Vous êtes sur la page 1sur 50

Atmosfere esplosive

NORMA ITALIANA Prevenzione dell’esplosione e protezione contro UNI EN 1127-1


l’esplosione
Concetti fondamentali e metodologia

FEBBRAIO 2001

Explosive atmospheres
Explosion prevention and protection
Basic concepts and methodology

NORMA EUROPEA
DESCRITTORI Sicurezza della macchina, prevenzione degli infortuni, protezione contro
l’esplosione, protezione contro l’incendio, pericolo, zona pericolosa,
posto di lavoro, atmosfera esplosiva, misura di sicurezza, utilizzazione,
informazione

CLASSIFICAZIONE ICS 13.110; 13.230

SOMMARIO La norma specifica i metodi per l’identificazione e la valutazione delle


situazioni pericolose che conducono all’esplosione, nonchè le misure di
progettazione e costruzione appropriate per la sicurezza richiesta.

RELAZIONI NAZIONALI

RELAZIONI INTERNAZIONALI = EN 1127-1:1997


La presente norma è la versione ufficiale in lingua italiana della norma
europea EN 1127-1 (edizione agosto 1997).

ORGANO COMPETENTE Commissione "Sicurezza"

RATIFICA Presidente dell’UNI, delibera del 30 gennaio 2001

RICONFERMA

UNI © UNI - Milano 2001


Ente Nazionale Italiano Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
di Unificazione può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
Via Battistotti Sassi, 11B il consenso scritto dell’UNI.
20133 Milano, Italia

Gr. 13 Nº di riferimento UNI EN 1127-1:2001 Pagina I di IV


PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, del-
la norma europea EN 1127-1 (edizione agosto 1997), che assume
così lo status di norma nazionale italiana.
La traduzione è stata curata dall’UNI.
La Commissione "Sicurezza" dell’UNI, che segue i lavori europei
sull’argomento, per delega della Commissione Centrale Tecnica, ha
approvato il progetto europeo il 21 febbraio 1997 e la versione in lin-
gua italiana della norma il 10 ottobre 2000.

Per agevolare gli utenti, viene di seguito indicata la corrispondenza


tra le norme citate al punto "Riferimenti normativi" e le norme italia-
ne vigenti:
EN 292-1:1991 = UNI EN 292-1:1992
EN 292-2:1991 = UNI EN 292-2:1992
EN 954-1:1996 = UNI EN 954-1:1998
EN 1050:1996 = UNI EN 1050:1998

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove


edizioni o di aggiornamenti.
È importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso
dell’ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.

Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato
dell’arte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dell’applicazione di questa norma, di poter fornire sug-
gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dell’arte
in evoluzione è pregato di inviare i propri contributi all’UNI, Ente Nazionale Italiano di
Unificazione, che li terrà in considerazione, per l’eventuale revisione della norma stessa.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina II di IV


INDICE

PREMESSA 2

0 INTRODUZIONE 3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 3

2 RIFERIMENTI NORMATIVI 5

3 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 7

4 IDENTIFICAZIONE DEI PERICOLI 10


4.1 Generalità................................................................................................................................................... 10
4.2 Caratteristiche di combustione ....................................................................................................... 10
4.3 Requisiti di accensione ....................................................................................................................... 11
4.4 Comportamento di esplosione ........................................................................................................ 11

5 ELEMENTI DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO 11


5.1 Generalità................................................................................................................................................... 11
5.2 Determinazione della quantità di atmosfera esplosiva e della probabilità
di formazione di un'atmosfera esplosiva ................................................................................... 11
5.2.1 Grado di dispersione delle sostanze infiammabili .......................................................................... 12
5.2.2 Concentrazione di sostanze infiammabili .......................................................................................... 12
5.2.3 Quantità di atmosfera esplosiva ........................................................................................................... 12
5.3 Determinazione della presenza di sorgenti di accensione efficaci ............................. 12
5.3.1 Generalità ..................................................................................................................................................... 12
5.3.2 Superfici calde ............................................................................................................................................ 13
5.3.3 Fiamme e gas caldi (incluse le particelle calde) ............................................................................. 14
5.3.4 Scintille di origine meccanica ................................................................................................................ 14
5.3.5 Materiale elettrico ...................................................................................................................................... 14
5.3.6 Correnti elettriche vaganti, protezione contro la corrosione catodica ...................................... 15
5.3.7 Elettricità statica ......................................................................................................................................... 15
5.3.8 Fulmine.......................................................................................................................................................... 15
5.3.9 Onde elettromagnetiche a radiofrequenza (RF) da 104 Hz a 3 × 1012 Hz ............................ 15
5.3.10 Onde elettromagnetiche da 3 × 1011 Hz a 3 × 1015 Hz ............................................................... 16
5.3.11 Radiazioni ionizzanti ................................................................................................................................. 16
5.3.12 Ultrasuoni ..................................................................................................................................................... 16
5.3.13 Compressione adiabatica e onde d'urto ............................................................................................ 17
5.3.14 Reazioni esotermiche, inclusa l'autoaccensione delle polveri.................................................... 17
5.4 Valutazione dei possibili effetti di un'esplosione ................................................................... 17

6 ELIMINAZIONE O MINIMIZZAZIONE DEL RISCHIO 18


6.1 Principi fondamentali............................................................................................................................ 18
6.2 Evitare la formazione di un’atmosfera esplosiva o ridurre la quantità
di atmosfera esplosiva ........................................................................................................................ 18
6.2.1 Generalità ..................................................................................................................................................... 18
6.2.2 Parametri di processo .............................................................................................................................. 19
6.2.3 Progettazione e costruzione di apparecchi, sistemi di protezione e componenti ................ 20
6.3 Classificazione dei luoghi pericolosi ............................................................................................ 21
6.3.1 Generalità ..................................................................................................................................................... 21
6.3.2 Zone per i gas/vapori ................................................................................................................................ 22
6.3.3 Zone per le polveri..................................................................................................................................... 22

UNI EN 1127-1:2001 Pagina III di IV


6.4 Requisiti per la progettazione e la costruzione di apparecchi, sistemi
di protezione e componenti che permettono di evitare le sorgenti di
accensione efficaci ............................................................................................................................... 23
6.4.1 Generalità .................................................................................................................................................... 23
6.4.2 Superfici calde ............................................................................................................................................ 25
6.4.3 Fiamme e gas caldi .................................................................................................................................. 26
6.4.4 Scintille di origine meccanica ................................................................................................................ 26
6.4.5 Materiale elettrico ...................................................................................................................................... 27
6.4.6 Correnti elettriche vaganti e protezione contro la corrosione catodica ................................... 27
6.4.7 Elettricità statica......................................................................................................................................... 28
6.4.8 Fulmini........................................................................................................................................................... 28
6.4.9 Onde elettromagnetiche a radiofrequenza (RF) da 104 Hz a 3 × 1012 Hz ............................ 28
6.4.10 Onde elettromagnetiche da 3 × 1011 Hz a 3 × 1015 Hz............................................................... 29
6.4.11 Radiazioni ionizzanti................................................................................................................................. 29
6.4.12 Ultrasuoni ..................................................................................................................................................... 30
6.4.13 Compressione adiabatica e onde d'urto ............................................................................................ 30
6.4.14 Reazioni esotermiche, inclusa l'autoaccensione delle polveri ................................................... 30
6.5 Requisiti per la progettazione e la costruzione di apparecchi, sistemi
di protezione e componenti per ridurre gli effetti dell'esplosione................................. 31
6.5.1 Generalità .................................................................................................................................................... 31
6.5.2 Progettazione resistente all'esplosione ............................................................................................. 31
figura 1 Schema per la progettazione resistente all’esplosione ................................................................ 32
6.5.3 Scarico dell'esplosione ............................................................................................................................ 32
6.5.4 Soppressione dell'esplosione ................................................................................................................ 33
6.5.5 Prevenzione della propagazione dell'esplosione (isolamento dell'esplosione) .................... 33
6.6 Disposizioni per le misure di emergenza .................................................................................. 35
6.7 Principi dei sistemi di misurazione e di comando per la prevenzione
dell'esplosione e la protezione contro l'esplosione ............................................................. 35

7 INFORMAZIONI PER L’USO 36


7.1 Generalità .................................................................................................................................................. 36
7.2 Informazioni su apparecchi, sistemi di protezione e componenti................................ 36
7.3 Informazioni per la messa in servizio, la manutenzione e la riparazione
al fine di prevenire l'esplosione ...................................................................................................... 37
7.4 Qualifiche e addestramento ............................................................................................................. 37

APPENDICE A UTENSILI PER L'USO IN ATMOSFERE ESPLOSIVE 38


(normativa)

APPENDICE B RELAZIONE TRA CATEGORIE E ZONE 39


(informativa)
prospetto B.1 Relazione tra categorie e zone ............................................................................................................. 39
prospetto B.2 Apparecchi utilizzabili nelle diverse zone.......................................................................................... 39

APPENDICE C PRINCIPI PER L’USO DI SISTEMI DI MISURAZIONE E DI COMANDO


(informativa) PER EVITARE SORGENTI DI ACCENSIONE EFFICACI 40
prospetto C.1 Sistemi di misurazione e di comando supplementari necessari per evitare sorgenti
di accensione efficaci ............................................................................................................................... 40

APPENDICE D INDICE 41
(informativa)

APPENDICE ZA PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI


(informativa) I REQUISITI ESSENZIALI O ALTRE DISPOSIZIONI DELLE
DIRETTIVE UE 45
prospetto 1 Relazione tra la Direttiva 89/392/CEE e i punti della presente norma .................................... 45
prospetto 2 Relazione tra la Direttiva 94/9/CEE e i punti della presente norma ......................................... 45

UNI EN 1127-1:2001 Pagina IV di IV


Atmosfere esplosive
NORMA EUROPEA Prevenzione dell’esplosione e protezione contro EN 1127-1
l’esplosione
Concetti fondamentali e metodologia

AGOSTO 1997

Explosive atmospheres
EUROPEAN STANDARD Explosion prevention and protection
Basic concepts and methodology
Atmosphères explosives
NORME EUROPÉENNE Prévention de l’explosion et protection contre l’explosion
Notions fondamentales et méthodologie
Explosionsfähige Atmosphären
EUROPÄISCHE NORM Explosionsschutz
Grundlagen und Methodik

DESCRITTORI Sicurezza della macchina, prevenzione degli infortuni, protezione contro l’esplo-
sione, protezione contro l’incendio, pericolo, zona pericolosa, posto di lavoro,
atmosfera esplosiva, misura di sicurezza, utilizzazione, informazione

ICS 13.110; 13.230

La presente norma europea è stata approvata dal CEN il 26 marzo 1997.


I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che definiscono le modalità secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modifiche. Gli elenchi
aggiornati ed i riferimenti bibliografici relativi alle norme nazionali corrisponden-
ti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai
membri del CEN.
La presente norma europea esiste in tre versioni ufficiali (inglese, francese e
tedesca). Una traduzione nella lingua nazionale, fatta sotto la propria respon-
sabilità da un membro del CEN e notificata alla Segreteria Centrale, ha il me-
desimo status delle versioni ufficiali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito,
Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE
European Committee for Standardization
Comité Européen de Normalisation
Europäisches Komitee für Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

© 1997 CEN
Tutti i diritti di riproduzione, in ogni forma, con ogni mezzo e in tutti i Paesi, sono
riservati ai Membri nazionali del CEN.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 1 di 46


PREMESSA
La presente norma europea è stata elaborata dal Comitato Tecnico CEN/TC 114 "Sicu-
rezza del macchinario" la cui segreteria è affidata al DIN.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o me-
diante la pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro febbraio
1998, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro febbraio 1998.
La presente norma è una guida generale per la prevenzione dell’esplosione e la protezio-
ne contro l’esplosione attraverso la progettazione e la costruzione di apparecchi, sistemi
di protezione e componenti.
Informazioni dettagliate su apparecchi, sistemi di protezione e componenti specifici sono
riportate in norme separate appropriate. La progettazione e la costruzione di misure di
prevenzione e protezione necessita di dati appropriati di sicurezza delle sostanze infiam-
mabili e delle atmosfere esplosive. Informazioni dettagliate sono reperibili nelle norme ap-
propriate.
La presente norma europea è stata elaborata nell’ambito di un mandato conferito al CEN
dalla Commissione Europea e dall’Associazione Europea del Libero Scambio ed è di sup-
porto ai requisiti essenziali della(delle) Direttiva(Direttive) UE.
Per la corrispondenza con la(le) Direttiva(e) UE, vedere l’appendice informativa ZA, che è
parte integrante della presente norma.
In conformità alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei se-
guenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimar-
ca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia,
Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 2 di 46


0 INTRODUZIONE
Il CEN e il CENELEC stanno elaborando una serie di norme per aiutare i progettisti, i co-
struttori e le altre parti interessate ad interpretare i requisiti essenziali di sicurezza al fine
di ottenere la conformità con la Regolamentazione Europea. All’interno di queste serie di
norme, il CEN ha avviato l’elaborazione di una norma che contiene le linee guida nel cam-
po della prevenzione dell’esplosione e della protezione contro l’esplosione, dato che i pericoli
derivanti dalle esplosioni vanno considerati in conformità al punto 4.8 della EN 292-1:1991.
La presente norma è stata elaborata su richiesta e per mandato della CEE e dell’EFTA
per soddisfare:
- la Direttiva del Consiglio concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati
membri relative alle macchine (89/392/CEE) che, nel suo allegato I, sezione 1.5.7
prevede che le macchine siano progettate e costruite in modo da evitare qualsiasi ri-
schio di esplosione, nonché
- la Direttiva del Consiglio (94/9/CE) sugli apparecchi e i sistemi di protezione destinati
ad essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva (denominata Direttiva
ATEX 100a).
In conformità alla EN 292-1, si tratta di una norma di tipo A.
La presente norma è stata elaborata per essere una norma armonizzata ai sensi delle Di-
rettive UE appropriate e dei corrispondenti regolamenti EFTA.
La presente norma descrive i concetti fondamentali e la metodologia della prevenzione
dell’esplosione e della protezione contro l’esplosione.
Il CEN/TC 305 ha ricevuto un mandato per produrre, in questo ambito, norme di tipo B e
C che consentiranno la verifica della conformità ai requisiti essenziali di sicurezza.
Le esplosioni possono avere origine da:
- materiali lavorati o utilizzati da apparecchi, sistemi di protezione e componenti,
- materiali rilasciati da apparecchi, sistemi di protezione e componenti,
- materiali in prossimità di apparecchi, sistemi di protezione e componenti,
- materiali di costruzione di apparecchi, sistemi di protezione e componenti.
Poiché la sicurezza non dipende soltanto da apparecchi, sistemi di protezione e compo-
nenti, ma anche dal materiale manipolato e dalla sua utilizzazione, la presente norma
comprende aspetti relativi all’uso previsto, per esempio il costruttore dovrebbe valutare in
che modo e per che scopo saranno utilizzati gli apparecchi, i sistemi di protezione e i com-
ponenti e tenerne conto durante la progettazione e la costruzione. Solo in questo modo è
possibile ridurre i pericoli intrinseci degli apparecchi, sistemi di protezione e componenti.
Nota 1 La presente norma può servire anche da guida agli utilizzatori di apparecchi, sistemi di protezione e compo-
nenti ai fini della valutazione del rischio di esplosione sul posto di lavoro e per la scelta di apparecchi, sistemi
di protezione e componenti appropriati.
Nota 2 Durante la preparazione della presente norma, la Commissione della Comunità Europea, Direzione Generale
V, ha avviato la preparazione di una direttiva, basata sull’art. 118a del trattato, volta a migliorare la protezione
in materia di sicurezza e salute dei lavoratori potenzialmente a rischio per atmosfere esplosive. È previsto che
detta Direttiva contenga le definizioni delle zone per la classificazione dei luoghi pericolosi. Le definizioni delle
zone utilizzate nella presente norma saranno, se necessario, allineate a detta direttiva.

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE


La presente norma europea specifica i metodi per l’identificazione e la valutazione delle
situazioni pericolose che conducono all’esplosione, nonché le misure di progettazione e
costruzione appropriate per la sicurezza richiesta. Ciò si ottiene mediante:
- l’identificazione del pericolo;
- la valutazione del rischio;
- l’eliminazione o la minimizzazione del rischio;
- le informazioni per l’uso.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 3 di 46


La sicurezza di apparecchi, sistemi di protezione e componenti può essere ottenuta, co-
me descritto in 5.7 della EN 414:1992, eliminando i pericoli e/o limitando il rischio:
a) per mezzo di una progettazione che non richieda dispositivi di protezione;
b) per mezzo di dispositivi di protezione;
c) per mezzo della comunicazione, se necessaria al fine di fornire informazioni all’utiliz-
zatore;
d) per mezzo di qualsiasi altra precauzione.
Nota La "progettazione" in conformità a 5.7 della EN 414:1992 non deve essere confusa con la "progettazione" in
conformità a 6.5 della presente norma.
Le misure contro le esplosioni di cui alla lettera a) (prevenzione) e b) (protezione) sono
trattate al punto 6 della presente norma, le misure contro le esplosioni di cui alla lettera c)
sono trattate in 7 della presente norma. Le misure conformi a d) non sono descritte nella
presente norma. Esse sono trattate al punto 6 della EN 292-2:1991.
Le misure di prevenzione e di protezione descritte nella presente norma non determine-
ranno il livello di sicurezza richiesto se apparecchi, sistemi di protezione e componenti
non saranno utilizzati conformemente al loro uso previsto, nonché installati e sottoposti a
manutenzione in conformità alle norme d’uso o ai requisiti appropriati.
La presente norma specifica i metodi generali di progettazione e costruzione per aiutare
i progettisti e i costruttori ad ottenere la sicurezza contro l’esplosione nella progettazione
di apparecchi, sistemi di protezione e componenti.
La presente norma si applica a tutti i tipi di apparecchi, sistemi di protezione e componenti
destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive. Dette atmosfere pos-
sono derivare da materiali infiammabili lavorati, utilizzati o rilasciati da apparecchi, sistemi
di protezione e componenti o da materiali in prossimità degli apparecchi, sistemi di prote-
zione e componenti e/o dai materiali di costruzione di apparecchi, sistemi di protezione e
componenti.
La presente norma si applica a apparecchi, sistemi di protezione e componenti in tutte le
fasi della loro utilizzazione.
La presente norma si applica soltanto agli apparecchi di gruppo II destinati ad essere uti-
lizzati in luoghi diversi dalle aree sotterranee delle miniere e dalle aree delle installazioni
di superficie di miniere soggette a rischi derivanti da grisù e/o polveri infiammabili.
La presente norma non si applica a:
- dispositivi medici destinati ad essere utilizzati in ambiente medico;
- apparecchi, sistemi di protezione e componenti in cui il pericolo di esplosione derivi
esclusivamente dalla presenza di sostanze esplosive o sostanze chimiche instabili;
- apparecchi, sistemi di protezione e componenti in cui l’esplosione può verificarsi per
reazioni di sostanze con altri ossidanti diversi dall’ossigeno atmosferico o per altre
reazioni pericolose o per condizioni diverse da quelle atmosferiche;
- apparecchi destinati ad essere utilizzati in ambienti domestici e non commerciali nei
quali solo raramente possono crearsi atmosfere potenzialmente esplosive, unicamen-
te come risultato di una fuga accidentale di gas combustibile;
- dispositivi di protezione individuale oggetto della Direttiva 89/686/CEE;
- imbarcazioni d’alto mare e unità mobili off-shore, unitamente all’apparecchiatura a
bordo di dette imbarcazioni o unità;
- mezzi di trasporto cioé veicoli e loro rimorchi destinati unicamente al trasporto di pas-
seggeri per via aerea o su strada, ferrovia o acqua, nonché i mezzi di trasporto, nella
misura in cui siano stati progettati per il trasporto di merci per via aerea, su strade
pubbliche, ferrovia o acqua. Non devono essere esclusi i veicoli destinati ad essere
utilizzati in un’atmosfera potenzialmente esplosiva;
- la progettazione e la costruzione di sistemi contenenti processi di combustione previ-
sti e controllati, salvo nei casi in cui possano agire come sorgenti di accensione in
atmosfere potenzialmente esplosive.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 4 di 46


