Vous êtes sur la page 1sur 116

Regione Emilia-Romagna, Piano Telematico Regionale, Progetto Eraclito

Atlante idroclimatico
dell’Emilia-Romagna
1961-2008

a cura di
Arpa Servizio Idro-Meteo-Clima

Edizione 2010
© 2009 Arpa Emilia-Romagna
Via Po 5, 40139 – Bologna. Tel. 0516223887 – Fax 0516223801
http//www.arpa.emr.it – arpared@arpa.emr.it

I quaderni di Arpa
Direttore: Stefano Tibaldi
Direttore responsabile: Giancarlo Naldi
Responsabile scientifico: Vito Belladonna

Coordinamento editoriale: Giancarlo Naldi


Progetto ideazione copertina: Cristina Lovadina
Impaginazione e grafica: Mauro Cremonini - Matteo Landi (Odoya srl)

Stampato su carta ecologica Fedrigoni Symbol Free Life Gloss


Chiuso in redazione nel mese di novembre 2009
ISBN 88-87854-24-6

L’Atlante idroclimatico è stato curato da:


Vittorio Marletto, responsabile progetto Eraclito
Gabriele Antolini, Fausto Tomei per la modellazione geografica dei dati e il software
Valentina Pavan, Rodica Tomozeiu per la selezione e il controllo dei dati

L’Atlante idroclimatico è un prodotto del progetto Eraclito, finanziato nell’ambito del


Piano Telematico Regionale 2007-2009 (www.regionedigitale.net)
Indice

Prefazione
Stefano Tibaldi
Piano telematico regionale e atlante idroclimatico
Duccio Campagnoli
La conoscenza del clima a supporto della governance
Carlo Cacciamani
Mettere in piano lo spazio terrestre. E anche il tempo
Mauro Bompani

Introduzione
Vittorio Marletto
Carta dei comuni
Carta dei bacini idrografici
Tavole

Appendice
Tabella climatica comunale
Stazioni termopluviometriche
Glossario

Tavole
Temperatura media Media autunnale. Periodo 1961-1990
1 Media annua. Periodo 1961-1990 15 Media invernale. Periodo 1991-2008
2 Media annua. Periodo 1991-2008 Media primaverile. Periodo 1991-2008
3 Media annua. Cambiamento (tendenza) 16 Media estiva. Periodo 1991-2008
Media annua. Cambiamento (differenza) Media autunnale. Periodo 1991-2008
4 Media invernale. Periodo 1961-1990 17 Media invernale. Cambiamento (differenza)
Media primaverile. Periodo 1961-1990 Media primaverile. Cambiamento (differenza)
5 Media estiva. Periodo 1961-1990 18 Media estiva. Cambiamento (differenza)
Media autunnale. Cambiamento (differenza)
Media autunnale. Periodo 1961-1990
6 Media invernale. Periodo 1991-2008 Temperatura massima
Media primaverile. Periodo 1991-2008 19 Media annua. Periodo 1961-1990
7 Media estiva. Periodo 1991-2008 20 Media annua. Periodo 1991-2008
Media autunnale. Periodo 1991-2008 21 Media annua. Cambiamento (tendenza)
8 Media invernale. Cambiamento (differenza) Media annua. Cambiamento (differenza)
Media primaverile. Cambiamento (differenza) 22 Media invernale. Periodo 1961-1990
9 Media estiva. Cambiamento (differenza) Media primaverile. Periodo 1961-1990
Media autunnale. Cambiamento (differenza) 23 Media estiva. Periodo 1961-1990
Media autunnale. Periodo 1961-1990
Temperatura minima 24 Media invernale. Periodo 1991-2008
10 Media annua. Periodo 1961-1990 Media primaverile. Periodo 1991-2008
11 Media annua. Periodo 1991-2008 25 Media estiva. Periodo 1991-2008
12 Media annua. Cambiamento (tendenza) Media autunnale. Periodo 1991-2008
Media annua. Cambiamento (differenza) 26 Media invernale. Cambiamento (differenza)
13 Media invernale. Periodo 1961-1990 Media primaverile. Cambiamento (differenza)
Media primaverile. Periodo 1961-1990 27 Media estiva. Cambiamento (differenza)
14 Media estiva. Periodo 1961-1990 Media autunnale. Cambiamento (differenza)
Giorni di gelo 59 Precipitazioni estive. Periodo 1961-1990
28 Media annua. Periodo 1961-1990 Precipitazioni autunnali. Periodo 1961-1990
29 Media annua. Periodo 1991-2008 60 Precipitazioni invernali. Periodo 1991-2008
30 Media annua. Cambiamento (tendenza) Precipitazioni primaverili. Periodo 1991-2008
Media annua. Cambiamento (differenza) 61 Precipitazioni estive. Periodo 1991-2008
31 Media primaverile. Periodo 1961-1990 Precipitazioni autunnali. Periodo 1991-2008
32 Media primaverile. Periodo 1991-2008 62 Precipitazioni invernali. Cambiamento (differenza)
33 Media primaverile. Cambiamento (tendenza) Precipitazioni primaverili. Cambiamento (differenza)
Media primaverile. Cambiamento (differenza) 63 Precipitazioni estive. Cambiamento (differenza)
Precipitazioni autunnali. Cambiamento (differenza)
Ultimo giorno di gelo primaverile
34 Media. Periodo 1961-1990 Numero di giorni piovosi (>1 mm)
35 Media. Periodo 1991-2008 64 Media annua. Periodo 1961-1990
36 Media. Cambiamento (tendenza) 65 Media annua. Periodo 1991-2008
Media. Cambiamento (differenza) 66 Media annua. Cambiamento (tendenza)
Media annua. Cambiamento (differenza)
Indice bioclimatico di Winkler 67 Media invernale. Periodo 1961-1990
37 Periodo 1961-1990 Media primaverile. Periodo 1961-1990
38 Periodo 1991-2008 68 Media estiva. Periodo 1961-1990
39 Cambiamento (tendenza) Media autunnale. Periodo 1961-1990
Cambiamento (differenza) 69 Media invernale. Periodo 1991-2008
Media primaverile. Periodo 1991-2008
Sommatoria gradi giorno (soglia 0 °C) 70 Media estiva. Periodo 1991-2008
40 Media annua. Periodo 1961-1990 Media autunnale. Periodo 1991-2008
41 Media annua. Periodo 1991-2008 71 Media invernale. Cambiamento (differenza)
42 Media annua. Cambiamento (tendenza) Media primaverile. Cambiamento (differenza)
Media annua. Cambiamento (differenza) 72 Media estiva. Cambiamento (differenza)
Media autunnale. Cambiamento (differenza)
Sommatoria gradi giorno (soglia 5 °C)
43 Media annua. Periodo 1961-1990 Vento
44 Media annua. Periodo 1991-2008 73 Vento annuale. Periodo 2003-2009
45 Media annua. Cambiamento (tendenza) 74 Vento invernale. Periodo 2003-2009
Media annua. Cambiamento (differenza) Vento primaverile. Periodo 2003-2009
75 Vento estivo. Periodo 2003-2009
Sommatoria gradi giorno (soglia 10 °C) Vento autunnale. Periodo 2003-2009
46 Media annua. Periodo 1961-1990
47 Media annua. Periodo 1991-2008 Bilancio idroclimatico
48 Media annua. Cambiamento (tendenza) 76 Totale annuo. Periodo 1961-1990
Media annua. Cambiamento (differenza) 77 Totale annuo. Periodo 1991-2008
78 Totale annuo. Cambiamento (tendenza)
Gradi giorno di riscaldamento (soglia 20 °C) Totale annuo. Cambiamento (differenza)
49 Media annua. Periodo 1961-1990
50 Media annua. Periodo 1991-2008 Idrologia e mare
51 Media annua. Cambiamento (tendenza) 79 Afflussi medi sui bacini principali. Periodo 1961-1990
Media annua. Cambiamento (differenza) 80 Afflussi medi sui bacini principali. Periodo 1991-2008
81 Variazione degli afflussi medi sui bacini principali.
Evapotraspirazione potenziale Periodo: 1991-2008 rispetto a 1961-1990
52 Totale annuo. Periodo 1961-1990 82 Tabella degli afflussi e deflussi mensili
53 Totale annuo. Periodo 1991-2008 83 Cuneo salino nei rami del delta del Po
54 Totale annuo. Cambiamento (tendenza) 84 Altezza e direzione media dell’onda in Adriatico
Totale annuo. Cambiamento (differenza)

Precipitazioni
55 Precipitazioni annue. Periodo 1961-1990
56 Precipitazioni annue. Periodo 1991-2008
57 Precipitazioni annue. Cambiamento (tendenza)
Precipitazioni annue. Cambiamento (differenza)
58 Precipitazioni invernali. Periodo 1961-1990
Precipitazioni primaverili. Periodo 1961-1990
Prefazione

Perché un atlante idroclimatico, e perché finanziato dal Per ora l’atlante è ancor molto più climatico che idrolo-
Piano Telematico Regionale? Perché la versione più impor- gico, ma la sezione che documenta gli afflussi e i deflussi che
tante dell’atlante non è quella che il lettore ha tra le mani ma caratterizzano i bacini idrografici della nostra regione è desti-
quella digitale, disponibile sul sito web di Arpa e dalla quale nata a crescere rapidamente, estendendosi anche alle progres-
sono ottenibili strati SIT di tutte le mappe tematiche pre- sive variazioni nel tempo della caratterizzazione idrologica
senti nell’atlante. Malgrado la lunga vita del Servizio Idro- quantitativa dei nostri bacini. Non appena i dati oggi già
MeteoClima della nostra Regione, questa è la prima volta presenti sugli Annali Idrologici della nostra regione (1990-
che viene reso disponibile un tale strumento che fotografa il 2008), tutti consultabili e scaricabili dal sito web di Arpa,
clima dell’Emilia-Romagna come esso si è dispiegato prin- saranno stati opportunamente rielaborati e completati con
cipalmente negli anni 1961-1990, trentennio che rimane tutti i risultati della digitalizzazione degli annali idrologici
ancora oggi quello di riferimento. Ma non solo. Per tutti i “storici” (precedenti al 1990), la sezione idrologica di questo
valori medi delle variabili considerate si fa il confronto tra il atlante verrà completata con gli opportuni dati e grafici (te-
trentennio di riferimento e il quasi ventennio successivo, il nere d’occhio il sito web!).
ben più caldo e siccitoso periodo 1991-2008 (dati più recen-
ti di così non sono disponibili, il 2009 al momento di andare Stefano Tibaldi
in stampa è l’anno in corso!). Da questo confronto il lettore Direttore Generale Arpa Emilia-Romagna
(o l’utente web) può verificare direttamente l’ampiezza del
cambiamento climatico in corso nella nostra regione.
Piano telematico regionale e atlante idroclimatico

Il Piano telematico dell’Emilia-Romagna (Piter) è il principa- categoria di progetti Piter con carattere di trasversalità. La
le elemento di programmazione per lo sviluppo della società conoscenza ambientale del territorio e dei suoi mutamenti
dell’informazione in Regione Emilia-Romagna e negli enti è fondamentale per le politiche che l’insieme Regione – au-
locali del territorio regionale. Il programma è un concreto tonomie locali deve assicurare. Con l’atlante e con il webGis
contributo al raggiungimento dei traguardi fissati dall’Agen- si intende quindi mettere a disposizione della comunità dei
da di Lisbona, che intende fare dell’Unione Europea l’econo- cittadini e degli enti locali un sistema informativo geografico
mia più dinamica e competitiva del mondo, puntando sullo intimamente connesso con le infrastrutture geografiche nu-
sviluppo della società dell’informazione, entro il 2010. Le meriche realizzate e continuamente aggiornate dalla Regione
Linee guida del Piano telematico regionale 2007-2009, ap- Emilia-Romagna.
provate dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna nella Mi sento quindi di esprimere grande soddisfazione per il
seduta del 2 maggio 2007, costituiscono la base di riferimen- fatto che un impegno politico preso viene tradotto con tem-
to per la realizzazione dei programmi operativi annuali. I pestività in un’opera fruibile da tutta la comunità regionale
progetti Piter avviati due anni fa e oggi in via di conclusione resa ancor più importante dalla evidenza dei cambiamenti
sono suddivisi nelle categorie Governance, Infrastrutture di del clima e dei loro impatti attuali e futuri sulle attività pro-
rete per la PA, i cittadini e le imprese, Infrastrutture per l’ac- duttive e sulla vita quotidiana. Cambiamenti che impongo-
cesso e l’operatività, Servizi a cittadini ed imprese, Servizi per no alle amministrazioni di tenerne conto insieme agli altri
la sanità, Servizi per l’istruzione, Riduzione del knowledge elementi di programmazione e di governo al fine di mitigare
divide, Ricerca e sviluppo, Monitoraggio e benchmarking. eventuali effetti negativi e al contempo sfruttare al meglio
II progetto Eraclito, realizzato in stretta collaborazione da nuove possibili opportunità.
Arpa, Servizio idrometeoclima, e Regione Emilia-Romagna,
Servizio sviluppo amministrazione digitale e sistemi infor-
mativi geografici, di cui questo Atlante idroclimatico co- Duccio Campagnoli
stituisce un importante prodotto finale, ricade nella terza Assessore attività produttive, sviluppo economico, piano telematico
La conoscenza del clima a supporto della governance

