Vous êtes sur la page 1sur 42
C C o o n n t t e e n n t t s s

CCoonntteennttss ooff ssuupppplleemmeenntt -- II nn dd ii cc ee dd ee ll ll aa pp pp ee nn dd ii cc ee

EQUIPMENT FOR ELECTRICAL SYSTEMS IN AREAS WITH RISK OF EXPLOSION

APPARECCHIATURE PER IMPIANTI ELETTRICI IN LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE

CC HHAAPPTTEERR -- CCAAPPIITT OOLL OO

PP AA GG ..

EQUIPMENT FOR USE IN AREAS AT RISK OF EXPLOSION

  • 1. . APPARECCHIATURE PER USO IN LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

290

  • 2. COMBUSTION AND EXPLOSION . LA COMBUSTIONE E L’ESPLOSIONE

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

291

  • 3. HAZARDOUS AREAS CLASSIFICATION . LA CLASSIFICAZIONE DELLE AREE DI PERICOLO

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

295

  • 4. PROTECTION METHODS

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

298

I MODI DI PROTEZIONE

PROTECTION METHODS FOR ENCLOSURES AND BOXES

  • 5. . MODI DI PROTEZIONE APPLICABILI A CUSTODIE E CASSETTE

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

302

INSTALLATION METHODS

  • 6. . METODI DI INSTALLAZIONE

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

307

  • 7. CONCLUSIONS

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

308

CONCLUSIONI

  • 8. ATEX 94/9/EC DIRECTIVE

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

309

DIRETTIVA ATEX 94/9/CE

MATERIALS USED FOR THE PRODUCTION OF EXPLOSION-PROOF EQUIPMENT

  • 9. . MATERIALI UTILIZZATI NELLA COSTRUZIONE DI APPARECCHIATURE ANTIDEFLAGRANTI

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

318

  • 10. ALUMINIUM ALLOY USED FOR THE PRODUCTION OF EXPLOSION-PROOF ENCLOSURES

 

.

321

LA LEGA DI ALLUMINIO UTILIZZATA NELLA COSTRUZIONE DI CUSTODIE ANTIDEFLAGRANTI

 

DETERMINING CORROSION RESISTANCE

  • 11. . DETERMINAZIONE DELLA RESISTENZA ALLA CORROSIONE

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

324

SS uu pp pp llee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

1. EQUIPMENT FOR USE IN AREAS AT RISK OF EXPLOSION

Industrial processes typically use, treat and/or store substan- ces in the physical state of gases, vapours, mists or dusts that, if emitted in the environment, can create hazardous atmo- spheres.

Respecting the principle of preventive security, the probability of ignition of an explosive atmosphere must be reduced to acceptable values. As a consequence, components and elec- trical equipment, installed in a potentially explosive atmosphe- re, must be manufactured with safety requirements guaran- teeing a specific degree of protection. Clearly, execution and installation of the electrical plant also must be done with spe- cific requirements, so that it doesn’t affect the electrical cha- racteristics that assure protection and, at the same time, it can’t be cause of danger.

This preface describes the features that explosion-proof elec- trical equipment must have in order to be used in plants where there are substances that can create a hazardous atmosphe- re and cause an explosion or fire, such as refineries, chemical plants or even spray booths.

For a right choice and installation of electrical equipment in hazardous areas, the plant must be divided in zones defined in function of the probability of presence and persistence of a potentially explosive atmosphere and substances which deter mine the hazard (gases, vapours, mists or dusts).

Once you have identified the hazardous areas in the plant, i.e. where gases, vapours, dusts or other materials are present, as well as how long they are hazardous during the year and their features, you have to decide which equipment to install in these areas. The construction features, which deter mines the protection level, establish if the equipment may or not be installed in any type of danger zone.

Before studying the methods used by manufacturers for desi- gning and manufacturing safe electrical equipment for areas at risk of explosion due to a potentially explosive atmosphere, it is necessar y to understand how an explosion can occur, what components of flammable substances influence the for- mation of potentially explosive atmosphere, how the hazar- dous environments are classified, the causes of combustion, and, finally, which inter national standards guarantee the safety. This is the only way to understand what manufacturers do to guarantee the safety of their products.

1. APPARECCHIATURE PER USO IN LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE

Nei processi industriali spesso vengono processate, utilizzate e/o immagazzinate sostanze allo stato fisico di gas, vapori, nebbie o polveri che, se emesse in ambiente possono, origi- nare atmosfere potenzialmente esplosive.

Per assolvere al principio di sicurezza della prevenzione, è necessario che la probabilità di innesco dell’atmosfera esplo- siva sia ridotta a valori accettabili. Di conseguenza è neces- sario che i componenti e le apparecchiature dell’impianto elet- trico, installati in presenza di atmosfera esplosiva, siano costruiti in modo da avere requisiti tali da non divenire sor- gente di innesco per l’atmosfera esplosiva stessa. Devono, cioè, garantire un certo livello di protezione. Naturalmente anche l’esecuzione e l’installazione dell’impianto elettrico deve essere realizzata con particolari accorgimenti, affinché l’impianto sia tale da non inficiare le caratteristiche delle costruzioni elettriche che garantiscono la protezione e, allo stesso tempo, non costituisca causa di pericolo.

Qui di seguito verranno illustrate le caratteristiche che le apparec chiature elettriche a prova di esplosione devono pos- sedere al fine di poter essere utilizzate in impianti che, per esi- genze di processo, utilizzino sostanze che possano creare un’atmosfera pericolosa, tale da causare un’esplosione o un incendio, come ad esempio una raffineria o un impianto chi- mico o più semplicemente una cabina di ver niciatura.

Per effettuare una scelta ed installazione corretta delle appa- recchiature elettriche nei luoghi con pericolo di esplosione, è necessario che l’impianto sia suddiviso in aree convenzionali (zone), definite in funzione della probabilità di presenza e per- sistenza di atmosfera esplosiva e delle sostanze che la origi- nano (gas, vapori, nebbie o polveri), che ne deter minano la pericolosità. Una volta individuate, all’inter no di un impianto, le varie zone di pericolo, stabilito quali gas, vapori, polveri o altri materiali siano presenti, per quanto tempo nel corso dell’anno, e quali siano le loro caratteristiche, sarà fondamentale operare la scelta sugli apparecchi che possono essere installati in quel- la zona. Le caratteristiche costruttive dell’apparecchio, che ne deter minano il livello di protezione, stabiliscono se esso possa, o meno, essere installato in un deter minato tipo di zona pericolosa.

Prima di addentrarci, però, nello studio dei modi utilizzati dai costruttori, per progettare e costruire apparecchiature elettri- che che risultino sicure nelle zone con pericolo di esplosione, per la presenza di atmosfera potenzialmente esplosiva, è necessario comprendere come possa avvenire un’ esplosio- ne, quali siano i fattori delle sostanze infiammabili che influi- scono sulla for mazione di atmosfera esplosiva, quale sia la classificazione delle zone di pericolo, quali siano le cause di innesco ed, infine, quali sono gli standard inter nazionali che for niscono le regole per il conseguimento della sicurezza. Soltanto in questo modo sarà comprensibile come i costrutto- ri agiscano per garantire la sicurezza dei propri prodotti.

SS uu pp pp ll ee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

2. COMBUSTION AND EXPLOSION

IGNITION ENERGY ENERGIA DI ACCENSIONE SPARK-EXCESS TEMPERATURE SCINTILLA TEMPERATURA ECCES- AIR-OXYGEN ARIA-OS SIGENO COMBUSTION AGENT COMBURENTE
IGNITION
ENERGY
ENERGIA
DI ACCENSIONE
SPARK-EXCESS
TEMPERATURE
SCINTILLA
TEMPERATURA
ECCES-
AIR-OXYGEN
ARIA-OS SIGENO
COMBUSTION AGENT
COMBURENTE
Fig. n. 1
COMBUSTIBLE
MATERIAL
COMBUSTIBILE
GAS-VAPOUR-POWDER
GAS-VAPORE-POLVERE

2. LA COMBUSTIONE E L’ESPLOSIONE

It is not that easy to cause an explosion or fire, at least theo- retically. Combustion is the rapid transfor mation of chemical energy into ther mal energy.

Almeno sotto il profilo teorico, creare un’esplosione o un incendio non è una cosa molto semplice. La combustione è un processo di trasfor mazione rapida di energia chimica in energia ter mica. Chimicamente i fenomeni di ossidazione, di combustione e di esplosione sono reazioni esoter miche, sono tra loro differenti soltanto per la velocità di reazione.

Oxidation, combustion and explosion are chemically exother- mic reactions and only differ in reaction speed.

For a reaction occurs, three funda mental components have to

be pre sent at the same time:

Affinché la reazione avvenga è necessaria la presenza con- temporanea di tre componenti fondamentali:

  • - the combustible material - in the form of gas, vapours or dusts;

- il combustibile - sotto for ma di gas, vapori, polveri; -il comburente - ossigeno presente nell’aria; -l’energia di accensione - di tipo elettrico o ter mico.

  • - the combustion agent - oxygen in the air;

  • - ignition energy - either electrical or ther mal.

 

t h re e

c

o m

p o n e

n t s

f o r m

T h e s e what

is called the Fire Triangle

(fig. n. 1).

 

Once the reaction has been trig- ge red, the result can be slow combu stion, a rapid flame or an explosion, depending on how the exother mic energy is released. An explosion can be triggered due to plant causes (electric and not electric) only when combusti- ble material, combustion agent and ignition energy are present in the environment at the same time.

When a gas, a vapour, a mist or a dust (combustible material) mixes

L’insieme di questi tre componenti

è q u e l l o c h e v i e n e c h i a m a t o

Triangolo del Fuoco o, più corret-

tamente in italiano Triangolo della

Combustione (fig. n. 1).

Una volta che la reazione è stata

innescata, il risultato può essere

una com bustione lenta, una fiam-

m a v e l o c e o u n ’ e s p l o s i o n e , a

seconda di come viene liberata

l’energia esoter mica.