2 RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e vengono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente norma europea come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non da-
tati vale l’ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento.
EN 292-1:1991 Safety of machinery - Basic concepts, general principles for design
- Basic terminology, methodology [Sicurezza del macchinario -
Concetti fondamentali, principi generali di progettazione - Termi-
nologia, metodologia di base]
EN 292-2:1991 Safety of machinery - Basic concepts, general principles for design
- Technical principles and specifications [Sicurezza del macchina-
rio - Concetti fondamentali, principi generali di progettazione -
Specifiche e principi tecnici]
EN 414:1992 Safety of machinery - Rules for the drafting and presentation of safety
standards [Sicurezza del macchinario - Regole per la stesura e la
redazione di norme di sicurezza]
EN 954-1:1996 Safety of machinery - Safety related parts of control systems - General
principles for design [Sicurezza del macchinario - Parti dei sistemi
di comando legate alla sicurezza - Principi generali per la proget-
tazione]
EN 1050:1996 Safety of machinery - Risk assessment [Sicurezza del macchina-
rio - Principi per la valutazione del rischio]
EN 50014 Electrical apparatus for potentially explosive atmospheres - General
requirements [Costruzioni elettriche per atmosfere potenzialmen-
te esplosive - Regole generali]
EN 50015 Electrical apparatus for potentially explosive atmospheres - Oil
immersion "o" [Costruzioni elettriche per atmosfere potenzialmen-
te esplosive - Costruzioni immerse in olio "o"]
EN 50016 Electrical apparatus for potentially explosive atmospheres -
Pressurized apparatus "p" [Costruzioni elettriche per atmosfere
potenzialmente esplosive - Modo di protezione a sovrappressione
interna "p"]
EN 50017 Electrical apparatus for potentially explosive atmospheres -
Powder filling "q" [Costruzioni elettriche per atmosfere potenzial-
mente esplosive - Costruzioni a riempimento pulverulento "q"]
EN 50018 Electrical apparatus for potentially explosive atmospheres -
Flameproof enclosure "d" [Costruzioni elettriche per atmosfere
potenzialmente esplosive - Custodie a prova di esplosione "d"]
EN 50019 Electrical apparatus for potentially explosive atmospheres - Increased
safety "e" [Costruzioni elettriche per atmosfere potenzialmente
esplosive - Modo di protezione a sicurezza aumentata "e"]
EN 50020 Electrical apparatus for potentially explosive atmospheres - Intrinsic
safety "i" [Costruzioni elettriche per atmosfere potenzialmente
esplosive - Sicurezza intrinseca "i"]
prEN 50021 Specification for electrical apparatus with type of protection "n"
[Specifiche per costruzioni elettriche con protezione di tipo "n"]
EN 50028 Electrical apparatus for potentially explosive atmospheres -
Encapsulation "m" [Costruzioni elettriche per atmosfere poten-
zialmente esplosive - Incapsulamento "m"]
EN 50039 Electrical apparatus for potentially explosive atmospheres - Intrinsically
safe electrical systems "i" [Costruzioni elettriche per atmosfere po-
tenzialmente esplosive - Sistemi elettrici a sicurezza intrinseca "i"]

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 5 di 46


EN 50050 Electrical apparatus for potentially explosive atmospheres -
Electrostatic hand-held spraying equipment [Costruzioni elettriche
per atmosfere potenzialmente esplosive - Apparecchiature porta-
tili di spruzzatura elettrostatica]
EN 50053-1 Requirements for the selection, installation and use of electrostatic
spraying equipment for flammable materials - Hand-held electrostatic
paint spray guns with an energy limit of 0,24 mJ and their associated
apparatus [Prescrizioni per la scelta, l’installazione e l’uso di appa-
recchiature di spruzzatura elettrostatica per prodotti infiammabili -
Pistole manuali per la spruzzatura elettrostatica di vernici con un
limite di energia di 0,24 mJ e loro apparati associati]
EN 50053-2 Requirements for the selection, installation and use of electrostatic
spraying equipment for flammable materials - Hand-held electrostatic
powder spray guns with an energy limit of 5 mJ and their associated
apparatus [Prescrizioni per la scelta, l’installazione e l’uso di appa-
recchiature di spruzzatura elettrostatica per prodotti infiammabili -
Pistole manuali per la spruzzatura elettrostatica di polvere con un
limite di energia di 5 mJ e loro apparati associati]
EN 50053-3 Requirements for the selection, installation and use of electrostatic
spraying equipment for flammable materials - Hand-held electrostatic
flock spray guns with an energy limit of 0,24 mJ or 5 mJ and their
associated apparatus [Prescrizioni per la scelta, l’installazione e
l’uso di apparecchiature di spruzzatura elettrostatica per prodotti
infiammabili - Pistole manuali per la spruzzatura elettrostatica di fioc-
co con un limite di energia di 0,24 mJ o 5 mJ e loro apparati associati]
EN 50054 Electrical apparatus for the detection and measurement of
combustible gases - General requirements and test methods [Ap-
parecchiature elettriche per la rilevazione e la misura di gas com-
bustibili - Prescrizioni generali e metodi di prova]
EN 50055 Electrical apparatus for the detection and measurement of combustible
gases - Performance requirements for Group I apparatus indicating
up to 5% (V/V) methane in air [Apparecchiature elettriche per la ri-
levazione e misura di gas combustibili - Prescrizioni relative alle
prestazioni di apparecchiature di Gruppo I che indicano fino al 5%
(V/V) di metano nell’aria]
EN 50056 Electrical apparatus for the detection and measurement of combustible
gases - Performance requirements for Group I apparatus indicating
up to 100% (V/V) methane [Apparecchiature elettriche per la rile-
vazione e misura di gas combustibili - Prescrizioni relative alle pre-
stazioni di apparecchiature di Gruppo I che indicano fino al 100%
(V/V) di metano]
EN 50057 Electrical apparatus for the detection and measurement of combustible
gases - Performace requirements for Group II apparatus indicating
up to 100% lower explosive limit [Apparecchiature elettriche per la
rilevazione e misura di gas combustibili - Prescrizioni relative alle
prestazioni di apparecchiature di Gruppo II che indicano fino al
100% del limite di infiammabilità inferiore]
EN 50058 Electrical apparatus for the detection and measurement of combustible
gases - Performance requirements for Group II apparatus indicating
up to 100% (V/V) gas [Apparecchiature elettriche per la rilevazione
e misura di gas combustibili - Prescrizioni relative alle prestazioni di
apparecchiature di Gruppo II che indicano fino al 100% (V/V) di gas]
EN 50059 Specification for electrostatic hand-held spraying equipment for
non-flammable material for painting and finishing [Prescrizioni per
le apparecchiature portatili di spruzzatura elettrostatica di prodotti
non-infiammabili, per verniciatura e finissaggio]

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 6 di 46


prEN 50154 Electrical installations in potentially explosive gas atmospheres
(other than mines) [Installazioni elettriche in atmosfere potenzial-
mente esplosive per la presenza di gas (diverse dalle miniere)]
EN 60079-10 Electrical apparatus for explosive gas atmospheres - Classification
of hazardous areas [Costruzioni elettriche per atmosfere esplosi-
ve per la presenza di gas - Classificazione dei luoghi pericolosi]
ISO 8421-1 Fire protection - Vocabulary - General terms and phenomena of
fire [Protezione antincendio - Vocabolario - Termini generali e fe-
nomeni di incendio]
IEC 50(426) International Electrotechnical Vocabulary; chapter 426: Electrical
apparatus for explosive atmospheres [Vocabolario Elettrotecnico
Internazionale; capitolo 426: Costruzioni elettriche per atmosfere
esplosive]
IEC 79-4 Electrical apparatus for explosive gas atmospheres - Method of
test for ignition temperature [Costruzioni elettriche per atmosfere
esplosive per la presenza di gas - Metodi di prova per la determi-
nazione della temperatura di accensione]
IEC 79-15 Electrical apparatus for explosive gas atmospheres - Electrical
apparatus with type of protection "n" [Costruzioni elettriche
per atmosfere esplosive per la presenza di gas - Costruzioni elet-
triche con modo di protezione "n"]

3 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI
Ai fini della presente norma europea si applicano le definizioni seguenti.

3.1 sostanza infiammabile: Sostanza sotto forma di gas, vapore, liquido, solido o di una loro
miscela, capace di produrre una reazione esotermica con l’aria a seguito di accensione.

3.2 componente: "Componente" significa qualsiasi pezzo essenziale per il funzionamento si-
curo degli apparecchi e dei sistemi di protezione ma privo di funzione autonoma [Direttiva
94/9/CE, Capitolo I, Articolo 1].

3.3 deflagrazione: Esplosione che si propaga a velocità subsonica [ISO 8421-1, 1987-03-01, 1.11].

3.4 detonazione: Esplosione che si propaga a velocità supersonica e caratterizzata da un’on-


da d’urto [ISO 8421-1, 1987-03-01, 1.12].

3.5 apparecchi: "Apparecchi" significa le macchine, i materiali, i dispositivi fissi o mobili, gli
organi di comando, la strumentazione e i sistemi di rilevazione e di prevenzione che, da
soli o combinati, sono destinati alla produzione, al trasporto, al deposito, alla misurazione,
alla regolazione e alla conversione di energia ed alla trasformazione di materiale e che,
per via delle potenziali sorgenti di innesco che sono loro proprie, rischiano di provocare
un’esplosione [Direttiva 94/9/CE, Capitolo I, Articolo 1].

3.6 esplosione: Reazione rapida di ossidazione o decomposizione che produce un aumento della
temperatura, della pressione o di entrambe simultaneamente [ISO 8421-1, 1987-03-01, 1.13].

3.7 limiti di esplosione: Limiti del campo di esplosione.

3.8 limite inferiore di esplosione (LEL)*): Limite inferiore del campo di esplosione.

3.9 limite superiore di esplosione (UEL)**): Limite superiore del campo di esplosione.

3.10 punti di esplosione: Punto inferiore e punto superiore di esplosione.


*) Nota nazionale - LEL corrisponde all’inglese "Lower Explosion Limit".
**) Nota nazionale - UEL corrisponde all’inglese "Upper Explosion Limit".

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 7 di 46


3.11 punto inferiore di esplosione: Temperatura di un liquido combustibile alla quale la con-
centrazione di vapore saturo nell’aria è uguale al limite inferiore di esplosione.

3.12 punto superiore di esplosione: Temperatura di un liquido combustibile alla quale la con-
centrazione di vapore saturo nell’aria è uguale al limite superiore di esplosione.

3.13 campo di esplosione: Campo della concentrazione di una sostanza infiammabile


nell’aria, all’interno del quale può verificarsi un’esplosione.

3.14 resistente all'esplosione: Proprietà dei recipienti e degli apparecchi progettati per resi-
stere alla pressione di esplosione o all’urto di pressione dell’esplosione.

3.15 resistente alla pressione di esplosione: Proprietà dei recipienti e degli apparecchi proget-
tati per resistere alla pressione di esplosione prevista senza subire deformazioni permanenti.

3.16 resistente all'urto di pressione dell'esplosione: Proprietà dei recipienti e degli apparec-
chi progettati per resistere alla pressione di esplosione prevista senza rompersi, pur su-
bendo una deformazione permanente.

3.17 atmosfera esplosiva: Miscela con l’aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiam-
mabili allo stato di gas, vapori, nebbie o polveri, in cui, a seguito dell’accensione, la com-
bustione si propaga all’intera miscela incombusta (vedere anche Direttiva 94/9/CE, Capi-
tolo I, Articolo 1).

3.18 punto di infiammabilità: Temperatura minima alla quale, in condizioni di prova specifica-
te, un liquido rilascia una quantità sufficiente di gas o vapore combustibile in grado di ac-
cendersi momentaneamente all’applicazione di una sorgente di accensione efficace.

3.19 atmosfera esplosiva pericolosa: Atmosfera esplosiva che, se esplode, causa un danno.

3.20 miscela ibrida: Miscela con l’aria di sostanze infiammabili in stati fisici diversi.
Nota Esempi di miscele ibride sono le miscele di metano, polverino di carbone e aria o le miscele di vapore di benzina
e goccioline di benzina e aria.

3.21 inertizzazione: Aggiunta di sostanze inerti per impedire le atmosfere esplosive.

3.22 uso previsto: Uso di apparecchi, sistemi di protezione e dispositivi in conformità al gruppo
e alla categoria degli apparecchi secondo quanto indicato nella Direttiva 94/9/CE, Allegato
I, e tenendo conto di tutte le informazioni fornite dal costruttore necessarie al funziona-
mento sicuro di apparecchi, sistemi di protezione e dispositivi (vedere anche Direttiva 94/
9/CEE, Capitolo I, Articolo 1).

3.23 concentrazione limite di ossigeno (LOC)*): Massima concentrazione di ossigeno in una


miscela di sostanza infiammabile e aria e un gas inerte, nella quale non si verifica
un’esplosione, determinata in condizioni di prova specificate.

3.24 macchinario: Insieme di parti o di componenti, di cui almeno uno mobile, collegati tra di
loro, con appropriati azionatori, circuiti di comando e di potenza, ecc. della macchina con-
nessi solidalmente per un’applicazione ben determinata, in particolare per la trasforma-
zione, il trattamento, la movimentazione o il confezionamento di un materiale (materiale è
equivalente a sostanza o prodotto).
Il termine "macchinario" comprende inoltre un insieme di macchine che, per raggiungere
uno stesso risultato, sono disposte e comandate in modo da avere un funzionamento so-
lidale (89/392/CEE, articolo 1.2).

*) Nota nazionale - LOC corrisponde all’inglese "Limiting oxygen concentration".

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 8 di 46


3.25 disfunzione: Apparecchi, sistemi di protezione e componenti non svolgono la funzione
prevista (vedere anche 5.2.2.b della EN 292-1:1991).
Nota Ai fini della presente norma, ciò può accadere per diverse ragioni, tra cui:
- la variazione di una caratteristica o di una dimensione del materiale o del pezzo lavorato;
- il guasto di uno (o più) elementi costitutivi di apparecchi, sistemi di protezione e componenti;
- disturbi di origine esterna (per esempio urti, vibrazioni, campi elettromagnetici);
- un errore o un’imperfezione nella progettazione (per esempio errori nel software);
- un disturbo dell’alimentazione di energia o altri servizi;
- la perdita di controllo da parte dell’operatore (specialmente per le macchine a funzionamento manuale).

3.26 interstizio sperimentale massimo di sicurezza (MESG)*): La distanza massima della


giunzione tra le due parti della camera interna di un apparecchio di prova che, quando la
miscela interna di gas viene accesa, in condizioni specificate, impedisce l’accensione del-
la miscela di gas esterna attraverso un giunto con lunghezza di 25 mm, per tutte le con-
centrazioni nell’aria di gas o di vapore sottoposte a prova. Il MESG è una proprietà di una
data miscela di gas (vedere anche IEC 50(426), 1990-10, 426-02-11).

3.27 pressione massima di esplosione (pmax): Pressione massima ottenuta in un recipiente chiuso
durante l’esplosione di un’atmosfera esplosiva determinata in condizioni di prova specificate.

3.28 velocità massima di aumento della pressione di esplosione [(dp/dt )max]: Valore mas-
simo dell’aumento di pressione per unità di tempo durante le esplosioni di tutte le atmo-
sfere esplosive nel campo di esplosione di una sostanza combustibile in un recipiente
chiuso in condizioni di prova specificate.

3.29 energia minima di accensione (MIE)**): La più bassa energia elettrica immagazzinata in
un condensatore che, al momento della scarica, è sufficiente per provocare l’accensione
dell’atmosfera più infiammabile in condizioni di prova specificate.

3.30 temperatura minima di accensione di un'atmosfera esplosiva: Temperatura di accen-


sione di un gas o di un vapore combustibile o di un combustibile liquido o la temperatura
di accensione minima di una nube di polveri in condizioni di prova specificate.

3.31 temperatura di accensione (di un gas combustibile o di un liquido combustibile): La


temperatura più bassa di una parete riscaldata, determinata in condizioni di prova speci-
ficate, alla quale ha luogo l’accensione di una sostanza combustibile sotto forma di una
miscela di gas o vapore con l’aria.

3.32 temperatura minima di accensione di una nube di polveri: La temperatura più bassa di
una superficie calda su cui la miscela più infiammabile delle polveri con l’aria si accende
in condizioni di prova specificate.

3.33 temperatura minima di accensione di uno strato di polveri: La temperatura più bassa
di una superficie calda alla quale si verifica l’accensione in uno strato di polveri in condi-
zioni di prova specificate.

3.34 funzionamento normale: Situazione che esiste quando apparecchi, sistemi di protezione
e componenti svolgono la loro funzione prevista all’interno dei rispettivi parametri di pro-
gettazione (vedere anche 5.2.2.a della EN 292-1:1991).
Emissioni minime di materiale infiammabile possono far parte del funzionamento normale.
Si considerano emissioni minime, per esempio, il rilascio di sostanze da organi di tenuta
basati sull’azione umettante del fluido contenuto.
Guasti (quali la rottura dei giunti della pompa, delle guarnizioni a flangia o perdite di so-
stanze causate da incidenti) che richiedono la riparazione o l’arresto non sono considerati
parte del funzionamento normale.

*) Nota nazionale - MESG corrisponde all’inglese "Maximum experimental safe gap".


**) Nota nazionale - MIE corrisponde all’inglese "Minimum ignition energy".

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 9 di 46


3.35 atmosfera potenzialmente esplosiva: Atmosfera suscettibile di trasformarsi in atmosfera
esplosiva a causa delle condizioni locali e operative [Direttiva 94/9/CE, Capitolo I, Articolo 1].

3.36 sistema di protezione: Dispositivi la cui funzione è di arrestare immediatamente esplo-


sioni incipienti e/o limitare il campo interessato dalle fiamme e dalle pressioni di esplosio-
ne. I sistemi di protezione possono essere integrati negli apparecchi o messi separatamente
sul mercato per essere utilizzati come sistemi con funzioni autonome [Direttiva 94/9/CE, Ca-
pitolo I, Articolo 1].

3.37 pressione di esplosione ridotta: Pressione generata da un’esplosione di un’atmosfera


esplosiva in un recipiente, protetto dallo scarico dell’esplosione o dalla soppressione
dell’esplosione.

3.38 autoaccensione delle polveri sfuse: Accensione delle polveri causata dalla velocità di
generazione del calore prodotto da reazioni di ossidazione e/o decomposizione delle pol-
veri maggiori della velocità di dispersione del calore verso l’esterno.

4 IDENTIFICAZIONE DEI PERICOLI

4.1 Generalità
Il pericolo di esplosione è correlato ai materiali e alle sostanze lavorate, utilizzate o rila-
sciate da apparecchi, sistemi di protezione e componenti e ai materiali utilizzati per co-
struire apparecchi, sistemi di protezione e componenti. Alcuni di questi materiali e sostan-
ze possono subire processi di combustione nell’aria. Questi processi sono spesso accom-
pagnati dal rilascio di quantità considerevoli di calore e possono essere accompagnati da
aumenti di pressione e al rilascio di materiali pericolosi. A differenza della combustione in
un incendio, un’esplosione è essenzialmente una propagazione autoalimentata della zo-
na di reazione (fiamma) nell’atmosfera esplosiva.
Si devono considerare sostanze infiammabili e/o combustibili i materiali in grado di forma-
re un’atmosfera esplosiva a meno che un’analisi delle loro proprietà non abbia dimostrato
che, in miscela con l’aria, non siano in grado di produrre una propagazione autoalimenta-
ta di un’esplosione.
Questo pericolo potenziale associato all’atmosfera esplosiva si concretizza quando una
sorgente di accensione attiva produce l’accensione.
I dati di sicurezza indicati in 4.2, 4.3 e 4.4 descrivono le proprietà significative di sicurezza
delle sostanze. Essi possono essere ottenuti da esperimenti di laboratorio e in alcuni casi
anche con metodi di calcolo1). I dati di sicurezza ottenuti sono utilizzati per l’identificazio-
ne del pericolo.
Occorre tenere presente che questi dati di sicurezza non sono costanti fisiche ma dipen-
dono, per esempio, dalle tecniche utilizzate per la loro misurazione. Quindi, per le polveri,
i dati di sicurezza riportati nei prospetti sono utilizzabili solo come linee guida in quanto i
valori dipendono dalla dimensione e dalla forma delle particelle, dal contenuto di umidità
e dalla presenza di additivi, anche se presenti solo in tracce. Per un’applicazione specifi-
ca, dovrebbero essere sottoposti a prova campioni della polvere presente negli apparec-
chi e i dati ottenuti dovrebbero essere utilizzati per l’identificazione del pericolo.

4.2 Caratteristiche di combustione


Poiché in questo contesto non è il materiale in sè che rappresenta il pericolo potenziale
ma il suo contatto o la sua miscelazione con l’aria, si devono determinare le caratteristi-
che della miscela della sostanza infiammabile con l’aria. Queste caratteristiche fornisco-
no informazioni sul comportamento di combustione di una sostanza e consentono di sa-
pere se potrebbe dare origine a incendi o esplosioni. I dati rilevanti sono, per esempio:
- punto di infiammabilità;
- limiti di esplosione (LEL, UEL);
- concentrazione limite di ossigeno (LOC).

