Vous êtes sur la page 1sur 9

Americhe e Australia

Gli italoargentini in Italia (1998-2006):


«ritorno alle radici» o nuova partenza?
Mélanie Fusaro
Laureata in Studi italiani, Ecole Normale Supérieure de Lettres et Sciences Humaines,
Lione

Volver: dalla pellicola di Pedro Almodovar si potrebbe prendere il titolo, così


come il tema del ritorno e della difficoltà di ricollegarsi con le proprie radici...
L’emigrazione italiana è ormai remota, e le varie comunità disperse nel mondo
intero sembrano oggi perfettamente integrate nelle società nelle quali si sono in-
serite; ma che dire delle generazioni successive? Non c’è, tra questi discendenti
d’immigrati, una volontà legittima di partire alla ricerca delle proprie radici e di
scoprire il proprio Paese di origine?
Il fenomeno del ritorno ha sempre accompagnato l’emigrazione massiccia
d’italiani in Argentina (Rhi Sausi e Garcia, 1992): quando non si trattava per
gli emigrati stessi di tornare al paese, era per i loro discendenti un mezzo per
fuggire una tragica situazione economica o politica (dittatura dei generali negli
anni settanta); ma questi movimenti hanno sempre rappresentato una percentua-
le minima rispetto all’importanza del movimento migratorio. Da qualche anno
però – dagli anni 1998-1999 in cui si sono manifestati i segni della recessione
economica argentina – si può osservare un ritorno d’italoargentini verso l’Italia:
perché? La coincidenza di questo movimento con la recente crisi economica
permette di stabilire un nesso causale tra questi due fenomeni. Ma se si tratta
davvero di sfuggire a una realtà economica disastrosa e di partire alla ricerca di
un più grande benessere materiale, perché mai scegliere l’Italia? L’Italia che,
secondo la maggior parte degli indicatori economici, sta attraversando una cri-
si senza precedenti, un calo del lavoro e del potere d’acquisto, una recessione
economica... Perché non raggiungere piuttosto la Francia, la Gran Bretagna,
la Germania, o anche gli Stati Uniti, dove l’economia, anche se non molto più
sana, sembra almeno un po’ più solida?

233
Altreitalie gennaio-dicembre 2008

In realtà, se gli italoargentini scelgono l’Italia è perché grazie all’accordo


italoargentino, firmato tra Italia e Argentina nel 1971, essi, in quanto discendenti
d’immigrati italiani, godono automaticamente della doppia nazionalità, italia-
na e argentina, che conferisce loro l’accesso ai diritti connessi: diritti politici,
giuridici, sociali... Di conseguenza, qual è il concetto di cittadinanza che entra
in gioco? Se si studiano i meccanismi all’opera in questa dinamica migratoria,
sembra prevalere una concezione più utilitaria che identitaria o sentimentale e
affettiva. Certo, per ottenere la cittadinanza italiana, gli italoargentini si vedono
costretti a partire alla ricerca di documenti che attestino le loro origini e a com-
piere di conseguenza un percorso che li riconduce alle proprie radici; per alcuni
di loro, è l’occasione di una presa di coscienza identitaria e di una volontà di
«tornare al paese»; ma per la maggior parte, è soprattutto un mezzo per ottenere
un passaporto per l’Europa e i suoi privilegi.
Questo modo di concepire l’emigrazione in Italia non tanto come un ritorno
alle radici, ma piuttosto come una tappa nella linea di un progetto migratorio più
vasto, entra tuttavia in contraddizione con il discorso ufficiale delle istituzioni
italiane che, a vari livelli (nazionale, regionale, provinciale, comunale) favo-
riscono al contrario ciò che considerano pienamente un «ritorno al paese» dei
cosiddetti «compatrioti»... Uno scarto tra realtà e discorso che apre la strada a
una riflessione più teorica sulle dinamiche migratorie, attraverso una luce politi-
ca che mette chiaramente in evidenza l’autonomia delle migrazioni rispetto alla
loro istituzionalizzazione.
Il ritorno degli italoargentini in Italia appare quindi come un fenomeno sin-
tomatico della crisi del modello nazionale italiano: questi si trova oggi attana-
gliato da una parte dalla potenza delle regioni, sempre più autonome e che, più
dello Stato, sono le prime a far fronte ai moti migratori e a sfruttarli a proprio
beneficio, e dall’altra dalla dimensione globale e transnazionale della scena eu-
ropea e comunitaria. Quale futuro per un Paese in piena trasformazione, che
deve affrontare, privo di una tradizione politica in tale materia, l’evoluzione del-
la società nel senso di una scomposizione multietnica? Aldilà di un «semplice»
ritorno al paese, l’emigrazione in Italia degli italoargentini mette in rilievo tutti
i paradossi sociologici e politici delle migrazioni contemporanee.
La scelta di un tale argomento implica l’adozione di una metodologia idonea:
in presenza di un fenomeno recente, anzi ancora verificabile, di una situazione
in evoluzione, il lavoro di ricerca non può essere che un «work in progress» che
richiede un’interpretazione personale dei fatti attuali; il presente lavoro non è
dunque quello di uno storico, né di un sociologo, né di un linguista, bensì una
fusione dei tre metodi, mediante una pluridisciplinarietà che si realizza come
interazione dei vari campi di ricerca in scienze umanistiche. Alcune difficol-
tà legate al carattere contemporaneo del fenomeno studiato si sono presentate:
l’assenza quasi totale di una bibliografia sul detto argomento, tranne qualche

