Vous êtes sur la page 1sur 276

A propos de ce livre

Ceci est une copie numérique d’un ouvrage conservé depuis des générations dans les rayonnages d’une bibliothèque avant d’être numérisé avec
précaution par Google dans le cadre d’un projet visant à permettre aux internautes de découvrir l’ensemble du patrimoine littéraire mondial en
ligne.
Ce livre étant relativement ancien, il n’est plus protégé par la loi sur les droits d’auteur et appartient à présent au domaine public. L’expression
“appartenir au domaine public” signifie que le livre en question n’a jamais été soumis aux droits d’auteur ou que ses droits légaux sont arrivés à
expiration. Les conditions requises pour qu’un livre tombe dans le domaine public peuvent varier d’un pays à l’autre. Les livres libres de droit sont
autant de liens avec le passé. Ils sont les témoins de la richesse de notre histoire, de notre patrimoine culturel et de la connaissance humaine et sont
trop souvent difficilement accessibles au public.
Les notes de bas de page et autres annotations en marge du texte présentes dans le volume original sont reprises dans ce fichier, comme un souvenir
du long chemin parcouru par l’ouvrage depuis la maison d’édition en passant par la bibliothèque pour finalement se retrouver entre vos mains.

Consignes d’utilisation

Google est fier de travailler en partenariat avec des bibliothèques à la numérisation des ouvrages appartenant au domaine public et de les rendre
ainsi accessibles à tous. Ces livres sont en effet la propriété de tous et de toutes et nous sommes tout simplement les gardiens de ce patrimoine.
Il s’agit toutefois d’un projet coûteux. Par conséquent et en vue de poursuivre la diffusion de ces ressources inépuisables, nous avons pris les
dispositions nécessaires afin de prévenir les éventuels abus auxquels pourraient se livrer des sites marchands tiers, notamment en instaurant des
contraintes techniques relatives aux requêtes automatisées.
Nous vous demandons également de:

+ Ne pas utiliser les fichiers à des fins commerciales Nous avons conçu le programme Google Recherche de Livres à l’usage des particuliers.
Nous vous demandons donc d’utiliser uniquement ces fichiers à des fins personnelles. Ils ne sauraient en effet être employés dans un
quelconque but commercial.
+ Ne pas procéder à des requêtes automatisées N’envoyez aucune requête automatisée quelle qu’elle soit au système Google. Si vous effectuez
des recherches concernant les logiciels de traduction, la reconnaissance optique de caractères ou tout autre domaine nécessitant de disposer
d’importantes quantités de texte, n’hésitez pas à nous contacter. Nous encourageons pour la réalisation de ce type de travaux l’utilisation des
ouvrages et documents appartenant au domaine public et serions heureux de vous être utile.
+ Ne pas supprimer l’attribution Le filigrane Google contenu dans chaque fichier est indispensable pour informer les internautes de notre projet
et leur permettre d’accéder à davantage de documents par l’intermédiaire du Programme Google Recherche de Livres. Ne le supprimez en
aucun cas.
+ Rester dans la légalité Quelle que soit l’utilisation que vous comptez faire des fichiers, n’oubliez pas qu’il est de votre responsabilité de
veiller à respecter la loi. Si un ouvrage appartient au domaine public américain, n’en déduisez pas pour autant qu’il en va de même dans
les autres pays. La durée légale des droits d’auteur d’un livre varie d’un pays à l’autre. Nous ne sommes donc pas en mesure de répertorier
les ouvrages dont l’utilisation est autorisée et ceux dont elle ne l’est pas. Ne croyez pas que le simple fait d’afficher un livre sur Google
Recherche de Livres signifie que celui-ci peut être utilisé de quelque façon que ce soit dans le monde entier. La condamnation à laquelle vous
vous exposeriez en cas de violation des droits d’auteur peut être sévère.

À propos du service Google Recherche de Livres

En favorisant la recherche et l’accès à un nombre croissant de livres disponibles dans de nombreuses langues, dont le frano̧ais, Google souhaite
contribuer à promouvoir la diversité culturelle grâce à Google Recherche de Livres. En effet, le Programme Google Recherche de Livres permet
aux internautes de découvrir le patrimoine littéraire mondial, tout en aidant les auteurs et les éditeurs à élargir leur public. Vous pouvez effectuer
des recherches en ligne dans le texte intégral de cet ouvrage à l’adresse http://books.google.com
Informazioni su questo libro

Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google
nell’ambito del progetto volto a rendere disponibili online i libri di tutto il mondo.
Ha sopravvissuto abbastanza per non essere più protetto dai diritti di copyright e diventare di pubblico dominio. Un libro di pubblico dominio è
un libro che non è mai stato protetto dal copyright o i cui termini legali di copyright sono scaduti. La classificazione di un libro come di pubblico
dominio può variare da paese a paese. I libri di pubblico dominio sono l’anello di congiunzione con il passato, rappresentano un patrimonio storico,
culturale e di conoscenza spesso difficile da scoprire.
Commenti, note e altre annotazioni a margine presenti nel volume originale compariranno in questo file, come testimonianza del lungo viaggio
percorso dal libro, dall’editore originale alla biblioteca, per giungere fino a te.

Linee guide per l’utilizzo

Google è orgoglioso di essere il partner delle biblioteche per digitalizzare i materiali di pubblico dominio e renderli universalmente disponibili.
I libri di pubblico dominio appartengono al pubblico e noi ne siamo solamente i custodi. Tuttavia questo lavoro è oneroso, pertanto, per poter
continuare ad offrire questo servizio abbiamo preso alcune iniziative per impedire l’utilizzo illecito da parte di soggetti commerciali, compresa
l’imposizione di restrizioni sull’invio di query automatizzate.
Inoltre ti chiediamo di:

+ Non fare un uso commerciale di questi file Abbiamo concepito Google Ricerca Libri per l’uso da parte dei singoli utenti privati e ti chiediamo
di utilizzare questi file per uso personale e non a fini commerciali.
+ Non inviare query automatizzate Non inviare a Google query automatizzate di alcun tipo. Se stai effettuando delle ricerche nel campo della
traduzione automatica, del riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) o in altri campi dove necessiti di utilizzare grandi quantità di testo, ti
invitiamo a contattarci. Incoraggiamo l’uso dei materiali di pubblico dominio per questi scopi e potremmo esserti di aiuto.
+ Conserva la filigrana La "filigrana" (watermark) di Google che compare in ciascun file è essenziale per informare gli utenti su questo progetto
e aiutarli a trovare materiali aggiuntivi tramite Google Ricerca Libri. Non rimuoverla.
+ Fanne un uso legale Indipendentemente dall’utilizzo che ne farai, ricordati che è tua responsabilità accertati di farne un uso legale. Non
dare per scontato che, poiché un libro è di pubblico dominio per gli utenti degli Stati Uniti, sia di pubblico dominio anche per gli utenti di
altri paesi. I criteri che stabiliscono se un libro è protetto da copyright variano da Paese a Paese e non possiamo offrire indicazioni se un
determinato uso del libro è consentito. Non dare per scontato che poiché un libro compare in Google Ricerca Libri ciò significhi che può
essere utilizzato in qualsiasi modo e in qualsiasi Paese del mondo. Le sanzioni per le violazioni del copyright possono essere molto severe.

Informazioni su Google Ricerca Libri

La missione di Google è organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e fruibili. Google Ricerca Libri aiuta
i lettori a scoprire i libri di tutto il mondo e consente ad autori ed editori di raggiungere un pubblico più ampio. Puoi effettuare una ricerca sul Web
nell’intero testo di questo libro da http://books.google.com
pr
61.538 B
s
------ |- --_
;=== == ;
~~~~ ~~
/+ .

-i.

Asię&έχ棤¤
Difciplinæ Mathematicae log
Qui cupitis rerum varias çognofcere caufâ,
Diféite nos* cun&um hac Patet una uia
------
-

r
INv ENTI o N E D E NIcolo TARTAGLIA
Briſciano intitolata Scientia Nouadiuiſain V.libri,Nel primo
di quali ſe dimoſtra theoricamente, la natura, 8 effetti
de'corpi egualmente graui, in lidui contrarijmoti
che in eſſi puo accadere, & de loro con
trarij effetti.

«Inloſecondo (geometricamente) ſe approua,e dimostra la qualità, ſimilitu


dine, º proportionalità di tranſiti loro ſecondo liuari modi, che ponno eſſere
ietti, ouer tirati violentementeper aere, di ſimilmente delle lor diſtantie.

uſin lo terzo ſe inſegna una noua prattica di miſurare con l'aſpetto, le altezze,
distantie, ypothumiſale, ci orizontale delle coſe apparente, giontoui ancora
latheorica, cioè la ragione & cauſa di tal operare.
e In lo quarto ſe darà la proportione del'ordine del creſcer, è callar che in ogni
pezzo di arteglierianelli ſuoi tiri, alzandolo ouer abbaſſandolo, ſopra il pian de
l'orizonte, º ſimilmente ogni mortaro, ancora ſe inſegnerà il modo di trouar
tutte le detteuarietà, ouer quantità de tiri in ogni pezzo de artiglieria, ouer
mortaro mediante la notitia di un tiro ſolo. Anchora ſi moſtrerà il modo come ſi
debbia gouernar un bombardiero quando deſidera di battere ouer di percote
rein qualche luogo apparente. -

oltra di queſto ſe inſegnerà anchora il modo come ſi debbiagouernar il detto


bombardiero quando gli fuſſe fatto un riparo dauanti al luoco doue percotevo
lendo pur percotere nel medemo luoco per altrauia, ouer elleuatione quan
tunque piu non ueda quel tal luogo.
«Anchoraſe darà il modo diſapere percotere continuamente nella oſcuranot
te in un luoco appoſtato il giorno audnti.
TInlo quinto libroſe dichiarirà (ſecondo l'auttorità demolti Eccelletiſſimi Na
turali) la natura, di origine dediuerſe ſpecie di gome,olei, acque stilate,anco
rade diuerſi ſimplici minerali & non minerali dalla natura prodotti, da l'ar
tefabricati. Aancora ſe manifeſterà alcuneſue particolari proprietà circa al'ar
tede fuochi. Et ſimilmenteſe delucidarà quali ſono quelle materie che ſi con
uengono & che ſe accordano, º quale ſono quelle che non ſi conuengono ne ſe
accordano, a ardere inſieme, di conſequentemente ſe darà il modo di compone
re uarie & diuerſe ſpecie de fuochi, non ſolamente alla defenſione de ogni mura
ta terra utiliſſimi, ma ancora in molte altre occorrentie molto a propoſito.
3; 2
ALLO ILLV STR1SSIMO ET INVITTISSIMO
Signor Franceſcomaria Feltrenſe dalla Rouere Duca Eccellen
tiſſimo di Vrbino,& di Sora, Conte di Montefeltro, 8 di
Durante. Signor di Senegaglia, & di Peſaro, Prefet
to di Roma, 8 delloInclito Senato Venetiano
digniſſimo General Capitano.
E P I S T O L A. ,

iss Abitando in Verona l'anno M D xxx I. Illuſtriſſimo S. pu


i , ca,mi fu adimandato da uno mio intimo & cordial amico peritiſ
ſimo bombardiero in caſteluecchio (buomo attempato & copioſo
| di molte uirtù) del modo di mettere a ſegno un pezzo de artiglie
ria al piu che può tirare. E abenche in tal arte io non haueſ e -

prattica alcuna (perche in itero Eccellente Duca ) giamai diſcaricai arteglie


ria, archibuſo, bombarda, nè ſchioppo) nientedimeno (deſideroſo di ſervir l'ar
mico) gli promiſi di darli in breue riſoluta riſpoſta. Et dipoi che hebbi ben ma
ſticata & ruminata tal materia, gli concluſi, et dimoſtrai con ragioni natura
li, & geometrice, qualmente biſognaua che la bocca del pezzo ſteſſe eleuata
talmente che guardaſſe rettamente a 45. gradi ſopra a l'orizonte, 3 che per
far tal coſa iſpeditamente biſogna hauere una ſquadra de alcun metallo ouerle
gno ſodo che habbia interchiuſo un quadrante con lo ſuo perpendicolo, co
me di ſotto appar in diſegno, 6 ponendo poi una parte della gamba maggiore
di quella (cioè la parte be.)ne l'anima ouer bocca del pezzo diſteſa rettamen -
- - --- -

teperilfondodeluacuo della canna, alzando poi tanto dinantiil detto pezzo


che il perpendicolo. h. d.ſeghi lolato curuo e gf (del quadrante) in due parti
eguali (cioè in pontog.) Allhora ſe dirà che il detto pezzo guardarà rettamé
tea.45 gradi ſopra al'orizonte. Perche (Signor Clariſſimo) il lato curuo egf.
del quadrante (ſecondoli aſtronomi ſi diuide in 9o. parti eguale, o cadauna di
quelle chiamanogrado. Però lamità di quello (cioè gf)uerria a eſſer gradi
15. Ma per accordarſe con quello che ſe ha da dire lohauemodiuiſo in 12 par.
ti eguali eguali, 3 accioche uoſtra Illuſtriſſima. D. S. ueda in figura quello che
diſoprahauemo con parole dipinto, hauemo quà di ſotto deſignato il pezzo con
la ſquara in bocca aſettatoſecondo il propoſito da noi conchiuſo al detto noſtro
amico. La qual concluſion a eſſo i"
hauer qualche conſonantia, pur circa ciò
dubitaua alquanto, parendo a lui che tal pezzo guardaſse troppo alto. Ilche
procedeua per non eſſer capace delle noſtre ragioni, ne in le Mathematice ben
corroborato, nientedimeno con alcuni ſperimenti particolari infine ſi uerificò,
totalmente coſi eſſere.
Tezzo elleuato alli 45 gradi ſopra al'orizonte.
Ma piunell'anno M o xxx 11. eſſendo per Prefetto in verona il Ma
gnifico M. Leonardo Iustiniano, un capo de bombardieri amiciſſimo di quel no
itro amico uenne in concorrentia con un altro (al preſente capo de bombardie
riin Padoua) & un giorno accadete che fra loro fu propoſto il medemo che a
noi propoſequelnostro amico, cioè a che ſegnoſi doueſſe aſſettare un pezzo de
artiglieria che faceſſe il maggior tiro che far poſſa ſopra un piano. Quel amico
di quel noſtro amico gli concluſe con una ſquara in mano il medemo che da noi
fu terminato, cioè come di ſopra hauemo detto, di deſignato in figura.
L'altro diſſe che molto piu tiraria a dui ponti piu baſſo di tal ſquara (laquale
era diuiſain 12 parti) come diſotto appare in diſegno. - - -

Etſopra di questo fu depoſta una certa quantità de danari, é finalmente


uemeno alla ſperientia, 6 fu condotta una colobrina da 2o. a Santa Lucia in
campagna, 6 cadauno diloro tirò ſecondo la propoſta ſenza alcun auantaggio
di poluerenè di balla, onde quello chetirò ſecondo la noſtra determinatione,
tirò
tirò di lontano (ſecido che ne fu referto) pertiche 1972. dapiedi 6.p pertica,
alla Veroneſa, l'altro che tiròli dui ponti piu baſſo, tirò di lontano ſolamente
pertiche. 1872. per la qual coſa tutti li bombardieri, é altri ſe uerificorno del
la nostra determinatione,cheauanti di queſta iſperientia ſtaſeuano ambigui,imo
la maggior parte haueuano contraria opinione parendoli che talpezzo guardaſ
ſe troppo alto. Ma piu forte uoglio che uostra preclariſſima Signoria ſappia
che di tre coſe è forza che ne ſia una, ouer che li miſurantiferno errore nel mi
ſurare, ouer che a me non fu referto il uero, ouer che il ſecondo cargò piu dili
gentemente del primo, perche la ragione ne dimoſtra che il ſecondo (cioè quello
che tirò li dui ponti piu baſſotirò alquanto manco di quello che doueua tirare al
la proportione del ſecondo, come nel quarto libro (doue trattaremo dela propor
tion di tiri) in breue quella potrà conoſcere, e uedere. Etſappia uostra Magna
nimità che per eſſer stato allhora in tal materia desto,deliberai di uoler piu ol
tra tentare. Et cominciai (º non ſenza ragione) a inuestigare le ſpecie di
moti che in corpo graue poteſſe accadere, onde trouai quelle eſſere due, cioè ma
turale, di uiolente, di quegli trouai eſſer totalmente in accidenti contrariime
diante lilor contrari effetti, ſimilmente trouai con ragione al'intelletto euiden
te eſſer impoſſibile mouerſi un corpograue di moto naturale & uiolente inſie.
memiſto. Dapoi inuestigai con ragione geometrice demoſtratiue la qualità di
tranſiti, ouer motiuiolenti de detti corpi graui, ſecondoli uari modi che ponno
eſſereietti, ouer tiratiuiolentemente per aere. Oltra di queſto me certificai
con ragionigeometrice demostratiue qualmente tutti li tiri de ogni ſorte arti
glierie, ſi grande come piccole egualmente elleuateſopra il pian de l'orizonte,
ouer egualmente oblique, ouer per il pian de l'orizonte, eſſer fra loro ſimili -
conſequentemente proportionali, é ſimilmente le distantieloro. Dapoi conob
bi con ragion naturale qualmente la diſtantia del ſopradetto tiro eleuato alli
45 gradi ſopra l'orizonte, era circa decupla al tramito retto d'un tiro fatto
per il piano del'orizonte, che da bombardieri è detto tirar deponto in bianco,
con laqualeuidentia Magnanimo Duca trouai con ragioni geometrice & alge
braticequalmente una balla tirata uerſo lidetti 45.gradi ſopra al'orizonte ud
circa a quattrouolte tanto per linea retta di quello che ua eſſendo tirata per il
pian de l'orizonte che da bombardieri è chiamato (come ho detto) tirar depon
to in bianco. Per ilcheſi manifeſta qualmente una ballatirata da una mede
ma artigliaria, uà piu per linea retta per un uerſo, che per un'altro, é conſe
guentemente fa maggior effetto. Anchor Signor Illuſtriſſimo calculando tro
uai la proportion del creſcere, e calar che fa ogni pezzo di artiglieria(nelli ſuoi
tiri) alzandolo ouer abbaſſandolo ſopra il pian del'orizonte, 3 ſimilmente tro
uai il modo di ſaper trouarla uarietà dedetti tiri in cadaun pezzo ſi grande co
me piccolo mediante la notitia d'un tiro ſolo(dométe che ſempre ſia egualmete
targato.) Dapoi inueſtigai la proportione, l'ordine di tiri del mortaro, º
ſimilmente
fimilmente trouai il modo di ſaper inueſtigare ſotto breuità la marietà de detti l
ti
tiri pur per mezzo d'un tiro ſolo. Oltra di questo con ragioni euidentiſſime co
nobbi qualmente un pezzo de artiglieria poteua per due diuerſe uie (ouerele kur,
uationi) percotere in un medemoluoco, 6 trouai il modo di mandar tal coſa
i ri
rita
(accadendo) a eſecutione (coſe non piu audite nè d'alcun'altro antico nè mo
derno cogitate.) Ma dapoi conſiderai (Signor Magnifico) che tutte queste co in
ſe erano di poco giouamento a un bombardiero quando che la distantia del luo tifº
ti,
codouegli occorreſſe di battere non glifuſe nota. Eſempi gratia occorrendo
liri
gli a tirare un luoco apparente che la distantia di quello gli fuſſe occulta. Che
gligiouaria (o Magnanimo Duca) in questo caſo che lui ſapeſſe che il ſuo pez i
Mit.
zo tiraſſe alla talelleuatione paſſa 1356. & alla tal paſſa 1468. & alla tal,
altra paſſa 1574, i coſi diſcorrendo degrado, certo nulla li giouaria, perche: il
non ſapendo la diſtantia, manco ſaprà a che ſegnoaouer eleuatione debbia aſſet i
tartal ſuo pezzo deartiglieria che percota " luoco. Seguita adun, rati
pi
que due eſſer le principal parti neceſſarie a un real Bombardiero (uolendoti -

rar con ragione & non a caſo) delle quali l'una ſenza l'altra quaſi niente gio i ſi
ua. (Dico nelli tiri lontani ) La prima è che groſſo modo ſappia conoſcere etin i lati
ueſtigare (con l'aſpetto) la distantia del luoco douegli occorre di tirare. Laſe
conda è che ſappia la quantità d'i tiri della ſua artiglieria, ſecondo le ſue uarie i ti
eleuationi, le qualcoſe ſapendo non errarà de molto nelli ſuoi tiri, ma mancan iritº
doui una di quelle non può tirar (in conto alcuno) con ragione, ma ſolamente a litº
diſcrettione, etſe per caſo percote al primo colpo nel luoco, ouer appreſſo al luo º
codeue deſidera, è piu preſto per ſorte che per ſcientia (dico pur nelli tiri lon ºt,
tani.) Perilche Signor Illuſtriſſimo) trouai un nuouo modo da inuestigar ſotto
breuità le altezze, profondità, larghezze, diſtantie)pothumiſale, ouer dia litti
metrale, etancora le orizontale delle coſe apparente, non in tutto come coſa ºa
nuoua; perche in uero Euclide nella ſua perſpettiua ſotto breuità theoricamen lº hti
te in parte, ne l'inſegna, ſimilmente Giouanni Stoflerino, Orontio, Pietro Lom, i
bardo, et molti altri hanno dato a tal materie norma, chi con il Sole, chi con uni
ſpecchio, chi con il quadrante, chi con lo astrolabio, chi con due virgule, chi ci
un baſtone (intitolato baculo de Iacob) et in molti altri uari modi. Ma io di
co(Signor Clariſſimo) che trouai un nuouomodo iſpediente, e preſto,et facile da
capire a cadauno (et amen errori ſuggetto de qualunque altro) da inuestigare
le dette diſtantie, ilquale daniun altro è ſtato poſto, maſſime delle diſtantie )po
thumiſale, ouer diametrale, ancora delleorizontale, leguali inuero ſono le piu
neceſſarie al bombardiero de tutte le altre ſorte di dimenſioni, perche no è mol
to neceſſario a ſapere la altezza d'una coſa perpendicolarmente elettata ſopra
all'orizonte, nè ancora la profondità d'una coſa profonda, nè ancorala larghez:
za d'una coſalata. Ma ſolamentele dette distantiaypothumiſale, etorizon
tale gli ſono molto al propoſito, come nel quarto libro (a Voſtra Illuſtriſſima
- - -- - Signoria)
signoria) ſi farà manifeſto. Oltra di questo per curioſità, mi meſſe a ſcorre
reliuari modi oſſeruato da nostri antichi Naturali, º ancor da moderni nel
le compoſitioni de fuochi, 6 fra i naturali inueitigai la natura di quelle gom
me, bitumi, graſſi, olei,ſali, acque ſtillate, º altri ſimplici minerali, e non
minerali dalla natura prodotti, 6 da l'arte fabricati, componenti quelli, º co
ſequentemente trouai il modo di componere molte altre uarie, ci diuerſe ſpecie
de fuochi non ſolamente alla difenſione de ogni murata terra utiliſſimi, ma an
chora in molte altre occorrentie molto al propoſito. Per le qual coſe haueua
deliberato deregolar l'arte de bombardieri, 6 tirarla a quella ſottilità, che foſ
ſe poſſibile di tirare (mediante alcune particolareſperientie) perche inuero (co
me dice Aristotile nel ſettimo della Phyſica testo vigeſimo) dalla iperitia del
particolare, pigliamo la ſcientia vniuerſale. Ma poi fra me penſando un gior
no, mi parue coſa biaſmeuole, vituperoſa, e crudele, di degna di non poca pu
nitione appreſſo a Iddio, 6 allihuominiauoler studiare di aſſottigliare taleſ
ſercitio dannoſo al proſſimo, anzi deſtruttore della ſpecie humana, 6 maſſime
de Christiani in lor continue guerre. Perilche non ſolamente poſpoſi total
mente ilſtudio di tal materia & atteſi a studiar in altro, ma ancor ſtrazzai,6
abbruſciai ogni calculatione, di ſcrittura da me notata, che di tal materia par
laſſe. Et molto midolſi, é auergognai del tempo circa a tal coſa ſpeſo,º quel
le particolarità, che nella memoria mi reſtorno (contra mia uolontà) iſcritte,
mai ho uoluto paleſare ad alcuno, nè per amicitia, nè per premio (quantunque
ſia ſtato da molti richieſto) perche inſegnandolemiparea di far naufragio,e grâ
de errore. Ma horuedendo il lupo deſideroſo deintrar nel noſtro armento, zº
accordato inſieme alla difeſa ogni noſtro paſtore non mi parlicito al preſente di
tenere tal coſe occulte, anci ho deliberato di publicarle parte inſcritto, di par
te in uiua uoce a ogni Christiano, accioche cadauno ſia meglio atto ſinel offende
re,come nel difenderſi da quello. Et molto mi doglio uedendo il biſogno che tal
studioallhora abbandonai, perche ſon certo che hauendo ſeguito fin'hora, harei
trouato coſe di maggior ualore, come ſpero in breue ancora di trouare. Ma per
che il preſente è certo (è al tempo breue) il futuro è dubbioſo, voglio iſpedire
prima quello che al preſente mi trouo, & per mandar tal coſa in parte a eſecu
tione ho compoſto impreſſala preſente operina, la quale ſi come ogni fiume natu
ralmente ccrca di accostarſe, 3 unirſi col mare, coſi eſſa conoſcendo Vostra Il
luſtriſſima D. S. eſſer la ſomma fra mortali de ogni bella virtù) ricerca di ac
coſtarſi, ci unirſi con eſſa amplitudine. Però ſi come lo abbondante mare, il
quale non ha di acqua biſogno non ſi ſdegna di riceuer un piccol fiume, coſi ſpero
che Vostra D.S. non ſi ſdegnarà di accettarla, accioche li peritiſſimi bombar
dieri di questo nostro Illuſtriſſimo Dominio ſuggetti a Voſtra sublimità, oltra il
ſuo ottimo, di prattical ingegno, ſiano meglio di ragion iſtrutti, é atti a eſegui
reli mandati di quella. Et ſe in queſti tre libri non ſatisfaccio plenariamente
- «A Voſtra
-
- . ,
Vofira Eccellentiſſima Signoria inſieme con li predetti ſuoi peritiſſimi bombar
dieri, ſperoin breue con la prattica del quarto, di quinto libro, non già in ſtam
pa (per piu riſpetti) ma ben a pena, oueruiua uoce di ſatisfarin parte Voſtra
Sublimità inſieme con quelli, alla cui gratia da infimo, 3 humiliſſimo Seruitore
diuotamente mi raccomando.
e- -

- Dato in Venetia in le caſe nuoue di san saluatore alli XX, di


-

Decembrio. M D xxx V 11. - -

Di Vostra Illuſtriſſima D.s. Infimo seruitore,


Nicolò Tartaglia Briſciano.

coM1N
-

COMINCIA IL PRIMO
LIBRO DELLA NOVA scIENTIA DI
Nico Lo TARTAGLIA BRisCIANo,
dalle diffinitioni, ouer dalle deſcrittionidelli prin
- cipi per ſe noti delle coſe premeſſe, - -

DIFFINITIONE PRIMA.
ORPO egualmente graue è detto quello, che ſecondo la
C grauità della materia, è la figura di quella è atto a non pati
re ſenſibilmente la oppoſition dell'aere inalcun ſuo moto.
i G N. 1 corpo(come uolenoli naturali)ò che egli è ſemplice è
i che egli è composto, li ſemplici ſono cinque, cioè, terra, ac
qua, aere, fuoco, di cielo. Tutti gli altri dicono eſſer com
poſti dalli predetti, di queſti taliſmo libuomini, li anima
- - ſi li, le piante, le pietre, li ſette metalli. Et ogni altra ſpe
SiS e 3" cie di corpo. Delli detti cinque corpi ſemplici, quattro ſo
no detti elementali, cioè la terra, l'acqua, l'aere, e il fuoco. L'altro è chia
mato quinta eſſentia, cioè il cielo. Delli detti quattro elementali (come vuol
Auicenna in la ſeconda dottrina della prima fen, del ſuo primo libro) dui ſono
leui, i duigraui. Li leui ſono il fuoco, e l'aere. Li graui ſono la terra, ci l’ac
qua, ma Auerrois ſopra il quarto del cielo, 6 mondo, (teste 29.) ruolchetut
tili detti corpi in li ſuoi luoghi babbinoalcunagrauità, eccetto che il fuoco, e
tiam alcuna leuità eccetto che la terra. Onde ſeguiria che l'aere nel proprio
luoco participaſſe di grauità. Per ilche ſeguita che ogni corpo composto di 4.
elementi in aerei" di grauità. Niente dimeno per corpo egualmente
graue in questo luoco ſe intende ſolamente quello che ſecondo la grauità della
materia, º la forma di quella è atto a non patire ſenſibilmente la oppoſitione
dell'aere in alcun ſuo moto ſecondo la materia, cioè che ſia di ferro, ouer di
piombo, ouer dipietra, ouer di altra materia ſimile in grauità. Secondo la
forma, cioè chelſia unito di tal qualità, che'l ſia atto a non patire ſenſibilmen
- e - de "
A 2ſuo ri
te(peruigor della forma) la detta oppoſition dell'aere inalcun fra
- - - L I B R. 0
de fra le figure,ouerforme de corpi, la forma cunea, ouer Pyramidale ſaria la
prima, che ſariapiu atta a temere meno la detta oppoſition dell'aere di qualſi
º glia altra forma, domente che con arte la foſſe conſeruata che la uertice, ouer
acutezza di quella ſempre procedeſſe auanti contra l'impeto del detto aere.
Ma perche ſe la non fuſe conſeruata, come è detto, non ſegueria il propoſito,
per non eſſer egualmente graue. Porremo la figura ouerformaſpherica ſenza
altra conditione eſſerla piu atta a patire meno la detta oppoſitione dell'aere in
ognifi di moto di qualſiuoglia altra forma per eſſer piu agile al moto da tut
te le bande, 6 egualmente graue di qual ſi uoglia altra,

Diffinitione II.

Li corpi egualmente graui ſono detti ſimili S eguali, quando


che in quegli non è alcuna ſoſtantial, nè accidental differentia.
Diffinitione III. v
º

Lo inſtante è quello che non ha parte. i

instante nel tempo, e nel moto, e ſi come ilponto geometrico in le ma


L ognitudine, cioè che'l non ha parte, ma è iudiuiſibile, º conſequentemen
te non è tempo, nè ancora mouimento, ma ben è principio, e fine de ogni tempo,
& d'ogni mouimento terminato. Et è proprio l'ultimo fine del tempo prete
rito, 6 non è parte del tempo futuro. Et è principio del tempo futuro & non
è parte del tempo preterito commune, Aristotile nel 6. della Phyſi. (testo
24.) ci manifeſta.
Diſfinitione IIII.
Il tempo è una miſura del mouimento, 8 della quiete, li ter
mini del quale ſondui inſtanti.
L tempo da ſcientifici è stato in diuerſi modi diffinito, cioè alcuni dicono
I (come hauemo detto di ſopra) quel eſſeruna miſura del mouimento. Et del
la quiete. Altri determinan eſſer inducia del moto delle coſe uariabili. Al
cuni conchiudono eſſer uiciſſitudine de coſe, le qualiin molti modi per ſottilin
dagationeſe conoſcono. Et altri dicono eſſer una età uolubile che presto man
ca. Delle quali diffinitioni hauemo tolto la prima per eſſer piu accommodata
al nostro propoſito. Dicendo cheiltempo è una miſura del mouimento, di del
la quiete; perche ſi come per mezzo de una miſura materiale ( i terre
- - - - - CblaMiate
T R 1 M o. 2

chiamata perticha, diuiſa in piedi 6. Et ciaſcun pie in oncie Iz.) ſe uiene in


cognitione della lunghezza, larghezza, 3 altezza di corpi materiali. simil
mente per mezzo de una miſura di tempi (chiamata anno, diuiſo in meſi 12. e
ciaſcun meſe communemente in giorni 3o. e ciaſcun giorno in hore 24 e ciaſcu
mahora in minuti 6o.)ſi conoſce la differentia di moti de corpi; cioè la ueloci
tà, & tardità di quelli. Perche s'è conoſciuto in le ſette ſtelle erratice una eſſer
di moto piu ueloce dell'altra? se non per la miſura de eſſi mouimenti chiama
ta anno,con le ſue parti (cioè meſi, giorni, hore, e minuti,) come chiaro appare
in le determinationi Astronomatice. Et li termini di questo anno, cioè ilprin
cipio e fin di quello, ſono dui inſtanti, il medemoſi deue intendere in le altre ſue
parti, d in ogni altro tempo terminato.
Diffinitione V.

Il mouimento d'vn corpo egualmente graue, e quella tranſmu


tatione, che alle voltefadauno luogo a un'altro, li termini di qual
ſon dui inſtanti.

L mouimento di tutti liſcientifici, e maſſime da Ariſtotile nel quinto della


I Thyſia (teſto 9) è ſtato diffinito eſſer una mutatione, ouer tranſmutatio
me. Ma le ſpecie di questo mouimento, ouer tranſmutatione alcuni uogliono
che ſiano 6. cioè Generatione, Corrottione, Augumentatione, Diminutione,
Alteratione,3 Mutation di luogo. Ma Ariſtotile in lopreallegato luogo vuo
le che le mutationi ſiano 3. e non piu, cioè de quantità, de mutation de quali
tà, & ſecondo il luogo. Delle qual ſpecie hauemo tolto ſolamente la ultima
(perche le altre nonfanno al propoſito) dicendo, che il mouimento d'un corpº
egualmentegraue,e quella tranſmutatione, che alle uolte fa da un luogo in un'al
tro, come ſaria a dir di ſuſo in giuſo, di quà, e di là, dalla banda destra alla
ſinistra, 3 è conuerſo, Etli termini di tali mouimenti (cioè in principio e fin
quelli ſono dui inſtanti.
Diſfinitione VI.

Mouimento naturale di corpi egualmente graui, quello che na


turalmente fanno da un luogo ſuperiore a un'altro inferiore perpen
dicolarmente ſenza uiolenza alcuna.

Diffinitione VII.

Mouimento uiolente di corpi egualmente graui, e quello che


- - - - - - - - fanno
- L 1 B R o
fanno sforzatamente di giuſo, in ſuſo, diſuſo in giuſo, di quà 8 di
là, per cauſa di alcuna poſſanza mouente.
Diſfinitione VIII.

Limouimenti dei corpi egualmente graui, ſe dicono eguali quà


do che li detti corpi ſon ſimili, S. uanno de egual uelocità, cioè
che in tempi eguali tranſiſcono interualli eguali.
Diffinitione IX.

Reſiſtente ſi chiama qualunque corpo manente, che per far reſi


ſtentiaa un corpo egualmente graue in alcun ſuo moto vien da quel
lo offeſo.

Diffinitione X.

Reſiſtenti ſimili, ſi dicono quelli corpi, che reſtariano egualmen


te offeſi da corpi ſimili egualmente graui, in mouimenti eguali,
& in mouimenti ineguali inegualmente offeſi, cioè che quello, che
faceſſe reſiſtentiaal piu veloce reſtaſſe piu offeſo. -

Difinitione XI.
Lo effetto d'un corpo egualmente graue, ſi dice la offenſionc,
ouer percuſſione, ouer il buco che in ogni moto cauſa in un re
ſiſtente.

Diffinitione X II.

Et quando le percuſſioni, oucr buchi di corpi ſimili egualmen


tegraui, ſono eguali, ſi dicono effetti eguali, 8 ſe ineguali, ine
guali effetti. -

Diffinitione XIII.

Poſſanza mouente vien detta qualunque artificial machina, o


ucr materia, che ſia atta a ſpingere, ouertirare un corpo egualmen
tegraue violentemente per acre.
Diffini
Tº R 1 M o. 3
Diffinitione. XII II.

Le poſſanze mouente, uengono dette ſimili, 8 eguali, quando


che in quelle non è alcuna ſuſtantia, nè accidental differentia nel
ſpingerde corpi egualmente graui, ſimili, 8 eguali. Ma quando in
quelle è alcuna accidental differentia ſono dette diſſimili, S&ine
guali. -

i
-

Suppoſitione prima.
El ſi ſuppone che il corpo egualmente graue (in ogni mouimen
to) uada piuueloce, douefa, ouer faria (per commune ſententia)
rmaggior effetto in un reſiſtente.
Suppoſitione II. ..: o

El ſi ſuppone che dui corpi egualmente graui ſimili, 8 eguali,


habbino tranſito, ouer che trapaſſeranno in tempi eguali, ſpacie
guali,terminanti in dui iſtanti, doue detti corpi paſſarebbono di e
gual velocità.

Suppoſitlone III.
El ſeſuppone doue che i corpi egualmente graui, ſimili &egua
li, fariano (per communeſententia) eguali effetti in reſiſtenti ſimi
li, paſſerebbono pertai iſtanti, ouer luoghi di egual velocità.
Suppoſitione IIII.
Ma douefariano inegualeffetti ſi ſuppone, che quelli paſſarcb
bono deineguali uelocità, 8 che quello, che faria maggior effetto
paſſaria piu veloce. -
-
-

-
suppoſtione V.

Li effetti dei corpi egualmente graui ſimili & eguali fatti nelli ul
" iſtanti di lor motiuiolenti in reſiſtenti ſimili, ſe ſuppongono eſº
cr eguali. - -

-
gie
- z.
Commune
- -
- L I B R. 0 -
--

- .-

Communi ſententie. Prima.

Quanto piu un corpoegualmente graueuerrà da grande altezza


di motonaturale, tanto maggior effetto farà in un reſiſtente.
Scconda.

Sei corpi egualmente graui ſimili & egualiuerranno da egual al


tezza ſopra ai reſiſtenti ſimili di moto naturale faranno in quegli
eguali effetti.
r

Terza.

Ma ſe verranno da ineguale altezza, faranno in quegli ineguali


effetti, é quello che uerra di maggioraltezza farà maggior effetto.
Ma biſogna notare che le dette altezze ſi deueno intendere riſpetto allire
Iſistenti.

Quarto.

Se un corpo egualmente graue nel motouiolento trouarà alcun


reſiſtente, quanto piuildetto reſiſtente ſarà propinquo alprincipio
di tal moto, tanto maggior effetto farà il detto corpo in lui.
Propoſitione Prima.
Ogni corpo egualmente grauenel moto naturale, quanto piu
el ſiandarà allontanando dal ſuo principio, ouer appropinquando
al ſuo fine, tanto piuandaràueloce.
º

Sſempio ſelfoſſe le tre diuerſe altezze a.b. c. in retta linea, come di ſotto
appare, º che dalla altezzaa. per caſo caſcaſſe da ſe un corpo egua lmen
tegraue, ſenza dubbio quello talcorpo, non trouando reſistentia andaria di nº
tonaturale fininterra facendo il viazzo ſuoalla ſimilitudine della linea e.fg.
bordico che il mouimento di quello tal corpo ſaria di tal conditione che quanto
piu elſe andaſſe allontanando dal ſuo principio (cioè dalo iſtante, ouerponto
d.) ouer appropinquandoal ſuo fine (cioè allo iſtante, ouer pontog, tanto piu
andaria veloce. Perche il detto corpo in tal mouimento (per la prima i
me Jen
- e R. F M o. 5
na ſententia)faria maggior effetto in un reſiſtente, ilqual foſſe fuor dall'altez
zac, che dalla altezza b. seguitaria adunque, che il detto corpo (per la pri.
ma ſuppoſitione) andariapiu veloce per lo ſpacio e.f che per lo ſpacio d. e. si
milmente perche lo detto corpo (per la detta prima communa ſententia) faria
maggior effetto in un reſistente, che foſſe nel ponto g. cheſelfoſſe alla altezza
c. Seguiria adunque (per la medema prima ſuppoſitione) che lo detto corpo an
dariapiu ueloce per lo ſpaciof g. che per lo ſpatio e f & ſe paſſar poteſſe il p5
tog. cioè che la terra gli andaſſe cedendoloco, come fa l'aere,andaria continua
mente augumentando in uelocità, fin al centro del mondo, poi in eſſo centro ſeri
poſaria (per comune ſententia de Philoſophi) ſi che quando lo detto corpo fuſi
fe propinquo al detto centro, uerria a eſſer di moto piu uelociſſimo, che in alci
paſſato ſpacio foſſe stato che è il propoſito. Questomedemoſi uerifica ancora
a cadauno che uada uerſo un luogo deſtato che quanto piu ſi uà approſſimando
al detto luogo, tanto piu ſe uà allegrando, e piu ſe sforza di caminare, come
apparin un peregrino, che uenga da alcun luogo lontano che quando è propin
quo al ſuo paeſe, ſe sforza naturalmente al caminara piu potere tanto piu quan
to piu uien di lontani paeſi, però il corpograue fa il medemo andando uef, il
ſuo proprio nido, che è il centro del mondo, ci quando piu uien di lontano in eſ
ſo centro, tantopiu (giungendo a quello) andaria ueloce.

Ncor che la opinione demolti ſia che ſe foſſe un forame che penetraſſe
A diametralmente tutta la terra, di che per quello fuſe laſciato andar
un corpo egualmente graue, come di ſopra è ſtato detto, che quel tal corpogion
tofuſſe al centro del mondo immediate iui ſi fermaria, la qual openione, dicono
eſſeruera che coſi immediate che ui fuſeagiontoui ſe gli fermaſſe, anci per la
grandeuelocità che in quello ſi trouaſſe,ſaria sforzato a paſſare di moto uiolen
ite molto, e molto oltra il detto centro ſcorrendo uerſo il cielo del nostro ſubter
raneo emiſperio, dipoi ritornaria di note naturale uerſo il medemo centro, 3
gionto aqnellolopaſaria ancor per le medeſime ragioni di moto uiolente uer
sſo di noi. Etpur di nuouaritornaria pur di moto naturale uerſo il medeſimo
centro, é pur di nuouolo paſaria di moto uiolente, 6 dipoi ritornaria di mo
to naturale, di coſi andaria un tempo paſſando di moto uiolente, é ritornan
do di motonaturaleſminuendoſi continuamente in lui la uelocità, finalmen a - --
te ſi fermaria poi nel detto centro. . .
Terilche egli è coſa manifesta che dal moto naturale ſi cauſa il uiolente, ci
non èconuerſo, cioè che dal miolente giamai nien cauſato il naturale, anzi ſi
cauſa per ſe.
-- - -- --'- -- - º
e
s e .
- - - -
- - -
. . .
::
- - -- - - - - - -
-
i» - -:i- e - - - - - . - -
. .. . . . . . . -.
. -
º
- - -. s. - - - -

o a i - - B Correla
- ---

º -

- r»
- - tº -
- . . .
27 . . .
= SS -,
- = RS - º . -
- – ss -

-= S - - ---
. -

-
- -
-
- - - - - - -a - e- - -- - -
-
-

a - - -
- -

-
-

- e - - - - - - - - - s i :

- Correlario Primo.

onde ſi manifeſta ancora qualmente ogni corpo egualmente


graue in principio del mouimento naturale ua più tardiſsimo, e
in fin più velociſſimo che in ogni altro luoco, & quanto più pal
ſerà perlongo ſpacio tanto più infineanderàuelociſſimo, -
si
- - - - -, - - vº i . a

Correlario Secondo i
. Ancora è manifeſto qualmente un corpo egualmente grene
di moto naturale non può paſſare perdui diuerſi iſtanti, di egual
uelocità. - - -

-
Propo
º e R 1 M o º
Propoſitione IL , . . . .
- -
-
-

-. Tuttili corpiegualmentegraui, ſimili&eguali dal principio


delli lor mouimenti naturali, ſi partiranno di egualuelocità, ma
giongendo alfine di tali lor mouimenti, quello chehauerà paſſa
stoperpiù longo ſpacio andarà più ueloce.
S E'l fuſe lequattro diuerſe altezze a.b. & c. d.poſte a due a due in retta lº
nea come diſotto appare, º che l'altezza a fuſe tanto lontana dall'altra
- . .

pil "g".
I Millſ II

º
º

ſi

i
---

NS
SS
È

|
alezza b. quanto è l'altezza cara lezza de che pa caſo dall'altezza d.ca
ſtaſie un corpo egualmente grane, a un'altro ne caſcaſſe dall'altra ºi
- B 2. qual
e, B R: o
liquai corpi fuſeno ſimili, º eguali. E noto che quellitai corpi and:riano di
moto naturale in terra, 3 li tranſiti loro ſiriano retti, e perpendicolari alla ter
ra, cioè alla ſimilitudine delle due linee g.f & i. e. Hordico che questi tai corpi
ſe partiriano dal ſuo principio (cioè l'uno dallo iſtante, ouerpontog & l'altro
dilo iſtante puerponto i.) di egualuelocità, magiongendo al fine di tali mout
menti,cioè ali dui iſtantie & fºuello che veniſſe dall'altezzaaandaria più ne
loce de l'altro, perche quello haueria tranſito per più longo ſpacio ilquale è il ſpa
cioaf. Perche l'altezza b.è tanto lontana dall'altezza a quanto che è l'altez.
za d, dall'altezza e.( dal preſuppoſto) adunque il corpo ebe cadeſſe dall'altex )
za, a percotendo in uno reſiſtente, che fiſſe fuora dall'altezza b. el non fariain
quello maggior effetto, (per la ſeconda commune ſentenza) di quello chefaria
quello, che cadeſſe dall'altezza c.ſopra d'un altro ſimile che fuſſefnora dell'al
tezza d'onde (per la terza ſuppoſitione) li detti doi corpi andaranno,l'uno per
l'altezza bin ponto hº l'altro per l'altezzad, in ponto K, di egual uelocità,
delche ( per la ſeconda ſuppoſitione)li detti dai corpiandariano l'uno il pacio
g.h.& l'altro il pacioi.K.in tempi eguali. Adunque li detti doi corpi ſe parti
tiano dal principio de'lor mouimenti (cioè l'uno dalo iſtante g & l'altro da lo
istante i.) di egual uelotità che è il primo propoſito, Et perche il corpo,cheue
niſſe dall'altezza a faria maggior effetto in un reſiſtente, che fuſſein lo iſtante
f. (per la terza commune ſentenza) di quello che faria quello che ueniſſe dall'
altezza c.in un'altroſimile che foſſe in ponto e Onde (per la prima ſuppoſitio
ne) lo detto corpo che uerria dall'altezza a.giongendo al fin del ſuo mouimento
( cioè allo iſtante,ouer pontof ) anderia più ueloce di quello che uerria dall'al
tezza c.giongendo al ſuo fine, cioè allo istante,ouerponto e che è il ſecondo pro
poſito. A dimoſtrar il medeſimo ſecondo propoſito per un'altro modo, di tutta
la linea,ouer tranſitogfmaggiore,ne taglieremo (per la terza del primodi Eu
clide) la parte gm.egualal tranſito,ouer linea i e minore, é perche tutti li cor
pi egualmente graui ſimili, di eguali dal principio delli loro mouimenti natura
li, ſe parteno di egual uelocità (come di ſopra fu dimostrato) il corpo adunque
che ſi partiſſe dall'altezza a. andaria tanto ueloce per lo ſpacio g.m.quanto fa
ria quello, che ſi partiſſe dall'altezza c.per lo ſbaciog.m.quanto faria quello che
ſi partiſſe dall'altezza ciper lo ſpacioi, e cioè ambidui tranſiriano in tºpi egua
li.Et perche lo detto corpo,che ſi partiſſe dal altezza a. (per la precedente pro
poſitione) anderia più ueloce per lo ſpaciomfiche per lo ſpaciog.m. (per comu
ne ſcienza) anderia ancora più ueloce per lo detto ſpacio m.f che l'altro per lo
ſpacioi.e.che è il medeſimo ſecondo propoſito. . -

Propoſitione. III. . - v
7 x

Qgnarùnacoreºgumentegius, canderà ºri


r-ma

T R 1 M o. 7
do dal ſuo principio, ouerpropinquando al ſuo fine, nel molo
uiolento tanto più anderà pigro e tardo.
T. Sſempi gratia, ſe'l fuſſe una poſſanza mouente in ponto a che tirare uo
E leſſe,ouer doueſſe un corpo egualmente graue uiolentemente per aere,
che tutto il tiro che far poteſſe,ouer doueſ e la detta poſſanza, coeſo corpo fuſ
ſe tutta la linea a.b. Dico che quello tal corpo quanto più il sandaſſe allontanan
do dal ſuo principio (cioè da lo iſtante a.) ouer approſſimando al ſuo fine (cioè
alloiſtanteb.) tantopiù s'anderiaalentando di uelocità,laqual coſa ſe dimostre
rà in questo modo. Diuideremo tutta la detta linea, ouer tranſito a b. in più
ſpati,ci ſianob.c. cdade.efgh,6 ha. Hor perche il detto corpo (per la quarta
commune ſentenza)faria maggior effetto in un reſiſtente eſſendo quello in pon
toc.che non faria eſſendo in pontob. delche (per la prima ſuppoſitione) lo det

B
I

è| m

to corpoanderia più ueloce per lo punto c. che per lo pontob & ſimilmente per
lo ſpacio d.che per lo ſpacio d. che per lo ſpacio ch. coſi per le medeſime ragioni
lo detto corpo anderiapiù ueloce per lo ſpacio ed che perloſpacio dc. & per lo
ſpaciofe.che per lo ſpaciogf che per lo ſpacio ed é per lo ſpaciogf che per lo
ſpaciofe. o per lo ſpacio hg che per lo ſpaciagf & per lo ſpacioab, che per lo
ſpacio hg. & ſe più auanti fuſſe il principio di tal moto uiolente, tanto più nelli
ſeguentiſpacianderia veloce che è il propoſito. Queſto medeſimo ſe uerifica in
cadauno che ſia uiolentemente menato verſo a un luoco da eſſo odiato,che quan
topiù ſe uaapproſſimando al detto luoco,tanto piu ſe ua attristando in la mente,
ci piu cerca di andar tardigando.
- - Cer
º- e -
l
º
Corrolario Primo. ,

Ondeſi manifeſta qualmente un corpo egualmente graue in


principio d'ogni motouiolente,uà più velociſſimo, 8 in fin più
tardiſſimo chinogn'altro luoco, & quanto più hauerà a paſſare
per più longo ſpacio tanto più in principio di tal mouimento an
derà uelociſſimo. -,

- :-

Corrolario II.

Ancor è manifeſto qualmente un corpo egualmente graue di


motouiolente, non può paſſare per dui diuerſi iſtanti di egualue
locità. - - - - s -

Propoſitione. III.
Tutti i corpi egualmente graui ſimili, 8 egualigiongendo al
fine del lormoti uiolenti anderanno di egual uelocità, ma dal
principio di tali mouimenti, quello che hauerà a paſſare per più
longo ſpacio ſe partirà più ueloce.
Sſempigratia ſelfuſe due poſſanze mouente diſſimile, di ineguale l'una
in pontoa.e l'altra in ponto c.che tirar doueſſeno doi corpi egualmete gra
c P-R 1 M o. S
ui ſimili di eguali uiolentemente per aere, º che tutto il tiro, che far doueſi
nole ditte due poſtanze con eſſi corpi l'uno foſſe la linea a.b. & l'altro la linea
i c.d.Dico queſti doi corpigiongendo al fine di queſti doilor mouimenti uiolenti,
scioè l'uno allo istante,ouerponto b.& l'altro allo istante, ouer ponto d. anda
riano di egualuelocità. Ma dal principio di tali loro mouimenti, cioè, l'uno da
lo iſtante a.6 l'altro dall'istante c. ſi partiranno di inegual uelocità, perche
quello, che doueria paſſare per lo tranſito,ouerſpacio ab. (per eſſer piu longo
dell'altro)ſe partirà piu ueloce dall'iſtante a che non farà l'altro da lo istante
c.laqualcoſa ſi dimoſtrarà in queſto modo. Perche ſe li detti doi corpi trouaſſino
alcun reſistente in doi iſtanti d.6 b.li quali fuſino ſimili & eguali in reſisten
tia, fariano in eſſidoi effetti (per la quinta ſuppoſitione) eguali;onde (per la ter
tia ſuppoſitione) andariano di egual uelocità, che è il primo propoſito a dimo
ſtrar il ſecondo dal tranſito, ouer linea a b. maggiore ne ſegaremo con la imagi
natione la parte b K. egual al tranſito, ouer linea cd. minore, º perche li detti
doi corpigiongendo alli dui istanti d.3 b.andariano di egual velocità ( come di
ſopra è ſtato dimoſtrato) haueriano tranſito di egual velocità ſpaci egualmen
te diſtanti dalli predetti doi luoghi, ouer iſtanti b. & d. (per la ſeconda ſuppo
ſitione.) Adunque li detti doi corpi tranſiriano di egual velocità l'uno per lo
ſpacio Kb.partiale, é l'altra per lo ſpacio cd. totale, cioè, paſſiriano quegli
in tempi eguali. Etperche quanto piu un corpograue (nel moto hialente) ſè an .
darà allontanando dal ſuo principio (per la terza propoſitione) tanto piu anda
rà pigro e tardo. Adunque il corpo che ueniſſe i" a andariapiu ueloce
per lo ſpacio a K. che per alcun luogo di ſpacio K b. partiale, ſeguita adunque
(per commune ſententia) che il corpo che ueniſſe dall'iſtante a.andaria piu ua
loce per lo ſpacioa.K.che non andarial'altro in alcun luogo diſpacio e d.totale,
sil corpo adunque, cheueniſſe dal ponto, ouer iſtantea, ſi parteria più seloce di
eſſo iſtante a, chenon faria quello che ſe partiſſe dall'istinte c. di eſſo istaire
c.che è il ſecondo propoſito. - - -

- P. a ae V.
- ropoſitione V.
tr... , ti , i 22. -
Niun corpo egualmente graue, può andare per alcun ſºciº di
empo,ouer di luogo di moto naturale, cuiolente inſieme miſto.
- - º - - -s l -

r E"
Lrare un corpo egualmentegaue tiolentemete per aereº betuttoiltraſi
to, " detto corpo di quella ſpinto fºſſe tutta la linea ab.c.d.ef.
Dico che il detto corpo non paſſarà parte alcuna di tal ſuo tranſito di moto uio:
lento, naturale inſieme miſto, ma paſarà per quello, ouer totalmente di mº:
touiolentepuro,ouer parte di motouiolentepiro, a parte di moto naturale
t,
- - - -- - , - puro,
r L 1 e R o
puro, 3 questo iſtante, che terminerà il moto uiolente, quel medeſimo ſarà prin
eipio del moto naturale, º ſe poſſibilfoſſe(per l'auerſario) che quello poteſſe paſ'
ſare alcuna parte di moto violente, é naturale inſieme miſtoponiamo che quella
ſia la parte c.d. Seguiria adunque che il detto corpo paſſando dal ponte calpare
- -

to d.andaſſe augumentando in uelocità, per quella parte che participaſſe del mo


tonaturale (per la prima propoſitione)e ſimilmente che andaſſe calando di ue
locità per quella parte che participaſſe del moto uiolente (per la terzai"
ne) che ſaria una coſa abſurda,che tal corpo in un medeſimo tempo debbia andar
augumentando, º diminuendo di uelocità, diſtrutto adunque l'oppoſito, rimane ;
ilpropoſito. -
-.- - - -
.
-
º e - o -

Propoſitione VI.
Ogni reſiſtentemenuerrà offeſo, da un corpo egualmente gra
ueeiettouiolentemete per aere,in queliſtante che diſtingueiſmo
touiolente dal naturale, che in ogn'altro luoco. -

v E Sſempio ſelfoſſe unapoſſanzamouentein'ponto a.laqual doueſſe tirare un


i corpo egualmente graueuiolentemente per aere, & che tutto il tranſito,
the tranſir doueſſe quel tal corpo da quella ſpinto, fºſſe tutta la linea a bc def,
e che ilponto d faſe il luoco del iſtante doneſe ſeparerà il motouiolente dal na
rurale. Dico che ogni reſiſtentementerria offeſo dal detto corpoinponto d che
in ogn'altro luoco del detto tranſito. Percheildetto corpo anderia più tardiffi
t- - - - - º - 7520 -
p R 1 M o. 9
3)
erlo inſtante d. che in ogni aiuoluoto del tranſito uiolente.abc d. (per
lo primo correlaria della terza propoſitione) & conſequentemente fa
ria meno effetto in lui. Similmente perche il detto corpo andaria piu tardiſſi
moperlaitante d (per la primo correlario della prima propoſitione)che in ogni
altro luoco del i e conſequentemente faria menor effetto in
lui,e però ſeldetto reſistente fuſe percoſſo in ponto couerinponto e dal detta
a I D , l iA i C . . ... . .
. . . 4, i C d 3 il

- -
i gio . - -
. .-- -
- - - --
. -
. - -
-
-
-

. . i rº 1 - 2 D
-

- i
-
, r.
- - - -

- - º i -

A e ci ºv , - - - - - --
-

– -

5ti i :: : . E . -

- - A - - i. - -
-, ... . . . . . . . . .. - ---- - - - - e -

il
- via- . - - - - - :- C-1
-C ( -

l A º
- ,
e F -

corpoſariapiu offeſo,che eſſendo percoſſo in lo detto ponto a. perche il detto cor


poandariai" ueloce per lo ponto c.(di motoruiolente) & perloponto e di moto
naturale che perloponto d.che è il propoſito,
e
F 1 N E D E I P R 1 M o L 1 B R o.

i. I c coM 1 N
s E C O N D O L I BRO
DELLA NovA SCIENTIA
DI NIcolo TARTAGLIA
B R E S . C I A N o.

-
Diffinitione prima.
M Ouimentoretto di corpi egualmente graui è quello, che fan
Vº no da un loco,aun'altro rettamente,cioè per retta linea.
come ſaria a mouerſi dal ponto a al ponto b ſecondo che giace la linea ab.
Diffinitione II. s.
Mouimento curuo di corpi egualmente graui è quello, che fan
noda uno luoco a un'altro curuamente, cioè per curua linea.
comeſariaamouerſi dalponto c. alponto d.ſi come ſta la linea c d.
. . v -
º
- -
-
- t
- - - - - - -
- - - -

. . . . . .
-
. . -
. -
. . .

-- r . . . . .
e -º CA -
a

-y. . ) º Diffinitione
s e e o N D o. 1c
Diffinitione III.
Mouimento in parte retto, e in parte curuo di corpi egualmente
graui, è quello, che fanno da uno luoco, a un'altro parte rettamen
te, & parte citruamente, cioè per linea in parte retta, e in parte
CllIlla, -

C omeſaria a dire mouendoſi dal ponto e al pontog.ſi come giace la linea è.


º-afg.intendendo però che le dette due parti, cioè la parte retta e. f ſia
congionta in diretto con la parte curua f.g. cioè che non facciano angolo in pon
tof perche ſe cauſaſſenoangolo non ſe potria dire che fuſſe un moto continuo,
anzi ſariano dui uari moti, ſi come che ancora non ſe potria dire che tutta la
quantità e fg.fuſe una ſol linea, ma due linee, cioè una retta, e l'altra curua,
2 º queſto biſognana dilucidare.
. . . . . . . . ), ſiti - - - - -

i i

A.

--
!
, , a G
- - a º I i

Diffinitione II II. -

Orizonte è detto qnel piano circulare, che diuide (non ſolamen


te)lo hemiſperio inferiore dal ſuperiore, ma anchora ogni corpo e
gualmente graue,quando che è per eſſereietto,ouer tiratouiolente
mente per aere, in due parti eguali, Sc è concentrico con il det
to corpo. : :
Diffinitione V.
Semidiametro dell'orizonte, uien detta quella linea, che ſi parte
dal centro,eua a terminare nella circonferenza di quello rettamente
per quel uerſo,doueche debbeeſſer tirato un corpo egualmente gra
ueuiolentemente per aere. - - - -

- C 2 Diffi
.0 a E I B R o è
Diffinitione VI. - -

Perpendicolar del'orizonte è detta quella linea, che ſi parte dal po


lo dell'orizonte(cognominato zenith) & uien perpendicolarmen
te ſopra il centro di quello, 6 continouata per fin al centro del
mondo. - . Iº
-- Diffinitione VII. s .
Ma quella parte, che è dal centro al polo, uiendetta la perpendico
lare ſopra al'orizonte, é l'altra che è dal detto centro per finaleen
tro del mondo è detta la perpendicolare ſotto a l'orizonte, º
Diffinitione VI II. A
Il tranſito,ouer moto violente d'un corpo egualmente gratieuiem
detto eſſer per il pianide l'orizonte, quando che il principio ſeiſtende
in parte per il ſemidamietro del'orizonte.
Diffinitione I X.
Il tranſito,ouer noto uiolente d'un corpo egualmente graue,uié
detto eſſer eleuato ſopra a l'orizonte quando che in il principio ſe
iſtende talmente che quello cauſi in parte angolo acuto con il ſemi
damietro del'orizonte,di ſopra al'orizonte, S tanto piu ſe dice eſſer
elleuato, quanto maggiorangolo acuto cauſa, ma quando cauſa an
golo retto i ſedice retto ſopra all'orizonte.
- Diffinitione X.
Il tranſito,ouer moto uiolente d'un corpo egualmente graue ſedi
ce eſſer elleuato 45 gradi ſopra all'orizonte, quando che in el princi
pio ſe iſtende talmente,che diuide l'angolo retto, cauſato dalla perpé
dicolar ſopra all'orizonte con il ſemidamietro dell'orizonte in due
parti eguale -
l Diffinitione XI. i
Il tranſito, ouer motouiolente d'un corpo egualmente graue, ſe
dice eſſer obliquo ſotto all'orizonte, quando che in el principio ſe
iſtende talmente che quel cauſa angolo acuto con il ſemidiametro
dell'orizonte di ſotto a eſſo orizonte, 8 tanto piu ſedice eſſer obli
quo quanto maggior " acuto cauſa, ma quando cauſa angolo
retto, ſedice retto ſotto all'orizonte. ,
Diſfinitione XII. i - -

Litranſitiouer motiuiolenti decorpi egualmente graui, ſe dico


no egualmente elleuati ſopra all'orizonte, quado che in el principio
di quegli ſe iſtendono talmente, che cauſano eguali angoli acuti con
il ſemidiametro dell'orizonte di ſopra aeſſo orizonte, è ſimilmen
te egualmente obliqui, quando che incldetto principio cauſano e
guali angoli acuti con il detto ſemidiametro di ſotto a sº"e
- - liIlIA1
- --- -
s oE c o . N D o. - I
o lºro". Diffinitione XIII, -

- ll tranſito ouer motouiolented'uocorpo egualmente graue,uié


detto eſſer per la perpendicolar dell'orizonte, quando che il princi
pio,& fin di quello è in la detta perpendicolare, cioè quado che quel
lo è retto ſopra,ouer ſotto all'orizonte. -

Diffinitione XIIII.
La diſtantia d'un tranſito,ouer motouiolente d'un corpo egual
mente graue, ſe piglia per quello interuallo,che è per retta linea dal
principio al fine di tal moto uiolente.
lº Suppoſitione Frima.
Tuttili tranſitiouer mouimenti naturali de corpi egualmente
graui ſono fra loro, S&anchora alla perpendicolar dell'orizonte e
quidiſtanti
Benche dui tranſiti, ouer moti naturali de corpi egualmente graui, mai
A poſciamo eſſerfraloro,ne anchora alla perpendicolar dell'orizonte perfet
tamente equidiſtanti. Perche ſe la terra gli andaſſe cedendo loco, ſi come fa l'ae
re,ſenza dubbio concorreriano inſieme nel centro del mondo (per la ultima diffi
nitione del primo de Euclide)non ſariano com'ho detto equidiſtanti. Nientedi
meno per eſſererror inſenſibile in un poco ſpacioli ſupponemo tutti equidiſtanti
fra loro, º anchora alla perpendicolar dell'orizonte.
a"
Ogni tranſito,oller moto uiolente decorpi egualmente graui che -

ſia fuora della perpendicolar dell'orizonte ſempre ſarà in parte retto


ein parte curuo, &lapartecurua ſarà parte d'una circonferenza di
.. . . . .
A Benche niun tranſito,ouer. motouiolente
cerchio.
d'un corpo egualmente graue che
ihauer alcuna parte
4 A fiafrora dellaperpendicolare dell'orizonte mai
che ſia perfettamente retta per cauſa della grauità che ſeritroua in queſta cor
po,laquale continuamente lo ua ſimulando ci tirandouerſo il centro del mon
do. Nientedimeno quella parte che è inſenſibilmente curua, la ſupponemopar
te d'una circonferenza di cerchio, perche non preteriſcono in coſa ſenſibile.
Suppoſitione I I I. - -

Ogni corpo egualmente grane infine d'ogni moto uiolente che


ſiafuora della perpendicolare dell'orizonte ſi mouerà di motonatu
rale,ilqual ſarà contingente con la parte curua del motouiolente.
E Sſempigratia ſe un corpo egualinente graue ſarà eietto ouer tratto uiolen
temente per aere,fuora della perpendicolar dell'orizonte. Dico che in fine
di tal moto uiolente,(non trouando reſistenza) ſi mouerà di moto naturale, i
tuttalaſarà
quale a b cd. decon
lineacontingente la parte
laquale tuttacurua del moto
la parte uiolento
abc.ſarà alla ſimilitudine
il tranſito del ſi uiode
-
-
- - chte,
: , E 1 B R o -

ente, la partec.dſarà il tranſito fatto motonaturale il qual ſarà continuo,º


contingente con la parte curuab. c.inponto c.e queſto è quello
f, i
che volemoin
ferire.

» . . . . i

- Suppoſitione IIII. . . . . . .
Lo effetto piu lontano dal ſuo principio, che far poſſa un corpo
egualmente graue di motouiolente ſopra a qualunque piano, ouer
ſopra a qualunqueretta linea, è quello che termina preciſamente in
eſſo
ſimapiano,ouerin eſſalinea(eſſendoeietto ouer tirato da una mede
poſſanza mouente. º , a - A

IE Sſempigratia ſia una poſſanzamouente in ponto a.laqual habbia eietto,o-


uer tirato il corpo b egualmente graueuiolentemente per aere,il cui tran
ſito ſia la linea a edb.& ilponto d poniamo ſia lo istante, che distingue il tran
ſito,ouer moto uiolente a ed.dal tranſito,ouer motonaturale d b.& dalponto a.
al ponto d ſia protratta la linea a d c.hor dico che il ponto d è il piu lontan effet
to dalponto e che far poſall detto corpob, ſopra la linea ad c.ouer ſopra quel
piano doue è ſituata la detta linea ad c.coſi coditionatamèteeleuato. Perche ſe la
detta poſſanza a traeſſe ilmedemo corpo b piu elleuatamente ſopra al'orizon
te,quelfaria il ſuo effetto di moto naturale ſopra la medema linea,a dc. come ap .
par in la linea,ouer tranſito afg.inpontogilqual effettog.dico cheſaria piupro
pinquo al pontoa, cioè al principio di tal moto di quello, che ſarà lo effetto d per
che il detto corpo b.non ueneria a terminare in la detta linea a dc. di motouio
lente,anzi terminaria di ſopra di quella in pontof & quanto piu fuſſe elleuata
mente tirato,tanto piu ſe andaria accoſtando col ſuo effetto al detto ponto a.ſo
pra
- s e o c o N. p o. . I2
pra la detta linea a dicperche ancora il motoaiolente di quello, tantopiuſean
dariaſcottando colſuo termine dalla detta linea ad c.cioè piu inalto terminan
- - -
- -
º
- - -, - -

- - vo . . . . . . . - - - e- - - -- .- - - -- - - -

- , a - e e i : e . .. .
e sa è- -o va v - -
. . . - - -- - - -
-

v
. . . . . . . . . . . . . .

ti - - -
i l in
i cº i -,
- - -
-
1 ºa - , - - -
»
- - -
.
- i
-

- è ...
.) ... A
-
e sva vArt. ;
e AV a
3 , , AV A -

-, 'º 22 - - -e
--- - a2 - e, a v.)

A - -

do. Similmente ſe la medema poſſanza traeſſe il medemo corpo b. men elletrato


deltranſito,ouer linea ae dalla ſimilitudine del tranſito,ouer linea ad c.allaſi
militudine del ponto hil qualefetto.h dico che ſariapiu propinquo alponto a de
quel fattoinponto d perche il fin di talmotouiolente andaria a terminare diſot
to della detta linea a dein ponto K.& quanto piu la detta poſſanza a ſe andaſſe
abbaſſando in tirare il detto corpob.tanto piu ildetto corpo bandaria facendoil
ſuo effetto piu propinquo al ponto a ſopra la detta lineaad c. perche quanto piu
la ſe andaſſe abbaſſando,tanto piu ilſuo moto uiolente andaria aterminare diſot
to della detta linea ad c. ilmedemoſi deue intendere in ogni altro tiro, eſempi
gratia tirando dal pontoa al pontof(termine del moto uiolente a f) lalinea a
fl.dico che il detto corpo bin altro modo tirato dalla medema poſſanza mai po
tria aggiongere al dettopontof come ſi manifesta nel tranſito a edb.ilqual ſe
galadetta linea aflin pontomilaualpòtom è molto piu propinquoi i 4.
a quello
- º z 1 e o Roos 2. - --

quello che è il detto pontofsimilmente ancora tirando una linea dal dettoponº
to a al ponto K.(termine del moto uiolente, air) qua la ſia a K n. dico che il
detto corpo b in altro diuerſo modo tirato dalla medema poſſanza mai potria ag
giongere al dettoponto K. come per eſempio apparnelli altri dui tiri ſuperiori
che ciaſcaduno ſegan la detta linea a Kn. di motonaturale nelli dui ponti o. &
p.che cadauno di loro è piu propinquo al pontoa di quello cheè il detto ponto K.
e questo è quello che uolemoinferire. -
e- -
- ºs

º Propoſitione Prima.
