Vous êtes sur la page 1sur 5

SABATO 16 MARZO 2019 LA GAZZETTA DELLO SPORT 25

29a GIORNATA

L’ANTICIPO LE ULTIME LA SFIDA L’INTERVISTA


TUTINO COLPISCE, PALERMO, BONAZZOLI-VERRE GIGANTE MOGOS
SCOGNAMIGLIO «STIPENDI PAGATI» A TUTTO GOL: «LA MIA FAVOLA
SALVA IL PESCARA SALERNITANA, PADOVA E PERUGIA DALLA ROMANIA
PILLON-BRAGLIA 1-1 TIFO IN SCIOPERO VOLANO COI LEADER ALLA CREMONESE»
Pagina 26 Pagina 29 Pagina 29 Pagina 27
il Punto

Dieci partite, la Classifica


tre dubbi SQUADRE PT PARTITE RETI

mille emozioni
G V N P F S

BRESCIA 50 27 13 11 3 56 35
PALERMO 46 26 12 10 4 38 24
VERONA 45 27 12 9 6 40 30
PESCARA 45 28 12 9 7 40 36
DI ANDREA FANÌ LECCE 44 26 12 8 6 42 35
BENEVENTO 43 26 12 7 7 36 27

M
ancano 10 giornate CITTADELLA 39 26 10 9 7 32 24
alla fine della PERUGIA 38 26 11 5 10 37 36
stagione regolare. SPEZIA 37 27 10 7 10 39 34
Qualunque siano i verdetti, SALERNITANA 34 27 9 7 11 31 36
COSENZA 34 28 8 10 10 25 32
chiediamo al campionato una
ASCOLI 31 25 7 10 8 27 33
primavera di emozioni e CREMONESE 30 26 7 9 10 23 25
sorrisi. Perché dopo l’ultima LIVORNO 27 26 6 9 11 26 33
estate dei pasticci era iniziato VENEZIA 27 26 6 9 11 24 31
un campionato divertente e CROTONE 26 27 6 8 13 26 35
sorprendente. Invece, in FOGGIA (-6) 26 27 7 11 9 34 39
omaggio a un torneo tanto PADOVA 23 27 4 11 12 26 37
combattuto quanto CARPI 22 26 5 7 14 25 45
complicato, restano aperti tre SERIE A PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSIONI
casi. A Palermo l’a.d. De
Angeli sostiene che la
scadenza del 18 marzo verrà
rispettata per stipendi e
contributi: ne prendiamo atto,
come però andrebbe preso
atto che la squadra di calcio PROGRAMMA
della quinta città italiana per
popolazione non si può 29ª GIORNATA
IERI
appendere al filo sottile delle PESCARA-COSENZA 1-1
buone (fino a prova OGGI
BENEVENTO-SPEZIA ORE 15
contraria) intenzioni. Finisca FOGGIA-CITTADELLA
come finisca, ci vorrà tanto LIVORNO-SALERNITANA
PADOVA-PERUGIA
coraggio per dire «ho salvato VERONA-ASCOLI ORE 18
il Palermo», chiunque sia a DOMANI
PALERMO-CARPI ORE 15
dirlo. Meglio guadagnarsi Da sinistra Matteo Bianchetti, 25 anni, simbolo della rinascita del Verona; George Puscas, 22 anni, micidiale attaccante del Palermo LAPRESSE VENEZIA-CREMONESE

PARTE LO SPRINT
credibilità e rispetto della CROTONE-LECCE ORE 21
gente. Anche a Foggia pare RIPOSA: BRESCIA
siano stati trovati i soldi per
finire la stagione: sperando MARCATORI
che i botti arrivino in campo, 23 RETI: Donnarumma (Brescia, 6)
non fuori (quarto grave 17 RETI: Mancuso (Pescara, 3)

È L’ORA DEL TURBO


13 RETI: Coda (Benevento, 5)
episodio violento negli ultimi 11 RETI: La Mantia (Lecce)
12 anni, saranno mica 10 RETI: Verre (Perugia, 1)
troppi?). Lo Spezia aspetta un 9 RETI: Torregrossa (Brescia, 1),
verdetto sul caso Okereke: ad Diamanti (Livorno, 4), Pazzini (Verona, 3)
8 RETI: Tutino (Cosenza),
aspettare in realtà è tutto il Simy (Crotone, 2), Palombi (Lecce)
campionato, perché la 7 RETI: Mancosu (Lecce, 1),
classifica potrebbe esserne Bonazzoli (Padova, 2), Nestorovski (1),
stravolta. Questo campionato, Benevento­Spezia spettacolo: è antipasto dei playoff Puscas (Palermo), Vido (Perugia, 3),
Okereke (Spezia, 1)
questi tifosi, meritano
risposte: in fretta.
Il Brescia riposa: Verona e Palermo obbligate ad accorciare sulla prima 6 RETI: Finotto, Moncini (Cittadella),
Kragl (Foggia), Melchiorri (Perugia),

© RIPRODUZIONE RISERVATA Venezia­Cremonese e Livorno­Salernitana: si salvi chi può Casasola (Salernitana), Bocalon (5 nella
Salernitana), Di Mariano (Venezia, 1)
26 Speciale R 29a giornata SABATO 16 MARZO 2019 LA GAZZETTA DELLO SPORT

SerieB LA PARTITA

C’è poco da ridere


Vantaggio Cosenza
3

Rimonta Pescara
Pari sì, show no
1Pasticcio di Fiorillo e Tutino porta avanti Braglia
Scognamiglio evita il k.o., ma sfuma il 2° posto
1 2
PESCARA 1
COSENZA 1
PRIMO TEMPO 0-0
MARCATORI Tutino (C) al 9’,
Scognamiglio (P) al 13’ s.t.