234
Americhe e Australia

saggio e alcuni interessanti articoli (Bramuglia e Santillo, 2002) pubblicati dalla


rivista Altreitalie. Si deve invece sottolineare l’importanza della ricerca online,
che ricorre ai mezzi tecnologici e d’informazione più attuali, e delle interviste
con italoargentini, che hanno permesso di raccogliere testimonianze persona-
li. Altra difficoltà: la ricerca di dati statistici; gli italoargentini, godendo della
doppia nazionalità, vengono considerati in Italia quali italiani, e non entrano di
conseguenza nelle statistiche sull’immigrazione italiana; abbiamo quindi scelto
di orientare la nostra ricerca verso una riflessione più teorica, su quanto il feno-
meno riveli dei paradossi contemporanei.
Questa relazione è articolata in tre punti che riflettono le diverse fasi di un
percorso migratorio: la prima parte è dedicata alla partenza cioè, ricordando
brevemente la storia dell’emigrazione italiana in Argentina, tenta di dare una
definizione essenzialmente giuridica dello statuto di «italoargentino» e di illu-
strare le procedure necessarie per tornare in Italia. Nella seconda parte, vengono
studiate le modalità del «ritorno», ovvero come si realizza l’inserimento degli
italoargentini al loro arrivo in Italia, che ci consente di mettere in rilievo l’inter-
vento delle istituzioni italiane. Infine, la terza parte si interroga sul concetto di
«ritorno» per mettere in evidenza le contraddizioni all’opera e mostrare quanto
questo «ritorno» si apparenti in realtà piuttosto a una nuova partenza che rivela
la crisi del modello nazionale italiano.

Partire: «La Merica», emigrazione in Argentina


A partire dalla metà dell’Ottocento, l’Italia conosce un’emigrazione senza pre-
cedenti che ha per destinazione sia l’Europa sia il continente americano (Bevi-
lacqua et Al., 2001). Riguardo all’Argentina, José Luis Romero ha parlato di
vera e propria «alluvione»: in un Paese ancora quasi vergine, gli italiani sbarca-
rono in più di 3,5 milioni dalla metà dell’Ottocento alla metà del Novecento, e
questa emigrazione si realizzò attraverso diversi flussi, più o meno importanti,
che corrisposero alle fasi di espansione e di recessione dell’economia argentina
(Silvestri, 2004; Devoto, 2003) e a certi momenti chiave della storia italiana.
In seguito a questa «alluvione», come riuscirono gli italiani a diventare ar-
gentini conservando tuttora la propria «italianità»? L’immigrazione ha avuto
una posizione ambivalente nella costruzione nazionale argentina (Villanueva,
1998): d’un lato la comunità italiana ha conservato i valori dell’«italianità»,
creando reti di solidarietà che, ancora oggi, conservano una componente loca-
lista forte (Devoto e Miguez, 1992); dall’altro, le dimensioni di questa immi-
grazione furono tali che in realtà l’intera società argentina è intrisa di elementi
italiani, sia a livello linguistico − il lunfardo, per esempio, il gergo popolare
argentino e soprattutto porteño, è una lingua mista di vocaboli ed espressioni sia
castigliane sia italiane − che sul piano del patrimonio culturale, musicale, archi-

