Vous êtes sur la page 1sur 16

I vertici del Pd perdono le primarie e subito c’è la tentazione

di tornare ai vecchi riti. E alla sconfitta definitiva y(7HC0D7*KSTKKQ( +z!#!#!=!/


www.ilfattoquotidiano.it

UNA LUNGA UNA LUNGA


INCOMPRENSIONE INCOMPRENSIONE
Pasolini fra Destra e Sinistra Pasolini fra Destra e Sinistra

Mercoledì 17 novembre 2010 – Anno 2 – n° 297 € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Orazio n° 10 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

Un operaio soccorre uno dei feriti nell’attentato a Piazza della Loggia a Brescia il 28 maggio 1974 (FOTO ANSA)

Nessuno La lista dei bolliti


deve sapere di Marco Travaglio

P
di Gianni Barbacetto ubblichiamo la versione integrale delle liste dei
dc valori di sinistra e di destra, peraltro
intercambiabili, lette l’altra sera da Bersani e Fini a
a giustizia vuole più

“L
Vieni via con me e tagliate all’ultimo momento per
dolore che collera”, motivi di tempo.
scriveva Hannah
Arendt. Ma resta so- PIER LUIGI BERSANI. La sinistra è l’idea che, se
lo la collera, di fronte a una guardi il mondo con gli occhi dei più deboli, puoi fare
giustizia che non riesce a fare davvero un mondo migliore per tutti (non vediamo l’ora
giustizia e a dare un senso al di imbarcare Luca Cordero di Montezemolo e il
dolore. Dopo 40 anni dalla ma- banchiere Alessandro Profumo). Abbiamo la più bella
dre di tutte le stragi italiane, Costituzione del mondo (infatti, con la Bicamerale del
quella di Piazza Fontana, dopo compagno Massimo, facemmo di tutto per riscriverne
20 anni dalla caduta del Muro più di metà con Berlusconi). Ci sono beni che non si
possono affidare al mercato: salute, istruzione e sicurezza
di cui le stragi sono figlie, ora
(l’acqua invece no: quella si può tranquillamente
cade anche l’ultima speranza
privatizzare, e magari anche l’aria). Chiamare flessibilità
di ottenere una verità giudizia-
una vita precaria è un insulto (non per nulla la legge Treu
ria su quella storia nera: assolti l’abbiamo fatta noi). Chi non paga le tasse mette le mani
tutti gli imputati del terzo pro- nella tasche di chi è più povero di lui (non a caso
cesso per la bomba in Piazza abbiamo approvato la riforma del diritto penale
della Loggia a Brescia. tributario, detta anche “carezze agli evasori”, che
Insufficienza di prove, dice la depenalizza l’evasione tramite la dichiarazione infedele
sentenza. Come dicevano i fino a 100 mila euro e tramite la frode fiscale fino a 75
verdetti che mandavano assol- mila euro l’anno). Se 100 euro di un operaio, di un
ti, un tempo non troppo lon- pensionato, di un artigiano pagano di più dei 100 euro di
tano, i mafiosi. La Corte d’as- uno speculatore vuol dire che il mondo è capovolto
sise ha dunque creduto a ciò (mica per niente abbiamo sponsorizzato speculatori
che un imputato, Maurizio come Chicco Gnutti e Giovanni Consorte). Indebolire la
Tramonte, ha detto in aula, scuola pubblica vuol dire rubare il futuro ai più deboli (il
smentendo se stesso e ritrat- primo ministro dell’Istruzione che ha regalato soldi
tando le proprie confessioni, pubblici alle scuole private è il nostro Luigi Berlinguer).
rese durante l’istruttoria del Tutti assolti. Che Paese è quello che dopo 36 anni e tre processi Dobbiamo lasciare il pianeta meglio di come l’abbiamo
trovato (tant’è che vogliamo riempire l’Italia di
giudice Gianpaolo Zorzi. Tra-
monte era la “fonte Tritone”
non ha ancora trovato i responsabili della strage di Brescia? inceneritori e centrali a carbone). Se devo morire
attaccato per mesi a mille tubi, non può deciderlo il
dei servizi segreti, che aveva Gli otto morti e i quasi 100 feriti di Piazza della Loggia Parlamento (del resto la legge sul testamento biologico
già nel 1974 raccontato al Sid
ciò che sapeva della strage. Il si aggiungono alla moltitudine di vittime del terrorismo nero. mica l’abbiamo approvata). Per governare, che è un fatto
pubblico, bisogna essere persone perbene, che è un
servizio si guardò bene dal
passare quelle notizie ai magi-
Quello, impunito, legato ai servizi deviati dello Stato fatto privato (ricordate il nostro ministro della Giustizia?
Mastella). Chi si ritiene di sinistra e progressista deve
strati e coprì i responsabili. Borromeo, Mascali e Reguitti pag. 2 - 3 z tenere vivo il sogno di un mondo in pace e deve
Poi, negli anni Novanta, “Tri- combattere contro la tortura (infatti abbiamo fatto guerra
tone” era stato scovato da quel alla Serbia chiamandola missione di pace, poi abbiamo
cacciatore di stragisti che è il lasciato dov’erano le truppe di occupazione dell’Iraq e
VIENI VIA CON ME x Il ministro contro Saviano abbiamo pure messo il segreto di Stato per coprire le spie
giudice Guido Salvini e aveva
riempito centinaia di pagine
di verbali in cui raccontava le
responsabilità del gruppo
Lega-‘ndrangheta, Maroni del Sismi imputate per aver sequestrato lo sceicco Abu
Omar e averlo deportato in Egitto per farlo torturare per
sette mesi).
neofascista Ordine nuovo.
In aula, però, Tramonte è tor-
nato “Tritone”. Vedremo ora
si informi invece di strillare GIANFRANCO FINI. Essere di destra vuol dire
innanzitutto amare l’Italia (è per amore che le abbiamo
regalato per 16 anni uno come Berlusconi).
se le motivazioni della senten- Apprezziamo imprese e famiglie che danno lavoro
za, che dichiara l’impossibilità Nove milioni: la trasmissione più di Enrico Fierro
agl’immigrati onesti, i cui figli domani saranno italiani
di stabilire con certezza le re-
vista nella storia di Rai3. L’autore aroni non ci sta. Si indigna, pro- (vedi legge Bossi-Fini). Destra vuol dire senso dello Stato,
sponsabilità penali individua-
li, ci permetteranno almeno di di “Gomorra” ha parlato M testa, le parole di Saviano a Vie-
ni via con me non gli sono piaciute.
CRISI x Voti di
fiducia e Consulta
etica pubblica, cultura dei doveri (non faccio per
vantarmi, ma le leggi sul falso in bilancio, Cirami, Cirielli,
poter affermare una verità sto- dei legami tra clan e Carroccio. Schifani, Alfano ecc. le abbiamo votate tutte). Lo Stato
rica. Come le motivazioni per
Piazza Fontana (1969) e per la
Ecco cosa dicono le indagini
“Mi guardi negli occhi quando lan-
cia quelle accuse”. pag. 4 - 5 z 14 dicembre deve spendere bene il denaro pubblico, senza alimentare
clientele (salvo quando c’è da salvare il Secolo d’Italia). Lo

Giorno del
strage alla Questura di Milano Stato deve garantire che la legge è davvero uguale per
(1973), che sostengono co- tutti (esclusi, si capisce, i ministri e i parlamentari, che
munque che per quelle “ope- VERSO CHRYSLER Udi Pagani e Truzzi abbiamo sempre salvato dalla galera e dalle
razioni” è certa la paternità di
Ordine nuovo e sicura la pre-
x Il piano da gennaio
VERDONE giudizio per B. intercettazioni). Chi sbaglia paga e chi fa il proprio
dovere viene premiato (non a caso abbiamo approvato
senza di apparati dello Stato
che depistarono le indagini e
La Fiat 60 ANNI
E MILLE STORIE
Nicoli pag. 8 z
tre scudi fiscali e una quindicina di condoni tributari,
edilizi e ambientali). Senza una democrazia trasparente
ed equilibrata nei suoi poteri non c’è libertà, ma anarchia
sottrassero prove e testimoni.
Certo non è consolante vede-
re come negli ultimi anni sia
pronta E ntra al Fatto, si fruga nelle ta-
sche, impallidisce: “Soffro
(pure la Gasparri che consacra il monopolio Mediaset e
la Frattini che santifica il conflitto d’interessi sono farina
del nostro sacco). L’uguaglianza dei cittadini va garantita
stata di molto ampliata l’area
coperta dal segreto di Stato e a vendere d’asma, me so’ dimenticato il CATTIVERIE nel punto di partenza (soprattutto alle suocere per gli
Ventolin a casa, è 'na tragedia”. La Russa ai finiani: appalti Rai e ai cognati per le case a Montecarlo). Dalla
l’impunibilità per i servizi se- Poi accende una sigaretta, sorri- vera uguaglianza delle opportunità, la destra vuole
greti. Sembra proprio che l’I-
talia non voglia imparare nulla
anche l’Alfa Romeo de, aspira il tempo che è trascor-
so. Carlo Verdone oggi compie
“Recuperiamo insieme
i valori del passato”.
Pestiamo Vendola
costruire una società in cui merito e capacità siano i soli
criteri per selezionare una classe dirigente (avete presenti
dalla propria storia. Feltri e Meletti pag. 9 z 60 anni. pag. 14 -15 z www.spinoza.it i ministri Ronchi e Urso? No? Ecco, appunto).
pagina 2 Mercoledì 17 novembre 2010

1
SENZA GIUSTIZIA SENZA GIUSTIZIA

2 dicembre 1969: una bomba esplode nella 2005 la Cassazione ha assolto gli ultimi indagati (Delfo strage dell’Italicus è ascrivibile a un’organizzazione di Ustica e Ponza e precipita in mare (nella foto a Cassazione conferma l’ergastolo per i Nar Giuseppe
Da Piazza Fontana sede della Banca dell’Agricoltura in Piazza Zorzi, Carlo Maria Maggi e Giancarlo Rognoni, terroristica di ispirazione neofascista o neonazista sinistra). Perdono la vita 81 persone. Vent’anni di Fioravanti e Francesca Mambro, mentre l’ex capo
Fontana, a Milano. 17 i morti e 88 i feriti. 80 i condannati in primo grado all’ergastolo). operante in Toscana; la Loggia P2 svolse opera di indagini, circa 300 udienze. E nessuna certezza. della P2, Licio Gelli, l’ex agente del Sismi, Francesco
fermati: l’anarchico Pinelli, dopo tre giorni di 4 agosto 1974: a San Benedetto Val di Sambro, nel istigazione agli attentati e di finanziamento nei 2 agosto 1980: un ordigno contenuto in una valigia Pazienza e gli ufficiali del servizio segreto militare
alla stazione di Bologna interrogatorio, precipita dal quarto piano della questura. bolognese, una bomba esplode a bordo dell’espresso confronti dei gruppi della destra extraparlamentare fa crollare l’ala ovest della stazione di Bologna (nella Pietro Musumeci e Giuseppe Belmonte vengono
Sette i processi, mai una condanna definitiva, anche se Roma-Monaco di Baviera. 12 morti e 48 feriti. toscana”. Assolti tutti gli imputati. foto a destra). 85 morti e oltre 200 feriti.Cossiga, condannati per depistaggio. Ultimo imputato è Luigi
Carlo Digilio, neofascista di Ordine Nuovo, ha confessato L’attentato viene rivendicato da Ordine Nero. La 27 giugno 1980: il Dc9 Bologna-Palermo della Presidente del Consiglio, parla dell’esplosione di una Ciavardini, con condanna a 30 anni confermata nel
i misteri irrisolti il proprio ruolo e ottenuto nel 2000 la prescrizione. Nel commissione parlamentare sulla P2 dichiara: “La compagnia aerea Itavia si squarcia in volo tra le isole caldaia. Numerosi i depistaggi. Nel 1995 la 2007. Anche lui continua a dichiararsi innocente.

1974, 8 MAGGIO La scheda


2 giugno 1979: La Corte d’assise di Brescia condanna
all’ergastolo Ermanno Buzzi e a dieci anni Angelino Papa e
assolve o condanna a pene inferiori gran parte delle 16

A BRESCIA
persone incriminate.
18 aprile 1981: Buzzi è strangolato dai "camerati"
Mario Tuti e Pierluigi Concutelli nel carcere di Novara.
2 marzo 1982: La Corte d’assise d’appello di Brescia
Maurizio Tramonte Delfo Zorzi Francesco Delfino Pino Rauti Carlo Maria Maggi assolve tutti gli imputati.
30 novembre 1984: La Cassazione annulla la sentenza
La fonte Rifugio L’ex comandante Il fondatore L’ex capo

8 MORTI, 94 FERITI
di appello e dispone un nuovo processo.
23 marzo 1984: Si apre l’inchiesta bis. Imputati i
“Tritone” nipponico dei carabinieri dell’Msi del Triveneto neofascisti Cesare Ferri, il fotomodello Alessandro
Stepanoff e Sergio Latini.

I nformatore e collaborato-
re dei servizi segreti (fon-
te Tritone) oggi ha 56 anni.
U no dei capi dell’orga-
nizzazione neofasci-
sta Ordine nuovo in Vene-
E x generale dei cara-
binieri. Comandava
il nucleo operativo di
G iuseppe Umberto
Rauti, fondatore di
Ordine nuovo e poi il Mo-
E x capo di Ordine
nuovo nel Trivene-
to. 76enne, medico in
20 aprile 1985: La Corte d’assise d’appello di Venezia
assolve tutti gli imputati del primo processo bresciano.
23 maggio 1987: I giudici di Brescia assolvono per
Sulle sue rivelazioni, succes- to. Imprenditore oggi ha Brescia all’epoca della vimento sociale italiano pensione, vive a Mestre.
sivamente, si è fondato il ca- 61 anni, vive in Giappone, strage. A Brescia resta in (Msi). Rauti, 82 anni, è l’u- Per ricostruire il ruolo LO SCOPPIO ALLE DIECI DI MATTINA insufficienza di prove Ferri, Latini e Stepanoff.
25 settembre 1987: La Cassazione conferma
stello accusatorio nel proces- con il nome di Roy Ha- servizio sino al 1977. nico dei cinque imputati di Maggi l’accusa ha
so sulla strage di Piazza Log- gen. Ed è di fatto ex impu- Dal giugno del 1978 pas- per cui era stata chiesta preso spunto dalle veli- DURANTE UNA MANIFESTAZIONE SINDACALE l’assoluzione dei giudici della Corte d’appello di Venezia.
10 marzo 1989: La Corte d’assise d’appello di Brescia
gia. È l’unico imputato dete- tato latitante per la strage sa al Sismi. Oggi ha 73 l’assoluzione con formula ne della “fonte Trito- assolve Ferri, Stepanoff e Latini.
nuto ma per un’altra causa. di Piazza della Loggia. anni. dubitativa. ne”. 13 novembre 1989: La Cassazione, presieduta da
di Gianni Barbacetto senza vita di Alberto Trebeschi, in- le” allo stillicidio di attentati di de- Corrado Carnevale, conferma e rende definitive le
segnante, iscritto alla Cgil scuola. stra che caratterizzano i primi assoluzioni di Ferri, Stepanoff e Latini.

NON CI SONO COLPEVOLI


ioveva, quella mattina. In Mai avrei pensato che, dopo tanti

P
mesi del 1974. Una serie intermi- 23 maggio 1993: Il giudice istruttore Zorzi proscioglie
città si respirava il disagio anni, mi sarebbe toccato di inda- nabile di bombe nere aveva teso i gli ultimi imputati dell’inchiesta bis. Nello stesso anno
dei giorni sbagliati. O forse gare su quella e sulle altre morti nervi della città. Ordigni erano comincia la terza inchiesta, che ha portato alle assoluzioni
soltanto la tensione delle della strage”. Invece il destino ha esplosi in un supermercato Coop. di ieri.
grandi occasioni. 28 maggio voluto che toccasse proprio a lui In un negozio di macelleria. Da-
1974, martedì: Gianpaolo Zorzi, tirare le fila di una vicenda proces- vanti al portone della sede bre-
studente all’ultimo anno di Giuri- suale che, come per tutte le stragi sciana del sindacato Cisl...
sprudenza, quella mattina era a italiane, ha lasciato misteri inso- Brescia e provincia sono in questo eversivo succede nella notte tra ne degli stessi camerati che gli ave-
casa. Sente, come tutti quel giorno luti e crimini impuniti. periodo un’area ad alta densità sabato 18 e domenica 19 maggio vano affidato l’ordigno, la bomba
a Brescia, il boato. Alle 10.12 il ru- Zorzi è preciso come un compu- eversiva. Il periodico “La Fenice”, 1974. In piazza del Mercato salta scoppia. Il corpo è dilaniato, lan-
Piazza della Loggia, tutti innocenti gli imputati more di un’esplosione potente la-
cera un cielo grigio che sembra
ter. (...) “La manifestazione sinda-
cale di piazza della Loggia è de-
organo dell’omonimo gruppo or-
dinovista milanese di Giancarlo
per aria Silvio Ferrari, ventenne,
neofascista. Era fermo sulla sua
ciato verso l’alto. Intatti solo i piedi,
protetti a terra dalla base metal-

della strage. I familiari delle vittime: “Vergogna” d’autunno. Gianpaolo esce di casa
e si precipita verso piazza della
Loggia, dov’era indetto il comizio
cisa giovedì 23 maggio. Realizza-
ta martedì 28. Le date sono im-
por tanti” spiega. Ecco perché. Ed
Rognoni, viene stampato nella ti-
pografia Eros Fiorini di Nave, in
provincia di Brescia. È da Brescia
Vespa 125, con il cambio in folle e
i piedi a terra. Alticcio, di ritorno da
una festa in una villa sul lago di
lica della Vespa.
Segue un funerale con inni fascisti
e saluti romani e cuscini di fiori che
antifascista. Per strada incontra ecco che cosa succede in città in che parte l’indagine contro il Mar, Garda dove aveva bevuto un po’, disegnano l’ascia bipenne, simbo-
di Elisabetta Reguitti zione con formula dubitativa. I dire che non c’è nessun colpevole un amico, faccia stravolta: viene quei giorni cruciali. La Brescia “de- il Movimento armato rivoluziona- Silvio stava manipolando una lo di Ordine nuovo. Piazza Merca-
giudici (togati e popolari) hanno per la morte di otto persone (tra dalla piazza, ha assistito allo scop- mocratica e antifascista”, come si rio di Carlo Fumagalli, che sarà poi bomba ad alto potenziale che te- to è subito presidiata, giorno e not-
ergogna”. Una voce di assolto tutti gli imputati e dispo- pio, ha visto coi suoi occhi la scena

“V
cui la moglie di Milani) e il ferimen- usa dire in quegli anni, vuole scen- condannato per cospirazione po- neva tra le gambe, sul suo scooter. te, dai gruppi della sinistra extra-
donna dall’ultima fila sto il “non luogo” a procedere to di oltre cento. Un verdetto su orribile dei feriti che gridano e dei dere in piazza per mostrare una litica. (...) Alle 3 di notte, per un caso o per un parlamentare, Lotta continua in
dell’aula 67 del Tribu- per Maurizio Tramonte “per in- cui hanno pesato le ritrattazioni morti che non si lamentano più. È risposta “di massa e responsabi- Ma l’ultimo, drammatico episodio errore o per una maligna intenzio- testa, che vogliono impedire ai fa-
nale di Brescia. Accade tervenuta prescrizione in rela- dei testimoni (422) che si sono av- una bomba. scisti di trasformare in luogo di ve-
un attimo dopo che la Corte zione al reato di calunnia”. vicendati nel corso delle 150 tima occasione per ricostruire i ficienza di prove. In questa istrut- Gianpaolo sa che molti compagni glia e di celebrazione il teatro della
d’Assise - presieduta da Enrico udienze. Il grande ruolo ricoperto fatti dell'intero quinquennio toria le indagini furono svolte dal- d’università, molti dei suoi amici e Nella pagina accanto, Gabriella morte del camerata Ferrari.
Fischetti - ha assolto i cinque im- L’AULA è affollata da stampa e dai servizi segreti e dai personaggi ‘69-‘74 da Piazza Fontana all’Ita- l’allora capitano dei carabinieri delle sue amiche sono là, in quella Milani, presidente dell’Associazione È in questo clima che matura la
putati del processo per la strage tante facce note della città, pre- che ci girano attorno. Depistaggi e licus. Non è stato così. Francesco Delfino oggi tra gli im- piazza. E verso quella maledetta familiari delle vittime, durante la decisione di organizzare la mani-
di Piazza della Loggia del 28 mag- sente anche il sindaco Adriano “non ricordo”; elementi dello Sta- putati per concorso in strage. Il se- piazza corre, con il cuore in gola. lettura della sentenza. In bianco e festazione del 28 maggio. (...)
gio 1974. La donna è sorella di Paroli. Non sono molti i posti a to che hanno contribuito a occul- RIMANE quel buco nero nella condo filone riguardava l’ambien- Dopo pochi istanti vede la scena. nero, le immagini della strage (FOTO ANSA) Martedì 28 maggio: scoppia la
Manlio Milani presidente del- sedere. Fuori, nel corridoio, re- tare la verità anche quella giudizia- verità latitante. La vicenda giudi- te milanese e i vertici di Ordine Un mondo in bianco e nero, dove i bomba in piazza della Loggia. Ot-
l’Associazione familiari delle vit-
time della strage. Immobile, più
stano anche diversi familiari che
non sono riusciti ad accedere. Al-
ria in cui tanti ieri hanno sperato.
“Sentenze come quella di oggi ren-
ziaria sulla strage di Piazza della
Loggia si compone di ben 4 istrut-
Nuovo Triveneto; ha inizio il 23
marzo 1984 e approda al capolinea
colori sono scomparsi. Sente il si-
lenzio, quel silenzio irreale, rotto
Subito dopo i to morti, 94 feriti. Sul luogo del-
l’esplosione vengono ritrovate
pallido del solito e in silenzio ha
ascoltato la lettura del verdetto.
cuni di loro entreranno solo do-
po che la corte si sarà ritirata. A
dono difficile avere fiducia nelle
istituzioni nonostante il lavoro
procuratore della Repubblica di
Brescia, Nicola Maria Pace: “A
Loggia durante una manifestazio-
ne antifascista. Morirono Giuliet-
torie chiuse (la quinta è in corso) e
8 fasi di giudizio che si sono con-
con la sentenza di cassazione 13
novembre 1989 che dichiara inam-
da grida e lamenti, che si impos-
sessa del mondo dopo le sciagure.
vigili del fuoco tracce di nitrato d’ammonio, una
delle componenti di un additivo
Ore 17: “Assoluzione in base al-
l’articolo 530 comma 2 (equipa-
parte il “vergogna” della donna
non c’è però alcuna reazione. Un
straordinario svolto dalla magi-
stratura” sono state le prime di-
fronte dell’impegno che abbiamo
messo in campo ci aspettavamo
ta Banzi Bazoli 34 anni, Livia Bot-
tardi Milani 32 anni, Clementina
cluse con altrettante sentenze –
con la sola e parziale eccezione
missibile il ricorso confermando la
sentenza di assoluzione. Dopo al-
Odora quell’aria di maggio che or-
mai sa solamente di pioggia, di
lavarono per esplosivi chiamato anfo, che si
presenta sotto forma di polvere
rabile alla vecchia insufficienza silenzio surreale, per pochi atti- chiarazioni di Milani. “I processi un risultato diverso”. A festeggiare Calzari Trebeschi (Clem) 31 anni della prima – sfavorevoli all’accu- cune rivelazioni fatte da una serie esplosivo e di morte. Molti anni
di prove) per Carlo Maria Maggi, mi, avvolge l’aula prima che il fer- per strage non possono più entra- è Carlo Maria Maggi: “Sto passan- e suo marito Alberto Trebeschi sa: non ci sono mai stati colpevoli. di pentiti il giudice Giampaolo dopo, Gianpaolo Zorzi, diventato la strada con granulosa.
Tracce? Difficile trovare tracce si-
Francesco Delfino, Pino Rauti, mento di fotografi e giornalisti re in un’aula di giustizia. Capisco do un bellissimo momento. Spero 37 anni, Luigi Pinto di soli 25 anni Tre i filoni di indagine. Il primo (in- Zorzi apre una nuova istruttoria giudice istruttore presso il Tribu- gnificative, indizi utili, in quella po-
Giovanni Maifredi e Delfo Zor- rianimi il luogo. che la verità giudiziaria, diversa da sia la fine di tutto. Ero innocente a (erano tutti insegnanti), Euplo centrato sull’ambiente bresciano) chiusa nel maggio del 1993 con nale di Brescia, si è trovato a dover getti d’acqua vera piazza visitata dalla morte.
zi”. I giudici hanno anche revo- Milani si alza, appare disorientato quella storica, sia difficile da tro- Piazza Fontana, sono innocente a Natali 69 anni, Bartolomeo Talen- inizia nel 1974 e giunge al capoli- una sentenza-ordinanza conside- indagare su quella strage che ha Quella di Brescia è l’unica strage di
cato la misura cautelare che pen- mentre alcuni lo avvicinano dan- vare ma a questo punto non è fa- Brescia”. ti detto Bartolo 56 anni armaiolo nea con la sentenza della Corte di rata il punto di partenza del terzo sfiorato la sua vita. “Quella mat- distruggendo cui esiste un documento sonoro: la
deva nei confronti di Zorzi, che dogli una pacca sulla spalla. Una cile avere fiducia nelle istituzio- Era il 28 maggio 1974 quando la e Vittorio Zambarda 60 anni pen- Cassazione del 25 settembre 1987: filone che si era aperto, per l’ap- tina, in piazza della Loggia, rico- registrazione del comizio, inter-
da anni risiede in Giappone. sentenza arrivata dopo 36 anni per ni”. In aula era presente anche il bomba esplose in Piazza della sionato. Questo processo era l’ul- assolti tutti gli imputati per insuf- punto, il 23 novembre 2008. nobbi per terra, straziato, il corpo possibili prove rotto dal boato, a cui seguono le
Un’altra strage impunita. Prima urla, lo smarrimento, la dispera-
sentenza del terzo filone di in- zione. Una diretta dell’orrore. Ma
chiesta (iniziato nel 1993) un di-
battimento durato circa due an-
ni al termine del quale i due pub-
“La paternità politica rimane certa” GIOVANI MISSINI le tracce che sarebbero potute
servire alle indagini, quelle sono
state cancellate. “C’è stata una di-
blici ministeri, Francesco Pian-
toni e Roberto Di Martino, ave-
vano chiesto l’ergastolo per gli
GUIDO SALVINI, ULTIMO GIUDICE ISTRUTTORE SU PIAZZA FONTANA: “ORA SERVE UNA COMMISSIONE INDIPENDENTE” DE ANGELIS E GRANATA NON FANNO PIÙ “FRONTE” INSIEME spersione sciagurata dei reperti
dell’esplosione” constata Zorzi. È
il primo buco nero delle indagini:
ex ordinovisti veneti Delfo Zorzi di Antonella Mascali te le assoluzioni una in particolare non se volta identificato, Tramonte confermò di rialmente organizzate dalle cellule di ono le 17.16 quando esce la per l’esito del processo: “Que- avevo 15 anni e facevo già po- sapevolezza che hanno i giova-
e Carlo Maria Maggi, per il col-
laboratore dei servizi segreti uido Salvini, oggi magistrato del Tri-
l’aspettava: “Certo non era attesa l’asso-
luzione di Maurizio Tramonte, la fonte
essere Tritone e nel corso delle indagini
ampliò il suo racconto, ammettendo le
estrema destra come detonatore di pro-
getti autoritari, per esempio il golpe bor-
Sprocesso
notizia della sentenza nel
sulla strage di Piazza
sta sentenza è evidente e con-
divisibile. Nonostante quello
De Angelis, “conveniva, visto
che non era politicamente tu- litica. A quell’età si è fortemen-
te ideologizzati e si nega l’evi-
ni, oggi. La maggioranza non ha
idea di cosa sia successo. È un
subito dopo la conflagrazione, i vi-
gili del fuoco sono stati chiamati
Maurizio Tramonte (fonte Trito-
ne) e per il generale dei carabi-
Gto l’ultimo
bunale di sorveglianza a Milano, è sta-
giudice istruttore dell’inchie-
del Sid di Padova chiamata Tritone”, ci di-
ce Salvini. “Nella primavera del 1991, du-
sue responsabilità nella strage di Brescia.
Solo dinanzi alla Corte ha ritrattato ed è
ghese. Infatti c’è una battuta d’arresto
nel ’74-’75 quando il quadro politico in-
della Loggia: dopo 36 anni, tut-
ti assolti. E subito arrivano i
che scrivono i giornali, non esi-
ste più l’assoluzione per man-
telata: un capro espiatorio”.
Stessa origine politica, sempre
tra i giovani del Msi, ma con
denza, oggi sono molto più
consapevole di ciò che accad-
altro frutto avvelenato di que-
sta stagione del Grande Fratel-
dal funzionario di polizia Aniello
Diamare a lavare la piazza con i
getti ad alta pressione delle pom-
nieri Francesco Delfino. Per l’ex sta sulla strage di piazza Fontana. Impu- rante un accesso che feci al Sismi di Pa- stato assolto dopo aver reso tante dichia- ternazionale cambia. Richard Nixon si commenti dei politici, dal de- canza di prove. I magistrati non un’evoluzione agli antipodi è il de”. E sul fatto che anche l’ul- lo”. pe. Perché?
segretario dell’Msi Pino Rauti nita come quella di Brescia. Ha sperato dova, per cercare informazioni su piazza razioni che lo compromettevano”. dimette da presidente degli Usa e i regi- putato del Pd ed ex primo cit- avevano proprio elementi per finiano Fabio Granata: “Il 28 timo processo sulla “notte del- Sia Granata che il senatore Pd Perché la scena era apocalittica,
era stata invece chiesta l’assolu- nelle condanne e, dopo il verdetto, di tut- Fontana, trovai un fascicolo anche del- Anche se gli imputati sono stati as- mi fascisti in Europa cadono uno a uno. tadino di Brescia Paolo Corsi- corroborare la loro tesi”. Se- maggio del ‘74 ero in Sicilia, la Repubblica”, così come Felice Casson, ex pm tra i pri- non sostenibile, rispondono i re-
l’informatore ‘Tritone’. In fondo, un fo- solti, può comunque essere confer- L’ipotesi golpista diventa dunque impro- ni (“un insulto ai caduti”) al se- condo De Angelis – che nel ‘74, quello per la strage di piazza mi a indagare sulla scia dell’e- sponsabili dell’ordine pubblico.
Guido Salvini (FOTO ANSA) glietto a mano con appuntato il suo vero mata la matrice nera della strage? ponibile. Si affaccia l’eurocomunismo, gretario nazionale del Pdci Oli- quando esplose la bomba, mi- Fontana, si sia concluso senza versione nera, ricordano che Ma quell’acqua ha cancellato ogni
In aula sono nome e cioè Maurizio Tramonte. Passai
subito la notizia al collega di Brescia,
“Sapremo dalla motivazione della senten-
za se anche per piazza della Loggia, come
comincia la fine della guerra fredda”.
Ma le vittime e le loro famiglie, non
viero Diliberto (“oggi la bom-
ba è riesplosa”), a quello del
litava nel Fronte della Gioventù
(il movimento giovanile del
Per il deputato colpevoli (la sentenza è di pri-
mo grado ma è improbabile
durante gli anni di Piombo “l’I-
talia era in una fase di sovranità
indizio, che invece andava cercato
e analizzato con la massima at-
stati in molti Gianpaolo Zorzi, insieme al quale segui-
vo le indagini collegate sulle stragi”.
già è avvenuto a Milano per piazza Fontana
e la strage del 1973 alla Questura, la Corte
hanno avuto giustizia.
“A loro, all’opinione pubblica, si può of-
Prc-Federazione della sinistra,
Paolo Ferrero (“una vergo-
Msi) – sono da lodare i giudici
che “hanno valutato obiettiva-
Pdl: “I pm hanno che si ribalti in appello, tanto
che persino l’avvocato di parte
limitata, in cui i servizi segreti
coprivano gli accadimenti, an-
tenzione. Possibile che le indagini
siano cominciate con un errore
a ritrattare In quel fascicolo c’erano elementi
importanti per la verità sulla bomba
ha ritenuto comunque certa la paternità di
Ordine Nuovo del Veneto nell’ideazione,
frire ora uno strumento di verità. Mi ri-
ferisco a una commissione indipenden-
gna”). Ma a parte il senso d’im-
potenza espresso da Adriano
mente le prove” mentre i ma-
gistrati dell’accusa “sono dop-
illuso i familiari” civile dubita di ricorrere) Gra-
nata dice: “È un pessimo segno.
zi a volte li determinavano”.
Casson aggiunge: “Questa sen-
tanto grossolano? Ciò che si è po-
tuto subito stabilire sull’attentato
di piazza della Loggia? ma non del tutto certa, anche per il tempo te, composta da esperti e studiosi, pro- Paroli, primo cittadino di Bre- piamente colpevoli, sia per Si tratta dell’eterna storia italia- tenza purtroppo non è una sor-
Il fascista “Certamente. Nelle informazioni che trascorso, la responsabilità dei singoli”. posta dall’ex presidente della commis- scia in quota Pdl, nessun com- aver tentato di forzare un giu- Il finiano: “Allora na fatta di sangue, servizi segre- presa, s’inserisce nella scia del-
è che l’ordigno era composto da
circa sette etti di esplosivo da cava,
Tramonte aveva reso nel 1974, in tempi Sulla verità storica, Salvini insiste: “Dal sione Stragi, Giovanni Pellegrino. Do- mento arriva né dal governo né dizio sia perchè hanno fatto ti deviati e ambienti oscuri che le verità negate. Ma, anche se con aggiunta di anfo a base di ni-
Maggi: “È un quindi non sospetti, e che quel giorno ac- materiale acquisito, testimonianze e atti vrebbe continuare a cercare negli archi- dalla maggioranza parlamenta- perdere tempo e soldi allo Sta- non credevo tramano. E ancora una volta non è stata confermata dalla ve- trato d’ammonio. E che era stato
quisimmo, c’erano notizie dettagliatissi- dei servizi segreti, è impossibile mettere vi, provare ad ascoltare quei testimoni re. C’è però chi, come il depu- to illudendo i familiari e i so- non c’è identità, non ci sono ve- rità giudiziaria, milioni di docu- collocato in un cestino per l’im-
momento me sulle riunioni preparatorie per la stra- in discussione la paternità politica di ancora vivi su quanto hanno saputo e ta- tato del Pdl Marcello De An- pravvissuti di aver trovato i col- alle piste nere, rità giudiziarie. E anche quelle menti raccontano una verità mondizia. Niente di più.
ge di Brescia, cui aveva partecipato per- quella strategia ed in particolare che in ciuto finora per timore o per fedeltà alle gelis, contattato dal Fatto non pevoli”. Un tentativo di colpire storiche sono compromesse: è storica, politica e sociale molto (da "Il grande vecchio", di Gianni
bellissimo” sonalmente con i capi ordinovisti. Una quel quinquennio le stragi fossero mate- strutture in cui hanno operato”. nasconde la sua soddisfazione l’estrema destra perché, spiega ora lo so” disarmante la mancanza di con- chiara”. (Bea. Bor.) Barbacetto, Bur Rizzoli 2009)
pagina 4 Mercoledì 17 novembre 2010