Conoscere gli aspetti del clima locale di un territorio è costruzione di indicatori ed indici che caratterizzano il terri-
importante sia per il cittadino che, soprattutto, per il policy torio emiliano-romagnolo.
maker che si occupa di pianificazione. Sono infatti molte le Questo Atlante idroclimatico è una risposta importante a
ricadute che la variabilità del clima può avere sulle attività questa esigenza di conoscenza fisica del territorio regionale ed è
umane e sugli ecosistemi naturali. il risultato di una lunga catena di attività che parte dalla certo-
Tale variabilità, imputabile sia a cause naturali che, sempre sina cura delle informazioni meteoclimatiche raccolte negli ul-
più, all’attività dell’uomo, si registra alle diverse scale tempo- timi decenni e dal recupero di informazioni spesso dimenticate
rali e spaziali modificando diversi indicatori meteoclimatici o giacenti in polverosi archivi e solo in formato cartaceo. Poi
fra i quali spiccano: temperatura, precipitazioni e frequenza viene l’inserimento dell’informazione rilevata nelle banche dati
di eventi estremi. del Simc, la digitalizzazione su supporti informatici più mo-
Credo non ci siano più dubbi sulla necessità sempre più derni di tanti dati presenti solo su carta, l’applicazione di tecni-
stringente di considerare la variabile clima come una tra le che di omogeneizzazione e di controllo della qualità delle serie
più rilevanti per garantire quel supporto conoscitivo neces- storiche. Vi è poi l’applicazione di tecniche di spazializzazione
sario al processo decisionale dell’uomo, nei diversi settori di tutte le informazioni puntuali disponibili sul territorio ed
di attività che svolge, prima di tutto per la salvaguardia del infine la costruzione di un’attraente cartografia georeferenziata
territorio e dell’ambiente. E’ quindi necessario conoscere le disponibile sia in questo volume che anche su supporto web.
caratteristiche del clima del territorio in cui si vive e si opera, Queste sono solo alcune delle tante attività che si sono rese
tenerlo monitorato costantemente per evidenziare le modifi- necessarie per realizzare quest’opera, che ha visto lo sforzo di
che che può subire nel tempo, sia per quanto concerne le sue tanti tecnici del Servizio idrometeoclima di Arpa, che voglio
caratteristiche medie sia per gli aspetti di variabilità spaziale ringraziare in questa sede per la qualità del prodotto realizzato e
e temporale che lo caratterizza. l’entusiasmo che ci hanno messo per raggiungere l’obiettivo.
Arpa, ed in particolare la sua struttura tematica Servizio Questo atlante copre una lacuna di conoscenza che era
idrometeoclima (Arpa-Simc), ha il compito di tenere sotto necessario colmare, anche per offrire qualche risposta ai
controllo il sistema climatico regionale attraverso il continuo tanti interrogativi che il dibattito sul clima di questi ultimi
monitoraggio delle principali variabili idrometeoclimatiche anni ha aperto. Mi auguro infine che quanto prodotto sia
che lo caratterizza (precipitazioni, temperatura, copertura del recepito con interesse diffuso e possa offrire un supporto
cielo, ventosità, livello idrometrico e portate dei fiumi). informativo importante a tutti coloro che operano sul terri-
Questo continuo processo di controllo avviene grazie ad torio della nostra regione nelle diverse filiere di competenza
una capillare rete di monitoraggio che consta di più 600 ed attività.
sensori disposti sul territorio, tutti assolutamente rilevanti e
necessari per garantire un’adeguata conoscenza della grande
variabilità climatica spaziale presente. Alla fase di monito- Carlo Cacciamani
raggio segue poi quella di elaborazione dei dati raccolti e la direttore di Arpa-Simc
Mettere in piano lo spazio terrestre. E anche il tempo

Per la verità, se si cerca l’Atlante sull’atlante, lo si trova in vrebbe essere – quello di dare oggettività scientifica alle ten-
Nord Africa, non tra l’Appennino e il Po. Si trovava infatti lì, denze storiche verificate. Ed è ciò che questa pubblicazione si
ai margini del Sahara, il Titano trasformato in catena mon- prefigge; con qualche avvertenza, però, niente affatto margi-
tuosa perché esposto alla testa della Medusa, e dunque pie- nale. L’atlante, per come lo conosciamo, è anzitutto spaziale,
trificato per sempre, e posto a reggere il mondo, a mostrare e non temporale. Misura e gerarchizza lo spazio, e anche in
eternamente il fondamento antropomorfo della sua rappre- questo suo procedere è tutt’altro che neutro e oggettivo: la
sentazione. Qualche centinaio di km più a nord, oltre quel mappa precede il territorio e anzi è storicamente precondi-
mare che divide e collega, il più bonario gigante Appennino zione del dominio su di esso; chi mette ordine (un proprio
sorveglia una pianura da sempre fertile, ricca di acqua, di specifico ordine) nel caos dell’ambiente esterno, dell’ignoto
condizioni adatte agli insediamenti umani e all’agricoltura. oltre la frontiera del conosciuto, lo rende soggetto alle pro-
Davvero? Davvero questa conca fertile, tra monti non prie leggi. Per esempio, la storia della colonizzazione dei con-
tanto alti e un fiume non poi così lungo, è – da sempre e per tinenti extraeuropei è, prima di tutto, storia di misurazione e
sempre – il luogo del grano e della frutta, dell’allevamento mappatura del territorio. Il pioniere (singola persona o Stato)
del bestiame e del clima temperato? Senz’altro no, possiamo diviene proprietario non di ciò che per primo ha raggiunto,
dire. Sappiamo della sua “storia naturale”, ricostruita con la ma di ciò di cui ha tracciato il confine e la struttura interna:
clessidra celeste delle ere geologiche e con quella assai più la mappa. Scoperta geografica e dominio coincidono.
contratta del tempo recente, storia umana e dagli uomini do- L’atlante climatico fissa nello spazio il tempo, lo cristalliz-
cumentata e codificata. E poi guardando alla storia recentissi- za in periodizzazioni definite secondo criteri complessi che,
ma, dell’epoca che la maggior parte delle persone ora viventi forse ancor più che in campo puramente geografico, defi-
ricorda, per il fatto di averla vissuta, ancor più precisamente e niscono esse stesse l’oggetto stesso della ricerca. Se - come
completamente documentata, per via tecnologica, di memo- dice Franco Farinelli, il cui lavoro ispira parte di queste note
rie elettroniche, di sistemi di ordinamento e classificazione - planing (piallare) è anche planning (pianificare), e la mappa
impensabili pochi decenni o anni fa. è dunque origine della costruzione “in piano” del territorio
Mentre per le epoche precedenti documentazione storica a cui si riferisce, a maggior ragione ciò vale aggiungendo la
e scientifica in fondo convergono in una evocazione pun- messa in piano della dimensione temporale. Forse è anche
tuale, fotografica di un momento, invece per l’ultimo mezzo per questo che un atlante climatico, geografico e storico in-
secolo, quello di cui si occupa questo atlante, la memoria e sieme, richiede un forte esercizio costruttivo, ma anche in-
il documento possono divergere: chi ricorda i “geloni” della terpretativo: non parla da se stesso, però induce a elaborare
propria infanzia, o i muri di neve o di nebbia, o (ma pare che strategie, politiche, risposte alle ipotesi di mutamento che
accada più raramente) estati torride e siccitose, ricorda sì un evidenzia. E il compito principale di Arpa altro non è che
clima parzialmente diverso, ma forse – ancora di più – un fornire costruzioni (facendo però attenzione a che non sia-
mondo diverso, dove riscaldamento e raffrescamento delle no anche costrizioni) conoscitive per questi obiettivi. Ma a
abitazioni erano meno efficienti, dove la neve procurava un fondamento della costruzione dell’atlante stanno, si è detto,
disagio diverso da quello di oggi (con meno autoveicoli in appunto ipotesi di costruzione del mondo. Il che ci ricondu-
circolazione), ma era anche un’occasione di lavoro per spala- ce all’immagine iniziale, e alla domanda gnoseologica, prima
tori assunti a giornata. Oppure, ricorda un’agricoltura in cui che metafisica, che fa chiudere il cerchio: Atlante regge sulle
gli eventi meteo avevano impatti non paragonabili con quelli sue spalle il mondo, ne garantisce la rappresentazione stabile,
odierni su colture e raccolti (e redditi). Insomma, tempo me- ma chi regge Atlante?
teorologico e cambiamento climatico hanno una componen-
te soggettiva, legata anche alle condizioni di vita, tutt’altro Mauro Bompani
che trascurabile, e compito di un atlante climatico è – o do- Responsabile comunicazione Arpa Emilia-Romagna
Introduzione

Per agire è necessario conoscere. Questo Atlante costituisce un questo caso sono soprattutto territoriali, con diminuzioni
elemento conoscitivo a nostro avviso essenziale per avvicina- marcate in montagna e lievi aumenti sulle pianure centro
re la questione climatica – dei cui aspetti globali si dibatte orientali, e riguardano anche la distribuzione nel tempo delle
nelle sedi internazionali – ai suoi risvolti regionali e locali, precipitazioni, che dalle tavole relative al numero di giorni
là dove essa può generare rischi e impatti rilevanti e dove piovosi, appaiono più disomogenee rispetto al passato.
quindi risulta importante impostare, parallelamente a una
strategia di mitigazione (cioè di riduzione delle emissioni La realizzazione di quest’opera è stata possibile grazie alla
climalteranti), un articolato piano di adattamento (gestione fusione, avvenuta negli anni scorsi, tra il preesistente Servizio
dei rischi, diminuzione degli impatti e, ove possibile, sfrutta- meteorologico regionale di Arpa e le sedi di Parma e Bologna
mento economico delle nuove condizioni). dell’ex Servizio idrografico e mareografico nazionale. Grandi
Il clima regionale sta cambiando sotto i nostri occhi, l’At- quantità di dati rilevati da queste strutture statali sono state
lante è stato quindi impostato per evidenziare le dinamiche vagliate e incorporate in un unico database regionale, prov-
territoriali in atto e comprende per questo tavole dei valori vedendo anche a nuove digitalizzazioni ove necessario.
medi che si riferiscono a due periodi distinti, il trentennio I dati termopluviometrici utilizzati per redigere l’Atlante
1961-1990, assunto a riferimento climatico di base secon- si riferiscono a 66 stazioni per la temperatura e 169 stazioni
do le convenzioni dell’Omm (Organizzazione meteorologica per le precipitazioni (tabella in Appendice) e sono stati con-
mondiale, organismo delle Nazioni Unite), e l’arco dei di- trollati per verificarne l’omogeneità statistica sull’intero arco
ciotto anni compresi tra il 1991 e il 2008, che costituiscono di anni esaminati ed eliminare casi di cambiamenti artificiali
una porzione rilevante e maggioritaria dell’attuale trentennio nelle serie storiche, dovuti per esempio a spostamenti di sta-
climatologico, che si concluderà nel 2020. zioni o cambio della strumentazione.
Per facilitare la comprensione delle dinamiche in atto, oltre Le tecniche di interpolazione territoriale utilizzate per la
alle tavole suddette sono state prodotte tavole di tendenza e di redazione dell’Atlante sono particolarmente complesse e in
variazione: le prime presentano la velocità del cambiamento, parte innovative. Per ogni variabile è disponibile una specifi-
determinata sull’intero arco dei dati qui utilizzati (per esempio ca tecnica per la descrizione della sua variabilità territoriale in
la variazione della temperatura, espressa in gradi per decennio, base alle caratteristiche geografiche. L’adozione di una griglia
calcolata sul periodo 1961-2008), le seconde presentano inve- di interpolazione a risoluzione variabile ha permesso inoltre
ce l’entità in cifre assolute del cambiamento finora rilevato tra di ottimizzare i tempi di calcolo e lo spazio fisico di me-
i due periodi esaminati (per esempio la differenza tra i valori morizzazione conservando il dettaglio geografico sufficiente
medi della temperatura nel periodo attuale rispetto a quello per la caratterizzazione dei campi climatici. In particolare le
di base). Inoltre, siccome i cambiamenti si manifestano con tavole dell’Atlante sono state prodotte tramite procedure di
intensità diversa nelle diverse stagioni, oltre alle tavole annuali interpolazione spaziale che consentono di stimare il valore di
sono state prodotte tavole stagionali disposte in modo da raf- una variabile meteorologica in qualunque punto del territo-
frontare a colpo d’occhio i climi stagionali e la loro dinamica. rio in base ai dati delle stazioni e a specifiche caratteristiche
Le principali tendenze climatiche regionali che appaiono geografiche (p. es. quota sul livello del mare). La stima si
dall’esame dell’Atlante sono relative ad un aumento gene- effettua sulle celle di una griglia, che nel nostro caso è di
ralizzato delle temperature, che, confrontando il trentennio tipo triangolare. La dimensione dei triangoli è inversamente
di riferimento 1961-1990 al periodo attuale (1991-2008), proporzionale alla variabilità orografica, cioè i triangoli più
risultano cresciute in media di circa un grado (1,1 °C). Le piccoli vengono utilizzati nelle zone caratterizzate da forti
precipitazioni, espresse come totali annui medi territoriali, oscillazioni altimetriche. Una maggiore risoluzione spaziale
mostrano invece variazioni modeste della quantità totale, permette di avere un più elevato dettaglio laddove la varia-
calata del 5% circa (da 890 a 850 mm). I cambiamenti in bilità climatica è alta, cioè in orografia complessa (questo
vale soprattutto per le temperature). Su ogni cella e per ogni sono disponibili negli Annali idrologici, liberamente accessi-
giorno del periodo 1961-2008 sono stati stimati i valori gior- bili dal sito di Arpa-Simc.
nalieri delle temperature (minima, media e massima) e delle L’Atlante idroclimatico è il frutto della collaborazione fat-
precipitazioni, e salvati in un unico database. Il database fi- tiva tra Arpa e Regione Emilia-Romagna, che ha ritenuto op-
nale contiene più di 300 milioni di record. portuno da una parte finanziarne la realizzazione nell’ambito
Per il vento invece, data la scarsità di punti di rilevazione, del Piano telematico regionale 2007-2009 (progetto Eraclito),
presentiamo a titolo esemplificativo un’elaborazione dei dati e dall’altra offrire la necessaria collaborazione tecnica per la
disponibili nel solo periodo 2003-2009, effettuata per mezzo creazione di una versione digitale dell’Atlante accessibile in
di un modello meteorologico a scala locale. Presentiamo an- Internet con tecnologia Moka, un software per costruire web-
che un diagramma ondametrico realizzato per mezzo della boa Gis tematici che consente, oltre alla visualizzazione geografica
oceanografica recentemente installata di fronte a Cesenatico. e interattiva delle tavole più propriamente climatiche, anche
Per quanto riguarda i dati più propriamente idrologici, l’accesso e la sovrapposizione di altri strati tematici ufficiali re-
l’intrusione del cuneo salino nel delta del Po è stata determi- gionali, che vanno dalla topografia, alla carta dei suoli, a quella
nata mediante l’applicazione di un modello speditivo elabo- dell’uso del suolo nelle sue diverse e successive versioni.
rato da Arpa-Simc, che adotta un approccio analitico a stati L’Atlante in questo modo acquista le caratteristiche di
permanenti di equilibrio tra fiume e mare. Il metodo consen- un’opera aperta, in continua integrazione con i dati e le ela-
te di valutare, con assegnata portata fluviale a Pontelagoscuro borazioni che via via si presenteranno disponibili. Ad esem-
(FE), la massima estensione in km del cuneo salino (espresso pio questa edizione dell’Atlante presenta alcune elaborazioni
in Psu, unità pratiche di salinità) in condizioni di bassa e alta parziali relative ai venti e alle condizioni marine in Adriatico
marea. Il modello è stato calibrato attraverso l’utilizzo di mi- realizzate su pochi anni recenti, che verranno progressiva-
sure sperimentali acquisite mediante una tecnica innovativa mente integrate nel tempo fino al raggiungimento di una
detta moving boat, impiegando una sonda multiparametrica soddisfacente lunghezza delle serie dei dati. Altre elaborazio-
e un’imbarcazione veloce per ciascun ramo del delta del Po. ni qui mancanti relative per esempio alla radiazione solare
Sempre in merito all’idrologia, per quanto riguarda gli saranno aggiunte successivamente previo un accurato con-
afflussi e i deflussi merita chiarire che per altezza di afflusso trollo e, ove necessario, aggiustamento dei dati misurati.
meteorico (mm) mensile ad una sezione di chiusura di baci-
no idrografico si intende lo spessore dello strato d’acqua di Vittorio Marletto
volume pari all’afflusso meteorico in quell’intervallo e uni- Arpa-Simc, responsabile del progetto Eraclito
formemente distribuito sulla superficie del bacino, mentre
per altezza di deflusso mensile ad una sezione di chiusura di
bacino idrografico (mm) si intende lo spessore dello strato Avvertenze: le stagioni utilizzate nell’Atlante sono quelle clima-
d’acqua di volume pari al deflusso superficiale del bacino in tologiche, che si riferiscono rispettivamente ai mesi di dicembre,
quell’intervallo e uniformemente distribuito sulla superficie gennaio e febbraio per l’inverno, marzo, aprile e maggio per la pri-
del bacino. I dati qui riportati hanno comunque importan- mavera e così via. Le tavole delle temperature minime e massime
za solo esemplificativa, mentre i dati ufficiali di riferimento si riferiscono ai valori medi delle suddette grandezze.

