Vous êtes sur la page 1sur 20

Tooquoque.

com

New entry

laffermazione del non convenzionale

Guerrilla e mercato

Case history
Havaianas

MARZO

BLOG MINIATURES

IO TI ODIO.
Avanti, sfogatevi. Diteci tutto quello che volete. Questo mese siamo in maledetto ritardo. Non colpa nostra: colpa mia, che diverso. Fare il direttore di un mag totalmente gratuito ed autofinanziato significa ritagliare tempo da altre attivit che spesso invece costituiscono il sostentamento. Ma per carit, lungi da noi il richiedere compassione o piet. Figurarsi, non abbiamo mai nemmeno fatto una petizione per un obolo pro-sostenibilit di Subvertising...usciamo in ritardo ma usciamo, senza chiedere niente a nessuno, senza nascondere le difficolt che incontriamo. Pu farvi schifo il giornale, potete trovarlo scadente, incompleto per mille motivi, ma di certo non potrete dirci che siamo poco trasparenti o accattoni. Non siamo, insomma, come il Multilevel Marketing. MLM, io ti odio. Prima sfruttavi soltanto i sogni di numerosi giovani venditori con le finte promesse di vacanze/riunioni in Sardegna come in Sud America, con la visione di piscine sul tetto di lussuosi edifici e convention ricche di donzelle delle quali decantavi professionalit ed esperienza, conscio del fatto che se anche il pubblico aveva capito che erano ignorantissime hostess dagenFrancesco Rossi Direttore (IR)Responsabile fr@subvertising.it

zia gli andava bene cos perch forse, dico forse, un lavoro glielo davi. Ma tutto questo non ti bastato. Sorvolo sullo spam con cui mi riempi la casella di posta elettronica, proponendomi in un italiano stentato collaborazioni con multinazionali megatroniche; ma davvero, sul tuo trasformismo non ci ho visto pi. Non puoi, hai oltrepassato ogni limite. Il giorno che ti sei chiamato viral marketing hai deciso di far parlare nuovamente di te, di accendere la discussione, questa volta nella comunit di chi lavora con il viral marketing, quello vero. Che gi un settore nuovo, in crescita, inesperto, in cerca di fiducia...e tu intendi davvero inquinarlo con il tuo furto di nome? No caro multilevel, non ci riuscirai. Non ce la farai, e non perch te lo dicono gli italiani, Francesco Rossi; te lo dicono gli italiani, che saranno anche in crisi ma scemi non sono, e difficilmente si faranno oltremodo conquistare come fai in altri paesi. Anche se ci sono tuoi baluardi a Napoli, a Milano, a Reggio Emilia, ovunque, ebbene, resterai deluso. Gli italiani non si fideranno mai di te, e il guerrilla marketing, il virale, quello vero, un giorno ti si ritorcer contro.

blog news Dal flash mob al dance mob

is not Ed chiamarlo 6 this osanoguerrilla virale

si sta imponendo nel 10 Come il guerrillamercato

13 16
E primavera, svegliatevi Havaianas!

Una notte di guerrilla per una social italiano

SUBVERTISING

Anno III, numero 17 del 10 aprile 2009


Direttore Responsabile: Francesco Rossi (fr@subvertising.it) Comunicati stampa, informazioni o altre richieste: redazione@subvertising.it Pubblicit: Barbara Zanardi (zanardibarbara@gmail.com) Grafica e impaginazione: Frameart.it Edizioni Cnet Web

Mensile iscritto presso il Tribunale di Bologna, numero 7803 del 16/10/2007

blog news

DAL fLASh MOB AL DANcE MOB


di Fables (www.bloguerrilla.it)
al numero 6 di Subvertising ai guerrilleri: la parola flash mob contiene gi nella sua etimologia tutto il suo significato. I termini flash, inteso come breve esperienza, e mob, come esperienza affrontata da una moltitudine, da una mobilit veloce e dirompente, delineano perfettamente i confini concettuali di questa performance. Il flash mob, infatti, unaggregazione improvvisa, in uno spazio pubblico, di un determinato numero di persone, che mettono insieme unazione insolita per un breve periodo di tempo. I flashmobbers organizzano le loro performance tramite il passaparola, che viene portato avanti grazie a delle comunit che si creano sul web e che usano i nuovi mezzi di comunicazione per tenersi in contatto. La performance non viene provata prima ed i partecipanti seguono le istruzioni che gli vengono impartite pochi minuti prima dellinizio dellexploit. Succede per che, soprattutto negli ultimi tempi, per il grande successo che queste performance si assicurano, alcune mobilitazioni ricevono il marchio indelebile di un brand, quindi la loro natura fortemente spontanea viene messa a repentaglio, mentre si da maggior peso alla spettacolarit. Il ruolo degli spettatori, che ignari si ritrovano di fronte ad una simile esperienza, rimane invariato, la loro passivit viene premiata nel momento in cui diffondono ulteriormente il verbo con tutto il materiale, foto e video, che viene prodotto durante la performance live. Forse moltissimi di voi ricorderanno quanto successo pi di due anni fa al Cebu Provincial Detention and Rehabilitation Center delle Filippine (il video ha fatto

