Vous êtes sur la page 1sur 17

PROTOCOLLO PER IL CAMPIONAMENTO DEI PARAMETRI CHIMICO-FISICI A SOSTEGNO DEGLI ELEMENTI BIOLOGICI IN AMBIENTE LACUSTRE

La realizzazione dei metodi per il campionamento e lanalisi degli elementi biologici di qualit delle acque dolci superficiali stata coordinata dallAgenzia per la Protezione dellAmbiente e per i servizi Tecnici (APAT) in stretta collaborazione con il Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM). Lelaborazione dei diversi protocolli frutto della collaborazione di gruppi di lavoro, specifici per ogni elemento biologico. Si ringraziano vivamente i singoli esperti e i diversi Organismi ed Istituzioni che hanno collaborato per la realizzazione di questi metodi. Limpostazione, il coordinamento e la stesura finale dei diversi protocolli sono stati curati dal Servizio Metrologia Ambientale del Dipartimento Stato dellAmbiente e Metrologia Ambientale in collaborazione con il Dipartimento Acque dellAPAT. Componenti del Gruppo di lavoro: MATTM - Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare Sollazzo Caterina Scanu Gabriela Aste Fiorella APAT Agenzia per la protezione dellAmbiente e per i servizi Tecnici Belli Maria Balzamo Stefania Martone Cristina Cadoni Fabio Bernabei Serena CNR IRSA Tartari Gianni Buraschi Elisa Copetti Diego CNR ISE Marchetto Aldo Morabito Giuseppe Oggioni Alessandro ARPA Lombardia Dipartimento di Lecco Dal Miglio Antonio Buzzi Fabio APPA Trento Pozzi Sabrina Universit Bicocca di Milano Garibaldi Letizia Istituto Agrario di San Michele allAdige Salmaso Nico Universit degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze dellAmbiente e del Territorio Lugli Antonella

INDICE PREMESSA ........................................................................................................................... 4 1. Introduzione....................................................................................................................... 4 2. Riferimenti normativi...................................................................................................... 4 3. Scopo................................................................................................................................... 5 4.Termini e definizioni ........................................................................................................ 5 5. Frequenze ........................................................................................................................... 6 6. Strumentazione ed attrezzatura .................................................................................... 7 7. Procedura di campionamento........................................................................................ 7
7.1 Periodo di campionamento............................................................................................ 8 7.2 Strategia di campionamento: localizzazione della stazione .......................................... 8 7.3 Misure effettuate ad ogni campionamento .................................................................... 9 7.4 Profondit di campionamento ....................................................................................... 9 7.5 Prelievo di campioni aggiuntivi .................................................................................. 11 8. Procedure Analitiche .................................................................................................... 12 8.1 Conservazione del campione....................................................................................... 12 9. Qualit del campionamento........................................................................................ 12 Appendice A ....................................................................................................................... 14 Strumentazione.................................................................................................................. 14 Bibliografia ......................................................................................................................... 15 Allegato 1 ............................................................................................................................ 16 Esempio di informazioni minime da inserire in una scheda di campionamento............... 16

PREMESSA
Il protocollo sul campionamento delle acque lacustri integra completandole le metodologie di campionamento ed analisi del fitoplancton, delle macrofite acquatiche e della fauna a macroinvertebrati in ambiente lacustre riportati nei capitoli successivi di questo Manuale. Anche questo protocollo come i precedenti segue le indicazioni della Direttiva 60/2000/CE (Water Framework Directive, WFD) e del Regolamento per la progettazione del programma di monitoraggio emanato dal Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

1. Introduzione
La Direttiva 60/2000/CE definisce il buono stato chimico-fisico delle acque superficiali come lo stato richiesto per conseguire gli obiettivi ambientali fissati dall'articolo 4, paragrafo 1, lettera a), ossia lo stato raggiunto da un corpo idrico superficiale nel quale la concentrazione degli inquinanti non supera gli standard di qualit ambientali fissati dall'allegato IX, e in forza dell'articolo 16, paragrafo 7 e di altre normative comunitarie pertinenti che istituiscono standard di qualit ambientale a livello comunitario. LAllegato V, paragrafo 1.1 nellindividuare lo stato delle acque superficiali stabilisce che gli elementi chimici e fisico-chimici a sostegno degli elementi biologici si distinguono in: elementi generali (trasparenza, condizioni termiche, condizioni di ossigenazione, salinit, stato di acidificazione, condizioni dei nutrienti) e inquinanti specifici (inquinamento da tutte le sostanze dell'elenco di priorit di cui stato accertato lo scarico nel corpo idrico, inquinamento da altre sostanze di cui stato accertato lo scarico nel corpo idrico in quantit significative). Per la definizione dello stato ecologico gli Stati membri definiscono, per ciascun periodo cui si applica un piano di gestione dei bacini idrografici, un programma di monitoraggio di sorveglianza e un programma di monitoraggio operativo. In taluni casi pu essere necessario istituire anche programmi di monitoraggio d'indagine (Allegato V, paragrafo 1.3).

