Vous êtes sur la page 1sur 47

Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 7

PROGETTAZIONE STRUTTURALE

Guida Pratica all’Applicazione


del D.M. 14.01.08 e della Circ. C.S.LL.PP. 617/09

Marco Boscolo Bielo

I N D I C E

Capitolo 1 - PROGETTO, DIREZIONE LAVORI E COLLAUDO STATICO

1.1 INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
1.1.1 PRINCIPI FONDAMENTALI DEL D.M. 14.01.08 «NUOVE NORME TECNICHE
PER LE COSTRUZIONI» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

1.1.2 GLI STATI LIMITE E LA DURABILITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23


1.1.2.1 Gli Stati Limite Ultimi (SLU)
1.1.2.2 Gli Stati Limite di Esercizio (SLE)

1.1.3 MATERIALI E COMPONENTI STRUTTURALI: IL MANUALE DI INSTALLAZIONE


E DI MANUTENZIONE ........................................ 24

1.2 MATERIALI E PRODOTTI STRUTTURALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25


1.2.1 DEFINIZIONI PRELIMINARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
1.2.2 IDENTIFICAZIONE, QUALIFICAZIONE E ACCETTAZIONE DEI MATERIALI DA
COSTRUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28

1.3 REDAZIONE DEL PROGETTO STRUTTURALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29


1.3.1 CONTENUTI GENERALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.3.2 LA RELAZIONE DI CALCOLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
1.3.3 LA RELAZIONE SUI MATERIALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
1.3.4 GLI ELABORATI GRAFICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
1.3.5 I PARTICOLARI COSTRUTTIVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
1.3.6 IL PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
1.3.7 R ELAZIONI SPECIALISTICHE (R ELAZIONE G EOLOGICA , R ELAZIONE
GEOTECNICA, RELAZIONE SULLA PERICOLOSITÀ SISMICA DI BASE) . . . 34

1.4 DEPOSITO DEL PROGETTO STRUTTURALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35

7
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 8

1.5 LA DIREZIONE DEI LAVORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36

1.6 IL COLLAUDO STATICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37

Capitolo 2 - AZIONI SULLE COSTRUZIONI

2.1 DEFINIZIONE E CLASSIFICAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41

2.2 IL CONCETTO DI VALORE CARATTERISTICO DELLE AZIONI . . . 43

2.3 CARICHI PERMANENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43


2.3.1 PESI PROPRI DEI MATERIALI STRUTTURALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
2.3.2 CARICHI PERMANENTI NON STRUTTURALI (CARICHI PERMANENTI PORTATI) 48
2.3.3 ELEMENTI DIVISORI INTERNI (CARICHI PERMANENTI PORTATI) . . . . . . 48

2.4 CARICHI DI ESERCIZIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52

2.5 AZIONI DEL VENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55


2.5.1 GENERALITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
2.5.2 VELOCITÀ DI RIFERIMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
2.5.3 AZIONI STATICHE EQUIVALENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.5.4 PRESSIONE DEL VENTO p . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.5.5 AZIONE TANGENZIALE DEL VENTO pf . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.5.6 PRESSIONE CINETICA DI RIFERIMENTO qb . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
2.5.7 COEFFICIENTE DI ESPOSIZIONE ce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
2.5.8 COEFFICIENTE DINAMICO cd . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
2.5.9 ESEMPI APPLICATIVI DEL COEFFICIENTE DI FORMA cp E DI ESPOSIZIONE ce 60
2.5.9.1 Edifici a pianta rettangolare con coperture piane, a falde,
inclinate, curve
2.5.10 COPERTURE MULTIPLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
2.5.10.1 Azioni esterne sui singoli elementi
2.5.10.2 Azioni d’insieme
2.5.10.3 Vento diretto parallelamente
2.5.11 TETTOIE O PENSILINE ISOLATE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
2.5.12 TRAVI AD ANIMA PIENA E RETICOLARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
2.5.12.1 Travi isolate
2.5.12.2 Travi multiple
2.5.13 TORRI E PALI A TRALICCIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
2.5.13.1 Sezione rettangolare o quadrata
2.5.13.2 Sezione circolare
2.5.13.3 Corpi sferici
2.5.14 PRESSIONI MASSIME LOCALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
2.5.14.1 Edifici a pianta rettangolare con coperture piane, a falde
inclinate, curve. Coperture multiple, tettoie e pensiline
isolate
2.5.14.2 Corpi cilindrici e sferici

8
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 9

2.6 AZIONI DELLA NEVE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76


2.6.1 CARICO NEVE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
2.6.2 VALORE CARATTERISTICO DEL CARICO NEVE AL SUOLO . . . . . . . . . . . . . 76
2.6.3 COEFFICIENTE DI ESPOSIZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
2.6.4 COEFFICIENTE TERMICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
2.6.5 CARICO NEVE SULLE COPERTURE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
2.6.5.1 Coefficiente di forma μ per le coperture
2.6.5.1.1 Coperture a 1 o 2 falde μ1
2.6.5.1.1.1 Copertura ad una falda con o senza
vento
2.6.5.1.1.2 Copertura a 2 falde con o senza vento
2.6.5.1.1.3 Coperture multiple a più falde μ1, μ2
2.6.5.2 Coperture cilindriche μ3
2.6.5.3 Coperture adiacenti o vicine a costruzioni più alte μs e μw
2.6.5.4 Effetti locali
2.6.5.4.1 Accumuli in corrispondenza di sporgenze
2.6.5.4.2 Neve aggettante dal bordo di una copertura
2.6.5.4.3 Carichi della neve su barriere paraneve ed altri
ostacoli

2.7 AZIONI DELLA TEMPERATURA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97


2.7.1 GENERALITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
2.7.2 TEMPERATURA DELL’ARIA ESTERNA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
2.7.3 TEMPERATURA DELL’ARIA INTERNA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
2.7.4 DISTRIBUZIONE DELLA TEMPERATURA NEGLI ELEMENTI STRUTTURALI . 97
2.7.5 AZIONI TERMICHE SUGLI EDIFICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98

Capitolo 3 - AZIONI SISMICHE

3.1 CONCETTI ELEMENTARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100

3.2 CENNI DI ANALISI LINEARE DINAMICA: SISTEMI AD UN GRADO


DI LIBERTÀ - SPETTRI DI RISPOSTA ELASTICI . . . . . . . . . . . . . . . . 102

3.3 SMORZAMENTO RELATIVO ν , PERIODO PROPRIO DI OSCILLAZIONE


T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106

3.4 CONSIDERAZIONI ELEMENTARI SULLA FUNZIONE DEL TRAVERSO


INFINITAMENTE RIGIDO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107

3.5 RIPARTIZIONE DELL’AZIONE SISMICA SUI PIEDRITTI . . . . . . . . . 108

3.6 LO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO IN ACCELERAZIONE . . . . 110

3.7 DETERMINAZIONE PROBABILISTICA DEGLI STATI LIMITE PER


LE AZIONI SISMICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
3.7.1 DEFINIZIONI DEGLI STATI LIMITE PER AZIONI SISMICHE . . . . . . . . . . . . 112
3.7.2 PROBABILITÀ DI SUPERAMENTO DEGLI STATI LIMITE . . . . . . . . . . . . . . 113

9
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 10

3.7.3 VITA NOMINALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114


3.7.4 CLASSI D’USO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
3.7.5 PERIODO DI RIFERIMENTO PER L’AZIONE SISMICA . . . . . . . . . . . . . . . . . 116

3.8 LO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO IN ACCELERAZIONE Se


DEL D.M. 14.01.08 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
3.8.1 PARAMETRI FONDAMENTALI DI PROGETTO: ag, F0 e T*C . . . . . . . . . . . 117
3.8.2 VALUTAZIONE DEL PERIODO DI RITORNO TR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
3.8.3 L A FUNZIONE S e DELLO SPETTRO ELASTICO IN ACCELERAZIONE
ORIZZONTALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
3.8.3.1 Definizione del diagramma spettrale
3.8.3.2 Parametri Geotecnici e Topografici per la costruzione del
diagramma
3.8.3.2.1 Categorie di sottosuolo
3.8.3.2.2 Condizioni topografiche
3.8.3.2.3 Amplificazione stratigrafica
3.8.3.2.4 Amplificazione topografica
3.8.4 COMPONENTI DEL MOTO SISMICO E LIVELLI DI AZIONE . . . . . . . . . . . . 125
3.8.5 L A FUNZIONE S e DELLO SPETTRO ELASTICO IN ACCELERAZIONE
VERTICALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
3.8.6 SPETTRO IN TERMINI DI SPOSTAMENTO DELLE COMPONENTI ORIZZONTALI 126

3.9 RIGIDEZZA FLESSIONALE E TORSIONALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128


3.9.1 RIGIDEZZA FLESSIONALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
3.9.2 RIGIDEZZA TORSIONALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
3.9.3 ECCENTRICITÀ FRA BARICENTRO DELLE MASSE E DELLE RIGIDEZZE
FLESSIONALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
3.9.4 ALCUNI ESEMPI DI ECCENTRICITÀ FRA BARICENTRO DELLE MASSE E
DELLE RIGIDEZZE FLESSIONALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
3.9.4.1 Eccentricità accidentale
3.9.4.2 Altri tipi di eccentricità

Capitolo 4 - MODELLAZIONE STRUTTURALE SISMICA

4.1 DALLO SPETTRO ELASTICO DI RISPOSTA ALLO SPETTRO DI


PROGETTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133

4.2 IL CONCETTO DI «FATTORE DI STRUTTURA» . . . . . . . . . . . . . . . . . 133


4.2.1 GENERALITÀ OPERATIVE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
4.2.2 IL CONCETTO DI DUTTILITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134

4.3 SPETTRI DI RISPOSTA DI PROGETTO PER GLI STATI LIMITE . 137


4.3.1 SPETTRI DI PROGETTO PER GLI STATI LIMITE ULTIMI . . . . . . . . . . . . . . 137
4.3.2 SPETTRI DI PROGETTO PER GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO . . . . . . . . 138
4.3.3 CONFRONTO FRA SPETTRI DI PROGETTO PER SLE, SLU IN FUNZIONE
DELLE CLASSI DI DUTTILITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138

10
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 11

4.4 LA PROGETTAZIONE SISMICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141


4.4.1 REQUISITI NEI CONFRONTI DEGLI STATI LIMITE . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
4.4.2 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
4.4.3 GERARCHIA DELLE RESISTENZE (CAPACITY DESIGN) . . . . . . . . . . . . . . . 145
4.4.3.1 Concetti elementari relativi all’energia dissipata da strutture
iperstatiche
4.4.3.2 La «filosofia delle Norme Tecniche per le Costruzioni»
4.4.3.3 L’importanza della «regolarità»
4.4.3.4 Regolarità in pianta
4.4.3.5 Regolarità in altezza
4.4.3.6 Precisazioni della Circolare 617/09 sulla «regolarità»
4.4.3.7 Distanza tra costruzioni contigue (giunti sismici)
4.4.3.8 Altezza massima dei nuovi edifici
4.4.3.8.1 Edifici in muratura non armata e in legno in
Zona Sismica di Categoria 1
4.4.3.8.2 Edifici in muratura non armata e in legno in
Zona Sismica di Categoria 2, 3, 4
4.4.3.8.3 Altri edifici in Zone Sismiche di Categoria 1, 2, 3, 4
4.4.3.9 Limitazione dell’altezza in funzione della larghezza stradale

4.5 IL «FATTORE DI STRUTTURA» q NEL D.M. 14.01.08 . . . . . . . . . . . 153


4.5.1 IL FATTORE DI STRUTTURA q PER COSTRUZIONI REGOLARI IN PIANTA 153
4.5.2 IL FATTORE DI STRUTTURA q PER COSTRUZIONI NON REGOLARI IN
ALTEZZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155

4.6 I CRITERI DI MODELLAZIONE IN ZONA SISMICA . . . . . . . . . . . . . 157


4.6.1 MODELLAZIONE TRIDIMENSIONALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
4.6.2 ELEMENTI SECONDARI E TOMPAGNI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
4.6.3 ORIZZONTAMENTI INFINITAMENTE RIGIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
4.6.4 ORIZZONTAMENTI NON INFINITAMENTE RIGIDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
4.6.5 ECCENTRICITÀ ACCIDENTALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159

4.7 PROGETTAZIONE DI ELEMENTI STRUTTURALI «SECONDARI» ED


ELEMENTI NON STRUTTURALI - VALUTAZIONE DELLA RIGIDEZZA 160
4.7.1 IL «PIANO DEBOLE» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
4.7.2 I TOMPAGNI E IL MECCANISMO DI PUNTONE DIAGONALE . . . . . . . . . . . 161
4.7.3 VERIFICHE DEGLI ELEMENTI NON STRUTTURALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
4.7.4 V ERIFICHE DEGLI ELEMENTI NON STRUTTURALI IN TERMINI DI
CONTENIMENTO DEL DANNO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
4.7.4.1 Costruzioni in Classe d’Uso I o II
4.7.4.2 Costruzioni in Classe d’Uso III o IV

4.8 CRITERI DI PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI . . . . . . . . . . . . . . . 166


4.8.1 VERIFICHE DEGLI IMPIANTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
4.8.2 VERIFICHE DEGLI IMPIANTI IN TERMINI DI MANTENIMENTO DELLA
FUNZIONALITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167

11
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 12

4.9 METODI DI ANALISI E CRITERI DI VERIFICA . . . . . . . . . . . . . . . . . 167


4.9.1 ANALISI LINEARE O NON LINEARE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
4.9.2 ANALISI STATICA O DINAMICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
4.9.3 ANALISI LINEARE STATICA O DINAMICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
4.9.3.1 Analisi Lineare Statica
4.9.3.2 Un esempio di Analisi Lineare Statica
4.9.3.3 Analisi lineare dinamica (analisi modale)
4.9.3.1.1 I modi di vibrare
4.9.3.1.2 La partecipazione dei modi di vibrare
4.9.3.1.3 I modi di vibrare in strutture «regolari»
4.9.3.1.4 Esempio di calcolo dinamico dei modi di vibrare
4.9.4 ANALISI NON LINEARE STATICA O DINAMICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
4.9.4.1 Analisi non lineare statica (Pushover)
4.9.4.2 Esempio di Analisi non lineare statica (Pushover)
4.9.4.3 Analisi non lineare dinamica
4.9.5 VALUTAZIONE DEGLI SPOSTAMENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203

