2>2RT
= 100e(-M100v rms
v 2rms e -Mv rms
4.45 (a) 1,28 gL1; (b) 3,90 gL1.
4.47 (a) 70 gmol1; (b) CHF3; (c) 2,9 gL1. = 100e-99Mv
2
rms >2RT

4.49 C2H2Cl2.
4.51 44,0 gmol1. No, la distribuzione cambia con la temperatura.
4.53 (a) 3,0  105 L; (b) 1,0  104 L. 4.111 2,35 m.
4.55 2,00 g CH4. 4.113 254 gmol1; x  3,99.
4.57 2,4  104 L. 4.115 23,1 g.
4.59 (a) 4,25  103 g; (b) 0,0757 atm. 4.117 (a) V  3,95  107 pm3atomo1; r  211 pm. (b) r  128 pm; V
4.61 (a) xHCl  0,9, xbenzene  0,1; (b) PHCl  0,72 atm, Pbenzene  0,08 atm.  8,78  106 pm3. (c) La differenza tra questi valori chiarisce che non facile
4.63 (a) PN2  1,0 atm, PH2  2,0 atm; (b) 3,0 atm. definire i confini dellatomo. Il valore di van der Waals ricavato dalla correzione
C20 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

per il volume molare considerevolmente maggiore del raggio atomico, forse 5.55 (a) Lossido di renio ha coordinazione (6,2). (b) ReO3.
per il maggior campo dazione e le deboli interazioni tra gli atomi. Occorre te- 5.57 (a) 8; (b) 6; (c) 6.
ner presente che il valore del parametro b di van der Waals serve ad assicurare il 5.59 (a) 3,36 gcm3; (b) 4,67 gcm3.
buon accordo con una curva, e la sua interpretazione pi complicata di quella 5.61 (a) La pi piccola cella elementare rettangolare
del semplice volume molare.
4.119 (a) ClNO2; (b) ClNO2
(c)
Cl Cl

ONO ONO
(d) triangolare.
4.121 (a) 0,0979 L. (b) Videale  0,130 L Vvan der Waals; quindi dominano le
forze attrattive.

Capitolo 5
5.1 (a) Forze di London, dipolo-dipolo, legami a idrogeno; (b) forze di
London; (c) forze di London, dipolo-dipolo, legami a idrogeno; (d) forze di
London, dipolo-dipolo.
5.3 (b), (c) e (d).
(b) 4 atomi di carbonio; (c) 3.
5.5 (a) NaCl; (b) butanolo; (c) triiodometano; (d) metanolo.
5.63 3,897 cm.
5.7 (a) Piramidale triangolare, PBr3; (b) SO2 piegata; CO2 lineare,
5.65 Il gran numero di modi in cui queste molecole possono ruotare e ri-
SO2; (c) triangolare, BCl3.
torcersi fa s che non conservino la forma a bastoncello. Quando la molecola si
5.9 (b) (c)  (e)  (a)  (d).
distende lo scheletro molecolare bastoncellare ma la molecola tende ad attor-
5.11 (d)
cigliarsi su se stessa, distruggendo qualsiasi ordine a lungo raggio. Ci dipende
5.13 II, perch lungo la catena le interazioni dipolo-dipolo sono rese mas-
in parte dal fatto che le molecole contengono solo legami semplici attorno ai
sime.
quali possibile la libera rotazione, sicch ogni molecola in grado di adottare
5.15 Rapporto  1,03, Al3.
molte configurazioni. La presenza dei legami multipli conferisce alla molecola
5.17 (a) Lo Xenon pi voluminoso, possiede un maggior numero di elet-
maggior rigidit.
troni che danno origine a forze di London pi intense innalzandone il punto di
5.67 Limpiego di solventi apolari come esano o benzene, ecc., in luogo
fusione. (b) Il legame a idrogeno nellacqua fa s che le molecole siano trattenu-
dellacqua dovrebbe consentire la formazione di micelle inverse.
te pi intensamente che nelletere dietilico. (c) Le due molecole hanno la stessa
5.69 Il benzene un solvente isotropo per cui la sua viscosit identica
massa molare, ma il pentano lineare rispetto al dimetilpropano, che si pre-
in tutte le direzioni. Un cristallo liquido, invece, un solvente anisotropo e la
senta come una molecola sferica compatta. La compattezza del dimetilpropano
gli conferisce una bassa area superficiale. Ci implica che le forze attrattive sua viscosit minore nella direzione parallela allasse principale delle molecole
intermolecolari, che sono per entrambe le molecole dello stesso tipo (forze di rispetto alla direzione laterale. Poich il metilbenzene una piccola molecola
London), esercitino un effetto maggiore per il pentano. sferica, il suo moto di diffusione non risente in modo evidente del fatto che il
solvente sia isotropo o anisotropo.
a b = -a 7 b r 7
-dEP -d 1 -6 1 5.71 (a) Piramidale triangolare, polare, pu partecipare a interazioni dipo-
5.19 F = =
dr dr r 6 r r lo-dipolo.
5.21 (a) Con laumentare delle forze intermolecolari, il punto di ebollizio-
N
ne aumenta poich per separare le molecole diviene necessaria maggior energia
termica. (b) La viscosit aumenta con laumentare delle forze intermolecolari I I
perch le molecole diventano meno mobili (ovvero scivolano meno facilmente I
le une sulle altre). (c) Anche la tensione superficiale aumenta con laumentare
delle forze intermolecolari giacch le molecole vengono maggiormente spinte (b) Triangolare, apolare, non prende parte a interazioni dipolo-dipolo.
verso linterno della massa.
5.23 (a) cis-Dicloroetene; (b) benzene a 20 C. I I
5.25 C6H6  C6H5SH  C6H5OH.
B
5.27 CH4, 162 C; CH3CH3, 88,5 C; (CH3)2CHCH2CH3, 28
C; CH3(CH2)3CH3, 36 C; CH3OH, 64,5 C; CH3CH2OH, 78,3 C; I
CH3CHOHCH3, 82,5 C; C5H9OH (ciclico), 140; C6H5CH2OH (anello
benzenico), 205; HOCH2CHOHCH2OH, 290 C. 5.73 (a) 8,11  105 pm2 per il 2,2-dimetilpropano, 9,91  105 pm2 per il
5.29 (a) Legame a idrogeno. (b) Le forze di London aumentano. pentano; (b) pentano; (c) pentano.
5.31 Acqua. 5
5.33 (a) Nel glucosio agiscono forze di London, interazioni dipolo-dipo- 5.75 r =3 (2,936 * 10 )M ; Ne, 170 pm; Ar, 203 pm; kr, 225 pm; Xe,

lo e legami a idrogeno; nel benzofenone interazioni dipolo-dipolo e forze di A d


London; nel metano solo forze di London. Queste sono pi intense nel ben- 239 pm; Rn, 246 pm.
zofenone, ma il glucosio gode dei legami a idrogeno. Il metano sperimenta 5.77 21,3 gcm3.
solamente deboli forze di London. (b) CH4 (p.f.  182 C)  benzofenone 5.79 (a) 2,36; (b) Ti2  64%, Ti3  36%.
(p.f.  48 C)  glucosio (p.f.  148  155 C). 5.81 (a) Vero; (b) falso; (c) vero; (d) falso.
5.35 (a) A rete; (b) ionico; (c) molecolare; (d) moeloclare; (e) a rete. 5.83
5.37 Sostanza A ionica, sostanza B metallica, sostanza C solido molecolare.
5.39 (a) 2; (b) 8; (c) 286 pm.
5.41 (a) 2,72 gcm3; (b) 0,813 gcm3.
5.43 (a) 139 pm; (b) 143 pm.
5.45 Impacchettamento compatto.
5.47 (a) 3,73  1022 g; (b) 8.
5.49 90,7%.
5.51 (a) Indio: 4; arseniuro: 4; (b) InAs
5.53 (a) 1 Cl, 1 Cs, CsCl; (b) 4 O2, 2 Ti4, TiO2; (c) atomi Ti: coordi-
nazione 6; Atomi O: coordinazione 3.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C21

5.85 (a) 50,2 pm; (b) ottaedrico, 75%. il carbonio ibridizzato sp 2 ha geometria piana. Limpiego della grafite come
5.87 La silice fusa, o quarzo fuso, prevalentemente SiO2 con pochissime lubrificante deriva dal fatto che i piani bidimensionali possono scivolare luno
impurezze. Questo vetro il pi refrattario, il che vuol dire che lo si pu usa- sullaltro attenuando lattrito. Nella grafite, gli elettroni presenti negli orbitali p
re comunemente per reazioni da effettuare a temperatura fino a 1000 C. Il non ibridizzati sono liberi di muoversi da un atomo di carbonio allaltro e ci
Vycor, al 96% di SiO2, si pu utilizzare per temperature fino a circa 900 C, e i ne spiega lelevata conduttivit elettrica. Nel diamante, tutti gli elettroni sono
normali vetri al borosilicato a temperature fino a circa 550 C. Ci dovuto al confnati nei legami s C-C derivanti dalla sovrapposizione di orbitali ibridi sp 3,
fatto che i vetri fondono a temperature pi basse con laumentare dei materiali per cui il diamante un pessimo conduttore elettrico.
diversi dalla silice in essi presenti. I vetri al borosilicato (Pirex e Kimax) sono 6.15 (a) 1,1  1016 atomi C; (b) 18 nmol.
usati comunemente perch il loro pi basso punto di ammorbidimento con- 6.17 Per via del maggior potere polarizzante dello ione Mg2 pi piccolo
sente con maggiore facilit di foggiarli in vari oggetti di vetreria. nei confronti dello ione carbonato, ci si aspetta che MgCO3 sia meno stabile di
5.89 38,1 g. CaCO3. Pertanto, si forma lossido MgO e il carbonato CaCO3. Inoltre, per la
5.91 MA2. reazione MgCO3(s) : MgO(s)  CO2(g), Gr allincirca uguale a 50 kJ,
5.93 35%. mentre per CaCO3(s) : CaO(s)  CO2(g), Gr circa 130 kJ (in base ai
5.95 (a) 48%; (b) 26%; la cella fcc impacchettata pi efficientemente. dati riportati nellAppendice 2A). Quindi, la formazione di MgO termodina-
5.97 micamente favorita rispetto a quella di CaO.
H F p H F p H F , langolo di legame di circa 180. 6.19 (a) Lo strato superiore di una cella di moissanite

5.99 (a) Aumenta la conduttivit elettrica della grafite. (b) Langolo del C
fascio dei raggi X diminuir.
5.101 Gli strati del reticolo che danno origine alla diffrazione costruttiva dei Si
raggi X sono paralleli. Dapprima si disegnano linee perpendicolari dal punto di
intersezione della sommit del raggio con il piano del reticolo al raggio inferio-
re, sia per il raggio incidente sia per quello diffratto. Nel punto A i raggi X sono
in fase e paralleli. Se si vuole che siano ancora in fase e paralleli alluscita dal
cristallo, devono essere in fase anche quando raggiungono il punto C. Perch
ci sia vero, la distanza percorsa in pi dal secondo raggio rispetto al primo
deve uguagliare un numero intero di lunghezze donda. La distanza comples-
sivamente percorsa, A : B : C, uguale a 2x. Dallo schema, si pu vedere
che che langolo A-D-B deve essere uguale a u. La somma di u e di a uguale a
90, cos come accade per a e langolo A-D-B. Possiamo scrivere sinu  x/d e x
(b) Anche se Si pi pesante di C, Si pi voluminoso di C. Ci comporta un
 d sin u. La distanza totale percorsa 2x  2d sinu. Cos, affinch i due raggi
maggior spazio vuoto tra gli aotmi C e Si durante limpacchettamento, e quindi
X siano in fase alluscita dal cristallo, 2d sinu deve essere uguale a un numero
la moissanite meno densa del diamante.
intero di lunghezze donda.
6.21 (a) Esagonale; (b) ione carbonato, 6, CaCO3, 4.
5.103 5,074.
6.23 15,4 cm3.
5.105 633 K.
6.25
5.107 (a)  (b) 4
0 0 0 1  O


H H H O
0 0 0 1 0 O Si O

H Csp Csp Nsp H 1 N 1 0


3 3 3
O sp2 O O
H H H Carica formale: Si  0, O  1; numero di ossidazione: Si: 4, O  2; se-
0 0 0
 5
condo il modello VSEPR si ha una struttura AX4; quindi la forma tetraedrica.
(c) Lanione (NO3 ). N pu essere ridotto in uno stato di ossidazione pi basso 6.27 (a) Lo ione Si2O76 si ottiene per condivisione di un atomo O tra due
con un agente riducente. (d) CH3CH2NH2  HNO3 : CH3CH2NH3NO3 ioni tetraedrici SiO44. Questo lunico caso in cui vi condivisione di un O.
(acido-base) (e) Resa teorica  0,0600 mol HNO3; resa percentuale  63,2%. (b) I pirosseni, ad esempio la giada, NaAl(SiO3)2, sono costituiti da catene di
Le forze che tengono uniti gli ioni del nitrato di etilammonio nel solido com- unit SiO4 nelle quali ciascuna unit condivide due atomi O con le sue vicine.
prendono le interazioni ione-ione, il legme a idrogeno e le forze di London. In Lunit reiterante ha formula SiO32.
NaCl e NaBr si esercitano solo forze ione-ione e forze di London (non inter- 6.29 4.
vengono legami a idrogeno). Tuttavia, le forze ione-ione in NaCl e NaBr sono 6.31 930 g.
molto pi intense di quelle che si esercitano nel nitrato di etilammonio per via 6.33 I fluoruri ionici reagiscono con lacqua liberando HF che reagisce suc-
delle minori dimensioni degli ioni presenti nei primi due. Con laumentare del- cessivamente con il vetro. Le bottiglie in vetro impiegate per conservare fluoruri
le dimensioni degli ioni, aumenta la distanza interionica, diminuisce lintensit metallici diventano col tempo fragili e possono sgretolarsi sullo scaffale.
delle forze ione-ione e quindi si abbassa il punto di fusione. 6.35 Gli ioni ferro conferiscono colore scuro allargilla, cosa indesiderabile
per la fabbricazione delle ceramiche per le quali pi gradevole una base bianca.
Capitolo 6 6.37 (a) 5; (b) 4.
6.1 4,47  1019J. 6.39 La conduttivit di un semiconduttore aumenta con la temperatura
6.3 0,9703. poich aumenta il numero degli elettroni promossi nella banda di conduzione,
6.5 Limpurezza principale il carbonio che si rimuove per ossidazione a mentre la conduttivit di un metallo diminuisce poich il moto degli atomi
CO2 e successiva cattura di CO2 a opera di una base per formare scorie. rallenta la migrazione degli elettroni.
6.7 In genere le leghe sono (1) pi dure e pi fragili e (2) conduttori 6.41 0,27 .
elettrici peggiori rispetto ai metalli puri che le costituiscono. 6.43 n  1,8  106.
6.9 (a) La lega indubbiamente interstiziale perch il raggio atomico 6.45 (a) In e Ga; (b) P e Sb.
dellazoto pi piccolo (74 pm contro 124) rispetto a quello del ferro. Una 6.47 YBa2Cu3O7.
regola grossolana stabilisce che le leghe intersitzioali si formano quando il rag- 6.49 Nella fluorescenza, la luce assorbita dalle molecole immediatamente
gio degli atomi del soluto minore del 60% rispetto a quello degli aotmi del emessa, mentre nella fosforescenza le molecole restano nello stato eccitato per
solvente. In questo caso il criterio soddisfatto. (b) Ci si aspetta che la nitrura- un certo periodo prima di emettere la radiazione assorbita. In entrambi i feno-
zione renda il ferro pi duro e pi forte, e ne riduca la conduttivit elettrica. meni, lenergia del fotone emesso minore rispetto a quella del fotone assorbito
6.11 (a) 2,8 Cu a Ni; (b) 15 Sn: 1,2 Sb: 1 Cu. (i fotoni emessi hanno maggior lunghezza donda).
6.13 Nel diamante, il carbonio ibridizzato sp 3 e forma una struttura a 6.51 I coloranti fluorescenti consentono di rilevae concentrazioni di bio-
rete tridimensionale tetraedrica, caratterizzata da estrema rigidit. Nella grafite molecole pi piccole di quelle normalmente possibili.
C22 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

6.53 Sc, V, Fe, Ni, Zr, Mo, Ru, Lu, Ta, Re, Ir, Au, Ti, Mn, Co, Y, Nb, Tc, 7.43 (a) 448 kJ; (b) 1,47  103 kJ; (c) 352 g.
Rh, Hf, W, Os, Pt. 7.45 (a) 22 g; (b) 1,3  105 kJ.
6.55 Il composto ferromagnetico al di sotto di Tc perch la magnetizza- 7.47 (a) 1,9  105 kJanno1; (b) 7,6  106 kJanno1.
zione superiore. Al di sopra della temperatura di Curie, il composto sem- 7.49 7 kJ.
plicemente paramagnetico con orientazioni di spin casuali, mentre sotto quella 7.51 320 kJ.
temperatura, gli spin si allineano e la magnetizzazione aumenta. 7.53 31 C.
6.57 Lapproccio top-down alla fabbricazione dei nanomateriali si ri- 7.55 23,9  103 kJmol1.
ferisce allassemblaggio fisico delle nanoparticelle secondo il fattore di forma 7.57 (a) CO(g)  H2O(g) : CO2(g)  H2(g); (b) 41,2 kJmol1.
desiderato; daltro canto, lapproccio bottom-up sfrutta specifiche interazioni 7.59 1,90 kJ.
molecolari per innescare lautoassemblaggio dei nanomateriali. 7.61 16 kJ.
6.59 Giallo, 726,9 pm. 7.63 312 kJmol1.
6.61 290 ms1. 7.65 2986,71 kJmol1.
6.63 E111  3h2/8meL2, E211  3h2/4meL2, E221  9h2/8meL2. I livelli 211, 7.67 184,6 kJ.
121 e 112 sono degeneri, vale a dire E211  E121  E112. I livelli 221, 122 e 212 7.69 72,80 kJ.
sono degeneri, vale a dire E221  E121  E212. 7.71 11,3 kJ.
6.65 SiC(s)  2 NaOH(l)  2 O2(g) : Na2SiO3(s)  H2O(g)  7.73 444 kJmol1.
CO2(g). 7.75 (a) 286 kJmol1; (b) 257 kJmol1; (c) 227 kJmol1; (d) 1
6.67 (a) 3,75 g; (b) 6,89 kg. kJmol1.
6.69 A temperature estremamente basse nei superconduttori la banda di 7.77 2564 kJmol1.
valenza completamente occupata mentre quella di conduzione vuota, per 7.79 (a) 412 kJmol1; (b) 673 kJmol1; (c) 63 kJmol1.
cui la conduttivit bassa. Aumentando la temperatura nel vuoto, alcuni elet- 7.81 (a) 597 kJmol1; (b) 460 kJmol1; (c) 0 kJmol1.
troni sono promossi dalla banda di valenza alla banda di conduzione e ci 7.83 (a) 248 kJmol1; (b) 45 kJmol1; (c) 115 kJmol1.
comporta un aumento della conduttivit. Tuttavia, scaldano i semiconduttori 7.85 Approssimativamente 228 kJ.
in presenza di ossigeno si verifica il chemiadsorbimento e lossigeno adsobito 7.87 (a) 33,93 kJmol1; (b) 30,94 kJmol1; (c) Il valore tabulato dellen-
sulla superficie intrappola gli elettroni formando ioni ossigeno negativi, che talpia di vaporizzazione del benzene 30,8 kJmol1. Le capacit termiche va-
diminuiscono la conduttivit elettronica. riano con la temperatura.
6.71 Il grafico (a) si riferisce a un colorante organico mentre il grafico (b) 7.89 Per la reazione A  2B : 3C  D lentalpia molare di reazione alla
si riferisce a una sospensione di punti quantici. Per la soluzione di un colorante temperatura 2 data da:
organico si ottiene uno spettro di assorbimento differente poich le dimen-
sioni delle molecole organiche sono identiche e i livelli quantici n sono fissi. Hr,2  Hm,2(prodotti)  Hm,2(reagenti)
Per la sospensione dei punti quantici la separazione dei livelli energetici varia
 3 Hm,2(C)  Hm,2(D)  Hm,2(A)  2 Hm,2(B)
(secondo 1/r2) poich cambiano il diametro dei punti quantici e i livelli delle
transizioni. Quindi, la lunghezza donda della luce che determina leccitazione  3[Hm,1(C)  Cp,m(C)(T2  T1)]  [Hm,1(D)  Cp,m(D)(T2  T1)] 
varier anchessa. Inoltre, poich le dimensioni dei punti quantici variano solo [Hm,1(A)  Cp,m(A)(T2  T1)]  2[Hm,1(B)  Cp,m(B)(T2  T1)] 
leggermente, in genere si osserva uno spettro di assorbimento continuo.  3 Hm,1(C)  Hm,1(D)  Hm,1(A)  2 Hm,1(B)  [3 Cp,m(C)  Cp,m(D)
6.73 (a) C: sp 2; B: sp 2; N: sp 2. (b) 10. (c) In C60 gli atomi di carbonio sono
 Cp,m(A)  2 Cp,m(B)](T2  T1)
ibridizzati sp 2 e quindi sono quasi piani. Tuttavia, la curvatura delle molecole
introduce una certa tensione per cui alcuni atomi di carbonio manifestano ten-  Hr,1  [3 Cp,m(C)  Cp,m(D)  Cp,m(A)  2 Cp,m(B)](T2  T1)
denza ad adottare libridizzazione sp 3. Tuttavia, ibridizzando tutti gli atomi di
Per finire, Hr,2  Hr,1  Cp(T2  T1), ovvero la legge di Kirchoff.
carbonio sp 3 si introdurrebbe molta pi tensione nella gabbia di carbonio, per
questo, dopo un certo punto, lulteriore addizione di idrogeno diviene sfavorevo- 7.91 132,0 kJ.
le. (d) Le strutture sferiche richiedono la formazione di anelli a cinque termini. 7.93 (a) 2 H2S(g)  O2(g) : 2 S(s)  2 H2O(l), H  530 kJ; (b)
Il nitruro di boro non pu formare simili anelli perch ci richiederebbe legami 4,96  105 kJ; (c) raffreddare.
altamente energetici boro-boro e azoto-azoto. (e) 3,491 gcm3. (f) Cubica. 7.95 12,71 kJmol1.
7.97 7,53 kJmol1.
7.99 (a) C6H5NH2(l)  31/4 O2(g) : 6 CO2(g)  7/2 H2O(l)  1/2
Capitolo 7 N2(g); (b) mCO2  0,4873 g, mH2O  0,1188 g, mN2  0,026 39 g; (c) 0,999 atm.
7.1 (a) Isolato; (b) chiuso; (c) isolato; (d) aperto; (e) chiuso; (f ) aperto. 7.101 (a) 131,29 kJmol1, endotermica; (b) 623 kJ.
7.3 (a) 28 J; (b) positivo. 7.103 (a) 14,7 mol; (b) 4,20  103 kJ.
7.5 864 kJ. 7.105 (a) 3,72 kJ; (b) 3267,5 kJ; (c) 3263,8 kJ.
7.7 (a) Subito; (b) 4,90  102 J.
7.9 5500 kJ. 7.107 (a) (1) H (2) H
7.11 1626 kJ. H H
7.13 (a) Vero se non si effettua lavoro; (b) vero sempre; (c) falso sempre; (d) H C H C
vero solo se w  0 (in questo caso U  q  0); (e) vero sempre. C C H C C H
7.15 (a) Assorbito, sul sistema, q positivo, w positivo; (b) rilasciato, sul
sistema, q negativo, w positivo. C C C C
H H H
7.17 (a) 1,4  102 kJ; (b) 90%.
H C H C
7.19 25 C. H H
7.21 14,8 kJ(C)1.
H
H H
7.23 (a) 226 J; (b) 326 J.
7.25 NO2. La capacit termica aumenta con laumentare della complessit
molecolare, essendo presenti pi atomi nella molecola sono possibili pi vibra-
zioni atte a immagazzinare energia. (3) H
H H
7.27 (a) 90,6 J; (b) 54,4 J.
H C
7.29 (a) 5/2R; (b) 3R; (c) 3/2R; (d) 5/2R.
7.31 2,49  1027 fotoni. H C C H
7.33 (a) Cu; (b) 8,90 gcm3.
7.35 (a) 8,22 kJmol1; (b) 43,5 kJmol1. H C C H
7.37 33,4 kJ. H C
7.39 31 C. H H
7.41 (c). H
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C23

