Vous êtes sur la page 1sur 16

ERBE OFFICINALI

in Val di Lima Val

Azienda Agricola IL LAGO

QUESTA IN QUESTA PUBBLICAZIONE


Dopo un sintetico Quadro Generale, come breve guida alla classificazione delle piante, si elencano le specie vegetali ad uso officinale presenti sul territorio dell'Azienda Agricola IL LAGO. Troverete descritte, ordinate in ordine alfabetico: ACHILLEA ASSENZIO E ARTEMISIA BARDANA BORRAGINE CALENDULA FRAGOLA GINEPRO IPERICO LAMPONE LAVANDA MELISSA MENTA ORTICA PRIMULA ROSA CANINA ROSMARINO SALVIA TARASSACO TIMO

Pubblicazione promossa da AZIENDA AGRICOLA IL LAGO via di Castello, 9 Casoli Val di Lima - 55050 Lucca con il contributo della L.R. 23/98 Testi tratti da una ricerca sullo stesso tema di Maria Annunziata Bizzarri L'elaborato completo della ricerca di Maria Annunziata Bizzarri liberamente consultabile sul sito Internet

www.agrilago.it
Illustrazioni tratte dalla pubblicazione "Curarsi con Erbe, Radici, Foglie e Fiori" Editrice Velar - Bergamo, 1981 Giugno 2001 Stampa Arti Grafiche Pezzini Editing Animago - Lucca

Val di Lima

QUADRO GENERALE La classificazione delle piante, data la loro enorme variet, pi problematica di quella degli animali. Grazie allopera di studiosi la cui unica occupazione scoprire lordine che lega forme diverse e permette di distinguerle, anche il regno vegetale stato classificato, dal generale alla singola pianta, in: divisioni, sottodivisioni, classi, ordini, famiglie, generi, specie, sottospecie ed in ultimo gli individui. Le denominazioni locali e regionali delle piante, talvolta legate ad immagini fantasiose o alle propriet terapeutiche, sono oggi affiancate da una nomenclatura internazionale. Il riconoscimento della pianta avviene innanzitutto attraverso losservazione della radice, del fusto, della foglia, del fiore o dellinfiorescenza e dei frutti.

La radice La radice la parte sotterranea della pianta la cui funzione ancorarla al terreno e assorbire lacqua con gli elementi minerali disciolti. Pu essere la parte pi attiva, sia per le propriet terapeutiche, sia per la tossicit. Nella classificazione scientifica si distinguono diverse forme di radice: a fittone; fascicolata; radici avventizie.

Il fusto Il fusto lorgano che trasporta nei due sensi le sostanze nutritizie prodotte dalle foglie e assorbite dalle radici. Il suo colore pu essere verde o lignificato. Nelle piante erbacee prende il nome di caule. Il fusto pu essere: aereo, capace di stare autonomamente in posizione verticale, rampicante su sostegni, oppure strisciante; sotterraneo, detto rizoma, sotto la superficie del terreno.

La foglia La foglia lorgano laminare verde di fondamentale importanza nelle piante. Contiene vari pigmenti, tra cui la clorofilla, con la quale capta la luce solare e sintetizza gli zuccheri, le proteine e le altre sostanze, compresa la maggior parte dei principi attivi. Si classificano in base allattaccatura al fusto, alla forma, alle nervature e alla disposizione. Il fiore lorgano di riproduzione della pianta. Si dice ermafrodita se contiene gli organi maschili (stami) e quelli femminili (pistilli). Si dice unisessuato se contiene gli organi sessuali di un solo tipo. Pu essere solitario oppure raggruppato in infiorescenze. Il fiore detto completo quando costituito dal calice, dalla corolla, dagli stami e dal pistillo. Se manca uno di questi elementi detto incompleto.

Linfiorescenza Si tratta di un insieme di fiori, raggruppati su di un asse principale (rachide). A seconda di come i fiori si inseriscono sul rachide abbiamo: il grappolo; la pannocchia; la spiga (grano); lombrella (ciliegio); il capolino (margherita) ; il corimbo (achillea); la cima.

Il frutto Il frutto si forma per lingrossamento dovuto ad accumulo di sostanze di riserva dellovario fecondato. Ha il compito di proteggere e nutrire il seme e di favorirne o rallentarne la maturazione. Pu essere carnoso (ciliegie, albicocca, pesca, mela, pera) o secco (piselli, noci, nocciole).

Erbe officinali

LE ERBE PRESENTI IN AZIENDA ACHILLEA (Achillea millefolium famiglia Composite) Originaria dellEuropa ormai diffusa in molte regioni temperate. Come molte erbe infestanti, cresce rapidamente dal monte al piano, nei prati, lungo i sentieri, negli incolti. La raccolta avviene in estate durante la fioritura. Il nome latino della pianta deriva da Achille: leroe greco, consigliato dal centauro Chirone, ne fece uso per curare un re ferito. In Oriente conosciuta da secoli ed in Cina ha sempre avuto un uso importantissimo nella divinazione (i 50 bastoncini necessari per praticare il metodo divinatorio dellYi Jing erano steli di achillea). Oggi lAchillea usata principalmente nel caso di raffreddori e di influenza, e anche per i suoi effetti sulla circolazione, sulla digestione e sul sistema urinario. Contiene un olio essenziale chiamato Iva, dallaroma simile a quello della menta. In Svizzera molto ricercata per la preparazione di un amaro di nome IvaBitter. I fiori, trasformati per distillazione, vengono usati per diversi problemi di carattere allergico, inclusa la febbre alta. Lolio blu scuro, estratto dai fiori per distillazione mediante vapore, generalmente usato come antinfiammatorio o per frizionare il petto durante i raffreddori e le influenze. Le foglie, da raccogliere nel periodo estivo, favoriscono la coagulazione del sangue, quindi possono essere adoperate fresche per fermare le emorragie dalle ferite e per tamponare la fuoriuscita di sangue dal naso. Un tempo erano usate per alleviare le emicranie. Le parti aeree essiccate (da raccogliere durante la fioritura) sono usate come tonico in presenza di catarro, digestivo, amaro per favorire il fluire della bile e come diuretico. Stimolano la circolazione e possono essere usate contro lipertensione. Sono utili anche per disordini mestruali e per ridurre la febbre mediante la sudorazione. In rari casi lachillea pu provocare un grave esantema allergico alla pelle. Evitarne limpiego massiccio durante la gravidanza poich uno stimolante uterino. Liquore di Achillea - 100gr di fiori di achillea, 50gr di bucce darance amare, 15gr di zenzero, 700gr di alcool, 500gr di zucchero, 3/4 di litro dacqua - In un fiasco mettete a macerare lachillea, le bucce darancia, lo zenzero e Achillea (Achillea millefolium) lalcool. Dopo 15 giorni filtrate una prima volta con un telo per togliere la parte pi corposa e preparate uno sciroppo con lo zucchero e lacqua che poi porterete a bollore per qualche minuto. Unite il tutto e mescolate accuratamente il composto che lascerete riposare per 24 ore. Dopodich filtrate sino a che il liquido diventa ben limpido. ASSENZIO E ARTEMISIA (Artemisia absinthium e Artemisia vulgaris famiglia Composite) Nascono in luoghi asciutti e incolti, lungo strade e viottoli, tra cespugli e ruderi, dal mare al piano montano fino a 1500-2000m. Vengono raccolte durante la fioritura, alla fine dellestate. Queste due specie appartenenti allo stesso genere vengono considerate medicinali sia in Oriente che in Occidente. Gli anglosassoni consideravano lartemisia una delle nove erbe medicinali sacre offerte al mondo dal dio Odino; i Romani ne mettevano rametti nei sandali per prevenire le sofferenze ai piedi nei lunghi viaggi. Lassenzio d il nome ad una bevanda molto alcolica, labsinthe, il cui uso prolungato pu provocare seri disturbi al sistema nervoso, tuttavia procura una tale ebbrezza che pu rendere dipenden-

