Vous êtes sur la page 1sur 2

30 Serie B R 33a giornata DOMENICA 14 APRILE 2019 LA GAZZETTA SPORTIVA

Lecce, non è un sogno LE PAGELLE di G.CAL.


versari, che in avvio sono sal-
vati da una parata decisiva di
Bleve (in campo al posto dello
squalificato Vigorito) su tiro di

Raggiunge il Brescia
Arrighini, poco dopo sostituito
per un preoccupante infortu-
nio alla caviglia sinistra. Per
un’ora Castori imbriglia la

e condanna il Carpi
squadra salentina, troppo mol-
le, poco intraprendente e mon-
ca in attacco per l’assenza del
LECCE 7 CARPI 5
terminale La Mantia. Solo Ta- IL MIGLIORE IL MIGLIORE
chtsidis si esprime a certi livel- FILIPPO MAMADOU
1Primo tempo sofferto, poi giallorossi super. Lucioni espulso li, Falco (l’unico pericoloso)
predica nel deserto, perché
FALCO COULIBALY

Liverani è più vicino alla A, a Castori adesso serve un miracolo Mancosu e Palombi restano 8 6
avulsi dal gioco. Così, il Carpi
Già brilla nel primo tempo ma nella L’ultimo a mollare. Fa valere la sua
prende coraggio e con Couli- ripresa diventa irresistibile: un gol forza atletica, vincendo contrasti e
baly impegna ancora Bleve. con giocata elegante, un palo e assist impostando l’azione. E impegna Bleve
LECCE 4 perfetti. dalla distanza.
SINFONIA DEL GOL Nella ripre-
CARPI 1 sa, però, il Lecce — che si vede
BLEVE 7 Salva sullo 0-0 su tiro di PISCITELLI 5 Preso a pallate, due
negare un rigore, per tocco di Arrighini e azzarda pure un dribbling. volte è aiutato anche dai pali.
PRIMO TEMPO 0-0
MARCATORI Venuti (L) all’11’,
braccio di Kresic — si sveglia e VENUTI 7 Perfetto in marcatura e PACHONIK 5,5 Tenta di arginare le
Mancosu (L) al 17’, Falco (L) al 19’, comincia a brillare, dominan- spietato da attaccante aggiunto: è il avanzate di Calderoni e poi di Marino.
Tumminello (L) al 28’, Suagher (C) do nettamente Pasciuti e com- suo terzo gol. ROLANDO 5 Il suo inserimento non
al 35’ s.t. pagni. Ora il greco e Falco pos- LUCIONI 6 Efficace in chiusura ed procura benefici.
sono contare su Mancosu, fine elegante nell’assist per Falco. Poteva SUAGHER 6 Segue Palombi come
LECCE (4-3-1-2) Bleve; Venuti, evitare il fallo per il secondo giallo. un’ombra, tentando di giocare
tessitore e inventore. In 18 mi- MECCARIELLO 6,5 Bravo in due sull’anticipo. E firma l’inutile gol.
Lucioni, Meccariello, Calderoni
(dal 32’ p.t. Marino); Tabanelli (dal
nuti la pattuglia di Liverani si chiusure, con uscita palla al piede. KRESIC 5 Nella sua zona incrocia
12’ s.t. Majer), Tachtsidis, scatena, segnando 4 reti. Venu- CALDERONI 6 Bel cross per Falco, poi soprattutto Falco e ne soffre la
Petriccione; Mancosu; Falco, ti si scopre attaccante di razza si arrende al solito guaio muscolare. rapidità di esecuzione.
Palombi (dal 20’ s.t. Tumminello) e sfrutta un assist di Marino; MARINO 6,5 Stavolta entra e, ancora PEZZI 5,5 Invano cerca di fare muro
PANCHINA Milli, Riccardi, Mancosu (al 12° gol) non per- da terzino sinistro, si fa valere. Detta su Falco e Tabanelli. Non va meglio
Di Matteo, Pierno, Arrigoni, Haye, dona dopo una respinta di Sua- l’assist per Venuti-gol. quando avanza Venuti.
Doratiotto, Felici, Saraniti TABANELLI 6 Fa filtro e aiuta nella PASCIUTI 5,5 Agisce quasi da
gher; Falco (a quota 6) accen- costruzione. difensore aggiunto, senza successo.
ALLENATORE Liverani
L’esultanza dei giocatori del Lecce dopo la vittoria sul Carpi LAPRESSE de la lampada del genio e fa MAJER 6 Utile da mezzala destra. VITALE 5 Non gli riesce il pressing
CARPI (4-4-1-1) Piscitelli; centro con tocco delizioso, poi TACHTSIDIS 7,5 Un maestro che iniziale su Mancosu.
Pachonik (dal 18’ s.t. Rolando), cattedra. E hanno proposto si sblocca pure Tumminello, al impartisce la lezione. Mai un pallone MARSURA 5 Mai si propone.
Suagher, Kresic, Pezzi; Pasciuti, Giuseppe Calvi spettacolo, realizzando le reti primo sigillo nella sua avven- sprecato, neppure da centrale dietro. CROCIATA 5,5 Buon avvio, poi un
Coulibaly, Vitale, Marsura; LECCE di Venuti, Falco, Mancosu e tura leccese. Nel finale, il Carpi PETRICCIONE 6,5 Avvio troppo notevole calo.
Crociata (dal 24’ s.t. Buongiorno); blando, poi torna sui suoi livelli. BUONGIORNO 5,5 Si agita, prova a
Tumminello, centrando due riduce con Suagher e l’arbitro