Un’ esplosione si può quindi inne-

scare per cause inerenti all’im-

pianto (elettrico e non elettrico)

s o l o q u a n d o i n u n o s t e s s o

ambiente si viene a creare la con-

with oxygen (combustion agent), the result is a potentially explosive atmosphere. Not ever y triggered mixture of combustible mate- rial and combustion agent causes an explosion. The condi- tions that deter mine an explosive atmosphere are the physi- cal/chemical properties of combustible.

temporanea presenza di combu-

stibile, comburente ed innesco.

Quando un gas, un vapore, una nebbia oppure della polvere combustibile (il combustibile) si miscela con l’ossigeno pre- sente nell’aria (il comburente), si for ma un’atmosfera che può essere esplosiva. Non tutte le miscele combustibile-combu- rente, se innescate, danno come reazione una esplosione. Le condizioni che deter minano se un’atmosfera è esplosiva sono le caratteristiche fisico/chimiche del combustibile.

The presence of these three components of the fire triangle is still not enough to cause fire or an explosion. Firstly, the mix- ture consisting of the combustible material and the combu- stion agent must have a combination ratio within ver y specific limits. This ratio is the quantity of combustion agent, expres- sed in mass or volume, combined with the mass or volume of combustible material.

Devono essere infatti rispettate deter minate caratteristiche affinché si verifichi un tale evento. Innanzi tutto la miscela costituita dal combustibile e dal comburente deve avere un rapporto di miscela che deve essere compreso tra limiti ben deter minati. Il rapporto di miscela è la quantità di comburen- te, espressa in massa o in volume, associata all’unità di massa o di volume del combustibile. In secondo luogo, l’energia di accensione, misurata in Joule, deve superare un deter minato valore di soglia che è diverso per ogni sostanza. Di seguito vengono esaminate alcune delle proprietà fisiche delle sostanze che influiscono maggior mente sulla for mazio- ne di atmosfera esplosiva e sui requisiti che devono avere le costruzioni elettriche, per non divenire sorgenti di innesco per l’atmosfera esplosiva stessa.

Secondly, the ignition energy, measured in Joules, must exceed a threshold which is dif ferent for each substance.

Following will be analysed the physical properties of those substances that influence the for mation of an explosive atmo- sphere and the features that an electrical equipment must have to avoid the ignition.

SS uu pp pp llee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

• EXPLOSIVE LIMIT

The first factor that causes an explosive atmosphere is the quantity of combustible material mixed with the combustion agent, in other words, the concentration of flammable sub- stance in the air. The concentration of flammable substance, within a certain range of values, generates an explosive mixture. There are two limits in mixture concentration beyond which an explo sion cannot occur:

• LIMITI DI ESPLOSIVITÀ Il primo fattore da considerare per la for mazione di atmosfera esplosiva
• LIMITI DI ESPLOSIVITÀ
Il primo fattore da considerare per la for mazione di atmosfera
esplosiva è la necessaria quantità di combustibile miscelato
con il comburente, ossia la concentrazione della sostanza
infiammabile in aria. Si ottiene una miscela esplosiva solo se
la concentrazione della sostanza infiammabile si trova all’in-
ter no di un deter minato intervallo di valori.
Esistono due limiti di concentrazione della miscela oltre i quali
non è possibile avvenga l’esplosione:
1.
All’abbassarsi della concentrazione di combustibile nella
miscela la quantità di energia richiesta per l’innesco va mano
a mano aumentando, fino al punto in cui l’innesco non può
avvenire per mancanza di combustibile.
Tale punto viene detto limite inferiore di esplosività, L.E.L.
(Lower Explosive Limit) e rappresenta la concentrazione di
combustibile in aria al di sotto della quale l’atmosfera non è
esplosiva.
2.
All’aumentare della concentrazione di combustibile l’ener-
gia richiesta per l’innesco aumenta in modo analogo a quan-
to avvenuto al punto precedente, fino al punto in cui l’innesco
non può avvenire per mancanza di comburente. Tale punto viene
detto limite superiore di esplosività, U.E.L. (Upper Explosive Limit)
e rappresenta la concentrazione di combustibile in aria al di sopra
della quale l’atmosfera non è esplosiva.
I due limiti di esplodibilità sono generalmente espressi in:
- P e rc e n t u a l e d i v o l u m e r i s p e t t o a l l ’ a r i a [ % v o l ] , s e i l
combustibile è gas, vapore e nebbia;
- Grammi di polvere per metro cubo [g/m3], se il combustibi-
le è polvere.
• MINIMA ENERGIA DI INNESCO
L a
p re s e n z a
d i a t m o s f e r a
Propane
Minimum
Propano
ignition energy
esplosiva necessita anche di
un innesco affinché avvenga
un incendio o una esplosione.
Energia minima
di innesco
Se la concentrazione del com-
bustibile in aria si trova entro
Hydrogen
Idrogeno
l ’ i n t e r v a l l o
d i
e s p l o d i b i l i t à
(LEL-UEL), per innescare l’at-
mosfera esplosiva è necessa-
ria
una
energia, misurata in
Joule, che superi un deter mi-
nato valore di soglia che
è
d i v e r s o p e r o g n i
s o s t a n z a
Volume concentration (%) - Concentrazione in volume (%)
(Fig. n. 2).
Fig. n. 2 - Characteristics of gas ignition
Caratteristiche d’innesco di un gas
L’energia di accensione può
essere una scintilla causata
da qualche fenomeno elettri-
co, come quelle che avvengo-
no, ad esempio, all’apertura dei contatti di un interruttore,
oppure la temperatura superficiale raggiunta da una costru-
zione elettrica. Esistono altre due caratteristiche delle sostan-
ze infiammabili che sono importantissime per deter minare il
loro grado di pericolosità e da cui deriva la loro classificazio-
ne. I due parametri sono il Flashpoint o Temperatura di infiam-
mabilità e la Temperatura di accensione, ma la loro trattazio-
ne va al di là degli scopi di questa appendice.
Si ricorda solamente che la Temperatura di accensione dei
gas è utilizzata per classificarli, mentre per le polveri vengono
definite due Temperature di accensione: la temperatura di
accensione della nube (quando la polvere si solleva e for ma
una nube di miscela aria-polvere) e la temperatura di accen-
sione di uno strato di polvere, che varia a seconda dello spes-
sore dello strato stesso.
Ignition energy - Energia di innesco (mJ)
  • 1. As the concentration of combustible material in the mixture

decreases, the energy required for ignition gradually increa- ses to the point where ignition cannot occur due to the lack of combustible material. This point is called the Lower Explosive Limit (L.E.L.) and

represents the concentration of combustible material in the air below which the atmosphere is not explosive .

  • 2. As the concentration of combustible material increases, the

energy required for ignition increases in the same way as in the previous point, to the point where ignition cannot occur due to the lack of combustion agent. This point is called the Upper Explosive Limit (U.E.L.) and represents the concen-

tration of combustible material in the air above which the atmosphere is not explosive. The two Explosive Limits are usually espressed in:

- Percentage of volume compared to air [vol%], if the combu- stion agent is gas, steam and fog; - Grams of dust per cubic meter [g/m3], if the combustion agent is a combustible dust.

• MINIMUM IGNITION ENERGY

A n

e x p l o s i v e

a t m o s p h e re

needs an ignition in order to

generate a fire or a explosion. If the concentration of combu-

stible material

in

the

air

is

within the explosive interval (LEL-UEL), it is necessar y an ignition energy, measured in Joules, that must exceed a t h re s h o l d w h i c h v a r i e s f o r each substance. (Fig. n. 2).

I g n i t i o n e n e r g y c a n b e a spark caused by an electrical p h e n o m e n o n , s u c h a s t h e ope ning of switch contacts, or by the surface temperature of an electrical equipment.

In order to assess and classify the risk level of flammable sub- stan ces, there are two more fundamental parameters to con- sider: Flashpoint and Ignition Point. These will not be dealt with in this pre face as they are not among the aims of this document. Please note that the ignition temperature of gases is used to classify them, while are defined two ignition temperatures for dusts: the ignition temperature of a cloud (when dust for ms a cloud of dust-air mixture) and the ignition temperature of a layer of dust, which varies depending on the thickness of the layer itself.

SS uu pp pp ll ee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

• IGNITION SOURCES

When the concentration of flammable substance in a dange- rous area is within the explosive limits, we must pay close attention to ignition sources in order to avoid their presence into the explosive atmosphere and at the same time to avoid the development of a combustion reaction. Following will be analysed the ignition sources.

  • A) Arcs and sparks

 

• SORGENTI DI INNESCO

A) Archi e scintille

GRUPPO

ESEMPIO GAS

MIC

MSEG

GAS EXAMPLE

(mm)

GROUP

 

Metano

   

Propano

IIA

>

0,8

> 0,9

Methane

 

Propane

   

0,8

0,9

Etilene

IIB

e /and

e / and

Ethylene

> 0,45

> 0,5

 

Acetilene

   

Idrogeno

IIC

Acetylene

0,45

0,5

Hydrogen

   

Quando in un’area pericolosa la concentrazione di sostanza infiammabile si trova all’inter no del campo di esplodibilità, è proprio sulle sorgenti di innesco che bisogna prestare la mas- sima attenzione, al fine di evitare la loro presenza contempo- raneamente all’atmosfera esplosiva ed evitare lo sviluppo della reazione di combustione. Qui di seguito vengono illustrate le principali tipologie di sorgenti di innesco.

The most common sources of ignition are arcs and sparks, usually caused for example by the opening or closing of con- tacts in switches or remote control switches. Sparks can also be caused by loosened ter minals or static electricity accumulated on plastic parts, like lighting fixture enclosures. Ver y little energy is needed to ignite an explosive mixture. For example, a hydrogen-air mixture can be ignited by just 20 microjoules, which are equal to the energy of a spark produ- ced by a 20 mA current with a voltage of 10 V for the duration of 0.1 milliseconds. As we already know, most equipment exceeds these values during nor mal use. The aim is therefore to avoid the possibility of generating arcs or sparks, which could trigger combustion, or if this is not pos- sible, to make sure they do not come in contact with the explo- sive mixture. Later we will see in closer detail the various protection systems which can be used.