L
COSCA NORD COSCA NORD

a ‘ndrangheta al nord? Per quei giardini rifiniti, quelle fontane, quelle stato arrestato per turbativa d’asta. Poi si è tempo. Eppure a guardar bene le cronache, mafia al nord era una follia solo a pensarlo. boss della locale mafiosa di Pavia. Ciocca crescere e diventare potente ben oltre i 300
Pax pavese: arrestato informazioni chiedere ai residenti ville poco avevano di innocente. Il sindaco, dimesso. Con lui arrestato un prestanome anche prima del maxi-blitz di questa estate Erano gli anni, ad esempio, in cui il leghista naturalmente non risulta indagato e oggi arresti di luglio. Il 5 novembre scorso
di Borgarello, storico buen ritiro Giovanni Valdes, 41 anni di Palermo, di Chiriaco, Alfredo Introini, 46 anni, vice gli indizi c’erano. Uomini della cosca Arena Angelo Ciocca preparava la sua carriera siede in Consiglio regionale dove ci è l’ultima conferma: l’ex sindaco di Borgarello
della borghesia Pavese. A domandare, infatti, avrebbe favorito imprese legate a Carlo direttore generale del Credito Cooperativo hanno usato i terreni e il silenzio di politica. Lui orginario di San Genesio ed arrivato sospinto da oltre 15 mila Giovanni Valdes deve restare in carcere.
il sindaco Pdl che faceva si portano a casa solo mugugni. Eppure qui Antonio Chiriaco, ex direttore sanitario di Binasco (Milano). Esattamente i Borgarello per nascondere quei bazooka Uniti, paese in stile Milano2, vicino preferenze. Eppure tutto nasce da qui da Come pure l’ex bancario Introini. Lo ha
per anni le cosche hanno fatto affari nel dell’Asl di Pavia, uomo delle tessere e dei rappresentanti di quella zona grigia che da serviti poi per uccidere il boss Carmine Borgarello. Nelle carte dell’inchiesta Infinito questo lembo di Padania che in nome del deciso il gip: “Può ancora inquinare le prove
silenzio più assoluto. Poi l’operazione del 13 rapporti con i padrini del nord. A settembre qualche mese, tra la Calabria e la Arena all’interno della sua auto blindata ad si legge degli incontri tra Ciocca e Pino ghe pensi mì ha chiuso gli occhi, voltato la e ripetere il reato”.
favori ai padrini luglio ha sollevato il velo. Si è scoperto che Valdes è stato perquisito. E il 21 ottobre è Lombardia, è un po’ meno grigia di un Isola Capo Rizzuto. Era il 2004 e all’epoca la Neri, avvocato, massone, ma soprattutto faccia, dando la sponda alla ‘ndrangheta di Davide Milosa

LA LORO PADANIA
di Enrico Fierro

I
l ministro Maroni non ci
sta. Si indigna, protesta, le
parole di Roberto Saviano
a Vieni via con me non gli
LA VERITÀ GLI FA MALE
Asl, cantieri e voti:
sono piaciute. “Mi guardi ne-
gli occhi quando lancia quelle
accuse”. Pretende il contrad-
dittorio per rispondere all’au-
tore di Gomorra che ha parlato
della ‘ndrangheta e dei suoi
Saviano in tv parla dei legami Lega-clan
Maroni lo avverte: falsità da Inquisizione
‘ndrangheta verde
molteplici interessi in Lom-
bardia. Ha parlato dei boss
che nella regione eletta a pa-
tria morale dal Carroccio, fan-
no proprio come nella vitupe- di Carlo Tecce sto del deputato Davide Capa-
rata Calabria: hanno politici rini all’Autorità di garanzia per
nelle loro mani, burattini, qua- arole senza sosta dal

P
le Comunicazioni contro la tra-
quaraquà che usano come vo-
gliono. Uomini della politica e 500 affiliati sotto il Duomo, mattino a tarda sera: let-
tere, comunicati, appel-
smissione. Anche Caparini ha
inforcato la penna: “Ho confer-
delle istituzioni anche nell’o- li. E poi Roberto Maroni mato per iscritto al presidente
peroso Nord. Perché “non esi-
ste, per chi è ‘ndranghetista,
una rete che arriva fino al Pirellone chiama in causa il Quirinale:
“Chiederò al presidente della
dell’Agcom, Corrado Calabrò,
il ricorso a mia firma contro
un diverso dalla Calabria: tut- Repubblica se un’accusa così Vieni via con me per la violazione
to il mondo è diviso in Cala-
aveva organizzato venti “loca-
boss. Negli anni Novanta ven- carlo Abelli, ras del Pdl, alla Re- infamante a Vieni via con me sia Lo scrittore Il Viminale della normativa vigente, tra le
bria e ciò che lo diverrà”. Non ne arrestato perché sospetta- gione. Punta in alto l’avvocato compatibile con il mio ruolo altre cose, in tema di par con-
sono le parole di Saviano o di li” (la struttura base dell’orga-
nizzazione detta “La Lombar-
to di essere il capo del “locale” che mette le cose a posto nella di ministro dell’Interno”. Il “Le ‘ndrine parlano “Accuse dicio, oltre che per l'assenza di
un altro scrittore dell’antima- di Pavia. Scontò nove anni ‘ndrangheta lombarda, alla po- monologo sulle mafie di Ro- contraddittorio nel corso del
fia “da strozzare”, ma quelle dia”) per 500 affiliati, picciotti
ma anche imprenditori impe-
perché malato di cuore. Scar- litica: contribuisce alla elezio- berto Saviano ha scatenato l’i- con il Carroccio” infamanti” monologo di Saviano”.
degli investigatori del Nucleo cerato, riprese i contatti col ne di Abelli e sponsorizza a Pa- ra del Viminale e dei leghisti,
gnati nell’edilizia, nel movi-
operativo dei Carabinieri di
Monza nella informativa “Infi-
nito” che fa da base investiga-
mento terra, nel commercio.
Figura centrale dell’organiz-
mondo politico pavese e lom-
bardo. Quando, dopo l’omici-
dio del boss “scissionista”
via un suo uomo, Francesco
Del Prete. Una elezione forte-
mente contrastata dalla Lega di
critici con lo scrittore per
quel passaggio su Gianfranco
Miglio, ideologo del Carroc-
“L a ‘ndrangheta al
Nord interloquisce
con la Lega, che voleva co-
“C hiederò al capo
dello Stato se le
accuse così infamanti
A SOSTEGNO di Caparini
c'è Franco Cardiello, il senato-
re del Pdl chiede notizie al go-
tiva alla maxi-inchiesta delle zazione l’avvocato Pino Neri. Nunzio Novella, la ‘ndranghe- Bossi. Per superare gli ostacoli cio: “La ‘ndrangheta al Nord stituzionalizzare le mafie”. che mi sono state rivol- verno con un'interrogazione
procure distrettuali antimafia “Lui era la testa quando gli al- ta ha problemi seri in Lombar- l’avvocato Neri si rivolge ad interloquisce con la Lega che Mazzetti: “Se abbiamo det- te siano compatibili con ai ministri dell'Interno e della
di Milano e Reggio Calabria. tri neppure sapevano chi era dia, i boss decidono di affidare Angelo Ciocca, un leghista del- voleva costituzionalizzare le to cose non vere si rivolga- il mio ruolo di ministro Giustizia: “È necessario accer-
Sotto il Duomo la ‘ndrangheta la testa”, così lo definiscono i a lui la “reggenza” dell’orga- la prima ora. All’epoca Ciocca mafie”. Maroni ha scritto ai no alla magistratura”. dell’Interno”. tare - continua Cardiello - i mo-
nizzazione. La sua nomina vie- è assessore alla Provincia di Pa- presidenti di Camera e Senato di attraverso i quali Saviano sia
ne fatta durante il matrimonio via, ma qualche anno dopo sa- e all’intero Consiglio di ammi- giunto in possesso delle infor-
tra Giuseppe Barbaro, ram- rà eletto alla Regione con 19 COSÌ PARLÒ MIGLIO altri limitrofi, e in alcuni set- modello europeo, sarebbe nistrazione Rai compreso il di- no stupito e allarmato dalle Ma accusare, come ha fatto Sa- mazioni oggetto delle sue ac-
WELBY “Avvenire” pollo della cosca più impor-
tante di Platì, e Elisa Pelle, dei
mila voti di preferenza. Un
boom, una barca di consensi
tori economici, come quelli
degli appalti e del movimento
un’assurdità. C’è anche un
clientelismo buono che deter-
rettore generale e al presiden-
te della Vigilanza, Sergio Zavo-
parole del ministro Maroni.
Non capisco di quali infamie
viano, un intero partito di es-
sere il referente della mafia mi
cuse e se queste informazioni
risultino coperte da segreto
“Gambazza” di San Luca. L’av- personali che superano finan- terra”. mina crescita economica. In- li: “Sono profondamente offe- parli. Temo che abbia visto fa venire la pelle d’oca. Voglio istruttorio. Poi si dovrà chiari-
contro Rai3 vocato incontra tutti i capi dei
“locali” il 31 ottobre 2009, in
che quelli ottenuti dall’erede
del Senatur, Renzo Bossi, “la ENZO CICONTE, docente
somma, bisogna partire dal
concetto che alcune manife-
so. Le dichiarazioni di Saviano
sono prive di fondamento e
un’altra cosa. Lo invito a rive-
derla e riascoltarla: io ho par-
credere che Saviano sia in buo-
na fede e che qualcuno gli ha
re se la divulgazione di queste
informazioni abbia causato
n copione, sempre lo stesso, mandato a un vertice a Paderno Dugna-
“U memoria e riproposto senza alcuna varian-
te: sono gli elenchi di definizioni relative alla
no.
trota”. Ciocca viene blandito,
Neri gli offre l’acquisto di un
appartamento a prezzi vantag-
universitario e autore di mol-
tissimi saggi sull’evoluzione
della ‘ndrangheta, nel suo ul-
stazioni tipiche del Sud hanno
bisogno di essere costituziona-
lizzate”. “Sono trascorsi undici
diffamatorie nei confronti del
movimento politico cui ap-
partengo. Chiedo di poter
lato solo di fatti, frutto di
un’inchiesta giudiziaria del-
l’Antimafia di Milano e Reggio
messo in bocca quelle parole,
ma lui non sa di che cosa par-
la”. La tenaglia leghista stringe
danno ad eventuali indagini.
Inoltre, come ha spiegato lo
stesso Saviano, sarà opportu-
povera Eluana Englaro letti ieri sera in tandem UN SUMMIT di mafia in un giosissimi, circostanza sempre timo libro (‘Ndrangheta padana, anni dalle affermazioni di Mi- esercitare il diritto di replica Calabria sul nuovo assetto del- forte su Vieni via con me: prote- no valutare se corrisponda al
da Fabio Fazio e Beppino Englaro su Raitre a Vieni centro per anziani intitolato a negata dal consigliere leghista, Rubbettino editore) ha rac- glio – conclude Ciconte – sono per contestare tali falsità nel la ‘ndrangheta e sulla sua pre- ste in Commissione parlamen- vero che quest’ultimo è stato al
via con me”. A denunciarlo è una nota pubblicata Falcone e Borsellino. “Noi ma ribadita dal procuratore Il- contato l’ascesa delle cosche pochi, ma possono essere dav- corso della prossima punta- senza culturale, politica ed tare di Vigilanza, che ascolterà seguito dei carabinieri del co-
ieri sul sito del quotidiano cattolico Avvenire. Se- dobbiamo pensare a cogghimi da Boccassini. Ci sono inter- calabresi in “Padania”. Ciconte vero tanti. Oggi ancor più di ta”. Loris Mazzetti, responsa- economica in Lombardia. Fat- i vertici Rai da venerdì; espo- lonnello Giardina e soprattut-
condo il quotidiano dei vescovi “l’amore con (raccogliere, ndr) e non a divi- cettazioni telefoniche, riprese non si è limitato ad analizzare allora, quelle ‘manifestazioni bile del programma, ribatte: ti che - conclude Saviano - do- to a quale titolo e autorizzato
cui le suore misericordine hanno assistito Elua- dere. E quindi abbiamo riunito video e foto che attestano l’in- le ultime inchieste delle pro- tipiche del Sud’ fanno parte a “Il ministro ha a disposizione i vrebbero preoccupare il mini- da chi”. Il monologo sulle ma-
na per 15 anni, ricevendola proprio dalle mani
di quel padre che di loro dirà: me l’hanno vio-
questi degni responsabili per
dire che tutti siamo uguali,
contro dell’esponente leghi-
sta con Neri.
cure di Milano e Reggio Cala-
bria, ma è andato alle radici del
pieno titolo del Nord, hanno
invaso la ‘Padania’, ne sono
telegiornali e tante trasmissio-
ni di approfondimento politi-
stro dell’Interno invece di
spingerlo ad accusare chi li de-
Il ministro tira in fie ha registrato il picco più al-
to (10,4 milioni) in una serata
lentata”. E ancora: “Un Fazio semi-commosso.
Mai una sola volta tra i suoi invitati uno dei
non uno ne ha di più, non uno
ne ha in meno. Tutti abbiamo
Il ministro Maroni, quindi, ha
poco da offendersi, la Lombar-
pensiero leghista, alla voglia
dei secessione di Bossi e alla
parte integrante, ne hanno oc-
cupato una porzione notevo-
co. Da noi i politici vengono
solo se funzionali al racconto.
nuncia”. ballo il Quirinale: mai vista su Raitre: 30,2% di
share e 9 milioni di telespetta-
tremila genitori delle altre Eluane, quelli che le
curano nelle loro case, senza chiedere di essere
pari responsabilità , perché
noi questo vogliamo: questo
dia è terra di conquista da anni.
“Nell’ultimo quindicennio la L’ideologo: “Costituzionalizzare le mafie”
base “ideologica” fornita dal
professor Giancarlo Miglio
le, non sono ad essa affatto
estranee. Se si dovesse costitu-
Se noi abbiamo detto cose
non vere, cose smentibili, se
IL MINISTRO ha intasato le
agenzie con infinite precisa-
“Ho il diritto tori. Il Grande Fratello su Canale
5 ha perso già in volata, e allora
aiutati. L’Osservatore romano rincara, non citando vogliono gli uomini, questo ’ndrangheta ha conteso alla Le- lo abbiamo ingiuriato che si ri- zioni, poi ha informato il popo- Pier Silvio Berlusconi si conso-
il programma: “Dopo duemila anni la dignità di vuole la logica e le regole”. Un ga il controllo del territorio
Miglio, morto nel 2001, sosteneva: “Io sono per il mantenimento di mafia e
‘ndrangheta. Alcune manifestazioni tipiche del Sud andrebbero costituzionalizzate”
nelle sue elaborazioni sulla
“costituzionalizzazione” delle
zionalizzare la mafia, come so-
gnava Miglio, quest’atto non volga alla magistratura”. Men- lo leghista attraverso Radio Pa- di replicare” la con il boom di un’altra tra-
ogni essere umano è di nuovo messa in que- capo vero, l’unico in grado di ‘padano’. Non è vero che al mafie. “Il Sud deve darsi uno riguarderebbe più solo il Sud tre Enrico Letta dà ragione a dania: “Siamo all’Inquisizione. smissione Endemol (controlla-
stione proprio dai quei progressi tecnoscien- avere rapporti con i boss di giù Nord c’è solo la Lega che con- statuto poggiante sulla perso- ma, rimanendo nel solco del Maroni e gli concede pieno di- Nessun ministro dell’Interno Lo scrittore: ta al 33% da Mediaset): “Bravi,
tifici che a parole vorrebbero invece migliorare e con la politica. Neri è amico trolla il territorio; c’è anche la ga, gestisce potere, agisce eco- politica. Lo dimostra quello nalità del comando. Che cos’è pensiero dell’ideologo della ritto alla replica, Saviano ri- può vantare i risultati che ho bel risultato”. Facile prevedere
le condizioni di vita”. di Carlo Antonio Chiriaco, di- ’ndrangheta che, esattamente nomicamente, fa investimenti, che è successo, per fare un so- la mafia? Potere personale Lega, toccherebbe due macro- sponde soltanto quando l’e- ottenuto contro la mafia. Dire “Allarmato, ho ritorsioni nel Cda Rai di oggi, il
rettore sanitario della Asl di Pa- nelle stesse località dove c’è interviene in vari campi, an- lo esempio, in alcuni comuni spinto fino al delitto. Io non regioni, quella padana e quella sponenete leghista ha esauri- che la mafia e la camorra sono direttore generale Masi l'aveva
via e grande elettore di Gian- un forte insediamento della Le- che sociali, ha una presenza in come Corsico, Buccinasco e voglio ridurre il Meridione al meridionale”. to il carico di interventi: “So- presenti al Nord è una ovvietà. citato solo i fatti” annunciato, il consigliere An-
tonio Verro (Pdl) prepara l'are-
na: “Maroni ha pienamente ra-
LA DENUNCIA Un imprenditore calabrese si ribella al pizzo “VIENI VIA CON ME” I due politici “bucano” il video e sorpassano l’Oscar gione. Compito del servizio
pubblico è garantire il contrad-

“Bologna, i boss e i lavori di Piazza Maggiore: ecco i nomi” Fini-Bersani, che coppia: più share di Benigni dittorio e la completezza del-
l’informazione. Per questo mi
auguro l’azienda accolga la sua
richiesta”. Redazione e autori
di Emiliano Liuzzi si possa continuare a fatturare an- giunta Cofferati Antonio Amorosi, “Le mie parole porteranno molto le la pressione estorsiva esercitata o scrutinio arriva di mattina pre- ni). Il programma ha attratto sempre deboli”. E così la finiana Generazio- di Vieni via con me non si lascia-
che senza far parte del sistema. Si è
dovuto trasferire, certo, perché in
oggi blogger, insieme a Nicola Lillo,
tra i primi a denunciare gli intrecci
più in alto”, dice Saffioti. Un fulmi-
ne a ciel sereno nella laboriosa e ric-
sul mercato dell’edilizia privata at-
traverso l’esportazione dei moduli
Lconteggio.
sto, forse sarà necessario un ri-
Perché Gianfranco Fini e
di più, durante la serata, chi era col-
legato: intorno alle 23 e 17 per l'in-
ne Italia provoca: “Poiché siamo a fa-
IL “PODIO” DELLA TRASMISSIONE
no intimorire, lavorano a lune-

Hgrazie48a 48anni
anni anni, Gaetano Saffioti.
e 48 malavitosi arrestati
alle sue deposizioni. Vive
Italia, ovunque provi a ottenere un
appalto arriva sempre secondo. Ma
tra malavita e palazzo attraverso il
sito, antonioamorosi.it. E qualcosa
ca Emilia Romagna? Macché, sono
anni che la camorra e la ‘ndrangheta
operativi rodati nelle zone camor-
ristiche, e non soltanto nei confron-
Pier Luigi Bersani pareggiano la pro-
va di “Vieni via con me”: 10,175 mi-
tervento di Antonio Albanese c'erano
meno televisori accesi, eppure il 38%
vore della concorrenza, anche delle
idee, dato che non ci sono piaciute le
polemiche politiche pre e post ‘Vieni
dì prossimo e continuano la
trattativa con Adriano Celenta-
no. Nessun problema a Raitre,
blindato, sotto scorta da otto anni. prima di volare a Dubai ha provato a è già successo. Forse è un caso, ma lavorano a Bologna in tutti i cantieri ti di imprenditori campani, ma an- lioni di telespettatori e 31,43% di guardava Saviano e Fabio Fazio. No- via con me’, per farla finita chiedia- il direttore Paolo Ruffini difen-
La sua azienda, “Saffioti calcestruz- lavorare a Bologna. 15 anni, e una ieri mattina la squadra mobile ha se- più importanti. Il progetto di ri- che locali”. Una parte dell’organiz- share per il segretario del Pd, 10,238 nostante una replica del commissa- mo a Fazio e Saviano di ospitare Ber- de la sua rete e le sue idee. An-
zi e movimento terra”, in Calabria, situazione che poco è cambiata ri- questrato un cantiere a San Lazzaro strutturazione di Piazza Maggiore è zazione è stata smantellata nel milioni e 31,95% di share per il fon- rio Montalbano su Raiuno (12%), lusconi a leggere il suo elenco in tv. zi, rilancia su Saviano: “Vieni via
assomiglia più a un carcere che a un spetto a quella di Savena dove la- stato firmato da ditte legate ai clan 2008, ma probabilmente è solo il datore di Fli (elaborazione dati Au- “Vieni via con me” ha guadagnato 5 Per far passare il premier da Ruby FINI con me potrebbe non essere
luogo di lavoro. “È la mia Guanta- strada tra Palmi e vora la ditta Ci- Alfieri e Nuvoletta, a Reggio Emilia sottobosco. ditel studio Frasi). I due hanno gio- punti di share sulla prima puntata. (Rubacuori) a Roby (Saviano). Ve lo un'eccezione, è possibile inve-
namo”, scherza. Cancelli blindati, Gioia Tauro dove Vive sotto scorta pea-Idroter, 30 ap- non si muove foglia senza che la fa- Ma non è solo l’edilizia a far gola alle cato in simbiosi: Fini ha sfruttato (e L'attesa e le polemiche scatenate da consiglia anche Cicchitto per ragioni 10,2 MILIONI ce un futuro televisivo di Ro-
muri in cemento armato, decine di ha sede la sua partamenti già qua- miglia Ciampà ne sappia niente, a grandi famiglie. Sulla riviera roma- migliorato) i numeri di Bersani. Stac- Mauro Masi avranno influito: “Il di- di share. Cosa aspettate?”. Fazio ha berto Saviano ancora sul terzo
telecamere, auto della scorta fuori
dai cancelli. Lo taglieggiavano, lui
Guantanamo. Saf-
fioti dice di aver
da 8 anni, dopo si ultimati. Diffor-
mità di realizzazio-
Parma, il clan Guarino controlla tut-
te le più grandi opere. C’è una re-
gnola il mercato è florido: gioco
d’azzardo, prostituzione, droga. E
cati di un'inezia, i due insieme regi-
strano il picco più alto di “Vieni via
rettore generale è stato un promoter
eccezionale”, commenta sferzante
letto con voce e gestualità ironica il
nome di decine di partiti e segretari,
canale del servizio pubblico”.
Le opposizioni fanno da scher-
parlò. E col tempo ha fatto arrestare
i signori del pizzo, ma anche dieci
collaborato a lun-
go con i magistra-
le sue rivelazioni ne, è l’accusa. Ma
quello che colpi-
lazione della Procura nazionale an-
timafia che è molto chiara: “A Bolo-
anche qui il ruolo più importante lo
giocano i Casalesi che sono riusciti,
con me” che, in crescita rispetto al-
l'esordio, segna in media il 30,2% di
Nino Rizzo Nervo, consigliere d'op-
posizione. Nel Pdl chiedono un invito
per dimostrare che convocare tutti a
“Vieni via con me” è impossibile. Poi
mo tra Saviano e Maroni. Wal-
ter Veltroni: “La reazione del
criminali tra i più pericolosi in cir- ti, e preannuncia sce è il nome di Ci- gna, Ferrara, Forlì e Reggio Emilia, senza spargimenti di sangue, a share, 9 milioni di telespettatori e 20 per Silvio Berlusconi, il ministro Igna- ci pensa Paolo Ruffini, direttore di
colazione. Saffioti, che i magistrati una serie di arresti 48 mafiosi pea Holding, Gia- lavorano soggetti legati alle cosche prendersi il mercato dalle mafie milioni di contatti (8 milioni sul sito): zio La Russa fa finta di non ricordare Raitre, a separare un programma di
ministro è assurda e grave, col-
pisce una voce libera, un italia-
della direzione distrettuale antima- eccellenti. Lo ha nluca Muratori, calabresi, Cosa Nostra agisce so- straniere. Una mappa geocrimina- record assoluto per Raitre. I due po- e confondersi: “Certo però non è giu- attualità da una tribuna politica: no minacciato dalle mafie e co-
fia calabrese definiscono “uomo detto in un’intervi- arrestati: “Ma che è indagato con prattutto nella zona del Modenese. le, questa, ma che la dice lunga sulla litici hanno abbattuto i 9,3 milioni di sto che a rappresentare i valori della “Par condicio sì, ma solo nei periodi stretto a vivere per quello che
esemplare”, ha salvato la sua azien- sta audioregistrata l’ipotesi di aver Ma è sicuramente la Camorra, attra- mano lunga della criminalità in Emi- Roberto Benigni e parlato a un pub- destra sia stato Bersani... ”. Nemme- previsti dalla legge. Non si può com- dice e che scrive, sotto scorta.
da prima cercando appalti in giro al Fatto e all’ex as- si andrà molto corrotto l’ex sinda- verso il clan dei Casalesi, a giocare il lia Romagna. Che ha raggiunto or- blico del 34% tra i 20 e i 24 anni. Solo no il sindaco di Roma, Gianni Ale- prendere tutto e tutti in due ore e BERSANI BENIGNI A Roberto va la mia solidarietà
per l’Italia, oggi a invece si è spo- sessore alle politi- co di Bologna, Fla- ruolo più importante in Emilia Ro- mai livelli di controllo difficili da il monologo di Saviano sulle mafie ha manno, apprezza: “Sia Fini che Ber- mezza”. e l'apprezzamento per le sue
stato a Dubai. Ha dimostrato come che abitative della più in alto” vio Delbono. magna”. “Ai Casalesi è riconducibi- smantellare in un colpo solo. superato Bersani e Fini (10,4 milio- sani hanno fatto degli elenchi molto Car. Tec. 10,1 MILIONI 9.3 MILIONI parole di denuncia”.
pagina 6 Mercoledì 17 novembre 2010

F C
QUALCOSA A SINISTRA QUALCOSA A SINISTRA

irenze, Milano, la Puglia. E ancora governatore uscente, viene un’altra volta quattro, con l’ex assessore Cioni (poi bloccato elebre la sua ammissione: “Detesto fare 1997. Cinque anni dopo ecco il bis. Durante questo di emergenza all'anno, risultando così una delle città
Firenze, la regione Puglia Taranto. Tre città, una regione, contrapposto Francesco Boccia, già sconfitto da un’inchiesta), Michele Ventura (legato a L’ex sindaco eletto due il sindaco, è una grande fatica e un grande secondo mandato è stato titolare dei poteri più inquinate d'Europa. Successivamente
quattro realtà diverse, dal leader di Sel nel 2005. Il risultato è D’Alema) e Lapo Pistelli, candidato ufficiale disagio. Ci sono responsabilità enormi e commissariali per la gestione del traffico dal 2001 al vicepresidente della commissione trasporti al
geograficamente lontane, ma accomunate dallo schiacciante: appena il 30 per cento all’uomo delle segreteria. Risultato? La vittoria del poteri incongrui rispetto a queste responsabilità. 2006. Una delle maggiori critiche che ha ricevuto il Parlamento europeo (eletto con 155 mila preferenze,
e Taranto: quando stesso destino, per il Pd: in ognuna, alle del Pd. Vendola, poi, vincerà anche le elezioni quarto, quel Matteo Renzi, già presidente della volte nonostante Non volevo farlo. Ho detto quattro volte no e poi suo operato è che, nonostante questi poteri speciali, primo di Forza Italia dopo Silvio Berlusconi), e da
primarie, è stato battuto il candidato espresso regionali, in una tornata nazionale non Provincia di Firenze. Infine a Taranto, dove il come si sa, ho dovuto accettare”. Parola di Gabriele non è riuscito a combattere efficacemente sempre considerato una mosca bianca all’interno del
dai democratici. Il caso più eclatante quello che favorevole al centrosinistra. medico Ippazio Stefàno ha sbaragliato Giovanni Albertini. Classe 1950, scelto personalmente da l'inquinamento atmosferico di Milano, che alla fine del Pdl. Da lui sono arrivate, spesso, prese di distanza e
il candidato è bocciato ha coinvolto Nichi Vendola. A quest’ultimo, Quindi Firenze. In Toscana la corsa era a Florido. “non l’avessi voluto fare” Silvio Berlusconi, venne eletto sindaco di Milano nel suo mandato continuava a segnalare più di 100 giorni stoccate al Popolo delle libertà.