PESCARA (4-3-3) Fiorillo;


Balzano, Gravillon, Scognamiglio,
Perrotta; Memushaj, Bruno,
Crecco (dal 46’ s.t. Melegoni);
● 1 Il gol di Gennaro Tutino, 22 anni, che vale il momentaneo vantaggio del Cosenza a inizio ripresa IPP
Marras, Monachello (dal 29’ s.t.
Del Sole), Antonucci (dal 1’ s.t. ● 2 La festa calabrese per il gol di Tutino che sale a quota 8 reti in campionato, il migliore del Cosenza IPP
Bellini) ● 3 La palla colpita da Gennaro Scognamiglio, fuori dal riquadro, si infila in rete per l’1-1 finale IPP
PANCHINA Kastrati, Del Grosso,
CHIAVE Era la prima volta, per Capone, Elizalde, Pinto, Bettella,
Ciofani, Borrelli, Sottil
SVOLTA Braglia intuisce che SCACCHI Sfida tattica tra «vec- la Moviola
Gaetano Imparato Braglia e Pillon, senza la regia tanta laboriosità dei suoi ne- chietti terribili», lo si sapeva,
INVIATO A PESCARA di Palmiero e senza la punta ALLENATORE Pillon cessita di sbocchi: alle linee tant’è che Pillon rilancia dopo
Mancuso, terminale d’attacco. strette chiede di avanzare due il riposo: 4-4-2, qualche ideuz-

B
COSENZA (3-5-2) Perina (dal 23’
icchiere mezzo pieno o Adattamenti tattici per tampo- s.t. Saracco); Hristov, Dermaku, metri, i tre reparti si allungano za lo intriga, ma la papera di
mezzo vuoto, a seconda nare? Certo, Braglia s’inventa Legittimo; Bittante (dal 43’ s.t. in avanti e la mossa rende: pri- Fiorillo sembra fare precipitare
dei punti di vista. Bepi addirittura una rivoluzione: Izco), Mungo, Bruccini, Sciaudone, ma Mungo serve a Litteri un tutto: palla impennata in area
Pillon voleva lo scatto per la non avendo un vice-play alla D’Orazio. Tutino, Litteri (dal 22’ s.t. colpo di testa (21’, poco alto), su tocco di Perrotta, il portiere
Maniero)
Gravillon,
promozione diretta dopo lo fine schiera Bruccini centrale, poi Bruccini vede un suo cross esce in presa ma cadendo per-
PANCHINA Schettino, Garritano,
schiaffo di Cittadella, Piero si spalma 3-5-2, mette in for- Baez, Embalo respinto a braccia aperte da de la sfera e Tutino segna. Ri-

fallo di mano
Braglia sognava di fare punti mazione Embalo ma in campo ALLENATORE Braglia Gravillon (22’ e media Scogna-
dopo aver terrorizzato il Bre- va Hristov (a destra della dife- scattano le pro- miglio, un amen
LA SERATA
Era rigore
scia in Calabria per poi ribal- sa a tre, l’altro resta in panca ARBITRO Illuzzi di Molfetta teste). Pressione dopo, svettando
tarsi dal 2-0 al 2-3. Un pari che infortunato) con Sciaudone ESPULSI nessuno e possesso palla Assenze pesanti: su punizione-
manda in copertina i calabresi: pronto a innescare Tutino e AMMONITI Marras (P), calabrese co- cross di Memu-
stante, dagli abruzzesi senza
Monachello (P), Bittante (C)
fanno bella figura, vanno in Litteri. Una serie di mosse che Perrotta (P) Bellini (P) per gioco shaj. Pillon si
vantaggio per una ingenuità di il Pescara impiega del tempo scorretto spalti c’è chi urla Mancuso, calabresi gioca la carta Del ● Nel primo tempo Illuzzi non
Fiorillo che Tutino castiga da per anestetizzare. Pillon sce- NOTE Paganti 2.420, incasso di « s v e g l i a a a a » , privi di Palmiero Sole dopo che fischia il rigore al Cosenza per
killer, ma rubano nulla, anzi. Il glie Monachello, deve fare a 14.866 euro. Abbonati 3.668 per Balzano spezza Braglia perde Pe- un fallo di mano di Gravillon in
Pescara appare molle, distrat- meno anche di Brugman e una quota di 22.284 euro. Tiri in la sudditanza Gara molto tattica rina in porta per area. Il difensore del Pescara
to, Pillon aveva chiesto di vede- Campagnaro, due titolari, porta 5-2. Tiri fuori 4-3. In con un tiro para- infortunio. Qual- colpisce con la mano in maniera
to in due tempi tra due tecnici
fuorigioco 8-1. Angoli 1-5.
re i suoi con gli occhi della Juve mentre Braglia cerca di iniet- Recuperi: p.t. 1’. s.t. 9’
che guizzo lo si vistosa, l’arbitro e l’assistente
da Champions: un po’ lo hanno tare ai suoi la vitamina da gol (26’). Ma il palli- esperti che si sono vede, la pressio- Raspollini non sono dell’idea di
accontentato, peccato fosse lo in trasferta: lontano da casa la no è in mano al marcati a vicenda ne abruzzese lie- fischiare. Nella ripresa i gol di
sguardo versione... Madrid e porta il Cosenza la vede pochi- Cosenza e lì re- vita, ma appena Tutino e Scognamiglio sono
che a nessuno sia riuscita una no e male. I primi 20’ sono so- sta, Bruno, Crecco e compa- perde palla la macchina di dia- regolari, mentre sempre
lontana imitazione di Ronaldo. prattutto suoi, di gioco e pos- gnia cercano ripartenze ma voli rossoblù scatta, pericolosa, Raspollini ferma Crecco per un
Salva capra e cavoli Scognami- sesso, ma frecce contro Fioril- Dermaku (27’) e Sciaudone velocissima. Meglio non ri- fuorigioco che non c’è (nel
glio, di testa, al secondo pari di lo nemmeno una, mentre An- (43’ rigore in movimento alle schiare. Finisce 1-1, e a ben frattempo aveva servito al
fila: a Cittadella servì a nulla, tonucci un tiraccio fuori stelle) spingono alle corde il pensarci anche per Pillon il bic- centro dell’area Marras).
ieri sera ha evitato contestazio- misura lo firma, insidioso Pescara che va al riposo a testa chiere può essere mezzo pieno. Mancano i gialli per
ne e mugugni. (17’). bassa. © RIPRODUZIONE RISERVATA Scognamiglio e per Perrotta.