La sorgente di innesco più comune è costituita dagli archi e

dalle scintille provocate nor malmente da aperture o chiusure

  • di contatti, ad esempio, di interruttori, teleruttori ecc.

Le scintille possono talvolta essere provocate anche da mor- setti allentati o da elettricità statica accumulata su parti in pla- stica, come le custodie delle ar mature illuminanti. L’energia necessaria ad innescare una miscela esplosiva è veramente bassa. Si pensi che per innescare una miscela aria idrogeno sono sufficienti 20 microjouls, che sono l’energia di una scintilla prodotta da una corrente di 20 mA con una ten- sione di 10 V per la durata di 0,1 millisecondi. Come sappia- mo la maggior parte degli apparecchi supera questi valori nel corso del nor male utilizzo. L’obiettivo da raggiungere è quello di evitare la possibilità di produrre archi o scintille che possano innescare la combu- stione o, ove questo non fosse possibile, di fare in modo che queste non vengano a contatto con la miscela esplosiva. Vedremo comunque in dettaglio i vari sistemi di protezione da utilizzare.

  • B) High surface temperature

The second most common source of ignition of an explosive mixture is the uncontrolled increase in surface temperature of any device. When a lamp is switched on, if the exter nal temperature of the glass rises to a point which exceeds the Ignition Point of the mixture, the conditions of the fire triangle are generated and the mixture will ignite.

• CLASSIFICATION OF GAS

As we have seen, ever y sub- stance has its own characteri-

stics that deter mine under what conditions may cause a fire or a n e x p l o s i o n . T h e p re v i o u s paragraph has shown that an electrical equipment can trigger a n e x p l o s i v e a t m o s p h e re b y

means of

arcs, sparks or

high

surface temperatures.

 

T h e

c o r re l a t i o n

b e t w

e

e n

t h e

characteristics of gas and those

t h a t

t h e

e l e c t r i c a l

e q u i p m e n t

must have not to trigger it, is the subdivision of gas in groups.

As we shall see, two approa- ches to the danger of explosion have been historically develo-

ped around the world: the first,

i n

t h e

I E C

N a t i o n s

p a r t n e r s ,

including Europe; the second, in North America, with some diffe- re n c e s i n t h e s u b d i v i s i o n o f gases in groups.

B) Elevata temperatura superficiale

La seconda sorgente di innesco di una miscela esplosiva è l’innalzamento non controllato della temperatura superficiale

  • di una qualunque apparecchiatura.

Si pensi ad una lampada accesa, se la temperatura ester na del vetro si innalza al punto da essere superiore alla tempera- tura di accensione della miscela, si verificheranno le condi-

zioni del triangolo del fuoco e la miscela verrà innescata.

• CLASSIFICAZIONE DEI GAS

C o m e a b b i a m o v i s t o , o g n i sostanza ha delle caratteristiche proprie che deter minano in quali condizioni possono originare un incendio o una esplosione. Il paragrafo precedente ha invece evidenziato che le costruzioni e l e t t r i c h e p o s s o n o i n n e s c a re l’atmosfera esplosiva mediante archi, scintille o elevate tempe- rature superficiali. La correlazione tra le caratteri- stiche del gas e le caratteristi- che che la costruzione elettrica deve avere per non innescarlo è rappresentata dalla suddivisio- ne dei gas in gruppi. Come vedremo, nel mondo si s o n o s v i l u p p a t i s t o r i c a m e n t e d u e a p p ro c c i a l p e r i c o l o d i esplosione, uno nelle nazioni compartecipanti la IEC, tra cui l’Europa, l’altro nel nord America c o n a l c u n e d i ff e re n z e a n c h e nella suddivisione dei gas in gruppi.

SS uu pp pp llee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

Gas groups (IEC/CENELEC)

Group I

Atmosphere containing Grisou gas (mines)

 

Gruppo I

Gruppo II

CLASSE TEMPERATURA

TEMPERATURA DI INNESCO

TEMPERATURE CLASS

IGNITION TEMPERATURE

T1

450°C

T2

300°C

T3

200°C

T4

135°C

T5

100°C

T6

85°C

 

tra T4 e T5.

Gruppi dei Gas (IEC/CENELEC)

Atmosfera contenente gas grisou (miniere)

Group II

Atmosphere containing gases other than Grisou one (places

Atmosfera contenente gas diversi dal grisou (luoghi diversi

other than mines). Group II gases are divided in IIA, IIB and IIC in relation to:

dalle miniere). I gas appartenenti al Gruppo II vengono sud- divisi in IIA, IIB e IIC in relazione a:

  • - ignition temperature;

  • - minimum ignition energy and the interstices between enclo- sures joints.

  • - temperatura di accensione;

    • - minima energia d’innesco ed agli interstizi tra i giunti delle custodie delle costruzioni.

In relation to the minimum ignition energy of a gas, it’s defined a parameter of comparison between this energy and the methane ignition energy (minimum igniting current - MIC). In comparison with electrical equipment enclosures, gases

In relazione alla minima energia di innesco di un gas, viene definito un parametro di confronto tra questa e l’energia di innesco del metano (minimum igniting current - MIC). Nei confronti delle custodie delle costruzioni, i gas sono clas- sificati rispetto ad un parametro definito come il massimo interstizio sperimentale di sicurezza (maximum experimental

safe gaps MESG), che deve avere un giunto, di lunghezza definita, di un recipiente speri- mentale affinché l’innesco del- l’atmosfera contenente il gas in esame, produca una esplosione contenuta nel recipiente e non si p ro p a g h i a l l ’ a t m o s f e r a c i rc o - stante. In relazione alla temperatura di accensione, i gas vengono rag- gruppati in classi di temperatu- ra, per le quali viene definito il limite massimo superiore. Sono definite sei classi di temperatu- ra: da T1 a T6. Si assegna una deter minata classe di tempera- tura ad un gas, quando la sua temperatura d’innesco è minore della temperatura che definisce la classe scelta e maggiore e u g u a l e a l l a t e m p e r a t u r a c h e definisce la classe inferiore.

are classified in relation to a parameter defined maximum experimental safe gaps (MESG). It must have a joint of a t e s t i n g b o x w i t h a d e f i n e d length, so that the ignition of the atmosphere containing the gas

c o u l d p ro d u c e a n e x p l o s i o n that, doesn’t spread outside the container into the surrounding environment.

In relation to ignition temperatu- re, gases are divided in tempe- rature classes and is defined the maximum superior limit. S i x t e m p e r a t u re c l a s s e s a re defined: from T1 to T6.

A specific temperature class is assigned to a gas when its igni-

tion temperature is lower than t h e t e m p e r a t u re c l a s s a n d major or equal to the temperatu-

re

w h i c h

class.

d e f i n e s

t h e

l o w e r

Gas groups (USA National Electrical Code - NEC)

Gruppi dei Gas (USA National Electrical Code - NEC)

According to the methodology of hazardous areas classifica- tion used in North America, described in the next chapter, dangerous places for the presence of explosive atmosphere due to gases and vapors are defined as places of Class I. The subdivision of gases is in accordance to the IEC Group II criteria, classified in relation to the minimum igniting current MIC, the maximum experimental safe gaps (MESG) and the ignition temperature, but with some variations:

Secondo la metodologia di classificazione delle aree perico- lose utilizzata nel nord America, descritta nel prossimo capi- tolo, i luoghi pericolosi per la presenza di atmosfera esplosiva dovuta a gas e vapori sono definiti come luoghi di Classe I. La suddivisione dei gas avviene sempre secondo i criteri del Gruppo II descritto per IEC, classificandoli in relazione alla minima energia di innesco (MIC), massimo interstizio speri- mentale di sicurezza (MESG) e temperatura di innesco, ma con alcune varianti:

  • - group name: acetylene and hydrogen are divided in two dif-

- nome del gruppo: in questo caso acetilene ed idrogeno sono separati in due gruppi diversi e in generale la pericolosità del gas è decrescente dal gruppo A (acetilene) al gruppo D (pro- pano);

ferent groups and, in general, the danger of gas is decreses from Group A (acetylene) to group D (propane);

  • - some limit values of MIC and Mesg that define the groups differ from IEC standard groups;

  • - alcuni valori limite di MIC ed MESG che definiscono i grup- pi variano rispetto ai gruppi IEC;

  • - temperature classes are 14. Compared with IEC standard

    • - le classi di temperatura sono 14. Rispetto alle classi di tem-

temperature classes are added four inter mediate classes bet- ween T2 and T3, three inter mediate classes between T3 and T4 and an inter mediate class between T4 and T5.

peratura IEC, sono aggiunte quattro classi inter medie tra T2 e T3, tre classi inter medie tra T3 e T4 ed una classe inter media

SS uu pp pp llee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

3. HAZARDOUS AREAS CLASSIFICATION

In all work environments in which flammable substances are used, it is necessar y an evaluation of the probability of pre- sence of explosive atmosphere and, therefore, a classifica- tion. The classification of hazardous areas is a method to analyze and classify environments by identifying all flammable sub- stances present in the plant and their chemical and physical characteristics, by analyzing all possible operating conditions (ways of working, involvement, handling and storage) and by studying the conditions arising from faults and abnor mal con- ditions. Consequently, it is necessar y to evaluate, all situations, in an industrial plant. In other words, all technique and all opera- tions done by man, where gas, vapor, mist or combustible dust may be emitted into the environment. This approach involves analizing all processes, nor mal maintenance opera- tions and expected failures.

In some plants, the danger of explosion is historically known because of the nature of substances used in industries such as petrochemicals. However, the risk must be assessed even in industries where the danger of explosion is unlikely. This is the case of, for example, the storage and maintenance in food industr y (combustible dust), batteries recharge areas in the plants (hydrogen gas), the wood industr y (combustible dust) etc.

Only highly qualified staff should identify and classify hazar- dous areas in a chemical or petrochemical plant. They are usually appoin ted by the process engineers, who decide where there is a per ma nently or occasionally explosive atmo- sphere in the plant.

The most hazardous situations are where combustible gases or dusts may be present during nor mal operation or due to a fault.