Li quattro angoli d'ogni quadrilatero rettilineo ſono eguali a
quattro angoli retti i v,
Iail quadrilatero abed, dico tutti li ſuoi quattro angoli tolti inſieme ſono
S eguali a quattro angoli retti. Perche protratto lo diametro db. ſarà diuiſo
induitriangoli, 3 litriangoli di cadauno de detti triangoli (per la ſeconda par
te della 32.del 1.di Euclide) ſono eguali a duiangoli retti,onde tutti li 6.ango
lide detti dai triangoli ſono eguali a quattro angoli retti, º percheli detti 6.
angoli di detti 2 triangoli ſono eguali alli 4.angoli del detto puddrilatero,eſem
pigratial'angolo abd.deltriangoloab d.gionto con l'angolo di c.del triangolo
db c.ſe aguagliano a tutto langoload c.del quadrilatero, ºſimilmente li altri
dui,che terminano
drilatero,º cioèd.ſeagualian
ponto
li altrialdui, a tuttoquelli
l'angolo a.3 oc.ſono l'angoload c.del de - -a-

ondeilpropoſito è manifeſto,
ll t
º
4 -

. . S : se sº iº
N º . . e o
- - -
a 'e' - -
io :::
-, e sº
- º -
º - -
a o

-
-
s - -
r e A
- -
-
-
- - '. - -
-
,
-
- - --
- -
sì º -

a º, - - - -
s. . . .
ºss º e
- - º i e
s - , º
- - -

i
-
- -

l .. - - s
s . c o N o e. 13

Propoſitione IL
Se dal centro d'un cerchio ſaran protratte due linee fino alla circò
ferenza, tal proportione hauerà tutta la circonferenza dal cerchio a
l'arco, che interchiudon ledette due linee qual hauerà quattro an
goli rettia l'angolo contenuto dalle dette due linee ſopra il centro.
- -

- º,

Iail cerchio a b cil centro del quale ſia il ponto d & dal centro d.ſian pro
tratte le due linee da 3 db. Dico che tal proportione ha tutta la circonfe
renza del detto cerchio a l'archoa b.che interchiude le dette due linee, qual ha )
-

uattro angoli retti,al'angolo ad b. Perche protrarrò una delle dette due linee
º" alla circonferenza, ſia a d fino in e onde(per la ultima del ſetto de Eucli
de)la proportione de l'arco e ba l'arcoba.èſi come l'angolo e db a l'angolo ed
ba.l'angolo b da 6 (per la 18.del quinto de Euclide) congionto delli detti dui
il
archi e b.& b a.(cioè tutto l'arco e b a l'arcoba. ſarà ſi come il congionto
delli dui angoli e db.& b da al'angolo b da 3 perche l'arco e ba è la mitade
della circonferenza di tutto il cerchio,dº il congiunto dellidui angoli e db. & b
da.(per la decimaterza del primo de Euclide)è eguale a dui angoli retti,ſegui
ta adimque che ſi come è la mità della circonferenza del detto cerchio al detto
arcoba.coſi ſarà dui angoli retti a l'angolo b da. & perche tutta la circonferen
za del cerchio alla mitade di quella(cioè al'arco e ba) è ſicome quattro angoli
retti. A due angoli retti dunque(per la uiceſimaſeconda delquinto d'Euclide) ſi
come tuttala circonferenza del detto cerchio a l'arco ab. coſi ſaran quattro an
goli rettia l'angolob da che è il propoſito.

- n Propoſi
Propoſitione III.
Se due linee rette congiunte angolarmente contingerāno un cere
chio,3 produtta una di quelle dalla badadoue è l'angolo,tal propor
tione hauerà la circonferenza del cerchio al'arco che interchiuderā
no, qual haueranno quattro angoli retti a l'angolo exterior cauſato
dalla linea protratta. -

Iano le due linee a b.& b c.congionte angolarmente in ponto b.le quali con
tingano il cerchio defg.inli dui ponti d & foº ſia protratta una di quelle
dalla banda uerſo b.& ſia la fb protratta fino in ponto h.Dico che tal proportio
ne hauerà la circonferenza del cerchio a l'arco de figual ha quattro angoli ret
ti a l'angolo d b h. Perche del centro del detto cerchio(qual pongo ſia K ) tirole
due linee K d.& fonde(per la prima propoſitione di queſto) li quattro angoli
del quadrilatero bd Kf ſono eguali a quattro angoli retti, 3 perche cadauno
delli dui angoli K db. & Kfb. (perlo correlario della decimaguinta del terzo
de Euclide)è retto. Seguita adomque che li altri dui inſieme(cioè l'angolo d b f.
- ci l'an
-
4G

& l'angoloff d.)ſiano ancora loro eguali a dui angoli retti,º per la decimater
za del primo deEuclide(li dui angoli dbf3 dbh ſono ſimilmente eguali a dui
angoli retti,onde(perlaprima concettine del primo de Euclide) li dui angoli
life abb.ſono eguali allidui angolidbfa a Kfletando dunque com
mnemente dal'una el'altra parte lo angolo d'ºf reſtarà(per la terza concet
tione del primo de Euclide)l'angolo d b b. eguale a lan olod Kfonde(per la ſet
tima propoſitione del quintode ºi a cadauno de loro
nueranno una medema proportione, 3 talproportione 4ºlha quattrº angoli
reti al'angolo di f talhauerà la circºnferenza del cerchio a l'arco def.A-
donque(per la 11 del 5 de Euclide) tal proportione hauerà la circonferenza
ai, io, l'arco def. qual hauerà quattro angºli retti 4l'angolo eſteriore
db h.che è il propoſito,
- Propoſitione IIII,
Seil tranſito ouer motouiolente d'un corpo egualmente graue
» D 2 ſarà
ſarà per il piano dell'orizonte,la parte curua di quello ſarà la quarta
parte della circonferenza del cerchio donde deriua.
Q Ia il ſemidiametro del pian dell'orizonte la linea ab.& la perpendicolar
S dell'orizonte la linea cadº il tranſito uiolente d'un corpo egualmente gra
ue la linea a ef la parte curua del quale ſia l'arco e fa la partefg ſia il tranſi
to fatto di moto naturale. Dico che la detta parte curua ef eſſer la quarta parte
della circonferenza del cerchio dondederiua. Perche produrrò il traſitonatura
legfuerſo il ſemidiametro dell'orizonte talmente che concorra con quello in
ponto h.º perche il tranſitofgh è equidistante (per la prima fi di
" alla perpendicolar cad.l'angolo adunque fha.(per la prima parte del
uigeſimanona del primo de Euclide)farà eguale a l'angolo ha c.ilqual è retto,
adunque l'angolofh b.esteriore(per la decimaterza del primo de Euclide ) ſa
rà retto,onde quattro angoli retti uengono a eſſer quadrupli al detto angolo eſte
riore per il che la circonferenza del cerchio donde deriuala detta parte curua,
ef(per la terza propoſitione di questo)uien a eſſer quadrupla al detto arco e f.
adunque il detto arco e fuien a eſſer il quarto della circonferenza del cerchio
donde deriua, che è il propoſito. - -

-
s E c o N D o. I5

e, Propoſitione V.
“Seil tranſito, ouer motouiolente d'un corpo egualmente graue
ſarà elleuato ſopra al'orizonte, la parte curua di quello ſarà maggio
re della quarta parte della circonferenza del cerchio donde deriua,&
quanto piu ſarà eleuato, tanto piu farà maggiore de la quarta parte
de detta circonferenza,S&tamen mai potrà eſſer la mitade di eſſa cir -

conferenza. -

Iail ſemidiametro del pian dell'orizonte la lineaab. & la perpendicolar de


S l'orizonte la linea e ad & il tranſitouiolente d'un corpo egualmente graue
la linea a ef, la parte curua del quale ſia l'arco e feº la parte fg ſia il tranſito
fatto di moto naturale. Dico l'arco ef eſſermaggiore della quarta parte della
circonfereza del cerchio donde deriua. Perche produrò il tranſito naturale fg.
& la parte retta ae tanto che concorrano inſieme in ponto h & produrò fh fin
in K.constituendo l'angolo eſteriore e b K.& perche l'angolofhe, è eguale (per
L I B R. O
- -

fa primaparte della uigeſimanona del primo de Euclide)al'angolo e ac. etlan


golo ea c.ſperla ultima concettione del primo de Euclide) è minore d'un ango
logetto,adunque l'angolo e h f(per comnune ſententia) ſarà minore d'unango
lo retto,onde l'angolo eh Kºſteriore(per la 13 del primo de Euclide)ſarà mag .
giore d'un augolarettº (per la ſeconda parte della ottava del quinto de iuli-,
de)quattro angoli retti haueranno minore proportione che quadrupla al detto
argolo esteriore,et ſimilmente la circonferenza del cerchio donde deriual'areo
ef (per la terza propoſitione di queſto)hauerà minorproportion che quadru-,
pla al detto arco,e (per la ſeconda parte della decima del 5. de Euclide) l'arco
le f ſarà maggiore della Apage della circonferenza del cerchio donde deriua,.
che º" quanto ſia ſtandard elevande ſopra al'ori
zonte la parte retta a etantafiumengfangolo andarà cauſando la linea ae.cà ,
la linea a c.et conſequentemente la linea e hºon la linea fiet l'angolo e h K con
tinuamente ſe andarà aggradando, e la proportione de quattro angoli retti a
quello ſminuendo di quadrupla,et ſimilmente la proportion della circonferenza
del erchio donde deriual'arco e faldetto arco e f ſe andarà ſminuendo di qua
drupla, per ilche il detto arco e f(per la detta ſeconda parte della decima del
quinto di Euclide)andarà côtinuamente creſcendoin parte maggiore d'un quar
to de circonferenza che è il ſecondo propoſito. Et perche l'angolo eh K. eſterio
remaife può aguagliare(per la prima parte della trigeſimaſeconda del primo
de Euclide aiutando con la 17 del medemo)a dui angoli retti, adunque la pro
portion de quattro angoli retti al detto angolo eſteriore,mai può eſſer dupla, ſe
puita adunque che la proportion della circonferenza del cerchio donde deriua
qualunque arco,ouer parte curua d'un moto uiolente, ma può eſſer dupla al det
toarco, ouerparte curua, et conſequentemente il detto arco, ouerparte curua
mai potrà eſſer lamitade della circonferenza del cerchio donde deriua, che è il
terzo propoſito. - - -

- Propoſitione VI. - a

Se il tranſito Quermoto uiolente d'un corpo egualmente graue


ſarà obliquo ſottoa l'orizonte la parte curua di quello ſarà menor
della quarta parte della circonferenza del cerchio donde deripa, &
tanto piu ſarà minore, quanto piu ſara obliquo.
S Ia il ſemidiametro del'orizonte la linea ab.et la perpendicolare del'orizon
tela linede a det il tranſito uiolente d'un corpo egualmente graue la linea
a ef, la parte curua, del quale ſia l'arco e fet la parte fg. ſia il tranſito fatto di
motonaturale. Dico lo detto arco e f eſſer minore della quarta parte della circon
ferenza del cerchio doode deriua. Perche produrrò il tranſito naturale fg. et la
parte retta a e tanto che concorrano in ponuo b.et produrrò fh finink.conſtituen
do l'angolo esteriore eh K.ct perche l'angolo fb e è eguale (per la 1.parte della
29 del 1. de Euclide)al'angolo ea c.etl’angolo e ac.(perla ultima concettione
- -
- del
delprimo debutlide) è maggiore d'un angolo retto (cioè detangolobac. ſua
parti)adunque l'angolo ehf ſarà maggiore d'un angolo retto, onde l'angolo e b
R.esteriore(per la decimaterza del primo de Euclide)ſarà minore d'un angolo
retto, 3 (per la ſeconda parte della ottaua del quinto di Euclide) quattro angoli
retti haueranno a quello maggiore proportione che quadrupla,3 ſimilmente la
circonferenza del cerchio donde derina l'arco e faldetto arco efhauerà mag
gior proportione che quadrupla(per la terza propoſitione di queſto) & (per la
jeconda parte della decima del quinto de Euclide) l'arco e f ſarà minore della
quarta parte della circonferenza delcerchio donde deriua che è il 1. propoſito.
Etperche quantopiuſe andarà abbaſſandoſotto al'orizonte, tanto piu lalinea
ea maggiorangolo andarà cauſando con la linea ea & conſequentemente la li
nea fb con la linea eh.& continuamente l'angolo e h k eſteriore ſe andarà ſmi
nuendo, é la proportione de 4 angoli retti a quello, mºglimentando piu di qua
drupla, ſimilmente la proportione della circonferenza del cerchio donde de
riual'arco e faldetto areo e f. ſtandarà aglimentando più di
-
tº"
ilche
2 . B, R, º è -

ilcheil dettoaree e fºper la detta ſeconda parte della decima del quinto de Eu
clide)andarà continuamente ſminuendo in parte minore d'un quarto della cir
conferenza del corpo donde deriuerà,che per il ſecondo propoſito. º
Propoſitione VII.
Tutti li tranſiti,ouer motiuiolenti de corpi egualmente graui, ſi
grandi come piccioli egualmente eleuati ſopra al'orizonte, ouere
gualmente obliqui, ouer ſiano per il pian de l'orizonte,ſono fra lor
ſimili, 8 conſequentemente proportionali, Sc ſimilmente le di
ſtantieloro.
S fa il ſemidiametro del pian del'orizonte la lineaab.& la perpendicolare de
l'orizonte la linea cad.& li tranſiti di dui
diuerſi corpi egualmente graui,
egualmente eleuati ſopra a l'orizonte,le due linee ae dg & ahi K. di quali le
due parti a ef& ahi ſianli tranſiti fatti di moto uiolente, le due parti fg.
& i K. ſianli tranſiti fatti di moto naturale, le due partia e 6 a h. ſiano le
lorparti rette,lequal partirette (per eſſer quegli egualmente eleuati ) forma
rono inſieme una fol rettitudine, cioè una ſol linea, laqual ſarà la linea a e h.
ci dal ponto a. ſia tutta la linea a f & quella protratta & continuata diretta
mente di neceſſità anderà per il ponto i perche quando le parti rette detranſi
ti,ouer motiuiolenti ſi compongano inſieme,ancora le loro distanze ſi compone
ranno inſieme (aliter ſeguiria inconuenienti aſſai) Hor dico che il tranſito aef.
(fatto di moto uiolente)è ſimile al tranſito a ehi.(pur fatto di moto uiolente)
ci conſequentemente proportionale, º ſimilmente la distanza a falla distanza
ai. Perche produrrà lilor tranſitinaturali, e la lor commune parte retta a eh.
fin atanto che concorrano inſiemein lidui pontilm.& produrrò li detti tranſi
ti naturali fininno (constituendoli dui angoli esteriori el n.6 l mo)é duce
rò le due corde ef & hi alle lor parti curue. Et perche li dui tranſiti naturali
gn & Ko.(per la prima ſuppoſitione di questo) ſono equidiſtanti, adunque l'an
golo eln.(per la ſeconda parte della 29.ael 1. de Euclide ſarà egualeal'ango
lo l mo; onde(per la ſeconda parte della 7.del 5. de Euclide)quattro angoli retti
haueran una medema proportione a cadaun di loro, di ſimilmente la circonfe
renza de cadauno di due cerchi donde deriuanoli dui archi e f & hi. alli detti
dui archi(cadauno al ſuo relatiuo)per la terza propoſitione di questo, haueran
no una medema proportione,per laqual coſa l'arco e f uien a eſſer ſimile a l'ar
coh iº ſimilmente la portion p.alla portion q.onde conſtituendo ſopra cadau
no dedetti archi un'angolo quaiſiano e pf& hqili quai dui angoli (per il con
uerſo delle due ultime diffinitioni del terzo de Euclide) ſaranno fra loro eguali,
per laqual coſa l'angolo fea.(per la 31 delterzo de Euclide) ſarà eguale a l'an
goloibe.onde(per la uigeſimaottaua del 1.de Euclide) la corda ef ſarà equidi
- - - -
- mate
- -- - s e c o N o 6. ry
fiante alla corda ibe.onde per la qual coſa l'angolo e fa ſarà eguale(per la ſe
conda parte della uigeſimaottaua del 1 de Euclide) a l'angolo fih. adunque il
triangolo a ef ſarà equiangolo al triangolo ahi & conſequentemente ſimile,
ende talproportione è della parte retta ae alla parte retta ah qual è dalla cor

daa falla cordahid della diſtanza a falla diſtanza ai & dal'arco e fa bar
cohi che è il propoſito, º per li medemi modi e uieſe dimoſtrerà talſimilitudi
ne in li tranſiti,ouer moti uiolenti che fuſſeno egualmente obliqui ſotto a l'eri
zonte,ouer per il piano del'orizonte perche ſempre li dui angoli eſteriori ſaran
noſempre eguali, 3 li archi,ouer parte curue di quegli ſempre ſaranno ſimile,
perche le parti egualmente tolte da circonferenze de cerchi ſono ſimile, 3 ar
guendo, come diſopra è stato fatto ſe approuarà eſſer tal proportione della par
teretta de l'uno alla parte retta de l'altro, qual è della distanza de l'uno alla
diſtanza de l'altro, è del'arco a l'arco, e per la premutata proportionalità
ſe dimostrerà eſſer tal proportione della parte retta de l'uno
E
º" del
modem,0
- º t 1 e R, oi ?
medemo,ouer alla parte curua del medemo, qual ſarà della parte retta dell'al
tro alla distanza, ouer alla parte curua di quello iſteſo che ſarà il propoſito.
, Se una medema, Rropoſit ione VII
zº mouente eietItarà; ouer tirarà corpi-
i

egualmente graui ſimili, 8 eguali in diuerſi modi uiolentemente


per aere, Quello che farà il ſuo tranſito eleuafo a 45.gradi ſopra a
l'orizonte farà ancora il ſuo effetto piu lontan dal ſuo principio ſo
pra il pian de l'orizonte, che in qualunque altro modo eleuato.
dimoſtrare queſta propo
ſitione ſaremo una argumentation naturale,
P laErqual è queſta, quella coſa che tranſiſſe dal minore al maggiore, per
tutti li mezzi neceſſariamente tranſiſſe ancora per lo eguale, ouer quest'altra.
Doue accade trouar il maggiore, º ancora il minore di qualunque coſa, accade
ancora ritrouarlo eguale. Pero è che queste tali argumentationi non ualeno, ne
ſono accettate,ne conceſſe dal geometra, come euidentemente dimostra il Comè
tatore ſopra la decimaguinta propoſitionedel 3.de Euclide, º ſimilmente ſo
pra la trigeſima del medemo,nientedimenotai concluſioni ſe uerifican in le coſe
che ſono realmente uniuoce, ma in quelle che participano da equiuocatione, alle
uolte ſono médace,eſempigratia,chi diceſſe,el ſi troua una portione di cerchio,
che ne dà l'angolo constituido ſopra l'arco, minor dell'angolo retto, è questa è la
portione maggiore del ſemicerchio (per la dettatrigeſima del terzo di Euclide)
ſimilmente el ſe ne troua un'altra che ne dà il detto angolo maggior del retto
(& queſta è la portione minore del ſemicerchio)per la dettatrigeſima del 3. di
Euclide.) Adunque il ſaria poſſibile perle dette argumentationi atrouarne una
che ne darà il detto angolo eguale a l'angolo retto, hor dico che in queſto caſo la
detta propoſitione,ouerargumentatione non ſarà mendace,cioè che gli è poſſibi
le atrouar una portione di cerchio, che ne darà realmente l'angolo conſtituido
ſopra l'arco eguale al'angolo retto, o questo auuiene, perchenelli detti angoli
non è alcuna equiuocatione. Ma chi diceſſe il ſi trouauna portione di cerchio, che
ne dà l'angolo di dettaportione minore de l'angolo retto(6 questa è la portion
minore del ſemicerchio)per la dettatrigeſima del 3.di Euclide. (similmente el
ſe ne troua un'altra che ne dà il detto angolo maggiore dell'angoloretto)e que
ſta è la portione maggiore del ſemicerchio (per la detta trigeſima del terzo. )
Adunque(per le dette argumentationi elſania poſſibile a trouarne una che ne
deſſe il detto angola eguale al'angolo retto, hor dico che in queſto caſo la detta
propoſitione, ouer argumentationeſaria mendace,perche l'angolo della portio
ne del cerchio, non è realmente uniuoco con l'angolo retto, perche l'angolo retta
è contenuto da due linee rette,a l'angolo della portion è contenuto da una linea
retta, da una curua, cioè dalla corda & dal'arco di quella. Nondimeno dico
che quella propoſitione, ouer argumentatione che è iera ſe uerifica ſempre al
ſenſo,dº a l'intelletta in quella qualità media fra quelle due
i º
a ſei
i?
- s e c o N D o. r .
lità contrarie, cioè fra la portion minore, la porti maggiore del ſemicerchio,
la qual qualità media è propriamete eſoſemicerchio (come per la detta trige
ſima del 3 de Euclideſ proua)ma quella che è medace ſempre ſi uerifica anca
ra lei in quanto al ſenſo,purin lo detto termine,ouerqualità media, cioè nel ſe
micerchio, perche tal ſua mendacità non è ſenſibile,ne alcun ſenſo daſe è atte
a conoſcerlain materia, ma ſolamente allointelletto è nota, é che'l ſia il uero,
el ſe ſa che l'angolo contenuto dalla corda, 3 da l'arco del ſemicerchio è tanto
micino a l'angolo retto,chel non è poſſibile a costituir uno angolo acuto deli
nee rette che ſia piu uicino a l'angolo retto di lui, neancora tanto uicino quan
to lui(come ſi proua ſopra la 15. del 3. de Euclide) ſeguita adonqse che tai
propoſitioni, ouer argumentationi ſempre ſi uerificano. In quanto al ſenſo
in quel termine,ouer qualità media che giace fra due qualità contrarie in pro
rietà,ouerin effetti, cioè che egualmente participa di cadauna di quelle. Et
gi non star in un ſolo eſempio pigliamo queſt'altro. Il ſole girando continua
mente per il 7odiaco ne dà alcune uolte li giorni maggiori della notte, alcu
ne altre ne li dà minori. Onde per le dette propoſitioni, ouer argumentatio
ni ſeguiria che in alcun tempo,ouer luoco,ne doueſſe dar un giorno eguale al
la notte,laqual coſa eſſendo vera feuerificarà al ſenſo, 3 all'intelletto in quel
tempo,ouer in quel loco medio fra li dui tempi,ouer luochimaſſimamente con
trari in tai effetti(liquai dui luochi maſſimamente contrari l'uno ſi è il pri
mogrado di cancer, e l'altro ſi è il primo grado di capricorno, perche quando
il ſole intranel detto primo grado de cancer,ne dà il giorno piu longhiſſimo de
la notte,che in niun altro luoco,ouer tempo, º quando intra in el primo grado
di capricorno ne dà il giorno piu cortiſſimo de la notte, che in niun altro luoco.
Aa il ponto medio fra queſti dui estremi in effetto contrari,l'unaſaria il pri
mogrado di ariete,el'altro il primo grado di libra. Ma ſe la detta argumenta
tione in questo caſo ſarà mendace.Bico che ſimilmente laſe uerificarà anco
ra lei(in quanto al ſenſo)in li predittiluochi medi come continuamente mede
mo che quando il ſole entra in un di dui preditti luochi il giorno ſe aguaglia al
la notte, ſe pur non ſe aguaglia perfettamente (come approua) & bere (il
Reuerendiſſimo Cardinal Signor Pietro de Aliaco in la ſeſta queſtione ſopra
2uan di Sacrobusto)tal differenza è inſenſibile. Ho tornando adunque al no
ſtro propoſito. Perche euidentemente ſapemo che ſe un corpo egualmente
graue ſarà eietto,ouer tiratouiolentemente per il pian dell'orizonte,quel an
darà a terminare il ſuo moto uiolente piu ſottoa l'orizonte, che in qualunque
modo eleuato, ma ſe lo andaremo elleuando pian piano ſopra a l'orizonte per
un tempo andarà terminando il detto ſuo moto uiolente pur ſotto a l'orizonte,
ma continuando taleleuatione,euidentemente ſapemo, che a tempo terminarà
di ſopra al detto orizonte, é poi quanto piu ſe andarà eleuando tanto piu an
darà a terminare piu in alto(idest piu lontano del detto orizonte)e finalmente
- , E 2 gion
; i , z 1 º R o
giongendo alla perpendicolare ſopra al'orizonte (cioè che tal ſuo moto, ouer
tranſito ſia retto ſopra a l'orizonte)quel terminarà piu in alto, ouer piu lon
itan di ſopra del detto piano dell'orizonte, che in qualunque modo ellenato.On
de ſeguiria per le anted.tte propoſitioni, ouer argumentationi, che gli ſia una
eleuatione coſi conditionata che'l debbia far terminare preciſamente in el
proprio piano dell'orizonte,laqual argumentatione eſſendo uera ſe uerificarà
realmente al ſenſo ancora all'intelletto in quella eleuatione che è media fra
quelle due,maſſimamente contrarie in terminatione (cioè fra quella che è per
il piano dell'orizonte, e quella che è retta ſopra a l'orizonte, perche l'una fa
andare a terminare il detto corpo di moto uiolento piu di ſotto, º l'altra piu
di ſopra a l'orizonte, che in qualunque modo eleuato) & qu eſta eleuation me
dia,è quando il detto tranſito,ouer motouiolente d'un corpo egualmente gra
tue è elleuato ali 45. gradi ſopra a l'orizonte (cioè quando la parte retta di
quello diuide l'angolo retto cauſato dalla perpendicolare ſopra al'orizonte con
il ſemidiametro dell'orizonte in due parti eguale.) Ma ſe la detta argumenta
tione fuſſe mendace(per l'auuerſario geometrico. ) Seuerificarà pur ancora
lei(in quanto al ſenſo)in la detta eleuation media, cioè alli 45gradi ſopra a l'o-
rizonte, ſe'l corpo adunque eietto, ouer tirato talmente che faccia il tranſito
ſuo eleuato 45. gradi ſopra al'orizonte, terminarà il ſuo moto uiolente in el
proprio pian dell'orizonte, º lo effetto che farà in el detto piano ſarà il piu
lontano dal ſuo principio(per la quartaſuppoſitione) che far poſſa ſopra al pia
dell'orizonte,in altro modo eleuato, eietto,ouertirato dalla medema poſſanza,
che è il propoſito. -
- - Correlario, i

Da queſta propoſitione, 8 dalla ultima del primo, ſe manifeſta,


qualmente un corpo egualmente graue nel motouiolente eleua
toalli 45. gradi ſopra all'orizonte farà minor effetto nel pian dell'
orizonte, che in qualunque altro modo elleuato.
Propoſitione IX. -

Se una medema poſſanza mouente eiettarà, ouer tirarà due cor


pi egualmente graui ſimili, S&eguali l'uno eleuato alli 45. gradiſo
praa l'orizonte, e l'altro per il pian dell'orizonte:La parte retta del
tranſito di quello che ſarà eleuatoalli 45. gradi ſopra al'orizonte,
ſarà circa a quadrupla della parte retta dell'altro. -

Er dimoſtrare queſta propoſitione pigliaremo per ſuppoſito quello che in


el principio diceſſimo hauer troitato, cioè che la distanza del tranſito,o-
uer moto uiolente eleuato alli 45. gradi ſopra a l'orizonte eſſer circa a decu
. pla al tranſito retto fattoper il pian de l'orizonte, che dal uulgo è detto tirar
deponto in bianco,laqualproportione ſe uederà coſi eſſere nel quarto libro, da
ue ſe darà in numeri l'ordine, la proportione di creſcere calar di tiri deo
- gni
e v :
- . . s e c o N D o 19
gni ſorte machine sia adunque il ſemidiametro dell'orizonte la linea ab ela
perpendicolar del detto orizonte la linea c a d.& il tranſito d'un corpo egual
mente graue fatto per il pian dell'orizonte la linea a efg. la parte retta del
quale ſia la linea ae.& la curua la linea e fa il tranſito di moto naturalla li
nea fg.Etil tranſito d'un'altro corpo ſimile, 3 egual al primo, e dalla mede
ſima poſſanza tirato ellenatoalli 45 gradi ſopraa l'orizonte,la linea a hi K.
la parte retta del quale ſia la linea a b.& la curua la linea bi tranſito di moto
naturale la linea i K.& la diſtanza la lineaa e i. la qual diſtanza uien a eſſer
per il ſemidiametro dell'orizonte.Bico che la parte retta a h.è circa a quadru
pla della parte retta a e. Perche produrrà il tranſito naturale i K. & la parte
retta ah.tanto che concorrano inſieme in póto l& perche il ſemidiametro a b.
ſega orthogonalmente il tranſito naturale i K.in pontoi.(per la decimaottaua
del3.de Euclide)qual andaſſe per il centro del cerchio, donde deriua la parte
curua h i.Compirò adunque(per la 24.del 3.di Euclide) il detto cerchio don
de deriua la detta parte curuah i..qualſiah i m n.& dal ponto a. (per la 16.
del 3.di Euclide)ducerò una linea contingente al detto cerchio, qual la pongo i
ſiaam.& quella produrrò in diretto fin a tanto che la concorra con il tranſi
to naturale i K.inponto o & ſarà costituido il triangolo alo.hor dalli dui pon
tih.& mal centro del cerchio(qual pongo ſia p.)dicole due linee hp.& mp.
lequalſaranno eguale fra loro (per la diffinitione del cerchio poſto da Euclide
nel 1.)similmente la linea a h(per la 35.del terzo de Euclide) ſarà eguale
alla linea a m. 3 l'angolo pha, ſarà eguale a l'angolop ma perche l'uno e
l'altro è retto(per la 17.del 3.di Euclide)& labaſa a p.è communa a l'uno e
l'altro di dui triangoli a bp.& amp.)onde(per la 8.del 1.de Euclide)lidet
tidui triangoli ſaranno equiangoli, 3 perche l'angolo ha p. è mezzo angolo
retto (per eſſer la mità de l'angolo ca p. dal preſuppoſito) adunque l'angolo
ap h.(per la 2 parte della 32.del 1 de Euclide) ſarà ancora lui mezo an i
golo retto. Seguita adunque, che l'angolo ma p. de l'altro triangolo ſia ancora
lui la mità d'un'angolo retto, per ilche tutto l'angolo ha m. del triangolo a lo.
ſarà retto, º perche l'angolo al o è mezo angolo retto(per eſſer eguale a l'an
golo alterno la c. (per la 29. del 1. de Euclide) Seguita (per la 2 parte della
trigeſimaſeconda del 1.de Euclide) che l'altro angolo lo a. ſia ancora luime
zo angolo retto,onde (per la 6.ael I.de Euclide)lo lato a l. ſarà eguale alla- ..

to a o per ilche tutto il detto triangolo al o uien a eſſermezoun quadrato,


la diſtanza ai. uien a eſſer la perpendicolar del detto triangolo a l o ancora
uien a eſſeregual(allamità della baſal o cioè al lidº perche la detta diſtan
zaai è ſupposta a eſſer decupla alla retta a e,cioè diece uolte tanto quanto è
la retta a e.onde l'area del triagoloalo.(per la quadrageſimaprima del I. de
Euclide)ueneria a eſſer Ioo.cioè 1oo quadrati della retta a e la quale ſume
mo in questo loco per miſura di quello, che ſe ha a dire, º lo latoal.uerria a
: - eſſer
-
- - - -
-
-----|--
---
------ i-.*

-- -
-
|-
·|-

--
-

p ,

--
|-
·
|-|-
-
|-
|-|-
. . . . . . 3 R e 6, N b 8 26
eſſer la radice quadrata de 2eo (per la penultima del 1. de Euclide) e ſi
milmente l'altro lato a o.bor uolendo ſaper per numero la quantità della ret
ta a bprimamente del centrop.duceremo le due lineep lo po. procedere
mo per algebra,ponendo che il ſemidiametro del cerchio ſia una coſa, per
che il detto ſemidiametro uien a eſſerla perpendicolar del triangolo plo.
(ſopra la baſa l'o.)& ſimilmente del triangolo apl.(ſopra labaſa al.) &
ſimilmente del triangolo a p o (ſopra la baſa a o.)le quai perpendicolare ſono
pip hºp m.hor trouaremo l'area de cadauno di detti tre triangoli ( per la
ſua regola)multiplicando la perpendicolare contra la mità della baſa, ouer
lamità della perpendicolar citra a tutta la baſa,onde multiplicandop i.(che
è posto eſſer una coſa) ſia la mità di l o.che è Io, farà 1o. coſe per l'area,
del triangolo pl o.laqual faluaremo da parte, da poi multiplicaremo la per
pendicolare ph.che è pur una coſa fa la mità deal che ſarà Radice 5ono
uenirà Radice de 5o. cenſi, per l'area del triangolo a pl laqual poneremo
da canto a preſſo dell'altra che ſaluaſſemo, da poi trouaremo ſimilmente l'a-
rea dell'altre triangolo a po.la quale ſarà pur la Radice de 5o.cenſiſi come
fu dell'altro perche le baſe ſono eguale, cioè che cadauna è Radice 2oo. hor
ſumaremo inſieme queste tre aree, faranno in ſuma radice 2oo cenſi piu
Io.coſe, 6 questa ſuma ſarà eguale a l'area de tutto il triangolo a lo.laqual
è 1oo.onde leuando quella radice e 29o.cenſi, º reſtorando le parti º re
cando a un cenſo,haueremo uno cenſo piu 2o.coſe eguala 1oo.onde ſeguen
do il capitolo trouamo la coſa ualer Radice 2oo.men 1o.º tanto fu lo ſemi
diametro del cerchio, cioè la linea phouer piouer pm.& perche la lineaah.
è eguale alla linea hp.come di ſopra fu dimoſtrato, ſeguita adunque che la
detta linea a h, ſia anchorlei Radice 2oo. nen io. ilqual reſiduoſaria circa
4.1.y.onde la detta retta a b. ueneria a eſſer circa a quattro uolte tanto, e
un ſettimo della retta a e che è il propoſito. -

. - e

- A - -
Correlario, -

Da queſto ſe manifeſta qualmente un corpo egualmente graue


da una medema poſsanza eietto, ouer tirato uiolentemente per ae
re,ua piu per retta linea per un uerſo, che per un'altro,ò conſeque
temente fa maggior effetto,
... 3

- Ne D E I S E c o N D o L 1 B R 0,
-

C O M I N C I A I L T E R Z O
LIBRO DELLA NOV A SCIENTIA DI
N I COLO TAR TAGLI A BRESCIANO.

Rizonte,in queſto luoco,è


detto quel piano circolare che di
O uide,non ſolamente, lo hemiſperio inferiore dal ſuperiore,
ma ancora a l'occhio riſguardante alcuna coſa apparente in dne par
ti eguali, 8 è concentrico con quello.
- Diffinirione II.
perfetto piano ſe chiama qualunque ſpacio terreo, che procede,
ouer che ſe iſtende egualmente diſtante al pian dell'orizonte, di
ſotto a eſſo orizonte.
- Diffinitione III.
L'altezza delle coſe apparente è la perpendicolaredutta dallauer
tice di cadauna di quelle, alla baſa, ouer piano terreo douceſſe ſe
ripoſano.
Diffinitione II II.
Diſtanza ipothumiſſale,ouer diametrale,è quella, che è per ret
talinea dall'occhio riſguardante, alla uertice di qualunque altezza
apparente.
- Diffinitione V.
Diſtanzaorizontale è quella che è perretta linea dall'occhio riſ
guardante,a alcuna coſa apparente che ſia in el pian dell'orizonte.
PropoſitionePrima.
Miuoglio certificare in materia ſe una data regola, ouer Rega,
materiale per deſignarlinee rette è giuſta, -

S Iala detta Regola,ouer Rega,a,della quale mi uoglio certificare s'ella è giu


sta per tirare & deſignare artificialmente linee rette in ogni piana ſuper
ficie, ſegno li dui ponti b. & c.piccolini quanto ſia poſſibile luntani l'uno da
l'altro circa a tanto quanto elongala data Regola,ouer Rega,a,come nel primo
eſempio appere,da poi accontio,ouer giuſto la data Regola alli detti dui pon
tiſtante il corpo della detta regola uerſo me, come nel ſecondo eſempio ſi ue
de,dapoi dal ponto a al pontob.tiroleggiermente una linea ſottiliſſima ſecondo
l'ordine della data regola.fatto questo uolto la data regola da l'altra banda
della tirata linea,giustandola diligentemente alli detti duiponti, come nelter
zo eſempio appare,º tiro leggiermente un'altra linea dal detto ponto a. al
ponto b. ſuttiliſſima fatto " la detta regola,ouerrega & guardo di
ligentemente, ſe la linea tirata a queſta ſeconda uolta congruiſe perfettamen
te ſopra
s
r E R z o. st

r
-
rFIMo EssEMrro c
o

º v2', EssEMPro, c
-- A. Si

3
º–fº –S - a.

5- A- -

a ,4 essEMPIo c

iteli" tirata alla prima, cioè che laſia in quella illeſa, la


qualcoſa eſſendo coſi, dirò, che la detta regola, ouerrega e giustiſſima, ma
quando che la linea tirata la ſeconda molta,non congrueſſe perfettamente ſo
pra a quella, che fu tirata prima, e che fra l'una el'altra ſeraſeno qualche
ſpacio, come in loquarto eſempio appare, all'hordirò che tal regola in modo
alcuno non e giusta,ne le linee ſignalate, ouer tirate ſecondo l'ordine di quel
la,non ſono rette perche due linee rette non pino fra l'una, e l'altra ſerrare
alcuna ſuperficie, per la ultima petitione del primo di Euclide, che è il pro
ipoſito. - Propoſitione H. :

l i" "osniaria materia


le Cgilll1ta. , º
ſe una propoſta ſquara materia
-

S ºla detta ſquara a.Dico che mi uoglio certificare s'ella è giusta, º ſe li


Pangoli deſignati ſecondo l'ordine di quella ſono perfettamente rettificcio
in questo modo, diſegno l'angolo b c d. ſecondo l'ordine della detta ſquara, poi
piglio un campaſſo, faccio centro il ponto c. & ſopra quello deſcrino il cer
thio efg.maggior che ſia poſſibile, pur che non tranſiſca fuora delle due linee
ch & cd ma che ſghi cadauna di quelle in lidui ponti effatto questo, pi.
glio il mio copaſso, 3 con diligenzaguardo ſe l'arco fie.è preciſamente il quar
to della circonferenza di tutto il detto cerchio, la qual coſa eſſendo coſi, dirò
che il detto angolo c'è perfettamente retto per la 2 propoſitione del 2. e con
ſequentemente la ſquara a eſser giuſta, per la ottaua communa ſententia del
primo di Euclide, ma ſe il detto arcofe ſarà piu.ouer meno della quarta par
- ,
- ir le

a -
se della circonferenza del detto cerchio, dirò che il detta angolo c. in conto al
suno non è retto, e conſequentemente la detta ſquara a non eſſerginita, nº.
-
-
- - Propoſitione III. \ - - - , - - - - -

- Per un'altro modo, per eſſer piu ſicuro, mi uoglio certificare in


materia ſeladata ſquara ègiuſta. º i
S Ia la data ſquaraa.eico,che per eſſer piu ſicuro miuoglio per un'altro mo
Pdo certificare ſe quella è giusta,deſegno l'angolab cd ſecondo l'ordine di - e - - - -
-

- - - a -. - - e - - - -

- - - - - si -
i " . . . . . .. . -
-
-

-
º
- -
-- -

ip - -
.- -
º
- - -
º
- i
i
-
- - rc -
-
-
-
e
- - --- -
-

--
-
-

-
-
-
-- -

-- - - - - - - - - - - -
- si -
-

- - º - - i e is i fi i! ! - 2 ,
-

- -

-
v- - - -

-
- - º
-
-
- . -
- -
:
-
-e

- -
- -
- -
-

-
le - -
- -

E,
- -
- -
-

-
- - - º -
- - -

s s
-
-

-
- ".
- -- -
i
- , - -.

-
- , -
- a - - - -

- -
pa
e
v, - -
-
- - i - -
-
s- -
-
-
º .
r E R z o - 22
quella poi dalpontobal pontod tirolalineabd & quella diuido in due parti
eguali inponto e ilqual ponto e faccio centro,o ſopra di quello deſcriuounſe
micerchio, ſecondo la quantità della linea e b, ouer ed. qual ſia b fg d fatto
questo guardo diligentemente, ſe la detta circonferenzabfgdandaſſe appon
to per il ponto c.la qual coſa, eſſendo coſi, dirò che il detto angolo c. per la 3o.
del terzo di Euclide,è perfettamente retto, º conſequentemente la data ſqua:
3a " giuſta, ma ſe la detta circonferenza andaſſe quanto piu diſopra,ouer
di ſotto dal detto ponto c.dirò abſolutamente,che ſe il detto angolo c. non è ret -

to c.conſequentemente la ſquara a non eſſer giuſta, che è il propoſito.


- Propoſitione IIII. 3 - -

- Ancora per un'altro modo mi uoglio certificare in materia ſe


la data ſquara è giuſta. - - -

S Ia la data ſquaraa. Dico ancora per eſſer piu ſicuro,miuoglio perun'altro


º modo uerificare ſe quella è giusta, deſcriuo l'angolo b c d.ſecondo l'ordine
di quella fatto questo piglio il mio compaſſo, ci apro quello talmente che l'a-
pritura poſsa intrare treuoitein la linea c d.uel circa, ſecondo la detta a-.
pritura aſſegno le tre parti cefa fg. & ſecondo la medema apritura di cd-.
paſſo aſſegno in l'altra linea c b.le quattro parti, ouer miſure ch.hi. i K. Kl.
Afatto questo dal pontolalpontogtirolalinea lg poi con diligenza guardo ſe
,
- ,
-
-,
- -
-
--- --- --- ---
-,

.
?
-
-
i - i º,
- - -

A a.

rz
-
- - - - -- - -

la detta linea lg è preciſamente cinque miſure, oner apriture del detto mio
compaſſo,la qualcoſa eſſendo coſi, dirò che il detto angolo c.per la ultima del
primo di Euclide,è perfettamente retto, º conſequentemente la ſquara a.eſ.
ſer giuſta, ma ſe la detta linea lgſarà piu oner manco de cinque apriture del
- - F 2 detto
-
-

E f B R o
dettomio compaſſa dirà abſolutamente che il detto angolo c. non eſſer vetto, e
conſequentementela ſquara a non eſſer giusta che è il propoſito, a
-
Propoſitione V.
Minoglio certificare in marcia eundato quadrangolo equila
tero, è perfetto quadro. - - -

S Rail quadrangolo al cd equilatero, cioè che li quattro lati ab.bc. ed º


2 da ſiano eguali dico che mi uoglia certificare ſe " è per
liqualiſe interſegano
fetto quadro,tiro in quelloli dui diametriac, abd, in
ponto e poi piglio il mio compaſſo, faccio il ponto e centro, di deſtriuo un
cerchio ſecondo la quantità dee a ouerde e b.da poi con diligenza guardo ſe
la circonferenza del detto cerchio andaſſe preciſamente per le quattro estre
mità di quattro angoli a b cd.del detto quadrangolo, º ſe la detta circonferà
za andard pontalmente perle dette eſtremità dirà, che il detto quadrangolo,
per la 3o del terzo de Euclide, ſarà rettangolo, º conſequenùemente perfet
to quadro. Ma ſe per caſo la detta circonferenza non andarà pentalmente, che,
il detto quadrangclo non eſſer rettangolo, e conſequentemente quel non eſs
ſerperfetto quadro, che è il propoſito,

-
Propoſitionev I. -

Miuoglio fabricar uno inſtrumento che mi ſerva aliuelarun


piano, º ancora a conoſcerlo con l'aſpetto le altezze,larghezze,
profondità, diſtantie, hipotumiſſale & horizontale delle coſe appa
rente,S che ancora con facilità me lo poſſa accommodar i inue
º igar
v
- r e R 2 o. 23 ,
ſigarfauarietà di tiri decadauno pezzo de artegliaria, 3 ſimilmé
tede ogni mortaro, -

Iglio una lamina di alcun metallo ben piana groſſa una bona costa di col
tello, ouer una tauoletta di alcun legno ſodo e ben ſecco groſſa almenun
dedogroſſo, º con una rega,6 ſquadra giuſta, ne cauo della detta lamina,
euer tauoletta una ſquadra alla ſimilitudine della infraſtritta ab c. def che
babbia interchiuſo uno pſettiſſimo quadro alla ſimilitudine del quadro, eghi.
et luntano una coſta di cortello,nel circa da li dui latigh & hi tiro tre linee
luntane l'una dall'altra un dedo groſſo,uel circa equidiſtante alli detti duila
tigh & hi & cadauna di quelle due che ſono propinque ali detti duilatihg.
&i, i diuidoin 12 parti eguali & dall'angolo e a cadauno delli detti 12.e 12.
diuiſioni,ouer pòti,tiro le linee diuideteli ſpaci, che interchiude le tre, e tre li
nee equidiſtatiallidui latigh et biin 12 ſpaci eguali,et coſi barà capita la fi
gura gnomonica K bl.diuiſa i 12.e 12 parti eguali,laqual figura dalli antichi
è chiamata ſcala altimetria,e la parte le detta ombraretta, etla parte h K è
chiamata ombra uerſa, et la lineah e cioè il diametro del quadro, è detta li
nca del'ombramedia,et ladiuiſione 1.del'ombr retta, ſe chiama il 1. ponte
r

o l
- d - º

i" z - 7 | ,

i Se.

Si
i? -

C a - ba -

“ri |E
-- r
S. - -

z-g- SE

della
- - f, I B R: o - - -

della ombra retta, º la diuiſione.2. il ſecondo ponto, i coſi diſcorrendo nelle


altre diuiſioni della ombra retta e ſimilmente la diuiſione prima della ombra,
uerſa ſe dice il primo ponto della ombra uerſa e coſi la diuiſione. 2. ſe dice il
ſecondo ponto della ombra uerſa, 6 coſi diſcorrendo nelle altre diuiſioni. Hor
per compirqueſto noſtro itiromento ſopra la gamba.b.c. de fuorauia aſſetta
rò le due laminette perforate.m n. talmente che li dui forami ſiano in rettali,
nea ancora egualmente diſtanti dal piano.bc & farò li dettiforamipicoli che
a pena il raggiouiſuale gli poſſa andare, per quelli ueder la ſumità delle co.
ſe apparente,da poi fiſare un ferretto perpendicolarmente in ponto.e. a
quello gli ataccarò il perpendicolo, ouerpiombino.eo.& ſarà compito il detto,
istromento che è il propoſito. - - ,

- Correttione del Authore.


laſcaduna coſa da poi che è fatta ſe la fuſe da fare molto meglio ſe fa-.
C" per tanto dico che in luoco di quelle due laminette perforate.m.et,
n.molto piuiuſtamente reſponderà, 6 ſeruirà facendo fare uno canaletto pi;
colino, con un pionino,aciò atto, nella banda deſotto della gamba.fb.qualua
darettamente dal ponto.F.al ponto.P.& queſto ſi debbe fareauanti che ſia in
colato la dettagamba.fbſopra il quadratoghi e. & dapoi fatto il detto cana
letto incollarla detta gamba al ſuo luoco,dº da poi incollar una listetina ſot
tila del medeſimo legno, nella parte i fper couerzer quella parte del detto ca
naletto che iui ſerà, elqual canaletto perche uemirà a paſſare rettamente ſot
to al centro.E doue ua attacato il perpendicolo,ouer piombino, molto piu iu
ſtamente neſeruirà nelle noſtre operationi, di quello farà le dette due laminet
te,come è detto diſopra, é maſſime doue biſogna traſportarlistrumèto da un
luoco in un'altro, come occorre nella decima propoſitione di queſto. Anchor
biſogna notar, che uolendo far queſta ſquadra de legno, la ſi debbe far dile
gno di ancipreſſo, attento, che ho ritrouato quello non far maiſenſibile muta
tione,ne per humidità,ne per ſiccità,6 dapoi deſignar la detta ſquadra in car
ta,& incollarla ſopra a quella di legno. -

Oltra di questo biſogna notare, che quanto piu ſarà maggiore questo iſtro
mento,tanto piu ſarà atto a dar la coſa piu giuſta, 6 in uero il quadrato.gh
i e non uoria eſſer men di una ſpanna per lato,talmente che cadaunodelli det
ti 12.6 12. pòti della ombra retta, di uerſa ſe poſſino diuidere in altre. 12.
6 12. parti ſecondo il medeſimo modo,le quai parti ſe chiamariano minuti,
tal che il detto quadrouerria a eſſer poi 144. minuti per fazza,li quali ſerui
ranno molto piu pontalmente, é ſottilmente di quellofaria ſolamente con le
12 prime diuiſioni. - -

- Propoſitione VII.
Voglio leuarun ſpacioterreo, S&conoſcerſe quello è perfetto
piano.
Sia
24
Ia " la lineai ab.EDicoRche2uoglioliuella,
o.
il detto ſpacio, cº
certificarme ſe egliè perfetto piano, appoſto un pito in qualche coſa elle
uata perpendicolarmète ſopra il pian delorizonte, ci ſia il ponto c. dapoi pi

glio il mio iſtromento, º lo aſſetto,ouer acconcio fiſſamente in qualche coſa


ſtabile talmente che lo perpendicolo. e o cada preciſamente ſopra il lato eg.
del quadrato,cioè ſopra la linea.egd.& poi lo alzo ouer abbaſso, talméte che
per li foramim n.ueda il ponto.c, fatto questo, miſuro diligentemente quanto
è dalmio occhio,ouer dal foramen perpendicolarmente in terra (cioè quanto
è la linea n.a.)& ſimilmente miſuro quanto è dal ponto c perpendicolarmen
te a terra (cioè quanto è la linea.cb. & ſe trouo che la detta linea.cb. ſia e
guale alla linea.na.gº che il detto piano ſe distenda dalla banda deſtra,º dal
la ſinistra ſecondo l'ordine della linea.ab.dirò che il detto piano a b. ſarà per
fetto piano perche la linea.ab, che andaſſe per quello (per la trigeſimaterza
del primo di Euclide)ſarà equidistante alla linea.n c.che andaſſe per il piano
delorizonte, conſequentemente il detto piano donde andaſſe la detta linea, a
b.ſarà equidiſtante(per la decimaquarta del 11 di Euclide) al pian delori
zonte, ma ſe la linea.cb ſarà maggiore della lineana, dirò che il detto piano
terreo ſarà piu baſſouerſo.b.che uerſò.a.& èconuerſo, ſe la linea.cb. ſarà mi
more della linea.na.dirò che il detto piano terreo ſarà piu alto uerſo,b,cheuer
ſo a º con lo medemo ordine procederò dalla banda deſtra, º dalla ſiniſtra,
uolendome certificare ſe circumcirca ſeistende ſecondo la detta linea a b.
che è il propoſito, - - - - - - e
- • Pro
E i s R o
Propoſitione VIII. -

Voglio inueſtigar l'altezza di una coſa apparete, alla qual ſi pot


ſi andare alla baſa,ouer fondamento di quella, S tutto a un tem
pouoglio comprendere la diſtantia ypothumiſſale, ouer diame
trale di tal altezza. - -

tal'altezza a b della coſa apparente a eleuata, di coſtituta ſopra ilpia


S no terreo b d talmente che ſi poſſa andare alla baſe,ouer fondamento di
quella (cioè al ponto.b.) Dico che uoglio inuestigare la detta altezza.ab. &
itutto a un tempo uoglio comprendere la distantia ypothumiſale,ouer diame
trale di talaltezza. Piglio il mio iſtromento, º affiſſo quello in qualche coſa
ſtabile, liuello il piano b d.& uedoſe gli è perfetto piano(procedendo, come
nella paſſata fu fatto)é ſe lo trouò perfetto piano mi appoſto un ponto in la
detta coſa apparente qual ſia la uertice a 6 quella cerco de uedere per li dui
forami.n m.del mioiſtromento, º mi uado tirando tanto in drio, ouer auanti
che il perpendicolo cada ſopra la linea della ombra media, cioè ſopra il diame.
tro del quadro come diſotto apparin figura, fatto queſto miſuro il pacio che
è dalponto douecade la perpendicolar del mio occhiofina alla baſa de talal
tezza(cioè quanto è dal ponto calponto.b.) & a quella quantità gli agiongo
la perpendicolare, che è dal mio occhio a terra (cioè la quantità. ec.) e tanto
quanto ſarà queſta ſuma tanto ſarà anchora l'altezza a b. Eſempi gratia, ſe
il ſpacio.cbfuſe paſſa. 353. & che dalocchio mioaterra(cioè dal ponto e al
ponto.cfuſe paſſa dui conchiuderei che la altezza a b.fuſe paſſa 355. Per
che dal occhio nio,cioè dal ponto e,duce la linea.ef equidiſtante al piano,
ouer linea, c b. & produco il perpendicolo del mioiſtromento fin a tanto che
quel concorra con la linea uiſuale,e a in punto.b.& produco ſimilmente lo la
to della ombra retta, cioè la linea.gi., lato delquadro fin a tanto che concor
ra con la medema linea uſuale ea in ponto.K. cauſando il triangolo g.Kh. &
perche l'angologM h.è eguale per la terza petitione del primo di Euclide, a
l'angolo e fa perche l'uno el'altro è retto, ſimilmente l'angolo. Kh. g.è e
guale per la ſeconda parte della 29.ael primo di Euclide,a l'angolo.e a fonde
per la ſeconda parte della trigeſima del 1 di Euclide,l'angolo. Kgb uerria a
reſtar eguale a l'angolo.aef perilche il triangolo gf h. uerria a eſſer equian
golo con il triangolo.e af& conſequentemente ſimile & delati proportiona
li,per la quarta del ſesto di Euclide, o perche il triangolo.gil. uerria a eſſer
ſimile al triagologRh,per la 2.del ſeſto di Euclide, ancora il triangolo, e af,
per la uigeſima del ſeſto di Euclide,uerrà a eſſer ſimile al detto triangolo gil.
& delati proportionali adunque tal proportione ha il lato e fallato fa qual,
baillato giallatoi lº percheillato.li è eguale allato i g per eſſer cada
un lato del quadrato, il lato adunque, af ſarà eguale al lato.ef & perche il
ſpacio,ouerlinea c b per la trigeſimaquartai deli. di Euclide, è eguale
- -
al mes
demo
- -

- T E R 2 o, ay
demolato e fſeguita, per la prima comuna ſententiadelr. di Euclide che la
partial altezza a fſia eguale alla diffantia,ouer linea ch. & perche loreſi
duo fb,di talaltezza,è eguale per la detta trigeſimaquarta del 1. di Eucli
de, alla linea e c.ſegnita adunque, per la ſeconda comuna ſententia del 1. di
Euclide, che la quantità b e giunta con la quantità, ceta'ſuma ſarà eguale a
tutta l'altezza.ab.che è il primo propoſito. Et perche ſi come il lato gi alla
togh diametro del quadro, coſi è il lato.e fouer.cb.altato. ea.& perche illa
togi.è incommenſurabile, per la ſettima del decimo di Euclide, al diametro
gh ancora il lato fe.ouer.cb,per la decima del decimo di Euclide, ſarà incom
menſurabile al lato.ea.6 perche il diametro.gh.è doppio in potentia (per la
penultima del 1.di Euclide,allato.gi.ancora il lato ea ſarà doppio in poten
tiaallato.efouer.cb quadro adunque il lato.e fouer.c b. qualho poſto eſſer
paſſa. 353.fa 1246o9.6 lo indoppio fa. 249218. & di questo indoppiame
topiglio la propinqua radice quadrata laqual ſarà circa 499.217 989eſimi
dipaſſa & paſſa. 499.217.439eſimi, uel circa,dirò che ſarà la distitia ypo
thumiſale,ouer diametrale.ea.che è il ſecondo propoſito. Ma ſe p caſo il piano
terreo b d.nonfuſe perfetto piano, come la maggiorparte delle molte accade
pigliarò il ponto doue ſegarà il pian delorizonte tal altezza a b. liuelando
col mioiſiromento ſi comein la propoſitione precedente fu fatto, qual ponga
ſia il ponto.fpoi cerco con induſtria di miſurare la linea. e f ouer una equidi
fiante a quella, 6 a quella quantità non gliagiongo piu la quantità. e c. ma
ben in luoco di quellagliagiongo la quantità.fb. & tanto quanto ſarà talſu
ma,tanto dirò che ſia la detta altezza a b.eſſempi gratia ſe la linea.effiſſe,
come diſoprafu ſuppoſto paſſa 353.6 che la linea.fbfuſe paſſa. 3 e mezzo
io giongerò li detti paſſa 3 e mezzo con li paſſa 353.farà paſſa 356. e mez.
zo e paſſa. 356. e mezzo dirò che ſia la detta altezza a b. & coſi procedaria
quando che la linea fbfuſe menor della linea.ec.cioè, ſe la faſe folum paſſa
igiongeriapaſſa.1.con li detti paſsa. 53 faria paſſa. 3 54. e tanto direi che
fuſſe la detta altezza.a b perche in tal caſo il lato ef è uguale alla partial al
tezzaaf come di ſopra fu dimostrato, e però gionteuila quantità fl.mi da
rà total altezza.ab.che è il propoſito.
- Propoſitione IX. -

Senzamutarme dal luoco doue meritrouo uoglio compren


dere l'altezza deuna coſa apparente, che ſi poſſiandare alla baſa,
ouer fondamento di quella,S tutto a un tempouoglio inueſtiga
rela diſtantiavpothumiſſale,ouer diametrale di talaltezza.
Ia l'altezza a b.della coſa apparente a ellenata o coſtituta ſopra il pia
S no terreo b d talmente che poſſa andare, come nella paſſata, alla baſa,o-
uer fondamento di quella,cioè al ponto.b. Dico che uoglio comprendere la det
ta altezza.b. ſenza mouermi dal luoco doue me ritrouo, tutto i mpo
- G soglio
uoglio inueſtigare la distantiapothumiſale, ouer diametrale di tal altez
za. Piglio il mio istromento in mano ouer che lo affermo in qualche coſa
itabile, di liuello il piano b d.& uedo ſe glie perfetto piano, procedendo, co
me nella ſettima propoſitione fu fatto, º ſe lo trouo perfetto piano, mi appo
ſto un ponto in la detta coſa apparente qualſiala uertice. a. & quella cerco
di uedere per li dui forami.n m.del mio itiromento,ſenza mouermi dal luo
co doue mi ritrouo,ma torzando, ouer uoltando il dettoiſtromento fin a tanto
che ueda per li detti dui foramila detta uertice a fatto queſto guardo diligº
temente donde cade il perpendicolo del detto mio istromento, é ſe quel ca
derà per caſo, come nella precedente, cioè ſopra la linea de l'ombramedia,cò
chiuderò, ſi come fu fatto in la detta precedente, ma ſe quel caderà ſopra il
dato de l'ombra retta, ne dinatarà l'altezza.ab.eſſer maggior del pacio che
è dalli miei pedi alla baſa,ouer alla radice della detta altezza, cioè al ponto.
bin tal proportione qualhauerà.12.cioè il lato del quadro, al numero di pon
ti della ombra retta,doue cade il detto perpendicolo,giontouila perpendicola
--

º º
- T E R 2 o. 26
re del mio occhio a terra, come ancora nella precedente fu fatto, e queſta co
ſa in la pratica de numeri conchiuderò coſi, multiplicarò il numero di paſſa,
ouer altra miſura, che è dalli miei pedi al ponto.b.per 12.6 quella multi
plicatione partirò per il numero di ponti del'ombra retta donde cade il per
pendicolo del mio istrom ento & quello che uenirà al detto partimento, gli ag
piongerò la quantità della perpendicolare del mio occhio a terra,eſempi gra
tia,poniamo che il perpendicolo del mio iſtromento mi cada ſopra il nonopò
to della ombra retta, come diſotto appare in figura, 6 pono che dal ponto.c.
ſia paſſa 236. 6 che dal mio occhio a terra, cioè dal ponto.e. al ponto, c.ſia
paſſa.2.multiplicaro li detti paſſa.256 per 12.cioè per li dodeci ponti, ouer
diuiſioni del lato del quadro,ouer de cadauna ombra,farà.3o72. & queſto
3o72 partirò per 9.cioè per il numero di ponti de l'ombra retta doue cade il
piombinoouerperpendicolo nel mio iſtromento,neuenirà 341. e un terzo,
& a queſto.341.e un terzo gli aggiongerò paſſa.2.cioè la quantità de.e c.fa
rà.343.eun terzo è paſſa: 343. è un terzo conchiuderò che ſia la detta al
tezza.ab. Perche dalocchio mio, cioè dal ponto. e. ducoſi come nella prece
dente,la linea.efequidistante al piano,ouer linea.cb.& produco il perpendi
colo del mio iſtromento fin a tanto, che quel concorra con la linea uiſuale, e a.
in ponto h.& produco ſimilmente lo lato della ombraretta, cioè la linea par
tial.gi fin a tanto che concorra ancora lei con la detta linea uiſuale.ea. in pò
to.K.cauſando il triangolo ggh,6 perche l'angolo gf h.è eguale per later
za petitione del 1.di Euclide,a l'angolo e fa, perche l'uno e l'altro parretto,
e, ſimilmente l'angolo Khg è eguale per la ſeconda parte della 26.delpri
mo di Euclide,a l'angolo e affonde per la ſeconda parte della trigeſimaſecon
da del 1 di Euclide, l'angolo Kgh.uerria a reſtareguale al'angolo.ef per la
qualcoſa il triangolo gf huerria a eſſere equiangolo al triangolo e afº di
ſequentemente ſimile, 6 delati proportionali, per la quarta del ſeſto di Eu
clide, º percheil triangolo gil per la ſeconda del ſeſto di Euclide,uiena eſ
fer ſimile altriangolo.gg. h. A dunque il detto triangolo gil. per la nigeſima
del ſeſto di Euclide,uien a eſser ſimile al medemo triangolo.e a f e conſequen
temente delati proportionali perilche tal proportione ha il lato. e f. al latof
a qual ha il lato giallato il 6 perche il lato glal lato.li. è come 9, a 12.
cioè come è li ponti,ouer diuiſioni della parte.gi. della ombra retta,a tutto il
lato.il del quadrato,ilqual lato i luiene a eſſer tanto quanto le 12. diuiſioni,
ouer ponti di tutta la ombra retta, e però uolendo trovarla quantità de af,
occulta mediante la notitia de.ef.ilqual è ſuppoſto eſſer paſſa. 256. per la c
uidentia della uigeſima del ſettimo di Euclide,multiplico lidetti paſſa 256.
per 12 fa.3o72.& questo 3o72 partiſco per 9.neuien 341.e un terzo, co
me ancora in principio fu fatto, 3 tanto dirò che ſia la partial altezza a fet
perche il reſiduo fb.di tal altezza è eguale per la trigeſimaquarta deli, di
- - G 2 Eti- -

- - - - -- -- - - - - - ,
E I B R e

Euclide,alla linea e claquale è ſupposta eſſer paſsa.2.giongoli detti paſſa 2


alli detti paſſa. 341.e un terzo faranno paſſa. 343. e un terzo º tanto con
chiuderò che ſia tutta la altezza.abſi come ancora in principio fu fatto,che
il primo propoſito.Ft pcheſi come è il lato giallato, ouerypothumiſtag b.
soſi è il lato e fallato,ouerypothumiſa ea.3 perche il lato giallato, ouer
5pothumiſlagh per la penultima del primo di Euclide, come 9, alla radice
quadrata.de 225 che è 15. onde per trouarlo lato,ouerypothumiſa e a oc
culta per la euidentia della uigeſima del ſettimo di Euclide,multiplico 15 fia
la quantità di ef, laquale è ſuppoſta eſſer paſſa 256 fa 384o. & queſto
384opartiſcoper.9 ne uiene paſſa 426.e doi terzi, dirò che ſia la distantia
5 pothumiſiale,ouer diametrale.a e che è il ſecondopropoſito. Ancora plape
nultima del 1 di Euclide. Io potea trouar la dettaypothumiſa.ea multiplica
doillato.efinſe,che ſaria.65536.ancoraillato fa in ſe che faria. 1165os.
-
e 4 non
- -- - - r e R 2 o. - 27
e 4.noni,et queſti dui quadratigionti inſieme fariano.132e44 e 4 nomi e di
questa ſumma pigliandone la radice quadrata laqual ſaria pur.426 e un ter
zoſi come per l'altra uia fu trouato,e tanto diria che fuſſe la detta distantia
5 pothumiſale ea che ſaria pur il medemo ſecondopropoſito. Ma ſe per caſo il
piano terreo.b d. non fºſſe perfetto piano, come la maggior parte delle uolte
accade procederò ſi come nella precedente liuelando, é miſurando con indu
ſtria la linea.ef & poi procederò ſi come di ſopra è ſtato fatto, eccetto che in
luoco della linea e c.gli agiongerò la quantità fb.ofia piu,ouer meno de paſſa
2.& coſi conchiuderò il propoſito. Et ſe per caſo il perpendicolo del mio ſtro
mentonò mi caſcaſſe ſopraintegral ponto,ouer diuiſione,eſempigratia,ſelme
caſcaſſe ſopra al nono pito e mezo del decimo, cioè a ponti 9. e mezzo, ouer
a 9.eun terzo procederia purſi come di ſopra è stato fatto multiplicando la
detta distantia cioè li paſſa 256 per 12. 6 talrultiplicatione partiria per
9 e mezo ouer 9. eunterzo, é a quello che ueniſſe gli aggiongereila per
pendicolar del mio occhio, ouer la quantità fb. & tanto quantofuſe talſu
ma,tanto conchiuderei che fuſſe la altezza, ab: & coſi mi gouernarei in ogni
altro rotto de ponto,ouer diuiſione, che è il propoſito. Et però per fuggir li rot
ti,laudo a douer diuider ciaſcaduno di 12. 3 1 2 ponti in altre 12 parti, co
me fu detto nella coſtruttion dello detto iſtrumento, liquali ſi chiamano minu
ti,per ilche cadauna ombra uerria a eſſer diuiſa in 144 minuti. -

M A ſe il perpendicolo del mio iſtromento caſcarà ſopra il lato della om


brauerſa, all'hora medinotarà che il pgcio che ſarà frame & laba
ſa della altezza,con la perpendicolar del mio occhio,ouer con la linea fb.eſ
ſer maggiore della altezza della coſa apparète,in tal proportione qual è 12.
al numero di ponti della ombraueſadoue cade il perpendicolo del mio iſtro
mento, º tal coſa in la pratica de numeri conchiuderò in questo modo multi
plicarò il numero di paſta, ouer altra miſura, che è per retta linea dellimei
pediala baſa di talaltezza,ouer dal mioocchioalponto doue che il pian del
orizonte ſega quella per lipòti ouer minuti del'ombrauerſa,doue cade il più
bino del mioistromento, e quella multiplicatione partirà per 12. ouerper
144.& a quello che uemirà gli giongerò la quantità della perpendicolare del
mio occhio a terra,eſſendo in perfetto piano,ouer la quantità, che ſarà dal pò
to doueſega quella il pian delorizonte a terra, e tanto quanto ſarà talſuma,
tante conchiuderò che ſia la detta altezza,eſempigratia poniamo che il per.
pendicolo del mioiſtromento mi cada ſopra il decimoponto della ombra uer
ſa,come diſotto appar in diſegno, é pono che dal ponto.cal ponto.b.ouer dal
ponto e, al ponto.fſia paſſa 35o. & che dal mio occhio ouer dal ponto fater
ra ſia paſſa 2.multiplicarò gli detti paſſa 35o per 1o cioè per lipiti de l'om
bra uerſa doue cadailperpendicolo,farà,35oo.& questo 35oo partirò per
12.cioè per le 12. dimiſioni, ouerponti de cadauna cmbra,ouer dellato del
º - quadro,
-
l

quadro,ne uenirà 291 e doiterzi & a questo 291 . e doi terzi gligiongerà
2.cioè li paſſa che bauemo ſuppoſto che ſia dal ponto eal ponto couer dalpà
tofal ponto b farà.293. edoi mezzi & paſſa 293. e doiterzi conchiuderò -

che ſia la detta altezza a b perche dal occhio mio cioè dal ponto educopur,
ſi come nella precedente,la linea.efequidiſtante al piano, ouer linea.cb.eſsè
doperfettopiano il ſpacio terreo. c b. ouer la duco ſecondo l'ordine del piano
delorizonte, cioè perpendicolarmente ſopra lalinea.ab.inpontof ancor pro
duco il lato della ombra retta, cioè la linea:in fin atanto che concorra co il per
endicolo in pontog.cauſando il triangolo il gilgual triangolo il g. per le me
deme ragioni & argumenti adutti nella demoſtrationedella precedente, -

uien a eſſer ſimile al triangolo e afé perche il triangolettogop. per la pri --

ma parte della ſeconda del ſeſto di Euclide,uien a eſſer ſimileal detto triango
lo.gil.onde per la uigeſima delſesto di Euclide il detto triangoletto.go p. iº --

a eſſerſimile al triangolo.eaf & perche l'angolo.lp q. del triangolo lp q. è


eguale,
f e R .z di 35
eguale, per la ss. del 1 di Euclideal'angolo opg del triangoletto e pg &
l'angolo l ap del detto triangolo.l qp è eguale per la 3.petitione del 1 di Eºn
elide,a l'angolo pog del detto triangoletto pog perche l'uno el'altro è rettºi.
onde per la ſeconda parte della trigeſima ſeconda del primo di Euclide, l'ale
troangolo pla del detto triangolo p.l.q uerria a eſſer eguale a l'altro angº
loogp del detto triangoletto ogp per ilcheil detto triangololp q uerriaacſ
ſereguale a l'altro angolo o gp del detto triangoletto, ogp.perilcheil dettº
triangolo l p q uerria a eſſer equiangolo,e conſequentemente ſimile, º
delati proportionali al detto triangoletto o pg & perche il triangolo e fa è
ſimilmente ſimile al detto triangoletto opg seguita per la uigeſima del ſeſta
di Euclide cheè il detto triangolo lp qè ſimile al detto triangolo e afè conſe
quentemente li lati continenti,ouer riſguardanti eguali angeli, proportionali,
per la quarta del ſesto di Euclide per ilche talproportione è dallato la allar
toqp.quale dal lato e fallato a fa perche la proportione dellato l q.allº,
tºap.eſi come da 12 a 1o perche il lato la uiena eſertanto quanto e tutto
il lato de cadauna ombra, cioè 12 ponti, ouer diuiſioni delle quali, diuiſioni, o
uerponti il lato pane e Io dal preſuppoſito,onde per trouare la quantità de
a fincognita, mediante la notitia da e f ilquale e ſupposto eſſer paſſa 350.
conla euidenza della nigeſima del ſettimo di Euclide, multiplico paſſa 359.
per 1o cioè per il lato paſſa 35oo.e queſto 35oo partiſcoper 12. come che
ancora in principio fu fatto, cioè per il lato l q.me ne uien pur 291 e 2 ter
zi,
duocome
fb.è prima, tantopaſſa
ſuppoſto eſſer dirò,cheſia la partial
2.aggiongoli detti altezza
paſſa 2. aallafaquantità
perchea ilf. reſi:
cioè
a 291 e 2 terzi fa 293 e 2 terzi, 3 paſſa 293.e2 terzi,conchiuderò che ſia
la total altezza abſi come in principio fu fatto, che è pur il primo propoſito.
io poſſo ancora per un'altro modo trouar la detta altezzaab.fondandomi ſo
pra il triangolo lig.ilqualſo che eſimile al triangolo a ef & tal proportione,
i" haillato il gallato l.tal haillato e fallato afma perche illato ig. me
incognito, cioè li ponti de l'ombra retta ig.cerco prima di ſaper quanto
ſia il dettolato.ig & loritrouarò in queſto modo perche ſo che il triangolo,
l p q.e ſimile al detto triangolo.li g. tal proportione e dallato. li al lato i g.
i" e dal lato p qallato.l q. cioè come da io. a 12. e però multiplicarò il
ato.lq per la euidentia della uigeſima del ſettimo di Euclide, fia il lato.li.
cioè i 2 fa.I 2 farà.144.6 queſto 144 partiròper il lato p q. che è. Io me
ne uemirà 14 e 2 terzi e ponti. 24 e 2. terzi,dirò che ſia la ombraretta.ig.
fatto queſto procederà come fece in principio, multiplicarà illato il che è 12.
fia il lato e fehe.35o farà.42oo & " 42oo. partirò per li ponti della
ombra retta cioe perillato i g.che e 14 e 2 terzi, neuenirà.291.e2 terzi per
illato.afſi comeper l'altro modo, dapoi gli aggiongerò la quantità. fb, cioè
paſſa 2 farà purpaſſa.293. e 2 terzi, che è pur il primo propoſito. Et per
che
º a -

. . .. .. .. t 1 a R o - -- - -
deſitone è illata dallatooneypothmiti profeillato e fallassi
arrypothumiſa,ea.& percheillato.lgallato onerypothumiſalp per la pe
nultima del 1.di Euclide,e come 12.alla radice quadrata di 244.onde per tre
aar lo lato,ouerypothumiſa ea occulta, per la euidentia della 2o del 7. di
Euclide,multiplico lolato.e fcioè paſſa 35o. ſia la radice quadrata di 244.
