Vous êtes sur la page 1sur 10

Predetto il 1914

Fu davvero predetto l'anno 1914?

Pagina 1
Predetto il 1914

(Fig."Rivelazione" p.105)

Tutte le idee hanno un inizio. La gente che crede in un’idea, comunque, spesso è completamente inconsapevole
della sua storia, della sua origine e sviluppo. Non conoscere la storia di quello in cui si crede può dare la convinzione
che tale idea sia vera e che risale molto indietro nel tempo e, perfino, che essa possa essere stata ispirata
divinamente.

La conoscenza delle origini e dello sviluppo di una certa idea non è necessariamente qualcosa di pericoloso o da
disapprovare; può essere invece un aiuto per verificare la sua effettiva validità .

Alcune migliaia di persone a livello internazionale hanno accettato un’idea, hanno sperato che tale idea si
tramutasse per loro in una radiosa realtà ed hanno sinceramente lavorato e spesso sacrificato devotamente per
essa alcune cose della loro vita.

Di che cosa si tratta? Si tratta dell’idea che nel 1914 questo mondo sarebbe scomparso e che molte persone
sarebbero state assunte in cielo presso Dio e vivere poi eternamente su una terra restaurata.

Può mai essere disapprovato qualcuno che coltivi una simile speranza? Certamente no, io credo. Né è possibile
disapprovare un giovane di 18 anni che, pur avendo davanti a sé una prospettiva di vita agiata, essendo figlio di un
commerciante benestante, cerchi invece seriamente delle risposte a delle domande esistenziali molto serie.

Tale giovane, di nome Charles Taze Russell, viveva negli States, in un periodo storico saturo di fermenti religiosi,
una circostanza che in sé poteva essere vista positivamente, ma che poteva anche creare confusione nella mente di
una persona alle prese con i tanti messaggi apocalittici che venivano proposti.

Un giorno questo giovane cominciò a comprendere qualcosa che ebbe il potere di risvegliare il suo interesse per la
Bibbia , un’esperienza fatta quasi casualmente ma che segnò per sempre il suo destino. Cominciò a studiare con

Pagina 2
Predetto il 1914

metodo la Bibbia e ad approfondire la conoscenza del suo messaggio. Purtroppo, il clima nel quale viveva non cessò
per questo di esercitare su di lui il suo pesante influsso e iniziò, come moltissimi altri del suo tempo, a interessarsi
dell’escatologia, ovvero, delle cose finali della storia di questo mondo che, si supponeva, presto dovesse scomparire.

L’aver respinto le idee di altri del suo tempo non lo preservò dalla tentazione di definirne egli stesso delle proprie,
di svilupparle e infine di proclamarle apertamente coinvolgendovi molti altri. Una sua idea in particolare fu quella
che nel 1914 il mondo sarebbe stato distrutto nella battaglia che il libro biblico Apocalisse chiama ‘Armaghedon’. Egli
ne fu talmente convinto che investì tutto ciò che possedeva, fondò un giornale per diffondere le sue convinzioni e
presto attorno a lui si formò un nutrito gruppo di persone che si autodefinirono Studenti Biblici. Essi si dettero una
struttura e si organizzano in diversi gruppi sparsi un po’ dovunque in America, ma anche all’estero; predicavano il
loro messaggio dell’imminente fine e si preparavano a quello che credevano dovesse essere il più grande ed ultimo
appuntamento con la storia del mondo.

