Vous êtes sur la page 1sur 46

6

PLAYOFF E PLAYOUT
8 IL CALENDARIO 2017-18

IL RITRATTO> PARMA
48 ALESSANDRO LUCARELLI
Gabriele Noli
IN SERIE A> FROSINONE
10 IMPRESA
54 IL FILM DEI PLAYOFF
Gianluca Prudenti
Cesare Barbieri e Carlo Tarantini
64 IL FILM DEI PLAYOUT
18 DOSSIER PUBBLICO Gianluca Prudenti
BOOM 3.438.861
Gianluca Prudenti 68 IL PREMIO
DI PESCARA ED ENTELLA
24 LE NEOPROMOSSE I CAMPI MIGLIORI
PADOVA Nino Maltese
PROMESSA MANTENUTA
Cesare Barbieri 72 SPEZIA
SETTORE GIOVANILE
30 LIVORNO GENERAZIONE FERDEGHINI
LA CITTÀ BATTE UN COLPO Alberto Monguidi
Cesare Barbieri
78 PRIMAVERA 2
36 LECCE IL PLAYOFF DICE CAGLIARI
IL PURGATORIO È FINITO Gianluca Prudenti
Nino Maltese
80 A MEMORIA D’UOMO
42 COSENZA IL PADOVA DEL “PARON”
IL PUNTO PIÙ ALTO Emanuele Giulianelli
Gabriele Noli
86 ALL YOU NEED IS… B
Luca Pranzini

5
TURNO PRELIMINARE SEMIFINALI FINALE FINALE SEMIFINALI TURNO PRELIMINARE
GARA UNICA ANDATA E RITORNO RITORNO ANDATA ANDATA E RITORNO GARA UNICA

DOMENICA DOMENICA
03.06.2018 - H.18.30 03.06.2018 - H.21.00
ANDATA ANDATA
06.06.2018 - H.18.30 06.06.2018 - H.21.00
Cittadella 2 3 Venezia
Cittadella 1 1 Venezia
Bari 2 0 Perugia
RITORNO ANDATA
Frosinone 1 16.06.2018 - H.20.30 13.06.2018 - H.20.30 1 Palermo
Frosinone 2 2 Palermo
RITORNO RITORNO
10.06.2018 - H.21.00 Palermo 0 1 Frosinone 10.06.2018 - H.18.30

Frosinone 1 1 Palermo

Cittadella 1 0 Venezia

REGOLAMENTO DEI PLAYOFF


ANDATA RITORNO
24.05.2018 - H.20.30 31.05.2018 - H.20.30
TURNO PRELIMINARE classificata in campionato). In caso di classificata in campionato). In caso di
In caso di parità a conclusione della parità di punteggio, per determinare parità di punteggio, per determinare V. Entella 0 0 Ascoli
gara unica si disputano i tempi sup- la squadra vincente si tiene conto del- la squadra vincente si tiene conto del-
plementari; in caso di ulteriore parità, la differenza reti; in caso di ulteriore la differenza reti; in caso di ulteriore
viene considerata vincente la squadra parità, viene considerata vincente la parità, viene considerata vincente la Ascoli 0 0 V. Entella
in migliore posizione di classifica al squadra in migliore posizione di clas- squadra in migliore posizione di clas-
termine del campionato (non si cal- sifica al termine del campionato (non sifica al termine del campionato.
ciano i rigori). si disputano tempi supplementari). I tempi supplementari si disputano
REGOLAMENTO DEI PLAYOUT
solo se le due squadre finaliste hanno
SEMIFINALI FINALE terminato il campionato con gli stessi Il play-out si disputa in gare di andata mero di punti nelle due gare; in caso I tempi supplementari si disputano
Risulta vincente la squadra che ha Risulta vincente la squadra che ha punti in classifica. e ritorno, con gara di andata sul campo di parità di punteggio, per determinare solo se le due squadre finaliste hanno
ottenuto il maggior numero di punti ottenuto il maggior numero di punti In caso di ulteriore parità si calciano i della squadra quart’ultima classificata la squadra vincente si tiene conto della terminato il campionato con gli stessi
nelle due gare (andata e ritorno; l’an- nelle due gare (andata e ritorno; l’an- rigori. al termine del campionato. Si salva la differenza reti. In caso di ulteriore pa- punti in classifica. In caso di ulteriore
data si gioca sul campo della peggio data si gioca sul campo della peggio squadra che ha ottenuto il maggior nu- rità, ottiene la salvezza la quint’ultima. parità si calciano i rigori.
1° GIORNATA 2° GIORNATA 3° GIORNATA
26 Ago 2017 20 Gen 2018 3 Set 2017 27 Gen 2018 9 Set 2017 3 Feb 2018
2-1 AVELLINO - BRESCIA 3-2 1-0 ASCOLI - PRO VERCELLI 0-2 1-2 ASCOLI - NOVARA 2-1
3-0 BARI - CESENA 1-1 0-0 BRESCIA - PALERMO 0-2 5-1 AVELLINO - FOGGIA 1-2
1-0 CARPI - NOVARA 0-1 0-0 CESENA - VENEZIA 0-1 0-2 BARI - VENEZIA 1-3
3-2 CITTADELLA - ASCOLI 2-1 3-1 CREMONESE - AVELLINO 0-0 1-0 CARPI - SALERNITANA 2-1
2-0 PALERMO - SPEZIA 0-0 3-2 EMPOLI - BARI 4-0 1-1 CITTADELLA - PERUGIA 3-1
1-0 PARMA - CREMONESE 0-1 1-1 FOGGIA - V. ENTELLA 2-1 3-3 PALERMO - EMPOLI 0-4
5-1 PESCARA - FOGGIA 1-0 2-1 FROSINONE - CITTADELLA 2-1 0-1 PARMA - BRESCIA 1-2
0-2 PRO VERCELLI - FROSINONE 0-4 0-1 NOVARA - PARMA 0-3 3-3 PESCARA - FROSINONE 0-3
1-1 TERNANA U. - EMPOLI 1-2 4-2 PERUGIA - PESCARA 2-0 1-4 PRO VERCELLI - CREMONESE 3-2
1-5 V. ENTELLA - PERUGIA 0-2 3-3 SALERNITANA - TERNANA U. 2-2 2-1 SPEZIA - V. ENTELLA 1-0
0-0 VENEZIA - SALERNITANA 2-3 0-1 SPEZIA - CARPI 1-2 1-0 TERNANA U. - CESENA 3-4

4° GIORNATA 5° GIORNATA 6° GIORNATA 7° GIORNATA 8° GIORNATA 9° GIORNATA


16 Set 2017 10 Feb 2018 19 Set 2017 17 Feb 2018 23 Set 2017 24 Feb 2018 30 Set 2017 27 Feb 2018 8 Ott 2017 3 Mar 2018 14 Ott 2017 10 Mar 2018
0-0 BRESCIA - PRO VERCELLI 0-0 0-1 ASCOLI - FROSINONE 0-2 3-0 BARI - TERNANA U. 2-1 0-0 ASCOLI - PALERMO 1-4 2-1 BARI - AVELLINO 2-1 3-3 ASCOLI - VENEZIA 0-1
3-1 CESENA - AVELLINO 1-1 1-1 AVELLINO - VENEZIA 1-3 2-2 BRESCIA - FOGGIA 2-1 3-2 AVELLINO - EMPOLI 1-1 1-0 CESENA - SPEZIA 2-1 2-3 AVELLINO - SALERNITANA 0-2
1-1 CREMONESE - CARPI 1-1 1-0 BARI - CREMONESE 1-0 0-2 CESENA - ASCOLI 1-2 2-1 BRESCIA - PERUGIA 0-2 3-3 CREMONESE - TERNANA U. 2-1 0-1 BRESCIA - NOVARA 1-2
3-0 EMPOLI - ASCOLI 2-1 1-3 CARPI - FOGGIA 0-3 0-0 CREMONESE - PESCARA 0-0 0-1 CARPI - PESCARA 1-0 3-1 EMPOLI - FOGGIA 3-0 2-1 CARPI - CESENA 0-0
1-1 FOGGIA - PALERMO 2-1 4-0 CITTADELLA - CESENA 1-0 0-1 EMPOLI - CITTADELLA 1-1 0-1 CITTADELLA - V. ENTELLA 1-0 2-1 NOVARA - FROSINONE 0-1 1-2 CITTADELLA - CREMONESE 1-1
3-2 FROSINONE - BARI 0-1 1-0 PALERMO - PERUGIA 0-1 1-2 NOVARA - AVELLINO 1-2 2-2 FOGGIA - NOVARA 1-0 1-1 PALERMO - PARMA 2-3 2-1 FOGGIA - PERUGIA 0-2
1-0 NOVARA - CITTADELLA 3-1 1-2 PARMA - EMPOLI 0-4 2-1 PALERMO - PRO VERCELLI 0-0 0-0 FROSINONE - CREMONESE 2-2 1-5 PERUGIA - PRO VERCELLI 2-0 0-0 FROSINONE - PALERMO 0-1
3-0 PERUGIA - PARMA 1-1 2-2 PESCARA - V. ENTELLA 0-0 1-0 PERUGIA - FROSINONE 3-1 2-2 PARMA - SALERNITANA 1-0 1-2 PESCARA - CITTADELLA 0-2 0-1 PARMA - PESCARA 4-1
2-2 SALERNITANA - PESCARA 0-1 1-1 PRO VERCELLI - SALERNITANA 0-0 2-0 SALERNITANA - SPEZIA 0-3 5-2 PRO VERCELLI - CESENA 2-2 0-0 SALERNITANA - ASCOLI 3-1 2-2 PRO VERCELLI - BARI 2-2
3-1 V. ENTELLA - TERNANA U. 1-0 1-0 SPEZIA - NOVARA 1-1 0-0 V. ENTELLA - CARPI 0-0 1-0 SPEZIA - BARI 1-1 3-0 V. ENTELLA - BRESCIA 0-0 4-2 TERNANA U. - SPEZIA 1-1
0-0 VENEZIA - SPEZIA 1-1 1-1 TERNANA U. - BRESCIA 1-3 0-1 VENEZIA - PARMA 1-1 2-3 TERNANA U. - VENEZIA 0-2 2-0 VENEZIA - CARPI 0-0 2-3 V. ENTELLA - EMPOLI 1-2

10° GIORNATA 11° GIORNATA 12° GIORNATA 13° GIORNATA 14° GIORNATA 15° GIORNATA
21 Ott 2017 17 Mar 2018 24 Ott 2017 25 Mar 2018 28 Ott 2017 29 Mar 2018 4 Nov 2017 7 Apr 2018 12 Nov 2017 14 Apr 2018 18 Nov 2017 17 Apr 2018
4-2 BARI - CITTADELLA 0-0 3-1 ASCOLI - SPEZIA 1-1 3-0 BARI - ASCOLI 0-1 1-2 BRESCIA - VENEZIA 2-1 0-2 ASCOLI - FOGGIA 0-3 1-1 BRESCIA - SPEZIA 1-0
3-3 CESENA - FOGGIA 1-2 1-0 AVELLINO - PRO VERCELLI 0-0 2-2 CESENA - NOVARA 0-1 4-2 CARPI - ASCOLI 0-2 0-0 AVELLINO - V. ENTELLA 1-1 5-3 EMPOLI - CESENA 3-2
2-0 CREMONESE - BRESCIA 1-1 2-1 BRESCIA - BARI 0-3 3-3 CREMONESE - PERUGIA 0-1 1-1 CITTADELLA - TENANA U. 1-5 1-0 BARI - PESCARA 2-2 1-1 FOGGIA - TERNANA U. 2-2
0-2 PALERMO - NOVARA 2-2 1-3 CARPI - PALERMO 0-4 2-0 PALERMO - V. ENTELLA 2-1 1-1 EMPOLI - SPEZIA 1-1 1-1 CARPI - BRESCIA 1-1 1-1 FROSINONE - AVELLINO 2-0
3-1 PARMA - V. ENTELLA 0-2 2-1 CITTADELLA - VENEZIA 1-2 2-0 PARMA - AVELLINO 2-1 2-3 FOGGIA - CREMONESE 4-0 3-3 CESENA - SALERNITANA 1-1 1-2 NOVARA - BARI 1-1
2-1 PESCARA - AVELLINO 2-2 3-1 EMPOLI - PESCARA 1-0 0-3 PESCARA - BRESCIA 1-2 2-1 FROSINONE - PARMA 0-2 1-2 CITTADELLA - PARMA 0-0 0-3 PALERMO - CITTADELLA 0-0
0-0 PRO VERCELLI - CARPI 0-2 0-3 FOGGIA - PARMA 1-3 1-4 PRO VERCELLI - FOGGIA 1-2 0-1 NOVARA - PRO VERCELLI 0-0 1-2 CREMONESE - PALERMO 1-1 4-0 PARMA - ASCOLI 1-0
1-1 SALERNITANA - FROSINONE 0-0 4-2 FROSINONE - TERNANA U. 0-0 2-1 SALERNITANA - EMPOLI 0-2 1-1 PERUGIA - AVELLINO 0-2 2-1 PRO VERCELLI - EMPOLI 2-3 5-0 PERUGIA - CARPI 2-1
4-2 SPEZIA - PERUGIA 0-3 2-3 NOVARA - SALERNITANA 0-1 0-0 SPEZIA - CITTADELLA 2-1 2-2 PESCARA - PALERMO 1-1 1-1 SPEZIA - FROSINONE 1-1 3-1 PESCARA - PRO VERCELLI 1-3
1-1 TERNANA U. - ASCOLI 1-2 0-3 PERUGIA - CESENA 1-1 0-0 TERNANA U. - CARPI 1-2 2-2 SALERNITANA - BARI 1-1 1-1 TERNANA U. - NOVARA 3-0 1-1 SALERITANA - CREMONESE 1-1
1-0 VENEZIA - EMPOLI 2-3 1-1 V. ENTELLA - CREMONESE 1-0 1-1 VENEZIA - FROSINONE 1-2 2-2 V. ENTELLA - CESENA 0-3 1-0 VENEZIA - PERUGIA 1-1 0-3 V. ENTELLA - VENEZIA 0-2

