Vous êtes sur la page 1sur 141

a

Manuale di
NEXT
ExtraCAD IV

1
INDICE
INTRODUZIONE ..............................................................................................................................................8

Configurazione minima .................................................................................................................................8


Installazione su Hard Disk ............................................................................................................................9
Disinstallazione del programma..................................................................................................................10
Disabilitazione della notifica di inserimento automatico .............................................................................11
Finson Live Update .....................................................................................................................................12
Assistenza sui prodotti ................................................................................................................................13

FINSON CONNECT .......................................................................................................................................14

Come installarlo ..........................................................................................................................................14


Come configurarlo per connetterti ad Internet per la prima volta ...............................................................14
Come connetterti ad Internet le volte seguenti ...........................................................................................16
Gli altri pulsanti di Finson Connect .............................................................................................................16
Menu ...........................................................................................................................................................17
Finestra .......................................................................................................................................................17

FONDAMENTI DI EXTRACAD.......................................................................................................................18

Ambiente di disegno ...................................................................................................................................18


Barra del menù ........................................................................................................................................19
Barre degli strumenti ...............................................................................................................................20
Area di comunicazione ............................................................................................................................20
Area delle finestre dei disegni .................................................................................................................21
Disegnare con ExtraCAD............................................................................................................................22
Il foglio di disegno e le viste ....................................................................................................................23
La griglia delle viste.................................................................................................................................25
Il sistema di riferimento ...........................................................................................................................25
L’esecuzione dei comandi .......................................................................................................................26
Chiudere un disegno ...............................................................................................................................27
Inserimento dei dati .................................................................................................................................28
Dati di tipo numero ..................................................................................................................................28
Dati di tipo coordinate..............................................................................................................................30
Dati di tipo lunghezza o distanza ............................................................................................................32
Dati di tipo angolo....................................................................................................................................33
Dati di tipo area .......................................................................................................................................34
Dati di tipo carattere ................................................................................................................................34

2
Dati di tipo testo.......................................................................................................................................34
Dati di tipo entità......................................................................................................................................35
Dati di tipo gruppo di entità......................................................................................................................35
I punti geometrici notevoli........................................................................................................................37
I vincoli relativi .........................................................................................................................................39
I punti di modifica.....................................................................................................................................40

IL MENÙ FILE.................................................................................................................................................44

I comandi di gestione dei file di disegno .....................................................................................................44


Nuovo ......................................................................................................................................................44
Apri ..........................................................................................................................................................44
Salva........................................................................................................................................................45
Salva con nome.......................................................................................................................................45
Salva tutto................................................................................................................................................46
Chiudi ......................................................................................................................................................46
Chiudi tutto ..............................................................................................................................................46
I comandi di importazione e di esportazione ..............................................................................................46
Importa da Appunti ..................................................................................................................................46
Importa BMP............................................................................................................................................47
Esporta in Appunti ...................................................................................................................................48
Esporta BMP ...........................................................................................................................................48
Esporta DXF ............................................................................................................................................49
I comandi di stampa ....................................................................................................................................50
Opzioni di stampa....................................................................................................................................50
Stampa ....................................................................................................................................................53
Il comando Esci...........................................................................................................................................54

I MENÙ VISUALIZZA E FINESTRA ...............................................................................................................56

I comandi del menù Visualizza ...................................................................................................................56


Zoom area ...............................................................................................................................................56
Zoom tutto ...............................................................................................................................................56
Zoom in....................................................................................................................................................56
Zoom out .................................................................................................................................................57
Vista iniziale.............................................................................................................................................57
Pan ..........................................................................................................................................................57
Pan dinamico...........................................................................................................................................57
Il comando Ridisegna..............................................................................................................................58
I comandi del menù Finestra.......................................................................................................................58

3
Nuova finestra .........................................................................................................................................58
Affianca finestre.......................................................................................................................................58
Sovrapponi finestre .................................................................................................................................58
Disponi icone ...........................................................................................................................................59
Attivazione di una finestra .......................................................................................................................59

IL MENÙ INSERISCI: ENTITÀ DA TRATTO..................................................................................................60

I comandi per disegnare le linee .................................................................................................................60


Linea........................................................................................................................................................60
Linea lunghezza e angolo .......................................................................................................................61
Linea ortogonale......................................................................................................................................61
Linea doppia ............................................................................................................................................63
Linea parallela .........................................................................................................................................64
Linea bisettrice ........................................................................................................................................64
Rettangolo ...............................................................................................................................................64
Poligono...................................................................................................................................................65
I comandi per disegnare i cerchi .................................................................................................................65
Cerchio con centro e raggio ....................................................................................................................66
Cerchio con centro e diametro ................................................................................................................66
Cerchio con 2 punti di diametro ..............................................................................................................66
Cerchio con 2 punti e raggio ...................................................................................................................66
Cerchio con 3 punti .................................................................................................................................67
I comandi per disegnare gli archi ................................................................................................................68
Arco con centro, raggio, angoli ...............................................................................................................68
Arco con 3 punti ......................................................................................................................................68
Arco con centro, inizio, fine .....................................................................................................................69
Arco con centro, inizio, angolo ................................................................................................................69
Arco con centro, inizio, corda ..................................................................................................................69
Arco con inizio, fine, raggio .....................................................................................................................70
Arco con inizio, fine, angolo ....................................................................................................................70
I comandi per disegnare le ellissi e gli archi d’ellisse .................................................................................70
Ellisse con centro ....................................................................................................................................70
Ellisse con assi ........................................................................................................................................71
Ellisse isometrica.....................................................................................................................................71
Arco d’ellisse con centro .........................................................................................................................72
Arco d’ellisse con assi .............................................................................................................................72
Arco d’ellisse isometrico..........................................................................................................................73

IL MENÙ INSERISCI: SUPERFICI.................................................................................................................74

4
I comandi per disegnare le superfici ...........................................................................................................74
Superficie.................................................................................................................................................74
Superficie a barra ....................................................................................................................................75
Superficie a rettangolo ............................................................................................................................75
Superficie a poligono...............................................................................................................................75
Superficie a disco ....................................................................................................................................76
Superficie ad anello.................................................................................................................................76
Solidifica area ..........................................................................................................................................77

IL MENÙ INSERISCI: TESTO VETTORIALE ................................................................................................78

I comandi per disegnare il testo vettoriale ..................................................................................................78


Testo........................................................................................................................................................78
Testo giustificato a sinistra ......................................................................................................................78
Testo giustificato al centro.......................................................................................................................79
Testo giustificato a destra .......................................................................................................................79
Testo giustificato oriz./vert.......................................................................................................................80
Testo centrato su un punto......................................................................................................................81
Testo ingrandito tra 2 punti......................................................................................................................81
Testo allungato tra 2 punti.......................................................................................................................82
Testo dentro un rettangolo ......................................................................................................................83
Formato testo ..........................................................................................................................................83

IL MENÙ INSERISCI: QUOTE .......................................................................................................................86

Fondamenti delle quote ..............................................................................................................................86


Il testo di una quota .................................................................................................................................87
I comandi per disegnare le quote ...............................................................................................................87
Quota orizzontale ....................................................................................................................................87
Quota verticale ........................................................................................................................................88
Quota inclinata.........................................................................................................................................88
Quota raggio............................................................................................................................................89
Quota diametro........................................................................................................................................90
Quota angolo ...........................................................................................................................................91
Quota consecutiva...................................................................................................................................91
Quota con riferimento..............................................................................................................................92
Freccia.....................................................................................................................................................93
Il comando Formato quota ..........................................................................................................................93

IL MENÙ INSERISCI: ALTRE ENTITÀ.........................................................................................................102

I comandi per disegnare i punti.................................................................................................................102

5
Punto .....................................................................................................................................................102
Punti su retta .........................................................................................................................................102
Punti su poligono ...................................................................................................................................103
Formato punti ........................................................................................................................................103
Il comando Immagine................................................................................................................................104

IL MENÙ STRUMENTI .................................................................................................................................107

I punti geometrici notevoli .........................................................................................................................107


Punto libero ...........................................................................................................................................107
Punto medio ..........................................................................................................................................107
Punto centro ..........................................................................................................................................108
Punto estremo .......................................................................................................................................108
Punto quadrante ....................................................................................................................................108
Punto intersezione.................................................................................................................................109
Punto tangente ......................................................................................................................................109
Punto perpendicolare ............................................................................................................................109
Punto elemento .....................................................................................................................................110
Punto riferimento ...................................................................................................................................110
Gli strumenti di selezione..........................................................................................................................110
Deseleziona tutto...................................................................................................................................111
Seleziona con filtro ................................................................................................................................111
Gli strumenti di calcolo e misura ...............................................................................................................112
Calcola espressione ..............................................................................................................................112
Misura punti ...........................................................................................................................................113
Misura angolo ........................................................................................................................................113
Misura lunghezza ..................................................................................................................................113

IL MENÙ FORMATO ....................................................................................................................................115

I parametri dei disegni...............................................................................................................................115


Coordinate .............................................................................................................................................115
Formato punti ........................................................................................................................................117
Strumenti ...............................................................................................................................................117
I parametri delle viste ................................................................................................................................119
Griglia ....................................................................................................................................................119
Colori finestre ........................................................................................................................................123
I parametri correnti di disegno ..................................................................................................................124
Parametri di disegno .............................................................................................................................124
Testo......................................................................................................................................................125

6
Quota.....................................................................................................................................................125
I parametri dell’ambiente di disegno .........................................................................................................126
Parametri di sistema..............................................................................................................................126
Parametri dell’ambiente.........................................................................................................................127

IL MENÙ MODIFICA.....................................................................................................................................128

I comandi di correzione.............................................................................................................................128
Annulla...................................................................................................................................................128
Ripeti .....................................................................................................................................................128
I comandi di gestione degli appunti ..........................................................................................................128
Taglia in appunti ....................................................................................................................................128
Copia in appunti ....................................................................................................................................129
Incolla da appunti ..................................................................................................................................129
I comandi di modifica ................................................................................................................................129
Elimina...................................................................................................................................................129
Muovi .....................................................................................................................................................129
Copia .....................................................................................................................................................130
Copia in serie.........................................................................................................................................131
Ruota .....................................................................................................................................................133
Ridimensiona.........................................................................................................................................134
Rifletti.....................................................................................................................................................134
Stira .......................................................................................................................................................135
Congiungi ..............................................................................................................................................136
Spezza...................................................................................................................................................137
Cambia colore e tratto ...........................................................................................................................137
Cambia sovrapposizione .......................................................................................................................138

IL MENÙ LIBRERIA......................................................................................................................................140

Il comando Simboli....................................................................................................................................140
Il pulsante Disegna simbolo ..................................................................................................................141
Il pulsante Chiudi finestra ......................................................................................................................141

7
INTRODUZIONE
Next ExtraCAD IV è uno strumento di disegno bidimensionale e
progettazione assistita dal computer.

Il programma sostituisce le tradizionali tecniche di disegno manuale e rende


contemporaneamente disponibili nuove e versatili possibilità di lavoro.

Grazie alla naturalezza ed alla rapidità di disegno fornite dall'interfaccia del


programma, perfettamente integrata in Microsoft Windows®, con ExtraCAD è
possibile realizzare innumerevoli applicazioni di grafica professionale, come
disegni meccanici, architettonici, elettrotecnici, elettronici ecc.

In definitiva disegnare con ExtraCAD significa disporre di potenti strumenti


aggiuntivi rispetto al tradizionale disegno con la matita ed inoltre permette
una grande disinvoltura nell'apportare modifiche al disegno e una sicura
rapidità di evoluzione del progetto stesso.

Configurazione minima
La configurazione minima di cui il computer deve essere dotato per utilizzare
questo programma è la seguente:

• Windows 98/Me con 32 MByte di RAM


• Windows 2000 con 64 MByte di RAM
• Windows XP con 128 MByte di RAM
• Internet Explorer 4.01 o superiore

Consigliata: connessione ad internet.

Ulteriori requisiti per usufrire del programma di connessione “Finson


Connect”: Internet Explorer 5.5, modem 56,000 bps o ISDN.

8
Installazione su Hard Disk
Dopo aver avviato Windows e inserito CD-ROM nell'apposito lettore, il
programma di installazione si avvierà automaticamente. Se il CD non si avvia
automaticamente, aprire Risorse del computer, cliccare sull'icona del CD-
ROM e lanciare il file START.exe contenuto nella cartella principale. Una
volta avviato il programma di installazione, apparirà una finestra che ti
permetterà di eseguire le seguenti operazioni:

ISTRUZIONI
Qui trovi la spiegazione delle voci che appaiono nella finestra principale di
questo programma. A fine lettura seleziona il pulsante OK, posizionato in
basso, per tornare alla schermata principale.

9
INSTALLAZIONE COMPLETA (software + Finson Connect)
Ciccando su questa voce saranno installati sul tuo computer sia il programma
sia Finson Connect, il tuo accesso gratuito ad Internet che, sempre al solo
costo della tariffa urbana, ti fornisce i servizi di antivirus on-line e web-mail.

AVVIA NOME PROGRAMMA


Cliccando su questa voce verrà avviato il programma se precedentemente
installato. In caso contrario verrà avviata la procedura di installazione.

INSTALLA NOME PROGRAMMA


Cliccando su questa voce, verrà avviata l'installazione del programma.

LEGGI IL MANUALE
Cliccando su questa voce, si accede al manuale presente nel CD. Per la
consultazione del manuale è necessario aver installato precedentemente un
programma per la visualizzazione dei documenti in formato PDF. Se uno di
questi software non è presente nel tuo PC, questo programma provvederà ad
installare Adobe Acrobat Reader.

COLLEGATI AL SITO FINSON


Cliccando su questa voce, si accede, attraverso il browser predefinito, al sito
Internet 'www.finson.com'.

ESCI
Chiude il programma.

Disinstallazione del programma


Per rimuovere il programma installato, si potrà usare la funzione
'Installazione applicazioni' nel Pannello di controllo di Windows. Premere il
pulsante 'Avvio/Start', scegliere la voce 'Programmi', selezionare 'Finson', il
NOME DEL PROGRAMMA e cliccare sulla voce Disinstalla NOME DEL
PROGRAMMA. In automatico si avvierà il programma per la disinstallazione
del software.

10
Disabilitazione della notifica di inserimento automatico
Qualsiasi versione di Windows, al momento della installazione, abilita la
funzione di notifica di inserimento automatico.
Questa funzione fa sì che, ogni volta in cui si inserisca nel lettore di Cd-ROM
un disco contenente un file di avvio automatico, venga lanciata
automaticamente l’applicazione in esso contenuta.
Questa funzione, che può risultare comoda per gli utenti meno esperti,
sottrae risorse al sistema e risulta scomoda quando si fa uso intenso del
lettore di Cd-ROM.

Se volete disabilitare questa funzione, procedete come segue:

Con Windows 95/98/Me:

1. Premete il tasto destro del mouse sull’icona Risorse del computer


2. Selezionate la voce Proprietà
3. Selezionate Gestione Periferiche
4. Selezionate Mostra periferiche per tipo
5. Fate doppio clic sulla scritta Cd-ROM
6. Selezionate con il mouse il vostro lettore di CD-Rom che apparirà sotto,
con un clic del mouse
7. Premete il pulsante Proprietà
8. Selezionate la voce Impostazioni
9. Fate un clic sulla spunta di Notifica Inserimento Automatico e premete Ok

Potrete quindi chiudere la finestra Proprietà e seguire le indicazioni che vi


chiederanno di riavviare la macchina.

Con Windows 2000/NT:

1. Lanciate il programma Nia2000.exe


2. Disabilitate con un clic sulla spunta la Notifica di Inserimento Automatico e
premete Ok

In questo modo la Notifica di Inserimento Automatico sarà disabilitata.


Con le stesse identiche procedure potrete in qualsiasi momento riabilitare la
funzione.

11
Finson Live Update
Finson Live Update è la nuova tecnologia sviluppata da Finson che permette
a tutti i programmi di potersi aggiornare automaticamente alla versione più
aggiornata disponibile sul sito www.finson.com semplicemente con un clic!
Cliccando sulla voce di menu Finson Live Update all'interno del programma
in uso, potrai infatti attivare la funzione di aggiornamento automatico che
verificherà direttamente sul sito web Finson la presenza di una versione
aggiornata del programma rispetto a quella installata sul tuo disco fisso e
procederà a scaricare i file di aggiornamento.

12
Assistenza sui prodotti
Hai riscontrato un problema nell'eseguire una particolare operazione?
Il programma emette un messaggio di errore ogni volta che cerchi di eseguire
una particolare operazione? Ti trovi in difficoltà nell'eseguire un passaggio?

Queste sono le possibili soluzioni:

A) Collegati al sito Internet www.finson.com ed accedi alla scheda relativa al


programma che possiedi per scaricare gratuitamente l’ultima versione!
Oppure utilizza la funzione Finson Live Update per scaricare in automatico
l'ultimo aggiornamento disponibile.

B) Collegati al sito per consultare la sezione "Domande più frequenti" relativa


a questo programma.

C) Invia una e-mail al servizio assistenza a questo indirizzo


Support@finson.it specificando nell'oggetto del tuo messaggio il nome del
programma di cui hai rilevato un problema (es. Next Prima Nota) e inserendo
nel corpo del messaggio una dettagliata descrizione del problema.

D) Manda un fax a questo numero, 02-2870512 specificando il nome del


programma e il problema riscontrato.

FINSON CON I CONSUMATORI!


Inoltre, come ulteriore garanzia di assistenza è disponibile una "LINEA DIRETTA" con i consumatori: se non sei stato
soddisfatto del servizio che hai avuto dalla nostra azienda o dai nostri rivenditori, se pensi che un programma debba
essere migliorato, SCRIVI A lineadiretta@finson.it

13
FINSON CONNECT
Finson Connect è la novità per tutti i clienti Finson! Al costo di una chiamata
urbana, con Finson Connect ti puoi connettere ad Internet da casa, dall’ufficio
o dal tuo computer portatile ovunque ti trovi! In un mare di difficoltà, ecco la
connessione semplice ed immediata che aspettavi.