Val di Lima

ti. Molti personaggi famosi sono stati vittime del delirium tremens provocato da questa bevanda: Verlaine, Edgar Allan Poe. Lassenzio utilizzato per la produzione di molti liquori, come il vermouth. Le parti aeree dellassenzio sono un vermifugo intestinale stimolante dellappetito e dellattivit epatica e uterina (e per questo usate per facilitare il parto). Contengono il Thujone, che conferisce alla bevanda che se ne ottiene la propriet per cui nota. Le parti aeree dellartemisia sono un blando regolatore del sistema nervoso e delle mestruazioni, utile anche per i problemi della menopausa. Rimedio digestivo/amaro che pu essere usato in caso di raffreddore o febbre. In Oriente i bastoncini derba essiccata (ai ye) vengono usati nellagopuntura per togliere il freddo e lumidit. Vanno raccolte durante la fioritura, alla fine dellestate. BARDANA (Arctium lappa famiglia Composite) comune nei luoghi abitati, in strade ampie e stradicciole, tra le macerie, nei terreni incolti dal mare al piano montano, in tutta Italia. Fiorisce da luglio a settembre. Per alcuni una pianta infestante, per altri un ortaggio. La bardana nota per i piccoli uncini dei fiori, con cui aderisce agli abiti o al vello degli animali. Era tradizionalmente un depuratore del sangue, ed era usata per ridurre i problemi dindigestione. In Cina i semi noti come niu bang zi vengono adoperati per disperdere i demoni rappresentati dal vento e dal calore e per abbassare la glicemia. In Giappone coltivata per le sue radici ricche di fibra, consumate come ortaggi. La radice (raccolta in autunno) considerata dagli erboristi occidentali come la parte pi pregiata, e la usano come depuratore contro gli eccessi di tossine che causano problemi di pelle, difficolt di digestione o dolori artritici. Usata anche esternamente per eruzioni della pelle e infezioni. Le foglie grandi, generalmente meno efficaci della radice, possono venire utilizzate in modi simili, in particolare nei disturbi gastrici. Vanno raccolte prima o allinizio della fioritura. Gli eclettici americani usano i semi per malattie della pelle e come diuretico. In Cina si pensa che i semi siano adatti a curare il raffreddore, il mal di gola e la tosse. Vanno raccolti quando sono maturi, alla fine dellestate. unottima verdura selvatica: i suoi giovani butti si possono mangiare in insalata o cotti come gli asparagi. Il fusto, il cui sapore ricorda il cardo, viene cotto in acqua salata, tolta la scorza si aggiungono le costole delle foglie, quindi viene servito con la salsa verde o con la salsa bianca. BORRAGINE (Borrago officinalis famiglia Borraginacee) Originaria della Siria, cresce in tutta Italia dal mare al piano sub-montano, nei luoghi coltivati, nelle siepi, nei ruderi. Fiorisce dalla primavera allautunno. La raccolta si effettua durante il periodo vegetativo. Alcune popolazioni dellEuropa centrale la chiamano pianta del buonumore, per la propriet di combattere la depressione e gli stati dangoscia, dovuta alla sua azione depurativa e diuretica. La ricerca moderna ha riconosciuto questa pianta come stimolante delle ghiandole surrenali, che favorisce la produzione di adrenalina (ormone che d la carica e aiuta lorganismo in situazione di stress). Le foglie possono essere utilizzate: come tonico adrenalinico anti-stress o per controbilanciare gli effetti di una terapia a base di steroidi; per le tossi irritanti; per stimolare la montata lattea. Pu essere prescritto negli stati febbrili, in presenza di pleurite o pertosse. I fiori blu della borragine venivano aggiunti alle insalate per conferire letizia alle menti (nella tradizione popolare si aggiungevano al vino per indurre luomo a sposarsi) ed erano usati anche negli sciroppi per la tosse. Lolio estratto dai semi una valida alternativa allolio di primula per i disturbi reumatici o mestruali ed indicato in presenza di eczemi. Il succo ottenuto dalle foglie fresche utile contro la depressione o langoscia, e come lozione calmante per il prurito causato da pelle secca. Frittata di Borragine - Si prendono delle foglie giovani di borragine, si lavano e si lessano in acqua fredda. Quando sono ammorbidite si estraggono dallacqua, si tagliano finemente e si saltano in padella con un po dolio extra vergine doliva e un po daglio. Quando il tutto sar insaporito si lascer raffreddare. Si sbattono delle uova con un pizzico di sale e di pepe a cui uniremo la borragine con una