LA COLPA è di nessuno

NEL PD BERSANI ATTACCATI


Pier Luigi Bersani e
Filippo Penati visti
da Emanuele Fucecchi
e di tutti quanti
e dimissioni dei vertici lombardi del Pd, tanto an-
Ldi fatto.
nunciate e mai presentate, si sono risolte in un nulla
Il capogruppo in Comune, Pierfrancesco Ma-

ALLE MUTANDE
jorino, ieri è stato riconfermato. Il segretario provin-

È SEMPRE PIÙ SOLO


ciale, Roberto Cornelli, che aveva rimesso il mandato
nelle mani del partito, ha aperto e chiuso la riunione di
lunedì sera senza neanche aprire il capitolo incarico. In
compenso ha ribadito che la colpa della sconfitta di
Stefano Boeri è stata del “rottamatore settantenne Va-

DI ALBERTINI
lerio Onida” e di chi ha accettato di indire le primarie di
coalizione “utili solo a spolpare voti al Pd”. C'è poi il
segretario regionale, Maurizio Martina. Non ha rimesso

Penati dà le dimissioni dalla segreteria il mandato, si è limitato a riconoscersi coresponsabile


della debaclè. E infatti le sue dimissioni non sono al-
l'ordine del giorno della riunione convocata per stase-
ra. Infine il coordinatore cittadino, Francesco Laforgia,
di Luca Telese tamatore e riformatore del par- data cattolica del tutto invisa e so si fa interessante, anche per- A MILANO LO APPOGGIANO FLI, UDC, su cui il Pd deciderà nell'arco di una settimana. da.ve.
tito. È in questo clima che ieri si contrapposta agli apparati. Il 26 ché l’assemblea dell’Eliseo è pro-
unque Filippo Penati si di- è arrivati a una riunione dei API E PARTE DEI DEMOCRATICI
D
novembre, a Roma, si riunisce al- pedeutica alla riunione del 15
mette. Dal punto di vista gruppi dirigenti che fotografava l’Eliseo la componente di Walter gennaio 2011 al Lingotto, la vera
strettamente tecnico ab- lo stato di incertezza: la maggio- Veltroni e Giuseppe Fioroni. A epifania del neo-Veltronismo,
bandona solo il coordina- ranza del congresso inizia a sgre- quelli che si riconoscono da quasi un contro-congresso. “Par- di Davide Vecchi anche quello che ha negato il L’ex “modello” Gabriele
mento della segreteria di Pier tolarsi, una decina di dirigenti sempre nelle loro posizioni, sta- liamoci chiaro – spiega Verini – corteo del gay pride del 2001 Albertini sfilò in mutande
Luigi Bersani. Ma dal punto di vi- centristi hanno già dato vita a on può farlo, non

“N
volta, si aggiungono personalità Milano è un campanello d’allar- e che girava in bicicletta. In- quando era sindaco di Milano
sta simbolico (e politico) lo fa una diaspora, il capo segreteria del calibro di Sergio Chiampari- me. Il partito si chiude in se stes- può candidarsi”. somma incarna perfettamen-
dopo la sconfitta del Pd alle pri- è dimissionario, il numero due, no. È una sorta di contro-mani- so, rinuncia alla vocazione mag- Letizia Moratti è te il “si stava meglio prima”.
marie di Milano, e l’incorona-
zione di Giuliano Pisapia. Se ser-
Enrico Letta, non nasconde di-
sagio politico (e su Milano ha
festo, la vetrina del Pd che sareb-
be potuto essere e non è stato. Se
gioritaria, alla sfida di rappresen-
tanza della società. La linea è
fuori di sé. Tutto
s'aspettava fuorché di trovar-
Moratti lo sa bene, per que-
sto si è rivolta direttamente a
Tutti uniti
viva un fatto che segnalasse pla-
sticamente la connessione fra la
speso parole insolitamente du-
re).
parli con Walter Verini, demiur-
go del veltronismo reale, capisci
confusa, cambia di ora in ora e
per il momento sembra puntare
si come possibile avversario
Gabriele Albertini. L'ex sin-
Silvio Berlusconi affinché
convinca Albertini a cambia-
nel sostenerlo
disfatta di Milano e la crisi di ruo-
lo nazionale, il gesto di Penati – SE VUOI capire cosa accade
che il disagio sta crescendo di
ora in ora e che Bersani dovrà da-
tutto su un’alleanza con il Terzo
polo pur di battere Berlusconi”.
daco, oggi eurodeputato Pdl,
è seriamente intenzionato a
re idea. Ma neppure il Cava-
liere può nulla. L'eurodepu-
a costo di non
uno dei principali artefici della nel Pd devi dare un occhio al ca- re risposte: “Primo. Per noi non Il risultato? “Che noi finiamo per presentarsi alle prossime am- tato è sempre stato uno dei
vittoria dell’attuale segretario – lendario. Il 25, ancora una volta esiste l’idea di sparare sul quar- perdere sia al centro che a sini- ministrative milanesi, forte pochi a non rispondere a co-
ricordare le
non poteva essere il segnale più con un’implicazione simbolica tier generale approfittando di stra, dove, passatemi il termine del sostegno dei tanti delusi mando alle chiamate da Ar-
chiaro. E intanto nel Pd esplode molto forte, Nichi Vendola sbar- una sconfitta e in un momento di orribile, ‘la narrazione’ carisma- della gestione Moratti e di core. Lo scorso luglio, quan- polemiche sulle
la polemica sull’uso delle pri- ca a Bologna intervenendo an- evidente difficoltà politica”. Pe- tica di Vendola è più forte della molti partiti politici. Dal- do Albertini condivise pub-
marie: i veltroniani scalpitano, che in quelle primarie, con una rò... “Però nulla ci può impedire nostra. Se infine – conclude Ve- l'Udc a Futuro e Libertà, dal- blicamente le critiche di sue precedenti
mentre si rafforza la posizione operazione estremamente abile: di lanciare un allarme sulla no- lardi – l’asse con Fini e Casini non l'Api a una buona fetta del Pdl Gianfranco Fini sulla man-
“luterana” di Matteo Renzi, rot- ovvero il sostegno a una candi- stra crisi di ruolo”. Qui il discor- riesce, il rischio è finire come lombardo. Persino parte del canza di dialettica nel Pdl, il gestioni
quel personaggio dei Soliti ignoti Pd è pronta a sostenere, non presidente del Consiglio gli
che si lamentava sconsolato:
‘M’hanno lasciato solo’”.
Decisiva la grafia interessante: “È necessaria
una mia assunzione di responsa-
quello che serve è chiudere in
fretta il confronto nel nostro par-
ufficialmente, l'ex sindaco;
gli orfani di un candidato mo-
telefonò. “Silvio queste cose
sono vere”, rispose. “Vieni ciola. Per questo il Cavaliere ha ha inizialmente negato, pur co- mese fa erano state gettate le
ROMA La campagna elettorale È DAVVERO così drammatica
sconfitta di Boeri bilità – scrive – proprio perché
penso che la vittoria alle comu-
tito”. Ma ovviamente c’è anche
chi manifesta il suo disagio sullo
derato che proprio non rie-
scono a ritrovarsi in Giuliano
ad Arcore che ne parliamo
con calma”. E lui: “Sto pre-
tentato di farlo ragionare. Die-
ci giorni fa, in piena crisi di Go-
minciando ad attaccare Morat-
ti. “Città malata, curiamola o
basi di un accordo. Nell'ufficio
milanese dell'eurodeputato,
inizia in Questura la situazione? Di sicuro gli addii
hanno lasciato il segno: il prefet-
Si rafforzano nali di Milano sia più importante
delle vicende personali. Per que-
strumento stesso delle primarie.
Dice Giorgio Merlo, Pd, vicepre-
Pisapia. Ed è corteggiato dal-
l'area cattolica che ha in Ro-
parando le valigie, domani
vado in vacanza; risentiamo-
verno, gli ha dedicato quasi un
intero pomeriggio. E' riuscito
muore”, disse in un'intervista a
luglio, aggiungendo “sbaglia
uomini di fiducia di Pierluigi
Bersani e Massimo D'Alema
to Serra e la Binetti sono ormai sto continuerò ad impegnarmi sidente della Vigilanza: “Ora ser- berto Formigoni il faro poli- a farlo arrivare ad Arcore. “Sil- chi parla di una mia lista civi- avevano portato la proposta:
iamo in campagna elettorale. Lo si capi- cosa non torna. Entrambi sostengono che i i veltroniani tico e nel cardinale arcive-
ci a settembre”, tagliò corto.
vio so che il Pdl non può soste- se vince Pisapia non tutto il
Sdobbata
sce entrando nella Questura di Roma ad-
con piante, uniformi, tappeto rosso
reati sono diminuiti, ma allora non si com-
prende l’aumento degli arresti e delle de-
nell’Udc. Non c’è più Calearo.
Rutelli gioca in proprio. Ma Ber-
sani ostenta sicurezza e a chi gli Ed è bagarre
con convinzione e perché credo
che con Pisapia si possa vince-
re”.
ve non solo un ripensamento,
seppur tardivo, come auspica
Rosy Bindi, sulle primarie, ma
scovo Dionigi Tettamanzi, da
sempre critico dell'operato
L'uomo è così, tende a smar-
carsi. nermi, so che sei costretto a
candidare la Moratti lo so, lo
ca”.
partito lo sosterrà. L'ala catto-
lica in primis, capitanata da
Il candidato
e podio per i discorsi ufficiali. Il sindaco Ale- nunce. E soprattutto, quando si domanda se faceva notare che l'elenco delle una iniziativa politica per evitare della giunta Moratti, la guida. Lo sgarbo so”. Berlusconi avrebbe sorri- Giuseppe Fioroni. E parte dei
manno fa visita a Francesco Tagliente (da po- le prostitute fermate siano sempre le stesse cose di destra di Gianfranco Fini sull’addio PAROLE che dissolvono le illu- la perpetuazione di regole che Albertini accomuna tutti. Gli al Caimano so e rinunciato a fargli cambia-
trasversale
veltroniani, estromessi dal
chi mesi questore della capitale) per lancia- (identificate più volte e poi lasciate andare) a Vieni via con me assomigliava al sioni di chi, in queste ore, imma- diventano un boomerang”. Paro- errori del passato, dai deri- re idea. Non che Albertini ab- partito dalla gestione vertici-
re il terzo patto per la sicurezza (senza an- e quanti irregolari siano stati effettivamente suo spiegava divertito: “Se c'è alle primarie ginava un cambio di cavallo con le che esprimono un mal di pan- vati al piano parcheggi che bia sciolto tutte le riserve, ma AI SUOI però continuava a di- stica attuata da Penati. Il terzo
cora un euro in cassa). I problemi di Roma? accompagnati alla frontiera, le risposte si uno che si è spostato è lui...”. Ieri, il partito che punta tutto sulla cia diffuso. “Le primarie sono ha trasformato parte della cit- QUANDO nel 1997 Berlu- manca poco. Ieri a Roma ha in- re: “Se alle primarie vince Pisa- polo dunque sembra prende-
La prostituzione, la questua molesta e i rom, fanno vaghe. “Forse alcune prostitute si so- però, alla Camera, il segretario e i candidatura terzopolista di Ga- uno straordinario momento di tà in un cantiere, sono stati sconi lo scelse per la poltrona contrato in tre appuntamenti pia e mi fanno arrabbiare io mi re corpo a Milano. Attorno ad
a sentire il primo cittadino. Tagliente snoc- no spostate – ammette il questore –. L’im- vertici dei gruppi parlamentari to. Il segretario preferisce strin- briele Albertini. Penati difende il democrazia partecipata”, ri- già perdonati o dimenticati. di Palazzo Marino e lo impose, diversi Francesco Rutelli, ricandido”. Pisapia ha vinto, Al- Albertini, candidato più che
ciola i dati soddisfacenti degli ultimi tre mesi portante è che la gente non le veda più sotto hanno riunito una sorta di gabi- gere i denti e sacrificare qualco- gruppo dirigente milanese: "Io - sponde Ignazio Marino”. Ma la Nei milanesi sembra essere nonostante i molti malumori Gianfranco Fini e Pierferdi- bertini può dunque puntare al- mai trasversale e buono per
(agosto-ottobre): aumento del 39% degli ar- casa”. “Tutto cambierà quando, con il nuovo netto di crisi per esaminare la si- sa sul piano dell’immagine e del- spiega - ho condiviso e sostenuto voce più forte è quella del “rot- rimasta maggiormente im- degli alleati del Polo, venne nando Casini. E' proprio il lea- lo scontro diretto con Moratti ogni stagione. “Duro che si
resti, del 25% delle denunce, incremento pacchetto sicurezza di Maroni, la prostitu- tuazione. C'erano, fra gli altri, la critica degli avversari interni, la scelta di candidare Boeri. Al tamatore” Matteo Renzi: “Sono pressa l'immagine che lo ri- ringraziato con una “pugnala- der dell'Udc ad aver “costrui- al ballottaggio. L'idea non solo spezza, ma non si piega e tanto
del 52% delle espulsioni, del 362% degli al- zione diventerà reato”, risponde seccato Dario Franceschini e Anna Fi- ma portare a casa una nuova giovane gruppo dirigente, chie- una risposta alla crisi della rap- trae sorridente in mutande ta”: Albertini assegnò i posti di to”, insieme a Massimo Caccia- lo stuzzica, lo eccita. E ora che meno si impiega”, diceva di lui
lontanamenti dei comunitari, dimezzamen- Alemanno. Certo, allora davvero Roma po- nocchiaro. Il Pd punta tutto su maggioranza parlamentare e la do di riconfermare la fiducia”. presentanza, un marchio di fab- sulla passerella di Armani, maggior potere della giunta a ri, la candidatura di Albertini. anche parte del Pd, orfano del Indro Montanelli. Di tutti e di
to delle prostitute per strada. E, però, qual- trà dirsi finalmente sicura. (silvia d’onghia) un percorso parlamentare per rimozione di Berlusconi. Poi la stoccata, che parla di Mi- brica del Pd. Penso sia assurdo piuttosto che quella del sin- esponenti di An e a tecnici in- Da aprile stanno lavorando al candidato Stefano Boeri, è nessuno, il sindaco in mutan-
garantire che la mozione di sfi- La lettera di dimissioni di Penati, lano, ma vale anche sul piano na- pensare di farne a meno”. La vera daco decisionista che diserta dicati da Confindustria, per “progetto Milano”. Poi si è ag- pronto a sostenerlo, il percorso de sembra l'uomo perfetto per
ducia al governo sia votata subi- in questo scenario, è una foto- zionale: “Ora - conclude Penati - battaglia inizia solo ora. il consiglio comunale. Ma è Forza Italia solo qualche bri- giunto Fli. Il diretto interessato sembra tutto in discesa. Già un il nascente grande centro.

Le elezioni nel capoluogo emiliano


La Campania affoga nei debiti e nella “munnezza”
L’Amelia che manda in crisi il centrosinistra bolognese 9000 TONNELLATE DI SPAZZATURA ABBANDONATA, MENTRE GLI ISPETTORI INVIATI DA TREMONTI PARLANO DI UN DEBITO DI OLTRE 5 MILIARDI
di Sandra Amurri nistica e Andrea De Maria, ex segretario sidente della Caritas. Figlia di un noto me- ze, risultando la più eletta non solo del voci bene informate, dicono che il partito di Vincenzo Iurillo Regione Campania dopo lo allegati, ed è stato trasmesso al elencate in una nota di accom- relativi fondi sarebbero stati stival di paese e di provincia.
provinciale. Intanto l’Idv chiede a Casini di dico bolognese e moglie di un pediatra del- partito ma dell’intero Consiglio. Una vita di Bersani stia pensando a primarie con il sforamento del patto di stabi- Governatore Stefano Caldoro, pagnamento. La principale impiegati per fiere, sagre, pro- Ma uno dei buchi più profondi
errebbe da dire film già visto guardan- appoggiare Silvana Mura. Le foto sul suo l’ospedale Sant’Orsola, mamma di tre figli dedicata a “costruire ponti tra pensieri più doppio turno. “Sento dire che non sarei ifiuti e debiti. La Campania lità deliberato dalla uscente
Vdidato
do il primo tempo per la scelta del can-
del centrosinistra alle amministra-
blog “Il mondo di Amelia” la ritraggono
sorridente con anziani, giovani e bambini,
e di due gemelli scappati dalla guerra del
Congo presi in affido come altri tre bimbi
distanti e spesso in conflitto” scrivono i
firmatari per la sua candidatura; a tessere
adatta a fare il sindaco di Bologna” dice
Amelia Frascaroli “ma cosa vuol dire fare il
RNapoli
dei record all’incontrario.
e provincia affogano
giunta Bassolino. Sforamento
che l’assessore regionale al Bi-
al premier Silvio Berlusconi e
alla Corte dei conti. Severe le
critiche mosse dagli ispettori
consisterebbe nel costante uti-
lizzo dell’indebitamento per il
finanziamento di spese che
mozioni, sostegno a film e fic-
tion, alcuni di pregio (“Il Di-
vo”), altri un po’ meno.
si è scavato nella gestione del-
le 21 società partecipate regio-
nali (erano più di 30 fino a po-
tive del 2011 a Bologna. Già visto in Puglia le parole trasudano di passione. Laureata ora divenuti adulti. È una cattolica di si- relazioni tra chi fa più fatica e chi vive sindaco se non ascoltare i bisogni dei cit- in 9000 tonnellate di spazza- lancio Gaetano Giancane ha alla gestione dell’ente di Palaz- non costituiscono un investi- chi anni fa). Una gestione che
dove Vendola ha vinto con il 73% sul can- in Pedagogia, 56 anni, impegnata nel so- nistra favorevole alle unioni fra gay, disce- facendo fatica a sentire sulle spalle il peso tadini e cercare di dare risposte? L’ambito tura abbandonata sui marcia- quantificato in commissione zo Santa Lucia. Nove le criti- mento, una procedura che la E COSÌ 2 milioni e 730mila ha prodotto circa 52 milioni di
didato calato da Roma, già visto a Milano ciale fin dagli anni Settanta come vicepre- pola di Dossetti ha fatto parte del col- dei poveri, traduzione in pratica politica di competenza da cui provengo riguarda il piedi. E se entro un mese non regionale in circa 447 milioni cità emerse e puntualmente legge vieta. In parole povere: i euro sono stati utilizzati per perdite di euro nel 2008, di cui
dove Pisapia ha battuto il candidato del lettivo studentesco. delle parole lette dal segretario Bersani a 50% del bilancio comunale, che è tutto si trova un rimedio – leggi di- di euro. partecipare al Vinitaly, a fiere a quasi 37 provenienti dalle sei
Pd, Boeri. Scene di ordinaria ostinazione a È stata tra i firma- “Vieni via con me”: “La sinistra è l’idea che dedicato alle voci dei servizi sociali, dalla scariche, anche nelle altre Essen, Berlino, Norimberga, società del trasporto pubblico
perdere per un Pd che anche qui si mostra
più capace a non mettere da parte logiche
Vicepresidente tari nel ’74 del ma-
nifesto dei cattolici
se guardi il mondo con gli occhi dei più
deboli puoi fare davvero un mondo mi-
scuola al welfare”. Poi si toglie un sasso-
lino: “Alcune persone che volevano firma-
province campane - , secondo
il presidente della commissio-
MENTRE gli ispettori hanno
messo nero su bianco che l’in-
Per il dossier, Dusseldorf, Copenaghen, al
Vinexpò di Bordeaux. Altri 6
locale.
Come uscirne fuori? Gli ispet-
spartitorie, a non rompere equilibri interni
che ad ascoltare il sentire dei suoi stessi
della Caritas, per il No al referen-
dum sul divorzio, è
gliore per tutti”. Le sarebbero bastate
1.500 firme per correre alle primarie del
re erano andate nei circoli Pd per chiedere
informazioni, ma non le hanno avute. Per
ne parlamentare sul ciclo dei
rifiuti Gaetano Pecorella che
debitamento complessivo rap-
presentato da mutui, crediti e
molti fondi milioni e mezzo di euro di de-
biti sono stati fatti per finan-
tori provano a dare qualche
suggerimento. Eliminare dai
elettori. Tant’è che molto probabilmente
non appoggerà il candidato sostenuto da
cattolica, è membro del-
l'“Opera Pia dei Po-
centrosinistra. Ma lei iniziando dalla ma-
nifestazione “Bologna senza fissa dimo-
fortuna hanno firmato a casa mia”. La sua
campagna elettorale, promette, sarà a
ieri ha tenuto audizioni in pre-
fettura, c’è il rischio di un “di-
obbligazioni nel periodo tra il
2005 e il 2008 è passato da due
sarebbero stati ziare una sfilza di ‘Eventi in…
Campania’ tra i quali il Maggio
bilanci tutti i crediti inesigibili
per fare chiarezza nei prospet-
Nichi Vendola, Amelia Frascaroli nono- veri Vergognosi” ra” in Piazza S. Francesco, grazie alle per- “costo zero” perché “in un momento così sastro ambientale”. Quello miliardi e 800milioni a 5 mi- dei Monumenti (650mila eu- ti. Controllare le fonti di spesa,
stante, come lei precisa, dalla sua parte si la più votata una tra le più an- sone che invita a casa sua offrendo loro tè difficile mi parrebbe uno spreco spendere economico, invece, potrebbe liardi e 340milioni, schizzando impiegati per ro), L’Impero dell’Arte, l’Iran e in particolare quella sanita-
siano schierati molti elettori Pd pur non tiche istituzioni del- e una fetta di torta, ne ha raccolte 3.284. in immagine. Sfrutteremo i mezzi infor- essersi già compiuto. È fresca in avanti dell’89,8%. L’esposi- da Dario a Farah Diba (600mila ria. Revisionare “l’universo di
essendo lei “iscritta ad alcun partito”. Ma in Consiglio la città. Consigliere “La casa è sacra come il pane e quindi matici, ma soprattutto il passaparola, la di stampa la relazione dei due zione complessiva, secondo fiere, sagre, euro), la Piedigrotta 2008 società ed enti a qualunque ti-
il Pd, dopo il ritiro dalla scena politica per comunale a Bolo- assieme al lavoro non si toccano” diceva rete di relazioni che abbiamo costruito, da ispettori del ministero dell’E- alcuni analisti, potrebbe esse- (1milione e 200mila euro) e tolo partecipati”. Con un
gravi motivi di salute di Maurizio Cevenini, ed è sostenuta gna come indipen- Giorgio La Pira. Questi i temi di cui si di- dove vogliamo partire”. Da quell’umanità conomia spediti per due mesi re superiore ai 12 miliardi di promozioni e così via. E una sfilza di contri- obiettivo che appare un mirag-
non sa neppure chi sarà il suo candidato dente del Pd con ol- scute nel tinello di Amelia Frascaroli. Ma scansata e umiliata che ha tanto da dire a Napoli da Giulio Tremonti euro. Il dossier ministeriale è buti per premi, cerimonie, sfi- gio: riequilibrare i conti in pro-
tra Virgilio Merola, ex assessore all’urba- da Vendola tre 630 preferen- se il Pd non la vuole però la teme tant’è che per restituire dignità e senso alla politica. per fare le pulci ai conti della composto da 236 pagine e 5 sostegni a film late di moda, piccoli e medi fe- fondo rosso.
pagina 8 Mercoledì 17 novembre 2010

FINE DELLA CORSA

Il giorno del giudizio: il 14 dicembre


il voto delle due Camere sul governo B.
E il legittimo impedimento arriva alla consulta
di Sara Nicoli varsi da un momento all’altro
senza governo e senza scudo: IL CALENDARIO
l 14 dicembre. Una data un vero e proprio D-Day. “Era

I che il Cavaliere non di-


menticherà facilmente e,
forse, neppure gli italiani.
È il giorno che potrebbe veder-
lo cadere sia sul fronte politico
quello che volevo”, ha detto il
Caimano.