finora registrare pi di 22 milioni di visite), con ben 1.500 detenuti pronti a riproporre una versione danzante di Thriller di Michael Jackson. Quella performance non sar di certo passata inosservata, visto che T-Mobile, seguendo le direttive della Saatchi & Saatchi, ha dato vita ad un altro dance mob, stavolta di natura fortemente commerciale. Siamo alla stazione della metropolitana di Liverpool, quando improvvisamente, alle ore 11 del mattino, gli altoparlanti della sala centrale diffondono una canzone che una sola persona comincia a ballare. Passano pochi istanti e alla performance solista si aggiungono altre persone, intanto cambiano le canzoni di sottofondo e i tipi di ballo, i flashmobbers sono sempre di pi fino a coprire la quasi totalit dei presenti, che inizialmente sembrava fossero l per caso. Finisce la mobilitazione e sotto gli applausi degli spettatori i flashmobbers si dileguano tra la folla. Rispetto alla definizione data allinizio dellarticolo, questa mobilitazione mancata dal punto di vista della spontaneit, per organizzare qualcosa del genere, ci saranno voluti mesi e mesi di preparazione, visti gli attori ingaggiati e la qualit dei balli. Nonostante questo, il video non perde ne di spettacolarit, anzi ne guadagna, vista larmonia con la quale gli attori hanno interpretato i vari balli, ma soprattutto di viralit, visto che il video ufficiale ha fatto registrare pi di 10 milioni di visite, senza parlare di tutti i video di risposta, di tutte le foto scattate che hanno fatto il giro del mondo e delle centinaia di servizi televisivi e giornalistici realizzati.

ntrate disinvolti e ben vestiti in una stanza piena di gente allegra e ben vestita, latmosfera abbastanza confortevole, anche se si percepisce un qualcosa di fittizio, un maxischermo messo al centro della sala proietta immagini di persone divertite e festanti, dal basso inizia ad alzarsi una musica dance sempre pi forte che i presenti nella sala cominciano ad assecondare con battiti di mano. La musica si ferma scemando ed entra con un sorriso a 32 denti un ragazzotto atletico che inizia a ammaliare la platea con neologismi e parole piene di belle speranze. Quella che vi ho appena descritto una tipica scena che precede una riunione del cosiddetto Multi-Level Marketing. La truffa del 21 secolo. Nato nel 1934 negli Stati Uniti, questa bizzarra forma di marketing non altro che un metodo di distribuzione di prodotti o servizi che permette ad un distributore o venditore di crearsi una rete di distributori senza consistenti investimenti in denaro. Succede quindi non di rado che per entrare a far parte di questa sorta di catena di S.Antonio si debba acquisire la licenza di un determinato prodotto, una volta ottenuta, si cerca di venderlo inizialmente a parenti ed amici, (anche perch sappiamo benissimo della diffidenza derivante dal marketing porta a porta) per cercare di allargare la propria catena e trarre cos una qualche percentuale dalla vendita stessa. Fin qui tutto sembra andare per il verso giusto, un persona che ha al suo interno lanimo del venditore non dovrebbe trovare molti problemi a coesistere in un siffatto sistema; i problemi nascono quando ci confrontiamo con la natura di questo sistema, strutturato in maniera piramidale. Solo coloro che sono nelle posizioni

alte della piramide, perch entrati a far parte di questo sistema per primi, ottengono notevoli guadagni, viste le percentuali che ottengono dalla vendita dei loro sottoposti, tutti coloro (e sono la maggioranza) di venditori inseriti nella parte bassa della piramide guadagnano al massimo 300 euro al mese. Questa solo la punta delliceberg, il modo di coinvolgere e illudere le persone architettato attraverso una

serie di promesse, libri che titolano Come guadagnare 10.000 euro al mese, Come uscire dai debiti nel giro di poche settimane, persino YouTube