235
Altreitalie gennaio-dicembre 2008

tettonico, gastronomico... a tal punto che lo scrittore argentino José Luis Borges
ha potuto dire: «Non essendo italiano, né figlio d’italiani, mi sento straniero in
Argentina».
L’origine italiana non significa quindi granché in Argentina, dove una lar-
ghissima parte della popolazione può vantare le proprie origini italiane e dove,
a differenza di altri Paesi, i figli degli immigrati si consideravano pienamente
argentini; ciò che potevano conservare di italiano riguardava piuttosto la cultura
materiale, i costumi o i modi di vita. È dunque estremamente difficile, se non
impossibile, per un argentino parlare della propria «italianità». Sarebbero allora
tutti gli argentini «italoargentini»? In realtà lo statuto di «italoargentino» è uno
statuto particolare, che corrisponde a una definizione giuridica specifica.

«Italoargentino»: un ibrido che ricopre una realtà ambivalente


La parola «italoargentino» è un neologismo creato sul modello di «italoamerica-
no» che designa una persona di origine italiana nata in terra argentina. Compo-
sta da due aggettivi, la parola contiene già in sé tutta l’ambivalenza dello status
degli italoargentini. Questo status è infatti proprio dei casi di doppia nazionalità:
il principio a fondamento della Legge italiana è quello dello ius sanguinis che
stabilisce che la cittadinanza si acquisisce per via di discendenza da un cittadino
italiano, indipendentemente dal luogo di nascita dell’interessato; invece il prin-
cipio a fondamento della Legge argentina è quello dello ius soli in base al quale
la cittadinanza si acquisisce attraverso il luogo di nascita, indipendentemente
dalla cittadinanza dei genitori.
Tuttavia, l’Accordo di cittadinanza italoargentino del 1971, varato in Ita-
lia con la legge n. 282 del 18 maggio 1973, prevede che il cittadino italiano
per via di nascita possa acquisire la cittadinanza argentina senza perdere la
cittadinanza italiana, riguardo la quale tutti i diritti connessi (diritti pubblici e
privati, protezione diplomatica, diritti politici, civici, sociali e del lavoro) ri-
mangono sospesi, e sono regolati dalla legge argentina. Questi diritti vengono
ristabiliti se avviene un trasferimento della residenza in Italia, caso in cui sono
allora i diritti argentini a essere sospesi. Da sempre gli immigrati italiani, o i
loro discendenti, hanno tentato di ritornare in Italia, ma in seguito alla crisi
economica argentina del 2001, il fenomeno è aumentato, e i consolati italia-
ni presenti in Argentina hanno ricevuto migliaia di richieste di riacquisizione
della cittadinanza.

Mille dollari per un passaporto: la cittadinanza, un percorso lungo e difficile


Gli italoargentini che non sono in possesso della cittadinanza italiana, ma vo-
gliono riacquistarla, devono intraprendere procedure complesse presso le diver-
se autorità amministrative italiane e argentine. Nella fattispecie il procurarsi una
copia del proprio atto di nascita necessita già di procedure lunghe e fastidiose,

236
Americhe e Australia

ma quando si tratta di quello del nonno, magari bisnonno, le cose si complicano:


capita che questi atti siano andati persi, o siano stati registrati male.
Gli italoargentini decisi a ricuperare la cittadinanza italiana intraprendono
allora disperate ricerche genealogiche, aiutati in ciò da diversi organismi. Si
citano a questo proposito: il Centro di documentazione sulle popolazioni e le
culture italiane nel mondo creato nel 1993 dalla Fondazione Giovanni Agnelli,
dove sono disponibili tre diverse banche dati che trascrivono le informazioni
delle liste di sbarco dei porti di New York, Buenos Aires e Vittoria; il Centro de
Estudios Migratorios Latino-Americanos (CEMLA), e diversi archivi dei censi-
menti realizzati dal governo argentino a partire dall’Indipendenza.
Questo nuovo fervore genealogico ha sviluppato una rete di scambio d’in-
formazioni, ma anche una molteplicità di servizi di aiuto alla ricerca e alle pro-
cedure non sempre bene intenzionati: sono nate così, durante la crisi economica
del 2001, numerose agenzie private che, in cambio di qualche centinaio di dol-
lari (500 dollari corrispondono a due mesi di stipendio di un impiegato della
funzione pubblica), si occupano di tutto, e la cui attività, parallela a quella del
Consolato italiano, non è spesso limpida.
Prima di giungere alla cosiddetta «terra promessa», gli italoargentini devono
intraprendere una lunga lotta per «tornare al paese». I primi tempi in Italia non
sono affatto sereni tra la delusione di non ritrovare la terra degli avi e le disillu-
sioni generate dai numerosi ostacoli amministrativi.