P
Arrighini (dal 18’ p.t. Vano) MANCOSU 7 S’impone nella ripresa, cambiare posizione, ma incide poco.
PANCHINA Serraiocco, Sambo, er due notti resterà acce- pali (Falco e Mancosu) e sfio- Piscopo espelle Lucioni per segnando il 12° gol e colpendo un palo. ARRIGHINI 5 Gioca quanto basta
Marcjanik, Sabbione, Piscitella, sa la stella del Lecce nel rando almeno altre quattro re- doppia ammonizione. Brescia PALOMBI 6,5 Si sacrifica, apre spazi. per sprecare una grande occasione.
Wilmots, Romairone firmamento della classi- ti. Sul 4-0, l’inutile centro di e Palermo proveranno, oggi e TUMMINELLO 6,5 Aspettava e… VANO 5,5 Entra per fare il terminale
ALLENATORE Castori fica. Con la vittoria per 4-1 sul Suagher per gli emiliani, per i domani, a rimettersi al passo; sperava. Entra e firma la sua prima offensivo, però resta spesso isolato.
Carpi, la squadra di Liverani è quali è sempre più difficile la intanto il Lecce, scacciato l’in- rete nel Lecce. ALL. CASTORI 5 Il Carpi comincia
ARBITRO Piscopo di Imperia ALL. LIVERANI 7 Un’ora sofferta, poi bene, con pressing e immediate
tornata di nuovo in vetta, alla rimonta sulla strada che porta cubo Carpi, continua a sognare l’exploit, da grande squadra, da primo ripartenze. Ma resiste un tempo. Nella
ESPULSI Lucioni (L) al 38’ s.t. per
doppia ammonizione (per g.s.) pari con il Brescia (in campo alla salvezza. la promozione diretta. Già, posto. Quando si mette a giocare, ripresa, in 9 minuti, il pesante tonfo.
AMMONITI Vano (C), Meccariello domani sera a Livorno). Dopo quel Carpi che adesso si ritrova questo Lecce non conosce limiti. Ora ci vorrebbe un’impresa.
(L), Pasciuti (C) gioco scorretto un primo tempo sofferto, nel EMERGENZA I due allenatori più lontano dalla Serie B, con-
NOTE paganti 2.366, incasso quale la formazione di Castori fanno i conti con assenze pe- quistata per la prima volta il 16
36.389 euro; abbonati 6.994,
quota 51.518 euro. Tiri in porta 14
ha saputo portare un efficace
pressing e ha sprecato con Ar-
santi. In particolare, il Carpi —
incitato da una trentina di tifo-
giugno 2013 proprio al Via del
Mare, nella finale playoff con-
GLI ARBITRI
(con due pali)-3. Tiri fuori 6-1. In PISCOPO Lascia giocare troppo, sorvolando su falli netti su Falco e
fuorigioco 3-4. Angoli 7-4. Rec.:
righini una clamorosa occasio- si — è in piena emergenza, ep- tro Giacomazzi e soci. 5 Tabanelli. Non dà un rigore al Lecce, per tocco di braccio di Kresic su
p.t. 3’, s.t. 7’ ne, i giallorossi sono saliti in pure fa tremare subito gli av- © RIPRODUZIONE RISERVATA tiro di Tachtsidis. VECCHI 6 – AFFATATO 6

GOLANNULLATOASIMY CROTONE 0 RIMONTA SALERNITANA SALERNITANA 4

La Cremonese Djuric scatenato


CREMONESE 0 CITTADELLA 2
CROTONE (3-5-2) Cordaz 6,5; PRIMO TEMPO 1-2
Curado 5, Spolli 5,5, Vaisanen 6; MARCATORI Djuric (S) al 6’,

sbatte su Cordaz Tonfo Cittadella


Sampirisi 6, Rohdén 5,5 (dal 32’ Moncini (C) al 13’, Iori (C) al 19’ p.t.;
s.t. Molina 5,5), Barberis 5,5, Djuric (S) al 14’, Minala (S) al 17’,
Benali 5,5, Firenze 5 (dal 28’ s.t. Djuric (S) al 26’ s.t.
Milic 6); Pettinari 5 (dal 16’ s.t.