LE PAGELLE di G.IM.
MEMUSHAJ 6,5 Assente alla grande in un reparto da copertina.
ingiustificato, nella ripresa risorge e IL MIGLIORE LEGITTIMO 6,5 Monachello passa nei IL MIGLIORE
diviene determinante: assist del pari. GENNARO suoi paraggi, lui lotta e graffia. MIRKO
BRUNO 6 Cerca di prendere per BITTANTE 6,5 Inizia difensore, subito
mano i suoi, gli riesce solo nella parte 7,5SCOGNAMIGLIO mediana, più a randellare che 7 BRUCCINI
finale del match. Un gol pesantissimo nella corsa costruire ma lo chiede il copione. Non demerita al posto
CRECCO 6 Compitino, ma molto più alla A, svettando e piazzando la (Izco s.v.) di Palmiero, col ciak del regista
PESCARA 6 utile di altri nel vivo delle azioni. Specie
coi calabresi che calano
(Melegoni s.v.)
palla a fil di palo di testa, e in
difesa è il più lucido nel gestire COSENZA 6,5 MUNGO 7 Dialoga con Litteri, copre
bene, serve palloni al veleno e va in
pressing
in mano è perfetto in posizione
e nel dettare i tempi.
attacchi e inserimenti dei Guida la mediana da stratega e
MARRAS 5,5 Qualche pallone SCIAUDONE 6,5 Vorrebbe disegnarsi
FIORILLO IN BAMBOLA traghettato in avanti, poco più poi nel
calabresi nel primo tempo
LEGITTIMO LOTTA una serata da trequartista, sta attento
gli negano un rigore sacrosanto.

NON BRILLA PERROTTA resto della sfida.


MONACHELLO 5,5 Dal limite impegna MUNGO OVUNQUE a non scoprire la zona. Spreca alto un
assist d’oro in area. Cala un po’ nella
GRAVILLON INGENUO Perina. Poco servito, nella ripresa
sfiora di testa il raddoppio che divora L’ALLENATORE DERMAKU UN LEADER ripresa.
D’ORAZIO 6,5 Praticamente annulla L’ALLENATORE
FIORILLO 4,5 Che bambola sul ancora poco dopo. Esce giustamente GIUSEPPE PERINA 6 Due interventi delicati su Memushaj, nella ripresa non gli riesce PIERO
vantaggio calabrese. Alla fine deluso. tiri dalla distanza, sul pari in ritardo stesso trattamento.
scarabocchio che influisce. DEL SOLE 6 Aggiunge un po’ di 6,5 PILLON poi l’infortunio TUTINO 7 Trotterella sulla trequarti, 7 BRAGLIA
BALZANO 6 Tiene la zona con bollicine in una serata da andamento Perrotta a sinistra non convince, SARACCO 6 Ordinaria tra le linee, poco visibile poi il guizzo Un diavolo di idee. Nei primi 20’
affanno, tenta il tiro da tre, nel finale lento del Pescara. forse s’aspettava il Cosenza a 3 amministrazione, buon per lui nel del vantaggio da volpe d’aria. i suoi sono una giostra
cresce. ANTONUCCI 5,5 La prima palla punte. Primo tempo attendista. sostituire Perina col Pescara che LITTERI 6 Una testata poco fuori, un tra scambi, tagli, cross
GRAVILLON 5,5 Ingenuo, poteva buona la manda alta, gli arriva poco Ripresa 4-4-2 e Bellini, poi spingeva. tiro al volo sbilenco, la smania giusta e accelerazioni. Abbozza un 3-4-3
causare il penalty, abbastanza altro di intrigante. Del Sole. Aumenta la pressione, HRISTOV 6,5 Serve velocità su di chi lotta. ma subito cuce reparti e i suoi si
spaesato nei momenti topici. BELLINI 6 Serve il raddoppio al socio, pareggia, ma non domina. Antonucci e lui sprinta sempre. MANIERO 5,5 Tanta buona volontà, si prendono il pallone. Un figurone.
PERROTTA 5 Non è il suo ruolo, si che spreca, cross e tiene palla facendo DERMAKU 7 Bella sassata a sfiorare il becca l’applauso dagli ex tifosi, ma
adatta e non brilla molto. salire la squadra e rendendosi utile. palo, regge il reparto e la posizione lascia poche impronte sul match.

GLI ARBITRI di M.B. 5,5


ILLUZZI Sul fallo di mano di Gravillon non viene aiutato da Raspollini, il quale gli segnala pure un fuorigioco
di Crecco inesistente. Gestione dei cartellini che lascia un paio di ammonizioni mancanti lungo il corso della serata
TARDINO 6
RASPOLLINI 5
Speciale R 29a giornata SABATO 16 MARZO 2019 LA GAZZETTA DELLO SPORT 27

SerieB L'INTERVISTA
TU 1 2 3
R
PE C
O
U

N..
A T

Vasile Mogos

M
● 1 I fratelli Mogos: da sinistra
Vasile, Ioana, Paulica, Gianina
e Lucian ● 2 L’esultanza di Vasile
per il gol segnato al Cosenza
● 3 Vasile con la cugina Andreea

O
INSTAGRAM-LAPRESSE

«La fede, il cuore,


settimana prossima andrò io a Pi-

L'IDENTIKIT sa a seguirla. E magari conoscerò


anche Bebe Vio che ho sentito so-
lo al telefono, sono compagne di
NATO A VASLUI (ROMANIA)
squadra».

i genitori, i fratelli
IL 31 OTTOBRE 1992
ALTEZZA 186 CM PESO 84 KG
Vasile, un difetto e un pregio?