(b) 372 kJ. (c) 205,4 kJmol1. (d) Lidrogenazione del benzene assai fasi dellacqua sono progressivamente pi ricche di entropia passando da solido
meno esotermica di quanto lasciano prevedere le stime dellentalpia di legame. a liquido a gas.
In parte tale discrepanza si pu attribuire allintrinseca inaccuratezza dellim- 8.33 (a) Lo iodio ha unentropia superiore perch ha una massa pi grande
piego dei valori medi, per si tratta di una differenza cos grande che la spiega- e quindi un maggior numero di particelle fondamentali. (b) Considerando le
zione non si pu ridurre a questo. Come intuibile, lenergia di risonanza del due strutture chiaro che l1-pentene godr di maggiore flessibilit dellinte-
benzene lo rende pi stabile di quanto lascia prevedere la sua definizione come laiatura, pertanto il pentene presenter entropia superiore. (c) Letene, perch
insieme di tre doppi legami e di tre legami semplici. La differenza dei due valori gas; il polietilene solido. Inoltre, a parit di massa un campione di etene sar
[205 kJ  (372 kJ)  167 kJ] una misura di quanto il benzene sia pi costituito da molte molecole piccole, laddove il polietilene sar costituito da un
stabile rispetto alla struttura di Kekul. minor numero di molecole pi grandi.
7.109 (a) 2326 kJmol1; (b) 3547 kJ; (c) Pi stabile. (d) 20 kJ ad atomo di 8.35 (a) Diminuzione; (b) aumento; (c) diminuzione.
carbonio. (e) 25 kJ ad atomo di carbonio. (f ) In C60 la stabilizzazione ad atomo 8.37 SB  SC  SA. La variazione di entropia per il recipiente A
di carbonio leggermente meno consistente che nel benzene, il che si accorda maggiore rispetto a quella dei recipienti B e C per via del maggior numero di
con le previsioni, perch la molecola C60 costretta dalla propria geometria a particelle. La variazione di entropia del recipiente C maggiore rispetto a quel-
incurvarsi. la del recipiente B perch il moto vibrazionale delle molecole in C determina
7.111 Dalle equazioni di combustione deduciamo che le differenze sono (1) disordine.
il consumo di 18/4 pi moli di O2(g) e (2) la produzione di 3 moli di H2O(l) 8.39 (a) 163,34 JK1mol1; la variazione entropica negativa perch da
in pi per la combustione dellanilina. Poich Hf di O2(g) 0, la differenza 1,5 mol di gas si forma 1 mol di un liquido; (b) 86,5 JK1mol1; la varia-
netta sar la produzione di altre 3 moli di H2O(l), ossia 857,49 kJ. zione entropica negativa perch il numero di moli del gas diminuisce di 0,5.
7.113 (a) 1,5 L; (b) SO2(g); (c) 1,1 L; (d) 40 J, effettuato sul sistema; (e) (c) 160,6 JK1mol1; lentropia positiva perch il numerosi moli di un gas
3,0 kJ di calore abbandonano il sistema; (f ) 2960 J. aumenta di 1; (d) 36,8 JK1mol1; le 4 moli di solido prodotte presentano
minor disordine (hanno struttura pi semplice) delle 4 moli di reagenti.
7.115 (a) H H H H H
C P,mdT T2 C P,m
H dq rev
H C H C C H HCCO 8.41 dS = e, pertanto, S = dT.

H O
T T LT 1 T
H H H H H
Se CP,m  a  bT  c/T 2, allora
(b) CH4: 698 kJmol1; CH3OCH3: 1070 kJmol1; CH3CH2OH: 988
kJmol1. La combustione di 1 mole di etere dimetilico rilascia pi calore. (c) Il T2 a + bT + c>T 2
metano perch rilascia pi calore a grammo. (d) 1,1  103 L. (e) Gas metano, S = dT
890 kJmol1CO2 (meno CO2); etanolo liquido, 684 kJmol1 CO2 (pi LT 1 T
CO2); ottano liquido, 684 kJmol1 CO2 (pi CO2). T2 T2
a
+ b + 3b dT = a a ln(T) + bT - b`
a c c
= 2
Capitolo 8 LT 1 T T 2T T1

= a ln a b + b(T 2 - T 1) - a 2 - b
T2 c 1 1
8.1 (a) 0,341 JK1s1; (b) 29,5 kJK1giorni1. (c) Meno, perch nelle-
quazione S  (H)/T, se T maggiore, S minore. T1 2 T2 T 12
8.3 (a) 0,22 JK1; (b) 0,17 JK1. (c) A temperatura superiore la variazio-
ne entropica minore perch la materia vive gi uno stato pi caotico. S(reale) per il riscaldamento della grafite da 298 K a 400 K
8.5 (a) 6,80 JK1; (b) 4,08 JK1.  (16,86 JK1mol1)ln(400 K/298 K)  (0,00477 JK1mol1)(400 K
8.7 14,8 JK1.  298 K)  [(-8,54  105 JKmol1)/2][1/(440 K)2  1/(298 K)2  3,31
8.9 42,4 JK1. JK1mol1.
8.11 14,6 JK1. Se si assume la capacit termica costante alla temperatura media di 350 K,
8.13 Assumiamo che il trasferimento di energia sotto forma di calore sia CP,m  (16,86 JK1mol1)  (0,00477 JK1mol1)(350 K)  (8,54 
reversibile. Le variazioni di entropia per i due blocchi (1 e 2) sono S1  q1/T1 105 JK1mol1)/(350 K)2  11,6 JK1mol1
e S2  q2/T2. Se lenergia viene trasferita, allora la variazione di entropia del e S(reale)  CP,mlnT2/T1  (11,6 JK1mol1)ln(400 K/298 K)  3,41
sistema sar S  S1  S2  q1/T1  q2/T2. Se 1 J di energia viene trasferito JK1mol1.
dal blocco 2 al blocco 1, q1  1 J, q2  1 J e S  1/T2  1/T1. Affinch il 8.43 111 JK1mol1.
processo sia spontaneo S devessere maggiore di zero e, pertanto, T2 devessere 8.45 Sc  11,9 JK1, Sf  11,1 JK1, Stot  0,8 JK1.
superiore a T1. 8.47 (a) Samb  73 JK1, Ssis  73 JK1; (b) Samb  29,0 JK1,
8.15 Il calore entra allinterno dellabitazione aumentandone lentropia. Ssis  29,0 JK1; (c) Samb  29,0 JK1, Ssis  29 JK1.
Il calore lascia lesterno della casa diminuendone lentropia. (b) Sinterno  8.49 (a) Stot  0; pertanto Samb  S  3,84 JK1. (b) S 
Sesterno. 3,84 JK1; Samb  0; Stot  3,84 JK1.
8.17 (a) 22,0 JK1; (b) 134 JK1. 8.51 Per le reazioni spontanee Stot 0. La condensazione una trasfor-
8.19 (a) 290 K; (b) 293,9 K. (c) Questi valori sono in ottimo accordo. (d) mazione da vapoure a liquido e rilascia calore. Come si vede nel diagramma,
Poich letanale non bolle a 298 K, lentalpia e lentropia di vaporizzazione per, la temperatura del sistema non cambia. Quindi il calore rilasciato deve
calcolate in base allAppendice 2A non sono esatte. abbandonare il sistema e raggiungere lambiente. Poich il calore fluisce da cal-
8.21 (a) 253 K. (b) Dalla letteratura si trae Tb  248 K. La regola di do a freddo, la temperatura dellambiente (Tamb) deve essere pi bassa rispetto a
Trouton fornisce una stima accettabile della temperatura di ebollizione. Il va- quella del sistema (Tsis) e quindi
lore di 85 JK1mol1 un valore medio per lentropia di vaporizzazione dei Ssis  dqrev/Tsis e Ssurr  dqrev/Tsurr allora Stot 0.
liquidi organici e quindi bisogna prevedere che ci siano delle deviazioni quando 8.53 Le reazioni esotermiche tendono a essere spontanee perch comporta-
se ne fa uso per i singoli liquidi. no un aumento di entropia dellambiente. Utilizzando la relazione matematica
8.23 (a) 30 kJmol1; (b) 11 JK1. Gr  Hr  TSr chiaro che se Hr pi grande e negativo rispetto a Sr,
8.25 COF2; COF2 e BF3 sono entrambe molecole triangolari, quindi piane, allora la reazione sar in genere spontanea.
ma la molecola COF2 potrebbe essere disordinata, potendo gli atomi di fluoro 8.55 (a) Hr  235,8 kJmol1; Sr  133,17 JK1mol1; Gr
e di ossigeno occupare nel cristallo posizioni diverse. BF3 una molecola sim-  195,8 kJmol1; (b) Hr  11,5 kJmol1; Sr  149,7 JK1mol1;
metrica e un disordine del genere non possibile. Gr  56,2 kJmol1; (c) Hr  57,20 kJmol1; Sr  175,83
8.27 14,9 JK1. JK1mol1; Gr  4,73 kJmol1.
8.29 (a) HBr(g); (b) NH3(g); (c) I2(l); (d) 1,0 mol Ar(g) a 1,00 atm. 8.57 (a) N2(g)  3/2 H2(g) : NH3(g), Hr  46,11 kJmol1, Sr
8.31 C(s, diamante)  H2O(s)  H2O(l)  H2O(g). Il diamante, essen-  99,38 JK1mol1, Gr  16,49 kJmol1; (b) H2(g)  O2(g) :
do un solido monoatomico a legami covalenti, presenta minor disordine di H2O(g), Hr  241,82 kJmol1, Sr  44,42 JK1mol1, Gr 
H2O(s), la quale tenuta insieme da forze intermolecolari pi deboli. Le tre 228,58 kJmol1; (c) C(s, grafite)  1/2 O2(g) : CO(g), Hr  110,53
C24 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

kJmol1, Sr  89,36 JK1mol1, Gr  137,2 kJmol1; (d) 1/2 N2(g) 8.101 La deidrogenazione del cicloesano a benzene descritta da:
 O2(g) : NO2(g), Hr  33,18 kJmol1, Sr  60,89 JK1mol1, C6H12(l) : C6H6(l)  3 H2(g). La reazione delletene con lidrogeno si pu
Gr  51,33 kJmol1. considerare in maniera simile:
8.59 (a) 141,74 kJmol1, spontanea; (b) 130,41 kJmol1, non sponta- C2H4(g)  H2(g) : C2H6(g)
nea; (c) 10 590,9 kJmol1, spontanea. Gr  Gr(C2H6, g)  Gr(C2H4, g)  (32,82 kJmol1)  68,15
8.61 (a) Stabile; (b) instabile; (c) instabile; (d) stabile. kJmol1  100,97 kJmol1
8.63 (a) PCl5(g). possibile ora combinare le due reazioni:
8.65 (a) Hr  196,10 kJmol1, Sr  125,8 JK1mol1, Gr
C6H12(l) : C6H6(l)  3 H2(g) Gr  97,6 kJmol1
 233,56 kJmol1; (b) Hr  748,66 kJmol1; Sr  14,6
JK1mol1, Gr  713,02 kJmol1.  3 [C2H4(g)  H2(g) : C2H6(g)] Gr  3(100,97 kJmol1)
8.67 (a) Gr  98,42 kJmol1, spontanea al di sotto di 612,9 K; (b)
C6H12(l)  3 C2H4(g) : C6H6(l)  3 C2H6(g)
Gr  283,7 kJmol1, spontanea a qualsiasi temperatura; (c) Gr  3,082
kJmol1, mai spontanea ad alcuna temperatura. Gr  205,23 kJmol1
8.69 La reazione A spontanea. La reazione B non lo ad alcuna tempera-
Si vede che, combinando le due reazioni, il processo complessivo diviene spon-
tura.
taneo. In pratica, si sfrutta lenergia rilasciata dalla reazione spontanea per for-
8.71 21,6 mol.
zare quella non spontanea.
8.73 (a) 1-propanolo; (b) no.
8.75 (a) G  0; (b) H, nessun criterio; (c) S , nessun criterio; (d) 8.103 H3C CH3 H3C H H3C H
Stotale 0.
8.77 Maggiore; il composto cis avr 12 diverse orientazioni, il trans ne avr C C C C C C
soltanto 3.
H H H CH3 H3C H
8.79 (a) W  3. (b) W  12. (c) Inizialmente, uno dei sistemi triatomici
presenta due atomi negli stati energetici superiori. In (b) si instaurer lequi- cis-2-Butene trans-2-Butene 2-Metilpropene
librio quando ciascun sistema triatomico possieder un quanto di energia. Ne (a) (1) (2) (3)
consegue che lenergia fluir dal sistema a due quanti al sistema a un quanto.
(b) (1 : 2) Hr  4,18 kJmol1, Sr  4,33 Jmol1K1, Gr
8.81 In base alla regola di Trouton lentropia di vaporizzazione di un liqui-
 2,89 kJmol1; (1 : 3), Hr  9,91 kJmol1, Sr  7,11
do organico una costante approssimativamente di 85 JK1mol1. La relazio-
Jmol1K1, Gr  7,79 kJmol1; (2 : 3) Hr  5,73 kJmol1, Sr
ne tra entropia di fusione, entalpia di fusione e punto di fusione data da S fus
 2,78 Jmol1K1, Gr  4,90 kJmol1; (c) Il pi stabile il 2-metil-
 H fus/Tfus. Per Pb: S fus  5100 J/600 K  8,50 JK1; per Hg: S fus 
propene. (d) S m(1) S m(2) S m(3).
2290 J/234 K  9,79 JK1; per Na: S fus  2640 J/371 K  7,12 JK1.
8.105 (a) 2 NaN3(s) : 3 N2(g)  2 Na(s). (b) Sr positivo perch si forma
Questi valori sono accettabilmente vicini, ma chiaramente molto minori del
un gas (a partire da un solido). (b) Ione azide, 1/3; azoto, 0; lazoto si ossida.
valore che discende dalla regola di Trouton.
(d) 688,4 JK1mol1. (e) 3,39  104 Jmol1. (f) S. (g) S, diminuire.
8.83 Fe2O3 termodinamicamente pi stabile perch Gr per la reazione
di trasformazione reciproca negativa.
8.85 (a) 110,0 kJmol1; (b) 7,14  102 molL1. Capitolo 9
8.87 (a) No; (b) positiva; (c) disordine posizionale; (d) disordine termico; 9.1 0,017 g.
(e) dispersione di materia. 9.3 (a) 87 C; (b) 113 C.
8.89 (a) Metodo (i); (b) metodo (i); (c) no. 9.5 289 K.
8.91 Tutte le voci corrispondono a ioni in acqua; il fatto che sono nega- 9.7 (a) 28,3 kJmol1; (b) 91,3 JK1mol1; (c) 1,1 kJmol1; (d) 309 K,
tivi si deve al punto di riferimento prescelto. Poich non possibile separare o 36 C.
realmente gli ioni ed effettuare le misure su di essi, si convenuto un punto di 9.9 (a) 28,6 kJmol1; (b) 90,6 JK1mol1; (c) 0,53 atm.
riferimento che definisce Sm(H, aq)  0, e tale definizione serve poi a calco- 9.11 0,19 atm.
lare lentropia standard degli altri ioni. Il loro carattere negativo deriva in parte 9.13 (a) Vapore; (b) liquido; (c) vapore.
dal fatto che lo ione solvatato M(H2O)xn pi ordinato di quello dellinsieme 9.15 (a) 2,4 K; (b) circa 10 atm; (c) 5,5 K; (d) no.
ione isolato pi molecole del solvente (Mn  x H2O). 9.17 Nel punto triplo a pressione inferiore elio liquido I ed elio liquido II
8.93 (a) 8,57 kJ a 298 K; 0,35 kJ a 373 K; 6,29 kJ a 423 K. (b) 0 kJ. (c) sono in equilibrio con elio gassoso; nel punto triplo a pressione superiore elio
La discrepanza si deve al fatto che i valori di entalpia e di entropia calcolati con liquido I ed elio liquido II sono in equilibrio con elio solido. (b) Elio I.
lausilio delle tabelle non sono rigorosamente costanti al variare della tempera- 9.19 Condenserebbe, dando CO2 solido.
tura. Si otterrebbero valori migliori utilizzando lentalpia e lentropia effettive 9.21 (a) Acqua; (b) benzene; (c) acqua.
misurate in corrispondenza del punto di ebollizione. 9.23 (a) Idrofilo; (b) idrofobo; (c) idrofobo; (d) idrofilo.
8.95 9.25 (a) 6,4  104 molL1; (b) 1,5  102 molL1; (c) 2,3  103
B  0,1 T molL1.
B1T 9.27 (a) 4 mgL1, o 4 ppm; (b) 0,1 atm; (c) 0,5 atm.
8 9.29 (a) In virt della legge di Henry la concentrazione di CO2 in soluzione
Entropia (JK1)

B  10 T raddoppier. (b) Non vi sar cambiamento di equilibrio; la pressione parziale di


6 CO2 immutata e altrettanto vale per la concentrazione.
9.31 1,5 g.
4 9.33 (a) Negativa; (b) Li2SO4(s) : 2 Li(aq)  SO42(aq)  calore; (c)
entalpia di idratazione.
2 B  100 T
9.35 (a) 6,7  102 J; (b) 5,0  102 J; (c) 24,7 kJ; (d) 8,2  102 J.
9.37 (a) 0,856 m; (b) 0,18 m; (c) 0,0571 m.
0
0 100 200 300 400 500 600 9.39 (a) 0,248 m; (b) 0,246 M.
Temperatura (K) 9.41 (a) 1,35 m; (b) 0,519 m; (c) 28,43 m.
9.43 (a) 13,9 g; (b) 29 g.
8.97 eE/kT tender a 1 per T : . 9.45 Lenergia libera del solvente nella soluzione di NaCl sar sempre pi
8.99 (a) Poich lentropia molare standard aumenta con la temperatura bassa dellenergia libera dellacqua pura; se si aspetta a sufficienza, tutta lacqua
(aumentano i moti traslazionali, vibrazionali e rotazionali), il termine TSm del becher contenente acqua pura diviene parte della soluzione di NaCl per
diviene pi negativo a temperature elevate. (b) Poich i gas sono animati da cui il contenitore si svuota. Si instaura un equilibrio tra il solvente e il vapor
moti traslazionali, la loro entropia aumenta con laumentare della temperatura dacqua.
molto pi di quanto non accada per i liquidi e per i solidi. Quidi, il loro termi- 9.47 (a) 684 Torr; (b) 758 Torr.
ne TSm pi negativo. 9.49 7,80  102mol.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C25