Tornare
I primi tempi: disillusioni, «e speranza»…
Gli studi psicologici sulle migrazioni (tra cui Bozzoli e Regalia, 2005) hanno
dimostrato che le motivazioni all’emigrazione sono divise tra coscienti: (uscire
da un momento di crisi economica, [ri]trovare un benessere materiale, o altri:
studio, lavoro, turismo...) e inconsce; tra queste, l’idea di avere un «debito» da
cancellare è molto diffusa tra le persone appartenenti a famiglie di immigrati.
Molto spesso, anche la nostalgia degli emigrati per il paese che hanno lasciato
finisce col costruirne poco a poco un’immagine idealizzata, che diventa una sor-
ta di «paradiso perduto» che le generazioni successive si trasmettono (Baldas-
sar, 2001). Decisi a lasciare l’Argentina a ogni prezzo di fronte a una situazione
diventata invivibile, gli italoargentini partono spesso anche senza documenti
validi, in possesso soltanto di un permesso di soggiorno temporaneo, in attesa di
vedere la loro cittadinanza italiana riconosciuta direttamente sul territorio italia-
no: queste procedure amministrative sono estremamente lunghe e complicate, e
gli italoargentini possono talvolta rimanere per mesi interi senza documenti, in
balia delle istanze amministrative. Una volta sormontati gli ostacoli burocratici,
gli italoargentini hanno difficoltà a trovarsi un alloggio, un lavoro, a vedersi ri-

237
Altreitalie gennaio-dicembre 2008

conosciute le proprie qualifiche, e soprattutto, a crearsi dei contatti. Intorno agli


italoargentini si sviluppano due reti principali di solidarietà: il nucleo familiare,
vero e proprio fondamento della cultura sociale italiana, e le associazioni di
compatrioti, in particolar modo di «corregionali», le cui attività hanno ispirato
il programma delle varie istanze politiche della scala locale e regionale, le quali
hanno intrapreso diverse iniziative per favorire il ritorno degli italoargentini.
Il discorso ufficiale delle diverse istituzioni italiane (Ministero degli Affari
esteri, Ministero del Lavoro, Regioni, Province, e anche comuni) vanta e inco-
raggia il «ritorno al paese» di coloro che considera «compatrioti», e per i quali
sviluppano progetti dedicati a favorire il «rientro» mediante una cooperazione
tra l’Italia e l’Argentina. Questi progetti si definiscono quindi con una motiva-
zione sociale, quella dell’aiuto all’integrazione ma anche politico-economica.
Quest’ultimo aspetto, forse più implicito ma tuttavia presente, riguarda il re-
cupero dell’emigrazione, come veicolo per uno sviluppo dell’economia e del
commercio italiani. L’immigrazione di ritorno di giovani italoargentini appare
dunque come una risorsa di manodopera – d’altronde altamente qualificata – e
s’inserisce pienamente nella problematica attuale delle politiche di «new mana-
gement» delle migrazioni: politiche di selezione, di orientamento e di utilizzo
dei flussi migratori nel senso di un’espansione economica (Gozzini, 2005).
D’altra parte, è interessante notare in che misura questi flussi tendono a ri-
dimensionare il paesaggio politico-istituzionale italiano, invitando i Consigli
e i Parlamenti regionali a stabilire politiche di coordinazione e iniziative che,
tranne un semplice «dialogo» del Ministero degli Affari esteri e del Ministero
per gli italiani nel mondo con i Governi regionali, sfuggono alla direzione na-
zionale per concentrarsi su scala regionale. Così come ha fatto la Francia con il
suo processo di «décentralisation», l’Italia sta tentando da qualche anno di dare
un peso maggiore alle Regioni nell’architettura amministrativa, attraverso un
iter legislativo che ha portato alla nascita della molto controversa «devolution».
Il motivo per cui quest’ultima misura è stata oggetto di tante polemiche è che
l’Italia da qualche tempo vede sconvolgersi i pilastri tradizionali del suo sistema
nazionale: oggi i concetti di Stato, di nazione, di popolo, di società e così via,
confrontati con delle evoluzioni notevoli in termini politici, culturali, etnici do-
vute all’arrivo progressivo d’importanti flussi d’immigrazione, entrano in crisi
per comporre un nuovo paesaggio politico (Bartocci e Cotesta, 1999).
Infine, se la distribuzione e la gestione dei flussi migratori si realizza su
scala regionale o locale, occorre notare che i progetti di emigrazione degli ita-
loargentini vanno ben oltre questa scala per iscriversi nello spazio più largo
dell’Europa Comunitaria e dei cosiddetti Paesi sviluppati. Più che la strada di
un vero e proprio «ritorno», gli italoargentini sembrano preferire la via di una
nuova partenza, approfittando della doppia cittadinanza per giungere in Euro-
pa, spinti da motivi essenzialmente economici. Dal momento che la coscienza