G
RUOLO DIFENSORE
«Sono generoso ed è un pregio e
Inizia con il San Damiano D’Asti un difetto perché sono troppo
per poi passare alla squadra del buono e qualcuno ne approfitta.

Il pallone la mia via


capoluogo con la quale vince un Forse sono troppo istintivo. Devo
campionato di Eccellenza. Un imparare a contare fino a 10».
paio di stagioni in D ancora ad
Asti, poi Real Vicenza e Porto La sua carriera?

O
Tolle. Nel 2014 il salto in C, a «Ho iniziato nel San Damiano, a

all’integrazione»
Lumezzane. Un anno, quindi la 10 anni sono passato nell’Asti con
chiamata della Reggiana dove gli cui ho vinto un campionato d’Ec-
basta un campionato e mezzo cellenza. Quindi Real Vicenza,
per farsi notare dall’Ascoli in B. Porto Tolle, un paio di mesi da
Da luglio 2018 è a Cremona. svincolato ed ecco il Lumezzane.
Nasco come mezz’ala, mi piaceva

1Il romeno della Cremonese: «In Italia a 6 anni attaccare la porta. In D mister Ci-

S
veriati mi ha provato terzino, mi

Ero timido ma il calcio è una lingua universale» disse: “Un mio amico cambiò
ruolo e dopo anni alzò la Coppa
del Mondo: Beppe Bergomi”. Mi
stimolò».
meriti suoi e di chi?
Matteo Brega «Della mia famiglia, grazie ai Il problema al cuore?
INVIATO A CREMONA miei genitori, ai loro sacrifici e al- «Mi riscontrarono un’aritmia

V
le loro rinunce». cardiaca, sono stato fermo 4 me-
asile Mogos è un ro- si. Ho pensato di smettere».
manzo di formazio- Lei è una persona sensibile?
ne. Un libro da legge- «Mi emoziono per le cose vere, All’inizio giocava e lavorava?
re attraverso i tatuag- per un discorso che fa il mister o «Ad Asti studiavo per mamma,
gi sul corpo che rac- un amico. Non c’è motivo di fre- d’estate lavoravo in vigna, ma ho
contano la sua esistenza e da
ascoltare mentre i suoi occhi non
nare le lacrime. Mi stimola, vado
più forte».
MIA MADRE DISSE: fatto anche il cameriere e il bar-
man. Da quando ho 16 anni non
ti mollano. Il difensore romeno “È UNA VACANZA”. ho più chiesto soldi ai miei, mi
della Cremonese è partito dalla
ricchezza più grande: la fami-
Quando è arrivato in Italia?
«Avevo 6 anni, con mamma e i 4
E MI RITROVAI vergognavo. Mio padre ha fatto
20 anni l’asfaltatore, ora sono
glia. Niente settore giovanile, so- fratelli raggiungiamo a Torino A SCUOLA... contento che sia sul divano a ve-
lo esistenza pura. papà che aveva appena subìto un dersi le partite».
grave incidente d’auto. Lui era VASILE MOGOS
Domenica il gol di Emmers contro arrivato nel 1995 e faceva l’asfal- E IL TRASFERIMENTO IN ITALIA Quanti tatuaggi ha?
il Benevento ha fatto scattare an- tatore: era emigrato per darci un «Troppi, mamma e papà non so-
che Rastelli... futuro. Poi ci tra- no felici. Tutto quello che ho ad-
«È stata una libe- sferiamo a San dosso è la mia carta d’identità,
razione, siamo LE PAROLE Damiano d’Asti, a compreso il mio santo, Vasile. Poi
sempre rimasti «Siamo uno 40 km. Mamma ci ci sono i nomi dei miei genitori,
compatti. Spesso disse che sarebbe dei miei fratelli, gli amici più ca-
affondi, noi siamo spogliatoio unito: stata una vacan- ri. E una frase di Coelho che mi
stati capaci di ecco perché non za, un giorno mi ha dedicato mio fratello: “Sii for-
rialzarci. Credo affondiamo mai» ritrovo a scuola». te che nessuno ti sconfigga, nobi-
abbiano esultato le che nessuno ti umili, e te stesso
anche al bar». «Ero mezzala, in D Come si ricorda
l’integrazione?
MI EMOZIONO che nessuno ti dimentichi”. E poi
i luoghi simbolo della mia vita
A questo punto co- arretrai. Mi dissero «Non facile per- SPESSO. ANCHE come il campetto di San Damia-
che l’aveva fatto
sa conta?
«L’atteggiamento un certo Bergomi...» mido, non volevo
ché ero molto ti-
PER UN DISCORSO no, la nostra casa di Vaslui. Ado-
ro disegnare, molti li propongo io
più di tattica e sbagliare. I miei DELL’ALLENATORE al mio tatuatore».
tecnica». mi hanno educato bene, in ma-
niera rigida ma positiva». IL GIGANTE MOGOS L’insegnamento più grande?
Perché la Cremonese, costruita E LA SENSIBILITÀ «Ho imparato dai miei il rispetto
per obiettivi nobili, è in difficoltà? E con la lingua? famigliare. Mi fa male vedere le
«Abbiamo impiegato tempo a «La lingua comune era il pallone, famiglie disunite».
trovare l’equilibrio con i nuovi. ha aiutato a integrarmi».
Ora Rastelli ci sta riuscendo». Rapporto con la religione?
Quanti siete in famiglia? «Siamo cristiani ortodossi, molto
Via Mandorlini, via il d.s. Rinaudo: «Cinque fratelli — Paulica, Lu- credenti, ho fatto il chierichetto.
voi giocatori vi sentite più respon- cian, Gianina, io e Ioana — più Mia madre ha visitato Medju-
sabilizzati? papà Pavel e mamma Aurica». gorje, Gerusalemme, Lourdes e
«Il gruppo è forte, dobbiamo ogni volta ha fatto benedire la fo-
sentirci responsabili, andiamo Com’è visto lo sport in famiglia? to della squadra in cui giocavo».
noi in campo». Ride. «Come un obbligo. Papà ha
giocato a calcio da giovane. Ioa-
MIA CUGINA TIRA © RIPRODUZIONE RISERVATA

