Vous êtes sur la page 1sur 2

DIRITTI REALI

La parola diritto ha due significati:


1. Diritto in senso oggettivo: indica la norma, il precetto, la norma o il complesso delle
norme giuridiche
2. Diritto in senso soggettivo: la facoltà che deriva al singolo di compiere determinati
atti in forza del diritto oggettivo, il mio diritto soggettivo è tale perché garantito da
quello oggettivo.
Quando si parla di diritti reali stiamo palando di diritti soggettivi, per arrivare al concetto di
diritti reali dobbiamo distinguere:
 Diritti soggettivi assoluti: i diritti umani (alla libertà, di pensiero, di locazione, di
manifestazione), diritti che appartengono all’uomo in quanto tale. I diritti reali sono
assoluti ma hanno carattere patrimoniale (diritto di proprietà). Quando un
soggetto ha un diritto si parla di un rapporto giuridico costituito dal titolare del
diritto soggettivo (soggetto attivo) e soggetti che subiscono il diritto (soggetto
passivo), questi sono in una posizione sfavorevole. Nei diritti assoluti i soggetti
passivi sono tutti gli altri consociati, devono astenersi genericamente dall’interferire
tra il titolare del diritto e l’esercizio del suo diritto, il titolare del diritto riceve
soddisfazione del suo interesse usando il suo diritto. Il titolare non ha bisogno
dell’intervento attivo dei soggetti passivi ma necessita che questi non
interferiscano, ha bisogno di comprensione. I diritti reali hanno come oggetto le
cose, il diritto di proprietà realizza il proprio interesse con il possesso della cosa,
realizza il suo interesse con la sua relazione con la cosa, non ha bisogno che
intervengano altri ma ha bisogno che si astengano.

 Diritti soggettivi relativi: sono i diritti di credito, si necessita che il soggetto passivo
si attivi perché il titolare realizzi la soddisfazione del suo interesse, (la soddisfazione
non deriva dalla sola titolarità), io realizzo quando ottengo i cento, ma questi devo
riceverli. Sono diritti di obbligazione, il creditore ha un diritto soggettivo ma non è
assoluto perché legato all’attività precisa di una persona determinata, il debitore, il
quale si deve attivare. Gaio dice: se si agiva con azione reale, vuol dire che l’azione
di legge con scommessa valeva per i diritti reali sia per la tutela dei diritti di credito.

I diritti reali sono i diritti che incidono direttamente sulla cosa, si distinguono:
 Diritto di proprietà: il primo tra i diritti reali, l’unico autonomo. è il più antico, è
connaturato con l’uomo, ha sempre avuto il senso dell’appartenenza, fa parte del
suo corredo genetico. Senza il senso di appartenenza è impossibile vivere, anche
l’animale lo ha, fa parte dell’istinto vitale (quando prende una preda questa è sua)
 Diritti reali su cose altrui: c’è un proprietario e c’è un titolare che ha il diritto sulla
cosa che appartiene al proprietario (tizio ha un melo, io posso raccogliere le mele di
quell’albero se ho l’usufrutto) questi diritti incidono sulla proprietà di un altro
1
soggetto. il diritto di usufrutto ha dei limiti, alla sua morte la proprietà torna in
possesso del proprietario.