9.51 (a) 0,052; (b) 115 gmol1. (b) Il cloruro di calcio si discioglier in acqua.
9.53 (a) 100,34 C; (b) 81,0 C.
9.55 1,6  102 gmol1.
9.57 (a) 1,84; (b) 0,318 molkg1; (c) 83,8%.
9.59 Il composto che fa congelare lacqua a temperatura pi bassa quello
cui compete il valore pi alto di |Tf| (assumendo i 1, poich si detto che Ca2
entrambi i composti sono molecolari). Dato che in ciascuna soluzione pre- Cl
sente la stessa quantit di uno dei due composti e la stessa quantit di solvente,
il composto con la massa molare pi bassa avr un maggior numero di moli e
quindi un |Tf| pi grande. Poich il composto A fa congelare lacqua a una T
pi bassa rispetto al composto B, ad A compete la massa molare pi bassa. Il 9.93 (a) 78,5%; (b) Un po di vapore acqueo dellaria condensa come ru-
composto B avr quindi la massa molare pi elevata. giada o nebbia.
9.61 0,20 C. 9.95 Se massasoluto appare maggiore, Msoluto appare maggiore della massa mo-
9.63 (a) 0,24 atm; (b) 48 atm; (c) 0,72 atm. lare effettiva. Inoltre, la T misurata sar inferiore, perch si sar disciolto, di
9.65 (a) 1,0 molL1; (b) 24 atm. fatto, meno soluto, il che ha lo stesso effetto dellaumento apparente di Msoluto.
9.67 2,0  103 gmol1. (b) Poich la vera massasolvente  d  V, se dsolvente minore di 1,00 gcm3, allora
9.69 5,8  103 gmol1. la vera massasolvente sar minore di quella assunta. Msoluto inversamente propor-
9.71 (a) 1,2 atm; (b) 0,048 atm; (c) 8,3  105 atm. zionale a massasolvente, quindi una massasolvente artificiosamente elevata condurr
9.73 2,5  105 gmol1. a una Msoluto altrettanto artificiosamente bassa. (c) Se il punto di congelamento
9.75 (a) P  78,2 Torr, xbenzene  0,91, xtoluene  0,09; (b) P  43,0 Torr, vero pi alto di quello osservato, T vera  T assunta, ossia T T vera,
xbenzene  0,469, xtoluene  0,531. e Msoluto apparir minore della Msoluto effettiva, perch T figura al denominato-
9.77 63 g. re. (d) Se non tutto il soluto si disciolto, la massasoluto vera  massasoluto assunta,
9.79 Alla pressione di vapore della miscela si applica la legge di Raoult, sic- ossia massasoluto assunta massasoluto vera, e Msoluto apparir maggiore della Msoluto
ch la deviazione positiva implica che la pressione di vapore superiore a quella effettiva, in quanto massasoluto figura al numeratore.
prevedibile per una soluzione ideale. A sua volta la deviazione negativa significa 9.97 Coleridge si riferiva allacqua di mare. Le tavole si contraevano per
che la pressione di vapore inferiore a quella prevedibile per la soluzione ideale. via dellosmosi (un netto movimento dellacqua dalle cellule del legno allacqua
Si verifica la deviazione negativa quando tra molecole diverse sussistono inte- salata). Lacqua del mare non si pu bere: losmosi causerebbe un flusso netto
razioni alquanto pi forti di quelle che si esercitano tra molecole dello stesso di acqua dalle cellule del corpo alla soluzione ricca di sali causando la morte
genere. (a) Per metanolo ed etanolo prevediamo che il tipo di attrazioni inter- cellulare.
molecolari nella miscela sia simile a quello presente nei liquidi componenti, 9.99 (a) 4,8  103 gmol1; (b) 3,9  104 C; (c) La pressione osmoti-
per cui ci si attende che la soluzione sia ideale. (b) Per HF e H2O la possibilit ca, perch la variazione del punto di congelamento troppo piccola per essere
dei legami a idrogeno intermolecolari tra acqua e HF suggerisce che si debba misurabile accuratamente.
osservare una deviazione negativa, come effettivamente si verifica. HF e H2O 9.101 76 gmol1.
danno vita a un azeotropo che bolle a 111 C, temperatura superiore al punto 9.103 (a)
di ebollizione sia di HF (19,4 C) sia dellacqua. (c) Poich lesano apolare e
lacqua polare con legami a idrogeno, prevediamo che la miscela debba mani- 38 200 J mol - 1 1 113,0 J K - 1 mol - 1
ln P = - +
festare deviazione positiva (le interazioni tra molecole differenti sarebbero pi 8,314 J K mol -1 -1 T 8,314 J K - 1 mol - 1
deboli delle forze intermolecolari tra molecole simili). Esano e acqua formano
4595 K
effettivamente un azeotropo che bolle a 61,6 C, temperatura inferiore al punto = - + 13,59
T
di ebollizione sia dellesano sia dellacqua.
9.81 Una schiuma un colloide formato dalla sospensione di un gas in un (b) La relazione da riportare in grafico ln P in funzione di 1/T, che dovrebbe
liquido o in una matrice solida, mentre un sol una sospensione di un solido rendere una retta di coefficiente angolare Hvap/R e intercetta Svap/R. (c)
in un liquido. Alcuni esempi di schiume sono la schiuma da barba e la gomma- 30 Torr. (d) 338,1 K.
piuma, esempi di sol sono il fango e la maionese. 9.105 (a) 56,9 gmol1; tale massa molare determinata sperimentalmente
9.83 I colloidi riflettono e diffrangono la luce mentre le soluzioni no (que- minore di quella calcolata dalle masse atomiche (60,6 gmol1) perch il fattore
sto fenomeno noto come effetto Tyndall). i di vant Hoff maggiore di 1 a causa della parziale dissociazione dellacido
9.85 Lacqua una molecola polare e di conseguenza si orienta in maniera acetico in soluzione. (b) 116 gmol1; questa massa molare significativamente
differente attorno ai cationi e agli anioni, allineando il proprio dipolo in modo maggiore di quella attesa (60,0 gmol1), il che indica una considerevole dime-
da instaurare la massima interazione favorevole possibile. rizzazione in soluzione e quindi i  1. Un fattore di vant Hoff minore di 1
9.87 (a) Pi intense; (b) bassa; (c) elevata; (d) pi deboli; (e) debolezza, implica che lacido acetico non si discioglie completamente in benzene, ossia
bassa; (f ) basso; (g) robuste, alta. che le sue molecole si aggregano tra loro in soluzione.
9.89 (a, b) Viscosit e tensione superficiale diminuiscono allaumentare 9.107 (a) y  3358,714x  12,247; (b) 28 kJmol1; (c) 1,0  102
della temperatura; a temperatura elevata le molecole si allontanano con facilit JK1mol1; (d) 270 K; (e) 210 K.
dalle proprie vicine grazie alla maggiore energia cinetica. (c, d) La velocit di 9.109 Le temperature critiche sono: CH4, 82,1 C; C2H6, 32,2 C; C3H8,
evaporazione e la pressione di vapore aumentano con laumentare della tempe- 96,8 C; C4H10, 152 C. Esse aumentano con laumentare della massa, dimo-
ratura, e le molecole sono in grado di sfuggire in fase vapore. strando linfluenza delle superiori forze di London.
9.91 (a) Il butano si discioglier in tetraclorometano. 9.111 (a) 195 Torr nel pallone A, 222 Torr nel pallone B. (b) xacetone, gas 
0,70, xcloroformio, gas  0,30, xacetone  0,67, xcloroformio  0,33. (c) In tali circostanze
la pressione di vapore minore del previsto in base al calcolo ideale, e d origine
a un azeotropo di massimo. La composizione della fase gas sar anchessa lie-
vemente differente da quella ideale, ma se debba essere pi presente in fase gas
lacetone o il cloroformio dipende da quale lato della composizione azeotropica
si situa la soluzione. Poich non data la composizione dellazeotropo, non
possiamo dire come sono destinati a mutare i valori.
9.113 La pressione di vapore pi sensibile se Hvap grande. Il fatto che
Hvap sia grande indica che occorre molta energia per volatilizzare il campione,
per cui le forze intermolecolari sono intense. Quindi ci aspettiamo un rapporto
P2/P1 nellequazione di Clausius-Clapeyron pi grande.
9.115 0,32 mg A.
9.117 27,3 g.
9.119 18,5 L.
C26 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

9.121 Le catene, entrambe apolari, del tensioattivo e del pentanolo interagi- 10.45 (a) [Cl]  1,1  105 molL1, [Cl2]  0,0010 molL1; (b) [F] 
scono formando una regione idrofoba, con le teste delle due molecole che pun- 3,2  104 molL1, [F2]  8 104 molL1; (c) cloro.
tano da questa regione verso la soluzione acquosa. Per impedire che le teste del 10.47 (a) [PCl3]  [Cl2]  0,010 molL1, [PCl5]  0,009 molL1; (b)
pentanolo, pi corto, terminino nella regione idrofoba, la struttura stratificata 53%.
potrebbe comprendere una regione acquosa, uno strato di tensioattivo (con le 10.49 [NH3]  0,200 molL1; [H2S]  8  104 molL1.
teste orientate verso lacqua), uno di pentanolo (con le code orientate verso la 10.51 [NO]  3,6  104 molL1. La concentrazione di N2 e di O2 rimane
regione idrofoba) e ancora una regione acquosa. praticamente inalterata a 0,114 molL1.
9.123 (a) Libridizzazione degli atomi di carbonio nellacido citrico ; 10.53 1,1.
10.55 [CO2]  8,6  105 molL1; [CO]  4,9  103 molL1; [O2] 
O
4,6  104 molL1.
sp 3 sp 3 O
sp 2
C CH 10.57 1,4 molL1.
HO 2 CH 2 C sp 2 10.59 3,88.

C 10.61 [SO2]  0,0011 molL1; [NO2]  0,0211 molL1; [NO]  0,0389
3 OH molL1; [SO3]  0,0489 molL1.
sp
HO 2C OH 10.63 (a) No; (b) formazione dei prodotti; (c) [PCl5]  3,7 molL1, [PCl3]
sp  5,93 molL1, [Cl2]  0,93 molL1.
O
10.65 PHCl  0,22 bar; PH2  PCl2  3,9  1018 bar.
(b) s; (c) solido, solubile; (d) 0,3 M; (e) 2  101 g; (f ) 1 g. 10.67 (a) Diminuisce; (b) [CO]  0,156 molL1, [H2]  0,155 molL1,
[CH3OH]  2,6  104 molL1.
10.69 9,7  1033 L.
Capitolo 10 10.71 (a) Diminuisce; (b) diminuisce; (c) aumenta; (d) non muta.
10.1 (a) Falsa; lequilibrio dinamico. Allequilibrio le concentrazioni dei 10.73 (a) Diminuisce; (b) aumenta; (c) aumenta; (d) aumenta; (e) nullo; (f )
reagenti e dei prodotti non cambieranno, ma la reazione continuer a decorrere diminuisce; (g) diminuisce.
in entrambe le direzioni. (b) Falsa, le reazioni di equilibrio sono influenzate 10.75 (a) Reagenti; (b) reagenti; (c) reagenti; (d) nessun cambiamento; (e)
dalla presenza sia dei prodotti sia dei reagenti. (c) Falsa, il valore della costante reagenti.
di equilibrio non influenzato dalla quantit dei reagenti o dei prodotti fin 10.77 (a) Aumenta; (b) no, aumenta.
tanto che la temperatura si mantiene costante. (d) Vera. 10.79 (a) Prodotti; (b) prodotti; (c) reagenti; (d) reagenti.
10.3 0,30 10.81 PN2  4,61 bar, PH2  1,44 bar, PNH3  23,85 bar.
[PCl3] = [Cl2]
10.83 KC  0,403; (b) [CO]  [H2]  0,364 molL1, [H2O]  0,330
Concentrazione (molL1)

molL1.
0,20 10.85 No; a temperatura pi alta sarebbe presente meno ammoniaca.
10.87 No; la reazione proceder verso la formazione di altri prodotti.
10.89 (a) 1  1016 a 298 K, 1  107 a 423 K; (b) 7,8  102 a 298 K,
0,22 a 423 K.
0,10
10.91 n ln a b + ln a b = a b
T2 K c2 H r 1 1
-
[PCl5] T1 K c1 R T1 T2

ln a b = a b - n ln a b
K c2 H r 1 1 T2
0,00 -
0 1 2 3 4 K c1 R T1 T2 T1
Tempo 10.93 Aumentando la temperatura (a) aumenta la formazione di X(g) per-
ch la reazione endotermica (si rompono legami).
10.5 (a) Pallone 3; (b) 54,5%; (c) 0,259. 10.95 (a) Reagenti; (b) nessun effetto; (c) prodotti; (d) prodotti; (e) prodotti
10.7 (a) CH4(g)  2 O2(g) #4 CO2(g)  2 H2O(g); Kc  [CO2][H2O]2/ (f ) nessun effetto, a meno che la soluzione di glucosio sia altamente concentra-
[CH4][O2]2 ta; in tal caso laggiunta dellacqua la diluisce, causando uno spostamento verso
(b) I2(g)  5 F2(g) #4 2 IF5(g); Kc  [IF5]2/[I2][F2]5 i prodotti; (g) reagenti.
(c) 2 NO2(g)  F2(g) #4 2 FNO2(g); Kc  [FNO2]2/[NO2]2[F2]. 10.97 (a) 2 A(g) : B(g)  2 C(g); (b) 1,54  102; (c) 6,21  104.
10.9 (a) Dato che il volume lo stesso, il numero di moli di O2 maggiore 10.99 (a) 2,9; (b) Gr  10 kJmol1, K  2.
nel secondo esperimento. (b) Essendo Kc una costante ed essendo il denomina- 10.101 (a) [N2O4]  0,0065 molL1, [NO2]  7,0  103 molL1; (b)
tore maggiore nel secondo caso, anche il numeratore devessere maggiore; quin- [N2O4]  0,015 molL1, [NO2]  0,010 molL1.
di la concentrazione di O2 superiore nel secondo caso. (c) Nonostante [O2]3/ 10.103 1(K/(P + K )); (a) 0,953; (b) 0,912.
[O3]2 sia lo stesso, [O2]/[O3] sar diverso, risultato che emerge risolvendo per 10.105 (a) 0; (b) 978 K; (c) 7,50 bar. (d) PCO  7,04 bar, PH2O  5,04 bar;
Kc in un caso e nellaltro. (d) Essendo Kc una costante, [O2]3/[O3]2 lo stesso. PCO2  8,96 bar; PH2  3,96 bar.
(e) Poich [O2]3/[O3]2 lo stesso, deve essere lo stesso anche il suo reciproco. 10.107 (a)
10.11 Per il caso 1, Kc  48,8, per i casi 2 e 3, Kc  48,9. Energia di dissociazione
10.13 (a) 1/(PBCl3)2; (b) [H3PO4]4[H2S]10; (c) PBF3 2/PBr2PF23 Alogeno del legame (kJmol1) G (kJmol1)
10.15 (a) 8,3  101 kJmol1. (b) Essendo Gr negativa, spontanea la
Fluoro 146 19,1
reazione che porta alla formazione di I2.
Cloro 230 47,9
10.17 (a) 27 kJmol1; (b) si formano i prodotti. Bromo 181 42,8
10.19 (a) 1  1080; (b) 1  1090; (c) 1  1023. Iodio 139 5,6
10.21 (a) 19 kJmol1; (b) 68 kJmol1.
10.23 Former i reagenti. (b) Vi correlazione tra lenergia di dissociazione del legame e lenergia libera
10.25 1,5  1034. di formazione delle specie atomiche, ma la relazione chiaramente non lineare.
10.27 2,1  105 molL1. Per i tre alogeni pi pesanti, landamento prevede la diminuzione dellenergia
10.29 5,4 bar. libera di formazione degli atomi con laumentare della massa atomica, il fluoro
10.31 (a) 0,50; (b) no; (c) si formano i prodotti. mostra un comportamento anomalo. Lenergia del legame FF minore del
10.33 (a) 6,9; (b) s. previsto, per via delle repulsioni delle coppie elettroniche solitarie degli atomi
10.35 (a) 4,3  104; (b) 1,87. di fluoro adiacenti poich la lunghezza di legame FF molto piccola.
10.37 (a) 0,024; (b) 6,4; (c) 1,7  103. 10.109 (a) 4,5  1029; (b) 0,285 bar, ossia 0,289 atm; (c) 3,6  1015 bar,
10.39 6,6  103. ossia 3,6  1015 atm; (d) 846 mL.
10.41 1,58  108. 10.111 (a) 5,6  1015; (i) (a) nulla, (ii) diminuzione, (iii) diminuzione, (iv)
10.43 (c) K  x2/(1,0  2x)2. diminuzione, (v) nulla, (vi) diminuzione, (vii) aumento.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C27

10.113 6,8 kJ. 11.11 (a) HCO3 come acido: HCO3(aq)  H2O(l) #4 CO32(aq) 
10.115 (a) 11,2; (b) Se non si aggiunge NO2 lequilibrio si sposta verso la H3O(aq); HCO3 (acido), CO32 (base), H2O (base), H3O (acido). HCO3
produzione di altro N2O4. La quantit di NO2 sar maggiore di quella presente come base: HCO3(aq)  H2O(l) #4 H2CO3(aq)  OH(aq); HCO3
allinizio, ma minore delle 3,13 molL1 presenti immediatamente dopo lag- (base), H2CO3 (acido), H2O (acido) OH (base).
giunta. Kc non subisce modifiche. (c) [N2O4]  0,64 molL1, [NO2]  2,67 (b) HPO42 come acido: HPO42(aq)  H2O(l) #4 PO43(aq)  H3O(aq);
molL1. HPO42 (acido), PO43 (base), H2O (base) H3O (acido).
10.117 Per H2O, 24 Torr; per D2O, 21 Torr. Poich D pi pesante di H, HPO42 come base: HPO42(aq)  H2O(l) #4 H2PO4(aq)  OH(aq);
la sua energia vibrazionale al punto zero minore; ne consegue che il legame HPO42 (base), H2PO4 (acido), H2O (acido), OH (base).
a idrogeno D2OD2O pi forte di quello H2OH2O. Essendo il legame a 11.13 (a) Pu accettare due protoni (uno su ciascun N);
idrogeno pi forte, le forze intermolecolari sono pi intense, la pressione di
O O
vapore pi bassa e il punto di ebollizione pi elevato. Le curve dellenergia
potenziale dei legami OH e OD in funzione della distanza: E  energia
richiesta per rompere il legame OH o OD.
10.119 (a) 1,70 kJmol1; (b) 137,15 kJmol1; (c) 124,7 kJmol1; (d) NH2 NH
22,2 kJmol1.
10.121
1250 N O N O
H o H2
(b)
(c) Ciascuno dei due gruppi nitro mostra comportamento anfotero in soluzio-
ne acquosa (pu accettare o cedere un protone).
O
K

650


NH

50 N O
H
250 300 350
Temperatura (K)
11.15 Le strutture di Lewis per i composti da (a) ad (e) sono:
10.123 (a) (i) Aumento, (ii) aumento, (iii) nessun cambiamento; (b) 0,242
moli. F

HNH B 
Capitolo 11
11.1   2
(a) CH3NH3 ; (b) NH2NH3 ; (c) H2CO3; (d) CO3 ; (e) C6H5O ; 
H F F Ag+ F
(f ) CH3CO2. (a) Base di Lewis (b) acido di Lewis (c) acido di Lewis (d) base di Lewis
11.3 Per tutte le parti (a)-(e) H2O e H3O formano la coppia coniugata

acido-base, in cui H2O funge da base e H3O da acido.
(a) H2SO4(aq)  H2O(l) #4 H3O(aq)  HSO4(aq); H2SO4 e HSO4 (aq) H
costituiscono una coppia coniugata acido-base, con HSO4(aq) a fungere da (e) base di Lewis
base. 11.17
(b) C6H5NH3(aq)  H2O(l) #4 C6H5NH2(aq)  H3O(aq); C6H5NH3 e 
C6H5NH2(aq) costituiscono una coppia coniugata acido-base nella quale laci- F
do C6H5NH3 e la base C6H5NH2(aq). F F F F
(c) H2PO4(aq)  H2O(l) #4 H3O(aq)  HPO42(aq); H2PO4(aq) e P P

HPO42(aq) costituiscono una coppia coniugata acido-base nella quale lacido F F F F
H2PO4 (aq) e la base HPO42 (aq). F F F
(d) HCOOH(aq)  H2O(l) #4 HCO2(aq)  H3O(aq); HCOOH(aq) e (a) Acido di Lewis Base di Lewis Prodotto
HCO2(aq) costituiscono una coppia coniugata acido-base nella quale lacido
HCOOH(aq) e la base HCO2(aq). 

(e) NH2NH3(aq)  H2O(l) #4 NH2NH2(aq)  H3O(aq); NH2NH3(aq) Cl



e NH2NH2(aq) costituiscono una coppia coniugata acido-base nella quale la- OS OS
cido NH2NH3(aq) e la base NH2NH2(aq). 

11.5 (a) Acido di Brnsted: HNO3; base di Brnsted: HPO42; (b) base O Cl O
coniugata di HNO3: NO3; acido coniugato di HPO42: H2PO4.
(b) Acido di Lewis Base di Lewis Prodotto
11.7 (a) HClO3 (acido clorico); base coniugata ClO3
11.19 (a) Basico; (b) acido; (c) anfotero; (d) basico.
11.21 0,92.
11.23 (a) 5  1013 molL1; (b) 1,0 109 molL1; (c) 3,2  1012
molL1.
11.25 1,4  107 molL1, pH  6,80; (b) 1,4  107 molL1.
11.27 [Ba2]  2,5  102 molL1, [OH]  5,0  102 molL1,
(b) HNO2 (acido nitroso); base coniugata NO2 [H3O]  2,0  1013 molL1.
11.29 (a) 1,6; (b) 1,7.
11.31 (a) [H3O]  103,3  5  104 molL1; (b) [H3O]  106,7 
2  107 molL1; (c) [H3O]  104,4  4  105 molL1; (d) [H3O] 
105,3  5  106 molL1;
11.33 (a) pH  1,84, pOH  12,16; (b) pH  0,96, pOH  13,04; (c)
11.9 (a) S, NH4 (acido), H2O (base); (b) s, NH4 (acido), I (base); (c) pH  12,26, pOH  1,74; (d) pH  10,85, pOH  3,15; (e) pH  10,99,
no; (d) s, NH4 (acido), NH2 (base). pOH  3,01; (f ) pH  4,28, pOH  9,72.
C28 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

11.35 (a) 0,18 molL1; (b) 18 molL1; (c) 110 g. 11.63 (a) 0,021 molL1; (b) 0,015 molL1.
11.37 (a) 7,6  103; (b) 1,0  102; (c) 3,5  103; (d) 1,2  102; (e) 11.65 pH  2,58; Ka  6,3  105.
H2SeO3  H3PO4  H3PO3  HSeO4. 11.67 pH  11,83; Kb  4,8  105.
11.39 (a) HClO2(aq)  H2O(l) #4 H3O(aq)  ClO2(aq) 11.69 7,7  109.
3H3O + 4 3ClO 2 -4
11.71 (a) Minore di 7, NH4(aq)  H2O(l) #4 H3O(aq)  NH3(aq); (b)
maggiore di 7, H2O(l)  CO32 #4 HCO3(aq)  OH(aq);
3HClO24
Ka = ;
(c) maggiore di 7, H2O(l)  F #4 HF(aq)  OH(aq);
ClO2(aq)  H2O(l) #4 HClO2(aq)  OH(aq) (d) neutro;
(e) minore di 7, Al(H2O)63(aq)  H2O(l) #4
3HClO24 3OH-4 H3O(aq)  Al(H2O)5OH2(aq);
3ClO 2 -4
Kb =
(f ) minore di 7, Cu(H2O)62(aq)  H2O(l) #4
(b) HCN(aq)  H2O(l) #4 H3O(aq)  CN(aq) H3O(aq)  Cu(H2O)5OH(aq).
11.73 (c)  (a)  (b)  (d). (d) una base debole, il pH massimo; (c)
3H3O + 4 3CN -4 un acido debole ma la concentrazione elevata conferisce alla soluzione il pH pi
Ka = ;
[HCN] basso; (a) un acido forte, ma la concentrazione bassa; (b) lacido coniugato
CN(aq)  H2O(l) #4 HCN(aq)  OH(aq) di CH3NH2 (Kb  3,6  104) con Ka  2,8  1011, che un acido debolis-
simo.
3HCN4 3OH-4 11.75 (a) 9,28; (b) 5,00; (c) 3,06; (d) 11,04.
3CN -4
Kb =
11.77 5,42.
11.79 HBrO.
(c) C6H5OH(aq)  H2O(l) #4 H3O(aq)  C6H5O (aq)
11.81 (a) 1,8  106 molL1; (b) 5,26.
3H3O + 4 3C6H5O-4 11.83 6,113.
3C6H5OH4
Ka = ; 11.85 0,80.
11.87 (a) 4,18; (b) 1,28; (c) 3,80.
C6H5O (aq)  H2O(l) #4 C6H5OH(aq)  OH (aq) 11.89 (a) 4,37; (b) 4,37.
3C6H5OH4 3OH-4 11.91 (a) 4,55; (b) 6,17.
3C6H5O-4
Kb = 11.93 [H2CO3]  0,0455 molL1; [H3O]  [HCO3]  1,4  104
molL1; [CO32]  5,6  1011 molL1; [OH]  7,1  1011 molL1.
11.41 (CH3)2NH2 (14,00  3,27  10,73)  NH3OH (14,00  7,97 11.95 [H2CO3]  2,3  108 molL1; [OH]  [HCO3]  0,0028
 6,03)  HNO2 (3,37)  HClO2 (2,00). molL1; [CO32]  0,0428 molL1; [H3O]  3,6  1012 molL1.
11.43 F (14,00  3,45  10,55)  CH3CO2 (14,00  4,75  9,25) 
11.97 (a) HA; (b) A2; (c) H2A.
C5H5N (8,75)  NH3 (4,75).
11.99 [HSO3]  0,14 molL1; [H2SO3]  3,2  105 molL1; [SO32]
11.45 (a) Forte; (b) debole; (c) debole; (d) debole; (e) debole; (f ) forte;
 0,0054 molL1.
(g) debole.
11.101 (a) 6,54; (b) 2,12; (c) 1,49.
11.47 Quanto maggiore la Ka, tanto pi forte lacido che vi corrisponde.
11.103 [H3PO4]  6,4  103 molL1, [H2PO4]  8,67  103 molL1,
Il 2,4,6-triclorofenolo lacido pi forte perch gli atomi di cloro esercitano un
[HPO42]  9,5  108 molL1, [PO43]  3,5  1018 molL1.
potere elettronattrattore superiore a quello degli atomi di idrogeno presenti nel
11.105 6,174.
fenolo non sostituito.
11.107 7,205.
11.49 Quanto maggiore il pKa di un acido, tanto pi forte la corrispon-
11.109 1,0  106 molL1.
dente base coniugata; quindi lordine anilina  ammoniaca  metilammina
11.111 (a) 6,35, 7,35; (b) 6,34, 6,96.
 etilammina.
11.113 (a) 6,69, 7,22; (b) 6,64, 6,92.
11.51 Nellambito degli ossiacidi lacido tanto pi forte quanto maggiore
11.115 (a) Lacido (1) pi forte in quanto totalmente dissociato. (b) Lacido
il numero di atomi O, altamente elettronegativi, legati allatomo centrale.
(3) ha la base coniugata pi forte essendo lacido pi debole. (c) Lacido (3) ha
Leffetto in relazione con il numero di ossidazione dellatomo centrale, che
il pKa pi grande. Poich pKa  logKa, il valore pi piccolo di Ka comporter
aumenta con il numero degli atomi O. In definitiva HIO3 lacido pi forte e
quello con il pKa pi basso. il valore pi grande di pKa.
11.53 (a) HCl lacido pi forte, perch la forza del suo legame molto 11.117 Il moto apparente degli ioni idronio e ossidrile non influenzato dalla
inferiore a quella del legame in HF, e la forza del legame il fattore dominante diffusione come accade in genere per gli ioni; essi si formano e si riformano a
nel determinare la forza degli acidi binari. (b) HClO2 pi forte perch latomo seguito del trasferimento di protoni da e verso le molecole dacqua in soluzione.
di Cl reca un atomo O in pi, il che attrae gli elettroni del legame OH. Lo Lautoprotolisi rende possibile il rapido trasferimento di protoni tra le molecole
stato di ossidazione di Cl pi elevato in HClO2 che in HClO. (c) HClO2 dacqua.
pi forte perch lelettronegativit di Cl superiore a quella di Br per cui il 11.119 (a) C2HNaO4.
(b) 
legame HO in HClO2 pi polare che in HBrO2. (d) HClO4 pi forte
perch lelettronegativit di Cl maggiore di quella di P. (e) HNO3 pi forte O O H
per la stessa ragione indicata nella parte (b). (f ) H2CO3 pi forte grazie alla C C
maggiore elettronegativit di C rispetto a Ge.
11.55 (a) Il gruppo CCl3 legato al gruppo carbossilico COOH nellaci- O O
do tricloroacetico elettronattrattore pi efficiente del gruppo CH3 della- (c) ossalato di sodio, anfiprotico, 2,71.
cido acetico. Quindi, lacido tricloroacetico lacido pi forte. (b) Il gruppo 11.121 La struttura di Lewis per lacido borico
CH3 dellacido acetico ha propriet di elettrondonatore, il che lo rende meno
elettronattrattore dello H legato al carbossile nellacido formico; questultimo HO H

quindi leggermente pi forte dellacido acetico. Lordine CCl3COOH BO O H
HCOOH CH3COOH.
11.57 (a) pH  2,72, pOH  11,28, 0,95%; (b) pH  0,85, pOH  HO H OB O