Ringraziamenti

Desideriamo citare e ringraziare sentitamente i numerosi colleghi del Servizio Idro-Meteo-Clima operanti nelle Aree Idrologia (Sil-
vano Pecora, Cinzia Alessandrini, Enrica Zenoni, Alberto Agnetti), Centro funzionale e reti di monitoraggio idrometeo (Michele
Di Lorenzo, Rosanna Foraci), Informatica (Rita Cipolla), Meteorologia ambientale, marina e oceanografica (Enrico Minguzzi e
Andrea Valentini), e Andrea Spisni del Laboratorio di telerilevamento, che in varia maniera ci hanno aiutato fornendo materiali,
dati e supporto per la realizzazione dell’Atlante. La collaborazione del Servizio sistemi informativi geografici della Regione Emilia-
Romagna, nelle persone di Giovanni Artioli e Rossella Bonora, rispettivamente precedente e attuale responsabile del servizio, e in
particolare di Giovanni Ciardi, è stata fondamentale per la realizzazione del progetto Eraclito e della versione webGis dell’Atlante.
Un grazie va anche ai colleghi dell’Area comunicazione della Direzione generale, Mauro Bompani e Maria Serena Fabbri, che
con pazienza hanno seguito le fasi finali di composizione e stampa dell’opera e hanno curato l’evento di presentazione. Grazie
anche a Carla Carbone del Servizio regionale sviluppo piano telematico e infrastrutture di rete e a Silvio Ciampa di Ervet, che ci
hanno accompagnato durante lo svolgimento triennale del progetto Eraclito e ai colleghi Barbara Ramponi e Lucio Botarelli che
ne hanno seguito gli aspetti amministrativi e organizzativi. Un ringraziamento particolare va al direttore generale di Arpa prof.
Stefano Tibaldi che, nella sua veste di precedente direttore del Servizio Idro-Meteo-Clima, ha creduto fin dall’inizio nella rilevanza
di questo lavoro e ci ha spronati a proseguirlo e portarlo a termine, svolgendo anche un ruolo importante nel collegamento con la
Regione Emilia-Romagna.
Carta dei comuni

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Carta dei bacini idrografici

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Tavole
idroclimatiche
Temperatura media annua 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura media
1
2
Temperatura media

Temperatura media annua 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Tendenza della temperatura media annua 1961-2008

Temperatura media
3

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della temperatura media annua 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura media invernale 1961-1990
Temperatura media

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura media primaverile 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura media estiva 1961-1990

Temperatura media
5

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura media autunnale 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura media invernale 1991-2008
Temperatura media

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura media primaverile 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura media estiva 1991-2008

Temperatura media
7

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura media autunnale 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Variazione della temperatura media invernale 1991-2008 rispetto a 1961-1990
Temperatura media

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della temperatura media primaverile 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Variazione della temperatura media estiva 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Temperatura media
9

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della temperatura media autunnale 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


10
Temperatura MINIMA

Temperatura minima annua 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura minima annua 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura MINIMA
11
Tendenza della temperatura minima annua 1961-2008
Temperatura MINIMA

12

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della temperatura minima annua 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura minima invernale 1961-1990

Temperatura MINIMA
13

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura minima primaverile 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura minima estiva 1961-1990
Temperatura MINIMA

14

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura minima autunnale 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura minima invernale 1991-2008

Temperatura MINIMA
15

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura minima primaverile 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura minima estiva 1991-2008
Temperatura MINIMA

16

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura minima autunnale 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Variazione della temperatura minima invernale 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Temperatura MINIMA
17

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della temperatura minima primaverile 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Variazione della temperatura minima estiva 1991-2008 rispetto a 1961-1990
Temperatura MINIMA

18

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della temperatura minima autunnale 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura massima annua 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura massima
19
20
Temperatura MASSIMA

Temperatura massima annua 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Tendenza della temperatura massima annua 1961-2008

Temperatura massima
21

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della temperatura massima annua 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura massima invernale 1961-1990
Temperatura MASSIMA

22

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura massima primaverile 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura massima estiva 1961-1990

Temperatura massima
23

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura massima autunnale 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura massima invernale 1991-2008
Temperatura MASSIMA

24

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura massima primaverile 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Temperatura massima estiva 1991-2008

Temperatura massima
25

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Temperatura massima autunnale 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Variazione della temperatura massima invernale 1991-2008 rispetto a 1961-1990
Temperatura MASSIMA

26

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della temperatura massima primaverile 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Variazione della temperatura massima estiva 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Temperatura massima
27

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della temperatura massima autunnale 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


28
GIORNI DI GELO

Numero di giorni di gelo 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Numero di giorni di gelo 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

GIORNI DI GELO
29
Tendenza del numero di giorni di gelo 1961-2008
GIORNI DI GELO

30

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione del numero di giorni di gelo 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Numero di giorni di gelo primaverile 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

GIORNI DI GELO
31
32
GIORNI DI GELO

Numero di giorni di gelo primaverile 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Tendenza del numero di giorni di gelo primaverile 1961-2008

GIORNI DI GELO
33

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione del numero di giorni di gelo primaverile 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


34
ULTIMO GIORNO DI GELO PRIMAVERILE

Ultimo giorno di gelo primaverile 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Ultimo giorno di gelo primaverile 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

ULTIMO GIORNO DI GELO PRIMAVERILE


35
Tendenza dell’ultimo giorno di gelo primaverile 1961-2008
ULTIMO GIORNO DI GELO PRIMAVERILE

36

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione dell’ultimo giorno di gelo primaverile 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Indice bioclimatico di Winkler 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Indice bioclimatico di WINKLER


37
38
Indice bioclimatico di WINKLER

Indice bioclimatico di Winkler 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Tendenza dell’indice bioclimatico di Winkler 1961-2008

Indice bioclimatico di WINKLER


39

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione dell’indice bioclimatico di Winkler 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


40
gradi giorno (soglia 0 °C)

Sommatoria gradi giorno annua (soglia 0 °C) 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Sommatoria gradi giorno annua (soglia 0 °C) 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Gradi giorno (soglia 0 °C)


41
Tendenza della sommatoria gradi giorno (soglia 0 °C) 1961-2008
gradi giorno (soglia 0 °C)

42

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della sommatoria gradi giorno annua (soglia 0 °C) 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Sommatoria gradi giorno annua (soglia 5 °C) 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

sommatoria (soglia 5 °C)


43
44
sommatoria (soglia 5 °C)

Sommatoria gradi giorno annua (soglia 5 °C) 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Tendenza della sommatoria gradi giorno (soglia 5 °C) 1961-2008

sommatoria (soglia 5 °C)


45

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della sommatoria gradi giorno annua (soglia 5 °C) 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


46
sommatoria (soglia 10 °C)

Sommatoria gradi giorno annua (soglia 10 °C) 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Sommatoria gradi giorno annua (soglia 10 °C) 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

sommatoria (soglia 10 °C)


47
Tendenza della sommatoria gradi giorno (soglia 10 °C) 1961-2008
sommatoria (soglia 10 °C)

48

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione della sommatoria gradi giorno annua (soglia 10 °C) 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Gradi giorno di riscaldamento (soglia 20 °C) 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

sommatoria (soglia 20 °C)


49
50
sommatoria (soglia 20 °C)

Gradi giorno di riscaldamento (soglia 20 °C) 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Tendenza dei gradi giorno di riscaldamento (soglia 20 °C) 1961-2008

sommatoria (soglia 20 °C)


51

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione dei gradi giorno di riscaldamento (soglia 20 °C) 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


52
EVAPOTRASPIRAZIONE POTENZIALE

Evapotraspirazione potenziale annua 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Evapotraspirazione potenziale annua 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

EVAPOTRASPIRAZIONE POTENZIALE
53
Tendenza dell’evapotraspirazione potenziale annua 1961-2008
EVAPOTRASPIRAZIONE POTENZIALE

54

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione dell’evapotraspirazione potenziale annua 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Precipitazioni annue 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

PRECIPITAZIONI
55
56
PRECIPITAZIONI

Precipitazioni annue 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Tendenza delle precipitazioni annue 1961-2008

PRECIPITAZIONI
57

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione delle precipitazioni annue 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Precipitazioni invernali 1961-1990
PRECIPITAZIONI

58

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Precipitazioni primaverili 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Precipitazioni estive 1961-1990

PRECIPITAZIONI
59

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Precipitazioni autunnali 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Precipitazioni invernali 1991-2008
PRECIPITAZIONI

60

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Precipitazioni primaverili 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Precipitazioni estive 1991-2008

PRECIPITAZIONI
61

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Precipitazioni autunnali 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Variazione delle precipitazioni invernali 1991-2008 rispetto a 1961-1990
PRECIPITAZIONI

62

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione delle precipitazioni primaverili 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Variazione delle precipitazioni estive 1991-2008 rispetto a 1961-1990

PRECIPITAZIONI
63

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione delle precipitazioni autunnali 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


64
NUMERO DI GIORNI PIOVOSI (>1 mm)

Numero di giorni piovosi 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Numero di giorni piovosi 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

NUMERO DI GIORNI PIOVOSI (>1 mm)


65
Tendenza del numero di giorni piovosi 1961-2008
NUMERO DI GIORNI PIOVOSI (>1 mm)

66

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione del numero di giorni piovosi 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Numero di giorni piovosi invernali 1961-1990

NUMERO DI GIORNI PIOVOSI (>1 mm)


67

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Numero di giorni piovosi primaverili 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Numero di giorni piovosi estivi 1961-1990
NUMERO DI GIORNI PIOVOSI (>1 mm)

68

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Numero di giorni piovosi autunnali 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Numero di giorni piovosi invernali 1991-2008

NUMERO DI GIORNI PIOVOSI (>1 mm)


69

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Numero di giorni piovosi primaverili 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Numero di giorni piovosi estivi 1991-2008
NUMERO DI GIORNI PIOVOSI (>1 mm)

70

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Numero di giorni piovosi autunnali 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Variazione del numero di giorni piovosi invernali 1991-2008 rispetto a 1961-1990

