Vous êtes sur la page 1sur 15

Platero e io

Testo teatrale di Luciano Falcinelli


WUDWWRGD´3ODWHUR\\RµGL-XDQ5DPRQ-LPHQH]

Musiche Eduardo Sainz de la Maza


Disegni Chiara Cardini
Regia Luciano Falcinelli

Luca Tironzelli, attore


Sandro Lazzeri, chitarra
 
 
 
 
 
  Dovunque   ci   sono   bambini,   esiste   un'ʹetà   dell'ʹoro.   Dovunque   ci   sono  
bambini,   si   possono   raccontare   favole.   Dovunque   ci   sono   uomini   la   cui  
memoria   affonda   le   radici   nell'ʹetà   dell'ʹoro,   lì   c'ʹè   Platero.   Un   piccolo   asino  
peloso  e  soave,  tenero  e  affettuoso,  col  dorso  argentato.  Possibile  che  non  lo  
vedi?  È  qui,  accanto  a  me,  trotterella  allegro  e  sorridente,  non  lo  vedi?    
  Ahi,   com'ʹè   difficile   entrare   in   una   favola!   Cosa   hai   perso   durante   il  
cammino?  La  purezza?  La  semplicità?  L'ʹaffetto?  L'ʹamore?  
  Certo  le  pene!  Certo  gli  smarrimenti!  Certo  la  realtà!.....  Grida,  strappi,  
violenza.  Una  lotta  dura,  ȃž—ŠȱžŽ››Šȱ›Šȱ•Žȱ’••žœ’˜—’ȱŽȱ•ŽȱŒŽ›Ž££ŽȄ.    
  Platero  è  la  semplicità,  la  purezza,  la  tranquillità,  la  pace  fra  l'ʹuomo  e  la  
natura,   quando   l'ʹuomo   ritrova   il   rispetto   e   un   po'ʹ   d'ʹordine   e   un   acino   di  
umanità.  
  Vieni!   Sali   anche   tu   sul   dorso   di   Platero;   percorri   la   natura   con   occhi  
diversi,   per   sentieri   inusitati,   fra   domande   lungamente   ignorate,   fra   stupori  
perduti,   fra   pene   e   dolori   e   forse,   al   temine   dell'ʹintrico   dei   sentimenti,  
incontrerai   te   stesso,   anche   se   stenterai   a   riconoscerti.   Anche   se   Platero   ti  
condurrà  in  un  paesaggio  sconosciuto  che  si  chiama  Moguer,  che  confina  con  
l'ʹoceano,   tra   profumi   intensi,   tra   pietre   cotte   dal  sole,   tra   visi   quotidiani,   tra  
suoni  andalusi.  Non  aver  paura!  Non  sarai  solo.    
  La  storia  di  Platero  è  la  storia  di  un'ʹamicizia  e  l'ʹamicizia  fabbrica  amici.  
  Luca   ti   accompagnerà   lungo   le   strade   di   Moguer   e   ti   racconterà   con  
passione   e   semplicità   le   gioie   e   i   dolori,   le   pene,   le   allucinazioni,   gli  
straordinari   attimi   che   si   inanellano   in   un   minuto   normale,   di   un   giorno  
normale,   di   una   storia   normale,   di   un   tempo   che   sembra   stia   smarrendo   la  
normalità.  
  Chiara,  con  passi  gentili,  ti  porterà  nei  luoghi  dove  è  vissuto  Platero.  Lei  
li   ha   conservati   nella   trasfigurazione   del   ricordo,   nella   loro   trasposizione  
lirica.  
  Eduardo   e   Sandro,   amici   che   neppure   la   morte   del   primo   ha   saputo  
separare,   ti   trasporteranno   nel   cuore   di   Platero.   Ti   descriveranno  
minuziosamente   i   percorsi   della   sua   anima,   la   profonda   affettuosità   del   suo  
amico  Juan  Ramon,  lo  spirito  andaluso  di  una  terra  santificata  dalla  poesia.    
Platero   è   salito   in   cielo,   in   un'ʹisola   di   grazia,   di   freschezza   e   di   felicità,   in  
quell'ʹisola  fuori  dal  tempo,  età  d'ʹoro  dei  bambini.  Se  tendi  l'ʹorecchio,  ancora  ti  
sussurra  lieve  ȃŒ˜–Žȱ’•ȱ˜›‘Ž’˜ȱŽ••ȇŠ••˜˜•Šȱ—Ž•ȱœ˜•Žȱ‹’Š—Œ˜ȱŽ••ȇŠ•‹ŠȄǯ  
 