Che cosa credevano gli Studenti Bibilici che sarebbe accaduto nel 1914? Sinteticamente essi credevano
che sarebbero accadute queste cose:

Primo: nel 1914 il regno di Dio otterrà il controllo universale e sarà fermamente stabilito sulla terra.
Secondo: sarebbe stato evidente che Dio aveva predetto il vero su quello che sarebbe avvenuto.
Terzo: che qualche tempo prima della fine del 1914 l’ultimo membro del ‘corpo di Cristo’ (i russelliti)
saranno glorificati e radunati accanto al loro Capo (Gesù Cristo)
Quarto: Gerusalemme non sarà più calpestata perché sarà giunta la fine dei 'Tempi dei Gentili'
Quinto: la cecità di Israele carnale finirà perché i Tempi dei Gentili saranno terminati, come dice Paolo in
Rom. 11:25.
Sesto: il tempo della grande tribolazione raggiungerà il suo culmine e il mondo cadrà nell’anarchia e i nuovi
cieli e la nuova terra di pace e prosperità saranno instaurati.
Settimo: poco prima del 1914 il regno di Dio spazzerà tutti i poteri del mondo (vedi Dan. 2:34). Un nuovo
governo mondiale prenderà potere sulla terra.

Il testo originale:

Pagina 3
Predetto il 1914

Firstly, That at that date the Kingdom of God, for which


our Lord taught us to pray, saying, "Thy Kingdom come,"
will begin to assume control, and that it will then shortly be
"set up," or firmly established, in the earth, on the ruins of
present institutions.
Secondly, It will prove that he whose right it is thus to
take the dominion will then be present as earth's new
Ruler; and not only so, but it will also prove that he will be
present for a considerable period before that date; because

Pagina 4
Predetto il 1914

the overthrow of these Gentile governments is directly


caused by his dashing them to pieces as a potter's vessel
(Psa. 2:9; Rev. 2:27), and establishing in their stead his own
righteous government.
Thirdly, It will prove that some time before the end of
the overthrow the last member of the divinely recognized
Church of Christ, the "royal priesthood," "the body of
Christ," will be glorified with the Head; because every
member is to reign with Christ, being a joint-heir with him
of the Kingdom, and it cannot be fully "set up" without
every
member.
Fourthly, It will prove that from that time forward
Jerusalem
shall no longer be trodden down of the Gentiles,
but shall arise from the dust of divine disfavor, to honor;
because the "Times of the Gentiles" will be fulfilled or
completed.
Fifthly, It will prove that by that date, or sooner, Israel's
blindness will begin to be turned away; because their
"blindness in part" was to continue only "until the fulness
of the Gentiles be come in" (Rom. 11:25), or, in other
words, until the full number from among the Gentiles, who
are to be members of the body or bride of Christ, would be
fully selected.

Sixthly, It will prove that the great "time of trouble such as


never was since there was a nation," will reach its
culmination
in a world-wide reign of anarchy; and then men will
learn to be still, and to know that Jehovah is God and that

Pagina 5
Predetto il 1914

he will be exalted in the earth. (Psa. 46:10) The condition of


things spoken of in symbolic language as raging waves of
the sea, melting earth, falling mountains and burning
heavens will then pass away, and the "new heavens and
new earth" with their peaceful blessings will begin to be
recognized by trouble-tossed humanity. But the Lord's
Anointed and his rightful and righteous authority will first
be recognized by a company of God's children while
passing
through the great tribulation--the class represented by
m and t on the Chart of the Ages (see also pages 235 to 239,
Vol. I); afterward, just at its close, by fleshly Israel; and
ultimately
by mankind in general.
Seventhly, It will prove that before that date God's
Kingdom,
organized in power, will be in the earth and then
smite and crush the Gentile image (Dan. 2:34)--and fully
consume the power of these kings. Its own power and
dominion
will be established as fast as by its varied influences
and agencies it crushes and scatters the "powers that be"--
civil and ecclesiastical--iron and clay.

The Time is at Hand - pp. 77-78 (Studies in the Scriptures


2° vol.)

Se noi siamo qui a raccontare questa storia è perché tali aspettative e tale idea non erano, ovviamente, corrette.
Il 1914 non portò la fine dei regni di questo mondo (che da allora, anzi, si moltiplicarono) e il regno di Dio sulla
terra è qualcosa che, dopo tale disillusione, i continuatori dell’opera di Russell, oggi denominati Testimoni di Geova,
dopo tre o quattro tentativi di ‘correzioni’ di date, hanno relegato in un futuro che pur credendolo prossimo, lo

Pagina 6
Predetto il 1914

hanno lasciato prudentemente indeterminato.