Come installarlo
L’installazione di Finson Connect viene effettuata al termine dell’installazione
del programma Finson che hai acquistato.
Se invece in quel momento avevi scelto di non eseguirla, allora troverai
un’icona sul tuo desktop. Cliccaci sopra due volte per avviare l’installazione di
Finson Connect.
Alla prima schermata clicca su “Successivo”, dopo clicca su “Sì” per
confermare che hai letto il Contratto di Licenza d’uso e poi clicca ancora su
“Successivo”. Finson Connect è installato! Per connetterti più facilmente, è
stato creato anche un collegamento sul tuo Desktop.

Come configurarlo per connetterti ad Internet per la


prima volta
Nota: ti ricordiamo che per connetterti ad Internet da casa devi avere un modem (interno od esterno al PC) collegato al
tuo PC. Verifica che esso sia acceso e che ad esso sia collegato un cavo telefonico di una linea attiva.

Clicca due volte sul collegamento a Finson Connect che è stato creato sul
tuo Desktop, oppure lancialo cliccando su Start, Programmi, Finson Connect.
Una volta aperto, il programma appare così:

14
Nel riquadro in alto ti viene segnalato che sei disconnesso e non ancora
registrato come utente. Questa procedura ti consentirà di connetterti ad
Internet per un tempo limitato, sufficiente per registrarti, decidendo un nome
(user) ed una parola segreta (password). Entrambe saranno necessarie per
le successive connessioni ad Internet.

1. Seleziona la Regione (Reg.) e la Città (Zona) a cui ti vuoi connettere.

2. Inserisci, qualora necessario, nel campo “Prefisso uscita centralino” il


numero indispensabile per eseguire chiamate esterne. Generalmente
tale numero è lo “0” (zero).
Nota: alcuni vecchi centralini ad impulsi richiedono l'aggiunta di una “,” (virgola) dopo lo zero.

3. Clicca su “Connetti” e poi su “REGISTRAZIONE NUOVO UTENTE”:


verrai portato automaticamente alla pagina di registrazione. Segui le
istruzioni e compila i campi visualizzati. Al termine della procedura
verranno visualizzate tutte le informazioni relative alla tua registrazione.
Nota: ti consigliamo di salvarle o stamparle e di conservarle. Oltre allo user ed alla password, necessari per la
connessione, ti verranno forniti anche i parametri per configurare il tuo programma di Posta elettronica, che sono l’SMTP
ed il POP3. Li dovrai inserire dove richiesti all’interno del programma stesso.

4. Chiudi ora Internet Explorer ed inserisci user e password all’interno di


Finson Connector: clicca sul menu “File” e poi su “Configurazione”.
Inserisci i dati nei relativi campi, selezionando “Salva password”, se
vuoi evitare di doverla digitare ad ogni connessione (non è

15
obbligatorio), e “Usa impulsi” qualora la centrale Telecom a cui ti
agganci li utilizzi ancora. Digita il numero di tentativi di connessione e,
dal menu a tendina “Controllo posta”, scrivi ogni quanti minuti vuoi che
Finson Connector controlli se sono arrivati nuovi messaggi di posta.
Clicca poi su OK per confermare le impostazioni che hai inserito. Per
chiudere la connessione ad Internet, clicca su “Disconnetti”.

Come connetterti ad Internet le volte seguenti


Dopo la registrazione, per collegarti ad Internet è sufficiente avviare Finson
Connect e cliccare su “Connetti”.
Nota: se ti colleghi da un’altra Città, ricordati di selezionarla dall’elenco visualizzato nella schermata principale del
programma.

Gli altri pulsanti di Finson Connect

Posta
Cliccando sul pulsante “Posta” accedi alla pagina su Internet dove leggi, invii
e gestisci la tua posta elettronica.

Antivirus
Cliccando sul pulsante “Antivirus” lanci in esecuzione un programma che via
Internet controlla che non ci siano virus nel tuo PC.

Assistenza
Cliccando sul pulsante “Assistenza” viene aperta la pagina del sito Internet di
Finson in cui puoi richiedere assistenza per un programma Finson.

Catalogo
Cliccando sul pulsante “Catalogo” viene aperta la pagina del sito Internet di
Finson che riporta i titoli in commercio e le novità.

Punti vendita
Cliccando sul pulsante “Punti vendita” viene aperta la pagina del sito Internet
di Finson in cui puoi cercare il rivenditore più vicino a casa tua.

16
Menu
Finson Connect possiede due menu a tendina: “File” ed “Help”.

“File” contiene: “Registrazione nuovo utente”, che è l’equivalente di quanto


descritto precedentemente perché un nuovo utente possa configurarsi,
connettersi e registrarsi su Internet al servizio di Finson Connect.
“Configurazione” apre la finestra in cui puoi inserire user e password forniti
al termine della procedura di registrazione. Clicca su “Esci” per chiudere
Finson Connect.

Cliccando sul Menu “Help” hai la possibilità di selezionare “Locale” per aprire
la guida in linea contenuta nel tuo Finson Connect, oppure su “Online” per
aprire quella su Internet. Infine, “Informazioni” visualizza la versione di
Finson Connect che hai installato, il tuo indirizzo IP ed il tuo numero di
telefono.

Finestra
Cliccando sulla freccia nella barra in alto, a sinistra, ti apparirà un menu di
gestione della finestra. Cliccando sui due pulsanti a destra, invece, riduci ad
icona o chiudi la finestra di Finson Connect.

17
FONDAMENTI DI EXTRACAD
Questo capitolo descrive le caratteristiche e le possibilità dell’ambiente di
disegno di ExtraCAD; inoltre mostra gli aspetti fondamentali dell’uso del
programma, realizzando passo dopo passo diverse operazioni.

Ambiente di disegno
Successivamente all'esecuzione di Next ExtraCAD IV, viene visualizzata la
schermata seguente:

Non è possibile eseguire contemporaneamente due sessioni (copie) di


ExtraCAD IV; un eventuale tentativo causa la visualizzazione di un
messaggio di errore.

Se la risoluzione dello schermo è inferiore a 800x600 oppure se la


dimensione dei caratteri di sistema è diversa dal valore normale di 96 dpi
alcuni elementi delle finestre del programma non verranno visualizzati
correttamente; in questo caso ExtraCAD mostrerà un opportuno messaggio
di avvertimento.

18
La finestra principale di ExtraCAD appare inizialmente massimizzata sullo
schermo, ciononostante può essere ridotta a qualsiasi dimensione. Essa è
composta da diverse parti:
• la barra del menù
• le barre degli strumenti
• l’area di comunicazione
• l’area delle finestre dei disegni contenente la finestra relativa al nuovo
disegno.

Barra del menù


Il menù principale permette di inserire tutti i comandi disponibili nel
programma. E’ suddiviso in nove sezioni di comandi:
• File: contiene i comandi di gestione dei file di disegno, di stampa, di
protezione e di importazione/esportazione
• Modifica: contiene tutti i comandi di modifica delle entità già disegnate
• Visualizza: contiene tutti i comandi di gestione della visualizzazione dei
disegni nelle rispettive finestre
• Inserisci: contiene i comandi che permettono di disegnare, secondo
diverse modalità, tutte le entità disponibili in ExtraCAD
• Formato: contiene i comandi necessari ad impostare le modalità di
disegno, le opzioni e le proprietà del programma
• Strumenti: contiene i comandi per attivare la ricerca di punti geometrici
notevoli e per effettuare operazioni di misura sul disegno
• Libreria: contiene i comandi per la gestione delle librerie di simboli
• Finestra: contiene i comandi che consentono di aprire, affiancare e
sovrapporre le finestre dei disegni
• ?: contiene i comandi che consentono di avere un aiuto durante l’uso del
programma. Facendo clic su ? compaiono altre quattro voci:
• Guida in linea: attiva la guida in linea del programma, contenente
informazioni sui vari comandi disponibili
• Finson Live Update: esegue in automatico il controllo della
disponibilità, lo scaricamento e l’installazione di eventuali
aggiornamenti del programma via Internet, presso il sito della Finson
SPA (per utilizzare questa funzione è necessario disporre di un
accesso ad Internet installato sul proprio PC). Si seguano le istruzioni
visualizzate dal programma.
• Finson Web Site: attiva una connessione ad Internet alla pagina web
di Next ExtraCAD IV sul sito di Finson SPA.

19
• Informazioni su: visualizza una finestra contenente informazioni di
vario tipo sul programma

Barre degli strumenti


Le barre degli strumenti consentono di attivare velocemente i comandi più
utilizzati di ExtraCAD ed inoltre di leggere informazioni riguardanti le modalità
operative correnti.

Esse sono formate da icone, le quali rappresentano dei comandi, da caselle


di inserimento ed altri elementi.
Alcune icone mostrano una freccia rossa: queste offrono delle possibilità
aggiuntive rispetto alle altre. Facendo clic su di esse e rilasciando
velocemente, si attiva comunque il comando relativo; tenendo invece
premuto più a lungo il pulsante del mouse vengono visualizzate delle ulteriori
barre a comparsa contenenti ulteriori icone, che possono essere attivate con
le solite modalità.

E’ sufficiente soffermarsi un istante con il puntatore del mouse su qualunque


icona della barra degli strumenti perché appaia un breve messaggio
descrittivo della stessa.

E’ possibile trascinare con il mouse le barre delle icone ovunque lo si


desideri, ai bordi dello schermo oppure sopra l’area dei disegni.

Facendo clic su di esse con il bottone destro è possibile visualizzare un menù


contestuale che consente di visualizzare o nascondere ciascuna delle barre
degli strumenti disponibili.

Area di comunicazione
L’area di comunicazione permette di inserire, tramite la tastiera, dei comandi
oppure dei dati, come per esempio le coordinate di un punto ecc.; inoltre
viene utilizzata da ExtraCAD per visualizzare la maggior parte delle
informazioni durante l’esecuzione dei comandi stessi.
L’area di comunicazione è suddivisa in due sezioni:
• la sezione superiore o di scorrimento dei messaggi, dove vengono
mostrati e memorizzati tutti i comandi ed i messaggi che si susseguono
durante le operazioni con ExtraCAD. Essa dispone a destra di una barra di
scorrimento che permette di visualizzare tutte le righe precedenti, ed
inoltre visualizza un numero di linee che è configurabile

20
• la sezione inferiore o di inserimento, dove è possibile inserire dei caratteri
tramite la tastiera
Facendo clic con il bottone destro sulla sezione superiore si attiva un menù a
comparsa con le seguenti voci:
• Copia: permette di copiare il testo selezionato negli Appunti di Microsoft
Windows
• Elimina tutto: permette di cancellare tutte le righe contenute nell’area
• Massimizza: permette di ingrandire l’area fino a visualizzare 30 righe
• Minimizza: permette di ridurre l’area fino a visualizzare 2 righe
• Proprietà: attiva il comando Parametri dell’ambiente, il quale permette di
impostare il numero di righe visibili (compreso tra 2 e 30).

Nella sezione inferiore è possibile digitare del testo da tastiera.


Attenzione: per fare ciò è necessario che il cursore della tastiera sia attivo in
quest’area e non nelle caselle delle barre degli strumenti; in quest’ultima
situazione è possibile premere Invio per riportarlo nell’area di comunicazione.
Inoltre sono attivi alcuni tasti con funzioni speciali:
• Pag↑: massimizza la sezione di scorrimento dei messaggi
• Pag↓: minimizza la sezione di scorrimento dei messaggi
• Freccia↑: riavvia l’ultimo comando che è stato eseguito
• Freccia↓: reinserisce automaticamente l’ultima sequenza di caratteri
digitata
• Esc: interrompe il comando attualmente in esecuzione; se nessun
comando è attivo deseleziona tutte le entità eventualmente selezionate

La sezione inferiore dispone del menù a comparsa standard di Microsoft


Windows per le caselle di inserimento di testo

Infine quando si esegue un comando digitandolo nell’area di comunicazione,


occorre inserire correttamente il suo vero nome; questo non sempre coincide
con la corrispondente scritta del menù principale, che generalmente è più
elaborata. Infatti quando si esegue un comando tramite menù, ExtraCAD
provvede automaticamente ad inserirne il vero nome nell’area di
comunicazione.

Area delle finestre dei disegni


Le finestre dei disegni, contenute nell’omonima area, si comportano come le
normali finestre delle applicazioni di Microsoft Windows; quindi possono
essere ridimensionate, spostate, iconizzate, massimizzate, chiuse, affiancate

21
e sovrapposte. Inoltre le finestre dei disegni di ExtraCAD dispongono delle
seguenti ulteriori caratteristiche:
• le finestre dei disegni dispongono di un menù contestuale a comparsa,
che può essere visualizzato facendo clic con il bottone destro del mouse;
tale menù consente di eseguire operazioni di vario genere, descritte nei
capitoli seguenti.
Le prime due voci del menù permettono l’una di interrompere o rieseguire
l’ultimo comando attivato e l’altra di simulare la pressione del tasto Invio.
• quando il cursore del mouse è posizionato all’interno dell’area di una
finestra è possibile interrompere il comando in esecuzione tenendo
premuto il tasto Ctrl e facendo clic con il bottone destro; se ExtraCAD non
sta eseguendo alcun comando, la stessa operazione consente di ripetere
l’ultimo inserito (anche se era stato precedentemente interrotto)
• facendo clic con il bottone centrale del mouse (se presente e non
assegnato dal sistema ad un’altra funzione) si simula la pressione del
tasto Invio
• premendo il tasto Ctrl e contemporaneamente uno dei tasti Freccia←,
Freccia↑, Freccia↓ e Freccia→ è possibile muovere con precisione le linee
del cursore; premendo invece Ctrl+Shift si ottiene uno spostamento più
rapido.

Disegnare con ExtraCAD


Per realizzare complessi progetti con ExtraCAD, sfruttando appieno le sue
potenzialità, occorre prima familiarizzare con alcune sue strutture
fondamentali.

Nelle sezioni seguenti vengono dunque illustrati questi concetti con l’aiuto di
un disegno già realizzato, che viene installato sul disco fisso insieme al
programma. E’ opportuno che carichiate subito tale disegno, effettuando le
operazioni descritte di seguito:
1. Avviate ExtraCAD, come descritto all’inizio di questo capitolo.
2. Fate clic su File/Apri: il programma mostrerà una finestra contenente i vari
disegni presenti sul disco fisso; scegliete il file APPARTAMENTO.

A questo punto verrà visualizzata la schermata seguente:

22
Nel resto del capitolo verranno utilizzati diversi comandi di ExtraCAD per
mostrare come le strutture del programma sono applicate nel concreto. Non
preoccupateVi di capire subito tutte le possibilità od il funzionamento
generale di questi comandi, perché verranno tutti descritti dettagliatamente
nei capitoli seguenti. Per ora è importante che assimiliate gli aspetti
fondamentali del programma, in modo da affrontare poi con sicurezza i
capitoli successivi.

Il foglio di disegno e le viste


Il foglio di disegno di ExtraCAD è sostanzialmente un piano cartesiano nel
quale vengono inserite delle entità geometriche quali punti, linee, cerchi ecc.
Ovviamente una unità nel piano cartesiano corrisponde ad una determinata
lunghezza quando il disegno viene stampato, la quale può assumere il valore
più opportuno.

La finestra che è stata aperta da ExtraCAD è invece il “contenitore” di una


vista del disegno, cioè un’area dello schermo dove il disegno (memorizzato
internamente come un archivio di entità geometriche) viene tracciato
graficamente. Inizialmente la vista è tale da contenere tutto il disegno;
successivamente è possibile modificare i suoi parametri di ingrandimento e di
posizione, nonché le dimensioni della finestra che la contiene, in modo da

23
visualizzare una qualsiasi zona del foglio del disegno, ovvero del suo piano
cartesiano.

Un disegno può avere un numero qualsiasi di viste, mostrate


simultaneamente in altrettante finestre; tuttavia deve averne almeno una:
infatti chiudendo l’ultima vista di un disegno viene automaticamente chiuso
anche quest’ultimo.

1. Aprite una nuova vista sul disegno, facendo clic su Finestra/Nuova


finestra: verrà creata una nuova finestra, sovrapposta alla precedente.
ExtraCAD assegnerà alla finestra il titolo “Appartamento - Finestra 2”.
2. Affiancate le due viste, facendo clic su Finestra/Affianca finestre (notate
che tutti i comandi del menù Finestra operano sulle finestre relative a
viste di disegni).

A questo punto le due viste che avete creato non mostrano più il disegno
completamente. Se desiderate modificare i parametri di una vista senza
cambiare la finestra in cui essa è tracciata, dovete utilizzare i comandi del
menù Visualizza.

1. Utilizzate il comando Visualizza/Zoom tutto per fare in modo che la vista


attiva del disegno, cioè “Appartamento - Finestra 2”, visualizzi interamente
il disegno.
2. Attivate la prima vista, semplicemente facendo clic su di essa.
3. Utilizzate il comando Visuzalizza/Zoom area per focalizzare la vista
intorno al tavolo con 6 sedie che vedete nel salotto del disegno: il
programma richiederà di fare clic due volte nella vista, per selezionare i
due punti che individuano l’area da ingrandire. Tenete presente che la
vista risultante può non corrispondere esattamente con l’area da voi
delimitata, ma una delle due dimensioni può essere maggiore: infatti
ExtraCAD si preoccupa di mantenere le proporzioni orizzontali e verticali
della vista ogni volta che si effettua un ingrandimento.
4. Utilizzate nuovamente il comando Visualizza/Zoom area per focalizzare,
nella vista “Appartamento - Finestra 2”, il letto matrimoniale.

Le operazioni effettuate fino a questo punto evidenziano la possibilità,


durante la realizzazione di un disegno, di avere contemporaneamente più
viste dello stesso in base alle esigenze del momento.

24
La griglia delle viste
La griglia è un potente strumento per visualizzare distanze e proporzioni ed
individuare con precisione dei punti. Consiste in un reticolo di punti, disposti
ad una determinata distanza l’uno dall’altro.