Luciano  Falcinelli  
 
 
 
˜™˜ȱž˜ȱ•˜ȱœŒŽ–™’˜ȱœ’–‹˜•’Œ˜ȱŒ‘Žȱ¸ȱœŠ˜ȱŠ˜ȱŽ••ȂŠœ’—˜ǰȱ›Ž—Ž›•˜ȱ™˜›Š˜›ŽȱŽ•ȱ–Ž•’˜ȱŒ‘Žȱ
•Ȃž–Š—’¥ȱ™žáȱœŽ—’›ŽȱŽȱ™Ž—œŠ›ŽȱŽȱŸ˜•Ž›Žȱ¸ȱŠžŠŒ’ŠȱŒ‘Žȱœ˜•˜ȱ’ȱž—ȱ™˜ŽŠȱ™žáȱŽœœŽ›Žȱ˜Žǯ  Nel    lontano  
ŗşŗŚȱ šžŽœ˜ȱ ™˜ŽŠȱ ¸ȱ œŠ˜ȱ •ȂŠ—Š•žœ˜ȱ ȱ žŠ—ȱ Š–˜—ȱ ’menez,   autore   primo   di   questa   operazione   di  
riscatto,  attraverso  la  composizione  della  sua  fiaba,  Platero  y  yo,  per  noi  Platero  e  io.  
Oggi  questo  poeta  è  Luca  Tironzelli  che,  nella  veste  di  raffinato  attore,  entra  in  quella  fiaba  
Žȱ Š’ŠȱŠ••Ȃ’–™›˜‹Š‹’•Žȱ ‹Žœ’˜•ŠȱŒ˜œÈȱ ž–Š—Šȱ’—Ž—œ’¥ǰȱŠȱŠ™›’›ŽȱŠ••Ȃ’––Š’—Š›’˜ȱŸ’Žȱ ’–™Ž—œŠŽȱ’ȱ
•Žž›Šǰȱ ’ȱ Œ˜–™›Ž—œ’˜—Žǰȱ ’ȱ Š››’ŒŒ‘’–Ž—˜ȱ ™Ž›ȱ •Ȃ’—Ž›’˜›’¥ǯ   Ed   è   su   questo   pentagramma   che   si  
collocano,   simultaneamente,   le   note   di   Eduardo   Sainz   de   la   Maza   che,   per   la   chitarra   di   Sandro  
Lazzeri,  fanno,  a  questo  delizioso  ri-­‐‑comprendere,  da  adeguatissima  colonna  sonora.    
Così   come   i   disegni   di     Chiara   Cardini   riscrivono   il   simbolico   ed   introdžŒ˜—˜ȱ •ȂŠœ’—Ž••˜ȱ
Platero     nella   cerchia   di   una   calda   amicizia.   La   regia   di   Luciano   Falcinelli   fa   di   tutto   questo   il  
godimento  di  uno  spettacolo.  Spettacolo  che  m mi  è  è  r
 rimasto  nel  cuore.  
   
Viviana  T  Toniolo,  Compagnia  Attori  e  Tecnici,  Direttrice  Artistica  Teatro  Vittoria,  Roma  
 
 
 
 
 