Domani sfidate il Venezia di na (numero 14 come Vasile, ndr) DI SCHERMA CON SAN DAMIANO D’ASTI
Cosmi: lei lo ha avuto l’anno gioca da opposto a pallavolo nel
scorso ad Ascoli. Che partita Canelli in Serie C. A me piaceva
BEBE VIO: SONO (dov’è cresciuto)

sarà? anche kickboxing». UN ESEMPIO


«Fondamentale, gara complica-
ta. Non faccio tabelle, vivo alla Sua cugina Andreea è un’atleta IL DIFENSORE Cremona
giornata come nella vita. Altri- paralimpica di scherma. E UNA FAMIGLIA DI SPORTIVI Torino
menti inizi a farti film». «È molto forte, stupenda, è uno Asti
dei miei esempi. Non so come
Lei è diventato professionista par- faccia, ma ha sempre il sorriso.
tendo da un settore giovanile di- Mi rende felice e mi supporta. È
lettantistico in provincia di Asti: venuta a vedermi a Cremona, la
28 Speciale R 29a giornata

SerieB COSÌ IN CAMPO


occhio a... BENEVENTO (3-5-2) FOGGIA (3-5-2)
SPEZIA (4-3-3) CITTADELLA (4-3-1-2)
OGGI ore 15 ARBITRO Giua di Olbia OGGI ore 15 ARBITRO Baroni
PREZZI 15-120 euro TV Dazn di Firenze PREZZI 16-68 euro TV Dazn

D’Elia, anima ferita a Verona 12


MONTIPO’
16
LEALI

Con Grosso derby del cuore


14 5 35 5 2 3
VOLTA ANTEI CALDIROLA TONUCCI BILLONG RANIERI
25 17 25 10
3 BANDINELLI 34 BUONAIUTO 16 13 GERBO 7 DELI 11
LETIZIA CRISETIG IMPROTA ZAMBELLI GRECO KRAGL

DI MATTEO BREGA 9 19 20 9
CODA INSIGNE CHIARETTI IEMMELLO

30 9

S
34 9 21 FINOTTO
ul prato del Bentegodi ci CUORE LANE Qualche Giacomelli) anche dopo DA CRUZ GALABINOV OKEREKE 7 MONCINI
ha lasciato una settimana dopo, a stagione la scadenza del SCHENETTI
6 8 16
delusione enorme e conclusa, D’Elia venne ceduto contratto. Oggi rivedrà MORA RICCI BARTOLOMEI
23 4 8
forse qualche lacrima. Era il 1° al Bari. «Il mio più grande lo stadio che gli donò il BRANCA IORI SETTEMBRINI
maggio del 2017: più che la rammarico è andar via al dispiacere. Lo farà con la 3 19 20 24 3 6 18 29
AUGELLO TERZI LIGI VIGNALI BENEDETTI ADORNI DRUDI CANCELLOTTI
festa dei lavoratori, il giorno termine di una stagione così», maglia dell’Ascoli e affronterà
1 1
della nostalgia per chi tifa scrisse sul profilo Instagram. Fabio Grosso. LAMANNA PALEARI
Lanerossi Vicenza e per chi L’estate travagliata del Lui non c’era nel 2017, ma c’era
ANDATA 1-3 ANDATA 1-1
quel giorno indossava il Lanerossi, semplicemente per nella vita di D’Elia fino a PANCHINA 22 Gori,32 Zagari, 7 Di Chiara, PANCHINA 22 Noppert, 27 Boldor,
biancazzurro. Salvatore D’Elia guadagnarsi un futuro, portò qualche mese fa. A Bari, i due 18 Gyamfi, 11 Maggio, 4 Del Pinto, 8 Tello, 6 Loiacono, 17 Cicerelli, 4 Agnelli,
rappresenta in parte la prima lo stesso terzino a scrivere un hanno provato a portare in A 10 Viola, 36 Vokic, 27 Ricci, 29 Asencio, 15 Ngawa, 23 Marcucci, 33 Matarese,
33 Armenteros ALLENATORE Bucchi 18 Galano, 19 Mazzeo ALLENATORE
categoria e completamente la altro messaggio: «Dispiace che pugliesi l’anno scorso. Poco SQUALIFICATI nessuno DIFF. Di Chiara, Grassadonia SQUALIFICATI Busellato
seconda. Il Vicenza quel una piazza così gloriosa debba importa, la parentesi è Asencio, Crisetig INDISPONIBILI Tuia, DIFFIDATI Martinelli, Deli, Tonucci
pomeriggio perse 3­2 contro soffrire in questo modo chiusa. Il taglio di quel 1° Costa, Puggioni INDISPONIBILI Ingrosso, Martinelli
l’Hellas e, nonostante ci #Salvateillane». Quattro maggio 2017 invece Salvatore PANCHINA 22 Manfredini, 33 Barone, PANCHINA 22 L. Maniero I, 15 Frare,
fossero altre tre giornate di stagioni con quella maglia ancora no. D’Elia, 2 Brero, 4 Crivello, 23 De Col, 13 Camigliano, 6 Parodi, 28 Bussaglia,
campionato, si sentì sono state più che sufficienti Grosso, seppur 30 anni, prima 18 De Francesco, 25 Maggiore, 7 Pierini 11 Siega, 21 Proia, 25 L. Maniero II,
ALLENATORE Marino SQUAL. nessuno 32 Diaw, 17 Panico ALLENATORE
risucchiare in C. Sentimento per fargli mantenere un innocente, stagione DIFF. Crimi, Capradossi, Gyasi, Bartolomei, Venturato SQUALIFICATI nessuno
che si trasformò in durissima legame con la città e il club (è lo ricordi. all’Ascoli Okereke INDISP. Capradossi, Gyasi, Crimi, DIFFIDATI Adorni, Camigliano INDISP.
realtà. ancora molto amico di © RIPRODUZIONE RISERVATA LAPRESSE Bidaoui, Mastinu, Acampora, Erlic Rizzo, Scappini, Pasa, Ghiringhelli