Il Crotone tiene Playoff a rischio


Machach 5,5), Simy 5 SALERNITANA (4-5-1) Micai 6,5;
PANCHINA Festa, Cuomo, Valietti, Pucino 6,5, Mantovani 6,5,
Marchizza, Gomelt, Zanellato, Migliorini 6, Lopez 6; Casasola 6,5,
Tripicchio, Nanni, Mraz. D.Anderson 5,5 (dal 13’ s.t. Rosina
ALLENATORE Stroppa 5,5 7), Di Tacchio 6,5, Minala 6 (dal 32’
s.t. Odjer 6), Jallow 6,5 (dal 39’ s.t.
martella per tutta la partita, il CREMONESE (3-5-2) Agazzi 6 disunito. Ha giocato con la so- Mazzarani s.v.); Djuric 8
Luigi Saporito terreno di gioco è veloce come (dal 1’ s.t. Ravaglia 6); Caracciolo Roberto Guerriero lita disinvoltura e in sei minuti PANCHINA Vannucchi, Vuletich,
piace a Stroppa ma le cose mi- 6,5, Dos Santos 6,5, Terranova 6; ha ribaltato il risultato. Il mo- Gigliotti, Calaiò, Memolla, Schiavi,
CROTONE SALERNO
Mogos 6, Croce 6, Arini 6,5, Orlando, A.Anderson, Perticone
gliori le fa vedere sempre la mentaneo pari lo ha firmato