16° GIORNATA 17° GIORNATA 18° GIORNATA 19° GIORNATA 20° GIORNATA 21° GIORNATA
25 Nov 2017 21 Apr 2018 2 Dic 2017 28 Apr 2018 9 Dic 2017 1 Mag 2018 16 Dic 2017 5 Mag 2018 21 Dic 2017 12 Mag 2018 28 Dic 2017 18 Mag 2018
0-0 ASCOLI - CREMONESE 2-1 1-1 AVELLINO - CARPI 0-0 1-1 ASCOLI - V. ENTELLA 1-1 1-1 AVELLINO - ASCOLI 1-1 1-1 ASCOLI - PESCARA 1-0 2-1 AVELLINO - TERNANA U. 2-1
1-3 AVELLINO - PALERMO 0-3 2-0 BRESCIA - SALERNITANA 2-4 0-3 BARI - PALERMO 1-1 1-1 BRESCIA - CITTADELLA 2-2 0-0 BARI - PARMA 0-1 0-1 BRESCIA - ASCOLI 0-0
1-0 BARI - FOGGIA 1-1 1-0 CREMONESE - SPEZIA 0-1 4-2 CESENA - PESCARA 0-0 1-1 CARPI - FROSINONE 0-1 1-1 CESENA - PALERMO 0-0 0-0 CARPI - BARI 0-2
2-1 CARPI - PARMA 1-2 1-3 FOGGIA - CITTADELLA 1-3 2-2 CITTADELLA - AVELLINO 2-0 1-1 CREMONESE - EMPOLI 1-1 0-1 CITTADELLA - CARPI 1-1 1-0 CREMONESE - CESENA 0-1
1-0 CESENA - BRESCIA 0-0 3-3 FROSINONE - CESENA 0-1 1-0 EMPOLI - CARPI 0-0 2-2 FOGGIA - VENEZIA 1-2 1-1 EMPOLI - BRESCIA 2-0 1-2 FOGGIA - FROSINONE 2-2
2-1 CITTADELLA - SALERNITANA 3-1 1-1 NOVARA - EMPOLI 1-1 2-0 FROSINONE - BRESCIA 2-1 1-0 PALERMO - TERNANA U. 3-2 4-3 FROSINONE - V. ENTELLA 1-0 3-0 PALERMO - SALERNITANA 2-0
3-3 EMPOLI - FROSINONE 4-2 0+0 PALERMO - VENEZIA 0-3 1-1 NOVARA - CREMONESE 1-1 0-0 PARMA - CESENA 1-2 1-1 NOVARA - PERUGIA 1-1 0-0 PARMA - SPEZIA 2-0
1-1 PRO VERCELLI - V. ENTELLA 2-3 3-0 PARMA - PRO VERCELLI 0-1 1-1 SALERNITANA - PERUGIA 1-1 1-3 PERUGIA - BARI 1-3 0-3 SALERNITANA - FOGGIA 0-1 2-4 PERUGIA - EMPOLI 1-2
4-0 SPEZIA - PESCARA 2-3 1-0 PERUGIA - ASCOLI 2-2 1-0 SPEZIA - FOGGIA 1-2 1-0 PESCARA - NOVARA 1-1 1-0 SPEZIA - AVELLINO 0-1 1-0 PESCARA - VENEZIA 0-0
1-1 TERNANA U. - PERUGIA 3-2 3-3 PESCARA - TERNANA U. 3-0 1-1 TERNANA U. - PARMA 0-2 0-2 PRO VERCELLI - SPEZIA 1-5 4-3 TERNANA U. - PRO VERCELLI 1-2 1-2 PRO VERCELLI - CITTADELLA 0-2
1-3 VENEZIA - NOVARA 3-1 3-1 V. ENTELLA - BARI 0-1 1-1 VENEZIA - PRO VERCELLI 2-0 0-2 V. ENTELLA - SALERNITANA 0-1 1-1 VENEZIA - CREMONESE 1-5 2-1 V. ENTELLA - NOVARA 1-0
In Serie A
Testo di Cesare Barbieri - Foto LaPresse

Praticamente promosso, il Frosinone ha


subito un gol all’89’ che lo ha costretto
a giocare i playoff. Una prova durissima
per la squadra di Moreno Longo, che ha
saputo riprendersi e conquistare la Serie
A. L’allenatore, che ha già vinto uno
Scudetto con la Primavera del Torino,
parla del lavoro svolto in questa annata.
Frosinone «Per i play-off ho chiesto di fare
MORENOLONGO cose semplici, volevo una squadra
compatta perché serviva essere
tranquilli, sicuri, non dovevamo

I
l Frosinone centra in ritorno in Serie A al subire gli avversari.»
secondo tentativo e, la promozione, porta
la firma di Moreno Longo, nato nel 1976
nel giorno di San Valentino. Per alcuni Lon-
go è un predestinato e, visto che le opinioni
personali davanti ai numeri perdono di valore,
riepiloghiamo i risultati che ha ottenuto dal
2012 a oggi: Scudetto e Supercoppa Prima-
vera con il Torino; salvezza con la Pro Vercelli
e promozione in Serie A con il Frosinone. Per
avere un curriculum simile ci metterebbero
la firma in tanti… Allora partiamo proprio
dall’ultima annata. Quella che stava per con-
cludersi il 19 maggio e invece un gol di Flo-
riano, attaccante del Foggia, ha prolungato di
28 giorni.

E’ stato più difficile parlare ai giocatori


negli spogliatoi dopo la partita con il Fog-
gia oppure alla ripresa degli allenamenti?
«Dopo il 2-2 e il sorpasso del Parma siamo
rientrati negli spogliatoi vuoti di energie, non
parlava nessuno. Guardavo i miei giocatori
e vedevo sguardi persi nel vuoto, incredulità «La squadra era
generale. Il silenzio era irreale.»
praticamente quella
risposte ha avuto? passata con 74 punti, vanificato dallo scontro
Sguardi vuoti dell’anno passato, i diretto a favore del Verona; i 9 punti di vantag-
«Ho visto determinazione, voglia di vincere.
E alla ripresa degli allenamenti? giocatori se non fossero Prima di giocare le ultime quattro partite ave- gio sulla quarta, ricordo che se fossero stati 10
«Ci siamo allenati dopo tre giorni di riposo, stati uomini veri non vo chiesto di dare tutto, sapevamo che vincen- non si sarebbero giocati i play-off. E poi quel
prima di scendere in campo sono entrato nello avrebbero potuto reagire dole saremmo andati dritti in Serie A, purtrop- gol subito a poco dalla fine contro il Carpi, in
spogliatoio e ho detto che per conquistare la come hanno fatto.» po è arrivato quel 2-2 con il Foggia.» undici contro nove… Quanta forza e quanto
A sarebbe servita un’impresa. Mentre parlavo orgoglio servivano per affrontare i play-off. E
guardavo i ragazzi che ho allenato per una Paure e infortuni vincerli…»
stagione, dai loro sguardi cercavo di intuire lo avuto le risposte che ci attendevamo, così è Paura che qualcuno rivedesse i fantasmi
stato d’animo.» iniziato il lavoro sui singoli, per recuperare chi dell’anno scorso? L’infortunio a Daniel Ciofani, un giocatore
era più in difficoltà di altri. In questo devo dire «La squadra era praticamente quella dell’anno essenziale per voi, poteva essere devastan-
Hanno reagito come pensava? grazie alla società e allo staff, perché il lavoro passato, i giocatori se non fossero stati uo- te!
«Ognuno ha reagito a modo suo, in maniera psicologico da fare non era facile.» mini veri non avrebbero potuto reagire come «Daniel è un ottimo giocatore, ma è impor-
diversa, perché ognuno ha il suo carattere, la hanno fatto. Fantasmi? Beh, chiunque avreb- tantissimo anche perché in rosa non avevamo
sua sensibilità. Però devo dire che abbiamo Sul campo, durante le prime sedute, che be pensato al secondo posto della stagione nessun calciatore con le sue caratteristiche

12 13
Frosinone «La promozione è stata un’impresa
MORENOLONGO straordinaria, perché il pareggio del
Foggia poteva annientare tutto ciò che
era stato fatto.»

tecniche e fisiche, questo ha rappresentato «In queste situazioni dico sempre che la dif- Portogallo: qualcuno ha preferito guardare
un problema serio. Negli ultimi trenta metri ferenza la fa la disponibilità che ti danno i la partita da solo in camera, la maggior parte
abbiamo dovuto fare cose diverse, cambiare il ragazzi. Se c’è disponibilità da parte loro si si è ritrovata nella sala tivù. Abbiamo tifato e
modo di attaccare la porta. Però non avevamo può fare tutto. In questo il gruppo è stato commentato le varie giocate: il calcio è una
nessuno pure con le caratteristiche di Maiello fantastico, da parte nostra, intendo lo staff, si passione autentica, non ci si stufa mai di ve-
e Ariaudo, altri due giocatori che sono rimasti è sempre lavorato sui principi di gioco e quin- der partite. Questo vale per me e pure per i
fuori per un po’ di tempo.» di gli adeguamenti sono stati più semplici, an- ragazzi.»
che se cambiano le distanze in campo e si fan-
Prosegua… no ovviamente giocate differenti. Lavorare per La vittoria di tutti
«Ariaudo era il centrale della difesa a tre, tutti principi aiuta a velocizzare l’apprendimento.» Lei ha vinto uno scudetto Primavera, ma
noi dobbiamo dire grazie a Terranova che si è questa è gioia differente…
adattato a giocare al centro. Ha 31 anni, cer- Come ha impostato la squadra per i play- «Vincere è sempre difficile, non è mai scontato,
to è un calciatore esperto, però, lui abituato a off? quindi un successo a qualsiasi livello è sempre
giocare sul centro-sinistra, lo abbiamo impie- «Ho chiesto di fare cose semplici, volevo una motivo di grande soddisfazione e orgoglio, il
gato in un ruolo nuovo. Maiello era il regista, squadra compatta perché serviva essere tran- coronamento di un anno di lavoro. Lo scu-
in sue assenza abbiamo dovuto utilizzare due quilli, sicuri, non dovevamo subire gli avver- detto e la supercoppa con il Toro sono stati
mediani davanti alla difesa, cambiare le gioca- sari. Il mio timore era che se avessero creato momenti bellissimi, ma non sottovaluterei la
te. In pratica l’asse: difensore centrale, regista, qualche occasione si potesse andare in diffi- salvezza con la Pro Vercelli. Quella salvezza
prima punta ci è venuto a mancare per un po’ coltà. Nei play-off ogni singolo gol ha un peso equivaleva a uno scudetto, a una promozio-
di tempo.» enorme, per questo non potevamo permetterci ne, era l’obiettivo di una stagione di un club
il minimo sbandamento prolungato.» meno snervante? molto serio che non disponeva di un budget
Tattica, cuore e tivù «Negli ultimi due mesi abbiamo passato più stratosferico.»
Lei in questa stagione è stato costretto a Tra l’andata persa a Palermo e il ritorno di tempo in ritiro che a casa, quindi tutto ciò che
cambiare più volte sistema di gioco! Non Frosinone è iniziato il Mondiale. E’ servito alleggerisse le nostre giornate era benvenuto. La promozione con Frosinone?
un lavoro da poco… a rendere l’attesa della seconda partita Sì, il venerdì sera abbiamo seguito Spagna- «Un’impresa eccezionale, straordinaria,

14 15
Frosinone
MORENOLONGO

FINALE PLAYOFF
FROSINONE-PALERMO 2-0
52’ Maiello

Maiello, il gol da Serie A


Nel disegno di Carlo Tarantini, il gol promozione segnato da Maiello al 52’ della sfida di ritorno contro il Palermo. Una
rete bellissima che il centrocampista ricorderà a lungo.

perché il pareggio del Foggia all’89’ poteva «Felice, ma vuoto: l’annata è stata lunga,
annientare tutto ciò che era stato fatto fino a ma l’ultimo mese ha assorbito una quantità
quel momento. Da quando siamo arrivati, per incredibile di energie. Devo dire grazie ai ra-
far dimenticare la promozione svanita l’anno gazzi che sono andati in campo, alla società
precedente, abbiamo sul positivo e lo abbia- che ci ha messo nelle condizioni migliorare
mo fatto con tutti. La ferita c’era, era evidente, per lavorare e ai tifosi che ci sono sempre stati
l’avevamo rimarginata, ma c’era pure la possi- vicini. Qui tutti si sentono vicini alla squadra,
bilità che si riaprisse.» lo dimostrano i 17.000 spettatori che spesso
ci hanno seguito allo stadio… qui significa
Ora come si sente? tutto esaurito.»

16
DOSSIER
Testo di Gianluca Prudenti
Foto LaPresse e Getty Image

La B ha un numero di estimatori sempre


crescente e, quello di quest’anno è un vero
e proprio record. Al pubblico della stagione
di 462 partite, vanno aggiunti i 120.388 tifosi
che hanno seguito play-off e play-out per un
totale di 3.559.249 spettatori.
DOSSIER 3.559.249 56.925 338.539 758.020
Gli spettatori I tifosi che hanno seguito il Palermo Il campionato del tifo Il pubblico complessivo che ha assistito alle gare interne di
PUBBLICO complessivi al “Barbera” nelle due sfide playoff lo ha vinto il Bari Cremonese, Foggia, Parma e Venezia, le quattro neopromosse.