13,15, 70%; (c) pH  2,22, pOH  11,78, 3,0%. (d) Lacidit aumenta sosti-
Acido borico H O
tuendo gli atomi di idrogeno del metile dellacido acetico con atomi dotati di
superiore elettronegativit, ad esempio cloro. H
11.59 (a) Ka  0,09, pKa  1,0; (b) Kb  5,6  104, pKb  3,25. Base coniugata
11.61 pOH  3,00, pH  11,00, 1,8%; (b) pOH  4,38, pH  9,62, (a) No. (b) Lacido borico agisce da acido di Lewis perch accetta una coppia
0,026%, (c) pOH  2,32, pH  11,68, 1,4%; (d) pOH  3,96, pH  10,04, elettronica (OH) dallacqua, ma la sua acidit non legata alla dissociazione.
2,5%. 11.123 (a) Lacido nitroso agir da acido forte poich la sua base coniugata,
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C29

lo ione nitrito, una base pi debole dello ione acetato. La presenza degli ioni 12.25 (a) 9,17  103 L; (b) 0,0183 L; (c) 0,0635 molL1; (d) 2,25.
acetato sposter lequilibrio di trasferimento protonico dellacido nitroso verso 12.27 (a) 234 gmol1; (b) 3,82.
i prodotti (NO2 e H3O) consumando lH3O, ci determiner un aumento 12.29 (a) 13,04; (b) 12,82; (c) 12,55; (d) 7,00; (e) 1,80; (f ) 1,55.
della Ka apparente dellacido nitroso. Lacido carbonico pi debole dellacido 12.31 79,4%.
acetico, per cui lequilibrio non si sposta. (b) Lammoniaca agir da base forte 12.33 (a) 2,89; (b) 4,56; (c) 12,5 mL; (d) 4,75; (e) 25,0 mL; (f ) 8,72.
perch il suo acido coniugato, lo ione ammonio, un acido pi debole dellaci- 12.35 (a) 11,20; (b) 8,99; (c) 11 mL; (d) 9,25; (e) 22 mL; (f ) 5,24; (g) rosso
do acetico. La presenza dellacido acetico sposter lequilibrio di trasferimento metile.
protonico dellammoniaca verso i prodotti (NH4 e OH) consumando OH, 12.37 (a) Acido debole perch il pH iniziale dellacido uguale a 5,0 e il
ci determiner un aumento della Kb apparente dellammoniaca. punto stechiometrico cade a pH  10 (lanione una base). (b) 1  105
11.125 6,9  104. molL1; (c) Ka  107,5  3  108; (d) 3  103 molL1; (e) 8  103 M;
11.127 (a) D2O  D2O #4 D3O  OD; (b) 14,870; (c) 3,67  108 (f ) fenolftaleina.
molL1; (d) pD  pOD  7,435; (e) pD  POD  pKD2O  14,870. 12.39 Il pH al punto stechiometrico 8,8 e giace entro lintervallo di (c) blu
11.129 Percentuale di deprotonazione pari al 2,9%; 271 K. timolo e (d) fenolftaleina.
11.131 1,3  102 Jmol1. 12.41 Esercizio 12.33, blu timolo o fenolftaleina; esercizio 12.35, rosso di
11.133 La maggior differenza tra le costanti di acidit Ka1 e Ka2 dellacido os- metile o verde di bromocresolo.
salico rispetto a quelle dellacido adipico dovuta alle differenze strutturali tra 12.43 (a) 37,4 mL; (b) 74,8 mL; (c) 112 mL.
i due acidi. Lacido adipico ha quattro gruppi CH2 tra i due gruppi carbossilici 12.45 (a) 22,0 mL; (b) 44,0 mL.
e ci determina una maggior delocalizzazione elettronica che stabilizza lanione 12.47 (a)
carbossilico. Come conseguenza, i due protoni dellacido adipico si rimuovo-
no facilmente quasi simultaneamente. Per questa ragione i due valori di pKa 12
sono cos vicini. Lacido ossalico, invece, non ha gruppi CH2 tra i due gruppi
carbossilici e una minor delocalizzazione elettronica dellanione comporta una 10
differenza maggiore tra i valori di pKa. e
11.135 (a) La concentrazione di HbO2 pi bassa nei tessuti. (b) La concen- 8
trazione di HbO2 aumenter.
11.137 (a) CO2 reagir con lacqua per formare lacido carbonico, H2CO3.
pH

6
Si determina la concentrazione di H3O. Nelle condizioni specificate, pH 
5,75. (b) [H2CO3]  4,4  103 molL1; [HCO3]  1,2  104 molL1; a d
4 c
[CO32]  4,2  1010 molL1; (c) 50 kg; (d) 4,82; (e) 4,52; (f ) 86,9 kg. b

2
Capitolo 12
12.1 (a) Aggiungendo acetato di sodio alla soluzione di acido acetico, di- 0
0 2 4 6 8 10 12 14 16
minuisce la concentrazione di H3O, perch lequilibrio HC2H3O2(aq) 
Volume KOH(aq)(mL)
H2O(l) #4 H3O(aq)  C2H3O2(aq) si sposta verso sinistra onde attenua-
re la sollecitazione imposta dallaumento di [C2H3O2]. (b) Aggiungendo HCl
alla soluzione di acido benzoico la percentuale di questultimo che si deprotona a: punto iniziale, b: primo punto intermedio, c: primo punto stechiometrico,
diminuisce, perch lequilibrio C6H5COOH(aq)  H2O(l) #4 H3O(aq)  d: secondo punto intermedio, e: secondo punto stechiometrico. Nota: (i) Il pH
C6H5CO2(aq) si sposta verso sinistra onde attenuare la sollecitazione imposta iniziale pi alto rispetto ai punti b e c perch si assume che la concentrazione
dallaumento di [H3O] (principio di Le Chatelier). (c) Aggiungendo NH4Cl so- iniziale [H] derivi esclusivamente dalla prima dissociazione (in realt, contribu-
lido alla soluzione di ammoniaca, la concentrazione di OH diminuisce, perch isce anche la seconda dissociazione); (ii) poich i due valori di pKa dellacido tio-
lequilibrio NH3(aq)  H2O(l) #4 NH4(aq)  OH(aq) si sposta verso sini- solforico sono vicini, si pu osservare una curva unica di titolazione. In una ti-
stra onde attenuare la sollecitazione imposta dallaumento di [NH4]. (Principio tolazione acquosa reale, i due protoni verrebbero titolati contemporaneamente.
di Le Chatelier). Poich [OH] diminuisce, [H3O] aumenta e il pH diminuisce. (b) c: 5,0 mL; e: 10 mL. (c) Primo punto stechiometrico: 1,2, secondo punto
12.3 (a) pH  pKa  3,08, Ka  8,3  104; (b) 2,77. stechiometrico: 7,0.
12.5 (a) 6,1  1010 molL1; (b) 1,7  1011 molL1; (c) 2,5  1010 12.49 (a) 1,89; (b) 1,96; (c) 11,6.
molL1; (d) 5,9  109 molL1. 12.51 (a) 4,66; (b) 2,80; (c) 7,21.
12.7 (a) pH  1,62, pOH  12,38; (b) pH  1,22, pOH  12,78; (c) 12.53 (a) 7,7  1013; (b) 1,7  1014; (c) 5,3  103; (d) 6,9  109.
pH  1,92, pOH  12,08. 12.55 1,0  1012.
12.9 (a) 9,46; (b) 9,71; (c) 9,31. 12.57 (a) 1,30  105 molL1; (b) 1,0  103 molL1; (c) 9,3  105
12.11 (a) pH  6,3, variazione di 1,5; (b) pH  4,58, variazione di 0,17. molL1.
12.13 Il pH aumenta di 1,16. 12.59 (a) 8,0  1010 molL1; (b) 1,2  1016 molL1; (c) 4,6  103
12.15 [ClO]/[HClO]  9,3  102. molL1; (d) 1,3  106 molL1.
12.17 (a) 2-4; (b) 3-5; (c) 11,5-13,5; (d) 6-8; (e) 5-7. 12.61 (a) 1,0  1012 molL1; (b) 3,1  105 molL1; (c) 2,0  103
12.19 (a) HClO2 e NaClO2, pKa  2,00; (b) NaH2PO4 e Na2HPO4, pKa molL1; (d) 0,20 molL1.
 7,21; (c) CH2ClCOOH e NaCH2ClCO2, pKa  2,85; (d) Na2HPO4 e 12.63 (a) 1,6  105 molL1; (b) 2,7  102 g.
Na3PO4, pKa  12,68. 12.65 (a) 6,00; (b) 6,18.
12.21 (a)[CO32]/[HCO3]  5,6; (b) 77 g; (c) 1,8 g; (d) 2,8  102 mL. 12.67 (a) Si forma precipitato; (b) non si forma precipitato.
12.23 (a) 12.69 (a) Dal primo allultimo: Ni(OH)2, Mg(OH)2, Ca(OH)2; (b)
12 Ni(OH)2 precipita a pH 7, Mg (OH)2 a pH 10, Ca(OH)2 a pH 13.
10 (b) pH al punto 12.71 Il carbonato, perch la differenza di solubilit maggiore.
stechiometrico = 7,0 12.73 1,8  109 molL1.
8
12.75 (a) CaF2(s)  2 H2O(l) #4 Ca2(aq)  2 HF(aq)  2 OH(aq),
pH

6 K  KwKb2  (4,0  1011)(2,9  1011)2  3,4  1032; (b) 2,0  104


4 molL1; (c) 4  104 molL1.
12.77 2,0  103 molL1.
2
12.79 I due sali si distinguono per la loro solubilit in NH3 1,0 M (o altra
0 concentrazione idonea). AgCl si discioglie, la maggior parte di AgI no.
0 5 10 15 20 25 30 35
Volume HCl (mL) 12.81 Per procedere allanalisi qualitativa occorre innanzitutto disciogliere il
campione, cosa fattibile riscaldandolo con HNO3 concentrato, e poi diluendo
(b) 10 mL; (c) 5 mL. la soluzione risultante. Non possibile fare uso di HCl o di H2SO4, perch
C30 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

alcuni dei composti formati sarebbero insolubili, mentre i nitrati si disciolgono 13.9 (a) 2,08  105 Jmol1; (b) 7,47  105 Jmol1.
tutti. Dopo aver disciolto e diluito il campione si pu aggiungere una soluzio- 13.11 (a) Al catodo: Ag(aq)  e :Ag(s), allanodo Ni2(aq)  2 e:
ne contenente ioni cloruro, che far precipitare Ag come AgCl, lasciando in Ni(s), complessivamente: 2 Ag(aq)  Ni(s) : Ag(s)  Ni2(aq); (b) al ca-
soluzione bismuto e nichel fintantoch la soluzione rimane acida. La soluzione todo: Cl2(g)  2 e : 2 Cl(aq), allanodo: 2 H(aq)  2 e : H2(g),
residua si pu ora trattare con H2S, e in ambiente acido precipiter Bi2S3, ma complessivamente: Cl2(g)  H2(g) : 2 H(aq)  2 Cl(aq); (c) al catodo:
non NiS. Dopo la precipitazione di Bi2S3 si eleva il pH della soluzione aggiun- Ce4(aq)  e : Ce3(aq), allanodo: Cu2(aq)  2 e : Cu(s); complessi-
gendo una base; in seguito a ci precipita NiS. vamente: 2 Ce4(aq)  Cu(s) : Cu2(aq)  2 Ce3(aq); (d) al catodo: O2(g)
12.83 Sia lacido acetico sia lacetato devono essere 0,026 M.  2 H2O(l)  4 e : 4 OH(aq), allanodo: O2(g)  4 H(aq)  4 e :
12.85 (a) 2,8; (b) 5,7; (c) HOOCCH2CO2. 2 H2O(l), complessivamente: H2O(l) : H(aq)  OH(aq); (e) al catodo:
12.87 2,8  102. Hg2Cl2(s)  2 e : 2 Hg(l)  2 Cl(aq), allanodo: Sn4(aq)  2 e :
12.89 2,2  103 molL1. Sn2(aq), complessivamente: Sn2(aq)  Hg2Cl2(s) : 2 Hg(l)  2 Cl(aq) 
12.91 Se i due valori di Ka di un acido diprotico sono sufficientemente diver- Sn4(aq).
si (1000), si potranno osservare due punti stechiometrici, altrimenti ( 500, 13.13 (a) Al catodo: Ni2(aq)  2 e : Ni(s), allanodo: Zn2(aq)  2 e
per effetto della delocalizzazione elettronica dellanione), come accade per laci- : Zn(s); Zn(s) | Zn2(aq) || Ni2(aq) | Ni(s); (b) Al catodo: 2[Ce4(aq)  e
do tartarico, si osserva un solo punto stechiometrico (vale a dire, i due protoni : Ce3(aq)], allanodo: I2(s)  2 e : 2 I(aq); Pt(s)|I(aq)|I2(s) || Ce4(aq),
vengono titolati contemporaneamente). In questo caso la curva di titolazione Ce3(aq) | Pt(s); (c) Al catodo: Cl2(g)  2 e : 2 Cl(aq), E (catodo) 
non presenta un gradino molto evidente poich le titolazioni dei due protoni si 1,36 V, allanodo: 2 H(aq)  2 e : H2(g), E(anodo)  0,00 V; Pt(s) |
sovrappongono. H2(g) | H(aq) || Cl(aq) | Cl2(g) | Pt(s); (d) Al catodo: 3[Au(s)  e : Au(s)],
12.93 I valori di Kps ricavati dalla tabella 12.4 sono: Cu2, 1,3  1036; E (catodo)  1,69 V, allanodo: Au3(aq)  3 e : Au(s), E(anodo) 
Co2, 5  1022; Cd2, 4  1029. Per tutti i sali vale la stessa espressione di Kps, 1,40 V; Au(s)|Au3(aq)||Au(aq)|Au(s).
Kps  [M2][S2], per cui il composto con il valore pi piccolo di Kps precipiter 13.15 (a) Al catodo: Ag(aq)  e : Ag(s), E (catodo)  1,80 V,
per primo, in questo caso si tratta di CuS. allanodo: AgBr(s)  e : Ag(s)  Br(aq), E(anodo)  0,07 V, Ag(s)
12.95 (a) 0,0796 molL1. (b) Al punto stechiometrico pAg  3,94. | AgBr(s) | Br(aq) || Ag(aq) | Ag(s); (b) Al catodo: O2(g)  4 H(aq)  4
e : 2 H2O(l), E (catodo)  1,23 V, allanodo: O2(g)  2 H2O(l)  4
5,5
e : 4 OH(aq), E(anodo)  0,40 V, Pt(s) | O2(g) | OH(aq) || H(aq)
5,0 | O2(g) | Pt(s); (c) Al catodo: Ni(OH)3(s)  e : Ni(OH)2(s)  OH(aq),
E(catodo)  0,49 V, allanodo: Cd(OH)2(s)  2 e : Cd(s)  2 OH(aq),
4,5
Cd(s)|Cd(OH)2(s)|KOH(aq) || Ni(OH)3(s) | Ni(OH)2(s) | Ni(s).
4,0 13.17 (a) MnO4(aq)  8 H(aq)  5 e : Mn2(aq)  4 H2O(l) (semi-
reazione catodica, 5[Fe2(aq) : Fe3(aq)  e] (semireazione anodica); (b)
pAg

3,5 MnO4(aq)  5 Fe2(aq)  8 H(aq) : Mn2(aq)  5 Fe3(aq)  4 H2O(l),


3,0 Pt(s) | Fe3(aq), Fe2(aq) || H(aq), MnO4(aq), Mn2(aq) | Pt(s).
13.19 (a) 0,75 V; (b) 0,37 V; (c) 0,52 V; (d) 1,52 V.
2,5 13.21 (a) Ecell  E (catodo)  E (anodo)  0,96 V  (0,79 V) 
2,0 0,17 V;
Hg(l) | Hg22(aq)||NO3(aq), H(aq) | NO(g )|Pt(s);
1,5 Gr  nFE   (6) (9,65  104 Cmol1)(0,17 JC1)  98
0 10 20 30 40 50 60
Volume di AgNO3 (mL) kJmol1.
(b) Non spontanea. (c) Ecell  E(catodo)  E (anodo)  1,33 V  (0,97
V)  0,36 V;
12.97 (a) SO2(g)  H2O(l) #4 2SO3(aq); (b) 5  107 mol; (c) 1,8 ppm.
Pt(s) | Pu3(aq), Pu4(aq) || Cr2O72(aq), Cr3(aq), H(aq) | Pt(s)
12.99 345,65 kJmol1.
Gr  nFE   (6) (9,65  104 Cmol1)(0,36 JC1)  208
12.101 (a) 3  1018 mol; (b) pH  5,8, variazione  0,3.
kJmol1.
12.103 (a) 4,93; (b) 2,08 g.
13.23 0,349 V.
12.105 (a) 9,3  1011 molL1. (b) [OH]  2,8  1010 M; pH  4,45. (c) Il
13.25 (a) Cu  Fe  Zn  Cr; (b) Mg  Na  K  Li; (c) V  Ti 
risultato in (b) non accettabile perch si trascurato lOH derivante dallacqua.
Al  U; (d) Au  Ag  Sn  Ni.
[OH]acqua  1,0  107 M. In effetti, in soluzione satura di Fe(OH)3, [OH] 
13.27 1,50 V.
1,0  107, poich lOH derivante da Fe(OH)3 di molto inferiore rispetto a
13.29 (a) Ossidante: Co2, riducente: Ti3, Pt(s)|Ti2(aq), Ti3(aq) ||
quello derivante dallacqua; pH  7. (d) 5,0  104; (e) 5,3 g; (f) 60,1%.
Co2(aq) | Co(s), 0,09 V; (b) ossidante: U3, riducente: La3; La(s) | La3(aq)
|| U3(aq) | U(s); 0,73 V; (c) ossidante: Fe3, riducente: H, Pt(s) | H2(g) |
Capitolo 13 H(aq) || Fe2(aq), Fe3(aq) | Pt(s), 0,77 V; (d) ossidante: O3, riducente: Ag,
13.1 (a) Cr si riduce da 6 a 3, C si ossida da 2 a 1; (b) C2H5OH(aq) Ag(s) | Ag(aq) || OH(aq) | O3(g), O2(g) | Pt(s), 0,44 V.
: C2H4O(aq)  2 H(aq)  2 e; (c) Cr2O72(aq)  14 H(aq)  6 e : 13.31 (a) Cl2(g), 0,27 V. (b) e (c) non favoriscono i prodotti. (d) NO3,
2 Cr3(aq)  7 H2O(l); (d) 8 H(aq)  Cr2O72(aq)  3 C2H5OH(aq) : 2 1,56 V.
Cr3(aq)  3 C2H4O(aq)  7 H2O(l). 13.33 (a) 0,743 V; (b) no.
13.3 (a) 4 Cl2(g)  S2O32(aq)  5 H2O(l) : 8 Cl(aq)  2 SO42(aq)  13.35 (a) 6  1016; (b) 1  104.
10 H(aq). Cl2 lossidante e S2O32 il riducente. (b) 2 MnO4(aq)  H(aq) 13.37 (a) Pb4(aq)  Sn2(aq) : Pb2(aq)  Sn4(aq), Q  106; (b) 2
 5 H2SO3(aq) : 2 Mn2(aq)  3 H2O(l)  5 HSO4(aq); MnO4 los- Cr2O72(aq)  16 H(aq) : 4 Cr3(aq)  8 H2O(l)  3 O2(g), Q  1,0.
sidante e H2SO3 il riducente. (c) Cl2(g)  H2S(aq) : 2 Cl(aq)  S(s)  2 13.39 (a) 0,030 V; (b) 6  102 V.
H(aq); Cl2 lossidante e H2S il riducente. (d) H2O(l)  Cl2(g) : HOCl(aq) 13.41 (a) 0,067 V; (b) 0,51 V; (c) 1,33 V; (d) 0,31 V.
 H(aq)  Cl(aq); Cl2 sia ossidante sia riducente. 13.43 (a) 1,0; (b) 101 molL1.
13.5 (a) 3 O3(g)  Br(aq) : 3 O2(g)  BrO3(aq); O3 lossidante e Br 13.45 2,25.
il riducente. (b) 3 Br2(l)  6 OH(aq) : 5 Br(aq)  BrO3(aq)  3 H2O(l); 13.47 (a) 1,2  1017. (b) Il valore pi grande di un fattore 10 rispetto a
Br2 sia ossidante sia riducente. (c) 2 Cr3(aq)  4 OH(aq)  3 MnO2(s) quello riportato in tabella 12.4 (1,3  1018).
: 2 CrO42(aq)  2 H2O(l)  3 Mn2(aq); Cr3 il riducente e MnO2 los- 13.49 S, 8,4 kJ a mole di Ag.
sidante. (d) P4(s)  3 H2O(l)  3 OH(aq) : 3 H2PO2(aq)  PH3(g); P4 13.51 (a) 0,27 V; (b) 0,07 V.
sia ossidante sia riducente. 13.53 (a) Al catodo: Ni2(aq)  2 e : Ni(s); (b) allanodo: 2 H2O(l) :
13.7 Semireazioni: P4S3(aq)  28 H2O(l) : 4 H3PO4(aq)  3 SO42(aq) O2(g)  4 H(aq)  4 e; (c) 1,46 V.
 44 H(aq)  38 e; NO3(aq)  4 H(aq)  3 e : NO(aq)  2 H2O(l); 13.55 (a) Acqua; (b) acqua; (c) Ni2; (d) Au3.
reazione complessiva: 3 P4S3(aq)  38 NO3(aq)  20 H(aq)  8 H2O(l) : 13.57 (a) 3,3 g; (b) 0,59 L; (c) 0,94 g.
12 H3PO4(aq)  9 SO42(aq)  38 NO(g). 13.59 (a) 27 h; (b) 0,44 g.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C31