1. Utilizzate il comando Formato/Griglia per visualizzare la finestra che


permette di modificare i parametri della griglia; fate clic sulla voce Griglia
visibile e poi premete OK per nascondere la stessa. Notate che la griglia
viene nascosta in entrambe le viste; nei capitoli seguenti verrà spiegato
come differenziare la griglia di una vista rispetto alle altre del disegno.
2. Utilizzate ancora il comando Formato/Griglia; fate clic sulla voce Griglia
visibile per renderla di nuovo visibile, poi modificate il valore della voce
Spaziatura X da 25 a 50; infine premete OK. Così facendo avete
aumentato la distanza tra i punti della griglia a 50 unità del piano
cartesiano.

La calamita permette di attirare il puntatore del mouse sui punti della griglia,
in modo da individuare con precisione le coordinate nel piano cartesiano. Più
in generale, è possibile fare in modo che il puntatore venga calamitato anche
dalle posizioni intermedie a due punti della griglia, disposte a intervalli
regolari.

1. Utilizzate il comando Formato/Griglia; fate clic sul pannello Calamita e


vincoli e quindi sulla voce Calamita attiva per renderla attiva; notate che
la voce Numero di suddivisioni della spaziatura della griglia ha valore
2; infine. premete OK. Così facendo avete attivato la calamita, attirando il
puntatore del mouse anche sul punto intermedio a due punti della griglia.
Provate a spostare il puntatore sulla vista del disegno e verificate tutto ciò.

Il sistema di riferimento
Il piano cartesiano del foglio di disegno dispone, come di consueto, di un
sistema di riferimento ortogonale delle coordinate, detto assoluto. Tutte le
entità inserite nell’archivio di un disegno hanno i propri dati espressi in base a
tale sistema.
Quando il programma richiede o visualizza dei dati relativi al piano
cartesiano, per esempio coordinate o angoli, essi sono espressi in base ad
un altro sistema di riferimento ortogonale, detto relativo. Tenete presente che
tale sistema è comune a tutte le viste di un disegno.

25
Il sistema di riferimento relativo inizialmente coincide con quello assoluto;
tuttavia, utilizzando il comando Coordinate è possibile rototraslare il primo
rispetto al secondo.

1. Utilizzate il comando Formato/Coordinate per visualizzare una finestra


che permette di modificare diversi parametri del disegno; fate clic sul
pannello Sistema di riferimento. Il riquadro Coordinate permette di
impostare i parametri di rototraslazione del sistema di riferimento relativo;
invece le caselle raggruppate in Angoli consentono di modificare l’unità di
misura degli angoli, la direzione dell’angolo di 0° (inizialmente uguale ad
Est) ed il verso positivo degli stessi. Provate ad impostare alcuni valori e
poi, dopo aver premuto OK, a spostare il puntatore del mouse nelle viste
per verificare, leggendo le coordinate nella barra di stato, ciò che avete
fatto. Tenete presente che rototraslando il sistema di riferimento non viene
alterata la posizione della griglia: quest’ultima infatti ha dei parametri
indipendenti di rototraslazione, modificabili utilizzando il comando Griglia.
2. Utilizzate ancora il comando Formato/Coordinate e focalizzate la vostra
attenzione sul riquadro Formato numerico: i parametri in esso contenuti
consentono di impostare le caratteristiche di formato di tutti i dati numerici
che vengono visualizzati da ExtraCAD nella barra di stato e nell’area di
comunicazione.

L’esecuzione dei comandi


Tutte le operazioni in ExtraCAD vengono svolte eseguendo dei comandi. Essi
possono essere attivati utilizzando a scelta una delle seguenti aree
dell’ambiente di disegno:
• la barra del menù
• le barre degli strumenti
• l’area di comunicazione

La barra del menù di ExtraCAD è l’unica area che contiene tutti i comandi
disponibili nel programma; le altre aree sono state ideate per rendere più
versatili, veloci ed intuitive alcune operazioni.

Normalmente ExtraCAD può eseguire un solo comando alla volta: se viene


inserito un nuovo comando mentre un altro è già in esecuzione, il primo viene
interrotto e quest’ultimo attivato.
Tuttavia alcuni comandi di ExtraCAD possono essere eseguiti anche in
sovrapposizione a quelli normali: essi sospendono il comando in esecuzione

26
e lo riprendono al termine dell’operazione. Si tratta di comandi che non
modificano in alcun modo l’archivio delle entità di un disegno, come per
esempio i comandi dei menù Visualizza e Finestra utilizzati in precedenza,
oppure i comandi del menù Strumenti e la maggior parte di quelli disponibili
nei menù Formato e File.

Il seguente esempio utilizza i comandi Punto e Linea per mostrare questi


aspetti. Non preoccupatevi di capire la loro funzione, perché verranno
spiegati nel dettaglio in seguito.

1. Digitate il comando Punto nell’area di comunicazione, poi premete Invio.


Così facendo avete avviato la procedura per disegnare un punto.
2. Scegliete dal menù Inserisci/Linea/Linea. In questo modo avete avviato il
comando Linea e interrotto Punto. Tenete presente che non è possibile
digitare alcun comando nell’area di comunicazione se un altro è già in
esecuzione, perché ExtraCAD lo interpreterebbe come un dato per il
comando già attivo (probabilmente causando un messaggio di errore e la
conseguente richiesta di un dato valido).
3. Rimpicciolite la vista corrente, facendo clic sull’icona ripristina della sua
finestra. Notate che le finestre possono essere spostate o ridimensionate
senza interrompere il comando in esecuzione.
4. Attivate il comando Finestra/Nuova finestra, utilizzando la barra degli
strumenti invece che il menù: fate clic sull’icona corrispondente mostrata a
lato. In questo modo ExtraCAD interrompe temporaneamente il comando
in esecuzione, crea una nuova vista del disegno e poi riprende
nuovamente Linea.
5. Premete il tasto Esc oppure fate clic con il bottone destro del mouse nella
vista attiva per interrompere manualmente il comando Linea.

Chiudere un disegno
Con questo paragrafo si conclude la parte del capitolo che utilizza il disegno
APPARTAMENTO come base di lavoro.

1. Scegliete File/Chiudi per chiudere il disegno e tutte le sue viste.


ExtraCAD vi ricorderà che il disegno è stato modificato, chiedendovi
tramite una finestra se volete salvare tali cambiamenti: premete No. A
questo punto il programma è tornato alle condizioni iniziali.

27
Inserimento dei dati
Quasi tutti i comandi di ExtraCAD richiedono, durante la loro esecuzione, dei
dati su cui operare; per esempio il comando Punto necessita delle coordinate
in corrispondenza delle quali disegnare il punto.

In alcuni casi il programma visualizza una finestra dove inserire i dati,


secondo le modalità consuete di Microsoft Windows; normalmente ciò
avviene quando il comando necessita contemporaneamente di molte
informazioni, come per esempio il comando Griglia utilizzato in precedenza.
Queste finestre godono di alcune importanti caratteristiche:
• le caselle di inserimento dei dati limitano automaticamente l’escursione dei
valori inseriti entro gli estremi di validità
• riguardo al sistema di riferimento delle coordinate e degli angoli di
ExtraCAD, nelle finestre esistono due importanti convenzioni:
• i valori degli angoli sono sempre espressi in gradi sessagesimali
• i valori delle coordinate sono sempre espressi nel sistema assoluto di
riferimento

Tuttavia, la maggior parte dei comandi richiede i dati utilizzando l’area di


comunicazione. Nelle diverse situazioni, ExtraCAD può richiedere i seguenti
tipi di informazioni:
• numero
• punto
• lunghezza o distanza
• angolo
• area
• carattere
• testo
• entità
• gruppo di entità
Ognuno di essi presenta diverse possibilità di inserimento.

Dati di tipo numero


I dati di tipo numero possono essere inseriti solo tramite tastiera; non c’è
alcuna differenza tra lettere minuscole e maiuscole. Inoltre fare clic con il
bottone sinistro o centrale del mouse corrisponde a premere il tasto Invio.

28
Un numero può essere espresso nella consueta forma decimale, tenendo
presente che occorre utilizzare come separatore decimale il carattere definito
in Microsoft Windows (è possibile modificarlo scegliendo nella Barra delle
Applicazioni Impostazioni / Pannello di Controllo / Impostazioni
internazionali / Numeri).
Inoltre un numero può essere espresso in forma scientifica. Per esempio si
ha che:
1000 = 1e3
0,023= 2,3e-2 (separatore decimale = , )
-0.0054 = -5.4e-3 (separatore decimale = . )

ExtraCAD può gestire numeri fino a ±1e100; digitando cifre non comprese tra
questi estremi si verifica un errore.

Più in generale, quando viene richiesto un numero è possibile inserire


un’espressione algebrica; in questo caso essa viene immediatamente
calcolata da ExtraCAD ed il suo risultato è il valore numerico inserito.
Gli operatori aritmetici che si possono utilizzare sono i seguenti:

+ addizione
- sottrazione o cambio di segno
* moltiplicazione
/ divisione
^ elevamento a potenza
( aperta parentesi: è possibile usare più livelli di
parentesi
) chiusa parentesi
Pi pi-greco
Abs(numero) valore assoluto del numero
Round(numero) arrotonda all'intero più vicino del numero
Int(numero) parte intera del numero
Frac(numero) parte decimale del numero
Exp(numero) e elevato a numero
Ln(numero) logaritmo in base e del numero
Log(numero) logaritmo in base 10 del numero
Sqr(numero) quadrato del numero
Sqrt(numero) radice quadrata del numero
Sin(numero) seno del numero
Cos(numero) coseno del numero

29
Tan(numero) tangente del numero
ASin(numero) arcoseno del numero
ACos(numero) arcocoseno del numero
Atan(numero) arcotangente del numero

Se si digita un’espressione algebrica non corretta, viene visualizzato un


messaggio di errore.
Riguardo agli operatori trigonometrici, essi operano misurando gli angoli
secondo le impostazioni correnti del sistema di riferimento, modificabili
tramite il comando Coordinate.

Nel seguente esempio verrà utilizzato il comando Calcola. Il suo


funzionamento è molto semplice: esso richiede un dato numerico, lo valuta e
lo visualizza immediatamente; quindi inserendo un’espressione algebrica
invece di un semplice numero, ne viene calcolato il risultato.

1. Se avete seguito passo dopo passo le istruzioni dei precedenti paragrafi, a


questo punto ExtraCAD non dovrebbe avere alcun disegno aperto. Perciò
create un nuovo disegno, scegliendo File/Nuovo. Massimizzate la finestra
della vista, come avete fatto in precedenza.
2. Eseguite il comando Strumenti/Calcola espressione; digitate come
espressione il numero 34,0 e premete Invio. Così facendo il programma
visualizza ovviamente come risultato 34,000; tale valore viene scritto con il
numero di cifre decimali correntemente impostato, che inizialmente è
uguale a 3.
3. Eseguite ancora il comando Strumenti/Calcola espressione; digitate
come espressione 10+20*Sin(10+(15+25)/2). Essa viene valutata da
ExtraCAD che fornisce il risultato, il quale è uguale a 20,000. Ricordate
che Calcola può anche essere eseguito in sovrapposizione ai comandi
normali.

Dati di tipo coordinate


I dati di tipo coordinate di ExtraCAD sono sempre espressi in base al sistema
di riferimento relativo del piano cartesiano.

Esistono due modalità alternative di rappresentazione delle coordinate di un


punto nel piano cartesiano, entrambe supportate da ExtraCAD:
• la modalità rettangolare, ovvero si indicano i valori delle coordinate X e Y

30
• la modalità polare, ovvero si indicano i valori della distanza dall’origine del
piano (detta anche modulo) e dell’angolo rispetto all’asse delle ascisse.
In entrambi i casi occorre precisare due numeri: tali valori godono delle
possibilità indicate nel paragrafo precedente, quindi per esempio possono
essere indicati con delle espressioni algebriche.

La sintassi utilizzata per rappresentare un punto in coordinate rettangolari è


la seguente:

Coordinata X ; Coordinata Y

nel caso il separatore decimale corrente del sistema non sia la “virgola”
(questa invece è l’impostazione standard di Microsoft Windows per i
computer italiani), è possibile utilizzare quest’ultima alternativamente al
“punto e virgola”.

La sintassi utilizzata per rappresentare un punto in coordinate polari è la


seguente:

Modulo < Angolo

dove l’angolo è espresso nelle unità correnti di misura.

E’ possibile inserire il valore delle coordinate di un punto sia utilizzando la


tastiera, sia il puntatore del mouse:
• tramite la tastiera è necessario digitare le coordinate secondo la sintassi
rettangolare o polare
• tramite il mouse è sufficiente fare clic in una vista in corrispondenza del
punto desiderato

Molti comandi richiedono due o più punti consecutivi; per esempio il comando
Linea necessita del primo e del secondo estremo. In tali situazioni le
coordinate del secondo punto possono essere specificate relativamente a
quelle del primo, così come se quest’ultimo fosse temporaneamente l’origine
del sistema di riferimento. Anche in questi casi è possibile utilizzare sia la
rappresentazione rettangolare sia quella polare, secondo la sintassi
seguente:

r Incremento DX ; Incremento DY
r Modulo relativo< Angolo

31
La lettera “r” può indifferentemente essere scritta in minuscolo o in
maiuscolo.

Nel seguente esempio viene utilizzato il comando Linea. Esso permette di


disegnare una o più entità di tipo linea, specificandone i punti estremi.

1. Scegliete dal menù Inserisci/Linea/Linea. Alla richiesta del primo


estremo digitate 10;10.
2. Alla richiesta del secondo estremo, provate a spostare il puntatore del
mouse nella vista: ExtraCAD mostra un’anteprima dinamica della linea che
verrebbe disegnata se la posizione corrente del puntatore fosse inserita
come secondo estremo facendo clic. Poi digitate 10+100;10. Così facendo
avete disegnato una linea orizzontale lunga 100, utilizzando
un’espressione al posto di un numero.
3. Il comando Linea prosegue richiedendo l’ulteriore secondo estremo di un
eventuale segmento consecutivo a quello già disegnato. Digitate r0;100. In
questo modo avete disegnato un linea verticale lunga 100, utilizzando la
sintassi relativa.
4. Alla richiesta dell’ulteriore estremo, digitate r100<0. Così facendo avete
disegnato una linea lunga 100 e inclinata di 180°, utilizzando la sintassi
relativa polare.
5. Chiudete il quadrato che state disegnando utilizzando questa volta il
mouse; a tale scopo notate che è molto difficile posizionarsi con precisione
alla coordinata 10,000;10,000. Pertanto attivate la calamita, utilizzando
l’icona mostrata a fianco della barra di stato invece del comando Griglia.
Poi fate clic alla coordinata indicata; quindi terminate il comando Linea
premendo Invio alla richiesta di un ulteriore estremo.

Dati di tipo lunghezza o distanza


I dati di tipo lunghezza possono essere inseriti sia utilizzando la tastiera, sia il
puntatore del mouse:
• tramite la tastiera è necessario digitare il corrispondente valore numerico
• tramite il mouse è possibile indicare la distanza tra due punti: il primo fisso
e di riferimento, il secondo variabile con la posizione del puntatore. Il
punto di riferimento viene determinato dal comando in esecuzione: per
esempio il comando Cerchio richiede prima la posizione del centro, poi
usa questo punto come riferimento per acquisire la lunghezza del raggio.

1. Scegliete dal menù Inserisci/Cerchio/Cerchio. Alla richiesta del centro


fate clic alla coordinata 60;60.

32
2. Alla richiesta della lunghezza del raggio, provate a spostare il puntatore
del mouse nella vista: ExtraCAD mostra un’anteprima dinamica del
cerchio che verrebbe disegnato se si facesse clic alla posizione corrente
del puntatore. Poi digitate 50.

Durante l’inserimento di una lunghezza tramite il puntatore del mouse, è


anche possibile modificare la posizione del punto di riferimento. A tale scopo
fate clic alle coordinate del nuovo punto di riferimento; poi, tenendo premuto il
bottone del mouse, allontanatelo da questa posizione; infine rilasciate il
bottone del mouse. Questa operazione può essere ripetuta più volte.

1. Utilizzando il comando Inserisci/Cerchio/Cerchio provate a disegnare dei


cerchi inserendo sia il centro sia il raggio tramite il mouse; provate anche a
cambiare la posizione del punto di riferimento e sperimentatene gli effetti.

Dati di tipo angolo


I dati di tipo angolo sono sempre espressi in base alle impostazioni correnti
del sistema di riferimento. Essi possono essere inseriti sia utilizzando la
tastiera, sia il puntatore del mouse:
• tramite la tastiera è necessario digitare il corrispondente valore numerico
• tramite il mouse è possibile indicare l’angolo determinato dalla direzione di
un segmento avente per estremi la posizione corrente del puntatore ed un
altro punto fisso di riferimento. Quest’ultimo viene determinato dal
comando in esecuzione, similmente a quanto è stato visto per i dati di tipo
lunghezza.

1. Scegliete dal menù Inserisci/Arco/Arco. Alla richiesta del centro e del


raggio, procedete in modo analogo al comando Cerchio e impostate un
centro alle coordinate 110,000;110,000 ed un raggio di 25.
2. Alla richiesta dell’angolo iniziale, digitate 0°.
3. Alla richiesta dell’angolo finale, provate a spostare il puntatore del mouse
nella vista: ExtraCAD mostra un’anteprima dinamica dell’arco che
verrebbe disegnato se si facesse clic alla posizione corrente del puntatore;
notate che il programma disegna sempre gli archi ruotando in senso
antiorario dall’angolo iniziale a quello finale. Infine digitate 90°.

Durante l’inserimento di un angolo tramite il puntatore del mouse, è anche


possibile modificare la posizione del punto di riferimento. A tale scopo fate
clic alle coordinate del nuovo punto di riferimento; poi, tenendo premuto il

33
bottone del mouse, allontanatelo da questa posizione; infine rilasciate il
bottone del mouse. Questa operazione può essere ripetuta più volte.

Dati di tipo area


Un’area in ExtraCAD è sempre rettangolare; essa è determinata da due punti
che specificano gli spigoli di una delle due diagonali.