2. Riferimenti normativi
E.U., 2000. Direttiva 2000/60/EC del Parlamento e del Consiglio Europeo del 23 Ottobre 2000 che stabilisce un protocollo per lazione comunitaria in materia di acque. Official Journal of the European Communities L 327, 22.12.2000, 1-72 Decreto Legislativo n. 152/2006. Norme in materia ambientale. G.U. 88 del 14/04/2006 suppl. ord. n. 96.

EN ISO 5667-1 Water quality Sampling Part 1: Guidance on the design of sampling programmes.

- EN ISO 5667-3 Water quality Sampling Part 3: Guidance on the preservation and handling of samples.

3. Scopo
Questo protocollo illustra le modalit da seguire per il campionamento di acque pelagiche lacustri naturali, artificiali o fortemente modificate (Articolo 2 della Direttiva), finalizzate alla determinazione degli elementi fisico chimici generali (trasparenza, condizioni termiche, condizioni di ossigenazione, salinit, stato di acidificazione, condizioni dei nutrienti) a sostegno degli elementi biologici. Il protocollo stabilisce i requisiti minimi da seguire per garantire il confronto tra ambienti lacustri di diversa tipologia secondo quanto prescritto dalla Direttiva 60/2000/CE.

4.Termini e definizioni
Le definizioni di seguito riportate sono relative ai termini da utilizzare nella descrizione dello stato fisico-idrologico di un lago/invaso e nella descrizione dello stato chimico. Sono inoltre riportate le definizioni di alcuni dei termini utilizzati nel linguaggio limnologico che possono essere di supporto nella descrizione dello stato ecologico. Anossia/atossici: Chemoclinio: Dimittico: Situazione di assenza di ossigeno negli strati d'acqua profondi lacustri. Gradiente di densit dovuto a un cambiamento della concentrazione di sali. Lago/invaso caratterizzato da temperatura omogenea lungo lintera colonna dacqua in due periodi stagionali, tipicamente lautunno e la primavera. Strato d'acqua superficiale di un lago/invaso termicamente stratificato collocato sopra il metalimnio, che lo separa dagli strati profondi (ipolimnio) Zona porzione (strato eufotico) di un corpo lacustre raggiunto da una quantit di radiazione solare sufficiente per la fotosintesi. Corpo d'acqua ricco di nutrienti (azoto, fosforo) e quindi capace di sostenere una intensa crescita algale. Progressivo arricchimento, naturale o artificiale, in nutrienti che causa un aumento della produzione algale. Insieme dei corpi idrici superficiali interni fermi (laghi) di natura artificiale o fortemente modificata Zona profonda di un lago/invaso termicamente stratificato separata dagli strati superficiali (epilimnio) dalla zona del metalimnio. Linea che congiunge i punti di uguale temperatura. Condizione di stessa temperatura. Lago che mostra una separazione in strati dacqua con densit differente, dovuta non a differenze di temperatura, ma a differenze nella concentrazione dei soluti. Condizione trofica di un lago/invaso moderatamente ricco in nutrienti algali. La condizione di mesotrofia intermedia tra l'oligotrofia (= scarsit di nutrienti) e l'eutrofia (= eccesso di nutrienti). Zona compresa tra gli strati superficiali (epilimnio) e quelli profondi (ipolimnio). Il metalimnio determinato dalla posizione del salto termico (termoclinio). Zona di un lago/invaso stratificato che pi prossima alla superficie e che subisce facilmente un rimescolamento per azione del vento.