Erbe officinali

manciata di parmigiano. Il preparato si versa in una padella con olio gi caldo. CALENDULA (Calendula officinalis famiglia Composite) Diffusa in tutta Italia, cresce spontaneamente in campi e prati ed coltivata nei giardini. Si raccolgono i fiori dallinizio dellestate fino alla fine dellautunno. I fiori, di colore giallo dorato, sono i preferiti dagli erboristi. Nel XII secolo lerbario di Macer consiglia di guardare la pianta per migliorare la vista, purificare la mente e stimolare lallegria. Al tempo di Culpeper veniva assunta per rinforzare il cuore ed era ritenuta efficace contro vaiolo e morbillo. Nel Medioevo era utilizzata per colorire le zuppe e le salse e veniva applicata a ferite e cicatrici per le sue propriet terapeutiche. Le foglie venivano un tempo utilizzate nei cataplasmi per i gonfiori caldi in malati di gotta. I preparati ottenuti con i petali sono utili nelluso esterno, per la cura di ulcere, screpolature, piaghe anche purulente, foruncolosi e irritazioni cutanee. Possono essere ingeriti per molti disturbi ginecologici, negli stati febbrili, nei casi di intossicazione e per stimolare il fegato. Lolio essenziale unefficace antimicotico utilizzato nelle affezioni vaginali e nei rimedi per la pelle. Pu combattere ansia e depressione aggiungendone 5-10 gocce allacqua del bagno. FRAGOLA (Fragaria vesca famiglia Rosacee) La fragola selvatica cresce nella zona submontana e alpina in tutta Italia, nei boschi ombrosi e umidi (quella a frutto grosso largamente coltivata). I frutti maturi si raccolgono in estate. Per le foglie si consiglia la raccolta durante la crescita. Le foglie sono un leggero astringente contro la diarrea e i disturbi digestivi, diuretico e depurativo. Unite allolmaria e alliperico alleviano i dolori dellartrite, con il seme di sedano sono utili contro la gotta. Hanno propriet calmanti per le pelli irritate: aggiungendo una manciata di foglie nellacqua calda del bagno si d beneficio alle pelli sensibili ed infiammate. La radice (con rizoma) utile nei casi di insufficienza epatica, nei reumatismi e nelle calcolosi. Per le infiammazioni delle mucose della bocca si possono fare gargarismi con il decotto di rizoma. Il frutto indicato per: astenie, anemie, artrite, gotta, arteriosclerosi, ipertensione, affaticamento del fegato, intossicazioni. Per secoli le fragole sono state adoperate per schiarire la carnagione e per eliminare le lentiggini. I frutti schiacciati sono un rimedio demergenza per trattare modeste scottature solari, servono anche come tonico per il fegato. Il succo ha propriet antibatteriche e in passato era somministrato contro il tifo. Ratafi di Fragole di Bosco - 1kg di fragoline di bosco mature, 1kg di zucchero, 1 lt di alcool a 90, 0,5 lt di acqua - Pestare le fragole con lo zucchero e mettere la pasta ottenuta a macerare con lalcool per 10 giorni. Quindi aggiungere lacqua, mescolare energicamente e continuare la macerazione per altri 10 giorni. Filtrare con una garza o tela sottile spremendo bene il residuo solido. Lasciar riposare due giorni, imbottigliare filtrando attraverso carta. Tappare con cura e invecchiare per qualche settimana. GINEPRO (Juniperus communis famiglia Conifere) una pianta indigena dItalia. Cresce lungo i pendii collinari e montani. Nei terreni magri prende le forme di un cespuglio, mentre nelle vallate e nei giardini assume laspetto di un alberello. Si utilizzano i rametti fogliosi e soprattutto le coccole raccolte in autunno scuotendo la pianta. Queste vengono fatte essiccare in luogo ventilato evitando la formazione di muffe. Il nome sembra derivare dal celtico Juneprus, che significa acre, riferito al sapore della pianta. Lolio di ginepro sabino era considerato stimolante ed emmenagogo, utilizzato come abortivo e come protezione contro i sortilegi. In una pubblicazione del 1621 (Curioso discorso intorno alla cerimonia del ginepro) si riporta che il ginepro, benedetto dalla Vergine, forn il legno della croce e protesse la fuga del profeta Isaia, questo gli confer potere contro le Forze del Male e perfino contro i morsi dei serpenti (simbolo del peccato). Gli erboristi medievali lo usavano per scacciare gli spiriti maligni e disinfettare laria quando divampava-

Val di Lima

no pestilenze. Veniva associato alla purificazione e lo si impiegava al Solstizio dInverno, simbolo della rinascita del Sole. I contadini irlandesi bruciavano piante di ginepro in rituali per tenere lontane le malattie. Molte ricette mediche sono sopravvissute da papiri egizi datati 1550 a.C. Le bacche mature, di colore blu, sono utilizzate per curare infezioni dellapparato urinario e vengono prescritte per eliminare i cataboliti nel caso di artriti e di gotta. Riducono le coliche e la flatulenza, stimolano la digestione, favoriscono le contrazioni uterine durante il parto. Lolio essenziale, ottenuto distillando a vapore le bacche mature, un rimedio popolare per uso esterno contro dolori artritici e muscolari. Per uso interno aumenta leliminazione dei cataboliti attraverso i reni; efficace contro molti batteri. Lolio distillato dal legno anche conosciuto come catrame del ginepro. Contiene fenoli ed ha una lieve azione disinfettante, applicato per uso topico soprattutto per curare problemi cronici della pelle come eczema e psoriasi. In dosi elevate i frutti possono provocare irritazioni allapparato urinario. sconsigliabile luso per applicazioni interne per pi di sei settimane, vietato a chi soffre di malattie renali e alle donne in gravidanza perch uno stimolante uterino, mentre pu essere assunto durante le doglie. Cura di Ginepro - una cura molto semplice per trattare: arteriosclerosi, oppressione cardiaca, emicrania, nervosismo e dolori renali. Si masticano i frutti senza inghiottirli, terminata la masticazione si sputa la buccia. Il primo giorno si mangeranno 4 bacche, il secondo 5, il terzo 6 e cos fino a 15. Quindi, al tredicesimo giorno, si decrescer fino alle 4 bacche iniziali. La cura termina quando si ripetuta quattro volte loperazione. Il consumo delle bacche va ripartito nellarco della giornata. IPERICO (Hypericum perforatum famiglia Ipericacee) Cresce nei campi incolti, nelle boscaglie, lungo i fossi, dal mare al piano montano di tutta Italia. Fiorisce in primavera-estate. Le sommit fiorite (raccolte a giugno nei giorni di sole) curano le affezioni polmonari come le bronchiti e lasma, sono utili nelle alterazioni della funzione digestiva, nella cura delle cistiti, nella ritenzione dei liquidi e nelle febbri intermittenti. Sono adatte come tonico del sistema nervoso, ideali per lansia e lirritabilit, specialmente durante la menopausa. Sono utili anche nel caso di esaurimento cronico, e possono alleviare i dolori interessanti i nervi come la sciatica e le nevralgie. Lolio di iperico preparato con gli apici dei fiori. Si tratta di un infuso di color rosso sangue, ottenuto mediante macerazione dei fiori al sole per alcune settimane in olio di cartame (o girasole o noce). Viene utilizzato localmente contro le scottature, le infiammazioni della pelle, dei muscoli, dei tessuti connettivi e per le nevralgie. Questerba pu provocare dermatiti in caso di esposizione al sole dopo averla ingerita, oppure dermatiti da contatto quando si tocca la pianta in giornate umide ma soleggiate. detta anche di San Giovanni, poich tradizionalmente veniva raccolta la notte di San Giovanni (24 giugno) a mezzanotte, il momento in cui acquistava la massima potenza. Il nome latino perforatum deriva dalla disposizione delle numerose glandole che si trovano nel lembo fogliare, somiglianti a buchi. Questa caratteristica unita al colore rosso della resina, che riempie le glandole del calice e dei petali, sugger a Paracelso nel XVI secolo che si trattasse, per il principio della somiglianza, di una pianta con virt medicinali specifiIperico (Hypericum perforatum) che per le ferite e le piaghe. Gi ai tempi dei greci si riteneva che avesse propriet magiche, come la capacit di scacciare gli spiriti malefici, ed era consuetudine farne bere linfuso ai malati di mente. Infatti venne anche chiamato fuga daemoniorum, perch si pensava che il suo profumo simile allincenso scacciasse gli spiriti delle tenebre e le streghe (per questo, raccolto in mazzi, veniva appeso alle pareti di stalle e case). Portare un mazzetto durante le notte di San Giovanni teneva lontani