4.10 COSTRUZIONI RICADENTI IN ZONA SISMICA DI CATEGORIA 4 204

Capitolo 5 - IL METODO SEMIPROBABILISTICO AGLI STATI LIMITE

5.1 CONSIDERAZIONI PRELIMINARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205

5.2 MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA . . . . . . . . . . . . . . . . 207

5.3 LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA NEL D.M. 14.01.08 . . . . . . . 210

5.4 CARATTERIZZAZIONE DELLE AZIONI ELEMENTARI . . . . . . . . . . . . 211

5.5 COMBINAZIONI DI CARICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212

5.6 AZIONI NELLE VERIFICHE AGLI STATI LIMITE . . . . . . . . . . . . . . . 214


5.6.1 STATI LIMITE ULTIMI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214

5.7 CRITERI DI VERIFICA AGLI STATI LIMITE ULTIMI . . . . . . . . . . . . 219


5.7.1 VERIFICHE DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI IN TERMINI DI RESISTENZA 219
5.7.1.1 Particolarità per gli orizzontamenti
5.7.2 VERIFICHE DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI IN TERMINI DI DUTTILITÀ
E CAPACITÀ DI DEFORMAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
5.7.3 VERIFICHE DEGLI ELEMENTI NON STRUTTURALI E DEGLI IMPIANTI . . . 220

5.8 CRITERI DI VERIFICA AGLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO . . . . . 220


5.8.1 VERIFICHE DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI IN TERMINI DI RESISTENZA 220
5.8.2 VERIFICHE IN TERMINI DI CONTENIMENTO DEL DANNO AGLI ELEMENTI
NON STRUTTURALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
5.8.3 VERIFICHE DEGLI IMPIANTI IN TERMINI DI MANTENIMENTO DELLA
FUNZIONALITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221

12
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 13

Capitolo 6 - IL CALCESTRUZZO ARMATO

6.1 INDICAZIONI SUL CALCESTRUZZO NEGLI ELABORATI


PROGETTUALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
6.1.1 CLASSE DI RESISTENZA E DIMENSIONI DEI PROVINI . . . . . . . . . . . . . . . 222
6.1.2 CLASSE DI CONSISTENZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
6.1.2.1 La consistenza come indice di lavorabilità
6.1.2.2 Misura della consistenza
6.1.3 DIAMETRO MASSIMO DEGLI AGGREGATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228

6.2 I CONTROLLI NEL CALCESTRUZZO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231


6.2.1 CONTROLLI DI QUALITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
6.2.2 VALUTAZIONE PRELIMINARE DELLA RESISTENZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
6.2.3 PRELIEVO DEI CAMPIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
6.2.3.1 Preparazione dei Provini
6.2.3.2 Stagionatura
6.2.3.3 Determinazione della resistenza
6.2.4 CONTROLLO DI ACCETTAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
6.2.4.1 Controllo di tipo A
6.2.4.2 Controllo di tipo B
6.2.4.3 Prescrizioni comuni per entrambi i criteri di controllo (Tipo
A e B)
6.2.5 CONTROLLO DELLA RESISTENZA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA . . . . . . 235
6.2.6 PROVE COMPLEMENTARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
6.2.7 PRESCRIZIONI RELATIVE AL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON PROCESSO
INDUSTRIALIZZATO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236

6.3 COMPONENTI DEL CALCESTRUZZO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237


6.3.1 LEGANTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
6.3.2 AGGREGATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
6.3.3 AGGIUNTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
6.3.4 ADDITIVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
6.3.5 ACQUA DI IMPASTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
6.3.6 MISCELE PRECONFEZIONATE DI COMPONENTI PER CALCESTRUZZO . . . . 239

6.4 CARATTERISTICHE MECCANICHE DEL CALCESTRUZZO . . . . . . . . 240


6.4.1 RESISTENZA A COMPRESSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
6.4.2 RESISTENZA A TRAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
6.4.3 MODULO ELASTICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
6.4.4 COEFFICIENTE DI POISSON . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
6.4.5 COEFFICIENTE DI DILATAZIONE TERMICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
6.4.6 RITIRO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
6.4.7 VISCOSITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244

6.5 DURABILITÀ E VITA DI SERVIZIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245


6.5.1 DURABILITÀ DEL CALCESTRUZZO E DURABILITÀ DELLA STRUTTURA . . . 246
6.5.2 VITA DI SERVIZIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
13
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 14

6.6 ACCIAI PER CEMENTO ARMATO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256


6.6.1 C ONTROLLI DI PRODUZIONE IN STABILIMENTO E PROCEDURE DI
QUALIFICAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
6.6.2 IDENTIFICAZIONE E RINTRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI QUALIFICATI . . . . 257
6.6.3 ACCIAIO PER CEMENTO ARMATO B450C - CARATTERISTICHE MECCANICHE 258
6.6.4 ACCIAIO PER CEMENTO ARMATO B450A - CARATTERISTICHE MECCANICHE 259
6.6.5 ACCERTAMENTO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
6.6.6 CARATTERISTICHE DIMENSIONALI E DI IMPIEGO . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
6.6.7 FORNITURE E DOCUMENTAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO . . . . . . . . . . . . 260
6.6.8 RETI E TRALICCI ELETTROSALDATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
6.6.9 PROCEDURE DI CONTROLLO PER ACCIAI DA CEMENTO ARMATO ORDINARIO
– BARRE E ROTOLI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
6.6.9.1 Controlli sistematici in stabilimento
6.6.9.1.1 Generalità
6.6.9.1.2 Prove di qualificazione
6.6.9.1.3 Procedura di valutazione
6.6.9.1.4 Prove periodiche di verifica della qualità
6.6.9.1.5 Tolleranze dimensionali
6.6.9.2 Controlli su singole colate o lotti di produzione
6.6.9.3 Controlli nei centri di trasformazione
6.6.9.4 Controlli di accettazione in cantiere
6.6.9.5 Prove di aderenza
6.6.10 PROCEDURE DI CONTROLLO PER ACCIAI DA CEMENTO ARMATO ORDINARIO
- RETI E TRALICCI ELETTROSALDATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
6.6.10.1 Controlli sistematici in stabilimento
6.6.10.1.1 Prove di qualificazione
6.6.10.1.2 Prove di verifica della qualità
6.6.10.2 Controlli su singoli lotti di produzione
6.6.10.3 Controlli di accettazione in cantiere
6.6.11 TABELLE DI DIAMETRI E PESI PER BARRE E RETI ELETTROSALDATE 270

Capitolo 7 - RESISTENZE E VERIFICHE NELLE COSTRUZIONI IN


CALCESTRUZZO ARMATO NORMALE

7.1 TIPOLOGIA DI CALCESTRUZZO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272

7.2 METODI DI ANALISI STRUTTURALE PER LE COSTRUZIONI IN


CALCESTRUZZO ARMATO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
7.2.1 ANALISI ELASTICA LINEARE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
7.2.1.1 Ridistribuzioni dei momenti per travi e solette continue
7.2.1.2 Ridistribuzioni dei momenti nelle travi continue dei telai
7.2.2 ANALISI PLASTICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
7.2.3 ANALISI NON LINEARE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279
7.2.4 EFFETTI DELLE DEFORMAZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279

7.3 VERIFICHE AGLI STATI LIMITE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279

14
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 15

7.3.1 VERIFICHE AGLI STATI LIMITE ULTIMI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280


7.3.1.1 Resistenze di calcolo dei materiali
7.3.1.1.1 Resistenza di calcolo a compressione del
calcestruzzo
7.3.1.1.2 Resistenza di calcolo a trazione del calcestruzzo
7.3.1.1.3 Resistenza di calcolo dell’acciaio
7.3.1.1.4 Tensione tangenziale di aderenza acciaio-
calcestruzzo
7.3.1.1.5 Resistenza a sforzo normale e flessione (elementi
monodimensionali)
7.3.1.1.5.1 Ipotesi di base
7.3.1.2.2 Diagrammi di calcolo tensione-deformazione del
calcestruzzo
7.3.1.2.2.1 Diagramma Parabola-Rettangolo
7.3.1.2.2.2 Diagramma Triangolo-Rettangolo (o
bi-lineare)
7.3.1.2.2.3 Diagramma Rettangolo (Stress-Block)
7.3.1.2.3 Diagrammi di calcolo tensione-deformazione
dell’acciaio
7.3.1.2.3.1 Diagramma con curva bilatera elasto-
plastica a ramo orizzontale
7.3.1.2.3.2 Diagramma con curva bilatera finita
con incrudimento

7.4 VERIFICHE A FLESSIONE E PRESSOFLESSIONE PER LO SLU . 293


7.4.1 UN ESEMPIO INTRODUTTIVO: VERIFICA A FLESSIONE RETTA . . . . . . . . . 293
7.4.2 IL CASO GENERALE: VERIFICA A PRESSOFLESSIONE DEVIATA . . . . . . . . 296
7.4.3 VERIFICA A FLESSIONE DEVIATA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297
7.4.4 INTERPRETAZIONE DELLE FORMULE DI VERIFICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298

7.5 VERIFICHE A TAGLIO PER LO SLU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298


7.5.1 CONCETTI INTUITIVI ELEMENTARI PER LO SCHEMA DEL COMPORTAMENTO
A TRALICCIO DELLE TRAVI IN CALCESTRUZZO ARMATO . . . . . . . . . . . . . . 298
7.5.2 IL TRALICCIO DI MöRSCH . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
7.5.3 VERIFICHE DI ELEMENTI CON ARMATURA TRASVERSALE RESISTENTE A
TAGLIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
7.5.3.1 Verifica di resistenza a taglio compressione
7.5.3.2 Verifica di resistenza a taglio trazione
7.5.3.3 Verifica globale di resistenza a taglio
7.5.3.4 Armature longitudinali nella combinazione col taglio
7.5.3.5 Casi particolari
7.5.3.5.1 Componenti trasversali
7.5.3.5.2 Carichi in prossimità degli appoggi: possibile
riduzione di VEd per carichi concentrati applicati
a distanze inferiori a 2d
7.5.3.5.3 Carichi appesi o indiretti
7.5.4 ELEMENTI CHE NON RICHIEDONO ARMATURA AL TAGLIO . . . . . . . . . . . 313

7.6 VERIFICHE DI PUNZONAMENTO DI LASTRE SOGGETTE A


CARICHI CONCENTRATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314

15
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 16

7.7 RESISTENZA NEI CONFRONTI DELLE SOLLECITAZIONI


TORCENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
7.7.1 CONSIDERAZIONI DI BASE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
7.7.2 PREMESSE INERENTI ALLA COGENZA DI VERIFICA A TORSIONE . . . . . . 323
7.7.3 CALCOLO DELLA RESISTENZA E CONDIZIONI DI VERIFICA . . . . . . . . . . . 323
7.7.4 ESEMPI DI CALCOLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325

7.8 SOLLECITAZIONI COMPOSTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327


7.8.1 TORSIONE, FLESSIONE E SFORZO NORMALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327
7.8.2 TORSIONE E TAGLIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327

7.9 RESISTENZA DEGLI ELEMENTI TOZZI NELLE ZONE DEI NODI:


LO SCHEMA TIRANTE-PUNTONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327

7.10 RESISTENZA A FATICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 330

7.11 PILASTRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331


7.11.1 COMPRESSIONE SEMPLICE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331
7.11.2 CERCHIATURE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331
7.11.3 VERIFICHE DI INSTABILITÀ PER ELEMENTI SNELLI . . . . . . . . . . . . . . 332
7.11.3.1 Snellezza limite per pilastri singoli
7.11.3.2 Effetti globali negli edifici
7.11.4 METODI DI ANALISI PER LE VERIFICHE DI STABILITÀ . . . . . . . . . . . 334
7.11.4.1 Analisi elastica lineare
7.11.4.2 Analisi non lineare

7.12 VERIFICA DELL’ADERENZA TRA BARRE DI ACCIAIO E


CALCESTRUZZO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335
7.12.1 CONSIDERAZIONI GENERALI SULL’ADERENZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335
7.12.2 ESEMPIO 7.18: DETERMINAZIONE DELLA LUNGHEZZA DI ANCORAGGIO 336
7.12.3 MINIMI DI NORMA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338

7.13 VERIFICHE AGLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO . . . . . . . . . . . . . . . 340


7.13.1 GENERALITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340
7.13.2 VERIFICHE DI DEFORMABILITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340
7.13.3 DEFORMAZIONE FLESSIONALI DI SOLAI E TRAVI . . . . . . . . . . . . . . . . 340
7.13.3.1 Metodologia generale
7.13.3.2 Valori pratici
7.13.3.3 Algoritmo semplificato per travi e solai di luce fino a 10 m
7.13.4 VERIFICA DELLE VIBRAZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343
7.13.5 VERIFICHE DI FESSURAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343
7.13.5.1 Definizione degli stati limite di fessurazione
7.13.5.2 Combinazioni di azioni
7.13.5.3 Condizioni ambientali
7.13.5.4 Sensibilità delle armature alla corrosione
7.13.5.5 Scelta degli stati limite di fessurazione
7.13.5.6 Verifica allo stato limite di fessurazione
7.13.5.7 Determinazione di wd mediante calcolo diretto
16
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 17