R
ecord: 3.438.861 è record, perché se
si esclude la stagione 2006-07 (quella
IN CAMPIONATO
che vide contemporaneamente in B 1 Bari 338.539
Juventus, Napoli e Genoa), mai tanti tifosi
avevano assistito al campionato. E per il ter- 2 Cesena 274.617
zo anno consecutivo hanno presenziato alle 3 Parma 268.814
462 partite più di 3.000.000 di spettatori, ai
4 Foggia 231.129
quali vanno aggiunti i 120.388 di playoff e
playout dove spesso si è giocato in stadi esau- 5 Frosinone 216.903
riti, a dimostrazione di quanto piacciano gli 6 Salernitana 194.649
scontri “dentro o fuori” che mettono in palio
una promozione in A e una salvezza. 7 Palermo 187.485
Una partecipazione di pubblico che attesta 8 Perugia 183.843
ancora una volta la crescita della B, un cam-
pionato che regala gol ed emozioni. Infatti, 9 Pescara 163.721
la bellezza del torneo è proprio nell’impre- 10 Cremonese 162.222
vedibilità delle gare: come più volte hanno
11 Brescia 150.914
sottolineato allenatori e giocatori, nella quasi
totalità dei casi si può vincere e perdere con- 12 Spezia 147.488
tro chiunque. L’assenza di partite dall’esito 13 Ascoli 119.542
praticamente scontato avvicina il pubblico, è entrato nella storia per aver ospitato il 29 allo stadio ci sono andati in 274.617. E, ana-
invoglia a seguire gli eventi sia che faccia cal- 14 Novara 118.544 maggio 1991 la finale di Coppa Campioni lizzando il rendimento della squadra, c’è da
do, sia che sugli spalti ci sia parecchio freddo. 15 Ternana 116.478 (Stella Rossa-Olympique Marsiglia vinta 5-3 dire che nel conseguimento della salvezza il
da Mihajlovic e compagni ai calci di rigore) pubblico ha avuto un peso determinante, vi-
16 Avellino 108.410
Sempre di più e la finale terzo e quarto posto di Italia ’90 ste le 11 sconfitte esterne e i 36 punti su 50
Così se due anni fa allo stadio ci andarono 17 Empoli 107.028 (nella quale battemmo l’Inghilterra per 2-1). in classifica conquistati nel fortino di casa.
3.050.662 spettatori e nella scorsa stagione A tanto pubblico, il Bari ha offerto un ottimo Anche a Parma la passione si è fatta sentire:
18 Venezia 95.855
il dato salì a 3.199.973 (in pratica 150.000 rendimento fatto di 13 vittorie in 21 partite, 268.814 spettatori hanno seguito il campio-
appassionati in più), i 3.438.861di quest’an- 19 Cittadella 79.065 che hanno fruttato 44 punti (solo l’Empoli nato della squadra di D’Aversa. Ma questa,
no rappresentano un vero e proprio boom, 20 Pro Vercelli 65.384 che ha vinto il campionato “per distacco” ha si sa, è una storia veramente speciale. Il fal-
perché tanta gente allo stadio dimostra ulte- fatto meglio nelle gare interne). limento di tre anni fa ha compattato città,
riormente come il mix calciatori giovani-cal- 21 Virtus Entella 55.457 tifosi, società e squadra rendendo possibile
ciatori esperti scelto dalle società sia vincen- 22 Carpi 52.774 Passione emiliano-romagnola un’impresa semplicemente eccezionale fat-
te. La salvezza è giunta solo sul filo di lana, ma ta di tre campionati consecutivi vinti. Salire
se si fosse giocato il campionato del tifo il dalla D alla A facendo percorso netto, non è
Il cuore di Bari Il club che ha venduto più Cesena sarebbe andato dritto spedito in scontato anche se ti chiami Parma.
La squadra più seguita è il Bari: al “San Ni- biglietti è il Bari: al “San Serie A. In Romagna, dove il ricordo della
cola” si sono registrate ben 338.539, ma si Nicola” si sono registrate squadra che entusiasmò negli Anni Settata si L’amore dei foggiani
sa, questa è una città che vive di calcio e, lo ben 338.539 presenze. fonde con quelli della grandeur di qualche Passione alle stelle anche a Foggia, per la B
stadio disegnato dall’archistar Renzo Piano anno fa (qui ha giocato pure Adrian Mutu), ritrovata e a Frosinone, dove l’obiettivo era

20 21
DOSSIER
PUBBLICO

PLAYOFF E PLAYOUT
1 Palermo 56.925
2 Frosinone 27.244
3 Venezia 11.257
4 Ascoli 10.360
5 Cittadella 10.237
6 Virtus Entella 4.365

A playoff e playout hanno


assistito in 120.388:
dimostrazione di quanto
piacciono gli scontri
“dentro o fuori” che
mettono in palio una
promozione e una salvezza.

tornare in Serie A. La squadra allenata da vero gioiello, impianto di proprietà del club.
Stroppa ai suoi 231.129 tifosi ha regalato gol Vicino a quota 200.000 la Salernitana sorret-
e spettacolo, con prestazioni nelle quali ha ta all’ “Arechi” da 194.649 spettatori.
mostrato un ottimo calcio e tanto orgoglio, Per concludere due curiosità: il Foggia è
ottenendo anche risultati impensabili come il stata la squadra più seguita in trasferta, nel
pareggio 2-2 con il Venezia con due reti se- “settore ospiti” dei vari stadi si sono acco-
gnate praticamente nel recupero. A Frosinone modati 24.409 paganti, mentre l’impianto
i 216.903 (ai quali ne vanno aggiunti 27.244 nel quale si sono recati più spettatori a se-
dei playoff) sono stati il premio per la società guire la propria squadra è quello di Cesena:
che ha iniziato la stagione nel vecchio “Ma- in 14.751 hanno sorretto la propri giocatori
tusa”, prima di passare al “Benito Stirpe”, un contro quelli di casa.

22
Le Neopromosse
PADOVA INTERVISTA AL PRESIDENTE ROBERTO BONETTO
Testo di Cesare Barbieri - Foto LaPresse

Promessa mantenuta

Il presidente Roberto Bonetto, quando lo scorso


campionato divenne numero uno del club, disse che
avrebbe lavorato per riconquistare la B in due o tre
anni. L’obiettivo è stato centrato al primo tentativo
e ora si lavora anche per realizzare un nuovo centro
sportivo per il settore giovanile.
Le Neopromosse
PADOVA

«
Noi volevamo fare di tutto
per costruire una squadra
in grado di vincere il cam-
pionato, poi per riuscirci serve
anche un po’ di fortuna. Sape-
vamo di non essere gli unici
ad avere l’idea di centrare la B
senza fare ricorso ai play-off,
poi a fine ottobre abbiamo ini-
ziato a correre e a distanziare
gli avversari.»
Sono parole di Roberto Bo-
netto, presidente del Padova Pierpaol Bisoli con Roberto Bonetto Presidente del Padova
da maggio dello scorso anno,
dopo essere stato amministra- (17 successi su 34 partite), ha tano, ha detto che è stato giugno dell’anno scorso quel- testa della classifica abbiamo re di centrare la promozione
tore delegato nella gestione perso meno delle altre (5 vol- colpito dalla sua determi- le parole potevano sembrare moltiplicato forze ed entusia- in B nell’arco di tre stagioni.
precedente, quella che ha tra- te), ha vantato la miglior dife- nazione al primo collo- un azzardo, in realtà era un smo, siamo addirittura arrivati Sa, qui a Padova, in molti ri-
ghettato il club dai giorni bui sa e il terzo attacco. Insomma, quio… grossa augurio a lui e a noi a più 9. Gli avversari erano va- cordano ancora le stagioni in
del fallimento e della Serie D anche i numeri fanno intuire «Beh, io e il direttore sportivo stessi.» lidi: Reggiana, Sud Tirol, Sam- Serie A e i campionati di ver-
alla quarta posizione in C del la bontà del gruppo. Giorgio Zamuner gli abbiamo benedettese, Feralpi…» tice in B. La cancellazione del
2016-17. Nella stagione da detto che volevamo vincere. Da un certo punto in poi il club nel 2014 è stato un colpo
poco conclusa, il Padova è sta- Presidente, ha detto che Che avrebbe lasciato la B per campionato non avuto sto- Quando si è insediato ave- durissimo per la città e i tifosi.
to in testa alla classifica per 26 volevate vincere. Qual è una stagione e che ci sarebbe ria… va dichiarato… E, mi creda, non c’è da sotto-
giornate, ha vinto più di tutti stato il primo tassello? tornato l’anno dopo. Certo, a «Da quando abbiamo preso la «Che avrei lavorato per cerca- valutare la promozione dalla
«La scelta dell’allenatore. Ab-
biamo puntato su Pierpaolo
«A Padova in Bisoli che aveva già vinto la B «Vorremmo
due volte a Cesena, aveva al-
molti ricordano realizzare un
lenato in A e aveva fatto bene
ancora le anche in altre città. Avere un nuovo centro
stagioni in Serie allenatore esperto era fonda- sportivo per
A e i campionati mentale: un campionato è il settore
di vertice in B. fatto di periodi esaltanti e di giovanile, il
La cancellazione settimane nelle quali non bi- nostro progetto
sogna farsi prendere dall’an-
del club è prevede: 7
sia perché i risultati non arri-
stato un colpo vano.» campi da calcio,
durissimo per la un ristorante e
città.» Squadra forte una foresteria.»
Nico Pulzetti, il vostro capi-

26 27
Le Neopromosse
PADOVA NICO PULZETTI:
«Convinti di vincere»
D al primo tentativo, quando
il presidente era Bergamin e io
Nico Pulzetti è il capitano del Padova, il primo determinazione la trovo dentro di me, però è
ero amministratore delegato.»
giocatore acquistato nella stagione della pro- innegabile che il pubblico e un bello stadio pie-
mozione. no aiutino moltissimo.»
Progetto giovani
Alessandro Del Piero è cre- «Ero a La Spezia e avevo offerte da club di B, ho Le differenze tra le due categorie?
sciuto nel vostro settore sempre girato parecchio, ma quando è arrivata «Ci sono differenze regolamentari nella
giovanile! la proposta del Padova mi sono fermato a riflet- composizione della rosa, in B un Under 23
«Alex è stato un calciatore uni- «Io vorrei uno tere. Abitiamo a Jesolo, ho un figlio piccolo… La è inserito nella lista giovani, in C, invece, in
co, vorremmo tanto crescerne stadio senza famiglia è stata più importante della categoria.» quella lista ci vanno i ragazzi fino a 21 anni.
un altro come lui… Però noi la pista, i tifosi Poi, ovviamente, ci sono differenze di natura
siamo contenti di aver fatto Come ti ha convinto il presidente Bonetto? tecnica.»
devono vedere «Lui e il diesse Zamuner mi hanno detto che
esordire quattro ragazzi nati
tra il 1997 e il 2000.»
la partita da avrebbero costruito la squadra per vincere, che Cioè?
vicino. La pista in B ci sarei tornato nel giro di un anno. Loro «C’è più agonismo, meno qualità. In B ogni av-
sono stati di parola ad allestire un’ottima squa- versario può batterti, in C tra le squadre c’è una
Nulla avviene per caso, allontana le dra e noi siamo stati bravi a tradurre sul campo differenza più marcata.»
vero? emozioni.» gli sforzi della società.»
«E’ vero! I nostri responsa- In C ci sono 5 sostituzioni, una tua valutazio-
bili e i nostri allenatori sono Come è stato l’impatto con la C? ne?
molto bravi. Noi come società a giocare se noi non mettiamo «Sergio Giordani è stato pre- «Alla prima di campionato abbiamo affrontato «Non è facile, perché spesso c’è parecchia
vogliamo costruire un nuovo a disposizione le strutture.» sidente del Padova, mentre il Renate a Meda, c’erano al massimo un differenza tra titolari e chi entra dalla panchina.
centro per il settore giovanile: l’assessore allo sport, Diego migliaio di persone. Io, la concentrazione e la Una differenza che in B non si percepisce in
sarà un investimento impor- Mi piacerebbe… Bonavina è stato il nostro ca- maniera così marcata, per dare un giudizio più
tante, ma vogliamo diventare Veniano allo stadio: il vec- pitano. Abbiamo interlocuto- esaustivo vorrei vedere applicata questa norma
in un torneo nel quale il valore dei calciatori
sempre più un punto di rife- chio “Appiani” non aveva ri che conoscono a fondo la
all’interno della rosa è quasi simile.»
rimento per il territorio e le la pista, l’“Euganeo” sì. Po- materia, ma devono rispettare
società della zona.» tendo scegliere? le priorità e fare gli interessi Sei un centrocampista con il vizio del gol. Hai
«Io vorrei uno stadio senza la della città. Noi, comunque, ottimi tempi d’inserimento…
Come lo immagina il nuovo pista, i tifosi devono vedere la siamo disposti a fare la nostra «Questo è un dono di madre natura, prevedere
centro sportivo? partita da vicino. La pista al- parte.» dove andrà la palla in area di rigore mi ha aiu-
«Il nostro progetto prevede: 7 lontana le emozioni.» tato parecchio nella mia carriera. Non segno
campi da calcio, un ristorante Presidente, passa più tem- moltissimo: in questa stagione ho realizzato 4
e una foresteria. I campi da Quindi? po in sede oppure nelle sue gol, due sono valsi la vittoria contro Pordenone
calcio dovranno essere molto «Stiamo parlando con il co- aziende? e Bassano.»
curati, uno degli obiettivi deve mune. Però, questo non è un «E’ più facile trovarmi al
Nico una doppia vittoria: sul campo con il Pa-
essere sviluppare e migliorare periodo nel quale le risorse Calcio Padova che nelle mie
dova e….
costantemente la tecnica, la a disposizione degli ammini- aziende, per fortuna mio fi-
«Vuoi dirmi che ho avuto anche la possibilità di
proprietà di palleggio è im- stratori locali abbondino.» glio Edoardo e il mio socio gustarmi la crescita di mio figlio Mattia? Allora
portante, ma non si può pre- Moreno Beccaro non si sono sì, una doppia vittoria.»
tendere che i ragazzi imparino Il sindaco cosa dice? ancora lamentati…»

28 29
Le Neopromosse
LIVORNO
Testo di Cesare Barbieri INTERVISTA AL DIRETTORE GENERALE: MIRCO PEIANI
Foto LaPresse e As Livorno Calcio-FotoNovi

La città batte un colpo

Con l’ingresso dell’imprenditore Mirco


Peiani, dopo trent’anni si rivede un
livornese in società. Oltre a rinforzare
la squadra per il campionato di B, si
punta su un nuovo centro sportivo e
sull’ammodernamento dello stadio.
Le Neopromosse «Miriamo a un rafforzamento del
LIVORNO settore giovanile: mi piace molto il
modello dell’Atalanta, vorrei che il
Livorno crescesse dei nuovi Chiellini.»