NUMERO DI GIORNI PIOVOSI (>1 mm)


71

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione del numero di giorni piovosi primaverili 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Variazione del numero di giorni piovosi estivi 1991-2008 rispetto a 1961-1990
NUMERO DI GIORNI PIOVOSI (>1 mm)

72

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione del numero di giorni piovosi autunnali 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Vento annuale - Media dell’intensità e media direzionale 2003-2009

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

VENTO
73
Vento invernale - media dell’intensità e media direzionale 2003-2009
VENTO

74

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Vento primaverile - media dell’intensità e media direzionale 2003-2009

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Vento estivo - media dell’intensità e media direzionale 2003-2009

VENTO
75

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Vento autunnale - media dell’intensità e media direzionale 2003-2009

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


76
BILANCIO IDROCLIMATICO

Bilancio idroclimatico annuo 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Bilancio idroclimatico annuo 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

BILANCIO IDROCLIMATICO
77
Tendenza del bilancio idroclimatico annuo 1961-2008
BILANCIO IDROCLIMATICO

78

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

Variazione del bilancio idroclimatico annuo 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Afflussi medi sui bacini principali 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

IDROLOGIA E MARE
79
80
IDROLOGIA E MARE

Afflussi medi sui bacini principali 1991-2008

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010


Variazione degli afflussi medi sui bacini principali 1991-2008 rispetto a 1961-1990

Atlante idroclimatico dell’Emilia-Romagna 2010

IDROLOGIA E MARE
81
82
IDROLOGIA E MARE

Afflussi (A) e deflussi (D) in mm

GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE annuo
STAZIONE BACINO Anni A D A D A D A D A D A D A D A D A D A D A D A D a d

Berceto Parma 2004-2007 125 162 150 182 150 186 118 172 111 119 66 86 50 45 107 41 157 54 199 97 171 147 151 162 1555 1453

Bomporto Panaro 2005-2007 39 29 51 34 71 57 73 66 55 30 52 16 30 5 70 8 105 16 108 29 86 36 76 53 816 379

Borello Savio 2006-2007 31 31 66 24 105 61 53 32 56 - 55 6 19 1 78 3 113 6 103 14 40 10 70 - 789 188

Cadelbosco Crostolo 2003-2007 37 8 43 9 67 21 79 23 43 6 46 4 28 2 50 3 85 4 100 16 91 15 59 12 728 123


Casalecchio
Reno 2003-2007 86 58 92 48 90 64 95 51 75 29 48 11 41 7 74 7 111 8 148 16 180 68 131 75 1171 442
Chiusa
Case Bonini Arda 2004-2007 43 65 60 101 83 137 106 127 79 62 46 21 31 6 102 9 95 15 125 30 119 80 74 89 963 742
Castellina di
Taro 2003-2007 49 16 46 14 63 23 85 20 57 15 54 12 25 9 65 9 81 10 106 12 122 20 65 15 818 175
Soragna
Castrocaro Fiumi Uniti 2006-2007 51 25 85 22 123 37 48 21 63 12 56 8 19 3 83 2 127 4 90 5 57 5 81 18 883 162

Corniglio Parma 2004-2007 136 162 162 192 159 169 119 183 114 111 70 22 54 7 114 10 168 28 211 74 177 124 159 139 1643 1221

Farini Nure 2004-2007 56 49 86 64 87 72 97 76 84 54 49 26 40 17 104 21 96 24 120 29 139 56 96 57 1054 545

Lugo Secchia 2003-2007 81 57 79 54 94 87 102 102 68 59 68 26 51 11 68 8 107 13 152 27 157 73 107 70 1134 587

Marzolara Parma 2003-2007 82 64 82 56 86 75 103 60 69 33 63 15 42 6 74 5 108 6 149 13 165 34 103 65 1126 432

Ostia Parmense Taro 2004-2007 84 119 128 144 102 106 96 82 86 72 48 22 44 10 91 11 118 14 165 42 173 102 135 105 1270 829

Ponte Verdi Parma 2003-2007 76 50 76 57 87 77 101 85 63 37 58 5 39 2 73 1 107 5 144 16 149 63 99 58 1072 456

Ponte Bacchello Secchia 2005-2007 47 21 58 30 85 50 82 65 56 16 53 8 40 1 78 2 106 8 113 20 88 27 80 39 886 287

Ponte Nibbiano Tidone 2004-2007 34 12 57 10 61 13 72 11 76 6 34 4 31 6 102 4 71 2 91 2 84 3 53 3 766 76

Ponte Samone Panaro 2004-2007 63 30 73 37 87 55 92 71 76 46 63 19 51 11 67 10 108 14 140 35 129 51 105 60 1054 439

Ponte Taro Taro 2004-2007 60 31 89 51 87 59 89 46 73 29 50 9 38 2 80 4 103 6 134 15 138 58 99 58 1040 368

Pracchia Reno 2003-2007 147 115 150 113 128 107 114 92 111 81 37 23 52 18 88 17 143 26 190 45 267 133 207 147 1634 917

Predappio Fiumi Uniti 2006-2007 53 33 90 22 124 46 56 29 61 21 59 10 19 2 88 1 136 5 102 24 57 21 94 37 939 251

Reda Lamone 2006-2007 43 53 76 34 123 60 47 25 62 - 49 - 18 2 78 - 121 7 81 4 53 6 67 12 818 203

Rivergaro Trebbia 2003-2006 68 55 77 60 74 64 121 70 73 46 47 16 53 15 101 17 88 14 164 28 189 105 176 101 1231 591

Rottofreno Tidone 2003-2007 37 6 40 4 47 4 70 6 61 8 39 1 29 1 71 1 65 1 87 0 100 2 61 2 707 36

Rubiera SS9 Secchia 2003-2007 62 51 62 42 82 74 93 85 58 37 62 11 43 1 61 2 97 8 130 23 132 64 88 62 970 460

Saliceto Chiavenna 2003-2007 44 9 43 8 57 10 76 8 57 9 49 7 28 5 61 5 72 5 95 6 105 10 58 7 745 89

Salsomaggiore Taro 2003-2006 53 2 42 1 48 2 101 2 49 1 35 1 31 1 73 0 89 1 99 1 127 1 79 1 826 14

San Carlo Savio 2006-2007 41 25 77 14 113 26 55 10 63 - 50 - 21 - 79 1 121 2 102 6 44 6 76 18 842 108

Selvanizza Enza 2004-2007 127 167 166 160 148 185 106 190 100 170 72 134 54 119 113 109 174 115 196 148 154 158 141 172 1551 1827

Sorbolo Enza 2004-2007 64 40 87 80 99 121 88 100 67 41 58 5 44 - 82 1 116 9 133 33 100 54 88 76 1026 560

Strada Casale Lamone 2006-2007 62 97 97 64 137 97 50 43 66 34 47 12 19 5 84 6 136 8 87 10 68 13 84 - 937 389

Toccalmatto Taro 2003-2006 51 17 42 13 47 16 94 14 42 13 35 2 31 2 65 2 91 6 95 3 115 9 75 9 783 106

Valsigiara Trebbia 2004-2007 75 62 139 108 110 94 109 83 107 68 54 30 48 16 129 18 113 13 175 31 196 85 159 107 1414 715
Cuneo salino nei rami del delta del Po

IDROLOGIA E MARE
83

Intrusione del cuneo salino nei diversi rami del Delta del Po espressa come distanza dalla foce (km) e salinità (Psu - practical
salinity unit) sui diversi periodi di ritorno (anni) in condizioni di bassa (blu) e alta marea (rosso).
84
IDROLOGIA E MARE

Boa ondametrica di Cesenatico - rosa delle onde 2007-2009

Direzione di provenienza
N NNE NE ENE E ESE SE SSE S SSW SW WSW W WNW NW NNW
Altezza significativa dell’onda (m)

0,2-0,5 829 1294 1279 1465 3665 4269 441 21 19 36 68 114 141 287 432 565

0,5-1,25 235 604 1105 2330 2546 1062 99 1 6 5 5 25 10 13 24 51

1,25-2,5 8 87 511 1131 269 11 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1

2,5-4 0 10 59 102 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Appendice
Tabella climatica comunale

Area Tmed 61-90 Tmed 91-08 Variazione Prec 61-90 Prec 91-08 Variazione
Prov Comune
kmq °C °C °C mm mm mm
BO ANZOLA 36,4 13,1 14,5 1,4 736 734 -2
BO ARGELATO 35,6 13,4 14,8 1,4 665 694 30
BO BARICELLA 46,0 13,2 14,3 1,1 654 689 35
BO BAZZANO 13,7 13,2 14,4 1,2 782 805 23
BO BENTIVOGLIO 50,9 13,5 14,7 1,2 688 729 41
BO BOLOGNA 141,2 14,0 15,1 1,1 760 777 17
BO BORGO TOSSIGNANO 29,6 12,7 13,6 1,0 874 886 12
BO BUDRIO 121,1 13,6 14,7 1,1 738 779 41
BO CALDERARA DI RENO 41,3 13,7 15,0 1,3 699 723 25
BO CAMUGNANO 96,2 10,7 11,6 0,9 1345 1197 -148
BO CASALECCHIO DI RENO 17,5 13,8 14,9 1,1 780 774 -7
BO CASALFIUMANESE 82,4 12,6 13,5 0,9 878 885 7
BO CASTEL D’AIANO 46,1 10,7 11,5 0,8 964 934 -31
BO CASTEL DEL RIO 52,2 11,3 12,4 1,1 1016 993 -23
BO CASTEL DI CASIO 47,5 11,6 12,4 0,8 1244 1153 -91
BO CASTEL GUELFO 28,5 13,6 14,5 0,9 799 817 18
BO CASTEL MAGGIORE 30,6 13,8 15,0 1,3 702 740 38
BO CASTEL S. PIETRO TERME 149,0 13,3 14,2 0,9 821 845 24
BO CASTELLO D’ARGILE 27,8 13,2 14,6 1,4 641 664 23
BO CASTELLO DI SERRAVALLE 39,1 12,8 13,8 1,0 835 829 -6
BO CASTENASO 35,7 14,0 15,2 1,2 770 805 35
BO CASTIGLIONE DEI PEPOLI 65,5 10,8 11,8 0,9 1415 1295 -120
BO CRESPELLANO 37,4 13,2 14,4 1,2 765 762 -3
BO CREVALCORE 102,8 13,2 14,6 1,4 664 662 -2
BO DOZZA 23,8 13,4 14,2 0,8 802 813 12
BO FONTANELICE 36,3 12,1 13,1 1,0 933 952 19
BO GAGGIO MONTANO 58,7 10,8 11,6 0,8 1130 1070 -60
BO GALLIERA 37,3 13,2 14,5 1,3 664 686 22
BO GRANAGLIONE 39,4 9,4 10,4 0,9 1656 1515 -141
BO GRANAROLO 34,3 13,9 15,1 1,2 724 768 44
BO GRIZZANA 77,7 12,1 13,1 0,9 1002 933 -69
BO IMOLA 205,1 13,4 14,3 0,9 790 778 -12
BO LIZZANO IN BELVEDERE 84,6 8,9 9,9 1,0 1700 1592 -108
BO LOIANO 52,1 11,9 13,2 1,3 978 1001 22
BO MALALBERGO 53,0 13,1 14,3 1,1 655 689 35
BO MARZABOTTO 73,9 12,7 13,8 1,1 889 880 -9
BO MEDICINA 158,6 13,6 14,6 1,0 760 778 18
BO MINERBIO 43,1 13,4 14,6 1,1 693 732 38
BO MOLINELLA 126,9 13,4 14,6 1,1 704 713 9
BO MONGHIDORO 47,8 10,6 11,9 1,2 1184 1152 -32
BO MONTE S.PIETRO 74,3 12,7 13,6 1,0 843 816 -27
BO MONTERENZIO 105,2 12,3 13,3 1,1 924 917 -7
BO MONTEVEGLIO 32,9 13,0 14,1 1,1 816 818 2
BO MONZUNO 65,7 12,2 13,5 1,2 977 981 4
BO MORDANO 21,2 13,5 14,4 0,9 781 733 -48
BO OZZANO 65,3 13,6 14,6 1,0 819 844 26
BO PIANORO 106,8 13,2 14,2 1,0 867 849 -19
BO PIEVE DI CENTO 15,8 13,2 14,6 1,4 657 680 22
BO PORRETTA TERME 34,7 10,1 10,9 0,8 1555 1469 -85
BO S.AGATA BOLOGNESE 34,5 13,2 14,6 1,4 666 675 8
BO S.BENEDETTO VAL DI SAMBRO 66,3 10,7 11,8 1,1 1238 1115 -123
BO S.GIORGIO DI PIANO 30,3 13,4 14,6 1,2 675 710 35
BO S.GIOVANNI IN PERSICETO 114,3 13,1 14,6 1,4 674 688 15
BO S.LAZZARO DI SAVENA 44,6 13,9 15,0 1,1 799 819 20
BO S.PIETRO IN CASALE 66,1 13,2 14,4 1,2 663 692 29
BO SALA BOLOGNESE 46,1 13,3 14,7 1,4 652 676 24
APPENDICE / TABELLA CLIMATICA COMUNALE