IERI AL QUIRINALE , Na-


politano ha ottenuto assicura-
10 DICEMBRE
APPROVAZIONE DELLA
FINANZIARIA
che su quello personale e giu- zioni dai presidenti delle Came-
diziario. La mattina, il Cavalie- re, Fini e Schifani, che l’iter del- 13 DICEMBRE
re sarà al Senato per assistere al la legge di stabilità sarà salva-
voto sulla mozione di sostegno guardato e blindato in ciascuna B. RIFERISCE A
al governo (ma lui, probabil- delle due assemblee e che solo
mente, chiederà la fiducia sul dopo “l’approvazione” – entro CAMERA E SENATO
suo intervento), poi di seguito il 10 dicembre – si andrà al voto
alla Camera per avere, invece, sul governo. Le opposizioni, 14 DICEMBRE
il verdetto sulla sfiducia, con il però, hanno avuto da ridire: “Si
voto sulle mozioni presentate sono presi 15 giorni di troppo – LE DUE CAMERE
dalle opposizioni. Ma sempre ha sottolineato Bersani – fanno
nelle stesse ore, nel Palazzo melina, vogliono prendere VOTANO SULLA FIDUCIA
della Consulta potrebbe co- tempo”. “Un mese è tanto – in-
minciare la discussione sull’at- sinuava Di Pietro – per il mer- 14 DICEMBRE
tesa sentenza di (probabile) cato dei parlamentari…”. In
bocciatura del legittimo impe-
dimento, anche se Ghedini e
fondo è proprio così. La scelta
della contemporaneità d’azio-
IL LEGITTIMO
Longo, gli avvocati di Silvio, ne tra Camera e Senato riduce IMPEDIMENTO
probabilmente chiederanno di parecchio la possibilità di
un rinvio. Ma da quel giorno in “operazioni poco chiare”, co- ALLA CONSULTA
poi Berlusconi potrebbe tro- me temeva Napolitano, ma tut-
Sopra, Giorgio Napolitano, Renato Schifani e Gianfranco Fini. In alto a destra, Silvio Berlusconi

IL NEWSWEEK
tavia non smonta la teoria di
Berlusconi secondo la quale, in
liere. Anche se in serata, Um-
berto Bossi sembra rimettere
La decisione ancora contro i giudici, in par-
ticolare quelli di Milano. Il suo
caso di voti diversi nelle due as- tutto in discussione: ''Il gover- dopo il colloquio assillo, in verità, non è certo il
LA CULTURA DELL’HAREM semblee, sarebbe conclamata
l’impossibilità di fare un gover-
no di transizione, come invece
no durerà fino al 27marzo,
quindi...”
Che proprio di questo ha par-
di Napolitano
caso Ruby, bensì un’altra e più
pesante inchiesta (per corru-
zione) pronta a scatenarsi e “a
ue gambe femminili e scarpe con tacco a
D spillo illustrano la copertina di questa
settimana di Newsweek, sulla quale campeggia il
invoca Bersani. Casomai capi-
tanato da Mario Draghi, come
sostenevano le voci di Palazzo
lato ieri, appena rientrato a Ro-
ma, con Letta, Cicchitto e Qua-
gliariello. Ordine del giorno; fa-
con Schifani e travolgere nuovamente tutto
come è stato per tangentopoli –
parola di falco Pdl di stretta os-
titolo “Berlusconi e il problema ragazze” e un di ieri. L’imperativo berlusco- re i conti “giusti” sui numeri si- Fini. Si potrebbe servanza – e dove ce ne sarebbe
sottotitolo eloquente: “La sua cultura dell’harem niano ora è però il voto prima curi delle due assemblee per per tutti; Berlusconi è molto
sta minando l’economia italiana e il suo governo”. possibile, lasciando il minor non avere sorprese. Sono anco- votare entro fine preoccupato, pensa che voglia-
spazio di manovra al Quirinale. ra parecchi gli “indecisi”, una no attaccarlo nel momento del-
È una vera e propria inchiesta di sette pagine quella
che il settimanale più diffuso negli Usa dedica
Il Cavaliere vuole ottenere o “zona grigia” da presidiare. Alla febbraio la sua massima debolezza, ma
una riconferma con un Berlu- Camera, per esempio, l’avvoca- sta studiando il modo di reagi-
all’Italia, dove, scrive “Newsweek”, le donne, in sconi bis (improbabile) oppu- to finiano Giuseppe Consolo re”. È opinione diffusa nel Pdl
politica e in televisione, sono considerate solo come re il voto. Ecco il piano, svelato non ha ancora deciso e Catia non è escluso anche un discor- che il Cavaliere stia pensando a
“oggetti sessuali” e il disastro viene simboleggiato dal leghista Piergiorgio Stiffoni Polidori, altra finiana, dice che so alla nazione a reti unificate un passaggio di testimone po-
dall’incuria riservata ai suoi meravigliosi beni all’ingresso di un conclave le- “aspetterà gli ultimi giorni per subito dopo l’approvazione litico alla primogenita. Ieri Ma-
culturali. Ma Silvio Berlusconi, scrive il settimanale, ghista: “Il 14 dicembre la Came- capire”. La campagna mediati- della Finanziaria e immediata- rina ha smentito l’ennesima fi-
dopo gli ultimi scandali “sembra improvvisamente ra nega la fiducia al governo, ca per il voto, però, è già par- mente prima del verdetto del brillazione sul suo nome, così
passa qualche giorno per le tita. Stasera il Caimano sarà a Parlamento sulle mozioni. come Pier Silvio si è affrettato a
aver perso il suo tocco”. E consultazioni e si arriva verso il Matrix dove comincerà a spara- sottolineare che i Berlusconi
“certamente sta perdendo 20 dicembre. A quel punto, re a palle incatenate contro “i SI PENSA al Tg1 delle 20 del “non sono una monarchia”, ma
sostenitori chiave”, come sciolto il Parlamento, scattano i traditori”, contro Fini e chi 12 dicembre. Un’esposizione un conto è dire, un altro è la ne-
Gianfranco Fini, Confindustria termini per le elezioni, minimo “vuole portare l’Italia verso il mediatica, dunque, di primo li- cessità di avere qualcuno senza
e soprattutto, la Chiesa 45 giorni, massimo 70; secon- baratro. Nelle prossime setti- vello per convincere gli italiani guai con la giustizia capace di
Cattolica”. do noi si può andare alle urne a mane, Berlusconi occuperà an- che c’è un colpevole. Anzi, più portare avanti l’opera politica
fine febbraio”. O a fine marzo, che gli schermi Rai; contatti so- di uno. Oltre a Fini, Berlusconi del Cavaliere. E, soprattutto, la
come già annunciato dal Cava- no in corso con Porta a Porta, ma probabilmente punterà il dito salvaguardia delle aziende.

Fini resta presidente di Montecitorio? “Non c’è problema”


SECONDO I COSTITUZIONALISTI NELLA SECONDA REPUBBLICA È PRASSI CHE A GUIDARE I DUE RAMI DEL PARLAMENTO SIANO LEADER DI PARTITO
di Wanda Marra sarebbe mai arrivati alla mozio- Palazzo Madama, la seconda e che si è acuito nella Seconda prendere atto. Basta un solo ra- sia tra il capo del Governo e il
ne di Grandi contro Mussoli- la terza carica dello Stato, ap- Repubblica. Fini non è il primo mo del Parlamento per decre- presidente di Montecitorio: “E

Ile nriorata
una situazione meno dete-
dal punto di vista del-
regole il doppio ruolo di
ni”.
Ma nella crisi attuale, con la
guerra delle mozioni, la doppia
paiono fondamentali per gesti-
re le tappe della crisi. “È chiaro
che Fini gioca due parti in com-
leader politico che fa il presi-
dente della Camera. È stato così
con Casini e poi con Bertinotti.
tare la fine del governo”. Sinte-
tizza in battuta: “Penso che si
dovrebbe dimettere la Seconda
allora, in una condizione come
questa che facciamo? Spiania-
mo il campo a Berlusconi e gli
Gianfranco Fini, presidente fiducia e l’intenzione di Berlu- media - spiega il costituziona- E quest’ultimo era il leader del Repubblica. Prima il mandato consentiamo di forzare come
della Camera e contempora- sconi di incassare quella del Se- lista, Michele Ainis - ma non è partito che fece cadere il gover- di presidenti delle Camere ve- vuole?”. Simile il punto di par-
neamente leader di Futuro e Li- nato, e di vedersi sfiduciare da che il presidente del Senato, no Prodi”. niva conferito a personalità tenza del ragionamento di Lo-
bertà, porrebbe un problema Montecitorio, per giocarsi la Renato Schifani sia un anonimo E a proposito delle diatribe sui con un passato politico, ma renza Carlassare, anche lei
di conflitto istituzionale. Ma carta dello scioglimento di una passante. Era il capogruppo di tempi che hanno tenuto banco fuori dalla mischia”. Certo, fa costituzionalista: “Per molti an-
nel contesto nel quale ci trovia- sola Camera, o presentarsi a Forza Italia al Senato ed è uno in questi giorni: “Se Berlusconi un po’ impressione che il muri ni la prassi è stata che i Presi-
mo, è “solo” un’anomalia tra le Napolitano per chiedere ele- dei generali di quel partito”. E viene sfiduciato da una Camera contro muro, in una situazione denti delle Camere dovessero
altre, peraltro ormai diventata zioni, “forte” del sostegno di poi ricorda: “È un problema ha l’obbligo di dimettersi e di di tentativo di forzare le regole, essere super partes. Ma è stato
prassi. Opinione condivisa da proprio Berlusconi a cambiare
autorevoli costituzionalisti ed questa prassi, quando fece fuo-
editorialisti di peso. ri Spadolini che doveva diven-
“In una situazione assoluta- tare presidente del Senato nel
mente normale e democratica ‘94. Sarebbe meglio che a gui-
sarebbe evidente il conflitto tra dare i due rami del Parlamento
il ruolo istituzionale e quello di fossero esponenti dell’opposi-
leader politico di Fini, ma all’u- zione”.
scita di un regime, per forza le È più netto Valerio Onida, giu-
regole vengono forzate. Altri- rista, appena reduce dalle pri-
menti si rimane impigliati”, marie del Pd di Milano: “Al mas-
spiega Barbara Spinelli, tra le Barbara Spinelli “In una situazione Lorenza Carlassare “Sarebbe Valerio Onida “Si può parlare Michele Ainis “È chiaro che Fini simo si può parlare di ragioni di
più importanti osservatrici del- normale e democratica sarebbe evidente opportuno che a guidare Camera e di ragioni di opportunità e non di gioca due parti in commedia ma non opportunità e non di un vero e
la politica del nostro paese. E il conflitto tra ruolo istituzionale e ruolo Senato fossero esponenti un vero e proprio conflitto. E è che Renato Schifani sia un proprio conflitto. E certo in
ricorre alla storia: “Se alla fine di leader di partito di Fini, ma all’uscita dell’opposizione. Ma è stato lo stesso certo in questa delicata fase di anonimo passante. Era il questa delicata fase di transi-
del fascismo ci si fosse attenuti di un regime, le regole vengono forzate. Berlusconi a cambiare questa transizione, non sarebbe il caso di capogruppo di Forza Italia al Senato zione, non è proprio il caso di
alle procedure formali, non si Altrimenti si rimane impigliati” prassi”. parlare di dimissioni di Fini”. ed è uno dei generali di quel partito”. parlare di dimissione di Fini”.
Mercoledì 17 novembre 2010 pagina 9

ECONOMIA

FIAT, IL LUNGO ADDIO


Pronta a liberarsi di Alfa e di un pezzo di Ferrari
Sempre meno auto da produrre in Italia
di Stefano Feltri Sergio ALFA ROMEO
Marchionne e
oteva essere uno dei tanti

P
John Elkann visti
report che ogni giorno
inondano le mail degli
da Marilena Nardi
IL CAPITALISMO ALL’ITALIANA
CHE SI ARRENDE ALLA VOLKSWAGEN
operatori finanziari e du-
rano lo spazio di una seduta
di Borsa. E invece no, si fa
sul serio, come dimostra
un comunicato ufficiale di Giorgio Meletti non c’è più gusto a vincere Dc Ciriaco De Mita e del pre-
di Fiat che non smenti- sempre, e lascia a piedi Tazio sidente del Consiglio Bettino
sce gli scenari anticipa- egli anni Venti, quando il Nuvolari. Però i conti sono Craxi. Si inserì nella trattativa
ti da Morgan Stanley.
Gli analisti della ban-
NcatoModello T inondava il mer-
americano e consegnava
scassati, e Benito Mussolini,
per non interrompere l’emo-
con la Ford, durata mesi, for-
mulando un’offerta “pochi,
ca d’affari scrivono il suo nome alla storia dell’au- zione, la nazionalizza. Il senato- maledetti e subito” che il gover-
ai clienti che, dopo to, Henry Ford diceva che si re Giovanni Agnelli (nonno no subito accettò (bisogna ri-
aver incontrato ve- toglieva il cappello ogni volta dell’Avvocato) vorrebbe pren- cordarsi che le vendite di azien-
nerdì l’amministra- che passava un’Alfa Romeo. dersela perché è già in preda a de dell’Iri, per legge, non le de-
tore delegato della Adesso tocca agli italiani to- sogni monopolistici. “Il mono- cideva l’Iri ma palazzo Chigi).
Fiat Sergio Mar- gliersi il cappello per salutare polio è il suo Dio ed egli non è Su quella vendita le polemiche
chionne, hanno “la- l’ultimo rombo del’Alfa, che molto alieno dal proclamarse- non si sono mai sopite. C’è sta-
sciato Torino con il saluta e se ne va, probabilmen- ne indiscusso profeta”, decreta ta anche un’inchiesta giudizia-
chiaro messaggio te in Germania, nel land della il Duce, e tiene l’Alfa in mano ria. La Fiat offrì un pagamento a
che Fiat e Chrysler Bassa Sassonia, città di Wol- pubblica. rate talmente dilazionato che
diventeranno una fsburg, sede della Volkswa- Sono passati quasi ottant’anni, nessuno ha mai capito vera-
sola azienda”. E nel- gen. e oggi la Volkswagen è un co- mente quanto avesse pagato.
la fase di transizio- losso davvero mondiale. Basti il L’unico dato concreto è che
ne il Lingotto do- SI CHIUDE COSÌ una para- fatto che vende più auto in Cina Fabiano Fabiani, allora ammi-
vrebbe vendere la bola esemplare, quella che che in Germania. L’Alfa Romeo nistratore delegato della Fin-
parte componenti- aiuterà i nostri nipoti a impa- invece è ridotta a poco più di meccanica (la holding Iri che
stica, la Magneti rare sui libri di storia la diabo- un fortissimo marchio. Venti- possedeva l’Alfa) scontò in
Marelli, e quotare lica capacità distruttiva di una cinque anni fa l’allora presiden- banca il contratto con Fiat: gli
in Borsa la Ferrari, classe dirigente votata a obbe- te dell’Iri Romano Prodi pre- dettero meno di 500 miliardi di
facendo entrare dire ai capricci del suo mito se atto che i conti andavano lire di allora.
nuovi soci (oltre a e padrone, l’avvocato Gio- sempre peggio. In primo luogo
quelli, come il fon- vanni Agnelli. perché come tutte le aziende MA LA FIAT che futuro po-
do Mubadala, che Istruttivo ripercorrere le pubbliche era esposta al siste- teva dare all’Alfa? Lo stesso del-
già fanno parte dell’a- storie parallele di Vol- matico saccheggio della classe la Fiat. Un futuro asfitticamen-
zionariato) e diluendo co- kswagen e Alfa Romeo. La politica. Urgeva quindi priva- te chiuso nei confini nazionali,
sì il peso del Lingotto. Se a que- prima è creata negli anni Tren- tizzarla. In secondo luogo l’Alfa dove anziché investire sull’au-
sto si aggiunge la vendita del-
l’Alfa Romeo alla Volkswagen,
Marchionne punta tutto sulla ta da Adolf Hitler che affida a
un progettista geniale, Ferdi-
Romeo disponeva di un pro-
dotto che faceva gola agli auto-
to, come chiedeva Vittorio
Ghidella (padre della Uno, ra-
operazione che risolverebbe a
Marchionne più di un proble-
Chrysler, sempre più dubbi sul nand Porsche, la costruzione
dell’auto per il popolo. La se-
mobilisti di tutto il mondo (ri-
cordate “Il laureato”, con Du-
pidamente messo alla porta),
continuava a “diversificare” in
ma e che sembra solo questio- conda negli anni Trenta è già un stin Hoffman sulla Duetto ogni settore, compresi gli ap-
ne di tempo e di prezzo, diven- destino del piano “Fabbrica Italia” mito. La sua superiorità nelle scarlatta?), ma non aveva rete palti pubblici. “E’ mia convin-
ta sempre più chiaro che il ge- gare automobilistiche è tale di vendita all’estero. Prodi de- zione che invece di gonfiare,
mellaggio con Chrysler a gen- che decide di ritirarsi perché cise quindi di venderla proprio sarebbe meglio deflazionare il
naio 2009 è stato l’inizio del di- tura a Detroit non sarà lo scena- dere un euro entro la fine del campo degli Agnelli, che va dal-
simpegno della Fiat dall’Italia. rio sognato in Italia (la Fiat con- 2011, se vengono raggiunti alcu- l’auto ai cantieri, dai giornali
Senza l’Alfa, con la Fiat Indu-
strial di camion e trattori sepa-
quista la Chrysler) ma quello au-
spicato dal presidente america-
ni obiettivi di vendita e il via li-
bera all’utilizzo della tecnologia
Declino di un marchio che non è agli alberghi di montagna” (è
ancora Mussolini che vede e
rata, senza Magneti e Marelli,
con la Lancia ridotta a marchio
no Barack Obama (la Fiat conse-
gna a Chrysler quello che ha di
Fiat. In seguito, tra il primo gen-
naio 2013 e il 30 giugno 2016, il
riuscito a diventare globale per prevede...).
La Fiat con l’Alfa ottenne l’uni-
con cui commercializzare le buono). Lingotto potrà salire ancora del ca cosa che gli interessava: il 60
Chrysler in Italia, della produ- I dati sulle immatricolazioni ren- 16 per cento, ma soltanto se il colpa di Agnelli e della politica per cento del mercato italiano
zione auto qui resterà ben po- dono evidente perché Mar- debito della newco verso il Te- dell’auto. Erano gli anni in cui
co. chionne preferisca puntare su- soro americano sarà sceso sotto era vietato importare auto
gli Stati Uniti (anche perché l’e- i tre miliardi di dollari. Una volta alla Ford, che poteva distribui- giapponesi. Venticinque anni
Qui crisi, spansione europea è fallita rimborsato tutto il finanziamen- re in tutto il mondo i rombanti dopo la quota di mercato della
là nuovi modelli quando la Germania ha blocca- to straordinario, alla Fiat sarà motori di Arese e Pomigliano Fiat si è dimezzata e l’Alfa final-
to l’acquisizione della Opel, nel concesso di superare anche il d’Arco. “Fecero di tutto per im- mente andrà a conquistare il
2009 ancora parte del gruppo tetto del 49 per cento e diventa- pedirmelo e ci riuscirono”, rie- mondo. Solo che ce la portano i
SU RICHIESTA della Consob, General Motors). Ieri l’associa- re quindi azionista di controllo a vocò in seguito. nostri fratelli europei di Wol-
l’autorità che vigila sulla Borsa, zione europea dei costruttori ha tutti gli effetti. La Fiat non poteva sopportare fsburg, usando il marchio co-
la Fiat ha precisato che “si tratta comunicato che la Fiat è il co- che un gigante come la Ford en- me fanno i cinesi con i pelati
di alcune fra le opzioni strategi- struttore che sta andando peg- Che fine farà trasse sul mercato italiano. Fe- San Marzano. E la Alfa saranno
che che l’operazione di scissio- gio. Confrontando le immatri- Fabbrica Italia ce il diavolo a quattro, si acca- progettate e probabilmente an-
ne [tra Fiat Auto e Fiat Industrial, colazioni di ottobre 2010 con lo parrò facilmente appoggi poli- che costruite fuori d’Italia. De-
operativa dal primo gennaio stesso mese del 2009, Fiat regi- tici di ogni colore, a comincia- stino scritto venticinque anni
2011] metterà a disposizione stra -32,7 per cento. È il dato peg- CHE MARCHIONNE ragioni re da quello del segretario della fa.
del gruppo Fiat” e che i vertici giore, anche se tutti sono in calo ormai con la testa a Detroit si era
del gruppo valuteranno “nella tranne Bmw (+5,4 per cento). capito già lo scorso gennaio,
loro piena discrezionalità”. Cioè Negli Stati Uniti, poi, Marchion- quando il gruppo torinese aveva
faranno quello che ritengono ne ha ottenuto concessioni dai deciso di distribuire agli azioni- MEDIASET
più opportuno, incluso smem- sindacati della Uaw, United Au- sti un dividendo da 237 milioni
brare Fiat Auto se necessario
(dal punto di vista delle finanze,
più che della produzione).
tomobile Workers, molto supe-
riori rispetto a quelle che pre-
tende in Italia dalla Fiom. E so-
nonostante avesse chiuso i bi-
lanci in rosso di 800. Scopo prin-
cipale: dimostrare ai mercati
BERLUSCONI DI BORSA E DI GOVERNO
opo cinque sedute di Borsa con il negativo dagli analisti. Niente da fare.
La giornata di ieri è la sintesi per-
fetta dei rapporti di forza transa-
tlantici: a Torino c’è l’annuncio
prattutto la Chrysler ha benefi-
ciato della montagna di denaro
pubblico che si è riversata su De-
americani che Marchionne era
così fiducioso nelle prospettive
dell’alleanza con Chrysler da
D titolo in picchiata anche Piersivio
Berlusconi si è accorto che Mediaset è
Gli investitori temono che la caduta di
Berlusconi abbia effetti negativi sul
di nuova cassa integrazione a Mi- troit per salvare il settore auto- permettersi di distribuire soldi penalizzata dalla crisi di governo. “La futuro dell’azienda. E allora vendono.
rafiori (e a Termini, ma lì è noto mobilistico americano: dalla fi- agli azionisti. politica pesa sulla quotazione”, ha Se crolla il berlusconismo, sparisce
che si va verso la chiusura) tra di- ne del 2008 il partner Usa di Fiat Resta un dubbio: che fine farà il detto ieri il vicepresidente del gruppo anche lo scudo politico che sin qui ha
cembre e gennaio, mentre negli ha ricevuto quasi 15 miliardi di piano Fabbrica Italia, 20 miliardi televisivo nonchè figlio del presidente protetto Mediaset, ragionano gli
Stati Uniti la Fiat prepara il de- dollari. E la newco, la nuova so- di investimento in cinque anni
butto in grande stile al salone cietà nata tra Chrysler e Fiat per in cambio di maggiore flessibi- del Consiglio. Tradotto in cifre significa investitori, a cominciare da quelli
dell’auto di Los Angeles dove ve- liberarsi dei debiti della vecchia lità, di cui si discute in Italia da che l’azione Mediaset si è svalutata del internazionali. Ma il gruppo televisivo è
nerdì verrà presentata la Cin- azienda, deve ancora allo Stato sei mesi? Mistero. Certo, la pro- 15 per cento e più (il 4,9 per cento solo “un’azienda sana” che produce
quecento in versione Usa, sim- oltre 7 miliardi di prestiti a tasso spettiva di uno smantellamento ieri) in una settimana circa e la sua ricchezza e lavoro, assicura Berlusconi
bolo tangibile dello sbarco italia- agevolato. della parte auto del gruppo con capitalizzazione si è ridotta di quasi un junior. Il problema è farlo capire alla
no negli Stati Uniti ma costruita L’integrazione tra Fiat e Chrysler la cessione di Magneti Marelli e miliardo. Eppure la relazione Borsa che invece continua a pensare al
in Messico, assieme a 12 nuovi prevede una serie di tappe, con- dell’Alfa spiegherebbe perché trimestrale presentata pochi giorni fa partito-azienda. E se il primo è in crisi,
modelli Chrysler che in parte ar- clusione tra il 2013 e il 2016. Og- finora Marchionne non abbia
riveranno poi in Europa con gi Fiat detiene il 20 per cento del- mai rivelato ai sindacati i dettagli era stata accolta in modo tutt’altro che anche la seconda perde quota.
marchio Fiat o Lancia. È ormai la newco americana, può salire su che cosa si produrrà e dove
chiaro che lo sbocco dell’avven- fino al 35 per cento senza spen- con il nuovo piano.
pagina 10 Mercoledì 17 novembre 2010

DAL MONDO

“IO, LUPO SOLITARIO,


gaffe imperdonabile in Germa-
nia durante il suo ultimo viaggio
ufficiale quando ha scritto nel li-
bro delle visite la frase terribile:
“Deutschland über alles”. La cosa
ancora più grave è che non si è

PERSO IN QUESTA
neppure reso conto di ciò che
scriveva. Ma ha vinto in un pro-
cesso democratico. L'ombra
della dittatura è sempre presen-
te, ma siamo in democrazia e la
conquista più bella del proces-

EUROPA SENZ’ANIMA”
so democratico in atto è la fine
della paura, il ritorno ad una vita
normale.
Una vita in cui è ancora pos-
sibile conservare quello che
lei definisce come uno dei va-
lori più preziosi: la libertà.
Luis Sepulveda, la democrazia Un valore fortemente negato
oggi dal monopolio dell'infor-
mazione. Bisogna contrastare
e il Vecchio Continente con tutte le forme questo asser-
vimento delle coscienze e affer-
mare con forza il diritto alla li-
di Francesco Comina
Trento
rolese deportato a Dachau
Franz Thaler “antifascista ieri,
“Tutti quelli bertà di espressione. Nessuno
può obbligarci a stare zitti.

uis Sepulveda è un miste-


oggi e domani”.
I suoi romanzi hanno avuto
che incontro Però ci sono ancora gli “an-
geli della libertà”

L ro. Nell'Italia della rasse-


gnazione, nell'Europa del
disincanto, nell'epoca del-
le passioni tristi, arriva lui e af-
folla i teatri, accende l'immagi-
un successo particolare in
Italia. Come vede lei il nostro
Paese?
Con grande tristezza. Amo l'Ita-
lia, ho molti amici, incontro
ridono dell’Italia,
ma non c’è nulla
(Sepulveda ride) Sì il cane Ed-
wuard di cui parlo nel libro. Una
storia vera che mi ha fatto cono-
scere mio figlio attraverso una
canzone rap. Ho voluto rico-
nario, parla di amore e di tene- spesso gente con una grande di comico: la Luis Sepulveda, 61 anni (FOTO EMBLEMA) struirla e sono andato in Germa-
bre, di tragedie e di commedie passione etica e civile. Ogni nia sulle tracce del cane che ave-
sotto scrosci di applausi. A chi giorno ho il telefonino tempe- vostra situazione ovunque si vada ci radunia- espiatori di una civiltà malata di va un fiuto incredibile. Tutti co-
gli chiede come è possibile tut- stato di messaggi di persone che mo in branchi che non sono egocentrismo. noscevano la storia del pastore
to ciò, lui ti guarda con un fac- non ce la fanno più. Mi aggior- è tragica” nostri”. Spesso si dimentica La dittatura in Cile è stata tedesco in servizio nel reparto
cione da indio mapuche e con il nano sulle ultime commedie, su- che la vita da esuli, come condannata dalla storia. Do- della polizia antidroga all'aero-
sorriso beffardo abbozza una ri- gli ultimi scandali. L'Italia non quella dei migranti di oggi, è po il governo di Michelle Ba- porto di Berlino. Il cane scovava
sposta: “Non lo so, ma è confor- merita questo. Giro l'Europa, capitalistico dominante è molto una vita difficile. chelet, anche lei torturata e sempre le sue prede, solo che
tante”. Fra Trento e Bolzano, in vado in Francia, in Germania, in bella, ma se in Inghilterra si tor- Spesso ci dimentichiamo che imprigionata dal regime, è la aveva una particolarità: trovava
due giorni Sepulveda ha raccol- Spagna, in Portogallo e ogni vol- na agli anni pericolosi della l'esilio è parte della nostra uma- volta di Sebastian Piñera. la droga nei bagagli di lusso
to oltre duemila persone. Inter- ta salta fuori l'Italia fra scherno e Thatcher, se Sarkozy in Francia nità. Da sempre le persone si so- Che cosa pensa del Cile di mentre lasciava andare i giovani
vistato dal giornalista e scrittore riso. Io dico: “no no, stiamo at- legittima la deportazione dei no spostate dal loro luogo d'o- oggi? con i jeans o gli hippy. La polizia
Bruno Arpaia, ha presentato al tenti, c'è poco da ridere”. La si- rom per lucrare politicamente rigine proprio perché lì non Grazie al cielo non domina più decise allora di metterlo alla
pubblico il suo ultimo libro Ri- tuazione è triste, drammatica. soffiando sul razzismo, se in avevano la possibilità di soprav- la paura. I cileni vivono, lavora- prova e un agente si travestì da
tratto di gruppo con assenza, un Non voglio parlarne: questo ar- Spagna la destra cattolica fa le vivere. L'Italia è un Paese che ha no, cantano, pensano, parlano hippy nascondendo un po' di
viaggio fra ricordi, annotazioni, gomento mi mette di cattivo barricate per bloccare una buo- un’enorme storia di emigrazio- senza guardarsi alle spalle. Mi- hashish nello zaino. Il cane lo vi-
racconti di un mondo alla fine umore. na azione politica anti crisi per ne, soprattutto in America Lati- chelle Bachelet ha governato un de e lo lasciò passare. Allora ven-
del mondo. C'è un po' di tutto, Anche l'Europa non sta vi- tutelare i più deboli, beh allora na, dove gli italiani hanno fatto Paese in una congiuntura non ne degradato, espulso dalla po-
dal sogno di Allende all'incubo vendo un momento di gran- qualcosa non funziona. La poli- fatica ma si sono integrati. Ave- facile. Ha lavorato per una sani- lizia e finì in un carcere per cani,
di Pinochet, dalla vera storia del de passione politica e civile. tica dev'essere per l'uomo e non va ragione l'amico Ryszard Ka- tà pubblica, per una riforma del- in un canile. Venne adottato po-
vecchio che leggeva romanzi Sì è vero. Viviamo in un tempo l'uomo strumento della politi- puscinski: se noi non mettiamo la scuola. Ha fatto un buon lavo- co dopo da un gruppo punk che
d'amore all'Italia guidata da “un di sfibramento della comunità, ca. Non possiamo far pagare ai in atto sentimenti di empatia ro, ma non basta. Piñera, fa male lo abbellì di piercing e di orec-
vecchio che non mi piace”, da di mancanza di partecipazione. cittadini il prezzo di ricette eco- con gli altri, non saremo più uo- dirlo, è un uomo che ha molte chini. Il pastore continuò ad
Kapucinski a Debenedetti, dai La democrazia non è soltanto nomiche scellerate che ci han- mini ma corpi freddi in cui si ali- somiglianze con Berlusconi. Ha avere il suo fiuto formidabile so-
bimbi negati al cane punk. C'è andare a votare e mettersi la co- no portato alla crisi. menta il vizio dell'individuali- fatto la sua fortuna sotto la dit- lo che non abbaiava più alla dro-
pure il ricordo di un piccolo scienza a posto. L'idea dell'Eu- Nel suo ultimo libro scrive: smo e della paura. Gli altri, gli tatura, ha dimostrato le sue de- ga ma alla presenza della polizia
grande uomo: l'artigiano sudti- ropa come alternativa al sistema “Noi esuli siamo come lupi, stranieri, oggi diventano i capri bolezze culturali facendo una nelle vicinanze.