Epilimnio:

Eufotica: Eutrofico: Eutrofizzazione: Invasi: Ipolimnio: Isoterma: Isotermia: Meromittico:

Mesotrofia:

Metalimnio:

Mixolimnio:

Monimolimnio: Monomittico:

Nutriente:

Olomittico: Oligomittici:

Oligotrofia: Omeotermia: Polimittico:

Stratificazione:

Termoclinio:

Strato d'acqua profondo di un lago meromittico. Lago/invaso caratterizzato da una sola fase di mescolamento delle acque, che si verifica tra la fine dellautunno e linizio della primavera. Nei mesi estivi presente una stratificazione termica e sono distinguibili un epilimnio, un metalimnio ed un ipolimnio. Ogni elemento o sostanza essenziale per gli organismi viventi. Carbonio, azoto, fosforo e silice sono nutrienti essenziali per tutte le alghe ed il silicio lo per le diatomee. Lago/invaso che annualmente presenta una completa circolazione invernale. Laghi nei quali una modesta differenza di temperatura invernale tra acque superficiali e acque profonde impedisce la regolare circolazione completa della colonna dacqua. Questa avviene solo in particolari condizioni idroclimatiche. Condizione di un lago/invaso con limitato contenuto di nutrienti algali. Situazione in cui si osservano temperature uniformi. Lago/invaso che non mostra una stratificazione termica evidente e stabile e pu andare incontro a diverse fasi di mescolamento nel corso del suo ciclo annuale. Situazione dei laghi/invasi le acque dei quali sono distribuite in strati diversificati da caratteristiche fisiche (temperatura) o chimiche (concentrazione di materia). Zona dei corpi lacustri definita dal gradiente verticale negativo di temperatura solitamente stabilito in circa 1 C/m (variazione di un grado centigrado per ogni metro di profondit).

5. Frequenze
Per il monitoraggio dei corpi idrici lacustri sono fissate frequenze che tengono conto della variabilit dei parametri derivanti sia da condizioni naturali che antropiche. I periodi in cui effettuare le attivit di monitoraggio saranno scelti in modo da minimizzare l'incidenza delle variazioni stagionali sul risultato ed assicurare quindi che quest'ultimo rispecchi i mutamenti intervenuti nel corpo idrico a seguito di cambiamenti dovuti alla pressione antropica. Per conseguire quest'obiettivo dovranno essere effettuati, se necessario, campionamenti supplementari in stagioni diverse del medesimo anno. Le frequenze di campionamento delle acque lacustri naturali e degli invasi indicate dalla Direttiva 60/2000/CE (Allegato 5, Paragrafo 1.3.4), e recepite nella normativa nazionale nel Regolamento relativo alla predisposizione dei Programmi di monitoraggio (di sorveglianza ed operativo) sono: - bimestrali per gli elementi generali: condizioni termiche, ossigenazione, conducibilit, stato dei nutrienti e stato di acidificazione; - trimestrali per tutti gli per gli inquinanti specifici; - mensili per le sostanze dellelenco di priorit. Le frequenze sono altres scelte in modo da garantire il livello di attendibilit e precisione definito nel piano di gestione del bacino idrografico.

6. Strumentazione ed attrezzatura
Nel seguito sono elencati a titolo orientativo i principali strumenti e le attrezzature necessarie per un campionamento effettuato secondo le normali pratiche di campo, in condizioni di qualit e sicurezza: Dispositivi di protezione individuale1; Imbarcazione e relativi dispositivi di protezione e segnalazione obbligatori secondo le norme in vigore (Decreto 5 ottobre 1999 n. 478 "Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto". G.U. del 17.12.1999); Disco di Secchi; Thermistor (singolo o integrato in una sonda multiparametrica); Sonda multiparametrica per profondit < o > di 300 m a seconda dei laghi/invasi; Campionatore (bottiglia a strappo, di tipo Niskin o Van Dorn); Verricello motorizzato o manuale per la raccolta di campioni in laghi/invasi con profondit massima superiore a 50 m; Bottiglie da 1 litro per la raccolta dei campioni per le determinazioni chimico-fisiche; Contenitori termici per la conservazione al freddo ed al buio dei campioni;

Caratteristiche dettagliate delle apparecchiature sopra riportate si trovano in Appendice A.

7. Procedura di campionamento
La scelta dei punti di campionamento negli invasi e nei laghi devono tenere conto principalmente della profondit dei laghi e del loro stato naturale, artificiale o fortemente modificato. Negli invasi il campionamento deve essere rappresentativo dellimpatto globale delle pressioni idromorfologiche, che possono essere influenzate dalla eccessiva vicinanza allinfrastruttura del punto di prelievo o di restituzione di acqua al corpo idrico. Considerato inoltre che il campionamento finalizzato alle analisi fisico-chimiche per gli elementi generali deve essere di supporto alla valutazione dello stato ecologico del corpo idrico, ne consegue che la scelta del/dei punti di prelievo negli invasi deve avvenire possibilmente in condizioni poco disturbate dallidrodinamica lacustre indotta artificialmente. Nel periodo coperto dal monitoraggio di sorveglianza vanno applicate le frequenze indicate in precedenza per il monitoraggio dei parametri indicativi degli elementi di qualit fisicochimica, a meno che le conoscenze tecniche e le perizie degli esperti non giustifichino intervalli pi lunghi. Nel monitoraggio operativo la frequenza di monitoraggio deve garantire dati sufficienti a delineare una valutazione attendibile dello stato del pertinente elemento qualitativo. In linea di massima, il monitoraggio effettuato a intervalli non superiori a quelli
1

Il campionamento e lanalisi in campo possono comportare dei rischi per gli operatori. Per tali motivi gli operatori che utilizzeranno questi protocolli dovranno essere formati per le attivit di campionamento. Questo protocollo non ha lo scopo di definire i problemi sulla sicurezza associati al suo uso. responsabilit degli Organi preposti allutilizzo di definire i dispositivi pi opportuni di protezione individuale e di individuare le azioni necessarie ad assicurare la sicurezza degli operatori secondo le disposizioni di legge. Come testi di riferimento possibile utilizzare le seguenti pubblicazioni: "APAT. Progetto Benchmarching. Linee guida per la valutazione del rischio chimico nei laboratori delle Agenzie Ambientali. Roma, 2006". e "APAT. Progetto Benchmarching. Linee guida per la valutazione del rischio nelle attivit territoriali delle Agenzie Ambientali. Roma, 2006."

indicati per il monitoraggio di sorveglianza, a meno che le conoscenze tecniche e le perizie degli esperti non giustifichino intervalli pi lunghi.

7.1 Periodo di campionamento La Direttiva 60/2000/CE stabilisce (Allegato V, Paragrafo 1.3.4) che Per il monitoraggio sono fissate frequenze che tengono conto della variabilit delle condizioni sia naturali che antropiche. Il momento in cui effettuare il monitoraggio scelto in modo da minimizzare lincidenza delle variazioni stagionali sul risultato ed assicurare quindi che questultimo rispecchi i mutamenti intervenuti nel corpo idrico a seguito di cambiamenti dovuti alla pressione antropica. Per conseguire questo obbiettivo sono effettuati, se necessario, monitoraggi supplementari in stagioni diverse del medesimo anno. Affinch la misura dei parametri chimico-fisici possa assicurare una stima affidabile dello stato del corpo idrico, il campionamento delle acque deve essere condotto congiuntamente a quello dellelemento biologico maggiormente sensibile ai cambiamenti dovuti alla pressione antropica. Per minimizzare lincidenza delle variazioni stagionali necessario raggiungere una buona conoscenza della variabilit naturale legata alla stagionalit. La valutazione di tale variabilit pu essere ottenuta solo raccogliendo un numero elevato di campioni. Per tale motivo i periodi di campionamento per la definizione dello stato chimico-fisico sono individuati sulla base dei criteri per la caratterizzazione della stagionalit delle associazioni fitoplanctoniche. Questo criterio fa riferimento ad aspetti limnologici e pratici: per i primi, la realizzazione del campionamento chimico-fisico congiuntamente a quello delle associazioni fitoplanctoniche risponde alla necessit di tenere conto delle mutue influenze che legano la componente abiotica con quella biotica; per i secondi, lovvia ottimizzazione di tempi, costi e risorse umane. In ambienti lacustri per i quali non sono disponibili dati pregressi, si consiglia di effettuare dei campionamenti mirati nel periodo di stratificazione, per valutare eventuali condizioni di polimissi che possono determinare modifiche dallo schema generale sopra descritto. Il campionamento non pu comunque prescindere dallo stato fisico-idrologico del lago/invaso, che si riflette non tanto nella frequenza temporale, bens in quella verticale. Per i laghi: dimittici, monomittici, olomittici e polimittici le procedure di campionamento sono comuni, mentre per quelli oligomittici e meromittici va seguita una procedura che tiene conto della profondit delle stratificazioni (termoclinio e chemoclinio), secondo quanto indicato nel seguito.

7.2 Strategia di campionamento: localizzazione della stazione Nei laghi naturali il campionamento per i parametri chimico-fisici deve essere effettuato nel punto di massima profondit, scelto come rappresentativo delle condizioni medie dellambiente. La stazione di campionamento dovrebbe trovarsi in posizione centrale rispetto allo sviluppo della superficie lacustre, in modo da non essere influenzata da fenomeni che si svolgono lungo le fasce litorali. Qualora il punto di massima profondit risultasse troppo vicino alla sponda del lago, privilegiare la scelta di una stazione pi centrale. Negli invasi va rispettato il principio di rappresentativit del punto di massima profondit, tenendo comunque conto che questo non deve essere influenzato dalle opere di prelievo e/o di immissione idraulica.

Nel caso in cui il lago/invaso presenti una conformazione tale da determinare la suddivisione in sottobacini con caratteristiche idrologiche, idrodinamiche e trofiche differenti, sar necessario prevedere una stazione di campionamento per ogni sottobacino individuato.

7.3 Misure effettuate ad ogni campionamento Ad ogni campionamento, contestualmente alla raccolta del campione di fitoplancton e possibilmente del campionamento del macrobentos, sono effettuate le seguenti misure: - profondit di scomparsa del disco di secchi - temperatura, ossigeno disciolto, pH e conducibilit con sonda multiparametrica. Per ciascuna profondit vanno prelevati i campioni dacqua rappresentativi di ciascuno strato e sui quali va effettuata lanalisi delle variabili idrochimiche di base indicate nella tabella dellAllegato V, Paragrafo 1.3.4 della Direttiva 60/2000/CE: - alcalinit totale - azoto ammoniacale - azoto nitrico - azoto totale - fosforo - fosforo totale - silice e dei restanti analiti che sono richiesti per la completa definizione dello stato chimico del corpo idrico (sostanze prioritarie, composti chimici connessi con le pressioni rilevate nel bacino idrografico, ecc.). Lesempio di una scheda di campionamento in cui sono definite le informazioni minime da raccogliere riportata in allegato 1.

7.4 Profondit di campionamento Per ciascuna stazione individuata nella strategia di campionamento, i campioni sono prelevati a profondit discrete con lobbiettivo di descrivere lo stato chimico di strati diversamente omogenei: epilimnio, metalimnio, ipolimnio e mixolimnio.

Campionamento in presenza di stratificazione termica e chimica Lidentificazione degli strati condotta con lausilio della misura della temperatura (laghi dimittici, monomittici, olomittici e polimittici), con lutilizzo anche delle concentrazioni di ossigeno disciolto nei laghi oligomittici, e della conducibilit in quelli meromittici. Econsigliabile che le misure siano effettuate utilizzando una sonda multiparametrica con frequenze di registrazione di almeno 1 m fino alla profondit della zona eufotica (fino ad un massimo di 30 m) e con intervalli non superiori a 10 m per la restante parte della colonna. Dalla lettura diretta delle misure effettuate si potr identificare: - La struttura termica, da cui identificare lepilimnio2. Il termoclinio viene identificato nel punto in cui la temperatura inizia a variare per pi di 1 C/m. Pi delicata, invece,
Si fa notare che in condizioni di copertura di ghiaccio pu verificarsi una stratificazione inversa, ovvero una temperatura pi bassa in superficie che negli strati immediatamente al di sotto di essa. Il relativo salto termico non comunque mai identificato come termoclinio e solitamente tutta la colonna epilimnetica va considerata omogenea dal punto di vista chimico-fisico.
2

lidentificazione del limite inferiore dello strato metalimnetico, da cui inizia lipolimnio, poich la curva termica solitamente ha un andamento parabolico con una lenta diminuzione con la profondit. In questi casi ci si pu aiutare con la curva dellossigeno. Negli ambienti di profondit massima > 50 m in caso di impossibilit di identificare con certezza il metalimnio profondo si pu stabilire come limite inferiore la profondit della zona eufotica3. Per i laghi poco profondi (< 5 m) necessario conoscere la durata del periodo di stratificazione. In alcuni casi, infatti, la stratificazione pu essere interrotta precocemente da cambiamenti repentini delle condizioni climatiche (polimissi), con la conseguente difficolt di identificare i periodi di stratificazione. La distribuzione delle concentrazioni di ossigeno sulla colonna. In talune condizioni di incipiente completa circolazione oppure, molto pi frequentemente, nei laghi oligomittici, si pu osservare una sostanziale omeotermia su tutta la colonna e contemporaneamente variazioni di concentrazione dellossigeno molto elevate. In questo caso il campionamento deve tenere conto della curva dellossigeno per lidentificazione degli strati omogenei. La distribuzione della conducibilit sulla colonna. I laghi meromittici sono caratterizzati sia da una stratificazione termica che da una stratificazione chimica. In questo caso il campionamento deve essere rappresentativo di ciascuno strato.

Effettuata lindividuazione degli strati si procede con lidentificazione delle profondit rappresentative che, in condizioni di stratificazione, possono essere approssimativamente individuate al massimo in 5 strati diversi per i laghi/invasi fino a 15 m: - in superficie (0,5 m); - a 4/5 dellepilimnio (ad es. se il termoclinio a 10 m, il prelievo pu essere fatto a 8 m); - nel centro del metalimnio; - nellipolimnio superiore; - nellipolimnio profondo, ma almeno a 2 m dal fondo. Nei laghi poco profondi (< 5 m) il numero di profondit rappresentative da ridurre al massimo a 3 in tutte le condizioni di stratificazione termica: - in superficie (0,5 m); - nel centro del metalimnio; - nellipolimnio ad almeno a 1 m dal fondo. Nei laghi a profondit intermedia compresa tra 5 e 15 m il numero massimo di profondit rappresentative 4, in condizioni di piena stratificazione, e precisamente: - in superficie (0,5 m); - nel centro del metalimnio; - nellipolimnio superiore (solo in stratificazione); - nellipolimnio profondo ad almeno a 1,5 m dal fondo. Per i laghi/invasi pi profondi (> 15 m) consigliabile differenziare le profondit di campionamento secondo questi criteri:

La necessit di determinare la profondit del metalimnio mediante la misurazione della concentrazione dellossigeno, piuttosto che la verifica del profilo di conducibilit per i laghi meromittici consigliano luso di una sonda multiparametrica che permette leffettuazione di profili in continuo. Anche per la determinazione del profilo dellossigeno per i laghi oligomittici e la verifica della profondit di mescolamento nel periodo di piena circolazione preferibile luso di una sonda per apprezzare la piena circolazione. La migliore soluzione, in questi casi, quella di sonde dotate di cavo telemetrico per losservazione in tempo reale. Anche il calcolo del termoclinio diventa pi agevole con tali strumenti.

10

a) laghi/invasi con profondit minima di 15 m e massima < 50 m sufficiente il prelievo minimo di 5 campioni alle profondit precedentemente indicate; b) laghi/invasi con profondit massima > 50 m. Nei laghi con profondit fino a 200 m consigliabile effettuare il prelievo di un ulteriore campione a met dellipolimnio. Nei laghi pi profondi consigliabile aggiungere unulteriore profondit di prelievo tra 200 m ed una profondit di 50 m dal fondo. In entrambi i casi la scelta della profondit va fatta tenendo conto di criteri che privilegino una buona rappresentativit sulla colonna in base alle concentrazioni di ossigeno ed alla conducibilit, anche se non si ricade nelle condizioni descritte nei punti c) e d). c) laghi oligomittici. In questi casi, tipici di alcuni laghi profondi subalpini, la scelta delle profondit di campionamento dellipolimnio deve specificatamente tenere conto delle condizioni di ossigenazione. Tra lipolimnio superiore e quello profondo consigliabile, effettuare il prelievo alla profondit in cui le concentrazioni di ossigeno divengono inferiori ad 1 mg O2 l-1. Nel caso che ci non succede vale quanto indicato al punto b) d) laghi meromittici. In questi casi, di netta stratificazione chimica, dal profilo di conducibilit va dapprima individuata la profondit del chemioclinio. Il prelievo dei campioni ipolimnetici segue quindi il criterio della stratificazione termica secondo quanto indicato nei punti a) e b), considerando la profondit del chemioclinio come punto pi profondo. Tra il chemioclinio ed il fondo invece consigliabile il prelievo di non meno di 2 campioni, in modo da descrivere lo stato chimico pi superficiale da quello nei pressi dei sedimenti da raccogliere ad almeno 2 m dal fondo.

Campionamento in completa circolazione Accertata la completa omeotermia attraverso la misura della temperatura (laghi dimittici, monomittici, olomittici e polimittici) e lassenza di significative variazioni di concentrazione dellossigeno disciolto (>2 mg O2 l-1) su tutta la colonna dacqua, il prelievo in laghi/invasi con profondit < 50 m pu essere effettuato seguendo questi criteri: - in superficie (0,5 m) - in prossimit del fondo, ma almeno a 2 m dal fondo - alla profondit della zona eufotica. In laghi/invasi con profondit > di 50 consigliabile il prelievo di un ulteriore campione in posizione intermedia tra la profondit della zona eufotica ed il fondo, se la profondit di 200 m, e di due campioni per quelli pi profondi.

7.5 Prelievo di campioni aggiuntivi A volte pu essere importante effettuare dei campionamenti aggiuntivi lungo la colonna, ma pi solitamente tra il fondo ed il centro dellipolimnio. Tale scelta deve comunque rispondere ad esigenze strettamente connesse ad un miglioramento della descrizione dello stato chimico riconducibili generalmente a situazioni di diversa ossigenazione delle acque.

11

8. Procedure Analitiche
8.1 Conservazione del campione I campioni di acqua alle differenti profondit vanno posti in bottiglie di plastica di polietilene o policarbonato. Il campione va conservato al buio ed a 4 C. Il ciclo analitico deve iniziare entro una giornata dal prelievo. Le determinazioni chimico-fisiche di base vanno effettuate entro e non oltre i tempi indicati nei metodi analitici pubblicati dallAPAT & IRSA (2003). Per le sostanze prioritarie e pericolose prioritarie (decisione 2455/2001/CE) si rimanda ai metodi normati per tali sostanze.

9. Qualit del campionamento


Il campionamento delle acque deve tenere conto che la matrice caratterizzata da una intrinseca variabilit delle caratteristiche di interesse, di tipo spaziale (sulle tre dimensioni) e temporale. Al contempo le modalit con cui un programma e/o un protocollo di campionamento sono applicati possono variare in funzione della strumentazione utilizzata nonch delloperatore. Tali fattori incidono sulla qualit del risultato analitico finale e la loro conoscenza consente una migliore interpretazione dei risultati stessi. Per tenere per quanto possibile sotto controllo tali fattori consigliabile: - seguire rigorosamente le specifiche procedure tecniche ed operative inerenti la definizione della strategia di campionamento (localizzazione delle stazioni di campionamento, stratificazione, scelta della tecnica di campionamento, definizione delle caratteristiche del campione da prelevare); - prelevare un numero di campioni sufficiente ad effettuare le elaborazioni necessarie (sulla base dello schema di campionamento prescelto) e di volume idoneo a condurre le misure richieste; - osservare le specifiche procedure operative circa le modalit di conservazione e trasporto dei campioni; - registrare per ogni campione prelevato le informazioni necessarie ad un suo riconoscimento (tracciabilit) lungo tutto il processo di misura (dal campionamento in campo fino alla analisi strumentale); - considerare che, per quanto riguarda la precisione del prelievo, occorre considerare il problema della accuratezza dei dispositivi e delle condizioni di campionamento (corda con indicazione dei soli metri, bottiglia che copre ca. 80 cm di strato, deriva del campionatore per venti e/o correnti, ecc.) con quella dello spessore degli strati da cui prelevare i campioni, in particolare nei laghi poco profondi (< 5 m); - tenere conto che per le sonde multiparametriche esistono dei riferimenti di precisione per alcuni sensori. E quindi opportuno individuare dei criteri oggettivi per la calibrazione di tutti i parametri, evidenziando anche le condizioni operative per raggiungere le precisioni di riferimento. In questo senso una particolare attenzione va rivolta alla velocit di discesa della sonda in funzione dei tempi di equilibrio e di risposta dei sensori utilizzati. Una velocit di 10 m minuto-1, ad esempio, appare sufficiente, nella maggior parte dei casi, a garantire un adeguato rispetto delle velocit di scambio molecolare dellossigeno a livello della membrana dellelettrodo. E invece assolutamente sconsigliabile effettuare calate con velocit discontinue. Fenomeni di contaminazione incrociata dei campioni prelevati sono possibili (ad esempio per luso di tamponi per la calibrazione di elettrodi di pH, oppure per la manipolazione di 12

soluzioni per il funzionamento di sensori ecc.) e possono essere tenuti sotto controllo affiancando al campione primario uno o pi campioni di controllo (bianco di campo) da sottoporre alle stesse procedure previste per il campione primario. Il bianco di campo pu essere costituito da: - acqua priva di contaminanti, fatta passare attraverso il campionatore (del sistema di pretrattamento, ad esempio la filtrazione) durante le operazioni di campionamento e posta nel contenitore selezionato (effetti del campionatore); - acqua priva di contaminanti, posta nel contenitore selezionato prima di accedere alla stazione di campionamento (effetti della manipolazione, del trasporto, del contenitore). Per una stima della ripetibilit delloperazione di campionamento, almeno una volta a scopo indicativo opportuno eseguire delle repliche di campionamento per ciascuna stazione selezionata. Su ogni campione replicato andranno eseguite misure in duplicato secondo un disegno bilanciato che consenta di valutare la ripetibilit della misura nelle sue due componenti (analisi e campionamento).

13

Appendice A
Strumentazione Bottiglie di profondit: dispositivi per lacquisizione di campioni a profondit determinate. Sono disponibili diversi modelli che si differenziano in base alle modalit di chiusura: Bottiglia a strappo. Campionatore che utilizza un meccanismo di chiusura attivato mediante una improvvisa variazione di tensione, trasmessa manualmente, del cavo a cui fissata. Bottiglie di van Dorn e di Niskin . Campionatore il cui meccanismo di chiusura azionato da un messaggero che scorre lungo il cavo. Sonda multiparametrica Strumento multifunzione che consente lacquisizione contemporanea di pi parametri quali: profondit (pressione), temperatura, pH, conducibilit, concentrazione e saturazione dellossigeno, concentrazione della clorofilla. Esistono diverse tipologie di questi strumenti. Le pi semplici sono dotate di sensori con cavi di lunghezza limitata e possono essere immerse nelle bottiglie di profondit4. Altre posseggono cavi pi lunghi e vengono immerse direttamente nel corpo idrico: queste ultime sono dotate di memorie per larchiviazione dei dati o sono interfacciabili con un notebook. Le sonde oceanografiche sono gli strumenti pi versatili e che consentono di raccogliere il maggior numero di informazioni. Sono dotate di sensori di temperatura, ossigeno, conducibilit, pH e pressione. Possono inoltre essere dotate di sensori per il potenziale redox e per la misura della clorofilla fluorometrica5, della radiazione PHAR, di sensori turbidimetrici ecc. Il grande vantaggio delle sonde oceanografiche legato alla possibilit di effettuare dei profili in continuo lungo la colonna dacqua e, con alcuni modelli, di osservare lacquisizione dei dati in tempo reale. Questi strumenti richiedono una manutenzione molto accurata, la taratura prima di ogni campionamento e di uno specifico verricello dotato di contatto rotante per leffettuazione dei profili in ambienti con profondit superiori a 25 m. La qualit delle prestazioni riguarda laccuratezza e la risoluzione dei sensori, nonch la frequenza di campionamento dellelettronica strumentale. Rispetto alla scelta del sensore della clorofilla utile riferirsi a quelle strutture che hanno gi utilizzato le differenti tipologie presenti sul mercato. La norma EN 25814 del 1992 stabilisce per lossigeno il limite di rilevabilit (0-35 C) di 0,0 mg/l, ed unaccuratezza per ossigeno e temperatura di 0,1 C; e 0,1 mg/l, rispettivamente per i due sensori. Disco di secchi Disco bianco metallico di 30 cm di diametro utilizzato per valutare la trasparenza di un corpo d'acqua in base alla sua visibilit in profondit. Il disco viene calato fissato ad un cavo metrato ogni 0,5 m fino a 10 m, ed ogni metro oltre i 10 m.

Va sottolineato che gli elettrodi del pH rilasciano ioni (cloruro e potassio), i tamponi rilasciano nutrienti (fosforo reattivo) e gli elettrodi di ossigeno altre specie chimiche in grado di alterare significativamente i campioni da analizzare. E sempre consigliabile, quindi, non inviare allanalisi campioni di acqua utilizzata per misure con strumenti in tempo reale. 5 Occorre precisare che le misure di clorofilla fluorometrica non sono sostitutive delle analisi spettrofotometriche.

14

Bibliografia
APAT & IRSA. 2003. Metodi di campionamento. In: Metodi analitici per le acque. APAT Manuali e Linee Guida 29/2003. Metodo 1030. Vol. 1: 75-85. APAT. 2007a. Protocollo per il campionamento e lanalisi di fitoplancton in ambiente lacustre. Bozza: 17 pp. APAT. 2007b. Protocollo di campionamento e analisi di macrofite acquatiche in ambiente lacustre. Bozza: 12 pp.

15

Allegato 1 Esempio di informazioni minime da inserire in una scheda di campionamento


Lago/invaso (toponimo) Stazione (toponimo o sigla) Coordinate geografiche della stazione (UTM32-WGS84) Nord Est Data: Meteo: Operatore: Ora: Disco di Secchi: Strumento prelievo: m

Profondit (m) 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30
6 7 6

Temperatura (C)

Ossigeno (mg L )
-1

Profondit (m)
7

Temperatura (C)

Ossigeno (mg L-1)

Profondit obbligatorie per la determinazione del profilo di temperatura. Altre profondit individuate secondo quanto indicato nel metodo di campionamento.

16

17