Area Tmed 61-90 Tmed 91-08 Variazione Prec 61-90 Prec 91-08 Variazione
Prov Comune
kmq °C °C °C mm mm mm
BO SASSO MARCONI 96,2 13,2 14,1 1,0 839 805 -34
BO SAVIGNO 57,2 11,6 12,6 0,9 916 901 -15
BO VERGATO 59,0 11,8 12,7 0,9 925 897 -27
BO ZOLA PREDOSA 38,3 13,4 14,6 1,1 774 771 -3
FE ARGENTA 312,0 13,3 14,1 0,9 676 657 -20
FE BERRA 67,9 13,4 14,5 1,1 601 676 75
FE BONDENO 175,4 13,3 15,0 1,7 687 681 -6
FE CENTO 64,6 13,2 14,6 1,4 670 691 21
FE CODIGORO 168,9 13,3 14,4 1,0 599 653 54
FE COMACCHIO 283,7 13,3 14,1 0,8 638 652 14
FE COPPARO 155,7 13,5 14,9 1,5 585 678 92
FE FERRARA 405,4 13,4 15,4 2,0 629 662 32
FE FORMIGNANA 22,5 13,4 14,8 1,4 592 679 87
FE GORO 33,4 13,3 14,3 1,0 604 674 70
FE JOLANDA DI SAVOIA 109,7 13,4 14,5 1,1 602 675 73
FE LAGOSANTO 34,5 13,4 14,2 0,8 623 654 32
FE MASI TORELLO 22,9 13,4 15,2 1,8 625 640 15
FE MASSA FISCAGLIA 58,2 13,4 14,4 1,0 617 660 43
FE MESOLA 84,7 13,3 14,4 1,0 595 640 45
FE MIGLIARINO 35,9 13,4 14,5 1,1 618 645 27
FE MIGLIARO 22,0 13,4 14,4 1,0 618 654 36
FE MIRABELLO 16,2 13,2 14,9 1,7 670 683 13
FE OSTELLATO 173,4 13,3 14,4 1,0 639 626 -13
FE POGGIO RENATICO 80,3 13,2 14,8 1,6 654 676 21
FE PORTOMAGGIORE 126,6 13,4 14,6 1,2 650 600 -50
FE RO 43,7 13,5 15,2 1,7 573 669 95
FE SANT’AGOSTINO 35,0 13,2 14,6 1,4 669 686 16
FE TRESIGALLO 20,5 13,4 14,5 1,1 618 649 31
FE VIGARANO MAINARDA 41,9 13,4 15,5 2,1 656 670 14
FE VOGHIERA 40,3 13,4 15,3 1,9 627 652 25
FO BAGNO DI ROMAGNA 233,9 10,5 11,9 1,4 1218 1172 -46
FO BERTINORO 56,6 13,5 14,9 1,4 797 767 -30
FO BORGHI 30,2 13,5 14,9 1,4 895 820 -75
FO CASTROCARO 38,6 13,3 14,3 1,0 869 878 9
FO CESENA 249,5 13,3 14,8 1,5 815 765 -50
FO CESENATICO 44,7 13,3 14,3 1,0 744 751 7
FO CIVITELLA DI ROMAGNA 156,4 12,1 13,0 0,9 890 887 -4
FO DOVADOLA 39,2 12,3 13,2 0,9 893 893 1
FO FORLI’ 228,2 13,9 15,0 1,2 752 787 35
FO FORLIMPOPOLI 24,7 13,9 15,2 1,3 751 776 25
FO GALEATA 62,7 11,5 12,4 0,9 965 932 -32
FO GAMBETTOLA 8,0 13,3 14,5 1,2 785 766 -19
FO GATTEO 14,4 13,4 14,4 1,0 812 775 -36
FO LONGIANO 23,3 13,5 14,8 1,3 873 799 -74
FO MELDOLA 79,6 13,2 14,3 1,2 844 791 -53
FO MERCATO SARACENO 110,2 12,7 13,7 1,0 903 875 -28
FO MODIGLIANA 100,7 11,7 12,7 0,9 912 892 -20
FO MONTIANO 9,3 13,3 14,6 1,3 877 814 -63
FO PORTICO 61,0 10,1 11,3 1,1 1189 1117 -72
FO PREDAPPIO 91,8 12,4 13,3 0,9 864 859 -5
FO PREMILCUORE 99,0 10,2 11,4 1,2 1168 1087 -81
FO ROCCA S.CASCIANO 50,9 11,6 12,5 0,9 916 923 8
FO RONCOFREDDO 51,4 13,0 14,3 1,3 887 831 -56
FO S.MAURO PASCOLI 16,9 13,5 14,5 1,0 838 782 -56
FO S.SOFIA 148,7 10,4 11,6 1,2 1302 1186 -116
FO SARSINA 59,6 12,0 12,6 0,6 891 936 45
FO SAVIGNANO SUL RUBICONE 23,7 13,5 14,7 1,2 868 792 -76
FO SOGLIANO AL RUBICONE 82,2 13,0 14,0 1,1 912 887 -25
FO TREDOZIO 62,0 10,7 11,7 1,0 995 963 -33
APPENDICE / TABELLA CLIMATICA COMUNALE

Area Tmed 61-90 Tmed 91-08 Variazione Prec 61-90 Prec 91-08 Variazione
Prov Comune
kmq °C °C °C mm mm mm
FO VERGHERETO 120,1 9,8 11,4 1,7 1172 1189 17
MO BASTIGLIA 10,4 13,3 14,6 1,3 641 678 37
MO BOMPORTO 39,0 13,2 14,5 1,4 656 643 -12
MO CAMPOGALLIANO 35,8 13,0 14,3 1,2 724 710 -14
MO CAMPOSANTO 22,9 13,2 14,6 1,4 668 663 -5
MO CARPI 132,2 13,0 14,2 1,2 687 682 -5
MO CASTELFRANCO EMILIA 102,7 13,2 14,5 1,3 711 753 42
MO CASTELNUOVO RANGONE 22,7 13,3 14,5 1,2 722 808 86
MO CASTELVETRO 49,7 13,0 14,0 1,0 779 845 66
MO CAVEZZO 26,6 13,1 14,4 1,3 669 691 22
MO CONCORDIA 40,8 13,1 14,4 1,3 680 679 -1
MO FANANO 90,7 8,5 9,4 1,0 1483 1186 -297
MO FINALE EMILIA 104,9 13,2 14,7 1,5 689 694 4
MO FIORANO 26,2 13,1 14,0 0,9 774 806 33
MO FIUMALBO 39,2 5,9 7,2 1,3 1664 1206 -458
MO FORMIGINE 46,4 13,3 14,4 1,1 735 789 54
MO FRASSINORO 95,7 7,8 9,4 1,6 1500 1404 -95
MO GUIGLIA 49,1 12,0 13,0 1,0 866 872 6
MO LAMA MOCOGNO 64,0 9,3 10,1 0,8 1123 1106 -17
MO MARANELLO 33,1 12,9 13,8 0,9 784 835 52
MO MARANO SUL PANARO 44,7 12,3 13,2 0,9 829 871 42
MO MEDOLLA 26,8 13,1 14,4 1,3 666 684 18
MO MIRANDOLA 137,6 13,2 14,5 1,4 678 658 -20
MO MODENA 183,3 13,3 14,6 1,3 656 743 87
MO MONTECRETO 31,3 9,6 10,5 0,9 1149 1091 -58
MO MONTEFIORINO 45,5 10,3 11,1 0,8 979 969 -10
MO MONTESE 80,6 10,6 11,4 0,8 1049 991 -58
MO NONANTOLA 55,0 13,3 14,6 1,3 647 654 6
MO NOVI 51,1 13,0 14,3 1,3 680 704 24
MO PALAGANO 60,1 9,7 10,5 0,8 1078 1054 -24
MO PAVULLO NEL FRIGNANO 143,9 10,7 11,3 0,6 925 871 -54
MO PIEVEPELAGO 76,5 6,2 7,8 1,6 1956 1617 -339
MO POLINAGO 53,3 11,0 11,5 0,5 933 943 9
MO PRIGNANO SULLA SECCHIA 80,1 12,1 12,6 0,5 871 894 24
MO RAVARINO 28,6 13,2 14,6 1,4 654 637 -17
MO RIOLUNATO 44,9 7,4 8,5 1,1 1346 1170 -176
MO S.CESARIO SUL PANARO 27,5 13,3 14,5 1,3 718 772 54
MO S.FELICE SUL PANARO 51,7 13,2 14,6 1,4 682 679 -3
MO S.POSSIDONIO 16,7 13,0 14,3 1,3 669 697 28
MO S.PROSPERO 34,8 13,1 14,4 1,3 667 671 4
MO SASSUOLO 38,5 13,1 13,9 0,9 787 814 27
MO SAVIGNANO SUL PANARO 25,4 13,0 14,1 1,1 788 825 36
MO SERRAMAZZONI 94,0 11,3 11,9 0,6 868 918 49
MO SESTOLA 51,6 10,0 10,9 1,0 1222 1132 -90
MO SOLIERA 51,0 13,1 14,2 1,2 666 675 9
MO SPILAMBERTO 29,5 13,3 14,5 1,2 754 816 62
MO VIGNOLA 22,9 13,1 14,3 1,1 781 838 56
MO ZOCCA 68,0 11,2 12,2 1,0 936 913 -23
PC AGAZZANO 36,3 11,7 13,2 1,5 857 799 -58
PC ALSENO 55,2 12,4 13,7 1,4 847 825 -22
PC BESENZONE 23,9 12,5 13,9 1,4 822 790 -32
PC BETTOLA 122,7 10,1 11,0 0,8 982 966 -16
PC BOBBIO 106,4 10,0 11,0 1,0 925 859 -66
PC BORGONUOVO VAL TIDONE 51,4 11,8 13,5 1,7 797 735 -62
PC CADEO 38,3 12,3 13,9 1,6 834 791 -43
PC CALENDASCO 37,3 12,2 13,8 1,6 784 758 -26
PC CAMINATA 2,1 9,9 11,3 1,4 838 741 -97
PC CAORSO 41,1 12,3 13,7 1,4 831 783 -48
PC CARPANETO PIACENTINO 62,9 12,3 13,4 1,2 893 842 -50
APPENDICE / TABELLA CLIMATICA COMUNALE

Area Tmed 61-90 Tmed 91-08 Variazione Prec 61-90 Prec 91-08 Variazione
Prov Comune
kmq °C °C °C mm mm mm
PC CASTEL S.GIOVANNI 43,7 11,9 13,7 1,7 767 721 -46
PC CASTELL’ARQUATO 52,8 12,1 13,2 1,1 899 854 -46
PC CASTELVETRO PIACENTINO 35,2 12,6 13,8 1,2 828 782 -46
PC CERIGNALE 30,6 9,3 10,1 0,8 1218 1271 53
PC COLI 72,0 9,2 10,2 1,0 946 909 -37
PC CORTE BRUGNATELLA 46,4 9,7 10,6 1,0 1026 980 -46
PC CORTEMAGGIORE 36,5 12,4 13,9 1,5 827 790 -36
PC FARINI D’OLMO 112,5 8,4 9,4 1,0 1099 1126 27
PC FERRIERE 177,8 7,7 8,5 0,8 1245 1236 -10
PC FIORENZUOLA D’ARDA 60,0 12,3 13,9 1,6 829 796 -33
PC GAZZOLA 44,9 11,6 12,9 1,3 891 843 -47
PC GOSSOLENGO 31,1 12,1 13,4 1,4 866 814 -51
PC GRAGNANO TREBBIENSE 34,4 12,1 13,6 1,6 821 772 -49
PC GROPPARELLO 56,5 11,3 12,0 0,6 968 890 -78
PC LUGAGNANO VAL D’ARDA 54,7 11,6 12,0 0,4 983 884 -100
PC MONTICELLI D’ONGINA 46,3 12,5 13,8 1,3 827 782 -46
PC MORFASSO 84,2 9,0 9,7 0,8 1052 984 -67
PC NIBBIANO 44,6 10,2 11,6 1,4 848 757 -91
PC OTTONE 98,1 8,1 8,8 0,7 1407 1520 113
PC PECORARA 54,0 9,7 10,8 1,2 893 786 -107
PC PIACENZA 118,0 12,1 13,6 1,5 831 782 -49
PC PIANELLO VAL TIDONE 36,2 10,7 12,0 1,3 879 779 -100
PC PIOZZANO 43,7 10,6 11,8 1,2 902 807 -95
PC PODENZANO 44,4 12,1 13,4 1,3 862 802 -61
PC PONTE DELL’OLIO 43,8 11,8 12,6 0,8 952 904 -48
PC PONTENURE 33,8 12,2 13,7 1,5 845 793 -52
PC RIVERGARO 43,1 11,9 13,0 1,1 913 870 -43
PC ROTTOFRENO 35,1 12,1 13,8 1,7 783 748 -34
PC S.GIORGIO PIACENTINO 49,4 12,2 13,3 1,1 902 849 -53
PC S.PIETRO IN CERRO 27,4 12,5 13,8 1,3 829 784 -46
PC SARMATO 27,4 12,1 13,8 1,8 762 728 -34
PC TRAVO 80,6 11,0 12,0 1,0 910 862 -48
PC VERNASCA 72,7 10,9 11,1 0,2 1015 920 -95
PC VIGOLZONE 42,5 11,8 12,8 1,0 933 888 -46
PC VILLANOVA SULL’ARDA 36,5 12,7 13,8 1,2 822 785 -37
PC ZERBA 24,8 7,9 8,7 0,8 1260 1378 119
PC ZIANO PIACENTINO 32,8 11,1 12,6 1,5 810 737 -73
PR ALBARETO 104,1 9,0 8,8 -0,2 1649 1483 -166
PR BARDI 188,8 8,0 9,4 1,4 1140 1112 -28
PR BEDONIA 169,7 8,2 8,2 0,0 1556 1352 -205
PR BERCETO 131,3 9,2 10,1 0,9 1304 1350 46
PR BORE 42,8 9,3 9,9 0,6 1067 1015 -53
PR BORGO VAL DI TARO 150,9 9,0 9,6 0,6 1219 1247 28
PR BUSSETO 77,7 12,7 13,9 1,1 812 798 -14
PR CALESTANO 56,8 9,7 10,5 0,8 1035 967 -68
PR COLLECCHIO 59,2 13,0 14,1 1,2 873 854 -19
PR COLORNO 48,2 13,3 14,5 1,2 803 821 17
PR COMPIANO 37,8 8,9 8,9 0,1 1333 1250 -83
PR CORNIGLIO 165,9 8,2 9,0 0,7 1448 1450 2
PR FELINO 38,7 12,4 13,4 1,0 919 923 4
PR FIDENZA 95,6 12,6 13,8 1,1 839 835 -3
PR FONTANELLATO 53,6 13,1 14,3 1,2 825 830 5
PR FONTEVIVO 26,1 13,3 14,5 1,2 834 820 -14
PR FORNOVO DI TARO 57,6 11,8 12,8 0,9 947 894 -54
PR LANGHIRANO 70,8 11,1 11,9 0,8 997 999 2
PR LESIGNANO DE BAGNI 47,6 11,8 12,7 0,9 962 999 37
PR MEDESANO 88,7 12,0 13,0 1,0 920 904 -16
PR MEZZANI 27,5 13,4 14,6 1,2 793 793 -1
PR MONCHIO DELLE CORTI 68,9 7,5 8,0 0,6 1855 1634 -221
APPENDICE / TABELLA CLIMATICA COMUNALE

