Vous êtes sur la page 1sur 2
Pezzi di bravura di societa moralista un romanz potrebbe anche non esserlo: lo scrittore, inyitate parole ¢ immorale nei falti, si concede digressioni e visioni. Fu Busi e la borghesie arutrasando Moliére: mache dia- | squadra tala sritura ela vita it mondo, | gututtopure:non sonoin fondo anche o- | ‘volo cera andato a fare, Busi, a | la societi, quellinferno che, come é stato | ro come lui? E poi: Fospitaliti non com- | «quella cena? Per mandarglieln dl | detto, sono gi alt porta di per sé un obbigo di gratitudine? | traverso® E se sl perché non lo | Perché To hanno voluto fi Hanno insi- | Conche coraggio mordetele mandi chit | ha fatto? Non sar’ micadiventato | stito per averlo, non si é mica imbucato. E | fa esta? O, pit arcaicamente, di chitida da | anche lui indulgente, condiscendente, | perchélo leggono? Non scherziamo. Perla | mangiare? Epoi tocchera riconoscerio:s0- | empatico, come si dice oggi, visto che | sua fama televisiva? Forse, ma c’ delfal- | no loro gli uomini e le donne che manda- | ogni tanto anche { ricchi piangono? ‘vogliono che li assolva, vogliono cor- | no avanti il Paese, producono, consuma- | ft ‘Ovvio che no. Ma sarebbe errato dire | Tomperio con la compassione — la figlia | no, fanno girare feconomia. Sono loro che che c’% andato solo con intenti di caccia | degli anfitrioni é malata dello stesso male | fanno, mentre tu sei soltanto Tuomo che ‘grossa, lui, Aldo Busi, in mezzoaunatayo- che disseminano nelle campagne, la pa- | parla, la decorazione, il parassita, alla fin Tata di riccastri della provincia bresciana, | drona di casa ha un passato di miseria e | fine, Yetemno nipote di Rameau che dice le inquinatori, intrallazzatori, moralistia pa-__umiliazioni alle spalle, il cumenda che pa- | parolacce a tavola mentre loro tacciono € tole e immoralisti a fatti; capirai che botti- | agiscono. Z no. La posta in gioco del suo nuovo libro, | in dai suoi esordi con Seminario sulla Le consapevolezze ultime, ¢ molto pit al- | | gioventit, Busi Youtsider si @ trovato di ta, e mai titolo tra i suoi é stato pill azzec- fronte a una situazione come questa. Bla ato. A quella cena— intomno allaquale | Lo spavento | sua scena primaria: la duray materialistica | muota una miriade di digressioni, ricordi, | E se in realta nessuno vuole | Mialettica tra chi parla e chi paga, di fronte riflessioni, associazioni, visioni e fantasti- re qual da alla quale ogni tentativo di richiudersi in cherie quando strazianti e quando esila- | veramente qualche cosa una cerchia di anime belle troppo pure per ese co Nias tee te? Nemmeno sedurti o Rinend nen | aes Nie amento wroprio destino. In quella E ‘sun autore riesce a darei ritratto, orn aas adeno et corromperti: nulla. ae cosi al naturale della borghesta italiana — cuitore, J rapporto mai interamente in| Tessuno voglia pit 1? | della borghesia com, non come worrebbe : : i i meal si ti He ili Th