Vous êtes sur la page 1sur 21

ACCOPPIATORI DIREZIONALI ACCOPPIATORI DIREZIONALI

1 - Accoppiatori direzionali ideali: generalit 2 - Accoppiatori direzionali reali 3 - Applicazioni 4 - Realizzazione di accoppiatori planari

Accoppiatori direzionali

Accoppiatore direzionale ideale Accoppiatore direzionale ideale


Rete a 4-porte Rete a 4-porte passiva passiva reciproca reciproca priva di perdite priva di perdite adattata adattata

1 4

2 3

Dato il regime elettrico della rete (cio le condizioni di alimentazione e di carico), in condizioni ideali, le porte risultano a due a due disaccoppiate E una classe di componenti fondamentali nei circuiti a microonde

Accoppiatori direzionali

Matrice di diffusione di un accoppiatore ideale Matrice di diffusione di un accoppiatore ideale


Reciprocit Adattamento alle porte Assenza di perdite ST = S Sii = 0 STS*= SS*= 1 (matrice identit 4x4) (Sij = Sji)
N.ro elementi distinti 10 6 4

0 S11 S 21 S = 12 S0 13 31 41 S14

S12 S13 0 S0 S23 22 S23 S33 0 32 S0 S34 24 42 43

S14 S0 24 S34 S0 44

a) verificata una sola delle condizioni: a) verificata una sola delle condizioni: S14 = S23 = 0 S14 = S23 = 0 S13 = S24 = 0 S13 = S24 = 0 S12 = S34 = 0 S12 = S34 = 0 b) sono due 2-porte disaccoppiati b) sono due 2-porte disaccoppiati
3

Accoppiatori direzionali

Accoppiatori contro- e co-direzionali Accoppiatori contro- e co-direzionali


1 4 2

Accopiamento controdirezionale Accopiamento codirezionale

S13 = S24 = 0 oppure S12 = S34 = 0 S14 = S23 = 0

Accoppiatori direzionali

Accoppiatore contro-direzionale ideale Accoppiatore contro-direzionale ideale


porta di ingresso seconda porta accoppiata

1 4

2 3

prima porta accoppiata porta disaccoppiata

La porta 1 e la porta 3 sono disaccoppiate: Se viene alimentata la porta 1, la potenza incidente viene completamente trasferita alle porte 2 e 4 e non alla porta 3 Se viene alimentata la porta 3, la potenza incidente viene completamente trasferita alle porte 4 e 2 e non alla porta 1 La porta 2 e la porta 4 sono disaccoppiate
5

Accoppiatori direzionali

Accoppiatore contro-direzionale: matrice di diffusione Accoppiatore contro-direzionale: matrice di diffusione


0 S12 0 S14 S 0 S23 0 S = 12 0 S23 0 S34 S14 0 S34 0
S12 + S14 = 1 S12 + S23 = 1 S23 + S34 = 1 S34 + S14 = 1
2 2 2 2 2 2 2 2

4 parametri complessi distinti


condizione di assenza di perdite: STS*= 1
Simmetria delle porte 1-2 e 3-4, rispetto al trasferimento di potenza

|S12| |= |S34| |= |S12 = |S34 = |S14| |= |S23| |= |S14 = |S23 = 22+ 22= 11 + =
(1 relazione tra i moduli)

0 j e S= 0 j e

e j 0 e j 0

0 e j 0 e j

e j 0 e j 0

2 moduli + 4 fasi
S12S* + S14S* = 0 23 34 * * S12S14 + S23S34 = 0

( + ) ( + ) = 2n
(1 relazione tra le fasi)

la matrice S individuata da

1 modulo + 3 fasi
6

Accoppiatori direzionali

Accoppiatore contro-direzionale: matrice di diffusione Accoppiatore contro-direzionale: matrice di diffusione


0 j e S= 0 j e e j 0 e j 0 0 e j 0 e j e j 0 e j 0
2 + 2 = 1 ( + ) ( + ) = 2n

Ad una prefissata frequenza, spostando i piani di riferimento delle porte, due parametri possono essere resi reali (es. = = 0)

0 S= 0 j e
Accoppiatori direzionali

0 e j 0

0 e j 0 e j 0 0

2 + 2 = 1 + = 2n

In particolare : == 2 = ; = 0
7

Effetto delle simmetrie strutturali Effetto delle simmetrie strutturali


y
1 4 2 3 x

Simmetria della struttura rispetto allasse x: S12 = S34 Simmetria della struttura rispetto allasse y: S14 = S23 inoltre arg(S12) = arg(S14) /2

0 S S = 12 0 S14

S12 0 S14 0 S14 0 S14 0 S12 0 S12 0

indipendentemente dalla frequenza di lavoro

Accoppiatori direzionali

Accoppiatore co-direzionale ideale Accoppiatore co-direzionale ideale


porta di ingresso porta disaccoppiata

1 4

2 3

prima porta accoppiata seconda porta accoppiata

La porta 1 e la porta 4 sono disaccoppiate: Se viene alimentata la porta 1, la potenza incidente viene completamente trasferita alle porte 2 e 3 e non alla porta 4 Se viene alimentata la porta 4, la potenza incidente viene completamente trasferita alle porte 2 e 3 e non alla porta 1 La porta 2 e la porta 3 sono disaccoppiate
9

Accoppiatori direzionali

Accoppiatore co-direzionale: matrice di diffusione Accoppiatore co-direzionale: matrice di diffusione


0 S12 S13 0 S 0 0 S24 S = 12 S13 0 0 S34 0 S24 S34 0
S12 + S13 = 1 S12 + S24 = 1 S13 + S34 = 1 S24 + S34 = 1
2 2 2 2 2 2 2 2

4 parametri complessi
condizione di assenza di perdite: STS*= 1
Simmetria delle porte 1-2 e 3-4, rispetto al trasferimento di potenza

|S12| |= |S34| |= |S12 = |S34 = |S13| |= |S24| |= |S13 = |S24 = 22+ 22= 11 + =
S12S* + S13S* = 0 24 34
* S12S13 + S24S* = 0 34

(1 relazione tra le fasi)

0 S 12 S= S13 0

S12 0 0 S13 e j

S13 0 0 S12 e j

S13 e j j S12 e 0 0

2 parametri complessi + 2 sfasamenti


(Ad una data frequenza, spostando i piani di riferimento delle porte, un parametro pu essere reso reale, e una delle uguaglianze pu essere estesa alle fasi dei coefficienti)
Accoppiatori direzionali
10

Effetto delle simmetrie strutturali Effetto delle simmetrie strutturali


y
1 4 2 3 x

Simmetria della struttura rispetto allasse x: S12 = S34 Simmetria della struttura rispetto allasse y: S14 = S23 inoltre arg(S12) = arg(S13) /2

0 S12 S13 0 S 0 0 S13 S = 12 0 S12 S13 0 0 S13 S12 0


indipendentemente dalla frequenza di lavoro

Accoppiatori direzionali

11

Funzioni di rete: accoppiamento e attenuazione Funzioni di rete: accoppiamento e attenuazione

ACCOPPIAMENTO tra la porta i (ingresso) e la porta j (seconda porta accoppiata). E la funzione di rete che caratterizza l accoppiatore

Pi Cij = 10 log10 P j

a = 20 log10 1 = 20 log10 i bj S ji

ATTENUAZIONE (o perdita di inserzione) tra la porta i (ingresso) e la porta k (prima porta accoppiata).

ai Pi 1 Lik = 10 log10 = 20 log10 = 20 log10 P Ski bk k

Accoppiatori direzionali

12

Condizioni di funzionamento reale di un accoppiatore Condizioni di funzionamento reale di un accoppiatore


Occorre definire altre funzioni di rete che permettono di conoscere le reali condizioni di adattamento, isolamento, direttivit Ad esempio, (con porta disaccoppiata):

P Perdita di ritorno (ad ogni porta) LRi = 10 log 10 i P Ri


Isolamento (tra porte isolate)

I i -

1 = 20 log10 S ii 1 Pi = 10 log10 = 20 log10 P S i


Di S ji = 20 log10 S i
13

Direttivit (Isolamento - Accoppiamento)

Accoppiatori direzionali

Accoppiatore contro-direzionale reale Accoppiatore contro-direzionale reale

porta di ingresso P1(dBm) - LR1 P1(dBm) - C14 P1(dBm)

1 4

prima porta accoppiata

2 3

P1(dBm) - L12 P1(dBm) - I13 = P4(dBm) - D13

seconda porta accoppiata

porta disaccoppiata

Accoppiatori direzionali

14

Classificazione in base all accoppiamento Classificazione in base all accoppiamento


Divisione (in parti uguali) e/o combinazione di segnali elettrici

C = 2 3 dB
Sono principalmente utilizzati a coppie con caratteristiche elettriche identiche Esempi di applicazioni: amplificatori bilanciati mixer bilanciati, mixer a reiezione di immagine filtri di diramazione phase shifter

Accoppiatori direzionali

15

Classificazione in base all accoppiamento Classificazione in base all accoppiamento


Prelievo di una porzione prefissata di segnale da una linea (senza disadattarla o introdurre una attenuazione rilevante) accoppiamento elevato

C ij 20 dB Sij 0.01
La perdita di inserzione risulta trascurabile a tutti i fini pratici :

Sik 0.99 L ik 0.04 dB


2

Sono utilizzati in tutti i casi in cui necessario prelevare da una linea una porzione di segnale senza perturbarne il regime di funzionamento. Esempi di applicazioni: misure di potenza misure di disadattamento controllo automatico di guadagno o di frequenza
Accoppiatori direzionali
16

Schema di una una rete con due accoppiatori a 3 dB Schema di una una rete con due accoppiatori a 3 dB
1 4

R A1

N1 N2

A2

2 3

A1 , A2 accoppiatori direzionali a 3 dB, simmetrici e identici N1, N2 reti a due porte elettricamente identiche C12 = C13 = 3 dB

S12 = S13

1 = 2

S12 S13

e j = = 2 e j = j = j 2
17

Le due trasmettenze non nulle hanno la forma:

Accoppiatori direzionali

Propriet della rete R Propriet della rete R


1 4

R A1

N1 N2

A2

2 3

a b Sia S N = la matrice di diffusione delle reti N1, N2 c d 0 0 La rete R presenta sempre una matrice di diffusione: S R = c a E una rete perfettamente adattata indipendentemente
dalle condizioni di funzionamento di N1 e N2
Accoppiatori direzionali

0 b a 0 d c d 0 0 b 0 0
18

Esempi di applicazione Esempi di applicazione


Amplificatore bilanciato: N1 e N2 sono due amplificatori identici possono essere progettati senza dover scendere a compromessi imposti dalladattamento in ingresso: la rete risulta comunque adattata Poich l accoppiatore di ingresso a 3 dB, N1 ed N2 trattano un segnale con potenza dimezzata rispetto alla potenza complessiva Filtro di diramazione (separa due canali multiplati in frequenza) N1 e N2 sono due filtri passa-banda identici accordati su una frequenza f1 Se alla porta 1 di R incide un segnale il cui spettro presenta due righe a f1 e f2, la componente di frequenza f1 esce dalla porta accoppiata (porta 3 della rete R), la componente del segnale di frequenza f2 esce dalla porta isolata (porta 4 della rete R)

Accoppiatori direzionali

19

Esempi di applicazione (2) Esempi di applicazione (2)


Mixer a reiezione di immagine
RFP DBM IFP

IPD L N A P S F

LQC

LOA

LO

LQC I F F

RFP

DBM

IFP LO = Local oscillator LOA = LO amplifier IFP = IF preamplifier IFF = IF filter IFA = IF amplifier

RF input

PSF = RF preselection filter LNA = Low-noise amplifier IPD = In-phase power divider RFP = RF preamplifier DBM = Doubly-balanced mixer LQC = Lumped quadrature coupler

I F A

IF output

Phase shifter
Accoppiatori direzionali
20

Esempio di configurazione con accoppiatore a 20 dB Esempio di configurazione con accoppiatore a 20 dB


1
linea

linea

3
Terminazione adattata

A un accoppiatore controdirezionale adattato alla linea, inserito in una sezione qualsiasi N elabora un segnale proporzionale (tramite S14) a quello che transita sulla linea

Accoppiatori direzionali

21