LIVORNO (3-4-1-2) PADOVA (4-3-2-1) VERONA (4-3-3) PALERMO (4-2-4) VENEZIA (3-5-2) CROTONE (3-5-2)
SALERNITANA (3-5-2) PERUGIA (4-3-1-2) ASCOLI (4-3-1-2) CARPI (4-4-1-1) CREMONESE (3-5-2) LECCE (4-3-1-2)
OGGI ore 15 ARBITRO Di Paolo di OGGI ore 15 ARBITRO Abbattista di OGGI ore 18 ARBITRO Pillitteri di DOMANI ore 15 ARBITRO Massimi di DOMANI ore 15 ARBITRO Marini di DOMANI ore 21 ARBITRO Piccinini
Avezzano PREZZI 14-55 euro TV Dazn Molfetta PREZZI 10-40 euro TV Dazn Palermo PREZZI 9-94 euro TV Dazn Termoli PREZZI 9-150 euro TV Dazn Roma PREZZI 10-45 euro TV Dazn di Forlì PREZZI 10-50 euro TV Dazn
38 1 1 1 12 1
ZIMA MINELLI SILVESTRI BRIGNOLI VICARIO CORDAZ
21 4 26 17 36 20 32 5 30 6 15 3 2 5 19 5 13 4 2 8 5
GONNELLI DI GENNARO BOGDAN MORGANELLA ANDELKOVIC RAVANELLI LONGHI FARAONI BIANCHETTI MARRONE BALKOVEC RISPOLI BELLUSCI RAJKOVIC ALEESAMI COPPOLARO MODOLO FORNASIER CURADO SPOLLI GOLEMIC
7 8 28 17 18 8 11 4 8 21 8 35 18 14 6 18
VALIANI LUCI SALZANO PORCINO MAZZOCCO CALVANO LOLLO HENDERSON GUSTAFSON LARIBI JAJALO MURAWSKI 27 SEGRE 7 PINATO 3 31 ROHDÉN 10 BARBERIS 16
27 10 ZAMPANO BENTIVOGLIO BRUSCAGIN SAMPIRISI BENALI MILIC
23 20 29 9 10
BONAZZOLI BARAYE 16 10 23
31 DIAMANTI 10 9 FALLETTI PUSCAS MOREO TRAJKOVSKI 32 28 25 11
LEE DI CARMINE DI GAUDIO
RAICEVIC GIANNETTI MBAKOGU VRIONI CITRO SIMY MACHACH