E
rano quasi trent’anni
che un livornese non «Assolutamente sì. Il settore
entrava a far parte del- giovanile è fondamentale per
la dirigenza del calcistico più una realtà come quella di Li-
prestigioso della città. Qual- vorno. Secondo me, però, il
che mese fa, poco prima della settore di un club, non deve
promozione in B da sogno si solo perseguire obiettivi tec-
trasformasse in realtà, Mirco nici, è importante l’aspetto
Peiani, labronico doc, ha ac- sociale. Questo avvicina ul-
quisito una parte delle quote teriormente il club alla città.
del capitale sociale, affiancan- Non dobbiamo mai dimenti-
do così il presidente Aldo Spi- care il nostro territorio.»
nelli e Marco Arturo Romano.
Peiani, imprenditore molto Mirco Peiani Direttore Generale Giovani e famiglie
conosciuto, è il fondatore del- Sono previsti lavori allo sta-
la “Uappala Hotels”, catena al- Quest’anno abbiamo deciso gnale! re nuovi Chiellini. Per questo dio?
berghiera che gestisce 18 hotel di fare un passo in più. La «Sì, e ora spero di poter es- Parliamo del progetto per presto inizieremo a costruire il «Sto tenendo i rapporti con
in tutta Italia e che a Livorno scelta è venuta in un momen- sere l’apripista, vorrei che ai il Livorno nuovo centro sportivo. I nostri il sindaco e la giunta, per-
ha una struttura d’eccellenza, to particolare della stagione: colori e al mondo amaranto «Il primo obiettivo sportivo è giovani hanno raggiunto per ché l’impianto, l’“Armando
il “Grand’Hotel Palazzo”. dopo il ko di Olbia e prima si avvicinassero anche altri quello della permanenza nella il secondo anno consecutivo Picchi” non è nostro, è co-
del derby vinto con il Pisa, imprenditori della città. Sono categoria appena riconquista- la finale scudetto del campio- munale. E’ da migliorare, c’è
Come è nata l’idea di entra- dissi a Spinelli: “Io ci sono”.» sempre stato appassionato di ta, la B. Inoltre, miriamo a un nato Berretti e lo scorso anno da modernizzare la struttura,
re nel Livorno? calcio, da ragazzo giocavo nei rafforzamento del settore gio- hanno vinto il tricolore.» servirebbe a far riavvicinare al
«Io e la mia catena alber- Giocavo con Allegri Portuali e avevo come compa- vanile: mi piace molto il mo- calcio chi si era disamorato. E
ghiera siamo stati vicini ai Un livornese nel Livorno gno di squadra Massimiliano dello dell’Atalanta e vorrei che Un settore giovanile sem- poi, dobbiamo far venire allo
colori amaranto per alcune dopo decenni… Un bel se- Allegri.» il Livorno potesse fare cresce- pre più forte, quindi? stadio famiglie e ragazzi.»
stagioni, facendo da spon-
sor e supportando la società. Il Presidente Spinelli come
ha vissuto la promozione?
«Con grande gioia. La retro-
«Da ragazzo cessione di due anni fa fu in-
giocavo nei giusta. Oggi è euforico e ha
Portuali e tanta voglia di fare. Il nostro
progetto prevede una crescita
avevo come
graduale e noi stiamo lavoran-
compagno do quotidianamente per que-
di squadra sto. Con l’entusiasmo della
Massimiliano nostra gente e una giusta pro-
Allegri.» grammazione, potremo fare
grandi cose.»
Andrea Sottil allenatore del Livorno

32 33
Le Neopromosse Mirco Peiani
DG del Livorno

LIVORNO
stringe la mano
a Igor Protti

IGOR PROTTI:
«Non eravamo i favoriti»

I
gor Protti a Livorno ha giocato 6 anni. Sei anni i frutti si sono visti al via, già alle prime giornate.
intensi con la promozione dalla C1 alla A e an- Vittorie e ancora vittorie, poi la luce si è spenta,
nessa salvezza. Protti in amaranto ha segnato abbiamo dovuto avvicendare l’allenatore, Sottil
125 gol in 282 partite di campionato e questo lo ha lasciato il posto a Foschi, ma anche qui dopo
ha fatto entrare (e rimanere) nel cuore dei tifosi. un buon inizio i risultati sono mancati.»
Oggi, il bomber è club manager, una sorta di cu-
scinetto tra la società, l’allenatore e i giocatori. In E avete richiamato Sottil!
un’azienda lo chiamerebbero “problem solver”. «Quando è tornato l’ho visto ancor più determi-
nato, negli occhi ho un’immagine:
La promozione è arrivata, ma il quando Doumbia ha segnato al
finale è stato mozzafiato… Pisa l’ho sentito cacciare un urlo
«Diciamo che nella prima parte che sapeva di rivincita, convin-
di stagione tutto filava via liscio, zione, determinazione, vittoria.»
poi c’è stata qualche sconfitta di
troppo, ma alla fine siamo stati A complicare la stagione c’è
bravi a reagire a conquistare la stato qualche infortunio…
promozione diretta. Un bravo va «Non volevo parlarne perché mi
pure al Siena che ci ha tenuto sembrava di mancare di rispetto
testa fino alla fine.» agli avversari che hanno saputo
rimontare i punti di ritardo, però
Sorpasso e è vero!»
controsorpasso
Avete avuto timore di essere Il gol di Luci
beffati come l’Alessandria lo Igor Protti Club Manager Oltre al gol di Doumbia al Pisa,
scorso anno? un altro momento della stagione
«Beh, quando il Siena ha operato il sorpasso un che vuoi ricordare?
po’ timore c’è stato, ma eravamo certi di avere «Contro il Pontendera eravamo in vantaggio 2-0,
un’ottima squadra e un gruppo solido. Anche i lo hanno pareggiato e la rete della vittoria l’ha
tifosi ci sono stati vicino: qui a Livorno gli ultras firmata Luci, capitano, ottimo giocatore, soprat-
vogliono che si sudi per la maglia e la squadra tutto un grande uomo!»
questo lo ha sempre fatto.»
Igor, quando il Livorno non segna vorresti ri-
Torniamo alla stagione… metterti i pantaloncini ed entrare in campo?
«Prima del via non eravamo tra i favoriti, la critica «Sì, avrei giocato fino a settant’anni. Il problema è
ci preferiva Pisa e Alessandria, ma anche Siena il fisico che a un certo punto ti dice stop. Vuoi sa-
e Arezzo sembravano esserci superiori. Così in pere se mi manca l’emozione di fare gol? Ti dico
estate abbiamo potuto lavorare in tranquillità e di sì. Ma è normale…»

34
Le Neopromosse
LECCE
Testo di Nino Maltese- Foto LaPresse INTERVISTA AL PRESIDENTE: SAVERIO STICCHI

Il purgatorio
è finito

Dopo sei anni trascorsi in C, il Lecce è


tornato in B. Il presidente Saverio Sticchi
alla seconda stagione a capo del club
ha costruito una squadra vincente e,
scegliendo Fabio Liverani per la panchina
si è assicurato un allenatore che ha fatto
fare il salto di qualità ai giocatori.
Le Neopromosse «Liverani si è dimostrato il nostro valore
aggiunto. Da quando è arrivato abbiamo
LECCE messo in fila 22 risultati utili consecutivi.»

S
ei anni di purgatorio
dopo la discesa all’infer-
no, ma oggi è in Paradi-
so. Il Lecce e i suoi tifosi han-
no centrato un obiettivo che
per molto tempo è apparso
come un sogno irrealizzabile,
quasi un tabù. In sei stagioni,
i salentini hanno disputato
quattro volte i playoff, gio-
cando anche due finali, sen-
za però riuscire a tornare in Saverio Sticchi
Presidente del Lecce
Serie B.
Fabio Liverani
La delusione è diventata rab-
bia agonistica sfogata in cam- l’urlo dei tifosi del “Via del pria squadra, nel segno delle «Lui si è dimostrato il nostro 40 anni. La squadra, inoltre, Guardando i numeri del
po e la società del presidente Mare”: immagino che re- emozioni vere.» valore aggiunto. Da quando ha espresso un buon calcio. campionato, la difesa con
Saverio Sticchi, dopo una steranno ricordi indelebili. è arrivato abbiamo messo in Insomma, va a lui una fetta sole 30 reti incassate è sta-
stagione quasi perfetta, con «Ho i brividi solo a ripensar- Con Liverani in panchina il fila 22 risultati utili consecu- importante dei meriti della ta il vostro miglior attacco. 
un solo, breve, periodo di ap- ci. Sugli spalti c’erano 24.000 Lecce è volato. tivi, conquistando 67 punti in promozione, così come al di- «Direi proprio di sì ma mi
pannamento, il 29 aprile ce persone e quella rete, ma an- 31 incontri: non accadeva da rettore sportivo Meluso che, sento di escludere dal conteg-
l’ha fatta. che il triplice fischio che ha in due anni, ha costruito un gio le 4 incassate nell’ultima
decretato la nostra promozio- gruppo vincente, ma sul se- gara col Monopoli. Eravamo
Sticchi, avete sfatato quel ne con una giornata di anti- rio.» quasi in vacanza e in campo
maledetto tabù… cipo, oltre ai festeggiamenti,
«Sono stati anni durissimi per segnano dei momenti indi-
la società, per i tifosi, per i menticabili per una città che
giocatori. Io sono alla guida si è raccolta attorno alla pro-
del Lecce da due anni e, for-
tunatamente, posso dire che
abbiamo centrato l’obiettivo
che ci eravamo dati, cioè la «Da quando
promozione attraverso la por- siamo arrivati
ta principale. Lo ritengo un noi la gente
risultato figlio della program-
ci ha dato
mazione che premia anche la
passione dei nostri tifosi.» dimostrazione di
affetto e di stima
Cambio di marcia incondizionata.»
con Liverani
Quel gol di Armellino e

38 39
Le Neopromosse
LECCE

c’erano tanti giovani. Per di


più, con Liverani in panchi-
na (subentrato alla quinta
giornata al dimissionario Ro-
berto Rizzo, n.d.a.) di reti ne
abbiamo subite 21. Il nostro
allenatore, da questo punto «Per quanto
di vista, ha messo a posto tut- possa avere

FABIO LIVERANI:
to, dando un’identità chiara e una vita
ben definita non soltanto alla
difesa, ma all’intera squadra:
professionale
appagante, la
nessuno ha potuto sottrarsi
alla fase difensiva.» promozione in «La difesa vince i campionati»
B mi ha fatto
Tifosi fantastici
T
provare una ra i grandi protagonisti della promozione una fase complicata.
Eppure ci sono stati alcu- gioia enorme, c’è l’allenatore Fabio Liverani, per cui il «Direi che è stato un momento di appannamen-
ni momenti, soprattutto presidente Sticchi ha speso parole d’elogio. to durante il quale la squadra ha iniziato a ve-
all’apice della cavalcata
diversa.»
dere i fantasmi degli anni precedenti. Io e il mio
del Trapani, in cui siete Mister, si aspettava queste dichiarazioni? staff abbiamo lavorato duro sotto il profilo psi-
sembrati in affanno… mentalmente.» monio come la B. Non nego, «Le rispondo dicendo che c’è un rapporto ecce- cologico. Alcuni ragazzi erano convinti che non
«Sì, è vero, c’è stata una fase però, che se dovessimo tro- zionale con lui e coi numerosi componenti della saremmo riusciti a farcela. Ma ci siamo sbloccati
in cui siamo andati in difficol- Quanto ha contato l’ap- varci in ballo non ci tirerem- proprietà. Un rapporto fatto di rispetto dei ruoli, e abbiamo ritrovato le certezze di qualche giorno
sintonia, confronto e schiettezza. Eppure, io che prima, anche grazie ai nostri tifosi.»
tà, un periodo con una serie porto dei tifosi? mo certo indietro.»
sono uno che vive molto a pelle le situazioni, ri-
di partite ravvicinate: in tutto «Da quando siamo arrivati
cordo che non scattò subito la scintilla durante La vostra difesa è stata davvero a prova di bomber.
3 in 8 giorni. Non sono an- noi la gente ci ha dato dimo- Presidente, ha metaboliz- il nostro primo incontro. Accadde il giorno suc- «Nel girone di ritorno abbiamo incassato soltan-
date benissimo. Dalle certez- strazione di affetto e di stima zato questo grande suc- cessivo e fu proprio il presidente a insistere per to 9 reti. Questo aspetto ha fatto la differenza. Le
ze acquisite fino a quel mo- incondizionata. Si sono ab- cesso? vederci nuovamente. Parlammo di tutto tranne migliori difese vincono i campionati.»
mento, siamo piombati nello bonati ben 8.000 tifosi direi «Lo sto facendo. Le dico che, che di aspetti contrattuali. Mi convinse così.»
sconforto, col timore di poter quasi al buio, prima ancora sotto il profilo emotivo, per Un grande traguardo anche per lei che dopo la
fallire la promozione un’altra che costruissimo un progetto. quanto possa avere una vita Il prossimo anno sarete insieme in B. salvezza con la Ternana ritorna in B.
volta. La tensione aleggiava Un credito di fiducia che spe- professionale appagante, ho «In alcuni momenti abbiamo respirato tensione «Dovremo ripartire da quello stadio pieno zep-
anche in città, ingigantita dal riamo di aver ripagato.» provato una gioia enorme, e ansia ma, alla fine, siamo usciti dal limbo. In- po di tifosi, durante l’ultima gara casalinga. Vorrei
peso degli obiettivi sfumati particolare. Una gioia che ho sieme abbiamo scritto una pagina di storia im- iniziare a lavorare già domani.»
portante, in un campionato difficile come la C
negli anni precedenti. Alla Adesso c’è la B. Gira voce condiviso con la città, con la
in cui trionfa una squadra sola, mentre le altre Cosa farà il Lecce?
fine è andata bene. Comun- che punterete diretta- squadra e con mia moglie che
sono costrette a passare dai playoff. Un grande «È presto per dirlo, dipenderà dagli investimenti
que, e lo dico sinceramente, mente ai playoff… non mi ha mollato per un se- successo che ripaga l’entusiasmo dei tifosi e gli che dovranno essere mirati. Con la proprietà ci
è stato un torneo molto emo- «In realtà il nostro obietti- condo. Spero di essere stato investimenti della proprietà.» sono sinergie, idee comuni. Abbiamo ancora del
zionante, con due eccellenti vo è preservare la catego- un presidente all’altezza di tempo per pensarci e un buon gruppo dal quale
antagoniste come Trapani e ria. Dopo sei anni come gli questa grande piazza, e di es- Durante la stagione siete riusciti a superare ripartire.»
Catania. Noi, però, proba- ultimi non può e non deve serlo ancora. Ho tanto da im-
bilmente eravamo più pronti accadere di perdere un patri- parare ma ce la metterò tutta.»