ſarà radice quadrata. 2989ooco loqual partiſco per 12 neuien radice qua
drata.2o7569.e 4.noni, laqual ſarà circa 454 e doiterzi, e paſſa 455. e dei
terzi uel circa dirò che ſia la diſtantia rpothumiſtale, ouer diametrale.a e -
che è il ſecondo propoſito. Ancora per la penultima del 1.di Euclide. topotea
trouarla detta "pothumiſta. e a. multiplicando il lato e finſe, che faria
122 5oo ſimilmente il lato fa in ſe che faria 75o69.e4.nomi,gito ci 12s.
5oofaria 2o, 569 e 4.noni,e la radice de 27o569.e4 noni, laqualſarie
circa 455. e 4.noni,e paſſa circa 455. e 2 terzi, diria che fuſſe la dettaypo
thumiſta e a, ſi come che ancora per l'altra uia fu determinato che è il pre
poſito, º ſe per caſo il piano terreo nonfuſe piano, ouer che il perpendicolo
caſcaſſe ſopra alcuna parte di ponto,ouer dediuiſione, procederia ſi come neº
la precedente, e per conoſcer meglio le dette parti oner frattioni diuiderò ca
daunponto, ouer diviſione, ſi dell'ombra retta, come della uerſa (come diſo
pra p:ancor
detto) in altre dodeci parti, 6 cadauna di quelle chiamaremo
minuto: la qual diuiſione mi ſarà molto accommoda per trouar le dette altez.
ze, & ancora le diſtantie)pothumiſale & orizontale ſenza mouermi dalluo
co doue me ritrouo.
Propoſitione X. -

Voglio artificialmente miſurare l'altezza d'una coſa apparente,


che non ſi poſſa andare, nè ancoruedere la baſa, ouer fondamen
to di quella, é tutto a un tempo uoglio inueſtigare la diſtantiaypo
thumifiale,ouer diametrale di talaltezza, 8 ancora la diſtantia ori
zontale, cioè quella, che è dal mio occhio al ponto doue il pian
del orizonte ſega tal altezza, quantunque talponto non ſia appa
rente, oueramente quella, che è dalli miei piedi rettamente alla
baſa, ouer fondamento di talaltezza, quantunquetal baſa, ouer
fondamento mi ſia occulto.
S la la coſa apparete all'altezza della quale, per la terza diffinitione di que
ſto, è la perpendicolare tutta dalla uertice a, alla baſa, ouer piano terreo
doue eſſa altezza ſe ripoſa,ilqual piano pongo ſia quello perfetto piano che ſe
iſtende, ſe non in atto almen in mente, dal luoco doue mi ritrouo equidiſtante
mente al pian dell'orizonte, il qual piano pongo che una parteneſia il pacio
doue ſi iſtende la linea dr. & parte della detta altezza, ſia la linea a ſ. il fon
damento della qualaltezzauerria a eſſer dentro della globoſità terrea t. cioè
doue cicorrariano inſieme le due linee dr. & aſ eſſendo protratte con la men
tepe
- r E R 2 o. 29
tepenetrante la dettagloboſità t, il qual concorſo pongo che ſta, ſi come nella,
iſſata, il ponto b.il qualponto b. non è apparente per cauſa della detta glo-,
oſità terreat. " dico che uaglio artificialmente con lo aſpetto miſurare la
detta altezza a b, quantunque non ſi poſſa andare nè approſſimare alla baſa,
ouer fondamento di quella, cioè al pontob, º tutto a un tempo uoglio ritroua
re la diſtantia ypothumiſiale, ouer diametrale di tal altezza, cºſimilmente la
diſtantia orizontale, cioè quella, che dal mio occhia al punto doue il piano del,
orizonteſega talaltezza quantunque al porto non ſia apparente per cauſa,
della globalità t-gueramente quella che è dalli mieipiediperretta linea alfin
damento di talaltezza, cioè alponto b, quantunque il pontob, ne ſia occultº
per cauſa della dettagloboſità. Piglio il mio iſtromento in mano due che la
affermo in qualche coſa ſtabile talmente che ſi poſſa girare da baſe in alto di
primi affermo in qualche luoco " perfette piano che ſia poſſibile e
procedo con il detto mio istromento ſi come nella precedente, cioè appoſto un
ponto in la detta coſa apparente qualſia la vertice a 3 quella cerco di liedere
perli dui forami del mio ſtromento, fatto queſto conſidero ſottilmente ſopra
quattata, dare ombra cade il perpendicolo del detto iſtromento,il quale ſelca
de, come frequentemente interuiene in tal ſorte di miſurationi, ſopra il lato
della ombri uerſa, uedo quanti ponti taglia il detto perpendicolo, é per quel
onti io parto 12. 6 dipoiferuo il numero quotiente,eſempigra
º : - icolo cade ſopra alli 2. ponti, il numero quotiente uien a
eſe 6 itualſeruo rte, dipoi ſegno il luoco nel qual ſon ſtato, 6 poi mi
irò " rettamente indietro, ouer che uadoalquanto piuinanti del det
to ludiº3ivn'altra uoltai, la ſeconda ſtatione cerco da nuouo di uedere la
detta ſºmmità, oueruertice a perli detti forami del detto mioisiromento, º
ipoiguardo diligentemente ſopra quanti ponti della detta ombrauerſa cade
i detto perpendicolo, per il qual numero de ponti di nuouo parto per 12.3
il numero quotiente che miuiene, lo ſottro del primo quotiente che fuſeruato,
ſ" è minore, oner al contrario ſe quel i maggiore ai eruo tal ecceſſo, eſ
ſempigratia
º ſe in i ſtatione il perpendicolo cadeſse ſopra alli 6 ponti
della detta ombra diuido 12.per il detto 6 miniene per numero quotiente 2.
il qual2 ſottro dall'altro numero quotienteferuato che fa 6.lo ecceſſo del qual
itramento è 4.il qualecceſoſeruo da banda, dipoi i ili; che è fra
"ſtatione, con che miſura mi piace, 3 il numero di quelle
miſure diuido per il numero dello ecceſſo difopra ſeraato, cioè pera & quel
lo che uiene gli aggiongola perpendicolare del mio occhio a terra, º tal ſum
ma conchiudo che ſia l'altezza della detta coſa apparente . Eſempigratia ſe
ilnumero delle miſure del detto paciofuſe paſſa i 56.diuidoi detto i 56 per
4. ne uiene paſſa 39. 3 a queſto 39 li aggiungo la perpendicolar del mio oc
chio a terra qualpongo ſia paſſa 2. fa paſſa 4. & tanto con bido che ſia la
- - -

º º
-–, -
-- a detta
-
p= . L 1 B R o º
d'etta altezza a b. Ma per eſſer queſta alquanto piu difficile del i
le altre la noglio reſſemplificare un'altrauolta, é variamente del ſºpradetto i
eſempio, horponiamo di nuouo che nella prima ſtatione, qualapongo ſia doueº
ilponto c, il perpendicolo del mio istromento mi cada ſopra il decimopito del
l'ombra uerſa, come di ſotto appar in diſegno, 9 in la ſeconda ſtatione, qua
la pongoſia quelli dou ei pontou, mi cada ſopra lo ottauopöto della detta om
brauerſa, come diſotto appar in figlira, º che dal ponto c.alponto u.ſiapie º
di 285. & che dal occhio mio a terra, cioè dal ponto e, al ponto c, ouer dal
pontox.alponto u.ſiapiedi 4 partor2 (cioè le 12.diuiſione de cadauna omi
bra) per io, cioè per li e ponti che ſega il " nella prima ſtationè
neuien i quinto, qualſeruo, poi partoſimilmente il medemo. 12. per 8 cioè
per i ponti cheſega il detto perpendicolo nella ſeconda ſtatione, neuien 1,e
nezo, & da questo 1, emezoneſotro quel 1. quinto, che fuſeruatoreſta ti
trenteſimo,
a e
e per
.

. .
3. ". 28; (cioelaquantità
. . . di . . e haA
. piedi, - se
-

s-
-
e i -
-
-

-
-

* A A e º -. -
e- º º º
- a a - -
a - " -

- : º A. - , ,
-
. . . r" , a , a ºv : .. . . . .a si -- - - - - 3, “3
an, º - , i s ..: . a -, fº º
- - - - - - mln

º è º i i
- e, sessº, º e ' s .
3 a ovest t . . cº -
. .
- - - -

º scº “ , A sº ºº º e s s , e

ºsa so iº
-
-
sia un -
2
- . - - - - -- - -
- º , e,- - - -,
ºtt iº , - -- . . -
- - - - - - -
- - - -- -
- - - - - ti - -

s. - - - - -- - - -

- - - -

- - I or est e st -

sor .
-A ,a isº ova “oi,

s: º c “.s a - º -

- e
º Run- e º ſi
sº e
s., 5 t, º - tas - Sºlº
t o- - -

- è º, i E-T

-iº A\ Eff º -

-
- - - - . - -

-
- -

- - - - ; -----
- , a a5 a - -
-

- - e
º,
- -
º 2, al e=
- - - -
- -
- -
-
- -
- -eE
=l .. -

“i e è? l - = = - - - - -
- º º pºt -- : se F
- -

5 –isſi -e EL
. a-ta- - -
A . . . ai Tg -
=ef -
e -
- - . -
- -

la. -
sº 3"vº - -

lº - - -

saº
11 -
a E HE -

FA e i ts -

i.lº T - r- ---

º -
E R 2 o. 3&
è dal ponto e al pontou.neuien 95o & a questo 95o gli aggiongo 4 cioè
gli piedi 4 che hauemo ſupposto che ſia dal ponto e al ponto e ouer al ponto
io al ponto 11 farà in ſumma 954 piedi e 954 conchiudo che ſia l'altezza
della coſa i" cioè la linea che è dal pontoa al ponto b, occulto den
tro dalla globoſità t. Etper dimoſtrar questo dalocchio dalla 2, ſtatione, cioè
dal pontor. al occhio della 1, cioè al ponto e. duco la linea y e & quella pro
“duco con la mente fin a tanto che la concorra con la linea a b. dentro della glo
boſità tin ponto fiſi come nella " , il qualpontof per eſſer occulto al oc
ºbio corporalelo conſiderarò con l'occhio mentale, º perche il triangolo a e,
". ragioni aſſignate nella precedente, è ſimile al triangololpq, della pri
-

a statione, e talproporrione qual ha la linea duertato a falla linea, ouerla


to ef tal ha il lato p q, al lato ql, onde (per la decimaterza; & uige
ſimaprima diffinitione del 7 di Euclide ) tante udlte quanto miſurari,
rouer intrarà il lato p q. in lo lato 4 l. tante uolte miſurerà, ouer intra
irà illato a finlolato ef & perche il li q.è ponti 16. 6 lo latol, q, ne è
i 2 dal preſuppoſto, dunque il lato pg intrarà i e un quinto in lolitol i;
seguita adunque che il lato a fentra un quinto in lolato e fiſicheſe benio
inon ho alcuna notitia quanto ſia il lato a fine ancora il latò è fi loſon certo -
ºnen di queſto che lo detto latoa f intra come ho detto uì quinto in là del
tolato afé questo ſeruo da parte, 3 miliolto alla ſeconda station statione,e,e º
smedeme ragioni trouo che lo triangolo x fa.è pur ſimile al triangololpº del
la detta ſeconda itatione, thefante holte quanto intrallatopiche ºpen
ti 8 in lolato i 4 che è ponti 12 tanto intrarà il lato a finlolato, fºber
cheillato p a cioè ponti 8.intra unli emezº in lolato l q. cioè in pon
ti i 2 adunque il lato afintraràlimi mente un e nezoilo lato fºndent
trando il lato ef del lato xf cioè un quinto de un e mezo reſtarà 3. deti
- miper la differenza ex.ſi che la detta differenza ex.uerria a eſſer li 3 deci
i" detta linea a fa, perche la detta differenza e x. è tanto quanto la li
neau e perlatrigeſima urta del primo di tutti, tailettalineati e ſup
i poſta ſer piedi 28"guitaadonque che queſti piedi 285.ſiano li 3. deti
e
mi della detta linea af, per ilchetutta la linea afuerria " piedi 95o.
come che ancora di ſoprafu determinato,giontouiadunque lipiedi 4 che è ſup
poſto eſſer la linea e couer.ru farà piedi 954.6 piedi 954.dirò che ſia tut
tale altezza a b.perche fbuien a eſſerſimilmente piedi 4 che è il primo pro
- boſitº. E perche ſi come lº atop q.dellaprima statione,allato ouer ypothu
miſilp coſièillato il lato ouerypothumiſia e, percheillaisp q, al
lato,ouerypothumiſiº per la penultima delprino di Euclide, è come to.
alla radice quadrata di 244 onde multiplico piedi 93ò, fa la detta radice
244 et quella multiplicatione parto per io meneuiene poco meno de 1484.
& piedi 1484.ouer poco meno,conchiudo eſſer la linea,ouerypothumiſa a e.
- - -- - i i 2, - che
ri
- e, i º- - º -

, º e 2 . - , L l . p R. a ' . . . .
che il frondopropoſito Et percheillato è quanto illato afº in quin
i piu ſome diſpiaproniperilche piglio il quinto dellato i depie
di 95o, cheſono piedi 19o. & li ſummo con li detti piedi 95o fanno piedi
ai o tinto contbudoſſer la diſtanza orizontale cioè la linea efoieri
linea e h.che è il terza propoſito Et per limedemi modi, e uie procederia nella
ſeconda statine quando deſideraſſe di ſapere la quantità della ypothumiſa
raoter della distanza orizontale rfuero è, che per altre tiepiu file iº
patria trouacled tte distanze pothamiſſile, ſimilmente tutte le alieri
meſtritioni le qualuie ſiriano molto al propoſito per quelli che non ſaniota
di arene pratica de numeri, ma per eſſer difficile a dichiarirlein ſcrittura,
le slo. Biſogna notare per queste ſorte de operationi dove ſi procede con die
poſitioni che la perpendicolare del mio occhio a terra nella più i"
tione ſarà alquanto minore di quella della statione piu lontana, i maſſime "
ſendo il detto ſtronento fiſſo in qualche coſa stabile, quantunque tal dife
"
tanto eſorto " la perpendicolare che ſarà di pianii
di
a attaccato il piombino per inſino a terra ſi in luna come inl'altra station,
il gialpironcino in aeſſeri centrodialisiromento, e congi indili
to ſtro intogirabile in qualche coſa che stia in piedi, come ſono li lucernari,
elſi debbe congegnare dall'altra banda di talisiromento un pirone fermo a
i dirimpetto del pironcino del piombino talmente che taliſtroneitouenghiagi
i"alquanto di i" ier ritornar " al noſtro propoſito, ſe
per ſorteiofuſe purtanto appreſo della detta altezza, che il perpendicolo
miº ". ombraretta,uederò medeſimamente quanti ponti gli hi
rà il dato perpendicolo di detta ombra retta, di procederò al contrario del
precedente modo, cioè io partirò li detti pontitagliati dal detto perpendicolo,
per la delºualpa timento neceſſariamente neuerirà ſempre in ritogli
º rottoſeriarò da banda, dapò ſegnarò illoce nel qual ſarò itato i dipi
metirarà alquanta rettamente in drio, quer che andarò.alquanto piuinanti
del detto luoco,tone fu fatto nell'altra ſopradetta operatione, un'altrauol
tain la ſeconda statione cercarò di nouo dii" quartier
i ticea per i detti frami del detto iſtromento, di dapoi uardarò diligent
mente ſopra quanti ponti della detta ombra retta caderi"dei"
sºlidali politidino gli partirà per i dildºdimento retºriº
e menº acuirà un rito, a questo talrottolo iº di quell'altro primº
"
varò quel primo di queſto ſecondo, eſſendo maggiore, 6 queſto re
tante ſeriarò da i" miſurarò ilſpacio, che è fra la prina, 3 ſe
conda ſtatione,con che miſura meparerà,3 il numero di i miſure,
- par
3 . 4. i- - --- --

ºil. . . ., si . . . r E R z è. ... ... ... º 3r


partiro ir quel mio restante, fruato da banda, 3 a quello auenimento gli
-a - - - - - - - - -

aggiongola perpendicolare, he ſarà dal centro del mio ſtrométo a terra, i"
la quel posto doue sta attaccato il perpendicolo, º tal ſumma conchiuder
che ſia l'altezza della detta coſa apparente. Eſempigratia,ſe nella prima ps
ſitione,ouer statione,il perpendio'o,ouer piombinomi caſcaſſe ſopra lo terza
ponto della ombra rettaliopatiriali detti 3 ponti per 12 lato del quadro, º
mene ueneria un quarto, e questo quarto ſeruaria da banda, é da
poi ſegnarò il luoco domeſon i" nel detto piano retta
mente ſotto dove cade il piombino dell'istroimento. Dºpoime tiraria alquanto
in dio, un'altra uolta in questo ſecodo fuoco certaria la detta ſumità, ouer
i" traguardo del detto iſtrumento, di dapoi guardaria ſopra a
guanti ponti della detta ombra retta caderia e detto mio piombino, ſe per
caſo quel caſcaſſe ſºpra il 4 pontoio partiria il detto a periz & meneue
ineria un terzo "i terzo , ne cauaria quel quare
to che daprimaf ſalitat ,º me ne ii . Dapoi miſuraria
igienici ripina e ſi fini
ponto ſignato nel piano nelluoto doueriguardauailponto piombino nella pri
ma operationesagiº i" nella ſeconda, qual ſpacio pongo
per eſempiº che fiºriſi si partiri queſti paſsº per quel duodecimo,
"i 6.º a questo 96gli aggiongerò quanto ſarà dalpironci
ino del detto mio i; in terra qualpongo che ue ſia i paſſogin
geria al detti paſſa 96.4uel paſſo 13 farà 97 paſa, paſſa 97.conchiude
ieghefſe i"extab.&lauerità di "
i fra per li medeſimi modieuie che fu fatto della prima parte, cioè per la ſimi
litudine di triangoli, deliſuoi lati proportionali. In queſte ſorti di comen
i ſurationi, dove biſogna operare con due poſitioni,ouer in dui colpi,egliè neceſ.
rio a eſſer molto diligente in queſto che quella coſa doue ſarà "
noſtro, " oco,co
i me che ſtaſeua preciſamente nel primo perche non staſendo coſtereciſº, no
i" ". i
poco errore cauſarebberº
il nºſtro iſromento omerton un'altro eſitato in quella coſa.
s . l .
v----c.:--- v
Propoſitione XI, -
-
...
- . . . .. . .. . . . - a
s Miuogliofabricare un altro iſtromento che mi ſcrua comoda
menteaiuueſtigare con l'aſpetto le diſtanze orizontale, º ancora
leypothumidale delle coſe apparente. . . .
vi t. si i" . . . - - . . . o º. - s. -- - -

igi i una lamina di rame,ºter di ottone ben fitani groſſa circa a una co
x-sei aſta di coltello, 7 di quella ne cauo un quadro piugiuſto che ſiapoſſibile,
- - per
------ L 1. B. 6. - - - - -

per gli modidati nella quinta propoſitione di questo, nel detto quadrato i
ne diſegno un'altro alquanto minor del primo, talmente che li quattro lati di
gueſto ſecondo quadro ſiano egualmente distanti delli latidel primo,
6 que
ſi faccio per laſarui quel poco interuallo per mettere linumeri delle dimiſio
mi de cadauno lato del detto quadro, ouer istromento, º in queſto ſecondº
"gline diſegno uno altro terzo quadro tanto menor del ſecondo, che li
ti di queſto terzo ſiano egualmète diſtanti delli lati del ſecondo circa a quat
tro cofie di cortello & piu, e manco ſecondo la grandezza, ouer piccolezza
del primo quadrato, 6 queſto ſecondo interuallo lo i mettere le i
ni di lati del detto iſtromento, º fatto questo diuido cadauno lato di queſti
tre quadrati in due parti eguali, o dal centro di tal quadro a " di
quelle diuiſioni tiro una linea retta, per eſſer meglio inteſo ſia i primo qua
dro abc dconlialtri dui quadrati inſcritti come nella ſequente figura appa
re, & le linee che uengono dal centro k del detto quadro alla mità di ciaſcun
lato ſiano le due linee e fºrgh.le quali due linee uengano a diuidere ciaſca
dun lato di questi tre quadrati in due parti eguali io dico che questo istro
mentononuorria eſſer men di una ſpannali ſ", per lato.ilche eſsen
do ogni mità del lato del 2 quadrato uol eſſer diuiſo in 12 parti, leguali 12.
parti ſe chiamano ponti,talche cadaun lato del detto 3. quadrato uerria a eſº
ſer diuiſò in 24 pòti, cioè 12.in unamità,3 12 nell'altra mità,6 tutte que
ite i 2.6 12 ponti cominciano a numerar dalla mità di ciaſcun latà,andan
douerſo l'angolo ſia da una banda come dall'altra, º per eſſer più pronto a
numerar li detti ponti in quel interuallo, che fra lì lati del primo & ſecondo
quadro gli ſi mette il numero a ciaſcadun ponto cioè 1.2.3.4.5.57.8.9:rò.
i 1.& i 2.6 il primo ponto in luna e l'altra mità, principianella mità del
lato,cioè doue che le due linee ghº è fſeganoli lati del detto ſecondo qua
drato, il 12 ponto di l'una º l'altramità uien a fenire nelli quattro angoli
del detto 3 quadrato, acciochetai 12 2, diuiſioni per è " fia
nopiu ehidente, ſe diuide tutto quel patio che è fali lati del ſecondo, è ier
i": con lineettetheuenghino dal centro K del quadro cadauna
di quelle 12 e 3.diuiſioni già fatte in ciaſcun lato del ſecondo quadrato Et
oltra di queſto ci ſcaduno di queſti 12 o 12.ponti de ciaſcun lato ſi debbe
diuidere ancora in altre 12 parti eguali,le quali ſe chiamano minuti, º farli
euidenti con lineette tirate dal centro k come fu detto di ponti, di fatto que
ſto a cadaunº latº "detto ſecondo quadrato atrrà a eſſer diuiſo in 283 mi
inuti, cioè i 44 inidahimità dellato, i 443iel'altra mia. Ma perche
questa coſi miniitaliſione non ſi può mandara eſecutine in tin "
piccolo, nondimenoer eſſermi " tepongo in figura ſotto lo ſcritto
quadretto del qualegnimità del lato del ſecondo è diuiſo ſolamente in 6 par
ii, maper accordarſi con quello che ſe ha adire » ſupponeremo che ciaſca
a
i.
- - i

, , 7 E R 2 o. - - . .33
duno di queſti uala per doiponti. El numero di detti ponti per la ſtrettezza,
del pacio non ui ſe ſono potuti accommodar,ma baſta a ſaper che doue i;
il primo ponto dal euerſò bſe gli pone iº doue finiſſe il ſecondo uiſiglimet
te2. & coſi ſ" n in 12.ilqual 12 ponto uiena terminare nel
dngolo b del ſecondo quadrato,il medeſimo ſi debbe fare nell'altra mità uerſo
a cioè nel fin del primo ponto dal e.uerſo a metterui 1.& in fin del ſecondo 2.
& toſi andarprocedendo per fin in 12.ilqual 12. uien a fenire nel angolo a.
del ſecondo quadrato, di tutto ſito che ſe è detto del lato a b, del detto ſecondo
i" intender,etfar inli altri tre lati a c.edet db.del detto ſeci
di quadrato,cioè principiara numerarali ponti di mezo, cioè gfh, del detto
ſecondo quadrato, 3 fenir nelli angoli abc d.& biſogna auuertire, come diſo
pra fu detto, che li detti numeri di ponti uogliono eſſer poſti in quelli inter
alli cheſono fra li lati del primo quadro, º quelli del ſecondo oltra diqueſta

, "
una dioptra, ouertraſguardo il qual traſguardo, uolendo far de un
zo ſolo elſi debbe tuor quella lamina di ottone,ouer dirame piana,a tiran
ela, con una rega giuſtiſſima, una linea rettalonga quanto è il diametra
del quadrato dell'itiromento,qualin questo caſo ſaria quanto che è dala al di
gi dal bal c.6 queſta i linea ſuppono che ſia la retta l m. & queſta ſia
iſa in due parti eguali inponton º ad angoli retti con un'altra rettali,
hea, a quella eguale lagual pongo ſia la op & ſopra il ponton faccio un cir:
toletto piccolo, º " eguale a quello ne ſia deſcritto in cadau.
ma eſtremità di queſte due linee,cioè ſopra li pontilm op.a di questa figura
talarne fuora luattro brazza in croce perfetta, ma talmente che il corpo de
i"zza,ſia al contrario del noſtro i C07
-

" . . . .
-
. .
- - -
. . -
. .
º a: a - º - .

º a A X
vs. i Q.
-

as's A
-.

Vs, o Nºks - la

º eſa. º - a An - º so ,
i Ava º otto to V os) sy
-

,- I - - - - -
ZL

ea - - -
est a o cao, 2 orgiasti sºlº º i
eiva - - M4
z 1 2 R 6 -
sia biſºgna uſar diligenza, he quelli lati che paſſano per il centron, ſiana,
rettamente tagliati, liquali latiuingono a eſſerle prime due linee tirate nei
principio, cioè la " & op. Fatto queſto biſogna aſſettare nel centro di
cadauno di quelli quattro cerchi l m op.una ponta alla ſimilitudine della pon
taq.òueramente una laminetta con uno buſtino alla ſimilitudine della lami
netta r.the oppoſitamente ſe incontrino per traguardar le coſe. Et dopò que
ſto biſºgna con un pironcino impironare il cetron della dioptra, oaertraſguar,
do " il centro K. del nostro istromento, talmente che la detta dioptra ſia
girabile ſºpra il detto centro K.onde eſſendo ben fatta, 3 aſſettata li effetti
Iſuoi ſaranno di taſſorte che ogniuolta che ſia girata,talmente che la linealm.
della diptra,caſ hipreciſamente ſopra la linea e fidelisiromento neceſſaria
mente l'altra linea op.della detta dioptra caſarà preciſamente ſopra la linea
gh del detto istromento, º quando che coſi stia taldicptra,la ſe ripoſarà resº
tamente ſpra il notiroilromento ſimilmetetaldioptra ſe diria ripoſarſerº
tamente ſopra del detto ſtromento, quando che la linea l m. di tal di pirati,
ſtaſſe preciſamente ſopra la lineagh dell'iſtromento, ilche eſſendo l'altra li
neapo della detta dioptra,ueneria a caſcar ſopra la linea e fidel detto istro
mento,et queſto taliſtromento per operarlo,biſºgna dall'altra bada congegnar
ui di poterlo accommodare in cima d'un bastone alto almen tre piedi, ilqual
baſtone per operarlo alla foreſta, biſogna che da l'altro capo habbia un ferra
appontito di poterlo piantarin terra, ma per ºperarlo in luochi doue non ſip
teſſe piantare " potria far a tal lasione unpie alla ſimilitudine di
qaelilucernali che ſi coſtumino per ficcarle lucerne il nolendo cheial iſtrº
mentone ſerua comodamente,non " mente per inuſigare ana diſtanza ori
zontale, ma ancora leypothumiſa e,ouer diametrale, cioè di ſotto in ſuse dia:
metralmente,ouer disusoingiuso pur)pothumiſilmente. Bisogna congegnar
taliſiromento in la cima di quel baſtone, come son duipoli talmente che leuan
dolo dalla parte dananti,la parte di drio ſiuenghi ad abbaſſari -

et al contrarioeleuandolo dalla rte di drio, a parte denantire abbaſſiuerso


terra,ile endo se potrà fraguardar on solamentº per il piano dell'ori
zonte, ma to in suso, ei disuso ingi " di queſto bisogna nºtare,
che tal quadrato se potria deſignar in cartagroſſi,e banliſa,rt dapoiincolar
caset dapoifarmi una dioptra di legno, secondo l'ordine E
lo sopra d'un quadretto di tauola di legno groſſa almenº buonardo
nel 7.q iſto del
5.libro dellinoſtri queſiti per fare la diopire del boſſolo pertor in º"
ro è che se potria far il detto ſtromento di legno , e carti, come è detto º et poi
º detta dioptra de se ºº piu pererºir: º
- repoſti hexIL -

Egliè posſibile a inucſtigare, 8 conoſcere la diſtanza de i"


-
CQlº
. . .
- , r e R z e 33
coſa apparente, è ſia orizontale, ouerypothumifſale, o uogliani
dire diametrale. .

S" prima ilponto a ſituato nel piano dell'orizonte, dico che egliº poſſibile a
conſiderare, ouer conoſcere quanto ſia da me distante, et per inueitigar
queſto piglio il mio fabricatoistromento,et lo pianto rettamente, cioè perpen l

dicolarmente in terra,etaccòtio la dioptra,ouer traſguardo talmente che ſtia


rettamente ſopra dei detto iſtromento, cioè ſecondo che fu diffinito nella prece
dente,dapoi torzo etretorzo tanto detto ſtromento che per due di quellepon
te, ouer buſi della detta dioptra, io ueda il dettoponto a.et uisto che io hab
bia,poniamo per le due ponte,ouer buſib c.della detta dioptra,come nella ſes
quente figura appare,mi formo un'altra linea perpendicolare, cioè a ſquara,
ſopra la linea b ca.et performarla ſenza muouere il dettoistromento, ne man
co la retta dioptra,ouer traſguardo per lealtre due ponte,ouerbuſi d e diretta
mente,et fazzopiantar per un gran tramito di lontano due bacchetteretta
mente in terra,l'una diſtante almen 4.ouer 5 paſſa l'una dall'altra, ma talmà
te che ambedue caſchino ſotto del detto mio traſguardo, cioè ſotto la retta li
nea d e file qual bacchette in queſto caſopongo che l'una ſia in ponto get l'al
tra nel detto pontof et queſte due bacchette le fazzo piantare acciò mi con
ſervino et dimoſtrino la detta linea defg fatto queſto cauo el detto mio iſtro
nento,ſenza mauere la doptra della ſua rettitudine,et me diſcotte per quan
e , v s .

G.

i g.
i : º
i e' - e

e - - i
5 di i
i E r e R e
tipiſſime pareri dal detto luoco primo, a queſto diſcoſtamento lo poſſo far
da qualbanda mi pare,cioè,ouer uerſo le due bacchette giapiantate,ouer dal
la parte conuerſa, ma per al preſente me uoglio diſcoſtar andandouerſo le due
bacchette, cioè uerſo lidui ponti gf & tal diſcoſtamento pongo che ſia paſſa
15, nel qual loco pianto de nouo il detto mioistromento, ma talmente che ſia
nella medeſima linea, che ne dinotarà le dette due bacchette, ilche facilmente
ſe conoſcerà traſguardando, 3 incontrando le due ponte, ouerbuſi d e della
retta dioptra con le dette due bacchette,ſi come fu fatto nel primo loco, et fat
to queſto,egliè coſa chiara che ſtate la detta dioptra retta ſopra del detto iſtro
mento,in questo ſecondo luogo, a guardando per le due ponte, ouer buſib c.
non ſi potrà uedere il ponto a. anzi ſarà forza, uolendolo uedere perle dette
due ponte,ouer buſi il detto ponto a.a obliquare,ouer torzere la detta dioptra,
ſenza mouer l'iſtromento, con la ponta, ouer buſò c. uerſo il detto a come che
nella figura del 2 luoco appare, di fatto questo guardo diligentemente quan
to ſe ſia diſcoſtata la linea bc.della dioptra dalla ſua rettitudine, cioè dal pòta
b.& queſto lo conoſcerò per uigordiponti, di minuti già deſcritti nel lato del
2 quadro,cioè quàtinereſtarāno diſcoperti ſrah.& i horponiamo che dal bal
i ſiano 4 ponti, cioè de quelli che ciaſcadunamità del 2. quadratone è 12 di
rò per la regola uolgarmente detta del 3 ſequattroponti me ne da 12. per la
mità del lato che me darà quelli 15. paſſa che hauemo ſuppoſto che ſia dallo
co,doue ſe piantò prima lo iſtromento al luoco,doue ſe piantò alla 2 uolta,onde
multiplicarò quelli 15 paſſa per 12 farà 18o. & questo partirò per 4.me
neuenirà 45. & paſſa 45. conchiuderò che ſia dal luoco, doue che prima ſe
piantò l'istrumento al ponto a. C. coſi ſe per ſorte ogni ponto foſſe diuiſo in
12 minuti, 3 che per ſorte dal ponto h.al pontoi. fuſſe,poniamo caſo minu
ti 8 io direi ſe minuti 8.mi da minuti 144 cioè la mità del lato del quadro,
che mi darà paſſa 15, onde multiplicaria li detti paſſa 15. fiali detti minuti
144faria 2i 6o.& quaſto partiria per li 8 minuti,ne aeniria paſſa 27o.&
paſſa 27o.conchiuderia che fuſſe dal detto luoco, doue che ſe piantòprima il
detto noſtro istromento per final detto pontoa & coſi procederia nelle altre
ſimilehor per dimostrar la cauſa di tal noſtra operatione per abbreuiar il di
re nel centro dell'iſtromento della prima poſitione intenderemo un K. & nel
cêtro di ſillo della 2.poſitione intenderemo un n. & arguiremo in ſto modo,
pche la linea l h è equidiſti e alla linea Ka.l'angolohni, del triago etto h n i.
ſarà eguale,p la 29 del ridi Euclide, all'angolo a del triagolona K.peſeralter
nig ſimilmite l'angolo K.del triangolon a Kè eguale all'angoloh, del trian
fatto nºi per eſſer l'uno el'altro retto, onde per la 32 del 1. di Euclide,li
tetti dui triangoli K a n.6 bn i ſaranno equiangoli, 3 conſequentemente
perla 4 del 6 di Euclide, ſaranno delati proportionali,onde la proportione del
lato hi, al laton h, ſarà, come quella del lato Kn. al lato Ka, ci perche nel
, - principio
- T E R 2 o. 34
principio fu ſuppoſto che ilillato hi fiſſe punti 4 & illatohn. uiena eſſer
ponti 12 per eſſeregualalamità dellato del quadro,et il lato n Kfu ſuppoſto
eſſer paſſa 15.onde per ritrouarillato Ka.incognito per la euidenza della
16.del 6.di Euclide, multiplico il lato Kn.cioè paſſa 15 per il lato b n. cioè p
onti 12 fa 18o ct questo parto per il lato bi. cioè per li 4 ponti che miſco
prela dioptra dal preſuppoſito, meneuiene 45. et paſſa 45. diremo che ſia il
lato K a.come che in principio fu determinato,e coſi ſe procederia quando che
il ponto a fuſe piu in alto,ouer piu baſſo dell'orizonte alzando,ouer abbaſſan
do la parte dauanti dell'iſtromento,ſtante però ſempre il baſtone doue ſarà ſit
toperpendicolare all'orizonte,ſi in monte come in piano, et ſimilmente le due
bacchette che ſe piantaranno ſi debbono ſempre piantar perpendicolarmente,
ettaibacchette uogliono eſſerrettiſſime,et la traſmutatione che ſe farà dal 1.
al2.loco con l'iſtromento, biſogna che ſia egualmente diſtante dal piano dell'
orizonte, Oltra di queſto biſogna conſiderardiligentemente, e minutamente
lipoti et minuti,et parte di minuto, che laſſarà ſcoperti la dioptra, cioè la qui
tità de hi.perche ogni picciolo errore, che ſi faceſſe in li detti minuti cauſaria
no errore moltoeuidente nella concluſione perche tai ponti,ouer minuti uen
gono a eſſer partitore,et ogni minimo errore che ſi faccia nel partitore, non
poco fa uariarloauenimento,

1 L F 1 N E.

I N V E N E TI A, Appreſſo CamilloCaſtelli, 1 ss 3.
|-
|
|-·•-|-|-
·A
-·-
*
*|-
|-!|-· •••• •••----• . *:••**،«).·!”·...··
• .--.*|-·--------~~ |--··|-,
-,
• ...-- ,|-|-|-- *** |-
*…*..*_-' ~|-- … -|- ! ·|-|-----|-
---------|- |-|-|-,, |-|- |-|-----
|-|-
-- - - |-, !* »-- - -- ---- |-… --
-----|-·|-
„ ! …----------|------+
|------

،·|-----|-·----!·|- ·|×--------
��~~ ~~* *· · |-|-|-
-* * .---- ^^
«…,
.ae …
!----|-|-|-----·|- ,,~-
--· · --
|-|-!|-
-
|--
----
•… , , !-- »-----
|-

|- -.*
----|-
|-|-
· · ·
-%----|- -|-· *
·- * *-·-------- -|-
-
~* -••|-|-|-|-|-
-… º- -· -
-- • •|-|-|-----|- |-|-|-
-*,
·|-
- -
,... - z.- -|-
… .”- -.*¿.**
- ----- * .|-
|-·** ----·- -----|-
- -|-- |-*|-•• • •|-|-----
••• • • • • •|-- .
|-----• • • • ----|-|-|--
----|-|--|-
·----|-|-, ,|-·
*º’ *|- √|-... |-|-|-|-|-|-
----·|-----·----|-|-
------------|-|-|-|-|-
|-|-· |- · ·|-
|-|---------
-|-·----
| --… ···|-__*
• !!!• ----!… --
·|-|-
|-|-----
••----|-|-|-
*|-|-----|-|-|---------|- …-|-|- - - -
|--|-|-- -
---------|- ·*----
· *|-----… *|-|- |-|-|-|-|--
-----|-----------
√. |-|-∞
·· |-|-|-|-
|-|-|-·×|-|-
-·*.|- -----|-
··- -----· ~);* *- --|-
·-|-|-
|-|-|-|--••-|-
|-· ·· · · -·
|----- …
*:|--- ----|-. ----… *|-|-· :
- ----- - |--
#~----… |-
|--

*·- -|-
----|-|-

|-|-|-·
|-|-|-+

-

|-|-
|-|-----
|-· · · ·----|-|-----
|-|-·|-|-
- …·· *|-
… --·
·+*----·|--
*|-----
!rº----|-
----·|-·|-·
----|-|- *·|- ----…
•»·
-·|-|-
|--|-|-----
… --|-|- ----|-·|-|-
|-|-|-
------------|- ·
|-•
-
--------|-
,|-|-·
|- ----|-|-----
*{ · -|-
… • •|-
|-,
|-----
~ !-· |-·
*:·*|-·----|-|-|-
|-·----|-|-|-
·----|-|-|-|-
|-|-|- --------
&^-·|-·|-|-|-
·
|-·|-|-•
|-|-|-
|-
|-|-|- ··
* -|-·|-|- |------
|-|-|-
- -->|-|-
|--
*|-
€. * * ·* …|- * …|-
|-|-|- |-
|- |-----
·----|-:
|-
|- |-
|-|-
-,|-|-·: |-
·· |-
----* .|- |-|-·-
|-|-|-
|-••|×
|-*,|-
|-
|-|-
• .|- |-|-
|-
|- |-
|-
-|-
|-
----•, , - -
|-
·
• . .
----
|-
+|-
|-** ... . |-
· ,-- |-
|-|-
-
|-·
---- ··
|-|-
-*…*
----
|-+
'-',|-|-
----
*|-; ----
·|-
|-----•|-|-
-*
►|-|-|- ·* ,
|-|-·
·º º
|-----|-·
·• •|-
- \----, ·|-

|-|---------
|-|-
|-
·
|-
,,

�~
„S
*$
!S
·
– !
|-:-----
|-ºq
·
|
|-|
|-|| 4|
|-+•
|-}• •
|
|-

|•
|-{|
-
--. |%|-
~);} »|-
·|-

- - - --

--
--
-
|------★ → ← → ·
I L PR I M O L I B R o
D E L LI Q V E SITI,
ET 1Nv EN r1oN1 D 1veRsE
DE NICO LO TART A GLI A,
s O PRA GL I TIR I D E LLE ARTI GLI E RIE,
ºra i TRI svoi va i11 Acci DENTI.
-

I 333
QyEsITo PRIMo FATTO DALL'ILLvsTRrss.
signor Franceſco Maria Duca Eccellentiſsimo di Vrbino.
- L'anno. M. D. XXXVIII. - a r :- a

· I N V E N E TI A.

I V c a. Che ragioni ſono quelle che dicete hauertronato,


º nel voſtro libro a me intitolato, ſopra al tirare dell'artiglie
º rie. N 1 c o lo. La proportione, di ordine dei tiri lonta
ni, & propinqui di qual ſi voglia pezzo, º con qualſivo
glia ſorte di balla. S. D. Io non u'intendo, parlatemi piu
chiaro, e datemi un eſempio. N. Volendo eſemplificar
=i queſta noſtra inuentione à uoſtra Eccellentia, ſono aſtretto
a parlar prima di quello ſtrumento materiale, da noi ritrouato, figurato nel prin
cipio del detto noſtro libretto d quella intitolato:ilqualiſtrumento è una ſquadra
di legno, ouer di alcun mettallofatta con diligentia, alla ſimilitudine della ſotto
ſcritta figura.b.a.c.laquale ha interchiuſo uno quadrante, cioè una quarta parte
di un cerchio, alla ſimilitudine della figura.h.i.g.k.laqual figura, ouer quadran
te.h.i.g.k.ſi deſcriue con un compaſſo ſopra il centro.b.cioè ponendo il piede immo
bile del detto compaſſo, in nel detto ponto.h.angolo intrinſico di tal ſquadra, ºr
'altro piede mobile girandolo per.i.g.k.formando il detto lato curuo.i.g.k.del
detto quadrante, di dapoi reſtringere alquanto il detto compaſſo, ci deſcriuere
un'altra linea curua, equidiſtante alla prima, quale ſia la linea.ef.6 tutto quel
ſpatio,ch'è fra queſte due linee curue, cioè fra il lato curuo.ig. k & la curua.ef.
uuol eſſer diuiſo,prima in dodici parte eguali,le quai diurſioni uogliono eſſer tira
te con una riga, che uenga dal ponto.h.(centro del quadrante) à ciaſcheduna di
dette diuiſioni, accioche ciaſcheduna diuiſione riſ;uardi il detto centro.h.come in
la figura appare, di queſte dodici parte le chiameremo ponti.
a Andora
v -

a e , e º - - - - - -

a º -
r
-- --
. -
.
-
. . i
º -
-
-
I
-- -

i t-, º ra -s - e
- sa -

s: i .
* * * º
; e
- - -

2 !
i 2
-
º . . . . . . .
A s ci o º a cadauna di queſte tai parti,ouero pontiuuol eſſer anchora diui
ſa in altre dodici parti eguali, con il medeſimo ordine, legual diuiſioni non ho uolu
to tirare in queſta figura piccola, perche generarebbemocòfuſione, ma in una ſqua
dra di comune grandezza,coſi,come ho detto,uuol eſſer diuſa,tal che tutto il det
to quadrate e.fi.g.kueniraà eſſer diuiſo in 144 parti eguali,lequal parti chia- .
emeremo minuti, º queſti minuti ſi ſegnano con liniete alquato piu corte di quelle
i delli ponti, perche ſono poi piu facili da eſſer numerati per mezzo dei ponti(con
e maggior linee depinte)per ſapergia che ogni pontocòtiene 12 minuti. Fatto que
“ſto biſogna ficcare un pironcino di ferro, ouero di ottone preciſamente in ponto.h.
(centro del quadrante)é à quel talpironcino attaccarui uno perpendicolo gira
bile, cioè uno fil di ſeta(ò d'altro) con uno piombino da capo alla ſimilitudine del
perpendicolo.h.g.d.& coſi con taliſtrumento habbiamo conſiderato tutte le uarie
“poſitioni,ouero eleuationi, che occorrer poſſa in qualſiuoglia perzo di artiglieria.
Et la prima poſitione di cadauno pezzo s'intende quando, che quello è aliuello,
cioè talmente aſſettato,che ponendouila gamba piu longa della detta noſtra ſqua
dra in bocca diſteſa rettamente per il fondo del uacuo della canna, il perpendicolo
caſchi preciſamente ſopra il lato.h.fk del quadrante, come di ſotto appare nella
prima figura. Et ſimilmente uno pezzo s'intende eſſereleuato un ponto quando
che quello ſia talmente aſſettato, che ponendouila detta gamba piu longa della
detta noſtra ſquadra in bocca diſteſa rettamente per il fondo del uacuo della can-,
na(come prima)il perpendicolocaſchi preciſamente ſu la diuiſione del primo pon
to,come diſotto appar nella ſeconda figura: Etcoſi un pezzo s'intende eſſere ele
uato due ponti, quando che il detto perpendicolo caſchi preciſamente ſopra la di
uiſione del detto ſecondo ponto, º coſì al terzo quando caſcara ſopra la diuiſion
del terzo, il medeſimo s'intende del quarto, quinto, º ſeſto. Et quando che uno
pezzo è eleuato al ſeſto ponto (cioè come diſotto appare nella terza figura)s'in tende
s .
- P R I M. O. 6
tende alla maggiore eleuatione, che eleuarſi poſſa.(Dico un pezzo d'artigliaria,
perche li mortari poi ſi poſſono eleuare in tutti li altri ſeguenti perfinal duodeci
moponto.) Et queſto che habbiamo detto dei ponti, ſe debbe anchora intendere
dei minuti,cioè,che quando, che unopezzo ſia talmente elenato, che il perpen
dicolo caſchi preciſamente ſopra la diuſione del primo minuto, cioè ſopra la duode
cima parte del primo ponto, tal pezzo s'intende eſſer eleuato uno minuto, gr
quando caſchera ſopra alli due minuti, s'intendera eſſere eleuato duoi minuti,
il medeſimo s'intendera de tutti li altri, per fin alla maggior eleuatione, cioè
alla eleuatione delſeſto ponto, ouero ſettantadue minuti, come nella detta ter
zafigura appare: Li altri minuti che ſeguita perfino in capo, ſono per le eleua
uationi di mortari,

Pezzo aliuellato.

B i Tezzo
L I B : R. O, e - e

Pezzo eleuate al ſeſto ponto, oueroalli ſettantadue minuti.


-. , - - , iº , -

s. o vc a. Che uolete inferir per queſto. N. Primamente uoglio inſerirque


ſto,che tirando un pezzo alla eleuatione del primo ponto, tirara molto piu lonta
no di quello che fara stando aliuello, º tirandolo alla eleuatione del ſecondo pon
to,tirara molto piu lontano di quello,che fara alla eleuatione del primo ponto, ºr
coſi alla eleuatione del terzo ponto tirara piu lontano, che alla eleuattone del ſe
condo, gº coſi alla eleuation del quarto tirara anchora aſſai piu lontano di quel
lo,che fara alla eleuatione del terzo, º ſimilmente alla eleuatione del quinto ti
rara alquanto piu,che alla eleuatiane del quarto, e coſi alla ultima eleuatione,
cioè al ſeſto ponto,con balla di piombo tirara alquanto piu, che alla eleuation del
quinto, ma poco piu,perche la ragion ne dimoſtra, che queſti due tiri, cioè tirati al
quinto, ſeſto ponto ſono tanto uicini, ouertanto poco differenti, che ogni poco
d'auantaggio,che ſi trouaſſe nel quinto, è per uigor di poluere, ouer per altro, al
detto quinto,ſe tiraria tanto, quanto al ſeſto, º forſipiu. Et chi poteſſe eleuartal
pezzo,come ſe fanno li mortari,cioè al ſettimo ponto,ſenza dubbio al detto ſetti
moponto tirara alquanto manco,che al detto ſeſto, º coſi all'ottauo ponto tirara
aſſai manco,che al detto ſettimo,º ſimilmente, al nono tirara molto manco,che
all'ottauo,et coſi al decimo tirara molto manco, che al nono,et coſi à l'undecimo,
tirara
- p R I M O. 7
tirara molto manco,che al decimo, º ſimilmente al duodecimo, cioè a l'ultimo
ponto tirara molto,è molto manco che dl'undecimo anzi in tal ultima eleuatione
per ragion naturale la balla doueria ritornarà dare preciſamente nella bocca di
tal pezzº, ma per molti accidenti che utpuo occorrere nel diſcargarſi,talballana
ui ritornara coſi preciſe, ma ben non andera à dare molto lontana dal detto pez
zº S. D. Eglie coſa conſonante quaſi tutto quello che haueti detto, ma che uoleti
inferire per queſto. N. Voglio ſecondariamente inferir queſto, che noi habbiamo
ritrouato in che ſpecie di proportione, ouer ordine uanno augumentandoli detti
tiri in ogni eleuatione, 3 no ſolamente à pontoperponto della detta noſtra ſqua
dra, ma anchora à minuto per minuto per fin alla eleuatione del ſeſto ponto, ouer
di.72.minuti, º in ogni ſorte balla,cioè di piombo,ferro,ouer di pietra. et ſimil
mente chi poteſſe eleuare li pezzi oltra al detto ſeſto ponto(come ſe fanno li mor
tari)bauemo anchora ritrouato in che proportione andaranno calandoli ſuoi tiri,
& non ſolamente à ponto per ponto, ma anchora(come detto)à minuto per minu
to per fin al fine di tutta la ſquadra, cioè per finin capo de tutti li. 12 ponti,
ouer. 144 minuti. S. D. Che coſtrutto ſe puo cauar de taluoſtra inuentione. N.
El coſtrutto de talinuentione è queſto,che per la notitia de un ſol tiro di qual ſi uo
glia pezzo, poſſo formar una tauola de tutti li tiri che tirara quel tal pezzo in
ogni eleuatione,cioè a ponto per ponto, º d minuto per minuto della noſtra ſqua
dra,laqual tauola ſara di tal ſoſtatia,ouer proprieta, che qualunque perſona l'ha
uera appreſſo di ſe,nò ſolamente ſapra tirare, ma ſapra far tirare ogni groſſo bom
bardero con tal ſorte pezzi di lontano quanti paſſa liparera (pur che non ſia piu
lontano del maggior tirodital pezzo) & che non hauera la detta noſtra tauola,
non potraimparare alcuna particularita di talinuentione, ma tal ſecreto reſtara
ſolamente appreſſo di colui che hauera taltauola, & no ad altri. S. D. Ma ſeco
lui che hauera tal uoſtra tauola niuora tirare lui medeſimo, ma uora far tirare a
un'altra ſeconda perſona,nò ſara neceſſario che tal ſeconda perſona impari talſe
creto. N. Non Signor Eccellentiſſimo, anzi tal ſeconda perſona reſtara come re
ftano li garzoni di ſpeciari de medicine,liqualicòtinuaméte cópongono medicine,
ſecodo che gli uengono ordinate dallimedici,ettamen mai imparano a ſaper medi
care.S. D. Q ueſta mi pare una coſa molto dura da credere,ettato piu che nel uo
ſtro libretto(a me intitolato)uoi diceti che mai tiraſti di artegliarai, ne di ſchiop
po,et colui che fa un giudicio di una coſa, della quale mi habbia uiſto l'effetto,ouer
eſperientia,la maggior parte delle uolteſi inganna,pche ſolaméte l'occhio è quello
che ne rende uera teſtimonianza delle coſe imaginate. N. Egli è ben uero che il
ſenſo eſteriore, ne dice la uerita nelle coſe particolare,ma no nelle uniuerſale,per
che le coſe uniuerſale ſono ſottopoſte ſolamente à l'intelletto, 6 no ad alcun ſenſo.
s. D. Baſta ſe me faretiueder queſto(coſa che non credo)il mi parera un miraco
lo, N. Tutte le coſe che accadeno per natura,ouer per arte pareno degrande am
miratione, quando che di quelle non ſi ſa la cauſa, ma preſto uoſtra Eccellentia ſe
ne potra chiarire,facendone far l'eſperientia con un pezzo. S. D. Voglio andare
per find Peſaro, ſubito che ſia ritornato, certolauoglionedere.
-
g ueſito
- L I B -R O
do N D o F A TT o
o v E s1T o semedeſimo.
dal

D V ca. Ma ditemi un poco per qualuerſo credete uoi che una artegliaria
fara maggior effetto,ouer paſſata nella coſa doue ſe tira,tirandoui con quel
la aliuellata,ouereleuata dauanti. N, A uoler riſoluere queſto queſito ſenza re
prenſione, egli è neceſſario, che uoſtra Eccellentia, me proponga tal queſitoper
eſempio,ouer figura,con la quantita della diſtantia di talartegliaria, e la qua
lita del luoco doue ſe tira.s. D. Pongo per eſempio, che il mioccorreſſe di far bat
tere una fortezza che fuſſe in cima di una colina,auer monticello, alto paſſa.6o.
ci che lontano paſſa. Ioo.da quella tal colina, cuer monticello, uifuſſe un'al
tra colina, ouer monticello, alto alla egualita di detta fortezza, cioè pur paſ
ſa.6o (come di ſotto appare in figura) & poniamo che ſopra la cima di queſto
ſecondo monticello, uiſe poteſſe stare commodamente con la artegliaria d bat
tere queſta tal fortezza, la quale artegliaria in tal luoco ueneria à tirare in
quella retto tramite, cioè con la detta artegliaria aliuellata(come di ſotto appa
rein figura) & poniamo anchora che tal fortezza, ſi poteſſe commodamente bat
tere fiando con la artigliaria nel piano (cioè stando da banda nel pie del detto
ſecondo monticello in quella medeſima diſtantia) cioè stando lontano dal pie del
monte, doue è la fortezza pur paſſa.1oo.nel qual luoco, la detta artegliaria
uerria à tirare in quella stando molto eleuata dauanti, cioè tiraria in quella di
ſotto in ſuſo(come di ſotto appare in figura.) Hor ue adimando, in qualluccopen
ſati che tale artegliaria faria maggiore effetto, ouer paſſata in detta fortezza,

( V
-- - - P R I M O. 7
cioè ftando in cima del detto monticello, ouer stando iui da banda nel pie di quel
lo. N. Senza dubbio,che stando nel piano, cioè nel pie del monte,faria maggio
re effetto,ouer paſſata in detta fortezza, di quello farla stando nella ſommita del
monte. S. D. Etiogiudicarei, e giudico eſſer tutto al contrario, perche quelle
che tiraranno dalla ſommita del monte ſaranno molto piu propinque alle mura
glie di quella tal fortezza, di quello che ſaranno quelle che tiraranno dal pie del
monte, é quando che la coſa doue ſi tira è piu propinqua alla artegliaria, per
ragion naturale, la balla douria far maggiore effetto in lei. N. Q uando che
un'artegliaria tiraſſe egualmente per ogni uerſo ſegueria quello, che dice uoſtra
Eccellentia. Ma per efficace ragioni ritrouo tutto all'oppoſito, cioè che ogni ſorte
di artegliaria neceſſariamente tirara manco per linea retta, stante aliuellata di
quellofaria in qualunque altro modo aſſettata,o per dir meglio, che ogni ſorte di
artegliaria neceſſariamente tirara piu per linea retta stante alquanto eleuàta
dauanti di quellofara stante quella d luello, º quanto piu stara eleuata tanto
piu tirara per retta linea, il medeſimo ſi debbe intendere eſſendo abbaſſata, cioè
che molto piu tirara per linea retta stante quella alquanto abbaſſata dauanti, di
quellofara stante à liuello, º quanto piu stara "ſata, tanto piu tirara per
linea retta. S. D. Q ueſto che uoi dite, me pare una coſa molto strania da crede
re,cioè a dire, che una medeſima quantita,è poſſanza dipoluere, debbia ſpinge
re piu urgoroſamente una medeſima grauità di balla, per un uerſo,che per un'al
tro,è però haueriatà caro,che uoi meaſſignaſti la ragione, è cauſa di queſta uoſtra
opinione. N. La ragion di queſto lo dimoſtramo (per li accidenti accadenti nelli
ſuoi tiri)nell'ultima propoſitione del ſecondo libro della uoſtra nuoua ſcientia,ue
roè, che in tal dimoſtratione, non ſe aſſegna la cauſa propinqua di taleffetto, la
qualcoſa in talluoco pretermeſſi, per non faſtidir uoſtra Eccellentia, perche tal
cauſa propinqua, ſe dimoſtra con la ſcientia di peſi,la quale è una ſcientia di non
poca ſpeculatione, per eſſer quella ſubalternata, ſi dalla Geometria, come dalla
natural Filoſophia. Ma quando non ſia graue à quella l'aſcoltarmi, io mi sfor
zaro di dimoſtrarla al preſente. S. D. Seguitati pur, ma ſotto breuita. N, Per
dimoſtrar queſta coſa rettamente ſono aſtretto uolendo eſſere inteſo è mandare
auanti la diffinitione di alcuni termini opportuni, etiam alcune ſuppoſitioni,come
ſi coſtuma in ciaſcuna ſcientia, & perche tutte le coſe meglio ſi apprendono per
eſempio,che per parole. Pongo per eſempio la libra, ouer bilanza.a.b.con lidoi
brazzi.a.c.& c.b.eguali, e il centro, ſopra del qualleigira,ſia il detto ponto.c.
e nell'eſtremita di detti due brazziſiano congiunti due corpi egualmente gra
ui,liquali nominaremo dalle medeſime lettere, cioè.a.&.b.liqnali due corpi, per
eſſere eguali in grauità,dal preſuppoſto, é appeſi in longhezze eguali, cioè d gli
detti due brazzi.a.c.&.cb.della propoſta libra, qual ſono sta ſuppoſti eſſere
egualmente longhi,per la prima petitione adutta da Archimede, nel libro che fa
del centro della grauita, quelli inclinaranno egualmente, cioè che staranno in
equilibra, come diſotto appare in figura. --- - - a

-.
t Anchora
1. I B R O -

A Ngbora ſia deſcritto ſopra il centro.c.u


cerchio, ſecondo la quantita dell'umo di
brazzi della libra,ouer bilanza qualſia il cer
chio.e.a.fb.la circonferentia del quale ſuppo
neremo per il uiaggio che fariano li centri di
detti corpi, girando attorno la detta bilanza
ſopra il ſuo centro.c.
- Diffinitione prima.
Stando adunque li detti due corpi in equilibra, come in figura appare, in tal
luocoli detti due corpi,ſe dicono eſſer nel ſito della equalita.
Diffinitione ſeconda.
Anchor tirando dalla ſommita una perpendicolare paſſante per il centro.c.
(quale ſia la linea.e.c.f.) tallinea uien detta la linea della direttione.
º Suppoſitione prima.
A Ngbora biſogna notare qualmente un
D - º corpo graueſeſuppone eſſer tanto piugra
LA º J ue, nel luoco doue ſi ritroua quanto che il di
ſcender di quello è manco obliquo, cioè manco
curuo,in nel medeſimo ſito,ouer luoco. L'eſem
pio di queſta ſuppoſitione ſi adura nella ſeguen
te figuratione. -

Suppoſitione ſeconda.
Et il diſcender d'un corpo graue, ſi ſuppone eſſer tanto piu obliquo, quanto c
nel ſuo diſcender capiſſe manco del diretto,in medeſima quantita, cioè che capiſſe
manco parte della linea della direttione, ouer di un'altra è quella equidiſtante,in
la medeſima quantita, cioè in medeſima quantita di circunferentia del cerchio do
uegia,ouer ua,cº queſto nella figuration ſeguente meglio s'intendera.
S Vppoſte adunque le ſopradette ſuppoſitione, adduco queſta propoſitione, º di
co che ogni librato peſo partendoſi dal ſito,ouer luoco della equalita, quel ſi fa
piu leue, 3 tanto piu, quanto piu ſara lontano dal detto luoco della equalita.
Et per eſempio di queſta propoſitione ſia la libra.a.b.(della figura precedente)
girabile ſopra il detto centro.c.con li due medeſimi corpi.a.gr.b.(eguali)appeſi,
ouer cagiunti alle due eſtremita di ambedue librazzi della detta libra, z stiano
nel medeſimo ſito della equalita(come diſopra fu ſuppoſto)hor dico,cheremouen
do l'uno, º l'altro de detti corpi dal detto ſito della equalita(cioè arbaſſandone
uno, º eleuando l'altro)l'uno, è l'altro de quelli ſara fatto piu leue ſecondo il luo
co, tanto piu leui,quato che piu ſaranno allontanati dal detto luoco della equa
lita. Et per dimoſtrar queſto ſia arbaſſato il corpo.a.(della detta figura preceden
te)per finalponto.u.(come nella ſottoſcritta figura appare,)é l'altro ſuo oppo
ſito(cioè il corpo.b.)uerra deſſerſi eleuato per inſin al ponto.i.ci ſia diuiſo l'uno,
- e l'altro
- p R 1 M o. - 9
e l'altro di due archi.au.e .ib in quante parti ſi uoglia, eguale bor poniamo
l'uno, è l'altro in tre parti eguali in lipontilm.e qſ & dalli trepontin.liſta
e notirate le tre linee.n.o.l.m.&.i.kequidiſtante al diametro.b.alequale ſegara
no la linea.e.fdella direttione nelli tre ponti, z.yx.ſimilmente dalli tre ponti.
q.s.u.ſiano tirate le tre linee. q p.s.r.&.u.t.pur equidiſtante alla medeſima li
nea.a.b.li quali ſegarano la medeſima linea della direttione nelli treponti, e
2.33. onde per queſte coſe coſi eſpoſte ueniremo ad bauer diuiſo tutto il decen
ſo. a. u fatto dal detto corpo. a.nel diſcender in ponto.u.in tre decenſi, ouer parti
eguali,li quali ſono.aq.q.s.&.s.u. Et ſimilmente tutto il decenſo i.b.qualfaria
il detto corpo.b.nel diſcendere,ouer ritornare al ſuo primo luoco(cioè in ponto.b.)
uerra à eſſer diuiſo in tre decenſi, ouer in tre parti eguali, li quali ſono i l.l.n.
cr.n.b.& cadauno de queſti tre, di tre partiali decenſi capiſſe una parte della li
nea della direttione, cioè il decenſo dal. a.al.q.piglia, ouer capiſſe dalla linea della
direttione la parte.c, 6 lo decenſo.q.s.piglia, oucr capiſſe la parte.gr.3.6 lo
decenſo.s.u.capiſſe la parte 2.33 % perche la parte.c.e è maggiore della par
te. & o (come facilmete geometricamete ſi puo prouare)onde(per la ſecoda ſup
poſitione)il decenſo,q.s.uerra a eſſer piu obliquo del deceſo.a.q.onde piu leue ſara
il detto corpo.a.(per la ſuppoſitione)stante quello in ponto,q.di quello ſara, stan
te quello in ponto.a.Similmente perche la parte o 2.(della linea della direttio
ne) è minore della parte cº .2.il decenſo.s.u. (per la medeſima ſeconda ſuppoſi
tione ſara piu obliquo del decenſo.q.s & conſeguentemente) per la prima ſuppo
ſitione piu leue ſara il detto corpo a ſtante quello in pontos.di quello ſara stante
in ponto.q. Et tutto queſto, é per li medeſimi modi ſi dimoſtrara nell'oppoſita
parte del corpo.b.cioè che il decenſo di quello dal ponto.i.al ponto.l.è piu obliquo
di quello, che è dal ponto.lal ponto.n.(per la detta ſeconda ſuppoſitione)perche
la parte.r.y.che capiſſe della linea della direttione, è minore della parte y.z on
de per la detta prima ſuppoſitione piu leue ſara il detto corpo stante quello in pon
toli.di quello ſara stante quello in pontolº per le medeſime ragioni piu leueſa
raſtante quello in ponto.l.di quello ſara stante in ponto.n.6 ſimilmente piu leue
ſara stante in ponton.di quello ſara tante in ponto.b.(ſito della equalita) che è
il propoſito. . . . - i - . . .