CLANDESTINO SÌ
MA CON BORSA DI STUDIO
di Angela Vitaliano do, a persone che hanno infranto la legge a di-
New York scapito di cittadini americani che, non essendo
residenti in California, devono pagare tasse

Lpresiesono
battaglie per i diritti degli immigranti pos-
essere combattute su tanti fronti, com-
i campus universitari. E se sono presti-
molto più alte. “Ricorreremo in appello – ha
detto immediatamente il legale in un’intervista
al Times – e sono sicuro che questa non sarà l’ul-
giosi come quelli californiani, ancora meglio. tima parola detta su quest’argomento”.
Perciò ieri, in molti, hanno salutato con estre-
mo favore la decisione della Corte Suprema SE LA DECISIONE della Corte Suprema rap-
della California che ha rigettato il tentativo di presenta un traguardo importante per gli im-
una modifica della legge del 2001, che garan- migrati clandestini è, purtroppo, altrettanto ve-
tisce la riduzione delle tasse universitarie agli ro che giunge in un momento difficile. La crisi
studenti residenti in California, affinché il di- economica, particolarmente seria in Califor-
ritto non fosse esteso agli immigrati clandesti- nia, ha avuto una forte ricaduta sulle università.
ni. Con una decisione unanime, invece, la Cor- Nonostante i fondi statali siano aumentati, ri-
te ha ribadito che tutti gli studenti, a prescin- spetto al 2008, i campus risentono dei tagli di
dere dal loro status possono usufruire delle “ta- budget degli anni precedenti. E, tra aumenti dei
riffe per residenti” applicate dall’università, a costi e molti meno investimenti privati, le uni-
patto che abbiano frequentato, con successo, versità hanno alzato le rette, solo nello scorso
gli ultimi tre anni della scuola superiore nello anno, di circa il 30% (e messo in cantiere au-
stesso Stato. menti per un altro 15% per i prossimi mesi), con
il rischio di allontanare, comunque, un numero
VEDERE RICONOSCIUTO l’accesso all’u- considerevole di giovani dallo studio. Vale la pe-
niversità come “residenti”, significa, per dirla in na ricordare, infatti, che la media di spese che
numeri, un risparmio di circa 23mila dollari al- uno studente “residente” deve coprire per ac-
l’anno che potrebbe, altrimenti, cancellare cedere ad uno dei dieci campus della Università
ogni aspirazione di istruzione degli immigrati Pubblica della California, ad esempio Berkeley,
clandestini. La decisione della Corte, che con- va dai 34mila ai 42mila dollari e che, se appro-
ferma una legislazione già in vigore in altri 10 vati, gli aumenti per i prossimi mesi aggiunge-
stati, sancisce un principio di ranno almeno altri 10mila
riconoscimento del merito e dollari a quanto già dovuto.
di incoraggiamento all’edu-
cazione che diventa, in tal
La California Negli ultimi dieci anni, le
“rette” dell’Università della
modo, una delle strade verso
la legalizzazione per molti ra-
approva California sono, infatti, tripli-
cate tanto che il neo eletto
gazzi immigrati. Non a caso, a
sostenere le ragioni degli op-
i finanziamenti governatore Jerry Brown ha
ripetutamente promesso, in
positori alla decisione della campagna elettorale, che si
Corte, c’è Kris Kolbach, l’e- agli studenti sarebbe occupato della situa-
sperto di diritto che ha col- zione universitaria con un
laborato alla redazione della irregolari. Ma le piano quadriennale che con-
contestata legge anti immi- senta agli studenti di non tro-
grazione dell’Arizona. Kolba- rette dei campus varsi improvvisamente ta-
ch punta il dito contro i “pri- gliati fuori per ulteriori, in-
vilegi” accordati, in tal mo- aumentano controllati aumenti.
Mercoledì 17 novembre 2010 pagina 11

DAL MONDO

N
LA GUERRA FREDDA USA-RUSSIA SAN SUU KYI
“Italiani, non
dimenticatemi”

E IL SIGNORE DELLE ARMI L a leader


dell'opposizione
birmana Aung San Suu
Kyi chiede all’Italia di
“non dimenticarsi di me e
Mosca contro l’estradizione di Viktor Bout dalla Thailandia della Birmania” quando
sarà passato l’ entusiasmo
per la sua liberazione. Lo
ha riferito Ugo Papi,
di Giampiero Gramaglia un ex pilota militare sovietico, re armi in Medio Oriente, in responsabile per l’Asia
soprannominato “il mercante Africa e in America latina, sen- del Partito Democratico,
n fastidioso granello di della morte”, era stato arresta- za troppo guardare per il sot- che ha potuto incontrare

U sabbia nelle relazioni


Usa-Russia, che ogni
tanto s’inceppano su
storie da Guerra Fredda. Un
po’ a sorpresa, e in gran fretta,
to a Bangkok nel marzo 2008,
dopo essere caduto nella trap-
pola di agenti americani che
s’erano finti emissari delle
Farc, la guerriglia colombiana.
tile alle “buone cause” dei suoi
clienti. Lui, però, sostiene che
la sua attività di trasporto ae-
reo era perfettamente legale. E
le autorità di Mosca lo appog-
oggi a Rangoon la
dissidente birmana.

dopo 30 mesi di “tergiversa- Capace di parlare sei lingue, giano.


zioni”, la Thailandia ha estra- Bout ha usato almeno sei pseu-
dato negli Stati Uniti il presun- donimi nella sua “carriera” e IL MINISTRO degli esteri
to trafficante d’armi russo Vi- ha ispirato il personaggio in- russo Serghiei Lavrov è sceso in
ktor Bout. Una saga diploma- terpretato da Nicolas Cage nel campo in prima persona: “L’e-
tica e giudiziaria trascinatasi film Lord of War (Il Signore della stradizione di Bout è una grave
per due anni e mezzo ha visto il Guerra). Il presunto traffican- ingiustizia” e “la Russia conti-
proprio epilogo, almeno per il te rischia una condanna all’er- nuerà a sostenerlo con ogni
momento, a bordo di un jet no- gastolo negli Stati Uniti, dove mezzo”. Proprio un altro sce-
leggiato dalle autorità ameri- la giustizia lo accusa di avere nario da guerra fredda, come lo HAITI
cane, con sei agenti a fare buo- utilizzato una flotta di aerei scandalo delle spie esploso in
na scorta alla loro preda. Bout, cargo per vendere e trasporta- primavera. Per il presidente Oltre mille morti
americano Barack Obama è al- Viktor Bout, 43 anni, estradato dalla Thailandia (FOTO ANSA) per il colera
lo stesso tempo un successo e

GUANTANAMO
un fastidio. Obama, dopo la
sconfitta subita il 2 novembre
nelle elezioni di Mid Term, cer-
ma lui nega – agente del Kgb,
prima di darsi agli affari (e al
traffico delle armi, se l’accusa è
sarebbe trovato in Thailandia
“in vacanza”. Ma fin dagli Anni
90 Amnesty International lo in-
D opo gli scontri con i
Caschi blu (accusati
di aver diffuso il colera)
ca un riscatto sulla scena inter- fondata). Quando è stato arre- dicava come capo di una flotta che hanno provocato 2
Il silenzio è d’oro nazionale, ma la stagione dei
vertici d’Autunno è stata finora
stato in un hotel di Bangkok,
mentre credeva di stare per
di oltre 50 aerei che consegna-
vano armi in Africa. E nel 2004,
morti, le autorità di Haiti
hanno fatto sapere che
ilioni di sterline ma nessuna azione legale. Il go- concludere la vendita di missili l’epidemia ha ucciso oltre
M verno britannico si è assicurato così il silenzio di
una decina di ex detenuti a Guantanamo che avevano
deludente : il G20 di Seul e l’A-
pec di Yokohama, la scorsa set-
timana, sono stati poco più che
e lanciagranate, Bout era alto e
massiccio.
a causa del traffico di armi con
la Liberia, venne inserito dagli
Stati Uniti in una lista di uomini
mille persone e che gli
infetti sarebbero quasi
accusato i servizi segreti del Regno Unito di complicità festival di parole; e il Vertice d'affari “banditi”. I quattro capi 17mila.
nelle torture nella prigione americana. Per evitare pro- atlantico di venerdì e sabato a PRIMA di perdere 30 chili d'imputazione emessi contro
cessi e imbarazzanti rivelazioni sull’intelligence britan- Lisbona, che deve varare il nuo- nelle prigioni thailandesi, era di lui per attività terroristiche FRANCIA
nica, sulle extraordinary renditions e sulle violenze nel vo concetto strategico atlanti- baffuto e camaleontico: il pro- toccano solo una parte dei cri-
carcere speciale, il premier David Cameron ha accet- co, così come il Vertice Usa-Ue totipo del trafficante d’armi (se mini attribuitigli, ma potrebbe- Nuove accuse
tato di risarcire i cittadini inglesi di origini arabe che – di sabato, sempre nella capita- tutto quello che si racconta di ro bastare a valergli l'ergasto- per l’ex ministro
in tempi diversi – sono stati portati a Cuba. Lo scorso le portoghese, non prometto- lui è vero). Messosi in proprio lo.
maggio, un tribunale d'appello aveva deciso infatti che
il governo non avrebbe potuto fare leva su “prove se-
grete” per difendersi contro i querelanti. E a luglio l'Al-
no scintille. Anzi, l’incidente di
percorso con la Russia potreb-
be gettare un’ombra sugli ap-
nel caos dei primi anni della
Russia post-comunista, quan-
do era relativamente facile e Ex pilota militare
N uovo scandalo per
l’ex ministro del
Lavoro francese Eric
ta corte aveva chiesto la pubblicazione dei circa 500mi- puntamenti euro-atlantici. Con poco costoso recuperare aerei Woerth, appena “uscito”
la documenti relativi al caso. Da qui, la decisione di
raggiungere un “patteggiamento” extra-giudiziale. Ol-
l’estradizione, Bangkok ha fat-
to una scelta tra Washington,
e armi dagli arsenali sovietici,
Bout avrebbe effettuato, negli
sovietico, dal rimpasto di governo. È
stata aperta un’inchiesta
tre un milione di sterline, in particolare, nelle tasche di
Binyan Mohammed, che aveva accusato agenti britan-
suo alleato storico e tuttora es-
senziale, e Mosca, partner
ultimi 15 anni, consegne mici-
diali nelle guerre di mezzo
arrestato nel con l’accusa di favoritismo
e conflitto d’interessi sulla
nici di “suggerire” le domande agli addetti agli inter- commerciale di primo piano. A mondo: pure in Afghanistan, cessione dell’ippodromo
rogatori della Cia. Il maxi-risarcimento è un affare, per sottolinearne l’importanza e la senza fare distinguo fra taleba- 2008, vendeva di Compiegne: in marzo
il governo, anche dal punto di vista economico: se il delicatezza, l’annuncio dell’av- ni e al Qaeda: tutti buoni clien- Woerth (allora al Bilancio)
caso fosse andato in giudizio e gli ex prigionieri aves- venuta consegna agli Stati Uniti ti. Sfuggito alla caccia della Cia fucili e bombe cedette 57 ettari di foresta
sero vinto, i contribuenti inglesi rischiavano di dover è stato fatto dal governo. per anni, lui sostiene di essere demianiale, secondo
sborsare 50 milioni di sterline. Tagiko di nascita, 43 anni, Vi- un uomo d’affari della logistica per le guerre l’accusa a un prezzo di
ktor Bout è stato ufficiale del- aerea e respinge tutte le accu- favore. Woerth era già stato
l'aeronautica e forse anche – se. Al momento dell’arresto, si di tutto il pianeta coinvolto nello scandalo
Bettencourt con il sospetto
d’aver favorito l'erede
TRAFFICI GLOBALI della fortuna L’Oreal.

SOMALIA-ITALIA
IL RISIKO DELLA CORRUZIONE TRA NIGERIA E GRAN BRETAGNA Blitz ambasciata,
la polizia si scusa
di Sergio Colombo L’aspetto più delicato della fac- sati i soldi era stato aperto pochi tramite la controllata NatWest, Gran Bretagna passando attraver-

U n’indagine sul coinvolgi-


mento di 5 banche britanni-
cenda riguarda gli istituti banca-
ri d’Oltremanica, senza la cui
complicità, talvolta consapevo-
giorni prima dallo stesso Aliyu
per conto di Alamieyeseigha. In
totale, tra il dicembre 2001 e il
nelle transazioni illecite dell’altro
ex governatore nigeriano, Joshua
Dariye di Plateau State. Secondo la
so il suo conto presso la NatWest.
Tra il 2003 e il 2004 Dariye effet-
tuò, a distanza di poche settima-
D opo il blitz contro gli
occupanti
dell’ambasciata somala a
che nel riciclaggio di denaro le, non sarebbe stato possibile febbraio 2003, Alamieyeseigha ricostruzione di Global Witness, la ne 7 transazioni sul conto NatWe- Roma, questura e ministro
“sporco” proveniente dalla Ni- commettere simili illeciti. aprì 6 conti Hsbc, sempre presso manager Joyce Oyebanjo, resi- st di Oyebanjo: 147 mila sterline dell’Interno si sono scusati
geria è destinata a scuotere il Come si legge nel rapporto di- la medesima sede, e ricevette in dente a Waltham Cross e condan- vennero depositate il 29 luglio con l’ambasciatore somalo
mondo finanziario in Gran Bre- Global Witness, “la maggior parte ‘regalo’ da appaltatori statali 3 ca- nata a 3 anni, aiutò Dariye a por- 2003, 76 mila l’8 marzo 2004. Nel per la violazione di Vienna
tagna. L’inchiesta, pubblicata delle forme di corruzione ha bi- se, tutte a Londra, per un valore di tare l’equivalente di oltre un mi- mezzo altre 5 transazioni per un sull’immunità
dall’organizzazione internazio- sogno di un istituto che accolga 3,15 milioni. Oltre a Hsbc, altri lione di sterline dalla Nigeria in totale di 1,16 milioni. diplomatica.
nale no-profit Global Witness, il denaro ‘corrotto’ e effettui i istituti bancari in Gran Bretagna
mostra il coinvolgimento di 5 pagamenti. Dopotutto, nessu- aprirono conti intestati a Alamie-
istituti bancari - Barclays, Hsbc, no può comprare un attico di yeseigha e ricevettero pagamenti
Royal Bank of Scotland (Rbs), lusso nel West End di Londra sen- da parte di appaltatori statali ni- Sgradite conferme
NatWest e Ubs - nelle attività di za coinvolgere una banca”. geriani. Uno fu aperto nel 2001
riciclaggio effettuate negli anni
tra il 1999 e il 2005 da due ex
presso Ubs: nel 2005, anno del-
l’arresto dall’ex governatore,
Parità femminile? L’Italia
L’inchiesta di Global
governatori nigeriani: Diepreye
Alamieyeseigha di Bayelsa State e
Witness su 5 banche contava oltre un milione di ster-
line. Ciò che preoccupa maggior-
resta al 74° posto
Joshua Dariye di Plateau State. mente Global Witness è che Ubs
Sia Alamieyeseigha che Dariye IL RIFERIMENTO è a Diepre- fosse al corrente della situazione DONNA È BELLO. Ma in Italia è anche duro. sfidano gli stereotipi della donna oggetto o
furono arrestati a Londra tra il ye Alamieyeseigha, che nella pri- da almeno due anni: “Nonostan- Newsweek, in apertura del sito, denuncia “il mamma, accanto a una grande immagine del
2004 e il 2005, con l’accusa di mavera del 2001 ricevette in ‘re- te sapesse che il loro cliente stava problema donna italiana”, rivelando che siamo premier che guarda Federica Pellegrini
riciclare denaro proveniente da galo’ una residenza al 14 di Mape- violando la legge in Nigeria, Ubs solo “settantaquattresimi al Mondo per la (ovviamente, dal basso in alto). Che l’Italia non
operazioni finanziarie illecite. sbury Road per 1,4 milioni. Il de- continuò a fare affari con lui,” af- questione femminile”: un piazzamento non brilli per l’attenzione alle donne, lo conferma
Proprio partendo dai documen- naro fu versato su un conto Hsbc ferma Global Witness. proprio invidiabile, E mentre il Wall Street l’associazione francese Choisir – La cause des
ti analizzati dal Tribunale di Lon- da parte di un certo Aliyu Abuba- Delicato, per altri motivi, anche il Journal racconta che alcune donne italiane femmes che vuole introdurre nell’Ue la
dra nell’ambito del processo, kar, costruttore di Bayelsa State e caso di Rbs. Nel 2004, l’istituto hanno formato il Club Valore D “per “clausola dell’europea più favorita”: ognuno
Global Witness ha ricostruito i amico di Alamieyeseigha per sua bancario aprì un conto intestato contrastare un mondo degli affari dominato dei 27 dovrebbe impegnarsi ad adottare la
movimenti di capitale sui vari stessa ammissione. Poco tempo all’ex governatore, su cui venne- dai maschi”, Newsweek sostiene che legge più avanzata esistente nell’Unione per la
conti esteri intestati ai due ex dopo, la società di Aliyu, A Group ro depositati 2,65 milioni. Di que- “Berlusconi non è l’unico da incolpare” per vita professionale e familiare, la maternità, la
governatori. Il dato che emerge Property, avrebbe ricevuto l’appal- sti, almeno 1,5 milioni si dimo- l’italica arretratezza rispetto a veline e lotta contro la violenza, la parità politica.
è inequivocabile. Alamieyesei- to per la costruzione della resi- strarono provenire da transazioni cenerentole, anche se Mr B ha una quota di Choisir ha confrontato le norme esistenti e ne
gha e Dariye, in 6 anni, hanno denza ufficiale di Alamieyeseigha illegali. Rbs è controllata all’84% responsabilità: ai commenti, il settimanale ha selezionate 14: nessuna è italiana.
trasferito in Gran Bretagna capi- per il valore di 19 milioni. dal governo britannico. preferisce una photo gallery di italiane che G. G.
tali per oltre 9 milioni di sterline. Il conto Hsbc su cui vennero ver- La Rbs risulta essere coinvolta,
pagina 12 Mercoledì 17 novembre 2010

CONTI PUBBLICI

LA CRISI DEL DEBITO IRLANDESE


ziarie per 188 miliardi, quasi il
20 per cento in più di fine
2009. Le attività negoziabili
del Monte dei Paschi, per la
maggior pate costituite da ti-

COLPISCE LE BANCHE ITALIANE


toli pubblici, sono aumentate
da 38 a 54 miliardi nei primi
nove mesi di quest’anno.
Tutto bene, se non fosse che le
turbolenze sui mercati finan-
ziari hanno cambiato le carte
Male in Borsa gli istituti che hanno investito in tavola. Se c’è bufera sull’eu-
ro, se Irlanda e Grecia temono
nei titoli di Stato per gonfiare gli utili in tempo di crisi il crac, anche il rischio Italia au-
menta, come dimostra l’au-
mento a livelli record del dif-
di Vittorio Malagutti con gli investitori costretti ad dell’Unione europea. Non è ferenziale di rendimento tra i
Milano assistere al balletto di dichiara- esattamente quello che ci vuo- Btp italiani e i bund tedeschi.
zioni dei politici sulla gestione le per smorzare la tensione già Risultato finale: calano le quo-
a paura dell’inf lazione altissima durante la riunione tazioni dei titoli di stato italia-

L
della crisi finanziaria irlande-
made in China. E poi so- se. Pesano le parole di Eduard dell’Eurogruppo, cioè i mini- ni, proprio quelli di cui hanno
prattutto l’euro in balia Van Rompuy: “I problemi di bi- stri finanziari dei Paesi che fan- fatto incetta gli istituti di cre-
dei guai d’Irlanda, Porto- lancio di alcuni Paesi Ue po- no parte dell’unione valutaria dito. In teoria, quindi, c’è la
gallo e Grecia. Nasce da qui trebbero mettere a rischio la e in vista del meeting di oggi possibilità concreta che le ban-
l’onda anomala di ribassi che stessa sopravvivenza dell’eu- dell’Ecofin, allargato ai rappre- che siano costrette a svalutare
ieri ha colpito i mercati finan- ro”, ha dichiarato il presidente sentanti di tutti 27 membri Ue. i loro attivi per allinearli alle
ziari mondiali. Risultato: Mila- Il problema del giorno è quello nuove quotazioni. Va detto
no giù del 2,1 per cento, Lon- bilancio pubblico irlandese, a che i manager bancari dispon-
dra in calo del 2,4, Parigi in ri-
basso del 2,6 e Francoforte
Van Rompuy: rischio default soprattutto a
causa dei conti dissestati delle
gono di margini di manovra
piuttosto ampi nella classifica-
dell’1,9. “A rischio la sue principali banche. zione contabile dei titoli pro-
prio per evitare pesanti perdi-
L’EUROPA si è svegliata con
le ultime notizie della Borsa di
sopravvivenza A QUESTO PUNTO l’ipo-
tesi in discussione è quella di
te provocate dall’adeguamen-
to ai prezzi di mercato.
Shangai, messa al tappeto (me- un’iniezione di liquidità a favo-
no 4 per cento) dai timori dif- dell’Europa” re del governo di Dublino ge- A BEN GUARDARE però
fusi che la banca centrale di Pe- stita dalla Ue. Obiettivo finale: dai bilanci emerge già qualche
chino potrebbe presto alzare i Oggi il vertice far fronte a una ricapitalizza- dato negativo. Nella semestra-
tassi d’interesse per raffredda- zione degli istituti di credito in le aggiornata a giugno, il Mon-
re l’economia locale. E nel Vec- decisivo difficoltà. I tedeschi però fre- te dei Paschi segnalava che il
chio Continente le cose si so- nano, mentre i politici irlande- patrimonio netto del gruppo si
no subito messe anche peggio dell’Ecofin si tentano di sottrarsi alle mi- era ridotto di 881 milioni per
sure di austerità che sarebbero effetto della svalutazione di ti-
imposte da Bruxelles in cam- toli di stato italiani. E l’effetto
bio degli aiuti. negativo è proseguito anche
Si vedrà, forse già oggi. In Bor- nei mesi estivi se è vero, come
x -1,1%y -4,9%
x sa però sanno bene che anche
il Portogallo se la passa male e
risulta dalla relazione trime-
strale di settembre, che l’appo-
la Grecia è tutt’altro che fuori sita riserva da valutazione si è
IL RIBASSO BANCA pericolo. Ma l’effetto domino
finisce per colpire anche Spa-
ridotta di altri 70 milioni circa.
Anche nei conti di Intesa que-
gna e Italia, percepiti come sta stessa riserva ha perso circa
DI UNICREDIT
Le 48 ore per salvare l’euro scadono oggi, con il vertice Ecofin (FOTO LAPRESSE)
POPOLARE DI paesi a rischio. Ed ecco che il
rinnovato allarme sul debito Paesi nella bufera, (Irlanda, è che le banche nostrane da un
180 milioni in nove mesi a cau-
sa della svalutazione di titoli in

GROUP MILANOy
sovrano innesca un’ondata di
ribassi che si concentra in par-
ticolare sui titoli finanziari. In-
Portogallo e Grecia) non sem-
bra al momento allarmante. In-
tesa a giugno (ultimo dato di-
anno e più stanno acquistando
titoli di stato italiani in misura
molto superiore al passato.
portafoglio. Sono perdite con-
sistenti, ma non drammatiche.
Almeno per adesso.
nanzitutto le banche, quindi, sponibile) aveva in portafoglio Semplificando al massimo si Nel frattempo però la Banca
x-1,9%y x-2,6%y che perdono terreno a Madrid,
come a Parigi e Francoforte. E
titoli greci per 650 milioni, su
attività complessive per deci-
può dire che i banchieri rispar-
miano sui crediti alla clientela
d’Italia ha lanciato un salva-
gente agli istituti. Un provve-
ovviamente anche a Milano. ne di miliardi. Il rischio Irlanda per accumulare attività finan- dimento ad hoc varato a mag-
L’ANDAMENTO MONTE Penalizzati gli istituti con i bi-
lanci meno brillanti. Quindi
del Monte Paschi supera di po-
co i 180 milioni, mentre il Ban-
ziarie, in gran parte obbligazio-
ni pubbliche relativamente si-
gio stabilisce che le minusva-
lenze sui titoli di Stato dell’area

DI INTESA DE’ PASCHI


Popolare Milano (meno 4,9
per cento), Monte dei Paschi
(meno 2,6), Banco Popolare
co Popolare nei conti seme-
strali ha dichiarato bond greci
per 83 milioni.
cure e a rendimento elevato.
Quello che ci vuole per dare
una spinta ai profitti in una fase
Ue non vanno detratte dal pa-
trimonio di vigilanza, il para-
metro utilizzato per misurare
SANPAOLO DI SIENA (meno 2,5) e anche Unicredit
in ribasso dell’1,9 e Intesa giù
dell’1,1 per cento. L’esposizio-
NON SONO questi però i
numeri che mettono in allar-
di magra, a dir poco, dell’atti-
vità tradizionale. Qualche
esempio. A fine settembre In-
la solidità dei bilanci. Un aiu-
tino che al momento vale de-
cine di milioni per le banche
ne di queste banche verso i me analisti e investitori. Il fatto tesa dichiarava attività finan- principali.

FINANZIARIA di Gia. Cal.


IL GOVERNO ANNUNCIA 100 MILIONI

NIENTE SOLDI PER GLI EMOTRASFUSI Presidio dei malati Sla


di Elias Vacca pulare con soggetti “...che hanno instaurato
azioni di risarcimento danni tuttora penden-
“I tagli certi, le promesse no”
er scrivere di sangue, di vinti e di re- ti...”. I soldi ovviamente non bastavano e i co-
L a prima giornata di presidio perma- li essenziali di assistenza). Queste le

P sistenza non occorre scomodare la sto-


ria. Basta e avanza la cronaca. La bat-
taglia degli emofilici ed emotrasfusi per
ottenere dallo Stato il risarcimento per tra-
sfusioni di sangue infetto è antica e per un
mitati di emofilici ed emotrasfusi, dopo sit in
e presidi davanti a Montecitorio, ottennero
che la Finanziaria 2008 prevedesse all'art. 2
comma 361 una spesa di 180 milioni di euro
annui a decorrere dal 2008 e al comma 362
nente dei malati di Sla (Sclerosi late-
rale amiotròfica), in carrozzella, arrivati
da tutta Italia, davanti al ministero dell’E-
conomia si conclude con una promessa
del governo. La Sla, nota per esser la ma-
richieste al governo: copertura finan-
ziaria ed approvazione dei Lea; finanzia-
mento di 100 milioni di euro per il per-
corso assistenziale proposto dalla Con-
sulta ministeriale delle malattie neuro-
attimo è parso che potesse perfino essere che i ministeri della Salute e dell'Economia lattia dei calciatori, in realtà può colpire muscolari (riservato al sostegno alle fa-
vinta. concertassero un piano pluriennale per tutte chiunque e le vittime hanno bisogno di miglie per la formazione e l’assunzione
Il governo Prodi stanziò denari con la pre- le transazioni.Il 28 aprile 2009, cambiata assistenza 24 ore su 24: non possono grat- di assistenti familiari), le Regioni dovran-
visione di un intervento di dieci anni, per i maggioranza e governo, il ministero della Sa- tarsi o asciugare il sudore, non possono no contribuire con una pari quota; finan-
risarcimenti dei danni prodotti a costoro già lute decretava i criteri per la stipula delle muoversi, pur essendo perfettamente lu- ziamento di 10 milioni di euro per la ri-
nell'era Duilio Poggiolini, il dirigente del mi- transazioni. cidi, imprigionati nel proprio corpo. I cerca di base e clinica da effettuarsi in 10
nistero della Sanità che non sapeva e non Il 22 ottobre dello stesso anno una circolare rappresentanti della associazioni di ma- centri universitari italiani con metodolo-
controllava quali virus contenesse il sangue ministeriale apriva i termini per le domande lati di Sla, si legge nella nota di via XX Set- gie ed obiettivi condivisi e sinergici.
destinato alle trasfusioni. Da allora al 2007 di transazione. Poi silenzio. Anzi peggio, per- tembre, “sono stati ricevuti al ministero. Alberto Damilano è medico e malato di
erano infatti state intentate contro lo Stato ché nel frattempo il vitalizio di 600 euro men- Al termine dell’incontro, il governo si è Sla, è arrivato da Settimo Torinese: “Vo-
numerosissime e lunghissime cause da parte sili erogato ai danneggiati da trasfusione vie- impegnato a presentare un emendamen- gliamo prendere in mano il nostro desti-
di almeno 7.000 cittadini italiani che si erano ne congelato, non scattano cioè neppure gli to alla legge di stabilità, che preveda la fi- no. Perché noi malati di Sla non ci sen-
rivolti al Servizio sanitario adeguamenti automatici al- nalizzazione di spesa destinata ai malati tiamo rappresentati da tutti coloro che
nazionale per sopravvivere l'inflazione. Si era previsto di Sla”. L’impegno è di “stanziare 100 mi- troppo spesso, in questi anni, si sono
grazie alle trasfusioni e si era-
no ritrovati in omaggio HIV,
A dicembre di erogare i risarcimenti nel
dicembre 2010 e invece non
lioni di euro a favore delle cinquemila fa-
miglie che vivono questo dramma”, ha
proclamati voce dei malati di Sla. A tutti
costoro diciamo grazie, ma questa volta
HCV e altre patologie virali a
causa dei mancati controlli
dovevano verrà erogato neanche un
euro. Emanuele Sanna, pe-
spiegato Mauro Pichezzi, il presidente
dell’associazione Viva la vita Onlus.
potete astenervi, facciamo da soli”. È in-
tervenuta anche Mina Welby: “Il governo
sul sangue acquisito.
Una battaglia trentennale,
arrivare diatra sardo e già deputato
con Prodi in commissione
Il presidio, però, continuerà fino a
quando l’impegno sarà messo nero
ha tagliato 400 milioni di cui 300 per la
non autosufficienza e altri 100 per la for-
una guerra di trincea, con- Affari sociali è indignato: su bianco dal governo. Perché già il mazione di personale qualificato. Il go-
clusasi in molti casi con l'ac- i risarcimenti “Volevamo curarli e per la 21 giugno scorso, durante una mani- verno deve trovare i soldi, ad esempio ri-
coglimento delle domande negligenza di chi avrebbe festazione analoga, il sottosegretario ducendo spese superflue come quelle per
dei danneggiati. Nel 2007, per le vittime del dovuto assicurare i controlli Gianni Letta promise una rapida riso- le auto blu, che da sole costano 200 mi-
quindi, con il decreto n. 159 sul sangue li infettavamo e luzione facendosi garante di una im- lioni di euro l’anno”.
poi convertito, il stanziò sangue infetto, oggi risarcire queste perso- mediata approvazione dei Lea (i livel- servizio video su ilfattoquotidiano.it
Prodi previde 150 milioni di ne è fuori dei pensieri di chi
euro per le transazioni da sti- invece niente governa.”
Mercoledì 17 novembre 2010 pagina 13