1) Norme specifiche sono state elaborate o sono in fase di elaborazione da parte del CEN e CENELEC.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 10 di 46


4.3 Requisiti di accensione
Si devono determinare le caratteristiche di accensione dell’atmosfera esplosiva. I dati ri-
levanti sono, per esempio:
- energia minima di accensione;
- temperatura minima di accensione di un’atmosfera esplosiva;
- temperatura minima di accensione di uno strato di polveri.

4.4 Comportamento di esplosione


Il comportamento dell’atmosfera esplosiva dopo l’accensione deve essere caratterizzato
da dati quali:
- pressione massima di esplosione (pmax);
- velocità massima di aumento della pressione di esplosione [(dp/dt)max];
- interstizio sperimentale massimo di sicurezza (MESG).

5 ELEMENTI DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

5.1 Generalità
La valutazione del rischio deve essere sempre effettuata per ogni singola situazione in
conformità alla EN 1050. La valutazione del rischio comprende i seguenti elementi per i
quali la norma fornisce una guida:
a) identificazione del pericolo. I dati di sicurezza in conformità al punto 4 sono utili ai fini
dell’identificazione dei pericoli in quanto dimostrano se le sostanze sono infiammabili
e quale è la loro facilità di accensione;
b) determinare la probabilità che si determini un’atmosfera esplosiva e la quantità impli-
cata (in conformità a 5.2);
c) determinare la presenza e la probabilità di sorgenti di accensione in grado di accen-
dere l’atmosfera esplosiva (in conformità a 5.3);
d) determinare i possibili effetti di un’esplosione (in conformità a 5.4);
e) valutare il rischio;
f) considerare le misure di minimizzazione dei rischi (in conformità al punto 6).

Si deve adottare un approccio esauriente, in particolare per apparecchi, sistemi di prote-


zione e componenti complessi, per gli impianti che comprendono unità particolari e, so-
prattutto, per gli impianti estesi. Questa valutazione del rischio deve tenere conto del pe-
ricolo di accensione ed esplosione derivante da:
- apparecchi, sistemi di protezione e componenti stessi;
- interazione tra apparecchi, sistemi di protezione e componenti e le sostanze trattate;
- il processo industriale specifico realizzato in apparecchi, sistemi di protezione e com-
ponenti;
- le interazioni dei singoli processi in diverse parti di apparecchi, sistemi di protezione e
componenti;
- l’ambiente circostante apparecchi, sistemi di protezione e componenti e la possibile
interazione con i processi vicini.

5.2 Determinazione della quantità di atmosfera esplosiva e della probabilità di formazio-


ne di un'atmosfera esplosiva
La formazione di un’atmosfera esplosiva pericolosa dipende dai fattori seguenti:
- la presenza di una sostanza infiammabile;
- il grado di dispersione della sostanza infiammabile (per esempio gas, vapori, nebbie,
polveri);
- la concentrazione della sostanza infiammabile nell’aria all’interno del campo di esplosione;
- la quantità di atmosfera esplosiva sufficiente per produrre lesioni o danni per accensione.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 11 di 46


Per la valutazione della probabilità di formazione di un’atmosfera esplosiva pericolosa, si
deve tenere conto della possibile comparsa dell’atmosfera esplosiva per reazioni chimi-
che, pirolisi e processi biologici derivanti dai materiali presenti.
Se è impossibile stimare la probabilità di formazione di un’atmosfera esplosiva pericolosa,
si deve supporre che detta atmosfera sia sempre presente, salvo quando è installato un
dispositivo affidabile di monitoraggio della concentrazione della sostanza infiammabile
nell’atmosfera.
Nota Ai fini pratici, è utile classificare in zone l’interno di apparecchi, sistemi di protezione e componenti e l’ambien-
te circostante sulla base della probabilità di formazione di un’atmosfera esplosiva (vedere 6.3).

5.2.1 Grado di dispersione delle sostanze infiammabili


Per loro natura, i gas e i vapori possiedono un grado di dispersione sufficientemente ele-
vato per produrre un’atmosfera esplosiva. Per le nebbie e le polveri, un grado di dispersio-
ne sufficiente per produrre un’atmosfera esplosiva può essere raggiunto se la dimensione
delle goccioline o delle particelle è minore di 1 mm.
Nota Numerose nebbie, aerosol e tipi di polveri utilizzate nella pratica hanno una dimensione delle particelle com-
presa tra 0,001 mm e 0,1 mm.

5.2.2 Concentrazione di sostanze infiammabili


Un’esplosione è possibile quando la concentrazione della sostanza infiammabile dispersa
nell’aria raggiunge un valore minimo (limite inferiore di esplosione). Non si verifica
un’esplosione quando la concentrazione supera un valore massimo (limite superiore di
esplosione).
Nota Alcune sostanze chimicamente instabili, quali l’acetilene e l’ossido di etilene, possono subire reazioni esoter-
miche anche in assenza di ossigeno e hanno un limite superiore di esplosione del 100%.
I limiti di esplosione variano con la pressione e la temperatura. In linea generale, il campo
di concentrazione tra i limiti di esplosione aumenta all’aumentare della pressione e della
temperatura. Nel caso delle miscele con ossigeno, i limiti superiori di esplosione sono
molto più alti di quelli delle miscele con l’aria.
Se la temperatura sulla superficie di un liquido combustibile supera il punto inferiore di
esplosione, può formarsi un’atmosfera esplosiva (vedere 6.2.2.2). Aerosol e nebbie di li-
quidi combustibili possono formare un’atmosfera esplosiva a temperature minori del pun-
to inferiore di esplosione.
I limiti di esplosione per le polveri non hanno lo stesso significato di quelli per i gas e i va-
pori. Le nubi di polveri sono solitamente non omogenee. La concentrazione di polveri può
variare sensibilmente per effetto della formazione di depositi di polveri e della loro disper-
sione nell’atmosfera. Si deve sempre considerare la possibile formazione di atmosfere
esplosive in presenza di depositi di polvere combustibile.

5.2.3 Quantità di atmosfera esplosiva


La valutazione della presenza di un’atmosfera esplosiva in quantità pericolosa dipende
dai possibili effetti dell’esplosione (vedere 5.4).

5.3 Determinazione della presenza di sorgenti di accensione efficaci

5.3.1 Generalità
L’idoneità di accensione della sorgente di accensione deve essere confrontata con le ca-
ratteristiche di accensione della sostanza infiammabile (vedere 4.3).
Deve essere valutata la probabilità di esistenza di sorgenti di accensione efficaci, tenendo
conto di quelle che possono essere introdotte, per esempio per le operazioni di manuten-
zione e pulizia.
Nota Si possono utilizzare misure di protezione per rendere la sorgente di accensione non attiva o inefficace (ve-
dere 6.4).
Qualora non possa essere valutata la probabilità di esistenza di una sorgente di accensio-
ne efficace, si deve supporre che la sorgente di accensione sia sempre presente.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 12 di 46


Le sorgenti di accensione dovrebbero essere classificate secondo la loro probabilità di
esistenza, nel modo seguente:
a) sorgenti di accensione che possono manifestarsi continuamente o frequentemente;
b) sorgenti di accensione che possono manifestarsi in circostanze rare;
c) sorgenti di accensione che possono manifestarsi in circostanze molto rare.

In termini di apparecchi, sistemi di protezione e componenti utilizzati, questa classificazio-


ne deve essere ritenuta equivalente a:
a) sorgenti di accensione che possono manifestarsi durante il normale funzionamento;
b) sorgenti di accensione che possono manifestarsi unicamente a seguito di disfunzioni;
c) sorgenti di accensione che possono manifestarsi unicamente a seguito di rare disfunzioni.

Le diverse sorgenti di accensione sono considerate nei punti da 5.3.2 a 5.3.14.

5.3.2 Superfici calde


Se un’atmosfera esplosiva viene a contatto con una superficie riscaldata può manifestarsi
l’accensione. Non solo una superficie calda può agire di per sè come sorgente di accen-
sione, ma anche uno strato di polveri o un solido combustibile in contatto con una super-
ficie calda e acceso dalla superficie calda può agire da sorgente di accensione per un’at-
mosfera esplosiva.
L’idoneità di una superficie calda di provocare l’accensione dipende dal tipo e dalla con-
centrazione della specifica sostanza in miscela con l’aria. Questa idoneità aumenta all’au-
mentare della temperatura e della superficie. Inoltre, la temperatura che determina l’ac-
censione dipende dalla dimensione e dalla forma del corpo riscaldato, dal gradiente di
concentrazione della miscela esplosiva in prossimità della superficie e, in una certa misu-
ra, anche dal materiale della superficie. Pertanto, un’atmosfera esplosiva di gas o vapore
all’interno di spazi riscaldati piuttosto ampi (circa 1 l o più) può, per esempio, essere ac-
cesa da temperature superficiali minori di quelle misurate in conformità alla IEC 79-4 o per
mezzo di altri metodi equivalenti. D’altra parte, in caso di corpi riscaldati con superfici con-
vesse piuttosto che concave, è necessaria una temperatura superficiale maggiore per
l’accensione; per le sfere e i tubi, la temperatura minima di accensione aumenta, per
esempio, al diminuire del diametro. Quando un’atmosfera esplosiva lambisce superfici ri-
scaldate, potrebbe essere necessaria una temperatura superficiale maggiore per l’accen-
sione a causa del breve tempo di contatto.
Se l’atmosfera esplosiva rimane a contatto con la superficie calda per un periodo relativa-
mente lungo, possono verificarsi reazioni preliminari, per esempio fiamme fredde, che de-
terminano la formazione di prodotti di decomposizione più facilmente infiammabili, che fa-
voriscono l’accensione delle atmosfere.
Oltre alle superfici calde facilmente riconoscibili quali radiatori, essiccatoi, tubi radianti e
altri apparecchi, anche i processi meccanici e di lavorazione possono produrre tempera-
ture pericolose. Detti processi comprendono anche apparecchi, sistemi di protezione e
componenti che convertono l’energia meccanica in calore, per esempio tutti i tipi di innesti
a frizione e i freni a funzionamento meccanico (per esempio su veicoli e centrifughe). Inol-
tre, tutte le parti mobili con cuscinetti, passaggi d’albero, premistoppa, ecc. possono di-
ventare sorgenti di accensione se non sono sufficientemente lubrificati. Negli alloggia-
menti a tenuta di parti mobili, anche l’ingresso di corpi estranei o lo spostamento dell’asse
può produrre attrito che, a sua volta, può produrre temperature di superficie elevate, in al-
cuni casi molto rapidamente.
Si deve inoltre considerare anche gli aumenti di temperatura dovuti a reazioni chimiche
(per esempio con lubrificanti e solventi di pulizia).
Per i pericoli di accensione nelle operazioni di saldatura e taglio vedere 5.3.3.
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione derivanti da superfici calde ve-
dere 6.4.2.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 13 di 46


5.3.3 Fiamme e gas caldi (incluse le particelle calde)
Le fiamme sono associate a reazioni di combustione a temperature maggiori di 1 000 °C.
I gas caldi si formano come prodotti di reazione e, nel caso di fiamme contenenti polveri
e/o fuliggine, si producono anche particelle solide incandescenti. Le fiamme, i loro prodot-
ti di reazione caldi o i gas molto caldi di altra origine possono accendere un’atmosfera
esplosiva. Le fiamme, anche se molto piccole, sono tra le sorgenti di accensione più attive.
Se un’atmosfera esplosiva è presente sia all’interno, sia all’esterno di un apparecchio, si-
stema di protezione o componente o in parti adiacenti dell’impianto e se in uno di questi
punti si verifica un’accensione, la fiamma può diffondersi agli altri punti attraverso le aper-
ture quali i condotti di ventilazione. La prevenzione della propagazione della fiamma ri-
chiede misure di protezione appositamente progettate (vedere 6.5.5).
Le scintille di saldatura che si producono durante la saldatura o il taglio sono di superficie
molto ampia e pertanto sono tra le più efficaci sorgenti di accensione.
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione derivanti dalle fiamme e dai gas
caldi vedere 6.4.3.

5.3.4 Scintille di origine meccanica


In seguito a processi di attrito, urto o abrasione quali la molatura, dai materiali solidi pos-
sono separarsi particelle che si riscaldano per effetto dell’energia utilizzata nel processo
di separazione. Se queste particelle sono costituite da sostanze ossidabili, per esempio,
ferro o acciaio, possono subire un processo di ossidazione, e pertanto raggiungere tem-
perature ancora più elevate. Queste particelle (scintille) possono accendere gas e vapori
combustibili e alcune miscele di polveri/aria (specialmente le miscele di polveri metalliche
e aria). Nelle polveri depositate, le scintille possono causare fuoco senza fiamma che può
rappresentare una sorgente di accensione per un’atmosfera esplosiva.
Deve essere considerato l’ingresso di materiali estranei negli apparecchi, sistemi di prote-
zione e componenti, per esempio pietre o pezzi di metallo, quale causa di scintillamento.
L’attrito per sfregamento, anche tra materiali ferrosi simili e tra alcuni materiali ceramici,
può generare punti caldi e scintille simili alle scintille di molatura. Ciò può causare l’accen-
sione di atmosfere esplosive.
Gli urti che coinvolgono ruggine e metalli leggeri (per esempio alluminio e magnesio) e le
loro leghe possono indurre una reazione alluminotermica che può causare l’accensione
delle atmosfere esplosive.
Anche i metalli leggeri titanio e zirconio possono formare scintille di accensione se sotto-
posti ad urto o attrito contro qualsiasi materiale sufficientemente duro, anche in assenza
di ruggine.
Per i pericoli di accensione nelle operazioni di saldatura e taglio vedere 5.3.3.
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione dovuti a scintille di origine mec-
canica, vedere 6.4.4.

5.3.5 Materiale elettrico


Nel caso del materiale elettrico, si possono produrre scintille elettriche e superfici calde
(vedere 5.3.2) che agiscono quali sorgenti di accensione. Possono essere generate scin-
tille elettriche, per esempio:
- quando si aprono e si chiudono circuiti elettrici;
- per connessioni allentate;
- a seguito di correnti vaganti (vedere 5.3.6).

Si sottolinea esplicitamente che una tensione estremamente bassa (per esempio minore
di 50 V) è progettata per la protezione personale contro la scossa elettrica e non è una mi-
sura destinata alla protezione contro l’esplosione. Comunque le tensioni minori di 50 V
possono ancora produrre energia sufficiente per accendere un’atmosfera esplosiva.
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione dovuti al materiale elettrico
vedere 6.4.5.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 14 di 46


5.3.6 Correnti elettriche vaganti, protezione contro la corrosione catodica
Le correnti vaganti possono attraversare i sistemi elettricamente conduttori o parti di detti
sistemi,
- sotto forma di correnti di ritorno nei generatori di potenza, specialmente in prossimità
delle ferrovie elettriche e dei grandi impianti di saldatura quando, per esempio, i com-
ponenti conduttori interrati del sistema elettrico quali le rotaie e le guaine dei cavi ri-
ducono la resistenza di detto circuito di ritorno;
- per effetto di un cortocircuito o di una dispersione a terra in seguito a guasti agli im-
pianti elettrici;
- per induzione magnetica (per esempio vicino ad impianti elettrici con correnti o radio-
frequenze elevate, vedere anche 5.3.9); e
- in seguito a fulmini (vedere 5.3.8).

Se parti di un sistema in grado di condurre le correnti vaganti sono scollegate, collegate o


ponticellate, anche in caso di lievi differenze di potenziale, può accendersi un’atmosfera
esplosiva in seguito alla formazione di scintille elettriche e/o archi. Inoltre può verificarsi
un’accensione anche in seguito al riscaldamento di detti circuiti di corrente (vedere 5.3.2).
I suddetti rischi di accensione sono possibili anche quando si utilizza la protezione contro
la corrosione catodica con corrente applicata. Tuttavia, se si utilizzano anodi sacrificali è
improbabile che si presentino rischi di accensione dovuti a scintille elettriche, tranne in ca-
so di anodi in alluminio o magnesio.
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione dovuti a correnti elettriche va-
ganti e alla protezione contro la corrosione catodica, vedere 6.4.6.

5.3.7 Elettricità statica


In certe condizioni possono verificarsi scariche di elettricità statica in grado di produrre
l’accensione. La scarica di parti conduttrici isolate e cariche può facilmente produrre scin-
tille di accensione. Con parti cariche di materiali non conduttori, che comprendono la
maggior parte delle materie plastiche e altri materiali, sono possibili scintillii e, in casi par-
ticolari, durante processi di separazione rapida (per esempio pellicole che si muovono su
rulli, cinghie di trasmissione o per l’associazione di materiali conduttori e non conduttori)
sono possibili anche scariche in grado di propagarsi. Si possono verificare anche scari-
che a cono da materiale sfuso e scariche da nube.
Gli scintillii sono in grado di accendere quasi tutte le atmosfere esplosive di gas e vapore.
Tenuto conto delle attuali conoscenze, non si può escludere l’accensione di atmosfere
esplosive polveri/aria con energia minima di accensione estremamente bassa per effetto
di scintillii. Le scintille, di ogni tipo di origine elettrostatica sono in grado di accendere tutti
i tipi di atmosfere esplosive, in relazione all’energia della loro scarica.
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione dovuti all’elettricità statica, ve-
dere 6.4.7.

5.3.8 Fulmine
Se un fulmine colpisce un’atmosfera esplosiva, si verifica sempre un’accensione. Inoltre
esiste anche la possibilità di accensione dovuta alla temperatura elevata raggiunta dai pa-
rafulmini.
Dal punto in cui ha colpito il fulmine partono correnti importanti che possono produrre
scintille in prossimità del punto di impatto.
Persino in assenza di fulmini, i temporali possono indurre alte tensioni in apparecchi, si-
stemi di protezione e componenti.
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione dovuti al fulmine, vedere 6.4.8.

5.3.9 Onde elettromagnetiche a radiofrequenza (RF) da 104 Hz a 3 × 1012 Hz


Tutti i sistemi che generano e utilizzano energia elettrica a radiofrequenza (sistemi a ra-
diofrequenza), per esempio radiotrasmettitori o generatori RF per uso medicale o indu-
striale per riscaldamento, essiccazione, tempra, saldatura, taglio, ecc. emettono onde
elettromagnetiche.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 15 di 46


Tutte le parti conduttrici situate nel campo di radiazione si comportano come antenne ri-
ceventi. Se il campo è sufficientemente potente e se l’antenna ricevente è sufficientemen-
te grande, queste parti conduttrici possono causare l’accensione nelle atmosfere esplosi-
ve. La potenza ricevuta in radiofrequenza può, per esempio, rendere incandescenti i fili
sottili o generare scintille durante il contatto o l’interruzione di parti conduttrici. L’energia
assorbita dall’antenna ricevente, che può produrre l’accensione, dipende principalmente
dalla distanza tra il trasmettitore e l’antenna ricevente nonché dalle dimensioni dell’anten-
na ricevente per ogni specifica lunghezza d’onda e potenza RF.
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione dovuti alle onde elettromagne-
tiche nello spettro RF, vedere 6.4.9.

5.3.10 Onde elettromagnetiche da 3 × 1011 Hz a 3 × 1015 Hz


La radiazione in questo campo spettrale può, specialmente se concentrata, diventare una
sorgente di accensione per effetto dell’assorbimento da parte di atmosfere esplosive o su-
perfici solide.
I raggi solari, per esempio, possono innescare un’accensione per effetto di oggetti che cau-
sano la convergenza dei raggi (per esempio bottiglie che agiscono da lenti, superfici riflet-
tenti che concentrano i raggi).
In determinate condizioni, la radiazione di sorgenti luminose intense (continue o intermit-
tenti) è assorbita così intensamente dalle particelle di polvere che dette particelle diven-
tano sorgenti di accensione per atmosfere esplosive o depositi di polveri.
Con le radiazioni laser (per esempio nelle comunicazioni, nei dispositivi di misura di di-
stanza, nei sistemi di sorveglianza, negli apparecchi di misura del campo visivo), anche a
grandi distanze, l’energia o la densità di potenza di un fascio anche non concentrato può
essere talmente grande da rendere possibile l’accensione. Anche in questo caso, il pro-
cesso di riscaldamento ha luogo principalmente quando il fascio laser colpisce una super-
ficie di un corpo solido o quando è assorbito da particelle di polvere nell’atmosfera o da
parti trasparenti sporche.
Si noti che qualsiasi apparecchio, sistema di protezione e componente in grado di gene-
rare radiazioni (per esempio lampade, archi elettrici, laser, ecc.) può di per sè essere una
sorgente di accensione come definita in 5.3.2 e 5.3.5.
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione dovuti alle onde elettromagne-
tiche in questo campo spettrale, vedere 6.4.10.