Erbe officinali

incantesimi e sortilegi. Liquore di Iperico - 80gr di fiori essiccati di iperico, 2 lt di acquavite (40-50), 2 limoni tagliati a pezzi - Far macerare i fiori nellacquavite, in un barattolo di vetro ben chiuso per 15 giorni, al sole o in un luogo caldo. Filtrare e aggiungere 150gr di zucchero, scuotere bene affinch lo zucchero si sciolga. LAMPONE (Rubus idaeus famiglia Rosacee) In Italia il lampone si trova con frequenza nelle boscaglie, nelle radure ombrose, dalla collina alla montagna. In certe zone coltivato. Si raccolgono i frutti in luglio e agosto quando sono maturi, i fiori e le foglie prima della fioritura (giugno). Chiamato anche mora rossa nel linguaggio popolare, il lampone un rovo selvatico comunissimo i cui frutti, in modo particolare quelli coltivati, si distinguono per il gusto gradevole e per laroma. Era coltivata gi nel Medioevo e usata sia come frutto che come medicinale; un ottimo lassativo e diuretico e viene impiegato come aromatizzante in molti preparati, ad esempio gli sciroppi per bambini. La pianta del lampone in passato era uno dei pi comuni rimedi casalinghi. Laceto di lampone veniva utilizzato nelle infiammazioni della gola e per la tosse; le foglie in infusione per la diarrea o come cataplasmi per le emorroidi; lo sciroppo di lampone serviva per prevenire la formazione del tartaro sui denti. Gerard considerava il frutto caldo temperato e per questo pi indicato per lo stomaco della fragola, che poteva provocare un eccesso di raffreddamento. Le foglie, assunte alla fine della gravidanza e durante il parto, sono un efficace stimolante uterino, grazie alla presenza della fragarina. Hanno propriet astringenti, diuretiche, lassative e digestive, sono utili nelle ferite, nelle infiammazioni della gola e nelle ulcere boccali, nei disturbi renali, nella stipsi e nelle mestruazioni dolorose. Sono state incluse tra i rimedi contro i reumatismi, come depuratori diuretici. I frutti sono particolarmente ricchi di vitamina C oltre che di Lampone (Rubus idaeus) glucidi e sali minerali. Possiedono spiccate propriet rinfrescanti e lassative. Svolgono inoltre unazione antinfiammatoria e protettrice dei vasi sanguigni. Il succo di lampone, unito a quello di ribes, d uno sciroppo che pu essere utilizzato come rinfrescante ed consigliato nella scarlattina, nel morbillo, negli imbarazzi intestinali, nelle infiammazioni urinarie e nelle febbri biliose. Grappa al Lampone - 2 manciate di lamponi, uno strato di miele, 2 chiodi di garofano, un pizzico di cannella, 1 lt di grappa - Porre sul fondo di un vaso di vetro due manciate di lamponi ben maturi. Versate, fino a ricoprirli del tutto, del miele precedentemente riscaldato a bagnomaria, aggiungete un paio di chiodi di garofano e un pizzico di cannella. Quindi versate la grappa secca. Ponete il vaso chiuso a macerare senza rimestare. Dopo 40 giorni sar pronta. Aceto di Lampone - Immergete 500gr di frutti in 1 lt di aceto di vino per due settimane. Quindi filtrate. Questo liquido, spesso e rosso, pu essere aggiunto ai preparati contro la tosse o usato come collutorio per curare le infiammazioni della gola. LAVANDA (Lavandula famiglia Labiate) una pianta rustica e resistente allo stato spontaneo, cresce sulle colline aride e sassose dellItalia