13.61 (a) 0,64 A; (b) 0,24 A. (d)


13.63 2. OH sp 3
13.65 4. H
13.67 (a) Anodo; (b) 0,134 mol; (c) 0,17. O
CH
13.69 (a) Ossidazione/anodo: 6 OH(aq)  2 Al(s) : 2 Al(OH)3(aq)  6 C
e, riduzione/catodo: 3 H2O(l)  3/2 O2(g)  6 e : 6 OH(aq), comples-
H
sivamente: 3 H2O(l)  2 Al(s)  3/2 O2(g) : 2 Al(OH)3(aq); (b) 2,06 V. H O
13.71 100 A. sp 3 sp 2
13.73 (a) KOH(aq)/HgO(s); (b) HgO(s); (c) HgO(s)  Zn(s) : Hg(l) 
(e) NADH(aq)  piruvato  H(aq) : NAD(aq)  lattato, E*  0,12 V;
ZnO(s).
E  0,33 V; (f ) 64 kJmol1; (g) 1,43  1011.
13.75 (a) Pb(s)  PbO2(s)  2 HSO4(aq)  2 H(aq) : 2 PbSO4(s)
 H2O(l). (b) Il pH aumenta. La quantit di PbO2 diminuisce. La quantit
complessiva di piombo nella batteria resta invariata. Capitolo 14
13.77 (a) KOH(aq); (b) 2 Ni(OH)2(s)  2 OH(aq) : 2 Ni(OH)3(s)  2 e. 14.1 (a) Un terzo; (b) due terzi; (c) due.
13.79 Dal confronto dei potenziali di riduzione si evince che Cr si ossida pi 14.3 (a) 0,28 molL1s1;(b) 0,14 molL1s1.
facilmente di Fe, ne viene che la presenza di Cr ritarda la corrosione di Fe. In 14.5 (a) 3,3  103 (mol O2)L1s1; (b) 3,3  103 molL1s1.
corrispondenza del graffio, la superficie piena di prodotti di ossidazione di Cr 14.7 (a) e (c)
che impediscono il contatto del ferro con laria e lacqua.
13.81 (a) 57,4%; (b) AgCl. 12
13.83 (a) Fe2O3H2O; (b) H2O e O2 insieme ossidano il ferro. (c) Lacqua 10 [HI], mmolL1

Concentrazione
(mmolL1)
un miglior conduttore se contiene ioni disciolti, in questo modo il processo di 8 [I2], mmolL1
formazione della ruggine viene accelerato.
13.85 (a) Lalluminio o il magnesio; entrambi si collocano al di sotto del 6
titanio nella serie elettrochimica. (b) Costi, disponibilit e tossicit dei prodotti 4
nei confronti dellambiente; (c) Fe potrebbe agire da anodo di una cella elettro- 2
chimica se fossero presenti Cu2 o Cu; quindi potrebbe ossidarsi al punto di
contatto. Lacqua contenente ioni disciolti agirebbe da elettrolito. 0
0 1000 2000 3000 4000 5000 6000
13.87 (a) E; (b) entrambi; (c) nessuno dei due; (d) E ; (e) E.
13.89 Al, Zn, Fe, Co, Ni, Cu, Ag, Au. Tempo (s)
13.91 0,92 V.
Si noti che le curve per [I2] ed [H2] sono identiche, si mostra solo la curva
13.93 0,14 V.
relativa a [I2].
13.95 Uno ione carico negativamente fluisce dal catodo allanodo.
13.97 (a) S, O2(g)  4 H(aq)  4 Ag(s) : 4 Ag(aq)  2 H2O(l), 0,42 (b) Tempo (s) Velocit (mmolL1s1)
V; (b) s, O2(g)  2 H2O(l)  4 Ag(s) : 4 Ag(aq)  4 OH(aq), 0,05 V. 0 0,0060
13.99 (a) La riduzione decorre allelettrodo con concentrazione superiore, vale a 1000 0,003
dire lelettrodo di cromo in contatto con CrCl3(aq) 1,0 M. (b) S; (c) s; (d) no.
2000 0,00098
13.101 (a) 1,0  102 M; (b) 8,5  1017.
13.103 103. 3000 0,00061
13.105 (a) Gr1  nFE1  Hr1  T1Sr1, dove r1 indica la reazione 4000 0,00040
che decorre a T1. Gr2  nFE2  Hr2  T2Sr2, dove r2 indica la rea- 5000 0,00031
zione che decorre a T2. Sottraendo la prima reazione dalla seconda si ottiene:
nFE2  nFE1  Hr2  T2Sr2  [Hr1  T1Sr1]. Poich Hr1  14.9 (a) molL1s1; (b) s1; (c) molLs1.
Hr2, si ottiene nFE1  nFE2   T2Sr2  T1Sr1, che pu essere riscrit- 14.11 2,2  104 (mol N2O5)L1s1.
ta come nFE1  nFE2   T2Sr2  T1Sr1. Poich Sr1  Sr2  14.13 2,2  105 molL1s1; (b) fattore 2.
Sr, si ottiene nFE1  nFE2  Sr(T2  T1); nFE2  nFE1  Sr(T2 14.15 Velocit  k[CH3Br][OH].
 T1); E2  E1  Sr(T2  T1)/nF; (b) 1,18 V. 14.17 (a) A  1, B  2, C  0, ordine complessivo  3; (b) velocit  k[A]
13.107 Da 0,08 V a 0,09 V. [B]2; (c) 2,0  105 L2mmol2s1; (d) 2,9  106 mmolL1s1.
13.109 (a) 0,26 V, spontanea; (b) La formazione del precipitato AgI implica 14.19 (a) Velcoit  k[A][B]2[C]2; (b) 5; (c) 2,85  1012 L4mol4s1; (d)
che la concentrazione degli ioni Ag non sia mai sufficientemente elevata da rag- 1,13  102 molL1s1.
giungere le condizioni necessarie per il decorso della reazione redox. Il prodotto 14.21 2,0 mg.
di solubilit Kps limita le concentrazioni in soluzione, per cui il potenziale redox 14.23 (a) 6,93  104 s1; (b) 9,4  103 s1; (c) 5,1  103 s1.
effettivo non quello calcolato, che rappresenta il valore quando [Ag]  1 M e 14.25 (a) 5,2 h; (b) 3,5  102 molL1; (c) 6,5  102 min.
[I]  1 M. Se utilizziamo le concentrazioni ricavate dallequilibro di solubilit 14.27 (a) 1065 s; (b) 710 s; (c) 9,7  102 s; (d) 1,1  103 s.
nellequazione di Nernst, si ottiene il potenziale effettivo pari a 0,68 V. 14.29 (a) 0,17 min1; (b) 3,5 min in pi.
13.111 12. 14.31 (a)
13.113 Da 0,828 V a 0,828 V. 35,00
13.115 (a) Il grafico del potenziale di cella, E, in funzione di ln[Ag]anodo
30,00
lineare con pendenza positiva. (b) Pendenza  0,025693, corrispondente a RT/
1/[HI] (Lmol1)

nF; in accordo; (c) E. 25,00


13.117 4  109. 20,00
13.119 0,205 A.
13.121 (a) (i) 0,41 V; (ii) 0,41 V; (b) 0,31 V; 15,00
(c) 10,00 1/[HI]  (0,0078  t)  1,0
sp 2 5,00
O
H 0,00
O 0 1000 2000 3000 4000 5000
C Tempo (s)
H
H O (b) (i) 7,8  103 Lmol1s1; (ii) 3,9  103 Lmol1s1.
sp 3 sp 2 14.33 (a) 7,4  102 s; (b) 1,5  102 s; (c) 2,0  102 s.
C32 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

14.35 247 min; (b) 819 min; (c) 10,9 g. 14.67 (a) 6  108; (b) 3  107.
14.37 (a) 1,7  102 min; (b) 3,3  103 min. 14.69 81 kJmol1.
14.39 [A]t  [A]0eakt, t1/2  ln 2/ak. 14.71 La reazione complessiva RCN  H2O : RC(O)NH2. Gli inter-
14.41 t1/2  3/(2k[A]02). medi sono RC(N) e RC(NH)OH. Lo ione ossidrile funge da catalizzatore
14.43 2 AC  B : A2B  2 C. Lintermedio AB. della reazione.
14.45 CH2CHCOOH HCl : ClCH2CH2COOH; gli intermedi 14.73 (a) Falso. Un catalizzatore aumenta sia la velocit della reazione diretta
sono: Cl, CH2CHC(OH)2 e ClCH2CHC(OH)2. sia la velocit della reazione inversa fornendo un meccanismo completamente
14.47 (a) O3  O : 2 O2; (b) Stadio 1: velocit  k[O3][NO], bimoleco- diverso. (b) Vero, anche se il catalizzatore pu avvelenarsi perdendo la propria
lare; stadio 2: velocit  k[NO2][O], bimoleoclare; (c) NO2; (d) NO. attivit. (c) Falso. In presenza di un catalizzatore la reazione segue un percorso
14.49 Velocit  k[NO][Br2]. del tutto differente. (d) Falso. La posizione di equilibrio non influenzata dalla
14.51 Se il meccanismo (a) fosse corretto, la velocit sarebbe velocit  presenza di un catalizzatore.
k[NO2][CO]. Ma questa espressione non si accorda con i dati sperimentali e 14.75 (a) Per ricavare lequazione cinetica di Michaelis-Menten, si parte
il meccanismo ipotizzato pu essere scartato. Per il meccanismo (b) velocit  sfruttando lapprossimazione dello stato stazionario, ponendo uguale a zero la
k[NO2]2 per lo stadio lento. Lo stadio 2 non influenza la velocit complessiva, variazione di concentrazione dellintermedio ES:
ma necessario per ottenere la reazione complessiva corretta, quindi questo
meccanismo si accorda con i dati sperimentali. Il meccanismo (c) non corret- d[ES]dt  k1[E][S]  k1[ES]  k2[ES]  0.
to, e ci si evince dallespressione della velocit per lo stadio lento, velocit 
Risistemando si ottiene [E][S]  [(k2  k1)/k1][ES]  KM[ES].
k[NO3][CO]. [CO] non pu essere eliminata dallespressione per ottenere i dai
sperimentali che non la comprendono.
La concentrazione complessiva dellenzima legato e non legato, [E]0, data da
14.53 (a) Vero. (b) Falso. Allequilibrio le velocit delle reazioni diretta e in-
[E]0  [E]  [ES], e quindi, [E]  [ES]  [E]0. Sostituendo questa espressione
versa sono uguali, ci non vero per le costanti cinetiche. (c) Falso. Aumentando
di [E] nella precedente equazione, si ottiene ([ES]  [E]0)[S]  KM[ES].
la concentrazione di un reagente aumenta la velocit senza che vi sia alcun
Risistemando per ricavare [ES], si ottiene [ES]  [E]0[S]/(KM  [S]).
effetto sulla costante cinetica.
Dal meccanismo, la velocit di formazione del prodotto data da velocit 
14.55 La velocit complessiva di formazione di A velocit   k[A]  k2[ES]. Sostituendo la precedente equazione di [ES] si ottiene
k[B]. Il primo termine rende conto della reazione diretta ed negativo perch
in tale reazione [A] si consuma. Il secondo termine, positivo, relativo alla velocit  k2[E]0[S]/(KM  [S]),
reazione inversa che aumenta [A]. Data la stechiometria 1:1 della reazione, se B
non presente allinizio della reazione, [A] e [B] in qualsiasi istante sono legate lequazione cinetica di Michaelis-Menten che pu essere sistemata per ottenere
dallequazione [A]  [B]  [A]0 dove [A]0 la concentrazione iniziale di A.
Quindi la legge cinetica pu essere scritta come: 1 KM 1
= + .
velocit k 2[E]0[S] k 2[E]0
d[A]/dt   k[A]  k ([A]0  [A])  (k  k )[A]  k[A]0
Riportando in grafico 1/velocit in funzione di 1/[S], si ottiene una retta di
La soluzione di questa equazione differenziale del primo ordine pendenza KM/k2[E]0 e di intercetta 1/k2[E]0.
-(k +k )t
k + ke (b)
[A] = [A] 0 KM
k + k Pendenza =
k2[E]0
1/velocit

Per t : il termine esponenziale al numeratore tende a zero e le concentra-


zioni raggiungono i valori di equilibrio dati da

y-intercetta = 1
[A]eq  k[A]0/(k  k) e [B]eq  [A]0  [A]  k[A]0/(k  k)
k2[E]0
Facendo il rapporto dei prodotti rispetto ai reagenti si ottiene: 0
0
[B]eq/[A]eq  k/k  K 1/[S]

dove K la costante di equilibrio della reazione. 14.77 (a) Velocit  k[NO]2, bimolecolare; (b) velocit  k[Cl2], unimole-
14.57 colare; (c) velocit  k[NO2]2, bimolecolare; (d) b e c.
0 14.79 (a) CH3CHCHCH2Br poich la carica positiva dellintermedio di
2 reazione si trova su un carbonio primario. Ci si accorda anche con losservazione
y = 32700x + 35,0 sperimentale che tale prodotto predomina ad alte temperature quando vi suffi-
4 ciente energia per superare la barriera dellenergia di attivazione. (b) Il controllo
ln k

6 cinetico si instaura a basse temperature poich la minore energia di attivazione


comporta una costante cinetica pi elevata e quindi una velocit maggiore.
8
14.81 2,3  105 Lmol1s1.
10 14.83 (a) 5s; (b) A t  8 s ci saranno quattro molecole.
0,0011 0,00115 0,0012 0,00125 0,0013 0,00135 14.85 (a) CH3CHO : CH3  CHO, unimoecolare, [CH3CHO]
1/T (K1) (b) 2 I : I2, termolecolare, [IIAr]
(c) O2  NO : NO2  O, bimolecolare, [OONO].
(a) 2,72  102 kJmol1; (b) 0,088 s1. 14.87 13,5 mg.
14.59 39 kJmol1. 14.89 La velocit prevista per il meccanismo (i) velocit  k[C12H22O11],
14.61 2,5  109 Lmol1s1. mentre quella prevista per il meccanismo (ii) velocit  k[C12H22O11][H2O].
14.63 9,2  104 s1. La velocit del meccanismo (ii) di pseudoprimordine in soluzioni di sac-
14.65 (a) 0,676. (b) Endotermico. (c) Linnalzamento di temperatura deter- carosio diluite poich la concentrazione dellacqua pu considerasi costante.
mina un maggior aumento della costante cinetica della reazione caratterizzata Pertanto, in soluzioni diluite i dati cinetici non consentono di distinguere tra i
dallenergia di attivazione pi elevata rispetto a quella della reazione avente una due meccanismi. Nelle soluzioni di saccarosio fortemente concentrate, per, la
barriera energetica pi bassa. Ci si aspetta che la velocit della reazione diretta concentrazione dellacqua cambia nel corso della reazione. Come conseguenza,
aumenti molto pi della velocit della reazione inversa. k aumenter molto pi se il meccanismo (ii) corretto la cinetica mostrer una dipendenza del primo-
di k e conseguentemente aumenter la costante di equilibrio K. Tutto ci si dine dalla concentrazione di H2O mentre il meccanismo (i) prevede che la
accorda con il principio di Le Chatelier. velocit sia indipendente da [H2O].
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C33

14.91 (a) Se lo stadio 2 lento, se lo stadio 1 un equilibrio veloce e se lo 14.109 (a) Metil isonitrile
stadio 3 anchesso veloce, allora si pu proporre la legge cinetica velocit 
sp
k2[N2O2][H2]. Considerando lequilibrio dello stadio 1: sp 3
H
k1[NO]2  k1[N2O2]; [N2O2]  (k1/k1)[NO]2  
Sostituendo nellequazione cinetica proposta si ottiene HC N
C
velocit  k2(k1/k1)[NO]2[H2]  k[NO]2[H2] dove k  k2(k1/k1) Polare
Le ipotesi sopra formulate si accordano con la legge cinetica sperimentale; H
quindi, lo stadio 2 quello lento.
Cianometano sp
(b) sp 3
H

HC C N
Energia potenziale

Ea,2 Polare
H
Ea,3
Ea,1 (b) 43 kJmol1, cianometano. (c) k  4,04  1015 s1, t  7,12  1013 s.
(d) Poich la reazione di isomerizzazione esotermica (H  43 kJmol1),
Reagenti nel profilo energetico il prodotto giace pi in basso del reagente. (e) 474 K. (f )
H Largon funge da partner collisionale. Le collisioni tra CH3NC(g) e gli atomi di
argon forniscono lenergia necessaria a superare la barriera di attivazione e fan-
Prodotti no s che la reazione di isomerizzazione proceda verso il prodotto. Gli atomi di
argon fungono anche da serbatoio energetico, accettando lenergia rilasciata nel
Avanzamento della reazione
corso della reazione di isomerizzazione. (g) A elevate concentrazioni di argon, le
collisioni che portano alla reazione coinvolgono CH3NC(g) e atomi di argon:
14.93 75 kJmol1.
CH3NC(g)  Ar(g) : CH3CN(g)  Ar(g). Considerando questa reazione
14.95 1,5  103 molL1s1.
elementare, si potrebbe prevedere che la reazione sia del primo ordine rispetto
14.97 (a) Tre stadi; (b) primo stadio; (c) terzo stadio; (d) due; (e) nessuno.
a CH3NC(g) e del primo ordine complessivo posto che la concentrazione di
14.99 (a) ClO lintermedio di reazione; Cl il catalizzatore. (b) Cl, ClO,
O, O2. (c) Gli stadi 1 e 2 sono di propagazione. (d) Cl  Cl : Cl2. Ar(g) sia elevata e costante. Se, per, la concentrazione di Ar(g) viene ridotta
14.101 Per una reazione del terzo ordine, notevolmente, la reazione di isomerizzazione procede a seguito di collisioni
t1/2 1/[A]02 ossia t1/2  costante/[A]02 tra molecole di CH3NC(g) per cui sarebbe del secondo ordine in CH3NC(g).
(a) primo tempo di dimezzamento  t1  t1/2  costante/[A]02
(b) secondo tempo di dimezzamento  t2  costante/(1/2[A]0)2  4(costante)/ Capitolo 15
[A]02  4 t1; tempo complessivo  t1  t2  t1  4 t1  5 t1  t1/4 15.1 (a) Azoto; (b) potassio; (c) gallio, (d) iodio.
(c) terzo tempo di dimezzamento  t3  costante/(1/4[A]0)2  16(costante)/ 15.3 (a) Zolfo; (b) selenio; (c) sodio; (d) ossigeno.
[A]02  16 t1; quarto tempo di dimezzamento  t4  costante/(1/8[A]0)2  15.5 Tellurio  selenio  ossigeno.
64(costante)/[A]02  64 t1; tempo complessivo  t1  t2  t3  t4  t1  4 t1 15.7 (a) Antimonio; (b) lantimonio possiede la carica nucleare effettiva
 16 t1  64 t1  85 t1  t1/16. pi elevata.
14.103 Sono lineari i seguenti grafici: (b), (c), (d), (f ) e (g). 15.9 (a) Ione bromuro; (b) il bromuro il pi voluminoso.
14.105 (a) La reazione complessiva OCl  I : OI  Cl. (b) velocit 15.11 2 K(s)  H2(g) : 2 KH(s).
 k2k1/k1[OCl][I]/[OH]. 15.13 (a) Salino; (b) molecolare; (c) molecolare; (d) metallico.
(c) La velocit diminuir con laumentare del pH. (d) Se la reazione eseguita 15.15 (a) Acido; (b) anfotero; (c) acido; (d) basico.
in un solvente organico, allora la concentrazione dellacqua deve essere inclu- 15.17 (a) CO2; (b) B2O3.
sa nel calcolo della concentrazione di equilibrio di HOCl: velocit  k2k1/ 15.19 (a) C2H2(g)  H2(g) : H2CCH2(g). Numero di ossidazione di C
k1[OCl][I][H2O]/[OH]. in C2H2  1, di C in H2CCH2  2, il carbonio si ridotto. (b) CO(g) 
14.107 Per ottenere lespressione di t1/2 in termini di n, bisogna calcolare inte- H2O(g) : CO2(g)  H2(g); (c) BaH2(s)  2 H2O(l) : Ba(OH)2  2 H2(g).
grali del tipo luce
15.21 (a) H2(g) + Cl2(g) 2 HCl(g) ;
[A] t
d[A] (b) H2(g) + 2 Na(l) NaH(s) ;
= -k dt = - kt
3 [A]
n
3 (c) P4(s)  6 H2(g) : 4 PH3(g); (d) 2 Cu(s)  H2(g) : 2 CuH(s).
[A] 0 0
15.23 Landamento dei dati prevalentemente riconducibile allandamento
dellelettronegativit dellatomo centrale (N  O  F), che conferisce a F una
a b = kt
1 1 1
n - 1 [A] n - 1
- maggior carica negativa, per attrarre H da unaltra molecola HF.
[A] 0 n - 1
15.25 Il Litio lunico elemento del gruppo 1 che reagisce direttamente con
Si ottiene allora lespressione di t1/2 lazoto per formare il nitruro di litio; reagisce con lossigeno per formare prevalen-
temente lossido, mentre gli altri elementi del gruppo formano perossidi e superos-
2n - 1
a b = kt 1/2
1 1
- sidi. Il litio mostra la relazione diagonale che tipica di molti elementi allinizio dei
n - 1 [A] 0n - 1 [A] 0 n - 1 gruppi. In molti dei suoi composti il litio assomiglia al magnesio. Questo compor-
2n - 1 - 1 tamento riconducibile al piccolo raggio ionico di Li, 58 pm, prossimo al raggio
a b = kt 1/2
1
n - 1 [A] 0n - 1 ionico di Mg2, 72 pm, ma sostanzialmente pi piccolo di quello di Na, 102 pm.
15.27 (a) 4 Na(s)  O2(g) : 2 Na2O(s);
Lespressione di t3/4 si pu ottenere ponendo [A]  [A]0 (b) 6 Li(s)  N2(g)
2 Li3N(s);
(c) 2 Na(s)  2 H2O(l) : 2 NaOH(aq)  H2(g);
4n - 1
a b = kt 3/4
1 1
- (d) 4 KO2(s)  2 H2O(g) : 4 KOH(s)  3 O2(g).
n - 1 3n - 1[A] 0n - 1 [A] 0 n - 1 15.29 Mg(s)  2 H2O(l) : Mg(OH)2  H2(g).
15.31 (a) CaO(s)  H2O(l) : Ca(OH)2(s); (b) 57,33 kJmol1.
(4/3)n - 1 - 1
a b = kt 3/4
1 15.33 (a) Mg(OH)2(s)  2 HCl(aq) : MgCl2(aq)  2 H2O(l);
n - 1 [A] 0 n - 1 (b) Ca(s)  2 H2O(l) : Ca(OH)2(aq)  H2(g);
Il rapporto t1/2/t3/4 dato da (c) BaCO3(s)
BaO(s)  CO2(g)