Area Tmed 61-90 Tmed 91-08 Variazione Prec 61-90 Prec 91-08 Variazione
Prov Comune
kmq °C °C °C mm mm mm
PR MONTECHIARUGOLO 48,3 13,2 14,3 1,1 795 797 2
PR NEVIANO DEGLI ARDUINI 105,8 10,9 11,7 0,8 1034 1041 7
PR NOCETO 78,7 12,8 14,0 1,1 868 859 -9
PR PALANZANO 70,3 9,1 9,7 0,7 1306 1134 -172
PR PARMA 261,1 13,4 14,6 1,2 821 792 -28
PR PELLEGRINO PARMENSE 82,1 10,5 11,0 0,5 1050 1020 -29
PR POLESINE 24,5 12,7 13,8 1,1 811 789 -22
PR ROCCABIANCA 41,0 13,0 14,1 1,1 785 797 12
PR S.SECONDO PARMENSE 38,1 13,1 14,2 1,1 814 821 7
PR SALA BAGANZA 30,2 12,2 13,2 1,0 927 910 -17
PR SALSOMAGGIORE 80,9 11,8 12,6 0,8 937 931 -6
PR SISSA 43,7 13,2 14,3 1,1 803 834 31
PR SOLIGNANO 73,3 10,7 11,7 0,9 1075 1053 -22
PR SORAGNA 45,3 12,9 14,0 1,1 809 812 3
PR SORBOLO 39,3 13,4 14,6 1,2 780 758 -22
PR TERENZO 72,7 10,4 11,3 0,9 1052 987 -65
PR TIZZANO VAL PARMA 78,2 9,3 10,0 0,7 1153 1141 -11
PR TORNOLO 67,4 8,5 8,4 -0,2 1889 1495 -394
PR TORRILE 37,0 13,4 14,6 1,2 811 811 1
PR TRAVERSETOLO 54,3 12,4 13,3 0,9 882 904 21
PR TRECASALI 28,9 13,4 14,6 1,2 816 814 -2
PR VALMOZZOLA 67,9 9,3 10,4 1,1 1145 1173 28
PR VARANO DE MELEGARI 65,0 11,1 12,0 0,8 1032 1000 -32
PR VARSI 80,1 9,1 10,3 1,2 1070 1084 14
PR ZIBELLO 22,8 12,9 14,0 1,1 789 796 7
RA ALFONSINE 107,3 13,2 13,5 0,3 685 654 -31
RA BAGNACAVALLO 79,5 13,2 13,5 0,3 713 676 -37
RA BAGNARA DI ROMAGNA 9,7 13,5 14,4 0,9 770 694 -76
RA BRISIGHELLA 194,9 12,1 13,1 1,0 885 876 -9
RA CASOLA VALSENIO 84,2 11,4 12,4 1,0 947 941 -7
RA CASTEL BOLOGNESE 32,5 13,5 14,4 1,0 785 775 -10
RA CERVIA 82,4 13,2 14,4 1,2 691 714 23
RA CONSELICE 59,8 13,4 14,1 0,8 734 696 -38
RA COTIGNOLA 35,3 13,5 14,4 0,9 753 690 -62
RA FAENZA 215,3 13,6 14,7 1,1 751 773 22
RA FUSIGNANO 24,7 13,2 13,4 0,2 717 663 -53
RA LUGO 117,5 13,3 13,8 0,5 741 668 -74
RA MASSALOMBARDA 38,0 13,5 14,3 0,9 768 729 -38
RA RAVENNA 658,1 13,2 14,1 1,0 650 706 56
RA RIOLO TERME 44,2 12,9 13,9 0,9 806 803 -3
RA RUSSI 46,4 13,4 14,2 0,8 693 754 61
RA S.AGATA SUL SANTERNO 9,2 13,4 14,1 0,7 755 657 -98
RA SOLAROLO 26,2 13,6 14,6 1,0 769 749 -20
RE ALBINEA 43,8 12,8 13,9 1,1 819 819 -1
RE BAGNOLO IN PIANO 27,1 13,0 14,5 1,5 747 710 -37
RE BAISO 75,8 12,5 12,8 0,3 847 885 38
RE BIBBIANO 28,3 12,9 14,1 1,2 800 789 -11
RE BORETTO 17,8 13,2 14,4 1,2 744 693 -50
RE BRESCELLO 23,9 13,4 14,6 1,2 767 734 -33
RE BUSANA 30,4 9,0 9,8 0,8 1388 1371 -17
RE CADELBOSCO DI SOPRA 43,3 13,1 14,5 1,4 752 715 -37
RE CAMPAGNOLA EMILIA 24,7 13,0 14,2 1,2 710 688 -23
RE CAMPEGINE 22,7 13,2 14,5 1,3 762 722 -40
RE CARPINETI 89,5 11,4 11,7 0,3 924 982 58
RE CASALGRANDE 37,9 13,2 14,2 1,1 774 791 18
RE CASINA 63,7 11,3 11,8 0,5 921 950 29
RE CASTELLARANO 57,9 13,0 13,6 0,6 824 864 41
RE CASTELNUOVO DI SOTTO 34,8 13,2 14,5 1,3 758 714 -43
RE CASTELNUOVO NE MONTI 97,0 10,9 11,2 0,4 1012 1002 -9
APPENDICE / TABELLA CLIMATICA COMUNALE

Area Tmed 61-90 Tmed 91-08 Variazione Prec 61-90 Prec 91-08 Variazione
Prov Comune
kmq °C °C °C mm mm mm
RE CAVRIAGO 17,2 13,0 14,4 1,4 790 767 -24
RE CIANO D’ENZA 53,8 11,5 12,3 0,8 949 961 12
RE COLLAGNA 69,3 7,1 8,2 1,1 1848 1625 -223
RE CORREGGIO 76,9 13,0 14,2 1,3 730 702 -29
RE FABBRICO 23,5 13,0 14,2 1,2 701 690 -12
RE GATTATICO 42,0 13,4 14,6 1,2 781 752 -29
RE GUALTIERI 35,7 13,2 14,4 1,2 728 686 -41
RE GUASTALLA 52,8 13,1 14,4 1,3 704 681 -23
RE LIGONCHIO 61,6 6,7 8,1 1,4 1857 1688 -169
RE LUZZARA 38,8 13,1 14,3 1,2 711 711 0
RE MONTECCHIO EMILIA 23,9 13,0 14,2 1,2 790 784 -6
RE NOVELLARA 58,3 13,1 14,3 1,3 709 682 -27
RE POVIGLIO 43,7 13,3 14,5 1,2 758 715 -43
RE QUATTRO CASTELLA 46,3 12,6 13,8 1,1 814 809 -5
RE RAMISETO 96,4 8,3 9,0 0,7 1562 1395 -166
RE REGGIO EMILIA 230,8 13,0 14,5 1,5 774 730 -44
RE REGGIOLO 42,8 13,0 14,2 1,2 703 702 -2
RE RIO SALICETO 22,6 13,0 14,1 1,1 716 693 -23
RE ROLO 14,7 13,0 14,2 1,2 697 705 8
RE RUBIERA 25,0 13,1 14,4 1,3 750 740 -10
RE S.MARTINO IN RIO 23,0 13,1 14,3 1,3 739 721 -18
RE S.POLO D’ENZA 31,9 12,3 13,3 0,9 830 843 13
RE SANT’ILARIO D’ENZA 20,4 13,2 14,4 1,2 788 784 -4
RE SCANDIANO 50,3 13,1 14,1 1,1 798 805 7
RE TOANO 67,5 11,1 11,6 0,5 971 1008 37
RE VETTO 52,9 10,9 11,5 0,6 1036 997 -39
RE VEZZANO SUL CROSTOLO 37,6 12,3 13,1 0,7 843 866 23
RE VIANO 44,8 12,4 12,9 0,6 841 877 36
RE VILLA MINOZZO 167,9 8,4 9,5 1,1 1429 1326 -103
RN BELLARIA 18,1 13,5 14,5 1,0 836 783 -53
RN CASTELDELCI 50,2 10,3 11,5 1,2 1114 1130 16
RN CATTOLICA 5,9 14,1 15,0 0,9 741 754 13
RN CORIANO 46,9 14,0 15,2 1,2 837 801 -36
RN GEMMANO 18,5 13,6 14,9 1,4 865 822 -44
RN MAIOLO 24,1 12,3 13,0 0,7 952 958 5
RN MISANO 22,1 14,0 15,0 0,9 782 783 1
RN MONDAINO 23,6 13,6 14,7 1,1 840 851 11
RN MONTE COLOMBO 12,6 13,9 15,2 1,3 848 814 -34
RN MONTE GRIDOLFO 6,9 13,9 14,9 1,0 815 850 35
RN MONTEFIORE CONCA 22,5 13,7 14,9 1,2 838 843 5
RN MONTESCUDO 19,8 13,7 15,3 1,6 858 812 -46
RN MORCIANO DI ROMAGNA 5,2 14,0 15,1 1,1 801 822 20
RN NOVAFELTRIA 28,7 12,2 13,0 0,8 956 964 8
RN PENNABILLI 84,5 11,2 12,1 0,9 1048 1051 3
RN POGGIO BERNI 11,8 13,8 15,2 1,4 899 804 -95
RN RICCIONE 16,7 14,0 14,9 0,9 803 779 -24
RN RIMINI 134,5 13,8 14,8 1,0 851 769 -82
RN S.CLEMENTE 20,9 14,0 15,0 1,0 813 806 -7
RN S.GIOVANNI IN MARIGNANA 21,4 14,1 15,0 0,9 767 772 5
RN SALUDECIO 30,2 13,9 14,9 1,0 809 843 34
RN SAN LEO 68,2 13,1 14,4 1,3 896 866 -30
RN SANT’AGATA FELTRIA 79,7 11,8 12,6 0,8 979 1002 23
RN SANTARCANGELO 44,9 13,7 15,0 1,2 905 799 -106
RN TALAMELLO 10,9 12,6 13,4 0,8 936 950 14
RN TORRIANA 23,2 13,6 15,2 1,6 883 825 -58
RN VERUCCHIO 25,6 13,7 15,5 1,7 861 786 -75
Stazioni termopluviometriche