5.3.11 Radiazioni ionizzanti


Le radiazioni ionizzanti generate, per esempio, da tubi per raggi x e sostanze radioattive,
possono accendere atmosfere esplosive (specialmente atmosfere esplosive con particel-
le di polvere) per effetto dell’assorbimento di energia. Inoltre, la sorgente radioattiva stes-
sa può riscaldarsi per effetto dell’assorbimento interno di energia radiante al punto che la
temperatura minima di accensione dell’atmosfera esplosiva circostante è superata.
Le radiazioni ionizzanti possono causare la decomposizione chimica o altre reazioni che
possono portare alla generazione di radicali altamente reattivi o composti chimici instabili.
Ciò può causare l’accensione.
Nota Questo tipo di radiazione può creare anche un’atmosfera esplosiva per decomposizione (per esempio una
miscela di ossigeno e idrogeno per radiolisi dell’acqua).
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione dovuti alle radiazioni ionizzanti,
vedere 6.4.11.

5.3.12 Ultrasuoni
Quando si utilizzano onde ultrasoniche, una grande quantità dell’energia emessa dal tra-
sduttore elettroacustico è assorbita da sostanze solide o liquide. Di conseguenza, la so-
stanza esposta agli ultrasuoni si riscalda al punto da poter indurre l’accensione in casi
estremi.
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione dovuti agli ultrasuoni, vedere 6.4.12.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 16 di 46


5.3.13 Compressione adiabatica e onde d'urto
Nella compressione adiabatica o quasi adiabatica e nelle onde d’urto possono registrarsi
temperature talmente elevate da poter accendere atmosfere esplosive (e depositi di pol-
veri). L’aumento di temperatura dipende principalmente dal rapporto tra le pressioni, non
dalla differenza di pressione.
Nota Nelle linee in pressione dei compressori ad aria e nei recipienti collegati a dette linee, possono verificarsi
esplosioni in seguito all’accensione per compressione delle nebbie di olio lubrificante.
Le onde d’urto si generano, per esempio, durante la fuoriuscita improvvisa di gas ad alta
pressione nei condotti. In questo processo, le onde d’urto si propagano nelle zone a pres-
sione minore di una velocità maggiore della velocità del suono. Quando sono rifratte o ri-
flesse dalle curve dei tubi, da restringimenti, flange di raccordo, valvole chiuse ecc., pos-
sono registrarsi temperature molto elevate.
Nota Gli apparecchi, sistemi di protezione e componenti che contengono gas altamente ossidanti, per esempio
l’ossigeno puro o atmosfere di gas con una concentrazione di ossigeno elevata, possono diventare una sor-
gente di accensione attiva sotto l’azione della compressione adiabatica, di onde d’urto o persino dello scorri-
mento puro, perché i lubrificanti, le guarnizioni e persino i materiali di costruzione possono incendiarsi. Se
questo determina la distruzione di apparecchi, sistemi di protezione e componenti, parti di essi accendono
un’atmosfera esplosiva circostante.
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione dovuti alla compressione adia-
batica e alle onde d’urto, vedere 6.4.13.

5.3.14 Reazioni esotermiche, inclusa l'autoaccensione delle polveri


Le reazioni esotermiche possono agire come una sorgente di accensione quando la ve-
locità di generazione del calore supera la velocità della perdita di calore verso l’esterno.
Molte reazioni chimiche sono esotermiche. Il fatto che una reazione possa raggiungere
una temperatura elevata dipende, tra gli altri parametri, dal rapporto tra volume e superfi-
cie del sistema reattivo, dalla temperatura ambiente e dal tempo di permanenza. Queste
temperature elevate possono indurre l’accensione di atmosfere esplosive nonché l’accen-
sione di fuoco senza fiamme e/o di una combustione.
Queste reazioni comprendono quelle delle sostanze piroforiche con l’aria, dei metalli al-
calini con l’acqua, l’autoaccensione delle polveri combustibili2), l’autoriscaldamento dei
mangimi indotto da processi biologici, la decomposizione dei perossidi organici o le rea-
zioni di polimerizzazione.
I catalizzatori possono indurre anche reazioni che producono energia (per esempio atmo-
sfere idrogeno/aria e platino).
Nota 1 Anche alcune reazioni chimiche (per esempio la pirolisi e i processi biologici) possono produrre la formazione
di sostanze infiammabili che, a loro volta, possono formare un’atmosfera esplosiva con l’aria circostante.
Reazioni violente che causano l’accensione possono verificarsi in alcune associazioni di
materiali di costruzione e prodotti chimici (per esempio rame con acetilene, metalli pesan-
ti con perossido di idrogeno).
Alcune associazioni di sostanze, specialmente se disperse finemente (per esempio allu-
minio/ruggine o zucchero/clorato) reagiscono violentemente se esposte ad urto o attrito
(vedere 5.3.4).
Per le misure di protezione contro i pericoli di accensione dovuti alle reazioni chimiche,
vedere 6.4.14.
Nota 2 Pericoli possono derivare anche da reazioni chimiche dovute all’instabilità termica, un calore di reazione ele-
vato e/o un’emissione rapida di gas. Questi pericoli non sono presi in considerazione nella presente norma.

5.4 Valutazione dei possibili effetti di un'esplosione


In caso di esplosione, si devono considerare i possibili effetti dei seguenti fattori:
- fiamme;
- radiazione termica;
- onde di pressione;
- detriti vaganti;
- emissioni pericolose di materiali.
2) È in preparazione una norma sulla determinazione del comportamento di accensione spontaneo degli accumuli di polveri.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 17 di 46


Le conseguenze di quanto sopra indicato sono correlate a:
- proprietà chimiche e fisiche delle sostanze infiammabili;
- quantità e confinamento dell’atmosfera esplosiva;
- geometria dell’ambiente circostante;
- resistenza dell’involucro e delle strutture di supporto;
- dispositivo di protezione indossato dal personale esposto al pericolo;
- proprietà fisiche degli oggetti esposti al pericolo.

La lesione prevedibile a persone o i danni agli oggetti e l’estensione della zona danneg-
giata possono pertanto essere valutati soltanto caso per caso.

6 ELIMINAZIONE O MINIMIZZAZIONE DEL RISCHIO

6.1 Principi fondamentali


La necessità della presenza concomitante di un’atmosfera esplosiva e della sorgente di
accensione efficace, e gli effetti previsti di un’esplosione, come descritto in 5, comportano
immediatamente tre principi di base della prevenzione dell’esplosione e della protezione
contro l’esplosione:
a) prevenzione
- evitare atmosfere esplosive. Questo obiettivo può essere raggiunto principalmen-
te portando la concentrazione della sostanza infiammabile ad un valore non com-
preso nel campo di esplosione oppure la concentrazione di ossigeno ad un valore
al di sotto della concentrazione limite di ossigeno (LOC);
- evitare qualsiasi sorgente di accensione attiva possibile;
b) protezione
- limitare gli effetti delle esplosioni ad un livello accettabile mediante misure di pro-
tezione costruttive. Contrariamente alle due misure precedentemente descritte, in
questo caso è accettata l’eventualità di un’esplosione.
L’eliminazione o la minimizzazione del rischio possono essere ottenute applicando soltan-
to uno dei suddetti principi di prevenzione o protezione. Può essere anche applicata
un’associazione di questi principi.
La scelta prioritaria dovrebbe essere sempre quella di evitare l’atmosfera esplosiva.
Quanto maggiore è la probabilità che si verifichi un’atmosfera esplosiva, tanto maggiore
deve essere il livello delle misure contro le sorgenti di accensione efficaci e viceversa.
Al fine di permettere la scelta delle misure appropriate, deve essere elaborata una strate-
gia di sicurezza contro l’esplosione caso per caso.
Nella progettazione delle misure di prevenzione dell’esplosione e protezione contro
l’esplosione, deve essere considerato il funzionamento normale, che comprende l’avvia-
mento e l’arresto. Inoltre, si deve tenere conto delle possibili disfunzioni tecniche, nonché
di un eventuale uso improprio prevedibile (vedere EN 292-1). L’applicazione delle misure
di prevenzione dell’esplosione e protezione contro l’esplosione richiedono una conoscen-
za approfondita dei processi e una sufficiente esperienza. Pertanto, si raccomanda viva-
mente di ricercare i consigli di un esperto in materia.

6.2 Evitare la formazione di un’atmosfera esplosiva o ridurre la quantità di atmosfera


esplosiva

6.2.1 Generalità
Una misura di base della prevenzione dell’esplosione consiste nel sostituire le sostanze
infiammabili con materiali inerti o nel limitare le concentrazioni delle sostanze infiammabili
(evitare il campo di esplosione).

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 18 di 46


6.2.2 Parametri di processo

6.2.2.1 Sostituzione o riduzione della quantità di sostanze in grado di formare atmosfere esplosive
Quando possibile, le sostanze infiammabili devono essere sostituite da sostanze non in-
fiammabili o da sostanze non in grado di formare atmosfere esplosive, per esempio un
materiale polveroso fine con un materiale granulare meno polveroso.
La quantità di materiale combustibile deve essere ridotta al minimo, per esempio utilizzan-
do processi continui piuttosto che discontinui.

6.2.2.2 Limitazione della concentrazione


Se non è possibile evitare la manipolazione di sostanze in grado di formare atmosfere
esplosive, la formazione di una quantità pericolosa di atmosfera esplosiva all’interno di
apparecchi, sistemi di protezione e componenti può essere prevenuta o limitata per mez-
zo di misure per controllare la quantità e/o la concentrazione.
Queste misure devono essere tenute sotto sorveglianza se le concentrazioni intrinseche
del processo non sono sufficientemente lontane dal campo di esplosione.
Questa sorveglianza, per esempio per mezzo di rivelatori di gas o di portata, deve essere
abbinata ad allarmi, altri sistemi di protezione o funzioni automatiche di emergenza.
Quando si attuano queste misure di controllo, la concentrazione delle sostanze infiamma-
bili deve essere sufficientemente al di sotto del limite inferiore di esplosione o sufficiente-
mente al di sopra del limite superiore di esplosione. Si deve considerare il fatto che le con-
centrazioni possono rientrare nel campo di esplosione durante la fase di avviamento o ar-
resto del processo.
Se la concentrazione in apparecchi, sistemi di protezione e componenti è maggiore del li-
mite superiore di esplosione, non vi è alcun rischio di esplosione all’interno di essi; tutta-
via, possibili emissioni possono determinare un rischio di esplosione all’esterno di appa-
recchi, sistemi di protezione e componenti dovuto alla dispersione nell’aria. Può esistere
anche un pericolo di esplosione all’interno di apparecchi, sistemi di protezione e compo-
nenti dovuto all’ingresso di aria.
Nel caso di liquidi combustibili, dove può essere esclusa una atmosfera esplosiva dovuta
a nebbie, l’obiettivo di mantenere la concentrazione al di sotto del limite inferiore di esplo-
sione si raggiunge quando la temperatura sulla superficie del liquido è sempre sufficien-
temente al di sotto del punto di infiammabilità.
Nota 1 Il margine necessario al di sotto del punto di infiammabilità dipende dalla natura e dalla composizione chimica
del liquido combustibile.
Per soluzioni di gas combustibili in liquidi combustibili, l’uso del punto di infiammabilità può essere fuorviante.
Il punto di infiammabilità può essere fuorviante anche quando i liquidi sono conservati a temperature alle quali
potrebbe verificarsi la degradazione o l’ossidazione lenta (per esempio il bitume, l’olio pesante da riscalda-
mento).
Nota 2 Spesso la scelta appropriata delle condizioni operative permette di mantenere una concentrazione di vapore
sufficientemente elevata nell’intero apparecchio, sistema di protezione e componente, mantenendo così la
concentrazione al di sopra del limite superiore di esplosione. Tuttavia, in alcuni casi, per esempio durante lo
stoccaggio in serbatoi e quando può prodursi condensa, la concentrazione diminuisce nella sezione superiore
al punto da poter rendere l’atmosfera esplosiva. Solo dopo periodi di stoccaggio estremamente lunghi in re-
cipienti per lo stoccaggio praticamente senza fori di respirazione e quando la temperatura di superficie è ben
al di sopra del punto superiore di esplosione, l’atmosfera ha una concentrazione maggiore del limite superiore
di esplosione in tutto il recipiente di stoccaggio.
Nota 3 Alcuni idrocarburi liquidi alogenati possono formare atmosfere esplosive benché non sia possibile determina-
re un punto di infiammabilità per il liquido.
Nel caso delle polveri, è difficile raggiungere l’obiettivo di evitare le atmosfere esplosive limi-
tando la concentrazione in quanto le miscele polveri/aria solitamente non sono omogenee.
Il calcolo della concentrazione in polveri dividendo la quantità totale di polveri per il volu-
me totale di apparecchi, sistemi di protezione e componenti conduce solitamente a risul-
tati errati. Possono esistere concentrazioni locali in polveri che differiscono sensibilmente
da quelle calcolate globalmente.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 19 di 46


6.2.2.3 Inertizzazione
L’aggiunta di gas inerti (per esempio azoto, biossido di carbonio, gas nobili), vapore acqueo
o sostanze polverose inerti (per esempio carbonato di calcio) compatibili con i prodotti la-
vorati può impedire la formazione di atmosfere esplosive (inertizzazione).
Quando si utilizza il vapore acqueo per l’inertizzazione, deve essere considerato l’effetto
della condensazione.
L’inertizzazione per mezzo di gas inerti si basa sulla diminuzione della concentrazione di
ossigeno nell’atmosfera in modo che l’atmosfera non sia più esplosiva. La massima con-
centrazione di ossigeno ammessa si ricava applicando un fattore di sicurezza alla con-
centrazione limite di ossigeno.
Per le miscele di diverse sostanze infiammabili, incluse le miscele ibride, il componente
con la più bassa concentrazione limite di ossigeno deve essere utilizzato per la determi-
nazione della massima concentrazione di ossigeno ammessa, salvo nei casi in cui le mi-
surazioni abbiano prodotto un risultato diverso.
Le miscele esplosive aria/polveri possono essere rese inerti anche aggiungendo una pol-
vere inerte compatibile.
Nota In linea generale, ciò si ottiene quando è presente più del 50% del contenuto in massa di polvere inerte, ma
in alcuni casi può essere necessario più dell’80%.

6.2.3 Progettazione e costruzione di apparecchi, sistemi di protezione e componenti

6.2.3.1 Generalità
Nella fase di progettazione di apparecchi, sistemi di protezione e componenti destinati a
contenere sostanze infiammabili, si deve fare il possibile affinché le sostanze siano sem-
pre contenute in sistemi chiusi.
Laddove possibile, dovrebbero essere utilizzati materiali di costruzione non combustibili.
In linea generale, sono preferibili tecniche di lavorazione continua a processi discontinui.
I processi di lavorazione negli impianti adiacenti devono essere effettuati in modo che non
possa determinarsi un’influenza pericolosa. Ciò si può ottenere, per esempio, per mezzo
della separazione spaziale oppure per mezzo di sistemi che isolino gli impianti tra di loro.
Dividere costantemente le sostanze infiammabili in quantità più piccole e, allo stesso tem-
po, conservare solo piccole quantità di sostanza in un determinato punto, anche nel caso
di grosse portate volumiche, può essere vantaggioso in termini di sicurezza. Gli impianti
esterni sono generalmente preferibili agli impianti all’interno di edifici, specialmente in
considerazione del movimento naturale dell’aria.

6.2.3.2 Minimizzazione delle emissioni di sostanze infiammabili


Al fine di ridurre al minimo il rischio di esplosione all’esterno di apparecchi, sistemi di pro-
tezione e componenti dovuto alla perdita di sostanze infiammabili, questi apparecchi, si-
stemi di protezione e componenti devono essere progettati, costruiti e utilizzati in modo
che siano e rimangano a tenuta. Tuttavia, l’esperienza dimostra che è probabile che si ve-
rifichino piccole perdite in alcuni casi, per esempio in prossimità di alcuni premistoppa del-
le pompe e delle prese campione. Di ciò si deve tenere conto nella progettazione di appa-
recchi, sistemi di protezione e componenti. Si devono prevedere configurazioni che limiti-
no le perdite ed impediscano la dispersione delle sostanze infiammabili. Dove necessario, si
dovrebbe installare un rivelatore di perdite. Un’attenzione particolare deve essere rivolta:
- alla selezione di materiali di costruzione, inclusi quelli per guarnizioni, giunzioni, pre-
mitreccia e isolanti termici in relazione alla possibile corrosione, usura ed interazioni
pericolose con le sostanze manipolate;
- ai raccordi, in relazione al loro funzionamento sicuro. Il numero e le dimensioni dei
raccordi smontabili deve essere mantenuto al minimo indispensabile;
- ai tubi, in relazione alla loro integrità. Ciò può essere ottenuto, per esempio, per mez-
zo di una protezione adatta contro l’urto o per mezzo di un’ubicazione adeguata. I tubi
flessibili devono essere utilizzati al minimo;

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 20 di 46


- ai sistemi di scarico ed areazione locale al fine di controllare le perdite minori;
- ai raccordi smontabili che dovrebbero essere provvisti di dispositivi di accoppiamento
a tenuta;
- alle operazioni di riempimento e svuotamento. Si deve considerare l’uso del sistema a
compensazione di vapore e il numero e le dimensioni delle aperture devono essere
mantenuti al minimo.

6.2.3.3 Diluizione per ventilazione


La ventilazione è di importanza primaria ai fini del controllo degli effetti delle emissioni di
gas e vapori combustibili. Essa può essere utilizzata all’interno e all’esterno di apparec-
chi, sistemi di protezione e componenti.
Informazioni sul controllo e la classificazione dei luoghi pericolosi per i gas e i vapori con
l’uso della ventilazione sono riportate nella EN 60079-10.
Per le polveri, la ventilazione fornisce, di regola, una protezione sufficiente solo quando la
polvere è estratta dal luogo di origine (aspirazione localizzata) e se sono evitati in modo
affidabile depositi pericolosi di polveri combustibili.
Ci si deve attendere un’emissione di polveri da apparecchi, sistemi di protezione e com-
ponenti che possono essere aperti durante il normale funzionamento (per esempio nei
punti di trasferimento o nelle aperture di ispezione e pulizia) oppure in caso di disfunzioni.
La protezione si ottiene creando nell’apparecchio, sistema di protezione e componente
che contiene le polveri, una pressione leggermente inferiore alla pressione ambiente
(aspirazione) oppure raccogliendo accuratamente le polveri alla sorgente o al punto di
emissione (aspirazione localizzata).

6.2.3.4 Evitare gli accumuli di polveri


Al fine di impedire la formazione di un’atmosfera esplosiva per effetto della dispersione di
depositi di polvere nell’aria, apparecchi, sistemi di protezione e componenti devono esse-
re costruiti in modo da evitare, per quanto possibile, i depositi di polveri combustibili.
Oltre alle misure già menzionate da 6.2.3.1 a 6.2.3.4, un’attenzione particolare dovrebbe
essere rivolta ai seguenti punti:
- la progettazione dei sistemi di trasporto e di estrazione delle polveri devono basarsi
sui principi della fluidodinamica, con particolare attenzione al percorso dei tubi, alla
velocità di scorrimento, alla rugosità di superficie;
- le superfici quali elementi strutturali, travi a T, canaline, davanzali e i cosiddetti spazi
morti in apparecchi, sistemi di protezione e componenti che trasportano delle polveri,
devono essere il minimo indispensabile. Ciò si può ottenere in parte, per esempio se-
lezionando elementi strutturali che presentino superfici di deposito ridotte ottenute ri-
vestendo o inclinando le superfici di deposito inevitabili. Creando superfici lisce (per
esempio piastrelle, rivestimento con smalto, ecc.), è possibile impedire, quanto meno
parzialmente, l’adesione delle polveri e facilitare la pulizia. L’uso di colori contrastanti
rende i depositi di polveri più visibili;
- si devono prevedere disposizioni appropriate per la pulizia (per esempio superfici li-
sce, buona accessibilità per la pulizia, installazione di sistemi di aspirazione centraliz-
zati a depressione, alimentazione per aspiratori mobili). Un’attenzione particolare de-
ve essere rivolta alla rimozione delle polveri dalle superfici riscaldate, per esempio tu-
bi, radiatori, materiali elettrici;
- la scelta di dispositivi di svuotamento appropriati per essiccatoi, granulatrici, silos e
impianti di raccolta delle polveri.

6.3 Classificazione dei luoghi pericolosi

6.3.1 Generalità
Al fine di determinare le misure necessarie per evitare le sorgenti di accensione attive, i
luoghi pericolosi sono classificati in zone sulla base della frequenza e della durata di
un’atmosfera esplosiva pericolosa.
Nota Nel testo seguente, il termine "gas" o "gas/vapore" si riferisce implicitamente anche alle atmosfere contenenti
nebbie.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 21 di 46


Un luogo in cui non è prevista la presenza di un’atmosfera esplosiva in quantità tali da ri-
chiedere precauzioni particolari deve essere considerato non pericoloso ai fini della pre-
sente norma.
Tenendo conto della sedimentazione delle polveri e della possibile formazione di un’atmo-
sfera esplosiva per la dispersione di strati di polvere, sono stati definiti diversi tipi di zone
per i gas/vapori e per le polveri.
Per questo, sono necessarie misure diverse per evitare le sorgenti di accensione efficaci
per le polveri combustibili e per i gas/vapori combustibili.
Informazioni sul controllo e la classificazione dei luoghi pericolosi per i gas e i vapori con
l’uso della ventilazione sono riportate nella EN 60079-10.

6.3.2 Zone per i gas/vapori


Zona 0
Luogo in cui un’atmosfera esplosiva costituita da una miscela di aria e sostanze infiam-
mabili sotto forma di gas, vapore o nebbia è presente continuamente, o per lunghi periodi,
o frequentemente.
Nota In generale, dette condizioni, quando si presentano, interessano l’interno di serbatoi, tubi e recipienti, ecc.

Zona 1
Luogo in cui è probabile che un’atmosfera esplosiva, costituita da una miscela di aria e
sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia, si presenti occasionalmente
durante il funzionamento normale.
Nota Detta zona può comprendere, tra l’altro:
- luoghi nelle immediate vicinanze della zona 0;
- luoghi nelle immediate vicinanze delle aperture di alimentazione;
- luoghi nelle immediate vicinanze delle aperture di riempimento e svuotamento;
- luoghi nelle immediate vicinanze di apparecchi, sistemi di protezione e componenti fragili di vetro, cera-
mica e materiali analoghi;
- luoghi nelle immediate vicinanze di premistoppa non sufficientemente a tenuta, per esempio su pompe
e valvole con premistoppa.

Zona 2
Luogo in cui è improbabile che un’atmosfera esplosiva, costituita da una miscela di aria e
sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia, si presenti durante il normale
funzionamento, ma che, se si presenta, persiste solo per un breve periodo.
Nota Detta zona può comprendere, tra gli altri, luoghi circostanti le zone 0 o 1.

6.3.3 Zone per le polveri


Strati, depositi e accumuli di polveri combustibili devono essere considerati come qualsiasi
altra sorgente in grado di formare un’atmosfera esplosiva.

Zona 20
Luogo in cui un’atmosfera esplosiva sotto forma di una nube di polveri combustibili
nell’aria è presente continuamente, o per lunghi periodi, o frequentemente.
Nota In generale, dette condizioni, quando si presentano, interessano l’interno di serbatoi, tubi e recipienti, ecc.

Zona 21
Luogo in cui è probabile che un’atmosfera esplosiva, sotto forma di una nube di polveri
combustibili nell’aria, si presenti occasionalmente durante il normale funzionamento.
Nota Detta zona può comprendere, per esempio, tra gli altri, luoghi nelle immediate vicinanze di punti di caricamen-
to e svuotamento di polveri e luoghi in cui si formano strati di polvere o che, durante il normale funzionamento,
potrebbero produrre una concentrazione esplosiva di polveri combustibili in miscela con l’aria.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 22 di 46


Zona 22
Luogo in cui è improbabile che un’atmosfera esplosiva, sotto forma di una nube di polvere
combustibile nell’aria, si presenti durante il normale funzionamento, ma che, se si presen-
ta, persiste solo per un breve periodo.
Nota Questa zona può comprendere, tra gli altri, luoghi in prossimità di apparecchi, sistemi di protezione e compo-
nenti contenenti polveri, dai quali le polveri possono fuoriuscire a causa di perdite e formare depositi di polveri
(per esempio sale di macinazione, in cui la polvere fuoriesce dai mulini e si deposita).

6.4 Requisiti per la progettazione e la costruzione di apparecchi, sistemi di protezione e


componenti che permettono di evitare le sorgenti di accensione efficaci

6.4.1 Generalità
Quando apparecchi, sistemi di protezione e componenti sono utilizzati in luoghi pericolo-
si, si devono effettuare controlli per verificare se possono presentarsi pericoli di accensio-
ne, tenendo conto dei sistemi di accensione trattati in 5.3. Se sono possibili pericoli di ac-
censione, si deve tentare di eliminare le sorgenti di accensione dal luogo pericoloso. Se
ciò non è possibile, devono essere adottate le misure di protezione descritte da 6.4.1 a
6.4.14, facendo attenzione alle informazioni seguenti.
Le misure devono rendere le sorgenti di accensione innocue o devono ridurre la probabi-
lità di comparsa di sorgenti di accensione efficaci. Ciò può essere ottenuto per mezzo di
una progettazione e una costruzione appropriate di apparecchi, sistemi di protezione e
componenti, per mezzo di procedure operative e anche per mezzo di sistemi di misura e
di comando appropriati (vedere 6.7).
Il tipo delle misure di protezione da adottare dipende dalla probabilità di comparsa di
un’atmosfera esplosiva e dalle conseguenze di una possibile esplosione. Ciò si valuta fa-
cendo una distinzione tra le diverse categorie di apparecchi, come specificato nella Diret-
tiva 94/9/CE. Dette categorie riflettono i requisiti delle diverse zone.
I criteri che determinano la classificazione in categorie sono i seguenti:

La categoria 1 comprende apparecchi progettati per poter funzionare in conformità ai pa-


rametri operativi stabiliti dal fabbricante e in grado di assicurare un livello di protezione
molto alto.
Gli apparecchi di questa categoria sono destinati ad essere utilizzati in luoghi in cui sono
presenti continuamente, per lunghi periodi o frequentemente atmosfere esplosive causate
da miscele di aria e gas, vapori o nebbie o da miscele aria/polveri.
Gli apparecchi di questa categoria devono assicurare il livello di protezione richiesto an-
che in caso di rari incidenti all’apparecchio, e sono caratterizzati da mezzi di protezione
tali per cui:
- in caso di disfunzione di una misura di protezione, almeno una seconda misura indi-
pendente assicuri il livello di protezione richiesto;
- oppure il livello di protezione richiesto sia assicurato in caso di due disfunzioni indi-
pendenti l’uno dall’altro.

La categoria 2 comprende apparecchi progettati per poter funzionare in conformità ai pa-


rametri operativi stabiliti dal fabbricante e in grado di assicurare un alto livello di protezione.
Gli apparecchi di questa categoria sono destinati ad essere utilizzati in luoghi in cui è pro-
babile che si presentino atmosfere esplosive causate da miscele di aria e gas, vapori o
nebbie o da miscele aria/polveri.
Le misure di protezione riguardanti gli apparecchi di questa categoria assicurano il livello
di protezione richiesto, anche in caso di disturbi frequenti o di disfunzioni dell’apparecchio
di cui generalmente si deve tenere conto.

La categoria 3 comprende apparecchi progettati per poter funzionare in conformità ai pa-


rametri operativi stabiliti dal fabbricante e in grado di assicurare un livello di protezione
normale.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 23 di 46


Gli apparecchi di questa categoria sono destinati ad essere utilizzati in luoghi in cui è im-
probabile che si presentino atmosfere esplosive, causate da gas, vapori o nebbie o da mi-
scele aria/polveri, oppure, se si presentano, ciò si verifica soltanto raramente e per un bre-
ve periodo.
Gli apparecchi di questa categoria assicurano il livello di protezione richiesto durante il
normale funzionamento.
La relazione tra categorie e zone è illustrata nell’appendice B.
In funzione del tipo di atmosfera esplosiva (gas/vapore/nebbia o polveri come sostanza
infiammabile) e della categoria, devono essere rispettati i seguenti requisiti generali per
apparecchi, sistemi di protezione e componenti:

Apparecchi, sistemi di protezione e componenti per l’utilizzazione in atmosfere esplosive


gas/aria, vapore/aria e nebbia/aria:
Categoria 3: Si devono evitare sorgenti di accensione che possono presentarsi continua-
mente o frequentemente (per esempio durante il normale funzionamento di apparecchi,
sistemi di protezione e componenti).
Categoria 2: Oltre ad evitare le sorgenti di accensione specificate per la categoria 3, si de-
vono evitare anche le sorgenti di accensione che possono presentarsi in situazioni rare
(per esempio a causa di disfunzioni di apparecchi, sistemi di protezione e componenti).
Categoria 1: Oltre ad evitare le sorgenti di accensione specificate per la categoria 2, si de-
vono evitare anche le sorgenti di accensione che possono presentarsi soltanto in situazio-
ni molto rare (per esempio a causa di rare disfunzioni di apparecchi, sistemi di protezione
e componenti).

Apparecchi, sistemi di protezione e componenti per l’utilizzazione in atmosfere esplosive


polveri/aria:
Categoria 3: Si devono evitare le sorgenti di accensione che possono presentarsi conti-
nuamente o frequentemente (per esempio durante il normale funzionamento di apparec-
chi, sistemi di protezione e componenti). Ciò vale per l’accensione sia di uno strato di pol-
veri sia di una nube di polveri e comprende anche la limitazione delle temperature di su-
perficie per impedire l’accensione della polvere depositatasi durante l’esposizione al ca-
lore per lunghi periodi.
Categoria 2: Oltre ad evitare le sorgenti di accensione specificate per la categoria 3, si de-
vono evitare anche le sorgenti di accensione che possono presentarsi in situazioni rare
(per esempio a causa di disfunzioni di apparecchi, sistemi di protezione e componenti).
Ciò vale per l’accensione sia di uno strato di polveri che di una nube di polveri.
Categoria 1: Oltre ad evitare le sorgenti di accensione specificate per la categoria 2, si de-
vono evitare anche le sorgenti di accensione che possono presentarsi soltanto in situazio-
ni molto rare (per esempio a causa di rare disfunzioni di apparecchi, sistemi di protezione e
componenti). Ciò vale per l’accensione sia di uno strato di polveri che di una nube di polveri.

Apparecchi, sistemi di protezione e componenti di tutte le categorie:


Anche questi devono essere progettati tenendo conto delle diverse caratteristiche delle
sostanze infiammabili.
Se l’atmosfera esplosiva contiene diversi tipi di gas, vapori, nebbie o polveri infiammabili,
le misure di protezione devono, di regola, basarsi sui risultati di esami particolari.
Evitare le sorgenti di accensione efficaci quale unica misura si può applicare soltanto se
tutti i tipi di sorgenti di accensione sono stati identificati ed effettivamente controllati (ve-
dere da 6.4.2 a 6.4.14).
I requisiti specifici derivanti dalla classificazione delle zone per gli apparecchi di diverse
categorie al fine di evitare le sorgenti di accensione sono descritti da 6.4.2 a 6.4.14.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 24 di 46


6.4.2 Superfici calde
Per l’identificazione dei pericoli dovuti alle superfici calde, vedere 5.3.2.
Se sono stati identificati pericoli dovuti a superfici calde, devono essere rispettati i se-
guenti requisiti specifici per apparecchi, sistemi di protezione e componenti, in funzione
del tipo di atmosfera esplosiva (gas, vapore/nebbia o polveri come sostanza infiammabile)
e della categoria:

Apparecchi, sistemi di protezione e componenti per l’utilizzazione in atmosfere esplosive


gas/aria, vapore/aria e nebbia/aria:
Categoria 1: Le temperature di tutte le superfici di apparecchi, sistemi di protezione e
componenti che possono venire a contatto con atmosfere esplosive non devono, anche
nell’eventualità di rare disfunzioni, essere maggiori dell’80% della temperatura minima di
accensione del gas o liquido combustibile espressa in °C.
Categoria 2: Le temperature di tutte le superfici di apparecchi, sistemi di protezione e
componenti che possono venire a contatto con atmosfere esplosive non devono essere
maggiori della temperatura minima di accensione del gas o liquido combustibile espressa
in °C durante il normale funzionamento e in caso di disfunzioni. Tuttavia, se non può es-
sere escluso che il gas o il vapore possa essere riscaldato alla temperatura della superfi-
cie, questa temperatura di superficie non deve essere maggiore dell’80% della tempera-
tura minima di accensione del gas misurata in °C. Questi valori possono essere superati
solamente in caso di rare disfunzioni.
Categoria 3: Le temperature di tutte le superfici di apparecchi, sistemi di protezione e
componenti che possono venire a contatto con atmosfere esplosive non devono, nel nor-
male funzionamento, superare la temperatura minima di accensione del gas o liquido.

Apparecchi, sistemi di protezione e componenti di tutte le categorie:


In casi particolari, i suddetti limiti di temperatura possono essere superati se è stato dimo-
strato che non si prevede l’accensione.

Apparecchi, sistemi di protezione e componenti per l’utilizzazione in atmosfere esplosive


polveri/aria:
Categoria 1: La temperatura di tutte le superfici che possono venire a contatto con nubi di
polveri non deve essere maggiore dei 2/3 della temperatura minima di accensione misu-
rata in °C della nube di polveri in questione, anche in caso di rare disfunzioni. Inoltre, la
temperatura delle superfici su cui possono depositarsi le polveri deve essere inferiore di
un margine di sicurezza3) rispetto alla temperatura minima di accensione dello strato di
polvere più spesso che può formarsi; ciò deve essere assicurato anche in caso di rare di-
sfunzioni. Se lo spessore dello strato non è noto, si deve tenere conto dello strato più
spesso prevedibile.
Categoria 2: La temperatura di tutte le superfici che possono venire a contatto con nubi di
polveri non deve essere maggiore dei 2/3 della temperatura minima di accensione misu-
rata in °C della nube di polveri in questione, anche in caso di disfunzioni. Inoltre, la tem-
peratura delle superfici su cui possono depositarsi polveri deve essere inferiore di un mar-
gine di sicurezza3) rispetto alla temperatura minima di accensione di uno strato di polvere;
ciò deve essere assicurato anche in caso di disfunzioni.
Categoria 3: La temperatura di tutte le superfici che possono venire a contatto con nubi di
polveri non deve, nel normale funzionamento, essere maggiore dei 2/3 della temperatura
minima di accensione in °C della nube di polveri. Inoltre, la temperatura delle superfici su
cui possono depositarsi polveri deve essere inferiore di un margine di sicurezza3) rispetto
alla temperatura minima di accensione di uno strato delle polveri in questione.
3) Spesso viene utilizzato un margine di sicurezza di 75 K tra la temperatura minima di accensione di uno strato di polveri e
la temperatura di superficie dell’apparecchio. Questo valore è stato calcolato per situazioni in cui lo spessore dello strato
di polveri è minore o uguale a 5 mm e tiene conto di variazioni nella temperatura minima di accensione, misurata per uno
strato di 5 mm, e dell’effetto isolante di uno strato di 5 mm di polveri che può comportare temperature di superficie più
elevate, qualora non siano limitate.
Maggiori margini di sicurezza sono richiesti se lo spessore dello strato è maggiore di 5 mm, in quanto la temperatura di
accensione degli strati di polveri diminuisce all’aumentare dello spessore ed è presente un maggiore effetto isolante che
determina temperature di superficie dell’apparecchio più elevate. Diversi margini di sicurezza sono richiesti anche in
situazioni in cui l’aria per il processo di lavorazione è ad una temperatura maggiore della temperatura dell’aria ambiente.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 25 di 46


Apparecchi, sistemi di protezione e componenti di tutte le categorie:
In casi particolari, i suddetti limiti di temperatura possono essere superati se è stato dimo-
strato che non si prevede l’accensione.

6.4.3 Fiamme e gas caldi


Per l’identificazione dei pericoli dovuti alle fiamme e ai gas caldi, vedere 5.3.3.
Per quanto concerne le particelle solide (per esempio scintille volanti), fare riferimento a
6.4.4 (scintille di origine meccanica) e a 6.5.5. per quanto concerne la propagazione della
fiamma.
Se sono stati identificati pericoli dovuti a fiamme e/o gas caldi, in funzione della categoria,
devono essere rispettati i seguenti requisiti specifici per apparecchi, sistemi di protezione
e componenti:
Tutte le categorie: Non sono ammesse fiamme libere, salvo nei casi qui di seguito descritti:
Categoria 1: Oltre all’eliminazione delle fiamme libere, non sono ammessi gas di combu-
stione (per esempio gas combusti per inertizzazione), o altri gas caldi, a meno che non si
prendano misure di prevenzione speciali, per esempio la limitazione della temperatura o
l’eliminazione delle particelle incandescenti.
Categorie 2 e 3: I dispositivi con fiamme sono ammessi soltanto se le fiamme sono confi-
nate in modo sicuro e se sulle superfici esterne delle parti dell’impianto non sono superate
le temperature specificate in 6.4.2. Inoltre, per gli apparecchi, sistemi di protezione e com-
ponenti con fiamme confinate (per esempio sistemi di riscaldamento speciali), si deve as-
sicurare che l’involucro di protezione sia sufficientemente resistente all’effetto della fiam-
ma e che non possa verificarsi una propagazione della fiamma nel luogo pericoloso.
Categorie 2 e 3: L’aria necessaria per la combustione può essere prelevata dalle zone 1,
2, 21 e 22 solo se si evitano i pericoli mettendo in atto le misure di protezione appropriate
(vedere 6.5.5). I gas caldi possono essere introdotti soltanto se si può garantire che non
può essere raggiunta la temperatura minima di accensione dell’atmosfera esplosiva. Si
deve assicurare che non si produca l’accensione delle polveri depositatesi. Inoltre, si do-
vrebbero prendere misure preventive (per esempio l’uso di parascintille) per assicurare
che siano escluse le particelle solide provenienti dai gas combusti. Questi requisiti devono
essere inclusi nelle informazioni per l’utilizzazione (vedere punto 7).

6.4.4 Scintille di origine meccanica


Per l’identificazione dei pericoli dovuti a scintille di origine meccanica, vedere 5.3.4.
Se sono stati identificati pericoli dovuti a scintille di origine meccanica, in funzione del tipo
di atmosfera esplosiva (gas/vapore/nebbia o polveri come sostanza infiammabile) e della
categoria, devono essere rispettati i seguenti requisiti specifici per apparecchi, sistemi di
protezione e componenti:
Categoria 1: Si devono escludere apparecchi, sistemi di protezione e componenti che, an-
che in caso di rare disfunzioni, possono dare origine a scintille d’accensione causate da
attrito, urto o scintille di abrasione. In particolare, si deve evitare attrito tra alluminio o ma-
gnesio (escluse le leghe contenenti meno del 10% di alluminio e le vernici e i rivestimenti
con meno del 25% di alluminio in peso) e ferro o acciaio (eccetto l’acciaio inossidabile,
quando può essere esclusa la presenza di particelle di ruggine). Devono essere evitati
l’attrito e l’urto tra titanio o zirconio e qualsiasi materiale duro.
Categoria 2: Quando possibile, dovrebbero essere rispettati i requisiti della categoria 1. Le
scintille devono essere escluse durante il normale funzionamento e in caso di disfunzioni.
Categoria 3: È sufficiente mettere in atto misure di protezione contro le scintille di accen-
sione causate da attrito, urto o abrasione durante il normale funzionamento.
Tutte le categorie: Gli apparecchi destinati ad essere utilizzati in atmosfere esplosive gas/
aria, vapore/aria e nebbia/aria che possono produrre scintille di origine meccanica devo-
no essere esclusi se la potenziale atmosfera esplosiva può contenere uno o più dei gas
acetilene, bisolfuro di carbonio, idrogeno, solfuro di idrogeno, ossido di etilene, a meno
che non sia stato dimostrato che non esiste rischio di esplosione.
I requisiti per gli utensili che possono essere presenti in atmosfera esplosiva devono es-
sere conformi all’appendice A.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 26 di 46


Nota 1 In alcuni casi è possibile proteggere i metalli leggeri dal contatto meccanico con la ruggine per mezzo di un
rivestimento. Se il rivestimento è effettuato con materiali non conduttori quali le materie plastiche, possono
essere necessarie precauzioni contro l’elettricità statica. Il rivestimento non dovrebbe contenere percentuali
elevate di alluminio.
Nota 2 L’eventualità che si verifichino scintille di accensione di origine meccanica può essere ridotta, per esempio,
per umidificazione. Si deve tenere conto delle possibili reazioni con il mezzo umettante (per esempio produ-
zione di idrogeno nel caso dell’acqua e dei metalli leggeri).
Nota 3 Le analisi di eventi industriali e i risultati delle ricerche hanno dimostrato che a basse velocità periferiche (velocità
≤ 1 m/s), non c’è alcun pericolo di accensione delle miscele polveri/aria con scintille di origine meccanica.

6.4.5 Materiale elettrico


Per l’identificazione dei pericoli dovuti al materiale elettrico, vedere 5.3.5.
Se sono stati identificati pericoli dovuti al materiale elettrico, devono essere rispettati i se-
guenti requisiti specifici per apparecchi, sistemi di protezione e componenti:
Il materiale elettrico in atmosfere esplosive è soggetto ai requisiti della Direttiva del Consiglio
76/117/CEE e della Direttiva 79/196/CEE, aggiornate dalla Direttiva 94/26/CE nonché dalla
Direttiva 82/130/CEE, aggiornate dalla Direttiva 88/35/CEE e dalla Direttiva 91/269/CEE, non-
ché alle norme corrispondenti (EN 50014, EN 50015, EN 50016, EN 50017, EN 50018,
EN 50019, EN 50020, prEN 50021, EN 50028, EN 50039, EN 50050, EN 50053-1,
EN 50053-2, EN 50053-3, EN 50054, EN 50055, EN 50056, EN 50057, EN 50058,
EN 50059), dove applicabili.
Tutte le categorie: Il materiale elettrico deve essere progettato, costruito, installato e sot-
toposto a manutenzione in conformità alle norme europee pertinenti (vedere punto 2).

6.4.6 Correnti elettriche vaganti e protezione contro la corrosione catodica


Per l’identificazione dei pericoli dovuti alle correnti elettriche vaganti e alla protezione con-
tro la corrosione catodica, vedere 5.3.6.
Se sono stati identificati pericoli dovuti a correnti elettriche vaganti e/o alla protezione con-
tro la corrosione catodica, in funzione del tipo di atmosfera esplosiva (gas/vapore/nebbia
o polveri come sostanza infiammabile) e della categoria, devono essere rispettati i se-
guenti requisiti specifici per apparecchi, sistemi di protezione e componenti:
Tutte le categorie: Tutte le parti conduttrici del sistema che fanno parte del materiale elet-
trico o che sono adiacenti ad esso devono essere protette in conformità al prEN 50154.
Misure di protezione speciali devono essere assicurate per i sistemi con protezione dalla
corrosione catodica a corrente impressa.
Categoria 1 e categoria 2 per l’utilizzazione in miscele esplosive polveri/aria: Si deve rea-
lizzare l’equipotenzialità per tutte le parti conduttrici dell’impianto, anche per quelle non
adiacenti al materiale elettrico - e questa equipotenzialità deve essere effettuata in con-
formità al prEN 50154. È ammesso lo scarto da questo requisito all’interno di luoghi pro-
tetti da pareti conduttrici inclusi in un sistema di equipotenzialità. Se parti conduttrici del
sistema entrano nelle zone 0, 20 e 21, per esempio condotti di ventilazione e di aspirazio-
ne nei serbatoi, esse devono essere prima collegate al sistema di equipotenzialità. Questi
requisiti devono essere inclusi nelle informazioni per l’utilizzazione (vedere punto 7).
Categoria 2: Si devono assicurare misure di protezione identiche a quelle della categoria 1.
Tuttavia, per le parti conduttrici del sistema che non sono adiacenti alle installazioni elet-
triche, è ammesso prevedere misure speciali per l’equipotenzialità, per esempio ponti
supplementari, quando esiste già un sistema di equipotenzialità formato da parti intercon-
nesse del sistema elettricamente conduttore, per esempio reti di canalizzazione o sistemi
di messa a terra completi.
Prima di aprire o chiudere le connessioni delle parti conduttrici del sistema, per esempio
durante le operazioni di smontaggio di raccordi e sezionamento di tubi, si devono preve-
dere ponti con linee di connessione di sezione adeguata, se esiste la possibilità che pos-
sa essere compromessa l’idoneità dell’interconnessione. Questi requisiti devono essere
inclusi nelle informazioni per l’utilizzazione (vedere punto 7).
Categoria 3: È generalmente accettabile applicare i requisiti per le categorie 1 e 2 della
equipotenzialità, purché non si verifichino frequentemente archi o scintille dovuti a corren-
ti vaganti.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 27 di 46


6.4.7 Elettricità statica
Per l’identificazione di pericoli dovuti all’elettricità statica, vedere 5.3.7.
Se sono stati identificati pericoli dovuti all’elettricità statica, in funzione della categoria, de-
vono essere rispettati i seguenti requisiti specifici per apparecchi, sistemi di protezione e
componenti:
Tutte le categorie: La misura di protezione più importante consiste nel collegare a terra
tutte le parti conduttrici che potrebbero caricarsi pericolosamente. Questa misura di pro-
tezione, tuttavia, non è sufficiente quando sono presenti materiali non conduttori. In que-
sto caso si devono evitare livelli pericolosi di carica delle parti e dei materiali non condut-
tori, inclusi solidi, liquidi e polveri. Questa informazione deve essere inclusa nelle informa-
zioni per l’utilizzazione (vedere punto 7).
Categoria 1: Si devono eliminare le scariche in grado di provocare l’accensione e si deve
tenere conto delle disfunzioni rare.
Categoria 2: Non devono verificarsi scariche in grado di provocare l’accensione durante
l’uso previsto degli impianti, inclusa la manutenzione e la pulizia, o durante disfunzioni
normalmente prevedibili.
Categoria 3: Generalmente, misure diverse dalla messa a terra sono necessarie soltanto
quando le scariche in grado di provocare l’accensione si verificano frequentemente (per
esempio in caso di cinghie di trasmissione non sufficientemente conduttrici).

6.4.8 Fulmini
Per l’identificazione dei pericoli dovuti ai fulmini, vedere 5.3.8.
Se sono stati identificati pericoli dovuti ai fulmini, devono essere rispettati i seguenti requi-
siti specifici per apparecchi, sistemi di protezione e componenti:
Tutte le categorie: Gli impianti devono essere protetti per mezzo di misure appropriate di
protezione contro i fulmini.
Si devono evitare gli effetti di fulmini che si verificano al di fuori delle zone 0 e 20 e che
possono danneggiare le zone 0 e 20, per esempio potrebbero essere installati sistemi di
protezione contro la sovratensione in luoghi adatti. Per i serbatoi interrati o i componenti di
sistemi conduttori isolati dal serbatoio, si deve procedere al collegamento a terra e preve-
dere un sistema di dispersori anulari di messa a terra. Questi requisiti devono essere in-
clusi nelle informazioni per l’utilizzazione (vedere punto 7).
Le misure di protezione contro i fulmini non devono compromettere le misure di protezio-
ne contro la corrosione catodica secondo 6.4.6.

6.4.9 Onde elettromagnetiche a radiofrequenza (RF) da 104 Hz a 3 × 1012 Hz


Per l’identificazione di pericoli dovuti ad onde elettromagnetiche in radiofrequenza, vede-
re 5.3.9.
Se sono stati identificati pericoli dovuti ad onde elettromagnetiche in radiofrequenza, de-
vono essere rispettati i seguenti requisiti specifici per apparecchi, sistemi di protezione e
componenti:
Tutte le categorie: Quale misura di sicurezza generale contro l’effetto di accensione delle
onde elettromagnetiche, deve essere mantenuta una distanza di sicurezza in tutte le dire-
zioni tra le parti radianti più prossime e l’antenna ricevente (vedere 5.3.9) nel luogo che
potrebbe contenere atmosfera esplosiva.
Nota 1 Per i sistemi di trasmissione con un modello direzionale, si dovrebbe notare che questa distanza di sicurezza
dipende dalla direzione. Si dovrebbe inoltre notare che la sorgente di radiofrequenza può essere ubicata anche
a distanza di parecchi chilometri, in funzione della potenza emessa, del guadagno d’antenna e della frequenza
di funzionamento. In caso di dubbio, la distanza di sicurezza dovrebbe essere stabilita per mezzo di misurazioni.
Se non può essere mantenuta una distanza di sicurezza appropriata, si devono applicare misure di protezione
speciali, per esempio la schermatura.
Nota 2 I permessi di intervento a livello di interferenza elettromagnetica, rilasciati, per esempio, dall’Ente Nazionale
delle Telecomunicazioni, le etichette di protezione contro l’interferenza radio o l’informazione sul livello di in-
terferenza radio non permettono di sapere se il dispositivo o il suo campo di radiazione può dar origine ad un
rischio di accensione.
Tutte le categorie: I sistemi in radiofrequenza devono essere conformi anche a 6.4.5.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 28 di 46


6.4.10 Onde elettromagnetiche da 3 × 1011 Hz a 3 × 1015 Hz
Per l’identificazione di pericoli dovuti ad onde elettromagnetiche in questo campo spettra-
le, vedere 5.3.10.
Occorre tenere conto del fatto che apparecchi, sistemi di protezione e componenti che ge-
nerano radiazioni (per esempio lampade, archi elettrici, laser) possono di per sè essere
una sorgente di accensione come definito in 6.4.2 e 6.4.5.
Se sono stati identificati pericoli dovuti ad onde elettromagnetiche da 3 × 1011 Hz a 3 × 1015 Hz,
in funzione della categoria, devono essere rispettati i seguenti requisiti specifici per appa-
recchi, sistemi di protezione e componenti:
Tutte le categorie: Non devono essere consentiti dispositivi che possono causare accen-
sione in seguito ad assorbimento per risonanza (vedere 5.3.10).
Categoria 3: È permesso l’uso di materiale elettrico che genera radiazioni e che è certifi-
cato o adatto per queste zone (vedere 6.4.5) a condizione che:
a) l’energia di un impulso irradiato o il flusso di energia (potenza) di radiazione continua
sia limitato ad un valore sufficientemente basso da non permettere l’accensione
dell’atmosfera esplosiva,
oppure
b) la radiazione sia confinata nell’involucro in modo sicuro al fine di assicurare:
1) che risulti impedita con sicurezza qualsiasi fuoriuscita di radiazione dall’involucro
in un luogo pericoloso che potrebbe determinare l’accensione dell’atmosfera
esplosiva e che non si possano produrre superfici calde in grado di accendere l’at-
mosfera esplosiva sulla parte esterna dell’involucro per effetto della radiazione,
e
2) che l’atmosfera esplosiva non possa penetrare all’interno dell’involucro o che
un’esplosione all’interno dell’involucro non possa propagarsi nel luogo pericoloso.
Ciò deve essere garantito durante il funzionamento normale.
Categoria 2: Le suddette condizioni devono essere assicurate anche in caso di eventi rari
(per esempio disfunzioni).
Categoria 1: Le suddette condizioni devono essere assicurate anche in caso di eventi
molto rari (per esempio rare disfunzioni).

6.4.11 Radiazioni ionizzanti


Per l’identificazione di pericoli dovuti a radiazioni ionizzanti, vedere 5.3.11.
Se sono stati identificati pericoli dovuti a radiazioni ionizzanti, in funzione della categoria,
devono essere rispettati i seguenti requisiti specifici per apparecchi, sistemi di protezione
e componenti:
Tutte le categorie: Si devono rispettare le indicazioni di cui in 6.4.5 per i sistemi elettrici
necessari per il funzionamento delle sorgenti di radiazione.
Le misure di protezione per i laser sono specificate in 6.4.10.
Categoria 3: È permesso l’uso di materiale elettrico che genera radiazioni ionizzanti a
condizione che:
a) l’energia di un impulso irradiato o la potenza di radiazione continua sia limitato ad un va-
lore sufficientemente basso da non permettere l’accensione dell’atmosfera esplosiva,
oppure
b) la radiazione sia confinata nell’involucro in modo sicuro al fine di assicurare:
1) che risulti impedita, con sicurezza, qualsiasi fuoriuscita di radiazione dall’involucro
in un luogo pericoloso che potrebbe determinare l’accensione dell’atmosfera esplo-
siva e che non si possano produrre superfici calde, in grado di accendere l’atmosfe-
ra esplosiva, sulla parte esterna dell’involucro per effetto della radiazione,
e
2) che l’atmosfera esplosiva non possa penetrare all’interno dell’involucro o che
un’esplosione all’interno dell’involucro non possa propagarsi nel luogo pericoloso.
Questo deve essere garantito durante il funzionamento normale.
Categoria 2: Le suddette condizioni devono essere assicurate anche in caso di eventi rari
(per esempio disfunzioni).

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 29 di 46


Categoria 1: Le suddette condizioni devono essere assicurate anche in caso di eventi
molto rari (per esempio rare disfunzioni).

6.4.12 Ultrasuoni
Per l’identificazione di pericoli dovuti ad ultrasuoni, vedere 5.3.12.
Se sono stati identificati pericoli dovuti ad ultrasuoni, in funzione della categoria, devono
essere rispettati i seguenti requisiti specifici per apparecchi, sistemi di protezione e com-
ponenti:
Tutte le categorie: Le onde ultrasoniche con una frequenza maggiore di 10 MHz non de-
vono essere permesse, salvo nei casi in cui è stata provata l’assenza di un rischio di ac-
censione per il caso in questione dimostrando che non vi è alcun assorbimento per riso-
nanza molecolare.
Le informazioni contenute nel presente punto si riferiscono soltanto ai pericoli di accen-
sione causati dalla potenza acustica. Per i sistemi elettrici associati occorre tenere conto
delle indicazioni di cui in 6.4.5.
Per le onde ultrasoniche con frequenza fino a 10 MHz, si applica quanto segue:
Tutte le categorie: L’uso di onde ultrasoniche deve essere permesso soltanto se è assicu-
rata la sicurezza della procedura di lavoro. La densità di potenza del campo acustico ge-
nerato non deve essere maggiore di 1 mW/mm2, salvo che non sia stato provato che, per
il caso in questione, non è possibile alcuna accensione.
Categorie 2 e 3: Nelle procedure di lavoro con dispositivi ad ultrasuoni di tipo tradizionale
(per esempio dispositivi di prova mediante eco ad ultrasuoni), sono necessarie misure di
protezione speciali contro i rischi di accensione derivanti dalle onde ultrasoniche soltanto se
la densità di potenza nel campo acustico generato è maggiore di 1 mW/mm2, a meno che
non sia stato dimostrato che, per il caso in questione, non è possibile alcuna accensione.

6.4.13 Compressione adiabatica e onde d'urto


Per l’identificazione di pericoli dovuti alla compressione adiabatica e alle onde d’urto, ve-
dere 5.3.13.
Se sono stati identificati pericoli dovuti a compressione adiabatica e onde d’urto, in fun-
zione della categoria, devono essere rispettati i seguenti requisiti specifici per apparecchi,
sistemi di protezione e componenti:
Categoria 1: Si devono evitare processi che possono causare compressione o onde d’urto
che potrebbero produrre l’accensione. Ciò deve essere assicurato anche in caso di rare di-
sfunzioni. Generalmente, le compressioni e le onde d’urto pericolose possono essere elimi-
nate se, per esempio, le separazioni e le valvole tra le sezioni del sistema in cui sono pre-
senti rapporti elevati di pressione, possono essere aperte soltanto lentamente.
Categoria 2: I processi che possono causare compressioni adiabatiche o onde d’urto pos-
sono essere tollerati solo in caso di rare disfunzioni.
Categoria 3: Si devono evitare soltanto le onde d’urto o le compressioni che si verificano
durante il normale funzionamento e che potrebbero accendere atmosfere esplosive.
Nota Se devono essere utilizzati apparecchi, sistemi di protezione e componenti contenenti gas altamente ossidan-
ti, si dovrebbero prendere precauzioni speciali al fine di impedire l’accensione dei materiali di costruzione e
dei materiali ausiliari.

6.4.14 Reazioni esotermiche, inclusa l'autoaccensione delle polveri


Per l’identificazione di pericoli dovuti a reazioni esotermiche, vedere 5.3.14.
Se sono stati identificati pericoli dovuti a reazioni esotermiche, devono essere rispettati i
seguenti requisiti specifici per apparecchi, sistemi di protezione e componenti4):
Tutte le categorie: Dove possibile, si devono evitare le sostanze con tendenza all’autoac-
censione.
Quando devono essere manipolate sostanze di questo tipo, le misure di protezione ne-
cessarie devono essere adattate caso per caso. Le seguenti misure di protezione posso-
no essere adatte:

4) In ragione della grande varietà di reazioni chimiche possibili, non è possibile descrivere tutte le precauzioni necessarie
nella presente norma. È pertanto essenziale la consulenza di un esperto.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 30 di 46


- inertizzazione;
- stabilizzazione;
- miglioramento della dispersione del calore, per esempio dividendo le sostanze in
quantità più piccole;
- limitazione della temperatura e della pressione;
- stoccaggio a temperature più basse;
- limitazione dei tempi di permanenza.
Se devono evitare i materiali da costruzione che reagiscono in modo pericoloso con le so-
stanze manipolate.
Per le misure di protezione contro i pericoli dovuti ad urto e attrito con ruggine e metalli
leggeri (per esempio alluminio, magnesio e loro leghe), vedere 6.4.4.
AVVERTENZA: In certe condizioni possono formarsi materiali piroforici, per esempio nel-
lo stoccaggio di prodotti petroliferi contenenti zolfo o nella laminazione di metalli leggeri in
atmosfera inerte.

6.5 Requisiti per la progettazione e la costruzione di apparecchi, sistemi di protezione e


componenti per ridurre gli effetti dell'esplosione

6.5.1 Generalità
Se le misure descritte in 6.2 o 6.4 non possono essere adottate o non sono pertinenti, gli
apparecchi, i sistemi di protezione e componenti devono essere progettati e costruiti in
modo da limitare gli effetti di un’esplosione ad un livello di sicurezza. Queste misure sono:
- progettazione resistente all’esplosione (vedere 6.5.2);
- scarico dell’esplosione (vedere 6.5.3);
- soppressione dell’esplosione (vedere 6.5.4);
- prevenzione della propagazione delle fiamme e dell’esplosione (vedere 6.5.5).
Queste misure si riferiscono generalmente all’attenuazione degli effetti pericolosi dovuti
ad esplosioni all’interno di apparecchi, sistemi di protezione e componenti.
Nota Possono essere misure supplementari necessarie per gli edifici e le aree circostanti apparecchi, sistemi di
protezione e componenti, che tuttavia non costituiscono l’oggetto della presente norma.
AVVERTENZA: In apparecchi, sistemi di protezione, componenti, tubazioni o serbatoi al-
lungati raccordati tra loro, è possibile che un’esplosione si propaghi attraverso l’intero si-
stema con un’accelerazione del fronte di fiamma. Anche gli elementi presenti all’interno
dell’apparecchio o gli ostacoli che aumentano la turbolenza (per esempio i deflettori di mi-
sura) possono anche accelerare il fronte di fiamma. In funzione della geometria del siste-
ma, questa accelerazione può determinare una transizione dalla deflagrazione alla deto-
nazione in presenza di impulsi di alta pressione.

6.5.2 Progettazione resistente all'esplosione

6.5.2.1 Generalità
Gli apparecchi, i sistemi di protezione e i componenti devono essere costruiti in modo da
poter resistere all’esplosione interna senza rompersi.
Generalmente, è effettuata una distinzione tra le caratteristiche di costruzione seguenti:
- progettazione per la pressione massima di esplosione5);
- progettazione per la pressione di esplosione ridotta in associazione con lo scarico
dell’esplosione (6.5.3) o la soppressione dell’esplosione (6.5.4).
Gli apparecchi, i sistemi di protezione e i componenti possono essere resistenti alla pres-
sione di esplosione o resistenti all’urto di pressione dell’esplosione6) (vedere figura 1):

5) Se sono adottate misure adeguate (per esempio limitazione della concentrazione) per assicurare che la pressione di
esplosione effettiva non raggiunga la pressione massima di esplosione, gli apparecchi possono essere progettati per
questa pressione di esplosione effettiva più bassa.
6) Norma in preparazione.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 31 di 46


figura 1 Schema per la progettazione resistente all’esplosione

Progettazione antideflagrante

Progettazione resistente alla pressione di esplosione Progettazione resistente all’urto di pressione


dell’esplosione
(applicazione di un futuro codice europeo per i (applicazione di un futuro codice europeo sui
recipienti a pressione) recipienti a pressione con una maggiore
utilizzazione della resistenza dei materiali)

Se l’interno di apparecchi, sistemi di protezione e componenti è diviso in sezioni (per


esempio i serbatoi collegati mediante un condotto), durante un’esplosione in una delle se-
zioni, nelle altre sezioni di apparecchi, sistemi di protezione e componenti, la pressione
aumenterà. Di conseguenza, un’esplosione in queste sezioni si verifica ad una pressione
iniziale elevata. Inoltre, si producono picchi di pressione che sono maggiori del valore pre-
visto in condizioni atmosferiche. Nel caso di queste configurazioni, si devono prendere mi-
sure appropriate, per esempio una adeguata progettazione resistente all’esplosione o il
disaccoppiamento automatico in caso di esplosione (vedere 6.5.5).

6.5.2.2 Progettazione resistente alla pressione di esplosione


Gli apparecchi, i sistemi di protezione e i componenti resistenti alla pressione di esplosio-
ne devono poter resistere alla pressione di esplosione prevista senza subire deformazioni
permanenti. Devono essere utilizzate le regole tecniche che riguardano la progettazione
e i calcoli per i serbatoi a pressione per il dimensionamento e la fabbricazione di questi
apparecchi, sistemi di protezione e componenti. La pressione di esplosione prevista deve
essere utilizzata come base per il calcolo della pressione.

6.5.2.3 Progettazione resistente all'urto di pressione dell'esplosione


Gli apparecchi, i sistemi di protezione e i componenti resistenti all’urto di pressione
dell’esplosione sono costruiti in modo da poter resistere alla pressione di esplosione pre-
vista, ma possono subire deformazioni permanenti.
Per la progettazione e la fabbricazione di apparecchi, sistemi di protezione e componenti
resistenti all’urto di pressione dell’esplosione si devono applicare le tecniche e le norme
pertinenti.
Dopo l’esplosione, le parti colpite del sistema dovrebbero essere controllate al fine di va-
lutare se gli apparecchi, i sistemi di protezione e i componenti possono ancora essere uti-
lizzati in modo sicuro. Ciò deve essere incluso nelle informazioni per l’utilizzazione (vede-
re punto 7).

6.5.3 Scarico dell'esplosione


Lo scarico dell’esplosione è un principio di protezione che utilizza lo scarico di miscela
combusta e incombusta e gas di combustione per ridurre la pressione di esplosione. Ciò
si ottiene prevedendo aperture sufficienti per impedire la distruzione di apparecchi, siste-
mi di protezione e componenti7).
Come dispositivi di scarico si possono utilizzare dischi di sicurezza, pannelli o sportelli di
esplosione. Le valvole di sicurezza non sono adatte a questo scopo.
La superficie di scarico necessaria di un sistema di sfogo dipende principalmente da:
- resistenza del recipiente;
- violenza dell’esplosione (solitamente caratterizzata dalla velocità massima di aumen-
to di pressione e pressione massima di esplosione);
7) Sono in preparazione norme sui requisiti dei dispositivi di sfogo e sul dimensionamento dei sistemi di sfogo per le esplo-
sioni di polveri.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 32 di 46


- pressione di azionamento del dispositivo di scarico;
- tipo e peso del dispositivo di scarico;
- volume e geometria del recipiente;
- dimensioni dei condotti di scarico (se utilizzati);
- turbolenza iniziale o indotta nel recipiente.
Ogni volta che è possibile, lo scarico di pressione dovrebbe seguire un percorso breve e
rettilineo. Si dovrebbe tenere conto della forza di reazione che compare in seguito allo
scarico di pressione.
I sistemi di scarico di pressione devono essere installati in modo da precludere lesioni al
personale dovute al processo di scarico. Per questo motivo, la pressione deve essere sca-
ricata in un luogo sicuro. Lo scarico dell’esplosione in zone di lavoro non deve essere per-
messo, eccetto nei casi in cui è dimostrato che le persone non possono essere messe in
pericolo per esempio da fiamme, detriti vaganti o onde di pressione). Si devono conside-
rare gli effetti dello scarico sull’ambiente.

6.5.4 Soppressione dell'esplosione


I sistemi di soppressione dell’esplosione impediscono che un’esplosione raggiunga la
pressione massima di esplosione grazie all’iniezione rapida di agenti estinguenti in appa-
recchi, sistemi di protezione e componenti in caso di esplosione. Ciò significa che gli ap-
parecchi e i componenti protetti in questo modo possono essere progettati per poter resi-
stere ad una pressione di esplosione ridotta8).
Quando si utilizza la soppressione dell’esplosione, gli effetti di un’esplosione sono gene-
ralmente limitati all’interno di apparecchi, sistemi di protezione e componenti.
I sistemi di soppressione dell’esplosione sono essenzialmente costituiti da un sistema ri-
levatore che rileva l’esplosione incipiente, da estintori pressurizzati, le cui aperture sono
attivate dal sistema rilevatore. Il contenuto degli estintori è rapidamente iniettato negli ap-
parecchi, nei sistemi di protezione e nei componenti da proteggere, e distribuito il più uni-
formemente possibile. Ciò ha l’effetto di estinguere le fiamme dell’esplosione e ridurre la
pressione di esplosione al fine di proteggere la struttura di apparecchi, sistemi di protezio-
ne e componenti.

6.5.5 Prevenzione della propagazione dell'esplosione (isolamento dell'esplosione)

6.5.5.1 Generalità
È possibile utilizzare dispositivi attivi e passivi per impedire la propagazione delle esplo-
sioni, per esempio nelle tubazioni, sfiati o linee di riempimento e svuotamento.
In caso di elevate velocità di propagazione della fiamma, o qualora si preveda una deto-
nazione, possono essere richieste misure speciali. In alcuni casi, può essere data la pre-
ferenza all’uso di sistemi passivi, per esempio filtri tagliafiamma, sifoni, deviatore di esplo-
sione, così come sistemi alternativi o in associazione con sistemi attivi.
I dispositivi seguenti possono essere utilizzati per diversi tipi di atmosfere esplosive, ossia
gas, vapore, nebbia, polveri e miscele ibride con l’aria. Si deve dimostrare la loro idoneità
per l’uso previsto.

6.5.5.2 Dispositivi per gas, vapori e nebbie


Per vapori, gas e nebbie sono utilizzati, per esempio i tipi di dispositivi di isolamento de-
scritti da 6.5.5.2.1 a 6.5.5.2.5:

6.5.5.2.1 Dispositivi anti deflagrazione


Questi dispositivi impediscono la trasmissione di un esplosione ad opera delle fiamme e
resistono alla pressione di esplosione e alla sollecitazione della temperatura di deflagra-
zione (tagliafiamma contenenti elementi costruiti, per esempio, da nastri metallici zigrinati
o metalli sinterizzati e valvole di sfogo ad alta velocità).

8) È in preparazione una norma sul dimensionamento dei sistemi di soppressione dell’esplosione.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 33 di 46


6.5.5.2.2 Dispositivi anti esplosione per forme stazionarie
Questi dispositivi impediscono la trasmissione delle esplosioni ad opera della fiamma in ca-
so di una fiamma stabilizzata che brucia su o in prossimità dell’elemento del parafiamma.

6.5.5.2.3 Dispositivi anti detonazione


Sono dispositivi in grado di resistere alle sollecitazioni meccaniche e termiche delle deto-
nazioni ed impedire la trasmissione nonché agire da filtro tagliafiamma (per esempio na-
stri metallici zigrinati con o senza assorbimento dell’urto di detonazione, dispositivi di si-
curezza ad immersione e dispositivi di tenuta idraulica).

6.5.5.2.4 Dispositivi anti-ritorno di fiamma


Sono dispositivi in cui è impedito il ritorno di fiamma grazie alla forma speciale dell’entrata
della miscela esplosiva (per esempio un tipo Venturi) e grazie ad un dispositivo che arre-
sta il flusso di miscela totalmente se la portata è inferiore ad un valore minimo (per esem-
pio una valvola a portata controllata). Questi dispositivi sono utilizzati nel sistema di addu-
zione a monte dei bruciatori.

6.5.5.2.5 Barriere estinguenti


Al fine di impedire la propagazione dell’esplosione attraverso tubazioni e condotti, l’esplo-
sione può essere arrestata mediante l’iniezione di agenti estinguenti. L’iniezione è attivata
da rivelatori appropriati. Ciononostante, la propagazione dell’onda di pressione che si ori-
gina dalla miscela già combusta fino alla barriera non è influenzata dal dispositivo e deve
pertanto essere presa in considerazione. (Vedere anche 6.5.2). L’agente estinguente de-
ve essere appropriato al tipo particolare di sostanza infiammabile.
Si devono prendere in considerazione il tipo di materiali utilizzati e la possibilità che questi
dispositivi possano essere bloccati da questi materiali.

6.5.5.3 Dispositivi per le polveri


Alcuni dei dispositivi elencati in 6.5.5.2 non possono essere utilizzati per le polveri, a cau-
sa del rischio di ostruzione. Al fine di evitare la propagazione delle esplosioni di polveri
nelle tubazioni e nei condotti di raccordo, dispositivi di trasporto ecc., nonché la fuoriuscita
delle fiamme da apparecchi, sistemi di protezione e componenti, sono ammessi i disposi-
tivi elencati da 6.5.5.3.1 a 6.5.5.3.6.

6.5.5.3.1 Barriere estinguenti


Per le barriere estinguenti, vedere 6.5.5.2.5.

6.5.5.3.2 Valvole e cerniere ad azione rapida


Al fine di impedire la propagazione delle fiamme e della pressione in tubazioni e condotti,
si possono utilizzare valvole (a saracinesca o a farfalla) o cerniere con un tempo di chiu-
sura sufficientemente ridotto. La chiusura può essere effettuata per mezzo di un mecca-
nismo di azionamento attivato da rivelatori o dalla stessa onda di pressione d’esplosione.

6.5.5.3.3 Valvole rotative


Le valvole rotative con speciali caratteristiche di progettazione possono essere utilizzate
per impedire la propagazione delle fiamme e della pressione. In caso di esplosione, il mo-
vimento del rotore deve essere arrestato automaticamente da un sistema rivelatore, al fi-
ne di assicurare che sia impedito lo scarico del prodotto di combustione.

6.5.5.3.4 Deviatori di esplosione


Un deviatore di esplosione è un tipo speciale di segmento di tubazione che può impedire
la propagazione dell’esplosione cambiando la direzione di scorrimento e scaricando con-
temporaneamente la pressione di esplosione. Questo segmento è sostanzialmente costi-
tuito da un condotto, all’interno del quale, nella direzione di scorrimento, è introdotto con-
centricamente, in un segmento di diametro maggiore, un tubo curvo contenente un mec-
canismo di scarico.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 34 di 46


Non sempre è possibile impedire la propagazione dell’esplosione in modo affidabile per
mezzo del deviatore di esplosione. Ciononostante, la velocità della fiamma è ridotta ad un
valore basso.

6.5.5.3.5 Valvole doppie


I meccanismi di trasporto dei materiali con un sistema a valvole doppie sono ammessi per
arrestare la propagazione dell’esplosione. Si deve utilizzare un controllo appropriato al fi-
ne di assicurare che una delle valvole sia sempre chiusa.

6.5.5.3.6 Sistemi di strozzatura (materiale utilizzato come barriera)


Lo stesso materiale in lavorazione può impedire la propagazione di un’esplosione, per
esempio utilizzando controlli di livello oppure eliminando una sezione della coclea in un
trasportatore a coclea. In questi casi, si deve assicurare che la barriera di materiale sia
sempre presente.

6.5.5.4 Dispositivi per miscele ibride


Per ragioni di carattere operativo, le miscele ibride richiedono generalmente misure dei ti-
pi descritti in 6.5.5.3. Per la presenza del componente gassoso, l’applicazione è soggetta
a limitazioni. Poiché non esistono soluzioni tipo per queste situazioni, questa deve essere
valutata caso per caso.

6.6 Disposizioni per le misure di emergenza


Misure di emergenza speciali possono essere richieste per la prevenzione dell’esplosione
e/o la protezione contro l’esplosione, per esempio:
- arresto di emergenza dell’intero impianto o di parti di esso;
- svuotamento di emergenza di parti dell’impianto;
- interruzione dei flussi di materiale tra parti dell’impianto;
- allagamento di parti dell’impianto con sostanze appropriate (per esempio azoto, acqua).
Queste misure devono essere integrate nel concetto di sicurezza di esplosione (vedere 6.1)
durante la progettazione e la costruzione di apparecchi, sistemi di protezione e componenti.

6.7 Principi dei sistemi di misurazione e di comando per la prevenzione dell'esplosione


e la protezione contro l'esplosione
I principi generali in questo campo sono trattati nella EN 954-1.
Le misure per la prevenzione dell’esplosione e la protezione contro l’esplosione descritte
in 6.2, 6.4 e 6.5 possono essere messe in pratica o monitorate utilizzando sistemi di mi-
surazione e di comando. Ciò significa che può essere utilizzato il controllo di processo in
relazione ai 3 principi di base della prevenzione dell’esplosione e della protezione contro
l’esplosione:
- evitare atmosfere esplosive;
- evitare sorgenti di accensione attive;
- ridurre gli effetti dell’esplosione.
I parametri di sicurezza significativi devono essere identificati e, se ritenuto opportuno, mo-
nitorati. I sistemi di misurazione e di comando utilizzati devono produrre la risposta appro-
priata.
Nota Anche il tempo di risposta dei sistemi di misurazione e di comando è un parametro di sicurezza significativo.
L’affidabilità richiesta al sistema di sorveglianza e di comando dipende dalla valutazione
del rischio.
Se la valutazione del rischio e il concetto di sicurezza di esplosione portano alla conclu-
sione che senza una procedura di misurazione e di monitoraggio esiste un rischio elevato
(per esempio la continua presenza di un’atmosfera esplosiva pericolosa e la probabile
comparsa di una sorgente di accensione efficace), i sistemi di misurazione e di comando
devono essere progettati in modo che un solo guasto non renda inefficace il sistema di si-
curezza delle esplosioni.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 35 di 46


Ciò può essere ottenuto con l’uso di strutture ridondanti o tecniche che portano a guasti
non pericolosi per i sistemi di misurazione e di comando. L’affidabilità richiesta può essere
ottenuta anche per mezzo di un’associazione di un singolo sistema di misurazione e di co-
mando che permetta di controllare i sistemi contro la presenza di un’atmosfera esplosiva
pericolosa e di un singolo sistema di misurazione e di comando indipendente che permet-
ta di applicare sistemi volti ad evitare le sorgenti di accensione efficaci.
Se la valutazione del rischio e il concetto di sicurezza di esplosione portano alla conclu-
sione che anche senza sistemi di misurazione e di comando esiste soltanto un rischio mo-
derato (per esempio ridotta probabilità della presenza di un’atmosfera esplosiva pericolo-
sa o ridotta probabilità di sorgenti di accensione efficaci), è sufficiente una sola procedura
di misurazione e di comando.
In tutti i casi, la riduzione ottenuta della probabilità di comparsa di un’atmosfera esplosiva
pericolosa e della probabilità di comparsa di sorgenti di accensione efficaci deve posse-
dere requisiti corrispondenti a quelli di cui in 6.1.
I sistemi di misurazione e di comando possono, per esempio, attivare un allarme o causa-
re l’arresto automatico. L’integrità dei sistemi di misurazione e di comando, per esempio
tecniche che portano a guasti non pericolosi o grado di ridondanza, e gli interventi svolti
dipendono dalla valutazione del rischio. Ciò deve garantire che l’affidabilità e gli interventi
svolti riducano il rischio ad un livello accettabile in tutte le condizioni di funzionamento.
L’appendice C illustra i concetti dell’uso di sistemi di misurazione e di comando al fine di
limitare la presenza di sorgenti di accensione efficaci durante il normale funzionamento,
le disfunzioni e le disfunzioni rare.

7 INFORMAZIONI PER L’USO

7.1 Generalità
Il presente punto specifica le informazioni per l’uso, inclusa la manutenzione, che devono
essere fornite insieme ad apparecchi, sistemi di protezione e componenti o come parte
delle istruzioni per l’uso, per esempio il manuale di istruzioni.
Devono essere soddisfatti i requisiti della EN 292-2. Un’attenzione particolare deve esse-
re rivolta ai requisiti speciali per l’uso in atmosfere esplosive.
Tali informazioni devono indicare chiaramente il gruppo e la categoria di apparecchi, siste-
mi di protezione e componenti e comprendere le informazioni per l’uso [vedere la Direttiva
del Consiglio sull’armonizzazione delle leggi degli Stati Membri riguardanti gli apparecchi
e i sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosi-
ve (vale a dire la Direttiva 94/9/CE) e la EN 50014, EN 50015, EN 50016, EN 50017,
EN 50018, EN 50019, EN 50020, prEN 50021, EN 50028, EN 50039, EN 50050, EN 50053-1,
EN 50053-2, EN 50053-3, EN 50054, EN 50055, EN 50056, EN 50057, EN 50058 e
EN 50059].

7.2 Informazioni su apparecchi, sistemi di protezione e componenti


Se pertinenti, devono essere fornite le informazioni seguenti:
a) I parametri specifici relativi alla protezione contro l’esplosione; questi parametri pos-
sono comprendere:
1) temperature massime di superficie, pressioni, ecc.;
2) protezione contro i pericoli meccanici;
3) prevenzione dell’accensione;
4) prevenzione e/o limitazione dell’accumulo di polveri.
b) I sistemi di sicurezza; questi sistemi possono comprendere:
1) controllo della temperatura;
2) controllo delle vibrazioni;
3) rilevamento della scintilla e sistemi di estinzione;
4) sistemi di inertizzazione;
5) sistemi di scarico dell’esplosione;

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 36 di 46


6) sistemi di soppressione dell’esplosione;
7) sistemi di isolamento del processo;
8) sistemi di sfiato per sovrappressioni generate da processi diversi dall’esplosione;
9) rilevamento dell’incendio e sistemi antincendio;
10) sistemi di isolamento dell’esplosione;
11) sistemi di arresto d’emergenza;
12) costruzione resistente all’esplosione.
c) I requisiti specifici per assicurare un funzionamento sicuro; questi requisiti possono
comprendere:
1) accessori appropriati;
2) uso con altri apparecchi, sistemi di protezione e componenti.

7.3 Informazioni per la messa in servizio, la manutenzione e la riparazione al fine di pre-


venire l'esplosione
Particolare attenzione deve essere rivolta a garantire quanto segue:
a) istruzioni riguardanti il normale funzionamento, incluso avviamento e arresto;
b) istruzioni riguardanti gli interventi di manutenzione sistematica e riparazione, inclusa
l’apertura sicura di apparecchi, sistemi di protezione e componenti;
c) istruzioni riguardanti le procedure di pulizia richieste, inclusa l’eliminazione delle pol-
veri e processi di lavoro sicuri;
d) istruzioni riguardanti l’identificazione dei guasti e gli interventi necessari;
e) istruzioni riguardanti le prove di apparecchi, sistemi di sicurezza e componenti anche
dopo le esplosioni;
f) informazioni sui rischi che richiedono l’intervento, per esempio: informazioni sulla
possibile esistenza di atmosfera esplosiva identificata dalla valutazione del rischio al
fine di evitare che l’operatore o un’altra persona possa causare una sorgente di ac-
censione.

7.4 Qualifiche e addestramento


Devono essere fornite informazioni sulle qualifiche e sull’addestramento necessari al fine
di consentire all’utilizzatore di selezionare personale qualificato per le mansioni in cui pos-
sono presentarsi atmosfere esplosive.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 37 di 46


APPENDICE A UTENSILI PER L'USO IN ATMOSFERE ESPLOSIVE
(normativa)
Le istruzioni sull’uso di utensili manuali devono tenere conto degli elementi seguenti:
Si devono distinguere due diversi tipi di utensili:
a) utensili che possono causare soltanto scintille singole quando sono utilizzati (per
esempio cacciavite, chiavi, cacciavite a percussione);
b) utensili che generano una serie di scintille quando utilizzati per segare o molare.
Nelle zone 0 e 20 non sono ammessi utensili che producono scintille.
Nelle zone 1 e 2 sono ammessi soltanto utensili di acciaio conformi ad a). Gli utensili con-
formi a b) sono ammessi soltanto se si può assicurare che non sono presenti atmosfere
esplosive pericolose sul posto di lavoro.
Tuttavia, l’uso di qualsiasi tipo di utensile di acciaio è totalmente proibito nella zona 1 se
esiste il rischio di esplosione dovuto alla presenza di sostanze appartenenti al gruppo II c
(secondo la EN 50014) (acetilene, bisolfuro di carbonio, idrogeno), e solfuro di idrogeno,
ossido di etilene, monossido di carbonio, a meno di assicurare che non sia presente at-
mosfera esplosiva pericolosa sul posto di lavoro durante il lavoro con questi utensili.
Gli utensili di acciaio conformi ad a) sono ammessi nelle zone 21 e 22. Gli utensili di ac-
ciaio conformi a b) sono ammessi soltanto se il posto di lavoro è protetto dal resto delle
zone 21 e 22 e se sono state adottate le seguenti misure supplementari:
- eliminazione dei depositi di polveri dal luogo di lavoro
oppure
- se il luogo di lavoro è mantenuto sufficientemente umido in modo che le polveri non
possano disperdersi nell’aria né si possa sviluppare alcun processo di fuoco senza
fiamme.
Per molare o segare nelle zone 21 e 22 o nelle loro vicinanze, si deve considerare che le
scintille prodotte possono volare per lunghe distanze e produrre la formazione di particel-
le di fuoco senza fiamme. Per questa ragione, gli altri luoghi attorno al luogo di lavoro do-
vrebbero essere inclusi nelle misure di protezione menzionate.
L’uso di utensili nelle zone 1, 2, 21 e 22 dovrebbe essere soggetto ad un "permesso di la-
voro". Ciò deve essere incluso nelle informazioni per l’uso.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 38 di 46


APPENDICE B RELAZIONE TRA CATEGORIE E ZONE
(informativa)
Dal punto di vista del produttore di apparecchi, sistemi di protezione e componenti, il si-
stema di categorie può essere visualizzato come illustrato nel prospetto B.1.
prospetto B.1 Relazione tra categorie e zone

Categoria Progettato per tipo Progettato per zona Applicabile anche nella zona
di atmosfera esplosiva
miscela gas/aria
1 miscela vapore/aria 0 1e2
miscela nebbia/aria
1 miscela polveri/aria 20 21 e 22
miscela gas/aria
2 miscela vapore/aria 1 2
miscela nebbia/aria
2 miscela polveri/aria 21 22
miscela gas/aria
3 miscela vapore/aria 2 -
miscela nebbia/aria
3 miscela polveri/aria 22 -

Dal punto di vista dell’utilizzatore, gli apparecchi delle diverse categorie possono essere
utilizzati come illustrato nel prospetto B.2.
prospetto B.2 Apparecchi utilizzabili nelle diverse zone

Nella zona Categoria applicabile Se progettato per


miscela gas/aria
0 1G miscela vapore/aria
miscela nebbia/aria
miscela gas/aria
1 1Go2G miscela vapore/aria
miscela nebbia/aria
miscela gas/aria
2 1Go2Go3G miscela vapore/aria
miscela nebbia/aria
20 1D miscela polveri/aria
21 1Do2D miscela polveri/aria
22 1Do2Do3D miscela polveri/aria

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 39 di 46


APPENDICE C PRINCIPI PER L’USO DI SISTEMI DI MISURAZIONE E DI COMANDO PER EVITARE
(informativa) SORGENTI DI ACCENSIONE EFFICACI
I principi possono essere illustrati nel prospetto C.1.
prospetto C.1 Sistemi di misurazione e di comando supplementari necessari per evitare sorgenti di accensione
efficaci

Luoghi a rischio di esplosione Gli apparecchi, sistemi di protezione e Sistema di misura e di comando
componenti esistenti soddisfano i supplementari necessari
requisiti seguenti
nessuno nessun requisito speciale no
zona 2 o non si prevedono sorgenti di accen-
no
zona 22 sione durante il normale funzionamento
non si prevedono sorgenti di accen- un singolo sistema per evitare sorgenti
zona 1 sione durante il normale funzionamento di accensione in caso di disfunzioni
o non si prevedono sorgenti di accen-
zona 21 sione durante il normale funziona- no
mento e in caso di disfunzioni
un sistema ridondante o di autoelimi-
non si prevedono sorgenti di accen- nazione guasti per evitare sorgenti di
sione durante il normale funzionamento accensione in caso di disfunzioni e di
disfunzioni rare
zona 0 non si prevedono sorgenti di accen-
un singolo sistema per evitare sorgenti
o sione durante il normale funziona-
di accensione in caso di disfunzioni rare
zona 20 mento e in caso di disfunzioni
non si prevedono sorgenti di accen-
sione durante il normale funziona-
no
mento e in caso di disfunzioni e di
disfunzioni rare

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 40 di 46


APPENDICE D INDICE
(informativa)
Ciascuna voce del seguente indice alfabetico in quattro lingue dei termini specifici e delle
espressioni utilizzate nella EN 1127-1 contiene le parole chiave nel seguente ordine lin-
guistico: italiano - inglese - tedesco - francese. Quando una parola chiave è utilizzata pra-
ticamente in tutto il testo (per esempio esplosione) è stata inserita solo la sezione con la
sua definizione.

Parole chiave Punto

A
accensione ignition Zündung inflammation -
apparecchi equipment Geräte appareil 3.5
arresto di emergenza emergency shut-down Notabschaltung arrêt d’urgence 6.6, 7.2
atmosfera esplosiva explosive atmosphere explosionsfähige Atmosphäre atmosphère explosive 3.17
atmosfera esplosiva pericolosa hazardous explosive gefährliche atmosphère explosive 3.19
atmosphere explosionsfähige dangereuse
Atmosphäre
atmosfera potenzialmente potentially explosive explosionsgefährdeter atmosphère explosible 3.35
esplosiva atmosphere Bereich
autoaccensione delle polveri self ignition of dusts in bulk Selbstentzündung auto-inflammation des 3.38
sfuse abgelagerter Stäube poussières stockées en vrac

B
barriera estinguente extinguishing barrier Löschmittelsperre arrêt-barrage à agent extincteur 6.5.5.2.5, 6.5.5.3.1

C
campo di esplosione explosion range Explosionsbereich domaine d’explosivité da 3.7 a 3.9, 3.13, 3.28,
5.2, 6.1, 6.2.1, 6.2.2.2
categoria category Kategorie catégorie 3.22, da 6.4.1 a 6.4.14,
7.1, Appendice B,
Appendice E
componente component Komponente composant 3.2
concentrazione concentration Konzentration concentration da 3.11 a 3.13, 3.23,
3.26, 4.1, 4.2, 5.2,
5.2.2, 5.3.2, 5.3.13,
6.1, 6.2.1, 6.2.2.2,
6.2.2.3, 6.3.3
concentrazione limite di limiting oxygen concentration Sauerstoffgrenzkonzentration concentration limite en oxigène 3.23, 4.2, 6.1, 6.2.2.3
ossigeno
controllo della temperatura temperature monitoring Temperaturüberwachung contrôle de température 7.2
controllo della vibrazione vibration monitoring Schwingungsüberwachung sourveillance de vibration 7.2

D
deflagrazione deflagration Deflagration déflagration 3.3, 6.5.1, 6.5.5.2.1,
6.5.5.2.3
deposito di polveri dust deposit Staubablagerung dépôt de poussières (vedere strato di polveri)
detonazione detonation Detonation détonation 3.4, 6.5.1, 6.5.5.1,
6.5.5.2.3
detriti vaganti flying debris weggeschleuderte Teile débris projetés 5.4, 6.5.3
deviatore di esplosione explosion diverter Entlastungsschlot dispositif de détournement 6.5.5.1, 6.5.5.3.4
de l’explosion

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 41 di 46


Parole chiave Punto
disfunzione malfunction Störung dysfonctionnement 3.25, 5.3.1, 6.1,
6.2.3.3, 6.4.1, 6.4.2,
6.4.4, 6.4.7, 6.4.10,
6.4.11, 6.4.13, 6.7,
Appendice C
dispositivo anti deflagrazione deflagration arrester Deflagrationssperre arrête-déflagration da 6.5.5.2.1 a 6.5.5.2.3
dispositivo anti detonazione detonation arrester Detonationssperre arrête-détonation 6.5.5.2.3
dispositivo antiesplosione flame arrester for endurance dauerbrandsichere arrête-flammes résistant à 6.5.5.2.2
per fiamme stazionarie burning Flammensperre la combustion de longue
durée
dispositivo anti-ritorno di flashback preventer Flammenrückschlagsicherung dispositif évitant le retour de 6.5.5.2.4
fiamma flamme

E
effetto dell’esplosione explosion effect Explosionswirkung effet de l’explosion 6.5, 6.7
emergenza emergency Notfall urgence 6.2.2.2, 6.6, 7.2
energia di accensione ignition energy Zündenergie energie d’inflammation 3.29, 4.3, 5.3.7
energia minima di accensione minimum ignition energy Mindestzündenergie energie minimale 3.29, 4.3, 5.3.7
d’inflammation
esplosione explosion Explosion explosion 3.6
estinguere extinguish Löschen éteindre 6.5.4, 6.5.5.2.5, 7.2

F
fiamma flame Flamme flamme 3.36, 4.1, 5.3.2, 5.3.3,
5.4, 6.4.3, 6.5.1, 6.5.3,
6.5.4, 6.5.5.1, da
6.5.5.2.1 a 6.5.5.2.5,
6.5.5.3, da 6.5.5.3.2 a
6.5.5.3.4
fiamma fredda cool flame kalte Fiamme flamme froide 5.3.2
funzionamento normale normal operation Normalbetrieb fonctionnement normal 3.34, 5.3.1, 6.1,
6.2.3.3, 6.3.2, 6.3.3,
6.4.1, 6.4.2, 6.4.4,
6.4.10, 6.4.11, 6.4.13,
6.7, 7.3, Appendice C

G
grado di dispersione degree of dispersion Dispersionsgrad degré de dispersion 5.2, 5.2.1
gruppo di apparecchi equipment group Gerätegruppe groupe d’appareil 1, 3.22

I
inertizzazione inerting Inertisierung mise à l’état inerte 3.21, 6.2.1, 6.2.2.3,
6.4.3, 6.4.14, 7.2
interstizio sperimentale maximun experimental safe Normspaltweite interstice expérimental 3.26, 4.4
massimo di sicurezza gap maximal de sécurité
isolamento dell’esplosione explosion decoupling explosionstechnische isolement et interruption de 6.5.5, 7.2
Entkoppelung l’explosion

L
limite di esplosione explosion limit Explosionsgrenze limite d’explosivité da 3.7 a 3.9, 3.11,
3.12, 4.2, 5.2.2, 6.2.2.2
limite inferiore di esplosione lower explosion limit untere Explosionsgrenze limite inférieure d’explosivité 2, 3.8, 3.11, 5.2.2,
6.2.2.2
limite superiore di upper explosion limit obere Explosionsgrenze limite supérieure d’explosivité 3.9, 5.2.2, 6.2.2
esplosione

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 42 di 46


Parole chiave Punto

M
macchine machinery Maschine machine 0, 2, 3.24, Appendice
E
miscela ibrida hybrid mixture hybrides Gemisch mélange hybride 3.20, 6.2.2.3, 6.5.5.1,
6.5.5.4

N
nube di polveri dust cloud Staubwolke nuage de poussières 3.17, 3.20, 3.30, 3.32,
4.3, 5.2, 5.2.1, 5.2.2,
5.3.4, 5.3.7, 5.3.10,
6.2.2.2, 6.2.2.3,
6.2.3.3, 6.2.3.4,
6.3.4.1, 6.3.4.3, 6.4.1,
6.4.2, 6.4.4, 6.4.6,
6.5.5.1, 6.5.5.3,
Appendice B

P
pressione massima di maximum esplosion maximaler Explosionsdruck pression maximale d’explosion 3.27, 4.4, 6.5.2.1,
esplosione pressure 6.5.3, 6.5.4
pressione ridotta reduced explosion pressure reduzierter Explosionsdruck pression réduite d’explosion 3.37, 6.5.2.1, 6.5.4
di esplosione
prevenzione dell’esplosione explosion prevention vorbeugender prévention contre l’explosion -
Explosionsschutz
prevenzione dell’esplosione explosion prevention and Explosionsschutz prévention et protection 6.1
e protezione contro protection contre l’explosion
l’esplosione
protezione contro explosion protection abwehrender protection contre l’explosion -
l’esplosione Explosionsschutz
punto di esplosione explosion point Explosionspunkt point d’explosion da 3.10 a 3.12, 5.2.2,
6.2.2.2
punto di infiammabilità flash point Flammpunkt point d’éclair 3.18, 4.2, 6.2.2.2
punto inferiore di esplosione lower explosion point unterer Explosionspunkt point inférieur d’explosion 3.10, 3.11, 5.2.2
punto superiore di upper explosion point oberer Explosionspunkt point supérieur d’explosion 3.10, 3.12, 5.2.2,
esplosione 6.2.2.2

R
rara disfunzione rare malfunction seltene Störung dysfonctionnement rare 5.3.1, 6.4.1, 6.4.2,
6.4.4, 6.4.7, 6.4.10,
6.4.11, 6.4.13, 6.7,
Appendice C
resistente all’esplosione explosion resistant explosionsfest résistant à l’explosion 3.14
resistente alla pressione di explosion pressure resistant explosionsdruckfest résistant à la pression de 3.15
esplosione l’explosion
resistente all’urto di explosion pressure shock explosionsdruckstoßfest résistant au choc de 3.16
pressione dell’esplosione resistant pression de l’explosion
rilevamento della scintilla spark detection Funkenmelder détection d’étincelle 7.2

S
scarico venting Druckentlastung décharge 6.5.3, 6.5.5.2.1, 7.2
scarico dell’esplosione explosion relief Explosionsdruckentlastung décharge de l’explosion 3.37, 6.5.1, 6.5.2.1,
6.5.3, 7.2
scintilla spark Funken étincelle da 5.3.3 a 5.3.8, 6.4.3,
6.4.4, 6.4.6, 7.2,
Appendice A

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 43 di 46


Parole chiave Punto
sistema di protezione protective system Schutzsystem système de protection 3.36
sistema estinguente extinguishing system Löschsystem système à éteindre 7.2
soppressione explosion suppression Explosionsunterdrückung suppression de l’explosion 3.37, 6.5.1, 6.5.2.1,
dell’esplosione 6.5.4, 7.2
sorgente di accensione ignition source Zündquelle source d’inflammation -
sostanza infiammabile flammable substance brennbarer Stoff substance inflammable 3.1
strato di polveri dust layer Staubschicht couche de poussières 3.33, 3.38, 4.3, 5.3.2,
5.3.4, 5.3.10, 5.3.13,
5.3.14, 6.2.3.3, 6.2.3.4,
6.3.4.1, 6.3.4.3, da
6.4.1 a 6.4.3, 6.4.14,
7.2, 7.3, Appendice A
svuotamento di emergenza emergency emptying Notentleerung vidange d’urgence 6.6

T
tagliafiamma flame arrester Flammensperre arrête-flammes da 6.5.5.2.1 a 6.5.5.2.3
temperatura di accensione ignition temperature Zündtemperatur température d’inflammation 3.31
temperatura minima di minimum ignition temperature Mindestzündtemperatur température minimale 3.32
accensione di una nube di of a dust cloud einer Staubwolke d’inflammation d’un nuage
polveri de poussières
temperatura minima di minimum ignition temperature Mindestzündtemperatur température minimale 3.30
accensione di un’atmosfera of an explosive atmosphere einer explosionsfähigen d’inflammation d’une
esplosiva Atmosphäre atmosphère explosive
temperatura minima di minimum ignition temperature Mindestzündtemperatur température minimale 3.33
accensione di uno strato di of a dust layer einer Staubschicht d’inflammation d’une couche
polveri de poussières

U
uso previsto intended use bestimmungsgemäße utilisation conforme à sa 1, 3.5, 3.22, 6.4.1,
Verwendung destination 6.4.3, 6.4.4, 6.5.5.1,
7.1, Appendice E

V
valvola a cerniera a rapid-action flap Schnellschlußklappe volet a fermeture rapide 6.5.5.3.2
chiusura rapida
valvola a chiusura rapida rapid-action valve Schnellschlußventil vanne a fermeture rapide 6.5.5.3.2
valvola rotativa rotary valve Zellenradschleuse vanne rotative 6.5.5.3.3
velocità massima di maximum rate of explosion maximaler zeitlicher vitesse maximale de montée 3.28, 4.4, 6.5.3
aumento della pressione di pressure rise Explosionsdruckanstieg en pression
esplosione
ventilazione ventilation Lüftung ventilation 5.3.3, 6.2.3.2, 6.2.3.3,
6.3.4.1, 6.4.6
vibrazione vibration Schwingung vibration 3.25, 7.2

Z
zona zone Zone zone 0, da 6.3.1 a 6.3.3,
6.4.1, 6.4.3, 6.4.6,
6.4.8, 6.4.10, Appen-
dice A, Appendice B,
Appendice C

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 44 di 46


APPENDICE ZA PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI I REQUISITI ESSENZIALI
(informativa) O ALTRE DISPOSIZIONI DELLE DIRETTIVE UE
La presente norma europea è stata elaborata nell’ambito di un mandato conferito al CEN
dalla Commissione Europea e dall’Associazione Europea del Libero Scambio ed è di sup-
porto ai requisiti essenziali delle Direttive UE:
Direttiva del Consiglio del 14 giugno 1989 sull’armonizzazione delle leggi degli Stati Mem-
bri relative alle macchine (89/392/CEE)
Direttiva 94/9/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 marzo 1994 sull’armo-
nizzazione delle leggi degli Stati Membri riguardanti gli apparecchi e i sistemi di protezio-
ne destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive.
AVVERTENZA: Altri requisiti e altre Direttive UE possono essere applicabili ai prodotti
che rientrano nello scopo e campo di applicazione della presente norma.
I punti della presente norma supportano i requisiti delle due Direttive sopraindicate. I due
prospetti seguenti stabiliscono le relazioni tra i requisiti pertinenti delle rispettive Direttive
e i rispettivi punti della presente norma europea:
prospetto 1 Relazione tra la Direttiva 89/392/CEE e i punti della presente norma

Requisito essenziale della Direttiva 89/392/CEE Trattato nella presente norma europea al punto
Allegato I, 1.5.7 Esplosione Da 4 a 7 e appendice A

prospetto 2 Relazione tra la Direttiva 94/9/CEE e i punti della presente norma

Requisito essenziale della Direttiva 94/9/CE Trattato nella presente norma europea al punto
Allegato II, ad eccezione dei seguenti punti:
1.0.5 Marcatura
1.2.6 Funzionamento sicuro
1.2.7 Protezione contro altri pericoli
1.2.8 Sovraccarico degli apparecchi
Da 4 a 7 e appendice A
1.4 Pericoli derivanti da effetti esterni
1.5 Requisiti rispetto ai dispositivi di sicurezza
1.6 Integrazione dei requisiti di sicurezza relativi al
sistema
2.0 Requisiti applicabili agli apparecchi di categoria M
del gruppo I

La conformità alla presente norma costituisce un mezzo per soddisfare i requisiti essen-
ziali specifici della Direttiva in questione e dei regolamenti EFTA associati.

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 45 di 46


PUNTI DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE UNI

Milano (sede) Via Battistotti Sassi, 11B - 20133 Milano - Tel. 0270024200 - Fax 0270105992
Internet: www.uni.com - Email: diffusione@uni.com

Roma Via delle Colonnelle, 18 - 00186 Roma - Tel. 0669923074 - Fax 066991604
Email: uni.roma@uni1.inet.it

Ancona c/o SO.GE.S.I.


Via Filonzi - 60131 Ancona - Tel. 0712900240 - Fax 0712866831

Bari c/o Tecnopolis CSATA Novus Ortus


Strada Provinciale Casamassima - 70010 Valenzano (BA) - Tel. 0804670301 - Fax 0804670553

Bologna c/o CERMET


Via Cadriano, 23 - 40057 Cadriano di Granarolo (BO) - Tel. 051764811 - Fax 051763382

Brescia c/o AQM


Via Lithos, 53 - 25086 Rezzato (BS) - Tel. 0302590656 - Fax 0302590659

Cagliari c/o Centro Servizi Promozionali per le Imprese


Viale Diaz, 221 - 09126 Cagliari - Tel. 070349961 - Fax 07034996306

Catania c/o C.F.T. SICILIA


Piazza Buonarroti, 22 - 95126 Catania - Tel. 095445977 - Fax 095446707

Firenze c/o Associazione Industriali Provincia di Firenze


Via Valfonda, 9 - 50123 Firenze - Tel. 0552707206 - Fax 0552707204

Genova c/o CLP Centro Ligure per la Produttività


Via Garibaldi, 6 - 16124 Genova - Tel. 0102704279 - Fax 0102704436

La Spezia c/o La Spezia Euroinformazione, Promozione e Sviluppo


Piazza Europa, 16 - 19124 La Spezia - Tel. 0187728225 - Fax 0187777961

Napoli c/o Consorzio Napoli Ricerche


Corso Meridionale, 58 - 80143 Napoli - Tel. 0815537106 - Fax 0815537112

Pescara c/o Azienda Speciale Innovazione Promozione ASIP


Via Conte di Ruvo, 2 - 65127 Pescara - Tel. 08561207 - Fax 08561487

Reggio Calabria c/o IN.FORM.A. Azienda Speciale della Camera di Commercio


Via T. Campanella, 12 - 89125 Reggio Calabria - Tel. 096527769 - Fax 0965332373

Torino c/o Centro Estero Camere Commercio Piemontesi


Via Ventimiglia, 165 - 10127 Torino - Tel. 0116700511 - Fax 0116965456

Treviso c/o Treviso Tecnologia


Palazzo Cristallo - Via Roma, 4/d - 31020 Lancenigo di Villorba (TV) - Tel. 0422608858 - Fax 0422608866

Udine c/o CATAS


Via Antica, 14 - 33048 San Giovanni al Natisone (UD) - Tel. 0432747211 - Fax 0432747250

Vicenza c/o TECNOIMPRESA I.P.I. S.r.l.


Piazza Castello, 2/A - 36100 Vicenza - Tel. 0444232794 - Fax 0444545573

UNI
Ente Nazionale Italiano La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
di Unificazione dell’Industria e dei Ministeri.
Via Battistotti Sassi, 11B Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 Nº 633 e successivi aggiornamenti.
20133 Milano, Italia

UNI EN 1127-1:2001 Pagina 46 di 46