2n - 1 - 1 15.35 (a) Cl Be Cl Mg2 2 Cl ;


t 1/2/t 3/4 = a b
(4/3)n - 1 - 1 MgCl2 ionico; BeCl2 un composto molecolare; (b) 180; (c) sp.
C34 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

15.37 4 Al3(fuso)  6 O2(fuso)  3 C(s, gr) : 4 Al(s)  3 CO2(g). 15.75 (a) 1; (b) 4; (c) 7; (d) 5.
15.39 (a) B2O3(s)  3 Mg(l)
2 B(s)  3 MgO(s); 15.77 (a) 4 KClO3(l)
3 KClO4(s)  KCl(s);
(b) 2 Al(s)  3 Cl2(g) : 2 AlCl3(s); (c) 4Al(s)  3 O2(g) : 2 Al2O3(s). (b) Br2(l)  H2O(l) : HBrO(aq)  HBr(aq);
15.41 Gli atomi H a ponte e i gli atomi B tetracoordinati hanno carica for- (c) NaCl(s)  H2SO4(aq) : NaHSO4(aq)  HCl(g);
male 1; gli atomi H terminali e gli atomi H tricoordinati hanno carica for- (d) (a) e (b) sono reazioni redox; (c) una reazione acido-base di Brnsted.
male 0. 15.79 (a) HClO  HClO2  HClO3  HClO4.
H (b) Il numero di ossidazione di Cl aumenta di 7, per cui HClO4 sar lagente
ossidante pi forte.
HBH 15.81 Cl O Cl , AX2E2, angolare, circa 109. Langolo effettivo di
H H
110,9.
B B 15.83 (a) In ICl5 ci sono molti atomi di cloro fortemente elettronegativi

H H legati allo iodio centrale. (b) IF2 ha un numero dispari di elettroni e di con-
H BH
seguenza una specie radicalica fortemente reattiva. (c) ClBr3 stericamente
H troppo affollato (troppi atomi voluminosi disposti attorno allatomo centrale).
15.85 (a) IF3; (b) 3 XeF2(g)  I2(g) : 2 IF3(s)  3 Xe(g).
15.43 GaBr4 ha geometria tetraedrica. 15.87 Essendo Ecell negativo, Cl2(g) non ossider Mn2 per formare lo ione
 permanganato in soluzione acida.
Br 15.89 0,117 molL1.
15.91 7,59  103 kJ di calore rilasciato.
Br Ga Br 15.93 In alcune localit, soprattutto del Messico, lelio un componente

Br del gas naturale presente sotto le formazioni rocciose. Largon si ottiene per
distillazione dellaria liquida.
15.45 Il silicio abbondantemente diffuso nella crosta terrestre in forma di 15.95 (a) 2; (b) 6; (c) 4; (d) 6.
silicati nelle rocce e di biossido di silicio nella sabbia. E ottenuto dalla quar- 15.97 XeF4(aq)  4 H(aq)  4 e : Xe(g)  4 HF(aq).
zite, una forma del quarzo (SiO2), secondo il seguente processo: (1) riduzione 15.99 Si prevede che H4XeO6 sia pi acido di H2XeO4 avendo un maggior
in fornace ad arco elettrico, SiO2(s)  2 C(s) : Si(s, grezzo)  2 CO(g). numero di atomi di ossigeno fortemente elettronegativi legati a Xe.
(2) Purificazione del prodotto grezzo in due stadi, Si(s, grezzo)  2 Cl2(g) : 15.101 (a)
SiCl4(l) seguito da riduzione con idrogeno a elemento puro, SiCl4(l)  2 H2(g) Gruppo 1
: Si(s, puro)  4 HCl(g). 2,7
15.47 (a) 4; (b) 4; (c) 4. 2,8
E (V)

15.49 (a) MgC2(s)  2 H2O(l) : C2H2(g)  Mg(OH)2(s) (acido-base); (b) 2,9


2 Pb(NO3)2(s) : 2 PbO(s)  4 NO2(g)  O2(g) (redox).
3,0
15.51 Hr  689,88 kJmol1; Sr  360, 85 Jmol1; Gr  582,29
kJmol1; 1912 K. 3,1
15.53 3: NH3, Li3N, LiNH2, NH2; 2: H2NNH2; 1: N2H2, NH2OH; Li Na K Rb Cs
0: N2; 1: N2O, N2F2;  2NO; 3: NF3, NO2, NO; 4: NO2, N2O4; 5:
HNO3, NO3; NO2F.
15.55 CO(NH2)2(aq)  2 H2O(l) : (NH4)2CO3(aq); 6,4 kg.
15.57 (a) 0,35 L; (b) volume maggiore. (c) Le azidi metalliche sono otti- 1,8 Gruppo 2
mi esplosivi perch lo ione azide termodinamicamente instabile rispetto alla
2,0
produzione di N2(g), essendo il triplo legame NN molto forte ed essendo la
2,2
E (V)

produzione di un gas entropicamente favorita.


15.59 N2O; H2N2O2; N2O(g)  H2O(l) : H2N2O2(aq) 2,4
N2O3, HNO2; N2O3(g)  H2O(l) : 2 HNO2(aq) 2,6
N2O5, HNO3; N2O5(g)  H2O(l) : 2 HNO3(aq) 2,8
15.61 (a) Tra le molecole di ammoniaca (NH3) pu instaurasi il legame a 3,0
idrogeno, tra quelle di NF3 no. Be Mg Ca Sr Ba Ra
15.63 (a) 4 Li(s)  O2(g)
2 Li(s);
(b) 2 Na(s)  2 H2O(l) : 2 NaOH(aq)  H2(g);
(c) 2 F2(g)  2 H2O(l) : 4 HF(aq)  O2(g);
(d) 2 H2O(l) : O2(g)  4 H(aq)  4 e. (b) Per entrambi i gruppi, landamento dei potenziali standard mostra una
15.65 (a) 2 H2S(g)  3 O2(g)
2 SO2(aq)  2 H2O(g); diminuzione con laumentare del numero atomico (i valori diventano pi
(b) CaO(s)  H2O(l) : 2 Ca(OH)2(aq); negativi), il litio si discosta da questo andamento. La diminuzione genera-
300 C,Al 2O3 le ha senso giacch ci si aspetta che sia pi facile rimuovere un elettrone
(c) 2 H2S(g)  SO2(g) ---- 3 S(s)  2 H2O(l). pi distante dal nucleo. Tuttavia, poich la facilit con la quale si allontana
15.67 Lacqua e lammoniaca possiedono entrambe quattro gruppi legati un elettrone influenzata da diversi fattori, landamento non regolare. I
allatomo centrale, per cui hanno geometria elettronica (secondo il modello potenziali sono una combinazione delle energie libere di sublimazione dei
VSEPR) tetraedrica. H2O, tuttavia, ha due coppie elettroniche non condivise, solidi, di dissociazione delle molecole gassose, delle entalpie di ionizzazione
mentre NH3 ne possiede solo una, ci spiega il momento di dipolo pi elevato e delle entalpie di idratazione degli ioni gassosi. Le origini del forte potere
di H2O. riducente del litio risiedono nellenergia di idratazione fortemente esotermica
15.69 (a) H dello ione Li piccolissimo, che favorisce la ionizzazione dellelemento in
soluzione acquosa.
OO 15.103 Nella maggior parte delle sue reazioni lidrogeno agisce da riducente;
vale a dire H2(g) : 2 H(aq)  2 e, E  0 V. In queste reazioni lidrogeno
H assomiglia agli elementi del gruppo 1 quali Na e K. Tuttavia, come si dice
Langolo di legame previsto  109,5, il valore effettivo 97. nel testo, pu agire anche da agente ossidante, vale a dire H2(g)  2 e :
(b) Cu e (c) Mn2 si ossideranno. 2 H(aq), E  2,25 V, assomigliando in questo comportamento agli ele-
15.71 13,11 (13,12 non trascurando Ka2). menti del gruppo 17 come Cl e Br. Ne consegue che H2 ossider gli elementi
15.73 Lacido tanto pi forte quanto pi debole risulta il legame HX. Il aventi un potenziale standard di riduzione pi negativo di 2,25 V, come
legame pi debole presente in H2Te, il pi forte in H2O. La forza degli acidi i metalli alcalini e alcalino terrosi (a eccezione di Be), formando idruri che
segue quindi lordine H2Te H2Se H2S H2O. contengono lo ione H, ossia lo ione dotato di carica negativa unitaria somi-
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C35

gliante a un alogenuro. Lidrogeno forma anche molecole biatomiche e lega- relative differenti. Vi sono quindi due possibilit per il diagramma energetico
mi covalenti come gli alogeni. Il raggio atomico di H 78 pm, valore che si degli orbitali molecolari:
confronta abbastanza bene con quello di F (64 pm) ma non altrettanto bene
con quello di Li (157 pm). Lenergia di ionizzazione di H 1310 kJmol1, 2p * 2p*
simile a quella di F (1680 kJmol1) ma non a quella di Li (519 kJmol1). 2p* 2p*
Laffinit elettronica di H 73 kJmol1, quella di F 328 kJmol1 e
quella di Li 60 kJmol1. Pertanto, per il raggio atomico e lenergia di ioniz- 2p 2p 2p 2p
2p 2p
zazione, H assomiglia molto di pi allalogeno del periodo 2, il fluoro del
2p 2p
gruppo 17, che non al metallo alcalino dello stesso periodo, vale a dire al litio
del gruppo 1, mentre per laffinit elettronica vero il contrario. Per quanto
concerne lelettronegativit, H non assomiglia n agli elementi del gruppo 1 2s * 2s *
n agli elementi del gruppo 17, anche se il valore leggermente pi vicino a
2s 2s 2s 2s
quelli del gruppo 1. Per quanto detto, lidrogeno si pu collocare tanto nel
gruppo 1 quanto nel gruppo 17. Tuttavia, meglio pensare allidrogeno come N 2s O N 2s O
a un elemento unico avente propriet simili a quelle dei metalli e dei non
metalli e collocarlo nella tavola periodica in posizione centrale, come nella NO NO
tavola riportata nel testo. (utilizzando il diagramma (utilizzando il diagramma
15.105 0,0538 molL1. MO di N) MO di O)
15.107 I gas (a), (b), (c) e (d) possono tutti agire da gas serra, mentre (e) no,
(b) I due diagrammi orbitalici prevedono entrambi lo stesso ordine di legame
largon monoatomico.
(3) e le stesse propriet magnetiche (diamagnetismo), quindi tali propriet non
15.109 Lottano produce pi CO2 a litro bruciato. Si deve anche considerare
si possono sfruttare per stabile quale dei due diagrammi corretto. Bisogna
quanta energia viene prodotta a litro di combustibile bruciato.
stabilirlo sulla base di misure spettroscopiche pi sofisticate.
15.111 (a) Il diborano, B2H6, e Al2Cl6(g) hanno la stessa struttura di base in
15.129 (a) Nube: [NO]  860 ppt e [NO2]  250 ppt; aria pulita: [NO]
relazione alla disposizione degli atomi nello spazio. (b) Il legame tra gli atomi di
 480 ppt e [NO2]  260 ppt; (b) Nubi. (c) Oltre alle emissioni dei motori
boro e gli atomi di idrogeno che fanno da ponte carente di elettroni. Ci sono
degli aeroplani e delle automobili, lNO si origina anche quando NO2 si discio-
tre atomi e solo due elettroni per tenerli insieme in un legame detto a tre centri
glie in acqua. Come risultato, nelle nubi, che contengono vapore acqueo, ci si
e due elettroni. In Al2Cl6 il legame convenzionale in quanto ogni legame
coinvolge due atomi e due elettroni. Qui la coppia solitaria di Cl donata a un aspetta di trovare pi NO e meno NO2. (d) Acido nitroso: O N O H.
atomo Al adiacente. (c) Per B e Al libridizzazione sp 3. (d) Le molecole non (e) Lacido nitroso dovrebbe essere pi stabile di NO o del radicale ossidrile poich
sono piane. Lelemento del gruppo 13 e gli atomi terminali cui legato giac- queste specie, contrariamente allacido nitroso, hanno entrambe elettroni spaiati.
ciono in un piano perpendicolare al piano che contiene lelemento del gruppo (f) Un meccanismo possibile che si accorda con la legge cinetica osservata :
principale e gli atomi a ponte. stadio 1: NO  O3 : NO2  O2 (lento)
15.113 (a) Molecola(g) : Molecola(g)  e(g). (b) SiI4 ha pi elettroni di stadio 2: NO2  O : NO  O2 (veloce)
SiCl4; I anche meno elettronegativo e pi voluminoso (quindi pi polarizza- (g) 7,56  1029 molecolecm3s1.
bile) di Cl. Come conseguenza, rimuovere un elettrone da SiI4 dovrebbe essere
pi facile, a significare che lenergia di ionizzazione di SiCl4 dovrebbe essere pi Capitolo 16
elevata. 16.1 Gli elementi a sinistra nel blocco d hanno potenziali standard forte-
15.115 (a) Specie a 10 elettroni: NH3 e H3O. Specie a 15 elettroni: NO e mente negativi.
O2. Specie a 22 elettroni: N2O e NO2. (b) H3O, NO e NO2. (c) NH3, 16.3 (a) Ti. (b) Per via della contrazione lantanidica, hanno dimensioni
NO e N2O. circa uguali. (c) Ta. (d)Ir.
15.117 Per via del minor legame a idrogeno, lacido tiosolforico dovrebbe 16.5 (a) Fe; (b) Cu; (c) Pt; (d) Pd; (e) Ta.
essere meno acido e avere un punto di ebollizione pi basso. 16.7 Hg molto meno denso di Cd, perch la contrazione del raggio ato-
15.119 337,9 g. mico che si verifica tra Z  58 e Z  71 (contrazione lantanidica) fa s che gli
15.121 Pi forte; (a) ione-ione; pi debole: (d) dipolo-dipolo. atomi che seguono le terre rare siano pi piccoli di quanto prevedibile in base
1
15.123 (a) , AX2, lineare, 180; (b) F, 133 pm; N3, 148 alla massa atomica e al numero atomico. Zn e Cd hanno densit non molto dis-
simili, perch il raggio di Cd risente solo di una minor contrazione allinterno
pm; Cl, 181 pm; quindi, tra fluoro e cloro. (c) HCl, HBr e HI sono tutti acidi del blocco d.
forti. Per HF, Ka  3,5  104, ne viene che HF leggermente pi acido di 16.9 (a) Discendendo lungo un gruppo del blocco d (ad esempio, da Cr a
HN3. Le piccole dimensioni dello ione azide suggeriscono che il legame HH Mo a W), aumenta la probabilit di rinvenire gli elementi in stati di ossidazione
in HN3 abbia forza simile a quella del legame HF, per cui si prevede che sia superiori. In altri termini, gli stati di ossidazione superiori diventano pi stabili
un acido debole. (d) Ionici: NaN3, Pb(N3)2, AgN3, ecc; covalenti: HN3, B(N3)3, scendendo lungo un gruppo. (b) Per gli elementi del blocco p si osserva un an-
FN3 ecc. damento inverso. Per via delleffetto della coppia inerte, gli stati di ossidazione
15.125 La solubilit degli alogenuri ionici dipende da vari fattori, in par- superiori sono tendenzialmente meno stabili discendendo lungo un gruppo.
ticolare dallenergia reticolare e dallentalpia di idratazione. Vi un delicato 16.11 Per Cr lo stato di ossidazione pi stabile 6.
bilancio tra i due fattori, con lenergia reticolare che in genere gioca un ruolo
16.13 (a) TiCl4(g)  2 Mg(l)

Ti(s)  2 MgCl2(s);
determinante. Lentalpia reticolare diminuisce dal cloruro allo ioduro, per cui
le molecole dacqua possono separare pi facilmente gli ioni del reticolo. Gli (b) CoCO3(s)  HNO3(aq) : Co2(aq)  HCO3(aq)  NO3(aq)
alogenuri meno ionici, come gli alogenuri dargento, hanno in genere solubi- (c) V2O5(s)  5 Ca(s)
2 V(s)  5 CaO(s).
lit pi basse con un andamento rovesciato rispetto a quello degli alogenuri 16.15 (a) Ossido di titanio(IV), TiO2; (b) ossido di ferro(III), Fe2O3; (c)
maggiormente ionici. Per gli alogenuri meno ionici, il carattere covalente del ossido di manganese(IV), MnO2; (d) cromito di ferro(II), FeCr2O4..
legame fa s che le coppie ioniche persistano in acqua. Gli ioni sono meno fa- 16.17 (a) CO (b) Nelle zone D e C, 3 Fe2O3(s)  CO(g) : 2 Fe3O4(s) 
cilmente idratati e ci ne riduce la solubilit. La polarizzabilit degli alogenuri, CO2(g), Fe3O4(s)  CO(g) : 3 FeO(s)  CO2(g). Queste reazioni si combinano
e quindi il carattere covalente dei loro legami, aumenta scendendo lungo il per dare Fe2O3(s)  CO(g) : 2 FeO(s)  CO2(g). Nella zona B, Fe2O3(s) 
gruppo. 3 CO(g) : 2 Fe(s)  3 CO2(g), FeO(s)  CO(g) : Fe(s)  CO2(g). (c) Carbonio.
15.127 (a) Il diagramma degli orbitali moleocolari di NO dovrebbe pre- 16.19 (a) S; (b) no.
sentare gli orbitali dellossigeno leggermente pi in basso in energia rispetto a 16.21 (a) V2O5(s)  2 H3O(aq) : 2 VO2(aq)  3 H2O(l);
quelli dellazoto, essendo lossigeno pi elettronegativo. Ci conferisce al lega- (b) V2O5(s)  6 OH : 2 VO43  3 H2O(l).
me maggior carattere ionico rispetto a quello presente in N2 o O2. Vi tuttavia 16.23 Con il crescere del valore di n gli elettroni d e f divengono meno
unambiguit in quanto il diagramma degli orbitali molecolari dovrebbe asso- capaci di schermare nei confronti della carica nucleare gli elettroni esterni di
migliare a quello di N2 o a quello di O2. energia pi alta. Questa superiore carica nucleare effettiva rende pi difficile
Facendo riferimento alle figure 3.31 e 3.32, si vede che 2p e 2p hanno energie lossidazione dellatomo o dello ione metallici.
C36 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

16.25 (a) [Cr(OH2)6]3(aq) si comporta da acido di Brnsted: Cl 2


[Cr(OH2)6]3(aq)  H2O(l) :[Cr(OH2)5OH]2(aq)  H3O(aq). (b) Il
precipitato gelatinoso costituito da idrossido Cr(OH)3, e si discioglie come H3N NH3 Cl
complesso Cr(OH)4. Cr3(aq)  3 OH(aq) : Cr(OH)3(s) e Cr(OH)3(s)  Cr
OH(aq) : [Cr(OH)4](aq). H3N NH3 NO2
16.27 (a) Ione esacianoferrato(II), 2; (b) ione esammincobalto(III),
3; (c) ione aquapentacianocobaltato(III), 3; (d) ione pentamminsolfato- NH3
cobalto(III), 3.
16.29 (a) K3[Cr(CN)6]; (b) [Co(NH3)5(SO4)]Cl; (c) [Co(NH3)4(OH2)2]Br3; 16.43 (a) Chirale; (b) achirale.
(d) Na[Fe(OH2)2(C2O4)2]. 16.45 (a) 2; (b) 5; (c) 8; (d) 10; (e) 0 (o 8); (f ) 10.
16.31 (a) 3; (b) 1 o 2; (c) monodentato, 1; (d) 2. 16.47 (a) Ottaedrico; ligando a campo forte, 6 e, nessun elettrone spaiato.
16.33 (a) Solamente (b); in (a) e in (c) i gruppi amminici sono troppo di-
stanti per coordinarsi con uno stesso atomo metallico. e
16.35 (a) 4; (b) 2; (c) 6 (en bidentato); (d) 6 (EDTA esadentato).
3
16.37 (a) Isomeri di legame; (b) isomeri di ionizzazione; (c) isomeri di lega-
5 O
me; (d) isomeri di ionizzazione.
O
16.39 (a) S
 2
Cl 5 O
H3N NH3 t

Co ClH2O
H3N NH3 (b) Tetraedrico; ligando a campo debole, 8 e, due elettroni spaiati.

Cl
Cloruro di trans-tetraamminodiclorocobalto(III) t
2
5 T
monoidrato
e
T
 3
Cl
5 T
H3N NH3

Co ClH2O e

H3N Cl
(c) Ottaedrico, ligando a campo debole, 5 e, cinque elettroni spaiati.
NH3
Cloruro di cis-tetraamminodiclorocobalto(III)
monoidrato e
3
5 O
(b) no; (c) s
Cl NH3 O
Pt 2

5 O
Cl NH3 t
cis-Diamminodicloroplatino(II)
e (d) Ottaedrico, ligando a campo forte, 5 e, un elettrone spaiato.

Cl NH3
e
Pt 3
H3N Cl 5 O
O
trans-Diamminodicloroplatino(II)
2
16.41 Due isomeri di legame, un isomero di ionizzazione:
5 O
t
NO2 2

H3N NH3 16.49 (a) Nessuno; (b) due.