L’inserimento di tali punti segue identicamente ciò che è stato illustrato per i
dati di tipo coordinate; il comando Zoom_Area utilizzato in precedenza ne è
un esempio.

Dati di tipo carattere


I dati di tipo carattere possono essere inseriti solo tramite tastiera; non vi è
alcuna differenza tra lettere minuscole e maiuscole.
Essi vengono utilizzati ogni volta che occorre effettuare una scelta tra diverse
possibilità, associando un carattere ad ognuna di esse; in tali situazioni sono
ritenuti validi solo i caratteri elencati dal comando.

1. Scegliete dal menù Inserisci/Linea/Poligono. Alla richiesta del numero di


lati digitate 5, in modo da disegnare un pentagono.
2. Alla richiesta del tipo di poligono è possibile replicare con i caratteri “C”, “I”
e “L”. Non preoccupatevi di capire il significato di tutte le possibilità,
perché verranno chiarite nei capitoli seguenti. Per ora digitate “I”: così
facendo è possibile disegnare un poligono inscritto in un cerchio.
3. Tramite il mouse inserite il centro del poligono, il suo raggio e l’angolo del
suo primo vertice, specificando i valori che preferite con le modalità viste
in precedenza; l’anteprima dinamica dovrebbe facilitarvi molto questo
compito.

Dati di tipo testo


I dati di tipo testo possono essere inseriti solo tramite tastiera.

1. Scegliete dal menù Inserisci/Testo/Testo, poi digitate la scritta che


preferite disegnare.
2. Specificate tramite il mouse la posizione alla quale volete inserire l’entità
testo.

34
Dati di tipo entità
I dati di tipo entità possono essere specificati solamente scegliendone una tra
quelle già presenti nel disegno. A tale scopo occorre fare clic su di essa con il
puntatore del mouse.

1. Scegliete dal menù Inserisci/Linea/Linea parallela. Questo comando


permette di disegnare una linea avente direzione parallela ad un’altra già
esistente.
2. Notate che durante la richiesta della linea alla quale riferirsi, il puntatore
del mouse viene ad assumere l’aspetto di un mirino. Fate clic sulla prima
linea orizzontale del quadrato disegnata in precedenza.
3. Alla richiesta della distanza, digitate 20
4. Alla richiesta della parte rispetto la quale posizionare la linea provate a
spostare il puntatore del mouse nella vista: ExtraCAD mostra un’anteprima
dinamica della linea che verrebbe disegnata se si facesse clic alla
posizione corrente del puntatore; notate che essa è sempre orizzontale.
Infine fate clic dove preferite.

Dati di tipo gruppo di entità


I dati di tipo gruppo di entità possono essere specificati solamente scegliendo
queste ultime tra quelle già presenti nel disegno. Lo scopo di questa
operazione è quello di determinare un gruppo di entità del disegno, dette
selezionate, con le quali lavorare.

Durante la selezione delle entità è possibile effettuare le seguenti operazioni:


• selezionare un’entità facendo clic su di essa
• deselezionare un’entità precedentemente selezionata tenendo premuto il
tasto Ctrl e facendo clic su di essa
• selezionare tutte le entità completamente incluse in un’area; a tale scopo
occorre fare clic per definire il primo spigolo dell’area, tenere premuto il
bottone (spostando contemporaneamente il puntatore) e rilasciarlo quando
appare il bordo dell’area; quindi fare clic per specificare il secondo spigolo
dell’area
• deselezionare tutte le entità completamente incluse in un’area e
precedentemente selezionate; a tale scopo occorre fare clic per definire il
primo spigolo dell’area, tenere premuto il bottone (spostando
contemporaneamente il puntatore) e rilasciarlo quando appare il bordo
dell’area; quindi tenendo premuto il tasto Ctrl fare clic per specificare il
secondo spigolo dell’area

35
• deselezionare tutte le entità selezionate, tramite il comando Deseleziona
tutto, descritto nei capitoli seguenti; se nessun comando è in esecuzione,
è possibile premere il tasto Esc per ottenere lo stesso risultato.
• selezionare alcune entità specificando dei criteri di layer, colore, tratto e
tipo di entità, tramite il comando Seleziona con filtro descritto nei capitoli
seguenti.
• concludere la fase di selezione del gruppo di entità premendo il tasto Invio
(ricordate che il bottone centrale del mouse, se disponibile, simula la
pressione di questo tasto); tutto ciò è possibile solo se vi è almeno
un’entità selezionata.

Le entità selezionate evidenziano il loro stato assumendo un colore


particolare, il quale corrisponde inizialmente ad un grigio chiaro, ma che può
essere modificato a piacere.

1. Scegliete dal menù Modifica/Muovi. Questo comando permette di


spostare (traslare) un gruppo di entità del disegno in una nuova posizione.
2. Selezionate tutte le linee che formano il pentagono precedentemente
disegnato, facendo clic su di esse; poi premete Invio per concludere la
fase di selezione.
3. A questo punto il comando richiede due punti che individuano il vettore
spostamento da applicare; in altre parole occorre specificare un punto del
piano (detto punto base del gruppo) e la sua nuova posizione dopo lo
spostamento. Fate clic sui punti che preferite e notate l’anteprima
dinamica dello spostamento.
4. Sperimentate a vostra discrezione, sempre utilizzando il comando Muovi,
le altre tecniche di selezione descritte in precedenza. Poi chiudete il
disegno corrente e createne uno nuovo nel quale disegnare nel prossimo
paragrafo.

In modo del tutto analogo ad ogni applicazione sviluppata per Microsoft


Windows, ExtraCAD consente di selezionare le entità sulle quali operare non
solo quando un comando specifico lo richiede, ma anche prima che lo stesso
venga avviato. Questo meccanismo è detto preselezione di un gruppo di
entità.

E’ anche possibile cancellare velocemente tutte le entità preselezionate,


premendo il tasto Canc.

36
I punti geometrici notevoli
I punti geometrici notevoli sono uno strumento essenziale durante le
operazioni di disegno con ExtraCAD. Nei paragrafi precedenti avete avuto
modo di sperimentare la difficoltà nell’individuare determinate coordinate con
precisione, utilizzando il puntatore del mouse. In moltissimi casi la calamita
consente di risolvere efficacemente questo problema; tuttavia vi sono delle
situazioni in cui essa non è sufficiente. Per esempio supponete di dover
individuare il punto medio di una linea, oppure il punto di intersezione tra due
cerchi: queste operazioni possono essere svolte semplicemente facendo uso
di opportuni comandi, descritti di seguito.

I punti geometrici notevoli che ExtraCAD permette di individuare sono:


• Punto libero: è la modalità normale di funzionamento: il programma utilizza
semplicemente il punto dove si è fatto clic
• Punto medio: il programma individua il punto medio delle seguenti entità:
• linee
• archi
• Punto centro: il programma individua il centro delle seguenti entità:
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse
• Punto estremo: il programma individua i punti estremi delle seguenti entità:
• linee
• archi
• archi d’ellisse
• Punto quadrante: il programma individua i punti di quadrante (cioè quelli a
0, 90, 180, 270 gradi) delle seguenti entità:
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse
• Punto intersezione: il programma individua il punto di intersezione tra le
seguenti entità:
• linee
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse

37
• Punto tangente: il programma individua il punto di tangenza sulle seguenti
entità:
• linee
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse
• Punto perpendicolare: il programma individua il punto di perpendicolarità
sulle seguenti entità:
• linee
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse
• Punto elemento: il programma individua il punto più vicino al punto dove si
è fatto clic sulle seguenti entità:
• linee
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse
• Punto riferimento: il programma individua diverse tipologie di punti in
funzione delle entità sulle quali si è fatto clic:
• se l’entità è un punto, ne seleziona le coordinate
• se l’entità è una superficie generica o una immagine, ne seleziona lo
spigolo più vicino
• se l’entità è una superficie a disco o ad anello, ne seleziona il centro
• se l’entità è un testo vettoriale, ne seleziona il punto di inserimento
• se l’entità è una quota, ne seleziona i punti di riferimento.

Tutti i punti geometrici notevoli, tranne Punto Tangente e Punto


Perpendicolare, possono essere utilizzati durante l’inserimento di ogni dato di
tipo coordinata; questi ultimi due sono permessi soltanto durante il
tracciamento di linee, cerchi ed archi. Inoltre può essere usato un solo punto
geometrico alla volta.

I comandi relativi ai punti geometrici notevoli sono disponibili nel menù


Strumenti, oppure nella barra di stato in forma di icone. Essi appartengono

38
alla categoria dei comandi che possono essere eseguiti in sovrapposizione
ad altri già in esecuzione; grazie a questa proprietà, essi hanno la possibilità
di alterare il funzionamento del comando che temporaneamente
interrompono. Per esempio, se applicati durante l’esecuzione del comando
Linea alla richiesta di un estremo, permettono di specificare le coordinate di
un punto geometrico notevole di un’entità precedentemente disegnata.

1. Scegliete il comando Linea e disegnate un segmento avente per estremi i


punti 10;10 e 100;100
2. Eseguite nuovamente il comando ed alla richiesta del primo estremo
digitate 150;50
3. Alla richiesta del secondo estremo, scegliete Strumenti/Punto medio; poi
provate a muovere il puntatore del mouse lungo la prima linea disegnata.
Notate che nel corso di questa operazione il puntatore del mouse viene ad
assumere l’aspetto di un mirino, diverso però da quello utilizzato per
selezionare le entità. Inoltre verificate che, attivando il “Punto medio”,
quando il mirino è sopra la prima linea l’estremo che deve essere
specificato viene calamitato proprio sul punto medio: infatti tutti i punti
geometrici notevoli mostrano un’anteprima dinamica del loro
funzionamento.
4. Fate clic sopra la prima linea. Notate che l’effetto del “Punto medio” si
esaurisce con l’inserimento del punto stesso, infatti il mirino scompare.

I punti geometrici notevoli possono anche essere attivati quando nessun altro
comando è in esecuzione; in tal caso il loro effetto è permanente per tutti i
punti inseriti in seguito, fino a che non ne verrà impostato uno nuovo.

Quando si applica un punto geometrico notevole e poi non si fa clic su


un’entità valida, ExtraCAD ignora la prima operazione e utilizza direttamente
le coordinate correnti del puntatore.

1. Sperimentate a vostra discrezione gli altri punti notevoli geometrici


descritti, utilizzando i comandi Linea, Cerchio ed Arco per disegnare
nuove entità.

I vincoli relativi
I vincoli relativi consentono di individuare particolari punti geometrici sul
piano, relativamente ad un punto inserito in precedenza. In modo analogo ai
punti geometrici notevoli, i vincoli relativi sono uno strumento molto utile

39
durante le operazioni di disegno con ExtraCAD. E’ possibile attivarli
utilizzando il comando Formato/Griglia.

I vincoli relativi disponibili sono di quattro tipi:

• Ortogonalità: il cursore è vincolato a restare su due assi che si intersecano


nel punto inserito in precedenza; L’inclinazione di questi assi è uguale a
quella della griglia della vista corrente. Nel caso la griglia sia del tipo
assonometria isometrica, gli assi assumono le direzioni isometriche
relative al piano tridimensionale correntemente attivo. Si veda la
descrizione del comando Griglia per ulteriori dettagli. Utilizzando questo
vincolo è possibile tracciare per esempio linee ortogonali l’una all’altra,
oppure superfici con i bordi ortogonali ecc.
• Polarità: il cursore è vincolato ad assumere posizioni disposte su una
griglia polare centrata sul punto inserito in precedenza; quindi si tratta di
un vincolo è duplice, di distanza e di angolo. E’ possibile specificare i
valori numerici di queste due grandezze tramite il comando Griglia.
• Distanza: il cursore è vincolato ad assumere posizioni a determinate
distanze dal punto inserito in precedenza. Pertanto equivale ad un vincolo
di polarità senza limitazioni di escursione dell’angolo. E’ possibile
specificare i valori numerici di queste due grandezze tramite il comando
Griglia.
• Angolo: il cursore è vincolato ad assumere posizioni a determinate
inclinazioni rispetto il punto inserito in precedenza. Pertanto equivale ad
un vincolo di polarità senza limitazioni di escursione della distanza. E’
possibile specificare i valori numerici di queste due grandezze tramite il
comando Griglia.

Tramite la barre degli strumenti della griglia è possibile attivare o disattivare i


vincoli relativi, facendo clic sull’icona relativa. Essi appartengono alla
categoria dei comandi che possono essere eseguiti in sovrapposizione ad
altri già in esecuzione.

1. Sperimentate a vostra discrezione l’effetto dei vincoli geometrici relativi,


utilizzando i comandi Linea, Cerchio ed Arco per disegnare nuove entità.

I punti di modifica
I punti di modifica corrispondono ad uno strumento di ExtraCAD realizzato
per permettere di intervenire in modo estremamente rapido su un’entità

40
tramite il mouse per eliminarla, spostarla, copiarla, ruotarla o ridimensionarla,
quando non vi è alcun comando in esecuzione.

Tale strumento funziona in simbiosi con il meccanismo di preselezione dei


gruppi di entità descritto in precedenza. Quando nessun comando è attivo in
ExtraCAD, è possibile selezionare le entità del disegno facendo clic su di
esse o secondo altre modalità: il programma evidenzia contemporaneamente
i punti di modifica dell’ultima entità selezionata con un clic.

Si tratta di piccoli quadratini blu (il colore può essere modificato utilizzando il
comando Colori finestra) sui quali è possibile intervenire in seguito con il
mouse per cambiare l’entità cui si riferiscono. Ogni tipo di entità possiede dei
punti di modifica disposti in modo differente. La seguente figura mostra i punti
di modifica caratteristici di alcune entità:

Per operare con i punti di modifica occorre utilizzare la modalità di


trascinamento del mouse congiuntamente in alcuni casi alla pressione dei
tasti Shift, Ctrl e Alt.

Le operazioni possibili tramite l’uso dei punti di modifica sono le seguenti:


• Ridimensiona: è la modalità standard. Occorre trascinare un punto di
modifica con il mouse in un’altra posizione
• Muovi: occorre trascinare con il mouse un punto di modifica tenendo
premuto contemporaneamente il tasto Shift.

41
• Copia e muovi: occorre trascinare con il mouse un punto di modifica
tenendo premuto contemporaneamente i tasti Shift e Ctrl.
• Ruota: occorre trascinare con il mouse un punto di modifica tenendo
premuto contemporaneamente il tasto Alt.
• Copia e ruota: occorre trascinare con il mouse un punto di modifica
tenendo premuto contemporaneamente i tasti Alt e Ctrl.

1. Sperimentate a vostra discrezione l’uso dei punti di modifica sulle entità


disegnate in precedenza.

42
43
IL MENÙ FILE
Questo capitolo descrive i comandi per la gestione dei file dei disegni, la
stampa, l’importazione e l’esportazione in altri formati di file.

I comandi di gestione dei file di disegno


Questi comandi consentono di aprire un disegno, di salvarlo e di chiuderlo.

Nuovo
Il comando Nuovo crea un nuovo disegno e ne apre la relativa vista. Tale
disegno è vuoto e le sue impostazioni corrispondono a quelle standard;
inoltre esso è privo di titolo: nella sua vista viene mostrato il nome
convenzionale “Disegno n”.

Apri
Il comando Apri permette di caricare uno o più disegni da disco.
Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la finestra standard di
Microsoft Windows per l’apertura di documenti:

Utilizzando questa finestra è possibile selezionare più disegni per poi aprirli
contemporaneamente.

Quando un disegno viene evidenziato, la finestra ne mostra un’anteprima, a


meno che questo non appartenga ad una versione di ExtraCAD per DOS: in
tal caso viene visualizzata un’immagine standard. E’ anche possibile
disabilitare quest’ultima utilizzando l’apposita casella.

44
Inoltre la finestra permette di effettuare diverse operazioni con i file, secondo
lo standard di Microsoft Windows. Notate che l’estensione dei file di disegno
di ExtraCAD è .CAD.

Infine il programma mostra nel menù File un elenco (inizialmente vuoto)


contenente il nome degli ultimi quattro disegni che sono stati caricati da
ExtraCAD: è dunque possibile aprirne velocemente uno facendo clic sulla
sua voce, senza utilizzare il comando Apri.

Salva
Il comando Salva consente di salvare il disegno al quale appartiene la vista
correntemente attiva. Se non è ancora stato assegnato un nome al disegno,
ovvero se non è mai stato salvato, viene attivato il comando Salva con nome
che permette di specificare il nome e la cartella del file.

Salva con nome


Il comando Salva con nome consente di salvare un disegno assegnandogli
un nome diverso da quello corrente. Successivamente all’inserimento del
comando viene mostrata la finestra standard di Microsoft Windows per il
salvataggio di documenti:

La finestra permette anche di effettuare diverse operazioni con i file, secondo


lo standard di Microsoft Windows.

45
Salva tutto
Il comando Salva tutto consente di salvare tutti i disegni correntemente
aperti. Se non è ancora stato assegnato un nome a qualche disegno, ovvero
se non è mai stato salvato, viene attivato il comando Salva con nome che
permette di specificare il nome e la cartella del file.

Chiudi
Il comando Chiudi permette di chiudere il disegno al quale appartiene la vista
correntemente attiva, contemporaneamente vengono anche chiuse tutte le
altre viste dello stesso.
Nel caso il disegno sia stato modificato e non salvato su disco, ExtraCAD
visualizza una finestra per richiedere conferma dell’operazione:

Premendo annulla viene annullata l’operazione di chiusura.

Chiudi tutto
Il comando Chiudi tutto permette di chiudere tutti i disegni correntemente
aperti e quindi anche tutte le loro viste.
Nel caso qualche disegno sia stato modificato e non salvato su disco,
ExtraCAD visualizza una finestra per richiedere conferma dell’operazione.

I comandi di importazione e di esportazione


Questi comandi permettono di importare un disegno in formato BMP oppure
di esportarlo in formato BMP, DXF. Inoltre consentono di scambiare immagini
bitmap con gli appunti di Microsoft Windows.

Importa da Appunti
Il comando Importa/da Appunti permette di inserire nel disegno un’entità di
tipo immagine bitmap, prelevandola dagli appunti di Microsoft Windows.