7.13.5.7.1 Metodo proposto dalla Circolare 617/09


7.13.5.7.2 Metodo proposto dalle Circolare 265/96
AA.GG/STC
7.13.5.7.3 Esempio 7.19: Verifica fessurazione con
metodo proposto dalla Circolare 617/09
7.13.5.8 Verifica di wd con metodo tabellare
7.13.6 VERIFICA DELLE TENSIONI DI ESERCIZIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 356
7.13.6.1 Tensione massima di compressione del calcestruzzo nelle
condizioni di esercizio
7.13.6.2 Tensione massima dell’acciaio in condizioni di esercizio
7.13.6.3 Esempio 7.21: Verifica di condizioni di esercizio

7.14 VERIFICHE PER SITUAZIONI TRANSITORIE . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357

7.15 VERIFICHE PER SITUAZIONI ECCEZIONALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357

7.16 VERIFICHE MEDIANTE PROVE SU STRUTTURE CAMPIONE E


SU MODELLI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

8.1 CONCETTI GENERALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358


8.1.1 UN ESEMPIO INTRODUTTIVO DI GERARCHIA DELLE RESISTENZE A
FLESSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
8.1.2 ERRORI DA EVITARE IN FASE DI DIREZIONE DEI LAVORI . . . . . . . . . . . 360
8.1.3 UN ALTRO ESEMPIO SUL TAGLIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361

8.2 CARATTERISTICHE DEI MATERIALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 362


8.2.1 CONGLOMERATO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363
8.2.2 ACCIAIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363

8.3 TIPOLOGIE STRUTTURALI E FATTORI DI STRUTTURA . . . . . . . . . 363


8.3.1 TIPOLOGIE STRUTTURALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363
8.3.2 FATTORI DI STRUTTURA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 364

8.4 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI 368


8.4.1 COMBINAZIONI DI CARICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368
8.4.2 VERIFICHE DI DUTTILITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368
8.4.3 TRAVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
8.4.3.1 Sollecitazioni di calcolo
8.4.3.2 Verifiche di resistenza a flessione
8.4.3.3 Verifiche di resistenza a taglio
8.4.4 PILASTRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 373
8.4.4.1 Sollecitazioni di calcolo
8.4.4.2 Verifiche a pressoflessione
8.4.4.2.1 Limitazione di resistenza a compressione
8.4.4.2.2 Verifica semplificata a pressoflessione
8.4.4.2.3 Verifiche a taglio

17
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 18

8.4.5 N ODI TRAVE - PILASTRO : I MECCANISMI RESISTENTI « A PUNTONE


DIAGONALE» O «A CONFINAMENTO» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 376
8.4.6 PARETI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 382
8.4.6.1 Sollecitazioni di calcolo
8.4.6.2 Verifiche di resistenza
8.4.6.2.1 Pressoflessione
8.4.6.2.2 Taglio
8.4.7 TRAVI DI ACCOPPIAMENTO DEI SISTEMI A PARETI . . . . . . . . . . . . . . . . . 386

Capitolo 9 - DETTAGLI COSTRUTTIVI PER IL CALCESTRUZZO ARMATO


NORMALE

9.1 CONSIDERAZIONI GENERALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388

9.2 IL CONFINAMENTO DEL CALCESTRUZZO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 389

9.3 REGOLE DI DETTAGLIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 393


9.3.1 ARMATURA DELLE TRAVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 393
9.3.1.1 Armatura minima in zona tesa
9.3.1.2 Armatura minima negli appoggi
9.3.1.3 Armatura massima in zona tesa e compressa
9.3.1.4 Staffatura minima
9.3.2 ARMATURA DEI PILASTRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 395
9.3.2.1 Barre longitudinali minime
9.3.2.2 Staffatura minima
9.3.3 COPRIFERRO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 396
9.3.4 INTERFERRO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 397
9.3.5 ANCORAGGI, GIUNZIONI DELLE BARRE, LEGATURE . . . . . . . . . . . . . . . . . 398
9.3.5.1 Ancoraggi di sovrapposizione
9.3.5.2 Sovrapposizioni
9.3.5.3 Lunghezza di sovrapposizione
9.3.5.4 Armatura trasversale nella zona di sovrapposizione
9.3.5.5 Sovrapposizioni di reti elettrosaldate di fili ad aderenza migliorata
9.3.5.6 Armatura a taglio
9.3.5.7 Armatura a torsione
9.3.5.8 Legature e saldature delle barre
9.3.5.9 Ancoraggi diretti su calcestruzzo
9.3.6 NORME ULTERIORI PER I SOLAI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 407
9.3.6.1 Solai misti di c.a. e c.a.p. e blocchi forati in laterizio
9.3.6.1.1 Regole generali e caratteristiche minime dei blocchi
9.3.6.1.2 Limiti dimensionali
9.3.6.1.3 Caratteristiche fisico-meccaniche
9.3.6.2 Solai misti di c.a. e c.a.p. e blocchi diversi dal laterizio
9.3.6.3 Solai realizzati con l’associazione di componenti prefabbricati
in c.a. e c.a.p.

9.4 REGOLE DI DETTAGLIO PER LE COSTRUZIONI ANTISISMICHE 411


9.4.1 TRAVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 411
9.4.1.1 Limitazioni geometriche

18
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 19

9.4.1.2 Zone critiche


9.4.1.3 Armature longitudinali
9.4.1.4 Armature trasversali
9.4.2 PILASTRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417
9.4.2.1 Limitazioni geometriche
9.4.2.2 Zone critiche
9.4.2.3 Armature
9.4.2.3.1 Armature Longitudinali
9.4.2.3.2 Armature trasversali
9.4.3 NODI TRAVE-PILASTRO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420
9.4.3.1 Limitazioni geometriche
9.4.3.2 Armature
9.4.4 PARETI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420
9.4.4.1 Limitazioni geometriche
9.4.4.2 Zone critiche
9.4.4.3 Armature
9.4.5 TRAVI DI ACCOPPIAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 423

9.5 CALCESTRUZZO A BASSA PERCENTUALE DI ARMATURA O NON


ARMATO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 423

Capitolo 10 - FONDAZIONI

10.1 CRITERI GENERALI DI PROGETTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424

10.2 ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424


10.2.1 CARATTERIZZAZIONE E MODELLAZIONE GEOLOGICA DEL SITO . . . . . 424
10.2.2 INDAGINI, CARATTERIZZAZIONE E MODELLAZIONE GEOTECNICA . . . . 425
10.2.3 CHIARIMENTI DELLA CIRCOLARE 617/09 IN MERITO ALLE INDAGINI,
ALLA CARATTERIZZAZIONE E ALLA MODELLAZIONE GEOTECNICA . . . . 426
10.2.4 INDAGINI NEL CASO DI COSTRUZIONI DI MODESTA ENTITÀ . . . . . . . 430

10.3 VERIFICHE NEI CONFRONTI DEGLI STATI LIMITE ULTIMI . . . 431


10.3.1 AZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432
10.3.2 RESISTENZE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432
10.3.3 VERIFICHE NEI CONFRONTI DEGLI STATI LIMITE ULTIMI IDRAULICI . 433
10.3.4 CHIARIMENTI DELLA CIRCOLARE 617/09 IN MERITO ALLE VERIFICHE
ALLO SLU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435

10.4 VERIFICHE NEI CONFRONTI DEGLI STATI LIMITE DI


ESERCIZIO (SLE) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 436

10.5 FONDAZIONI SUPERFICIALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 436


10.5.1 VERIFICHE AGLI STATI LIMITE ULTIMI (SLU) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 436
10.5.2 VERIFICHE AGLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO (SLE) . . . . . . . . . . . . 438

10.6 OPERE DI SOSTEGNO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 438


10.6.1 DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439

19
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 20

10.6.2 AZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439


10.6.3 SOVRACCARICHI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439
10.6.4 MODELLO GEOMETRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440
10.6.5 VERIFICHE AGLI STATI LIMITE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440
10.6.5.1 Verifiche di sicurezza (SLU)
10.6.5.2 Muri di sostegno
10.6.5.3 Paratie
10.6.5.4 Verifiche di esercizio (SLE)

10.7 CRITERI DI PROGETTAZIONE DELLE FONDAZIONI NELLE


COSTRUZIONI SOGGETTE AD AZIONI SISMICHE . . . . . . . . . . . . . 445
10.7.1 CONCETTI BASE RELATIVI ALL’INFLUENZA DELLA RIGIDEZZA DEL
SOTTOSUOLO SULLO SPETTRO DI RISPOSTA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 445
10.7.2 IL SOTTOSUOLO NELLA COSTRUZIONE DELLO SPETTRO DI RISPOSTA
DELLE NTC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 451
10.7.3 AZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 454
10.7.4 SPOSTAMENTO ORIZZONTALE E VELOCITÀ ORIZZONTALE DEL TERRENO 455
10.7.5 VARIABILITÀ SPAZIALE DEL MOTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 455
10.7.6 SPOSTAMENTO ASSOLUTO E RELATIVO DEL TERRENO . . . . . . . . . . . . 455
10.7.7 LE FONDAZIONI SEMPRE IN CAMPO ELASTICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . 456
10.7.8 NORME DI DETTAGLIO PER TRAVI DI FONDAZIONE . . . . . . . . . . . . . . 456
10.7.9 NORME DI DETTAGLIO PER PALI DI FONDAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . 457
10.7.10 COLLEGAMENTI ORIZZONTALI TRA FONDAZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . 457
10.7.11 MODELLAZIONE STRUTTURALE DELLE FONDAZIONI . . . . . . . . . . . . . 458
10.7.12 PRESCRIZIONI DI MODELLAZIONE DELLE NTC . . . . . . . . . . . . . . . . 463
10.7.13 CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA AI FINI SISMICI . . . . . . . . . . . . . 464
10.7.14 RISPOSTA SISMICA E STABILITÀ DEL SITO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 464
10.7.14.1 Risposta sismica locale
10.7.14.2 Amplificazione stratigrafica
10.7.14.3 Amplificazione topografica
10.7.15 STABILITÀ NEI CONFRONTI DELLA LIQUEFAZIONE . . . . . . . . . . . . . . 465
10.7.15.1 Generalità
10.7.15.2 Esclusione della verifica a liquefazione
10.7.15.3 Metodologie di analisi
10.7.16 FONDAZIONI SUPERFICIALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 467
10.7.16.1 Aspetti generali
10.7.16.2 Indagini e modello geotecnico
10.7.16.3 Verifiche allo Stato Limite Ultimo (SLU) e allo Stato
Limite di Danno (SLD)

Capitolo 11 - INTERVENTI SU COSTRUZIONI ESISTENTI CON PARTICOLARE


RIGUARDO ALLE STRUTTURE IN C.A.

11.1 DEFINIZIONE DI COSTRUZIONE ESISTENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . 469

11.2 CRITERI GENERALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 469


11.2.1 INTERVENTI STRUTTURALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 469
11.2.2 INTERVENTI NON STRUTTURALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 471
20
Prog_Strutturale_Layout 1 19/05/10 10:50 Pagina 21

11.3 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 472

11.4 CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 476


11.4.1 INTERVENTI DI ADEGUAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 476
11.4.2 INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 477
11.4.3 RIPARAZIONI O INTERVENTI LOCALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 478

11.5 PROCEDURE PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA E LA


REDAZIONE DEI PROGETTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
11.5.1 ANALISI STORICO-CRITICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
11.5.2 RILIEVO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
11.5.3 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DEI MATERIALI . . . . . . . . . . . . . . . . 480
11.5.4 LIVELLI DI CONOSCENZA E FATTORI DI CONFIDENZA . . . . . . . . . . . . 480
11.5.5 AZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 481
11.5.6 MATERIALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 481

11.6 VALUTAZIONE E PROGETTAZIONE IN PRESENZA DI AZIONI


SISMICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482
11.6.1 COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482
11.6.2 EDIFICI MISTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482
11.6.3 CRITERI E TIPI D’INTERVENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 483
11.6.3.1 Interventi su pilastri e colonne
11.6.3.2 Interventi volti a rinforzare le pareti intorno alle aperture
11.6.3.3 Interventi alle scale
11.6.3.4 Interventi volti ad assicurare i collegamenti degli
elementi non strutturali
11.6.3.5 Interventi in fondazione
11.6.3.6 Realizzazione di giunti sismici
11.6.3.7 Incamiciatura in c.a.
11.6.3.8 Incamiciatura in acciaio
11.6.3.8.1 Aumento della resistenza a taglio
11.6.3.8.2 Azione di confinamento
11.6.3.8.3 Miglioramento della giunzioni per aderenza
11.6.3.9 Placcatura e fasciatura in materiali compositi
11.6.4 PROGETTO DELL’INTERVENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 489
——
Appendice 1 - Procedure di controllo su acciai da carpenteria . . . . . 490
Appendice 2 - Determinazione della velocità equivalente delle onde
di taglio secondo D.M. 14.01.08 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 492
Appendice 3 - Geometria delle masse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493
Appendice 4 - Allegato 2 alla Circolare n. 65/AAGG del 10 aprile 1997 498
Appendice 5 - Costruzioni in calcestruzzo armato o in acciaio: dati
necessari per la valutazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 502
Appendice 6 - Allegato A alle norme tecniche per le costruzioni:
pericolosità sismica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 509
Appendice 7 - Impiego del metodo osservazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 511

BIBLIOGRAFIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 512

21
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 5

PREMESSA

L’entrata in vigore delle Nuove Norme Tecniche, attraverso l’emanazione del


D.M. 14.01.08 e la loro definitiva entrata in vigore, investe di nuove responsabilità gli
operatori del settore edilizio: in particolare Progettisti, Direttori dei Lavori e Collaudatori,
in una molteplicità di conoscenze tra loro correlate. Ha poco senso, ad esempio, ritenere
che il progettista architettonico non debba interessarsi in prima persona del compor-
tamento antisismico di un suo progetto, ma solo dell’aspetto estetico, tanto che L’Eu-
rocodice 8, datato 1997, così cita: «La possibilità che si verifichi un terremoto deve
essere considerata come un importante aspetto da tenere in conto nella fase di progettazione
di un edificio in zona sismica. Questo aspetto deve essere preso in considerazione in fase
dello sviluppo del progetto dell’edificio in modo da consentire la definizione di un modello
strutturale, che a fronte di costi accettabili, sia in grado di soddisfare i requisiti fonda-
mentali» (antisismici - NdA).(1)
Altri esempi? Il Collaudatore statico è chiamato a dare un giudizio sugli schemi
statici adottati nelle relazioni di calcolo, nonché sulle azioni applicate. Il Direttore dei
Lavori, in ambito operativo non può non tenere conto dei concetti derivanti dall’ap-
plicazione o meno della Gerarchia delle Resistenze: in corso d’opera la scelta di un’area
equivalente d’armatura diventa problematica.
Il testo del D.M. 14.01.08 contiene una serie notevole di informazioni e di algoritmi
l’applicazione dei quali presuppone una serie di conoscenze spesso molto approfondite.
Come fare allora a coniugare l’esigenza di una sintesi concettuale con quella del-
l’analisi di tutti gli ambiti specialistici che le norme percorrono? Questo libro nasce
da questa esigenza. È una impresa difficilissima ma è un tentativo che ho voluto fare.
Partendo dal testo normativo del D.M. 14.01.08 è nato dunque il presente volume,
che non esiterei a definire un compendio di nozioni mutuate in primo luogo dal D.M.,
quindi dalla Circolare applicativa del C.S.LL.PP. N° 617/09, dagli Eurocodici, da cui il
complesso della norma deriva, da Istruzioni Ministeriali e infine da elementi teorici
utili alla comprensione di alcuni contenuti fondamentali.
Cos’è uno spettro di risposta in termini di accelerazione? Che significa gerarchia
delle registenze? Qual’è l’importanza della «regolarità» in zona sismica? Queste domande
rappresentano alcune tematiche che troverete svolte all’interno di questa pubblicazione.
Ho scelto di sviluppare gli argomenti partendo proprio dal testo della norma. A
volte parafrasandolo, a volte riportandolo pari pari: il tutto in funzione di un percorso
che offre una prospettiva anche didattica, per cui le tematiche sono state a volte ricom-
poste in ordine diverso rispetto a quello che trovate nel testo originale della norma.
Accanto ai contenuti della stessa ho sviluppato alcuni gli aspetti teorici, cercando di
esporli in modo semplificato, spero non semplicistico, includendo esempi e illustrazioni.
Tutto il contenuto dell’opera presenta le disposizioni di norma. Laddove ci sono
interpretazioni personali sono chiaramente esplicitate e giustificate. La necessità di ricor-
rere agli Eurocodici nasce al fine di chiarire il testo del D.M., dove secondo il sottoscritto,
occorrevano maggiori delucidazioni o integrazioni. In ogni caso anche il ricorso agli
Eurocodici viene esplicitamente segnalato.

(1) La frase è stata così ripresa nella Circolare 617/09.

«In ragione della necessità che la costruzione sia dotata di sistemi strutturali capaci, con costi accettabili, di
soddisfare i requisiti di sicurezza nei confronti sia dei carichi verticali che dell’azione sismica, in siti a sismicità
significativa i criteri di progettazione nei confronti delle azioni sismiche devono essere considerati già nell’impostazione
della progettazione strutturale».

5
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 6

I primi 5 capitoli hanno contenuto generale, ovvero possono applicarsi a tutte le


tipologie strutturali (c.a., c.a.p., acciaio, legno, murature). I capitoli che vanno dal 6
al 9 sono specifici delle opere in calcestruzzo armato normale in opera. Il capitolo 10
sviluppa molte tematiche generali ma si sofferma nello specifico solo sulla tipologia
delle fondazioni superficiali in ambito sismico. Infine il capitolo 11 riguarda le costru-
zioni esistenti: anche in questo caso l’impostazione ha carattere generale, ma alcuni
approfondimenti riguardano solo il calcestruzzo armato normale in opera.
Ci sono, poi, altri due aspetti che ritengo importanti. Il primo è relativo al fatto
che lo sviluppo dei personal computer comporta oggi la possibilità di utilizzare algoritmi
di calcolo strutturale molto complessi: non è più pensabile effettuare l’analisi sismica
di un fabbricato, anche modesto, «a mano». Però c’è un «però». Questo procedimento
computerizzato sviluppa centinaia, migliaia, di equazioni matematiche. Chi è in grado
di controllarle? La risposta è: nessuno. E allora il problema è che bisogna avere cogni-
zioni di base molto solide. Di fronte all’impossibilità di un controllo dell’enorme mole
di elaborazioni bisogna avere un altro tipo di «metro». Un «metro» che in questo libro
purtroppo non troverete e dovrete cercalo altrove: nei «classici» della Statica, della
Scienza e della Tecnica delle Costruzioni.
Il secondo aspetto che vorrei segnalare è mutuato stavolta proprio dalla possibilità
che gli elaboratori di calcolo ci offrono. In campo energetico ad esempio è stato già
fatto: la certificazione energetica dei fabbricati è diventata legge dello stato. Peccato
che la stesso tipo di certificazione non possa avvenire in ambito strutturale: che tra
l’altro, vista la sismicità dell’Italia sarebbe forse molto più utile. Già, perchè, ammesso
che un fabbricato abbia un consumo energetico troppo elevato: non muore mica nessuno!
La stessa cosa, purtroppo, non può dirsi per la struttura portante: se a fronte di un
evento sismico di ordine 100 la capacità della struttura è 101, è ben diverso rispetto
al fatto che la struttura abbia una capacità di 200.
Esiste un indice per la certificazione energetica: classe A, classe B e via dicendo?
Bene, ne esiste uno anche per la certificazione strutturale: si chiama «duttilità»(2). Baste-
rebbe utilizzare questo indice sull’intero fabbricato e graduarlo (di fatto già si può
fare con la cosiddetta Analisi Non Lineare Statica - Pushover contenuta nel D.M.).
Avremmo così ottenuto una scala da utilizzare per la classificazione del fabbricato ai
fini antisismici. Credo sarebbe molto utile, prima dell’acquisto di un immobile, oltre
che sapere se questo consuma più o meno energia, sapere anche se offre più o meno
garanzie di fronte all’evento sismico. A buon legislatore......

Arch. Marco Boscolo Bielo

(2) È ben vero che le nuove costruzioni dovranno rientrare in una delle due classi: alta (CD «A») o

bassa (CD «B»), ma l’attribuzione a una di queste classi è troppo forfettaria.

AVVERTENZA

Ove le formule, le foto e le tabelle sono tratte dal D.M. 14.1.2008 «Nuove Norme
Tecniche per le costruzioni» e dalla Circolare 2.2.2009, n. 617 «Istruzioni per
l’applicazione delle «Nuove norme tecniche per le costruzioni»», viene riportata tra
parentesi quadrata [ ] la numerazione presente nelle due disposizioni con le abbreviazioni:
[NT] per le Norme Tecniche e
[CNT] per la Circolare delle Norme Tecniche

6
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 358

Capitolo 8

CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI


PER LE AZIONI SISMICHE

8.1 CONCETTI GENERALI

L’impostazione generale data dal corpus normativo fornito dalle NTC prevede
che le costruzioni posseggano in ogni caso una adeguata capacità di dissipare
energia in campo inelastico per azioni cicliche ripetute, quali quelle che sorgono
in relazione al verificarsi di un evento sismico, senza che ciò comporti riduzioni
significative della resistenza.
Questo Capitolo deve intendersi come naturale prosieguo del Capitolo 4 in
quanto le procedure di calcolo che verranno descritte sono una conseguenza delle
trattazioni là riportate. Molti concetti, come ad esempio: la duttilità, il fattore di
struttura, la gerarchia delle resistenze e altri ancora, trovano qui gli algoritmi che
il progettista strutturale deve applicare al fine di una corretta progettazione anti-
sismica.
Prima di addentrarsi nell’esposizione di dette formule sembra opportuno avvi-
cinarsi mediante alcune esemplificazioni.

8.1.1 UN ESEMPIO INTRODUTTIVO DI GERARCHIA DELLE RESISTENZE A FLESSIONE

Nel paragrafo 4.4.3.2 intitolato «La Filosofia delle NTC» si sono evidenziati i
fattori che regolano la progettazione strutturale antisismica. Tra questi, uno dei
fondamentali, è rappresentato dal fatto che la rottura deve avvenire prima sulle
travi e poi sui pilastri.
Sia allora dato un nodo come quello rappresentato in figura 8.1 e si voglia
imporre, secondo le disposizioni delle NTC, che le cerniere plastiche si formino
nelle travi anzichè nei pilastri.
In campo elastico deve sempre essere soddisfatto l’equilibrio dei momenti:

Mt1 + Mt2 + Mp1 + Mp2 = 0 (8.1)

dove con Mt sono indicati i momenti alle estremità delle travi convergenti nel
nodo e con Mp, quelli relativi al pilastro.
Considerando che sotto l’effetto del sisma, normalmente, i segni dei momenti
nelle travi sono concordi tra loro e quelli dei pilastri discordi, si può anche scri-
vere:

Mt1+ Mt2 = Mp1 + Mp2 (8.2)

358
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 359

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Figura 8.1

Progettando le sezioni delle travi in modo che i loro momenti resistenti siano
rispettivamente Mtr1 e Mtr2, sotto l’azione del sisma si avrà la seguente successione
di eventi:
1) Le azioni orizzontali aumentano per effetto dell’accelerazione al suolo
e, in una prima fase in cui i momenti non raggiungono i valori ultimi,
sarà rispettata la condizione equilibrata (8.2).
2) Continuando a crescere l’azione sismica, i momenti nelle travi (e nei
pilastri) cresceranno anch’essi fino a raggiungere i valori Mtr1 e Mtr2 in
corrispondenza dei quali siano Mps1 e Mps2 i corrispondenti valori del
momento sui pilastri. Per una generica trave è valida la relazione che vede:

Mtr1 / Mt1 > 1 (8.3)

D’altra parte, quando il momento nella trave ha raggiunto il valore Mtr1, il


momento nel pilastro ha raggiunto a sua volta il valore Mps1 > Mp1.
La trave, oltre il valore Mtr1, non è più in grado di resistere e si rompe. Con-
seguentemente alla rottura non è più in grado di trasferire il momento sul pilastro.
Perciò Mps1 è il valore massimo di momento che il pilastro assume in conseguenza
del raggiungimento del massimo valore di momento Mtr1 sulla trave. È sufficiente,
dunque, progettare il pilastro in modo che abbia un momento resistente > Mps1
per essere certi che nel pilastro la cerniera non si formerà mai.
Questo è il concetto racchiuso in una delle formule contenute nelle NTC che
di seguito riportiamo:

ΣMC,Rd ≥ γRd⋅ΣMb,Rd (8.4)


[NT 7.4.4]
Detto Mb,Rd il momento resistente dell’estremità di una trave convergente nel
pilastro, si deve ricavare il momento resistente del pilastro MC,Rd, a partire dal
valore di Mb,Rd moltiplicato per un coefficiente > 1. Le NTC fissano il valore di
questo coefficiente γRd, in funzione della classe di duttilità che si vuole dare alla
struttura, ovvero:

359
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 360

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

γRd = 1,3 per CD»A»


γRd = 1,1 per CD»B».
In altre parole γRd rappresenta un incremento del momento di calcolo che
varia dal 10% al 30% a seconda della classe di duttilità.
Evidentemente nella formula (8.4) il segno di sommatoria sta a significare
che il ragionamento di cui sopra va fatto per tutte le travi convergenti nel nodo,
per le due direzioni in cui si ipotizza agire il sisma e per ciascuna combinazione
sismica prevista, per cui il valore resistente nei pilastri è dato dalla somma dei
singoli valori resistenti.
Questo criterio che, come è stato detto, prende il nome di Gerarchia delle
Resistenze, impone dunque la gerarchia di collasso voluta tra gli elementi strut-
turali, cominciando il dimensionamento dai più «deboli» in base alle sollecitazioni
desunte dalla soluzione del modello statico del telaio. Gli altri elementi invece si
progettano non in base a queste, ma prendendo come base di calcolo per il loro
dimensionamento la resistenza degli elementi concorrenti, adeguatamente maggio-
rata.

8.1.2 ERRORI DA EVITARE IN FASE DI DIREZIONE DEI LAVORI

Una conseguenza molto importante della gerarchia delle resistenze è che vanno
evitate sovraresistenze non esplicitamente previste dal progettista strutturale.
Per comprendere il concetto si faccia riferimento ad un nodo in cui confluiscano
una sola trave ed un pilastro.
Sia MEd = 1.000 daNm il valore del momento nei due elementi derivanti dalle
azioni conseguenti al sisma di una certa combinazione. Questo valore rappresenta
un valore di equilibrio del nodo in ottemperanza alla (8.2), o in altre parole: la
trave trasmette il momento dovuto all’azione sismica al pilastro.
Supponiamo che il momento resistente della trave sia stato progettato per:

Mb,Rd = 1.250 daNm > MEd

Conseguentemente, in applicazione della gerarchia delle resistenze, si decida


per applicare la classe di duttilità CD «A» e dunque si dimensioni il pilastro con
una valore di momento resistente pari ad almeno:

γrd x M b,Rd = 1,3 x 1.250 daNm = 1.625 daNm

Sia MC,Rd = 1.800 daNm il valore di resistenza assegnato al pilastro.


Supponiamo ora che in fase di esecuzione, per motivi di carattere contingente
occorra una modifica in opera, ad esempio di geometria della trave (magari per
far passare qualche condotta non prevista anzitempo). Se qualcuno decide di modi-
ficare gli esecutivi di progetto e magari opta poi di «rafforzare» il tutto aumentando
l’armatura perché pensa di operare a vantaggio di sicurezza, non è detto stia agendo
correttamente. Se il momento ultimo della trave a seguito di tali modifiche, diven-
tasse 2.000 daNm, quanto visto in merito alla gerarchia delle resistenze verrebbe
vanificato, poiché la cerniera plastica si formerà per prima nel pilastro (che invece
ha una resistenza fino a 1.800 daNm) con possibile perdita dell’equilibrio del siste-
ma.