Cr 2Cl 16.51 I ligandi a campo debole non interagiscono fortemente con gli elet-
H3N NH3 troni d dello ione centrale, quindi danno luogo solo a una separazione piccola
del campo cristallino tra gli stati energetici degli elettroni d. Il contrario vale
NH3 per i ligandi a campo forte. Con i ligandi a campo debole gli elettroni spaiati ri-
mangono tali se vi sono orbitali incompleti, di conseguenza probabile che un
ONO 2 ligando a campo debole sfoci in un complesso ad alto spin. I ligandi a campo
forte inducono gli elettroni ad appaiarsi negli orbitali di energia inferiore, e per-
H3N NH3 tanto probabile che conducano a complessi a basso spin. Lordinamento dei
Cr 2Cl ligandi nella serie spettrochimica consente di distinguere tra ligandi a campo
H3N NH3 forte e ligandi a campo debole. La misura della suscettivit magnetica (parama-
gnetismo) pu servire a determinare il numero degli elettroni spaiati che, a sua
NH3 volta, stabilisce se il ligando associato rientra tra quelli a campo forte o debole.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C37

16.53 In entrambi i casi si osservano le differenze tra Fe3 (d 5) e Fe2 Br NH3


(d 6). Poich CN un ligando a campo forte, ci si aspetta che nel complesso
[Fe(CN)6]3 tutti gli elettroni d occupino gli orbitali energeticamente pi bassi Pt
t2g. La riduzione aggiunge un elettrone, facendo s che tutti gli elettroni siano H3N Br
appaiati e conferendo al complesso caratteristiche diamagnetiche:
trans-Diamminobromocloroplatino(II)
eg eg
(b) Se il composto fosse tetraedrico, esisterebbe una sola forma e non due.
t2g t2g 16.83 (a) Per aggiunta di AgNO3 il primo, [Ni(SO4)(en)2]Cl2, darebbe un
precipitato di AgCl; il secondo no. (b) Ossidato blandamente con Br2, il secon-
Daltro canto, Cl un ligando a campo debole; ci si aspetta che gli elettroni do, [NiCl2(en)2]I2, produrrebbe I2 libero, cosa che il primo non potrebbe fare.
d si distribuiscano sia negli orbitali t2g sia negli orbitali eg. La riduzione, con 16.85 (a) a a
laggiunta di un elettrone, ne appaia uno solo, per cui il composto continua a
essere paramagnetico:
a a a
[Mn(CN)6]4
[MnCl6]4
eg eg
16.85 (b) [MnCl6]4: cinque; [Mn(CN)6]4: uno. (c) I complessi di ligandi
t2g t2g a campo debole assorbono a lunghezze donda superiori, quindi [MnCl6]4
assorbe luce di lunghezza donda pi elevata.
16.55 (a) [CoF6]3 blu perch F un ligando a campo debole. (b) 16.87 Se per il complesso [CoCl2(NH3)4] la struttura prismatica fosse quel-
[Co(en)3]3 giallo perch il ligando en a campo forte. la reale, esisterebbero quattro possibili isomeri e non i due osservati (X 
16.57 573 nm, gialla. NH3):
16.59 (a) 0; (b) maggiore.
16.61 Gli orbitali 3d di Zn2 sono completi (d 10), per cui non si possono X X
verificare transizioni tra i livelli t ed e; ci vuol dire che non viene assorbita luce
Cl Cl
visibile, e che lo ione in soluzione acquosa risulta incolore. La configurazione Cl Co X Co
d 10 non ha elettroni spaiati, sicch i composti di Zn saranno diamagnetici e
non paramagnetici. X X X X
16.63 (a) 162 kJmol1; (b) 260 kJmol1; (c) 208 kJmol1; Cl  H2O 
NH3. X Cl
16.65 Linsieme eg, che comprende gli orbitali dx2y2 e dz2.
16.67 (a) Lo ione CN un ligando acido che accetta elettroni nellorbitale Cl X X Cl
* vuoto creato dal legame multiplo CN. (b) Lo ione Cl ha coppie solitarie
in pi (oltre a quella utilizzata per formare il legame con il metallo) quindi X Co X Co
pu agire da base , donando elettroni di un orbitale a un orbitale d vuoto Cl X
del metallo. (c) H2O, come Cl, ha una coppia solitaria in pi che pu donare a X Cl
un centro metallico, e questo ne fa una debole base . (d) Il ligando en non n X X
acido n base , in quanto non possiede orbitali antileganti di tipo vuoti n
coppie solitarie in pi da donare. (e) Cl  H2O  en  CN. Si noti che la 16.89 Nella soluzione acquosa la struttura di [Co(NH3)6]Cl3 corretta costi-
serie spettrochimica ordina i ligandi come basi  ligandi solo  accettori . tuita da quattro ioni, Co(NH3)63 e tre ioni Cl. Gli ioni cloruro si possono far
16.69 Non leganti o leggermente antileganti. In un complesso che dia luogo precipitare con facilit come AgCl, il che sarebbe impossibile se fossero legati
solo a legami linsieme degli orbitali t2g non legante. Se i ligandi possono agli altri ligandi (NH3). Nel caso che la struttura fosse Co(NH3NH3Cl)3
comportarsi da deboli donatori (quelli vicini al centro della serie spettrochi- la teoria VSEPR prevederebbe per lo ione Co3 lassetto triangolare. La sepa-
mica, come H2O), linsieme t2g diviene leggermente antilegante interagendo razione di energia degli orbitali d non sarebbe quella dellassetto ottaedrico e
con gli orbitali pieni dei ligandi. sfocerebbe in propriet spettroscopiche e magnetiche differenti, in disaccordo
16.71 Antileganti. Linsieme degli orbitali eg di uno ione metallico ottaedrico con le prove sperimentali. Per di pi non si osserverebbero isomeri ottici e
lo sempre, a causa delle interazioni con gli orbitali del ligando che danno vita geometrici.
ai legami Ci vale a prescindere dal fatto che i ligandi siano accettori , 16.91
donatori o n luna n laltra cosa. Si veda la figura 16.26. Rimuoviamo (mentalmente) i ligandi lungo lasse z.
16.73 Lacqua possiede due coppie solitarie e, quando se ne utilizza una per Dalla forma degli orbitali atomici e dalla loro orientazione rispetto agli assi x, y
formare il legame con lo ione metallico, laltra pu servire a formare un lega- e z, chiaro che lorbitale che dar la massima sovrapposizione, e quindi la mas-
me . Questultimo fa s che linsieme t2g di orbitali aumenti di energia, renden- sima repulsione, dai lignadi disposti nel piano xy sar dx2y2. Segue nellordine
do minore O; pertanto lacqua risulta ligando a campo debole. Lammoniaca lorbitale dxy, quindi dz2 e, per finire, le repulsioni pi deboli sono quelle tra dxz
non possiede coppie solitarie in pi e, di conseguenza, non pu agire da ligando e dyz. Quindi il diagramma dei livelli energetici sar (schematicamente):
donatore .
16.75 Il colore verde suggerisce la presenza di cromo o di rame, ma la so- dx2  y2
luzione blu che si forma disciogliendo il minerale in acido solforico depone a
favore del rame (CuSO4 blu). Il gas incolore, che si forma per riscaldamento o dxy
per trattamento con acido, biossido di carbonio; una prova fornita dal pas-
saggio del gas in acqua di calce (il colore bianco latte dovuto alla formazione E
del carbonato di calcio). Con tutta probabilit il minerale carbonato basico di dz2
rame (Cu2CO3(OH)2).
16.77 (a) 3; (b) 2 V2O5(s)  8 C(s) : V4C3(s)  5 CO2(g). dxz dyz
16.79 3,6  1031.
16.81 (a) [PtBrCl(NH3)2]
Nel diagramma si applica il principio di Aufbau per uno ione d 8 (Pd2). La
Br NH3
separazione energetica tra gli orbitali dx2y2 e dxy determina se vi saranno o meno
Pt elettroni spaiati.
16.93 La configurazione elettronica prevista per Ni2 [Ar]3d 8. Per esse-
Br NH3 re privo di elettroni spaiati, questo complesso deve presentare una geometria
cis-Diamminobromocloroplatino(II) elettronica quadrata, poich sia la geometria ottaedrica sia la geometria te-
C38 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

traedrica comportano due elettroni spaiati per una specie d 8, mentre quella 17.15 , 235 92
U : 42  231 90
Th; , 231 90
Th : 10e  231 91
Pa;
quadrata no. , 231
91
Pa : 4
2
 227
89
Ac; , 227
89
Ac : 0
1
e  227 90
Th,
, 227
90
Th : 42  223 88
Ra, , 223 88
Ra : 42  219 86
Rn,
a a a a , 219
86
Rn : 42 215 84
Po; , 21584
Po : 10e  215 85
At, , 215 85
At : 42
211
83
Bi; , 211
83
Bi : 0
1
e  211
84
Po, , 211
84
Po : 4
2
 207
82
Pb.
17.17 (a) 147N  42 : 178O  11p; (b) 248 96
Cm  10n : 249 97
Bk  10e;
(c) 95Am  0n : 96Cm  1e  g; (d) 6C  10n : 146C  g.
243 1 244 0 13

17.19 (a) 20 10
Ne  42 : 84Be  168O; (b) 20 10
Ne  20 10
Ne : 24 12
Mg  168O; (c) 44
20
Ca
Complesso ottaedrico d 8 Complesso tetraedrico d 8  42 : 48 Ti  g; (d) 27
Al  2
H : 28
Al  1
p.
22 13 1 13 1
17.21 56 29
Fe  6 10n : 62 26
Fe : 62 32
Ge  6 10e
17.23 (a) 147N  42 : 178O  11p; (b) 239 94
Pu  10n : 240 95
Am  10e.
17.25 (a) Umbiesium, Ubh; (b) untriesium, Uth; (c) binilnilium, Bnn.
17.27 1,4  105 Ci.
17.29 (a) 9,2  104 Bq; (b) 5,3  1012 Bq; (c) 2,7  108 Bq.
17.31 75 rad, 75 rem, 0,75 Sv.
17.33 100 d.
17.35 (a) 5,64  102 a1; (b) 0,83 s1; (c) 0,0693 min1.
17.37 8,8 h.
17.39 (a) 69,6%; (b) 50,9%.
17.41 9,29  108 a.
Complesso piano d 8 17.43 3,54  103 a.
17.45 (a) 9,9  104 Ci; (b) 0,28 Ci; (c) 0,40 Ci.
16.95 Poich NH3 un ligando a campo forte, (O grande) e lacqua un ligan- 17.47 400 min.
do a campo debole (O piccola), ci si aspetta che tra i complessi [Co(NH3)6]2 e 17.49 26,4%.
17.51 [X] = [X] 0 e - k 1t , 3Y 4 =
k1
[Co(OH2)6]2 quello esaamminico assorba a lunghezza donda pi corta e quin- (e - k 1t - e - k 2t )[X] 0 ,
di trasmetta luce di lunghezza donda superiore rispetto al complesso esaaquo. k2 - k1
(e - k 1t - e - k 2t )[X] 0 b
[CoCl4]2 un complesso tetraedrico, e poich t molto pi piccola di O si k1
[Z] = [X] 0 - a[X] 0e - k 1t +
prevede che questo complesso assorba alla lunghezza donda massima tra i tre e k2 - k1
quindi trasmetta luce alla lunghezza pi corta. Sulla base di queste considerazioni, k 1 e - k 2t - k 2 e - k 1t
[Co(NH3)6]2 giallo, [Co(OH2)6]2 rosa e [CoCl4]2 blu. = [X] 0 a 1 + b , k 1 = 0,0253 d 1, k 2 = 0,0371 d 1.
k2 - k1
16.97 (a) [Co(NH3)5OH2]Cl3, cloruro di pentaamminoaquacobalto(III);
(b) [CoCl(NH3)5]Cl2, cloruro di pentaamminoclorocobalto(III). Il grafico presuppone [X]0  2,00 g.
16.99 (a) Bipiramide triangolare. (b) 1. (c) Sono possibili sei isomeri.
2,0
PPh3 CO CO

OC Ph3P Ph3P 1,5


Ir Cl Ir PPh3 Ir PPh3

OC Cl CO

m (grammi)

PPh3 CO Cl X (g)
1,0 Y (g)
CO CO Cl Z (g)
Cl OC OC 0,5
Ir PPh3 Ir PPh3 Ir PPh3

OC Cl OC

PPh3 PPh3 PPh3 0,0
0 25 50 75 100 125 150
Immagini speculari non sovrapponibili t (giorni)
16.101 2  106. 17.53 Usando per la reazione H218O si pu seguire il tracciante. Una volta
16.103 15,12 mL. separati i prodotti, si pu far uso della spettroscopia vibrazionale o della spet-
trometria di massa per stabilire se il prodotto ha incorporato il 18O. Ad esem-
Capitolo 17 pio, se il metanolo termina con lossigeno proveniente dalla molecola dacqua,
17.1 (a) 3,22  1020 Hz, 9,35  1013 m; (b) 3,97  1020 Hz, 7,56  allora la sua massa sar di 34 gmol1, contro i 32 gmol1 validi per il metano-
1013 m; (c) 2,66  1020 Hz, 1,13  1012 m. lo quando gli elementi sono presenti secondo labbondanza isotopica naturale.
17.3 39
18
Ar e 41
20
Ar 17.55 La frequenza vibrazionale del legame CD diminuirebbe.
17.5 (a) 31T : 10e  32He; (b) 83 39
Y : 10e  83 38
Sr; 17.57 44,4 d.
(c) 87
36
Kr : 1
0
e  87
37
Rb; (d) 225
91
Pa : 4
2
 221 89
Ac. 17.59 (a) 9,0  1013 J; (b) 8,20  1014 J; (c) 90 J; (d) 1,51  1010 J.
17.7 (a) 85B : 01e  84Be; (b) 63 28
Ni : 10e  63 29
Cu; 17.61 4,3  109 kgs1.
(c) 185
79
Au : 4
2
 181
77
Ir; (d) 7
4
Be  0
1
e : 73Li. 17.63 (a) 1,41  1012 Jnucleone1; (b) 1,21  1012 Jnucleone1; (c) 1,8
17.9 (a) 24
11
Na : 10e  24 12
Mg; viene emessa una particella ;  1013 Jnucleone1; (d) 4,3  1013 Jnucleone1. (e) 62Ni.
(b) 128
50
Sn : 1
0
e  128 51
Sb; viene emessa una particella ; 17.65 (a) 7,8  1010 Jg1; (b) 3,52  1011 Jg1; (c) 2,09  1011
(c) 140
57
La : 01e  140 56
Ba; viene emesso un positrone (); Jg1; (d) 3,36  1011 Jg1.
(d) 228
90
Th : 4
2
 224
88
Ra; viene emessa una particella . 17.67 (a) 24 11
Na : 2412
Mg  10e; (b) 8,85  1013 J; (c) 3,69  1014
17.11 (a) 115B  42 : 2 10n  137N; (b) 35 17
Cl  21D : 10n  3618
Ar; Jnucleone1.
(c) 96
42
Mo  21D : 10n  97 43
Tc; (d) 4521
Sc  10n : 42  49 19
K. 17.69 (a) 244 95
Am : 13453
I  107
42
Mo  3 10n; (b) 235
92
U  10n : 96
40
Zr  138
52
Te  2
17.13 (a) Disintegrazione 68 29
Cu : 10e  68 30
Zn; 1
0
n; (c) 235
92
U  1
0
n : 101
42
Mo  132
50
Sn  3 1
0
n.
(b) disintegrazione , 103 48
Cd : 10n  103 47
Ag; 17.71 (a) Falso; la dose equivalente maggiore o uguale alla dose effettiva,
(c) disintegrazione , 243 97
Bk : 24  239 95
Am; per via del fattore Q. (b) Falso; 1,8  108 Bq  0,003 Ci, molto meno di 10
(d) disintegrazione , 105Db : 24  256
260
103
Lr. Ci; (c) vero; (d) vero.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C39

17.73 (a) 9 dpm; (b) 7  105 disintegrazioni. 18.13 (a) 4-Metil-2-pentene; (b) 2,3-dimetil-2-fenilpentano.
17.75 (a) 3,4  108 pCiL1; (b) 1,1  1019 atomi; (c) 1  102 giorni. 18.15 (a) CH2CHCH(CH3)CH2CH3;
17.77 (a) 4,5 Ga; (b) 3,8 Ga. (b) CH3CH2C(CH3)2CH(CH2CH3)(CH2)2CH3;
17.79 (a) 1,3  105 s1; 0,63 d; 0,22 mg. (c) HCC(CH2)2C(CH3)3;
17.81 (a) Per i procedimenti diagnostici rivelatori del tumore la radiazione (d) CH3CH(CH3)CH(CH2CH3)CH(CH3)2.
ha la massima efficacia perch meno distruttiva. I raggi attraversano fa- 18.17
cilmente i tessuti organici e possono essere contati, mentre le particelle e (a) H H H CH3 H H H H H
ne vengono arrestate. (b) Le particelle si lasciano preferire ai fini terapeutici
perch sono massimamente distruttive. (c) e (d) 131I, 8 d (usato per ottenere
H C C C C C C C C C H
limmagine della tiroide); 67Ga, 78 h (utilizzato il pi delle volte come com-
plesso citrato); 99mTc, 6 h (usato per diversi tessuti organici, variando i ligandi
congiunti con latomo Tc). H H H CH3 H H H H H
17.83 (a) 98 42
Mo  10n : 99
42
Mo : 99m
43
Tc  10
17.85 Per realizzare un piccolo ordigno nucleare, necessaria quella che si (b) CH3
definisce massa critica del materiale radioattivo; si tratta della minima quan-
tit del materiale necessaria per realizzare la fissione spontanea, processo che

H H CH2 H H H H H
consente allordigno di esplodere. Per il plutonio, la massa critica di circa 17
kg, grossomodo corrispondenti alla massa di un bambino di tre anni. Il pluto-

HC
C C C C C C C C C H
nio, tuttavia, molto denso, per cui le dimensioni effettive della massa critica
sono pari a quelle di un pompelmo.
17.87 0,26 L. H CH2 CH2 H H H H H
17.89 1,637 42  1013 J.
17.91 (a) 262 dpm; (b) 1,18  104 Ci. CH2 CH3
17.93 (a) 9%, 13%; (b) 0,47 Ci; (c) 51,4; (d) 0,17; (e) approssimativamen-
te 0%.

CH3

Capitolo 18 (c)
H CH3 H CH3 H
18.1 (a) H

H


H C C C C C H

HC C
CCH

H H H CH H H H
3
Alchino
(d) H3C CH2 H

(b) H H H H CC

H CH2 CH3
HC C C C H

H H H H 18.19 (a)

Alcano (b) (c)

(c) H H

HCC CC H 18.21 (a) Eseni:
CH CH
H H H H
Alchene CH2 CH2 CH2 CH2 CH2 CH3
H3C CH2 CH
H3C
(d) H H H
1-Esene cis-2-Esene
HCCCCC
CCH
CH3 H3C CH CH CH3
H H H H H CH2 CH2
H3C CH CH
Alchene e alchino
CH2 CH2
(e) H H H trans-2-Esene cis-3-Esene
H H

CC CC C CH2 CH CH3

H H H3C CH CH2
H
trans-3-Esene
Alchene
18.3 (a) (CH3)3CH o C4H10, alcano; (b) C6H7CH3 o C7H10, alchene; (c) Penteni
C6H12, alcano; (d) C6H12, alcano. H3C CH2 CH2 CH3
18.5 (a) C12H26, alcano; (b) C13H20, alchene; (c) C7H14, alcano; (d) C14H8, CH CH
idrocarburo aromatico. CH
H3C CH2
18.7 (a) Propano; (b) butano; (c) eptano; (d) decano.
CH3 CH2 CH
18.9 (a) Metile; (b) pentile; (c) propile, (d) esile.
18.11 (a) Propano; (b) etano; (c) pentano; (d) 2,3-dimetilbutano. 4-Metil-1-pentene 3-Metil-1-pentene
C40 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

CH2 CH3 H H
H3C CH2
CH2 C CH C
H
CH3 H3C CH2 CH3 H CH2 CH2 CH3
2-Metil-1-pentene 2-Metil-2-pentene

H3C CH CH H

C CH H3C HC CH3 Propilciclopropano

H3C CH2 CH3 CH3 H H


cis-3-Metil-2-pentene cis-4-Metil-2-pentene H CH3
( isomero trans) ( isomero trans) CH3
H


Buteni H HC H


CH3 H CH2 CH3
H3C CH3 H3C CH
2
C CH2 CH C H

H3C CH H3C CH3 Isopropilciclopropano H
3,3-Dimetil-1-butene 2,3-Dimetil-1-butene o 2-ciclopropilpropano 1-Etil-1-metilciclopropano

H3C CH H CH3 H3C H


3
CC

H3C CH3
H H
2,3-Dimetil-2-butene H H H H
(b) Molecole cicliche:
CH3 H2C CH3 H2C CH3
trans-1-Etil-2-metilciclopropano
(immagini speculari non sovrapponibili)
Cicloesano Metilciclopentano
H CH3 H3C H
CH3
CH2
CH3 CH3 H H
H CH3 H3C H

Etilciclobutano 1,1-Dimetilciclobutano CH3 CH3


Le strutture seguenti tendono a mettere in evidenza la stereochimica: 1,1,2-Trimetilciclopropano
(immagini speculari non sovrapponibili)
H CH3
CH3 H CH3 H3C H
H CH3 CH3
H
H CH2 CH2
H H H H H H
cis-1,2-Dimetilciclobutano

H H H H
CH3 H3C
H cis-1-Etil-2-metilciclopropano
H H H (immagini speculari non sovrapponibili)
H H
H H H3C CH3 H3C CH3
H CH3 H3C H
trans-1,2-Dimetilciclobutano
(immagini speculari non sovrapponibili) CH3 H
H H H H
H3C H H3C H
H H H CH3 H CH3
H H 1,2,3-Trimetilciclopropano 1,2,3-Trimetilciclopropano
H H (isomero tutto cis) (isomero cis-trans)
H CH3 H H 18.23 (a) Non isomeri; (b) isomeri di struttura; (c) isomeri geometrici; (d)
trans-1,3-Dimetilciclobutano cis-1,3-Dimetilciclobutano non isomeri, solo viste differenti della stessa molecola.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C41

18.25 (a) H 18.37 Cl Cl H Cl



CC CC
H3C C CH3
H CH3 Cl CH3
CH3 cis-1,2-Dicloropropene trans-1,2-Dicloropropene
Il cis-1,2-dicloropropene polare; il trans-1,2-dicloropropene lo anchesso,
(b) Cl Cl H sebbene leggermente.
18.39 (a) H H Br H H
H3C C CH3 H2C C CH3
H C C C C C H
CH3
CH3 H H H H H
18.27 Lasterisco (*) denota il carbonio chirale: 3-Bromopentano
(a) otticamente attivo,
H Br H H H
H
H C C C C C H
H3C C* CH2 CH3
H H H H H
Br 2-Bromopentano
(b) otticamente inattivo, (b) Reazione di addizione
H H 18.41 (a) C6H11Br  NaOCH2CH3 : C6H10  NaBr  HOCH2CH3
(b) H H
H H
Cl C C CH3 C

HC CH
Cl H  NaOCH2CH3 B
HC CH
(c) otticamente attivo, C
H H
Br Cl H H

H C C* CH3
H H
H H
H H C
HC C
(d) otticamente attivo  NaBr  HOCH2CH3
Cl Cl HC C
C
H H
H3C C C* CH2 CH2 CH3
H H
H H (c) Reazione di eliminazione.
18.29 La differenza riconducibile alle pi deboli forze di London che si 18.43 Quanto pi pesante lalogeno, tanto meno esotermica la reazione.
esercitano tra molecole ramificate. Gli atomi delle molecole ramificate adiacen- In generale la reattivit, cos come il pericolo che accompagna limpiego degli
ti non possono disporsi cos vicine come negli isomeri non ramificati. alogeni nelle reazioni, diminuisce discendendo per la tavola periodica.
18.31 Le equazioni bilanciate sono 18.45 (a) 1-Etil-3-metilbenzene. (b) Pentametilbenzene. (Anche
C3H8(g)  5 O2(g) : 3 CO2(g)  4 H2O(l) 1,2,3,4,5-pentametilbenzene giusto, ma poich esiste un unico possibile pen-
C4H10(g)  13/2 O2(g) : 4 CO2(g)  5 H2O(l) tametilbenzene, limpiego della notazione numerica superfluo.)
C5H12(g)  8 O2(g) : 5 CO2(g)  6 H2O(l) 18.47 (a) CH3 (b) CH3 (c) CH3
Le entalpie di combustione corrispondenti a tali reazioni sono riportate
nellAppendice 2:
(a) Entalpia di (b) Calore emesso,
Composto combustione, kJmol1 kJg1
Propano 2220 50,3
Butano 2878 49,5 CH3
Pentano 3537 49,0
Cl
Lentalpia molare di combustione aumenta con la massa molare, come pre-
vedibile, perch il numero di moli di CO2 e di H2O formate aumenta con il (d)
numero degli atomi di carbonio e di idrogeno presenti nei composti. Il calore
CH3
emesso a grammo da questi idrocarburi praticamente lo stesso, perch la pro-
porzione atomi H/atomi C simile nei tre idrocarburi.
18.33 Nove, nessuno dei quali isomero ottico.
18.35 (a) Quattro legami semplici di tipo ; (b) due legami semplici di tipo
e un doppio legame costituito da un legame e un legame ; (c) un legame
semplice di tipo e un triplo legame costituito da un legame e due legami .