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

FUORI CAMPO

SINDACATO Nannini
Scrive alla
Morgan
Il suo Piano
Under 21
Oggi il
Donadoni
Ufficiale:

MILIARDARI
figlia prima solo tour debutto di Roberto
che nasca: parte da Mr Ferrara: è il nuovo
ti chiamerò Roma, il 28 voglio allenatore
Penelope novembre carattere del Cagliari

ANNOIATI Sotto l’alto patrocinio di Vittorio


Feltri, nasce un’associazione
in antitesi a quella di Sergio Campana per tutelare i diritti dei calciatori
di Giancarlo Padovan la possibilità di accordo, ma su la conversione di Massimo Od- presidenti di società. Buffon, Il personaggio
due (il trasferimento senza do, difensore del Milan, ma ex per esempio, è (seppur in

Daniela

U
consenso del calciatore sotto laziale. Si era autoproclamato uscita) della Juve; Doni dell’A-
contratto e l’estromissione leader dei falchi dell’Aic, ave- talanta, che sta in Serie B e, al
dalla rosa per chi non rientra va polemizzato con il presi- momento, non è coinvolta nel
più nei piani tecnici, nono- dente Campana per la sospen- contratto collettivo; Biondini
stante il contratto), l’Aic non sione dello sciopero e l’avvio è del Cagliari. Insomma, sa-
vuole nemmeno discutere.
Nel primo caso a garantire la
legittimità della norma è nien-
temeno che una legge dello
delle trattative con la Lega, ap-
pariva in pubblico sostenendo
una linea fieramente radicale.
remmo di fronte a una libera
scelta o a un’operazione die-
tro cui si cela l’attività di qual-
che procuratore. Se, infatti, la
Fini,
Stato (la numero 91 del 1981
che abolì il vincolo); nel se-
condo, è la logica e la speci-
ficità del calcio: non è pensa-
bile far allenare un calciatore
ALL’IMPROVVISO, un sa-
bato pomeriggio di tre setti-
mane fa, la folgorazione sulla
via per Fiumicino dove si in-
contrò, non proprio casual-
controparte della Lega sono i
calciatori, i loro agenti non
possono pensare di starne fuo-
ri.
Troppe, comunque, le incon-
superlaziale
n sindacato giallo, come quel-
li che, da sempre, si inventa-
no le controparti padronali
individualmente visto che stia-
mo parlando di un gioco col-
lettivo. La Lega di Serie A, pre-
mente, con alcuni rappresen-
tanti della Lega di Serie A. Mo-
tivo? Capire meglio le posizio-
gruenze per pronosticare lun-
ga vita al sindacato alternati-
vo. La più macroscopica: pos-
Ngio,iente a che vedere con i tailleur e le camicette sfoggiate
dall’attuale compagna di Gianfranco Fini. Pure il linguag-
la parlata ricorda più uno dei personaggi dei Cesaroni, piut-
per rompere il fronte dei la- sieduta da Maurizio Beretta, sa ni. E, a fine summit, la dispo- sono aderirvi solo calciatori o tosto che il portamento, il sorriso largo dell’Elisabetta Tul-
voratori. Nel caso specifico, che l’Aic ha stretto intorno a nibilità (a titolo personale) di ex calciatori di Serie A. E non liani. Perché i suoi modi di fare sono così: naturali, schietti,
trattasi di lavoratori-pedatori, sé quasi tutti i calciatori e che firmare subito l’accordo. Do- si capisce dove, partendo da diretti. Ma avesse potuto sarebbe arrivata fino all’ingresso del-
ma l’obiettivo non cambia. lo sciopero, questa volta, dif- po un paio di imbarazzanti ap- quaranta associati, potrebbe- lo stadio sopra uno scooter, sventolando una bandiera bian-
Cambia la sigla: da Aic (Asso- ficilmente sarà evitato. Sa, so- parizioni pubbliche, in cui Od- ro raccoglierne altri, visto che coceleste. Daniela Di Sotto è all’Olimpico, con questo bom-
ciazione italiana calciatori) a prattutto, che se a dirimere la do faceva capire di aver fatto quattrocento e cinquanta so- ber viola luccicante, e il pelo intorno al cappuccio che spunta
Anc (Associazione nazionale controversia sarà chiamato un tutto da solo, il terzino mas- no iscritti e fedeli all’Aic. da dietro: lo indossa spesso, soprattutto quando viene a ve-
calciatori). Cambiano anche commissario straordinario, simalista si è eclissato. Ed è dere le partite della sua Lazio. “Già, non me ne perdo una…”.
le facce: dall’avvocato Sergio nominato dalla Federcalcio, il spuntata l’Anc. A farne parte, Il clima, le parole, con lei l’atmosfera è questa. Dunque, tri-
Campana all’avvocato Piero
Gualtieri. E poi, da Mazzola,
contratto collettivo potrebbe
offrire il pretesto per uno
circa quaranta calciatori (“I
nomi? Non ci pare il caso”),
Il nuovo buna autorità, domenica, ora di pranzo. La prima partita del
mattino è quella della Lazio contro il Napoli. Le telecamere
Rivera, Bulgarelli (i fondatori
di allora) a Doni, Buffon, Bion-
scontro frontale dalle conse-
guenze tutt’altro che vantag-
però si sa che dodici apparten-
gono alla Lazio, la società di
organismo (c’è non sono riuscite ad arrivare fino qui, nella postazione più
ambita di questo anticipo di campionato. Lei, l’ex signora Fi-
dini, Guana, Del Grosso (quel-
li di adesso). Più un convitato
giose.
Perciò, da almeno tre settima-
cui è presidente Claudio Lo-
tito, uno degli esponenti di
anche Buffon) ni, dovete immaginarla. Urla e salta (e mangia) e grida e in-
veisce contro l’arbitro e canta a squarciagola tutti i cori che
di lusso: Vittorio Feltri, diret- ne, intorno all’Aic, l’unica si- spicco della delegazione della intona la curva Nord. Solo così, per tutti i novanta minuti di
tore editoriale de Il Giornale, gla riconosciuta e ammessa in Lega di Serie A. nasce con gara.
ex Libero, ex Indipendente, ex Consiglio federale, in forza di Non tutti – va detto – pensano
Europeo (quand’era setti- una rappresentatività male. Qualcuno ritiene che la evidenti EPPURE , il suo posto, da oggi, non è più lo stesso: dalla tri-
manale), ex inviato assoluta, sono sta- nascita dell’Anc non sia frutto buna d’Onore è passata alla tribuna Autorità. Vicino, solo per-
del Corriere della te segnalate di una volontà recente e, so- incongruenze: soncine a modo, tutte composte, silenziose, tutte strette nei
Sera, uno che strane mano- prattutto, non sia esplicita- loro cappottini di lana. Lei, francamente a suo agio ovunque,
con il sindacato vre. Prima, mente riconducibile ad alcuni durerà poco spicca tra queste sagome da prima alla Scala, gente che prima di
dei giornalisti farti un saluto, chiama lo steward per sapere se tutto è in regola.
è sempre stato Gigi Buffon e nel tondo, Vittorio Feltri (FOTO EMBLEMA) Il suo posto, dicevamo, uno dei più ambiti: dietro al d.s. Igli
in conflitto e Tare, uno che prima di fare un’espressione diversa dalla solita
agli scioperi è deve cadere lo stadio. Al canto delicato della Di Sotto, che ac-
allergico fin da coglie il gol di Zarate - intonato dalla Curva - “chi non salta
giovane, figu- interista è, è, è”, lui abbottona energicamente la giacca, e a
rarsi da quando forza di scendere con la testa sotto le spalle, pare essere di-
(e ormai sono più ventato più basso del suo vicino, il presidente Lotito. Di fianco,
di vent’anni) sta dal- il direttore del Tg5, Clemente Mimun: a lui riserva grandi go-
l’altra parte del tavolo (la mitate di entusiasmo. Al gol di Floccari, scatta pure l’abbraccio:
barricata non gli si addice). lui, educato, e anche un po’ divertito dalla ventata di novità,
contraccambia. Insomma, da curva. “Già, infatti, il mio cuore è
PERCHÉ rompere il fronte? ancora in curva, ma ora ho una certa età, non ci posso più an-
Perché sul tavolo della Feder- dare. La curva è dei giovani… per gli anziani come me è finito il
calcio c’è, ormai da metà set- tempo”. Finisce pure il tempo della partita. Fuori dalle porte a
tembre, la questione (non più vetro, aspetta l’arrivo dei suoi amici sparsi per lo stadio: quello
rinviabile) del rinnovo del con la radiolina a tutto volume, quello con i pantaloni lisi, quel-
contratto collettivo, senza il lo con le scarpe da montagna. Si avanza con la folla. “La Lazio è
quale l’Aic attuerà uno sciope- una grande passione. Per certi versi inspiegabile. La lazialità è
ro già promesso e poi sospeso, una cosa che uno ha dentro, che coltivi da piccolo, e per cui vai
ora riproposto ma senza data fiero… i valori che vengono trasmessi da questa squadra, le
(dovrebbe essere alla quindi- altre non li hanno. Devo guardare tutte le partite, è più forte di
cesima giornata, spezzettata me: anche settimana scorsa, il derby me lo sono venuta a ve-
tra il 3 e il 6 dicembre). Lo dere, dopo aver lasciato la convention di Fli alle 3.30 di notte, e
scontro con la Lega di Serie A, aver fatto un viaggio pazzesco. L’ho già detto, politica e Lazio,
nonostante la mediazione del sono le mie ragioni di vita. Rocchi, il Capitano, il mio giocatore
presidente della Federcalcio, preferito. Ma anche lo Zarate visto oggi, bè, è pazzesco… lui è
Giancarlo Abete, ha provoca- genio e sregolatezza, ed è il suo bello. Anche se a me piacciono
to solo rotture e fughe strate- tutti, basta che indossino la maglia biancoceleste. Se vengo per
giche. Su sei punti ci sarebbe Lazio-Albinoleffe? Ci sono dei dubbi?”. (Glp)
pagina 14

SECONDO TEMPO

CARLO VERDONE

di Malcom Pagani
e Silvia Truzzi
ntra al Fatto, si fruga nelle tasche, impal-
IO, L'AMORE adesso rimettere a posto questa, poi venire con
noi”. Me so’ cagato sotto. Giuro. Gli faccio pre-
sente che sto perdendo l'aereo e lui neanche mi
guarda in faccia. Alla fine mi rivolge la parola:

E lidisce : “Soffro d'asma, me sò dimenticato


il Ventolin a casa, è 'na tragedia”. Poi ac-
cende una sigaretta, sorride, aspira il tem-
po che è trascorso. E si rivede, Carlo Verdone,
bambino con le ginocchia al vento, mentre tira E PLOTINO
“Non fare mai più atto di grande maleducazio-
ne”.
Salvo?
A quel punto è uscito l’attore: “Grazie, io non ho
tolto la bandiera per odio. È una cosa bella” e
sassi alla finestra di Alberto Sordi, in via delle quello me fa segno: togliti dai coglioni. In aereo
Zoccolette, a due passi dal Tevere, dal centro c’eravamo io, la figlia di un diplomatico e un
del suo mondo, dall'anima evaporata dell'unico altro. Un Caravelle per tre persone: una paura,
luogo che gli sia rimasto dentro: “Sarà stato il
'56, un inverno freddo, la neve sui marciapiedi.
Io non sapevo neanche chi fosse Sordi, guarda-
Oggi il regista compie terrore puro.
Lei ha paura di volare?
Macché. Serpax 15, se conosci il Serpax non lo
vo Rin Tin Tin. In famiglia però se ne parlava
sempre e quando passavamo sotto casa sua, mio
padre mi erudiva: “Abita
60 anni: dietro le quinte molli più: gli fa un mazzo così all'aereo, ti dà
anche un po’ di buonumore: la migliore ben-
zodiazepina che abbia mai
qui dentro sai?”. Un giorno conosciuto.
scendo le scale, individuo Maledetto il giorno che
l'appartamento e comincio t'ho incontrato insegna.
a lanciare pietre. Si affaccia Quel film è stato un po' te-
un’ombra, non ho mai capi- rapeutico. C'era molto di
to se fosse lui o la sorella: me: l'amore per la musica
erano uguali. Un vocione: rock, per Jimi Hendrix, per
“Non rompere i coglioni ra- l'Inghilterra, la psicanalisi,
gazzino, vattene via, Sordi l’ipocondria. Molti tra il
dorme e il sonno è sacro, pubblico si ritrovarono:
non te l'hanno insegnato?”. non sapete quanta gente
E ride. L'ha fatto spesso parte con i sacchi delle me-
duellando con la malinco- dicine.
nia, anche oggi, dopo 22 Anche lei?
film e una carriera iniziata Quando arrivai in Inghilter-
all'alba dei '70 con Super 8 ra avevo portato la Magne-
dai titoli tarkovskijani: “Ele- sia San pellegrino. Come
gia notturna”, “Poesia sola- entro a Londra, alla dogana
re”, “Allegoria di primave- mi fanno aprire la valigia.
ra”: prima di virare su altri C'era una polvere bianca in
continenti, gli valsero l'in- un sacchetto, l'agente me
gresso al Centro Sperimen- guarda e dice: “What is
tale di cinematografia. Il ra- this?“. Io l'inglese lo parlavo
gazzo del 1950 compie ses- poco, non sapevo come dir-
sant'anni oggi. “A 40 pen- gli che mi serviva per anda-
sai: entro negli anta, è finita. re in bagno.
A 50 l'evento mi fece anco- No cocaine, laxative po-
ra più impressione, adesso wer.
con l'età convivo serena- Eh si. Me la sono messa sulla
mente. Però succede una lingua per fargli vedere che
cosa strana. era effervescente. E facevo
Dica dica. il gesto sulla pancia per dire
Mi fermano per strada, ele- “funzioni corporali”. Attor-
giaci: “Ma lei ha sessant'an- no m'insultavano tutti: “ma
ni? Siamo coetanei (fa una che ti porti sempre 'ste me-
smorfia di disgusto ndr). dicine dietro...”
Non è contento? Poi però ha fatto un altro
Mbè no, cercano complici- film sulla psicanalisi.
tà tutti quelli che dimostra- Sì perché successe una co-
no almeno vent'anni più di sa. Un giorno vado dal pro-
me. Uno, l’altro giorno tut- Illustrazione di Fabio Corsi fessor Antonelli, un neuro-
to eccitato: “Noi sessanten- logo, un luminare, un san-
ni semo i mejo”. Lo guardo e rabbrividisco: “Ma lone, rischiando il tetano. Feci sul palco saltelli Partiamo. to. A via della Camilluccia vedo un gruppo di
questo sembra mi padre”. Adesso io non voglio da giullare, un dolore cane. (Qui Verdone si alza e Quindici persone. Tutti diplomatici cecoslo- persone disperate che piangono appoggiate al
di’ che me li porto bene. Sarà il movimento, l'e- salta davvero).Anche il pubblico si passò la voce vacchi, io unico turista. Rischiai di non tornare. muro. “È morto, è morto, come cazzo facciamo
nergia, il tipo di vita. Non per nasconde che hai ‘ci si ammala, non andate là che fa troppo fred- L'albergo era in piazza San Venceslao. Fuori dal- adesso?”. Mi avvicino e chiedo rispettosamen-
sessant'anni, mica racconto fregnacce. Però do’. le finestre, i preparativi per la visita di Breznev te: “Ma è morto chi?”. Un signore, molto depres-
non me ne capacito: credo di avere ancora qual- Dove sono oggi i compagni dell'inizio? sembravano l'unica cosa che contasse. Foto del so, mi si avvicina: “Ma come chi? Il professore, la
cosa da dire nel futuro. Uno lavora all'Inps. Un altro all'Enel, qualcuno è presidente ceco Sloboda e di quello russo per nostra salvezza”. Quella scena mi rimase im-
Rimpianti? in pensione. Però sono tutti vivi. chilometri. E poi bandiere. Una russa, una ceca, pressa e decisi che sarebbe stato l'abbrivio di un
Mannò, è che quando sei giovane gli anni fug- Il teatro allunga la vita. a perdita d'occhio. film sulla psicanalisi collettiva. E così è nato “Ma
gono velocemente, prima i giorni non finivano Mia madre era una donna fantastica, capace di E lei, in pieno realismo sovietico, che fece? che colpa abbiamo noi”.
mai. Adesso che la mia vita è molto disciplinata, slanci ottocenteschi. Ci faceva un teatrino den- Un pezzo di neorealismo italiano. Pioveva a di- Perché andava dal professore?
la sera arriva subito. Il tempo va usato bene, ma tro casa, cuciva i vestiti dei burattini insieme alla rotto, mancava un'ora alla partenza. In un lam- Io ho un problema, non dormo. Antonelli era
non pagherei nessuna cifra per tornare indietro sua amica Vera, si divertiva con i fondali dipinti po, me viè l'idea. riuscito a farmi arrivare a sei ore di sonno senza
perché ho potuto conoscere Roma in bianco e da mio zio. E poi io andavo con lei nei foyer. La Quale idea? somministrarmi gli ipnotici, con un cocktail di
nero: a 'sta città non je vojamo più bene. capacità di passare da un ruolo all'altro nasce in Fregarmi una bandierina comunista. Apro le fi- ansiolitici vari. Senza sonnifero, purtroppo,
Erano gli anni ‘50. Poi? quegli anni. Fondamentale fu l'esperienza che nestre, mi sporgo, la afferro e la ripiego ordi- non vado oltre le quattro.
Arrivano i ‘60. Ma sono diversi, a colori. Con- feci come burattinaio con la mitica Maria Signo- natamente in valigia. Neanche un minuto e bus- Adesso dorme?
fusi, mossi, pieni di adrenalina, musica. Per me i relli: davo le voci ai vari pupazzi. Nel ‘73 ebbi sano. Con difficoltà ma è un tratto distintivo della fa-
favolosi sono le copertine dei dischi. Gli lp, St. voglia di perfezionarmi, e chiesi a mio padre se Lei apre? miglia. Mio zio dormiva due ore e mezza, però è
John Pepper, Carnaby street. mi faceva andare a Praga dove c’era la più gran- Giro la maniglia e mi trovo di fronte un orco di morto a 93 anni. Voglio rassicurare gli insonni.
E un po’ di tempo dopo approda in una una de scuola europea di marionette. due metri. Con il Borsalino in testa, una giacca L'ansia la accompagna da sempre. Al primo
cantina di via Cavour. Nel ‘73 Praga voleva dire Mosca. verde militare. Tipica spia sovietica, mi indica la spettacolo in tv, lei non voleva andare. Si
(Sorriso). Era il 1971. Avevo una lambretta 125, E 'nfatti. Dopo Dubcek e Jan Palach, non se po- borsa e sillaba metallico: “Open, open”. Tiro la barricò in camera.
andavo in giro bardato con il passamontagna, teva entrà, era un casino. Papà non era intro- zip, esce il drappo rosso e lui cambia espres- Mi spronò mia madre: “Non fare il frignone”, e
eravamo contenti con poco: il nostro covo era la dotto in nessun partito, ma amava l'arte, per lui sione. Io capisco che butta male e mi giustifico: fece bene. Fosse stato per me, avrei preso un
pizzeria vicino alla Chiesa nuova. Stavamo in la cultura era un ponte e non un filo spinato. “Ah questo? Solo un piccolo souvenir, niente di ansiolin, ma un attore imbottito di tranquillanti
una gelida cantina due piani sotto terra. Uno Adorava Plicka e Majakovskji, a Est lo sapevano. grave, mi scusi tanto”. non può funzionare.
spazio enorme, mio fratello Luca mise insieme Andai all’accademia. Il viaggio d'andata fu un Reazione? Cos’è la noia?
una compagnia e mi propose di fare un testo racconto di Kafka. All'improvviso, inizia a parlare italiano: “Lei Ehhhh? Noia? È il massimo del riposo e ha un
intellettualissimo, Pittura su legno di Bergman. periodo preciso, l'estate.
Però. Racconti.


Per riscaldare l'ambiente comprammo sei bom- Se non mi annoio non mi riposo e non mi piac-
bole a gas, di una pericolosità incosciente: se
qualcuno si fosse dimenticato de chiude ‘na
Un signore l’altro giorno tutto eccitato ciono le vacanze in cui timbri il cartellino e tutte
le sere hai da fà ‘na cosa. Così mi ritiro in Sabina,
bombola, saltava per aria tutto il palazzo. Bron-
chiti, tossi, malattie. C’avevamo il fumo sulla te-
mi ferma e mi fa: “Noi sessantenni semo leggo, ma frequento con moderazione qualche
amico. E poi la noia ha sempre un confine in cui
sta. Una sera mancavano Claudio, Daniela, Glau- i mejo”. Lo guardo e penso: “Ma quali si trasforma in qualcosa di produttivo. È peri-
co: tutti con l'influenza. Mi prese 'na botta di colosa solo nel periodo lavorativo. Se ti annoi
narcisismo, di follia forse: ero molto timido. E noi? Questo qui sembra mi’ padre” sul set, sei arido e allarmarsi è lecito.
dico a mio fratello: le faccio io le parti scoperte. Suo padre era tranquillo?
C'era il critico di Momento sera, dopo 4 giorni Mario è stato il massimo che un figlio possa de-
fece uscire la sua recensione: “Svetta un Carlo siderare. Rigoroso, disciplinato, severo. Quan-
Verdone di cui sentiremo parlare da qui ai pros- do scriveva non si poteva muovere dito. Però
simi anni”. Facevo ancora l'università. papà era anche capace di grandi slanci. Per sco-
Trionfo? prire il suo lato coatto ci volle lo stadio.
Si, anche se una sera beccai un chiodo nel tal- Partita?
Mercoledì 17 novembre 2010

SECONDO TEMPO

RITRATTO DI FAMIGLIA
Scatti dall’archivio privato di Carlo Verdone. A sinistra, dall’alto in basso: neonato con mamma
Rosanna, a tre anni, con il fratello Luca da bambini, a 18 anni ad Anzio, con il fratello Luca al
primo debutto, Carlo ventenne. Nel secondo blocco: con la madre a 22 anni, con la moglie
Gianna e David Gilmour a Rodi, con il padre e la sorella Silvia, con i figli Giulia e Paolo

tante cose che vedo e non solo in Italia. Vi ri-


cordate Compagni di scuola?
Sì, lei Ghini e la Giorgi e molti altri.
Il primo politico cocainomane in un film l'ho
messo io. L'occhio lungo l'ho sempre avuto.
Ghini portava una cravatta rossa, magari diceva
parole di sinistra, aveva il vizio di andare in ba-
gno in continuazione e tirava su con il naso.
L'Italia di oggi?
Cosa vi devo dire? (E qui, involontariamente, intona
la voce di una delle sue tante maschere in tonaca)
siamo finiti dentro il Satyricon di Petronio, ma
non è un divertimento lieve, poetico, ironico.
Leggiamo pagine scritte male, un po' misera-
bili e assistiamo a un deragliamento generale
dell’etica.
È moralista?
Lo sto diventando. In molti dicono : “Eh, ma la
vita privata è intoccabile”. E’ una cazzata. E sia
a destra che a sinistra, esempi deteriori non
mancano. La volete sapè una cosa su destra e
sinistra?
Siamo qui.
Parlà di destra e sinistra è una rottura de’ co-
glioni. Me viè una specie di nausea. Vedo tra le
parti uno strano comun denominatore che mi
Siena-Livorno, iniziò ripugna. Se quelli che dovrebbero recitare da
con un applauso esempi, evidenziano solo squallore, io mi
sportivo e finì pren- preoccupo.
dendo a ombrellate il Si stava meglio con la Dc?
vicino. Lo dovettero Al riparo di quei palazzoni grigi, magari face-
fermà in dieci, si era vano cose simili, ma ne sapevamo poco. E co-
tolto pure il trench. munque, quell'universo non esiste più. Allo-
Lo ebbe come profes- ra i fotografi come Pizzi inseguivano le pre-
sore all’Università. sunte simpatie di Aldo Moro per Rossana Fra-
Storia del cinema. La se- tello. Ormai il paparazzo può essere chiun-
ra prima lo pregai: “Inter- que. Basta un cellulare, una posa equivoca
rogami su Fellini”. E lui: sul divano e sei fregato. Ha ragione D'Ago-
“Non ti preoccupare Car- stino, siamo precipitati in un fotto-roman-
lè, tranquillo”. zo.
La mattina dopo? Cambiamo scenario, l'amore?
Mi siedo e dietro di me sen- (Verdone rimane in silenzio per quasi un minuto,
to sussurrare “È parente, è poi concede: ‘Ce sto a pensà troppo?”, infine ri-
parente. È uno schifo”. Papà sponde) Il cuore che batte fortissimo ce l'hai
s’irrigidisce, capta qualco- quando incontri le prime fidanzate, è una
sa, sembra un altro, mi da del meravigliosa follia. L'età acerba ti permette
lei, ostenta distacco: “Mi par- di fantasticare, essere un po' mitomane, esa-
li di Dreyer e di Pastb”. Io gli gerare. Mi sono innamorato tre o quattro
feci dei gesti, mimai il nome di volte, non di più. Anche dopo essermi se-
Federico (Verdone muove naso e parato da mia moglie, ho avuto tanti incon-
bocca, torna ad allora) ma non tri. Nessuno davvero rilevante.
succede niente. Poco dopo mi Aneddoti?
caccia: “Si ripresenti quando Impazzi in gioventù per Livia Azzariti, ma
sarà più preparato”. dopo la terza uscita insieme, le misi delica-
Secondo tempo? tamente un braccio intorno al collo e lei me
Torno a casa e lo incontro: “Caz- lo tolse con decisione. Capii senza bisogno
zo papà, mi hai fatto fare un figu- di altre spiegazioni.
ra di merda”. E lui, serafico: “Non Porta ancora la fede.
volevo si pensasse a qualche favo- È quella di mio padre, quando è mancato,
ritismo”. Fece una pausa: “E poi, con il nodo alla gola, gliel'ho sfilata. Da Ros-
Carlo, francamente Pasbt...”. sana a Mario c'era scritto. Ai miei ero devoto
E con i suoi figli Paolo e Giulia? e un anello di congiunzione tra me e loro
All'inizio degli anni Novanta mi so- esiste. Le persone se ne vanno fino a un
no fermato. Ho capito che stavo esa- certo punto. Sono molto curioso di quello
gerando con il lavoro, senza dedica- che avverrà quando sarà il momento, non
re nessuna attenzione alla loro cre- impaurito. Mi aspetta un film eccezionale,
scita. E ho detto basta: 'A Ca', devi dopo la vita.
pensà un po' a loro'. Fino ad allora l'a- Non ci ha parlato di suo fratello Luca.
veva fatto solo Gianna, la loro madre, Sono indipendenti, viag- Anni fa facemmo un film insieme. Luca ha
donna meravigliosa. giano, leggono, ci insegniamo recipro- una dignità dieci volte superiore alla mia.
Atti concreti verso la redenzione? camente delle cose. E’ colto, serio, sempre di buonumore. Si
Viaggi. Dal '98 in poi, abbiamo visto il mondo. Lei cosa legge? sbatte per una passione non remunerata.
Gianna me l'aveva detto: “Lo devi fare da solo. Ho due libri sul comodino, sono fissi e Lo ammiro. L’altra sera c’era il suo docu-
Tu, i ragazzi e nessun altro. Soltanto così subli- dopo anni, stanno dando finalmente i lo- mentario sul Futurismo al Festival di Ro-
merete un rapporto che non c'è”. Io annuivo e ro sudati frutti . ma.
intanto tremavo: “Ma da dove inizio?”. Comun- Quali? Com’era?
que partiamo e puntualmente, Giulia a Los An- L'opera omnia di Seneca. Le lettere a Lu- Plotino? Non l’ho visto. C’era Bruce Springsteen in città,
geles, si ammala. “Mo sò cazzi”, rifletto. Mi rim- cilio so’ come 'na compressa de Serpax. E' un Dopo “Io loro e Lara” mi trattano come un teo- gli ho chiesto comprensione e l’ho ottenuta.
bocco le maniche e la curo. Al ritorno ero fiero, grande ansiolitico, Seneca. A fianco ci sono le logo, un filosofo. Vengo invitato continuamen- E con il boss?
felice. massime di Epitteto che non scriveva niente, te. Ravasi, Tonini, padre Viganò e i seminaristi di Abbiamo parlato di Nebraska, mi ha chiesto qua-
Oggi come va? era bruttarello, ma era un genio. E Plotino. Seveso che sò teribbili, hanno una preparazione le fosse la mia canzone preferita e io pronto:
mostruosa, mi hanno pure posto qualche cri- “Atlantic City”. Lui sorride e mi da il cinque.
tica ragionata. In generale, te fanno un mazzo Tutto bene?
così. Macchè. Quel giorno mi ero massacrato una ma-
SORDI Quando Veneziani lo attaccò Si arrabbia mai Verdone?
Una volta mi arrabbiavo moltissimo, adesso la
no per sturà un tombino del terrazzo. L’impatto
con la mano di Springsteen è stato inumano, vo-
collera mi scivola via dopo poche ore, tutt'al più levo urlà, ho visto le stelle. Vedete com’è con
mi disse: che stronzi ‘sti comunisti le idiozie mi contrariano e al posto della rabbia,
avverto indignazione. Quella mi aumenta per
me? C’è sempre un aspetto ridicolo che me de-
vasta il quadro generale.
na domanda su Alberto Sordi è d’ob- mone. A un certo punto, in ritardo, arriva
Usottrae.
bligo. Anzi più d’una. E Verdone non si anche Sordi. Mi prende da parte e mi fa:


“Sì, sì In viaggio con papà. Ma guar- ‘Senti ma chi è quello stronzo che ha scrit-
date che Sordi era terribile, non mi faceva
fare niente, mi controllava. Io volevo fa-
to che io so' stato un pessimo esempio per
gli italiani? Ma che cazzo dice questo
Nel ‘73 sono andato a Praga, dove c’era la
miliarizzare con la troupe, ma non mi mol-
lava mai. Ero sempre con lui, dettava i tem-
qua?’. Io lo sapevo, facevo finta di niente.
E lui: ‘Ma come si permette? Certo che ‘sti
miglior accademia di marionette d’Europa.
pi delle nostre conversazioni. Me fregava, ex di potere operaio, so' proprio ignobili Mi ero fregato una bandiera russa: m’hanno
dovevo sempre mangiare con lui, la tisana ‘sti comunisti’. Allora gli rispondo: ‘Guar-
con lui, ero 'na specie di figlio da portà a da che non l'ha scritta uno di sinistra, l'ha beccato all’istante. A momenti m’arrestano
letto”. È vero che Sordi era missino? “No, scritta Marcello Veneziani’. Sordi rimane
era democristiano. Una sera ci invita a ce- con il bicchiere a mezz'aria, indignatissi-
na Scognamiglio presidente del Senato. mo. E poi mi dice ancora: ‘Me attaccano da
Io, Monica Vitti, Uto Ughi, Petrassi, Ro- destra? Come hai detto che si chiama?’.
man Vlad. No la creme de la creme, un cre- ‘Veneziani: uno di destra, Albè’.
pagina 16 Mercoledì 17 novembre 2010 Mercoledì 17 novembre 2010 pagina 17

SECONDO TEMPO SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TG PAPI

Minzolini
TELE COMANDO + conda puntata di “Vieni via
con me” che – ogni critica è
ovviamente libera – ha avuto
il merito di ricordare storie
rapidamente sepolte e rimos-
se perché toccano le nostre
di Luigi Galella

baglierebbe chi pensasse che “Vieni via


Sto con me” (Rai 3, lunedì, 21.05) sia un even-
televisivo. Mai come in questo caso la te-
levisione si riduce a semplice medium, nel
Prometeo
o Saviano?
tragico, e predilige la dimensione monolo-
gante a quella dialogante, non per deficit de-
mocratico ma per esigenza narrativa. E non
ha guizzi, non ha snodi, non ha trovate, per-
MONDO
IN PRIGIONE PER BLOG “BLASFEMO”

Il “Rusdhie”
WEB
di Federico Mello

è TUTTI SU FACEBOOK
18-30 ANNI: SOLO IL 3% NON ISCRITTO
Un nuovo studio australiano conferma che
è I BEATLES ARRIVANO SU ISTORE
ONLINE (GRATIS) “LIVE AT WASHINGTON”
Mentre Apple si appresta a lanciare un nuovo servizio “a
nuvola” per iTunes (non sarà più necessario scaricare i
singoli ma brani, ma con un abbonamento si potranno
ascoltare in remoto) i Fab Four sbarcano sul negozio
musicale AppleStore. “Nello spirito gioioso di Give Peace
A Chance, trovo sia giusto che ciò avvenga proprio in
occasione del 70esimo compleanno di John”, ha affermato
Yoko Ono. Tutti gli album dei Beatles sono
disponibili per l’acquisto: si va dai 1,29 euro
per i singoli brani a 149 per lo speciale “Beatles
Box Set” che contiene 13 album
rimasterizzati. Inoltre, gli appassionati
feedbac$
k
Commenti al post su
ilFattoQuotidiano.it:
“Pd: l’arte di perdere
facile”
di Luca Telese

è CERTO se si formerà
questo “grande centro”
potran succedere due
cose: o il PD ci si allea o la
componente centrista lo
abbandonerà.

a tutto Maroni
apparenti tranquillità: i casi
Englaro e Welby. Più che
“buonismo” è solidarietà ci-
vile, merce rara.
senso minore e servile del termine, che con-
traddice per una volta la proverbiale afferma-
zione di McLuhan, secondo cui “il medium è
il messaggio”. In questo caso il messaggio so-
vrasta il medium, utile alla trasmissione e alla
ché è uno show che non vuole “fare” spet-
tacolo, ma servirsene come cornice, anco-
rato com'è alla nuda parola di Roberto Sa-
viano. Un moderno Prometeo, che dona il
fuoco agli uomini, restituisce loro l’intelli-
di Internet Facebook e altre forme di network sociali
sono ormai radicati nelle relazioni umane
Secondo la ricerca condotta dall’Australian
Psychological Society solo il 3% del campione
di età fra 18 e 30 anni non ha un profilo di
possono vedere gratuitamente in streaming il
film concerto “Live at the Washington
Coliseum, 1964” su iTunes fino alla fine di
quest’anno solare.
è BENE, BRAVO Penati,
Nautilus

a casa, dimettiti da tutto!!!