46
Successivamente viene richiesto se si desidera mantenere le proporzioni
larghezza/altezza dell’immagine; quindi occorre precisare l’area da essa
occupata, specificandone prima il punto in basso a sinistra e poi la larghezza
oppure il punto in altro a destra, a seconda che sia stata scelta la modalità
proporzionale o meno.

Il seguente esempio importa un’immagine dagli appunti, mantenendo le


proporzioni e disegnandola nell’area determinata dai punti 10;10 e larga 100.

Importa_Appunti
Mantenere le proporzioni ([S]i/[N]o): >S
Punto base: >10;10
Larghezza: >100

Se gli appunti di Microsoft Windows non contengono un’immagine bitmap,


viene visualizzato un messaggio di errore.
ExtraCAD permette anche di inserire un’immagine caricandola da un file:
questa operazione viene effettuata dal comando Inserisci/Immagine,
descritto nei capitoli seguenti.

Importa BMP
Il comando Importa BMP (equivalente al comando Immagine) consente di
inserire un’immagine bitmap (.BMP) nel disegno, caricandola da un file.

Successivamente al suo inserimento, viene mostrata la finestra seguente:

Scegliete il file desiderato, quindi fate clic su Apri.

47
In seguito il programma richiede di specificare se si desidera mantenere le
proporzioni larghezza/altezza dell’immagine oppure no; quindi occorre
precisare l’area da essa occupata, specificandone prima il punto in basso a
sinistra e poi la larghezza oppure il punto in altro a destra, a seconda che sia
stata scelta la modalità proporzionale o meno.

Tenete presente che le immagini, soprattutto se costituite da tanti colori,


possono richiedere molta memoria. Inoltre esse non possono essere nè
ruotate nè riflesse.

Esporta in Appunti
Il comando Esporta/in Appunti permette di inserire negli appunti di Microsoft
Windows un’immagine bitmap del disegno corrente. Successivamente al suo
inserimento viene visualizzata la seguente finestra:

E’ possibile specificare le dimensioni dell’immagine ed inoltre se deve essere


in bianco e nero o a colori.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Esporta BMP
Il comando Esporta/BMP permette di creare un file bitmap contenente il
disegno. Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la seguente
finestra:

48
E’ possibile specificare le dimensioni dell’immagine ed inoltre se deve essere
in bianco e nero o a colori. Premendo OK viene visualizzata la seguente
finestra:

Scegliete il nome del file BMP da esportare, quindi l’operazione verrà


eseguita.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Esporta DXF
Il comando EsportaDXF permette di creare un file DXF contenente il
disegno. Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la seguente
finestra:

49
Scegliete il nome del file da esportare, quindi l’operazione verrà eseguita.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

I comandi di stampa
Questi comandi permettono di stampare un disegno su carta, secondo varie
modalità e di configurare la periferica di stampa.

Opzioni di stampa
Il comando Opzioni di stampa consente di configurare la scala,
l’orientamento e la qualità di stampa, il formato di carta ed i margini del foglio.
Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la finestra seguente:

50
E’ possibile impostare tutti i parametri di stampa controllando
contemporaneamente il risultato finale in anteprima; nel caso vengano
impostati parametri non corretti, la finestra provvede a segnalare l’anomalia
con opportuni messaggi di errore.

Il pannello Stampante è quello visualizzato inizialmente:

E’ possibile scegliere la stampante da utilizzare, le caratteristiche del foglio e


il suo orientamento. Il pulsante Proprietà della stampante permette di
accedere alla finestra di configurazione dedicata della propria periferica; il

51
pulsante Impostazioni di default riassegna i parametri standard della
stampante.

Il pannello Pagina è il seguente:

E’ possibile indicare la scala di stampa, la posizione del disegno sul foglio e i


margini dello stesso. Per inserire dei valori specifici è necessario disabilitare
le funzionalità di calcolo automatico (Massimizza nel foglio, Centra
orizzontalmente, Centra verticalmente e Riduci al minimo).

Se si specifica un valore di scala di stampa inferiore a quello indicato


automaticamente quando Massimizza nel foglio è abilitato, ExtraCAD
permette la stampa del disegno su più fogli da affiancare in seguito (la scala
di stampa è tale da richiedere un’area maggiore di quella di un foglio singolo),
fino ad un massimo di 100 fogli; l’anteprima di stampa visualizza tale
situazione.
Riguardo alla scala stessa, il valore 1:1 indica che il disegno deve essere
stampato facendo in modo che un’unità di ExtraCAD, che ha una lunghezza
determinata dal tipo di unità di misura impostata con il comando Coordinate,
abbia la stessa lunghezza anche sul foglio di carta. Estendendo questo
concetto, una scala 1:X indica che il disegno deve essere stampato facendo

52
in modo che X unità del piano cartesiano corrispondano ad un’unità sul foglio.
Per esempio, impostando X=2 le dimensioni del disegno vengono dimezzate.

Il pannello Disegno è il seguente:

E’ possibile impostare diversi parametri di qualità e predisporre la stampa in


bianco e nero anche su un dispositivo a colori o a toni di grigio.
Una minore qualità di stampa comporta la riduzione dei tempi dell’operazione
ed un risparmio di inchiostro della stampante: ciò può essere utile durante la
stampa di bozze.
L’opzione Tralascia la scalatura dello spessore e dello stile del tratto può
essere attivata quando si desidera stampare un disegno in scala mantenendo
però fisse le dimensioni del tratto delle linee.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Stampa
Il comando Stampa permette di inviare un disegno al proprio dispositivo di
stampa. Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la finestra
seguente:

53
E’ possibile predisporre la stampa su file, scegliere di stampare tutto il
disegno oppure la vista della finestra attiva ed inoltre impostare il numero di
copie desiderate. Il pulsante Opzioni consente di accedere alle opzioni di
stampa.

Premendo OK viene avviata la fase di stampa: viene visualizzata una finestra


che mostra lo stato di stampa e permette, premendo il pulsante Annulla,
l’interruzione della stessa. Nel caso di stampa su più fogli da affiancare in
seguito, un opportuno messaggio richiede la conferma dell’operazione.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Il comando Esci
Il comando Esci permette di chiudere ExtraCAD, terminando la sessione di
lavoro.
Se qualche disegno o libreria tra quelli correntemente aperti sono stati
modificati, viene visualizzata una finestra che ne consente il salvataggio.

54
55
I MENÙ VISUALIZZA E FINESTRA
Questo capitolo descrive i comandi per gestire le viste di un disegno e le
relative finestre

I comandi del menù Visualizza


Questi comandi permettono di modificare i parametri di una vista esistente,
senza cambiare la finestra in cui essa è visualizzata.

Zoom area
Il comando Zoom Area permette di focalizzare la vista attiva attorno all’area
specificata. Tenete presente che il riquadro risultante può non corrispondere
esattamente con quest’ultima, ma una delle due dimensioni può essere
maggiore: infatti ExtraCAD si preoccupa di mantenere le proporzioni
orizzontali e verticali della vista ogni volta che si effettua un ingrandimento.

L’inserimento dell’area è conforme a quanto precisato nel capitolo


precedente.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Zoom tutto
Il comando Zoom tutto consente di visualizzare interamente il disegno nella
vista attiva, in funzione delle sue dimensioni.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Zoom in
Il comando Zoom in permette di ingrandire la vista corrente, raddoppiando il
suo fattore di ingrandimento; tenete presente che durante l’operazione il
punto centrale resta fisso.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

56
Zoom out
Il comando Zoom out permette di rimpicciolire la vista corrente, dimezzando
il suo fattore di ingrandimento; tenete presente che durante l’operazione il
punto centrale resta fisso.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Vista iniziale
Il comando Vista iniziale consente di ripristinare nella vista attiva i parametri
iniziali di disegno, ovvero un fattore di ingrandimento uguale ad 1 e l’origine
del piano cartesiano posizionata nell’angolo in basso a sinistra della vista.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Pan
Il comando Pan permette di spostare la vista attiva su un’altra area del
disegno, senza effettuare alcuna operazione di zoom. ExtraCAD richiede di
specificare due punti che individuano il vettore spostamento da applicare; in
altre parole occorre specificare un punto del piano (detto punto base) e la
sua nuova posizione dopo lo spostamento.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Pan dinamico
Il comando Pan dinamico permette di spostare la vista attiva su un’altra area
del disegno, senza effettuare alcuna operazione di zoom, similmente al
comando Pan. ExtraCAD richiede di specificare due punti che individuano il
vettore spostamento da applicare; in altre parole occorre specificare un punto
del piano (detto punto base) e la sua nuova posizione dopo lo spostamento.
Diversamente dal comando Pan, durante l’inserimento del secondo punto il
programma mostra in tempo reale un’anteprima del risultato finale.
Questo comando è estremamente intuitivo, tuttavia può risultare lento se il
disegno corrente è molto complesso.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

57
Il comando Ridisegna
Il comando Ridisegna consente di ridipingere tutte le viste del disegno attivo.

Nel corso di diverse operazioni, per esempio la cancellazione di un’entità, è


possibile che l’immagine del disegno in una o più viste risulti imperfetta a
causa di piccoli tratti mancanti ecc.; il comando Ridisegna provvede a
risolvere queste situazioni.

I comandi del menù Finestra


Questi comandi consentono di aprire, affiancare, sovrapporre od attivare le
finestre dei disegni.

Inoltre le finestre possono essere spostate, ridimensionate, ingrandite,


minimizzate e ripristinate con le consuete tecniche di Microsoft Windows.

Nuova finestra
Il comando Nuova Finestra consente di creare una nuova finestra del
disegno attivo, sovrapposta alla precedente. ExtraCAD assegna alla finestra
un titolo nella forma “Nome disegno - Finestra n”, che permette di distinguerla
dalle altre.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Affianca finestre
Il comando Affianca finestre ridimensiona tutte le finestre correntemente
aperte e le affianca nell’area disponibile.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Sovrapponi finestre
Il comando Sovrapponi finestre ridimensiona tutte le finestre correntemente
aperte e le sovrappone nell’area disponibile.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

58
Disponi icone
Il comando Disponi icone sposta tutte le icone delle finestre minimizzate,
disponendole con ordine.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Attivazione di una finestra


Quando una finestra viene creata, in fondo al menù Finestre viene aggiunta
una voce relativa al suo titolo. Selezionando in seguito una di queste voci è
possibile attivare la finestra corrispondente.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

59
IL MENÙ INSERISCI: ENTITÀ DA TRATTO
Questo capitolo descrive i comandi per disegnare le entità alle quali
ExtraCAD associa sia un colore sia uno stile di tratto. Esse sono le linee, i
cerchi, gli archi, le ellissi e gli archi d’ellisse.

I comandi per disegnare le linee


I comandi per disegnare le linee sono tutti inseriti nel menù Inserisci/Linea.

Linea
Il comando Linea è quello più frequentemente usato per disegnare entità di
questo tipo. Esso consente l’inserimento multiplo di segmenti consecutivi,
richiedendo di specificarne le coordinate degli estremi. Per esempio:

Linea
Dal punto: >10;10
Al punto: >30;20
Al punto: >40;50
Al punto: > (Invio)

Il comando viene concluso premendo Invio alla richiesta di un ulteriore


estremo.

E’ anche possibile terminare il comando inserendo il carattere “C”: in questo


caso il programma disegna un poligono chiuso tracciando la linea che collega
l’ultimo estremo specificato con il primo.

60
Ricordate che utilizzando la sintassi relativa delle coordinate, il programma
consente anche di disegnare una linea specificando la distanza tra gli estremi
secondo gli assi X e Y (sintassi relativa rettangolare), oppure la lunghezza e
l’angolo (sintassi relativa polare).

Infine tenete presente che applicando i punti geometrici notevoli durante la


richiesta degli estremi è possibile tracciare linee tangenti e/o perpendicolari
ad altre entità, in uno od entrambi i punti.

Linea lunghezza e angolo


Il comando Linea lunghezza e angolo consente l’inserimento multiplo di
segmenti consecutivi, richiedendo di specificarne la lunghezza e l’angolo, in
modo del tutto analogo al comando Linea se viene utilizzato specificando gli
estremi con la sintassi relativa polare.
Il comando viene concluso premendo Invio alla richiesta di un ulteriore
estremo.

E’ anche possibile terminare il comando inserendo il carattere “C”: in questo


caso il programma disegna un poligono chiuso tracciando la linea che collega
l’ultimo estremo specificato con il primo.

Linea ortogonale
Il comando Linea ortogonale consente di disegnare linee ortogonali agli assi
cartesiani. Esso permette l’inserimento multiplo di segmenti consecutivi,
richiedendo di specificare le coordinate degli estremi.

Il programma utilizza il seguente criterio per determinare quale linea


ortogonale inserire: dati due estremi, i quali in generale individuano un tratto
non ortogonale, vengono calcolate le componenti di quest’ultimo lungo le
direzioni principali; quindi la componente maggiore determina la linea da
inserire.

Per esempio:

61
Linea_Ortogonale
Dal punto: >10;10
Al punto: >75,000;30,000
Al punto: >75,000;70,000
Al punto: >145,000;80,000
Al punto: > (Invio)

Il comando Linea ortogonale utilizza le impostazioni della griglia della vista


attiva per determinare le direzioni principali da utilizzare.
Ciò significa che se la griglia è rettangolare ma ruotata, il comando disegnerà
delle linee ortogonali ma a loro volta ruotate.

Se la griglia è isometrica, il comando disegnerà delle linee ortogonali in


proiezione, sul piano XY, YZ o ZX, secondo le impostazioni correnti:
inizialmente ExtraCAD utilizza il piano XY, tuttavia digitando i caratteri “X”,
“Y” o “Z” durante la richiesta del secondo estremo di un segmento, è
possibile attivare rispettivamente il piano XY, YZ e ZX.
La seguente figura mostra l’orientamento convenzionale che il programma
assegna alla terna assiale tridimensionale, ed inoltre un esempio di linee
ortogonali in assonometria isometrica.

62
Linea doppia
Il comando Linea doppia permette l’inserimento multiplo di linee parallele
consecutive, specificando il percorso di mezzeria e la larghezza da utilizzare.

Il comando richiede inizialmente il primo punto del percorso di mezzeria, poi


la semidistanza tra le linee da disegnare, quindi gli altri punti. Concludete
sempre il comando premendo Invio dopo aver inserito l’ultimo estremo
desiderato.
La seguente figura mostra un esempio di linee doppie:

ExtraCAD provvede automaticamente a collegare correttamente ogni linea


con quelle ad essa adiacenti; tuttavia se il cambiamento di direzione è troppo
brusco, come nel caso del tratto verticale in figura, ciò non è più possibile.

63
Linea parallela
Il comando Linea parallela consente di disegnare una linea parallela ad
un’altra inserita in precedenza.

ExtraCAD richiede di specificare la linea alla quale riferirsi, poi la distanza


assoluta e la posizione nel piano cartesiano rispetto alla prima. A questo
punto viene disegnata una linea linea parallela di lunghezza uguale a quella
di riferimento.

Durante la richiesta della distanza è possibile digitare il carattere “P” per


disegnare una linea parallela specificandone i due estremi. Tenete presente
che in quest’ultimo caso per determinare la linea da disegnare, il secondo
estremo viene proiettato sulla direzione parallela individuata dai parametri
precedenti.

Linea bisettrice
Il comando Linea bisettrice permette di disegnare la bisettrice dell’angolo
specificato.

Il programma richiede di specificare il centro dell’angolo, quindi un punto sul


suo lato destro e uno su quello sinistro; contemporaneamente viene mostrata
un’anteprima dell’angolo individuato. Infine occorre inserire la lunghezza della
linea. Ricordate che l’angolo considerato è quello che ruota in senso
antiorario dal lato destro a quello sinistro.

Rettangolo
Il comando Rettangolo consente di disegnare un rettangolo avente i lati
orientati come gli assi cartesiani.

ExtraCAD richiede di specificare due vertici appartenenti alla stessa


diagonale, quindi disegna le 4 linee che compongono il rettangolo.

Il comando Rettangolo utilizza le impostazioni della griglia della vista attiva


per determinare le direzioni principali da utilizzare.
Ciò significa che se la griglia è rettangolare ma ruotata, il comando disegnerà
un rettangolo ruotato. Se la griglia è isometrica, il comando disegnerà un
rettangolo in proiezione, sul piano XY, YZ o ZX, secondo le impostazioni
correnti: inizialmente ExtraCAD utilizza il piano XY, tuttavia digitando i

64
caratteri “X”, “Y” o “Z” durante la richiesta del secondo vertice, è possibile
attivare rispettivamente il piano XY, YZ e ZX.

Ricordate che utilizzando la sintassi relativa rettangolare delle coordinate, il


programma consente anche di disegnare un rettangolo specificando come
secondo vertice le sue dimensioni secondo gli assi X e Y.

Poligono
Il comando Poligono permette di disegnare un poligono regolare con il
numero di lati desiderato e secondo diverse modalità.

Il programma richiede inizialmente il numero di vertici del poligono; quindi


permette di scegliere tra le seguenti modalità di inserimento:
• Circoscritto: viene disegnato un poligono circoscritto ad una circonferenza;
occorre precisare il centro, il raggio e l’angolo di uno dei vertici.
• Inscritto: viene disegnato un poligono inscritto in una circonferenza;
occorre precisare il centro, il raggio e l’angolo di uno dei vertici.
• Lato: viene disegnato un poligono specificandone un lato; il programma
richiede gli estremi del lato, quindi disegna il poligono ruotando in senso
antiorario rispetto alla direzione determinata dal primo lato.

La seguente figura mostra un esempio delle tre modalità di inserimento:

I comandi per disegnare i cerchi


I comandi per disegnare i cerchi sono tutti inseriti nel menù
Inserisci/Cerchio.

65
Cerchio con centro e raggio
Il comando Cerchio con centro e raggio permette di disegnare un cerchio
specificandone tali parametri geometrici.

Applicando i punti geometrici notevoli durante la richiesta del raggio è


possibile tracciare cerchi tangenti ad altre entità.