Cl
C42 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

18.49 (a) CH3 18.51


  
N N N N
Cl Cl
C C C C
 

1,3-Dicloro-2-metilbenzene 
18.53 Si possono produrre due composti. La risonanza rende equivalenti le
CH3 posizioni 1, 4, 6 e 9, ma anche le posizioni 2, 3, 7 e 8. Le posizioni 5 e 10 sono
equivalenti ma non recano atomi H.
Cl E
9 1
8
10
2 E

7 3
5
Cl 6 4
1,4-Dicloro-2-metilbenzene 18.55 Questi idrocarburi sono eccessivamente volatili (tutti gas a temperatu-
ra ordinaria) e non rimarrebbero allo stato liquido.
CH3 18.57 CH2CHCH3(g)  CH3CH2CH2CH3(g) : CH3(CH2)5CH3.
18.59 (a) Sostituzione, CH4  Cl2 : CH3Cl  HCl; (b) addizione,
Cl CH2CH2  Br2 : CH2BrCH2Br.
18.61 Lacqua non utilizzata perch i reagenti apolari non si disciolgono fa-
cilmente in un solvente altamente polare come H2O. Inoltre lacqua reagirebbe
con letossido.
18.63 (a) CH3CH2CH3(g)  5 O2(g) : 3 CO2(g)  4 H2O(l); CHCH 
5 O2(g) : 2 CO2(g)  H2O(l
). (b) Propano: 46,35 kJg1; etino: 48,22 kJg1. (c) Letino rilascia pi
Cl calore a grammo e quindi la sua fiamma pi calda.
1,5-Dicloro-2-metilbenzene 18.65 (a) 2-Metil-1-propene, non vi sono isomeri geometrici; (b) cis-3-me-
til-2-pentene, trans-3-metil-2-pentene; (c) 1-esino, non vi sono isomeri geo-
CH3 metrici; (d) 3-esino, non vi sono isomeri geometrici; (e) 2-esino, non vi sono
isomeri geometrici.
18.67 (a) C10H18. (b) naftalene, . C10H8. (c) S. Sono possibili

le forme cis e trans (rispetto al legame CC in comune tra i due anelle a sei
termini).
Cl Cl H
H H
H H
H
H H
1,3-Dicloro-5-metilbenzene H
H
H
CH3
H H H H
H H
Cl
trans-Decalina
H H
H H
H H
Cl
H H
H

1,2-Dicloro-3-metilbenzene H H
H
H H
CH3 H
H
cis-Decalina
18.69 (a) 60. (b) Forte tensione angolare. (c) 1488 kJmol1. (d) Il ciclo-
propano rilascia pi calore per combustione perch, per via della forte tensione
Cl angolare, non una molecola stabile. I legami CC e CH del ciclopropano
non godono della stessa stabilit dei corrispondenti legami normali e quindi le
Cl loro entalpie di legame sono pi basse.
18.71 La formula empirica C4H9; la formula molecolare potrebbe essere
1,2-Dicloro-4-metilbenzene C8H18, che si accorda con quella generale degli alcani (CnH2n2). Non si tratta
di un alchene o di un alchino, perch non vi alcuna struttura di Lewis ragio-
(b) Tutte queste molecole sono almeno leggermente polari. nevole per un composto di formula C4H9 che contenga legami multipli.
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C43

18.73 (a) delle molecole conterr 12C. La massa di H 1,0078 mu. Alcuni picchi caratte-
ristici sono elencati nella tabella sottostante.

Formula del frammento Relazione con lo ione Massa (mu)


progenitore
C6H3 35Cl2(CH2CH3) P 174,00
C6H3 35Cl37Cl(CH2CH3) P 176,00
4-Etil-5-metilottano C6H3 37Cl2(CH2CH3) P 177,99
C6H3 35Cl(CH2CH3) P - Cl 139,03
C6H3 37Cl(CH2CH3) P - Cl 141,03
(b) C6H3 35Cl2(CH2) P - CH3 158,98
C6H3 35Cl37Cl(CH2) P - CH3 160,97
C6H3 37Cl2(CH2) P - CH3 162,97
3,5-Dimetilottano C6H3 35Cl2 P - CH3CH2 144,96
C6H3 35Cl37Cl P - CH3CH2 146,96
(c) C6H3 37Cl2 P - CH3CH2 148,96
C6H3 35Cl P - CH3CH2Cl 109,99
C6H3 37Cl P - CH3CH2Cl 111,99
ecc.

18.83 La presenza di un atomo Br produce negli ioni contenenti Br picchi


affiancati a distanza di due mu. Qualunque frammento contenga Br mostra
2,2,-Dimetil-4-etileptano questo doppietto, nel quale i picchi appaiono quasi (ma non esattamente)
della stessa intensit. Di conseguenza, quando manifesta doppietti siffatti lo
spettro di massa di un composto che notoriamente contiene Br o ha parteci-
(d) pato a una reazione nella quale sia stato addizionato o sottratto Br, lo spettro
costituisce un buon indizio della presenza di Br nel composto. Gli atomi Br si
rivelano anche facilmente nello spettro di massa a 79 e 81 mu, confermando
la propria presenza. Se presente pi di un atomo Br, si osserva unimmagine
pi complicata, a causa della presenza dei due isotopi. Le combinazioni pos-
sibili per una molecola di formula sconosciuta contenente due atomi Br sono
79
Br79Br, 79Br81Br, 81Br79Br e 81Br81Br. Ne consegue la comparsa di un insieme di
3-Etil-2,2-dimetilesano tre picchi (le due possibilit 79Br81Br e 81Br79Br hanno massa identica) che dif-
feriscono in massa di due unit. Il picco centrale, prodotto dalle combinazioni
79
18.75 Ciclopropano. Br81Br e 81Br79Br, avr intensit doppia rispetto ai due picchi esterni perch,
statisticamente, a produrre questa massa il doppio delle combinazioni. Tutti
18.77 Il gruppo NO2 orienta in meta e latomo di Br in orto-para. Essendo
gli spettrometri di massa moderni contengono programmi di simulazione spet-
la posizione para gi sostituita con il gruppo NO2, non avr luogo ulteriore
trale atti a calcolare rapidamente e stampare la distribuzione isotopica relativa
bromurazione. Le forme di risonanza mostrano che latomo di bromo attiva la
prevista per qualsiasi formulazione di composto, quindi si pu confrontare fa-
posizione orto, come prevedibile. Il gruppo NO2 disattiva la posizione orto,
cilmente il risultato sperimentale con la figura sperimentale di un particolare
quindi, di fatto, esaltando la reattivit della posizione meta. Questultima
ione.
orto rispetto allatomo Br, quindi gli effetti dei gruppi Br e NO2 si rinforzano a
18.85 C8H10 presenta un massimo di assorbimento alla lunghezza donda
vicenda. Vi da attendersi, perci, che la bromurazione abbia luogo come qui
maggiore. La teoria degli orbitali molecolari prevede che negli idrocarburi
si mostra:
coniugati (molecole contenenti una catena di atomi di carbonio con legami
semplici e doppi alterni) gli elettroni si delocalizzino e siano liberi di muoversi
Br lungo la catena carboniosa. Tali elettroni possono essere descritti con lausilio
O O
del modello della particella nella scatola presentato nel capitolo 1. In base a
N Br N Br esso, con lallungarsi della scatola nella quale gli elettroni sono ristretti, gli stati
quantizzati di energia a essi accessibili si ravvicinano. Il risultato che lenergia
O O
necessaria a eccitare un elettrone dallo stato fondamentale a quello immedia-
tamente superiore minore nelle scatole pi lunghe. In definitiva la molecola
C8H10 assorbe fotoni di minore energia (cio di maggiore lunghezza donda)
18.79 (a) e (b) H H CH3 H CH3 perch individua una scatola pi lunga di C6H8.
H
18.87 (a) C2H3; (b) C4H6
C C C* C* C C CH3
H CH3 H H H
(c)
(c) No.
18.81 Per una molecola come l1,2-dicloro-4-dietilbenzene, C6H3Cl2
(CH2CH3), 175,04 mu, relativamente semplice perdere atomi pesanti come il
cloro o gruppi di atomi come i frammenti metile ed etile. Le molecole possono
anche perdere atomi di idrogeno. In spettrometria di massa, con P si denota lo
ione progenitore, vale a dire lo ione originato dalla molecola prima che avvenga (d) I sei composti (ciclobutene); (e) C4H8Br2
qualsiasi processo di frammentazione. I frammenti si indicano con P  x, dove
x lo specifico frammento perso dallo ione progenitore per conseguire la massa
osservata. Poich lo spettro di massa misura la massa delle singole molecole, la
massa del carbonio sar 12,00 mu (per definizione) giacch la maggior parte
C44 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

(f ) Br (c) O
H2 H2
Br * C C C H
1,4-Dibromobutano Br Br H3C C C O
H2 H2
1,3-Dibromobutano
(d) H2C CH
*
Br CO

Br O
*
H
19.21 (a) Metilammina; (b) dietilammina; (c) o-metilanilina, 2-metilanili-
2,3- Dibromobutano na, o-metilfenilammina o 1-ammino-2-metilbenzene.
(g) Tutti gli atomi di carbonio sono ibridizzati sp 2. (b) trans- e cis-1,3-butadiene. 19.23 (a) NH2 (b) CH3CH2

CH3 N CH2CH3
Capitolo 19 CH3CH2
19.1 (a) RNH2, R2NH, R3N; (b) ROH; (c) RCOOH; (d) RCHO.
19.3 (a) Etere; (b) chetone; (c) ammina; (d) estere.
19.5 (a) 2-Iodo-2-butene; (b) 2,4-dicloro-4-metilesano; (c) 1,1,1-triiodoe-
tano; (d) diclorometano.
(c) 
19.7 (a) fenolo; CH3
Cl, C6H4Cl(OH)
H3C N CH3

CH3
OH 19.25 (a) e (c).
19.27 (a) Etanolo; (b) 2-ottanolo; (c) 5-metil-1-ottanolo. Queste reazio-
b) CH3CH(CH3)CH(OH)CH2CH3, alcol secondario; ni si possono effettuare con un ossidante come il bicromato di sodio acido,
(c) CH3CH2CH(CH3)CH2CH(CH3)CH2OH, alcol primario; Na2Cr2O7.
(d) CH3C(CH3)(OH)CH2CH3, alcol terziario. 19.29 (a) O
19.9 (a), CH3CH2OCH3; (b) CH3CH2OCH2CH2CH3; (c) CH3OCH3.
19.11 (a) Etere butilpropilico; (b) etere fenilmetilico; (c) etere pentilpropilico. CH3CH2CH2C CH3
19.13 (a) Aldeide, etanale; (b) chetone, propanone; (c) chetone, 3-pentanone.
O CH
19.15
(a) CH3
O
(b) O
Butanale
CH3C

(b) O O CH2CH2CH2CH2CH3

(c) O

CH3CH2CH2CH2CH2C
3-Esanone
NCH2CH3
(c)
O CH3

(d) O

CH3C
2-Eptanone
NHCH2CH2CH3
19.17 (a) Acido etanoico; (b) acido butanoico; (c) acido 2-amminoetanoico.
19.31 (a) Addizione; (b) condensazione; (c) addizione; (d) addizione; (e) conden-
19.19 (a) OH sazione.
19.33 Si pu ricorrere ai seguenti procedimenti: (1) disciogliere i composti
C
in acqua e usare un indicatore acido-base per rivelare il viraggio di colore.
O (2) CH3CH2CHO reagente di Tollens
CH3CH2COOH Ag(s)
reagente di Tollens
(b) Cl (3) CH3COCH3 nessuna reazione
H2 Il procedimento 1 distingue lacido etanoico; quelli 2 e 3 distinguono il propa-
C CH O nale dal 2-propanone.
H3C CH C 19.35 CH CH COOH  CH COOH  ClCH COOH  Cl CCOOH.
3 2 3 2 3
Quanto maggiore lelettronegativit dei gruppi legati al carbossile, tanto pi
CH3 O forte risulta lacido.
H 19.37 (a) CH2C(CH3)2CH2C(CH3)2CH2C(CH3)2
(b) CH CH2 CH CH2 CH CH2

CN CN CN
978-88-08-06139-3 Risposte agli esercizi C45

(c) H H H H H 19.61 (a) GTACTCAAT; (b) ACTTAACGT.


H
19.63 (a) C5H5N5O; (b) C6H12O6; (c) C3H7NO2.
C C C C H H H 19.65 (a) Alcol, etere, aldeide; (b) chetone, alchene; (c) ammina, ammide.
19.67 (a) CH3
H C C H C C C C
* O
CH3 H CH3 HH C C
CH3 H
Versione cis
*
H H (b) OH
CH3
H
H H3C C *
HHC *
H 3 C C C CH3 *
H3C C C C C *
H
C C C * *
H H H
C H H H O
H
H 19.69 H2
Versione trans C
CH2 *
C
19.39 HOOCC6H12COOH; NH2C6H4NH2. * H3C H
O CH N CH2
19.41 (a) ClCHCH2; (b) FClCCF2. *
CH *CH
19.43 (a) OCCONH(CH2)4NHCOCONH(CH2)4NH;
CH2
(b) OCCH(CH3)NHOCCH(CH3)NH. O C
19.45 Copolimero a blocchi.
19.47 I polimeri in genere non hanno masse molari definite poich il proces- (a) O CH3
so di allungamento della catena non si arresta per tutte le molecule allo stesso
punto. Larresto della crescita delle catene dovuto alla mancanza o alla scarsit O
delle specifiche unit monomeriche o alla mancanza di aggregati polimerici
pi piccoli adeguatemente orientati. In un certo senso, il polimero non un O H2
H2C C
composto puro, bens una miscela di composti simili che differiscono per la CH2
lunghezza della catena. Non vi quindi ma massa molare definita, bens una *CH
C
massa molare media. Non essendoci un unico composto, non vi un unico H2 O
punto di fusione, ma un intervallo di punti di fusione. CH
19.49 Aumentano tutte con laumentare della massa molare. *
O
19.51 Le catene altamente lineari, non ramificate permettono la massima in- O
terazione reciproca. Maggiori sono i contatti intermolecolari, pi intense sono
le forze tra le catene e maggiore la robustezza del materiale. (b) CH3
19.53 (a) O
19.71 (a) H H
C
HC N
NH
(b) ammide; (c) condensazione. H H
19.55 Serina, treonina, tirosina, acido aspartico, acido glutammico, lisina, Metilammina
arginina, istidina, asparagina e glutammina concorrono a determinare la strut-
tura terziaria delle proteine tramite i legami a idrogeno. Generalmente prolina O
e triptofano non contribuiscono con legami a idrogeno, perch si trovano nor-
malmente situati in regioni della proteina a carattere idrofobo. O C H
19.57 H3C CH3 H3C O
NH2
O
H C C Etere dimetilico Acido acetico
NH CH2 COOH (b) metilammina: 27,94 kJg1; etere dimetilico: 17,84 kJg1; acido aceti-
CH2 co: 11,36 kJg1; (c) etere dimetilico.
19.73 (a) H H H H

H C C O C C H

H H H H
Etere dietilico
OH
19.59 (a) I gruppi funzionali sono alcoli e aldeidi. (b) Gli atomi di carbonio (b) H H H H
chirali sono contrassegnati da un asterisco (*):
H H OH OH H C C C C OH

H H H H
OHC C * C * C * C * CH2OH
1-Butanolo
OH OH H H
C46 Risposte agli esercizi 978-88-08-06139-3

L1-butanolo in grado di stabilire legami a idrogeno con se stesso, mentre 19.89 CH3 CH3 CH3
letere dietilico non pu farlo; ne consegue che in fase liquida le molecole di
1-butanolo sono tenute insieme pi fortemente, e il punto di ebollizione della
O Si O Si O Si
sostanza pi alto. Entrambi i composti possono instaurare legami a idrogeno
con lacqua, sicch la solubilit in essa comparabile.
CH3 CH3 CH3
19.75 (a) O

CH2 O C (CH2)16CH3 19.91 (a) NH2

HC O C (CH2)16CH3

O
(b) sp 3. (c) sp 2. (d) Ciascun atomo N reca una coppia solitaria di elettroni. (e)
CH2 O C (CH2)16CH3 S, gli atomi N servono a trasportare la corrente, perch lorbitale non ibrido p
su ciascuno di essi fa parte della coniugazione estesa (legami delocalizzati)
(b) che permette il libero movimento degli elettroni lungo il polimero.
19.93 Si osservano due picchi di intensit relativa complessiva 3:1. Il picco
HO CHO maggiore dovuto ai tre protoni metilici e si scinde in due righe di uguale in-
tensit. Il picco minore dovuto al protone sul carbonio carbonilico e si separa
in quattro righe di intensit relativa 1:3:3:1.
19.77 (a) HOCH2CH2OH  2 CH3(CH2)16COOH : 19.95 I picchi dello spettro si possono assegnare in base allintensit e allac-
CH3(CH2)16COOCH2CH2OOC(CH2)16CH3  2 H2O; coppiamento con altri picchi. Gli atomi di idrogeno dellunit CH3 del gruppo
(b) 2 CH3CH2OH  HOOCCOOH : etile avranno intensit 3 e si scinderanno in un tripletto a opera dei due protoni
CH3CH2OOCCOOCH2CH3  2 H2O; dellunit CH2. Questo picco si registra a 1,2. Lunit CH2 avr intensit 2 e
(c) CH3CH2CH2CH2OH CH3CH2COOH si sdoppier in un quadrupletto a opera dei tre protoni del metile. Questo picco
CH3CH2COOCH2CH2CH2CH3 H2O si registra a 4,1. Il gruppo CH2 fa parte della funzione butile, perch sugli
atomi di carbonio adiacenti non vi sono protoni. Questo segnale si riscontra a
19.79 (a) 7180 gmol1. (b) 135. (c) 23,75 Torr. (d) La pressione osmotica
 2,1. I gruppi CH3 rimanenti si equivalgono e non manifestano accoppia-
della soluzione polimerica si misura facilmente mentre la pressione parziale di
mento. Li si pu attribuire al segnale a  1,0. Si noti che il picco a campo
H2O(g) varia meno dello 0,1% per aggiunta del polimero.
inferiore quello del gruppo CH2 legato direttamente allatomo di ossigeno
19.81 (a) La struttura primaria coincide con la sequenza degli amminoacidi
elettronegativo, e che il secondo picco a campo pi basso quello legato al
lungo la catena proteica. La struttura secondaria individua la conformazione
carbonile.
della proteina, ossia la maniera in cui la catena si avvolge e ripiega o si stratifica
19.97 2-Cloropropano.
per effetto delle interazioni tra gruppi ammidici e carbossilici. La struttura ter-
19.99 (a) 13C; (b) 1,11%. (c) La probabilit di trovare due nuclei 13C vicini
ziaria la forma nella quale sezioni della proteina si ritorcono e si intrecciano
molto piccola. Un nucleo 12C vicino a uno 13C non interagisce con il nucleo 13C
grazie alle interazioni tra i gruppi laterali degli amminoacidi. Se la proteina
perch 12C non possiede spin. Poich labbondanza naturale di 13C 1,11%, la
costituita da pi unit polipeptidiche, la maniera in cui tali unit aderiscono
probabilit di rinvenire due nuclei 13C adiacenti luno allaltro in una molecola
costituisce la struttura quaternaria. (b) La struttura primaria si basa su legami
organica 0,0111  0,0111  1,23  104. Sebbene laccoppiamento sia pos-
covalenti; quella secondaria stabilizzata da forze intermolecolari (tra catene,
sibile, in genere non osservato perch il segnale molto pi debole di quello
per esempio). Le strutture terziaria e quaternaria sono fissate dallinsieme di
emesso da molecole con un unico nucleo 13C. (d) Pu darsi. Dato che la mag-
forze di London, legami a idrogeno e alle volte interazioni ione-ione.
gior parte del carbonio al quale si legano i protoni costituita da 12C, il grosso
19.83 (a) H3NCH2COOH(aq)  H2O(l) : H3NCH2CO2(aq) 
del segnale non si sdoppier. I protoni legati agli atomi 13C si sdoppieranno,
H3O(aq); H3NCH2CO2(aq)  H2O(l) : H2NCH2CO2(aq)  H3O (aq)
ma questi protoni ammontano solo all1,11% del campione, per cui i picchi
(b) pKa1  2,35, pKa2  9,78
sono piccolissimi. I picchi derivanti dallaccoppiamento con una piccola per-
pH  2, H3NCH2COOH
centuale di un isotopo magneticamente attivo sono detti picchi satelliti e sono
pH  5, H3NCH2COO
osservabili negli spettri registrati con strumenti molto sensibili. (e) S. Anche
pH  12, H2NCH2COO
se la separazione dei protoni a opera di 13C pu non essere osservata, perch la
19.85 La polimerizzazione per condensazione si risolve nella perdita di una
quantit di 13C bassa, la situazione opposta non si verifica. Se un atomo 13C
piccola molecola, spesso acqua o HCl, allatto della combinazione dei monomeri.
legato ad atomi H, la maggior parte di questi ultimi avr uno spin, quindi
Il dacron pi lineare del polimero ottenuto dallacido benzen-1,2-bicarbossilico
latomo 13C manifester struttura fine dovuta allo sdoppiamento a opera degli
e dal glicole etilenico, per cui il dacron pu essere filato con maggiore facilit.
atomi H.
19.87
O O 19.101 (a) Uno. (b) Uno. (c) Uno. (d) Due. (e) La libera rotazione intorno
O
ai legami CC e CCl compensa gli effetti di contesto, sicch entrambi gli
atomi H di CH2 sono equivalenti e tali sono anche tutti e tre gli atomi H del
H2N CHC HN CHC HN CHC OH
CH3 ; risultano quindi solo due differenti segnali dellidrogeno.
CH2 CH2 CH2

CH2 CH  CH3 C O

C O CH3 OH

OH