 
Fa  strano  cercare  le  parole  per  descrivere  una  bellissima  performance  di  qualcuno  e  ritrovarsi  
œŽ–™›Žȱ Œ˜—ȱ ’––Š’—’ȱ Œ‘Žȱ ›’Œ˜—žŒ˜—˜ȱ Šȱ œŽȱ œŽœœ’dzœ’—’’ŒŠǰȱ ˜›œŽǰȱ Œhe   la   bellezza   che   si   cerca   di  
ŽœŒ›’ŸŽ›ŽȱœŠȱ™›˜™›’˜ȱ’—ȱšžŽœ˜DZȱšžŽ••Ȃ˜™Ž›Šȱ¸ȱŠ•ŽȱŠȱ›Š™™›ŽœŽ—Š›Œ’ǰȱŠȱŒ‘’Š–Š›Ž  prepotentemente  
in  causa  un  vissuto  noto,  intimo.  
Nella  mia  passione  per  gli  asini  e  per  lo  splendido  lavoro  che  ci  consentono,  negli  ultimi  anni  
ho   tralasciato   di   soffermarmi   su   aspetti   della   vita   che   non   fossero   direttamente   collegabili   con  
quanto  concretamente  e  quotidianamente  condivido  con  le  orecchie  lunghe.  Lo  stesso  libro  di  Platero  
mi  aveva  lasciato  un  ricordo  commosso,  eppure  sbiadito  nella  lontananza  di  una  descrizione  quasi  
insostenibile  per  i  miei  sensi.  
Ed  eccomi,  seduta  tra  il  pubblico,  in  una  piccola  sala  buia,  ad  incontrare  di  nuovo  Platero,  
completamente  affidata  al  racconto  che  me  ne  avrebbero  fatto  Luca  e  Sandro.  Ho  ritrovato  me,  che  
mi  appassiono  alla  musica  e  mi  metto  in  ascolto  di  ogni  nota,  in  attesa  di  quella  che  segue,  me  che  
sprofondo   nei   disegni   proiettati   sul   fondo   della   scena   e   che   mi   restituiscono   quella   capacità   dei  
‹Š–‹’—’ȱ’ȱŠ‹‹Š—˜—Š›œ’ȱŠ••Ȃ’––Š’—Š£’˜—Žǰȱ–ŽȱŒ‘Ž  posso  aver  fiducia  in  un  essere  umano,  Luca,  
Œ‘Žȱ›Š™™›ŽœŽ—ŠǰȱŠȱ—˜–ŽȱŠ—Œ‘Žȱ–’˜ǰȱ•Ȃ’—’Œ’‹’•Žȱ’ȱž—Šȱ›Ž•Š£’˜—ŽȱŠŠ˜ȱœ™ŽŒ’Š•ŽDZȱšžŽ••ŠȱŒ˜—ȱ•ȄŠ•›˜Ȅǰ  
’•ȱȃ™›˜˜—Š–Ž—ŽȱŠ•›˜ȄǰȱŒ‘Žȱ¸ȱ•ŠŽ›˜ǰȱŒ‘Žȱœ˜—˜ȱ•’ȱŠ•›’ȱ™Ž›œ˜—Š’ȱ’ȱž—˜ȱœŒŽ—Š›’˜ȱŒ˜—’Ÿ’œ˜ȱ›Š  
esseri  che  vivono,  che  sono  io  stessa,  alla  fine,  muta  e  ricca  di  un  racconto  di  me  che  è  stato  fatto  da  
‹›ŠŸ’œœ’–’ȱŠ•›’ȱdz˜›—˜ȱŠȱŒŠœŠȱ’––Ž›œŠȱ’—ȱž—ȂŠ–˜œŽ›ŠȱŒ‘Žȱ—˜—ȱŸ˜•’˜ȱ•ŠœŒ’Š›ŽȱŽȱŒ˜—ȱž—ȱŽœ’Ž›’˜DZ  
Œ‘ŽȱŠ—’ȱŠ•›’ȱ’—Œ˜—›’—˜ȱ•ŠŽ›˜ǰȱŒ˜œÈȱŒ˜–Žȱ•Ȃ‘˜ȱ’—Œ˜—›Š˜ȱ’˜ǰȱ›Š£’ŽȱŠȱžŒŠȱŽȱŠ—›˜dz    

Š›’£’ŠȱŽ’—Ž›ȱŠ—’Ž••˜ǰȱŠž›’ŒŽȱŽ•ȱ•’‹›˜ȱȃȇŠœ’—˜ȱŒ‘ŽȱŒž›ŠȄȱŠ›˜ŒŒ’ȱŽ’˜›Ž  
 
Platero  e  io  
 
...la  parola  diventa  musica,  la  musica  diventa  parola,  l'immagine  
diventa  poesia...  
 