The classification depends on the type of explosive atmo- sphere that substances can for m inside the plant (gas, vapour, mist or combustible dust), the circumstances in which an explosive atmosphere develops (nor mal maintenance ope- rations or failure) and the time in which the explosive atmo- sphere remains in the environment. Two different methods have been historically developed around the world, simultaneously and independently, for dan- gerous areas identification.

The differences are such as the dangerous zones name, the definition of hazardous areas, the subdivision of gases groups, the distribution of temperature classes, etc..

The ZONE SYSTEM method is used in IEC Nations partners, including Europe. The DIVISION SYSTEM method has been used since 1920 in North America.

Below we have listed, therefo re, the European classifications, which are equivalent to the inter na tional IEC, and the corre- sponding American classification.

3. LA CLASSIFICAZIONE DELLE AREE DI PERICOLO

In tutti gli ambienti di lavoro in cui si utilizzano sostanze infiam- mabili, è necessaria una valutazione della probabilità di pre- senza di atmosfera esplosiva e, quindi, una classificazione. La classificazione delle aree pericolose è un metodo per ana- lizzare e classificare l’ambiente dove si possono for mare atmosfere esplosive identificando tutte le sostanze infiamma- bili presenti nell’impianto, le loro caratteristiche chimico-fisi- che, analizzando tutte le possibili condizioni operative (moda- lità di lavorazione, coinvolgimento, manipolazione e deposito) e studiando le condizioni derivanti da guasti e anomalie ragio- nevolmente prevedibili. Pertanto, in un impianto industriale, è necessario valutare tutte le situazioni, sia quelle tecniche che quelle dovute alle opera- zioni eseguite dall’uomo, in cui gas, vapore, nebbia o polvere combustibile possano venire emesse in ambiente. Un tale approccio implica l’analisi approfondita dei processi, delle nor mali operazioni, delle operazioni di manutenzione e dei guasti che possono essere prevedibili.

In alcuni impianti il pericolo di esplosione è storicamente noto, a causa della natura delle sostanze utilizzate come ad esem- pio nelle industrie petrolchimiche. Tuttavia il rischio è da valu- tare anche nelle industrie in cui il pericolo di esplosione è rite- nuto improbabile. Questo è il caso di situazioni quali ad esem- pio lo stoccaggio e la manutenzione nell’industria alimentare (polveri combustibili), le aree di ricarica delle batterie negli stabilimenti (gas idrogeno), nell’industria del legno (polveri combustibili), ecc.

L’identificazione e classificazione delle zone di pericolo all’in- ter no di un impianto chimico o petrolchimico deve essere rea- lizzata da personale altamente qualificato. Generalmente tale personale è identificato con i responsabili di processo, che deter minano dove, all’inter no dell’impianto, vi sia la presenza di atmosfera esplosiva continua, occasionale, oppure solo in conseguenza ad un guasto. Le situazioni di maggior pericolo sono quelle in cui esiste la possibilità di presenza di gas o polveri combustibili durante il funzionamento ordinario o a causa di qualche guasto.

La classificazione è deter minata dal tipo di atmosfera esplosi- va che le sostanze possono for mare all’inter no dell’impianto (gas, vapore, nebbie oppure polvere combustibile), dalle con- dizioni in cui si for ma l’atmosfera esplosiva (nor mali operazio- ni, manutenzione o guasto) e dal tempo di persistenza nel- l’ambiente dell’atmosfera esplosiva. Storicamente si sono sviluppati nel mondo, contemporanea- mente ed in modo indipendente, due metodi differenti per la deter minazione delle zone pericolose.

Alcune delle differenze tra i due metodi consistono nel nome delle zone pericolose, nella definizione delle zone pericolose, nella suddivisione dei gruppi dei gas, nella suddivisione delle classi di temperatura, ecc.

Un metodo si è diffuso nelle nazioni compartecipanti la IEC, tra cui l’Europa, ed è conosciuto come ZONE SYSTEM. L’altro metodo si è sviluppato nel nord America a partire dal 1920 ed è conosciuto come DIVISION SYSTEM. Per tale ragione qui di seguito vengono riportate le classifica- zioni in uso in Europa, corrispondenti alle inter nazionali IEC, e le rispettive classificazioni USA.

SS uu pp pp llee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

• CLASSIFICATION OF HAZARDOUS AREAS IN EUROPE (IEC ZONE SYSTEM)

• CLASSIFICAZIONE DELLE AREE PERICOLOSE IN EUROPA (IEC ZONE SYSTEM)

According to the IEC standard, places with potentially explo- sive atmospheres may be divided into three zones with decreasing hazard depending on the probability of presence and persistence of the potentially explosive atmosphere itself. Standards that regulate the classification have two different numerical series: the IEC 60079 series for explosive atmo- spheres due to the presence of gases, vapours or mists, and the IEC 61241 series for explosive atmospheres due to the presence of combustible dust.

Nei paesi compartecipanti la IEC, i luoghi in cui possono for- marsi atmosfere esplosive vengono suddivise in tre zone con pericolosità decrescente a seconda della probabilità di pre- senza e della persistenza dell’atmosfera esplosiva stessa. Le nor me che stabiliscono le regole per la classificazione cor- rispondono a due serie differenti di numerazione: la serie IEC 60079 per le atmosfere esplosive che si for mano per la pre- senza di gas, vapori o nebbie e la serie IEC 61241 per le atmosfere esplosive che si for mano per la presenza di polve- ri combustibili.

In particular, the part 10 is dedicated to the procedure to per- for m the classification. Therefore, must be followed:

In particolare la parte 10 di queste serie di nor me è dedicata al procedimento per eseguire la classificazione. Pertanto viene seguita:

- IEC 60079-10 series standard to classify areas with presen-

-

la nor ma IEC 60079-10 per classificare le aree in presenza

ce of gas.

di

gas;

- I E C 6 1 2 4 1 - 1 0 s e ri e s s t a n da rd t o c l a s s i f y a re a s w i t h

-

la nor ma IEC 61241-10 per classificare le aree in presenza

presence of combustible dusts.

  • di polveri combustibili.

Using these standards, result the following hazardous areas:

Il risultato della classificazione secondo tali nor me sono le seguenti zone pericolose:

• Classification of zones due to the presence of gas

• Classificazione delle aree per la presenza di gas

Zone 0: Zone in which a mixture of explosive gas is always present (e.g. inside a petrol tank).

Zona 0: Area nella quale una miscela di gas esplosiva è presente in maniera continuativa (es: inter no di un serbatoio di

Zone 1: Zone in which a mixture of explosive gas may be pre- sent during nor mal plant operation.

benzina). Zona 1: Area in cui una miscela di gas esplosiva può essere presente durante il nor male funzionamento dell’impianto.

Zone 2:

Zone in which a mixture of explosive gas is not nor-

Zona 2: Area nella quale una miscela di gas non è nor mal-

mally present, and if it is, only it is for short periods of time.

mente presente, e nel caso lo sia lo è solo per brevi periodi di tempo.

• Classification of zones due to the presence of dusts

• Classificazione delle aree per la presenza di polveri

Zone 20: Zone in which an explosive dust is always present.

Zona 20: Area nella quale una polvere esplosiva è p r e s e n t e

Zone 21: Zone in which an explosive dust may be present during nor mal plant operation.

in maniera continuativa. Zona 21: Area in cui una polvere esplosiva può essere pre- sente durante il nor male funzionamento dell’impianto

Zone 22: Zone in which an explosive dust is not nor mally pre- sent, and if it is, it is only for short periods of time.

. Zona 22: Area nella quale una polvere esplosiva non è nor- malmente presente e nel caso lo sia lo è solo per brevi perio-

 
  • di di tempo.

If the classification states that:

Se dalla classificazione risulta che:

  • 1. areas classified as 0.1 or 2 (20, 21 or 22) have a

  • 1. le zone classificate come 0,1 o 2 (20, 21 o 22) sono di

negl igible extension, they can be therefore defined as 0NE area, 1NE area or zone 2NE (20NE area, 21NE area or zone 22NE). The meaning is that, although there is an area with presence

estensione trascurabile, allora sono definite come zona 0NE, zona 1NE oppure zona 2NE (zona 20NE, zona 21NE oppure zona 22NE) con il significato che, sebbene si abbia una zona con presenza di atmosfera esplosiva, se innescata la reazio-

of explosive atmosphere, if triggered, the resulting explosion does not cause appreciable damage because the volume of explosive atmosphere is negligible.

ne di esplosione conseguente non provoca danni apprezza- bili in quanto il volume di atmosfera esplosiva è trascurabile. In questo caso il luogo è considerato non pericoloso.

In this case, the site is considered not dangerous.

  • 2. non vi sono zone classificate nel luogo considerato,

  • 2. there aren’t classified areas in the site, therefore, isn’t

allora il luogo è definito non pericoloso.

considered dangerous.

In Europe, IEC standards are har monized by CENELEC (see Chapter 8) and they become EN 60079-10 standards, for classification in presence of gas, and EN 61241-10 standards, for classification in presence of combustible dust, without modifying approach, methods, definition of zones and results.

In Europa, le nor me IEC sono ar monizzate dal CENELEC (vedi capitolo 8) e le nor me IEC per eseguire la classificazio- ne diventano le nor me EN 60079-10 per la classificazione in presenza di gas ed EN 61241-10 per la classificazione in pre- senza di polveri combustibili, senza modificar ne approccio, metodi, definizione delle zone e risultati.

SS uu pp pp ll ee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

In Italy, classification standards are implemented by CEI (see Chapter 8) without any modifications. Further more, CEI has published several guides for the imple- mentation of these rules. Although they haven’t nor mative value, these guides are a powerful tool for classification. For example: Guide CEI 31-35 (third edition 2007) and the Guide CEI 31-35/A for gas (examples of classification - the third edition of 2007); Guide CEI 31-56 for combustible dusts (first edition 2007).