contaminato, basta digitare allinterno del campo Cerca la frase viral marketing e qui si snocciolano una serie di video che ci insegnano come far fruttare dei soldi diventando parte di un sistema come quello fin qui descritto. Signori, il viral marketing tuttaltro, c dietro una lunga pianificazione e strategia, il passaparola alimentato in modo naturale senza alcun scopo di lucro, lidea alla base di un contenuto virale spesso originale o caratterizzata da una componente ludica, a differenza del MLM, dove il divertimento sul viso di pochi eletti. Per via della sua aggressivit sul profilo psicologico, sulle sue fondamenta basate su altre cattive parole come mobbing e sfruttamento, in alcuni paesi, molti a dire il vero, il MLM illegale. Eppure anche

esperienze, dalla famosa ed ormai fallita, chiusa e sotto processo Tucker di Rimini a diverse proteste per una guida del cittadino edita da una societ di Reggio Emilia con sistemi analoghi relativamente alla parte di raccolta pubblicitaria. Ai nostri lettori che fossero entrati in contatto con realt ed offerte di lavoro sul genere (che in tempi di crisi proliferano e sfruttano ancora di pi i sogni di poveri venditori resi incapaci di intendere e volere dalle false speranze profuse come promesse), diciamo di stare molto attenti, di informarsi, di prendere il tempo per leggere ogni cosa che firmano. Alle societ che invece lavorano cos, semmai dovessero leggerci, anche a loro raccomandiamo attenzione; che un giorno il vero viral marketing non si svegli per scagliarsi contro questi impostori.

qui in Italia ci sono diverse aziende che si basano su questo, magari senza nemmeno la richiesta di acquisti iniziali per far parte del dream team di supervenditori. Navigando, la rete propone numerosi casi ed

10

ormai lapalissiano, il non convenzionale, un tempo speme di pedicellosi ragazzi che volevano cambiare il mondo, diventato una realt partecipata e partecipante in cui nuove e affermate abilit partoriscono illibate risposte a rinnovati bisogni. La fine dellapartheid tra vecchi e nuovi orientamenti sempre pi vicina e, a dimostrarlo, non sono soltanto linquietudine di clienti desiderosi di percorrere anche strade alternative o la marea di case history che permette ad appassionati blogger divulgatori di navigare sulle pagine del proprio diario on-line. A dichiarare finalmente avviato linvocato processo di commistione sono soprattutto i primi lampanti indizi di smarrimento e di collera da parte di chi comincia a percepire come incombente e concreto un pericolo pri

ma solamente supposto. Si tratta delle reazioni dei detentori dellordine costituito che, nel vano tentativo di respingere la minacciosa richiesta di residenza di un ragazzo diventato uomo e che reclama il suo diritto alla libert e allautonomia, hanno pensato di difendersi con il lancio di superficiali accuse di millanteria e spaccio di false sostanze miracolose. Ma lautodeterminazione si

11

compiuta, il riconoscimento ufficiale e gli antichi equilibri sono ormai alterati. Sono queste avvisaglie a rendere ancora pi attendibile la probabilit che, setacciando la poltiglia comunicativa, troveremo pepite sempre pi fulgide e felici di essersi separate dai primitivi giacimenti. Ed proprio dal fondo del mio personale crivello che vorrei ancora una volta condividere un prezioso ritrovamento, chiarificatore del titolo di questo piccolo articolo. Si tratta dello sticker, dellantico offuscatore di finestre e addobbatore dei battenti di quei patiboli di camicie sgualcite e jeans vissuti

chiamati armadi. Sequestrato dai pericolosi unconventionals men, lo stickering non rappresenta pi un anarchico invasore urbano di brand o siti web, ma ha assunto le fattezze di un segugio dal fiuto infallibile, in grado di stanare target nascosti in mille differenti stili di vita grazie alla sua abilit mimetica e alla sua capacit di attaccare luoghi e oggetti, trasformandoli in collaboratori comunicativi dal forte appeal.