40 41
Le Neopromosse
COSENZA INTERVISTA AL PRESIDENTE: ERNESTO GUARASCIO

Il punto più alto


Testo di Gabriele Noli- Foto LaPresse

Nel 2011 il Cosenza è ripartito dai


dilettanti con una nuova società guidata
dall’imprenditore Ernesto Guarascio,
l’inizio di una scalata culminata con la
vittoria nella finale playoff di Serie C e il
ritorno in B dopo 15 anni.
Le Neopromosse
COSENZA

S
ono trascorsi sette anni
da quando Ernesto
Guarascio, fondatore di
un’azienda volta al recupero
e allo smaltimento dei rifiu-
ti, ha assunto la presidenza
della neonata società – la
Nuova Cosenza Calcio – chia-
mata a raccogliere l’eredità
lasciata dalla precedente,
esclusa dai campionati pro-
fessionistici a causa dei de- Piero Braglia
allenatore del Cosenza
biti. «Abbiamo raggiunto il
Ernesto Guarascio presidente del Cosenza
punto più alto», commenta
con contagioso entusiasmo volessero la promozione. Per termine del campionato, si è un ottimo quarto posto. Nel 2017, colpa della sconfitta re che il bilancio è positivo.
riferendosi alla vittoria per me sarebbe stato un successo aggiudicato gli spareggi, ma 2015 la conquista del primo con il Pordenone nei quarti Abbiamo stazionato due
3-1 nella finale play-off di in ogni caso, il calcio va il blocco dei ripescaggi ne ha trofeo nazionale, un anno dei play-off di Serie C, prelu- anni nei dilettanti per poi
Serie C contro il Siena a Pe- vissuto così». impedito il ritorno in Lega dopo il centenario del calcio dio a un cammino trionfale risalire progressivamente,
scara del 16 giugno, creden- Pro, concretizzato al termi- cosentino: la Coppa Italia culminato con l’epilogo più sino a vincere un trofeo e a
ziale d’accesso a una B che Una scalata ne della stagione seguente, Lega Pro (battuto il Como in gratificante, storia dell’ulti- prenderci una promozione
da queste parti mancava dal lunga sette anni a completamento dell’orga- finale). mo mese. più che meritata per quanto
2003. «Guardando i ragazzi Nel 2011 il Cosenza è ripar- nico della Seconda Divisio- La B è rimasta un deside- «Se mi guardo indietro, pos- mostrato in campo. La vo-
negli occhi si capiva quanto tito dalla Serie D. Secondo al ne 2013/14, conclusa con rio soltanto accarezzato nel so tranquillamente ammette- lontà di riportare il Cosenza

«Guardando «In un calcio


i ragazzi moderno
negli occhi si improntato
capiva quanto sulla ricerca
volessero la del risultato,
promozione. noi vogliamo
Per me sarebbe diffondere
stato un messaggi positivi.
successo in ogni Le persone che
caso, il calcio va hanno a cuore il
vissuto così.» Cosenza lo hanno
recepito».

44 45
Le Neopromosse
COSENZA

in B mi ha animato sin dal


primo giorno. Ed è accaduto,
finalmente».
Il presidente Guarascio ri-
percorre ogni tappa della
scalata della sua società. Se
le gode tutte, appieno. Come
le istantanee traboccanti di
(sovr)umana passione rega-
late da un popolo colorato
fuori e dentro di rossoblù,
durante i play-off, basti pen-
«La B
STEFANO TRINCHERA:
sare agli 11.000 spettatori
contro il Trapani, ai 20.000
contro il SudTirol (rispetti-
riabbraccia una
città accogliente
«Scritta una pagina di storia»
vamente quarti e semifinali, e appassionata,

N
disputati entrambi in casa) e apprezzata dai non è tutto: abbiamo lan- el giorno in cui Stefano Trinchera debut- imputati quando i risultati sono lontani da quelli
agli oltre 10.000 presenti a ciato un bel segnale». E con tava in Serie A – 29 agosto 1993, Lecce-Mi- sperati.
giocatori che ci lan 0-1, Nedo Sonetti gli aveva assegnato «Quando accade, occorre rimanere calmi e con-
Pescara nella partita decisi- esso molti giovani, promet-
va. «I tifosi ci hanno sostenu-
sono passati. A l’ingrato compito di marcare Jean-Pierre Papin servare lucidità. Vincere è bello in ogni caso, ri-
tenti e di talento, capaci di
to con ardore, riconquistare chi va la dedica? mostrare il meglio di sé nella
– il Cosenza, la squadra di cui è adesso diretto- uscirci da dirigente ha una valenza particolare,
re sportivo, si imponeva grazie a un gol di Fabris perché le responsabilità a cui far fronte sono di-
la loro fiducia non era sem- Alla Calabria. Se fase più rovente della stagio- nel prologo di B, campionato che i calabresi riab- verse, soprattutto quando si è consapevoli di po-
plice. Alcuni giorni fa uno la merita e ne ha ne. «Continueremo su questa bracciavano dopo quindici anni. ter sbagliare poco o nulla in una piazza con gran-
storico sostenitore mi ha bisogno». linea anche in B, pur essen- Il collegamento tra l’esordio nella massima serie dissime aspettative. Mi ritengo fortunato, sono
confessato: “Seguo il Cosen- do questo un campionato e la finale del playoff di C contro il Siena esiste ed approdato a Cosenza in punta di piedi, godendo
za da 50 anni, ma anche nei diversissimo dalla C», dove è idealmente identificabile: «Con l’emozione che della piena fiducia del presidente, che mi ha la-
momenti buoni serpeggiava organizzazione, rigore sui non mancheranno gli incro- provoca una giusta dose di ansia». Ma con una sciato lavorare in autonomia. Non è facile trovare
un po’ di delusione. Non ho conti, impegno nel sociale: ci con tante formazioni del differenza sostanziale: «Da giocatore non dipendi un ambiente del genere. Ovviamente ogni scelta
mai visto giocare la squadra sono aspetti che ci contrad- Sud: Avellino, Benevento, da nessuno, solo da te stesso. Da dirigente, inve- è stata compiuta in condivisione».
con così tanta convinzione”. distinguono. In un calcio ce, sei nelle mani, o meglio nei piedi, di chi scen- Come, ad esempio, quella del cambio di allena-
Crotone, Foggia, Palermo,
Queste sono le soddisfazioni moderno improntato sulla de in campo. In quei frangenti ti senti impotente. tore: a settembre la società ha esonerato Fonta-
«Anche se il vero derby sarà
Eppure a Pescara, dopo una ventina di minuti na, sostituendolo con Braglia, tra i principali ar-
che ci ripagano degli sforzi ricerca del risultato, noi vo- con la Salernitana», confessa dal fischio d’inizio, mi sono tranquillizzato per- tefici dell’approdo in B e già confermato per la
compiuti». gliamo diffondere messag- Guarascio. ché la squadra ha mostrato una forza enorme». prossima stagione. «Eravamo assieme a Lecce nel
gi positivi. Le persone che «La B riabbraccia una città È stato un difensore con l’abitudine a segnare, 2015, questo mi ha agevolato nella decisione. Lo
Modello virtuoso hanno a cuore il Cosenza accogliente e appassionata, Trinchera. Considerato un leader carismatico ritenevo l’allenatore ideale per noi».
C’è un legame a doppio filo, lo hanno recepito. Abbiamo apprezzata dai calciatori che perché: «Nei momenti difficili ci mettevo sem- Che l’impressione fosse giusta, lo ha sentenziato
secondo Guarascio, tra la ge- ottenuto la promozione a ci sono passati. Qui si respi- pre la faccia. E questo mi ha aiutato nella fase il campo: «Ottenere una promozione a Cosenza
stione societaria e i risultati. discapito di club che hanno ra calcio vero. A chi va la iniziale della carriera da direttore sportivo», figura non è come farlo altrove, abbiamo scritto una pa-
«Rispetto delle regole, tra- speso tre o quattro volte più dedica? Alla Calabria. Se la solitamente tra le prime a salire sul banco degli gina significativa di storia del club».
sparenza, programmazione, di noi. Il denaro conta, ma merita e ne ha bisogno».

46 47
Il Ritratto
ALESSANDRO LUCARELLI
Testo di Gabriele Noli - Foto LaPresse e Parma Calcio

Dopo le tre promozioni consecutive dalla


D alla A con il Parma, che ha ritirato la
“sua” maglia numero 6, alla soglia dei 41
anni Alessandro Lucarelli ha dato l’addio
al calcio. Circondato dall’affetto del
popolo gialloblù, del fratello Cristiano e
degli amici, nonché ex compagni Gobbi e
Valiani. Che ce lo raccontano così...
Il Ritratto
ALESSANDRO LUCARELLI


Abbiamo tutti voglia di riportare quan- dro. Non come giocatore, comprovato da una
tomeno il Parma in Lega Pro, poi dire in carriera di alto profilo lunga più di vent’anni
Serie A, nel mio caso, per l’età avanzata, (“Anche se avrebbe meritato una possibilità in
mi sembra un po’ eccessivo. Però finché potrò un club d’élite”, ci tiene a precisare Cristiano),
dare una mano, sicuramente ci sarò”. ma come uomo.
Queste parole Alessandro Lucarelli le pro-
nunciò subito dopo il successo (0-1) degli Sempre al tuo fianco
emiliani ad Arzignano, comune nel vicen- Massimo Gobbi ha disputato cinque stagio-
tino di 25.000 anime, al battesimo in Serie ni al Parma, dal 2010 al 2015, tutte con Luca-
D, campionato che lui, abituato a “prendersi relli. “Assieme abbiamo vissuto gioie e dolori,
cura” non di onesti mestieranti del gol ma di come l’estromissione dall’Europa League e il
affermati attaccanti, mai aveva contemplato. fallimento. E’ proprio nei momenti di difficol-
Che fosse una profezia o un auspicio reso di tà che ti rendi realmente conto se un rapporto
pubblico dominio, poco importa. Aveva ragio- si rafforza o si sgretola. Ha dimostrato di es-
ne, quello sì. Era il 6 settembre 2015, il primo sere un capitano vero, di avere gli attributi. In
cenno di rinascita dopo il fallimento del club ogni occasione ci ha messo la faccia”.
ducale. Uno difensore centrale, l’altro terzino. Com-
“Tre anni fa gli dissi di smettere, non sarebbe pagni di battaglie dentro e fuori dal campo.
stato facile affrontare squadre sconosciute in MASSIMO GOBBI “Di fianco a lui sono cresciuto, ho imparato
campi proibitivi, sapendo che quando avreb- ad assumermi maggiori responsabilità seguen-
bero giocato contro Lucarelli avrebbero qua- «Di fianco a lui sono do il suo esempio. Non mi stupisce il calore
druplicato le forze. Per fortuna non seguì il
mio consiglio”. Cristiano - ora che suo fratello
cresciuto, ho imparato della gente, se lo merita tutto. E’ un eroe. Lo
certifica la storia, non io. Ha compiuto qual-
ha dato l’addio al calcio - ci scherza su sapen- ad assumermi cosa che per molti può apparire scontato, ma
do però bene che in quel periodo di motivi per che non lo è affatto”. Un risultato sportivo,
rallegrarsi non ve ne erano. A 38 anni Ales- maggiori responsabilità quello della tripla promozione del Parma
sandro avrebbe potuto mollare, ma il senso
di rivalsa che nutriva dentro di sé fu più forte.
seguendo il suo dalla D alla A, consegnato alla storia del cal-
cio italiano e non solo. Rarissimo. “Come le
Dell’inesorabile scorrere del tempo e dei segni esempio. Non mi amicizie che si riescono a formare in questo
che talvolta lasciava, del pericolo di accettare ambiente. Si contano sulle dita di una mano,
una sfida impossibile per molti, non per lui. stupisce il calore quando le trovi però sai che possono durare
Che adesso sul braccio sinistro ha tatuata la
fascia di capitano con il numero 6 – maglia
della gente». per sempre”. E che, per i giocatori, è inevita-
bile alimentare nello spogliatoio, una seconda
che la società ha deciso di ritirare, in tributo casa. Dove è emerso l’altro lato di Lucarelli.
alla sua icona – e sotto le date delle tre promo- “Ha saputo creare un clima sereno e coinvol-
zioni in sequenza: 17 aprile 2016, 17 giugno festa a sorpresa - novembre scorso - organiz- gente, senza mai perdere la voglia di ridere e
2017 e 18 maggio 2018. C’è una foto che zata dalla moglie Cristiana in un ristorante fare battute”. Da buon livornese. Adesso i due
ritrae Lucarelli in mezzo a Massimo Gobbi e cittadino a celebrazione del record di presenze si vedono meno “Ma quando accade, sembra
Francesco Valiani, ex compagni di squadra e con la maglia gialloblù. Ed è proprio dai loro che sia trascorso appena un giorno dalla vol-
prima ancora strettissimi amici: ricordo della ripassi verbali che risalta il valore di Alessan- ta precedente. Ci scambiamo spesso messaggi

50 51
Il Ritratto
ALESSANDRO LUCARELLI

vocali, ci chiediamo come stiano i figli e scher-


ziamo pure in quelle circostanze”.