D T
Castrovilli 5,5, Renzetti 6,5; ALLENATORE Gregucci 5,5
odici punti nelle ultime Cremonese. I padroni di casa a Strizzolo 6 (dal 38’ s.t. Carretta utti aspettavano il Citta- Moncini, decimo gol per lui,
6 gare, tre vittorie e tre volte sembrano impacciati, ba- s.v.), Piccolo 7 (dal 47’ s.t. Emmers della e, invece, ecco a sor- con un colpo di testa ravvicina- CITTADELLA (4-3-1-2) Paleari 5;
pareggi. L’andatura del- nali, i suoi uomini migliori so- s.v.) presa la Salernitana, bra- to su assist di Branca. Poi Iori, Ghiringhelli 5,5, Adorni 5,5, Drudi
la Cremonese è da playoff, al- no imprecisi nel palleggio e PANCHINA Volpe, Rondanini, va a ribaltare una partita che in acrobazia e da distanza rav- 5, Benedetti 6; Siega 5,5 (dal 34’
tro che salvezza! Anche a Cro- con Benali che prova a essere il Soddimo, Migliore, Castagnetti, sembrava segnata dopo un di- vicinata, ha costruito il sorpas- s.t. Proia 6), Iori 6,5, Branca 6;
Strefezza, Del Fabbro, Montalto, Schenetti 6 (dal 23’ s.t. Panico 6);
tone la squadra di Rastelli è punto di riferimento della ma- Boultam sastroso primo tempo. Per i so che ha messo a nudo le diffi- Moncini 6,5, Diaw 5,5 (dal 34’ s.t.
riuscita a portare a casa un novra ma con poca fortuna. La ALLENATORE Rastelli 6,5 campani è la seconda vittoria coltà della Salernitana. Gre- Scappini 5,5)
punto, ma il Crotone visto al- retroguardia lombarda è gra- casalinga del girone di ritorno, gucci ha cambiato modulo (3- PANCHINA Maniero, Parodi,
l’opera ha lasciato più di qual- nitica. Difficile penetrarla an- ARBITRO Ros di Pordenone 6,5 utile per interrompere la serie 5-2) ma non è servito: gioco Settembrini, Camigliano, Frare,
che perplessità. La salvezza che perché sapientemente gui- ASSISTENTI Lombardi 6 – negativa di un solo punto nelle lento, prevedibile e tanta con- Pasa, Bussaglia, Cancellotti
per i grigiorossi è un discorso data da Dos Santos che su que- Pagnotta 6,5 precedenti cinque gare. Ora il fusione. ALLENATORE Venturato 5,5
ESPULSI nessuno
quasi chiuso, deve faticare e sto terreno di gioco ha conqui- AMMONITI Caracciolo (Cre), finale di torneo fa meno paura. ARBITRO Baroni di Firenze 6
ancora tanto il Crotone che do- stato e giocato la Serie A. Croce (Cre), Benali (Cro), Curado Il Cittadella, che perde invece a ROVESCIO Poi la sorprendente ASSISTENTI Soricaro 6-Schirru 6
po lo stop di Cosenza sperava Agazzi lavora pochissimo, poi (Cro), Piccolo (Cre) per g.s. Salerno dopo 14 anni, ferma a metamorfosi nella ripresa. Il AMMONITI Adorni (C), Iori (C),
di riprendere a correre. nel finale di tempo sbatte sul NOTE paganti 2.406, incasso di sette la serie positiva ma resta Cittadella ha forse pensato di Minala (S) per g.s., Micai (S) per
5.339 euro; abbonati 4.164, quota proteste, Jallow (S) per c.n.r.
palo dopo un’azione concitata, in corsa per i playoff. aver già chiuso in cassaforte i NOTE paganti 1.731, abb. 4.085,
MEGLIO RASTELLI Tra i padro- appare stordito e non tornerà di 30.067 euro. Tiri in porta 3-3. tre punti, invece sotto la piog-
Tiri fuori 3-2. In fuorigioco 4-5 quote n.c. Tiri in porta 9 (con un
ni di casa Spolli torna titolare in campo nel secondo tempo. Angoli 6-5 Recuperi: p.t. 3’, s.t. 4’
IL PERSONAGGIO L’uomo co- gia la squadra veneta è naufra- palo)-6. Tiri fuori 6-3. In fuorigioco
così come Rohdén, Stroppa dà Che in pratica è lo stesso del pertina è Milan Djuric. L’attac- gata. Si è rivelato determinan- 1-2. Angoli 8-6. Rec.: p.t. 1’, s.t. 6’
fiducia ancora a Pettinari in at- primo, anzi la Cremonese si di- cante bosniaco ha firmato la te l’ingresso di Rosina perché il
tacco e Firenze sulla sinistra. fende meglio, affida a Piccolo i prima tripletta della carriera e terzo cambio modulo (3-4-
Rastelli disegna una difesa a palloni più complicati e l’attac- IL MIGLIORE con i cinque gol di fila realizza- 1-2) ha dato uno scossone alla IL MIGLIORE
tre supportata però da Mogos e cante napoletano si esalta in ti con la Salernitana riscatta, partita e, di fatto, alla stagione
Renzetti, a Castrovilli affida i giocate strappa applausi. seppur parzialmente, la sua della Salernitana che ha co-
compiti di guastatore ma è Pic- stagione. Incredibile, però, struito la rimonta grazie a Dju-
colo che fa venire il mal di testa CORDAZ C’È Stroppa prova a l’involuzione del Cittadella: ric (altro gol di testa) e al tiro
alla difesa del Crotone. Schie- cambiare qualcosa, richiama perfetto nel primo tempo, in- con traiettoria millimetrica di
rati a specchio Crotone e Cre- un opaco Pettinari per Macha- guardabile nel secondo. In av- Minala dopo un assolo di Jal-
monese provano a fare gioco e ch ma la nuova palla gol capita vio di gara da un’azione che low. Poi a completare l’opera di
spettacolo ma la cosa riesce a Strizzolo al 26’: il suo destro avrebbe potuto subito modifi- una seconda frazione impecca-
meglio agli ospiti. Come per sbuca da una selva di gambe care il punteggio (Micai ha pa- bile è arrivato ancora un guiz-
esempio con Castrovilli che fa ma non sorprende Cordaz. Ra- rato su Benedetti e sulla ribat- zo di Djuric, dopo un tiro di
arrabbiare i suoi tifosi (una
trentina) per quella che risul-
vaglia in porta si limita a sorve-
gliare i tentativi di un isolato
7 tuta Casasola ha murato il tiro
di Iori), è nato il vantaggio del-
Jallow finito sul palo. Per la Sa-
lernitana, che sognava i play
8
terà la prima delle due palle Simy che però a 4’ dal termine ● PICCOLO la Salernitana che sulla succes- off, la salvezza è a un passo, ● DJURIC
gol della Cremonese arrivata va in gol ma Ros cancella tutto CENTROCAMPISTA CREMONESE siva ripartenza ha sbloccato il mentre resta incerta la rincor- ATTACCANTE SALERNITANA
dopo solo 6 minuti ma il tiro da per il fallo di Machach in par- I suoi lo cercano e lui si fa risultato con Djuric, bravo a sa del Cittadella agli spareggi Senza gol per un campionato,
pochi passi si perde nella curva tenza ai danni di un difensore. trovare sempre. Fa girare a sfruttare un preciso cross di promozione. 5 reti nelle ultime 3 gare. Ieri
dei tifosi di casa. La pioggia © RIPRODUZIONE RISERVATA vuoto gli avversari. Casasola. Il Cittadella non si è © RIPRODUZIONE RISERVATA prima tripletta in carriera
Serie B R 33a giornata DOMENICA 14 APRILE 2019 LA GAZZETTA SPORTIVA 31