12

13

uesta una storia italiana..c un locale ed un evento in corso, c un social network da promuovere e dei guerriglieri in azione. E un giorno come tanti a Roma quando decine di persone, richiamate da un invito partito da Facebook, affollano un noto cocktail bar di Testaccio affacciato sul Tevere. Sono grafici, videomaker, creativi in genere ed anche chi, per una volta, ha deciso di liberare lartista dentro di s. La serata Video Up The River dedicata ai cortometraggi ed alla video-arte, unoccasione, non frequente, per condividere i propri lavori in modo libero e partecipato. Un invito a stimolare larte attraverso la capacit di creare e inventare senza essere vittima di imposizioni o convenzioni. Lorario quello dellaperitivo, un modo semplice per creare connessioni tra

gli appassionati. Sono le 20, si aprono le danze, la serata inizia. Si accendono le luci in sala, i guerriglieri hanno studiato il terreno. Dalle travi in legno del soffitto pendono alcuni cappi in corda da impiccagione. Sullo specchio del bagno un metro e una lavagnetta

14

obbligano tutti gli ospiti della toilette ad una simbolica schedatura carceraria. Dalle gabbie scendono lenzuola annodate, simbolo di quellimmane voglia di libert, in grado di superare qualsiasi prigione o barriera che fa tornare in mente il personaggio di Henri Charrire in Papillon. Installazioni diverse in ogni angolo del locale per affermare lo stesso messaggio: Non condannare la creativit. E mentre sullo schermo scorrono le immagini dei cortometraggi, il pubblico in sala stupito ed incuriosito. Il coinvolgimento e la partecipazione scaturita da azioni di guerrilla, forse non eclatanti o gigantesche, forse nemmeno guerrilla, ma di sicuro attivit non pensate per sparare nel mucchio ma immaginate intorno ad un luogo, un evento ed un target selezionato. A firmare il tutto Tooquoque.com, social network italiano che in questi

giorni sta preparando il lancio di un portale finalizzato alla creazione di campagne di comunicazione collaborative a partire da contenuti video e grafica creati dagli utenti. La campagna stata ideata e realizzata dai ragazzi della Tooquoque Marketing, omonima e neonata agenzia di Roma specializzata in guerrilla. In bocca al lupo allo staff.

15

16

a primavera si sa la stagione dellamore. Dopo il torpore dellinverno tutto intorno a noi si risveglia e si riempie di questo dolce sentimento. Le persone si svestono, gli uccellini cinguettano e la famosa ape, proprio lei, quella delleducazione sessuale infantile, cerca disperatamente il suo fiore da impollinare. Tuttavia qualcosa questanno ad una povera ape romana andato storto. Mentre si aggirava felice nei pressi del Colosseo stata attirata da una distesa di colori sgargianti e si precipitata vogliosa di im-

mergere il suo pungiglione nel dolce nettare di un delicato fiore. Ma l, invece di un morbido pistillo caldo ed accogliente, ha trovato ad aspettarla della dura e semplicissima gomma. Pensate quale potrebbe essere la vostra reazione se andando a coricarvi con la vostra met

17

provaste ad abbracciarla e trovaste al suo posto una di quelle bamboline che vendono in tutti i sexy shop. La nostra ape delusa ed amareggiata ritenta con il coloratissimo fiore accanto ma la storia sempre la stessa. Delusa ed incredula vola via a cercare fiori piu gustosi non potendo minimamente immaginare di essere incappata nellultima campagna di ambient marketing delle infradito per antonomasia: le gommosissime Havaianas. Lazienda brasiliana infatti ha deciso di festeggiare larrivo della primavera con un tour non convenzionale che ha toccato

quattro tra le maggiori capitali europee. Tre giovani creativi hanno viaggiato tra Londra , Madrid, Parigi e Roma cercando delle zone verdi davanti i monumenti pi famosi dove poter piantare una distesa di ciabatte colorate che

18

rallegrassero i cuori di cittadini e turisti. Lazione ha preso il via da questa semplicissima e freschissima modifica ambientale ma si articolata sulla rete dove ha trovato una pi efficace realizzazione. Lidea creativa prende la sua forza infatti dall aver effettuato per ogni installazione scatti fotografici e piccoli video-report in modo da creare una sorta di diario di viaggio da far circolare prima di tutto tra i blog relativi al marketing, allarte, al fashion ed al mondo geek e successivamente da veicolare come dei mini widget su tutti i principali social network: da Facebook a Myspace, da Flickr a Yuotube passando per Twitter. Non ci dato sapere per quanto tempo le Havaianas abbiano

realment e adornato le nostre capitali. Forse un giorno, forse unora o forse solo il tempo di uno scatto ma sinceramente non questo ci che ci importa. Quello che sicuro che questa campagna ha saputo trasmettere a pieno, sopratutto attraverso canali virtuali, la gioia carioca che da sempre sta dietro a questazienda che ha creato il pi famoso brand di infradito in gomma.

19