“Nespola”
Livorno è la città in cui Lucarelli è nato. La
maglia amaranto – da lui indossata per una
sola stagione, 2004/05 – è quella con cui
Francesco Valiani ha recentemente ottenuto
la promozione in Serie B.
I due hanno giocato assieme due anni e mez- CRISTIANO LUCARELLI
zo, da gennaio 2010 a giugno 2012. Il quan-
do è necessario da specificare, il dove è pleo- «Alessandro mi ha
nastico. Se è vero però che repetita iuvant, non
cadremo in errore nel rimarcare che un altro
sbalordito. E sono
dei legami più saldi Alessandro lo ha costruito ammette di aver assistito volutamente da lon- pochissimi giorni dopo la rottura del menisco, felice, perché si è
sempre a Parma. “Nespola”, si divertiva – ed tano – e non direttamente – alla festa promo- a 40 anni, è stato emozionante e ha conferma-
è così tuttora – a chiamarlo l’amico Valiani. zione del Parma in A “Perché ho pensato a ciò to che spesso i successi si conquistano per le guadagnato la ribalta
“Io invece ero “Nespolina”. Sono soprannomi che hanno passato i ragazzi in questo triennio, doti morali, non tecniche”.
nati così, spontaneamente”. Al punto da coin- era giusto che la scena se la prendessero loro”.
che gli spettava»
volgere anche il figlio di Francesco, “Nespoli- Lucarelli in particolare. “Rivederlo in campo Mio fratello
no”. Nomignoli a parte, l’affinità caratteriale Gli amici sono la famiglia che ti scegli, si
riscontrata abbraccia svariate situazioni, dalla dice. E poi ci sono i fratelli veri, di sangue. al “gabbione” (campo di calcetto con vista sul
preparazione delle partite alla gestione delle Cristiano Lucarelli, due anni più grande ri- mare, irrefrenabile passione estiva dei livorne-
criticità. “Io e lui siamo molto simili. Sino a spetto a Alessandro, gioisce per lui. Con lui.
5’ dal fischio d’inizio Alessandro appariva di-
FRANCESCO VALIANI Mettendo da parte la comprensibile delusione
si. I Lucarelli, in tal senso, non fanno certo ec-
cezione n.d.a.)”. Affettuosa goliardia che non
steso e di buon umore, poi di colpo mostrava «Io e lui siamo per l’eliminazione nella semifinale play-off di annulla i complimenti, genuinamente sinceri,
un’altra faccia, come se stesse indossando una Serie C patita dal suo Catania contro il Siena. “Per l’umiltà messa al servizio della squadra,
maschera speciale. Tutto con innata disinvol- molto simili. Sino a “E’ il simbolo di un’impresa straordinaria, nel in terreni che gridavano vendetta”. Secondo
tura. Ci ho messo un attimo a capire che era 5’ dal fischio d’inizio momento in cui si è sentito responsabilizza- Cristiano, Alessandro “A Parma ha raggiunto
una persona come quelle che piacciono a me”. to, percependo attorno a sé stima e affetto, ha la dimensione ideale, qui sono nati due dei
E nonostante tre campionati nei quali il Parma Alessandro appariva dato il meglio. Mi ha sbalordito. E sono felice, suoi tre figli”. Ma ce lo vedrebbe come alle-
aveva centrato la salvezza con largo anticipo,
qualche turbolenza si è susseguita. “Non c’era
di buon umore, poi perché si è guadagnato la ribalta che gli spet-
tava, prima capitava che potessi avere io mag-
natore? “Onestamente no. Come dirigente o
uomo immagine della società, sì”.
bisogno di numeri 10, bensì di gente di so- mostrava un’altra giore visibilità per il fatto che i gol li segnavo Il tempo per decidere cosa fare del proprio do-
stanza, che bastava guardarla negli occhi per mentre lui doveva evitare di subirli”. Con- mani non mancherà al più piccolo dei Lucarel-
trovare le risposte. Si era creata una sintonia faccia, come se trapposizione di ruoli che ha caratterizzato il li, come quello per ripensare a quanto dato al
con Gobbi, Paletta, Giovinco, ma specialmen- indossasse una loro legame, sempre col sorriso stampato sui calcio e da esso ricevuto. “Guai, comunque, a
te con Ale. Anzi, tra noi c’era una vera e pro- rispettivi volti, anche se in diverse occasioni si vivere di rimpianti – ammonisce Cristiano – e
pria empatia. Persino il tempo comico coinci- maschera speciale» sono ritrovati di fronte, l’uno contro l’altro. “E poi è meglio essere un generale in Corsica che
deva. Le mie sensazioni erano giuste”. Valiani ce le davamo “di santa ragione”, proprio come un maresciallo in Francia”.

52 53
Testo Gianluca Prudenti

FROSINONE 762 GIORNI DOPO


Fallito lo scorso anno l’immediato ritorno in Serie A, il club del presidente Stirpe riconquista il campionato che ha
assaporato per una sola stagione. Svanita la promozione all’ultimo minuto della stagione regolare, la squadra di
Moreno Longo ha saputo reagire e, dopo aver eliminato il Cittadella, ha affrontato in finale il Palermo. Due sfide
tiratissime, giocate in stadi praticamente esauriti. Di Maiello e Ciano i due gol che entrano nella storia.
TURNO PRELIMINARE

Cittadellla 2-2 Bari Venezia 3-0 Perugia


Marcatori: 30’ Stulac, 74’ Modolo, 83’ Pinato
Marcatori: 51’ Galano (B), 59’ e 69’ Bartolomei (C), 88’ Nené (B)
CITTADELLA Arbitro: Ghersini di Genova BARI VENEZIA Arbitro: Abbattista PERUGIA
4-3-1-2 Espulsi: 114’ Gyomber (B), 117’ Brienza (B), 119’ Sabelli (B) 4-3-3 3-5-2 3-5-2
Il Venezia non vuole rischiare nulla e ci prova al 18’ con
Alfonso Micai Audero Leali
Nel primo tempo è il Bari a provarci con più convinzione, Suciu, il tiro però è debole; irrompe sulla scena Diamanti,
Salvi Sabelli Andelkovic Magnani
ma il meglio la gara lo riserva nella ripresa. Al 51’ Tello si ma Audero respinge per due volte. Al 30’ il gol di Stulac:
Varnier (63’ Cissé) Modolo (87’ Belmonte)
Adorni scontra con Varnier che rinvia sui piedi di Galano: rasoterra Gyomber Domizzi schema su calcio d’angolo e dai 25 metri lo sloveno calcia Del Prete
Benedetti e palla in rete. Il Cittadella reagisce e segna due reti tra Marrone Bruscagin nel “sette”. Nel finale chance per il Perugia: Cerri calcia sul Volta
(107’ Pezzi) il 59’ e il 69’, con Bartolomei. Il centrocampista prima va Balkovec Stulac primo palo, Audero resta in piedi e si salva con la mano Palac
Bartolomei in rete su punizione (tiro fortissimo sul quale Micai non Basha Falzerano aperta. Diamanti
Iori può intervenire), poi insacca dal limite con un destro sul Henderson (81’ Fabiano) Il secondo tempo si apre con Stulac che calcia sull’esterno Colombatto
Settembrini secondo palo. Tutto fatto per il Cittadella? No, perché il Bari Tello Suciu della rete, mentre al 64’ Bonaiuto di testa spreca il pareggio. (46’ Gustafson)
Schenetti pareggia con Nenè a 2’ dalla fine: il brasiliano crossa da Iocolano (67’ Pinato) Il 2-0 giunge al 74’: su azione d’angolo Leali mura Giejo, Bianco
Vido destra, Alfonso va male sulla palla spingendola oltre la linea (64’ Brienza) Garofalo Modolo calcia e fa esplodere di gioia il “Penzo”. Il Venezia la (72’ Terrani)
(78’ Strizzolo) (poi arriverà Brienza a ribadirla ulteriormente in gol). Nei Galano Litteri chiude all’83’: è Pinato a fare 3-0 in contropiede, mentre in Buonaiuto
Kouame supplementari le due squadre sono stanche: il Cittadella (75’ Floro Flores) (70’ Zigoni) pieno recupero Terrani colpisce il palo interno. Cerri
(87’ Pasa)  controlla, mentre il Bari è nervoso e termina la partita in 9. Nené Geijo Di Carmine
All. Venturato Nel finale Micai salva due volte su Strizzolo: è 2-2. All. Grosso All. Inzaghi All. Nesta

56 57
SEMIFINALI ANDATA

Cittadella 1-1 Frosinone Venezia 1-1 Palermo


Marcatori: 17’ Paganini (F), 43’ aut. Brighenti (F) Marcatori: 53’ La Gumina (P), 57’ Marsura (V)
CITTADELLA FROSINONE VENEZIA PALERMO
Arbitro: Piccinini Arbitro: Chiffi di Padova
4-3-1-2 3-5-2 3-5-2 4-4-2

Alfonso Il Cittadella manca il gol in avvio di partita con Strizzolo e il Vigorito Audero Inizio promettente con Pomini che para un tiro di Del Pomini
Salvi Frosinone passa al 17’ al primo tiro in porta: corner di Ciano Ciofani Andelkovic Grosso (3’), mentre Audero respinge su Trajkovski (5’) e Litteri Rispoli
Adorni dalla destra, Paganini dopo un rimpallo con Salvi si trova Terranova Modolo di testa sbaglia su cross perfetto di Del Grosso al 9’. Quando Bellusci
Varnier la palla tra i piedi e segna. I veneti vogliono il pareggio, ma Brighenti Domizzi al 18’ Audero vola a deviare sulla parte alta della traversa una Rajkovic
Pezzi Kouamé fallisce una buona opportunità, al 30’ il Cittadella Paganini Bruscagin punizione di Trajkovski, la verve offensiva delle due squadre Aleesami
Bartolomei quasi regala un gol: Varnier serve il portiere dopo un’uscita (46’ Krajnc) Stulac si spegne. Nalla ripresa Murawski prova a sorprendere Murawski
Pasa bassa e Adorni in scivolata sulla linea di porta impedisce Konè Falzerano Audero. Il gol di La Gumina arriva al 53’: passaggio perfetto Jajalo
Settembrini a Paganini di fare 0-2. Per il Frosinone ci sono altre due Gori Pinato di Jajalo e l’attaccante calcia in solitudine. Un destro di Fiordilino
(80’ Iori) occasioni per segnare, ma Ciano e Sammarco (tiro salvato Sammarco (82’ Fabiano) Trajkovski spaventa il Venezia al 55’, ma poco dopo Pinato (67’ Gnahorè)
Chiaretti sulla linea da Pezzi) non concretizzano. Il “Citta” reagisce (76’ Chibsah) Del Grosso serve Litteri che tocca per Marsura, tiro deviato da Rajkovic: Trajkovski
(86’ Lora) Crivello Litteri (86’ Nestorovski)
e pareggia: Strizzolo in area appoggia all’indietro per 1-1. Al 66’ Bellusci salva sulla linea: punizione di Stulac,
Kouame Dionisi (70’ Geijo) Moreo
Chiaretti, è il diagonale dell’1-1, perché Brighenti devia la piattone di Domizzi e quando la palla sta entrando, il
(68’ Vido) (88’ Citro) Marsura (70’ Coronado)
Strizzolo
palla in porta. Nel secondo tempo il ritmo crolla e l’unica Ciano (79’ Zigoni) difensore salva i suoi. Entra Coronado e ci prova due volte, La Gumina.
occasione è per il Cittadella, ma Adorni che devia una ma il rischio maggiore Audero lo corre all’84’: Modolo perde
All. Venturato punizione mette fuori. All. Longo All. Inzaghi All. Stellone
palla e il portiere deve chiudere su Coronado lanciato a rete.

58 59
SEMIFINALI RITORNO

Frosinone 1-1 Cittadella Palermo 1-0 Venezia


Marcatori: 48’ Gori (F), 75’ Kouamé (C) Marcatore: 5’ aut. Domizzi (V)
FROSINONE CITTADELLA PALERMO Arbitro: Aureliano VENEZIA
Arbitro: Nasca
3-4-1-2 4-3-1-2 4-3-2-1 3-5-2
Note: 92’ espulso Varnier (C) Note: 81’ espulso Pinato (V)
Vigorito Alfonso Pomini Audero
M. Ciofani Finisce 1-1, ma quando c’è di mezzo il Frosinone un po’ di Salvi Rispoli Il Palermo vince e conquista la finale. La squadra di Stellone Andelkovic
Terranova suspence non manca mai. Infatti, il pareggio a 15’ dalla fine Adorni Bellusci rompe subito l’equilibrio, Domizzi al 5’ è sfortunato e infila Modolo
Krajnc ha evocato una serie di spettri, che la squadra di Moreno Varnier Rajkovic la sua porta. Il Palermo cerca il raddoppio, ma Audero (60’ Litteri)
Matarese Longo è stata brava a far svanire chiudendo ogni corridoio Benedetti Aleesami salva sul tiro di Murawski (17’) prima e su quello di Rispoli Domizzi
(84’ Frara) con attenzione, senza rischiare di subire la rete che Bartolomei Gnahoré al 36’. In apertura di ripresa ci prova Modolo di testa Bruscagin
Chibsah sarebbe costata l’eliminazione. Dopo un primo povero di Iori Jajalo (48’), ma Pomini è bravo a rispondere. Portiere rosanero Fabiano
Gori emozioni (ai padroni di casa andava bene così): un tiro di Lora Murawski straordinario sulla conclusione da vicino di Geijo al 64’. Nel (56’ Falzerano)
Crivello Gori e un cross di Bartolomei sul quale non arriva Strizzolo, (58’ Chiaretti) (80’ Fiordilino) finale il Venezia resta in 10: rosso diretto per Pinato che si Stulac
Soddimo la ripresa è ben più prodiga. Al 48’ Gori, che è nato a una Schenetti Coronado abbatte Jajalo. Nel finale il Palermo potrebbe raddoppiare, Pinato
(67’ Koné) manciata di chilometri dallo stadio, segna su un’azione (70’ Arrighini) Trajkovski perché La Gumina si procura un rigore (fallo di Domizzi) Garofalo
Ciano che parte di sinistra, cross di Soddimo e rimpallo favorevole Vido (76’ Rolando) che fallisce. Il Palermo è in finale, il pubblico sogna. Geijo
Dionisi al centrocampista: tiro e deviazione di Lora per l’1-0. Al 75’ Strizzolo La Gumina. (86’ Zigoni)
(71’ Citro) (54’ Kouamé) All. Stellone Marsura
Kouame pareggia con un diagonale imparabile per Vigorito,
All. Longo negli ultimi 15’ il Cittadella ci prova senza risultato. All. Venturato All. Inzaghi

60 61
FINALI

Palermo 2-1 Frosinone Frosinone 2-0 Palermo


Marcatori: 5’ Ciano (F), 45’ La Gumina (P), 81’ aut. Terranova (F) Marcatori: 52’ Maiello, 96’ Ciano
PALERMO Arbitro: Chiffi
FROSINONE FROSINONE Arbitro: La Penna
PALERMO
3-4-1-2 3-5-2 3-4-1-2 3-4-1-2

Pomini Al “Barbera” erano accorsi in trentamila, quasi fosse una Vigorito Vigorito Il Frosinone raggiunge Empoli e Parma, mentre il Palermo è Pomini;
Dawidowicz partita del Palermo di Toni o una partita di Europa League. M. Ciofani Brighenti costretto a un altro anno in B. Questo è il sunto della serata del Dawidowicz
Struna Ma dopo 5’ il Frosinone è già in vantaggio: Ciano inventa Terranova Terranova “Benito Stirpe”, dei play-off, di una stagione entusiasmante per (8’ Szyminski)
(76’ Szyminski) una traiettoria dalla trequarti che si spegne sotto il sette. Kranjc Krajnc gol segnati e pubblico che ha frequentato gli stadi. Più che una Struna
Rajkovic Il Palermo (che all’8’ aveva reclamato un rigore) preme Paganini M. Ciofani partita, quella tra Frosinone e Palermo è stata a lungo una corrida, Rajkovic
Rispoli e il Frosinone si chiude: al 15’ Nestorovski per La Gumina (62’ Frara) Gori un confronto giocato più sui nervi che sulla tecnica: falli, proteste, Rispoli
(68’ Trajkovski) solo davanti al portiere, anticipato! Il Palermo continua a Koné (74’ Chibsah) perdite di tempo. Nulla di nuovo, tutto ampiamente pronosticabile, (57’ Gnahoré)
Jajalo premere al 30’ è Dawidowicz di testa a mettere fuori e al 45’ Gori Maiello perché sarebbe bastato un gol a cambiare la storia. Il Palermo non Muravski
Murawski arriva il pareggio: Coronado per La Gumina che dal limite la Sammarco (83’ Koné) doveva subirlo, gli avversari avrebbero dovuto segnarlo. La svolta al (77’ Trajkovski)
Aleesami mette a fil di palo. (85’ Maiello) Crivello 52’ con Maiello che da 25 metri la mette all’incrocio dei pali: Jajalo Jajalo
Coronado Nella ripresa il Palermo continua a fare la partita, il Frosinone Crivello Soddimo scivola, l’ex Napoli calcia e lo stadio fa festa. Il Palermo reagisce, Aleesami
Nestorovski si protegge. Al 61’ La Gumina spreca, Longo perde Paganini Ciano (87’ Frara) al 63’ Brighenti atterra Coronado La Penna prima decide per la Coronado
La Gumina e Stellone con Trajkovski inserisce un attaccante in più. (78’ Citro) Ciano punizione, poi ci ripensa e concede il rigore che revoca dopo un La Gumina
(89’ Rolando) All’81’ l’episodio che decide la gara: corner di Coronado La Dionisi Dionisi parapiglia tra i giocatori. La squadra di Stellone preme, ma per Nestorovski
All. Stellone Gumina devia di tacco e Terranova devia nella sua porta. All.Longo All. Longo Vigorito è solo ordinaria amministrazione, mentre al 96’ è Ciano a All. Stellone
segnare in contropiede il 2-0 finale.