Cerchio con centro e diametro


Il comando Cerchio con centro e diametro consente di disegnare un
cerchio specificandone tali parametri geometrici.

Cerchio con 2 punti di diametro


Il comando Cerchio con 2 punti di diametro permette di disegnare un
cerchio precisandone gli estremi di un diametro.

La seguente figura ne mostra un esempio:

Applicando i punti geometrici notevoli durante la richiesta degli estremi è


possibile tracciare cerchi tangenti ad altre entità, in uno od entrambi i punti.

Cerchio con 2 punti e raggio


Il comando Cerchio con 2 punti e raggio consente di disegnare un cerchio
precisandone due punti sulla sua circonferenza ed il raggio.

66
In realtà, esistono due cerchi che passano per due punti e hanno un
determinato raggio: ExtraCAD sceglie quello che si ottiene ruotando in senso
antiorario dal primo al secondo punto. La seguente figura mostra un esempio:

Applicando i punti geometrici notevoli durante la richiesta dei due punti è


possibile tracciare cerchi tangenti ad altre entità.

Cerchio con 3 punti


Il comando Cerchio con 3 punti permette di disegnare un cerchio
precisandone tre punti sulla sua circonferenza.

La seguente figura ne mostra un esempio:

Applicando i punti geometrici notevoli durante la richiesta dei tre punti è


possibile tracciare cerchi tangenti ad altre entità.

67
I comandi per disegnare gli archi
I comandi per disegnare gli archi di circonferenza sono tutti inseriti nel menù
Inserisci/Arco.

Arco con centro, raggio, angoli


Il comando Arco con centro, raggio, angoli consente di disegnare un arco
precisandone il centro, il raggio e gli angoli iniziale e finale.

Gli archi vengono sempre disegnati da ExtraCAD ruotando in senso


antiorario dall’angolo iniziale a quello finale.

La seguente figura ne mostra un esempio:

Applicando i punti geometrici notevoli durante la richiesta del raggio è


possibile tracciare archi tangenti ad altre entità.

Arco con 3 punti


Il comando Arco con 3 punti permette di disegnare un arco precisandone il
punto iniziale, un punto sull’arco ed il punto finale. E’ anche possibile
specificare quest’ultimo prima del punto sull’arco.

Successivamente, il comando permette di disegnare una serie di archi


congiunti con continuità, richiedendo un ulteriore punto finale; per concludere
il comando è sufficiente premere Invio.

La seguente figura ne mostra un esempio:

68
Applicando i punti geometrici notevoli durante la richiesta dei tre punti è
possibile tracciare archi tangenti e/o perpendicolari negli estremi ad altre
entità.

Arco con centro, inizio, fine


Il comando Arco con centro, inizio, fine consente di disegnare un arco
precisandone il centro ed i punti iniziale e finale.

Applicando i punti geometrici notevoli durante la richiesta del punto iniziale è


possibile tracciare archi tangenti e/o perpendicolari ad altre entità.

Arco con centro, inizio, angolo


Il comando Arco con centro, inizio, angolo permette di disegnare un arco
precisandone il centro, il punto iniziale e l’angolo incluso.

Applicando i punti geometrici notevoli durante la richiesta del punto iniziale è


possibile tracciare archi tangenti e/o perpendicolari ad altre entità.

Arco con centro, inizio, corda


Il comando Arco con centro, inizio, corda consente di disegnare un arco
precisandone il centro, il punto iniziale e la lunghezza della corda da esso
individuata.

Applicando i punti geometrici notevoli durante la richiesta del punto iniziale è


possibile tracciare archi tangenti e/o perpendicolari ad altre entità.

69
Arco con inizio, fine, raggio
Il comando Arco con inizio, fine, raggio permette di disegnare un arco
precisandone il punto iniziale, il punto finale ed il raggio.

Applicando i punti geometrici notevoli durante la richiesta dei due punti è


possibile tracciare archi tangenti e/o perpendicolari ad altre entità.

Arco con inizio, fine, angolo


Il comando Arco con inizio, fine, angolo consente di disegnare un arco
precisandone il punto iniziale, il punto finale e l’angolo incluso.

Applicando i punti geometrici notevoli durante la richiesta dei due punti è


possibile tracciare archi tangenti e/o perpendicolari ad altre entità.

I comandi per disegnare le ellissi e gli archi d’ellisse


I comandi per disegnare le ellissi e gli archi d’ellisse sono tutti inseriti nel
menù Inserisci/Ellisse.

Ellisse con centro


Il comando Ellisse con centro consente di disegnare un’ellisse
precisandone il centro, l’angolo di rotazione e la lunghezza dei due semiassi.

La seguente figura ne mostra un esempio:

70
Ellisse con assi
Il comando Ellisse con assi permette di disegnare un’ellisse precisando i
punti estremi del primo asse e la lunghezza del secondo semiasse.

Ellisse isometrica
Il comando Ellisse isometrica consente di disegnare un cerchio in
assonometria isometrica, precisandone centro e raggio.

ExtraCAD disegna un’ellisse, calcolando automaticamente le lunghezze dei


suoi semiassi in funzione del raggio specificato; inoltre questa viene tracciata
sul piano XY, YZ o ZX, secondo le impostazioni correnti: inizialmente il
programma utilizza il piano XY, tuttavia digitando i caratteri “X”, “Y” o “Z”
durante la richiesta del raggio, è possibile attivare rispettivamente il piano XY,
YZ e ZX.

La seguente figura mostra tre ellissi isometriche, una per ognuno dei possibili
piani:

71
Arco d’ellisse con centro
Il comando Arco d’ellisse con centro consente di disegnare un arco
d’ellisse precisandone il centro, l’angolo di rotazione, la lunghezza dei due
semiassi e gli angoli iniziale e finale.

La seguente figura ne mostra un esempio:

Arco d’ellisse con assi


Il comando Arco d’ellisse con assi permette di disegnare un arco d’ellisse
precisando i punti estremi del primo asse, la lunghezza del secondo
semiasse e gli angoli iniziale e finale.

72
Arco d’ellisse isometrico
Il comando Arco d’ellisse isometrico consente di disegnare un arco di
circonferenza in assonometria isometrica, precisandone centro, raggio e gli
angoli iniziale e finale.

ExtraCAD disegna un arco d’ellisse, calcolando automaticamente le


lunghezze dei suoi semiassi in funzione del raggio specificato; inoltre questa
viene tracciata sul piano XY, YZ o ZX, secondo le impostazioni correnti:
inizialmente il programma utilizza il piano XY, tuttavia digitando i caratteri “X”,
“Y” o “Z” durante la richiesta del raggio, è possibile attivare rispettivamente il
piano XY, YZ e ZX.

73
IL MENÙ INSERISCI: SUPERFICI
Questo capitolo descrive i comandi per disegnare superfici piene.

I comandi per disegnare le superfici


I comandi per disegnare le superfici sono tutti inseriti nel menù
Inserisci/Superficie.

Superficie
Il comando Superficie consente di disegnare una superficie generica.

ExtraCAD considera superfici generiche quelle aventi il confine formato da


una linea spezzata chiusa.

La figura seguente mostra degli esempi di superfici generiche:

Tenete presente che non è possibile sovrapporre due porzioni della stessa
superficie: tale entità viene considerata non valida da ExtraCAD; invece nel
caso di due superfici distinte questa limitazione non sussiste.

Il programma permette di specificare un numero qualsiasi di vertici (almeno


3); digitate sempre Invio per concludere il comando.

74
Superficie a barra
Il comando Superficie a barra consente di disegnare una superficie piena
avente la forma di una barra.

Il programma richiede di specificare gli estremi del segmento di mezzeria e la


larghezza della barra; quindi disegna un’entità di tipo superficie generica,
calcolando automaticamente i 4 vertici necessari.

Superficie a rettangolo
Il comando Superficie a rettangolo consente di disegnare una superficie
piena a forma di rettangolo, avente i lati orientati come gli assi cartesiani.

Il programma richiede di specificare due spigoli appartenenti alla stessa


diagonale; quindi disegna un’entità di tipo superficie generica, calcolando
automaticamente i 4 vertici necessari.

Il comando Superficie a rettangolo utilizza le impostazioni della griglia della


vista attiva per determinare le direzioni principali da utilizzare.
Ciò significa che se la griglia è rettangolare ma ruotata, il comando disegnerà
una superficie rettangolare ruotata. Se la griglia è isometrica, il comando
disegnerà una superficie rettangolare in proiezione, sul piano XY, YZ o ZX,
secondo le impostazioni correnti: inizialmente ExtraCAD utilizza il piano XY,
tuttavia digitando i caratteri “X”, “Y” o “Z” durante la richiesta del secondo
vertice, è possibile attivare rispettivamente il piano XY, YZ e ZX.

Ricordate che utilizzando la sintassi relativa rettangolare delle coordinate, il


programma consente anche di disegnare una superficie rettangolare
specificando come secondo vertice le sue dimensioni secondo gli assi X e Y.

Superficie a poligono
Il comando Superficie a poligono consente di disegnare una superficie
piena avente la forma di poligono regolare, con il numero di lati desiderato e
secondo diverse modalità.

Il programma richiede di specificare i dati del poligono; quindi disegna


un’entità di tipo superficie generica, calcolando automaticamente i vertici
necessari.

75
Il comando richiede inizialmente il numero di vertici del poligono; quindi
permette di scegliere tra le seguenti modalità di inserimento:
• Circoscritto: viene disegnato un poligono circoscritto ad una circonferenza;
occorre precisare il centro, il raggio e l’angolo di uno dei vertici.
• Inscritto: viene disegnato un poligono inscritto in una circonferenza;
occorre precisare il centro, il raggio e l’angolo di uno dei vertici.
• Lato: viene disegnato un poligono specificandone un lato; il programma
richiede gli estremi del lato, quindi disegna il poligono ruotando in senso
antiorario rispetto alla direzione determinata dal primo lato.

Superficie a disco
Il comando Superficie a disco consente di disegnare una superficie avente
la forma di un disco.

Il programma richiede di specificare il centro ed il raggio del disco; quindi


disegna un’entità di questo tipo. Successivamente ExtraCAD permette di
disegnare una serie di dischi uguali al primo, precisando nuove coordinate
del centro. Digitate Invio per concludere il comando.

La seguente figura mostra alcuni esempi di dischi:

Superficie ad anello
Il comando Superficie ad anello consente di disegnare una superficie
avente la forma di anello.

Il programma richiede di specificare il centro ed i raggi esterno ed interno


dell’anello; quindi disegna un’entità di questo tipo. Successivamente

76
ExtraCAD permette di disegnare una serie di anelli uguali al primo,
precisando nuove coordinate del centro. Digitate Invio per concludere il
comando.

La seguente figura mostra alcuni esempi di anelli:

Solidifica area
Il comando Solidifica area consente di generare una superficie da un bordo
formato da entità di tipo linea ed arco.

Il programma richiede di selezionare il gruppo di entità del bordo, quindi


esegue l’operazione. Infine è possibile scegliere se cancellare le entità
selezionate oppure lasciarle inalterate.

Il comando Solidifica area permette di ottenere superfici con bordi a forma di


arco semplicemente approssimando automaticamente ogni arco con una
serie di piccoli segmenti.

Il comando visualizza un messaggio di errore se la superficie generata non è


valida oppure se il numero di segmenti richiesti dall’operazione è troppo
elevato.

77
IL MENÙ INSERISCI: TESTO VETTORIALE
Questo capitolo descrive i comandi per disegnare le entità di tipo testo.

I comandi per disegnare il testo vettoriale


I comandi per disegnare il testo vettoriale sono tutti inseriti nel menù
Inserisci/Testo.

Testo
Il comando Testo consente di disegnare una scritta orizzontale giustificata a
sinistra, secondo lo stile corrente.

Il programma richiede di specificare il contenuto del testo ed il punto di


inserimento desiderato.

La seguente figura ne mostra un esempio:

Testo giustificato a sinistra


Il comando Testo giustificato a sinistra consente di disegnare una scritta
inclinata e giustificata a sinistra, secondo lo stile corrente.

Il programma richiede di specificare il contenuto del testo, il punto di


inserimento e l’angolo di inclinazione desiderati.

78
La seguente figura ne mostra un esempio:

Testo giustificato al centro


Il comando Testo giustificato al centro consente di disegnare una scritta
inclinata e giustificata al centro, secondo lo stile corrente.

Il programma richiede di specificare il contenuto del testo, il punto di


inserimento e l’angolo di inclinazione desiderati.

La seguente figura ne mostra un esempio:

Testo giustificato a destra


Il comando Testo giustificato a destra consente di disegnare una scritta
inclinata e giustificata a destra, secondo lo stile corrente.

79
Il programma richiede di specificare il contenuto del testo, il punto di
inserimento e l’angolo di inclinazione desiderati.

La seguente figura ne mostra un esempio:

Testo giustificato oriz./vert.


Il comando Testo giustificato oriz./vert. consente di disegnare una scritta
inclinata e giustificata a scelta, secondo lo stile corrente.

Il programma richiede inizialmente di specificare il tipo di giustificazione


orizzontale (sinistra, centro, destra) e verticale (basso, linea base, centrale,
alto); poi il comando necessita del contenuto del testo, del punto di
inserimento e dell’angolo di inclinazione desiderati.

La seguente figura ne mostra un esempio, spiegando il significato dei vari tipi


di giustificazione:

80
Testo centrato su un punto
Il comando Testo centrato su un punto consente di disegnare una scritta
inclinata e centrata su una coordinata, secondo lo stile corrente.

Il programma richiede di specificare il contenuto del testo, il punto centrale e


l’angolo di inclinazione desiderati.

La seguente figura ne mostra un esempio:

Testo ingrandito tra 2 punti


Il comando Testo ingrandito tra 2 punti consente di disegnare una scritta
inclinata ed ingrandita tra due estremi, secondo lo stile corrente.

Il programma richiede di specificare il contenuto del testo ed i due punti


estremi: questi individuano la dimensione e l’inclinazione della scritta.

81
La seguente figura ne mostra un esempio:

Testo allungato tra 2 punti


Il comando Testo allungato tra 2 punti consente di disegnare una scritta
inclinata ed allungata tra due estremi, secondo lo stile corrente.

Il programma richiede di specificare il contenuto del testo ed i due punti


estremi: questi individuano la larghezza e l’inclinazione della scritta;
contrariamente al comando Testo ingrandito tra 2 punti, questo comando
non modifica l’altezza del testo.

La seguente figura ne mostra un esempio:

82
Testo dentro un rettangolo
Il comando Testo dentro un rettangolo consente di disegnare una scritta
massimizzata in un rettangolo di riferimento.

Il programma richiede di specificare il contenuto del testo ed il rettangolo da


utilizzare.

La seguente figura ne mostra un esempio:

Formato testo
Il comando Formato/Testo permette di modificare lo stile corrente del testo
vettoriale. Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la
seguente finestra:

83
E’ possibile scegliere lo stile del testo ed inoltre modificare diversi suoi
parametri.

Premendo il pulsante Scegli sul disegno è possibile specificare lo stile del


testo di un’entità già presente nel disegno corrente.

ExtraCAD dispone di 10 stili (fonts) di carattere, mostrati nella figura


seguente:

La seguente figura mostra un esempio delle possibilità dei parametri del


testo:

84
Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione: quindi è possibile
modificare lo stile del testo dinamicamente, durante l’inserimento dello
stesso.

85
IL MENÙ INSERISCI: QUOTE
ExtraCAD consente l’inserimento di numerose tipologie di quote, in
conformità alle norme internazionali di disegno.

Questo capitolo descrive i comandi per il disegno delle quote e per la


definizione dei loro parametri di stile.

Fondamenti delle quote


Le quote sono entità complesse, formate da linee, testo, superfici ed in alcuni
casi anche da archi.
ExtraCAD suddivide una quota in diverse parti, come mostrato nella figura
seguente:

Modificando i parametri di stile delle quote, è possibile definire diversi aspetti


per ognuna di queste parti; per esempio nascondere le linee di riferimento,
oppure modificare lo stile delle frecce.
Il comando Formato/Quote è descritto successivamente in questo capitolo.

86
Il testo di una quota
Le quote “misurano” automaticamente le lunghezze o gli angoli a cui sono
riferite, determinando così il contenuto del loro testo.

Un aspetto estremamente importante delle quote gestite da ExtraCAD è che,


se queste vengono modificate (per esempio ruotate, ridimensionate o stirate),
esse provvedono ad aggiornare il valore del testo automaticamente.
Pertanto se le entità cui esse si riferiscono vengono modificate
contemporaneamente alle quote, il valore da esse indicato resta esatto.
Questo comportamento è detto semi-associativo.

Modificando lo stile corrente di quotatura si ha l’opportunità di controllare i


parametri di misura, di tolleranza e di formattazione del valore numerico.

Inoltre è possibile introdurre nel testo delle scritte, combinandole con il valore
della misura. Ogni comando di quotatura consente di specificare
manualmente il testo della quota; durante questa operazione indicate il valore
della misura digitando %%. Successivamente il programma sostituisce a
questi caratteri speciali il valore numerico calcolato automaticamente; ciò si
verifica anche in seguito, se la quota viene modificata.

I comandi per disegnare le quote


I comandi per disegnare le quote sono tutti inseriti nel menù Disegna/Quota.

Quota orizzontale
Il comando Quota orizzontale permette di disegnare una quota orizzontale.

Il programma richiede di specificare i due punti di riferimento e la posizione


del testo della quota; durante quest’ultima operazione è anche possibile
modificare il testo stesso, digitando il carattere “T”.

La figura seguente mostra alcuni esempi di quote orizzontali, alcune delle


quali sono state disegnate modificando lo stile di quotatura:

87
Quota verticale
Il comando Quota verticale consente di disegnare una quota verticale.

Il programma richiede di specificare i due punti di riferimento e la posizione


del testo della quota; durante quest’ultima operazione è anche possibile
modificare il testo stesso, digitando il carattere “T”.

La figura seguente mostra alcuni esempi di quote verticali, alcune delle quali
sono state disegnate modificando lo stile di quotatura:

Quota inclinata
Il comando Quota inclinata permette di disegnare una quota inclinata
secondo la direzione dei suoi punti di riferimento.