Val di Lima

Meridionale. coltivata in ampie distese a scopo industriale, ma si trova anche negli orti e nei giardini. Le varie specie di lavanda esistenti mostrano le medesime propriet medicinali. La fioritura in giugnoluglio, il periodo pi adatto per la raccolta delle infiorescenze. Catalogata tra le erbe medicinali pi popolari dai tempi antichi, viene usata come espettorante e antispasmodico nella medicina araba, mentre nella tradizione europea considerata utile per le ferite e un rimedio contro la parassitosi nei bambini. Negli erbari medievali abbondano i riferimenti allacqua di lavanda. Pare che trascorrere molto tempo a contatto con le essenze desse pi probabilit di sopravvivere alle epidemie. Alcune autorit religiose condannavano la pratica come frivola o addirittura immorale. Nelluso casalingo le infiorescenze di lavanda (a mazzetti o chiuse in sacchetti di garza) si mettono tra la biancheria per profumarla. Un tempo questa usanza era parte di un rituale: particolare doveva essere la posizione del sacchetto e la cucitura che lo chiudeva. Talvolta i sacchettini venivano portati al collo come portafortuna. Viene usata anche come insetticida contro pidocchi e tarme. Nel XVIII secolo veniva usata contro le malattie nervose. Lolio essenziale di lavanda uno dei pi aromatici ed utile nella cura di molti disturbi, sia per uso interno che esterno. antispasmodico, ma eccitante se preso a dosi eccessive, analgesico e calmante delleccitabilit cerebro-spinale, un ottimo antisettico e battericida, diuretico e sudorifero. Inoltre un buon tonico, ha propriet antireumatiche, utile contro le emicranie, aumenta la secrezione gastrica ed un ottimo vermifugo. Esternamente ha propriet cicatrizzanti, antisettiche, parassiticide ed insetticide. Meno potenti dellolio essenziale, i fiori sono utili per esaurimenti nervosi, mal di testa, coliche e disturbi digestivi. Si consiglia di raccoglierli verso la fine della fioritura, quando i petali iniziano ad appassire. Biscotti alla Lavanda - Amalgamate 125gr di burro con 100gr di zucchero, un uovo sbattuto, 150gr di farina, un cucchiaio di fiori di lavanda essiccati e una punta di lievito in polvere. Impastate e spianate la pasta, poi ricavatene i biscotti con delle formine. Disponete i biscotti sulla placca del forno imburrata e cuoceteli a 170 C per 15-20 o finch non saranno ben dorati. Acqua di Lavanda - Mettete 200/500gr di fiori di lavanda, in un litro di alcool o di acquavite a 45 in infusione per un mese (minor tempo per quantit minori). Aggiungete alcune gocce di essenza di limone e di cedro, dopo aver filtrato. Lasciare riposare ancora una settimana. Questacqua pu fortificare i muscoli, eliminare i dolori reumatici, guarire le distorsioni e lenire infinite piccole affezioni della pelle. MELISSA (Melissa officinalis famiglia Labiate) Cresce spontaneamente in tutta Italia nei luoghi freschi e ombrosi. Si utilizzano le foglie e le sommit fiorite, raccolte nel periodo estivo. Le sue propriet sono apprezzate fin dallantichit: gli arabi nel X secolo la consideravano un buon tonico, capace di dissipare tristezze e malumori. associata da sempre alle api (il nome melissa deriva dal greco e significa ape da miele) e le vengono riconosciute le stesse propriet curative e toniche del miele e della pappa reale. Era apprezzata in tutto il medioevo come elisir della giovinezza. Paracelso aveva ideato un preparato, chiamato primum ens melissae, che rinnovava la giovent. Le foglie sono adatte contro la depressione e la tensione, e sono anche carminative, ideali per chi soffre di disturbi dellapparato digerente in stato di collera o di ansia. La melissa rinfrescante, indicata nel caso di raffreddori con febbre. Le foglie fresche possono essere aggiunte, in piccole quantit e finemente tritate, alle insalate e alle minestre, oppure impiegate per preparare un t rinfrescante o per aromatizzare bevande dissetanti. Per uso esterno sono utili sulle infiammazioni o sugli edemi dolorosi. Si consiglia la raccolta prima della fioritura. Lessenza concentrata ha le stesse propriet delle foglie ma molto pi attiva. Poche gocce creano un potente antidoto alla depressione. difficile da ottenere commercialmente e spesso adulterata con olio di limone o erba limoncina. Lessenza pura ritenuta stupefacente, ma poco tossica. In piccola quantit causa torpore e rallenta le pulsazioni cardiache. Elisir di Melissa - 100gr di foglie di melissa, 1 lt di alcool a 90, 100gr di zucchero, 300 ml di acqua -

Erbe officinali

10

Fate macerare per 15 giorni le foglie fresche di melissa con lalcool in un vaso a tenuta ermetica, agitandolo periodicamente. Il sedicesimo giorno filtrare con una garza le foglie e strizzarle bene. Intanto a fuoco basso sciogliere lo zucchero nellacqua e togliere dalla fiamma al primo bollore. Far raffreddare lo sciroppo ottenuto, quindi unirlo allalcool. Mescolare bene e imbottigliare, tappando accuratamente. Pu giovare a cefalee e insonnia. Per gli adulti consigliato un bicchierino, per i bambini sopra i sei anni 2-3 gocce su una zolletta di zucchero quando sono irrequieti per disturbi o piccoli malesseri. MENTA (Mentha famiglia Labiate) Largamente coltivata in Italia, specie nel Nord, e in Inghilterra, dove popolarissima come condimento. Si utilizzano le foglie e le sommit fiorite. Si raccoglie nel periodo estivo e si essicca in luogo ombroso e ventilato. Una mito greco vuole che Proserpina, dea delle messi, per gelosia dellamore che Ade, dio degli inferi, nutriva per la ninfa Minte, trasformasse la rivale in una pianta profumata, la menta. In Cina erano gi conosciute nellantichit le sue propriet calmanti e antispasmodiche; i greci e i romani le attribuivano poteri afrodisiaci. Veniva coltivata nei monasteri come pianta medicinale per le sue qualit antispasmodiche; offrire una bevanda calda alla menta era segno di benvenuto per viandanti o ospiti. Le foglie, da raccogliere poco prima della fioritura, sono uno stimolante del sistema nervoso ed un tonico in generale. Rilassano la muscolatura liscia dellapparato digerente e stimolano il flusso biliare, perci sono utili per la digestione, la flatulenza, le coliche e disturbi simili. Riducendo la nausea sono utili per il mal di mare, dauto e daereo; favoriscono la sudorazione durante la febbre. Sono un efficace emmenagogo. Lolio della menta piperita contiene grandi quantit di mentolo. In dosi elevate un analgesico e un calmante. anche rinfrescante, adatto per i disturbi della pelle, della febbre o per lemicrania dovuta al sovrariscaldamento. Antibatterico, pu aiutare a combattere le infezioni. Usato come inalante libera la congestione nasale, ma opportuno evitarne luso prolungato (pu irritare le mucose), e non dovrebbe essere somministrato ai bambini per pi di una settimana consecutiva. Durante lallattamento deve essere assunto con prudenza per uso interno, infatti pu ridurre il flusso del latte. T di Menta - Si pone un cucchiaino di foglie di menta essiccate in una tazza e si versa sopra dellacqua bollente. Si lascia riposare per 10, si filtra e si serve. Ha propriet digestive e rinfrescanti, soprattutto destate. Rosolio Di Menta - 300gr di menta, 15gr di melissa, 8gr di zenzero, 5gr di macis, 1,5 lt di alcool a 95, 1,5 kg di zucchero, 1,5 lt di acqua - Si pestano insieme tutte le droghe e si pongono in un vaso a tenuta ermetica. Si versa sopra lalcool e 0,5 lt di acqua. Si tappa e si ripone al buio per 8 giorni, scuotendo con cura almeno due volte al giorno. A caldo si prepara uno sciroppo con lo zucchero e lacqua restante. Quando ben freddo, si filtra lalcool aromatizzato dal residuo vegetale per tela sottile, strizzando bene, e si mescolano i due liquidi. Si imbottiglia e si tappa con cura. Prima di servire attendere almeno due mesi. ORTICA (Urtica dioica famiglia Urticacee) Diffusa in tutta Italia, predilige i terreni ricchi di sostanze azotate. Si utilizzano le piante giovani e le loro foglie, raccolte in primavera-estate e fatte essiccare allombra. Si impiegano pure il rizoma e le radici estirpate in autunno, fatte essiccare in luogo ombroso. Attenzione: i semi non devono essere consumati. Lortica conosciuta per il fastidioso sistema difensivo: lacido formico e listamina contenuti nei suoi peli urticanti inducono la comparsa della ben nota allergia. Esistono specie pi moleste, come lUrtica urens o altre provenienti dal Bengala, che producono un tale dolore al solo toccarle da causare svenimenti e altri gravi sintomi che durano parecchi giorni. Con lo stelo in passato si producevano fibre tessili, oggi non pi, mentre la pianta trova impiego in terapia e per lestrazione di clorofilla. Lortica pu essere consumata come una qualsiasi verdura: bollita, infatti, perde le sue propriet irritanti ed ha un sapore gradevolissimo. Nel medioevo era utilizzata come revulsivo contro i reumatismi, la paralisi, limpotenza e per provocare il ritorno dei mestrui. Linfuso era prescritto contro i reumi, la rosolia, lasma, la gotta. La decozione della