LE PAGELLE
Il ruggito del Venezia
punte e le due mezzali.

di G.LO. DOPO IL RIGORE Poi cosa è suc-


cesso? Cosmi ha cambiato fa-
scia a Bruscagin, in difficoltà

Cosmi, 11 metri di gioia


con Zambelli e l’ha spostato a
sinistra, su Kragl. Lombardi,
più offensivo, è andato a de-
stra. Ma più che la mossa tatti-
ca, comunque non banale, a fa-

VENEZIA 6,5 1Di Mariano trasforma il rigore che decide lo spareggio col Foggia re la differenza è il rigore (giu-
sto) fischiato per un fallo di

Meglio i rossoneri ma non basta: dopo la gara confronto con i tifosi


Iemmello su Lombardi. La do-
IL MIGLIORE manda nasce spontanea: cosa
FRANCESCO ci faceva lì Iemmello? Per la se-
DI MARIANO
rie: i danni che fa un centra-
6,5 vanti in area quando prova a
VENEZIA 1 fare il difensore. Il Venezia si è
All’asciutto dal 27 febbraio: si sblocca ritrovato, non ha cominciato a
dopo aver procurato il rigore,
cercando di prendersi la squadra
FOGGIA 0 giocare bene, anzi ha conti-
nuato a soffrire, ma con uno
sulle spalle. Prezioso. PRIMO TEMPO 1-0
MARCATORI Di Mariano su
spirito diverso: Zennaro si è so-
rigore al 34’ p.t. stituito a Schiavone cercando
VICARIO 6,5 Due parate importanti,
su Gerbo e Mazzeo. E un paio di uscite
di costruire la manovra, men-
balorde. VENEZIA (3-5-2) Vicario: tre Bocalon, che dal punto di
COPPOLARO 6 Si occupa soprattutto Coppolaro, Modolo, Domizzi; vista del fisico era soverchiato
di Mazzeo e gli concede pochi spazi. Lombardi (dal 40’ s.t. Mazan), dal gigantesco Billong, ha pro-
Zennaro, Schiavone (dal 32’ s.t.
MODOLO 6,5 Sempre puntuale
Besea), Pinato, Bruscagin;
vato a metterlo in difficoltà con
contro Iemmello, che comunque non la velocità. Il risultato è ingiu-
gioca la sua partita migliore. Bocalon (dal 47’ s.t. Vrioni),
DOMIZZI 6,5 Partita di sofferenza Di Mariano sto per il Foggia, su questo non
anche la sua: finisce in ospedale con la PANCHINA Facchin, Lazzerini, ci piove: anche il pari sarebbe
sospetta frattura del naso dopo uno Soldati, Zampano, Cernuto, Suciu, stato stretto. Un dato conferma
scontro con Billong. Rossi, St Clair, Pimenta che è una squadra di fini pal-
LOMBARDI 6,5 Si scambia la fascia ALLENATORE Cosmi leggiatori: 533 passaggi con
con Bruscagin, poi si procura il rigore 303. E’ mancato il gol e ogni al-
con una discreta dose di furbizia. FOGGIA (3-5-2) Leali; Martinelli,
Da sinistra: i giocatori del Foggia in silenzio di fronte ai propri tifosi; esultanza di Di Mariano, 22 LAPRESSE Billong, Ranieri; Zambelli (dal 17’ tra considerazione statistica
(Mazan s.v.)
ZENNARO 6 Male nella prima s.t. Agnelli), Gerbo (dal 38’ s.t. diventa accademica se la cosa
mezz’ora con Deli, poi protagonista specie di seduta di silenziosa che se con zero concessioni al- Matarese), Greco, Deli (dal 32’ s.t. più importante (Cosmi docet)
quando c’è da impostare il Guglielmo Longhi autocoscienza per capire come l’estetica: un solo tiro in porta, Chiaretti), Kragl; Iemmello, è il risultato. Se quando sei il
contropiede. INVIATO A VENEZIA non sia stato possibile chiude- il rigore. «Contava solo il risul- Mazzeo padrone della partita non la
SCHIAVONE 5 Offuscato da Greco, PANCHINA Di Stasio, Nopert,
re i conti quando stava domi- tato», ammette Serse Cosmi, chiudi, sono anche colpe tue.