360
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 361

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

8.1.3 UN ALTRO ESEMPIO SUL TAGLIO

Un altro meccanismo nel quale si applica la gerarchia delle resistenze è nel


dimensionamento a taglio. Poichè le travi devono garantire un certo valore di
resistenza a momento flettente Mb,Rd nelle estremità, sarebbe una bella beffa se
in quei punti si avesse una rottura per taglio prima del raggiungimento del momento
ultimo Mb,Rd.
Per far fronte a detto inconveniente la progettazione a taglio non assume i
valori desunti dal calcolo dell’eventuale telaio soggetto alle combinazioni di azioni
sismiche, ma i valori di taglio si fanno discendere dai momenti resistenti delle
sezioni di estremità della trave stessa.
A tale scopo una generica trave appartenente alla maglia di un telaio e incastrata
alle estremità, viene considerata come isostatica (vedi figura 8.2) e assoggettata
a un sistema di tagli, per così dire «reali», derivanti dai carichi gravitazionali ver-
ticali Gk + ψ2jQk, e «fittizi», ovvero derivanti dai momenti resistenti di calcolo
della stessa alle sue estremità M b,Rd moltiplicati per un coefficiente di sovrare-
sistenza che vale:
γrd = 1,2 per CD «A»
γrd = 1,0 per CD «B».
In tali condizioni per ciascuna delle 2 direzioni principali della costruzione
sulla quale agisce l’azione sismica, si ha lo schema di carico di figura 8.2. Il
valore del taglio di calcolo sarà dato dalla somma algebrica dei 4 casi elementari
rappresentati:
I. Carichi permanenti + accidentali;
II. Carichi permamenti;
III. Condizione di momento resistente ultimo per la trave in cui vengono
tese alle estremità le fibre inferiori;
IV. Condizione di momento resistente ultimo per la trave in cui vengono
tese alle estremità le fibre superiori.
Con conseguente segno algebrico dei valori del taglio dei singoli casi elementari.

361
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 362

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Figura 8.2

8.2 CARATTERISTICHE DEI MATERIALI

Dopo aver brevemente evidenziato alcuni aspetti di carattere introduttivo pas-


siamo ora all’esposizione delle regole per il calcolo sismico contenute nel D.M..

362
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 363

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

8.2.1 CONGLOMERATO

È ammesso solo l’uso di conglomerato di classe ≥ C20/25.

8.2.2 ACCIAIO

L’armatura ammessa per le barre è solo la B450C.


È consentito l’utilizzo di acciai di tipo B450A purchè:
1) i diametri siano compresi tra 5 e 10 mm, per le reti e i tralicci;
2) si usi per l’armatura trasversale (staffatura) unicamente se è rispettata
almeno una delle seguenti condizioni:
a) elementi in cui è impedita la plasticizzazione mediante il rispetto del
criterio di gerarchia delle resistenze;
b) elementi secondari, strutture poco dissipative con q ≤ 1,5.
Gli elementi strutturali possono essere considerati secondari quando si assuma
che il loro contributo alla resistenza orizzontale del sistema sia nullo. Ad esempio
una biella costituita da un pilastro in c.a. in cui la base e la sommità dello stesso
non sia in grado di trasmettere momento flettente nelle due direzioni principali
in cui si assume agente il sisma. Il pilastro dovrà essere opportunamente armato
per tale scopo.

8.3 TIPOLOGIE STRUTTURALI E FATTORI DI STRUTTURA

8.3.1 TIPOLOGIE STRUTTURALI

Le strutture sismo-resistenti in cemento armato sono classificate nelle seguenti


tipologie:
I. strutture a telaio, nelle quali la resistenza alle azioni sia verticali che
orizzontali è affidata principalmente a telai spaziali, aventi resistenza a
taglio alla base ≥ 65% della resistenza a taglio totale;
II. strutture a pareti, nelle quali la resistenza alle azioni sia verticali che
orizzontali è affidata principalmente a pareti, singole o accoppiate, aventi
resistenza a taglio alla base ≥ 65% della resistenza a taglio totale(1);
III.strutture miste telaio-pareti, nelle quali la resistenza alle azioni verticali
è affidata prevalentemente ai telai, la resistenza alle azioni orizzontali
è affidata in parte ai telai ed in parte alle pareti, singole o accoppiate;
questa categoria è ulteriormente divisa in:

(1) Una parete è un elemento strutturale di supporto per altri elementi che ha una sezione tra-

sversale caratterizzata da un rapporto tra dimensione massima e minima in pianta superiore a 4.


Si definisce parete di forma composta l’insieme di pareti semplici collegate in modo da formare
sezioni a L, T, U, I ecc. Una parete accoppiata consiste di due o più pareti singole collegate tra
loro da travi duttili («travi di accoppiamento») distribuite in modo regolare lungo l’altezza. Ai fini
della determinazione del fattore di struttura q una parete si definisce accoppiata quando è verificata
la condizione che il momento totale alla base prodotto dalle azioni orizzontali è equilibrato, per
almeno il 20%, dalla coppia prodotta dagli sforzi verticali indotti nelle pareti dalla azione sismica.

363
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 364

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

a) strutture miste equivalenti a telai, se più del 50% dell’azione


orizzontale è assorbita dai telai;
b) strutture miste equivalenti a pareti se più del 50% dell’azione
orizzontale è assorbita dalle pareti.
IV. strutture deformabili torsionalmente, composte da telai e/o pareti, la
cui rigidezza torsionale non soddisfa ad ogni piano la condizione

r/ls > 0,8,

nella quale:
r2 = rapporto tra rigidezza torsionale e flessionale di piano(2);
l2s = (L2 + B2)/12
L e B = dimensioni in pianta del piano

V. strutture a pendolo inverso, nelle quali almeno il 50% della massa è


nel terzo superiore dell’altezza della costruzione o nelle quali la
dissipazione d’energia avviene alla base di un singolo elemento
strutturale(3).
Le strutture delle costruzioni in calcestruzzo possono essere classificate come
appartenenti ad una tipologia in una direzione orizzontale ed ad un’altra tipologia
nella direzione orizzontale ortogonale alla precedente.
Una struttura a pareti è da considerarsi come struttura a pareti estese debol-
mente armate se, nella direzione orizzontale d’interesse, essa ha un periodo fon-
damentale, calcolato nell’ipotesi di assenza di rotazioni alla base, non superiore
a TC, e comprende almeno due pareti con una dimensione orizzontale non inferiore
al minimo tra 4,0m ed i 2/3 della loro altezza, che nella situazione sismica portano
insieme almeno il 20% del carico gravitazionale.
Se una struttura non è classificata come struttura a pareti estese debolmente
armate, tutte le sue pareti devono essere progettate come duttili.

8.3.2 FATTORI DI STRUTTURA

Il fattore di struttura da utilizzare per ciascuna direzione della azione sismica


orizzontale è calcolato come riportato nel § 4.5.
I massimi valori di qo relativi alle diverse tipologie ed alle due classi di duttilità
considerate (CD»A» e CD»B») sono contenuti nella tabella 4.3, che riportiamo di
seguito (tabella 8.1).

(2)Cfr § 3.9.
(3)Non appartengono a questa categoria i telai ad un piano con i pilastri collegati in sommità
lungo entrambe le direzioni principali dell’edificio e per i quali la forza assiale non eccede il 30%
della resistenza a compressione della sola sezione di calcestruzzo.

364
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 365

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Tabella 8.1. - Valore di q0 per costruzioni in calcestruzzo armato regolari in pianta

qo
Tipologia
CD”B” CD”A”

Strutture a telaio, a pareti accoppiate, miste 3,0 αu/α1 4,5 αu/α1

Strutture a pareti non accoppiate 3,0 4,0 αu/α1

Strutture deformabili torsionalmente 2,0 3,0

Strutture a pendolo inverso 1,5 2,0

[NT Tab. 7.4.I]

Le strutture a pareti estese debolmente armate devono essere progettare in


CD «B».
Strutture aventi i telai resistenti all’azione sismica composti, anche in una sola
delle direzioni principali, con travi a spessore devono essere progettate in CD»B»
a meno che tali travi non si possano considerare elementi strutturali «secondari».
Per strutture regolari in pianta, possono essere adottati i seguenti valori di
αu/α1 (Tabella 8.2):

Tabella 8.2. - Valori di αu/α1 per costruzioni regolari in pianta

a) Strutture a telaio o miste equivalenti a telai


- strutture a telaio di un piano αu/α1 = 1,1
- strutture a telaio con più piani ed una sola campata αu/α1 = 1,2
- strutture a telaio con più piani e più campate αu/α1 = 1,3

b) Strutture a pareti o miste equivalenti a pareti


αu/α1 = 1,0
- strutture con solo due pareti non accoppiate per direzione orizzontale
αu/α1 = 1,1
- altre strutture a pareti non accoppiate
αu/α1 = 1,2
- strutture a pareti accoppiate o miste equivalenti a pareti

da cui scaturisce la seguente Tabella 4.4 (cfr. § 4.5.1), valida per costruzioni
in calcestruzzo armato.
Per le costruzioni non regolari in pianta, si possono adottare valori di αu/α1
pari alla media tra 1,0 ed i valori di volta in volta forniti per le diverse tipologie
costruttive (vedi Tabella 4.5).
In relazione all’applicazione della Tabella 4.5 si possono determinare i valori
di q per gli edifici in c.a. non regolari in pianta secondo la Tabella 4.6.
Per prevenire il collasso delle strutture a seguito della rottura delle pareti, i
valori di q0 devono essere ridotti mediante il fattore kw

kw =
{1,00 per strutture a telaio e miste equivalenti a telai
0,5 ≤ (1 + α0) / 3 ≤ 1 per strutture a pareti, miste equivalenti a pareti, torsionalmente deformabili

dove α0 è il valore assunto in prevalenza dal rapporto tra altezze e larghezze


delle pareti.

365
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 366

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Nel caso in cui gli α0 delle pareti non differiscano significativamente tra di loro, il
valore di α0 per l’insieme delle pareti può essere calcolato assumendo come altezza la
somma delle altezze delle singole pareti e come larghezza la somma delle larghezze.
Per tipologie strutturali diverse da quelle sopra definite, ove si intenda adottare un
valore q > 1,5. Il valore adottato deve essere adeguatamente giustificato dal progettista.
(Vengono riportate le tabelle 4.4, 4.5 e 4.6 già presenti nel paragrafo 4.5.1).

Tabella 4.4 - Valori di q per spettro di progetto orizzontale di edifici in c.a. regolari
in pianta
Regolare in Regolare in
Tipologia della struttura in c.a. pianta e in pianta e non
altezza in altezza

determinazione di q q = 1 x q0 q = 0,8 x q0

Classe di Duttilità CD «A» «B» «A» «B»

a) Strutture a telaio o miste equivalenti a telai

a1) strutture a telaio di 1 piano 4,95 3,30 3,96 2,64

a2) strutture a telaio con più piani e una sola campata 5,40 3,60 4,32 2,88

a3) strutture a telaio con più piani e più campate 5,85 3,90 4,68 3,12

b) Strutture a pareti o miste equivalenti a pareti (*)

b1) strutture con solo 2 pareti non accoppiate per dire-


4,00 3,00 3,20 2,40
zione orizzontale
b2) altre strutture a pareti non accoppiate 4,40 3,00 3,52 2,40
b3) strutture a pareti accoppiate o miste equivalenti a pareti 5,40 3,60 4,32 2,88
c) Strutture deformabili torsionalmente 3,00 2,00 2,40 1,60
d) Strutture a pendolo inverso 2,00 1,50 1,60 1,20
e) Altri tipi di strutture non contemplate a meno di (**) (**)
1,50 1,50
valori adeguatamente giustificati dal progettista 1,50 1,50

(*) Per prevenire il collasso delle strutture a seguito della rottura delle pareti, i valori di q0
devono essere ridotti mediante il fattore:
kw = 0,5 ≤ (1+α0)/3 ≤ 1
nel caso di:
a) strutture a pareti;
b) miste equivalenti a pareti;
c) torsionalmente deformabili
dove α0 è il valore assunto in prevalenza dal rapporto tra altezze e larghezze delle pareti.
Nel caso in cui α0 delle pareti non differiscano significativamente tra di loro, il valore di α0 per
l’insieme delle pareti può essere calcolato assumendo come altezza la somma delle altezze delle
singole pareti e come larghezza la somma delle larghezze.
(**) Secondo interpretazione letterale dell’ultimo comma del § 7.4.3.2 delle NTC che così
recita: «Per tipologie diverse da quelle sopra definite, ove si intenda adottare un valore q > 1,5, il valore adottato
deve essere adeguatamente giustificato dal progettista».

366
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 367

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Tabella 4.5 - Valore del rapporto αu/α1 per costruzioni in calcestruzzo armato non
regolari in pianta

Tipologia della struttura in c.a. αu/α1

a) Strutture a telaio o miste equivalenti a telai


a1) strutture a telaio di 1 piano 1,05 1,10
a2) strutture a telaio con più piani e una sola campata 1,15
a3) strutture a telaio con più piani e più campate

b) Strutture a pareti o miste equivalenti a pareti

b1) strutture con solo 2 pareti non accoppiate per direzione orizzontale 1,00

b2) altre strutture a pareti non accoppiate 1,05

b3) strutture a pareti accoppiate o miste equivalenti a pareti 1,10

Tabella 4.6 - Valori di q per spettro di progetto orizzontale di edifici in c.a. non
regolari in pianta

Non regolare Non regolare


in pianta e in pianta e
Tipologia della struttura in c.a.
regolare in non regolare
altezza in altezza

determinazione di q q = 1 x q0 q = 0,8 x q0

Classe di Duttilità CD «A» «B» «A» «B»

a) Strutture a telaio o miste equivalenti a telai

a1) strutture a telaio di 1 piano 4,72 3,15 3,78 2,52

a2) strutture a telaio con più piani e una sola campata 4,95 3,30 3,96 2,64

a3) strutture a telaio con più piani e più campate 5,17 3,45 4,14 2,76

b) Strutture a pareti o miste equivalenti a pareti (*)

b1) strutture con solo 2 pareti non accoppiate per dire-


4,00 3,00 3,20 2,40
zione orizzontale
b2) altre strutture a pareti non accoppiate 4,20 3,00 3,36 2,40
b3) strutture a pareti accoppiate o miste equivalenti a pareti 4,95 3,30 3,96 2,64
c) Strutture deformabili torsionalmente 3,00 2,00 2,40 1,60
d) Strutture a pendolo inverso 2,00 1,50 1,60 1,20
e) Altri tipi di strutture non contemplate a meno di (**) (**)
1,50 1,50
valori adeguatamente giustificati dal progettista 1,50 1,50

(*) Valori suscettibili fattore riduttivo: kw = (1+α0)/3 con 0,5 ≤ kw ≤ 1.