Val di Lima

radice era impiegata dai contadini nelle renelle e nellidropisia. I Romani flagellavano con ortiche le articolazioni reumatiche e sfregavano le foglie sul corpo per riscaldarsi durante gli inverni rigidi: lirritazione provocata dallacido formico contenuto nei peli urticanti stimola la circolazione sanguigna. Le varie specie di ortiche sono ancora adoperate in medicina per ottenere un tonico depurativo primaverile e come ortaggio nutriente (previa bollitura) se raccolte quando le foglie sono tenere. Alcuni contadini preparano pastoni per galline (per aumentare la produzione di uova) utilizzando le foglie tenere tritate. In agricoltura biologica un macerato dortica da spruzzare sulle piante serve come anti-parassitario. Le foglie sono ricche di sali minerali; le parti aeree sono un efficace tonico per lanemia; lalto contenuto di vitamina C assicura che il ferro venga assorbito in modo adeguato. Eliminano lacido urico, perci possono alleviare la gotta e le artriti. La loro azione astringente blocca le emorragie. Si raccomanda la raccolta mentre sono in fiore. La radici, da raccogliere in autunno, sono tradizionalmente usate per prevenire la caduta dei capelli e per la forfora. Bollite in un po daceto sono un tonico del cuoio capelluto. Per frizioni contro la caduta dei capelli si pu usare un macerato di 50gr di radice dortica, 50gr di rosmarino in 1 lt di acquavite. Minestra di Ortica - Fare rosolare una cipolla in un po di olio, quindi aggiungere 500gr di foglie di ortica e continuare la cottura per 10. Aggiungere una patata tagliata a pezzetti, un po di basilico e di timo, un chiodo di garofano, 1 lt di acqua e sale. Cuocere per 30, quindi passare il tutto al passaverdura e aggiungere 4 noci di burro; cuocere ancora 10 e servire con crostini e parmigiano. PRIMULA (Primula famiglia Primulacee) Si trova nelle Alpi, nellAppennino settentrionale e centrale, predilige luoghi erbosi e boschi. Si utilizzano le foglie, i rizomi con le radici, raccolti in inverno e essiccati in luogo ombroso e ventilato, e i fiori con il calice, colti prima che si schiudano, essiccati allombra. Il nome deriva dal latino primus, essendo il primo fiore che compare in primavera. Una leggenda nordica narra che il fiore nacque nel punto in cui S.Pietro fece cadere le chiavi, da cui i nomi francesi, tedesco e inglese: clef de St. Pierre, key of heaven, Schlusselblumen. Nel XII secolo era consigliata da Ildegarda Von Binden come rimedio contro la malinconia. Veniva anche somministrata contro la cefalea e linsonnia. Nei vecchi manuali la primula considerata una pianta sacra alla luna, che per questo procurerebbe sonni tranquilli e sogni veritieri a chi la porta indosso. I fiori hanno propriet diverse rispetto alla radice. I petali sono molto sedativi, ideali per gli stati di sovreccitazione o descritti da Gerard come frenetici. Sono astringenti e facilitano la sudorazione; possono essere usati per i raffreddori con febbre, mal di testa e congestione nasale. Devono essere raccolti in primavera. La radice era un tempo un rimedio popolare per lartrite, oggi viene utilizzata per la tosse di petto, come la bronchite Primula (Primula) cronica. Serve a stimolare e riscaldare i polmoni e pu essere molto efficace nel caso di catarro mucoso e bianco, indice di una condizione fredda. I soggetti allergici allaspirina devono evitare la radice. Luso va limitato in caso di gravidanza, in quanto uno stimolatore uterino. Decotto per la Pertosse - 1 cucchiaino da caff di radice di primula - Far bollire la droga per due minuti