 
 
Avvertimento  agli  uomini  
che  leggono  questo  libro  
per  bambini  
 
  ³4XHVWR SLFFROR OLEUR GRYH O
DOOHJULD H OD WULVWH]]D VRQ JHPHOOH
come   le   orecchie   di   Platero,   fu   scritto   per...   chissà   per   chi!...   per  
quelli  per  i  quali  noi  poeti  lirici  scriviamo...  Adesso  che  va  ai  bambini  
non   ci   aggiungo   né   tolgo   una   virgola.   «Dovunque   ci   sono   bambini   ±   dice  
Novalis   ±   esiste   un'età   d'oro».   Dunque   a   questa   età   d'oro,   che   è   come  
un'isola  spirituale  caduta  dal  cielo,  si  volge  il  cuore  del  poeta  e  ci  si  
trova  così  bene  che  il  suo  più  gran  desiderio  sarebbe  di  non  doverla  mai  
più  abbandonare.  
  Isola   di   grazia,   di   freschezza   e   felicità,   età   d'oro   dei   bambini:  
ti  possa  trovar  sempre  nella  mia  vita,  mare  di  dolore:  e  la  tua  brezza  mi  
dia   la   sua   lira,   alta   e,   a   volte,   senza   senso,   come   il   gorgheggio  
dell'allodola  nel  soOHELDQFRGHOO
DOED´  
 
0DGULG,OSRHWD´  Juan  Ramon  Jimenez  
 
 
 
  Platero   e   io   è   un'opera   dolcissima,   piena   di   colori   e   di  
luci,   un'elegia   leggera   che   narra   la   storia   dell'amicizia,   della  
solidarietà  fra  l'uomo  e  l'animale,  compagni  di  viaggi,  scorrerie,  
ricordi,   riflessioni.   Dice   Carlo   Bo   nella   sua   prefazione:   Platero  
è   l'asino   più   famoso   della   poesia   del   Novecento.   Quest'opera  
scritta   nell'arco   di   molti   anni,   dal   1907   al   1916,   è   il   ritratto  
interiore   di   un   lirico   che   aveva   fatto   della   continua  
interrogazione  della  vita  e  del  mondo  la  sua  regola.  Più  che  di  un  
monologo   poetico,   si   tratta   di   un   dialogo   tra   il   poeta   e   la  
natura.   Il   poeta   si   serve   dell'asino   per   entrare   nel   mondo   della  
natura  e  conoscere  la  natura  dell'uomo,  a  cominciare  da  se  stesso.  
Quello   del   poeta   è   un   cuore   in   ascolto,   un   cuore   che   preferisce  
giuocare   per   sensazioni   minime   o   elementari   e   ignora   il   grido,   la  
violenza  e  il  disordine.  
  L'asinello   Platero,   così   simile   a   noi,   straordinario   e  
dolcissimo   amico,   all'apparenza   un   giuocattolo,   è   in   realtà   un  
educatore,   per   lo   meno   un   rammentatore   della   dignità   e   della  
funzione  dell'uomo.  
  Si   tratta   di   una   favola,   sì,   ma   una   favola   che   si   nutre  
soltanto   e   specialmente   di   realtà   e   di   conoscenza   dell'uomo.   Juan  
Ramon   Jimenez   ha   voluto   soprattutto   guardare   l'uomo   nella   sua  
eternità,   l'uomo   senza   qualità,   sia   che   parli   dall'alto,   sia   che  
parli   la   lingua   degli   umili,   di   cui   Platero   resta   il   simbolo   per  
eccellenza,  così  vero,  così  rassicurante.  
 
 
 
  Le   musiche   di   Eduardo   Sainz   de   la   Maza,   compositore   spagnolo  
nato   a   Burgos   nel   1903   e   morto   a   Barcellona   nel   1982,   furono  
scritte   ispirandosi   direttamente   all'opera   di   Jimenez.   Platero   y  
yo   è   una   suite   composta   da   otto   movimenti   ciascuno   dei   quali  
basato   su   uno   dei   piccoli   racconti   del   libro;;   la   si   potrebbe  
definire   vera   e   propria   musica   descrittiva,   a   programma.   Ma   nelle  
note   di   quest'opera   musicale,   è   racchiusa   tutta   l'essenza   di  
Platero   e   io,   nella   sua   interezza,   al   di   là   quindi   dei   singoli  
otto   racconti;;   vi   è   racchiusa   l'anima   di   Platero,   lo   spirito  
andaluso   della   sua   terra,   Moguer,   la   vita   del   poeta.   A   differenza  
dell'omonima   opera   di   Castelnuovo   Tedesco,   che   scrivendo   un  
melologo,   si   è   curato   di   riportare   il   testo     direttamente   sulla  
musica,   fissando   rigidamente   tempi   e   durata   di   ogni   singola  
parola,   Sainz   de   la   Maza   si   limita   a   citare   il   brano   a   cui   fa  
riferimento,   come   incipit   didascalico,   all'inizio   di   ogni  
movimento.  Proprio  in  virtù  di  questo  legame  non  vincolante  con  il  
testo,  ci  siamo  presi  la  libertà  di  adattare  la  musica  al  testo,  e  
viceversa,   usando   la   musica   per   colorare   e   arricchire   di   suoni   e  
di   emozioni   tutto   il   racconto.   In   effetti   nelle   musiche   di   Sainz  
de   la   Maza,   a   differenza   di   quelle   di   Castelnuovo   Tedesco,   si  
ascolta   il   suono   inconfondibile   della   Spagna   andalusa   che   fa   da  
sfondo,  illuminandola  di  suoni,  alla  bellissima  storia  di  Platero.  
 