238
Americhe e Australia

identitaria è debole, e che gli italoargentini presentano un profilo decisamente


argentino e ben poco italiano, non è raro che molti progetti d’emigrazione si
concludano con un fallimento e il ritorno in Argentina. Che futuro allora per il
modello nazionale italiano?

Una nuova partenza?


Se si studiano da vicino le motivazioni che spingono gli italoargentini a tornare
nella terra degli avi, sembra che si tratti per loro non tanto di «tornare al paese»,
ma di sfuggire a una situazione economica disastrosa. In preda a una disillusio-
ne nei riguardi dell’Argentina, gli italoargentini sono alla ricerca, più che delle
loro radici affettive, di un miglior benessere per loro stessi e la propria famiglia
in quanto l’emigrazione in Italia consente di dare alla propria carriera, alla pro-
pria vita, un nuovo impulso. Per alcuni è anche causa di una crisi personale o
familiare che si manifesta con una sorta di esasperazione dell’identità argentina
di fronte a un sentimento di «estraneità» (Sayad, 1999) suscitato dallo scontro
culturale con l’Italia: questo scontro è talvolta così violento che l’inserzione nel
tessuto sociale italiano diventa più complesso, talvolta viene anche compromes-
so, e sono frequenti i casi di ritorno in Argentina. È quindi opportuno notare
quanto i processi migratori siano vettori di trasformazioni e tendano a ridimen-
sionare un percorso di vita: non è affatto un caso se si parla di movimenti migra-
tori, progetti e percorsi in seno ai quali l’Italia sembra in realtà figurare come
tappa, nella quale gli italoargentini si trovano come in transito, non totalmente
inseriti nel tessuto socio-culturale che li circonda (Mezzadra, 2004).
La cittadinanza italiana appare quindi come un passaporto verso l’Europa,
una chiave d’accesso che apre la porta di un mondo più vasto, quello dei Paesi
detti sviluppati, e dell’economia mondiale globalizzata. In certi casi, il «ritorno
al paese» perde allora ogni dimensione affettiva e sentimentale per ridursi al
semplice «sfruttamento» – conserviamo il lessico utilitario ed economico – del-
la cittadinanza e per progetti su una scala europea, cioè ormai transnazionale
(Castles e Davidson, 2000). Se ci si ricollega alla tesi del sociologo britanni-
co Thomas H. Marshall (1950) sulla necessità di concepire la cittadinanza «in
movimento» e i movimenti migratori come dinamiche autonome che tendono
a ridefinire le istituzioni, si può notare che uno degli effetti del fenomeno mi-
gratorio descritto sulla società d’inserimento è quello di una trasformazione del
concetto di «italianità» e dei suoi esiti in chiave identitaria. Ci si può quindi
legittimamente interrogare sulle prospettive future sollevate da questa evoluzio-
ne: fatto sta che i movimenti migratori con i quali l’Italia si trova confrontata
da qualche decennio contribuiscono fortemente a sconvolgere l’equilibrio tra i
poteri, e a rimettere in causa molti problemi in materia di diritti politici, giuri-
dici, sociali, e spingono a riflettere sui processi di inserimento, di integrazione