88
Il programma richiede di specificare i due punti di riferimento e la posizione
del testo della quota; durante quest’ultima operazione è anche possibile
modificare il testo stesso, digitando il carattere “T”.

La figura seguente mostra alcuni esempi di quote inclinate, alcune delle quali
sono state disegnate modificando lo stile di quotatura:

Quota raggio
Il comando Quota raggio consente di quotare il raggio di un cerchio o di un
arco.

Il programma richiede di specificare il cerchio o l’arco da quotare, l’angolo


della quota e la posizione del testo; durante quest’ultima operazione è anche
possibile modificare il testo stesso, digitando il carattere “T”.

La figura seguente mostra alcuni esempi di quote di raggio, alcune delle quali
sono state disegnate modificando lo stile di quotatura:

89
Notate che ExtraCAD disegna una crocetta al centro del cerchio o arco che
viene quotato. Questo simbolo è chiamato riferimento di centro e può essere
soppresso cambiando lo stile corrente di quotatura.

Quota diametro
Il comando Quota diametro consente di quotare il diametro di un cerchio o di
un arco.

Il programma richiede di specificare il cerchio o l’arco da quotare, l’angolo


della quota e la posizione del testo; durante quest’ultima operazione è anche
possibile modificare il testo stesso, digitando il carattere “T”.

La figura seguente mostra alcuni esempi di quote di diametro, alcune delle


quali sono state disegnate modificando lo stile di quotatura:

90
Quota angolo
Il comando Quota angolo consente di quotare l’angolo formato da due linee
oppure di un arco.

Il programma richiede di specificare le due linee o l’arco dei quali si desidera


quotare l’angolo, quindi la posizione del testo della quota; durante
quest’ultima operazione è anche possibile modificare il testo stesso,
digitando il carattere “T”.

La figura seguente mostra alcuni esempi di quote di angolo:

Quota consecutiva
Il comando Quota consecutiva permette di disegnare una quota affiancata
all’ultima inserita, sia essa di tipo orizzontale o verticale.

91
Il programma richiede di specificare il secondo punto di riferimento e la
posizione del testo della quota; durante quest’ultima operazione è anche
possibile modificare il testo stesso, digitando il carattere “T”.

La figura seguente mostra alcuni esempi di quote consecutive orizzontali e


verticali:

Quota con riferimento


Il comando Quota con riferimento permette di disegnare una quota avente
lo stesso riferimento dell’ultima inserita, sia essa di tipo orizzontale o
verticale.

Il programma richiede di specificare il secondo punto di riferimento e la


posizione del testo della quota; durante quest’ultima operazione è anche
possibile modificare il testo stesso, digitando il carattere “T”.

La figura seguente mostra alcuni esempi di quote con riferimento, di tipo


orizzontale e verticale:

92
Freccia
Il comando Freccia permette di disegnare una freccia, avente come “asta”
una linea spezzata.

Il programma richiede di specificare il punto corrispondente alla freccia;


successivamente è possibile inserire un numero qualsiasi di vertici relativi
all’asta della stessa. Digitate sempre Invio per concludere il comando.

La figura seguente mostra alcuni esempi di frecce:

Il comando Formato quota


Il comando Formato/Quota permette di modificare lo stile corrente di
quotatura. Esso può essere sovrapposto ad altri comandi in esecuzione:
quindi è possibile modificare lo stile dinamicamente, durante l’inserimento
delle quote stesse.

93
Successivamente alla sua attivazione viene visualizzata la finestra seguente:

Questa è forse la finestra più complessa presente nel programma; le


numerose opzioni di quotatura sono raggruppate in quatto categorie,
visualizzate nella parte superiore della stessa.

La categoria Linee della quota, mostrata nella figura precedente, contiene le


seguenti aree:
• Dimensioni: si tratta di una serie di parametri metrici delle quote; la voce
Fattore di scala globale consente di ingrandire o di ridurre le dimensioni
complessive delle quote del fattore specificato.
• Proprietà: è possibile scegliere il tipo di freccia

94
• Opzioni: è possibile nascondere selettivamente le parti di una quota; la
voce Disegna sempre la linea di quota all’interno dei riferimenti è
relativa alle situazioni in cui il testo della quota è più lungo dello spazio
disponibile tra le linee di riferimento e quindi viene disegnato all’esterno
delle stesse.

Facendo clic sulla categoria Testo della quota viene visualizzato il riquadro
seguente:

Questa categoria contiene le seguenti aree:


• Proprietà: permette di stabilire lo stile del testo delle quote; in particolare
tenete presente che l’altezza del testo è influenzata sia dalla voce relativa
che dal Fattore di scala globale.

95
• Posizione: permette di modificare i parametri che controllano la posizione
del testo nella quota. In particolare sono disponibili le seguenti voci:
o Posizione orizzontale del testo: consente di scegliere se il testo
deve essere collocato automaticamente rispetto alle linee di
riferimento oppure centrato attorno alla posizione precisata.
o Posizione verticale del testo: consente di scegliere se il testo
deve essere collocato sopra la linea di quota, oppure se
quest’ultima deve essere interrotta ed il testo posizionato al suo
interno.
• Opzioni: permette di sopprimere il testo delle quote

Facendo clic sulla categoria Misura della quota viene visualizzato il riquadro
seguente:

96
Questa categoria contiene le seguenti aree:
• Misura di lunghezza: permette di modificare i parametri che vengono
utilizzati per determinare automaticamente il valore delle quote di
lunghezza. In particolare sono disponibili le seguenti voci:
o Scala di misura di lunghezza: si tratta di un fattore di
proporzionalità tra le unità del piano cartesiano ed i valori delle
quote.
o Unità di arrotondamento di lunghezza: è l’unità minima
considerata per il calcolo del valore delle lunghezze (per
esempio, se vale 0,25 significa che il programma approssima le
lunghezze a multipli interi di questo numero)
o Numero di cifre decimali di lunghezza: indica il numero di
decimali con cui rappresentare il valore delle lunghezze
o Soppressione degli zeri finali di lunghezza: indica se si devono
cancellare eventuali zeri finali nelle cifre decimali

97
• Misura degli angoli: permette di modificare i parametri che vengono
utilizzati per determinare automaticamente il valore delle quote degli
angoli. In particolare sono disponibili le seguenti voci:
o Unità di misura degli angoli: è l’unità di misura utilizzata per
rappresentare i valori degli angoli.
o Unità di arrotondamento degli angoli: è l’unità minima
considerata per il calcolo del valore degli angoli
o Numero di cifre decimali degli angoli: indica il numero di
decimali con cui rappresentare il valore degli angoli
o Soppressione degli zeri finali degli angoli: indica se si devono
cancellare eventuali zeri finali nelle cifre decimali
• Prefisso: permette di specificare dei caratteri che devono essere inseriti
prima del valore della quota
• Suffisso: permette di specificare dei caratteri che devono essere inseriti
dopo il valore della quota

Facendo clic sulla categoria Tolleranza viene visualizzato il riquadro


seguente:

98
Questa categoria contiene le seguenti aree:
• Tolleranza di lunghezza: permette di modificare i parametri che vengono
utilizzati per determinare automaticamente il valore delle tolleranze delle
quote di lunghezza. In particolare sono disponibili le seguenti voci:
o Tipo di tolleranza di lunghezza: è possibile disabilitare la
tolleranza, oppure indicarne le escursioni relative od assolute
(queste ultime vengono calcolate automaticamente in base al
valore della quota)
o Variazione positiva di tolleranza: è un numero positivo che
indica il massimo scostamento positivo dal valore ideale
o Variazione negativa di tolleranza: è un numero negativo che
indica il massimo scostamento negativo dal valore ideale
• Tolleranza degli angoli: permette di modificare i parametri che vengono
utilizzati per determinare automaticamente il valore delle tolleranze delle
quote di angolo. In particolare sono disponibili le seguenti voci:

99
o Tipo di tolleranza degli angoli: è possibile disabilitare la
tolleranza, oppure indicarne le escursioni relative od assolute
(queste ultime vengono calcolate automaticamente in base al
valore della quota)
o Variazione positiva di tolleranza: è un numero positivo che
indica il massimo scostamento positivo dal valore ideale
o Variazione negativa di tolleranza: è un numero negativo che
indica il massimo scostamento negativo dal valore ideale

Premendo il pulsante Scegli sul disegno è possibile specificare lo stile delle


quote di un’entità già presente nel disegno corrente.

100
101
IL MENÙ INSERISCI: ALTRE ENTITÀ
ExtraCAD gestisce altri tipi entità oltre a quelle descritte nei capitoli
precedenti. Si tratta dei punti e delle immagini.

I comandi per disegnare i punti


I comandi per disegnare i punti sono tutti inseriti nel menù Disegna/Punto.

Punto
Il comando Punto consente di disegnare un’entità di tipo punto alle
coordinate specificate.

Punti su retta
Il comando Punti su retta permette di disegnare un determinato numero di
punti allineandoli lungo una retta.

Il programma richiede di specificare il numero di punti e gli estremi della


linea.
La figura seguente ne mostra un esempio:

102
Punti su poligono
Il comando Punti su poligono permette di disegnare un determinato numero
di punti disponendoli ai vertici di un poligono regolare e secondo diverse
modalità.

Il comando richiede di specificare il numero di vertici del poligono; quindi


permette di scegliere tra le seguenti modalità di inserimento:
• Circoscritto: vengono disegnati i vertici di un poligono circoscritto ad una
circonferenza; occorre precisarne il centro, il raggio e l’angolo di uno dei
vertici.
• Inscritto: vengono disegnati i vertici di un poligono inscritto in una
circonferenza; occorre precisarne il centro, il raggio e l’angolo di uno dei
vertici.
• Lato: vengono disegnati i vertici di un poligono specificandone un lato; il
programma richiede gli estremi del lato, quindi disegna il poligono
ruotando in senso antiorario rispetto alla direzione determinata dal primo
lato.

Formato punti
Il comando Formato/Formato punti permette di scegliere i parametri di
disegno dei punti.

ExtraCAD gestisce lo stile dei punti come una proprietà del disegno e non
delle singole entità. Di conseguenza questo comando è retroattivo, nel senso
che modifica sia lo stile dei punti che verranno disegnati sia quello dei punti
già inseriti.

103
Successivamente all’inserimento del comando viene visualizzata la finestra
seguente:

E’ possibile scegliere uno degli stili mostrati ed inoltre specificare le


dimensioni assolute dei punti in decimi di millimetro.

Il comando Immagine
Il comando Immagine consente di inserire un’immagine bitmap (.BMP) nel
disegno, caricandola da un file.

Successivamente al suo inserimento, viene mostrata la finestra seguente:

Scegliete il file desiderato, quindi fate clic su Apri.


In seguito il programma richiede di specificare se si desidera mantenere le
proporzioni larghezza/altezza dell’immagine oppure no; quindi occorre
precisare l’area da essa occupata, specificandone prima il punto in basso a

104
sinistra e poi la larghezza oppure il punto in altro a destra, a seconda che sia
stata scelta la modalità proporzionale o meno.

Tenete presente che le immagini, soprattutto se costituite da tanti colori,


possono richiedere molta memoria. Inoltre esse non possono essere nè
ruotate nè riflesse.

105
106
IL MENÙ STRUMENTI
Questo capitolo descrive i comandi relativi ai punti geometrici notevoli, agli
strumenti di calcolo e a quelli di misura.

I punti geometrici notevoli


ExtraCAD dispone di diversi comandi che permettono di semplificare le
operazioni di inserimento di dati di tipo coordinate. I punti geometrici notevoli
sono già stati illustrati ampiamente nel capitolo 2, “Fondamenti di ExtraCAD”;
in questa sezione vengono elencati formalmente.

Ricordate che i punti geometrici notevoli possono essere attivati sia a livello
globale sia durante l’esecuzione di un altro comando: in quest’ultimo caso il
loro effetto è limitato all’inserimento di una sola coordinata.

Punto libero

Il comando Punto Libero consente di attivare la normale modalità di


inserimento delle coordinate: il programma individua semplicemente il punto
dove si è fatto clic.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Punto medio

Il comando Punto medio permette di individuare il punto medio delle


seguenti entità:
• linee
• archi

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

107
Punto centro

Il comando Punto centro permette di individuare il centro delle seguenti


entità:
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Punto estremo

Il comando Punto estremo permette di individuare i punti estremi delle


seguenti entità:
• linee
• archi
• archi d’ellisse

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Punto quadrante

Il comando Punto quadrante permette di individuare i punti di quadrante


(cioè quelli a 0, 90, 180, 270 gradi) delle seguenti entità:
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

108
Punto intersezione

Il comando Punto intersezione permette di individuare il punto di


intersezione tra le seguenti entità:
• linee
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Punto tangente

Il comando Punto tangente permette di individuare il punto di tangenza sulle


seguenti entità:
• linee
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Punto perpendicolare

Il comando Punto perpendicolare permette di individuare il punto di


perpendicolarità sulle seguenti entità:
• linee
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse

109
Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Punto elemento

Il comando Punto elemento permette di individuare il punto più vicino a


quello dove si è fatto clic sulle seguenti entità:
• linee
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Punto riferimento

Il comando Punto Riferimento permette di individuare diverse tipologie di


punti in funzione delle entità sulle quali si è fatto clic:
• se l’entità è un punto, ne seleziona le coordinate
• se l’entità è una superficie generica o un’immagine, ne seleziona lo
spigolo più vicino
• se l’entità è una superficie a disco o ad anello, ne seleziona il centro
• se l’entità è un testo vettoriale, ne seleziona il punto di inserimento
• se l’entità è una quota, ne seleziona i punti di riferimento.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Gli strumenti di selezione


ExtraCAD dispone di due comandi che possono essere utilizzati quando
viene richiesto di effettuare la selezione multipla di entità

110
Deseleziona tutto
Il comando Deseleziona tutto può essere utilizzato soltanto durante
l’operazione di specifica di un gruppo di entità sulle quali operare; in caso
contrario viene visualizzato un messaggio di errore. Il comando deseleziona
tutte le entità in quel momento selezionate. Se nessun comando è in
esecuzione, è possibile premere il tasto Esc per ottenere lo stesso risultato.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Seleziona con filtro


Il comando Seleziona con filtro può essere utilizzato soltanto durante
l’operazione di specifica di un gruppo di entità sulle quali operare; in caso
contrario viene visualizzato un messaggio di errore. Esso consente di
selezionare un gruppo di entità specificando alcuni criteri ai quali esse
devono corrispondere.

Successivamente alla sua attivazione viene visualizzata la finestra seguente:

E’ possibile indicare dei criteri di layer, colore, tratto e spessore tramite i quali
selezionare le entità del disegno, aggiungendole al gruppo di entità già
individuate.

111
Il pannello Filtro entità è il seguente:

E’ possibile indicare come criterio di selezione anche il tipo specifico di entità.

Nel caso vengano specificati più criteri, essi dovranno essere tutti soddisfatti
per ognuna delle entità selezionate, ovvero essi sono utilizzati dal
programma combinati con un AND logico.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Gli strumenti di calcolo e misura


ExtraCAD dispone di alcuni comandi che permettono di effettuare calcoli e di
misurare grandezze geometriche.

Calcola espressione
Il comando Calcola espressione permette di calcolare il risultato di
un’espressione algebrica. E’ possibile utilizzare gli operatori matematici
descritti in precedenza nel capitolo 2, “Fondamenti di ExtraCAD”.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

112
Misura punti
Il comando Misura punti consente di calcolare la posizione di due punti e la
loro distanza in coordinate rettangolari e polari.

Il programma richiede di specificare le coordinate di due punti, quindi calcola


e mostra i dati richiesti. Per esempio:

Misura_Punti
Dal punto: >20,000;20,000
Al punto: >90,000;60,000
Distanza da (20,000;20,000) a (90,000;60,000) :
Distanza = 80,623 - Angolo = 29,745

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Misura angolo
Il comando Misura angolo consente di calcolare l’ampiezza di un angolo
specificato.

Il programma richiede di specificare il centro dell’angolo, un punto sul suo


lato destro e uno su quello sinistro; contemporaneamente viene mostrata
un’anteprima dell’angolo individuato. Quindi calcola e mostra l’ampiezza
desiderata. Per esempio:

Misura_Angolo
Centro dell'angolo: >10,000;10,000
Lato destro dell'angolo: >50,000;10,000
Lato sinistro dell'angolo: >50,000;50,000
Angolo = 45,000

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Misura lunghezza
Il comando Misura lunghezza permette di calcolare la somma delle
lunghezze di un gruppo di entità; ovviamente se queste ultime delimitano una
superficie, il risultato sarà il perimetro della stessa.

113
Il programma richiede di selezionare un gruppo di entità; è possibile
sceglierle tra i seguenti tipi:
• linee
• cerchi
• archi
• ellissi
• archi d’ellisse
Successivamente ExtraCAD esegue il calcolo e mostra la lunghezza totale.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

114
IL MENÙ FORMATO
Questo capitolo descrive i comandi che permettono di modificare i parametri
operativi del programma, dei disegni e delle loro viste.

I parametri dei disegni


ExtraCAD dispone di diversi comandi che permettono di modificare i
parametri specifici di un disegno ma comuni a tutte le sue viste.

Coordinate
Il comando Coordinate permette di impostare alcuni parametri relativi alle
unità del piano cartesiano, alla rappresentazione dei dati numerici ed al
sistema di riferimento.

Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la finestra seguente:

Il riquadro Coordinate cartesiane permette di impostare i seguenti


parametri:

115
• Unità di lunghezza: determina la lunghezza metrica di un’unità del piano
cartesiano di ExtraCAD; utilizzando una scala di stampa 1:1, è possibile
trasferire su carta un disegno mantenendone le dimensioni.
• Unità degli angoli: è possibile indicare l’unità di misura degli angoli
• Notazione: è possibile scegliere se visualizzare i dati numerici in formato
decimale o scientifico.
• Cifre decimali: è possibile scegliere il numero di cifre decimali utilizzate
per visualizzare i dati numerici, sia in formato decimale sia in quello
scientifico.