Ora aspettiamo le
g3 sua massima amplificazione. Nient’altro. Il genza e la memoria perdute e per questo mo- alqilya, una cittadina di kname “Allah Onnipotente”. Facebook o equivalente. E fra gli over 30 la
di Paolo Ojetti fazione politica dominante e,
in Lombardia, ha bussato alle
T Non ce n’è per nessuno:
“Vieni via con me” occupa il
genere che invece occorre evocare per dar
conto di poetica e struttura del programma è
tivo viene incatenato da Zeus alla rupe dell’
“esilio, di un’esistenza spezzata, spogliata di
QCisgiordania
quarantamila abitanti della
con tanto di car-
Nelle sue pagine, ora rimosse,
il blogger si definisce “un ateo
proporzione di chi evita ogni forma di rete
sociale on line è meno del 15 per cento. “È un DAGOSPIA
dimissioni dei vari D’alema,
Veltroni, Fassino ecc. ecc.
Solo così molti di noi
g1 porte leghiste. Maroni non se primissimo piano. È il suc- il teatro. Quello antichissimo, che ne edifica affetti e di libertà”, come lui stesso confessò retti trainati dai cavalli; e mes- di Gerusalemme, in Palesti- cambiamento profondo nella maniera in cui SEPARAZIONE potranno tornare a votarli.
T Il 13 dicembre il signor
B. parlerà al Senato e alla Ca-
la prenda, piuttosto drizzi le
orecchie. Alessandra Di Tom-
cesso dell’intera rete, è “un
programma che mancava co-
l'impianto nella tradizione occidentale.
“Vieni via con me” è un dramma eschileo,
in un’amara intervista, pena la condanna a
morte per mano del suo e nostro nemico.
saggi anti-islam che si propa-
gano per tutta la web-sfera.
na”, fa sapere di “aver lasciato
l’islam” e che ogni musulma-
comunichiamo, storicamente paragonabile
all’invenzione del telefono” ha dichiarato la
CONSENSUALE?
1) Da qualche giorno
Emilio1953

mera. Il 14 si vota sulla mo- maso compie anche un pec- me l’aria” ha detto il respon- in cui l’esortazione del titolo è un appello alla Il racconto della mafia, delle sue regole, della Un venticinquenne laureato no “crede che chiunque abbia responsabile della ricerca. Simonetta Matone non è IL GUAIO è che nel PD
zione di sfiducia e su quella catuccio: “Il centrodestra si sabile Paolo Ruffini. Forse scelta, un invito perentorio a liberare le co- sua ferrea disciplina – “nel più indisciplinato in Scienze informatiche che lasciato l’islam sia una spia sarebbe più la capo convergono troppe anime
“di fiducia”, discutibile figura schiera con il ministro”. Non c’è una punta di esagerazio- scienze dal giogo del facile, comodo qualun- dei paesi” – evoca il tragico perché evidenzia nel tempo libero dà una mano dell’occidente”. Il reporter gabinetto del ministero di diverse ed inconciliabili,
costituzionale. Si vota – così è vero: i finiani (sono già a ne che nasce dal contrasto quismo. Una rappresentazione tragica, quasi la forza e la suggestione dell’antico sulla fra- al padre nella bottega da bar- del NYT spiega come i citta- “Usava certi software per Mara Carfagna. Separazione consensuale dalla classica vecchia DC
è stato deciso – all’unisono: sinistra?) hanno difeso Savia- con il resto, quella televisio- senza speranza, di un contropotere crimina- gilità e le insufficienze del moderno. biere; e la rabbia dei suoi con- dini di Qalqilya siano infuriati spiare gli altri”, e dal compu- o incompatibilità più profonde? Ah, alla sinistra più dura e pura.
ci sarà uno starter con il col- no come un sol uomo. ne alla berlusconiana dove i le che agisce come una comunità di dei e se- La mafia è il tragico perché sa essere crudele cittadini ormai convinti che il con il ragazzo: “Se non si pen- ter che utilizzava è stato clic- saperlo... In queste condizioni il
po di pistola? Il Tg1 ricorda problemi sono finti, i condut- midei che governa il mondo degli uomini, in e inflessibile contro i “traditori”, mentre la ragazzo sia un apostata. Sta di- te, è giusto che passi il resto cato il sito incriminato. 2) Dite che Romano Prodi è scomparso? Balle. Se partito si frazionerà in vari
che, proprio il 14, la Consul- g2 tori finti, il pubblico finto, gli cui vengono fissati i limiti della colpa e della modernità è come amleticamente rosa dal ventando un caso la storia di della sua vita in prigione”; Le autorità locali stanno inda- passate da Washington giovedi prossimo alle 16.30 sarà satelliti, o se unito, perderà
ta deciderà sul legittimo im-
pedimento. Sarà una giorna-
T Diciamo che il Tg2 è
sempre più completo per
opinioni sti senza opinioni, i
litigi senz’anima. In una te-
responsabilità di affiliati, conniventi e ignavi.
Perché sia chiaro che
dubbio e dal differimento dell'azione. E lo è
perché si permette il lusso di strutturarsi su
Waleed Hasayin, da fine otto-
bre detenuto nel quartiere ge-
“Qua siamo tutti credenti,
quindi siamo tutti contrari a
gando “con la massima cau-
tela”: temono una reazione
alla Brookings Institution insieme al Barone Etienne
Davignon. I due ex, Presidente e vice Presidente
clamorosamente tutte le
prossime votazioni.
ta deflagrante. Com’era pre- non dire più corretto. Parte levisione normale, Saviano e non esistono terze ragioni “morali”, che si fondano su antiche nerale dell’intelligence della quello che ha fatto”, dicono in violenta della popolazione. dell'Unione Europea verranno a parlare di rapporti tra Ginepro
vedibile, sulla trasmissione di male (“il monologo di Savia- Fazio formerebbero un duet- Lo scrittore vie fra il bene e il ma- leggende di cavalieri e giuramenti di sangue, locale autorità palestinese. paese. Il padre non crede che Come quando vennero pub- Europa e Stati Uniti. Caffè doppio a tutti gli intervenuti.
Fazio e Saviano (nel servizio no sulla Lega” non era solo to normalissimo, non un fe- Roberto Saviano le. sostituendo l'obbedienza alla propria fami- Come spiega il New York Times, possa essere lui e spiega che blicati “I versetti satanici” di 3) Chissà perché Maria Grazia Calabria, Anna Maria è IL PD qualunque cosa
di Alessandra Di Tomma- sulla Lega), ma finisce bene, nomeno. Hanno mostrato (e autore di Gomorra È un manifesto poeti- glia con quella mafiosa. Costringendo se stes- Waleed è sospettato di essere non sarebbe in grado di riscri- Salman Rushdie o come quan- Rossi e Gabriellina Giammanco - il trio meravigliao faccia, i suoi elettori non lo
so) è sceso un velo. Accenno con un po’ di Maroni che mostreranno ancora) che esi- co e politico, che me- sa all’infelicità – e anche per questo è il tra- un blogger blasfemo – in Pa- vere versi del Corano: “Ha stu- do, nel 2005, un quotidiano delle fedelissime del Sultano di Arcore - da un po' di seguono e lo puniscono.
fuggevole ai successi straor- vuole ricorrere al Quirinale ste un’altra televisione che, dia fra cultura alta e gico – perché condanna a vivere i suoi boss lestina l’offesa alla religione è diato informatica, non è un fi- svedese pubblicò delle vi- tempo sono molto preoccupate... Simmetricamente, Berluska
dinari della trasmissione che (figurarsi se Napolitano lo senza la subcultura berlusco- bassa, tra raffinatez- per anni in piccoli bunker, in cui non potran- considerata illegale – perché, losofo”. Il gestore dell’inter- gnette anti-islam. Waleed in- 4) Dicono che Guarguaglini abbia fatto mettere agli qualunque cosa faccia, lo
ha sfondato tutti gli share, gli sta a sentire e poi telefona a niana, avremmo già da tem- ze avanguardistiche no godere delle proprie smisurate ricchezze, utilizzando lo pseudonimo net cafè (con biliardo) dove il tanto è in carcere. Non può angoli della sua stanza del sale contro il malocchio, seguono e lo premiano.
auditel e i prime time dell’u- Garimberti o a Masi, ma an- po. Luciano Fraschetti ha (nell’insistenza delle né vedere o incontrare se non di rado i figli. Waleed al-Husseini, su Face- ragazzo si collegava alla Rete, ricevere visite, né corrispon- dicono... Oppure: più cade Berluska,
niverso. Incombeva solo la diamo) e Saviano che preci- seguito il vertice quirinalizio. letture di elenchi, al- Un potere senza alcun potere, se non di mor- book ha promosso aperta- racconta di avere dei sospetti: denza. I gruppi palestinesi più cade a ruota il PD. Sta
voce protestante di Maroni sa: ci sono gli atti dell’anti- È stato un vertice compro- la Eco) e tradizione te, “fatto solo di testa”. mente l’ateismo, ha compo- “Non voleva che nessuno per i diritti uma- tutta qui la differenza: in
contro Saviano per un’ovvie- mafia. Soprattutto, il Tg2, missorio e complicatissimo becera e popolare. Un mondo governato dagli “dei” che gli uo- sto versetti ironici del Corano guardasse il suo schermo: ni, per ora, tac- uno specchio. Solo che
tà: la ‘ndrangheta (come la niente affatto invidioso del con cui, si spera, il lungo ad- Un dramma didatti- mini, tuttavia, se vogliono, possono ricon- e ha preso di mira “lo stile di pensavo che guardasse siti ciono. Berluska l’ha capito, il PD
mafia) cerca sempre – ha det- successo della terza rete, ha dio del signor B. possa evi- co che usa il comico, quistare. Come? “Ne stiamo parlando – con- vita del profeta Maometto” porno e mi sono fatto i fatti f.mello Un gruppo per Waleed Hasayen; no. La soluzione è rompere
to Saviano – l’appoggio della ricordato i record della se- tare sconquassi irreparabili. ma ha come sfondo il clude Saviano – e già questo è un miracolo”. chattando online con il nic- miei”. Ma aggiunge anche: @ilfattoquotidiano.it i Beatles lo specchio, sperando che
su AppleStore; non arrivino 7 anni di sfiga.
il blog di Grillo Angelo67

LA TV DI OGGI I FILM
SC1= Cinema 1
LO SPORT
SP1=Sport 1 GRILLO DOCET
è IL GUAIO sta proprio
nella ricerca del candidato
che piaccia agli elettori
SCF=Cinema Family
SCH=Cinema Hits SP2=Sport 2
SCMa=Cinema Mania
SCM=Cinema Max
SP3=Sport 3
L’ASCENSORE dell’altro partito. Se lo
LUNARE trovi qualche votuccio
16.10 Anno Uno SC1 18.00 Basket, Serie A maschile
Se non avete mai sentito parlare di forse lo rubi all’Udc,
16.45 Space Chimps SCH 2010/2011 5a giornata Fabi
Elio 3 e di ascensori lunari, Frank nessuno al Pdl e ne perdi
12.00 VARIETÀ La prova 14.00 ATTUALITÀ Pome- 14.00 NOTIZIARIO TG 19.30 NOTIZIARIO TG3 11.00 REAL TV Forum 13.50 CARTONI ANIMATI 11.30 NOTIZIARIO TG4 - 11.30 TELEFILM Ultime dal 17.10 Insoliti criminali SCMa Shoes Montegranaro - Air
Schätzing, uno scrittore di successo una marea nell’elettorato
del cuoco riggio sul Due Regione - TG3 - Meteo 3 20.00 RUBRICA Il caffé - 13.00 NOTIZIARIO TG5 - I Simpson Meteo cielo 17.20 Spider-Man SCM Avellino (Sintesi) SP2
13.30 NOTIZIARIO TG1 16.10 TELEFILM La signora 14.55 EVENTO SPORTIVO Altre voci (REPLICA) Meteo 5 14.20 TELEFILM My name 12.00 TELEFILM Wolff - Un 12.30 ATTUALITÀ Life
mondiale, vi sembrerà solo un signore di sinistra che non si sente
17.30 Mimzy - Il segreto del- 18.30 Calcio, Liga 2010/2011 dotato di grande fantasia. A me ha rappresentato. Porca vacca,
14.00 NOTIZIARIO TG1 in giallo Calcio, Incontro amiche- 20.30 RUBRICA Ippocrate 13.40 SOAP Beautiful is Earl poliziotto a Berlino 13.30 NOTIZIARIO TG La7 l’Universo SCF 11a giornata Sporting Gijon -
Economia - TG1 Focus 17.00 TELEFILM Numb3rs vole Under 21: Italia - 20.57 NOTIZIARIO Agrime- 14.05 REALITY SHOW 14.50 SIT COM Camera Cafè 12.55 TELEFILM Un detec- 13.55 FILM Il terrore corre ricordato Jules Verne e le sue incredibili previsioni (per i sei un partito di sinistra,
17.50 G-Force: Superspie in Real Madrid (Replica) SP3 nostri bisnonni), tutte (o quasi) avverate in seguito. In progressista e innovatore
14.10 ATTUALITÀ Bontà 17.45 NOTIZIARIO TG2 Turchia (DIRETTA) teo Grande Fratello - Pillole 15.30 SIT COM Camera tive in corsia sul filo
missione SC1 20.30 Rugby, Test Match 2010 “Limit” Frank descrive la fine dell’età del petrolio in che esprime la filosofia
loro Flash L.I.S. 17.00 NOTIZIARIO TG3 GT 21.00 NOTIZIARIO News 14.10 SOAP CentoVetrine Cafè Ristretto 13.50 REAL TV Sessione 16.00 DOCUMENTARIO
14.40 ATTUALITÀ Se... a 17.50 NOTIZIARIO SPORTI- Ragazzi lunghe da 24 14.45 TALK SHOW Uomini 15.40 CARTONI ANIMATI pomeridiana: il tribunale Atlantide - Storie di uomi- 18.10 Una sola via d’uscita SCH Italia - Argentina (Sintesi) SP2 modo molto realistico e sembra di sentire raccontare un (molto vaga) indicata in tv
casa di Paola VO Rai TG Sport 17.10 DOCUMENTARIO 21.27 PREVISIONI DEL TEM- e Donne 16.40 TELEFILM Il mondo di Forum ni e di mondi 18.55 Soul Men SCMa 21.00 Calcio, Incontro altro mondo, un’altra umanità. Noi, che viceversa, siamo da Bersani, o solo un
16.35 ATTUALITÀ TG Par- 18.15 NOTIZIARIO TG2 Cose dell’altro Geo PO Meteo 16.15 REALITY Amici di Patty 15.10 TELEFILM Hamburg 18.55 DA DOHA EVENTO 19.25 Hidden Camera SCM amichevole Inghilterra - Francia quel mondo e quell’umanità, non ci rendiamo conto della gruppo di burocrati
lamento 18.45 REALITY SHOW 17.40 DOCUMENTARIO 21.30 RUBRICA Tempi 16.55 ATTUALITÀ Pome- 17.35 TELEFILM Ugly Betty Distretto 21 SPORTIVO Calcio, Incontro 19.25 Bride Wars SCF (Diretta) SP1 realtà che cambia e continuiamo a ripetere come degli terrorizzati dalle
16.45 NOTIZIARIO TG1 - Extra Factor Geo & Geo dispari riggio Cinque 18.30 NOTIZIARIO Studio 16.15 FILM Grand Hotel amichevole Argentina - 19.25 Il mondo dei replicanti SC1 21.00 Calcio, Serie A 2010/2011 schizoidi i soliti comportamenti, i soliti errori, a partire responsabilità di una
Che tempo fa 19.35 TELEFILM Squadra 19.00 NOTIZIARIO TG3 - 22.30 NOTIZIARIO News 18.50 GIOCO Chi vuol Aperto - Meteo Excelsior Brasile (DIRETTA) 19.50 Robin Hood SCH Posticipo 12a giornata Inter - dal nucleare. Come sarà il mondo del post petrolio eventuale maggioranza,
17.00 EVENTO 53° Zecchi- Speciale Cobra 11 TG Regione - Meteo lunghe da 24 essere milionario 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- 18.55 NOTIZIARIO TG4 - 20.00 NOTIZIARIO TG La7 21.00 Young Guns 2 SCMa Milan (Replica) SP3 descritto da Frank? Un po’ peggio, un po’ meglio, comunque felici di ricevere
no d’oro 20.30 NOTIZIARIO TG2 20.00 VARIETÀ Blob 22.57 PREVISIONI DEL TEM- 20.00 NOTIZIARIO TG5 - VO Studio Sport Meteo 20.30 ATTUALITÀ Otto e 21.00 Trappola criminale SCM 22.00 Basket, NBA 2010/2011 certo completamente diverso da ora. Intervista uno stipendio gratis
18.50 GIOCO L’eredità 21.05 FILM Sex and the 20.10 TELEFILM Seconde PO Meteo Meteo 5 19.30 TELEFILM Big Bang 19.35 SOAP OPERA Tempe- mezzo
20.00 NOTIZIARIO TG1 City chance
21.00 L’uomo che sussurrava Milwaukee Bucks - Los Angeles a Frank Schätzing. all’opposizione?
23.00 RUBRICA Il punto 20.30 VARIETÀ Striscia la Theory sta d’amore 21.10 ATTUALITÀ Exit -
20.15 EVENTO SPORTIVO 23.30 NOTIZIARIO TG2 20.35 SOAP OPERA Un 23.27 PREVISIONI DEL TEM- Notizia - La voce dell’im- 20.05 CARTONI ANIMATI 20.30 TELEFILM Walker Uscita di sicurezza (DIRET-
ai cavalli SCF Lakers (Replica) SP2 Blog: “In Italia stanno riportando l’energia Thomas
Calcio, Incontro amiche- 23.45 ATTUALITÀ Stracult posto al sole PO Meteo provvidenza I Simpson Texas Ranger TA) 21.00 Wild Target SC1 23.00 Calcio, Incontro nucleare che in Germania vogliono dismettere,
vole Da Klagenfurt 0.45 CULTURALE La Sto- 21.05 ATTUALITÀ Chi l’ha 23.30 NOTIZIARIO News 21.10 FILM La vita è bella 20.30 GIOCO Trasformat 21.10 FILM Il fuggitivo 0.00 NOTIZIARIO TG La7 21.20 Beverly Hills Chihuahua SCH amichevole Inghilterra - Francia perché non hai pensato a questa fonte prima di è MA QUANDO si
(Austria) Italia - Romania ria siamo noi - Vita da visto? brevi 23.30 ATTUALITÀ Matrix 21.10 DOCUMENTARIO 23.50 RUBRICA I bellissimi 0.10 VARIETÀ Victor Vic- 22.40 Il cattivo tenente SC1 (Replica) SP3 cercare sulla Luna l’Elio 3? renderanno conto i
(DIRETTA) first lady 23.15 VARIETÀ Parla con me 23.33 ATTUALITÀ Inchiesta 1.30 NOTIZIARIO TG5 Wild - Oltrenatura (NUO- di R4 toria 22.50 Dalla Cina con furore SCMa 0.00 Poker, Sisal Poker Texas “Frank Schätzing: In primo luogo devo dire che dirigenti del PD che così
22.55 ATTUALITÀ Porta a 1.15 ATTUALITÀ TG Par- 0.00 ATTUALITÀ TG3 23.57 PREVISIONI DEL TEM- Notte - Meteo 5 Notte VA EDIZIONE) 23.55 FILM Nightwatch 1.25 ATTUALITÀ Prossima 22.55 Nanny McPhee SCH Cash. Ep. 1 SP2 anche in Germania, al momento, stiamo andranno sempre più ad
Porta lamento Linea notte PO Meteo 2.00 VARIETÀ Striscia la 0.00 VARIETÀ Zelig Off 1.45 NOTIZIARIO TG4 Fermata 22.55 The Descent SCM 0.45 Calcio, Bundesliga reintroducendo l’energia nucleare, non solo in Italia. E affondare il partito? Ma
0.30 NOTIZIARIO TG1 1.25 REALITY SHOW 1.00 RUBRICA Appunta- 0.00 NOTIZIARIO News Notizia - La voce dell’im- 1.30 RUBRICA SPORTIVA Night News 1.45 ATTUALITÀ La 25a 23.50 Neverwas SCF 2010/2011 12a giornata penso che, a mio parere, questo sia un errore, perché ascoltate qualche volta
Notte - TG1 Focus Extra Factor (REPLICA) mento al cinema lunghe da 24 provvidenza (REPLICA) Poker1mania 2.10 FILM Lama tagliente ora - Il cinema espanso dobbiamo spendere molte più energie e risorse e l’opinione pubblica invece
0.35 Infiltrato speciale SCM Bayern Monaco - Norimberga
1.00 PREVISIONI DEL TEM- 1.55 RUBRICA SPORTIVA 1.10 RUBRICA Rai Educa- 0.27 PREVISIONI DEL TEM- 2.40 TALK SHOW Uomini 2.20 NOTIZIARIO Studio 3.55 TELEVENDITA 3.45 ATTUALITÀ Otto e denaro nelle tecnologie alternative, invece così in di cercare di salvare le
0.40 Il destino dei Kissels SCMa (Replica) SP3
PO Che tempo fa RaiSport Reparto Corse tional Gate C PO Meteo e Donne (REPLICA) Aperto - La Giornata Mediashopping mezzo (REPLICA) questo proprie poltrone!!!!
momento la è SCHIARITA SULLE WEB RADIO No-B-Day
situazione è che A FINE MESE SI DECIDE SUL DOWNLOAD

TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE RADIO per i prossimi 12-15
anni avremo energia
nucleare in
Pericolo scampato? Dovrebbe essere
sfoltito, rispetto all’ipotesi iniziale, il testo
del regolamento per le web tv e le web radio
è FINCHÉ sono divisi su
tutto, finché non hanno
argomentazioni certe e
è OGGI COMINCIA ROBOTICA
/ La vita è bella  Italia - Romania  Vita da first lady A “Radio2 Live” il concerto di I PROTOTIPI PER LE NOSTRE CASE
Germania”.
Video e testo
all’esame dell’Autorità per le garanzie nelle
comunicazioni che aveva suscitato allarme in
sensate, finchè ci sono
segretari come Bersani,
Arezzo, fine anni Trenta. Guido Orefice, Importante test amichevole per l’Italia Prosegue l’appuntamento settimanale
ebreo, incontra Dora, una maestra. Per di Cesare Prandelli, che affronta a Kla- con “Vita da first lady”.A parlare, in Macy Gray Chissà come sarà il mondo tra
qualche decenio: probabilmente
dell’intervista su rete negli scorsi giorni (prevede un “costo di ecc. ecc. quando volete
lui è un vero colpo di fulmine. Lei, pro- genfurt in Austria la Romania. Un questa puntata, è Vittoria Leone, mo- Radio2 Live trasmetterà in esclusiva il concerto di BeppeGrillo.it autorizzazione” per aprire una web radio dai che vinca il PD?? Si diceva
non ci sarà Berlusconi – Silvio – e
messa a un altro, cede alla sua corte. Si avversario di qualità per provare nuove glie dell’ex presidente della Repubblica Macy Gray, in diretta dall’Auditorium Parco della Musi- 750 ai 1500 euro). A quanto riferisce l’Ansa, tanto di Prodi che non
magari proliferanno i robot.
sposano e dal loro amore nasce il picco- soluzioni e avere risposte importanti da Giovanni Leone, che, per la prima volta ca di Roma. La serata sarà presentata da Silvia la nuova disciplina – attuativa del decreto sapeva comunicare, che ci
alcuni giocatori. Molte le novità a parti- in modo così approfondito davanti alle Fantascienza a parte, la verità è
lo Giosuè. Da quel primo incontro tra- Boschero. Lo show della diva americana del nu-soul, Romani sui servizi media audiovisivi – si addormentava ad
re dall’oriundo Cristian Ledesma della telecamere, racconta il prima e il dopo che le macchine intelligenti sono già diffuse nel
scorrono sei anni di gioia e serenità. Poi in Italia per un nuovo tour, rappresenta un grande dovrebbe riguardare solo le emittenti che ascoltarlo ecc beh può
la tragica svolta. Guido e Giosuè vengo- Lazio e da Alessandro Diamanti del dimissioni del marito, gli anni della mondo: robot spazzini, cani affettuosi,
/ Sex and the City / Nightwatch  Wild - Oltrenatura evento musicale. Quella di Roma del 17 novembre è l’ul- svolgono un’attività in qualche modo darsi, ma Bersani non è da
no deportati in un Campo di concen- Brescia che faranno il proprio esordio. depressione e dell’isolamento, la riabili- microchirurghi... Tutti protagonisti di “Robotica”, fiera
Carrie, Samantha, Charlotte e Miranda Per arrotondare, Martin, laureando in Con “Wild - Oltrenatura”il telespettato- tima data della cantante nel nostro Paese dopo le tappe paragonabile con quella delle altre meno con la sua flemma. È
tramento. Sebbene non sia ebrea, Dora Ritornano in azzurro Mario Balotelli e tazione comunque tardiva:“ha avuto sui Robot Umanoidi e di Servizio che si apre oggi al
sono alle prese con gli immancabili pro- legge, accetta un lavoro part-time come re si troverà proiettato nella natura sel- di Milano e Firenze. La cantautrice, che ha vinto 2 piattaforme. L’AgCom ha aggiornato al 25 questo il momento buono
decide di seguirli volontariamente... Alberto Aquilani. una tale delusione dal partito...” polo fieristico di Rho, nel milanese. In mostra ci sono
blemi di cuore. Samantha si divide guardiano notturno in un obitorio. Pri- vaggia in cui la posta in palio è la so- Grammy e venduto in tutto il mondo 15 milioni di novembre la discussione sulle regole e gli di tirar fuori le palle, di
Canale 5 21,10 Rai 1 20,15 Rai 2 0,45 sia i prototipi che i modelli destinati alla reale
ormai tra New York e Los Angeles, dove ma di andarsene, il suo predecessore pravvivenza e in questa realtà, l’uomo, dischi, ha pubblicato quest’anno il suo ultimo album obblighi “per ulteriori approfondimenti e incattivirsi anche un pò, di
commercializzazione, utili per la casa, la salute, la
il suo amato Jerry, è ora una star di racconta che durante la notte avvengo- è solo una delle tante creature del pia- “The Sellout”, un grande ritorno sulla scena discografi- riflessioni”. Per quella data si capirà anche fare della politica insomma.
Hollywood. Miranda e Steve attraversa- neta che lotta per salvarsi e utilizzando ca dopo tre anni. Quella di Macy Gray è una delle
sicurezza. Momento di sinergia fra industria, ricerca
no fatti strani. Intanto in città un quali sono gli orientamenti dell’Agenzia in E invece attende la mano
no un periodo difficile che li porterà a serial-killer sparge il sangue di vittime tutte le sue capacità.Il programma, grandi voci femminili che hanno segnato la rinascita scientifica e innovazione tecnologica, “Robotica” offre
merito alla “protezione del diritto di dal cielo. Così l’unica mano
una lacerante separazione. La famiglia innocenti. Martin si trova coinvolto in mostrerà anche in questa edizione, del soul alla fine degli anni ’90 con album come “On aree espositive e di dimostrazione, workshop,
autore”. Ma il relatore del provvedimento che incontrerà sarà quella
di Charlotte e Harry sta per allargarsi. eventi misteriosi: la sua amica Joyce diverse situazioni naturali e nel mo- How Life Is”,“The Id” e “The Trouble With Being convegni e il Robotic Challenge. (Valerio Venturi)
Stefano Mannoni ha dichiarato a proposito: di Berlusconi da una parte
Dopo qualche anno di felice convivenza viene uccisa e sul luogo del delitto Mar- mento denominato “real”si vedranno Myself” affermando una personalità artistica originale “Nessuno può pensare che anarchia sia e quella di Bossi con il
Carrie e Big decidono di sposarsi. tin trova scritto il nome di Albert Cray. documentari dai contenuti forti. e seducente. libertà, soprattutto quando passa attraverso medio alzato dall’altra.
Raidue 21,05 Rete 4 23,55 Italia 1 21,10 Radiodue 21,00 lo sfruttamento dei diritti altrui”. Sebastiano
pagina 18 Mercoledì 17 novembre 2010