• CLASSIFICATION OF HAZARDOUS AREAS IN NORTH AMERICA

In the USA and Canada, hazardous areas are classified under

national standards NFPA 70 Art.500 NEC and C 22.1 Part. 1 Canadian Electrical Code. These standards divide hazardous areas into two categories, and hazardous environments into three categories according to the substances there in present. Dangerous areas are divided into 3 classes depending on the type of explosive atmosphere:

  • - Class I (gas, vapours, combustible dust)

  • - Class II (dusts)

  • - Class III (combustible fibers)

Each class is divided into two types of areas at risk of explo- sion depending on the frequency or duration of the explosive atmosphere for mation.

  • - Division 1: areas with constantly or occasionally dangerous concentrations of gases, vapours or combustible mist during nor mal operations.

  • - Division 2: areas without dangerous concentrations of gases,

vapours or combustible mist during nor mal operations but only in case of failure.

Summing up and considering the classification of gas in North America:

Class Atmosphere Zone Gas/Dust T Groups Class constantly or occasionally T1 A (acetilene) Division T2 Gases,
Class
Atmosphere
Zone
Gas/Dust
T
Groups
Class
constantly or
occasionally
T1
A (acetilene)
Division
T2
Gases,
1
Class
vapours or
during nor mal
operations
B (hydrogen
T2A
T2B
I
mists
C
(ethylene)
T2C
Division
in case of
T2D
D
(propane)
2
failure
T3
T3A
constantly or
occasionally
T3B
E (metal)
Division
T3C
1
T4
F (coal)
Combustible
Class
during nor mal
operations
T4A
Dusts
II
G (cereals)
T5
T6
Division
in case of
2
failure
Division
constantly or
occasionally
1
Combustible
Class
during nor mal
operations
fibers
II
Division
in case of
2
failure

In Italia, le nor me di classificazione sono recepite dal CEI (vedi capitolo 8) senza modifiche ed inoltre il CEI ha pubbli- cato alcune guide per l’applicazione di queste nor me che, pur non avendo valore nor mativo, costituiscono un valido stru- mento di classificazione. Ad esempio: la Guida CEI 31-35 (terza edizione del 2007) e la Guida CEI 31-35/A (esempi di classificazione – terza edizione del 2007) per gas; la Guida CEI 31-56 (prima edizione del 2007) per polveri combustibili.

• CLASSIFICAZIONE DELLE AREE PERICOLOSE NEL NORD AMERICA

Negli USA e in Canada la suddivisione delle aree pericolose avviene in base agli standard nazionali NFPA 70 Art.500 NEC e C 22.1 Part. 1 Canadian Electrical Code che dividono in

modo simile le aree di pericolo in due parti, mentre i luoghi di pericolo sono divisi in tre classi in base alle sostanze presenti. Le aree pericolose sono quindi suddivise in 3 classi a secon- da del tipo di atmosfera esplosiva:

  • - Classe I (gas, vapori, nebbie combustibili)

  • - Classe II (polveri)

  • - Classe III (fibre combustibili)

Ogni classe è suddivisa in due tipi di zone a rischio di esplo- sione per la frequenza o durata della for mazione di atmosfera esplosiva.

  • - Divisione 1: aree nelle quali si trovano costantemente o occasionalmente concentrazioni pericolose di gas, vapori o nebbie combustibili in condizioni di funzionamento nor male.

  • - Divisione 2: aree nelle quali non ci sono concentrazioni peri- colose di gas, vapori o nebbie combustibili in condizioni di funzionamento nor male, ma si raggiungono concentrazioni pericolose solo in caso di guasto.

Riassumendo quanto detto e considerando la classificazione dei gas adottata nel nord America:

Classe Tipo di Tipo di zona Gruppo di T atmosfera Gas/Polveri Classe costantemente o occasionalmente in
Classe
Tipo di
Tipo di zona
Gruppo di
T
atmosfera
Gas/Polveri
Classe
costantemente o
occasionalmente
in condizioni di
T1
A (acetilene)
Divisione
T2
Gas, vapori
1
funzionamento
nor male
B (idrogeno)
T2A
Classe
o nebbie
T2B
I
C (etilene)
T2C
Divisione
condizioni di
T2D
D (propano)
2
guasto
T3
T3A
Divisione
costantemente o
occasionalmente
in condizioni di
T3B
E (metallo)
T3C
1
T4
Polveri
Classe
funzionamento
nor male
F (carbone)
T4A
combustibili
II
G (cereali)
T5
T6
Divisione
condizioni di
2
guasto
Divisione
costantemente o
occasionalmente
in condizioni di
1
Fibre
Classe
funzionamento
nor male
combustibili
II
Divisione
condizioni di
2
guasto

SS uu pp pp llee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

• DIFFERENCES BETWEEN EUROPEAN AND NORTH AMERICAN PRACTICE

• DIFFERENZE TRA LA PRATICA EUROPEA E QUELLA NORD AMERICANA

It is clear that “Zone 2” of the European classification is the same as the American “Class I Division 2”, while European “Zones 0 and 1” correspond with the American “Class I Division 2”. We can conclude that the equipment specifically designed for use in “Zone 1” in Europe cannot always be used in “Class I Division 2”.

Appare evidente il fatto che la “Zona 2” della classificazione europea equivalga alla “Classe I Divisione 2” americana, men- tre le “Zone 0 e 1” europee corrispondono all’americana “Classe I Divisione 1”, se ne deduce come le apparecchiatu- re espressamente studiate per essere utilizzate in “Zona 1” in Europa non sempre possono essere adottate all’inter no della “Classe I Divisione 1”.

Nor mal operation Risk Standard Per manent Inter mittent in faulty risk risk conditions IEC Zone
Nor mal operation
Risk
Standard
Per manent
Inter mittent
in faulty
risk
risk
conditions
IEC
Zone 0
Zone 1
Zone 2
EUROPE
USA
Class I
Class I
CANADA
Division 1
Division 2
Funzionamento nor male Pericolo Standard Pericolo Pericolo in condizioni continuo occasionale nor mali IEC Zona 0
Funzionamento nor male
Pericolo
Standard
Pericolo
Pericolo
in condizioni
continuo
occasionale
nor mali
IEC
Zona 0
Zona 1
Zona 2
EUROPA
USA
Classe I
Classe I
CANADA
Divisione 1
Divisione 2

In 1996, the Article 505 was introduced in NEC standards (in Canada with the CEC, 1998 edition) which, as an alter native to Article 500 classification system (above paragraph), intro- duced the IEC classification system. Compared to IEC zone system:

Nel 1996 viene introdotto nel NEC l’articolo 505 (in Canada con il CEC edizione 1998) che, in alter nativa al sistema di classificazione dell’articolo 500 (paragrafo precedente), intro- duce il sistema di classificazione IEC. Rispetto all’IEC zone system:

  • - Class I only (stated by Article 500 in NEC standards ) is divi-

  • - la sola Classe I (dell’articolo 500 del NEC) viene suddivisa

ded into three zones according to IEC standard:

nelle tre zone IEC: Zona 0, Zona 1 e Zona 2;

Zone 0, Zone 1 and Zone 2;

  • - sono mantenute invariate le classi di temperatura T1-T6;

  • - temperature classes T1-T6 are unvaried;

  • - sono mantenuti invariati i Gruppi dei Gas IIA, IIB, IIC.

  • - Gases Groups IIA, IIB, IIC are unvaried.

L’articolo 505 offre l’opportunità di una scelta nel modo di

Article 505 provides the opportunity to choose in how to clas- sify, with the aim of giving a global recognition to IEC system,

classificare con l’obiettivo di conferire al sistema IEC un rico- noscimento mondiale e favorire la libera circolazione delle

promoting the free movement of equipment suitable for areas classified according to IEC system.

apparecchiature idonee per le zone classificate secondo il sistema IEC.

4. PROTECTION METHODS

4. I MODI DI PROTEZIONE

Once you have identified the hazardous areas in the plant, you have to choose the right electrical equipment for these areas in order to avoid the risk of explosion caused by acci- dental sparks or surface over temperature.

Una volta individuate all’inter no di un impianto le varie zone di pericolo è di fondamentale importanza operare la scelta cor- retta circa le apparecchiature elettriche che possono venire installate in quella zona per scongiurare il pericolo di esplo-

An electrical equipment for hazardous areas must have a dif- ferent level of security depending on the area level of danger. The level of security depends on the electrical equipment capacity not to trigger (arc, spark or surface over temperatu- re) the potentially explosive atmosphere during nor mal opera- tion, in case of first failure and in case of a second failure deter mined by different causes of those that caused the first. It depends also on the type of area where the electrical equip- ment is going to be installed.

sione causato da scintille accidentali o da sovratemperature superficiali. Una costruzione elettrica destinata all’installazione in zona pericolosa deve avere un livello di sicurezza differente a seconda della pericolosità della zona. Il livello di sicurezza viene definito in funzione della capacità della costruzione elettrica di non provocare l’innesco (arco, scintilla o temperature super ficiali elevate) dell’atmosfera esplosiva in condizioni di funzionamento nor male, in condizio- ni di primo guasto ed in condizioni di secondo guasto origi- nato da cause indipendenti da quelle che hanno causato il primo,

The security level of an electrical equipment may be reached manufacturing it in order to achieve a "type of protection" that avoids the contact between an arc, spark or high surface temperature and the explosive atmosphere. There are different methods of protection depending on how the ignition is prevented.

a seconda del tipo di zona in cui deve essere installata. Il livello di sicurezza di una costruzione elettrica è raggiunto costruendola in modo tale da realizzare un “modo di protezio- ne” contro il contatto tra un arco, scintilla o temperatura super- ficiale elevata e l’atmosfera esplosiva. A seconda di come viene impedito l’innesco dell’atmosfera esplosiva si hanno modi di protezione diversi.

Protection methods for gas, vapours and mists.

Modi di protezione per gas, vapori e nebbie .

The protection methods are based on the following principles:

Fondamentalmente i criteri su cui si basano i diversi modi di protezione sono i seguenti:

  • A) containment;

  • A) contenimento;

  • B) segregation;

  • B) segregazione;

  • C) prevention.

  • C) prevenzione.