62 63
Testo Gianluca Prudenti

Due gare bloccate, un doppio


0-0, premiano la squadra
di Cosmi che ha chiuso il
campionato con 46 punti
contro i 44 della Virtus
Entella. Sono state due
sfide poco spettacolari,
ma tiratissime nelle
quali il palo ha detto
‘no’ due volte:
all’andata è stato
sfortunato Aliji al
ritorno Clemenza.
Il Picchio rimane
il B, alla Virtus
Entella
l’augurio di ANDATA
un pronto 24.05.2018 H.20.30
ritorno.

Festeggia l’Ascoli
RITORNO
31.05.2018 H.20.30
ANDATA - RITORNO

V. Entella 0-0 Ascoli Ascoli 0-0 V. Entella


Arbitro: Di Paolo Arbitro: Nasca di Bari
V. ENTELLA Note: al 92’ espulsi Volpe e Cosmi ASCOLI ASCOLI V. ENTELLA
4-2-3-1 3-5-1-1 3-5-2 3-5-2
Il doppio 0-0 premia l’Ascoli, che ha chiuso il campionato
Paroni Alla fine ha vinto la paura, così Virtus Entella e Ascoli Agazzi Agazzi con due punti di vantaggio sulla Virtus Entella. Parte Paroni
De Santis rimandano tutto alla gara di ritorno, anche se lo 0-0 Padella Padella meglio la squadra di casa: al 14’ il tiro di Kanoute è fuori di Pellizzer
Pellizzer favorisce ulteriormente la squadra di Cosmi alla quale Mengoni Mengoni poco; lo stesso centrocampista ci prova 10’ più tardi, palla Benedetti
Ceccarelli basterà un pareggio con qualsiasi punteggio. Gigliotti Gigliotti ancora a lato. Il primo tempo non offre molto altro, mentre Cremonesi
(55’ Cremonesi) Il primo tempo è privo di sussulti, malgrado il buon inizio Mogos Mogos la ripresa è più vivace: Volpe al 50’ inserisce De Luca, ma (76’ Acampora)
Aliji dei padroni di casa che ci hanno provato con Troiano e D’Urso Kanoute è ancora Clemenza a provarci per l’Ascoli al 60’. Entella Gatto
Troiano La Mantia. La ripresa, invece, è stata tesissima, non si è Kanouté Addae (59’ Icardi)
pericolosa al 70’: tiro di De Luca, Agazzi è in difficoltà, ma
Crimi Bianchi Baldini Ardizzone
giocato molto con i giocatori che più volte hanno cercato anticipa ugualmente Aramu prima del tocco in porta. Nel
Gatto (90’ Baldini) (52’ D’Urso) Troiano
di perdere tempo. La gara avrebbe potuto sbloccarsi all’86’: finale le due occasioni più importanti: al 75’ Clemenza
(75’ De Luca) Pinto Pinto Crimi,
Aramu
discesa sulla destra di De Luca, cross rasoterra al centro e la Clemenza (77’ Mignanelli) calcia e Paroni la devia sul palo, mentre al 95’ Aramu Aliji
Eramo conclusione di Aliji colpisce il palo. Finisce 0-0 (75’ Varela) Clemenza da pochi metri spreca colpendo male, palla debole che (50’ De Luca)
(64’ Icardi) Monachello (92’ De Santis) Agazzi para sulla linea di porta. Aramu
La Mantia (82’ Rosseti) Monachello La Mantia
All. Volpe All. Cosmi All. Cosmi All. Volpe

66 67
Il Premio
Testo di Nino Maltese - Foto Getty Image

Pescara ed Entella
i campi migliori

Da tre stagioni, la Lega Nazionale


Professionisti B, premia i
manti erbosi migliori sui
quali si disputano le partite di
campionato. Lo scorso anno il
riconoscimento andò a Frosinone
e Trapani, ora la giuria ha
premiato liguri e abruzzesi. Bene
anche Cittadella e Salernitana.
Il Premio
I CAMPI MIGLIORI

C
ampi di gioco sempre più curati, ade-
guati e al passo coi tempi. Con quest’o-
biettivo la Lega B ha deciso, tre stagioni
fa, di istituire un premio per le società più vir-
tuose nella gestione dei manti erbosi durante
l’arco della stagione. Un riconoscimento utile a
migliorare i campi sui quali si gioca e di conse-
guenza funzionale per accrescere lo spettacolo.
Quindi, terreni di gioco esteticamente più belli e
soprattutto in grado di garantire performances Luca Leone DS del Pescara
adeguate alla categoria.

Le categorie
Due le categorie: naturali/misti e sintetici. A sti-
lare la classifica è stata un’apposita commissio-
ne costituita da capitani, allenatori, produttori
televisivi e dall’agronomo della Lega. I migliori
tre in erba naturale (o rinforzata) e il primo in
sintetica ricevono un riconoscimento economi-
co da investire nel perfezionamento delle condi-
zioni del manto. Viceversa, alle ultime tre classi-
ficate tra i terreni in erba naturale e all’ultima tra Matteo Matteazzi
quelli in artificiale viene decurtata una somma DG della Virtus Entella
derivante dalle risorse collettive.
specchio e l’anima della società. È come un bi- graziare anche il Comune che ci aiuta con la Leone: «Io sono un tradizionalista: per me il
Le classifiche glietto da visita, o una casa in cui accogliere gli manutenzione.» calcio si gioca sull’erba naturale: ci sono molte
Ad aggiudicarsi l’edizione 2017/2018 di questo ospiti. Farlo trovare in ordine, curato, sistemato, Matteazzi: «Con attenzione, senza trascura- differenze, come ad esempio nel rimbalzo del-
premio sono stati rispettivamente l’“Adriati- sia agli avversari sia ai tifosi, è doveroso. Ritengo re i particolari. E, del risultato, siamo soddisfatti la palla. Il sintetico può essere la soluzione per
co-Cornacchia” di Pescara  (secondo classificato sia amor proprio.» noi e i nostri calciatori.» gli allenamenti, in particolar modo quelli del
il “Tombolato” di Cittadella, terzo l’“Arechi” di Matteazzi: «È una importante gratificazione settore giovanile, perché un campo in erba na-
Salerno) e il  “Comunale”  di  Chiavari. Pescara e che premia la nostra scelta di passare dal natu- Ritiene che questo premio possa incentivare turale ne risentirebbe parecchio. Ma il profumo
Virtus Entella succedono a Frosinone e Trapani, rale al sintetico. Lo scorso anno abbiamo fatto le società a migliorare il livello generale dei dell’erba vera è tutta un’altra cosa.»
vittoriosi nella precedente stagione. un’approfondita ricerca di mercato e valutato campi di calcio italiani? Matteazzi: «Non sono integralista e non par-
Abbiamo intervistato il direttore sportivo degli tutte le opzioni, anche in funzione delle piogge Leone: «Senza dubbio favorisce l’allinea- teggio per nessuna delle due fazioni. Dico, però,
abruzzesi, Luca Leone, e il direttore generale dei che negli ultimi anni sono aumentate in termini mento agli standard europei. E, poi, contribui- che in alcuni contesti il sintetico può essere un
liguri, Matteo Matteazzi, ponendo loro le stesse di intensità e siamo arrivati alla conclusione che sce a plasmare un’immagine migliore del no- vantaggio. Mettiamo da parte il romanticismo
domande. questa sarebbe stata la migliore opzione. Oggi, stro calcio.» e cerchiamo di essere pragmatici: potersi alle-
alla luce di tanti aspetti, crediamo sia stata la Matteazzi: «Al di là della gratificazione eco- nare nello stesso campo dove si giocano le gare
Per il club si tratta di un riconoscimento pre- scelta più saggia.» nomica spero possa incoraggiare tutte le so- ufficiali è un grande vantaggio e lo è anche per
stigioso! cietà a prestare attenzione a un tema così rile- il settore giovanile. Questo è un dato oggettivo.
Leone: «Senza dubbio, perché premia il Come curate il vostro manto? vante.» Non avrà lo stesso profumo, è chiaro, ma il sinte-
buon lavoro fatto dal Pescara negli ultimi anni, Leone: «Stiamo attenti a ogni dettaglio. tico ha un ottimo drenaggio, limita gli infortuni
ripagandoci anche degli sforzi economici degli Chiaramente non siamo noi a tagliare l’erba: ci Per chiudere, meglio il manto naturale/misto muscolari e non è poi così differente dal manto
investimenti fatti. Il campo, in fin dei conti, è lo affidiamo a dei professionisti. Ma bisogna rin- o il sintetico? erboso naturale.»

70 71
Spezia Gabriele Volpi, presidente onorario del club, più di cinque

SETTORE GIOVANILE anni fa, decise di realizzare un centro sportivo per il settore
giovanile, oggi il bilancio è più che positivo: 20 ragazzi
Testo di Alberto Monguidi
sono stati convocati dalle Rappresentative Nazionali e 12
hanno esordito tra i professionisti. Ma il progetto dell’“Intels
Training Center Bruno Ferdeghini” va oltre e comprende la

Generazione
riqualificazione di un’intera area residenziale di La Spezia

Ferdeghini
Spezia SETTORE GIOVANILE

S
arà un caso, ma allo Spezia, a cinque anni
dalla realizzazione dell’innovativo e fun-
zionale centro sportivo a disposizione del
settore giovanile, si vedono già i primi risultati:
infatti già una dozzina di ragazzi hanno esordito
tra i professionisti e sono addirittura venti i nomi
regalati alle Nazionali minori. Il progetto voluto
da Gabriele Volpi ha abbinato calcio, ambiente
e riqualificazione di un quartiere della città.

Volano gli aquilotti di domani


Acampora, Ceccaroni, Maggiore, Vignali. Sono
solo alcuni nomi e ne seguono altri otto, spe-
rando di non dimenticare nessuno, di ragazzi
CHI ERA BRUNO FERDEGHINI
che sono partiti indossando una maglia, Bruno Ferdeghini, a La Spezia, era un uomo
quella delle giovanili dello Spezia, con amato e l’elettorato, a ogni tornata, gli tribu-
un sogno: diventare professionisti. Ben- tava una messe di voti, quasi un plebiscito.
venuti all’“Intels Training Center Bruno Ferdeghini, iscritto al Partito Repubblica-
no, è stato consigliere comunale per 26
Ferdeghini”, dove, si legge in una scrit-
anni, periodo nel quale è stato pure nomi-
ta: “Volano gli aquilotti di domani”. Se il nato assessore alla Pubblica Istruzione nella
successo di un settore giovanile, come Giunta di centro sinistra di Carlo Alberto Fe-
quello dello Spezia, ha molti padri (gli in- derici e poi sindaco nel 1970-71 alla testa di una
vestimenti della società, la qualità degli alle- Giunta minoritaria laica. Morì improvvisamente il
natori, la capacità degli osservatori), anche do- 21 novembre 1982 a soli cinquantanove anni.
Come primo cittadino, Ferdeghini si trovò ad af-
tarsi di un impianto sportivo di eccellenza è una
frontare una fase particolarmente critica per l’e-
componente fondamentale. conomia del territorio: dovette gestire le crisi dello
“Jutificio Montedison” e dei “Cantieri del Muggiano”,
Il parco per i bambini entrambi a rischio chiusura.
Rinato dalle ceneri del vecchio centro sporti-
vo dedicato a Bruno Ferdeghini, sindaco che
ha amministrato la città negli Anni Settanta, alizzato e gestito dallo Spezia. altro e forse più complesso obiettivo: coniugare vestito la maglia del club. Un parco sportivo per
l’“Intels Training center” rappresenta ben più di E, se la prima squadra deve affrontare una tra- l’educazione e la crescita dei giovani con le esi- crescere con il pallone, un punto di riferimento
una svolta epocale nella storia calcistica e im- sferta nella quale si gioca sul sintetico, al “Ferde- genze sportive di una società calcistica. per la città, per il mondo del calcio e dello sport
piantistica della cittadina ligure. Inaugurato nel ghini” si vedono anche Granoche e compagni. Ne è un esempio Giulio Maggiore, centrocam- in genere.
maggio del 2013, il “Ferdeghini” non solo ospita pista aquilotto, che nel  2017  ha rinunciato alla Il “Ferdeghini” è dotato di due campi a 11 in sin-
la sede dello Spezia Calcio Srl, ma è il centro Meglio la Maturità partecipazione al  Mondiale Under 20, poi con- tetico di ultima generazione; due campi a 7, una
nel quale si allena il settore giovanile (dai Primi Il progetto è stato voluto da Gabriele Volpi ed è cluso dall’Italia al terzo posto, per potersi dedi- tribuna da 500 posti, poggiata su un edificio che
Calci alla Primavera) e nel quale si giocano tor- stato realizzato dalla Social Sport Foundation, care all’esame di maturità. al primo piano ospita gli uffici della società e la
nei importanti (come il Viareggio). Ma non solo. per ottenere una nuova visione dello sport e palestra, mentre al piano terra sono stati realiz-
Non solo perché questa è stata l’occasione della dell’ambiente, nel rispetto del contesto urbano Un gioiello zati una sala conferenze, otto spogliatoi, infer-
riqualificazione urbana dell’area residenziale, di “Melara” e delle risorse a disposizione: il cal- Oggi lo Spezia non ha solo un luogo nel quale meria, magazzini, lavanderia, uffici e un bar-ri-
quella di “Melara”, che fino a poco fa soffriva cestruzzo della demolizione della vecchia tribu- allenarsi e far crescere il futuro della società, storante. Tutto ciò fa dell’“Intels Training Center
della contiguità con l’area industriale della città na-spogliatoio ad esempio è stato recuperato, ma un luogo che sappia trasmettere anche il Bruno Ferdeghini” un vero e proprio gioiello di
e che oggi vive uno spazio verde bello, pulito, macinato e riciclato per realizzare il sottofondo senso di appartenenza, grazie al lavoro di tecnici famiglia. Della famiglia spezina.
usufruibile dai bambini con un parco giochi re- dei campi. Ma il “Ferdeghini” ha avuto anche un e collaboratori preparati, che in passato hanno