9 19 19 27 10 21 18 9 7 20
VULETICH CALAIO’ SADIQ 5 HAN ROSSETI 11 BERETTA ARRIGHINI STRIZZOLO PICCOLO FALCO
19 8
VERRE NINKOVIC 7 LA MANTIA MANCOSU
3 14 15 CONCAS 33 18 27
LOPEZ 18 DI TACCHIO 6 CASASOLA 24 20 26 30 5 19 RENZETTI 15 CASTAGNETTI 4 EMMERS 34 7 4
20 8 31 17
AKPA AKPRO ODJER DRAGOMIR CARRARO FALZERANO FRATTESI TROIANO ADDAE SODDIMO ARINI MAJER TACHTSIDIS PETRICCIONE
JELENIC VITALE COULIBALY MUSTACCHIO
13 25 2 7 13 32 2 6 14 23 37 26 3 14 27 16 25 24
27 34 4 13
GIGLIOTTI MIGLIORINI PUCINO MAZZOCCHI SGARBI GYOMBER ROSI D’ELIA PADELLA BROSCO LAVERONE TERRANOVA DOS SANTOS MOGOS CALDERONI MECCARIELLO LUCIONI VENUTI
ROLANDO KRESIC SABBIONE POLI
12 22 22 22 16 22
MICAI GABRIEL MILINKOVIC COLOMBI AGAZZI VIGORITO
ANDATA 1-3 ANDATA 2-3 ANDATA 0-1 ANDATA 3-0 ANDATA 1-0 ANDATA 0-1
PANCHINA 12 Crosta, 1 Neri, 5 Eguelfi, PANCHINA 22 Merelli, 5 Trevisan, PANCHINA 12 L. Ferrari, 26 Berardi, PANCHINA 22 Pomini, 33 Alastra, PANCHINA 1 Facchin, 22 Lezzerini, PANCHINA 22 Festa, 12 Figliuzzi, 3 Cuomo,
29 Rocca, 6 Gasbarro, 42 Boben, 9 Gori, 6 Ceccaroni, 13 Capelli, 23 Cappelletti, 3 Vitale, 17 Crescenzi, 29 Almici, 4 Accardi, 6 Gunnarsson, 13 Ingegneri, 17 Mazan, 25 Cernuto, 11 St Clair, 19 Marchizza, 27 Valietti, 13 Tripaldelli,
13 Fazzi, 20 Kupisz, 24 Dumitru, 11 Murilo, 16 Madonna, 14 Zambataro, 4 Serena, 33 Empereur, 14 Colombatto, 25 Danzi, 24 Szyminski, 31 Pirrello, 18 Chochev, 15 Zennaro, 16 Besea, 21 Schiavone, 15 Gomelt, 20 Molina, 21 Zanellato,
3 Soumaoro ALLENATORE Breda 28 Capello, 21 Marcandella, 38 Clemenza, 11 Pazzini, 13 Traoré, 28 Tupta 21 Fiordilino, 32 Haas, 7 Lo Faso, 20 Di Mariano, 23 Lombardi ALLENATORE 7 Firenze, 17 Kargbo, 33 Mraz
SQUAL. nessuno DIFF. Giannetti, Porcino 31 Cocco ALLENATORE Bisoli ALLENATORE Grosso SQUALIFICATI 30 Nestorovski ALLENATORE Stellone Cosmi SQUALIFICATI Bocalon DIFFIDATI ALLENATORE Stroppa SQUALIFICATI
INDISP. Agazzi, Mazzoni, Marie Sainte SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Dawidowicz DIFFIDATI Lee INDISP. Tozzo, SQUAL. nessuno INDISP. Mazzotta, Salvi Di Mariano INDISPONIBILI Domizzi, nessuno DIFFIDATI Molina INDISP.
Trevisan, Bonazzoli INDISPONIBILI Kumbulla, Munari, Zaccagni, Ragusa, Matos Garofalo, Suciu, Rossi Pettinari, Vaisanen, Nalini, Tripicchio
PANCHINA 1 Vannucchi, 5 Mantovani, Mandorlini, Broh, Pulzetti, Barisic PANCHINA 35 Piscitelli, 6 Buongiorno,
29 Perticone, 20 Memolla, 17 Minala, PANCHINA 12 Bacci, 1 Lanni, 3 Rubin, 5 Pezzi, 3 Marcjanik, 10 Piscitella, PANCHINA 1 Ravaglia, 12 Volpe, PANCHINA 1 Bleve, 32 Milli, 2 Riccardi,
32 Mazzarani, 28 A.Anderson, PANCHINA 1 Bizzarri, 12 Perilli, 3 Felicioli, 15 Quaranta, 17 Cavion, 28 Andreoni, 19 Pasciuti, 21 Saric, 32 Di Noia, 17 Migliore, 2 Rondanini, 24 Del Fabro, 5 Cosenza, 15 Marino, 33 Pierno,
7 D.Anderson, 27 Orlando, 10 Rosina, 16 Ranocchia, 14 Kingsley, 21 Cremonesi, 20 Ciciretti, 16 Casarini, 26 Coly, 7 Baldini, 30 Crociata, 33 Wilmots, 11 Marsura, 34 Boultam, 11 Croce, 42 Mbaye, 6 Arrigoni, 13 Haye, 21 Felici, 23 Tabanelli,
30 Jallow, 11 Djuric ALLENATORE Gregucci 25 Falasco, 8 Bianco, 23 Moscati, 39 Ngombo, 18 Chajia ALL. Vivarini 15 Vano ALLENATORE Castori 30 Carretta, 32 Montalto ALLENATORE 9 Tumminello, 18 Saraniti ALLENATORE
SQUALIFICATI nessuno DIFF. Akpa Akpro, 28 Kouan, 18 Bordin, 10 Vido ALL. Nesta SQUALIFICATI Ganz DIFFIDATI Addae, SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Rastelli SQUALIFICATI Strefezza (2), Liverani SQUALIFICATI nessuno
Jallow, Lopez, Mantovani, Minala, Pucino SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Ardemagni, Brosco, Cavion, Ninkovic, Suagher INDISPONIBILI Serraiocco, Caracciolo DIFFIDATI Dos Santos, Boultam DIFFIDATI Scavone, Palombi, La Mantia
INDISP. Bernardini, Di Gennaro, Schiavi Gabriel, Bianco INDISPONILI Melchiorri Troiano INDISP. Ardemagni, Valentini Pachonik, Cisse, Rizzo, Suagher INDISP. Castrovilli, Longo, Radunovic INDISP. Scavone, Palombi, Bovo, Fiamozzi

1Benevento con il dubbio Caldirola, 1Stroppa conferma Simy-Machach nel Crotone


nello Spezia c’è Da Cruz dal primo minuto Livorno, per Dumitru partenza dalla panchina
Foggia con Iemmello, Gerbo in ballottaggio Verona con Di Carmine, Beretta-Rosseti nell’Ascoli
SABATO 16 MARZO 2019 LA GAZZETTA DELLO SPORT 29

SerieB LA SFIDA

fPADOVA-PERUGIA PRESENZE PRESENZE


E CASSAZIONE OK

BONAZZOLI VS. VERRE 27 25


L’a.d.DeAngeli
«Palermo,

L’uomosalvezza, MINUTI GIOCATI MINUTI GIOCATI


stipendipagati»
● PALERMO Le buone notizie
erano nell’aria, da ieri sono

ilnuovofantasista
ufficiali. La prima, dall’a.d. del
Palermo, Daniela De Angeli:
2.218’ 1.987’ «Stipendi di gennaio pagati
giovedì mediante l’incasso di
crediti commerciali; il resto

DuelloinsalsaSamp
GOL GOL sarà pagato lunedì mediante
parte del credito ex Alyssa,
quindi nessun rischio di
7 10 penalizzazioni». La seconda
dalla Cassazione, che ha
infatti respinto la richiesta di

1 L’attaccante ha risollevato la squadra di Bisoli 1 DI DESTRO DI TESTA 1 7 DI DESTRO DI TESTA 1


sequestro di 50 milioni di
euro dalle casse del Palermo,

La mossa di Nesta ha trasformato l’ex regista ricorso presentato dalla


Procura e ritenuto
inammissibile. È stata accolta,
DI SINISTRO 5 DI SINISTRO 2 quindi, la richiesta del
creato 55 occasioni da gol, Bonazzoli cerca la replica al- procuratore generale che
Guglielmo Longhi mentre Bonazzoli si è fermato a l’Euganeo, dove non segna dal- DRIBBLING RIUSCITI DRIBBLING RIUSCITI giovedì aveva chiesto il
3 e 33. Ha anche recuperato più l’8 dicembre (Palermo) e dove A partita Media ruolo A partita Media ruolo rigetto dell’istanza presentata