Oggi gli eredi di quella idea, che allora produsse niente di più che sconforto e sconcerto presso i loro sostenitori,
cercano di convincere le persone, con la loro ‘predicazione’, che la data 1914 fu prevista con largo anticipo. Dicono
che “qualcosa” accadde nel 1914, e cioè che Gesù Cristo prese effettivamente potere, invisibilmente, nelle sfere
celesti e da lì iniziò a governare il mondo.

La Grande Guerra , ovvero, la Prima Guerra Mondiale, i terremoti e le varie calamità naturali, si sarebbero da
quell’anno moltiplicati e costituiscono il ‘segno’ che siamo nei “tempi della fine” e che Armaghedon, la battaglia finale
tra le forze del bene e quelle del male, è alle porte. L’immoralità dilagante e la diffusa illegalità attuale provano che
siamo negli ultimi tempi, dicono. Che Iddio ha provveduto una via di salvezza per tutti coloro che oggi accettano il
messaggio predicato dai Testimoni di Geova, mentre coloro che continuano a rimanere nell’illegalità e perfino a
rimanere nelle loro chiese (che secondo loro costituiscono ‘Babilonia la Grande ’), saranno distrutti.

Ecco la loro “nuova idea”. Domandiamoci, non potrebbe essere vero tutto ciò che dicono circa l’illegalità, i disordini
sociali e naturali? Non potrebbero queste cose essere dei ‘segni’ che nel 1914 qualcosa sia davvero accaduto?

Strano a dirsi, ma a iniziare dal principale avvenimento che è in relazione al 1914, la Prima Guerra Mondiale,
niente di tutto questo è vero. Infatti, di tutto ciò che Russell diceva che sarebbe avvenuto nel 1914 niente si è
adempiuto: non la conversione di Israele, non la fine dei governi di questo mondo … niente. Russell scrisse che
diverse cose sarebbero accadute PRIMA E DURANTE LO STESSO ANNO 1914, ma non predisse lo scoppio della
Guerra. Affermare d’aver additato “con molti anni di anticipo il 1914” e non aver previsto l’evento principale relativo
a tale anno, lo scoppio della Prima Guerra Mondiale, non ha molto senso.

Per contro, vi furono da più parti studiosi che non si interessavano di Bibbia e non coltivavano pretese divinatorie e
che tuttavia annunciarono con precisione e con anni di anticipo lo scoppio di una guerra mondiale proprio a ridosso
del 1914. Ma Russell, anche quando vide che in Europa si combatteva, rimase scettico sulla possibilità che la guerra
potesse varcare i confini europei.

Oggi, i “segni della fine”, gli stessi che allora precedevano e puntavano al 1914, non solo sono stati posticipati

Pagina 7
Predetto il 1914

rispetto al 1914 ma, contrariamente alle parole di Gesù di Matteo cap. 24, non avrebbero lo scopo di
preannunciare il ritorno di Cristo, ma quello di testimoniare che Cristo è già ritornato invisibilmente!

Oggi, il messaggio dei tdG si fonda principalmente sulla data 1914. Una data che è sorprendevolmente rimasta
nonostante sia fondata su presupposti storici ed esegetici errati. Nonostante abbia già deluso in passato migliaia di
persone. Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale nel 1914 costituisce ancora, in qualche modo, da parte dei tdG
una prova inconfutabile che essi sono dalla parte della ragione. Eppure, chi di loro volesse sincerarsi riguardo a
come stanno veramente le cose avrà prove sufficienti per convincersi che nessuno dei loro predecessori previde lo
scoppio della Prima Guerra Mondiale nel 1914 e che, quello che forse inconsapevolmente predicano ad altri come
‘verità’, altro non è che un grossolano errore il quale, col trascorrere degli anni, assume sempre più l’aspetto di
un'amara mistificazione.

Pagina 8
Predetto il 1914

Pagina 9
Predetto il 1914

Visita: www.testimonigeova.com

Pagina 10