74 75
Spezia SETTORE GIOVANILE

Cresciuti
al “Ferdeghini”
Da un grande centro sportivo giovanile nascono
grandi giocatori. L’equazione non è così sem-
plice, ma a La Spezia negli ultimi anni si sono
formati giovani che poi sono diventati professio-
nisti. E quei quattro campi ai margini della città
ci hanno messo sicuramente del loro. dall’alto
In ordine sparso, proviamo a citare il frutto della Gennaro Acampora
“cantera” e di quell’idea che più di cinque anni Pietro Ceccaroni
fa balenò nella testa di Gabriele Volpi, una “Ge- Giulio Maggiore
Luca Vignali
nerazione Ferdeghini” che ha regalato alle na- David Okereke
zionali giovanili 20 calciatori e ha permesso di
esordire tra i professionisti a una dozzina di ra-
gazzi. Ecco di chi si tratta.
Gennaro Acampora (90 presenze in B); Giulio
Maggiore (58 presenze in B); Luca Vignali (56
presenze in B, 18 in C); Pietro Ceccaroni (31 pre-
senze in B, 23 in C); David Okereke (23 presenze
in B, 15 in C); Thomas Saloni (4 presenze in B, 5 in
C); Samuele Mulattieri (3 presenze in B), Marco
Crocchianti (1 presenza in B, 26 in C); Theophilus
Awua (1 presenza in B, 1 in C); Gabriele Corbo (1
presenza in B); Antonio Candela (1 presenza in
B); Simone Bastoni (74 presenze in C).

76
Primavera 2
Testo Gianluca Prudenti

Max Canzi

Il playoff dice
CAGLIARI
L
a squadra allenata da Max Canzi è la terza soli 2’ con Camba bravo a mettere in rete su as-
promossa, si aggiunge a Palermo ed Empo- sist di Kouadio. Immediata la reazione dell’Em-
li già certe di giocare il campionato supe- poli con Tehe che dapprima colpisce il palo e
riore. all’11’ trasforma un calcio di rigore (atterramento
Il Novara, che si era aggiudicato il suo girone, di Ricchi). Il Cagliari torna avanti al 22’ sempre
paga la retrocessione della prima squadra e da con Camba, l’Empoli è sfortunato quando nella
regolamento non potrà disputare il torneo riser- ripresa un tiro di Dos Santos è murato da un
vato ai soli club di Serie A e B. compagno a portiere battuto. Il definitivo 3-1 è
Nella finale play-off giocata a Empoli, il Cagliari di Riccardo Doratiotto al 94’.
ha vinto per 3-1 una gara divertente e ricca di oc- Dal campionato Primavera 1 retrocedono Lazio,
casioni nella quale è passato in vantaggio dopo Bologna e Verona.

78 79
IL PADOVA
DEL “PARON”
P
rima del Verona di Bagno-
li, molto prima del Leice-
ster di Ranieri; anzi, ancor
prima che il buon Claudio na-
scesse nel quartiere di San Saba
a Roma, ci fu un altro fenomeno
della provincia che stupì il calcio
italiano e internazionale. Non
ebbe la vasta eco che le impre-
se menzionate hanno avuto in
tutto il continente europeo, per
i limiti dei mezzi di comunica-
zione di massa dell’epoca, ma
quelli raggiunti dal Padova di
Il terzo posto della stagione 1957-58 Nereo Rocco sono stati risultati
è ricordato come uno dei risultati più che restano scolpiti a caratteri
di fuoco nella storia del calcio
straordinari della storia del calcio. italiano ed europeo. Anche se,
Rocco è a Padova dal 1954 e, dopo una paradossalmente, la vicenda di
quella squadra di provincia che
salvezza miracolosa in B alla quale ha
arrivò ai vertici della Serie A, a di-
fatto seguito la promozione in A, regala spetto di qualsiasi pronostico, è
al pubblico dell’“Appiani” qualcosa più ancora poco nota: forse perché
si perde in un tempo del quale
di un sogno. La formazione? C’è chi la memoria va sempre più ine-
ancora la recita a memoria. sorabilmente affievolendosi.

Brividi retrocessione
Nel 1954 il Padova milita nel
campionato di Serie B, visto che
l’unica esperienza nella massi-
ma serie si era conclusa, dopo

80 81
quattro anni, con la retroces- nere la categoria: “Se mi date la zo durante le qualificazioni ai tutte. Ma Pollazzi ha l’occhio
sione del 1952; in panchina per casa, più un tanto al mese e mi Mondiali vinti nel 1934 e aveva lungo e sa che Rocco può por-
i biancoscudati c’è Pietro Rava,
Nereo è lo stesso lasciate tornare a Trieste tutte le appeso gli scarpini al chiodo nel
Il binomio tare la squadra in alto, nella se-
oro a Berlino nel 1936 e campio- che nel 1947, settimane senza creare proble- 1947 con la maglia della Libertas composto da rie che più le compete: in fondo
ne del mondo a Parigi nel 1938 alla sua prima mi, posso anche venire a tenta- Trieste, dopo che la sua ultima Pollazzi e da Nereo è lo stesso che nel 1947,
con la premiata ditta azzurra re di salvare la barca. Però non esperienza da calciatore nel cal- alla sua prima vera esperienza
vera esperienza Rocco funziona a
guidata da Vittorio Pozzo, che prometto niente; per il futuro cio che conta era stata proprio in panchina, aveva portato la
aveva già guidato la squadra in panchina, vedremo”, queste le parole del con il Padova a cavallo tra il 1940 meraviglia: i due Triestina a classificarsi seconda
nell’annata precedente, ma era aveva condotto tecnico friulano al suo presiden- e il 1942. si intendono alla in Serie A alle spalle solamente
stato esonerato a stagione in la Triestina al te nel momento di accettare In panchina aveva allenato in perfezione sul del Grande Torino. È combattu-
corso, trovando un ingaggio in l’incarico. precedenza il Napoli quando ta la tesi su chi l’abbia davvero
IV serie alla guida della Carra-
secondo posto ancora giocava (facendo parte,
modo di gestire la portato in Italia dalla Svizzera,
rese. dietro solo al Il nonno austriaco in seguito all’esonero di Eugen squadra. dove fu inventato negli anni
A marzo lo spettro della possi- Grande Torino. Nereo Rocco, nato Roch, nipote Payer, della cosiddetta commis- Trenta, ma è certo che Rocco
bile retrocessione si fa sempre di un cambiavalute austriaco sione tecnica che aveva guidato è stato quello che, per primo e
più concreto per la formazione fuggito per amore da Vienna, i partenopei) e la sua Triestina in vede i biancoscudati imbattuti più di ogni altro, ha applicato in
patavina e il presidente Bruno che fu costretto a italianizzare il due diversi momenti, intervalla- nelle ultime cinque giornate e maniera sistematica il cosiddet-
Pollazzi decide di esonerare Bela Guttmann che vince 6-0, suo cognome per poter ottene- ti da una parentesi di tre stagio- piazzarsi al tredicesimo posto to catenaccio, il modulo tattico
nuovamente il tecnico nativo con Gunnar Nordhal, autore re la tessera del fascio, obbliga- ni a Treviso. in classifica, due punti sopra il che prevedeva il gioco in con-
di Cassine. Il 21 febbraio 1954 di quattro reti e ne fa le spese toria per poter lavorare duran- Fanfulla, retrocesso insieme al tropiede e l’utilizzo del cosid-
un altro allenatore aveva perso proprio il triestino Nereo Roc- te i duri anni della dittatura di Il catenaccio Piombino. Dodici punti in undi- detto libero dietro la difesa, ruo-
la propria panchina: la Triestina co. Pollazzi decide di affidare Mussolini, era stato una discre- Nereo Rocco riesce a salvare il ci partite, perfetta media salvez- lo che lui stesso aveva ricoperto
viene colpita e affondata in casa proprio a Rocco il suo Padova, ta mezzala, con una presenza Padova nella stagione 1953-54, za: le premesse per una stagio- nel suo ultimo anno di carriera
dal Milan del tecnico ungherese con l’arduo obiettivo di mante- all’attivo nella Nazionale di Poz- con un finale in crescendo che ne tranquilla nel 1954-55 ci sono alla Libertas Trieste. E infatti, il

82 83
reparto sul quale lavora mag- due scudetti consecutivi vinti “Cavalca”, nelle quali è solito an- ticare Sergio Brighenti, centra- tobbio che racchiude tutta l’es-
giormente nella costruzione del «L’allenamento è con l’Inter di Alfredo Foni, Bla- naffiare il baccalà con il Merlot, vanti acquistato dalla Triestina senza del calcio di quello che
primo Padova davvero suo, visto son è reduce da un’annata ano- un vino rosso: un rivoluzionario sulla quale Rocco ha sempre passerà alla storia come “El Pa-
che quello della stagione pre-
tecnico, fisico e nima tra i cadetti con il Verona non solo sul campo da calcio, un occhio vigile, autore di 11 gol; ron”: «Ci alleniamo tutti i giorni
cedente lo aveva ereditato da morale. Sono per e a trentatré anni la sua carriera insomma. poi c’è il cosiddetto dodicesi- dalle 9 alle 12 e dalle 14.30 alle
Rava, è proprio la difesa: troppe, me tutti e tre alla sembra volgere al termine. Ne- Il Padova che disputa il campio- mo uomo, l’”Appiani”, lo stadio 18 – racconta Rocco -. C’è chi si
decisamente troppe le 40 reti reo Rocco, invece, lo chiama per nato di Serie A 1957-58 è una di di casa che diventa un fortino spoglia e chi no. L’allenamento
pari.»
subite nel campionato appena affidargli il ruolo chiave del suo quelle che gli appassionati di quasi inespugnabile per i veneti. è tecnico, fisico e morale, sono
concluso. ambizioso Padova, quello di li- calcio, come scrive Gianni Mura, per me tutti e tre alla pari. Non
bero, e Ivano risponde presente. hanno mandato a memoria: Il terzo posto uso tabelle e non faccio lezioni
Con Pollazzi Il binomio composto da Pollaz- La squadra biancoscudata si Pin; Blason, Scagnellato; Pison, Il risultato dell’opera di Ne- teoriche, la mia tabella è il cam-
binomio vincente zi e da Rocco funziona a me- salva tranquillamente in Serie Azzini, Moro; Hamrin, Rosa, reo Rocco a Padova è uno po e lì, con esempi pratici, al
Nel 1954-55 il passivo totale del raviglia: i due si intendono alla A nel 1956-57, conquistando Brighenti, Mari, Boscolo. Tra gli strepitoso terzo posto che, fino martedì rivediamo gli sbagli fat-
Padova in Serie B si ridurrà a perfezione sul modo di gestire un undicesimo posto, in coabi- altri, salta agli occhio il nome di all’ultima giornata e a quello ti alla domenica». Sull’uomo in
27 reti in 34 partite e a fine sta- la squadra, sull’organizzazione tazione con Napoli e Lanerossi Kurt Hamrin, l’Uccellino svedese sciagurato 6-1 subito a Firenze più in difesa, il cosiddetto libero,
gione la classifica finale vedrà i tattica del tecnico triestino e su- Vicenza, addirittura un punto che quando correva sembrava con conseguente sorpasso, era Nereo taglia corto così, com’è
biancoscudati di Nereo Rocco gli innesti da inserire in sede di sopra la Roma; ma il capolavoro volasse sull’erba, per via della stato addirittura un secondo. Il sempre stato nel suo stile: «La
classificarsi al secondo posto, campagna acquisti: per il ritor- patavino del sanguigno allena- sua leggerezza nelle movenze, il 4 marzo 1958, quando il Padova sostanza è quella: che si chiami
alle spalle del Lanerossi Vicenza. no nella massima serie, il nome tore triestino si compirà la sta- cannoniere arrivato dalla Juven- è in piena lotta per lo scudetto uomo libero, ala tornante, mez-
È il ritorno in Serie A, al termine che l’allenatore identifica per re- gione successiva. tus per colpa dei troppi infortu- e in Italia non si parla d’altro che zala fluttuante. Tutte le squadre
di un campionato che, secondo alizzare al meglio il suo catenac- ni patiti alla sua prima esperien- di Nereo Rocco e del suo calcio hanno quest’uomo in più in di-
i pronostici, avrebbe dovuto cio è quello di Ivano Blason, uno Arriva Hamrin za fuori dalla Scandinavia che in rivoluzionario, La “Gazzetta del- fesa, e ciò per valorizzare l’estro,
vedere il Padova barcamenarsi dei protagonisti della sua Trie- Quelli di Rocco a Padova sono quella stagione mette a segno lo Sport” pubblica un’intervista l’indole, la facoltà d’improvvisa-
a metà classifica. stina del secondo posto. Dopo gli anni delle cene al ristorante 20 reti; ma non si può dimen- al tecnico firmata da Luigi Mon- zione del giocatore italiano».

84 85
88 89