(**) Secondo interpretazione letterale dell’ultimo comma del § 7.4.3.2 delle NTC che così
recita: «Per tipologie diverse da quelle sopra definite, ove si intenda adottare un valore q > 1,5, il valore adottato
deve essere adeguatamente giustificato dal progettista».

367
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 368

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

8.4 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI


STRUTTURALI

Le indicazioni successive si applicano solo agli elementi strutturali principali


delle strutture in elevazione. Per essi si effettuano verifiche di resistenza, nei modi
indicati nei §§ 5.7.1 e 5.8.1, e verifiche di duttilità, in accordo con il § 5.7.2.

8.4.1 COMBINAZIONI DI CARICO

Le combinazioni di carico in presenza di azioni sismiche di desumono dalla


seguente espressione:

G1 + G2 + P + E + Σjψ2jQkj (8.5)
[NT 3.2.16]

in cui ψ2i assume valore diverso secondo la tabella 8.3, dove il significato dei
simboli è riportato al § 5.5.
È evidente che in detta combinazione si ha anche:

γG1 = γG2 = γP = 1

Tabella 8.3 - Valore di ψ2i


Categoria / Azione variabile ψ2j

Categoria A Ambienti ad uso residenziale 0,3


Categoria B Uffici 0,3
Categoria C Ambienti suscettibili di affollamento 0,6

Categoria D Ambienti ad uso commerciale 0,6

Categoria E Biblioteche, archivi, magazzini e ambienti ad uso industriale 0,8

Categoria F Rimesse e parcheggi (per autoveicoli di peso ≤ 30 kN) 0,6

Categoria G Rimesse e parcheggi (per autoveicoli di peso > 30 kN) 0,3

Categoria H Coperture 0,0

Vento 0,0

Neve (a quota ≤ 1000 m s.l.m.) 0,0

Neve (a quota > 1000 m s.l.m.) 0,2

Variazioni termiche 0,0

8.4.2 VERIFICHE DI DUTTILITÀ

Qualora non si proceda ad un’analisi non lineare, le verifiche di duttilità si


possono effettuare controllando che la duttilità di curvatura μϕ nelle zone critiche
risulti

368
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 369

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

_ per T1 ≥ TC
μϕ ≥ { 12q+ 2 1(q
0
0
_ 1)T /T
C 1 per T1 < TC
(8.6)

[NT 7.4.1]
La duttilità di curvatura μϕ può essere calcolata come rapporto tra la curvatura
cui corrisponde una riduzione del 15% della massima resistenza a flessione (ovvero
il raggiungimento delle deformazioni ultime del calcestruzzo εcu o dell’acciaio εuk)
e la curvatura al limite di snervamento. Tale rapporto deve risultare almeno 1,5
volte la duttilità di curvatura calcolata con le espressioni (8.6).
Nella valutazione della duttilità di curvatura per le verifiche di duttilità nelle
zone critiche, il contributo in termini di resistenza e di duttilità dovuto al con-
finamento del calcestruzzo va considerato utilizzando modelli adeguati. A tal fine,
la sola parte di calcestruzzo contenuta all’interno delle armature che garantiscono
il confinamento può essere considerata efficacemente confinata.
In presenza di sforzo normale, per conseguire il limite di 1,5 è necessario
tener conto del confinamento prodotto dal calcestruzzo dalla presenza delle staffe.
Si evidenzia che tale problema nelle usuali strutture intelaiate riguarda soltanto
le sezioni al piede dei pilastri.
La Circolare 617/09 ha semplificato molto le formulazioni di cui sopra poichè
si è espressa nel seguente modo:
Le verifiche di duttilità previste al § 7.4.4 delle NTC(4) si intendono implicitamente soddisfatte
se si seguono le regole per i materiali, i dettagli costruttivi e la gerarchia delle resistenze indicate al
§ 7.4 delle NTC(5) per le diverse tipologie ed elementi strutturali.
In sostanza, l’applicazione delle NTC mediante l’adozione di:
1) diagrammi di comportamento ideale dei materiali (§ 7.3.1.1) e i
coefficienti dei materiali;
2) regole di dettaglio (che vedremo al Capitolo 9);
3) coefficienti di amplificazione γRd in riferimento alla gerarchia delle resistenze;
consentono di soddisfare i requisiti di duttilità.

8.4.3 TRAVI

8.4.3.1 Sollecitazioni di calcolo


Al fine di escludere la formazione di meccanismi inelastici dovuti al taglio,
le sollecitazioni di taglio di calcolo VEd si ottengono sommando il contributo dovuto
ai carichi gravitazionali agenti sulla trave, considerata incernierata agli estremi
Viso (figure 8.2.I - 8.2.II), alle sollecitazioni di taglio V(Mb,Rd,1,2) corrispondenti alla
formazione delle cerniere plastiche nella trave e prodotte dai momenti resistenti
Mb,Rd,1,2 delle due sezioni di plasticizzazione (generalmente quelle di estremità)
(figure 8.2.III - 8.2.IV)(6).

VEd = Viso + V(Mb,Rd,1,2) (8.7)

(4) Ovvero quelle riportate sopra.


(5) In questa trattazione esposte al § 8.3.
(6) Cfr. § 8.1.3.

369
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 370

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Quest’ultimo valore dei momenti è amplificato del fattore di sovraresistenza


γRd assunto pari a:

γRd = 1,20 per strutture in CD»A» (8.8)


γRd = 1 per strutture in CD»B» (8.9)

Figura 8.3. - Equilibrio dei momenti per il calcolo delle sollecitazioni di taglio di
calcolo VEd

[CNT Fig. C7.2.1]

In altre parole il valore del taglio alle estremità delle travi non è direttamente
valutato dallo schema di calcolo, bensì è funzione della resistenza flessionale della
sezione moltiplicate per il fattore γRd.
Per ciascuna direzione e ciascun verso di applicazione delle azioni sismiche,
si considerano due valori di sollecitazione di taglio, massimo e minimo, ipotizzando
rispettivamente la presenza e l’assenza dei carichi variabili e momenti resistenti
Mb,Rd,1,2, da assumere in ogni caso di verso concorde sulla trave.
Questa regola viene richiamata anche nell’EC8. L’Eurocodice prescrive che il
valore di progetto delle forze di taglio deve essere determinato in accordo con il
criterio della capacità, considerando cioè l’equilibrio della trave sotto un appropriato
carico trasversale e una scelta combinazione sfavorevole dei reali momenti resistenti
relativi alle sezioni di estremità nel modo seguente (vedere figura 8.4):
a) In corrispondenza di ogni sezione terminale, si devono calcolare due
valori per la forza di taglio agente, per esempio il massimo V1 ed il
minimo V2, corrispondenti ai momenti resistenti positivi e negativi
relativi alle cerniere plastiche delle zone critiche.
b) Questi momenti devono essere valutati considerando l'area effettiva
dell'armatura soggetta a trazione come pure il fatto che l'acciaio possa
raggiungere una tensione più alta dei valori di progetto. Quest'ultimo
fatto è tenuto in conto aumentando i valori nominali mediante
l’applicazione del coefficiente moltiplicativo γRd.

370
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 371

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Figura 8.4 - Valori delle forze di taglio alle estremità delle travi nell’ottica del criterio
della capacità

Nei casi in cui le cerniere plastiche non si formino nella trave ma negli elementi
che la sostengono, le sollecitazioni di taglio sono calcolate sulla base della resistenza
di questi ultimi.
I momenti resistenti sono da calcolare sulla base delle armature flessionali
effettivamente presenti, compreso il contributo di quelle poste all’interno della lar-
ghezza collaborante di eventuali solette piene, se ancorate al di fuori della campata
in esame.
La larghezza collaborante è da assumersi uguale alla larghezza del pilastro
bc (v. Fig. 8.5a) su cui la trave confluisce più:

371
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:28 Pagina 372

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

a. due volte l’altezza della soletta da ciascun lato, nel caso di travi confluenti
in pilastri interni (v. Fig. 8.5b);
b. due o quattro volte l’altezza della soletta da ciascun lato in cui è presente
una trave trasversale di altezza simile, nel caso di travi confluenti
rispettivamente in pilastri esterni o interni (v. Fig. 8.5c e 8.5d).

Figura 8.5 - Larghezza collaborante delle travi

[NT Fig. 7.4.1]

8.4.3.2 Verifiche di resistenza a flessione


Le verifiche vanno condotte secondo quanto riportato nel paragrafo 7.4 (ovvero
nulla cambia rispetto alle determinazioni fatte per il calcolo non sismico).
I momenti resistenti, nel caso di solette collaboranti, vanno determinati con
riferimento alla Figura 8.5 e in base a quanto descritto al paragrafo precedente.

8.4.3.3 Verifiche di resistenza a taglio

Strutture in Classe di Duttilità CD «B»


Il valore di calcolo del taglio VEd va determinato in riferimento a quanto indicato
al paragrafo 8.4.3.1.
La resistenza a taglio VRd è calcolata come indicato nel § 7.5 determinando
i valori relativi alla resistenza a taglio compressione (VRcd - § 7.5.3.1) e a taglio
trazione (VRcd - § 7.5.3.2) e scegliendo il minimo fra i due (§ 7.5.3.3, ovvero nulla
cambia rispetto a quanto indicato per il calcolo non sismico).

Strutture in Classe di Duttilità CD «A»


La resistenza a taglio VRd si calcola come indicato per le strutture in CD «B»,
assumendo nelle zone critiche ctgθ = 1.

372
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 373

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Se nelle zone critiche il rapporto tra il taglio minimo e quello massimo risulta
inferiore a _0,5, e se il maggiore tra i valori assoluti dei due tagli supera il valore:

( ∣———— ∣)⋅f
VEd,min
VR1 = 2 _ ctd⋅bw⋅d (8.10)
V Ed,max
[NT 7.4.2]
dove
bw = la larghezza dell’anima della trave
d = altezza utile della sua sezione,
fctd = resistenza di progetto a trazione del calcestruzzo (§ 7.3.1.1.2),
allora nel piano verticale di inflessione della trave devono essere disposti due
ordini di armature diagonali, l’uno inclinato di +45° e l’altro di _45° rispetto all’asse
della trave.
La resistenza deve essere affidata per metà alle staffe e per metà ai due ordini
di armature inclinate, per le quali deve risultare

As⋅fyd
VEd,max ≤ ————
— (8.11)
√2
[NT 7.4.3]

dove As è l’area di ciascuno dei due ordini di armature inclinate.

8.4.4 PILASTRI

8.4.4.1 Sollecitazioni di calcolo


Per ciascuna direzione e ciascun verso di applicazione delle azioni sismiche,
si devono proteggere i pilastri dalla plasticizzazione prematura adottando opportuni
momenti flettenti di calcolo; tale condizione si consegue qualora, per ogni nodo
trave-pilastro ed ogni direzione e verso dell’azione sismica, la resistenza complessiva
dei pilastri sia maggiore della resistenza complessiva delle travi amplificata del
coefficiente γRd, in accordo con la formula:

ΣMC,Rd ≥ γRd⋅ΣMb,Rd (8.12)


[NT 7.4.4]

dove:
γRd = 1,30 per le strutture in CD «A» (8.13)
γRd = 1,10 per le strutture in CD «B» (8.14)
MC,Rd = momento resistente del generico pilastro convergente nel nodo, cal-
colato per i livelli di sollecitazione assiale presenti nelle combinazioni sismiche
delle azioni;
Mb,Rd = momento resistente della generica trave convergente nel nodo.

Nel caso in cui si sia adottato il modello elastico incrudente di fig. 7.16, i
momenti MC,Rd e Mb,Rd si determinano come specificato nel §§ 7.4.1, 7.4.2, 7.4.3,
assumendo la deformazione massima dell’acciaio εs = 1%.

373
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 374

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Nella (8.12) si assume il nodo in equilibrio ed i momenti, sia nei pilastri che
nelle travi, tra loro concordi. Nel caso in cui i momenti nel pilastro al di sopra
ed al di sotto del nodo siano tra loro discordi, al membro sinistro della formula
(8.12) va posto il solo valore maggiore, il minore va sommato ai momenti di pla-
sticizzazione delle travi.
La Circolare 617/09, in merito a questo specifico punto, ha precisato:

Nei telai, per scongiurare l’attivazione di meccanismi fragili globali, come il meccanismo di «piano
debole»(7) che comporta la plasticizzazione, anticipata rispetto alle travi, di gran parte dei pilastri di
un piano, il progetto delle zone dissipative dei pilastri è effettuato considerando le sollecitazioni cor-
rispondenti alla resistenza delle zone dissipative delle travi amplificata mediante il coefficiente γRd che
vale 1,3 in CD «A» e 1,1 per CD «B».
In tali casi, generalmente, il meccanismo dissipativo prevede la localizzazione delle cerniere alle
estremità delle travi e le sollecitazioni di progetto dei pilastri possono essere ottenute a partire dalle
resistenze d’estremità delle travi che su di essi convergono, facendo in modo che, per ogni nodo
trave-pilastro ed ogni direzione e verso dell’azione sismica, la resistenza complessiva dei pilastri sia
maggiore della resistenza complessiva delle travi amplificata del coefficiente γRd, in accordo con la
formula (8.12).
In particolare uno dei modi per soddisfare tale formula consiste nell’amplificare i momenti flettenti
di calcolo dei pilastri derivanti dall’analisi per un fattore di amplificazione γRd dato dall’espressione:

ΣMb,Rd
α = γRd⋅————— (8.15)
ΣMC,Sd

in cui
Mb,Rd = momento resistente di progetto della generica trave convergente nel nodo
MC,Sd = momento flettente di calcolo del generico pilastro convergente nel nodo;

le sommatorie sono estese a tutte le sezioni delle travi e dei pilastri concorrenti nel nodo.