C
osa c’è in comune tra Fe- palloni, un dato che conferma il padova nel 2019 è ancora im- dal pool della Procura del
derico Bonazzoli e Vale- la differenza dei compiti impo- battuto. Dopo la sosta, c’è il 1,44 1,12 capoluogo siciliano che da
rio Verre? Tre cose so- sti dal ruolo. Verre deve spesso derby col Cittadella: per Bonaz- quasi 2 anni sta indagando
prattutto: segnano con discreta vedersela con un mediano che zoli un’altra gara da non sba- 0,62 0,57 sui bilanci del club rosanero.
regolarità, sono i capocanno- cerca di limitarlo, come è acca- gliare. L’ex presidente Maurizio
nieri di Padova e Perugia e sono duto con Gustafson del Verona TIRI NELLO SPECCHIO TIRI NELLO SPECCHIO Zamparini, ai domiciliari,
entrambi in prestito dalla che in pratica lo marcava a uo- MUTAZIONE Pochi metri per A partita Media ruolo A partita Media ruolo tramite i legali ha emesso
Samp. Il fatto singolare è che il mo cercando, senza riuscirci cambiare il senso di una stagio- una nota in cui sottolinea che
primo, attaccante di ruolo, ha molto, di togliergli lo spazio vi- ne. E forse di una carriera. La 1,15 0,92 «l’unico interesse in questo
fatto tre gol in meno del secon- tale. E’ simile anche il numero migrazione di Valerio Verre da momento è quello del
do, regista diventato trequarti- della palle perse: regista a trequar- 0,61 0,32 salvataggio della squadra».
sta grazie alla felice mutazione 366 contro 369. tista sta dando Giovanni Di Marco
tattica decisa da Nesta. La sfida la dimostrazione LA SVOLTA risultati forse in-
di oggi tra squadre che hanno che i due gioca- Proprio nella gara sperati.Fino alla Federico
classifiche, obiettivi e momenti tori cercano sem- gara d’andata Bonazzoli, «CLUB UMILIATO»
psicologici diversi, vive sul pre di restare al d’andata, al debutto del 30 ottobre, il 21 anni LAPRESSE
duello a distanza tra giocatori
che sembrano aver raggiunto il
centro della ma- da trequartista,
novra. Verre ha segnato
bilancio era di
106 partite di B
Salernitana,
massimo della forma. Bonazzo-
li ha steso lo Spezia con una
il primo gol del suo con 6 gol segna-
SALVEZZA Bo- straordinario torneo ti. Ci voleva un
sciopero tifosi
doppietta da centravanti vero, nazzoli sa di ave- ex laziale come contro Lotito
Verre ha dato la scossa nel fina- re nuove respon- Alessandro Ne-
le contro il Verona con una rete sabilità: il Padova ha appena la- sta per trasformarlo. Uno ● SALERNO I tifosi della
bella quanto inutile. Non come sciato l’ultimo posto al Carpi. scherzo del destino per un ra- Salernitana diserteranno le
all’andata quando, al debutto Pierpaolo Bisoli, ex tecnico del gazzo cresciuto col mito di De prossime gare casalinghe in
nel nuovo ruolo, ha segnato do- Perugia, sa che non sono più Rossi e il giallorosso sulla pelle segno di protesta per il
po uno stop da cineteca il primo ammessi passi falsi e che le spe- fin da prima di dare i primi calci deludente campionato della
gol del suo brillante campiona- ranze di salvezza dipendono in al pallone a Quarto Miglio, pe- squadra ma soprattutto per
to e il Perugia ha vinto 3-2 una gran parte dalla vena del suo riferia est della capitale. La sua la gestione di Lotito e
partita difficile e spettacolare. centravanti di scuola Inter. Che carriera decollerà più tardi, Mezzaroma. «La società ha
avrà una ragione in più per col- proprio a Perugia: 5 gol in 37 umiliato e mortificato anche
LOTTA E GOVERNO Verre ha tivare l’autostima, visto che è partite da centrocampista. Non l’anno del nostro Centenario.
giocato leggermente di meno e stato convocato per le amiche- male. Poi Pescara e Samp e il ri- Basta con una proprietà che
segnato più del rivale: 10 gol voli che l’Under 21 giocherà torno a Perugia. Da inatteso ca- ritiene sufficiente pagare gli
contro 7 (uno e due su rigore). con Austria e Croazia, due delle pocannoniere. stipendi, iscriversi e
Non solo: ha firmato 4 assist e avversarie del prossimo Euro- © RIPRODUZIONE RISERVATA conservare la B perché più di

7 10
peo. Bonazzoli lascerà Bisoli questo ha dimostrato di non
per andare da Di Biagio e maga- volere o saper garantire»,
ri trovare le motivazioni per lo hanno scritto in un
sprint finale. La corsa per la sal- comunicato i tifosi che oggi,
vezza è entrata nel vivo con 10 a Livorno, esporranno un
giornate al termine. La vittoria solo striscione con la scritta
contro lo Spezia ha dato un pò «Liberate la Salernitana».
di speranza e puntellato una Quattro tifosi, infine, sono
● Le reti di Bonazzoli in questo classifica sempre complicata, ● Le reti di Verre in questo stati sottoposti a Daspo per
campionato di Serie B. Non ma che ora fa meno paura. Bi- campionato: è il record di gol comportamenti violenti in
aveva mai segnato così tanto, al soli però chiede continuità: i in un solo torneo per l’ex Valerio Verre, occasione del derby con il
massimo aveva firmato 2 gol playout distano tre punti, non è romanista. Il precedente nella B 25 anni Benevento.
nella B 2016-17 a Brescia una distanza abissale. Intanto 2014-15, sempre a Perugia: 5 D’ANNIBALE Roberto Guerriero