Platero  e  io  è  uno  spettacolo  di  teatro,  musica  e  immagini,  in  cui  
il   testo   teatrale   si   fa   musica,   la   musica   evoca   immagini,   le  
immagini   diventano   poesia,   per   toccare   le   emozioni   più   profonde,  
quelle  che  ci  accomunano  e  ci  rendono  umani.  
 
 
 
LUCA  TIRONZELLI  
  Nato  a  Perugia  nel  1971  si  è  diplomato  in  violino  e  composizione  presso  il  
Conservatorio   di   Perugia   sotto   la   guida,   rispettivamente,   di   Patrizio   Scarponi  
ed  Edgar  Alandia.  Ha  iniziato  giovanissimo  l¶attività  concertistica  collaborando  
con   varie   formazioni   cameristiche,   orchestre   da   camera   e   orchestre   sinfoniche.  
Per   oltre   un   decennio,   a   partire   dal   1989   è   stato   membro   effettivo  
dell¶orchestra   d¶archi   Symphonia   Perusina   con   la   quale   ha   effettuato   numerose  
registrazioni   discografiche   (per   le   etichette:   Quadrivium,   Dynamic,   Tactus,  
Bongiovanni,   Nuova   Era)   e   concerti   sia   in   Italia   che   all¶estero   (Messico,  
Egitto,  Libano,  Francia,  Turchia,  Spagna,  Portogallo).  Dal  2002  al  2007  è  stato  
membro   dell¶orchestra   d¶archi   i   Solisti   di   Perugia   con   la   quale   ha   effettuato  
una  intensa  attività  concertistica  per  alcune  delle  più  importanti  Associazioni  
ed   Enti   italiani   ed   esteri   (Giappone,   Grecia,   Francia,   Spagna,   Germania,   Stati  
Uniti)   al   fianco   di   prestigiosi   concertisti   e   direttori;;   numerose   le  
registrazioni   discografiche,   per   la   celebre   storica   casa   giapponese   Camerata  
Tokio.   Alcune   sue   composizioni   sono   state   eseguite   nell¶ambito   della   Sagra  
musicale   Umbra,   del   Cantiere   Internazionale   d¶Arte   di     Montepulciano   e   presso  
l¶Acquario  Romano.    
Parallelamente  a  quella  musicale  intraprende  l¶attività  teatrale,  quale  naturale  
estensione   dei   propri   interessi   artistici,   formandosi   inizialmente   sotto   la  
guida   di   Luciano   Falcinelli.   Dal   2004   vi   si   dedica   pienamente.   Ha   partecipato  
all'allestimento   di   vari   spettacoli   tra   cui:   ³Trappola   per   topi´   di   Agata  
Christie;;  ³Eccellenza  et  Trionfo  del  Porco´,  di  Giulio  Cesare  Croce,  adattamento  
teatrale   e   regia   di   Luciano   Falcinelli,   prodotto   nel   2007   dal   festival   Segni  
Barocchi  di  Foligno;;  ³Viva  Viva  Garibaldi´,  di  Luciano  Falcinelli,  prodotto  dal  
Comune   di   Foligno   in   occasione   del   Bicentenario   della   nascita   di   Giuseppe  
Garibaldi  e  replicato  nell'ottobre  2008  in  Belgio;;  sempre  nell'ottobre  del  2008  
con  ³L'ultima  notte  di  Edgar  Allan  Poe´,  spettacolo  originale  di  cui  è  coautore  
assieme   a   Luciano   Falcinelli   e   Luca   Sargenti,   ha   partecipato   alla   rassegna  
Bagliori  d'autore  ricevendo  larghi  consensi,  sia  come  attore  che  come  autore.    
³Platero   e   io´   è   il   suo   primo   monologo   musicale.   Dopo   il   debutto   nel   settembre  
2009   lo   spettacolo   "Platero   e   io"   è   stato   replicato   in   varie   città   d'Italia.   A  
marzo   2010   è   stato   rappresentato   nello   storico   teatro   Migjeni   di   Scutari,  
Albania,  nell'ambito  del  Festival  "Due  popoli,  un  mare,  un'amicizia"  organizzato  
dall'Ambasciata   Italiana.   Ad   ottobre   2011   una   versione   in   inglese   sarà   portata  
in   scena   a   Chicago.   Nel   maggio   2010   ha   partecipato,   come   voce   narrante,   alla  
realizzazione   dell'operina   "Fontana"   con   musiche   di   Stefano   Baiocco,   per   la  
prestigiosa  Società  Aquilana  dei  Concerti  "B.  Barattelli"  riaprendo  di  fatto  la  
stagione   concertistica   del   Coro   di   voci   bianche   dell'omonima   società,   dopo  
l'interruzione   forzata   a   seguito   del   terremoto.   Nel   novembre   2010   ha   debuttato  
con   un   altro   monologo   musicale   ³La   Fattoria   degli   Animali´   liberamente   tratto  
dal   romanzo   di   Orwell,   curandone   personalmente   l'adattamento   teatrale   (in  
collaborazione   con   Michele   Rosati)   e   la   regia.   Le   musiche   originali   sono   di  
Michele  Rosati.  Marina  Confalone,  attrice  napoletana  vincitrice  di  quattro  David  
di  Donatello,  ne  ha  esaltato  pubblicamente  la  bellezza  delle  doti  vocali.  
 