Nel caso in cui i momenti di calcolo nel pilastro siano di verso discorde, al denominatore della
formula (8.15) va posto il solo valore maggiore, mentre il minore va sommato ai momenti resistenti
delle travi; tale prescrizione non va invece applicata quando si considera la formula (8.12) delle NTC
che, operando in termini di resistenze flessionali, considera i valori assoluti delle grandezze indipen-
dentemente dal verso.
È opportuno sottolineare che l’utilizzo della formula (8.15) rappresenta solo uno dei possibili
modi per arrivare al rispetto della formula (8.12) delle NTC che rimane l’unica condizione di norma
da rispettare per proteggere i pilastri dalla plasticizzazione prematura.
Per la sezione di base dei pilastri del piano terreno si adotta come momento di calcolo il maggiore
tra il momento risultante dall’analisi ed il momento MC,Rd della sezione di sommità del pilastro.

(7) Cfr. § 4.4.3.2 e § 4.7.1.

374
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 375

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Il suddetto criterio di gerarchia delle resistenze non si applica alle sezioni


di sommità dei pilastri dell’ultimo piano, in quanto l’innesco di cerniere plastiche
in sommità dei pilastri non genera in questo caso perdita di equilibrio del sistema.
Come già riportato al paragrafo 8.4.3.1, al fine di escludere la formazione di
meccanismi inelastici dovuti al taglio, le sollecitazioni di taglio, da utilizzare per
le verifiche ed il dimensionamento delle armature, si ottengono dalla condizione
di equilibrio del pilastro soggetto all’azione dei momenti resistenti nelle sezioni
di estremità superiore MsC,Rd ed inferiore MiC,Rd secondo l’espressione:

MsC,Rd + MiC,Rd
VEd = γRd⋅————————— (8.16)
lp
[NT 7.4.5]

nella quale lp è la lunghezza del pilastro(8). Nel caso in cui i tamponamenti


non si estendano per l’intera altezza dei pilastri adiacenti, le sollecitazioni di taglio
da considerare per la parte del pilastro priva di tamponamento sono calcolati uti-
lizzando la relazione (8.16), dove l’altezza lp è assunta pari alla estensione della
parte di pilastro priva di tamponamento.

8.4.4.2 Verifiche a pressoflessione


8.4.4.2.1 Limitazione di resistenza a compressione
Per le strutture in CD «B» ed in CD «A» la sollecitazione di compressione
non deve eccedere, rispettivamente, il 65% ed il 55% della resistenza massima a
compressione della sezione di solo calcestruzzo.

ESEMPIO 8.1
Calcestruzzo Classe C25/30
CD «A»
fck = 25 N/mm2
fcd = 0,55 x 0,85 x 25 N/mm2 / 1,5 = 7,80 N/mm2

CD «B»
fck = 25 N/mm2
fcd = 0,65 x 0,85 x 25 N/mm2 / 1,5 = 9,20 N/mm2

8.4.4.2.2 Verifica semplificata a pressoflessione


La verifica a pressoflessione deviata può essere condotta in maniera semplificata
effettuando, per ciascuna direzione di applicazione del sisma, una verifica a pres-
soflessione retta nella quale devono essere applicate entrambe le seguenti dispo-
sizioni:
1) le sollecitazioni vengono determinate come indicato nel § 8.4.4.1;
2) le resistenze: MRd, MRd (NEd), vengono calcolate come indicato nel § 7.4.2,
e devono essere ridotte del 30%.
Le verifiche debbono sempre soddisfare la condizione che i valori di resistenza
siano maggiori dei valori delle sollecitazioni conseguenti all’applicazione delle azioni
esterne.
(8) Depurata dall’ingombro delle travi in esso contenuto.

375
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 376

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

8.4.4.2.3 Verifiche a taglio


Le sollecitazioni sono determinate tenendo conto dei valori dei momenti resi-
stenti della formula (8.16), come indicato nel § 8.4.4.1 (vedi figura 8.6).

Figura 8.6 - Calcolo del taglio ai nodi dei pilastri

La resistenza delle sezioni dei pilastri a taglio VRd è calcolata mediante le


indicazioni contenute ai paragrafi 7.5.3.1, 7.5.3.2, 7.5.3.3.
Le verifiche debbono sempre soddisfare la condizione che i valori di resistenza
siano maggiori dei valori delle sollecitazioni conseguenti all’applicazione delle azioni
esterne.

8.4.5 NODI TRAVE-PILASTRO: I MECCANISMI RESISTENTI «A PUNTONE DIAGONALE» O


«A CONFINAMENTO»

Si definisce nodo la zona del pilastro che si incrocia con le travi ad esso con-
correnti. Essi svolgono un ruolo fondamentale nei confronti della duttilità, o, in
altre parole, nei confronti della capacità della struttura di dissipare l’energia accu-
mulata durante l’evento sismico, senza che intervengano fenomeni di collasso com-
portanti il crollo o la perdita di equilibrio.
In generale la resistenza del nodo deve essere tale da assicurare che non per-
venga alla rottura prima delle zone di trave e di pilastro che vi convergono. A
tale scopo è sempre buona regola generale evitare eccentricità tra gli assi degli
elementi che vi convergono.
Le NTC definiscono due tipi di nodi:
a) Nodi interamente confinati: quando in ognuna delle quattro facce
verticali si innesta una trave. Il confinamento si considera realizzato
quando, su ogni faccia del nodo, la sezione della trave copre per almeno
i 3/4 la larghezza del pilastro e, su entrambe le coppie di facce opposte
del nodo, le sezioni delle travi si ricoprono per almeno i 3/4 dell’altezza.
376
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 377

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

b) Nodi non interamente confinati: tutti i nodi non appartenenti alla


categoria precedente.
Inoltre si possono verificare due casi a seconda che in una particolare direzione
si verifichi una delle situazioni illustrate in figura 8.7.

Figura 8.7 - Forze di taglio orizzontali agenti sui nodi trave e colonna

Essa rappresenta una sezione verticale di un nodo trave-colonna dove:


Mc; Nc; Tc = sollecitazioni della colonna al di sopra del nodo;
As1 e As2 = rispettivamente l’armatura superiore e inferiore della trave che
vi converge;
hjw = distanza fra le armature superiori ed inferiori della/e trave/i conver-
gente/i nel nodo;
hw = altezza della trave
Vjhd = taglio orizzontale agente all’interno del nocciolo di calcestruzzo;
hc = larghezza della colonna nella direzione considerata;
hjc = distanza tra le giaciture di armatura più esterne del pilastro nella
direzione considerata.
Il caso di sinistra della figura rappresenta una condizione di giunto interno
(trave su ambedue le facce della colonna), quello a destra, una condizione di giunto
esterno (trave su una sola faccia della colonna).
Lo scambio della forza di taglio attraverso il nucleo dei nodi trave-colonna
può verificarsi mediante i due seguenti meccanismi:
a) meccanismo a puntone diagonale;
b) meccanismo di confinamento.
Il meccanismo a puntone diagonale si attua quando in corrispondenza delle
sezioni trasversali terminali delle travi si sviluppano solamente fessure flessionali
di piccola ampiezza (dovute ad una precedente inversione del momento di piccola
intensità) che vengono successivamente chiuse. Le forze assiali di compressione delle
travi vengono trasferite sulla zona di calcestruzzo compressa e si combinano con
le forze verticali delle zone compresse delle colonne. Si forma così un puntone dia-
gonale compresso, in equilibrio all’interno del nodo come illustrato in figura 8.8.
377
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 378

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Figura 8.8 - Meccanismo di puntone diagonale

Il meccanismo di confinamento, illustrato in figura 8.9, si attua quando in


corrispondenza delle sezioni trasversali terminali delle travi si sviluppano fessure
flessionali di notevole ampiezza (corrispondenti ad un apprezzabile allungamento
permanente delle barre di armatura dovuto ad una precedente inversione del momen-
to di grande intensità) che non possono chiudersi in una fase successiva. Le forze
orizzontali di compressione dovute ai momenti flettenti sono assorbite principalmente
dalle armature e non si sviluppa alcun puntone inclinato. In aggiunta a questo, lo
schiacciamento plastico delle barre su entrambi i lati produce elevate tensioni di
aderenza concentrate nella zona mediana. Non si può quindi escludere che si formino
estese fessure diagonali all’interno del nucleo del nodo trave-colonna.

Figura 8.9 - Meccanismo di confinamento

378
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 379

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Al fine di garantire un sicuro trasferimento della sollecitazione tagliante attra-


verso il nodo trave-colonna, devono risultare soddisfatte le verifiche di seguito
riportate, ovvero la compressione diagonale prodotta dal meccanismo a puntone
non deve superare la resistenza del calcestruzzo onde evitare la rottura della cosid-
detta diagonale di calcestruzzo compresso.
Per prima cosa bisogna determinare la forza orizzontale di taglio agente nel
nodo. In assenza di più accurate valutazioni, la forza di taglio agente nel nucleo
di calcestruzzo del nodo può essere calcolata, per ciascuna direzione dell’azione
sismica, come:

Vjbd = γRd (As1 + As2) fyd _ VC per giunti interni (8.17)


[NT 7.4.6]
Vjbd = γRd As1 fyd _ VC per giunti esterni (8.18)
[NT 7.4.7]
in cui
γRd = 1,20
As1 = area armatura superiore
As2 = area armatura inferiore
VC = forza di taglio nel pilastro al di sopra del nodo, derivante dall’analisi in
condizioni sismiche.

ESEMPIO 8.2
Sia Vc = 3500 N (forza di taglio agente al di sopra del nodo in condizioni di
azione sismica); sia inoltre:
As1 = As2 = 6 φ 14 = 923 mm2
fyd = 391,3 N/mm2
In condizioni di giunto interno si ha:
Vjbd = 1,2 x (2 x 923 mm2) x 391,3 N/mm2 _ 3500 N = 863,3 kN
In condizioni di giunto esterno si ha:
Vjbd = 1,2 x 923 mm2 x 391,3 N/mm2 _ 3500 N = 429,9 kN

Secondo le disposizioni di norma la verifica viene condotta soltanto per la


Classe di Duttilità CD «A», confrontando il valore agente, come sopra determinato,
con il valore resistente dato dalla reazione a compressione della diagonale di cal-
cestruzzo in un meccanismo a traliccio. In tal caso si opera mediante il cosiddetto
meccanismo di reazione a puntone diagonale.
In assenza di modelli più accurati, il requisito può ritenersi soddisfatto se:

——————

√ νd
Vjbd ≤ η⋅fcd⋅bj⋅hjc⋅ 1 _ ——
η
(8.19.a)

[NT 7.4.8]
in cui:
f
η = αj (1 _ ———
ck
250
) con fck espresso in MPa (8.19.b)

[NT 7.4.9]

379
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 380

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

con
αj = 0,60 per giunti interni,
αj = 0,48 per giunti esterni,
νd = forza assiale nel pilastro al di sopra del nodo normalizzata rispetto alla
resistenza a compressione della sezione di solo calcestruzzo,
hjc = distanza tra le giaciture più esterne di armature del pilastro,
bj = larghezza effettiva del nodo. Quest’ultima è assunta pari alla minore tra:
a) la maggiore tra le larghezze della sezione del pilastro e della sezione
della trave;
b) la minore tra le larghezze della sezione del pilastro e della sezione della
trave, ambedue aumentate di metà altezza della sezione del pilastro.

ESEMPIO 8.3
Giunto interno, sia (come sull’esempio determinato in precedenza):
Vjbd = 1,2 x (2 x 923 mm2) x 391,3 N/mm2 _ 3500 N = 863,3 kN
Siano inoltre queste le dimensioni della trave e del pilastro:
Trave:
hw 250 mm; bw = 400 mm
hjw = 200 mm
As1 = As2 = 6 φ 14 = 923 mm2
Pilastro:
hc = 300 mm
hjc = 240 mm
αj = 0,6 (giunto interno)
Nc = 70.000 N
νd = 70.000N/(14,1 N/mm2 x 300 mm x 300 mm) = 0,055
η = 0,6 (1 _ 25/250) = 0,54 (Calcestruzzo C 25/30)
bj = 400 mm
———
η x fcd x bj x hic x √(1_νd/η) = 0,54 x 14,1 N/mm2 x 400 mm x 240 mm x
———————
√(1 _ 0,055/0,54) = 692,7 kN < Vjbd = 863,3 kN
La verifica non è soddisfatta nei confronti della rottura della biella di calcestruzzo
compresso del nodo. Evidentemente bisogna intervenire sulla geometria del nodo
in quanto, generalmente per costruzioni di tipo corrente il parametro η è fissato
dalla qualità del calcestruzzo C25/30 che è quello comunemente usato.

Alla verifica con la (8.19.a), per evitare che la massima trazione diagonale del
calcestruzzo ecceda la fctd deve esserne aggiunta una che preveda un adeguato
confinamento. In assenza di modelli più accurati, si possono disporre nel nodo
staffe orizzontali di diametro non inferiore a 6 mm, in modo che:

Ash⋅fywd [Vjbd / (bj⋅hjc)]2


—————— ≥ ————————— _ fctd (8.20)
bj⋅hjw fctd + νd⋅fcd
[NT 7.4.10]

in cui i simboli già utilizzati hanno il significato in precedenza illustrato, e:


Ash = area totale della sezione delle staffe;
hjw = distanza tra le giaciture di armature superiori e inferiori della trave.