SS uu pp pp ll ee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

  • A) Containment (Ex d)

Explosion containment is the only method that allows the explosion to occur but confines it to a well-defined area, thus avoiding propagation to the surrounding atmosphere. An explosion is therefore contained in so called explosion proof enclosures. This is the oldest but still one of the safest and most effective methods for most applications.

  • B) Prevention (Ex e; Ex n; Ex i)

This technique is based on the concept of increasing the relia-

bility of electrical components which during nor mal operation cannot spark or reach a surface temperature high, or ener- gies, enough to ignite an explosive mixture.

This technique is mainly applied to two protection methods:

Increased Safety and Intrinsic Safety.

The basic difference between these two methods is that the first one applies to all low voltage equipment (especially ligh- ting fixtures), while the second one can only be used on instru- mentation plants, where voltages and currents are ver y low.

  • C) Segregation (Ex m; Ex o; Ex q; Ex p)

This method physically separates or isolates live electrical parts or hot surfaces from the explosive mixture, so that they never come in contact with the ignition source. This method is applied to various protective techniques, such as pressurization, resin encapsulation, quartz sand filling or oil immersion.

Protection methods for combustible dusts.

Until 2004, the protection against the ignition of a potentially explosive atmosphere due to dust, was done only by boxes with a suitable IP protection degree. I n E u ro p e , t h e m e t h o d w a s s t a n d a rd i z e d b y t h e EN 50281-1-1 directive. After 2004, (year of issuance of IEC 61241-0 standard), the protection methods for electrical equipment installed in an explosive atmosphere with the presence of combustible dust were introduced. Four different protection methods have been developed, three of which are based on protection for gas relative to segrega- tion (pD Ex, Ex mD) and prevention (Ex iD).

On the contrar y, the fourth is based on enclosure protection manufactured to avoid the entrance of dust (by extending the old method of protection against the entr y of dust in the enclo- sure ): type of protection Ex tD. tD type of protection can be achieved by two different methods (method A and B) to prevent the entr y of dust.

Method A is based on enclosures IP protection degree. Method B is characteristic of enclosures with joints that must be manufactured to avoid the entr y of dust, especially during the cooling fase, when the enclosure is not powered on.

  • A) Contenimento (Ex d)

Il contenimento dell’esplosione è la sola metodologia che per- mette all’esplosione di avvenire, questa tuttavia deve rimane- re confinata in un luogo ben definito e non deve propagarsi all’atmosfera circostante. In pratica la possibile esplosione viene contenuta all’inter no di apposite custodie che sono dette appunto a prova di esplosione. Questo metodo è il più antico, ma è tuttora uno dei più validi e sicuri per la maggior parte delle applicazioni.

  • B) Prevenzione (Ex e; Ex n; Ex i)

Caratteristica fondamentale di questa tecnica è quella di aumentare l’affidabilità dei componenti elettrici che nel modo nor male di utilizzo non possono scintillare né raggiungere temperature superficiali, né energie, tali da innescare la miscela esplosiva. Questa tecnica si applica principalmente a due metodi di pro-

tezione, quello a Sicurezza Aumentata e quello a Sicurezza Intrinseca.

La fondamentale differenza tra questi due metodi è che il primo si applica a tutte le apparecchiature di bassa tensione e in modo particolare alle ar mature illuminanti, mentre il secondo può essere utilizzato soltanto in impianti di strumen- tazione, dove le tensioni e le correnti in gioco sono estrema- mente basse.

  • C) Segregazione (Ex m; Ex o; Ex q; Ex p)

Con questa tecnica si tende a separare o isolare fisicamente parti elettriche in tensione o le superfici calde dalla miscela esplosiva, in modo da non per mettere mai il contatto con la fonte di innesco. Questa metodologia viene applicata da vari modi di protezione quali la pressurizzazione, l’incapsulamen- to in resina, l’immersione in olio o in sabbia di quarzo.

Modi di protezione per polveri combustibili.

Fino al 2004, la protezione contro l’innesco dell’atmosfera esplosiva originata dalle polveri, era realizzata solo mediante custodie con un idoneo grado di protezione IP contro l’ingres- so della polvere all’inter no della custodia stessa. In Europa il metodo era standardizzato dalla nor ma EN 50281-1-1. Successivamente al 2004 (anno di emissione della nor ma IEC 61241-0), vengono introdotti i modi di protezione anche per le apparecchiature elettriche destinate ad essere installate in atmosfera esplosiva per la presenza di polveri combustibili. Sono stati sviluppati quattro diversi modi di protezione, tre dei quali basati su alcuni dei modi di protezione per i gas relati- vamente alla segregazione (Ex pD, Ex mD) e la prevenzione (Ex iD), il quarto basato invece sulla protezione mediante custodie costruite in modo tale da non per mettere alla polve- re di entrarvi (ampliando il vecchio metodo della protezione contro l’ingresso della polvere nella custodia): modo di prote- zione Ex tD. Il modo di protezione tD può essere realizzato mediante due diversi metodi (metodo A e B) per impedire l’ingresso della polvere. Il metodo A è basato sul grado di protezione IP della custodia; mentre il metodo B è caratteristico di custodie con giunti che quindi devono essere costruiti in modo tale da non per mette- re l’ingresso della polvere, soprattutto nella fase di raffredda- mento della custodia quando non è alimentata.

SS uu pp pp llee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

Nella tabella sottostante, riportiamo le nuove denominazioni applicate. The table below gives a list of the new names.

  • MM OO DDOO DD II

     

DD AATTAA DD II AA PPPP LL II CC AA ZZII OO NNEE PPEE RR

PPRR OO TT EE ZZII OO NNEE

  • MM EETT HH OO DD

NN OO RR MM AA II EE CC

NN OORR MM AA EE UU RR OO PPEE AA

NN OO RR MM AA II TTAA LL II AA NNAA

AATT EEXX SSEE CC OO NNDD OO

..

PPRR OO TT EE CCTT II OO NN

II EE CC SSTTAA NN DD AA RR DD

EE UU RR OO PPEE AA NN SSTTAA NN DDAA RR DD

II TTAA LL II AA NN SSTTAA NN DDAA RR DD

AA PPPPLL II CCAATT II OO NN DD AATT EE FF OORR AATT EE XX FFRR OO MM OO FF FF II CC II AA LL JJ OO UURR NNAA LL OO FF EEUU

Gas

IEC 60079-0:2007

Armonizzazione prevista To be harmonized by 2009

 

Armonizzazione prevista To be harmonized by 2009

Regole generali

       

General rules

IEC 60079-0:2004

EN 60079-0:2006

CEI EN 60079-0:2006

Ex d

IEC 60079-1:2004

EN 60079-1:2004

CEI EN 60079:2007

Applicabile sino al Applicable until 30/06/2010

IEC 60079-1:2007

EN 60079-1:2007

CEI EN 60079-1:2008

 

Ex e

IEC 60079-7:2001

EN 60079-7:2003

CEI EN 60079-7:2006

Applicabile sino al Applicable until 30/09/2009

IEC 60079-7:2006

EN 60079-7:2007

CEI EN 60079-7:2008

 
   

EN 50020:2002

CEI EN 50020:2003

Applicabile sino al Applicable until

Ex i

30/09/2009

IEC 60079-

     

11:2006

EN 60079-11:2007

CEI EN 60079-11:2009

 

IEC 60079-

   

Applicabile sino al

31/05/2008

Ex n

15:2001

EN 60079-15:2003

CEI EN 60079-15:2006

Applicable until

IEC 60079-

     

15:2005

EN 60079-15:2005

CEI EN 60079-15:2007

Ex p

IEC 60079-2:2001

EN 60079-2:2004

CEI EN 60079-2:2005

Applicabile sino al Applicable until 31/10/2010

EN 60079-2:2007

EN 60079-2:2007

CEI EN 60079-2:2009

 
       

Non armonizzata; superata da:

Ex m

EN 50028:1 997

CEI EN 50028:1997

Not harmonized; replaced by EN 60079-18

IEC 60079-

     

18:2004

EN 60079-18:2004

CEI EN 60079-18:2008

Dust

IEC 61241-0:2004

EN 61241 -0:2006

CEI EN 61241-0:2008

 

Regole generali

       

General rules

IEC 60079-0:2005

Armonizzazione prevista To be harmonized by 2009

Armonizzazione prevista To be harmonized by 2009

tD

IEC 61241-1:2004

EN 61241 -1 :2004

CEI EN 61241 -1 :2006

 

IEC 60079-

Armonizzazione prevista

2009/2010

 

Armonizzazione prevista

31:2008

To be harmonized by

To be harmonized by 2009/2010

 

IEC 61241-

   

Armonizzazione prevista entro

iD

11:2005

EN 61241-11:2006

To be harmonized by 2009

SS uu pp pp ll ee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

• CHOOSING THE RIGHT PROTECTION METHOD

• SCELTA DEI MODI DI PROTEZIONE

There are many protection methods that allow you to apply the three

There have been attempts to adopt unspecific techniques to certain

Vi

sono diversi modi di protezione che consentono di applicare in

basic techniques in different ways. Not all the methods can be applied universally: as you will see further on, each method is speci- fic to certain applications and impossible to apply to others.

applications, leading to disastrous consequences and often major damage.

modalità distinte le tre tecniche fondamentali citate, utilizzandone il metodo di base; in particolare, non tutti i sistemi sono universal- mente applicabili, bensì, come verrà illustrato in seguito, ognuno di essi è specifico per alcune applicazioni e assolutamente improponi- bile per altre. Nel tempo sono stati realizzati diversi tentativi e forzature per adotta- re tecniche non specifiche a determinate applicazioni e i risultati sono stati a dir poco disastrosi, causando nella maggior parte dei

co, in ciascuna situazione piuttosto che un altro, in particolare la scel-

It is therefore fundamental that you analyse the application limits of each method and decide which one is best in each case.

casi danni importanti. Risulta, dunque, di fondamentale importanza analizzare quali siano i limiti di applicabilità di ogni metodo e valutare coscientemente che

Choosing a specific protection method in one situation rather than another depends on a variety of factors, namely:

cosa sia meglio utilizzare ogni volta che si presenta una nuova e diversa necessità. Diversi fattori determinano la scelta di un modo di protezione specifi-

ta va effettuata tenendo in considerazione diversi fattori tra i quali:

  • - the area where the equipment is going to be installed;

  • - la zona in cui l’apparecchiatura verrà installata;

  • - physical dimensions of the electrical material to be protected;

  • - le dimensioni fisiche del materiale elettrico da proteggere;

  • - level of routine and extraordinary maintenance;

  • - la facilità di manutenzione ordinaria e straordinaria;

  • - reliability and flexibility of the system;

  • - l’affidabilità del sistema e la sua flessibilità;

  • - manufacturing and maintenance costs.