- e 2- S. Dv e A. Che uolete inferir per queſto N,
Voglio inferir queſto, che ogni artigliaria eſſendo
º aliuellata,la s'intende eſſer nel ſito della equalita,
A & la ballatirata da quella, in tal ſito uſciſſe del
pezzo piugraue, che in qualunque altro modo ele
º uata,ouerſeparata da quel ſito della equalita(per
ſe le ragioni di ſopra adutte)è però in tal ſito la balla
ua con piu difficultà, º molto piu preſto comincia
- a declinar al baſſo, cioè uerſo terra, º in maggior
-

- - - quantita lei ua declinando, che in qualunque altro


modo eleuata, cioè che lei ua(comefra bombardieri ſi dice)molto manco per linea
i - -
C retta,
tetta, che in qualunque altro modo elenata, è però li effetti ditirifatti in tal ſito
ſaranno men uigoroſi,ouer di menor effetto, che in qualunque altro terſo. Pero è,
che uoſtra Eccellentia potria dire, é ragioneuolmente, per queſte tue ragioni ſon
chiaro, che in diſtantie eguale lei fara manco effetto, ma in diſtantie ineguale reſto
dubbioſo,perche nel noſtro Q ueſito ſi uede,che quelle artegliarie,che ſono nel pia
no,ouer nel pie del monte, ſono moltopiu diſtante, dalla fortezza di quelle, che
ſon nella ſommita del monte,talmente che tal differentia potria eſſer molto mag
giore della differentia del ſuo tirar per linea retta, ouer della differentia de ſuoi
effetti in diſtantie eguale,et eſſendo coſi quelle de la ſommita del monte,uerriano
è far maggior effetto, di quelle poſte in piano, circa al qual dubbio riſpondo, che
gli è ben uero, che la diſtantia di quelle, che stano in piano,potria eſſer alle uolte
tanto grandemente differente da quella, di quelle, che ſono nella ſommita del mon
te,che ſeguiria quello, che di ſopra hauemo detto,ouer dubitato. S. D. Datºme un
eſempio in figura, ſe uoleti, che u'intenda. N. Per uoler ſemplificare figural
mente queſta coſa,ſupponeremo una colobrina dalire.2o di balla, laqual colobri
ma(per quella ſperientia,che fu fatta a Verona, narrata nel principio della noſtra
noua ſcientia a uoſtra Eccellentia)iotrouo,che tal colobrina nel ſito della equali
ta(cioè stando aliuellata) tirara de mira, ouer per linea retta circa paſſa. 2oo.
cº alla eleuatione de 45 gradi,cioè al ſeſto ponto, ouer alli.72.minuti della no
ſtra ſquadra tal colobrina(per le ragioni adutte nella ultima propoſitione delſe
condo libro della noſtra noua ſcientia)tirara de mira,ouer per linea retta, in quel
uerſo, circa paſſa. 3oo. S. D. A dunque tirando la detta colobrina è taleleua
tione tirara circa paſſa.8 oo.per linea retta, º tirandola poi aliuellata, non tira
raſaluo che circa paſſa.2oo. N, coſine afferma la ragione. S. D. La me pare
una gran differentia. Ne Q ueſto procede per eſſer anchora taleleuatione molto,
differente dal ſito della equalita, perche ſecondo che la ſi ua eleuando de minuto
in minuto,coſi de minuto in minuto lei ua anchora augumentando il ſuo tirar per
linea retta,il medeſimofara etiam nelliponti, º in maggior quantita, cioè, che
eleuata al primo ponto della ſquadra tirara molto piu per linea retta, di quello
fara nel ſito della equalita,cioè aliuellata, di eleuata poi al ſecodo ponto di detta
ſquadra, molto piu tirara per linea retta, di quello faraeleuata al primo ponto,
ci coſi eleuata al terzo ponto, tirara piu per linea retta, di quello fara al fe
condo, é coſi ſucceſſiuamente al quarto,tirara piu,che al terzo,º al quinto piu
che al quarto, º al ſeſto(detto di ſopra)tirara piu che al quinto, ci ſi piu oltra
la ſi poteſſe eleuare gradatamente anderia augumentando il ſuo tirare per linea
retta, cioè, che al 7 ponto, tirara piu per linea retta, che al 6.6 al.8 piu che
al.7. & al.9 piu che al.8. & al. Io piu che al.9. & al. 11.piu che al 1o. &
al. 12 piu che al 11.cº è queſto. 12.tutto il ſuo tiro ſara per linea retta, perche
ſara perpendicolare ſopra all'orizonte, º queſto tale ſara piu perfettamente ret
to decadauno delli anteditti, perche in uero il paſſaggio, ouer moto uiolente d'un
corpo egualmente graue, che ſia fora della perpendicolar dell'orizonte, mai puo
hauere alcuna parte, che ſia perfettamente retta, come fu detto ſopra la ſeconda
e - ſuppoſitione
- - P R I M. O. , 1o
ſuppoſitione del ſecondo libro della noſtra noua ſcientia, S. D. Perche diceti
adunque per linea retta, mi eſſendo perfettamente retta. N. Per eſſer inteſo dal
uolgo,perche quella parte, che è quaſi inſenſibilmente cnrua,la chiamiamoretta,
di quella che è euidentemente curua, li dicono curua, S. D. Seguitati. N. Hor
per ritornare al noſtro propoſito, dico adunque, che ſe l'altezza della predetta for
tezza foſſe tanta, che da quella è le artegliarie, che fuſero nel piano del monte,
fuſſe 76o paſſa,cº che dalla medeſima fortezza d quelle artegliarie,che fuſſero
nella ſommita del monte,fuſe ſolamente paſſa. 13o in queſto caſo dico,che la ſo
pra dettacolobrina faria maggior effetto nelle muraglie di detta fortezza,stan
te quella nella ſommita del monte, di quellofaria ſtante nel pie del monte. La cau
fa è,perche la detta colobrina(stante aliuellata)tira circa paſſa.2oo per linea
retta (come di ſopra fu detto.)Eſſendo adunque da quella d la muraglia paſ
fa. 13o.(come fu ſuppoſto) lei ueneria d percuotere nella detta muraglia circa
d.7o paſſa auanti al termine del ſuo andar per linea retta. Ma stante quella nel
pie del monte(dal qualluoco alla detta muraglia è sta ſuppoſto eſſer diametral
mente paſſa 76o.) & elenandola alla eleuatione de 45 gradi (cioè al 6.ponto
della noſtra ſquadra)tirara circa paſſa.8oo per linea retta(come di ſopra fu det
to)onde lei ueneria è percuotere nella detta muraglia ſolamente circa paſſa 4o.
auanti il termine del ſuo andar per linea retta,cioè auanti la ſua ſenſibil declina
tione. Et perche quella balla che nelſuo percuotere hauera à paſſar per piu longo
ſpacio(non trouandoreſiſtentia) fara maggior fetto in talreſiſtente(per le ra
gioni adutte ſopra la.4 propoſitione del primo libro della noſtra noua ſcientia)
perche adunque la balla tirata dalla ſommita del monte nel ſuo"i haue
ria anchora è andare paſſa. 7o per linea retta. E quella tirata dal piano, nel ſuo
percuotere haueria à procedere ſolamente paſſa. 4o per linea retta, e per queſte
ragioni ſi concluderia in tal caſo, che maggior effettofaria la detta colobrina in
detta muraglia, stante quella nella ſommita del monte di quellofaria stante nel
piano,oueropie del monte alla eleuatione del detto 6.ponto della noſtra ſquadra)
cºrſi la detta eleuatione del.6 pontoleifara manco effetto, molto meno lei lo fa
ria ad alcuna altra piu baſſa eleuatione. Ma ſe per caſo la diſtantia di detta for
tezza à l'artegliarie,che fuſſero nel pianofuſſe paſſa 6oo.cioè diametralmente,
& che dalla medeſima a quelle che fuſſero nella ſommita del monte fuſſe paſ
fa. 15o in tal caſo dico, che la detta colobrina faramolto maggiore effetto nella
detta muraglia stante nel piano(ouerpie del monte alla eleuatione del detto. 6.
ponto) di quellofaria stante nella ſommita del monte, perche stante nel piano le
balle tirate da quella uenirano à pcuotere nella detta muraglia circa paſſa. 2oo.
auanti il termine del ſuo procedere per linea retta. Et quelle tirate dalla ſommita
del monte ueneriano a percuotere ſolaméte paſſa.5o.auantial termine delſuo an
dar per linea retta, º perche la differentia de detti effetti, cioè dalli.5o paſſa,
alli.2oo.(che feriſcono auanti la ſua ſenſibil declinatione) è circa paſſa. 15o.è
pertanto la dettacolobrina non ſolamente alla eleuatione del.6 ponto della no
ſtraſguadra ma anchora alla eleuatione del.5 ponto,fara maggior il detto effet
- C i l0:/lia
E, I B : R. Of
to:ma di queſto non uoglio farà farne dimoſtratione perche ſo che ueneria infar
ſtidio è quella. Adunque, ſe in una coſi grande altezza(quale in queſto ultimº
caſo hauemo ſuppoſta)la dettacolobrinafaria maggior effetto(ftante quella nel
piano alla eleuatione del 6.6 etiam del.5 ponto)di quellofaria ſtante la mede
ſima nella ſommita del monte, molto piu euidentemente ſeguiriatal effetto nel
primo caſo propoſto da V.Eccel nel quale fu ſoppoſto il monte, reta la fortex
za,eſſere egualmente altiſolaméte paſſa 6olet la diſtantia delle radice delli due,
monti,ouer le cime di quelli eſſer paſſa, 1oo.onde la linea diametrale,oserdiago
male,cioè la diſtatia di detta fortezza al luoco accoſto alla radice del monte,doue
ſi ſuppone il star delle artegliarie in piano, per la penultima del primo di Euclide
ſara circa paſſa. I 16.(laſciando li rotti)è pertanto, le balle tirate dalla detta no
ſtracolobrina, stante quella nella ſommita del monte, ueriano è percuotere nella
detta muraglia circa paſſa. 14o auanti al termine del ſuo procedere per linea ret.
ta, º quelle tirate dalla medeſima stante quellanel piano alla eleuatione del 6.
ponto ueneriano a percuotere nella detta muraglia, circa paſſa 684 auanti al
termine del ſuo andar per linea retta, º perche tal differentia è grandiſſima,
cioè da 14o paſſa è.684 paſſa, che feriſcono auanti al termine del ſuo andar
per linea retta. Egli è coſa euidente, è chiara, in queſto caſo,chenò ſolamente alla
eleuatione del 6.ponto,la dettacolobrina stante nel pie del monte, fara maggior
effetto in detta fortezza di quellofaria tante nellaſommita. Ma anchora alla
eleuatione di qual ſi moglia ponto,che ſia eleuato,che è il propoſito, S. D. Meha
neti riſolto aſſai bene queſto Q ueſito.
i
GyEsiTo III. FATTO DAL MEDESIMo.
, ,
",
- ;
Vc A. Ma nel uoſtro arguiremehaueti riduto in un'altra maggior difficuº
lºta,ouer dubitatione, perche ſi ben ui arricordati, baueti detto, che la balla
shoccata che ſia d'un pezzo, mai ua parte alcuna del ſuo motto per linea retta,
ſaluo che tirandola rettamente in ſuſo uerſo il cielo. N. ouerrettamente ingiu
aerſo il centro del mondo?S. D. Q ueſto ui cocedo ben,cioè che tirando rettaméte
inſuſo uerſo il cielo, ouerrettaméte in giu uerſo il centro del mondo, che il paſſag
gio,ouer moto di talballa, ſia totalmente retto, º anchora ui concedo che in tai
due uerſi talhalla uada molto piu per linea retta che in qualſiuoglia altra eleua
tione, ouer in qualſiuoglia altro uerſo. Ma che in ogni altro uerſo delli detti due
in fuora la na ua da parte alcuna del ſuo motorettamente, cioè per retta linea, la
non mi pare coſa da credere,ne io la credo,perche ſi ben un arricordati di ſopra di
teſti che per quelli due tiri a Verona tirati, uoi trouaſti che la detta colobrina da
lire.2o,ttraua de mira, cioè per retta linea in quanto al ſenſo, circa paſſa.2 oo.
eſſendo aliuellata, horſe tal tramito de paſſa. 2oo.uoi trouati poi con ragione ma
eſſer totalmente retto,cioè totalmente per linea retta,io uel credo, º uel côcedo.
Ma ſe talpezzo non puol tirare per retta linea li detti paſſa. 2oo.nà uoleti conce
dere che una talmachina ne tiri al mancalamita, cioè paſſa. Ioo, 6 ſe nò.1oo.
a i almen 5o.
p R I M: O. I I

almen.5o: N. Non ſolamentela non tirarali detti paſſa. 5o per linea perfetta
mente retta, ma la non tirara un paſſoſolo.S. B. Egli è una pazzia lauoſtra. Ne
da ragione è quella che acquieta l'intelletto delli huomini,perche quella, ne diſcer
neil uero dal falſo. S.D. Egli è il uero. N. Dapoi adunque che la opinione di uo
fira Eccellentia è che la balla tirata da tal colobrina aliuellata, debbia andare
una parte del ſuo paſſaggio,ouer moto uioléte per linea retta, º il reſtate poi per
linea curua stante che queſto fuſſe il uero, uoria ſapere da quella, qual è la cauſa.
propria che talballa uada coſi per linea retta,in quella parte, doue che quella ſup
pone che uada coſtrettamente, e quale ſia medeſimaméte la cauſa che lei uada
coſi per linea curua, in quella parte,doue ſuppone uoſtra Eccellètia che uada coſi
curuaméte. S. D. La grandiſſima uelocita che ſi ritroua nel moto di talballa, nel
uſcir della bocca del pezzo, è la propria cauſa che talballa per un poco di tempo,
euer ſpaciouada rettamente per aere, ma dapoi mancando alquanto in quella il
uigore, º la uelocita, comincia poi ad alentarſi e ad abbaſſarſi ſucceſſiuamente
uerſo terra, é coſi ua continuando per finche percuote ſopra quella. N. Certa
mente uoſtra Eccellentia non potea riſponder meglio di quello ha riſpoſto, cioè d.
dire che la gran uelocita è la propria cauſa, di riduril moto di talballa(ſi poſſibil
è)alla rettitudine, º ſimilmente, il mancar della uelocita in quella,è la propria
cauſa di farla tendere & declinare nel ſuo moto curuaméteuerſo terra, e quan
to piu ua mancando in quella la detta uelocita, tanto piu famaggiore la ſua decli
natione,ouer curuita, e tutto queſto procede,perche ogni corpograue ſpinto uio
lentemente per aere, quanto piu uaueloce, tanto piuin tal moto ſi fa men graue,
è però ua piu rettamente per aere,perche lo aere piu facilmente ſoſtenta un corpo
quanto piuegli è leue,tamen nel far di ſuoi effetti in tal moto aſſumme molto mag
giorgrauita della ſua propria,è però quanto piu un corpo graue uaueloce(nelmo
touiolente)tanto maggior effetto fa in ogni reſiſtente. Similmente quanto piu ua
mancando in quellola uelocita, tanto piu in tal moto gli ua creſcendo la grauita,
la qual grauita,continuamente lo ua ſtimulando, º tirando uerſo terra. Ma nel
faraeſuoi effetti in tal moto aſſummemaggior lenita,ouer minorgrauita, è però
fa minorefetto. S.D. Q ueſto uoſtro diſcorſo non me diſpiace, è però i",
TN. Dico adiique che da queſte coſe dette,et per ragion naturale approbate, naſce
queſta cocluſione,che doue è maggior uelocita nella balla tirata uiolentemete per
aere,in quella è manco grauita, o econuerſo, cioè che doue che in quella è minor
delocita iuiè maggior grauita in quella.S.D. Egli è il uero, Nivanchordico,che
doue che in quella è maggiorgrauita, iui è maggior ſtimulatione di quella in tira
rela detta balla uerſo il centro del mondo,cioè uerſò la terra.S.D. Egli è coſa cre
dibile. N.Hor per cºcluder il noſtro propoſito,ſupponeremo che tutto il paſſaggio,
duerutaggio che debbiafar, ouer che habbia fatto la balla tirata dalla ſopradetta
colobrina ſia tutta la linea.a.b.c.d.& ſi poſſibilè che in quello ſia alcuna parte
che ſia perfettamente retta, poniamo che quella ſia tutta la parte.ab.la qualſia
diuiſa in due parti eguali in pentose e perche la balla paſſara piu ueloce per il
ſpacio ae (per la terza propoſitione del primo, della noſtra nuova fº"
- , 9 , quello
r . L 1, B : R. O
quellofara per il ſacio e.b.Adunque la detta balla andara piurettamente, per
le ragioni di ſopra addutte per il ſpacio.a e di quellofara per il pacio.e.b.onde la
linea.a.eſaria piu retta della e.b.la qualcoſa è impoſſibile,perche ſi tutta la a,b,
è ſuppoſta eſſer perfettamente retta, la meta di quella non puol eſſer me piume
men retta dell'altra meta, ci ſi pur l'una meta ſara piuretta dell'altra ſeguita
neceſſariamente quell'altra meta non eſſerretta, è però ſeguita de neceſſita, la
parte.e.b.non eſſer perfettamente retta i
- - - - - -
-
- - - - -- -
ci - - B º

s -HE AF
- - t ) . . . . . . . . . . .

s Et ſe pur alcun haueſſe anchora opinione che la parte.a.efuſe pur perfetta


mente retta,talopinione ſi reprobara per falſa,per li medeſimi modi,è uie, cioè di
uidendo la detta parte.ae pur in due parti eguali in pontofiº per le medeſime
ragioni di ſopra adutte, ſera manifeſto la parte a feſſer piu retta della parte fie.
adunque la detta parte.fe.de neceſſita non ſara perfettamente retta,ſimilmente
che diuideſſe anchorala.a fin due parti eguali, con le medeſime ragioni ſi manife
ſta la meta di quella uerſo a eſſer piuretta di quella che uerſo.fai coſi chi diui
deſſe quella meta pur in altre due parti eguali il medeſimo ſeguira, cioè la parte
terminante in.a eſſer piuretta dell'altra, º perche queſto procedere è infinitoſe
guita di neceſſita che non ſolamente tutta la a.b.non è perfettamente retta, ma
che alcuna minima parte di quella non puo eſſer perfettamente retta,che è il pro
poſito. Si uede adunque qualmente la balla tirata da detta colobrina in tal uerſa
non ua alcuna minima parte del ſuo moto,ouer paſſaggioper linea perfettamente
retta(uſciſca pur con qualgrand ſima uelocita ſi uoglia) perche la uelocita(per
grande che la ſia)mai è ſufficiente, in ſimil uerſi, a farla andar per linea retta, ue
rò è che quanto piu ua ueloce in ſimil uerſi tanto piu col motoſuoſi appropinqua
al motoretto,cioè all'andar per retta linea, tamen mai puo arriuar à tal ſegno,è
però piu côueniente è a dire in ſimilcaſo,che quato piu la detta balla ua ueloce,fa
il motoſuomen curuo. S. D. Doue procede adunque che molte uolte s'è uiſto per
cuotere uno preciſamente nelluoco tolto de mira,la qualcoſa non potria occorrere
ſi talballa non fuſſe andata rettamente. N. Signor queſto non ne fa certi che la
balla uadarettameute, perche anchora molte uolte ſi è uſto percuotere di ſopra
dal ſegno tolto de mira,la qual coſa, eſſendo le mire eguali, è impoſſibile, cioè che
la balla ſeghi la linea uiſuale equidiſtante alla canna di talpezzo, ma tali effetti
non procedono,perche la balla uadarettaméte, ne perche quella aſcenda oltrala,
rettitudine, ma procedano totalmente dalle mire,ouer dal traſguardante. Egli è
ben uero, che chi poteſſe ueder la balla, nel motoſuoſenza dubbio giudicarebbe
talballa per un communſpacio eſſer andata rettiſſima,perche il noſtro ſenſo non è,
atto,ne ſufficiete à diſcerner tale obliquita,ſi come occorre,guardando l'acqua del
mare quado è quieto,la quale per una gran diſtantiane pare perfettamétepiana,
e nondi
- - p R I M o I2
e nondimeno, per mezo della ragione ſappiamo eſſer all'oppoſito, cioè ſpberica,
è però nelli gindici fatti ſecondo il ſenſo del uedere, molte uolte s'ingannamo.
S.D. Le ragioni uoſtre ſon buone certo,pur mi pare molto diſtranio a dire,che una
balla tirata da una talmacchina, e con tanta uehemétia,nò uada alquanto per
linea retta, ma pur conſiderando anchor che in tal obliquo uerſo la grauita della
balla è molto piu atta a far declinar, ouerà tirare la detta balla uerſo terra, che
in ogni altra eleuatione, mifa credere che uoi diciate il uero. Ma tirando quella
alquanto eleuata dauanti, penſo & tengo per fermo che quella debba andar per
alquanto rettaméte per aere,perche la grauita di talballa tirandola in ſimil uerſi
eleuati è manco atta a far declinar la balla uerſo terra di quello ch'è tirandola è
liuello. N, Voſtra Eccellentia dice ben il uero,che la grauita della hallanò è tan
toatta d ouiar il moto di quella,nelli tiri eleuati, quanto che nelli tiri equidiſtanti
all'orizonte, cioè aliuellati, ouer diponto in bianco(come dicono li bombardieri)
per due cauſe, l'una pche in tal ſito (come nel principio fu approuato)ui è maggior
A
grauita, l'altra perche la detta grauita tira la balla perpendicolarmente ſopra i
moto, oueri" di quella uerſo terra, ilqual modo da tirare è piu uigoroſo, è
gagliardo, che in ogni altra eleuatione,perche eleuadola gradataméte,etta grada,
tamente la detta grauita,ſi ua accoſtadouerſo il ſuo paſſaggio, cioè che noui cade
coſi perpeticolare ſopra il detto moto,ouer paſſaggio, anzi ſempre ſi ua piu reſtrin,
ède uerſo quello:ilche la famen uigoroſa,ouermengagliarda è tirar detta balla
i" deluiaggio,ouer moto ſuo, 6 oltra di queſto(come in principio fu dimoſtra
to) quanto piu ſi ua eleuando tanto piu li tiri ſuoi ſono men curui, tamen mai
ponno eſſer per alcuna ſua parte perfettamente retti, eccetto nelli ſopradetti due
uerſi,cioè rettaméte inſuſo uerſo il cielo, ouerrettamete ingiu uerſo il centro del
mondo, perche in ogni uerſo ui è alcuna parte degrauita quale ſempre tira la det
taballa ſuora del ſuo uiaggio,ouer fuora del ſuo paſſaggio, ouer moto,eccetto che
nelli predetti due uerſi,cioè rettamente uerſo il cielo,ouerrettaméteingiu uerſo il
centro del mondo,nelli quali due uerſi la dettagrauita(ſi pur ut è grauita)uien à
tirare la detta ballarettamente ſecondo l'ordine del ſuo uiaggio,ouer moto, º no
fuora di quello,come per la ſottoſcritta figura facilmete ſenza altra loga dimoſtra
tione ſi puo coprehédere,et coſinelli tiri abbaſſati,come nelli eleuati ſupponedo.a.
la bocca del pezzo, doue ſia uſcita la balla.b.& lagrauita di talballa.b.la ſuppo
neremo in forma del perpendicolo.c.ilqual perpendicolo,ouer
grauita.c.in ogni uerſo ſempre
il centro del mondo,cioè ua tirado la detta balla
perpendicolarméteuerſo uerſo
terra,onde (È SS
argumentando,come nel tiro aliuellatofu fatto, ſara manife
ſto qualmente in nell'altro uerſo che è nelle due ſopradetti, la
29 si

billa tirata da dettacolobrina,ouer d'altro pezzo,no pue an C

dare alcuna minima parte del ſuo moto per linea perfettamè
teretta,ch'è il propoſito. S. D. Voi hauetiben difeſa la uo
ſtra ragione, queſto baſta per hoggi, come ſia ritornato da
Teſaro uoro che ſi faccia l'eſperitia di qſte uoſtre inuentioni. N a
. A 2 uſi e
- L I B : R : Or -

- è
a V E SMartinengo
II o I ICauallier
I I FAT T9 DAL
de Rodi a ,
- - s . . . . .
P Riore. Tirando un pezzo di artegliaria due uolte l'una dietro l'altra, è una
I medeſima eleuatione, di uerſo uno medeſimo luoco, etcargato ſempreegual
mente, domandoſi queſti due tiri ſaranno eguali. N, Senza dubbio ſaranno in
eguali,perche tirara piu lontanoalla ſeconda uolta che alla prima, P. Perchera
gione. N. Per due ragioni,la prima è queſta, che al primo tiro la halla ritrouera
l'aerequieto, 3 nel ſecondo la ritrouera non ſolamente tutto comoſſo dalla balla
tirata dal primotiro, ma anchora molto tendente,ouer ſcorrente uerſo al luoco do
ue ſi tira. Et perche egli è piufacile a muouere età a penetrare una coſa gia com
moſſa & penetrata,che una che ſtia ripoſata º quieta.Seguita che la balla tira
ta alla ſecoda uolta (per ritrouare men oſtacolo nel ſuo moto della prima)andera
molto piu lontano di quella tirata alla prima uolta. La ſeconda ragione è queſta,
che al primo tiro la poluere poſta nel pezzo, ſpeſſe uolte ritroua la canna alquan
to humida, maſſime quando che quel tal pezzo non fuſſe stato tiratogia alquanti
giorni, per laqualcoſa, la detta polueremo bruſcieratoſi preſto, come faria trouan
dotalluoco arido, º alquanto caldo d'una calidita temperata: laquel calidita,
ſuga alquanto la poluere d'ogni humidita che in leifuſſe: ilche la fa piu preſta, è
potente nell'abbruſciar, º pertanto non operera coſi uigoroſamente nel primo,
tiro,come faranelſecondo ſi che anchora per queſta ſeconda ragione alla ſeconda
uolta doueria tirar piu lontano che alla prima. P. Queſte uoſire ragioni molto
mi piacono, é uoglio che baſti per queſta ſera, a
º º- - .
- . i i -
º ,
- oyEsIT O, V. FATTo s DAL M ED ESIMO.

- P Rione. Hierſera uoi concludeſti, º con buone ragioninaturali approuaſti,che,


4 tirando un pezzo due uolte l'una dietro l'altra è una medeſima eleuatione,
& uerſo uno medeſimo luoco, º etiam egualmente cargato, molto piu tirara la
ſeconda uolta,che la prima, bor ue adimando, che continuaſſe per longo tempo è
tirare il detto pezzo a taleleuatione, º uerſo il medeſimo luoco, ſe continuamen
teanderia augumentandoli ſuoi tiri, N. Non ſignore, chel non ſeguiria queſto.
Tº. Ma perche uoi diceſti purbierſera,che per trouare l'aere cômoſſo, º alquanto
ſcorrente uerſo il luoco doueſ tira,etiam perche la poluere poſta nel pezzo, troua
il ",g3 ſutto, º alquanto caldo, che alla ſeconda uolta tiraria piu,
che alla prima,è pertanto quanto piu ſi ua tirando, tanto piu la halla uien à ritro
uare l'aere più comoſſo,è penetrato, etiam piu ſcorrente uerſo il luoco doue ſi tira
(per cauſa del tiri anziani)é ſimilmente la poluere, che ſi ua ricargando,ouer
rimettendo nel pezzo, continuamente ua ritrouando il luoco (cioè la canna del
pezzo)continuamente piu arida,etſutta, e piu calda, laqual calidita(come uoi
diceſti hierſera)ſuga la poluere d'ogni humidita, che in leifuſſe, per ilche talpol
uere ſi fa piu preſta nell'abbruſciavilaqualpreſtezza la nien a far piu potente del ,
e ---- ſolito,
P R I M. O. 13
ſolito. N, Egli è ben uero tutto quello, che dice uoſtra Signoria, ma uioccorre
un'altro accidente molto contrario, il quale è queſto: che per il continuo tirare il
pezzo cotinuamente piu ſi ua ſcaldando, º quato piu è caldo, tanto piu la canna
di quello ſi fa attrattiua,cioè,ſi come una uentoſa, quado è ſcaldata per la stoppa
abbruſciata dentro in quella, º perche la ballano è ſpulſata,ouer ſpinta d'altro,
che dalla exalatione aerea,oueruentoſa,eauſata dal ſalmitrio,onde facendoſi tal
pezzo continuamente piu attrattiuo,come ho detto,per il maggior caldo, quel me
deſimouiene à ſorbere, 3 a ritenere, º continuamente piu di quella uentoſita,
che doueria ſeruire al ſpingere la balla, è però ſcemando(gº continuamente pin)
la uirtu expulſiua nel detto pezzo,ragioneuolmentela balla cotinuamente debbe
uſcire menueloce,ouer piu debile, º coſeguentemente andarcótinuamente men
lontano.P. Q ueſta uoſtra ragion mi conſona molto ma chiſa,che quelli due acci
denti primi,che danno fauore, & aiuto al moto della balla, cioè la gran combuſtio
ne,ouer ſcorrentia dell'aere uerſo il luoco doue cótinuamente ſi tira,º lo uigore,
ehe ſi augumenta nella poluere, per cauſa del caldo,non ſiano ſufficienti è ſuppli
re à quel difetto attrattiuo cauſato dalla gran calidita del pezzo, º forſi piu,la
qual coſa eſſendo coſi,ſeguiria, che il detto pezzo tiraſſe ſempre d uno medeſimo
modo eſſendo tanto quello, che ui aggiungeſſe li detti due primi accidenti, quanto
quello,che uirobaſe il terzo, oueramente che tiraſſe continuamente piu, eſſendo
piu la augmentatione di detti due primi accidenti, della detrattiene del terzo.
N. Certamente il non ſi puo negare, che quelli due primi accidenti(cioè il rompi
mento dell'aere, cº quel uigor che accreſſe nella poluere)non diano grande aiuto
e ſuſcidio al moto della balla,ilqual aiuto,e ſuſcidio, egli e da credere, che per al
quato tempo ſuppliſca (º forſi dauantaggio)per quella uirtu expulſiua,che con
tinuaméte ua robando,ouer ſorbendo il pezzo, ſecodo che ſi ua ſcaldando,talmeu
te che forſi il terzo, º quarto tiroſaranno quaſi pari in bilancia, con il ſecondo,
ouer poco differenti,nòdimeno è longo andare,eglie da tenere, che li detti due acci
dentino potranno ſupplire al difetto del terzo accidente,per l'augmentatione del
grandiſſimo caldo,che câtinuamente ſi ua cauſando in quel tal pezzo, per ilcheil
detto pezzo, come di ſopra è detto,ſi fa continuamáte piu attrattiuo,e però conti
nuamente ua robando,ouerſorbendo piu di quella exalatione, che doueria ſpinge
re la balla, º per tanto queſto terzo accidente à longo andare uien à reſtar ſupe
riore alli detti due primi, º per queſto à longo andar tal pezzo uien à tirare mol
to manco delſolito. P. Ma chi refreddaſſe tal pezzo, con acqua(cioè gettandoui
dell'acqua nella canna) non credeti che tiraraue piu uerſo il medeſimo luoco.
N. Senza dubbio che tiraraue piu, quando che talpezzo reſtaſſe perfettamente
fredo, é aſciuto, ma raffredandolo coſi con acqua, il metallo ch'è caldo, ſorbe di
quell'acqua, 3 ſorbendola la riſolue in uapore aereo, ilqual uapore non potendo
ſtare nella canna è sforzato a uſcir di quella pian piano,ilgual uapore,quado chel
non portaſſe con fico alcuna humidita, º chel pezzo reſtaſſe di dentro ben aſciu
to,tal uapore doueria piu preſto augmentaril tiro in tal pezzo, che ſcemarlo:per
che di attrattiuo, b'eratal pezzo, per lo continuo uſcire di tal napore ſaria fatto
- , - - -- D expulſiuo,
º . L I B R o - - - - - -.

cxpulſiuo, ma perche taluapore e tutto humidita, onde ricargando tal pezzo,


quantunque para aſciuto nel metteruila pouere, il non puo eſſer che taluapore
bumido,non humidiſca alquanto la poluere, perche non fara tanto uigoroſo il ſuo
effetto, quanto faria ſital pezzo ſi laſciaſſe sfredire per ſe steſſo ſenza metterui
acqua. P. Voi me haueti molto ſatisfatto queſta ſera, ma per eſſer hora tarda,
uoglio, che queſto baſti. . - -

o yEsiTo. VI. FATTO DAL MEDESIMo.


Riore. Quale la cauſa, che dandoſi piu quatita di poluere del ſolito è un pez
zº d'arteglieria quella percuoterapiu alto del ſegno, doue che prima con men
poluereuitirauarettaméte de mira.N, Q ueſto procede,ch'il moto,ouero paſſag
gio di talballa tirata con piu poluere,e manco curuo,che quel di quella tirata con
men poluere,cº la differentia di queſte due curuita piu ſi dimoſtra,ouer che piu ſi
fa apparente nel fin del moto,che in ogni altro luoco,però che quel paſſaggio,ouer
moto,ch'e men curuo,ſempre ſi eſtende, º procede di ſopra è quello, ch'e piu cur
ºo, º quanto piu elongo il tiro,tanto piu la percuſſione del men curuoſara piu al
ta di quella del piu curuo, perche il paſſaggio, ouer moto men curuo piu ſi accoſta
al paſſaggio, ouer motoretto,di quello, che fa il piucuruo, & perche il tramito,
ouer paſſaggioretto, cioe quello, che ſi eſtenderettamente ſecondo la rettitudine
della canna del pezzo in qualſiuoglia uerſo, e ſempre ſuperiore a tutti li moti,
ouer paſſaggi obliqui di qualſiuoglia balla,che uiolentemete uſciſca di quel pez
zº in qualſiuogliauerſo. E però quel moto, ouer paſſaggio, che piu s'accoſta al
detto retto,ſempre uien à eſſer ſuperiore d quello, che men ui ſi accoſta, º perche
la balla tirata con piu poluere uſtiſce, º ua piuueloce di quella tirata con men
poluere,e però fa il motoſuo piuretto,ouer men curuo di l'altra,e per tanto la ſua
percuſſione e ſuperiore a quella di l'altra. P. Io non bene intendo queſto che uoi
- diceti, che il tiro fatto con piu poluere uamen curuo di quello fatto con men polue
re. Nºn uoletiuoi, che una balla tirata con un pezzo cargato con la ſua debita,
& coſueta miſura di poluere uadarettamente al luoco, ouer ſegno tolto de mira,
in una mediocre diſtantia.N.Anzi queſto il nego,cioe, che talballa uada perli
nea retta al ſegno tolto de mira,et queſto medeſimo paſſo fu da me diſputato un'al
tra uolta auanti della buona memoria dell'Eccellentia del Duca di Vrbinopa -
dreuecchio, cioè, che una balla tirata con qualſiuoglia pezzo di arteglieria, 3
per qualſiuoglia uerſò mai ua,ne puo andare alcunaminima parte del ſuo moto,
ouer paſſaggio per linea perfettamente retta, ſaluo che non la tiraſſe rettamente
uerſo il cielo,outrrettamente uerſo il centro del mondo. P. Comprehendo, he uoi
diti la uerita, perche ſi quella andaſſe alla prima rettamente al ſegno, per darui
poi piu quantita di poluere, ragioneuolmente non doueria dar di ſopra del ſegno,
anzi doueria pur dar nel medeſimo luoco, doue che prima con men poluere percuo
teua, & per queſto ui ho fatto il preſente Q ueſito,perche mi pareua diſtranio,che
per darui piupoluere la balla doueſſe aſcendere di ſopra alla rettitudine, nondime
nodiman da ſera uoro che diſputiamo meglio queſta materia,perche la mi piace.
g ueſito,
P R I M O. I4
Q VESITO. VII. FATTO DAL MEDESIMO.
Riore. Hierſera uoi concludeſti, º con buone ragioni naturale uoi dimoſtraſti
: qualmente una balla tirata da una arteglieria,mai uaper linea retta in parte
alcuna,ſaluo che rettamente uerſo il cielo, ouerrettaméte uerſo il centro del mon
do. Hor ue dimando donde procede, che tirandoſi ad alcun ſegno di mira, alcuna
fiataſi da preciſamente in brocca, cioe nel ſegno tolto di mira,alcun'altra fiataſi
da diſotto, di alcun'altra di ſopra dal ſegno. N. Tutto queſto procede dalle mire,
percheſi la mira dauanti è preciſamente tanto alta, quanto quella di dietro,cioe,
che l'una, º l'altra ſiano egualmente lontane dal fondo deluacuo della canna di
tal pezzo, º che colui,che uol tirare ad alcun ſegno,incontri col ſuo occhio preci
ſamente il detto ſegno con le due mire, cioe con l'eſtremita di quelle ſempre in tal
caſo dara alquato di ſotto dal ſegno,º quato piu il detto ſegno ſara lontano,tan
to piu baſſa ſera la botta, 6 econuerſo,cioe, che quato piu ſera propinquo il detto
ſegno,tato men baſſa ſera la detta botta. Queſto medeſimo, e con maggior diffe
rentia,ſeguiria quado che la mira di dietrofuſe piu baſſa,ouer piu corta di quella
dauai, dico piu corta in riſpetto al fondo del uacuo della canna del pezzo. P. N5
u'intendo. N. Accio meglio me intendiati uoglio ponere figuralméte la ſottoſcrit
ta arteglieria con le due mire.c.&.d.le qual due mire poniamo in queſto caſo,che
ſiano eguali, cioe, che le due eſtremita di quelle(cioec.gr.d.) ſiano egualmente
diſtante dal fondo del uacuo della canna, º con queſte due mire ſia incontrato il
ponto.e.cioe ſupponiamo,chelponto e ſia il ſegno, che habbiamo tolto de mira per
tirarui, hor dico in queſto caſo, che neceſſariamente ſempre ſi dara alquanto piu
baſſo del ſegno, ci ſia tal ſegno lontano,ouer propinquo quanto ſi uoglia. Perche
la noſtra linea uſuale(qualſia la.c.d.e.) ſempre procedera, ouero ſi eſtendera
egualmente diſtante aluacuo della canna,ouero alla linea,che ſia protratta retta
mente in longo, ſecondo l'ordine del uacuo della canna, ouer centro di quella, la
quale in queſto caſo pongo ſia la linea.fg.& perche il pontog è neceſſario eſſer
piu baſſo del ponto e pertanto quanto ch'è dal ponto, dal centro della canna, ſi
uede adunque, che ſi la balla andaſſe perfettamente per linea retta, in queſto caſo
lei percuoteria di ſotto dal ſegno,cioe in ponto.g.ma per eſſer ſtato dimoſtrato, che
in ſimiltiri la balla maiua per linea perfettamente retta, ma ſempre per obliqua,
ouer curua, ſeguita di neceſſita, che talballa dia, ouer dara di ſotto dal ponto.g.co
me ſaria a dire in ponto.i.cº perche ogni commune intelletto,ſenza altra dimo
ſtrattone, confermera in queſto caſo, che quanto piu ſara lontano il detto ſegno.e.
tanto piu baſſo ſera il ponto.i perche il paſſaggio,ouer moto curuo continuamente
ſi ua piu curuando uerſo terra,ch'è il primo propoſito.
-- C. ro , nNEARvIsvALE : E
- - e- grTi NF – –

ei
s:zzi tg:
aVH =
- - -
- =1
-
D i il ſecondo
º L I B R O
Il ſecondo propoſito(cioe,che ſe la mira dauanti ſarapiu alta,che quella di die
tro, che ſimilmente la botta ſempre dara piu baſſa del ſegno, º in ogni uerſo, 6
molto piu baſſo di quellofaria con le mire eguali, º queſto ſenza altra dimoſtra
tione è manifeſto, come per la figura ſottoſcritta ſenſibilmente ſi uede, è però ſo
pra di cio non diro altro, ſaluo che queſti due eſempi, quantunque ſiano dati nel
tirar aliueloſi debbe intendere il medeſimo ſuccedere in ogni altro uerſo.
a i , - - -

e º - - A : - -

si - a i - s

WAS5
-

E ºiE

2 - - -

v P a 1 o R E. Q ueſti due uoſtri eſempi,gli ho inteſo beniſſimo ſi che uegniamo


pur all'altra parte, cioè doue naſce,che molte uolteſi da in brocca, et alcuna fiata
di ſotto dal ſegno. N. Detta la coditione, º qualita delle botte, che occorre, quan
do che le due mire ſono eguali, º etiam quando,che la mira dauanti è piu alta di
quella di dietro(cioe,che in l'una, º l'altra ſempre è di neceſſitaſi da diſotto dal
ſegno.)Hor reſta ſolamente à narrare le conditione, º qualita delle botte, che
puo occorrere quando che la mira dauanti ſia alquanto piu baſſa, cioe alquanto
piu corta di quella di dietro,cº queſto piu baſſa, ouer piu corta ſi debbe intendere
ſempre(come di ſopra fu detto)in riſpetto al fundo deluacuo della canna del detto
“pezzo. Dico adunque, che quado la mira dauanti ſera alquato piu baſſa di quella
di dietro in tal caſo puo occorrere, che alcuna fiata ſi dia in brocca,et alcun'altra,
che ſi dia di ſopra, e alcun'altra di ſotto dal ſegno. P.Tercheragione. Ne Lara
igion è queſta, che ogni uolta, che la mira dauanti ſia alquanto piu baſſa di quella
di dietro (per la quinta petitione di Euclide) la noſtra linea uſuale è neceſſario
concorrere con la linea retta,che procede rettaméte ſecondo l'aſſis deluatuo della
“canna, º perche il paſſaggio, oueruiaggio, qual debbe far la balla(quantunque
“il non ſia retto, necheuada realmente per la detta linea che procede rettamente
ſecódo l'ordine dell'aſſis del uacuo della canna del pezzo)tamen per molto ſpacio
ua quaſi citinuo con quella,ouer poco lontano da quella. E per tanto talſegamen
topuo eſſer in talluoco che la medeſima linea uiſuale ſeghera anchora il paſſag
'go, oueruiaggio qual debbe farla balla.(Et queſto accadera quando che la mira
dauanti ſera piu baſſa del douere riſpetto a quella di dietro)é puo anchora eſſer
in tal luoco,che noſolamente la detta linea uſuale non ſeghera il detto paſſaggio,
ouer uiaggio, ma anchora non lo toccara, e queſto accadera quando che la mira
dauanti non ſera à ſufficientia piu baſſa di quella di dietro. Anchora puo eſſer in
talluoco che tallinea uſuale ſera contingente con il detto paſſaggio, ouer uaggio
qual debbe far la balla, º queſto occorrera quado che la mira dauanti hauera la
ſua debita di cduenéte baſſezza riſpetto alla mira di dietro, ſiper ſorte adunque
e - i i la noſtra
- - - - P R I M . O, 15
la noſtra linea uiſuale ſeghera il detto paſſaggio, oueruiaggio qualdebbe far la
balla, é che per ſorte anchora il ſegno che ſituol de mira,ſia preciſamete nel pon
to di talinterſecatione ſenza dubbio la balla dara preciſamente in brocca, ma ſi
per caſo il detto ſegno ſera di dentro da talinterſecatione, cioe piu inuerſo il pez
zo,talballadara ſempre alquato di ſotto dal ſegno,cioe dalla brocca di quello, 3
quanto piu il detto ſegno ſera remoto, ouer lontano da talinterſecatione, cioe piu
uerſo il pezzo,tanto piu baſſo dal ſegno,ouer dalla brocca di quello,dara la detta
balla. Ma ſi per caſo il detto ſegno ſera alquanto fuora della detta interſecatione,
cioe alquato piu alta detal interſecatione,tal balla dara di ſopra dal detto ſegno,
e qaanto piu ſera da quello lontano(per un certo ſpacio)tanto piu dara di ſopra
da quello. P. Non u'intendo troppo bene. N. Poniamo per figura la ſottoſcritta
arteglieria, 3 le due mire di quella ſiano.c.gr.d.& ſia la mira.d.piu baſſa della
mira.c.& ſia la linea che procede rettamente ſecodo l'ordine dell'aſſis deluacuo
della canna, la.fg.cº ilpaſſaggio, ouer uiaggio qual debbe far la balla la linea.
b.i.o la noſtra linea uiſuale quella che procede rettamente ſecondo l'ordine delle
due eſtreme ponte delle due mire.c &.d.la qual neceſſariamente (come è detto)
ſeghera la linea.fg.6 pertanto poniamo anchor che quella ſeghi la detta linea.
b.i.in ponto.k (come diſotto apparin figura)hor dico,che ſe il ſegno che ſi tuol de
mira ſera preciſamente in ponto.k.talballa dara preciſamete in brocca, ci ſi per
caſo il detto ſegno fuſſe di dentro di talinterſecatione, cioe in uerſo del pezzo,co
me ſeria è dire in ponto,m.talballa dara ſempre alquato di ſotto dalla brocca del
detto ſegno, perche per tutto talluoco, ouer ſpacio il paſſaggio della balla paſſa
ſempre di ſotto dalla noſtra linea uiſuale, º quanto piu remoto ſera il detto ſegno
dal ponto.k.cioequatopiuſerauerſo il pezzo, tanto piu baſſa ſera la detta noſtra
botta, nientedimenotalbaſſezza in un ſimilcaſomai puo eſſereguale alla diffe
rentia, che è dall'eſtremita della mira dauanti, cioe dal ponto.d.al centro del foro
del pezzo,oueruacuo della canna, la qual differentia è circa alla meta della groſ
Iſezza del pezzo nella parte di dietro, cioe nella culatta,è pertanto,eſſendo il ſe
gno doue ſi tira de mira di qua da talinterſecatione, il bombardiero è ſoggetto d
poco errore(per conto delle mire.) Ma quando tal ſegno fuſe alquanto fuora di
tal interſecatione, come ſeria a dire in ponto.l.talhalladara di ſopra dal ſegno,
perche per un longo tramito,ouer ſpacio, il paſſaggio della balla paſſa di ſopra dal
la liuea uſuale, è però quanto piu lontano ſera il detto ſegno dal ponto.k, per un
“longo ſpacio,tantopiu altaſera la botta, uero è,che à longo andare la balla con il
paſſaggio ſuo curuo,ouer naturale ritornera à ſeghare un'altra uolta la noſtra li
nea uſuale, perche la noſtra linea uſuale.c.d.kl procede in infinito rettamente,
e la balla per il paſſaggio.b.ki.non procede in infinite, anzi contempo ua man
cando, ci ſi ua ſcurtando uerſo il centro del mondo,gi finalmente ſi redrizzaret
tamente di moto naturale(non trouando reſiſtentia)uerſo il detto centro del mon
do, è però egli è neceſſario che a longo andare che la ritorni con il paſſaggio ſuo d
“interſecarſe un'altra uolta con la noſtra linea uſuale, è però ſe il detto ſegno fuſe
-
tanto, i tato lontano,cioetato oltra la prima interſecatione fatta in
-
nºi COe
L I B R O -

i!"artefuſe
-

"luoco anchora preciſamente in quell'altra ſeconda interſecatione, ſº


coſi i" ſi daria preciſamente in brocca perche ogni uol
ti che la noſtra linea uſuale ſeghi il paſſaggio della balla , egli è neceſſario che la
ſeghi quello in due luoghi l'uno dequali,ºe il primo, no puo eſſer molto lontano,
mi, l'altro,cioe il ſecondo è neceſſario che ſia molto, è molto lontano, cºº quaſi in
fine del ſuo motouiolente, é tal hora potriº eſſernel ſuo moto,ourpaſſaggio na
turale, è però in tal caſo eſſendo ilſegno che ſi tuol di mira, in qualſiuoglia di
queſti due luoghi,ouer interſecationi, neceſſariamente ſi daria in brocca.

PR 1 o R n. Q ueſta speculatione molto mi piace, º è molto bella, mani ho


troppo ben inteſa queſta ultima particularita che mi haueti detta, cioe che in due
ſegni poſti in due diuerſi luoghi, ui ſi poſſa tirar, º dar de mira, è però datime
un'eſempio ſi poſſibilè in figura, perche à me pare che tal coſa non ſia poſſibile.
TN. Sia eſempi gratia la ſottoſcritta arteglieria con le due mire.c.gr.d.ſecondo il
propoſito,cioe che la mira.d ſia talmète piu baſſa della mira.c.che la noſtra linea
uiſuale ſeghi ilpaſſaggio,ouer uiaggio qual debbe far la balla,et ſia tutto il paſſag
gio,oueruiaggio che babbia fatto,ouer chefaria la balla (nò trouando reſiſtentia)
di moto uiolente tutta la linea.h.i.k.l.m. & la linea.m.n.ſia parte del paſſaggio,
oueruiaggio che quella habbia fatto,ouerfaria di moto naturale, hor dico, che ſi
la noſtra linea uſuale(procedete per l'eſtremita delle due mire.c.gr.d.)Seghera
il detto paſſaggio, oueruiaggio.h.i.k.l.m.n. & quella procedendo rettamente in
infinito(per le ragion di ſopra adulte)egli è neceſſario che la interſeghital paſſag
gio,oueruiaggio in dueluoghi, cioe uno nella parte retta(ouer men curua.)b.t.k.
cº l'altro nella parte curua.k.l.m.ouer nel paſſaggio naturale.m.n.hor ſupponia
mo che nella parte retta.h.i.k.laſeghi in ponto i 3 nella curua in ponto.l.(come
nella figura appare)concludo adunque che ſe il ſegno tolto de mira ſera in qualſi
uoglia delle dette due interſecationi, cioe in ponto.i.ouer in ponto.l.neceſſariamen
te la balla dara preciſamente in brocca, quando ch'il detto ſegno ſera piu in fuora
della prima interſecatione, cioè dal ponto.i per fin al ponto.k.tanto piu alta ſera
detta botta, ma quantopiu oltra al detto ponto.k per fin al ponto.l.ſera il detto ſe
gnotato men alta ſera la detta botta,ma quado che il detto ſegno fuſe per alqua
to oltra al ponto.l.tal botta neceſſariamente dara di ſotto dal ſegno, di quado tal
ſegno ſera molto oltra al ponto.l.la detta balla non potra arriuare al ſegno, come
(per ragion naturale)credo,che quella poſſa facilmete coprehédere. P. Côprehen
doch'egli è troppo il uero. Et certaméte qſta è stata una bella Speculatione, è però º
non uoglio che piu ui affaticati per queſta ſera, diman da ſera direti poi il reſtante.
glueſito
-

p R 1 M o. I6
º -serremezº e

Q y ESITO. VIII. FATTO DA L MEDESIM o


P Riore. Horſeguitiamo la materia de hierſera. N.hierſera(ſi ben mi arricor
do)fu detto tutti gli effetti,ouer botte che puo occorrere, quado che per la mol
ta cortezza, ouer baſzza della mira dinanzi riſpetto a quella di dietro, la no
ſtranea uſuale ſeghera il paſſaggio,ouer uiaggio qual debbe far la balla. Et que
ſta ſera uoglio dichiarire tutti gli effetti,ouer botte, che puo occorrere, quando che
la detta mira dinanzi non è talmente piu corta, ouer baſſa della mira di dietro,
quanto vi ſi cou gneria,per la qual cauſa, la noſtra linea uiſuale no procede tanto
al baſſo che ſi poſſa cogiungere con il paſſaggio, ouer uiaggio qual debbefar la bal
la, è però in ſimil caſo, ſempre la balla dara di ſotto dal ſegno, perche per tutto tal
lu co,ouerſpicio, il paſſaggio della balla paſſa di ſotto della noſtra linea uſuale,
ue oè, che u è un certo luoco, nel quale la noſtra linea uiſuale piuſi appropinqua
al detto paſſaggio della balla che in ogni altro luoco,è pertanto,ſi per caſo il ſegno
doue ſi tira dem ruſera nel detto 'uoco, à ben che la balla dara di ſotto da quello
pur uidara piu propinquo che in ogni altro luoco eſempigratia ſia per figura il ſot
toſcritto pezzo di artiglieria: le due mire del quale ſiano.c º .d. & ſia il paſſag
gio della balla la linea.b.i k & ſia pur la mira dinanzi,cioè la.d.alquato piu cor
ta,ouer piu baſſa della.c.ma in tanta poca quantita che la linea uſuale che paſſe
ra per l'eſtremita di quelle (quale ſia la linea.c.d.m.l.)non tocchi il detto paſſag
gio.h.i.k & ſia il ponto.m.il luoco di tallinea piu propinquo al detto paſſaggio di
qualunque altro, hor dico, che ſi per caſo il ſegno che ſi tuol de mira ſera in pon
to.m.la balla dara pur di ſotto dal ſegno, cioe daria in ponto.n ma purui dara piu
propinquo che in qualunque altro luoco, perche ſi talſegno fuſe piu di la dal pon
to.m.(come ſeria a dire in ponto.l.)ouer di qua (come ſeria d dire in ponto.o) ſem
predara piu baſſo, uero è ch'egli è ſºggetto a maggior errore di la, che di qua dal
detto ponto.m.(come di ſotto nella figura appare.) P.'Non piu che ui ho inteſo be
niſſimo, circa d queſta parte.
- L I B R O
o yEsITO. IX. FATTO DAL MEDESIMO.
P Riore. Horſeguitatila ultima parte di queſta propoſta materia, cioe quando
che la mira dauanti hauera la ſua conueniente cortezza,ouer baſſezza riſpet
to à quella di dietro. N. Q uando che la mira dauanti ſara talmente piu ſcarſet
ta,ouer piu baſſa di quella di dietro, che la noſtra linea uſuale che paſſera per le
eſtremita delle ponte di quelle,nel tuor la mira delle coſe, uada ſolamente à tocca
re è non ſegare il paſſaggio,ouer uieggio qual debbe far la balla(come nella ſotto
ſcritta figura appare in ponto.m.)cº tutta la diſtatta che ſera dalla bocca de tal
pezzo al ponto detal toccamento che nella ſottoſcritta figura ſeria la linea.b.m.
tanto ſi potra dire con ragione,chetal pezzo tiri de mira, perche ſi per caſo il ſe
gno che ſi tuol de mira ſi trouera à eſſere nel ponto di tal toccamento, la balla da
ra preciſamente in brocca,ma eſſendo fuora di tal toccamento,cioe fuora del pon
to.m.la balla ſempre dara alquanto di ſotto di tal ſegno, cioe di ſotto dalla brocca
di quello, º tanto piu quato piu ſera remoto il detto ſegno dal detto ponto del toc
camento.o ſia di la, ouer di qua da quello. Vero è, che eſſendo di qua,cioeuerſo
il pezzo,talballa non puo dar molto baſſa, perche talbaſſezza mai ſi puo aggua
gliare a l'altezza della mira di dietro, che puo eſſere circa alla meta della groſſez.
za del pezzo nella culatta di dietro (come fu detto anchora iu fine del Settimo
queſito)è però in tal caſo ſi è ſuggetto d poco errore in riſpetto a quello che potria
occorrer quando che il ſegno fuſe di la dal ponto del detto toccamento, come ogni
communintelletto puo conſiderare. P. Perche uoleti coſì attribuire alla diſtantia
delſopradetto ponto del toccamento che ſia il tirar de mira di tal pezzo, º non
alla diſtantia del ponto della interſecatione, nel quale eſſendoui il ſegno, la balla
da medeſimamente in brocca,ſi come fa nel ponto del toccamento, come fu dimo
ſtrato nel Settimo queſito. N.TPerche il ponto dell'interſecatione non ha luoco de
terminato, ma puo occorrere in infiniti luoghi, ſecondo li infiniti modi, che la mi
ra dinanzi puo eſſer diſoperchio piu corta di quella di dietro, ma il ponto del toc
camento non puo occorrere, ſaluo che in un lmocoſolo, il qualluoco è il piu lontano
della bocca del pezzo di qual ſi uoglia altro, doue occorrer poſſa la noſtra linea
uiſuale con ilpaſſaggio, oueruiaggio qual debbe far la balla, eſſendo adunque il
piu lontano concorſo di cadauno deli altri concorſi,che ſi interſecano, º il manco
uariabile: per tale ragioni a me pare,che piu meritamente à quel ſi debbia attri
buire tal dignita,che ad alcuno di ponti dell'interſecationi. P.Voi haueti ragione,
ci queſta con le due paſſate ſono state tre belle lettioni.

, - e «A -- q ueſito
P R I M o. 17
Q yESITO X. FATTO DAL MEDESIMO.
D Riore. Fin qua mi haueti fatto chiaro, donde procede la cauſa, quando che gamo
tirando de mira è uno ſegno alle uolte da in brocca,alle uolte di ſopra, º alle
molte di ſotto del detto ſegno,hor uoria ſapere da che procede, che alcune uolte da
molto coſtero dal detto ſegno tolto di mira. N. Queſto puo procedere per due cau
ſe,l'una è per le mire,le qual alle uolte l'una, ouer ambedue non ſera preciſamen
te nella mezzara del pezzo, cioe nel mezzo della parte ſuperiore del pezzo, per
ilche talpezzo è sforzato a percuotere coſtero,perche ſe la mira di dietro ſera fuo
ra del detto ponto di mezzo: poniamo uerſo la noſtra man deſtra, etiam il detto
pezzo dara coſtero alla medeſima banda deſtra del ſegno, che ſi tuol de mira, º
ſi la detta mira di dietro ſera fuora delponto di mezzo, ci uerſo la man ſiniſtra,
etiam il detto pezzo percuotera coſter5, & uerſo la medeſima parte ſiniſtra. P:
A me pare,che doueria eſſer al contrario di quello che haueti detto, cioe che ſe la
mira di dietro ſia fuora delponto di mezzo, º uerſo la banda deſtra, che il detto
pezzº ueria tirar coſterouerſo la banda ſiniſtra. N.'Non Signore,anzi egli è,co
me habbiamo detto, é accioche quella per ragione ne ſia certa, poniamo eſempi
gratia,il ſottoſcritto pezzo, che la mira di dietro.c ſia alquanto fuora del ponto di
mezzo, 9 uerſo man deſtra, º che la mira.d.dinanzi ſia iuſtamente nel ponto
di mezzo, º il ſegno incontrato,ouer tolto di mira con le dette due mire poniamo
ſia il ponto.e.ilqual ponto.e.egli è neceſſario, che ſia diſcrepante, ouer diſcoſto dal
utaggio, che debbe farla balla, é uerſo la banda ſiniſtra, come di ſotto in figura
appare, ſupponendo che la linea fg ſia il uiaggio, ch leue far la balla. Eſſendo
adunque il ſegno.e.diſcoſto a banda ſiniſtra deluiaggio, che deue far la balla, ſe
guita cheluiaggio che deuefar la detta balla paſſi diſcoſto dal detto ſegno, º uer
ſola banda deſtra di quello,come nel ſottoſcritto eſempio ſi puouedere, º molto
piu ſeguiria tal effetto ſi la mira.d.dinanzi fuſſe anchoraleifuora del detto ponto
di mezzo, ma uerſo l'altra banda, cioeuerſo la banda ſiniſtra. -

-
- . -

Lº ſeconda cauſa, che puo canſartal effetto,oner inconueniente puo procedere


M-deluacuo della canna,il qualmolte uolte non è trinellato, ouer gettato dritta
mente nel mezzo del mettallo, cioe, che talforo non è perfettamente nel mezzo
del mettallo,anzi da una banda ui è piu ſottile,ouer piu groſſo, che non è dall'al
tra talmente, che ſi ben le due mire fuſſero collocate, º aſſettate perfettamente
melli ponti di mezzo dela parte ſuperiore del mettallo, tal pezzo neceſſariamete
º E tirara
-

a L I B : R O
tirara coſtero, perche ſiben le mireſono nelli ponti del mezzo del ſuperiormettal
lonò ſono ſopra la mezzaria del foro, º per queſta cauſa da coſtero,onde per re
mediar à talinconueniente, egli è neceſſario con induſtria ritrouare doue batte la
mezzaria del foroſi di dietro come dinanzi, ci iuiaſſettarui le mire: & leueraſſi
talinconueniente il detto pezzo, per trouar la mezzaria del dettoforo,li bombar
dieri coſtumanod retrouarla(per quanto ho inteſo da alcuni)con due liſte, ouer
cantinelle egualmente larghe, º rettiſſime,º una ne caſciano nel pezzoretta
mente per ilfondo della canna, e l'altra di fuora ſopra il pezzo, ci incontrano
una parte di quella di ſopra ilpezzo con quella parte, che auanzafuora della boc
ca del pezzo di quella,che ua per dentro il pezzo, ci coſi doue batte il mezzo di
quella di fuora ſopra il pezzzoſi di dietro, come dinanzi ui pongono l'una,o l'al
tra mira,il qual modo per eſſer aſſai ſpediente, é di poco artificio, non è da biaſi
mare, quantunque per altre uie ſi potriano inueſtigare. P. Non ſi potria trouare
il modo di aggiuſtarle dette mire ſenza altra induſtria di dette liſte, maſolaméte
nel tirar continuamente il pezzo.'N,Si potria ſi,cioe ſe il pezzo deſſe coſtero,po
miamo uerſo la banda deſtra delſegno, ſpingido la mira di dietro alquato uerſo la
parte ſiniſtra, º ſi percaſo lui percoteſſe coſterouerſo la banda ſiniſtra del ſegno,
ſpingere alquato la detta mira di dietro uerſo la banda deſtra,et coſi andar facen
dotato che ſi ritroui il perfetto luoco di talmira,et ritrouato che ſia,far intalluo
co un ſegno ſtabile(ſi talmira fuſſe coſa mobile)accioche un'altra uolta non ſi hab
bia cauſa è ricercartalluoco.P. Vi ho inteſo beniſſimo, 6 baſta per queſta ſera.
Q VESITO. XI. FATTO DAL MEDESIMO.
P Riore. Perche cauſa un pezzo di arteglieria quanto è piu longo di canna, tan
º topiu tira lontano. N: Q ueſtauoſtra propoſitione non è generale, cioe che
quanto piu è longo di canna un pezzo tanto piu tiri lontano. Anzi è da credere,
e da tener per fermo, che ogni ſpecie di pezzo, ui ſia una ſua certa, º determi
nata longhezza,coſi debitamente proportionata alla poluere, & balla che porta
quel tal pezzo, la quale ogni uolta che ſia preterita (in qual modo ſi uoglia) tal
pezzo ſempre debbia tirar manco,è pertanto dico, chi poteſſe hauer perfetta co
gnitione di queſta ſua proportionata longhezza in ogni ſpecie di pezzo no accade
ria à fare pezzi longhi, e pezzi corti di canna (ſaluo per neceſſità)perche ogni
uolta che una ſpecie di pezzo fuſſe fatto piu longo di quella ſua proportionata lon
ghezzi, ouer piu corto talpezzo ſempre tiraria manco(dico con una medeſima
quantita di poluere. P.Credo che uoi diciati il uero,perche uedo che a tutte le ſpe
cie de canoni, º altri pezzi corti, per tirarli ordinariamente ui danno di poluere
li due terzi di quello, che peſa la balla. Ma a tutte le ſpecie di colobrine, per eſſer
pezzi piu longhi di canna d cadauna ordinariamente per tirarla ui danno li qua
itro quinti di quello peſa la balla, º tutto queſto credo che facciano, perche dan
doli ſolamente li due terzi, come ſi coſtuma daralli canoni forſi che la non tiraria
tanto, come fanno li canoni. Ne Q ueſto è una coſa certamente,che io non ſapena,
i - & eſſendo
v

P R I O M. 18
e eſſendo coſi ho molto à caro hauerla inteſa. P. Anzi queſta è una coſa, che è
notiſſima ad ogni minimo bombardiero. N. Credo, che eſſendo coſi ui debba eſſer
nota d cadauno di loro. Ma io non ſo che materia ſia queſta, º molto mimarani
glio di Principi, che fanno gettartai pezzi con uno diffetto tanto euidente per uo
ler poi medicar quel tal effetto con ſuo gran diſcºmodo, di ſpeſa. P.Maſi ben que
ſte colobrine ui ſi da piu poluere di quello, che ſi fa alli canoni, tirano poi anchora
piu di quello fanno li canoni.'N Ne ha mai fatto far eſperientia uoſtra Signoria
di queſto. P.Io nò ho mai fatto far queſta eſperientia, nondimeno io ho per fermo,
che ſia coſi,perche etiam tutti li bombardieri hanno umiuerſalmente queſta opinio
ne, & non puo eſſer altraméte, perche eſſendo la colobrina piu longa di canna del
canone, 6 dandoli poi anchor piu poluere di quello ſi fa al canone, il non puo eſſer
altrameute,che la non tiri aſſai piu di quello che fa il canone, 6 la ſpeſano è tan
togrande, come uoi la fati, perche in uno canone da libre.2oo di balla ui ſi da or
dinariamente per tirarlo libre. 13.onze.4.di poluere, & alla colobrina pur da
libre.2o.di balla uiſi da ordinariamete per tirarla libre; 16.dipoluere, che ſaria
ſolamente libre.2.onze.3.de piu, ſi che queſta ſpeſa de libre.2.onze.8.depoluere
depiu è una miſeria. Ne ſono uoglio affermare, che la colobrina debbia tirar piu,
euer meno del ſuo canone per non eſſer tal coſa molto chiara, per nºi hauerſi perfet
ta notitia della ſua proportionata longhezza(detta di ſopra) ma ſi egli è il uero,
che la colobrina cargandola ſolamente con tanta poluere, quanta ſi da al ſuo ca
none,la non tiri tanto quanto fa il ſuo canone, io ſon certiſſimo che è uoler che la
tiri preciſamete tanto, quanto fa il ſuo canone, egli è neceſſario a porui dentro piu
poluere di quello ſi fa al canone, 6 tanto piupoluere ui uora,quato maggior ſera
la differentia di due tiri fatti con egual quantita di poluere, e pertanto concludo
che potria eſſer facilmente, che tirando la ſopra detta colobrina da.2o.con la pol
uere che ordinariamente ui ſi da de piu del canone, che quella talpoluere non ſera
forſi ſufficiente a farla arriuare à quel ſegno, che tira il canone,uero è che potria
eſſer anchora che da quelli primi, che determinarono, che ui ſi doueſſe dare li detti
quattro quinti di quello,che peſa la balla, ui la proportionarono forſi talméte con
la eſperientia, che la tiraſſe tanto, quanto fa il ſuo canone, e forſi piu,ma tal coſa
non ſi potria affermare,ne negare ſenza qualche particolar eſperietia,nondimeno
ſia come ſi uoglia ſi la detta colobrina,con la medeſima poluere,che ſi da al cano
ne non tira tanto, quanto fa il ſuo canone. Egli è un erroreuidentiſſimo, º è una
coſa rediculeſa, a dir poi diuoler rimediare è talerrore con dire: metteremo,ouer
daremo alquanto piu quantita di poluere alla dettacolobrina, accioche la tiri tan
to, quato fa detto ſuo canone,ouer piu di quello, laqual poluere,che ui ſi da di piu,
che la deſſe medeſimamente al detto canone forſi che tiraria molto piu della detta
colobrina.Circa alla ſpeſa,che ui ua depiu,qual ucſtra Signoria dice eſſer una mi
ſeria. Dico eſſer molto maggior di quello,che uoſtra Signoria ſi penſa percheſino
me inganno,facendoſi le dette colobrine piu longhe delli canoni,la ragion uole,che
ſi facciano anchor piu groſſe dimettallo. Ilche eſſendo,ui intra molto piu mettal
lo,che in uno canone, conſeguentemete debbono eſſermolto piugraue deliſuoi
» E i Call0ills
: : E I B : R: O- - - -

canoni,cº eſſendo piugraue,uogliono anchora(per condurle)piu numero di buoi,


ouer caualli, di quello uogliono li canoni,a maggior moltitudine dehuomini, che
gouerni quelli, etmaggior quatita diuettouaglia ſi per li animali,come per li huo
mini,che gouerna quelli oltra ilſtipendio, che à quelli ui ſi da per ordinario è dal
Principe,ouer da qaellicommuni, che li manda per comandamento del Principe,
ſi uede adunque da un picciolo errore fatto nel principio quanti ne ſeguita nel fine,
cºſi tali errori ſono aſſai in una colobrina da libre.2o.di balla, molto piu ſi tro
nera occorrere in quelle di.3o.4o.5o.&.6o.libre di balla, come ho inteſo da
bombardieri,che ſi coſtumano.P. senza dubbio che piumettallo intrain le colo
brine,che nelli canoni, ci conſeguentemente per condurle,uiua piu animali, 4
di queſto ne faccio una notta in un mio memoriale ſi del mettallo che un intra, 6,
iſua longhezza di cadauna ſorte pezzo,come delli animali, che gli ua à con i
durie.Ne Digratiauoſtra Signoria me ne dia la coppia, perche di queſte partico
larita ne potria forſi cauar con tempo qualche conſtrutto. P. Molto uolentieri,
portami qua quel mio memoriale, che è in la mia caſa. Seruo. Eccolo Signore,
T”. Horſcriueti coſi. - -

Vnfalconetto da libre.2.di balla di piombo ua longopiedi. 5.è mezo, et inati


louiintra communemente libre 4oo.& à condurlo ui uuol caualli para uno,
Vnfalcon da libre 6.ua longopiedi. 7.& uuol libre.89o.dimettallo, º per con
, durlo caualli para due. - . . . .
«Aſpidi da libre. 12.delaghezza di piedi.5.è mezo, uuol dimettallolibre. 13oo.
e & per condurli caualli para tre. º . . . . .
Sacri da libre. 12.dilonghezza di piedi. 8.uuol di mettallo libre. 14oo & per,
e condurli caualli para. 4. - ,
Sacri da libre 12 di longhezza di piedi. 9.uuol dimettallo libre.2 15oº per,
, condurli caualli para. 5. - - - e .
Sacrida libre. Io di longhezza di piedi 8.uuol di mettallo libre. 13oo & per
, condurli caualli para. 3. e

Colobrina da libre. 16.di balla di ferro di longhezza di piedi. 7.è mezo, uol di
e mettallolibre, 175o, 3 per condurla caualli para. 4.in.5. - -

Taſſauolante da libre. 6.dilonghezza piedi. 12.uol dimettallo libre.274o.cº.


per condurlo buoi para. 5. - . .

Colobrina da libre, 14 di longhezza piedi. 8.è mezo,uol dimettallolibre.2233.


a & per condurla buoi para. 5. - - - -

Colobrina da libre, o di longhezza piedi. 1o.uol dimettallo libre. 43oo.gº per.


condurla buoi para. 7. : ,

Vn canon da libre.2o di longhezza piedi. 7.uol dimettallo libre. 22oo.& per,


condurlo buoi para. 5. - - s

ſºn canon da libre.2o di longhezza piedi. 8.uol di mettallolibre,25oo & per


condurlo buoi para. 5.in.6. - . . . . . .v

Vna colobrina da libre.ºo.dilonghezza piedi uol dimettallolibre.


s & per condurla buoi para.8. - »

s' - s a - - - - Vm Canon
-. - - p R 1 M o. 19
Vn cdnon da libre.2o.dilonghezza piedi uol dimettallo libre 5 -
per condurlo buoi para. 6. - -

Vna colobrina da libre 5o di piedi. ro.è mezo, di longhezza uol dimettalloli


º bre.5387.3 per condurla buoi para. 12. e'

Et una colobrina pur da libre, 5o di longhezza piedi. 12. uol dimettallo li


--
º bre, 66oo. & per condurla buoi para. 14. - : . " --

Vn canon da libre.5o.di longhezza piedi. 8.è mezo,uol dimettallolibre.4ooo.


º & per condurlo para. 9.de buoi. -

Vn canon da libre. 1oo.dilàghezza piedi. 9.è mezo,uol dimettallolibre.88oo.


& per condurlo buoi para. 18. . . . . .. .
Canoni da libre. 12o. di longhezza piedi. 1o.uol di mettallo libre, 12459, &
per condurli buoi para.25. i , , , , , , , i

Colobrine da libre. 12o di longhezza piedi. 15.uol di mettallo libre. 13ooo.gr,


per condurle buoi para.28. - .
- . . è
N; voſtra Signorianò me ne dica piu,perche mi baſtaua della meta di queſti che
ho notati. P.Me ne reſta di dirui ſolamente ſei altri, è però compiteli, cioe ui ſono
anchora bombarde da libre.25o.di balla di pietra, di longhezza piedi. Io, è me
zo,che uol dimettallo libre.89oo.cº per condurle para.18.in. 19.di buoi.
Altre da libre. 15o.longhe piedi. Io che uol dimettallo libre.6146. & per con
durle buoi para. 12.
Altre da libre. 1oo.longhe pur piedi. 1o.che uol dimettallolibre.55oo.gº per
condurle buoi para. 1 1. - º ,

Altre pur da libre. 1oo. longhe ſolamente piedi. 8. è mezo, che uol dimettallo,:
libre.45oo, º per condurle buoi para. 9. s . .. .

Anchora ui ſono cortaldi da libre. 45.longhipiedi.7.che uogliono dimettallo li


bre.274o.& per condurli buoi para. 5. - . -

Vn'altra ſorte di cortaldi da libre.3o.longhi piedi 7.è mezo,uogliono dimettal


lolibre. 16oo.& per condurli buoi para.3.6 coſi faremo fine. 7,

TN.Le ſopra annotate libre ſono alla ſottile,ouer alla groſſa, e ſimilmente lipie
di ſono piedi alla miſura di Venetia, ouer maggiore, ouer minore di quella. P.Le
libre credo ſiano tutte alla ſottile, delli piedi non uel ſaprei dire, ma perche queſta
nota mi fu data a Barletta,potria eſſer che fuſſero piedi è miſura di quelle bande,
pur credo ſiano eguali d queſti. N, Hor non importa hauer la coſa tanto perſotti-º
lè,ma mi baſta bauer inteſo che in un canone da.5o.longo piedi. 8.è mezo, uol di
mettallolibre 4ooo. Et le colobrine pur da.5o.ui n'è una forte longa piedi. 12. -
che uol dimettallo libre.66oo.che ſaria libre.26oo.dimettallo piu del canone,
& queſtauol para.5.di buoi di piu di quello uol il canone, e li detti,5:para de
buoi credo uorranno.5.huomini che li gouerni, borguardatiſi queſto importa è
longo andare, oltra la ſpeſa della poluere che uol dipiu à ogni colpo che la ſiti
ra, P.La importa sì in una, ma molto piu importa in molte,cº certamente ſi fuſe
ſano neuorriaueder l'eſperientia per eſſer coſa molto importante ,

- gueſito
- L I B R O
Q yESITO. XII. FATTO DAL MEDESIMO.