SANDRO  LAZZERI  
  Sardo   di   nascita,   sin   dalla   più   giovane   età   si   è   fatto   apprezzare   dal  
pubblico   e   dalla   critica   per   le   scelte   interpretative   e   di   ricerca   stilistica  
con  cui  ha  proposto  il  vasto  repertorio  della  chitarra,  ricco  di  capolavori.    
Si   è   diplomato   brillantemente   in   chitarra   classica   nel   1988   presso   il  
Conservatorio  di  Perugia  e  si  è  poi  perfezionato  con  illustri  chitarristi  quali  
David  Russel,  Leo  Brouwer,  Alirio  Diaz,  Hubert  Kappel,  Costas  Cotsiolis.  
  +D VYROWR XQ¶LQWHQVD DWWLYLWj FRQFHUWLVWLFD Ser   importanti   associazioni  
musicali,   sia   come   solista   che   in   svariate   formazioni   cameristiche   (duo   con  
flauto,  violino  e  canto,  duo,  trio  e  quartetto  di  chitarre,  chitarra  e  quartetto  
G¶DUFKLWULRFRQIODXWRHFODULQHWWR   
(¶ VWDWR RVSLWH GHOO¶$VVRFLD]LRQe   Giovanile   Musicale   (Roma,   Spoleto,   Perugia),  
Associazione   Chitarristica   Sassarese,   Estatemusica   (Roma),   Festival  
Internazionale   della   Chitarra   (Assisi,   Rieti),   Festival   du   Clermont   (Francia),  
$VVRFLD]LRQH 0XVLFDOH 5RPDQD ³/XFD 0DUHQ]LR´ $VVRFLD]LRQH *LRvani   Concertisti  
Europei,   Civitas   Musicae,   Caroso   Festival,   ed   ha   tenuto   concerti   in   numerose  
città  italiane  e  straniere:  Trevi,  Montecastello  di  Vibio,  Sassari,  Jesi,  Todi,  
Foligno,   Bevagna,   San   Severino   Marche,   Fabriano,   Matelica,   Cagliari,   Nuoro,  
Isola   di   Cefalonia,   Dreux,   Monaco   di   Baviera,   Moosach,   Dusseldorf,   Vannes,  
Rennes,  Unterpramau,  Bologna,  Barletta,  ecc.    
In  qualità  di  solista  ha  eseguito  le  pagine  più  note  del  repertorio  per  chitarra  
e   orchestra   quali   la   Fantasia   para   un   Gentlhombre   di   Joaquin   Rodrigo,   il  
Concerto  di  Heitor  Villa-­Lobos  e  i  Concerti  in  Re  magg.  e  Do  maggiore  di  Antonio  
Vivaldi.   Nel   2002   ha   fondato   il   gruppo   Alvarez   Guitar   Quartet,   con   cui   ha   in  
attivo   una   lunga   serie   di   concerti   e   registrazioni   discografiche.   Nel   2005   ha  
fondato   il   gruppo   Cante   Jondo   per   valorizzare   e   diffondere   il   repertorio  
spagnolo  di  Federico  Garcia-­Lorca.    
  1HOKDFUHDWRO¶RUFKHVWUDGLFKLWDUUH*XLWDU3URMHFW2UFKHVWUDGLFXL
è   direttore   stabile,   tenendo   molti   concerti   per   rassegne   e   festival.   Ha  
effettuato   prime   esecuzioni   di   opere   contemporanee   ed   ha   partecipato   a  
spettacoli  teatrali,  trasmissioni  per  la  RAI  ed  emittenti  private,  collaborando  
con  attori  e  registi  di  prestigio.    
Nel   2005   è   stato   interprete   ufficiale   delle   musiche   per   chitarra   di   Franco  
Mannino   nel   festival   celebrativo   a   lui   dedicato   e   nel   concerto   inaugurale   del  
ƒ&RQFRUVR,QWHUQD]LRQDOH³9DOHQWLQR%XFFKL´D5RPD  
  (¶ GRFHQWH GL FKLWDUUD SUHVVR OD 6FXROD 0HGLD DG LQGLUL]]R PXVLFDOH
Cocchi-­Aosta  di  Todi.  
 