Facendo clic sulla voce Sistema di riferimento è possibile visualizzare il


seguente riquadro:

Il riquadro Sistema di riferimento permette di impostare i seguenti


parametri:
• Coordinate: è possibile modificare i parametri di rototraslazione del
sistema di riferimento relativo; il pulsante Scegli sul disegno consente di
specificare l’origine e l’inclinazione indicandoli direttamente sul foglio di
disegno.
• Angoli: è possibile scegliere la direzione dell’angolo di 0° (inizialmente Est)
ed il verso positivo degli stessi.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

116
Se desiderate avere maggiori informazioni riguardo al sistema di riferimento
relativo, rileggete il capitolo 2, “Fondamenti di ExtraCAD”.

Formato punti
Il comando Formato punti permette di scegliere i parametri di disegno dei
punti.

Questo comando è stato illustrato nel dettaglio insieme ai comandi per


disegnare le entità di tipo punto.

Strumenti
Il comando Strumenti permette di impostare i parametri relativi al
meccanismo di ricerca delle entità del disegno, quando viene fatto clic vicino
ad esse.

Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la finestra seguente:

117
La finestra consente di indicare le dimensioni dei punti di modifica.

E’ possibile specificare in modo indipendente la distanza di ricerca utilizzata


dai punti geometrici notevoli e quella utilizzata dal meccanismo di selezione
delle entità. Notate che, apportando delle modifiche, variano
contemporaneamente anche le dimensioni dei rispettivi mirini circolari.

Inoltre il programma consente di attivare la ricerca velocizzata dell’entità più


vicina: così facendo ExtraCAD non individua l’elemento più vicino al punto
dove si è fatto clic, ma utilizza semplicemente quello che viene trovato per
primo all’interno del mirino. In questo caso è necessario fare in modo che vi
sia sempre una sola entità al suo interno.

Infine è possibile specificare se si desidera che venga disegnata


temporaneamente una piccola X nel foglio di disegno laddove si è fatto clic
con il mouse.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

118
I parametri delle viste
ExtraCAD dispone di diversi comandi che permettono di modificare i
parametri specifici delle viste di un disegno.

Ogni vista possiede diverse proprietà che ne determinano l’aspetto e le


caratteristiche funzionali. Esse sono:
• la griglia
• il colore dello sfondo, del cursore, degli oggetti selezionati, degli oggetti in
anteprima e dei punti di modifica.

Griglia
Il comando Griglia permette di modificare la griglia di tutte le viste del
disegno, escluse quelle con griglia autonoma.

Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la finestra seguente:

119
E’ possibile scegliere il tipo di griglia, la spaziatura dei suoi punti, i suoi
parametri di rototraslazione, il suo stato di attivazione.

Premendo il pulsante Orientamento uguale al sistema di riferimento i


parametri di rototraslazione della griglia diventeranno uguali a quelli del
sistema di riferimento, definiti tramite il comando Coordinate.
Tenete presente che la griglia di una vista controlla la forma del puntatore del
mouse, ma non le coordinate del sistema di riferimento: quest’ultimo viene
modificato tramite il comando Coordinate.

Se viene scelta la griglia tipo assonometria isometrica 30° la finestra assume


il seguente aspetto:

120
E’ possibile scegliere, oltre ai parametri descritti in precedenza, il piano
isometrico attivo, utilizzato da molti altri comandi durante le operazioni con
una griglia isometrica (per esempio Linea Ortogonale).

Il pannello Calamita e vincoli è il seguente:

121
E’ possibile indicare la densità della calamita e il suo stato di attivazione.

Inoltre il programma consente di attivare i vincoli di ortogonalità, polarità,


distanza ed angolo, che divengono attivi durante l’inserimento di dati di tipo
coordinate relative, lunghezza ed angolo.

Se desiderate avere maggiori informazioni riguardo ai vincoli geometrici


relativi, rileggete il capitolo 2, “Fondamenti di ExtraCAD”.

La barra degli strumenti consente, tramite le icone e le caselle di inserimento


mostrate di seguito, di attivare o disattivare la griglia e la calamita; inoltre è
possibile modificare la spaziatura di entrambe (analogamente alla finestra
precedente) ed attivare o disattivare i vincoli geometrici relativi.

122
Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Colori finestre
Il comando Colori finestre consente di modificare il colore dello sfondo, del
cursore e della griglia, degli oggetti selezionati, di quelli in anteprima e dei
punti di modifica.

Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la finestra seguente:

E’ possibile scegliere uno dei 16 colori standard di Microsoft Windows,


oppure un colore personalizzato tra 16 milioni di tinte.

In quest’ultimo caso viene mostrata la consueta finestra utilizzata da


Microsoft Windows per le operazioni di scelta di un colore:

123
Tenete presente che i 16 colori standard sono sempre visualizzabili con
precisione dal programma, qualsiasi sia il numero di colori utilizzato
correntemente dal vostro sistema.
ExtraCAD consente di scegliere i colori personalizzati anche se non sono
attivati contemporaneamente i 16 milioni di colori; in questo caso le tinte non
vengono visualizzate con precisione, ma comunque sono correttamente
assegnate alle entità del disegno.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

I parametri correnti di disegno


ExtraCAD dispone di diversi comandi che permettono di cambiare i parametri
correnti di disegno di alcune entità; molti di questi sono già stati illustrati
contestualmente a quelli che permettono il loro disegno.

Parametri di disegno
Il comando Parametri di disegno consente di impostare il colore e lo stile di
tratto correnti.

Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la finestra seguente:

124
E’ possibile modificare i parametri desiderati.

Premendo uno dei pulsanti Scegli sul disegno è possibile specificare il


parametro corrispondente indicando un’entità già presente nel disegno
corrente.

La barra degli strumenti consente, tramite le icone e le caselle di inserimento


mostrate di seguito, di impostare gli stessi parametri:

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

Testo
Il comando Formato/Testo permette di modificare lo stile corrente del testo
vettoriale.

Questo comando è stato illustrato nel dettaglio insieme ai comandi per


disegnare le entità di tipo testo vettoriale.

Quota
Il comando Formato/Quota permette di modificare lo stile corrente di
quotatura.

Questo comando è stato illustrato nel dettaglio insieme ai comandi per


disegnare le entità di tipo quota.

125
I parametri dell’ambiente di disegno
ExtraCAD dispone di alcuni comandi che permettono di modificare i
parametri comuni a tutti i disegni che vengono via via aperti.

Parametri di sistema
Il comando Parametri di sistema consente di impostare alcuni importanti
parametri del programma.

Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la finestra seguente:

E’ possibile controllare i seguenti parametri:


• Numero di operazioni di Annulla memorizzabili: è il numero massimo di
operazioni che è possibile annullare o ripetere tramite i comandi
Modifica/Annulla e Modifica/Ripeti (descritti nei prossimi capitoli)
• Crea sempre la copia di backup: se questa casella è attivata, quando un
disegno viene salvato su file il programma non ne cancella la versione
preesistente, ma la rinomina secondo la forma “Backup di <nome del
file>.bak”, così da permettere il recupero di un’eventuale operazione di
salvataggio sbagliata.
• Salva automaticamente ogni … : permette di attivare la funzione di
salvataggio automatico temporizzato. Se un disegno tra quelli aperti
correntemente viene modificato ma non salvato entro il tempo prefissato,
ExtraCAD provvede autonomamente all’operazione.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

126
Parametri dell’ambiente
Il comando Parametri dell’ambiente consente di personalizzare l’ambiente
di disegno di ExtraCAD.

Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la finestra seguente:

La finestra consente di rendere visibili o invisibili le barre degli strumenti


disponibili nel programma. Inoltre è possibile impostare il numero di linee
visibili nell’area di comunicazione.

Il comando può essere sovrapposto ad altri in esecuzione.

127
IL MENÙ MODIFICA
Questo capitolo descrive i comandi di modifica delle entità presenti in un
disegno.

I comandi di correzione
ExtraCAD dispone di due comandi che permettono di annullare o ripristinare
l’effetto delle operazioni di inserimento e di modifica compiute in precedenza.

E’ possibile annullare i cambiamenti fino ad un determinato numero di livelli,


personalizzabile tramite il comando Parametri di sistema.

Annulla
Il comando Annulla permette di annullare l’effetto dell’ultimo comando di
inserimento o di modifica eseguito.

Ripeti
Il comando Ripeti permette di ripristinare l’effetto dell’ultimo comando di
inserimento o di modifica annullato utilizzando Annulla.

I comandi di gestione degli appunti


ExtraCAD gestisce un’area di appunti indipendente da quella di Microsoft
Windows e comune a tutti i disegni correntemente aperti.
Tramite quest’area è possibile scambiare delle entità tra i diversi disegni, con
le consuete operazioni di taglia, copia ed incolla.

Taglia in appunti
Il comando Taglia in appunti permette di cancellare un gruppo di entità da
un disegno e di trasferirle nell’area di appunti di ExtraCAD.

Il programma richiede di selezionare il gruppo di entità e di indicare un punto


base del gruppo; quindi l’operazione viene eseguita. Le eventuali entità
preesistenti negli appunti vengono eliminate.

128
Copia in appunti
Il comando Copia in appunti permette di copiare un gruppo di entità di un
disegno nell’area di appunti di ExtraCAD.

Il programma richiede di selezionare il gruppo di entità e di indicare un punto


base del gruppo; quindi l’operazione viene eseguita. Le eventuali entità
preesistenti negli appunti vengono eliminate.

Incolla da appunti
Il comando Incolla da appunti permette di copiare le entità esistenti nell’area
di appunti di ExtraCAD nel disegno correntemente attivo.

Il programma richiede di indicare il punto di inserimento delle entità; quindi


l’operazione viene eseguita. Questo comando non elimina le entità dagli
appunti di ExtraCAD, che sono dunque disponibili per altre operazioni di
incollaggio.

I comandi di modifica
ExtraCAD dispone di numerosi e potenti comandi di modifica delle entità,
descritti nella sezione seguente.

Elimina
Il comando Elimina permette di cancellare un gruppo di entità da un disegno.

Il programma richiede di selezionare il gruppo di entità; quindi l’operazione


viene eseguita.

Muovi
Il comando Muovi permette di traslare un gruppo di entità nel disegno.

Il programma richiede di selezionare il gruppo di entità, quindi di inserire due


punti che individuano il vettore spostamento da applicare; in altre parole
occorre specificare un punto del piano (detto punto base del gruppo) e la sua
nuova posizione dopo lo spostamento.

129
La seguente figura ne mostra un esempio:

Copia
Il comando Copia permette di duplicare un gruppo di entità nel disegno.

Il programma richiede di selezionare il gruppo di entità, di specificare il punto


base e quello di inserimento del gruppo.

Durante l’immissione del punto base è possibile utilizzare il carattere “C” per
attivare la modalità di copia multipla: in questo caso il programma permette di
duplicare più volte il gruppo di entità selezionato, precisando diversi punti di
inserimento; concludete il comando premendo Invio.

La seguente figura ne mostra un esempio:

130
Copia in serie
Il comando Copia in serie consente di duplicare più volte un gruppo di entità
selezionate, secondo una disposizione rettangolare (a tabella), polare
(circolare) o lineare.

Il programma richiede di selezionare un gruppo di entità, quindi di scegliere il


tipo di disposizione (rettangolare, polare o lineare) desiderata.

Scegliendo la copia rettangolare, il programma necessita dei seguenti dati:


• il numero di righe (orizzontali) da realizzare; deve essere un numero intero
maggiore o uguale a 1
• il numero di colonne (verticali) da realizzare; deve essere un numero
intero maggiore o uguale a 1
• se il numero di righe inserito è maggiore di 1, il programma richiede la
distanza tra le stesse; se si specifica un valore positivo le righe vengono
disposte sopra l’entità, altrimenti sotto.
• se il numero di colonne inserito è maggiore di 1, il programma richiede la
distanza tra le stesse; se si specifica un valore positivo, le colonne
vengono disposte a destra dell’entità, altrimenti a sinistra.

La seguente figura mostra un esempio con 3 righe e 4 colonne.

131
Scegliendo la copia polare, il programma necessita dei seguenti dati:
• il punto centrale della disposizione circolare
• il numero di elementi (incluso dunque quello già disegnato); deve essere
intero e maggiore o uguale a 2
• l’angolo totale occupato dalle entità; per esempio, se sono stati specificati
4 elementi e un angolo di 30°, essi sono distanziati di 10°.
• la direzione antioraria od oraria della disposizione
• il programma richiede quindi se si vogliono ruotare le entità; nel caso
negativo, è necessario specificare un punto base del gruppo

La seguente figura mostra alcuni esempi con 7 elementi in 270 gradi:

Scegliendo la copia lineare, il programma necessita dei seguenti dati:


• il numero di elementi (incluso dunque quello già disegnato); deve essere
intero e maggiore o uguale a 2

132
• l’angolo di inclinazione della serie lineare
• la distanza tra gli elementi

La seguente figura mostra un esempio con 7 elementi inclinati di 30 gradi:

Ruota
Il comando Ruota permette di ruotare un gruppo di entità nel disegno.

Il programma richiede di selezionare il gruppo di entità, quindi è necessario


specificare il punto e l’angolo di rotazione. Infine è possibile scegliere se
cancellare le entità selezionate oppure duplicarle nella rotazione.

La seguente figura ne mostra un esempio:

133
Ridimensiona
Il comando Ridimensiona permette di ingrandire o ridurre un gruppo di entità
in base ad un fattore di scala specificato.

Il programma richiede di selezionare il gruppo di entità, quindi è necessario


specificare le coordinate del punto fisso durante l’operazione ed il fattore di
scala; quest’ultimo può essere rapportato ad una lunghezza di riferimento,
che inizialmente vale 1. Infine è possibile scegliere se cancellare le entità
selezionate oppure duplicarle nel ridimensionamento.

La seguente figura ne mostra un esempio:

Rifletti
Il comando Rifletti permette di riflettere un gruppo di entità rispetto ad un
asse di simmetria.

134
Il programma richiede di selezionare il gruppo di entità e di specificare gli
estremi dell’asse di simmetria. Infine è possibile scegliere se cancellare le
entità selezionate oppure duplicarle nella riflessione.

La seguente figura ne mostra un esempio:

Stira
Il comando Stira permette di spostare un gruppo di entità posizionate
all’interno di un’area, allungando od accorciando le eventuali linee, curve,
superfici, polilinee e linee di quota che intersecano quest’ultima.

ExtraCAD consente anche di stirare le entità di un gruppo senza doverlo


separare: questo è l’unico tipo di modifica permessa sugli elementi costitutivi
di un gruppo.

Il programma richiede di specificare l’area da stirare ed il suo vettore


spostamento, ovvero i punti base e di inserimento.

Le figure seguenti ne mostrano un esempio:

135
Stirando l’area tratteggiata si ottiene:

Congiungi
Il comando Congiungi permette di allungare od accorciare un estremo di
un’entità di tipo linea, arco o arco d’ellisse, fino a congiungersi con un’altra
entità disegnata; quest’ultima può essere una linea, un cerchio, un arco, un
ellisse o un arco d’ellisse.

Il programma richiede di selezionare l’entità da allungare od accorciare: fate


clic su di essa in prossimità dell’estremo da modificare. Quindi è necessario
scegliere l’entità a cui congiungersi.

Le figure seguenti ne mostrano un esempio:

136
Il risultato dell’operazione è il seguente:

Spezza
Il comando Spezza permette di dividere un’entità di tipo linea, cerchio, arco,
ellisse e arco d’ellisse in due parti.

Il programma richiede di selezionare l’entità da spezzare, quindi di


specificarne il punto o i punti di rottura. Successivamente l’operazione viene
eseguita: nel disegno vengono introdotte due nuove entità al posto di quella
inizialmente selezionata.

Cambia colore e tratto


Il comando Cambia colore e tratto permette di modificare le proprietà di
colore e stile di tratto di un gruppo di entità.

137
Il programma richiede di selezionare le entità desiderate; quindi viene
visualizzata la finestra seguente:

E’ possibile impostare i valori desiderati, oppure lasciare le caselle inalterate


per non effettuare alcuna modifica.

Premendo il pulsante Scegli sul disegno è possibile specificare il colore o lo


stile di tratto di un’entità già presente nel disegno corrente.

Cambia sovrapposizione
Il comando Cambia sovrapposizione permette di modificare la disposizione
delle entità nel disegno.

ExtraCAD in generale posiziona le nuove entità inserite o le entità modificate


sopra le altre già presenti nel disegno; il comando Cambia sovrapposizione
permette di risolvere situazioni nelle quali questo ordine non è quello
desiderato.

Il programma richiede di indicare l’entità su cui operare, quindi è necessario


specificare la modalità di spostamento da utilizzare: è possibile spostare
l’entità sopra o sotto tutte le altre, oppure sopra o sotto un’altra entità.

138
139
IL MENÙ LIBRERIA
ExtraCAD permette la gestione di librerie di simboli. Ciò consente di
realizzare schemi elettrici, elettronici ed architettonici in modo rapido ed
efficace.

Il comando Simboli
l comando Simboli consente di individuare e disegnare un simbolo.

Successivamente al suo inserimento viene visualizzata la finestra seguente:

La finestra è composta da due aree grafiche e da una serie di caselle e


pulsanti.

L’area di sinistra mostra le librerie ed i simboli in esse contenuti, secondo la


struttura gerarchica.

L’area di destra mostra il simbolo correntemente selezionato.

140
Il pulsante Disegna simbolo
Il pulsante Disegna simbolo permette di disegnare il simbolo correntemente
visualizzato.

Il programma richiede di specificare la posizione di inserimento del simbolo.


Successivamente, è possibile definire l’angolo di rotazione, l’eventuale
ribaltamento orizzontale e/o verticale del simbolo ed un fattore di scala
correttivo.

Il programma consente anche di specificare un fattore di scala globale valido


per tutti i simboli direttamente nella finestra.

Il pulsante Chiudi finestra


Il pulsante Chiudi finestra consente di chiudere la finestra delle librerie.
Utilizzando nuovamente il comando Simboli, essa verrà nuovamente aperta
nello stato in cui era stata chiusa.

141