Vous êtes sur la page 1sur 1

DOMENICA

5 MAGGIO 2019 Sport 35

POLPACCI&NUVOLE
La Cremo non si ‘imbuca’
di GIOVANNI RATTI fiuta un possibile diagonale,
Montalto si annoda con Ga-
n Vengo anch’io? Cremo- staldello e l’arbitro fischia
nese-Brescia è partita scale- contro, la cronaca è un ro-
na quindi difficile da calco- sario di occasioni più sperate
lare. Loro il gatto l’hanno già che masticate, ci si prova dal
nel sacco, noi abbiamo appe-
na capito quale marca di
croccantini ci vuole perchè
non ci soffi addosso la sua
furia. Per loro l’unico proble-
alla festa del Brescia limkite ma Montalto trova
un difensore e Strefezza tro-
va il portiere, ci si rovesciano
le tasche cercando spiccioli
di forza ma sull’ultimo lam-
ma è farsi passare il dopo- po di Piccolo Strefezza è in
sbronza (il primo di una lun- La squadra di Rastelli non fa tappezzeria ma non trova il gol con cui avrebbe ritardo, entra Tonali per Des-
ga serie di doposbronza,
suppongo) in tempo per le
prenotato il posto negli spareggi promozione: ora duello finale a Perugia sena, entra Carretta per
Montalto insomma Rastelli
tre, per noi è vedere come prova a scrivere la storia sul
possiamo rovinargli almeno voglia di rinviare le vacanze, buon cross di Renzetti, al 44’ corriere dei piccoli, ma se
per un pomeriggio la festa il Brescia affida la possibilità occasione matrioska: Soddi- aveva ancora un’idea da
mobile che mentre incomin- di rovinare i piani ai vicini di mo innesca Castro il cui spendere gliela brucia l’in-
cio a scrivere sta impazzan- casa (ammettiamolo) invi- cross basso smarca Mogos in fortunio che cotringe Castro
do con la sobrietà di un addio diosi a ritmi annacquati – al- area piccola ma il tiro centra ad arrendersi (dentro Boul-
al celibato. Insomma va bene meno quelli – con improv- il portiere e sulla respinta tam che non farà in tempo a
che è da poco che intorno al visi tentativi di mordere. Nei della difesa in apnea Piccolo entrare in ritmo in una squa-
sottomarino grigiorosso non primi sette minuti si gonfia- dal limite fa il pelo al palo. dra che resta in piedi solo
fanno più il girotondo gli no tre palloncini che per po- Con i consumi meno con- puntellandosi con voglia e
squali ma pesciolini colorati, co non scoppiano in mano a trollati del solito, la strada orgoglio), Strefezza prova
ma fare tappezzeria a una Andrenacci sostituto di gior- adesso è in salita. Caracciolo ancora a inventarsi la rivo-
festa di estranei tanto inva- nata di Alfonso. Dopo una sta facendo una partita son- luzione: ballo del mattone fra
denti in casa nostra proprio decina di minuti il Brescia si tuosa, Soddimo a destra fun- tre difensori e diagonale che
dobbiamo fare di tutto per assesta meglio, ma Agazzi si ziona, Arini ne ha per tutti, trova il piede di Andrenacci,
evitarlo. Anche perchè nel scompone solo in occasione vediamo se basta. e allora la partita va in dis-
nostro Piccolo i tacchetti di un rinvio sghembo. La Si riattacca con Mogos che solvenza anche se Clayton e
nella terra promessa li ab- Cremo riprende la danza ma ruba palla sulla trequarti ma Donnarumma hanno un
biamo appena messi e ci pia- non monetizza tre angoli di Monatlto e Viviani non trova il tempo per il tiro, conto da regolare, finisce pa-
cerebbe prolungare il sog- fila e nemmeno un paio di il Brescia un po’ impigrito ri e mentre le curve si scam-
giorno. cross azzeccati da Renzetti, propone ritmi da passeggio biano le ultime cortesie ci ri-
Le formazioni. Corini mette che alimenta con puntialità ed è un vampiro che ha la- giriamo in bocca questo pari
insieme al servizio di Bum la vena di Piccolo (perfino sciato i canini nel bicchiere chiedendoci che sapore ha.
Bum Donnarumma vai a sa- sovraccarico di voglie) e Ca- sul comodino, ma Castro de- Certo se facciamo delle sto-
pere se quelli che reggono stro. Verso la mezzora il Bre- ve spendersi (benone) due rie per un pareggio col Bre-
meglio l’alcol o quelli che scia torna a governare la volte in disinneschi difensi- scia vuole proprio dire che in
hanno ancora voglia. E pa- partita e un paio di angoli vi, il tiro da metà campo con poche settimane abbiamo
zienza se qualche osservato- preoccupano una Cremo che cui Soddimo sgonfia una cambiato vita. Una vita che
re ha fatto un viaggio a vuo- comincia a prenderla poco e possibile controfuga non de- continua, ‘come’ continua lo
to. Rastelli risparmia un a tenerla meno. Ma resta bir- pone bene. Rastelli prova a diranno i risultati di Citta-
cambio rispetto ai suoi soliti ra per una spallata prima cambiare ancora una volta il della (che quando leggi co-
cinque in caso di incontro dell’intervallo e nel finale si destino con i cambi ma te lo nosci già) e Perugia (che ve-
ravvicinati, rimette Renzetti marcia a un’occasione ogni dico subito stavolta non at- diamo stasera), ma comun-
a mancina, Castro e Piccolo due minuti, al 40’ Castro to- tacca, al quarto d’ora dentro que continua almeno fino a
dalle parti di Montalto, Sod- glie la vernice dall’incrocio Strefezza per Soddimo con sabato. Ed è una vita che vale
d i m o i n s a l a m a c c h i n e. con un destro arrotato, al 42’ Piccolo a destra. Strefezza ha la pena vivere fino all’ultima
La Cremo manifesta subito la Montalto non crede in un Morosini e Caracciolo un impatto impetuoso ma ri- goccia.