380
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 381

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

In alternativa, l’integrità del nodo a seguito della fessurazione diagonale può


essere garantita integralmente dalle staffe orizzontali se:
Ash x fywd ≥ γRd (As1 + As2) fyd (1 _ 0,8 νd) per giunti interni (8.21)
[NT 7.4.11]

Ash x fywd ≥ γRd x As2 x fyd x (1 _ 0,8 νd) per giunti esterni (8.22)
[NT 7.4.12]

dove
γRd = 1,20
As1 = area armatura superiore
As2 = area armatura inferiore
νd = la forza assiale normalizzata agente al di sopra del nodo, per i nodi
interni, al di sotto del nodo, per i nodi esterni.
fywd = tensione di snervamento delle staffe
fyd = tensione di snervamento delle barre

ESEMPIO 8.4
Con i dati precedenti per un giunto interno si ha:
Ash = area totale delle staffe orizzontali all’interno del nocciolo (nel pilastro) = φ
10 a 4 bracci ogni 4 cm = 6 φ 10 x 4 = 1.884 mm2
fywd = 391,3 N/mm2
bj = 400 mm
hjw = 200 mm
As1 = As2 = 6 φ 14 = 923 mm2
Vjbd = 1,2 x (2 x 923 mm2) x 391,3 N/mm2 _ 3.500 N = 863,3 kN
hjc = 240 mm
fctd = 1,79 N/mmq / 1,5 = 1,19 N/mmq
νd = 70.000N/(14,1 N/mm2 x 300 mm x 300 mm) = 0,055
fcd = 14,1 N/mm2
Applicando la 8.20 si ha a primo membro:
Ash x fiwd / (bj x hjw) = 1.884 mm2 x 391,3 N/mm2 / (400 mm x 200 mm) = 9,2
N/mm2
A secondo membro:
[Vjbd / (bj hjc)]2 / (fctd + νd x fcd) _ fctd =
= (866.300 N / 400 mm x 200 mm)2 / (1,19 + 0,055 x 14,1) _ 1,19 = 58,47 N/mm2
La disuguaglianza non risulta verificata in quanto 9,2 N/mm2 < 58,47 N/mm2

In alternativa con la (8.21) si avrebbe, per nodo interno, a primo membro:

N
Ash x fywd = 1.884 mm2 x 391,3 ——— = 737,2 kN
mm2

A secondo membro:
γrd x (As1 + As2) fyd x (1 _ 0,8 νd) =
= 1,2 x (2x923 mm2) x 391,3 N/mm2 x (1 _ 0,8 x 0,055) = 828.7 kN
Con il che la disuguaglianza non risulta ancora verificata, come ci si doveva aspet-
tare essendo quest’ultimo calcolo alternativo al precedente.

381
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 382

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

8.4.6 PARETI

8.4.6.1 Sollecitazioni di calcolo


In mancanza di analisi più accurate, le sollecitazioni di calcolo nelle pareti
possono essere determinate mediante la seguente procedura semplificata.
Il diagramma dei momenti flettenti lungo l’altezza della parete è ottenuto per
traslazione verso l’alto dell’inviluppo del diagramma dei momenti derivante dall’analisi.

Pareti che non presentano significative discontinuità in termini di massa,


rigidezza e resistenza lungo l’altezza
L’inviluppo del diagramma dei momenti può essere assunto lineare.
La traslazione deve essere in accordo con l’inclinazione degli elementi compressi
nel meccanismo resistente a taglio e può essere assunta pari ad hcr (altezza della
zona inelastica di base).
L’altezza hcr è data dal più grande dei seguenti valori:
a) l’altezza della sezione di base della parete (lw),
b) un sesto dell’altezza della parete (hw).
Inoltre l’altezza critica da assumere non deve essere maggiore:
a) dell’altezza del piano terra, nel caso di edifici con numero di piani non
superiore a 6;
b) di due volte l’altezza del piano terra, per edifici con oltre 6 piani.
In ogni caso hcr non deve essere mai maggiore di due volte l’altezza della
sezione di base lw.
Per strutture sia in CD «B» che in CD «A» si deve tener conto del possibile
incremento delle forze di taglio a seguito della formazione della cerniera plastica
alla base della parete.
Per le strutture in CD «B» questo requisito si ritiene soddisfatto se si incrementa
del 50% il taglio derivante dall’analisi.
Per pareti estese debolmente armate il taglio ad ogni piano può essere ottenuto
amplificando il taglio derivante dall’analisi del fattore (q+1)/2.
Nelle strutture miste, il taglio nelle pareti non debolmente armate deve tener
conto delle sollecitazioni dovute ai modi di vibrare superiori. A tal fine, il taglio
derivante dall’analisi può essere sostituito dal diagramma d’inviluppo riportato in
Fig. 8.10, nella quale hw è l’altezza della parete, A è il taglio alla base incrementato,
B non deve essere inferiore a 0,5A.

382
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 383

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Figura 8.10 - Diagramma di inviluppo delle forze di taglio nelle pareti di strutture
miste

[NT Fig. 7.4.2]

Per le strutture in CD «A» il taglio deve essere incrementato del fattore

———————————————
1,5 ≤ q⋅ √(γrd MRd 2
——⋅———
q MEd ) Se(TC)
+ 0,1 ————
Se(T1)( )
≤q per pareti snelle (8.23)

[NT 7.4.13]

MRd
γrd⋅——— ≤ q per pareti tozze (8.24)
MEd
[NT 7.4.14]

intendendo per snelle le pareti con un rapporto tra altezza e larghezza superiore
a 2, e in cui:
γRd = 1,2
MEd = momento flettenti di calcolo alla base della parete,
MRd = momento flettenti resistente alla base della parete,
T1 = periodo fondamentale di vibrazione dell’edificio nella direzione del-
l’azione sismica,
Se(T) = ordinata dello spettro di risposta elastico.
Se il fattore di struttura q è superiore a 2, si deve tener conto delle forza
assiale dinamica aggiuntiva che si genera nelle pareti per effetto dell’apertura e
chiusura di fessure orizzontali e del sollevamento dal suolo. In assenza di più
accurate analisi essa può essere assunta pari al ±50% della forza assiale dovuta
ai carichi verticali in condizioni sismiche.

383
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 384

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

8.4.6.2 Verifiche di resistenza


Nel caso di pareti semplici, la verifica di resistenza si effettua con riferimento
al rettangolo di base.
Nel caso di pareti di forma composta, la verifica va fatta considerando la
parte di sezione costituita dalle anime parallele o approssimativamente parallele
alla direzione principale sismica ed attribuendo alle ali dimensioni date dal minimo
fra: effettiva larghezza dell’ala, metà della distanza fra anime adiacenti, 25% del-
l’altezza complessiva della parete hw.

8.4.6.2.1 Pressoflessione
Per tutte le pareti, la forza normale di compressione non deve eccedere rispet-
tivamente il 40% in CD»B» e il 35% in CD»A» della resistenza massima a com-
pressione della sezione di solo calcestruzzo.
Le verifiche devono essere condotte nel modo indicato per i pilastri nel §
8.4.4 tenendo conto, nella determinazione della resistenza, di tutte le armature
longitudinali presenti nella parete.
Per le pareti estese debolmente armate occorre limitare le tensioni di com-
pressione nel calcestruzzo per prevenire l’instabilità fuori dal piano, secondo quanto
indicato nel § 7.11.3 per i pilastri singoli.

8.4.6.2.2 Taglio
Per le strutture in CD»B» le verifiche devono essere condotte nel modo indicato
per i pilastri nel § 8.4.3.3 e devono considerare anche la possibile rottura per
scorrimento.
Per le strutture in CD»A» nelle verifiche si deve considerare la possibile rottura
a taglio compressione del calcestruzzo dell’anima, la possibile rottura a taglio trazione
delle armature dell’anima, la possibile rottura per scorrimento nelle zone critiche.

Verifica a taglio compressione del calcestruzzo dell’anima


La determinazione della resistenza è condotta in accordo con il § 7.5.3.1, assu-
mendo un braccio delle forze interne z pari all’80% dell’altezza della sezione ed
un’inclinazione delle diagonali compresse pari a 45°. Nelle zone critiche tale resi-
stenza va moltiplicata per un fattore riduttivo 0,4.
Stante le suindicate posizioni la (7.62) diventa:

VRcd = 0,8 lw x bw x αc x f‘cd x (ctgα + 1) / 2 (8.25)

E per le zone critiche:

VRcd = 0,4 x 0,8 lw x bw x αc x f‘cd x (ctgα + 1) / 2 (8.26)

Verifica a taglio trazione dell’armatura dell’anima


Il calcolo dell’armatura d’anima deve tener conto del rapporto di taglio:

αs = MEd / (VEd x lw) (8.27)

in cui
lw = l’altezza della sezione. (8.28)

384
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 385

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Per la verifica va considerato, ad ogni piano, il massimo valore di αs.


Se αs ≥ 2 la determinazione della resistenza è condotta in accordo con il §
7.5.3, assumendo un braccio delle forze interne z pari all’80% dell’altezza della
sezione ed un’inclinazione delle diagonali compresse pari a 45°, ovvero:

VRsd = Asw fyd x [0,8 lw (ctgα + 1) sin α] / s (8.29)

Se αs < 2 si utilizzano le seguenti espressioni:

VEd ≤ VRd,c + 0,75⋅ρh⋅fyd,h⋅bw⋅αs⋅lw (8.30)


[ΝΤ 7.4.15]

ρh⋅fyd,h⋅bwo⋅z ≤ ρv⋅fyd,v⋅bw⋅z + min NEd (8.31)


[ΝΤ 7.4.16]

in cui:
ρh = Ah / Acls,h rapporto fra area di armatura orizzontale e sezione di cls oriz-
zontale,
ρv = Av / Acls,v rapporto fra area di armatura verticale e sezione di cls verti-
cale,
fyd,h = valore di progetto della resistenza dell’armatura orizzontale,
fyd,v = valore di progetto della resistenza dell’armatura verticale,
bw = spessore dell’anima,
NEd = forza assiale di progetto (positiva se di compressione),
VRd,c = resistenza a taglio degli elementi non armati, determinata in accordo
con il § 7.5.4, da assumersi nulla nelle zone critiche quando NEd è di trazione.

Verifica a scorrimento nelle zone critiche


Sui possibili piani di scorrimento (per esempio le riprese di getto o i giunti
costruttivi) posti all’interno delle zone critiche deve risultare:

VEd ≤ VRd,S (8.32)


[ΝΤ 7.4.17]

dove VRd,S è il valore di progetto della resistenza a taglio nei confronti dello
scorrimento dato dalla seguente:

VRd,s = Vdd + Vid + Vfd (8.33)


[ΝΤ 7.4.18]

nella quale Vdd, Vid e Vfd rappresentano, rispettivamente, il contributo dell’effetto


«spinotto» delle armature verticali, il contributo delle armature inclinate presenti
alla base, il contributo della resistenza per attrito, e sono dati dalle espressioni:
———
1,3⋅ΣA ⋅√f cd⋅fyd
Vdd = min { 0,25⋅f sj
⋅ΣA
yd sj
(8.34)

[ΝΤ 7.4.19]

385
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 386

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

Vid = fyd⋅ΣAsi⋅cosφi (8.35)


[ΝΤ 7.4.20]

Vfd = min { μ0,5η⋅f


f ⋅[(ΣA ⋅f + N
cd
sj yd
⋅ξ⋅l ⋅b w
Ed)
wo
ξ + MEd/z]
(8.36)

[ΝΤ 7.4.21]

dove η = è dato dall’espressione (8.19.b) (in cui αj = 0,60),


μf = coefficiente d’attrito calcestruzzo-calcestruzzo sotto azioni cicliche (può
essere assunto pari a 0,60),
ΣAsj = somma delle aree delle barre verticali intersecanti il piano contenente
la potenziale superficie di scorrimento,
ξ = altezza della parte compressa della sezione normalizzata all’altezza della
sezione lw (ovvero adimensionalizzata in rapporto a lw)
Asj = area di ciascuna armatura inclinata che attraversa il piano detto for-
mando con esso un angolo φi.
Per le pareti tozze deve risultare Vid > VEd/2.
La presenza di armature inclinate comporta un incremento della resistenza a
flessione alla base della parete che deve essere considerato quando si determina
il taglio di calcolo VEd.

8.4.7 TRAVI DI ACCOPPIAMENTO DEI SISTEMI A PARETI

Le travi di accoppiamento possono essere schematizzate mediante la figura


8.11. In sostanza si tratta di travi di collegamento fra elementi resistenti verticali
costituiti da pareti.

Figura 8.11 - Travi di accoppiamento

386
Prog_Strutturale_sett10_Layout 1 26/08/10 09:29 Pagina 387

Capitolo 8 - CRITERI DI CALCOLO SPECIFICI PER LE AZIONI SISMICHE

La verifica delle travi di accoppiamento è da eseguire con i procedimenti con-


tenuti nel § 8.4.3 se è soddisfatta almeno una delle due condizioni seguenti:
a) il rapporto tra luce netta e altezza è uguale o superiore a 3;
b) la sollecitazione di taglio di calcolo risulta:

VEd ≤ fctd⋅b⋅d (8.37)


[ΝΤ 7.4.22]

essendo b la larghezza e d l’altezza utile della sezione.

Se le condizioni precedenti non sono soddisfatte la sollecitazione di taglio


deve essere assorbita da due ordini di armature diagonali, opportunamente staffate,
disposte ad X sulla trave che si ancorano nelle pareti adiacenti (vedi figura 8.12)
tale da soddisfare la relazione:

VSd ≤ 2 As⋅fyd⋅sinα (8.38)


[ΝΤ 7.4.23]

Essendo
α = angolo minimo tra ciascuna delle due diagonali e l’asse orizzontale;
As = area totale dell’armatura disposta in ciascuna delle direzioni diagonali
VSd = 2MSd / l = valore di progetto della sollecitazione tagliante sugli elementi
di accoppiamento
l = luce netta della trave di accoppiamento fra gli elementi verticali.

Figura 8.12 - Armatura delle travi di collegamento

Travi aventi altezza pari allo spessore del solaio non sono da considerare efficaci
ai fini dell’accoppiamento.

387