Riore. Hierſera fu aſſai diſputato qualmente à ogni arteglieria l'eſſer troppo
longa di canna, º etia l'eſſer troppo corta nuoce alli tiri di quella, hor uorria
ſapere di quata longhezza ſi potria con ragion naturale determinare che doueſſe
eſſer la ſua canna, d douer eſſer debitamente proportionata alla ſua conueniente
miſura di poluere, & balla.'N. La ſua longhezza uorria eſſer tanta che in quello
iſtante che tutta la poluere compiſſe di eſſer riſolta in fuoco, in quel medeſimo la
balla ſi ritroui eſſer peruenuta preciſamente nell'eſtremita della canna, cioe pre
ciſamente alla bocca del pezzo, perche in tal iſtante tutta la uirtu eſpulſiua della
poluere uiene à operare nella balla nel colmo della ſua furia, ouer poſſanza, 3
dapoi che taluirtu ha operato nella detta balla, la detta balla non ritrouacoſa al
cuna,che ti impediſca,ouer che gli interrompa il moto eccetto che l'aere,è però deb
be andar piu in tal longhezza, che ſi tal canna fuſſe piu longa, ouer piu corta,
perche ſi la canna fuſſe piu corta,la balla uſciſte della bocca del pezzo innazi che
ſia compita di eſſer riſolta in fuoco tutta la poluere, è però tutta la urtu eſpulſiua
della poluere non uiene à operare nella balla, anzi parte di quella reſta uana, º
puo accadere facilmente, che molta poluere uſciſca ſana fuora del pezzo inſieme
con la balla,cioe poluere non tocca dal fuoco. Ma quando poi che la detta canna
fuſſe piu longa, in quel ſtante che compiſſe da eſſer riſolta in fuoco tutta lapolue
re, la balla in quel medeſimo non ſi trouacoſi preciſamente alla bocca del pezzo,
ma alquanto piu in dentro, è pertanto la detta balla nel colmo della ſua uelocita,
ſcorrendo per quella poca parte di canna che ui reſtaua à compire, la detta canna,
grandemente ui interrompe il ſuo moto, perche ogni uolta che un corpo immobile
tocchi alcun corpo che ſi muoua ſempre ui interrompe il moto, º tato piu, quanto,
che maggior parte, ouer per maggior tempo ua toccando quello. P. Viho inteſo
beniſſimo, di queſte uoſtre ragioni mi piaccono molto, neuoglio che procediamo in
altro per queſta ſera. - -

oyesITo. XIII. FATTo D AL MEDESIMO.


Riore. Hierſera uoi dimoſtraſti con buone ragioni di quanta lenghezza ſi po-,
tria con ragione determinare che doueſſe eſſer la longhezza della canna d'un
pezzo di arteglieria ad eſſere debitamente proportionata a la couentente miſura
della poluere,º balla che ſi coſtuma a dare d un tal pezzo,la qual miſura conue
niente il ſi ſuppone che ſia li due terzi di quello che peſa la balla. Horſe il fuſe,
unopezzo(poniamo uno canon da.2o.)che per ſorte haurſe quella ſua debita di
proportionata longhezza che ui ſi conuiene alle due terzi poluere di quello peſa la
balla, che gli deſſe poi piu poiuere, cioe piu delli detti due terzi di quello che peſa
la balla, un admandoſi talpezzo tirara piu del ſolito. Ne Senza dubbio che lui
tirara alquanto pm delſolito. P. Q ueſto ſaria contra alle ragioni da uoi hierſera
adutte, perche in queſto caſo la balla ſera uſcita della bocca del pezzo innanzi
che
P R I M O. 2o

che tutta la detta poluere ſia compita di riſoluerſi in fuoco,è però quella parte de
uigore, che ſera cauſato da quella tal parte di poluere di piu, dapoi che ſera uſcita
la balla della bocca del pezzo ſera fruſta è uana,è però tal pezzo non doueriati
rar piu, per talpoluere dataui de piu(reſtado il uigor di quella in tutto uano è fru
ſto) anzi doueria tirare ſolamente ſecondo il ſolito. N. Q uel uigore uentoſo, che
generera quella parte di poluere dataui de piu (dopo che la balla ſera uſcita dal
la bocca del pezzo) a benche lui non potra operare nella detta balla mentre che
quella ſera dentro della canna del pezzo, il non reſtera però di operare in quella,
dopo che ſera uſcita dalla bocca del pezzº, cioe in aere, perche tutto quel uento
che uien cauſato dalla poluere nella detta canna ſempre ſeguita per alquatouni
tamente la balla, anchor che la balla ſia uſcita per alquanto fuora della bocca del
pezzo, è però ui augmenta alquanto il moto, uero è che taluigor uentoſo non ope
rera tanto nel ſpingere la detta balla(per trouarla coſi fuora della detta canna)
come ſeria ſi la trouaſſe dentro nella canna, cioe che tal ſuo operare non ſera pro
portionale à quella quantita di poluere poſtain di piu, anzi ſera molto lontano di
tal proportione.T. Io non intendo queſto operar proportionale.'N, operar propor
tionale s'intende in queſto modo, poniamo eſſempigratia che queſto noſtro canon
da libreuenti, tirandolo d una data eleuattone con li due terzi poluere di quello
peſa la balla,tiri paſſa. 1ooo.tirandolo poi con tantapoluerequato peſa la balla,
la qual poluere ueneria à eſſere un tanto è mezo di quello era prima(cioedalli
due terzi)bordico, che ſi queſta poluere che uifuſſe aggiunta di piu operaſſe pro
portionalméte nella balla,talpezzo doueria tirare alla medeſima eleuatione pre
ciſamente paſſa. 15oo.cioe un tato è mezo di quello fece con li due terzi poluere.
Etio dico,che il pezzo in ſimil caſo non ſolamente il no tirariali detti paſſa. 5oo.
de piu, ma forſi che il non tiraria manco la meta di piu,cioe paſſa.25o. Ma ſuppo
miamo che lui tiraſſe li detti paſſa.25o.di piu (che in ſumma ſeria paſſa. 125o.)
Anchora dico, che tiraſſe il medeſimo canone co un'altro terzo di poluere di piu,
cioe con tanta poluere quanto peſa la balla, º un terzo piu, che ſeria quattroter
zi queſto ſecondo terzo non accreſceria il detto tiro tanto quanto fece il primo ter
zo, cioechel non accreſcera quelli paſſa.25o.che fu ſuppoſto che faceſſe il primo
terzo, ma creſceria molto manco di detti paſſa.25o.& ſimilmente,che ui aggiun
g ſe anchora un'altro terzo dipoluere di piu queſt'altro terzo accreſceria pur il
tiro, ma molto manco di quello hauera fatto il ſecodo terzo, che fu aggiunto,ſi che
ogni accreſcimento dipoluere anderia per fin d un certo termine ſempre accreſcen
da alquanto il tiro, ma tal creſcere anderia ſempre ſminuendo del ſuo anciano per
fiº al detto termine, ma da quel termine in ſuſo che ui aggiungeſſe piu poluere nà
faria accreſcere piu il detto tiro, anzi potra eſſer tanto l'accreſcimento della pol
uere che non ſolamentela non fari, creſcere, ma faria calare aſſai il detto tiro.
Tº. Voi diceti una coſa,che no mi conſona molto,cioe à dire che ui ſi potria aggiun
gere,ouer accreſcerui tanta poluere oltra a un certo termine,che ma ſolamente la
nó farla accreſcere il tiro a tal pezzo, ma che lo faria calare, la qual coſa mi pare
molto fuora di ragione. Ne. Anzi è ragioneuole per commun prouerbio:qual dice, º
- ( 23
a - L I B R O

che ogni ſuperchiorompe il coperchio, º per chiarire ben queſto dubbio biſogna ue
niralli eſtremi. Et per tanto dico,che chi cargaſſe queſto tal pezzo con tanta pol
uerequatopuo tener la canna,laſciandoutſolaméte nell'eſtremita di detta canna
tanto di uacuo quanto è il diametro della balla,cioe tanto che ui ſi poteſſe mettere
la balla è pena, 3 tirarlo poi in tal modo cargato, adimando d uoſtra Signoria,
ſi quella crede,che quello tirarla piu,ouer meno di quellofaria è cargarlo ſecondo,
l'ordinario, cioe con due terzi poluere di quello peſa la balla.Tº. Io credo che chi il
tiraſſe in tal modo cargato che tal pezzo creperia, 6 che ueramente il ſuperchio,
di detta poluere, romperia il coperchio(come dice il uoſtro prouerbio)cioeche rom
peria il detto pezzo. Ne'Ngn uoglio ſtare a diſputare che in un tal caſo,tal pezzo
doueſſe ragioneuolmente crepare, ouer non crepare, perche longa ſeria tal diſpu
ta, ma ſupponiamo pur, che talpezzo non crepaſſe, P. In queſto caſo che gli po
neſſe una balla che un entraſſe talmenteſtretta, che fuſſe neceſſario a farla entrar.
per forza di mazzate. Io tengo perfermo che tiraria molto lontano. Ne In tutte,
le coſe che ſono ſtate dette, gº che ſi hanno da dire,circa alle coſe dei tiri dell'arte
glierie,ſempre ſi ſuppone(nò ſpecificando altro)che le balle ſiano,eguali ſi ingran.
dezza, come di peſo,etiam che ſiano egualmente rotonde,perche ciaſcuno di queſti,
accidenti fanno uariarli tiri. E pertanto in queſto noſtro caſo dico, che ſi debbe iu,
tendere, che la balla che ſi ha da tirare con la canna piena di poluere ſia di quella
medeſima qualita di peſo, miſura, di rotondita, che quella che ſi ha datirare ſe
condo l'ordinario, cioe con li due terzi poluere di quello peſa la balla. P.Tºiglian
dola per il modo che uoi diceti, in effetto la coſa è dubbioſa.'N, Ngn ui è dubbio
alcuno, anzi è coſa certa che tirandola con la canna piena di poluere tirara molto,
e molto manco di quellofaria c5 lapoluere ordinaria. P.Terche ragione. N.La
ragion è queſta, che ogni poluere(perfina che la ſia)abbruſcia in tempo, cioe che,
prima abbruſcia quella che ſi ritroua nel luoco doueui ſi da fuoco, di quella che è
alquanto remota dal detto luoco, º quella, che è piu propinqua al detto luoco ſi
abbruſcia alquanto innanzi di quella,che ui è men propinqua,ouer che ui è piu re -

mota,ſtante adunque queſta propoſitione, egli è manifeſto che qualſiuoglia parte


di quella talpoluere,che ſi ritroua nella canna del detto pezzo, che ſia piu propin
qua al foro doue ſe gli da il fuoco,ſi abbruſtta innanzi di quella, che gli è piu remo
ta, & per eſſer meglio inteſo, diuidiamo con la mente tutta la longhezza della
poluere,che ſi ritroua in detta canna in quattro parti eguali. Dico adunque, che
quella quarta parte, che termina al buſo,doue che ui ſi da ilfuoco,ſi abbruſtia in
nanzi dell'altra conſeguente parte, 6 bruſciando genera tanta gran quantita di
exalation uentoſa, che diece luochi eguali al luoco della poluere abbruſciata non
ſeriano capaci per la detta exalatione, e pertanto ſecondo che la detta exalatio
ne continuamente ſi ua cauſando, per la poluere, che continuamente ſi ua abbru
ſciando. Anchcrargli è neceſſario a quella talexalatione cotinuamente andarſi
acquiſtando per forza luoco maggiore aſſai, di quel della poluere,da ch'egli è cau
ſata, 6 queſto luoco la non puo acquiſtare ſaluo che per due uie. La prima è ſpin
gendo per forza innanzi il reſtante della poluere, non abbruſciata, ch'è " la
OCCg
P R I M O. 2
bocca del pezzoinſieme con la balla,oueramente far crepare il pezzo, e perche
egli è da credere, che piu facil uiſia è ſpinger fuora la detta poluere inſieme con
la balla,che è far creparil pezzo,et maſſime per eſſer la balla nell'eſtremita del
la canna, diciamo adunque, che la prima quarta parte di detta noſtrapoluere,che
prima ſi abbruſcia,bruſciando continuamente ua ſpingendo iunanzi l'altra polue
re,che ſi ua trouando innanzi diſe, º conſeguentemente quella ſpinge la balla,
e per eſſer la balla coſi propinquiſima all'uſcita alla prima, º minima urtata,
che nel principio ſente, quella uſciſte del pezzo ſubito,ſpinta ſolamente dalla pol
merſana(come detto)é non dalla propria exalatione della poluere abbruſciata,
il qual ſpengimento(per eſſer fatto coſi nel principio) non puo eſſerſi non debole
nella balla, dico debole riſpetto a quello che ſeria, quando che quella fuſſe ſpinta
dalla propria exalatione uentoſa, º nel colmo della gran furia di quella:Et oltra
di queſto, la balla nell'uſcire del pezzo è ſeguitata (per alquanto) dalla poluere
ſana, la qualpoluere da li è un poco cade in terra, la qualpoluerenelandar per
aere, é poi nel cade in terra, molto interrompe il moto di quella exalatione uen
toſa, che dopo ſeguita la balla, ilche non poco nuoce al moto di quella, si che per
queſte ragioni talballa(in ſimil caſo)non andera molto da lontano:ma che ricar
gaſſe tal pezzo con alquanto men poluere ſenza dubbio lui tiraraue aſſai piu di
quellofaria,eſſendo coſi piena la canna,perche ſe in queſto ſecondo modo ui man
caſſe à impire tutta la canna due diametri di balla, cargato che ſia la balla, non ſi
ritrouera coſi nell'eſtremita della bocca del pezzo, ma piu in dentro,et però quella
non uſcira coſi della bocca del pezzo alla prima, º minima urtata dalla polue
re,anzi reſiſtera per un poco piu dell'altra, nel qual tempo, molto piu poluere ſera
abbruſciata, ci conſeguentemente maggior quantita di exalatione uentoſa ſera
cauſata, º talballa da maggior impeto, ouer furore ſera urtata, ci ſpinta,dico
urtata,º ſpinta pur dalla poluere, e non dalla propria exalatione uentoſa,ſico
me dell'altro tiro fu detto, º coſi per tale euidente ragioni, in queſto ſecondo tiro
con men poluere, câcludemo che tirara piu lontano di quello,faria al primo quaſi
con tutta la cannapiena di poluere, & ſimilmente,che recargaſſe talpezzo an
thor con men poluere, cioeponiamo con tantapoluere, che ui mancaſſe à impire
tutta la canna tre diametri di balla, dico che in tal caſo luitiraria piu di quello fa
ria cargandolo, ſecodo che di ſopra fu detto, cioe ſolamente per due diametri man
co, & coſi chel cargaſſe per quattro diametri manco tirara piu che con li tre man
co, º coſi con cinque manco tirara piu che con quattro manco, 3 coſi anderia
procedendo per fin d un certo termine medio fra queſti due eſtremi, il qual termi
negiunto che uſi fuſſe haueria queſta dignita in ſe, che chi cargaſſe poi talpezzo
con men poluere lui tiraraue manco, º ſimilmente che ui deſſe piu poluere, an
chora tiraria manco. P. Certamente queſta è una bella ſpeculatione, º mol
to mipiace, perche in uero conoſco, che fra due eſtremi diuerſi in proprieta egli è
neceſſario eſſerui un perfetto mezzo. Seruo. Signor il paſſa l'hora da cena.
Tº Horſu chelſi ceni.
E eueſito
- - L I B ,R O -

Q yESITO. XIIII. FATTO DAL MEDESIMO. - - - - -


-
-

Riore. Q ualcredeti ſia meglio è fracar beniſſimo la poluere in un pezzo ouer


a laſciarla al quanto diſperſa,è ſpanta. N. In tutti gli eſtremicòtrari, biſogna
fondarſi ſul mezzo,cioe,che la non uuol eſſer molto fracata,ne molto diſperſa per
che la poluere molto, è molto fracata fa maggior reſiſtentia è l'ingreſſo delfuoco,
di quellofaria eſſendo alquanto panta, pertanto la poluere, è molto fraca
ta pena piu tempo ad eſſer conſumata dalfuoco, di quellofaria, ſi quella fuſſe al
quanto panta, º quanto piu tempo pena una poluere ad eſſer conſumata dal fuo
co, tanto piu debole ſegue liſuoi effetti, º è conuerſo, cioe, che quanto piu preſto
uien riſolta in fuoco tanto piu uigoroſamente ſpinge la balla, perche la ſua uirtu,
ouer poſſanza piu unitamente opera. Il medeſimo quaſi ſeguita,eſſendo molto di -
ſperſa, 6 panta, º maſſime informa longa,come ſi uedeſeguir nelle ſementelle,
che ſi coſtumano per uoler dar fuoco è qualche coſa ſtando da lontano, delle qual
ſementelle prima abbruſcia quella parte,che ſi ritroua nel capo di tal ſementella
doueui ſi da fuoco,º ſucceſſiuamente ua continuando,cioe abbruſciando di ma
no in mano, perfin chel fuoco aggiunge all'altro capo,º quantopiu è longa talſe
mentella,tanto piutempo pena talpoluere ad eſſer totalmente conſumata dalfuo
co. Il medeſimo uoglio inferire dell'arteglierie, che quanto piu ſi laſcia la poluere,
diſperſa, 6 ſpanta quella occupa piu della canna, cioetalforma di poluere uien à
eſſer piu longa,è però piu tempo ui uuol ad eſſer totalmente conſumata dal fuoco,
- è pertanto li ſuoi effetti non ſaranno coſi uigoroſi. Concludeſi adunque, che la pol:
uere molto è molto fracata nel pezzo, ouer molto diſperſa è ſpanta indebiliſſe gli
effetti dital pezzo, è però biſognafondarſi nel termine di mezzo(come di ſopra
è detto) & non nelli eſtremi,cioe,che quella ſia non molto fracata, ne molto rara.
TP. Q ueſta uoſtra opinione molto mi conſona.
-

o y EsiTo. xv. FATTO DAL MEDESIMo.


- . , i

P Riore. Q ual è la cauſa che con un ſchioppo ſi tira piu rettamente, ci piu lon
I tano de mira,che non ſi fa con un archibuſ, & tamen l'archbuſofara mag
gior effetto, ouer paſſata in un comun tramite del ſchioppo.'N. Q ueſto procede,
che le balle delli archibuſi debbono eſſer forſi piu groſſe di quelle di ſchioppi, º la
grauita della balla offende aſſai piu della uelocita di quella,eſempi gratta eſſen
do un ſobioppo, che tiri di lontano retto tramite paſſa 4oo,con una balla di peſo,
di mezza onza,cº un archibuſo, che retto tramite tiriſolamente paſſa.3oo.ma
con una balla, che peſi un'onza, bordico, che in un tramite di. Ioo.ouer. 15o.
paſſa, l'archibuſofara maggior paſſata del ſchioppo, quantunque in tal luoco la
balla del ſchioppo uada piu ueloce per le ragioniadutte nella quarta propoſitione
del primo libro della noſtra noua ſcientia,di quella del archibuſo. Et però eſſendo,
come dice uoſtra Signoria, di ragione la balla dell'archibuſo debbe eſſer piu groſſe,
che quelle de ſchioppi. P.Senza dubbio, che gli archibuſi portano generalmente
maggior
/

- P R I M O. 22
maggior balla deſchioppi, uero è, che ſono alcune ſorte di ſchioppi, che portanº
balle alla egualita di alcuni archibuſi. N. Ma quando fuſſe un ſchioppo, che por
taſſe tanta balla, quanto che faceſſe un archibuſo, e che tal ſchioppo tiraſſe piº
rettamente,ouer piu lontano di mira,di quello tal archibuſo, ſenza dubbio in di
ſtantie eguale, ilſchioppo fara maggiorpaſſata de l'archibuſo.P. Q ueſto è coſa
ragioneuole, é baſta per queſta ſera. - s
e

Q yESITO. XVI. FATTO DAL MEDESIMO.


D Riore. Donde procede la cauſa,che percuotendo con una arteglieria in una ma
ue,ouergalia in mare, il pare che talarteglieria faccia poco effetto, ouer paſſa
tariſpetto è quel ch'è ſolita a far tirando in una muraglia, perche eſſendo come ſi
ſa ogni naue,ouergalia di tauole di legname onde eſſendo due, ouer tre naue una
appreſſo l'altra,il pare, che tirando un pezzo groſſo in quelle, riſpetto a quel,che
faria tal pezzo in una groſſa muraglia, ragioneuolmente li doueria penetrar tut
tetre da banda a banda con tutte le bagaglie che ritrouaſſe per quelle, per eſſer
ogni coſa di legname, z tamen rare uolte accade, che ne poſſa penetrar una ſola
da banda a banda, anzi la maggior parte delle uolte le balle reſtano nella naue,
ourgalia.'N Egli è manifeſto per ragion naturale, che quella coſa, che piu impe
diſceil moto,piu uien ſpinta, urtata,ouer offeſa dalla coſa mobile,ouerpercuoten
te per eſſer adunque la muraglia una coſa ſtabile, é ſoda, º che piu impediſce il
moto della balla dell'arteglieria di quel fa una naue, ouergalia eſſendo quella nel
mare, mobile, la qual mobilita fa che la detta naue ouergalia conſente alquanto
al moto, ouer alla percuſſione della balla, per ilche la balla non fa quel uigoroſo
i" ouer paſſata, che faria ſi tal naue, ouergalia fuſſe ben aſſettata in terra
erma, ſi come ſono le muraglie. Si che per tal ragione, piu gagliardo effetto fa
un'arteglieria in una muraglia, ouer in un'altra coſa ferma è fiſſa in terra ſoda,
che non fa in una naue, ouergalia, nel mare mobile. Ma molto maggior effetto
fara la detta arteglieria in una naue,ouergalia, che gli uegna d l'incontro,di quel
faria in una,chegli fuggiſſe dinanzi, perche quella, che gli uien à l'incontro uien
contra il moto della balla, º però la balla debbe far maggior effetto in quella,
che non faria ſtando quella ferma in mare. Et quella,chegli fuggi dinanzi, molto
piuua conſentendo alla percuſſion della balla,di quelfaria,ſi quella steſſe in ma
ve ferma, a quieta. P. Vi ho inteſo beniſſimo.
o yEsIT o xvII. FATTO DAL MEDESIMo.
P Riore. Diteme un poco, ſi per caſo in qualche improuiſo aſſalto ne fuſe inchio
date le arteglierie, ſeria poſſibile a ritrouar un modo, che fuſſe eſpediente &
preſto di poter ipſo facto,cioedi ſubito diſchiodarle dette arteglierie, dico di ſubi
to,perche molti dicono ſaper far, º fanno certa acqua, ouer olio,qualponédoloſo
pra il foro inchiodato corode quel ferro talmente,che diſchiodano quel tal pezzº.
- F ii Alcuni
I, I B : R O
«Alcuni altri ho inteſo, che fanno il medeſimo con un trappano, cioe per il modo
che uſano a farui il primo buco, nondimeno cadauno di queſti modi uoleno tempo
aſſai, 3 maſſime eſſendoui molto numero de pezzi da diſchiodare, º io uoriari
trouar un modo, ſi poſſibilfuſſè,di poterle diſchiodar con celerita, ci preſiezza.
N.A me pare, che tal coſa ſi potria fare (ſi non m'inganno)à ricargare tutte le
dette arteglieria,con balle alquanto ſcarſette,cioe, che non uadano molto ſerrate
nel pezzo, 6 dopo che ſono cargate, metterle a ſegno uerſo il luoco doue potria
occorrer il biſogno, cioe come proprio ſi faria,quado che loro no fuſſero inchiodate,
& dopo farui una ſementella di poluere nel fondo della canna,che uada dalla boc
ca del pezzo, per fin alla balla di cadauna arteglieria, e per non tirarle fruſta
mente aſpettar l'occaſione, é occorrendo l'occaſione da tirarle, darui ilfuoco per
la bocca,onde oltra che faranno liſuoi effetti ordinari, tutte nel diſcargarſi penſo
ſi diſchioderanno, º getteranno fuora quel chiodo, ouer ponta di ferro con che fu
rono inchiodate: & coſi facendo di talinchiodatura ſi uentra a non patirne alcun
ſiniſtro ouer diſcenzo. P.Certo queſto è bello,è molto eſpediente, e non credo, che
ſi poteſſe ritrouar modo meglio di queſto, mentre che nel diſcargarſi facciano que
ſto effetto,che haueti detto di gettarne quel chiodo, ouer ponta di ferro, con che fu
rono inchiodate. N.Senza dubbio lo getteranno. P. Etſi per caſo alcuna non lo
gettaſſe,per eſſerui forſi piu fiſſamente poſto dell'altre, che rimedio ui ſi potria ag
giungere. Ne Cargarla, º tirarla un'altra uolta per il medeſimo modo,uero è che
uigettaſſe ſopra l'inchiodatura un poco di olio caldiſſimo ſcaldando anchora pri
ma il luoco doue è l'inchiodatura con carbon acceſo, poi con creda farui ſopra un
naſetto attorno il buco,che ritenga quel olio caldo,che ui ſi ponera,ilche facendo il
buco con quelferro interpoſto, ouer la ſua calidita, ſorbiranno quel olio caldo,la
qualcoſa fara quel talferro piu lubricoſo ad uſcire.Anchoraſe dopo che ſi hauera
poſta, é aſſettata la poluere nel mezzo(innazi che ui ſi ponga la balla)ſerafat
to un buco con un'aſta nella detta poluere, il qual penetri per fin in fondo della
canna del detto pezzo, cioe che uada à riferire appreſſo il detto buco inchiodato,
tal cautellano ſera fuora di propoſito in queſto caſo: Et credo, che queſta ſupplira
ſenza d'operar altrimente olio caldo.T. Q ueſto credo anchorami,perche nel di
Iſcargarſi,la furia del fuoco trouatutte le comiſure mal comeſſe, º però nºi credo
che ui ſia dibiſogno a preparar la materia con olio caldo,ne fredo, altrimente. Et
perche credo ſia hora da cena,nò uoglio procediamo piu oltra, º per l'auenire,ni
uoglio che piu parliamo dell'arteglieria, ma che intriamo in qualche altra ingenio
ſa materia,perche circa alle coſe dell'arteglieria, io non ſo piu che adimandarui.
a - i - )
Q VESITO. XVIII. FATTO DAL SIGNOR
e Facomo di Achaia. - -

- - -

Io so a a co no. Io ho uiſto per eſperientia che tirado con una Arteglie


ria in una muraglia ſtandoui molto propinquo non uifa coſi gagliardo effetto,
ouer paſſata quanto fa dſtarui alquanto piu di lontano, º per le ragioni da uoi
- - adutte
,
p R. I Or M, 23
adutte nella noſtra nuotia ſcientia,doueria ſegui tutto alcòtrario,perche la balla
tirara da ogni arteglieria quanto piu ſi allontana dalla bocca del pezzo tanto
piu ſi allenta di uelocita, come uoi approuate, cioe che quella ua menueloce, ei
doneua menuelore,iuifa minor effetto. A dunque quanto piu ſi ſta propinquo al
luoco doue ſi tira tanto maggior effetto doueria far talballa nel luoco dous per
ruote, di quellofaria ſtandoui piu lontano perche talballa feriſce di moto piu ue
foce,e tamen, come diſopra ho detto. Io trouo con l'eſperitiariuſcir tutto al con
trario,è pertanto uiadimando la cauſa di queſto inconueniente, N. Per ben riſol
" qualméte ognicoſa moſſa muoue ſempre qual
che altra coſa. E però quando che la balla uien moſſa da quella uentoſita cauſata
dal ſalnitrio,la medeſima balla inſieme con la medeſima uentoſita, muoue anche
ra in quel medeſimo iſtante quel aerea ſe conterminale nella canna, º quel me
deſimo aere muone & ſpinge l'altro aere à ſe conſeguentemente conterminale, ºr
coſi l'altro ſpinge l'altro talmente che la detta balla uien à ſpingere, ci è manda
re innanzi di ſe una gran quantita di aere di forma molto longa, la qualforma,
quatunque la ſia di aere, per uigor del moto,talaere ſumme grauita in ſe talmen
te,cheper un certo poco di tempo ua penetrando l'altro aere che per il uiaggio ſuo
ritroua,come ſe fuſſe quaſi un trauo di legno,ma tal ſuo penetrar non procede mol
to lontano, perche tal figura aerea,per un poco di tépo,ouer ſpacio procede innan
zº della balla, ma perche la balla è di materia graue piufacilméte penetra l'aere,
di quello fa la detta figura aerea, cº però la balla uien à eſſer di moto molto piu
uelociſſima della detta figura aerea,cº per tanto in breuiſſimo tepo la detta balla
uien à laſciarſi di dietro da ſe quella tal figura aerea(che prima andaua innanzi
diſe)hor per tornare al noſtro primo propoſito, quando che con un'arteglieria ſiti
ra in una coſa, che ui ſia moltopropinquiſſima, quella figura aerea, che è ſpinta
innanzi della balla (detta diſopra) percuotera prima in quella coſa doue ſi tira,
della balla, º per non eſſer tal figura aerea atta a penetrar quella coſa,egli è ne.
ceſſario, che quella prima, º eſtrema parte di tal figura, che prima percuote, è
reflettere, º ritornar indietro,in câtra alla medeſima figura, º alla balla,che
ſeguita(maſſime quado tal tiro ſia tirato con il pezzo aliuellato)la qualrefleſſio
ne(continua) nell'aggiungere della balla con il reſiduo di tal figura aerea che è
cotigua alla balla fanno un contraſto gradiſſimo, cioe il reſiduo della figura aerea
uol proceder innanzi, e non puoparte, per non eſſer atto(come diſopra è detto)
a penetrar quella coſa doue ſitira, º parte per cauſa di quell'altra parte che è
sforzata è ritornar in dietro, la qual combuſtione da un grande impedimento al
moto della balla,talmente che la balla non puo far tutto quel effetto, che doueria
fare. Ma quado che il luoco doue ſi tira è d'una mediocre diſtantia,la balla per la
ſua uelocita laſcia di dietro da ſe la detta figura aerea, º ſe non tutta almeno la
maggior parte,talméte che in tal luoco di mediocre diſtantia la balla ufara mag
gior effetto di quelfaria nel luoco piu propinquo,pche talballa nel far il ſuo effet
tonó ritroua tanto impedimento di refleſſione ne combuſtion di aere.S.I. Queſta
uoſtra ragione ne conſona molto, etciprehendo che nipuo procedere d'altr"4s
º a Clueſito
i - L I B R O -

- ..
o
.
yEsITO.
. »
XIX FATTO DAL MEDESIMO. -
-
- - -

ºre N o R 1 A e o M o. Ma un'altro dubbio uorria che mi chiariſti, il qual è


queſto, ſi perſtar troppo propinquo con l'arteglieria alla coſa doueſitira, gli
effetti di talarteglieria,non ſono coſi uigoroſi quanto ſeriano in una mediocre di
ſtantia, per le ragioni per uoi adutte, è per l'eſperientie per me fatte, ſimilmente
perſtarui troppo di lontano(percommune opinione)ſeguita il medeſimo, cioe che
per ſtarui molto di lontano nonfa coſi gagliardo effetto, nella coſa doue percuote
quanto faria in una mediocre diſtantia, hor ui adimando doue ſi potria con ragio
ne determinare il luoco doue che la balla di tal arteglierta faria il piu gagliardo,
pueruigoroſo effetto, che far poteſſe in tutto il paſſaggio, oueruiaggio che far deb
be,ouer che faria, quella tal balla, non trouando alcuno impedimento. N, in quel
iſtante che la balla peruiene, ouer aggiunge nell'eſtrema parte di quella figura
aerea(detta nel precedente queſito)irouando in talluoco un reſiſtente,in quel tal
luoco uifaria maggior,ouer piu uigoroſo effetto, che in qualunque altro luoco, per
che ſi talreſiſtente fuſe piu inuerſo la bocca del pezzo, in quel tal reſiſtente pri
ma uipercuoteria la detta figura aerea che la balla(come nel precedente queſito
fu detto) & dopo la percuſſione immediate ritireria in dietro incontra alla me
deſima figura aerea, 6 alla balla, ouiando alquanto il moto di quella (come fu
detto nel precedente queſito.)Etſi tal reſiſtente ſera piu lontano di talluoco, ſu
bito che la balla uſciſce totalmente di quella figura aerea, cioe laſciando quella di
dietro da ſe immediate ritroual'aere quaſi quieto, onde talballa uiene ad hauer
alquanto piu difficulta à penetrartal aere quieto, che non haueua à penetrare
quel della detta figura aerea, per eſſer quel di detta figura medeſimamente incor
fo, 29 uerſo il medeſimo luoco doue ua la balla. Et per tanto uſcita la balla di tal
figuracãtinuamente ui andera mancandoil uigore, º tanto piu quanto piu s'an
dera allontanando,è però conſeguentemente tanto piu deboli fara liſuoi effetti,ſi
che per queſte due ragioni, la detta balla doueria far piu gagliardo effetto in un
reſiſtente trouando quello preciſamente nell'uſcire dell'eſtremita della ſopradetta
figura aerea, che in qualunque altro luoco piu lontano,ouer propinquo.S. 1. Egli è
da credere che ſia coſi, perche in effetto comprehendo che in tal luoco la balla feri
ſce ſenza impedimento di refleſſione d'aere, ne per finallhora non è stata impedi
ta d'aerequieto,come ſeria impedita per l'auenire ſe procedeſſe piu oltra.
o v Es IT o xx FATT o D A v No
. aCapo di Bombardieri,
a. i º v - i:

Bº" credete uoi che ſi metta quelli due ſtroppaioni


lº di fieno, ouer di stoppa, ogni uolta che ſi carga un'arteglieria, cioe uno dopo
che utſi ha poſta la potuere, cioe innanzitheui ſi metta la balla, e l'altro dopo
che uiſi ha"balla, N. Certamente che io non ſapeua queſta coſa, che
inº i detto, cioe che innanzi che ſi metta la balla nel pezzo ui ſi metta
si è sºno
- P R ſi I M : O. 24
uno ſtroppaion di fieno,ouer diſtoppa,e coſi un'altro dopo che uiſi ha poſta la bat
la,ma eſſendo coſi(come al preſente credo)à me pare,che piu ſi conuegneria ch'io
ui adimandaſſe a uoi la cauſa di tal cautella, che uoi l'adimandaſti à me, per
che ſe uoi uſati di far tal coſa ogni uolta che uoi cargati un pezzo, uoi douereſti
pur ſapere è che finilfatti, perche l'arte biſogna che la imiti la natura in queſto,
che tutte le coſe,che quella fa,le faccia a qualche fine.B.Maui dirò,ioni hogra
matica, e ſi per uſo di far queſta coſa,lo faccio, perche ho uſto che tutti gli altri
lo fanno.N: Q ueſto ſi coſtuma in molti, 6 in molte arte ſi mecaniche, come libe
rale,è però non mi marauiglio di uoi,ne manco ui biaſimo, anzi ui laudo a ricer
car la cauſa di quelle coſe che ſi coſtuma di fare nell'arte uoſtra, ilche doueria far
ogniuno,percheil ſapere non è altro che conoſcere la caſa per la cauſa,hor tornan
do al noſtro propoſito, il primo ſtroppaione,cioe quello che diceti che ſi mette dietro
alla poluere,innazi che ut ſi metta la balla, no poſſo penſare che ui ſi metta per al
tro,ſaluo che per ſpazzar,ci condure tutta quella poluere(che nel cargare il ";
zº fuſſe rimaſta per la canna)inſieme con l'altra, o è tenerla dopo unita al ſud
luoco,doue è ſtata aſſettata. Ma il feeddo troppalone,cioe quel che uoi diceti che
metteti dietro alla balla, biſogna penſare, che colui, che prima comincio a porui,
tal stroppaione fu aſtretto da qualche neceſſita,la qual neceſſitana uipuo eſſeroe,
corſa,ſaluo che lui doueua eſſere in qualche luoco douegli eouenia tirare al baſſo,
cioe tirardi ſuingiu,la qual coſa nolendola eſequire ſenza poruital stroppaione,
nell'abbaſciare il pezzº dinanzi per metterlo a ſegno,la balla ſeria uſcita del pez,
zo, è però accioche talballa non uſciaeſſe, fu sforzato a poruital strappaione, B.
g ueſte uoſtre ragioni ſono boniſſime, ma uedo che talſtroppaione uel pantamoan,
chora quando che uoliamo tirare all'alta, cioe di giuin ſu,doue non è quel peritolo,
che diceti,cioe che la balla uſciſca del pezzo nel metterlo a ſegno, è però uorriaſa
pere la cauſa di queſta. N. La cauſa di queſto è l'ignoratia, perche ſe uoi ſapeſti la
cauſa di talattione,uoi non ui ponereſti tal Stroppaione,ſaluo quado che la neceſſi
ta,accio ui aſtringeſſe.B. Certamente comprehendo che uoi diceti troppo il uero. -
- -
- º . - - - a -

QyESITO. XXI. FATTO DAL MEDESIMO.

B Ombardiero. Viuoglio raccontar una nouella, della qual ſon certo ue ne ma


rauigliareti molto, la qual è queſta. Ritrouandomi una uolta à far una batte
ria,6 dopo molti tiri, accadete che per uno certo diſconcio, il pezzo nel diſcar
garſi s'eleuo talmente che andete con la bocca in terra, º in tanto che io tendeua
dragunar facchini con Stanghe per ritornar tal pezzo al ſuo luoco un cagnolino
uoſe andar (come accade)à naſare la bocca di tal pezzo, º ſubito che il detto ca
gnolino fu giunto alla bocca di tal pezzo, immediate il detto pezzolo tiro dentro
della canna, la qual coſa uiſta dalli circonſtanti, alcuni corſe per aiutare il detto
cagnolino,cº lot ouorno eſſer ſtato tirato quaſi in capo della canna, cioe quaſi in
capo deluacuo della canna di tal pezzo, pur lo cauorno, come morto, non ſo quel,
che dopo ſeguiſſe di lui, ma credo che moriſſe,hor che ui pare di resi ".
- a C014
- - - L I B R "O
ſta coſa non me ne marauiglio, perche un pezzo per il molto tirar,diuenta caldo,
& per talcaldezza(come fu detto nel quinto queſito)quel tal pezzo ſi fa attrae
tiuo, cioe alla ſimilitudine di una uentoſa, quando ut è arſa di dentrola stoppa.
E però no è marauiglia, che ſorbeſce ſuſo quel tal cagnolino, anzi credo, che quan
do un tal pezzo è molto caldoſi uno ui andaſſe ad appoggiarla pancia nuda alla
bocca di quello, colui in talluoco uireſteria talmente appreſſo, che con difficulta
uiſi diſtaccaria. Et molto piu attrattiuotal pezzo diuenteria in tal caſo, che ui
atturaſſe,ouer aſtroppaſſe quel buſetto doue ſigli da ilfuoco.B. Q ueſtauoſtrara
- i
gione mi conſona molto. .
-
- - -
-
-

Q_V E SI TO. XX I I. FATTO D A VN


- Gettador di Arteglieria. - e

Ettador, Donde procede che di tutte le arteglierie che crepano, la maggior


parte crepano,di dietro douesta la poluere,ouer alla bocca, e rare uolte nel
mezo,uero è che del crepar nella parte di dietro doueſta la poluere non me ne ma
rauiglio,perche in talluoco la poluere uimoſtra ogniſua poſſanza, ma del crepare
in bocca ne stago molto ammiratiuo,perche à me pare che piu preſto doueria cre
par nel mezo della canna che alla bocca,perche la exalation del ſalmitrio alla boc
caui troua luoco largo da sborare, coſa che nò trouacoſi di dentro nel mezo della
canna.'N,Circa à queſta coſa biſogna penſare, che ogni mouente puoriceuere due
difficulta,ouer nocumenti nel muovere un corpo rotondo graue cheftia ripoſato è
quieto nel muouerlo per traſuerſo la prima è a muouerlo nel principio, perche do
poche moſſo ſia non ui ha tanta difficulta à mantenerlo continuamente in moto,
l'altra difficulta che puo riceuere talmouente è queſta, che dopo che ha moueſto
quel tal corporotondo,è graue,è quelridutto in motocòtinuo, ouer ſucceſſiuo per
trauerſorirrouando poi alcuno repentino oſtacolo,ouer, reſiſtente à tal moto, tal
mouente riceue nocumento aſſai. Et per tanto dico, che è quella exalatione di uen
to cauſata dal ſalmitrio, dopo che è generata nel pezzo ui occorre due gran diffi
culta,la prima è a muouere coſi repentinamente la balla ripoſante quieta, è però
in tal accidente ſubitaneotrouandoſi il pezzo in tal luoco debole di mettallo,ouer
di mettallo,nel getto mal coſolidato,ouer piu ſottile da una banda che dall'altra,
facilmente in tal luoco crepa,ma ſi per caſo il mettallo di tal luoco reſiſta gagliar
damente tanto che talexalatione muoue la balla, moſſa che ſia dal ſuo luoco, non
ui è piu pericolo in talparte di crepare(ſaluoſi à talballa non ui occorreſſe dentro
dal pezzo qualche strano accidente(come in fine ſi dira,)perche ſubito,che la bal
la ſia in moto con facilita talexalatione ui lauderia mantenendo, non occorren
doui altro impedimento, ma ſubito, come la balla aggiunge alla bocca del pezzo
iuitruoua tutto l'aere eſtrinſeco: il qual, quanto che con piumaggior preſtezza
uien la balla inſieme con la detta exalatione, che la ſpinge ad exaltarlo tanto piu
unitamente, 6 con maggior uigoroſita ui ſi oppone gagliardamente all'incontro,
per reſiſtere a tal moto ſubitaneo, onde in tal luoco ui ſi utene à cauſare un'altra
- - - difficulta,
p R I M O. 25
difficulta, ouer riſſa fra la exalatione intrinſica (che ſpinge la balla) & l'aere
eſtrinſico,cioe l'un uoria uſcire, e l'altro non uoria che uſcideſſe, pur finalmente
l'intrinſico per eſſer di maggior poſſanza, è uigore uſciſte con uittoria rompendo,
e ſpezzando il ſuo nemico, nel qual rompimento ſi cauſa quel coſi gran ſuono,
perche ogni ſuono dalli Sapienti ſi diffiniſce non eſſer altro, che la percuſſione fatta
di duecorpi inanimati,inſieme, è però in queſto caſo no puo procedere d'altro, che
dalla percuſſione fatta da quella exalation, cauſata dentro dal pezzo, con l'aere
eſtrinſico, trouandoſi adunque la bocca del pezzo quaſi nel mezo di tal abbatti
mento,uiene à patire grandemete in generale, è queſta è la cauſa, che in tal luoco
il pezzo non hauendouila ſua ciueniente groſſezza,ouer eſſendoui qualche occul
to difetto cauſato nel gettarlo,facilméte crepa.G. Q ueſte due uoſtre ragioni mol
tome quadrano, ma reſta un altro dubbio,il qual è queſto, che quaturque la mag
gior parte delle uolte crepano(come diſopra è detto) nella parte di dietro douesta
la poluere,ouer nella bocca,pur alcune uolte crepano anchora nel mezo,è però ha
ueria à caro, che m'aſſignaſti la cauſa di queſto. N. Le due cauſe diſopra per me
aſſignate, ſono cauſe generali, che ſempre per ordinario fanno patire generalmen
te ogni ſpecie di pezzo nelli predetti due luochi piu che in altro luoco, ma oltrale
dette cauſe generali,biſogna penſare, e credere, che per accidente ue ne poſſa oc
correre molte altre, le qual non ſolamente poſſono augumentarpaſional pezzo
nelli medeſimi due luochi,cioe di dietro, º nella bocca, ma anchora nel mezo del
la canna, eſempigratia, ſi per mala ſorte la balla nel ſcorrere per la canna tro
uaſſe qualchepicciol pieretta in forma di cuneo, ouer altro corpetto duro, º che
per ſorte la balla uiſcorreſſe per diſopra talpieretta, ouer corpetto interromperia
neceſſariamente il moto,ouer corſo della balla, per ilche la balla ſeria sforzata in
talluoco à far di due coſe l'una,ò à intertenerſi(6 queſto ſeguiria quado la balla
andaſſe molto ſerrata nel pezzo) ouer tal balla nel paſſarui ſopra faceſſe unſal
tetto, é queſto potria far, quado la canna del pezzo fuſſe alquato piu larga della
groſſezza della balla,ſi per caſo adunque la balla fuſſe intertenuta da talpieret
ta,ouer corpetto in forma di cuneo, per talintertenimento(eſſendo gaiardo)ſeria
sforzato talpezzo di crepare, & ſi tal cuneo fuſſe trouato dalla balla nel princi
pio del ſuo moto, tal pezzo creperia pur nella parte doue sta la poluere, º ſi tal
cuneofuſe trouato nel mezo della canna, 6 nel mezo della canna naturalmen
te creperia, & ſe fuſſe trouato appreſſo alla bocca, º nella bocca creperia. Ma ſi
per caſo la balla haueſſe luoco di poter paſſar diſopra a tal corpetto, nel paſſarui
(come diſopra diſſi neceſſariamente fara un ſaltetto, nel qual ſaltetto percuotera
nella ſummita della canna, 3 ribattera poi nelfondo, la qual percuſſione, º re
percuſſion, non puo eſſer tanto debile, che non ſia atta a far crepare il pezzo in tal
luoco,et queſta è una delle cauſe accidentale, ch'è atta a far crepar il pezzo quaſi
in ogni luoco. Anchora quando che una balla non è egualmente tonda, ouer che
haueſſe qualche parte piu eleuata in un luoco, che in un'altro,potria alle uolte far
accadere un talinconueniente uerſo la bocca del pezzo. Anchora quando,che il
pezzo è molto caldo per il lungo tirare, è molto piu atto al crepare, che
G
" eddo
- - L I B| R O
freddo(eſſendo però di bronzo)perche il bronzo è di tal natura che per il caldo ſi
fa frangibile. Anchora un pezzo quanto piu tira in alto tanto piu patiſce di quel
lo fa tirandolo in piano. Anchora nel gettareil pezzo,uiſi puo cauſaralcune co
meſure, 6 cauernoſita parte occulte al ſenſo, º parte paleſe: ma per eſſer di
dentro dal pezzo non ſi poſſono uedere,le qualfanno piu debile in talluoco il pez
zo di qnello ui ſi conuiene, è per queſto alle uolteſenza altro particolar accidente,
in talluoco crepa, è ſia di dietro, ouer dinanzi, ouer in mezo. Alcuna fiata
anchora il foro del pezzo non poſſa preciſamente per mezo del mettallo, ma ten
de piu da una banda, che dall'altra:per ilche il mettallouien à reſtare da una ban
da piu ſottile, 6 dall'altra piu groſſo del ſuo deuere, è pertanto da quella banda
doue che il mettallo è piu ſottile, di debile del ſuo douere il pezzo alle uolte cre
pa, &queſto è quanto che alle cauſe del crepare, uſo dire. G. Voi mi hauetilar
gamente demiei dubbi ſatisfatto. : t
- : :
Q VESITO. XXIII. FATTO DA M. ALBER
-
ghetto di Alberghetti gettador di arteglierie.
º , - , º si 3 , . . .
A Lberghetto. Seria poſſibil di poter ſapere, di un'arteglierianouaméte incaſſa
- Ata,ouer fornita, º non mai tirataſi quella tiratali ſuoi tiri retti, ouer coſte
ri,ouer in ſgalembro, ſenza tirarla altramente. N. Q ueſto uoſtro queſito in ſo
ſtantia non uuol dir altro, che ſapere conoſcere ſe il foro di talpezzogiaceretta
mente nel mezo del mettallo,ouer no, 3 no giacendo in mezo del detto mettallo
ſapere determinare in qualuerſo pende talforo:la qual coſa no ho per difficile, º
conſidero ch'egli è una coſa, che per molte ute ſi potrta inueſtigare, ci ſapere: ma
duoler dar un modo, che ſia eſpediente è facile, biſogneria penſarui alquanto.
«A. Penſatigli un poco, perche ho adimandato queſto dubbio a molti, che fanno
profeſſione d'ingegno, º non horitrouato alcun, che mi habbia ſaputo dar riſolu
tione. Ne Io ho penſato ſopra queſta materia, ci ritrouoin effetto tal coſa poterſi
inueſtigar per piu uie:ma duolerlo ſapere con una coſa ſpediente, º di poco artifi
cio il ſi detuor due aſte, ouer due baſtoni drittiſſimi, ouer due cantinelle,ouer liſte
ben pianate, º egualmente larghe, longhe quanto ch'è la canna di tal pezzo, 6
anchora un brazzo di piu,2% in quel brazzo di piu metterui, & inchiodarui due
trauerſi longhi quanto ch'è la meta della culatta del pezzo uel circa(è innanzi
piu che meno) º lontani l'un da l'altro circa un brazzo,accio ſiano piu atti d con
ſeruarli dette due aſte,ouer cantinelle,ouer liſte egualmente diſtante,è dopo fica
re l'una di quelle aſte,ouer liſte nella canna, ouer foro di tal pezzo, 6 l'altra an
dera di fuora uia. Et uolendo ſapere ſi tal pezzo è piu groſſo di mettallo in un
luoco,che in un'altro, procederemo in queſto modo. L'aſta, che ua per dentro uia
prima la diſtenderemo, 3 giuſteremo rettamente per la parte ſuperiore deluacuo
di detta canna, di fatto qneſto miſureremo, ouer che faremo miſurare ſottilmen
te qaanto che ſera diſtante dal mettallo l'eſtrema parte, cioe il capo di quell'aſta,
ouerliſta,che procede di fuora uia, fatto queſto il ſi deuoltar alquanto dalla ban
º º - da del
P R I M O. 26
da deldetto uacuo della canna la detta aſta,ouer liſta,che ua per dentro,cioe mu
tarui alquanto luoco, 6 in queſtoſecondo luoco far come prima, cioe far guarda
re, & miſurare con diligentia quanto che ſera diſtante dal mettallo la detta eſtre
ma parte,ouer capo di quell'aſta,ouer liſta, che procede di fuora uia, & ſe in que
ſto ſecondo luoco lui ſera preciſamente tanto lontano dal mettallo, quanto ch'era
nella prima poſitione, ſi potra concluder il mettallo eſſer nelli detti due luochi
egualmente groſſo, ma ſi ſera piu lontano, ſi potra concludere in queſto ſecondo
luoco eſſeru piu ſottile il mettallo, che nel primo, º tanto piu ſottile, quanto che
la detta lontananza dal detto mettallo in queſta ſeconda poſitione ſera maggior
della prima. Et ſimilmente, ſi per caſo in queſta ſeconda poſitione il detto capo
della detta aſta,ouer liſta ſera piu propinquo al mettallo della prima, ſeguira tut
to al contrario, cioe, che in queſto ſecondo luoco uiſera piugroſſo il mettallo, che
nel primo, º con tal ordine procedendo di parte in parte, ouer di banda in banda
d'intorno è tutto il pezzo con taleuidentia ſi conoſcera ſe il dettoforoſera preci
ſamente, ouerrettamente in mezo del mettallo, ouer non,perche ſe il mettallo ſi
trouera egualmente groſſo, ſi potra concludertal foro eſſer rettamente in mezo
del mettallo, o tirara etiam li ſuoi tiri rettamente, ſecondo l'apparentia di tutto
il pezzo: & ſi per caſo ſi trouera eſſer piu groſſo il mettallo da una banda, che
dall'altra, ſi potra concluder,talforo non eſſer rettamente in mezo del mettallo,
& conſeguentemente non tirera li ſuoi tiri retti, ſecondo l'apparentia di tutto il
pezzo: ma li tirera ſempre pendenti, ouer obliqui uerſo à quella banda doue che
ſera piu groſſo il mettallo, cioe ſi tal groſſezza ſera dalla banda deſtra lui tirera
coſterouerſo la medeſima parte,ouer banda deſtra, º econuerſo: & ſitalgroſſez.
za ſera in ſgalembroponiamo fra la parte, ouer banda deſtra, º la parte ſupre
ma del pezzo lui tirera medeſimamente li detti ſuoi tiri in ſgalembro,cioe obliqui,
ouer pendenti in ſu: ma uerſo la medeſima banda doue è tal groſſezza, 3 coſi ſi
debbe intender, º concluder in qualſiuoglia banda, che fuſſe talmaggior groſ
ſezza di mettallo. Et per eſſer meglio inteſo ſotto breuita pongo per eſempio figu
rale, che ſia il ſottoſcritto pezzo di arteglieria, e che in quello uogliamo inue
ſtigare quello, che diſopra fu propoſto, cioe ſe il ſuo foro, ouer uacuo della canna
giace rettamente in mezo del mettallo, hor per uoler inueſtigartal coſa, dico,che
il ſi de pigliar due aſte dritte, 6 eguale, ouer due liſtette, come ſono le due.a.b.
er.c.d.& con due trauerſi da un capo, ouer ſopra un brazzo di tauola inchio
darueli,che stiano equidiſtante, º lontane l'una dall'altra alquanto piu di quel
lo, ch'è la meta della groſſezza di tutto il pezzo nella parte di dietro, cº longhe
tanto piu del uacuo della canna di tal pezzo, quanto che biſogna per mettere in li
due trauerſi, ouertauola, cº dopo cacciar l'una di dette aſte, ouer liſte(poniamo
la.d.c.)per il foro, ouer uacuo della canna, talmente che stia uniuerſalmente per
longo contingente con la parte ſuperiore delforo, ouer uacuo di detta canna, come
in queſta prima figura appare, è dopo miſurare, ouer far miſurar ſottilmente la
diſtantia, che è dal ponto.a.(capo dell'aſta, cuer liſta)al mettallo di tal pezzo in
talluoco, ci poniamo che tal diſtantia ſia preciſa quanto, che è la linieta e 6
G ij fatto
L I B R- O
At- To

ci Ino

A. las

fatto queſto,il ſi detramutar talaſte,ouer liſte in un'altro luoco,ouer banda di tal


pezzo,hor traſmutiamola(per far la differentia piu ſenſibile) nella parte oppoſt
ta,come in queſt'altra figura appare, 6 coſi in tal luoco miſureremo pur (ouer fa
remo miſurare)in tal luoco la diſtantia, che ſera dal medeſimo ponto. a. (capo de
l'aſta)al pezzo ouer mettallo,la qual diſtantia ſupponiamo, che la ſia quanto è la
linea.fbor dico,cheſi per caſo la linea.ffuſſe stata eguale alla linea.e.ilmettallo
di talpezzoſeria stato egualmente groſſo ſi diſopra, come di ſotto di tal pezzo:
ma perche in queſto caſo ſenſibilmente trouiamo la linea feſſer molto maggior
a

| - 9 o

della linea.e.& pertanto cocluderemo eſſer molto piu groſſo il mettallo diſopra,
che di ſotto in tal pezzo, di tanto piu groſſo, quanto che la linea.fſera piu longa
della linea.e.& con talordine,è modoſi de procedere dalla banda deſtra, et dalla
ſiniſtra etia in tutte l'altre parte, ouer bande attorno attorno di tal pezzo notado
ſempre le dette diſtantie per linee, º con tal linee ſi conoſcera minutamente la
groſſezza, º ſottigliezza del mettallo attorno attorno del foro dital pezzo,etia
per qualuerſo,ouer banda penderanno li ſuoi tiri per le ragioni, per innazi dette,
che è il propoſito..A. Q ueſto uoſtro modo è molto eſpediente, º mipiace aſſai.
Q yESITO. XXIIII. FATTO DAL MEDESIMO.
A Lberghetto. Vn'altro dubbio ui uoglio addimandare. Accadete una uolta,
che prouandoſi alcuni pezzi a lio,un di detti pezzi dopo alcuni tiri nel diſcar
garſi,andete con la teſta dinanzi in terra,cioe con la bocca, º ſubito che tal pez
zo fu giunto con la detta bocca in terra(doue era molta ſabbia,ouer ſabbione)ttro
gran quantita della detta ſabbia dentro da ſi,cioe dentro dal foro della canna,hor
ui addimando la cauſa dital effetto.'N, Vn caſo ſimil a queſto, etia alquanto piu
fantaſtico, mifu ricercato da un Bombardiero(come appare in queſto al.2 1.queſi
to)il qual,ſi come nel uoſtro, il pezzo tirogran quantita di ſabbia dentro dal ua
cuo della canna, nel ſuo,tal pezzo ui tiro dentro un cagnolino, coſa aſſai ridicolo
ſa,è però queſto uoſtro dubbio il riſolueremo, ſi come riſolueſimo quello, cioe che
per
P R I M. O. 27
per tirar il pezzo,tal pezzo neceſſariamente ſi ſcalda, e ſubito che il ſia alquan
to caldo, ſubito ſi fa alquanto attrattiuo alla ſimilitudine d'una uentoſa, è tanto
piu quanto piu ſi troua caldo, è però non è marauiglia ſi tal pezzo traſſe tal ſab
bia dentro da ſe..A. Q ueſtauoſtra ragion molto mi conſona.
Q V E S IT O. xxv. F A TT O D A VN
Schioppetero, & etiam Bombardiero.
Chioppetiero. Hauendo io un ſchioppo con la ſua mira tanto ben acconcia, che
tirando d un ſegno poſto in piano, in una certa mia conueniente diſtantia quaſi
la maggior parte delle uolte,da preciſamente in brocca, cioe nella coſa tolta de mi
ra per picciola che la ſia. Vi addimandoſi talmira coſi ben acconcia miſeruira d
tirare a un ſegno,ò altra picciola coſa,che ſia poſta in alto, in quella medeſima di
ſtantia.'N, Egli è coſa chiara,che talmiranò uiſeruiracoſi preciſamente tirando
all'alta, 3 in quella medeſima diſtantia.S. Ma perche ragione. N.La ragione è
queſta,ſe tirando un piano in quella uoſtra commune diſtantia uoi date la maggior
parte preciſamente in brocca, neceſſariamente in quella tal diſtantia, & in tal luo
co,uiſi congiunge,ouer concorre la uoſtra linea uſuale,ò per cotingentia,ouer per
interſecatione, con il paſſaggio, oueruiaggio qual debbe farla balla. Et perche
nelli tirieleuati,la balla ua molto piu per linea retta,ouer lineamen curua di quel
louanelli tiriſatti in piano,cioe con il pezzo,ouer ſchioppo aliuellato, come fu di
ſputato ſopra al ſecondo queſito, è perche quanto che piu rettamente ſi eſtende il
paſſaggio,ouer uiaggio, qual debbe far la balla(tirando all'alta)di quellofaceua
tirando in piano,tanto piu preſto uien à côcorrere,età interſecarſi, il detto paſſag
gio, ouerniaggio, con la detta linea uiſuale, di quello faceua tirando in piano.
Facendoſi adunque talinterſecatione piu propinqua(per tirar coſi in alto)la coſa
a chi ſi tira uien à reſtare oltra a talinterſecatione(per eſſer quella nella medeſi
ma prima diſtantia)gº eſſendo fuora di talinterſecatione è impoſſibile a dar pre
ciſamente in brocca per ragion delle mire.S. Io non intendo troppo bene queſte uo
ſtre ragioni, ne mancouoglio che ui affaticati a darmele ad intendere,perche cre
do,che uoi ui hauereſti difficulta,ma concludetemi pur ſe tirando d tal ſegno poſto
in alto, º nella medeſima prima diſtantia io daro piu alto, ouer piu baſſo di tal
ſegno. N. Concludo che uoi dareti piu alto,perche ogni uolta che la linea uſuale ſi
interſeca con il paſſaggio,oueruiaggio qual debbe far la balla, che la coſa,ouer
ſegno d che ſi tira ſia oltra a talinterſecatione,ſempre la balla percuotera alquan
to diſopra del ſegno, º tanto piu alto quanto che il detto ſegno, ſera piu lontano
dalla detta interſecatione.S. Certamente uoi haueti detto la uerita, 6 ſappiati
che io ho morto alli miei giorni 2ooo.uccelli(dico di piccioli) cº la mia longa
eſperientia mi ha fatto chiaro di quello che uoi mi haueti detto, è però ogni uota
che mi occorre a tirare ad alcun uccello che ſia ſopra a qualche albero nella mia
conſueta diſtantia,io toglio ſempre la mira alli piedi di taluccello, ma eſſendo tal
uccello in piano,io toglio la mira preciſamente nel corpo di taluccello, ilche facen
dorare uolte tiro in fallo.
glueſito
L I B R O
Q yESITO. XXVI. FATTO DAL MEDESIMO.
S", Anchora uiuoglio adimandarui un'altro paſſo, qual è queſto.
Si con il detto mio ſchioppo uoglio tirare a un ſegno poſto al baſſo, ma pur nella
medeſima diſtantia(detta diſopra)ui adimandoſi talmia mira miſeruira, ſi co
me fa in piano,cioeſe io daro in brocca, ouer diſopra,ouer di ſotto dal detto ſegno.
TN.Senza dubbio che talmira non uiſeruiria in quella medeſima diſtantia,per le
medeſime ragioni dette diſopra,mauoi dareti pur anchora piu alto del ſegno, che
diſopra dal detto ſegno.S. Voi dite pur anchor la uerita, perche ogni uolta che io
tiro d alcun uccello che ſia in qualche baſſura,ouer diſmontata,la longa eſperien
tia mi ha fatto cauto che ſempre piglio la mira pur nelli piedi di detto uccello, co
me faccio anchora à quelli che ſono all'alta, cioe ſopra a qualche albero,ouer tor
re, & coſi facendo rare uolte tiro in fallo. N. Io ho molto accaro, che la uoſtra
longa eſperientia ui habbia dato buona teſtimonianza, di quello che con ragioni
naturale, ui ho concluſo.

Q yESITO. xxv IL FATTO DAL MEDESIMO.


- t

S" . Vn'altro paſſo ui ho anchora di adimandarui qual è queſto, ti


randoſi con un ſchioppo a un berſaglio,ouer ad altro ſegno,de mira, º che per
ſorte la botta dia diſopra dal ſegno, traſportando poi il detto ſegno alquanto piu
lontano,ouer ritirandoſi il ſchioppetero alquanto piu in dietro, ritirando poi an
chora de mira al detto ſegno, ſe adimanda ſi contal tiro ſi dara piu alto,ouerpiu
baſſo dell'altro tiro. N. In un ſimil caſo alla ſeconda uolta ſi dara molto piu diſo
pra dal ſegno di quel ſi fece alla prima.S. Voi haueti detto la uerita, perche mi è
accaduto è me uolendo inueſtigare quanto tiraua de mira un ſchioppo nuouonon
piu tirato qualin una certa commune diſtantia mi daua diſopra dal ſegno,º fa
cendo traſportar piu di lontano il detto ſegno,cioe circa. Io paſſa con ſperanza di
dar in brocca, º ritirando al medeſimo ſegno,io percoſſi molto piu diſopra dal ſe
gno alla ſeconda uolta che alla prima,la qual coſa, mi parue tantofuora di ragio
ne quato dirſi poſſa, perche à me parea,è pare anchora che allontanando ilſegno
ſi doueria battere piu baſſo, di quello ſi faceua standoui piu appreſſo, è pertanto
haueria molto accaro è intendere la cauſa di queſto inconueniente. N. Q ueſtonò
è inconueniente, anzi è coſa conueniente a far quello che di ragion de fare, º in
conueniente grandiſſimo ſeria ſi ſeguitaſſe ſecondo il detto utſtro parere, per che
ogni uolta che un ſchioppetiero, ouer bombardiero tiri de mira a un ſegno, º che
per uigor, ouer difetto delle due m re lui dia diſopra dal ſegno. Egli è manifeſto
che la linea uiſuale interſeca, il paſſaggio, ouer uiaggio qual debbe far la balla, zº
che talinterſecatione che fa la detta linea uſuale con il detto uiaggio qual debbe
far la balla, ſi fa de qua dal ſegno(per le ragioni adutte nel.7.queſito) & perche
per nn molto longo ſpacio, quanto piu il ſegno doue ſi tira ſia piu oltra la detta in
terſecatione,tanto piu la percoſſa daradiſopra dal ſegno,traſportando adunque il
detto
- - - P R I O M. 28
detto ſegno, per alquanto piu lontano, ſimilmente per alquanto piu lontanoſtra
transferido dalla medeſima interſecatione, º per tanto la botta dara piu alta,
ouer piu diſopra dal ſegno dell'altra, º tanto piu quanto che piu lontano per fin d
un certo termine ſera trasferito, ouer traſportato il detto ſegno il medeſimo ſe
guiria ſe il ſchioppetiero, ouer bombardiero ſi ritiraſſe per alquanto in dietro, cº
tutto queſto che ho detto ſi debbe intendere quando che la botta è alta per difetto
delle due mire, e non per difetto di colui che tira, perche ſe per difetto di colui
che tira,cioe che nel diſcargare il ſchioppo lui faceſſe alcun mouimento, º che per
tal mouimento lui deſſe diſopra,ouer diſotto, ouer coſter dalſegno,talinconuenien
te non ſi comprehende nel noſtro ragionamento, ma ſolamente quado che taleffet
to occorre per difetto delle due mire del ſchioppo..Anchor biſogna auertire, che il
dettoſegno ſi potria traſportar tanto, º tanto lontano dalla prima poſitione,che
non ſolamente ſi potria dar piu propinquo al ſegno della prima botta, ma anchora
ſi potria dar nel proprio ſegno, per le ragioni adutte nel fine del.7 queſito, cioe ſi
perſorte ſi traſportaſſe tanto, º tanto lontano il detto ſegno, º che per ſorteſi
metteſſe nel luoco doue che la noſtra linea uſuale fa la ſeconda interſecatione, con
il paſſaggio della balla ſenza dubbio ſi daria in brocca(come fu detto ſopra al det
to.7.queſito)cºrſi per caſo non fuſſe coſi preciſe in tal ſeconda interſecatione, ma
propinquo;tal botta non dara coſì preciſamente in brocca, ma ben uidara propin
quo,cioeſi talſegno ſera alquanto di qua da talinterſecatione,dara alquanto diſo,
pra dal ſegno, e ſi ſera alquanto di la, dara alquanto diſotto dal detto ſegno, º
tutto queſto facilmente ſi apprendera dalle ragioni adutte per figura infine del
detto 7.queſito. Vero è,che il detto ſegno ſi potria traſportar tanto di la della det
ta ſeconda interſecatione che la balla non potria aggiungere è quello, come per ra
i" naturale facilmente ſi puo comprehendere.S. Ho inteſo beniſſimo lauoſtra,
agione, º l'ho molto accara. - - is a

i Q i VESITO.
- tra
XXVIII. FATTO DAL MEDESIMO.
- - : - t - - - º

S Chioppetiero. Dal ſopradetto queſto me ne uenuto un'altro in mente, qual è


24ueſto, ſe tirando con il detto mio ſchioppo pur à un ſegno de mira, º che per
diffetto delle due mire io deſſe diſotto dal ſegno,traſportado anchora il detto ſegno,
alquanto piu lontano,ouer ritirandomi alquanto indietro, º ritirando al medeſi
moſegno de mira,ui adimandoſi queſta ſeconda botta ſera piu alta,ouer piu baſſa
della prima. N. In queſto caſo puo far uarie mutationi, perche la mira dinanzi
puo eſſer egualmente alta alla mira di dietro, º puo eſſer anchora piu alta,cº an
chora piu baſſa di quella,ſi per caſo adunque la mira dinanzi ſera eguale, ouer
maggior di quella di dietro (per le ragioni adutte nel principio del.7.queſito)
quanto piu ſi traſportera tal ſegno di lontano,tanto piu baſſa ſera la botta. Ma ſi
la mira dinanzi ſera piu baſſa di quella di dietro, o che per ſorte la ſtatalmente
piu baſſa di quella, che la noſtra linea uſualeuada realmete à ſegare il paſſaggio,
oneruaggio
º
ºº a
qual debbefarla balla,come ſi dimoſtra infine del 7 queſito "
- 0, Ca -
L I B R O
caſo,la ſeconda botta neceſſariamente ſera diſopra della prima, uero è che la puo
eſſer anchorlei pur diſotto dal ſegno,cioe fra il ſegno, º la prima botta, 6 puo
eſſer anchora preciſamente nel proprio ſegno, cioe in brocca, º anchorpuo eſſer
diſopra dal ſegno,perche ogni uolta che la detta mira dinaziſta talméte piu baſſa
di quella di dietro, che la noſtra linea uiſuale uada realmete àſegare il detto paſ
ſaggio,oueruiaggio qual debbe farla balla,come diſopra è detto,et che in un ſimil
caſo alcun ſchioppetiero,ouer bombardiero tiri de mira a un ſegno, di che per ui
gor delle dette due mire(º non per ſuo difetto)lui da diſotto delſegno, egli è ma
nifeſto che l'interſecatione,che fa la linea uiſuale, con il paſſaggio,oueruiaggio che
debbe far la balla, per le ragioni adutte infine del.7.queſito, ſera di la dal ſegno,
cioe che il ſegno ſera fra la detta interſecatione, di colui che tira.Et per tanto, ſe il
luoco doue ſera traſportato il detto ſegno ſia anchora di qua da talinterſecatione,
neceſſariamente la detta ſeconda bottaſera diſotto dal ſegno, uero è che ui ſera
piu propinqua della prima,cioe ſera fra il ſegno,et la prima botta, ma ſi la traſpor
tatione del ſegno ſera per ſorte nelluoco della propria interſecatione,al detto ſecon v

do tiro ſi dara preciſamente in brocca,cioe nel detto ſegno tolto de mira, maſi per
ſorte il detto ſegno ſera traſportato oltra la detta interſecatione neceſſariamente
la detta ſeconda botta daradiſopra dal ſegno, º tanto piu daradiſopra quanto
che piu oltra la detta interſecatione ſera traſportato detto ſegno, per find un certo
termine(come infine del precedente queſito anchorfu detto) ma ſi ta detta mira
dinanziſera pur alquato piu baſſa di quella di dietro, ma che tal ſua baſſezza ſia
tanto poca,chenò ſia atta di cidure la noſtra linea uiſuale tanto baſſa che ſi poſſa
congiungere con il uiaggio,ouer paſſagio, qual debbefarla balla,anchora in que
ſto caſo in ogni traſportatione del detto ſegno, la botta dara pur diſotto dal ſegno,
uero è,che talſeconda botta potria dar diſopra, º anchor diſotto della prima, 6
anchora in quella medeſima,perche ſi la prima poſition del ſegno ſera per ſorte nel
luoco doue che la linea uiſuale paſſa piu propinquo al paſſaggio, ouer uiaggio qual
debbe far la balla(come ſi dimoſtra nel 8.queſito)traſportando poi il detto ſegno
oltra al detto luoco ſenza dubbio la ſeconda botta ſera piu baſſa della prima, il
medeſimo ſeguiria quando, che la poſitione del ſegno ſuſſe oltra al detto luoco.