  • - i costi di realizzazione e di manutenzione.

Below are some of the main aspects of these protection methods, which conform to specific EC standards.

Qui di seguito vengono riportate le caratteristiche fondamentali dei vari modi di protezione che sono stati finora normalizzati e per i quali esistono chiare normative comunitarie.

There are basically three protection methods for boxes and enclosu- res housing electrical equipment:

Per quanto riguarda le cassette e custodie che possono contenere apparecchiature elettriche, il campo di applicazione dei diversi modi

di

protezione si restringe sostanzialmente a tre:

Ex d protection - explosion-proof

Modo di protezione Ex d - a prova di esplosione

Ex e protection - increased safety

Modo di protezione Ex e - a sicurezza aumentata

Ex n protection - simplified

• Modo di protezione Ex n - semplificato

We will not be considering other methods in this preface, as their characteristics are rarely applied to the design and construction of lighting equipment components and parts. However, in order to give

Gli altri metodi, per le loro caratteristiche sono difficilmente applica- bili nella progettazione e costruzione delle componenti e parti delle apparecchiature illuminanti e pertanto, in questa sede non ne terre-

a comprehensive view of this subject, below is a list of other methods which have been standardized but are rarely applied:

mo conto. Per completezza, tuttavia, ricordiamo che gli altri modi di protezione normalizzati, ma difficilmente applicabili sono:

Ex i protection - Intrinsic safety

Modo di protezione Ex i - A sicurezza intrinseca

Standard EN 60079-11 Ex p protection - Internal overpressure

Norma EN 60079-11 Modo di protezione Ex p - A sovrapressione interna

Standard EN 60079-2 Ex m protection - Resin encapsulation

Norma EN 60079-2 Modo di protezione Ex m - Incapsulamento in resina

Standard EN 60079-18 Ex o protection - Oil immersion

Norma EN 60079-18 Modo di protezione Ex o - Immersione in olio

Standard EN 50015 • Ex q protection - Sand filling EN 50017

Norma EN 50015 Modo di protezione Ex q - Sotto sabbia EN 50017

Please note that in 2007 all the ATEX harmonized European stan- dards were reviewed and a new name was given in compliance with IEC international standards as we wait for the process of harmoniza- tion to be completed in the next few years. This means that rules for the production of explosion-proof electrical equipment will eventually be normalized on an international level. Some standards have been completely reviewed, while others just have a new code.

Dobbiamo considerare che nel 2007 tutte le normative europee armonizzate ATEX, sono state riviste ed è stata adottata la nuova denominazione in conformità alle norme internazionali IEC, in attesa che nei prossimi anni si concluda quel processo di armonizzazione che porterà alla normalizzazione a livello mondiale delle regole di costruzione delle apparecchiature elettriche antideflagranti. Alcune normative sono state completamente rivisitate, mentre per altre vi è stata esclusivamente un adattamento della codifica.

SS uu pp pp llee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

5. PROTECTION METHODS FOR ENCLOSURES AND BOXES

5. MODI DI PROTEZIONE APPLICABILI A CUSTODIE E CASSETTE • Ex d - A PROVA DI
5. MODI DI PROTEZIONE APPLICABILI A CUSTODIE
E CASSETTE
• Ex d - A PROVA DI ESPLOSIONE
Principio base
In questo metodo di protezione è consentito che l’atmosfera esplosi-
va venga a contatto con i circuiti elettrici in tensione. Questi dovran-
no però essere racchiusi all’interno di una custodia appositamente
progettata per resistere alla pressione sviluppata a causa di una
eventuale esplosione all’interno della stessa e per impedire il propa-
garsi della fiamma all’esterno della custodia e di innescare l’atmosfe-
ra esplosiva esterna ad essa.
La filosofia del metodo è basata sulla considerazione che non è pos-
sibile impedire ad un gas di propagarsi ovunque. Pertanto sarebbe
impensabile la costruzione di una apparecchiatura elettrica contenu-
ta in una custodia, stagna al punto da impedire l’ingresso del gas.
Si costruiscono pertanto custodie che permettono sì che il gas entri
all’interno, ma in caso di contatto tra questo e la sorgente di innesco
(arco o scintilla) l’esplosione che ne consegue sia contenuta all’inter-
no e i gas combusti, escano attraverso appositi giunti, creati tra le
varie parti della custodia, progettati in modo tale che la fiamma,
uscendo si raffreddi e all’esterno arrivi soltanto il prodotto della com-
bustione, ormai raffreddato ed incapace di innescare l’atmosfera cir-
costante.
I materiali utilizzati, di solito sono le leghe di alluminio per la custodia
e il vetro borosilicato temperato o il policarbonato per le parti traspa-
renti, come gli oblò per gli strumenti.
Applicazioni
Si può applicare a tutte le apparecchiature principali di bassa tensio-
ne e in genere a tutte le apparecchiature che in condizioni di eserci-
zio ordinario possono dare luogo a scintille o sovratemperature, come
interruttori, deviatori, magnetotermici ecc.
Caratteristiche principali
La caratteristica principale è la robustezza della costruzione che
garantisce l’affidabilità nel tempo.
Vantaggi
Il principale vantaggio di questo modo di protezione è che all’interno
di
custodie e cassette, costruite in modo da contenere una eventua-
le esplosione, i componenti installati sono comuni componenti elettri-
ci
di facile reperibilità.
Svantaggi
Custodie e cassette prevedono una assidua manutenzione per
garantire che tutti i presidi di sicurezza siano mantenuti nelle condi-
zioni di efficienza (giunti, viterie, integrità dei vetri ecc.). La manuten-
zione può essere effettuata soltanto da personale specializzato
Norme di riferimento
-
EN 60079-1(Internazionale)
-
EN 60079-1 (Europea)
-
CEI 31-58 (Italiana)
Gap - Interstizio
Length of coupling
Lunghezza del giunto
Fig. n. 3

• Ex d - EXPLOSION-PROOF

Basic principle

This method allows the explosive atmosphere to come into contact with live electric circuits. These should therefore be contained inside a purpose-built enclosure to resist pressure which builds up due to an explosion inside this enclosure, and to prevent the flame from escaping outside the enclosure and igniting the surrounding explosi- ve atmosphere.

This method is based on the concept that it is impossible to prevent a gas from spreading. Hence it is impossible to produce electrical equipment inside an airtight enclosure which prevents the ingress of gas. These enclosures are therefore built to allow the ingress of gas, but if it comes in contact with the ignition source (an arc or a spark) the explosion will be contained inside and the combusted gases will escape through the fittings between the parts of the enclosure. These fittings are specifically designed to allow the flame to cool as it esca- pes, so that only the product of combustion reaches outside the enclosure; and by then it has cooled down and is unable to ignite the surrounding atmosphere. The materials used are usually aluminium alloys for the enclosure and tempered borosilicate glass or polycarbonate for the transparent parts, like round windows for instruments.

Applications

This method can be applied to all low-voltage equipment and gene-

rally all equipment which can cause sparks or overtemperature during normal operation, such as switches, divertors and thermoma- gnetic switches.

Main features

The main feature is a strong construction, which guarantees reliabi-

lity in the long-term.

Advantages

The main advantage of this protection method is that the enclosures and boxes, built to contain an explosion, house common electrical

components, which are easy to find on the market.

Disadvantages

The enclosures and boxes need special maintenance to guarantee that all the safety devices (i.e. fittings, screws and glass, etc.) are kept in perfect condition. Maintenance may only be carried out by qualified staff.

Reference standards

  • - IEC 60079 -1 (International)

  • - EN 60079-1 (European)

  • - CEI 31-58 (Italian)

SS uu pp pp ll ee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

• Ex e - INCREASED SAFETY

Basic principle

This protection method applies certain measures for preventing the formation of arcs, sparks or temperatures, which can ignite the explo- sive mixture. These measures guarantee a high safety coefficient.

Applications

This principle is only applicable to non-sparking equipment such as enclosures or terminals. By combining it with other protection methods, this technique can be used for building highly complex equipment with the simplicity of Ex e construction, integrating it with individually protected parts and other protection methods. It can be applied to electric panels combined with protection method Ex d.

Main features

The equipment is built to prevent sparks even in irregular operating conditions.

Advantages

The main advantage of this protection method is its simplicity of use and construction. Ex e enclosures and boxes have practically the same appearance and maintenance methods as common watertight equipment, so even unqualified electricians prefer them as they are easy to install.

Disadvantages

These boxes and enclosures require special components, such as lampholders, ballasts, igniters, condensers, terminals and cut-outs, which must be individually protected according to one of the stan- dardized methods. These components are quite difficult to find on the market and must be supplied by the manufacturer at a high cost. Another disadvantage is the shape of the fixtures, which makes them look very much like common industrial lighting fixtures, so mainte- nance men tend not to take necessary precautions, even in hazar- dous areas. Despite their appearance, they should be serviced by specialized staff using special tools, even during routine mainte- nance.

Reference standards

  • - IEC 60079-7 (International)

  • - EN 60079-7 (European)

  • - CEI 31-65 (Italian)

Principio base Applicazioni Caratteristiche principali Vantaggi Svantaggi Norme di riferimento - IEC 60079-7 (Internazionale) - EN
Principio base
Applicazioni
Caratteristiche principali
Vantaggi
Svantaggi
Norme di riferimento
-
IEC 60079-7 (Internazionale)
-
EN 60079-7 (Europea)
-
CEI 31-65 (Italiana)
Fig. n. 4

• Ex e - A SICUREZZA AUMENTATA

In questo metodo di protezione vengono applicate determinate misu- re che devono impedire, con un elevato coefficiente di sicurezza, la

formazione di archi o scintille, o la possibilità di temperature tali da innescare la miscela esplosiva.