239
Altreitalie gennaio-dicembre 2008

che sono in questo momento l’oggetto di forti polemiche a livello europeo. Le


migrazioni costituiscono un limite dello Stato nazionale, lo pseudo-ritorno de-
gli italoargentini si rivela sintomatico della crisi che sta attraversando oggi il
modello nazionale italiano, che dovrebbe evolvere nel senso delle dinamiche
che sono attualmente all’opera, ripensando i concetti di cittadinanza, d’identità,
d’immigrazione, e anche di Stato, e prendendo in considerazione le evoluzioni
contemporanee della società: una società che si estende ormai su scala mondia-
le, globale, attraversata prevalentemente da movimenti dinamici, che sono per
la maggior parte spontanei, e autonomi, dove le parole d’ordine sono mobilità e
flessibilità. Più che un ritorno alle radici, l’emigrazione dei discendenti d’immi-
grati italiani si apparenta a un movimento nomade che conduce gli italoargentini
attraverso l’Europa e il mondo.
In conclusione, possiamo dire che lo studio di un caso particolare, quello dei
discendenti di immigrati italiani sulla via del «ritorno» in Italia sin dagli anni
1998-2001, permette di andare oltre le semplici apparenze – quelle di un «ritor-
no alle radici» – e di osservare dei meccanismi all’opera che mettono in risalto
le dinamiche e i paradossi contemporanei: dinamiche e paradossi che escono
dall’ambito strettamente italiano per inserirsi nelle problematiche attuali del-
l’Europa comunitaria, delle politiche migratorie e dei modelli statali. L’interesse
di un tale studio è dunque di ricollegarlo a un quadro più globale, che mette in
luce altri aspetti del problema e permette di approfondirlo in una prospettiva più
ampia.

Bibliografia

Baldassar, Loretta (2001), «Tornare al paese: territorio e identità nel processo migrato-
rio», Altreitalie, 23, pp. 9-38.
Bartocci, Enzo e Cotesta, Vittorio (a cura di) (1999), L’identità italiana: emigrazione,
immigrazione, conflitti etnici, Quaderni della Fondazione G. Brodolini, Roma, Edizioni
Lavoro.
Bevilacqua, Piero, De Clementi, Andreina e Franzina, Emilio (a cura di) (2001-2002),
Storia dell’emigrazione italiana, vol. 1 Partenze (2001), vol. 2 Arrivi (2002), Roma,
Donzelli.
Bramuglia, Graciela e Santillo, Mario (2002), «Un ritorno rinviato: discendenti di italiani
cercano la via del ritorno in Europa», Altreitalie, 24, pp. 34-56.
Castles, Stephen e Davidson, Alastair (2000), Citizenship and Migration. Globalization
and the Politics of Belonging, London, Macmillan.

240
Americhe e Australia

Devoto, Fernando (2003), «Italiani in Argentina: ieri e oggi», Altreitalie, 27, pp. 4-17.
Devoto, Fernando e Miguez, Eduardo Josz (a cura di) (1992), Aciociasionismo, trabajo y
identitad etnica. Los italianos en América en una perspectiva comparada, Buenos Aires,
Cemla-Cser-Iehas.
Gozzini, Giovanni (2005), Le migrazioni di ieri e di oggi. Una storia comparata, Milano,
Bruno Mondatori.
Gozzoli, Caterina e Regalia, Camillo (2005), Migrazioni e famiglie. Percorsi, legami e
interventi psicosociali, Bologna, Il Mulino.
Marshall, Thomas H. (1950), Citizenship and Social class and Other Essays, Cambridge,
Cambridge University Press.
Mezzadra, Sandro (a cura di) (2004), S/confinamenti. Per un’analisi politica delle migra-
zioni contemporanee, Roma, Derive Approdi.
Pastore, Ferruccio (2004), Dobbiamo temere le migrazioni?, Roma-Bari, Laterza.
Rhi Sausi, José Luis e Garcia, Miguel Angel (a cura di) (1992), Gli Argentini in Ita-
lia: una comunità di immigrati nel paese degli avi, Ricerca dell’ARCS-Arci Cultura e
Sviluppo.
Sayad, Abdelmalek (1999), La double absence: des illusions aux souffrances de l’émi-
gré, Paris, Seuil.
Silvestri, Francesco (2004), L’Argentina da Perón a Cavallo (1945-2003). Storia econo-
mica dell’Argentina dal dopoguerra ad oggi, Bologna, CLUEB.
Villanueva, Maria Graciela (1998), «L’étranger en Argentine (1876-1910)», in Vegliante,
J.-Ch. (a cura di), Phénomènes migratoires et mutations culturelles. Europe-Amériques,
XIXe-XXe siècle, Paris, P.S.N., pp. 115-27.

241