Ma quado che la detta prima poſitione del ſegno fuſi di qua da talluoco(piu pro
pinquo traſportado poi il detto ſegno piu appreſo d tal luoco, la detta ſeràda botta
ſera diſopra della prima, ma pur ſera diſotto dal ſegno, cioeſtra fra la prima bot
ta, & il ſegno. Ma quando tal ſegno fuſſe traſportato di la di talluoco propinquo
potria eſſrtanto poco dila che pur la detta ſeconda botta ſera fra la prima, e il
ſegno, º potria eſſer anchortato dila che la detta ſecoda botta daradiſotto della
prima, º potria anchor eſſer coſi proportionalméte di la,che la detta ſeconda bot
ta daria preciſamente nettuoco della prima, o tutto queſto, chi ben conſiderera,
la figuratione del.8 queſito,ſera manifeſto. Ma quando che la mira dinanzi ha
ueſſe per ſorte la ſua debita º comueniente baſſezza riſpetto a quella di dietro,la
qualcoſa accade rare uolte,cioe che la linea uſuale andaſſe preciſamente àtocca
re,ma non ſegare,il paſſaggio,ouerutaggio: qual debbe far la balla. Et che in un
e - e ſimil
"p R I M O. . -- 29
ſimil caſo alcun ſchioppetiero, ouer bombardiero tiraſſe de mira ad alcun ſegno,
& che per uigore delle dette due mire & non per ſuo difetto, lui deſſe diſotto dat
ſegno, per le coſe dette & dimoſtrate nel 9.queſito,puo occorrer che tal ſegno ſia
di qua etiam di la dal toccamento delle dette due linee, perche coſi eſſendo di qua,
come di la dataltoccamento ſempre dara diſotto dal ſegno, come ſopra alla figu
ra del detto. 9 Q ueſito facilmente ſi apprende, uero è, che quando talprima bot
ta fuſſe molto baſſa,ſeria da giudicare che talſegno fuſſe di la dal detto toccamen
to,perche eſſendo di qua tal botta, non puo eſſer molto baſſa,per le ragioni adutte
nel detto. 9.queſito,ſi tal ſegno adunque ſera di la dal detto toccameto, et traſpor
tando poi tal ſegno anchor piu in la,cioe piu lontano dal detto toccamento ſenza
dubbio la ſecoda botta ſera molto piu baſſa della prima. Ma quando che tal ſegno
fuſſe di qua dal detto toccamento, traſportandolo poi piu in la, puo occorrere che
tal ſegno in tal ſeconda poſitione,ſia anchor di qua dal detto toccamento, ci puo
accadere, che ſia nel proprio toccamento, º puo eſſer anchor che ſia di la da tal
toccamento. Se ilſegno adunque in tal ſeconda poſitione ſera di qua dal toccamen
to,la ſecoda botta ſera diſopra della prima, uero è, che ſera pur diſotto dal ſegno,
cioe ſera fra il ſegno, e la prima botta. Ma ſe il detto ſegno in tal ſeconda poſitio
ne ſera per ſorte nelponto del detto toccameto, la detta ſecoda botta dara preciſa
mente in brocca. Ma ſe il detto ſegno in tal ſeconda poſitione ſera di la dal detto
toccamento, puo eſſer tanto di la, che la detta ſeconda botta ſera piu baſſa della
prima º puo eſſer anchora coſi poco di la dataltoccamento, che la detta ſeconda
botta ſera diſopra della prima, ma pur diſotto dal ſegno, cioe fra ilſegno è la pri
mabotta,º puo eſſer anchora coſi proportionalmente dila, che la detta ſeconda
botta dara preciſamete nel luoco della prima.s. Q ueſte uoſtre ragioni certaméte
m'ingraſſano,et queſto procede perche le comincio a intedere,è per queſto mio in
tendere, quado che mi credeua di por fine à mei Q ueſiti,le uoſtre argumentationi
m'inducono nuoue chimere nella mente mia, ouer nuoui dubbi deadimandarui,
ma dubito de non farui faſtidio. N.Seguitati pur, che non mi fatti faſtidio alcuno.
s Q V ESITO. XXIX. FATTO DAL MEDESIMO.
to , -

S 6hioppetiero. Ter quanto poſſo conſiderare per le uoſtre argumentationi diſo


pra adutte,l'opinione uoſtra è, che ſe il ſegno doue ſi tira de mira non ſi imbat
te per ſorte è eſſer nel ponto doue concorre la linea uiſuale con il paſſaggio, ouer
uiaggio qual debbe farla balla,non ſi poſſa dare preciſamente in brocca. La qual
coſa,da una banda per ragion naturale coſidero, ch'egli è neceſſario coſi eſſer,ma
dal'altra banda, la mia longa eſperientia pare, che non corriſponda preciſamen
te à queſto: ma innanzi che io ui dica in che conto la non mi corriſponda, uoglio
che mi chiariti queſt'altro dubbio,cioe. Donde procede,che ogni ſchioppetiero, ºr
anchor bombardiero generalmente quanto piu ſta propinquo a un ſegno tolto de
mira,tanto piu è atto d darui dentro,ouerà far piu bella botta, e in ogni qua
lita demire.N: Per riſoluere regolataméte queſto uoſtro dubbio,in tutte le ſorte,
º a H 0/40'
r- - . L I B R O
ouer qualita di differentie che occorrer poſſa nelle due mire. Incomincieremo pri
ma, quado che per ſorte la mira dinanzifuſe preciſamete di quella medeſima al
tezza,ch'è quella di dietro. Dico adunque, che quado la mira dinanzi ſera egual
mente alta d quella di dietro in tal caſo,quanto piu colui, che tireraſtara propin
quo al ſegno,tanto piu ſera atto a darui dentro,ouer à far piu bella botta, º que
ſto ſeguita per due cauſe. La prima è, perche ſempre(comefu detto ſopra il ſetti
mo Q ueſito)tal ſchioppo, ouer pezzo dara diſotto dal ſegno, che ſi tol de mira,
ci tanto piu baſſa ſera talbotta, quanto che piu lontano ſera dal detto ſegno, cºr
econuerſo, quanto che piu propinquo ſera al ſegno, tantomen baſſa ſera talbot
ta, & la minor baſſezza,che ui poſſa occorrer in ſimil caſo, ſeria quella, quando,
che ſi steſſe tanto propinquiſſimo al ſegno, che l'eſtremita della mira dinanzi,
toccaſſe quaſi il detto ſegno, che ſi tol de mira, la qual baſſezza puo eſſer circa,d
tanto,quanto che è la diſtantia, che è dall'eſtremita de l'una,è l'altra mira al ua
cuo della canna, la qual puo eſſer poco piu della groſſezza del mettallo del pezzo
nella parte di dietro, che in un ſchioppo puo eſſer circa d tanto, quanto è la groſſez
za di un ditto, º in un pezzo groſſo tanto piu,quanto piu ſera groſſo di mettallo
nella parte di dietro. Et quantunque la balla ſubito, che è uſcita della bocca del
ſchioppo, ouer pezzo, uada continuamente declinando al baſſo(come ſi dimoſtra
nel terzo Q ueſito)tamen per un poco di tempo,ouer ſpacio, quando che talballa
ſi poteſſe ueder tal ſuo declinare non ſeria ſenſibile, cioechel noſtro occhio non lo
potria diſcernere,è però in un corto ſpacio, per conto delle dette mire, talſchioppo
puo dar poco piu baſſo del ſegno tolto de mira di quella groſſi zza d'un ditto,detta
diſopra,dico perugor delle mire,è non per difetto dicolui che tira,perche li diffet
ti,cº accidenti, che puo occorrer per difetto di colui che tira, non ſi coprehendono
nelli noſtri ragionamenti, º queſta è la prima cauſa,che un ſchioppetiero, 6 an
chor bombardiero, quando che la mira dinanzi è di quella medeſima altezza,
che è quella di dietro, quanto piu stara propinquo al ſºgno tolto de mira, tanto
piu ſera atto a darui dentro, ouerà far piu bella botta di quellofara a ſtarui piu
lontano, º per queſta medeſima cauſa occorreria il medeſimo, quando che la mi
ra dinanzi fuſſe alquanto piu alta di quella di dietro, perche in ſimil caſo, come
fu detto nel detto ſettimo Q ueſito, ſempre tal pezzo dara diſotto dal ſegno tolto
de mira, º tanto piu diſotto, quanto che piu ſera lontano dal detto ſegno, é la
minor baſſi zza che un poſſi occorrer in tal caſo puo eſſer circa è tanto, quanto
che ſera dall'eſtremita della mira dinanzi, al uacuo della canna di tal ſchiop
po,ouer a teglierla,ouer poco piu,la qual coſa, qualo che il ſegno fuſe,come diſo
pra d ſi, propinquiſſimo alla bocca del ſchioppo potria eſſer poco piu dell'altra,
cioe poco piu della grºſſzza d'un duto, uero è che in diſtatie eguale darta alquan
to piu baſſi dell'altra, detta diſopra, ma poco piu baſſo, maſſime in una picciola di
ſtantia, ſi che, come diſopra è detto,queſta è la prima cauſa, che un ſchioppetiero,
ci anchor bombardiero, quando che la mira dinanzi fuſſe ben alquanto piu alta
di quella di dietro, quato piu stara propinquo al ſegno tolto de mira,tato piu ſera
atto è darui dentro, ouer à far piu bella botta di quel ſeria à starui piu lontano.
, i Ma
P R I M. O. 3o
Ma oltra a queſta prima cauſa io reputo, che la ragion naturale ne inſegni un'al
tra al detto bombardiero, ouerſchioppetiero, la qual è queſta,che ogni uolta,che
lui è molto propinquo al ſegno doueuol tirare, che lui non pigli la mira nel proprio
ſegno, ma alquanto diſopra dal ſegno,perche il decòprehendere per diſcretione ma
turale,che l'eſtremita delle due mire ſono alquanto piu ad alto della bocca del pez.
2o,doue uſciſce la balla, la qual coſa facendo, uiene à medicare quel poco errore,
detto diſopra, che doueria far in baſſezza quel taltiro, ilche lo fa piu atto a dar
preciſamente in brocca. Et per tantodico,ſe quado la mira dinanza è egualmente
alta, º anchor alquanto piu alta di quella di dietro,il bombardiero,ouerſchioppe
tiero è tanto piu atto a dar nel ſegno doue tira, onerà far piu bella botta, quanto
piu ui sta propinqua per le due ragioni diſopra adutte, molto maggiormete,per le
medeſime ragioni, ſeguiria il medeſimo,quado che la mira dinanzi ſera alquanto
piu baſſa di quella di dietro, º ſia talſua baſſezza troppo,ouer poco a ſufficietia:
perche in qualſiuoglia modo, che la ſia piu baſſa, la uien à unir piu la linea uſua
le con il uiaggio qual debbe far la balla, º citinuamente piu perfin alluoco doue
che tallinea uiſuale ſega,ouer tocca,ouer che paſſa piu propinqua al detto paſſag
gio,oueruiaggio, qual debbe farla balla di quello ſi fa nelle due poſitione dette di
ſopra, perche in quella la detta linea uiſuale continuamente ſi ua diſcoſtando dal
detto paſſaggio,ouer uiaggio, qual debbe far la balla, 3 in queſte continuamente
la ui ſi ua piu accoſtando, per finalluoco detto diſopra, º quantunque anchora in
queſtaſeconda poſitione de mire quato piu ilſegno,che ſi tuol de mira,ſera de qua
dalluoco doue concorrera la linea uiſuale con il detto paſſaggio,ouer uiaggio,ouer
dal luoco, doue che piu paſſeranno uicine, ouer propinque, dette linee, tanto piu
baſſa ſera la botta,come ſi dimoſtra nel ſettimo,ottauo, & nono q ueſito,tamen
la baſſezza puo eſſer poca,come fu detto ſopra li predetti Q ueſiti,perche la mag
giore che ui poſſa occorrer ſeria quella, che nell'altre due prime era la maggiore,
cioe quado che il ſegno, che ſi tol de mira fuſſe propinquiſſimo alla mira dinanzi,
cioe alla bocca del ſchioppo, ouer pezzo, la qual diſopra determinaſſimo in un
ſchioppo poter eſſer poco piu della groſſezza d'un ditto, ſi la maggior baſſezza
adunque è poco piu d'un ditto in un ſchioppo stando al ſegno propinquiſſimo alla
bocca di quello. Eſſendo adunque tal ſegno alquanto lontano da detta bocca, ne
ceſſariamete men baſſa ſera la ſua botta,cioe men di quella groſſezza d'un ditto,
ci tanto men baſſa, quanto che ſera piu lontano dalla bocca del ſchioppo,pur che
nò ſia oltra alla detta interſecatione,ouer toccamento che fa la detta linea uiſuale
con il paſſaggio della balla,ouer alla maggior propinquita di quelle,eſſendo adun
" tal ſegno lontano almen. 1o paſſa della detta bocca del ſchioppo, quaſi che la
aſſezza di tal botta non ſeria ſenſibile, oltra che, come diſopra diſi, quando che
colui, che tira è molto propinquo al ſegno doue tira, credo per una certa diſcretio
ne naturale,che lui mi pigli la mira preciſamente nella brocca, ma una minima co
ſa piu atto,perche lui decoprehendere per ragion naturale, come diſopra diſi,che
l'eſtremita delle due mire ſono alquato piu alte della brocca del ſchioppo doue uſci
ſce la balla, la qual coſa facendo(come credo che faccia)ueneria ad annularquel
-a H i poco
- c : L I B1 R. O
poco errore, che daueria far in baſſezza la detta balla, º per queſte due cauſe tal
ſchioppetiero,ouer bombardiero con tal ſorte de mire generalmente ſera moltopiu
atto a dar nel ſegno, ouerà far piu bella botta in un luoco propinquo di quel ſeria
con le due prime qualita de mire dette nel principio di queſto Q ueſito, perche in
queſta qualita la linea uſuale per molto ſpacioua quaſi cagiunta,ouer poco diſtan
te dal paſſaggio della balla, è però in tutto quel pacio ch'è fra la bocca del ſehiop
po, & il luoco doue cócorrono le dette due linee, ouer doue che ſono piu propinque,
non ſi è ſuggetto quaſi ad alcun errore per le ragion dette diſopra, dico ad alcun
errore per conto delle mire.S. Certamentecon queſto uoſtro ragionamento uoi mi
bauetiſatisfatto in tutto è per tutto,perche da una banda io teneua, per le ragio
nidauoi adutte nel precedete Q ueſito,che fuſſe impoſſibile a dar in un ſegno tol
to de mira,quado che tal ſegno non fuſe preciſamete nel ponto dell'interſecatione,
ouer del toccamato delle due linee cocorrente, cioe della linea uſuale,et del paſſag
gio della balla, e dell'altra banda, mi pareua che la mia longa eſperitianò corri
ſpondeſſe à queſto perche con il mio ſchioppo ho tirato, et morto infiniti uccelli,al
cunia siarui competentemente da lontano, alcuni altri è starui coſi mediocremen
te di lontano, cºn alcunialtri ftarui molto propinquo, la qual coſa no potria acca
dere, eſſendo, come prima tenea(perche ſe le mire del detto mio ſchioppo ſono tali,
che mi facciano cicorrere la mia linea uſuale con il paſſaggio della balla, il ponto
di talcãcorſo egli è da credere, che ſempreſi faccia quaſi in una medeſima diſtatia
s(maſſime tirando per un medeſimo uerſo,è cargandolo ſempre è un medeſimo mo
do)è pertanto eſſendo stata la coſa a che ſi tira piu,ouer mendiſtate di quella tal
determinata diſtantia,ſeria stato impoſſibile è imbroccarla detta coſa tolta de mi
ra,ègia(come diſopra ho detto)per eſperientia ritrouaua al côtrario,cioe che in di
ſtantie commune,º mediocre, 6 propinque, º in un medeſimo uerſo mioccorſe
molte uolte a dar in brocca, con il mio ſchioppo, la qual coſa mifaceua star molto
ambiguo,ma uoi mi haueti ottimamente da ogni dubbio fatto chiaro, ci maſſime
che ogni uolta che mi occorre à tirare a qualche uccello, che mi ſia molto propin
quo,io coſtumo come diſopra diceſti,cioea pigliar la mira talméte piu alto, che la
. bocca del mio ſchioppo uenga a couerzermi l'uccello, ilche facedorare uolte tiro in
ºfallo.N: Mi piace aſſai,che la uoſtra longa eſperietta un renda bona teſtimoniaza
di quello,che per ragion naturale, è geometrica la mia méte ſente.S.Q uatunque
del mio dubbio mi habbiati fatto chiaro, nondimeno penſando ſopra la uoſtra argu
mentatione, me ne occorſo nouamente un'altro in mente, ma dubito di no farui fa
ſtidio. N. Seguitati pur che non mi fatte faſtidio alcuno, anzi mi fatti appiacere.
o y EsI ro. xxx FATTO DAL MEDESIMO.
S": Nella argumètatione per noi fatta ſopra al precedete Q ueſito,
con boniſſime ragioni baueti dimoſtrato qualméte un ſchioppetiero in un ſegno
propinqua è ſempreſuggetto a dar alquanto diſotto dal ſegno,cioe piu baſſo del ſe
-
gno, di che talbaſſezza non puo eccedere la groſſezza d'un ditto,ò poco piu, 6
- ,
-

è Ai io ho
- - P R I O M. 31
io ho uifo molti, che con un medeſimo ſchioppo, in una non molto longa diſtantia
tirando di continuo è un ſegno hauer dato talhora molto diſopra dal ſegno, ci tal
hora molto diſotto & tal hora molto coſtero, e talora nel proprio ſegno, è per
tanto uiadimando la cauſa di queſto inconueniente,il qual mi pare eſſer molto di
ſcordante à tutte le uoſtre ragioniadutte in tutte le uoſtre argumétationi, N.Biſo
gna ſapere, che tutti gli errori occorrenti nel tirar di ſchioppo, alcuni ponno eſſer
cauſati ſolamente dalle mire, e alcuni altri ſolamente per difetto da colui che
tira,é alcuni altri per difetto dell'uno, º dell'altro,cioe dalle mire, gº da colui
che tira. Gli errori adunque,delli quali nelle precedete noſtre argumentationi hab
biamo parlato,ſono quelli che ſolamente dalle mire ponno eſſer cauſati,nò interpo
nendoui alcun minimo difetto di colui, che tira(come piu uolte alli ſuoi luochi è
stato detto)perche gli errori che procedono ſimplicemete dalle due mire hanno in
fe regola è miſura, come alli ſuoi luochi è stato detto, ma quelli che ſimplicemente
procedono per difetto di colui che tira, non hanno in ſe alcun ordine,ouer regolari
ta,perche la maggior parte di talerrori, procedono per cauſa di qualche moumen
to,che ha fatto con il ſchioppo colui che tira,dopo che ha preſa la mira, ouer nel di
ſcargar del ſchioppo,perche ogni minimo moto fatto in quel iſtante, che ſi diſcarga
il detto ſchioppo puo cauſargrande errore al luoco,ouer al ſegno doue ſi tira de mi
ra, & tanto piu quanto piutal ſegno ſera lontano, º perche tal mouimento del
ſchioppo(qualpuo occorrer,per il menar del fiato,ouer per il batter del polſo,ouer
per tremar della mano)non ha inſeregolarita alcuna, è pertanto quando che il
ſegno fuſe ben preciſamente nel pontodoue cicorre la linea uſuale con il uiaggio
qual doueria far la balla(nel qualluoco alla ragion delle mire lui doueria dar pre
ciſamente in brocca)nondimeno quel tal,mouendo il ſchioppo lui è ſuggetto è erra
re in tutti i uerſi, cioech'egli èfuggetto ſi à dar diſopra, come diſotto dal ſegno, ºr
coſi anchora d dar coſteroſi dalla banda deſtra, come dalla ſiniſtra,uero è,ch'egli
è etià ſuggetto è darper ſorte in brocca, º tutti queſti medeſimi accidenti gli puo
accaſcare quado che il ſegno fuſe di qua,ouer di la di talcócorſo, uero è, che quan
do il detto ſegno fuſſe dila datal concorſo, gli errori ſi cauſano maggiori(per la
gran diſtantia)di quelfariano eſſendo di qua,per eſſer piu propinquo,perche inue
ro quanto piu il ſegno è propinquo a colui che tira,tanto piu ogni ſpecie di errore ſi
ſminuiſſe in lui, è però tanto piu ſi è ſuggetto a darmi dentro, onerà far piu bella
botta,come fu detto nel precedente Q ueſito, º a tutti queſti medeſimi acciden
ti, anchora è ſuggetto quando che nelle mire fuſſe qualche diffetto, cioe che per il
mouimento del detto ſchioppo lui è ſuggetto a darſi diſopra, come diſotto del ſe
gno, & eliam coſtero. Anchora egli è ſuggetto a dar preciſamente in brocca,per
che quel moto del ſchioppo, potria per forte eſertal che medicaria il difetto delle
mire, & daria in brocca,uero è,che non ſeria per ſuo ſapere, ma ſolamente per ſor
tes. Non piu,che ui ho inteſo beniſſimo, 3 queſta uoſtra argumentatione, mi ha
certamente da ogni mio ſcropoloſo dubbio rettamente chiarito. N
-
- - - - -

- Il fine del primo Libro. ,


- - º , , Libro
L I B R O SE C O N D O
SOPRA LA DIFFERENTIA,
CHE OCCORRE NELL I TIRI,
& effetti fatti con balla di Piombo, ouer di Ferro,ouer di Pietra,8.
altre varie particolarita, circa la proportione, peſo,
- & miſura delle dette balle.
- - - - s

Q yESITO. I. FATTO DAL SI GNO R GABRIEL


Tadino Caualier di Rodi, 8 Prior di Barletta.

E | R 1 o R E. Dopo che non ſappiamo piu che dire, per al pre


Es ſente ſopra le qualita dei tiri, º altri accidenti dell'Arte
glierie,perno ftarotioſi dopo la lettione di Euclide, uoglio
che parliamo alquanto delle qualita, é accidenti delle di
si uerſita delle balle. E pertanto, ditemi un poco, qualcredeti
gºl che andera piu lontano, º quanto una balla di piombo,
ouer di ferro, tirate con una ſteſſa arteglieria, 3 d una
on egual quantita di poluere.'N. Biſogna che quella mi di
ca con quata quantita di poluere. P. Poniamo con li due terzi di quello peſara la
balla di piombo.N.Senza dubb o la balla di ferro andera piu lontano. P. Q uan
to piu, N, Nelli tiri baſſi, cioe con il pezzo aliuellato andera quaſi un terzo di
piu,ma alla eleuatione d'un ponto,andera alquato meno d'un terzo piu, 6 quan
topiu la ſi andera eleuando tanto piu andera ſcemando di tal proportione, talmen
te che tirandola alla eleuatione del quinto,ouer ſeſto ponto, talballa diferro an
dera piu lontano di quella di piombo ſolamente poco piu d'un quinto, ci accio che
V.S.meglio m'intenda,poniamo che la balla di piombo, stando il pezzo aliuella
to,uada di lontano paſſa. 3oo.dico che la balla di ferro(tirata con quella medeſi
ma quantita di poluere con che fu tirata quella di piombo (cioe con li due terzi di
quello peſa la detta balla di piombo)andera di lontano quaſi paſſa 4oo.cioe qua
ſi inſeſquitertiaproportione, ma ſi tal balla di piombo alla eleuatione del quinto,
ouer ſeſto ponto andaſſe di lontano poniamo paſſa. 3 coo.dico che la balla di ferro
è taleleuatione,cò la medeſima poluere,andera di lotano poco piu di paſſa. 36oo.
cioe poco piu che in ſeſqui quinta proportione. P. Perche ragione ſeguita tal coſa,
cioe che coſinelli tiri eleuati,nò eccede ſecodo la medeſima proportione che fanelli
baſſi. Ne Perche l'aere fa maggior reſiſtentia proportionaiméte al corpo mengra
ue, ſecondo la ſpecie, di quello fa al piu grane, e tanto piu quanto piu la ritroua
quello menueloce,ouer piu lento,è laſſo. Et perche neli tiri baſſi, non strapaſſa
per aere ſaluo che nella ſua piu ugoroſa uetocita, perche preſto ritroua la terra
che un impediſce il moto, è però mi ui ſi moltiplica tanto l'offenſione dell'aere,quan
to che fa nelli tiri eleuati, perche in quelli strapaſ, aſſai piu tempo per l'aereo
. - maſſime
- - L I B R O S E C O N D O. 32
maſſime nella ſua laſſitudine, nella qual leſſitudine(come diſopra diſi) l'aereui
ha proportionalmente maggior poteſta, et dominatione di quello ha nelli tiri baſſi,
& per tanto la detta balla di ferro non eccede tanto la balla di piombonelli tiri
eleuati(proportionalmente)quantofanelli tiri baſſi. P. Vi ho inteſo beniſſimo.
Q VESITO. II. FATTO DAL MEDESIMO.
: -

P Riore. Q ualcredeti poi che andera piu lontano, è la detta balla di piombo,
ouer diferro,tirate pur con una ſteſſa arteglieria, 6 d una ſteſſa eleuatione,
ma ciaſcaduna con la ſua poluere ordinaria, cioe con li due terzi di quello peſa cia
ſcaduna balla perſe. N. Nelli tiri baſſi,cioe aliuellati,ouer poco eleuatinò uſera
grau differentia, ma nelli tiri molto eleuati, come ſeria a dire alla eleuatione del
terzo,quarto, quinto, et ſeſto ponto,la balla di piombo andera aſſai piu lontano di
quella di ferro, e tutto queſto procedera per le ragioni adutte nel precedente
g ueſito. P. lo haueuain animo di uoleruiadimandare, quando che cadauna di
dette balle fuſſe tirata con li due terzi poluere di quel peſa la balla di ferro, qual
ſeria andata piu lontano, ma per le ragion diſopra adutte comprehendo che la
balla di ferro anderia piu lontano. Ne Coſi è. -

-- -
Q yESITO. III. FATTO DAL MEDESIMO.
- s, -

P Riore. Q ualcredete poi che andera piu lontano, e quato una balla di ferro,
ouer una di pietra pur tirate con una ſteſſa arteglieria, º è una ſteſſa eleua
tione, º con egual quantita dipoluere, cioe con li due terzi poluere di quello peſa
la balla di ferro.N.Senza alcun dubbio la ragion ne dimoſtra che nelli tiri baſſi,
& nella maggior parte delli eleuati,la balla di pietra andera piu lontano di quel
la diferro. P. Et quanto andera piu lontano. N. Nelli tiri baſſi(poniamo dal ſito
della egualita, per fin alla eleuation di un ſol ponto)la balla di pietra andera piu'
lontano, circa à un quarto piu di quello ſera andata, ouer che anderia la balla di
ferro,cº innanzi piu che manco, ma poi nelli tiri piu eleuati,non creſceria tanto,
e tanto meno quanto piu ſaranno eleuati, e talmente andera ſcemando che
alla eleuatione del quarto pontouiſera pochiſſima differentia,cioe che à taleleua
tione andera quaſi tanto lontano la balla di ferro quanto quella di pietra, ma
alla eleuatione del quinto, ſeſto ponto la balla di ferro andera poi alquanto piu
lontano di quella di pietra, e tutto queſto procede per le ragioni adutte ſopra il
primo Q ueſito.P.Certamente le ſono coſe belle da conſiderare.
Q V ESITO. I III. FATTO DAL MEDESIMO.
P Riore. Q ualcredete poi che andera anchora piu lontano, è la detta balla di
ferro,ò quella di pietra,pur tirate con una ſteſſa arteglieria, i d una ſteſſa
eleuatione, ma ci la ſua poluere ordinaria, cioe tirandola balla di ferro con li due
terzi,
IL I B R O
terzi,poluere di quello peſa la balla,º quella di pietra con un terzo di quello pe
ſa la medeſima balla di pietra. N. La determination di queſto non è molto facile
per iluariar della proportione del peſo di cadauna balla alla ſua poluere, nondi
meno concludo che la balla diferro andera piu lontano di quella di pietra tn ogni
eleuatione,uero è,che quanto piu il tiro ſera eleuato, tanto piu andera piu lonta
nola detta balla di ferroproportionalmente di quella di pietra, º econuerſo,cioe
che quanto piu il tiro s'accoſtera al ſito della egualita ui occorrera minor differen
tia. P. Comprehendo adunque che quelli primi che determinarono che alla balla
di pietraui ſi doueſſe dar ſolamante il terzo poluere,di quello peſa la balla, il fer
ro,perche forſi con l'eſperientia trouero quello che uoi diceti,cioe che ſi agguaglia
ua à quella di ferro,
Q yESITO. V. FATTO DAL MEDESIMO.
P Riore. Q ualteneti che faramaggior effetto,ouer paſſata(in una egual diſtan
tia)una balla di piombo, ouer di ferro tirate con una ſteſſa arteglieria, º a
una iſteſſa eleuatione, º prima con egual quatita di poluere, cioe con li due terzi
di quello peſa la balla di piombo, º dopo con la ſua poluere ordinaria. N. Diſo
º
pra nel primo Q ueſito concluſo che la balla di ferroin ogni eleuatione andera
piu lontano di quella di piombo(eſſendo però ambedue tirateci quella detta egual
quantita di poluere)è però ſi la coſa doue ſi tira fuſe tanto lontano che la balla di
piombonò ui poteſſe arriuare,& che quella di ferroui arriuaſſe cadauno ſaprafar
queſto gindicio ſenza che io il dica, ma ſi la detta coſa doue ſi tira ſera in una di
ſtantia coueniente a l'uno, è l'altro tiro, º che la detta coſa no ſia di tal durezza
che ſia atta a maccare la balla di piombo, ſenza dubbio la balla di piombo fara
molto maggior effetto, ouer paſſata di quelfara la balla di ferro, per cauſa della
ſua maggiorgrauita, perche moltopiu opera la grauita che la uelocita(come ſo
pra al. 16. Q ueſito del primo anchor fu detto)uero è, che quando la detta coſa do
ue ſi tira fuſe di tal durezza che fuſſe atta a maccar la detta balla di piombo, ui
ſeria da dubitare, che la balla di ferro doueſſe penetrar alquanto piu di quella di
piombo,uero è, che ſe ben la balla di piombono penetraſſe tanto quanto quella di
ferro,il non reſtera ch'ella non conquaſſi molto piu la detta coſa percoſſa di quelfa
ra la detta balla di ferro, per cauſa della ſua maggior grauita, º tutto queſto che
ſi è detto di talhalle tirate,con la detta egual quantita di poluere meglio ſi ueriſi
cara tirandole con la ſua poluere ordinaria, cioe con li due terzi di quello che peſa
cadauna balla perſe,cioe che nelle coſe che no ſiano atte per ſua durezza è mac
care la balla di piombo molto piu ſera di maggior effetto, ouer paſſata la detta
balla di piombo di quella di ferro, di quello era tiradole cadauna cò la ſopra detta
egual quatita di poluere, 6 ſimilméte in quelle coſe, che per la ſua durezza ſiano
atte à maccar la balla di piombo, quantunque forſi la balla di ferro potria eſſer
che penetraſſe alquato piu,nondimeno molto maggior botta, 9 conquaſſamento
fara la balla di piombo di quella di ferro. P. Egli è coſa,che aſſai mi conſona.
- - - q ueſito
s e c o N D o. ss
oyESITo, vI FATTo DAL MEDESIMo.
P Riore. Q ualcredeti poi che fara maggior effetto,ouer paſſata(in egual diſtan
tia)una balla di ferro,ouer di pietra,tirate câ una ſteſſa arteglieria,º è una
ſteſſa eleuatione, e prima con egual quantita di poluere, cioe con lidue terzi di
uello peſa la balla di ferro, º dopo con la ſua poluere ordinaria. N. In queſta
ui è alcun dubbio,che la balla di ferro fara molto maggior effetto,ouer paſſa
ta, & in ogni qualita di materia,di quellofara la balla di pietra, domente che la
coſa doue ſi tira non fuſſe tanto lontana, che la balla di ferro non ui poteſſe arri
uare, e che quella di pietra ui arriuaſſe(come fu detto anchora ſopra la balla
di piombo, º di ferro nel precedente Q ueſito)é ſi adunque la balla di ferro
fara maggior effetto, ouer paſſata, della balla di pietra tirandole ambedue con
quella egual quantita di poluere, molto maggior effetto, ouer paſſata farala poi
tirandole ambedue con la ſua poluere ordinaria, cioe la balla di ferro con li due
terzi di quello peſa la detta balla, º quella di pietra con un ſol terzo di quello
peſa detta balla di pietra. P. Io ho ſempre tenuto, che coſi fuſe, come uoi hauete
detto, e determinato. -

o yEsiTo v1 I FATTo D AL MEDESIMo.


P Riore. Eſſendo io è Rhodi al tempo, che il Turcoui era attorno, º eſſendo io
andato in una certa parte della terra con molti guaſtadori per far fare alcuni
ripari, accadete, che ne fu tirato da Turchi con una arteglieria, e la balla con il
ſuo cifolare ſi feceſentire tanto di lontano, che ogn'unohebbe aſſai commodita di
poter dar luoco alla detta balla, 3 ſchiuarſi da quella, º coſi ogn'un fece. Et do
po che la detta ballahebbe fatto il ſuo effetto fruſtatorio,ogniuno ritornarono d la
uorare ſicuramente confidandoſi,cheſi ben ui retirauano piu di ſaluarſi ſempre a
l'auiſo della balla,cioe al ſuo cifolare,hor accadete,che ui retirorno un'altra uol
ta, & la detta balla uenne tanto quietamente, che alcun non la ſentite, ſaluo nel
aggiungere,ouer nel far il ſuo effetto, talmente che quella ucciſe quattro guaſta
dori, bor ut adimando la cauſa di tal ſuo uenir coſi tacito, º quieto, º maſſime,
che ui retirorno molte altre uolte, º faceua il medeſimo.'N. La cauſa di tal effet
to procede, per le ragioni adutte nel.4. Q ueſito del primo libro, cioe, perche la
prima uolta,che ui fu tirato, talballa ritrouo l'aerequieto, per la qualquietitu
dine, fa maggior reſiſtentia al moto della balla di quellofaria eſſendo commoſſo,
per la qual reſiſtentiaſi cauſa quel ſuo ſi gran cifolare, cioe, che tal cifolare,
naſce dalla gran difficulta, che ritrouala detta balla in penetrar tal aereripoſan
te,è quieto: ma perche alla ſeconda uolta talballa, non ſolamente la ritrouo tal
aere tutto commoſſo,rotto, 3 conquaſſato, dalla prima balla tirata, ma anchora
molto tendente, ouer ſcorrente uerſo al luoco doue ſi tira, cioe ſecondando il moto
della detta balla, per le qual coſe la detta balla, per non ritrouar quel oſtacolo
alla ſeconda uolta,che fece alla prima, la non cifolaua coſi forte, come fece alla
- l prima
- L I B R O ,
prima uolta, ci per le medeſime ragioni molto meno doueua cifolare nelli al
tri tiri, eſſendo però tirati conſeguentemente. P. Q ueſtauoſtra ragione mi con
ſona aſſai.
- Q yESITO. VIII. FATTO DAL MEDESIMO.
A G N. M. B E R N A R D o Q ualcredeti che andera piu lontano, una bal
la graue, è una leggiera, tirando l'una è l'altra con una iſteſſa arteglierta,
& à una iſteſſa eleuatione, ci con egual quantita di poluere. N. A queſto non
ui ſi puo dare determinata riſpoſta, che non diſtingue la differentia della lorgra
uita,º la quantita della poluere,perche,º la grauita della coſa, º la leuitaſi
è uiſta fruſtare la uirtu del mouente, perche la coſa tirata puo eſſer di talleuita,
che à pena, ouer poco lontano dalla bocca del pezzo ſera ſpinta, ouer tirata, cº
ſimilmente potria eſſer di tanta gran grauita(riſpetto alla poca quantita della
poluere)che ſeguiteria il medeſimo inconueniente, è però egli è neceſſario a di
ſtinguere la differentia della lorgrauita, etiam di che materia ſia cadauna balla,
etiam la quantita della poluere, perche ſi l'una fuſſe di piombo, º l'altra di fer
ro, ouer di pietra, º tirandole con li due terzi di poluere di quello peſa la balla
di piombo, egli è coſa chiara(per le ragioni adutte diſopra nel primo, di terzo
g ueſito)che la balla di ferro, ouer di pietra andera piu lontano di quella di
piombo, ma ſi l'una de dette balle fuſſe di piombo, ouer di ferro, º l'altra di
legno leggiero, ouer di quel ſuore,che ſi mette nelli ſubri, ouer zocoli delle donne,
egli è da credere che la balla graue,cioe quella di piombo, ouer di ferro(tirata con
la ſua poluere ordinaria)andera molto piu lontano, della balla leue(cioe di quel
la balla di legno leggiero, ouer di ſuore(tirate anchor quelle con la medeſima
quantita di poluere. Ma uoltando carta, che uoleſſe tirare una balla di piombo
da lire. Ioo.con un canon da cento, di ſimilmente una balla di legno di quella
medeſima grandezza, ouergroſſezza, che è quella di piombo, ma tirare l'una,
è l'altra ſolamente con una lira, ouer due dipoluere, egli è da credere in queſto
caſo,che la balla di legno andera piu lontano di quella dipiombo, la qual coſa ne
auertiſce qualmente egli èneceſſario, che tra la grauita della coſa tirata, º la
uirtu della coſa mouente(ouer che ſpinge)uicaſca una ſua limitata proportione.
M.B. Q ueſto uoſtro diſcorſo non me diſpiace, 3 ſappiati, che una uolta mi
uolſi chiarire di queſto dubbio, 23 fecifar una balla, pur di mettallo, ma buſa,
cioe uacua di dentro, la fect tirare, di quella ando aſſai meno della balla ordi
naria di ferro.

Q yESITO. IX. FATTO DAL MEDESIMO.


QI G N o R G 1 v L 1 o Egli è una balla,che per diametro è onze quattro dimi
ſura, 3 peſa lire otto,bor uiadimando quanto " un'altra, che fuſſe per
diametro onze. 6. N. La peſeria lire.27.S.G. Come è poſſibile, che una
-
º".CDC: i
S E C O N D O. 34
che ſia per diametro onze 6. di miſura (che ſeria mezo pie) non peſi piu deli
re.27.anzitengo, che debbia peſare piu de lire.6o.'N, Egli è il uero, che ſi tal
balla fuſſe di ferro, cº che per diametro la fuſſe onze.6 di miſura ordinaria(che
ſeria mezopie)ſenza dubbio tengo,che peſaria circa a dette lire. 6o.S.G.Terche
diceti adunque che la peſara ſolamente lire.27.N.Io dico, che la peſeralire.27.
stante, che quella che è di diametro onze quattro peſi ſolamente lire otto: ma ſi
talballa fuſſe di ferro, º che de diametro la fuſe(come è detto)onze quattro di
miſura ordinaria(cioe un terzo d'un pie)la peſeria piu de lire. 18.uel circa, è
però io ho riſpoſto ſecondo la propoſto.S.G. Et comehaueti trouato quelle lire 27.
TN, Io le ho ritrouate in queſto modo, io ho cubato quelle onze.4.(diametro della
prima balla) il cubo delle qual è.64. & ſimilmente ho cubato quelle 6.onze
(diametro della ſeconda balla)il cubo delle qual è.2 16. & dopo per la regola
del tre,dico:ſi.64 peſa lire.8.che peſera.2 16.multiplico, º parto ſecondo l'or
dine di tal regola, º me ne uenuto le dette lire.27.è però ho concluſo,che la det
ta ſeconda balla peſeria lire.27. stante che la prima peſaſſe ſolamente lire.8.
S.G.Vi ho inteſo beniſſimo.

Q V E SI TO. X. F A TT O D A L SI GN O R
Ferante Aueroldo gentilhuomo Briſciano.
S lo so aF 1 R A N T E Egli è una balla,che per diametro è.5.ditta uiadiman
do come faro io d ritrouare quanto che ſia il diametro di un'altra balla che ſia
doppia è queſta. N. Voi doueti cubar quelli cinque ditta di diametro, il qual
cubo ſera.125.6 queſto. 125.uoi lo adoppiareti, fara 25o.& la radice cuba di
queſto.25o ſera il diametro di quella ſeconda balla(doppia alla prima)la qual
radice cuba di.25o.cauandola per il modo, che ui ho moſtrato uoi trouareti, che
la ſera alquanto piu di ſei ditta, cioeui auanzara.34.rotti.S.F.Come mi debbio
gouernare con quello.34.che mi auanza per formar il conueniente rotto da ac
compagnarcon quelli ſei ditta.'N, Labona regola di formar il rotto di quel reſi
duo, che auanza nell'eſtratione della radice cuba(nelli numeri non cubi) per fin
d queſta horamai ho ritrouato in alcun Autore, che dital materia habbia trat
tato, che l'hahbiarettameute inteſa, º queſto procede(ſi non m'inganno) per
che il retto modo da cauar la detta radice cuba, dalla maggior parte è inteſo, non
dico inteſo, che quelli tali non la ſappiano cauare, ouer che le regole da lor poſte,
non ſeruino per cauarla, ma uoglio dire, che talſue regole non procedeno per la
uera, º retta uia naturale, perche ſe queſti tali procedeſſero per la ſua retta
uia nel cauar la detta radice cuba, º che intendeſſero poi la cauſa di tal ſuo
operare, facile ui ſeria ad aſſignare con ragione la uera regola da formar il ſuo
rotto,nelli reſidui reſtanti nel ſuo operare.S.F. La retta uia da cauare la dettara
dice cuba, non egli è quella, che uoi mi haueti moſtrata. Ne Q uella propria.
S.F. Dopo che uoi mi baueti moſtrata tal regola,uoi mimoſtrareti pur anchora il
modo da formar rettamente il detto rotto. Ne Per al preſente uoi hareti pa
e I j tientia,
. - . . L ſ: B R., O. -

tientia, ma ben ui prometto, che in breue con alcune altre coſe inſieme ue le faro
uedere à uoi, & alli altri Signor Ferante Non potendo far altro haropatientia
perfin d quel tempo. t

QyESITO. XI. FATTO DAL MEDESIMO.


Iº GN o R F e RA N r e Con che regola, ouer uia determina adunque Vitruuio
la proportione delle pietre, che ſi hanno da metter al forame della Baliſta. Ne
e Adeſſo mi arricordo, che la ragione, che uoi mi adimandaſti nel precedete Q ueſi
to è proprio quella medeſima, che pone il detto Vitruuio al. 17. capitulo del ſuo
decimo libro, nel qualluocolui conclude, che ſe il ſaſſo qual debbe tirare la baliſta
ſera due peſi,cioe di due libre)che il forame del ſuo capitello ſera de.5.digiti, ouer
ditti, è che ſi talſaſſo ſera di 4.libre,dice che il detto forameſiafatto di 6.digiti,
ouer ditti,la qual determinatione è ſimile alla noſtra fatta nel precedente Q ueſi
to riſpetto al numero ſano, cioe al ſeſto, ma non al rotto, perche quello.34 che in
tal luoco ne auanzone ripide aſſai piu d'un quarto di digito,cioe, che talforame
doueria eſſer alquanto piu de digiti 6.è un quarto.S.F. Potriaeſer, cheil fuſſe
stato mal tradutto.N. Il medeſimo ſi trouanel Latino.S.F. Vedetimo, ſi nelle
altre ſue determinationi, cheſeguitano in tal luoco,ſono giuſtamente concluſe. N.
Senza dubbio ui è qualche errore, ma piu in una, che nell'altra, º credo tutto
queſto proceda per no intéder quella regola da noi ritrouata(detta nel precedete
g ueſito)di ſapere formare il ſuo couueniente rotto di quel reſiduo, che auanza
nelle eſtrationi delle radice cube, nelli numeri non cubi, º che ilſia il uero, lui
conclude, che ſe il ſiſſo, che ſi ha da tirare ſera di 6.libre, che ilforame del car
pitello de detta baliſta ſi debbia far de digiti.7.6 per il rotto, che debbe eſſer di
piu di detti digiti.7.lui mette noue ponti in forma quaſi circulare.S.F. Cheſa,
che quelli 9 ponti non ſignificano il conueniente rotto,ouer parte de digiti,che uol
eſſer il detto forame di piu delli detti. 7.digiti, quantunque che noi non intendia
mo il ſignificato di dettinoue ponti, per eſſer coſa antiqua. N. Q uando coſi fuſe
neceſſariamente ſeguiteria, che in qualunque luoco doue ſono poſti quelli tali nome
ponti, uirepreſentaſſero un medeſimo rotto, la qual coſa non è uera,perche nelli
detti luochi ui occorre rotti molto diuerſi in quantita, eſempi gratia, al detto
ſaſſo di ſeilibre, il detto forame uorra eſſer di.7.digiti, º circa di uno ottauo de
digito,cioe uol eſſer alquanto ſcarſo de.7.digiti, é un ottauode digito. Et per tan
to quelli noue ponti, in tal luoco ueneriano a ſignificare alquanto manco di un
ottauo de digito. Et nel ſaſſo di diecelibre lui conclude, che il detto forame uorra
eſſer di 8.digiti, 3 piu il ſignificato di detti noue ponti, º noi procedendo per
l'ordine dato nel precedente Q ueſito, ritrouiamo che il detto ſaſſo di diecelibre,
uorra di forame alquanto piu de digiti otto è mezo, per ilche ſeguiteria, che li
dettinoue ponti nel detto luoco ſignificaſſero alquanto piu d'un mezo digito, ci
gia di ſopra trouaſſimo, che ſignificatiano manco d'un ottauo de digito,la qual co
ſane manifeſta qualmente li dettinoue ponti non hanno alcuna regolata ſignifi
a Call0llº».
-
- - - S E C O N D O. 35
cation, ºſimilmente ne aduertiſce qualmente vitruuio non hauera regola di
ſaper formarrettamente il rotto di quel reſiduo che ſoprauanza nell'eſtrationi
delle radice, cube, nelli numeri non cubici (che di ſopra nel precedente 2 ueſito
diciamo batter ritrouata) la qual diceſſimo anchoranó eſſer stata inteſa da quan
ti Autori hobbiamo letto, che di tal materia habbia trattato.s.F. Non poſſo
credere,che Vitruuionò ſapeſſa tal coſa, ma la cauſa debbe eſſer proceduta dalli
traduttori. N. Il medeſimo è nelli antichiſſimi in lingua Latina, ma piu che nel
ſaſſo di 2o.libre, lui determina cheildetto forame uorra eſſer de digiti diece, cº
piu il ſignificato di detti noue ponti, a noi ritrouiamo, che talforame uoga eſſer
de digiti diece, º piu di tre quarti d'un'altro digito, onde in queſto luocoli detti
noue ponti ueneriano d ſignificare piu di tre quarti d'un digito, ci coſi ua proce
dendo, º errando quaſi in tutte l'altre ſue determinationi che ſeguitano,s.F.
Mi stupiſco che talbuonobabbia errato in ſimilcaſo. - -

- º -. - - -- g

Q y ESIT Q. XII. FATTO D A L S. I A C o M o


- di Achaia,Convna ſua lettera mandata da Lezze. -

- :

S, GN o R 1 A co M o Ioui prego di gratia, che per il lattor della preſente,


miuogliati mandarin diſegno quantoſia,ouer debbia eſſer il diametro di una
balla di un rotulo à peſo, e coſi quello di una, di due rotuli, º ſimilmente
da tre, da quattro, da cinque, da ſei, º coſi procedendo per fin d quella mag
gior quantita di rotuli, che è uoi parera. N. A douer ſatisfare alla dimanda
di noſtra Signoria, egli è neceſſario che quella mi dia notitia del diametro, 3
delpeſo di una balla con ſomma diligentia miſurata, ci peſata,cioeueder di tro
uar una balla, º quanto piu è groſſa tanto è meglio, é quella peſarla ſottil
mente, come ſe fuſſe di argento, e dopo trouar diligentemente quanto è per
diametro, cioe quanto è per linea, º dopo mandarmi in diſegno la longhezza
di tal diametro, etiam la quantita del peſo di talballa, º darmi anchor notitia,
ouer informatione che peſo ſia un rotulo, º come ſi diuide, cioe quante lire, ouer
onzeſia, perche tal ſorte di peſo non ſi coſtuma in queſte bande, º facendo que
ſtoſatisfaro alla petitione, ouer Q ueſito di uoſtra Signoria.S.I. M. Nicolo ca
riſſimo horiceuuta la uoſtra, º inteſo il tutto, è pertanto ui auiſo qualmente
la ſottoſcritta linea è il diametro di una balla di ferro, qual peſa preciſamen
te. 9.rotuli, ci ſappiati che un rotulo è un certo peſo che ſi uſa qua in Lezze, il
qual rotulo è onze.33 è un terzo dionza, cioe onze. I co. ſono tre rotuli. N,
Signor Iacomo bonorandiſſimo boriceuuta la uoſtra inſieme con il diametro di
una balla derotuli, 9 con il qual diametro ui ho ritrouato il diametro delle ſotto
ſcritte, é piu ue ne haria ritrouato, ma mi ho penſato, che queſti debbano eſſerà
ſufficientia per quello deſidera uoſtra Signoria, ci per piu communeſatisfatione
ho goluto tirar tal peſo derotuli al peſo di queſte bande,cioe à onze.33.è un terzo
per rotulo, 6 perche alcuni diametri ueniuano tanto longhi che non poteuano
-
- - capire
darotulinuouecheſerialire.25.
balla
una
di
ueſto
diametro
èq SS
º
l ºi ;
ſottoſcritto
ueſto
ºildiametro
èpur
balladarotuli.9.mandatemi
diuna
qualſerialire.25.
la
Lezze
da i
I

ſottoſcritto
iqleſto
balladarotuli.
una
di
ſerialire.27.onze.9
che
Io
èudiametro
n
terzº. i

ſottoſcritto
uleſto
èig
diametro
rotuli.
da
balla
una
di ;
ſerialire.ºo.onze.6.è
11.che
due
terzi
è
aS.

ſottoſcritto
Queſto
èil
diametro
rotuli.
da
balla
una
di
ſerialire.
33.onze.4.
12.che

ueſto
ſottoſcritto
èlg
del
meta
a
una
di
diametro
18.che
ſerialire.5o.
rotuli.
da
balla
TI
i
ueſto
ſottoſcritto
èlq
meta
a
balladarotuli.36.che
una
di
diametro
del
1oo.
ſerialire,
I

i
ueſto
g
ſottoſcritto
èlmeta
a
una
di
diametro
del
rotuli.45.che
da
balla
125.
lire.
ſeria l
ueſto
ſottoſcritto
èlq
meta
a
diametro
del
una
di
ſerialire.2oo.
rotuli.72.che
da
balla
-
A e
Se

- - -- - - - ---
ſeriamo
perrot
terzo
uè33unanonzeulo
9dballad
dipurèil
ſottoſcr
uaeſto arotul
lire.ºsiro,
diamet
itto
terzo.
ſeriali
che
rotuli.
da
balla
diuna
diamet re.22.onze.2
ln oro8itto
ièſottoſcr
èuqueſt
–a

che
rotuli
terzo.
un
ſeriali
da
balla
della
diamet
ièſottoſcrre.19.o
itto nze.5.è
ugleſto ro
16.onz
ſeriali
6,che
rotuli,
da
balla
una
di
diamet
ièſottoſcre.8.
ro
itto
ugleſto re. i
terzi.
due
1o.è
13.onz
ſerialir
rotuli.
da
balla
una
di
diamet
ièſottoſcr e.
5.che
ro
itto
u2leſto e,
r
terzo.
un
1.è
4.cheſe
rotuli
da
balla
diuna
diamet
ièſottoſcr rialire.11.onze.
itto
ugleſto ro
ſeriali
rotuli.
da
diamet
ièſottoſcrre.8.on
3.che
itto ze.4.
ugleſto ro
I
balla
diterzi.
due
ſeriali
rotuli.
da
unal
diamet
ièſottoſc re.5.onze.6.è
2.che
ro
ritto
ugeſto
ti
una
di terzo.
un
9.è
ſeriali
1.che
rotuli.
diamet
ièſottoſcr
uq re.2.on
itto ze.
leſto ro º

| -

1.
lire.
da
balla
una
di
diamet
ièſottoſc ro
uqleſto ritto
4.onze
mezo,c
1.è
ballada
una
di
diamet
ièſottoſcr,2.
rotuli.alire
ro
itto ,
È uqleſto heſeri
T
L 1 B R o s E c o N D o. -

V Fro è,che tutte le balle gettate in una medeſima forma non ſeranno preci
ſamente d'un medeſimo peſo,perche in una il mettallo ui ſi congella alle uol
te piu fiſſo, ouer piu poroſo che nell'altra per molte cauſe, le qual non uoglio al
preſente starà narrarle, ma ſolamente me apparſo di aduertirui, accio che ſi la
noſtra determinatione, non ui riſpondeſſe coſi preciſamente, come habbiamo de
terminato, che quella non ſe ne debbia ſcandalizzare, perche tutte le coſe ope
rate in materia,mai ponno eſſer fatte coſi uere è preciſe, che ſempre le non poſſano
eſſere piu uere, º piu preciſe.
A Ncbora uoſtra Signoria aduertiſca, che ſe il detto diametro a me manda
tofu di una balla di ferro(come mi haueti ſcritto) tutti li noſtri ſi debbono
intendere ſolamente ſoprahalle di ferro, º non di piombo, ma uolendoli etiam
adattare alle balle di piombo, biſogna augumentarui il ſuo peſo per la ſua meta,
cioe ſe il detto diametro è di balla di ferro, º che quella peſi, come dettirotuli. 9.
(ouerlire.25.) dico che un'altra di piombo gettata in quella medeſima forma
peſera, circa è un tanto è mezo, cioe rotuli. 13 è mezo, ouer lire.37. è meza,
perche il piombo,al ferro in grauita sta quaſi in ſeſquialtera proportione, i coſi
ſi debbe intendere in tutti gli altri. Et che ne uoleſſe farne far di pietra commune
ſopra la miſura di alcun di detti diametri, talballa peſera circa la quarta parte
di quello peſeria quella di piombo, cioe che la proportione della pietra marmo
rina al piombo in ponderoſita è quaſi ſubquadrupla, é con il ferro è quaſi come
da. 15.d.38.per la qual notitia ſi potra trouar la grauita di qual ſi uoglia balla,
ſopra qualſiuoglia diametro aſſignato, º accio che meglio quella il poſſa tener
in memoria qua diſotto ui ho notata la detta lor proportione diſtintamente.
Il piombo al ferro è quaſi come 3o.à.19.cioe quaſi ſeſquialtera.
Il piombo al pietra marmorina è quaſi come 4.d. 1.
ll ferro alla pietra è quaſi come 38.à.15.
Il fine delſecondo Libro.
L I B R o T E R zo
soPRA DEL SALNITRIO,
ET DELLE VARIE COM POSITIONI
della poluere delle arteglierie, 8 della proprietà, ouer particolar
officio, che ha cadauno di ſuoi tre materiali in tal
º i e compoſitione, & altre particolarita.

o yEsITO. I FATTo DAL SIGNOR GABRIEL


Tadino Prior di Barletta. -

a
R 1 o Re. Non è da marauigliarſi,che gli antiqui non ha
ueſſero notitia del ſalnitrio, qual a noi moderni è fatto tan
to famigliare.'N, Anzi la notitia di tal ſimplice è anti
ºsi quiſſima, perche il ſi uede tutti li antiqui Phyſici,ouerna
- turali farne mentione, uero è che alcuni ( º moſſime
-

A
5 " º Auicenna)l'hanno chiamata, Baurach, perche coſi in lin
ze - - - - - -- -

- è il gua.Arabica è nominato,cº alcuni altri gli dicono, Afro


nitrum,perche da Greci coſi è detto, º altri poi(gº maſſime Serapione, Diaſco
ride, º Plinio)lo chiamano Nitro,ouer ſpumanitri,perche in lingua Latina coſi
è nominato, º nelle Pandete ſi afferma le ſpecie del nitro, ouer ſalnitri, eſſer
due,cioe minerale, º artificiale, º del minerale, dicono eſſeruene di 4 ſorte,cioe
Armeno, Africano, Romano, 6 Egyptio. Et Serapione dice, che le minere del
ſalnitrio, ſono come le minere di ſal, perche di quello ſe ne troua, che ſono acque
corrente, le qual acque ſi congellano,ci ſi condenſano quaſi, come pietra, º que
ſto medeſimo afferma Plinio, º ſe ne troua anchora,che nella ſua minera è come
pietra, ci chiamaſi ſalpetroſo, anchor dice, che di queſto ſalnitrio ſe ne troua di
bianco, di roſſo, º di molti colori, º per tanto afferma le ſpecie di quello eſſer
molte,non ſolamente per la diuerſita del colore, ma perche ſe ne trona prima una
ſpecie, che è molto ſpongoſo,cioe pieno di forami, º un'altra poi che uiene in lami
ne frangibile, º di molte altre qualita, che longo ſeria a starle è narrare a una
per una: delle qualuna è piu mordente, º potente dell'altra,de l'Artificiale poi
non accade à parlarne, per eſſerà queſti tempi piu cognito, che l'herba Betonica.
Tº.Certo credeua che la notitia ſua fuſſe moderna, -

Qy EsITO. IL FATTO DAL MEDESIMo.


Riore. Ditemi un poco, ſe gli antiqui hebbero cognitione del ſalnitrioſi delna
turale, come dell'artificiale(come diſoprahaueti approuato)per autorita delli
antiqui Phyſici,bebbero poi notitia che quello ardeſce abbrucciaſce coſi uigoroſa
mente come fa. N.Certamente li ſopradetti antiqui naturalino fanno
- - K
-: al 40
L I B R O
ſaluo di quelle proprietà,che in lui ſi ritroua, alla medicina neceſſarie, e non dal
tro:ma molti altri antiqui Autori,ne fanno certiſſimi,che lor ſeppero,che abbruc
ciaua, perche loro ſe ne ſeruiuano nelle compoſitioni dialcuni fuochi, per abbruc
ciare le teſtudine,ouer ariete, º le ellepoli, o altre torre portatile, che nelle eſpu
gnattoni delle citta d quel tempo ſi uſaua: Et ſimilmente per abbrucciare l'arma
te nauale, uero è che in tal compoſitioni alcuni lo chiamano ſal ardente, altri lo
chiamano ſalpetroſo, altri il chiamano ſalpraticha, º altri il chiamano proprio,
ſalnitrio. P. Circa di queſto ui ho di adimandarui un'altro dubbio: ma perche il
mi dole alquanto la teſta, louoglio rimettere a diman da ſera.
- -

Q VESITO. III. FATTO DAL MEDESIMO.


P Riore. Se gli antiqui hebbero cognitione,che il ſalnitrio brucciaua, & ardeua
A con quella uigoroſita che fa, perche non ſeppero far la poluere dell'artiglierie
di tanta importanza nell'arte militare, come noi moderni.N: Q ueſta conſequen
tia non è bona, è dire, che ſe li antiqui hebbero notitia del ſalnitrio, º che ſa
peſſero,che ardeua, ouer brucciaua, che di neceſſita doueſſero ſaper componere la
poluere delle arteglierie, perche la detta poluere non ſi fa di ſalnitrio puro, anzi
ſi compone di tre materiali (come credo,che quella ſappia) cioe diſalnitrio, ſol
fere, & carbone. Et però egli è coſa credibile, che il ſia poſſibile hauer cognitione
del ſalnitrio, e della natura di quello, º non ſaper la compoſitione della detta
poluere.P. Voi haueti ragione. -

Q VE SITO. I III. FATTO DAL MEDESIMO. -


Riore. Con che ragione,ouer perche cauſa la detta po'uere delle arteglierie, ſi
i compone coſi di queſti tre materiali, cioe di ſalnitrio, ſolfere, & carbone, ºr
non de altri ſimplici, gº che uirtu, ouer officio particolare ha cadauno di detti tre
materiali,ouer ſimplici per ſe in tal compoſitione, o che effetto faria ogni due di
loro ſenza il terzo. N, Talpoluere ſi compone coſi di detti tre materiali, perche
“cadauno loro medica,cº ſuppliſce ad alcun difetto di alcun deli altri due, perche
“il ſolfere è piu atto di accendere ilfuoco con fiamma (eſſendo alquanto tocco da
quello) di alcun delli altri due, il qual fuoco con fiamma è molto piu atto è intro
durin fuoco il ſalnitrio di qualunque altro fuoco, º perche il detto ſalnitrio bruc
cianto ſi riſolue in exalatione uentoſa, la qual è tanto potente, che ſubito amor
zarebbe la fiamma gia introdutta nel ſolfere, ci conſeguentemente quella intro
duta(per quella del ſolfare)nel medeſimo ſalnitrio, é perche la natura del ſol
fere, & ſimilmente quella del ſalnitrio è tale, che morta la fiamma, non un reſta
alcun minimo ſegno di fuoco, e pertanto componendo inſieme ſolamente ſal
nutrio, 3 ſolfere ottimamente pºſti, º accoſtandoui il fuoco,immediate tal fuoco
ui ſi accendera, º immediate ai ſi deſtuera,per le ragioni diſopra dette,cioe, che
tal fuoco non continuera perſina che ſia conſumata, ouer abbrucciata tutta la
º a - - materia,
T E R. z o. 38
materia, ma ſolamente ne abbrucciera un poco, e il reſtante reſtera non offeſa
dal detto fuoco,onde per medicare queſto difetto,ui ſi meſcola con ambedue il car
bone ottimamente poluerizato, perche il carbone è di tal natura, che tocco dalla
fiamma del fuoco ſubito ſi accende, ci ſi conuerte in fuoco ſenza fiamma, il qual
fuocoſenza fiamma, quanto piu è ueſado d'alcun uento, tanto piu ſi accende, 3
conſerua per fin d tanto, che ogni ſua ſoſtantia ſia conuerſa in cenere, è pertanto,
toccando tal compoſitione con il fuoco,immediate il ſolfereſi apprehende con fiam
ma(come detto)ſa qualfiammano ſolamente introduſſe immediate fuoco è fiam
ma nel ſalnitrio, ma etiam in quel iſtante introduſſe fuoco ſenza fiamma nel car
bone,il qualfuoco,per alcun uento non ſi eſtingue, anzi ſi augmenta, º però quel
uento cauſato dal ſalnitrio, non è atto d poter ammorzar quel fuoco ſenza fiam
ma,ch'è nel carbone anzi,come ho detto lo auguméta, º perche il ſolfere eſſendo
contiguo con ilfuoco, è ſia con fiamma, ouer ſenza fiamma, non puo ſtar ſenza
fiamma,la qualfiamma, come detto infiamma il ſalnitrio,è però queſti tre mate
riali piſti, º miſti ottimaméte inſieme, º in tal miſtura introdutoui ilfuoco tal
fuoco ulen à eſſer ineſtinguibile, per finche no ſia conſumata ogni ſoſtantia(ſaluo
ſi in alcuno di detti materiali non fuſſe qualche accidental difetto,ò di humidita,
euer che fuſſero tolti molti differenti di la ſua conueniente proportione) & però ſi
cóclude,che l'officio del ſolſere in tal compoſitione è ſolaméte per apprehendere il
fuoco con fiamma, ci introdurlo nelli altri due materiali, é quello del carbone è
ſolamente de mantenere il detto fuocoſenza fiamma, gia introdutoui dalſolfere,
ci maſſime cotra quel gran uento,che cauſa il ſalnitrio, ma l'officio poi del detto
ſalnitrio è ſolaméteper cauſar quella coſi gradiſſima exalatione diuento, perche
in quel tal uento conſiſtetutta la uirtu, º proprieta di lapoluere,perche quello è
ſolamente quello, che ſpinge coſi uigoroſamente ogni balla, º per tanto ſi conclu
de,che ſolaméte dal ſalnitrio depende tutta la uirtu, è poſſanza della poluere,cº
li altri due ſimplici,ouer materiali,cioe il ſolfere, cº il carbone ui ſi pongonoſola
mente per riſoluerin fuoco,è uento il detto ſalnitrio, è nò per altro,perche chi com
poneſſe poluere ſolaméte di ſolfere,è carbone, ci che di quella ſe ne cargaſſe un'ar
teglieria a gran miſura,dico, che in tal ſorte di poluere introducendoui il fuoco,la
non ſeria atta a ſpingere fuora di detta arteglieria un minimo legnetto, ouer una
paglia, a queſto procede, perche tutta qnella urtu eſpulſiua depende ſolamente
dal puro ſalnitrio, º non d'altro, è pertanto il ſe potria piu preſto concludendo
dire eſſer piu poſſibile a fare poluere di arteglieria, ſenza carbone, di ſolfere,che
ſenza ſalnitrio, perche egli è da credere eſſer piu poſſibile è trouar altri materia
li,che faceſſero l'officio del ſolfere in apprehendere il fuoco con fiamma, º ſimil
mente del carbone in mantenerui il detto fuoco ſenza fiamma, che dritrouarne
un'altro,che fuſſe atto a cauſar tantogrande, º impetuoſo uento,come fa il detto
ſalnitrio. P. Egli è da credere che ſia piu preſtopoſſibile d componerepoluere buo
ma ſenza carbone è ſolfere, che ſenza ſalnitrio, perche tutta la uirtu è poſſanza
della poluere (come diſopra haueti detto) depende dal puroſalnitrio, e non da
altro, ma per eſſer bora tarda,uoglio facciamo fine, - - - - -

- K º Q. ueſitO
-
- L I B R O
o yEsIT o v. FATTO DAL MEDESIMO.
P Riore. Hierſera noi aſſignaſti la cauſa, perche la poluere ſi compone coſi dº
quelli tre materiali, º che officio ha cadauno di detti materiall, in tal compo
ſitione,horui adimando,chi fu inuentor di talpoluere, etcon che ragione fu deter
minata da quello,la proportione della quantita di cadauno materiale conneniente
d tal compoſitione. N,che fuſſe inuentor di queſta poluere, º dell'arteglieria fra
il uulgo è parto, per autorita del Cornazano, qual dice, che fu trouata à caſo da
un Todeſco.Alchimiſta, ma io ſon di opinione, che di tal compoſitione Archimede
Siracuſano(Philoſopho, º Mathematico peritiſſimo) ne fuſſe inuentore(o di
queſta medeſima opinione è il cômentator di Vitruuio ſopra il. 1.libro à carte. 8.)
perche di lui ſi troua in molti luochi in ſcritto(come narra Valturio nel 1o.libro
dere militare)qualméte lui trouo una certa ſpecie di machina di ferro,con la qual
lui traheua uerſo l'eſercito terreſto ſaſſi di grandiſſimo peſo, è grandezza,e con
un incredibil ſuono, la qual coſa ne da ad intendere, che fuſſe una machina ſimile
è un'arteglieria, ma che tiraſſe balle di pietra groſſiſſime, come che anchora non è
molto tempo, che fra moderni ſi coſtumaua, maſſime per quel incredibilſuono,
che nel tirarla ui occorre,il qual ſuono,in altra ſorte di machina da tirar, d menº
pare, che ui ſi poſſa cauſare, ſaluo che in una ſimile à l'arteglieria, uero è, che d
quel tempo io tengo,che fuſſero molto difforme, º piu diſconze di quelle, che alli º
preſenti tempi ſi coſtuma,perche ſempre le prime inuentioni tenero del ruſtico, ma
con il tempo ſi uanno megliorando, per eſſer coſa facile aggiungere alle coſe troua
te, º il medeſimo dico della poluere,cioe, che al principio, che la futrouata(è da
Archimede, ouer da chi ſi uoglia)egli è da credere,che in quel tempo la noſtcom
poneſſe con talordine è proportione,come che al preſente ſi coſtuma,anzi giudico,
che da quel tempo in qua ſi ſia uariato l'ordine da componerla quaſi infiniti modi,
e cheſia il nero, io ho ritrouatoſopra alcuni libri non molto antiqui certi modi,
e ordini da componerla, molto differenti dalli piu moderni. P. Ditemi un poco,
che proportion oſſeruamo,et oſſeruauano.'N, lobo ritrouato in alcuni piu antiqui
libri, che duoler far poluere di bombarda uoleuano, che ſi pigliaſſe di cadauno di
ſopra detti tre materiali parte eguale,cioe tanto dell'uno,quanto dell'altro. Et al
cuni altri dopo uoleuano che ſi pigliaſſe parte. 3.di ſalnitrio, 6 parte.2.di ſolfere,
c: parte.2.di carbone. Alcuni altri poiuoleuano, che per far la detta poluere di
bombarda ſi toglieſſe lire.ro,di ſalnitrio, 6 lire.3.di ſoifere,e: lire.3.di carbone.