In pratica il principio è applicabile soltanto ad apparecchiatura non scintillante, come custodie, morsetti ecc. In effetti l’evoluzione di questo modo di protezione ha fatto sì che, combinandolo con altri modi di protezione, si potessero costruire apparecchiature anche molto complesse, sfruttando la semplicità costruttiva dell’Ex e, integrandola con componenti protetti singolarmente con altri modi di protezione. Si applica ai quadri elettrici in combinazione con la protezione Ex d.

La caratteristica principale di queste apparecchiature sono i requisi- ti costruttivi che le rendono non scintillanti anche in determinate con- dizioni di funzionamento anomalo.

Il principale vantaggio di questo modo di protezione è la sua sem-

plicità costruttiva e, soprattutto, applicativa.

Apparentemente cassette e custodie Ex e sono molto simili ai comu- ni apparecchi stagni, e la metodologia di manutenzione è affine a questi, rendendoli più graditi agli elettricisti non specializzati che li preferiscono per la semplicità di installazione.

Cassette e custodie necessitano di componenti specifici, quali por- talampade, reattori, accenditori, condensatori, morsetti, interruttori di sicurezza, che devono essere singolarmente protetti, secondo uno dei modi normalizzati. Tali componenti non sono facilmente reperibili sul mercato, ma devo- no essere forniti direttamente dalla casa costruttrice e presentano costi piuttosto elevati. Un altro svantaggio è rappresentato proprio dalla forma delle arma- ture che, facendole apparire molto simili ai comuni corpi illuminanti industriali, induce i manutentori a non prendere le necessarie pre- cauzioni, operando comunque in luogo pericoloso. Nonostante l’apparenza, richiedono personale specializzato ed uten- sili specifici anche per la manutenzione ordinaria.

SS uu pp pp llee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

• Ex n - SIMPLIFIED

Basic principle

This protection method uses other protection methods such as d, e, i and p in a simplified way. It prevents electrical equipment from cau- sing the ignition of an explosive atmosphere even during normal ope- ration.

Applications

• Ex n - SEMPLIFICATO Principio base Applicazioni Caratteristiche principali Vantaggi Svantaggi Norme di riferimento -
• Ex n - SEMPLIFICATO
Principio base
Applicazioni
Caratteristiche principali
Vantaggi
Svantaggi
Norme di riferimento
-
IEC 60079-15 (Internazionale)
-
EN 60079-15 (Europea)
-
CEI 31-64 (Italiana)
Fig. n. 5

Questo metodo di protezione si fonda sull’applicazione in forma sem-

plificata dei principi base di altri modi di protezione quali d, e, i, p. La sua applicazione alle costruzioni elettriche le rende incapaci duran- te il funzionamento ordinario di provocare l’innesco dell’atmosfera esplosiva.

This protection method allows you to design boxes and enclosures for Zone 2, i.e. in the less hazardous part of a plant, where the explo- sive atmosphere is present for short times during the year.

Main features

Con questo modo di protezione si possono costruire cassette e

custodie, utilizzabili in Zona 2, nella parte di impianto, cioè, meno pericolosa, in quanto l’atmosfera esplosiva può essere presente per tempi brevissimi nel corso dell’anno.

In Zone 2, this is an alternative to the protection methods used in Zone 1. It has not met with much success because it is less safe than Ex d and Ex e systems, despite costing just as much.

Advantages

In Zona 2 è una alternativa ai modi di protezione utilizzati in Zona 1. Non ha finora ottenuto un grosso successo perché pur essendo meno sicuro dei sistemi Ex d, Ex e che dovrebbe sostituire, il suo costo non è generalmente inferiore a questi.

Come per il modo di protezione Ex e, anche in questo caso, il prin- cipale vantaggio è costituito dalla semplicità costruttiva e, soprattut- to, applicativa.

Like Ex e protection, its main advantage is again simplicity of use and construction.

Disadvantages

This method also requires equipment with components specifically produced for a certain type of application. These components must be supplied by the manufacturer. Although they do not cost as much as Ex e fixtures, they are not as cheap as common components which can be installed in Ex d equipment. These fixtures may only be installed in Zone 2 where danger is very limited. However, due to their shape, maintenance men tend not take the necessary precautions even in hazardous areas. Even Ex n fixtu- res require specialized workers and special tools for maintenance.

Reference standards

  • - IEC 60079-15 (International)

  • - EN 60079-15 (European)

  • - CEI 31-64 (Italian)

Anche in questo caso, gli apparecchi necessitano di componenti specificatamente prodotti per lo specifico tipo di applicazione. Tali componenti devono obbligatoriamente essere forniti dalla casa costruttrice e pur non presentando i costi dei componenti di una armatura Ex e, non sono altrettanto economici dei comuni compo- nenti che possono essere installati in una apparecchiatura Ex d. Pur essendo posizionabili soltanto in Zona 2, dove il pericolo è molto limitato, la forma delle armature, potrebbe indurre i manutentori a non prendere le necessarie precauzioni, operando comunque in luogo pericoloso. Anche le armature Ex n richiedono personale specializ- zato ed utensili specifici per la manutenzione.

SS uu pp pp ll ee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd ii cc ee

• CHOOSING AN EXPLOSION-PROOF PIECE OF EQUIPMENT

The choice of one pice of equipment as opposed to another depends on the design of the plant. The plant engineer therefore has to consider the type of environment, the type of gas or dust present and its characteristics. All enclosures are supplied with holes for installing cable glands or fittings. These holes can only be made by the manufacturer and fol- low specific standards regarding the threading and the maximum surface area of the drilled wall. The holes are made following the instructions supplied with each enclosure. Holes must not be altered later on, as this could impair the safety of the enclosure. All enclosures are supplied with a certificate and all the necessary preces equipment. End-users risk prosecution if they modify the cir- cuits or add components later on, as it is extremely hazardous for the safety of the plant. If the enclosures or internal circuits are tampered with, the manufac- turer is no longer held responsible for the safety of the product and the validity of the certificate automatically lapses.

Choosing in relation to hazardous areas

The choice of one equipment depends on the type of hazar- dous area. Taking into account the considerations made in the previous paragraphs, we analyze now which characteristics an explosion-proof equipment must have to guarantee the necessar y protection in relation to the hazardous area in which it will be installed.

For this aim, please note that the choice of an electrical equip- ment, the electrical system design and the selection of elec- trical conduits are regulated by the following rules:

  • - IEC 60079-14 for gases (inter nazional)

  • - IEC 61241-14 for dusts (inter nazional)

  • - EN 60079-14 for gases (European)

  • - EN 61241-14 for dusts (European)

  • - CEI 31-33 for gases (Italian)

  • - CEI 31-67 for dusts (Italian)

The following table shows which gas types of protection are suitable for installation in Zone 0, Zone 1 or Zone 2.

• SCELTA DI UN’APPARECCHIATURA ANTIDEFLAGRANTE

La scelta di un’apparecchiatura piuttosto che un’altra, avviene sulla base delle scelte progettuali. È necessario che il progettista tenga in considerazione la tipologia ambientale, il tipo di gas o di polvere pre- sente nell’ambiente e le sue caratteristiche. Tutte le custodie vengo- no fornite con le forature per il montaggio dei pressacavi o dei giun- ti. Tali forature possono essere realizzate soltanto dal costruttore e seguono precisi dettami normativi, sia sul tipo di filettatura, sia sulla superficie massima di parete forata e sono eseguite seguendo le prescrizioni del certificato della singola custodia. Le forature non possono essere successivamente modificate dall’utente, in quanto tale fatto potrebbe compromettere la sicurezza della custodia. Tutte le custodie sono fornite di certificato e complete dell’apparecchiatu- ra richiesta. Anche in questo caso l’utilizzatore finale non può modi- ficare i circuiti e aggiungere componenti in tempi successivi, poiché questo è assolutamente vietato dalle normative, può essere perse- guito penalmente per legge, e risulta essere molto pericoloso per la sicurezza dell’impianto. In caso di manomissione delle custodie o dei circuiti interni, decadrà immediatamente la validità del certificato e il costruttore non sarà più responsabile della sicurezza del prodotto.

Scelta in relazione alle zone pericolose

La scelta di un’apparecchiatura si esegue una volta noto il tipo di atmosfera pericolosa. Tenendo conto delle considera- zioni fatte nei paragrafi precedenti sul modo di protezione in relazione al tipo di apparecchiatura, analizziamo ora quali

devono essere le caratteristiche di un apparecchiatura anti- deflagrante necessarie a garantire la necessaria protezione in base alla pericolosità della zona in cui è destinato ad essere installato. A tale scopo si ricorda che la scelta delle apparecchiature elettriche, la progettazione dell’impianto elettrico e la scelta delle condutture elettriche è soggetta e regolata dalle seguen- ti nor me:

  • - IEC 60079-14 per i gas (inter nazionale)

  • - IEC 61241-14 per le polveri (inter nazionale)

  • - EN 60079-14 per i gas (Europea)

  • - EN 61241-14 per le polveri (Europea)

  • - CEI 31-33 per i gas (Italiana)

  • - CEI 31-67 per le polveri (Italiana)

La tabella seguente indica quali modi di protezione per gas sono idonei all’installazione in Zona 0, Zona 1 oppure Zona 2.

Zona Modo di protezione per Gas Gas protection mode Zone EX ia EX ib EX ma
Zona
Modo di protezione per Gas
Gas protection mode
Zone
EX ia
EX ib
EX ma
Ex mb
Ex e
Ex d
Ex p
Ex q
EX o
Ex n
0
1
2

Legenda colori - Verde = Per messo; Rosso = Vietato; Azzurro = idoneo in quando già consentito per una zona più pericolosa.

Colors Key

- Green = Allowed; Red = Forbidden ; Blue = suitable because allowed for a more dangerous Zone.

SS uu pp pp llee mm ee nn tt // AA pp pp ee nn dd