Coordinate UTM
Prov Comune Località Quota Latitudine Longitudine Termometro Pluviometro
X Y
AL CABELLA LIGURE cabella ligure 515 44° 40’ 00” 09° 06’ 08” 508103 4945927 no si
AL FABBRICA CURONE montecapraro 828 44° 44’ 00” 09° 09’ 08” 512053 4953339 si no
AR BADIA TEDALDA badia tedalda 859 43° 41’ 35” 12° 08’ 11” 752752 4842548 no si
BO ANZOLA DELL’EMILIA anzola dell’emilia 42 44° 34’ 45” 11° 10’ 57” 673276 4938511 si si
BO BOLOGNA bologna san luca 286 44° 28’ 43” 11° 17’ 54” 682782 4927613 no si
BO BOLOGNA bologna idrografico 53 44° 29’ 60” 11° 20’ 46” 686515 4930074 si si
BO CALDERARA DI RENO calderara di reno 30 44° 33’ 58” 11° 16’ 20” 680427 4937264 no si
BO CAMUGNANO diga del brasimone 846 44° 07’ 45” 11° 07’ 04” 669423 4888388 no si
BO CAMUGNANO diga di suviana 500 44° 08’ 04” 11° 02’ 35” 663426 4888833 si no
BO CASALFIUMANESE san benedetto del querceto 385 44° 15’ 11” 11° 29’ 09” 698450 4902985 no si
BO CASTEL DEL RIO castel del rio 216 44° 12’ 40” 11° 30’ 18” 700117 4898380 no si
BO CASTIGLIONE DEI PEPOLI cottede 794 44° 06’ 35” 11° 10’ 09” 673602 4886336 si si
BO GRIZZANA MORANDI riola di vergato 256 44° 13’ 44” 11° 03’ 21” 664196 4899348 no si
BO IMOLA montecatone 211 44° 20’ 46” 11° 38’ 11” 710134 4913685 no si
BO IMOLA imola 42 44° 20’ 45” 11° 42’ 46” 716220 4913861 si si
BO LIZZANO IN BELVEDERE monteacuto dell’alpi 900 44° 08’ 11” 10° 53’ 15” 650975 4888752 no si
BO MALALBERGO malalbergo 12 44° 43’ 06” 11° 31’ 45” 700304 4954787 si si
BO MONTE SAN PIETRO monte san pietro 291 44° 26’ 25” 11° 08’ 18” 670170 4923002 no si
BO MONTERENZIO san clemente 177 44° 19’ 10” 11° 29’ 01” 698051 4910354 no si
BO MONZUNO monzuno 600 44° 16’ 36” 11° 16’ 25” 681429 4905111 si si
BO PIANORO pianoro 174 44° 22’ 16” 11° 20’ 24” 686435 4915749 no si
BO PORRETTA TERME porretta terme 352 44° 09’ 15” 10° 58’ 38” 658118 4890883 si si
BO SALA BOLOGNESE bagno di piano 30 44° 39’ 56” 11° 16’ 20” 680136 4948298 no si
SAN BENEDETTO VAL DI
BO monteacuto vallese 660 44° 14’ 31” 11° 12’ 25” 676220 4901110 no si
SAMBRO
BO SASSO MARCONI sasso marconi 105 44° 22’ 54” 11° 14’ 52” 679059 4916709 no si
BO VERGATO vergato 193 44° 17’ 16” 11° 06’ 47” 668597 4906010 no si
FC BAGNO DI ROMAGNA bagno di romagna 470 43° 50’ 12” 11° 57’ 43” 738122 4857986 no si
CASTROCARO TERME E castrocaro terme e terra del
FC 66 44° 10’ 12” 11° 56’ 58” 735791 4894998 no si
TERRA DEL SOLE sole
FC CESENA cesena 36 44° 08’ 38” 12° 13’ 07” 757419 4892899 si si
FC CESENATICO cesenatico 2 44° 12’ 26” 12° 23’ 51” 771440 4900491 si si
FC CIVITELLA DI ROMAGNA civitella di romagna 460 43° 59’ 37” 11° 56’ 43” 736166 4875368 no si
FC FORLI’ forli’ 34 44° 13’ 07” 12° 03’ 20” 744076 4900690 si si
FC GALEATA strada san zeno 286 44° 01’ 15” 11° 52’ 49” 730841 4878228 no si
FC MELDOLA teodorano 325 44° 05’ 07” 12° 06’ 19” 748602 4886023 no si
FC MELDOLA meldola 54 44° 08’ 05” 12° 03’ 38” 744833 4891383 no si
FC MERCATO SARACENO monte iottone 417 43° 59’ 29” 12° 09’ 48” 753667 4875789 no si
FC MODIGLIANA modigliana 173 44° 09’ 20” 11° 47’ 46” 723598 4892955 no si
PORTICO E SAN
FC san benedetto in alpe 585 43° 59’ 05” 11° 41’ 12” 715464 4873694 no si
BENEDETTO
FC PREDAPPIO predappio 140 44° 06’ 30” 11° 58’ 50” 738536 4888225 no si
FC PREMILCUORE premilcuore 452 43° 58’ 46” 11° 46’ 45” 722893 4873342 no si
FC ROCCA SAN CASCIANO rocca san casciano 255 44° 03’ 12” 11° 50’ 31” 727651 4881739 si si
FC SANTA SOFIA santa sofia 290 43° 56’ 46” 11° 54’ 44” 733707 4870020 no si
FC SANTA SOFIA corniolo 555 43° 54’ 26” 11° 47’ 35” 724281 4865348 no si
FC SANTA SOFIA campigna 1068 43° 52’ 20” 11° 44’ 50” 720729 4861347 si si
FC SARSINA diga di quarto 325 43° 53’ 26” 12° 05’ 11” 747906 4864362 si si
FC TREDOZIO tredozio 334 44° 04’ 50” 11° 44’ 41” 719766 4884471 no si
FC VERGHERETO verghereto 798 43° 47’ 43” 12° 00’ 16” 741707 4853514 si si
FE ARGENTA bando 3 44° 38’ 00” 11° 54’ 17” 730399 4946339 no si
FE BERRA berra 0 44° 58’ 44” 11° 59’ 52” 736356 4984966 no si
FE CODIGORO codigoro 2 44° 50’ 06” 12° 05’ 52” 744849 4969303 si si
FE COMACCHIO idrovora di guagnino 1 44° 41’ 18” 12° 12’ 42” 754494 4953355 si si
FE COPPARO copparo 1 44° 54’ 59” 11° 49’ 17” 722685 4977526 no si
FE FERRARA ferrara 15 44° 49’ 57” 11° 37’ 16” 707177 4967676 si si
FE JOLANDA DI SAVOIA jolanda di savoia -2 44° 53’ 11” 11° 58’ 36” 735067 4974650 no si
FE PORTOMAGGIORE martinella 1 44° 42’ 41” 11° 53’ 04” 728470 4954938 no si
APPENDICE / STAZIONI TERMOPLUVIOMETRICHE

Coordinate UTM
Prov Comune Località Quota Latitudine Longitudine Termometro Pluviometro
X Y
FE SANT’AGOSTINO sant’agostino san carlo 13 44° 48’ 12” 11° 25’ 06” 691247 4963963 no si
FI FIRENZUOLA traversa 842 44° 06’ 42” 11° 17’ 07” 682882 4886827 no si
FI FIRENZUOLA pietramala 844 44° 09’ 54” 11° 20’ 02” 686610 4892840 no si
FI FIRENZUOLA barco 720 44° 03’ 39” 11° 23’ 54” 692081 4881432 no si
FI FIRENZUOLA firenzuola 476 44° 07’ 19” 11° 22’ 28” 689983 4888150 si si
GE BORZONASCA monte zatta 1125 44° 24’ 00” 09° 27’ 08” 536012 4916401 no si
GE MONTOGGIO val noci diga 544 44° 30’ 00” 09° 02’ 08” 502827 4927410 si si
GE PROPATA propata 975 44° 33’ 57” 09° 11’ 06” 514699 4934744 no si
GE REZZOAGLIO parazzuolo 819 44° 29’ 00” 09° 19’ 08” 525358 4925607 no si
GE REZZOAGLIO cabanne 848 44° 29’ 41” 09° 20’ 45” 527490 4926875 no si
GE RONDANINA giardino rondanina 1020 44° 33’ 00” 09° 12’ 08” 516062 4932983 no si
GE ROVEGNO loco carchelli centrale 610 44° 33’ 00” 09° 17’ 08” 522682 4933003 si si
GE SANTO STEFANO D’AVETO santo stefano d’aveto 1007 44° 32’ 45” 09° 27’ 00” 535749 4932607 si si
GE TORRIGLIA diga del brugneto 744 44° 32’ 02” 09° 12’ 30” 516545 4931199 si si
GE TORRIGLIA laccio 600 44° 30’ 00” 09° 08’ 08” 510776 4927418 no si
MN POGGIO RUSCO poggio rusco 14 44° 58’ 04” 11° 07’ 33” 667640 4981558 no si
MN SERMIDE moglia di sermide 12 45° 00’ 47” 11° 15’ 22” 677775 4986880 no si
MO CARPI carpi 27 44° 45’ 49” 10° 52’ 09” 647930 4958383 no si
MO FRASSINORO fontanaluccia diga 745 44° 16’ 41” 10° 30’ 51” 620838 4903864 si si
MO FRASSINORO piandelagotti 1219 44° 14’ 14” 10° 30’ 59” 621086 4899329 si si
MO GUIGLIA guiglia stazione agraria 456 44° 25’ 57” 10° 59’ 33” 658577 4921841 no si
MO LAMA MOCOGNO barigazzo 1224 44° 16’ 00” 10° 39’ 08” 631871 4902819 no si
MO MODENA modena 34 44° 38’ 53” 10° 56’ 04” 653384 4945669 si si
MO MONTECRETO strettara centrale 885 44° 14’ 57” 10° 42’ 05” 635833 4900941 no si
MO MONTEFIORINO montestefano 582 44° 20’ 57” 10° 38’ 05” 630288 4911939 no si
MO MONTEFIORINO farneta centrale 703 44° 20’ 60” 10° 34’ 12” 625142 4911931 no si
MO MONTESE montese 920 44° 16’ 37” 10° 56’ 31” 654977 4904464 no si
MO PAVULLO NEL FRIGNANO pavullo nel frignano 678 44° 19’ 10” 10° 49’ 42” 645790 4908993 si si
MO PIEVEPELAGO tagliole 1150 44° 10’ 00” 10° 36’ 08” 628097 4891633 no si
MO PIEVEPELAGO san michele centrale 793 44° 11’ 41” 10° 37’ 34” 629952 4894783 si si
MO POLINAGO polinago 754 44° 20’ 37” 10° 43’ 47” 637880 4911497 no si
PRIGNANO SULLA
MO prignano sul secchia 455 44° 25’ 57” 10° 41’ 05” 634083 4921277 no si
SECCHIA
MO RAVARINO ravarino 24 44° 42’ 57” 11° 06’ 05” 666436 4953518 no si
monte cimone aeronautica
MO RIOLUNATO 2165 44° 11’ 57” 10° 42’ 05” 635896 4894783 no si
militare
MO SAN POSSIDONIO mirandola 18 44° 53’ 10” 11° 00’ 59” 659230 4972277 no si
MO SASSUOLO sassuolo 124 44° 32’ 15” 10° 47’ 44” 642659 4933136 no si
MO SESTOLA sestola 985 44° 13’ 56” 10° 46’ 07” 641252 4899175 si si
MO ZOCCA monteombraro 700 44° 22’ 35” 11° 00’ 31” 660029 4915634 si si
MS COMANO paduli diga 1151 44° 20’ 45” 10° 08’ 18” 590742 4910910 si si
PC BOBBIO bobbio 270 44° 45’ 18” 09° 23’ 03” 530403 4955794 si si
PC COLI perino 240 44° 49’ 07” 09° 29’ 49” 539300 4962930 no si
PC FERRIERE ferriere 656 44° 38’ 40” 09° 29’ 45” 539330 4943576 no si
PC FERRIERE boschi d’aveto diga 616 44° 35’ 09” 09° 25’ 12” 533336 4937036 si si
PC FIORENZUOLA D’ARDA fiorenzuola d’arda 79 44° 56’ 04” 09° 53’ 43” 570636 4976073 si si
PC GROPPARELLO castellana groppo 434 44° 48’ 00” 09° 44’ 08” 558174 4960996 si si
PC MONTICELLI D’ONGINA isola serafini tinazzo 40 45° 06’ 00” 09° 56’ 08” 573608 4994485 no si
PC NIBBIANO molato diga 347 44° 54’ 28” 09° 17’ 17” 522738 4972757 si si
PC PECORARA pecorara 479 44° 53’ 00” 09° 23’ 08” 530449 4970063 no si
PC PIACENZA san lazzaro alberoni 55 45° 02’ 06” 09° 43’ 30” 557098 4987100 si si
PC SARMATO sarmato 55 45° 05’ 02” 09° 30’ 10” 539566 4992404 si si
PC VERNASCA mignano diga 343 44° 46’ 14” 09° 48’ 12” 563569 4957788 si si
PC ZIANO PIACENTINO fornello 185 45° 00’ 59” 09° 23’ 08” 530369 4984854 no si
PR ALBARETO montegroppo 656 44° 25’ 08” 09° 41’ 11” 554642 4918616 no si
PR BARDI bardi centrale 441 44° 36’ 48” 09° 42’ 34” 556300 4940236 si si
PR BEDONIA nociveglia 855 44° 32’ 50” 09° 36’ 36” 548457 4932822 no si
PR BEDONIA bedonia 521 44° 30’ 27” 09° 37’ 36” 549818 4928427 si si
PR BEDONIA cornolo 1050 44° 33’ 57” 09° 33’ 05” 543779 4934854 no si
PR BORGO VAL DI TARO borgo val di taro 411 44° 29’ 00” 09° 46’ 08” 561142 4925845 no si
PR CALESTANO calestano 381 44° 36’ 21” 10° 07’ 28” 589234 4939788 no si
PR CORNIGLIO petrignacola 630 44° 30’ 00” 10° 07’ 08” 588949 4928018 no si
APPENDICE / STAZIONI TERMOPLUVIOMETRICHE