SECONDO TEMPO

IL badante
PIAZZA GRANDE É di Oliviero Beha

QUE STIONE
DI LEADERSHIP
Operatore, ecologico e laureato L e vicende delle primarie milanesi del Pd, in attesa di quelle
bolognesi e di tutte le altre se si andrà a votare prima, si possono
leggere a più strati. Sul piano immediato c’è il problema del Pd e
della sua segreteria nazionale che pare avere un’irresistibile
di Pierfranco Pellizzetti Chi ha investito sulle vere. Sperando che le Susan- ritti bisogna iniziare a tutelarli vocazione tafazziana: il terremoto si muove dal centro (epicentro) e
ne Camusso non vogliano e promuoverli in prima per- la scossa arriva subito in periferia. Che fare? Andiamo prima agli altri
rima scoperta (sorpren- competenze è stato sona. Una considerazione ag-

P
candidarsi troppo al ruolo di strati. Il secondo è quello della irreversibilità o meno della leadership
dente): tra gli spazzini estintore. Terzo: quante bub- giuntiva, rivolta ai tanti libe-
della mia città, quelli il primo a rischiare bole sulla presunta centralità risti nostrani. Parafrasando il
di un uomo solo, alla Berlusconi. Nel caso, uno come Vendola pur con
tutt’altri contenuti (e vorrei vedere, ma voglio anche vedere come va
che già all’alba movi- nella mattanza di della scuola. Perché quanto fa macabro aforisma di James Jo-
a finire quando alzerà il capino più del dovuto e quindi potrebbe
mentano i cassonetti e spaz- fede sono le risorse che le yce secondo cui Roma gli fa-
scattare il cosiddetto “metodo Boffo” non necessariamente soltanto
zano le strade, ci sono laurea- posti di lavoro di vengono destinate: il primo ceva pensare a “un uomo che
da destra...) sta seguendo il cammino di Berlusconi: un uomo solo al
ti, perfino in Filosofia. Con segnalatore delle priorità rea- si mantenga mostrando ai
tutto il rispetto per professio- questi anni, in cui il li. Infatti ormai appare eviden- viaggiatori il cadavere di sua comando, cioè lui e tutti coloro che a lui si riferiscono. Legittimo, per
nisti degni al pari di chiunque te che il vero interesse è quel- nonna”, questi fondamentali- carità e comunque stiamo parlando di metodo, di forma della
altro, resterebbe da appurare modo di produrre è lo di fare provvista a spese dei sti del mercato che dovrebbe democrazia sub specie elettoralistica, che diventa poi per forza
quanto i progetti di vita ma- soggetti deboli e così finanzia- autoregolarsi continuano a sostanza. Ma c’è anche l’ipotesi che questa storia della leadership di
turati nel loro percorso for-
stato caratterizzato re il federalismo da assalto alla baloccarsi con un pensiero un uomo solo, del Berlusconi in mondovisione o di Vendola scaturito
mativo abbiano trovato ade- da forme diligenza nella versione leghi- ormai definitivamente defun- da Federico II, non sia irreversibile ma reversibile: cioè si possa
guata soddisfazione. Seconda sta. to. Come ne danno diretta pensare a una politica non legata alla persona, al personaggio, in
scoperta (più scontata): da occupazionali conferma le ampie casistiche definitiva al carisma o all’appeal solitamente centrifugato dalla tv.
un sondaggio informale su al- MA CHE DOVREBBE im- della vita reale. Immagine per immagine, in questo tipo di società (anche Saviano
lieve e allievi del mio corso di di tipo “servile” porre una riflessione allo stes- docet), sembrerebbe un’ipotesi da scartare a priori. Ormai, col vento
Specialistica non emerge nes-
sun conflitto tra generazioni,
piuttosto l’accomunamento
so mondo della scuola sul per-
ché è “soggetto debole”, tan-
to da esprimere una capacità IL FATTO di ENZO l che tira, il vuoto di contenuti che c’è, i programmi simili se non
confondibili, la sinistra e la destra evaporate in affari, la necessità di
semplificare la politica nel politico, in una faccia che richiami un
di padri e figli nella percezio- di influenzamento delle agen- Io credo che Berlusconi
ne di un identico destino de pubbliche tendente allo ze- elettorato che sta scappando dalle urne, pare che il berlusconismo
ogni tanto perda delle applicato anche agli altri non abbia alternative. Ma è proprio così? E
connotato dalla precarietà. ro. Di certo rivela una bassis-
Terza scoperta (non soltanto sima propensione a fare “mas- buone occasioni se fosse così nel futuro andremmo verso un Paese migliore anche
contabile): l’ammontare del sa critica” e raccordarsi con e ho dei seri dubbi che senza il Caimano? Andremmo verso una maggiore o minore
finanziamento statale alle altri settori della società na- sappia che cosa vuol dire democrazia, stando così la questione della leadership sia pure
borse di studio da erogare zionale. In altre parole, l’eter- fino in fondo fare il confezionata su altre figure? Possiamo cominciare ad abbozzare
per il 2011 scende dai 246 no equivoco per cui si attende presidente del risposte, magari sotto forma di domande retoriche: forse che non
milioni dell’esercizio prece- sempre comprensione grazio- Consiglio di siamo ridotti così, a una politica di guscio dove la polpa sono il
dente a 25, con un taglio che figli hanno capito che è stato samente concessa dall’alto, un Paese. denaro e il potere ma per sé, proprio perché la democrazia non c’è,
si aggira sul 90 per cento to- fatto un solo mazzo dei loro ignorando l’antico precetto di Strettamente né nelle urne né nei partiti che costituzionalmente anche se non in
tale. In più quello per l’anno destini e poi si è appiccato Luigi Einaudi che proclamava personale 2006 esclusiva (ma tutti sembrano dimenticarselo) ne rappresentano i
successivo verrà ulterior- fuoco alla fascina. In Italia sia- “la bellezza della lotta”: i di- principali strumenti operativi? Non siamo ridotti così, al partito
mente dimezzato, riducen- mo giunti a un livello depres- azienda in cui alcuni dirigenti vanno a cercarsi dividendi politici
dosi a 13 milioni scarsi. sivo che sfocia nell’apatia, in Roberto Saviano (FOTO ANSA)
altrove da un lato, e dall’altro all’ex più importante partito
un vano risentimento genera-
comunista dell’Occidente nel dopoguerra che non aveva democrazia
VALE LA PENA di connet- lizzato. Altrove – come in
tere le tre notizie per ricavar- Francia – si sta realizzando la interna prima ma non ne ha o non ne ha abbastanza neppure ora che
ne altrettante considerazioni. saldatura tra generazioni per si è autonominato “democratico”? Per non parlare della “terza
Amarissime. Primo: quante una comune lotta contro la osteria” aperta da poco, di cui si aspetta di conoscere oltre alle
fanfaluche sull’educazione! E precarizzazione: nelle scorse intenzioni politiche esterne anche il tasso di democrazia interna?
non soltanto la tiritera del duo settimane gli studenti hanno Insomma, ci ritroviamo a girare come su una giostra intorno alla
Tremonti-Gelmini che la rifor- marciato assieme ai lavoratori leadership di individui che fanno benissimo a meno di una
ma della scuola avrebbe pre- contro le politiche di innalza- democrazia a quanto pare non più indispensabile né all’interno né
miato il merito. Tiritera che mento dell’età pensionabile all’esterno della politica. Ma attenzione: se è così, dopo Berlusconi o
accomuna pure i critici pen- promosse dal governo filo Vendola verrà di sicuro qualcun altro che ci dimostrerà
sosi e buona parte della Sini- neoborghesia speculativa di operativamente che la sua leadership è più forte e riesce a supplire
stra, nazionale ed estera. Al- Nicolas Sarkozy. Certo, la Ma- anche i margini esigui di democrazia vendoliana sconosciuti nei
l’inizio degli anni Novanta era rianna è un simbolo rivoluzio- dintorni di Arcore. Nel frattempo avremo perso ogni memoria della
in voga un tormentone: qua- nario, come La Marsigliese è “vecchia democrazia” che ci sembrerà da rottamare per un “veicolo
lificandosi e imprenditorializ- un inno di ribellione. Però era nuovo”. È questo che vogliamo, mentre di fronte a questo processo
zandosi, la cosiddetta “risorsa bastata l’iniziativa della Fiom
(degenerativo?) le primarie stanno diventando “terziarie” nemmeno
umana” (orribile termine il 16 ottobre scorso per por-
aziendalistico) poteva gioca- tare un po’ di Senna nel Te- avanzate?
re al meglio la propria partita
in un mercato del lavoro che,
facendosi globale, esigeva
flessibilità in misura crescen-
te. Ossia il nocciolo delle ri-
cette di “Terza Via”: l’education
quale modalità sostitutiva del-
la politica economica antici-
Milano, anno 2010: implosione del Pd
clica di stampo keynesiano di Alessandro Dalai dalla società civile e ha preferito, come peraltro suc- pre rifiutato il confronto con le sue continue sconfitte.
nel ruolo di meccanismo re- cesso in tutta Italia, chiudersi a riccio mantenendo le Avendolo fatto più volte, cito il caso Penati, assurto
golativo automatico (una sor- o qualche titolo per parlare di Milano: ricordo di posizioni di vertice. Ovviamente il segretario, in que- addirittura alla segreteria di Bersani, personaggio a sua
ta di “coperta di Linus” per i
burocrati del fronte progres-
sista, con cui rimpiazzare le
rassicuranti certezze della
precedente stagione welfaria-
H essermi presentato come indipendente alle ele- sto caso Veltroni, ha appoggiato candidature a lui vi-
zioni provinciali del 1996 per l’allora se ricordo cine per la direzione e quindi, con le pive nel sacco,
bene Pds, e poi di essere stato di volta in volta molti di noi hanno ripreso la vita normale di tutti i gior-
una sponda di amici e compagni romani, come i se- ni. Milano ha sempre espresso nel centrosinistra po-
gretari e vicesegretari Veltroni e Folena, in trasferta al sizioni moderate, ma fino alla fine degli anni ‘90, una
volta fortemente legato, dai tempi dei valorosi capitani
della scalata Telecom, alle più importanti vicende in-
dustriali ed economiche del Nord. Questo mondo di
funzionari, dirigenti del Pd non ha mai voluto né sa-
puto (lo dicono i risultati, non io) affrontare e costruire
na). In effetti si potrebbe dire Nord. Con il rilancio de L’Unità nel 2001 mi sono poi capacità di governo della cosa pubblica (comune, pro- un vero rapporto con la città, immaginando sufficien-
che chi si è bevuto la ricetta addentrato inevitabilmente nella situazione milanese vincia, regione) che venivano dalla vecchia scuola del te la gestione del potere su Milano che gli veniva da
investendo sulle proprie com- che frequento politicamente dagli anni ‘70. Sono stato Pci, accompagnata dalla capacità di relazionarsi con i un’investitura romana. La divaricazione è proseguita
petenze e conoscenze è stato eletto nelle primarie del Pd tra i 2800 costituenti e centri produttivi e di cultura della città. Con la scom- con la vicenda delle primarie, rendendo esplosivi due
il primo a rischiare nella mat- quindi il ragionamento che mi sento di fare è che men- parsa di Alex Iriondo, personaggio e compagno mai fatti incontestabili. Primo: il Pd non riesce a produrre
tanza di posti di lavoro di que- tre sino agli anni ‘90 il Pci tendenzialmente escludeva sufficientemente ricordato, è venuta avanti una deriva un candidato e quindi subisce la candidatura di Giu-
sti anni. Anni, in cui il modo di l’ingresso di chi aveva militato alla sua sinistra, a mio che si rapportava all’area dalemiana, che dava per liano Pisapia, ritenendola evidentemente troppo sbi-
produrre è andato sempre più avviso con qualche ragio- scontata su Milano lanciata a sinistra. Secondo: il Pd interviene in ritardo
alla ricerca di forme occupa- ne, il Pd, la nuova vera sfi- la subalternità della con una candidatura a mio avviso troppo elitaria ri-
zionali di stampo “servile”; da dopo anni di galleggia- Invece di aprire sinistra rispetto al spetto a una città molto interclassista e dimostrando
dai call-center all’ipersfrutta- mento, è stata, anche per berlusconismo di- un’arroganza nei fatti che danneggia per primo l’in-
mento nelle Export Zone del Milano, un’opportunità alla lagante. Più chiara- colpevole Stefano Boeri. Il gruppo che sostiene Pisa-
Far East. Secondo: quante mi- purtroppo persa. Essen- mente: “Milano e il pia non ha fatto altro che affermare con forza la nor-
stificazioni sul tema dei rap- do stato eletto nella lista partecipazione Nord sono persi, malità della candidatura di una persona onesta che pur
porti intergenerazionali, con La Sinistra per Veltroni, popolare, occupiamoci del essendo stato un candidato di Rifondazione, non per
cui tipi alla ministro Sacconi abbiamo cercato di dare resto e a Milano questo è destinato a una inevitabile sconfitta. In fondo
giustificavano la destruttura- vita, all’interno del parti- il partito ha manteniamo buoni il fattore k è caduto con il Muro di Berlino e solo in Italia
zione del lavoro normato. Il to, a un’area che espri- rapporti con i pote- continuiamo a credere che si vinca con candidati di
messaggio era: riduciamo le messe una cerniera tra il cooptato una ri forti berlusconia- centro, presi possibilmente fuori dal mondo della po-
protezioni degli attualmente Pd e le formazioni a sini- ni”. Con questo atteggiamento il Pd è progres- litica per attirare un elettorato moderato che tanto ha
occupati per dare opportuni- stra, senza tuttavia riusci- classe dirigente che sivamente imploso, abbandonato da chi aveva dimostrato di non votarci lo stesso. Quindi maggior-
tà ai loro figli. Tesi propugna- re neanche a riunirci una ha sempre rifiutato sperato in una rinascita democratica della città. mente stupefacente è la vittoria di Pisapia che riesce a
te con piglio pensoso e con- volta. Questo perché l’a- Invece di aprire alla partecipazione popolare e unire circoli intellettuali alle periferie, i salotti “ahimè”
tinui richiami all’equità che nima Pci, Pds, Ds, orga- il confronto con le anche della parte migliore dei professionisti, ai circoli Arci, i giovani a quelli con i capelli grigi che un
nascondevano un puro e sem- nizzativamente preva- della finanza, della tecnologia, dell’informazio- candidato di Rifondazione non l’avrebbero mai votato
plice attacco ai diritti del e al lente, non ha capito l’op- sconfitte: e Pisapia ne, della moda, il Pd ha preferito racchiudersi ma che, come momento di rivolta per tutto quanto
lavoro sanciti dalla norma co- portunità dell’apertura nella sua cittadella assediata e sviluppare per sopra descritto, hanno deciso che con questa dirigen-
stituzionale. Ormai i padri e i al “nuovo” che veniva ha vinto le primarie cooptazione una classe dirigente che ha sem- za del Pd non se ne può più.
Mercoledì 17 novembre 2010 pagina 19

SECONDO TEMPO

MAIL BOX
LA VIGNETTA

Maroni,
il dito e la luna
Il ministro Bobo Maroni si è detto
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO
indignato e offeso per la storia
narrata da Roberto Saviano ieri a E ADESSO
“Vieni via con me”. È la solita sto-
ria: invece di guardare ai fatti si
attacca chi li racconta. Nel me-
DOVE ANDIAMO?
rito vorrei sottolineare il pro- aro Furio Colombo, vorrei Parlamento”, perché “in Parlamento si
gressivo peggioramento di quello
che, inizialmente uno degli espo-
C chiedere un suo autorevole
parere. Sono da sempre un elettore
parla”, è necessario rimuovere Berlusconi.
Molto prima lo avevano capito, detto e
nenti più ragionevoli, seri e degni di centrosinistra ma non ho fatto ripetuto sia alcuni protagonisti della sinistra,
di credito della Lega, è diventato patti di sangue con nessuna prontamente isolati come se fossero
ormai (io lo giudico così) un pes- parrocchia. Da uomo della strada portatori di contagio, sia milioni di italiani
simo ministro. Vorrei ricordare non posso che riconoscere in quello che, in eventi successivi, si sono presentati in
che come ministro dell’Interno di Fini l'unico percorso politico molte piazze italiane. Ricordate? Erano i
rappresenta tutti i cittadini e mi conseguente che, pur con tutte le famosi girotondi subito respinti e irrisi dai
sentirei più tranquillo se avesse furbizie politiche del caso, è partiti della sinistra e poi dal Pd. Derisi e
dichiarato invece che avrebbe arrivato a una logica conclusione. invitati a tornare a casa. Finalmente si è
immediatamente intrapreso gli La sinistra intera, invece, è ancora presentato Fini a raccontare all’Italia, dopo
accertamenti per controllare le in mezzo al guado, in preda alle un’esperienza diretta di quasi un ventennio,
denunce di Saviano e possibil- convulsioni correntizie e in cerca di chi è, che cosa fa e che cosa vuole dall’Italia
mente intervenire. identità. Silvio Berlusconi. Sembra di ascoltare Sylos il bene del Paese. Ora se a un cer-
Francesco Moletta Idv è ancorata all’anti Labini e Antonio Tabucchi quando quasi tutti L’abbonato to punto della legislatura un de-
berlusconismo combattente ma a sinistra prendevano le distanze ritenendo putato riscontra che le promesse
Il diritto non riesco a coglierne disegni fuori dalla democrazia non il fondatore e del giorno del programma non vengono at-
politici di più ampio respiro. capo del regime che ha stravolto e dirottato tuate e che il governo perde tem-
di staccare la spina Dunque conservare il mio voto l’Italia, ma chi osava usare la parola regime. po perché è affaccendato su pro-
Durante la trasmissione Ottoe- nell'area di sempre o dare fiducia a “Ma quale regime”, ci veniva detto. Al IVAN GATTA blemi particolari ora dell’uno ora
mezzo (La7) Pier Ferdinando Ca- Fini rinato dalle proprie ceneri massimo “sarà un cattivo governo”. Il fatto dell’altro ministro o premier,
sini, ha dichiarato: "Non mi im- fasciste? che tutto ciò, con un ritardo di quindici anni, L’abbonato del giorno, avrà il diritto svincolarsi da un
porta di andare a Vieni via con Andrea venga detto a destra è importante, è utile Ivan, ci manda oggi una mandato che non è vincolante se-
me. (Rai 3). Mi dispiace che que- all’Italia, la sta già cambiando. Il fatto che la foto scattata assieme a condo la Costituzione ? A mag-
sta sera vadano in onda solo Mina SO DI RIPETERMI perché sinistra (stiamo parlando prima di Ds e suo figlio mentre leggono gior ragione visto che la coscien-
Welby e Peppino Englaro, che le lettere come queste sono tante, in questo Margherita, poi dell’Unione, poi del Pd) si entrambi una copia del za e il libero convincimento di un
parleranno della cosiddetta dol- periodo di attesa, anche se non tutte così sia tenacemente rifiutata di dire le cose nostro quotidiano. E ci parlamentare sono fondamentali
ce morte e non chi, come Mario chiare. Credo che prima di una riflessione chiare ma anche ovvie, a proposito di Silvio scrive: “Nonostante il per il funzionamento della demo-
Melazzini, vuole vivere e non sulle idee, occorra però una chiarimento di Berlusconi, del suo conflitto di interessi, della mio infortunio causato da crazia. Chi tradisce il proprio
vuole staccare quella spina. Mi metodo. La tempesta è scoppiata nella sua maggioranza carica di incriminati, chi in strada è mandato sono invece quei parla-
piacerebbe che ci fosse un con- destra. È molto importante per tutti perché imputati, indagati, del suo governo ad imprudente, mi tira su il mentari che si sentono traditi da
fronto su questi grandi valori e dice, svela e conferma ciò che, detto da personam, è un fatto triste, una ragione di morale leggere le vostre quelli che non accettano più l’ap-
non una campana sola. A Pier sinistra, veniva definito (anche a sinistra) rimpianto. Ma non un motivo di andare a notizie. E queste partenenza a una maggioranza di-
Ferdinando sfugge che di norma “demonizzazione dell’avversario” oppure schierarsi a destra. Finalmente ci sarà una rallegrano anche il mio ventata col procedere della legi-
si parla dei problemi e non dei “delegittimazione del governo” e, ancora, destra rispettabile, ovvero torneremo in un piccolo, sempre slatura un club fideistico per il sal-
non - problemi. La questione af- “antiberlusconismo ossessivo” da cui mondo normale. In quel mondo abbiamo il sorridente vataggio del capo, costi quel che
frontata da Saviano riguarda la li- bisognava liberarsi. Fini ha dimostrato, con diritto di sperare che ci sarà una sinistra. nel costi, e che non vedono nemme-
bertà di una persona di decidere molta chiarezza, che il fenomeno politico leggere no che questo costo lo sta pagan-
della propria vita qualora questa che blocca l’Italia è Berlusconi. E che, prima Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano qualcosa do il popolo italiano. Il popolo è
sia perennemente attaccata ad di ogni progetto e proposta o “riforme da 00193 Roma, via Orazio n. 10 di vero che nel momento elettorale
una macchina, e sia resa insop- fare insieme” e di fare “con loro” e “in lettere@ilfattoquotidiano.it buono ha sposato una politica ed un pro-
portabile da malattia inguaribile, che è gramma di una coalizione ma è al-
situazione in cui venne a trovarsi rimasto. trettanto vero che se questa po-
il povero Welby. E questo è un Saluti”. litica o questo programma in cor-
grave problema. Nessuno invece so d’opera non viene rispettato
si sogna di impedire di vivere, a
chi è disposto a vivere in qualsiasi IL FATTO di ieri17 novembre 1878 cattivante delle veline o quello
materno e riproduttivo delle ve-
Raccontati e manda una foto a:
abbonatodelgiorno@
ilfattoquotidiano.it
non ha nessun potere ne di con-
trollo ne di veto. Ed ecco risplen-
condizione. Questo non è un Storia di un anarchico, cuoco di Lucania, che il 17 late – la donna intelligente, a lui, fa dere l’articolo della Costituzione
problema. novembre 1878 tentò di far la pelle a Umberto I di paura, e non gli interessa. Dopo (senza vincolo di mandato) solo i
Francesca Ribeiro
Savoia con un “coltellino buono solo per sbucciare le anni di femminismo, in Italia sia- parlamentari hanno questo pote-
mele”. Nome e cognome, Giovanni Passannante, mo ridotti a questo: per le donne re e i finiani lo stanno esercitando
Non è un Paese mazziniano di ferro, maldestro attentatore che in un “normali”, né veline né velate, chiesti (quelli traditi) se i traditori in nome e per conto del popolo.
per le Margherita Hack, per le agivano in osservanza della Co- Questa è la democrazia, volenti o
per donne giorno d’autunno si era avventato sulla carrozza del re,
Emma Bonino, per le donne di stituzione o no. I parlamentari nolenti Cicchitto o Gasparri.
in visita a Napoli. Per il monarca, solo un graffio alla
Uno spettro si aggira per l’Italia, cervello, insomma, non c’è po- sono eletti senza vincolo di man- Francesco Degni
spalla. Per lui, preso a mazzate dai corazzieri mentre
lo spettro del maschilismo. L’uo- sto: meglio allora trovarsi uno dato, e non può essere altrimenti.
gridava “Viva Orsini, viva la Repubblica universale”,
mo italiano, si sa, con le donne un straniero, magari meno “ma- Pena: l’annullamento stesso della
rapporto “normale” non è in gra- l’inizio di un’atroce odissea. Arrestato in un clima di cho”, ma certamente meno pri- funzione del parlamentare il qua-
do di averlo. Perennemente in bi- tumulti infuriati in tutto il Paese tra anarchici e mitivo, del solito noiosissimo la- le non è un ragioniere della po-
lico tra un mammismo esaspera- monarchici, torturato nel tentativo di fargli confessare tin lover nostrano. litica ma un essere pensante con IL FATTO QUOTIDIANO
to da un lato e un patetico pseu- un’inesistente congiura, condannato a morte e Enrica Rota una propria coscienza, con idee via Orazio n. 10 - 00193 Roma
do-machismo dall’altro, la figura graziato poi con un ergastolo, finì nel penitenziario di che devono essere ben chiare per lettere@ilfattoquotidiano.it
Portoferraio, isolato, caricato di 18 chili di catene, in
che tutto sommato meglio lo
una fetida cella sotto il livello del mare. Diventato una
Dedicato
rappresenta è quella del nostro
presidente del Consiglio, devo- larva e persa la ragione, morì nel manicomio di ai traditori
Montelupo Fiorentino, decapitato post mortem, con Direttore responsabile
tissimo alla sua mamma ma con- Molti componenti dell’attuale
temporaneamente donnaiolo, l’intento, in ossequio alle teorie lombrosiane, di maggioranza hanno etichettato i Antonio Padellaro
gaudente e, a più di 70 anni, og- cercare, nella sua testa mozzata, la “fossetta della ministri ed i deputati del Fli, i fi- Vicedirettore Marco Travaglio
getto di invidia per la maggioran- devianza criminale”. Per il povero cranio e cervello, niani, con la denominazione di
za dei “maschi” italiani. I quali, in esposti come lugubri reperti per quasi un secolo nel “traditori”. Cioè essi avrebbero Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
mancanza di meglio, si sollazzano museo criminologico di Roma, nessuna pietà. tradito in quanto non condivido- Progetto grafico Paolo Residori
e gratificano guardando alla tele Giovanna Gabrielli no più la politica e i comporta- Redazione
innumerevoli veline semi-nude menti della coalizione di governo. 00193 Roma , Via Orazio n°10
che sgambettano e saltellano per Quindi, per non tradire, avrebbe- tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
il loro diletto e godimento serale. in giro per le nostre città. La ve- vano tentato di far capire agli uo- ro dovuto continuare a sostene- e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
sito: www.ilfattoquotidiano.it
Però, come sposa, l’uomo italia- lina e la velata sono, anche se ap- mini che loro possiedono, altre a re leggi ad personam (tra l’altro
no si sceglie una donna tutto parentemente contrapposte, in un corpo, anche un cervello, e non inserite nel programma di Editoriale il Fatto S.p.A.
sommato molto simile alla sua realtà due facce della stessa me- che è sulla base di questo che do- governo) o avallare comporta- Sede legale: 00193 Roma , Via Orazio n°10
mamma: “seria”, “casalinga”, daglia, ed entrambe parte del vrebbero essere valutate, l’uomo menti non condivisibili da parte Presidente e Amministratore delegato
“posata”. Insomma, mica poi tan- “mito” maschilista dell’uomo ita- italiano non ne vuole sapere: lui, del premier (anche questi non Giorgio Poidomani
to diversa dalle islamiche velate liano: dopo anni di femminismo, infatti, delle donne, vede solo il esplicitati nel programma di go- Consiglio di Amministrazione
che vediamo sempre più spesso infatti, in cui le donne hanno in- corpo, che sia quello lascivo e ac- verno). Non si sono nemmeno Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
Queste sono le forme di abbonamento • Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
previste per il Fatto Quotidiano. Prezzo 120,00 € • 4 giorni telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 170,00 € • 6 giorni • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
• Bonifico bancario intestato a:
alla settimana (da martedì alla domenica). Editoriale Il Fatto S.p.A., con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
• Modalità Coupon *
Per qualsiasi altra informazione in merito
Prezzo 320,00 € • annuale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
• Abbonamento postale annuale (Italia) può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Prezzo 180,00 € • semestrale Ag. 105 Via Sardegna Roma
+39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Prezzo 200,00 € • 4 giorni Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € • 6 giorni • Abbonamento online PDF annuale +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
Prezzo130,00 € • Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Orazio n° 10, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
2ª rata entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano