Vous êtes sur la page 1sur 11

Considerazioni sugli elaborati delle AUSL per i progetti obiettivo prioritari del PIANO SANITARIO NAZIONALE per lanno

2011

Il CIPE ha trasferito alla Regione Abruzzo per lanno 2011 la somma di 35.073.436,00 per la definizione di progettualit che rispettino gli obiettivi dei progetti obiettivo prioritari del Piano Sanitario Nazionale che, essendo attualmente 1.338.898 i cittadini abruzzesi residenti, permettono di attribuire ad ognuno di essi una quota parte della somma pari a 26,19. La somma di 35.073.436,00 dovrebbe essere ripartita per ASL nel modo seguente: ASL ASL AQ-AV-SU ASL CH-LA-VA ASL PE ASL TE TOTALE Abitanti per ASL 298.158 386.597 319.274 308.019 1.338.898 Quota da assegnare alla ASL 7.808.758,00 10.124.975,00 8.361.786,00 8.067.017,00 35.073.436,00

In riferimento allAccordo Stato Regioni del 20 aprile 2011 (Rep. Att. ) si fa notare che ci sono vincoli di spesa per la somma messa a disposizione dellAbruzzo per: Cure primarie pari a 8.768.359,00 Non autosufficienza pari a 5.972.656,00 Cure Palliative e terapia del dolore pari a 373.291,00 Biobanche pari a 373.291,00 Malattie rare pari a 497.721,00 Prevenzione pari a 5.972.656,00

A)-La linea progettuale 1 (Cure Primarie), secondo gli Accordi Stato Regioni dal 2009 al 2011, dovrebbe avere il 25% della somma totale ( 35.073.436,00) che pari a 8.768.359,00 da ripartire per ASL secondo i residenti in ognuna di esse: ASL ASL AQ-AV-SU ASL CH-LA-VA ASL PE ASL TE TOTALE Abitanti per ASL 298.158 386.597 319.274 308.019 1.338.898 Quota da assegnare alla ASL 1.952.189,00 2.531.243,00 2.090.446,00 2.016.754,00 8.768.359,00 Quota impegnata dalla ASL 1.851.632,00 2.598.969,00 1.230.000,00 1.422.368,00

B)-La linea progettuale 2 (Non autosufficienza), secondo lAccordo Stato-Regioni del 20 aprile 2011 (Atti ), avrebbe a disposizione per lAbruzzo la somma di 5.972.656,00 che dovrebbe essere ripartita nel modo seguente:

4.977.214,00 alla Non autosufficienza in generale 497.721,00 alle Malattie neurologiche invalidanti 497.721,00 alla Demenza 1)- la somma di 4.977.214,00, destinata al tema della Non autosufficienza in generale, dovrebbe essere suddivisa per il numero dei residenti nella nostra Regione, pari a 1.338.898 abitanti, nella misura di 3,71 a quota capitaria/residente per AUSL nel modo seguente: ASL ASL AQ-AV-SU ASL CH-LA-VA ASL PE ASL TE TOTALE Abitanti per ASL 298.158 386.597 319.274 308.019 1.338.898 Quota da assegnare alla ASL 1.106.166,00 1.434.234,00 1.184.506,00 1.142.750,00 4.977.214,00 Quota impegnata dalla ASL

2)- la somma di 497.721,00, destinata al tema delle Malattie neurologiche, dovrebbe essere suddivisa per il numero dei residenti nella nostra Regione, pari a 1.338.898 abitanti, nella misura di 0,37 a quota capitaria/residente per AUSL nel modo seguente: ASL ASL AQ-AV-SU ASL CH-LA-VA ASL PE ASL TE TOTALE Abitanti per ASL 298.158 386.597 319.274 308.019 1.338.898 Quota da assegnare alla ASL 110.318,00 143.040,00 118.131,00 113.967,00 497.721,00 Quota impegnata dalla ASL 147.525,00 120.000,00

115.830,25

3)-la somma di 497.721,00, destinata al tema delle Malattie invalidanti tipo demenza, dovrebbe essere suddivisa per il numero dei residenti nella nostra Regione, pari a 1.338.898 abitanti, nella misura di 0,37 a quota capitaria/residente per AUSL nel modo seguente: ASL ASL AQ-AV-SU ASL CH-LA-VA ASL PE ASL TE TOTALE Abitanti per ASL 298.158 386.597 319.274 308.019 1.338.898 Quota da assegnare alla ASL 110.318,00 143.040,00 118.131,00 113.967,00 497.721,00 Quota impegnata dalla ASL 114.965,00 147.525,00 115.830,25

C)-La linea progettuale 4 (Cure palliative e terapia del dolore), secondo le disposizioni dellAccordo Stato-Regioni del 20 aprile 2011 (Atti ), assegna allAbruzzo la somma di 2.488.607,00 che dovrebbe essere ripartita nella misura di 1,85 a quota capitaria/residente per AUSL nel modo seguente:

ASL ASL AQ-AV-SU ASL CH-LA-VA ASL PE ASL TE TOTALE

Abitanti per ASL 298.158 386.597 319.274 308.019 1.338.898

Quota da assegnare alla ASL 551.592,00 715.204,00 590.656,00 569.835,00 2.488.607,00

Quota impegnata dalla ASL parz. 55.000,00 756.420,00

1.103.440,48

D)-La linea progettuale 5 (Interventi per biobanche), secondo le disposizioni dell Accordo Stato-Regioni del 20 aprile 2011 (Atti ), assegna allAbruzzo la somma di 373.291,00 che dovrebbe essere ripartita nella misura di 0,27 a quota capitaria/residente per AUSL nel modo seguente: ASL ASL AQ-AV-SU ASL CH-LA-VA ASL PE ASL TE TOTALE Abitanti per ASL 298.158 386.597 319.274 308.019 1.338.898 Quota da assegnare alla ASL 80.502,00 104.381,00 86.203,00 83.162,00 373.291,00 Quota impegnata dalla ASL 40.000,00 73.000,00 650.000,00 (?) non impegnata (?)

E)-La linea progettuale 9 (Interventi per malattie rare), secondo le disposizioni dellAccordo Stato-Regioni del 20 aprile 2011 (Atti ) assegna allAbruzzo la somma di 497.721,00 che dovrebbe essere ripartita nella misura di 0,37 a quota capitaria/residente per AUSL nel modo seguente: ASL ASL AQ-AV-SU ASL CH-LA-VA ASL PE ASL TE TOTALE Abitanti per ASL 298.158 386.597 319.274 308.019 1.338.898 Quota da assegnare alla ASL 110.318,00 143.040,00 118.131,00 113.967,00 497.721,00 Quota impegnata dalla ASL non impegnata (?) 147.525,00 220.000,00 115.830,25

F)-La linea progettuale 15 (Piano Nazionale Prevenzione), secondo le disposizioni dellAccordo Stato-Regioni del 20 aprile 2011 (Atti ), assegna allAbruzzo la somma di 5.972.656,00 che dovrebbe essere ripartita nella misura di 4,46 a quota capitaria/residente per AUSL nel modo seguente: ASL ASL AQ-AV-SU ASL CH-LA-VA ASL PE ASL TE TOTALE Abitanti per ASL 298.158 386.597 319.274 308.019 1.338.898 Quota da assegnare alla ASL 1.329.784,00 1.724.222,00 1.423.962,00 1.373.764,00 5.972.656,00 Quota impegnata dalla ASL

Da una prima valutazione dei progetti presentati dalle AUSL si evidenzia che per le linee progettuali per le quali la Conferenza Stato-Regioni ad aprile 2011 ha posto il vincolo di spesa: A)-La linea progettuale 1 (Cure Primarie) dovrebbe aver ricevuto in ogni AUSL le risorse ad essa destinate ma: nella ASL di LAquila-Avezzano-Sulmona per lanno 2011 le risorse (assegnati 1.952.189,00 euro ed impegnati 1.851.632,00 euro), invece di essere spese per gli obiettivi fissati negli ultimi anni dagli atti della Conferenza Stato Regioni per tutta la AUSL, verrebbero spese, oltre che per remunerare soltanto i medici del territorio della ex AUSL di Avezzano-Sulmona (medici di famiglia, medici di continuit assistenziale, pediatri e specialisti) operanti nei PTA di Tagliacozzo e Pescina e nellOspedale di Comunit di Pescina (cosa accettabile nel breve tempo in attesa di spostare risorse dal macrolivello ospedaliero a quello territoriale.!!!!), anche per le postazioni del 118, per convenzioni trasporto 118, per la formazione del personale, per lacquisto di attrezzature e, dulcis in fundo, per lacquisto di autovetturecome da schema in basso allegato:

nella AUSL di Chieti-Lanciano-Vasto per lanno 2011 le risorse (assegnati 2.531.243,00 euro ed impegnati 2.598.969,00 euro), invece di essere spese per gli obiettivi fissati negli ultimi anni dagli atti della Conferenza Stato Regioni per tutta la AUSL al fine di costituire PTA nei quali dovrebbero operare i medici del territorio (medici di famiglia, medici di continuit assistenziale, pediatri e specialisti) e Ospedali di Comunit (cosa accettabile nel breve tempo in attesa di spostare risorse dal macrolivello ospedaliero a quello territoriale !!!), verrebbero spese quasi tutte per informatizzazione, per manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili (???), per attrezzature, per arredi, per automezzi e per altro (???) come da schema in basso allegato:

nella AUSL di Pescara per lanno 2011 le risorse (assegnati 2.090.446,00 euro ed impegnati soltanto 1.230.000,00 euro senza giustificazione alcuna sullutilizzo delle somme non impegnate.) sono in buona sostanza destinate agli obiettivi fissati dagli atti della Conferenza Stato Regioni negli ultimi anni secondo la scheda progettuale elaborata che andrebbe valutata nel merito mancando le specifiche di spesa. nella AUSL di Teramo per lanno 2011 le risorse impegnate, secondo i documenti in nostro possesso pari a 1.422.368,00 euro (dovrebbero essere stati assegnati invece 2.016.754,00 euro e non c documentazione alcuna sullutilizzo delle somme non impegnate.), sono in buona sostanza destinate agli obiettivi fissati negli ultimi anni dagli atti della Conferenza Stato Regioni secondo la scheda progettuale elaborata che, pur prevedendo la nascita di 7 (sette) UTAP, destina per buona parte delle risorse alla progettazione, alla esecuzione dei lavori ed altro per la realizzazione delle strutture oltre che per lacquisto di attrezzature varie delle strutture come dagli schemi in basso allegati: 1 Schema

2 Schema

Alla linea progettuale 1 la Regione Abruzzo, con la delibera di Giunta Regionale n 246 del 22 maggio 2009, assegn 13.012.872,00 euro al fine di realizzare nuove modalit di
erogazione dei servizi sanitari territoriali nelle AUSL secondo il quadro sottostante:
Attivit Attivit svolte nelle ASL per lattivazione ed il funzionamento dei Presidi Territoriali Integrati (UTAP) Attivit svolte nelle ASL per lattivazione ed il funzionamento di Ospedali di Comunit Messa in rete degli studi dei MMG e PLS con gli ambulatori ospedalieri per i codici bianchi e con le altre strutture territoriali sanitarie e sociali Facilitazione della comunicazione nei pazienti con gravi patologie neuromotorie. Attivit per gestione e riduzione liste di attesa MMG Spese generali Figure coinvolte Personale delle ASL (Medici di Assistenza Primaria, Medici di Continuit Assistenziale, Pediatri di Libera Scelta, medici Specialisti dipendenti e convenzionati, infermieri, etc.). Personale delle ASL (Medici di Assistenza Primaria, Medici di Continuit Assistenziale, Pediatri di Libera Scelta, medici Specialisti dipendenti e convenzionati, infermieri, etc.). Costo 4.200.000,00

3.000.000,00

1.020.798,00

222.074,00

4.500.000,00 ASL LAquila Direzione Sanit, ASR-Abruzzo TOTALE 60.000,00 10.000,00

13.012.872,00

Queste somme, per le quali ancora non vi una rendicontazione nota, da allora ad oggi non sono state utilizzate dalle AUSL per finanziare tutte le progettualit previste; fanno eccezione lattivazione nel 2010 da parte della AUSL di Pescara della sperimentazione del progetto Codici bianchi svolti da parte dei medici di famiglia presso il Pronto Soccorso dellOspedale Civile di Pescara, nello specifico non rispettoso di quanto previsto dallAccordo Integrativo Regionale, e lattivazione nel 2010 da parte della AUSL di LAquila-AvezzanoSulmona della sperimentazione dellOspedale di Comunit a Pescina e della sperimentazione dei PTA di Tagliacozzo e Pescina.

Lo stanziamento aggiuntivo alla linea progettuale 1 pari a 4.500.000 euro che la Regione Abruzzo ha voluto assegnare dal 2009 alle AUSL per le attivit di gestione e di riduzione delle lista di attesa non sempre sono state da queste utilizzate per potenziare le attivit del territorio.
Infatti, a fronte di uno stanziamento che dal 2009 ad oggi dovrebbe assegnare ogni anno: alla AUSL di LAquila-Avezzano-Sulmona 1.001.810,00 euro alla AUSL di Chieti-Lanciano-Vasto 1.298.965,00 euro alla AUSL di Pescara 1.149.386,00 euro alla AUSL di Teramo 1.108.868,00 euro ogni Azienda ha utilizzato queste risorse per acquistare apparecchiature e strumenti da utilizzare nei vari reparti ospedalieri anche quelli che dovrebbero essere accorpati cos come facilmente riscontrabile dalle schede progettuali presentate salvo la AUSL di LAquila-Avezzano-Sulmona che ha identificato le priorit per potenziare i servizi destinati alla riduzione delle liste di attesa nel territorio ma non ne ha quantificato la spesa.

Addirittura:

la AUSL di Chieti-Lanciano-Vasto ha deciso con la delibera n 405 del 26 aprile 2011 di mettere a disposizione per lanno 2010 1.489.673,00 euro per acquistare le
seguenti apparecchiature ospedaliere:

e con la delibera n 616 del 31 maggio 2011 di mettere a disposizione 3.260.465.465,00 euro (???) per acquistare ancora apparecchiature ospedaliere: 11

la AUSL di Pescara vorrebbe destinare la somma di 1.750.000,00 euro per


acquistare le seguenti apparecchiature:

la AUSL di Teramo vorrebbe destinare la somma di 988.000,00 euro per affittare


annualmente a ditte specializzate, fra cui una citata nel progetto, apparecchi RMN montati su mezzi mobili da posizionare nei pressi dei presidi ospedalieri aziendali e per assicurarsi lopera di radiologi e tecnici di radiologia specificandolo nello specchietto sottostante:

Conclusioni
Attraverso questa disamina dei progetti presentati dalle AUSL, attinenti le linee progettuali dei progetti obiettivo prioritari del PIANO SANITARIO NAZIONALE per lanno 2011 che hanno un ben codificato vincolo di spesa stabilito dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 20 aprile 2011, si evidenziano modalit di utilizzo delle risorse non rispettose delle

priorit e delle esigenze di una Regione in Piano di rientro tanto da richiedere una urgente rivisitazione degli stessi e la costituzione di un tavolo regionale con i Direttori Generali delle AUSL e le OO.SS. rappresentanti gli operatori sanitari dellarea della dipendenza e dellarea convenzionata per condividere progettualit che potenzino finalmente il macrolivello territoriale al fine di assicurare capillarmente i servizi sanitari di primo livello andando incontro alle necessit assistenziali della popolazione abruzzese in questo momento di riorganizzazione della Sanit regionale cos come previsto dal Piano Operativo 2010-2012 e sulla base di quanto stabilito dallelaborato regionale in via di adozione che recependo

le linee guida del Piano Nazionale per le lista di attesa stabiliscono le priorit di esecuzione di alcune prestazioni diagnostiche.
Per i progetti da elaborare per la linea progettuale 1 (Cure Primarie) auspicabile lelaborazione di un progetto che raccordi quanto di buono c nei progetti aziendali elaborati per il quale ci si rende da subito disponibili. Per le altre linee progettuali bisognerebbe controllare i preventivi di spesa delle stesse al fine di: non utilizzare i fondi sempre e soltanto per la formazione degli operatori che si ritengono indispensabili come viene proposto in quasi tutti i progetti; non utilizzare i fondi coinvolgendo enti o istituzioni per i quali si potrebbe configurare un conflitto di interessi come in qualche progetto viene proposto; non utilizzare i fondi per capitoli di spesa gi abbondantemente finanziati come la riabilitazione ex art.26 come in qualche progetto aziendale viene proposto. Molti dei fondi disponibili potrebbero essere destinati, nel rispetto delle linee progettuali indicate dalla Conferenza Stato-Regioni per proporre: un progetto regionale di potenziamento dellAssistenza Domiciliare Integrata da implementare a livello aziendale; un progetto regionale per la realizzazione di una struttura pubblica aziendale o del noprofit per lassistenza ai pazienti in stato vegetativo e di minima coscienza nella fase di cronicit; un progetto regionale per la salute mentale, comprensiva delle residenze specifiche, da implementare a livello aziendale; un progetto regionale di potenziamento dellassistenza alla non autosufficienza che ha visto e vede una diminuzione di fondi disponibili sempre pi allarmante.

Chieti 25 giugno 2011