CHIARA  CARDINI  
Nasce  a  Perugia  il  10  Marzo  1973.  Attratta  dall'arte  nelle  sue  molteplici  
forme,frequenta   con   successo   l'Istituto   d'arte   Bernardino   di   Betto.   Dopo   il  
diploma  si  trasferisce  a  Milano;;  qui,  per  approfondire  una  delle  sue  principali  
passioni,  frequenta  la  Scuola  del  Fumetto  e  alcuni  anni  dopo  il  corso  di  Tecnico  
di  Cinema  d'animazione,  a  Terni.  
Collabora  con  vari  studi  di  animazione  realizzando  molteplici  e  importanti  serie  
TV   e   ILOP G
DQLPD]LRQH WUD FXL ³La   Gabbianella   e   il   Gatto´   ³Gibì   e  
Doppiaw´³Sopra  i  tetti  di  Venezia´5HDOL]]DLQROWUHRULJLQDOLIXPHWWLWUDFXL
³Startrader´ SHU OD FDVD HGLWULFH /D   6FXROD GHO )XPHWWR ³Chokemon´ LQ
collaborazione   con   l'Associazione   Umbria   Fumetto   e   LO SL UHFHQWH ³Grifolley´
Dal  2000  lavora  come  affermata  illustratrice   e  fumettista  in  Blumy,  azienda  del  
Gruppo  T&RB,  una  delle  più  importanti  realtà  del  Centro  Italia,  per  il  
settore  comunicazione  e  pubblicità.  
 
 
 
 
SCHEDA  TECNICA  
 
TITOLO  DELL'OPERA     Platero  e  io  
 
AUTORE         Juan  Ramon  Jimenez  
 
AUTORE  DEL  TESTO  TEATRALE  Luciano  Falcinelli  
 
N°  ATTI         Atto  unico  
 
MUSICHE         ³3ODWHUR\\R´GL(GXDUGR6DLQ]GHOD0D]D  
 
N°  ATTORI         1  
 
N°  MUSICISTI       1  
 
ATTREZZATURE  TECNICHE   1  schermo  gigante  (minimo  190  x  250  e  se  
          lo  spazio  lo  consente,retroproiettabile)  
 
          1  video  proiettore  
           
IMPIANTO  AUDIO       1  radio  microfono  (archetto)                    
(se  necessario)            
          1  mixer  audio  
 
          2  casse  (adeguate  al  luogo)  
 
LUCI           4/6  fari  pc  1000    
 
           
 
SCENOGRAFIE       1  tavolino  di  legno  stile  antico  
 
          1  sedia  di  legno  
 
 
CONTATTI  e  INFORMAZIONI   Luca  Tironzelli  340  530  76  60  
          Sandro  Lazzeri  328  873  76  58  
          lucatironzelli@hotmail.com