B
non riesce a dare un senso alla Boldor, Loiacono, Busellato,
rutta cosa la paura: ti nando. Un k.o. in uno scontro facendo professione di prag- Cicirelli, Arena, Galano Nel secondo tempo, col Vene-
manovra. (Besea s.v.)
PINATO 6 Qualche sbaglio di troppo blocca le gambe, ti an- salvezza brucia il doppio. matismo e ricordando che i ALLENATORE Grassadonia zia nella sua metà campo ma
perché Gerbo è un gran brutto cliente. nebbia le idee, ti fa sba- suoi sono entrati in campo pronto a ripartire, è diventato
Poi si riprende. gliare anche le cose più facili. PRIMA DEL RIGORE Il Venezia, «terrorizzati». L’aggettivo ren- ARBITRO Aureliano di Bologna tutto molto più complicato.
BRUSCAGIN 6 Il neo dottore Poi, di colpo o quasi, tutto che continua ad avere l’attacco de bene l’idea. La prima mez- ESPULSI nessuno L’idea di fondo non è mai man-
comincia male, dopo mezz’ora lo AMMONITI Besea (V), Pinato (V),
scompare. Il Venezia ricorderà peggiore del campionato (co- z’ora da incubo, appunto, du- Lombardi (V), Zambelli (F) e cata ai rossoneri, la giocata in-
sposta a destra per limitare Kragl. a lungo questa partita: una me il Cosenza che gioca oggi) rante la quale il Foggia ha fatto dividuale sì: vedi Kragl strana-
BOCALON 5,5 Billong lo sovrasta, utile Martinelli (F) per gioco scorretto
nelle ripresa per le sponde e perché mezz’ora da incubo, poi il rigo- ma che non ha preso gol dopo quello che voleva: Deli ha avu- NOTE paganti 3.524, incasso mente impreciso che non ha
tiene alta la squadra. (Vrioni s.v.) re, la svolta, poi sofferenza allo 16 gare di fila, ha scelto il gior- to tre occasioni importanti 25.486 euro; abbonati 1.820, sfruttato al meglio la specialità
ALL. COSMI 6,5 Vittoria di stato puro. Anche il Foggia ri- no giusto per ritrovare la vitto- mentre Greco annullava Schia- quota 10.592 euro. Tiri in porta 1 della casa, le punizioni. E’ evi-
fondamentale importanza: la prima corderà a lungo questo antipa- ria che mancava dal 27 genna- vone, il (teorico) centro del (con 1 palo)-7. Tiri fuori 4-10 In dente che la classifica del Fog-
dopo 4 pareggi e una sconfitta. Ma la fuorigioco 2-2. Angoli 2-8.
sto di playout, ha cominciato a io. Da quel momento, 5 pareg- gioco avversario. Il motivo è Recuperi: p.t. 2’; s.t. 7’
gia è bugiarda, ma la penaliz-
salvezza resta un obiettivo complicato. farlo subito dopo la partita, gi e 5 sconfitte con la classifica semplice: Grassadonia ha chie- zazione è una zavorra sempre
schierato davanti alla curva oc- che si deteriorava lentamente. sto ai suoi di stare alti e pressa- più pesante.
cupata dai 1.500 tifosi. Una Questo 1-0 vale tantissimo, an- re sempre con 4 uomini, le due © RIPRODUZIONE RISERVATA

STASERA BENEVENTO-PALERMO. DOMANI IL BRESCIA A LIVORNO CLASSIFICA


FOGGIA 6,5 PADOVA (4-3-1-2) SPEZIA (4-3-3) BENEVENTO (4-3-1-2) LIVORNO (3-4-1-2)
SQUADRE PT

G
PARTITE

V N P
RETI

F S

BRESCIA 57 30 15 12 3 62 38
IL MIGLIORE COSENZA (4-3-3) ASCOLI (4-3-2-1) PALERMO (4-3-1-2) BRESCIA (4-3-1-2)
FRANCESCO LECCE 57 32 16 9 7 60 41
DELI OGGI ore 15 ARBITRO Serra di Torino OGGI ore 15 ARBITRO Volpi di Arezzo OGGI ore 21 ARBITRO Ghersini di DOMANI ore 21 ARBITRO Marinelli PALERMO 53 30 14 11 5 46 29
PREZZI 10-40 euro TV Dazn PREZZI 1-40 euro TV Dazn Genova PREZZI 15-120 euro TV Dazn di Tivoli PREZZI 14-55 euro TV Dazn BENEVENTO 50 30 14 8 8 47 35
6,5 1 1 12 38
PESCARA 49 32 13 10 9 45 43
MINELLI LAMANNA MONTIPO’ ZIMA VERONA 48 31 12 12 7 44 35
Devastante quando da destra va al CITTADELLA 45 31 11 12 8 41 31
centro a fare il trequartista: vicino al 23 20 3 32 24 13 19 3 11 5 35 16 21 4 6
gol tre volte, con un errore di mira. CAPPELLETTI RAVANELLI CHERUBIN LONGHI VIGNALI CAPRADOSSI TERZI AUGELLO MAGGIO ANTEI CALDIROLA IMPROTA GONNELLI DI GENNARO GASBARRO PERUGIA 45 31 13 6 12 44 44
Mette in crisi Zennaro. (Chiaretti s.v.) 4 11 8 4 10 25 7 8 34 5 SPEZIA 43 30 12 7 11 44 38
SERENA LOLLO CALVANO 16 8 6 DEL PINTO VIOLA BANDINELLI VALIANI LUCI AGAZZI EGUELFI
BARTOLOMEI RICCI MORA
ASCOLI 39 30 9 12 9 34 45
7 27 23
LEALI 6 Resta per quasi tutta la CREMONESE 39 31 9 12 10 30 28
PULZETTI RICCI DIAMANTI
partita ai confini del senza voto. 27 9 21 9 34 9 33 31 10 SALERNITANA 38 31 10 8 13 37 42
OKEREKE GALABINOV DA CRUZ
Intuisce il rigore, ma il palo non lo BONAZZOLI MBAKOGU CODA ARMENTEROS RAICEVIC GIANNETTI COSENZA 38 31 9 11 11 28 36
aiuta. 32 9 30 11 9 CROTONE 34 32 8 10 14 32 39
25 9 10
MARTINELLI 5,5 Primo tempo TUTINO LITTERI EMBALO ARDEMAGNI MOREO NESTOROVSKI TORREGROSSA DONNARUMMA VENEZIA 33 31 7 12 12 28 36
tranquillo, nel secondo tempo soffre 20 11 20 7
CICIRETTI NINKOVIC LIVORNO 30 30 7 9 14 29 43
Di Mariano. 16 6 21 FALLETTI SPALEK
BILLONG 6,5 Non sbaglia una palla SCIAUDONE PALMIERO BRUCCINI 30 5 19 32 8 35 6 4 25 FOGGIA (-6) 30 31 8 12 11 37 43
alta, chili e centimetri contro la FRATTESI TROIANO ADDAE HAAS JAJALO MURAWSKI NDOJ TONALI BISOLI CARPI 25 31 6 7 18 31 59
velocità di Bocalon. 18 4 3 13 3 14 23 37 19 5 24 14 26 18 15 2 PADOVA 24 31 4 12 15 29 43
LEGITTIMO CAPELA DERMAKU IZCO RUBIN PADELLA BROSCO LAVERONE ALEESAMI RAJKOVIC SZYMINSKI SALVI MARTELLA ROMAGNOLI CISTANA SABELLI
RANIERI 6 Le incursioni di Zennaro,
nella ripresa, gli danno qualche 33 1 1 1 SERIE A PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSIONI
problema. Nervoso. PERINA LANNI BRIGNOLI ALFONSO
ZAMBELLI 6,5 Per mezz’ora ANDATA 1-2 ANDATA 1-3 ANDATA 0-0 ANDATA 0-2 I RISULTATI
imprendibile, tanto è vero che Cosmi PANCHINA 22 Merelli, 17 Morganella, PANCHINA 22 Manfredini, 33 Barone, PANCHINA 22 Gori,32 Zagari, 3 Letizia, PANCHINA 12 Crosta, 1 Neri, 28 Salzano, CROTONE-CREMONESE 0-0
gli cambia la marcatura. Poi cala. 5 Trevisan, 6 Ceccaroni, 36 Andelkovic, 2 Brero, 4 Crivello, 20 Ligi, 23 De Col, 7 Di Chiara, 14 Volta, 18 Gyamfi, 8 Tello, 29 Rocca, 42 Boben, 13 Fazzi, 3 Dainelli, LECCE-CARPI 4-1
AGNELLI 6 Mezz’ala di lotta: buon 16 Madonna, 15 Broh, 18 Mazzocco, 15 Crimi, 18 De Francesco, 25 Maggiore, 17 Buonaiuto, 34 Crisetig, 36 Vokic, 9 Gori, 2 Marie Sante, 20 Kupisz, PESCARA-PERUGIA 1-1
impatto sulla gara. 38 Clemenza, 21 Marcandella, 31 Cocco, 7 Pierini, 31 Abdullahi, 32 D’Eramo 29 Asencio, 19 Insigne 24 Dumitru, 11 Murilo SALERNITANA-CITTADELLA 4-2
GRECO 6,5 Doppio impegno: limitare 28 Capello ALLENATORE Marino ALLENATORE Bucchi ALLENATORE Breda VENEZIA-FOGGIA 1-0
ALLENATORE Centurioni SQUALIFICATI Gyasi SQUALIFICATI nessuno SQUALIFICATI Porcino
Schiavone e impostare l’azione. SQUALIFICATI Baraye DIFFIDATI Crimi, Capradossi, Bartolomei, DIFFIDATI Di Chiara, Asencio, Crisetig, DIFFIDATI Giannetti, Valiani, Gonnelli,
OGGI
Partita da bravo regista. PADOVA-COSENZA ORE 15
DIFFIDATI Trevisan, Bonazzoli, Morganella Ricci Maggio Gasbarro SPEZIA-ASCOLI
GERBO 6,5 Si sposta a destra quando INDISPONIBILI Mandorlini, Barisic, INDISPONIBILI Erlic, Mastinu, Acampora, INDISPONIBILI nessuno INDISPONIBILI Bogdan, Mazzoni BENEVENTO-PALERMO ORE 21
entra Agnelli: non dà mai punti di Capelli Bidaoui DOMANI
riferimento a Pinato. (Matarese s.v.) PANCHINA 22 Pomini, 33 Alastra, PANCHINA 22 Andrenacci, 5 Gastaldello, LIVORNO-BRESCIA ORE 21
KRAGL 5 Ahi, il tedesco stavolta PANCHINA 22 Saracco, 12 Quintiero, PANCHINA 22 Milinkovic, 12 Bacci, 31 Pirrello, 3 Rispoli, 27 Mazzotta, 29 Semprini, 14 Dall’Oglio, 24 Viviani, RIPOSA: VERONA
tradisce: si nasconde sulla fascia 27 Bittante, 26 Hristov, 11 D’Orazio, 6 D’Elia, 2 Valentini, 17 Cavion, 4 Accardi, 13 Ingegneri, 21 Fiordilino, 32 Tremolada, 20 Rodriguez, 23 Morosini
sinistra, poi si fa vedere con un tre tiri 15 Schetino, 20 Trovato, 7 Mungo, 28 Andreoni, 16 Casarini, 26 Coly, 7 Baldini, 10 Trajkovski, 7 Lo Faso, 29 Puscas ALLENATORE Corini
sballati. Irriconoscibile.
24 Garritano, 32 Baez 18 Chajia, 8 Iniguez, 10 Rosseti ALLENATORE Stellone SQUALIFICATI nessuno PROSSIMO TURNO
ALLENATORE Braglia ALLENATORE Vivarini SQUALIFICATI Bellusci DIFFIDATI Bisoli, Sabelli
IEMMELLO 5 Ma perché quel fallo in SQUALIFICATI Maniero SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Nestorovski, Jajalo, Falletti INDISPONIBILI Martinelli LUNEDÌ 22 APRILE
area? In gol con lo Spezia, difensore DIFFIDATI Garritano, Legittimo, Palmiero, DIFFIDATI Beretta, Cavion, Padella INDISPONIBILI Chochev VERONA-BENEVENTO ORE 15 (1-0)
ingenuo a Venezia. Sciaudone, Tutino INDISPONIBILI Beretta, Ganz, Ngombo BRESCIA-SALERNITANA ORE 18 (3-1)
MAZZEO 5,5 Ci mette l’impegno, INDISPONIBILI Corsi, Idda ASCOLI-VENEZIA ORE 21 (0-1)
sfiora il gol, ma non lascia tracce. CARPI-PESCARA (0-2)
ALL. GRASSADONIA 6,5 La squadra CITTADELLA-CREMONESE (0-0)
gioca un calcio piacevole e COSENZA-SPEZIA (0-4)
propositivo. Ma basterà per salvarsi? FOGGIA-LIVORNO (1-3)
PALERMO-PADOVA (3-1)
PERUGIA-LECCE (0-0)

GLI ARBITRI RIPOSA: CROTONE

MARCATORI
AURELIANO Rigore ok: 24 RETI: Donnarumma (Brescia, 6)
6,5 Iemmello tocca Lombardi. 18 RETI: Mancuso (Pescara, 4)
Proteste Foggia: braccio di 15 RETI: Coda (Benevento, 5), La Mantia (Lecce)
Lombardi attaccato. Dubbi su 12 RETI: Simy (Crotone, 3), Mancosu (Lecce, 1),
Verre (Perugia, 2)
contatto Domizzi-Mazzeo
11 RETI: Torregrossa (Brescia, 1),
BORZOMÌ 6-CANGIANO 6 Federico Bonazzoli, 21 anni Amato Ciciretti, 25 anni Mato Jajalo, 30 anni Alfredo Donnarumma, 28 anni Nestorovski (Palermo, 1)