11

Erbe officinali

12

in una tazza dacqua, spengere e fare riposare per dieci minuti prima di filtrare. Berne 3 tazze al giorno tra un pasto e laltro. ROSA CANINA (Rosa canina famiglia Rosacee) diffusa nelle regioni temperate. In Italia si rinviene con facilit lungo siepi e sentieri, nelle radure, nelle macchie, ai margini degli incolti fino a 1.500 metri daltezza. Si utilizzano le foglie, ma soprattutto i fiori in bocciolo o aperti, che vengono essiccati in luogo ombroso e ventilato e conservati in vasetti di vetro. Si utilizzano anche i falsi frutti, che possono essere essiccati artificialmente o colti dinverno quando i primi freddi ne hanno resa morbida la polpa. I falsi frutti raccolti freschi vanno aperti a met e privati degli acheni pelosi in essi contenuti. Da secoli la rosa cantata per la sua bellezza e per la soavit del suo profumo. Nellantico Oriente gi si estraeva dai petali lolio odoroso usato per la produzione di profumi e della ben nota acqua di rose. Secondo un detto le rose fanno bene alla pelle e allanima. Esse in effetti hanno una lunga tradizione di impiego in medicina. Ai tempi dei romani la rosa selvatica, o canina, veniva raccomandata contro i morsi dei cani rabbiosi. I frutti, importante fonte di vitamina C, vengono ancora utilizzati nei t commerciali, negli sciroppi e nelle bevande a base di frutta. Il decotto dei frutti viene utilizzato per curare gli stati dangoscia. Essendo ricchi di altre vitamine, oltre alla C, sono preziosi contro lo scorbuto e nei casi di avitaminosi. Le foglie venivano un tempo utilizzate come sostituti del t. Linfuso di foglie viene utilizzato per lavare le piaghe, le scottature e le ulcere, dato il potere cicatrizzante e disinfettante. I petali hanno propriet astringenti, toniche, e possono essere utilizzati contro la diarrea. A questo proposito si pu preparare un infuso con 10gr di petali in 1/2 lt di acqua, utilizzabile anche per gargarismi nei casi di mal di gola. Il succo ricavato dalla spremitura dei petali pu essere utilizzato come collirio. Il suo gradevole sapore acidulo lo rende gradito per essere consumato sotto forma di t. Marmellata di Petali di Rosa - 1,3 lt di acqua, 1,5 kg di zucchero, un limone, petali di 20 rose Sciogliere in 1,3 lt di acqua 1,5 kg di zucchero su fuoco moderato. Quando sta per bollire aggiungere il succo di limone e i petali di rosa. Cuocere a fiamma bassa fino a che i petali non saranno diventati trasparenti (circa 20). Sciroppo di Rosa Canina - 200gr di petali di rosa appena colta, 50gr di alcool a 90, 900gr di zucchero, un bicchiere dacqua - Sul fuoco basso preparare uno sciroppo denso con lacqua e lo zucchero e far bollire per 20. Nel mortaio pestare accuratamente i petali di rosa con lalcool. Unire allo sciroppo il succo dalcool e rose passato attraverso una garza. Mescolare e continuare a cuocere per qualche minuto. Imbottigliare a caldo e tappare non appena si sar freddato. Si usa come dissetante allungato con acqua e ghiaccio oppure per farcire torte o preparare il sorbetto di rose. ROSMARINO (Rosmarinus officinalis famiglia Labiate) Si trova nei luoghi arenosi lungo il mare in tutta lItalia. largamente coltivato negli orti ad uso culinario. Predilige posizioni assolate e costiere. Le foglie e i rametti si raccolgono durante tutto larco dellanno e si utilizzano freschi. Per il suo gradevole profumo il rosmarino ha conquistato un posto importante nella nostra cucina e compare in numerosissimi piatti ed intingoli. In erboristeria utilizzato per le sue propriet stimolanti. La regina Elisabetta di Ungheria, nata nel 1300, figlia del re di Polonia e moglie di Carlo Roberto dAngi, rilasci una dichiarazione: Io donna Elisabetta, avendo raggiunto let di settantadue anni, molto malata, soprattutto di gotta, ho usato per un anno intero la sapiente ricetta, che ho ricevuto da uneremita che non ho

Rosmarino (Rosmarinus off.)

Val di Lima

mai visto n potuto vedere; mi ha fatto tanto bene che sono subito guarita e ho recuperato energie e ognuno mi giudica sana. La ricetta era un alcoolato di rosmarino, conosciuto in seguito come acqua della regina dUngheria. Fu proprio allora che lalchimista e mistico catalano Raimondo Lullo distill per la prima volta lessenza di rosmarino. Nel Medioevo veniva coltivato nei giardini e nei conventi. Si riteneva che avesse il potere di proteggere dagli spiriti maligni e per questo era largamente usato in occasione di matrimoni e funerali. Il suo aspetto sempreverde laveva eletto a pianta della fedelt coniugale, capace in un sublime anelito di superare anche la morte. La pianta un tonico per eccellenza, un completo stimolante ed dotata di benefico effetto energetico. Gerard afferma che conforta il cuore e lo rende felice. Le parti aeree, raccolte fresche durante tutto lanno, sono ideali contro lesaurimento nervoso, la debolezza e la depressione; aumentano la circolazione, stimolano la digestione e sono utili per le condizioni fredde, come raffreddamenti e reumatismi. Sono efficaci per quei mal di testa alleviati dallimpiego di asciugamani caldi. Lolio essenziale pu essere utilizzato per massaggi stimolanti nel caso di problemi artritici; viene anche adoperato come tonico dei capelli, di cui favorisce la crescita e ripristina il colore. Gli estratti di questa pianta sono comunemente presenti negli shampoo commerciali. controindicato alle donne in gravidanza e deve essere usato solo dietro prescrizione medica, perch in forti quantit pu causare sintomi davvelenamento e crisi epilettiche (rispettare scrupolosamente le dosi indicate e non impiegare per periodi troppo lunghi). I fiori del rosmarino attirano in gran numero le api, che ne producono un miele dalle propriet e dal sapore eccellente. Acqua della Regina dUngheria - Vi servirete delle sommit fiorite di tre piante aromatiche, nelle seguenti proporzioni: 100gr di origano, 100gr di lavanda e 400gr di rosmarino. Le metterete in infusione per 10 giorni in un litro di alcool o di acquavite a 45, in un barattolo di vetro allombra di un porticato. Quindi le filtrerete e aggiungerete alcune gocce di olio essenziale di bergamotto. Far riposare una settimana e lacqua sar pronta. SALVIA (Salvia officinalis famiglia Labiate) Comune nelle regioni mediterranee, coltivata negli orti, raramente si rinviene allo stato selvatico. Si utilizzano le foglie raccolte prima della fioritura, fresche o essiccate, e le sommit fiorite. Conservare in vasetti di vetro al riparo dalla luce. Un adagio medievale affermava le propriet miracolose di questa pianta: Cur morietur homo cui salvia crescit in horto? (Perch luomo nel cui giardino cresce la salvia dovrebbe morire?). Lautore uno dei famosi medici della Scuola di Salerno (centro per oltre cinque secoli della medicina europea), che la denominava Salvia Salvatrix con riferimento alle sue propriet terapeutiche ritenute eccezionali. Era attribuito a questa pianta il potere di resuscitare i morti, di predire il futuro e di comunicare con lAldil. La salvia era usata per curare febbri, tosse, reumatismi, paralisi ed epilessia. Tradizionalmente associata alla longevit, la salvia ha fama di potenziare la memoria nelle persone anziane. Come altre erbe che migliorano la memoria, veniva piantata sulle tombe. Si usava nei riti magici e nella composizione di pozioni afrodisiache, unitamente ad altre erbe parimenti odorose (rosmarino, basilico e menta). Un bagno preparato con queste erbe, con laggiunta di un po di timo, ottimo per togliere la stanchezza e profumare il corpo. Le foglie sono disseccanti e hanno azione estrogena; sono utili sia per i problemi della menopausa che per lo svezzamento. Le foglie fresche sono ottime per stimolare lapparato digerente. Linfuso di foglie di salvia (30gr per 1 lt di acqua), ideale come tonico, stimolante, digestivo, emmenagogo. Un decotto ottenuto facendo sbollentare per un paio di minuti un cucchiaino di foglie di salvia in 250 ml di acqua indicato per combattere i catarri di stomaco e le bronchiti, oppure per fare dei gargarismi in caso di infiammazioni del cavo orale, nelle tonsilliti o per rinfrescare lalito. Evitare le dosi terapeutiche durante la gravidanza. Piccoli quantitativi usati come condimento non danno

13

Erbe officinali

14

alcun problema. La salvia contiene tuione, che pu indurre convulsioni negli epilettici. Vino di Salvia e Rosmarino - 20gr di miele integrale, 20gr di foglie di rosmarino, 20gr di foglie di salvia, 1 lt di vino rosso - Tagliuzzare la salvia e il rosmarino e mettere con il vino in un recipiente, possibilmente di terracotta. Mettere a bagnomaria e, quando il vino inizier a scaldarsi, aggiungere il miele, mesolando. Continuare il riscaldamento per mezzora, evitando che il vino prenda a bollire. Spegnere la fiamma, coprire il recipiente e lasciare raffreddare completamente. Utilizzare una tela per filtrare e recuperare tutto il liquido. Imbottigliare e tappare con cura. Questo vino un coadiuvante nelle cure ricostituenti, nei casi di astenia, nei casi di frigidit ed impotenza. TARASSACO (Taraxacum officinale famiglia Composite) Pianta comunissima spesso a carattere infestante, si rinviene con facilit nei prati, negli incolti, lungo i bordi delle strade, tra le fessure dei marciapiedi. Diffusa dal piano al monte. Si utilizzano le foglie, raccolte dalla primavera fino allautunno, e le radici, raccolte dallestate fino allautunno inoltrato. Il tarassaco, detto anche dente di leone, molto conosciuto sin dallantichit per le sue propriet terapeutiche. I vecchi empirici, a cominciare da Olivier de Serres nel 1600, si rifacevano a tradizioni popolari secolari ed esaltavano questa pianta nella cura delle affezioni del fegato, per le propriet diuretiche e depurative. stata aggiunta al repertorio medico in tempo relativamente recente. Nei repertori cinesi non menzionata fino al VII secolo, in Europa segnalata per la prima volta nellOrtus Sanitatis del 1485. Le foglie sono ricche di potassio, elemento perso in gran quantit quando si urina frequentemente. Vengono utilizzate per la ritenzione dei liquidi, nei problemi cardiaci e nei disturbi urinari. Costituiscono anche unefficace tonico del fegato e dellapparato digerente. Le foglie fresche sono aggiunte alle insalate primaverili come un rimedio depurativo. un antipasto gradevole e sano insieme a pane abbrustolito strofinato con aglio. Le gemme dei fiori ancora chiuse si possono mettere sottaceto come i capperi. La radice uno stimolante epatico, utilizzata come blando depuratore tonico per una vasta gamma di problemi tra cui i calcoli biliari e littero. anche usata per la stitichezza e nelle condizioni croniche tossiche come infiammazioni alle articolazioni, eczema e acne. La radice torrefatta e macinata d una bevanda simile a quella della cicoria. I cinesi utilizzano la pianta intera come diuretico e stimolante epatico. Serve inoltre per calmare il calore e depurare dalle tossine il sangue, perci anche contro foruncoli e ascessi. Vino di Tarassaco - 50gr di tarassaco (rizoma), 1 lt di vino bianco - Porre il rizoma di tarassaco a macerare in 1 lt di vino bianco secco ad alta gradazione per 10 giorni, quindi filtrare e conservare in bottiglia. Consumare un bicchierino al giorno. Ha eccellenti propriet diuretiche e depurative utili per combattere larteriosclerosi e prevenire le forme artritiche. Gelatina di Tarassaco - 400 fiori di tarassaco, 2 lt di acqua, 2 limoni, 6-7 chiodi di garofano, 800gr di zucchero - Si lasciano asciugare allombra 400 fiori di tarassaco e quindi si fanno bollire per 20 in 2 lt dacqua assieme a 2 limoni tagliati a pezzi e 6-7 chiodi di garofano. Quindi si filtra il tutto e si aggiungono 800gr di zucchero, si fa bollire a fuoco lento per altri 20. Invasare e utilizzare la gelatina spalmandola sul pane ( molto simile al miele).
Tarassaco (Taraxacum officinale)

Val di Lima

TIMO (Thymus famiglia Labiate) Ama i terreni solatii, le colline sassose e aride. Si rinviene con frequenza nelle zone mediterranee, lungo i litorali e le coste. diffuso dal piano al monte. Si utilizzano le foglie e i rametti fioriti, raccolti da maggio a luglio. Il Thymus vulgaris lequivalente coltivato del Thymus serpyllum, ossia il timo selvatico. unerba da cucina comune e uno dei pi utili rimedi casalinghi. Il timo selvatico deve il suo nome al portamento della pianta, simile al serpente: il verbo latino serpo significa strisciare. Il T. serpyllum si differenzia dal T. vulgaris per le foglie distese e per la mancanza, nella pagina inferiore, del tipico aspetto cotonoso. Le due variet hanno propriet medicinali molto simili e sono utilizzate in erboristeria come antisettici. I Crociati lo indossavano come simbolo di forza e coraggio. Plinio lo raccomandava come antidoto per le morsicature e il mal di testa. A questo proposito scrive: per il mal di testa un decotto preparato in aceto viene applicato sulle tempie. I Romani bruciavano la pianta credendo che i fumi tenessero lontano gli scorpioni. Le parti aeree del T. vulgaris sono usate come espettorante antisettico; sono ideali per infezioni polmonari caratterizzate da catarro spesso e giallo. Sono utili per lapparato digerente, per i colpi di freddo allo stomaco e la conseguente diarrea. Si consiglia la raccolta prima e durante la fioritura in estate e lo scarto dei fusti lignificati. Le foglie e i fiori del T. serpillum hanno propriet simili, ma sono lievemente pi stimolanti ed efficaci nel prevenire gli spasmi. Si possono assumere anche per i dolori mestruali. Lolio essenziale un potente antibatterico e antifungino, un ottimo stimolante del sistema immunitario. una forma concentrata dellerba medicinale, utile per i problemi respiratori e digestivi. Sono in commercio Timo (Thymus) diversi tipi di olio di timo, che per hanno tutti unazione simile. Si consiglia di limitarne luso durante la gravidanze, in quanto uno stimolante uterino. Inoltre pu irritare le membrane mucose, quindi opportuno diluirlo prima delluso. In campo estetico lolio di timo viene utilizzato sulle pelli grasse per la capacit di penetrare in profondit, dove svolge uninteressante azione antisettica utile nei casi di foruncolosi. Serve inoltre a preparare sciroppi contro i raffreddori.

15

Erbe officinali

elenco completo delle specie vegetali presenti sul territorio della Val di Lima. ltre ad una breve descrizione, vengono fornite indicazioni circa la esatta dislocazione e le caratteristiche generali delle piante.

O L

elenco include brevi note storico/aneddotiche e gli eventuali usi culinari e medicinali.