Coordinate UTM
Prov Comune Località Quota Latitudine Longitudine Termometro Pluviometro
X Y
PR CORNIGLIO bosco centrale 902 44° 26’ 20” 10° 02’ 01” 582248 4921153 si si
PR CORNIGLIO marra centrale 618 44° 28’ 24” 10° 02’ 51” 583308 4924990 si si
PR FIDENZA fidenza 73 44° 51’ 42” 10° 04’ 12” 584537 4968155 no si
PR MEDESANO ramiola 140 44° 41’ 50” 10° 05’ 32” 586544 4949899 no si
PR MONTECHIARUGOLO basilicagoiano 113 44° 42’ 16” 10° 24’ 20” 611349 4951076 no si
PR PALANZANO selvanizza centrale 474 44° 26’ 25” 10° 13’ 38” 597666 4921519 si si
PR PALANZANO isola di palanzano centrale 597 44° 25’ 42” 10° 09’ 44” 592502 4920108 si no
PR PARMA parma universita’ 54 44° 48’ 16” 10° 18’ 54” 603990 4962079 si si
PR PELLEGRINO PARMENSE careno 581 44° 43’ 00” 09° 55’ 08” 572779 4951887 no si
PR POLESINE PARMENSE ongina 37 45° 02’ 00” 10° 03’ 08” 582883 4987192 si no
PR TORNOLO santa maria del taro 735 44° 25’ 56” 09° 29’ 05” 538573 4920009 no si
PR VARSI varsi 451 44° 38’ 58” 09° 49’ 16” 565104 4944334 no si
PR ZIBELLO zibello 35 45° 01’ 10” 10° 07’ 34” 588723 4985728 no si
PT CASTEL DI CASIO diga di pavana 480 44° 07’ 06” 11° 00’ 20” 660475 4886963 no si
PT PISTOIA piastre 741 44° 00’ 17” 10° 50’ 07” 647132 4874031 no si
PT PISTOIA pracchia 620 44° 03’ 14” 10° 54’ 20” 652645 4879637 no si
PT SAMBUCA PISTOIESE acquerino 890 44° 00’ 32” 11° 01’ 03” 661720 4874845 si si
SAN MARCELLO
PT maresca 830 44° 03’ 27” 10° 50’ 55” 648059 4879922 si si
PISTOIESE
PU NOVAFELTRIA novafeltria 285 43° 53’ 24” 12° 17’ 30” 764403 4864933 si si
PU PENNABILLI pennabilli 629 43° 49’ 11” 12° 16’ 27” 763297 4857077 no si
PV MONTALTO PAVESE montalto pavese 466 44° 59’ 00” 09° 12’ 08” 515943 4981119 si si
PV VARZI varzi 409 44° 50’ 00” 09° 12’ 08” 515984 4964456 si si
PV VOGHERA voghera 93 44° 59’ 00” 09° 00’ 08” 500175 4981099 si si
RA BRISIGHELLA brisighella 115 44° 13’ 23” 11° 46’ 18” 721384 4900384 no si
RA BRISIGHELLA san cassiano 230 44° 08’ 54” 11° 41’ 30” 715256 4891883 si si
RA CASOLA VALSENIO casola valsenio 195 44° 13’ 20” 11° 37’ 18” 709415 4899904 no si
RA CERVIA cervia 2 44° 16’ 21” 12° 19’ 08” 764875 4907494 no si
RA FAENZA faenza 35 44° 17’ 29” 11° 53’ 10” 730270 4908274 si si
RA FUSIGNANO alfonsine 5 44° 29’ 35” 12° 02’ 40” 742064 4931142 si si
RA LUGO lugo di romagna 14 44° 25’ 04” 11° 54’ 48” 731930 4922397 no si
RA RAVENNA idrovoro fosso ghiaia 2 44° 21’ 12” 12° 15’ 54” 760213 4916308 no si
RA RAVENNA classe 2 44° 22’ 28” 12° 14’ 27” 758186 4918560 si si
RA RAVENNA ravenna 4 44° 24’ 04” 12° 11’ 01” 753521 4921370 no si
RA RAVENNA marina di ravenna 3 44° 29’ 27” 12° 17’ 02” 761103 4931647 no si
RA RIOLO TERME riolo terme 73 44° 16’ 27” 11° 43’ 27” 717402 4905941 no si
RA RUSSI san pancrazio 8 44° 21’ 25” 12° 05’ 06” 745858 4916142 no si
RE BAISO baiso 550 44° 29’ 57” 10° 36’ 21” 627652 4928559 si no
RE CANOSSA vedriano 590 44° 31’ 00” 10° 24’ 08” 611442 4930217 si si
RE CASTELNOVO NE’ MONTI castelnovo ne’ monti 729 44° 26’ 06” 10° 23’ 41” 610999 4921120 si no
RE COLLAGNA collagna 832 44° 20’ 41” 10° 16’ 16” 601325 4910950 no si
RE LIGONCHIO ozola diga 1220 44° 17’ 00” 10° 22’ 08” 609226 4904254 si si
RE LIGONCHIO ospitaletto 1150 44° 17’ 49” 10° 19’ 00” 605035 4905698 no si
RE LIGONCHIO ligonchio centrale 900 44° 19’ 01” 10° 20’ 42” 607253 4907960 si si
RE NOVELLARA novellara sirona 19 44° 51’ 57” 10° 42’ 05” 634404 4969442 no si
RE POVIGLIO poviglio 29 44° 50’ 31” 10° 32’ 16” 621535 4966533 no si
RE QUATTRO CASTELLA quattro castella 173 44° 37’ 60” 10° 28’ 27” 616933 4943270 no si
RE RAMISETO succiso 998 44° 21’ 48” 10° 11’ 33” 595024 4912930 no si
RE RAMISETO ramiseto 798 44° 24’ 41” 10° 16’ 32” 601561 4918363 no si
RE REGGIO NELL’EMILIA villa masone 56 44° 39’ 57” 10° 43’ 05” 636190 4947252 no si
RE REGGIO NELL’EMILIA reggio nell’emilia 51 44° 42’ 00” 10° 38’ 08” 629578 4950926 si si
RE SAN MARTINO IN RIO san martino in rio 37 44° 43’ 57” 10° 47’ 05” 641313 4954772 no si
RE VETTO vetto 453 44° 28’ 57” 10° 20’ 05” 606135 4926316 no si
RE VILLA MINOZZO villa minozzo 704 44° 21’ 45” 10° 27’ 36” 616342 4913174 no si
RN CATTOLICA cattolica 5 43° 57’ 30” 12° 44’ 22” 800020 4874060 no si
RN MONTE COLOMBO monte colombo 315 43° 55’ 12” 12° 33’ 12” 785281 4869139 no si
RN RIMINI rimini 7 44° 03’ 31” 12° 34’ 47” 786732 4884630 si si
RN SALUDECIO saludecio 366 43° 52’ 19” 12° 40’ 07” 794767 4864207 no si
SANT’ARCANGELO DI
RN sant’arcangelo di romagna 38 44° 04’ 06” 12° 26’ 15” 775288 4885208 no si
ROMAGNA
RO ARIANO NEL POLESINE ariano nel polesine 4 44° 56’ 35” 12° 07’ 21” 746343 4981365 no si
SM SAN MARINO san marino 680 43° 56’ 15” 12° 26’ 47” 776615 4870711 si si
Glossario

Afflussi e deflussi Cuneo salino


In idrologia gli afflussi rappresentano le precipitazioni annuali me- Intrusione e risalita di acqua di mare dalla foce dei fiumi
diate sull’estensione di un bacino idrografico o di un sottobacino, verso l’interno. In questo atlante si dà conto del rischio che
espresse in mm/anno. I deflussi, desunti da misure idrometriche
questo fenomeno si verifichi (Tavola 83) sui diversi rami del
effettuate in corrispondenza della chiusura del bacino o sottobaci-
delta del Po. L’entità del cuneo salino viene espressa in termi-
no, vengono espressi nella stessa unità di misura. Dal rapporto tra
afflussi e deflussi si deducono importanti informazioni sul destino ni di distanza dalla foce (km) e di salinità (espressa come Psu,
dell’acqua meteorica nel bacino idrografico stesso. o unità pratica di salinità) su diversi periodi di ritorno (anni)
in condizioni di bassa e alta marea.
Bilancio Idroclimatico
Evapotraspirazione potenziale (etp)
Semplice indice climatico di aridità consistente nella sottrazione
dell’evapotraspirazione potenziale (v.) dalle precipitazioni totali Grandezza di riferimento relativa al tasso di evaporazione da un
annue. prato erboso uniforme non soggetto a limitazioni idriche, si mi-
sura in mm. In questo atlante l’etp è determinata per mezzo di
Clima un’equazione approssimata (formula di Hargreaves) che fa ricorso
alle sole temperature massima e minima giornaliera e alla latitu-
Insieme delle condizioni atmosferiche che caratterizzano una zona dine del sito.
della Terra, determinato principalmente dalla latitudine, dalla
quota, dall’esposizione e dalla distanza dal mare. Secondo l’Omm
(Organizzazione meteorologica mondiale) le condizioni climati- Gradi giorno (v. sommatoria gradi giorno)
che normali e la variabilità climatica di un sito debbono essere
stabiliti elaborando i dati climatici (temperature, precipitazioni, Indice bioclimatico di Winkler
vento ecc.) raccolti in un trentennio di rilevazioni effettuate in sta- Si tratta di una particolare sommatoria gradi giorno (v.) con soglia
zioni di misura collocate secondo opportune regole. Il clima della 10 °C effettuata dal 1 aprile al 31 ottobre di ogni anno, riferita allo
Terra non è costante, come mostrano sia i dati più recenti che i re- sviluppo e maturazione della vite.
perti geologici, i quali testimoniano di antiche glaciazioni, l’ultima
delle quali si è conclusa circa 12mila anni fa. Causa di mutamenti
IPCC
climatici regolari sono le oscillazioni orbitali della Terra intorno
al Sole (cicli di Milankovitch) e le variazioni della costante solare Comitato intergovernativo per i cambiamenti climatici
(cioè della quantità di energia radiante proveniente dal sole per (Intergovernmental panel for climate change). Organismo
unità di tempo e superficie fuori dall’atmosfera terrestre). Effetti scientifico cooperativo, fondato nel 1988 e finanziato dall’Onu,
climatici rilevanti possono avere le grandi eruzioni vulcaniche, che tramite l’Unep e l’Omm (v.), che passa in rassegna la letteratura
iniettano grandi quantità di aerosol nella stratosfera, e in misura climatologica mondiale, disegna scenari di emissioni antropiche di
minore l’impatto di meteoriti. Secondo l’Ipcc (v.) con la rivolu- gas serra e rilascia proiezioni sul futuro del clima terrestre. Emette
zione industriale, e in particolare a partire dal secondo dopoguer- con periodicità irregolare dei rapporti di valutazione, il quarto è
ra, rilevantissime quantità di anidride carbonica e altri gas serra stato pubblicato nel 2007.
sono stati rilasciati in atmosfera per la produzione di energia e
per la deforestazione tropicale, causando con ottima probabilità le
Organizzazione meteorologica mondiale (Omm)
variazioni climatiche cui stiamo assistendo, consistenti essenzial-
mente nell’aumento della temperatura globale, nello scioglimento Organismo dell’Onu con sede a Ginevra. Regola la raccolta dei
di ghiacciai e permafrost, nel sollevamento del livello oceanico, dati meteorologici e climatici e gli scambi dei dati stessi. Presiede
nell’aumento dell’intensità di eventi estremi quali uragani, allu- insieme all’Unep all’organizzazione ed al finanziamento dell’Ipcc.
vioni e siccità. In inglese la sigla è Wmo (World meteorological organization).
Precipitazione dall’Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo
sviluppo economico sostenibile). Recentemente per i gradi giorno è
Fenomeno atmosferico consistente nella caduta al suolo di acqua li-
stata introdotto il simbolo °D, utilizzato in questo atlante.
quida (pioggia) e/o solida (grandine, neve) proveniente dalle nubi.
La media globale delle precipitazioni si aggira attorno a 1000 mm
l’anno, corrispondenti a una tonnellata d’acqua al metro quadro. Temperatura
Zone molto aride come i deserti hanno precipitazioni medie an- Proprietà dei corpi facilmente misurabile per mezzo di vari tipi
nue inferiori a 100 mm, mentre zone molto piovose, tipicamente di termometri, che regola la trasmissione del calore. Il calore si
rilievi esposti a masse d’aria umida di origine marina, possono su- muove dai corpi più caldi (a temperatura più elevata) a quelli più
perare i 3.000 mm/anno. Sulla terraferma l’acqua di precipitazio- freddi (a temperatura minore). Le registrazioni della temperatura
ne può defluire in superficie formando fiumi e laghi, infiltrarsi in dell’aria si effettuano in condizioni particolari stabilite dall’Omm
profondità alimentando le falde, evaporare direttamente dai suoli e per alcune zone sono disponibili serie di dati termici che risalgo-
umidi o attraverso le piante (traspirazione). no al Settecento.

Sommatoria gradi giorno Termometro


I vegetali e gli insetti, organismi incapaci di regolazione termica au- Strumento di misura della temperatura. Il comune termometro a
tonoma, si sviluppano a velocità variabile in funzione delle tempe- mercurio è basato sull’espansione del metallo all’aumentare del-
rature ambientali, e solo se le temperature stesse si mantengono al la temperatura. Nelle stazioni meteorologiche moderne questo
di sopra di soglie termiche specifiche (o temperature cardinali). In strumento è stato soppiantato da strumentazione elettronica, per
biologia e agrometeorologia vengono quindi computate come in- esempio da resistenze al platino la cui resistività varia linearmente
dicatori di sviluppo fisiologico le sommatorie gradi giorno, cioè le con la temperatura ambientale. Per una misura attendibile della
somme delle temperature medie giornaliere registrate al di sopra di temperatura dell’aria il termometro deve essere collocato all’om-
una certa soglia termica in un certo periodo. Le soglie più comune- bra, a circa due metri da terra, in posizione ventilata e lontano da
mente utilizzate per il calcolo della sommatoria gradi giorno sono edifici.
quelle di 0,5 e 10 °C. In ingegneria invece si utilizzano le somma-
torie delle temperature registrate al di sotto della soglia termica di
20 °C, utilizzata nei periodi freddi come livello termico da mante-
Vento
nere negli ambienti interni con gli impianti di riscaldamento. La Movimento orizzontale di masse d’aria caratterizzato da un’inten-
legislazione vigente prevede che il computo venga eseguito tra il 15 sità, o velocità o forza, e da una direzione e verso. In questo atlante
ottobre e il 15 aprile, salvo nei comuni di montagna, dove esso viene le carte di vento riportano sia la media dell’intensità (senza riferi-
effettuato per l’intero anno. In questo atlante i gradi giorno sono mento alla direzione di provenienza) che la media direzionale (o
utilizzati come indicatori di cambiamento climatico, quindi i va- vettoriale), che invece tiene conto sia della forza del vento che della
lori presentati possono risultare diversi da quelli ufficiali computati sua direzione e verso di provenienza.