Et alcuni altri uoleuano,che ſi pigliaſſe lire. 12.di ſalnitrio, é lire.3.di ſolfere,
ci lire.2.di carboue. Altri uoleuano che ſi toglieſſe parte. 9.di ſalnitrio,cº par
te. 2.di ſoifere, èparte. 3.di carbone, 3 alcuni altri piu moderni per farla per
ſchioppi uoleuano, che ſi pigliaſſe parte. 4.diſalnitrio, ci parte una di ſoifere, 3
parte. I.di carbone: alcuni altri ban detto, che per far poluere groſſa ſi doueſſe pi
giare parte.2o.di ſalnitrio, 3 parte.3.di ſolfere, & parte. Io, di carbon, & per
farla alquato piu fina per ſchioppi hanno detto, che ſi doueſſè tuore parte. Ioo di
pilnitrio, e parte. Io di ſolfere, & parte. 36.di carbone, altri dicono che per far
polutre
T E R : Z O 39
polueregroſſa che ſi debbiatuor parte. Ioo.di ſalnitrio, di parte.2o.diſolfere,
e parte. 37.di carbone. Et per farla fina parte.o ſalnitrio,parte.3 ſolfere,et par
te.6.di fior di mirochea(cioe hanno tentato di farla ſenza carbone,anchor che tal
berba à meſsa incognita, perche tal nome di herba mai ho potuto ritrouare,ne in
le Pandete,nein Auicenna, ne in alcun herbolario)alcuni altripiu moderni,poi
hanno detto, che per farlapoluergroſſa ſi debba pigliarſalnitrio parte. 2 ſolfare
parte. I carbon di faliceparte. 1. Et perfar quella di archibuſi dicono che ſi deb
bia pigliarſalnitrio parte. 3.carboni de rami di ſalicegiouani, parte. 1.ſolfere par
te. 1. Età far la poluere fina di ſchioppo dicono, che ſi debbia pigliarſalnitrioraffi
nato piu uolte parte.5 ſolfere parte I.carbone di uerghette di Auellane, ouer no
cellegiouine di un'anno parte. 1.alcuni altri dicono, che pfar poluer groſſa, che ſi
debbiatuor parte 3 di ſalnitrio raffinato, e parte. 1.diſolfere, & parte.z.dicar
bon di ſalice, º per farla poliere mezana dicono, che ſi debbia pigliar parte. Io.
di ſalnitrio raffinato, º parte.2.diſolfere, & parte.3.di carbon di ſalice, º per
farla fina de archibuſi dicono, che ſi debbia pigliar parte. Io.di ſalnitrioraffinato
ſolfer parte. 1.carbon di uerghe dinoſela curate pur parte. 1. Et per farla miglio
re,cioep ſchioppo,uogliono che ſi toglia parte. 7.diſalnitrio raffinato ſolfere par
te 3 carbone pur di uerghe dinoſela curate parte 4.alcuni altri dicono, che per
farla piu gagliarda che ſi debbiatuore ſalnitrioraffinato lire.7 ſolferelire.1.car
bon di uergha dinoſela curate lire.I.altri per farla molto migliore uoleno che ſi
togliaſalnitrio raffinato parte.8 ſolfere parte. 1. carbon di uerghe dinoſela gio
uene,et curate parte. 1.alcuni per farla piu forte hanno uoluto aggiungere dell'ar
gétouiuo,alcuni acqua deuitta,alcuni ſalarmoniaco, alcuni canfora, alcuni farla
con carboni di torſi di uerzi, alcuni co carbone di giunchi,ouer di tela di lino bruc
ciata, alcuni hano tentato a farla in uari colori ſenza carboni,cioebianca, roſſa,
biaua, ponendoui alcuni fiori di herbe ſecche in poluere che faceuano l'officio del
carbone, º chi uidauano quel tal colore,le qualcoſe, duolerle deſcriuere à una
per una ſi haueria da dire perfin è diman da mattina, etaccio che quella poſſa ue
dere la differentia, che ſia fra queſti modi liuoglio deſcriuere qua ſotto è uno per
uno diſtintamente ſecondo che diſopra gli ho recitati, º di molti altri non recita
ti per piu breuita. I

Toluere di bombarda al modo piu Poluer di bombarda al modo non


antico. - tanto antico.
i Salnitrio parte. 1. 3 Salnitrio parte. Io.
Solfere parte. 1. Solfere parte.3-
Carbone parte. I. Carbone parte. 3.
Toluer di bombarda al modo non Toluer di bombarda al modo non
tanto antico. tanto antico.
2 Salnitrio parte. 3. 4 Salnitrio parte. 12.
Solfere parte.2. Solfere parte.3.
Carbone parte.2. Carbone parte.2.
TPoluere
L I - B R - O
- poluº di bombarda al modo non Toluer fina piu moderna. '. -
troppo antico. 13 Salnitrio raffinato piu uolte par.5.
j Salnitrio parte. 9. Solfere parte. I.
e Solfere parte.2. Carbone de uerga de auelane goue
Carbone parte. 3. 72e parte. Is

Toluer aſſai moderna di ſchioppo. Toluergroſſa piu moderna.


Salnitrio parte.4. Salnitrioraffinato parte. 3.
6 Solfere parte. I. 14 Solfere , ri- parte. I.
: Carbone parte. I. Carbone di ſalice parte.2.
-

Pour di bombarda al modo piu Toluermezana piu moderna.


moderno. Salnitrio raffinato parte. Io.
Salnitrio - parte. 2o. 15 Solfere - parte.2.
7 Solfere o parte. 3. Carbone deſalice i parte. 3a
Carbone parte. Io.
- Poluer di archibuſo moderno.
Poluer di bombarda al modo piu Salnitrio raffinato piu uolte par. Io
A moderno. 16 Solfere parte. I.
8 Salnitrio parte. Ioo. Carbone di uerghe di noſele cura
Solfeee parte. Io. te , parte. I.
Carbone parte.36.
Poluer de firm piu mira
Polar groſſa al modo moderna. Salnitrio raffinato parte.27.
. Salnitrio parte. Ioo. 17 Solfere parte. 3.
9 Solfere parte. 2o. Carbone di uerghe di noſele cura
Carbone parte.37. le parte. 4.

º Poluer finanon molto antica. Toluer de ſchioppo piu gagliarda,


- Salnitrio parte. 9. & piu moderna. -

Io Solfere parte. 3. Salnitrio raffinato parte. 7.


Fior di mirochea parte. 6. 18 Soſfere parte. 1.
Carbone di uerghe di noſele cura
Poluergroſſa piu moderna. te è giouene parte. I.
Salnitrio parte. 2.
· Solfere parte. I. Toluer deſibioppo piu fina è ga
I 1 Carbone deſalice parte. I. gliarda.
ss Poluer di archibuſo piu moderna. Salnitrio raffinato piu tolte par
Salnitrio parte.3. te. 6.
12 Solfere parte. I, 19 Soifere parte. 1.
Carbone de rami di ſalice giouani Carbone di uerghe di noſela gioue
parte. I. - - ne è monde parte. I.
Toluer
T E R Z O. 4e
Poluergroſſa moderna. Poluer di ſchioppo moderna.
º Salnitrio - parte. 4. Salnitrio raffinato a ſecco part.48.
2o Solfere parte. r. 22 Sofere cetrino parte. 7.
º Carbone di ſalice parte. 1. Carbone di noſelaro, ouer di legni
- del caneuo ſecchi parte. 8.
Toluergroſſa moderna. -

Salnitrio - parte 2o. Poluer da ſchioppo moderna.


a r Solfere parte. 4. salnitrioraffinato a parte. 18,
Carbone di ſalice parte. 5. 23 Sofere parte. 2
- - - º
carbon di legno di noſèlaro part.3 .
Ter far qualſiuoglia delle ſopraſcritte ſorte di poluere, biſogna notare, che è
soler che la ſia buona, ſecondo la qualita ſua, egli è neceſſario, che il ſalnitrio ſia
buro, è netto, é potente(la qualcoſa ſi conoſce da pratici a brucciarne un poco)
ſimilmente che il ſolfereſianetto di terra, e d'altre ſporcitie,che in eſſo ſi troua,
& che il carbone anchora non ſia ſuboido per ſtar in luoco humido,ouer che il non
ſia miſto con poluere,ouer terra, ultimamentebiſogna aduertire, che talpoluere
ſia ottimamente peſta, º li detti tre materiali inſieme ben incorporati, ilche fa
cendo talpoluere non mancara di ſuoi effetti ſecondo la ſpecie di quella, domente,
che anchora ſta da ogni humidita bene aſciuta, è però la non uol eſſer tenuta in
luoco humido, ma in luoco ſutto. Anchora per un'altra ragione uol star in luoco
ſutto,che labumidita riſolue il ſalnitrio in acqua,etriſolto che ſia diſcède pian pia
nouerſo il fondo deluaſo doue ripoſtatalpoluere, per alche nella poluere del fondo
uien à eſſer piu ſalnitrio, che in quella che sta nella parte diſopra del detto uaſo.
H Oruoſtra Reuerentia puo uedere in quanti uari modi è stato determinato
l'ordine, ouer la proportione della quantita di ſopradetti tre materiali nella
compoſitione della detta poluere. P. Certamente egli è da marauigliare di tante
uarie mutationi di ordini, e non poſſo penſare con che ragione quelli tali ſi ſiano
moſſi à determinar tal ordini. N. La prima inuentione(quantunque alcuni dico
no che la fu trouata à caſo) io tengo che la fuſſe ritrouata con ragion naturale,
ſpeculatiuaméte,cioe che taltre materiali ben peſti, 3 meſcolati inſieme doueſſe
ro eſſer atti a formar un fuoco coſi gagliardo, o ineſtinguibile,per fin che ogni ma
teria non fuſſe câſumata, perche ui ſono le ragion uiue coſi douer eſſer,ma à deter
minare la proportione della quantita di detti materiali, credo che con l'eſperietia
ſi ſiano conſigliati, perche nel primo ordine ſi fondarono ſu la proportion della
egualita,perche il ſiuede,che pigliauano tanto de l'un materiale quato che dell'al
tro, & quantunque talpoluere in gran quatita faceſſe forſi qualchebuon effetto,
nondimeno conſiderando che taleffetto procedeua dal ſalnitrio,fecero un'altro or
dine, cioe pigliando maggior parte di ſalnitrio di quello faceano di cadauno delli
altri, º ritrouarno talpoluer piu potente della prima, 6 coſi con talauiſiragio
nruoli, alcuni ſono andati uariando talordine per fin è queſti tempi, uero è,che ui
ſono alcuni ordini delli ſopra notati, che con poca ragion, 2 mancogiudicioſi
- - alti
- I I B R O -

ftati ordinati, anzi credo che ſiano stati alcuni, che per non uoler far, come face
uanogli altri (per moſtrar di ſaperpiu di loro) ſenza altra ragione hanno tioluto
formarnuoui ordini,cioe creſcendo il carbone, º ſminuendo il ſolfere, altri in cre
ſcere ilſolfere, & ſminuire il carbone, altri uariandotutti tre li detti materiali in
certe ſtranie proportioni,accio che para con maggior ſapientia, º ſottilita ritro
uato.P. Egli è queſto,ſi come ſono anchora quelli compoſitori, che non ſanno dire,
ne fare, ſi non quello, che hanno detto,ouer fatto gli altri, ma perche ſi uergogna
no alle uolte apparere che habbiano imparato,ouer tolto da quellitali ſi sforzano
di uariar alquanto il modo,ouer il parlare.N.Coſi è preciſo. P. Q ueſto ragiona
mento è stato molto longo, è però uoglio che facciamo fine.
Q VESITO. VI. FATTO DAL MEDESIMO.
P Riore. Hierſera uoi dimoſtraſti in quanti modi (da non molto tempoin qua)
A è stato uariato l'ordine,ouer la proportione della quantita di tre materiali nel
cóponere la poluere,horuiadimando, qual diſopra notati ordini (ſi di piu antichi,
come di piu moderni)giudicati eſſer migliore,cioe che ne dia piu perfetta, et piuga
gliarda, ouer potente poluere. N. Senza dubbio quella poluere ſi degiudicareſſer
piugagliarda, ci potente che contien maggior parte di ſalnitrio,dico maggior par
te riſpetto al tutto. Eſempigratia,il primo ordine diſopra annotati,cioe quello da
neſi tuol dicadaunomateriale parte una, talcópoſitione uenira à tener un terzo
ſalnitrio cºrli due terzi fra ſolfere è carbone, ci il ſecondo conſeguente à quello,
cioe quello doueſi tuolſalnitrio parte.3. ſolfere parte. 2.è carbone parte.2.uene
ria à tenerli tre ſettimi ſalnitrio, d li quattro ſettimi fra ſolfere, è carbone, º
perche li tre ſettimi è maggiorparte de un terzo, è però diremo che la poluere del
detto ſecondo ordineſera piu gagliarda, è potente di quella del primo ordine, ſi
milmente la poluere del terzo ordine ſera piu potéte di quella del ſecondo, perche
quella del detto terzo ordine tien licinque ottau ſalnitrio,li qual cinque ottau ſo -
no molto maggior parte di tre ſettimi, e il quartouien à tener li dodici. 17.eſi
mi ſalnitrio,o perche dodici. 17.eſimi è maggior de cinque ottaui, è però dire
mo,che la poluere del detto quarto ordine è piu gagliarda di quella del terzo, ci
il quinto ordine uien à tenerli nuoue. 14.eſimi ſalnitrio, e perche linuoue. 14.
eſimi è minor parte di dodeci. 17.eſimi diremo che la poluer del detto quinto orº
dine eſſer peggiore,ouer men potente di quella del quarto, º il ſeſto ordine uien à
tenerli due terzi ſalnitrio, et perche li due terzi è maggior della nuoue. 14.eſimi,
diremo che la poluere del ſeſto ordine eſſer migliore,'ouer piu potente di quella del
quinto, ci con tal modo procedendo in tutti gli altri conſeguenti ordini(a che non
intendera l'operar, o cognition di rotti)con facilita conoſcera qual ordineſia mi
gliore,ouer peggiore,cioe qual politere ſera piu gagliarda è potente, ci econuerſo,
intendendo però in una ſteſſa ſorte di ſalnitrio, e coſi ſi potra far comparatione
di quelle groſſe, oner di arteglierie alle altre ſueſimile, e coſi delle fine, ouer di
ſchioppo, all'altre ſue ſimile, perche ſeria coſa longa è uoler dareſempio è " li
- apra
- T E R Z O. - - - 41
ſapradetti ordini è uno per uno.P.concludetemi almanco di tuttili ſopra notati
ordini qual ſera la piu gagliarda è potente di tutte le altre.N: Q uella del 16.
sordine ſera la piupotente, é gagliarda di tuttele ſopranotate(cioe qnella doue
“ſi tolſalnitrio raffinato piu uolte parte. Io ſolfere parte. 1.carbon di uerghe de
noſelagiouene è curate parte. 1. A queſta ſera la piupotete per due cauſe. La pri
ma è, perche talpoluereuien à tenerli cinque ſeſti ſalnitrio, il qual cinque ſeſti è
maggior di qualſiuoglia parte occorrente in qualſiuoglia delli altri ſopra notati
ordini. La ſeconda cauſa è, che talſalnitrio ua raffinato piuuolte, che il fa piu
perfetto etiam un concorre piu perfetto carbone,perche in effetto quanto piu il car
bone è di materialeue,è dolce, egli è piu atto driceuere, é mantenere piu facili.
mente il fuoco, è però tanto piu è perfetto per eſſer piu atto, é diſpoſto a far con
celerita l'officio ſuo.P. Q ueſtauoſtra opinione mi conſona molto, ma mi reſta un
dubbio di adimandarui, ma per eſſer tardi lo uoglio laſciar à diman daſera. -º

oyesiTo v11. FATTO DAL MEDESIMo.


. D Riore. Hierſera uoi concludeſti,che quella del decimoſeſto ordine, eſſer la piu
fina, º piupotente, ouer gagliarda poluere di cadauno altro diſopra notati
ordini, berche contien maggior parte di ſalnitrio, di cadauno delli predetti ordini
la qual parte è li cinque ſeſti deltutto, hor ui adimandoſi la non ſeria aſſai piuga
gliarda,è potente, che la faceſſe con maggior parte de detti cinque ſeſti del mede
ſimoſalnitrio, 3 minor parte di un ſeſto fra ſolfere,è carbon,cioe carbon della me
deſima ſorte. N.Senza dubbio, che la ſeria piu gagliarda, è potente, domente, che
tal minima parte di ſolfere, & carbone fuſſe atta, º ſufficiente à far quel ſuo offi
cio, che ui ſi aſpetta, cioe ad apprehendere con preſtezza ilfuoco, etiam a intro
durlo, º manternelo nelſalnitrio perfina che ſia totalmente riſolto in fuoco,
perche ſi fuſe tanto poca la quantita, ouer parte del detto ſolfere, º carbone,che
la non fuſeatta,è fufficiente è far tal officio, tal compoſitione reſteria inutile,º
quaſi di niun ualore, è però biſogna ſopra queſto molto ben aduertire, perche ſe
fuſſe poſſibile à far talpoluere di puro, è perfetto ſalnitrio, ſenza dubbio quella
ſeria piu potentiſſima,ouer º" di qualunque altra compoſta de medeſi
moſalnitrio ci ſolfere, & carbone:ma perche il detto ſalnitrioper ſe ſolo ud è atto
ne ſufficiente ad apprehendere con tal celerita il fuoco con uiua fiamma, come fa
il ſolfere,ne etiam à conſeruarlo per fina à tanto, che fuſſe totalmente arſo, º di
ſtrutto(come fa il carbone)è però egli è neceſſario a dargli la compagnia delli al
tri due,cioe ſolfere, º carbone, 3 tanta quantita,che ſia atta, èſufficiente à far
quel tal ſuo oſſicio,che ui ſi aſpetta(detto diſopra.) P.E ui ho inteſo beniſſimo, dr
uoglio, che queſto baſti per queſta ſera. -

o yEsiTo. VIII. FATTo DAL MEDESIMo.


P Riore. Hierſerauoi determinaſti,che quella poluere,che coutien maggior par
tedeſalnitrio, di minor parte fra ſolfere è carbone(domeute
s- - L che&
talſolfere,
carbone
- - -
L I B R O
& carbone ſia ſufficiente à far il ſuo officio)è migliore, è piu potente di qualun
que altra compoſta della medeſima ſorte di ſalnitrio,ſolfere,è carbone, ma con mi
mor parte del detto ſalnitrio, º maggiorfra ſolfere è carbone(di queſto credo an
choraio)ma conſidero, che talregola non è generale d ogni ſpecie di artegieria,
perche ilſi ſa comunemente che li ſchioppi,la uogliono piu fina delli archibuſi, º
li archibuſi lauogliono piu finadelli moſchetti, etfalconetti, 6 li falconettila uo
gliono megliore delle altre ſorte di arteglierie groſſe, 6 pertanto uiadimando
ſe il non uipare, che il ſia neceſſario a limitare queſta ſua compoſitione, e finez
a ſecondo la ſorte di pezzi, N..A me non pare, che talcoſa ſia neceſſaria, an
chor che la ſe coſtumi,anzi ho una opinione,che queſtoſia un errore aſſai maggior
di quello fu detto delle colobrine, ci ſuoi canoni al. 1 1. Q ueſito del. 1.libro. P.
Ma come uoreſti uoi, che ſi faceſſe.N.Al preſente no uoglio coſi abſolutamente
dar determinata " d queſta materia, perche la uoglio un poco conſiderarla
" ſpero di farui conoſcere un errore in queſta coſa,il qual ſe ne tira dietro
molti altri di piu diſcomodita,interreſſo, di ſpeſa di quello fanno le dette colobri
ne riſpetto alli ſuoi canoni(come ſi fece conoſcereſopra il detto. 11. Q ueſito del 1.
libro, P.Conſideratila un poco bene, perche le ſono coſe che importano aſſai alon
go andare, di tal hora aſſai piu di quello che l'huom ſi penſa. -

Q yes 1To. IX FATTO DA VN H 1 E Ro NIM o


qual diſſeeſſer ſotto capo di bomdardieri nell'Iſola de Cipri.
HI s a o N 1 M o Perche cauſa credeti, che ſi dia lagrana allapoluere fina,
(cioe è quella di ſchioppo, ci di archibuſo) & non alla groſſa, cioe è quella
delle arteglierie.N. Io ſo bene, che la cauſa di queſta tal particolarita non è da
noi inteſa, º che non mi adimandati tal coſa, perche non la ſappiati:ma ſolamen
te per far eſperientia di me. H. Anzi ue l'adimando per ſaperla, º non perfar
eſperientia di uoi: perche non ſolamente confeſſo non ſaper tal cauſa, cioe perche
ragione utſidiatalgrana, ma uigiuro da real Criſtiano, che ho ricercato queſta
tal coſa da molti che fanno poluere, dico prouſionati dalla Signoria per far polue
re d'ogni ſorte, e niuno me ne ha ſaputo aſſignar ragion alcuna,ſaluo quello che
lauora qua in larſenale di Venetia, il qual mi ha riſpoſto, che per darui la detta
granata poluereſi fa,ouer diuenta piu gagliarda,è potente, la qualſuaragione
mi conſona alquanto, ma non tanto che baſti, è però ſon uemuto da uoi per chiara
me meglio, è per uedere ſi lauoſtra opinione è ſimile alla ſua. N. Q uaſi che non
paſſò credere queſto, che uoi mi dite,perche il mi pare quaſi impoſſibile, che uno ar
tiſta faccia alcuna coſa, ſenza ſapere è che fine lui la faccia, ci maſſime di queſte
coſì, che lui fa di continuo, perche il biſogna che larte imiti la natura in queſto, che
tutte le coſe che lei fa, la li faccia a qualche fine. E però non poſſo credere, che
colìa de Larſenale (qual nibaueti detto, che è proutſionato dalla Signoria per
far polere ſi sia come groſſi) non ſappia è che fine ſi dia coſì la grana alla pol
sere di broppo,è di archibuſò, e non è quella delle artes ierie, e maſſime fa
- - - - - sº - cendose
- - - - T E R Z O, 42
cendone continuamente ogni giorno.H.Iouiſo dir certo,che non uiſa affignare al
tra miglior ragione di quella,che ui ho detta.'N,Innanzi che di queſta coſa uidi
ea la mia opinione, uoglio che ritornati da lui, e pregarlo di gratia, che ui dica
realméte perche ragione ui da talgrana.H. Non accade che uiuada altraméte,
perche io ſon certo,che mi replicara il medeſimo,cioe, che talgrana la fa diuentar
piu gagliarda,è potente. N. Si puriluireplica queſto, riſpondetegli in queſto mo
doſi tal grana fa la poluere piu gagliarda,è potente ma non ſeria ben fatto è in
granire anchora quella groſſa(cioe quella delle arteglierie) per farla diuentare
piu gagliarda è potente.H.Laſciati farà me,che uì uoglio ritornare(º forſi hog
gi)e dimanuireferiro quello mi hauera riſpoſto. -

, - - o - - -

Q VE SITO. X. FATTO DAL MEDESIMO. -

- - - - - -

Ieronimo. Dopo che fui partito da uoi hieri, io andai ſubito in larſenale, ºr
andai è ritrouar l'amico, º lo pregai dinouo,che ſi lui haueua altra ragione
di quella,che lui mi haneua detta,che non mi lauoleſſe cellare, che dicio ſempre
gli ne reſteria obligatiſſimo, lui mi giuro, che non ſapeua altra ragione di quella,
che gia mi haueua detta,cioe, che la ſi ingraniua per augumentarla in uirtu, &
poſſanza,cioe per farla piu gagliarda, º potente, é io gli diſſi quello,che mior
dinaſti, cioe ſe il non ſeria buono è ingranire anchora la poluere delle artegliere,
cioelagroſſa, per farla anchor lei piu gagliarda,è potente di quello che la è,lui mi
riſpoſe, che ſi anderia è pericolo di far crepparli pezzi, di coſi miriſolſe.N.Voi
gli doueui pur riſpondere,che ſi potriano poi cargare talpezzi con manco poluere
del ſolito, ci tanto ſeria auanzato, oueramente ponerui dentro alquanto manco
ſalnitrio delſolito.H.Io non ho hauuto tanto auiſo di ſaperui far talriſpoſta, ma
che credeti,tutti queſti che fanno poluere,uanno facendo ſecondo, che hanno uiſto
far ali altri,ouer ſecondo,che gli è stato inſegnato, º non ſi curano di cercare, ne
manco di ſapere la cauſa delle coſe, che loro fanno,cioe à che fin li facciano. Etuoi
dir di me,che anchorami ho fatto della polueregroſſa,è fina, º quando ne face
ua diſina,iola ingraniua anchorami, anchor che non ſapeſſe, neanchorſo à che
fine la ſi ingraniſcha, º queſtofaceua, perchebaueua uiſto che tutti li altri coſi
faceuano. N. Credo, che ſia,come uoi diceti. H. Digratia ditemila uoſtra opinione
circa d queſta coſa. N.Hauendoui quaſi promeſſo di diruela, egli è il douer ch'io
ui attenda, pertanto dico,che dopo,che hieri ui partiſti da me, ho conſiderato
ſopra di talcoſa, º in effetto ho ritrouato,che ſolamente la neceſſita, ouer com
modita ha induttogli buonini è inueſtigar il modo di ingranire la detta poluere
di ſchioppo, é di archibuſo, e non quella di arteglieria, perche la detta poluere
granita è molto piu corrente,dela non granità alla ſimilitudine, che ſeria uno pu
gno di fruméto, di un pugno di farina, cioe ponendo ſopra una tauola piana un pu
gno difrumento, º ſeparatamente un pugno di farina, º inclinando poi alquan
to da una banda la detta tauola, ſenza dubbio piu facilmente correra il detto
frumento zoſo della dettatauola,di quellofara la detta farina, ma tal fer, roa

L i dra
- . f, I B :R -O
ſtera attaccata, ci piu immobile, ci ſi pur anchora lei uiſcorreſſe per la molta
dependentia di tal tauola,la ui ſcorrera quaſi tutta in un colpo, º il frumento ui
ſcorrera è parte a parte,cioe piu diſgregatamente.H.E ui ho inteſo beniſſimo, ma
che mi gioua quella ſua ſcorrentia. N. Ma non ſapeti, che uolendo portar un
ſchioppo, ouer un archibuſo per ſtruirſene alli biſogni, egli è neceſſario anchora
portarſi dietro della poluere, per poterlo cargar ad ogni ſuo piacere, º che tal
poluere ſi porta nelle fiaſche, º per cargarli con miſura in quelle tal fiaſche ui ſi
fa uſcire,come ſapeti,un certo canoncino atto a riceuere tanta poluere, quantaui,
ſi conuiene à cargare quel tal ſchioppo, ouer archibuſo con un certo ingegno dare
chiuderlo poi di dentro uia, quando che è pieno, accioche talpoluere non poſſa uſci
refora del canoncino, di ritornar nella fiaſcha.H.Io ſo tutte queſte particolari
ta,ſi che non accade che uoi me le dicate.N.Anchorcheſo, che uoi le ſapetime
glio di me,ue le houolute dire,accioche meglio m'intendiati per l'auenire. Et per
tanto concludo,che ſi la poluere,che ſi mette nelle dette fiaſche, non ſuſſegranita,
con difficulta ſi potria fare impire quel tal canoncino, perche nel ruoltarla fia
ſchaper far impire quel tal canoncino la poluere che fuſſe nella detta fiaſcha,ca
ſcheria quaſi tutta in un tratto ſopra alla intrata di tal canoncino, chiudendo,
ouerreſſerando in quello quaſi tutto quello aere, che in quello ſi trouaſſe,per eſſer
uodo,il qual aereueneria a impedire l'ingreſſo alla poluere,talmente, che talca
noncino la maggior parte delle uolte ſi troueria quaſi uacuo,ouer molto ſcemo,la
qualcoſa non ui occorrera coſi,ſi la detta poluere ſera granita,perche talpoluere
granita ſccorrera nel detto canoncino piu diſgregatamente (comefu detto del frui
mento, º della farina)la qual diſgregatione dara adito a quello aere,che ſi ritro
uera nel detto canoncino da poter uſcire, º di intrare nella fiaſcha è impire quel
loco che occupaua quella poluere, che intrara nel detto canoncino, è però il detto
canoncino la maggior parte delle uolte ſi trouera pieno, comeſi conuiene, e coſi
per queſta cauſali huomini ſono stati aſtretti è inuiſtigar il modo deingranire la
detta poluere di ſchioppo, º di archibuſo, 6 no quella di arteglieria, perche nel
le arteglierie ui ſi mette la poluere con una caſſa, come ſapeti, º con quella la
ui ſi porta per fin nel fondo della ſua canna, º però non importa che talpoluere
ſia ſcorrente, è non ſcorrente, anzi ſeria coſa ſuperflua a ingranire quella dell'ar
teglierie, ma piu, che per ineſcar quel buſetto doue ſi da il fuoco alli ſchioppi, dr.
alli archibuſi ſi coſtuma portar,come ſapetti,un fiaſchettino piccolino pieno di pol
uer finiſſima, la qual poluere ſi per ſorte non fuſſe minutamente granita, la non
uoria, ne potria uſcire di quel talbuſo coſi piccolino, per le ragioni diſopra dette,è
però fu neceſſario a farla minutamente granita, la qual coſa non accade nell'ar
teglierie, perche, per quanto ho inteſo, uoi ue la metteti con la mano. H. Egli è
coſi, º certamente queſte uoſtre ragioni ſono l'euangelio, ne mai haria penſato,
che per ſimilcauſa ui ſi li deſſe talgrana, º queſta coſa la ho accaro piu di dieci
ſcudi, º però di queſto ue ne ringratiograndamente, - -

Il fine del terzo libro. - e,


Libro
º – -– 43

L I B R O Q V A R T O
- vr
SOPRA LO RD IN A R
D E LL E s c H I E R E,
'ouer eſſerciti in battaglia ſotto varie & diuerſe forme, 8 del modo .
di far caminar quelli, con altre varie particolarita.
i tre - - - - - - - -

i Q y Es ITO PR I M o F A TT C, D A L
º . . Conte Hieronimo da Piagnano. - -
-

on r e ti º º o s 1 m o uolendoio ridur una quantita del


Fanti, ouer un eſercito in una battaglia quadra di gente,
j u dimando in che modo, ouer con che regola potria ſapere
| quanti Fanti ſi doueria metter per fila. N. Pigliandolara
, dice quadrata di quel tal numero de Fanti,è tanto quanto,
ſera quella talradice, tanti Fanti ſe ne douera metter per
A sana fila.C.H.Datime un eſempio in un piccolo numero,perche
u intendere meglio. N. Poniamo che ſia. Ioo.Fanti, dico che uolendoli mettere
in una ordinanza,ouer battaglia quadra di gente, il ſe debbe cauar la radice qua
dra di 1oo qual come, ſapetiè.1o.bordico che mettendo. Io di queſti Fanti per
fila faranno fie. ro.d.Io.Fanti per fila,liqual. 1o file aſſettandole ordinatamen
te l'una dietro a l'altra,talméte che tutti l'interualli che ſera fra Fante, è Fante,
ſi dalle bande,come dinazi, & di dietro ſiano eguali,tal.1oo. Fanti formeranno
una figura quadrata,ſi di gente,come di terreno, come di ſotto appare in figura.
Teſta ! - t -

- - - - - - - - - - Ma perche in effetto li Fantipo


- . . . . . . . . . fti in ordinanza non stanno, ne ca
- - - - - - - - e e minano, come diſopra è sta ſuppoſto,
. . . . . . . . . . cioe in eguale diſtantie, perche ogni
s. . . . . . . . . . . Fante (come afferma Vegetio) uol
È • • • - e e e - e È per larghezza piedi tre, cioe da ſpal
. . . . . . . . . . ” la, à ſpalla, º perlonghezza pie
• • • • • • s • • a di 7.cioe piedi. 3. dinanzi diſe, 6
. . . . . . . . . . . piedi. 3. di dietro, di un piede uol
- - - - - - - - - - che occupi la ſua perſona, per la qual
coſa la ſopraſcritta ordinanza, stan
doli fanti ſecondo le dette diſtantie ordinarie, non ſera quadrata di terreno anzi
occupera in longhezza piedi. 7o.& in larghezza ſolamente piedi. 3o.onde che
d l'occhio parera piu che bislonga, come di ſotto appare in figura. -

- - Fianco
, L I B R o
. . . . . . . Fianco . . .
- - • - e .-- - “. - • • - conte Hie
- . A ronimo ui ho
- - - • . • o e e o e - inteſo beniſſi
- - - • o - ) . i -i 4 i e mo in quan
- - -- - - - s .• e - e - s - si to à queſto,
- e - e «.. - - - - - - - ma quando,
- e - - e o o o o o che tal nume
- - - º, i º . l' 4 - - - ro de Fanti
- - - e e e º - e º nonfuſe coſi
. . . . . . . . . . . quadrato, co
- Fianco - me ſeria ſe
fuſſero.2oo Fanti,la radice di quali,ſe nº m'inganno, ſeria. 14.ma auazeria.4.
Fanti, bor come doueria fare in tal caſo.N. In queſto caſo uoi ne douereſti pur
mettere. 14 per fila, º ueneria pur la detta battaglia quadra di gente, ſi come
la precedente, cioe ſera di 14 file à Fanti, 14 per fila, uero è, che uiauanzera,
quelli Fanti 4 fuora di tal ordinanza,li quali il Sargente li aſſetta doue à luipa
re,fuora di talordinanza, ouer che li poneforſi nella coda di talordinanza.c.H.
Anchor queſta parte ho inteſa beniſſimo, ma ſe il fuſſe ungrande eſercito, che mi
occorreſſe di mettere pur in forma quadra di gente, come doueria procedere. N.
Ter il medeſimo modo, eſempigratia, poniamo che taleſercito ſia de Fanti.
35ooò dice che di queſti 35ooo. Fantiuoi ne doueti cauar la radice quadrata,
per l'ordine che ui ho inſegnato, e trouareti quella eſſer 187.cº auanzeraFan
ti.3 1.è per tanto ſe douera mettere Fanti.187.per fila, 6 taleſercito uerra in
forma quadra di gente,cioeuenira di 187 file à Fanti. 187 per fila, uero è, che
ui auanzera quelli Fanti.3 1.detti diſopra, li quali il Sargente li accommoda do
ueli pare, ma io tengo che talreſidui ſempre lipongano nella coda di taleſſerci
toc.H.coſi credo anchoraio. t -

Q VESITO. II. FATTO DAL MEDESIMO.


C onte Hieronimo Ma occorrendomi a douer condur una quantita de Fanti,
ouer un eſercito in uiaggio,ouer per camino,ui adimando, come ſi potria ſa
pere à quanti Fanti per fila ſi doneria far caminare, accio che occorrendo il biſo
gno,ſi poteſſero mettere m un ſubitoin battaglia quadra di gente, e che la ban
diera ſè ueniſſe dritrouare nel mezo di tal ordinanza, ouer battaglia.N. Perſa
per far queſta coſa conpreſtezza, ſubito pigliate la radice quadra di quella tal
quantita de Fanti,et ſi talradice ſera diuiſibi e per tre, tanto quato ſera la detta
terza parte di tal radice, i tanti per fila ſi douera far caminarli detti Fanti per
camino.C.H. Di gratia datime un eſmpio, e in piccol numero, perche meglio
u'intendero, in un numero piccolo, che in un grande. N. Poniamo per eſempio,
che li Fanti,che ſi ha da condur, ſiano Fanti.SI.dico che il ſi debbe tuor la radice
de.81.
Q_ V A R T . O. 44.
de.81 la qualè.9.6 perche queſta talradice è diuiſibile per tre, é la ſua terza
parte è tre, è pertanto dico che li detti fanti.81 ſi debbano far caminar per uiag
gioà tre fanti per fila, 6 faranno in tuttofile, 27.come qui ſotto appare.
C - a
S - e - e - e - - - • • e s e e - e e - e - - - - - - - Sts
È - - - - - - - - - - - - - - - e e - e e » e e 'e 'e e o È -

- co
-
-
-
-
- e
-
-
-
e
-
e
-
o e
I e
-
-
-
e
- - - -
- e -
-
e -
-
e
-
e
-
-
-
e
-
e
-
-
- -- - - - - -
e - e sº
co
-

- - - - - - - - - - d' - - - - - - - - b - - - - - - - - - º

Et quido l'occorreſſe il biſogno di uolerli ridure in battaglia quadra tutte que


ſte.27.file ſi debbero ſmembrare in tre parti eguale, come dimoſtra.a.b.&.c.d.
che in ogni parte uenira àreſtare. 9 file a trefantiper fila, e dopo ilſi debbe far
fermarla prima parte uerſo la fronte, e che l'altre due procedano innanzi dalla
banda deſtra, ouer ſiniſtra della prima(gia fermata) perfind tanto che la teſta,
ouer fronte della ſeconda parte ſi uniſca con la teſta, ouer fronte della prima, cº
iui fermarſe,º fermata la prima, ci ſeconda parte ſi debbe far il medeſimo con
la terza parte, cioe farla caminare, è procedere a canto della ſeconda parte(gia
fermata) per find tanto che la ſua teſta, ouer fronte ſi uniſca con la teſta, ouer
fronte della prima, di ſeconda(come nella ſottoſcritta figura. I
. . . . . . . . . . Le qual tre
- - - - - - - - - parti coſi ridut
- - - - • • • • • te, ct aſſettate,
“s, baneranno ri
. .. .B. . . . È dutta tal bat
si . . . . . . . . . . . . º taglia informa
- . . . . . .. . quadra di gen
- - - - - - - - - - te,come di ſotto
- - - - - - - - - - appare in figu
ra, & per far che la bandiera caſchi nel mezo di talbattaglia ſempre la ſi debbe
aſſettar nel mezo della ſeconda parte, come di ſopra appare in ponto.B. Et biſo
gna auertire che anchor che tal figura ſia quadradi terrena, come ſenſibilmente
ſi uede, nondimeno in atto proprio tal figura ſi trouera occupare per longhezza
piedi.63.6 per larghezza piedi.27.(per le ragion adatte fronte
nel preſente Q ueſito)le qual diſtantie non habbiamo oſſer- . . -
-
- - - -
-
- -

uate, neanchoraſi oſſeruera nella maggior parte delle figu- . . e - e - e - - -

re che hanno da uenire, perche occuperano troppogran ſpa- . . . . . . . . .


cio.C.H. Q ueſto non mi importa, ma ditemipur,come ſi po- . . . . . . . . .
tra ſaper, ouer conoſcerli luochi doue ſi debbia ſmembrare . . . . B. - -
le dette.27.file in tre parte eguali,ſenza stare a numerare . . . . . . . .
le dette file d.9 perche quado che il fuſſe una gran quantita . . . . . . . . :
defanti ſeria coſa molto longa. Ne Io ho inteſo che ogni . . . . . . . . .
quantita defantiuiſeli da una fila di archibuſeri nella fron e . . . . . . .
te, & un'altra nelle ſpalle che in queſti ſopraſcritti fanti.81.uiuorria. I
i -
º"
uſtri,
-
º
L I B iR O - - -

buſieri,cioe 9.nella fronte, gr.9.nella coda, º pertanto uelli luoghi doue ſi do


ueria far la diuiſione ui metteria due file di archibuſieri, come diſotto appare in
figura,intendendoli archibuſieri per queſta lettera o. a º .

0 e e e e e e e • e oo . • • • • • • e e 00 • • o • • • e e O
0 • • , e se e e e e » 00 o - e - fa. - • oo e o - o • o o - e 0
0 e e o o - o 0 e e 00 e e - e s e e - e 00 o e e o o e - o - e

-
-
-

li quali archibuſieri uiauertirano ſempre delli luochi doue ſi douerano ſmen


brare le dette file.27.& coſi in ogni altro maggior numero.C.H. Eui ho inteſo
beniſſimo, fin qua, ma uorria che mediceſti, come ſi doueria procedere quando che
la radice de detti fanti non ſi poteſſe diuidere in tre parti eguali. Nº, Q uando
che talradice non è diuiſibile in tre parti eguali, io non ſo come ſi procedanoli v
periti Sargenti, ma ben ui diroin che modo in tal caſo, ſi potria procedere,ilqual
modo, ſe il ſera per caſo ſimil è quello che lor coſtumano, io lo hauero accaro, dir
ſi per caſo ilſera meglio di quello che lor coſtumano, io l'hauero molto piu accaro,
& ſi per caſo ilſera peggiore, imputareti la mia poca pratica, ouer eſperientia di
tal eſercitio. Dico adunque che quando la radice di detti fanti non ſia diuiſibile
in tre parti eguali, neceſſariamente in tal diuiſione auanzera uno, ouer due, hor
pigliamo prima per eſempio quella che auanza ſolamente uno, come ſeria ſi fuſe
rofanti. Ioo.la radice di quali è. Io.il qual. Io partendolo per.3. ne uien.3. &
auanza uno, hor dico che iofaria caminar diece file, a tre, a tre(cioe tante file
quanto è il numero della radice)e altre diece file, a quattro,d quattro, º al
tre diece pur à tre, d tre, come qui ſotto appare con li ſuoi. 2o.archibuſi oltrali
detti. Ioo.fanti. - - - -

0, . - • • -0
- -

d e • • • • • • • • -o
-

e
-
e
e
-
-
e e
-
a - - - . oº-- - -

e - - - - - - - -0
-


0 - - - - - - - - - -0 - oº. e - e e • • • - »0 È,
Q • • • • e ». • • • • 0 - º - e e e - e º e 0- - - - - - - - - -0 º
• • • • • • • e e -0

Et queſte tre parti, quando l'occorreſſe di uolerli ridur in battaglia quadra di


ente, ſi procederia, ſi come diſopra, cioe far affermarla prima parte uerſo la
ronte, ci fermata cheſia farprocedere innanzi la ſeconda anchor la terza per
fina è tanto che la teſta, ouer fronte della ſeconda parte ſe ſia unita con la teſta,
ouer fronte della prima, º coſifermata la dettaſeconda parte, far procedere in
nanzi per il medeſimo modo anchor la terza parte, la qual coſa facendoſi uedera
eſſer ridutta tal battaglia in forma quadra di gente, come diſotto appare con li
ſuoi archibuſieri alla fronte, di alle ſpalle, -

- - - -
-
-
. . .. . . - - - - -- --,
e , - - - - - M4
o v A R T o.
o. . . . . . . . . . o Ma quando che nel partitº
o . . . . . . . . . . o la detta radice auanzaſſe.2.co
0 • • - • • • • • • . • 0 me ſeria, quado che li fantifuſſe
o . . . . . . . . . .. o ro 121.la radice di quali è 1 r.
Èo . . . . . . . . . . o S il qual.11. partendolo per tre,
Èo . . . . . . . . . . o $ neuien tre, é auanza.2.(co
o . . . . . . . . . . o me habbiamo detto) dico che in
o . . . . . . . . . . o queſto caſo, é in altri ſimili io
o . . . . . . . . . . o faria caminar. I 1 file(cioetan
0 - - o te quanto è la radice) à.4 fanti
per pi,e alire i rile d.3 fani per fila e altri. I 1 file pur à 4 fanti per fila,
- come di ſotto appar in figura con li ſuoi. 22.archibuſieri oltra li detti fanti. 12 1.
li quali fanti ogni uolta che ſi uoleſſero ridure in battaglia quadra di gente ſi r

º ºo . . . . . . . . . . oº º
o . . . . . . . . . . oo - - oº . . . . . . . . . . º
º0 e o • • • • • • • • 0 • • • • • • • • • • 0 - - - - - - - - - - 0 º

procederia,come di ſoprafu fatto.C.H. Q ueſto uoſtro diſcorſo non mi diſpiace,an


chor che taltreparti per eſſer diſeguali,parche diſdicano aſſai, ma ditemi un po-,
co queſta regola ſeruela coſi in ognigran numero defanti.'N. Senza dubbio, che
la ſeruira in ogni numeroſi quadrato, come no quadrato.C.H. Datime un eſem
poin paroleſolaméte. N. Poniamo per eſempio,che ſianofanti.3969.delli qua.
li uolendo uoi ſapere a quanti fanti per fila uoi li debbiati far caminar per camino,
accioche ſiano comodi i poterli in un ſubito mettere in battaglia quadra di gente,
dico che di queſti talfanti uoi debbiati pigliar la radice quadrata(per il modo che,
ui ho inſegnato)la qual trouareti eſſer.63 %.63 fanti ſera per fila tutta la bat
taglia in quadro di gente, º perche queſta radice(cioe, 63.)è diuiſibile in tre par
ti eguali, ne pigliareti il terzo(per regola ferma)qual ſera.2 1.6 coſi d.2 I fante
per fila uoi li douetefar caminar in camino. C.H. Ma quante file potro io ſapere
che ſiano in tutto coſi d 2 1.fantep fila.'N,Sempre ſeranno il treppio della uoſtra
radice,cioe il treppio di ſeſſantatre, che ſeria. 189.6.189 file à fanti.21.p fila,
ue ne peruenira.C.H.Doue ſapro io doue ſi debba mettere quelle due, º due file
di archibuſieri, per cognoſcere il luoco doue ſi debbia ſmembrare in tre parte per
metterli in battaglia quadra di gete.'N. La uoſtra radice(cioe ſeſſantatre)ui da
il tutto,cioe,che tal diuiſione ſi fa alle 63.6.63 file talmente, che la prima pare
teſera diſeſſantatre file, coſi etiam la ſeconda, º la terza C.H. Vi ho inteſo,
beniſſimo in quanto a queſta parte, è però ſeguitate. Ne Maſi nel partire la uo
ſtra radice per tre ui auanzaſſe uno(come accaderia ſi li propoſti fant fuſſe
ro.5776.che la radice di quelli ſeria ſettantaſei, la qualradice diuidendola per
tre,neueneria.25.e auanzeria uno shordico, che tutte le file, che riuſcirani .

- M queſti
- - - I; I B R O ' '
queſti talfanti ſaranno pur il treppio della radice,cioeil treppio di ſettantaſei,che
ſeria. 28.º perche tutta queſta fila de file ua diuiſa ſempre in tre parte(come
diſopra fu detto,etiam fatto)à ſettantaſei file per parte(cioe tanto quanto è la no
ſtraradice)hordico,che la prima, e la mitima di queſte tre parte,fi debbono far
caminarà uinticinque fanti per fila,cioe quanto che è il terzo della noſtra radice,
e perche il ne auanzo uno(come diſopra appare)dico che quel tal t. ſi debbe
mettere ſempre nella ſeconda parte, cioe in quella di mezo, cioe facendo caminar
quelli della detta ſeconda parte è.26.fanti per fila,talmente,che la prima, º la
ultima parte della gran fila delle file,ſeranno d.25.fanti per fila, 3 la ſeconda
parte ſera de fanti.26 per fila, º il medeſimo ſi debbe fare in ogni altra radice,
che partita per.3.ui auanzi ſolamente. 1.ma quando l'ananzaſſez.ſeguita tutto
al contrario, cioe', che la prima, é la ultima parte uuol eſſer di unofante di piu,
di quello ſera il terzo della noſtra radice, come eſempigratiaſeli detti fantifuſſe
ro.28og.la ſua radice ſera. 53.la qual partita per tre,ne uien. 17.6 auanza.2.
è per tanto dico, che tal fanti ſe ne formera file. 159.(cioe il treppio di.53.)le
qual file. 159.diuidendole pur in tre parte, ne uenira.53 per parte, cioe il numero
della radice,et la prima, et terza parte uol eſſer di unofante di piu del terzo della
noſtra radice,cioeuoleno eſſer defanti. 18.per fila, º la ſeconda parte,cioe la par
te di mezo, uol eſſerſimplicemente il terzo della noſtra radice, cioe defanti. 17.
per fila talmente, che di tutte le 159.file,le prime.53.file, º coſi le ultime. 53.
file uoranno eſſer defanti, r8 per fila, e le 53 file, dimezouoranno eſſerſola
mente defanti, 17 per fila. Et in quella che nel partire la radice per.3.auanza
ſolamente unoua al contrario di queſti, cioe, che la prima, º terza parte della
dettagram fila delle file, noleno ſempre tanti fanti per fila, quanto ſera la terza
te integra della noſtra radice, º la parte di mezo, cioe la ſeconda uorra uno
fante di piu del detto terzo della noſtra radice. Et perche mai puo ananzar piu
che uno, ouer due, è partire la detta noſtra radice per.3.le dette noſtre regole ui
ſatisferanno in ogni quantita defanti,ſi quadrata,ouer non quadrata,perche co
me diſopra fu detto, nelle quantita, ouer numeri non quadrati, ſempre ſi piglia la
radice propinqua di quel tal numero, º di quella ſe ne ferue, come diſopra è stato
detto,cº di quello reſiduo, ouer ſuperfluo defanti, che ſuperchiaſſero il quadrato
di talradice il Sargente li aſſetta ſecondo il ſuo parere, eſempigratia, ſe li detti
fantifuſſero quattromillia,il qual numero non è quadrato, nondimeno dico, che
di quello ſi debbia canar la ſua radice propinqua, la qual ſera.63.(uero è, che
auanzerafanti 3 r.)é di talradice ſeruirſene ſecondo il ſuo uolere, eſempigra
tia,uolendoli di ſubito mettere in battaglia quadra di gente,ſine douerta mettere
ſeſſantatrefanti per fila,e talbattaglia uemira quadra di gente, come nel prin
cipio fu detto, uero è, che ui ananzeria fora di tal ordinanza quelli fanti 3 1'li
quali il sargente li aſſettera ſecondo il ſuo nolere, ſimilmente uolendo mettere li
detti fanti quattromille incaminoſidie purtore la detta ſua radice propinqua,la
qual, come detto è ſeſſantatre, la qual partendola per tre, ne nien.2.1.3 non
ananza coſa alcuna, è pertanto gli detti fanti ſi debbono far caminare è fan
º a ti.2 I
Q V A R T O. 46
ti.21 per fila, º partire le dette file in tre parte a 63 file per parte, uero è, che
la ultima parte uerra a eſſer di 64 file, º anchor. 1o fanti di piu(per quelli fan
ti 3 I.che auanzorno in principio,li quali(come è detto)reſteranno fuora dell'or
dinanza, ſecondo il parere del Sargente, º per il medeſimo modo ſi procederia,
quando che la radice di tal numero non quadrato non riceueſſe la perfetta diui
ſion per tre, cioe ſi auanzaſſe uno, procedere, come diſopra diſi, cioe dar uno
fante di piu per fila alla parte di mezo, º alle altre due parte, cioe alla prima,
& alla terza porui ſolamente tanti fanti per fila, quanto ſera la terza parte del
la noſtra radice,º quando auanzaſſe.2 procedere al contrario, cioe dar unofan
te per fila di piu alla prima, 6 alla terza parte, 6 alla ſeconda porui ſolamente
tanti fanti per fila quanto ſerail terzo della noſtra radice, º quelli fanti che fuſ
ſero auanzati nel cauar della radice in principio,aſſettarli, come diſopra è ftato
detto C.H.Non procediati piu oltra, che ui hointeſo beniſſimo.

QyEsITO. 1 II. FATTO DAL MEDESIMo.


C" IIieronimo Ioadinandai una uolta a unofamoſo Sargente, come orº
º- dinaria una battaglia di 1ooo.fanti, lui mi riſpoſe,che lui faria le file de fan
ti.49 per teſta,hor ui adinando,uolendo ioordinare una battaglia ſimile d que
ſta di un'altra maggior, ouer minor quantita defanti, come me doueriagouer
nare.N: Q uadrati quello numero di 49.cioe multiplicatelo in ſe medeſimo, che
fara.24or.& queſto,24o1.multiplicareti ſia quella quantita defanti, che uo
reti mettere in battaglia, º quel produtto, partitele per il uoſtro. 1ooo.cº la
radice di queſto aduenimento ſera nel numero di fanti, che douereti mette in ca
dauna fila per teſta, eſempigratia, ſi quelli fanti, che deſiderareti di mettere in
una battaglia ſimile fuſſero 35oo.multiplicati queſti fanti.35ooper.24or.
cioe per il quadrato di 49 fara, 84o35oo.gº queſto tal produtto,partireti per il
uoſtro. 1ooo.neuenira,84o3.(laſciado il rotto,perche uno huomoni ſi puo ſpez.
zera,che nó periſca il tutto,) & di queſto.84o3.ne cauareti la radice, la qual ſe
ra.91.6 auanzera. I 12.etfanti. 91.douereti mettere in cadauna fila per teſta,
º per fianco ne uerra a eſſer fanti 38.uero è che anchorne ananzera fuora fan
ti.42.qualinò capiranno la ultima fila di dietro. Et con ſimilordine noi procede
reti in ogni altra maggior,ouer minor quatita.C.H.Vi ho inteſo beniſſimo e que
ſtauoſtra regola labopiu accara,che coſa, che mi habbiati inſegnato, pche migli
ſon affaticato molti giorni per trouaruiregola, 6 mai ue la ho potuta ritrouare,
Qy EsITO. IIII. FATTO DAL MEDESI Mo.
S Argente. Come ordinareſti una battaglia quadra di terreno, e non digente,
N. Volendo limitar à cadaunofante piedi 7 perlonghezza, 6 piedi 3 per
larghezza (come uol Vegetio) cioe piedi. 3.dinanzi, di piedi. 3.di dietro, º
piedi. 1.uolche occupi la ſua perſona, che in ſummaa-riºrg:
. . - M ii 4
L I B R O -

ſpalla a ſpalla uol che occupi piedi. 3.come diſopra è detto, io procederia in queſto
modo multiplicarei quella quantita defanti, che deſideraſſe di metter in batta
glia, per il quadrato di ſette, cioe per.49 & quel produtto parteria per 2 r. &
quanto fuſſe la radice di tal aduenimento, tantifanti metteria in cadauna fila
per teſta, eſempi gratta, ſe il fuſſe fanti. 36oo.li quali deſideraſſi di mettere in
battaglia quadra di terreno, º non digete,io multiplicaria li detti fanti. 36oo.
per il quadrato de.7.cioe per.49.fariano. 1764oo.cº queſto produttolo parte
riaper.21.del qual partimento neueneria.84oo & di queſto aduenimento ne
caueria la radice, la qualſeria.91.(uero èche auanzeria. I 19) º defanti. 9 r.
faria le file per teſta, uero è che la maggior parte delle uolte nella coda ui reſtera
una fila nicòpita,cioe imperfetta,perche li numeri rare uolte ne feruano preciſa
mente ſecondo il noſtro intento, ſi come anchora occorre nel fare le battaglie qua
dre di gente, cioe, che la maggior parte delle uolte ne ananza qualche fante di
piu, tamen una fila di piu ouer dimanco, non fa error troppo apparente.S.Doue
cauati quel 21.con il qualuoi partite quella uoſtra multiplicatione. Nelo ima
gino una battaglia de tre file d fanti.7.per fila, la qual battaglia ſeria quadra di
terreno,perche le tre file in longo uorranno piedi. 21.di terreno(à piedi.7 per fila
fra dinanzi, º di dietro con quel piede,che occupa ogni fila, ſimilmente lifan
ti7.in larghezza uorranno medeſimamente piedi. 21. di terreno a piedi. 3.per
fante,ondeſi tal battaglia occupa piedi.2 r.di terreno in ogni uerſo la ſera quadra
di terreno, º tutta talbattaglia contenera fanti.2 1.6 queſti fanti. 21.mene
ſeruoper partitore nella ſopraſcritta mia operatione.S.Sta beniſſimo. -

o yEsIT o v. FATTO DAL MEDESIMo.


P Riore. Dopo che ſopra la compoſitione della poluere non ui habbiamo altro che
dire,per non starocioſi dopo la noſtra lettione di Euclide, uoglio che ragiona
mo un poco del modo di ordinare lieſerciti in battaglia, º maſſime in alcune
ingenioſe forme,uſitate da noſtri antiqui,il qual modo,alli preſenti tempi, par ſia
totalmente perſo, º anullato,per non trouarſe alcuno autore antiquo, ne moder
no,che ne dia il modo,ouer regola di ſaperli ordinare,cº queſte tal figure,ouer for
me ſono il cuneo,la forfice,la ſerra, il rhumbo,il cerchio, e la forma lunare, uero
è che il uallo ha poſto alcune ſtranie forme di battaglie, ma rare di quelle è che ſia
atta a poter caminar, che non ui ſegua immediate diſordine, perche ogni ordina
ta battaglia ſi la debbe eſſer atta a poter caminar in quel talordine egli è neceſ
ſario che ogni fante habbia un'altrofante in debita diſtantia, che ui camini innan
zi di ſe,eccetto quelli della prima fronte, o coſi un'altro per banda, eccetto quelli
che ſono nei fianchi, e coſi un'altro di dietro eccetto la ultima fila, perche ogni
fante nel caminare ſi regge dal ſuo compagno che gli camina innanzi di ſe,eccet
to quelli della prima fila, è però fi una ordinanza uorra caminar, º che tutti li
fanti non habbiano un'altro fante, che gli camini innanzi di ſe nella ſua debita di
ſtantia,eccettuando quelli della prima fonte, ſubito talordinanza nerra in con
, - fuſione,
«
o v A R T o. 44
fuſione. N. Credo che ſia coſi, perche ogni fante piglia la meta nel ſuo caminar
pian, è forte, dal compagno chegli camina innanzi, eccetto quelli che ſono nella
prima fila della fronte, li quali non ſi reggono da niuno nel caminare, anzi tutte
l'altre file ſi reggono da quella ſola. P.Coſi è, hor dopo che uedo che hauetinteſo
la mia opinione, ui adimando, come ſi douera procedere, uolendo ordinare una
quantita defanti, ouer un eſercito informa cunea, ouer triangolare talmente
che fuſſero atti d poter caminar uerſo la ponta di tal cuneo, cioe che talordinan
za poſſa caminar con la ponta di tal cuneo uerſo li nemici. Neg ueſta forma di
ordinanza, ouer di battaglia naſce, ouer ſi forma dalla progreſſione aſcendente
per numero binario,cominciando dalla unita,cioe ponendo prima un fante, ci do
po3.cº dopo. 5. & dopo.7.c: dopo 9.& dopo. 11.º coſi andar procedendo, º
accreſcendo ſempre due fanti di piu,per fina a tanto che non ui ſia piu fanti, uero
è,che potria eſſer tal numero defanti, che in ultimo non potranno, ouer non ſeran
noſufficienti a compirla ultima fila,ilche eſſendo ſi potriano laſciar coſi fuora del
la ordinanza da ſeruirſene ſecondo parera al buon Sargente,perchetal coſa occor
re la maggior parte delle uolte, & in ogni ſpecie di ordinanza, cioe che ſempre ui
reſta qualche fante fuora di talordinanza. P.Credo queſto che noi diceti,ma da
time un eſempio in figura ſopra tal materia, º in piccol numero, perche nelli
numeri piccoli meglio s'intende la coſa. N. Poniamo che li fanti che deſideriamo
di mettere in battaglia cunea ſiano. 1oo.dico che prima ſe ne ponga uno dopo. 3.
dopo.5.dopo.7.dopo.9.dopo. I 1.e coſi andar procedendo ſempre mettendoui.z.
fanti di piu perfina è tanto che ui ſia fanti, come di ſotto appare in figura, onde
la ultima fila,in queſto caſo uenira à eſſer defanti, 19.6 non ui auanzera alcun
fante, é queſto è, perche il numero dellºfanti(cioe il roo)è numero quadrato,
- - - Fronte & coſi in ogni altro numero, che ſia
e quadrato ſi formera il detto cuneo
- e
ſenza alcun ſoprauanzaméto de fan
e o
ti, ma ſe il detto numero de fanti non
-
ſera numero quadrato ſempre uiaua
e er sº
zera tanti fanti, quanto che il detto
e
e -

e
e

; - numero de fanti auanzera il mag


gior numero quadrato contenuto da

e
s

e
e

s
si

e'
s

er
s

-
ſ ;; e

u e ; . . .
i" gratta ſe gli propoſti
fanti da far il cuneo fuſero. 12 o.di
. . . . co che ui auanzera.2o. fanti fuora
della ordinanza del cuneo, cioe tanti
quanti che, 12o eccede il 1oo.(maggior numero quadrato contenuto da quello)
che ſeria pur.2o.ma ſe gli detti fanti fuſſero.123.ui auanzeria ſolamente fan
ti.2.perche il maggior numero quadrato contenuto da 123. ſeria. 12 1. è pe
rò 123.auanza il detto. 12 1. nel detto. 2. º queſto medeſimo ſi debbe inten
dere in ogni gran numero. P. E ui ho inteſo beniſſimo, d mi baſta aſſai per
riſera- a neſtº -
L 1 B R o
QyEsIT.o. vI. FATTO DAL MEDESIMo.
P Riore. Come ſi potria formarquella figura chiamata la forfice,la qual uſaua
I no gli antichi peropponere alla forma cunea.'N, Laforfice ſi conſtituiſſe con
due forme cunee congiunte per tuorla detta figura cunea in mezo, P. Datime un
eſempio figurale, º in piccol numero. N.L'eſempio di queſta luoglio adurenel
medeſimo numero defanti. 1oo.cò che fu fatto il cuneo, accioche quella poſſa far
giudicio,ſeilfuſſe due eſerciti eguali di quantita defanti, º che l'unoformaſſe il .
cuneo,cº l'altro la forfice,qual di loro haueria auataggio,dico adunque che eſſen
dofanti. 1oo.º uolendo di quelli formarla forſice, li ſi debbono diuidere in due
parti eguali, che neueneria.5o p parte, 6 di cadauna di queſte parti ſe ne debbe
- formar un cuneo,
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ſecondo il modo di
e e - e o • e o e o se - • - - - - - - - - - - ſopra detto, ci con
e e s . - - - - - - - e - e e e - - - º giungerli inſieme,
- - e º - e s e “ . . . . . . . come diſopra appa
- . » » • • • • - - - - - - re in figura con le
. . . fronte . . . ſue ponte uerſo del
t e a o . linimici,cioeuerſo
fonte . .. fronte del cuneo per torlo
e se e sº e in mezo, 6 biſo
- - - - - - - - - - gna notare qual
• • • « e » • • - - i"
• - - - - - - - - - - - i tione di qu fli due
a • a s • • • • - - - - - - cunei,ui auanzera
- - - - - - - - - - - - - - - un fante per ca
e e - e s e e s e o s e s e o e s dauno di loro fuo
e • • • • • • a s e - e s • • • • • • ra dell'ordinanza,
perche ilnumero.5o non è numero quadrato, º auanza ilmaggior numero
quadrato contenuto da quello(qual è.49.) per un fante ſolo, cioe fra tutti due ui
auanzeria due fanti,come diſopra appare in figura. . -

Riore.Certamente non è buono che nonriputaſſe che li fantiche ſono in quel


li due cunei che formano la detta forfice, non fuſero piu d'un tanto, è mezo di
quelli,che ſono nel primo cuneo, º ſe io non gli haueſſe numerati,io non lo crede
reiche fuſſero eguali, è pertanto, io giudicarei, in due eſerciti coſi ordinati, eſſer
maggior auantaggio nella forfice,che nel cuneo, perche la forfice piglia in mezo il
detto cuneo, º quello ha da tendere nel combattere dall'uua è l'altra banda, cº
li due cunei della forfice non hanno da tendere nel combattere, ſaluo che da una
banda ſola cadauno di loro. N. Coſi è da giudicare. P. Non uoglio che intriamo
in altra materia per queſta ſera, ma dimande ſera uoglio che diſputiamo la
proprieta di queſta figura cunea, quando che il nemico non ſapeſſe formarla A

detta forfice.
- s . q ueſito
. . .. o v A R T o 43
q yesITo. v I È FATTO DAL MEDESIMo.
D Riore. Ben quando ſi ordinaſſe un eſercito in forma cuna, º che linimicinò
haueſſero l'arte di ſaper farla forfice, che auantaggio ſi potria giudicarper
quella ſorte figura, maſſime hauendo tanta gente l'una parte quanto l'altra. N.
g uado che la citraria parte uoleſſe opponerſi à tal figura cunea, con una forma
quadra di terreno,come al preſente ſi coſtuma, a tutte le ragion del mºdoreſtera
-
-
:- : º - rotto è ſpezzato. P. Per
che ragion. NG La ragion
ue la diro,ſia eſempigra
tia fanti. 1oo, in forma
cunea,et altrifanti. 1oo.
;
e -

;
; | in forma quadra di terre
no all'oppoſition del det

i -
s;: i
-
to cuneo, come di ſottoap
pare in figura, º perche
l'ordine del ferir del cu
I neo,èqueſto che tutti quel
li che tirano di alcuna ſor
I teiſtrumento, come ſono
- - - - - e arteglierie,archibuſi,dar
di archi, ouer baleſtre, tutti debbono tendere i tirare, º aferire ſolamente in
quel luoco doue ua à inferire la ponta del cuueo, cioe in ponto a onde lifantiche
in quel luoco ſi ritroueranno,uiſera neceſſario, è d morire, ouerà dar luoco alla
ponta del detto cuneo, per la grande moltitudine delle archibuſate, º frizzate
tutte in quel ſolo luocotirate, intrando adunque dentro la ponta del detto cuneo
in tal luoco,continuamente anderapreforando,º penetrando tutta quella ordi
nanza da banda, à banda,perche tutti archibuſieri, 3 arcieri che reſtano di fuo
ra,non debbono ceſſar di tirare in quel iſteſſo luoco, e non altroue, la qualcoſa
facendo egli è impoſſibile che non ui ſia dato luoco al detto tuneo da penetrare, or
penetrato che ſia taleſercito è rotto ſenza alcun rimedio. P. Q ueſta coſa è chia
ra,che ſe il detto cuneo penetra tutta la detta ordinanza quella ſenza dubbiore
ſtarotta,è fracaſſata,º è quaſi impoſſibile che non gli uenga ad "
, perche
tutta la poſſanza & uirtu di quel tal cuneo uien à operare in quel luoco ſolo, è
però egli è quaſi impoſſibile che in quel talluoco ui poſſano durare anchor, che
fuſſero molto piu in tal ordinanza, di quelli che fuſſero nel detto cuneo, perche tal
luoco non puo eſſer ſoccorſo d'alcuno di quelli di tal ordinanza, perche ſe quelli
che ſono uerſo.b.oueruerſo.c.uoleſſerouenire à dar ſoccorſo a quel talluoco,ſeria
forza d diſordinarſi, º diſordinati che fuſſero, incorreriano nel medeſimo ſcan
dalo,cioe reſterianorottitotalmente, ci reſtandonel ſuo luocola ſua uirtu, ouer
poſſanza, reſta quaſi morta, perche niun di loro la puo moſtrare per ualente che
ſia, & bor comprehendo di quanta importantia ſia queſta forma cunea,è chi non
ui ſapeſſi,
L I B , R O -

ui ſapeſſi, trouar la ſua medicina, ouerrimedio.N.Senza dubbio che una buona


forma alle uolte è di tal autorita quanto che è la ſua materia, º anchor piu. P.
certaméte queſtauoſtra opinione mi è piaceſta aſſai, º mi baſta per queſta ſera.
Q yesITO. VIII. FATTO DAL MEDESIMO.
» quella forma,
Riore come ouer figura
ſi potria di battaglia
formare, dalli antichi
di una quantita chiamata
defanti, ouer dila unSerra. N.
eſercito, eº

ueſta forma di battaglia,ſecondo la qualita del ſuo nome,d me pare che debbia
i dentata, ſi come è la ſega con che ſi coſtuma ſegarli traui, è pertanto uo
lendoridure una quantita defanti, ouer un eſercito in talforma, biſogna conſi
derare due coſe, l'una di quanti denti ſi uol far queſta Serra, ouer ſiga, & ſi ol
tra tal denti uiſiuol altra ordinanza da ſoſtentar quelli denti,ouer non. P. Dati
me un eſempio in figura ſopra quello che uoleti inferire, ma in poco numero de
fanti, perche meglio apprehendero la coſa. N, Poniamo che li ſanti delli quali ſi
uol formare li puri denti della detta Serra ſiano. Ioo.hor queſti. Ioo.fanti ſi
debbono diuidere nel numero delli denti che ſi uol dar à queſta Serra, 3 dica
dauna di quelle parti formarne un cuneo, per la regola data nel 5. Q ueſito, º
- i" talcunei,cògiungerli in diretto, ſecodo che fu fatto di quelli due nel formar
a forfice,eſempigratia, poniamo, che delli detti fanti. Ioo.ſiuoglia far quattro
denti di una Serra,dico, che li detti fanti. Ioo.li ſi debbono partire in quattro par
ti,del qual partimento neuenira fanti.25.per parte,hor di cadauna di queſte par
ti ſe ne debbe formar un cuneo ſecodo l'ordine dato nel detto 5. Q ueſito,et queſti
.
quattro cunei congiungerli in diretto, come di ſotto appar in figura, di queſto è in
quanto al fardelli puridenti, ma ſi per caſo ſi uoleſſe mettere un'altra ordinanza
dietro alli detti quattro denti, biſogneria prima determinare de quantifanti tal
ordinaza ſi uora fare, º quella cauarla da perſe,et del reſto formarli denti, 6
e .. o - o

e • •
-
- .. e o e e - e - e o
- - . . --

- e - -
º • • • - e o e e e e o • -
e e s e e
- : --- - - - -

e se e e e s e ... e e o e o e e - - e - - - - - s e - e e o e

di dietro di detti denti ponerui quella quantita defanti, che prima fu cauata, 3
ordinarli a tanti fanti per fila, quanti fanti ſi trouera direttamente in longo eſſer
in tutte le baſe delli denti formati, eſempigratia, poniamo che ſianofanti.244.
& che defanti. 1oo di quelli ſi uglia fare quattro denti di una ſerra, o delli
altri 144.ſiuoglia fare una ordinaza per ſuſtetar li detti quattro denti, dico che
redutti li fanti cento in quattro denti, come diſopra fu detto, conſeguentemente
dietro d quelli ui ſi debbe aſſettar quelli cento quarantaquattro fanti à fanti tren
taſei per fila, perche in tutte quattro le baſe de detti quattro denti ui ſono fanti
trentaſei, come nella ſottoſcritta figura appar, º coſi con tal modo, º ordine ſi
potra ordinare,ſe fuſſero bene cento milia fanti deſtinguendo,come diſopra ſefat
to in quel poco numero. P.Vi ho inteſo beniſſimo, 3 baſta per queſta ſera.
-a
- fronte
-
- - - - -
-- -- -
- -- - - -

- -- - -
- - - i - - e fr0mte - - - - -
-
- --
-
v
- - e
-
- -
- - - - e, - - e e
-
- n -

e - e a e e e - e - - - e o -

e e e - e o - - e e e e e - e e e e e e s - e e e
- a º
- v

o e - e o e - e e e o e o o se e e e e e e , s e 4- e - - - - -

e e e e e e s e s e e e e e - e se e e e s • a se e s e , e o s e e a o -e e

e • • • • • • • • • • • • • • • « • • • • • • • • • • • • e. a º a a a e
s e • - - - - - - - - - - - - - - - - e e e o o a s e se e s e e -e e • •
- t -
-
- - - - -

e o « e o s e o- e s e o e o e e ,e s • e o o o e a o e s e s e o o e a e

QyEsITo. Ix. FATTO DAL MEDESIMo.


P Riore come ſipotriaridureuna quantitadefanti,ouer un eſercito in figura
Rhombica di gente, che fuſſero atti d poter caminar con un angolo uerſo
li nimici
-
º
- - - - -
-
s .
». -
-
e
- - - - º
- .
-. -

è fronte , , N. Con la regola che ſi


fa il cuneo, con quella
- - - - - - - medeſima quaſiſi fa il
. . . . . . . . rhombo,perche diuiden
- do tutti quelli fanti;
i e s- e º e •, e - e e - ouerquel eſercito con,
» e . . . . . .. .. .. . che ſi uol formar il
-- - º s• • • • • e e, e, • • • • • - detto rhombo in due
i ; • • • • • • • • • • • • • • • . . parti eguali, & di quel
-. • • • - - - « e », e s • • • • • • - la meta formar il cu
. . . .. . . . . . . . . . . . . . . . neo, 6 formato che le
-, e s • e « e » e « e - - - - - - - - - - - - ſopra il medeſimo ulti
• - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - molato, ui ſi debbe an
.. . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . dar aſſettando l'altra
.. ... . . . . . . . . . . . . . . . . . . meta defanti, ouer del
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . l'eſercito con file, che
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . cotinuamente andaſſe
- e o - • • • • • •, º a • • • • a ro declinando per due
. . . .. . . . . . . . .. . fanti manco cioe al con
. . . . . . . .. . . .. . trario di quello ſi fa co
- . . . . . . . . . . . . minciandolo dalla uni
. - - - - - - - - - - ta, cioe cominciando d
- - - - - - - far la ponta del cuneo,
• • • • - nel qual ſi ua continua
e s e . - mente accreſtédo le file
- - per due fanti piu, ma
. . . . . biſogna aduertire, che
- . . atlanza ſi nella fabricatione del
- - N primo
-- f. I B R. O
primo cuneo,ui auanzaſſe qualche fanti,cheno fuſſero a ſufficietia di farui un'al
tra fila, quella medeſima fila ſi debbe pur compre con lifanti dell'altra meta
defanti, perche uno di queſti due cunei congiunti, utene à eſſer di una fila piu
dell'altro. P. Datime un eſempio in figura ma in picciol numero. N. Poniamo,
eſempigratia, che lifanti, con li quali ſi deſidera di uoler formaril rhomboſia
no.32o.dico, che ſi debbono partire in due parti eguali, che di talpartimento ne
unira fanti. 16o per parte, º de l'una di queſte parti ſe ne debbe far un cuneo
fecondo l'ordine datto nel.5. Q ueſito, il qual fatto ſi trouera auanzarfanti. 16.
(per le ragioni adutte nel detto,5. Q ueſito) cioe ui manchera fanti. 9.a compire
la detta ultima fila di tal primo rhombo,bordico, che talfila ſi debbe compire con
li fanti dell'altra meta, cioe pigliarne quelli fanti. 19.che ui manca,che nel detto
primorhombouenira à eſſer fanti. 169.6 nell'altra parte uenira à reſtare ſo
lamente fanti.:51.con i quali formandone l'altro rhombo,ſopra l'ultima fila del
primo, la qual ultima fila ſera de fanti.25.onde biſognera ſopra di quella aſſet
taruene un'altra fila di due fanti manco, cioe defanti.23.6 diſopra d quella de
detti fanti. 23.aſſettaruene un'altra defanti.2 1.6 ſopra d quella defanti. 21.
un'altra defanti. 19. & ſopra a quella defanti. 19.un'altra de fanti. 17. & coſi
andar procedendo ſempre con due fanti manco per fin è tato che ſi peruenira alla
fila d'un fante ſolo(come diſopra apparin figura) uero è, che ſi trouera in ultimo
auanzarfanti. 7.li quali il ſacente Sargente li aſſettera ſecondo il ſuo parere, º
coſi con tal modo, º ordine ſi potra ridure in una ſimil ordinanza ogni grande
eſercito, 3 potranno uoltarſi, cº caminar facendo di ſpalle fronte, º ſimilmen
te di qual ſi uoglia fianco. P. Ioui ho inteſo ottimamente, é che il ſia il uero,uoi
uoleti primamente, che ſi aduertifca,come che il primo cuneo ui à eſſer di una fila
de fanti di piu del ſecondo, è però eſſendo diuiſo l'eſercito in due parti eguali, 3
ponendo poi quelli fanti.19.che auanzano nella forma fatta del primo cuneo,in
ſieme con quelli fanti. 16o dell'altra meta fariano poi fanti 179. delli quali
ublendone poi formar l'altro cuneo ſopra l'ultima fila del detto primo cuneo, la
qualſeria ſolamente defanti. 23.6 cominciando poi il ſecondo cuneo de fan
ti.21.(cioe per duefanti manco)A coſi andar procedendo(per due fanti meno)
per final compimento di queſto ſecondo cuneo, neuenira auanzarfanti.55.cº
uoi per far auanzarmen fanti noleti, che quell'ultima fila.(imperfetta del pri
mocuneo, la qual è ſolamente defanti. 19.che la ſi compiſca delli fanti dell'al
tra meta (cioe pigliando quelli fanti.9 che ui manca) ilche facendo, º proce
dendo poi, come diſopra fu detto, in ultima utuenira auanzar ſolamente fan
ti 7.come diſopra fu detto, e dopo ſotto giungeti qualmente queſta figurarhom
sbica ha quella poteſta, che ſi ritroua nelle ordinanze quadre di gente, ouer di
terreno,cioe,che ella è atta a uoltarſi, 6 far de ſpalle fronte, i caminaretiam
per quel uerſo, & ſimilmente è atta a far da qualſiuoglia fianco teſta, uero è,
che ui occorre in tal uerſi à douerſi reſtringer per un uerſo, º allargarſi per
un'altro, come medeſimamente, occorre anchora nelle dette ordinanze qua
e
are di gente,ouer di terreno. N. Nºn altro che queſto uoliamo inferire.
- - - Adunque
P.
- Q v A R T O. 5o
Adunque ui ho inteſo, è però al preſente non uoglio che procediamo piu oltra per
queſta ſera.
Q VESITO. X. FATTO DAL MEDESIMO.
P Riore. Come ſi potria ordinare una quantita defanti, ouer un eſercito in uua
battaglia cornuta, che fuſſe atta a poter caminar in tal ordine contradlini
mici, 6 che fuſſe anchor atta occorrendo il biſogno è poter allongaricorni, cioe
buttarli in fuora etiam è tirarli in dentro(come ſuol farla lumaca, ouer bouolo)
ſenza alcun pericolo di alcun diſordine. N. Volendo eſequir tal coſa,io diuideria
tutti quelli fanti,ouer tutto quel eſercito in tre parte eguali, º una di quelle par
ti riduria in battaglia quadra di terreno, º cadauna dell'altre due le riduriain
battaglia quadra di gente, º non di terreno, º una di queſte due battaglie, la
metterla alla banda deſtra della prima battaglia (gia fatta in forma quadra di
gente)cº l'altra ui la poneria alla banda ſiniſtra, non continuate con quella, ma
alquanto diſtante: accio poſſino caminar piu preſto,ouer piu tardi di quella di me
zo(occorrendo il biſogno)ſenza interrompere l'andare, ouer il ftare della detta
battaglia dimezo. P.E ui ho quaſi inteſo, nondimeno datime un eſempio in figu
ra, ma ſopratutto in poca quantita de fanti, perche molto meglio ſi apprebende
la coſa nelli numeri piccoli,che nelli numeri grandi.'N. Poniamo,che tutti li no
ſtri fantifuſſero.3oo.li quali uolendoli ridure in quella forma di battaglia, che
miadimanda uoſtra Reuerentia, dico, che li diuideria in tre parti eguali, che in
cadauna ſeria fanti. 1oo.º l'una di queſte parti riduria in battaglia quadra di
terreno(per il modo dato nel quarto Q ueſito)6 cadauna dell'altre due riduria
in battaglia quadra di gente (per il modo dato nel primo Q ueſito) e fra que
ſte due battaglie,gli aſſetteria la primabattaglia detta diſopra, cioe quella qua
dra di terreno,talmente,che fuſſe alquanto diſtinta,ouer diſgiunta da quelle, co
me diſotto apparin figura, accioche occorrendo duoler far procedere innanzi
» « • • • • • • • • - -- -- • • e e - e e

• • -- - - - - - - - - a » » « e » • • • •

e • - - - - - - - - - • • • • • • • • • º

- - - -- - - - - - - - • - - - e e « e » e e o o •

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
» - - - - - - - - - - - - - • • • • « « « a º • • • • • • • • • * * *
• • ai « o, a e - • • • • • • • • • « e » e o o e - e o o o • a a º • •

• • • • • • • • • • • • • • a º • e - a o • • • • • • • • • • • • • •

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
e • • • • • - - e - - - - - - - - e s

uno,ouer ambidue li corni, che il ſi poſſa farſenza diſturbarla ordinanza dime


zo,oueramente occorrendo duoler retirare uno,ouer ambidue di detti corni in die
tro, che medeſimamente ilſi poſſa far ſenza impedimento della detta ordinanza
di mezo.P.Credeti che tal ſorte de cornifuſſero quelli, che uſauanoli antiqui in
alcune ſue battaglie. Ne Ngn non uiſaprei dir di certoſi fuſero in queſta forma,
-
-
N. ii ma
e : - L 'I B R O ,
ma queſta ſorte mela ho imaginata da me, perche la me parhauer in ſe tutto
quel che mi ha ricercato V.R. P. Baſta che la non mi diſpiace, anchor che la non
fuſe ſimile a queſto che uſauano li antichi. - - -

-
-.
Q vEsITo. XI. FATTO DAL MEDESIMO.
- - . . --

P Riore. Eſſendo un eſercito ordinato in qualſiuoglia forma, e che per ſorte li


I nimici inueſtiſſero dentro con le ſue arteglierie, talmente che amazzaſſero
molti de quelli fanti di tal eſercito,ſi adimanda qualſeria meglio che taleſercito
caminaſſe ſecondo che lui ſi ritrouaſſe, cioe laſciando quelli luochi coſi uacui di
quelle perſone morte dalle arteglierie,ouerà reſtringerſi inſieme per impire quel
litali luochi uacui. N.All'unomodo mi par male, é all'altro peggio perche la
ſciando quelli luochi coſi uacui, º maſſime nella fronte ſi da facilita grandiſſima
allinimici di entrar nella detta ordinanza, 6 di romperla, º facendo poi reſtrin
gere la detta ordinanza per impirli detti luochi neceſſariamente talordinanza
fi diſordina totalmente, º ſi riduſſe quaſi in confuſione,perche egli è da credere,
che le dette arteglierie, uon conſumano alcunafila defanti integralmente da un
capo all'altro per longo,ma ſolaméte una parte di queſta, é una parte di quell'al
tra, º alcune reſtano illeſe, ouer non offeſe, ma intiere, º ſane,onde uolendole
far reſtringere per impir li detti luochi uacui, egli è neceſſario è diſconciarle file
acconcie,per integrar le diſconcie, tal che tal ordinanza uerra à reſtar con piunu
mero defile defanti(allongo)nella coda, che nella fronte,la qualcoſa, ſi talordi
nanza uorra caminare, egli è neceſſario che immediate uenghi in confuſione, per
cauſa di quelle file imperfette per longo. P. Egli è coſa conſonante, ma come uor
reſti che ſi faceſſe altramente. N. Io laudarei che ſi amaeſtraſſe lifanti in ſimil
caſo,a non reſtar mai ſenza compagno innanzi di ſe, eccetto che nella fronte,cioe
auertircadauno di loro, che ſi per caſo gli ueniſſe à manco quellofante che gli ca
mina innanzi deſe, ouer piu, che ſubito, ci con gran preſiezza debbia caminar
tanto innanzi che ritroui un'altro compagno nella conſueta diſtantia innanzi di
ſe, º ſi per caſo non ue ne ritrouaſſe alcuno auertirli, come debbiano procedere
per finalla teſta, ouer fronte, 6 in tal luocofermaſe, ouer caminar ſecondo che
faratalfila della teſta, ouer della fronte. P. Ma gli altri che ſeranno nella mede
ſima fila di dietro da quel tal compagno, per longo, che uorreti che facciano. Ne
Eſſendo queſta regola ferma che ogni fante piglia la miſura delſuo caminarpian,
è forte dal ſuo compagno che gli camina dinanzi,cº non da quelli che gliſono dal
le bande, è per tanto tutti quelli fanti che ſi ritroueranno in quella medeſima fila
di dietro da quel tal fante à che ſera mancato il ſuo compagno, ouer piu compagni
dinanzi, ſeranno sforzati d correre, ouer caminar à longhi paſſi ſecondo che ca
minera quel tal compagno,la qual coſa eſſendo oſſeruata da tutti, talordinanza,
ouer battaglia ſi trouera ſempre nella fronte integra, è ſana, 6 quelli ſpaciua
cui,delli ucciſi fanti, ſi traſporteranno nella coda, nel qualluoconóſeranno quaſi
di alcun pericolo. P. Digratia datime un eſempio, 3 in poco numero de fanti,
º per
Q V A R T O. 51
per non mi cofunder l'intelleto.N, Poniamo per eſempio che in una noſtra batta
gla de fanti 144.in forma quadra digète, linimici uihabbiano mortofanti. 12,
fronte come per li ſuoi luochi uacuati nella ſottoſcritta fi
e º e . . . . . gura appare, dico che hauendo auertito cadaun fan
e o e . . . . . . te à far quanto che diſopra habbiamo narrato,
s e. . e . . . . cioe che ogni uolta che ui maucaſſe il ſuo compa
. . . . . . . . . gno che gli camina dinanzi (ouer piu )ſubito deb.
. . . . . . . . . . . bia allongari paſſi, º con quella preſtezza che è
.. . . . . . . . . . . lui ſia poſſibile, non deceſſar di caminar tanto in
. . . . . . . . . . . . nanzi, che ritroua un'altro compagno nella con
. . . . . . . . . ſueta diſtantia, che glicamini innanzi di ſe, ci ſi
. . . . . . . . . . . . per caſo in quella tal fila per longo non ue ne tro
. . . . . . .. . . .. uaſſe alcuno, debba procedere tanto, che peruenga
. . . . . . . . . . . . all'ultima fila uerſo la fronte, cioe nella fila della
. . . . . . . . . . . . fronte, º li affermarſi, ouer caminar ſecondo l'or
dine di detta fila, º ſimilmente ſi debbe auertire cadauno, che nel ſuo caminar
fronte pian, è forte, ſi debbia regger ſempre dal ſuo com
a
e e e- e e e e e
“pagno chegli camina dinanzi, 2 non d'alcuno di
quelli che gli è dalle bande, la qual coſa eſſendo
. . . . . . . . . . . . oſſeruata, nella ſopraſcritta figurata ordinanza
. . . . . . . . . . . . quella ſi trasferira in queſt'altra forma, che qui di
. . . . . . . . . . . . ſotto appar, cioè che quelli dodici luochi uacuiſe
. . . . . . . . . .. . ranno traslatati nella coda, come uiſibilmente ſi
. . . . . . . . . . . . puouedere, nel qual luoco non ſeranno quaſi di al
. . . . . . . . . . . . cun pericolo, ouer diſordine. P. Q ueſta uoſtra opi
. . . . . . . . . . . . nione è boniſſima, di non credo che la ſi poſſa mi
. . - . . . . . . . gliorar in ſimulcaſo. - -

e e e • • • • o e º i
- - - - -
- e -

o yEsiTo. xII. FATTO DAL MEDEsiMo. -


P Riore, Ditemi un poco ſeria poſſibile di poter traſmutar con preſtezza un eſe
ſercito in forma,quadra di gente, in una forma cunea, ſenza diſordinarla pri
ma ordinanza, é ſenza pericolo di confuſione. NºTroppo ſeria peſſibile. P.Eco
me, N. Secondo che con il ſuono,ouer con uoce uoi uefati intender quando che uo
leti che quelli ſi uoltano con la faccia uerſo la banda deſtra, ouer ſiniſtra, ouerà
ſpalle,con un diuerſo ſuono,ouer con la uoce uoglio che ſiano auertiti, 6 amaeſtra
ti à ſaperſi uoltar in quel uerſo, che è fra la fronte, º il fianco deſtro, ouer ilſini
ſtro,o ſimilmente in quello che è fra il fiancho deſtro,ouer il ſiniſtro, º le ſpalle,
ci dopo che ſeranno ben informati di queſta particolarita, uoglio che anchora
ſiano ben auertitidi quello fu detto nel precedente Q ueſito, cioe de auertire, ci
amaeſtrare cadaunofante,che ogniuolta che fuſſe fattouoltare in alcun diº"
: -- - - - etti
– , L . I B R O -

detti uerſi, º che non ſi trouaſſe hauer compagno nella conſueta diſtantia innan
zi di ſe,che quel debbia con gran preſtezza proceder, ouer caminar tanto retta
mente innanzi, che ritroui un compagno nella conſueta diſtantia innanzi diſe,
delle qualcoſe eſſendo tutti ben informati, º amaeſtrati, in un batter d'occhioſi
potra eſequire quello ricerca Voſtra Signoria,cioeuolendo traſmutar un eſerci
a o che ſia in forma quadra di gente, in una forma cunea, 3 uolendo che l'angolo
deſtro della fronte reſti la ponta della detta forma cunea, dico che facendo uoltar
con il ſuono, ouer con uoce, tutti li fanti di tal eſercito con la faccia in quel uerſo,
che è fra la fronte, º ilfianco deſtro, e ſubito uoltati che ſiano, oſſeruandoca
dauno l'ordine detto diſopra, cioe che tutti quelli che nºi ſi troueranno hauer.com
pagno nella conſueta diſtantia innanzi di ſe,procedinorettamente innanzi tanto
che neritrouano uno, la qual coſa eſequida, ſi trouera eſſer trasformata la detta
forma quadrata di gate in una forma cunea,et la ponta di tal figura cuneauerra
a eſſerlo detto angolo deſtro della fronte della prima figura.Triore. Q ueſtauo
ſtra regola mi par molto belliſſima,è preſta, ma non la ho ben capita, è però ui pre
Ago che mi dati un eſempio in figura, ma ſopratutto in poco numero, perche la
Fronte mipar molto difficile da intendere. N. La non
a b c d e è coſi difficile, come la pare, º che il ſia il ue
- ro, ſia eſempigratia fanti.25. in forma qua
f g . b i k dra di gente, come di ſopra apparin figura, é
- s . per eſſer meglio inteſo me apparſo di formartal
l m a o p figura con.25 lettere del noſtro alphabeto, bor
suolendo traſmutar talfigura quadrata di gen
q r ſ t u te, in una figura cunea, primamente gli faccio
uoltar tutti con la faccia in quel uerſo che è fra
x y z & 2 la fronte, º quel fianco dotte mi pare di uoler
conſtituire la ponta del cuneo, eſſi mpi gratia
uolendo che la ponta di tal figura cunea ſia l'angolo.e faro che tutti ſi uoltano con
2, la faccia per quel uerſo ch'è fra
- dº e e - e ºe la fronte, e il fianco deſtro,cioe
- - - uerſo l'angolo.e.la qual coſa eſe
dº & gº f quidata figura uerra à star,co
me qui ſotto appar, nella qual
sº ti - o do figurati ſi uede che ui ſono mol
- ti fanti che no hanno compagno
3e - A” ſº - - nella coueta diſtantia innanzi
- diſe, uero che hanno ben compa
-- Lº fº & fo gnorettaméte innazi dife, ma
molto piu lontano del ſolito,cioe
il doppio del ſolito, come appar al.f.ilqualbarettamente innanzi di ſe il b.ma la
diſtantia che è dal detto faldetto.b.è il doppio della diſtantia conſueta, onde ſe
le fuorra oſſernare li precetti di ſopra adutti, ſubito che hauerauoltato la faccia
uergo
- ' - o V A R T o. 52
uerſo taluerſo immediate ſi andera ad approſſimarſi al detto.b.nella caſueta di -
ſtantia,il che facedoſi cacciera fra.a. &.g.uero è,che il detto.g,no reſtera nel ſuo
luoco preſente, ma ſi trasferira appreſſo al c.tn diſtantia còſueta,et nel luoco doue
prima era il g.ui côueneria uenir.l.tal che le fſi trouera fra a.&.l.cº coſì ſi tut
ti gli altri procederano innaziſecódo il detto ordine,cioeperfina che trouano com
pagno in diſtantia conſueta innanzi di ſela.h.ſi andera ad approſſimarſi al.d.ey
lo m.ſeguitera la detta.h. & il.q ſeguitera dietro al detto m:tutti perfina alla ci
ſueta diſtatia, º coſi lo i ſi approſſimera al.e.gº loan ſeguiteralo.i.A lo.rſegui
teralo.n.z lo.x.ſeguitera il detto.r.tutti per finalla coſueta diſtantia ſimilmete
lo.o ſi approſſimira al.k & loſ ſeguitera lo 0.6.y, ſeguitera.ſpurperfinà di
ſtantia conſueta, 3 coſi.t.ſi approſſimera al.p.&.z ſeguitera.t.pur perfin alla
conſueta diſtantia, & ſimilmente, o ſi approſſimera al.u pur nella detta conſue
ta diſtantia, la qual coſa oſſeruata tal ordinanza quadra di gente ſi ſera traſmu
tata in una ordinanza cunea,come di ſotto appare in figura, la ponta di tal fi
gura uerra a eſſer l'angolo.e º con tal ordine ſi procederia ſitaleſſircitofuſe
ben de. 1ooooo.fanti,pur che li detti fanti ſiano ben auertiti, di amaeſtrati di
quanto diſopra è stato detto, ſi del ſaperſi moltar, come del caminar. P. Q ueſta
è una bella inuentione, º di molta importantia, perche riducendo coſi all'impro
uiſo un eſercito in forma cunea,egli èquaſi impoſſibile che linimici poſſano, ouer
ſappiano formarli forfceda opponerai talmente che ſe ueneria ad hauergrande
- - - - - º auantaggio, come ſi uerifico
. - e o e º èº "ſºlº"
che a me pare che una batta
º
--
-
-

I
-

-
ſe

e
-
2,
d
-
e
,
- -

f.
v -
glia cunea ſia ſempre atta è
ſufficiente àromper ogni al
tra battaglia in forma qua
p de o dra di terreno, come che al
e - , a ſº A si preſente ſi coſtuma, anchor
- - e - che quella fuſſe di gete, ouer
- - de fanti un tanto è mezo di
e', º fº d . piu domente, che quelli del
e la forma cunea ſiano ben
e - - iſtrutti del modo del ferire
n o º o (detto nel.7. Q ueſito.)
- - º e ,

o yEsiTo XIII. FATTO DAL MEDESIMo.


P Riore. Io ho penſato aſſai queſta notte ſopra a quella traſmutatione di hierſe
ra, & à tutte quelle altre uarieta di forme, di che habbiamo fin d queſta bora
parlato, e certamente il non ſi puo negare,chele non ſiano coſe molto ingenioſe,
ci atte a dare alle uolte honoratamente una uittoria,anchor che li nimicifuſſero
un ne è mezo piu di noſtri, come diſſi anchor hierſera, nondimeno non ſono di
- - tanta
- 5 L I B R O - - -
tanta autorita, quanto che è queſti tempi biſogneria, perche contra a una poten
tia,come è quella del Turco,comprehendo, che alcuna di loro non ſeria ſufficiente
a darlinoia, la cauſa è,che quello è ſempre atto d far, ci fa continuamente (come
ſapeti)un eſercito di tre, º quattro tanta moltidine de fanti de noi Chriſtiani,
delli caualli poi non ne parlo, che ſempre ne ha una infinita, da non comparare al
li noſtri. E però uolendo eſſer ſicuri di poterſi opporre ſicuramente à quello in cam
pagna, il biſogneria inueſtigar qualche altro artificioſo modo di ordinare un eſ
ſercito de fanteria, che fuſſe atto, di ſicuro dipoter reſiſtere in una nuda campa
gna à un altro eſercito almen di tre tanta moltitudine de fanti, et che anchora il
fuſſe ſicuro di non poter eſſer turbato,ne offeſo d'alcuna moltitudine di caualli, &
circa cioui ho ſtudiato molti giorni, 2 meſi, ma finalmente per certe ragioni ho
compreſo non eſſer poſſibile, perche una coſa ſola miguaſta ogni diſegno. N. Egli
è il uero,che tal coſa non è molto facile, nondimeno il nò è da concludere coſi ab
ſolutamente,che la ſia impoſſibile perche ſecondo, che l'ingegno de l'huomo ha ri
trouato(con ragion & arte) che un ſol buonoleui, ouer conduca tal peſo, che
quattro,è piu huomini naturalmente perſe non ſeriano atti ad alleuarlo,ouer con
durlo,coſi anchora egli è da penſare, che con ragion, º arteſia poſſibile di ritro
uare tal modo, è forma di ordinare un eſercito che ſia atto, ci ſicuro a ſuperare,
& rompere ogni altro eſercito, quantunque il ſuſſe di tre, º anchor di quattro
tanta moltitudine di gente di piu, 3 in qualſiuoglia forma. P. ll potria eſſer
queſto,che uoi diceti, quando che il non uiſe interponeſſi arteglierie,archibuſi, ºr
archi, perche in uero dove è maggior eſercito è queſti tempi, egli è da giudicare,
“che iui ſia anchor maggior numero de tal bellici ſtrumenti, per la autorita de
quali, e non per altro il detto Turco riporto bonorata uittoria contra il sophi,
al qualSophi non li giouo bauer un eſercito tutto de huomini generoſi, 3 hono
ratamente armati,ò con mirabil ordine ordinati, perche, come cominciarno ad
eſſer ſalutati dall'arteglierie, archibuſi, º archi Turcheſchi ogniſuo ordine di
uento uano. Et mi arricordo quando, che il Tarcho uenne all'impreſa di Rhodi,
che io uolſi andar con una buona banda de ottimi fanti, ad aſſaltar una grande
i moltitudine de Turchi,che erano uenuti in un certo luoco non molto lontano dal
la terra:ma ſcoperti, che nui fuſimo à quelli fa tanta la moltitudine dellefriz
ze, che ne incominciarno d piouerſopra la teſta, che fuſimo sforzati immediate
a ritornar nella terra, uero è, che erano piu di tre tanti de noi, º nondimenoſi
la tanta moltitudine delle ſue frizze non fuſſe stata, º beſi fuſimo poteſti ap
proſſimarà quelli con le noſtre picche, º ſpade,ſenza dubbio libauereſſimo sbara
ti, & maſſime, che non haueuano arteglieria con loro, per eſſergente che anda
uanorobando, º depredando per l'iſola: ſi che uoglio inferire, che ſi tal machi
me non fuſſe, credo che il ſi potria ritrouare de ordinare un eſercito con talartifi
cioſo modo, che fuſſe atto a romper un'altro eſercito molto maggior di lui, come
fu detto ſopra al cuneo, ma quando, che la parte contraria babbia gran copia di
arteglierie, archibuſi, & archi, non credo che la natura, ne l'arte uipoteſſefar
equiualente riparo ſaluo,che con altretante,ouer con maggior quatita di quelle,
- - - perche
Q V A R T O. 3
perche à talmachine,cº maſſime all'arteglierie,non ui ſi puo trouar ingegno,che
ui duri,ne medicina,che ui uaglia, º ſi queſte tal machine fuſſero state al tempo
antiquo,li elephanti haueriano perſa la ſcrimia, º li carrifalcati unſeriano ftati
di pocogiouaméto,ouer profitto. N. Egli è da tener per fermo, che la natura mai
creaſſe,ne crea alcun ſi crudo ueleno,che anchor immediate non creaſſe, ouer crei
la ſua propria medicina, quatunque coſi immediate land ſia conoſciuta dalli huo
mini, ſimilmente dico, che l'arte mai ritrouo, ne puo ritrouar coſa coſi noceuole
all'huomo, che quella non ſia anchor atta a ritrouarui immediate il ſuo conue
niente rimedio, anchor che la ignorantia delli huomininà lo ſappia alle uolte coſi
all'improuiſo imaginare,ouer ritrouare. P.Io non credero mai, che l'arteſia atta
a poter ouiare, che l'arteglierie non ſiano ſempre atte a danificar ogni eſſer
cito ordinato in compagna ſecondo ll ſolito, ci ſia pur taleſſercito ordinato in for
ma quadrata,cunea,ouer comeſi uoglia, ſaluo che non circondaſſe taleſercito de
groſſiſſime mura,ouer baſtioni, come ſi coſtuma alli preſenti tempi nelli alloggia
menti, ma uolendo poi uenir alla frontiera, egli è forza uſcir di quelli, ſi che nel
atto del combattere,io nò credo, ne riputo,che ui ſia alcun miglior rimedio a uoler
uincere, 3 ſuperchiarilnimico, che hauere gente,artºglierie,archibuſi, 3 archi
piu di lui, e perſone pratiche, 3 eſercitate nella guerra. N., Q ueſto che conclu
de uoſtra Signoria, s'intende naturalmente coſi douer ſeguire, cioe non ui s'inter
ponendo alcuna artificialita, perche egli è coſa naturale, che il numero maggior
in ogni attioneſuperi il minor,cioe che l'eſercito maggior ſuperi il minor, e che
il maggior numero d'arteglierie,archibuſi, 6 archi, ſiano di molta maggior fac
cione,che non ſera il minor:ma nelle coſe fatte, di ordinate con arte non ſeguita
ſempre queſto perche l'arte tende ſempre à l'uno de queſti duefini,oueramente ad
imitar la natura ad ogni ſuo poter, oueramente à ſupplire alli difetti dieſſa
natura, cioe a far quelle coſe, che la natura non puofar, ouer che naturalmente
non ſi poſſono eſequire(coſa certamente magnanima, º generoſa)è però non è
da cocludere,ne da dire, che con arte nò ſia poſſibile a ſuperare quelle coſe, che per
natura ſiamo uenti. P. Dopo che haueti queſta tal opinione, che uia ui par, che
ſi potria tener, ouer con che mezo credeti, che tal coſa poteſſe far.'N. Circa cio
biſogneria penſarui alquanto. P. Penſatigli un poco(dico conſumma diligentia)
perche egli è una coſa molto importantiſſima, º neceſſaria d queſti tempi, ci in - e -

cio conoſcero quanto ualeti, perche nelle infirmita, che ſono giudicate incurabile,
ſi conoſce la ſufficientia del medico.'N Io certamente ui penſero, ma molto piu
con diligentia, quando preſentiro approſſimarſi il biſogno.
Il fine del quarto Libro,

o Libro
L IS BO PRA
R o ILQ MVE TT
INE R,T o
ovER TvoR RETTAMENTE
in diſegno con il boſſolo, liſciti , Paeſi, 8 ſimi mente le piante delle
citta con il modo di ſaper fabricar il detto boſſolo, 8 in diuerſi .
modi,la cui ſcientia da Ptolomeo è detta Chorografia. :

o yestro. I. FATTO DA M. TRAIAN TROIANo.


=" RA 1 a s. Meſſer.N, cariſſimo haria molto accaro, che
F N
mi dichiaraſti, come ſi potra mettere in diſegno rettamen
li te un ſito,ouer un particolar paeſe, º ſimilmente la pian
º
ta di una citta,la cui pratica da Ptolomeo, come ſapeti nel
Ill "Viai la ſua Geographia, è detta Chorographia.'N,Talcoſa ſi
A se puo far con un boſſolo artificialmente fatto con la ſua cala
si e il mita,che ſia giuſto.T.Vi prego mi diciati in che forma uol
eſſer fatto queſto boſſolo.N. La forma di tal boſſolo ſi puo far in due modi. L'uno,
qual è il piu commune, ſi è a farlo con una dioptra, ouer riſguardo mobile, cioe,
che ſi puol girare attorno per poter riſ;uardar in ogni uerſo ſecondo che occorre
il biſogno. L'altro ſi fa da poterſene ſeruire ſenza quella tal dioptra,ouer riſguar
do mobile, il che è molto accòmodo,è di minor artificio, ma ben ui occorre un boſ
ſolo con una lancetta molto longa.T.Moſtratime purper al preſente ſolamente
quella forma, che è piu in uſo,cioe quella che piu ſi coſtuma perche quando ſaroin
Breſſa me ne ſappia far far uno.N. La piu frequentata ſi fa in queſto modo.
Prima ſi fa far un tondo di lama di rame,ouer di ottone groſſa una coſta di cortel
louel circa il diametro, del qual tondo non uoria eſſer men di una ſpana, perche
quanto piutaliſtrumento è maggior,tanto piuegli è men fallace,uero è,che egli è
poi piu diſcommodo da portarſi dietro, º per gi cauſa molti lo coſtumano
piu piccolo aſſai per eſſer piu commodo, º queſto taltondo di lama ſi fa ſpianar
beniſſimo alla mola, º dopo, che è ben ſpianato ſopra il centro del medeſimo ton
do ui ſi deſcriueprima un cerchio piu ſcarſo una coſta di cortello del tondo di det
talama, º anchora un'altro più piccolo di queſto per due bone coſte di cortello,
& tutta la circumferentia del primo cerchio, prima ſi diuide con ſumma diligen
tia in quattro parte eguali, é à una di queſte diuiſione uiſeſ riue Leuante, 3
all'altra è queſta oppoſita ui ſi ſcriue Ponente, ci d quella diuiſione,che è fra que
ſte due uerſo Tramontana,ui ſi ſcriue Tramontana, et à quella che è uerſo oſtro,
ui ſi ſcriue oſtro, ci coſi la circumferentia del detto primo cerchio uenira à eſſer
diuiſain le dette quattro parte eguali, delle quali una uenira à eſſer fra Leuante,
e Tramontana , & una fra Tramontana, 3 Ponente,cº unafra Ponente, cºr
'' -. ) Oſtro,
L I B R O Q v I N T O. 54
oſtro, é una fra Oſtro, é Leuante. Anchora cadauna di queſte quattro parte
ſi diuide pur in due parte eguali, º quella diuiſioue che fra Leuante, 3 Tramon
tana,uiſiſcriue Grego, 3 d quella che è fra Tramontana,è Ponente,uiſiſcriue
Maiſtro, 6 è quella che è fra Ponente, é oſtro,ui ſi ſcrive Garbino. Età quel
la,che è fra Oſtro,è Leuante, ui ſi ſcrive Sirocco, º coſi la circunferentia di tal
primo cerchio uemira à eſſer diuiſa in otto parte eguali, 3 cadauna di quelle di
uiſioni ſi chiama uento, è però tal circunferentia ſera diuſa in otto uenti, e ca
dauno di quelli ſi chiama, come diſopra è ſtato detto, nondimeno per abbreuiar
ſcrittura in luoco di Leuante,uiſiſcriue un.L.& in luoco di Ponente, ui ſi ſcriue
un. P.& in luoco di Tramontana,ui ſi ſcriue un.T.& in luoco di Oſtro,uiſiſcri
ue un.o.& in luoco di Grego, uiſiſcriue un G.& in luoco di Garbino, uiſiſcri
ue un'altro.G.& in luoco di Maiſtro, uiſiſcriue un.M.& in luoco di Sirocco,ui
ſi ſcriue un.S. come di ſotto nella figura appar. Anchoraſi diuide cadauna di
quelle ottaue parte di dettacircumferentia,primamente in tre parte eguali, º ca
dauna di quelle terze parte ſi diuide anchora in altre tre parte eguali, 6 cadau
ma di queſte ultime parte(eſſendolo detto tondo di lama,di competente grandez
za)ſi debbono ultimamente diuidere in cinque parte eguali, ilche facendoſi tro
uera tutta la circumferentia del detto primo cerchio eſſer diuiſain.36o. parte
eguali(ſecondo l'ordine, ci diuiſione delli antichi chorographi) & cadauna di
queſte tal parte ſi chiamagrado, 3 accio che tal diurſioni, ſiano apparenteſi ſe
gnano cadauna con una lineeta longa una meza coſta di cortello, e queſte tal
lineete(accio che tutte tendano al centro di tal cerchio)ſi deſcriuono con una re
ga giuſtando talrega con il centro di tal cerchio,cº con il ponto di quella diuiſio
ti che ſi uol ſignare nella detta circunferentia, 6 accioche tal diuiſioni ſi poſſano
con facilita numerare(occorrendo il biſogno)à ogni cinque di tal diuiſioni piccole
ui ſi fa una diuiſione che trauerſi tutto quel ſpacio che è fra la circunferentia del
detto primo cerchio, º la circunferentia del ſecondo. Ma ſi per caſo il ſopradetto
tondo di lama, fuſſe talmente piccolo, che quelle ultime terze parti non fuſſero
atte,per la ſua piccolezza,d eſſer diuiſe nelle ſopradette cinque parti eguali,ſi la
ſcierano star coſi,per ilche la circumferétia del detto primo cerchio ueneria à eſſer
diuiſa ſolamente in.72.parti eguali,ondefacendo tal.72.parti, apparente con il
tirarui quella lineeta per fin alla circunferentia del minor cerchio ſecondo l'ordi
ne detto di ſopra, cioe che tutte le dette lineete tendano al centro delli detti cer
chij,ſi come appar nella figura ſottoſcritta, ma biſogna notare che ſi ben la circum
ferentia di tal lama, per la ſua piccolezza, ſera diuſa ſolamente nelle ſopradet
te.72.parti eguali, come nella detta ſottoſcritta figura appar,nondimeno tutta la
detta circunferentia con l'intelletto ſi debbe intendereſſer diuiſa pur nelle det
te.36o.parti eguali,cioein 36o gradi, º però nel computarleſottoſcritte.72.
diuiſioni,per cadauna di quelle, ui ſi computa cinque gradi, perche. 5.fia.72.uien
a farli detti. 36ogradi, 3 dopo che ſi hauerafatte tutte queſte coſe,ouer diuiſio
ni, ui ſi debbe far aſſaldare una armilla della medeſima ſorte di banda di ottone,
ouer di rame attorno al centro,cioe un cerchio della detta banda larga almen due
o i ditte,
- - L I B Rºo ! I -

ditte, qual uenghi a far à modo di una ſcatolina attorno al detto centro della det
ta prima lama circolare, talmente che ſia concentrica con quella, º nel centro
poi ui ſi de far aſſettar una ponta alta circa per la meta della detta ſcatolina, è
queſta ponta è per metterutſuſo la lancetta acconcia con la calamita, alla ſimili
tudine di quelle, che hanno quel horologietti,che uengono de Alamagna, ma al
quanto piu granda, º nel fondo di queſta ſcatola ui ſi deſegnar una linea quaſi
alla ſimilitudine della lancetta che uada da Tramontana uerſo Oſtrorettamen
te, accio che ſi poſſa conoſcere quado che il boſſolo ſia ben aſſettato(perche i boſ
ſolo s'intende eſſer ben aſſettato, quando che la pon - ,

ta della detta lancetta guarda rettamente uerſo


la Tramontana(ſi come nella figura appar)la
qualcoſa facilmente ſi conoſce per mezo della det
ta linea,cioe come ſi fa preciſo con li ſopradetti bo
rologietti quando ſi uol ſaper quante hore ſono, º
fatto queſto ui ſi deponer la detta lancceta accon
cia (come è detto)con la calamita, º dopo ſi fa un
coperchio alla detta ſcatolina di uetro chiaro, co
meſi coſtuma al boſſoli da nauitare,accio ſi poſſa
neder il ſtar, º l'andar della detta lancetta, 3- -

dopo queſto ui ſi de metter una dioptra, ouer traſguardo, la qualdioptra, ouer l


riſguardo ſolea coſtumarſi alla ſimilitudine della prima figura.a.b. con quelli
due bracci.c.d. d .e.fil qual modo per metter in diſegno un paeſe era ſufficiente
aſſi, ma per metter in diſegno la pianta di una citta era alquanto diſcommo
do, onde per farlo piu accommodo, º generale ui ſi coſtuma a poneruiun'altro
traſuerſo in croce, perfettamente ſquadra eſempigratia è quella armilla uacua.
a b.ui ſi aſſalda prima nelli due bracci.c.d.&.ef della principal dioptra, ouer
riſuardo con quelle due lamette in alto eleuate nell'eſtremita di quella, con un
buſettino in cadauna da riſºuardar, per quelli le coſe che accadera, è ben che an
chor due pontine acute ſerueria,ſi come quelli due buſettini, º forſi meglio, º do
poui ſi ſalda anchora quelli altri due braccetti.g.b.&.i.kperfettaméte in croce,
cioperfettamète àſquara ſopra la principal dioptra, o nel capo dell'un di queſti
ſecondi bracci ui ſi aſſetta, ouer ſalda quell'altro braccetto.l.m.pur à ſquadra,co
me nella ſecoda figura appare, et la for
ma di qualſiuoglia delle due ſottoſcrit
te forte di disptre nol eſſer totalméte fa
bricata che la detta armilla.a.b ſia di

--

Si ys

- tal gras
! . . . - o v r N T o. 55
talgrandezza che ui poſſa entrare ſazzatamente quell'altra armilla, ucr ſcato
lina del ſopraſcritto noſtro ſtrumento, º che quelli due,ouer quattro bracci,cioe.
c.d.e.fg.h.&.i.k ſiano talmente fabricati che dall'una, º l'altra banda dimo
ſtrinogiuſtaméte tigradi ſopra la prima lama circolaregia ſignati, º li due prin
cipali, ioe.c.d.&.ef.uol eſſer di tanta longhezza che dall'una, cº l'altra banda
uſciſcano alquanto fuora del cerchio della noſtra prima lama circolare, º nella
eſtremita dell'uno, o l'altro di queſti due bracci uiſiſalda le ſopradette due la
mette,ouer figure quadrangole in alto eleuate di tal altezza che ſopra auanzano
l'altezza della ſcatoleta del noſtro boſſolo, 6 talmente larghe, che facendoli un
buſettino in mezo di cadauna di quelle, cioe in quella parte che ſoperchia di ſopra
del detto boſſolo,un rettamente oppoſito all'altro, talmente che riſ;uardando per
li detti due buſettini la noſtra linea uſuale tranſiſta preciſamente ſopra al centrº
del cerchio del detto noſtro ſtrumento, é dopo tal dioptra ſi debbe con diligentia
incaſſare ſopra al detto noſtro boſſolo, cioe ſopra d quella armilla, ouer ſcatoleta,
che interchiude il detto boſſolo,ilche facendo il detto noſtro ſtrumento ſtara preci
ſaméte,come di ſotto apparin figura,et la doptra,
ouer riſguardo, ſera girabile, cioe che la ſi potra ,
girar per ogni uerſo attorno attorno, º per quelli
due buſettini, che ſerano in quelle due lamette qui
drangole in alto eleuate, ſi potra riſºuardar con
un'occhioli ſegni, 3 termini, che ſtuorra uedere,
come per l'ausnire per eſempio ſi moſtrera,uero è,
che in luoco di quelli due buſettini a me piace, 6
mi par anchora piu ſpediente due pontine acute, co
me di ſopra diſi.T. Q ueſta forma di ſtrumento
molto mi piace, dimane parlaremo poi del modo di
operarlo.
Q VESITO. II. FATTO DAL MEDESIMO.
T Raiano. Horuorria che ſottobreuitami dichiaraſti il modo di operar l'iſtru
i mento,che hierim'inſignaſti à far.'N. Peruoler operar taliſtrumento a uo
ler metter in diſegno qualche ſcito, ouer paeſe, biſogna hauer un baſtone longo,
circa piedi tre, o che talbaſtone in un di capi habbia un ferro appontito, per po
terlo piantare in terra, º dall'altro capo untondo di legno alla grandezza del
l'iſtrumento con un poco di oro, che ſia atto a tener taliſtrumtoircaſſato, 6 fer
mo in cima di quel tal baſtone, come di ſotto apparin figura, º che taloro ſia
tanto baſſo che il non impediſca il poter girar la dioptra in ogni uerſo.T. Non ſi
potria far ſaldar un canon di bandabuſo ſotto a tal ſtruméto per ficar dentro tal
baſtone,ouer una ponta da poterlo piantar in cima di tal baſtone, facendo prima
un buſo nella cima di tal baſtone. Ne L'uno è l'altro di queſti, daria impedimento
per mettertal diſegno in carta, come alliſuoiluochi ſi potra giudicare.T.Segui
tati. Ne Inteſo adunque tutte queſte coſe biſogna notar, che per metter in
- -
igno
Mn 2 il0,
L I B R O -,
unſcito,ouer un paeſe, ſi puo procederin due modi,l'uno è
º
a star in mezo,cioe dentro dal detto ſcito, ouer paeſe con
( il detto ſtrumento piantato, fermo è stabile, 6 l'alrro è
andar attorno, attorno per la circumferentia di tal ſcito,
ouer paeſe.T.Q ual è meglio di queſti due modi. NgCerta
mente piu giuſto, ouer men fallace riuſcira tal diſegno d
star fermo è fiſſo nel mezo, cioe dentro dital ſcito, ouer
luoco,perche in ogni traſmutatione che ſi fa del detto boſſo
lo nel traſportarlo da un luoco in un'altro ſempre s'incor
re in qualche poco di error, cº perche à tuor in diſegno un
luoco, ouer ſcito andando per la circumferentia di quello ſi
fa molte traſmutationi,del dettoboſſolo,come per l'auenire ſi potrauedere,è però
delli molti pochi errori ſe ne uien à cauſar poi la maggior parte delle uolte, in fine
un maggior.T. Moſtratime adunque quello che de star dentro in mezo, perche
l'altro eſſendo coſi fallace non me ne curo. N.Anzi è neceſſario, che uoi intendia
ti l'uno è l'altro modo,perche no ſempre ſi puo tuor in diſegno un ſcito, ouer paeſe
d star dentro nel detto ſcito,perche ſpeſſe uolte uſi troua dell arbori, monticelli,
caſamenti, º altre coſe, che impediſcono il poterueder tutti li termini di talſcito,
alcuna fiata per la grandezza ſua non ſi potra eſequire taleffetto a star coſi fer
monelmezo anchor che non uifuſſe arbori,ne altri impediméti, come che uoleſſe
metter in diſegno un grandiſſimo paeſe, che per la ſua grandezza in alcun luoco
dentro di quello non ſi poteſſe ueder tutti li ſuoi termini, è però quantunque il mo
do di quel tuor in diſegno d star dentro di talſcito, ouer luoco ſia piugiuſto, ouer
men fallace dell'altro,nodimeno l'altro è poi piu generale,perche con quello ſi puo
operar, ſinelli paeſi grandi, come nelli piccoli,o con arbori,monti, e caſamenti,
come eſſendo piani, é con queſto talſi puol tuor in diſegno, non ſolamente le pian
te delle citta, ma anchora tutto il territorio di quelle, o ſimilmete Iſole, Prouin
cie, & altre coſe ſimile.T..Adunque me li dichiarareti ambedue, tamen comin
ciatemi prima a dichiarire quel primo modo,cioe à star dentro nel mezo di talſci
to,ouer paeſe, º dopo me dichiarareti l'altro. N..Accio che meglio m'intendiati,
ſupponeremo che il ſia un paeſetto di cinque faccie,ouerlati,alla ſimilitudine del
la ſottoſcritta figura.a.b.c.d.e.& che ſia di tal qualita,che stando dentro in me
zo,ouer circa al mezo di quella, º che facendo poi piantar una bacchetta in ca
dauno di quelli cinque angoli, ouer cantoni che tal bacchette ſi poſſano uedere à
una per una,bordico, che à uoler metter rettamente in diſegno ſopra a unfoglio
di carta un'altra figura ſimile alla propria.a.b.c.d.e.tlſi debbe far piantar una
bacchettina per ciaſcadun delli detti cinque angoli, ouer cantoni.a.b.c.d.e.& do
poil ſi debbe intrare nel detto ſcito, ouer loco, o andar nel mezo di quello, ouer
circa al mezo(perche piu è manco del mezonò importa, 3 iui piantarui quelba
ſtone con il detto noſtro boſſolo in cima, 3 dopo che ſera piantato biſognerator
zerlo, º fermarlo talmente, che il detto boſſolo stia ben aſſettato,cioe,che la len
guella della calamita stia giuſta ſecondo il ſuo ordine, comefu detto difrºi,
- Cloe
- Q V I Nr T, O. 56
che la ponta di detta lenguela,ouer lancetta guardirettaméte uerſo la Tramon
tana del detto ſtrumento, il che ſi conoſce facilmente per mezo di quella linea,che
ua da Tramontana all'oſtro diſotto della detta lenguella,ouer incetta di CO
me ſi coſtuma in aſſettar quelli borologietti, che uien di A lemagna, quando hi
ſaper quante bore ſono,con il ſole, e dopo che taliſtrumento ſera talmente aſſet
tato, il ſi degrarla dioptra, ouerriguardo del detto ſtrumento , talmente che
cignando con un occhio per quelli due buſetti della detta dioptra (ſi tal dioptra
hauera detti buſetti)che il ſiueda una di quelle.5.bacchette piatate, oueramen
teſi la detta dioptra non bauerali detti due buſetti, ma che haueſſe quelle due
pontine acute, come diſopra fu detto, le qual due pontine à me pareno molto piu
accommode che li buſi,lſi deguardaruna di dette bacchette, di uoltar tanto la
detta dioptra, che la linea uſuale incontri con le dette due pontine di detta dio
ptra, º con quella bacchetta che ſiguardera, é fatto queſto il ſi de annotare ſo
pra una policetta, perqualgrado(di quelli. 36oſiſeranno. 36o.oueramente di
quelle 72 parte ſe il detto ſtrumento ſera diuſo in 72 partiàgradi.s per parte,
paſſera la detta linea uſuale(il qualgrado la dioptra il fara manifeſto) & per
eſſer impoſſibile a dar in un piccol patio perfetto eſempio in figura a queſta ma
teria ſi sforzaremo al men con parole di ſupplire a quello,cheno ſi puo dar in figu
ra, bor poniamo che d riguardar quella bacchetta poſta in ponto.a.la noſtra li
nea uſuale paſſi alli,3 gradi di Siroccouerſo oſtro, fatto queſto il ſi de miſurari
ouer far miſurar quanto è dal piede del noſtro iſtrumento alla detta bacchetta po
ſtainponto.ahorponiamo che uiſiap ſ . - - -
ſa.54 bordico, che di tutto queſto ſe ne s -

debbe far memoria ſopra una policetta


in queſta form i,cioe ègradi tre di Siroc
couerſo oſtro paſſa. 54 fatto queſto,ilſ,
deuoltar la detta dioptra(stando però
l'ſtrumento ſempre fermº è fiſſo ſecondo
ilſuo ordine)talmente, che per il medeſi
mo modo il ſi ueda l'altra bacchetta che
ſeguita, poniamo quella poſta in ponto.
b. r uiſto, º notato il grado, etiam la
diſtantia,che ſera dal pie del noſtro iſtru
mento per finalponto.bſopra la noſtra
policetta alla ſimilitudine dell'altra, º
Q ,
con tal modo, è uiaſi de procederà ca
dauna dell'altre tre bacchette poſte nelli altri tre angoli, ouer cantoni.c.d.gr.e.
e per abbreuiar ſcrittura, poniamo che le dette cinque diſtantie annotate ſopra
alla detta policetta uadano,e ſiano tanto quanto qua diſotto appar,perche coſi
debbono eſſer notate. - - -

A gradi. 3. di siroccouerſo oſtro paſſa. 54.


A gradi. 29. di Grecouerſo Leuante paſſa. 63.
4 gradi
1. I B R O - -- -

A gradi. 28. di Tramontana uerſo Greco paſſa. 81.


A gradi. 9. di Maiſtro uerſo Ponente paſſa. 72.
A gradi. 5. di Garbinouerſo Oſtro paſſa. 62.
Hor fatto queſto, ſi decauar l'iſtrumento, ci andarſene à caſa con la ſopradetta
ſua poliza, º quando li par di uoler metter in diſegno quella tal figura di paeſe
ſopra una carta,ouer tela primamente il ſi debbe diſtendere quella tal carta,ouer
tela ſopra una tauola pianiſſima, et ſopra a quella imbroccarla,ouertaccarla con
cera talmente,che la non ſi poſſa muouer, 6 dopo tirar una linea retta,in mezo
di quella tal carta, ouer tela alla ſimilitudine della ſottoſcritta linea.a.b.cº al
mezo di quella aſſettarui il detto noſtro ſtrumento, talmente, che la detta linea
uenghi à paſſar per ilcentro del detto ſtrumento, º che anchor il detto ſtrumen
toui stia ſopra ben aggiuſtato,cioe, che la ſua lancetta stia ſecodo il ſuo debito or
dine(piuuolte detto)º dopo da l'una è l'altra parte del detto ſtrumento il ſi de
diſtinguere quella parte i detta linea.a.b.che uien à eſſer ſotto è l'iſtrumento
(cioe coperta da quello) da quella, che è diſcoperta ci due piccoli ponti, quali ſiano
li due ponti.c.&.d.& queſto ſi fa per poter ritrouar con facilita il luoco, doue ſi
ripoſi il centro del detto iſtrumento, perche la detta parte.c.d.uien à eſſeregual
al diametro del detto ſtrumento, º però nel mezo di quella,cioe in ponto.e.ſi ri
poſera il centro del detto ſtrumento. Dopo che ſi bauera fatte queſte coſe, il ſide
ſignar.5 ponti ſopra alla detta carta attorno dell'iſtrumento ſecondo l'ordine del
A E
-
D - , B
- - T- i

la noſtra policetta,cioe un d dirimpetto alli.3 gradi di Sirocco uerſo Oſtro, 2 coſi


un'altro dirimpetto delli, 29 gradi di Greco uerſo Leuante,coſi un'altro a dirim
petto delli. 28 gradi di Tramotand uerſo Greco, º un'altro alti. 9 gradi di Mai
ſtrouerſo Ponente, º un'altro alli.5 gradi di Garbino uerſo Oftro il giuſto luoco
daſignarli ſopradetti, 5 ponti ſi troua per mezo della dioptra, cioe uoltando pri
ma la detta doptra talmente, che la ſi ripoſi giuſtamente alli detti, 3 gradi di Si
rocco uerſo Oſtro, & ſecondo l'ordine di quel poco braccio della detta dioptra, che
paſſa fuora dell'iſtrumento, ſignar il detto ponto ſu la carta perpendicolarmente
ſotto al luoco doue precede la noſtra linea uſuale per quelli due buſetti, ouer per
quelle due ponte, é ſignato quel tal ponto, uoltarla detta dioptra, & giuſtarla
alli, 29 gradi di Grecouerſo Leuante, come parla la policetta, 6 ſignar il ſecodo
ponto, é coſi andar procedendo alli.28.gradi di Tramontana uerſo Greco, 6
alli.9 gradi di Maſtouerſo Ponente, o ultimamente alli.5 gradi di Garbino
uerſo oſtro, come con l'intelletto facilmenteſi puo comprehender ſopra la figura
ſeguente, º dopo che ſi bauera ſignati li detti ponti, ſi potra louar il detto ſtru
mento, & ſignar il luoco doue ſi ripoſaua il centro di quelle(come di ſopra diſſi
eſſer nella meta della ſopradetta partiallinea c.d.in ponto.e.) & dal detto cen
tro,con una riga,ouer una regola tirar.5.linee deindiffinita quantita, che paſſino
per li detti 5 ponti,cioe la prima dal detto centro al primo ponto, cioe à quello ſi
gnatoalli.3 gradi di Sirocco uerſo oſtro, di quella tirarla di longo ſenza farui
- - - termine,
Q v I N T O. 57
termine, é coſi procederali altri quattro ponti, o dopo che ſi haueran tirate
le dette. 5.linee, di cadauna di quelle biſognera cauarne con un compaſſo una par
te detante miſurette, ouer apriture di compaſſo, quanto ſeranno li paſſi della ſua
relatiua nella noſtra policetta, cominciando però ſempre è miſurare a quel luoco,
doue ſi ripoſaua il centro del noſtro ſtruméto,cioe à quel ponto.e.(di ſopra detto)
eſempi gratia, da quella linea, che paſſera per li.3.gradi di Sirocco uerſo oſtro,
ſe ne douera miſurarſuora.54.apriture di oompaſſo, per eſſer la ſua relatiua nel
la policetta paſſa.54.6 in capo delle dette. 54.apriture di compaſſo, ui ſi douera
far un ponto fermo terminante detta linea, e coſi ſenza mouere il compaſſo, cioe
con la medeſima apritura, ſi debbe miſurar fuora à cadauna delle altre quattro
linee,tante apriture, quanto ſera il numero di paſſa della ſua relatua nella noſtra
policetta,cioe à quella che paſſa per li.29 gradi di Greco uerſo Leuante, per eſſer
la ſua relatiua paſſà.63.ſe ne miſurera fuora. 63.apriture di compaſſo, º infine
di quella farui un ponto fermo, º coſi per non abundar in parole, dell'altra con
ſeguente ſe ne douera miſurar fuora.81.6 far ponto, º dell'altra. 72.6 della
ultima. 62.è mezo, & in fin di cadauna di quelle farmi un ponto fermo(come di
fopra fu detto)é fatto queſto,il ſi decongiungere li detti.5 ponti fermi con.5.li
nee rette,le qual.5.linee tirate, che ſiano,repreſenterano li.5.lati del noſtro ſcito,
ouer paeſe proportionalmente,come di ſotto apparin figura,cioe,che tal piccoldi
ſegno,ouer figura ſera ſimile a quella figura del noſtro paeſe,ouerſcito, º lango
lo a.della ſottoſcritta figura ſera relatiuo, & eguale d langolo.a.della figura del
noſtro paeſe, º langolo.b.à langolo.b.& coſi tutti li altri al ſuo relatiuo. Et biſo
gna notar, che quantunque io babbia tirate quelle. 5.linee, che uien dal centro a
ciaſcun angolo del noſtro diſegno, tutte apparéte(come nella figura appar)non
dimeno uoleno eſſertirate occulte,cioe ſenza inchioſtro, perche guaſtano la figu
ra, ma coſì le ho tirate,accio che uoi intendiate meglio la coſa. Anchor biſognano
tar, che per miſurar fuora delle ſopra ſcritte. 5.linee quelle apriture di compaſſo
che biſogna, con piu breuita, ſi puoſignardacanto una lineetta di 1oo.apriture
di compaſſo,ouer di piu,ſecondo che tal paeſe ſera grande,ouer piccolo, di quella
talliueetta diuiderla in parte è. Io.apritura per parte,cº queſta tallinea ſi chia
maſcala della noſtra miſura, º quando poi occorreſſe di miſurar fuora da una
data linea una qualche gran diſtantia,ouerlonghezza, poniamo una longhezza
di.795 paſſa, ſi tal noſtra ſcala ſera
t N .. / ſuppoſta poniamo de cento apriture di
- compaſſo, le qual repreſentaſſe. Ioo.
, paſſa prima con un compaſſo largo alla
: : : egualita di talſcala, ſi miſurera fuora.
7.apriture di quel tal compaſſo,le qual
i denoterano.7oo paſſa, dopo ſi reſtrin
-, gera il detto compaſſo alla egualita di
una decima parte di tal ſcala, la qual
repreſentera, lo paſſa,et con tal apri
TP li4'4
r . L I B R O
tura ſi miſurera fuora anchora. 9.è mezo di tal apriture, 3 ooſiſi hauera miſu
rato fuorali ſopradetti paſſa. 795.cº queſto ſi fa, perche ſeria coſa molto longa d
uolerſtarà miſurar una tata gran quatita di paſſa, con una apritura di compaſſo
che repreſentaſſe un ſol paſſo, 3 maſſime,che tal hora il diſegno ſi uora far tanto
piccolo,che un paſſono ſeria quatita ſenſibile, º per queſto ſempre ſi coſtuma far
la detta linea(chiamata ſcala) & quella ſi ſuppone de quanti paſſa pare all'ope
rante, nondimeno la maggior parte la ſuppone decento paſſa nelle diſcretion pic
cole, ma nelle grande in Geographia ſi ſuppongano de milliari, 6 non di paſſa,
cioe decento, ouer piu milliari. Anchora biſogna notar, che quella prima linea,
che diſopra fu detto, che ſi debbe tirar in mezo della carta,doue ſi uol deſcrinere il
noſtro diſegno(cioe quella linea.a.b.)la ſi puo ſupponere, che uada rettamente
da Leuante à Ponente,ouer da Oſtro a Tramontana, il che ſupponendola,biſogna
poi giuſtar la medeſima del noſtro ſtrumento ſopra a quella, º dopo torcere tal
mente la tauola,che la lancetta della calamita ſi uada à giuſtar(in tal poſitione)
ſecondo il ſuo ordine, º dopo proceder, come diſopra fu detto.T.E ui ho inteſo he
niſſimo, ci baſta per hoggi. . - - ,

oyesIT o III. FATTO DAL MEDESIMo.


T Raian. Horuoria, che uoi mi dichiariſti un poco quando che li lati del detto
paeſe non fuſſero perfettamente retti, come ſi doueria proceder. N, Q uan-.
do che quello paeſe, che ſi deſideraſſe da metter in diſegno fuſe contenuto parte,
da linee curue,cº parte da rette,oueramente tutto da linee curue, egli è neceſſa-.
rio à formar in tal figura curuilinea una figura rettilinea de molti lati per acco
ſtarſi piu che ſia poſſibilà quelle linee curue, z metter in diſegno quella figura
rettilinea in ſcritta in quella curuilinea, º darui poi alli ſuoi debiti luochi alquan
to di curuita per pratica,cioe à deſcrittion, ci per eſſer meglio inteſo, ſupponere
mo che il ſia un paeſe contenuto la maggior parte da linee curue,come di ſottoap
par in figura. Dico duoler metter in diſegno queſta tal figura, º altre ſimile
piantato,che ſi habbia il detto noſtro iſtrumento in mezo del dettoſcito, uel circa,
come di ſotto appar, º quello aggiuſtato,ouer aſſettato ſecondo il ſuo ordine il ſi
de far piantar molte bacchette per la circumferentia di quelle curuita, ci doue è
maggior curuita piantarui molto piu ſpeſe le dette bacchette per poterſi conlinee
rette piu approſſimarſi è quella curuita, come di ſotto appar, 3 ſupponer che
quelle differentie che è da bacchetta a bacchetta ſiano lati di una figura retteli
nea in ſcritta in quella figura curulinea, è pertanto il ſi debbe andar riſguar
dando con la nostra dioptra cadauna di dette bacchette, º notare nella policetta
per qual grado paſſera cadauna linea uiſuale co la ſua quantita di paſſa, che ſera
dal piede dell'istumento è cadauna bacchetta, o fatto questo, il ſi debbe far un
qualcheſegno,ouer nota per memoria di quelle ſue curuita, cioeſi tal curuita dan
noin fuora,ouer ſe s'incarnano in dentro della figura, º dopo cauar l'istrumen
to, é andarſene a caſa, di uolendo poi mettertal diſegno in carta, ouer in tela,
-- - - diſteſi4.
- , o v 1 N r o.
- 58
diſteſa quella ſopra una tauola ſecondo il ſolito, il ſide prima metter in diſegno
quella figura rettelinea in ſcritta(ma non tirarli ſuoi lati per linea retta, ma an
dar congiungendo l'iſtremita di quelle linee(terminate con il ſolito ponto fermo)
con una linea alquato curuata in fuora, ouer in dentro ſecondo che dinotera quel
ſegno che giafu annotato per memoria, ilche facendoſi fara una figura ſimile a
quella di quel tal paeſe,ouerſcito,granda,ouer piccola ſecodo che ſi uorra, cioe uo
iendola fargranda ſi fara anchora la noſtra ſcala(detta nel precedente Q ueſito)
-

| l lill l
; e di. 1oo paſſa alquanto longa, 6 uolendola
piccola,ſi fara la detta ſcala alquanto curta,
& biſogna notare, che quantunque io habbia
tirate quelle.25. linee nel noſtro diſegno tut
tº apparente, e l'haggio fatto accio che piu
eudentemente ſi ueda il modo di proceder,
perche le dette. 25.linee ſono relatiue à quel
li 25.interualli, che ſono dal piede del noſtro
iſtrumento è cadauna bacchetta piantata nel
contorno del noſtro ſcito, ouer paeſe, le qual
bacchette, ſe non m'inganno,ſono pur.25.ta
men in fatto proprio non uoleno eſſer tirate
apparente (come diſºpra nell'altro diſegno fu
anchor detto)perche guaſtano la figura deſi
- gnata, ma ſolamente quelle del contorno uo
leno eſſer tirate apparente, perche quelle ſono che ne rappreſentano la figura,
& queſte tal, che uoleno eſſer tirate, non le houoleſtetirar, ma ſolamente un ho
annotato li ponti fermi, accio meglio
ſi apprenda il modo operatiuo, li quali
ponti fermi, che li congiungera con
una linea retta, ouercurua, conueſſa,
ouer concaua,ſecondo il biſogno, ſi ue
dera rappreſentarſi una figuretta ſi
mile a quella del noſtro ſcito,ouer pae
ſe.T.Anchora queſta parte l'ho inte
ſa beniſſimo, 3 uoglio che baſti per
hoggi.

o yEsiTo. I III. FATTO DAL MEDESIMo.


T Raian. Hor uorria che mi dichiariſti quel ſecondo modo de tuor in diſegno,
M che in principio diceſti, cio procedendo, ouer andando per la circumferentia,
ouer contorno di talſcito, ouerpaeſe.'N, Hauendouoi ben inteſo il primo modo,
uoi ueniti hauer anchora inteſo piu della meta di queſto ſecondo, perche ſimilmen
te nolendo proceder per la circumferétia di talſcito,ouer paeſe,eſſendo quello con
T i tdmilit0
- , Q v - I N T o. 58
tenuto delati,ouer linee rette nelli angoli di quello, un biſogna pur metter una bac
chetta, ouer qualche altro ſignale da poter riſguardar, 6 dopo piantar il detto
noſtro ſtrumento in un di ſuoi angoli, º quello aſſettarlo ſecondo l'ordine piu
uolte detto, e dopo riſpuardar quella bacchetta, è altro ſignal, che ſia nell'al
trodngolo innanzi di ſe, º girar talmente la dioptra che la linea utſuale paſſi
per quelli due buſetti(hauendo detti buſetti)oueramente che la ſe incontri con
quelle due ponte(hauendo dette ponte, qual è me pareno piu ſpediente)é dopo
notar ſopra una policetta il uento, º numero di gradi per donde paſſera la detta
linea uſuale(il che la dioptra fara manifeſto)é dopo far miſurar quanto è dal
piede dell'iſtrumento è quella bacchetta,ò altro ſignal, che ſera ſu l'altro angolo,
& tal quantita de paſſa, è notarli ſu la policetta conſeguentemente dietro a quel
louento, i numero di gradi per innanzi annotati(ſi come nella precedente ope
ratione fu anchor fatto)gº dopo cauar il detta iſtrumento di quell'angolo, º an
darlo a piantar in ſu quell'altro (doue è quella bacchetta, ouer ſignal,gia ri
ſguardato)cº con il medeſimo modo riſquardar quella bacchetta, è altro ſignal
coe ſeraſu l'altro terzo angolo, e annotar ſimilmente nella policetta per qual
uento, 3 numero di gradi paſſera la linea uiſuale,º conſeguentemente à notar
u: dietro il numero di paſſi,che ſera dal piede del noſtro iſtrumento perfinal det
to ſegno, ci coſi con talordineſi debbe andar procedendo per fin che ſi hauerato
talmente circondato quel tal paeſe grande,ouer piccolo cheſia,ilcheſi hauerato
talmente circondato, quando ſi ſera peruenuto è riſguardar quel ſegno poſto in ſu
duelangolo,ouer cantone,doue che nel principio fu piantato la prima uolta l'iſtru
mento, º fatto queſto il ſi puo cauarlo ſuo ſtrumento, cº andarſene a caſa, 3
quando ſi uorra mettertal paeſe in diſegno, in carta, ouer in tela, l ſi debbe pro
ceder quaſi,come nell'altra deſcrittione, cioe diſtendertal carta, oner tela,ſopra
una tauola piana, 6 da quella banda, che parera piu conuenire al primo lato del
noſtro paeſe, e non nel mezo di tal carta,come nell'altra fu fatto, ſi douera aſſet
tar il detto noſtro ſtrumento talmente che la lancetta del boſſolo stia ſecondo l'or
dine ſuo, e dopo aſſettaranchora la dioptra à quel mento, i numero di gradi
annotati nella prima partita della noſtra policetta, 3 aſſettata che uiſia,il ſi deb
beſignar due pontini ſu la carta piccoliſſimi(con un'ago,ouer altra coſa pontita)
cioe l'uno dal'un capo della dioptra, e l'altro dall'altro perpendicolarméte ſotto
alluoco doue ſuol procederrettamente la noſtra linea uſuale, di queſto facilmen
te ſi puo conoſcer per mezo di quella poca parte della dioptra che uſciſce fuora
r
dell'iſtrumento(come nell'altro Q ueſito anchor ſu detto) & dopo che ſi bauera
ſignati li detti due ponti,il ſi debbe leuaruta l'iſtruméto,& con una riga il ſi deb
be tirar,ouer ſignar una linea retta deinfinita quatita, la qual paſſi preciſamen
te per li detti due pontini, 6 di queſta ta linea il ſe ne debbe miſurar fuora con il
compaſſò(con l'ordine della noſtra ſcala) tanti paſſa quanti dira la noſtra policet
ta, ci principiar à miſurar doue ne parera piu conueniente nella detta linea,cº
nel principio, º fine di tal partemiſurata ui ſi debbe far un ponto fermo, fatto
queſto il ſi debbe giuſtarla dioptra, è quel uento, et numero di gradi, che ſicòtiene
- nella
o v I N T o. 59
nella ſetouda partita della noſtra policetta(cioe nella ſeconda statione)& dopo
giuſtarlo al capo di dietro di detta dioptra à quel ponto fermo, chefu ſignato in
fine della noſtra prima linea, º aggiuſtato, che uiſia, il ſi debbe torcere tanto in
qua, º in la il detto ſtrumento inſieme con la dioptra, che la lancetta del boſſolo
uada al ſuo ſegno ſenza che la dioptra ſi muoua dell'ordine, che fu prima aſſetta
ta, ma ſolamente girar attorno a quel ponto fermo,come ſuo centro,talmente che
queſte tre coſe ſi accordano, cioe che la lancetta stia giuſta al ſuo ſegno, º che la
dioptra ſtia al ſuo uento, 6 numero di gradi,º che anchora la detta dioptra con
il capo di dietro uenghi à terminar preciſamente à quel ponto fermo della prima
linea ſignata, º quando che queſte tre coſe ſiano ben accordate, il ſi debbe ſignar
an pontino dell'altro capo della dioptra con un ago,ouer altra coſa appontita,cioe
ſotto al luoco doue paſſa,ouerſuol paſſar la noſtra linea uiſuale,etſignato tal pon
tino, il ſi debbe leuaruta l'iſtrumento, cº con una riga il ſi debbe tirar una linea
retta, che paſſi per quel ponto fermo, 3 anchora per quel pontino, º di queſta
ſeconda linea ilſe ne debbe con un compaſſo (ſecon